Controllo Diretto della Coppia

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Controllo Diretto della Coppia"

Transcript

1 Guida tecnica n. 1 Controllo Diretto della Coppia - la più avanzata tecnologia al mondo per gli azionamenti in c.a.

2

3 Indice 1 Introduzione... Generalità... Scopo di questo manuale... Utilizzo della Guida... 2 Evoluzione del Controllo Diretto della Coppia... Cos'è un azionamento a velocità variabile?... Riepilogo... Azionamenti in c.c.... Caratteristiche... Vantaggi... Svantaggi... Azionamenti in c.a. - Introduzione... Azionamenti in c.a. - Controllo di frequenza con la tecnologia PWM... Caratteristiche... Vantaggi... Svantaggi... Azionamenti in c.a. - Controllo vettoriale con la tecnologia PWM... Caratteristiche... Vantaggi... Svantaggi... Azionamenti in c.a. - Controllo diretto della coppia... Variabili di controllo... Confronto degli azionamenti a velocità variabile... 3 Domande e Risposte Generalità Prestazioni Funzionamento Principi teorici alla base del controllo Come funziona la tecnologia DTC Anello di controllo della coppia Fase 1 Misure di tensione e di corrente Fase 2 Modello di motore adattivo Fase 3 Comparatore di flusso e di coppia Fase 4 Selettore impulsi ottimali Controllo di velocità Fase 5 Controllore del riferimento di coppia Fase 6 Controllore di velocità Fase 7 Controllore del riferimento di flusso Indice alfabetico

4 4

5 Capitolo 1 - Introduzione Generalità Scopo di questo manuale Controllo Diretto della Coppia - o DTC - è la tecnologia degli azionamenti in c.a. più avanzata al mondo. Scopo della presente Guida Tecnica è di descrivere cosa sia la tecnologia DTC, perché e come si sia evoluta, i principi teorici alla base del suo successo e le caratteristiche e i vantaggi da essa offerti. Sforzandosi di essere più pratica possibile, la presente guida richiede una conoscenza base dei principi di controllo dei motori in c.a. Si rivolge principalmente a progettisti, compilatori di specifiche, responsabili acquisti, OEM e utenti finali operanti in settori quali il trattamento acque, l'industria chimica, la carta, la generazione di energia, la movimentazione materiali, il condizionamento e altri mercati. Di fatto, chiunque utilizzi gli azionamenti a velocità variabile (Variable Speed Drives, VSD) e desideri trarre vantaggio da questa tecnologia, troverà molto utile consultare la presente Guida Tecnica. Utilizzo della Guida La presente guida è stata realizzata per illustrare perché e come si sia sviluppata la tecnologia DTC. Per saperne di più in merito all'evoluzione degli azionamenti dall'iniziale tecnologia in c.c., attraverso la tecnologia in c.a. fino alla tecnologia DTC, consultare la guida a partire dalla Capitolo 2 (pagina 6). Per maggiori informazioni sulle prestazioni della tecnologia DTC e sulle relative modalità di funzionamento e potenziale applicativo, si rimanda invece alla Capitolo 3 (pagina 15), Domande e Risposte. Per una spiegazione dei principi teorici di controllo alla base della tecnologia DTC, si rimanda a pagina 26. 5

6 Capitolo 2 - Evoluzione del Controllo Diretto della Coppia Cos'è un azionamento a velocità variabile? Per trovare una risposta a questa domanda occorre innanzi tutto comprendere che la funzione di base di un azionamento a velocità variabile (Variable Speed Drive, VSD) è di controllare il flusso di energia dalla rete al processo. L'energia viene fornita al processo tramite l'albero motore. Lo stato dell'albero motore è descritto da due grandezze fisiche, la coppia e la velocità. Per controllare il flusso di energia occorre quindi, in ultima analisi, controllare queste due grandezze. Nella pratica è possibile controllare sia l'una che l'altra, e si parlerà quindi, a seconda dei casi, di "controllo della coppia" o di "controllo della velocità". Inoltre, quando un VSD funziona nella modalità a controllo della coppia, quest'ultima dipende dal carico. Inizialmente, come azionamenti a velocità variabile si utilizzano i motori in c.c. poiché consentivano di ottenere con facilità la velocità e la coppia richieste, senza bisogno di ricorrere a componenti elettronici sofisticati. L'evoluzione tecnologica degli azionamenti a velocità variabile in c.a. è stata dunque dettata dal desiderio di emulare le eccellenti prestazioni dei motori in c.c., quali la rapida risposta in coppia e la precisione in velocità, utilizzando al contempo i motori in c.a., robusti, economici e praticamente privi di manutenzione. Riepilogo In questa sezione prenderemo in considerazione l'evoluzione della tecnologia DTC, con particolare riferimento alle quattro pietre miliari degli azionamenti a velocità variabile, ovvero: Azionamenti per motori in c.c. 7 Azionamenti in c.a., controllo di frequenza, PWM 9 Azionamenti in c.a., controllo vettoriale, PWM 10 Azionamenti in c.a., Controllo Diretto della Coppia 12 Prenderemo in esame ciascuno di questi argomenti, delineando un quadro d'insieme che consenta di evidenziare le differenze fondamentali tra l'uno e l'altro. 6

7 Evoluzione del Controllo Diretto della Coppia Azionamenti in c.c. Azionamento in c.c. Controllo della velocità Controllo della coppia Figura 1: Anello di controllo di un azionamento per motori in c.c. Caratteristiche Orientamento del campo tramite commutatore meccanico Le variabili di controllo sono la corrente di indotto e di campo misurate DIRETTAMENTE sul motore Il controllo della coppia è diretto In un motore in c.c., il campo magnetico è generato dalla corrente che passa attraverso l'avvolgimento di campo dello statore. Questo campo è sempre ad angolo retto rispetto al campo creato dall'avvolgimento dell'indotto. Tale condizione, nota come "orientamento del campo", risulta necessaria per generare la coppia massima. Il complesso commutatorespazzole assicura che questa condizione venga sempre mantenuta, indipendentemente dalla posizione del rotore. Una volta raggiunto l'orientamento del campo, la coppia del motore in c.c. risulta facilmente controllabile variando la corrente d'indotto e mantenendo costante la corrente di magnetizzazione. Il vantaggio offerto dagli azionamenti in c.c. è che la velocità e la coppia, i due parametri più importanti per il cliente, vengono controllate direttamente tramite la corrente dell'indotto, dove la coppia corrisponde all'anello di controllo interno, e la velocità a quello esterno (vedere la Figura 1). Vantaggi Controllo della coppia preciso e veloce Risposta dinamica alle variazioni di velocità Semplice da controllare Inizialmente per il controllo della velocità variabile si utilizzavano gli azionamenti in c.c. poiché garantivano buone prestazioni al variare della coppia e della velocità, a fronte di un elevato grado di precisione. 7

8 Evoluzione del Controllo Diretto della Coppia Svantaggi Una macchina in c.c. è in grado di produrre una coppia con le seguenti caratteristiche: Diretta - la coppia del motore è proporzionale alla corrente di indotto: la coppia può essere quindi controllata direttamente e con precisione. Rapida - il controllo di coppia è rapido; il sistema di azionamento può assicurare una risposta in velocità altamente dinamica. La coppia può essere modificata istantaneamente se il motore viene alimentato da una sorgente di tipo idoneo. Gli azionamenti alimentati in tensione sono caratterizzati da una risposta rapida poiché quest'ultima dipende soltanto dalla costante di tempo elettrica del rotore (cioè dall'induttanza totale e dalla resistenza nel circuito d'indotto). Semplice - l'orientamento del campo si ottiene attraverso un semplice dispositivo meccanico denominato complesso commutatore-spazzole. Di conseguenza, non è necessario un circuito di controllo elettronico che con la sua complessità contribuirebbe ad accrescere i costi del controllore del motore. Customer Ridotta affidabilità del motore Location Manutenzione regolare Application Costi di acquisto Equipment del motore Supplied Necessità di un encoder per la retroazione How it Works I principali inconvenienti di questa tecnologia sono costituiti dalla ridotta affidabilità del motore in c.c., dalla necessità di una manutenzione regolare per spazzole e commutatori soggetti a usura, dai costi di acquisto dei motori in c.c., e dalla necessità di utilizzare un encoder per la retroazione di velocità e di posizione. Mentre un azionamento in c.c. produce una coppia facilmente controllata da zero alla velocità di riferimento e oltre, la meccanica del motore è molto più complessa e richiede una manutenzione regolare. Azionamenti in c.a. - Introduzione Ridotte dimensioni Robusti Configurazione semplice Leggeri e compatti Ridotta manutenzione Costi ridotti L'evoluzione tecnologica degli azionamenti in c.a. è stata in parte guidata dal desiderio di eguagliare le prestazioni degli azionamenti in c.c., quali la rapida risposta in coppia e la precisione in velocità, sfruttando al contempo i vantaggi offerti dai motori standard in c.a. 8

9 Evoluzione del Controllo Diretto della Coppia Azionamenti in c.a. - Controllo di frequenza con la tecnologia PWM Controllo in frequenza Rif. freq. Rapp. V/f Modulatore Figura 2: Anello di controllo di un azionamento in c.a. con la tecnologia PWM Caratteristiche Le variabili di controllo sono la tensione e la frequenza Simulazione della forma d'onda sinusoidale in c.a. tramite modulatore Flusso ottenuto mantenendo costante il rapporto V/f Azionamento ad anello aperto La coppia è definita dal carico Diversamente dagli azionamenti in c.c, quelli in c.a. utilizzano come variabili di controllo i due parametri della tensione e della frequenza, generati fuori dal motore. I riferimenti di frequenza e di tensione vengono inviati a un modulatore, che simula la forma d'onda sinusoidale trasmettendola agli avvolgimenti statorici del motore. Questa tecnologia, denominata di modulazione dell'ampiezza degli impulsi (Pulse Width Modulation, PWM), sfrutta la presenza di un raddrizzatore a diodi verso la rete e il fatto che la tensione in c.c. intermedia sia mantenuta costante. L'inverter controlla il motore mediante un treno di impulsi PWM, che contribuisce a definire sia la tensione che la frequenza. E' importante sottolineare che questo metodo non utilizza un dispositivo di retroazione per acquisire le misure di velocità o di posizione dall'albero del motore e trasmetterle all'anello di controllo. Una configurazione di questo tipo, priva di dispositivo di retroazione, è denominata azionamento ad anello aperto. 9

10 Evoluzione del Controllo Diretto della Coppia Vantaggi Costi ridotti Non occorre un dispositivo di retroazione - maggiore semplicità Non essendovi un dispositivo di retroazione, il principio di controllo consente di configurare una soluzione semplice ed economica per il controllo dei motori a induzione in c.a. Questo tipo di azionamento è idoneo per le applicazioni che non richiedono elevati livelli di precisione, ad esempio pompe e ventilatori. Svantaggi Non utilizza l'orientamento di campo Lo stato del motore viene ignorato La coppia non è controllata Uso di un modulatore che introduce un ritardo Questa tecnologia, denominata di "controllo scalare", non prevede l'orientamento di campo del motore. Le principali variabili di controllo, costituite dalla frequenza e dalla tensione, vengono applicate agli avvolgimenti dello statore. Lo stato del rotore viene ignorato - in altri termini, non vi è alcuna retroazione del segnale di posizione o di velocità. Di conseguenza, la coppia non può essere controllata con un determinato grado di precisione. Inoltre, questa tecnologia utilizza un modulatore che di norma contribuisce a rallentare la comunicazione dei segnali di tensione e di frequenza in ingresso e che richiede al motore di rispondere a questo segnale che varia. Azionamenti in c.a. - Controllo vettoriale con la tecnologia PWM Controllo vettoriale Controllo della velocità Controllo della coppia Modulatore Figura 3: Anello di controllo vettoriale di un azionamento in c.a. con tecnologia PWM Caratteristiche Controllo dell'orientamento del campo con simulazione dell'azionamento in c.c. Simulazione delle caratteristiche elettriche del motore nel modello del motore Azionamento ad anello chiuso Controllo INDIRETTO della coppia 10

11 Evoluzione del Controllo Diretto della Coppia Per simulare le condizioni operative di un motore in c.c. dal punto di vista magnetico, ovvero per riprodurre il processo di orientamento del campo, il vettore "flusso" dell'azionamento deve conoscere la posizione angolare del flusso rotorico all'interno del motore a induzione in c.a. Negli azionamenti basati sulla tecnologia PWM e di controllo vettoriale, l'orientamento del campo si ottiene per via elettronica, e non meccanica, tramite il complesso commutatore-spazzole del motore in c.c. Le informazioni relative allo stato del rotore si ottengono mediante retroazione da encoder della velocità e della posizione angolare del rotore relativamente al campo statorico. Gli azionamenti che utilizzano un encoder di velocità sono definiti ad anello chiuso. Inoltre, le caratteristiche elettriche del motore sono riprodotte matematicamente con l'ausilio di un microprocessore preposto alla rielaborazione dei dati. Il controllore elettronico del vettore "flusso" crea grandezze elettriche quali la tensione, la corrente e la frequenza (le variabili controllate), e le trasmette al motore a induzione in c.a. tramite un modulatore. Il controllo della coppia, quindi, è di tipo INDIRETTO. Vantaggi Buona risposta alle variazioni della coppia Preciso controllo della velocità Coppia massima alla velocità zero Prestazioni analoghe a quelle di un azionamento in c.c. Il controllo vettoriale assicura la coppia massima alla velocità zero, fornendo quindi prestazioni pressoché analoghe a quelle di un azionamento in c.c. Svantaggi Necessità di retroazione Costi elevati Necessità di un modulatore Per ottenere un elevato livello di precisione nel controllo della velocità e un'ottimale risposta al variare della coppia, si rende necessario un dispositivo di retroazione. Questo può rivelarsi costoso e contribuire ad accrescere la complessità di un tradizionale motore a induzione in c.a., di norma semplice. Inoltre, occorre utilizzare un modulatore che rallenta la comunicazione dei segnali di tensione e di frequenza in ingresso, e richiede al motore di rispondere a questo segnale variabile. Benché il motore sia semplice dal punto di vista meccanico, l'azionamento risulta piuttosto complesso dal punto di vista elettrico. 11

12 Evoluzione del Controllo Diretto della Coppia Azionamenti in c.a. - Controllo diretto della coppia Controllo diretto della coppia Controllo della velocità Controllo della coppia Figura 4: Anello di controllo di un azionamento in c.a. con la tecnologia DTC Variabili di controllo Con la rivoluzionaria tecnologia DTC sviluppata da ABB, l'orientamento del campo si ottiene senza retroazione, utilizzando un'avanzata teoria che si basa su un modello matematico del motore in c.a. capace di calcolarne la coppia direttamente senza bisogno di modulazione. Le variabili controllate sono il flusso di magnetizzazione e la coppia del motore. Con la tecnologia DTC non vi è alcun modulatore né necessità di una tachimetrica o di un encoder per la retroazione della velocità o della posizione dell'albero motore. La tecnologia DTC utilizza il più veloce hardware di elaborazione dei segnali digitali che sia disponibile e un modello matematico avanzato con riferimento alle modalità di funzionamento del motore stesso. Il risultato è un azionamento con una risposta in coppia generalmente dieci volte più veloce di un azionamento in c.a. o in c.c. La precisione dinamica degli azionamenti DTC è otto volte migliore di ogni altro azionamento in c.a. ad anello aperto ed è analoga a quella di un azionamento in c.c. con retroazione. La tecnologia DTC consente di configurare il primo azionamento universale in grado di assicurare prestazioni analoghe a quelle di un azionamento in c.a. o in c.c. Le sezioni successive della presente guida si soffermano sulle caratteristiche e sui vantaggi della tecnologia DTC. 12

13 Evoluzione del Controllo Diretto della Coppia Confronto degli azionamenti a velocità variabile Soffermiamoci ora sui seguenti diagrammi di controllo per evidenziare alcune differenze. Azionamenti in c.c. Controllo Controllo di di velocità coppia Controllo di frequenza Rif. di frequenza Rapporto V/f Figura 1: Anello di controllo di un azionamento in c.c. Figura 2: Anello di controllo in frequenza Controllo vettoriale Controllo di velocità Controlo di coppia Modulatore Modulatore Figura 3: Anello di controllo vettoriale Controllo diretto della coppia DTC Controllo di velocità Controllo di coppia Figura 4: Anello di controllo di un azionamento DTC La prima osservazione da fare riguarda l'analogia tra lo schema di controllo degli azionamenti in c.c. (Figura 1) e quello della tecnologia DTC (Figura 4). Entrambi utilizzano i parametri del motore per controllare direttamente la coppia. La tecnologia DTC presenta tuttavia maggiori vantaggi quale ad esempio il fatto di non utilizzare un dispositivo di retroazione, oltre che tutti i vantaggi tipici dei motori in c.a. (vedere pagina 8) e il fatto di non richiedere eccitazione esterna. AZIONAMENTO VARIABILI DI CONTROLLO Azionamenti in c.c. Corrente di indotto, I A Corrente di magnetizzazione, I M Azionamenti in c.a. (PWM) Controllo diretto della coppia Tensione di uscita, U Frequenza di uscita, f Coppia motore, T Flusso di magnetizzazione, Tabella 1: Confronto delle variabili di controllo 13

