Impianti di rifasamento automatici in presenza di armoniche. Problemi e soluzioni. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 1

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Impianti di rifasamento automatici in presenza di armoniche. Problemi e soluzioni. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 1"

Transcript

1 Impianti di rifasamento automatici in presenza di armoniche. Problemi e soluzioni. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 1

2 Cosa significa rifasare Per molti tipi di utilizzatori (motori, lampade fluorescenti, forni ad induzione, ecc), parte della potenza apparente, detta potenza reattiva induttiva (Q), è utilizzata per eccitare circuiti magnetici, quindi non può essere utilizzata per svolgere un lavoro. Conseguentemente a ciò, un utilizzatore con basso fattore di potenza, richiede alla rete di distribuzione elettrica, più potenza apparente, quindi più corrente, rispetto un utilizzatore con fattore di potenza più elevato. Al fine di contenere le cadute di tensione e le perdite di rete, per evitare quindi maggiori oneri relativi al sovradimensionamento, i distributori di energia elettrica prevedono l applicazione di penali per basso fattore di potenza; il fattore di potenza medio mensile deve essere superiore a 0,9. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 2

3 Cosa significa rifasare Per non vedersi applicata la penale per basso fattore di potenza, gli utenti elettrici, devono portare il loro fattore di potenza ad un valore superione a 0,9 ma inferiore a 1; questa operazione si chiama RIFASAMENTO. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 3

4 Come mi accorgo se è necessario rifasare? Il primo elemento che necessario verificare è la fattura di energia elettrica (vedi box): A volte il valore del cos φ non viene riportato P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 4

5 Come mi accorgo se è necessario rifasare? Se il valore del cos φ non è riportato devo verificare la necessità di rifasamento in altro modo: 1. Verifico i valori potenza attiva, di energia attiva ed energia reattiva misurata dai contatori dell ente distributore ed eseguo la seguente operazione. 2. Divisione tra valore energia reattiva e valore energia attiva. - tan φ = kvarh/kwh (RA in tab.) - cerco il relativo valore del cos φ con l ausilio della tabella successiva P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 5 kw kvar/h kwh

6 Come mi accorgo se è necessario rifasare? Ricerco il valore di tan φ (prima ottenuto con la divisione) e ricavo il relativo valore del cos φ. Per esempio Se il valore del cos φ è inferiore a 0,9 occorre rifasare P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 6

7 Devo rifasare!! Ora? DEVO scegliere la macchina più indicata per rifasare. DO per scontato che la macchina sarà del tipo AUTOMATICA. Il tipo di rifasamento sarà del tipo CENTRALIZZATO Ora mi si presentano 2 strade: 1. Effettuo un dimensionamento della stessa con l ausilio delle fatture di energia elettrica; 2. Effettuo un dimensionamento effettuando delle misure (scelta migliore); P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 7

8 Tipologie rifasamento Centralizzato Distribuito Per gruppi P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 8

9 Dimensionamento con fattura e.e. Nel sito di installazione DEVONO essere verificare ad appurate le seguenti condizioni: 1. NON DEVONO essere presenti motori con INVERTER, oppure possono ESSERE presenti motori con inverter SOLO di piccola potenza; 2. NON DEVONO essere presenti apparecchiature / macchine dotate di elettronica, oppure possono ESSERE presenti apparecchiature / macchine dotate di elettronica in quantità LIMITATA; 3. NON DEVONO essere presenti macchine funzionanti in corrente continua, oppure possono ESSERE presenti macchine funzionanti in corrente continua ma SOLO di piccola potenza. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 9

10 Dimensionamento con fattura e.e Se le condizioni esposte nella pagina precedente SONO TUTTE SODDISFATTE, allora è possibile procedere con un dimensionamento della nuova apparecchiatura di rifasamento, fermo restando che lo stesso, sicuramente non risulterà essere ottimale in quanto che alcuni parametri verranno solo stimati e non misurati. Prendo nota quindi dei seguenti dati dalla fattura di e.e.: Consumo energia reattiva (kvarh); Consumo energia attiva (kwh); Potenza attiva (kw); Fattore di potenza (se presente altrimenti lo valuto con la tabella presente a pag.7 o seguente). P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 10

11 Dimensionamento con fattura e.e Definito il cos φ dell impianto vado a trovare il coefficiente K moltiplicativo della potenza attiva misurata dal contatore di e.e. (vedi tabella pagina seguente). P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 11

12 Dimensionamento con fattura e.e Incrocio i dati al fine di trovare il coefficiente K (per rifasare a cos φ 0,92 o 0,94) moltiplicativo della potenza attiva. Moltiplicando il valore di P per il coeff. K trovo la potenza necessaria per rifasare, riferita alla tensione di rete. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 12

13 Dimensionamento con fattura e.e Se nel sito: NON sono presenti INVERTER, AZIONAMENTI, ALIMENTATORI IN C.C. Si sceglieranno apparecchiature di rifasamento con tensione nominale pari a 400 V. SONO PRESENTI in quantità limitata INVERTER, AZIONAMENTI, ALIMENTATORI in c.c. Si sceglieranno apparecchiature di rifasamento con tensione nominale superione (indicativamente, ma dipende dalle case costruttrici, a 420 V o 440 V). P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 13

14 ESEMPIO Dimensionamento con fattura e.e P= 43 kw ER= kvarh EA= kwh Cos φ= 0,691 ER/EA= RA = 1,04 cos φ= 0,69 P = 43 kw K ----> da tabella precedente da cos φ 0,691 a cos φ 0,94 = 0,69 Q = P * K = 43 * 0,69 = 29,67 kvar Pot. Rifasamento a 400 V circa 30 kvar Pot. Rifasamento a 440 V circa 38 kvar (Q a 400 V * /400 2 ) P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 14

15 Dimensionamento con misura E il metodo migliore in quanto si possono misurare tutti i parametri elettrici necessari al fine del dimensionamento corretto dell apparecchiatura di rifasamento automatica, quali: 1. Tensione di rete; 2. Potenza assorbita reale; 3. Fattore di potenza medio e massimo; 4. Livello di armoniche presenti; 5. Ecc. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 15

16 Dimensionamento con misura Lo strumento di misura DEVE essere collegato subito a valle del contatore di energia elettrica oppure a monte del quadro elettrico generale, inoltre: 1. DEVE essere verificato l esatto inserimento (esatta corrispondenza tra pinza amperometrica e puntali di tensione); 2. Senso ciclico corretto; 3. Rapporti di trasformazione per TA aggiuntivi corretti; 4. Ecc. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 16

