Direzione Ambiente. ATTI per il CONTROLLO e CENSIMENTO degli IMPIANTI TERMICI

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Direzione Ambiente. ATTI per il CONTROLLO e CENSIMENTO degli IMPIANTI TERMICI"

Transcript

1 Direzione Ambiente ATTI per il CONTROLLO e CENSIMENTO degli IMPIANTI TERMICI Il Comune di Firenze ha iniziato le attività di verifica con l anno 2000 ed ha già eseguito diverse campagne di censimento ( , , , , ); tale attività è stata regolamentata con atti della Giunta, del Consiglio e con Determinazioni Dirigenziali aggiornando le disposizioni alle necessità del Servizio ed in particolare: Delibera di Giunta n. 910/673 del che ha attivato le procedure di verifica e di controllo sugli impianti termici. che al Servizio Energia della Direzione Ambiente viene attribuito il compito di coordinare le attività per la piena attuazione della presente delibera e in particolare: definire e realizzare una banca dati informatica degli impianti termici; definire il piano operativo delle spese e degli oneri a carico degli utenti; organizzare il servizio interno per pianificare i controlli degli impianti termici; definire il Regolamento per l'esecuzione dei controlli da far approvare in Giunta; stipulare convenzioni con i soggetti esterni; di adottare in applicazione della normativa, il metodo della dichiarazione da parte dei cittadini/terzi responsabili interessati che dovrà essere inoltrata con il pagamento degli oneri amministrativi così definiti: Impianti Termici con Pn (Potenza Nominale): < 35 kw (euro 5,16) > 35 < 116 kw (euro 12,91) > 116 < 350 kw (euro 25,82) > 350 kw (euro 46.48) di approvare il modello di dichiarazione che fa parte integrante del presente provvedimento (Allegato H - Rapporto di Controllo Tecnico (RCT), allegato al testo del DPR 551/99); che pertanto il proprietario o occupante, usufruttuario, amministratore, di un impianto termico con potenza nominale maggiore di 4 kw, a partire dalla entrata in vigore della presente delibera, deve trasmettere entro 30 giorni dalla data di effettuazione della manutenzione ordinaria annuale il modello di dichiarazione RCT; di stabilire che il pagamento degli oneri a carico degli utenti sia dimostrato allegando l'attestazione del bollettino di conto corrente postale n intestato a Comune di Firenze - Direzione Ambiente - Servizio Energia; di stabilire che i controlli a campione verranno effettuati nell'arco di ogni biennio a partire dalla stagione di riscaldamento ; di stabilire che i controlli a campione saranno svolti sulle dichiarazioni pervenute, senza altro a carico dell'utente, così come i controlli sistematici su tutti gli impianti per cui sia stata omessa la denuncia nei termini e nei modi fissati, verranno effettuati con personale interno e con l'ausilio di soggetti - professionisti esterni tecnicamente idonei; di stabilire che i controllori si qualificheranno presso gli utenti con apposito documento di riconoscimento rilasciato dall'amministrazione; di stabilire che gli introiti provenienti dagli utenti che presentano l'apposita dichiarazione entreranno nel bilancio capitolo entrate come da determinazione in corso di approvazione; di stabilire che gli introiti che perverranno all'amministrazione dalla presentazione delle dichiarazioni degli utenti saranno utilizzati per finanziare i controlli a campione e per organizzare e coordinare quanto per la piena attuazione dei compiti demandati dalle Leggi e normative vigenti; di stabilire che per gli inadempienti si addebiterà l'intero costo dei controlli così come definito da successivo atto dell'amministrazione; di stabilire che i costi del presente provvedimento graveranno sul capitolo uscite come da determinazione in corso di approvazione; di dare massima divulgazione alla cittadinanza del presente provvedimento, mediante ordinanza del Sindaco e con manifesti, comunicati stampa, opuscoli divulgativi e tutte le forme pubblicitarie ritenute idonee; di inviare copia del presente provvedimento al Ministero dell'industria, Commercio e Artigianato e all'enea; Determina Dirigenziale n del 12.07/2001 che ha indetto la gara d appalto e approvazione capitolato d appalto, disciplinare di servizio e schema di bando di gara; 1

2 Determina Dirigenziale n del 18.09/2001 che ha corretto con rettifiche il bando di gara; Determina Dirigenziale n del che ha affidato il servizio Verifica impianti termici DPR 412/93-DPR 551/99 per il periodo fino al 2005 alla Ditta Itagas Ambiente s.r.l. di Pescara; Delibera di Giunta n. 758/603 del che ha deliberato: di confermare in ogni sua parte quanto già stabilito nella precedente deliberazione della Giunta Comunale n. 910 del 21/7/2000 esecutiva a termini di legge; di fissare la data di consegna della documentazione per le autocertificazioni (Rapporto di controllo tecnico e attestazione di versamento) al 31/12 di ogni anno Delibera di Giunta n. 13/107 del che ha ridefinito le tariffe per l autocertificazione e il controllo degli impianti,giusto art. 11 del D.P.R. n. 412/93 e del D.P.R. n. 551/99; di quantificare gli oneri a carico degli utenti per i soggetti che, alla data di esecutività del presente atto, non hanno ancora effettuato 1'autocertificazione ed il relativo versamento, l'importo biennale in uro 10,00 per gli impianti inferiori a 35 kw da versare in un'unica soluzione; di prendere atto che le autocertificazioni, in conformità a quanto disposto dall'art. 15 del D.P.R 551/99 sono consentite solo per gli impianti di potenza nominale del focolare inferiore a 35 kw; di rideterminare le tariffe di cui alla precedente deliberazione n. 910 del quantificando gli oneri a carico degli utenti, definiti dal Servizio Energia, così come di seguito riportato: per potenzialità inferiori a 35kW nei casi di mancata autocertificazione o di controllo per mancato rispetto delle norme DPR 412/93 integrato D.P.R 551/99, uro 100,00; che per gli impianti con potenzialità superiore a 35 kw per i quali è prevista la verifica biennale: da 35 kw a 116 kw uro 130,00 da117 kw a349 kw uro 180,00 oltre 349 kw uro 205,00 di prendere atto che le sanzioni per l'inosservanza delle procedure di controllo sono quelle previste dall'art. 34 della Legge n. 10 del 9/1/91; Delibera di Giunta n. 321/253 del che ha definito le disposizioni per il servizio di controllo degli impianti termici; Di approvare le Disposizioni per il servizio di controllo degli impianti termici da effettuare ai sensi della L. 10/91 art. 34 comma 3, dei DPR 412/93, DPR 551/99, nel territorio del Comune di Firenze in attuazione alla delibera della G. M. del n. 910 nel seguente testo: DISPOSIZIONI PER IL SERVIZIO DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI TERMICI DA EFFETTAURE AI SENSI DELLA L.10/91 ART.34 COMMA 3, DEI DPR 412/93, DPR 551/99, NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI FIRENZE. (in attuazione della deliberazione della G.M. del n. 910) 1 Il controllo degli impianti termici previsto dalle vigenti disposizioni di legge è curato dal Comune per il territorio comunale ai sensi dell'art.31 comma 3 della Legge 10/91 e successivi provvedimenti, mediante affidamento ad un soggetto esterno, in possesso dei requisiti previsti, individuato con procedure di evidenza pubblica. L'attività di controllo deve essere finalizzata alle seguenti prescrizioni di legge in materia, i cui principi si possono così riassumere: è vietato installare un impianto di riscaldamento in termini difformi alla legge 46/90; è vietato esercire un impianto di riscaldamento installato in termini difformi alla legge 46/90; è vietato esercire un impianto di riscaldamento in termini difformi dalle prescrizioni di cui la Legge 10/91, DPR 412/93, DPR 551/99; è obbligatorio eseguire la manutenzione annuale e i controlli di combustione dell'impianto conformemente alle norme UNI. Gli utenti degli impianti di riscaldamento hanno l'obbligo di eseguire la manutenzione annuale dell'impianto e le verifiche periodiche di cui all'art.11 comma 12 del DPR 412/93 e successive modificazioni. Tutti gli interventi e le misure effettuate nel corso dell'esercizio dell'impianto devono essere riportati sul libretto di centrale, nel caso di impianti con potenza superiore a 35 kw, o nel libretto di impianto, nel caso di impianti con potenza inferiore a 35 kw. I controlli di competenza del Comune di norma avranno data biennale, salvo quei casi in cui si manifestino situazioni di maggior inquinamento o di inosservanza dei punti sopradescritti. 2 Le procedure di controllo degli impianti termici, presenti nel territorio comunale, di cui art.31 terzo comma legge 10/91 così come attuato dalle deliberazioni della Giunta Municipale del n. 910, del n. 758, del n. 13 sono disciplinate con le presenti disposizioni. 3 2

