UPS Rotanti e gruppi elettrogeni. Configurazioni UPS totalmente flessibili ad alta efficienza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UPS Rotanti e gruppi elettrogeni. Configurazioni UPS totalmente flessibili ad alta efficienza"

Transcript

1 UPS Rotanti e gruppi elettrogeni Configurazioni UPS totalmente flessibili ad alta efficienza

2 Content 1 Introduzione Caratteristiche dei moderni UPS rotanti Tempo di autonomia Combinazioni tra UPS e Diesel Aspetti funzionali delle combinazioni tra UPS rotanti e genset Configurazioni degli UPS rotanti con i genset Conclusioni Riferimenti

3 1 Introduzione Per proteggere le installazioni critiche contro le interruzioni di rete, l'installazione di gruppi di continuità (UPS) è la soluzione standard. Se è necessaria la protezione per corte e lunghe interruzioni, i sistemi UPS statici possono essere integrati con dei gruppi elettrogeni esterni oppure in alternativa, possono essere scelti i gruppi rotanti con diesel integrato (DRUPS). La combinazione di UPS rotanti con gruppi elettrogeni esterni non è nuova nelle grandi installazioni e a causa dei vantaggi indotti da questa unione, i più recenti e importanti data center, classificati TIER III e TIER IV, applicano questa tecnologia. Con gli ultimi moderni UPS rotanti (RUPS), il progettista può scegliere un elevato numero di configurazioni insieme agli alti rendimenti ai bassi carichi, spesso usuali nei primi anni di vita dei data center. Questo documento descrive i requisiti generali di un gruppo elettrogeno per essere integrato con UPS rotanti e illustra le varie combinazioni con gruppi elettrogeni installati a monte o a valle dell'ups. Questa versatilità include un aumento della manutenibilità, una ampia scelta tra le diverse taglie dei motori e la soluzione può essere realizzata sia in bassa che in media tensione. Inoltre, si illustra come il gruppo elettrogeno può essere integrato nella logica di controllo di un UPS rotante per costituire un sistema efficace e multifunzionale, denominato Diesel UPS elettricamente accoppiato DeRUPS (Diesel electrically coupled Rotary UPS). Questa integrazione permette di utilizzare gruppi elettrogeni esterni in configurazioni più complesse, come il Parallelo Isolato IP-Systems [1], pur mantenendo i vantaggi della separazione fisica degli UPS e dei Diesel. 2 Caratteristiche dei moderni UPS rotanti I moderni UPS rotanti abbinano l elevata affidabilità e un altissimo rendimento con la libertà di scelta del tipo di accumulatore di energia. La manutenzione ordinaria è semplice e non intrusiva rispetto alla soluzione con UPS statici. Affidabilità: gli UPS rotanti adottano il più semplice e affidabile metodo di produzione dell energia utilizzando una macchina sincrona. Questo principio operativo abbinato al più avanzato controllo digitale e una semplice interfaccia garantiscono la più alta affidabilità tra tutti gli UPS presenti sul mercato. 3

4 Efficienza e Costi: i moderni UPS rotanti utilizzano materiali avanzati per raggiungere un rendimento nominale fino al 97% e del 95% ai carichi ridotti. Grazie alle basse perdite e una struttura robusta, gli UPS rotanti non richiedono il condizionamento, in tal modo li rendono una soluzione molto conveniente nel ciclo di vita del sistema. Fig. 1 Confronto dei costi del ciclo di vita per tre diverse soluzioni UPS Sebbene il costo iniziale di un sistema rotante può talvolta essere maggiore rispetto alla soluzione statica, la ridotta complessità della manutenzione ordinaria, la lunga vita attesa e l elevato rendimento del rotante contribuiscono a ridurre il costo del ciclo di vita (TCO), mentre il break-even point rispetto agli statici si ottiene in pochi anni. Flessibilità: i sistemi UPS rotanti possono essere realizzati in bassa e in media tensione, utilizzare le batterie o i volani come accumuli di energia, indifferentemente per piccole o grandi unità. La combinazione di UPS rotanti con volano consente di avere una elevatissima riduzione degli spazi rispetto a qualsiasi sistema a batteria. Questo produce un significativo risparmio di spazio occupato, il quale può essere utilizzato per altre apparecchiature oppure per incrementare lo spazio netto per la produzione. 4

5 Gli UPS rotanti possono essere facilmente parallelabili per incrementare la potenza totale o per ottenere una ridondanza. Non ci sono regolazioni complesse in quanto il parallelo di generatori sincroni è semplice, forte e autostabilizzante. Dato che si utilizzano generatori sincroni gli UPS rotanti sono in grado di fornire potenza attiva senza la necessità di un derating in caso di carichi capacitivi (0,8 ant.). La loro elevata corrente di corto circuito pari a 14 volte la nominale garantisce una facile selettività delle protezioni a valle ed elimina la necessità di trasferire il carico sul by-pass per eliminare il guasto. Fig.2 Alcune caratteristiche dei moderni UPS Rotanti e la loro flessibilità Tutto ciò dimostra l idoneità e i benefici degli UPS rotanti per quelle applicazioni in cui l affidabilità combinata con i costi del ciclo di vita contano realmente. Per tali ragioni molti grandi data center, banche, fabbriche di semiconduttori, impianti a ciclo continuo e ospedali utilizzano gli UPS Rotanti e rimangono con questa tecnologia se vengono installati nuovi sistemi 5

6 3 Tempo di autonomia Secondo le statistiche oltre il 96% delle interruzioni di rete hanno una durata inferiore ai 3 secondi. Fig. 2 Statistica dei guasti di una rete in media tensione I tempi tipici di reazione e di autonomia degli accumulatori di energia sono: Volani: Batterie: Generatori Diesel: 0 s s 0 s min. (o più) 10 s... N ore Confrontando questi dati con la statistica dei guasti di rete si evince che semplici volani UPS sono in grado di coprire più del 96% di tutte le interruzioni di rete. Le batterie UPS potrebbero - a seconda delle dimensioni della batteria - essere in grado di colmare circa un altro 3%. Un generatore Diesel non è in grado di colmare i primi 10 secondi di un guasto di rete. Quindi, per essere certi di coprire tutti i tipi di guasti di rete è obbligatoria la combinazione di un accumulatore di energia di breve durata ed un dispositivo di lunga durata come un generatore Diesel. La questione se una combinazione UPS a batteria e generatore Diesel ha senso rispetto all utilizzo di un volano con minore autonomia ma sufficiente per far partire il motore diesel, è oggetto di una ben nota discussione, già trattata in un altro documento [2]. 6

