La seconda D ospita la Seconda L: scambio culturale interno tra le due classi per un confronto tra le loro rispettive esperienze scolastiche.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "La seconda D ospita la Seconda L: scambio culturale interno tra le due classi per un confronto tra le loro rispettive esperienze scolastiche."

Transcript

1 Giornale Scolastico dell Istituto di Istruzione Secondaria di 1 grado Piero Calamandrei Redazione Classi I e II L A cura delle docenti Bongioanni Possidente Scopelliti C a l a m a n d r i n o 26 maggio 2015 Numero 5 "CALA" - NEWS L incontro, che è stato molto piacevole, si è svolto in un clima accogliente e sereno. I nostri ospiti hanno risposto ad alcune domande sul loro metodo di studio basato sull organizzazione di una 2.0: 1. Come è nata l idea della classe 2.0? Qualche anno fa la scuola Calamandrei ha partecipato a un concorso che prevedeva un premio di circa quattordicimila euro da spendere in apparecchiature elettroniche. La vincitrice è stata la classe 2D. 2. Tutti i docenti all inizio hanno accolto favorevolmente l idea? Sì, assolutamente, sono stati da subito molto entusiasti. La seconda D ospita la Seconda L: scambio culturale interno tra le due classi per un confronto tra le loro rispettive esperienze scolastiche. 3. Qual è il setting d aula e quali vantaggi offre all apprendimento? I banchi sono disposti a isole; abbiamo in dotazione tre computer, un televisore di ultima generazione, u- na stampante, una macchina fotografica e, infine, un tablet a testa. Continua a pagine due.

2 Pagina 2 Continua dalla prima pagina 4. I docenti hanno notato miglioram e n t i a p p r e z z a b i l i nell apprendimento rispetto ad altre classi parallele? All inizio gli alunni si distraevano facilmente, col passare del però tempo si sono velocizzati e ora tutto quanto funziona bene. 5. Come si svolge una lezione tipo? Si svolge come una lezione normale: i professori spiegano; delle volte sono gli alunni che espongono ricerche, lavori. 6. Usate il tablet per tutte le materie o solo per alcune? Dipende da materie ed esercizi; in alcune materie e lezioni si utilizzano sia libri cartacei sia libri digitali. 7. I compiti scritti a casa li eseguite su supporti informatici o sui quaderni? Sui tablet eseguiamo i temi, li usiano come dizionari online e a casa come libri o quaderni, per studiare o per eseguire esercizi. 8. Di cosa si occupa il vostro blog di classe? Nel blog di classe scrivono i compiti, inseriscono le loro ricerche, i video, mappe concettuali, ecc. 9. Che funzione hanno i tablet durante i compiti in classe? Per i compiti in classe i tablet vengono usati molto poco, perché sono frutto di distrazione. 10. Ci sono dei lati negativi o pericolosi nell uso dei tablet? Se usato correttamente non ci sono lati negativi o pericolosi, infatti i siti non adatti all uso scolastico sono stati bloccati. Giorgia Rabuano Alex Sottile Alberto Triggiani Marcello Valente Nella sede di via Nichelino della scuola Calamandrei nel weekend del 20 aprile 2015 sono stati rubati diciotto computer. Si pensa che i ladri siano entrati dalla finestra del seminterrato. Quando lunedì siamo rientrati a scuola alcuni docenti, per non spaventarci, ci ha detto che i computer erano in manutenzione. Dopo poco tempo però tutto è stato chiaro: avevamo subito un furto! In quella settimana tutti gli operatori della scuola, si sono subito adoperati per limitare i danni. Adesso i professori portano i computer personali da casa. È difficile lavorare senza computer e quindi senza LIM. Abbiamo quindi deciso di usare i nostri computer e tablet e di organizzarci come una 2.0. Rispondiamo con la 2.0 fai-da-te La preside è stata subito favorevole all iniziativa e ora mancano solo pochi dettagli per iniziare. Quando tutto sarà pronto partiremo con questo progetto che abbiamo chiamato 2.0 fai-da-te in quanto si tratta di una nostra idea, realizzata con le nostre forze, soprattutto in risposta all azione ignobile e codarda a opera di malviventi balordi che hanno forse creduto, sbagliando non poco, di impedirci di progredire e di crescere culturalmente e come persone, soprattutto persone per bene. Alexis ag7 Gabriele Cociglio Andrea Lestrade Sofia Licitra

3 Pagina 3 IL MITO DEL MINOTAURO La leggenda del mostro del labirinto Minosse, re di Creta, pregò Poseidone, il dio del mare, di inviargli un toro come simbolo dell'apprezzamento degli dei verso di lui in qualità di sovrano, promettendo di sacrificarlo in onore del dio. Poseidone acconsentì e gli donò un bellissimo e possente toro bianco. Vista la bellezza dell'animale, Minosse decise di tenerlo per le sue mandrie e ne sacrificò un altro. Poseidone, per punirlo, fece innamorare perdutamente Pasifae, la moglie di Minosse, del toro. Ella riuscì a soddisfare il proprio desiderio nascondendosi dentro una mucca di legno costruita per lei da Dedalo. Dall'unione mostruosa nacque il Minotauro. Il Minotauro, corpo umano ma zoccoli, pelliccia bovina, coda e testa di toro, era selvaggio e feroce e aveva un cervello da bestia. Minosse fece rinchiudere il Minotauro nel Labirinto di Cnosso, costruito da Dedalo. Quando il figlio di Minosse morì ucciso dagli Ateniesi, il sovrano di Creta, per vendicarsi della città di Atene, sottomessa all isola, decise che ogni anno essa dovesse inviare sette fanciulli e sette fanciulle da offrire in pasto al Minotauro, che si cibava di carne umana. Allora Tèseo figlio del re ateniese Ègeo, si offrì di sconfiggere il Minotauro. A- rianna, figlia di Minosse, si innamorò di lui. All entrata del labirinto, Arianna diede a Teseo un gomitolo che gli avrebbe permesso di non perdersi una volta entrato. Quando Teseo giunse davanti al Minotauro, lo affrontò e lo uccise con la spada. Uscito dal labirinto, Teseo salpò con Arianna alla volta di Atene e montò delle vele bianche sulle navi in segno di vittoria. Più avanti, però, abbandonò la fanciulla dormiente sull'isola deserta di Nasso (da qui l espressione, per corruzione linguistica, piantare in asso ). Il motivo di tale atto è discusso. Si dice che l'eroe si fosse innamorato di un'altra o che si sentisse in imbarazzo a ritornare in patria con la figlia del nemico, oppure che venne spaventato da Dioniso che, in sogno, gli intimò di lasciarla là, per poi raggiungerla ancora dormiente e farla sua sposa. Arianna, rimasta sola, iniziò a piangere, finché apparve al suo cospetto il dio Dioniso, che, per confortarla le donò una meravigliosa corona d'oro, opera di Efesto, che venne poi, alla sua morte, mutata dal dio in una costellazione splendente: la costellazione della Corona. Poseidone, adirato contro Teseo, inviò una tempesta che squarciò le vele bianche della nave, costringendo l'eroe ateniese a sostituirle con quelle nere. Infatti a Teseo, prima di partire, fu raccomandato da suo padre Egeo di portare due gruppi di vele, e di montare al ritorno le vele bianche in caso di vittoria, mentre, in caso di sconfitta, egli avrebbe dovuto issare quelle nere. Egeo, vedendo all'orizzonte le vele nere, credette che suo figlio fosse stato divorato dal Minotauro e si gettò disperato in mare, che dal suo nome fu chiamato Mar Egeo. Elisa Cutroneo Diana Maties Marco Raimondi Arion Sciarwin Alice Valenti

