Analisi del rischio di investimento da carrelli in aziende agro alimentari

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Analisi del rischio di investimento da carrelli in aziende agro alimentari"

Transcript

1 Analisi del rischio di investimento da carrelli in aziende agro alimentari a cura del Dipartimento di Sanità Pubblica: Staff di Epidemiologia e Comunicazione Servizio Prevenzione e Sicurezza negli Ambienti di Lavoro. INTRODUZIONE In molte aziende i carrelli elevatori sfrecciano in continuazione spostando i prodotti della lavorazione da un posto ad un altro. Purtroppo gli infortuni sul lavoro in cui è coinvolto un carrello non sono rari e quando accadono hanno conseguenze in genere gravi. E molto diffusa la consuetudine di guidare abitualmente in retromarcia con carrelli costruiti per la marcia in avanti, con la motivazione che il carico è ingombrante e non consente la visione nella marcia in avanti. La guida in retromarcia sembra inevitabile e quando un comportamento è così diffuso non può che avere numerose cause. Per poter fare un po di luce sulle varie e ben radicate motivazioni di questo comportamento, abbiamo condotto due focus group con due gruppi di lavoratori dell agroindustria nell ambito di un corso di formazione svoltosi nel Si propone di seguito la trascrizione delle risposte che i lavoratori hanno fornito alle domande del focus group. I testi non sono stati rielaborati e per questo conservano una capacità evocativa di situazioni con molteplici risvolti. Al termine, si propongono alcune conclusioni. Prima della trascrizione dei dialoghi, si riporta l elenco delle domande proposte ai partecipanti: Ti piace essere carrellista, o comunque ritieni che sia meglio di altri lavori in azienda? Dopo quanto tempo d uso del carrello senti il bisogno di una pausa e quali sono i primi disagi fisici che senti quando usi a lungo un carrello? Quali sono le tue principali preoccupazioni quando usi il carrello? Hai mai provocato un infortunio o un quasi infortunio utilizzando il carrello? Come è accaduto? Cosa hai provato? Cosa hai pensato? Cosa hai cambiato nel tuo modo di pensare e di agire? Hai mai provato a dire che non volevi andare in retromarcia? Quanto tempo ci vorrà ancora prima che nelle aziende si smetta di andare regolarmente in retromarcia con i carrelli? Quali cambiamenti nella mentalità dovrebbero esserci per smettere con la consuetudine di andare in retromarcia? Chi è che dovrebbe cambiare mentalità? Hai dei suggerimenti per cambiare riguardo alle macchine? Hai dei suggerimenti per cambiare riguardo ai prodotti da trasportare? Hai dei suggerimenti per cambiare riguardo alla organizzazione della disposizione del materiale? In base alle tue conoscenze, i lavoratori che accettano di guidare abitualmente in retromarcia, si sentono nel giusto o pensano che sono complici di una consuetudine pericolosa? Cosa si dovrebbe fare per evitare la commistione tra pedone e carrello? 1 Le tre edizioni del corso per RLS si sono svolti tra settembre 2009 e maggio 2010 a Faenza, Lugo e Ravenna, nati da un progetto dei sindacali di categoria dell agroalimentare FLAI-CGIL, FAI-CISL e UILA-UIL e costruito dal SIRS di Ravenna, organismo frutto della collaborazione tra Provincia di Ravenna, Ausl di Ravenna e sindacati CGIL, CISL e UIL. 1

2 Quanto tempo l azienda ha dedicato allo studio della viabilità? Quali principi si dovrebbero seguire per organizzare la viabilità? TRASCRIZIONE DEI DIALOGHI TI PIACE ESSERE CARRELLISTA, O COMUNQUE RITIENI CHE SIA MEGLIO DI ALTRI LAVORI IN AZIENDA? Io credo sia un lavoro bello perché è vario nel senso che oggi qui, un momento qui, un momento lì, un momento là e il tempo vola. Non mi è mai interessato essere carrellista, no sinceramente no, vedo che hanno o almeno nella fabbrica dove lavoro io, hanno dei ritmi troppo frenetici in confronto a quelli che ho io. Sì, mi piace. Ci sono pregi e difetti è difficile fare paragoni. Lo faccio volentieri è il mio lavoro è quello che mi dà da mangiare, quindi cerco di rispettarlo. No, perché è un lavoro di responsabilità, un lavoro che mi metterebbe ansia. Col carattere che ho. Può darsi che mi piacerebbe, ma non dove lavoro io, perché ci sono troppi carrelli che si incrociano, che sfrecciano, gente che va forte. E io ho paura. Mi sento una grossa responsabilità perché oltretutto adesso i ritmi aumentano sempre e l attenzione comincia a calare. Non è che ce l abbia con loro, ma i meccanici ed elettricisti che son lì sulla linea, lì fermi che ti guardano poi ti ridono e ti ridono dietro e te là, avanti e indietro, avanti e indietro. Non è che invidio chi fa il carrellista forse perché mi son reso conto che arrivi a sera che sei stressato quando lavori in mezzo a colleghi, che sono lì fermi, che devono fare altre operazioni. Diventa molto problematico perché sei teso come una corda di violino perché loro non si rendono conto del pericolo che gli passa vicino. Sei te che devi pensare per loro e fa star male. DOPO QUANTO TEMPO D USO DEL CARRELLO SENTI IL BISOGNO DI UNA PAUSA E QUALI SONO I PRIMI DISAGI FISICI CHE SENTI QUANDO USI A LUNGO UN CARRELLO? Dopo un paio d ore. Mezz ora, 40 minuti, per stendere la schiena e sgranchire le gambe per sentirle un po meglio. Io non mi fermo più, quando parto, parto. C è la linea che non mi permette di abbandonarla. Se lo uso in condizioni normali diciamo che dopo due o tre ore c è, hai bisogno, con i bisogni fisiologici, di scendere. No!? Ogni mezz ora mi fermo due minuti a fare stretching per la schiena, poi risalto su. Se si potesse scendere ogni mezz ora, un ora per il male al collo. Quando faccio la notte, la mia sosta di mezz ora la vado a fare nell orario più critico dalle quattro alle quattro e mezza, mangio prima, ma dormo Mi vado a fare mezz ora di sonno. Dipende anche dalla stagione. Quando arriva l autunno hai bisogno di scaldarti. QUALI SONO LE TUE PRINCIPALI PREOCCUPAZIONI QUANDO USI IL CARRELLO? In mezzo alle file abbiamo due dita e due dita. Se non entriamo proprio centrate, dritte, ecco, arrivi un po spostato o schianti la barriera, o magari a marcia indietro ti tiri dietro quello La mia preoccupazione è solo quella che dovrebbero avere gli altri e che non ce l hanno. La mia preoccupazione è il fatto che mi si sbuchi il pedone, la bicicletta, come succede spesso e volentieri, che te li trovi vicino e loro Ti vedi il pedone all ultimo momento che te lo 2

