C O M U N E D I C A S T E L V E R D E

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C O M U N E D I C A S T E L V E R D E"

Transcript

1 + C O M U N E D I C A S T E L V E R D E Provincia di Cremona COPIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA N. 13 DEL 18/04/2013 OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE CONTO CONSUNTIVO ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 L anno duemilatredici il giorno diciotto del mese di aprile alle ore 21:00, nella sala delle adunanze consiliari. Previa l osservanza di tutte le modalità prescritte, sono stati convocati a seduta per oggi i componenti del Consiglio Comunale. All appello risultano: COGNOME E NOME FUNZIONE PRESENZA LAZZARINI CARMELO Sindaco X ARDIGO' CLAUDIO Consigliere X BANDERA GUIDO Consigliere X BRUSCHI ANGELO Consigliere X BRUSCHI GIADA Consigliere X CALIGARI MAURIZIO Consigliere X CASCIELLO RAFFAELE Consigliere X CORBARI ROBERTO Consigliere DOLARA IVANO Consigliere X FERLA MAURIZIO Consigliere X GRASSANI FABIO Consigliere X LENA MARIO ANDREA Consigliere X MATTAROZZI DANIELA Consigliere X PAGLIOLI MARIA Consigliere X PINI NICHOLAS Consigliere X POMPINI PAOLO Consigliere X PRIORI GIUSEPPE Consigliere X Totale presenti : 16 Totale assenti : 1 Partecipa all adunanza il Segretario Comunale Dott.ssa Anna Maria Bianca Arcuri, il quale provvede alla redazione del presente verbale. Accertata la validità dell adunanza, il sig. Prof. Carmelo Lazzarini nella qualità di Sindaco assume la presidenza e dichiara aperta la seduta invitando il Consiglio a deliberare in merito all oggetto sopra indicato. 1

2 IL SINDACO PRESIDENTE introduce l argomento all ordine del giorno ed all esame del Consiglio Comunale, passa, quindi, la parola all assessore al bilancio Andrea Lena che illustra con propria relazione, come da nota agli atti che qui di seguito si riporta: L andamento bilancio previsionale 2012, che trova la sua logica conclusione nel consuntivo, si è inserito in un periodo ancora molto critico per il nostro paese. Ai tagli dell estate scorsa, si sono aggiunti quelli della spending review, anche se quest ultimo esplicherà maggiormente i sui effetti sul bilancio di previsione La sommatoria e gli effetti di tutte le manovre precedenti, hanno portato moltissimi comuni a varare aumenti tariffari di ogni tipo se non a consistenti tagli in tutti i settori. L introduzione dell imu e la sua correlazione ad un proporzionale taglio ai trasferimenti dello Stato ai comuni, prevista dall art. 13 comma 17 del dl 201/2011, ha influito pesantemente sulla gestione del bilancio 2012, poiché, in seguito alla decisione dello Stato di comunicare ai comuni i dati sul gettito imu e sui tagli al fondo sperimentale di riequilibrio per steps successivi, i bilanci degli enti sono rimasti nell incertezza sulle somme effettivamente disponibili sino all assestamento, il che non ha certo consentito una seria gestione a gran parte dei comuni italiani. Nel nostro caso la stima dello Stato è stata superiore al gettito effettivo di circa ,00 euro, il che ha comportato un taglio del fondo sperimentale di riequilibrio superiore al dovuto di cui hanno beneficiato altri enti. Della prevista comunicazione di febbraio, che avrebbe dovuto sanare le differenze tra previsioni e incassi e riequilibrare i tagli, risulta ancora non pervenuta (forse si attende il nuovo governo). In questo orizzonte di tagli e di incertezze il comune di Castelverde, nell anno 2012, si è sicuramente distinto per non avere abusato della possibilità di incrementare le aliquote delle imposte locali, fatto salvo l aumento dell addizionale IRPEF controbilanciato da un azzeramento dell imposta per le fasce più deboli. Diverso sarà il discorso per il previsionale di quest anno in cui i tagli delle risorse e le incertezze sulle effettive disponibilità di bilancio sono ancora maggiori rispetto al Per quanto concerne la gestione del 2012, posso affermare con assoluta tranquillità che si sono perseguiti diversi obiettivi: abbiamo mantenuto un livello dei servizi elevato, abbiamo salvaguardato gli equilibri di bilancio sulla parte corrente, abbiamo mantenuto la gratuità del trasporto scolastico senza trascurare tutti gli interventi in ambito sociale. Altro fatto rilevante che mi sento di segnalare è il completo riscatto della rete di pubblica illuminazione. Questa operazione ci permetterà di appaltare -tramite CONSIP - la gestione e il pagamento delle bollette della rete. Tale operazione dovrebbe permetterci a costi inferiori, di riqualificare l intera rete, di-accendere tutti i punti luce e nel lungo periodo abbassare i costi di bolletta e l installazione delle caldaie presso la palestra e la scuola di S.Martino. La vera nota dolente sta nel dover rimandare al prossimo anno la realizzazione della farmacia di Costa e dei loculi del cimitero della medesima frazione. Lo stringente patto di stabilità, unitamente alla mancata vendita di beni posti in alienazione, ci hanno obbligato a posticipare tali investimenti. Ne siamo davvero dispiaciuti!! Ma non avevamo scelta Ci auguriamo di poter inserire tali opere nel bilancio del Nel 2012 è cessata progressivamente la gestione di alcuni servizi comunali da parte della società partecipata Castelverde infrastrutture tra cui il servizio di scuolabus, la manutenzione del verde e del patrimonio e la gestione del fotovoltaico. Tali servizi sono tuttavia stati garantiti alla cittadinanza attraverso altre forme di gestione. Per quanto riguarda la retrocessione degli impianti fotovoltaici mi preme sottolineare come tali impianti siano una risorsa non indifferente per il bilancio del comune di Castelverde, infatti per almeno altri 18 anni produrranno un gettito di circa ,00 euro annui che garantiranno un migliore equilibrio di parte corrente e consentiranno di non aggravare ulteriormente il prelievo fiscale dai nostri cittadini oltre che un risparmio di CO 2 prodotta. In seguito a tale retrocessione si è provveduto anche all estinzione del mutuo gravante su tali impianti, in modo da rendere netta l entrata erogata dal GSE, e, sfruttando la possibilità di utilizzare l avanzo di amministrazione solo per l abbattimento dei mutui, si è provveduto anche ad estinguere parte dei mutui della cassa depositi e prestiti. Nel consuntivo 2012 abbiamo meno avanzo di amministrazione, ma benefici effetti sul bilancio sia in termini di entrata corrente del GSE sia per la riduzione delle rate dei mutui. L esercizio finanziario del 2012 si è chiuso sostanzialmente in pareggio poiché la gestione corrente presenta un disavanzo di ,52 derivante dall applicazione dell avanzo di amministrazione 2