4 Pagina 4 ADOLESCENZA, CHE TORMENTO! La pagina per ragazzi che crescono Aspetti psicologici durante l adolescenza Come esistono cambiamenti fisici nell adolescenza esistono anche cambiamenti mentali ed e- mozionali. Ogni fase dello sviluppo di un individuo è caratterizzata da atteggiamenti e comportamenti tipici. L'adolescenza si contraddistingue per la tendenza all indipendenza e a trascorrere molto tempo con i coetanei. La voglia di acquisire indipendenza porta i ragazzi a sperimentare situazioni ed emozioni nuove, che però talvolta sfociano in sensazioni di delusione o di sconfitta. Ciò provoca repentini cambiamenti di umore e di atteggiamento; un attimo prima sembrano forti e sicuri di sé, un attimo dopo fragili e insicuri. Discussioni e liti tra genitori e figli sono frequenti in questa fase. Spesso, i genitori si sentono rifiutati e in un certo senso lo sono, ma questo rifiuto è solo a p p a r e n t e e c o n s e n t e l acquisizione da parte dei ragazzi di una propria identità e, quindi, un buon ingresso nell età adulta. Il passaggio dei figli attraverso l'adolescenza è generalmente fonte di stress per i genitori; una strategia che di solito consente di fronteggiare adeguatamente i cambiamenti dei figli in questa fase è quella di: mostrare sempre un buon accordo con l altro genitore; stabilire sempre regole chiare, non troppo restrittive, da concordare in anticipo con i ragazzi e che prevedano sanzioni realmente applicabili; avere flessibilità nei comportamenti, adattandoli all umore dei figli; fornire consigli utili nei momenti di difficoltà, anche se i figli non sembrano propensi ad accettarli; avere un atteggiamento comprensivo e consolatorio nei confronti dei ragazzi. La conflittualità genitori-figli durante il periodo adolescenziale è sicuramente più bassa, nelle famiglie in cui durante gli anni dell infanzia e della fanciullezza si è respirato in famiglia un clima di rispetto reciproco e di collaborazione. Gabriele Cociglio Greta Meregalli Lorenzo Monem Niccolò Rubino Ilenia Scagnolari

5 Pagina 5 BIBLIOTECA A SCUOLA LA RESURREZIONE DEI LIBRI! Nella sede di via Nichelino della nostra scuola, la professoressa Giulia Cappellina ha organizzato una biblioteca ubicata nella vecchia segreteria del primo piano. Vi si trovano libri di genere diverso, adatti a tutte le età, dalla prima alla terza media. Il martedì e il giovedì dalle ore 11: 40 alle 13:40 la biblioteca è aperta e si possono prendere in prestito e restituire i libri. Lo scopo di questo progetto è di suscitare nei giovani studenti l interesse alla lettura affinché migliorino i loro risultati scolastici e arricchiscano il loro vocabolario. La professoressa Cappellina desidererebbe ampliare la biblioteca con l aiuto dei docenti e degli alunni interessati all idea. Tutti i docenti hanno approvato anche se alcune classi partecipano poco al progetto perché si sono dotate di una piccola biblioteca di classe. Agente Jack 1603 Alessia Carrozza Giada Frieri Vincee Mik722 Mattia Miguel Nocito H2O Alexias Giuseppe Caruso Cristina Lungu Tiziano Rizzo

6 Pagina 6

7 Pagina 7 Ping pong Il ping pong viene anche chiamato tennis da tavolo e viene praticato alle olimpiadi. Si può giocare a ogni età e basta avere un piccolo spazio per giocare a ping pong, sia all aperto sia al chiuso. A livello agonistico è meglio giocare in spazi grandi e al chiuso. Per giocare a tennis da tavolo bisogna avere i riflessi pronti e una certa sensibilità nel tocco. Quando si gioca bisogna essere molto concentrati come quando si gioca una partita a scacchi. Cosa serve? Per giocare a ping pong serve un campo rettangolare con una rete, due racchette e una pallina. Il tennis da tavolo ha origine dall'antico gioco conosciuto come pallacorda, divenuto popolarissimo dal 1880 in Francia, Inghilterra e Stati Uniti come Lawn Tennis (tennis da prato). Quest anno nella nostra scuola c è stato un torneo di selezione per i tornei provinciali con le altre scuole di Torino. Martedì 24 marzo abbiamo partecipato ai tornei provinciali tra le scuole di Torino. Eravamo divisi nei seguenti gruppi: 1. Rubino e Lancianese II L 2. Griselli e Pignatiello II e III L 3. Espinosa e Cassinelli III H e III I 4. Ferrero e Ribaudo II H e III E 5. DeMartini e Schirripa II H e III L Al torneo ci siamo divertiti molto e abbiamo incontrato persone nuove. I migliori della nostra scuola si sono classificati quinti e sono Espinosa e Cassinelli, Rubino e Lancianese. Poi Griselli e Pigniatiello sono arrivati settimi insieme a Ferrero e Ribaudo. Invece, De Martini e Schirripa sono arrivate prime nel torneo femminile che era composto da una sola coppia. Alexis ag7 Andrea Lestrad Sofia Licitra

8 Pagina 8 INTELLIGENZA ANIMALE Gli animali possiedono abilità simili a quelle umane: giocano, contano, si riconoscono davanti a uno specchio. Lo sapevi che... Descartes riteneva che gli animali non possedessero un anima perché non hanno né pensiero né linguaggio. Dal momento che secondo il matematico solo l intelligenza può mostrare l esistenza dell anima, la prova principale della mancanza di quest ultima negli animali è l assenza di linguaggio. Egli, pur riconoscendo che gli animali producono grida e versi, rifiutava che si trattasse di linguaggio, cioè capacità di comunicare pensieri. Secondo il suo pensiero gli animali rispondono a impulsi naturali come la paura o la fame, ma solo nell uomo la parola esprime un pensiero e non delle passioni. Gli animali quindi agiscono solo per una particolare disposizione dei loro organi. Anche lo psicologo Jean Piaget, nei vicini anni Cinquanta, escludeva che bambini molto piccoli potessero avere una qualche competenza numerica, ma che la loro mente fosse una sorta di tabula rasa e che il concetto di capacità cognitiva, e quindi di intelligenza, fosse strettamente legato alla capacità di a d a t t a m e n t o all ambiente sociale e fisico. Secondo Piaget, infatti, i due processi che caratter i z z a n o l adattamento sono l assimilazione, il processo consistente nell incorporazione di un evento o di un oggetto in uno schema comportamentale o cognitivo già acquisito, e l accomodamento, cioè la modifica della struttura cognitiva o dello schema comportamentale per accogliere nuovi oggetti o eventi fino a quel momento ignoti. Le ultime ricerche dimostrano che non solo gli animali sono intelligenti, ma che nella loro mente siano presenti le basi di ogni caratteristica dell'intelligenza umana. Oggi si pensa che o- gni specie abbia una storia evolutiva diversa, che l'ha dotata di intelligenze diverse, abilità speciali e particolari frutto degli adattamenti a situazioni ed ambienti differenti. Negli animali probabilmente non ci sono le stesse capacità dell'uomo, e molte capacità di astrazione non sono così elevate. Ecco quindi specie che riescono a elaborare complessi calcoli per la navigazione, o altre in grado di vedere colori che a noi sono sconosciuti. Ma anche facoltà propriamente umane, come il linguaggio e il calcolo, sembra siano presenti, anche se non in maniera così complessa, in molte altre specie.

