Conferenza Stampa Il futuro corre sulla banda: le prospettive di sviluppo delle reti NGN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Conferenza Stampa Il futuro corre sulla banda: le prospettive di sviluppo delle reti NGN"

Transcript

1 Conferenza Stampa Il futuro corre sulla banda: le prospettive di sviluppo delle reti NGN Roma, 24 Maggio 2010

2 Porre le basi per un presidio permanente dell Autorità sulle tematiche tecnologiche, normative, economiche, relative agli aspetti infrastrutturali delle Reti di Nuova Generazione a banda larga e ultra larga, al fine di ottenere risultati utili alla promozione e allo sviluppo delle reti, a vantaggio dell intera collettività, relativamente a: Accesso Fiber To The x (FTTx) nello sviluppo della NGAN Broadband Wireless Access (BWA) Digital Dividend e aspetti connessi all'uso dello Spettro < 3,5 GHz Neutralità della Rete e Sicurezza delle Infrastrutture di TLC Contenuti Audiovisivi e Media Aspetti normativi / opere civili / condivisione condotti e infrastrutture Aspetti economici, Business Planning e opzioni di finanziamento, modelli investimenti pubblici / privati (PPP) Impatto della Regolamentazione sull Economia;. Obiettivi Programma ISBUL Infrastrutture e Servizi a Banda Larga e UltraLarga 2/28

3 Programma ISBUL Il Programma di Ricerca, del valore di euro, è articolato su 3 aree disciplinari (Progetti Tecnologico, Economico e Giuridico) e 14 sottoprogetti (Work Packages) completati nell arco del 2009 numerose Università coinvolte, con i più importanti accademici della materia -- Milano (Bocconi e Politecnico), Napoli Federico II, Roma (LUISS, Roma Tre, Sapienza e Tor Vergata), Siena, Politecnico di Torino, Imperial College (Londra) valore aggiunto specifico dalla trasversalità dei temi trattati e dall approccio metodologico che stimola sia gli approfondimenti verticali (all interno delle 3 aree disciplinari), sia quelli interdisciplinari -- temi trasversali ai diversi progetti / sottoprogetti: promozione di investimenti efficienti e condivisione dei rischi ladder of investment e nuovi modelli di accesso gestione della transizione verso le NGN mercati geografici e digital divide digital spectrum dividend 3/28

4 Program Program Management Management F.Ananasso F.Ananasso Steering Committee inter-struttura AGCom (SCom) WP WP 0 (Assistenza (Assistenza Program Program Management) Management) --C.Leporelli C.Leporelli M.Listanti M.Listanti A.Nicita A.Nicita G.Napolitano G.Napolitano PROGETTO PROGETTO Quadro Quadro PROGETTO PROGETTO Quadro Quadro PROGETTO PROGETTO Quadro Quadro Tecnico Tecnico Infrastrutturale Infrastrutturale Economico Economico Regolatorio Regolatorio Giuridico Giuridico Normativo Normativo (QGN) (QGN) (QTI) (QTI) A.Milan A.Milan (QER) (QER) I.Pinto I.Pinto A.Vercelli A.Vercelli WP WP WP WP Nuovi Nuovi Modelli Modelli WP WP 3.1.Semplificazione 3.1.Semplificazione Infrastrutture Infrastrutture di di Rete Rete Interconnessione Interconnessione Amministrativa Amministrativa Fissa Fissa --M.Dècina M.Dècina C.Cambini C.Cambini G.Napolitano G.Napolitano WP WP Accesso Accesso Radio Radio WP WP Opzioni Opzioni WP WP Servizi Servizi // M.Ajmone M.AjmoneMarsan Marsan Finanziamento Finanziamento NGN NGN Applicazioni Applicazioni di di Pubblica Pubblica S.Frova S.Frova Utilità Utilità G.De G.DeMinico WP WP Catasto Catasto Infrastrutture Infrastrutture WP WP Fattori Fattori Abilitanti Abilitanti WP WP V.Del V.DelGiudice Domanda Domanda di di Servizi Servizi Governance Governancedi di Sistema Sistema A. A.Nicita WP A.Nicita WP NGN NGN Service A. Del Del Monte Monte Service Layer Layer L.Paura L.Paura WP WP Impatto Impatto WP WP Investimenti WP WP Trasmissione Investimenti NGN NGN sullo sullo Obblighi Obblighi Co-locazione Co-locazione Trasmissione Sviluppo contenuti contenuti TV TV / Sviluppo Economico Economico del del Accordi Accordi Condivisione Condivisione / Paese Multimediali Multimediali L.Paura Paese F.Sacco F.Sacco Istallazioni Istallazioni G.Visentini G.Visentini L.Paura 4/28

5 Temi trasversali ai Progetti (WP maggiormente interessati) 5/28

6 Abbonati a banda larga (BL) e ultralarga (BUL) nel mondo (Giugno 2009) Totale: ~444 milioni abbonati (di cui ~10 milioni tecnologie wireless) ~378 milioni BL (xdsl e Cable Modem) ~56 milioni BUL FTTx Abbonati BL e BUL per tecnologia di accesso Area Geografica (milioni) totale ~ 433,46 milioni xdsl Cable Modem FTTx Europa dell Ovest 90,98 15,95 1,93 Sud-Est Asia 81,14 1,10 22,19 Nord America 39,70 48,92 4,06 Asia - Pacifico 29,13 11,53 24,36 Sud America 19,80 7,81 0,01 Europa dell Est 13,50 4,98 3,60 Africa e Medio Oriente 11,90 0,87 - Totale BL e BUL mondo 286,15 (~66%) 91,16 (~21%) 56,15 (~13%) Fonte: PointTopic, September /28

7 Abbonati FTTH / FTTB in Asia (Giugno 2009) Nazione Abbonati FTTH / FTTB (milioni) Giappone 15,8 Sud Corea 7,3 Cina 21,6 Hong Kong 0,60 Singapore 0,021 Taiwan 1,34 TOTALE 46,661 In Giappone, la BUL (FTTH) ha superato la BL a metà 2008 Fonte: PointTopic, September 2009 e ISBUL WP /28

8 Ripartizione abbonati a larga banda per tecnologia (Europa, Giugno 2009) Italia Francia Germania Norvegia Slovenia Danimarca Olanda Rep. Slovacca Russia Svezia 0% 10% 20% 30% 40% 50% 60% 70% 80% 90% 100% DSL FTTP Cable Altro Fonte: OECD Norvegia e Svezia hanno una maggiore diffusione della fibra Francia, Germania e Italia presentano un alta percentuale di abbonati DSL (>90%) 8/28

9 Fonte: OECD Ripartizione abbonati BL e BUL in Europa (Giugno 2009) 98% abbonati non-ubb 2% abbonati UBB La Russia possiede il 27% degli abbonati Fonte: Elaborazioni su Idate Svezia, Italia, Francia, Norvegia e Olanda rappresentano circa il 50% 9/28

10 Prime 10 nazioni europee per abbonati BUL (Giugno 2009) Mercato FTTP (Fiber To ToThe The Premises, FTTH + FTTB) Paese Case passate fine 2008 Abbonati Fine 2008 Case passate metà 2009 Abbonati metà 2009 Russia Svezia ~ Italia Francia Norvegia Olanda Danimarca Germania Slovenia ~ Spagna Fonte: Elaborazioni su Beeline e Idate Fonte: ISBUL WP /28

11 Digital Divide Province Italiane tasso di penetrazione BB wireline nel 2007 (per 1000 abitanti > 18 anni) N-Ovest N-Est Centro Sud Media Italiana = 18,678 % Isole [97-146] [ ] [ ] [ ] (1st quartile) (2nd quartile) (3rd quartile) (4th quartile) 11/28

12 popolazione italiana ~60 milioni; linee telefoniche fisse ~27 milioni opzioni di copertura BUL: 20% (~5.5 m linee) e 50% (~13,5 m linee tasso di adozione linee BUL: da ~40% a % in 10 anni architetture di rete: FTTB, FTTH tecnologie di accesso: GPON, P2P total replacement valorizzazione della rete in rame (5-15 mdi ) WACC 5-8% CapEx % copertura (750 1,000 / linea BUL) CapEx P2P da ~10% (FTTB) a ~35% (FTTH) maggiori di GPON Canoni di accesso NGAN / ARPU di equilibrio leggermente più alti delle linee convenzionali Stima dell investimento per una NGAN nazionale Fonte: ISBUL WP2.2 Opzioni di Finanziamento NGN 12/28

13 Impatto NGA sull Economia Nazionale Opzioni di investimento Invest. totale e copertura raggiunta Effetti Diretti Effetti Indiretti Effetti Totali mld Copertura % Domanda aggregata mld Occupaz. Potenziale Unità lav. Minimo mld Massimo mld Minimo mld Massimo mld Mista P2P/GPON 15,5 91% 20, ,6 765,5 109,9 785,7 FTTH P2P 13,3 50% 17, ,2 420,6 66,6 438,0 FTTB GPON 3,0 20% 3, ,7 168,2 23,6 172,2 Fonte: ISBUL WP 2.4 impatto Investimenti NGN sullo Sviluppo Economico del Paese 13/28

14 Reti locali di accesso in fibra ottica LOMBARDIA METROWEB ABM ICT AEMCOM Piano Banda Ultra Larga PIEMONTE Progetto WI-PIE Progetto Patti Territoriali AEMnet LIGURIA SASTERNET TOSCANA Lucca Terre Cablate NETSPRING SARDEGNA Rete Telematica Regionale TRENTINO ALTO ADIGE TRENTINO NETWORK FRIULI VENEZIA GIULIA INSIEL TLC (ex MERCURIO) VENETO AGSM ASCO TLC EMILIA ROMAGNA LEPIDA ACANTHO (HERA) BT ENIA TEL DELTAWEB SICILIA SICILIA e-innovazione 14/28

15 Reti locali di accesso in fibra ottica Regione EMILIA ROMAGNA FRIULI VENEZIA G. LIGURIA LOMBARDIA PIEMONTE SARDEGNA SICILIA TOSCANA TRENTINO ALTO ADIGE VENETO Gestore LEPIDA ACANTHO (HERA) DELTA WEB BT ENIA TEL INSIEL (ex MERCURIO) SASTERNET METROWEB ABM ICT AEMCOM Progetto "WI-PIE" Progetto "Patti Territoriali" AEMnet RETE TELEMATICA REGIONALE SICILIA e-innovazione TERRE CABLATE NETSPRING TRENTINO NETWORK AGSM ASCO TLC Infrastruttura (km) Note Rete regionale (prevalentemente per la P.A) Province di Modena, Bologna, Imola, Forlì, Cesena, Rimini, Riccione, Ravenna e Ferrara Ferrara e provincia Province di Parma, Piacenza, e Reggio Emilia Rete regionale Comune di Genova Reti MAN e di quartiere (provincia di Milano) Reti di lunga distanza Bergamo e provincia Cremona (città e hinterland) Zone a rischio di esclusione digitale Provincia di Torino Torino Rete per connettere varie sedi delle PP.AA. Rete regionale e capoluoghi Siena e provincia Grosseto e provincia (P.A.) Trento e provincia Verona Treviso e provincia Fonte: ISBUL WP Elaborazioni su siti dei gestori 15/28

16 Altre iniziative di reti locali di accesso in fibra ottica Regione Lombardia Piano Banda Ultra Larga Comuni (escluso Milano) UniCasNet - collegamento 5 sedi Università di Cassino + P.A.L. Piano sviluppo regionale NGN Valle d Aosta Provincia di Lucca - connessioni BUL per distretti industriali Rete Cittadina Mantova (TEANET) Sperimentazione Roma (Fastweb) Sperimentazione Milano, Roma, Torino (Telecom Italia) clienti (30 Settembre 2010) 16/28

17 Investimenti privati Garanzie di un adeguato ritorno degli investimenti; Politiche regolatorie dei servizi wholesale; Il ruolo degli investimenti pubblici / privati Impatto sul modello competitivo: concorrenza infrastrutturale vs concorrenza servizi Partenariato pubblico-privato (PPP) Generalmente utilizzato in aree geografiche limitate per colmare il digital divide con realizzazione di una rete aperta all utilizzo da parte di più service provider Modelli di PPP: (i) protocolli d intesa tra Regioni erogatrici di fondi pubblici e operatori per la realizzazione delle infrastrutture; (ii) finanziamento pubblico limitato alle zone a fallimento di mercato, con procedura ad evidenza pubblica per la selezione degli operatori beneficiari; (iii) realizzazione di una infrastruttura pubblica di backhaul concessa in affitto a uno o più operatori per la fornitura dei servizi Investimenti pubblici (Aiuti di Stato) Controllo preventivo della Commissione europea; Ammissibili se: (i) il servizio finanziato è qualificato da missione di servizio di interesse economico generale ; (ii) lo Stato partecipa agli investimenti come se fosse un investitore privato, operante in condizioni normali di mercato; (iii) lo Stato beneficia del regime di deroga dal divieto generale (per opere di rilevanza pubblica). 17/28

18 Osservatorio Banda Ultra Larga (OSBUL) / Inventory Mapping L Autorità sta implementando un benchmarking dello scenario attuale ed evolutivo della banda ultra larga (BUL), onde continuare il monitoraggio ( post-isbul ) delle tecnologie emergenti e diffusione di fibra / wireless (Operatori TLC, municipalità / utilities, ) Osservatorio Banda Ultra Larga (OSBUL). Contemporaneamente, l Autorità sta predisponendo attività di Inventory Mapping (IMAP) - indispensabile per la conoscenza dettagliata della dislocazione delle reti di accesso in fibra ottica presenti nel Paese -, allo scopo di: monitoraggio sviluppo infrastrutture banda larga e ultra larga verifica aree digital divide supporto alla regolamentazione accesso e interconnessione utilizzo nelle analisi di mercato e della concorrenza riduzione costi complessivi condivisione / riuso infrastrutture e ottimizzazione investimenti 18/28

19 Osservatorio sulla Banda Ultralarga (OSBUL) Mondo Europa building block Osservatorio Tecnologie e Mercati delle Comunicazioni Elettroniche Top 10 Europa Realtà locali Italia 19/28

20 USA UK Germania Recovery Act del 2009, stanziati 350 M$ per mappatura infrastrutture banda larga programma Digital Britain propone una inventory mapping di infrastrutture a banda larga consultazione pubblica ANR (BNetzA) luglio 2009 per creazione atlante infrastrutture Svizzera Sistema Informativo Geografico a partire dal 2000 NIS Network Information System N.Zelanda Analoghe Iniziative Internazionali mappatura territoriale dei servizi a banda larga accessibile al pubblico 20/28

21 Le politiche dal lato dell offerta si adottano solitamente in presenza di fallimenti del mercato nella fornitura di un servizio. Esempi di interventi dal lato dell offerta: Partenariati pubblici-privati (PPP) Coordinamento della condivisione delle reti mapping del territorio Promozione di standard tecnologici Razionalizzazione delle frequenze spettrali Semplificazione amministrativa Introduzione di incentivi fiscali e prestiti di lungo periodo per gli operatori Programmi nazionali di finanziamento Interventi dal lato dell offerta e della domanda (1/3) 21/28

22 Le politiche dal lato della domanda si adottano in caso di deficit nella domanda di un servizio per individuare fasce di potenziali consumatori finali ai quali gli operatori potrebbero fornire servizi a banda larga e ultra-larga Esempi di interventi dal lato della domanda: Domanda pubblica di servizi Politiche di aggregazione e coordinamento della domanda Politiche di stimolo alla domanda privata e business Politiche di sussidio alla domanda Interventi dal lato dell offerta e della domanda (2/3) 22/28

23 Ciascuna policy risente delle specificità istituzionali e sociali del Paese -- c.d. variabili Istituzionali. Nonostante il dibattito sembri focalizzato principalmente sugli interventi dal lato dell offerta, gli interventi di supporto alla domanda si rivelano gli strumenti con maggiore impatto sulla penetrazione della banda larga Mentre nei paesi di maggiori dimensioni vi è un alta propensione a offrire servizi e agevolazioni per stimolare la domanda dei soggetti business, nei paesi più piccoli o con alto digital divide, si prediligono politiche di stimolo alla domanda privata Interventi dal lato dell offerta e della domanda (3/3) 23/28

24 Per favorire lo sviluppo efficace delle NGN occorre ricercare soluzioni normative quanto più possibili orientate alla semplificazione. La legislazione italiana nel 2008 ha istituito la denuncia di inizio attività (DIA-banda larga) per i permessi per le opere civili, scavi e occupazioni di suolo pubblico. Tuttavia la scelta operata dal legislatore presenta problemi di interpretazione e di applicazione potenzialmente in grado di vanificarne l efficacia. Occorre che venga migliorata la normativa primaria, riservando al legislatore statale ampi margini di manovra, da utilizzare al fine di contenere l eventuale diffusione di difformi e contrastanti norme regionali e locali. La necessità di semplificazione amministrativa (1/3) 24/28

25 La pubblica amministrazione dovrebbe svolgere un azione di programmazione e coordinamento delle opere per minimizzare i disagi e rendere più celere la diffusione delle nuove infrastrutture Ciò potrebbe essere fatto adottando buone prassi e seguendo standard applicativi ottimali Per favorire questo virtuoso processo di condivisione è necessario diffondere le best practices sviluppate negli ultimi anni attraverso un azione collaborativa tra organi della Pubblica Amministrazione In considerazione della pluralità normativa e dei livelli di governo, alla semplificazione amministrativa va affiancato un organo con un ruolo di pivot del sistema amministrativo La necessità di semplificazione amministrativa (2/3) 25/28

26 L Autorità ha le competenze per esercitare il ruolo del coordinamento attraverso: La raccolta delle normative secondarie adottate per applicare la DIA-banda larga e completare il quadro normativo con strumenti di programmazione e coordinamento lavori di Province e Comuni L imposizione di obblighi di condivisione delle infrastrutture sulla base delle nuove direttive UE La creazione, nella prospettiva della semplificazione e sulla base di informazioni fornite dagli stakeholders, di un inventario dettagliato delle infrastrutture (RING) da mettere a disposizione delle parti interessate In questo modo si verrebbe a costituire un patrimonio di informazioni sui piani di sviluppo delle NGN, estremamente importanti sia per le imprese che per gli amministratori locali. La necessità di semplificazione amministrativa (3/3) 26/28

27 Il rapporto tra banda larga e Servizio Universale L esclusione dell accesso a banda larga dagli obblighi di Servizio Universale (USO) rischia di compromettere l accesso dei cittadini alla Società dell Informazione e di non garantire il diritto fondamentale di accesso a Internet. Il ripensamento dell attuale meccanismo del Servizio Universale potrebbe essere finalizzato a promuovere l inserimento dell accesso a banda larga tra le prestazioni da offrire su tutto il territorio nazionale ad un prezzo sostenibile. Il Servizio universale può rappresentare la cornice giuridica di riferimento per un efficace contrasto al digital divide attraverso l imposizione di nuovi obblighi di garanzia della connessione alla banda larga. 27/28

28 Abbonati UBB (x 1000) Home passed UBB (x 1000) Tasso di utilizzo Conclusioni Dicembre , ,0 13,2 % Giugno , ,0 14,1 % Fonte: Elaborazioni su Idate Dicembre , ,0 14,5 % Giugno , ,0 15,2 % Solo il 3% degli abbonati a banda larga in Italia utilizza tecnologia FTTP (FTTB o FTTH): di questi, il 95% FTTH e il 5% FTTB. Uno dei focus dell Osservatorio AGCOM Tecnologie e Mercati delle Comunicazioni Elettroniche - in via di realizzazione attraverso la raccolta delle informazioni disponibili da fonte pubblica, da fonte interna e da contatti diretti con i principali stakeholders del settore - riguarderà il benchmarking dello scenario attuale dell Ultra Broadband (UBB) -- Osservatorio AGCOM sulla Banda Ultra Larga (OSBUL). Ciò consentirà di porre le basi per un processo di Inventory Mapping (IMAP), indispensabile per la conoscenza dettagliata della dislocazione delle reti di accesso in fibra ottica, propedeutico alla realizzazione, da parte degli Enti competenti, di un Registro delle Infrastrutture di Nuova Generazione (RING). 28/28

29 Grazie per l attenzionel

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO

STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO STUDIO DELLA DIFFUSIONE DI INTERNET IN ITALIA ATTRAVERSO L USO DEI NOMI A DOMINIO di Maurizio Martinelli Responsabile dell Unità sistemi del Registro del cctld.it e Michela Serrecchia assegnista di ricerca

Dettagli

Scheda descrittiva del progetto

Scheda descrittiva del progetto Scheda descrittiva del progetto 1. Anagrafica di progetto Titolo Banda ultralarga Acronimo (se esiste) UltraNet Data Inizio Data Fine 01/09/2011 31/12/2014 Budget totale (migliaia di euro) 60,50k Responsabile

Dettagli

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI

AVVISO 2/14 1 Scadenza COMMERCIO TURISMO - SERVIZI PIANI FINANZIABILI, MA NON FINANZIATI PER MANCANZA DI RISORSE SETTORIALI/TERRITORIALI PIEMONTE - VALLE D'AOSTA LIGURIA UNIONE COMMERCIO E TURISMO PROVINCIA DI 1 PF1335_PR418_av214_1 SAVONA ASSOCIAZIONE COMMERCIANTI DELLA 2 PF1085_PR313_av214_1 PROVINCIA DI ALESSANDRIA ASCOM-BRA ASSOCIAZIONE

Dettagli

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011

Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale. Miriam Tagliavia Marzo 2011 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Marzo 2011 2 Il Dipartimento per le Comunicazioni: uno studio dell età del personale Il Dipartimento per le Comunicazioni, uno dei

Dettagli

I trasferimenti ai Comuni in cifre

I trasferimenti ai Comuni in cifre I trasferimenti ai Comuni in cifre Dati quantitativi e parametri finanziari sulle attribuzioni ai Comuni (2012) Nel 2012 sono stati attribuiti ai Comuni sotto forma di trasferimenti, 9.519 milioni di euro,

Dettagli

Istituto per il Credito Sportivo

Istituto per il Credito Sportivo Istituto per il Credito Sportivo REGOLAMENTO SPAZI SPORTIVI SCOLASTICI CONTRIBUTI IN CONTO INTERESSI SUI MUTUI AGEVOLATI DELL ISTITUTO PER IL CREDITO SPORTIVO INDICE 1. Perché vengono concessi contributi

Dettagli

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche

Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Il Wi-Fi e il suo uso per reti pubbliche Francesco Vatalaro Dipartimento di Ingegneria dell Impresa Mario Lucertini Università di Roma Tor Vergata Padova, Orto Botanico - Aula Emiciclo, 27 Marzo 2015 Contenuti

Dettagli

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca

Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione titolo della form di ricerca Per una ricerca rapida nel database, copiare il titolo della tabella e incollarlo nella sezione "titolo" della form di ricerca CATEGORIA TITOLO AREA GEOGRAFICA Vigneto/produzione/consumi Superfici vitate

Dettagli

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane

Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Pensionati e pensioni nelle regioni italiane Adam Asmundo POLITICHE PUBBLICHE Attraverso confronti interregionali si presenta una analisi sulle diverse tipologie di trattamenti pensionistici e sul possibile

Dettagli

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere

Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere ...... Le partecipate...... Sintesi Nonostante le norme tese a liquidare o cedere le partecipate comunali in perdita, i Comuni italiani dispongono ancora di un portafoglio di partecipazioni molto rilevante,

Dettagli

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE

LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE LIMITARE LA CIRCOLAZIONE DELLE AUTO? PER I CITTADINI SI PUÒ FARE AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Dicembre 2007 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 3 La

Dettagli

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO

DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO DATI DI SINTESI DELL EVOLUZIONE DELLE FORNITURE DI ENERGIA ELETTRICA E DI GAS NATURALE: REGIMI DI TUTELA E MERCATO LIBERO (Deliberazione ARG/com 202/08 - Primo report) Dal 1 luglio 2007 tutti i clienti

Dettagli

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A.

Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Il programma per la razionalizzazione degli acquisti nella P.A. Firenze, 27 novembre 2013 Classificazione Consip Public indice Il Programma per la razionalizzazione degli acquisti Focus: Convenzione per

Dettagli

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF

QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF QUEST ANNO POCHE REGIONI HANNO AUMENTATO L IRPEF Finalmente una buona notizia in materia di tasse: nel 2015 la stragrande maggioranza dei Governatori italiani ha deciso di non aumentare l addizionale regionale

Dettagli

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Allegato 1 Camera dei deputati - Senato della Repubblica Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Progetto e Concorso Dalle aule parlamentari alle aule di scuola. Lezioni di Costituzione

Dettagli

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014

LA POVERTÀ IN ITALIA. Anno 2013. 14 luglio 2014 14 luglio 2014 Anno 2013 LA POVERTÀ IN ITALIA Nel 2013, il 12,6% delle famiglie è in condizione di povertà relativa (per un totale di 3 milioni 230 mila) e il 7,9% lo è in termini assoluti (2 milioni 28

Dettagli

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI

1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI 1.3 IMPORTAZIONE/ESPORTAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI L analisi dettagliata del rapporto tra importazione ed esportazione di rifiuti speciali in Veneto è utile per comprendere quali tipologie di rifiuti non

Dettagli

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti

Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti Oltre 2.800 Addetti Più di 1.100 Partner Oltre 100.000 Clienti QUELLI CHE CONDIVIDONO INNOVAZIONE QUALITÀ ECCELLENZA LAVORO PASSIONE SUCCESSO SODDISFAZIONE ESPERIENZA COMPETENZA LEADERSHIP BUSINESS IL

Dettagli

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario

Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Elenco Aziende, Enti e istituti Regionali per il diritto allo studio universitario Abruzzo Azienda per il diritto agli studi universitari (Adsu) Viale dell Unità d Italia, 32 66013 Chieti scalo Tel. +39

Dettagli

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com

IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com IT Club FVG Ditedi CMDBuild: case study di un progetto open source www.cmdbuild.org Fabio Bottega f.bottega@tecnoteca.com 2 Tecnoteca è nata nel 2000 con sede a Tavagnacco ha scelto da subito di lavorare

Dettagli

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION

UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION The Italian Think Tank UNIVERSITÀ - LA NUOVA CLASSIFICA DI VISION Vision propone un nuovo modello di ranking multi-dimensionale che mette a confronto le università italiane sulla base di cinque parametri

Dettagli

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base

MILLE CANTIERI PER LO SPORT. 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 150 milioni di euro di finanziamenti a tasso zero per mettere a nuovo gli impianti sportivi di base 500 spazi sportivi scolastici e 500 impianti di base, pubblici e privati «1000 Cantieri per lo Sport»

Dettagli

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE

CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE CENTRO OCSE LEED DI TRENTO PER LO SVILUPPO LOCALE BROCHURE INFORMATIVA 2013-2015 L Organizzazione per la Cooperazione e lo Sviluppo Economico (OCSE) è un organizzazione inter-governativa e multi-disciplinare

Dettagli

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali

STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali STUDIO COMPLETO Il commercio in tempo di crisi Analisi degli esercizi commerciali Calo degli esercizi commerciali in sede fissa. Nell ultimo decennio l intero comparto della distribuzione commerciale ha

Dettagli

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP

FIAMP ANALISI IMPORT EXPORT DEI SETTORI ADERENTI A FIAMP FIAMP FEDERAZIONE ITALIANA DELL ACCESSORIO MODA E PERSONA AIMPES ASSOCIAZIONE ITALIANA MANIFATTURIERI PELLI E SUCCEDANEI ANCI ASSOCIAZIONE NAZIONALE CALZATURIFICI ITALIANI ANFAO ASSOCIAZIONE NAZIONALE

Dettagli

Documento di posizione AISCAT su:

Documento di posizione AISCAT su: Documento di posizione AISCAT su: Consultazione UE sul Rapporto del Gruppo ad Alto Livello in merito all estensione dei principali assi delle Reti transeuropee ai paesi vicini dell UE Roma, gennaio 2006

Dettagli

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia

Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Perugia, 17 febbraio 2013 Ai Soci CIPUR Oggetto: Differenti modalità di copertura dei posti di Professore universitario di ruolo di Prima e Seconda fascia Cari colleghi, la progressiva implementazione

Dettagli

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA

Anno 2012 L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA 27 ottobre 2014 Anno L USO DELLA LINGUA ITALIANA, DEI DIALETTI E DI ALTRE LINGUE IN ITALIA Nel, in Italia, il 53,1% delle persone di 18-74 anni (23 milioni 351mila individui) parla in prevalenza in famiglia.

Dettagli

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it

VIRTUALIZE IT. www.digibyte.it - digibyte@digibyte.it il server? virtualizzalo!! Se ti stai domandando: ma cosa stanno dicendo? ancora non sai che la virtualizzazione è una tecnologia software, oggi ormai consolidata, che sta progressivamente modificando

Dettagli

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014

RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 RAPPORTO MENSILE SUL SISTEMA ELETTRICO CONSUNTIVO DICEMBRE 2014 1 Rapporto Mensile sul Sistema Elettrico Consuntivo dicembre 2014 Considerazioni di sintesi 1. Il bilancio energetico Richiesta di energia

Dettagli

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013

REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI. Aggiornamento al 31 dicembre 2013 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento al 31 dicembre 2013 Marzo 2014 REGOLAZIONE REGIONALE DELLA GENERAZIONE ELETTRICA DA FONTI RINNOVABILI Aggiornamento

Dettagli

Le schede. Osservatorio sull Analisi d Impatto della Regolazione. L AIR nell Autorità Garante nelle Comunicazioni S 9/2014

Le schede. Osservatorio sull Analisi d Impatto della Regolazione. L AIR nell Autorità Garante nelle Comunicazioni S 9/2014 Le schede Osservatorio sull Analisi d Impatto della Regolazione Miriam Giorgio L AIR nell Autorità Garante nelle Comunicazioni S 9/2014 marzo 2014 L AIR NELL AUTORITà GARANTE NELLE COMUNICAZIONI Variazioni

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE OSSERVATORIO TURISTICO DELLA REGIONE MARCHE INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Settembre 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. Scpa Committente: Unioncamere Marche Termine

Dettagli

Le nuove fonti di energia

Le nuove fonti di energia Le nuove fonti di energia Da questo numero della Newsletter verranno proposti alcuni approfondimenti sui temi dell energia e dell ambiente e sul loro impatto sul commercio mondiale osservandone, in particolare,

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

I dati Import-Export. 1 semestre 2014

I dati Import-Export. 1 semestre 2014 I dati Import-Export 1 semestre 2014 Import, Export e bilancia commerciale (valori in euro) Provincia di Mantova, Lombardia e Italia, 1 semestre 2014 (dati provvisori) import 2014 provvisorio export saldo

Dettagli

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA

G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA G LI ITALIANI E LA BICICLETTA: DALLA RISCOPERTA ALLA CRESCITA MANCATA AUDIMOB O SSERVATORIO SUI C OMPORTAMENTI DI M OBILITÀ DEGLI I TALIANI Maggio 2012 LE FERMATE AUDIMOB S U L L A M O B I L I T A n. 15

Dettagli

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE

END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE DEL CLIENTE END-TO-END SERVICE QUALITY. LA CULTURA DELLA QUALITÀ DAL CONTROLLO DELLE RISORSE ALLA SODDISFAZIONE In un mercato delle Telecomunicazioni sempre più orientato alla riduzione delle tariffe e dei costi di

Dettagli

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39

TELECOM ITALIA SPA 1 SEM. Anno di riferimento: 2014 Periodo di rilevazione dei dati: 2 SEM. X ANNO Intero 1/39 Qualità dei servizi internet da postazione fissa - Delibere n. 131/06/CSP, 244/08/CSP e 400/10/CONS Anno riferimento: 2014 Periodo rilevazione dei dati: 2 SEM. X Per. Denominazione incatore Tempo attivazione

Dettagli

Execution & transmission policy

Execution & transmission policy Banca Popolare dell Alto Adige società cooperativa per azioni Sede Legale in Bolzano, Via Siemens 18 Codice Fiscale - Partita IVA e numero di iscrizione al Registro delle Imprese di Bolzano 00129730214

Dettagli

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

IT FINANCIAL MANAGEMENT

IT FINANCIAL MANAGEMENT IT FINANCIAL MANAGEMENT L IT Financial Management è una disciplina per la pianificazione e il controllo economico-finanziario, di carattere sia strategico sia operativo, basata su un ampio insieme di metodologie

Dettagli

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia

Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Osservatorio sull internazionalizzazione dell Umbria Centro Estero Umbria, Unioncamere, Università degli Studi di Perugia Università degli Studi di Perugia, Facoltà di Economia Dipartimento di Discipline

Dettagli

VI Rapporto su enti locali e terzo settore

VI Rapporto su enti locali e terzo settore COORDINAMENTO Michele Mangano VI Rapporto su enti locali e terzo settore A cura di Francesco Montemurro, con la collaborazione di Giulio Mancini IRES Lucia Morosini Roma, marzo 2013 2 Indice 1. PREMESSA...

Dettagli

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni)

2.1 DATI NAZIONALI E TERRITORIALI (AREE E Regioni) ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Gli immobili in Italia - 2015 ANALISI TERRITORIALE DEL VALORE DEL PATRIMONIO ABITATIVO Nel presente capitolo è analizzata la distribuzione territoriale

Dettagli

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO

REPOR DIREZIONE GENERALE UFFICIO M Innovazione Conoscenza RETE REPOR RT ATTIVITA PATENT LIBRARY ITALIA 213 DIREZIONE GENERALE LOTTA ALLA CONTRAFFAZIONE UFFICIO ITALIANO BREVETTI E I Sommario Introduzione... 3 I servizi erogati dalla Rete...

Dettagli

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI

COS E CRES: CLIMA RESILIENTI COS E CRES: CLIMA RESILIENTI PROGETTO DI KYOTO CLUB VINCITORE DI UN BANDO DEL MINISTERO DELL AMBIENTE SUI PROGETTI IN MATERIA DI EDUCAZIONE AMBIENTALE E SVILUPPO SOSTENIBILE OBIETTIVI DEL PROGETTO CRES

Dettagli

Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia. in occasione di:

Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia. in occasione di: Missioni di Incoming di delegazioni estere organizzate da ICE-Agenzia in occasione di: 1 Agenda 1 PROGETTO EXPO IS NOW! 2 PROGETTO CIBUS E' ITALIA PADIGLIONE CORPORATE FEDERALIMENTARE/FIERE DI PARMA 3

Dettagli

APPENDICE A. DATI CLIMATICI

APPENDICE A. DATI CLIMATICI APPENDICE A. DATI CLIMATICI A.1 Temperature esterne invernali di progetto UNI 5364 Torino -8 Reggio Emilia -5 Alessandria -8 Ancona -2 Asti -8 Ascoli Piceno -2 Cuneo -10 Macerata -2 Alta valle cuneese

Dettagli

dei processi di customer service

dei processi di customer service WHITE PAPER APRILE 2013 Il Business Process Orchestrator dei processi di customer service Fonte Dati: Forrester Research Inc I marchi registrati citati nel presente documento sono di proprietà esclusiva

Dettagli

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano

Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano N UCLEO DI VALUTAZIONE E VERIFICA DEGLI I NVESTIMENTI PUBBLICI Dagli indicatori alla Governance dello sviluppo del contesto campano Melania Cavelli Sachs NVVIP regione Campania Conferenza AIQUAV, Firenze,

Dettagli

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA

ATTIVITA DELLA REGIONE LIGURIA NELL AMBITO DEGLI STUDI E INDAGINI SULLA MICROZONAZIONE SISMICA STUDI DI MICROZONAZIONE SISMICA: TEORIA ED APPLICAZIONI AOSTA, Loc. Amérique Quart (AO), 18-19 Ottobre 2011 Assessorato OO.PP., Difesa Suolo e Edilizia Residenziale Pubblica - Servizio Geologico ATTIVITA

Dettagli

GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014. (Ottobre 2014)

GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014. (Ottobre 2014) GLI ALUNNI STRANIERI NEL SISTEMA SCOLASTICO ITALIANO A.S. 2013/2014 (Ottobre 2014) I dati presenti in questa pubblicazione fanno riferimento agli studenti con cittadinanza non italiana dell anno scolastico

Dettagli

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13

OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 OSSERVATORIO SICUREZZA SUL LAVORO 18/01/2014 Rapporto morti bianche triennio 2011/12/13 ANALISI COMPARATIVA DATI 2011-2012-2013 ANALISI DATI AGGREGATI 2011-2012- 2013 ANDAMENTO INFORTUNI NEL QUADRIENNIO

Dettagli

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri

2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2. Le scuole con elevate percentuali di studenti stranieri 2.1 La concentrazione degli alunni con cittadinanza non italiana in specifiche scuole e nei differenti ordini e gradi scolastici Dall analisi

Dettagli

STS. Profilo della società

STS. Profilo della società STS Profilo della società STS, Your ICT Partner Con un solido background accademico, regolari confronti con il mondo della ricerca ed esperienza sia nel settore pubblico che privato, STS è da oltre 20

Dettagli

Interreg IIIB CADSES. Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment

Interreg IIIB CADSES. Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment Interreg IIIB CADSES Common best practices in spatial planning for the promotion of sustainable POLYcentric DEVelopment POLY.DEV. Seminario Progetti INTERREG III Sala Verde, Palazzo Leopardi - 8 novembre

Dettagli

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro

ITIL. Introduzione. Mariosa Pietro ITIL Introduzione Contenuti ITIL IT Service Management Il Servizio Perchè ITIL ITIL Service Management life cycle ITIL ITIL (Information Technology Infrastructure Library) è una raccolta di linee guida,

Dettagli

Architettura SPC e porta di dominio per le PA

Architettura SPC e porta di dominio per le PA Libro bianco sulla SOA v.1.0 Allegato 2_1 Architettura SPC e porta di dominio per le PA vs 02 marzo 2008 Gruppo di Lavoro SOA del ClubTI di Milano Premessa L architettura SPC e la relativa porta di dominio

Dettagli

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it

La nostra storia. 1994 : Fondazione. 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it Il Gruppo Aruba La nostra storia 1994 : Fondazione 1996: Avvio dell attività di Internet Service Provider brand Technet.it 2000: Nascita del brand Aruba come fornitore di servizi hosting, registrazione

Dettagli

La gestione dei rifiuti urbani nel Gruppo Hera

La gestione dei rifiuti urbani nel Gruppo Hera Divisione Ambiente La gestione dei rifiuti urbani nel Gruppo Hera Contesto, numeri, impegno, posizionamento, strategie, progetti operativi La gestione dei rifiuti urbani nel Gruppo Hera Sommario Introduzione

Dettagli

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti

Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni. A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA: migliorare la relazione con i cittadini ed ottimizzare i processi interni A cura di Bernardo Puccetti Il Business Process Management nella PA Presentazione SOFTLAB

Dettagli

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione

Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Focus Le iscrizioni al primo anno delle scuole primarie, secondarie di primo e secondo grado del sistema educativo di istruzione e formazione Anno Scolastico 2015/2016 (maggio 2015) I dati presenti in

Dettagli

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI

GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI. Dott. Nicola ZERBONI GESTIONE OPERATIVA DEI PROGETTI FINANZIATI CON FONDI EUROPEI Dott. Nicola ZERBONI Dottore Commercialista in Milano Finanziamenti europei 2007/2013 e contrasto alle irregolarità e alle frodi nei fondi Diretta

Dettagli

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini:

Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Elenco soggetti abilitati da Poste Italiane al servizio di pagamento dei bollettini: Tabaccai Convenzionati con Banca ITB; Bennet S.p.A; Esselunga S.p.A; Carrefour; Conad Adriatico Soc. Coop; Tigros S.p.A;

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile

progettiamo e realizziamo architetture informatiche Company Profile Company Profile Chi siamo Kammatech Consulting S.r.l. nasce nel 2000 con l'obiettivo di operare nel settore I.C.T., fornendo servizi di progettazione, realizzazione e manutenzione di reti aziendali. Nel

Dettagli

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari.

1) Progetti di Servizio civile nazionale da realizzarsi in ambito regionale per l avvio di complessivi 3.516 volontari. Avviso agli enti. Presentazione di progetti di servizio civile nazionale per complessivi 6.426 volontari (parag. 3.3 del Prontuario contenente le caratteristiche e le modalità per la redazione e la presentazione

Dettagli

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014

Lo spettacolo dal vivo in Sardegna. Rapporto di ricerca 2014 Lo spettacolo dal vivo in Sardegna Rapporto di ricerca 2014 2014 REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Redazione a cura della Presidenza Direzione generale della Programmazione unitaria e della Statistica regionale

Dettagli

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT

IT GOVERNANCE & MANAGEMENT IT GOVERNANCE & MANAGEMENT BOLOGNA BUSINESS school Dal 1088, studenti da tutto il mondo vengono a studiare a Bologna dove scienza, cultura e tecnologia si uniscono a valori, stile di vita, imprenditorialità.

Dettagli

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design

Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Master Universitario di II livello in Interoperabilità Per la Pubblica Amministrazione e Le Imprese Panoramica su ITIL V3 ed esempio di implementazione del Service Design Lavoro pratico II Periodo didattico

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

Popolazione e famiglie

Popolazione e famiglie 23 dicembre 2013 Popolazione e famiglie L Istat diffonde oggi nuovi dati definitivi del 15 Censimento generale della popolazione e delle abitazioni. In particolare vengono rese disponibili informazioni,

Dettagli

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala.

L opera italiana. Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014. Scala. Fo oto Erio Piccaglian ni Teatro alla S Scala L opera italiana nel panorama mondiale Paola Dubini Alberto Monti ASK Research Center, Università Bocconi Venezia, 23 Maggio 2014 ASK: CHI, PERCHE, COSA Siamo

Dettagli

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S.

Roma, 4 novembre 2013. Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Roma, 4 novembre 2013 Sergio Bovenga - Presidente Co.Ge.A.P.S. Attori della governance del sistema ECM Commissione Nazionale per la Formazione Continua Supporto amministrativo regionale Osservatorio Consulta

Dettagli

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014

Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della scuola statale A.S. 2013/2014 Focus Sedi, alunni, classi e dotazioni organiche del personale docente della statale A.S. 2013/2014 Premessa In questo Focus viene fornita un anticipazione dei dati relativi all a.s. 2013/2014 relativamente

Dettagli

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana

Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci a settimana Storie di successo Microsoft per le Imprese Scenario: Software e Development Settore: Servizi In collaborazione con Neomobile incentra l infrastruttura IT su Microsoft ALM, arrivando a 40 nuovi rilasci

Dettagli

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1

ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI. Anni 2009-2011. Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 Analisi statistiche Giugno 2012 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT EXTRA UE DEI PRINCIPALI PORTI ITALIANI Anni 2009-2011 Ufficio Centrale Antifrode - Ufficio Studi economico-fiscali 1 ANALISI DELL IMPORT/EXPORT

Dettagli

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014

9 Forum Risk Management in Sanità. Progetto e Health. Arezzo, 27 novembre 2014 9 Forum Risk Management in Sanità Tavolo interassociativo Assinform Progetto e Health Arezzo, 27 novembre 2014 1 Megatrend di mercato per una Sanità digitale Cloud Social Mobile health Big data IoT Fonte:

Dettagli

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE

INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE in collaborazione con OSSERVATORIO NAZIONALE DEL TURISMO INDAGINE SUL TURISMO ORGANIZZATO INTERNAZIONALE Rapporto annuale Giugno 2013 A cura di Storia del documento Copyright: IS.NA.R.T. scpa Committente:

Dettagli

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti

Italia e Unione Europea: una valutazione comparata della gestione dei rifiuti una valutazione comparata della gestione dei rifiuti Parte una valutazione comparata della gestione dei rifiuti La Commissione europea nell Aprile del 01 ha presentato gli esiti di una ricerca eseguita

Dettagli

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower

Q1 2014. Previsioni. Manpower sull Occupazione Italia. Indagine Manpower Previsioni Q1 14 Manpower sull Occupazione Italia Indagine Manpower Previsioni Manpower sull Occupazione Italia Indice Q1/14 Previsioni Manpower sull Occupazione in Italia 1 Confronto tra aree geografiche

Dettagli

Tre Ires e tre progetti comuni

Tre Ires e tre progetti comuni IRESQUARE N.7 Tre Ires e tre progetti comuni Elaborazione: indagine tra i lavori cognitivi in Italia I distretti industriali e lo sviluppo locale I Servizi Pubblici Locali in -Romagna, Toscana e Veneto

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012

Il Cloud Computing. Lo strumento per un disaster recovery flessibile. Giorgio Girelli. Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Il Cloud Computing Lo strumento per un disaster recovery flessibile Giorgio Girelli Direttore Generale Actalis 12/10/2012 Agenda Il Gruppo Aruba Disaster Recovery: costo od opportunità? L esperienza Aruba

Dettagli

MASTER MAGPA Argomenti Project Work

MASTER MAGPA Argomenti Project Work MASTER MAGPA Argomenti Project Work MODULO I LA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE: PROFILO STORICO E SFIDE FUTURE Nome Relatore: Dott.ssa Ricciardelli (ricciardelli@lum.it) 1. Dal modello burocratico al New Public

Dettagli

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)...

Gianluca Nardone curriculum vitae 12 luglio 2013. 0. Profilo Sintetico... 2. I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... INDICE 0. Profilo Sintetico... 2 I. Precedenti esperienze didattiche (ultimi 5 anni)... 3 II. Titoli scientifici o di progettazione (ultimi 5 anni)... 4 III. Titoli di formazione post- laurea... 6 IV.

Dettagli

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras

SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras SOA GOVERNANCE: WHAT DOES IT MEAN? Giorgio Marras 2 Introduzione Le architetture basate sui servizi (SOA) stanno rapidamente diventando lo standard de facto per lo sviluppo delle applicazioni aziendali.

Dettagli

IT Service Management

IT Service Management IT Service Management ITIL: I concetti chiave ed il livello di adozione nelle aziende italiane Matteo De Angelis, itsmf Italia (I) 1 Chi è itsmf italia 12 th May 2011 - Bolzano itsmf (IT Service Management

Dettagli

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update

Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update Altagamma Worldwide Luxury Markets Monitor Spring 2013 Update MERCATO MONDIALE DEI BENI DI LUSSO: TERZO ANNO CONSECUTIVO DI CRESCITA A DUE CIFRE. SUPERATI I 200 MILIARDI DI EURO NEL 2012 Il mercato del

Dettagli

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011

Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 www.autotrasportionline.com Autotrasportionline - visite - parole chiave ricerca - 2009-2011 01/set/2009-30/set/2011 Rispetto a: Sito Visualizzazioni di pagina uniche 30.000 30.000 15.000 15.000 0 0 1

Dettagli

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente:

LA TEMATICA. Questa situazione si traduce facilmente: IDENTITY AND ACCESS MANAGEMENT: LA DEFINIZIONE DI UN MODELLO PROCEDURALE ED ORGANIZZATIVO CHE, SUPPORTATO DALLE INFRASTRUTTURE, SIA IN GRADO DI CREARE, GESTIRE ED UTILIZZARE LE IDENTITÀ DIGITALI SECONDO

Dettagli

Metadati e Modellazione. standard P_META

Metadati e Modellazione. standard P_META Metadati e Modellazione Lo standard Parte I ing. Laurent Boch, ing. Roberto Del Pero Rai Centro Ricerche e Innovazione Tecnologica Torino 1. Introduzione 1.1 Scopo dell articolo Questo articolo prosegue

Dettagli

2013-2018 ROMA CAPITALE

2013-2018 ROMA CAPITALE 2013-2018 ROMA CAPITALE Proposte per il governo della città Sintesi stampa IL VINCOLO DELLE RISORSE ECONOMICO-FINANZIARIE Il debito del Comune di Roma al 31/12/2011 ammonta a 12,1 miliardi di euro; di

Dettagli

BANDO DEV REPORTER NETWORK

BANDO DEV REPORTER NETWORK BANDO DEV REPORTER NETWORK Premessa La Federazione Catalana delle Ong per lo Sviluppo (FCONGD), il Consorzio delle Ong Piemontesi (COP) e la Rete Rhône-Alpes di appoggio alla cooperazione (RESACOOP) realizzano

Dettagli

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu

più del mercato applicazioni dei processi modificato. Reply www.reply.eu SOA IN AMBITO TELCO Al fine di ottimizzare i costi e di migliorare la gestione dell'it, le aziende guardano, sempre più con maggiore interesse, alle problematiche di gestionee ed ottimizzazione dei processi

Dettagli

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE

LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE 8 luglio 2015 LA SPESA PER CONSUMI DELLE FAMIGLIE Anno 2014 Dopo due anni di calo, nel 2014 la spesa media mensile per famiglia in valori correnti risulta sostanzialmente stabile e pari a 2.488,50 euro

Dettagli

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo

c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Roma, aprile 2015 c è un Italia che pedala. in 20 città performance di ciclabilità di livello europeo Bolzano, Pesaro, Ferrara e Treviso capitali della bici, almeno un quarto degli abitanti in bici tutti

Dettagli

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014

Ferroviario e dell Alta Velocità. Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo del Trasporto Ferroviario e dell Alta Velocità in Italia Milano, 15 marzo 2014 Lo sviluppo della mobilità in treno: i grandi corridoi europei La rete TEN (Trans European Network) gioca un ruolo

Dettagli