Benvenuto, Papa Francesco

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Benvenuto, Papa Francesco"

Transcript

1 Anno 1, Numero 3 31 marzo 2013 Parrocchia San Bernardino Molfetta Giornalino a cura del Gruppo Giovanissimi di Azione Cattolica In questo numero: Benvenuto Papa Francesco Il ritiro quaresimale Dalla Pesach alla Pasqua Ti-tè: la Quaresima a Molfetta Buona Pasqua Questo è il giorno che ha fatto il Signore, rallegriamoci ed esultiamo in esso!. Con questo canto la Chiesa ci invita ad entrare nella festa e nella gioia della Resurrezione di Cristo. La Pasqua apre per noi, ancor più in questo Anno della fede, cammini di ritorno al Padre per uscire dal male, dal peccato, purificandoci dai fermenti dell uomo vecchio, e di vivere il tempo presente, fondando la nostra vita in Dio. La dura realtà di questi tempi odierni mette in pericolo la fede, smarrisce il nostro cuore, ma non travolge la nostra fervida attesa, la speranza, perché l Amore è più forte della morte, perché la resurrezione e la vita vincono ogni iniquità. Lo sguardo del cristiano, che fa suo lo stupore gioioso degli apostoli di fronte al sepolcro vuoto, rimane fermo anche nell ora della tribolazione e delle tenebre. Egli crede e spera anche quando i motivi di speranza si fanno più deboli. La cultura, l economia, la vita sociale e politica, le relazioni interpersonali, la Chiesa, tutto è bisognoso di quell amore di riconciliazione che è ben più grande di quello che sappiamo darci a vicenda da noi stessi. L irrompente gioia che si sprigiona dalla Pasqua ci permette di innalzare sulle esperienze negative un orizzonte di rinnovata speranza, perché morte e vita si scontrano in un prodigioso duello; l autore della vita, che era morto ora vive risorto!. Questo combattimento del Cristo vittorioso sostiene tutti i nostri sforzi per dare inizio alla ricerca di un volto nuovo ed un cuore puro da dare al nostro mondo. Questo prodigioso duello si combatte soprattutto in chiunque voglia lasciarsi interpellare dall annuncio pasquale. Auguri perché la Pasqua del Signore apra nella nostra vita un nuovo sentiero di vera fratellanza nella certezza che Cristo è sempre con noi tutti i giorni sino alla fine dei secoli. don Pasquale

2 Anno 1, Numero 3 31 marzo 2013 Benvenuto, Papa Francesco a cura di Anna Maria Farinola Vorrei una chiesa povera una chiesa di poveri. Sembra che i miei fratelli cardinali sono andati quasi a prenderlo alla fine del mondo. E con queste parole che sei salito sulla barca di Pietro, la tua amata Chiesa, prendendone il timone con il nome di Francesco, quel Francesco d Assisi che non solo riaffermò l importanza della carità nella Chiesa, ma ne stravolse lo stile di vita predicando semplicità e povertà. Il tuo volto sereno, la tua umiltà, la preghiera per Benedetto, il tuo rifiutare il lusso, il tuo cucinarti di ritorno a casa, l indossare una semplice croce di metallo (e non d oro), il toglierti la stola da solo e baciarla: piccoli gesti che dimostrano quanto tu sia l uomo semplice di Cristo, il padre di cui la Chiesa ha bisogno in questo periodo travagliato. Ci hai chiesto di camminare con te, vescovo e popolo, di pregare con te e per te. Ci hai dato le prime direttive da seguire: camminare, edificare, costruire, confessare. Ma non è così facile, perché nel camminare, nel costruire, nel confessare delle volte ci sono scosse, ci sono movimenti che non sono proprio movimenti del cammino: sono movimenti che ci tirano indietro. Ci inviti a lasciare i nostri palazzi, a uscire dalle sagrestie e a prendere la croce per essere veri discepoli, annunciare il Vangelo per le strade del mondo e, soprattutto, abbracciare la sofferenza dei poveri nel corpo e nello spirito. Ci chiedi di farci ultimi tra gli uomini perché solo così la tua Chiesa sarà povera come Cristo: solo così la tua amata Chiesa sarà la chiesa del servizio, la chiesa del grembiule, come predicava il Servo di Dio don Tonino Bello. Per me, lo dico umilmente, il messaggio più forte del Signore è la misericordia : ecco segnata la strada, che percorreremo accanto a te. Anche noi credo che siamo come questo popolo che da una parte vuole sentire Gesù ma a cui, dall altra parte, delle volte piace bastonare gli altri e condannare gli altri. Il messaggio di Gesù è quello della misericordia. Non è facile affidarsi alla misericordia di Dio perché quello è un abisso incomprensibile. Il Signore mai si stanca di perdonare. Siamo noi che ci stanchiamo nel chiedergli perdono, perché lui mai si stanca di perdonare (prima omelia nella Chiesa di Sant Anna). Caro Papa Francesco, con la stessa semplicità con cui oggi tu ci parli, anche noi, come comunità parrocchiale, in semplicità ti auguriamo un buon cammino e ti affidiamo alle preghiere della Beata Vergine Maria, garantendo di seguire le tue paterne indicazioni e di impegnarci ad essere discepoli di Cristo nella povertà degli ultimi. Il ritiro quaresimale a cura di Nella Sancilio Fame c è chi si abbuffa e poi digiuna Basta poco a fare bella figura, a essere buoni la domenica mattina, basta poco La primavera intanto tarda ad arrivare Sono tre versi tratti da canzoni di Renato Zero, Vasco Rossi e Franco Battiato che hanno rappresentato un momento del ritiro quaresimale della nostra parrocchia presso l oasi Madonna delle Grazie di Corato e che ha visto la partecipazione di giovani e adulti guidati dal nostro parroco, don Pasquale. Il ritiro si è aperto con un momento di preghiera e poi si è delineato su tre percorsi: Contro la tentazione dell AVERE, del tutto e subito; Contro la tentazione del SUCCESSO, dell essere visti a tutti i costi;

3 Contro la tentazione del POTERE. Ognuno di questi percorsi riprendeva una parola chiave su cui si sarebbe dovuto esprimere più tardi un proprio pensiero. Le canzoni proposte C è fame, Basta poco e Povera patria racchiudono nei loro versi il senso di quelle parole: del DIGIUNO, della CARITA e della PREGHIERA. Il Vangelo di Matteo, quarto capitolo, dal versetto 1 al versetto 11, è stato colonna portante dei momenti di riflessione. Non a caso, don Pasquale ha scelto di proporre le tentazione che il diavolo fa a Gesù nel deserto: Se sei figlio di Dio, dì che questi sassi diventino pane, Se sei figlio di Dio, gettati giù poiché gli angeli ti sorreggeranno con le loro mani, Tutte queste cose io ti darò, se prostrandoti, mi adorerai. Gesù però non si è lasciato corrompere rispondendo che non solo di pane vive l uomo ma di ogni parola che esce dalla bocca di Dio, che non si può tentare il Signore ma bisogna adorarlo e rendergli culto. Il dibattito apertosi più tardi ha visto l intervento di molti con pareri contrastanti Anno 1, Numero 3 31 marzo 2013 riguardo i temi della carità, del digiuno e della preghiera visti ciascuno con un ottica di fede diversa ma che mira comunque a Dio. Il ritiro si è concluso con la celebrazione della Santa Messa presieduta da don Pasquale. Il ritiro rappresenta un momento fondamentale per il cristiano, soprattutto se vissuto per un intero giorno. È un momento in cui una comunità si stringe intorno a colui che è Via, Verità e Vita guidati mano a mano da chi ha fatto della fede una ragione di vita e che col suo entusiasmo riesce a tirare a sé ogni credente. È però importante che noi cristiani non ci comportiamo come negli stadi dove a vote si fa un minuto di silenzio durante il quale tutti si sentono solidali e poi esplode la rivalità. Non basta un minuto di silenzio, occorre tutta una prassi di convivialità. Don Tonino dice che al Signore dovremmo chiedere la grazia dell indignazione perché non dobbiamo essere inattaccabili dalle emozioni ma condividere la povertà degli altri perché l Eucarestia ci obbliga ad abbandonare la mensa, ad investire il fuoco che abbiamo ricevuto.

