La governance territoriale in Toscana. Dai Circondari regionali alle Unioni di Comuni. Il caso dell Empolese-Valdelsa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La governance territoriale in Toscana. Dai Circondari regionali alle Unioni di Comuni. Il caso dell Empolese-Valdelsa"

Transcript

1 XXVII Convegno SISP Firenze, settembre 2013 Comunicazione di Carlo Baccetti (Università di Firenze) La governance territoriale in Toscana. Dai Circondari regionali alle Unioni di Comuni. Il caso dell Empolese-Valdelsa

2 2 INDICE La Toscana 1. Alle origini della cooperazione intercomunale. Il caso dell Empolese-Valdelsa 1.1 Le Associazioni intercomunali 1.2 L Empolese Valdelsa. Da Associazione intercomunale a Circondario 2. Dal Circondario all Unione dei Comuni 2.1 Ambiti ottimali di aggregazione e gestioni associate 2.2 Il contesto politico-istituzionale attuale: la Legge Regionale n. 68 del 27 dicembre 2011 («Norme sul sistema delle Autonomie locali») 3. Dal Circondario Empolese Valdelsa all Unione dei Comuni Circondario Empolese Valdelsa Appendice A Appendice B Appendice C

3 3 La Toscana La Toscana copre una superficie di Km 2, pari al 7,6% dell intero territorio italiano ( Km 2 ) ed è la quinta regione italiana per estensione territoriale (dopo Sicilia, Piemonte, Sardegna e Lombardia). Conta (nel 2010) abitanti, pari al 6,2% della popolazione italiana, distribuiti in 10 province e 287 comuni, con una densità media di 162 abitanti per kmq, inferiore alla media italiana (202 abitanti per kmq). Tab. 1 Toscana. Superfice, popolazione e N. comuni. Provincia Superficie (km²) Abitanti (ab.) Densità (ab./km²) Comuni (n ) Arezzo Firenze Grosseto Livorno Lucca Massa e Carrara Pisa Pistoia Prato Siena Totale Il territorio toscano è caratterizzato dalla forte presenza di comuni di piccole dimensioni demografiche. A differenza di altre regioni italiane, l incidenza maggiore è rappresentata però non dai comuni particolarmente piccoli, cioè con popolazione inferiore ai abitanti, ma da quelli medio-piccoli. Infatti, i comuni fino a abitanti costituiscono in Toscana il 32% del totale mentre in Italia sono il 57,4%, concentrati particolarmente nelle regioni dell Italia Nord occidentale. Il 17% dei comuni toscani è compreso tra i e i

4 abitanti (in Italia il 14,6%), il 22,3% è compreso tra i e i abitanti (il 14,5% in Italia). Tab. 2 Toscana. N. comuni per classe di ampiezza demografica (2001). Classe di ampiezza N. comuni Toscana % Toscana % Italia demografica , , ,3 14, ,4 7, ,4 4, ,8 0,7 Oltre ,1 0,5 Fonte: IRPET, La gestione associata di funzioni e servizi nei piccoli comuni della Toscana (L.R. 40/2001), a cura di S. Bindi, Firenze, 2005, p. 7. Per quanto riguarda il profilo politico elettorale, è noto che la Toscana si è caratterizzata storicamente, fin dall immediato secondo dopoguerra, per un forte radicamento territoriale e per il dominio elettorale del Partito comunista, che ha amministrato ininterrottamente la grande maggioranza dei Comuni e delle Province. Attraverso il governo dei Comuni e delle Province, in Toscana come nelle altre regioni rosse, il PCI aveva cercato, da un lato, di incrementare le politiche sociali a difesa degli interessi dei lavoratori e del popolo dando esempio di buon governo e, dall altro, di egemonizzare le organizzazioni di rappresentanza degli operai e dei «ceti medi produttivi». Il nuovo livello di governo regionale offriva al PCI la possibilità di dare organicità alla strategia politica volta a costruire un blocco sociale «antimonopolistico» e «riformatore» che aveva caratterizzato l azione amministrativa dei Comuni e delle Province rosse. Fin dalle prime elezioni del 1970 la Regione Toscana è stata governata da maggioranze di sinistra e poi di centro-sinistra, imperniate sulla forza elettorale del PCI-PDS, fino alla giunta in carica dopo le elezioni del 2010, formata da PD, PSI e Italia dei Valori. Dalla tornata elettorale amministrativa del 2009, quando andarono al voto 210 comuni, sono uscite 168 maggioranze di centro-sinistra (80,0%), 37 di centro-destra (17,6%) e cinque maggioranze formate da liste civiche (2,4%). Dei 33 comuni con oltre abitanti che sono andati al voto in quelle elezioni, 31 sono stati conquistati dal centrosinistra e due dal centro-destra. Alle elezioni regionali del 2010 il PD ha toccato il 42,1%, a cui si deve aggiungere il 9,1% complessivamente ottenuto dalla Federazione della sinistra/verdi e SEL (v. Tab. 3). Le dieci province toscane sono tutte governate da maggioranze di centro-sinistra; dei dieci capoluoghi solo Prato attualmente è guidato da un sindaco di centro-destra (PdL).

5 5 Nel 2012 è stata espugnata dal centro-sinistra anche l amministrazione comunale di Lucca, storica enclave bianca nella regione rossa. Tab. 3 Toscana. Il voto alle liste alle elezioni regionali del Dati percentuali per provincia. Provincia PD- Riformisti Toscani Italia dei Valori Fed. Sinistra e Verdi Sinistra Ecologia Libertà Popolo della Libertà Lega Nord Unione di Centro Lista Bonino Pannella Arezzo 41,8 7,8 4,3 2,5 28,8 8,3 5,1 0,8 0,5 Firenze 46,1 10,3 5,2 4,3 23,2 5,1 4,6 0,9 0,4 Grosseto 41,3 8,0 4,3 3,9 32,7 5 4,2 0 0,6 Livorno 46,7 10,7 6,6 4,8 22,7 4,4 4,1 0 0 Lucca 31,5 9,4 5,1 3,8 33,7 8,5 7,1 0 0,8 Massa Carrara , ,3 31,5 6,7 4,5 0,7 0,7 Pisa 42,2 9,5 6,1 3,9 26,5 6,4 4,5 0,7 0 Pistoia 38 9,5 5,5 3 30,5 7,4 4,7 0,8 0,7 Prato 39,5 9,7 3,4 3 30,1 9,8 4,6 0 0 Siena 50,4 8 4,4 3,6 22,8 5,9 4,1 0,9 0 Toscana 42,2 9,4 5,3 3,8 27,1 6,5 4,8 0,6 0,4 Forza Nuova 1. Il caso dell Empolese-Valdelsa 1.1. Le Associazioni intercomunali Nel 1970 la Regione Toscana nacque all insegna della «Regione aperta»: il primo statuto delineava un ente regionale che voleva ascoltare, vicino alla comunità che rappresentava, aperto in primo luogo verso gli enti locali e verso i sindacati, il movimento cooperativo e tutte le altre formazioni sociali, visti come «centri essenziali» per promuovere la partecipazione dei cittadini (art. 71). La «Regione aperta» era una Regione che sceglieva la concertazione come metodo di governo, proponendo un sistema organizzativo che poneva in risalto in modo precipuo il ruolo del Consiglio rispetto alla stessa Giunta (da qui la grande importanza data dallo statuto al Consiglio e agli organi assembleari come le commissioni permanenti e quelle consultive) 1. Al tempo stesso, la Regione valorizzava il decentramento e il ruolo politico dei Comuni, favorendone l associazionismo e la cooperazione. E poneva il tema del governo sovracomunale e del riassetto dei poteri locali. In effetti la Toscana è stata tra le prime regioni in Italia a cercare di 1 Si veda sul punto, C. Baccetti, Politici e amministratori regionali negli anni Settanta, in P.L. Ballini, M. Degl Innocenti, M.G. Rossi (a cura di), Il tempo della Regione. La Toscana, Firenze, Giunti, 2005, pp , (spec. pp ).

6 6 individuare gli ambiti territoriali più adeguati «per l attività sia di programmazione che di erogazione dei servizi pubblici locali» 2. Già nel 1972 con la Legge Regionale 31/72 nella regione erano state istituite le Comunità montane, introdotte da una legge dello Stato nel dicembre Con il trasferimento delle competenze amministrative dallo Stato alle Regioni (con la legge 382 del 1975) e ai Comuni (con il DPR 616 del 1977) che cominciava lentamente ad avviarsi, gli amministratori regionali si posero il problema di promuovere la collaborazione tra Comuni anche nelle aree non montane e di dare razionalità ed efficienza al sistema delle autonomie, con una gestione unitaria ed integrata dei servizi e delle funzioni relative al territorio. Una legge regionale del 1979 istituì 32 Associazioni intercomunali, individuando altrettante aree del territorio regionale all interno delle quali promuoveva l esercizio associato delle funzioni proprie dei Comuni e di quelle ad essi delegate dalla Regione stessa. Nel 1979 una legge regionale (la legge 37/1979) individuava e definiva «gli ambiti territoriali adeguati all organizzazione e alla gestione coordinata dei servizi e delle funzioni esercitate dalle Amministrazioni locali», con lo scopo evidente di superare la frammentazione e le difficoltà di molti piccoli comuni a svolgere funzioni e servizi di loro competenza. Quella del 1979 fu la prima zonizzazione messa a punto dalla Regione, che in seguito svilupperà e approfondirà su quella base un ulteriore suddivisione del territorio in aree strutturalmente omogenee (i «Sistemi Economici Locali» SEL) al fine di ottimizzare l articolazione territoriale dei servizi e delle funzioni. La legge regionale disciplinava l associazionismo intercomunale con uno statuto che fissava le modalità di collaborazione, il coordinamento delle funzioni delegate ai Comuni, la composizione e il funzionamento degli organi dell Associazione intercomunale e le modalità di finanziamento. Era previsto un finanziamento regionale, in misura fissa, alle costituende associazioni che ne facevano richiesta, per le prime spese di avviamento degli organi istituzionali. Con la Legge Regionale 76/1982 fu istituito un fondo annuo (pari a 120 milioni nel 1982), comprensivo dei contributo dei singoli comuni facenti parte delle Associazioni, per le spese di funzionamento degli organi istituzionali 3. La delimitazione territoriale delle Associazioni intercomunali ha rappresentato un passaggio importante nella vicenda politico-istituzionale della Regione Toscana perché, come abbiamo già ricordato, quella prima individuazione di ambiti territoriali relativamente omogenei sotto il profilo socio-economico ha rappresentato la base di riferimento le successive zonizzazioni ad esempio per quanto riguarda i 33 Sistemi Economici Locali (SEL) e i relativi Quadranti, definiti nel 1999 e la mappatura dei 47 livelli di Ambito Territoriale Ottimale del 2001 (completata nel 2003). 2 S. Iommi, Numerosità e dimensione degli enti locali ed offerta dei servizi pubblici, in IRPET, Il governo locale in Toscana Identikit 2011, Edifir - Edizioni Firenze, 2012, p IRPET, La gestione associata di funzioni e servizi nei piccoli comuni della Toscana (L.R. 40/2001), a cura di S. Bindi, Firenze, 2005, p. 15.

