Sede legale: via Nubi di Magellano, Reggio Emilia INTERVENTO DI POTENZIAMENTO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI SORBOLO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sede legale: via Nubi di Magellano, 30-42123 Reggio Emilia INTERVENTO DI POTENZIAMENTO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI SORBOLO"

Transcript

1 Sede legale: via Nubi di Magellano, Reggio Emilia INTERVENTO DI POTENZIAMENTO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI SORBOLO PER DISCUSSIONE PER APPROV. PRELIMINARE DEFINITIVO ESECUTIVO 0 20/1/12 1 a Stesura REV. DATA DESCRIZIONE PROGETTATO DISEGNATO CONTROLLO ELABORAZIONE PROGETTO PROGETTO PROGETTAZIONE IREN ACQUA GAS INTERVENTO DI POTENZIAMENTO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI SORBOLO Gestione Investimenti Area Emilia Ing. Fabio Morini ELABORATO TITOLO COMMESSA RG RELAZIONE GENERALE NOME FILE SCALA DISEGNO DI PROPRIETA' RISERVATA A TERMINI DI LEGGE, VIATATA LA RIPRODUZIONE E LA COMUNICAZIONE A TERZI ANCHE PARZIALE SENZA AUTORIZZAZIONE SCRITTA

2 DESCRIZIONE GENERALE DELL INTERVENTO Oggetto dell intervento. L intervento oggetto della presente progettazione è finalizzato alla realizzazione di opere edili ed impiantistiche per il potenziamento e l adeguamento del depuratore acque reflue di Sorbolo capoluogo, nell omonimo Comune. La potenzialità dell impianto di depurazione a seguito dell intervento verrà incrementata a a.e. Ubicazione dell area di intervento L area d intervento è situata al margine sud-ovest del capoluogo, nei pressi del Canale Fumolenta, ed è accessibile percorrendo un breve tratto di strada inghiaiata al termine di via Gruppini. Più in dettaglio, le nuove opere verranno realizzate parte all interno dell area già occupata dall impianto esistente e parte esternamente, in corrispondenza delle fasce adiacenti e confinanti sui lati nord, est e sud, che ora risultano adibite ad uso agricolo. Stato di fatto I liquami sono soggetti ad uno schema classico di trattamento biologico, suddiviso lungo due linee poste in parallelo e costituite ognuna dalla sezione di ossidazione/nitrificazione preceduta da quella di predenitrificazione, ed infine seguite dai sedimentatori secondari. I fanghi di supero vengono convogliati in un ispessitore da dove una volta addensati possono essere inviate ai letti di drenaggio esistenti oppure ad una vasca di accumulo da cui sono prelevati mediante autoespurgo per essere trasferiti presso un impianto di trattamento autorizzato. Le acque depurate vengono scaricate tramite una apposita conduttura, recapitante nel Canale Fumolenta. Descrizione di sintesi dell intervento L intervento prevede la realizzazione delle seguenti opere: - Potenziamento dell impianto di sollevamento; - Realizzazione di una sezione di trattamento preliminare consistente in: grigliatura fine a tamburo, dissabbiatura e disoleatura; - Realizzazione di una vasca di ripartizione delle portate; - Trasformazione delle vasche di denitrificazione in vasche per la defosfatazione biologica; - Trasformazione delle vasche di ossidazione/nitrificazione in vasche di denitrificazione; - Equipaggiamento con mixer e miscelatori delle unità di defosfatazione e denitrificazione; - Realizzazione delle due nuove linee di ossidazione /nitrificazione; - Realizzazione di un nuovo sistema di aerazione nei comparti di ossidazione del tipo a tappeto poroso; - Realizzazione di una centrale di compressione aria mediante soffiatori a lobi; - Realizzazione di un nuovo bacino di sedimentazione secondaria; - Realizzazione della vasca di disinfezione con impianto di dosaggio disinfettante; - Realizzazione impianto di filtrazione acqua per il riutilizzo interno di acqua depurata ai fini del processo e delle relative linee di distribuzione; - Realizzazione di una piazzola in cls atta ad ospitare macchine montate su intelaiatura mobile; - Installazione di un gruppo elettrogeno di soccorso; - Realizzazione di nuovi locali tecnologici: locale quadri elettrici, locale soffiatori, locale disidratazione fanghi e ristrutturazione dei locali di servizio esistenti; - Realizzazione del nuovo piping linea acqua e linea fanghi, comprensive di collettori e pompe; - Realizzazione di una fognatura per acque meteoriche; - Realizzazione di una linea di drenaggio per acque tecniche (surnatanti, drenaggi, ecc ); - Realizzazione impianti elettrici e di telecontrollo; - Realizzazione di un nuovo scarico per le acque depurate; - Opere di sistemazione e di viabilità interne e di mitigazione. Pagina 1 di 5

3 DESCRIZIONE DEL PROGETTO Premesse L eseguibilità del progetto è stata confermata in sede di screening, previo l esecuzione delle necessarie indagini che hanno confermato la compatibilità vincolistica-ambientale, archeologica ed idrogeologica, dei luoghi prescelti. In questa sede ci limitiamo ad indicare che, nel complesso, non sono emersi particolari fattori ostativi alla realizzazione delle opere previste. Le successive indagini di dettaglio di tipo geotecnico hanno ulteriormente confermato che le opere in oggetto sono eseguibili, fornendo inoltre i dati necessari per i dimensionamenti strutturali. Dal punto di vista strutturale ed impiantistico si è prescelto uno schema classico e sperimentato, comunque dotato di sistemi in linea con la migliore tecnologia disponibile secondo costi compatibili alle finalità dell intervento, che verrà compiutamente descritto nei paragrafi successivi e che, a nostro avviso, consiste nella soluzione ottimale senza richiedere analisi di ulteriori scelte progettuali. Caratteristiche degli influenti: previsioni sulla variabilità degli scarichi Il refluo che attualmente perviene all impianto è costituito dalla miscela tra i liquami di provenienza civile e da quelli assimilabili provenienti dalle varie utenze diffuse nel territorio. In previsione è atteso un incremento del carico idraulico dovuto all incremento delle utenze territoriali, abbiamo potuto verificare che l aumento medio tendenziale degli abitanti è pari ad una media annua del 2%, mentre quello delle utenze produttive che fanno uso di acqua nel loro processo sta subendo un incremento medio su base annua del 4,5%. Non sono attese variazioni delle concentrazioni specifiche degli inquinanti, ma solo del carico idraulico. La potenzialità dell impianto a seguito della realizzazione delle opere in progetto sarà quantificabile in circa A.E. La potenzialità espressa in termini di abitanti equivalenti rappresenta, in effetti, un dato alquanto aleatorio, è meglio definire l effettiva potenzialità dell impianto sulla base dei carichi trattabili. In sintesi l impianto di depurazione in progetto è in grado di trattare alla temperatura di 12 C i seg uenti carichi giornalieri: - COD = Kg/g - BOD 5 = 750 Kg/g - TKN = 45 Kg/g - Ptot = 31,25 Kg/g - Portata media = mc/g Il resoconto dettagliato è ricavabile dalla relazione tecnica. Descrizione dell intervento Descrizione delle opere in progetto Il riassetto dell impianto non comporta modifiche all attuale schema di processo a fanghi attivi, ma solo integrazioni finalizzate al conseguimento dei richiesti parametri qualitativi per le acque depurate. L impianto di sollevamento avrà potenzialità adeguata per sollevare la nuova Qmax. E infatti prevista la posa di cinque nuove elettropompe sommergibili di cui una pioggia. Il funzionamento delle macchine avverrà in modo ciclico alternato comandato da un sensore di livello ad ultrasuoni. I trattamenti preliminari sono attualmente costituiti da una grigliatura eseguita tramite una griglia a barre di recente installazione, da una dissabbiatura tangenziale e da una grigliatura fine. E previsto un importante potenziamento di questa sezione, che allo stato attuale costituisce una sezione critica del processo perché sottodimensionata, con l inserimento di efficienti cicli di grigliatura fine, dissabbiatura e disoleatura. Lo scopo è quello di rimuovere dai liquami i materiali inerti responsabili di una più veloce usura delle parti meccaniche e di condizionare negativamente il processo biologico per apporti di materiali organici difficilmente biodegradabili (grassi e oli) e di materiali inorganici che sedimentando riducono in modo sensibile i volumi di processo oppure che legandosi ai fiocchi di fango attivo riducono la percentuale di quest ultimo rendendo necessario ricorrere al mantenimento di elevate concentrazioni di Pagina 2 di 5

