L istituto. MEMO_NuoveProcedureSullaFiliazione_2015_1.indb :40:29

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "L istituto. MEMO_NuoveProcedureSullaFiliazione_2015_1.indb 15 9-03-2015 11:40:29"

Transcript

1 L'ASSETTO NORMATIVO 15 CAPITOLO I L'ASSETTO NORMATIVO L istituto Dopo la legge 898 del 1970, che istituiva il cd. divorzio, la legge 151 del 1975, che eliminava ogni differenza tra marito e moglie nel regime matrimoniale, anche con riferimento ai figli, e la legge 54 del 2006, che introduceva la regola dell affidamento condiviso ma anche significative novità di carattere processuale relative ai processi aventi ad oggetto la crisi dell unione matrimoniale, il cantiere delle riforme in materia di rapporti familiari è stato recentemente riaperto (non senza dimenticare l emanazione della l. 40 del 2006, sulla procreazione medicalmente assistita). Il dato fattuale dal quale appare opportuno partire è che un bimbo su cinque in Italia nasce fuori dal matrimonio (circa all anno). Il fenomeno è comune agli altri Paesi dell occidente, in alcuni dei quali anzi è il caso della Francia il numero dei figli nati da coppie non coniugate (o non ancora coniugate) supera ormai quello dei figli nati da coppie tradizionali. Da tempo era da più parti segnalata la necessità che le due categorie dei figli, i figli nati in costanza di matrimonio e quelli nati fuori da esso, ricevessero una disciplina il più possibile omogenea. Ogni eventuale differente trattamento normativo appariva ai più ingiustificato alla luce delle intervenute profonde modificazioni nella concezione ed assetto della famiglia ma anche del quadro normativo sovraordinato. In primo luogo l art. 30 Cost. aveva infatti riconosciuto ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, anche se permanevano vistose limitazioni al riconoscimento della paternità: dispone infatti l art. 30 che «È dovere e diritto dei genitori mantenere, istruire ed educare i figli anche se nati fuori dal matrimonio...» ma poi prevede che la legge detta norme e limiti per il riconoscimento della paternità. La clausola di salvaguardia in oggetto consentì così, nei primi venti anni di vigenza della Costituzione, una lettura conservatrice, tesa alla salvaguardia delle discriminazioni previste dal codice civile del 1942; la stessa Corte Costituzionale, almeno in una fase iniziale, giunse ad affer- MEMO_NuoveProcedureSullaFiliazione_2015_1.indb :40:29

2 16 le nuove procedure sulla filiazione mare che l equiparazione tra figli legittimi naturali può aver luogo solo laddove manchi in concreto una famiglia legittima da tutelare. Si tratta di un orientamento ormai superato, prevalendo da decenni un interpretazione del terzo comma dell art. 30 Cost. cit. tenuto anche conto delle più generali previsioni degli artt. 2 e 3 che assicuri la piena applicazione del principio di eguaglianza. La stessa clausola di compatibilità è ora interpretata come a tutela dei figli già inseriti nell ambito della famiglia, e non come fonte di discriminazione per quelli naturali. Con la riforma del diritto di famiglia del 1975 era stato rimosso il divieto di riconoscimento dei figli adulterini e passi avanti erano stati compiuti anche con riferimento ai diritti successori, pervenendo ad una quasi equiparazione tra figli legittimi e naturali. Un ulteriore passo verso una piena equiparazione è stato poi compiuto dalla l. n. 54/2006 citata, la cd. legge sull affidamento condiviso, l articolo 4 della quale dispone che le nuove norme (formalmente costituenti una novellazione del codice civile e di quello di rito, quindi relative alla sola separazione) si applicano anche tra l altro ai figli di genitori non coniugati. Si tratta di una disposizione di grande significato, considerato che il novellato art. 155 c.c. esprimeva principi generali che vanno oltre la stessa patologia del rapporto familiare (coniugale o di fatto che sia, e anche in mancanza di una convivenza tra i genitori): si pensi alla solenne enunciazione della tutela prevalente dell interesse del minore. In realtà la vera discriminazione era data dal fatto stesso che la differenza era operata sullo stato di genitore (coniugato, non coniugato) e che non esistesse uno statuto unitario della filiazione. Molte norme internazionali deponevano del resto per la necessità di un pieno superamento delle differenze. Le stesse convenzioni internazionali di New York (20 novembre 1989) e Strasburgo (25 gennaio 1996) ratificate dall Italia, imponevano un immediato cambio di rotta del nostro legislatore, atteso da molto tempo. In tal senso erano anche l art. 21 della Carta di Nizza sui diritti fondamentali dell Unione europea, vincolante in forza del Trattato di Lisbona (art. 6 Trattato Unione europea, testo consolidato), che vieta ogni forma di discriminazione fondata sulla nascita, nonché gli artt. 8 e 12 della CE- DU (Convenzione europea dei diritti dell Uomo), che proteggono la vita privata e vietano ogni discriminazione. L auspicato cambio di rotta è stato realizzato da due interventi normativi; in primis la legge 10 dicembre 2012 n. 219 che ha posto il principio della piena equiparazione tra figli nati all interno e fuori del matrimonio, ha dettato alcune regole e al contempo ha delegato il governo ha emanare un decreto legislativo pienamente attuativo di tale principio; e quindi il MEMO_NuoveProcedureSullaFiliazione_2015_1.indb :40:29

3 L'ASSETTO NORMATIVO 17 d.lgs. 28 dicembre 2013 n. 154, che in attuazione di detta delega, è intervenuto su molteplici articoli del codice civile, del codice di procedura civile, del codice penale e di numerose leggi speciali. A tal proposito, si è parlato di una novellazione a metà, secondo una attività legislativa rateizzata (Casaburi, La nuova disciplina della filiazione: gli obiettivi conseguiti e le prospettive (specie inaspettate) future, in Corr. Mer., 2013, 8-9, 817). La legge 10 dicembre 2012, n. 219 è stata pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 17 dicembre 2012, n. 293 ed è entrata in vigore in data 1 gennaio La nuova legge si compone di sei soli articoli. L art. 1 riforma varie disposizioni del libro primo del codice civile, inerenti la filiazione; si tratta di modifiche imperniate quasi tutte sull unificazione dello status dei figli nati fuori e all interno del matrimonio. La norma cardine del nuovo sistema appare essere il nuovo art. 315 c.c. che, rubricato stato giuridico della filiazione solennemente e in maniera lapidaria afferma: tutti i figli hanno lo stesso stato giuridico. L unificazione dello stato di figlio rappresenta il nucleo essenziale della nuova normativa; si è parlato al riguardo di filiazione senza aggettivi, il che significa che tutti i figli hanno lo stesso stato giuridico e hanno diritto ad un unica identità familiare, con uguali rapporti di parentela e con gli stessi diritti successori (Carbone, Riforma della famiglia: considerazioni introduttive, in Fam. e Dir., 2013, 226). A ben vedere la parificazione riguarda essenzialmente, più che lo status, lo statuto dei diritti del minore che comporta una identità di effetti pur in presenza di una pluralità di titoli di filiazione, che vanno dalla generazione all adozione, al consenso alla procreazione assistita. Una delle conseguenze pratiche più rilevanti è data dal riconoscimento esplicito del legame di parentela del figlio con tutta la famiglia del genitore, in primis con i nonni ; in tal senso è il novellato articolo 74 c.c. che prevede che la parentela sia il vincolo tra persone che discendono dallo stesso stipite sia nel caso in cui la filiazione è avvenuta all interno del matrimonio, sia nel caso in cui è avvenuta fuori di esso, sia nel caso in cui figlio è adottivo. In passato, la convinzione prevalente favoriva l esistenza della famiglia legittima, non avendo la parentela naturale alcuna capacità espansiva oltre il singolo rapporto figlio naturale-genitore. La parentela era quindi ridotta ad un effetto del riconoscimento cioè della dichiarazione giudiziale di paternità/maternità naturale, quindi riferibile solo al singolo genitore. Dopo l art. 315 c.c. la riforma introduce un nuovo articolo, il 315 bis c.c., rubricato diritti e doveri dei figli che, nel riflettere l art. 155 comma 1 e il vecchio art. 315, introduce poi nuovi diritti dei figli, tutti; esso infatti dispone che essi, senza alcuna distinzione, hanno diritto di essere L. 10 dicembre 2012 n. 219 e i suoi punti salienti MEMO_NuoveProcedureSullaFiliazione_2015_1.indb :40:29

