TRENT ANNI DOPO.. Ovvero: La pallavolo a Scandicci nei ricordi di un tifoso.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TRENT ANNI DOPO.. Ovvero: La pallavolo a Scandicci nei ricordi di un tifoso."

Transcript

1 TRENT ANNI DOPO.. Ovvero: La pallavolo a Scandicci nei ricordi di un tifoso. La promozione in B1 dello scorso anno mi ha fatto rivivere quelle emozioni provate nel campionato , quando l allora Lanificio VALDAGNA SCANDICCI vinceva il girone del campionato di serie B e partecipava alle finali, disputate a Ravenna e non ad Albano Laziale com erroneamente scritto nel libro Dal dopolavoro agli scudetti alle pagg. 346 e 359, per approdare vittoriosamente in serie A. Era il coronamento di una serie di successi, da me seguiti da vicino, ottenuti inizialmente con la denominazione ROBUR, mitica società scandiccese, che sul finire degli anni sessanta (campionato ) iscrisse la squadra del prof. Giuntini al campionato di serie C. Quelle ragazzine ho iniziato a seguirle, seppur saltuariamente, proprio allora ed il ricordo più vivo non è legato al campionato, bensì alla finale provinciale dei Giochi della Gioventù dove a contendersi il titolo c erano le due scuole medie di Scandicci, la GIUSTI allenata dal prof. Giuntini, e la FERMI. Mi era difficile tenere più per una scuola che per l altra, per il semplice motivo che la ROBUR era presente in entrambe le formazioni. Senza alcuna polemica rilevo altre due inesattezze nel libro sopra citato: 1- La foto n 116 di pag. 345 non è del primo campionato di serie C, ma del secondo ( ), poiché in quella formazione si trova Sandra Nuti venuta appunto l anno successivo. 2- La foto n 120 di pag. 353 non può essere del primo scudetto, come dice la didascalia, ma del secondo, poiché Paola Dei porta questo sulla maglia. Il primo scalino è stato salito l anno successivo con la promozione in serie B, con l aumento del pubblico di partita in partita e a degno coronamento dell imbattibilità anche nel girone finale; le ragazze che hanno ottenuto questo primo risultato sono: Adami Laura, Albergucci Silvana, Bertelli Roberta, Dei Paola, Matteoli Elisabetta, Mori MariaTeresa, Nuti Sandra, Prati Angela, Rattazzi Ida, Rattazzi Tiziana, Rossi Gabriella (cap.), Tassini Susanna. Il secondo, quasi certamente il più consistente, la sponsorizzazione del Lanificio VALDAGNA del sig. Bino BINI e suo figlio sig. Paolo, che permette la partecipazione al campionato altrimenti in forse. L obiettivo primario di salvezza si rivela, quasi subito, molto stretto per questa squadra che continua ad inanellare vittorie seppur in dieci soltanto perché Ida Rattazzi e Silvana Albergucci avevano cessato l attività. Il ricordo più forte è legato alla trasferta di Genova, ultima partita del girone d andata, contro l ottima VALSANSON, prima in classifica con noi e favorita nettamente dal pronostico poiché vincitrice del girone l anno precedente e forte di una nazionale nelle proprie fila. Ad onore delle nostre giocatrici debbo aggiungere che non erano certo da meno, ben tre nazionali juniores! Il tifo incredibile nelle gare casalinghe era diventato una costante ed anche fuori ci facevamo rispettare; in quel di Genova, l arbitro richiamò la capitana Gabriella Rossi dicendole di far stare zitti i propri tifosi, questa con espressione sorpresa e sorridente, mimando con la mano rispose Ma sono soltanto in cinque!?. Questo accadeva nel terzo set, dopo aver perso il primo e vinto il secondo, la progressione delle ragazze è stata veramente notevole e mi piace pensare che il nostro apporto abbia avuto una qualche valenza. 1

2 Il girone di ritorno è sembrato molto facile perché vincevano sempre e nell ultima partita, contro la VALSANSON in casa, perdiamo l imbattibilità che perdura da oltre due campionati; ma la vittoria del girone non era in pericolo! Si va alle finali per la serie A, semplicemente incredibile! Il girone finale ad otto squadre, svoltosi in due giorni ad Ancona, richiede esperienza e le nostre ragazze, tutte juniores meno la capitana, non ne posseggono molta e si trovano di fronte giocatrici anche più brave; rimane comunque la soddisfazione di aver raggiunto questo traguardo. Oltre che esser stato presente tante volte, questi ricordi sono mantenuti vivi dai molti ritagli di quotidiani e periodici sportivi, assieme ad alcune fotografie e notazioni personali, diligentemente incollate su di un quadernone, che ogni tanto mi piace riguardare. Nell anno successivo non ho seguito la squadra perché ero al servizio di leva; ma, ovviamente, sono a conoscenza della terza posizione in campionato, dell arrivo della nuova giovane promessa MariaCristina Tosi e del primo successo ottenuto: CAMPIONI D ITALIA JUNIORES. Da notare che nel girone finale a quattro disputato a Forlì, nella partita decisiva è stata battuta l ALMA JUVE FANO. anche le medaglie, personalizzate! Questo il primo scudetto, nella storia pallavolistica di Scandicci, cucito sulle maglie della nostra squadra. Le protagoniste di questo titolo sono: ADAMI Laura, BERTELLI Roberta, DEI Paola, MATTEOLI Elisabetta, MORI Maria Teresa, NUTI Sandra, PRATI Angela, RATTAZZI Tiziana, TASSINI Susanna, TOSI Maria Cristina, sempre allenate dal prof. GIUNTINI; e con l aggiunta di Gabriella ROSSI, era la squadra che aveva partecipato al campionato. 2