3 E' consentita l'autocertificazione, con validità biennale, a decorrere dal biennio , dello stato di esercizio e manutenzione degli impianti inferiori a 35 kw. L'autocertificazione è consentita solo per impianti con potenza inferiore a 35 kw. Nel caso in cui l'impresa incaricata dall'utente ad eseguire la manutenzione e la redazione del Modello H accerti irregolarità nell'esercizio dell'impianto, ovvero nell'installazione dello stesso dovrà annotare negli appositi spazi riservati, nel modello H, le osservazioni, raccomandazioni prescrizioni, secondo la gravità delle difformità riscontrate. L'assenza della dichiarazione di conformità motivata dall'installazione dell'impianto eseguita in data precedente al 1990 deve essere annotata come osservazione, in caso di impianti installato successivamente al 1990, l'assenza della dichiarazione di conformità deve essere annotata come prescrizione. 4 L'impianto inferiore a 35Kw, si intende autocertificato, per il biennio di riferimento, a fronte della trasmissione del modello H (DPR 551/99) compilato e firmato da un' impresa regolarmente inscritta alla Camera di Commercio, abilitata ai sensi delle lettere c) ed e) art.1 legge 46/90, sottoscritto dall'utente dell'impianto, unitamente agli estremi del versamento degli oneri dovuti in conformità e con le modalità del provvedimento deliberativo dell'amministrazione comunale. Il versamento deve essere effettuato dall'utente dell'impianto (proprietario, inquilino in caso di locazione, occupante a qualsiasi titolo dell'unità immobiliare, amministratore in caso di condominio, società ecc) a mezzo del manutentore, terzo responsabile o direttamente. La trasmissione del modello H e del versamento di cui sopra, per i biennio 2002/2003 deve pervenire entro il 31 dicembre Per i successivi bienni la trasmissione del modello H e del versamento deve pervenire entro il 30 giugno del primo anno relativo al biennio di riferimento (Es.: biennio 2004/2005 entro il 30 giugno 2004). L'autocertificazione ha validità per il biennio di riferimento. 5 I versamenti degli importi relativi all'autocertificazione di impianti con potenza inferiore a 35kW, già effettuati ai sensi della DGC n 758/00, entro il 31/12/01 sono a valere per l'autocertificazione dell'impianto per l'anno Gli importi eventualmente versati, ai sensi della deliberazione della G.M. n.758 dell'11/08/01, a valere per l'anno 2002 sono considerati, in ogni caso, quale anticipo dell'importo dovuto per l'autocertificazione dell'impianto con potenza inferiore a 35 kw per il biennio , ma l'importo versato dovrà essere integrato con un ulteriore versamento fino alla concorrenza dell'importo di 10,00 nei termini e modi di cui al punto 4. Nel caso di versamento a integrazione il bollettino di c/c dovrà riportare gli estremi del versamento effettuato a suo tempo e che si intende integrare. 6 La veridicità delle autocertificazioni pervenute sono accertate direttamente dall'organismo affidatario con i seguenti criteri: Modello H incompleto Modello H nell'ordine con prescrizioni, raccomandazioni, osservazioni Modello H riferito ad impianto ubicato in aree ad elevato inquinamento dell'aria. L'accertamento da parte dell'organismo affidatario avverrà sul 5% degli impianti le cui autocertificazioni, riferite al relativo biennio, siano regolarmente pervenute con le modalità e i termini di cui al precedente punto 4. Detto accertamento sarà programmato ed eseguito dall'organismo affidatario entro la fine del biennio successivo a quello di riferimento. L'accertamento da parte dell'organismo affidatario è a titolo gratuito qualora l'autocertificazione risulti veritiera. Qualora l'autocertificazione non risulterà veritiera, l'amministrazione Comunale, ai sensi della L.10/91, art.34 applicherà una sanzione da 516 a a seconda della gravità della difformità e della pericolosità dell'impianto rispetto il suo regolare esercizio. 7 Sono considerati NON AUTOCERTIFICATI, per il biennio di riferimento, tutti gli impianti con potenza inferiore a 35kW per i quali non sia pervenuta, nei termini e modi indicati al punto 4, il Mod. H unitamente al versamento dell'importo degli oneri a carico dell'utente ( 10,00). L'Organismo affidatario provvede all'accertamento diretto dello stato di esercizio e manutenzione degli impianti con potenzialità inferiore a 35kW per i quali non sia prevenuta l'autocertificazione nei tempi e modi indicati al punto 4. 8 Il costo del controllo è a carico dell'utente. L'utente dovrà versare l'importo nei termini e modi comunicati con lettera pervenutagli dall'organismo affidatario. Nel caso in cui l'utente abbia regolarmente ricevuto l'invito a pagare e non provveda al versamento dell'importo nei termini e modi sopra indicati, nonché nei casi in cui non sia stato possibile eseguire l'accertamento per diniego dell'utente, ciò è considerato a tutti gli effetti inosservanza alle procedure di controllo. 9 Deve essere garantita all'utente la possibilità di assistere, direttamente o tramite persona di sua fiducia, all'accertamento. Nel corso dell'accertamento l'utente dovrà mettere a disposizione del personale incaricato la documentazione relativa all'impianto e precisamente: libretto di impianto regolarmente compilato per impianti inferiori a 35kW, libretto di centrale per impianti superiori a 35kW, dichiarazione di conformità per impianti installati successivamente al 1991, libretto di istruzione degli apparecchi, nonché Certificato di Prevenzione Incendi, documentazione ISPSEL e quant'altro necessario all'accertamento, a seconda della tipologia dell'impianto. 10 L'Organismo affidatario comunica agli utenti i tempi e le modalità dell'esecuzione dei controlli secondo le seguenti procedure: per mezzo di comunicazione scritta; 3