4 fango in vasca con gli inconvenienti correlati: maggiore energia di miscelazione, maggior impegno della sezione di disidratazione, ecc. La nuova griglia a tamburo avrà spaziatura di 2 mm, sufficientemente ridotta per trattenere quei materiali sospesi, che al termine del processo tendono a concentrarsi nei fanghi svilendone la qualità in previsione di un loro utilizzo come ammendanti in agricoltura. L allontanamento della mondiglia avverrà tramite scarico a gravità in apposito cassone scarrabile. Eventuali liquami da sgrondo verranno intercettati e riconvogliati all impianto. Il nuovo dissabbiatore sarà dimensionato in modo da trattare una portata pari a 5 volte la Qm con un adeguato tempo di ritenzione. In corrispondenza della sezione finale del manufatto avverrà una ripartizione dei liquami pretrattati per cui una quota pari a quella di punta nera verrà avviata al reattore biologico, il restante verrà avviato direttamente allo scarico. Il nuovo dissabbiatore sarà di tipo aerato, costituito da una vasca con profilo trapezio, flusso longitudinale, diviso in due parti, con insufflazione d aria su un lato e zona di calma dall altro. L alimentazione avviene da uno dei due lati corti della vasca, l aria immessa crea un moto che spinge le schiume nel bacino di calma. Il ponte raccoglie le schiume flottate con lama raschiante superficiale, convogliando il materiale in apposite vasca di raccolta. Il sistema di estrazione delle sabbie provvede a disidratarle e a scaricarle in un apposito cassone scarrabile. L acqua così trattata perviene al reattore biologico. E prevista la rimozione della struttura esistente formata in carpenteria metallica (putrelle, grigliati, tubi e lamiere) e degli elementi che svolgono la funzione di trattamenti preliminari (griglia rotante e dissabbiatore). Dovrà essere demolita anche la struttura in cls sospesa con funzione di canale d adduzione al comparto biologico. L impianto di depurazione sarà dotato di un sistema di abbattimento biologico del fosforo che si otterrà riadattando l esistente sezione di denitrificazione. Nel contempo verrà realizzata la stazione di abbattimento chimico in ausilio per far fronte ad eventuali sovraccarichi. Il mantenimento della concentrazione di fosforo entro i limiti imposti per le aree sensibili richiede elevati dosaggi di reagenti chimici, con pesanti ripercussioni sui bilanci gestionali. Il notevole incremento di fanghi di supero che deriva dall utilizzo di reagenti chimici implicherebbe ripercussioni estremamente negative, in termini economici, sui costi di smaltimento. La realizzazione di una sezione di defosfatazione biologica permetterà di ridurre i costi legati all attività di rimozione del fosforo dai liquami. Le due vasche di ossidazione/nitrificazione attualmente in uso verranno trasformate in sezione di denitrificazione. Le opere consistono nella realizzazione delle tamponature dei varchi lasciati aperti a seguito della demolizione della canala sospesa, nel rifacimento dei pozzetti di scarico e nella fornitura e posa dell equipaggiamento elettromeccanico. Due nuove linee di ossidazione/nitrificazione con funzionamento in parallelo verranno ricavate in un nuovo manufatto delle dimensioni di circa mc per linea. La sostituzione degli aeratori di superficie e sommersi collocati nelle vasche attualmente in funzione, con il più efficiente ed economico sistema di ossigenazione a bolle fini con diffusori a disco e compressione dell aria mediante soffiatori, è imposta dal considerevole incremento del consumo di ossigeno derivante dall aumento del carico organico influente. L alimentazione dell aria compressa perviene ai diffusori attraverso un sistema di tubazioni sommerse e ancorate sul fondo della vasca. L aria penetra all interno dei diffusori tramite opportuni orifizi, attraversa la membrana microporosa e si suddivide in bolle estremamente fini; questo procedimento permette di ottenere elevate superfici di scambio e quindi fornisce alte rese di trasferimento dell ossigeno alla miscela dei fanghi biologici. Il trasferimento dell aria dalla centrale di compressione al sistema di diffusione avverrà tramite tubazioni in acciaio di diametro sufficiente a consentire il contenimento della velocità del flusso entro limiti tali da ridurre l emissione di rumori molesti. Il bilanciamento delle quantità d aria immesse nelle varie sezioni in cui sarà suddiviso il tappeto poroso sarà reso possibile attraverso valvole di regolazione. Pagina 3 di 5