3 per euro ,01, per effetto di tale gestione l avanzo di amministrazione 2012 è passato dal ,00 circa ai ,39. E possibile affermare che il consuntivo 2012 è solido poiché: Le entrate sono state accertate con prudenza togliendo tutte le voci che avrebbero potuto recare pregiudizio alla stabilità del bilancio 2013 e della gestione 2014 ( multe e imu accertate all incassato e adeguamento di alcune entrate ai principi della competenza rafforzata previsti dal dlgs 118/2011) le spese sono state lievemente ridotte rispetto allo scorso anno anche se il bilancio segna un aumento derivante principalmente dalle spese per la convenzione con il comune di Cremona per la gestione dell autovelox e per la restituzione del fondo sperimentale di riequilibrio. è presente un consistente fondo di cassa, pari a ,30 euro. Interviene il consigliere Angelo Bruschi affermando che nella gestione del bilancio 2012 vede solo ordinaria amministrazione. Infatti sono state cancellate dal bilancio oltre la farmacia ed i loculi di Costa S.Abramo altre opere come la tombinatura di Via Bergamo, la realizzazione dei marciapiedi ed altre opere stradali per circa euro. Anche i euro eccedenti il saldo del patto di stabilità potevano essere impiegati per realizzare lavori. Di contro si continua a spendere molto per le indennità degli assessori che potrebbero essere portati a 2 come prevede la nuova normativa dato che i gli impegni sono drasticamente calati. Chiede cosa è stato fatto per la lotta all evasione e per quali ragioni non si è proceduto prima all estinzione anticipata dei mutui. E conscio che la legislazione attuale non lascia spazio alle amministrazioni locali, ma è giusto cercare di fare qualcosa per intraprendere altre direzioni. Risponde l assessore Andrea Lena affermando che condivide le osservazioni riguardo al fatto che il bilancio 2012, è di normale amministrazione; frutto però di una situazione divenuta incredibile e frustrante. Purtroppo non appare lo sforzo immane che in questo periodo si richiede a chi amministra. Per quanto concerne i controlli, a giorni dovrebbero uscire circa 500 accertamenti ICI. Non si è proceduto prima all estinzione anticipata di quei mutui che prevedevano il pagamento di penali. Replica il Sindaco ringraziando gli assessori per le attività svolte anche con impegno di lavoro personale. Gli assessori sono riusciti a realizzare numerose iniziative nonostante l angustia del bilancio e non è vero che per loro il lavoro è diminuito. IL CONSIGLIO COMUNALE SENTITI l introduzione del Sindaco, la relazione dell assessore al Bilancio, gli interventi dei consiglieri e le risposte del Sindaco e degli assessori; VISTI: l art. 42 lettera b) del D.Lgs. 18 agosto 267/2000 in materia di competenze del Consiglio Comunale; le disposizioni contenute nell art. 227 e seguenti del D.Lgs. 18 Agosto 2000, n.267, relative alla formazione del rendiconto di gestione, comprendente il Conto del Bilancio, il Conto Economico ed il Conto del Patrimonio; il DPR 31 gennaio 1996, n. 194, che approva i modelli di cui all art. 114 del D.Lgs. 25 febbraio 1995, n. 77; la relazione illustrativa dei risultati di gestione di cui all art. 151, sesto comma, D.Lgs. n.267/2000 (allegato C) e la bozza di rendiconto, approvati dalla Giunta Comunale con atto n. 18 del 12/03/2013, esecutiva; RILEVATO : che allo stato attuale, non sussistono debiti fuori bilancio e passività pregresse alla data del 31 dicembre 2012; 3