4 Dalla Pesach alla Pasqua a cura di Mina Stizzi Anno 1, Numero 3 31 marzo 2013 Vogliamo ricordare i legami stretti della Pasqua di oggi con la Pasqua ebraica. La parola Pasqua deriva dall ebraico Pesach. Per gli ebrei questa festività aveva ad ha il significato di liberazione, per i cristiani rappresenta la Resurrezione cioè il passaggio dalla morte alla vita nuova. In origina la Pasqua era una festa che i pastori celebravano nel periodo della luna nuova che segue l equinozio di primavera e che segnava l inizio del trasferimento del gregge dai pascoli invernali a quelli estivi. È questa verosimilmente la festa che Mosè voleva celebrare nel deserto e per la quale chiedeva al Faraone di lasciare andare gli Ebrei liberi, per sacrificare al Signore. Questa Pasqua celebrava il passaggio del gregge dalle pianure alle montagne, la transumanza. La festa prendeva vari momenti: Il sacrificio di un animale giovane maschio senza difetto, per ottenere la fecondità e la prosperità del gregge L aspersione del sangue della vittima che si spruzzava sui pali e sugli architravi per mettere in fuga e tener lontani gli spiriti maligni La consumazione della vittima che veniva arrostita sul fuoco e condita con erbe aromatiche selvatiche accompagnata da vino e pane non lievitato I pastori celebravano con i fianchi cinti, i sandali ai piedi e il bastone in mano come se dovevano fare un lungo cammino Si festeggiava il passaggio dall inverno alla primavera. Entrambe le feste celebrano un passaggio che simbolicamente significa il passaggio dalla morte alla vita. Dopo l uscita dall Egitto dopo l esperienza diretta dell opera di Dio nella loro Storia gli Ebrei cominciarono a celebrare il rito della Pasqua non più pensando alla transumanza ma celebrando il passaggio di Dio nella loro vita ricordando i vari passaggi: Dio che passò oltre le case degli Ebrei salvandoli mentre morivano i primogeniti degli Egiziani La liberazione dell Egitto con il passaggio dalla Schiavitù alla Libertà Dio che aprì il Mar Rosso permettendo agli Ebrei di passare oltre l asciutto Tutte queste meraviglie permettono agli Ebrei di festeggiare in senso più completo il passaggio della Schiavitù alla Libertà, dalla morte alla vita. Si formarono tre momenti fondamentali della celebrazione della Pasqua ebraica: il Memoriale, la Benedizione e il Sacrificio. La Pasqua di Gesù non cambia la liturgia ebraica rispettando il Memoriale, ma aggiunge l ultima cena cambiando il significato della liturgia riguardo al pane e al vino. Da quel momento in poi per i suoi discepoli e per noi oggi, comunicare con quel pane e vino vorrà dire comunicare direttamente col Corpo di Cristo che si consegna alla morte per noi andando al Padre. Gesù compie per primo il passaggio della vera schiavitù, la morte alla vera terra promessa, la vita eterna alla destra del Padre. Gesù compie la Legge, realizza il vero Esodo, il vero Passaggio, la vera Pasqua. Il pane e il vino sono Corpo e Sangue di Cristo sulla Mensa Eucaristica. Io mangiando quel corpo e bevendo quel sangue vengo in un certo senso contagiata da questa Resurrezione. La Pasqua di Gesù diventa la mia Pasqua e quella di ogni uomo quando mangio quel pane. Ti-tè: la Quaresima a Molfetta a cura di Francesco la Forgia Numerosi e ormai consueti, ma sempre emozionanti e magnifici, sono i riti che caratterizzano la Quaresima e in particolar modo la settimana santa molfettese. La Quaresima comincia alle 0.00 del mercoledì delle

5 Anno 1, Numero 3 31 marzo 2013 Ceneri, quando dalla Chiesa del Purgatorio esce la croce nel mezzo di due fanali. Dopo 33 rintocchi della campana del Purgatorio ha inizio la processione della croce, organizzata dall Arciconfraternita della morte, la quale è preceduta dalla bassa musica che esegue una melodia chiamata Lamento di Maria, culminata dal ti-tè e seguita da alcuni confratelli, dal sacerdote dell Arciconfraternita e da numerosi fedeli. Percorre le principali strade molfettesi, le stesse dove circa un mese dopo verrà portata in processione la statua dell Addolorata. Prima di rientrare in chiesa la croce si reca al calvario dove il padre spirituale tiene una breve riflessione. Il periodo quaresimale scorre tranquillamente fino alla IV domenica del tempo. In questa fase ci sono alcuni concerti di marce funebri e mentre ogni venerdì presso la chiesa di S. Stefano c è la contemplazione di un mistero, la domenica sera presso il Purgatorio si svolge il Pio e- sercizio in onore della Pietà. Il venerdì antecedente alla V domenica di Quaresima comincia il settenario in onore della B.V. Addolorata, il quale viene svolto sia nella chiesa del Purgatorio ma anche in molte chiese molfettesi, tra cui San Bernardino. Quando il settenario termina, il Giovedì antecedente la domenica delle Palme, fuori alla chiesa del Purgatorio vi è un concerto di marce funebri eseguito dalla banda Santa Cecilia, che suona 6 marce, di cui la prima è lo Sventurato di Valente e l ultima lo Stabat Mater di Rossini. Il venerdì che precede la domenica delle Palme è caratterizzato dalla processione della statua dell Addolorata che avviene nel pomeriggio, mentre la mattina, presso la chiesa del Purgatorio, a partire dalle 6, ci sono numerose messe, tra cui quella celebrata dal vescovo della Diocesi alle ore Prima di parlarvi della processione dell Addolorata e della settimana Santa molfettese voglio raccontarvi l origine delle statue portate per le strade della nostra città, ovvero i cinque misteri aventi come sede la chiesa di Santo Stefano e delle sette statue, tra cui la Pietà, che si trovano presso il Purgatorio insieme all Addolorata. Le statue dei cinque misteri rappresentano rispettivamente i misteri dolorosi, e cioè Gesù che prega nel Getsemani, Gesù flagellato, l Ecce Homo, il Calvario di Gesù e Gesù morto. Sono statue di fattura lignea di presunta scuola veneziana, infatti c è una leggenda che narra che un nobile molfettese di nome Evangelista Lepore, nel 1525 si recò a Venezia per cercare un medico che curasse suo figlio, il quale era gravemente malato di scorbuto. Si dice che il nostro concittadino entrò per caso nella bottega di uno scultore veneziano, Giacomo Fielle, e rimase affascinato dalla bellezza e dalla espressione dei cinque simulacri, che sembravano vivi e palpitanti, che decise di acquistarli, anche e soprattutto perché il Lepore percepì subito che, quei misteri avrebbero potuto portare il figlio verso la guarigione. E, mediante una barca, li fece trasportare a Molfetta. Quando il Lepore tornò a Molfetta il figlio era miracolosamente guarito ed egli attribuì quest evento alle statue, che donò alla Arciconfraternita di S. Stefano della quale era confratello. L origine delle statue del sabato santo è certa, infatti esse sono state realizzate dallo scultore molfettese Giulio Cozzoli. Sono state realizzate nell arco di un cinquantennio che va dal 1906 al 1956, rispondendo da una parte all esigenza dall Arciconfraternita della Morte di rinnovare le vecchie statue e dall altra di rispondere al grande desiderio di Giulio Cozzoli di realizzare una serie di statue che in maniera completa rappresentassero, per le vie di Molfetta, durante il Sabato Santo, il dramma della Passione di Cristo. Sono tutte statue in cartapesta. La prima ad essere realizzata fù la Veronica nel 1906, l autore si ispirò a quella fatta in marmo da Mochi e che si trova presso la basilica si S. Pietro. La seconda statua che fece il Cozzoli fu la Pietà nel 1908, questa statua è composta da un manichino vestito, pertanto l autore realizzò solo il Cristo che la Madonna porta in braccio e il masso sul quale siede la Vergine e rifinì la faccia di Maria perché la trovava magnifica. La terza statua ad essere realizzata fu quella di Santa Maria Cleofe, nel 1914, quest ultima, però, era più alta rispetto alle altre statue, pertanto Giulio Cozzoli, senza chiedere ulteriore compenso all Arciconfraternita della Morte, riplasmò, una seconda versione di S. Maria Cleofe identica alla prima ma di altezza uguale alle altre statue. La quarta opera del nostro concittadino fu la statua di S. Giovanni, che lo scultore realizzò, per volontà dell Arciconfraternita della Morte, uguale alla preceden-

