UPS Rotanti e gruppi elettrogeni. Configurazioni UPS totalmente flessibili ad alta efficienza

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "UPS Rotanti e gruppi elettrogeni. Configurazioni UPS totalmente flessibili ad alta efficienza"

Transcript

1 UPS Rotanti e gruppi elettrogeni Configurazioni UPS totalmente flessibili ad alta efficienza

2 Content 1 Introduzione Caratteristiche dei moderni UPS rotanti Tempo di autonomia Combinazioni tra UPS e Diesel Aspetti funzionali delle combinazioni tra UPS rotanti e genset Configurazioni degli UPS rotanti con i genset Conclusioni Riferimenti

3 1 Introduzione Per proteggere le installazioni critiche contro le interruzioni di rete, l'installazione di gruppi di continuità (UPS) è la soluzione standard. Se è necessaria la protezione per corte e lunghe interruzioni, i sistemi UPS statici possono essere integrati con dei gruppi elettrogeni esterni oppure in alternativa, possono essere scelti i gruppi rotanti con diesel integrato (DRUPS). La combinazione di UPS rotanti con gruppi elettrogeni esterni non è nuova nelle grandi installazioni e a causa dei vantaggi indotti da questa unione, i più recenti e importanti data center, classificati TIER III e TIER IV, applicano questa tecnologia. Con gli ultimi moderni UPS rotanti (RUPS), il progettista può scegliere un elevato numero di configurazioni insieme agli alti rendimenti ai bassi carichi, spesso usuali nei primi anni di vita dei data center. Questo documento descrive i requisiti generali di un gruppo elettrogeno per essere integrato con UPS rotanti e illustra le varie combinazioni con gruppi elettrogeni installati a monte o a valle dell'ups. Questa versatilità include un aumento della manutenibilità, una ampia scelta tra le diverse taglie dei motori e la soluzione può essere realizzata sia in bassa che in media tensione. Inoltre, si illustra come il gruppo elettrogeno può essere integrato nella logica di controllo di un UPS rotante per costituire un sistema efficace e multifunzionale, denominato Diesel UPS elettricamente accoppiato DeRUPS (Diesel electrically coupled Rotary UPS). Questa integrazione permette di utilizzare gruppi elettrogeni esterni in configurazioni più complesse, come il Parallelo Isolato IP-Systems [1], pur mantenendo i vantaggi della separazione fisica degli UPS e dei Diesel. 2 Caratteristiche dei moderni UPS rotanti I moderni UPS rotanti abbinano l elevata affidabilità e un altissimo rendimento con la libertà di scelta del tipo di accumulatore di energia. La manutenzione ordinaria è semplice e non intrusiva rispetto alla soluzione con UPS statici. Affidabilità: gli UPS rotanti adottano il più semplice e affidabile metodo di produzione dell energia utilizzando una macchina sincrona. Questo principio operativo abbinato al più avanzato controllo digitale e una semplice interfaccia garantiscono la più alta affidabilità tra tutti gli UPS presenti sul mercato. 3

4 Efficienza e Costi: i moderni UPS rotanti utilizzano materiali avanzati per raggiungere un rendimento nominale fino al 97% e del 95% ai carichi ridotti. Grazie alle basse perdite e una struttura robusta, gli UPS rotanti non richiedono il condizionamento, in tal modo li rendono una soluzione molto conveniente nel ciclo di vita del sistema. Fig. 1 Confronto dei costi del ciclo di vita per tre diverse soluzioni UPS Sebbene il costo iniziale di un sistema rotante può talvolta essere maggiore rispetto alla soluzione statica, la ridotta complessità della manutenzione ordinaria, la lunga vita attesa e l elevato rendimento del rotante contribuiscono a ridurre il costo del ciclo di vita (TCO), mentre il break-even point rispetto agli statici si ottiene in pochi anni. Flessibilità: i sistemi UPS rotanti possono essere realizzati in bassa e in media tensione, utilizzare le batterie o i volani come accumuli di energia, indifferentemente per piccole o grandi unità. La combinazione di UPS rotanti con volano consente di avere una elevatissima riduzione degli spazi rispetto a qualsiasi sistema a batteria. Questo produce un significativo risparmio di spazio occupato, il quale può essere utilizzato per altre apparecchiature oppure per incrementare lo spazio netto per la produzione. 4

5 Gli UPS rotanti possono essere facilmente parallelabili per incrementare la potenza totale o per ottenere una ridondanza. Non ci sono regolazioni complesse in quanto il parallelo di generatori sincroni è semplice, forte e autostabilizzante. Dato che si utilizzano generatori sincroni gli UPS rotanti sono in grado di fornire potenza attiva senza la necessità di un derating in caso di carichi capacitivi (0,8 ant.). La loro elevata corrente di corto circuito pari a 14 volte la nominale garantisce una facile selettività delle protezioni a valle ed elimina la necessità di trasferire il carico sul by-pass per eliminare il guasto. Fig.2 Alcune caratteristiche dei moderni UPS Rotanti e la loro flessibilità Tutto ciò dimostra l idoneità e i benefici degli UPS rotanti per quelle applicazioni in cui l affidabilità combinata con i costi del ciclo di vita contano realmente. Per tali ragioni molti grandi data center, banche, fabbriche di semiconduttori, impianti a ciclo continuo e ospedali utilizzano gli UPS Rotanti e rimangono con questa tecnologia se vengono installati nuovi sistemi 5