4 18 le nuove procedure sulla filiazione mantenuti, educati, istruiti e (ecco le novità) assistiti moralmente dai genitori, nel rispetto delle loro capacità, inclinazioni naturali e aspirazioni; hanno diritto di mantenere rapporti significativi con i parenti e di essere ascoltati nelle questioni e nelle procedure che li riguardano. Viene introdotto quindi un nuovo aspetto nel novero dei diritti dei figli, quello del diritto all assistenza morale, che costituisce la traduzione giuridica di quel diritto all amore già individuato dalla dottrina (così già prima della riforma, Bianca, Diritto civile, 2, La famiglia. Le successioni, 3 ed. riv., Milano, 2005, 324; id., La filiazione: bilanci e prospettive a trent anni dalla riforma del diritto di famiglia, in Trenta anni dalla riforma del diritto di famiglia, a cura di G. Frezza, Milano, 2005, 95). Lo stesso art. 1, sempre al fine della piena equiparazione, interviene sulla disciplina, sostanziale e processuale, del riconoscimento del figlio nato fuori dal matrimonio. L art. 2 delega poi il Governo alla modifica della disciplina esistente in materia di filiazione e di dichiarazione di stato di adottabilità al fine di eliminare ogni discriminazione tra i figli; a tal fine individua ben 14 principi e criteri direttivi per il legislatore delegato e stabilisce il termine di un anno per l esercizio della delega e di un ulteriore anno per l emanazione di decreti integrativi o correttivi. L art. 3 modifica l art. 38 disp. att. c.c. (tradizionalmente dedicato al riparto di competenze tra Tribunale Ordinario e Tribunale per i minorenni) e nel farlo, oltre a mutare appunto il riparto di competenze, determina un rilevante trasferimento di competenze in favore del primo. L art. 38 infatti elencava una serie di articoli attribuendo la competenza per i relativi procedimenti al Tribunale per i minorenni mentre una clausola residuale statuiva la competenza del Tribunale ordinario per i provvedimenti per i quali non era prevista la competenza di una diversa autorità giudiziaria. Nonostante tale disposizione, nel recente passato si era determinata una vera e propria dispersione di competenze tra giudice minorile e Tribunale Ordinario, con un grave pregiudizio per la giurisdizione civile in materia di stato e capacità della persona e della famiglia, determinando numerosi e rilevanti inconvenienti, sovrapposizioni e contraddizioni, o quanto meno disagi e allungamenti, in pregiudizio all interesse degli utenti a ottenere provvedimenti univoci in tempi ragionevoli. Lo stesso articolo 3 procede poi a disciplinare, in poche parole, il procedimento per l affidamento e mantenimento dei figli nati fuori dal matrimonio e introduce nuovi strumenti giuridici tesi a dare piena attuazione alla piena garanzia patrimoniale dei crediti di mantenimento dei medesimi. Da più parti si è però evidenziato come la legge 219, pur costituendo un intervento di portata storica per la sostanziale equiparazione tra filiazione MEMO_NuoveProcedureSullaFiliazione_2015_1.indb :40:29

5 L'ASSETTO NORMATIVO 19 naturale e filiazione legittima, proprio sugli aspetti processuali e più propriamente ordinamentali ha rappresentato, invece, l ennesima occasione mancata per l auspicato riordino delle competenze in materia familiare. La legge citata, infatti, ha mantenuto il sistema binario tra Tribunale ordinario e Tribunale per i Minorenni, ampliando notevolmente le competenze del primo, attraverso la riformulazione dell art. 38 disp. att. c.c., e non ha istituito il c.d. Tribunale della famiglia (o meglio la sezione specializzata in materia di famiglia), oggetto da tempo di diverse proposte normative; lo stesso Senato, in data 16 maggio 2013, ha approvato un ordine del giorno che impegna il Governo a favorire l avvio e il buon esito dell iter di riforma ordinamentale della giurisdizione in materia di relazioni familiari e diritti fondamentali delle persone, in particolare dei minori di età, mediante l istituzione del Tribunale per la persona e le relazioni familiari, giudice unico specializzato, presso il quale andranno a concentrarsi tutti i procedimenti relativi alla materia. Invero la questione della istituzione di un giudice unico specializzato per la materia delle relazioni familiari è poi tornata di attualità con la preliminare approvazione da parte del Governo (nella seduta del 29 agosto 2014) di un d.d.l. da presentare alle Camere e che prevede la creazione di sezioni specializzate per la famiglia e sui cui punti essenziali vedi il successivo par. 5. L art. 4 reca le necessarie disposizioni transitorie. L art. 5 rivede alcune norme regolamentari in materia di stato civile. L art. 6 prevede la sola cd. clausola di invarianza finanziaria. Il Governo è stato, come visto, delegato ad emanare, nei 12 mesi dalla entrata in vigore della l. n. 219 del 2012 (nel periodo quindi dall 1 gennaio al 31 dicembre 2013), i decreti legislativi di modifica delle norme sulla filiazione e dichiarazione dello stato di adottabilità per eliminare discriminazioni ex art. 30 Cost. nell osservanza dei princìpi di cui agli artt. 315 e 315-bis c.c., osservando i principi e criteri direttivi prescritti. Le molte innovazioni da apportare riguardavano principalmente: la sostituzione lessicale in tutta la legislazione vigente di ogni riferimento alle nozioni di figli legittimi e figli naturali da sostituire con quelle di figli nati dal matrimonio e figli nati fuori dal matrimonio ; l estensione della presunzione di paternità dei figli nati o concepiti durante il matrimonio e la ridefinizione della disciplina del disconoscimento di paternità; la modifica delle azioni di stato; la disciplina delle modalità di esercizio del diritto di ascolto del minore, che abbia capacità di discernimento; la unificazione della nozione di responsabilità genitoriale come aspetto dell esercizio della potestà genitoriale sia rispetto ai figli nati nel matrimonio che rispetto ai figli nati fuori da esso; Assetti delegati (art. 2 L. n. 219 del 2012) MEMO_NuoveProcedureSullaFiliazione_2015_1.indb :40:29

6 20 le nuove procedure sulla filiazione D.Lgs. 28 dicembre 2013, n. 154 l adeguamento della disciplina delle successioni e donazioni al principio di unicità dello stato di figlio, con l assicurazione che si producano gli effetti successori riguardo ai parenti ed aventi causa del figlio naturale premorto o deceduto nelle more del riconoscimento; la specificazione del concetto di abbandono morale e materiale dei figli con riguardo alla provata irrecuperabilità delle capacità genitoriali in tempo ragionevole, considerando che le condizioni di indigenza dei genitori non possono essere di ostacolo al diritto del minore alla propria famiglia; la previsione della segnalazione ai Comuni da parte dei Tribunali per i minorenni delle situazioni di indigenza di nuclei familiari, che richiedano sostegno, affinché il minore possa essere educato nella propria famiglia; la previsione della legittimazione degli ascendenti a far valere il diritto di mantenere rapporti significativi con i nipoti minorenni. La delega è stata esercitata dal Governo con l emanazione del d.lgs. 28 dicembre 2013 n. 154, pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 5 dell 8 gennaio 2014 ed entrato in vigore il 7 febbraio Il decreto legislativo in questione è un testo complesso ed assai elaborato, composto da ben 108 articoli e che, tra l altro, rappresenta, dal punto di vista formale, uno degli interventi di maggior impatto sul codice civile mai realizzati; esso infatti procede, oltre che alla introduzione di nuovi articoli, alla sostituzione di altri e alla trasposizione di intere parti di codice. Inoltre il decreto legislativo modifica non solo il codice civile ma anche il codice penale, i codici di procedura e diverse leggi speciali. La struttura del decreto è infatti fondata proprio sull oggetto della novella e cioè del testo normativo sul quale lo stesso interviene. Gli aspetti più salienti, per gli operatori pratici, sono i seguenti. Da un punto di vista sistematico il titolo VII del libro primo, precedentemente rubricato della filiazione diviene dello stato di figlio, le rubriche dei suoi capi mutano nome; così anche il titolo IX ( della potestà dei genitori ) diviene della responsabilità genitoriale e dei diritti e doveri del figlio. In primo luogo la nozione di potestà genitoriale viene ad essere sostituita, ovunque e in primis nel riformato art. 316, dalla nuova nozione di derivazione comunitaria di responsabilità genitoriale, che è data dai diritti e doveri di cui è investita una persona fisica o giuridica in virtù di una decisione giudiziaria, della legge o di un accordo in vigore riguardanti la persona o i beni di un minore. Il termine comprende, in particolare, il diritto di affidamento e il diritto di visita : così l art. 2 n. 7 reg CE n. 2201/2003. Il decreto, poi, abroga gli articoli del codice civile dal 155 bis al 155 sexies c.c. nonché i commi 3, 4, 5, 8, 12 dell art. 6 l. 898/70, che rappre- MEMO_NuoveProcedureSullaFiliazione_2015_1.indb :40:29

7 L'ASSETTO NORMATIVO 21 senta(va)no le norme di riferimento quotidiano per qualunque operatore del diritto che si occupasse della materia della famiglia: si tratta infatti delle disposizioni che regolavano affidamento e mantenimento dei figli nei casi di rottura della unione matrimoniale (rispettivamente per la separazione e il divorzio) e non matrimoniale (in forza del richiamo agli artt. 155 e ss. c.c. dell art. 4 della legge 54/2006); di fatto il loro contenuto viene trasposto nei nuovi artt. 337 bis-337 octies, nel nuovo capo II del titolo IX rubricato esercizio della responsabilità genitoriale a seguito di separazione, scioglimento, cessazione degli effetti civili, annullamento, nullità del matrimonio ovvero all esito di procedimenti relativi ai figli nati fuori del matrimonio ; in buona sostanza tali norme, anche formalmente, diventano le regole di riferimento generale per tutte le controversie relativamente all affidamento e al mantenimento di un figlio, sia esso nato da una coppia genitoriale sposata o da una coppia non sposata. Una delle conseguenze di tale risistemazione è che il ricorso per introdurre una controversia genitoriale tra genitori non uniti in matrimonio (prima di competenza del Tribunale per i minorenni e dalla legge 219/2012 attribuito al Tribunale ordinario, ma comunque regolato dall art. 317 bis c.c.) viene oggi regolato dagli artt. 316 e 337 bis c.c. (e dalle disposizioni da quest ultimo richiamate), oltre che dal confermato art. 38 disp. att. c.c., mentre l art. 317 bis, originariamente dedicato a tale materia, ora regola l istituto, del tutto nuovo, dell azione degli ascendenti nel caso in cui sia impedito il loro diritto di mantenere rapporti significativi con i nipoti minorenni, rimessa, peraltro, alla competenza giurisdizionale del Tribunale per i minorenni. Viene, poi, compiutamente regolato l ascolto del minore, che di fatto diviene sempre obbligatorio, salvo che il giudice lo ritenga in contrasto con l interesse del fanciullo o manifestamente superfluo; il diritto all ascolto in tutte le questioni o procedure che riguardino il minore (purché ultradodicenne o se di età inferiore capace di discernimento) è posto dall art. 315 bis, è reiterato in molteplici disposizioni di carattere particolare (per es. nell art. 316 c.c. ove si prevede il potere del giudice di risolvere contrasti tra genitori su questioni di particolare importanza; nell art. 317 bis ove si prevede la tutela giurisdizionale del rapporto nonni e nipote; e nell art. 348 comma 3 in caso di apertura di tutela; nell art. 348 c.c. in caso di scelta del tutore e nell art. 371 c.c. nel caso di apertura di tutela del minore ove il giudice tutelare debba deliberare sul luogo dove esso deve essere cresciuto e sul suo avviamento agli studi o all esercizio di un arte o mestiere); da un punto di vista processuale esso è poi regolato dal nuovo articolo 337 octies e dall art. 38 bis disp. att c.c. Di fatto tale disciplina reca disposizioni spesso in gran parte ricognitive delle soluzioni della giurisprudenza, con un indubbio ausilio all uniformità delle prassi operate dai vari Tribunali, ma probabilmente MEMO_NuoveProcedureSullaFiliazione_2015_1.indb :40:29

8 22 le nuove procedure sulla filiazione Prospettive future non fuga tutti i dubbi applicativi e interpretativi preesistenti relativi alle modalità e alle conseguenze della partecipazione del minore nei processi che lo riguardano. La piena equiparazione tra tutti i figli determina conseguenze anche sulla materia delle successioni e donazioni, dovendosi eliminare ogni disparità di trattamento tra figli legittimi e naturali, prima esistenti nel sistema e il raggiungimento di tale obiettivo è affidato alla modifica di numerosi articoli del libro secondo, dall art. 467 all art. 804; in ognuna delle disposizioni ove esisteva il riferimento ai figli naturali e ai figli legittimi esso viene eliminato e dovunque compare la sola parola figli e viene modificato il cd. diritto di commutazione. Per quanto riguarda gli interventi sugli altri codici e leggi speciali, accanto agli interventi resisi necessari in conseguenza dell eliminazione delle nozioni di figlio naturale e di potestà genitoriale, si segnalano alcuni interventi sul contenuto del ricorso di separazione e divorzio, la precisazione dei presupposti per la declaratoria dello stato di abbandono nelle procedure di adottabilità, l introduzione di un potere, in capo al Tribunale per i minorenni, di un potere di segnalazione al Comune dei nuclei familiari in situazioni di disagio. Vengono infine riscritte le norme sulla filiazione nel diritto internazionale privato (artt. 33, 34, 35, 36, 36 bis, 38 della l. 218/1990). Il quadro finora delineato potrebbe essere oggetto di alcuni significativi mutamenti ove venga approvato dal legislatore il d.d.l. il cui schema è stato preliminarmente approvato dal Consiglio dei Ministri in data 29 agosto 2009 e recante il titolo Schema di disegno di legge delega al governo recante disposizioni per l efficienza del processo civile. L art. 1 di tale schema di disegno di legge prevede infatti la delega al governo perché lo stesso provveda, entro diciotto mesi dall approvazione della legge, ad: a) istituire presso tutte le sedi di tribunale le sezioni specializzate per la famiglia e la persona ; b) attribuire alla competenza delle sezioni specializzate di cui alla precedente lettera a): b.1) tutte le controversie attualmente di competenza del tribunale per i minorenni in materia civile di cui all articolo 38 delle disposizioni di attuazione del codice civile; b.2) le controversie attualmente devolute al tribunale civile ordinario in materia di stato e capacità della persona, rapporti di famiglia e di minori, ivi compresi i giudizi di separazione e divorzio; b.3) le controversie di competenza del giudice tutelare in materia di minori e incapaci; b.4) le controversie relative al riconoscimento dello status di rifugiato e alla protezione internazionale disciplinate dal decreto legislativo 28 MEMO_NuoveProcedureSullaFiliazione_2015_1.indb :40:29