3 Siamo arrivati così al campionato di cui parlavo in apertura: tre giocatrici (Susanna Tassini, Tiziana Rattazzi, Elisabetta Matteoli) cessano l attività agonistica, controbilanciato dall arrivo di due ottime giocatrici: Susanna MARE dal Club Sportivo Firenze e Cristina LENSI da Empoli. Galoppata vincente per tutto il campionato con una sola sconfitta alla penultima partita, contro la temuta FIAMMA ROMA, peraltro già battuta in casa, seconda con quattro punti di distacco; andiamo così al girone finale per la serie A. La ciliegina sulla torta è l esordio, nell ultima di campionato per certe difficoltà di tesseramento, della grande Rodica POPA (nazionale rumena), che agli europei del 1971, disputati in Italia, è stata considerata la miglior giocatrice. La consistenza del pubblico comincia ad essere importante e l appuntamento della domenica mattina o talvolta del sabato sera (questo di solito in trasferta), diventa irrinunciabile poiché oltre che a vincere continuamente (che fa sempre piacere), ci si diverte a veder giocare a pallavolo. Questo campionato porta anche il derby con la Sestese, all andata in trasferta, che sotto la guida del nostro allenatore prof. Giuntini, qualche anno addietro, aveva conquistato lo scudetto. Appunto in trasferta, i commenti dei sestesi, verso la nostra squadra, non erano benevoli (usando un eufemismo ) e quando cominciano a disturbarle nella posizione di battuta data la vicinanza ci fu un po di baruffa fra le contrapposte tifoserie; ma il divario fra le due formazioni era notevole ed escludendo, appunto, il primo set, non c è stata proprio partita. In preparazione alla fase finale vengono disputate delle amichevoli addirittura con squadre di serie A, posizionatesi a centro classifica in campionato, con le quali vincono addirittura 3 0, iniziando a capire che la VALDAGNA era veramente forte. Con la FINI, squadra scudettata, il risultato è perfettamente l opposto; la sonora sconfitta con la squadra che gioca la miglior pallavolo del periodo ci permette di capire alcuni errori e non altera assolutamente quanto di buono c è nel gioco che ci permette di non sfigurare. I due giorni di Ravenna sono stati un qualcosa che non dimenticherò mai. Partenza in salita: la TORRE TABITA di Catania, nel primo incontro, presenta ricorso scritto contro il tesseramento di Rodica Popa, lei non vuol giocare (almeno questo era quel che si percepiva da fuori) per evitare di mettere in difficoltà la squadra qual ora il ricorso sia accettato. Il prof. Giuntini e sua moglie Gabriella riescono a convincere ed in un certo modo calmare la nostra stupenda giocatrice che nei primi due set s esprime notevolmente di sotto alle proprie capacità, ma il resto della squadra è in ottime condizioni: 1-1. Comincia a funzionare la Popa: 2 1. Nel quarto set le avversarie si giocano il tutto per tutto e riescono, seppur di misura (16 14) ad impattare; ma nell ultima frazione le nostre macinano gioco e meritatamente vincono set e partita. Durante il pranzo arriva la risposta 3

4 della F.I.P.A.V. in merito alla riserva presentata dalle avversarie confermando la regolarità del tesseramento di Rodi, così la chiamano le compagne e noi tifosi, e la tensione finisce in un applauso. Il clima rasserenato fa esprimere, nella seconda partita disputatasi nel tardo pomeriggio, un gioco che non lascia scampo alla METAURO Fano (favorita numero uno poiché vincente e senza sconfitte del proprio girone e forte di una nazionale). A seguire la partita più difficile arrivano, con due pulman da Prato, anche i dipendenti del lanificio. La nostra rumena è stratosferica, nel secondo set riesce addirittura a chiudere 15-13, con una serie di schiacciate eccellenti, da un pericolosissimo 8 13, annichilendo letteralmente le avversarie tanto che nella terza frazione non riescono ad ottenere neppure cinque punti; da notare che la squadra era l ALMA JUVE di Fano con sponsor METAURO Mobili. Alla conclusione del match inevitabile invasione di campo da parte dei nostri tifosi; uno di questi fa il gesto dell ombrello rivolto verso i sostenitori fanesi situati nella parte superiore del palazzetto; la reazione è immediata, scendono, circondano e colpiscono con un pugno il tifoso, quindi conseguente baruffa perché qualcuno ha seguito la vicenda. Le due gare del giorno dopo il nostro tifoso è costretto a seguirle dalle gradinate superiori. La promozione è matematicamente e meritatamente raggiunta con una partita d anticipo. Giocano rilassate nella terza partita, il giorno seguente, contro la LOVABLE Bergamo e si ritrovano impegnate per quattro set, perdendo il primo Le avversarie, seppur out per la promozione, non ci stanno sfigurare; ne scaturisce un incontro abbastanza equilibrato dove le nostre devono lottare su ogni pallone per avere ragione (3-1) delle rivali. Alla premiazione (alle ragazze una medaglia) e durante il pranzo è tutta una festa; spunta anche un simpatico stornello creato dai tifosi, dove la LOVABLE Bergamo, TORRE TABITA Catania e METAURO Fano diventano: L ovablé di bigamo, Torre smarrita catanìa e Fanocchie del Metauro. E l anno della serie A (sono trent anni esatti!!! Campionato ). La squadra viene rinforzata ulteriormente con l arrivo niente meno che di due nazionali: l azzurra Eralda CAMERIN e la rumena Mariana BAGA. Dopo questi acquisti la stampa ci accreditava di un campionato sicuramente al vertice subito confermato dalle vittorie in precampionato (tre) contro una squadra dell est, il LOKOMOTIV Sofia, l ultima delle quali valida per la finale del torneo di Cecina. Quanta emozione nel sentire l inno Nazionale alla seconda gara (giocata a Scandicci); personalmente si trattava dell esordio per la nuova stagione. Ricordo ancora che al termine dell inno euforicamente esclamai: Unn è nulla ancora! Il bello verrà quando lo sentiremo in coppa Campioni! Qualcuno vicino a me rispose: Esagerato! Mi sembra che tu corra un po troppo. Ma davvero ero strafelice che la squadra della mia città (forse era un po presto per definirla tale) giocasse in serie A. 4