6 3 Tempo di autonomia Secondo le statistiche oltre il 96% delle interruzioni di rete hanno una durata inferiore ai 3 secondi. Fig. 2 Statistica dei guasti di una rete in media tensione I tempi tipici di reazione e di autonomia degli accumulatori di energia sono: Volani: Batterie: Generatori Diesel: 0 s s 0 s min. (o più) 10 s... N ore Confrontando questi dati con la statistica dei guasti di rete si evince che semplici volani UPS sono in grado di coprire più del 96% di tutte le interruzioni di rete. Le batterie UPS potrebbero - a seconda delle dimensioni della batteria - essere in grado di colmare circa un altro 3%. Un generatore Diesel non è in grado di colmare i primi 10 secondi di un guasto di rete. Quindi, per essere certi di coprire tutti i tipi di guasti di rete è obbligatoria la combinazione di un accumulatore di energia di breve durata ed un dispositivo di lunga durata come un generatore Diesel. La questione se una combinazione UPS a batteria e generatore Diesel ha senso rispetto all utilizzo di un volano con minore autonomia ma sufficiente per far partire il motore diesel, è oggetto di una ben nota discussione, già trattata in un altro documento [2]. 6

7 4 Combinazioni tra UPS e Diesel La Fig.4 mostra la disposizione tipica di un UPS ed un generatore Diesel, in cui il generatore Diesel funziona come sostituto della rete dopo un guasto. Questa disposizione è in genere usata per la soluzione con l'ups statico. Questo è il modo più semplice per ricaricare l'accumulatore di energia durante il funzionamento con Diesel poiché gli inverter normalmente utilizzati negli UPS statici non sono progettati per operare in modo bidirezionale. Se l UPS statico è a doppia conversione le fluttuazioni di frequenza del Diesel non vengono trasferite al carico e le armoniche del carico non vengono trasferite al genset. Se l UPS opera in Eco-mode aumenterà la sua efficienza, ma le armoniche del carico non saranno filtrate, non verrà effettuato il rifasamento all ingresso dell UPS e le variazione di frequenza del Diesel andranno verso il carico. Fig.4 Una tipica combinazione di UPS statico con batterie ed un generatore Diesel Viceversa, i moderni RUPS funzionano con lo stesso rendimento, rifasano e filtrano le armoniche contemporaneamente, sia con rete che con il diesel. Ma, naturalmente, un UPS rotante può essere abbinato anche a gruppi elettrogeni esterni. La combinazione di UPS Rotanti elettricamente accoppiati a generatori Diesel, denominati DeRUPS, offre una variante più interessante rispetto al semplice utilizzo del gruppo elettrogeno come sostituzione alla rete. Con l UPS Rotante è anche possibile collegare il gruppo elettrogeno alla sbarra di uscita dell UPS. Questo offre alcune funzionalità avanzate per quanto riguarda la ripartizione del carico, la stabilizzazione della frequenza e la manutenibilità. 7

8 Fig.5 DeRUPS Rotanti in combinazione con gruppi elettrogeni, che possono essere situati a monte o a valle. I RUPS possono essere dotati di batterie come pure di volani. I gruppi elettrogeni possono inoltre alimentare anche carichi short-break. Ogni gruppo elettrogeno esterno permette in sostanza di alimentare carichi no-break nonché carichi short-break (Fig.5). Se il gruppo elettrogeno è collegato all'ingresso dell UPS, i carichi no-break e short-break rimangono isolati anche durante il funzionamento con Diesel, una caratteristica che è molto apprezzata nel mondo dei data center. Poiché quasi tutti gli UPS Rotanti sono disponibili anche in versione in media tensione, tutte le combinazioni con i gruppi elettrogeni esterni possono essere realizzate con tale tensione. In questo caso i gruppi elettrogeni possono essere equipaggiati con generatori in media tensione, se il livello della stessa non supera i limiti tecnici di queste macchine. 8

9 5 Aspetti funzionali delle combinazioni tra UPS rotanti e genset Un aspetto generale che deve essere considerato quando si associa un UPS ad un generatore Diesel è l'interazione tra le due sorgenti di alimentazione, vale a dire l'accumulo di energia dell UPS ed il motore Diesel. Questa interazione fà la differenza tra una semplice combinazione UPS con gruppo elettrogeno e un DeRUPS nel quale il genset è totalmente integrato nella funzionalità dell UPS. Per capire questa interazione è utile distinguere tra fonti di energia attiva e fonti di energia reattiva, come mostrato nella Fig. 6. Fig.6 Relazioni tra sorgenti di energia e potenza A prescindere dal generatore Diesel che sia collegato a monte o a valle dell'ups, il motore Diesel deve essere in grado di fornire la potenza attiva al carico, di caricare l'accumulatore di energia e coprire le perdite degli UPS. Il generatore di un genset a monte deve fornire la corrente richiesta dall UPS, deve anche essere in grado di fornire la potenza reattiva richiesta dall UPS e di far fronte alle armoniche dei circuiti raddrizzatori all'ingresso del UPS. Grazie alla generazione di una onda naturale sinusoidale gli UPS Rotanti non creano alcuna armonica ed il loro fattore di potenza in ingresso è vicino a

10 Avere gruppi elettrogeni collegati a valle, consente di avere un miglior rendimento perché si riducono al minimo le perdite negli UPS durante il funzionamento con Diesel. Lo scambio di potenza reattiva tra l'ups e il generatore deve essere evitato utilizzando controlli di corrente reattiva. E preferibile che sia l UPS o il gruppo elettrogeno a fornire potenza reattiva al carico. Un UPS con un generatore Diesel a monte si comporta normalmente come un UPS in funzionamento da rete, anche se ad alimentarlo è un generatore Diesel. Pertanto l'ups trasferisce tutte le variazioni di carico alla rete, che ora non è più stabile in quanto c è il genset. Gradini di carico tra l 80% fino al 100% possono quindi causare facilmente il sovraccarico del motore e fermarsi, a prescindere che esso si trovi a carico o a vuoto. Un UPS rotante accoppiato elettricamente con un volano è in grado di gestire entrambe le direzioni di potenza e quindi stabilizzare la frequenza di un generatore Diesel. In questo caso non ha importanza se il gruppo elettrogeno è collegato a monte o a valle dei RUPS. Tuttavia, poiché la regolazione di frequenza è assegnata al lato di uscita del DeRUPS, la prestazione è migliore se il gruppo elettrogeno è collegato a valle. Il confronto tra Fig. 7 e Fig. 8 mostra l'influenza della stabilizzazione di frequenza bidirezionale in una rete alimentata da un generatore Diesel. Fig.7 Risposta in frequenza di un generatore Diesel durante la disconnessione del 50% del carico e la successiva riconnessione, qui senza la stabilizzazione di frequenza supplementare. 10

11 Fig. 8 La risposta in frequenza di un DeRUPS in funzionamento con diesel, durante la disconnessione del 50% del carico e la successiva riconnessione, con la stabilizzazione di frequenza bidirezionale tramite un UBT UNIBLOCK Piller dotato di un dispositivo di accumulo energia con volano POWERBRIDGE a e un gruppo elettrogeno esterno. Inoltre, un volano accoppiato elettricamente può essere caricato e scaricato nella stessa maniera e permette un breve tempo di ricarica, riducendo il tempo di funzionamento del diesel con conseguenti risparmi. Questo non è possibile con UPS a batteria e questo tipo di sistema a volano è sempre pronto contro i disturbi multipli della rete. 11

12 6 Configurazioni degli UPS rotanti con i genset Nel seguito si confrontano le diverse configurazioni degli UPS e dei generatori Diesel UPS rotanti (RUPS) con genset installati a monte I generatori Diesel a monte sono utilizzati per operare come un sostituto della rete durante una interruzione di corrente. Essi possono operare in parallelo alimentando una sbarra comune da cui alimentare gli UPS o, nel caso di grossi UPS, ciascuno può essere assegnato ad un singolo UPS. Se i generatori Diesel sono collegati in parallelo è preferibile che alimentino una sbarra isolata che può essere collegata alla sbarra di ingresso degli UPS tramite un interruttore principale, come mostrato nella fig. 9. La sbarra isolata permette l avvio dei Genset tramite una loro sincronizzazione durante l avviamento dei gruppi denominata dead bus synchronisation. In questo caso tutti i genset partono e si connettono alla sbarra appena sono disponibili, quindi non vi sono tempi aggiuntivi di sincronizzazione. Questo metodo di avviamento assieme ad un controllo di alta qualità, permette avviamenti veloci e garantisce che il carico sia alimentato in maniera affidabile anche utilizzando UPS a volano. Fig. 9 Esempio di controllo dei gruppi elettrogeni adatto per una sincronizzazione veloce 12

13 Una volta avviati tutti i gruppi elettrogeni e alimentata la loro sbarra isolata, l'interruttore principale sarà chiuso per energizzare la sbarra di ingresso degli UPS. Ciò impedisce che il generatore più veloce vada in sovraccarico in quanto sarebbe il primo a prendere il carico. Questo interruttore principale insieme al generale saranno gli unici ad essere controllati quando vi sarà la sincronizzazione alla rete una volta che questa ritornerà nuovamente disponibile. Fig. 10 Una serie di generatori Diesel che alimentano la sbarra di ingresso di un gruppo di UPS Rotanti, in configurazione parallelo. Un vantaggio di questa disposizione è che il numero dei motori Diesel può essere diverso dal numero degli UPS, anche se occorre tener conto della ridondanza dei generatori Diesel. La manutenzione dei gruppi elettrogeni può essere fatta indipendentemente dalla manutenzione degli UPS, disconnettendo una singola unità ridondante. In caso di gravi problemi al sistema UPS i generatori Diesel sono in grado di alimentare in modo permanente i carichi attraverso il bypass di manutenzione UPS che potrebbe essere una caratteristica interessante, nei paesi con una pessima qualità della rete. 13

14 UPS rotanti (RUPS) con genset installati a valle Installare i gruppi elettrogeni sul lato del carico dell'ups è un metodo meno consueto poiché la maggior parte degli UPS statici non è in grado di gestire questa situazione. La Fig. 11 mostra una possibile configurazione con alcuni vantaggi da considerare. Fig. 11 Un gruppo UPS Rotanti abbinato ciascuno ad un gruppo elettrogeno collegato al suo lato carico. In questa configurazione, è necessario controllare la ripartizione di potenza tra l'accumulo di energia dell'ups e il generatore Diesel. Questa capacità viene quindi utilizzata per trasferire la potenza che l UPS fornisce al carico, dopo il guasto di rete, al generatore Diesel una volta avviato e collegato alla sbarra di carico. Questa funzionalità, che fa in modo che la combinazione tra RUPS e genset sia realmente un DeRUPS, è già implementata negli UPS Rotanti più moderni e permette anche la ricarica dell accumulatore di energia dell UPS durante il funzionamento con Diesel. Nel caso di un accumulatore bidirezionale come un volano collegato elettricamente, esso può essere pertanto usato per mantenere stabile la frequenza di uscita. Ciò si realizza con la fornitura di energia da parte del volano nel caso di aumento del carico fino a quando subentra il Diesel, o con l assorbimento di energia dal Diesel nel caso di diminuzione del carico. A causa di questa interazione il DeRUPS è in grado di controllare anche tutti i processi di sincronizzazione come, per esempio, il ritorno del DeRUPS in rete una volta che questa si renderà disponibile. Come per i gruppi elettrogeni collegati a monte, non è strettamente necessario avere uno gruppo elettrogeno assegnato ad un RUPS, come è anche possibile avere un diverso numero di RUPS e di gruppi elettrogeni combinati mantenendo la stessa funzionalità. Il DeRUPS è adatto anche per 14

15 essere implementato in un sistema di parallelo isolato (IP-System) [1]. La Fig. 12 mostra un esempio di tale configurazione in cui il generatore Diesel viene usato anche per alimentare i carichi short-break. Fig. 12 DeRUPS integrato in un sistema di parallelo-isolato (IP-System). Altro vantaggio è che essendo i generatori Diesel collegati a valle degli RUPS, questi possono funzionare indipendentemente dall'ups, se necessario. Pertanto la manutenzione di un gruppo elettrogeno può essere eseguita separatamente dalla manutenzione UPS. Durante la manutenzione del gruppo elettrogeno il carico può ancora avere una breve durata di protezione da parte del RUPS che copre la maggior parte delle interruzioni di rete senza il supporto Diesel. Fig. 13 Generatori Diesel separati dall UPS permettono la manutenzione individuale su ogni tipo di alimentazione mantenendo il sistema rimanente funzionale. 15

16 7 Conclusioni Il DeRUPS, che è la combinazione di un UPS Rotante e un generatore Diesel è molto più interessante rispetto al semplice utilizzo dei gruppi elettrogeni come sostituti della rete. L interazione controllata tra i due componenti offre una più ampia varietà di configurazioni con caratteristiche superiori di gestione del carico, affidabilità e costi nel ciclo di vita. Rispetto ai Diesel-UPS Rotante, il DeRUPS con un generatore Diesel collegato a valle offre ulteriori prestazioni. La possibilità di far lavorare il generatore Diesel e il RUPS in modo indipendente offre una migliore manutenibilità, mentre la combinazione di entrambi garantisce un'eccellente stabilità di frequenza anche nel funzionamento con Diesel. La combinazione di una elevata efficienza, affidabilità e bassi costi operativi con la flessibilità di più configurazioni, rende il sistema DeRUPS una soluzione molto interessante per qualsiasi progetto. 8 Riferimenti [1] Dipl.-Ing. Frank Herbener Sistemi UPS in configurazione Parallelo Isolato Piller White Paper 051, 2009 [2] Dipl.-Ing. Frank Herbener Batterie e Volani Piller White Paper 056, 2011 Piller Group GmbH, Germany White Paper No / May

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE

Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE Sez 2a - FUNZIONAMENTO e CARATTERISTICHE COSTRUTTIVE 26 MARZO 2014 dalle ore 14.30 alle ore 17.30 c/o Museo della Tecnica Elettrica Via Ferrata 3 27100 Pavia La soluzione Rete Picchi Cali di tensione Armoniche?

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

DK 5940 Aprile 2007 Ed. 2.2-1/47

DK 5940 Aprile 2007 Ed. 2.2-1/47 Ed. 2.2-1/47 INDICE Pagina 1 SCOPO DELLE PRESCRIZIONI 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO 2 4 DEFINIZIONI 3 5 CRITERI GENERALI 4 5.1 CRITERI GENERALI DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI

INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI APPUNTI DI ELETTROTECNICA INVERTER per MOTORI ASINCRONI TRIFASI A cosa servono e come funzionano A cura di Marco Dal Prà www.marcodalpra.it Versione n. 3.3 - Marzo 2013 Inverter Guida Tecnica Ver 3.3 Pag.

Dettagli

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE

SOCCORRITORE IN CORRENTE CONTINUA Rev. 1 Serie SE Le apparecchiature di questa serie, sono frutto di una lunga esperienza maturata nel settore dei gruppi di continuità oltre che in questo specifico. La tecnologia on-line doppia conversione, assicura la

Dettagli

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI

IMPIANTI ELETTRICI CIVILI UNIVERSITA DEGLI STUDI DI FIRENZE Facoltà di Architettura Corso di Fisica Tecnica Ambientale Prof. F. Sciurpi - Prof. S. Secchi A.A. A 2011-20122012 IMPIANTI ELETTRICI CIVILI Per. Ind. Luca Baglioni Dott.

Dettagli

IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO

IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO IMPIANTI OFF GRID E SISTEMI DI ACCUMULO VIDEO SMA : I SISTEMI OFF GRID LE SOLUZIONI PER LA GESTIONE DELL ENERGIA Sistema per impianti off grid: La soluzione per impianti non connessi alla rete Sistema

Dettagli

I motori elettrici più diffusi

I motori elettrici più diffusi I motori elettrici più diffusi Corrente continua Trifase ad induzione Altri Motori: Monofase Rotore avvolto (Collettore) Sincroni AC Servomotori Passo Passo Motore in Corrente Continua Gli avvolgimenti

Dettagli

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W

AC Anywhere. Inverter. Manuale utente. F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W AC Anywhere Inverter (prodotto di classe II) Manuale utente F5C400u140W, F5C400u300W F5C400eb140W e F5C400eb300W Leggere attentamente le istruzioni riguardanti l installazione e l utilizzo prima di utilizzare

Dettagli

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA

Dell Smart-UPS 1500 3000 VA Dell Smart-UPS 100 000 VA 0 V Protezione interattiva avanzata dell'alimentazione per server e apparecchiature di rete Affidabile. Razionale. Efficiente. Gestibile. Dell Smart-UPS, è l'ups progettato da

Dettagli

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A.

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DI UTENTI ATTIVI E PASSIVI ALLE RETI MT DI AEM TORINO DISTRIBUZIONE S.p.A. Pagina 1 di 48 INDICE 1. SCOPO E CAMPO DI APPLICAZIONE... 5 2. BASI PRINCIPALI E DEFINIZIONI...

Dettagli

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis

CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO. Prof. Silvio Stasi Dott. Ing. Nadia Salvatore Dott. Ing. Michele Debenedictis CONTROLLO SCALARE V/Hz DEL MOTORE ASINCRONO SCHEMA DELL AZIONAMENTO A CATENA APERTA AZIONAMENTO L azionamento a catena aperta comprende il motore asincrono e il relativo convertitore statico che riceve

Dettagli

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione.

ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. ALLEGATO al verbale della riunione del 3 Settembre 2010, del Dipartimento di Elettrotecnica e Automazione. COMPETENZE MINIME- INDIRIZZO : ELETTROTECNICA ED AUTOMAZIONE 1) CORSO ORDINARIO Disciplina: ELETTROTECNICA

Dettagli

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA

2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2. FONDAMENTI DELLA TECNOLOGIA 2.1 Principio del processo La saldatura a resistenza a pressione si fonda sulla produzione di una giunzione intima, per effetto dell energia termica e meccanica. L energia

Dettagli

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente

Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1. Manuale utente Uninterruptible Power Supply ERA LCD 0.65 ERA LCD 0.85 ERA LCD 1.1 Manuale utente Indice Avvisi di Sicurezza... 2 1 Introduzione... 3 2 Caratteristiche Generali... 3 3 Ricevimento e Collocazione... 4

Dettagli

Applicazione dei sistemi di accumulo elettrici in ambito industriale

Applicazione dei sistemi di accumulo elettrici in ambito industriale Applicazione dei sistemi di accumulo elettrici in ambito industriale D. Iannuzzi, E. Pagano, P. Tricoli Report RSE/2009/46 Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente RICERCA SISTEMA ELETTRICO

Dettagli

Inverter e connessione alla rete alla rete elettrica

Inverter e connessione alla rete alla rete elettrica SPECIALE TECNICO Inverter e connessione alla rete alla rete elettrica Francesco Groppi Comitato Elettrotecnico Italiano (CEI, CT82, Working Group 2 Inverter) SPONSOR www.fronius.com www.mastervoltsolar.it

Dettagli

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO

SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO LA PROTEZIONE DELLE CONDUTTURE CONTRO LE SOVRACORRENTI DEFINIZIONI NORMA CEI 64-8/2 TIPOLOGIE DI SOVRACORRENTI + ESEMPI SEGNI GRAFICI E SIMBOLI ELETTRICI PER SCHEMI DI IMPIANTO DISPOSITIVI DI PROTEZIONE

Dettagli

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.)

Statiche se la trasformazione dell energia avviene senza organi in movimento (es. Trasformatori.) Macchine elettriche parte Macchine elettriche Generalità Definizioni Molto spesso le forme di energia in natura non sono direttamente utilizzabili, ma occorre fare delle conversioni. Un qualunque sistema

Dettagli

UPS Communicator. UPS Communicator - Manuale Italiano Release 1.16 1

UPS Communicator. UPS Communicator - Manuale Italiano Release 1.16 1 UPS Communicator 1 Licenza d uso L'uso del SOFTWARE prodotto da Legrand (il PRODUTTORE) è gratuito. Procedendo di spontanea volontà all'installazione l UTENTE (persona fisica o giuridica) accetta i rischi

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA

PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA PERICOLI DERIVANTI DALLA CORRENTE ELETTRICA CONTATTI DIRETTI contatti con elementi attivi dell impianto elettrico che normalmente sono in tensione CONTATTI INDIRETTI contatti con masse che possono trovarsi

Dettagli

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I)

Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) Compressori serie P Dispositivi elettrici (PA-05-02-I) 5. MOTORE ELETTRICO 2 Generalità 2 CONFIGURAZIONE PART-WINDING 2 CONFIGURAZIONE STELLA-TRIANGOLO 3 Isolamento del motore elettrico 5 Dispositivi di

Dettagli

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni

Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni Condensatori per rifasamento industriale in Bassa Tensione: tecnologia e caratteristiche. Ing Guido Picci Ing Silvano Compagnoni 1 Tecnologia dei condensatori Costruzione Com è noto, il principio costruttivo

Dettagli

Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche. ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico

Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche. ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico Impianto elettrico nelle applicazioni aeronautiche ITIS Ferentino Trasporti e Logistica Costruzione del Mezzo Aeronautico prof. Gianluca Venturi Indice generale Richiami delle leggi principali...2 La prima

Dettagli

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO

DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO DC AC POWER INVERTERS ONDA SINOSOIDALE PURA AP12-1000NS / AP12-1500NS AP24-1000NS / AP24-1500NS LIBRETTO PER LA MESSA IN SERVIZIO E L UTILIZZO - PRECAUZIONI DI SICUREZZA - LEGGERE ATTENTAMENTE PRIMA DELL

Dettagli

Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI

Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI Materiale e strumenti: Prof. Antonino Cucinotta LABORATORIO DI ELETTRONICA CIRCUITI RADDRIZZATORI -Diodo raddrizzatore 1N4001 (50 V 1A) -Ponte raddrizzatore da 50 V 1 A -Condensatori elettrolitici da 1000

Dettagli

Valutazione dell'impatto dell'utilizzo delle batterie al litio nelle applicazioni stazionarie

Valutazione dell'impatto dell'utilizzo delle batterie al litio nelle applicazioni stazionarie Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente RICERCA SISTEMA ELETTRICO Valutazione dell'impatto dell'utilizzo delle batterie al litio nelle applicazioni stazionarie Romano Giglioli, Davide Poli

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Guida tecnica N. 6. Guida alle armoniche negli azionamenti in c.a.

Guida tecnica N. 6. Guida alle armoniche negli azionamenti in c.a. Guida tecnica N. 6 Guida alle armoniche negli azionamenti in c.a. 2 Guida tecnica N.6 - Guida alle armoniche negli azionamenti in c.a. Indice 1. Introduzione... 5 2. Nozioni di base sul fenomeno delle

Dettagli

Architettura dei Calcolatori

Architettura dei Calcolatori Architettura dei Calcolatori Sistema di memoria parte prima Ing. dell Automazione A.A. 2011/12 Gabriele Cecchetti Sistema di memoria parte prima Sommario: Banco di registri Generalità sulla memoria Tecnologie

Dettagli

Ridondante Modulare Affidabile

Ridondante Modulare Affidabile Ridondante Modulare Affidabile Provata efficacia in decine di migliaia di occasioni Dal 1988 sul mercato, i sistemi di chiusura Paxos system e Paxos compact proteggono oggi in tutto il mondo valori per

Dettagli

Interruttori ABB per applicazioni in corrente continua

Interruttori ABB per applicazioni in corrente continua Settembre 2007 1SDC007104G0901 Interruttori ABB per applicazioni in corrente continua Interruttori ABB per applicazioni in corrente continua Indice 1 Introduzione... 2 2 Generalità sulla corrente continua...

Dettagli

Watt e Voltampere: facciamo chiarezza

Watt e Voltampere: facciamo chiarezza Watt e Voltampere: facciamo chiarezza White Paper n. 15 Revisione 1 di Neil Rasmussen > Sintesi Questa nota spiega le differenze tra Watt e VA e illustra l uso corretto e non dei termini utilizzati per

Dettagli

ISTITUTI PROFESSIONALI

ISTITUTI PROFESSIONALI ISTITUTI PROFESSIONALI Settore Industria e Artigianato Indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica Nell indirizzo Manutenzione e assistenza tecnica sono confluiti gli indirizzi del previgente ordinamento

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile Viene detto sistema polifase un sistema costituito da più tensioni o da più correnti sinusoidali, sfasate l una rispetto all altra. Un sistema polifase è simmetrico quando le grandezze sinusoidali hanno

Dettagli

MODELLISTICA DINAMICA DI SISTEMI FISICI

MODELLISTICA DINAMICA DI SISTEMI FISICI CONTROLLI AUTOMATICI Ingegneria Gestionale http://www.automazione.ingre.unimore.it/pages/corsi/controlliautomaticigestionale.htm MODELLISTICA DINAMICA DI SISTEMI FISICI Ing. Federica Grossi Tel. 059 2056333

Dettagli

Protezione dai contatti indiretti

Protezione dai contatti indiretti Protezione dai contatti indiretti Se una persona entra in contatto contemporaneamente con due parti di un impianto a potenziale diverso si trova sottoposto ad una tensione che può essere pericolosa. l

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI

PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI PROTEZIONE DAI CONTATTI DIRETTI ED INDIRETTI Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università

Dettagli

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico

Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico UNIVERSITÁ DEGLI STUDI DELL AQUILA Scuola di Specializzazione per la Formazione degli Insegnanti nella Scuola Secondaria Analogia tra il circuito elettrico e il circuito idraulico Prof. Umberto Buontempo

Dettagli

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine

Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine Procedure tecniche da seguire nel caso di sollevamento persone con attrezzature non previste a tal fine INDICE 1. Premessa 2. Scopo della procedura e campo di applicazione 3. Definizioni 4. indicazioni

Dettagli

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP

GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP GRUPPO DI CONTINUITA' 12 V - BATTERIA BACKUP Salve, questo circuito nasce dall'esigenza pratica di garantire continuità di funzionamento in caso di blackout (accidentale o provocato da malintenzionati)

Dettagli

SUNSAVER TM MANUALE DELL'OPERATORE. e-mail: info@morningstarcorp.com web: www.morningstarcorp.com REGOLATORE FOTOVOLTAICO

SUNSAVER TM MANUALE DELL'OPERATORE. e-mail: info@morningstarcorp.com web: www.morningstarcorp.com REGOLATORE FOTOVOLTAICO SUNSAVER TM REGOLATORE FOTOVOLTAICO MANUALE DELL'OPERATORE e-mail: info@morningstarcorp.com web: www.morningstarcorp.com MANUALE DELL'OPERATORE RIEPILOGO SPECIFICHE Volt sistema Volt PV massimi Ingresso

Dettagli

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1

LATCH E FLIP-FLOP. Fig. 1 D-latch trasparente per ck=1 LATCH E FLIPFLOP. I latch ed i flipflop sono gli elementi fondamentali per la realizzazione di sistemi sequenziali. In entrambi i circuiti la temporizzazione è affidata ad un opportuno segnale di cadenza

Dettagli

Forma d onda rettangolare non alternativa.

Forma d onda rettangolare non alternativa. Forma d onda rettangolare non alternativa. Lo studio della forma d onda rettangolare è utile, perché consente di conoscere il contenuto armonico di un segnale digitale. FIGURA 33 Forma d onda rettangolare.

Dettagli

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO

CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO VALIDO PER MOD. DTCHARGE E 1000 CABLAGGI ED ISTRUZIONI DI UTILIZZO LEGGERE CON CURA IN OGNI SUA PARTE PRIMA DI ALIMENTARE TOGLIAMO IL COPERCHIO, COSA FARE?? Il DTWind monta alternatori tri fase. Ne consegue

Dettagli

Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile

Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile Totally Integrated Power SIESTORAGE Il sistema di accumulo di energia modulare per un'alimentazione di energia affidabile www.siemens.com/siestorage Totally Integrated Power (TIP) Portiamo la corrente

Dettagli

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Alma Mater Studiorum - Università di Bologna Facoltà di Ingegneria Corso di laurea specialistica in Ingegneria Elettrica AZIONAMENTI ELETTRICI ANALISI E SIMULAZIONE DI UN CONVERTITORE A TRE LIVELLI PER

Dettagli

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei

L OSCILLOSCOPIO. L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei L OSCILLOSCOPIO L oscilloscopio è il più utile e versatile strumento di misura per il test delle apparecchiature e dei circuiti elettronici. Nel suo uso abituale esso ci consente di vedere le forme d onda

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT

PROTEZIONE DAI CONTATTI INDIRETTI NEI SISTEMI TT POTEZONE DA CONTATT NDETT NE SSTEM TT Appunti a cura dell ng. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d ngegneria dell Università degli

Dettagli

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione

TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA. 1 Fondamenti Segnali e Trasmissione TRASMISSIONE DATI SU RETE TELEFONICA Fondamenti Segnali e Trasmissione Trasmissione dati su rete telefonica rete telefonica analogica ISP (Internet Service Provider) connesso alla WWW (World Wide Web)

Dettagli

MACCHINA SINCRONA TRIFASE

MACCHINA SINCRONA TRIFASE MACCHIA SICROA TRIFASE + + + + + + + + + + + + + + + + + + L avvolgimento di eccitazione, percorso dalla corrente continua i e, crea una f.m.m. al traferro e quindi un campo magnetico in modo tale che

Dettagli

IMPIANTI ELETTTRICI parte II

IMPIANTI ELETTTRICI parte II IMPIANTI ELETTTRICI parte II di Delucca Ing. Diego PROTEZIONE DI UN IMPIANTO DAI SOVRACCARICHI E DAI CORTO CIRCUITI Una corrente I che passa in un cavo di sezione S, di portata IZ è chiamata di sovracorrente

Dettagli

Cabine MT/BT: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito

Cabine MT/BT: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito 2 Febbraio 28 Quaderni di Applicazione ecnica 1SDC7101G0902 Cabine M/B: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito Cabine M/B: teoria ed esempi di calcolo di cortocircuito Indice 1 Generalità sulle cabine

Dettagli

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua

Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Calcolo delle linee elettriche a corrente continua Il calcolo elettrico delle linee a corrente continua ha come scopo quello di determinare la sezione di rame della linea stessa e la distanza tra le sottostazioni,

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica La corrente elettrica La corrente elettrica è un movimento di cariche elettriche che hanno tutte lo stesso segno e si muovono nello stesso verso. Si ha corrente quando: 1. Ci sono cariche elettriche; 2.

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI

IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI IMPIANTI FOTOVOLTAICI PER LA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA INSTALLATI SU EDIFICI LINEE D INDIRIZZO PER LA VALUTAZIONE DEI RISCHI CORRELATI ALL INSTALLAZIONE DI IMPIANTI FOTOVOTAICI SU EDIFICI DESTINATI

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7

APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 APPUNTI DI MACCHINE ELETTRICHE versione 0.7 11 settembre 2007 2 Indice 1 ASPETTI GENERALI 7 1.1 Introduzione........................................ 7 1.2 Classificazione delle macchine elettriche........................

Dettagli

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA

Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Concetti di base sulla CORRENTE ELETTRICA Argomenti principali Concetti fondamentali sull'atomo, conduttori elettrici, campo elettrico, generatore elettrico Concetto di circuito elettrico (generatore-carico)

Dettagli

CATALOGO. Soluzioni per la protezione della potenza di apparecchiature di rete e IT

CATALOGO. Soluzioni per la protezione della potenza di apparecchiature di rete e IT CATALOGO Soluzioni per la protezione della potenza di apparecchiature di rete e IT 0 0 Scelta della soluzione su misura per la protezione Tecnologie UPS VFD offline (Voltage and Frequency Dependent) Le

Dettagli

FUNZIONAMENTO DI UN BJT

FUNZIONAMENTO DI UN BJT IL TRANSISTOR BJT Il transistor inventato nel 1947, dai ricercatori Bardeen e Brattain, è il componente simbolo dell elettronica. Ideato in un primo momento, come sostituto delle valvole a vuoto per amplificare

Dettagli

Le sette differenti problematiche relative all'alimentazione elettrica

Le sette differenti problematiche relative all'alimentazione elettrica Le sette differenti problematiche relative all'alimentazione elettrica White Paper 18 Revisione 1 A cura di Joseph Seymour e Terry Horsley > In sintesi Molti dei misteri relativi ai guasti delle apparecchiature,

Dettagli

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione

Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Technical Support Bulletin No. 15 Problemi Strumentazione Sommario! Introduzione! Risoluzione dei problemi di lettura/visualizzazione! Risoluzione dei problemi sugli ingressi digitali! Risoluzione di problemi

Dettagli

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO

Corso di Impianti Tecnici per l'edilizia - E. Moretti. Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO 1 Impianti di Climatizzazione e Condizionamento CLASSIFICAZIONE DEGLI IMPIANTI DI CONDIZIONAMENTO Premessa Gli impianti sono realizzati con lo scopo di mantenere all interno degli ambienti confinati condizioni

Dettagli

Filtri attivi del primo ordine

Filtri attivi del primo ordine Filtri attivi del primo ordine Una sintesi non esaustiva degli aspetti essenziali (*) per gli allievi della 4 A A T.I.E. 08-09 (pillole per il ripasso dell argomento, da assumere in forti dosi) (*) La

Dettagli

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo

Generatori di segnale. Generatore sinusoidale BF. Generatori di funzione. Generatori sinusoidali a RF. Generatori a battimenti. Oscillatori a quarzo Generatori di segnale Generatore sinusoidale BF Generatori di funzione Generatori sinusoidali a RF Generatori a battimenti Oscillatori a quarzo Generatori per sintesi indiretta 2 2006 Politecnico di Torino

Dettagli

1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica

1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica 1. Determinazione del valore di una resistenza mediante misura voltamperometrica in corrente continua Si hanno a disposizione : 1 alimentatore di potenza in corrente continua PS 2 multimetri digitali 1

Dettagli

TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE.

TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE. TESTER PROVA ALIMENTATORI A 12 VOLT CC CON CARICO VARIABILE MEDIANTE COMMUTATORI DA 4,2 A 29,4 AMPÉRE. Nello Mastrobuoni, SWL 368/00 (ver. 1, 06/12/2011) Questo strumento è utile per verificare se gli

Dettagli

AMBRA. Unità di recupero calore con circuito frigorifero integrato

AMBRA. Unità di recupero calore con circuito frigorifero integrato Ventilatori Unità trattamento aria Diffusori Antincendio Veli d aria e prodotti per il riscaldamento Ventilazione per galleria AMBRA Unità di recupero calore con circuito frigorifero integrato Systemair

Dettagli

Un'analogia con il circuito idraulico

Un'analogia con il circuito idraulico Pompa Generatore di tensione (pila) Flusso d acqua PUNTI DI DOMANDA Differenza di potenziale Rubinetto Mulinello Lampadina Corrente elettrica 1. Che cos è l energia elettrica? E la corrente elettrica?

Dettagli

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI

SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI SISTEMA DI CONTROLLO DISTRIBUITO DI UN IMPIANTO DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA RIFIUTI NON PERICOLOSI s.d.i. automazione industriale ha fornito e messo in servizio nell anno 2003 il sistema di controllo

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche

Manuale d uso. Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche Manuale d uso Regolatore di carica EP5 con crepuscolare Per abitazioni, baite, camper, caravan, barche ITALIANO IMPORTANTI INFORMAZIONI SULLA SICUREZZA Questo manuale contiene importanti informazioni sulla

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico

Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Ventilconvettori Cassette Sabiana SkyStar ECM con motore elettronico a basso consumo energetico Se potessi avere il comfort ideale con metà dei consumi lo sceglieresti? I ventilconvettori Cassette SkyStar

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

ELEMENTI DI ELETTROTECNICA

ELEMENTI DI ELETTROTECNICA ELEMENTI DI ELETTROTECNICA 1. TENSIONE E CORRENTE La storia dell elettricità prende avvio dalla particolare proprietà di una sostanza, l ambra, che strofinata con altra sostanza in grado di riscaldarsi,

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ

PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA COME E PERCHÉ Perché produrre energia elettrica Tutta la società moderna si basa sul consumo di energia, per fare qualsiasi attività necessitiamo di qualche forma di energia.

Dettagli

SISTEMI ELETTRICI A BORDO DELLE NAVI

SISTEMI ELETTRICI A BORDO DELLE NAVI POLITECNICO DI MILANO DIPARTIMENTO DI ELETTROTECNICA 20133 Milano - Piazza Leonardo da Vinci 32 Telefono: 02-2399/3702 3740 3741 Telex 333467 POLIMI-I Telefax: 02-23993703 Codice Fiscale 80057930150 P.

Dettagli

Versione EMEA. Guida pratica agli UPS

Versione EMEA. Guida pratica agli UPS Versione EMEA Guida pratica agli UPS Benvenuti nella guida pratica UPS Eaton Questa guida completa include tutte le informazioni di cui i rivenditori hanno bisogno per comprendere e vendere le soluzioni

Dettagli

Oscilloscopi serie WaveAce

Oscilloscopi serie WaveAce Oscilloscopi serie WaveAce 60 MHz 300 MHz Il collaudo facile, intelligente ed efficiente GLI STRUMENTI E LE FUNZIONI PER TUTTE LE TUE ESIGENZE DI COLLAUDO CARATTERISTICHE PRINCIPALI Banda analogica da

Dettagli

Un contatore di energia elettrica attiva è un dispositivo che misura l'energia elettrica attiva consumata in un circuito

Un contatore di energia elettrica attiva è un dispositivo che misura l'energia elettrica attiva consumata in un circuito Allegati Specifici - Allegato MI-003 CONTATORI DI ENERGIA ELETTRICA ATTIVA Ai contatori energia elettrica attiva destinati ad uso residenziale, commerciale, e industriale leggero si applicano i requisiti

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI

ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI ITALIA: PRESENTAZIONE DEL SOSTEGNO FINANZIARIO STIMATO E DELLE AGEVOLAZIONI TRIBUTARIE PER I COMBUSTIBILI FOSSILI Risorse energetiche e struttura del mercato L Italia produce piccoli volumi di gas naturale

Dettagli

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi.

Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Come utilizzare il contatore elettronico trifase. E scoprirne tutti i vantaggi. Indice Il contatore elettronico. Un sistema intelligente che lavora con te 2 Un contatore che fa anche bella figura 3 Oltre

Dettagli

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub

Mai più offline. viprinet. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub viprinet Mai più offline. Multichannel VPN Router Multichannel VPN Hub Adatti per la connettività Internet e reti VPN Site-to-Site Bounding effettivo delle connessioni WAN (fino a sei) Design modulare

Dettagli

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule

ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO. Ing. Guido Saule 1 ELEMENTI DI RISCHIO ELETTRICO Ing. Guido Saule Valori delle tensioni nominali di esercizio delle macchine ed impianti elettrici 2 - sistemi di Categoria 0 (zero), chiamati anche a bassissima tensione,

Dettagli

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3

Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Corso di Amministrazione di Sistema Parte I ITIL 3 Francesco Clabot Responsabile erogazione servizi tecnici 1 francesco.clabot@netcom-srl.it Fondamenti di ITIL per la Gestione dei Servizi Informatici Il

Dettagli

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione...

Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Introduzione ai principi ed ai metodi di progettazione degli impianti elettrici di media e di bassa tensione... Parte I Introduzione Capitolo 1 IMPIANTI ELETTRICI, DISPOSIZIONI LEGISLATIVE E NORME TECNICHE

Dettagli

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI

FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE. a cura di G. SIMONELLI FONDAMENTI TEORICI DEL MOTORE IN CORRENTE CONTINUA AD ECCITAZIONE INDIPENDENTE a cura di G. SIMONELLI Nel motore a corrente continua si distinguono un sistema di eccitazione o sistema induttore che è fisicamente

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

ALTOPARLANTE SUPER BASS PORTATILE BLUETOOTH

ALTOPARLANTE SUPER BASS PORTATILE BLUETOOTH ALTOPARLANTE SUPER BASS PORTATILE BLUETOOTH Manuale DA-10287 Grazie per aver acquistato l'altoparlante portatile Super Bass Bluetooth DIGITUS DA-10287! Questo manuale d'istruzioni vi aiuterà ad iniziare

Dettagli

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it

Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Corso di laurea magistrale in Ingegneria delle Telecomunicazioni Metodi e Strumenti per la Caratterizzazione e la Diagnostica di Trasmettitori Digitali RF ing. Gianfranco Miele g.miele@unicas.it Trasmettitore

Dettagli