4 che con deliberazione del Consiglio Comunale n. 45 del 26/09/2012, esecutiva, ai sensi di legge, in adempimento a quanto disposto dall art. 193 del decreto legislativo 267/2000, è stato dato atto del permanere degli equilibri generali del bilancio 2011; che il Comune di Castelverde non si trova in condizioni strutturalmente deficitarie, come risulta dall allegata tabella dei parametri di riscontro della situazione di deficitarietà strutturale predisposta ai sensi dell art 228, del decreto legislativo 267/2000 (Allegato A - pag. 71); che l avanzo di amministrazione dell esercizio 2012, quantificato in euro ,39, è costituito da fondi per il finanziamento di spese in conto capitale per ,80 e da fondi non vincolati per ,59; che il Comune di Castelverde ha rispettato il patto di stabilità interno 2012 ed ha inviato la certificazione in data (art.31 comma 20 Legge n. 183); che il Comune di Castelverde, nel 2012, ha utilizzato interamente l importo di euro ,38 previsti dal D.L. 95/2012 per l estinzione dei mutui, comunicato alla Prefettura in data ; RICHIAMATI : il Rendiconto della gestione per l esercizio finanziario 2012 reso dal Tesoriere Comunale BANCO POPOLARE nei termini di legge, corredato da tutti gli atti e dai documenti relativi agli incassi e pagamenti; la determinazione del Responsabile del servizio finanziario n. 13 del 22 febbraio 2013 relativa alle operazioni di riaccertamento dei residui attivi e passivi, effettuata in conformità al terzo comma dell art. 228 del D.Lgs. 18/08/2000 n. 267; l allegata tabella dei parametri gestionali, predisposta ai sensi dell art. 228 del decreto legislativo n. 267/2000 (Allegato A pag. 72 e seguenti); le allegate tabelle dei codici SIOPE e delle disponibilità liquide, predisposte ai sensi dell art. 77-quater comma 11 del DL 112 del 25 giugno 2008, coordinate con le risultanze della contabilità comunale (Allegato D); l allegata tabelle delle spese di rappresentanza sostenute dagli organi di governo dell ente ai sensi dell art. 16 comma 26 del DL 13 agosto 2011 n. 138 (Allegato D); le dichiarazioni dei debiti e crediti delle società partecipate rese ai sensi dell art. 6 comma 4 del DL del 6 luglio 2012 n. 95 convertito con legge 135/2012 (allegato E); DATO ATTO della regolarità di tutti gli atti in precedenza richiamati; VISTO lo statuto ed il vigente regolamento di contabilità; VISTA l allegata relazione del Revisore dei Conti (Allegato E) che esprime parere favorevole all approvazione del rendiconto; Tutto ciò premesso, visto e considerato, ACQUISITI i pareri favorevoli, in ordine alla regolarità tecnica e contabile espressi dal Responsabile del Servizio Contabilità e Sviluppo ai sensi dell art.49 del D.Lgs. 18/08/2000, n.267; UDITE le dichiarazioni di voto di: Claudio Ardigò: Come giustamente ha detto l assessore al bilancio il Comune di Castelverde si è distinto per non aver abusato della possibilità di incrementare le aliquote delle imposte locali, fatto salvo l aumento dell addizionale Irpef, controbilanciata da un azzeramento dell imposta alle fasce più deboli segno di attenzione alla comunità. Per questo motivo, oltre a condividere le scelte politiche, il nostro voto sarà favorevole. ; Giuseppe Priori legge il proprio intervento depositato agli atti che qui di seguito si riporta: Siamo sempre più convinti che, per il bene della comunità, almeno nella stesura del Bilancio, sia necessario il coinvolgimento delle minoranze per avvicinare il più possibile le decisioni alle aspettative di tutti i cittadini. Non solo di quelli di una parte minoritaria che 4

5 governa, ma rivestendo di un anima i singoli importi stanziati e poter condividere le strategie con un unico scopo: avere meno sprechi e più disponibilità per i bisogni reali della comunità. Queste parole le dicevamo negli anni scorsi e sono tuttora rimaste inascoltate. Oggi leggendo il giornale La Provincia ho notato con piacere che anche altre minoranze stanno rimarcando questa necessità di condivisione. Segnale che il problema esiste. Il gruppo di minoranza (PD) di Viadana ha presentato un interpellanza per il Bilancio Partecipativo. Il nostro gruppo darà voto negativo. ; Angelo Bruschi dichiara che il proprio gruppo esprimerà voto contrario e precisa che le indicazioni date in merito alla gestione del bilancio volevano essere dei suggerimenti in quanto i risparmi su talune voci avrebbero dato al bilancio più ampia disponibilità di spesa. Osserva che il Sindaco ha ringraziato solo gli assessori, ma avrebbe dovuto farlo anche nei confronti di alcuni consiglieri. Con voti favorevoli n. 11, contrari n. 5 (Angelo Bruschi, Giada Bruschi, Giuseppe Priori, Maurizio Caligari, Fabio Grassani), astenuti n. 0 espressi per alzata di mano da n. 16 Consiglieri presenti e votanti; D E L I B E R A 1. di approvare il rendiconto della gestione dell esercizio finanziario 2012 comprendente il conto del bilancio, il conto economico, con accluso il prospetto di conciliazione, ed il conto del patrimonio dai quali emergono le seguenti risultanze finali: A) CONTO DEL BILANCIO GESTIONE RESIDUI COMPETENZA TOTALE Fondo di cassa al 1 gennaio ,75 RISCOSSIONI , , ,80 PAGAMENTI , , ,25 FONDO DI CASSA AL 31 DICEMBRE ,30 PAGAMENTI per azioni esecutive non regolarizzate al 31 dicembre DIFFERENZA ,30 RESIDUI ATTIVI , , ,50 RESIDUI PASSIVI , , ,41 DIFFERENZA ,91 AVANZO (+) O DISAVANZO (-) ,39 - Fondi vincolati 0 Risultato di Amministrazione - Fondi per finan. spese in conto capitale ,80 - Fondi di ammortamento 0 - Fondi non vincolati ,59 B) CONTO ECONOMICO RISULTATO ECONOMICO DELL ESERCIZIO ,66 C) CONTO DEL PATRIMONIO 5