5 Per l inizio del campionato c è la defezione di Sandra Nuti, ma non ricordo se smette di giocare o passa ad un altra squadra. Puntuale conferma delle attese nei primi due incontri, vinti addirittura 3-0; e gran partita, a Fano nella terza giornata, dove viene ribaltata una situazione disastrosa: 2-0 e parziale di 14-9, ovviamente per la squadra di casa. Sulla palla-match, non schiacciata violenta ma più che altro mandata in un vuoto delle nostre, Paola Dei in tuffo e con la mano in terra sotto la palla dava modo ad Eralda Camerin di mettere la palla nel campo delle avversarie, che stavano esultando per la vittoria e quindi impreparate. Proprio lei è stata l artefice principale della partita vinta 3-2, nonostante la METAURO Fano si fosse dimostrata migliore. La partita che ha fatto capire a tutti (noi compresi) che la VALDAGNA era la squadra più autorevole per a conquista dello scudetto è stata la successiva, in casa, contro la CUS Parma, sicuramente una delle più forti del campionato. Purtroppo, per le avversarie, anche questa partita finisce con un secco 3-0 e la prova del fuoco nei titoli dei quotidiani sportivi è superata grazie a POPA e BAGA (le due rumene) che si dimostrano le migliori in senso assoluto. In questa seconda partita casalinga ebbe il battesimo un grido dei tifosi un po particolare, parafrasando un film dell epoca: Dio perdona, la Rodi no ripetuto tre volte. Proprio la Popa, quando l ha sentito la prima volta, mentre era in battuta dopo una serie di punti su schiacciate sue, si è voltata verso di me e movendo la mano con le dita riunite a punta e l espressione tra il sorpreso ed il contento (ovviamente) mi apostrofa: Oh! Ma cosa dici?!. Ancora due partite e restiamo soli in cima alla classifica!! La METAURO Fano batte la capolista (assieme a noi) ORLANDINI Reggio Emilia, di conseguenza la penultima partita del girone d andata (giornata n 8) si annuncia sfavillante per gl incontri incrociati delle prime quattro. La VALDAGNA perde 3-0 a Reggio Emilia, contro l ORLANDINI, pur arrivando per prima a 13 in tutti i set, subendo poi la sconfitta di misura: 19-17, 15-13, La CUS Parma rientra in lizza, dopo la vittoria della settimana precedente, battendo la METAURO con l identico punteggio, anche nel modo com è maturato, che avevamo ottenuto noi; e confermava il periodo d ottima forma e concentrazione da dopo la sconfitta patita a Scandicci, superando nientemeno che la capolista (nuovamente appaiata a noi) ORLANDINI nella gara successiva; quindi il girone d andata è concluso in testa, siamo CAMPIONI D INVERNO. 5

6 Vittorie consecutive nel girone di ritorno: diversi 3-0 e la più importante di queste, sotto il profilo nervoso, contro la METAURO Fano a Scandicci dove i loro tifosi non si sono comportati in modo, diciamo, corretto (aggressione all arbitro) tanto che si sono beccati due giornate di squalifica del proprio campo ovvero le due partite si sono svolte a porte chiuse, senza pubblico. Con la maiuscola prestazione in questa gara Rodica Popa si porta in testa alla classifica di miglior giocatrice del campionato, sponsorizzato dalla GAZZETTA dello SPORT, e ci resterà fino alla fine vincendo il premio. Altre vinte 3-1, e la più importante, per il gioco sicuramente, addirittura fuori casa a Parma contro il forte CUS. Incontro bellissimo sotto tutti i punti di vista, comprendendo anche tutto l eccezionale pubblico per il tifo infernale e da elogiare la grande sportività dei parmensi congratulatisi, tra l altro con noi al termine dell incontro. Lo scritto a penna, nella pagina a fianco, ricorda che alcuni tifosi del CUS ci hanno detto: Battendo noi, avete il novanta per cento di probabilità di vincere lo scudetto!. S arriva così alla penultima gara (è in casa) con la seconda (ORLANDINI, rimasta incollata a due punti) e le altre inseguitrici a scontrarsi fra di loro (CUS Parma - METAURO Fano). Tanto per non perdere il vizio 3-0! E CAMPIONI D ITALIA con una giornata d anticipo ed una sola sconfitta. La partita vera è durata solamente un set (16-14), poi lo strapotere delle nostre magnifiche ragazze è venuto fuori (addirittura 15-1 nel secondo set). Per questa partita preparai diversi cartelloni che inneggiavano alle nostre ragazze ed in alcuni erano paragonate ai migliori atleti della pallavolo europea; ne realizzai uno con scritto < POPA + BAGA = SCUDETTO> dove al posto dell ultima parola c era uno scudetto verde, bianco e rosso. Per sistemare al meglio i cartelloni mi recai alla palestra oltre due ore prima dell inizio ed alcuni genitori delle atlete vollero coprire lo scudetto con un fazzoletto, motivandolo che portava male, invece invasione di campo, abbracci a tutti e festa incredibile!!! Come sia stato possibile che tutta quella gente abbia assistito alla partita proprio non lo so, ma quel che è certo è che eravamo veramente tanti e non è solo ricordo, poiché ho il film super otto della partita, fatto da me! L ho detto prima: sono trent anni esatti! Sarebbe stato veramente bello poter festeggiare questa ricorrenza con una promozione in serie A, ma sia questo un augurio per il futuro, per quest anno pensiamo a salvarci! Consentitemi un appello: possibile che con tutte le grosse aziende presenti nel nostro territorio non ci sia qualcuno interessato per una sponsorizzazione seria?! 6