5 E prevista la realizzazione di un nuovo sedimentatore secondario, dimensionato per sopportare il previsto incremento di carico idraulico. La vasca sarà realizzata in cls, a pianta circolare, con base leggermente conica rovesciata. Il ponte raschiatore è previsto a trazione periferica, i solidi depositati sul fondo per effetto della gravità vengono rimossi dalle lame raschianti ed inviati nella parte centrale del cono che è in comunicazione tramite una tubazione con il pozzetto di raccolta posto esternamente al sedimentatore, da dove verranno ricircolati tramite elettropompe sommergibili in testa al reattore biologico oppure estratti e avviati alla disidratazione con le cosiddette pompe di supero. Le lame raschianti di fondo sono vincolate alla travata mobile tramite tubolari; una raschia di superficie, solidale anch essa alla travata, è attrezzata per allontanare eventuale solidi non decantati, inviandoli in una vaschetta di raccolta (scum box) collegata a sua volta ad un pozzetto di evacuazione e da qui alla disidratazione tramite pompa. L impianto di depurazione, fin dalla sua costruzione, è carente del sistema di disinfezione delle acque di scarico. Verrà costruita una nuova vasca di scarico e contatto, soluzione che permetterà di operare senza fermi impianto, realizzando anche un nuovo collettore di scarico adeguatamente dimensionato. E prevista la costruzione di una unità di disinfezione da affiancare alla vasca di contatto che risulta di volumetria sufficiente per conferire al flusso dell acqua di scarico un adeguato tempo di contatto con l agente disinfettante. La disinfezione delle acque depurate avverrà tramite biossido di cloro. L impianto di preparazione dell agente disinfettante, che come prevede la tecnica avviene in loco, si compone delle cisterne di stoccaggio dell acido cloridrico e del clorito di sodio, che all interno di un apposito miscelatore reagiscono per formare il biossido di cloro. Le cisterne in materiale plastico sono posizionate esternamente all interno di appositi bacini di contenimento con superficie interna trattata con materiali antiacido. Il miscelatore è contenuto all interno di un apposito locale, munito dei sistemi di aerazione e di allarme che servono a bloccare eventuali perdite e ad inviare la segnalazione di richiesta intervento da parte degli operatori. L ispessitore fanghi esistente verrà sostituito da una nuova unità a sezione circolare e munita di ponte a trazione centrale. E prevista la realizzazione di un area attrezzata dove risulti possibile, secondo necessità, l installazione di una unità mobile di trattamento e disidratazione fanghi. L opera consiste in una soletta in cemento armato attrezzata con punto di consegna energia elettrica e acqua tecnica. L installazione di un gruppo elettrogeno di emergenza è prevista al fine di mantenere in funzione l impianto anche in occasione delle eventuali interruzioni della fornitura di energia elettrica di rete. L impiantistica elettrica esistente, necessita di un rifacimento pressoché completo, sia per adeguarsi alla normativa vigente, sia perché versa in non buono stato di conservazione. Nel quadro complessivo del rifacimento e dell adeguamento dell intero impianto elettrico è prevista l installazione di nuovi trasformatori, del nuovo quadro di distribuzione e del quadro di comando e controllo. Verranno adeguati e potenziati gli attuali sistemi di telecontrollo/teleallarme a distanza collegati alla centrale operativa dell ente gestore e della Provincia. Il potenziamento dell impianto richiederà la realizzazione di adeguati locali tecnologici, in particolare sono previste la costruzione della sala soffianti, del locale per la disidratazione meccanica dei fanghi e della sala quadri, mentre verranno ristrutturati i locali di servizio (servizi igienici). Per contribuire alla salvaguardia delle risorse idriche le acque di processo necessarie alla funzionalità dell impianto di depurazione verranno prelevate direttamente dallo scarico depurato e inviate all utilizzo previo passaggio su filtro a sabbia o farina fossile per l eliminazione di eventuali impurità residue non compatibili con utilizzi impiantistici. In particolare si intende riutilizzare le acque per la preparazione dei polielettroliti per la disidratazione meccanica dei fanghi e per il lavaggio di fine ciclo del decanter, inoltre per i lavaggi e per l irrigazione delle aree verdi interne all impianto. Le acque di controlavaggio del filtro, circa il 6 10 % di quanto complessivamente filtrato verranno riconvogliate in testa all impianto di depurazione. Insieme al filtro verrà posizionata una autoclave del volume di circa 2000 litri collegata alla rete di distribuzione che verrà realizzata per mettere in collegamento i punti di utilizzo: sala disidratazione, punti di lavaggio, irrigazione. Pagina 4 di 5

6 Sarà realizzata una condotta per il drenaggio delle acque meteoriche che verranno convogliate al pozzetto di sollevamento. E prevista anche la realizzazione della rete di drenaggio delle acque tecniche quali i surnatanti, che verranno riconvogliate a loro volta Pagina 5 di 5

Schema impianto depurazione biologica

Schema impianto depurazione biologica DEPURAZIONE Schema impianto depurazione biologica A cque di scarico Grigliatura Rifiuti grossolani SMALTITORE Dissabbiatura / Disoleatura Rifiuti: sabbie, oli e grassi SMALTITORE Sedimentazione primaria

Dettagli

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti.

DEPURAZIONE. Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti. DEPURAZIONE Idra gestisce tre impianti di depurazione intercomunali per una capacità totale di circa 390.000 abitanti equivalenti Impianti CASSANO TRUCCAZZANO VIMERCATE TRUCCAZZANO 175.000 ab eq per 45.000

Dettagli

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_gestione_fase_avviamento_E.doc 1

1. PREMESSE. 1.53.11.1_Piano_gestione_fase_avviamento_E.doc 1 1. PREMESSE Il presente documento costituisce il piano con le modalità operative da seguire per la gestione della fase di avvio e collaudo delle nuove opere di progetto per evitare disservizi nel funzionamento

Dettagli

Impianto di trattamento acque reflue Sistema MBR Reattore a fanghi attivi con sistema di BIOREATTORE A MEMBRANA

Impianto di trattamento acque reflue Sistema MBR Reattore a fanghi attivi con sistema di BIOREATTORE A MEMBRANA Impianto di trattamento acque reflue Sistema MBR Reattore a fanghi attivi con sistema di BIOREATTORE A MEMBRANA L'impianto descritto è composto da un reattore biologico a fanghi attivi accoppiato con sistema

Dettagli

Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch

Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch 2015 Primel AG - Via Principale - 7608 Castasegna, Bregaglia (GR) Tel: +41 76 8198688 fedele.pozzoli@bluewin.ch Imhoff/tricamerali e depuratori biologici SBR Introduzione Gli scarichi civili, sia domestici

Dettagli

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE

Depurazione acque reflue. Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE Depurazione acque reflue Depuratori e impianti in polietilene con marchio CE : la soluzione di ISEA per la depurazione dei reflui conforme alla norma europea EN 12566-3 Prodotti certificati a marchio

Dettagli

INDICE. 1. Scheda Impianto... 3. 2. Caratteristiche Costruttive... 4. 3. Processo di depurazione... 5

INDICE. 1. Scheda Impianto... 3. 2. Caratteristiche Costruttive... 4. 3. Processo di depurazione... 5 INDICE 1. Scheda Impianto... 3 2. Caratteristiche Costruttive... 4 3. Processo di depurazione... 5 4. Scelta degli Additivi Chimici e Dosaggio... 5 5. Processo di Chiariflocculazione e Specifiche Vasca

Dettagli

Relazione tecnica del processo depurativo

Relazione tecnica del processo depurativo Relazione tecnica del processo depurativo La presente Relazione ha lo scopo di illustrare il processo depurativo, dell impianto di trattamento acque reflue civili, sito in Riva Ligure (IM). L impianto

Dettagli

PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002

PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002 PROGRAMMA DI CONTROLLO DEGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE NELLA REGIONE FINALIZZATO ALLA VERIFICA DELLA LORO FUNZIONALITA. ANNO 2002 IMPIANTO MASSA MARTANA COMUNE E LOCALITA MASSA MARTANA CAPOLUOGO (SARRIOLI)

Dettagli

Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare

Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare Impianti di depurazione delle acque reflue dell industria agro-alimentare La profonda conoscenza del ciclo produttivo del settore agro-alimentare, unita alla pluriennale esperienza acquisita, permettono

Dettagli

PARAMETRI DI FUNZIONAMENTO (DI CALCOLO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE)

PARAMETRI DI FUNZIONAMENTO (DI CALCOLO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE) PARAMETRI DI FUNZIONAMENTO (DI CALCOLO DELL'IMPIANTO DI DEPURAZIONE) popolazione servita (max.) ab.eq. 45.000,00 dotazione idrica l/ab/d 350,00 coeff. di afflusso 0,80 tipo di fognatura mista portata di

Dettagli

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere.