14 Evoluzione del Controllo Diretto della Coppia Come si può vedere dalla Tabella 1, sia gli azionamenti in c.c. che gli azionamenti DTC utilizzano i parametri effettivi del motore per controllare coppia e velocità. Di conseguenza, le prestazioni dinamiche sono rapide e ottimali. Con la tecnologia DTC, inoltre, nella maggior parte delle applicazioni non occorrono una tachimetrica o un encoder per la retroazione del segnale di velocità o di posizione. Dal confronto della tecnologia DTC (Figura 4) con gli altri due schemi di controllo degli azionamenti in c.a. (Figure 2 e 3) si evidenziano numerose differenze, la principale delle quali riguarda il fatto che la tecnologia DTC non richiede un modulatore. Nel caso degli azionamenti in c.a. basati sulla tecnologia PWM, le variabili di controllo sono la frequenza e la tensione, che devono passare attraverso diversi stadi prima di essere applicate al motore. Nel caso degli azionamenti PWM, il controllo viene dunque gestito all'interno del controllore elettronico, e non all'interno del motore. 14

15 Capitolo 3 - Domande e Risposte Generalità Cos'è il controllo diretto della coppia? Il controllo diretto della coppia (Direct Torque Contro, DTC) è la più recente tecnologia applicata agli azionamenti in c.a. sviluppata da ABB, destinata nel prossimo futuro a prendere il posto dei tradizionali azionamenti PWM ad anello aperto e chiuso. Perché è denominato "controllo diretto della coppia"? Il termine "controllo diretto della coppia" si riferisce al fatto che il controllo della coppia e della velocità si basano direttamente sullo stato elettromagnetico del motore, analogamente ai motori in c.c., ma diversamente dalle modalità d'uso della frequenza d'ingresso e della tensione da parte dei tradizionali azionamenti PWM. DTC è la prima tecnologia che realmente controlla le due variabili del motore "coppia" e "flusso". Qual è il vantaggio di tutto ciò? Poiché la coppia e il flusso sono i parametri del motore che vengono controllati direttamente, non è necessario utilizzare un modulatore, come nella tecnologia PWM, per controllare la frequenza e la tensione. Questo, di fatto, contribuisce a eliminare molti problemi, e accelera la risposta dinamica dell'azionamento al variare della coppia. La tecnologia DTC inoltre garantisce un accurato controllo della coppia senza un dispositivo di retroazione. Perché occorre una nuova tecnologia per gli azionamenti in c.a.? DTC non è semplicemente un'altra tecnologia per gli azionamenti in c.a. L'industria presenta esigenze sempre più complesse e l'attuale tecnologia degli azionamenti in c.a. non è in grado di soddisfarle tutte. Chi ha inventato la tecnologia DTC: Una migliore qualità del prodotto che può essere ottenuta anche con un migliore controllo della velocità e un più rapido controllo della coppia. Tempi di fermo ridotti, ovvero azionamenti che non presentino blocchi intempestivi, che non siano resi più complessi da dispositivi di retroazione, e che risultino il più possibile immuni da interferenze quali armoniche e radiofrequenze. Riduzione del numero di prodotti. Un unico azionamento che sia in grado di soddisfare tutte le esigenze applicative, indipendentemente dal fatto che si tratti di azionamenit in c.a., in c.c. o di servoazionamenti. Ecco cosa si intende con il termine "azionamento universale". Un ambiente di lavoro confortevole, con un azionamento che generi il minor livello possibile di rumore percettibile. 15

16 Domande e Risposte Queste sono solo alcune delle esigenze espresse dall'industria. La tecnologia DTC può offrire soluzioni a tutte queste esigenze, oltre che apportare ulteriori vantaggi a molte applicazioni standard. Chi ha inventato la tecnologia DTC? Prestazioni 16 ABB ha condotto attività di ricerca nel campo della tecnologia DTC fin dal 1988 succesivamente alla pubblicazione della teoria avvenuta nel 1971 e nel 1985 ad opera dell'ingegnere tedesco Blaschke e del collega Depenbrock. La tecnologia DTC si basa sulla teoria del controllo orientato del campo delle macchine a induzione e sulla teoria dell'autocontrollo diretto. ABB ha dedicato più di 100 anni-uomo allo sviluppo di questa tecnologia e alla sua industrializzazione. Quali sono i principali vantaggi della tecnologia DTC rispetto alla tradizionale tecnologia degli azionamenti in c.a.? La tecnologia DTC offre numerosi vantaggi. L'aspetto più significativo riguarda il fatto che gli azionamenti basati sulla tecnologia DTC presentano le seguenti eccezionali prestazioni dinamiche, per lo più senza necessità di un encoder o tachimetrica per tenere sotto controllo la posizione o la velocità dell'albero: Risposta in coppia: - Con quale rapidità l'uscita dell'azionamento può raggiungere il valore specificato nel momento in cui viene applicata una variazione del riferimento di coppia nominale del 100%? Nel caso della tecnologia DTC, una tipica risposta in coppia va da 1 a 2 ms al di sotto di 40 Hz, rispetto ai ms degli azionamenti in c.c. e vettoriali con encoder. Negli azionamenti PWM ad anello aperto (vedere pagina 9), il tempo di risposta è di norma ben superiore a 100 ms. In effetti, con la sua risposta in coppia, la tecnologia DTC si è spinta fino al limite naturale. A fronte della tensione e della corrente disponibili, il tempo di risposta non potrebbe essere inferiore. Anche negli azionamenti senza sensori di tipo più avanzato, la risposta in coppia è pari a centinaia di millisecondi. Accurato controllo della coppia alle basse frequenze, unitamente alla coppia di carico massimo alla velocità zero, senza la necessità di un dispositivo di retroazione come un encoder o una tachimetrica. Con la tecnologia DTC, la velocità può essere controllata fino a frequenze inferiori a 0,5 Hz assicurando comunque il 100% della coppia fino alla velocità zero. Ripetibilità della coppia: - Con quale precisione l'azionamento ripete la coppia di uscita a fronte di uno stesso segnale di riferimento in coppia? La tecnologia DTC senza encoder può assicurare una ripetibilità dell'1-2% della coppia nominale sull'intero campo di velocità. Questo valore è pari a circa la metà degli altri azionamenti in c.a. ad anello aperto e uguale alla ripetibilità di un azionamento in c.a o in c.c. ad anello chiuso.

17 Domande e Risposte Precisione statica in velocità: - Errore tra il riferimento di velocità e il valore effettivo in presenza di un carico costante. Nel caso della tecnologia DTC, la precisione in velocità è pari al 10% dello scorrimento del motore. Con riferimento a un motore da 11 kw, questo equivale a una precisione statica in velocità pari a 0,3%. In un motore da 110 kw, la precisione in velocità è pari a 0,1% senza encoder (anello aperto). Questa precisione soddisfa i requisiti di precisione del 95% delle applicazioni industriali basate sull'impiego di azionamenti. Per ottenere lo stesso grado di precisione con un azionamento in c.c. si rende invece necessario l'impiego di un encoder. Per contro, negli azionamenti PWM con controllo della frequenza, la precisione statica in velocità è compresa tra 1 e 3%. L'uso di azionamenti standard basati sulla tecnologia DTC consente dunque di ottenere significativi miglioramenti nel processo del cliente. Un azionamento DTC che utilizza un encoder da 1024 impulsi/ giro può raggiungere una precisione in velocità dello 0,01%. Precisione dinamica in velocità: - Integrale della variazione di velocità quando viene applicata la coppia (100%) nominale. La precisione dinamica in velocità della tecnologia DTC ad anello aperto è compresa tra 0,3 e 0,4% secondi. Questo valore dipende dalla regolazione del guadagno del regolatore, che può essere tarato in funzione dei requisiti del processo. Nel caso degli altri azionamenti in c.a. ad anello aperto, la precisione dinamica è otto volte inferiore, attestandosi in pratica attorno a 3% secondi. Equipaggiando l'azionamento DTC con un encoder, la precisione dinamica in velocità risulta pari a 0,1% secondi, ovvero un valore prossimo alle prestazioni di un servoazionamento. Quali sono i vantaggi pratici di queste prestazioni? Elevata risposta in coppia: - Questo riduce in modo considerevole le cadute di velocità durante i transitori del carico, migliorando il controllo del processo e la qualità del prodotto. Controllo della coppia alle basse frequenze: - Questo aspetto è particolarmente importante per le gru e gli ascensori, dove il carico dev'essere avviato e fermato regolarmente senza strappi. Anche per gli avvolgitori, la tensione può essere controllata da zero alla velocità massima. Rispetto agli azionamenti vettoriali PWM, la tecnologia DTC consente di ridurre i costi poiché non necessità di tachimetrica. Linearità della coppia: - Questo aspetto è importante nelle applicazioni di precisione quali gli avvolgitori utilizzati nel settore delle cartiere, dove la precisione e la regolarità delle funzioni di avvolgimento riveste un'importanza fondamentale. 17

18 Domande e Risposte Precisione dinamica in velocità: - In caso di improvvise variazioni del carico, il motore è in grado di tornare a uno stato di stabilità in tempi eccezionalmente rapidi. CARATTERISTICA RISULTATO BENEFICIO Buona precisione in velocità senza tachimetrica Eccezionale controllo della coppia senza tachimetrica. Coppia massima alla velocità zero con o senza tachimetrica/ encoder. Controllo fino alla velocità zero e controllo di posizione con encoder. Consente di controllare la velocità con una precisione superiore allo 0,5%. Nel 95% delle applicazioni non occorre una tachimetrica. Azionamento per applicazioni complesse. Assicura la coppia necessaria in ogni momento. Ripetibilità della coppia pari all'1%. Tempo di risposta in coppia inferiore a 5 ms. Non occorre un freno meccanico. Transizione dolce tra azionamento e freno. Consente di utilizzare l'azionamento nelle applicazioni tradizionalmente riservate agli azionamenti in c.c. Prestazioni di livello analogo a quelle dei servoazionamenti. Risparmio sui costi di investimento. Maggiore affidabilità. Migliore controllo del processo. Migliore qualità del prodotto. Verso un azionamento davvero "universale". Prestazioni simili a quelle della tecnologia in c.c. ma senza tachimetrica. Ridotti guasti meccanici ai macchinari. Riduzione dei tempi di fermo e degli investimenti. Riduzione dei costi d'investimento. Migliore controllo sul carico. Possibilità di utilizzare un azionamento in c.a. e un motore al posto della tecnologia in c.c. Utilizzare un motore in c.a. standard significa ridurre i requisiti di manutenzione e i costi. Azionamento economico ad elevate prestazioni; assicura il controllo di posizione e una migliore precisione statica. Controllo di precisione con motori in c.a. standard. Tabella 2: Caratteristiche e vantaggi in termini di prestazioni dinamiche offerte dalla tecnologia DTC Oltre alle eccellenti prestazioni dinamiche, quali sono gli altri vantaggi della tecnologia degli azionamenti DTC? Vi sono numerosi altri vantaggi. Ad esempio, gli azionamenti DTC non necessitano di tachimetrica o encoder per tenere sotto controllo la velocità o la posizione dell'albero del motore per ottenere una rapidissima risposta in coppia anche da un azionamento in c.a. Questo consente di risparmiare sui costi iniziali. 18

19 Domande e Risposte CARATTERISTICA Rapido controllo della tensione sul collegamento in c.c. RISULTATO Autoalimentazione in mancanza di rete. BENEFICIO L'azionamento non va in blocco. Riduzione dei tempi di fermo. Meno interruzioni nel processo = risparmio. Avvio automatico (Riavviamento diretto). Avviamento automatico (Riavviamento al volo). Flusso di frenatura. Avvio in presenza dell'induttanza residua del motore. Nessun ritardo all'avviamento. Sincronizzato con la rotazione del motore. Frenatura controllata tra due velocità. Avvio con motore in marcia senza attendere la riduzione del flusso. Trasferisce il moto dalla linea all'azionamento. Nessun riavviamento né interruzioni del processo. Nessuna interruzione del processo. Rallentamento dolce delle macchine. Ripristina il controllo in ogni situazione. Costi di investimento ridotti. Migliore controllo del processo. Nessun ritardo come nella frenatura in c.c. Decelerazione a velocità diverse da zero. Ridotta necessità di chopper e resistenza di frenatura. Ottimizzazione del flusso. Ridotte perdite e rumorosità del motore. Motore controllato al meglio. Routine di identificazione/ Autotuning. Senza schema di commutazione predeterminato dei dispositivi di potenza. Sintonizza il motore con l'azionamento per ottimizzare le prestazioni. Bassa rumorosità. Nessuna portante fissa, quindi rumorosità ridotta grazie allo spettro di rumore bianco. Facile e accurata messa a punto. Non occorre regolare parametri. Tempo di avviamento ridotto. Coppia di spunto garantita. Facile retrofit per qualsiasi sistema in c.a. Costi ridotti delle barriere isolanti per le applicazioni in cui il rumore è importante. Sollecitazioni ridotte per ingranaggi, pompe e ventilatori. Nessun limite in termini di velocità di accelerazione e decelerazione. Rapide accelerazioni e decelerazioni senza limitazioni meccaniche. Migliore controllo del processo e migliore qualità del prodotto. Tabella 3: Caratteristiche e benefici della tecnologia DTC 19

20 Domande e Risposte Inoltre, un azionamento DTC è caratterizzato da un rapido avvio, a prescindere dallo stato elettromagnetico e meccanico del motore. Il motore può essere avviato immediatamente, senza ritardo. Sembra che gli azionamenti DTC siano i più vantaggiosi per le applicazioni più complesse o che richiedono alte prestazioni. Ma quali sono i vantaggi che la tecnologia DTC apporta agli azionamenti standard? Le applicazioni standard riguardano il 70% di tutti gli azionamenti a velocità variabile installati nell'industria. Due delle applicazioni più diffuse sono quelle di ventilatori e pompe in settori quali il riscaldamento, la ventilazione e il condizionamento aria (HVAC), il trattamento acque e il settore alimentare. In queste applicazioni, la tecnologia DTC offre una valida soluzione a problemi quali le armoniche e la rumorosità. Ad esempio, la tecnologia DTC può assicurare il controllo dello stato di generazione della linea di ingresso dell'azionamento, dove un ponte di tipo controllato può sostituire il ponte a diodi di tipo convenzionale. Questo significa che con il ponte di ingresso controllato basato sulla tecnologia DTC si possono ridurre significativamente le armoniche. Il basso livello di distorsione di corrente che caratterizza il ponte controllato della tecnologia DTC è inferiore a quello delle configurazioni a 6 o 12 impulsi di tipo convenzionale, a fronte di un fattore di potenza che può arrivare fino a Nelle applicazioni standard, gli azionamenti DTC sono in grado di tollerare senza problemi il notevole e improvviso aumento della coppia (carico) causato da rapidi cambiamenti nel processo, senza scattare per sovratensione o sovracorrente. Inoltre, in caso di mancanza di tensione di breve durata, l'azionamento deve restare attivo. La tensione sul collegamento in c.c. non deve diminuire al di sotto del livello minimo di controllo dell'80%. A questo scopo, la tecnologia DTC prevede un ciclo di controllo di 25 microsecondi. Qual è l'impatto della tecnologia DTC sul controllo delle pompe? La tecnologia DTC presenta vantaggi nell'impiego con qualsiasi tipo di pompa. Poiché consente di realizzare un azionamento di tipo universale, con un'unica configurazione di azionamento si possono controllare tutte le pompe, indipendentemente dalla rispettiva tipologia (centrifuga o a coppia costante come le pompe a vite), così come areatori e convogliatori. La tecnologia DTC consente l'autoregolazione dell'azionamento al variare delle necessità dell'applicazione. 20

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

CONFRONTO tra MOTORI AC e DC

CONFRONTO tra MOTORI AC e DC APPUNTI DI ELETTROTECNICA CONFRONTO tra MOTORI AC e DC Come il motore asincrono sta sostituendo il motore in corrente continua, rendendolo ormai obsoleto A cura di Marco Dal Prà Versione n. 3.1 - Gennaio

Dettagli

EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI TRAZIONE NEL CAMPO DEGLI ELEVATORI Ing. Vittorio Mazzoni

EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI TRAZIONE NEL CAMPO DEGLI ELEVATORI Ing. Vittorio Mazzoni EVOLUZIONE DEI SISTEMI DI TRAZIONE NEL CAMPO DEGLI ELEVATORI Ing. Vittorio Mazzoni È ormai noto che in campo ascensoristico si usano e si sono usati i più diversi sistemi di trazione. 1)- Fino alla metà

Dettagli

1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico

1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico 1 L AZIONAMENTO ELETTRICO COME SISTEMA 1.1 Definizione ed elementi di un azionamento elettrico Si definisce Azionamento Elettrico (A.E.) l insieme composto da un motore elettrico e dagli apparati d alimentazione,

Dettagli

Impianti navali B. Parte 5. II semestre 2013. giulio.barabino@unige.it. danilo.tigano@unige.it

Impianti navali B. Parte 5. II semestre 2013. giulio.barabino@unige.it. danilo.tigano@unige.it Impianti navali B Parte 5 II semestre 2013 giulio.barabino@unige.it danilo.tigano@unige.it 1 Motore a induzione (o asincrono) (I) il motore a induzione è una macchina elettrica rotante nella quale il rotore

Dettagli

Guida tecnica N. 7. Il dimensionamento di un azionamento

Guida tecnica N. 7. Il dimensionamento di un azionamento Guida tecnica N. 7 Il dimensionamento di un azionamento 2 Guida tecnica N. 7 - Il dimensionamento di un azionamento Indice 1. Introduzione... 5 2. L azionamento... 6 3. Descrizione generale di una procedura

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

Invertitore: generazione della tensione trifase

Invertitore: generazione della tensione trifase U Invertitore: generazione della tensione trifase Il sistema così creato mostra un andamento della tensione a blocchi. U V W 0 60 120 180 240 300 360 t t t Mediante l'inserzione temporalmente sfalsata

Dettagli

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO SCHEMA DELL AZIONAMENTO A CATENA APERTA AZIONAMENTO L azionamento a catena aperta comprende il motore asincrono e il relativo convertitore statico che riceve

Dettagli

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Versione n. 3.3 - Marzo 2013 Inverter Guida Tecnica Ver 3.3 Pag.

Dettagli

Azionamenti Elettrici Parte 2 Tipologie dei motori e relativi azionamenti: Motori asincroni Motori e Riluttanza Variabile

Azionamenti Elettrici Parte 2 Tipologie dei motori e relativi azionamenti: Motori asincroni Motori e Riluttanza Variabile Azionamenti Elettrici Parte 2 Tipologie dei motori e relativi azionamenti: Motori asincroni Motori e Riluttanza Variabile Prof. Alberto Tonielli DEIS - Università di Bologna Tel. 051-6443024 E-mail mail:

Dettagli

Dispositivo di conversione di energia elettrica per aerogeneratori composto da componenti commerciali.

Dispositivo di conversione di energia elettrica per aerogeneratori composto da componenti commerciali. Sede legale: Viale Vittorio Veneto 60, 59100 Prato P.IVA /CF 02110810971 Sede operativa: Via del Mandorlo 30, 59100 Prato tel. (+39) 0574 550493 fax (+39) 0574 577854 Web: www.aria-srl.it Email: info@aria-srl.it

Dettagli

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà Versione n. 05a del 1 Dicembre 2005 Per commenti e suggerimenti : marco.dalpra@novatekno.it

Dettagli

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA

Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA Cap. 2 ELEMENTI DI MECCATRONICA 2.1 La meccatronica 2.2 Componenti di un azionamento elettromeccanico 2.3 Accoppiamento motore-carico 2.4 Regolazione di un azionamento Corso di Meccanica Applicata alle

Dettagli

Motore passo-passo a riluttanza variabile

Motore passo-passo a riluttanza variabile I motori passo-passo, anche se ideati all'inizio del secolo scorso, hanno avuto una diffusione abbastanza recente, ciò e dovuto all'avvento del microprocessore e all'aumento dell'impiego di sistemi digitali.

Dettagli

I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare

I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare A.S. 2015/2016 Indirizzo: ELETTROTECNICA Disciplina: ELETTROTECNICA E ELETTRONICA Classe: 5Aes Ore settimanali previste: 5 (2) INSEGNANTI: SCIARRA MAURIZIO

Dettagli

Motori brushless. Alimentando il motore e pilotando opportunamente le correnti I in modo che siano come nella figura 2 si nota come

Motori brushless. Alimentando il motore e pilotando opportunamente le correnti I in modo che siano come nella figura 2 si nota come 49 Motori brushless 1. Generalità I motori brushless sono idealmente derivati dai motori in DC con il proposito di eliminare il collettore a lamelle e quindi le spazzole. Esistono due tipi di motore brushless:

Dettagli

IMP2200/ ITP2200 INVERTER MONOFASE E TRIFASE DA 2200W

IMP2200/ ITP2200 INVERTER MONOFASE E TRIFASE DA 2200W INVERTER MONOFASE E TRIFASE DA 2200W SPECIFICHE Tensione alimentazione inverter monofase Tensione alimentazione inverter trifase Corrente max all uscita delle 3 fasi Potenza massima in uscita IP da 100

Dettagli

Motore sincrono trifase

Motore sincrono trifase Indice generale Motore sincrono trifase... Motore asincrono trifase... Motore in corrente continua... Motori ad eccitazione separata o indipendente. (ecc.s.)... Motori ad eccitazione derivata (ecc.d.)...

Dettagli

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua

6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua 6 Cenni sulla dinamica dei motori in corrente continua L insieme di equazioni riportato di seguito, costituisce un modello matematico per il motore in corrente continua (CC) che può essere rappresentato

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO IPIA C.A. DALLA CHIESA OMEGNA PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO classi 4 e 5 MANUTENTORI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO prof. Massimo M. Bonini MACCHINE PER LA GENERAZIONE

Dettagli

Indice 3. Elenco delle figure 9. 1 Introduzione 17. I Azionamenti e Macchine Elettriche 1

Indice 3. Elenco delle figure 9. 1 Introduzione 17. I Azionamenti e Macchine Elettriche 1 Indice Indice 3 Elenco delle figure 9 1 Introduzione 17 I Azionamenti e Macchine Elettriche 1 2 Elementi di macchine elettriche 3 2.1 Motore brushed DC........................ 3 2.1.1 Modello matematico

Dettagli

SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI

SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI SISTEMA DI ATTUAZIONE DEI GIUNTI Organi di trasmissione Moto dei giunti basse velocità elevate coppie Ruote dentate variano l asse di rotazione e/o traslano il punto di applicazione denti a sezione larga

Dettagli

Energia Eolica Parte ottava

Energia Eolica Parte ottava Energia Eolica Parte ottava Generatori elettrici per l energia eolica Corso di ENERGETICA A.A. 2012/2013 Docente: Prof. Renato Ricci Introduzione al generatore La quasi totalità della potenza elettrica

Dettagli

IL NUOVO CONTROLLO PER MOTORE RFC ARRICCHISCE LE FUNZIONALITÀ DELLA GAMMA UNIDRIVE SP

IL NUOVO CONTROLLO PER MOTORE RFC ARRICCHISCE LE FUNZIONALITÀ DELLA GAMMA UNIDRIVE SP IL NUOVO CONTROLLO PER MOTORE RFC ARRICCHISCE LE FUNZIONALITÀ DELLA GAMMA UNIDRIVE SP Un metodo avanzato di controllo della velocità ad anello aperto sviluppato da Control Techniques è ora disponibile

Dettagli

I motori asincroni trifase possono essere considerati tra le macchine elettriche più affidabili; svolgono la loro funzione per molti anni con

I motori asincroni trifase possono essere considerati tra le macchine elettriche più affidabili; svolgono la loro funzione per molti anni con MOTORE ASINCRONO Il Motore Asincrono Trifase (MAT), venne per la prima volta realizzato da Galileo Ferraris nel 1885. Esso viene alimentato direttamente dalla rete di distribuzione, a tensione e frequenza

Dettagli

Capitolo 10 Macchine elettriche speciali

Capitolo 10 Macchine elettriche speciali Capitolo 10 Macchine elettriche speciali Sezione 10.1: Motori DC senza spazzole Problema 10.1 Macchina sincrona bifase a sei poli a magnete permanente. L ampiezza della tensione di fase a circuito aperto

Dettagli

Elettronica industriale 2

Elettronica industriale 2 Armando Bellini Elettronica industriale 2 Azionamenti con motore in corrente alternata ARACNE Copyright MMVI ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it via Raffaele Garofalo, 133

Dettagli

Lezione 16. Motori elettrici: introduzione

Lezione 16. Motori elettrici: introduzione Lezione 16. Motori elettrici: introduzione 1 0. Premessa Un azionamento è un sistema che trasforma potenza elettrica in potenza meccanica in modo controllato. Esso è costituito, nella sua forma usuale,

Dettagli

GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ESAME

GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ESAME GUIDA ALLA PREPARAZIONE DELL ESAME INTRODUZIONE Questa guida è rivolta a tutti gli studenti che intendono sostenere l esame del corso di Macchine e Azionamenti Elettrici in forma orale. I testi consigliati

Dettagli

MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI

MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI Corso di Laurea in Ingegneria Industriale Anno Accademico 2012-2013 INTRODUZIONE Docente Francesco Benzi Università di Pavia e-mail: fbenzi@unipv.it Dispense in collaborazione

Dettagli

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07

Fondamenti di macchine elettriche Corso SSIS 2006/07 9.13 Caratteristica meccanica del motore asincrono trifase Essa è un grafico cartesiano che rappresenta l andamento della coppia C sviluppata dal motore in funzione della sua velocità n. La coppia è legata

Dettagli

Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase

Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase Determinazione diretta delle caratteristiche di funzionamento di un motore asincrono trifase La prova di laboratorio considerata consente di determinare le prestazioni dei motori ad induzione con il metodo

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI IN CORRENTE ALTERNATA

MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI IN CORRENTE ALTERNATA RICHIAMI SUI SISTEMI TRIFASE E SUI TRASFORMATORI - Ripasso generale sui sistemi trifase. - Ripasso generale sulle misure di potenza nei sistemi trifase. - Ripasso generale sui trasformatori monofase e

Dettagli

Original Article: CONTROLLO PWM DC ELECTRIC

Original Article: CONTROLLO PWM DC ELECTRIC Peer Reviewed, Open Access, Free Online Journal Published monthly : ISSN: 2308-832X Issue 1(22); January 2015 Original Article: CONTROLLO PWM DC ELECTRIC Citation Beliaev V.P. Controllo PWM DC Electric..

Dettagli

Caratteristiche per l applicazione pratica: Avviamento del motore. Motor Management

Caratteristiche per l applicazione pratica: Avviamento del motore. Motor Management Caratteristiche per l applicazione pratica: Avviamento del motore Motor Management TM Premessa Il presente manuale tecnico «Avviamento del motore» rappresenta un ulteriore pubblicazione sul tema «Sistema

Dettagli

I VANTAGGI DELLA VARIAZIONE DI VELOCITA NEGLI IMPIANTI DI POMPAGGIO E VENTILAZIONE. Stefano PANI

I VANTAGGI DELLA VARIAZIONE DI VELOCITA NEGLI IMPIANTI DI POMPAGGIO E VENTILAZIONE. Stefano PANI I VANTAGGI DELLA VARIAZIONE DI VELOCITA NEGLI IMPIANTI DI POMPAGGIO E VENTILAZIONE c/o Schneider Electric S.p.A. Via Orbetello 140 10148 TORINO Stefano PANI Sommario 1. Consumo d elettricità 2. Il motore

Dettagli

Alimentazione elettrica Tensione di rete

Alimentazione elettrica Tensione di rete Alimentazione elettrica Tensione di rete In conseguenza dei principi fisici con i quali funzionano le macchine per la produzione, il trasferimento e l impiego dell energia elettrica, nelle nostre case

Dettagli

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA ELETTROTECNICA

SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA ELETTROTECNICA SAPIENZA UNIVERSITÀ DI ROMA CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA ELETTROTECNICA PROGRAMMA DEL CORSO MACCHINE ELETTRICHE MACCHINE E AZIONAMENTI ELETTRICI Anno Accademico 2014-2015 Docente: Ezio Santini

Dettagli

Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte;

Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Libri di testo adottati: Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Obiettivi generali. Laboratorio di Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Manuale di Elettrotecnica e Automazione, Hoepli;

Dettagli

L. Frosini. In condizioni di alimentazione sinusoidale trifase, la somma istantanea dei TENSIONI E CORRENTI D ALBERO (parte B) L.

L. Frosini. In condizioni di alimentazione sinusoidale trifase, la somma istantanea dei TENSIONI E CORRENTI D ALBERO (parte B) L. Tensione di modo comune In condizioni di alimentazione sinusoidale trifase, la somma istantanea dei TENSIONI E CORRENTI D ALBERO (parte B) vettori delle tre tensioni di fase è sempre nulla. Lo stesso risultato

Dettagli

Gestione del dc-link di veicoli elettrici ibridi

Gestione del dc-link di veicoli elettrici ibridi Gestione del dc-link di veicoli elettrici ibridi liserre@poliba.it Sottosistema a propulsione elettrica Controllore del veicolo Convertitore elettronico di potenza Motore elettrico Trasmissione meccanica

Dettagli

Ottimizzazione dei processi Risparmio energetico. Soluzioni Dyneo Velocità variabile sincrona a magneti permanenti

Ottimizzazione dei processi Risparmio energetico. Soluzioni Dyneo Velocità variabile sincrona a magneti permanenti Ottimizzazione dei processi Risparmio energetico Soluzioni Dyneo Velocità variabile sincrona a magneti permanenti Soluzioni Dyneo l'efficienza nella sua massima espressione La piattaforma Dyneo di Emerson

Dettagli

Sensori di posizione di tipo induttivo

Sensori di posizione di tipo induttivo I sensori induttivi a singolo avvolgimento sono composti da un avvolgimento fisso e da un nucleo ferromagnetico mobile. Il sensore converte la grandezza da misurare in una variazione dell induttanza L

Dettagli

L importanza dell inverter per l automazione

L importanza dell inverter per l automazione [automazione industriale/regolatori di velocità] L importanza dell inverter per l automazione L inverter nell ambito dell automazione industriale è considerato una tecnologia vincente in grado di far ottenere

Dettagli

L argomento trattato nella presente dispensa riguarda la macchina elettrica piú diffusa in

L argomento trattato nella presente dispensa riguarda la macchina elettrica piú diffusa in "!#%$& '( )* +-,./10 243#,5768)9;: / Nella presente trattazione verranno analizzate alcuni aspetti dell avviamento del motore asincrono trifase ed alcuni problemi relativi. L argomento trattato nella presente

Dettagli

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente

Il motore a corrente continua, chiamato così perché per. funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente 1.1 Il motore a corrente continua Il motore a corrente continua, chiamato così perché per funzionare deve essere alimentato con tensione e corrente costante, è costituito, come gli altri motori da due

Dettagli

L avviamento dei motori asincroni

L avviamento dei motori asincroni L avviamento dei motori asincroni Un problema rilevante è quello dell avviamento dei motori. Nei motori asincroni infatti, durante l avviamento, circolano nel motore correnti notevoli sia perché la resistenza

Dettagli

Azionamenti in Corrente Continua

Azionamenti in Corrente Continua Convertitori La tensione variabile necessaria per regolare la velocità in un motore a c.c. può essere ottenuta utilizzando, a seconda dei casi, due tipi di convertitori: raddrizzatori controllati (convertitori

Dettagli

MicroLab TRASFORMATORI DL 10100 TRASFORMATORE TRIFASE DL 10103 TRASFORMATORE MONOFASE

MicroLab TRASFORMATORI DL 10100 TRASFORMATORE TRIFASE DL 10103 TRASFORMATORE MONOFASE TRASFORMATORI Le macchine statiche sono dimensionate per una potenza standard con bassa tensione di lavoro, mentre gli avvolgimenti sono suddivisi in più sezioni per consentire il maggior numero possibile

Dettagli

metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari

metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari Elettronica per l informatica 1 Contenuto dell unità D Conversione dell energia metodi di conversione, tipi di conversioni e schemi Alimentatori lineari componentistica e tecnologie riferimenti di tensione,

Dettagli

Il motore brushless (1 parte): principi di funzionamento

Il motore brushless (1 parte): principi di funzionamento Il motore brushless (1 parte): principi di funzionamento Lucia FROSINI Dipartimento di Ingegneria Industriale e dell Informazione Università di Pavia E-mail: lucia@unipv.it Motore sincrono a magneti permanenti

Dettagli

A RUOTA LIBERA 2 ELETTRIFICAZIONE 1 2003. Mario Maggi (*)

A RUOTA LIBERA 2 ELETTRIFICAZIONE 1 2003. Mario Maggi (*) 2 ELETTRIFICAZIONE 1 A RUOTA LIBERA Mario Maggi (*) La notevole riduzione della resistenza aerodinamica e dell attrito meccanico ha permesso la realizzazione di particolari accumulatori energetici, rotanti

Dettagli

LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO

LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO LE MACCHINE UTENSILI A CONTROLLO NUMERICO Unità 3 PRODUZIONE E MENU VITI A RICIRCOLO DI SFERE TESTA MOTRICE CONTROTESTA CONTROMANDRINO AZIONAMENTO MANDRINO AZIONAMENTO ASSI ELETTROMANDRINI SERVIZI DI MACCHINA

Dettagli

Motori asincroni monofase

Motori asincroni monofase Motori asincroni monofase Pubblicato il: 30/07/2003 Aggiornato al: 30/07/2003 di Massimo Barezzi I motori asincroni monofase possono essere utilizzati nelle più svariate applicazioni, in particolare nell'ambito

Dettagli

UNIDRIVE M100. Convertitore per l'automazione dell'industria manifatturiera

UNIDRIVE M100. Convertitore per l'automazione dell'industria manifatturiera Convertitore per l'automazione dell'industria manifatturiera Convertitore con un ottimo rapporto qualità e prestazioni/prezzo per applicazioni in anello aperto Unidrive M100 Unidrive M200 Unidrive M300

Dettagli

L INTERRUTTORE DIFFERENZIALE: QUESTO SCONOSCIUTO

L INTERRUTTORE DIFFERENZIALE: QUESTO SCONOSCIUTO PREMESSA: Gli interruttori differenziali sono apparsi sul mercato negli anni 50; furono utilizzati per evitare i furti di energia, dovuti all utilizzo di correnti verso terra e solo in un secondo tempo

Dettagli

Impianti navali B. Parte 4. II semestre 2013. giulio.barabino@unige.it. danilo.tigano@unige.it

Impianti navali B. Parte 4. II semestre 2013. giulio.barabino@unige.it. danilo.tigano@unige.it Impianti navali B Parte 4 II semestre 2013 giulio.barabino@unige.it danilo.tigano@unige.it 1 Convertitore CA-CC monofase controllato 2 Convertitore CA-CC trifase controllato 3 Tiristore 4 Convertitore

Dettagli

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo

Gli attuatori. Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo Gli attuatori Breve rassegna di alcuni modelli o dispositivi di attuatori nel processo di controllo ATTUATORI Definizione: in una catena di controllo automatico l attuatore è il dispositivo che riceve

Dettagli

La caratteristica meccanica rappresenta l'andamento della coppia motrice C in

La caratteristica meccanica rappresenta l'andamento della coppia motrice C in MOTORI CORRENTE ALTERNATA: CARATTERISTICA MECCANICA La caratteristica meccanica rappresenta l'andamento della coppia motrice C in funzione della velocità di rotazione del rotore n r Alla partenza la C

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

PIANO DI LAVORO COMUNE

PIANO DI LAVORO COMUNE PIANO DI LAVORO COMUNE Anno Scolastico 2015 2016 Materia: Elettrotecnica Elettronica Classe: 5^ elettrotecnici DOCENTE FIRMA Cottini Marzio Data di presentazione: 14-09-2015 Pagina 1 di 10 OBIETTIVI D

Dettagli

Diagramma a blocchi del sistema modulare per lo studio della Smart Grid

Diagramma a blocchi del sistema modulare per lo studio della Smart Grid DL SGWD SMART GRID Questo sistema didattico è stato progettato per lo studio e la comprensione dei concetti legati alla gestione intelligente dell energia elettrica. Questo concetto, chiamato Smart Grid,

Dettagli

Trasformatore di corrente (TA)

Trasformatore di corrente (TA) Sensori di corrente Il modo più semplice di eseguire la misura di corrente è il metodo volt-amperometrico, in cui si misura la caduta di tensione su di una resistenza di misura percorsa dalla corrente

Dettagli

Maiello pompe e sistemi costruzione e servizi by L.E.M. s.r.l. Gruppi di pressurizzazione con Inverter

Maiello pompe e sistemi costruzione e servizi by L.E.M. s.r.l. Gruppi di pressurizzazione con Inverter Elettropompe con inverter: analisi tecnico economica Il risparmio energetico delle elettropompe è un elemento cruciale per il sistema produttivo, in quanto la presenza di motori elettrici nella produzione

Dettagli

Principio di funzionamento del MAT. (figura 1, parti essenziali e principio di funzionamento del MAT)

Principio di funzionamento del MAT. (figura 1, parti essenziali e principio di funzionamento del MAT) Introduzione Il motore elettrico è una macchina (generalmente rotante) che trasforma energia elettrica in energia meccanica. L idea di applicare le azioni elettrodinamiche ed elettromagnetiche per produrre

Dettagli

EUROPEAN COMMISSION DIRECTORATE-GENERAL ENERGY AND TRANSPORT ILPROGRAMMA EUROPEO MOTOR CHALLENGE. Modulo: Azionamenti Elettrici

EUROPEAN COMMISSION DIRECTORATE-GENERAL ENERGY AND TRANSPORT ILPROGRAMMA EUROPEO MOTOR CHALLENGE. Modulo: Azionamenti Elettrici EUROPEAN COMMISSION DIRECTORATE-GENERAL ENERGY AND TRANSPORT New Energies & Demand Management Promotion of Renewable Energy Sources & Demand Management Brussels, 1 Gennaio 2003 ILPROGRAMMA EUROPEO MOTOR

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

VFD SUGGERIMENTI CONVERTITORE DI FREQUENZA

VFD SUGGERIMENTI CONVERTITORE DI FREQUENZA VFD SUGGERIMENTI CONVERTITORE DI FREQUENZA CONVERTITORE DI FREQUENZA La velocità sincrona di un motore ad induzione è, principalmente, una funzione del numero di poli del motore e della frequenza di alimentazione:

Dettagli

ELEMENTI FORMATIVI DI BASE PER LO STUDIO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI:

ELEMENTI FORMATIVI DI BASE PER LO STUDIO DEGLI IMPIANTI ELETTRICI: ATTIVITA DIDATTICA Obiettivi specifici della disciplina Requisiti minimi Requisiti per l eccellenza METODO DI LAVORO Metodologia Strumenti e materiali didattici Strategie di recupero Conoscere i fondamenti

Dettagli

Tutto quello che c'è da sapere sul controllo della velocità di un motore

Tutto quello che c'è da sapere sul controllo della velocità di un motore Scoprite i vantaggi: Brochure per tecnici Tutto quello che c'è da sapere sul controllo della velocità di un motore Troppo prezioso per tenerlo segreto: La potenzialità dei motori Quando si tratta di motori

Dettagli

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione

Motori Elettrici. Principi fisici. Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Motori Elettrici Principi fisici Legge di Lenz: se in un circuito elettrico il flusso concatenato varia nel tempo si genera una tensione Legge di Biot-Savart: un conduttore percorso da corrente di intensità

Dettagli

Motore passo passo: Laboratorio di Elettronica 1

Motore passo passo: Laboratorio di Elettronica 1 Motore passo passo: Laboratorio di Elettronica 1 Motore passo passo: Cuscinetto Rotore Cuscinetto Statore Laboratorio di Elettronica 2 Motore passo passo: Statore ( #8 bobine contrapposte a due a due:

Dettagli

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte -

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte - Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte - Pubblicato il: 11/07/2004 Aggiornato al: 11/07/2004 di Gianluigi Saveri La qualità dell alimentazione elettrica può essere fonte

Dettagli

Inverter Fuji Electric compatto ad alte prestazioni. Monofase 200 V 0,1 2,2 kw Trifase 400 V 0,4 15 kw

Inverter Fuji Electric compatto ad alte prestazioni. Monofase 200 V 0,1 2,2 kw Trifase 400 V 0,4 15 kw Inverter Fuji Electric compatto ad alte prestazioni Monofase 200 V 0,1 2,2 kw Trifase 400 V 0,4 15 kw Pensiero rivolto al consumo energetico Ecologico Alimentazione Alimentazione Precedente Controllo ottimale

Dettagli

L inverter NPC in azionamenti di MT per motori asincroni: struttura, tecniche di modulazione, modalità di filtraggio lato carico.

L inverter NPC in azionamenti di MT per motori asincroni: struttura, tecniche di modulazione, modalità di filtraggio lato carico. POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dei Processi Industriali Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettrica Dipartimento di Elettrotecnica L inverter NPC in azionamenti di MT per motori

Dettagli

CARATTERISTICHE MOTORE CORRENTE ALTERNATA TRIFASE

CARATTERISTICHE MOTORE CORRENTE ALTERNATA TRIFASE 11.1 ATL 10 BSA 10 CARATTERISTICHE MOTORI CARATTERISTICHE MOTORE CORRENTE ALTERNATA TRIFASE Motori asincroni trifase in esecuzione non ventilata, con rotore equilibrato dinamicamente. Per l attuatore ATL

Dettagli

OPENLAB APPLICAZIONI

OPENLAB APPLICAZIONI IL SISTEMA DL 10280 È COSTITUITO DA UN KIT DI COMPONENTI ADATTO PER ASSEMBLARE LE MACCHINE ELETTRICHE ROTANTI, SIA PER CORRENTE CONTINUA CHE PER CORRENTE ALTERNATA. CONSENTE ALLO STUDENTE UNA REALIZZAZIONE

Dettagli

Modellistica e controllo dei motori in corrente continua

Modellistica e controllo dei motori in corrente continua Modellistica e controllo dei motori in corrente continua Note per le lezioni del corso di Controlli Automatici A.A. 2008/09 Prof.ssa Maria Elena Valcher 1 Modellistica Un motore in corrente continua si

Dettagli

Efficienza energetica nell industria e delle macchine elettriche

Efficienza energetica nell industria e delle macchine elettriche Efficienza energetica nell industria e delle macchine elettriche 1. Premessa... 2 2. Sintesi del processo di analisi dell efficienza... 2 3. Descrizione del processo produttivo... 3 4. Contratti energetici...

Dettagli

Siete alla ricerca di una soluzione compatta per una veloce resa di movimentazione?

Siete alla ricerca di una soluzione compatta per una veloce resa di movimentazione? Siete alla ricerca di una soluzione compatta per una veloce resa di movimentazione? Vi offriamo il carrello elevatore elettrico a tre ruote con portate da 1000 a 1500 kg. Fuori: piccolo e compatto. Dentro:

Dettagli

Esistono due categorie di amplificatori di potenza

Esistono due categorie di amplificatori di potenza Amplificatori di potenza Amplificatore di potenza Segnale fornito dai regolatori è un segnale a bassa potenza non compatibile con le esigenze della movimentazione Si interpone uno stadio di amplificazione

Dettagli

Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero

Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero di soluzioni circuitali, in dipendenza sia dal livello

Dettagli

Meccanica degli Azionamenti Vol. 1 - Azionamenti Elettrici

Meccanica degli Azionamenti Vol. 1 - Azionamenti Elettrici DRAFT COPY Printed 28 marzo 2008 versione provvisoria - lavori in corso Meccanica degli Azionamenti Vol. 1 - Azionamenti Elettrici G. Legnani, M. Tiboni, R. Adamini, D. Tosi Con la collaborazione di G.

Dettagli

Serie AC650/AC650V. Inverter V/F e Sensorless Da 0,25 a 110kW

Serie AC650/AC650V. Inverter V/F e Sensorless Da 0,25 a 110kW Serie AC650/AC650V Inverter V/F e Sensorless Da 0,25 a 110kW Gli inverter Serie AC650/AC650V provvedono al controllo dei motori asincroni trifase con rapporto prezzo/prestazioni eccezionale. Sono disponibili

Dettagli

Controllo di motori in corrente continua. A cura di: Ing. Massimo Cefalo Ing. Fabio Zonfrilli

Controllo di motori in corrente continua. A cura di: Ing. Massimo Cefalo Ing. Fabio Zonfrilli Controllo di motori in corrente continua A cura di: Ing. Massimo Cefalo Ing. Fabio Zonfrilli Sistema di Controllo d rif - C(s) P(s) y T(s) n C(s) P(s) Controllore Sistema d n Disturbo Rumore T(s) Trasduttore

Dettagli

MACCHINE ELETTRICHE UNILAB 1 kw

MACCHINE ELETTRICHE UNILAB 1 kw indice MOTORI MONOFASE MOTORE A FASI DIVISE DL 1028 MOTORE A CONDENSATORE DL 1028C MOTORE UNIVERSALE DL 1029 MOTORE A REPULSIONE DL 1029R MOTORI ASINCRONI TRIFASE MOTORE ASINCRONO TRIFASE A GABBIA DL 1021

Dettagli

CAPITOLO 8 PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DELL ATTRITO INTRODUZIONE 8.1 IL PROBLEMA DEL CONTROLLO

CAPITOLO 8 PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DELL ATTRITO INTRODUZIONE 8.1 IL PROBLEMA DEL CONTROLLO 80 CAPITOLO 8 PROCESSO DI IDENTIFICAZIONE E COMPENSAZIONE DELL ATTRITO INTRODUZIONE In questo capitolo è descritto un metodo teorico per l identificazione dell attrito, attraverso l impiego della normale

Dettagli

Le centrali idroelettriche

Le centrali idroelettriche Le centrali idroelettriche 1 Una centrale idroelettrica può definirsi una macchina in grado di trasformare l'energia potenziale dell'acqua, legata al fatto che l'acqua si trova ad un livello superiore

Dettagli

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento

11. Macchine a corrente continua. unità. 11.1 Principio di funzionamento 11. Macchine a corrente continua unità 11.1 Principio di funzionamento Si consideri una spira rotante con velocità angolare costante e immersa in un campo magnetico costante come in figura 11.1. I lati

Dettagli

Guida ai prodotti Convertitori di frequenza e sistemi di controllo ABB

Guida ai prodotti Convertitori di frequenza e sistemi di controllo ABB Guida ai prodotti Convertitori di frequenza e sistemi di controllo ABB Indice 4 Che cosa ci si deve aspettare dal più importante produttore mondiale di convertitori di frequenza? 6 Il sistema più efficace

Dettagli

Istituto d Istruzione Superiore Statale Cigna - Garelli - Baruffi Sede: IPSIA "F. Garelli" Via Bona n 4 12084 Mondovì (CN) tel.

Istituto d Istruzione Superiore Statale Cigna - Garelli - Baruffi Sede: IPSIA F. Garelli Via Bona n 4 12084 Mondovì (CN) tel. Istituto d Istruzione Superiore Statale Cigna - Garelli - Baruffi Sede: IPSIA "F. Garelli" Via Bona n 4 12084 Mondovì (CN) tel. 0174/42611 A. s. 2013 / 14 Corso: MANUTENZIONE ASSISTENZA TECNICA Materia:

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

CONVERTITORI STATICI PER L AUTOMAZIONE

CONVERTITORI STATICI PER L AUTOMAZIONE Capitolo 2 CONVERTITORI STATICI PER L AUTOMAZIONE 2.1 Generalità. I convertitori statici hanno l obiettivo di controllare i flussi di potenza tra ingresso ed uscita modificando opportunamente alcune grandezze

Dettagli

Progetto Hydroplus. Fondo Europeo di Sviluppo Regionale P.O.R. 2007/2013

Progetto Hydroplus. Fondo Europeo di Sviluppo Regionale P.O.R. 2007/2013 Progetto Hydroplus Fondo Europeo di Sviluppo Regionale Technology rewiew 1 Introduzione Vengono definiti micro gli impianti idroelettrici di potenza inferiore ai 100 kw. Le micro centrali rientrano in

Dettagli

Attuatori. Conversione del segnale. Attuatore

Attuatori. Conversione del segnale. Attuatore Attuatori Nelle applicazioni di controllo, l acquisizione delle variabili da controllare e l elaborazione delle leggi di controllo è realizzata attraverso controllori (analogici o digitali) che lavorano

Dettagli

PROVE STRUTTURATE ASSEGNATE ALLE GARE NAZIONALI PER OPERATORI ELETTRICI

PROVE STRUTTURATE ASSEGNATE ALLE GARE NAZIONALI PER OPERATORI ELETTRICI PROVE STRUTTURATE ASSEGNATE ALLE GARE NAZIONALI PER OPERATORI ELETTRICI IPSIA A. PONTI GALLARATE anno scolastico 2002/2003 BLOCCO TEMATICO: MACCHINE ELETTRICHE MAC01 MAC02 MAC03 MAC04 MAC05 MAC06 MAC07

Dettagli

Variatore di. In questo articolo viene trattato. Praticamente

Variatore di. In questo articolo viene trattato. Praticamente TEORIA RISORSE SPECIALE mente Variatore di 100 In questo articolo viene trattato un semplice variatore di velocità ad alto rendimento per motori c.c a 12 ed a 24 Volt basato sulla PWM (Pulse Width Modulation).

Dettagli

PROGETTO: SISTEMA DI CONTROLLO DELLA LETTURA DI UN Hard Disk MAGNETICO

PROGETTO: SISTEMA DI CONTROLLO DELLA LETTURA DI UN Hard Disk MAGNETICO PROGETTO: SISTEMA DI CONTROLLO DELLA LETTURA DI UN Hard Disk MAGNETICO Introduzione [1] Richard C. Dorf, Robert H. Bishop, «Controlli Automatici», Edizione Pearson. [2] http://it.wikipedia.org/wiki/disco_rigido

Dettagli

Inverter Fuji Electric compatto ad alte prestazioni Monofase 200 V 0,1-2,2 kw Trifase 400 V 0,4-15 kw

Inverter Fuji Electric compatto ad alte prestazioni Monofase 200 V 0,1-2,2 kw Trifase 400 V 0,4-15 kw Fuji Electric Inverter Fuji Electric compatto ad alte prestazioni Monofase 200 V 0,1-2,2 kw Trifase 400 V 0,4-15 kw Pensiero rivolto al consumo energetico Ecologico Alimentazione Alimentazione Precedente

Dettagli