7 Questa la maglia per gli allenamenti donatami da Cristina Lensi, per la vittoria dello scudetto, giacché gli avevo pronosticato che lo avremmo vinto (dopo la trasferta di Parma); ovviamente incredula, mi promise la maglia se ciò fosse stato vero. Alla fine d ogni campionato accade che qualcuno cessi l attività sportiva per i più disparati motivi; Eralda Camerin e Mariana Baga (avremo capito meglio l anno seguente chi era stata costei nel rettangolo di gioco, quando troppe palle finivano in terra), ci lasciano. Purtroppo i gravi problemi familiari dei coniugi Giuntini non permettono la continuità della loro opera sulla squadra, quindi ci troviamo con tre giocatrici valide in meno e senza allenatore. La dirigenza opera il miglior acquisto possibile: la capitana della nazionale azzurra Camilla JULLI e Licia NATALI, strappandoli alla METAURO Fano, con molte polemiche da parte di questi; era in ogni modo chiaro che anche nella pallavolo femminile il dilettantismo puro era tramontato. Per il nuovo allenatore era stato trovato l accordo nientemeno che con Aldo BELLAGAMBI, fiorentino nonché tecnico della nazionale femminile (allora era possibile il doppio incarico). Furono tesserate anche due giovani atlete promettenti: Sandra CIOPPI e Barbara TREVISAN, ritrovandoci con un organico di tredici giocatrici (alla faccia della superstizione) ed un sestetto base composto di ben cinque nazionali: Julli, Natali, Dei, Lensi, Marè e da un eccezionale giocatrice qual era Rodica Popa. 7

8 Ho seguito la squadra con meno assiduità nel campionato della prima presenza in coppa Campioni poiché mi sono sposato, ma non sono mancato alle due partite giocate a Firenze, al palazzetto di via Dei, (quello dove giocava la VVFF RUINI, tanto per capirsi). L esordio contro l HAPOEL HAOGEN, squadra israeliana, già battuta a Tel Aviv 3-2, mi fece tornare alla mente quello che avevo profetizzato poco più di un anno prima. La partita si concluse con una netta vittoria (3 1, se la memoria non fa cilecca) ed il passaggio del turno ci mette di fronte ad una grossa squadra dell est: NIMSE Budapest. Entrambe le partite hanno un epilogo scontato, due sconfitte per 3-0; a Budapest non c è la migliore delle nostre, ed a Firenze rimaniamo affascinati dalla bravura di quelle giocatrici! Durante il riscaldamento si era notato in particolare una giocatrice che schiacciava magnificamente nei tre metri poi non ha neppure giocato.. ma daccela a noi che almeno si spera di vincere un set! Il campionato, che per la prima volta era a dodici squadre, non ha presentato grosse difficoltà alla nostra, anche se all inizio stentava ad esprimere un gioco valido e quindi risolveva spesso le partite con la bravura delle singole atlete; infatti il pubblico, che ricordava il bel gioco dell anno precedente, non era contento e manifestò polemicamente il proprio disappunto quando il prof. Giuntini, ristabilitosi, assistette ad una partita, invocandolo a gran voce. Alla conclusione, poi diventata abbastanza scontata, della riconquista del titolo, ho fatto mettere gli autografi delle protagoniste, sopra lo scudetto centrale della bandiera, aggiungendone uno piccolo con la data dell anno precedente e così e rimasta fino ad oggi. I ricordi diminuiscono di pari passo con i ritagli degli articoli sui quotidiani che non c erano più il lunedì, quando compravo il giornale sportivo, ma erano pubblicati il giorno seguente oppure addirittura il mercoledì; forse faceva meno notizia la VALDAGNA che vinceva sempre o quasi. Le sconfitte infatti furono solamente due e non compromisero certo il risultato finale giacché il SECONDO SCUDETTO fu vinto con sei punti di vantaggio (ricordo che vi erano ancora soltanto i due punti per la vittoria); un altra nota molto positiva fu la conferma delle due giovani promesse. Per quanto riguarda la Coppa Campioni mi pare proprio che l avventura finì al primo turno ma non ricordo contro quale squadra. Il campionato vede la cessazione dell attività sportiva da parte di MariaTeresa Mori, Roberta Bertelli, Angela Prati, MariaCristina Tosi, Laura Adami; al loro posto quattro giovani del vivaio scandiccese: Barbara MORADEI, Serena NOFERI, Silvia PAPUCCI e Laura SERPIETRI. Cambia anche l allenatore, poiché la federazione non consente più il doppio incarico e Aldo Bellagambi sceglie d allenare la Nazionale femminile, è il sestese Luigi ZIPOLI a condurre la 8

9 squadra già fatta alla conquista del TERZO TITOLO NAZIONALE. In questo campionato le mie presenze alle partite si riducono ulteriormente per un motivo molto piacevole: la nascita di mio figlio; nelle partite si notava un certo calo di gioco e che non era così divertente lo dimostrava anche una diminuzione nelle presenze del pubblico, ben lontano dalle oltre mille e cinquecento persone di media a partita, ma la bravura delle singole atlete (erano pur sempre tutte in nazionale) ha consentito di lottare fino alla fine e con due sole sconfitte aggiudicarsi la vittoria. Purtroppo tutte le cose belle (per fortuna anche quelle brutte) hanno una fine. I sig.ri BINI, per problemi personali (il sig. Bino morirà dopo pochi mesi) non continuano la sponsorizzazione della squadra e senza soldi le giocatrici della Nazionale (meno una) Popa, Marè, Lensi, Julli e Natali si accasano ad altre società e la squadra finisce in fondo alla classifica retrocedendo nella nuova A2. Da sx: P.Dei, B.Trevisan, S.Papucci. Meno una, si! Paola DEI, scandiccese purosangue, la piccola grande furia dei cartelloni del primo scudetto, non molla la società ora chiamata semplicemente SCANDICCI e assieme a Trevisan e Cioppi guidano la squadra con alcune nuove giovani nel tentativo, poi non riuscito, di restare in serie A. In A2 ci siamo rimasti per alcuni anni proprio grazie a queste tre giocatrici anche se le altre, dalle già citate giovani del terzo scudetto, sicuramente hanno fatto la loro parte; fra tutte mi ricordo di Paola Casprini, Paola Signorini, Roberta Bandinelli, Matilde (mi scuserà se non ricordo il cognome) e Monica Pini. C erano troppe Paola e poiché da sempre Paolina era la Dei, Paolona, per il fisico più prestante era la Signorini, di conseguenza Paola era la Casprini, ed era questo il modo per distinguerle quando parlavamo fra noi tifosi. Del primo campionato di A2 ( ) ho delle immagini scattate personalmente, ed in una c è mio figlio in braccio a Paola Dei (l ho portato presto alla partita!) e in un altra si gioca contro la CHIMREN S.Lazzaro di Bologna dove poi, solo per un campionato, quest ultima andrà a giocare insieme a Barbara Trevisan. S. Cioppi, P. Signorini, P. Casprini, nell ordine da sx. 9