FOGNATURA IDEALE. Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99. Impianto di depurazione. Fognatura separata. Acque nere. FOGNATURA IDEALE Acque nere Fognatura separata Impianto di depurazione Rispetto dei limiti imposti dal D. Lgs. 152/99 Recapito cque bianche Eventuale trattamento In definitiva: FOGNATURA UNITARIA Acque

Dettagli

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C

LA GIORNATA DELL ACQUA. Scuola Media Tartini Classe II C LA GIORNATA DELL ACQUA Scuola Media Tartini Classe II C 6 Marzo 2014 Volume totale di acqua sulla terra 1,4 miliardi di km3 La superficie della terra è ricoperta dal 71% da acqua. Questa superficie si

Dettagli

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE Serie DEPUR-DOMO IMPIANTI BIOLOGICI A FANGHI ATTIVI DA 5 A 20 ABITANTI EQUIVALENTI (rev. 01 del 18/02/2011) La serie DEPUR-DOMO Gli impianti prefabbricati

Dettagli

- PROGETTO DEFINITIVO - ELENCO ELABORATI

- PROGETTO DEFINITIVO - ELENCO ELABORATI PROGETTO DEFINITIVO DELLE OPERE DI NORMALIZZAZIONE DELLA FOGNATURA NERA, ADEGUAMENTO DELL IMPIANTO DI DEPURAZIONE E COSTRUZIONE DEL COLLETTORE EMISSARIO A SERVIZIO DELL AGGLOMERATO DI PORTO CESAREO - PROGETTO

Dettagli

IMPIANTI AUTOLAVAGGI

IMPIANTI AUTOLAVAGGI GARANZIA 25 ANNI IMPIANTI AUTOLAVAGGI 2014 Impianto per autolavaggio 2 Rototec Impianti autolavaggi - 2014 Il crescente interesse verso la tutela e la salvaguardia dell ambiente si sta focalizzando sempre

Dettagli

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE ESERCITAZIONI CALCOLO DELLA LINEA DI TRATTAMENTO DEI LIQUAMI DI UN IMPIANTO BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI AL SERVIZIO DI UNA CITTA DI 200.000 ABITANTI Si chiede di

Dettagli

C.A.D.F. S.p.A. Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura

C.A.D.F. S.p.A. Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura C.A.D.F. S.p.A. C.A.D.F. S.p.A., società a capitale pubblico gestisce il Servizio Idrico Integrato: Acquedotto Depurazione Fognatura Codigoro Via Alfieri.3 Tel: 0533725111 Fax: 0533713617 Internet: www.cadf.it

Dettagli

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE

FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE FILTRI PERCOLATORI PER PICCOLE UTENZE Questa sezione descrive una serie di impianti prefabbricati progettati e realizzati per il trattamento delle acque reflue domestiche e assimilate provenienti da piccole

Dettagli

DEPURATORE BIOLOGICO AUTOMATICO SENZA VASCHE IMHOFF SEMINTERRATO

DEPURATORE BIOLOGICO AUTOMATICO SENZA VASCHE IMHOFF SEMINTERRATO Azienda Certificata Azienda Certificata ISO 14001:2000 ISO 9001:2000 EA 18, 28b, 35 EA 18, 28b, 35 DEPURATORE BIOLOGICO AUTOMATICO SENZA VASCHE IMHOFF SEMINTERRATO La funzione dell impianto in oggetto

Dettagli

Comune di GRAVINA in PUGLIA (BARI)

Comune di GRAVINA in PUGLIA (BARI) Comune di GRAVINA in PUGLIA (BARI) OPIFICIO ARTIGIANALE PRODUZIONE DI MANUFATTI PREFABBRICATI IN C.A. SP 137 Per Corato N.C.T. Foglio 85, P.lle 141-368 committenza PAN SYSTEM SRL Via F. Meninni, 283 70024

Dettagli

R05_RELAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE PREFABBRICATO A FANGHI ATTIVI OSSIDAZIONE TOTALE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO CIVILI

R05_RELAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE PREFABBRICATO A FANGHI ATTIVI OSSIDAZIONE TOTALE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO CIVILI R05_RELAZIONE IMPIANTO DI DEPURAZIONE PREFABBRICATO A FANGHI ATTIVI OSSIDAZIONE TOTALE PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO CIVILI oggetto: II VARIANTE PIANO URBANISTICO ATTUATIVO H-FARM modifica

Dettagli

RELAZIONE TECNICA Smaltimento reflui biologici e trattamento acque superficiali

RELAZIONE TECNICA Smaltimento reflui biologici e trattamento acque superficiali COMUNE DI BLUFI PROVINCIA DI PALERMO PIANO DI LOTTIZZAZIONE IN C.DA COMMENDA - TRE AREE ZONA T.O. DEL P.R.G. : D.2 ( area per insediamenti produttivi industriale-artigianale ) ITAL SYSTEM Spa - sede in

Dettagli

2. Descrizione dell impianto esistente

2. Descrizione dell impianto esistente 1. Premessa Il presente progetto riguarda l intervento di parziale revamping e di implementazione dell esistente impianto di depurazione a servizio della frazione di Torregrande del Comune di Oristano.

Dettagli

PROVINCIA OLBIA TEMPIO SETTORE AMBIENTE E SOSTENIBILITA

PROVINCIA OLBIA TEMPIO SETTORE AMBIENTE E SOSTENIBILITA PROVINCIA OLBIA TEMPIO SETTORE AMBIENTE E SOSTENIBILITA ALLEGATO 1 alla Determinazione n. 145 del 24 Aprile 2010 Autorizzazione Integrata Ambientale dell impianto di depurazione reflui urbani ed industriali

Dettagli

PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI

PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI PICCOLI IMPIANTI: POTENZIAMENTO O DISMISSIONE? DUE CASI DI STUDIO Ing. L. Falletti PICCOLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE: UPGRADE, OTTIMIZZAZIONE GESTIONALE O DISMISSIONE? Verona, 26 Ottobre 2011 I piccoli impianti

Dettagli

SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE

SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE Pag. 1 di 10 SCHEDA 3 NOTIZIE SULLA RETE (da compilare per ogni rete) NOTA: AD OGNI RETE FOGNARIA CORRISPONDE UN SOLO SCARICO FINALE RETE NUMERO 3.A DATI GENERALI 3.A.1 UBICAZIONE RETE CAPOLUOGO FRAZIONE

Dettagli

ADEGUAMENTO E POTENZIAMENTO DEL DEPURATORE DI SORBOLO

ADEGUAMENTO E POTENZIAMENTO DEL DEPURATORE DI SORBOLO SEDE TERRITORIALE DI PARMA Denominazione località: LOCALITA SORBOLO CAPOLUOGO COMUNE DI SORBOLO Descrizione ADEGUAMENTO E POTENZIAMENTO DEL DEPURATORE DI SORBOLO Oggetto PIANO DI SICUREZZA E DI COORDINAMENTO

Dettagli

Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano

Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano PROGETTO ARETUSA Riutilizzo dei Reflui dei Depuratori di Cecina e Rosignano, Riciclati a fini Industriali nello Stabilimento Solvay di Rosignano GENERALITÀ 1.1 Finalità ed Ubicazione dell impianto Aretusa

Dettagli

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ENERGIA, ARIA E RUMORE

PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ENERGIA, ARIA E RUMORE PROVINCIA DI GENOVA DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DIREZIONE AMBIENTE, AMBITI NATURALI E TRASPORTI SERVIZIO ENERGIA, ARIA E RUMORE Prot. Generale N. 0042789 / 2014 Atto N. 1886 OGGETTO: Autorizzazione alle

Dettagli

Con il patrocinio di. Relatore: dr. Giorgio Serra, Gruppo Gestione Processi, PIAVE SERVIZI www.pianeta-acqua.com

Con il patrocinio di. Relatore: dr. Giorgio Serra, Gruppo Gestione Processi, PIAVE SERVIZI www.pianeta-acqua.com Con il patrocinio di Affidataria del Servizio Idrico Integrato dall A.A.T.O. VENETO ORIENTALE. Società interamente partecipata da 39 Enti Locali tra le Provincie di Venezia e Treviso, composta dalla fusione

Dettagli

Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs)

Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs) Depuratore Biologico Villanuova Sul Clisi (Bs) Depuratore Biologico Casto (Bs) Depuratore Biologico Serle (Bs) SEPARATORE OLI E GRASSI IN CAV SEPARATORE EMULSIONI OLEOSE MONOBLOCCO 87 a b c E K vasca di

Dettagli

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA

IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA IMPIANTO PER IL TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI PRIMA PIOGGIA PREMESSA Gli impianti di trattamento acque di prima pioggia hanno la funzione di controllare il convogliamento delle acque meteoriche nelle reti

Dettagli

RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI. IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele

RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI. IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele RETE NATURA 2000 REGIONE BASILICATA SCHEDA DI SINTESI IMPATTI AMBIENTALI Rilevatore: Ing. ASTRELLA Michele Data: 25/06/ 09 Area numero: 5 Denominazione: Murgia di San Lorenzo IT9210220 Capo Area: Giovanni

Dettagli

http://www.ecomacchine.it/documentazione/3-dissabbiatori.html DISSABBIATORI e DISOLEATORI

http://www.ecomacchine.it/documentazione/3-dissabbiatori.html DISSABBIATORI e DISOLEATORI ECOMACCHINE S.p.A. Via Vandalino 6 10095 Grugliasco (TO) Tel.: +39.0114028611 Fax: +39.0114028627 Email: ecomacchine@ecomacchine.it Web: www.ecomacchine.it DISSABBIATORI e DISOLEATORI Il secondo trattamento

Dettagli

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE EQUALIZZAZIONE - OMOGENEIZZAZIONE

CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE EQUALIZZAZIONE - OMOGENEIZZAZIONE CORSO DI INGEGNERIA SANITARIA - AMBIENTALE ESERCITAZIONE 1 (Prof. Ing. Giordano Urbini; Ing. Cristiana Morosini) EQUALIZZAZIONE - OMOGENEIZZAZIONE (BASI TEORICHE ESEMPIO DI CALCOLO) 1. OBIETTIVI E CAMPI

Dettagli

IMPIANTO MODULARE PER LA DEPURAZIONE BIOLOGICA DI LIQUAMI DI FOGNA PROVENIENTI DAL COMPLESSO RESIDENZIALE DEL COMPARTO N. 50.

IMPIANTO MODULARE PER LA DEPURAZIONE BIOLOGICA DI LIQUAMI DI FOGNA PROVENIENTI DAL COMPLESSO RESIDENZIALE DEL COMPARTO N. 50. 1 IMPIANTO MODULARE PER LA DEPURAZIONE BIOLOGICA DI LIQUAMI DI FOGNA PROVENIENTI DAL COMPLESSO RESIDENZIALE DEL COMPARTO N. 50. UTENTI: 330 RELAZIONE TECNICA 1. Principi fondamentali del trattamento a

Dettagli

LA MISURA DELL'EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE

LA MISURA DELL'EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE LA MISURA DELL'EFFICIENZA ENERGETICA NEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE Paola Foladori, Gianni Andreottola Università degli Studi di Trento via Mesiano 77, Trento Giuseppe Bonacina ABB SpA,

Dettagli

RELAZIONE SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI MILI (ME)

RELAZIONE SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI MILI (ME) RELAZIONE SULL IMPIANTO DI DEPURAZIONE DI MILI (ME) L impianto di depurazione a fanghi attivi di Mili, a servizio della fognatura del comune di Messina, sito in località Barone, ha attualmente una potenzialità

Dettagli

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ

PULIZIA IN-SITU PULIZIA DIFFUSORI MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA ESTRAZIONE PERMEATO PER ASPIRAZIONE ESTRAZIONE PERMEATO PER GRAVITÀ MODALITÀ DI FUNZIONAMENTO DEL MODULO KUBOTA Il modulo a membrana piana Kubota utilizza la tecnologia di microfiltrazione detta cross flow. Insufflando aria sul fondo del modulo, si crea un flusso ascensionale

Dettagli

5.2: Reti tecnologiche

5.2: Reti tecnologiche 5.2: Reti tecnologiche Presentazione: Il corretto funzionamento e l efficienza delle reti tecnologiche di distribuzione e depurazione delle acque è senza dubbio alla base di una gestione corretta e sostenibile

Dettagli

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione - Delibera CIPE n. 60/2012 - D.G.R. n 889/2012. Piano Nazionale per il Sud REGIONE BASILICATA

Fondo per lo Sviluppo e la Coesione - Delibera CIPE n. 60/2012 - D.G.R. n 889/2012. Piano Nazionale per il Sud REGIONE BASILICATA FINANZIAMENTO Fondo per lo Sviluppo e la Coesione - Delibera CIPE n. 60/2012 - D.G.R. n 889/2012 TITOLO ELABORATO REGIONE BASILICATA COMUNE DI LAVELLO PROVINCIA DI POTENZA POTENZIAMENTO DELLA RETE FOGNARIA

Dettagli

Sistemi compatti di flottazione. La soluzione affidabile e di facile gestione per il trattamento chimico-fisico delle acque reflue

Sistemi compatti di flottazione. La soluzione affidabile e di facile gestione per il trattamento chimico-fisico delle acque reflue Sistemi compatti di flottazione La soluzione affidabile e di facile gestione per il trattamento chimico-fisico delle acque reflue L IDEA L ideazione e la realizzazione di questa macchina nasce da un pool

Dettagli

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI

PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI PRESIDI IDRAULICI PER LE ACQUE DI DILAVAMENTO DELLE SEDI STRADALI Presentiamo in questa sezione le caratteristiche costruttive e le modalità di funzionamento degli impianti che proponiamo per il trattamento

Dettagli

TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE DA IMPIANTO DI PRODUZIONE COMBUSTIBILI DA MATERIALE DI RIFIUTO.

TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE DA IMPIANTO DI PRODUZIONE COMBUSTIBILI DA MATERIALE DI RIFIUTO. TRATTAMENTO DELLE ACQUE REFLUE DA IMPIANTO DI PRODUZIONE COMBUSTIBILI DA MATERIALE DI RIFIUTO. Viene qui presentato il progetto generale dell impianto di trattamento del refluo liquido proveniente dall

Dettagli

DEPURATORE BIOLOGICO AUTOMATICO CON VASCA IMHOFF

DEPURATORE BIOLOGICO AUTOMATICO CON VASCA IMHOFF 1 Azienda Certificata Azienda Certificata ISO 14001:2000 ISO 9001:2000 EA 18, 28b, 35 EA 18, 28b, 35 DEPURATORE BIOLOGICO AUTOMATICO CON VASCA IMHOFF La funzione dell impianto in oggetto è quella di purificare

Dettagli

per i clienti del Ciclo Idrico Integrato

per i clienti del Ciclo Idrico Integrato Soluzioni di successo Soluzioni di successo per i clienti del Ciclo Idrico Integrato Installazione del controller OSCAR per l'areazione intermittente per l adeguamento dell impianto di depurazione di Savigliano

Dettagli

AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO. Comune di Valenza

AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO. Comune di Valenza AZIENDA MULTISERVIZI VALENZANA S.p.A. INTRODUZIONE AL CICLO IDRICO INTEGRATO Comune di Valenza Il Ciclo Idrico Integrato Acque Superficiali Acque di Falda Depurazione Prelievo Collettamento Fognario Distribuzione

Dettagli

depurazioni trattamento delle acque di scarico civili e industriali

depurazioni trattamento delle acque di scarico civili e industriali Committente: Spett.le Azienda Vinicola VINI TONON S.R.L. Via Carpesica 1 Loc. Carpesica 31029 Vittorio Veneto (TV) IMPIANTO DI DEPURAZIONE PER IL TRATTAMENTO DI ACQUE REFLUE PROVENIENTI DA CANTINA DI VINIFICAZIONE

Dettagli

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE

IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE IMPIANTI PREFABBRICATI PER LA DEPURAZIONE DELLE ACQUE FA125 IMPIANTO BIOLOGICO A FANGHI ATTIVI DELLA POTENZIALITA DI 125 ABITANTI EQUIVALENTI (rev. 111202) Introduzione alla tecnologia impiantistica La

Dettagli

UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO -

UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO - Workshop UPGRADING E GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI TRATTAMENTO DELLE ACQUE DI SCARICO - ESPERIENZE NAZIONALI A CONFRONTO - 16 EDIZIONE - Roma, 29-30 novembre 2012 IL PROCESSO DEMON PER IL PRETRATTAMENTO DEI

Dettagli

Ristrutturazione potenziamento ed adeguamento depuratore di Lignano Sabbiadoro al D. Lgs 152/99 2 Intervento

Ristrutturazione potenziamento ed adeguamento depuratore di Lignano Sabbiadoro al D. Lgs 152/99 2 Intervento DESCRIZIONE SINTETICA DELLE CARATTERISTICHE SALIENTI Il progetto costituisce il secondo Intervento funzionale all interno di un piano di interventi complessivi per l adeguamento del depuratore di Lignano

Dettagli

ALLEGATO A5.14 - SCHEDA FOGNATURA-DEPURAZIONE BRIANZACQUE AGGLOMERATO N. 1

ALLEGATO A5.14 - SCHEDA FOGNATURA-DEPURAZIONE BRIANZACQUE AGGLOMERATO N. 1 ALLEGATO A5.14 - SCHEDA FOGNATURA-DEPURAZIONE BRIANZACQUE AGGLOMERATO N. 1 1. CARATTERISTICHE GENERALI Codice AG01522401 Denominazione : Truccazzano 1.1 COMUNI APPARTENENTI 1. Bellinzago Lombardo 2. Bussero

Dettagli

L esperienza di Milano Nosedo e il riuso irriguo delle acque depurate

L esperienza di Milano Nosedo e il riuso irriguo delle acque depurate L esperienza di Milano Nosedo e il riuso irriguo delle acque depurate Francesca Pizza Processi e Controlli analitici Vettabbia S.c.a r.l. f.pizza@vettabbia.it Workshop «L acido peracetico nella disinfezione

Dettagli

DISCIPLINARE ELEMENTI TECNICI

DISCIPLINARE ELEMENTI TECNICI LAVORI DI COSTRUZIONE DEL DEPURATORE COMUNALE PROGETTO DEFINITIVO DISCIPLINARE ELEMENTI TECNICI nell ambito del progetto definitivo per la realizzazione di impianto comunale per la depurazione delle acque

Dettagli

IMPIANTI PER AUTOLAVAGGI IMPIANTI AUTOLAVAGGI. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE

IMPIANTI PER AUTOLAVAGGI IMPIANTI AUTOLAVAGGI. Divisione Depurazione E DISSABBIATORI DEGRASSATORI VASCHE BIOLOGICHE TIPO IMHOFF VASCHE SETTICHE PER AUTOLAVAGGI FANGI ATTIVI VASCE SETTICE VASCE BIOLOGICE TIPO IMOFF 81 1. IMPIANTO PER AUTOLAVAGGIO CON SCARICO IN PUBBLICA FOGNATURA 2. IMPIANTO PER AUTOLAVAGGIO CON SCARICO IN CORSO D ACQUA SUPERFICIALE

Dettagli

Il Servizio Idrico Integrato: la depurazione

Il Servizio Idrico Integrato: la depurazione Facoltà di Ingegneria Corso di laurea Magistrale in Ingegneria Gestionale a.a. 2010/2011 Corso di Gestione dei Servizi e delle Tecnologie Ambientali 6 CFU Il Servizio Idrico Integrato: la depurazione Ing.

Dettagli

Integrated Management System SERIE DCA IMPIANTI DI DEPURAZIONE PER ACQUE REFLUE DERIVANTI DA AUTOLAVAGGIO. Manuale delle Specifiche Tecniche

Integrated Management System SERIE DCA IMPIANTI DI DEPURAZIONE PER ACQUE REFLUE DERIVANTI DA AUTOLAVAGGIO. Manuale delle Specifiche Tecniche Integrated Management System I M P I A N T I D E P U R A Z I O N E A C Q U E SERIE DCA IMPIANTI DI DEPURAZIONE PER ACQUE REFLUE DERIVANTI DA AUTOLAVAGGIO Manuale delle Specifiche Tecniche PRESENTAZIONE

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTA DI INGEGNERIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTA DI INGEGNERIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SALERNO FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO STUDIO SPERIMENTALE SUI

Dettagli

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005)

AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005) AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE (ART. 5 DEL Decreto Legislativo n 59/2005) SINTESI NON TECNICA OSSIDAZIONE ANODICA S.N.C. Sede Legale e Stabilimento: via Pordenone, 31 S.QUIRINO (PN) 1. INQUADRAMENTO

Dettagli

La progettazione del locale igienico

La progettazione del locale igienico Gli impianti idrico sanitari Prof. Simone Secchi Prof. Gianfranco Cellai Corso di Fisica Tecnica Ambientale e Impianti Tecnici La progettazione del locale igienico 1 Ingombro degli apparecchi sanitari

Dettagli

AEROSOL BATTERICI. Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni

AEROSOL BATTERICI. Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni AEROSOL BATTERICI Definizione: materiale particolato in forma sia solida che liquida al quale sono adesi microrganismi anche patogeni Dimensioni: dell ordine del micron (per D< 5 micron sono pericolosi

Dettagli

Consumo di acqua. Uomo città 450 800 litri/giorno Industria. Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31.

Consumo di acqua. Uomo città 450 800 litri/giorno Industria. Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31. Acque Consumo di acqua Uomo città 450 800 litri/giorno Industria Carta 185 m 3 /TONN Cereali 450 m 3 /TONN Carne bovina 31.500 m 3 /TONN Civili 5% Industria 20% Agricoltura 70% Quantità di acqua (%) nell

Dettagli

12 APPENDICE: MONOGRAFIE DEI PRINCIPALI IMPIANTI DI DEPURAZIONE

12 APPENDICE: MONOGRAFIE DEI PRINCIPALI IMPIANTI DI DEPURAZIONE Servizio di redazione delle indagini e degli studi finalizzati alla predisposizione del Piano d ambito per i comuni dell ATO 2 Marche Centro, Ancona - Programma degli interventi 12 APPENDICE: MONOGRAFIE

Dettagli

RELAZIONE GENERALE RELAZIONE GENERALE IMPIANTO DEPURAZIONE

RELAZIONE GENERALE RELAZIONE GENERALE IMPIANTO DEPURAZIONE Pagina 1 di 10 INDICE 1 PREMESSA... 3 2 INQUADRAMENTO TERRITORIALE... 4 3 CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO ESISTENTE... 5 4 CARATTERISTICHE DELL IMPIANTO A SEGUITO DELL INTERVENTO... 6 5 REALIZZAZIONE DI

Dettagli

COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO. P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/ 62311 Fax 0588/64400

COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO. P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/ 62311 Fax 0588/64400 COMUNE DI POMARANCE Prov. di Pisa SETTORE GESTIONE DEL TERRITORIO P.za S. Anna n 1 56045 - Pomarance (PI) - Tel.0588/ 62311 Fax 0588/64400 RELAZIONE TECNICA DESCRITTIVA OGGETTO: Recupero e ristrutturazione

Dettagli

- Relazione Tecnica Generale -

- Relazione Tecnica Generale - Commissario Delegato O.P.C.M. n. 4022 del 9 maggio 2012 e Ocdpc. n. 16 del 10 agosto 2012 Situazione di criticità in impianti di depurazione di Acerra, Marcianise, Napoli Nord, Foce Regi Lagni e Cuma nel

Dettagli

Il bacino imbrifero ALTO LURA. Informazioni sul territorio gravante sull impianto centralizzato di depurazione di Bulgarograsso

Il bacino imbrifero ALTO LURA. Informazioni sul territorio gravante sull impianto centralizzato di depurazione di Bulgarograsso Il bacino imbrifero ALTO LURA Informazioni sul territorio gravante sull impianto centralizzato di depurazione di Bulgarograsso ALTO LURA S.r.l. Alto Lura S.r.l., ex Consorzio per la raccolta e la depurazione

Dettagli

E - INDAGINE SUGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE URBANE ANNO 1999

E - INDAGINE SUGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE URBANE ANNO 1999 REPUBBLICA Mod. ISTAT DEP SISTEMA STATISTICO NAZIONALE ISTITUTO NAZIONALE DI STATISTICA E - INDAGINE SUGLI IMPIANTI DI DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE URBANE ANNO 1999 Codici dell impianto di depurazione

Dettagli

2. L inquadramento normativo e i requisiti dell acqua

2. L inquadramento normativo e i requisiti dell acqua 1. Premessa Nell area industriale dello spezzino si presentano condizioni ottimali per sviluppare un processo di recupero e riutilizzo delle acque reflue depurate, dal momento che l impianto di trattamento

Dettagli

FILATURA E TESSITURA DI TOLLEGNO S.p.A. AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE DI UN IMPIANTO PER L ELIMINAZIONE DI RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLOSI

FILATURA E TESSITURA DI TOLLEGNO S.p.A. AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE DI UN IMPIANTO PER L ELIMINAZIONE DI RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLOSI COMUNE DI SEDEGLIANO PROVINCIA DI UDINE FILATURA E TESSITURA DI TOLLEGNO S.p.A. AUTORIZZAZIONE INTEGRATA AMBIENTALE DI UN IMPIANTO PER L ELIMINAZIONE DI RIFIUTI LIQUIDI NON PERICOLOSI SINTESI NON TECNICA

Dettagli

http://www.ecomacchine.it/documentazione/7-ispessimento.html

http://www.ecomacchine.it/documentazione/7-ispessimento.html ECOMACCHINE S.p.A. Via Vandalino 6 10095 Grugliasco (TO) Tel.: +39.0114028611 Fax: +39.0114028627 Email: ecomacchine@ecomacchine.it Web: www.ecomacchine.it RASCHIATORI per ISPESSITORI L ispessimento è

Dettagli

DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA

DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA ECOMACCHINE S.p.A. Via Vandalino 6 10095 Grugliasco (TO) Tel.: +39.0114028611 Fax: +39.0114028627 Email: ecomacchine@ecomacchine.it Web: www.ecomacchine.it DAF - FLOTTATORI AD ARIA DISCIOLTA I distributori

Dettagli

Spett.le. OGGETTO: D. Lgs. 152/06 e successive modifiche ed integrazioni. Rilascio/Rinnovo di autorizzazione allo scarico di acque reflue urbane.

Spett.le. OGGETTO: D. Lgs. 152/06 e successive modifiche ed integrazioni. Rilascio/Rinnovo di autorizzazione allo scarico di acque reflue urbane. PROVINCIA DI MATERA Ufficio Ambiente Servizio di vigilanza e controllo Via Ridola, 60 tel. 0835/306245-322 Marca da Bollo Spett.le PROVINCIA di Matera Ufficio Ambiente Via Ridola,60 75100 Matera OGGETTO:

Dettagli

2 RELAZIONE GENERALE ILLUSTRATIVA

2 RELAZIONE GENERALE ILLUSTRATIVA 1 PREMESSA La presente relazione dimensiona e verifica le opere idrauliche relative alle fontane direttamente connesse con la realizzazione delle opere di Completamento dell area adiacente alla Cascina

Dettagli

MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione

MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione MOD. TECNICO A -Descrizione dell'impianto di depurazione DATI DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO Denominazione impianto Codice Impianto: Comune Indirizzo Località Gestore dell Impianto di trattamento: Coordinate

Dettagli

PROGETTO Più Efficienza con Meno Energia

PROGETTO Più Efficienza con Meno Energia Presentazione PROGETTO Più Efficienza con Meno Energia Il progetto Più Efficienza con Meno Energia si pone lo scopo di migliorare la performance dell impianto di depurazione aumentando l efficienza dello

Dettagli

Underdrain: brevetto Leopold. Per la depurazione di acque reflue e per la potabilizzazione

Underdrain: brevetto Leopold. Per la depurazione di acque reflue e per la potabilizzazione Underdrain: brevetto Leopold 160 Per la depurazione di acque reflue e per la potabilizzazione Per rimuovere i solidi in sospensione che non si sono depositati nel decantatore dopo la flocculazione o per

Dettagli

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA

COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo RELAZIONE IDRAULICA COMUNE DI AZZANO SAN PAOLO Provincia di Bergamo Sportello Unico Attività Produttive (SUAP) per ampliamento attività industriale / artigianale ditta CORTI MARMI & GRANITI S.r.l., via Villaggio Sereno n

Dettagli

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi

GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8. Angelo Bonomi GESTIONE DELLE TECNOLOGIE AMBIENTALI PER SCARICHI INDUSTRIALI ED EMISSIONI NOCIVE LEZIONE 8 Angelo Bonomi LE TECNOLOGIE DI TRATTAMENTO Sono classificate secondo il tipo di flusso e precisamente: ACQUE

Dettagli

PROVINCIA DI UDINE AREA AMBIENTE SERVIZIO RISORSE IDRICHE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N.

PROVINCIA DI UDINE AREA AMBIENTE SERVIZIO RISORSE IDRICHE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. PROVINCIA DI UDINE AREA AMBIENTE SERVIZIO RISORSE IDRICHE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Udine, OGGETTO: D.LGS. N. 152/06 CAFC SPA AUTORIZZAZIONE ALLO SCARICO NEL FIUME TAGLIAMENTO DELLE ACQUE REFLUE URBANE

Dettagli

Messa in sicurezza Quadrante Est: avvio delle attività del progetto percolato

Messa in sicurezza Quadrante Est: avvio delle attività del progetto percolato Messa in sicurezza Quadrante Est: avvio delle attività del progetto percolato Dopo circa un mese di prove, dalla fine di gennaio è in esercizio l impianto di prelievo del percolato presente nei corpi delle

Dettagli

Impianti di trattamento delle acque reflue

Impianti di trattamento delle acque reflue Impianti di trattamento delle acque reflue Generalità sugli impianti di depurazione Un impianto di depurazione è costituito da una serie di trattamenti, volti alla rimozione degli inquinanti presenti nelle

Dettagli

INTRODUZIONE 2 1 DATI DI PROGETTO 2 2 OBIETTIVI 5 3 SCHEMA FUNZIONALE E CRITERI DI PROGETTAZIONE 5 4 CARATTERISTICHE TECNICHE 9

INTRODUZIONE 2 1 DATI DI PROGETTO 2 2 OBIETTIVI 5 3 SCHEMA FUNZIONALE E CRITERI DI PROGETTAZIONE 5 4 CARATTERISTICHE TECNICHE 9 INTRODUZIONE 2 1 DATI DI PROGETTO 2 1.1 Origine e natura delle acque reflue 2 1.2 Liquame di progetto 3 1.3 Limiti di emissione 4 2 OBIETTIVI 5 3 SCHEMA FUNZIONALE E CRITERI DI PROGETTAZIONE 5 3.1 Criteri

Dettagli

ESPERIENZE DI RIUTILIZZO IRRIGUO DEI REFLUI NEL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA

ESPERIENZE DI RIUTILIZZO IRRIGUO DEI REFLUI NEL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA ESPERIENZE DI RIUTILIZZO IRRIGUO DEI REFLUI NEL CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA Ing. Franco Moritto DIRETTORE DELL AREA TECNICA AGRARIA II CONSORZIO DI BONIFICA DELLA NURRA II CONSORZIO DI BONIFICA

Dettagli

IMPIANTO DI DEPOSITO E TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI LIQUIDI FASI DI COSTRUZIONE ED AVVIAMENTO IMPIANTO INDICAZIONI SUI RIFIUTI PRODOTTI

IMPIANTO DI DEPOSITO E TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI LIQUIDI FASI DI COSTRUZIONE ED AVVIAMENTO IMPIANTO INDICAZIONI SUI RIFIUTI PRODOTTI Comune di COLLESALVETTI Provincia di LIVORNO IMPIANTO DI DEPOSITO E TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI LIQUIDI ex SS 67 bis dell Arnaccio km17,300 fraz. Ponte Biscottino FASI DI COSTRUZIONE ED AVVIAMENTO IMPIANTO

Dettagli

F S A I S TE T M E PO P RA R L A I L INT N E T R E V R E V N E T N I T ( 1 ST S R T A R L A C L I C O) 1 FA F S A E S E

F S A I S TE T M E PO P RA R L A I L INT N E T R E V R E V N E T N I T ( 1 ST S R T A R L A C L I C O) 1 FA F S A E S E ACCORDO DI PROGRAMMA QUADRO TUTELA DELLE ACQUE E GESTIONE INTEGRATA DELLE RISORSE IDRICHE Accordo Integrativo per la tutela delle risorse idriche del Basso Valdarno e del Padule di Fucecchio attraverso

Dettagli

Impianto di depurazione

Impianto di depurazione SCAVI RABBI DI RABBI GIORGIO & C. S.a.s. Località Buse, Valeggio sul Mincio (VR) Integrazioni a seguito richiesta Commissione VIA, verbale n 390 del 24/10/2014 Discarica rifiuti inerti e area terre rocce

Dettagli

1 Premesse... 2. 2 Stato dell esistente... 2. 2.1 Inquadramento dell impianto... 2. 2.2 Consistenza dell impianto... 3

1 Premesse... 2. 2 Stato dell esistente... 2. 2.1 Inquadramento dell impianto... 2. 2.2 Consistenza dell impianto... 3 1 Premesse... 2 2 Stato dell esistente... 2 2.1 Inquadramento dell impianto... 2 2.2 Consistenza dell impianto... 3 3 Descrizione e dimensionamento degli interventi previsti... 5 3.1 Descrizione generale

Dettagli

CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 2013 (dati 2012)

CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 2013 (dati 2012) CENSIMENTO DELLE ACQUE PER USO CIVILE 0 (dati 0) SEZIONE A - DATI IDENTIFICATIVI DELL ENTE GESTORE (Controllare ed eventualmente modificare i dati identificativi del Gestore). DATI IDENTIFICATIVI DELL

Dettagli

GENERALITÁ IMPIANTI DI DEPURAZIONE BIOLOGICA A FANGHI ATTIVI

GENERALITÁ IMPIANTI DI DEPURAZIONE BIOLOGICA A FANGHI ATTIVI GENERALITÁ Il tipo di trattamento detto a fanghi attivi che utilizza una flora batterica prevalentemente aerobica è quello più utilizzato per il trattamento dei reflui civili in quanto consente uno scarico

Dettagli

DEPURATORI PER I CENTRI RESIDENZIALI DI MEDIA E GRANDE POTENZIALITA

DEPURATORI PER I CENTRI RESIDENZIALI DI MEDIA E GRANDE POTENZIALITA DEPURATORI PER I CENTRI RESIDENZIALI DI MEDIA E GRANDE POTENZIALITA In questa sede presentiamo i nostri depuratori biologici a biomassa sospesa progettati specificatamente per il trattamento di acque reflue

Dettagli

IMPIANTO DI DEPURAZIONE. Un azienda di Bayer e LANXESS

IMPIANTO DI DEPURAZIONE. Un azienda di Bayer e LANXESS IMPIANTO DI DEPURAZIONE Un azienda di Bayer e LANXESS IMPIANTO DI DEPURAZIONE Introduzione Introduzione Gli impianti di depurazione della Business Unit Ambiente di CURRENTA sono specifici per il trattamento

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA IDRAULICA, GEOTECNICA ED AMBIENTALE CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA PER L AMBIENTE E IL TERRITORIO TESI DI LAUREA

Dettagli

IMPIANTO DI SMALTIMENTO E RECUPERO DI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI REVAMPING

IMPIANTO DI SMALTIMENTO E RECUPERO DI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI REVAMPING IMPIANTO DI SMALTIMENTO E RECUPERO DI RIFIUTI SPECIALI PERICOLOSI E NON PERICOLOSI REVAMPING 1 PREMESSA La presente istanza ha l obiettivo di completare la realizzazione del centro, rivedendo l impianto

Dettagli

Trattamenti acque reflue. Impianti Industriali 2-2009 1

Trattamenti acque reflue. Impianti Industriali 2-2009 1 Impianti Industriali 2-2009 1 Le acque di scarico inquinate devono essere sottoposte, prima del trattamento vero e proprio, ad un pretrattamento. Il pretrattamento consiste in una o più operazioni fisiche

Dettagli

3. Gestione acque meteoriche di dilavamento

3. Gestione acque meteoriche di dilavamento 3. Gestione acque meteoriche di dilavamento Deoliatori e separatori Impianti di prima pioggia 1. PRETRATTAMENTI I deoliatori vengono utilizzati come trattamento delle acque contenenti oli, provenienti

Dettagli

A.02.00 COMUNE DI PODENZANO RELAZIONE TECNICA DI PROCESSO POTENZIAMENTO DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO ACQUE REFLUE A SERVIZIO DEL COMUNE DI PODENZANO

A.02.00 COMUNE DI PODENZANO RELAZIONE TECNICA DI PROCESSO POTENZIAMENTO DELL IMPIANTO DI TRATTAMENTO ACQUE REFLUE A SERVIZIO DEL COMUNE DI PODENZANO Denominazione COMUNE DI Descrizione ACQUE REFLUE A SERVIZIO DEL COMUNE DI Elaborato: A.02.00 Oggetto Prog. N. File Note N. Rev. Data Descrizione 0 10.07.2013 EMISSIONE 1 2 3 4 5 REDATTO VERIFICATO APPROVATO

Dettagli

AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS

AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS Marca da bollo da euro 14,62 AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS OGGETTO: Tutela delle acque dall inquinamento. D.Lgs. 11.05.1999, n. 152. Richiesta di autorizzazione allo scarico

Dettagli

Il sottoscritto. nato a il. residente a in via n. del fabbricato ad uso civile abitazione e/o laboratorio, sito in. via n. chiede

Il sottoscritto. nato a il. residente a in via n. del fabbricato ad uso civile abitazione e/o laboratorio, sito in. via n. chiede Marca da bollo Euro 10,33 AL COMUNE DI CORMÓNS Piazza XXIV Maggio, 22 34071 CORMÓNS OGGETTO: Tutela delle acque dall inquinamento. D.Lgs. 11.05.1999, n. 152. Richiesta di autorizzazione allo scarico di

Dettagli