6 Anno 1, Numero 3 31 marzo 2013 te. Inoltre il Vescovo molfettese Mons. Pasquale Gioia volle che la statua venisse realizzata in legno e non in cartapesta, ma infine per diverse vicissitudini S. Giovani venne scolpito dello stesso materiale delle altre statue. San Pietro fu la quinta statua realizzata dal Cozzoli nel Oltre all apostolo lo scultore realizzò il gallo che si trova vicino ad esso, il quale richiese lo studio di un esemplare allevato nella contrada di S. Martino. La sesta fu la Maddalena, scolpita nel Essa suscitò consenso per il prestigio artistico ma sollevò critiche e perplessità per motivi di carattere morale, infatti Maria di Magdala era stata ritratta in un atteggiamento di appassionata femminilità. Il Vescovo, Mons. Achille Salvucci, giudicò la statua non adatta ad una processione, da allora fu denominata la Maddalena scandalosa. In seguito l Arciconfraternita del sacco nero, desiderosa di completare la serie di statue del sabato santo, chiese a Giulio Cozzoli di realizzare un altra immagine della Maddalena. Assomigliava nelle linee essenziali alla precedente, ma fu rappresentata castiga nelle vesti pertanto ebbe l approvazione del Vescovo e venne portata per la prima volta in processione nel L ultima delle sette statue ad essere realizzata, nel 1953, fu Maria Salomè, che era la madre dei figli di Zebedeo ed una delle Pie donne che ha assistito alla morte e resurrezione di Cristo. Il Cozzoli realizzò anche parte della faccia dell Addolorata, anch essa, come la Pietà, è un manichino vestito, infatti non riuscì a completare l opera perché morì nel Fu suo nipote, Maurangelo Cozzoli a terminare la faccia della Madonna, la cui statua fu portata per la prima volta in processione nel Dunque il venerdì antecedente alla settimana delle palme alle ore 15,30 dalla chiesa del purgatorio ha inizio la processione dell Addolorata, aperta dagli stradari, ragazzi che indossano un frak e il laccio dell Arciconfraternita, che hanno la funzione di fare strada alla processione e seguono la bassa musica che esegue la solita melodia. Dopo gli stradari segue il paliotto, una sorta di bandiera, tutta nera con il simbolo dell Arciconfraternita, ovvero il teschio; segue la Croce in mezzo ai fanali e lo stendardo raffigurante l Addolorata che viene portato in processione dalle consorelle dell Arciconfraternita. Dopo che i confratelli si sono disposti in processione dietro le consorelle, si piazza sul sagrato della chiesa il baldacchino sotto il quale, alle 16,00 in punto passa la Madonna Addolorata e nel contempo la banda esegue Lo Sventurato di Valente. Quando intorno alle 23,30 gli stradari raggiungono il sagrato, vanno a posizionarsi dietro alla statua con la croce e i fanali, mentre il paliotto viene portato in chiesa. A mezzanotte si conclude la processione, quando la Beata Vergine Addolorata dopo essere passata sotto il baldacchino entra in chiesa accompagnata da un enorme silenzio e dal sottofondo musicale della marcia Stabat Mater di Rossini. La domenica delle Palme può essere definita la domenica delle bussole. Tutte le confraternite infatti, in questa giornata sorteggiano i portatori delle Sacre Immagini delle processioni del venerdì e del sabato santo. Bussolata prende il nome proprio dalla bussola o meglio dal contenitore dal quale vengono estratti i numeri abbinati ai confratelli. In questi tratti si alternano due quadriglie che portano la statua in processione effettuando i cambi da un lampione al successivo, questo tratto prende il nome di bomba. La sera della domenica delle Palme la banda esegue un concerto di marce funebri, nei pressi della chiesa del Purgatorio. I primi giorni della settimana santa è caratterizzata solo dalla Passione Vivente, organizzata nel centro storico dalla confraternita di S. Antonio. Il giovedì santo, mentre la mattina viene celebrata la messa Crismale in Cattedrale, la sera c è la messa in Coena Domini al termine della quale ha inizio la visita delle chiese. Numerose persone visitano i repositori delle chiese ovvero i tabernacoli ornati e decorati per adorare Cristo nell eucarestia. Molte confraternite visitano i sepolcri vestendosi con l abito di rito andando in processione al seguito della croce e dei fanali. La sera del giovedì santo mentre alcune persone ascoltano il consueto concerto di marce funebri di fronte alla chiesa di S. Stefano, altre fanno lunghissime code per visitare il sepolcro di S. Stefano e del Purgatorio dove sono esposte le statue che verranno portate in processione. La notte del venerdì santo mentre molti ragazzi si divertono per le strade facendo la nottata, nella chiesa di S. Stefano avvengono i preparativi per la processione che

7 Anno 1, Numero 3 31 marzo 2013 inizierà di li a poco alle ore Anche questa processione come le altre è aperta dagli stradari che indossano la mezzaluna rossa, laccio dell arciconfraternita di S. Stefano. Sono seguiti dal paliotto, una coltre blu con delle stelle dorate, dalla croce nel mezzo dei fanali, poi vi sono i confratelli dell Assunta che precedono e portano Cristo all orto, essi hanno un camice bianco e la mozzetta bianca con i fiorellini. Dopo ci sono i confratelli della Madonna del buon consiglio aventi il camice bianco e la mozzetta azzurra con delle decorazioni dorate, questi precedono e portano a spalla Cristo flagellato. Mentre queste due statue escono dalla Chiesa la banda esegue Varchecceddere di Valente. Segue Cristo Ecce homo (Gesù alla canna) che è portato e preceduto dai confratelli della Purificazione aventi camice bianco e mozzetta gialla. Successivamente vi è il Calvario, che è portato e preceduto dai confratelli della Visitazione aventi camice bianco e mozzetta rossa. All uscita di queste statue la banda esegue la Maledetta. Appena il penultimo mistero è portato in processione, esce dalla chiesa di S. Stefano il baldacchino fatto come il paliotto, ovvero una coltre blu con stelle dorate. E portato dai confratelli di S. Stefano o del Sacco Rosso in quanto il loro camice è di colore rosso tendente al marrone ed è caratterizzato dal laccio che è una mezzaluna rossa. Sotto la parte alta del camice si intravedono giacca, camicia e cravatta. Alle ore 04,00 in punto esce Gesù morto che viene portato in processione e come musica di sottofondo a coronare questo momento di incantevole silenzio da parte delle numerosissime persone presenti c è U Conzasiegge di Valente. Anche in questa processione gli stradari e la croce appena arrivati in chiesa si stanziano tra la statua di Gesù morto e il baldacchino, mentre le statue si posizionano nel seguente modo: a destra della chiesa Gesù all orto e Gesù Ecce homo a sinistra Gesù flagellato ed il Calvario e rimangono in queste posizioni fino a quando Gesù morto passando sotto il baldacchino entra in chiesa accompagnato dalla marcia di Palmieri. Poi rientrano in chiesa tutte le statue in ordine inverso rispetto all uscita. Il giorno seguente vi è la processione del Sabato Santo, che comincia alle 11,15 dalla chiesa del Purgatorio. Apre il solito quartetto di musicanti, seguito dagli stradari, dal paliotto, dalla croce con i due fanali, subito dopo segue la statua di S. Pietro portata e preceduta dalla confraternita dell Assunta. A seguire la Veronica, portata e preceduta dalla Confraternita del Carmine avente camice bianco e mozzetta viola, S. Maria Cleofe portata e preceduta dalla Confraternita della Purificazione, S. Maria Salomè portata e preceduta dalla Confraternita della Madonna di Loreto a- vente il camice bianco e la mozzetta nera. Durante l uscita delle prime quattro statue la banda esegue Gatti, mentre all apparire della quinta statua, la Maddalena portata dalla Confraternita della Concezione avente camice bianco e mozzetta azzurra e durante l uscita di San Giovanni, portato dalla Confraternita di S. Antonio avente camice e mozzetta bianca, esegue Perduta di Caravaglios. Subito dopo l uscita della sesta statua viene portato fuori il baldacchino. A mezzogiorno in punto vengono intonate le note della marcia Dolor di Calò allorquando esce sul sagrato la Pietà, portata dai confratelli della Morte. Alla ritirata, prima di raggiungere il Purgatorio la Pietà viene portata in processione da alcuni sacerdoti per un piccolo tratto di strada. Quindi i confratelli riprendono in processione la Pietà e percorrono Corso Dante fino al Purgatorio dove sono disposte alla destra del sagrato le statue della Veronica, S. Maria Salomè e S. Giovanni e a sinistra S. Pietro, S. Maria Cleofe e la Maddalena. Un lungo anno dovrà a questo punto trascorrere prima di rivivere le stesse ma sempre splendide emozioni grazie ai riti della settimana Santa Molfettese.

8 Anno 1, Numero 3 31 marzo 2013 In esclusiva per il nostro giornalino, in occasione del XX anniversario della morte del nostro venerato Vescovo, l augurio che don Tonino ha fatto alla nostra parrocchia in occasione della Pasqua sito parrocchiale: - REDAZIONE: Ilario Amato, Claudia Cipriani, Francesco la Forgia. Animatori: Mirko Sabato, Isabella Cipriani, Sergio Michele Spadavecchia, Michele Clemente. Presidente: Cecilia Vista. Parroco: don Pasquale Rubini. Per questo numero si ringraziano: Mina Stizzi, Anna Maria Farinola, Nella Sancilio.. Prossimo numero: domenica 28 aprile

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr.

I Quaresima B. Padre, tu che ci doni il tuo Figlio come Vangelo vivente, fa che torniamo a te attraverso un ascolto rinnovato della tua Parola, pr. I Quaresima B Padre buono, ti ringraziamo per aver nuovamente condotto la tua Chiesa nel deserto di questa Quaresima: donale di poterla vivere come un tempo privilegiato di conversione e di incontro con

Dettagli

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà

Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Tipologia Obiettivi Linguaggio suggerito Setting Veglia di preghiera: Riconciliati da Dio, sulla strada della libertà Una celebrazione

Dettagli

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica

08-03-2015 All ombra dei campanili. L Eucaristia, cuore della Domenica E chiedere il dono di nuove vocazioni anche nella nostra parrocchia di PARROCCHIA S. GIOVANNI OLTRONA DI SAN MAMETTE Comunità Appiano Gentile 08-03-2015 All ombra dei campanili L Eucaristia, cuore della

Dettagli

Diocesi di Caserta Santuario di San Michele Arcangelo e Santa Maria del Monte Programma invernale del Santuario 25 Anniversario della Madonna del Monte Anno Mariano 1987-2012 novembre-aprile 2011-2012

Dettagli

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi

SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi 26 maggio SANTA MARIA DEL FONTE presso Caravaggio patrona della diocesi SOLENNITÀ Secondo attendibili testimonianze storiche, il 26 maggio 1432 in località Mazzolengo, vicino a Caravaggio, dove c era una

Dettagli

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio

EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio EPIFANIA DEL SIGNORE Liturgia del 5 e 6 gennaio Grado della Celebrazione: Solennità' Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE (solo giorno 6) L Epifania è la manifestazione del Cristo nella carne dell uomo

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare

Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Il Signore ci fa suoi messaggeri Abbiamo incontrato Gesù, ascoltato la sua Parola, ci siamo nutriti del suo Pane, ora portiamo Gesù con noi e viviamo nel suo amore. La gioia del Signore sia la vostra forza!

Dettagli

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA.

DOMENICA: perché? E per noi? Che cosa vuol dire DOMENICA? GIORNO DEL SIGNORE. è la festa della VITA, la festa di PASQUA. PREPARAZIONE ALLA PRIMA COMUNIONE LA SANTA MESSA ANNO CATECHISTICO 2008/09 NOME E COGNOME 1 DOMENICA: perché? Tutti i popoli hanno dei giorni di festa. Il popolo ebraico, a cui apparteneva Gesù, aveva

Dettagli

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa

Parrocchia Santi Pietro e Paolo. Venite alla festa Parrocchia Santi Pietro e Paolo Venite alla festa Questo libretto e di: Foto di gruppo 2 Occhi, naso, bocca, orecchie, mani... per pregare Occhi: se i miei occhi sono attenti, possono cogliere i gesti

Dettagli

SI SON DIVISI TRA DI LORO LE MIE VESTI E SULLA MIA TUNICA HANNO GETTATO LA SORTE PADRE PERDONA LORO PERCHE NON SANNO QUELLO CHE FANNO

SI SON DIVISI TRA DI LORO LE MIE VESTI E SULLA MIA TUNICA HANNO GETTATO LA SORTE PADRE PERDONA LORO PERCHE NON SANNO QUELLO CHE FANNO ARCIPRETURA MARIA SS. ASSUNTA E SAN PIETRO APOSTOLO SAN PIETRO DI CARIDA PROGRAMMA PASQUA 2014 SI SON DIVISI TRA DI LORO LE MIE VESTI E SULLA MIA TUNICA HANNO GETTATO LA SORTE PADRE PERDONA LORO PERCHE

Dettagli

CENA PASQUALE EBRAICA

CENA PASQUALE EBRAICA PARROCCHIA B.V.M. IMMACOLATA CENA PASQUALE EBRAICA per i ragazzi della Prima Comunione Sabato 4 aprile 2009 - Ore 16,00 CAPPUCCINI ORISTANO 1 momento - La schiavitù del popolo d Israele (I ragazzi sono

Dettagli

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011

CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 CORPUS DOMINI - 26 GIUGNO 2011 Nicolas Poussin L istituzione dell Eucaristia, 1640, Musée du Louvre, Paris Nella Sinagoga di Cafarnao, Gesù parlò dell Eucarestia LECTIO SUL VANGELO DELLA SOLENNITÀ DEL

Dettagli

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi

Unità Pastorale Cristo Salvatore. Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi Unità Pastorale Cristo Salvatore Proposta di itinerari per l iniziazione cristiana dei fanciulli e dei ragazzi 2 3 Introduzione LE DIMENSIONI DELLA FORMAZIONE CRISTIANA In qualsiasi progetto base di iniziazione

Dettagli

quaresima, cammino verso la pasqua.

quaresima, cammino verso la pasqua. quaresima, cammino verso la pasqua. Siamo in cammino verso la Pasqua. Nelle nostre comunità accoglieremo, con la fatica di una umanissima e trepidante attesa, la gioia della resurrezione: Cristo, nostra

Dettagli

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse

Dalla prima lettera di san Paolo apostolo ai Corìnzi Fratelli, il calice della benedizione che noi benediciamo, non è forse Dt 8, 2-3. 14-16 Dal libro del Deuteronòmio Mosè parlò al popolo dicendo: «Ricòrdati di tutto il cammino che il Signore, tuo Dio, ti ha fatto percorrere in questi quarant'anni nel deserto, per umiliarti

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A»

Le tentazioni di Gesù. e le nostre. Camminando verso la Pasqua. e le nostre. Prima settimana di Quaresima «anno A» Prima settimana Le tentazioni di Gesù e le nostre «Gesù fu condotto dallo Spirito nel deserto, per essere tentato dal diavolo» (Mt 4,1-11). 1. Osserviamo il disegno. Tenendo presente il brano del Vangelo

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ

Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Catechismo di iniziazione cristiana dei fanciulli SETTIMA UNITÀ Siamo figli di Dio Dio Padre ci chiama ad essere suoi figli Leggi il catechismo Cosa abbiamo imparato Ci accoglie una grande famiglia: è

Dettagli

dalla Messa alla vita

dalla Messa alla vita dalla Messa alla vita 12 RITI DI INTRODUZIONE 8 IL SIGNORE CI INVITA ALLA SUA MENSA. Dio non si stanca mai di invitarci a far festa con Lui, e gli ospiti non si fanno aspettare, arrivano puntuali. Entriamo,

Dettagli

dal 1 dicembre al 10 gennaio

dal 1 dicembre al 10 gennaio DICEMBRE ORARIO SANTE MESSE dal 1 dicembre al 10 gennaio In Basilica: Prefestiva : ore 18.00 Festive : ore 7.30-9.30-11.00-18.00 ore 17.45 Celebrazione dei Vespri Feriali: ore 7.00-9.00 tutti i giorni

Dettagli

Sono stato crocifisso!

Sono stato crocifisso! 12 febbraio 2012 penultima dopo l epifania ore 11.30 con i fidanzati Sono stato crocifisso! Sia lodato Gesù Cristo! Paolo, Paolo apostolo nelle sue lettere racconta la sua storia, la storia delle sue comunità

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato)

Ogni gruppo, partendo dalla 1a elementare fino alle Medie, presenta un segno ed il motivo del ringraziamento (vedi allegato) Conclusione dell anno catechistico Elementari e Medie Venerdì 30 maggio 2014 FESTA DEL GRAZIE Saluto e accoglienza (don Giancarlo) Canto: Alleluia, la nostra festa Presentazione dell incontro (Roberta)

Dettagli

Oleggio, 01/4/2013. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 01/4/2013. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 01/4/2013 LUNEDÌ DELL ANGELO Letture: Atti 2, 14. 22-23 Salmo 16 (15) Vangelo: Matteo 28, 1-15 NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO SANTO. AMEN! Ci mettiamo alla Presenza del Signore,

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Orazioni in suffragio

Orazioni in suffragio Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio SHALOM Orazioni in suffragio delle anime del purgatorio «Pietà di me, o Dio, secondo la tua misericordia: nel tuo grande amore cancella il mio peccato».

Dettagli

INDICE. Premessa... 7

INDICE. Premessa... 7 INDICE Premessa... 7 GIOVEDÌ SANTO Schema della Celebrazione... 12 I Santi Padri... 13 Agostino: Vi do un comandamento nuovo... 13 Efrem: L agnello figura e l Agnello vero... 16 Cirillona: La gioia di

Dettagli

Insieme verso Gesù. Parrocchia di San Pietro

Insieme verso Gesù. Parrocchia di San Pietro Parrocchia di San Pietro Carissimo, carissima, questo messalino ti accompagnerà lungo queste domeniche durante le quali cercheremo di capire più a fondo il significato della Messa e delle sue varie parti.

Dettagli

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani

PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE per la Corona del Discepolo a 33 grani PREGHIERE PER LA CORONA DEL DISCEPOLO A 33 GRANI Editrice Shalom 31.05.2015 Santissima Trinità Libreria Editrice Vaticana (testi Sommi Pontefici), per gentile

Dettagli

11 ottobre 18 ottobre 25 ottobre 1 novembre 8 novembre 15 novembre 22 novembre 29 novembre. Il segno dell Acqua. La comunità cristiana

11 ottobre 18 ottobre 25 ottobre 1 novembre 8 novembre 15 novembre 22 novembre 29 novembre. Il segno dell Acqua. La comunità cristiana Parrocchia Santi Giacomo - Schema per la catechesi dei Fanciulli: Tappa 11 ottobre 18 ottobre 25 ottobre 1 novembre 8 novembre 15 novembre 22 novembre 29 novembre 30 novembre I segni di Primo Anno Ci accoglie

Dettagli

Parrocchie di Villadossola

Parrocchie di Villadossola I funerali nelle nostre comunità Parrocchie di Villadossola Ai familiari dei fedeli defunti Cari familiari, sono don Massimo, il parroco di Villadossola. Vi raggiungo a nome delle comunità cristiane di

Dettagli

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA

BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA I A6 BENEDIZIONE DELLE MAMME E DEI PAPÀ IN ATTESA Parrocchia Domenica CANTO D INIZIO NEL TUO SILENZIO Nel tuo silenzio accolgo il mistero venuto a vivere dentro di me, sei tu che vieni, o forse è più vero

Dettagli

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE

CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE CELEBRAZIONE DI APERTURA DELL ANNO DELLA FEDE RITI DI INTRODUZIONE DELLA CHIESA STAZIONALE 1. Quando il popolo si è riunito nella Chiesa stazionale il Vescovo saluta la comunità: Nel nome del Padre e del

Dettagli

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI

A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI A DIECI ANNI DALLA NOTA SULL INIZIAZIONE CRISTIANA DEI RAGAZZI PREGHIAMO Siamo qui dinanzi a te, o Spirito Santo: sentiamo il peso delle nostre debolezze, ma siamo tutti riuniti nel tuo nome; vieni a noi,

Dettagli

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone

Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone Parrocchia San Paolo Apostolo Crotone 1 ANNO CATECHISMO 2014-2015 Alla Scoperta di Gesù SUSSIDIO SCHEDE RISCOPERTA DEL BATTESIMO 1 NOME COGNOME Le mie catechiste NOME COGNOME Telefono NOME COGNOME Telefono

Dettagli

Il Convegno Regionale dei Gruppi del

Il Convegno Regionale dei Gruppi del E D I T O D A L L A C O N F R A T E R N I T A D E L S A N T I S S I M O S A C R A M E N T O DI S A N T A M A R I A IN T R A S T E V E R E I miei Gruppi di Preghiera di Roma e del Lazio A N N O V I I I

Dettagli

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale

Catecumenato. (Nei mesi di metà Gennaio fino a Giugno 2009) La storia della salvezza: sguardo generale Conoscere, amare, seguire, testimoniare Gesù Itinerario d incontro e di formazione; liturgico - esperienziale. «Non abbiate paura di accogliere Cristo! Non abbiate paura! Aprite, anzi, spalancate le porte

Dettagli

NON DI SOLO PANE. Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA. Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE

NON DI SOLO PANE. Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA. Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE NON DI SOLO PANE Tema generale: TENTAZIONE E MISERICORDIA Brano biblico: LUCA 4,1-13 PRESENTAZIONE Questo secondo anno pastorale vuole continuare il cammino iniziato in quello precedente e portato avanti

Dettagli

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18

LA BIBBIA. composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 GRUPPOQUINTAELEMENTARE Scheda 02 LA La Parola di Dio scritta per gli uomini di tutti i tempi Antico Testamento composto da 46 libri, suddivisi in Pentateuco Storici Sapienziali Profetici 5 16 7 18 Nuovo

Dettagli

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì

Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì Parrocchia del Sacro Cuore di Gesù Mondovì PREGHIERA PER LA NASCITA DI UN FIGLIO. Benedetto sei Tu, Signore, per l'amore infinito che nutri per noi. Benedetto sei Tu, Signore, per la tenerezza di cui ci

Dettagli

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità

INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità Programmazione IRC 2014-2015 1 INSIEME CON GESÚ è il percorso IRC che vogliamo abbracciare quest anno. Il filo conduttore del percorso è il CORPO, sia perché specchio dell unità della Chiesa, sia perché

Dettagli

Adorazione Eucaristica

Adorazione Eucaristica Adorazione Eucaristica Pregare come i Santi I santi sono coloro che hanno creduto e vissuto con amore il mistero di Cristo. Essi hanno saputo vivere nel difficile nascondimento la preghiera, sottratta

Dettagli

La prima confessione di nostro figlio

La prima confessione di nostro figlio GLI INTERROGATIVI CHE ATTENDONO LA VOSTRA RISPOSTA Parrocchia San Nicolò di Bari Pistunina - Messina QUANDO MI DEVO CONFESSARE ANCORA? Quando senti in te il desiderio di migliorare la tua condotta di figlio

Dettagli

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua

CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE. Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua Arcidiocesi di Capua PARROCCHIA SACRO CUORE Forania di Capua CELEBRAZIONE DELLA PRIMA COMUNIONE RITI DI INTRODUZIONE S - Nel nome del Padre, del Figlio e dello Spirito Santo. A - Amen. S - La Grazia e

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO

IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO IL SIGNORE È VICINO A CHI HA IL CUORE FERITO Come mai chiedi da bere a me? Domenica 9 Novembre 2014 DIOCESI DI MILANO SERVIZIO PER LA FAMIGLIA DECANATO SAN SIRO Centro Rosetum Via Pisanello n. 1 h. 16.30

Dettagli

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ======================================================================

============================================ II DOMENICA DOPO NATALE (ANNO C) ====================================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO 03.01.2016 Grado della Celebrazione: DOMENICA Colore liturgico: Bianco ============================================ II DOMENICA

Dettagli

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO

UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO UNITÀ DI APPRENDIMENTO 1 IL MIO MONDO L alunno riflette su Dio Padre e si confronta con l esperienza religiosa. Cogliere nel proprio nome un mondo di potenzialità, dono di Dio Padre. Prendere coscienza

Dettagli

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C)

SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) SANTA FAMIGLIA DI GESÙ, MARIA E GIUSEPPE (ANNO C) Grado della Celebrazione: Festa Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il brano evangelico di oggi ci offre il ritratto di ogni famiglia nelle sue componenti

Dettagli

Curricolo di Religione Cattolica

Curricolo di Religione Cattolica Curricolo di Religione Cattolica Traguardi per lo sviluppo delle competenze al termine della scuola primaria - L alunno riflette su Dio Creatore e Padre, sugli elementi fondamentali della vita di Gesù

Dettagli

Canti per la Settimana Santa, Pasqua 2009

Canti per la Settimana Santa, Pasqua 2009 Canti per la Settimana Santa, Pasqua 2009 Domenica delle Palme Rito della benedizione delle palme (in fondo alla navata) Canto d inizio: Hosanna (Frisina) - n.42-1 semitono Benedizione dei rami e aspersione

Dettagli

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio

N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio N. e N. 45 anni nella grazia del matrimonio Celebrare un anniversario non significa rievocare un avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento di grazie una realtà presente che ha

Dettagli

Omelia del lettura cardinale Angelo Sodano al Santuario della Madonna del Rosario.

Omelia del lettura cardinale Angelo Sodano al Santuario della Madonna del Rosario. IL Rosario Cose da fare: Pregare il Rosario, 5 decadi del Rosario stasera con la vostra famiglia. Continuare questa pratica attraverso ottobre, il mese che è specialmente dedicato al Rosario. Leggere le

Dettagli

La rivelazione della Parola di Dio

La rivelazione della Parola di Dio Domenica, 26 settembre 2010 La rivelazione della Parola di Dio Salmo 119:130- La rivelazione delle tue parole illumina; rende intelligenti i semplici. Apro la bocca e sospiro, per il desiderio dei tuoi

Dettagli

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre!