10 Da sx: P. Signorini, P. Dei e in angolo a dx P. Casprini. Sono arrivato alla conclusione dei miei ricordi pallavolistici di Scandicci; e mi viene proprio da sorridere ripensando che qualche anno fa mio figlio e mia nipote, per insegnante d educazione fisica, hanno avuto, rispettivamente, Barbara Trevisan e Gabriella Rossi Giuntini. Colgo l occasione per ringraziare sentitamente: il mister prof. Giuntini! tutte le ragazze di questi indimenticabili anni! la famiglia Bini! la Robur Scandicci! ed un saluto a tutti coloro che hanno vissuto con Noi questa stupenda avventura! Alessandro Baldini 10

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014

METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 METODO PER LA COMPILAZIONE DELLE CLASSIFICHE FEDERALI 2014 PERIODO TEMPORALE CONSIDERATO Viene considerata tutta l attività svolta dalla prima settimana di novembre 2012 (5 11 novembre 2012 ), all ultima

Dettagli

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio.

A tu per tu con il Mister del Pavia Massimo Morgia: l allenamento di rifinitura del sabato pomeriggio. articolo N.40 MARZO 2007 RIVISTA ELETTRONICA DELLA CASA EDITRICE WWW.ALLENATORE.NET REG. TRIBUNALE DI LUCCA N 785 DEL 15/07/03 DIRETTORE RESPONSABILE: FERRARI FABRIZIO COORDINATORE TECNICO: LUCCHESI MASSIMO

Dettagli

Tesi per il Master Superformatori CNA

Tesi per il Master Superformatori CNA COME DAR VITA E FAR CRESCERE PICCOLE SOCIETA SPORTIVE di GIACOMO LEONETTI Scorrendo il titolo, due sono le parole chiave che saltano agli occhi: dar vita e far crescere. In questo mio intervento, voglio

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

COME ALLENERO QUEST ANNO?

COME ALLENERO QUEST ANNO? COME ALLENERO QUEST ANNO? Io sono fatto così!!! Io ho questo carattere!!! Io sono sempre stato abituato così!!!! Io ho sempre fatto così!!!!!! Per me va bene così!!!!! Io la penso così!!! Quando si inizia

Dettagli

Una Grande Famiglia per il Volley

Una Grande Famiglia per il Volley Una Grande Famiglia per il Volley il Notiziario della Settimana n.30 di lunedì 18 Maggio 2015 SOMMARIO : : Campionato Nazionale: Terminato!! : Campionato Regionale: 30a giornata pag.2,3 : Campionato Provinciale:

Dettagli

Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo.

Concorso La Fiorentina che vorrei. Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Concorso "La Fiorentina che vorrei". Chiara Portone (2^D) partecipa con questo bellissimo testo. Mi chiamo Chiara abito a Sesto Fiorentino e per iniziare voglio fare una premessa. Io di calcio ci capisco

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B.

unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A. Ignone - M. Pichiassi unità 01 un intervista Attività di pre-ascolto Abbinate le parti della colonna A a quelle della colonna B. A B 1. È un sogno a) vuol dire fare da grande quello che hai sempre sognato

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO

ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO ANNUNCI SEGRETERIA NUOTO Le comunicazioni che seguono sono suggerimenti che serviranno ad una buona gestione della Manifestazione e ad ottenere una uniformità interpretativa in tutte le gare. Sono suggerimenti

Dettagli

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ

FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ FEDERAZIONE ITALIANA GIUOCO CALCIO Settore Giovanile e Scolastico GUIDA AI REGOLAMENTI DEI TORNEI GIOVANILI ORGANIZZATI DA SOCIETÀ Stagione Sportiva 2014/2015 Tornei organizzati da società Norme, disposizioni

Dettagli

Dal lato della strada

Dal lato della strada Dal lato della strada Quando ero piccolo, e andavo a scuola insieme a mio fratello, mia madre mi diceva di tenerlo per mano, e questo mi sembrava giusto e anche responsabile. Quello che non capivo è perché

Dettagli

FIN - Comitato Regionale Ligure

FIN - Comitato Regionale Ligure FIN - 1. 0 NORMATIVE GENERALI Iscrizioni alle gare 1. Le iscrizioni alle gare vanno effettuate tramite procedura online dal sito http://online.federnuoto.it/iscri/iscrisocieta.php utilizzando il software

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

Tip #2: Come siriconosceun leader?

Tip #2: Come siriconosceun leader? Un saluto alla Federazione Italiana Tennis, all Istituto Superiore di Formazione e a tutti gli insegnanti che saranno presenti al SimposioInternazionalechesiterràilprossimo10 maggio al ForoItalico. Durante

Dettagli

Che cosa fai di solito?

Che cosa fai di solito? Che cosa fai di solito? 2 1 Ascolta la canzone La mia giornata, ritaglia e incolla al posto giusto le immagini di pagina 125. 10 dieci Edizioni Edilingua unità 1 2 Leggi. lindylindy@forte.it ciao Cara

Dettagli

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo?

I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? I nonni di oggi: com è cambiato il loro ruolo? In Italia, secondo valutazioni ISTAT, i nonni sono circa undici milioni e cinquecento mila, pari al 33,3% dei cittadini che hanno dai 35 anni in su. Le donne

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto

Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto Francesco Villa Liceo Scientifico Statale Vittorio Veneto La Milano che (non) vorrei... 13 aprile 2014 Anche per oggi suona la campanella che annuncia la fine delle lezioni! Insieme ai miei compagni di

Dettagli

www.noinoncilasceremomai.it

www.noinoncilasceremomai.it www.noinoncilasceremomai.it Chi siamo: la storia Il progetto trae ispirazione dalla vita di Vigor Bovolenta e sua moglie Federica Lisi che hanno, con il loro amore, sfidato il destino e la vita stessa.