7 4 Combinazioni tra UPS e Diesel La Fig.4 mostra la disposizione tipica di un UPS ed un generatore Diesel, in cui il generatore Diesel funziona come sostituto della rete dopo un guasto. Questa disposizione è in genere usata per la soluzione con l'ups statico. Questo è il modo più semplice per ricaricare l'accumulatore di energia durante il funzionamento con Diesel poiché gli inverter normalmente utilizzati negli UPS statici non sono progettati per operare in modo bidirezionale. Se l UPS statico è a doppia conversione le fluttuazioni di frequenza del Diesel non vengono trasferite al carico e le armoniche del carico non vengono trasferite al genset. Se l UPS opera in Eco-mode aumenterà la sua efficienza, ma le armoniche del carico non saranno filtrate, non verrà effettuato il rifasamento all ingresso dell UPS e le variazione di frequenza del Diesel andranno verso il carico. Fig.4 Una tipica combinazione di UPS statico con batterie ed un generatore Diesel Viceversa, i moderni RUPS funzionano con lo stesso rendimento, rifasano e filtrano le armoniche contemporaneamente, sia con rete che con il diesel. Ma, naturalmente, un UPS rotante può essere abbinato anche a gruppi elettrogeni esterni. La combinazione di UPS Rotanti elettricamente accoppiati a generatori Diesel, denominati DeRUPS, offre una variante più interessante rispetto al semplice utilizzo del gruppo elettrogeno come sostituzione alla rete. Con l UPS Rotante è anche possibile collegare il gruppo elettrogeno alla sbarra di uscita dell UPS. Questo offre alcune funzionalità avanzate per quanto riguarda la ripartizione del carico, la stabilizzazione della frequenza e la manutenibilità. 7

8 Fig.5 DeRUPS Rotanti in combinazione con gruppi elettrogeni, che possono essere situati a monte o a valle. I RUPS possono essere dotati di batterie come pure di volani. I gruppi elettrogeni possono inoltre alimentare anche carichi short-break. Ogni gruppo elettrogeno esterno permette in sostanza di alimentare carichi no-break nonché carichi short-break (Fig.5). Se il gruppo elettrogeno è collegato all'ingresso dell UPS, i carichi no-break e short-break rimangono isolati anche durante il funzionamento con Diesel, una caratteristica che è molto apprezzata nel mondo dei data center. Poiché quasi tutti gli UPS Rotanti sono disponibili anche in versione in media tensione, tutte le combinazioni con i gruppi elettrogeni esterni possono essere realizzate con tale tensione. In questo caso i gruppi elettrogeni possono essere equipaggiati con generatori in media tensione, se il livello della stessa non supera i limiti tecnici di queste macchine. 8

9 5 Aspetti funzionali delle combinazioni tra UPS rotanti e genset Un aspetto generale che deve essere considerato quando si associa un UPS ad un generatore Diesel è l'interazione tra le due sorgenti di alimentazione, vale a dire l'accumulo di energia dell UPS ed il motore Diesel. Questa interazione fà la differenza tra una semplice combinazione UPS con gruppo elettrogeno e un DeRUPS nel quale il genset è totalmente integrato nella funzionalità dell UPS. Per capire questa interazione è utile distinguere tra fonti di energia attiva e fonti di energia reattiva, come mostrato nella Fig. 6. Fig.6 Relazioni tra sorgenti di energia e potenza A prescindere dal generatore Diesel che sia collegato a monte o a valle dell'ups, il motore Diesel deve essere in grado di fornire la potenza attiva al carico, di caricare l'accumulatore di energia e coprire le perdite degli UPS. Il generatore di un genset a monte deve fornire la corrente richiesta dall UPS, deve anche essere in grado di fornire la potenza reattiva richiesta dall UPS e di far fronte alle armoniche dei circuiti raddrizzatori all'ingresso del UPS. Grazie alla generazione di una onda naturale sinusoidale gli UPS Rotanti non creano alcuna armonica ed il loro fattore di potenza in ingresso è vicino a

10 Avere gruppi elettrogeni collegati a valle, consente di avere un miglior rendimento perché si riducono al minimo le perdite negli UPS durante il funzionamento con Diesel. Lo scambio di potenza reattiva tra l'ups e il generatore deve essere evitato utilizzando controlli di corrente reattiva. E preferibile che sia l UPS o il gruppo elettrogeno a fornire potenza reattiva al carico. Un UPS con un generatore Diesel a monte si comporta normalmente come un UPS in funzionamento da rete, anche se ad alimentarlo è un generatore Diesel. Pertanto l'ups trasferisce tutte le variazioni di carico alla rete, che ora non è più stabile in quanto c è il genset. Gradini di carico tra l 80% fino al 100% possono quindi causare facilmente il sovraccarico del motore e fermarsi, a prescindere che esso si trovi a carico o a vuoto. Un UPS rotante accoppiato elettricamente con un volano è in grado di gestire entrambe le direzioni di potenza e quindi stabilizzare la frequenza di un generatore Diesel. In questo caso non ha importanza se il gruppo elettrogeno è collegato a monte o a valle dei RUPS. Tuttavia, poiché la regolazione di frequenza è assegnata al lato di uscita del DeRUPS, la prestazione è migliore se il gruppo elettrogeno è collegato a valle. Il confronto tra Fig. 7 e Fig. 8 mostra l'influenza della stabilizzazione di frequenza bidirezionale in una rete alimentata da un generatore Diesel. Fig.7 Risposta in frequenza di un generatore Diesel durante la disconnessione del 50% del carico e la successiva riconnessione, qui senza la stabilizzazione di frequenza supplementare. 10

11 Fig. 8 La risposta in frequenza di un DeRUPS in funzionamento con diesel, durante la disconnessione del 50% del carico e la successiva riconnessione, con la stabilizzazione di frequenza bidirezionale tramite un UBT UNIBLOCK Piller dotato di un dispositivo di accumulo energia con volano POWERBRIDGE a e un gruppo elettrogeno esterno. Inoltre, un volano accoppiato elettricamente può essere caricato e scaricato nella stessa maniera e permette un breve tempo di ricarica, riducendo il tempo di funzionamento del diesel con conseguenti risparmi. Questo non è possibile con UPS a batteria e questo tipo di sistema a volano è sempre pronto contro i disturbi multipli della rete. 11

12 6 Configurazioni degli UPS rotanti con i genset Nel seguito si confrontano le diverse configurazioni degli UPS e dei generatori Diesel UPS rotanti (RUPS) con genset installati a monte I generatori Diesel a monte sono utilizzati per operare come un sostituto della rete durante una interruzione di corrente. Essi possono operare in parallelo alimentando una sbarra comune da cui alimentare gli UPS o, nel caso di grossi UPS, ciascuno può essere assegnato ad un singolo UPS. Se i generatori Diesel sono collegati in parallelo è preferibile che alimentino una sbarra isolata che può essere collegata alla sbarra di ingresso degli UPS tramite un interruttore principale, come mostrato nella fig. 9. La sbarra isolata permette l avvio dei Genset tramite una loro sincronizzazione durante l avviamento dei gruppi denominata dead bus synchronisation. In questo caso tutti i genset partono e si connettono alla sbarra appena sono disponibili, quindi non vi sono tempi aggiuntivi di sincronizzazione. Questo metodo di avviamento assieme ad un controllo di alta qualità, permette avviamenti veloci e garantisce che il carico sia alimentato in maniera affidabile anche utilizzando UPS a volano. Fig. 9 Esempio di controllo dei gruppi elettrogeni adatto per una sincronizzazione veloce 12

13 Una volta avviati tutti i gruppi elettrogeni e alimentata la loro sbarra isolata, l'interruttore principale sarà chiuso per energizzare la sbarra di ingresso degli UPS. Ciò impedisce che il generatore più veloce vada in sovraccarico in quanto sarebbe il primo a prendere il carico. Questo interruttore principale insieme al generale saranno gli unici ad essere controllati quando vi sarà la sincronizzazione alla rete una volta che questa ritornerà nuovamente disponibile. Fig. 10 Una serie di generatori Diesel che alimentano la sbarra di ingresso di un gruppo di UPS Rotanti, in configurazione parallelo. Un vantaggio di questa disposizione è che il numero dei motori Diesel può essere diverso dal numero degli UPS, anche se occorre tener conto della ridondanza dei generatori Diesel. La manutenzione dei gruppi elettrogeni può essere fatta indipendentemente dalla manutenzione degli UPS, disconnettendo una singola unità ridondante. In caso di gravi problemi al sistema UPS i generatori Diesel sono in grado di alimentare in modo permanente i carichi attraverso il bypass di manutenzione UPS che potrebbe essere una caratteristica interessante, nei paesi con una pessima qualità della rete. 13

14 UPS rotanti (RUPS) con genset installati a valle Installare i gruppi elettrogeni sul lato del carico dell'ups è un metodo meno consueto poiché la maggior parte degli UPS statici non è in grado di gestire questa situazione. La Fig. 11 mostra una possibile configurazione con alcuni vantaggi da considerare. Fig. 11 Un gruppo UPS Rotanti abbinato ciascuno ad un gruppo elettrogeno collegato al suo lato carico. In questa configurazione, è necessario controllare la ripartizione di potenza tra l'accumulo di energia dell'ups e il generatore Diesel. Questa capacità viene quindi utilizzata per trasferire la potenza che l UPS fornisce al carico, dopo il guasto di rete, al generatore Diesel una volta avviato e collegato alla sbarra di carico. Questa funzionalità, che fa in modo che la combinazione tra RUPS e genset sia realmente un DeRUPS, è già implementata negli UPS Rotanti più moderni e permette anche la ricarica dell accumulatore di energia dell UPS durante il funzionamento con Diesel. Nel caso di un accumulatore bidirezionale come un volano collegato elettricamente, esso può essere pertanto usato per mantenere stabile la frequenza di uscita. Ciò si realizza con la fornitura di energia da parte del volano nel caso di aumento del carico fino a quando subentra il Diesel, o con l assorbimento di energia dal Diesel nel caso di diminuzione del carico. A causa di questa interazione il DeRUPS è in grado di controllare anche tutti i processi di sincronizzazione come, per esempio, il ritorno del DeRUPS in rete una volta che questa si renderà disponibile. Come per i gruppi elettrogeni collegati a monte, non è strettamente necessario avere uno gruppo elettrogeno assegnato ad un RUPS, come è anche possibile avere un diverso numero di RUPS e di gruppi elettrogeni combinati mantenendo la stessa funzionalità. Il DeRUPS è adatto anche per 14

15 essere implementato in un sistema di parallelo isolato (IP-System) [1]. La Fig. 12 mostra un esempio di tale configurazione in cui il generatore Diesel viene usato anche per alimentare i carichi short-break. Fig. 12 DeRUPS integrato in un sistema di parallelo-isolato (IP-System). Altro vantaggio è che essendo i generatori Diesel collegati a valle degli RUPS, questi possono funzionare indipendentemente dall'ups, se necessario. Pertanto la manutenzione di un gruppo elettrogeno può essere eseguita separatamente dalla manutenzione UPS. Durante la manutenzione del gruppo elettrogeno il carico può ancora avere una breve durata di protezione da parte del RUPS che copre la maggior parte delle interruzioni di rete senza il supporto Diesel. Fig. 13 Generatori Diesel separati dall UPS permettono la manutenzione individuale su ogni tipo di alimentazione mantenendo il sistema rimanente funzionale. 15

16 7 Conclusioni Il DeRUPS, che è la combinazione di un UPS Rotante e un generatore Diesel è molto più interessante rispetto al semplice utilizzo dei gruppi elettrogeni come sostituti della rete. L interazione controllata tra i due componenti offre una più ampia varietà di configurazioni con caratteristiche superiori di gestione del carico, affidabilità e costi nel ciclo di vita. Rispetto ai Diesel-UPS Rotante, il DeRUPS con un generatore Diesel collegato a valle offre ulteriori prestazioni. La possibilità di far lavorare il generatore Diesel e il RUPS in modo indipendente offre una migliore manutenibilità, mentre la combinazione di entrambi garantisce un'eccellente stabilità di frequenza anche nel funzionamento con Diesel. La combinazione di una elevata efficienza, affidabilità e bassi costi operativi con la flessibilità di più configurazioni, rende il sistema DeRUPS una soluzione molto interessante per qualsiasi progetto. 8 Riferimenti [1] Dipl.-Ing. Frank Herbener Sistemi UPS in configurazione Parallelo Isolato Piller White Paper 051, 2009 [2] Dipl.-Ing. Frank Herbener Batterie e Volani Piller White Paper 056, 2011 Piller Group GmbH, Germany White Paper No / May

Sistema UPS in configurazione Parallelo-Isolato (IP-Bus)

Sistema UPS in configurazione Parallelo-Isolato (IP-Bus) Sistema UPS in configurazione Parallelo-Isolato (IP-Bus) 1 Indice 1 Introduzione...3 2 Configurazione Parallelo-Isolato (IP-System)...6 3 Progetti...17 4 Conclusione...17 5 Referenze...18 2 Sommario Una

Dettagli

Stabilizzazione delle micro reti e dei sistemi di cogenerazione

Stabilizzazione delle micro reti e dei sistemi di cogenerazione Stabilizzazione delle micro reti e dei sistemi di cogenerazione Nothing protects quite like Piller piller.com Sommario 1 Introduzione 3 2 Requisiti di base di una rete isolata stabile 3 3 Requisiti per

Dettagli

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate

Stabilizzazione della frequenza e della tensione. nelle reti elettriche isolate Stabilizzazione della frequenza e della tensione nelle reti elettriche isolate SOMMARIO 1 Introduzione... 3 2 I requisiti fondamentali di una rete stabile isolata... 3 3 I requisiti dei sistemi di stabilizzazione

Dettagli

Soluzioni UPS per la media tensione Quando e perché?

Soluzioni UPS per la media tensione Quando e perché? Soluzioni UPS per la media tensione Quando e perché? Sommario 1 Introduzione... 3 2 La domanda di alimentazione e distribuzione nelle applicazioni critiche odierne... 4 3 Limiti della distribuzione in

Dettagli

WORKSHOP L integrazione tra IT e facility nei moderni Data center Università degli Studi di Trieste Trieste, 02 aprile 2014.

WORKSHOP L integrazione tra IT e facility nei moderni Data center Università degli Studi di Trieste Trieste, 02 aprile 2014. WORKSHOP L integrazione tra IT e facility nei moderni Data center Università degli Studi di Trieste Trieste, 02 aprile 2014 1 UPS rotanti totalmente flessibili ad elevata efficienza energetica Ing. Lanfranco

Dettagli

SEMINARIO Centrali frigorifere Nuove tecnologie e risparmio energetico Stabilimento RC Group Valle Salimbene, 30 marzo 2015.

SEMINARIO Centrali frigorifere Nuove tecnologie e risparmio energetico Stabilimento RC Group Valle Salimbene, 30 marzo 2015. SEMINARIO Centrali frigorifere Nuove tecnologie e risparmio energetico Stabilimento RC Group Valle Salimbene, 30 marzo 2015 1 UPS rotanti totalmente flessibili ad elevata efficienza energetica Per. Ind.

Dettagli

UPS rotanti totalmente flessibili ad elevata efficienza energetica

UPS rotanti totalmente flessibili ad elevata efficienza energetica SEMINARIO Soluzioni per un moderno Data Center Piccole e grandi centrali termo-frigorifere Sala Multimediale di TeleLiguriaSud La Spezia, 04 luglio 2014 1 UPS rotanti totalmente flessibili ad elevata efficienza

Dettagli

COME RISPARMIARE ENERGIA NEI DATA CENTER. Roma, 30 ottobre 2012

COME RISPARMIARE ENERGIA NEI DATA CENTER. Roma, 30 ottobre 2012 COME RISPARMIARE ENERGIA NEI DATA CENTER Roma, 30 ottobre 2012 UPS rotanti per le applicazioni IT Paolo Mazzola Piller Italia srl Presentazione azienda Dal 1909 Piller produce macchine elettriche con particolare

Dettagli

UNIBLOCK UBT+ UPS Rotante

UNIBLOCK UBT+ UPS Rotante UNIBLOCK UBT+ UPS Rotante Nothing protects quite like Piller piller.com UNIBLOCK UBT+ Sede Piller, Osterode, Germania Chi siamo L azienda, fondata da Anton Piller nel 1909 si è sempre distinta per la qualità

Dettagli

Gruppi di continuità. Linea di by-pass. Rete di soccorso. 6/a 12. 6/b

Gruppi di continuità. Linea di by-pass. Rete di soccorso. 6/a 12. 6/b DESCRIZIONE GENERALE UPS SELTEC ST3 Il gruppo di continuità è un sistema di continuità a doppia conversione (con o senza trasformatore d uscita) che lavora eseguendo in modo continuativo la doppia conversione

Dettagli

INSTALLAZIONE DI UPS DI MEDIO-GRANDE POTENZA

INSTALLAZIONE DI UPS DI MEDIO-GRANDE POTENZA Il presente capitolo contiene informazioni generali per il personale addetto all installazione del tipo a connessione permanente. In caso di difformità con le seguenti informazioni, avranno priorità le

Dettagli

SISTEMI DI ALIMENTAZIONE DI EMERGENZA

SISTEMI DI ALIMENTAZIONE DI EMERGENZA SSM D LMNZON D MGNZ Un sistema di alimentazione di emergenza è un sistema elettrico in grado di alimentare, per un periodo di tempo più o meno lungo, un certo numero di utenze in caso venga a mancare l

Dettagli

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte -

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte - Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte - Pubblicato il: 26/07/2004 Aggiornato al: 26/07/2004 di Gianluigi Saveri Protezione dalle sovracorrenti, sezionamento per esecuzione

Dettagli

UNIBLOCK UBTD+ DIESEL UPS Rotante

UNIBLOCK UBTD+ DIESEL UPS Rotante UNIBLOCK UBTD+ DIESEL UPS Rotante Nothing protects quite like Piller piller.com UNIBLOCK UBTD+ Sede Piller, Osterode, Germania Chi siamo L azienda, fondata da Anton Piller nel 1909 si è Energia elettrica

Dettagli

Considerazioni su scelta e progettazione di sistemi UPS di elevata potenza in Data Center Tier III e IV

Considerazioni su scelta e progettazione di sistemi UPS di elevata potenza in Data Center Tier III e IV Considerazioni su scelta e progettazione di sistemi UPS di elevata potenza in Data Center Tier III e IV Presentato da: Anna Bruno ATME Srl (partner Hitec Power Protection) Massimo Mattioli Verizon Business

Dettagli

da 3 a 200 kva un'alimentazione centralizzata per i vostri sistemi di emergenza CPSS: principali vantaggi

da 3 a 200 kva un'alimentazione centralizzata per i vostri sistemi di emergenza CPSS: principali vantaggi * un'alimentazione centralizzata per i vostri sistemi di emergenza La soluzione per Sistemi di alimentazione centralizzata > Terziario > Industria > Piccole imprese > Musei, ospedali GREEN 025 A GREEN

Dettagli

SOLUZIONI PER I PROBLEMI DI ALIMENTAZIONE

SOLUZIONI PER I PROBLEMI DI ALIMENTAZIONE .1 PROTEZIONE INTEGRATA Le soluzioni realizzabili sono numerose; pertanto la scelta dell utente deve tenere conto di vari parametri (costo, tipo di disturbo, caratteristiche delle apparecchiature da proteggere,

Dettagli

Non c è azienda, al giorno d oggi, la cui. L importanza di una corretta alimentazione. tutorial

Non c è azienda, al giorno d oggi, la cui. L importanza di una corretta alimentazione. tutorial automazioneoggi L importanza di una corretta alimentazione Fonte: alpha.dickinson.edu Diamo uno sguardo alle principali tecniche adottate negli UPS, i gruppi statici di continuità, che suppliscono alla

Dettagli

Gruppi Statici di Continuità DSP, FLESSIBILITÀ E POTENZA

Gruppi Statici di Continuità DSP, FLESSIBILITÀ E POTENZA Gruppi Statici di Continuità DSP, FLESSIBILITÀ E POTENZA Minipower UPX. Dedicati ad utenze professionali I gruppi di continuità a doppia conversione della serie Minipower UPX sono apparecchi professionali

Dettagli

Verona, 29-30 ottobre 2013!

Verona, 29-30 ottobre 2013! Verona, 29-30 ottobre 2013! COGENERAZIONE STABILIZZAZIONE DELLA FREQUENZA E DELLA TENSIONE IN ISOLA PILLER PCD (Power Conditioning Device) TECNOLOGIA E APPLICAZIONI mcter 29 ottobre 2013 1 Presentazione

Dettagli

Centrali ibride, tecniche di controllo per la gestione di micro reti intelligenti

Centrali ibride, tecniche di controllo per la gestione di micro reti intelligenti 84 Centrali ibride, tecniche di controllo per la gestione di micro reti intelligenti Le centrali ibride, elemento chiave per poter realizzare e controllare le microreti ad alta penetrazione di Fonti Energetiche

Dettagli

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica

Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi e passivi alle reti BT delle imprese distributrici di energia elettrica N O R M A I T A L I A N A C E I 1 Data Scadenza Inchiesta C. 1136 22-11-2014 Data Pubblicazione 2014-10 Classificazione 0-21; V Titolo Regola tecnica di riferimento per la connessione di Utenti attivi

Dettagli

In una piccola industria di floricoltura, l impianto elettrico per l alimentazione degli uffici

In una piccola industria di floricoltura, l impianto elettrico per l alimentazione degli uffici Esame di Stato di Istituto Professionale Indirizzo: Tecnico delle industrie elettriche Tema di: Elettrotecnica, Elettronica e Applicazioni Luigi Manzo - Giuseppe Gallo In una piccola industria di floricoltura,

Dettagli

Sez 2a FUNZIONAMENTO. 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30. c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia

Sez 2a FUNZIONAMENTO. 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30. c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia Sez 2a FUNZIONAMENTO CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30 c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia Unità cinetica o PGM Funzionamento normale: l

Dettagli

(Uninterruptible Power Supply, UPS hanno bisogno di una continuità di alimentazione con un certo ritardo

(Uninterruptible Power Supply, UPS hanno bisogno di una continuità di alimentazione con un certo ritardo I gruppi di continuità (Uninterruptible Power Supply, UPS) vengono utilizzati per alimentare utenze che hanno bisogno di una continuità di alimentazione, cioè quelle utenze che devono essere alimentate

Dettagli

25 26 giugno 2014. Dott Ing Anna Bruno. Dott. Ing. Anna Bruno Amministratore Delegato ATME spa

25 26 giugno 2014. Dott Ing Anna Bruno. Dott. Ing. Anna Bruno Amministratore Delegato ATME spa SISTEMI UPS DINAMICI E LORO INTEGRAZIONE NELLA CONTINUITÀ Dott Ing Anna Bruno Amministratore Delegato ATME spa CAMPI DI APPLICAZIONE dove serve continuità e qualità dell alimentazione elettrica Finanza

Dettagli

Sistema UPS trifase modulare. Conceptpower DPA 500 100 kw 3 MW UPS modulare, ora fino a 3 MW

Sistema UPS trifase modulare. Conceptpower DPA 500 100 kw 3 MW UPS modulare, ora fino a 3 MW Sistema UPS trifase modulare Conceptpower DPA 500 100 kw 3 MW UPS modulare, ora fino a 3 MW L UPS per chi ha bisogno di operatività senza interruzioni ABB Conceptpower DPA 500 è un sistema UPS ad alta

Dettagli

Gruppi Statici di Continuità DSP, FLESSIBILITÀ E POTENZA

Gruppi Statici di Continuità DSP, FLESSIBILITÀ E POTENZA Gruppi Statici di Continuità DSP, FLESSIBILITÀ E POTENZA Minipower UPX. Dedicati ad utenze professionali I gruppi di continuità a doppia conversione della serie Minipower UPX sono apparecchi professionali

Dettagli

La tecnologia brevettata da Borri Green Conversion ed il controllo della batteria

La tecnologia brevettata da Borri Green Conversion ed il controllo della batteria Il risparmio energetico è attualmente uno dei temi principali per l industria dei data center, visti i costi dell energia in aumento e i vincoli ambientali sempre più stringenti. Migliorare il proprio

Dettagli

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte -

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte - Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte - Pubblicato il: 11/07/2004 Aggiornato al: 11/07/2004 di Gianluigi Saveri La qualità dell alimentazione elettrica può essere fonte

Dettagli

CABINE ELETTRICHE DI TRASFORMAZIONE

CABINE ELETTRICHE DI TRASFORMAZIONE Cabtrasf_parte_prima 1 di 8 CABINE ELETTRICHE DI TRASFORMAZIONE parte prima Una cabina elettrica è il complesso di conduttori, apparecchiature e macchine atto a eseguire almeno una delle seguenti funzioni:

Dettagli

Alimentazione elettrica Tensione di rete

Alimentazione elettrica Tensione di rete Alimentazione elettrica Tensione di rete In conseguenza dei principi fisici con i quali funzionano le macchine per la produzione, il trasferimento e l impiego dell energia elettrica, nelle nostre case

Dettagli

Alimentazione di sicurezza. La disalimentazione elettrica

Alimentazione di sicurezza. La disalimentazione elettrica Pag.1 Alimentazioni di sicurezza Definizioni e classificazione Per alimentazione dei servizi di sicurezza, più brevemente alimentazione di sicurezza, si intende l'alimentazione che ha lo scopo di garantire

Dettagli

Installazione dell'ups - Fattori chiave

Installazione dell'ups - Fattori chiave Installazione dell'ups - Fattori chiave Sommario Utilizzo della guida... 2 Panoramica delle soluzioni di protezione... 4 Soluzioni di protezione dell alimentazione...4 Software e servizi di supporto...5

Dettagli

Geogreen. Questo il core business di Geogreen.

Geogreen. Questo il core business di Geogreen. Geogreen con le sue aziende GeoEnergie SpA e Geogreen SpA si presenta oggi come uno dei più qualificati fornitori di un sistema integrato di prodotti e di servizi: dalla fornitura di Energia Elettrica,

Dettagli

Disturbi causati dalla commutazione di carichi induttivi

Disturbi causati dalla commutazione di carichi induttivi Disturbi causati dalla commutazione di carichi induttivi Pubblicato il: 13/06/2005 Aggiornato al: 13/06/2005 di Massimo Barezzi Analisi, problemi e soluzioni per proteggersi dalle correnti provocate dalla

Dettagli

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONNESSIONE DI

LINEE GUIDA PER LA CONNESSIONE DI DI TETTI FOTOVOLTAICI ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE BT Documento DBU/003 Agosto 2005 Pag.2 di 23!"#$%&%! ''&% ( ) * + ),-%,.%! -#// ' + ),-%,.% + ),-%,.%!"'' 0 ),'1! -%$%!2"'' 3 ),-%,.%! % )) %&-,,!&,# (

Dettagli

UPS TLE Series 160 800 kva/kw trifase 400Vca

UPS TLE Series 160 800 kva/kw trifase 400Vca GE Critical Power UPS TLE Series 160 800 kva/kw trifase 400Vca L E cie a ass ta ei i i ri e ercat UPS imagination at work Gruppo di continuità GE TLE Series 160-800 kva/kw Il sistema UPS TLE Series è uno

Dettagli

Stefano Bifaretti. Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica

Stefano Bifaretti. Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Laurea Magistrale in Ingegneria Energetica Corso di Elettronica di Potenza (12 CFU) ed Elettronica Industriale (6CFU) a.a. 20I2/2013 Stefano Bifaretti Evoluzione dell efficienza delle celle fotovoltaiche.

Dettagli

I sistemi elettrici: lezione introduttiva. Prof.ssa Maria Dicorato

I sistemi elettrici: lezione introduttiva. Prof.ssa Maria Dicorato I sistemi elettrici: lezione introduttiva Prof.ssa Maria Dicorato La produzione di energia elettrica L insieme dei mezzi di produzione, denominato centrali elettriche, nei quali avviene la trasformazione

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO WHAD. UPS monofase, on line a doppia conversione 1.000 VA, 700 W. 1 di 12

CAPITOLATO TECNICO WHAD. UPS monofase, on line a doppia conversione 1.000 VA, 700 W. 1 di 12 WHAD UPS monofase, on line a doppia conversione 1.000 VA, 700 W 1 di 12 Sommario 1 PRESCRIZIONI GENERALI... 4 1.1 OGGETTO E TIPO DI CONTRATTO.... 4 1.2 CONDIZIONI... 4 2 CARATTERISTICHE GENERALI.... 4

Dettagli

UPS. online. 10-100 kva Trifase / Monofase 10-800 kva Trifase / Trifase INTERNET CENTER (ISP/ASP/POP) DISPOSITIVI ELETTROMEDICALI SERVER

UPS. online. 10-100 kva Trifase / Monofase 10-800 kva Trifase / Trifase INTERNET CENTER (ISP/ASP/POP) DISPOSITIVI ELETTROMEDICALI SERVER LIBRA pro UPS online 10-100 kva Trifase / Monofase 10-800 kva Trifase / Trifase LOCAL AREA NETWORKS (LAN) INTERNET CENTER (ISP/ASP/POP) DISPOSITIVI ELETTROMEDICALI SERVER PLC INDUSTRIALI DISPOSITIVI PER

Dettagli

Rete esterna dell ente distributore

Rete esterna dell ente distributore Rete esterna dell ente distributore Power Quality La crescente diffusione dell elettronica ha determinato la necessità della continuità di funzionamento di molti processi e della qualità della tensione

Dettagli

Scheda tecnica n. 36E - Installazione di gruppi di continuità statici ad alta efficienza (UPS)

Scheda tecnica n. 36E - Installazione di gruppi di continuità statici ad alta efficienza (UPS) Scheda tecnica n. 36E - Installazione di gruppi di continuità statici ad alta efficienza (UPS) 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Categoria di intervento 1 : Vita Utile 2 : Vita Tecnica

Dettagli

2000-3000 VA MANUALE D'USO

2000-3000 VA MANUALE D'USO Gruppi di continuità UPS Line Interactive EA SIN 2000-3000 VA MANUALE D'USO Rev. 01-130111 Pagina 1 di 8 SOMMARIO Note sulla sicurezza...1 Principi di funzionamento...2 Caratteristiche principali...3 Funzione

Dettagli

SPECIFICA N : 01_21042011 TITOLO: SPECIFICA TECNICA GRUPPO STATICO DI CONTINUITA 100-120kVA (3/3) 00 Emessa per richiesta di offerta G.C.

SPECIFICA N : 01_21042011 TITOLO: SPECIFICA TECNICA GRUPPO STATICO DI CONTINUITA 100-120kVA (3/3) 00 Emessa per richiesta di offerta G.C. Dipartimento Patrimonio e Innovazione Tecnologica Milano, 21-04-2011 Struttura Complessa: Edile ed Impianti Piazza Ospedale Maggiore, 3, 20162 Direttore: Dr. Giuseppe Lorenzon Segreteria tel: 02 6444.

Dettagli

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase.

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase. Come nel caso dei convertitori c.c.-c.c., la presenza di un carico attivo non modifica il comportamento del convertitore se questo continua a funzionare con conduzione continua. Nei convertitori trifase

Dettagli

UPS MONOFASE DOPPIA CONVERSIONE RACK 19 Rev. 7 SR 5kVA 10kVA

UPS MONOFASE DOPPIA CONVERSIONE RACK 19 Rev. 7 SR 5kVA 10kVA il carico viene trasferito automaticamente, senza soluzione di continuità, sulla rete di soccorso. Quando vengono ripristinate le normali condizioni di funzionamento, il carico è ritrasferito automaticamente

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO IPIA C.A. DALLA CHIESA OMEGNA PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO classi 4 e 5 MANUTENTORI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO prof. Massimo M. Bonini ALIMENTAZIONE ELETTRICA

Dettagli

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO T.E.E.A. CLASSE IV Opzione manutentore impianti elettrici e automazione

PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO T.E.E.A. CLASSE IV Opzione manutentore impianti elettrici e automazione PROGRAMMAZIONE DIPARTIMENTO T.E.E.A. (TECNOLOGIE ELETTRICO - ELETTRONICHE ) CLASSE IV Opzione manutentore impianti elettrici e automazione 1 Modulo 1 Circuiti e reti in corrente alternata 1.1 Risoluzioni

Dettagli

Nei sistemi elettrici di protezione, la

Nei sistemi elettrici di protezione, la 2 ELETTRIFICAZIONE 10 LA SELETTIVITÀ NELLA PROTEZIONE MEDIANTE FUSIBILI Massimo Salmoiraghi (*) L articolo passa in rassegna i criteri progettuali da porre in atto per garantire la selettività orizzontale

Dettagli

ITC. ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI SET DISTRIBUZIONE S.p.A.

ITC. ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI SET DISTRIBUZIONE S.p.A. Pag. 1 di 35 ITC ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI SET DISTRIBUZIONE S.p.A. CON TENSIONE (Riferimento: Deliberazione dell Autorità per l

Dettagli

DISPOSITIVO DI INTERFACCIA

DISPOSITIVO DI INTERFACCIA PROTEZIONE GENERALE Poiché Enel durante il normale esercizio della propria rete può cambiare, senza preavviso, lo stato del neutro, è necessario che le protezioni per i guasti a terra di cui è dotato l

Dettagli

Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria

Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria Norma CEI 11 20 : impianti di produzione di energia elettrica e gruppi di continuità collegati a reti di I e II categoria 2 Ottobre 2008, Catania, Marco Ravaioli Norma CEI 11-20 La norma CEI ha per oggetto

Dettagli

ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI STET S.p.A. CON TENSIONE NOMINALE 1 KV.

ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI STET S.p.A. CON TENSIONE NOMINALE 1 KV. Pag. 1 di 32 ITC ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI STET S.p.A. CON TENSIONE NOMINALE 1 KV (Riferimento: Deliberazione dell Autorità per

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE

ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE ISTITUTO NAZIONALE DI FISICA NUCLEARE Laboratori Nazionali di Frascati INFN/code-xx/xxx giorno/mese/anno CCR-07/2006/P CRITERI DI PROGETTAZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI PER L ALIMENTAZIONE DEI CENTRI DI

Dettagli

ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DEL COMUNE DI ISERA CON TENSIONE NOMINALE 1 KV

ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DEL COMUNE DI ISERA CON TENSIONE NOMINALE 1 KV ITC ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DEL COMUNE DI ISERA CON TENSIONE NOMINALE 1 KV (Riferimento: Deliberazione dell Autorità per l Energia

Dettagli

NS 3000 UPS Trifase. efficienza ed affidabilità nell alimentazione elettrica. Data Centers & Servers. Centri internet

NS 3000 UPS Trifase. efficienza ed affidabilità nell alimentazione elettrica. Data Centers & Servers. Centri internet UPS Trifase Data Centers & Servers Centri internet Telecomunicazioni, Strutture ospedaliere, Banche Reti aziendali (LAN) Sistemi di emergenza 10-20-30KVA input trifase, output trifase efficienza ed affidabilità

Dettagli

Scheda tecnica n. 33E - Rifasamento di motori elettrici di tipo distribuito presso la localizzazione delle utenze.

Scheda tecnica n. 33E - Rifasamento di motori elettrici di tipo distribuito presso la localizzazione delle utenze. Scheda tecnica n. 33E - Rifasamento di motori elettrici di tipo distribuito presso la localizzazione delle utenze. 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Categoria di intervento 1 : Vita

Dettagli

AZIENDA ELETTRICA ITC

AZIENDA ELETTRICA ITC COMUNE DI CAVALESE PROVINCIA DI TRENTO AZIENDA ELETTRICA ITC ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DEL COMUNE DI CAVALESE CON TENSIONE NOMINALE

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

Sìstema UPS trifase indipendente. PowerWave 33 60 500 kw Prestazioni imbattibili

Sìstema UPS trifase indipendente. PowerWave 33 60 500 kw Prestazioni imbattibili Sìstema UPS trifase indipendente PowerWave 33 60 500 kw Prestazioni imbattibili PowerWave 33: un concentrato di potenza Da sempre ABB rappresenta lo standard globale per le soluzioni di continuità di alimentazione.

Dettagli

Photo. Soluzioni tecnologiche per garantire carichi privilegiati dalle discontinuità del servizio. Ing. Antonio Ardito - CESI S.p.A.

Photo. Soluzioni tecnologiche per garantire carichi privilegiati dalle discontinuità del servizio. Ing. Antonio Ardito - CESI S.p.A. Workshop PRESENTAZIONE DELL'INDAGINE SULLA QUALITÀ DELLA DISTRIBUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA 17 Dicembre 2004 - Auditorium Assolombarda Milano Photo Soluzioni tecnologiche per garantire carichi privilegiati

Dettagli

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4

INTRODUZIONE. Articolo qe001: versione 4 INTRODUZIONE L obiettivo principale del progetto è dimostrare come ridefinire le strategie di gestione dei quadri elettrici disponendo di un network telematico in grado di monitorare e storicizzare tutti

Dettagli

INVERTER AD ONDA SINUSOIDALE PURA. SISTEMA DI ACCUMULO ENERGIA CON QUADRO INTERFACCIA E GESTIONE.

INVERTER AD ONDA SINUSOIDALE PURA. SISTEMA DI ACCUMULO ENERGIA CON QUADRO INTERFACCIA E GESTIONE. INVERTER AD ONDA SINUSOIDALE PURA. SISTEMA DI ACCUMULO ENERGIA CON QUADRO INTERFACCIA E GESTIONE. Inverter DC-AC ad onda sinusoidale pura Da una sorgente in tensione continua (batteria) 12Vdc, 24Vdc o

Dettagli

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE PER IMPIANTI DI GENERAZIONE ALLA RETE DI BASSA TENSIONE 1kV

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE PER IMPIANTI DI GENERAZIONE ALLA RETE DI BASSA TENSIONE 1kV REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE PER IMPIANTI DI GENERAZIONE ALLA RETE DI BASSA TENSIONE 1kV SECAB Società Cooperativa (Riferimento: Deliberazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas n. 89/07)

Dettagli

Produzione e distribuzione di en. Elettrica

Produzione e distribuzione di en. Elettrica (persona fisica) (persona giuridica) Produzione e distribuzione di en. Elettrica SCHEMA DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DELL IMPIANTO ALLE REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE

Dettagli

n. 15 - Fotovoltaico 5 INDICE

n. 15 - Fotovoltaico 5 INDICE n. 15 - Fotovoltaico 5 INDICE 1 IRRAGGIAMENTO SOLARE E POTENZA ELETTRICA 11 1.1 Irraggiamento solare 11 1.2 Principio di funzionamento di una cella fotovoltaica 15 1.3 Caratteristiche elettriche delle

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA TENSIONE DELLA GERMANO INDUSTRIE ELETTRICHE S.R.L.

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA TENSIONE DELLA GERMANO INDUSTRIE ELETTRICHE S.R.L. REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA TENSIONE DELLA GERMANO INDUSTRIE ELETTRICHE S.R.L., DISTRIBUTORE DI ENERGIA ELETTRICA NELLE ISOLE TREMITI

Dettagli

SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI DI GENERAZIONE ALLA RETE DI BASSA TENSIONE

SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI DI GENERAZIONE ALLA RETE DI BASSA TENSIONE SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l. Via Nazionale, Loc. Santaviela - 33024 FORNI DI SOPRA (UD) Tel +39 0433 88077 - Fax +39 0433 887905 - Email info@sci-forni.it Cod. Fisc. e P.

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA TENSIONE DI SEA S.C.

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA TENSIONE DI SEA S.C. IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA TENSIONE DI SEA S.C. Agosto 2007 1/14 1. SCOPO DELLE PRESCRIZIONI Le presenti prescrizioni hanno lo scopo di definire i criteri e le modalità

Dettagli

Telecomunicazioni e Internet

Telecomunicazioni e Internet Gruppi statici di continuità - 1 Tipologie di utenze 1.4 Gli per l installazione a rack (e in generale quelli nell intervall di potenza da 1kVA a 4-5kVA circa) sono disponibili sia di tipo a doppia conversione,

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

TECHNICALINFO. Il gruppo motore LEITNER

TECHNICALINFO. Il gruppo motore LEITNER TECHNICALINFO Il gruppo motore LEITNER Il gruppo motore LEITNER Compatto, flessibile, affidabile Il presupposto per un utilizzo in sicurezza di un impianto a fune è sicuramente un gruppo argano affidabile

Dettagli

TECNOLOGIE INNOVATIVE PER LA TUA AZIENDA

TECNOLOGIE INNOVATIVE PER LA TUA AZIENDA TECNOLOGIE INNOVATIVE PER LA TUA AZIENDA Da anni si sente parlare di Efficienza Energetica; recentemente l ITALIA ha dato un vero e sistematico impulso alla realizzazione di questo ambizioso progetto.

Dettagli

Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica

Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica Integrazione degli impianti fotovoltaici nella rete elettrica G. Simioli Torna al programma Indice degli argomenti Considerazioni introduttive Quadro normativo - Norma CEI 11-20 Isola indesiderata - Prove

Dettagli

Best practice per la progettazione e la gestione dei Data Center

Best practice per la progettazione e la gestione dei Data Center Best practice per la progettazione e la gestione dei Data Center Convegno AEIT Trieste 2 Aprile 2014 Ing. Lino Freschini Curva ITIC (Information Technology Industry Council) Tre zone: 1. al di sopra della

Dettagli

Valutazione tecnica. Sommario

Valutazione tecnica. Sommario Valutazione tecnica Sommario Alimentazione di carichi sensibili... 2 Tipi di disturbo elettrico...2 Disturbi principali con alimentazione elettrica a bassa tensione...3 UPS... 5 La soluzione UPS...5 Applicazioni

Dettagli

CAPITOLATO TECNICO. MEGALINE (rack) UPS monofase, on line a doppia conversione 2.500 VA, 1.750 W. in configurazione Rack. 1 di 17

CAPITOLATO TECNICO. MEGALINE (rack) UPS monofase, on line a doppia conversione 2.500 VA, 1.750 W. in configurazione Rack. 1 di 17 MEGALINE (rack) UPS monofase, on line a doppia conversione 2.500 VA, 1.750 W in configurazione Rack 1 di 17 Sommario 1 PRESCRIZIONI GENERALI... 4 1.1 OGGETTO E TIPO DI CONTRATTO.... 4 1.2 CONDIZIONI...

Dettagli

Gruppi di continuità assoluta. Gruppi di soccorso. Luoghi di utilizzo - continuità del servizio -

Gruppi di continuità assoluta. Gruppi di soccorso. Luoghi di utilizzo - continuità del servizio - DIPLOMA A DISTANZA IN INGEGNERIA ELETTRICA CORSO DI ELETTRONICA INDUSTRIALE DI POTENZA II Lezione 30 Gruppi di continuità assoluta (UPS) Docente: Leopoldo Rossetto Dipartimento di Ingegneria Elettrica

Dettagli

Tecnologie alternative per la generazione di energia elettrica per data center e sale CED

Tecnologie alternative per la generazione di energia elettrica per data center e sale CED Tecnologie alternative per la generazione di energia elettrica per data center e sale CED White Paper n. 64 Revisione 1 Sintesi Le pile a combustibile e le microturbine sono delle nuove tecnologie alternative

Dettagli

SPECIFICA TECNICA. Cancellare le voci che non interessano Materiale Prestazione Servizio. RTC Clienti produttori BT Prescrizioni tecniche

SPECIFICA TECNICA. Cancellare le voci che non interessano Materiale Prestazione Servizio. RTC Clienti produttori BT Prescrizioni tecniche Settore = elettrico Regole Tecniche per la Connessione di impianti di produzione di energia elettrica alle reti con obbligo di connessione a terzi di LINEA RETI E IMPIANTI a tensione nominale minore o

Dettagli

Rifasare per un uso efficiente dell impianto utilizzatore

Rifasare per un uso efficiente dell impianto utilizzatore Antonello Greco Rifasare vuol dire ridurre lo sfasamento fra la tensione e la corrente introdotto da un carico induttivo (figura 1); significa aumentare il valore del fattore di potenza (cosϕ) del carico

Dettagli

INDICE ARGOMENTI TRATTATI N 3-89 PARTE PRIMA ELETTROTECNICA 5 8

INDICE ARGOMENTI TRATTATI N 3-89 PARTE PRIMA ELETTROTECNICA 5 8 DA PAG. PAG. INDICE LEZIONE ARGOMENTI TRATTATI N 3-89 PARTE PRIMA ELETTROTECNICA 5 8 9 11 1 ELETTROSTATICA. Cariche elettriche, campo elettrico, capacità elettrica, condensatore, Farad e sottomultipli.

Dettagli

REGISTRATORI DI CASSA

REGISTRATORI DI CASSA Local Area Networks (LAN) ServerS Data Centers REGISTRATORI DI CASSA DISPOSITIVI PER TELECO- MUNICAZIONI e-business (Servers Farms, ISP/ASP/POP) PLC IndustriaLI DISPOSITIVI ELETTRO- MEDICALI DISPOSITIVI

Dettagli

Qualunque apparato elettrico

Qualunque apparato elettrico TEORIA RISORSE SPECIALE PRATICA Prima parte n 250- Aprile 2006 Introduzione Seconda parte n 251 - Maggio 2006 La conversione DC-AC Terza parte n 252 - Giugno 2006 La modulazione PWM UPS By Example 80 Qualunque

Dettagli

IMMETTERE ENERGIA IN RETE

IMMETTERE ENERGIA IN RETE IMMETTERE ENERGIA IN RETE Quello di produrre energia elettrica o di autoprodursela è un argomento molto discusso del quale se ne sente parlare ormai quotidianamente. Per certi versi produrre energia elettrica

Dettagli

GRUPPI STATICI DI CONTINUITA

GRUPPI STATICI DI CONTINUITA GRUPPI STATICI DI CONTINUITA GRUPPI STATICI DI CONTINUITA MONOFASE SERIE VE Line interactive forma d onda pseudo-sinusoidale La serie VE VENUS è disponibile nelle potenze da 450 VA a 2000VA con tecnologia

Dettagli

PRIME DISPOSIZIONI RELATIVE AI SISTEMI DI ACCUMULO - ORIENTAMENTI

PRIME DISPOSIZIONI RELATIVE AI SISTEMI DI ACCUMULO - ORIENTAMENTI DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 613/2013/R/EEL PRIME DISPOSIZIONI RELATIVE AI SISTEMI DI ACCUMULO - ORIENTAMENTI Documento per la consultazione Mercato di incidenza: energia elettrica 19 dicembre 2013 1

Dettagli

Continuità elettrica in un Data Center: Connubio tra sicurezza e contenimento dei costi di esercizio

Continuità elettrica in un Data Center: Connubio tra sicurezza e contenimento dei costi di esercizio Continuità elettrica in un Data Center: Connubio tra sicurezza e contenimento dei costi di esercizio Bolzano - Tecno Community Day - 26 Febbraio 2009 Alessandro Nalbone Continuità elettrica in un Data

Dettagli

I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare

I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare I.T.I.S. M. FARADAY - Programmazione modulare A.S. 2015/2016 Indirizzo: ELETTROTECNICA Disciplina: ELETTROTECNICA E ELETTRONICA Classe: 5Aes Ore settimanali previste: 5 (2) INSEGNANTI: SCIARRA MAURIZIO

Dettagli

GRUPPI STATICI DI CONTINUITA

GRUPPI STATICI DI CONTINUITA GRUPPI STATICI DI CONTINUITA rete serie tipo intervento forma d onda in uscita potenze pagina monofase EB NO-break onda pseudo sinusoidale da 400VA a 2000VA pag. 2-3 monofase ECL Line interactive onda

Dettagli

LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA

LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA ELETTRICA DI.T. (< 1KV) DELLA G.I.E. S.R.L. E MODALITÀ DI RICHIESTA DELLA SCHEMA DELLA DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ DELL IMPIANTO ALLE REGOLE TECNICHE PER LA DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIUZIONE

Dettagli

ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE BT DELL AZIENDA ELETTRICA COMUNE DI TIRES

ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE BT DELL AZIENDA ELETTRICA COMUNE DI TIRES ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE BT DELL AZIENDA ELETTRICA COMUNE DI TIRES (Riferimento. Delibera AEEG ARG/elt n. 99/08) INDICE 1. Scopo 2.

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

Allegato ITC. Edizione V del 1 Gennaio 2013

Allegato ITC. Edizione V del 1 Gennaio 2013 S. E L. I. S. L a m p e d u s a S. p. A. - C a p i t a l e S o c i a l e 3. 4 0 6. 9 2 4, 0 4 i. v. R e g i s t r o d e l l e I m p r e s e P a l e r m o, C. F. e P. I V A 0 3 6 2 0 8 5 0 8 2 0 S E D E

Dettagli

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE BT DELL ASM TERNI S.p.A.

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE BT DELL ASM TERNI S.p.A. 1. SCOPO DELLE PRESCRIZIONI... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO... 2 4. DEFINIZIONI... 2 5. CRITERI GENERALI... 3 5.1 CRITERI GENERALI DI FUNZIONAMENTO... 3

Dettagli

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected

Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Criteri di progettazione elettrica di impianti gridconnected Per quanto attiene gli impianti connessi alla rete elettrica, vengono qui presentati i criteri di progettazione elettrica dei principali componenti,

Dettagli

DK 5940 Aprile 2007 Ed. 2.2-1/47

DK 5940 Aprile 2007 Ed. 2.2-1/47 Ed. 2.2-1/47 INDICE Pagina 1 SCOPO DELLE PRESCRIZIONI 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO 2 4 DEFINIZIONI 3 5 CRITERI GENERALI 4 5.1 CRITERI GENERALI DI FUNZIONAMENTO

Dettagli