4 per mezzo di accordi diretti o telefonici tra utente ed il personale incaricato dall'organismo affidatario, che possono intervenire anche nel corso della giornata di verifica; altre forme di preavviso che comunque garantiscano l'utente e non rechino eccessivi disagi. La data programmata per la verifica potrà essere modificata qualora l'utente né faccia richiesta per iscritto o ne dia comunicazione telefonica con almeno 7 giorni di anticipo dalla data programmata per la verifica. 11 Qualora a seguito dell'accertamento eseguito l'impianto risulti non conforme a quanto previsto dal DPR 412/93 e successive modifiche e/o integrazioni, l'utente è formalmente invitato al ripristino delle condizioni di legge entro i termini comunicati. Entro i suddetti termini l'utente potrà inviare all'organismo affidatario apposita Dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà ai sensi di legge attestante l'avvenuto ripristino dell'impianto nelle condizioni di legge. In caso di mancata trasmissione della Dichiarazione sostitutiva di cui sopra, entro i termini prestabiliti, sarà effettuato un ulteriore controllo con onere a carico dell'utente secondo la tariffa di riferimento. Qualora sia accertato che l'utente non abbia provveduto a ripristinare l'impianto alle condizioni di legge sarà applicata una sanzione che va da un minimo di 516,00 ad una massimo di 2582, L'Organismo affidatario potrà stabilire, ai sensi dell'art.11 comma 20 del DPR 412/93 così come modificato dal DPR 551/99, che le imprese di manutenzione consegnino le dichiarazioni di autocertificazione per nome e conto degli utenti su supporto informatico standardizzato. Qualora le imprese di manutenzione abbiano stipulato con l'utente, per il relativo biennio, un contratto di manutenzione, ovvero un contratto con delega di terzo responsabile, ovvero un contratto di servizio energia, all'atto della consegna dei dati su supporto informatico, dovranno allegare la distinta delle ricevute dei versamenti. In tal caso il supporto informatico standardizzato dovrà riportare i dati identificativi dell'impresa, di ogni utente e di impianto nonché i modelli H relativi regolarmente compilati. La distinta dei versamenti, qualora effettuati dall'impresa per conto dei suoi clienti, dovrà essere firmata e timbrata dal responsabile dell'impresa e riportare tutti i dati necessari per l'univoca e certa identificazione di ogni utente, unità immobiliare, impianto, cui si riferisce ogni singolo versamento. 13 Per tutti gli impianti di potenza superiore a 35 KW, in conformità delle disposizioni di legge, la verifica è obbligatoria. L'Organismo affidatario accerta direttamente lo stato di esercizio e manutenzione degli impianti con potenza superiore a 35kW con frequenza biennale. L'Organismo affidatario comunica all'utente l'appuntamento fissato per l'accertamento secondo le modalità stabilite al precedente art.10. Gli oneri a carico dell'utente sono preventivamente determinati dall'amministrazione comunale e devono essere versati preventivamente. In caso di mancato versamento dell'importo nei termini e modi previsti, nonché nei casi in cui non sia stato possibile eseguire l'accertamento per assenza o diniego dell'utente è considerata inosservanza alle procedure di controllo per cui sarà applicata una sanzione di 516,00 che sarà iscritto a ruolo a carico del proprietario dell'unità immobiliare asseverata all'impianto. 14 Gli importi eventualmente versati dal 1 gennaio 2001 al 25 febbraio 2002, ai sensi della DGC n.758, per l'autocertificazione degli impianti con potenza superiore a 35 kw sono considerati anticipo dell'importo dovuto per il controllo dell'impianto del biennio In questo caso, è consentito all'utente, a fronte della comunicazione ricevuta dall'organismo affidatario di versare l'importo a conguaglio rispetto la tariffa di cui al punto 13, inviando contestualmente alla quietanza del bollettino di c/c che dimostra il versamento del conguaglio, anche la copia delle quietanze degli importi eventualmente versati dal 1 gennaio 2001 al 25 febbraio 2002, ai sensi della DGC n Fatte salve le sanzioni su richiamate, in tutti i casi di mancata osservanza alle procedure di controllo stabilite nel presente regolamento, si darà comunicazione alla Fiorentinagas o comunque all'erogatore dell'energia per i provvedimenti di sua competenza (interruzione della fornitura ai sensi dell'art.17 comma 6 del D.lgs. 164/2000). 16 L'Organismo affidatario, attraverso le proprie strutture, sarà a disposizione della cittadinanza per ogni informazione inerente il servizio di verifica degli impianti termici ai sensi della L.10/91 e i relativi decreti attuativi. 17 Per quanto non previsto nelle presenti disposizioni valgono tutte le normative tecniche ed amministrative vigenti o che saranno emanate in materia. Delibera di Giunta n. 1129/904 del che ha prorogato il termine di consegna dell autocertificazione degli impianti termici al 30/06/2003 precedentemente fissata al 31/12/02; Delibera di Giunta n. 49/103 del che ha integrato con due nuovi articoli le disposizioni precedentemente approvate con delibera di G.M. n. 321/253 del per il servizio di controllo degli impianti termici; 4

5 1) Di integrare le "Disposizioni per il servizio di controllo degli impianti termici da effettuare ai sensi della Legge 10/91 art. 34 comma 3 del DPR 412/93 e DPR 551/99, nel territorio del Comune di Firenze", approvate con deliberazione della G.M. n. 321 /253 del 30/4/2002, con l'inserimento dei seguenti due nuovi articoli: ART. 6 bis Validità delle autocertificazioni. Le autocertificazioni pervenute dopo il 30 giugno 2003 contenenti prescrizioni e raccomandazioni già inserite, in tutto o in parte, nel modello H trasmesso nel corso della campagna precedente, saranno ritenute non valide e l'utente sarà soggetto a visita di verifica a pagamento. L'eventuale versamento di autocertificazione sarà considerato acconto e detratto dal costo della verifica. E' ammesso l'invio contestuale al modello H di dichiarazione sostitutiva di atto di notorietà, sottoscritta dall'utente che ha firmato il modello H, che attesti l'avvenuta eliminazione delle anomalie riscontrate e riportate sul modello H. L'attestazione di avvenuta eliminazione di dette anomalie potrà essere effettuata anche mediante l'invio di copia della dichiarazione di conformità, ai sensi della L.46/90, rilasciata dalla ditta esecutrice dei lavori. L'attestazione di cui sopra potrà essere inviata, anche con raccomandata, entro 120 giorni dalla data di rilascio del Modello H all'organismo affidatario. Il predetto termine è perentorio e in ogni caso, qualora il modello H contenga delle prescrizioni, l'impianto potrà funzionare solo dopo l'eliminazione delle anomalie riscontrate. ART11 bis Termini di adeguamento delle anomalie segnalate nelle verifiche d'ufficio. Qualora in seguito alle verifiche d'ufficio, i tecnici verificatori segnalino delle anomalie dell'impianto sul Rapporto di Prova, entro il termine massimo di 180 giorni, si dovrà adeguare l'impianto e darne comunicazione all'organismo affidatario mediante dichiarazione sostitutiva di atto di notorierà, sottoscritta dal proprietario dell'impianto, che attesti l'avvenuta eliminazione delle anomalie riscontrate. Le dichiarazioni sostitutive sono soggette a verifica a campione. L'attestazione di avvenuta eliminazione delle anomalie potrà essere effettuata anche mediante l'invio di copia della dichiarazione di conformità, ai sensi della L.46/90, rilasciata dalla ditta esecutrice dei lavori, in tal caso la pratica si riterrà chiusa, fermi restando i futuri adempimenti di legge secondo le usuali procedure. Qualora entro il termine indicato non perverrà la dichiarazione sostitutiva,.l'organismo affidatario procederà ad effettuare una ulteriore verifica a pagamento. Nel caso in cui vengano riscontrate le medesime anomalie saranno applicate le sanzioni di cui all'art. 34 comma 5 della Legge 10/91. 2) Di mantenere inalterato in ogni altra sua parte il rimanente contenuto delle Disposizioni per il servizio di controllo degli impianti termici da effettuare ai sensi della Legge 10/91 art. 34 comma 3 del DPR 412/93 e DPR 551/99, nel territorio del Comune di Firenze", approvate con deliberazione della G.M. n. 321/253 del 30/4/2002; Delibera di Giunta n. 313/482 del che ha prorogato il termine di consegna precedentemente approvato con delibera di G.M. n. 321/253 del per la presentazione dell autocertificazione degli impianti termici con potenza inferiore a 35 kw per il biennio al Delibera di Giunta n. 289/319 del che ha indetto la gara d appalto e approvazione capitolato d appalto, disciplinare di servizio e schema di bando di gara; Determina Dirigenziale n del che ha affidato il servizio di censimento e catasto degli impianti termici all ATI con capogruppo Tecnocivis S.p.A.; Delibera di Giunta n. 34/24 del che ha deliberato: di avvalersi della facoltà concessa dall allegato L comma 13 del D.Lgs. n. 192 del prorogando per un biennio, fino al 7/10/2007, le attuali disposizioni già approvate ed in particolare: deliberazione della G.M. n. 910/673 del ; deliberazione della G.M. n. 758/603 del ; deliberazione della G.M. n. 13/107 del ; deliberazione della G.M. n. 321/253 del ; deliberazione della G.M. n. 1129/904 del ; deliberazione della G.M. n. 49/103 del ; deliberazione della G.M. n. 313/482 del ; di stabilire che il periodo per la presentazione delle autocertificazioni per gli impianti termici inferiori a 35 kw per il biennio è dal al ; di confermare gli importi per le autocertificazioni e le ispezioni degli impianti termici sul territorio comunale, così come prescritto nella Deliberazione della G.M. n.13/107 del 25/02/2002; 5

6 Delibera di Giunta n. 862/1013 del che ha prorogato i termini di consegna dell autocertificazione degli impianti termici inferiori a 35 kw al per il biennio ; Delibera di Consiglio n. 2007/C/00051 del 24 luglio 2007 "Approvazione del PEAC" - punto 7 - allegato 6 che ha approvato il Regolamento sugli impianti termici; Determina Dirigenziale n del che ha applicato al Disposto del Consiglio Comunale sul Regolamento per il servizio di attività e verifica e controllo degli impianti termici; IMPIANTI TERMICI PERICOLOSI - CLASSE 6 Determina Dirigenziale n del che prende atto del nuovo assetto societario dell ATI aggiudicatrice dell Appalto del Servizio di censimento e verifiche degli impianti termici legge 10/91. Determina Dirigenziale n del che prende atto del termine della scadenza contrattuale sull appalto del Servizio catasto e verifiche degli impianti termici legge 10/91 al 28/02/2010. Determina Dirigenziale n. 877 del che approva gli atti amministrativi per la gara di appalto del Servizio catasto e verifiche degli impianti termici legge 10/91. Determina Dirigenziale n del che rettifica la DD 877/2010 e approva la continuazione nelle more del completamento al nuovo appaltatore delle procedure di gara del Servizio catasto e verifiche degli impianti termici legge 10/91 fino al 30/06/2010 alla società Tecnocivis S.p.A. Determina Dirigenziale n del che nomina la Commissione di gara per la valutazione tecnica delle offerte del Servizio catasto e verifiche degli impianti termici legge 10/91. Determina Dirigenziale n del che aggiudica definitivamente la gara di appalto alla società Multiservice S.p.A. di Genova per il Servizio catasto e verifiche degli impianti termici legge 10/91. aggiornato a novembre

PROVINCIA DI PESARO-URBINO

PROVINCIA DI PESARO-URBINO PROVINCIA DI PESARO-URBINO SERVIZIO 4.3.4 PREVENZIONE INQUINAMENTO ATMOSFERICO REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DELLE ATTIVITA DI ACCERTAMENTO ED ISPEZIONE DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS.

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL TERRITORIO DEL COMUNE DI MASSA (LEGGE n. 10/1991, DPR n. 412/1993, DPR n. 551/1999, D.LGS. 192/05, D.LGS. 311/06) Approvato con delibera di C.C. n.

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DI RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI. (Del. C.P. n. 36/2009) Art. 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente Regolamento

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO-URBINO

PROVINCIA DI PESARO-URBINO PROVINCIA DI PESARO-URBINO SERVIZIO 4.3.4 PREVENZIONE INQUINAMENTO ATMOSFERICO REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEL CONTROLLO DI RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI ESISTENTI ALLE NORME VIGENTI

REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI ESISTENTI ALLE NORME VIGENTI REGOLAMENTO PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI ESISTENTI ALLE NORME VIGENTI (Delibera C.P. n. 109/A del 20/12/2001 integrata con la Delibera C.P. n. 64 del 29/04/2004) INDICE Art. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA

SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA SENATO DELLA REPUBBLICA XIV LEGISLATURA N. 2868 DISEGNO DI LEGGE d iniziativa del senatore COLETTI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 26 MARZO 2004 Nuove norme in materia di esercizio e manutenzione degli impianti

Dettagli

Allegato B (alla Deliberazione di Consiglio Comunale n. 480 del 6.12.2004)

Allegato B (alla Deliberazione di Consiglio Comunale n. 480 del 6.12.2004) Allegato B (alla Deliberazione di Consiglio Comunale n. 480 del 6.12.2004) CITTA' DI PALERMO REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

Dettagli

COMUNE DI SIENA REGOLAMENTO DEL COMUNE DI SIENA CONCERNENTE LA VERIFICA DI RISPONDENZA DEGLI IMPIANTI TERMICI ALLE NORME VIGENTI

COMUNE DI SIENA REGOLAMENTO DEL COMUNE DI SIENA CONCERNENTE LA VERIFICA DI RISPONDENZA DEGLI IMPIANTI TERMICI ALLE NORME VIGENTI COMUNE DI SIENA DIREZIONE MANUTENZIONE DELLA CITTA REGOLAMENTO DEL COMUNE DI SIENA CONCERNENTE LA VERIFICA DI RISPONDENZA DEGLI IMPIANTI TERMICI ALLE NORME VIGENTI approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

INFORMATIVA PER L ESERCIZIO, LA CONDUZIONE, IL CONTROLLO, LA MANUTENZIONE ED ISPEZIONE, DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA ED INVERNALE

INFORMATIVA PER L ESERCIZIO, LA CONDUZIONE, IL CONTROLLO, LA MANUTENZIONE ED ISPEZIONE, DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA ED INVERNALE INFORMATIVA PER L ESERCIZIO, LA CONDUZIONE, IL CONTROLLO, LA MANUTENZIONE ED ISPEZIONE, DEGLI IMPIANTI DI CLIMATIZZAZIONE ESTIVA ED INVERNALE Stagione termica 2014-2015 Il D.P.R. n 74 del 2013 ha definito

Dettagli

CAMPAGNA DI AUTODICHIARAZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI BIENNIO 2014-2015 INFORMATIVA AGLI UTENTI

CAMPAGNA DI AUTODICHIARAZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI BIENNIO 2014-2015 INFORMATIVA AGLI UTENTI PROVINCIA DI BRINDISI SERVIZIO 6 AMBIENTE ED ECOLOGIA UFFICIO IMPIANTI TERMICI Santa Teresa S.p.A. Società Multiservizi della Provincia di Brindisi SETTORE IMPIANTI TERMICI CAMPAGNA DI AUTODICHIARAZIONE

Dettagli

Domande e risposte sulla legge 10/91

Domande e risposte sulla legge 10/91 Domande e risposte sulla legge 10/91 Di cosa si occupa la legge 10/91? La legge 10/91 contiene le norme per l attuazione del piano energetico nazionale in materia di uso razionale dell energia, di risparmio

Dettagli

COMUNE DI PULA PROVINCIA DI CAGLIARI

COMUNE DI PULA PROVINCIA DI CAGLIARI COMUNE DI PULA PROVINCIA DI CAGLIARI Settore Tecnico Ambientale - Urbanistica - Lavori Pubblici Proposta DT1AULP-256-2015 del 08/10/2015 DETERMINAZIONE N. 923 DEL 14/10/2015 OGGETTO: Affidamento incarico

Dettagli

Città di Avezzano. Approvato con delibera di C.C. n. 68 del 30.06.2006 - 1 -

Città di Avezzano. Approvato con delibera di C.C. n. 68 del 30.06.2006 - 1 - Città di Avezzano Regolamento per l esecuzione del controllo del rendimento di combustione e dello stato di esercizio e manutenzione degli impianti termici Approvato con delibera di C.C. n. 68 del 30.06.2006-1

Dettagli

Città di Torre del Greco

Città di Torre del Greco Città di Torre del Greco (Provincia di Napoli) Regolamento per l esecuzione delle ispezioni sullo stato di esercizio e manutenzione degli impianti termici, ai sensi della Legge 9 gennaio 1991 n. 10 e s.

Dettagli

Comune di Corato (Prov. di Bari) Regolamento Comunale Per Le Verifiche degli Impianti Termici (L.10/91 DPR 412/93 DPR 551/99)

Comune di Corato (Prov. di Bari) Regolamento Comunale Per Le Verifiche degli Impianti Termici (L.10/91 DPR 412/93 DPR 551/99) Comune di Corato (Prov. di Bari) Regolamento Comunale Per Le Verifiche degli Impianti Termici (L.10/91 DPR 412/93 DPR 551/99) 1 Art.1 AMBITO DI APPLICAZIONE Il presente regolamento emanato per dare attuazione

Dettagli

COMUNE DI SCANDICCI PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ACCERTAMENTI E ISPEZIONI IN MATERIA

COMUNE DI SCANDICCI PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ACCERTAMENTI E ISPEZIONI IN MATERIA ALLEGATO A COMUNE DI SCANDICCI PROVINCIA DI FIRENZE REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI ACCERTAMENTI E ISPEZIONI IN MATERIA DI CONTENIMENTO DEI CONSUMI DI ENERGIA NELL ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

Dettagli

Regolamento per il servizio di controllo degli impianti termici nel territorio del Comune di Messina

Regolamento per il servizio di controllo degli impianti termici nel territorio del Comune di Messina Regolamento per il servizio di controllo degli impianti termici nel territorio del Comune di Messina (L.10/91, DPR 412/93, DPR 551/99, D.LGS. 192/05, D.LGS. 311/06 approvato con Delibera del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA APPROVATO DAL CONSIGLIO PROVINCIALE IN DATA 1 DICEMBRE 2009 1 Art. 1 - Oggetto -

Dettagli

Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile

Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile * LR n. 13 del 28 maggio 2007 * DGR n. 35-9702 del 30 settembre 2008 (Disposizioni attuative della LR 13/2007) approvazione delle

Dettagli

INFORMATIVA RIVOLTA ALLE DITTE DI MANUTENZIONI SUL SERVIZIO DI ISPEZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL COMUNE DI AVEZZANO

INFORMATIVA RIVOLTA ALLE DITTE DI MANUTENZIONI SUL SERVIZIO DI ISPEZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL COMUNE DI AVEZZANO INFORMATIVA RIVOLTA ALLE DITTE DI MANUTENZIONI SUL SERVIZIO DI ISPEZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI NEL COMUNE DI AVEZZANO (Legge 10/91 e successive modifiche e integrazioni) Sommario 1. Informazione generale:...