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica

SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07. Documentazione a cura di Quaglietta Marica SCUOLA DELL INFANZIA ANDERSEN SPINEA I CIRCOLO ANNO SCOLASTICO 2006/07 GRUPPO ANNI 3 Novembre- maggio Documentazione a cura di Quaglietta Marica Per sviluppare Pensiero creativo e divergente Per divenire

Dettagli

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012

Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Bilancio della competizione di Judo alle Olimpiadi di Londra 2012 Qualche giorno dopo la fine della competizione olimpica di judo è venuto il momento di analizzare quanto successo a Londra. Il mondo del

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010

Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 Riflessioni a margine dei Campionati Italiani di kendo, Novara 2010 di Luca Navaglia Campionati Italiani dunque. Saprete già i risultati (Serena Ricciuti, Giuseppe Giannetto e Kodokan Alessandria). Per

Dettagli

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano

Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Progetto Baseball per tutti Crescere insieme in modo sano Il baseball, uno sport. Il baseball, uno sport di squadra. Il baseball, uno sport che non ha età. Il baseball, molto di più di uno sport, un MODO

Dettagli

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14

VADEMECUM GARE. Fipav Monza Brianza CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Fipav Monza Brianza VADEMECUM GARE CAMPIONATI PROVINCIALI DI SERIE E DI CATEGORIA NORME GENERALI VALIDE PER LA STAGIONE AGONISTICA 2013/14 Il presente fascicolo è parte integrante delle Circolari di Indizione

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive

Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Dipartimento della Pubblica Sicurezza Stagione sportiva 2011/2012 Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni Sportive Determinazione n. 26/2012 del 30 maggio 2012 L Osservatorio Nazionale sulle Manifestazioni

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

COMUNICAZIONE DEL COMITATO PROVINCIALE

COMUNICAZIONE DEL COMITATO PROVINCIALE C o m i t a t o P r o v i n c i a l e M e s s i n a Via Rossini, 4-98076 Sant'Agata Militello (Me) Tel. / Fax 0941/721948 e-mail: segreteria@pgsmessina - www.pgsmessina.it COMUNICATO UFFICIALE N 49 Stagione

Dettagli

no, festa Real Grisign FARMACIA EUROPA Via Celotto, 9/11 - Grisignano di Zocco (VI) Tel. 0444 614539 Fax 0444 414537 info@farmacia grisignano.

no, festa Real Grisign FARMACIA EUROPA Via Celotto, 9/11 - Grisignano di Zocco (VI) Tel. 0444 614539 Fax 0444 414537 info@farmacia grisignano. Speciale Promozione Real Grisignano in Serie A FARMACIA EUROPA Via Celotto, 9/11 - Grisignano di Zocco (VI) Tel. 0444 614539 Fax 0444 414537 info@farmacia grisignano.it Main sponsor dell A.S.D. Real Grisignano

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Premiato nel 2008 dalla FIS e FISI come miglior sci club d Italia Riconosciuto nel 2010 dalla FIS tra i migliori 8 sci club al mondo

Premiato nel 2008 dalla FIS e FISI come miglior sci club d Italia Riconosciuto nel 2010 dalla FIS tra i migliori 8 sci club al mondo I corsi del C.A.S. in collaborazione con le Scuole Sci Monte Pora, Spiazzi, Vareno, 90 Foppolo e Alta Valle Brembana Stagione 2010-2011 Formula Località Giorno e Orario Livelli Età bus (*) White M. Pora

Dettagli

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N.

1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. 1. Modalità attuative del vincolo ex art. 5, punto n.9 Statuto F.I.N. A) Disposizioni generali [1] Il vincolo di tesseramento degli atleti in favore delle società è temporaneo e la sua durata e l eventuale

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora.

Quali dati potremmo modificare? Impostazioni sul campionato, risultati, designazioni, provvedimenti disciplinari, statistiche e tanto ancora. WCM Sport è un software che tramite un sito web ha l'obbiettivo di aiutare l'organizzazione e la gestione di un campionato sportivo supportando sia i responsabili del campionato sia gli utilizzatori/iscritti

Dettagli

TABELLA DEI COMPLEMENTI

TABELLA DEI COMPLEMENTI TABELLA DEI COMPLEMENTI REALIZZATA CON LA COLLABORAZIONE DELLA CLASSE II B DELLA SCUOLA SECONDARIA DALLA CHIESA E RUSSO DI BUSNAGO (MB) A. s. 2011/ 12 COMPLEMENTO DOMANDA A CUI RISPONDE ESEMPIO OGGETTO

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Cenni sul calcolo combinatorio

Cenni sul calcolo combinatorio Cenni sul calcolo combinatorio Disposizioni semplici Le disposizioni semplici di n elementi distinti di classe k con kn sono tutti i gruppi di k elementi scelti fra gli n, che differiscono per almeno un

Dettagli

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI

EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI PER INIZIARE EDUCARE. TRA ALLENATORI, GENITORI E DIRIGENTI Dicesi dirigente un signore che dovrebbe non dirigere ma animare; non solo animare ma testimoniare, non solo testimoniare, ma motivare. Insomma,

Dettagli

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA

SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA LIBRO IN ASSAGGIO SETTE MOSSE PER LIBERARSI DALL ANSIA DI ROBERT L. LEAHY INTRODUZIONE Le sette regole delle persone molto inquiete Arrovellarvi in continuazione, pensando e ripensando al peggio, è la

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Una libera pensatrice.