Oleggio, 11/5/2014 OMELIA. Lode! Lode! Lode! Amen! Alleluia! Gloria al Signore, sempre! 1 Oleggio, 11/5/2014 IV DOMENICA DI PASQUA - ANNO A Letture: Atti 2, 14.36-41 Salmo 23 (22) 1 Pietro 2, 20-25 Vangelo: Giovanni 10, 1-10 Il Pastore Bello NEL NOME DEL PADRE, DEL FIGLIO E DELLO SPIRITO

Dettagli

Quinto incontro: Tempi e colori liturgici

Quinto incontro: Tempi e colori liturgici Corso Chierichetti Quinto incontro: Tempi e colori liturgici Colori liturgici I paramenti e gli abiti del sacerdote cambiano di colore a seconda delle diverse circostanze, soprattutto in funzione dei diversi

Dettagli

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI

SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Pontificia Basilica Collegiata S. MARIA DELL ELEMOSINA Parrocchia Matrice Santuario Mariano Biancavilla SOLENNITA DEL CORPUS DOMINI Omelia del Prev. Agrippino Salerno 22-06-2014 Cari fratelli e sorelle!

Dettagli

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006

OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 OMELIA MESSA DEL GIORNO DI NATALE 2006 I. Vieni Signore Gesù!. Così la chiesa ha ripetuto spesso nella preghiera di Avvento. Così la chiesa, le nostre comunità, ciascuno di noi ha predisposto il cuore

Dettagli

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B

PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014. Scuola Primaria Classe 1^ - sez. B PROGRAMMAZIONE EDUCATIVO-DIDATTICA-DISCIPLINARE Anno Scolastico 2013/2014 Scuola Primaria Classe 1^ - sez. A Disciplina Religione Cattolica Ins. STRIKA LUCIANA Presentazione della classe Livello cognitivo

Dettagli

Qual è il giorno di festa per il popolo ebraico.. Cosa ricorda loro questo giorno?......

Qual è il giorno di festa per il popolo ebraico.. Cosa ricorda loro questo giorno?...... LA DOMENICA GIORNO DEL SIGNORE Per il popolo ebraico, al quale apparteneva Gesù, il giorno di festa e di riposo è il sabato che in ebraico (sabbat) significa riposo e di preghiera nel quale gli Ebrei ancora

Dettagli

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA

PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PRIMA DOMENICA DI QUARESIMA: LE TENTAZIONI QUARESIMA PREGHIERA DIGIUNO tutto crede, tutto spera, tutto sopporta tutto copre, carita Esercizi spirituali sull Amore che possiamo vivere in famiglia Esercizi

Dettagli

2. [19]Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore.

2. [19]Maria, da parte sua, serbava tutte queste cose meditandole nel suo cuore. MARIA DISCEPOLA DELLA PAROLA E MAESTRA DI PREGHIERA + Dal Vangelo secondo Luca 1,26-56 In quel tempo, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nazaret, a una vergine, sposa

Dettagli

Novena di Natale 2015

Novena di Natale 2015 Novena di Natale 2015 io vidi, ed ecco, una porta aperta nel cielo (Apocalisse 4,1) La Porta della Misericordia Signore Gesù Cristo, tu ci hai insegnato a essere misericordiosi come il Padre celeste, e

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Vorrei avere mille lingue. Settimana di Animazione Missionaria. 10-18 ottobre 2015 PARROCCHIA SAN GASPARE DEL BUFALO

Vorrei avere mille lingue. Settimana di Animazione Missionaria. 10-18 ottobre 2015 PARROCCHIA SAN GASPARE DEL BUFALO Settimana di Animazione Missionaria in occasione dei festeggiamenti in onore di San Gaspare del Bufalo e del Bicentenario di fondazione di Missionari del Preziosissimo Sangue Vorrei avere mille lingue

Dettagli

CANTI PROPOSTI SU CELEBRIAMO LA DOMENICA, foglietto ad uso delle comunità ambrosiane per le celebrazioni festive editrice Ancora

CANTI PROPOSTI SU CELEBRIAMO LA DOMENICA, foglietto ad uso delle comunità ambrosiane per le celebrazioni festive editrice Ancora CANTI PROPOSTI SU CELEBRIAMO LA DOMENICA, foglietto ad uso delle comunità ambrosiane per le celebrazioni festive editrice Ancora MISTERO DELLA PASQUA lezionario festivo anno C Sabato 13 febbraio 2016,

Dettagli

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco

NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco NATALE DEL SIGNORE (ANNO C) Messa del giorno Grado della Celebrazione: Solennità Colore liturgico: Bianco INTRODUZIONE Il tempo di Natale è un tempo di doni - un dono dice gratuità, attenzione reciproca,

Dettagli

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la

La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la La parola ROSARIO deriva dalla lingua latina e significa GIARDINO DI ROSE o MAZZO DI ROSE. Quando noi recitiamo il Rosario, rivolgiamo a Maria, la mamma di Gesù, tante preghiere; ogni preghiera ricorda

Dettagli

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA

ARCIDIOCESI DI MILANO. Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA ARCIDIOCESI DI MILANO Solenne ingresso in Diocesi di Milano di Sua Eminenza Rev.ma il Signor Cardinale Arcivescovo ANGELO SCOLA Milano, Basilica di Sant Eustorgio 25 settembre 2011 ARCIDIOCESI DI MILANO

Dettagli

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO

2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 2 - LA SANTA COMUNIONE E IL VIATICO AGLI INFERMI DATI DAL MINISTRO STRAORDINARIO 1. RITO ORDINARIO RITI INIZIALI 60. Il ministro, entrando dal malato, rivolge a lui e a tutti i presenti un fraterno saluto.

Dettagli

Parroco: Micotti don Adriano. Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68. 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete.

Parroco: Micotti don Adriano. Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68. 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete. PARROCCHIE DI S. BARTOLOMEO CAPREZZO S. BRIZIO COSSOGNO E S. PIETRO - TROBASO Parroco: Micotti don Adriano Casa Parrocchiale di Trobaso e FAX 0323-57.16.68 338-50.59.656 d.adri@infinito.it www.parrocchiainrete.it

Dettagli

OMELIA SOLENNITÀ DEL CORPUS DOMINI

OMELIA SOLENNITÀ DEL CORPUS DOMINI OMELIA SOLENNITÀ DEL CORPUS DOMINI 7 GIUGNO 2015 BASILICA CATTEDRALE CASSANO ALLO IONIO Dove vuoi che andiamo a preparare la cena di Pasqua? Andate in città! Dove vuoi che andiamo a preparare perché tu

Dettagli

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V.

L incontro con i cresimandi. 31 marzo, sabato pomeriggio in San Pio V. Tre giorni di festa, dal 30 marzo al 1 aprile, hanno animato la Parrocchia di San Pio V che ha vissuto intensamente la propria Missione Cittadina. Una missione che, partendo dall interno della comunità

Dettagli

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te!

ENTRATA (PRELUDIO) INNO DI ENTRATA. SALUTO Pastore: Il Signore sia con voi! Comunità: E con il tuo spirito! oppure: E il Signore sia anche con te! Liturgia per matrimonio Versione abbreviata della liturgia di matrimonio della Chiesa luterana danese, autorizzata con risoluzione regale del 12 giugno 1992 ENTRATA (PRELUDIO) DI ENTRATA SALUTO Pastore:

Dettagli

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali

Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali Parrocchia Sacro Cuore Capua Mandato agli Operatori pastorali parrocchiali 29 Settembre 2013 Monizione In questa Eucaristia, il nostro parroco consegnerà il mandato a svolgere il servizio nella pastorale

Dettagli

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità

INTRODUZIONE. motivazioni e finalità Un mondo di bellissimi colori: io e l'ambiente. Tanti bambini tutti colorati: io e gli altri. Un bambino dai colori speciali: io e la famiglia. Avvento e Natale. Io e Gesù, una giornata insieme a Gesù.

Dettagli

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI

MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI MESSE PROPRIE DELLA CHIESA CAPUANA PREGHIERE DEI FEDELI 5 febbraio S. AGATA, VERGINE E MARTIRE Patrona principale della città di Capua PREGHIERE: dal comune delle Vergini Al Dio tre volte santo, rivolgiamo

Dettagli

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina

14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina .. mettendoci da parte vostra ogni impegno, aggiungete alla vostra fede (2 Pietro 1:5) Natale Mondello 14 Raduno Giovanile 8-14 Agosto 2011 Congregazione Cristiana Evangelica Messina Dio ha un piano per

Dettagli

Quaresima 2015. Cammino degli adulti. Unità Pastorale Centro Storico Brescia

Quaresima 2015. Cammino degli adulti. Unità Pastorale Centro Storico Brescia Quaresima 2015 Cammino degli adulti Unità Pastorale Centro Storico Brescia Quaresima è il tempo propizio, è l occasione che annualmente il Signore ci dona per convertirci, per rimettere al centro della

Dettagli

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015

Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia. Festa del Perdono. CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE. 21 novembre 2015 Comunità Pastorale Maria Regina della Famiglia Festa del Perdono CELEBRAZIONE della PRIMA CONFESSIONE 21 novembre 2015 Parrocchia di Madonna in campagna e Santi Nazaro e Celso di Arnate in Gallarate (VA)

Dettagli

PARROCCHIA SACRO CUORE

PARROCCHIA SACRO CUORE PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 2013 1 ARCIDIOCESI DI CAPUA PARROCCHIA SACRO CUORE VEGLIA MISSIONARIA 30 OTTOBRE 2013 SULLE STADE DEL MONDO PRESIEDE DON CARLO IADICICCO MISSIONARIO FIDEI DONUM

Dettagli

Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano (LE) smdellegrazie.squinzano@virgilio.it CRONACA PARROCCHIALE ANNO 2009

Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano (LE) smdellegrazie.squinzano@virgilio.it CRONACA PARROCCHIALE ANNO 2009 Parrocchia Santa Maria delle Grazie Squinzano (LE) smdellegrazie.squinzano@virgilio.it CRONACA PARROCCHIALE ANNO 2009 GENNAIO - FEBBRAIO 2009 4 Gennaio: Veglia interparrocchiale in occasione di Dipingi

Dettagli

S. DOMENICO di Guzman

S. DOMENICO di Guzman Carissimi bambini, abbiamo pensato di farvi una sorpresa... sapete che questo è il giornalino del rosario, ma vi siete mai domandati chi ha inventato il rosario? Nooooo?! E allora, bambini e bambine, in

Dettagli

La Messa. in rito ambrosiano. spiegata. ai bambini. e non solo

La Messa. in rito ambrosiano. spiegata. ai bambini. e non solo La Messa in rito ambrosiano spiegata ai bambini e non solo 2 3 RITI DI INTRODUZIONE! Le parti più importanti: Riti di introduzione Accoglienza Canto d ingresso Atto penitenziale Liturgia della parola Inno

Dettagli

Frasi Immacolata Concezione

Frasi Immacolata Concezione Frasi Immacolata Concezione Oggi la città si riempie di luci e colori; è un trionfo di bagliori, nell aria c è già il profumo di festa e la voglia di donare un sorriso, un abbraccio e un augurio di una

Dettagli

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI

INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI INDICAZIONI LITURGICO-PASTORALI Giornata di preghiera per il Bicentenario della Diocesi 1816-2016 Giubileo della Misericordia Domenica 25 ottobre 2015 PREMESSA In vista dell apertura del Bicentenario della

Dettagli

Tanti doni bellissimi!

Tanti doni bellissimi! Tanti doni bellissimi! Io sono dono di Dio e sono chiamato per nome. Progetto Educativo Didattico Religioso Anno Scolastico 2015 2016 Premessa Il titolo scelto per la programmazione religiosa 2015 2016

Dettagli

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli.

Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. Grandi avvenimenti prodigiosi avvennero in mezzo alla gente tramite le mani degli apostoli. (Atti degli Apostoli, capitolo 5 versetto 12) Questo libretto è di: Un sacramento cos è? Come l acqua purifica,

Dettagli

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio

Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo quel Gesù lì è il suo Creatore, è il suo Dio Il Credo Il Credo Il Cristiano è una persona che crede che Gesù Cristo, nato da Maria, nato a Betlemme, vissuto a Nazareth, quel Gesù di cui parlano i vangeli di Matteo, Marco, Luca, Giovanni, quel Gesù

Dettagli

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te

Domenica, 19 aprile 2009. Il Signore è con te Domenica, 19 aprile 2009 Il Signore è con te Marco 16:15-20- E disse loro: Andate per tutto il mondo, predicate il vangelo a ogni creatura. Chi avrà creduto e sarà stato battezzato sarà salvato; ma chi

Dettagli

NIENTE TI TURBI: CRISTO È RISORTO!

NIENTE TI TURBI: CRISTO È RISORTO! Parrocchia Sant Antonio abate in Bolzone Parrocchia San Cristoforo martire in Ripalta Nuova Parrocchia San Michele Arcangelo in S. Michele Parrocchia San Bernardo abate in Zappello ANNO XXII N 6 www.diocesidicrema.it

Dettagli

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013

Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Da Sua Santità Papa Tawadros Secondo Messaggio Natalizio 2013 Amati figli, mi congratulo con voi per la Festa della gloriosa Natività... Siano con voi le benedizioni del Nascituro della mangiatoia santa,

Dettagli

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino

Una proposta di itinerario per... sposi in cammino Una proposta di itinerario per... sposi in cammino dedicato a tutti gli sposi che hanno il desiderio di interrogarsi sul significato del loro matrimonio Sposi in cammino FAMIGLIA SORGENTE DI COMUNIONE

Dettagli

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica

ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica PARROCCHIA S. Roberto Bellarmino - Taranto - Lettera del Parroco ai Genitori dei ragazzi che frequentano l'iniziazione Cristiana e l'azione Cattolica Carissimi Genitori, il nuovo Anno Catechistico segna

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it

A cura di Chiesacattolica.it e LaChiesa.it XI DOMENICA PRIMA LETTURA Il Signore ha rimosso il tuo peccato: tu non morirai. Dal secondo libro di Samuèle 12, 7-10.13 In quei giorni, Natan disse a Davide: «Così dice il Signore, Dio d Israele: Io ti

Dettagli