Dettagli

1. QUALI IMPIANTI SONO SOGGETTI A CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA?

1. QUALI IMPIANTI SONO SOGGETTI A CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA? 1. QUALI IMPIANTI SONO SOGGETTI A CONTROLLO DI EFFICIENZA ENERGETICA? Tab. 1 - Impianti soggetti a controllo di efficienza energetica In base a quanto stabilito dal D.P.R. del 16 aprile 2013 n.74 ss.mm.ii,

Dettagli

INIZIATIVA BOLLINO VERDE GUIDA ALLE PROCEDURE PER IL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI ANCONA

INIZIATIVA BOLLINO VERDE GUIDA ALLE PROCEDURE PER IL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI ANCONA INIZIATIVA BOLLINO VERDE GUIDA ALLE PROCEDURE PER IL TERRITORIO DELLA PROVINCIA DI ANCONA Cos è l iniziativa bollino verde È il sistema di autocertificazione degli impianti termici sull osservanza delle

Dettagli

NORME DI QUALIFICAZIONE 2013

NORME DI QUALIFICAZIONE 2013 SISTEMA DI QUALIFICAZIONE PER FORNITURE DI GAS NATURALE NORME DI QUALIFICAZIONE 2013 Premessa: Brescia Trasporti S.p.A. intende istituire un proprio sistema di qualificazione al fine di selezionare operatori

Dettagli

INDICE. Articolo 1 Finalità

INDICE. Articolo 1 Finalità Regolamento per la disciplina delle attività di verifica della conformità degli impianti di utenza del gas (Approvato con deliberazione n. 109/CC del 28-12-2010) Articolo 1 Finalità Articolo 2 Oggetto

Dettagli

Linee Guida per la manutenzione e la verifica degli Impianti Termici

Linee Guida per la manutenzione e la verifica degli Impianti Termici MULTISS multiservizisassari Codice 723A00A Rev. #5 del 10/09/2012 S.p.A. Servizio di esercizio e manutenzione impianti termici Linee Guida per la manutenzione e la verifica degli Impianti Termici Con I'

Dettagli

Le ispezioni degli impianti termici in Provincia di Varese Ing. Susanna Capogna Dirigente Settore Ecologia ed Energia Obiettivo dell incontro illustrare i Compiti stabilire le Responsabilità chiarire le

Dettagli

BANDO DI GARA Progetto ENTER

BANDO DI GARA Progetto ENTER Municipio Roma 6 U.O.S.E.C.S. BANDO DI GARA Progetto ENTER ALLEGATO A A. Premessa Il Municipio Roma 6 intende esperire una procedura aperta per affidare il progetto ENTER inserito nel Piano Regolatore

Dettagli

LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI

LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI LE MANUTENZIONI E I CONTROLLI DEGLI IMPIANTI TERMICI Perche fare i controlli? RISPARMIO ENERGETICO Un impianto termico più efficiente consuma meno combustibile a parità di calore prodotto. RISPARMIO ECONOMICO

Dettagli

Il NUOVO SISTEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI IL BOLLINO VERDE

Il NUOVO SISTEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI IL BOLLINO VERDE Il NUOVO SISTEMA DI AUTOCERTIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI IL BOLLINO VERDE BOLLINO VERDE Che cosa è un sistema obbligatorio di autocertificazione di tutti gli impianti termici In vigore dal 15 ottobre 2009

Dettagli

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER MANUTENZIONE DI IMPIANTO TERMICO CENTRALIZZATO

AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER MANUTENZIONE DI IMPIANTO TERMICO CENTRALIZZATO AREA VIII DISCIPLINA DEL MERCATO SERVIZIO CONTRATTUALISTICA E CONCORRENZA CONTRATTO TIPO PER MANUTENZIONE DI IMPIANTO TERMICO CENTRALIZZATO 1 CONTRATTO DI MANUTENZIONE DELL IMPIANTO TERMICO CENTRALIZZATO

Dettagli

RESPONSABILE IMPIANTO e TERZO RESPONSABILE

RESPONSABILE IMPIANTO e TERZO RESPONSABILE RESPONSABILE IMPIANTO e TERZO RESPONSABILE Responsabile dell esercizio e della manutenzione Il responsabile dell esercizio e della manutenzione, così come sopra definito (proprietario, amministratore,

Dettagli

Settore Ambiente. Il Comune di Carrara, con sede in Carrara, Piazza 2 Giugno (C.F. 00079450458), rappresentata

Settore Ambiente. Il Comune di Carrara, con sede in Carrara, Piazza 2 Giugno (C.F. 00079450458), rappresentata Settore Ambiente OGGETTO : Protocollo di intesa tra il Comune di Carrara e le Associazioni di categoria dei manutentori per l attività di manutenzione e di verifica degli impianti termici di competenza

Dettagli

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa

Prot. n. 5140. L'Assemblea legislativa Progr. n. 156 Oggetto n. 3124: Approvazione atto di indirizzo e coordinamento sui requisiti di rendimento energetico e sulle procedure di certificazione energetica degli edifici. (Proposta della Giunta

Dettagli

Soggetto Documento dovuto Documento opportuno Quando Data Note. scritto con esplicitazione delle incombenze specifiche.

Soggetto Documento dovuto Documento opportuno Quando Data Note. scritto con esplicitazione delle incombenze specifiche. - COMMITTENTE E RESPONSABILE DEI LAVORI - Affidamento incarichi ai Affidamento incarico professionisti: incarico progettazione e/o D.L. scritto con esplicitazione delle incombenze specifiche. Committente

Dettagli

ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI

ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI SERVIZIO AMBIENTE Maso Smalz via Ghiaie n. 58 Tel. 0461/884935 884936 Fax 884940 E-mail: servizio_ambiente@comune.trento.it dicembre 2005 ESERCIZIO E MANUTENZIONE

Dettagli

Civitanova Marche, 12 ottobre 2012

Civitanova Marche, 12 ottobre 2012 A.FO.PROF.. Associazione Formazione Professionisti degli Ordini dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Macerata e Camerino, Ascoli Piceno e Fermo Corso di aggiornamento professionale Verso

Dettagli

LECCE CATEGORIA IMPIANTISTI IDRO-TERMO-SANITARI

LECCE CATEGORIA IMPIANTISTI IDRO-TERMO-SANITARI Lecce, 18 Dicembre 2013 Ai Sigg. Soci della Categoria Impiantisti Idro-termo-sanitari LORO SEDI Oggetto: Manutenzione verifiche impianti termici - Chiarimenti A seguito dell entrata in vigore, dal 12/7/2013,

Dettagli

Servizio Politiche Energetiche

Servizio Politiche Energetiche Servizio Politiche Energetiche FUNZIONI DEL SERVIZIO Controlli impianti termici 1. Sensibilizzazione utenti E l attività di diffusione presso i cittadini delle informazioni (tramite avvisi pubblici affissi

Dettagli

Circolare sulla applicazione del D.Lgs. 192/2005 in merito alla attività di manutenzione e controllo degli impianti termici civili

Circolare sulla applicazione del D.Lgs. 192/2005 in merito alla attività di manutenzione e controllo degli impianti termici civili Circolare sulla applicazione del D.Lgs. 192/2005 in merito alla attività di manutenzione e controllo degli impianti termici civili La situazione odierna Il decreto legislativo 19 agosto 2005, n. 192 Attuazione

Dettagli

COMUNE DI PERUGIA SETTORE GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO E DELL ECONOMIA U.O. SERVIZI TECNOLOGICI ENERGETICI ED INFORMATICI

COMUNE DI PERUGIA SETTORE GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO E DELL ECONOMIA U.O. SERVIZI TECNOLOGICI ENERGETICI ED INFORMATICI COMUNE DI PERUGIA SETTORE GOVERNO E SVILUPPO DEL TERRITORIO E DELL ECONOMIA U.O. SERVIZI TECNOLOGICI ENERGETICI ED INFORMATICI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEI CONTROLLI SUGLI IMPIANTI TERMICI APPROVATO

Dettagli

Provincia dell Aquila Settore Ambiente e Provveditorato alla Ricostruzione

Provincia dell Aquila Settore Ambiente e Provveditorato alla Ricostruzione Provincia dell Aquila Settore Ambiente e Provveditorato alla Ricostruzione DISCIPLINARE TECNICO DI AUTORIZZAZIONE ALL ACQUISTO DEL BOLLINO VERDE DA PARTE DELLE IMPRESE DI INSTALLAZIONE E MANUTENZIONE DI

Dettagli

Versione da allegare al preventivo per un nuovo allacciamento

Versione da allegare al preventivo per un nuovo allacciamento Allegato F Versione da allegare al preventivo per un nuovo allacciamento Gentile Cliente, la procedura descritta Le consentirà di assicurarsi la realizzazione del suo impianto di utilizzo del gas nel pieno

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE 75 REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI MEDIANTE PROCEDURE TELEMATICHE ADOTTATO DAL CONSIGLIO COMUNALE CON DELIBERAZIONE N. 105/I0029624P.G. NELLA SEDUTA DEL 27/04/2004 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE

CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE ALLEGATO 6 CAPITOLATO SPECIALE PER LA SICUREZZA DEL LAVORO NEI CONTRATTI D APPALTO, D OPERA O DI SOMMINISTRAZIONE Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente Capitolato, alle seguenti espressioni sono

Dettagli

Su proposta dell'assessore alle Politiche del Territorio e Tutela ambientale Pier Michele Civita

Su proposta dell'assessore alle Politiche del Territorio e Tutela ambientale Pier Michele Civita OGGETTO:Impianti termici civili di qualsiasi potenza siti negli edifici esistenti nei Comuni della provincia di Roma con popolazione fino a 40.000 abitanti. Fissazione delle nuove tariffe relative ai controlli

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS

REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS REGOLAMENTO PER L ACQUISTO DI BENI E SERVIZI DI FONDAZIONE COGEME ONLUS INDICE 1) OGGETTO DEL REGOLAMENTO 2) NORMATIVA DI RIFERIMENTO PARTE I PRINCIPI GENERALI PARTE II CONTRATTI SOPRA SOGLIA 3) ACQUISTO

Dettagli

In caso di nuova installazione - ristrutturazione - cambio dei generatori di calore:

In caso di nuova installazione - ristrutturazione - cambio dei generatori di calore: Normativa di riferimento L. 10/91 D.P.R. 412/93 D.P.R. 551/99 D.Lgs. 192/05 D.Lgs. 311/06 L.R. 24/06 D.G.R. n. 6033/07 Cos è un impianto termico Qualsiasi impianto di riscaldamento dotato di: Generatore

Dettagli

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA

REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L'ESECUZIONE DELLE ISPEZIONI SUGLI IMPIANTI TERMICI E SUI SISTEMI DI CONDIZIONAMENTO D ARIA Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina le procedure per l'effettuazione

Dettagli

La Certificazione Energetica degli Edifici in Liguria

La Certificazione Energetica degli Edifici in Liguria La Certificazione Energetica degli Edifici in Liguria Regione Liguria - Dipartimento Ambiente Servizio Tutela dall Inquinamento Atmosferico e Sviluppo dell energia Sostenibile Badalato Lidia 02/07/2009

Dettagli

COMUNE DI BRINDISI SETTORE LAVORI PUBBLICI SERVIZIO IMPIANTI TECNOLOGICI

COMUNE DI BRINDISI SETTORE LAVORI PUBBLICI SERVIZIO IMPIANTI TECNOLOGICI COMUNE DI BRINDISI SETTORE LAVORI PUBBLICI SERVIZIO IMPIANTI TECNOLOGICI REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DEI CONTROLLI SUGLI IMPIANTI TERMICI, E PER LE MODALITÀ DI PAGAMENTO DEI RELATIVI ONERI (Legge 9 gennaio

Dettagli

Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia

Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia Legge Regionale 24 febbraio 2005, n. 39 - Disposizioni in materia di energia (come modificata dalla LR 23 novembre 2009, n. 71 e s.m.i.) Capo IV Razionalizzazione della produzione e dei consumi, risparmio

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEL CONTROLLO DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI

REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEL CONTROLLO DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEL CONTROLLO DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI Adempimenti connessi all attuazione della Legge 9 gennaio 1991

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE UFFICIO CONTROLLO IMPIANTI TERMICI

PROVINCIA DI UDINE UFFICIO CONTROLLO IMPIANTI TERMICI PROVINCIA DI UDINE UFFICIO CONTROLLO IMPIANTI TERMICI Testo modificato dalla Giunta Provinciale nella seduta del 28 luglio 2008 con delibera n. 167 d ordine. REGOLAMENTO PER L ESECUZIONE DEL CONTROLLO

Dettagli

INDICE. All.1 Tempistica esemplificativa dei controlli sul rendimento di combustione degli impianti inferiori a 35 Kw

INDICE. All.1 Tempistica esemplificativa dei controlli sul rendimento di combustione degli impianti inferiori a 35 Kw COMUNE DI RAVENNA REGOLAMENTO PER L'ESECUZIONE DEL CON- TROLLO DEL RENDIMENTO DI COMBUSTIONE E DELLO STATO DI ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti.

I CONTROLLI, pertanto, sono OBBLIGATORI, così come le procedure secondo le quali devono essere svolti. INDICE Informazioni per i cittadini - 3 Campagna di controllo degli impianti termici - 3 Responsabile dell impianto termico - 4 La manutenzione degli impianti: frequenze temporali delle operazioni - 4

Dettagli

1 di Lecco. Attuazione del DPR 412/93 e s.m.i. in Provincia di Lecco

1 di Lecco. Attuazione del DPR 412/93 e s.m.i. in Provincia di Lecco 1 di Lecco Attuazione del DPR 412/93 e s.m.i. in Provincia di Lecco Relazione predisposta da Teresa Mauri Responsabile del In attuazione al DPR 412/93 e successive modifiche la Provincia di Lecco si è

Dettagli

cooperativa sociale... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito e assistenza al pubblico) per le sedi del Servizio;

cooperativa sociale... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito e assistenza al pubblico) per le sedi del Servizio; ALLEGATO A SCHEMA DI CONVENZIONE OGGETTO: Convenzione tra Il Comune di Trieste Servizio Biblioteche Civiche e la cooperativa sociale.... per la fornitura dei servizi culturali (distribuzione, prestito

Dettagli

COMUNE DI GIARDINELLO

COMUNE DI GIARDINELLO P.I.00532990827 COMUNE DI GIARDINELLO PROVINCIA DI PALERMO Ufficio Tecnico-Via U.Foscolo snc 90040 Giardinello(PA) Tel.091-8984394 8984394-fax 091-8789832 e-mail e comunegiardinelloutc@libero.it REGOLAMENTO

Dettagli

Il rilascio del visto di conformità implica inoltre:! la verifica della regolare tenuta e conservazione delle scritture contabili obbligatorie ai

Il rilascio del visto di conformità implica inoltre:! la verifica della regolare tenuta e conservazione delle scritture contabili obbligatorie ai SCRITTURA PRIVATA Con la presente scrittura privata, tra - La Società.., con sede in., Via., P.IVA e C.F., in persona del suo legale rappresentante Sig. di seguito denominata "utente", da una parte, -

Dettagli

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n.

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n. Allegato A (da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore: (Denominazione, indirizzo, telefono) Richiesta di attivazione della fornitura di gas: Codice n. RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA

Dettagli

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI

MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI Pagina:1 di 6 MODALITÀ ORGANIZZATIVE E PIANIFICAZIONE DELLE VERIFICHE SUGLI IMPIANTI INDICE 1. INTRODUZIONE...1 2. ATTIVITÀ PRELIMINARI ALL INIZIO DELLE VERIFICHE...2 3. PIANO OPERATIVO DELLE ATTIVITÀ...2

Dettagli

L'ESERCIZIO E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI secondo DPR 412/93, DPR 551/99 e DLgs 192/05 come modificato dal DLgs 311/06 PROCEDURE OPERATIVE

L'ESERCIZIO E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI secondo DPR 412/93, DPR 551/99 e DLgs 192/05 come modificato dal DLgs 311/06 PROCEDURE OPERATIVE gl10-1 L'ESERCIZIO E LA MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI secondo DPR 412/93, DPR 551/99 e DLgs 192/05 come modificato dal DLgs 311/06 PROCEDURE OPERATIVE INDICE PREMESSA 1 1 PROPRIETARIO - AMMINISTRATORE

Dettagli

COMUNE DI MORLUPO Provincia di Roma

COMUNE DI MORLUPO Provincia di Roma COMUNE DI MORLUPO Provincia di Roma Dipartimento Tecnico Ambientale Servizio 3.3 Infrastrutture Manutenzioni Ambiente - Reti Tecnologiche Cimitero Parchi e Giardini Responsabile geom. Mario Bettelli SERVIZIO

Dettagli

Impianti termici. l'espletamento degli obblighi relativi alla corretta gestione dell'impianto. Inoltre, l assunzione

Impianti termici. l'espletamento degli obblighi relativi alla corretta gestione dell'impianto. Inoltre, l assunzione Impianti termici PREMESSA SUL TERZO RESPONSABILE L'articolo 11 del DPR 412/93 ha istituito la figura del "Terzo responsabile", introducendo la possibilità di delegare ad una società esterna (in possesso

Dettagli

CONTRATTO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE DI POTENZA INFERIORE A 35 kw. Art. 1

CONTRATTO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE DI POTENZA INFERIORE A 35 kw. Art. 1 CONTRATTO DI MANUTENZIONE PROGRAMMATA DI IMPIANTO TERMICO INDIVIDUALE DI POTENZA INFERIORE A 35 kw Art. 1 Tra l Impresa. Con sede in. Via/Piazza/Località.... N. civico.. Tel... cellulare.... N. di iscrizione

Dettagli

(Finalità e ambito di applicazione)

(Finalità e ambito di applicazione) 6 15.1.2003 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 3 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 7 gennaio 2003, n. 3/R Regolamento per lo svolgimento delle procedure telematiche di acquisto

Dettagli

Periodico informativo n. 65/2012

Periodico informativo n. 65/2012 Periodico informativo n. 65/2012 Detrazione per il risparmio energetico: sul web l invio dei documenti Gentile Cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo metterla a conoscenza,

Dettagli

Quesiti riguardanti le procedure di prima installazione/collaudo/accensione

Quesiti riguardanti le procedure di prima installazione/collaudo/accensione Quesiti riguardanti le procedure di prima installazione/collaudo/accensione Quesito 61 Per un nuovo impianto, costituito da un generatore di calore a fiamma, allacciato il 1/10/2015, il rapporto di controllo

Dettagli

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n.

Richiesta di attivazione della fornitura di gas: RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA DI GAS per impianti soggetti alla legge 5 marzo 1990, n. Allegato A (da compilarsi a cura del cliente finale) Al distributore: (Denominazione, indirizzo, telefono) Richiesta di attivazione della fornitura di gas: Codice n. RICHIESTA DI ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA

Dettagli

NORMATIVE. EMANA il seguente regolamento:

NORMATIVE. EMANA il seguente regolamento: NORMATIVE DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 21 dicembre 1999, n. 551 Regolamento recante modifiche al decreto del Presidente della Repubblica 26 agosto 1993, n. 412, in materia di progettazione,

Dettagli

CERTIFICAZIONE ENERGETICA RIFERIMENTI LEGISLATIVI

CERTIFICAZIONE ENERGETICA RIFERIMENTI LEGISLATIVI CERTIFICAZIONE ENERGETICA RIFERIMENTI LEGISLATIVI DOCUMENTI LEGISLATIVI DI RIFERIMENTO DLGS 192/05 "Attuazione della direttiva 2002/91/CE relativa al rendimento energetico nell'edilizia." così come modificato

Dettagli

(approvato con D.C.C. N.111 del 30.07.2007 e modificato con D.C.C. N. n. 29 del 17.03. 2009)

(approvato con D.C.C. N.111 del 30.07.2007 e modificato con D.C.C. N. n. 29 del 17.03. 2009) REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ESECUZIONE DEGLI ACCERTAMENTI E DELLE ISPEZIONI NECESSARIE ALL OSSERVANZA DELLE NORME RELATIVE AL CONTENIMENTO DEI CONSUMI D ENERGIA NELL ESERCIZIO E MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI

Dettagli

PROCEDURA PER L'ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA PER IMPIANTI DI UTENZA GAS NUOVI

PROCEDURA PER L'ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA PER IMPIANTI DI UTENZA GAS NUOVI PROCEDURA PER L'ATTIVAZIONE DELLA FORNITURA PER IMPIANTI DI UTENZA GAS NUOVI Procedura per richieste di attivazione della fornitura di gas pervenute al venditore a partire dall'1 aprile 2007 (art. 16,

Dettagli

Il libretto informativo contiene inoltre il modulo di autocertificazione (da compilare nel solo caso di impianto con potenzialità inferiore a 35 KW)

Il libretto informativo contiene inoltre il modulo di autocertificazione (da compilare nel solo caso di impianto con potenzialità inferiore a 35 KW) Con la Legge n 46/90 e la Legge n 10/91,ed il conseguente regolamento di applicazione (D.P:R. n 412/93 e sue modifiche introdotte dal D.P.R. 551/99) la Provincia di Imperia, al pari di tante altre Amministrazioni

Dettagli

DISCIPLINARE DI GARA

DISCIPLINARE DI GARA A1993/08-3 DISCIPLINARE DI GARA Allegato B) Alla determina n. del OGGETTO: Disciplinare di gara per il servizio di somministrazione lavoro a tempo determinato. Art. 1 Procedura semplificata ai sensi degli

Dettagli

La tua caldaia fuma? FALLA SMETTERE! Lodirespira. Campagna per il controllo e la gestione degli impianti termici

La tua caldaia fuma? FALLA SMETTERE! Lodirespira. Campagna per il controllo e la gestione degli impianti termici Comune di Lodi La tua caldaia fuma? FALLA SMETTERE! Lodirespira Indice CAMPAGNA OBBLIGATORIA PER IL CONTROLLO E LA GESTIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI A CHI E RIVOLTO QUESTO OPUSCOLO? 4 GLI IMPIANTI TERMICI,

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N.: 66. del 28/03/2014

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N.: 66. del 28/03/2014 COPIA COMUNE DI CAVALLERMAGGIORE Provincia di Cuneo DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO N.: 66 del 28/03/2014 Oggetto: Servizio di pulizia Palazzo Comunale - Approvazione verbale di gara e aggiudicazione.

Dettagli

AUTOSTRADA DEL BRENNERO SpA - Via Berlino n. 10, 38100 TRENTO - I - tel. n. 0461/212611 - fax n. 0461/212677 sito internet: www.autobrennero.

AUTOSTRADA DEL BRENNERO SpA - Via Berlino n. 10, 38100 TRENTO - I - tel. n. 0461/212611 - fax n. 0461/212677 sito internet: www.autobrennero. AUTOSTRADA DEL BRENNERO SpA - Via Berlino n. 10, 38100 TRENTO - I - tel. n. 0461/212611 - fax n. 0461/212677 sito internet: www.autobrennero.it BANDO DI GARA Nr. 10/2002 1. CRITERIO DI AGGIUDICAZIONE:

Dettagli

BANDO ROTTAMAZIONE CALDAIE 2008/09. Premessa

BANDO ROTTAMAZIONE CALDAIE 2008/09. Premessa DIREZIONE PARCHI, TERRITORIO, AMBIENTE, ENERGIA UFFICIO ATTIVITÀ TECNICHE ECOLOGICHE Servizio Politica Energetica Qualità dell Aria Inquinamento Acustico ed Elettromagnetico Rischio Ambiente SINA Via Passolanciano,

Dettagli

17/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 48. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori

17/06/2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE LAZIO - N. 48. Regione Lazio. Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Regione Lazio Atti della Giunta Regionale e degli Assessori Deliberazione 3 giugno 2014, n. 326 Misure urgenti per l'applicazione delle disposizioni contenute nel decreto legge 24 aprile 2014, n. 66 finalizzate

Dettagli

Miglioramento della sicurezza degli impianti ascensoristici anteriori alla direttiva 95/16/CE

Miglioramento della sicurezza degli impianti ascensoristici anteriori alla direttiva 95/16/CE DECRETO 23 luglio 2009 Miglioramento della sicurezza degli impianti ascensoristici anteriori alla direttiva 95/16/CE Pag. 28 G.U. N 189 del 17 Agosto 2009 IL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO Vista la

Dettagli

COMUNE DI MANIAGO ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE DELLE VALLI DELLE DOLOMITI FRIULANE

COMUNE DI MANIAGO ASSOCIAZIONE INTERCOMUNALE DELLE VALLI DELLE DOLOMITI FRIULANE Prot. 17959 Maniago, 01.07.2015 AVVISO PUBBLICO INDAGINE DI MERCATO per l individuazione dei soggetti da invitare alla procedura negoziata per l affidamento dei lavori di RIQUALIFICAZIONE E COMPLETAMENTO

Dettagli

PROVINCIA DI MATERA. Approvato con Deliberazione C.P. n. 72 del 28/06/2010

PROVINCIA DI MATERA. Approvato con Deliberazione C.P. n. 72 del 28/06/2010 PROVINCIA DI MATERA REGOLAMENTO PROVINCIALE PER L ESECUZIONE DEGLI ACCERTAMENTI E DELLE ISPEZIONI NECESSARIE ALL OSSERVANZA DELLE NORME RELATIVE AL CONTENIMENTO DEI CONSUMI DI ENERGIA NELL ESERCIZIO E

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI CITTÀ DI MINERBIO PROVINCIA DI BOLOGNA REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI IN CONTO CAPITALE PER L INSTALLAZIONE DI PANNELLI SOLARI FOTOVOLTAICI Approvato con deliberazione di C.C. n. 51 del 29/09/2008

Dettagli

SETTORE ECOLOGIA ED ENERGIA

SETTORE ECOLOGIA ED ENERGIA SETTORE ECOLOGIA ED ENERGIA Attività Rifiuti ed Inquinamento Atmosferico Autorizzazioni Integrate Ambientali ed impianti termici Affidamento del servizio di ispezione dello stato di esercizio e manutenzione,

Dettagli

Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile

Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile Ing. Stefania Crotta Responsabile Settore Sviluppo Energetico Sostenibile * LR n. 13 del 28 maggio 2007 * DGR n. 35-9702 del 30 settembre 2008 (Disposizioni attuative della LR 13/2007) approvazione delle

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG

LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG LINEE GUIDA PER LA FORMAZIONE E LA GESTIONE DELL ELENCO TELEMATICO DI OPERATORI ECONOMICI DI CUI ALL ART. 125 DEL DLG. 163/06 Art. 1 NORMATIVA APPLICABILE, OGGETTO E FINALITA Art. 1 NORMATIVA APPLICABILE,

Dettagli

Riscaldiamoci risparmiando...

Riscaldiamoci risparmiando... REGOLAMENTO/ MANUALE PER LA VERIFICA DEGLI IMPIANTI TERMICI Città di Scafati Città di Scafati GUIDA ALLA SICUREZZA E ALL EFFICIENZA ENERGETICA DEGLI IMPIANTI TERMICI CAMPAGNA PER IL CONTROLLO OBBLIGATORIO

Dettagli

Dichiarazione Committente/Responsabile lavori AL COMUNE DI RAGUSA. Sportello Unico per l Edilizia S.U.E.

Dichiarazione Committente/Responsabile lavori AL COMUNE DI RAGUSA. Sportello Unico per l Edilizia S.U.E. AL COMUNE DI RAGUSA Sportello Unico per l Edilizia S.U.E. DICHIARAZIONE DEL COMMITTENTE O RESPONSABILE DEI LAVORI (art.90 D.Lgs. n. 81 del 09.04 08 come modificato dall art 59 del D.Lgs n. 106 del 03.08.09)

Dettagli

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE

ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE Allegato n. 1 alla Delib.G.R. n. 38/12 del 30.9.2014 ACQUISIZIONE DI BENI E SERVIZI IN ECONOMIA DI CUI ALL ART. 125 DEL D.LGS. n. 163/2006 DELLA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA. DIRETTIVA GENERALE SOMMARIO

Dettagli

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DI AGENZIE DI PUBBLICITÀ E COMUNICAZIONE DISCIPLINARE

SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DI AGENZIE DI PUBBLICITÀ E COMUNICAZIONE DISCIPLINARE SISTEMA DI QUALIFICAZIONE DI AGENZIE DI PUBBLICITÀ E COMUNICAZIONE DISCIPLINARE Premessa - Descrizione delle forniture e dei servizi da appaltare mediante il sistema di qualificazione. ATAF S.p.A. intende

Dettagli

Impianti termici: Ispezioni

Impianti termici: Ispezioni Impianti termici: Ispezioni Linee guida per il regolamento delle ispezioni degli impianti termici degli edifici ai sensi del D.P.R. n. 74/2013. Domenico Prisinzano Torino, 14 ottobre 2014 Esercizio e manutenzione

Dettagli

COMUNE DI AREZZO DIREZIONE SERVIZI FINANZIARI SERVIZIO GARE E PATRIMONIO DISCIPLINARE DI GARA

COMUNE DI AREZZO DIREZIONE SERVIZI FINANZIARI SERVIZIO GARE E PATRIMONIO DISCIPLINARE DI GARA COMUNE DI AREZZO DIREZIONE SERVIZI FINANZIARI SERVIZIO GARE E PATRIMONIO DISCIPLINARE DI GARA PER L AFFIDAMENTO IN CONCESSIONE SERVIZIO DI TESORERIA COMUNALE 1 In esecuzione della deliberazione di Consiglio

Dettagli

ADOZIONE DEL REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI D UTENZA A GAS. UN NUOVO REGOLAMENTO PENSATO PER LA SICUREZZA.

ADOZIONE DEL REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI D UTENZA A GAS. UN NUOVO REGOLAMENTO PENSATO PER LA SICUREZZA. Delibera 40/04 della Autorità per l Energia Elettrica e il Gas ADOZIONE DEL REGOLAMENTO DELLE ATTIVITÀ DI ACCERTAMENTO DELLA SICUREZZA DEGLI IMPIANTI D UTENZA A GAS. UN NUOVO REGOLAMENTO PENSATO PER LA

Dettagli

Comune di Perugia. Al Presidente del Consiglio Comunale. Sede ORDINE DEL GIORNO. Oggetto: Impianti termici annullamento addebiti illegittimi.

Comune di Perugia. Al Presidente del Consiglio Comunale. Sede ORDINE DEL GIORNO. Oggetto: Impianti termici annullamento addebiti illegittimi. 1 Al Presidente del Consiglio Comunale Sede ORDINE DEL GIORNO Oggetto: Impianti termici annullamento addebiti illegittimi. PREMESSO - con D.D. n. 115, del 23/08/2012, il ha stabilito di procedere all indizione

Dettagli

COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) AREA TECNICA Servizio Urbanistico

COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) AREA TECNICA Servizio Urbanistico COMUNE DI MENDICINO (Provincia di Cosenza) AREA TECNICA Servizio Urbanistico Segnalazione Certificata di Inizio Attività -S.C.I.A.- ai sensi degli artt. 22 e 23 del D.P.R. n. 380/01 e s.m.i. come modificati

Dettagli

DIREZIONE PARCHI, TERRITORIO, AMBIENTE, ENERGIA

DIREZIONE PARCHI, TERRITORIO, AMBIENTE, ENERGIA DIREZIONE PARCHI, TERRITORIO, AMBIENTE, ENERGIA UFFICIO ATTIVITÀ TECNICHE ECOLOGICHE Servizio Politica Energetica Qualità dell Aria Inquinamento Acustico ed Elettromagnetico Rischio Ambiente SINA Via Passolanciano,

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

PROVINCIA REGIONALE DI ENNA PROVINCIA REGIONALE DI ENNA C.F. 80000810863 Tel. 0935.521111 Fax 0935.500429 SETTORE I Affari Generali DIRIGENTE - Dott. Giuseppa Gatto Tel. 0935 521.215 Fax 0935 521217 Pec: protocollo@provincia.enna.it

Dettagli

TRA. E le Associazioni dei Consumatori ADICONSUM, FEDERCONSUMATORI e ADOC nelle persone dei propri legali rappresentanti: sig. Alessandro Pavanello

TRA. E le Associazioni dei Consumatori ADICONSUM, FEDERCONSUMATORI e ADOC nelle persone dei propri legali rappresentanti: sig. Alessandro Pavanello CONVENZIONE TRA COMUNE DI ROVIGO, ASSOCIAZIONI ARTIGIANE ED ASSOCIAZIONI DEI CONSUMATORI PER L ATTUAZIONE DI CAMPAGNE DI MANUTENZIONE DEGLI IMPIANTI TERMICI DI POTENZA NOMINALE INFERIORE A 35 kw SUL TERRITORIO

Dettagli

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA

26/03/2015. MODALITÀ DI FORMULAZIONE DELLA PROPOSTA AVVISO ESPLORATIVO Oggetto: Fornitura di energia elettrica e servizi connessi per sessantacinque utenze intestate all EFS. - Importo complessivo annuo stimato 37.000,00 oltre iva di legge. - Procedura

Dettagli