7 7 Le Associazioni intercomunali furono sciolte nel 1991, dopo il varo della legge 142/1990 che introduceva una nuova disciplina dell associazionismo dei Comuni e rilanciava in capo alle Province il ruolo di ente di governo di area vasta 4. Tab. 4 Le 32 Associazioni intercomunali istituite dalla L.R. 17 agosto 1979 n ) Lunigiana: Aulla, Bagnone, Casola in Lunigiana, Comano, Filattiera, Fivizzano Licciana Nardi, Mulazzo, Podenzana, Pontremoli, Tresana, Villafranca in Lunigiana, Zeri. 2) Area di Massa Carrara: Carrara, Fosdinovo, Massa, Montignoso. 3) Versilia: Camaiore, Forte dei Marmi, Massarosa, Pietrasanta, Seravezza, Stazzema, Viareggio. 4) Garfagnana: Camporgiano, Careggine, Castelnuovo Garfagnana, Castiglione in Garfagnana Fosciandora, Gallicano, Giuncugnano, Minucciano, Molazzana, Piazza al Serchio, Pieve Fosciano, San Romano Garfagnana, Sillano, Vagli di Sotto, Vergemoli, Villa Collemandina. 5) Media Valle del Serchio: Bagni di Lucca, Barga, Borgo a Mozzano, Coreglia Antelminelli, Fabbriche di Vallico. 6) Piana di Lucca: Altopascio, Capannori, Lucca, Montecarlo, Pescaglia, Porcari, Villa Basilica. 7) Val di Nievole: Buggiano, Chiesina Uzzanese, Lamporecchio, Larciano, Massa e Cozzile, Monsummano Terme, Montecatini Terme, Pescia, Pieve a Nievole, Ponte Buggianese, Uzzano. 8) Area Pistoiese: Abetone, Agliana, Cutigliano, Marliana, Montale, Pistoia, Piteglio, Sambuca Pistoiese, San Marcello Pistoiese, Serravalle Pistoiese, Quarrata. 9) Area Pratese: Cantagallo, Carmignano, Montemurlo, Poggio a Caiano, Prato, Vaiano, Vernio. 10) Area Fiorentina: Bagno a Ripoli, Barberino Val d'elsa, Calenzano, Campi Bisenzio, Fiesole, Firenze, Greve, Impruneta, Lastra a Signa, San Casciano Val di Pesa, Scandicci, Sesto Fiorentino, Signa, Tavarnelle Val di Pesa, Vaglia. 11) Mugello Val di Sieve: Barberino di Mugello, Borgo San Lorenzo, Dicomano, Firenzuola, Londa, Marradi, Palazzuolo sul Senio, Pelago, Pontassieve, Rufina, San Godenzo, San Piero a Sieve, Scarperia, Vicchio. 12) Area Pisana: Calci, Cascina, Pisa, San Giuliano Terme, Vecchiano, Vicopisano. 13) Area Livornese: Collesalvetti, Fauglia, Livorno, Lorenzana, Orciano Pisano. 14) Bassa Val di Cecina: Bibbona, Casale Marittimo, Castagneto Carducci, Castellina Marittima, Cecina, Guardistalla, Montescudaio, Riparbella, Rosignano Marittimo, Santa Luce. 15) Alta Val di Cecina: Castelnuovo Val di Cecina, Montecatini Val di Cecina, Pomarance, Volterra. 16) Val d'era: Bientina, Buti, Calcinaia, Capannoli, Casciana Terme, Chianni, Crespina, Laiatico, Lari, Palaia, Peccioli, Ponsacco, Pontedera, Terricciola. 17) Val d'arno Inferiore: Castelfranco di Sotto, Fucecchio, Montopoli Val d'arno, San Miniato, Santa Croce sull'arno, Santa Maria a Monte. 18) Bassa Val d'elsa: Capraia e Limite, Castelfiorentino, Cerreto Guidi, Certaldo, Empoli, Gambassi, Montaione, Montelupo Fiorentino, Montespertoli, Vinci. 19) Alta Val d'elsa: Casole d'elsa, Colle Val d'elsa, Poggibonsi, Radicondoli, San Gimignano. 20) Val d'arno Superiore: Bucine, Castelfranco di Sopra, Cavriglia, Figline Valdarno, Incisa in Val d'arno, Laterina, Loro Ciuffenna, Montevarchi, Pergine Val d'arno, Pian di Scò, Reggello, Rignano sull'arno, San Giovanni Valdarno, Terranuova Bracciolini. 4 Nel corso degli anni Novanta presero campo in Toscana numerose esperienze di aggregazione sovracomunale, sorte sia per iniziativa dei singoli comuni, per varie categorie di servizi e funzioni comunali, sia per effetto delle nuove normative che obbligavano la gestione associata in particolari settori, quali acque o rifiuti. Cfr. R. Caselli La gestione associata dei servizi pubblici locali nei comuni toscani,firenze, IRPET, 2000.

8 8 21) Casentino: Bibbiena, Castel Focognano, Castel San Niccolò, Chitignano, Chiusi della Verna, Montemignaio, Ortignano Raggiolo, Poppi, Pratovecchio, Stia, Talla. 22) Val Tiberina: Anghiari, Badia Tedalda, Caprese Michelangelo, Monterchi, Pieve Santo Stefano, San Sepolcro, Sestino. 23) Area Aretina Nord: Arezzo, Capolona, Castiglion Fibocchi, Civitella in Val di Chiana, Monte San Savino, Subbiano. 24) Area Val di Chiana Est: Castiglion Fiorentino, Cortona, Foiano della Chiana, Lucignano, Marciano della Chiana. 25) Val di Cornia: Campiglia Marittima, Monteverdi Marittimo, Piombino, San Vincenzo, Sassetta, Suvereto. 26) Arcipelago Toscano: Campo nell'elba, Capoliveri, Capraia Isola, Marciana, Marciana Marina, Porto Azzurro, Portoferraio, Rio Marina, Rio nell'elba. 27) Colline Metallifere: Follonica, Gavorrano, Massa Marittima, Monterotondo Marittimo, Montieri, Scarlino. 28) Area Grossetana: Campagnatico, Castiglione della Pescaia, Cinigiano, Civitella Paganico, Grosseto, Scansano, Roccastrada. 29) Colline dell'albegna: Capalbio, Isola del Giglio, Magliano in Toscana, Manciano, Monte Argentario, Orbetello, Pitigliano, Sorano. 30) Area Senese: Asciano, Buonconvento, Castellina in Chianti, Castelnuovo Berardenga, Chiusdino, Gaiole in Chianti, Montalcino, Monteriggioni, Monteroni d'arbia, Monticiano, Murlo, Radda in Chianti, Rapolano Terme, San Giovanni d'asso, San Quirico d'orcia, Siena, Sovicille. 31) Val di Chiana: Cetona, Chianciano Terme, Chiusi, Montepulciano, Pienza, San Casciano dei Bagni, Sarteano, Sinalunga, Torrita di Siena, Trequanda. 32) Amiata: Abbadia San Salvatore, Arcidosso, Castel del Piano, Castell'Azzara, Castiglione d'orcia, Piancastagnaio, Radicofani, Roccalbegna, Santa Fiora, Seggiano, Semproniano L Empolese Valdelsa. Da Associazione intercomunale a Circondario E veniamo al caso oggetto del nostro approfondimento. Come abbiamo visto, gli undici comuni dell Empolese-Valdelsa, che coprono una vasta area sul lato sud-occidentale della provincia di Firenze al confine con le province di Siena, Pisa e Pistoia, hanno una storia associativa che risale alla fine degli anni Settanta, quando nacquero le Associazioni intercomunali. In realtà, le tracce di un vincolo cooperativo tra i Comuni dell area sono ancora più antiche ed hanno motivazioni di carattere eminentemente politico che salivano, si potrebbe dire, dal basso, e precedevano e accompagnavano le sollecitazioni della neonata Regione. Questa zona ha rappresentato nel corso del Novecento uno dei punti di massima forza della sinistra e del PCI in particolare, nella regione. Una egemonia politica ed elettorale che dopo il 1991 è stata raccolta dai partiti eredi del PCI e dalle coalizioni di centrosinistra e che dura tuttora. Tutti i comuni dell Empolese-Valdelsa sono stati sempre governati da giunte di sinistra, monocolori PCI o socialcomuniste ma quasi sempre a maggioranza assoluta del PCI. Tutti quei comuni hanno attivamente partecipato alla mobilitazione regionalista che la sinistra toscana promosse nel corso degli anni Cinquanta e Sessanta, affinché la Regione fosse finalmente attuata. Quando infine nacque, nel 1970, essa fu salutata con grande soddisfazione

9 9 perché si era certi che avrebbe consolidato le autonomie e valorizzato i governi locali, riconoscendo ai Comuni la titolarità delle funzioni amministrative e il diritto di partecipare alle scelte programmatiche. L aspettativa era che l avvento della Regione avesse ricadute positive sul bilancio comunale agevolando il trasferimento di risorse da investire in servizi e opere pubbliche ed accrescendo l autonomia decisionale. Tra i comuni dell Empolese-Valdelsa la nascita della Regione ebbe come effetto politico immediato l accentuarsi della collaborazione intercomunale, che fu fin dall inizio uno degli obiettivi del neonato governo regionale toscano. Dietro la spinta, soprattutto, del sindaco di Empoli, il comune più grande dell area, si cominciò a prefigurare un nuovo contesto di relazioni intercomunali con alcuni obiettivi prioritari: costituzione di un organismo di gestione urbanistica intercomunale, quale premessa al piano urbanistico comprensoriale; iniziative per favorire la costituzione di cooperative a proprietà indivisa per la casa; costituzione dell Unità sanitaria locale, per uno sviluppo organico della politica sanitario sul territorio. Già nell autunno del 1970 fu avanzata la proposta di dar vita ad un Comprensorio, ovvero ad uno strumento istituzionale di programmazione di livello sovracomunale. I primi obiettivi da perseguire in questa nuova ottica di programmazione comprensoriale restano esemplari delle priorità programmatiche che caratterizzano il governo locale dell area: interventi strutturali sul territorio, sviluppo economico e servizi sociali. Queste le priorità individuate: 1) un consorzio per la costituzione di un inceneritore di rifiuti solidi urbani; 2) un consorzio per la depurazione delle acque del fiume Elsa; 3) la messa a punto di un piano di zona per l agricoltura; 4) un centro di accoglienza per bambini spastici e subnormali. Per tutti gli anni Settanta e fino a quando nel 1979 non furono varate le Associazioni intercomunali, il coordinamento tra i Comuni fu assicurato dall Assemblea dei sindaci, ambito decisionale debolmente istituzionalizzato ma molto autorevole sul piano politico. Nel 1973 le amministrazioni comunali dell area costituirono un «Consorzio per la programmazione urbanistica e per lo sviluppo economico e sociale dei terrori del comprensorio della Valdelsa e del Medio Valdarno». Nel 1981, fu costituita, in virtù della già ricordata legge regionale n. 37 del 1979, l Associazione intercomunale n. 18 «Bassa Val d Elsa», che comprendeva dieci comuni di due sub aree (cinque in Val d Elsa e cinque nell Empolese). Furono quelli i Comuni che successivamente dettero vita al Circondario e poi all Unione dei Comuni, con l aggiunta del comune di Fucecchio (che al momento era stato inserito nell Associazione intercomunale Valdarno Inferiore con altri cinque comuni della contigua provincia di Pisa, insieme ai quali costituiva il distretto industriale della concia e della calzatura). Con la suddivisione del territorio in Associazioni intercomunali, la Regione individuava «gli ambiti territoriali adeguati all organizzazione e alla gestione coordinata dei servizi e delle funzioni esercitate dalle amministrazioni locali» (L.R. n. 37/79, art. 1). I Comuni associati potevano attribuire all Associazione l esercizio di funzioni ad essi delegate dalla Regione e l Associazione promuoveva il coordinamento delle funzioni regionali delegate ai comuni (art. 2); in particolare, nel

10 10 settore dei servizi sanitari l Associazione operava attraverso le Unità sanitarie locali introdotte dalla legge 833 nel Dal punto di vista economico-produttivo, dagli anni Settanta l area dell Empolese-Valdelsa comprendeva in sé due distretti industriali, aventi per centro Castelfiorentino ed Empoli, corrispondenti a due diversi mercati del lavoro. Entrambi i distretti erano strutturati intorno al settore dell abbigliamento ma erano altresì dotati di un tessuto produttivo polisettoriale, molto articolato (oltre all abbigliamento: calzature, pelli e cuoio, vetro, ceramica, mobilio, meccanica, alimentaristica, chimica secondaria, cartotecnica e lavorazione dei materiali sintetici) 5. L area si caratterizzava «per una struttura di interdipendenze del tessuto industriale» ma anche»per una fitta rete di relazioni tra l industria e il terziario» e, ancor più in generale, «tra il reticolo dei centri di campagna urbanizzata e i poli urbani di riferimento» 6. Una struttura territoriale complessa (due distretti industriali, con forti elementi di continuità con i distretti limitrofi calzaturiero-mobiliero dell Alta Valdelsa e con il pellettiero-calzaturiero del Medio Valdarno) e molto articolata dal punto di vista produttivo ma uniforme per quanto riguarda il modello di industrializzazione (piccole imprese industriali e artigiane, integrate per fasi e per filiere produttive). Altrettanto uniformi di quelli produttivi sono i caratteri socio-culturali, con una «netta prevalenza dei ceti più direttamente impegnati nella produzione materiale, un livello medio di scolarizzazione relativamente poco elevato, un fortissimo tasso di attività femminile e un tenore di vita diffusamente consumistico» 7. Al centro, anche spazialmente, della struttura di interdipendenze si trova la medio-piccola città di Empoli, con un ruolo strategico nei confronti dei due distretti. I Comuni giocano un ruolo di grande incisività, da sempre, nella strutturazione e nell evoluzione del sistema locale, forte è sempre stato l intreccio tra istituzioni del governo locale, soggetti di rappresentanza degli interessi e sistema produttivo e dei servizi. Un intreccio segnato dalla costante interscambiabilità della élite del potere locale tra ruoli politico-amministrativi, direzione delle associazioni degli interessi e guida delle aziende (cooperative, ma non solo). Nel corso degli anni Ottanta i dieci comuni svilupparono capacità di governo a livello intercomunale, sperimentando una cooperazione nel metodo e negli strumenti che indubbiamente ha rafforzato la coesione territoriale, con un impegno sostanzialmente condiviso da tutte le amministrazioni comunali coinvolte, sia pure con qualche inevitabile diffidenza e remora campanilistica. L impegno più rilevante lo si ebbe con la gestione della riforma del servizio sanitario nazionale, con l introduzione del consorzio socio-sanitario prima e poi con l Unità sanitaria locale. Si può ricordare, inoltre, che fu costituito un consorzio (che riuniva metà dei comuni associati, quelli dell Empolese, ai quali si unì anche Fucecchio) per la gestione dei servizi di acqua e gas, ma proiettato ben presto anche verso obiettivi di gestione della raccolta e dello smaltimento dei rifiuti e 5 Cfr. IRPET, Mercato e forze locali in Toscana (a cura di G. Bercattini), Firenze. 6 A. Falorni, Il distretto industriale del Empolese-Valdelsa, relazione non pubblicata, Ivi.

11 11 di tutela ambientale; fu varato un piano intercomunale della viabilità e dei parcheggi; fu approvato un piano commerciale intercomunale e furono costituiti dai Comuni, insieme ad altri enti pubblici, a imprenditori privati e associazioni economiche, agenzie di servizi per la promozione dello sviluppo economico e per l occupazione (Promomoda, Centro servizi per il vetro ecc.). Il tema del governo sovracomunale conobbe una forte accelerazione nel 1990 dopo l approvazione della legge 142, che introdusse tra l altro la possibilità di istituire le aree metropolitane. La nuova normativa ebbe effetti rilevanti a livello locale, soprattutto per la decisione della Provincia di Firenze di cercare di dare attuazione all area metropolitana; mentre la Regione Toscana decideva di andare oltre, sciogliendole, l esperienza istituzionale delle Associazioni intercomunali. Nell Empolese-Valdelsa l abbandono delle Associazioni intercomunali fu visto con diffidenza, perché veniva meno uno strumento di governo sovracomunale e di (potenziale) autonomia e l area restava priva di una sede di confronto politico-istituzionale. Soprattutto, preoccupava che il vuoto istituzionale indotto dall esaurimento delle Associazioni intercomunali fosse occupato dalla Provincia. Scriveva nel 1988 il Presidente dell Associazione intercomunale: «Il forte accentramento di funzioni sulle Province, lungi dal sollecitare processi di associazionismo volontario, ripropone piuttosto un vecchio scenario di rapporti bilaterali tra singolo Comune e Provincia (e Regione) schiacciando i Comuni su momenti terminali di gestione invece di sollecitarli a confrontarsi tra loro, ciò che invece è il presupposto perché questi superino i particolarismi, disponendosi già soggettivamente nell ottica della programmazione» 8. Come abbiamo accennato, l esperienza di governo sovracomunale maturata già negli anni Settanta e nel decennio successivo con l Associazione aveva avviato significative politiche di area, che a loro volta avevano alimentato in quelle amministrazioni aspirazioni crescenti di autonomia istituzionale che la nascita preannunciata dell area metropolitana rischiava di conculcare. Rivendicando una accentuata specificità economica e sociale rispetto al capoluogo e ai comuni della cintura, i comuni dell empolese Valdelsa non accettarono di essere inglobati nella prevista Area metropolitana (alla cui costituzione la Provincia di Firenze cominciò a lavorare con determinazione subito dopo il varo della legge 142, scatenando paure e sospetti dei comuni in questione) ed inizialmente chiesero alla Regione addirittura l istituzione di una nuova Provincia o, in subordine, di essere trasferiti nella neoistituita provincia di Prato. Di fronte allo spettro dell Area metropolitana, il sindaco comunista di Empoli, Varis Rossi, fu il primo a mettere i piedi nel piatto introducendo nel dibattito politico con alcuni articoli e interviste sulla cronaca locale de Il Tirreno, nell agosto 1990 il tema della «Provincia di Empoli». Rossi proponeva la costituzione di una provincia autonoma, formata dai comuni dell Empolese-Valdelsa e dai sei comuni del Comprensorio del Cuoio; ma come detto riprendeva in subordine anche l ipotesi di entrare nella provincia di Prato. Era una proposta volutamente provocatoria, avanzata senza consultare gli 8 Si veda l intervento del Presidente Romano Nanni su l Unità - Toscana del 2 giugno 1988.

12 12 organi dirigenti del PCI locale, che reagiva alla prospettiva di inevitabile (così era sentita) marginalizzazione che l area avrebbe subito se l Area metropolitana fosse nata assumendo tutte le competenze della Provincia nonché quelle affidate ai Comuni che rivestivano valenza sovracomunale (pianificazione territoriale, viabilità e trasporti, tutela delle risorse idriche, smaltimento rifiuti, grande distribuzione commerciale, sanità ecc.). Se nell area ci sono stati ritardi nell affrontare problemi amministrativi importanti sosteneva il sindaco di Empoli ciò dipende da incertezze e limiti della politica, non dalla mancanza di strumenti istituzionali. La cultura amministrativa dei Comuni del Circondario è forte, proprio in virtù della continuità di un esperienza di cooperazione accumulata nel tempo. «L area metropolitana mi pare quindi una forzatura politica non siamo quindi antifiorentini ma non so arrendermi all idea che il nostro Comune sparisca nel Comune metropolitano Non possiamo trovarci relegati al ruolo di consiglio di quartiere. Questa gente non lo merita» 9. In un contesto nazionale difficile, come quello dei primi anni Novanta, segnati dalla crisi della politica e dei partiti, il sistema politico locale reagì valorizzando le risorse del territorio e chiedendo più autonomia. Ma lo fece, diversamente da quel che accadde altrove, rafforzando la struttura organizzativa territoriale del partito egemone. il Comitato di zona del PCI-PDS ottenne di staccarsi dalla Federazione fiorentina e di salire a sua volta al rango di Federazione del partito 10. Nel giugno del 1991 nacque infatti la Federazione Empolese-Valdelsa del PDS; nel tema dell Assemblea costituente era richiamato esplicitamente il nodo politico dell autonomia: Una nuova federazione per un nuovo regionalismo. Il documento politico finale approvato dall Assemblea ribadiva il giudizio negativo sulla proposta di delimitazione dell area metropolitana fiorentina avanzata dalla Regione, che la faceva coincidere con il territorio della provincia, e ribadiva la richiesta, se la Regione avesse tenuto ferma tale proposta, di costituire una nuova Provincia, «come risposta più adeguata per il riconoscimento dell autonomia e della soggettività politico-istituzionale della nostra area». A quel punto, il gioco politico si spostò tutto in ambito partitico. Non occorre qui, per adesso, ricostruire i passaggi dell intenso confronto tra federazione fiorentina, neo costituita federazione empolese e comitato regionale del PDS, confronto che incrociava alla tematica istituzionale un altro ambito molto importante della territorializzazione come quello della riorganizzazione del servizio sanitario regionale e della delimitazione dei confini delle Unità sanitarie locali. Sta di fatto che dal confronto istituzionale con Regione e Provincia i comuni dell area uscirono sostanzialmente vincitori. Non solo perché l ipotesi di Area metropolitana fiorentina finì poi nel nulla, com è noto, ma perché essi, se non ottennero una nuova Provincia (a cui in realtà non avevano mai puntato con convinzione) riuscirono però a strappare dalla Regione un di più di 9 V. intervista al sindaco Rossi su Il Tirreno del 21 agosto Nell occasione, l Unione comunale del partito di Fucecchio si staccò dalla Federazione di Pisa ed entrò in quella dell Empolese-Valdelsa.

13 13 autonomia istituzionale rispetto alla situazione precedente, in modo da non vanificare l esperienza delle Associazioni intercomunali. Il punto di mediazione fu trovato nel «Circondario regionale», ente di governo di secondo livello con funzioni e competenze trasferite dalla Provincia e dai singoli comuni che entravano a farne parte. II Circondario regionale era un organo previsto dal primo statuto della Regione (1970), quale circoscrizione territoriale omogenea di decentramento amministrativo, a cui poteva essere delegato da parte della Provincia l esercizio di funzioni e di servizi di ambito sovra comunale; è perciò un ente locale di secondo grado ed ha come organi il Presidente, la Giunta esecutiva e l Assemblea, eletti con meccanismo proporzionale dai Consigli dei comuni interessati. Esercita le funzioni che gli sono affidate «attraverso strumenti di concertazione dalla Provincia e dai Comuni» e che riguardano principalmente materie quali la formazione professionale e le politiche del lavoro, il trasporto pubblico locale, la viabilità, i beni culturali, il turismo, l ambiente e la pubblica istruzione (cfr. Quadro 1). QUADRO 1 Fonti normative e funzioni assegnate al Circondario Empolese Valdelsa. Circondario Empolese-Valdelsa Fonti normative Funzioni assegnate Protocollo d'intesa 23 aprile 1997 tra: - comuni dell Empolese-Valdelsa; - USL 11 - Regione Toscana; - Provincia di Firenze; - Prefettura di Firenze - Publiser SPA a) realizzazione di una rete civica unitaria b) apertura di Uffici unici per i Rapporti con il Pubblico c) realizzazione del sistema informativo territoriale (SIT) d) gestione informatizzata del Catasto e) Sistema bibliotecario e dei musei integrato Capraia e Limite; Castelfiorentino; Cerreto Guidi; Certaldo; Empoli; Fucecchio; Gambassi Terme; Montaione; Montelupo Fiorentino; Montespertoli; Vinci Istituzione Circondario Empolese Valdelsa Legge regionale 29 maggio 1997, n. 38 Deliberazione provincia Firenze n. 18, 7 febbraio Trasferimento funzioni e personale al circondario Empolese-Valdelsa a) pianificazione territoriale b) pianificazione ambientale, ciclo smaltimento rifiuti c) lavoro e formazione professionale d) sviluppo economico pianificazione strategica e) viabilità e trasporti f)servizi sociali e assistenziali g) servizi scolastici, sportivi e ricreativi

14 14 Gestioni associate svolte dai comuni e gestite dal Circondario (anno 2010) h) servizi culturali e ricreativi i) servizi culturali e informativi l) agricoltura m) turismo a) gestione associata dei servizi informatici e telematici b) gestione associata sviluppo risorse umane c) gestione associata del catasto dei boschi e dei pascoli percorsi dal fuoco d) gestione associata vincolo idrogeologico e) gestione associata sit e cartografia f) gestione associata dei procedimenti per la concessione dei contributi per l abbattimento delle barriere architettoniche g) gestione associata della protezione civile h) gestione associata delle attività di supporto giuridico i) gestione associata del difensore civico comunale Nessun Circondario regionale era mai stato varato prima in Toscana e questo istituto era rimasto sulla carta statutaria, fino a quando lo si introdusse appunto come risposta ad hoc per dirimere il contenzioso con l area Empolese Valdelsa. Tant è che nell esperienza della Regione Toscana sono stato soltanto due i Circondari istituiti: oltre a quello dell Empolese-Valdelsa ne nascerà poi un altro, il Circondario della Val di Cornia (comprendente cinque comuni in provincia di Livorno) nel 1998, per ragioni analoghe e anche qui dopo che era nata una Federazione autonoma del PDS- DS. La vittoria dei Comuni dell area nella trattativa con la Regione, o, a voler essere più precisi, dell organizzazione territoriale del PDS dell Empolese Valdelsa nei confronti della federazione fiorentina del partito, fu completata con la già ricordata costituzione di una specifica Unità sanitaria locale di zona (l USL n. 11), l unica di carattere interprovinciale nella regione, che copriva il territorio degli undici comuni e quello di altri quattro in provincia di Pisa 11. A sostegno dell autonomia funzionale dell area rispetto a Firenze, i vertici della federazione locale del PDS e gli amministratori locali sollecitarono le organizzazioni di rappresentanza degli interessi perché adeguassero anch esse le strutture territoriali alla nuova dimensione circondariale con ciò dando implicitamente riconoscimento politico al Circondario. La CGIL della zona rispose per prima, trasformando la propria organizzazione territoriale da «zona» a «circondario» e chiedendo totale autonomia per il nuovo direttivo circondariale dell Empolese Valdelsa nei confronti della Camera del lavoro di Firenze. La CGIL sollecitava le sue «controparti naturali, industriali, commercianti e artigiani» ad assumere anch esse consapevolezza dell utilità di costruire «tavoli locali», di 11 Si veda sul punto, A. Fluvi, Il Circondario Empolese Valdelsa : un esperienza toscana, Firenze, pp. 31 e ss.

15 15 contrattazione per affrontare i problemi specifici dell area, dando perciò anch esse alle proprie strutture organizzative di area una direzione e una gestione autonoma 12. Il Circondario mosse i suoi primi passi alla fine del 1993 con l approvazione, all unanimità, da parte del Consiglio provinciale di Firenze in cui si individuava l ambito territoriale di riferimento ovvero i dieci comuni dell ex Associazione intercomunale più il comune di Fucecchio. Nella delibera, il motivo di fondo dell istituzione del Circondario veniva riconosciuto «nelle caratteristiche del territorio, della popolazione e dell economia che favoriscono un insieme organico di rapporti sociali tali da prefigurare nei fatti una comunità locale autonoma». Come detto, la legge regionale istitutiva del Circondario è del 1997 (LR n. 38 del 29/5/1997), approvata dal Consiglio con la sola astensione del gruppo di Rifondazione comunista. In particolare, la legge regolava i rapporti tra Provincia di Firenze e Circondario attraverso la stipula di un protocollo aggiuntivo allo Statuto del Circondario stesso, che trasferiva a quest ultimo gran parte delle competenze amministrative e gestionali proprie della Provincia. Il protocollo, approvato dal Consiglio provinciale nel 1998 conferiva al Circondario le funzioni di programmazione e la competenza su una serie di materie quali la pianificazione urbanistica, controllo ambientale, programmazione e gestione del ciclo di smaltimento dei rifiuti, lavoro e formazione professionale, viabilità, trasporti, servizi scolastici. Con contestuale assegnazione delle risorse umane, finanziarie e strumentali necessarie. Affidamento che verrà deliberato effettivamente dal Consiglio provinciale solo due anni dopo, nel febbraio Il percorso istituzionale scelto con la costituzione del Circondario fu abbastanza innovativo, forse unico anche oltre i confini regionali. Nei settori conferiti il Circondario esercitava le medesime funzioni di una Provincia, senza però portarsi dietro gli organi della deconcentrazione amministrativa (Prefettura, Questura, Banca d Italia ). Restava certamente un organo di rango inferiore rispetto alla Provincia, in quanto non direttamente elettivo ma era comunque dotato di una certa rilevanza istituzionale e di un certo peso politico sul territorio. Come ha osservato il deputato ed ex presidente della federazione locale del PDS che giocò un ruolo importante nella vicenda, se l obiettivo fosse stato solo quello di continuare a coordinare le scelte amministrative sul territorio sarebbe stato forse sufficiente proseguire l esperienza dell Associazione intercomunale istituzionalizzando una Conferenza dei sindaci. «La decisione, invece, di dar vita alla Giunta esecutiva e all Assemblea del Circondario fu, da un lato, il frutto di un accordo fra tutte le forze politiche e, dall altro, il tentativo di immaginare un futuro, di costruire una sede di discussione politica sull area» 13. Insomma, l istituzione del Circondario rappresentò per i comuni dell area una sorta di assicurazione politica contro il rischio di essere inglobati nella prevista Area metropolitana fiorentina. Se esse si fosse concretizzata, il Circondario, si pensava, si sarebbe «automaticamente» trasformato in Provincia. 12 Ivi, pp Ivi, p. 80.

16 16 2. Dal Circondario all Unione dei Comuni Ma la vicenda della cooperazione sovracomunale ha preso, in Toscana e nel Paese, un altra direzione Ambiti ottimali di aggregazione e gestioni associate Dagli anni Novanta e poi soprattutto nel decennio successivo, la Regione Toscana ha avviato un sostanziale rinnovamento del sistema delle Autonomie, con l obiettivo a) del decentramento, b) della semplificazione amministrativa e c) della concertazione. Sono state incoraggiate forme di aggregazione sovracomunale riguardanti soprattutto i servizi idrici, di igiene urbana e socioassistenziali. Un passaggio decisivo per l implementazione di tali obiettivi è stato, nel 2001, l approvazione della Legge Regionale n. 40 che ha affiancato e sostenuto l associazionismo dei Comuni con un progetto di riorganizzazione complessiva del territorio regionale; la Regione ha individuato e precisato gli ambiti di intervento nei quali gli enti locali associati potevano attivare progetti comuni di gestione di servizi e funzioni. Con la legge 40 e con successivi provvedimenti normativi e legislativi è stato messo a punto il «Sistema Toscano delle Autonomie», fondato sull individuazione dei «livelli ottimali», vale a dire degli ambiti territoriali all interno dei quali l aggregazione dei comuni risultasse ottimale per l erogazione dei servizi. Come si vede dalla Tab. 5 e come era prevedibile, il Circondario Empolese Valdelsa è stato individuato e classificato integralmente come ambito territoriale ottimale (ambito n. 22). Tab. 5 I 47 livelli territoriali ottimali individuati dalla Regione per le gestioni associate (2003). Livello ottimale Comuni 1 - Alta Val di Cecina Castelnuovo di Val di Cecina - Montecatini Val Cecina - Monteverdi Marittimo Pomarance Volterra 2 - Alta Versilia Camaiore - Seravezza Stazzema 3 - Amiata Grossetano 4 - Amiata Val d'orcia 5 - Appennino Pistoiese 6 - Area Fiorentina 7 - Area Grossetana Arcidosso - Castel del Piano - Castell'Azzara - Cinigiano - Roccalbegna - Santa Fiora - Seggiano Semproniano Abbadia San Salvatore - Castiglione d'orcia - Montalcino - Piancastagnaio - Pienza - Radicofani - San Quirico d'orcia Abetone - Cutigliano - Marliana - Montale - Pescia - Piteglio - Sambuca Pistoiese - San Marcello Pistoiese Bagno a Ripoli - Greve in Chianti - Impruneta - San Casciano Val di Pesa Campagnatico - Castiglione della Pescaia - Civitella Paganico

17 Area Grossetana Sud 9 - Area Livornese 10 - Area Lucchese 11 - Area Lucchese Est 12 - Area Pisana Centro 13 - Area Pisana Nord 14 - Area Pistoiese - Pratese 15 - Area Pratese - Montalbano 16 - Area Val d'elsa 17 - Arcipelago Toscano 18 - Bassa Val di Cecina 19 - Casentino 20 - Chianti Fiorentino 21 - Chianti Senese 22 - Circondario Empolese 23 - Circondario Val di Cornia 24 - Colline del Fiora 25 - Colline Metallifere 26 - Crete Senesi Capalbio - Magliano in Toscana - Monte Argentario Capraia Isola - Collesalvetti Livorno Altopascio - Bagni di Lucca - Capannori Lucca Montecarlo Porcari Cascina - Fauglia - Lorenzana - Orciano Pisano Calci - San Giuliano Terme - Vecchiano Vicopisano Agliana - Montemurlo Quarrata Carmignano - Poggio a Caiano Casole d'elsa - Colle Val d'elsa - Poggibonsi - San Gimignano Campo nell'elba - Capoliveri - Isola del Giglio - Marciana - Marciana Marina - Porto Azzurro - Portoferraio - Rio Marina - Rio nell'elba Bibbona - Castagneto Carducci - Cecina - Rosignano Marittimo - Casale Marittimo - Castellina Marittima - Guardistallo - Montescudaio - Riparbella - Santa Luce Bibbiena - Capolona - Castel Focognano - Castel San Niccolò - Chitignano - Chiusi della Verna - Montemignaio - Ortignano Raggiolo - Poppi - Pratovecchio - Stia - Subbiano Talla Barberino Val d'elsa - Tavarnelle Val di Pesa Castellina in Chianti - Castelnuovo Berardenga - Gaiole in Chianti - Radda in Chianti Capraia e Limite - Castelfiorentino - Cerreto Guidi Certaldo - Empoli - Fucecchio - Gambassi Terme - Montaione - Montelupo Fiorentino - Montespertoli Vinci Campiglia Marittima - Piombino - San Vincenzo - Sassetta - Suvereto Manciano - Pitigliano - Scansano Sorano Massa Marittima - Monterotondo Marittimo - Montieri - Roccastrada Asciano - Buonconvento - Monteroni d'arbia - Rapolano Terme - San Giovanni d'asso

18 Garfagnana 28 - Lunigiana 29 - Media Valle del Serchio 30 - Montagna Fiorentina 31 - Mugello Camporgiano - Careggine - Castelnuovo di Garfagnana - Castiglione di Garfagnana - Fosciandora - Gallicano - Giuncugnano - Minucciano - Molazzana - Piazza al Serchio - Pieve Fosciana - San Romano in Garfagnana - Sillano - Vagli Sotto - Vergemoli - Villa Collemandina Aulla - Casola in Lunigiana - Comano - Filattiera Fivizzano - Fosdinovo - Licciana Nardi - Mulazzo - Podenzana - Tresana - Villafranca in Lunigiana - Zeri - Bagnone Pontremoli Barga - Borgo a Mozzano - Coreglia Antelminelli - Fabbriche di Vallico - Pescaglia - Villa Basilica Londa - Pelago - Pontassieve - Reggello - Rufina - San Godendo Barberino di Mugello - Borgo San Lorenzo - Dicomano - Firenzuola - Marradi - Palazzuolo sul Senio - San Piero a Sieve - Scarperia - Vaglia Vicchio 32 - Pratomagno Castelfranco di Sopra - Castiglion Fibocchi - Loro Ciuffenna - Pian di Sco' 33 - Siena Siena Monteriggioni 34 - Val d'ambra Bucine - Laterina - Pergine Valdarno 35 - Valdarno San Giovanni Valdarno Caviglia 36 - Valdarno Inferiore 37 - Valdarno Superiore Nord 38 - Valdera 39 - Val di Bisenzio 40 - Val di Chiana Aretina 41 - Valdichiana Senese 42 - Val di Merse 43 - Val di Nievole Est 44 - Val di Nievole Ovest 45 - Val di Pecora 46 - Valtiberina Castelfranco di Sotto - Montopoli in Val d'arno - San Miniato - Santa Croce sull'arno Incisa in Val d'arno - Rignano sull'arno Buti - Bientina - Calcinaia - Capannoli - Casciana Terme - Chianni - Crespina - Lajatico - Lari - Palaia - Peccioli - Ponsacco - Pontedera - Santa Maria a Monte Terricciola Cantagallo - Vaiano Vernio Foiano della Chiana - Lucignano - Marciano della Chiana - Monte San Savino - Civitella in Val di Chiana Cetona - Chianciano Terme - Chiusi - Montepulciano - San Casciano dei Bagni - Sarteano - Sinalunga - Torrita di Siena Trequanda Chiusdino - Monticiano - Murlo - Radicondoli Sovicille Lamporecchio - Larciano - Monsummano Terme - Pieve a Fievole Buggiano - Chiesina Uzzanese - Massa e Cozzile - Ponte Buggianese Uzzano Follonica - Gavorrano Scarlino Anghiari - Badia Tedalda - Caprese Michelangelo - Monterchi - Pieve Santo Stefano - Sansepolcro Sestino 47 - Versilia Forte dei Marmi - Massarosa - Pietrasanta Viareggio

19 19 La legge 40 raccoglieva le sollecitazione della legislazione nazionale promossa, nella seconda metà degli anni Novanta, dal ministro Bassanini, conformandosi in particolare al principio dell individuazione dei livelli ottimali per l esercizio associato delle funzioni dei governi locali; essa pose le basi per la riorganizzazione territoriale e per incentivare i Comuni a promuovere gestioni associate di servizi e funzioni. Il sistema prevedeva la volontarietà delle forme associative; i Comuni restavano titolari della scelta di costituire o meno un esercizio associato e di definirne forma giuridica (consorzio, convenzione, unione) e i confini territoriali. Le gestioni associate venivano incentivate mediante un sistema di contributi che favorivano la costituzione di forme associative stabili, in particolare con le Leggi Regionali 35/2007 e 37/2008. Quest ultima prevedeva tra l altro, contestualmente alla semplificazione degli enti locali, anche una profonda revisione e riduzione delle Comunità montane, nella direzione sollecitata dal governo nazionale con la legge finanziaria per il 2008 (legge n. 244 del 24 dicembre 2007). Il nuovo sistema delle Autonomie portava alla soppressione delle Comunità montane e alla loro sostituzione con le Unioni di Comuni; il riordino e in alcuni casi la soppressione delle Comunità montane si incrociava infatti con la possibilità di costituire Unioni di Comuni. Nacquero allora, sulla scia della legge 37/2008 le prime sei Unioni di Comuni toscane, per trasformazione di ex Comunità montane. Le Unioni di Comuni potevano essere incentivate a condizione che avessero una durata decennale e che esercitassero effettivamente funzioni e servizi di rilievo in almeno uno dei seguenti ambiti omogenei: corpo unico di polizia municipale; governo del territorio; progettazione e procedure di affidamento dei servizi pubblici; servizi e attività educative; personale e altri servizi generali di amministrazione; sportello unico delle attività produttive. Tra il 2010 e il 2011 la Regione ha ulteriormente consolidato i processi di unione intercomunale, muovendosi ormai con chiarezza verso l obbligatorietà dell esercizio associato delle funzioni fondamentali per i piccoli comuni. A fine 2012 le Unioni di Comuni sono in Toscana 25: alle prime sei, ex Comunità montane nate tra il , se ne sono aggiunte altre 12 ancora per trasformazione d Comunità montane, cinque costituite ex novo e due in fase di costituzione, per un totale di 160 comuni coinvolti (pari al 56% dei comuni toscani) Il contesto politico-istituzionale attuale: la Legge Regionale n. 68 del 27 dicembre 2011 («Norme sul sistema delle Autonomie locali») Come è noto, nel 2010 un decreto legislativo (n. 78/2010) del Governo guidato da Silvio Berlusconi ha segnato il passaggio dalla volontarietà all obbligatorietà dell esercizio associato delle «funzioni fondamentali» degli enti locali. Con quel decreto 14 il governo ha reso obbligatorio ed esclusivo 14 Si veda il D.L. 78 del 31 maggio 2010, art. 14, comma 30, «Misure urgenti in materia di stabilizzazione finanziaria e di competitività economica», decreto convertito con modificazioni dalla legge n. 122 del 30 luglio 2010.

20 20 l esercizio in forma associata di tali funzioni, «attraverso convenzione o unione», per i Comuni con popolazione inferiore a abitanti (o inferiore a se appartenenti a Comunità montane). Inoltre, il governo ha imposto alle Regioni di individuare con propria legge (concertandosi con i Comuni interessati nell ambito del Consiglio delle Autonomie Locali) «la dimensione territoriale ottimale ed omogenea per area geografica» per lo svolgimento delle funzioni fondamentali comunali «secondo i principi di economicità, di efficienza e di riduzione delle spese»; e di stabilire, nei confronti dei comuni che presentavano una dimensione territoriale inferiore a quella ottimale, un termine entro cui avviare obbligatoriamente l esercizio in forma associata. Le funzioni fondamentali dei Comuni, ma «ai soli fini del riparto dei fondi perequativi degli enti locali», erano state parzialmente individuate dalla legge 5 maggio 2009, n. 42 («Delega al governo in materia di federalismo fiscale, in attuazione dell art. 119 della Costituzione»): «funzioni generali di amministrazione, di gestione e di controllo; polizia locale; istruzione pubblica; viabilità e trasporti; gestione del territorio e dell ambiente; settore sociale». L elenco definitivo e completo delle funzioni fondamentali, valide per tutti i Comuni italiani, è stato poi formulato dal DL 95/2012 (ben dieci anni dopo, si deve osservare, la Riforma costituzionale del Titolo V della Costituzione). La Regione Toscana ha accolto le sollecitazioni del Governo procedendo ad un sistematico riordino dell ampia normativa regionale in materia; ed ha infine approvato, il 27 dicembre 2011, la legge regionale n. 68, «Norme sul sistema delle Autonomie locali». Il legislatore regionale ha identificato la dimensione territoriale adeguata per l esercizio delle funzioni comunali nelle «aggregazioni di comuni, aventi territorio di norma contermine e compreso in una stessa provincia con popolazione complessiva superiore a abitanti». Si sono così individuati, per le dieci province toscane, 37 ambiti territoriali entro cui costituire le aggregazioni comunali. La legge 68 distingue, in primo luogo tra «Unioni di comuni a disciplina ordinaria», ovvero le Unioni costituite da comuni non obbligati alla gestione associata perché superiori ai abitanti; e «Unioni a disciplina differenziata», ovvero le Unioni obbligatoriamente previste per i comuni piccolissimi, con popolazione non superiore ai abitanti. Nel complesso gli ambiti territoriali individuati, coinvolgono 204 dei 287 comuni presenti in Toscana e aggregano tutti i 90 piccoli comuni tenuti all esercizio associato di funzioni, ma anche i 17 comuni piccolissimi obbligati ed altri comuni non obbligati. Ciò allo scopo dichiarato di favorire processi di «unità d amministrazione». Aldilà degli aspetti normativi, il dato interessante da rilevare è inerente l orientamento politico che sembra aver guidato l individuazione da parte del legislatore dei 37 ambiti di dimensione territoriale adeguata. Seguendo un indirizzo già emerso in anni precedenti, infatti, la Regione Toscana ha cercato di privilegiare e di preservare, grazie ad una normativa flessibile, le esigenze di omogeneità socioeconomica, socioculturale ed orografica rispetto ad una mera unificazione amministrativa dei comuni.

Elenco dei comuni appartenenti alla conferenza territoriale n. 1, denominata "Toscana Nord"

Elenco dei comuni appartenenti alla conferenza territoriale n. 1, denominata Toscana Nord Elenco dei comuni appartenenti alla conferenza territoriale n. 1, denominata "Toscana Nord" Abetone Aulla Bagni Di Bagnone Barga Borgo A Mozzano Camaiore Camporgiano Careggine Carrara Casola In Lunigiana

Dettagli

( # ) &(( * +, $ )' -! " # $. ( # / 0 &'$ (( * + 1 $2 0 0($. 0$3 0 ( (( 4 0!" # "$% &$ & ' # %#" " '' "5 5 ( $$6$3 ( $11$ " 4 0 $.

( # ) &(( * +, $ )' -!  # $. ( # / 0 &'$ (( * + 1 $2 0 0($. 0$3 0 ( (( 4 0! # $% &$ & ' # %#  '' 5 5 ( $$6$3 ( $11$  4 0 $. ! " # %&' ( # ) &(( * +, )' -! " #. ( # / 0 &' (( * + 1 2 0 0(. 03 0 ( (( 4 0!" # "% & & ' # %#" " '' ()*)))* "5 5 ( 63 ( 11 " 4 0. 7 4 7 ( + ' ",,*))) " 8 5 (( #. # 6 " - "5 9 " 4 9 " " - ":7 8 + " 5

Dettagli

AGGIORNAMENTO DELLA CLASSIFICAZIONE SISMICA DEL TERRITORIO DELLA REGIONE TOSCANA 2014

AGGIORNAMENTO DELLA CLASSIFICAZIONE SISMICA DEL TERRITORIO DELLA REGIONE TOSCANA 2014 AGGIORNAMENTO DELLA CLASSIFICAZIONE SISMICA DEL TERRITORIO DELLA REGIONE TOSCANA 2014 ELENCO DEI COMUNI TOSCANI CON INDICAZIONE DELLA ZONA SISMICA DI APPARTENENZA (in grassetto i nuovi comuni istituiti

Dettagli

ELENCO CLASSIFICAZIONE SISMICA DEL GRT 431/06

ELENCO CLASSIFICAZIONE SISMICA DEL GRT 431/06 AREZZO Stia 2 Pratovecchio 2 Poppi 2 Bibbiena 2 Chiusi della Verna 2 Castel San Niccolo' 2 Montemignaio 2 Sestino 2 Pieve Santo Stefano 2 Badia Tedalda 2 Ortignano Raggiolo 2 Caprese Michelangelo 2 Chitignano

Dettagli

REGOLAMENTO 58R DEL 22 OTTBRE 2012 ED AGGIORNAMENTO DELLA CLASSIFICAZIONE SISMICA, DEL. GRT N 878 DEL 08 OTTOBRE 2012

REGOLAMENTO 58R DEL 22 OTTBRE 2012 ED AGGIORNAMENTO DELLA CLASSIFICAZIONE SISMICA, DEL. GRT N 878 DEL 08 OTTOBRE 2012 GENIO CIVILE DI AREA VASTA FIRENZE, PRATO, PISTOIA ED AREZZO. COORDINAMENTO REGIONALE PREVENZIONE SISMICA. REGIONE TOSCANA DIREZIONE GENERALE DELLE POLITICHE TERRITORIALI ED AMBIENTALI E PER LA MOBILITA

Dettagli

Eventi Alluvionali Verificatisi Nella Regione Toscana Il 20, 21 E 24 Ottobre 2013.

Eventi Alluvionali Verificatisi Nella Regione Toscana Il 20, 21 E 24 Ottobre 2013. Eventi Alluvionali Verificatisi Nella Regione Toscana Il 20, 21 E 24 Ottobre 2013. In attuazione della delibera del Consiglio dei Ministri del 15 novembre 2013 che ha dichiarato lo stato di emergenza per

Dettagli

Province di Firenze, Arezzo, Lucca, Massa Carrara, Pistoia e Prato

Province di Firenze, Arezzo, Lucca, Massa Carrara, Pistoia e Prato Giugno 2015 Informiamo che in seguito alle eccezionali avversità atmosferiche verificatesi nelle Province di Firenze, Arezzo, Lucca, Massa Carrara, Pistoia e Prato il giorno 5 marzo 2015, la Presidenza

Dettagli

AVVISO ALLA CLIENTELA

AVVISO ALLA CLIENTELA AVVISO ALLA CLIENTELA Regione Toscana: informativa alla clientela per la sospensione delle rate dei mutui nei comuni alluvionati OCDPC n. 157 05/03/2014 Informativa alla Clientela per la sospensione delle

Dettagli

STORIA DELLA CLASSIFICAZIONE SISMICA DELLA REGIONE TOSCANA

STORIA DELLA CLASSIFICAZIONE SISMICA DELLA REGIONE TOSCANA STORIA DELLA CLASSIFICAZIONE SISMICA DELLA REGIONE TOSCANA PROVINCIA DI AREZZO 1927 1937 1962 1982 2003 2006 ANGHIARI classificato in zona 2 declassificato non classificato riclassificato in zona 2 zona

Dettagli

EVENTI ALLUVIONALI VERIFICATISI NELLA REGIONE TOSCANA IL 20, 21 E 24 OTTOBRE 2013.

EVENTI ALLUVIONALI VERIFICATISI NELLA REGIONE TOSCANA IL 20, 21 E 24 OTTOBRE 2013. EVENTI ALLUVIONALI VERIFICATISI NELLA REGIONE TOSCANA IL 20, 21 E 24 OTTOBRE 2013. In attuazione della delibera del Consiglio dei Ministri del 15 novembre 2013 che ha dichiarato lo stato di emergenza per

Dettagli

SOCIETÀ DELLA SALUTE l evoluzione dei servizi territoriali in Toscana

SOCIETÀ DELLA SALUTE l evoluzione dei servizi territoriali in Toscana SOCIETÀ DELLA SALUTE l evoluzione dei servizi territoriali in Toscana Mettere insieme soggetti e competenze per avvicinare i servizi alle persone. Realizzazione e stampa Centro stampa Giunta Regione Toscana

Dettagli

EMERGENZA ECCEZIONALI AVVERSITA ATMOSFERICHE TOSCANA VENTO FORTE NEL GIORNO 5 MARZO 2015

EMERGENZA ECCEZIONALI AVVERSITA ATMOSFERICHE TOSCANA VENTO FORTE NEL GIORNO 5 MARZO 2015 EMERGENZA ECCEZIONALI AVVERSITA ATMOSFERICHE TOSCANA VENTO FORTE NEL GIORNO 5 MARZO 2015 In attuazione della delibera del Consiglio dei Ministri del 29 aprile 2015 che ha dichiarato lo stato di emergenza

Dettagli

OGGETTO: Pubblico incanto per la fornitura di Gas Metano per l Anno Termico 2013-14 alla Società

OGGETTO: Pubblico incanto per la fornitura di Gas Metano per l Anno Termico 2013-14 alla Società Firenze, 18 settembre 2013 OGGETTO: Pubblico incanto per la fornitura di Gas Metano per l Anno Termico alla Società Consortile Energia Toscana. Esito gara. Il giorno 14 Agosto 2013, si è formalmente chiusa

Dettagli

ANBI - Associazione Nazionale, Bonifiche, Irrigazioni e Miglioramenti Fondiari

ANBI - Associazione Nazionale, Bonifiche, Irrigazioni e Miglioramenti Fondiari Elenco Destinatari LIVELLO REGIONALE REGIONE TOSCANA Direzione Generale Presidenza Direzione Generale Politiche Ambientali, Energia e Cambiamenti Climatici Direzione Generale Governo del Territorio Settore

Dettagli

Zonizzazione del territorio. Per l'individuazione delle zone e degli agglomerati si è fatto riferimento ai confini amministrativi a livello comunale.

Zonizzazione del territorio. Per l'individuazione delle zone e degli agglomerati si è fatto riferimento ai confini amministrativi a livello comunale. Allegato 1 Zonizzazione del territorio Il territorio regionale è stata suddiviso in zone e agglomerati secondo l art. 3 del D.Lgs. 155/2010 nel rispetto dei criteri di cui all appendice I dello stesso

Dettagli

Ristrutturazione Vigneti

Ristrutturazione Vigneti Ristrutturazione Vigneti newsletter Agenzia regionale toscana per le erogazioni in agricoltura n. 5 - novembre 2004 OCM Vitivinicolo Regolamento CE n. 1493/1999 Riepilogo per provincia. (dati campagna

Dettagli

5.12.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 49 DELIBERAZIONE 26 novembre 2012, n. 1019

5.12.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 49 DELIBERAZIONE 26 novembre 2012, n. 1019 5.12.2012 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 49 DELIBERAZIONE 26 novembre 2012, n. 1019 Indagine regionale sul gas radon negli ambienti di vita e di lavoro. Individuazione delle aree ad

Dettagli

1) OBIETTIVI 2) RISORSE E ZONE DI SPERIMENTAZIONE

1) OBIETTIVI 2) RISORSE E ZONE DI SPERIMENTAZIONE ALLEGATO A) Bando per l erogazione di prestiti sociali d onore 1) OBIETTIVI La Deliberazione del C.R. n. 108 del 27.07.04, prevede la riserva di un Fondo per l erogazione di prestiti sociali d onore a

Dettagli

BERARDENGA MONTERIGGIONI

BERARDENGA MONTERIGGIONI ! Comune Reddito Imponibile Procapite LAJATICO 29.739 FORTE DEI MARMI 25.756 FIESOLE 25.458 SIENA 24.393 BAGNO A RIPOLI 23.951 FIRENZE 23.624 PISA 23.458 VAGLIA 23.080 IMPRUNETA 22.813 CASTELNUOVO BERARDENGA

Dettagli

Provincia Località Zona climatica Altitudine

Provincia Località Zona climatica Altitudine Premi ctrl+f per cercare il tuo comune AREZZO ANGHIARI E 429 AREZZO E 296 BADIA TEDALDA E 700 BIBBIENA E 425 BUCINE D 207 CAPOLONA E 263 CAPRESE MICHELANGELO E 653 CASTEL FOCOGNANO E 310 CASTEL SAN NICCOLÌ

Dettagli

1) OBIETTIVI 2) RISORSE E ZONE DI SPERIMENTAZIONE

1) OBIETTIVI 2) RISORSE E ZONE DI SPERIMENTAZIONE ALLEGATO A) Bando per l erogazione di prestiti sociali d onore 1) OBIETTIVI La Deliberazione del C.R. n. 108 del 27.07.04, prevede la riserva di un Fondo per l erogazione di prestiti sociali d onore a

Dettagli

GESTIONI ASSOCIATE E FUSIONI DI COMUNI: IN TOSCANA UN

GESTIONI ASSOCIATE E FUSIONI DI COMUNI: IN TOSCANA UN GESTIONI ASSOCIATE E FUONI DI COMUNI: IN TOSCANA UN CANTIERE APERTO IL PUNTO DI VISTA DEL COMITATO DIRETTIVO Firenze, 7 marzo 2013 Il processo di consolidamento delle forme di gestione associate tra Comuni

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.5.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13. il seguente Regolamento: Capo I Oggetto

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.5.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13. il seguente Regolamento: Capo I Oggetto SEZIONE I 12.5.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 13 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI il seguente Regolamento: Capo I Oggetto 3 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 8 maggio 2006,

Dettagli

Monitoraggio degli Strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica PREVISIONI CHE COMPORTANO CONSUMO DI SUOLO (nuovo impegno) per comune

Monitoraggio degli Strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica PREVISIONI CHE COMPORTANO CONSUMO DI SUOLO (nuovo impegno) per comune Direzione Generale Governo del Territorio Monitoraggio degli Strumenti di pianificazione territoriale e urbanistica PREVISIONI CHE COMPORTANO CONSUMO DI SUOLO (nuovo impegno) per comune PIANO STRUTTURALE

Dettagli

9.12.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 49 DELIBERAZIONE 24 novembre 2015, n. 1131

9.12.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 49 DELIBERAZIONE 24 novembre 2015, n. 1131 9.12.2015 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 49 DELIBERAZIONE 24 novembre 2015, n. 1131 Approvazione Indirizzi per la costituzione del catalogo regionale dell offerta formativa pubblica

Dettagli

Tabella 2-a. Luoghi di Lavoro - Parametri statistici della distribuzione della concentrazione di radon nei Comuni della Provincia di Arezzo

Tabella 2-a. Luoghi di Lavoro - Parametri statistici della distribuzione della concentrazione di radon nei Comuni della Provincia di Arezzo Tabella 2-a. Luoghi di Lavoro - Parametri statistici della distribuzione della concentrazione di radon nei Comuni della Provincia di Arezzo Anghiari 2 42 40 0% 0% Arezzo 15 48 28 7% 7% Badia Tedalda 3

Dettagli

Zone carenti per l assistenza primaria e la continuità assistenziale presso le Aziende Usl della regione Toscana -I semestre 2014.

Zone carenti per l assistenza primaria e la continuità assistenziale presso le Aziende Usl della regione Toscana -I semestre 2014. 240 4.6.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 22 REGIONE TOSCANA Direzione Generale Diritti di Cittadinanza e Coesione Sociale Zone carenti per l assistenza primaria e la continuità assistenziale

Dettagli

ALLEGATO A COMUNI IL CUI TERRITORIO E CLASSIFICATO INTERAMENTE O PARZIALMENTE MONTANO (Fonte: sistema informativo regionale)

ALLEGATO A COMUNI IL CUI TERRITORIO E CLASSIFICATO INTERAMENTE O PARZIALMENTE MONTANO (Fonte: sistema informativo regionale) ALLEGATO A COMUNI IL CUI TERRITORIO E CLASSIFICATO INTERAMENTE O PARZIALMENTE MONTANO (Fonte: sistema informativo regionale) La classificazione del territorio ai fini regionali, di seguito rappresentata

Dettagli

Invio pec. Ai Responsabili di Protezione Civile dei Comuni di seguito indicati. p.c. Alle Provincie di seguito indicate

Invio pec. Ai Responsabili di Protezione Civile dei Comuni di seguito indicati. p.c. Alle Provincie di seguito indicate Direzione Difesa del Suolo e Protezione Civile Settore Protezione Civile e Riduzione del Rischio Alluvioni Prot. AOOGRT/ Allegati:1 Firenze, Risposte alla nota del Oggetto: OCDPC 383 del 16 /08/2016. Eventi

Dettagli

COMUNE di EMPOLI. Servizio Edilizia Privata. Comune di Bagno a Ripoli. comune.bagno-a-ripoli@postacert.toscana.it. Comune di Barberino di Mugello

COMUNE di EMPOLI. Servizio Edilizia Privata. Comune di Bagno a Ripoli. comune.bagno-a-ripoli@postacert.toscana.it. Comune di Barberino di Mugello COMUNE di EMPOLI Servizio Edilizia Privata Empoli, 07/07/2015 A: Comune di Bagno a Ripoli comune.bagno-a-ripoli@postacert.toscana.it Comune di Barberino di Mugello barberino-di-mugello@postacert.toscana.it

Dettagli

GENIO CIVILE TOSCANA NORD ELENCO COMUNI

GENIO CIVILE TOSCANA NORD ELENCO COMUNI GENIO CIVILE TOSCANA NORD ALLEGATO C ABETONE - CUTIGLIANO AULLA BAGNI DI BAGNONE BARGA BORGO A MOZZANO CAMAIORE CAMPORGIANO CAREGGINE CARRARA CASOLA IN LUNIGIANA CASTELNUOVO DI GARFAGNANA CASTIGLIONE DI

Dettagli

Delim it azione Uffici dei Geni Civili

Delim it azione Uffici dei Geni Civili Delim it azione Uffici dei Geni Civili Comuni Genio Civile Toscana Nord Genio Civile Valdarno Superiore Genio Civile Valdarno Centrale e Tutela dell'acqua Genio Civile Valdarno Inferiore e Costa Genio

Dettagli

ELENCO DEI VINCOLI RELATIVI A IMMOBILI ED AREE DI NOTEVOLE INTERESSE PUBBLICO DI CUI ALL'ART. 136 DEL CODICE

ELENCO DEI VINCOLI RELATIVI A IMMOBILI ED AREE DI NOTEVOLE INTERESSE PUBBLICO DI CUI ALL'ART. 136 DEL CODICE ELENCO DEI VINCOLI RELATIVI A IMMOBILI ED AREE DI NOTEVOLE INTERESSE PUBBLICO DI CUI ALL'ART. 136 DEL CODICE codice codice regionale ministeriale provincia Comune Denominazione Data DM 9051007 90011 AR

Dettagli

Organo Nome Cognome Inizio Carica Fine Carica. Approvazione Bilancio 2014 Vice Presidente CDA Bruno Pecchi 13 luglio 2012 3 esercizi

Organo Nome Cognome Inizio Carica Fine Carica. Approvazione Bilancio 2014 Vice Presidente CDA Bruno Pecchi 13 luglio 2012 3 esercizi FIDI Toscana S.p.a. ANAGRAFICA Nome: Codice ATECO: 64.99.6 Forma Giuridica: S.p.a. Tipologia: Attività: Indirizzo: Città: FIDI Toscana S.p.a. Società Partecipate Esercizio del credito, raccolta del risparmio,

Dettagli

LE UOVA DI PASQUA DELL'AIL LE TROVI IN TOSCANA A:

LE UOVA DI PASQUA DELL'AIL LE TROVI IN TOSCANA A: LE UOVA DI PASQUA DELL'AIL LE TROVI IN TOSCANA A: FIRENZE E PROVINCIA: Cooperativa Agricola di Legnaia Piazza Sant'Ambrogio Piazza Strozzi Via del Gignoro Via Roma Piazza Dalmazia Piazza Bartali c/o Esselunga

Dettagli

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2014 Settore residenziale. FIRENZE a cura dell Ufficio Statistiche e Studi

NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre 2014 Settore residenziale. FIRENZE a cura dell Ufficio Statistiche e Studi NOTA TERRITORIALE Andamento del mercato immobiliare nel I semestre Settore residenziale a cura dell Ufficio Statistiche e Studi data di pubblicazione: 28 novembre periodo di riferimento: primo semestre

Dettagli

Date e Comuni - Switch-off Digitale Terrestre Toscana Comune Data Provincia Regione Anghiari 23 nov Arezzo Toscana Arezzo nov Arezzo Toscana

Date e Comuni - Switch-off Digitale Terrestre Toscana Comune Data Provincia Regione Anghiari 23 nov Arezzo Toscana Arezzo nov Arezzo Toscana Date e Comuni - Switch-off Digitale Terrestre Toscana Comune Data Provincia Regione Anghiari 23 nov Arezzo Toscana Arezzo 14-17-22 nov Arezzo Toscana Bibbiena 14-17-18-23 nov Arezzo Toscana Bucine 14-17

Dettagli

Barriere Architettoniche L.R. 47/91: Finanziamenti alle Gestioni Associate :

Barriere Architettoniche L.R. 47/91: Finanziamenti alle Gestioni Associate : Allegato 1 Barriere Architettoniche L.R. 47/91: Finanziamenti alle Gestioni Associate : SOCIETA' DELLA SALUTE Codice Gestionale 224900 TERRITORI INTERESSATI Calenzano Campi Bisenzio Fiesole Lastra a Sign

Dettagli

u s 1 0 tic tiv ttiv ris ffe ite ita ita rib (in ( /t) Minucciano ,28 20,36 20, % Molazzana ,19 24,91 20, %

u s 1 0 tic tiv ttiv ris ffe ite ita ita rib (in ( /t) Minucciano ,28 20,36 20, % Molazzana ,19 24,91 20, % Allegato 1 Certificazione conseguimento obiettivi minimi di raccolta differenziata anno 2014, periodo 1/01/2013 31/12/2013: determinazione dell ammontare del tributo speciale per lo smaltimento in discarica

Dettagli

REGIONE TOSCANA. ACCORDO DI PROGRAMMA Ai sensi dell art. 34 del D.Lgs 267/00 e dell art. 3 comma 1 lettera a) della L.R. n. 76/96

REGIONE TOSCANA. ACCORDO DI PROGRAMMA Ai sensi dell art. 34 del D.Lgs 267/00 e dell art. 3 comma 1 lettera a) della L.R. n. 76/96 REGIONE TOSCANA ACCORDO DI PROGRAMMA Ai sensi dell art. 34 del D.Lgs 267/00 e dell art. 3 comma 1 lettera a) della L.R. n. 76/96 Accordo di programma per la realizzazione di progetti nel settore sociale

Dettagli

La situazione dei Comuni toscani e le attività di ARPAT

La situazione dei Comuni toscani e le attività di ARPAT ARPAT Agenzia regionale per la protezione ambientale della Toscana Direzione Generale Via Porpora, 22 55100 FIRENZE I Piani Comunali di Classificazione Acustica: La situazione dei Comuni toscani e le attività

Dettagli

INTEGRAZIONE DEL PIANO DI INDIRIZZO TERRITORIALE CON VALENZA DI PIANO PAESAGGISTICO

INTEGRAZIONE DEL PIANO DI INDIRIZZO TERRITORIALE CON VALENZA DI PIANO PAESAGGISTICO INTEGRAZIONE DEL PIANO DI INDIRIZZO TERRITORIALE CON VALENZA DI PIANO PAESAGGISTICO per la parte relativa alla disciplina degli immobili e delle aree di notevole interesse pubblico (Art. 136 del D. Lgs.

Dettagli

Toscana. Sostenibile & Competitiva. Piattaforma Turismo

Toscana. Sostenibile & Competitiva. Piattaforma Turismo Toscana Sostenibile & Competitiva Piattaforma Turismo Una Piattaforma informatica come strumento per la costruzione della Rete Toscana delle Destinazioni turistiche di Eccellenza E una piattaforma informativa

Dettagli

pres. turistiche su Abitanti effettivi (ab. residenti + base annua) RU Totale

pres. turistiche su Abitanti effettivi (ab. residenti + base annua) RU Totale REGIONE TOSCANA - RACCOLTE DIFFERENZIATE - Anno Tabelle determinazione ammontare tributo - articolo 30-bis L.R. 25/98 Produzione rifiuti urbani e assimilati (kg/ab/anno ) RD < 30 30 RD < 35 35 RD < 40

Dettagli

CM Amiata Grossetano Casa di riposo e centro diurno G. Valeri 410.000,00 120.000,00 120.000,00 Amiata Grossetano

CM Amiata Grossetano Casa di riposo e centro diurno G. Valeri 410.000,00 120.000,00 120.000,00 Amiata Grossetano ZONA / SDS Alta Val d'elsa Poggibonsi INVESTIRE NEI GIOVANI - interventi p.zza XVIII luglio 100.000,00 35.000,00 35.000,00 Alta Val d'elsa Poggibonsi SPAZI ABILI 2- centro diurno Via Piave 80.000,00 40.000,00

Dettagli

Le politiche della Regione Toscana a favore dei comuni disagiati: il caso della L.R. 39/04

Le politiche della Regione Toscana a favore dei comuni disagiati: il caso della L.R. 39/04 I R P E T Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana Le politiche della Regione Toscana a favore dei comuni disagiati: il caso della L.R. 39/04 REGIONE TOSCANA Consiglio Regionale 12008 STUDI

Dettagli

Per saperne di più (allegato A)

Per saperne di più (allegato A) Per saperne di più (allegato A) La sede Inail competente per territorio ad erogare tutte le prestazioni è quella dove è residente la persona che ha subito l infortunio sul lavoro o dove sono residenti

Dettagli

1.1 Profilo della società

1.1 Profilo della società 1.1 Profilo della società Toscana Energia è il 1 operatore nel settore della distribuzione di gas naturale in Toscana e tra i principali in Italia. Svolge, inoltre, attività nel settore della illuminazione

Dettagli

informagiovani: facciamo il PUnTo in ToSCana

informagiovani: facciamo il PUnTo in ToSCana informagiovani: FACCIAMO IL PUNTO IN TOSCANA La pubblicazione è stata realizzata nel mese di gennaio 2012 dalla struttura di Anci Toscana INDICE INFORMAGIOVANI IN TOSCANA p. 5 Dati generali p. 6 dati SUL

Dettagli

IMPOSTA DI SOGGIORNO: LO STATO DELL ARTE IN TOSCANA

IMPOSTA DI SOGGIORNO: LO STATO DELL ARTE IN TOSCANA IMPOSTA DI SOGGIORNO: LO STATO DELL ARTE IN TOSCANA Giugno 2012 Gruppo di lavoro: Emilio Becheri (Coordinatore) Ilaria Nuccio Alessandro Pesci Giuseppe Ferraina Mercury S.r.l. Turistica ANCI Toscana Via

Dettagli

Realizzazione di nuove reti in fibra ottica per la connettività in Banda Larga Stato Avanzamento Lavori al 27/01/2015. Pagina 1

Realizzazione di nuove reti in fibra ottica per la connettività in Banda Larga Stato Avanzamento Lavori al 27/01/2015. Pagina 1 Realizzazione di nuove reti in fibra ottica per la connettività in Banda Larga Stato Avanzamento Lavori al 27/01/2015 n. Provincia Comune Località Stato lavori Fibra Ottica 1 Arezzo Cavriglia CAVRIGLIA

Dettagli

Rapporto sul livello di frequentazione del servizio di trasporto pubblico locale regionale Anno 2011

Rapporto sul livello di frequentazione del servizio di trasporto pubblico locale regionale Anno 2011 Rapporto sul livello di frequentazione del servizio di trasporto pubblico locale regionale Anno 2011 Il presente rapporto analizza il fenomeno dell'utilizzo dei mezzi del trasporto pubblico da parte dei

Dettagli

Realizzazione di nuove reti in fibra ottica per la connettività in Banda Larga Modello A Stato Avanzamento Lavori al 23 giugno 2016.

Realizzazione di nuove reti in fibra ottica per la connettività in Banda Larga Modello A Stato Avanzamento Lavori al 23 giugno 2016. Realizzazione di nuove reti in fibra ottica per la connettività in Banda Larga Modello A Stato Avanzamento Lavori al 23 giugno 2016 n. Provincia Comune Località 1 Arezzo Cavriglia Cavriglia 2 Arezzo Pian

Dettagli

Bilancio di coerenza 2014

Bilancio di coerenza 2014 Bilancio di coerenza 2014 Chi siamo Consiglio di amministrazione La Banca di Credito Cooperativo di Vignole e della Montagna Pistoiese è una tra le più antiche bcc toscane e italiane. Fondata nel 1904

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2015

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2015 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 CASENTINO Comuni di: BIBBIENA, CASTEL FOCOGNANO, CASTEL SAN NICCOLO, CHITIGNANO, CHIUSI DELLA VERNA, MONTEMIGNAIO, ORTIGNANO RAGGIOLO, POPPI, PRATOVECCHIO, STIA,

Dettagli

800 425 425 S.O.U.P (Sala Operativa Unificata Permanente della Regione Toscana)

800 425 425 S.O.U.P (Sala Operativa Unificata Permanente della Regione Toscana) Se avvisti un incendio di bosco chiama subito uno dei seguenti numeri: 800 425 425 S.O.U.P (Sala Operativa Unificata Permanente della Regione Toscana) 1515 CORPO FORESTALE DELLO STATO 115 CORPO NAZIONALE

Dettagli

La formazione del Piano di Gestione delle acque. Elenco dei portatori d'interesse (stakeholders)

La formazione del Piano di Gestione delle acque. Elenco dei portatori d'interesse (stakeholders) La formazione del Piano di Gestione delle acque Elenco dei portatori d'interesse (stakeholders) Enti pubblici MINISTERO DELL AMBIENTE E DELLA TUTELA DEL TERRITORIO E DEL MARE Direzione generale per la

Dettagli

La raccolta dei rifiuti urbani è condotta soprattutto con modalità mista stradale - domiciliare, come evidenziato nella seguente tabella.

La raccolta dei rifiuti urbani è condotta soprattutto con modalità mista stradale - domiciliare, come evidenziato nella seguente tabella. La raccolta dei rifiuti urbani è condotta soprattutto con modalità mista stradale - domiciliare, come evidenziato nella seguente tabella. Modalità di esecuzione dei principali servizi di raccolta rifiuti

Dettagli

Regione Toscana. D.P.G.R. 3 ottobre 2008, n. 145 (1) Accordo di programma investimenti nel settore sociale PISR 2007/2010 - Attuazione 2007/2008.

Regione Toscana. D.P.G.R. 3 ottobre 2008, n. 145 (1) Accordo di programma investimenti nel settore sociale PISR 2007/2010 - Attuazione 2007/2008. Regione Toscana. D.P.G.R. 3 ottobre 2008, n. 145 (1) Accordo di programma investimenti nel settore sociale PISR 2007/2010 - Attuazione 2007/2008. Il Presidente della Giunta regionale Visto il D.Lgs. 18

Dettagli

COMUNE DI MONTESCUDAIO Montescudaio PI 2 53 429.868,00 300.907,00 1 CENTRO CRISTIANO FONTE DI VITA O.N.L.U.S.

COMUNE DI MONTESCUDAIO Montescudaio PI 2 53 429.868,00 300.907,00 1 CENTRO CRISTIANO FONTE DI VITA O.N.L.U.S. Allegato D DOMANDE AMMISSIBILI A FINANZIAMENTO - GRADUATORIA Nr NOTE 1 96 2 76 3 23 4 45 5 8 6 11 SEZIONE MATERNA NO D'INFANZIA A FIORINO PICCOLI SEMI - L'ORTO DELLA PANGEA REALIZZ.. STRUTT. DI SUPPORTO

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 REGIONE N. 1 REGIONE N. 2 Comuni di: FIRENZUOLA, LONDA, MARRADI, PALAZZUOLO SUL SENIO, SAN GODENZO Comuni di: PELAGO, REGGELLO BOSCO CEDUO 1816,00 SI 1743,00

Dettagli

Gruppo Arezzo 5 ANDATA RITORNO. Stazione di Partenza: Treno speciale n 31380. Partenza ore: 11,35 Arrivo a Viareggio: 15,29. Treno speciale n 31391

Gruppo Arezzo 5 ANDATA RITORNO. Stazione di Partenza: Treno speciale n 31380. Partenza ore: 11,35 Arrivo a Viareggio: 15,29. Treno speciale n 31391 Gruppo Arezzo 5 AREZZO Treno speciale n 31380 Partenza ore: 11,35 Arrivo a Viareggio: 15,29 Treno speciale n 31391 Partenza ore: 16,30 Arrivo a Arezzo: 20,05 Gruppo Arezzo 8 AREZZO Treno speciale n 31380

Dettagli

I numeri del fotovoltaico in provincia di Pistoia

I numeri del fotovoltaico in provincia di Pistoia Premessa: I numeri del fotovoltaico in provincia di Pistoia Le schede seguenti si basano sui dati ufficiali forniti dal Gestore Servizi Elettrici alla data del 08/04/2011: questi dati sono da considerarsi

Dettagli

FIDI TOSCANA S.P.A. Sede

FIDI TOSCANA S.P.A. Sede FIDI TOSCANA S.P.A. Sede Viale Giuseppe Mazzini, 46 50132 Firenze tel. 055.23841 fax 055.212805 Indirizzo e-mail Indirizzo P.E.C. Indirizzo Internet Codice fiscale e P.I. 01062640485 Numero REA FI - 253507

Dettagli

INDAGINE SULL'USO DEL SOFTWARE FLOSS NEI COMUNI DELLA REGIONE TOSCANA

INDAGINE SULL'USO DEL SOFTWARE FLOSS NEI COMUNI DELLA REGIONE TOSCANA INDAGINE SULL'USO DEL SOFTWARE FLOSS NEI COMUNI DELLA REGIONE TOSCANA Premessa Il Centro Regionale di Competenza per l'open source, T-OSSLab dal dicembre 2010, coordina un attività di indagine ed approfondimento

Dettagli

L Indagine regionale negli ambienti di vita e di lavoro Risultati nei Comuni

L Indagine regionale negli ambienti di vita e di lavoro Risultati nei Comuni L Indagine regionale negli ambienti di vita e di lavoro Risultati nei Comuni Introduzione I risultati delle misure di concentrazione di radon sono importanti per valutare l esposizione delle persone che

Dettagli

Economia, finanza e tributi. Emergenza e sicurezza

Economia, finanza e tributi. Emergenza e sicurezza 28/05/2013 INDICE RASSEGNA STAMPA 28/05/2013 Economia, finanza e tributi Corriere Maremma 28/05/2013 p. 12 Ecco "l'aiutino" della Regione ai Comuni 1 Nazione Empoli 28/05/2013 p. 4 Fondi ai Comuni per

Dettagli

All. C4 Analisi consumi e fabbisogno settore civile. Provincia di Firenze. P.E.A.P. Piano Energetico Ambientale Provinciale

All. C4 Analisi consumi e fabbisogno settore civile. Provincia di Firenze. P.E.A.P. Piano Energetico Ambientale Provinciale All. C4 Analisi consumi e fabbisogno settore civile Provincia di Firenze P.E.A.P. Piano Energetico Ambientale Provinciale Allegato C4 Analisi consumi e fabbisogni del settore civile Università degli Studi

Dettagli

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 22 DELIBERAZIONE 26 maggio 2014, n. 421

BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 22 DELIBERAZIONE 26 maggio 2014, n. 421 40 4.6.2014 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 22 DELIBERAZIONE 26 maggio 2014, n. 421 Aggiornamento dell allegato 1 (elenco dei comuni) e dell allegato 2 (mappa) della deliberazione G.R.T.

Dettagli

COMUNE DI PISA ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Delibera n. 245 Del 7 Dicembre 2010

COMUNE DI PISA ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Delibera n. 245 Del 7 Dicembre 2010 COMUNE DI PISA ORIGINALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Delibera n. 245 Del 7 Dicembre 2010 OGGETTO: PATTO TERRITORIALE DELLE POLITICHE GIOVANILI ANNO 2011. APPROVAZIONE L anno 2010 il giorno sette

Dettagli

COMUNE DI CECINA. Portafoglio Societa Partecipate

COMUNE DI CECINA. Portafoglio Societa Partecipate Comune di Cecina Provincia di Livorno COMUNE DI CECINA Portafoglio Societa Partecipate 2011 90 80 70 60 50 40 30 20 10 0 1 Trim. 2 Trim. 3 Trim. 4 Trim. Comune di Cecina Piazza Carducci n. 28 57023 Cecina

Dettagli

Piano di di gestione dei rifiuti

Piano di di gestione dei rifiuti PROVINCIA DI DI AREZZO Assessorato Ecologia e e Ambiente AREA AREA URBANISTICA E AMBIENTE Piano di di gestione dei rifiuti 1 STRALCIO - RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI ALLEGATO A 1 - ANALISI DEI DATI INDICE:

Dettagli

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE

REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE REGIONE TOSCANA GIUNTA REGIONALE ESTRATTO DAL VERBALE DELLA SEDUTA DEL 27-08-2012 (punto N 22 ) Delibera N 767 del 27-08-2012 Proponente GIANNI SALVADORI DIREZIONE GENERALE COMPETITIVITA' DEL SISTEMA REGIONALE

Dettagli

Sintesi progetto Le vie romee nell antico contado fiorentino

Sintesi progetto Le vie romee nell antico contado fiorentino Sintesi progetto Le vie romee nell antico contado fiorentino Il progetto si pone all interno di una strategia dell Ente CRF volta al rafforzamento delle specificità territoriali ed alla valorizzazione

Dettagli

CAPRESE MICHELANGELO CAPRESE MICHELANGELO VIA CAPOLUOGO, 10 MICHELANGELO AREZZO CASTEL FOCOGNANO RASSINA RASSINA VIA FIRENZE, 1 AREZZO CASTEL SAN

CAPRESE MICHELANGELO CAPRESE MICHELANGELO VIA CAPOLUOGO, 10 MICHELANGELO AREZZO CASTEL FOCOGNANO RASSINA RASSINA VIA FIRENZE, 1 AREZZO CASTEL SAN Regione Toscana - Uffici postali abilitati Invio delle istanze di nulla osta per l'assunzione di lavoratori stranieri relativamente al lavoro subordinato, domestico, stagionale Provincia Comune Località

Dettagli

ELENCO DEI COMUNI TOSCANI IN CUI E ACCERTATA LA PRESENZA DI USI CIVICI

ELENCO DEI COMUNI TOSCANI IN CUI E ACCERTATA LA PRESENZA DI USI CIVICI ELENCO DEI COMUNI TOSCANI IN CUI E ACCERTATA LA PRESENZA DI USI CIVICI PROVINCIA DI AREZZO 1. Arezzo: Usi civici di Rigutino gestione: Amministrazione Comunale 2. Badia Tedalda: Usi civici di Fresciano

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2014

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2014 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 N. 1 N. 2 Comuni di: CASCIANA TERME, CAPANNOLI, CRESPINA, FAUGLIA, LARI, LORENZANA, MONTOPOLI IN VAL D`ARNO, PALAIA, PECCIOLI, SAN MINIATO, TERRICCIOLA, CASCIANA

Dettagli

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013

Valori Agricoli Medi della provincia. Annualità 2013 REGIONE AGRARIA N : 1 REGIONE AGRARIA N : 2 N. 1 N. 2 Comuni di: CASCIANA TERME, CAPANNOLI, CRESPINA, FAUGLIA, LARI, LORENZANA, MONTOPOLI IN VAL D`ARNO, PALAIA, PECCIOLI, SAN MINIATO, TERRICCIOLA Comuni

Dettagli

Convenzione fra la Regione Toscana ed il Coordinamento Volontariato. Toscano AIB per le attività inerenti la prevenzione e la lotta attiva degli

Convenzione fra la Regione Toscana ed il Coordinamento Volontariato. Toscano AIB per le attività inerenti la prevenzione e la lotta attiva degli Convenzione fra la Regione Toscana ed il Coordinamento Volontariato Toscano AIB per le attività inerenti la prevenzione e la lotta attiva degli incendi boschivi. L anno duemilanove, il giorno del mese

Dettagli

Allegato A) Associazione Sede (luogo) Via Numero Prov

Allegato A) Associazione Sede (luogo) Via Numero Prov Allegato A) Associazione Sede (luogo) Via Numero Prov ARCICONFRATERNITA MISERICORDIA Arezzo Garibaldi 143 AR ARCICONFRATERNITA MISERICORDIA Figline Valdarno Fabbrini 3 FI ARCICONFRATERNITA MISERICORDIA

Dettagli

Diminuzione Gestione dei Rifiuti Pillar 10

Diminuzione Gestione dei Rifiuti Pillar 10 Diminuzione Gestione dei Rifiuti Pillar 10 È noto che il turismo oltre a innescare un maggior consumo di risorse (acqua, energia ecc.) genera anche un consistente aumento dei rifiuti. I dati che abbiamo

Dettagli

Associazioni: Istituti di credito:

Associazioni: Istituti di credito: Fidi Toscana S.p.A Sito Web: www.fiditoscana.it INFORMAZIONI GENERALI Sede Sociale: Viale G. Mazzini, n. 46 50132 Firenze Tel. 055 23841 FAX 055 212805 C.F. e P.IVA 01062640485 Oggetto societario: Attività

Dettagli

SPORTELLI UNICI PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE

SPORTELLI UNICI PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE SPORTELLI UNICI PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE S.U.A.P. Colle Val D'Elsa Responsabile SUAP Alberto Rabazzi Indirizzo PEC : comune.collevaldelsa@postecert.it Indirizzo mail : suap@comune.collevaldelsa.it Tel

Dettagli

Le associazioni di volontariato in provincia di Lucca

Le associazioni di volontariato in provincia di Lucca PROVINCIA DI LUCCA SERVIZIO POLITICHE GIOVANILI, SOCIALI E SPORTIVE Le associazioni di volontariato in provincia di Lucca Primi risultati della rilevazione online Alcune statistiche Sezione Volontariato

Dettagli

SEZIONE I. CONSIGLIO REGIONALE - Deliberazioni 18.11.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 46

SEZIONE I. CONSIGLIO REGIONALE - Deliberazioni 18.11.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 46 SEZIONE I CONSIGLIO REGIONALE - Deliberazioni 18.11.2009 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 46 DELIBERAZIONE 27 ottobre 2009, n. 67 11 Considerato che con la somma complessiva di 8.000.000,00

Dettagli

FIDI TOSCANA S.P.A. Sede. Piazza della Repubblica, 6 50123 Firenze tel. 055.23841 fax 055.212805 e-mail mail@fiditoscana.it www.fiditoscana.

FIDI TOSCANA S.P.A. Sede. Piazza della Repubblica, 6 50123 Firenze tel. 055.23841 fax 055.212805 e-mail mail@fiditoscana.it www.fiditoscana. FIDI TOSCANA S.P.A. Sede Piazza della Repubblica, 6 50123 Firenze tel. 055.23841 fax 055.212805 e-mail mail@fiditoscana.it www.fiditoscana.it Codice fiscale 01062640485 Numero REA 253507 Data di costituzione:

Dettagli

Rispondere al bisogno di professionalità e alta specializzazione del management pubblico

Rispondere al bisogno di professionalità e alta specializzazione del management pubblico Rispondere al bisogno di professionalità e alta specializzazione del management pubblico Agenzia Formativa accreditata dalla Regione Toscana (codice accreditamento PI0747) LE PAROLE CHIAVE ASCOLTO E la

Dettagli

Il sistema creditizio in provincia di Pisa

Il sistema creditizio in provincia di Pisa Il sistema creditizio in provincia di Pisa Consuntivo anno 2014 Pisa, 15 maggio 2015. Tra il 2013 ed il 2014 il numero di sportelli bancari attivi in provincia di Pisa segna un ulteriore contrazione passando

Dettagli

RIFIUTI URBANI INFOGRAFICHE SU DATI REGIONE TOSCANA

RIFIUTI URBANI INFOGRAFICHE SU DATI REGIONE TOSCANA RIFIUTI URBANI INFOGRAFICHE SU DATI REGIONE TOSCANA Dati diffusi dall Agenzia Regionale Recupero Risorse il 14/1/213 - www.arrr.it RIFIUTI URBANI: PRODUZIONE ANNUA IN TONNELLATE Andamento della produzione

Dettagli

ELENCO PROGETTI NUMERO POSTI DISPONIBILI PER COMUNE SITO INTERNET

ELENCO PROGETTI NUMERO POSTI DISPONIBILI PER COMUNE SITO INTERNET ELENCO PROGETTI ALLEGATO A) CODICE N GIOVANI ENTE TITOLO PROGETTO REGIONALE ASSEGNATI NUMERO POSTI DISPONIBILI PER COMUNE SITO INTERNET L'ARCHIVIO DI UN ENTE PUBBLICO CULTURALE 1 RT3C00001 ACCADEMIA DELLA

Dettagli

ELENCO UFFICI POSTALI CON RITIRO APPARATO TELEPASS IMMEDIATO

ELENCO UFFICI POSTALI CON RITIRO APPARATO TELEPASS IMMEDIATO AR AMBRA AMBRA VIA GIOVANNI DA VERRAZZANO, 3/5 52020 055-9917136 AR ANGHIARI ANGHIARI CORSO GIACOMO MATTEOTTI, 105 52031 0575-787731 AR AREZZO AREZZO CENTRO VIA GUIDO MONACO, 34 52100 0575-332504 AR AREZZO

Dettagli

Corso per la costruzione di unità di competenza sui Cambiamenti climatici e la risorsa acqua

Corso per la costruzione di unità di competenza sui Cambiamenti climatici e la risorsa acqua Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Corso per la costruzione di unità di competenza sui Cambiamenti climatici e la risorsa acqua Il corso previsto dalla DGR 962/2012 con la collaborazione

Dettagli

EMERGENZA ECCEZIONALI AVVERSITA ATMOSFERICHE TOSCANA VENTO FORTE NEL GIORNO 5 MARZO 2015

EMERGENZA ECCEZIONALI AVVERSITA ATMOSFERICHE TOSCANA VENTO FORTE NEL GIORNO 5 MARZO 2015 EMERGENZA ECCEZIONALI AVVERSITA ATMOSFERICHE TOSCANA VENTO FORTE NEL GIORNO 5 MARZO 2015 In attuazione della delibera del Consiglio dei Ministri del 29 aprile 2015 che ha dichiarato lo stato di emergenza

Dettagli

LE CARATTERISTICHE ECONOMICHE ED IL QUADRO EVOLUTIVO DEL CIRCONDARIO EMPOLESE

LE CARATTERISTICHE ECONOMICHE ED IL QUADRO EVOLUTIVO DEL CIRCONDARIO EMPOLESE IRPET Istituto Regionale Programmazione Economica Toscana COMUNE DI EMPOLI LE CARATTERISTICHE ECONOMICHE ED IL QUADRO EVOLUTIVO DEL CIRCONDARIO EMPOLESE novembre 2006 1. I PRINCIPALI INDICATORI MACROECONOMICI

Dettagli

Indagine sullo stato delle gestioni associate e sulla propensione all integrazione di area vasta nel territorio provinciale pisano

Indagine sullo stato delle gestioni associate e sulla propensione all integrazione di area vasta nel territorio provinciale pisano è una società della Provincia di Pisa Indagine sullo stato delle gestioni associate e sulla propensione all integrazione di area vasta nel territorio provinciale pisano Realizzata per conto della Provincia

Dettagli

1. PSR 2007/2013 Asse 3 e Asse 4. Individuazione delle zone eligibili e dei GAL ivi operanti Piano Strategico Nazionale

1. PSR 2007/2013 Asse 3 e Asse 4. Individuazione delle zone eligibili e dei GAL ivi operanti Piano Strategico Nazionale Allegato A Programmazione comunitaria 2007-2013 FEASR (Piano di sviluppo rurale) FESR (Programma operativo regionale Competitività regionale e occupazione) Orientamenti per l individuazione dei territori

Dettagli

Disabili residenti in provincia di Siena

Disabili residenti in provincia di Siena N disabili Provincia di Siena Osservatorio per le Politiche Sociali Disabili residenti in provincia di Siena Stime anno 2012 del numero di disabili residenti in provincia di Siena per comune, sesso, classe

Dettagli

ALBO PROVINCIALE PRO LOCO

ALBO PROVINCIALE PRO LOCO ALBO PROVINCIALE PRO LOCO L.R. della Toscana n. 42 del 23 marzo 2000 Regolamento n. 18/R del 23 aprile 2001 Atto Dirigenziale della Provincia di Firenze n. 507 del 4 febbraio 2002 (aggiornato al 13 novembre

Dettagli

Area tematica: Sviluppo delle attività economiche

Area tematica: Sviluppo delle attività economiche Area tematica: Sviluppo delle attività economiche o Sostenere i processi di innovazione e di riqualificazione Obiettivi Linee di azione della Provincia Riferimenti programmatici e finanziari Sviluppare

Dettagli

DOCUMENTO DI STIPULA

DOCUMENTO DI STIPULA 1 PATTO TERRITORIALE PREMESSO CHE I Soggetti pubblici e privati locali si sono impegnati per l impostazione e la predisposizione del Patto territoriale della provincia di Pisa, quale espressione dell intento

Dettagli