17 Dimensionamento con misura A questo punto è possibile iniziare la misura. La stessa dovrà avere una durata tale da misurare situazioni di funzionamento differenti, per esempio: 1. A basse potenza attive assorbite, con alti valori di fattore di potenza; 2. Ad alte potenza attive assorbite, con bassi fattori di potenza; 3. Misura di armoniche presenti; 4. Ecc. Indicativamente la durata di una misura può essere compresa tra 1 ora circa fino ad un massimo anche di alcuni giorni. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 17

18 Dimensionamento con misura A seconda dello strumento / analizzatore di rete utilizzato, vengono rilasciati report di tipo cartaceo o su supporto informatico; a seguito di ciò posso analizzare gli stessi e ricavare: Tensione di rete trifase (media); Fattore di potenza (medio); Potenza attiva reale (media) Distorsione armonica complessiva (TDH%). P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 18

19 ESEMPIO Dimensionamento con misura Dai dati misurati sono emersi i seguenti valori: P= 253 kw U= 385 V Cos φ= 0,75 TDH%I= 5 % TDH%V= 1 % P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 19

20 ESEMPIO Dimensionamento con misura PASSO N 1 P = 253 kw K ----> da tabella precedente (pag. 13) da cos φ 0,75 a cos φ 0,94 = 0,52 Q = P * K = 253 * 0,52 = 131,567 kvar Potenza rifasamento a 385 V circa 132 kvar PASSO N 2 Verifico sul catalogo del quadro di rifasamento automatico, la tensione nominale dei condensatori per un TDH%I pari al 5% P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 20

21 ESEMPIO Dimensionamento con misura PASSO N 3 Ricalcolo la potenza reattiva necessaria a rifasare l impianto (prima calcolata a circa 132 kvar) alla tensione di riferimento del quadro di rifasamento. PASSO N 4 In base al catalogo e al TDH% stabilisco che la tensione di riferimento del quadro di rifasamento sarà pari a 440 V. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 21

22 ESEMPIO Dimensionamento con misura Q quadro= Q * ( U rif2 / U rete2 ) = 131 * ( / ) = 131 * ( / ) = 131 *1,306 = 171 kvar PASSO N 5 Il quadro di rifasamento che si andrà a scegliere dovrà avere una potenza reattiva pari a 180 kvar con condensatori aventi tensione nominale di 440 V adatto per TDH% inferiori al 5 %. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 22

23 Armoniche cosa sono e come gestire il rifasamento Quando in una rete elettrica in c.a. tensione e correnti non sono più sinusoidali a causa della presenza di circuiti magnetici in saturazione o impedenze non lineari, i loro andamenti nel tempo, possono essere considerati come ottenuti dalla somma di un onda sinusoidale detta fondamentale e da più onde sinusoidali a frequenze più alte dette armoniche. La presenza di armoniche in una rete con condensatori, provoca sul condensatore stesso un sovraccarico di valore: I t = I 12 + I I h 2 Dove It è la corrente totale, I 1 è la corrente a 50 hz, I 2 è la corrente dell armonica di secondo ordine, I h è la corrente dell armonica di ordine h. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 23

24 Armoniche cosa sono e come gestire il rifasamento P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 24

25 Armoniche cosa sono e come gestire il rifasamento P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 25

26 Armoniche cosa sono e come gestire il rifasamento La situazione peggiore, si ha quando si è una condizione di risonanza parallelo. La frequenza di risonanza, è la frequenza per cui la reattanza induttiva della rete è uguale alla reattanza capacitiva dei condensatori di rifasamento. Pertanto quando la frequenza della corrente armonica coincide con quella che porta in risonanza il sistema condensatore-rete, la corrente nel circuito elettrico aumenta anche se la tensione resta costante. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 26

27 Armoniche cosa sono e come gestire il rifasamento Gli inconvenienti che si possono riscontrare sono quindi i seguenti: Sovraccarichi nei condensatori delle batterie di rifasamento; Sovraccarico nell eventuale condensatore di neutro; Perdite addizionali nei trasformatori e nei motori; Errori di misura; Interventi intempestivi nei relè di protezione; Disturbi nella apparecchiature elettroniche; Ecc. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 27

28 Armoniche cosa sono e come gestire il rifasamento Nel momento in cui viene eseguita una misura, ci si rende conto del livello armonico presente nel tempo nell impianto elettrico, si DEVE tener conto comunque che l inserimento nella rete elettrica di condensatori, porterà il sistema, irrimediabilmente a modificarsi e quindi ogni variazione futura di uno dei due parametri (capacità e induttanza), potrà portare il sistema ad entrare in risonanza con tutte le problematicità sopra elencate. (vedi grafico seguente) P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 28

29 Armoniche cosa sono e come gestire il rifasamento Avanzamento dopo misura P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 29

30 Armoniche cosa sono e come gestire il rifasamento Per meglio definire se un impianto di rifasamento necessita di accorgimenti per ridurre il rischio di risonanza nella pagina seguente è stato riportato un flow chart da seguire, fermo restando la possibilità di definire i carichi potenzialmente distorcenti. (vedi grafico seguente) Dove: At è la potenza del trasformatore MT/BT Qr è la potenza del quadro di rifasamento adottato TDH% è l indice di distorsione armonica nel punto di installazione del QE di rifasamento (in caso di mancanza di questo dato, moltiplicare per 30 il rapporto tra la potenza dei carichi distorcenti e la potenza di tutti i carichi) P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 30

31 Armoniche cosa sono e come gestire il rifasamento P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 31

32 Armoniche cosa sono e come gestire il rifasamento Quindi: Per impianti con contenuto armonico da basso ad alto ma in assenza di risonanza è sufficiente utilizzare condensatori aventi tensione nominale sempre maggiore: 400 V; 420 V: 440 V; 500 V; ecc. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 32

33 Armoniche cosa sono e come gestire il rifasamento Invece: Per impianti con contenuto armonico elevato ed in presenza di pericolo di risonanza o risonanza accertata già al momento di misura, è necessario adottare quadri di rifasamento con bobine di disaccoppiamento o di antirisonanza: 420 V + bobina; 500 V + bobina; ecc. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 33

34 Armoniche cosa sono e come gestire il rifasamento Ecco come è una bobina di disaccoppiamento o antirisonanza P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 34

35 Armoniche cosa sono e come gestire il rifasamento Ecco cosa può succedere ad una bobina antirisonanza sottodimensionata P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 35

36 Rifasamenti fissi (NON AUTOMATICI) Alcune apparecchiature è necessario rifasarle con impianti di rifasamento fissi al fine di ridurre le perdite a vuoto, un esempio classico sono i trasformatori MT/BT. P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 36

37 Termine presentazione P.I. MB 16/06/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 37

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT

Le Armoniche INTRODUZIONE RIFASAMENTO DEI TRASFORMATORI - MT / BT Le Armoniche INTRODUZIONE Data una grandezza sinusoidale (fondamentale) si definisce armonica una grandezza sinusoidale di frequenza multipla. L ordine dell armonica è il rapporto tra la sua frequenza

Dettagli

IL RIFASAMENTO. La necessità del rifasamento

IL RIFASAMENTO. La necessità del rifasamento IL RIFASAMENTO La necessità del rifasamento Il rifasamento degli impianti ha acquistato importanza dal momento che l ente di distribuzione dell energia elettrica ha imposto clausole contrattuali [1] che

Dettagli

RIFASAMENTO ELETTRICO INDUSTRIALE

RIFASAMENTO ELETTRICO INDUSTRIALE PRComunicazione.com RIFASAMENTO ELETTRICO INDUSTRIALE Opportunità di efficientamento energetico Normativa, casi pratici e incentivi. Perchè rifasare? Nei circuiti elettrici, la corrente risulta in fase

Dettagli

ABB SACE. Sistemi di rifasamento per l efficienza energetica

ABB SACE. Sistemi di rifasamento per l efficienza energetica ABB SACE Sistemi di rifasamento per l efficienza energetica Tipi di carico Tre categorie di carichi Resistivi R Ohm Ω Induttivi L Henry H Capacitivi C Farad F Carichi industriali La maggior parte dei carichi

Dettagli

RIFASAMENTO ELETTRICO

RIFASAMENTO ELETTRICO RIFASAMENTO ELETTRICO A cura del prof: Ing. Fusco Ferdinando Indice STUDIO TEORICO pag. 3 PROVA SIMULATA pag.18 PROVA PRATICA IN LABORATORIO pag.23 RIFERIMENTI BIBLIOGRAFICI pag.26 2 STUDIO TEORICO Introduzione

Dettagli

Rifasamento industriale e penali in bolletta. www.icar.com- sales@icar.com

Rifasamento industriale e penali in bolletta. www.icar.com- sales@icar.com Rifasamento industriale e penali in bolletta www.icar.com- sales@icar.com Le penali per basso cosfi Le Aziende Distributrici applicano le penali per basso cosfi perché : devono predisporre impianti di

Dettagli

NOTIZIA TECNICA. Segreteria Tecnica Agosto 2015 NT 05-15. 1 di 9

NOTIZIA TECNICA. Segreteria Tecnica Agosto 2015 NT 05-15. 1 di 9 1 di 9 La nuova tariffazione dell energia reattiva per insufficiente fattore di potenza Ricadute impiantistiche connesse con il rifasamento dell utenza attiva fotovoltaica Premessa Atteso che i flussi

Dettagli

Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E

Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E Ing. ARMANDO FERRAIOLI Ing. BIAGIO AURIEMMA Corso Umberto I, 232 Corso Umberto I, 203 84013 - CAVA DE TIRRENI (SA) 84013 CAVA DE TIRRENI (SA) R I F A S A R E Rifasare un impianto elettrico significa risparmiare

Dettagli

Quaderni di applicazione tecnica N.8 Rifasamento e filtraggio delle armoniche negli impianti elettrici

Quaderni di applicazione tecnica N.8 Rifasamento e filtraggio delle armoniche negli impianti elettrici Quaderni di applicazione tecnica N.8 Rifasamento e filtraggio delle armoniche negli impianti elettrici Indice Quaderni di Applicazione Tecnica Rifasamento e filtraggio delle armoniche negli impianti elettrici

Dettagli

Impianti di rifasamento:

Impianti di rifasamento: Impianti di rifasamento: da www.elektro.it, assemblaggio informatico a cura dell ing Rizzi Enzo 1.1 Generalità Gli apparecchi elettrici assorbono dalla rete di alimentazione una certa quantità di corrente

Dettagli

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase.

L effetto prodotto da un carico attivo verrà, pertanto, analizzato solo nel caso di convertitore monofase. Come nel caso dei convertitori c.c.-c.c., la presenza di un carico attivo non modifica il comportamento del convertitore se questo continua a funzionare con conduzione continua. Nei convertitori trifase

Dettagli

Scheda tecnica n. 33E - Rifasamento di motori elettrici di tipo distribuito presso la localizzazione delle utenze.

Scheda tecnica n. 33E - Rifasamento di motori elettrici di tipo distribuito presso la localizzazione delle utenze. Scheda tecnica n. 33E - Rifasamento di motori elettrici di tipo distribuito presso la localizzazione delle utenze. 1. ELEMENTI PRINCIPALI 1.1 Descrizione dell intervento Categoria di intervento 1 : Vita

Dettagli

Rifasamento elettrico per limitare i consumi elettrici

Rifasamento elettrico per limitare i consumi elettrici Rifasamento elettrico per limitare i consumi elettrici Ing. Davide Roncon Sotto Gruppo Condensatori Roadshow 29 aprile Modena INDICE Introduzione La delibera AEEG 180_13 TEE: scheda tecnica 33E Rifasamento

Dettagli

Calcolo del rifasamento

Calcolo del rifasamento Rifasamento Dato un sistema (mono/trifase) avente potenza attiva P, con un certo f.d.p. e alimentato con una tensione concatenata V, si può osservare che: fissata la potenza attiva P, la potenza apparente

Dettagli

Condensatori ed apparecchiature per il rifasamento B.T. Filtri per la riduzione delle armoniche nelle reti elettriche

Condensatori ed apparecchiature per il rifasamento B.T. Filtri per la riduzione delle armoniche nelle reti elettriche 2007 UNI EN ISO 9001:2000 UNI EN ISO 11 OH SAS 18001 Condensatori ed apparecchiature per il rifasamento B.T. Filtri per la riduzione delle armoniche nelle reti elettriche Condensatori e soppressori per

Dettagli

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA

ESERCIZI DI ELETTROTECNICA 1 esercizi corrente alternata trifase ESERCIZI DI ELETTROTECNICA IN CORRENTE ALTERNATA TRIFASE A cura del Prof. M ZIMOTTI DEFINIZIONI 1 2 esercizi corrente alternata trifase STS: sistema trifase simmetrico

Dettagli

Problematiche di Power Quality: casistiche

Problematiche di Power Quality: casistiche Problematiche di Power Quality: casistiche Armoniche Variazione di frequenza Sovratensioni lente Sovratensioni impulsive Buco di tensione Interruzione dell alimentazione www.icar.com- sales@icar.com Casi

Dettagli

GENERALITA Cabine MT/BT

GENERALITA Cabine MT/BT CABINE MT/BT GENERALITA Cabine MT/BT anno 2012 Cabine MT/BT 2 sistemi elettrici Categorie dei sistemi elettrici In relazione alla tensione nominale i sistemi elettrici si dividono in (1) : Categoria 0

Dettagli

La terza parte di questa pubblicazione riporta esempi reali di reti e impianti caratterizzati da problematiche EMC.