6 Patrimonio netto alla fine dell esercizio precedente ,06 Variazione verificatasi nell esercizio , ,72 2. di dare atto che: l avanzo di amministrazione, quantificato in ,39 è formato da fondi per finanziamento spese in conto capitale per ,80 e da fondi non vincolati per ,59; i fondi vincolati per spese in conto capitale prevedono un ulteriore vincolo di euro ,99 destinati all abbattimento delle barriere architettoniche come risulta dalla deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 7 maggio 2012; con l approvazione del rendiconto dell esercizio 2012 sono stati contestualmente approvati: i risultati ed i provvedimenti connessi all operazione di riaccertamento dei residui attivi e passivi iscritti nel conto del bilancio; i risultati dell operazione di ricostruzione dello stato patrimoniale; i risultati dei conti resi dagli agenti contabili relativi all anno 2012 approvati con determinazione n. 8 del 31/01/2013 parifica conto del tesoriere, determinazione n.4 del 21/01/2013 parifica del conto dell economo comunale e del depositario di azioni, determinazione n. 15 del 22/23/2013 parifica conto degli agenti di riscossione, operazioni effettuate in adempimento a quanto prescritto dal D.Lgs. n.267/2000 ed in conformità a quanto dello stesso stabilito; che il Comune non rientra tra gli enti in situazioni strutturalmente deficitarie, di cui al secondo comma dell art.228 del decreto legislativo 18 agosto 2000, n.267, come desumibile dall allegata tabella, recante gli otto parametri obiettivi definiti per il triennio; che non esistono di debiti fuori bilancio; che il Comune ha rispettato l obiettivo del Patto di stabilità interno per l anno 2012; che il Comune di Castelverde ha interamente utilizzato l importo previsto dal D.L. 95/2012 per l estinzione dei mutui; che, la documentazione che di seguito viene elencata, costituisce parte integrante del presente provvedimento: - rendiconto della gestione, comprendente: o il conto del bilancio (Allegato A), o tabella dei parametri di riscontro della situazione di deficitarietà strutturale del Comune, di cui all art. 228 del decreto legislativo n. 267/2000, dalla quale risulta che il Comune non rientra tra gli enti in condizioni strutturalmente deficitarie (Allegato A), o tabelle dei parametri gestionali con andamento triennale, secondo il modello di cui al DPR n. 194/96 (Allegato A), o il prospetto di conciliazione (Allegato B), o il conto economico (Allegato B), o il conto del patrimonio (Allegato B), o copia delle risultanze finali del conto del Tesoriere (Allegato D), o tabelle dei codici SIOPE relative agli incassi ed ai pagamenti inviate dalla Banca d Italia e corrispondenti tabelle estratte dalla contabilità del Comune di Castelverde (Allegato D), o elenco spese di rappresentanza sostenute dagli organi di governo dell ente 6

7 (Allegato D), o elenco dei residui attivi, distinti per anno di provenienza, da conservare alla data del 31 dicembre 2011 (Allegato D), o elenco dei residui passivi, distinti per anno di provenienza, da conservare alla data del 31 dicembre 2011 (Allegato D); - relazione della Giunta Comunale (art. 151, comma 6 del D.Lgs. n. 267/2000 Allegato C); - relazione del Revisore dei Conti (art. 239, comma 1 lettera d) D.Lgs. n. 267/2000) Allegato E); - certificazione dei debiti e crediti delle società partecipate (allegato E); - copia della deliberazione del Consiglio Comunale n. 27 del 28/09/2011 (art. 193 del D.Lgs. n. 267/2000 Allegato F); - provvedimento di riaccertamento dei residui attivi e passivi (art. 128, comma 3 Allegato G). RIEPILOGO ALLEGATI All. A - Conto del bilancio esercizio finanziario 2012 All. B - Contabilita economico-patrimoniale 2012 All. C - Relazione illustrativa al rendiconto della gestione anno 2012 All. D - Prospetti allegati al conto consuntivo 2012 All. E - Parere del revisore al conto del bilancio esercizio finanziario 2012 All. F - Copia deliberazione di C.C. n. 45 del Bilancio annuale di previsione ricognizione dello stato di attuazione dei programmi e verifica degli equilibri di bilancio adempimenti connessi al dettato art. 193 d.lgs n. 267/2000. All. G - Determinazione di riaccertamento dei residui e di riapprovazione degli elenchi allegati. 7

8 OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE CONTO CONSUNTIVO ESERCIZIO FINANZIARIO 2012 Letto, confermato e sottoscritto. Il Sindaco F.to Prof. Carmelo Lazzarini Il Segretario Comunale F.to Dott.ssa Anna Maria Bianca Arcuri RELAZIONE DI PUBBLICAZIONE Le suestesa deliberazione: [x] Ai sensi dell art. 124 D.Lgs. 18/08/2000 n 267, viene oggi pubblicata all Albo Pretorio per 15 gg. consecutivi. Castelverde, addì Il Segretario Comunale F.to Dott.ssa Anna Maria Bianca Arcuri Copia conforme all'originale, in carta libera per uso amministrativo Castelverde, 29/04/2013 Segretario Comunale Dott.ssa Anna Maria Bianca Arcuri CERTIFICATO DI ESECUTIVITA ( Art. 134, D.Lgs. 18/08/2000 n 267) Si certifica che la presente deliberazione è divenuta esecutiva ai sensi si legge: [X] decorsi 10 giorni dalla pubblicazione, ai sensi dell art. 134, comma 3, del D.Lgs. 18/08/2000 n 267. [ ] è stata dichiarata immediatamente eseguibile. Castelverde, lì Il Segretario Comunale F.to Dott.ssa Anna Maria Bianca Arcuri 8

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE di FORMIA. Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COMUNE di FORMIA Provincia di Latina COPIA DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N.77 del 17.04.2015 OGGETTO: DELIBERA G.M. 68 DEL 10.04.2015 - APPROVAZIONE PROPOSTA RENDICONTO 2014 E RELAZIONE ILLUSTRATIVA

Dettagli

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo----------

PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- PROVINCIA DI BRINDISI ----------ooooo---------- ESTRATTO DELLE DELIBERAZIONI DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO CON POTERI DELLA GIUNTA Atto con dichiarazione di immediata eseguibilità: art. 134, comma 4, D.Lgs.267/2000

Dettagli

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE)

LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) Scuola Superiore della Pubblica Amministrazione Locale LEZIONE 2 L ORDINAMENTO COMUNALE RIPORTATO NEL T.U.E.L. (D.LGS N. 267/2000 E SUCC. MODIFICHE) ELEMENTI DI CONTABILITA RIFERITI ALLA FASE DELLA SPESA

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 COMUNE DI TAINO Provincia di Varese Prot. N. 3207 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Copia N. 6 del 28/04/2014 OGGETTO: IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA. DETERMINAZIONE ALIQUOTE ANNO 2014 L'anno

Dettagli

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA

Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA Comune di Carpineto Romano PROVINCIA DI ROMA N. 37 del 16.12.2013 OGGETTO: Legge Regionale N. 1 Del 03/01/1986, Art. 8. Alienazione di terreni di proprietà collettiva di uso civico edificati o edificabili.

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A

C O M U N E DI O P E R A copia Codice Ente 11047 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE IMU ANNO 2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Adunanza Ordinaria di Prima convocazione - seduta Pubblica. L'anno duemilaquattordici

Dettagli

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg.

Provincia di Udine. Copia. N. 120 Reg. COMUNE DI PALMANOVA Provincia di Udine Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Copia N. 120 Reg. OGGETTO: Integrazione del G.C. 34 dd. 11.04.2012 "Servizi pubblici a domanda individuale 2012 - determinazione

Dettagli

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali

Documento su. Conferenza Stato Città Autonomie locali Documento su Situazione finanziaria delle Province e valutazione sulla sostenibilità del concorso delle Province e Città metropolitane alla riduzione della spesa pubblica Analisi tecnica operata sulla

Dettagli

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA

Autorizzazione per l'anno 2015 all'emissione della bollettazione in acconto per il primo semestre da parte del soggetto gestore AMA Protocollo RC n. 4480/15 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 20 FEBBRAIO 2015) L anno duemilaquindici, il giorno di venerdì venti del mese di febbraio, alle ore

Dettagli

COMUNE DI NE Provincia di Genova

COMUNE DI NE Provincia di Genova COMUNE DI NE Provincia di Genova COPIA Deliberazione del Consiglio Comunale Adunanza del 28.04.2014 Reg. Verb. N. 5 OGGETTO: GESTIONE COMPONENTE TASI (TRIBUTO SERVIZI INDIVISIBILI) ANNO 2014. L anno duemilaquattordici

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 317 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento - C.A.P. 38064 Via Roma, 60 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 VERBALE DI DELIBERAZIONE N.

Dettagli

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA

COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA COMUNE DI BOSCHI SANT ANNA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 70 O G G E T T O AFFIDAMENTO INCARICO ALLA SIG.RA CARLA GANZAROLI DEL COMUNE DI LEGNAGO PER PRESTAZIONI

Dettagli

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400

PROVINCIA DI TREVISO. Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 C OMUNE DI VOLPAGO DEL MONTELLO PROVINCIA DI TREVISO Piazza Ercole Bottani n.4 - C.A.P. 31040 - C.F./P.I. 00529220261 UFFICIO SEGRETERIA - Tel. 0423/873400 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

Dettagli

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD -

COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - COMUNE DI MEGLIADINO SAN VITALE Piazza Matteotti, 8-35040 Megliadino San Vitale - PD - REGOLAMENTO DI CONTABILITÀ SOMMARIO: Capo I - Le competenze del servizio economico-finanziario Capo II - La programmazione

Dettagli

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale COMUNE DI DIMARO Provincia di Trento Verbale di deliberazione n. 47 della Giunta Comunale OGGETTO: A pprovazione disciplinare per il trasferimento volontario delle attività propedeutiche alla riscossione

Dettagli

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza

COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza COPIA COMUNE DI ALTISSIMO Provincia di Vicenza N. 64 del Reg. Delib. N. 6258 di Prot. Verbale letto approvato e sottoscritto. IL PRESIDENTE f.to Antecini IL SEGRETARIO COMUNALE f.to Scarpari N. 433 REP.

Dettagli

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013

COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI. Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 COMUNE DI CAMINO (AL) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 3 del 25/1/2013 INDICE TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Articolo 1 Oggetto... 3 Articolo 2 Sistema

Dettagli

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013)

Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013. (Seduta del 28 Ottobre 2013) Municipio Roma V (ex VI e VII) Unità di Direzione Servizio di Assistenza agli Organi Istituzionali Ufficio Consiglio Municipio Roma V Prot. CG n.31261 del 5 Aprile 2013 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI

Dettagli

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari

COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari COMUNE DI DONORI Provincia di Cagliari - 2 COPIA- VERBALE DI ADUNANZA DEL CONSIGLIO COMUNALE Sessione Ordinaria Seduta Pubblica N. 2 Del 21.01.2010 OGGETTO: DETERMINAZIONE QUANTITA E QUALITA DELLE AREE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 031 della Giunta Comunale COMUNE DI FOLGARIA Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126

dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 dalla G.U. n. 199 del 28 agosto 2014 (s.o. n. 73) DECRETO LEGISLATIVO 10 agosto 2014, n. 126 Disposizioni integrative e correttive del decreto legislativo 23 giugno 2011, n. 118, recante disposizioni in

Dettagli

C O M U N E DI M O L I T E R N O

C O M U N E DI M O L I T E R N O C O M U N E DI M O L I T E R N O (Provincia di Potenza) REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI Approvato con delibera consiliare n.05 del 6/02/2013 modificato con delibera consiliare n. 54 del 30/11/2013 Indice

Dettagli

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi.

Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE n. 1 2 OGGETTO: Approvazione del nuovo Regolamento sull'accesso agli e documenti amministrativi. L anno 2012 (Duemiladodici) addì 27 (Ventisette) del mese

Dettagli

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE

VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE COPIA Determinazione n. 812 del 28/11/2013 N. registro di area 139 VERBALE DI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SETTORE Assunta nel giorno 28/11/2013 da Laura Dordi Responsabile del Settore AFFARI GENERALI

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017.

VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 039 del Consiglio comunale. OGGETTO: nomina del Revisore dei Conti del Comune per il triennio 2014 2017. Comune di Folgaria Provincia di Trento Via Roma, 60 - C.A.P. 38064 Tel. 0464/729333 - Fax 0464/729366 Codice Fiscale e P. IVA 00323920223 E-mail: info@comune.folgaria.tn.it PEC: comune@pec.comune.folgaria.tn.it

Dettagli

Ministero dell Interno

Ministero dell Interno Ministero dell Economia e delle Finanze DIPARTIMENTO DELLA RAGIONERIA GENERALE DELLO STATO di concerto con il Ministero dell Interno DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI VISTO il decreto

Dettagli

Istituzione della figura di Agente Ambientale.

Istituzione della figura di Agente Ambientale. Estratto del verbale della seduta della Giunta Comunale NUMERO DI REGISTRO SEDUTA DEL 7 21 gennaio 2015 Oggetto : Istituzione della figura di Agente Ambientale. Il giorno 21 gennaio 2015 in Cremona, con

Dettagli

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI

I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI I TRASFERIMENTI REGIONALI ALLE PROVINCE PIEMONTESI L ANALISI DEI DATI DELL ANNO 2009 IN RAPPORTO A QUELLI DEGLI ANNI PRECEDENTI Dall anno 2003 l Unione Province Piemontesi raccoglie, con la collaborazione

Dettagli

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE C O P I A DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 140 del 25.09.2013 OGGETTO:Accordo tra Comune di Sarzana e Consorzio Sviluppo Sarzana per la realizzazione dell'edizione 2013 del L anno duemilatredici,

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MAGLIANO IN TOSCANA PROVINCIA DI GROSSETO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA STRAORDINARIA DI 1 CONVOCAZIONE SEDUTA PUBBLICA N 25 DEL 14/08/2014 COPIA Oggetto: Tributo per i Servizi Indivisibili (TASI) - Aliquote per l'anno

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO

REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO COMUNE di SAN COLOMBANO AL LAMBRO BORGO INSIGNE (Titolo Araldico) Provincia di MILANO REGOLAMENTO DELLA COMMISSIONE COMUNALE DI CONTROLLO DI CUI ALL ART. 15 DELLO STATUTO (Approvato con delibera del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI MARUGGIO. (Provincia di Taranto) REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE COMUNE DI MARUGGIO (Provincia di Taranto) N. 231 del Reg. delib. REGISTOR ORIGINALE DELIBERAZIONE GIUNTA COMUNALE Oggetto: Riqualificazione dell area comunale in Campomarino denominata Parco Comunale Via

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011

COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO. DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 COMUNE DI GAVORRANO PROVINCIA DI GROSSETO DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 15 del 30/06/2011 ================================================================= OGGETTO: CORREZIONE ERRORE MATERIALE

Dettagli

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni

COMUNE DI BRIGNANO GERA D ADDA (Provincia di Bergamo) Regolamento recante la disciplina dei Controlli interni COMUNE DI BRIGNANO GERA D'ADDA (c_b178) - Codice AOO: AOOBRIGNANOADDA - Reg. nr.0001628/2013 del 18/02/2013 ALLEGATO A alla deliberazione del Consiglio comunale n. 2 del 04.02.2013 COMUNE DI BRIGNANO GERA

Dettagli

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO

CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO COPIA Reg. pubbl. N. lì CITTÀ DI MOGLIANO VENETO PROVINCIA DI TREVISO DETERMINAZIONE N. 569 DEL 28-08-2013 - CORPO DI POLIZIA LOCALE - OGGETTO: Canone per utilizzo Pos gsm della Cassa di Risparmio del

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/60 del 12 novembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Servizio Idrico Integrato - Approvazione della revisione tariffaria

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195

COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 COMUNE DI PERTICA BASSA PROVINCIA DI BRESCIA CAP 25078 TEL. (0365) 821131 FAX (0365) 821195 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 26 DEL 27.10.2014 VERBALE DI DELIBERAZIONE N. 26 DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni

L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI. Slides a cura del dott. Paolo Longoni L ORDINAMENTO FINANZIARIO E CONTABILE DEGLI ENTI LOCALI 1 Slides a cura del dott. Paolo Longoni!1 PARLARE DI CONTABILITÀ NEGLI ENTI LOCALI.. Significa adottare un punto di vista diverso da quello in uso

Dettagli

COMUNE DI FINALE EMILIA

COMUNE DI FINALE EMILIA COMUNE DI FINALE EMILIA PROVINCIA DI MODENA DETERMINAZIONE N. 398 DEL 17/05/2011 PROPOSTA N. 93 Centro di Responsabilità: Servizio Economato,patrimonio,servizi Informatici, Ambiente Servizio: Patrimonio

Dettagli

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

L'anno duemilaquattordici, il giorno ventidue del mese di agosto, nel proprio ufficio, IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO C O M U N E D I A L A N N O (PROVINCIA DI PESCARA) DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO AREA AFFARI GENERALI - UFFICIO PERSONALE N. 162 del Reg. Oggetto: PROCEDURA DI MOBILITA, PER TITOLI E COLLOQUIO

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI

OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Provincia di Bologna COPIA n. 28 del 30.04.2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE TASI Il giorno 30 aprile 2014 alle ore 20.30 nella sala consiliare del Municipio, previa l'osservanza di tutte le formalità

Dettagli

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO

MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO FOGLIO INFORMATIVO NORME PER LA TRASPARENZA DELLE OPERAZIONI E DEI SERVIZI BANCARI E FINANZIARI MUTUO CHIROGRAFARIO OPERATORI ECONOMICI TASSO FISSO INFORMAZIONI SULLA BANCA UNIPOL BANCA S.p.A. SEDE LEGALE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 217 del 14/11/2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO CESSIONE IN PROPRIETÀ DI AREA GIÀ CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE NELL AMBITO DEL

Dettagli

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO

COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO COMUNE DI SANTA CROCE SULL ARNO Provincia di Pisa DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Nr. 263 di Mercoledi 7 Dicembre 2011 Oggetto: Determinazione dei valori minimi delle aree edificabili ai fini dell'imposta

Dettagli

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D.

ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. ASPETTI FISCALI, AMMINISTRATIVI ED ACCERTAMENTO NELLE A.S.D. Convegno del 7 dicembre 2010 Dott. ssa Mariangela Brunero Il rendiconto: criteri e modalità di redazione ed approvazione Introduzione Attività

Dettagli

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1

Partecipa il SEGRETARIO GENERALE Dr.ssa Adriana Morittu PAG. 1 LA PRESENTE COPIA NON SOSTITUISCE L ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE N 133 DEL 08/10/2009 OGGETTO: ATTO D'INDIRIZZO PER PERFEZIONAMENTO AZIONI CONCLUSIVE PROGETTO ''LAVOR@BILE''. INSERIMENTO

Dettagli

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA

STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA STATUTO FONDAZIONE ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI CASERTA 1. A norma degli articoli 14 e seguenti del Codice Civile è costituita la Fondazione dell

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia

STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI. La Parrocchia STATUTO DEL CONSIGLIO PARROCCHIALE PER GLI AFFARI ECONOMICI La Parrocchia Art. 1. La parrocchia è una persona giuridica pubblica, costituita con decreto dell Ordinario Diocesano (can. 515,3 ), riconosciuta

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014

RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 Nucleo di Valutazione RELAZIONE DEL NUCLEO DI VALUTAZIONE AL CONTO CONSUNTIVO 2014 (ex art. 5, comma 21 della Legge 24 dicembre 1993 n. 537) - GIUGNO 2015 - DOC 07/15 Sommario: 1. Obiettivi e struttura

Dettagli

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA

COMUNE DI MACCAGNO con PINO e VEDDASCA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERAZIONE N 26 del 30/09/2014 OGGETTO: APPROVAZIONE ALIQUOTE E DETRAZIONI DELL'IMPOSTA MUNICIPALE PROPRIA (I.M.U.) - ANNO 2014 L'anno 2014, addì trenta

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia/169/2015/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott.ssa Simonetta Rosa dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone

Dettagli

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti

IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011. Elementi innovativi e principali impatti IL PROCESSO DI ARMONIZZAZIONE CONTABILE DEGLI ENTI TERRITORIALI EX D.LGS. 118/2011 Elementi innovativi e principali impatti Agenda 1. Il modello contabile previsto dal D.lgs 118/2011 Contesto normativo

Dettagli

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI»

TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» TRASFERIMENTI FINANZIARI AI COMUNI «IERI, OGGI E DOMANI» Prefettura Ufficio Territoriale del Governo di Avellino a cura del dr. Pasquale Trocchia Dirigente del Ministero dell Interno Responsabile delle

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 96

Verbale di deliberazione della Giunta Municipale. Registro delibere di Giunta COPIA N. 96 COMUNE DI TREPPO GRANDE Medaglia d Oro al Merito Civile PROVINCIA DI UDINE COMUN DI TREP GRANT Medae d Aur al Merit Civil PROVINCIE DI UDIN Verbale di deliberazione della Giunta Municipale Registro delibere

Dettagli

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto

I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto I BORGHI PIU' BELLI D'ITALIA Statuto ARTICOLO 1- COSTITUZIONE E' costituito il Club denominato I Borghi più Belli d'italia ai sensi dello Statuto dell Associazione Nazionale Comuni Italiani, in breve ANCI.

Dettagli

Deliberazione di Giunta Comunale

Deliberazione di Giunta Comunale Comune di Selargius Numero Data Prot. 155 25/05/99 Deliberazione di Giunta Comunale Oggetto: LAVORI DI ADEGUAMENTO E MESSA A NORMA DEGLI IMPIANTI ELETTRICI DEGLI EDIFICI SCOLASTICI. APPROVAZIONE PROGETTO

Dettagli

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione

3. Determinazione dei servizi a domanda individuale e relativi costi di gestione 1. Approvazione addendum al contratto di concessione della progettazione, realizzazione e gestione di impianti fotovoltaici asserviti ad immobili di proprietà del Comune di Casapinta 2. Verifica quantità

Dettagli

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA

AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIA-ROMAGNA AGENZIA TERRITORIALE DELL EMILIAROMAGNA PER I SERVIZI IDRICI E RIFIUTI CAMB/2014/71 del 30 dicembre 2014 CONSIGLIO D AMBITO Oggetto: Proroga delle scadenze temporali previste dall'art. 12 del "Regolamento

Dettagli

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore

Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore Bilancio di previsione 2014 Relazione del Magnifico Rettore IL CONTESTO L approvazione del Bilancio di previsione quest anno si pone esattamente a metà del mio mandato rettorale, iniziato tre anni fa,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui

Principio contabile della contabilità finanziaria. 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Principio contabile della contabilità finanziaria 9.3 Il riaccertamento straordinario dei residui Il riaccertamento straordinario dei residui è l attività prevista dall articolo 3 comma 7, del presente

Dettagli

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014)

ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) Protocollo RC n. 28105/14 ESTRATTO DAL VERBALE DELLE DELIBERAZIONI DELLA GIUNTA CAPITOLINA (SEDUTA DEL 30 DICEMBRE 2014) L anno duemilaquattordici, il giorno di martedì trenta del mese di dicembre, alle

Dettagli

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO

IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO IL DIRITTO ANNUALE DOVUTO ALLA CAMERA DI COMMERCIO TARDIVO OD OMESSO VERSAMENTO SANZIONI - RICORSI IL RAVVEDIMENTO - COMPENSAZIONE RIMBORSI SCHEDA N. 3 Claudio Venturi Camera di Commercio Diritto Annuale

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale

Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale COMUNE DI CESENA Processo verbale delle deliberazioni del Consiglio Comunale Seduta del 31/07/2014 - delibera n. 57 OGGETTO: TRIBUTO PER I SERVIZI INDIVISIBILI (IUC-TASI) - ALIQUOTE E ALTRE MISURE APPLICATIVE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 48 DEL 24.10.2013 OGGETTO: Recepimento verbale commissione trattante aziendale del 15.10.2013. L anno Duemilatredici, il giorno ventiquatto del mese di

Dettagli

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*)

STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) 1 STATUTO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DEI LINCEI (*) I - Costituzione dell Accademia Articolo 1 1. L Accademia Nazionale dei Lincei, istituzione di alta cultura, con sede in Roma, ai sensi dell art. 33 della

Dettagli

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI PERTICA ALTA PROVINCIA DI BRESCIA Codice ente Protocollo n. 10388 DELIBERAZIONE N. 33 in data: 28.10.2014 Soggetta invio capigruppo Trasmessa al C.R.C. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

Dettagli

L anno duemila il giorno del mese di TRA

L anno duemila il giorno del mese di TRA CONVENZIONE PER LA GESTIONE IN FORMA ASSOCIATA DELLE FUNZIONI CATASTALI DI CUI ALL ART. 3, COMMA 2, lett. A), D.P.C.M. 14 GIUGNO 2007 (OPZIONE DI 1 LIVELLO). L anno duemila il giorno del mese di TRA 1.

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI

I PRINCIPI CONTABILI PER GLI ENTI LOCALI MINISTERO DELL INTERNO DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI DIREZIONE CENTRALE DELLA FINANZA LOCALE OSSERVATORIO PER LA FINANZA E LA CONTABILITÀ DEGLI ENTI LOCALI I PRINCIPI CONTABILI PER

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012

RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 Comune di Villafranca Padovana Provincia di Padova RELAZIONE AL RENDICONTO DELLA GESTIONE 2012 a cura della Giunta Comunale art. 151, comma 6 e art. 231 D.Lgs.267/2000 Pag. 1 1. IL CONTESTO PREMESSA Il

Dettagli

Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7

Allegato A al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE In Atto Art. 1) Ai sensi della Legge 7 Allegato "A" al N. 67357/8101 di repertorio Milano il 10.02.2009 STATUTO DELL ASSOCIAZIONE CULTURALE "In Atto" Art. 1) Ai sensi della Legge 7 dicembre 2000, n. 383 e delle norme del codice civile in tema

Dettagli

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010

Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO Provincia di Pesaro e Urbino CONTRATTO COLLETTIVO DECENTRATO INTEGRATIVO ANNO 2010 Sottoscritto definitivamente in data 20 dicembre 2010 Comune di MERCATELLO SUL METAURO

Dettagli

C O M U N E D I S E L V I N O

C O M U N E D I S E L V I N O C O M U N E D I S E L V I N O (Provincia di Bergamo) Corso Milano, 19 REGOLAMENTO COMUNALE IN MATERIA DI TUTELA DELLA PERSONA E DI ALTRI SOGGETTI RISPETTO AL TRATTAMENTO DEI DATI PERSONALI CON PARTICOLARE

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE

ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE ANALISI DEL DISEQUILIBRIO FINANZIARIO E PIANO DI RIENTRO DI ROMA CAPITALE 3 luglio 2014 Sommario Premessa... 5 Sintesi dei risultati e conclusioni... 6 I risultati principali... 7 Conclusioni... 10 Il

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI

IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI SOMMARIO IL RENDICONTO DELLA GESTIONE NEGLI ENTI LOCALI 1. Premessa 2. Funzioni del rendiconto della gestione 3. Quadro normativo di riferimento 4. Attività operative per la predisposizione del rendiconto

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

COMUNE DI MENDATICA Provincia di Imperia

COMUNE DI MENDATICA Provincia di Imperia COMUNE DI MENDATICA Provincia di Imperia COPIA DETERMINAZIONE DEL SEGRETARIO N. 66 DEL 02/08/2014 L anno DUEMILAQUATTORDICI addì DUE del mese di AGOSTO Oggetto: Aggiudicazione provvisoria del 1 Lotto per

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS

EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS EX PROVINCIA DI CARBONIA IGLESIAS Legge Regionale 28 giugno 2013 n. 15 - Disposizioni transitorie in materia di riordino delle province Legge Regionale 12 marzo 2015 n. 7 - Disposizioni urgenti in materia

Dettagli

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n.

TRA. REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato alla sottoscrizione del presente atto a seguito di deliberazione della Giunta regionale n. PROTOCOLLO D INTESA PER LO SMOBILIZZO DEI CREDITI DEI SOGGETTI DEL TERZO SETTORE NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI E DEL SERVIZIO SANITARIO DELLA TOSCANA TRA REGIONE TOSCANA (C.fisc. in persona di autorizzato

Dettagli

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta

COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta COMUNE DI ACQUAVIVA PLATANI Provincia Regionale di Caltanissetta PIAZZA MUNICIPIO C.F.81000730853 P.IVA. 01556350856 BANDO DI GARA PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE (periodo dall 01/01/2011

Dettagli

Relazione del collegio

Relazione del collegio Relazione del collegio revisori i dei conti RELAZIONE DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI SUL RENDICONTO DELL'ESERCIZIO 2013 DEL PARTITO "IL POPOLO DELLA L1BERTA'" Il Collegio dei revisori composto dai

Dettagli

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via

ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA. L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via 1 ATTO COSTITUTIVO DI ASSOCIAZIONE SPORTIVA DILETTANTISTICA L anno 2014 il giorno 11 del mese di FEBBRAIO in Bari (BA) Torre a mare alla Via Pitagora n. 7 alle ore 20,00 si sono riuniti i Sigg.: - Iacobellis

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli