PARTE I REGOLAMENTO DIDATTICO GENERALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PARTE I REGOLAMENTO DIDATTICO GENERALE"

Transcript

1 PARTE I REGOLAMENTO DIDATTICO GENERALE Art. 3 Dipartimenti, Scuole 1. Presso l Accademia di Belle Arti di Brescia SantaGiulia sono attivi, onde poter espletare le specifiche attività didattiche, di ricerca e di produzione artistica, i seguenti Dipartimenti: Dipartimento di Arti visive Dipartimento di Progettazione e arti applicate Dipartimento di Comunicazione e didattica dell arte. 2. Afferiscono al Dipartimento di Arti visive le seguenti Scuole: Scuola di Pittura Scuola di Scultura Scuola di Decorazione Scuola di Grafica 3. Afferiscono al Dipartimento di Progettazione e arti applicate le seguenti Scuole: Scuola di Scenografia Scuola di Progettazione artistica per l impresa Scuola di Restauro Scuola di Nuove tecnologie dell arte 4. Afferisce al Dipartimento di Comunicazione e didattica dell arte la seguente Scuola: Scuola di Didattica dell arte Art. 4 Titoli rilasciati 1. Al termine dei corsi di diploma di cui alla seconda parte del presente Regolamento l Accademia di Belle Arti di Brescia SantaGiulia rilascia i seguenti titoli: diploma accademico di primo livello, conseguito al termine dei corsi di diploma accademico di primo livello ove siano stati conseguiti non meno di 180 Crediti Formativi Accademici; diploma accademico di secondo livello, conseguito al termine dei corsi di diploma accademico di secondo livello ove siano stati conseguiti non meno di 120 Crediti Formativi Accademici. 2. Ai sensi del comma 2 dell art. 2 dello Statuto, ai fini del rilascio degli altri titoli di studio previsti dall art 2 comma 5 Legge 21/12/1999 n. 508 e dall art. 3 D.P.R. 08/07/2005 n. 212, il Consiglio Accademico stabilisce l attivazione degli specifici corsi di studio. Art. 5 Elenco Corsi di Diploma attivi presso le Scuole 1. Presso i Dipartimenti e le Scuole di cui all art. 3 sono attivi i seguenti Corsi di Studio per il Conseguimento del Diploma accademico di I e di II livello: Dipartimento di Arti visive, Scuola di Pittura: Corso di Diploma accademico di I livello in Pittura (art. 22) Corso di Diploma accademico di II livello in Arti Visive (art. 23) Dipartimento di Arti visive, Scuola di Scultura: Corso di Diploma accademico di I livello in Scultura (art. 24) Dipartimento di Arti visive, Scuola di Decorazione: Corso di Diploma accademico di I livello in Decorazione (art. 25)

2 Corso di Diploma accademico di II livello in Decorazione (art. 26) Dipartimento di Arti visive, Scuola di Grafica: Corso di Diploma accademico di I livello in Grafica (art. 27) Corso di Diploma accademico di II livello in Grafica (art. 28) Dipartimento di Progettazione e arti applicate, Scuola di Scenografia: Corso di Diploma accademico di I livello in Scenografia (art. 29) Corso di Diploma accademico di II livello in Scenografia (art. 30) Dipartimento di Progettazione e arti applicate, Scuola di Progettazione artistica per l impresa: Corso di Diploma accademico di I livello in Progettazione artistica per l impresa (art. 31) Dipartimento di Progettazione e arti applicate, Scuola di Restauro Corso di Diploma accademico di I livello in Restauro (art. 32) Dipartimento di Progettazione e arti applicate, Scuola di Nuove tecnologie dell arte Corso di Diploma accademico di I livello in Nuove tecnologie dell arte (art. 33) Dipartimento di Comunicazione e didattica dell arte, Scuola di Didattica dell arte Corso di Diploma accademico di I livello in Operatore museale (art. 34) Art. 6 Contenuti demandati alla Parte II (artt ) 1. Sono demandate alla Seconda parte, concernente i Regolamenti didattici dei singoli corsi di diploma, tutte le norme concernenti: le denominazioni, gli obiettivi formativi dei corsi e le relative scuole di appartenenza; il quadro generale delle attività formative da inserire nei curricoli; i crediti assegnati a ciascuna attività formativa; le caratteristiche della prova finale per il conseguimento del titolo; l elenco degli insegnamenti dei corsi e dell'eventuale articolazione in moduli, nonché delle altre attività formative; gli obiettivi formativi specifici, i crediti e le eventuali propedeuticità di ogni insegnamento e di ogni altra attività formativa; i curricoli offerti agli studenti; i requisiti in ingresso e la valutazione della preparazione iniziale degli studenti che accedono ai singoli corsi di diploma accademico; l organizzazione di eventuali attività formative propedeutiche alla valutazione della preparazione iniziale degli studenti che accedono ai corsi di diploma; eventuali servizi di coordinamento delle attività di orientamento, da svolgere in collaborazione con gli istituti d'istruzione secondaria superiore. Art. 7 Definizione Crediti Formativi Accademici e tipologia attività formative 1. Ai sensi dell art. 6 del D.P.R. 8 Luglio 2005 n. 212, le attività formative relative all acquisizione dei crediti formativi accademici sono così organizzate: la quantità media di attività finalizzate all apprendimento da svolgere in un anno accademico da parte di ciascuno studente corrisponde a 60 CFA; ad ogni credito formativo accademico corrispondono 25 ore di impegno da parte dello studente; all interno dei Corsi sono previsti cinque generi di attività formative: a) lezioni teoriche; b) attività teoricopratiche; c) attività di laboratorio d) attività di stage o altre attività praticooperative specifiche per i differenti corsi; e) attività relative alla prova finale. 2. Rispetto all impegno complessivo previsto per ciascun credito, a tali attività formative sono riservate le seguenti percentuali del tempo-lavoro complessivo:

3 a) alle lezioni teoriche (L) il 30% del tempo totale di lavoro; b) alle attività teoricopratiche (ATP) il 50% del tempo totale di lavoro, ripartito in 2/3 di attività didattica frontale in presenza del docente e 1/3 di lavoro individuale guidato (LIG), monitorato dal docente stesso; c) alle attività di laboratorio (Lab) il 100% del tempo totale di lavoro, di cui metà in presenza del docente e metà di lavoro individuale guidato, monitorato dal Docente; d) alle attività di Stage e alle altre attività pratico-operative specifiche il 100% del tempo totale di lavoro; l eventuale presenza di un Tutor e il suo specifico ruolo sono disciplinati nei Regolamenti didattici dei singoli corsi di diploma di cui alla Parte II del presente Regolamento. e) alle attività di preparazione in vista della Prova finale il 100% del tempo totale di lavoro. 3. Il genere di attività formativa da svolgere all interno di ciascun insegnamento è stabilito nei Regolamenti didattici dei singoli corsi di diploma di cui alla Parte II del presente Regolamento. Art. 8 Attività di Lavoro Individuale Guidato 1. Le attività di lavoro individuale guidato (LIG) di cui al precedente art. 7 comma 2 lettere b) e c) sono da svolgere sotto la guida e il controllo del docente titolare di un insegnamento che, ai sensi del Regolamento didattico del Corso, preveda attività teoricopratiche oppure attività di laboratorio. Tali attività possono essere effettuate nei Laboratori dell Accademia, aperti e a disposizione degli studenti secondo gli stessi orari della Segreteria dell Accademia, oppure presso Istituzioni appositamente convenzionate con l Accademia oppure, previo parere positivo del Docente titolare dell insegnamento o del Coordinatore della Scuola di afferenza del Corso, sviluppando personalmente, nella sede ritenuta maggiormente idonea, specifiche attività coerenti con gli obiettivi formativi del Corso. 2. Le attività di lavoro individuale guidato vanno analiticamente documentate mediante apposito modulo, predisposto dalla Segreteria, contenente autocertificazione da parte dello studente, debitamente controfirmata dai Docenti titolari di insegnamento che prevedano ore LIG oppure dal Coordinatore della Scuola. Art. 9 Anno accademico 1. La quantità media di impegno di apprendimento svolto in un anno da uno studente a tempo pieno è fissata in 60 crediti. L anno accademico è articolato in due semestri di 15 settimane cadauno, più un eventuale settimana per i recuperi. Il primo semestre comincia di norma attorno alla metà di ottobre e termina a metà febbriaio. Il secondo ha inizio a fine febbraio / inizio marzo e termina entro il mese di giugno. Art. 10 Modalità acquisizione Crediti Formativi e verifiche del profitto 1. I crediti corrispondenti a ciascun insegnamento o attività formativa vengono acquisiti dallo studente al superamento dell esame finale fissato per ciascuno di essi. Il voto viene espresso in trentesimi e il superamento dell esame e la conseguente assegnazione dei crediti si maturano solo con voto pari o superiore a 18/30. I docenti titolari degli insegnamenti possono proporre agli studenti verifiche intermedie durante il periodo di lezione per sondare la maturazione di specifici obiettivi formativi relativi ai propri insegnamenti. Di tali valutazioni intermedie, debitamente registrate dal Docente, viene tenuta debita considerazione nel colloquio d esame finale. 2. Alla verifica delle attività di stage e delle altre attività pratico-operative specifiche si applicano gli stessi criteri vigenti per tutti gli altri insegnamenti.

4 3. Rispetto alla classificazione del Sistema Europeo di Trasferimento dei Crediti (ECTS), la corrispondenza dei voti è così stabilita: A = 29-30; B = 27-28; C = ; D = ; E = ; F = < 18. Art. 11 Modalità di verifica del profitto e relativa tempistica 1. L esame finale consiste, per ciascun insegnamento inserito nel Piano di studi dello studente, in un colloquio di verifica orale o in una prova pratica. In entrambe i casi lo studente dovrà mostrare di aver maturato gli obiettivi formativi previsti nella programmazione didattica dei singoli insegnamenti e, nel caso delle attività teoricopratiche e di laboratorio, dovrà sapere commentare i lavori svolti e i progetti sviluppati, mostrando consapevolezza delle scelte stilistiche, tecniche e poetiche operate e fornendo adeguata giustificazione di esse. 2. Per l effettuazione degli esami finali dei singoli insegnamenti sono previste tre sessioni annuali, la prima a febbraio dopo il termine del I semestre di lezione, la seconda a giugno-luglio, dopo il termine del II semestre di lezione, la III a settembre-ottobre prima dell inizio dell anno accademico successivo. Gli esami di profitto dell anno accademico appena concluso possono essere sostenuti, in via straordinaria, anche nel primo appello di febbraio dell anno accademico successivo. Gli studenti sono tenuti a iscriversi on line agli esami per la sessione da essi prescelta nel corso del mese precedente l inizio della sessione e comunque non oltre la data indicata volta a volta dalla Segreteria. 3. Nel caso di mancato superamento dell esame, lo studente può ri-iscriversi a una qualsiasi sessione d esami successiva. In ogni caso lo studente che, ai sensi dell art. 13, abbia maturato la possibilità di iscriversi all esame finale di un insegnamento può sostenere detto esame, qualora risulti regolarmente iscritto, anche nell anno accademico successivo. 4. Nel caso della attività di Stage e di altre attività pratico-operative specifiche le modalità di valutazione sono disciplinate, caso per caso, nei Regolamenti didattici dei singoli corsi di diploma. Art. 12 Commissioni d esame 1. La commissione per gli esami finali di ciascun insegnamento è costituita da due docenti in servizio presso l Accademia ed è presieduta dal titolare dell insegnamento stesso. In caso di assenza giustificata del titolare dell insegnamento il Direttore può, mediante apposito Decreto e sulla base di documentabili competenze relative all ambito disciplinare di afferenza del corso, nominare un altro docente o un esperto esterno quale Presidente della commissione d esame. Art. 13 Obbligo di frequenza, tempo pieno e tempo parziale 1. Lo studente può essere ammesso agli esami di profitto solo nel caso in cui abbia frequentato non meno dell 80% del monte ore complessivo di lezioni previsto per ciascun insegnamento. Le frequenze sono comprovate da firma autografa da apporre in aula all inizio e alla fine di ogni gruppo giornaliero di ore di lezione su moduli a ciò appositamente predisposti dalla Segreteria, verificati dal Docente e allegati al suo registro delle lezioni. Le ore di lavoro individuale guidato di cui ai precedenti artt. 7 e 8 sono sottoposte alle medesime percentuali delle ore da effettuare in presenza del docente. Nel caso delle Lezioni teoriche (L) deroghe possono essere concesse nei casi in cui l orario della disciplina inserita nel piano di studi si sovrappone a quella di altre discipline sottoposte, per lo stesso anno, agli stessi obblighi di frequenza. 2. Per gli studenti impegnati in attività lavorative, adeguatamente documentate, che materialmente impediscono la partecipazione a tempo pieno alle attività didattiche presso la sede dell Accademia l obbligo di frequenza alle lezioni è ridotto, solo ed esclusivamente per il periodo in cui l attività lavorativa documentata effettivamente persiste, al 60% per le attività Teoricopratiche e per i Laboratori e al 30% per le Lezioni teoriche. Lo studente lavoratore dovrà in

5 tali casi concordare coi rispettivi docenti determinate attività integrative, sostitutive della frequenza risultata incompatibile col proprio orario di lavoro. 3. Per gli studenti impegnati in attività agonistica sportiva di livello almeno nazionale, adeguatamente documentate che materialmente impediscono la partecipazione a tempo pieno alle attività didattiche presso la sede dell Accademia, l obbligo di frequenza alle lezioni è ridotto ai sensi del comma precedente. A tale scopo lo studente è tenuto a presentare la tessera di iscrizione alla Federazione sportiva nazionale relativa allo sport praticato e una dichiarazione a firma del Presidente dalla Società sportiva di appartenenza che comporvi il predetto impedimento. La riduzione dell obbligo di frequenza è limitata al periodo in cui i suddetti impedimenti effettivamente persistono. 4. Nel caso di mancato raggiungimento del quorum di frequenza per comprovati motivi personali o di salute, la Direzione si riserva la possibilità di autorizzare l ammissione dello studente agli esami di profitto. Art. 14 Piano di studi individuale e scadenza di presentazione 1. Ad ogni anno accademico lo Studente è tenuto a presentare entro il 31 dicembre il proprio Piano di studi mediante il format compilabile on-line appositamente predisposto dalla Segreteria. In esso vanno indicate, oltre alle materie base del curriculum standard di cui allo specifico Regolamento didattico del Corso, le materie opzionali prescelte, oltre ad eventuali insegnamenti aggiuntivi. È data facoltà allo studente di aggiungere al proprio Piano di studi individuale, a propria discrezione, altri insegnamenti attivi presso l Accademia SantaGiulia e, fatti salvi gli obblighi relativi alla frequenza di cui al precedente art. 13, lo studente può sostenere il relativo esame; il punteggio maturato concorrerà in tal caso a determinare la media del punteggio di presentazione alla prova finale del Corso e i crediti acquisiti oltre l ammontare minimo di 180 CFA previsto per il rilascio del Diploma di I livello andranno ad arricchire il suo portfolio complessivo. Gli studenti dei Corsi di Diploma di I livello non possono inserire nel proprio piano di studi individuale Attività formative di Base e Attività formative Caratterizzanti relative ai Corsi di Diploma di II livello. 2. Per gli studenti diversamente abili in possesso dei requisiti d accesso stabiliti dagli specifici Regolamenti didattici dei Corsi è prevista la possibilità di definire un piano di studi personalizzato, compatibile con le possibilità formative dei soggetti. 3. Deroghe ai piani di studi dei singoli corsi di cui alla parte II del presente Regolamento potranno essere concesse solo in casi eccezionali e previa delibera, caso per caso, da parte del Consiglio accademico, una volta assicurato il rispetto delle tabelle ministeriali di cui al D. M. 22 gennaio 2008 n. 482, per i Corsi di Diploma di I livello, e al D.M. 8 ottobre 2003 n. 626, per quelli di secondo livello e una volta costatata la coerenza del piano di studi da approvare con gli obiettivi formativi del corso. Art. 15 Superamento annualità del Corso di studi 1. Lo studente può effettuare il passaggio all anno successivo del curriculum qualora entro l ultima sessione utile dell anno accademico in corso (ovvero, ai sensi dell art. 11, comma 2, la sessione invernale dell anno accademico successivo) abbia conseguito almeno 36 dei 60 crediti annuali previsti dalla scansione dell ordinamento didattico stabilito dal Regolamento didattico dei singoli corsi. Lo studente che non abbia raggiunto i CFA necessari per accedere all anno di corso successivo (ovvero 36 CFA nel caso di accesso al secondo anno e 96 CFA nel caso di accesso al terzo anno di corso) può chiedere di essere ammesso con riserva all anno di corso successivo; in tal caso, qualora entro la sessione d esame straordinaria lo studente non raggiunga il quorum necessario, l iscrizione decadrà e lo studente sarà automaticamente reiscritto, in qualità di ripetente, all anno di corso precedente. In alternativa, se lo desidera, lo

6 studente può chiedere sin dall inizio dell anno di ripetere l anno riiscrivendosi allo stesso anno appena frequentato. Art. 16 Prova finale del Corso di diploma 1. La prova finale è parte integrante del curriculum dell ultimo anno di corso ed è disciplinata nei Regolamenti didattici dei singoli corsi. Essa viene discussa davanti a una Commissione appositamente nominata con Decreto del Direttore almeno 10 gg prima della data fissata per la discussione. Quest ultima viene di norma effettuata in concomitanza delle sessioni d esame e va tenuta entro la sessione straordinaria dell anno accademico successivo. 2. È fatto obbligo allo studente richiedere alla Segreteria dell Accademia la discussione della propria prova finale almeno due mesi prima della sessione d esami prescelta. 3. Nei Corsi di diploma di I livello è diritto dello studente avvalersi del supporto di un Docente tutor per la Prova finale, il quale sarà a disposizione almeno un ora per ogni credito formativo previsto nel curriculum per la Prova finale. Per gli studenti che intendano avvalersi del supporto del Tutor è fatto obbligo farne specifica richiesta alla Segreteria dell Accademia almeno due mesi prima della sessione d esami prescelta, con l indicazione del docente desiderato. Tenuto conto, nei limiti del possibile, del nominativo indicato dallo studente, il tutor viene nominato con decreto del Direttore dell Accademia entro 7 gg dalla scadenza della richiesta. Art. 17 Commissione di Diploma, punteggio e rilascio del Titolo 1. La Commissione per la discussione della Prova finale o Commissione di Diploma, nominata con Decreto del Direttore, è composta da un minimo di 3 sino a un massimo di 5 Membri. Possono essere nominati a far parte della Commissione, oltre ai Docenti in servizio presso l Accademia, anche artisti od esperti esterni di comprovata fama nel settore delle arti visive e della progettazione artistica. 2. I voti di Diploma sono espressi in centodecimi, con eventuale menzione della lode, purché deliberata all unanimità dei Membri della Commissione e solo nel caso in cui il Candidato abbia raggiunto punti 110 su 110. Il punteggio viene stabilito in funzione della media aritmetica della singole valutazioni riportate negli esami di profitto sostenuti durante il Corso, più un eventuale rilancio, a discrezione della Commissione, motivato in base all esito della discussione e al valore della prova finale, non superiore a punti 6 su 110 per il Diploma di I livello e a punti 8 su 110 per il Diploma di II livello. 3. Il Presidente della Commissione, una volta constato l effettivo ottenimento da parte del candidato di 180 CFA nel caso dei Corsi di Diploma di I livello e di 120 CFA nei Corsi di II livello, e una volta assegnato il punteggio complessivo relativo al Corso di Diploma, conferisce ufficialmente al candidato il titolo di Diploma Accademico di I o di II Livello specificato ai sensi della denominazione della Scuola di afferenza del Corso. Art. 18 Requisiti in ingresso e accesso per cittadini stranieri 1. I requisiti di ingresso ai corsi sono stabiliti nei Regolamenti didattici specifici di cui alla Parte II del presente Regolamento. Per gli studenti che abbiano conseguito, in altri paesi appartenenti all Unione Europea o in paesi extra Unione Europea, un titolo di studio equipollente a quello prescritto per l accesso ai Corsi è necessario presentare la traduzione legalizzata del titolo di studio e la dichiarazione di equipollenza rilasciata dall ambasciata italiana presente nel paese in cui il titolo è stato conseguito. La riserva di posti per gli studenti stranieri viene comunicata dall Amministrazione dell Accademia SantaGiulia di anno in anno al Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca.

7 Art. 19 Riconoscimento crediti (abbuono) e accesso ad anni successivi al primo 1. Nel caso in cui un nuovo iscritto abbia già in precedenza acquisito presso altra istituzione AFAM o presso Università crediti formativi coerenti con gli obiettivi formativi del Corso oppure nel caso in cui sia in possesso di abilità artistico-professionali specifiche coerenti con gli obiettivi formativi del Corso e dei singoli insegnamenti in esso impartiti, la Direzione, sentito il Coordinatore della Scuola di afferenza del Corso, si riserva la facoltà di attribuire un abbuono forfetario di crediti in ingresso e, nel caso in cui tale abbuono raggiunga i 36 CFA, si riserva la facoltà di ammettere lo studente ad un anno successivo al primo. Nel caso dei Corsi di Diploma di I livello l ammissione al terzo anno è possibile qualora l abbuono forfetario raggiunga almeno i 96 CFA. 2. Ove risulti possibile, viene attribuita al blocco forfetario di crediti abbuonati una valutazione in trentesimi coincidente con la media in trentesimi relativa ai Crediti precedentemente acquisiti presso altre istituzioni. Tale valutazione concorrerà, in maniera comparativa rispetto alla quantità dei Crediti abbuonati, alla determinazione del punteggio di presentazione alla Prova finale di cui all art Nel caso dei Corsi di Diploma di II livello, in base alla nota n della Direzione Generale AFAM dell 8/11/2004 i possessori di un Diploma accademico quadriennale di vecchio ordinamento coerente con il Diploma di II livello a cui intendono accedere possono avere un abbuono forfetario sino a 40 CFA e la frequenza può essere ridotta a tre soli semestri. Art. 20 Scambi internazionali 1. L Accademia di Belle Arti SantaGiulia di Brescia, partecipa al progetto ERASMUS / LLP, che prevede scambi tra studenti per un minimo di tre mesi e fino ad un massimo di dodici. 2. Requisiti per l ottenimento di una borsa di mobilità Erasmus/LLP sono: a) aver completato il I anno di corso degli studi; b) avere una conoscenza adeguata di almeno una lingua dell Unione Europea, oltre all italiano, da indicare nel modulo di candidatura; c) essere cittadini di uno stato membro UE o di uno dei Paesi partecipanti al Programma o avere ottenuto lo stato di Rifugiato o Apolide in uno stato o, se cittadini extracomunitari, essere residenti permanenti (cittadini stranieri in possesso dei requisiti per la carta di soggiorno) ai sensi della Legge 189 del 30 Luglio 2002; d) non avere beneficiato, negli anni precedenti, dello status di studente Erasmus/LLP; e) non beneficiare, nello stesso periodo, di un altro contributo comunitario previsto da altri programmi di mobilità; f) avere conseguito, nel primo anno accademico, la media dei voti non inferiore a 27/ Lo studente può presentare la propria candidatura compilando il modulo on line a ciò specificamente predisposto sul sito istituzionale dell Accademia e consegnandolo entro le date volta a volta stabilite dell Amministrazione. Art. 21 Supervisione del Corso, valutazione delle attività didattiche e tutoraggio per gli studenti 1. Le attività didattiche dei Corsi sono supervisionate dal Coordinatore della Scuola di afferenza nominato annualmente con Decreto del Direttore prima dell inizio dell anno accademico e la realizzazione degli obiettivi è sottoposta alla verifica da parte del Nucleo di valutazione previsto dallo Statuto dell Accademia SantaGiulia. Il coordinatore della Scuola funge da punto di riferimento per il coordinamento delle attività didattiche e svolge attività di tutoraggio per tutti gli studenti della scuola.

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO

LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO ISTITUZIONI MUSICALI AFAM LINEE GUIDA PER LA FORMULAZIONE DEL REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO (Generalità) Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle leggi

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO DELL'ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI O.VECCHI A.

REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO DELL'ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI O.VECCHI A. REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO DELL'ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI O.VECCHI A.TONELLI DI MODENA 1 PARTE PRIMA Premessa Art. 1. Generalità Art. 2. Definizioni

Dettagli

Facoltà di Scienze Politiche

Facoltà di Scienze Politiche Università degli Studi di Siena Facoltà di Scienze Politiche Regolamento didattico di Facoltà (Emanato con Decreto Rettorale n. 1412/2000-01 del 18.09.2001, pubblicato nel Bollettino Ufficiale n. 35 del

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI BRESCIA SANTAGIULIA A.A. 2013/2014

MANIFESTO DEGLI STUDI ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI BRESCIA SANTAGIULIA A.A. 2013/2014 MANIFESTO DEGLI STUDI ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI BRESCIA SANTAGIULIA A.A. 2013/2014 1 INDICE PREMESSA Art. 1 Premessa e ambito di applicazione TITOLO I: OFFERTA FORMATIVA E IMMATRICOLAZIONI Art. 2 Corsi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina gli aspetti organizzativi e didattici del Corso di laurea in Ingegneria Informatica (classe L-8), in conformità alla normativa vigente in

Dettagli

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012-allegato n.5 di 9 pagine

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012-allegato n.5 di 9 pagine UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA ENZO FERRARI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA INFORMATICA (CLASSE LM-32 INGEGNERIA INFORMATICA)

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI SUPERIORI SPERIMENTALI (TRIENNIO DI PRIMO LIVELLO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO)

REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI SUPERIORI SPERIMENTALI (TRIENNIO DI PRIMO LIVELLO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO) REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI SUPERIORI SPERIMENTALI (TRIENNIO DI PRIMO LIVELLO BIENNIO DI SECONDO LIVELLO) Approvato dal Consiglio Accademico nella seduta del 10 luglio 2007. Modificato in data 3 dicembre

Dettagli

)$&2/7 ',0(',&,1$(&+,585*,$ &/$66(/617352)(66,21,6$1,7$5,(7(&1,&+( DELOLWDQWHDOODSURIHVVLRQHVDQLWDULDGL,JLHQLVWDGHQWDOH. $UW±3UHPHVVHHILQDOLWj

)$&2/7 ',0(',&,1$(&+,585*,$ &/$66(/617352)(66,21,6$1,7$5,(7(&1,&+( DELOLWDQWHDOODSURIHVVLRQHVDQLWDULDGL,JLHQLVWDGHQWDOH. $UW±3UHPHVVHHILQDOLWj 81,9(56,7 '(*/,678',',02'(1$(5(**,2(0,/,$ )$&2/7 ',0(',&,1$(&+,585*,$ 5(*2/$0(172','$77,&2'(/&2562',/$85($,1,*,(1('(17$/( &/$66(/617352)(66,21,6$1,7$5,(7(&1,&+( DELOLWDQWHDOODSURIHVVLRQHVDQLWDULDGL,JLHQLVWDGHQWDOH

Dettagli

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA (ABILITANTE ALLA PROFESSIONE SANITARIA DI FISIOTERAPISTA) REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI Medicina e Chirurgia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INFERMIERISTICHE ED OSTETRICHE (CLASSE LM/SNT1 - SCIENZE

Dettagli

ART. 24 REGOLAMENTO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO

ART. 24 REGOLAMENTO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO ART. 24 REGOLAMENTO DEL CORSO DI DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO IN SCULTURA C. 1 Denominazione del Corso e afferenza alla Scuola Il Corso di diploma accademico di primo livello in Scultura (d ora in poi

Dettagli

Regolamenti ISIA Firenze

Regolamenti ISIA Firenze Regolamenti ISIA Firenze Regolamento di transizione dei corsi accademici di secondo livello di indirizzo specialistico Il Consiglio Accademico dell ISIA di Firenze VISTA la legge 21 dicembre 1999, n. 508,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CONSERVATORIO DI MUSICA F.A. BONPORTI DI TRENTO

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CONSERVATORIO DI MUSICA F.A. BONPORTI DI TRENTO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CONSERVATORIO DI MUSICA F.A. BONPORTI DI TRENTO REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CONSERVATORIO DI MUSICA F.A. BONPORTI DI TRENTO PARTE PRIMA ORGANIZZAZIONE E AUTONOMIA DIDATTICA TITOLO

Dettagli

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012 allegato n.7 di 10 pagine

Consiglio di Facoltà del 19.01.2012 allegato n.7 di 10 pagine Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina gli aspetti organizzativi e didattici del Corso di laurea magistrale in Ingegneria Meccanica (classe LM-33), in conformità alla normativa

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN CHIMICA E TECNOLOGIA FARMACEUTICHE (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA

Dettagli

Rev del 05/04/12. Carta Dei Servizi. Pag 1 di 12

Rev del 05/04/12. Carta Dei Servizi. Pag 1 di 12 Carta Dei Servizi Pag 1 di 12 PREMESSA L Accademia di Belle Arti SantaGiulia attribuisce alla Carta dei Servizi il valore di uno strumento primario per garantire la conoscenza la consapevolezza, il rispetto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN FARMACIA (CLASSE LM-13 FARMACIA E FARMACIA INDUSTRIALE) Art. 1

Dettagli

PREMESSA. Il direttore

PREMESSA. Il direttore PREMESSA L Accademia di Belle Arti Santagiulia attribuisce alla Carta dei Servizi il valore di uno strumento primario per garantire la conoscenza la consapevolezza, il rispetto e la condivisione dei diritti

Dettagli

FONDAZIONE ACCADEMIA DI BELLE ARTI PIETRO VANNUCCI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO

FONDAZIONE ACCADEMIA DI BELLE ARTI PIETRO VANNUCCI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO FONDAZIONE ACCADEMIA DI BELLE ARTI PIETRO VANNUCCI PERUGIA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I (Principi generali) Art. 1 (Definizioni) Ai sensi del presente Regolamento si intendono: a. per Ministro o Ministero,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Università degli Studi di Padova FACOLTÀ DI GIURISPRU DENZA REGOLAMENTO DIDATTICO CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO DIDATTICO Art. 1 - Premesse e finalità 1.

Dettagli

Rev del 28/02/07. Carta Dei Servizi. Pag 1 di 11

Rev del 28/02/07. Carta Dei Servizi. Pag 1 di 11 Carta Dei Servizi Pag 1 di 11 PREMESSA L Accademia di Belle Arti Santagiulia attribuisce alla Carta dei Servizi il valore di uno strumento primario per garantire la conoscenza la consapevolezza, il rispetto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INFORMATICA (CLASSE L-31 - Scienze e tecnologie informatiche)

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI P. MASCAGNI - LIVORNO REGOLAMENTO DIDATTICO Via G. Galilei, 40 57122 Livorno Tel. 0586 403724 Fax 0586 426089 www.istitutomascagni.it e-mail: segreteria @istitutomascagni.it

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA (CLASSE L-30, SCIENZE E TECNOLOGIE FISICHE) Art. 1

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO DELL ACCADEMIA NAZIONALE DI DANZA DIPARTIMENTO DI ARTE COREUTICA Indice TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI SULL ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI STUDIO CAPO I - Generalità,

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO ISTITUTO SUPERIORE Di STUDI MUSICALI CONSERVATORIO GUIDO CANTELLI Via Collegio Gallarini, 1 28100 NOVARA (tel. 0321-31252 / 392629) Fax 0321 640556 E-Mail: segreteriaamministrativa@conservatorionovara.it;

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea magistrale in Servizio Sociale e Politiche Sociali Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

D. R. n. 36/14 IL RETTORE

D. R. n. 36/14 IL RETTORE IL RETTORE D. R. n. 36/14 Vista la legge 9 maggio 1989 n. 168; Vista Visti Visti Vista Viste la legge 19 novembre 1990 n. 341 ed in particolare l art.11; l art. 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997,

Dettagli

ART. 1 Oggetto del Regolamento

ART. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA STRANIERA ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 1 comma 3 del Regolamento

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN CHIMICA (CLASSE L-27 Scienze e Tecnologie Chimiche) Art.

Dettagli

R E G O L A M E N T O D I D A T T I C O

R E G O L A M E N T O D I D A T T I C O MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Alta Formazione Artistica e Musicale Conservatorio Statale di Musica G. Verdi - T O R I N O - R E G O L A M E N T O D I D A T T I C O D.D.G. Miur/Afam

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI AGRARIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI AGRARIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI AGRARIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN Scienze e Tecnologie Agrarie e degli Alimenti (interclasse L-25 - Scienze e Tecnologie Agrarie

Dettagli

CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO

CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DIDATTICO CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO Approvato dal Consiglio Accademico con delibera n. 4-0 Emanato con decreto del Direttore prot. n. 1425-21/03/2016 SOMMARIO Premessa... 3 Art. 1 - Definizioni...

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia Facoltà di Medicina e Chirurgia Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e Sede U.C.S.C. Manifesto degli studi Anno Accademico 2012-2013 CLASSE DI LAUREA DI APPARTENENZA: LM/SNT1 SCIENZE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE, MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE, MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE, MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA FACOLTÀ DI SCIENZE, MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO

Dettagli

REGOLAMENTO GENERALE DEI CORSI DI STUDIO ACCADEMICI DI I e II LIVELLO

REGOLAMENTO GENERALE DEI CORSI DI STUDIO ACCADEMICI DI I e II LIVELLO REGOLAMENTO GENERALE DEI CORSI DI STUDIO ACCADEMICI DI I e II LIVELLO Indice Art. 1. Generalità Art. 2. Titoli di accesso Art. 3. Competenze di accesso e loro verifica Art. 4. Durata normale dei corsi

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN LINGUE E CULTURE EUROPEE (CLASSE L-12 Mediazione linguistica) Art. 1 Premesse

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI ECONOMIA MARCO BIAGI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN ECONOMIA AZIENDALE (CLASSE L-18 SCIENZE DELL ECONOMIA E DELLA GESTIONE AZIENDALE)

Dettagli

TITOLO PRIMO - NORME COMUNI E ORGANIZZATIVE CAPO I GENERALITÀ E DEFINIZIONI

TITOLO PRIMO - NORME COMUNI E ORGANIZZATIVE CAPO I GENERALITÀ E DEFINIZIONI Art. 1 Generalità TITOLO PRIMO - NORME COMUNI E ORGANIZZATIVE CAPO I GENERALITÀ E DEFINIZIONI 1. Il presente Regolamento disciplina, ai sensi delle Leggi vigenti, delle disposizioni ministeriali e delle

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN BIOTECNOLOGIE (CLASSE L-2 BIOTECNOLOGIE) Art. 1 Premesse e finalità 1.

Dettagli

di Cremona Istituto Musicale Pareggiato Claudio Monteverdi di Cremona REGOLAMENTO DIDATTICO

di Cremona Istituto Musicale Pareggiato Claudio Monteverdi di Cremona REGOLAMENTO DIDATTICO Istituto Superiore di Studi Musicali Claudio Monteverdi di Cremona Istituto Musicale Pareggiato Istituto Superiore di Studi Musicali Istituto Musicale Pareggiato Claudio Monteverdi di Cremona REGOLAMENTO

Dettagli

D. R. n. 35/14 IL RETTORE

D. R. n. 35/14 IL RETTORE IL RETTORE D. R. n. 35/14 Vista la legge 9 maggio 1989 n. 168; Vista Visti Visti Vista la legge 19 novembre 1990 n. 341 ed in particolare l art.11; l art. 17, comma 95, della legge 15 maggio 1997, n. 127

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE

REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO DELLA FACOLTÀ DI SCIENZE DELLA FORMAZIONE SEZIONE I - NORME GENERALI E COMUNI CAPO I - DENOMINAZIONE E ORGANI Art. 1 - Denominazione dei corsi di laurea e classi di riferimento Art.

Dettagli

R E G O L A M E N T O D I D A T T I C O

R E G O L A M E N T O D I D A T T I C O R E G O L A M E N T O D I D A T T I C O TITOLO PRIMO NORME COMUNI E ORGANIZZATIVE CAPO I GENERALITÀ E DEFINIZIONI Art. 1. (Generalità) 1. Il presente regolamento disciplina, ai sensi delle norme di legge,

Dettagli

Regolamento Didattico. Corso di Laurea in Scienze Motorie Classe L-22

Regolamento Didattico. Corso di Laurea in Scienze Motorie Classe L-22 Regolamento Didattico Corso di Laurea in Scienze Motorie Classe L-22 REG.CDL.SM rev. 0 del 16 febbraio 2011 1/9 Articolo 1 - Definizioni 1. Ai sensi del presente Regolamento si intende: a) per Facoltà:

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN ODONTOIATRIA E PROTESI DENTARIA (CLASSE LM-46 ODONTOIATRIA

Dettagli

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli. Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e ostetriche

Università Cattolica del Sacro Cuore Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli. Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e ostetriche Facoltà di Medicina e Chirurgia A. Gemelli Corso di Laurea Magistrale in Scienze infermieristiche e Manifesto degli studi Anno Accademico 2014-2015 CLASSE DI LAUREA DI APPARTENENZA: LM/SNT1 SCIENZE INFERMIERISTICHE

Dettagli

Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita

Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita Regolamento didattico del Corso di laurea in Scienze e tecniche psicologiche (L-24 Classe delle Lauree in Scienze e tecniche psicologiche)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI FARMACIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E TECNOLOGIE ERBORISTICHE (CLASSE L-29) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente

Dettagli

Prot. A/2 n. 3119 Firenze, 28 giugno 2012 IL DIRETTORE DECRETA

Prot. A/2 n. 3119 Firenze, 28 giugno 2012 IL DIRETTORE DECRETA DIRETTORE Prot. A/2 n. 3119 Firenze, 28 giugno 2012 IL DIRETTORE VISTO il Regolamento dei Corsi di Studio del Conservatorio Cherubini emanato con provvedimento del Direttore il 5 settembre 2011, Prot.

Dettagli

Regolamento Didattico Conservatorio di Musica Bruno Maderna

Regolamento Didattico Conservatorio di Musica Bruno Maderna Regolamento Didattico Conservatorio di Musica Bruno Maderna Deliberato dal Consiglio Accademico nella seduta del 23/11/2010; Approvato dal M.I.U.R. con D.D.G. n 232 del 02/12/2010; Adottato dal Direttore

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI ARTURO TOSCANINI (D. D. MIUR AFAM n. 246/09) RIBERA

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI ARTURO TOSCANINI (D. D. MIUR AFAM n. 246/09) RIBERA ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI ARTURO TOSCANINI (D. D. MIUR AFAM n. 246/09) RIBERA REGOLAMENTO DIDATTICO dei CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO SPERIMENTALE DI 2 LIVELLO approvato con Delibera del Consiglio

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE A CICLO UNICO IN GIURISPRUDENZA (CLASSE LMG/01 GIURISPRUDENZA) Art. 1 Premesse

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI ARTURO TOSCANINI (D. D. MIUR AFAM n. 246/09) RIBERA

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI ARTURO TOSCANINI (D. D. MIUR AFAM n. 246/09) RIBERA REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI FORMAZIONE DI BASE approvato dal Consiglio Accademico con Delibere n. 2/10 e successive modifiche ed integrazioni INTRODUZIONE GENERALE L articolazione della Formazione

Dettagli

Regolamento didattico d Accademia

Regolamento didattico d Accademia Regolamento didattico d Accademia NUOVA ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI MILANO Legalmente riconosciuta con D.M. 1/09/1981 e succ. - Certificata UNI EN ISO 9001 (Approvato dal MIUR in data 20/03/2013) 10 Aprile

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI DI STUDIO ACCADEMICI DI I e II LIVELLO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DEI CORSI DI STUDIO ACCADEMICI DI I e II LIVELLO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DIDATTICO REGOLAMENTO DEI CORSI DI STUDIO ACCADEMICI DI I e II LIVELLO AI SENSI DEL REGOLAMENTO DIDATTICO (Approvato nella seduta del C.A. del 23 aprile 2012 e modificato il 26 giugno 2013) Indice Art. 1. (Generalità)

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale Conservatorio di Musica Luigi Cherubini ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI Piazza delle Belle Arti, 2 50122

Dettagli

Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita

Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita Università degli Studi di Trieste Dipartimento di Scienze della Vita Regolamento didattico del Corso di laurea magistrale in Psicologia (LM-51 Classe delle Lauree magistrali in Psicologia) Art. 1 Norme

Dettagli

PARTE PRIMA TITOLO PRIMO NORME COMUNI E ORGANIZZATIVE CAPO I GENERALITÀ E DEFINIZIONI ART. 1. GENERALITÀ ART. 2. DEFINIZIONI

PARTE PRIMA TITOLO PRIMO NORME COMUNI E ORGANIZZATIVE CAPO I GENERALITÀ E DEFINIZIONI ART. 1. GENERALITÀ ART. 2. DEFINIZIONI REGOLAMENTO DIDATTICO GENERALE 1 PARTE PRIMA TITOLO PRIMO NORME COMUNI E ORGANIZZATIVE CAPO I GENERALITÀ E DEFINIZIONI ART. 1. GENERALITÀ ART. 2. DEFINIZIONI CAPO II STRUTTURE DIDATTICHE ART. 3. ORGANISMI

Dettagli

ACCADEMIA DI BELLE ARTI di VENEZIA

ACCADEMIA DI BELLE ARTI di VENEZIA ACCADEMIA DI BELLE ARTI di VENEZIA Indicazioni generali Corsi di Diploma Accademico di Primo livello 1) Obiettivi formativi Il corso di studi per il conseguimento del Diploma accademico di primo livello

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI STUDI LINGUISTICI E CULTURALI

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI STUDI LINGUISTICI E CULTURALI Allegato N. 1 al Verbale CCL in data 21/06/2012 UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI STUDI LINGUISTICI E CULTURALI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA DIPARTIMENTO DI LINGUE E LETTERATURE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN OSTETRICIA (classe L/SNT1 Professioni sanitarie infermieristiche e professione

Dettagli

GUIDA DELLO STUDENTE

GUIDA DELLO STUDENTE ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI Arturo Toscanini Ribera(Ag) GUIDA DELLO STUDENTE Corsi di Studio ad esaurimento del vecchio ordinamento didattico (per gli studenti iscritti fino all A.A. 2009/10)

Dettagli

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI ARTURO TOSCANINI (D. D. MIUR AFAM n. 246/09) RIBERA

ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI ARTURO TOSCANINI (D. D. MIUR AFAM n. 246/09) RIBERA REGOLAMENTO DIDATTICO DEI CORSI DI FORMAZIONE DI BASE approvato dal Consiglio Accademico con Delibere n. 2/10 e successive modifiche ed integrazioni INTRODUZIONE GENERALE L articolazione della Formazione

Dettagli

Manifesto degli Studi Anno Accademico 2015/16

Manifesto degli Studi Anno Accademico 2015/16 Manifesto degli Studi Anno Accademico 2015/16 Manifesto Degli Studi Anno Accademico 2015/16 INDICE OFFERTA FORMATIVA PAG. 3 PAG. 4 IMMATRICOLAZIONE DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO PAG. 4 IMMATRICOLAZIONE

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI LETTERE E FILOSOFIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN LINGUE PER LA PROMOZIONE DI ATTIVITA CULTURALI (CLASSE

Dettagli

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi

Art. 1 Definizioni Art. 2 Istituzione Art. 3 Obiettivi formativi specifici Art. 4 Risultati di apprendimento attesi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI SIENA DIPARTIMENTO DI SCIENZE POLITICHE E INTERNAZIONALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN SCIENZE INTERNAZIONALI INTERNATIONAL STUDIES (Classe LM 52 Relazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO Università degli studi di Padova Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I Finalità e Ordinamento didattico Art. 1 Premesse e Finalità

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INFERMIERISTICA SEDE DI MODENA (abilitante alla professione sanitaria di Infermiere)

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA - DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI GENOVA - DIPARTIMENTO DI GIURISPRUDENZA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN GIURISPRUDENZA SEDE DI GENOVA * PARTE GENERALE Capo I - Disposizioni preliminari 1. Ambito di competenza. 1. Il presente Regolamento disciplina,

Dettagli

Corso di Laurea in CONSULENTE DEL LAVORO REGOLAMENTO

Corso di Laurea in CONSULENTE DEL LAVORO REGOLAMENTO Università degli Studi di Siena Facoltà di Giurisprudenza Corso di Laurea in CONSULENTE DEL LAVORO REGOLAMENTO Art. 1 E istituito presso la Facoltà di Giurisprudenza il Corso di Laurea in Consulente del

Dettagli

Regolamento del Biennio sperimentale di II livello ad indirizzo interpretativo-compositivo

Regolamento del Biennio sperimentale di II livello ad indirizzo interpretativo-compositivo Regolamento del Biennio sperimentale di II livello ad indirizzo interpretativo-compositivo Il seguente regolamento, redatto a suo tempo per il biennio dell a.a. 2004-2005, non ha a tutt oggi subito modifiche.

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CORSI DI STUDI ACCADEMICI TRIENNALI E BIENNALI DIPARTIMENTO DEGLI STRUMENTI AD ARCO E A CORDA

REGOLAMENTO DEI CORSI DI STUDI ACCADEMICI TRIENNALI E BIENNALI DIPARTIMENTO DEGLI STRUMENTI AD ARCO E A CORDA REGOLAMENTO DEI CORSI DI STUDI ACCADEMICI TRIENNALI E BIENNALI DIPARTIMENTO DEGLI STRUMENTI AD ARCO E A CORDA Art. 1 - Fonti normative Legge n. 508 del 21 dicembre 1999 Riforma delle Accademie di Belle

Dettagli

R E G O L A M E N T O

R E G O L A M E N T O ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI Pareggiato ai Conservatori di Musica di Stato D.P.R. n. 766 del 14.07.1984 Via Dante, 11 21013 Gallarate (VA) G. PUCCINI R E G O L A M E N T O D I D A T T I C O - Emendato

Dettagli

Manifesto degli Studi Anno Accademico 2014/15

Manifesto degli Studi Anno Accademico 2014/15 Manifesto degli Studi Anno Accademico 2014/15 INDICE OFFERTA FORMATIVA PAG. 3 REQUISITI DI AMMISSIONE E DURATA DEI CORSI PAG. 4 IMMATRICOLAZIONE DIPLOMA ACCADEMICO DI I LIVELLO PAG. 4 IMMATRICOLAZIONE

Dettagli

Regolamento Didattico Generale

Regolamento Didattico Generale Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Alta Formazione Artistica e Musicale ACCADEMIA DI BELLE ARTI DI CATANIA Regolamento Didattico Generale Art. 1. Strutture didattiche 1. Sono strutture

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MARKETING E ORGANIZZAZIONE D IMPRESA (CLASSE L-18 Scienze dell economia e della gestione aziendale) Art. 1 Premesse e finalità 1. Il presente Regolamento disciplina

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI BIOSCIENZE E BIOTECNOLOGIE REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN BIOLOGIA (CLASSE LM-6 BIOLOGIA) Art. 1 Premesse e finalità

Dettagli

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2015 2016

MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2015 2016 MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2015 2016 CORSI DI DIPLOMA ACCADEMICO DI PRIMO LIVELLO Design Graphic Design Applicazioni Digitali per le Arti Visive Progettazione Multimediale OFFERTA FORMATIVA

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN LOGOPEDIA (CLASSE L/SNT2 PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE) (ABILITANTE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BRESCIA Corso di Laurea in Tecnica della Riabilitazione Psichiatrica (Abilitante alla Professione del Tecnico della Riabilitazione Psichiatrica) 1. Aspetti generali e definizione

Dettagli

Università degli Studi di Siena REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA E TECNOLOGIE AVANZATE

Università degli Studi di Siena REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA E TECNOLOGIE AVANZATE Università degli Studi di Siena REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISICA E TECNOLOGIE AVANZATE PHYSICS AND ADVANCED TECHNOLOGIES Classe delle lauree in Scienze e tecnologie fisiche (L-30) (Emanato

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN FISIOTERAPIA (CLASSE L/SNT2 PROFESSIONI SANITARIE DELLA RIABILITAZIONE) abilitante

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di Reggio Emilia REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA GESTIONALE (CLASSE L-9 INGEGNERIA INDUSTRIALE e L-8

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA. FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI INGEGNERIA sede di REGGIO EMILIA REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA GESTIONALE (CLASSE LM-31 INGEGNERIA GESTIONALE)

Dettagli

Accademia di Belle Arti di Bari. Modalità di Iscrizione 2015/2016

Accademia di Belle Arti di Bari. Modalità di Iscrizione 2015/2016 Accademia di Belle Arti di Bari Modalità di Iscrizione 2015/2016 1 / 25 I. OFFERTA FORMATIVA 3 Art. 1 Ambito di applicazione 4 Art. 2 Corsi di studio A.A. 2015/2016 4 II. ESAMI DI AMMISSIONE, IMMATRICOLAZIONI

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA FACOLTÀ DI SCIENZE MATEMATICHE, FISICHE E NATURALI REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN MATEMATICA (CLASSE L-35 Scienze Matematiche) Art. 1 Premesse

Dettagli

Regolamento Scuola di Decorazione

Regolamento Scuola di Decorazione Regolamento Scuola di Decorazione Corso di Diploma Accademico di Primo Livello Triennale in Decorazione Corso di Diploma Accademico di Primo Livello Triennale in Nuovi Linguaggi Plastici Corso di Diploma

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI AGRARIA, FACOLTÀ ECONOMIA e FACOLTÀ di LETTERE E FILOSOFIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI AGRARIA, FACOLTÀ ECONOMIA e FACOLTÀ di LETTERE E FILOSOFIA DI LETTERE E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA, ECONOMIA e di LETTERE E CORSO DI LAUREA IN SCIENZE E CULTURA DELLA GASTRONOMIA E DELLA RISTORAZIONE REGOLAMENTO DIDATTICO TITOLO I FINALITÀ E ORDINAMENTO

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PERUGIA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE INTERCLASSE IN FINANZA E METODI QUANTITATIVI PER L ECONOMIA CLASSI DELLE LAUREE MAGISTRALI LM-1 e LM-83 AI SENSI DEL D.M. 270/2004 (FIN) (Sede

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI FORMAZIONE PRE-ACCADEMICA

REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI FORMAZIONE PRE-ACCADEMICA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI FORMAZIONE PRE-ACCADEMICA Articolo 1 (Premesse) 1. Il presente regolamento disciplina il funzionamento dei Corsi di formazione pre-accademica (definiti anche

Dettagli

Regolamento Scuola di Pittura

Regolamento Scuola di Pittura Regolamento Scuola di Pittura Corso di Diploma Accademico di Primo Livello Triennale in Pittura Corso di Diploma Accademico di Secondo Livello Biennale in Pittura 1.1 Ordinamento didattico I corsi di studio

Dettagli