9 Pagina 9 INTELLIGENZA ANIMALE I dieci animali più intelligenti del mondo sono principalmente: 10 il topo: è in grado di trovare s c o r c i a - toie e vie di fuga negli esperimenti ideati dai migliori scienziati del mondo; 9 il polpo: può giocare. In cattività, riconoscono chi se ne prende cura e imparano ad aprire flaconi, attraversare labirinti e ha un ottima memoria a breve termine ; 8 il piccione: è in grado di riconoscere centinaia di immagini, anche molti anni dopo averle viste; può riconoscersi davanti allo specchio, imparare ad eseguire una sequenza di movimenti e trovare differenze anche piccole tra due oggetti ; 7 lo scoiattolo: è in grado di fare scorte di cibo per i momenti di magra, ritrovando i bocconi anche molti mesi dopo averli nascosti. Inoltre possono far finta di nascondere il cibo e confondere i potenziali ladri, capacità che secondo i ricercatori dimostra un avanzato livello di intelligenza e astuzia. ; 6 il maiale: è noto per la sua capacità di adattarsi a una grande varietà di condizioni ecologiche. Sembra essere addestrabile come i cani e i gatti, è diventato l animale domestico preferito degli Stati Uniti. ; 5 il corvo: sa comunicare utilizzando degli elaborati dialetti, gioca e fa scherzi ai suoi simili; 4 l elefante: pulisce il suo cibo e usa degli strumenti presenti in natura in vari modi; in cattività, esegue anche gli ordini dell uomo ; 3 l orangutan: le grandi scimmie sono considerate le creature più intelligenti dopo gli esseri umani. Tra queste, gli oranghi spiccano come particolarmente dotati di cervello. Hanno una forte cultura e sistema di comunicazione, e molte sono state osservate per utilizzare gli strumenti in natura ; 2 il delfino: questo straordinario mammifero ha un sofisticato linguaggio anche se l uomo lo ha scoperto solo da poco. I delfini utilizzano gli strumenti del loro ambiente naturale e possono imparare un numero impressionante di comandi comportamentali dai loro istruttori; 1 lo scimpanzé:la sua impressionante capacità intellettuale ha a lungo affascinato gli esseri umani: può creare e utilizzare strumenti, cacciare in gruppo, e ricorre a tecniche avanzate per risolvere i problemi. Martin Lara Mandresy Morra di Cella Riccardo Francabandiera Alessandra Venturini

10 Pagina 10 LA POSTA DEL CUORE -Caro Danilo, due amiche a cui sono molto legata sono innamorate del mio ragazzo e credo che ultimamente mi stiano vicino solo per attirare la sua attenzione. Come faccio? Risposta: Prova a dire al tuo ragazzo di essere carino con le tue amiche, osserva la loro reazione e poi affrontale dicendo chiaramente quel che pensi di loro. -Ciao Danilo! Mi piace molto una ragazza che è nella mia classe, ma il problema è che è fi- danzata con un ragazzo che io proprio non sopporto. Cosa mi consigli? Risposta: : Prova a corteggiarla. Offrile la merenda se non ce l ha, fai il ca- rino con lei: se non ha del materiale scolastico, sii sempre pronto a pre- starglielo e cerca di relazionarti con le sue amiche; tutto senza farti vede- re dal suo ragazzo, ovviamente! -Caro Danilo, sono una ragazza che frequenta la terza media e mi piace molto un ragazzo che neanche mi guarda. Cosa posso fare? Risposta:Cerca di capire ciò che gli piace: per esempio, se gli piace il calcio, cerca di interessarti di più a quello sport, stagli il più possibile vicino e parlagli alcune volte, ma senza fargli capire che ti piace! Se hai un problema di cuore scrivi a La posta del cuore di Danilo -Danilo, ho un problema! Mi sono innamorata di una ragazza della mia classe ma ho paura di non essere ricambiato e non so come dirglielo. Risposta: Sii gentile e premuroso con lei magari offrendole il tuo aiuto quando ne ha bisogno. Potresti magari iniziare a parlare con lei di qualcosa che avete in comune. Quando avrai stabilito un contatto potrai dirle che ti piace e aspettare la sua risposta.

11 Pagina 11 A cura della II H LA MIA VITA È UN OPERA Vivi come credi, fa quello che ti dice il cuore La vita è come un opera di teatro che non ha prove iniziali Canta, ridi, balla, ama E vivi intensamente ogni momento della tua vita Prima che il sipario cali e lo spettacolo finisca senza applausi. DORMI BAMBINA WÉÜÅ UtÅu Çt v{x áéçé Öâ tvvtçàé? WÉÜÅ áxüxçt xw távéäàt Ä Å É vtçàém ctüät w fézç x Y tux ÄÉÇàtÇx? hç ÅÉÇwÉ w fézç x w ÑÜÉÅxááx Åt ätçxa IL FUOCO Il fuoco è un bambino vivace, Giocoso e caldo, Certe volte inciampa, ma si riprende subito; Poi si innalza, Prende sonno; E si addormenta. IN UN ATTIMO Giuro che in quel momento volevo scappare Ma poi mi dissi : perché non aspettare?! Allora mi fermai E il cielo guardai Era un giorno sereno C era anche un arcobaleno Le nuvole,le cose, i fiori, le rose. che bello pensai non volevo più andarmene. RESTAI UN TIPO PARTICOLARE È vero che siamo tutti diversi ma non tutti siamo particolari io mi ritengo particolare perché come la passione delle macchine avvolge me non succede per nessuno compreso te. La mia curiosità non ha limiti e confini miei pensieri son liberi e leggiadri come delfini io odio essere come gli altri faccio il possibile per aiutare i compagni è proprio vero che mi piace disegnare e per quello che pare, mi sento particolare. AL MATTINO Stanca, stanca, stanca Ma la sveglia suona e non si stacca Mezza addormentata mi vesto Veloce, veloce devo fare presto Intanto preparo colazione Ma al posto dei biscotti tiro fuori il panettone Manca un quarto d'ora mi devo sbrigare. Ma mia sorella si deve ancora alzare

12 Pagina 12 Due incontri a cura della LAV per riflettere sui diritti degli animali Venerdì 20 e 27 marzo 2015, noi della I H, insieme ai ragazzi della I G, abbiamo svolto un laboratorio condotto da due esperti della LAV, richiesto dalle nostre insegnanti di lettere e scienze. La LAV, Lega AntiVivisezione è una società fondata nel 1977 che si batte contro ogni violenza esercitata sugli animali e negli ultimi anni si è occupata di a- bolire, in particolare, circhi ed acquari, dove gli animali sono condannati a vivere in gabbie o in spazi molto ristretti che non possono essere paragonabili ai loro habitat naturali (deserti, foreste, savane, oceani, mari). La L.A.V. si batte anche per l abolizione della vivisezione, della pesca, della caccia, delle produzioni animali, dell'allevamento, del commercio, degli spettacoli con animali. In generale si occupa della difesa della Terra e dei suoi ecosistemi. Il volontario che ha tenuto il primo incontro ci ha subito consegnato una dispensa contenente la Dichiarazione Universale dei Diritti dell Animale. Leggendone gli articoli, alcuni ci sono sembrati più significativi e qui di seguito ne sintetizziamo i punti salienti: Articolo 1: gli animali hanno gli stessi diritti all esistenza Articolo 2 : ogni animale ha diritto al rispetto Articolo 4: ogni animale deve vivere nel suo ambiente Articolo 10: nessun animale deve essere utilizzato per il divertimento dell uomo. Sono emerse diverse riflessioni e ci siamo subito chiesti se questi diritti venissero rispettati. Abbiamo riflettuto a lungo sull articolo 10 poi- ché precisava che la vita degli animali e gli animali stessi non dovrebbero essere sfruttati per il divertimento degli uomini. Da ciò, la nostra riflessione si è spostata sull'utilizzo degli animali nel CIRCO! Prima di questa lezione, molti di noi pensavano che il circo fosse una esperienza bellissima, da non perdere, uno spettacolo divertente che coinvolge grandi e piccini curiosi di ammirare animali che eseguono coreografie e acrobazie di ogni genere. Invece non è niente di tutto ciò: gli animali soffrono perché non sono nel loro ambiente naturale e sono obbligati ad assumere posizioni ed a esibirsi in pose che non hanno nulla a che vedere con la loro indole... Vengono rinchiusi, mal nutriti, derisi e costretti a comportarsi contrariamente alla loro natura, imitando e scimmiottando le azioni degli uomini soprattutto per dare spettacolo. Non è spontaneo per un animale eseguire delle coreografie! In un volantino che ci è stato consegnato c era infatti scritto: Senza gli animali il circo è più umano e noi su questo siam o p e r f e t t a m e n t e d accordo. Siamo giunti alla conclusione che è preferibile seguire spettacoli circensi senza animali, con la sola presenza di acrobati impegnati in esibizioni impressionanti e meravigliose, veri artisti che mostrano le loro abilità. Questo sì che è uno spettacolo educativo! Gli animali infatti, a differenza degli artistiacrobati, non scelgono di esibirsi, non scelgono di allenarsi, non scelgono di stare in gabbia! La loro volontà viene spezzata ed essi sono ridotti a burattini nelle mani dei domatori. Quale divertimento potremmo allora provare pensando a queste tristi realtà?