9 L'ASSETTO NORMATIVO 23 gennaio 2008, n. 25 e successive modificazioni, nonché dal decreto legislativo 1 settembre 2011, n.150; c) concentrare presso le sezioni specializzate aventi sede nel capoluogo del distretto di Corte di appello, in aggiunta alle competenze di cui alla precedente lettera b): c.1) i procedimenti relativi alle adozioni; c.2) i procedimenti relativi ai minori stranieri non accompagnati e ai richiedenti protezione internazionale; c.3) i procedimenti relativi alla rettificazione di attribuzione di sesso, ai diritti della personalità, ivi compresi il diritto al nome, all immagine, alla reputazione, all identità personale, alla riservatezza e tutte le questioni afferenti l inizio e fine vita; d) individuare le materie riservate alla competenza collegiale; e) assicurare alla sezione l ausilio dei servizi sociali e di tecnici specializzati nelle materie di competenza; f) prevedere che le attribuzioni conferite dalla legge al pubblico ministero nelle materie di competenza delle sezioni specializzate siano esercitate da magistrati assegnati all ufficio specializzato per la famiglia e per i minori, costituito all interno della procura della Repubblica presso i tribunali dove sono istituite le sezioni; g) rideterminare le dotazioni organiche delle sezioni specializzate, dei tribunali civili e dei tribunali per i minorenni, adeguandole alle nuove competenze; h) disciplinare il rito in modo uniforme e semplificato. Lo schema seguito prevede quindi non l istituzione di un Ufficio autonomo ma di sezioni specializzate presso ciascun Tribunale; le sezioni specializzate presso i Tribunali diversi da quello che ha sede nel capoluogo del distretto di Corte di appello continuerebbero ad avere le tradizionali competenze (separazioni, divorzio e ad oggi affidamento e mantenimento dei figli nati fuori dal matrimonio; affari del giudice tutelare) cui andrebbero aggiunte le competenze ex Tribunale minorile elencate nell art. 38 disp. att. c.c.; il Tribunale capoluogo, oltre a occuparsi di tutto ciò, assorbirebbe anche le competenze in materia di adozioni; avrebbe una (singolare) competenza distrettuale sui mutamenti di sesso, diritti della personalità e anche sulle questioni di inizio e fine vita. Di fatto, invece, il Tribunale minorile conserverebbe le sole competenze penali. MEMO_NuoveProcedureSullaFiliazione_2015_1.indb :40:29

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA)

CAMERA DEI DEPUTATI DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2514-A DISEGNO DI LEGGE PRESENTATO DAL MINISTRO DELLE POLITICHE PER LA FAMIGLIA (BINDI) DAL MINISTRO DELLA GIUSTIZIA (MASTELLA) E DAL MINISTRO

Dettagli

MODIFICHE DEL CODICE CIVILE IN TEMA DI FILIAZIONE NATURALE IN DISCUSSIONE ALLA COMMISSIONE GIUSTIZIA DELLA CAMERA

MODIFICHE DEL CODICE CIVILE IN TEMA DI FILIAZIONE NATURALE IN DISCUSSIONE ALLA COMMISSIONE GIUSTIZIA DELLA CAMERA MODIFICHE DEL CODICE CIVILE IN TEMA DI FILIAZIONE NATURALE IN DISCUSSIONE ALLA COMMISSIONE GIUSTIZIA DELLA CAMERA (Riconoscimento figli naturali. C. 2519 Mussolini, C. 3184 Bindi, C. 3247 Palomba, C. 3915

Dettagli

FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI. I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo

FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI. I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo FILIAZIONE: TUTTI I FIGLI SONO UGUALI I figli sono semplicemente figli, questo non più solo sotto il profilo affettivo ma anche davanti alla legge. La riforma sulla filiazione 1 ha definitivamente abolito

Dettagli

i diritti dei membri della famiglia legittima.

i diritti dei membri della famiglia legittima. Secondo il dettato dell art 30 della Costituzione, la legge assicura ai figli nati fuori dal matrimonio ogni tutela giuridica e sociale, salvo il limite di compatibilità con i diritti dei membri della

Dettagli

I figli sono tutti uguali. Un disegno di legge del Governo e un provvedimento del Senato avviano la riforma della filiazione Gianfranco Dosi

I figli sono tutti uguali. Un disegno di legge del Governo e un provvedimento del Senato avviano la riforma della filiazione Gianfranco Dosi I figli sono tutti uguali. Un disegno di legge del Governo e un provvedimento del Senato avviano la riforma della filiazione Gianfranco Dosi I figli sono tutti uguali. E questo il senso della riforma che

Dettagli

INTRODUZIONE 1. Una premessa... 1

INTRODUZIONE 1. Una premessa... 1 INDICE INTRODUZIONE 1. Una premessa................................... 1 SEZIONE I: FILIAZIONE FUORI DEL MATRIMONIO: PROSPETTIVA STORICA E COMPARATA 1. L età classica...................................

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE N. 2805S DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI

DISEGNO DI LEGGE N. 2805S DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI DISEGNO DI LEGGE N. 2805S DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI Art. 1. (Disposizioni in materia di filiazione) 1. L articolo 74 del codice civile è sostituito dal seguente: «Art.

Dettagli

LE NOVITÀ IN VIGORE DAL 1 GENNAIO CON LA LEGGE 219/2012.

LE NOVITÀ IN VIGORE DAL 1 GENNAIO CON LA LEGGE 219/2012. A002569,1 A002569 FONDAZIONE INSIEME onlus. Da il sole24 ore del 7/1/2013, di Giorgio Vaccaro, giornalista. (legge 219/2012) Per la

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO LA FAMIGLIA CAPITOLO SECONDO IL MATRIMONIO

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO LA FAMIGLIA CAPITOLO SECONDO IL MATRIMONIO INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO LA FAMIGLIA 1. La nozione di famiglia............................................ p. 1 2. (segue) Famiglia parentale e famiglia nucleare.......................» 5 3. (segue)

Dettagli

INDICE PARTE PRIMA. Capitolo I UN LINGUAGGIO GIURIDICO CONDIVISO PER L EUROPA (S. Patti)

INDICE PARTE PRIMA. Capitolo I UN LINGUAGGIO GIURIDICO CONDIVISO PER L EUROPA (S. Patti) INDICE Introduzione... xi PARTE PRIMA UN LINGUAGGIO GIURIDICO CONDIVISO PER L EUROPA 1. Il linguaggio giuridico delle relazioni familiari... 3 2. Le espressioni obsolete.... 4 3. Il linguaggio condiviso...

Dettagli

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi.

Sono consentite ai medesimi coniugi più adozioni, con atti successivi. Legge n. 476/98 Ratifica ed esecuzione della Convenzione per la tutela dei minori e la Cooperazione in materia di adozione internazionale fatta a l Aja il 29 maggio 1993. Modifiche alla legge 4 maggio

Dettagli

IL RECLAMO DELLO STATO DI FIGLIO LEGITTIMO

IL RECLAMO DELLO STATO DI FIGLIO LEGITTIMO Cendon / Book Collana diretta da Bruno de Filippis I DIRITTI DEL PRIMO LIBRO DEL CODICE CIVILE 01 IL RECLAMO DELLO STATO DI FIGLIO LEGITTIMO DOPO LA RIFORMA DEL 2013 Bruno de Filippis Edizione NOVEMBRE

Dettagli

Seminario 20 febbraio 2014

Seminario 20 febbraio 2014 Seminario 20 febbraio 2014 Le modifiche della gius9zia minorile dal 7 febbraio 2014 l. n.219/2012 riconoscimento figli naturali d.lgs. n.154/2013 revisione disposizioni in materia di filiazione Il dirieo

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» VII Indice Sommario...» XI CAPITOLO I CENNI STORICI: EVOLUZIONE DEL CONCETTO DI ADOZIONE 1. Introduzione... pag. 1 2. L'istituto dell'adozione

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO I RAPPORTI DI FILIAZIONE

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO I RAPPORTI DI FILIAZIONE Elenco delle principali abbreviazioni....................... Introduzione...................................... XV XVII CAPITOLO PRIMO I RAPPORTI DI FILIAZIONE Guida Bibliografica..................................

Dettagli

Legge 10 dicembre 2012, n. 219 (1). Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali.