Una libera pensatrice. Passato prossimo/imperfetto 1 Leggi il testo e scegli il verbo corretto. Una libera pensatrice. In primavera, quando l aria si riscaldava/si è riscaldata e è diventata/diventava piacevole, noi bambini

Dettagli

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta

PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI MATEMATICA - Scuola Primaria - Classe Quinta Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI MATEMATICA Scuola Primaria Classe Quinta Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

In collaborazione con:

In collaborazione con: In collaborazione con: DAY CAMP Peschiera del Garda dal 15 al 20 giugno / dal 22 al 27 giugno / dal 29 giugno al 4 luglio Centro Sportivo Parc Hotel Paradiso Borgo Roma dal 15 al 20 giugno Centro Sportivo

Dettagli

Discorso diretto e indiretto

Discorso diretto e indiretto PERCORSI DIDATTICI di: Mavale Discorso diretto e indiretto scuola: Cremona area tematica: Lingua italiana pensato per: 8-11 anni scheda n : 1 OBIETTIVO DIDATTICO: Saper riconoscere ed usare il discorso

Dettagli

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI

STAGIONE SPORTIVA 2014/2015 ALTRE DISPOSIZIONI ALTRE DISPOSIZIONI Vengono di seguito fornite le informazioni relative a: campo di gioco attrezzature controlli preliminari modulo CAMP3 componenti delle squadre assenza della squadra o degli Ufficiali

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015

REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 REGOLAMENTO DI GIOCO MASTER 2015 Art. 1 PRINCIPI GENERALI Il football a 9 contro 9 Master (o 7 contro 7) verrà giocato secondo le regole del regolamento ufficiale NCAA per i campionati a 11 giocatori,

Dettagli

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione

Raduno precampionato. 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat. Il referto di gara. Indicazioni per la corre1a compilazione Raduno precampionato 7/8 Se'embre 2013 Praca2nat Il referto di gara Indicazioni per la corre1a compilazione Il referto di gara Il referto di gara rappresenta il documento che completa l incarico arbitrale:

Dettagli

Il desiderio di essere come tutti

Il desiderio di essere come tutti Francesco Piccolo Il desiderio di essere come tutti Einaudi INT_00_I-IV_Piccolo_Desiderio.indd 3 30/08/13 11.44 Sono nato in un giorno di inizio estate del 1973, a nove anni. Fino a quel momento la mia

Dettagli

FULGOR ACADEMY 2014-15

FULGOR ACADEMY 2014-15 PRIMI CALCI 2009-2010 OBIETTIVI: Conoscenza del proprio corpo (giochi ed esercizi coordinativi) Rispetto delle regole e del gruppo di cui si fa parte Conoscenza del pallone Capacità di eseguire un gesto

Dettagli

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD

IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD IL RAPPORTO CON SE STESSO E CON GLI ALTRI NEL BAMBINO CON ADHD CHIARA DE CANDIA chiaradecandia@libero.it 1 IL CONCETTO DI SE È la rappresentazione delle proprie caratteristiche e capacità in relazione

Dettagli

Pensieri per un genitore che non c è

Pensieri per un genitore che non c è Campus AIPD - Formia 16-22 giugno 2013 Pensieri per un genitore che non c è In questo Campus mi sembra di essere fuori dal mondo, perché qui la normalità è avere un figlio con la sdd... sono i fratelli

Dettagli

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)?

Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Che diavolo sono le gare di rally (e altri argomenti interessanti!)? Molti di voi avranno sentito parlare di gare in cui i cani concorrono in esercizi di olfatto, come la ricerca, o gare di agility e di

Dettagli

Favole per bambini grandi.

Favole per bambini grandi. Favole per bambini grandi. d. & d' Davide Del Vecchio Daria Gatti Questa opera e distribuita sotto licenza Creative Commons Attribuzione Non commerciale 2.5 Italia http://creativecommons.org/licenses/by-nc/2.5/it/

Dettagli

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO

L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Matteo Freddi L ARTE DI VINCERE AL FANTACALCIO Youcanprint Self-Publishing Titolo L arte di vincere al fantacalcio Autore Matteo Freddi Immagine di copertina a cura dell Autore ISBN 978-88-91122-07-0 Tutti

Dettagli

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE

MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE 66 Bologna, 11 febbraio 2015 MEGLIO COSÌ: TRE EVENTI PER CELEBRARE CIÒ CHE CI UNISCE Per dare feste non serve sempre un motivo. Ma quelle di Meglio Così, il ciclo di eventi che si terrà a Bologna tra febbraio

Dettagli

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S.

Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENSIMENTO C.A.S. Federazione Italiana Canottaggio Ufficio Comunicazione & Marketing QUESTIONARIO CENMENTO C.A.S. Ringraziamo per aver prontamente risposto al nostro questionario relativo ai Centri di Avviamento al Canottaggio

Dettagli

D: QUALI SONO I REQUISITI DI RESIDENZA PER CHI VUOLE COMPETERE? R: Questo evento è limitato ai residenti in Italia, quindi:

D: QUALI SONO I REQUISITI DI RESIDENZA PER CHI VUOLE COMPETERE? R: Questo evento è limitato ai residenti in Italia, quindi: FAQ D: QUANTE PARTITE VERRANNO GIOCATE PER DETERMINARE I VINCITORI DI OGNI SCONTRO? R: Il torneo prevede dei 5v5 nella Landa degli evocatori in stile "sudden death" (ossia a eliminazione diretta, al meglio

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Ufficio Scolastico Regionale per il Lazio - Direzione Generale Ufficio III Coordinamento Regionale del Servizio di Educazione Motoria Fisica e

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV...

