BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Serie Ordinaria - Lunedì 22 luglio D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "BOLLETTINO UFFICIALE SOMMARIO REPUBBLICA ITALIANA. Serie Ordinaria - Lunedì 22 luglio 2013. D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale"

Transcript

1 Anno XLIII N. 175 Iscritto nel registro Stampa del Tribunale di Milano (n. 656 del 21 dicembre 2010) Proprietario: Giunta Regionale della Lombardia Sede Direzione e redazione: p.zza Città di Lombardia, Milano Direttore resp.: Marco Pilloni Redazione: tel. 02/6765 int ; 30 Serie Ordinaria - Lunedì 22 luglio 2013 BOLLETTINO UFFICIALE REPUBBLICA ITALIANA SOMMARIO D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Istruzione, formazione e lavoro Decreto dirigente struttura 17 luglio n Approvazione dell avviso per la fruizione dell offerta formativa per la realizzazione di corsi annuali di istruzione e formazione professionale per l accesso all esame di Stato - Annualità D.G. Famiglia, solidarietà sociale e volontariato Decreto direttore generale 11 luglio n Riconoscimento di ente unico per la gestione di una pluralità di unità di offerta socio sanitarie per il seguente ente gestore: «Residenze Anni Azzurri s.r.l.», con sede legale in Milano, via Ciovassino, n. 1, C.F.: E) PROVVEDIMENTI DELLO STATO Commissari ad acta (Nominati con sentenza TAR BS n. 611/2013) - Determina 16 luglio n. 1 Avvio del procedimento per l attuazione della sentenza del TAR di Brescia n. 611/2013 relativa al Piano cave della Provincia di Bergamo e alla relativa valutazione ambientale strategica (VAS) da parte dei Commissari ad acta

2 2 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Istruzione, formazione e lavoro D.d.s. 17 luglio n Approvazione dell avviso per la fruizione dell offerta formativa per la realizzazione di corsi annuali di istruzione e formazione professionale per l accesso all esame di Stato - Annualità IL DIRIGENTE DELLA STRUTTURA ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE, TECNICA SUPERIORE E DIRITTO ALLO STUDIO Visti: il Regolamento (CE) n. 1081/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 5 luglio 2006, relativo al Fondo Sociale europeo e recante abrogazione del Regolamento (CE) n. 1784/1999; il Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio, dell 11 luglio 2006, recante disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione e che abroga il regolamento (CE) n. 1260/1999; il Regolamento (CE) n. 1828/2006 della Commissione, dell 8 dicembre 2006, che stabilisce modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1083/2006 e del Regolamento n. 1080/2006; il Regolamento (CE) n. 396/2009 del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 6 maggio 2009, che modifica il regolamento (CE) n. 1081/2006 relativo al Fondo sociale europeo per estendere i tipi di costi ammissibili a un contributo del FSE; il Programma Operativo Regionale Ob. 2 FSE , Regione Lombardia, approvato con Decisione della Commissione C(2007) 5465, del 6 novembre 2007; Richiamati: il decreto legislativo 17 ottobre 2005, n. 226 «Norme generali e livelli essenziali delle prestazioni relativi al secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e formazione» che all art. 15 comma 6 prevede che «I titoli e le qualifiche conseguiti al termine dei percorsi del sistema di istruzione e formazione professionale di durata almeno quadriennale consentono di sostenere l esame di Stato, utile anche ai fini degli accessi all università e all alta formazione artistica, musicale e coreutica, previa frequenza di apposito corso annuale»; decreto ministeriale dell 11 novembre 2011 che recepisce l intesa siglata in Conferenza Unificata del 27 luglio 2011, fra il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano, i Comuni, le Province e le Comunità Montane, per il passaggio a nuovo ordinamento dei percorsi di Istruzione e Formazione Professionale di cui al decreto legislativo 17 ottobre 2005, n. 226; legge regionale n. 19/2007 «Norme sul sistema educativo di istruzione e formazione della Regione Lombardia», e successive modifiche e integrazioni che prevede altresì, all art. 11, com. 1, lettera c, la possibilità di un corso annuale destinato a coloro che sono in possesso della certificazione conseguita a conclusione del quarto anno di IFP, realizzato di intesa con le università, con l alta formazione artistica, musicale e coreutica, ai fini dell ammissione all esame di Stato per l accesso all università, all alta formazione artistica, musicale e coreutica; Richiamate: la l.r. 28 settembre 2006, n. 22 «Il mercato del lavoro in Lombardia»; la l.r. 4 agosto 2003, n. 13 «Promozione all accesso al lavoro delle persone disabili e svantaggiate» come integrata dall art. 28 della l.r. n. 22/2006; la d.g.r. del 25 novembre 2009, n «Linee di indirizzo a sostegno delle iniziative in favore dell inserimento sociolavorativo delle persone disabili (ll.rr. nn. 13/03 e 21/03)»; la d.g.r. del 16 gennaio 2013, n. IX/4688 avente a oggetto «Programmazione del sistema dote per i servizi di istruzione e formazione professionale per l anno scolastico e formativo 2013/2014»; Richiamati, inoltre: la d.g.r. del 13 febbraio 2008, n. VII/6563 «Indicazioni regionali per l offerta formativa in materia di istruzione e formazione professionale (art. 22, comma 4, l.r. n. 19/2007)» e d.d.u.o. del 12 settembre 2008, n «Approvazione delle procedure relative allo svolgimento delle attività formative dei soggetti accreditati al sistema di istruzione e formazione professionale della Regione Lombardia», che definiscono natura e standard dell offerta regionale a regime e ne delineano il nuovo quadro di Programmazione provinciale e regionale; la d.g.r. del 26 ottobre 2011, n. IX/2412 «Procedure e requisiti per l accreditamento degli operatori pubblici e privati per erogazione dei servizi di Istruzione e formazione professionale nonché dei servizi per il lavoro» e relativi decreti attuativi; il d.d.g del 13 novembre 2012 «Approvazione dei requisiti e delle modalità operative per la richiesta di iscrizione all albo regionale degli accreditati per i servizi di istruzione e formazione professionale - Sezione A - in attuazione della d.g.r. n. IX/2412 del 26 ottobre 2011 il d.d.g. del 22 febbraio 2010, n «Approvazione degli standard formativi minimi di apprendimento relativi ai percorsi di secondo ciclo del sistema di istruzione e formazione professionale della Regione Lombardia»; il d.d.g. del 28 settembre 2010, n «Approvazione degli standard formativi minimi di apprendimento relativi ai profili regionali dei percorsi di secondo ciclo del sistema di istruzione e formazione professionale della Regione Lombardia»; il d.d.g. del 24 ottobre 2011, n «Recepimento delle aree professionali ai sensi dell Accordo in Conferenza del 27 luglio 2011 e degli standard formativi minimi di apprendimento e delle figure del repertorio nazionale dell offerta di istruzione e formazione professionale ai sensi dell accordo in conferenza Stato Regioni del 27 luglio 2011»; il d.d.g. dell 11 febbraio 2010 n. 1146, «Repertorio dell offerta di istruzione e formazione in attuazione dell art. 23 della l.r. 19/07», che definisce la gamma dei percorsi di secondo ciclo, dei relativi profili e denominazioni regionali per l anno scolastico 2010/11, di prima attuazione della messa a regime della IFP; il d.d.g. del 2 dicembre 2010, n «Repertorio dell offerta di istruzione e formazione professionale in attuazione dell art. 23 della l.r. 19/07, a partire dall anno scolastico 2011/2012», che definisce la gamma dei percorsi di secondo ciclo, dei relativi profili e denominazioni regionali; il d.d.g. del 10 agosto 2012 n avente ad oggetto: «Approvazione del repertorio dell offerta di istruzione e formazione professionale di secondo ciclo della Regione Lombardia a partire dall anno scolastico 2013/2014» e il successivo aggiornamento approvato con decreto del 12 dicembre 2012 n Visto il d.d.u.o. del 21 aprile 2011, n di approvazione del nuovo Manuale Operatore per l attuazione degli interventi finanziati con il sistema dote e successive integrazioni di cui al d.d.u.o. n del 22 febbraio 2012; Richiamata la d.g.r. del 16 gennaio 2013, n. IX/4688 «Programmazione del sistema Dote per i servizi di istruzione e formazione professionale per l anno scolastico e formativo 2013/2014» con cui è stata approvata la programmazione dell offerta formativa riferita ai percorsi annuali di IeFP per l accesso all esame di Stato per l anno 2013/2014 demandando a successivi atti gestionali la definizione delle modalità e dei tempi per la presentazione dell offerta formativa e l assegnazione delle doti; Considerato, pertanto, necessario assicurare, anche per l anno formativo 2013/2014, l offerta formativa dei percorsi annuali di istruzione e formazione professionale per l accesso all esame di stato, provvedendo ad approvare i seguenti documenti che costituiscono parte integrante e sostanziale del presente provvedimento: l Avviso per la fruizione dell offerta formativa per la realizzazione di corsi annuali di istruzione e formazione professionale per l accesso all esame distato - annualità , (Allegato A); Le Linee Guida per il corso annuale di I.F.P. per l accesso all esame di Stato ex art. 15 c. 6, d.lgs. n. 226/05 (Allegato B); Il modello di Accordo tra l Istituzione Formativa e l Istituto professionale di Stato o Paritario (Allegato C); Lo schema di Atto di Adesione Unico (Allegato D); Ritenuto, inoltre, di stabilire che le risorse disponibili, pari a complessivi ,00 trovano copertura finanziaria, come

3 Bollettino Ufficiale 3 stabilito dalla citata d.g.r. del 16 gennaio 2012, n. IX/4688, negli stanziamenti iscritti ai competenti capitoli di cui alla Missione 15, Programma 4, Titolo 1, cap e sono da imputare sull Asse IV «Capitale Umano» - Obiettivo Specifico i) - Categoria di spesa 73 del P.O.R. FSE Ob per ,00 e agli stanziamenti iscritti alla Missione 4, Programma 2, Titolo 1, cap del Bilancio 2014 per ,00; Dato atto che l Autorità Centrale di Coordinamento e Programmazione (ACCP) ha comunicato in data 27 maggio 2013 l esito positivo della procedura per la consultazione scritta attivata sull avviso di cui al citato allegato A a valere sul POR FSE 2007/2013; Viste: la d.g.r. n. X/113. del 14 maggio 2013, con cui è stata approvata la proposta di PRS della X legislatura; la Legge Regionale n. 19 del 19 dicembre 2012 «Bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2013 e bilancio pluriennale 2013/2015 a legislazione vigente e programmatico; la d.g.r del 19 dicembre 2012 «Documento tecnico di accompagnamento al «Bilancio di previsione per l esercizio finanziario 2013 e bilancio pluriennale 2013/2015 a legislazione vigente» - Riclassificazione in parallelo per U.P.B - Piano di alienazione e valorizzazione degli immobili - Programma triennale delle opere pubbliche Programmi annuali di attività degli enti, aziende dipendenti e società in house; Vista la l.r. 34/78 e successive modificazioni e integrazioni, nonché il regolamento di contabilità; Vista la l.r. del 7 luglio 2008, n. 20 «Testo unico delle leggi regionali in materia di organizzazione e personale» e i provvedimenti organizzativi della X legislatura; DECRETA 1. di approvare, per i motivi esposti in premessa, l Avviso per la fruizione dell offerta formativa per la realizzazione di corsi annuali di istruzione e formazione professionale per l accesso all esame distato - annualità , (Allegato A che costituisce parte integrante e sostanziale del presente provvedimento); 2. di approvare, inoltre, le Linee Guida per il corso annuale di I.F.P. per l accesso all esame di Stato ex art. 15 c. 6, d.lgs. n. 226/05 (Allegato B), il modello di Accordo tra l Istituzione Formativa e l Istituto professionale di Stato o Paritario (Allegato C) e lo schema di «Atto di Adesione Unico» (Allegato D), parti integranti e sostanziali del presente atto; 3. di stabilire che le risorse disponibili, pari a complessivi ,00 trovano copertura finanziaria, come stabilito dalla citata d.g.r. del 16 gennaio 2012, n.ix/4688, negli stanziamenti iscritti ai competenti capitoli di cui alla Missione 15, Programma 4, Titolo 1 cap e sono da imputare sull Asse IV «Capitale Umano» - Obiettivo Specifico i) - Categoria di Spesa 73 del P.O.R. FSE Ob per ,00 e agli stanziamenti iscritti alla Missione 4, Programma 2, Titolo 1, cap del Bilancio 2014 per ,00; 4. di disporre la pubblicazione del presente provvedimento sul Bollettino Ufficiale di Regione Lombardia e sul sito di Regione Lombardia. Il dirigente Paolo Formigoni

4 4 Bollettino Ufficiale ALLEGATO A AVVISO PER LA FRUIZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA PER LA REALIZZAZIONE DI CORSI ANNUALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE PER L ACCESSO ALL ESAME DI STATO ANNUALITÀ 2013/2014 I. QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO II. OFFERTA FORMATIVA Natura dell offerta formativa relativa alla quinta annualità Requisiti delle Istituzioni Formative Finanziabilità dell offerta formativa Presentazione dell offerta formativa III. SISTEMA DOTE E DESTINATARI Strumento Dote Destinatari/e Valore della Dote IV. FRUIZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA Iscrizione e frequenza ai percorsi Atto di adesione Richiesta di Dote Assegnazione della Dote Impegno all avvio del percorso formativo Ritiro degli studenti nel corso dell anno Casi di subentro nella dote V. GESTIONE DEI PERCORSI FORMATIVI Comunicazione di avvio delle attività Finanziamento e liquidazione delle Doti Variazioni del calendario/della data di conclusione Monitoraggio, controlli e sanzioni Riepilogo di tempi e scadenze I. QUADRO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Il corso annuale integrativo di Istruzione e Formazione Professionale si colloca all interno dell offerta formativa di Istruzione e Formazione Professionale della Regione Lombardia regolata dal seguente quadro ordinamentale nazionale e regionale: Decreto legislativo 17 ottobre 2005, n. 226 «Norme generali e livelli essenziali delle prestazioni relativi al secondo ciclo del sistema educativo di istruzione e formazione» che all art. 15 comma 6 prevede che «I titoli e le qualifiche conseguiti al termine dei percorsi del sistema di istruzione e formazione professionale di durata almeno quadriennale consentono di sostenere l esame di Stato, utile anche ai fini degli accessi all università e all alta formazione artistica, musicale e coreutica, previa frequenza di apposito corso annuale»; Decreto ministeriale dell 11 novembre 2011 che recepisce l intesa siglata in Conferenza Unificata del 27 luglio 2011, fra il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca, il Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali, le Regioni e le Province Autonome di Trento e Bolzano, i Comuni, le Province e le Comunità Montane, per il passaggio a nuovo ordinamento dei percorsi di Istruzione e Formazione Professionale di cui al decreto legislativo 17 ottobre 2005, n. 226; Legge regionale n. 19/2007 «Norme sul sistema educativo di istruzione e formazione della Regione Lombardia», e successive modifiche e integrazioni che enunciando i principi di autonomia e responsabilità delle Istituzioni Formative, di programmazione sussidiaria, di centralità dell allievo e della sua famiglia, nonché di finanziamento con il criterio del sistema concessorio attraverso lo strumento della Dote, prevede altresì, all art.11, com.1, lettera c, la possibilità di un corso annuale destinato a coloro che sono in possesso della certificazione conseguita a conclusione del quarto anno di IFP, realizzato di intesa con le università, con l alta formazione artistica, musicale e coreutica, ai fini dell ammissione all esame di Stato per l accesso all università, all alta formazione artistica, musicale e coreutica; In particolare, il quadro di riferimento per l offerta formativa dei percorsi di istruzione e formazione professionale per l accesso all esame di Stato - anno formativo 2013/ è descritto e disciplinato dai seguenti atti: D.g.r. del 13 febbraio 2008, n. VII/6563 «Indicazioni regionali per l offerta formativa in materia di istruzione e formazione professionale (art. 22, comma 4, l.r. n. 19/2007)» e d.d.u.o. del 12 settembre 2008, n «Approvazione delle procedure relative allo svolgimento delle attività formative dei soggetti accreditati al sistema di istruzione e formazione professionale della Regione Lombardia», che definiscono natura e standard dell offerta regionale a regime e ne delineano il nuovo quadro di Programmazione provinciale e regionale; D.g.r. del 26 ottobre 2011, n. IX/2412 «Procedure e requisiti per l accreditamento degli operatori pubblici e privati per erogazione dei servizi di Istruzione e formazione professionale nonché dei servizi per il lavoro» e relativi decreti attuativi; D.d.g del 13 novembre 2012 «Approvazione dei requisiti e delle modalità operative per la richiesta di iscrizione all albo regionale degli accreditati per i servizi di istruzione e formazione professionale - Sezione A - in attuazione della d.g.r. n. IX/2412 del 26 ottobre 2011 D.d.g. del 22 febbraio 2010, n «Approvazione degli standard formativi minimi di apprendimento relativi ai percorsi di secondo ciclo del sistema di istruzione e formazione professionale della Regione Lombardia»;

5 Bollettino Ufficiale 5 D.d.g. del 28 settembre 2010, n «Approvazione degli standard formativi minimi di apprendimento relativi ai profili regionali dei percorsi di secondo ciclo del sistema di istruzione e formazione professionale della Regione Lombardia»; D.d.g. del 24 ottobre 2011, n «Recepimento delle aree professionali ai sensi dell Accordo in Conferenza del 27 luglio 2011 e degli standard formativi minimi di apprendimento e delle figure del repertorio nazionale dell offerta di istruzione e formazione professionale ai sensi dell accordo in conferenza Stato Regioni del 27 luglio 2011»; D.d.g. dell 11 febbraio 2010 n. 1146, «Repertorio dell offerta di istruzione e formazione in attuazione dell art. 23 della l.r. 19/07», che definisce la gamma dei percorsi di secondo ciclo, dei relativi profili e denominazioni regionali per l anno scolastico 2010/11, di prima attuazione della messa a regime della IFP; D.d.g. del 2 dicembre 2010, n «Repertorio dell offerta di istruzione e formazione professionale in attuazione dell art.23 della l.r. 19/07, a partire dall anno scolastico 2011/2012», che definisce la gamma dei percorsi di secondo ciclo, dei relativi profili e denominazioni regionali; D.d.g. del 10 agosto 2012 n avente ad oggetto: «Approvazione del repertorio dell offerta di istruzione e formazione professionale di secondo ciclo della Regione Lombardia a partire dall anno scolastico 2013/2014» e il successivo aggiornamento approvato con decreto del 12 dicembre 2012 n D.g.r. del 16 gennaio 2013, n. IX/4688 «Programmazione del sistema Dote per i servizi di istruzione e formazione professionale per l anno scolastico e formativo 2013/2014»; Per le iniziative finanziate con il Fondo Sociale Europeo, inoltre, si fa riferimento alla seguente normativa: Regolamento (CE) n. 1081/2006 del Parlamento europeo e del Consiglio, del 5 luglio 2006, relativo al Fondo Sociale europeo e recante abrogazione del Regolamento (CE) n. 1784/1999; Regolamento (CE) n. 1083/2006 del Consiglio, dell 11 luglio 2006, recante disposizioni generali sul Fondo europeo di sviluppo regionale, sul Fondo sociale europeo e sul Fondo di coesione e che abroga il regolamento (CE) n. 1260/1999; Regolamento (CE) n. 1828/2006 della Commissione, dell 8 dicembre 2006, che stabilisce modalità di applicazione del regolamento (CE) n. 1083/2006 e del Regolamento n. 1080/2006; Regolamento (CE) n. 396/2009 del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 6 maggio 2009, che modifica il regolamento (CE) n. 1081/2006 relativo al Fondo sociale europeo per estendere i tipi di costi ammissibili a un contributo del FSE; Programma Operativo Regionale Ob. 2 FSE , Regione Lombardia, approvato con Decisione della Commissione C(2007) 5465, del 6 novembre 2007; D.d.u.o. del 21 aprile 2011, n. 3637, che approva il Manuale Operatore per l attuazione degli interventi finanziati con il sistema Dote e il successivo d.d.u.o. n del 22 febbraio 2012 «Modifiche ed integrazioni al «Manuale Operatore»; Il presente intervento si rifà, inoltre, ai principi del d.lgs. 198/2006 in materia di pari opportunità tra uomo e donna, alla Strategia della Commissione Europea per le pari opportunità tra donne e uomini e all iniziativa faro «Un agenda per nuove competenze e nuovi posti di lavoro» prevista dalla Commissione Europea nell ambito della strategia Europa 2020, che richiama i principi della responsabilità sociale d impresa (RSI - CSR). II. OFFERTA FORMATIVA Natura dell offerta formativa relativa alla quinta annualità L offerta formativa è finalizzata a sostenere la realizzazione del corso annuale di Istruzione e Formazione Professionale, di cui all art. 15, comma 6, del d.lgs. n. 226/05, finalizzato a sostenere l esame di Stato, utile all accesso all Università e all Alta formazione artistica, musicale e coreutica e agli ITS. Nelle more della piena attuazione dell art. 15, di cui al decreto sopra citato, e in attuazione del d.m. 18 gennaio 2011 n. 4 che recepisce l Intesa siglata in C.U. il 16 dicembre 2010, concernente le Linee guida per gli organici raccordi ex art. 13, comma 1-quinquies, della legge n. 40/2007, il corso annuale si concluderà con l esame di Stato previsto per i percorsi degli Istituti Professionali, come regolamentato dalle vigenti disposizioni sugli esami conclusivi dell Istruzione secondaria superiore. Il corso annuale per sostenere l esame di Stato rappresenta un ulteriore opportunità di flessibilità per gli studenti del sistema di Istruzione e Formazione Professionale, ulteriore alla possibilità per gli studenti dei percorsi di IFP di passare al sistema di istruzione ai sensi delle norme vigenti. I percorsi, presentati da parte delle Istituzioni Formative, in coerenza con la d.g.r. del 21 febbraio 2008, n. 6563, devono prevedere: l adozione di programmazioni formative che sviluppino dimensioni culturali e professionali in riferimento agli standard formativi di cui alle Linee Guida dell Allegato B al presente avviso, nonché alle conoscenze e competenze oggetto di accertamento in sede di esame di Stato per la specifica figura/profilo professionale; l esplicitazione di criteri metodologici e di valutazione; l utilizzo di docenti in possesso dell abilitazione all insegnamento o, comunque, di titolo di studio valido per l accesso all insegnamento. L orario minimo annuale dei percorsi di 5 anno è fissato in 990 ore. La data di avvio dei percorsi deve essere compatibile con l accesso all esame di Stato. Le procedure di avvio e di svolgimento delle attività formative devono avvenire secondo quanto disposto con d.d.u.o del 12 settembre 2008, n Per le modalità di iscrizione e di accesso all esame di Stato, nonché per le modalità organizzative e operative di svolgimento dell esame stesso, si rinvia agli specifici atti emanati dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Requisiti delle Istituzioni Formative Possono presentare l offerta formativa per i corsi annuali di Istruzione e Formazione professionale per l accesso all esame di Stato le Istituzioni Formative accreditate nella sezione «A» dell Albo regionale degli accreditati per i servizi di istruzione e formazione professionale, ai sensi della d.g.r. del 26 ottobre 2011, n. ix/2412 e relativi decreti attuativi, che abbiano portato a termine nell anno formativo precedente un percorso di 4 annualità riferito all area professionale del progetto che intendono presentare. I corsi possono essere erogati esclusivamente presso le unità organizzative presenti nel sistema informativo dell accreditamento. È vietato lo svolgimento dei percorsi in sedi occasionali. I corsi annuali possono essere avviati con un numero minimo di 10 allievi iscritti, omogenei per figura/profilo professionale, che hanno concluso la 4 annualità negli aa.ff. 2011/2012 o 2012/2013, limitatamente agli indirizzi che trovano corrispondenza nello specifico Esame di Stato di Istruzione Professionale, come da tabella riportata al Capitolo I delle Linee Guida di cui all allegato B del presente avviso. I percorsi presentati nel sistema informativo Finanziamenti Online saranno verificati sulla base delle coerenze di cui al punto precedente.

6 6 Bollettino Ufficiale Nel caso in cui non si raggiunga la condizione del numero minimo di 10 alunni omogenei per figura/profilo, il gruppo classe potrà essere costituito dalle Istituzioni Formative accreditate in forma di partenariato omogeneo per figura. L Istituzione Formativa capofila del partenariato costituisce l unico interlocutore per il percorso formativo nei confronti di Regione Lombardia. In alternativa al partenariato, in via del tutto eccezionale, può essere costituita una classe articolata, ove per classe articolata si intende un gruppo classe con alunni provenienti da percorsi di figura/profilo differenti. La classe articolata potrà essere costituita esclusivamente per ragioni territoriali (quando le Istituzioni Formative che erogano il percorso connesso alla stessa figura/profilo non siano sufficientemente vicine per costituire un gruppo omogeneo di alunni) o di singolarità (quando non siano presenti nel territorio lombardo altre Istituzioni Formative che erogano un percorso connesso alla stessa figura/ profilo). Per la costituzione di una classe articolata, l Istituzione Formativa deve presentare richiesta motivata alla Struttura competente della D.g. Istruzione, Formazione e Lavoro, al fine di ottenere l eventuale autorizzazione a procedere. Non è comunque possibile costituire classi articolate con alunni provenienti da più di due differenti figure/profili. L Istituzione Formativa singola o capofila di un partenariato ha l obbligo di stipulare uno specifico accordo con un Istituto Professionale di Stato o paritario ubicato in Regione Lombardia, come da modello di cui all Allegato C del presente Avviso, per attivare adeguate azioni di progettazione del corso stesso, nonché di affiancamento e accompagnamento in funzione dell ammissione all esame di Stato. Se entrambe/i le/i figure/profili delle classi articolate non trovassero corrispondenza in specifici esami di Stato di un solo Istituto Professionale, è necessario stipulare un secondo specifico accordo con un altro Istituto Professionale in cui è attivato l indirizzo di riferimento. Al fine di favorire tali accordi, Regione Lombardia riconosce un contributo forfettario a parziale copertura delle spese relative all accompagnamento del percorso da parte degli Istituti Professionali di Stato e Paritari. Il contributo, di euro 1.000,00 per classe o nel caso di classe articolata, per figura/profilo, sarà direttamente erogato agli Istituti Professionali a seguito di loro presentazione, al termine degli esami, di una relazione sull attività svolta, da presentarsi alla competente struttura della D.g. Istruzione, Formazione e Lavoro Finanziabilità dell offerta formativa L offerta formativa può essere: a. esclusivamente a finanziamento pubblico; b. esclusivamente a finanziamento privato. Nel caso della tipologia a) l offerta è finanziata attraverso lo strumento della Dote di cui alla sezione III del presente Avviso. Non è consentita l attivazione di classi che siano in parte a finanziamento pubblico e in parte privato. Le Istituzioni Formative non possono richiedere contributi obbligatori a carico degli allievi inseriti in classi sostenute con il sistema Dote. La dotazione finanziaria per percorsi di IFP V anni, è pari a euro ,00 a valere sul P.O.R. FSE Ob /2013, Asse IV «Capitale Umano» Obiettivo Specifico i) Categoria di Spesa 73 ed ,00, quale rimborso spesa alle Istituzioni scolastiche di cui al punto 2.2 che trova copertura sulla Missione 4, Programma 2 Titolo 1 del Bilancio Presentazione dell offerta formativa Le Istituzioni Formative presentano, dalle ore 12,00 del 19 al 26 settembre 2013, la propria offerta formativa attraverso la piattaforma Finanziamenti Online, compilando, fra le altre informazioni, l elenco puntuale degli alunni iscritti, il cui numero non può essere inferiore a 10 e deve rispettare, in ogni caso, i limiti di capienza e la normativa in materia di sicurezza e antincendio. In questa fase dovranno essere caricati a sistema i seguenti documenti, firmati digitalmente dal legale rappresentante dell istituzione formativa: specifico accordo con uno o, nei casi previsti, due Istituti Professionali di Stato o Paritari della Regione Lombardia, secondo il modello di cui all Allegato C del presente avviso, firmato da entrambe le parti; l Accordo dovrà specificamente indicare la classe e la sezione dell Istituto Professionale a cui è abbinato il percorso annuale per l accesso all esame di Stato. Non è in ogni caso possibile abbinare al percorso di Istruzione Professionale ad ordinamento statale più di un percorso di IeFP ad ordinamento regionale. dichiarazione di utilizzo di docenti in possesso dell abilitazione all insegnamento o, comunque, di titolo di studio valido per l accesso all insegnamento. Al riguardo si precisa che per titolo di studio valido per l accesso all insegnamento si intende il titolo non già di per sé abilitante, ma che consente l accesso al TFA. Il docente, pertanto deve essere almeno in possesso dei titoli necessari per iscriversi ai bandi al Tirocinio Formativo Attivo: laurea del vecchio ordinamento riconosciuta dal d.m. 39/98 e degli eventuali esami richiesti per poter avere accesso all insegnamento oppure laurea del nuovo ordinamento specialistica o magistrale riconosciuta dal d.m. n. 22/2005. esplicitazione dei criteri di selezione degli allievi, con particolare riferimento ai risultati raggiunti in esito ai percorsi di 4 annualità, sia nelle competenze di base che tecnico-professionali. In caso di partenariato, inoltre, il capofila dovrà comunicare i nominativi dei partner con i rispettivi ruoli e la quantificazione delle attività, garantendo che le sedi di riferimento e i laboratori siano unità organizzative presenti nel sistema informativo dell accreditamento. Il singolo partner dovrà inoltre manifestare con apposita nota indirizzata al capofila la propria disponibilità a partecipare al partenariato indicando gli elementi della collaborazione. Le offerte trasmesse al di fuori dei termini o con modalità differenti rispetto a quanto stabilito nel presente Avviso pubblico sono da ritenersi inammissibili. III. SISTEMA DOTE E DESTINATARI Strumento Dote L offerta è finanziata con lo strumento della Dote conformemente ai principi della centralità della persona, libertà di scelta e valorizzazione del capitale umano, sanciti dalle leggi regionali nn. 22/2006 e 19/2007. A ogni Istituzione Formativa, nel rispetto della dotazione finanziaria, è riconosciuto un numero massimo di Doti pari al 13% dei propri allievi diplomati nell a.f in aree coerenti con il presente avviso. In ogni caso per ciascuna classe attivata possono essere assegnate fino a un massimo di 20 Doti. Nel caso di gruppo classe costituito dalle Istituzioni Formative in forma di partenariato verrà considerato il numero complessivo di Doti spettanti a ciascuna Istituzione, nel rispetto del numero complessivo di Doti riconoscibili. Le doti degli Enti che non intendono avviare il percorso annuale potranno essere messe a disposizione di un Ente che intende avviare il percorso attraverso una nota di disponibilità da allegare sul sistema informativo.

7 Bollettino Ufficiale Destinatari/e L Avviso si rivolge agli studenti dei percorsi di IFP in uscita dal 4 anno 2011/2012 o 2012/2013, in possesso dei seguenti requisiti: effettiva residenza dell allievo in Regione Lombardia alla data di richiesta della Dote, ovvero domicilio per i soli allievi che hanno fissato lo stesso presso l istituto sede del corso nel caso questo offra un servizio di convittualità ai propri studenti; essere in possesso del Diploma di Tecnico del sistema di istruzione e formazione professionale acquisito negli a.f. 2011/12 o 2012/13, limitatamente agli indirizzi che trovano corrispondenza in specifico esame di Stato di istruzione professionale, come da tabella riportata nelle Linee Guida, di cui all Allegato B al presente avviso Valore della Dote Il percorso sarà declinato all interno di un Piano di Intervento Personalizzato (PIP), definito in raccordo con l Istituzione Formativa presso cui è avvenuta l iscrizione. Il valore massimo della Dote è pari a 4.800,00 euro per destinatario, nel rispetto del costo orario standard di 4,93. IV. FRUIZIONE DELL OFFERTA FORMATIVA Iscrizione e frequenza ai percorsi Le Istituzioni Formative procedono alla selezione dei richiedenti l iscrizione, verificando per ogni alunno il Portfolio delle competenze personali, le motivazioni, i livelli di competenza raggiunti e i risultati ottenuti in sede di prove finali di Diploma Professionale. L iscrizione degli allievi ai percorsi di IFP percorso annuale per l accesso all esame di Stato anni 2013/ avviene mediante apposita procedura nel sistema informatico ed è condizione per la presentazione dell offerta formativa. La frequenza minima per l ammissione all esame di Stato è fissata nel 75% delle ore complessive del corso. Per le modalità di iscrizione e di accesso all esame di Stato, nonché per le modalità organizzative e operative di svolgimento dell esame stesso, si rinvia agli specifici atti che saranno emanati dal Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Atto di adesione Le Istituzioni che hanno presentato un offerta formativa devono inviare a Regione Lombardia, a partire dal 30 settembre 2013, l Atto di adesione unico (Allegato D). L atto dovrà essere sottoscritto digitalmente e trasmesso accedendo al sistema informativo regionale (https://gefo.servizirl.it/dote). L Atto di adesione unico è valido per tutte le Doti richieste nell ambito dell Avviso ed è condizione necessaria per poter prendere in carico i destinatari ed erogare i servizi. Non sarà pertanto possibile richiedere le Doti prima della trasmissione del documento di cui sopra Richiesta di Dote La richiesta di Dote nominativa può essere effettuata a partire dalle ore 12:00 del 30 settembre 2013 per gli allievi già iscritti presso il percorso formativo prescelto, e fino al 14 ottobre 2013 attraverso il Sistema Informativo «Finanziamenti On-Line», raggiungibile all indirizzo web: https://gefo.servizirl.it/dote. Il sistema è accessibile mediante l utilizzo delle credenziali già in possesso delle Istituzioni Formative. Il destinatario o, se minorenne, il genitore o chi ne fa le veci elabora con il supporto dell Operatore accreditato il Piano d Intervento Personalizzato, che deve essere sottoscritto da entrambi. Il destinatario firma altresì la domanda di partecipazione all avviso. Tali documenti vengono conservati agli atti dell operatore. L invio della domanda di Dote a Regione Lombardia è in capo all Istituzione Formativa e avviene mediante la trasmissione della Dichiarazione Riassuntiva Unica firmata digitalmente dal rappresentante legale o da altro soggetto con potere di firma tramite il sistema informativo, secondo le modalità indicate nel Manuale Operatore di cui al d.d.u.o. del 21 aprile 2011, n e successive integrazioni di cui al d.d.u.o. n del 22 febbraio La richiesta di Dote è accettata nel limite del massimale fissato per corso e comunque fino all esaurimento delle risorse stanziate. È posto in carico all Istituzione Formativa l obbligo di verificare la corretta rispondenza dei requisiti dell allievo per la richiesta della Dote. È necessario effettuare la richiesta di Dote per tutti gli allievi iscritti al corso, anche qualora questa non venga accettata per esaurimento di disponibilità (la richiesta rimane in «bozza») Assegnazione della Dote In seguito a esito positivo delle verifiche di completezza e di conformità dei dati dichiarati rispetto ai requisiti previsti dal presente avviso, l Operatore riceve dal sistema informativo una comunicazione di accettazione riportante i servizi concordati, l importo della Dote e l identificativo del progetto. La documentazione deve essere conservata secondo le modalità previste dal citato Manuale Operatore Impegno all avvio del percorso formativo Le Istituzioni Formative hanno l obbligo di dichiarare entro il 30 settembre 2013, attraverso il sistema informativo, l impegno all avvio del corso. L eventuale non attivazione delle classi deve essere tempestivamente comunicata alle famiglie in modo da garantire i tempi necessari per l eventuale iscrizione presso altri percorsi Ritiro degli studenti nel corso dell anno Il ritiro volontario di un allievo nel corso dell anno, sia esso titolare o meno di Dote, deve essere comunicato dalla famiglia all Istituzione Formativa, la quale provvederà a ritirare formalmente lo studente tramite il sistema «Finanziamenti On-Line» entro 5 giorni lavorativi. Nel caso in cui un allievo non comunichi formalmente all Istituzione Formativa il proprio ritiro, rendendosi non rintracciabile per 30 giorni consecutivi, l Istituzione Formativa lo ritiene formalmente ritirato e regolarizza la sua posizione nel sistema «Finanziamenti On-Line» entro 5 giorni lavorativi successivi al trentesimo. Il ritiro di un allievo con Dote comporta la rinuncia alla stessa: non è previsto il trasferimento di Dote ad altri corsi. La rinuncia «espressa» alla Dote, ossia comunicata direttamente dall allievo, non comporta alcuna penalizzazione per lo stesso, che ha la possibilità di procedere a una nuova richiesta di Dote con qualsiasi Istituzione Formativa accreditata, fatta salva la disponibilità effettiva di risorse all inserimento della domanda.

8 8 Bollettino Ufficiale In caso di rinuncia «tacita», ossia comunicata dall operatore, l allievo perde il diritto alla Dote per i 6 mesi successivi alla data in cui è stata dichiarata la rinuncia Casi di subentro nella dote In caso di rinuncia della dote è prevista la possibilità di effettuare un subentro a favore di un allievo già iscritto non dotato. Si precisa che la dote rinunciata in capo all allievo ritirato dovrà essere integralmente assegnata all allievo subentrante. Non è possibile richiedere il subentro nelle doti successivamente alla richiesta di liquidazione intermedia. Il numero delle doti non potrà in ogni caso superare quello inizialmente assegnato a favore dell Ente di Formazione secondo i criteri enunciati nel par V. GESTIONE DEI PERCORSI FORMATIVI Comunicazione di avvio delle attività Le Istituzioni Formative hanno l obbligo di rispettare le procedure contenute nel decreto del 12 settembre 2008, n «Approvazione delle procedure relative allo svolgimento delle attività formative dei soggetti accreditati al sistema di istruzione e formazione professionale della Regione Lombardia» ed eventuali successive integrazioni e modifiche. In particolar modo si rammenta l obbligo di notificare a Regione Lombardia, tramite il sistema «Finanziamenti On Line», l avvio effettivo dei corsi entro il 21 ottobre Finanziamento e liquidazione delle Doti La richiesta di liquidazione deve essere effettuata direttamente dall Operatore, nel rispetto delle modalità definite nel Manuale dell Operatore, approvato con il d.d.u.o. del 21 aprile 2011, n e successive integrazioni di cui al d.d.u.o. n del 22 febbraio Il finanziamento della Dote dovrà essere calcolato sulla base del costo standard orario di euro 4,93, che dovrà essere moltiplicato per il numero di ore svolte dagli allievi, con un valore massimo di 4.800,00 per Dote. La liquidazione intermedia, in deroga al manuale suindicato, può essere richiesta dopo l erogazione al destinatario del 50% delle ore previste dal PIP per il singolo servizio formativo e sarà calcolata proporzionalmente al numero di ore fruite da ciascun allievo e tenendo conto di eventuali ore di assenza giustificate, come da documentazione conservata agli atti dell Istituzione Formativa. La liquidazione finale può essere richiesta solo alla conclusione del servizio formativo e purché sia stato frequentato dal destinatario almeno il 50% delle ore previste dal PIP. Sarà erogata proporzionalmente al numero di ore fruite da ciascun allievo a seguito dell effettiva partecipazione al corso e tenendo conto di eventuali ore di assenza giustificate, come da documentazione conservata agli atti dell Istituzione Formativa. Le assenze giustificate, in deroga al Manuale dell operatore, saranno ammesse nel limite massimo del 25% delle ore effettivamente fruite dall allievo al momento della richiesta di liquidazione. La domanda di liquidazione finale dovrà essere inoltrata entro 120 giorni dalla data di conclusione del PIP Variazioni del calendario/della data di conclusione L Istituzione Formativa ha l obbligo di informare in tempo utile gli allievi e le famiglie o i tutori legali di ogni variazione al calendario mediante adeguate forme di pubblicità. Eventuali variazioni del calendario sospensioni o interruzioni dell attività formativa non dovranno essere inserite sul sistema informativo salvo nei casi in cui influiscano sulla data di conclusione prevista delle attività formative Monitoraggio, controlli e sanzioni Al fine di monitorare il regolare andamento dei percorsi formativi rispetto a quanto contenuto nel documento «Indicazioni regionali per l offerta formativa in materia di istruzione e formazione professionale (art. 22, comma 4, l.r. n. 19/2007)» di cui alla D.G.R. del 13 febbraio 2008, n e rispetto alla normativa sull accreditamento (D.G.R. del 26 ottobre 2011, n e successive modifiche e integrazioni), Regione Lombardia si riserva di effettuare controlli anche presso le sedi indicate dalle Istituzioni Formative Riepilogo di tempi e scadenze Le Istituzioni Formative: - a partire dalle ore 12,00 del 19 settembre al 26 settembre 2013 presentano attraverso il sistema informativo Finanziamenti Online la propria offerta formativa; - entro il 30 settembre 2013 devono comunicare l impegno all avvio dei propri corsi o la rinuncia: in quest ultimo caso devono dare tempestiva comunicazione anche alle famiglie; - dal 30 settembre 2013 caricano sul sistema informativo l Atto di adesione unico, sottoscritto digitalmente; - dalle ore 12:00 del 30 settembre e fino al 14 ottobre 2013 inseriscono le domande di Dote degli allievi già iscritti; - entro il 21 ottobre 2013 devono inserire a sistema la comunicazione di avvio dei corsi.

9 Bollettino Ufficiale 9 ALLEGATO B LINEE GUIDA CORSO ANNUALE DI I.F.P. PER L ACCESSO ALL ESAME DI STATO ex art. 15 c. 6, d.lgs. n. 226/05 - a.f. 2013/2014 Le presenti Linee guida si riferiscono ai percorsi annuali integrativi di cui all articolo 15, c. 6, del d.lgs. n. 226/05 realizzati dalle Istituzioni Formative del sistema di Istruzione e formazione professionale (I.F.P.), finalizzati a permettere agli studenti che hanno conseguito il Diploma Professionale al termine del percorso di I.F.P. quadriennale di cui all articolo 20, c. 1, lettera c), del d.lgs. 226/2005 e dell articolo 11 c. 1 della l.r. n. 19/2007, di sostenere l esame di Stato, utile all accesso all Università e all Alta formazione artistica, musicale e coreutica, nonché agli Istituti Tecnici Superiori (I.T.S.). In particolare, le presenti Linee guida si riferiscono ai percorsi attivati in Regione Lombardia - nelle more e limitatamente al periodo della piena attuazione della disposizione normativa di cui all articolo 15, c. 6, del d.lgs. n. 226/05 - a partire dall anno , ai sensi delle Linee guida ex art. 13, c. 1-quinquies della l. n. 40/2007, allegato A) dell Intesa siglata in C.U. il 16 dicembre 2010, recepita con d.m. del 18 gennaio Nel rispetto della normativa statale in materia e con specifico riferimento a quanto previsto al punto 3, capo III del sopracitato allegato A) dell Intesa 16 dicembre 2010, esse concernono l insieme di aspetti relativi alla definizione degli standard formativi minimi, alle condizioni di attivazione e alle modalità realizzative del corso integrativo e dell esame di Stato. I - INDIRIZZI IDONEI ALL ACCESSO ALLA V ANNUALITÀ Possono accedere al corso annuale gli alunni in possesso del Diploma Professionale di Tecnico acquisiti in Regione Lombardia negli anni formativi 2011/2012 e 2012/2013 di cui ai Repertori dell offerta formativa approvati con i d.d.g. n. 1146/2010 e n /2010, che trovano corrispondenza nei Diplomi di Istruzione Professionale come da tabella seguente: Agrario SETTORE DIPLOMA IFP DIPLOMA IP (1) Tecnico agricolo Tecnico della trasformazione agroalimentare Agrotecnico Turistico Tecnico dei servizi di promozione e accoglienza Tecnico dei servizi turistici Economico aziendale Tecnico dei servizi di impresa Tecnico commerciale e delle vendite Tecnico della gestione aziendale Abbigliamento Tecnico dell abbigliamento Tecnico dell abbigliamento e della moda Tecnico di cucina Ristorazione Tecnico dei servizi di sala e bar Tecnico della trasformazione agroalimentare Tecnico dei servizi della ristorazione Edile Tecnico edile Tecnico dell edilizia Elettrico / elettronico Tecnico elettrico Tecnico elettronico Tecnico per l automazione industriale Tecnico delle industrie elettriche Tecnico delle industrie elettroniche Tecnico per l automazione industriale Tecnico riparatore di veicoli a motore Meccanica Tecnico per la conduzione e manutenzione di impianti automatizzati Tecnico delle industrie meccaniche Tecnico di impianti termici Grafica Legno Lavorazioni artistiche (1) Tecnico grafico Tecnico del legno Tecnico delle lavorazioni artistiche Tecnico dell industria grafica Tecnico della grafica pubblicitaria Tecnico dell industria del mobile e dell arredamento Tecnico del marmo Tecnico dell industria orafa II - STANDARD FORMATIVI MINIMI 1. STRUTTURA E ARTICOLAZIONE DEL CURRICOLO 1.1 Aree formative e competenze Il curricolo dei corsi annuali integrativi del sistema di I.F.P. finalizzati a sostenere l esame di Stato, è strutturato in due aree formative: di base e tecnico professionale. (1) Allegato D), d.p.r. n. 87/ Ordinamento previgente

10 10 Bollettino Ufficiale L area di base è articolata a propria volta nelle aree dei linguaggi (o della comunicazione), matematica, storico-sociale e civica e tecnico-scientifica. Il contenuto delle aree di base e tecnico professionale definisce l ambito degli Obiettivi Specifici di Apprendimento (O.S.A.), oggetto dell attività formativa del corso annuale; gli O.S.A. sono descritti e declinati in termini di competenze e di relativi elementi costitutivi (conoscenze ed abilità). Le competenze dell area scientifico-tecnologica di base e di quella tecnico professionale si differenziano in rapporto al settore professionale. Le competenze dell area dei linguaggi, matematica e storico-sociale e civica di base sono comuni a tutti i settori professionali. La competenza dell area matematica, comune a tutti i settori, prevede specifiche declinazioni limitatamente all ambito delle conoscenze, così come specificato ai punti e Le competenze, inoltre, mantengono un rapporto di continuità e sviluppo da un lato con gli O.S.A. dei percorsi di quarto anno di I.F.P., dall altro con le competenze, le abilità e le conoscenze dei profili formativi e professionali correlabili agli ordinamenti dell Istruzione Professionale (riferiti al d.m. 15 aprile 1994), classificati per discipline. I contenuti disciplinari (abilità e conoscenze) degli ordinamenti di Istruzione Professionale (I.P.) trovano pertanto ricollocazione esaustiva nelle competenze del profilo del corso annuale e/o in quelle già previste nel profilo formativo e professionale del quarto anno. Le competenze tecnico professionali, in particolare, presuppongono le competenze specifiche di settore del quarto anno, di cui rappresentano uno sviluppo ed ampliamento relativamente ad alcuni aspetti, nell ambito dello stesso livello (IV EQF) di responsabilità e autonomia Quote orarie Il monte ore complessivo minimo per i corsi è di 990 ore complessive. Allo sviluppo degli esiti di apprendimento dell area di base dovrà essere dedicata una quota percentuale minima oraria pari al 70-80% del complessivo annuale; all area tecnico professionale, una quota pari al 30-20%. La percentuale interna delle diverse aree in cui si articola quella di base è stabilita nell ambito della progettazione formativa del corso; in tale sede vengono altresì individuati gli insegnamenti (discipline o gruppi di discipline) utili allo sviluppo delle competenze e la definizione delle loro quote orarie, settimanali ed annuali. competenze di base: AREA % - linguaggi (o della comunicazione) - matematica - storico-sociale e civica - scientifico tecnologica 70-80% competenze tecnico professionali 30-20% Riguardo alle modalità di insegnamento, con riferimento alle disposizioni regionali di cui alla d.g.r. n. 6563/08 - «Indicazioni per l offerta formativa in materia di Istruzione e formazione professionale», le Istituzioni potranno utilizzare le diverse forme di intervento didattico e organizzativo riconducibili alla formazione formale e alla flessibilità. La formazione formale comprende interventi d aula, nelle diverse forme, con riferimento anche a quella laboratoriale e secondo le diverse più opportune modalità organizzative (articolazioni del gruppo classe) stabilite dall èquipe dei docenti formatori, fermo restando il vincolo delle 990 ore/alunno. Gli interventi di flessibilità rappresentano modalità specifiche di personalizzazione, in particolare di orientamento, recupero o potenziamento degli apprendimenti. 2. OBIETTIVI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO DI BASE COMUNI A TUTTI I SETTORI 2.1 Area dei linguaggi - comunicazione in madre lingua Premessa Lo sviluppo della competenza linguistica costituisce il filo conduttore trasversale a tutto il curricolo, con particolare attenzione al rapporto interattivo tra lingua italiana e Lingue Straniere. La competenza relativa alla comunicazione in madre lingua definisce la padronanza della variabilità degli usi linguistici, dall asse degli usi «letterari», a quello degli usi tecnici legati al settore professionale. Al suo sviluppo concorre fortemente l educazione letteraria, intesa come sviluppo dell habitus alla lettura autonoma di testi di diverso genere ed alla loro contestualizzazione e comprensione storico-culturale. La padronanza linguistica riguarda le diverse modalità e fasi di redazione di un testo informativo o argomentativo, dalla raccolta delle idee, delle informazioni e/o di fonti di diverso tipo, alla loro rielaborazione ed alla sintesi finale. Le capacità tradizionali di parlare, leggere, scrivere, ascoltare sono interpretate in modo unitario, come abilità o dimensioni di un unica esperienza di espressione-comunicazione. O.S.A. (2) COMPETENZA ABILITÀ MINIME CONOSCENZE ESSENZIALI Gestire l interazione comunicativa, individuando modalità e codici adeguati alle situazioni e ai diversi contesti sociali e professionali Applicare tecniche di interazione relative agli Elementi di pragmatica della aspetti pragmatici e soprasegmentali della comunicazione comunicazione Caratteristiche e convenzioni dei principali Applicare tecniche di ricerca, elaborazione e linguaggi specialistici: commerciale, giuridico- organizzazione di informazioni e concetti amministrativo, tecnico Applicare tecniche di articolazione complessiva Retorica e stilistica funzionali e locale del testo Morfosintassi e lessico Utilizzare le strutture morfosintattiche e il lessico funzionali allo scopo e alla tipologia testuale Caratteristiche e convenzioni dei seguenti testi: commento, articolo di giornale, saggio breve, saggio espositivo/informativo argomentativo Tecniche di redazione di appunti e sintesi di testi orali e scritti Fonti documentarie multimediali (2) Discipline dell ordinamento di I.P. (d.m. 15 aprile 1994) afferenti: ITALIANO; STORIA

11 Bollettino Ufficiale 11 COMPETENZA ABILITÀ MINIME CONOSCENZE ESSENZIALI Leggere, comprendere e interpretare testi letterari 2.2 Area dei linguaggi - comunicazione in lingua straniera Premessa Adottare specifiche tecniche di lettura e in Caratteristiche e convenzioni dei principali rapporto alla tipologia di testo generi letterari Utilizzare criteri di storicizzazione dei testi Retorica, stilistica e narratologia (analisi formale e del contesto sociale e Autori e opere maggiori della letteratura culturale) italiana del 900 Identificare i nessi tra produzione letteraria e Cornici storico- culturali dei maggiori quadro storico-culturale in chiave diacronica eventi letterari del Novecento Applicare tecniche di analisi tematica, stilistica, narratologica della personalità Fattori individuali e sociali nella formazione letteraria La competenza di Lingua Straniera definisce, oltre all ulteriore sviluppo della formazione di base, già in parte acquisita, il conseguimento di una autonomia operativa che consente di collocarsi ad un livello medio-alto, in linea con gli standard professionali previsti dalla CEE (livello B1). Analogamente alla lingua madre, allo sviluppo della competenza in lingua straniera concorre l educazione letteraria e storica O.S.A. (3) COMPETENZA ABILITÀ MINIME CONOSCENZE ESSENZIALI Comunicare in lingua comunitaria in forma orale e scritta, in contesti di vita quotidiana e professionale (Livello B1) del Quadro comune europeo di riferimento per le lingue) 2.3 Area matematica Premessa Identificare i contenuti di messaggi orali, annunci e conversazioni relative all ambito di vita e di lavoro Applicare tecniche e criteri di ricerca di informazioni all interno di testi scritti di diversa estensione e natura Interagire con autonomia in [brevi] conversazioni, in presenza e telefoniche Utilizzare correttamente la fonetica di un repertorio di parole e frasi di uso comune Descrivere [aspetti essenziali di] esperienze ed eventi Produrre in modo comprensibile e corretto testi scritti di carattere quotidiano e specialistico di varia natura e finalità Identificare i fattori essenziali che caratterizzano la civiltà del paese straniero Connettivi logico-sintattici Lessico [di base] relativo ad argomenti di vita quotidiana e professionale Modalità, tecniche di scrittura e forme testuali di uso abituale in ambito professionale: messaggi [brevi], istruzioni, descrizioni, report, istanze, ordini, ecc. Registro linguistico formale e informale Strutture morfosintattiche semplici e articolate: modi e tempi verbali del presente e del passato, frasi subordinate (finali, causali, concessive, ecc ) Autori ed opere maggiormente significativi della letteratura moderna e contemporanea straniera La competenza matematica, in rapporto alle più consistenti capacità di astrazione e formalizzazione degli allievi del quinto anno, rappresenta un consolidamento nella direzione di una maggiore autonomia - della padronanza degli strumenti e del linguaggio matematico in rapporto alle concrete problematiche del contesto di vita e professionale acquisita nelle annualità precedenti O.S.A. (4) COMPETENZA ABILITÀ MINIME Conoscenze essenziali Applicare il linguaggio matematico per descrivere e risolvere problemi Identificare questioni risolvibili con l ausilio di strumenti matematici Verificare catene deduttive date Applicare modelli matematici codificati a problemi posti Identificare specifiche modalità di rappresentazione matematica di oggetti, fenomeni e situazioni in rapporto al problema Utilizzare codici formali, strumenti, tecniche e strategie di calcolo Declinazione delle conoscenze per settore (temi e argomenti) (5) 1 - Geometria del piano e dello spazio a) Le trasformazioni geometriche nel piano. b) Il problema della misura: lunghezza, area e volume. 2 - Insiemi numerici a) Operazioni nell insieme dei numeri complessi. Radici n-esime dell unità b) Matrici e loro composizione, determinanti. Sistemi lineari. 3 - Funzioni ed equazioni a) Potenze a esponente reale. Funzioni esponenziale e logaritmica. Equazioni esponenziali e logaritmiche. b) Funzioni circolari. Formula di addizione e principali conseguenze. Equazioni goniometriche. c) Risoluzione dei triangoli. Teorema del coseno e teorema dei seni. (3) Discipline dell ordinamento di I.P. (d.m. 15 aprile 1994) afferenti: LINGUA STRANIERA (4) Discipline dell ordinamento di I.P. (d.m. 15 aprile 1994) afferenti: MATEMATICA (5) Coerenti con d.m. 15 aprile 1994 VEDI PUNTI e

12 12 Bollettino Ufficiale 4 - Analisi infinitesimale a) Successione numerica e limite di una successione. Il numero (P greco) b) Limite di una funzione. Funzione continua. c) Derivata di una funzione. Rappresentazione grafica di una funzione. d) Studio di una funzione e sua rappresentazione grafica. e) Concetti di integrale definito e indefinito. f) Esempi di equazioni differenziali del primo e secondo ordine. 5 - Matematica finanziaria e ricerca operativa a) Situazioni economiche e principio di equivalenza finanziaria. b) Rendite e ammortamenti. c) Esempi di problemi di ottimizzazione. d) Esempi di programmazione lineare. 6 - Elementi di informatica Articolazione per settori I contenuti conoscitivi della competenza matematica sono articolati diversamente nei vari settori professionali, secondo la seguente tabella: 2.4. Area storico-sociale e civica Premessa La competenza storico-sociale e civica, definisce l utilizzo e la finalizzazione di conoscenze ed abilità di carattere storico e sociale al contributo attivo del soggetto nella comunità di appartenenza. La dimensione storica costituisce elemento portante; ad essa si riferisce l habitus alla tematizzazione e problematizzazione dei nodi e delle grandi questioni del presente, alla strutturazione della molteplicità di informazioni, all utilizzo di modelli appropriati per inquadrare, comparare, periodizzare fenomeni storico-sociali locali, regionali, continentali e planetari. La riflessione sulla vita civile e politica del recente passato, estende ed approfondisce la stressa dimensione civile del soggetto in apprendimento. In particolare i temi storici affrontati e le prospettive di indagine contribuiscono a illuminare, mediante un percorso di approfondimento ricorsivo, la nozione di cittadinanza responsabile, le tematiche legate ai diritti e doveri e a valori civici quali la democrazia, diritti umani, partecipazione, coesione sociale, solidarietà, tolleranza di fronte alla diversità e legalità O.S.A. (6) COMPETENZA ABILITÀ MINIME CONOSCENZE ESSENZIALI Comprendere e interpretare eventi rilevanti per la comunità utilizzando strumenti e categorie fondamentali proprie del metodo storico Recepire da diverse tipologie di fonti le informazioni relative alla vita sociale e civile, ed all identità e storia del territorio Utilizzare concetti organizzatori - nuclei concettuali portanti Elaborare ricostruzioni mediante il reperimento di costanti, di relazioni tra le variabili storiche e l individuazione di cause e concause Stabilire relazioni tra le variabili storiche Applicare concetti interpretativi e termini storici in rapporto con gli specifici contesti storico-sociali Applicare tecniche di documentazione, mediante fonti informative di diversa natura, scopo e oggetto Applicare le conoscenze del passato per la comprensione del presente Gli strumenti della ricerca storica Processi decisionali, forme e metodi di partecipazione democratica nei diversi campi (sociale, economico, ambientale, ecc.) Concetti di variabile ambientale, variabile demografica, economica sociale, politica e culturale Concetti di epoca, evento, trasformazione, ciclo, durata, civiltà, popolo Eventi storici del 900 (6) Discipline dell ordinamento di I.P. (d.m. 15 aprile 1994) afferenti: ITALIANO; STORIA; EDUCAZIONE CIVICA; RELIGIONE

13 Bollettino Ufficiale INDICAZIONI MINIME PER LA PROGRAMMAZIONE FORMATIVA All équipe ed ai singoli docenti formatori, ferma restando la salvaguardia del loro contenuto minimo, spetta la declinazione specifica degli O.S.A. in obiettivi formativi, nonché l individuazione degli obiettivi intermedi e dei contenuti specifici, in particolare delle conoscenze, utili alla definizione e allo sviluppo del curricolo in rapporto alle esigenze e interessi degli allievi, alle caratteristiche del contesto territoriale, al settore e alle specificità professionali. All équipe è parimenti demandata la definizione in termini di competenze, conoscenze ed abilità degli O.S.A. dell area scientifico tecnologica di base, nonché di quelli dell area tecnico professionale, in rapporto al Profilo formativo-professionale del Diploma ed ai contenuti di tutte le discipline dell ordinamento di Istruzione Professionale di riferimento che non risultano compresi negli O.S.A. tecnico professionali delle Figure regionali di cui all allegato C) del d.d.g. n. 1544/10. Ferme restando le disposizioni regolamentari regionali, la declinazione degli O.S.A. è definita in sede di programmazione formativa e trova evidenza in un apposito documento redatto a cura dell Istituzione Formativa e da essa messo a disposizione del Consiglio di Classe dell Istituto Professionale di riferimento ai fini dell elaborazione del Documento del 15 maggio ed a supporto delle successive operazioni d esame, relativamente alla predisposizione della terza prova e alla definizione dei contenuti dei colloqui orali dei candidati da parte della Commissione. La programmazione formativa e l elaborazione del curricolo dovranno attenersi ai seguenti criteri: generali a) unitarietà: forte interrelazione tra aree/competenze di base e tecnico professionali; b) didattica per competenze: costruzione di unità formative (U.F.) o moduli formativi, elaborati attorno a problemi / compiti (vita e professione); c) valutazione per competenze; d) personalizzazione. specifici a) area dei linguaggi criteri: competenza letteraria e storico-letteraria correlata agli usi tecnici della lingua nell indirizzo professionale; forte interconnessione metodologica con la dimensione storica (centralità dell analisi testuale); forte interconnessione tra educazione linguistica ed educazione letteraria; raccordo con la dimensione di vita e professionale; utilizzo sincronico del codice orale e del codice scritto; ricorso ad un ampia gamma di tipologie di pratica di scrittura: questionari scritti, redazione di appunti da lezioni orali, relazioni, analisi strutturate, saggi brevi, ecc. Per gli aspetti specificamente conoscitivi dell educazione letteraria (vedi conoscenze: «Autori e opere maggiori della letteratura italiana del 900»; «Autori ed opere maggiormente significativi della letteratura moderna e contemporanea straniera»), la scelta dei contenuti è lasciata alla competenza dei docenti-formatori, in rapporto alla definizione degli obiettivi e delle U.F. della programmazione di classe, ferma restando la necessità di salvaguardare la trattazione seppur secondo gli approcci ed i dosaggi coerenti con la programmazione stessa, debitamente esplicitati nel Documento del Consiglio di classe - degli autori, delle opere e dei temi maggiori della letteratura italiana, con specifico riferimento a: Quadro storico culturale - Problemi, società, idee, cultura e letteratura del primo Novecento - Problemi, società, idee, cultura e letteratura del secondo Novecento I generi letterari - la poesia del Novecento (con cenni su tendenze europee e internazionali) - il racconto del Novecento (con cenni su tendenze europee e internazionali) - il romanzo del Novecento (con cenni su tendenze europee e internazionali) Autori - Svevo - Pirandello - Ungaretti - Montale - Calvino Opere Analisi e lettura integrale di un opera di narrativa Temi della letteratura (esempi: la figura di Ulisse nella letteratura; la donna; l amore; la natura; la famiglia; lo straniero) b) area della matematica criteri: raccordo con la dimensione di vita e professionale; organizzazione dei contenuti (conoscenze ed abilità) per temi ed argomenti, in rapporto alla specificità dei settori professionali (vedi punti e ). c) area storico-sociale e civica Per gli aspetti specificamente conoscitivi dell educazione storica (vedi conoscenze: «Eventi storici del 900»), la scelta dei contenuti è lasciata alla competenza dei docenti-formatori, fermo restando l istanza di garantire lo sviluppo delle seguenti tematiche essenziali: industria, imperi e società di massa tra il XIX e il XX secolo: la seconda rivoluzione industriale; scienza, tecnica, istruzione, associazioni sindacali e partiti di massa ; la spartizione coloniale del mondo; Gran Bretagna, Germania, Francia, Italia durante «belle epoque»; nuovi indirizzi di politica economica; la prima guerra mondiale: tensioni, conflitti e alleanze alla vigilia della grande guerra; il conflitto e la vittoria dell Intesa; la rivoluzione russa e la nascita dell URSS; il dopoguerra; la crisi dell Italia liberale: nascita e avvento del fascismo; l instaurazione della dittatura;

14 14 Bollettino Ufficiale la crisi del 29: la rottura dello sviluppo; nuovi rapporti tra stato ed economia; l Europa dei totalitarismi: fascismo; nazismo; stalinismo; la seconda guerra mondiale: l Europa di fine anni 30; lo scoppio del conflitto; l Olocausto e la sconfitta dell Asse; la guerra in Italia dall 8 settembre 43 al 25 aprile 45; lo scenario del dopoguerra: il mondo bipolare, la crescita dell Occidente; la decolonizzazione tra indipendenza e nuove dipendenze; «democrazie popolari» e democrazie liberali, la CEE; guerra fredda e distensione, dal 50 al 70; la contestazione giovanile; l età postindustriale: la crisi degli anni settanta e la globalizzazione; la fine dell equilibrio bipolare e la ricerca di nuovi equilibri; i rapporti economici internazionali; l Unione Europea gli ultimi vent anni: le potenze economiche emergenti; le guerre del golfo, il conflitto in medio oriente, il terrorismo di matrice islamica e le conseguenze nelle relazioni internazionali; le lobbies finanziarie; l Africa senza pace; flussi migratori e xenofobie; nuovi modelli di cultura e comunicazione; l Italia nell era della globalizzazione: il centrismo e il boom economico; centro sinistra e autunno caldo; gli anni 70 e 80 e 90; economia, politica, lavoro, società. III - ADEMPIMENTI PER LO SVOLGIMENTO DEGLI ESAMI Nelle more della piena attuazione dell articolo 15 comma 6 del d.lgs. 226/05, l esame conclusivo del corso annuale di I.F.P. segue le disposizioni normative vigenti e la specifica regolamentazione statale in materia. In particolare, le indicazioni fondamentali relative all esame per gli alunni provenienti dal corso annuale sono dettate dalla C.M. e dall O.M. annuali relative agli esami di Stato conclusivi dei corsi di studio di istruzione secondaria di secondo grado nelle scuole statali e non statali. In esse sono regolamentati i seguenti aspetti: termini e modalità di presentazione delle domande di partecipazione agli esami; assegnazione degli studenti del corso annuale a classe di Istituto Professionale; ammissione all esame dei candidati provenienti dal corso annuale da parte del Consiglio di Classe in sede di scrutinio finale; assegnazione della classe alla Commissione d esame; documento del Consiglio di Classe, articolato nella parte relativa all Istituto Professionale e nella parte relativa al corso annuale; determinazione credito scolastico; presenza dei formatori del corso annuale nella Commissione d esame; predisposizione della terza prova. L Istituzione Formativa che ha erogato il corso annuale dovrà far pervenire al Consiglio di Classe dell Istituto Professionale, nei tempi utili per l attuazione delle relative operazioni, la seguente documentazione: a) relazione analitica, organica e documentata in cui sono evidenziati il curriculum formativo, le valutazioni intermedie e finali dei singoli candidati, il comportamento, ed ogni altro elemento ritenuto significativo ai fini dello scrutinio finale e dell ammissione all esame; b) documento relativo alla programmazione formativa del corso annuale, ovvero ai contenuti, ai metodi, ai mezzi, agli spazi e ai tempi individuati, nonché ai criteri, agli strumenti di valutazione adottati e agli obiettivi specifici di apprendimento raggiunti, ai fini della predisposizione del Documento del Consiglio di Classe del 15 maggio e con specifico riferimento alla terza prova ed al colloquio d esame. L Istituzione Formativa mette inoltre a disposizione dell Istituzione Scolastica ogni altro elemento documentale relativo ai dati personali dei candidati, necessario agli adempimenti istituzionali e amministrativi inerenti all esame.

15 Bollettino Ufficiale 15 D.G. Famiglia, solidarietà sociale e volontariato D.d.g. 11 luglio n Riconoscimento di ente unico per la gestione di una pluralità di unità di offerta socio sanitarie per il seguente ente gestore: «Residenze Anni Azzurri s.r.l.», con sede legale in Milano, via Ciovassino, n. 1, C.F.: Visti: IL DIRETTORE GENERALE DELLA DIREZIONE GENERALE FAMIGLIA, SOLIDARIETÀ SOCIALE E VOLONTARIATO il d.lgs. 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni ed integrazioni; il d.p.r. 14 gennaio 1997 «Approvazione dell atto di indirizzo e coordinamento alle Regioni ed alle Province autonome di Trento e Bolzano in materia di requisiti strutturali, tecnologici ed organizzativi minimi per l esercizio delle attività sanitarie da parte delle strutture pubbliche e private»; la l.r. 5 gennaio 2000, n. 1 «Riordino del sistema delle autonomie in Lombardia. Attuazione del d.lgs. 31 marzo 1998, n. 112»; i dd.p.c.m. 14 febbraio 2001 «Atto di indirizzo e coordinamento in materia di prestazioni socio sanitarie» e 29 novembre 2001 «Definizione dei livelli essenziali di assistenza»; la l.r. 2 aprile 2007, n. 8 «Disposizioni in materia di attività sanitarie e socio-sanitarie. Collegato»; la l.r. 12 marzo 2008, n. 3 «Governo della rete degli interventi e dei servizi alla persona in ambito sociale e socio-sanitario»; la l.r. 30 dicembre 2009, n. 33: «Testo unico delle leggi regionali in materia di sanità»; la d.c.r. 17 novembre 2010, n. 88 di approvazione del «Piano Socio Sanitario Regionale »; Richiamate le dd.g.r.: 4 ottobre 2006, n «Identificazione, a domanda, in capo ad unico soggetto gestore di una pluralità di strutture socio-sanitarie accreditate»; 30 maggio 2012 n «Determinazioni in materia di esercizio e accreditamento delle unità di offerta sociosanitarie e razionalizzazione del relativo sistema di vigilanza e controllo»; 26 ottobre 2012 n «Determinazioni in ordine alla gestione del Servizio Socio Sanitario regionale per l esercizio 2013»; Preso atto che con le dd.g.r. citate sono state definite le procedure per l accreditamento delle unità d offerta socio-sanitarie; Vista la circolare regionale n. 21 del 5 luglio 2007 «Chiarimenti in ordine a d.g.r. n del 4 ottobre 06» che indica, tra l altro, le modalità per ottenere il riconoscimento di Ente Unico; Rilevato che il Legale Rappresentante dell ente gestore denominato «Residenze Anni Azzurri s.r.l.», con sede legale in Milano, via Ciovassino, n. 1, C.F.: , ha presentato la richiesta per il riconoscimento di Ente Unico, con istanza pervenuta in data 12 giugno 2013 prot. n. G , per le seguenti unità di offerta: R.S.A. «Residenza Mirasole» codice struttura n , con sede in Opera (MI), via P. Borsellino n. 6, per 204 posti letto accreditati, R.S.A. «R.S.A. San Rocco» codice struttura n , con sede in Segrate (MI), via Monviso n. 87, per 150 posti letto accreditati, R.S.A. «R.S.A. Melograno» codice struttura n , con sede in Cassina de Pecchi (MI), via Napoli n. 2, per 150 posti letto accreditati, R.S.A. «Residenza Anni Azzurri San Luca» codice struttura n , con sede in Milano, via San Luca n. 4, per 91 posti letto accreditati, R.S.A. «Residenza Anni Azzurri Navigli» codice struttura n , con sede in Milano, via Darwin n. 17, per 87 posti letto accreditati, R.S.A. «Parco Sempione» codice struttura n , con sede in Milano, piazza Dei Volontari n. 3, per 93 posti letto accreditati, R.S.A. «San Faustino» codice struttura n , con sede in Milano, via San Faustino n. 21, per 150 posti letto accreditati, R.S.A. «Residenza Anni Azzurri Rezzato» codice struttura n , con sede in Rezzato (BS), via Sberna n. 4/6, per 166 posti letto accreditati, R.S.A. «Villaggio San Francesco» codice struttura n , con sede in Villanuova sul Clisi (BS), via Del Marinaio n. 2, per 120 posti letto accreditati, R.S.A. «R.S.A. Sant Alessandro» codice struttura n , con sede in Mozzate (CO), via Galvaligi n. 2, per 53 posti letto accreditati, R.S.A. «Villa Dossel» codice struttura n , con sede in Caglio (CO), via Dossel s.n.c., per 60 posti letto accreditati, R.S.A. «Residenza Villa Reale» codice struttura n. 311pr1041, con sede in Monza, viale Elvezia n. 2, per 120 posti letto accreditati; Rilevato altresì che il medesimo ente gestore ha presentato anche la richiesta per il riconoscimento di Ente Unico, per le seguenti unità di offerta: C.D.I. «C.D.I. San Rocco» codice struttura n , con sede in Segrate (MI), via Monviso n. 87, per 12 posti accreditati, C.D.I. «C.D.I. Melograno» codice struttura n , con sede in Cassina De Pecchi (MI), via Napoli n. 2, per 10 posti accreditati; Dato atto che è stata accertata la corrispondenza della richiesta con la documentazione agli atti; Ritenuto di dover procedere al riconoscimento di Ente Unico per il gestore in oggetto, per le unità di offerta socio sanitarie sopra elencate; Dato atto che il presente provvedimento conclude il relativo procedimento nei termini previsti ai sensi di legge; Viste la l.r. 7 luglio 2008, n. 20 e la d.g.r. n. 3 del 20 marzo 2013 che dispone l assetto organizzativo della Giunta regionale per la X legislatura; Stabilito di disporre per la pubblicazione del presente atto sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia, per la trasmissione dello stesso all ente gestore interessato, ed alle ASL territorialmente competenti; DECRETA 1. di riconoscere, con decorrenza dalla data di approvazione del presente atto, come Ente Unico l ente gestore «Residenze Anni Azzurri s.r.l.», con sede legale in Milano, via Ciovassino, n. 1, C.F.: , per le seguenti R.S.A.: R.S.A. «Residenza Mirasole» codice struttura n , con sede in Opera (MI), via P. Borsellino n. 6, per 204 posti letto accreditati, R.S.A. «R.S.A. San Rocco» codice struttura n , con sede in Segrate (MI), via Monviso n. 87, per 150 posti letto accreditati, R.S.A. «R.S.A. Melograno» codice struttura n , con sede in Cassina De Pecchi (MI), via Napoli n. 2, per 150 posti letto accreditati, R.S.A. «Residenza Anni Azzurri San Luca» codice struttura n , con sede in Milano, via San Luca n. 4, per 91 posti letto accreditati, R.S.A. «Residenza Anni Azzurri Navigli» codice struttura n , con sede in Milano, via Darwin n. 17, per 87 posti letto accreditati, R.S.A. «Parco Sempione» codice struttura n , con sede in Milano, piazza Dei Volontari n. 3, per 93 posti letto accreditati, R.S.A. «San Faustino» codice struttura n , con sede in Milano, via San Faustino n. 21, per 150 posti letto accreditati, R.S.A. «Residenza Anni Azzurri Rezzato» codice struttura n , con sede in Rezzato (BS), via Sberna n. 4/6, per 166 posti letto accreditati, R.S.A. «Villaggio San Francesco» codice struttura n , con sede in Villanuova sul Clisi (BS), via Del Marinaio n. 2, per 120 posti letto accreditati,

16 16 Bollettino Ufficiale R.S.A. «R.S.A. Sant Alessandro» codice struttura n , con sede in Mozzate (CO), via Galvaligi n. 2, per 53 posti letto accreditati, R.S.A. «Villa Dossel» codice struttura n , con sede in Caglio (CO), via Dossel s.n.c., per 60 posti letto accreditati, R.S.A. «Residenza Villa Reale» codice struttura n. 311pr1041, con sede in Monza, viale Elvezia n. 2, per 120 posti letto accreditati, 2. di riconoscere, con decorrenza dalla data di approvazione del presente atto, come Ente Unico l ente gestore «Residenze Anni Azzurri s.r.l.», con sede legale in Milano, via Ciovassino, n. 1, C.F.: , per i seguenti C.D.I.: C.D.I. «C.D.I. San Rocco» codice struttura n , con sede in Segrate (MI), via Monviso n. 87, per 12 posti accreditati, C.D.I. «C.D.I. Melograno» codice struttura n , con sede in Cassina de Pecchi (MI), via Napoli n. 2, per 10 posti accreditati; 3. di fare obbligo all ente gestore di comunicare tempestivamente alla Regione ed alle ASL territorialmente competenti, tutti quegli elementi che eventualmente in futuro possano incidere sul presente riconoscimento, ivi comprese la cessazione o cessione dell attività e richiedere, ove necessario, una modifica del riconoscimento medesimo; 4. di disporre la pubblicazione del presente atto sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia e di trasmettere copia all ente gestore interessato, ed alle ASL territorialmente competenti. Il direttore generale Giovanni Daverio

17 Bollettino Ufficiale 17 E) PROVVEDIMENTI DELLO STATO Commissari ad acta (Nominati con sentenza TAR BS n. 611/2013) - Determina 16 luglio n. 1 Avvio del procedimento per l attuazione della sentenza del TAR di Brescia n. 611/2013 relativa al Piano cave della Provincia di Bergamo e alla relativa valutazione ambientale strategica (VAS) da parte dei Commissari ad acta I COMMISSARI AD ACTA Richiamate: le disposizioni rilevanti dei Trattati Europei, ossia l art. 4 par. 3 del Trattato sull Unione Europea (TUE) nonché gli artt. 258 e 260 del Trattato sul Funzionamento dell Unione Europea (TFUE); la Direttiva 2001/42/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio, del 27 giugno 2001, concernente la valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sull'ambiente, con particolare riferimento agli artt. 8 (Iter decisionale) e 9 (Informazioni circa la decisione) della Direttiva medesima; la Direttiva 2003/4/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 28 gennaio 2003 sull'accesso del pubblico all'informazione ambientale; la Direttiva 2003/35/CE del Parlamento Europeo e del Consiglio del 26 maggio 2003 che prevede la partecipazione del pubblico nell'elaborazione di taluni piani e programmi in materia ambientale e modifica le direttive del Consiglio 85/337/CEE e 96/61/CE relativamente alla partecipazione del pubblico e all'accesso alla giustizia; Visti: gli artt. 7 e 8 della l.r. 8 agosto 1998, n. 14, «Nuove norme per la disciplina della coltivazione di sostanze minerali di cava», che disciplina le modalità di formazione, adozione e approvazione del Piano cave; le deliberazioni di Giunta regionale n del 10 febbraio 2010, «Revisione dei Criteri e direttive per la formazione dei piani cave provinciali di cui al 1 comma dell art. 2 e al 1 comma dell art. 5 della l.r. 14/1998», e n del 22 dicembre 2011, «Revisione della normativa tecnica di riferimento per la formazione dei piani provinciali delle cave, ai sensi del terzo comma dell art. 2 e del secondo comma, lettera g), dell'art. 6 della l.r. 8 agosto 1998, n. 14»; l art. 6, commi 1 e 2 lettera a), del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 «Norme in materia ambientale», così come modificato dal decreto legislativo 29 giugno 2010, n. 128, che assoggetta a Valutazione Ambientale Strategica tutti i piani e i programmi che possono avere impatti significativi sull'ambiente e sul patrimonio culturale, in particolare quelli che definiscono il quadro di riferimento per l approvazione, l autorizzazione, l area di localizzazione o comunque la realizzazione dei progetti elencati negli allegati II, III e IV alla parte seconda del medesimo d.lgs. 152/2006; l art. 4 della legge regionale 11 marzo 2005, n. 12 «Legge per il Governo del Territorio», che introduce la valutazione ambientale dei piani (VAS) dando attuazione alla Direttiva 2001/42/CE; la deliberazione di Consiglio regionale n. 351 del 13 marzo 2007 «Indirizzi Generali per la Valutazione di Piani e Programmi (art. 4, comma 1, l.r. 11 marzo 2005, n. 12)»; la deliberazione della Giunta regionale 10 novembre 2010, n. 761 «Determinazione della procedura di Valutazione Ambientale di Piani e Programmi - VAS (art. 4, l.r. 12/2005; d.c.r. n. 351/2007) - Recepimento delle disposizioni di cui al d.lgs. 29 giugno 2010, n. 128, con modifica ed integrazione delle dd.g.r. 27 dicembre 2008, n. 8/6420 e 30 dicembre 2009, n. 8/10971»; l art. 25 bis della legge regionale 30 novembre 1983 n. 86 «Piano generale delle aree regionali protette. Norme per l'istituzione e la gestione delle riserve, dei parchi e dei monumenti naturali nonché delle aree di particolare rilevanza naturale e ambientale», che introduce la disciplina relativa a Rete Natura 2000 in Regione Lombardia in attuazione della Direttiva 92/43/CEE; la deliberazione di Consiglio regionale 14 maggio 2008, n. 619, «Nuovo piano cave della provincia di Bergamo - settori merceologici della sabbia-ghiaia,dell argilla, calcari e dolomie, pietre ornamentali e pietrisco»; Preso atto della sentenza del TAR della Lombardia BS n. 611/2013, che dispone l esecuzione della sentenza TAR 1927/2012, con la quale è stato annullato il Piano cave della Provincia di Bergamo; Considerato che il tribunale di Brescia con sentenza TAR BS n. 611/2013 ha conferito i poteri di Commissario ad acta al Direttore generale della D.g. Ambiente Energia e Sviluppo Sostenibile e al Dirigente U.o. Attività estrattive, Rifiuti e Bonifiche della Regione Lombardia, indicando il seguente percorso istruttorio da intraprendere: verificare la fattibilità di applicare la stessa procedura intrapresa nei confronti del Piano cave della provincia di Varese, di cui alla d.g.r. n. IX/4851 del 13 febbraio 2013 sottoporre la versione definitivamente approvata del Piano cave agli organi consultivi della struttura regionale monitorare la procedura di approvazione, che dovrà concludersi con un provvedimento espresso Dato atto che i Commissari svolgeranno le funzioni di autorità procedenti per gli adempimenti connessi all attuazione della sentenza TAR BS n. 611/2013; Considerato altresì che la procedura di VAS adottata per il piano cave di Varese non è applicabile per il diverso contesto territoriale e giuridico presente nelle due situazioni e considerando in particolare: il Piano cave di Bergamo è stato annullato dalla Sentenza TAR n. 1927/2012, mentre quello di Varese è tuttora vigente in fase di approvazione del Piano cave di Bergamo sono state introdotte sostanziali variazioni rispetto al Piano adottato dalla Provincia, contrariamente a quanto accaduto per il piano di Varese la complessità territoriale ed economica delle attività estrattive ha caratteristiche peculiari nelle due provincie Ritenuto pertanto necessario, al fine di adempiere a quanto richiesto dalla Sentenza TAR BS n. 611/2013, dare avvio a un percorso amministrativo di approvazione del Piano cave della provincia di Bergamo, che assicuri l osservanza della Direttiva 2001/42/CE sulla VAS; Ritenuto altresì necessario, al fine di raggiungere gli obiettivi di cui sopra, individuare un modello metodologico procedurale e organizzativo specifico per la procedura oggetto del presente atto, condiviso con la Provincia di Bergamo. Tutto ciò premesso i Signori Mario Nova Direttore D.g. Ambiente Energia e Sviluppo Sostenibile e Angelo Elefanti Dirigente dell U.o. Attività estrattive, Rifiuti e Bonifiche della Regione Lombardia in qualità di Commissari ad acta incaricati con sentenza TAR BS n. 611/2013 DETERMINANO 1. di avviare il procedimento per l attuazione della sentenza del TAR di BS n. 611/2013 relativa al Piano cave della provincia di Bergamo conseguente al procedimento di Valutazione Ambientale Strategica (VAS) del Piano stesso, secondo le procedure indicate in premessa; 2. di approvare l allegato a) «Modello metodologico procedurale e organizzativo della VAS del Piano cave della Provincia di Bergamo» che costituisce parte integrante e sostanziale della presente Determina; 3. di approvare l allegato b) «Articolazione in fasi della VAS del Piano cave della Provincia di Bergamo» che costituisce parte integrante e sostanziale del presente Decreto, dando atto che il procedimento dovrà concludersi nei termini indicati nel medesimo allegato, e comunque entro 360 giorni, salvo fissazione di diverso termine concesso dal giudice dell ottemperanza per i motivi previsti nella sentenza TAR BS n. 611/2013; 4. di individuare l Autorità competente in materia di VAS nella D.g. Territorio Urbanistica e Difesa del suolo, U.o. Strumenti per il Governo del Territorio, Struttura Fondamenti, Strategie per il Governo del Territorio e VAS, di concerto con la D.g. Ambiente Energia e Sviluppo Sostenibile, di Regione Lombardia; 5. di provvedere, con successivo atto, a individuare i soggetti competenti in materia ambientale, gli Enti territorialmente interessati, i portatori di interesse e/o le associazioni di categoria interessate, nonché le modalità di consultazione, informazione e comunicazione; 6. di pubblicare il presente atto di avvio del procedimento sul Bollettino Ufficiale della Regione Lombardia e sul sito web S.I.V.A.S. consultabile al seguente indirizzo:

18 18 Bollettino Ufficiale 7. di disporre la pubblicazione di tutti gli atti della procedura per l aggiornamento del Piano cave della Provincia di Bergamo sul sito web su indicato. I commissari ad acta: Il direttore generale della d.g. Ambiente energia e sviluppo sostenibile Mario Nova Il dirigente u.o. Attività estrattive, rifiuti e bonifiche Angelo Elefanti

19 Bollettino Ufficiale 19 ALLEGATO A MODELLO METODOLOGICO PROCEDURALE E ORGANIZZATIVO DELLA VALUTAZIONE AMBIENTALE STRATEGICA DEL PIANO CAVE DELLA PROVINCIA DI BERGAMO IN ATTUAZIONE DELLA SENTENZA TAR BRESCIA N. 611/ INTRODUZIONE 1.1 Premessa La sentenza TAR BS n. 611/2013, di esecuzione della sentenza TAR BS n del 10 dicembre 2012 che annullava il Piano cave di Bergamo, indica la necessità di verificare la fattibilità di adottare la procedura di VAS predisposta per il piano cave della Provincia di Varese. Valutato il diverso contesto di riferimento territoriale e giuridico presente nelle due situazioni e considerando in particolare che: il Piano cave di Bergamo è stato annullato dalla Sentenza TAR n. 1927/2012, mentre quello di Varese è tuttora vigente, in fase di approvazione del Piano cave di Bergamo sono state introdotte sostanziali variazioni rispetto al Piano adottato dalla Provincia, contrariamente a quanto accaduto per il piano di Varese, la complessità territoriale ed economica delle attività estrattive ha caratteristiche peculiari nelle due provincie, si ritiene di dover adottare una specifica procedura per il processo di VAS del Piano cave di Bergamo che di seguito si indica. 1.2 Quadro di riferimento La presente proposta di modello metodologico procedurale e organizzativo costituisce specificazione degli indirizzi generali per la Valutazione ambientale di Piani cave provinciali, alla luce dell entrata in vigore del d.lgs. 3 aprile 2006 n. 152 Norme in materia ambientale come modificato dal d.lgs. 16 gennaio 2008 n. 4 e assume le determinazioni della sentenza TAR BS n. 611/2013 secondo la quale i sottoscritti commissari ad acta devono procedere a: verificare la fattibilità di applicare la stessa procedura intrapresa nei confronti del Piano cave della provincia di Varese, di cui alla d.g.r. n. IX/4851 del 13 febbraio 2013; sottoporre la versione definitivamente approvata del Piano cave agli organi consultivi della struttura regionale; monitorare la procedura di approvazione, che dovrà concludersi con un provvedimento espresso. 1.3 Norme di riferimento generali Legge regionale 8 agosto 1998, n. 14 Nuove norme per la disciplina della coltivazione di sostanze minerali di cava (di seguito l.r. 14/1998); Deliberazioni della Giunta regionale n del 26 febbraio 1999 Determinazione, ai sensi del 1 comma dell art. 5 della legge regionale 8 agosto 1998, n. 14, dei criteri per la formazione dei piani cave provinciali e n del 31 marzo 2000 relativa a normativa tecnica di riferimento dei piani cave provinciali ; Direttiva 2001/42/CE del Parlamento Europeo del Consiglio del 27 giugno 2001 concernente la valutazione degli effetti di determinati piani e programmi sull ambiente (di seguito Direttiva); Legge regionale 11 marzo 2005, n. 12 per il governo del territorio e successive modifiche e integrazioni (di seguito l.r. 12/2005); Indirizzi generali per la Valutazione ambientale di piani e programmi (deliberazione Consiglio regionale 13 marzo 2007, n. VIII/351) (di seguito Indirizzi generali); Decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152 Norme in materia ambientale come modificato dal decreto legislativo 16 gennaio 2008, n. 4 e dal decreto legislativo 29 giugno 2010, n. 128 (di seguito d.lgs.). 2. AMBITO DI APPLICAZIONE 2.1 Valutazione ambientale - VAS Il Piano Cave, così come le sue revisioni ai sensi dell articolo 9 della l.r. 14/1998, è soggetto a Valutazione ambientale - VAS in quanto rientra nei settori definiti dalla Direttiva 2001/42/CE ed è quadro di riferimento per i progetti elencati negli allegati I e II della direttiva 85/337/CEE così come specificati negli allegati II, III e IV del d.lgs. 152/06 così come modificato dal decreto legislativo 16 gennaio 2008, n. 4 e dal decreto legislativo 29 giugno 2010, n. 128 (di seguito d.lgs.). 2.2 Il Piano cave Il Piano cave nella normale previsione di cui alla Legge regionale 8 agosto 1998, n. 14 Nuove norme per la disciplina della coltivazione di sostanze minerali di cava prevede l adozione in capo alla Provincia, cui segue la trasmissione alla Giunta regionale per l istruttoria del Piano, la trasmissione da parte della Giunta al Consiglio regionale per l approvazione definitiva. Nella fattispecie il Piano, approvato con dcr n. 619 del 14 maggio 2008 e annullato dalla citata sentenza TAR BS n. 1927/2012, viene assunto come riferimento sul quale riavviare l istruttoria di approvazione del Piano e la relativa procedura di VAS, come disposto dalla sentenza TAR BS n. 611/ SOGGETTI INTERESSATI 3.1 Elenco dei soggetti Sono soggetti interessati al procedimento: l autorità procedente; l autorità competente per la VAS; i soggetti competenti in materia ambientale e gli enti territorialmente interessati; il pubblico e il pubblico interessato. Qualora il Piano Cave si debba raccordare con altre procedure, sono soggetti interessati al procedimento, in qualità di soggetti competenti in materia ambientale, anche:

20 20 Bollettino Ufficiale l autorità competente in materia di SIC e ZPS (punto 7.2 degli Indirizzi generali); l autorità competente in materia di VIA (punto 7.3 degli Indirizzi generali). 3.2 Autorità procedente L Autorità procedente sono i Commissari ad acta individuati dalla sentenza TAR 611/2013 nelle figure del Direttore generale della Direzione Ambiente Energia e Sviluppo Sostenibile e nel Dirigente dell Unità Organizzativa Attività Estrattive Rifiuti e Bonifiche della Regione Lombardia. 3.3 Autorità competente per la VAS L autorità competente per la VAS è la Direzione generale Territorio e Urbanistica, U.O. Programmazione Integrata e Pianificazione Territoriale, di concerto con la D.g. Ambiente, Energia e Sviluppo Sostenibile come previsto dalla comunicazione del Presidente approvata con d.g.r. n. 26 del 12 maggio Soggetti competenti in materia ambientale ed enti territorialmente interessati Sono soggetti competenti in materia ambientale le pubbliche amministrazioni e gli enti pubblici che, per le loro specifiche competenze o responsabilità in campo ambientale, possono essere interessate agli impatti sull ambiente dovuti all attuazione del Piano. L autorità procedente, su proposta della Provincia e sentita l autorità competente per la VAS, individua con atto formale i soggetti competenti in materia ambientale e gli enti territorialmente interessati, ove necessario anche transfrontalieri, da invitare alla conferenza di valutazione. Di seguito sono indicati i soggetti da consultare obbligatoriamente: a) sono soggetti competenti in materia ambientale: ARPA; ASL; Enti gestori aree protette; Consorzi di bonifica; Direzione regionale per i Beni Culturali e Paesaggistici della Lombardia; Autorità competente in materia di SIC e ZPS (se prevista la Valutazione di incidenza); Autorità competente in materia di VIA (se prevista la VIA o verifica di VIA); b) sono enti territorialmente interessati: Regione Province confinanti; Comunità Montane; Comuni; Autorità di Bacino; I soggetti sopra indicati possono essere integrati a discrezione dell Autorità procedente. 3.5 Il pubblico e il pubblico interessato Pubblico: una o più persone fisiche o giuridiche nonché, ai sensi della legislazione vigente, le associazioni, le organizzazioni o i gruppi di tali persone. Pubblico interessato: il pubblico che subisce o può subire gli effetti delle procedure decisionali in materia ambientale o che ha un interesse in tali procedure; ai fini della presente definizione le organizzazioni non governative che promuovono la protezione dell ambiente e che soddisfano i requisiti previsti dalla normativa statale vigente, nonché le organizzazioni sindacali maggiormente rappresentative, sono considerate come aventi interesse. L autorità procedente, d intesa con l autorità competente per la VAS, su proposta della Provincia, nell atto di cui al punto 3.4, provvede a: individuare i singoli settori del pubblico interessati all iter decisionale; definire le modalità di informazione e di partecipazione del pubblico. Relativamente alle associazioni, organizzazioni o gruppi, in relazione al Piano, si ritiene opportuno: individuare tutte le realtà presenti nel territorio considerato a seconda delle loro specificità; avviare con loro momenti di informazione e confronto. 4. MODALITÀ DI CONSULTAZIONE, COMUNICAZIONE E INFORMAZIONE 4.1 Finalità Consultazione, comunicazione e informazione sono elementi imprescindibili della valutazione ambientale. Il punto 6.0 degli Indirizzi generali prevede l allargamento della partecipazione a tutto il processo di pianificazione/programmazione, individuando strumenti atti a perseguire obiettivi di qualità. La partecipazione è supportata da forme di comunicazione e informazione e dalla consultazione che si avvale della Conferenza di Valutazione. 4.2 Conferenza di Valutazione L autorità procedente, sentita l autorità competente per la VAS, indice la Conferenza di Valutazione al fine di acquisire elementi informativi volti a costruire un quadro conoscitivo condiviso, specificatamente per quanto concerne i limiti e le condizioni per uno sviluppo sostenibile e ad acquisire i pareri/contributi dei soggetti competenti in materia ambientale e degli enti territorialmente interessati. La conferenza di valutazione è articolata in almeno due sedute:

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014

LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 LA FORMAZIONE DELLE CLASSI A.S. 2013/2014 CRITERI GENERALI PER LA FORMAZIONE DELLE CLASSI La formazione delle classi e l assegnazione delle risorse di organico deve essere coerente: - con gli interventi

Dettagli

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004

CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Repertorio Atti n. 1901 del 15 gennaio 2004 CONFERENZA STATO-REGIONI SEDUTA DEL 15 GENNAIO 2004 Oggetto: Accordo tra il Ministro dell istruzione, dell università e della ricerca, il Ministro del lavoro

Dettagli

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del

GLI ASSI CULTURALI. Allegato 1 - Gli assi culturali. Nota. rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del GLI ASSI CULTURALI Nota rimessa all autonomia didattica del docente e alla programmazione collegiale del La normativa italiana dal 2007 13 L Asse dei linguaggi un adeguato utilizzo delle tecnologie dell

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015

DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 DECRETO N. 1921 Del 12/03/2015 Identificativo Atto n. 191 DIREZIONE GENERALE ISTRUZIONE, FORMAZIONE E LAVORO Oggetto APPROVAZIONE DELL AVVISO FORMAZIONE CONTINUA COMPETITIVITA EXPO E L'atto si compone

Dettagli

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA

IL MINISTRO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITÀ E DELLA RICERCA DECRETO 30 settembre 2011. Criteri e modalità per lo svolgimento dei corsi di formazione per il conseguimento della specializzazione per le attività di sostegno, ai sensi degli articoli 5 e 13 del decreto

Dettagli

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011

Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Roma - Lunedì, 31 gennaio 2011 Supplemento ordinario alla Gazzetta Ufficiale n. 24 del 31 gennaio 2011 - Serie generale Spediz. abb. post. 45% - art. - 1, art. comma 2, comma 1 20/b Legge 27-02-2004, 23-12-1996, n. n. 46-662 Filiale

Dettagli

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado

Prot. n. MIUR AOODRVE.UFF.III/10821/C21 Venezia, 20 luglio 2012. Dirigenti delle scuole statali di ogni ordine e grado MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL VENETO DIREZIONE GENERALE Riva di Biasio Santa Croce, 1299-30135 VENEZIA Ufficio III Personale della Scuola

Dettagli

DELIBERAZIONE N IX / 2412 Seduta del 26/10/2011

DELIBERAZIONE N IX / 2412 Seduta del 26/10/2011 DELIBERAZIONE N IX / 2412 Seduta del 26/10/2011 Presidente ROBERTO FORMIGONI Assessori regionali ANDREA GIBELLI Vice Presidente GIULIO DE CAPITANI DANIELE BELOTTI ROMANO LA RUSSA GIULIO BOSCAGLI CARLO

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca di concerto con il Ministro dell Economia e delle Finanze VISTO il decreto legislativo 16 aprile 1994, n. 297, recante approvazione del testo

Dettagli

La scuola in Lombardia

La scuola in Lombardia La scuola in Lombardia Documentazione Anno scolastico 2010/2011 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 1 La scuola in Lombardia 2010/2011 pag 2 INDICE Sezione 1 Le scuole... 5 IL SISTEMA SCOLASTICO LOMBARDO...

Dettagli

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI

Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Circolare n.20 Roma, 4 marzo 2011 Prot. n. 1483 Ai Direttori Generali degli Uffici Scolastici Regionali LORO SEDI Al Sovrintendente Scolastico della Provincia di BOLZANO Al Dirigente del Dipartimento Istruzione

Dettagli

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA

Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA Oggetto: INSEGNAMENTO/ APPRENDIMENTO DELLE LINGUE STRANIERE E DSA PREMESSA A tutt oggi i documenti ufficiali a cui ogni docente di lingue straniere è chiamato a far riferimento nel suo lavoro quotidiano,

Dettagli

DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO

DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO 9749 31/10/2012 Identificativo Atto n. 766 DIREZIONE GENERALE OCCUPAZIONE E POLITICHE DEL LAVORO APPROVAZIONE DEI REQUISITI E DELLE MODALITÀ OPERATIVE PER LA RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL'ALBO REGIONALE

Dettagli

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013

D) ATTI DIRIGENZIALI. Giunta regionale. 64 Bollettino Ufficiale. Serie Ordinaria n. 44 - Giovedì 31 ottobre 2013 64 Bollettino Ufficiale D) ATTI DIRIGENZIALI Giunta regionale D.G. Salute Circolare regionale 25 ottobre 2013 - n. 20 Indicazioni in ordine all applicazione dell accordo tra governo, regioni e province

Dettagli

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5

Scuola primaria: obiettivi al termine della classe 5 Competenza: partecipare e interagire con gli altri in diverse situazioni comunicative Scuola Infanzia : 3 anni Obiettivi di *Esprime e comunica agli altri emozioni, sentimenti, pensieri attraverso il linguaggio

Dettagli

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili

Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili Regolamento dell Ateneo per i servizi agli studenti disabili TITOLO I - PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto e ambito di applicazione Art. 2 Principi normativi Art. 3 Finalità Art. 4 Destinatari degli interventi

Dettagli

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE

L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE L.R. N. 19/2002: ACCREDITAMENTO ORGANISMI DI FORMAZIONE 1 INDICE Introduzione pag. 5 Domanda (1) Cos è il sistema regionale di accreditamento? pag. 5 Domanda (2) Cosa deve fare un Ente di formazione per

Dettagli

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale.

15. Provvedere ad una programmazione puntuale e coordinata dell attività didattica ed in particolare delle prove di valutazione scritta ed orale. PATTO EDUCATIVO DI CORRESPONSABILITA NORME DI COMPORTAMENTO DOCENTI: I docenti si impegnano a: 1. Fornire con il comportamento in classe esempio di buona condotta ed esercizio di virtù. 2. Curare la chiarezza

Dettagli

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA

ALLEGATO 2 A) TITOLI ABILITANTI DI ACCESSO ALLA GRADUATORIA ALLEGATO 2 TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI DELLA TERZA FASCIA DELLE GRADUATORIE AD ESAURIMENTO DEL PERSONALE DOCENTE ED EDUCATIVO DELLE SCUOLE ED ISTITUTI DI OGNI ORDINE E GRADO, APPROVATA CON D.M 27

Dettagli

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE

F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE F.A.Q. SUL SISTEMA DI ACCREDITAMENTO PER I SERVIZI AL LAVORO REGIONE PIEMONTE PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA 1. Quale è l indirizzo web per la presentazione della domanda di accreditamento? L indirizzo della

Dettagli

A) COMPETENZE DI BASE

A) COMPETENZE DI BASE AVVISO DI PROCEDURA SELETTIVA PER LA COSTITUZIONE DI UN ELENCO DI FORMATORI NELL' AMBITO DEI PERCORSI TRIENNALI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE (FORMAZIONE INIZIALE 14-18 ANNI) CUI CONFERIRE,

Dettagli

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3

PARTE PRIMA. REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 10134 PARTE PRIMA Leggi e regolamenti regionali REGOLAMENTO REGIONALE 10 marzo 2014, n. 3 Disposizioni concernenti l attivazione di tirocini diretti all orientamento e all inserimento nel mercato del lavoro.

Dettagli

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Il Ministro dell Istruzione, dell Università e della Ricerca ORDINANZA MINISTERIALE n. 11 Prot. n. 320 del 29 maggio 2015 Istruzioni e modalità organizzative ed operative per lo svolgimento degli esami

Dettagli

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione

ARTICOLO 1 Ambito di applicazione REGOLAMENTO STUDENTI DELL UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Approvato dal Senato Accademico con delibera del 10 giugno 2008 e modificato con delibera del Senato Accademico del 14 giugno 2011 Decreto rettorale

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i.

Vista la Legge Regionale 24 Marzo 1974 n. 18; Vista la Legge Regionale 4 Febbraio 1997 n. 7; Vista la Legge Regionale 16.1.2001. n. 28 e s.m.i. 28501 di dare atto che il presente provvedimento non comporta alcun mutamento qualitativo e quantitativo di entrata o di spesa né a carico del bilancio regionale né a carico degli enti per i cui debiti

Dettagli

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE

MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE Master di I livello in MANAGEMENT NELLE ORGANIZZAZIONI SANITARIE In Sigla Master 74 Anno Accademico 2009/2010 (1500 ore 60 CFU) TITOLO Management nelle organizzazioni sanitarie FINALITÀ Con la locuzione

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

La definizione L approccio

La definizione L approccio I BISOGNI EDUCATIVI SPECIALI (BES) La definizione Con la sigla BES si fa riferimento ai Bisogni Educativi Speciali portati da tutti quegli alunni che presentano difficoltà richiedenti interventi individualizzati

Dettagli

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO

FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO FAQ MASTER & CORSI DI PERFEZIONAMENTO 1. Qual è la differenza tra Master di primo livello e Master di secondo livello? 2. Ai fini dell ammissione al Master, cosa bisogna fare se si possiede un titolo di

Dettagli

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof.

Presiede il Consiglio di Classe il Dirigente Scolastico, Prof. oppure per delega del Dirigente Scolastico, il Prof., funge da Segretario il Prof. ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE CESARE BECCARIA ISTITUTO TECNICO - SETTORE ECONOMICO - ISTITUTO PROFESSIONALE per l AGRICOLTURA e l AMBIENTE Sedi associate di - SANTADI e VILLAMASSARGIA VERBALE N. SCRUTINIO

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE

CONTRATTO CON LO STUDENTE Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE Il presente

Dettagli

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015 Si ricorda che alla domanda d iscrizione dovranno essere allegate 2 copie originali di questo contratto, tutte debitamente firmate dallo studente nelle parti indicate. CONTRATTO CON LO STUDENTE A.A. 2014/2015

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

Avviso Pubblico Giovani Attivi

Avviso Pubblico Giovani Attivi All. A Avviso Pubblico Giovani Attivi P.O.R. Campania FSE 2007-2013 Asse III Obiettivo Specifico: g) Sviluppare percorsi di integrazione e migliorare il (re)inserimento lavorativo dei soggetti svantaggiati

Dettagli

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('

qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~(c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i(' qf/lf7/ca~/,1n,lib/f7/c E/;~jk//,1f7 é'~("c7a,i/o d'ej/)'e/%~owp,~n/,i(a/;,'/,i('!11~",fi:j:/lé'i7(?:/l(?/u~/(v,',f7t:{(jn~/lrt//lé':/iu kyjlf?jtf..ét:'é' h l/m f /tf7.. ~t:;'j/i'é' (~/;àk//lrt /IUXr(;/lrT~

Dettagli

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A.

Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. Università degli Studi di Siena CORSO DI PERFEZIONAMENTO IN STRUMENTI STATISTICI PER L ANALISI DELLA QUALITÀ PERCEPITA IN SANITÀ A.A. 2011/2012 Art. 1 Oggetto del bando 1. L Università degli Studi di Siena

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica);

STRANIERE. Guida. breve. Ufficio didattica. Fax: 06 57338347. studentee. modulistica); DIPARTIMENTO DI LINGUE, LETTERATURE E CULTURE STRANIERE Corso di laurea triennale in LINGUE E CULTURE STRANIERE Classe L 11/Classe dellee lauree in Lingue e culture moderne Guida breve per l orientamento

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

LA CONFERENZA UNIFICATA

LA CONFERENZA UNIFICATA Intesa tra il Governo e le Regioni e Province autonome di Trento e Bolzano e gli Enti locali sulla ripartizione del Fondo nazionale per le politiche giovanili di cui all art. 19, comma 2, del decreto legge

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1

PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 TITOLO DEL PROGETTO: PRIMA GLI ULTIMI 1 Settore e Area di Intervento: SETTORE: ASSISTENZA AREA: ESCLUSIONE GIOVANILE OBIETTIVI DEL

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015

AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 AVVISO PUBBLICO SELEZIONE DEI PROGETTI DI INFORMAZIONE ED EDUCAZIONE ALLO SVILUPPO PROMOSSI DALLE ONG DOTAZIONE FINANZIARIA 2015 DATA DI PUBBLICAZIONE DELL ESTRATTO DEL BANDO SULLA GURI: DATA DI SCADENZA

Dettagli

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192)

LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170. Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) Gazzetta Ufficiale N. 244 del 18 Ottobre 2010 LEGGE 8 ottobre 2010, n. 170 Nuove norme in materia di disturbi specifici di apprendimento in ambito scolastico. (10G0192) La Camera dei deputati ed il Senato

Dettagli

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO

TABELLA B A) TITOLI DI STUDIO D ACCESSO TABELLA B TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso l insegnamento di strumento musicale nella scuola media), VALIDE PER

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO

GIUGNO 2009 A TUTT OGGI Consorzio Regionale Parco Valle Lambro, Via Vittorio Veneto, 19 20050 TRIUGGIO F O R M A T O E U R O P E O P E R I L C U R R I C U L U M V I T A E INFORMAZIONI PERSONALI Nome Indirizzo Nazionalità 23, VIA GIOVANNI PAOLO II, 23861, CESANA BRIANZA, LC ITALIANA Data di nascita 09/02/1979

Dettagli

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI

IL BIENNIO DELLA SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE AI TEMPI DELLA GELMINI Commento Nel biennio tra le materie di base non compaiono Musica, Geografia, Storia dell Arte, Fisica, Chimica e Diritto, mentre materie come Italiano al Liceo classico, Matematica e Scienze al Liceo scientifico

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE

REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE REGOLAMENTO PER LA REALIZZAZIONE DI PROGETTI PERSONALIZZATI DI INTEGRAZIONE SOCIALE I Progetti Personalizzati sono rivolti a minori e adulti con disabilità, residenti nel territorio dell Azienda ULSS n.

Dettagli

DECRETO n. 375 del 11/07/2014

DECRETO n. 375 del 11/07/2014 ASL di Brescia Sede Legale: viale Duca degli Abruzzi, 15 25124 Brescia Tel. 030.38381 Fax 030.3838233 - www.aslbrescia.it - informa@aslbrescia.it Posta certificata: servizioprotocollo@pec.aslbrescia.it

Dettagli

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO

DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO DISPOSIZIONI SULLA FORMAZIONE DELLE CLASSI NELLE SCUOLE DI OGNI ORDINE E GRADO Art. 1 Disposizioni generali 1.1. Per gli anni scolastici 1997-98, 1998-99 e 1999-2000, nell'autorizzazione al funzionamento

Dettagli

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI

BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI BANDO PER L AMMISSIONE AL PERCORSO FORMATIVO PER TECNICO SUPERIORE PER L'APPROVVIGIONAMENTO ENERGETICO E LA COSTRUZIONE DI IMPIANTI LA FONDAZIONE ISTITUTO TECNICO SUPERIORE PER L EFFICIENZA ENERGETICA

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione

Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Indicazioni Nazionali per il curricolo della scuola dell infanzia e del primo ciclo d istruzione Una breve guida per la lettura e l utilizzo delle Indicazioni Nazionali nell elaborazione di un curricolo

Dettagli

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE

POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE POLITECNICO DI BARI REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE IMMATRICOLAZIONI AL PRIMO ANNO DEI CORSI DI LAUREA TRIENNA- LI IN INGEGNERIA DEL POLITECNICO DI BARI - A.A. 2015/2016 Sommario REGOLAMENTO TEST DI AMMISSIONE...

Dettagli

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali

Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali Protocollo per l inclusione degli alunni con Bisogni Educativi Speciali L Istituto Leopoldo Pirelli si propone di potenziare la cultura dell inclusione per rispondere in modo efficace alle necessità di

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

studio dei titolari di protezione internazionale

studio dei titolari di protezione internazionale Il riconoscimento dei titoli di studio dei titolari di protezione internazionale IL RICONOSCIMENTO DEI TITOLI DI STUDIO LA NORMATIVA L art 170 del RD 1592 del 3/ 31/08/33 /33di approvazione del Testo Unico

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI

Sistema Qualità di Ateneo Modello di Ateneo MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI MODELLO DI ATENEO PER L ACCREDITAMENTO INTERNO IN QUALITÀ DEI CORSI DI STUDIO UNIVERSITARI Requisiti di valutazione per un percorso di Ateneo finalizzato all accreditamento in qualità dei Corsi di Studio:

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO

LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO LINEE GUIDA PER LA REALIZZAZIONE DI OPERAZIONI COFINANZIATE DAL FONDO SOCIALE EUROPEO Direzione centrale lavoro, formazione, commercio e pari opportunità Servizio programmazione e gestione interventi formativi

Dettagli

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI?

QUALE SIGNIFICATO HA LA FIRMA DEL PDP DA PARTE DELLO STUDENTE / GENITORE E DEI DOCENTI? FAQ: AREA DELLA PROGRAMMAZIONE (PDP) QUAL È LA NORMATIVA DI RIFERIMENTO SUI DSA NELLA SCUOLA? Al momento è in vigore la Legge 170 che regola in modo generale i diritti delle persone con DSA non soltanto

Dettagli

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria

Adriana Volpato. P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria Adriana Volpato P.D.P. Piano Didattico Personalizzato sc. Primaria 19 Dicembre 2011 STRUMENTO didattico educativo individua gli strumenti fa emergere il vero alunno solo con DIAGNOSI consegnata si redige

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA

ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA ISTITUTO COMPRENSIVO di ZOLA PREDOSA Via Albergati 30 40069 Zola Predosa (BO) Tel. 051/755355 755455 - Fax 051/753754 E-mail: BOIC86400N@istruzione.it - C.F. 80072450374 Pec : boic86400n@pec.istruzione.it

Dettagli

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area

ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework for the European Higher Education Area Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Dipartimento per l università, l alta formazione artistica, musicale e coreutica e per la ricerca ISTRUZIONE SUPERIORE Qualifications Framework

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO

ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE di BORGORICCO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO SUGGERIMENTI PER LA COMPILAZIONE DEL P.D.P. PER ALUNNI CON DISTURBI SPECIFICI DI APPRENDIMENTO Il documento va compilato in forma digitale per poter ampliare gli spazi dello schema (ove necessario) e togliere

Dettagli

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013

DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 DELIBERAZIONE N X / 825 Seduta del 25/10/2013 Presidente ROBERTO MARONI Assessori regionali MARIO MANTOVANI Vice Presidente VALENTINA APREA VIVIANA BECCALOSSI SIMONA BORDONALI PAOLA BULBARELLI MARIA CRISTINA

Dettagli

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI

PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER ALUNNI STRANIERI Pagina 1 di 5 PROTOCOLLO ACCOGLIENZA PER PREMESSA Il Protocollo di Accoglienza intende presentare procedure per promuovere l integrazione di alunni stranieri, rispondere ai loro bisogni formativi e rafforzare

Dettagli

MINISTERO DELLA SALUTE

MINISTERO DELLA SALUTE b) unica prova orale su due materie, il cui svolgimento è subordinato al superamento della prova scritta: una prova su deontologia e ordinamento professionale; una prova su una tra le seguenti materie

Dettagli

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali

REGOLAMENTO Autorizzazione al funzionamento e Accreditamento delle strutture, Accreditamento Soggetti erogatori Servizi Sociali AMBITO TERRITORIALE DI AGNONE AGNONE BELMONTE DEL SANNIO CAPRACOTTA CAROVILLI CASTEL DEL GIUDICE CASTELVERRINO PESCOPENNATARO PIETRABBONDANTE POGGIO SANNITA SAN PIETRO AVELLANA SANT ANGELO DEL PESCO VASTOGIRARDI

Dettagli

Qualità, merito e semplificazione

Qualità, merito e semplificazione Allegato 1 alla D.G.R. nr. del REGIONE ABRUZZO GIUNTA REGIONALE D ABRUZZO DIREZIONE POLITICHE ATTIVE DEL LAVORO, FORMAZIONE, ISTRUZIONE E POLITICHE SOCIALI SERVIZIO POLITICHE DELLA TRANSNAZIONALITÀ DELLA

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore

DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore DIDAMATICA 2011 Torino - 04/05/2011 Workshop: Informatica nella scuola superiore 1 di 20 Insegnamenti di Informatica nelle scuole superiori: la situazione attuale Prof. Minerva Augusto (Membro del Consiglio

Dettagli

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario

CONVENZIONE. Tra. Istituto Comprensivo 22 Alberto Mario ISTITUTO COMPRENSIVO 22 ALBERTO MARIO Piazza Sant Eframo Vecchio, 130-80137 NAPOLITel. 0817519375FAX: 0817512716 C.M. NAIC8BT00NCodice fiscale 80022520631 e-mail: naic8bt00n@istruzione.it naic8bt00n@pec.istruzione.it

Dettagli

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT

MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT MASTER IN PERFORMING ARTS MANAGEMENT edizione 2015 Foto di Benedetta Pitscheider Se il tuo futuro è lo spettacolo, il tuo presente è il Master in Performing Arts Management in collaborazione con OSMOSI

Dettagli

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO

PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO PROGETTO PROVINCIA DI TORINO FORMA.TEMP DESCRIZIONE DEL PROCESSO Questo documento descrive le principali fasi del progetto congiuntamente promosso dalla Provincia di Torino e da Forma.Temp nei termini

Dettagli

Burc n. 23 del 26 Maggio 2014

Burc n. 23 del 26 Maggio 2014 Burc n. 23 del 26 Maggio 2014 REGIONE CALABRIA GIUNTA REGIONALE DIPARTIMENTO N. 6 AGRICOLTURA - FORESTE FORESTAZIONE SETTORE 4 Servizi di sviluppo agricolo fitosanitario e valorizzazione patrimonio ittico

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI LINEE GUIDA PER IL PASSAGGIO AL NUOVO ORDINAMENTO (d.p.r. 15 marzo 2010, n. 87, articolo 8, comma 6) 1 INDICE Premessa 1. Azioni per il passaggio al nuovo ordinamento 1.1.Rendere

Dettagli

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007)

(annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA 1 (annessa quale Allegato A al Regolamento adottato con D.M. 13 giugno 2007) TABELLA DI VALUTAZIONE DEI TITOLI PER L INCLUSIONE NELLE GRADUATORIE DI CIRCOLO E DI ISTITUTO DI III FASCIA (ivi compreso

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI

Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI Catalogo dei titoli italiani in vista del Quadro dei titoli italiani - QTI CIMEA di Luca Lantero Settembre 2008 1 Cicli Titoli di studio EHEA 1 2 3 Istruzione superiore universitaria Laurea Laurea Magistrale

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04

REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 REGOLAMENTO DIDATTICO DI ATENEO AI SENSI DEL D.M. 270/04 1 Indice Art. 1 - Definizioni...4 Art. 2 - Autonomia Didattica... 5 Art. 3 - Titoli, Corsi di studio e Corsi di Alta Formazione.... 5 Art. 4 - Rilascio

Dettagli

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco

SCHEDA DI PROGRAMMAZIONE DELLE ATTIVITA EDUCATIVE DIDATTICHE. Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco Disciplina: Matematica Classe: 5A sia A.S. 2014/15 Docente: Rosito Franco ANALISI DI SITUAZIONE - LIVELLO COGNITIVO La classe ha dimostrato fin dal primo momento grande attenzione e interesse verso gli

Dettagli

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista

Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online in Management delle Cure primarie e Territoriali: il Professionista Specialista Master Universitario Online di I Livello 60 Crediti Formativi (CFU) 1. Premesse Le ragioni della

Dettagli

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015

La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 La nostra offerta Anno scolastico 2014-2015 Gentile Famiglia, nel presente opuscolo trovate il Contratto di corresponsabilità educativa e formativa ed il Contratto di prestazione educativa e formativa.

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO

BANDO DI SELEZIONE ESPERTI PON- FSE - 2007-IT 05 1 PO007 Competenze per lo sviluppo Annualità 2014 IL DIRIGENTE SCOLASTICO ISTITUTO DI ISTRUZIONE SUPERIORE LUIGI EINAUDI Distr. Sc. n 9 - Via V. Veneto 89822 SERRA SAN BRUNO (VV) FONDI STRUTTURALI 2007-2013 PEC: vvis003008@pec.istruzione.it PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE FONDO

Dettagli

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI

capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI capitolo 6 IL QUESTIONARIO PER LA VALUTV ALUTAZIONEAZIONE DEI CONTENUTI 6.1 ISTRUZIONI PER IL VALUTATORE Il processo di valutazione si articola in quattro fasi. Il Valutatore deve: 1 leggere il questionario;

Dettagli

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991

Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 C 1 I V I T A S E M P L I T Settore Sviluppo Socio Economico e Culturale Servizio Pubblica Istruzione Tel. 079679952 Fax 079679991 SCUOLA CIVICA DI MUSICA DI TEMPIO PAUSANIA In collaborazione con i comuni

Dettagli