13 Pagina 13 In conclusione, siamo stati concordi nel sostenere che in vario modo l'uomo perpetra crudeltà e violenza verso gli animali e che quindi circhi e bioparchi nascondono cattiveria e violenza gratuita. Durante il secondo incontro, abbiamo ancora ripreso le riflessioni sul circo ma ci siamo anche occupati di altri aspetti legati al mondo animale. Sono stati proiettati dei filmati che mettevano a confronto l'habitat naturale di varie specie animali e quello che sono costretti a vivere quando sono in cattività. Diciamo che siamo rimasti a bocca aperta... Certe immagini ritraevano elefanti incatenati e rinchiusi in gabbie minuscole, tigri e altri felini frustati dai domatori per essere addestrati, davvero scene crude e tristi. Altri video invece davano delle indicazioni su come imparare a rispettare gli animali domestici e interagire in maniera corretta e responsabile con loro, nel pieno rispetto della loro dignità. Siamo concordi nel ritenere che questo laboratorio sia stato molto utile ed educativo nel senso che influirà sicuramente sul nostro comportamento nei confronti degli animali rendendoci più sensibili e attenti verso le loro esigenze. A conclusione del laboratorio abbiamo lavorato a gruppi per riflettere insieme e produrre dei disegni o, a scelta, testi, messaggi, volantini. Federico Bono Arianna Ferri Francesco Schiavello GLI ANIMALI HANNO DEI DIRITTI: VIOLARLI è UN REATO È normale che gli elefanti dondolino senza sosta dando l'impressione di ballare a suon di musica? disegni di: Elena Sala I H Miriam Cortese I H Arianna Ferri I H Gerardo Morese I H Elena Quarticelli I G Ilaria Zitarosa I G Carlotta Fiore I G Se volete saperne di più visitate il sito della L.A.V. e ricordatevi di spargere la voce e urlare al mondo il diritto più importante di ogni animale, uomo compreso: la libertà!

14 Pagina 14 Z e b r i n a era una zebra che v i v e v a nella savana con gli amici Leonino, Giraffetta, Lippotto, Papa-Ara e Rinocello. Un giorno Zebrina decise di fare una corsa con i suoi amici fino al fiume per guardare i pesci nuotare. Tutti furono d accordo. Rinocello e Lippotto partirono per primi essendo i più lenti; Zebrina per seconda, mentre gli ultimi a partire furono Leoncino e Papa -Ara. Durante la corsa il vigile Fantella, un grosso elefante, li fermò tutti per avvisare di un grosso coccodrillo affamato, chiamato Bocconcino. Zebrina, essendo birichina, ignorò ciò che aveva detto Fantella e, di nascosto, insieme ai suoi amici si diresse verso il fiume, dove li aspettava il grande coccodrillo affamato, pronto per divorarli. Arrivati al fiume tutti si misero a g i o c a r e nell acqua senza pensare al temibile Bocconcino pronto a sorprenderli. All improvviso il coccodrillo uscì dal nascondiglio e afferrò Zebrina per una zampa che, con l aiuto dei suoi amici, riuscì a liberarsi. Dopo si mise a correre spaventatissima. Da quel giorno Zebrina promise di ascoltare di più il vigile Fantella e di non andare più a giocare nel fiume se ci fossero stati coccodrilli nei paraggi. Silvio Baricchia

15 Pagina 15 MAPPE CONCETTUALI DI STORIA PER LE CLASSI TERZE A cura della III I e della III G Il boom economico si sviluppò in Italia dal 1958 al Nel nord Italia nacquero nuove industrie, soprattutto metal meccaniche. Così si spopolarono le campagne e, dal sud, avvennero migrazioni nelle città del nord. Nacque così la società dei consumi. Durante gli Anni di Piombo in Italia, dal 1970 alla metà degli anni 80, ci fu una lotta armata contro lo Stato. Iniziò la strategia della tensione contro il progetto del compromesso storico. Si affermò la teoria degli opposti estremismi: il terrorismo nero e il terrorismo rosso che con stragi e attentati crearono un clima di emergenza fino a portare a una svolta autoritaria in Italia. Il 68 fu un fenomeno internazionale. In Italia gli studenti manifestarono contro la scuola d elite a favore di una scuola per tutti. Gli operai furono in lotta per avere più salario e migliori condizioni di lavoro. Per questo l autunno fu detto caldo. UN INCONTRO IMPORTANTE CON UNA PERSONA SPECIALE La vita a Torino ai tempi della Seconda guerra mondiale: racconti, sensazioni, paure, emozioni viste con gli occhi di un bambino. Per non dimenticare. Protagonista assoluto di questo incontro è Giorgio Bianchi, classe 1932, ottantatré anni, otto anni nel Giorgio ci racconta del fascismo, dei bombardamenti, dei rifugi, della fame, dei partigiani e il suo narrare ci trasmette impressioni ingenue di ragazzo e riflessioni consapevoli di adulto. A nome dei ragazzi della Calamandrei lo ringraziamo. Giorgio Bianchi e la III I

16 Pagina 16 Ero una candidata davvero agitata, perché parlare in pubblico mi mette ansia. Io ho solo votato, perché non avevo il coraggio di candidarmi, né tempo di prepararmi discorso e cartellone, non volevo essere rappresentante. Per me è stata un emozione fortissima, potevo diventare la seconda rappresentante, ma quel titolo dovevo giocarmelo al ballottaggio contro la mia migliore amica. Sono rimasta un po male perché non avevo voti, comunque mi sono divertita, e questo conta. Con sorpresa metà della classe mi ha votato, mi sentivo al settimo cielo perché prima ero ansiosa e preoccupata, si percepiva un sacco la tensione per la classe. Ho avuto solo due voti Non ero triste ma capivo i miei compagni. Le professoresse dicevano di non scoraggiarsi e che non si votavano le persone perché più intelligenti o simpatiche. Ma sapevo che non era così. Fin dall inizio, ancora prima dei discorsi, i compagni dicevano chi avrebbero votato, e hanno fatto così: la popolarità, ecco su cosa si basa un voto, sulla popolarità. Allora non sono popolare. Ho guardato le fac- ce delle candidate: erano molto tese. Anche se non mi sono candidata, durante le votazioni ho avuto le far- falle nello stomaco. Non mi sono can- didata perché non sono brava a scrivere discorsi. All inizio ero agitatissima, non sapevo chi votare! Le candidate erano tutte bravissime alla fine ho scelto la persona più convincente. Le due vincitrici sono state impeccabili, fuori e dentro di loro si vedeva proprio la felicità. Possiamo dire che ero elettrizzata all idea di essere eletta rappresentante di classe. Le mie emozioni sono state molto forti e indescrivibili, non le avevo mai provate prima, ero strano. È utile avere rappresentanti: se abbiamo problemi possono risolvere tutto e ascoltare le nostre lamentele. Solo una cosa non mi è piaciuta: credo abbiano votato per simpatia... Ero felice quando hanno vinto, ma finora non è successo nulla di quello che hanno promesso, non credo di volere ancora delle rappresentanti. Questa esperienza è stata fantastica, con cartelloni, discorsi e applausi: la rifarei volentieri..