Legge 10 dicembre 2012, n. 219 (1). Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali. Legge 10 dicembre 2012, n. 219 (1). Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali. (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 17 dicembre 2012, n. 293. La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 3338 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori BISCARDINI, CASILLO, CREMA, LABELLARTE e MARINI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 10 MARZO 2005 Modifiche alla legge

Dettagli

D.Lgs n. 154/2013 in vigore dal 7 febbraio 2014 Decreto filiazione

D.Lgs n. 154/2013 in vigore dal 7 febbraio 2014 Decreto filiazione LA LEGGE 10 DICEMBRE 2012 N. 219 HA INTRODOTTO MODIFICHE DI DIRITTO NELLA DELICATA MATERIA DELLA PROTEZIONE DEL MINORE INTRODUCENDO NELL ORDINAMENTO LA CONDIZIONE UNITARIA DI FIGLIO SENZA PIÙ DISTINZIONI

Dettagli

LEGGE - 10/12/2012, n. 219 - Gazzetta Uff. 17/12/2012, n. 293

LEGGE - 10/12/2012, n. 219 - Gazzetta Uff. 17/12/2012, n. 293 LEGGE - 10/12/2012, n. 219 - Gazzetta Uff. 17/12/2012, n. 293 TESTO VIGENTE LEGGE 10 dicembre 2012 n.219 (in Gazz. Uff., 17 dicembre 2012, n. 293). - Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli

Dettagli

Nota prot. n. 5336 del 2 settembre 2015. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Nota prot. n. 5336 del 2 settembre 2015. Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Nota prot. n. 5336 del 2 settembre 2015 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Ai Dirigenti degli Ambiti Territoriali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia

Dettagli

Famiglia di sangue e famiglia adottiva: la tradizionale interazione tra i due modelli sul piano normativo.

Famiglia di sangue e famiglia adottiva: la tradizionale interazione tra i due modelli sul piano normativo. SOMMARIO INTRODUZIONE 1. 2. Famiglia di sangue e famiglia adottiva: la tradizionale interazione tra i due modelli sul piano normativo. La recente legge di riforma delle adozioni: luci ed ombre. p. 11 18

Dettagli

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI PROGRAMMA DIDATTICO 2015/2016 DATA ORE ARGOMENTO NOTE

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI PROGRAMMA DIDATTICO 2015/2016 DATA ORE ARGOMENTO NOTE PROGRAMMA DIDATTICO / DATA ORE ARGOMENTO NOTE n. 1 3 marzo 6 ore PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DEL PROGRAMMA DIDATTICO LA PROFESSIONE FORENSE E LA SPECIALIZZAZIONE, IN PARTICOLARE NEL DIRITTO DELLE RELAZIONI

Dettagli

Parificato lo status giuridico

Parificato lo status giuridico Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali Figli naturali parificati a quelli legittimi, ok unanime del Senato approvato mercoledì 16 maggio all'unanimità il disegno di legge 2805 testo

Dettagli

Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali. (12G0242)

Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali. (12G0242) LEGGE 10 dicembre 2012, n. 219 Disposizioni in materia di riconoscimento dei figli naturali. (12G0242) Vigente al: 3-2-2013 La Camera dei deputati ed il Senato della Repubblica hanno approvato; IL PRESIDENTE

Dettagli

Giorgio Aldo Maccaroni. Cosa fare in caso di separazione, divorzio o fine convivenza

Giorgio Aldo Maccaroni. Cosa fare in caso di separazione, divorzio o fine convivenza Giorgio Aldo Maccaroni Cosa fare in caso di separazione, divorzio o fine convivenza Alcune riflessioni alla luce della nuova normativa AIDIF Copyright edizione e-book 2015 di Pro Aidif s.a.s. Via Salaria,

Dettagli

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 1245

Senato della Repubblica XVII Legislatura. Fascicolo Iter DDL S. 1245 Senato della Repubblica XVII Legislatura Fascicolo Iter DDL S. 1245 Modifiche al codice civile e altre disposizioni in materia di cognome dei coniugi e dei figli 01/02/2016-13:43 Indice 1. DDL S. 1245

Dettagli

Associazione C rescere

Associazione C rescere Organizzazione di Volontariato Associazione C rescere con la sindrome di Turner e altre Malattie Rare ONLUS ex art. 10 c. 8 dlgs n 460/1997 Via Massarenti 11-40138 Bologna presso la Clinica Pediatrica

Dettagli

Edizione MAGGIO 2014. Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Edizione MAGGIO 2014. Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it Diritto Famiglia Vi sono importanti novità sotto il profilo processuale introdotte dalla legge 219 del 2012. L art. 38 disp. att. c.c. viene, infatti, modificato così da trasferire la competenza dal Tribunale

Dettagli

La Corte di Appello di Firenze, Sezione Prima civile, riunita in camera di consiglio nella persona dei sottoindicati Giudici:

La Corte di Appello di Firenze, Sezione Prima civile, riunita in camera di consiglio nella persona dei sottoindicati Giudici: App. Firenze, 27 giugno 2008 Matrimonio tra omosessuali L istituto del matrimonio non costituisce una istituzione pre-giuridica ( come ad es. la famiglia) né un diritto fondamentale dell individuo, da

Dettagli

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DELLE RELAZIONI FAMILIARI, DELLE PERSONE E DEI MINORI PROGRAMMA DIDATTICO 2015/2016 ORE ARGOMENTO NOTE DOCENTI 1 6 ore PRESENTAZIONE DELLA SCUOLA E DEL PROGRAMMA

Dettagli

37. I regimi patrimoniali tra coniugi... 73 38. Le convenzioni matrimoniali... 75 39. Pubblicità delle convenzioni matrimoniali...

37. I regimi patrimoniali tra coniugi... 73 38. Le convenzioni matrimoniali... 75 39. Pubblicità delle convenzioni matrimoniali... INDICE-SOMMARIO Capitolo I. NOZIONI INTRODUTTIVE 1. Il diritto di famiglia in senso oggettivo e la nozione di famiglia....... 1 2. L evoluzione della famiglia nel contesto sociale........... 3 3. Il ruolo

Dettagli

Il diritto di famiglia è senza dubbio uno dei. Riforma sulla filiazione: Pillole su cosa cambia. Daniela Infantino. Abstract

Il diritto di famiglia è senza dubbio uno dei. Riforma sulla filiazione: Pillole su cosa cambia. Daniela Infantino. Abstract : Pillole su cosa cambia Daniela Infantino Abstract Alcune considerazioni sulle modifiche al diritto di famiglia, di cui alla Legge 10 dicembre 2012 n. 219 e al Decreto Legislativo 28 dicembre 2013 n.

Dettagli

Legge 8 febbraio 2006, n. 54

Legge 8 febbraio 2006, n. 54 Legge 8 febbraio 2006, n. 54 "Disposizioni in materia di separazione dei genitori e affidamento condiviso dei figli" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 50 del 1 marzo 2006 Art. 1. (Modifiche al codice

Dettagli

I doveri di solidarietà familiare. Premessa 31 1. Il principio di solidarietà nella Costituzione e nel diritto di famiglia

I doveri di solidarietà familiare. Premessa 31 1. Il principio di solidarietà nella Costituzione e nel diritto di famiglia Sommario XI Premessa alla nuova edizione Capitolo 1 Solidarietà familiare e sicurezza sociale nell assistenza alla famiglia 1 1. L assistenza (nella e) alla famiglia nel diritto delle persone fisiche 6

Dettagli

I DIRITTI DEI MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI

I DIRITTI DEI MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI I DIRITTI DEI MINORI STRANIERI NON ACCOMPAGNATI di Nazzarena Zorzella (avvocata di Bologna) Associazione per gli studi giuridici sull immigrazione (ASGI) Fonti Normative Principi per il trattamento dello

Dettagli

CODICE DI FAMIGLIA E DI TUTELA

CODICE DI FAMIGLIA E DI TUTELA CODICE DI FAMIGLIA E DI TUTELA Prima della firma della Convenzione de L Aja sulla protezione dei minori e sulla cooperazione in materia di adozione internazionale (1995), in Polonia l adozione era regolata

Dettagli

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I MATRIMONIO E FAMIGLIA. Sezione I Il matrimonio civile. Origini e principi pag.

INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I MATRIMONIO E FAMIGLIA. Sezione I Il matrimonio civile. Origini e principi pag. INDICE-SOMMARIO CAPITOLO I MATRIMONIO E FAMIGLIA Il matrimonio civile. Origini e principi pag. 1. Il matrimonio come fondamento della famiglia. Evoluzione storica, disciplina costituzionale e principi

Dettagli

INDICE. Parte Prima LA FAMIGLIA IN PROSPETTIVA EUROPEA: MODELLI E FONTI. Capitolo I MODELLI E FONTI DEL DIRITTO DI FAMIGLIA Fausto Caggia

INDICE. Parte Prima LA FAMIGLIA IN PROSPETTIVA EUROPEA: MODELLI E FONTI. Capitolo I MODELLI E FONTI DEL DIRITTO DI FAMIGLIA Fausto Caggia Presentazione... Sigle e abbreviazioni.... V XIX Parte Prima LA FAMIGLIA IN PROSPETTIVA EUROPEA: MODELLI E FONTI Capitolo I MODELLI E FONTI DEL DIRITTO DI FAMIGLIA Fausto Caggia 1. Due elementi d introduzione

Dettagli

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA

UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA TAVOLO NAZIONALE AFFIDO UNA LEGGE CHE METTE AL CENTRO LA TUTELA DEL DIRITTO DEI MINORI AFFIDATI ALLA CONTINUITÀ AFFETTIVA Prime riflessioni sulle modifiche introdotte dalla Legge n. 173/2015 Modifica alla

Dettagli

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione

Art. 1 Definizioni. Art. 2 Ambito di applicazione Allegato n. 1 REGOLAMENTO PER L AMPLIAMENTO DEL NUCLEO FAMILIARE E PER L OSPITALITA TEMPORANEA IN ALLOGGI DI E.R.P, DI CUI AGLI ARTT. 25, c. 6 d) E 27 DELLA L.R. N. 24/2001. TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Introduzione...

INDICE SOMMARIO. Introduzione... SOMMARIO Introduzione... XIII CAPITOLO 1 I PRINCIPI GENERALI 1. Premessa... 1 2. Le fonti internazionali... 2 3. Le fonti comunitarie... 6 4. Gli ordinamenti plurilegislativi... 7 5. Il principio di ordine

Dettagli

1. Oggetto e struttura del disegno di legge

1. Oggetto e struttura del disegno di legge Delega al Governo per l attuazione dell articolo 117, secondo comma, lettera p) della Costituzione, per l istituzione delle Città metropolitane e per l ordinamento di Roma Capitale della Repubblica. Disposizioni

Dettagli

INDICE. Parte Prima I CONIUGI CAPITOLO 1 GLI OBBLIGHI CONIUGALI CAPITOLO 2 LA FEDELTÀ CAPITOLO 3 L ASSISTENZA MORALE E MATERIALE

INDICE. Parte Prima I CONIUGI CAPITOLO 1 GLI OBBLIGHI CONIUGALI CAPITOLO 2 LA FEDELTÀ CAPITOLO 3 L ASSISTENZA MORALE E MATERIALE INDICE Parte Prima I CONIUGI CAPITOLO 1 GLI OBBLIGHI CONIUGALI 3 1. I profili generali 4 2. Matrimonio ed obblighi coniugali 6 3. I doveri matrimoniali 8 4. La natura inderogabile degli obblighi coniugali

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA Schema di decreto legislativo in materia di completamento della riforma della struttura del bilancio dello Stato in attuazione dell articolo 40, comma 1, della legge 31 dicembre

Dettagli

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio

La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio La Corte costituzionale e il diritto fondamentale di contrarre liberamente matrimonio È illegittima una norma che limita la facoltà dello straniero di contrarre matrimonio in Italia per carenza del permesso

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE TURCO, VIOLANTE, MONTECCHI. Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 91, recante norme sulla cittadinanza

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE TURCO, VIOLANTE, MONTECCHI. Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 91, recante norme sulla cittadinanza Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1463 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI TURCO, VIOLANTE, MONTECCHI Modifiche alla legge 5 febbraio 1992, n. 91, recante norme sulla

Dettagli

Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici di reversibilità A.C. 1847. reversibilità

Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici di reversibilità A.C. 1847. reversibilità Autore: Titolo: Camera dei deputati - XVI Legislatura - Dossier di documentazione (Versione per stampa) Riferimenti: Servizio Studi - Dipartimento lavoro Limitazioni in materia di trattamenti pensionistici

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 197. Modifica al codice civile in materia di disciplina del patto di convivenza

DISEGNO DI LEGGE. Senato della Repubblica N. 197. Modifica al codice civile in materia di disciplina del patto di convivenza Senato della Repubblica XVII LEGISLATURA N. 197 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa dei senatori ALBERTI CASELLATI, BONFRISCO, CARIDI e D ASCOLA COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 15 MARZO 2013 Modifica al codice

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V. Introduzione... pag. VII. La dichiarazione giudiziale di paternità... pag.

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V. Introduzione... pag. VII. La dichiarazione giudiziale di paternità... pag. INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione... pag. VII La dichiarazione giudiziale di paternità... pag. IX Indice-Sommario... pag. XV CAPITOLO I STORIA GIURIDICA DELLA FILIAZIONE

Dettagli

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI

LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI LEGGI ED ALTRI ATTI NORMATIVI DECRETO LEGISLATIVO 28 dicembre 2013, n. 154. Revisione delle disposizioni vigenti in materia di filiazione, a norma dell articolo 2 della legge 10 dicembre 2012, n. 219.

Dettagli

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione

Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Edizioni Simone - Vol. 45/1 Compendio di Diritto Internazionale privato e processuale Parte seconda Cenni di parte speciale Capitolo 4 Z Filiazione ed adozione Sommario Z 1. La filiazione. - 2. L adozione.

Dettagli

Capitolo Sesto. Sommario. 1. Il codice penale e il codice di procedura penale

Capitolo Sesto. Sommario. 1. Il codice penale e il codice di procedura penale Capitolo Sesto Modifiche agli altri codici, alle disposizioni di attuazione e alle leggi speciali (divorzio e adozione) Sommario 1. Il codice penale e il codice di procedura penale. - 2. Il codice di procedura

Dettagli

L AFFIDAMENTO DEI FIGLI NATURALI. Fondamento e criteri di applicazione.

L AFFIDAMENTO DEI FIGLI NATURALI. Fondamento e criteri di applicazione. L AFFIDAMENTO DEI FIGLI NATURALI. Fondamento e criteri di applicazione. di Carmelo Padalino SOMMARIO: 1. Presupposto immanente. 2. Proposte di modifica. 3. Profili processuali. 1. Presupposto immanente.

Dettagli

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia

Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Le indicazioni del Comitato ONU sui diritti dell infanzia Laura Baldadassarre Responsabile Advocacy Istituzionale Roma, 13 febbraio 2012 La Convenzione sui diritti dell infanzia Il Comitato ONU sui diritti

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2183 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI MOLTENI, GIANCARLO GIORGETTI, FEDRIGA, ALLASIA, ATTA- GUILE, BORGHESI, BOSSI, MATTEO BRAGANTINI,

Dettagli

LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI LA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Si parla disottrazione internazionale del minore in due casi: a) Quando il minore viene condotto all estero dal genitore non affidatario senza il consenso dell altro

Dettagli

Legge 12 luglio 2011, n. 112

Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 Legge 12 luglio 2011, n. 112 (pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale della Repubblica Italiana 19 luglio 2011, n. 166) Istituzione dell Autorità garante per l infanzia e l adolescenza.

Dettagli

WUDQRUPDHGLQWHUHVVHGHOPLQRUH

WUDQRUPDHGLQWHUHVVHGHOPLQRUH &60±)RUPD]LRQHGHFHQWUDWDGHOGLVWUHWWRGL7UHQWR ³,OSURFHGLPHQWRPLQRULOHSHUO DIILGDPHQWRGHLILJOL WUDQRUPDHGLQWHUHVVHGHOPLQRUH 7UHQWRRWWREUH'RWW/XFLDQR6SLQD ±3UHPHVVD La disciplina dell affidamento di figli

Dettagli

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI Tavole sinottiche con il vecchio e il nuovo testo a confronto

DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI Tavole sinottiche con il vecchio e il nuovo testo a confronto DISPOSIZIONI IN MATERIA DI RICONOSCIMENTO DEI FIGLI NATURALI Tavole sinottiche con il vecchio e il nuovo testo a confronto Disegno di legge: testo definitivamente approvato 27 novembre 2012 Ancora non

Dettagli

INDICE SOMMARIO DEL VOLUME

INDICE SOMMARIO DEL VOLUME INDICE SOMMARIO DEL VOLUME Indice per articoli... pag. VII Indice bibliografico...» XIII LILIANA ROSSI CARLEO INTRODUZIONE...» 1 TITOLO VI. DEL MATRIMONIO CAPO V. DELLO SCIOGLIMENTO DEL MATRIMONIO E DELLA

Dettagli

L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010

L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 L 343/10 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 29.12.2010 REGOLAMENTO (UE) N. 1259/2010 DEL CONSIGLIO del 20 dicembre 2010 relativo all attuazione di una cooperazione rafforzata nel settore della legge

Dettagli

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00

Diritto in diretta ogni venerdì alle ore 9,00 Diritto in diretta l'avv. Daniela Bardoni risponderà ai quesiti degli ascoltatori. Per aiutarvi nelle controversie grandi e piccole della vita quotidiana Partecipa in diretta 06 899291 Sms/Wapp 393 8992913

Dettagli

Gli arbitrati commerciali. L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici

Gli arbitrati commerciali. L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici L arbitrato societario: alcuni aspetti problematici Fondazione Forense Modenese Modena 5 ottobre 2012 venerdi 5 ottobre 2012 1 Premessa L arbitrato societario è disciplinato dagli artt. 34 ss. del d. lgs.

Dettagli

CAPITOLO III CAPITOLO IV

CAPITOLO III CAPITOLO IV CAPITOLO I GLI EFFETTI PATRIMONIALI DELLA SEPARAZIONE E DEL DIVORZIO 1. Gli effetti patrimoniali della separazione e del divorzio.... 2 2. La relazione con il c.d. regime primario della famiglia.... 5

Dettagli

I PROFILI PARENTALI E SUCCESSORI DELLA EQUIPARAZIONE DEI FIGLI NATURALI AI FIGLI LEGITTIMI

I PROFILI PARENTALI E SUCCESSORI DELLA EQUIPARAZIONE DEI FIGLI NATURALI AI FIGLI LEGITTIMI Cendon / Book Collana diretta da Bruno de Filippis I DIRITTI DEL PRIMO LIBRO DEL CODICE CIVILE 07 I PROFILI PARENTALI E SUCCESSORI DELLA EQUIPARAZIONE DEI FIGLI NATURALI AI FIGLI LEGITTIMI Francesco Ragonese

Dettagli

L uguaglianza giuridica tra figli legittimi e naturali

L uguaglianza giuridica tra figli legittimi e naturali L uguaglianza giuridica tra figli legittimi e naturali di Germano Palmieri I figli sono figli e basta : si potrebbe sintetizzare così lo spirito della L. 10/12/2012, n. 219, intitolata Disposizioni in

Dettagli

Evoluzione storica del concetto di famiglia Il riconoscimento costituzionale della famiglia fondata sul matrimonio status, diritti e potestà

Evoluzione storica del concetto di famiglia Il riconoscimento costituzionale della famiglia fondata sul matrimonio status, diritti e potestà Evoluzione storica del concetto di famiglia Il riconoscimento costituzionale della famiglia fondata sul matrimonio status, diritti e potestà familiari La convivenza more uxorio o famiglia di fatto I rapporti

Dettagli

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3

Indice. 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------ 3 INSEGNAMENTO DI LEGISLAZIONE MINORILE LEZIONE IV LA COMPETENZA CIVILE DEL TRIBUNALE PER I MINORENNI IN MATERIA DI ADOZIONI PROF. GIANLUCA GUIDA Indice 1 La filiazione ------------------------------------------------------------------------------------------------

Dettagli

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO I PRINCIPI GENERALI RELATIVI AI RAPPORTI DI FILIAZIONE

INDICE SOMMARIO CAPITOLO PRIMO I PRINCIPI GENERALI RELATIVI AI RAPPORTI DI FILIAZIONE Elenco delle principali abbreviazioni... Introduzione... XXI XXIII CAPITOLO PRIMO I PRINCIPI GENERALI RELATIVI AI RAPPORTI DI FILIAZIONE Guida bibliografica... 3 1. I rapporti di filiazione.... 5 2. I

Dettagli

Roma, 15 gennaio 2015

Roma, 15 gennaio 2015 Roma, 15 gennaio 2015 Forum delle associazioni familiari Audizione presso la Commissione Giustizia del Senato nel dibattito sulla regolamentazione delle unioni civili Il Forum ringrazia il Presidente e

Dettagli

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali

B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali ADALBERTO BIASIOTTI A B C sulla TUTELA della PRIVACY Manuale ad uso degli incaricati del trattamento dei dati personali Aggiornato con il D.Lgs. 196/2003 e s.m.i. e con la più recente giurisprudenza 1

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» IX Prefazione dell avv. Cesare Rimini...» XI Indice-Sommario...

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» IX Prefazione dell avv. Cesare Rimini...» XI Indice-Sommario... INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» IX Prefazione dell avv. Cesare Rimini...» XI Indice-Sommario...» XIII CAPITOLO I DALLA RIFORMA DEL 1987 ALLA RIFORMA DEL 2006 1. Breve

Dettagli

Ordine degli Avvocati d Messina AIMeF Associazione Italiana Mediatori Familiari

Ordine degli Avvocati d Messina AIMeF Associazione Italiana Mediatori Familiari Ordine Avvocati Messina Associazione Italiana Mediatori Familiari Ordine degli Avvocati d Messina AIMeF Associazione Italiana Mediatori Familiari Protocollo d intesa per l istituzione di un Punto Informativo

Dettagli

Incontro di aggiornamento giuridico 23 gennaio 2009. Associazione Amici della Casa Marta Larcher onlus Via Plinio, 5 Milano

Incontro di aggiornamento giuridico 23 gennaio 2009. Associazione Amici della Casa Marta Larcher onlus Via Plinio, 5 Milano Incontro di aggiornamento giuridico 23 gennaio 2009 Associazione Amici della Casa Marta Larcher onlus Via Plinio, 5 Milano Decreto legislativo 3 ottobre 2008, n. 159 Modifiche ed integrazioni al decreto

Dettagli

Nelle premesse, infatti, si parla giustamente di competenza giurisdizionale punto (6).

Nelle premesse, infatti, si parla giustamente di competenza giurisdizionale punto (6). IL REGOLAMENTO EUROPEO RELATIVO ALLE DECISIONI IN MATERIA MATRIMONIALE E DI POTESTA DEI GENITORI N 1347/2000, del 29 maggio 2000 in vigore dal 1 marzo 2001 1. LA COMPETENZA GIURISDIZIONALE Quando il regolamento

Dettagli

ANALISI TECNICO-NORMATIVA

ANALISI TECNICO-NORMATIVA ANALISI TECNICO-NORMATIVA PARTE I. ASPETTI TECNICO-NORMATIVI DI DIRITTO INTERNO 1) Obiettivi e necessità dell'intervento normativo. Coerenza con il programma di governo. La legge n. 220 dell 11 dicembre

Dettagli

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DI FAMIGLIA, MINORILE E DELLE PERSONE

SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DI FAMIGLIA, MINORILE E DELLE PERSONE SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE AIAF IN DIRITTO DI FAMIGLIA, MINORILE E DELLE PERSONE PROGRAMMA DIDATTICO BIENNIO 2013-2014 Il corso è stato accreditato dal Consiglio Nazionale Forense, ai fini del riconoscimento

Dettagli

SEPARAZIONE E DIVORZIO

SEPARAZIONE E DIVORZIO CARLO GUGLIELMO IZZO con la collaborazione di ADRIANO IZZO, ANDREA FALZONE, VALERIO CIONI SEPARAZIONE E DIVORZIO Cacucci Editore - Bari 2009 INDICE Capitolo Primo Il procedimento di separazione giudiziale

Dettagli

L autonomia scolastica

L autonomia scolastica L autonomia scolastica di Giacomo D Alterio La Legge 7 agosto 1990 n. 241, che detta le nuove norme in materia di procedimento amministrativo e di diritto d accesso ai documenti amministrativi, meglio

Dettagli

Parte Prima NOZIONI GENERALI. I SOGGETTI. Capitolo I L ordinamento giuridico

Parte Prima NOZIONI GENERALI. I SOGGETTI. Capitolo I L ordinamento giuridico INDICE SOMMARIO Parte Prima NOZIONI GENERALI. I SOGGETTI Capitolo I L ordinamento giuridico 1. L ordinamento....................................... 3 2. Ordinamento ed economia................................

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE REVISIONE DELLE DISPOSIZIONI VIGENTI IN MATERIA DI FILIAZIONE, AI SENSI DELL ARTICOLO 2 DELLA LEGGE 10 DICEMBRE 2012, N. 219. IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA Visti

Dettagli

Pertanto, colui che desidera iniziare un'attività agrituristica dovrà verificare, regione per regione, con riferimento a quella ove intende operare,

Pertanto, colui che desidera iniziare un'attività agrituristica dovrà verificare, regione per regione, con riferimento a quella ove intende operare, Viene posto quesito inerente all attività agrituristica, con particolare riferimento alle tipologie di locali che possono essere utilizzati per lo svolgimento di tale attività, per meglio comprendere se

Dettagli

Traduzione a cura di Sara DʼAttoma ****

Traduzione a cura di Sara DʼAttoma **** Traduzione a cura di Sara DʼAttoma Decreto del Presidente della Repubblica Popolare Cinese N. 36 Si dichiara che la Legge della Repubblica Popolare Cinese sulla legge applicabile ai rapporti privatistici

Dettagli

ADOZIONI ADOZIONE. Istituto tipico del diritto di famiglia CREA un rapporto di parentela civile tra adottante ed adottato

ADOZIONI ADOZIONE. Istituto tipico del diritto di famiglia CREA un rapporto di parentela civile tra adottante ed adottato ADOZIONI ADOZIONE Istituto tipico del diritto di famiglia CREA un rapporto di parentela civile tra adottante ed adottato 1 Un po di storia.. tutelare le aspettative di successione prima Legge 431/1967

Dettagli

INDICE. Prefazione...p.

INDICE. Prefazione...p. INDICE Prefazione...p. XIII I REGIME PATRIMONIALE DEI CONIUGI Introduzione... 3 1 La scelta del regime patrimoniale... 7 Atto di matrimonio avanti all ufficiale di stato civile con scelta di separazione

Dettagli

Il divorzio nel diritto cinese: confronto con il divorzio italiano

Il divorzio nel diritto cinese: confronto con il divorzio italiano STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

CORTE DI APPELLO DI SALERNO

CORTE DI APPELLO DI SALERNO CORTE DI APPELLO DI SALERNO PROTOCOLLO D INTESA Sul riconoscimento del legittimo impedimento a tutela della maternità e paternità nell esercizio della professione forense. TRA Corte di Appello di Salerno

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo Primo SUPERAMENTO DELLA DISCRIMINAZIONE FORMALE A CARICO DEI FIGLI NATI FUORI DEL MATRIMONIO di DONATELLA FERRANTI

INDICE SOMMARIO. Capitolo Primo SUPERAMENTO DELLA DISCRIMINAZIONE FORMALE A CARICO DEI FIGLI NATI FUORI DEL MATRIMONIO di DONATELLA FERRANTI INDICE SOMMARIO Prefazione: alcune note preliminari sulla legittimità costituzionale del decreto delegato di CESARE MASSIMO BIANCA................................... Introduzione: la storia della Riforma

Dettagli

LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO

LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO LA TUTELA DEI MINORI NELLE SITUAZIONE DI PREGIUDIZIO la rilevazione l intervento dei servizi la segnalazione al tribunale per i minorenni l intervento del tribunale per i minorenni Presentazione Il presente

Dettagli

«SCRIVERE DIRITTO» ATTI EFFICACI PER UN PROCESSO EFFICIENTE DAL DIALOGO PROCESSUALE ALLA CONDIVISIONE DEI MODELLI

«SCRIVERE DIRITTO» ATTI EFFICACI PER UN PROCESSO EFFICIENTE DAL DIALOGO PROCESSUALE ALLA CONDIVISIONE DEI MODELLI FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO Renato Amoroso, Giuseppe Buffone, Giuseppe Cernuto, Fippo D Aquino, Fabrizio D Arcangelo, Francesca Fiecconi, Maria Grazia Fiori, Federico Vincenzo Amedeo

Dettagli

Costituzione italiana

Costituzione italiana Costituzione italiana Educazione e famiglia 10 dicembre 2014 10 dicembre La famiglia Persone che vivono insieme con legami di parentela Funzione sociale La famiglia istituzione fondamentale della società

Dettagli

L acquisto della cittadinanza italiana

L acquisto della cittadinanza italiana Approfondimento L acquisto della cittadinanza italiana Nella prima edizione di ImmigrazioneOggi del 5 ottobre abbiamo dato notizia della proposta presentata dal Governo al Parlamento per modificare l attuale

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato GAMBATO Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4993 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato GAMBATO Modifiche alla legge 4 maggio 1983, n. 184, in materia di adozione da parte di persone

Dettagli

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. VI civ. 24 Dicembre 2014, n 27386 (Pres. Famiglia Matrimonio Separazione Interruzione della

MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA. Corte di Cassazione Sez. VI civ. 24 Dicembre 2014, n 27386 (Pres. Famiglia Matrimonio Separazione Interruzione della MASSIME DIRITTO DI FAMIGLIA Corte di Cassazione Sez. VI civ. 24 Dicembre 2014, n 27386 (Pres. Di Palma; Rel. Acierno) Famiglia Matrimonio Separazione Interruzione della separazione Ripresa della convivenza

Dettagli

Classi partecipanti: 2^A - 4^A - 5^A

Classi partecipanti: 2^A - 4^A - 5^A Classi partecipanti: 2^A - 4^A - 5^A 1 2 3 4 Salerno, 17 ottobre 2014 Tavola rotonda Dalla potestà alla responsabilità genitoriale : diritti e doveri di figli e genitori L influenza del sistema familiare

Dettagli

Codice Civile. Regio decreto 16 marzo 1942 XX, n. 262. Libro Primo Delle persone e della famiglia

Codice Civile. Regio decreto 16 marzo 1942 XX, n. 262. Libro Primo Delle persone e della famiglia Codice Civile Regio decreto 16 marzo 1942 XX, n. 262 Libro Primo Delle persone e della famiglia Titolo VIII Dell'adozione di persone maggiori di età Capo I Dell'adozione di persone maggiori di età e dei

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 4478 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BELLILLO, ADDUCE, ANGIONI, BIELLI, BOGI, BULGARELLI, COLUCCINI, MAURA COSSUTTA, DEIANA, MAZZARELLO,

Dettagli

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. Introduzione...» IX. Indice Sommario... CAPITOLO I LA FAMIGLIA DI FATTO NELLA STORIA DEL DIRITTO

INDICE-SOMMARIO. Presentazione della Collana... pag. Introduzione...» IX. Indice Sommario... CAPITOLO I LA FAMIGLIA DI FATTO NELLA STORIA DEL DIRITTO INDICE-SOMMARIO Presentazione della Collana... pag. V Introduzione...» IX Indice Sommario...» XIII CAPITOLO I LA FAMIGLIA DI FATTO NELLA STORIA DEL DIRITTO 1. Diritto attico...» 1 2. Diritto romano...»

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE

REGOLAMENTO COMUNALE CITTA di GROTTAGLIE Provincia di Taranto REGOLAMENTO COMUNALE ISTITUZIONE E DISCIPLINA DEL REGISTRO DELLE UNIONI CIVILI Testo approvato nella seduta del C.C. del 12/06/2012 Delibera Consiglio Comunale

Dettagli

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo

Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo Ministro per la Semplificazione Normativa Ufficio legislativo p.c. Al dott. Daniele Belotti Assessore Territorio e Urbanistica Regione Lombardia Via Sassetti 32 20124 Milano Ministero dell economia e delle

Dettagli