3 vedi davanti perché non è visibile, perché è lì dove non dovrebbe essere, questa è la cosa che Rovesciare quello che prendo. Puoi anche andare a sbattere da solo: il pavimento scivoloso, freni e vai dritto. Lo so ma ti viene l istinto. Non dire che non ti viene l istinto. Che le donne stiano entro le fila perché io possa passare tranquillamente. Sul terreno, in campagna, il minimo spostamento ti può portare ad urtare qualcuno. Di tirare giù tutto. A volte si passa in spazi veramente stretti. Riuscirei a tirare giù qualsiasi cosa. C è da stare molto attenti. Nel momento in cui si radunano molti camion contemporaneamente, nei momenti in cui si forma il caos organizzato, la mia preoccupazione è la collisione fra muletti, investimento anche di camionisti. Nei momenti in cui è più tranquillo la mia preoccupazione è andare dove non ci sono le buche, dove la parte della corsia è più sana, per le vibrazioni. Nel reparto, investire qualcuno, perché magari ci sono degli angoli un po ciechi. E per come sono stivati i sacconi, chi li ha sistemati: tante volte se non sono stivati bene te ne vengono dietro altri 6 o 7. Se non li abbiamo stivati io e il mio collega, per gli altri abbiamo sempre qualche dubbio. HAI MAI PROVOCATO UN INFORTUNIO O UN QUASI INFORTUNIO UTILIZZANDO IL CARRELLO? COME È ACCADUTO? COSA HAI PROVATO? COSA HAI PENSATO? COSA HAI CAMBIATO NEL TUO MODO DI PENSARE E DI AGIRE? Stavo accatastando dei cassoni e non so perché, vuoti comunque, ma uno è caduto dall alto, non so il perché ed è caduto proprio a 20 cm dalla donna. Che la donna si è voltata ridendo perché non s era accorta di niente e io piangevo dalla paura, adesso poi io ero anche giovane quindi, veramente non l ho neanche sfiorata però l idea di questa cosa che era caduta lì, lei rideva, non si rendono neanche conto del pericolo che corrono. Beh si, sono molto più casinara adesso, urlo o suono o canto, eh si io mi faccio sentire quando arrivo, sbatto le forche per terra insomma, a me mi sentono quando arrivo. Io stavo pesando. Avevo già un box già pesato, appoggiato. Io ho pesato e stavo mettendo il mio box sopra all altro. Una signora che doveva andare in pausa è passata fra me e il box già fatto. Quindi le ho visto le gambe, l avrei stroncata a mezzo. Me la sarei mangiata, infatti l ho urlata, gliene ho dette di ogni, e lei Ma io ti avevo visto! ecco è la risposta che mi ha dato. Nel caso fosse successo, fosse successo qualcosa guarda solo a parlarne adesso mi viene la tigna addosso. Fosse successo qualcosa a parte che l avrei ammazzata non so. Mi pesa un bel po. Un incidente di una persona che venne investita da un carrello. Non c era la segnaletica interna, i carrelli non erano dotati di clacson, c erano i vecchi cicalini. Ci fu un magazziniere che mentre passò dal bagno, e fortuna, andò bene, perché andava proprio ai zero all ora perché l aveva appena acceso, sì solo la forza, gli ha rotto la caviglia. Ah sì sì, dopo righe, tracce, strade, specchi, angoli, tutto quanto. Durante la raccolta dell uva, era piovuto tantissimo e una signora abbastanza robusta, passavo, e col vestito si è attaccata alla melma della ruota del muletto e me la sono trascinata un po. Al momento ho pensato che non era tutta colpa mia, perché andavo piano, l avevo vista quindi mi sono fermata subito. Però ho pensato anche che potevo aver messo sotto una donna. Ci stava benissimo in quel momento. Stavo facendo manovra, avevo le forche alte perché dovevo prendere una cesta che era in seconda fila e stavo controllando un attimo la posizione, e quando mi sono girato ho visto il 3

4 commerciale passare dove non doveva passare, ho schiacciato l emergenza e lui si è messo a ridere, sono passato tanto così dalla faccia, con le forche. Dallo spavento adesso controllo ancora di più, anche se non è sufficiente. Perché ho sempre guardato e quella volta lì era come se il pedone si fosse buttato lui sotto la macchina. Sono più agitato e ci butto un ennesimo occhio. Mi si è rovesciato un pallet di astucci e fortunatamente l operatore non era dove doveva essere. Il pallet era fatto male. Ora, in generale, dico di spostarsi, poi torna a lavorare. HAI MAI PROVATO A DIRE CHE NON VOLEVI ANDARE IN RETROMARCIA? No; Assolutamente no perché, ai nostri tempi quando ci fecero il corso a noi, diciamo di vecchio stampo, è stato insegnato ad andare in retromarcia allora adesso si fa fatica a fare il contrario; Io vado sia in avanti che indietro però, mi rimane più naturale quando son carica, di andare indietro poi dipende; No invece io vado esclusivamente indietro perché i nostri carichi superano, ; No perché come dice lei io, quando ho fatto il corso da carrellista, mi è stato insegnato a guidare il carrello in retromarcia, quindi, per me è più normale andare in retromarcia. Quando la pedana è più bassa e ho visibilità posso andare in avanti però mi rendo conto che i ho i due montanti che mi portano via un sacco di visibilità che io, per stare a vedere avanti, Io vado meglio a guidare indietro; Noi andiamo in avanti perché abbiamo i carrelli bassi; No; No, non mi pongo il problema; Io si il problema me lo pongo, adesso che so che si dovrebbe usare il muletto in avanti. Ho avuto la scuola e il corso dove mi hanno insegnato di guidare all indietro. QUANTO TEMPO CI VORRÀ ANCORA PRIMA CHE NELLE AZIENDE SI SMETTA DI ANDARE REGOLARMENTE IN RETROMARCIA CON I CARRELLI? Parco di carrelli abbastanza nuovo con carrelli delle ultime generazioni, se vuoi, si dovrebbe cambiare tutti i carrelli si parla di sessanta, settanta carrelli. Parco carrelli nuovo quando abbiamo detto che coi carrelli facciamo fatica ad entrare ci han detto non che vedremo ma il freddo costa, perciò non si poteva eliminare una fila per allargarle e perciò si continuerà se vuoi lavorare è così. Il parco carrelli è stato appena cambiato una riorganizzazione del lavoro vorrebbe dire aumento di personale aumento di carrelli e di tutto, aumento delle celle. Quando smetteranno di guidare in quel modo, quando tutti insieme diranno così non vedo più e poi si metteranno al portone dell azienda e diranno non prende nessuno, cambiano i carrelli. QUALI CAMBIAMENTI NELLA MENTALITÀ DOVREBBERO ESSERCI PER SMETTERE CON LA CONSUETUDINE DI ANDARE IN RETROMARCIA? CHI È CHE DOVREBBE CAMBIARE MENTALITÀ? Principalmente il datore di lavoro che è lui che deve decidere di cambiare il parco dei muletti. Prima di tutto noi operatrici, poi anche la gestione aziendale perché deve venirci incontro. Sarà difficile andare avanti quando si è abituati ad andare indietro specialmente da tanto tempo. 4

5 Il parco carrelli è stato rinnovato in luglio ed è stato preso nel reparto carne il carrello grosso appunto perché potesse trasportare due pedane di fusti, due pedane di fusti, io portando due pedane di fusti devo andar per forza indietro. L azienda che ci guadagna è convinta, finché non succede niente di grave, che c è l operatore sul carrello che deve rendere e per rendere bisogna che porti due pedane invece di una, quindi è obbligato ad andare all indietro perché non rende più. Finché tutto va bene e nessuno preme e costringe a cambiare sistema, il nostro sistema continuerà a rimanere questo. HAI DEI SUGGERIMENTI PER CAMBIARE RIGUARDO ALLE MACCHINE? Io all infuori di quello che ci ha presentato l azienda non ho visto. Non ci han fatto vedere niente, ecco. Personalmente conosco delle persone che lavorano in ditte che producono carrelli. Parlando con loro mi hanno sempre detto che con i carrelli si fa di tutto però hanno un costo notevolmente superiore per questo vengono preferiti i muletti tradizionali che non sarebbero più adatti al loro scopo. HAI DEI SUGGERIMENTI PER CAMBIARE RIGUARDO AI PRODOTTI DA TRASPORTARE? Ultimamente in Italia c è molto, tramite la nuova legge per cui non si deve sollevare il peso sopra la propria testa. Infatti per i supermercati vanno delle mezze pedane quindi per quelle i carrelli, almeno dal nostro magazzino, son molto facilitati. Con una mezza pedana molto spesso il carrello si riesce a muovere in avanti. Per l estero no, vogliono le pedane intere. Vanno in una cella automatica dove tutto è stabilito: questa deve esser l altezza perché se è più bassa le fotocellule non te la prendono, deve esser tutto così. Noi abbiamo misure standard. Se c è quel carico che è più alto ci sono i facchini che li smistano, non c è problema. Dalla parte nuova ci sono due o tre robot che fanno il lavoro con le pedane. HAI DEI SUGGERIMENTI PER CAMBIARE RIGUARDO ALLA ORGANIZZAZIONE DELLA DISPOSIZIONE DEL MATERIALE? Tutto molto sparpagliato. La nostra azienda ha tanti anni, è stata fatta un pezzo alla volta perciò, aggiungi un capannone, aggiungi un piazzale, aggiungi un altro capannone, allora la roba va dove c è spazio. Per chi viene da noi ormai ci vuole la mappa. Poi non puoi neanche dire i cartoni vado io so dove sono perché oggi te li mettono qui, domani te li mettono là perché arriva il camion ed è pieno, e lo mettiamo qua. Quando cerchi una cosa è inutile, tocca girarlo tutto Ecco poi perché i carrellisti sono sempre sotto stress arrivi a un punto che fare Milano Roma in autostrada è meno stressante che fare otto ore lì dentro IN BASE ALLE TUE CONOSCENZE, I LAVORATORI CHE ACCETTANO DI GUIDARE ABITUALMENTE IN RETROMARCIA, SI SENTONO NEL GIUSTO O PENSANO CHE SONO COMPLICI DI UNA CONSUETUDINE PERICOLOSA? Si sentono nel giusto; Si sentono nel giusto; Si sentono nel giusto; 5

6 Sono complici di una situazione pericolosa; fino a due anni fa, fino a che non c era stata quella riunione in cui ci hanno detto che era sbagliato andare a marcia indietro, io non ci avevo mai pensato. Pensavo che chi andava a marcia indietro lo facesse perché era giusto farlo e nessuno aveva mai detto più di tanto. Poi ragionandoci sopra, come mi fece ragionare quella signora o signorina della famosa riunione, che disse se compri una macchina, tu vai a marcia avanti o a marcia indietro? ed era a marcia avanti, mi vien da dire che se uno va a guidare un muletto che ha quattro ruote e un volante, hai capito? La normalità sia andare a marcia avanti e andando indietro comunque crei un pericolo, sia ad altri sia a te stesso perché comunque stare girati non è una cosa normale, perché comunque non puoi vedere tutti, non puoi vedere nemmeno il carico che hai davanti. Non è facile, per cui secondo me bisogna essere complici di qualcosa che fai sbagliato. Sono d accordo con il signore. Secondo me chi va a marcia indietro pensa di essere nel giusto. Sicuramente però, c è la legge Il carrello non è per andar indietro quindi Bisogna vedere tante cose. COSA SI DOVREBBE FARE PER EVITARE LA COMMISTIONE TRA PEDONE E CARRELLO? Intanto gli spazi. Molti carrelli non hanno lo spazio giusto per potersi muovere perché anno le linee di lavorazione con le persone molto vicino. In agricoltura non c è niente da fare, i filari sono quelli, non puoi neanche dire di fare i filari più larghi. Mi sono provato una volta a dire di tenere i box più lontano dalle donne ma loro mi hanno detto di portarlo vicino per non dovere fare molti metri con le ceste a mano. L ho fatto per un po poi loro brontolavano e dicevano: Te non preoccuparti che stiamo attente noi. In effetti il motore fa molto rumore e si sente bene. C è solo quello. Formazione anche agli altri operatori perché se uno pensa al codice della strada dice che il mezzo più grosso deve dare la precedenza al pedone. Ma se sei sul lavoro, spesso devi viaggiare è il pedone che in 0,2 si può fermare e ha anche il tempo di guardare meglio certi movimenti quando hai delle linee che si muovono, perché il pedone è piccolino, sbuca all improvviso, te stai viaggiando, vedi che non c è nessuno, vai, sbuca uno, dopo la colpa è del carrellista però bisogna che anche il pedone sia formato e informato di dire qui sta passando un muletto, ma stai in occhio, piuttosto fermati tu e assicurati che non ci sia un muletto che passa. Lì si va veramente a ridurre il rischio perché se si vuole evitare collisioni, fa molto prima il pedone a fermarsi che non viceversa. QUANTO TEMPO L AZIENDA HA DEDICATO ALLO STUDIO DELLA VIABILITÀ? Mezz ora con l ingegnere. Tutto è rimasto come prima. Un giro per vedere se era ancora visibile la segnaletica in terra. Come RLS non sono neanche stata chiamata, quindi credo che proprio nulla. Nel mio stabilimento c è il progetto viabilità e sapendo come si affrontano le cose ci hanno dedicato il tempo necessario. Anche se nel mio reparto non c è un piano viabilità. Ma nel piazzale non c è un rischio collisione. Praticità e sicurezza. Minor tempo per raggiungere A e B nella maniera più sicura. Se fatto in maniera seria non sono in conflitto. Il percorso più pratico è quello che sei sicuro che il lavoratore lo userà perché è il più pratico. Hanno chiamato un consulente, non specificatamente per la viabilità. Hanno chiamato un consulente per velocizzare i tempi di carico, per caricare più camion con il minor numero di persone possibile. La percezione che ho avuto io è che non ha tenuto conto della sicurezza, non ci hanno neanche pensato. Addirittura pensavano di caricare due pallet in una volta 6

7 perché facevi meno viaggi. Il risultato è che a distanza di quasi due anni siamo sempre in quella condizione. L anno scorso abbiamo avuto una certificazione e quindi abbiamo avuto bisogno di planimetrie con la viabilità. Le ho fatte io. Non è che ci siano state riunioni. Mi hanno detto: Prendi la piantina, segna dove passano i camion, se hai dei dubbi chiedi, però molto un segnare l esistente, non c è stata una cosa dietro. Ormai i camion passano di lì, segna che passano di lì. E a parte due uscite di sicurezza che ci siamo accorti che c erano due porte chiuse a chiave e sono state cambiate, hanno fotografato l esistente, non c è stato uno studio. Infatti si è visto che nel reparto confezionamento mentre prima erano su due planimetrie diverse i pedoni e i carrelli mettendo sulla stessa planimetria si è visto che ci sono mille incroci. Infatti il disegno è venuto molto incasinato, ma è la situazione reale. QUALI PRINCIPI SI DOVREBBERO SEGUIRE PER ORGANIZZARE LA VIABILITÀ? Seguire dei codici tipo quello della strada. Evitare quanto più possibile gli incroci. Non pensare che un pedone, perché gli ho fatto la riga, debba fare 3 km per andare da qui a li perché non lo farà mai. Pensare a delle vie ma praticabili. Stare il più lontano possibile dalle persone. Tecnologia per vedere (schermi e telecamera) Logistica e organizzazione. Se lasci al libero arbitrio in Italia è un disastro. La macchinetta del caffè è all ingresso dello stabile vicino allo spogliatoio. Si pensa? (Per organizzare) Se uno cerca la logica non la trova. CONSIDERAZIONI CONCLUSIVE Dal contributo dei lavoratori, sembra di poter proporre le seguenti considerazioni: I carrellisti sono consapevoli della pericolosità del loro lavoro, pericoloso sia per sé sia per gli altri. Sono consapevoli anche della molteplicità di ragioni per cui di fatto i rischi sono ancora elevati. Nelle aziende il tempo dedicato allo studio della viabilità interna, studio finalizzato al miglioramento della sicurezza, è molto scarso se non assente e quando si effettua una analisi della organizzazione degli spostamenti delle merci è finalizzata in genere alla ottimizzazione dei tempi e ad una maggiore produttività, arrivando a conclusioni che potrebbero addirittura contrastare con le esigenze di sicurezza (ad esempio si riducono gli spazi o si chiede di aumentare il carico). L obbligo di valutare il rischio per eliminarlo è, per quanto riguarda la viabilità, ancora in parte significativa, disatteso. Durante i corsi di formazione per carrellisti viene data enfasi alla guida in retromarcia e si dà per scontato che si dovrà usare il carrello prevalentemente in retromarcia in quanto il carico sarà ingombrante. A questo proposito i formatori manifestano stupore quando i lavoratori/discenti comunicano che qualcuno dice che non si deve procedere abitualmente in retromarcia. Si ha l impressione che il messaggio complessivo che viene dato da alcuni formatori sia quantomeno fuorviante. Nella scelta dei carrelli e della disposizioni dei materiali vengono considerate prevalentemente le esigenze della produzione e della sicurezza e sono spesso di fatto trascurate quelle di una viabilità 7

8 sicura. Ad esempio si dà per scontato che il cartellista debba raddoppiare i carichi per risparmiare tempo anche se poi, contemporaneamente, si lascia che un organizzazione disordinata o una programmazione inefficace costringa a un notevole spreco di tempo per altri motivi. Nella attuale legislazione, il fatto che non sia presente una frase specifica che vieti espressamente la guida in retromarcia, non può essere argomento utilizzabile per chiedere e insegnare ai lavoratori di attuare questa pratica pericolosa. Una organizzazione centrata sulla produzione e non integrata nella prevenzione fa si che il lavoratore si trovi di fatto indotto a compiere abitualmente una manovra pericolosa per se e per gli altri, con possibili esiti drammatici in termini di infortuni e quasi infortuni e con disagi e disturbi fisici (ad es. per la continua torsione del rachide). L osservazione in un azienda di una abituale guida in retromarcia appare come un ottimo indicatore di carente cultura e volontà di sicurezza e della possibile violazione di norme di sicurezza del lavoro. 8

- 1 reference coded [0,86% Coverage]

<Documents\bo_min_9_M_18_ita_stu> - 1 reference coded [0,86% Coverage] - 1 reference coded [0,86% Coverage] Reference 1-0,86% Coverage E le altre funzioni, le fotografie, o, non so le altre cose che può offrire il cellulare sono cose che

Dettagli

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI

I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI SPECIAL REPORT I SEGRETI DEL LAVORO PIU RICHIESTO NEGLI ANNI DELLA CRISI Come assicurarti soldi e posto di lavoro nel bel mezzo della crisi economica. www.advisortelefonica.it Complimenti! Se stai leggendo

Dettagli

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST -

RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - RICOMINCIARE UNA NUOVA VITA IN AUSTRALIA? - UN SIMPATICO TEST - INIZIO Ricominciare una nuova vita da zero mi spaventa peró so che tante persone ce la fanno, posso farcela anch io! preferirei continuare

Dettagli

Avevamo tutti un contratto a tempo indeterminato, eravamo in regola. Io lavoravo con l azienda madre ma l operaio che ha subito l infortunio lavorava

Avevamo tutti un contratto a tempo indeterminato, eravamo in regola. Io lavoravo con l azienda madre ma l operaio che ha subito l infortunio lavorava Il lavoro offeso Avevamo tutti un contratto a tempo indeterminato, eravamo in regola. Io lavoravo con l azienda madre ma l operaio che ha subito l infortunio lavorava in subappalto. Noi ditta madre cercavamo

Dettagli

HO PERSO IL COSO PER LAVARE I DENTI

HO PERSO IL COSO PER LAVARE I DENTI HO PERSO IL COSO PER LAVARE I DENTI Elisa Riedo conversa con Maria, 8 febbraio 2007. Il nome della paziente e ogni altro dato che possa permetterne l identificazione è stato alterato per rispettarne la

Dettagli

Mafia, amore & polizia

Mafia, amore & polizia 20 Mafia, amore & polizia -Ah sì, ora ricordo... Lei è la signorina... -Francesca Affatato. -Sì... Sì... Francesca Affatato... Certo... Mi ricordo... Lei è italiana, non è vero? -No, mio padre è italiano.

Dettagli

Cosa ti porti a casa?

Cosa ti porti a casa? 8. L o p i n i o n e d e i r a g a z z i e d e l l e r a g a z z e Cosa ti porti a casa? A conclusione dell incontro di restituzione è stato richiesto ai ragazzi di riportare in forma anonima una valutazione

Dettagli

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai.

Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Quello che i libri sulle diete e sul fitness non ti diranno mai. Prima di tutto voglio farti i complimenti per l apertura mentale che ti ha portato a voler scaricare questo mini ebook. Infatti, non è da

Dettagli

A SCUOLA IN BICICLETTA

A SCUOLA IN BICICLETTA A SCUOLA IN BICICLETTA Come si fa? di Michele Mutterle Tuttinbici FIAB Vicenza Michele Mutterle A scuola in Prima di tutto: procurati una bici! Che deve essere Comoda Giusta per la tua età perfettamente

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Il maestro nuovo è tornato

Il maestro nuovo è tornato rob buyea Il maestro nuovo è tornato Traduzione di Beatrice Masini Rizzoli Titolo originale: Mr. Terupt Falls Again 2012 Rob Buyea Pubblicato per la prima volta negli Stati Uniti nel 2012 da Delacorte

Dettagli

PAZIENTE: Le ho mai parlato della mania delle foto? CLINICO: No. PAZIENTE: Adesso era un periodo che non ci pensavo più, ma ho passato dei mesi con

PAZIENTE: Le ho mai parlato della mania delle foto? CLINICO: No. PAZIENTE: Adesso era un periodo che non ci pensavo più, ma ho passato dei mesi con PAZIENTE: Le ho mai parlato della mania delle foto? CLINICO: No. PAZIENTE: Adesso era un periodo che non ci pensavo più, ma ho passato dei mesi con questa mania di fare sempre fotografie ai bambini: e

Dettagli

DA IPSOA LA SOLUZIONE PER COSTRUIRE E GESTIRE IL SITO DELLO STUDIO PROFESSIONALE!

DA IPSOA LA SOLUZIONE PER COSTRUIRE E GESTIRE IL SITO DELLO STUDIO PROFESSIONALE! DA IPSOA LA SOLUZIONE PER COSTRUIRE E GESTIRE IL SITO DELLO STUDIO PROFESSIONALE! 1 Web Site Story Scoprite insieme alla Dott.ssa Federica Bianchi e al Dott. Mario Rossi i vantaggi del sito internet del

Dettagli

MILENA GABANELLI IN STUDIO

MILENA GABANELLI IN STUDIO COME VA A FINIRE? Contanti saluti al nero aggiornamento del 15/4/2012 Di Stefania Rimini MILENA GABANELLI IN STUDIO Il 15 aprile scorso abbiamo proposto di ridurre drasticamente l uso del contante. Perché

Dettagli

- 1 reference coded [3,95% Coverage]

<Documents\bo_min_10_F_18_ita_stu> - 1 reference coded [3,95% Coverage] - 1 reference coded [3,95% Coverage] Reference 1-3,95% Coverage beh, allora, eh, sì, sicuramente i giovani sono sicuramente attratti da, non solo da delle ideologie che

Dettagli

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è

Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è I fogli bianchi Ogni fatto e personaggio è puramente casuale, nomi e cognomi sono puramente di fantasia e quindi non riconducibili alla realtà, anche il racconto è frutto di immaginazione e non ha nessuna

Dettagli

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini:

1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 1 1. Ascolta la canzone e metti in ordine le immagini: Pag. 2 Adesso guarda il video della canzone e verifica le tue risposte. 2. Prova a rispondere alle domande adesso: Dove si sono incontrati? Perché

Dettagli

Dimmi che è solo un sogno!

Dimmi che è solo un sogno! Mariuccia FADDA Istituto Tecnico Commerciale G. Dessì, classe 4 a E Dimmi che è solo un sogno! Tutto è iniziato con uno stupido intervento alla gamba, in quello stupido ospedale, con quello stupido errore

Dettagli

www.businesstribe.it Michele Tampieri intervista Marina Osnaghi Business Coaching: Leadership & Obiettivi

www.businesstribe.it Michele Tampieri intervista Marina Osnaghi Business Coaching: Leadership & Obiettivi www.businesstribe.it Michele Tampieri intervista Marina Osnaghi Business Coaching: Leadership & Obiettivi Ciao a tutti e benvenuti in Business Tribe, il blog che tratta argomenti di business per aumentare

Dettagli

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un

Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del. giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un 1 Sindaco BERGAGNA Stefano Passiamo al successivo punto all ordine del giorno. Cedo un attimo la presidenza al Vice Sindaco perché devo un attimo assentarmi, ma è una questione di cinque minuti. Devo uscire,

Dettagli

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010

MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 MA COSA SARA QUELLO STRANO BIDONE? VIAGGIO AVVENTUROSO NEL MONDO DELLA RACCOLTA DIFFERENZIATA A CISTERNA D ASTI 1 19 NOVEMBRE 2010 Il cantoniere di Cisterna, Roberto Massocco, ci ha portato un bel bidone

Dettagli

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!!

IL TUO CORPO NON E STUPIDO! Nonostante se ne parli ancora oggi, il concetto di postura corretta e dello stare dritti è ormai superato.!! IL TUO CORPO NON E STUPIDO Avrai sicuramente sentito parlare di postura corretta e magari spesso ti sei sentito dire di stare più dritto con la schiena o di non tenere le spalle chiuse. Nonostante se ne

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.

Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio. Illustrazioni, ideazione grafica e impaginazione realizzate da MoaiStudio di Canovi Christian e Roggerone Maurizio www.moaistudio.com Storia di Milena Lanzetta SE C È UN GIORNO DELLA SETTIMANA CHE FILIPPO

Dettagli

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing

Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Quello Che Non Ti Dicono Sul Network Marketing Ciao da Matteo Nodari di Network Marketing Top Strategy! Come ti dicevo il network marketing è uno dei settori più controversi e fraintesi di tutti i tempi.

Dettagli

Hai mai guidato una macchina?

Hai mai guidato una macchina? INDICE CAPITOLO UNO Al posto di guida 7 CAPITOLO DUE Un segreto sulla rabbia 13 CAPITOLO TRE Arrabbiarti ti aiuta a farti degli amici? 23 CAPITOLO QUATTRO Al fuoco, al fuoco! 27 CAPITOLO CINQUE Metodo

Dettagli

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript

Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Continuers (Section I Listening and Responding) Transcript Familiarisation Text SILVIO: FLAVIA: SILVIO: FLAVIA: SILVIO:

Dettagli

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO

LA TEORIA DEL CUCCHIAIO 90 ICARO MAGGIO 2011 LA TEORIA DEL CUCCHIAIO di Christine Miserandino Per tutti/e quelli/e che hanno la vita "condizionata" da qualcosa che non è stato voluto. La mia migliore amica ed io eravamo nella

Dettagli

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI?

ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? ROMANZO «DI» O «CON» IMMAGINI? Lui. Tempo fa ho scritto un libro tutto parole niente immagini. Lei. Bravo. Ma non mi sembra una grande impresa. Lui. Adesso vedrai: ho appena finito un libro tutto immagini

Dettagli

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di

RACCONTO TRATTO DAL LIBRO. DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di RACCONTO TRATTO DAL LIBRO DONNE CHE RACCONTANO IL LAVORO a cura di Roberta Griffini, Francesca Matichecchia, Debora Roversi, Marzia Tanzini Disegno di Pat Carra Filcams Cgil Milano Margherita impiegata

Dettagli

DAL SEME ALLA PIANTA

DAL SEME ALLA PIANTA SCHEDA N 3 DAL SEME ALLA PIANTA Un altra esperienza di semina in classe potrà essere effettuata a piccoli gruppi. Ogni gruppo sarà responsabile della crescita di alcuni semi, diversi o uguali. Es. 1 gruppo:

Dettagli

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate!

Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Assistenza sanitaria a misura di bambino - Bambini e giovani: diteci cosa ne pensate! Il Consiglio d'europa è un'organizzazione internazionale con 47 paesi membri. La sua attività coinvolge 150 milioni

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO I GNAZIOM ARI NO.IT Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma. La nostra città mi piace molto, ma negli ultimi

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali)

Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Paola Dell Orto presidentessa di Agedo (L Associazione di genitori di omosessuali) Al mare, verso gli undici anni, avevo fatto amicizia con un bagnino. Una cosa innocentissima, ma mia madre mi chiedeva

Dettagli

Cosa non farei per te

Cosa non farei per te Cosa non farei per te Un fotoromanzo per pensare a cura delle Peerleaders Il gruppo di amici... Paolo - 17 anni Gloria - 16 anni Andrea - 18 anni Sara - 18 anni Roberta - 16 anni Elena - 18 anni Martina

Dettagli

NONA LEZIONE L AUTOSTOP

NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE L AUTOSTOP NONA LEZIONE 96 L autostop Scendi pure tu dalla macchina? Devo spingere anch io? Sì, se vuoi. Ma scusa, quanto è distante il distributore di benzina? Non lo so qualche chilometro.

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Esempi di Conversazioni Coach-Cliente

Esempi di Conversazioni Coach-Cliente Esempi di Conversazioni Coach-Cliente Semplici Modelli di Coaching con tecniche descritte durante il corso. Esempio di Conversazione Coaching n. 1 Coach: Buongiorno, Sandra. Come stai oggi? Come vanno

Dettagli

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa

Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Benvenuto/a o bentornato/a Non ho idea se è la prima volta che vedi un mio prodotto oppure se in passato le nostre strade si sono già incrociate, poco importa Non pensare di trovare 250 pagine da leggere,

Dettagli

Come Lavorare in Rugbystories.it

Come Lavorare in Rugbystories.it Come Lavorare in Rugbystories.it Una guida per i nuovi arrivati IL PUNTO DI PARTENZA PER I NUOVI ARRIVATI E UN PUNTO DI RITORNO PER CHI NON RICORDA DA DOVE E ARRIVATO. 1 Come Lavorare in Rugbystories.it

Dettagli

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna...

Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna... Se fossi donna molto probabilmente avrei un comportamento diverso. Il mio andamento scolastico non è dei migliori forse a causa dei miei interessi (calcio,videogiochi, wrestling ) e forse mi applicherei

Dettagli

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35

belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 belotti1.indd 1 10/06/11 15:35 CLAUDIO BELOTTI LA VITA COME TU LA VUOI La belotti1.indd vita come tu 2 la vuoi_testo intero.indd 3 23/05/11 10/06/11 14.02 15:35 la vita come tu la vuoi Proprietà Letteraria

Dettagli

Perché non ho provato

Perché non ho provato Elena Colella Perché non ho provato Sin dai primi giorni, l arrivo di Esther mise sottosopra l intero quartiere. Esther, 30 anni circa. Jeans aderenti e stivali neri in pelle. Maglie scure aderenti. Carnagione

Dettagli

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore

tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore tutto tranne l amore giuseppe di costanzo ad est dell equatore 2013 ad est dell equatore vico orto, 2 80040 pollena trocchia (na) www.adestdellequatore.com info@adestdellequatore.com [uno] Milano. Un ufficio

Dettagli

[NRG] Power Sponsoring Video#1 Trascrizione del video:

[NRG] Power Sponsoring Video#1 Trascrizione del video: [NRG] Power Sponsoring Video#1 Trascrizione del video: "Come venire invitato: Perché i contatti dal mercato freddo sono morti, e che cosa fare ora... " Ciao il mio nome è Alessandro Zani e io sono il creatore

Dettagli

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano

Australia. Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Australia Il sogno infranto di un giovane emigrante italiano Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Antonino Santamaria

Dettagli

La dura realtà del guadagno online.

La dura realtà del guadagno online. La dura realtà del guadagno online. www.come-fare-soldi-online.info guadagnare con Internet Introduzione base sul guadagno Online 1 Distribuito da: da: Alessandro Cuoghi come-fare-soldi-online.info.info

Dettagli

A- All inizio ho trovato delle difficoltà in banca per accedere ai crediti

A- All inizio ho trovato delle difficoltà in banca per accedere ai crediti INTERVISTA 8 I- Ha avuto qualche altra esperienza lavorativa prima di mettere in piedi questa attività A- Io ho 50 anni, ho iniziato a lavorare a 17 anni e per 10 anni ho lavorato in un impresa stradale,

Dettagli

INTRODUZIONE I CICLI DI BORSA

INTRODUZIONE I CICLI DI BORSA www.previsioniborsa.net 1 lezione METODO CICLICO INTRODUZIONE Questo metodo e praticamente un riassunto in breve di anni di esperienza e di studi sull Analisi Tecnica di borsa con specializzazione in particolare

Dettagli

I 6 CRITERI FONDAMENTALI per SCEGLIERE UN BUON CORSO DI APPRENDIMENTO EFFICACE

I 6 CRITERI FONDAMENTALI per SCEGLIERE UN BUON CORSO DI APPRENDIMENTO EFFICACE I 6 CRITERI FONDAMENTALI per SCEGLIERE UN BUON CORSO DI APPRENDIMENTO EFFICACE Ciao, sono Giovanni Sposito. Da più di 13 anni ormai mi occupo di formazione, nelle sue diverse declinazioni. Da alcuni episodi

Dettagli

http://www.sprachkurse-hochschule.de

http://www.sprachkurse-hochschule.de Lingua: Italiana Livello: A1/A2 1. Buongiorno, sono Sandra, sono di Monaco. (a) Buongiorno, sono Sandra, sono da Monaco. Buongiorno, sono Sandra, sono in Monaco. 2. Mia sorella chiama Kerstin. (a) Mia

Dettagli

Livello A2 Unità 9 Sanità In questa unità imparerai:

Livello A2 Unità 9 Sanità In questa unità imparerai: Livello A2 Unità 9 Sanità In questa unità imparerai: a comprendere testi orali e scritti sulla sanità a parlare della tua salute parole relative alla corpo umano e alla salute a usare il passato prossimo

Dettagli

MANUALE DI SOPRAVVIVENZA PER CHI VA IN BICI

MANUALE DI SOPRAVVIVENZA PER CHI VA IN BICI MANUALE DI SOPRAVVIVENZA PER CHI VA IN BICI Undici modi per non farsi investire usando la bicicletta Fiab AdB Gruppo Cicloescursionistico Massa Lombarda Lugo - Ravenna INTRODUZIONE Questa piccola guida

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Motocicletta. Il bello della strada, il piacere della sicurezza. upi Ufficio prevenzione infortuni

Motocicletta. Il bello della strada, il piacere della sicurezza. upi Ufficio prevenzione infortuni Motocicletta Il bello della strada, il piacere della sicurezza upi Ufficio prevenzione infortuni Fai una gita in moto e senti l'aria che ti accarezza la faccia, ti godi la libertà che solo una due ruote

Dettagli

COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE

COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE COME RISPARMIARE IL 20% ED OLTRE DEL TUO CARBURANTE Senza cambiare benzinaio, percorsi o abitudini di spostamento. Premetto che scrivo questo e-book perché ho sperimentato personalmente tutto ciò che andrò

Dettagli

Da Radio RDS 12 Maggio 2005 editing: GrigioViola supporto morale: kury

Da Radio RDS 12 Maggio 2005 editing: GrigioViola supporto morale: kury Da Radio RDS 12 Maggio 2005 editing: GrigioViola supporto morale: kury Tamara: è con noi Mr Jovanotti! Ciao! Lorenzo: grazie, grazie, grazie Tamara. Be, mi hai emozionato, insomma! T: no, lo dico col cuore

Dettagli

Saper usare correttamente le ricerche di mercato è la linea di confine che separa i bravi professionisti del marketing da chi improvvisa.

Saper usare correttamente le ricerche di mercato è la linea di confine che separa i bravi professionisti del marketing da chi improvvisa. 1. Il confine tra dilettanti e professionisti Saper usare correttamente le ricerche di mercato è la linea di confine che separa i bravi professionisti del marketing da chi improvvisa. Le ricerche di mercato,

Dettagli

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT

una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT una città a misura di bambino IGNAZIO MARINO SINDACO IGNAZIOMARINO.IT SEGUI LE STORIE DI IGNAZIO E DEL SUO ZAINO MAGICO Ciao mi chiamo Ignazio Marino, faccio il medico e voglio fare il sindaco di Roma.

Dettagli

MANIFESTARE RISULTATI ESTRATTO

MANIFESTARE RISULTATI ESTRATTO MANIFESTARE RISULTATI ESTRATTO Abbiamo pensato di proporti un breve, pratico ed utile estratto del Corso Manifestare Risultati. È la prima volta che condividiamo parte del materiale con chi ancora non

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

scopri i 7 rischi che corri 5 servizi che devi dall agenzia immobiliare

scopri i 7 rischi che corri 5 servizi che devi dall agenzia immobiliare 1 scopri i 7 rischi che corri nell acquisto della tua nuova casa e le 3 soluzioni che possono salvarti dall acquisto sbagliato. 5 servizi che devi pretendere dall agenzia immobiliare 2 Che si tratti dell

Dettagli

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2004 2005 PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Codici. Scuola:... Classe:..

Rilevazione degli apprendimenti. Anno Scolastico 2004 2005 PROVA DI ITALIANO. Scuola Primaria. Classe Seconda. Codici. Scuola:... Classe:.. Ministero dell Istruzione dell Università e della Ricerca Istituto Nazionale per la valutazione del sistema educativo di istruzione e di formazione Rilevazione degli apprendimenti Anno Scolastico 2004

Dettagli

Lasciatevi incantare

Lasciatevi incantare Lasciatevi incantare Rita Pecorari LASCIATEVI INCANTARE favole www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Rita Pecorari Tutti i diritti riservati Tanto tempo fa, io ero ancora una bambina, c era una persona

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online. chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili COME PARTIRE Una guida per avviare il tuo business e guadagnare online Questo report si pone l obiettivo di dare una concreta speranza a chi non ha un lavoro, è precario, è in condizioni economiche difficili

Dettagli

Trovare il lavorochepiace

Trovare il lavorochepiace Trovare il lavorochepiace Perché a molti sembra così difficile? Perché solo pochi ci riescono? Quali sono i pezzi che perdiamo per strada, gli elementi mancanti che ci impediscono di trovare il lavorochepiace?

Dettagli

Pochi minuti possono cambiare la tua vita

Pochi minuti possono cambiare la tua vita Pochi minuti possono cambiare la tua vita Caro amico/cara amica, i pochi minuti spesi per la lettura di questa presentazione saranno quelli spesi meglio in tutta la tua vita! Lo so che questa affermazione

Dettagli

UNA TECNICA DI MEMORIA CHE NON SERVE A NIENTE : IMPARARE CODICI BINARI A VELOCITÀ SUPERSONICA.

UNA TECNICA DI MEMORIA CHE NON SERVE A NIENTE : IMPARARE CODICI BINARI A VELOCITÀ SUPERSONICA. I UNA TECNICA DI MEMORIA CHE NON SERVE A NIENTE : IMPARARE CODICI BINARI A VELOCITÀ SUPERSONICA. Un codice binario è un stringa di numeri che, indipendente dalla sua lunghezza, presenta una successione

Dettagli

SFERA COACHING IL MODELLO SFERA

SFERA COACHING IL MODELLO SFERA IL MODELLO SFERA Questa sintesi viene utilizzata per la formazione degli allenatori che frequentano i corsi di Juventus University e fa particolare riferimento dunque all applicazione del modello nel mondo

Dettagli

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno.

CASA DI CHARLIE. In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. NONNO: Sera a tutti. MAMMA: Ciao papà. CASA DI CHARLIE In scena la mamma che cucina, la nonna che cuce e Charlie che fa i compiti. Entra il nonno. CHARLIE: Ciao nonno. NONNA: Ciao caro. MAMMA: La zuppa

Dettagli

Tenersi per mano nella società dell incertezza.

Tenersi per mano nella società dell incertezza. Tenersi per mano nella società dell incertezza. Ricerca Spi Cgil Lombardia-AASter, settembre 2004 Discorsi sugli anziani. Viviamo, anziani e non anziani, nel postmoderno. Che in prima approssimazione si

Dettagli

Ci relazioniamo dunque siamo

Ci relazioniamo dunque siamo 7_CECCHI.N 17-03-2008 10:12 Pagina 57 CONNESSIONI Ci relazioniamo dunque siamo Curiosità e trappole dell osservatore... siete voi gli insegnanti, mi insegnate voi, come fate in questa catastrofe, con il

Dettagli

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati

Le storie di. Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati Le storie di Alcuni 2011 - Tutti i diritti sono riservati 1 Un messaggio scontato FIRENZE, IN UN POMERIGGIO D INVERNO. MATILDE È NELLA SUA CAMERA. Uffa! Ma quando finiscono questi compiti? Sono quasi le

Dettagli

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript

HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION. Italian Beginners. (Section I Listening) Transcript 2014 HIGHER SCHOOL CERTIFICATE EXAMINATION Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MALE: FEMALE: MALE: FEMALE: Ciao Roberta! Da quanto tempo che non ci vediamo Dove vai?

Dettagli

Il prossimo progetto

Il prossimo progetto Il prossimo progetto Probabilmente avrei dovuto usare una pietra più chiara per il pavimento. Avrebbe sottolineato la dimensione naturale della hall di ingresso, o forse è sbagliato il legno, anche se

Dettagli

PROGETTI PER IL FUTURO

PROGETTI PER IL FUTURO PROGETTI PER IL FUTURO 77 LA NOSTRA ANTOLOGIA La mia vita la vivo io Oggi mi sento integrato molto bene qui perché ho perso le paure che avevo, ho cambiato molti pensieri: adesso non ho più paura di quello

Dettagli

Livello A2 Unità 9 Sanità

Livello A2 Unità 9 Sanità Livello A2 Unità 9 Sanità Chiavi Lavoriamo sulla comprensione 1. Ascolta il testo. Vero o Falso? Vero Falso 1. Sergey va dal dottore per un influenza. X 2. Sergey ha sofferto di dolori alla schiena in

Dettagli

1 Decidi come finisce la frase.

1 Decidi come finisce la frase. No mamma no A1/A2 anno di produzione: 1993 durata: 18 genere: commedia regia: Cecilia Calvi sceneggiatura: Cecilia Calvi fotografia: Franco Lecca montaggio: Valentina Migliaccio interpreti: Isa Barsizza,

Dettagli

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript

Italian Beginners (Section I Listening) Transcript 2013 H I G H E R S C H O O L C E R T I F I C A T E E X A M I N A T I O N Italian Beginners (Section I Listening) Transcript Familiarisation Text MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: MARINO: RENATA: Ciao Renata.

Dettagli

Essere felici al lavoro / Fate qualcosa per gli altri

Essere felici al lavoro / Fate qualcosa per gli altri 26/3/2015 Essere felici al lavoro / Fate qualcosa per gli altri Essere felici al lavoro / Fate qualcosa per gli altri È un dato di fatto: rispettare il prossimo e fare azioni positive nei confronti degli

Dettagli

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013

Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Come Creare un Guadagno Extra nel 2013 Tempo di lettura: 5 minuti Marco Zamboni 1 Chi sono e cos è questo Report Mi presento, mi chiamo Marco Zamboni e sono un imprenditore di Verona, nel mio lavoro principale

Dettagli

Amore in Paradiso. Capitolo I

Amore in Paradiso. Capitolo I 4 Amore in Paradiso Capitolo I Paradiso. Ufficio dei desideri. Tanti angeli vanno e vengono nella stanza. Arriva un fax. Lo ha mandato qualcuno dalla Terra, un uomo. Quando gli uomini vogliono qualcosa,

Dettagli

Umberto Fiori Nove poesie

Umberto Fiori Nove poesie Umberto Fiori Nove poesie APPARIZIONE Alte sopra la tangenziale, chiare, due case con in mezzo un capannone. E questa l apparizione, ma non c è niente da annunciare. Eppure solo a vederli là fermi, diritti

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Lezioni di spicce Fotografia

Lezioni di spicce Fotografia Lezioni spicce di fotografia Lezioni di spicce Fotografia 1 Introduzione L idea di queste pagine, un po spicce, vagamente sbrigative, nascono da una conversazione in chat, perché anche io chatto, con un

Dettagli

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza.

Le metafore della scienza. di Tommaso Castellani. S. Ho saputo che hai fatto un seminario intitolato Le metafore della scienza. Le metafore della scienza di Tommaso Castellani Un dialogo tra: F. Un fisico che fa ricerca all università. I. Un fisico che si occupa di insegnamento a scuola. S. Uno studente sulla strada della fisica.

Dettagli

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana

PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana PLIDA Progetto Lingua Italiana Dante Alighieri Certificazione di competenza in lingua italiana Testi delle prove di ascolto delle prove Ascoltare dei livelli A1, A2, B1. Ascoltare A1 Prima parte M: Signora

Dettagli

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che

Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che Nonno Toni! esclamò Tino. Sono pronto. Che storia leggiamo stasera? Lo scalpiccìo dei piedini sulla scala echeggiò per tutta la casa. Tino entrò di corsa, già in pigiama, ansioso di ascoltare una storia.

Dettagli

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana Via Aurelia, 796-00165 Roma - Italia www.caritasitaliana.it Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana PRIMA SETTIMANA di Avvento

Dettagli

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda

PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Rilevazione degli apprendimenti PROVA DI ITALIANO - Scuola Primaria - Classe Seconda Anno Scolastico 2011 2012 PROVA DI ITALIANO Scuola Primaria Classe Seconda Spazio per l etichetta autoadesiva ISTRUZIONI

Dettagli

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013

QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI. elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 QUESTIONARIO SULLE DIPENDENZE da MEZZI TECNOLOGICI elaborato dagli alunni della 3E a.s. 2012-2013 F= risposta degli alunni/figli G = risposta dei genitori F: 1- Cosa pensi della dipendenza elettronica?

Dettagli

INTERVISTA A WOLFGANG EGGER

INTERVISTA A WOLFGANG EGGER INTERVISTA A WOLFGANG EGGER Domande a cura di Carlo Alberto Monti, Presidente Club Alfa Sport Trascrizione: Mapelli Paolo, Responsabile Stampa Fotografie: Mapelli Paolo per Club Alfa Sport Come vive la

Dettagli

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA

SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE LUCIA NON LO SA SETTIMA LEZIONE 72 Lucia non lo sa Claudia Claudia Come? Avete fatto conoscenza in ascensore? Non ti credo. Eppure devi credermi, perché è la verità. E quando? Un ora fa.

Dettagli

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la

L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la Il vero Amore L amore viene considerato il motore del mondo, per amore (o pseudo tale) noi compiamo la maggior parte delle nostre azioni, inoltre credo che esso sia la cosa più bella che Dio ci ha donato,

Dettagli

Come imparare a disegnare

Come imparare a disegnare Utilizzare la stupidità come potenza creativa 1 Come imparare a disegnare Se ti stai domandando ciò che hai letto in copertina è vero, devo darti due notizie. Come sempre una buona e una cattiva. E possibile

Dettagli

Reporter di informazione COME FARTI CONTATTARE...

Reporter di informazione COME FARTI CONTATTARE... Reporter di informazione COME FARTI CONTATTARE... Questo e' il primo reporter che rivelo per un perido di tempo limitato: ''Gratuitamente'' a seguire nelle pagine del sito troverai gli altri 6. @ Se tu

Dettagli

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook

Louise L. Hay. vivi bene adesso. Ebook Louise L. Hay vivi bene adesso Ebook Traduzione: Katia Prando Editing: Enza Casalino Revisione: Martina Marselli, Gioele Cortesi Impaginazione: Matteo Venturi 2 E ora parliamo di autostima. Non avrai mai

Dettagli

ovvero: Undici modi per non farsi investire usando la bicicletta

ovvero: Undici modi per non farsi investire usando la bicicletta ovvero: Undici modi per non farsi investire usando la bicicletta Comune di Reggio Emilia Assessorato Mobilità-Traffico-Infrastruttur e Assessorato Ambiente e Città Sostenibile Ufficio Mobilità Ciclabile

Dettagli