17 Pagina 17 Utilizzando 15 matite realizziamo 6 quadrati, come in figura [5 di una matita per lato, e 1 di due matite per lato]. Togliendo 3 matite è possibile fare scomparire interamente 3 dei 6 quadrati! Quanti rettangoli ci sono in questa figura? Probabilmente sono più di quanti credete! SUDOKU I rettangoli sono 36! 9 rettangoli semplici + 12 rettangoli dall'unione di due rettangoli semplici per volta + 6 rettangoli dall'unione di tre rettangoli semplici per volta + 4 rettangoli dall'unione di quattro rettangoli semplici per volta + 4 rettangoli dall'unione di sei rettangoli semplici per volta + 1 rettangolo dall'unione dei nove rettangoli semplici. UN PO DI INDOVINELLI O in due, o in quattro, o in otto, lungo le strade filiamo; per tutta la vita ci rincorriamo e mai ci raggiungiamo. Le ruote! Più ne hai tanto, meno temi! Il coraggio! Incrociano le lame, ma non si sfidano a duello! Le forbici! Tondo, bi-tondo, bicchiere senza fondo, bicchiere non è, indovina che cos'è? L'anello! Federica Bellone Abdù Gzadi Matty MF7 Niccolò Rubino

18 Pagina 18 Federica Bellone Abdù Gzady Matty MF7 Niccolò Rubino

19

20

21

22

23 Pagina 23 Il è anche on-line su facebook! https://www.facebook.com/calamandrino ecco il link della nostra pagina! Sosteneteci lasciando molti likes! Ad aprile si è disputata a Senigallia la gara nazionale di aerobica, la nostra scuola è arrivata prima e ha vinto il titolo di miglior squadra di aerobica nazionale. Inoltre la squadra di aerobica ha vinto anche l attestato di Miglior sperimentazione. Mercoledì 13 maggio al torneo di basket c e stata una squadra per le prime per le seconde e le terze. La gara si è tenuta dalle 8:00 alle 13:00; la squadra delle seconde e delle terze della Calamandrei è arrivata prima, mentre la squadra della prima è stata penalizzata per proteste e quindi si è classificata al secondo posto.. La classe II L si è recata al salone del libro per scoprire il nuovo mondo della radio! La scuola ha aderito al progetto Raccolta pane secco per il canile di Moncalieri. Andate a visitare il sito Giorno 10 maggio 2015: si è tenuta la serata conclusiva del 3 CONCORSO MUSICALE REGIONALE "COMUNE DI TROFARELLO" E PREMIO "I.C. TROFARELLO" a cui hanno partecipato alcuni alunni della sezione musicale, esibendosi nei giorni 23 e 24 aprile Il primo premio assoluto, per la sezione archi, è stato vinto da Angelica Rosso, I H. h t t p : / / w w w. i c t r o f a r e l l o. i t / i m a g e s / p d f / concorsi_musicale/2015concorso_risultati/index.html Gabriele Cociglio Gigi De Santa Lorenzo Forzese Giulia Riccadonna Yugi Scarfeis

24 Pagina 24 Sommario: Tutto ok in Calamandrei: II D e II L amici per la pelle! Pagg.1-2 Computer rubati a scuola? Rispondiamo con la fai-da-te Pag. 2 Il mito del Minotauro Pag. 3 Aspetti psicologici durante l adolescenza Pag. 4 Biblioteca a scuola Pag. 5 Angolo della matematica: La serie di Fibonacci Sport: ping pong Pag. 6 Pag.7 Scrivete a La pagina delle scienze: intelligenza animale Pagg.8-9 https://www.facebook.com/ calamandrino La posta del cuore Pag. 10 L angolo della poesia Due incontri a cura della LAV per riflettere sui diritti degli animali Pag.11 Pagg Zebrina, la zebra birichina Pag. 14 Mappe concettuali di Storia per le classi terze Un incontro speciale con una persona speciale Elezioni dei rappresentanti di classe in I D: voci ed emozioni in libertà Pag. 15 Pag. 16 Giochi Pag. 17 Barzellette Pag. 18 Calabacheka Pag. 23 Il è anche on line sul sito della nostra scuola: Abdù Gzady Agente Jack 1603 Alberto Triggiani Alessandra Venturini Alessia Carrozza Alessia Sardi Alessio Svetlano Alex Sottile Alice Valenti Andrea Zaytsev Cristina Lungu Daniele Solito Diana Maties Elisa Cutroneo Federica Bellone Francesca Chieti Gabriele Cociglio Giada Frieri Gigi De Santa Giorgia Rabuano Giorgio Lara Giulia Riccadonna Giuseppe Caruso LA REDAZIONE Greta De Feo Greta Meregalli Ilenia Scagnolari Lorenz Monem Lorenzo Forzese Loris Mottica Mandresy Morra di Cella Marcello Valente Marco Raimondi Marika Tartaglia Martin Lara Matteo Aparo Mattia Nocito Matty MF7 Niccolò Rubino Riccardo Francabandiera Sara Minetti Sara Panerati Sofia Licitra Tiziano Rizzo Valentina Gallarino Vincee Mik722 Yugi Scarfeis

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA

GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA GIORNATA DELL'ACCOGLIENZA Mercoledì 11 dicembre abbiamo accolto gli amici delle quinte: vi raccontiamo la giornata...speciale. E' stato molto interessante ed istruttivo, a parer mio, far visitare, nel

Dettagli

Gli orari e i servizi

Gli orari e i servizi INfanzia IN fiore Le Scuole dell infanzia di Attraverso esperienze reali impariamo le norme e i comportamenti da adottare in caso di pericolo I progetti Gli esperti Sportello psicologico una psicologa

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo.

Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Nella palestra la parete attrezzata fu presto pronta e Simone si appassionò tantissimo. Gli sembrava di scalare il mondo e di salire in alto nel cielo, oltre le nuvole, per vedere la terra dallo spazio.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013

ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 ISTITUTO COMPRENSIVO BUONARROTI CORSICO PROGETTO TEATRO SCUOLA SECONDARIA I GRADO BUONARROTI A.S. 2012-2013 Il Progetto Teatro viene proposto ogni anno a gruppi di classe individuati in base alle scelte

Dettagli

Livello CILS A2 Modulo bambini

Livello CILS A2 Modulo bambini Livello CILS A2 Modulo bambini MAGGIO 2012 Test di ascolto numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI

Dettagli

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE

QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE QUESTIONARIO DI OFFER PER ADOLESCENTI SULLA IMMAGINE DI SE INTRODUZIONE AL QUESTIONARIO Questo questionario viene usato per scopi scientifici. Non ci sono risposte giuste o sbagliate. Dopo aver letto attentamente

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Dettato. DEVI SCRIVERE IL TESTO NEL FOGLIO DELL ASCOLTO PROVA N.1 - DETTATO. 2 Ascolto Prova n. 2 Ascolta il testo: è un dialogo tra due ragazzi

Dettagli

Un pinguino in seconda A o forse più di uno?

Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Un pinguino in seconda A o forse più di uno? Immaginiamo, per un momento, che una cicogna un po distratta voli con un fagotto tra le zampe. Nel fagotto c è un pinguino. Un delizioso, buffo e tenero pinguino.

Dettagli

TECNICHE DI DISTRAZIONE

TECNICHE DI DISTRAZIONE TECNICHE DI DISTRAZIONE Dobbiamo renderci conto che l ansia, la paura, la preoccupazione, sono sempre associati ad alcuni Pensieri Particolari per ogni persona, ed ognuno di noi Pensa, ha Immagini Particolari

Dettagli

Articolo giornale campo scuola 2014

Articolo giornale campo scuola 2014 Articolo giornale campo scuola 2014 Condivisione, stare assieme sempre, conoscersi? In queste tre parole racchiuderei la descrizione del campo estivo. Sono sette giorni bellissimi in cui si impara prima

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI

L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI L AUTOVALUTAZIONE DELLE BAMBINE E DEI BAMBINI Mi figura dla rujenedes Meine Sprachenfigur La mia figura delle lingue Silvia Goller Scuola dell infanzia Santa Cristina/Val Gardena Le bambine e i bambini

Dettagli

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!!

MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI!! MODULO UNO : La tua STORIA con i SOLDI Ciao e Benvenuta in questo straordinario percorso che ti permetterà di compiere un primo passo per IMPARARE a vedere finalmente il denaro in modo DIFFERENTE Innanzitutto

Dettagli

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla!

Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Un pensiero per la nostra Maestra Grazie Maestra Carla! Quarta Primaria - Istituto Santa Teresa di Gesù - Roma a.s. 2010/2011 Con tanto affetto... un grande grazie anche da me! :-) Serena Grazie Maestra

Dettagli

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C

UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C P A G I N A 1 UNA LEZIONE DI ARTE NELLA CLASSE 1 ^ C Giorno 27 novembre, noi alunni della classe 5^ A Primaria del plesso Romana, ci siamo recati presso la sede centrale dell Istituto comprensivo Piero

Dettagli

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo.

Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il vuoto Una tazza di tè Un maestro giapponese ricevette la visita di un professore universitario (filosofo, ndr) che era andato da lui per interrogarlo. Il maestro servì il tè. Colmò la tazza del suo

Dettagli

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini

Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini grafica di Gianluigi Protagonisti le bambine e i bambini della classe dei Delfini Anno scolastico 2010_ 2011 Perché questa scelta? Il libro è un contesto abitato dai bambini sin dalla più tenera età; è

Dettagli

- 1 reference coded [3,14% Coverage]

<Documents\bo_min_11_M_16_ita_stu> - 1 reference coded [3,14% Coverage] - 1 reference coded [3,14% Coverage] Reference 1-3,14% Coverage quindi ti informi sulle cose che ti interessano? sì, sui blog dei miei amici ah, i tuoi amici hanno dei

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed.

Cristiano Carli. BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile. Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com. I ed. Cristiano Carli BUON LAVORO. Se non puoi evitarlo, rendilo facile Cristiano Carli about me cristiano.carli.copy@gmail.com I ed. marzo 2014 Copertina: Giulia Tessari about me giulia.tessari@gmail.com DISCLAIMER

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A

A B B I A M O P E N S A T O D I S C R I V E R E U N G I O R N A L I N O D I C L A S S E P E R C H Ė O G N I B A M B I N O P U Ó S C R I V E R E L A Periodico della classe IV A Scuola elementare A. Sabin Anno Scolastico 2011/2012 INDICE 1. Presentazione: perché un giornalino 2. Cosa succede a scuola: elezioni del consiglio dei ragazzi 3. Scrittori

Dettagli

..conoscere il Servizio Volontario Europeo

..conoscere il Servizio Volontario Europeo ..conoscere il Servizio Volontario Europeo 1. LʼEDITORIALE 1. LʼEDITORIALE Cari amici, il tempo dell estate è un tempo che chiede necessariamente voglia di leggerezza. Proprio di questa abbiamo bisogno

Dettagli

ESSERE FELICI E MEGLIO!

ESSERE FELICI E MEGLIO! ESSERE FELICI E MEGLIO! I 5 MOTIVI PER ESSERLO di Carla Favazza Questo manuale contiene materiale protetto dalle leggi sul Copyright nazionale ed internazionale. Qualsiasi riproduzione senza il consenso

Dettagli

Come si fa a stare bene insieme?

Come si fa a stare bene insieme? Come si fa a stare bene insieme? Stare insieme è bello. Alle volte per noi bambini è difficile. Abbiamo intrapreso questo viaggio alla scoperta di un modo migliore per vivere a scuola e non solo. Progetto

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO

ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO ESERCITAZIONE DI RIEPILOGO SOTTOLINEA IN NERO LE VOCI VERBALI AL CONGIUNTIVO E IN ROSSO QUELLE AL CONDIZIONALE Che cosa faresti se vincessi al totocalcio? Sarebbe opportuno che prendessero una decisione

Dettagli

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti

GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti GIOVANI E FELICITA Bisogna farcela, si deve guardare avanti (riflessione di un giovane) Considerazioni in merito agli incontri con giovani di una Scuola Media della Lombardia PRIMA DELL INCONTRO Secondo

Dettagli

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo.

Estate_. - Se fosse per te giocheremmo solo a pallamuso. - aggiunse Morbidoso, ridendo. Estate_ Era una giornata soleggiata e piacevole. Né troppo calda, né troppo fresca, di quelle che ti fanno venire voglia di giocare e correre e stare tra gli alberi e nei prati. Bonton, Ricciolo e Morbidoso,

Dettagli

volontario e lo puoi fare bene».

volontario e lo puoi fare bene». «Ho imparato che puoi fare il volontario e lo puoi fare bene». Int. 8 grandi eventi e partecipazione attiva Una fotografia dei volontari a EXPO 2015 Dott.sa Antonella MORGANO Dip. di Filosofia, Pedagogia,

Dettagli

Scuola Primaria Pisani Dossi. Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE

Scuola Primaria Pisani Dossi. Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE Scuola Primaria Pisani Dossi Istituto Comprensivo Erasmo da Rotterdam ALBAIRATE Autori: alunni 3^B Anno scolastico 2012-2013 Il 10 maggio abbiamo incominciato questa esperienza. Ci sono 4 materie: italiano,

Dettagli

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19.

18. No perché, ti dico è talmente particolare, ma in modo positivo eh (alza leggermente tono di voce per sottolineare l inciso), 19. Insegnante intervistata: 12 anni di insegnamento; al momento dell intervista insegna nelle classi II di una scuola primaria Durata intervista: 30 minuti 1. Ti chiederei gentilmente di pensare ad un bambino

Dettagli

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE

SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE SCUOLA DELL INFANZIA SANTA LUCIA - ISTITUTO COMPRENSIVO «GABRIELE ROSSETTI» IN COLLABORAZIONE CON LA CLASSE 4 C DEL LICEO DELLE SCIENZE UMANE «PANTINI PUDENTE» VASTO (CH) IL MAGGIO DEI LIBRI nella SCUOLA

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani...

Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Una Tecnica semplice ed efficace per ritrovare l equilibrio interiore ed eliminare tensioni e stress quotidiani... Incontro Introduttivo con Sergio Peterlini insegnante di Meditazione da 38 anni per Studenti,

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

Scopri con noi cosa abbiamo in Comune

Scopri con noi cosa abbiamo in Comune Scopri con noi cosa abbiamo in Comune Piccoli cittadini crescono Lidia Tonelli, Scuola Primaria Calvisano INPUT: L Assessorato alla Pubblica Istruzione propone alle classi quinte un percorso di educazione

Dettagli

Come migliorare la tua relazione di coppia

Come migliorare la tua relazione di coppia Ettore Amato Come migliorare la tua relazione di coppia 3 strategie per essere felici insieme I Quaderni di Amore Maleducato Note di Copyright Prima di fare qualunque cosa con questo Quaderno di Amore

Dettagli

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI

INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI INCONTRO CON L AUTORE JACOPO OLIVIERI Lo scrittore Jacopo Olivieri ha incontrato gli alunni delle classi quarte e quinte della scuola A. Aleardi del plesso di Quinto nelle giornate del 18 e 19 febbraio

Dettagli

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana

1. LA MOTIVAZIONE. Imparare è una necessità umana 1. LA MOTIVAZIONE Imparare è una necessità umana La parola studiare spesso ha un retrogusto amaro e richiama alla memoria lunghe ore passate a ripassare i vocaboli di latino o a fare dei calcoli dei quali

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009

Pinguini nel deserto Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Concorso a tema per le scuole di ogni ordine e grado sul tema della disabilità intellettiva: I Edizione 2009 Iscritto per: Scuola Secondaria Primo Grado Motto di iscrizione: Raccontami e dimenticherò-mostrami

Dettagli

Perché un libro di domande?

Perché un libro di domande? Perché un libro di domande? Il potere delle domande è la base per tutto il progresso umano. Indira Gandhi Fin dai primi anni di vita gli esseri umani raccolgono informazioni e scoprono il mondo facendo

Dettagli

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI

ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI ALLEGATO P. O. F. QUESTIONARI CONOSCITIVI 1 ISTITUTO COMPRENSIVO ALDO MORO / CAROSINO Anno scolastico 2013-2014 QUESTIONARIO CONOSCITIVO Nota: Il presente questionario è predisposto per gli alunni del

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte.

Questo è l ICAM, sembra tutto fuorché un carcere. La giovane responsabile è l ispettore Stefania Conte. FRANCESCA CORSO di Edoardo Di Lorenzo FRANCESCA CORSO FONDATRICE Ho lavorato come assistente sociale al carcere di San Vittore e ho trovato dei bambini carcerati assieme alle mamme in un regime carcerario

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente.

Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente. Il mio cane. Il mio cane si chiame Carmen è un Golden Retriver femmina di 10 anni molto buono ed intelligente. Le piace molto stare in compagnia,le piace giocare con me con papà e con Alessandro anche

Dettagli

Un compleanno speciale

Un compleanno speciale Testo teatrale ideato dalla classe 5D Un compleanno speciale ATTO UNICO Sceneggiatura a cura di Monica Maglione. Coreografia: Elisa Cattaneo / Alessandro Riela. Musiche: Papi, Sexy Back. Narratore: Davide

Dettagli

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE

Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Bianca Maria Toccagni Insegnante Scuola Elementare La Roccia SPORT, GIOCO E FAIR PLAY NELLA SCUOLA ELEMENTARE Saluti alle autorità Presidente dott. Silvagni Segretario di stato alla cultura Segretario

Dettagli

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

IL COMPUTER, COSA NE PENSANO GLI STUDENTI? 41 ATTO I: È ARRIVATO UN BASTIMENTO CARICO CARICO DI... COMPUTER!

IL COMPUTER, COSA NE PENSANO GLI STUDENTI? 41 ATTO I: È ARRIVATO UN BASTIMENTO CARICO CARICO DI... COMPUTER! IL COMPUTER, COSA NE PENSANO GLI STUDENTI? 41 AL COMPUTER, AL COMPUTER! S T R U M EN T O E 7 ATTO I: È ARRIVATO UN BASTIMENTO CARICO CARICO DI... COMPUTER! Atto I, scena I: La terra promessa (ovvero le

Dettagli

Lo Yoga è nato in India

Lo Yoga è nato in India Lo Yoga è nato in India 1 Più esattamente nel nord dell India, circa 5mila anni fa, presso una civiltà molto sviluppata e raffinata, che abitava in una zona molto fertile, nella valle tra il fiume Indo

Dettagli

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti.

GRAMMATICA. Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. Come sto andando in... analisi grammaticale Con l aiuto del professore, completa questa tabella per capire dove sei migliorato e in che cosa devi ancora esercitarti. NON HO FATTO ERRORI IN... ARTICOLO

Dettagli

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore.

Vincenzo Cerami* * Scrittore. Intervento non rivisto dall autore. Vincenzo Cerami* Sono venuto a questo confronto senza preparare nulla. Sentendo gli interventi di chi mi ha preceduto sono tornato con la mente agli anni dell università. Stavo ripensando a Roma. Gli operai

Dettagli

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania

INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania INFANZIA E PRIMARIA di Latina PER SALUTARE ARIANNA di Genova ED AUGURARLE BUON VIAGGIO in Germania Cara Arianna, ciao, io sono Federica D.L. e abito a Latina e frequento la scuola elementare dell IC Don

Dettagli

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B

COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B 08/06/2015 COMPITI PER LE VACANZE ESTIVE (ITALIANO) classe 1^B - Grammatica: svolgi tutti gli esercizi da p. 3 a p. 19 (tranne l es. 6 p. 19) + leggi p. 24-25 (ripasso del verbo) e svolgi gli es. da 1

Dettagli

*** SASHA per SEMPRE ***

*** SASHA per SEMPRE *** *** SASHA per SEMPRE *** Siamo una coppia di portoghesi che abita in Italia da più di 10 anni. Abbiamo un figlio piccolo e nel 2010 abbiamo deciso di avventurarci in un progetto di solidarietà e di Amore:

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA ALTINO

SCUOLA PRIMARIA ALTINO SCUOLA PRIMARIA ALTINO PROGETTO CONTINUITA : MANGIA SANO E VAI LONTANO Incontro con i bambini di 5 anni delle scuole dell infanzia di Altino Durante gli incontri di continuità con la Scuola dell Infanzia

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Nel Principio. Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO

Evangelici.net Kids Corner. Nel Principio. Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO Il primo uomo di Barbara Wilmerton Haas Evangelici.net Kids Corner Nel Principio Sai come è stato fatto il primo uomo? Ascolta e lo imparerai. IL PRIMO UOMO In quattro giorni Dio creò tantissime cose.

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo

ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM. Biblioteca Interculturale Mobile. Nei libri il mondo ISTITUTO COMPRENSIVO N. 4 CHIETI Scuola Secondaria di Primo Grado Giuseppe Mezzanotte BIM Biblioteca Interculturale Mobile Nei libri il mondo Classe I - II A docente referente: prof.ssa Patrizia Monetti

Dettagli

TITOLO: IO SONO IO 1. LA LETTURA ANIMATA DI STORIE SULLA DIVERSITÀ: La cosa più importante A. Abbatiello

TITOLO: IO SONO IO 1. LA LETTURA ANIMATA DI STORIE SULLA DIVERSITÀ: La cosa più importante A. Abbatiello TITOLO: IO SONO IO Il presupposto da cui siamo partite non è tanto quello di considerare gli alunni tutti uguali, ma di affrontare la classe considerando gli alunni come essere unici, ponendosi nell ottica

Dettagli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli

attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli QUADERNO DI LAVORO PER I GENITORI attività Camminare insieme Il ruolo dei genitori nel momento della scelta formativa dei propri figli Percorso per genitori di studenti/studentesse in uscita dalla scuola

Dettagli

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA!

LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! LA PSICOLOGA VA A SCUOLA! I piccoli reporter della Guglielmo Marconi intervistano la dott.ssa Laura Bottini, psicologa che collabora con il nostro istituto. A cura del gruppo 4 dei Piccoli Reporter Quando

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo

Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Silvio Trivelloni, maratoneta: la testa è il vero motore del nostro corpo Matteo SIMONE Silvio Trivelloni sceglie l Atletica Leggera alla scuola media con il Concorso Esercito Scuola e poi diventa un Atleta

Dettagli

1 Completate il cruciverba.

1 Completate il cruciverba. Esercizi 1 Completate il cruciverba. Orizzontali 1. Giulia scrive messaggini a tutti con il... 2. Che bello... gli amici! 3. Amo... lezione d italiano. 4. Il primo giorno di scuola conosco nuovi... Verticali

Dettagli

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare.

Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso della mia vita è studiare. 1.1. Ognuno di noi si può porre le stesse domande: chi sono io? Che cosa ci faccio qui? Quale è il senso della mia esistenza, della mia vita su questa terra? Il Keisuke: Sono un ottimo studente e il senso

Dettagli

Indice. Pasta per due... pag. 5. Scheda culturale - Le carte... pag. 42. Esercizi... pag. 45. Soluzioni degli esercizi... pag. 63

Indice. Pasta per due... pag. 5. Scheda culturale - Le carte... pag. 42. Esercizi... pag. 45. Soluzioni degli esercizi... pag. 63 Indice Pasta per due... pag. 5 Scheda culturale - Le carte... pag. 42 Esercizi... pag. 45 Soluzioni degli esercizi... pag. 63 Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma.

Dettagli

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io

PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io PUNTI DI FORZA PERSONALI: Questo sono io Creatività / ingegno Risolvo i problemi in modo diverso Riesco a pensare a cose nuove facilmente Ho idee visionarie Sviluppo nuove opportunità e le metto in pratica

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica

Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica Durante una recente vacanza la vostra macchina fotografica digitale si è rotta: ora dovete comprarne una nuova. Avevate quella vecchia da soli sei mesi e non avevate nemmeno imparato a usarne tutte le

Dettagli

La ricetta del campione

La ricetta del campione La ricetta del campione INGREDIENTI Passione Coraggio Forza di volontà Grinta Onestà Impegno Costanza Sacrificio Umiltà Tenacia Gioia Temperamento Unione Sportività Sicurezza Astuzia Amicizia Rispetto

Dettagli

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it

EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it EBOOK GIAN PAOLO MONTALI CREDERE NEL GIOCO DI SQUADRA. www.forumeccellenze.it 1. Del sogno dell essere sognatore Il primo dovere di un buon Capo è non accontentarsi, essere il più esigente possibile nella

Dettagli

L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5.

L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5. L INTERVISTA ESCLUSIVA CON LAURA BRUNO, A TU PER TU CON LA FORTE LATERALE DELLA FUTSAL P5. 1) Ciao Laura e ben trovata, parliamo del Campionato appena terminato, un ottimo risultato della vostra squadra

Dettagli

Circolo Didattico Agrate Brianza Anno scolastico 2008-2009

Circolo Didattico Agrate Brianza Anno scolastico 2008-2009 Circolo Didattico Agrate Brianza Anno scolastico 2008-2009 Progetto realizzato in collaborazione tra: Sezione Azzurri scuola dell Infanzia Via Garibaldi Classe 1B scuola Primaria Omate Classe 1C scuola

Dettagli

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI

LA STORIA DEI DIRITTI UMANI LA STORIA DEI DIRITTI UMANI IL DOCUMENTO CHE SEGNA UNA TAPPA FONDAMENTALE NELL AFFERMAZIONE DEI DIRITTI UMANI È LA DICHIARAZIONE UNIVERSALE DEI DIRITTI DELL UOMO SIGLATA NEL 1948. OGNI DIRITTO PROCLAMATO

Dettagli

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011

ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 ΤΠΟΤΡΓΔΙΟ ΠΑΙΓΔΙΑ ΚΑΙ ΠΟΛΙΣΙΜΟΤ ΓΙΔΤΘΤΝΗ ΜΔΗ ΔΚΠΑΙΓΔΤΗ ΚΡΑΣΙΚΑ ΙΝΣΙΣΟΤΣΑ ΔΠΙΜΟΡΦΩΗ ΣΕΛΙΚΕ ΕΝΙΑΙΕ ΓΡΑΠΣΕ ΕΞΕΣΑΕΙ ΥΟΛΙΚΗ ΥΡΟΝΙΑ 2010-2011 Μάθημα: Ιταλικά Δπίπεδο: 2 Γιάρκεια: 2 ώρες Ημερομηνία: 23 Μαΐοσ

Dettagli

Paola, Diario dal Cameroon

Paola, Diario dal Cameroon Paola, Diario dal Cameroon Ciao, sono Paola, una ragazza di 21 anni che ha trascorso uno dei mesi più belli della sua vita in Camerun. Un mese di volontariato in un paese straniero può spaventare tanto,

Dettagli

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali

Questionario sulle abilità comunicativo relazionali Questionario sulle abilità comunicativo relazionali a cura di Fabio Navanteri per il tutor: da leggere ai corsisti Il questionario che vi proponiamo vi permetterà di individuare alcuni tratti del vostro

Dettagli

Sedurla e soddisfarla. Le regole del suo piacere

Sedurla e soddisfarla. Le regole del suo piacere Sedurla e soddisfarla Le regole del suo piacere Disegni realizzati da Denise Maltese. Vincenzo Emanuele Todaro SEDURLA E SODDISFARLA Le regole del suo piacere www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Vincenzo

Dettagli

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013

TEATRO COMUNALE CORSINI. giovedì 28 febbraio 2013 TEATRO COMUNALE CORSINI giovedì 28 febbraio 2013 Credo che tutti i ragazzi in questa fase di età abbiamo bisogno di uscire con gli amici e quindi di libertà. Credo che questo spettacolo voglia proprio

Dettagli

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO

UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Associazione di Volontariato per la Qualità dell Educazione UN VIAGGIO NEL VOLONTARIATO Esplora con noi il mondo del volontariato! con il contributo della con il patrocinio Comune di Prepotto Club UNESCO

Dettagli

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica

Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Chi lo dice che non sono portato per la matematica? Il coaching nelle lezioni individuali di matematica Tesi di Daniele Gianolini 1. Introduzione La decennale esperienza nell insegnamento individuale della

Dettagli

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano:

Dopo aver riflettuto e discusso sulla vita dei bambini che lavoravano, leggi questo brano: Imparare a "guardare" le immagini, andando al di là delle impressioni estetiche, consente non solo di conoscere chi eravamo, ma anche di operare riflessioni e confronti con la vita attuale. Abitua inoltre

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE

Ambiente/Beni materiali VALORE Crescita personale VALORE Svago VALORE VALUTA OGNUNA DI QUESTE DIMENSIONI LEGGI BENE LE DOMANDE, PENSA CON TRASPARENZA ED ONESTA CON TE STESSE E COMPLETA CON UN AUTOVALUTAZIONE DA A 0 PER OGNUNA. RIPORTA IL SUL GRAFICO (UTILIZZA QUELLO IN FONO

Dettagli

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi

Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi In mare aperto: intervista a CasAcmos Di Luca Bossi, Giulia Farfoglia, Valentina Molinengo e Michele Cioffi Nel mese di aprile la Newsletter ha potuto incontrare presso Casa Acmos un gruppo di ragazzi

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli