PER DIFFONDERE LA NORMATIVA SUL CEMENTO ARMATO Ideato e promosso da: ATECAP, AITEC, SISMIC, CONPAVIPER, ASSIAD MODENA 12-12

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PER DIFFONDERE LA NORMATIVA SUL CEMENTO ARMATO Ideato e promosso da: ATECAP, AITEC, SISMIC, CONPAVIPER, ASSIAD MODENA 12-12"

Transcript

1 PROGETTO CONCRETE con il Patrocinio del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici PER DIFFONDERE LA NORMATIVA SUL CEMENTO ARMATO Ideato e promosso da: ATECAP, AITEC, SISMIC, CONPAVIPER, ASSIAD MODENA Ing. Adamo CADDEU Cell Mail

2 2.5.4 DEGRADO LA STRUTTURA DEVE ESSERE PROGETTATA COSÌ CHE IL DEGRADO NEL CORSO DELLA SUA VITA NOMINALE, PURCHÈ SI ADOTTI LA NORMALE MANUTENZIONE ORDINARIA, NON PREGIUDICHI LE SUE PRESTAZIONI IN TERMINI DI RESISTENZA, STABILITÀ E FUNZIONALITÀ, PORTANDOLE AL DI SOTTO DEL LIVELLO RICHIESTO DALLE PRESENTI NORME. LE MISURE DI PROTEZIONE CONTRO L ECCESSIVO DEGRADO DEVONO ESSERE STABILITE CON RIFERIMENTO ALLE PREVISTE CONDIZIONI AMBIENTALI. LA PROTEZIONE CONTRO L ECCESSIVO DEGRADO DEVE ESSERE OTTENUTA ATTRAVERSO UN OPPORTUNA SCELTA DEI DETTAGLI, DEI MATERIALI E DELLE DIMENSIONI STRUTTURALI, CON L EVENTUALE APPLICAZIONE DI SOSTANZE O RICOPRIMENTI PROTETTIVI, NONCHÉ CON L ADOZIONE DI ALTRE MISURE DI PROTEZIONE ATTIVA O PASSIVA.

3 LE CAUSE DEL DEGRADO Le cause del degrado possono essere interne al manufatto o riconducibili ad interazioni con l ambiente esterno. Le cause interne dipendono essenzialmente da: Cattiva progettazione del manufatto; Scelta non corretta degli ingredienti (cemento, acqua, aggregati, additivi e aggiunte Inoltre gli ingredienti del calcestruzzo possono contenere sostanze indesiderabili cioè incompatibili con le armature o con la stessa matrice cementizia); Non corretta posa in opera dei materiali; Inadeguati processi di maturazione (curing) del materiale.

4 CAUSE INTERNE - Errori progettuali Drenaggio

5 CAUSE INTERNE Scelta non corretta degli ingredienti Eccesso di contenuto di solfati nei materiali costituenti il cls.

6 CAUSE INTERNE - Cattiva posa in opera

7 CAUSE INTERNE Inadeguati processi di maturazione

8 Le cause esterne possono essere di carattere fisico-meccanico, chimico o elettro-chimico. CAUSE MECCANICHE: Lesioni indotte da sollecitazioni meccaniche in sevizio (assestamenti, sovraccarichi, carichi ciclici, abrasione, erosione, urti); Microfessurazione indotta da variazioni termo-igrometriche (ritiro, dilatazioni); Formazione di ghiaccio o sali all interno della matrice cementizia e/o negli aggregati (gelività e cristallizzazione salina). CAUSE CHIMICHE: Dilavamento (attacco acido); Attacco solfatico attacco solfatico in climi freddi; Reazione alcali-aggregato. CAUSE ELETTRO-CHIMICHE: Corrosione delle barre di armatura

9 CAUSE ESTERNE Errata considerazione dell ambiente di progetto Le strutture possono essere a contatto con: ARIA LIQUIDI TERRENO ACQUA DI MARE CO 2, SO 2, NO x Cl -, SO -- 4, NH + 4,CO 2, acidi SO -- 4, acidità Cl-, SO4 --, Mg++ E Necessario corretta analisi ambientale

10 OCCORRE LIMITARE INOLTRE: POROSITA FESSURAZIONE

11 POROSITA La porosità è uno dei parametri principali che sovrintende ai processi di degrado del calcestruzzo Maggiore sarà la porosità del calcestruzzo e tanto più facilmente vi potranno penetrare le sostanze aggressive:

12 FESSURAZIONE Fessure da ritiro plastico: si producono soprattutto sulle superfici orizzontali (platee di fondazione, pavimentazioni) alcune ore dopo il getto. L entità del fenomeno dipende dalla velocità di evaporazione dell acqua, e quindi dai fattori che la determinano (temperatura, velocità del vento U.R.) e aumenta all aumentare del contenuto di cemento dell impasto. Fessure da ritiro igrometrico: Quando il calcestruzzo indurito viene esposto all aria con umidità relativa inferiore al 95% perde progressivamente parte dell acqua contenuta all interno dei pori e subisce un ritiro igrometrico. Una parte di questo ritiro è irreversibile; infatti, se il calcestruzzo che ha subito il ritiro viene riportato a saturazione, ne recupera solo una parte. Il ritiro igrometrico è influenzato principalmente dai parametri: Aggregati (curva granulometrica) Rapporto a/c Fessure da ritiro termico: le variazioni termiche cui è soggetto un calcestruzzo possono essere di origine interna (calore di idratazione del cemento) o esterna. Durante il riscaldamento e nel successivo raffreddamento, tra il nucleo centrale del getto e le pareti superficiali si possono stabilire gradienti di temperatura (superiori a 20 C) alcuni giorni dopo l esecuzione del getto. Poiché la differente dilatazione termica tra le parti interne ed esterne del getto è impedita, si instaurano degli sforzi di trazione nelle zone più superficiali che tendono a contrarsi. Possono così formarsi delle fessure.

13 Le fessurazioni da Delta Termico Le fessure sono passanti!!

14 L ANDAMENTO DELLE TEMPERATURE La norma Uni En del 2006 al punto 7 specifica che i cementi comuni che ai 7 gg sviluppano un calore di idratazione inferiore ai 270 j/g sono classificati cementi a basso sviluppo di calore e vengono identificati con la sigla LH LOW HEAT nella denominazione normalizzata Ad esempio CEM III/B 32,5 N-LH Inoltre la norma prescrive che, qualunque sia la classe di resistenza per un cemento LH, è imposto un limite superiore al calore di idratazione pari a 300 J/g

15 DURABILITA Capacità del conglomerato cementizio di proteggere i ferri d armatura dai processi di corrosione innescati dall attacco degli agenti aggressivi presenti nell ambiente Elemento determinante per questa azione protettiva dell impasto è la sua permeabilità da cui dipende, insieme allo spessore del copriferro, la possibilità o meno di mantenere, intorno ai ferri di armatura un ambiente che prevenga la corrosione Capacità del conglomerato di proteggere la pasta cementizia dagli attacchi chimico-fisici apportati da ambienti aggressivi PROPRIETA ESSENZIALE AFFINCHE I LIVELLI DI SICUREZZA VENGANO GARANTITI DURANTE LA VITA UTILE DI PROGETTO DELL OPERA

16 E compito del Progettista caratterizzare qualitativamente e quantitativamente tale ambiente, individuando e documentando chiaramente l ambiente di progetto, che costituirà il quadro di riferimento generale per la definizione delle differenti situazioni di progetto: queste, con un termine più ampio, sono organizzati per scenari di contingenza

17 APPROCCIO STANDARD ALLA DURABILITÀ Azioni meccaniche Azioni ambientali Proprietà del calcestruzzo VITA DI SERVIZIO Protezioni aggiuntive Spessore di copriferro Fattori di progetto Ispezione e manutenzione programmate

18 APPROCCIO ALLA DURABILITÀ STUDIO DELLA DURABILITÀ MODELLI MATEMATICI (es. FIB Model Code for Service Life Design, CEB- FIP Model Code 90) METODO SEMPLIFICATO APPROCCIO STANDARD UNI EN ed UNI 11104

19 DURABILITA CONGLOMERATO CEMENTIZIO UNI EN UNI LINEE GUIDA sul calcestruzzo strutturale

20 NORME sulla Durabilità: Chiarimento La Norma UNI Calcestruzzo. Prestazioni, produzione, posa in opera e criteri di conformità (citata nel DM 9 Gennaio 1996 Sezione I Materiali da costruzione par 2.1 Calcestruzzo ) è stata ritirata il 31/10/2001; Tale norma è stata sostituita con la norma armonizzata UNI EN Calcestruzzo, specificazione, prestazione, produzione e conformità pubblicata il 31/10/2001 e revisionata con la nuova edizione del 23/03/2006 (testo composto da n.65 pagine); Ad integrazione della UNI EN 206, il 01/03/2004 è stata pubblicata la norma UNI Calcestruzzo, specificazione, prestazione, produzione e conformità Istruzioni complementari per l applicazione della EN 206-1

21 1. AZIONI AMBIENTALI È innanzitutto necessario valutare l ambiente di progetto, selezionando la/le classe/i d esposizione dal prospetto 1 della norma UNI Qualora siano presenti più classi contemporaneamente è necessario selezionarle e indicarle tutte.

22 Classe X0 XC XD XS XF XA CLASSI DI ESPOSIZIONE AMBIENTALE (EN 206-1, prospetto 1) Ambiente/agenti di degrado Assenza di rischio di corrosione delle armature o di attacco del cls. Corrosione delle armature indotta da carbonatazione Corrosione delle armature indotta da cloruri esclusi quelli provenienti dall acqua di mare Corrosione da cloruri presenti nell acqua di mare Degrado del cls. provocato da cicli di gelo/disgelo con o senza sali disgelanti Attacco chimico del calcestruzzo

23 1. AZIONI AMBIENTALI CLASSE/I DI ESPOSIZIONE AMBIENTALE (UNI 11104) CLASSE DI RESISTENZA MINIMA C(X/Y) oppure R ck RAPPORTO A/C max CONTENUTO MINIMO DI CEMENTO SE NECESSARIO TIPO E CLASSE DI CEMENTO ARIA AGGIUNTA D U R A B I L I T À

24 CLASSE X0 ASSENZA AGGRESSIONI AMBIENTALI ELEMENTI NON ARMATI O CON ARMATURA NON STRUTTURALE La norma non prevede l adozione di alcun provvedimento relativo alla durabilità per la pratica assenza di degrado cui una struttura non armata è caratterizzata (in assenza di sostanze chimiche o di cicli di gelo-disgelo) in qualsiasi ambiente. Il calcestruzzo da utilizzare per queste strutture viene scelto in base ai soli requisiti strutturali con l obbligo che la classe di resistenza sia non inferiore alla C12/15.

25 L attacco dell anidride carbonica Classe di Esposizione Carbonatazione del cls: la CO 2 presente nell aria neutralizza l idrossido di Ca, riducendo il ph del cls diminuendo la protezione delle armature contro la corrosione CO 2 + Ca(OH) 2 = CaCO 3 + H 2 0 In pratica: Riduzione del ph da a circa 9-10 Depassivazione del ferro d armatura Se il calcestruzzo è poroso e permeabile (A/C > 0,60): in presenza di ossigeno e umidità, si ha la corrosione dei ferri d armatura Importanza del copriferro, adeguato a questa classe di esposizione

26 EFFETTI MACROSCOPICI DELLA CARBONATAZIONE Aumento di volume (mediamente 4 volte il volume iniziale) espulsione copriferro Microfessure esistenti Macrofessure permeabilità rigidezza Resist. a trazione Diminuzione sezione barra Riduzione aderenza acciaio-cls

27 CLASSE XC CORROSIONE DA CARBONATAZIONE Sono previste quattro sottoclassi: XC1: Ambienti caratterizzati da bassa U.R. ovvero permanentemente bagnati. (es. interni di edifici o strutture TOTALMENTE immerse) XC2: Ambienti bagnati, raramente asciutti come strutture idrauliche, muri contro terra, fondazioni e strutture interrate; XC3: Ambienti moderatamente umidi. Ad es. calcestruzzo esposto all esterno protetto dalla pioggia o interni con percentuali di U.R. da moderate ad alte. XC4: Ambienti ciclicamente bagnati ed asciutti. (es. pavimentazioni esterne, balconi e terrazze non coperti, superfici faccia a vista in ambienti urbani ed extraurbani).

28 CLASSE XC UNI (prosp. 4) VALORI LIMITE CLASSE D ESP. DESCRIZIONE AMBIENTE ESEMPI DI STRUTTURE CHE SI TROVANO NELLA CLASSE MASSIMO a/c RESIST. MINIMA DOSAGGIO MINIMO DI CEMENTO (kg/m 3 ) XC1 Asciutto Interni di edifici con U.R. molto bassa 0.60 C (25/30) 300 XC2 Bagnato raramente asciutto Strutture idrauliche Fondazioni e strutture interrate 0.60 C (25/30) 300 XC3 Moderatamente umido Interni di edifici con umidità relativa moderata/alta Strutture esterne protette dal contatto diretto con la pioggia 0.55 C (28/35) 320 XC4 Ciclicamente asciutto e bagnato Strutture esterne esposte all acqua piovana 0.50 C (32/40) 340

29 DEGRADO DA CARBONATAZIONE

30 L attacco dei cloruri Classe di Esposizione Il cloruro è presente: nei sali disgelanti: opere stradali,autostradali aeroportuali, pavimentazioni piscine, industria del cloro e derivati Meccanismo corrosivo: Azione incisiva e localizzata (pitting) con rimozione dello strato di ossido ferrico compatto e protettivo (passivante) Penetrazione dell ossigeno e dell umidità, corrosione dei ferri Ripetizione del ciclo con rimozione dello strato di ossido ferrico

31 CLASSI XD e XS CORROSIONE DA CLORURI Ambienti soggetti a corrosione delle armature per contaminazione da cloruri non provenienti dall acqua di mare (es. sali antigelo). Sono previste tre sottoclassi: CLASSE XD XD1: Ambienti caratterizzati da umidità moderata (es. pavimentazioni esterne soggette occasionalmente a spruzzi di salamoia o a nebbie saline); XD2: Ambienti bagnati, raramente asciutti come piscine, vasche di trattamento acque contenenti cloruri; XD3: Ambienti ciclicamente asciutti e bagnati (es. parti di ponti esposte direttamente a spruzzi contenenti cloruri, pavimentazioni di parcheggi, imbocchi di gallerie)

32 CLASSE XD UNI (prosp. 4) VALORI LIMITE CLASSE D ESP. DESCRIZIONE AMBIENTE ESEMPI DI STRUTTURE CHE SI TROVANO NELLA CLASSE MASSIMO a/c RESIST. MINIMA DOSAGGIO MINIMO DI CEMENTO (kg/m 3 ) XD1 Umidità moderata Strutture esposte a spruzzi con cloruri 0.55 C (28/35) 320 XD2 Bagnato, raramente asciutto Elementi permanentemente immersi in acque con cloruri Piscine, elementi di capannoni industriali 0.50 C (32/40) 340 XD3 Ciclicamente asciutto e bagnato Elementi direttamente o indirett. esposti ai sali disgelanti Elementi con una faccia immersa e l altra esposta all aria 0.45 C (35/45) 360 Ponti, pavimentazioni e parcheggi

33 DEGRADO DA CLORURI

34 L attacco dell acqua di mare Classe di Esposizione L acqua di mare contiene un insieme di sali, tutti aggressivi nei riguardi del calcestruzzo l ammaloramento è la sommatoria di tanti degradi, ciascuno causato dalla presenza dei singoli ioni sopra citati Le strutture esposte all acqua di mare sono soggette, quindi, a diversi tipi di degrado: attacco dei cloruri, attacco dei solfati, azione meccanica esercitata delle onde e conseguente azione del bagnasciuga, soprattutto per quelle strutture che sono a contatto con il mare La zona del bagnasciuga è considerata quella più ad alto rischio, tanto che il CEB, Comitato Eurointernazionale del Calcestruzzo (1995), consiglia di adottare calcestruzzi a bassissimo rapporto a/c: 0,4

35 CLASSI XD e XS CORROSIONE DA CLORURI Ambienti soggetti a corrosione delle armature per contaminazione da cloruri provenienti dall acqua di mare. Sono previste tre sottoclassi: CLASSE XS XS1: Ambienti esposti alla salsedine marina, con trasporto di cloruri per via eolica (es. strutture sulla costa o comunque site a distanze di 2-3 km dal mare); XS2: Strutture permanentemente immerse in acqua marina; XS3: Strutture esposte alla battigia o agli spruzzi di acqua marina e all azione meccanica del moto ondoso, quindi ciclicamente asciutti e bagnati (es. banchine e piazzali portuali di movimentazione merci, moli, bacini di carenaggio, etc.)

36 CLASSE XS UNI (prosp. 4) VALORI LIMITE CLASSE D ESP. DESCRIZIONE AMBIENTE ESEMPI DI STRUTTURE CHE SI TROVANO NELLA CLASSE MASSIMO a/c RESIST. MINIMA DOSAGGIO MINIMO DI CEMENTO (kg/m 3 ) XS1 Aerosol marino Strutture site sulla costa o in prossimità 0.50 C (32/40) 340 XS2 Sempre sommerso Elementi permanentemente immersi in acqua marina 0.45 C (35/45) 360 XS3 Zone esposte agli spruzzi o ciclicamente asciutte e bagnate (maree) Elementi direttamente esposti alla battigia Zone soggette agli spruzzi e alle onde Moli, banchine e piazzali portuali, bacini di carenaggio, etc C (35/45) 360

37 CLASSI XD e XS CORROSIONE DA CLORURI CRATERI DI CORROSIONE LOCALIZZATI (PITTING): POSSIBILI FRATTURE IN POCHI ANNI

38 DEGRADO DA CLORURI MARINI

39 I cicli di gelo e disgelo Classe di Esposizione I cicli di gelo e disgelo esercitano, sulla pasta cementizia, delle sollecitazioni fisiche che portano ad un progressivo degrado del calcestruzzo. Il processo con cui avviene il degrado, è legato al fatto che l acqua, presente in superficie nel calcestruzzo, sia pure in limitate concentrazioni, nel passaggio dallo stato liquido a quello solido, aumenta il proprio volume di circa il 9%. l aumento di volume dell acqua allo stato solido esercita una forte azione meccanica sulla pasta cementizia e, di conseguenza, provoca un progressivo deterioramento, che si evidenzia con uno sbriciolamento del calcestruzzo in superficie.

40 CLASSE XF DEGRADO PER CICLI DI GELO-DISGELO Sono previste quattro sottoclassi: XF1: Moderata saturazione d acqua, in ASSENZA di agente disgelante (superfici verticali in c.a. come facciate, muri di sostegno, travi a vista e colonne esposte alla pioggia e al gelo) XF2: Moderata saturazione d acqua in PRESENZA di agente disgelante (parti verticali di ponti e viadotti o imbocchi di gallerie che rientrerebbero in XF1, MA sono esposti direttamente o indirettamente all azione dei sali) XF3: Elevata saturazione d acqua in ASSENZA di agente disgelante (superfici orizzontali esterne di edifici dove può accumularsi l acqua, balconi, terrazze, pensiline, etc.) XF4: Elevata saturazione d acqua in PRESENZA di agente disgelante o acqua di mare (superfici orizzontali come strade o pavimentazioni esterne, parcheggi interni ed esterni e piazzali)

41 CLASSE XF UNI (prosp. 4) VALORI LIMITE CLASSE D ESP. DESCRIZI ONE AMBIENTE ESEMPI DI STRUTTURE CHE SI TROVANO NELLA CLASSE MAX a/c AGGREGATI (UNI EN 12620) CONTENU- TO D ARIA MIN. (%) RESIST. MINIMA DOS. MIN. DI CEMENTO (kg/m 3 ) XF1 Moderata saturazion e SENZA SALI superfici verticali in c.a. Facciate travi a vista colonne esposte alla pioggia e al gelo 0.50 F 4 oppure MS C (32/40) 320 XF3 Elevata saturazion e SENZA SALI superfici orizzontali esterne di edifici dove può accumularsi l acqua Balconi Terrazze Pensiline, etc F 2 oppure MS 25 5 ± 0,5 C (25/30) 340

42 CLASSE XF UNI (prosp. 4) VALORI LIMITE CLASS E D ESP. DESCRIZI ONE AMBIENT E ESEMPI DI STRUTTURE CHE SI TROVANO NELLA CLASSE MAX a/c AGGREGAT I (UNI EN 12620) CONTENU -TO D ARIA MIN. (%) RESIST. MINIMA DOS. MIN. DI CEMENT O (kg/m 3 ) XF2 Moderata saturazio ne CON SALI parti verticali di ponti e viadotti o imbocchi di gallerie che rientrerebbero in XF1, MA sono esposti direttamente o indirettamente all azione dei sali 0.50 F 2 oppure MS 25 5 ± 0,5 C (25/30) 340 XF4 Elevata saturazio ne CON SALI superfici orizzontali Strade pavimentazi oni esterne, Parcheggi, etc 0.45 F 2 oppure MS 25 5 ± 0,5 C (28/35) 360

43 CLASSE XF DEGRADO PER CICLI DI GELO-DISGELO CLS SENZA ADDITIVO AERANTE CLASSI XF2, XF3 e XF4 CLS CON AERANTE

44 Gli aeranti CALCESTRUZZO AEREATO CON FATTORE DI SPAZIO ELEVATO (0.45 mm) - SCARSA PROTEZIONE - CALCESTRUZZO AEREATO CON FATTORE DI SPAZIO RIDOTTO (0.20 mm) - BUONA PROTEZIONE -

45 DEGRADO DA CICLI GELO DISGELO

46 Per attacco chimico si intende la pericolosità che può venire da agenti aggressivi nei riguardi della pasta cementizia L attacco chimico Classe di Esposizione Prima delle prescrizioni di capitolato deve essere sempre effettuata l analisi chimica dell acqua e del terreno a contatto con il calcestruzzo, per stabilire la concentrazione ionica degli agenti aggressivi, il relativo grado di attacco e quindi definire la relativa classe di esposizione.

47 PARTICOLARI ATTENZIONI STRUTTURE A DIRETTO CONTATTO (fondazioni e muri di sostegno/controterra) CON TERRENI CONTENENTI GESSO E PIRITE STRUTTURE A DIRETTO CONTATTO (fondazioni e muri di sostegno/controterra) CON TERRENI CONTENENTI SOLFATI D AMMONIO E MAGNESIO (EX SITI AGRICOLI o NEI PRESSI) OPERE IDRAULICHE A DIRETTO CONTATTO CON ACQUE DOLCI AD EFFETTO DILAVANTE (briglie, pennelli, rivestimenti, etc.) SITI INDUSTRIALI A FORTE INQUINAMENTO (produzione di fertilizzanti e trattamento galvanico di metalli)

48 L attacco chimico Serbatoi, piscine sportive, vasche di depurazione acque Strutture a contatto con terreno

49 CLASSE XA ATTACCO CHIMICO DEL CLS Sono previste tre sottoclassi: XA1: Ambiente chimicamente debolmente aggressivo secondo il prosp. 2 della UNI EN XA2: Ambiente chimicamente moderatamente aggressivo secondo il prosp. 2 della UNI EN XA3: Ambiente chimicamente fortemente aggressivo secondo il prosp. 2 della UNI EN 206-1

50 CLASSE XA UNI EN prospetto 2 DESCRIZIONE DELL AMBIENTE CLASSE TERRENO ACQUA Acidità Bauman Gully SO 4 = (mg/kg) SO 4 = (mg/l) ph CO 2 (mg/l) NH 4 + (mg/l) Mg ++ (mg/l) XA1 > XA2 - > > < > >30 60 > XA3 - > > < >100 > >3000

51 CLASSE XA UNI (prosp. 4) VALORI LIMITE CLASSE D ESP. DESCRIZIONE AMBIENTE ESEMPI DI STRUTTURE CHE SI TROVANO NELLA CLASSE MAX a/c RESIST. MINIMA DOSAGGIO MINIMO DI CEMENTO (kg/m 3 ) XA1 Chimicamente debolmente aggressivo Contenitori di fanghi e vasche di decantazione Contenitori e vasche per acque reflue 0.55 C (28/35) 320 XA2 Chimicamente moderatamente aggressivo Come XA1, ma con concentrazioni maggiori di aggressivi Elementi a contatto con terreni aggressivi 0.50 C (32/40) 340 (resistente ai solfati) XA3 Chimicamente fortemente aggressivo Elementi a contatto con acque industriali fortemente inquinate Contenitori di mangimi e liquami provenienti dall allevamento animale Torri di raffreddamento di fumi e gas di scarico ind C (35/45) 360 (resistente ai solfati)

52 2. PROPRIETÀ DEL CALCESTRUZZO Si selezionano dal prospetto 4 della UNI i valori di Rck minimo (minima classe di resistenza), max rapporto a/c, dosaggio minimo di cemento ed eventualmente il cont. d aria.

53 2. PROPRIETÀ DEL CALCESTRUZZO CLASSE D ESPOSIZIONE MASSIMO a/c RESIST. MINIMA ARIA AGGIUNTA (%) DOSAGGIO MINIMO DI CEMENTO (kg/m 3 ) XC C (32/40) XD C (28/35) XA C (32/40) DEFINITIVI XC4 -XD1-XA C(32/40)

54 2. PROPRIETÀ DEL CALCESTRUZZO CLASSE/I DI ESPOSIZIONE AMBIENTALE (UNI 11104) CLASSE DI RESISTENZA MINIMA C(X/Y) oppure R ck RAPPORTO A/C max CONTENUTO MINIMO DI CEMENTO SE NECESSARIO TIPO E CLASSE DI CEMENTO ARIA AGGIUNTA D MAX DELL AGGREGATO CLASSE DI CONSISTENZA COPRIFERRO

55

56 BIBLIOGRAFIA 1. L.Coppola Concretum, pp 660, McGraw-Hill, Milano, Italia (2007). 2. Linee Guida sul calcestruzzo strutturale a cura del Servizio Tecnico Centrale della presidenza del Consiglio Superiore dei LL.PP 3. Norme tecniche per le costruzioni S.O n 30 in G.U del 4 febbraio 2008, n Uni EN 206. Calcestruzzo. Specificazione, prestazione, produzione e conformità. 5. Uni Istruzioni complementari all utilizzo della Uni En 206

57 PER DIFFONDERE LA NORMATIVA SUL CEMENTO ARMATO Ideato e promosso da: ATECAP, AITEC, SISMIC, CONPAVIPER, ASSIAD GRAZIE PER L ATTENZIONE Dott. Ing. Adamo CADDEU Cell Mail:

Il valore della qualità

Il valore della qualità Forza. Azione.Passione. Il valore della qualità Listino calcestruzzo PER UNA SCELTA DI QUALITÀ La scelta dei materiali da costruzione deve essere effettuata in base alla qualità e alle caratteristiche

Dettagli

e-mail: info@betonpuglia.it

e-mail: info@betonpuglia.it Mod. CEA XA 1^ Edizione 2007 Valori limiti per la composizione e le proprietà del calcestruzzo riferiti alle azioni dell ambiente in classe di esposizione XA XA Qualora il calcestruzzo sia esposto all

Dettagli

Calcestruzzo Specificazione, prestazione, produzione e conformità Istruzioni complementari per l applicazione della EN 206-1

Calcestruzzo Specificazione, prestazione, produzione e conformità Istruzioni complementari per l applicazione della EN 206-1 NORMA ITALIANA Calcestruzzo Specificazione, prestazione, produzione e conformità Istruzioni complementari per l applicazione della EN 206-1 UNI 11104 Concrete Specification, performance, production and

Dettagli

DURABILITÀ DELLE STRUTTURE - IL COPRIFERRO -

DURABILITÀ DELLE STRUTTURE - IL COPRIFERRO - UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTA DI INGEGNERIA DURABILITÀ DELLE STRUTTURE - IL COPRIFERRO - Prof. Ing. Luigi Coppola EUROCODICE 2 SEZIONE 4 DURABILITÁ E COPRIFERRO COPRIFERRO DISTANZA TRA LA SUPERFICIE

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione ROMANE 28-02-2007 16:20 Pagina VII Prefazione Presentazione XIII XVIII Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni 1.1 Introduzione 1 1.2 Leganti aerei e idraulici 2 1.3 Il gesso

Dettagli

MANUALE OPERATIVO PER L USO DELLE LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELLE OPERE IN C.A.

MANUALE OPERATIVO PER L USO DELLE LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELLE OPERE IN C.A. MANUALE OPERATIVO PER L USO DELLE LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELLE OPERE IN C.A. DEGRADO DELLE STRUTTURE IN C.A. Durabilità delle strutture e quadro normativo Le Norme Tecniche per le Costruzioni

Dettagli

Indice Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni Capitolo 2 Il cemento Portland, le aggiunte minerali e i cementi comuni

Indice Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni Capitolo 2 Il cemento Portland, le aggiunte minerali e i cementi comuni Indice Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni 1.1 Introduzione 1.2 Leganti aerei e idraulici 1.3 Il gesso 1.4 La calce aerea 1.5 Le calci idrauliche 1.6 Dalle calci idrauliche

Dettagli

LA DURABILITÀ DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO. Relazione Tecnica

LA DURABILITÀ DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO. Relazione Tecnica LA DURABILITÀ DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO Relazione Tecnica LA DURABILITÀ DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO Relazione Tecnica INDICE INTRODUZIONE 1. LA DURABILITÀ DI UNA STRUTTURA IN CLS: DAL PROGETTO

Dettagli

https://bioslab.unile.it/courses.html

https://bioslab.unile.it/courses.html https://bioslab.unile.it/courses.html dal Brisi-Borlera (pg. 172-267) LEGANTI: Conglomerati Cementizi CONGLOMERATI CEMENTIZI LEGANTI: Conglomerati Cementizi CALCESTRUZZO (CLS) ARMATO L unione di questi

Dettagli

Giusto CEM II/B-LL 32,5 R

Giusto CEM II/B-LL 32,5 R Giusto CEM II/B-LL 32,5 R CEMENTO PER APPLICAZIONI STRUTTURALI Come si utilizza Giusto è un prodotto che si consiglia per la confezione di calcestruzzi con resistenza caratteristica inferiore a 30 C25/30

Dettagli

STRUTTURE AEREE IN CLIMI RIGIDI IN ASSENZA DI SALI DISGELANTI

STRUTTURE AEREE IN CLIMI RIGIDI IN ASSENZA DI SALI DISGELANTI 3 STRUTTURE AEREE IN CLIMI RIGIDI IN ASSENZA DI SALI DISGELANTI Questa sezione è dedicata al calcestruzzo destinato alle strutture di elevazione di edifici residenziali, edifici pubblici o adibiti ad attività

Dettagli

STRUTTURE DI FONDAZIONE E INTERRATE

STRUTTURE DI FONDAZIONE E INTERRATE 1 STRUTTURE DI FONDAZIONE E INTERRATE Questa sezione è dedicata alle opere di fondazione quali plinti e cordoli di collegamento, travi rovesce, pali, paratie e platee. Inoltre, in questa sezione vengono

Dettagli

STRUTTURE DI GRANDI DIMENSIONI (MASSIVE)

STRUTTURE DI GRANDI DIMENSIONI (MASSIVE) 7 STRUTTURE DI GRANDI DIMENSIONI (MASSIVE) Questa sezione è dedicata alle strutture massive di grande dimensione ed è relativa ai plinti di spessore maggiore di 1.5 metri, alle fondazioni a platea di spessore

Dettagli

COME SI SCEGLIE IL CALCESTRUZZO

COME SI SCEGLIE IL CALCESTRUZZO Il calcestruzzo e le strutture armate Come si sceglie il calcestruzzo INDICE 2 COME SI SCEGLIE IL CALCESTRUZZO 2.2 2.4 2.6 CLASSE DI RESISTENZA RAPPORTO ACQUA/CEMENTO DIMENSIONE MASSIMA CLASSE NOMINALE

Dettagli

PROGETTO CONCRETE: LA DURABILITÀ NON E UN COSTO!

PROGETTO CONCRETE: LA DURABILITÀ NON E UN COSTO! PROGETTO CONCRETE: LA DURABILITÀ NON E UN COSTO! Si chiama Progetto Concrete l iniziativa promossa da ATECAP, AITEC, ANCE, SISMIC, ASSOBETON (Sezione Tubi), ASSIAD ed ASFER per sostenere la crescita qualitativa

Dettagli

INDICE. Premessa, XII

INDICE. Premessa, XII INDICE Premessa, XII 1. Prestazioni dei materiali e progetto, 3 1.1 Comportamento meccanico, 6 1.2 Azione dell ambiente, 6 1.3 Vita di servizio e durabilità, 11 1.4 Prevenzione del degrado, 16 1.5 Restauro,

Dettagli

Vetrofluid litri 20 Resa: sufficiente per circa 60 mq

Vetrofluid litri 20 Resa: sufficiente per circa 60 mq Vetrofluid litri 20 Resa: sufficiente per circa 60 mq Vetrofluid è uno speciale impermeabilizzante antidegrado per il calcestruzzo, la cui formulazione a base di vetro liquido e uno specifico catalizzatore,

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELLE OPERE IN CEMENTO ARMATO

LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELLE OPERE IN CEMENTO ARMATO LINEE GUIDA PER LA PRESCRIZIONE DELLE OPERE IN CEMENTO ARMATO IDEATO E PROMOSSO DA ATECAP, AITEC, SISMIC, ASSOBETON, ASSIAD PRESENTAZIONE Nella pratica quotidiana accade spesso di avere a che fare con

Dettagli

CALCESTRUZZO INTRINSECAMENTE IMPERMEABILE PER STRUTTURE INTERRATE

CALCESTRUZZO INTRINSECAMENTE IMPERMEABILE PER STRUTTURE INTERRATE CALCESTRUZZO INTRINSECAMENTE IMPERMEABILE PER STRUTTURE INTERRATE Prescrizioni e schemi da evidenziare sin dalle prime fasi progettuali e per inserimento nei disegni esecutivi 1) Approntamento del cantiere

Dettagli

Il degrado del calcestruzzo

Il degrado del calcestruzzo Il degrado Il degrado C.P. MK 685110 (I) 10/10 SEDE MAPEI SpA Via Cafiero, 22-20158 Milano Tel. +39-02-37673.1 Fax +39-02-37673.214 Internet: www.mapei.com E-mail: mapei@mapei.it Da MAPEI una collana di

Dettagli

calcestruzzo al mare 1/2 : ambiente aggressivo

calcestruzzo al mare 1/2 : ambiente aggressivo calcestruzzo al mare 1/2 : ambiente aggressivo 1.A: premessa L esposizione in ambiente marino risulta particolarmente critica per le opere in conglomerato cementizio armato per un complesso di meccanismi

Dettagli

Ruredil. Ripristino e protezione calcestruzzo. calcestruzzo

Ruredil. Ripristino e protezione calcestruzzo. calcestruzzo Ruredil Ripristino e protezione calcestruzzo calcestruzzo Ripristino e Protezione CARATTERISTICHE Il calcestruzzo è il materiale da costruzione di gran lunga più impiegato nell ultimo secolo, anche se

Dettagli

MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice

MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice MIX DESIGN DEL CALCESTRUZZO Parte I - Mix Design Semplice Anno XIII - Numero 45-2009 Silvia Collepardi e Roberto Troli Enco srl, Ponzano Veneto (TV) - info@encosrl.it 1. PREMESSA Esistono fondamentalmente

Dettagli

COMUNE DI CHIOGGIA. AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n.

COMUNE DI CHIOGGIA. AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n. COMUNE DI CHIOGGIA AMPLIAMENTO DI n.5 COLOMBARI DEL CIMITERO DI CHIOGGIA BORGO SAN GIOVANNI CON LA REALIZZAZIONEDI n.50 LOCULI E n.300 OSSARI PROGETTO ESECUTIVO PIANO DI MANUTENZIONE DELLE STRUTTURE (ELABORATO

Dettagli

Cause del degrado. Degrado del calcestruzzo armato e Durabilità. Corrosione. Passivazione dell armatura. Carbonatazione.

Cause del degrado. Degrado del calcestruzzo armato e Durabilità. Corrosione. Passivazione dell armatura. Carbonatazione. Cause del degrado Degrado del calcestruzzo armato e Durabilità 1 - Corrosione delle armature promossa da: - carbonatazione; - dal cloruro. - Attacco solfatico della matrice cementizia i -esterno; - interno.

Dettagli

INFOJOB 1010: PROTEZIONE ED IMPERMEABILIZZAZIONE BALCONI E TERRAZZI. LA DOPPIA TECNOLOGIA LiquiFluid - Tetti

INFOJOB 1010: PROTEZIONE ED IMPERMEABILIZZAZIONE BALCONI E TERRAZZI. LA DOPPIA TECNOLOGIA LiquiFluid - Tetti Tecnologie Top Level Advanced Technologies for Protection and Insulation- 1 INFOJOB 1010: PROTEZIONE ED IMPERMEABILIZZAZIONE BALCONI E TERRAZZI. LA DOPPIA TECNOLOGIA LiquiFluid - Tetti Il ruolo degli agenti

Dettagli

LE SOLUZIONI PAULIN UNI EN 1504 IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO. Un intervento efficace e di lunga durata

LE SOLUZIONI PAULIN UNI EN 1504 IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO. Un intervento efficace e di lunga durata LE SOLUZIONI PAULIN 1. Preparazione del supporto mediante completa asportazione e demolizione con l ausilio di mezzi meccanici o manuali di tutte le parti in calcestruzzo degradate o invia di distacco

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 45 I CALCESTRUZZI LEGGERI I calcestruzzi leggeri hanno massa volumica inferiore a 2000 kg/m 3, minore di quella dei calcestruzzi normali ( 2250-2400 Kg/m 3 ), per la presenza all interno del conglomerato

Dettagli

RECUPERARE OGGI FARE LA DIFFERENZA LINEA CLS LA GAMMA PIÙ COMPLETA PER IL NUOVO E PER IL RECUPERO

RECUPERARE OGGI FARE LA DIFFERENZA LINEA CLS LA GAMMA PIÙ COMPLETA PER IL NUOVO E PER IL RECUPERO RECUPERARE OGGI FARE LA DIFFERENZA LINEA CLS LA GAMMA PIÙ COMPLETA PER IL NUOVO E PER IL RECUPERO RISTRUTTURARE INNOVANDO RECUPERO E RISTRUTTURAZIONE: QUESTI I GRANDI TEMI DELL EDILIZIA OGGI. Da una statistica

Dettagli

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma 1 Contenuti Metodologia di progettazione Valutazione della resistenza attuale (Capacità)

Dettagli

CALCESTRUZZI SPECIALI: I CALCESTRUZZI AUTOCOMPATTANTI (SELF-COMPACTING CONCRETE: SCC)

CALCESTRUZZI SPECIALI: I CALCESTRUZZI AUTOCOMPATTANTI (SELF-COMPACTING CONCRETE: SCC) 11 CALCESTRUZZI SPECIALI: I CALCESTRUZZI AUTOCOMPATTANTI (SELF-COMPACTING CONCRETE: SCC) Questa sezione è dedicata ai calcestruzzi autocompattanti (Self-Compacting Concrete: SCC). I calcestruzzi autocompattanti

Dettagli

IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO

IL RISANAMENTO DEL CEMENTO ARMATO www.colorificiopaulin.com info@colorificiopaulin.com IL DEGRADO DEL CEMENTO ARMATO Le cause principali che determinano il degrado del cemento armato sono riconducibili principalmente a: A) Cattivo confezionamento:

Dettagli

lo stoccaggio deve essere effettuato nelle confezioni originali integre, in locali asciutti. temperatura di stoccaggio da +5 C a +30 C Confezione

lo stoccaggio deve essere effettuato nelle confezioni originali integre, in locali asciutti. temperatura di stoccaggio da +5 C a +30 C Confezione IPA DS ELASTIK Rivestimento impermeabilizzante, bicomponente, a base di leganti cementizi, inerti selezionati a grana fine, additivi speciali e polimeri sintetici in dispersione acquosa. Miscelando i due

Dettagli

APPELLO DI ESAME DI MATERIALI STRUTTURALI PER L EDILIZIA - 09 SETTEMBRE 2013 Prof. Luigi Coppola

APPELLO DI ESAME DI MATERIALI STRUTTURALI PER L EDILIZIA - 09 SETTEMBRE 2013 Prof. Luigi Coppola APPELLO DI ESAME DI MATERIALI STRUTTURALI PER L EDILIZIA - 09 SETTEMBRE 2013 Prof. Luigi Coppola ESERCIZIO N 1 (5 9 CREDITI) Due laboratori prove materiali, denominati A e B, ricevono tre spezzoni di barra

Dettagli

DANNEGGIAMENTI IN ESERCIZIO FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI

DANNEGGIAMENTI IN ESERCIZIO FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI FENOMENI DI DANNEGGIAMENTO IN ESERCIZIO IN COMPONENTI MECCANICI REALIZZATI CON MATERIALI METALLICI 1 LA CORROSIONE Fenomeno elettrochimico che si può manifestare quando un metallo o una lega metallica

Dettagli

LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO STRUTTURALE

LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO STRUTTURALE LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO STRUTTURALE Indice 1. Oggetto e scopo delle presenti Linee Guida 84 2. Campo di applicazione 84 3. Definizioni 84 4. Lavorabilità 84 4.1 Misura della consistenza 85 4.2 Fattori

Dettagli

Strutture a tenuta idraulica: prescrizioni di capitolato

Strutture a tenuta idraulica: prescrizioni di capitolato Strutture a tenuta idraulica: prescrizioni di capitolato (CALIBRI 24, GRASSETTO) Gianluca Pagazzi, Amministratore Delegato e Direttore Tecnico di Alaska concrete S.r.l. - Porcia Sottotitolo articolo (CALIBRI

Dettagli

CITTA di CAMPI SALENTINA. Relazione Specialistica Protezione e Riparazione del calcestruzzo

CITTA di CAMPI SALENTINA. Relazione Specialistica Protezione e Riparazione del calcestruzzo CITTA di CAMPI SALENTINA INTERVENTI URGENTI SUL PATRIMONIO SCOLASTICO SCUOLA DELL INFANZIA DI VIA KENNEDY PROGETTO ESECUTIVO Relazione Specialistica Protezione e Riparazione del calcestruzzo 1.0 Premessa

Dettagli

CAMPI Dì APPLICAZIONE

CAMPI Dì APPLICAZIONE KEDILASTIC Malta cementizia bi componente impermeabilizzante anticarbonatazione ad elevata elasticità per calcestruzzo, intonaci e massetti cementizi. Indicata per l applicazione in piscine, vasche, cisterne,

Dettagli

Campi di impiego per i prodotti della 5ª divisione PROBLEMA

Campi di impiego per i prodotti della 5ª divisione PROBLEMA Campi di impiego per i prodotti della 5ª divisione PROBLEMA II calcestruzzo è senza dubbio il materiale più usato in edilizia, grazie alla sua economicità, alla facilità e velocità della messa in opera,

Dettagli

RIPRISTINO DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO

RIPRISTINO DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO 200 RIPRISTINO DELLE STRUTTURE IN CALCESTRUZZO 201 I MECCANISMI DEL DEGRADO Il degrado dei manufatti in calcestruzzo, si manifesta essenzialmente mediante distacchi localizzati di porzioni di copriferro,

Dettagli

COMPITO DI MATERIALI PER L EDILIZIA - LUGLIO 2015. Prof. Luigi Coppola

COMPITO DI MATERIALI PER L EDILIZIA - LUGLIO 2015. Prof. Luigi Coppola COMPITO DI MATERIALI PER L EDILIZIA - LUGLIO 2015 Prof. Luigi Coppola ES 1) Una barra in acciaio e una barra in lega di titanio vengono sottoposte ad una prova di trazione. La barra in acciaio ha una lunghezza

Dettagli

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi

Regione Campania Ufficio Osservatorio Prezzi 243 Analisi E.03.10.10.a Calcestruzzo durevole a prestazione garantita secondo le ponteggi, le casseforme, e ferro di armatura, con resistenza caratteristica: Rck 5 o 3 livello - ora 0,050000 25,52 1,28

Dettagli

I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI. Relatore : GianMarco Simioni

I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI. Relatore : GianMarco Simioni I POZZETTI IN CALCESTRUZZO A TENUTA IDRAULICA E AD ALTISSIMA RESISTENZA AI SOLFATI Relatore : GianMarco Simioni L ispezione nella rete fognaria I POZZETTI D ISPEZIONE NELLE FOGNATURE Come elemento di ispezione

Dettagli

Lavorabilità definizioni

Lavorabilità definizioni Calcestruzzo fresco Lavorabilità definizioni attitudine di un calcestruzzo ad essere impastato, trasportato, posto in opera, compattato e rifinito senza che si verifichino segregazioni caratteristica che

Dettagli

LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO STRUTTURALE. Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale

LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO STRUTTURALE. Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale LINEE GUIDA SUL CALCESTRUZZO STRUTTURALE Presidenza del Consiglio Superiore dei Lavori Pubblici Servizio Tecnico Centrale INDICE 1. Oggetto e scopo delle presenti Linee Guida Pag. 982 2. Campo di applicazione»

Dettagli

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE

5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE Il Manuale della Presagomatura 49 5 REGOLE PER LA LEGATURA E LA POSA IN OPERA DELLE ARMATURE La posa in opera delle armature è un operazione di grande importanza dal punto di vista della qualità, durabilità

Dettagli

PIANO CONTROLLO QUALITÀ DEL CALCESTRUZZO

PIANO CONTROLLO QUALITÀ DEL CALCESTRUZZO DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO DIVISIONE DELLE COSTRUZIONI AREA DEL SUPPORTO E DEL COORDINAMENTO CASELLA POSTALE 0-0 BELLINZONA PIANO CONTROLLO QUALITÀ DEL CALCESTRUZZO Pagina di 0 Edizione: 0.09.0 DIPARTIMENTO

Dettagli

Unical. S e c o n d o l a n o r m a t i v a i t a l i a n a e d e u r o p e a. Quadro Normativo

Unical. S e c o n d o l a n o r m a t i v a i t a l i a n a e d e u r o p e a. Quadro Normativo Unical Guida alla prescrizione della durabilità delle strutture in cemento armato S e c o n d o l a n o r m a t i v a i t a l i a n a e d e u r o p e a Quadro Normativo I n d i c e Prefazione......4 Sezione

Dettagli

RELAZIONE QUALITA E DOSATURA DEI MATERIALI

RELAZIONE QUALITA E DOSATURA DEI MATERIALI Comune di Villa Castelli Provincia di Brindisi RELAZIONE QUALITA E DOSATURA DEI MATERIALI (ai sensi dell art. 4 della legge n 1086 del 5/11/1971) OGGETTO: ADEGUAMENTO ALLE NORME DI SICUREZZA ED IGIENE

Dettagli

Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi. Leganti, malte per murature, intonaci

Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi. Leganti, malte per murature, intonaci Tecnologia dei Materiali e degli Elementi Costruttivi Leganti, malte per murature, intonaci Firenze, lunedì 16 ottobre 2006 LEGANTI Materiali che opportunamente ricondotti allo stato di polvere e miscelati

Dettagli

Calcestruzzi Italcementi Group. Prescrizioni generali

Calcestruzzi Italcementi Group. Prescrizioni generali Calcestruzzi Italcementi Group Prescrizioni generali Calcestruzzi a prestazione specifici per pavimentazioni industriali durevoli Recentemente è stata pubblicata la norma UNI 11146-05, la quale stabilisce

Dettagli

Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore

Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore Obbligo Di marcatura CE dei componenti del calcestruzzo. Obbligo di certificazione FPC per gli impianti di betonaggio. Responsabilità del Direttore dei Lavori e del Collaudatore secondo il D.M. 14/01/2008

Dettagli

SOTTOPROGRAMMACONTROLLI

SOTTOPROGRAMMACONTROLLI COMUNEDILANCI ANO CH- PI ANODIMANUTENZI ONEDELL OPERAE DELLESUEP ARTI PROGRAMMADIMANUTENZI ONE SOTTOPROGRAMMACONTROLLI SOTTOPROGRAMMA I NTERVENTI SOTTOPROGRAMMA PRESTAZI ONI ALLEGATO 1 4 TAVOLA 0 0 LANCI

Dettagli

Corrosione e protezione in acqua di mare

Corrosione e protezione in acqua di mare Corrosione e protezione in acqua di mare Luciano Lazzari Laboratorio di Corrosione dei Materiali P. Pedeferri Dip. Chimica, Materiali e Ingegneria Chimica G. Natta Politecnico di Milano Le strutture Le

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO FACOLTA DI INGEGNERIA DURABILITÀ DEL CALCESTRUZZO DEGRADO ENDOGENO Prof. Ing. Luigi Coppola TIPI E CAUSE DI DEGRADO DEGRADO ENDOGENO ALTERAZIONE NATURALE DEL MATERIALE

Dettagli

Piano controllo qualità calcestruzzo

Piano controllo qualità calcestruzzo DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO DIVISIONE DELLE COSTRUZIONI AREA DEL SUPPORTO E DEL COORDINAMENTO CASELLA POSTALE 4-650 BELLINZONA Piano controllo qualità calcestruzzo Manufatto: Coittente: Progettista: Impresa:

Dettagli

CHIMICA TECNICA PER L EDILIZIA. pecific per il risanamento di murature umide, il ripristino, la protezione e l impermeabilizzazione.

CHIMICA TECNICA PER L EDILIZIA. pecific per il risanamento di murature umide, il ripristino, la protezione e l impermeabilizzazione. CHIMICA TECNICA PER L EDILIZIA pecific per il risanamento di murature umide, il ripristino, la protezione e l impermeabilizzazione. CHIMICA TECNICA, INNOVAZIONE IN CANTIERE Nel settore edile la chimica

Dettagli

2911-4. PIANO CONTROLLO QUALITÀ del calcestruzzo

2911-4. PIANO CONTROLLO QUALITÀ del calcestruzzo DIPARTIMENTO DEL TERRITORIO DIVISIONE DELLE COSTRUZIONI AREA DEL SUPPORTO E DEL COORDINAMENTO CASELLA POSTALE 70-650 BELLINZONA Lotto o incarto N 9- Strada cantonale S Ascona - Arcegno - Ronco Comune di

Dettagli

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI

MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI MESSA IN SICUREZZA DI SOLAI IL PROBLEMA DELLO SFONDELLAMENTO DEI SOLAI Con il termine sfondellame nto dei solai si indica la rottura e il distacco delle cartelle d intradosso delle pignatte (chiamate fondelle)

Dettagli

Additivi Inibitori di Corrosione per strutture INHIBITOR C 10 INHIBITOR SKIN C 10

Additivi Inibitori di Corrosione per strutture INHIBITOR C 10 INHIBITOR SKIN C 10 Additivi Inibitori di Corrosione per strutture in calcestruzzo armato INHIBITOR C 10 INHIBITOR SKIN C 10 Additivi Inibitori di Corrosione per strutture in calcestruzzo armato INHIBITOR C 10 INHIBITOR

Dettagli

VICRete Plus EN 1504-3

VICRete Plus EN 1504-3 VICRete Plus Prodotto di riparazione strutturale del calcestruzzo per mezzo di malte CC di riparazione (a base di cemento idraulico) Bettoncino per applicazione meccanizzata. Appositamente studiato per

Dettagli

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria

Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Università degli Studi di Catania Dipartimento di Metodologie Fisiche e Chimiche per l Ingegneria Corso di laurea in Ingegneria Meccanica Corso di Tecnologie di Chimica Applicata LA CORROSIONE Nei terreni

Dettagli

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA

Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO. Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA Corso di DIAGNOSTICA STRUTTURALE DELLE OPERE IN CALCESTRUZZO Formazione certificata ISO 9712 valida per l accesso all ESAME I-II LIVELLO RINA PROGRAMMA DEL CORSO Indagine Sclerometrica: determina la durezza

Dettagli

IMPERMEABILIZZAZIONE E PROTEZIONE DI IMPIANTI DI DEPURAZIONE

IMPERMEABILIZZAZIONE E PROTEZIONE DI IMPIANTI DI DEPURAZIONE IMPERMEABILIZZAZIONE E PROTEZIONE DI IMPIANTI DI DEPURAZIONE R La necessità di proteggere l ambiente È generalmente accertato che le acque di scarico che contengono: acque contaminate, acqua piovana o

Dettagli

Plastivo 250 VOLTECO. Il prodotto. Dove si impiega

Plastivo 250 VOLTECO. Il prodotto. Dove si impiega Plastivo 250 Il prodotto è un rivestimento impermeabile ad elevata elasticità composto da inerti, leganti cementizi e polimeri acrilici che, dopo la miscelazione, consente la realizzazione di una guaina

Dettagli

CARNIVAL. Massetto cementizio autolivellante con ottime proprietà fonoassorbenti. konstruktive leidenschaft

CARNIVAL. Massetto cementizio autolivellante con ottime proprietà fonoassorbenti. konstruktive leidenschaft Massetto cementizio autolivellante con ottime proprietà fonoassorbenti konstruktive leidenschaft 01.2016 Vimark 2 5 DESCRIZIONE COMPOSIZIONE MISCELAZIONE E POSA IN OPERA CARNIVAL è un massetto minerale

Dettagli

L impiego di fibre monofilamento da 6 mm è necessaria per migliorare le seguenti caratteristiche

L impiego di fibre monofilamento da 6 mm è necessaria per migliorare le seguenti caratteristiche Voce di capitolato Fibermesh 150 6 mm Fornitura, trasporto e posa in opera di malte fibro-rinforzate, da applicare con intonacatrice, realizzate con l aggiunta di fibre in fascetti monofilamento in polipropilene

Dettagli

6.1 6.2 6.3 STAGIONATURA E DISARMO DISARMO E TEMPISTICHE MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE FINITURE SUPERFICIALI

6.1 6.2 6.3 STAGIONATURA E DISARMO DISARMO E TEMPISTICHE MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE FINITURE SUPERFICIALI Il calcestruzzo e le strutture armate Stagionatura e disarmo INDICE 6.1 6.3 DISARMO E TEMPISTICHE FINITURE SUPERFICIALI 6 STAGIONATURA E DISARMO 6.2 MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE STAGIONATURA E DISARMO

Dettagli

Ing. Vincenzo Sannuto

Ing. Vincenzo Sannuto SEMINARIO DIREZIONE LAVORI COSTRUZIONI IN C.A. Controllo del calcestruzzo e acciaio in cantiere in accordo al cap. 11 - DM 14.01.2008 Cosenza 2 Settembre 2013 Ing. Vincenzo Sannuto 1 Materiali per uso

Dettagli

Coltura Malte per edilizia, restauro, impermeabilizzazione deumidificazione.

Coltura Malte per edilizia, restauro, impermeabilizzazione deumidificazione. EDILIZIA LEGGERA Coltura Malte per edilizia, restauro, impermeabilizzazione deumidificazione. La tecnologia Sigma per riparare, restaurare, impermeabilizzare. Si stima che circa la metà della spesa europea

Dettagli

Realizzazione di una scala antincendio in acciaio

Realizzazione di una scala antincendio in acciaio INTRODUZIONE Il piano di manutenzione è il documento complementare al progetto esecutivo che prevede, pianifica e programma, tenendo conto degli elaborati progettuali esecutivi effettivamente realizzati,

Dettagli

TECNICHE E SOLUZIONI

TECNICHE E SOLUZIONI TECNICHE E SOLUZIONI Il problema dell umidità La presenza di umidità e il suo smaltimento da parte della muratura sono problematiche molto diffuse, riscontrabili sia sugli edifici storici che nelle nuove

Dettagli

ADDITIVI INIBITORI DI CORROSIONE PER STRUTTURE IN CALCESTRUZZO ARMATO INHIBITOR C 10 INHIBITOR SKIN C 10

ADDITIVI INIBITORI DI CORROSIONE PER STRUTTURE IN CALCESTRUZZO ARMATO INHIBITOR C 10 INHIBITOR SKIN C 10 ADDITIVI INIBITORI DI CORROSIONE PER STRUTTURE IN CALCESTRUZZO ARMATO INHIBITOR C 10 INHIBITOR SKIN C 10 VITA UTILE E DEGRADO DELLE STRUTTURE Come indicato nelle Norme Tecniche per le Costruzioni emanate

Dettagli

Coltura Malte per edilizia, restauro, impermeabilizzazione deumidificazione.

Coltura Malte per edilizia, restauro, impermeabilizzazione deumidificazione. Coltura Malte per edilizia, restauro, impermeabilizzazione deumidificazione. EDILIZIA PROFESSIONALE La tecnologia Sigma per riparare, restaurare, impermeabilizzare. Si stima che circa la metà della spesa

Dettagli

Ruredil. per metro quadro e ogni centimetro in più di spessore pag. 36

Ruredil. per metro quadro e ogni centimetro in più di spessore pag. 36 3 Ruredil Indice capitolo RIPRISTINO DEL CALCESTRUZZO np 03 Ripristino del calcestruzzo: con malta tixotropica fibrorinforzata con fibre di PVA per decimetro cubo pag. 32 np 03a Ripristino del calcestruzzo:

Dettagli

Il Contratto di Fiume: strumento t per la gestione e riqualificazione dei paesaggi fluviali e delle aree a rischio idrogeologico

Il Contratto di Fiume: strumento t per la gestione e riqualificazione dei paesaggi fluviali e delle aree a rischio idrogeologico RemTech 2012 21 settembre Il Contratto di Fiume: strumento t per la gestione e riqualificazione dei paesaggi fluviali e delle aree a rischio idrogeologico Coordinatori: Endro Martini, Filippo M. Soccodato

Dettagli

Considerazioni sul copriferro ai sensi del DM 14.01.2008...2. Copriferro per Circolare ed EC2...3. Approccio secondo la Circolare...

Considerazioni sul copriferro ai sensi del DM 14.01.2008...2. Copriferro per Circolare ed EC2...3. Approccio secondo la Circolare... INDICE Considerazioni sul copriferro ai sensi del DM 14.01.2008...2 Copriferro per Circolare ed EC2...3 Approccio secondo la Circolare...3 Approccio secondo l Eurocodice 2...7 Interventi su Edifici esistenti.

Dettagli

Viero: guida alla risoluzione del problema delle fessurazioni in facciata

Viero: guida alla risoluzione del problema delle fessurazioni in facciata Viero: guida alla risoluzione del problema delle fessurazioni in facciata Le fessurazioni vengono spesso considerate un problema estetico, poco ricorrente e di facile risoluzione, in realtà ne sono colpite

Dettagli

LA CORROSIONE DELLE ARMATURE NEL

LA CORROSIONE DELLE ARMATURE NEL LA CORROSIONE DELLE ARMATURE NEL CALCESTRUZZO Pietro Pedeferri Politecnico di Milano Fino alla fine degli anni 70 si riteneva che le strutture in calcestruzzo armato fossero intrinsicamente durevoli anche

Dettagli

MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207)

MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) Comune di Marineo Provincia di Palermo PIANO DI MANUTENZIONE MANUALE D'USO (Articolo 38 del D.P.R. 5 ottobre 2010, n. 207) OGGETTO: Lavori di completamento ed adeguamento degli impianti sportivi siti nel

Dettagli

3.7 LA SOLIDIFICAZIONE DELL ACQUA NEI MICRO-PORI DELLE COSTRUZIONI IN ASSENZA DI PIOGGIA O DI ACQUA AMBIENTALE

3.7 LA SOLIDIFICAZIONE DELL ACQUA NEI MICRO-PORI DELLE COSTRUZIONI IN ASSENZA DI PIOGGIA O DI ACQUA AMBIENTALE μm), è estremamente benefica nel buon comportamento del materiale nei confronti della formazione del ghiaccio: infatti queste micro-bolle fungono da vasi di espansione capaci di ospitare l acqua liquida

Dettagli

Comune di Bordighera Settore Tecnico Via XX Settembre, n.32-18012 BORDIGHERA (IM)

Comune di Bordighera Settore Tecnico Via XX Settembre, n.32-18012 BORDIGHERA (IM) Comune di Bordighera Settore Tecnico Via XX Settembre, n.32-18012 BORDIGHERA (IM) Scuola elementare Maria Primina Consolidamento statico e adeguamento sismico dell edificio Progetto Esecutivo www.aiceconsulting.it

Dettagli

i quaderni l impermeabilizzazione IMPERMEABILIZZAZIONE

i quaderni l impermeabilizzazione IMPERMEABILIZZAZIONE i quaderni l impermeabilizzazione Pag.1/13 UMIDITA DI INFILTRAZIONE - ACQUA IN PRESSIONE (Degrado di strutture in cls, interrate e/o seminterrate a contatto con acqua) ORIGINE DEL FENOMENO : Nell edilizia

Dettagli

Come proteggere il dispersore dalla corrosione

Come proteggere il dispersore dalla corrosione Come proteggere il dispersore dalla corrosione Pubblicato il: 15/12/2003 Aggiornato al: 15/12/2003 di Gianluigi Saveri Dal punto di vista chimico fisico i metalli e le leghe, nelle normali condizioni ambientali,

Dettagli

Pag 2/32 CIRI EDILIZIA E COSTRUZIONI INDICE

Pag 2/32 CIRI EDILIZIA E COSTRUZIONI INDICE Pag 2/32 CIRI EDILIZIA E COSTRUZIONI Convenzione di ricerca con Fixolite-Isobloc Prove di laboratorio tipologia prova 3a - spess=14cm INDICE 1. PREMESSA... 3 2. PROGRAMMA DI PROVA E DETTAGLI COSTRUTTIVI

Dettagli

Pavimenti industriali in calcestruzzo senza rete metallica in assenza di stagionatura umida

Pavimenti industriali in calcestruzzo senza rete metallica in assenza di stagionatura umida Pavimenti industriali in calcestruzzo senza rete metallica in assenza di stagionatura umida Mario Collepardi, Silvia Collepardi, Jean Jacob Ogoumah Olagot, Roberto Troli Enco srl (info@encosrl.it) 1. INTRODUZIONE

Dettagli

Consumo teorico e confezione

Consumo teorico e confezione THOROSEAL FX122 Malta cementizia di granulometria fine, polimero-modificata, bicomponente, per la realizzazione di rivestimenti impermeabilizzanti flessibili e continui su strutture e manufatti in calcestruzzo

Dettagli

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche

ORIGINE DELLE ROCCE Magmatiche o ignee sedimentarie metamorfiche Prof. Carlo Carrisi ORIGINE DELLE ROCCE In base al processo di formazione le rocce, si possono classificare a seconda della loro origine in tre tipi: Magmatiche o ignee caratterizzate dalla presenza iniziale

Dettagli

1. Premessa. Procedure di accettazione

1. Premessa. Procedure di accettazione 1 INDICE 1. Premessa... 2 Procedure di accettazione... 2 2. Calcestruzzo... 3 C25/30, classe di esposizione XC1... 4 C25/30, classe di esposizione XC2... 4 C40/50, classe di esposizione XC1... 5 C45/55,

Dettagli

GLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO

GLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO Corso sulle Norme Tecniche per le costruzioni in zona sismica (Ordinanza PCM 3274/2003, DGR Basilicata 2000/2003) POTENZA, 2004 GLI STATI LIMITE DI ESERCIZIO Prof. Ing. Angelo MASI DiSGG, Università di

Dettagli

www.mpmsrl.com impermeabilizzanti continui materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com impermeabilizzanti continui materiali protettivi milano www.mpmsrl.com impermeabilizzanti continui materiali protettivi milano Impermeabilizzanti continui M.P.M. da oltre trent anni opera nel settore delle impermeabilizzazioni mediante sistemi applicabili allo

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

TD13C. Betoncino strutturale di consolidamento e collaborazione statica

TD13C. Betoncino strutturale di consolidamento e collaborazione statica pag. 1 di 6 DESCRIZIONE è un betoncino pronto strutturale, reoplastico, antiritiro, ad alta resistenza meccanica, di calce idraulica naturale NHL 5 ed inerti selezionati. è ideale negli interventi di consolidamento,

Dettagli

Abbiamo grandi idee in cantiere

Abbiamo grandi idee in cantiere Abbiamo grandi idee in cantiere Per Betonrossi il successo è fatto di idee, che si evolvono grazie a intuizioni, esperienza, ricerca e tecnologie. Grandi idee per il mondo delle costruzioni e grandi risorse.

Dettagli

FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche

FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche FENOMENI DI CORROSIONE ED OSSIDAZIONE La corrosione è un fenomeno di degrado dei metalli. E un fenomeno termodinamico (chiamato anche antimetallurgia) che si manifesta spontaneamente se: G

Dettagli

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO

MESSA IN OPERA 5.1 5.2 5.3 5.4 5.5 INTERRUZIONI, RIPRESE, MESSA IN OPERA CASSEFORME PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE GETTO Il calcestruzzo e le strutture armate Messa in opera INDICE 5 MESSA IN OPERA 5.1 5.3 CASSEFORME GETTO 5.2 PREPARAZIONE E PREDISPOZIONE DELLE ARMATURE 5.4 COMPATTAZIONE DEL GETTO MESSA IN OPERA 5.5 INTERRUZIONI,

Dettagli

IL QUADRO ELETTRICO INOX. in AMBIENTE ALIMENTARE e FARMACEUTICO

IL QUADRO ELETTRICO INOX. in AMBIENTE ALIMENTARE e FARMACEUTICO IL QUADRO ELETTRICO INOX in AMBIENTE ALIMENTARE e FARMACEUTICO Direttive e norme La direttiva sull igiene dei prodotti alimentari e la HACCP (Hazard-Analysis-Critical-Control-Points) Tra le norme che regolano

Dettagli

MANUALE D'USO. Strutture in fondazione. Strutture secondarie. Travi di fondazione. Solai in latero-cemento SOMMARIO

MANUALE D'USO. Strutture in fondazione. Strutture secondarie. Travi di fondazione. Solai in latero-cemento SOMMARIO SOMMARIO MANUALE D'USO... 2 Strutture in fondazione... 2... 2... 2... 2 MANUALE DI MANUTENZIONE... 3 Strutture in fondazione... 3... 3... 4... 4 PROGRAMMA DI MANUTENZIONE... 6 Strutture in fondazione...

Dettagli

IL CALCESTRUZZO CONFEZIONATO CON FILLER CALCAREO (Varietà Dolomitica - Cava La Pedicara)

IL CALCESTRUZZO CONFEZIONATO CON FILLER CALCAREO (Varietà Dolomitica - Cava La Pedicara) IL CALCESTRUZZO CONFEZIONATO CON FILLER CALCAREO (Varietà Dolomitica - Cava La Pedicara) RELAZIONE TECNICA STUDIO TECNICO MP MATTEO FELITTI Architetto Strutturista (Scuola F.lli Pesenti) e Tecnologo del

Dettagli