La terza parte di questa pubblicazione riporta esempi reali di reti e impianti caratterizzati da problematiche EMC. TERZA PARTE La terza parte di questa pubblicazione riporta esempi reali di reti e impianti caratterizzati da problematiche EMC. Ogni caso è descritto intrecciando la descrizione del problema esaminato

Dettagli

Geogreen. Questo il core business di Geogreen.

Geogreen. Questo il core business di Geogreen. Geogreen con le sue aziende GeoEnergie SpA e Geogreen SpA si presenta oggi come uno dei più qualificati fornitori di un sistema integrato di prodotti e di servizi: dalla fornitura di Energia Elettrica,

Dettagli

Risparmia fino al 30% di consumi di elettricità. Facile e veloce installazione nel proprio circuito elettrico. Non necessitano di alcuna munutenzione.

Risparmia fino al 30% di consumi di elettricità. Facile e veloce installazione nel proprio circuito elettrico. Non necessitano di alcuna munutenzione. Pagina1 I dispositivi progettati e costruiti dalla società Sun Power Energy D&R Institute Co. Ltd. sono in grado di aumentare il rendimento della distribuzione di energia in un impianto elettrico. Risparmia

Dettagli

Gruppi di continuità. Linea di by-pass. Rete di soccorso. 6/a 12. 6/b

Gruppi di continuità. Linea di by-pass. Rete di soccorso. 6/a 12. 6/b DESCRIZIONE GENERALE UPS SELTEC ST3 Il gruppo di continuità è un sistema di continuità a doppia conversione (con o senza trasformatore d uscita) che lavora eseguendo in modo continuativo la doppia conversione

Dettagli

T3 CIRCUITI RISONANTI E AMPLIFICATORI SELETTIVI

T3 CIRCUITI RISONANTI E AMPLIFICATORI SELETTIVI T3 CICUITI ISONANTI E AMPLIFICATOI SELETTIVI T3. Il fattore di merito di una bobina è misurato in: [a] henry. [b] ohm... [c] è adimensionale.. T3. Il fattore di perdita di un condensatore è misurato in:

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE DI TEEA

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE DI TEEA COMPT PE LE VCNZE ESTVE D TEE CLSSE 4P.S. 2014-15 Per tutta la classe: l rientro verranno controllati e valutati i quaderni, saranno considerati sufficienti i lavori con almeno 15 esercizi svolti. Per

Dettagli

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte -

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte - Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - terza parte - Pubblicato il: 26/07/2004 Aggiornato al: 26/07/2004 di Gianluigi Saveri Protezione dalle sovracorrenti, sezionamento per esecuzione

Dettagli

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie.

RISONANZA. Introduzione. Risonanza Serie. RISONANZA Introduzione. Sia data una rete elettrica passiva, con elementi resistivi e reattivi, alimentata con un generatore di tensione sinusoidale a frequenza variabile. La tensione di alimentazione

Dettagli

Analizzatori di rete di ultima generazione

Analizzatori di rete di ultima generazione Analizzatori di rete di ultima generazione Analisi della qualità del servizio elettrico, analisi dei dati registrati, verifica e collaudo degli impianti fotovoltaici in termini di conformità ai dati nominali

Dettagli

ITC. ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI SET DISTRIBUZIONE S.p.A.

ITC. ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI SET DISTRIBUZIONE S.p.A. Pag. 1 di 35 ITC ISTRUZIONI TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI SET DISTRIBUZIONE S.p.A. CON TENSIONE (Riferimento: Deliberazione dell Autorità per l

Dettagli

Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte;

Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte; Libri di testo adottati: Elettrotecnica generale HOEPLI di Gaetano Conte; Obiettivi generali. Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte; Laboratorio di Macchine Elettriche, HOEPLI di Gaetano Conte;

Dettagli

CHI SIAMO. LP Consulting seleziona solo le TECNOLOGIE PIÙ AVANZATE in AMBITO

CHI SIAMO. LP Consulting seleziona solo le TECNOLOGIE PIÙ AVANZATE in AMBITO CHI SIAMO LP Consulting seleziona solo le TECNOLOGIE PIÙ AVANZATE in AMBITO INTERNAZIONALE. LP Consulting è DISTRIBUTORE UFFICIALE e CONCESSIONARIO SPECIALE sul territorio nazionale di tecnologie innovative.

Dettagli

Tra la società distributrice e l utente/cliente

Tra la società distributrice e l utente/cliente La qualità dell energia elettrica si misura in termini di conformità ai dati nominali e di continuità della fornitura QUALITÀ DELL ENERGIA ELETTRICA 2 di Luca Bernardi Tra la società distributrice e l

Dettagli

Multimetri e analizzatori di rete Monitoraggio completo dell impianto

Multimetri e analizzatori di rete Monitoraggio completo dell impianto Multimetri e analizzatori di rete Monitoraggio completo dell impianto Benefici della misura, perché misurare? Nel mercato attuale è sempre più importante prestare attenzione alla riduzione dei costi di

Dettagli

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 15 a. Sistemi trifase

Principi di ingegneria elettrica. Lezione 15 a. Sistemi trifase rincipi di ingegneria elettrica Lezione 15 a Sistemi trifase Teorema di Boucherot La potenza attiva assorbita da un bipolo è uguale alla somma aritmetica delle potenze attive assorbite dagli elementi che

Dettagli

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE PER IMPIANTI DI GENERAZIONE ALLA RETE DI BASSA TENSIONE 1kV

REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE PER IMPIANTI DI GENERAZIONE ALLA RETE DI BASSA TENSIONE 1kV REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE PER IMPIANTI DI GENERAZIONE ALLA RETE DI BASSA TENSIONE 1kV SECAB Società Cooperativa (Riferimento: Deliberazione dell Autorità per l energia elettrica e il gas n. 89/07)

Dettagli

Esercizio in parallelo alla rete a bassa tensione di impianti di produzione d energia (IPE)

Esercizio in parallelo alla rete a bassa tensione di impianti di produzione d energia (IPE) Eidgenössisches Starkstrominspektorat Inspection fédérale des installations à courant fort Ispettorato federale degli impianti a corrente forte Esercizio in parallelo alla rete a bassa tensione di impianti

Dettagli

Guida al Sistema Bassa Tensione

Guida al Sistema Bassa Tensione Indice Generale Guida al Sistema Bassa Tensione 1 Introduzione 2 Le norme 3 Caratteristiche della rete 4 Protezione dei circuiti 5 Caratteristiche degli apparecchi di protezione e manovra 6 Protezione

Dettagli

Programmazione modulare

Programmazione modulare Programmazione modulare Indirizzo: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Disciplina: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA Docenti: Erbaggio Maria Pia e Iannì Gaetano Classe: IV A e settimanali previste: 6 Prerequisiti

Dettagli

I sistemi di misura dell energia elettrica adottati dal Consorzio Elettrico di Storo

I sistemi di misura dell energia elettrica adottati dal Consorzio Elettrico di Storo I sistemi di misura dell energia elettrica adottati dal Consorzio Elettrico di Storo Breve panoramica dei contatori elettronici utilizzati da CEdiSper la misura dell energia. Utenze BT monofasi di potenza

Dettagli

Alimentazione elettrica Tensione di rete

Alimentazione elettrica Tensione di rete Alimentazione elettrica Tensione di rete In conseguenza dei principi fisici con i quali funzionano le macchine per la produzione, il trasferimento e l impiego dell energia elettrica, nelle nostre case

Dettagli

PROVE STRUTTURATE ASSEGNATE ALLE GARE NAZIONALI PER OPERATORI ELETTRICI

PROVE STRUTTURATE ASSEGNATE ALLE GARE NAZIONALI PER OPERATORI ELETTRICI PROVE STRUTTURATE ASSEGNATE ALLE GARE NAZIONALI PER OPERATORI ELETTRICI IPSIA A. PONTI GALLARATE anno scolastico 2002/2003 BLOCCO TEMATICO: MACCHINE ELETTRICHE MAC01 MAC02 MAC03 MAC04 MAC05 MAC06 MAC07

Dettagli

Allegato ITC. Edizione V del 1 Gennaio 2013

Allegato ITC. Edizione V del 1 Gennaio 2013 S. E L. I. S. L a m p e d u s a S. p. A. - C a p i t a l e S o c i a l e 3. 4 0 6. 9 2 4, 0 4 i. v. R e g i s t r o d e l l e I m p r e s e P a l e r m o, C. F. e P. I V A 0 3 6 2 0 8 5 0 8 2 0 S E D E

Dettagli

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI

INTEGRATORE E DERIVATORE REALI INTEGRATORE E DERIVATORE REALI -Schemi elettrici: Integratore reale : C1 R2 vi (t) R1 vu (t) Derivatore reale : R2 vi (t) R1 C1 vu (t) Elenco componenti utilizzati : - 1 resistenza da 3,3kΩ - 1 resistenza

Dettagli

SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI DI GENERAZIONE ALLA RETE DI BASSA TENSIONE

SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l. REGOLE TECNICHE DI CONNESSIONE DEGLI IMPIANTI DI GENERAZIONE ALLA RETE DI BASSA TENSIONE SOCIETA' COOPERATIVA IDROELETTRICA DI FORNI DI SOPRA S.r.l. Via Nazionale, Loc. Santaviela - 33024 FORNI DI SOPRA (UD) Tel +39 0433 88077 - Fax +39 0433 887905 - Email info@sci-forni.it Cod. Fisc. e P.

Dettagli

Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero

Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero Tra le varie famiglie di convertitori, i convertitori c.c.-c.a. (comunemente indicati come inverter ) sono quelli che prevedono il più elevato numero di soluzioni circuitali, in dipendenza sia dal livello

Dettagli

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte -

Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte - Guida: Gruppi generatori statici di energia in B.T. (UPS) - prima parte - Pubblicato il: 11/07/2004 Aggiornato al: 11/07/2004 di Gianluigi Saveri La qualità dell alimentazione elettrica può essere fonte

Dettagli

I.T.I.S. Magistri Cumacini. Ricavare il valore di K del conduttore con la relativa unità di misura

I.T.I.S. Magistri Cumacini. Ricavare il valore di K del conduttore con la relativa unità di misura Classe Nome I.T.I.S. Magistri Cumacini Cognome Data ESERCIZIO 1 Un conduttore di un circuito trifase di sezione 4 mm 2 è interessato da una corrente di corto circuito di valore efficace 10 ka per un tempo

Dettagli

Le misure di energia elettrica

Le misure di energia elettrica Le misure di energia elettrica Ing. Marco Laracca Dipartimento di Ingegneria Elettrica e dell Informazione Università degli Studi di Cassino e del Lazio Meridionale Misure di energia elettrica La misura

Dettagli

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante

Circuiti Elettrici. Schema riassuntivo. Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante Circuiti Elettrici Schema riassuntivo Leggi fondamentali dei circuiti elettrici lineari Assumendo positive le correnti uscenti da un nodo e negative quelle entranti si formula l importante La conseguenza

Dettagli

Maiello pompe e sistemi costruzione e servizi by L.E.M. s.r.l. Gruppi di pressurizzazione con Inverter

Maiello pompe e sistemi costruzione e servizi by L.E.M. s.r.l. Gruppi di pressurizzazione con Inverter Elettropompe con inverter: analisi tecnico economica Il risparmio energetico delle elettropompe è un elemento cruciale per il sistema produttivo, in quanto la presenza di motori elettrici nella produzione

Dettagli

IL TRASFORMATORE. A cosa serve un trasformatore. Allegato 1

IL TRASFORMATORE. A cosa serve un trasformatore. Allegato 1 Allegato 1 IL TRASFORMATORE Una notevole distanza intercorre, spesso, tra il luogo in cui l energia elettrica viene prodotta (la centrale elettrica) e quello in cui viene utilizzata (industrie, abitazioni,

Dettagli

Lettura ed interpretazione della fattura di energia elettrica. Monza 20/10/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 1

Lettura ed interpretazione della fattura di energia elettrica. Monza 20/10/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 1 Lettura ed interpretazione della fattura di energia elettrica Monza 20/10/2011 Per. Ind. Borgonovo Roberto 1 Relatore Per. Ind. Borgonovo Roberto (Diplomato all I.T.I.S. Hensemberger di Monza nell anno

Dettagli

INGEGNERIA ELETTRICA DI POTENZA

INGEGNERIA ELETTRICA DI POTENZA indice ALIMENTATORE TRIFASE VARIABILE DL 1013T1 ALIMENTATORE IN CC DL 1013T2 MODELLO DI LINEA DL 7901TT TRASFORMATORE TRIFASE DL 1080TT CARICO RESISTIVO DL 1017R CARICO INDUTTIVO DL 1017L CARICO CAPACITIVO

Dettagli

DK 5940 Aprile 2007 Ed. 2.2-1/47

DK 5940 Aprile 2007 Ed. 2.2-1/47 Ed. 2.2-1/47 INDICE Pagina 1 SCOPO DELLE PRESCRIZIONI 2 2 CAMPO DI APPLICAZIONE 2 3 NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO 2 4 DEFINIZIONI 3 5 CRITERI GENERALI 4 5.1 CRITERI GENERALI DI FUNZIONAMENTO

Dettagli

VIPSYSTEM3 ANALIZZATORE PORTATILE DI ENERGIA ELETTRICA

VIPSYSTEM3 ANALIZZATORE PORTATILE DI ENERGIA ELETTRICA VIPSYSTEM3 ANALIZZATORE PORTATILE DI ENERGIA ELETTRICA DESCRIZIONE PER SISTEMI MONOFASE E TRIFASE SQUILIBRATI. MEMORIA INTERNA E ANALISI ARMONICHE VIP SYSTEM3 è un analizzatore di energia elettrica ed

Dettagli

Economizzatori di energia È TEMPO DI RISPARMIARE

Economizzatori di energia È TEMPO DI RISPARMIARE Economizzatori di energia È TEMPO DI RISPARMIARE 253 V 230 V 210 V+/-1% 207 V Economizzatori di energia serie Ecostab Risparmi di energia fino al 40% Ulteriore possibile variazione della tensione aumeno

Dettagli

PROGETTARE L IMPIANTO ELETTRICO

PROGETTARE L IMPIANTO ELETTRICO Luciano Luciani PROGETTARE L IMPIANTO ELETTRICO DAL DIMENSIONAMENTO ALLA DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO AGGIORNATO ALLE NORME VIGENTI, ALLA VARIANTE V3 DELLA CEI 64-8, ALLE NUOVE PUBBLICAZIONI SUGLI IMPIANTI

Dettagli

L avviamento dei motori asincroni

L avviamento dei motori asincroni L avviamento dei motori asincroni Un problema rilevante è quello dell avviamento dei motori. Nei motori asincroni infatti, durante l avviamento, circolano nel motore correnti notevoli sia perché la resistenza

Dettagli

Considerazioni su scelta e progettazione di sistemi UPS di elevata potenza in Data Center Tier III e IV

Considerazioni su scelta e progettazione di sistemi UPS di elevata potenza in Data Center Tier III e IV Considerazioni su scelta e progettazione di sistemi UPS di elevata potenza in Data Center Tier III e IV Presentato da: Anna Bruno ATME Srl (partner Hitec Power Protection) Massimo Mattioli Verizon Business

Dettagli

Impianti Fotovoltaici:

Impianti Fotovoltaici: Impianti Fotovoltaici: mantenimento + sicurezza = CONVENIENZA L impianto fotovoltaico è una centrale elettrica che necessita di manutenzione periodica, per assicurare l efficienza produttiva ottimizzando

Dettagli

UPM307 Analizzatore di potenza compatto con LCD DIN 96x96 abbinabile con bobine Rogowski MFC150

UPM307 Analizzatore di potenza compatto con LCD DIN 96x96 abbinabile con bobine Rogowski MFC150 Analizzatore di potenza compatto con LCD DIN 96x96 abbinabile con bobine Rogowski Analizzatori di rete Profondo solo 60 mm Più di 100 parametri elettrici visualizzati Calcolo della corrente di neutro Misura

Dettagli

Diagramma a blocchi del sistema modulare per lo studio della Smart Grid

Diagramma a blocchi del sistema modulare per lo studio della Smart Grid DL SGWD SMART GRID Questo sistema didattico è stato progettato per lo studio e la comprensione dei concetti legati alla gestione intelligente dell energia elettrica. Questo concetto, chiamato Smart Grid,

Dettagli

Efficienza energetica nell industria e delle macchine elettriche

Efficienza energetica nell industria e delle macchine elettriche Efficienza energetica nell industria e delle macchine elettriche 1. Premessa... 2 2. Sintesi del processo di analisi dell efficienza... 2 3. Descrizione del processo produttivo... 3 4. Contratti energetici...

Dettagli

FILTRI PASSIVI. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso in base alla frequenza.

FILTRI PASSIVI. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso in base alla frequenza. FILTRI PASSIVI Un filtro è un sistema dotato di ingresso e uscita in grado di operare una trasmissione selezionata di ciò che viene ad esso applicato. Un filtro elettronico seleziona i segnali in ingresso

Dettagli

Norma CEI EN 50160 Caratteristiche della tensione fornita dalle reti pubbliche di distribuzione dell energia elettrica

Norma CEI EN 50160 Caratteristiche della tensione fornita dalle reti pubbliche di distribuzione dell energia elettrica Norma CEI EN 50160 Caratteristiche della tensione fornita dalle reti pubbliche di distribuzione dell energia elettrica Armoniche Variazione di frequenza Sovratensioni lente Sovratensioni impulsive Buco

Dettagli

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO

I.T.I. A. MALIGNANI UDINE CLASSI 3 e ELT MATERIA: ELETTROTECNICA PROGRAMMA PREVENTIVO CORRENTE CONTINUA: FENOMENI FISICI E PRINCIPI FONDAMENTALI - Richiami sulle unità di misura e sui sistemi di unità di misura. - Cenni sulla struttura e sulle proprietà elettriche della materia. - Le cariche

Dettagli

Definizione di mutua induzione

Definizione di mutua induzione Mutua induzione Definizione di mutua induzione Una induttanza produce un campo magnetico proporzionale alla corrente che vi scorre. Se le linee di forza di questo campo magnetico intersecano una seconda

Dettagli

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ

SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Modulo SISTEMA DI GESTIONE PER LA QUALITÀ Programmazione Moduli Didattici Indirizzo Trasporti e Logistica Ist. Tec. Aeronautico Statale Arturo Ferrarin Via Galermo, 172 95123 Catania (CT) Codice M PMD

Dettagli

Scheda Tecnica REV 1.0

Scheda Tecnica REV 1.0 Scheda Tecnica REV 1.0 SENTRY Energy Profiler: IL SISTEMA UNIVERSALE PER IL MONITORAGGIO ENERGETICO SENTRY Energy Profiler è il primo sistema universale e modulare per il monitoraggio energetico. Si basa

Dettagli

IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015

IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015 IA 010 Cabina di trasformazione MT/BT Giugno 2015 Per la parte di ricezione/immissione vedi IA 005. Riferimenti normativi Generali: CEI EN 62271-202 (17-103) Sottostazioni prefabbricate ad Alta tensione/bassa

Dettagli

ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA. MAE10DNT - Laboratorio Macchine Elettriche

ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA. MAE10DNT - Laboratorio Macchine Elettriche ELETTRONICA ED ELETTROTECNICA MAE10DNT - Laboratorio Macchine Elettriche Generalità La Didacta Italia ha progettato una unità di studio, estremamente versatile per le prove ed i controlli di velocità sulle

Dettagli

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella

di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, Adesso sostituiamo nella Equazione di Ohm nel dominio fasoriale: Legge di Ohm:. Dalla definizione di operatore di Heaveside: ricaviamo:. Associamo alle grandezze sinusoidali i corrispondenti fasori:, dove Adesso sostituiamo nella

Dettagli

Dati identificativi del cliente (nome/ragione sociale, partita IVA/codice fiscale, indirizzo di fatturazione ecc.)

Dati identificativi del cliente (nome/ragione sociale, partita IVA/codice fiscale, indirizzo di fatturazione ecc.) GLOSSARIO DELLA BOLLETTA PER LA FORNITURA DI ENERGIA ELETTRICA Bolletta sintetica La bolletta sintetica è il documento di fatturazione, valido ai fini fiscali, che viene reso disponibile periodicamente

Dettagli

UPS TLE Series 160 800 kva/kw trifase 400Vca

UPS TLE Series 160 800 kva/kw trifase 400Vca GE Critical Power UPS TLE Series 160 800 kva/kw trifase 400Vca L E cie a ass ta ei i i ri e ercat UPS imagination at work Gruppo di continuità GE TLE Series 160-800 kva/kw Il sistema UPS TLE Series è uno

Dettagli

Guida tecnica N. 6. Guida alle armoniche negli azionamenti in c.a.

Guida tecnica N. 6. Guida alle armoniche negli azionamenti in c.a. Guida tecnica N. 6 Guida alle armoniche negli azionamenti in c.a. 2 Guida tecnica N.6 - Guida alle armoniche negli azionamenti in c.a. Indice 1. Introduzione... 5 2. Nozioni di base sul fenomeno delle

Dettagli

IL RIFASAMENTO CON IMPIANTI FOTOVOLTAICI

IL RIFASAMENTO CON IMPIANTI FOTOVOLTAICI VREL 36043 CISNO VICENTINO VI. TEL.: 0444410400 E-IL: inge@varelit.com IL RIFSENTO CON IPINTI FOTOVOLTICI Negli ultimi anni il fotovoltaico ha avuto un notevole successo e le installazioni sono fortemente

Dettagli

DOCENTI : VINCENZI RICCARDO MATERIA: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA A.S.: 2014-2015 CLASSE: 3 A-ET

DOCENTI : VINCENZI RICCARDO MATERIA: ELETTROTECNICA ED ELETTRONICA A.S.: 2014-2015 CLASSE: 3 A-ET : VINCENZI RICCARDO MATERIA: ELETTROTECNICA ED ENZO LUCIO ELETTRONICA A.S.: 2014-2015 CLASSE: 3 A-ET Continuità di insegnante nella materia rispetto all anno precedente 1 Si No Gli obiettivi disciplinari

Dettagli

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile

nica Cagliari ) m Viene detto (1) Dal sistema dell energia Un possibile Viene detto sistema polifase un sistema costituito da più tensioni o da più correnti sinusoidali, sfasate l una rispetto all altra. Un sistema polifase è simmetrico quando le grandezze sinusoidali hanno

Dettagli

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA

U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA U.D. 6.2 CONTROLLO DI VELOCITÀ DI UN MOTORE IN CORRENTE ALTERNATA Mod. 6 Applicazioni dei sistemi di controllo 6.2.1 - Generalità 6.2.2 - Scelta del convertitore di frequenza (Inverter) 6.2.3 - Confronto

Dettagli

INDAGINE SUI CONSUMI ENERGETICI DELLE GRANDI APPARECCHIATURE OSPEDALIERE

INDAGINE SUI CONSUMI ENERGETICI DELLE GRANDI APPARECCHIATURE OSPEDALIERE INDAGINE SUI CONSUMI ENERGETICI DELLE GRANDI APPARECCHIATURE OSPEDALIERE CONVEGNO NAZIONALE Maria Margherita Obertino Università del Piemonte Orientale 1 Obiettivi dello studio Analizzare il consumo energetico

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA TENSIONE DI SEA S.C.

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA TENSIONE DI SEA S.C. IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE DI BASSA TENSIONE DI SEA S.C. Agosto 2007 1/14 1. SCOPO DELLE PRESCRIZIONI Le presenti prescrizioni hanno lo scopo di definire i criteri e le modalità

Dettagli

Italian Technology VMR 300. Stazione Portatile STAZIONE PORTATILE MISURE

Italian Technology VMR 300. Stazione Portatile STAZIONE PORTATILE MISURE STAZIONE PORTATILE MISURE INDICE Par. Descrizione Indice 2 1 Descrizione 3 1.1 Modalità di Funzionamento 4 1.2 Programmazione e Gestione 5 2 Modalità Funzionamento 7 2.1 Accensione 7 2.2 Schermate Principali

Dettagli

Analisi della qualità dell energia

Analisi della qualità dell energia Analizzatore della qualità di rete per installazione fissa QNA 412 e 413 Analizzatore della qualità di rete per installazione fissa QNA 202 e 303 Analizzatore tot ale della qualità di rete 3196 Analisi

Dettagli

S9 Informatica (Ingegneria Elettrica)

S9 Informatica (Ingegneria Elettrica) S9 Informatica (Ingegneria Elettrica) S 9.1 Il Web 2.0 rappresenta la moderna evoluzione di Internet rispetto al Web 1.0, caratterizzato dalla rappresentazione solo statica di testi e di immagini. Il Web

Dettagli

WORKSHOP L integrazione tra IT e facility nei moderni Data center Università degli Studi di Trieste Trieste, 02 aprile 2014.

WORKSHOP L integrazione tra IT e facility nei moderni Data center Università degli Studi di Trieste Trieste, 02 aprile 2014. WORKSHOP L integrazione tra IT e facility nei moderni Data center Università degli Studi di Trieste Trieste, 02 aprile 2014 1 UPS rotanti totalmente flessibili ad elevata efficienza energetica Ing. Lanfranco

Dettagli

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE BT DELL ASM TERNI S.p.A.

CRITERI DI ALLACCIAMENTO DI IMPIANTI DI PRODUZIONE ALLA RETE BT DELL ASM TERNI S.p.A. 1. SCOPO DELLE PRESCRIZIONI... 2 2. CAMPO DI APPLICAZIONE... 2 3. NORME E PRESCRIZIONI RICHIAMATE NEL TESTO... 2 4. DEFINIZIONI... 2 5. CRITERI GENERALI... 3 5.1 CRITERI GENERALI DI FUNZIONAMENTO... 3

Dettagli

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici

Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Facoltà di Ingegneria Università degli Studi di Firenze Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni Strumenti Elettronici Analogici/Numerici Ing. Andrea Zanobini Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni

Dettagli

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO

PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO IPIA C.A. DALLA CHIESA OMEGNA PROGETTO ALTERNANZA SCUOLA LAVORO classi 4 e 5 MANUTENTORI PRODUZIONE DI ENERGIA DA FONTI RINNOVABILI RISPARMIO ENERGETICO prof. Massimo M. Bonini MACCHINE PER LA GENERAZIONE

Dettagli

Analizzatore di rete

Analizzatore di rete Analizzatore di rete Analizzatori di Rete 8 grandezze, IR laterale predisposto per la comunicazione Connessione diretta 80 A Connessione a mezzo TA.../5 A fino 10.000 A Applicazione Analizzatore multifunzione

Dettagli

SEZIONE H MISURA DELL ENERGIA 2

SEZIONE H MISURA DELL ENERGIA 2 Ed. 4.0 - H1/20 SEZIONE H MISURA DELL ENERGIA 2 H.1 MISURA DELL ENERGIA DEI CLIENTI PRODUTTORI 2 H.2 MISURA DELL ENERGIA SCAMBIATA CON LA RETE 4 H.2.1 CARATTERISTICHE DEL SISTEMA DI MISURA DELL ENERGIA

Dettagli

TEST PER ASPIRANTI RADIOAMATORI

TEST PER ASPIRANTI RADIOAMATORI TEST PER ASPIRANTI RADIOAMATORI N. 1 - CHE COSA E LA CORRENTE ELETTRICA? 1. Uno spostamento caotico di elettroni da un atomo all altro 2. L alterazione dell equilibrio atomico dovuto a sfregamento tra

Dettagli

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA

REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA RTC REGOLE TECNICHE PER LA CONNESSIONE DI IMPIANTI DI PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA ALLA RETE DI DISTRIBUZIONE IN BASSA TENSIONE DELL AZIENDA PUBBLISERVIZI BRUNICO INDICE 1. Scopo 3 2. Campo di applicazione

Dettagli

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE

TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE TRACER218 MODULO DATALOGGER RS485 MODBUS SPECIFICA PRELIMINARE V.00 AGOSTO 2012 CARATTERISTICHE TECNICHE Il modulo TRACER218 485 è un dispositivo con porta di comunicazione RS485 basata su protocollo MODBUS

Dettagli

I sistemi elettrici: lezione introduttiva. Prof.ssa Maria Dicorato

I sistemi elettrici: lezione introduttiva. Prof.ssa Maria Dicorato I sistemi elettrici: lezione introduttiva Prof.ssa Maria Dicorato La produzione di energia elettrica L insieme dei mezzi di produzione, denominato centrali elettriche, nei quali avviene la trasformazione

Dettagli

Motori asincroni monofase

Motori asincroni monofase Motori asincroni monofase Pubblicato il: 30/07/2003 Aggiornato al: 30/07/2003 di Massimo Barezzi I motori asincroni monofase possono essere utilizzati nelle più svariate applicazioni, in particolare nell'ambito

Dettagli

Guida tecnica N. 7. Il dimensionamento di un azionamento

Guida tecnica N. 7. Il dimensionamento di un azionamento Guida tecnica N. 7 Il dimensionamento di un azionamento 2 Guida tecnica N. 7 - Il dimensionamento di un azionamento Indice 1. Introduzione... 5 2. L azionamento... 6 3. Descrizione generale di una procedura

Dettagli

Zeno Martini (admin)

Zeno Martini (admin) Zeno Martini (admin) TRE CORTOCIRCUITI IN BASSA TENSIONE 18 October 2009 Generalità L'argomento è un classico degli impianti. Conoscere la corrente di cortocircuito è di fondamentale importanza per il

Dettagli

Selezione di funzioni in forma di commutatore rotatorio dell'analizzatore di armoniche PCE-GPA 62

Selezione di funzioni in forma di commutatore rotatorio dell'analizzatore di armoniche PCE-GPA 62 Analizzatore di armoniche trifase PCE-GPA 62 analizzatore di rete / misuratore di potenza e misuratore di energia (tempo reale) con registrazione dei dati, display grafico, interfaccia per PC e software

Dettagli

DETERMINAZIONE DEI CARICHI CONVENZIONALI

DETERMINAZIONE DEI CARICHI CONVENZIONALI UD4 DETERMINAZIONE DEI CARICHI CONVENZIONALI Uno d~ii~_prlme operazioni çi~l~seguire per progettare un imq!c:ldto èj~ttrtco--è-lo-,determinazione delle potenze e d~lie correnti dei vari circuiti. - -'Scopo

Dettagli

Eliminazione delle armoniche dagli impianti

Eliminazione delle armoniche dagli impianti Eliminazione delle armoniche dagli impianti Sommario Armoniche... 2 Definizione, origine e tipi di armoniche...2 Valori caratteristici delle armoniche...5 Effetti delle armoniche...7 Eliminazione delle

Dettagli

CONTENUTI PREVENTIVI DELLA PROGRAMMAZIONE

CONTENUTI PREVENTIVI DELLA PROGRAMMAZIONE CONTENUTI PREVENTIVI DELLA PROGRAMMAZIONE TESTI : G. Conte, M. Erbogasto, E. Monastero, G. Ortolani, E. Venturi ELETTROTECNICA, ELETTRONICA ED APPLICAZIONI (vol. 1 e vol.2) - Hoepli Prof. Domenico D Andrea

Dettagli