TEST D INGRESSO DI ITALIANO. Cognome...Nome...Classe IV... TEST D INGRESSO DI ITALIANO Cognome...Nome...Classe IV... PUNTEGGIO FINALE.../50 VOTO ORTOGRAFIA Scegli l'alternativa corretta tra quelle proposte, barrando la lettera corrispondente. (1 punto in meno

Dettagli

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE

lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE lanzo torinese Gran Fondo Internazionale del Punt del Diau - 25 km (D+ 1450) 4 ottobre 2014 prova A PRENDERmi gara femminile - 1 a EDIZIONE l originale www.casadelcammino.it for SI RINGRAZIANO IN MODO

Dettagli

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI

LEZIONE 4 DIRE, FARE, PARTIRE! ESERCIZI DI ITALIANO PER BRASILIANI In questa lezione ci siamo collegati via Skype con la Professoressa Paola Begotti, docente di lingua italiana per stranieri dell Università Ca Foscari di Venezia che ci ha parlato delle motivazioni che

Dettagli

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi

libro primo 7 grazie, farò del mio meglio per non arrecarti altro disturbo. E appena ho provato a reagire, mi hai bloccata, sei passato a discorsi Capitolo primo 1. Se tu te ne sei scordato, egregio signore, te lo ricordo io: sono tua moglie. Lo so che questo una volta ti piaceva e adesso, all improvviso, ti dà fastidio. Lo so che fai finta che non

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli

QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA. Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli QUALE MATEMATICA NELLA SCUOLA DELL INFANZIA Scuola dell Infanzia Don Milani Anni 2006/2007/2008 Ins. Barbara Scarpelli ESPERIENZE MATEMATICHE A PARTIRE DA TRE ANNI QUALI COMPETENZE? L avventura della matematica

Dettagli

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO

DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO M A G A Z I N E PRINCIPI BASE DELL UNO CONTRO UNO DIFENSIVO w w w. a l l f o1 o t b a l l. i t IL TUTOR MARIO BERETTA 1959 Milano, è ex calciatore e attuale allenatore professionista. Diplomato Isef e

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 04-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI

UISP Toscana www.uisp.it/toscana/pallacanestro CUR 03-2013 COMUNICAZIONI COMUNICAZIONI Si comunica che al fine di disporre in tempo utile dei risultati delle gare per poterli trasmettere in tempo a giornali e televisioni locali, si invitano i responsabili delle società che

Dettagli

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e

4.Che cosa... di bello da vedere nella tua città? (A) c'è (B) è (C) ci sono (D) e DIAGNOSTIC TEST - ITALIAN General Courses Level 1-6 This is a purely diagnostic test. Please only answer the questions that you are sure about. Since this is not an exam, please do not guess. Please stop

Dettagli

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI

Q84 A1073 K92 J65 VALENTINO DOMINI VALENTINO DOMINI L attacco iniziale, prima azione di affrancamento della coppia controgiocante, è un privilegio e una responsabilità: molti contratti vengono battuti o realizzati proprio in rapporto a

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI

AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING. per bambini di 4-6 anni. di CRISTINA RUINI AVVIAMENTO ALL ORIENTEERING per bambini di 4-6 anni di CRISTINA RUINI Esperienze di gioco-orienteering svolte nell anno scolastico 2009-2010 alla scuola d infanzia di Longera (Trieste) Questa è una raccolta

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1

Tessera del Tifoso. Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico. Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Tessera del Tifoso Linee guida per gli addetti ai lavori approvate dal Gruppo di Lavoro tecnico Programma Tessera del Tifoso VERSIONE DEFINITIVA 1 Indice degli argomenti Cos è la tessera del tifoso I punti

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

1 von 6 04.02.2012 18:49

1 von 6 04.02.2012 18:49 1 von 6 04.02.2012 18:49 Serie A Calendario Classifica Statistiche Squadre Alleghe Asiago Bolzano Cortina Fassa Pontebba Ritten Sport Valpellice Val Pusteria Vipiteno Serie A2 Classifica A2 Serie C Serie

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione

Analisi della comunicazione del gioco nella sua evoluzione Nel nostro Paese il gioco ha sempre avuto radici profonde - Caratteristiche degli italiani in genere - Fattori difficilmente riconducibili a valutazioni precise (dal momento che propensione al guadagno

Dettagli

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n.

Under 14/12/10/ 8/ 6 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA INDICE PREMESSA 3. TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5. TABELLA RIASSUNTIVA n. INDICE pag. FEDERAZIONE ITALIANA RUGBY PREMESSA 3 REGOLAMENTO DI GIOCO CATEGORIE PROPAGANDA Under 14/12/10/ 8/ 6 TABELLA RIASSUNTIVA n. 1 5 TABELLA RIASSUNTIVA n. 2 6 REGOLAMENTO U14 8 REGOLAMENTO U12

Dettagli

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio

CSI Varese Corso Allenatori di Calcio Lo sport è caratterizzato dalla RICERCA DEL CONTINUO MIGLIORAMENTO dei risultati, e per realizzare questo obiettivo è necessaria una PROGRAMMAZIONE (o piano di lavoro) che comprenda non solo l insieme

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA

SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA SETTORE NUOTO CALENDARIO ATTIVITA REGIONALE REGOLAMENTO MANIFESTAZIONI REGIONALI ANNO NATATORIO 2014 2015 BOZZA Agg. al 31/10/2014 1 INDICE Calendario Attività Agonistica 2014-2015 e scadenze pag. 3 Norme

Dettagli

Lega Pattinaggio a Rotelle UISP Norme di Attività di Pattinaggio Artistico 2013

Lega Pattinaggio a Rotelle UISP Norme di Attività di Pattinaggio Artistico 2013 Agg. Al 05 dicembre 2012 1 INDICE REGOLE GENERALI Specialità: definizione Attività: struttura Attività di singolo Coppie Artistico e Coppie Danza Categorie: singolo Formula Uisp Livelli Coppia artistico

Dettagli

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI

REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI REGOLAMENTO PER L USO DELLE PALESTRE COMUNALI Art. 1 Oggetto. Il Comune di Varedo, nell ottica di garantire una sempre maggiore attenzione alle politiche sportive e ricordando i principi ispiratori del

Dettagli

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano?

unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? unità 27: aiutarsi lezione 53: mi dai una mano? 1. Sofia ha appena ricevuto un e-mail con questo titolo: Se mi dai una mano, arrivo! Secondo te, di che cosa parla il messaggio? Discutine con un compagno.

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli