REGOLAMENTO DEL SERVIZIO NIDO D INFANZIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO DEL SERVIZIO NIDO D INFANZIA"

Transcript

1 COMUNE DI PIANORO Provincia di Bologna REGOLAMENTO DEL SERVIZIO NIDO D INFANZIA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 5 del

2 Art. 1- Orientamenti e principi generali L Amministrazione Comunale istituisce un servizio educativo e sociale di interesse pubblico, aperto a tutti i bambini e le bambine in età compresa tra i 12 e i 36 mesi, il Nido d infanzia che concorre con le famiglie alla loro crescita e formazione, nel quadro di una politica del diritto all educazione per la prima infanzia, nel rispetto dell identità individuale, culturale e religiosa. Il nido d infanzia ha finalità di: formazione e socializzazione dei bambini, nella prospettiva del loro benessere psicofisico e dello sviluppo delle loro potenzialità cognitive, affettive, relazionali e sociali; cura dei bambini che comporti un affidamento continuativo a figure diverse da quelle parentali in un contesto esterno a quello familiare; sostegno alle famiglie nella cura dei figli e nelle scelte educative. Art. 2 Carta dei servizi Nell erogazione del servizio, l Amministrazione si attiene a quanto enunciato nella Carta dei servizi educativi 0-3 anni, appendice del presente regolamento. Art. 3 Iscrizioni I cittadini che intendono iscrivere i propri figli ai Nidi d infanzia del Comune di Pianoro devono presentare domanda sugli appositi moduli forniti dall Amministrazione comunale e/o scaricabili dal sito interne del Comune (attualmente Per i bambini che hanno frequentato il precedente anno scolastico nei nidi di Pianoro dovrà essere compilata la domanda di reiscrizione che le famiglie interessate troveranno nel plesso frequentato. E comunque garantita per essi la riserva del posto nel plesso frequentato. La domanda di iscrizione può essere presentata per i bambini che compiono almeno un anno entro il 28 febbraio dell anno successivo. Il termine ultimo per la presentazione delle domande di iscrizione (e reiscrizione per i già frequentanti) è stabilito dall Amministrazione comunale anno per anno, contestualmente alla fissazione del calendario di apertura dei plessi. Fatta salva la riserva dei posti, per i già frequentanti, i bambini verranno ammessi alla frequenza nel plesso richiesto secondo l ordine di graduatoria e subordinatamente all avvenuto compimento del primo anno di età. Nel mese di luglio è attivo, di norma, un servizio di nido a richiesta, per tre settimane, organizzato in moduli settimanali. Art. 4 Ammissioni Dell'avvenuta ammissione o non ammissione l'ufficio Scuola provvederà ad informare direttamente le famiglie, tramite raccomandata con ricevuta di ritorno, assegnando anche un termine per comunicare eventuali rinunce. All'atto della comunicazione di cui sopra, verrà richiesta alle famiglie il versamento di una quota forfetaria definita annualmente dalla Giunta comunale. In caso di mancato pagamento entro il termine assegnato, l'iscrizione si intenderà annullata. La quota versata verrà detratta dall'ammontare della quota relativa al mese di giugno o sarà a perdere in caso di ritiro della domanda di iscrizione. La graduatoria, riportante il solo nome e cognome dei bambini ammessi, viene pubblicata sul sito internet del Comune. Le variazioni in corso d anno di posizione in graduatoria saranno possibili esclusivamente in casi del tutto eccezionali preventivamente autorizzati dal Responsabile di Area. Per i nuovi iscritti verrà formulato il piano di inserimento dei bambini che compiono almeno un anno entro il 31 ottobre dell anno di riferimento della domanda. 2

3 Per gli inserimenti da effettuarsi dal 1 novembre fino al 28 febbraio si darà precedenza ai bambini che compiono un anno entro la fine del mese di inserimento, in base all'ordine di graduatoria. E compito del personale educativo pianificare, prima dell inizio dell anno scolastico, l ammissione dei bambini iscritti, ciò al fine di programmare un inserimento in grado di offrire un ambiente sereno e attività didattico educative idonee. Qualora la famiglia desideri posticipare la data di inserimento proposta dovrà comunque corrispondere la quota fissa relativa ai periodi non frequentati. Per le modalità di inserimento si rimanda al progetto pedagogico. I bambini, una volta ammessi al Nido d infanzia, hanno garantito il diritto di frequenza fino al termine dell intero ciclo, previo rinnovo della domanda. Al fine di assicurare la continuità didattica, non verranno consentiti spostamenti dal plesso di ammissione, pertanto il bambino che inizia in un plesso vi dovrà permanere sino al termine dell'intero ciclo, salvo deroghe da concordarsi con il pedagogista e autorizzate dal dirigente d Area, a garanzia del benessere del bambino. Non verranno altresì consentiti passaggi da sezioni part-time a sezioni a tempo pieno. Art. 5 Dimissioni e ritiri Nel caso in cui la famiglia rifiuti l inserimento nel plesso richiesto nella domanda di ammissione è tenuta a darne comunicazione scritta al competente Ufficio Scuola, che provvederà a depennarla dalla graduatoria. Nel caso in cui ad una famiglia venga proposto un nido diverso da quello richiesto nella domanda di iscrizione e intenda rinunciare è tenuta a darne comunicazione scritta all'ufficio Scuola. La sua domanda resta valida e conserva il titolo per accedere, nel tempo, al plesso desiderato. Per i ritiri in corso d'anno la famiglia è tenuta a darne tempestiva comunicazione scritta all'ufficio Scuola entro il 25 giorno dell ultimo mese frequentato. La retta non verrà più applicata a partire dal mese successivo a quello della presentazione della domanda di ritiro. Qualora la rinuncia pervenga dopo il 25 del mese permane l obbligo di corrispondere metà della retta del mese successivo anche nel caso in cui il bambino non frequenti alcun giorno. A decorrere dal 1 marzo e fino alla fine dell'anno scolastico, le rinunce al servizio non fanno venire meno il pagamento della quota fissa mensile, salvo cambi di residenza e gravi motivi di salute certificati. L Amministrazione può dimettere, su segnalazione del personale educativo, i bambini che senza giustificato motivo restino assenti per due mesi. Art. 6 Criteri per la formazione della graduatoria di accesso La graduatoria di ammissione ai posti disponibili verrà stilata secondo i seguenti criteri: GRUPPI: A - Residenti : DOMANDE PERVENUTE NEI TERMINI B - Residenti : DOMANDE PERVENUTE FUORI TERMINE C - Non Residenti : DOMANDE PERVENUTE NEI TERMINI D - Non residenti : DOMANDE PERVENUTE FUORI TERMINE le domande pervenute nei termini, relative ai gruppi A e C, saranno inserite in due distinte graduatorie secondo la seguente suddivisione in categorie, relativa all esame della situazione socio/familiare del bambino e lavorative dei genitori o degli adulti a cui il minore è affidato: 3

4 CATEGORIE: 1. BAMBINI PORTATORI DI HANDICAP CERTIFICATO DALL A.S.L.; 2. BAMBINI CON SITUAZIONI SOCIO-AMBIENTALI CHE PREGIUDICANO LO SVILUPPO PSICOFISICO, SEGNALATI DALL A.S.L. o in affidamento familiare; 3. BAMBINI CONVIVENTI CON UN SOLO GENITORE esclusivamente a seguito di mancato riconoscimento, decesso o detenzione in carcere di un genitore o con un genitore all estero per missioni umanitarie o militari; 4. BAMBINI CON ENTRAMBI I GENITORI LAVORATORI A TEMPO PIENO (oltre le 35 ore settimanali); 5. BAMBINI CON ENTRAMBI I GENITORI, DI CUI UNO LAVORATORE A TEMPO PIENO E UNO PART-TIME (con orario da 25 a 35 ore); 6. BAMBINI CON ENTRAMBI I GENITORI, DI CUI UNO LAVORATORE A TEMPO PIENO E UNO PART-TIME (con orario inferiore alle 25 ore); 7. BAMBINI CON ENTRAMBI I GENITORI LAVORATORI PART-TIME (entrambi con orario da 25 a 35 ore); 8. BAMBINI CON ENTRAMBI I GENITORI LAVORATORI PART-TIME (uno con orario da 25 a 35 ore l altro con orario inferiore alle 25 ore); 9. BAMBINI CON ENTRAMBI I GENITORI LAVORATORI PART-TIME ( entrambi con orario inferiore alle 25 ore); 10. BAMBINI CON ENTRAMBI I GENITORI, DI CUI UNO LAVORATORE A TEMPO PIENO O PART-TIME (oltre le 25 ore) E UNO NON OCCUPATO; 11. BAMBINI CON ENTRAMBI I GENITORI DI CUI UNO LAVORATORE PART-TIME (con orario inferiore alle 25 ore) E UNO NON OCCUPATO; 12. BAMBINI CON ENTRAMBI I GENITORI NON OCCUPATI. -successivamente ad ogni posizione esaminata, a cui è stata assegnata una categoria, verrà assegnato un punteggio determinato dai parametri sottoelencati. Si ottiene così un ordine di punteggio all'interno di ogni categoria. PARAMETRI - presenza nel nucleo familiare di portatori di handicap o invalidi permanenti oltre il 66% 3 punti * Bambino per il quale è stata presentata domanda di ammissione nell anno precedente, nei termini di apertura del bando; mai contattato per l ammissione 2 punti 4

5 contattato per l ammissione per un posto diverso da quello richiesto 1 punto ritirato per gravi motivi di salute certificabili 3 punti *Fratelli del bambino: - gravidanza in corso certificata 3 punti - gemello del bambino per il quale si chiede l ammissione 3 punti - fratello da 0 a 36 mesi 3 punti - fratello da 37 mesi fino a 16 anni 2 punti Gli anni di riferimento devono essere compiuti entro il 31 dicembre dell anno di apertura del bando. * Per i genitori con lavoro su più turni giornalieri: - turni di lavoro sulle 24 ore 2 punti - turni di lavoro sulle 12 ore 1 punti * Per i genitori non occupati: - lavori stagionali, occasionali, supplenze, 3 punti - disoccupato ( tale condizione va supportata con l'iscrizione presso il centro per l impiego CIP) 2 punti I gemelli sono ammessi contestualmente al medesimo nido, se richiesto, solo quando i posti siano disponibili in un'unica soluzione; nel caso in cui i posti non siano disponibili contestualmente, la rinuncia all'ammissione non comporta la cancellazione dalla graduatoria. La condizione lavorativa dei genitori e le situazioni prese in esame per l attribuzione dei punteggi (eccetto invalidità, handicap e gravidanza) sono autocertificabili ai sensi dell art. 46 del DPR n.445/2000. L Ufficio Scuola si riserva la possibilità di effettuare controlli a campione al fine di verificare la veridicità di quanto autocertificato in sede di dichiarazione sostitutiva ( DPR. N. 403/98 e Direttiva del Ministero.F.P del ). In caso di dichiarazione mendace verranno applicate le sanzioni penali di cui all art. 76 del citato DPR n.445/2000, in aggiunta alla decadenza dal beneficio eventualmente conseguito, così come previsto dall art. 11 comma 3 D.P.R. 403/1998. A parità di punteggio viene data precedenza al bambino maggiore di età. Nel caso della medesima data di nascita si procederà al sorteggio. La residenza nel territorio comunale deve essere posseduta, oltre che dal bambino, da entrambi i genitori o da un genitore, in caso di nucleo dissociato, o comunque da chi esercita la potestà a seguito di provvedimento dell Autorità giudiziaria. Tutti i requisiti devono essere posseduti alla data di scadenza del bando. Il nucleo familiare non ancora residente all atto della presentazione della domanda ma che presume di ottenere la residenza prima dell inserimento del bambino, verrà inserito nella graduatoria dei residenti, nel caso in cui, al momento dell inserimento, il nucleo non dovesse risultare residente, verrà automaticamente inserito nella graduatoria dei non residenti. DOMANDE DEI NON RESIDENTI PERVENUTE NEI TERMINI (GRUPPO C): La graduatoria verrà formulata secondo i criteri di accesso validi per i residenti. All interno di questa categoria, viene data precedenza assoluta ai bambini con almeno un genitore che lavora nel territorio del Comune di Pianoro. 5

6 DOMANDE FUORI TERMINE (GRUPPI B E D): Le domande pervenute fuori termine relative ai gruppi B e D saranno inserite in graduatoria in ordine cronologico di arrivo al Protocollo Generale dell Ente. Le domande di ammissione dei residenti pervenute fuori termine hanno la precedenza rispetto alle domande dei non residenti (pervenute nei termini e non). Art. 7 Contribuzione da parte degli utenti La retta per la frequenza all asilo nido si compone di due quote: - quota fissa mensile - quota variabile legata ai pasti consumati nel mese. L'importo viene stabilito annualmente con apposita delibera della Giunta Comunale. La quota fissa mensile deve essere corrisposta indipendentemente dalla frequenza del bambino. Durante il periodo dell'inserimento la quota fissa mensile è proporzionalmente ridotta di 1/3 o 2/3, a seconda che l'inserimento del bambino al nido avvenga rispettivamente nella seconda o terza decade del mese : inserimento dall'1 al 10 del mese: 100% inserimento dall' 11 al 20 del mese: 2/3 della quota inserimento dal 21 al termine del mese: 1/3 della quota La quota fissa mensile è altresì ridotta del 20%, per tutti i bambini, nei mesi di gennaio e dicembre. Nel caso in cui il bambino non effettui nessuna presenza nell arco di 30 giorni solari continuativi, esclusi i periodi comprendenti le chiusure da calendario scolastico dei mesi di gennaio e dicembre, la quota fissa mensile viene ridotta del 30%. Nel mese di luglio la retta dovuta dipende dal numero di settimane per le quali è stata presentata domanda di frequenza. Il pagamento della retta avviene tramite bollettino di conto corrente postale inviato a casa alle famiglie o addebito in conto corrente (RID). Per coloro che richiedono l applicazione di una retta ridotta, si fa riferimento al Dlgs. 109/98 e successive modificazioni e integrazioni, in materia di Indicatore della Situazione Economica (ISEE). Alle famiglie che pur avendo chiesto l applicazione della retta ridotta non presentino l attestazione ISEE entro il termine assegnato, verrà applicata d ufficio la retta massima. Al fine del calcolo della quota fissa mensile dovuta verrà considerato il nucleo familiare così composto: 1 genitori (anche se non conviventi, salvo in caso di sentenza di separazione/divorzio) 2 figli minori legittimi naturali o adottivi 3 minori in affidamento preadottivo o affidamento temporaneo. Per le famiglie con più bambini iscritti al servizio, la retta sarà calcolata come di seguito indicato: 1 Figlio.quota fissa intera + quota pasto intera 2 Figlio..quota fissa 30% + quota pasto intera 3 Figlio..quota fissa 30% + quota pasto intera dal 4 Figlio quota fissa - 40% + quota pasto intera Art. 8 Reclami 6

7 Per rimuovere eventuali disservizi che limitano la possibilità di fruire del servizio o che violano i principi e gli standard enunciati nella Carta dei servizi educativi 0/3 anni, gli utenti possono presentare reclamo. Esso ha lo scopo di offrire agli utenti uno strumento agile e immediato per segnalare all'amministrazione comportamenti non in linea con i principi e le finalità dei Regolamenti dei servizi e della Carta, relativi alla realizzazione del servizio e alla trasparenza dell'azione amministrativa. I reclami possono essere espressi in forma orale, scritta, telefonica, via fax, a mezzo posta elettronica e devono contenere generalità, indirizzo e reperibilità del proponente. I reclami orali e telefonici debbono, successivamente, essere presentati in forma scritta. I reclami anonimi non sono presi in considerazione se non circostanziati. L'Amministrazione, dopo aver esperito ogni possibile indagine in merito, risponde, sempre in forma scritta, con celerità e, comunque, non oltre trenta giorni, attivandosi per rimuovere le cause che hanno provocato il reclamo. Qualora il reclamo non sia di competenza dell'amministrazione Comunale, sono fornite all utente indicazioni circa il corretto destinatario. L'Amministrazione informa il Comitato di Gestione e i Collettivi di Plesso dei reclami pervenuti, delle risposte rese e dei provvedimenti adottati. Il reclamo non sostituisce i ricorsi. Esso ha natura e funzioni diverse dai ricorsi amministrativi e giurisdizionali previsti dalle leggi vigenti. La presentazione del reclamo non influisce sui termini di scadenza dei ricorsi. 7

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO

COMUNE DI CETONA. Provincia di Siena. Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO COMUNE DI CETONA Provincia di Siena Regolamento del Nido Intercomunale d'infanzia di Piazze ART. 1 OGGETTO Il presente regolamento disciplina l attività di gestione del Nido Intercomunale d Infanzia di

Dettagli

COMUNE DI SCARPERIA E SAN PIERO Provincia di Firenze Settore I Servizi Amministrativi Ufficio Istruzione

COMUNE DI SCARPERIA E SAN PIERO Provincia di Firenze Settore I Servizi Amministrativi Ufficio Istruzione BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 36 POSTI NEI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA (12 36 mesi) ANNO 2014/2015 IL RESPONSABILE DEL SETTORE I^ PREMESSO che: - con Legge Regionale 22 novembre 2013, n. 67

Dettagli

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA

COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA COMUNE DI CAMPEGINE Provincia di Reggio Emilia Assessorato alla Scuola Gestione Servizi per l Infanzia BANDO DI AMMISSIONE ALLA SCUOLA COMUNALE DELL INFANZIA Anno scolastico 2014/2015 COMUNICAZIONE PER

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE Comune di Castelnuovo di Val di Cecina Provincia Di Pisa REGOLAMENTO PER LA GESTIONE E L'ISCRIZIONE ALLA BABY HOUSE Approvato con deliberazione di C.C. n. 59 del 24.09.2009 1 ART. 1 - FINALITA La Baby

Dettagli

Scadenza per la presentazione delle domande 21 APRILE 2015 (ORE 18:30) A PENA DI ESCLUSIONE. DATI RELATIVI AL BAMBINO cognome nome

Scadenza per la presentazione delle domande 21 APRILE 2015 (ORE 18:30) A PENA DI ESCLUSIONE. DATI RELATIVI AL BAMBINO cognome nome All ufficio Pubblica Istruzione del Comune di Signa Oggetto: Iscrizione all Asilo Nido Comunale - Privato a convenzione a.e. 2015/2016 Scadenza per la presentazione delle domande 21 APRILE 2015 (ORE 18:30)

Dettagli

BANDO PER L ISCRIZIONE ASILO NIDO COMUNALE Anno Educativo 2015/2016

BANDO PER L ISCRIZIONE ASILO NIDO COMUNALE Anno Educativo 2015/2016 COMUNE DI LORETO Provincia di Ancona Settore VI - Servizi Sociali BANDO PER L ISCRIZIONE ASILO NIDO COMUNALE Anno Educativo 2015/2016 Il Responsabile 6 Settore Funzionale rende noto che sono aperte le

Dettagli

PARTE PRIMA ISCRIZIONI. Art. 1 Accesso alla scuola dell infanzia

PARTE PRIMA ISCRIZIONI. Art. 1 Accesso alla scuola dell infanzia MODALITA OPERATIVE PER RACCOLTA ISCRIZIONI E FORMAZIONE DELLA GRADUATORIA PER L ACCESSO ALLE SCUOLE DELL INFANZIA STATALI E COMUNALI DEL COMUNE DI BUDRIO (BO) Il Consiglio d Istituto nella seduta del 12/01/2015

Dettagli

Art. 6 AMMISSIONE E FREQUENZA Possono essere ammessi ai servizi socio-educativi per la prima infanzia le bambine e i bambini in età compresa tra i

Art. 6 AMMISSIONE E FREQUENZA Possono essere ammessi ai servizi socio-educativi per la prima infanzia le bambine e i bambini in età compresa tra i Art. 1 ISTITUZIONE E FINALITÀ E istituito in Sarnonico il servizio asilo nido. Il nido di infanzia è un servizio educativo e sociale che concorre con le famiglie alla crescita e alla formazione delle bambine

Dettagli

Requisiti per la presentazione delle domande

Requisiti per la presentazione delle domande CITTA DI LEGNAGO Provincia di Verona BANDO PER L ISCRIZIONE AGLI ASILI NIDO COMUNALI Anno educativo 2016/2017 Si rende noto che dal 1 febbraio 2016 saranno aperte le iscrizioni per l ammissione all Asilo

Dettagli

La mancata accettazione entro i termini previsti oppure il recesso successivo, comportano la cancellazione dalla graduatoria. AMMISSIONI PRIORITARIE

La mancata accettazione entro i termini previsti oppure il recesso successivo, comportano la cancellazione dalla graduatoria. AMMISSIONI PRIORITARIE COMUNE DI CIMONE MODALITA DI FUNZIONAMENTO DELL ASILO NIDO CIMONE E DEFINIZIONE DELLE GRADUATORIE (approvato con Deliberazione della Giunta comunale n.38 dd. 10.06.2015) 1. SEDE La gestione del servizio

Dettagli

C O M U N E D I C A S T E N A S O CRITERI PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE PER LE AMMISSIONI AGLI ASILI NIDO COMUNALI

C O M U N E D I C A S T E N A S O CRITERI PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE PER LE AMMISSIONI AGLI ASILI NIDO COMUNALI P r o v i n c i a d i B o l o g n a CRITERI PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE PER LE AMMISSIONI AGLI ASILI NIDO COMUNALI 1) SITUAZIONE DEL BAMBINO PUNTI a) Bambino portatore di handicap (certificato

Dettagli

Comune di Albuzzano. Provincia di Pavia BANDO

Comune di Albuzzano. Provincia di Pavia BANDO Comune di Albuzzano Provincia di Pavia BANDO PER ACCESSO A TARIFFA AGEVOLATA ALLE UNITA D OFFERTA SOCIALI PER LA PRIMA INFANZIA DEL SISTEMA PRIVATO CONVENZIONATE (ASILI NIDO, MICRONIDI, NIDI FAMIGLIA)

Dettagli

REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA

REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna Settore Servizi alla Persona e alla Famiglia REGOLAMENTO SERVIZIO REFEZIONE SCOLASTICA Approvato con deliberazione consiliare n. 66 in data 13 luglio 2005 Indice 1.

Dettagli

ANNO EDUCATIVO 2013-2014

ANNO EDUCATIVO 2013-2014 Comune di Medicina AREA SERVIZI AMMINISTRATIVI SERVIZI ALLA PERSONA tel. 051 6979247; fax. 051 6979321 serviziallapersona@comune.medicina.bo.it Prot.n. 13064 del 28/08/2013 Pratica n. 3973/2013 Tit. 7

Dettagli

COMUNITA MONTANA MONT EMILIUS. Regolamento. per il funzionamento del servizio di asilo nido

COMUNITA MONTANA MONT EMILIUS. Regolamento. per il funzionamento del servizio di asilo nido COMUNITA MONTANA MONT EMILIUS Regolamento per il funzionamento del servizio di asilo nido Approvato con deliberazione del Consiglio dei Sindaci n. 28 in data 14/04/2014 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASILO

Dettagli

COMUNE DI LEDRO. Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE

COMUNE DI LEDRO. Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE . COMUNE DI LEDRO Provincia di Trento SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE DISCIPLINARE recante criteri e modalità di presentazione delle domande di accesso e formazione della graduatoria Approvato con

Dettagli

BANDO PER L ISCRIZIONE ALL ASILO NIDO DI VIA GARIBALDI, 143 PER L ANNO EDUCATIVO 2013/2014

BANDO PER L ISCRIZIONE ALL ASILO NIDO DI VIA GARIBALDI, 143 PER L ANNO EDUCATIVO 2013/2014 COMUNE DI MONTELIBRETTI Provincia di Roma DIPARTIMENTO I - Affari generali ed Istituzionali, Socio-Culturale e Pubblica Istruzione SERVIZIO SOCIO-CULTURALE E PUBBLICA ISTRUZIONE Ufficio Servizi Sociali

Dettagli

CHIAVAZZA Alba Spina MASARONE Maria Bonino PAVIGNANO Virginia Maioli Faccio ROGGIE Lidia Lanza VERNATO Annalena Tonelli. (5 posti in Convenzione)

CHIAVAZZA Alba Spina MASARONE Maria Bonino PAVIGNANO Virginia Maioli Faccio ROGGIE Lidia Lanza VERNATO Annalena Tonelli. (5 posti in Convenzione) N Domanda Ammesso/a al nido....... Mese di.. Orario concordato di frequenza.... Parte riservata all Ufficio nidi ooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooooo Domanda

Dettagli

NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN

NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN COMUNE DI RIOLO TERME Provincia di Ravenna NUOVO REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE PETER PAN Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 79 del 30/11/2001 1 modifica approvata con

Dettagli

7. Domanda di ammissione al nido per figli gemelli p. 5. 9. Madre in gravidanza (con certificazione medica) p. 2

7. Domanda di ammissione al nido per figli gemelli p. 5. 9. Madre in gravidanza (con certificazione medica) p. 2 CRITERI, PUNTEGGI E MODALITA DI VALUTAZIONE PER LA REDAZIONE DELLA GRADUATORIA DI AMMISSIONE AL NIDO D INFANZIA Approvati con Deliberazione di Giunta Comunale n. 49 del 3 maggio 2007 A. COMPOSIZIONE NUCLEO

Dettagli

COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO

COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO COMUNE DI OGGIONO PROVINCIA DI LECCO REGOLAMENTO PER L ASSEGNAZIONE DEI MINI ALLOGGI RISERVATI A PERSONE ANZIANE Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale In data 08.02.2007 N 7 1 I N D I C E Art.

Dettagli

COMUNE DI SCARLINO PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI SCARLINO PROVINCIA DI GROSSETO COMUNE DI SCARLINO PROVINCIA DI GROSSETO Settore 1 - Affari Generali Via Martiri d Istia, 1 58020 Scarlino (GR) www.comune.scarlino.gr.it DOMANDA: di ammissione (da consegnare al Comune) MODULO PER LA

Dettagli

COMUNE DI SASSARI Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Scolastiche e Giovanili

COMUNE DI SASSARI Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Scolastiche e Giovanili Allegato A alla D.G.M. N 132 del 22/05/2013 COMUNE DI SASSARI Settore Politiche Educative e Giovanili Servizio Politiche Scolastiche e Giovanili MODALITA' DI ACCESSO AL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

Dettagli

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ON LINE AL SERVIZIO INTEGRATIVO E SPERIMENTALE PER LA PRIMA INFANZIA SPAZIO CUCCIOLI ALTOBELLO ANNO SCOLASTICO 2011-2012

GUIDA ALLE ISCRIZIONI ON LINE AL SERVIZIO INTEGRATIVO E SPERIMENTALE PER LA PRIMA INFANZIA SPAZIO CUCCIOLI ALTOBELLO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 GUIDA ALLE ISCRIZIONI ON LINE AL SERVIZIO INTEGRATIVO E SPERIMENTALE PER LA PRIMA INFANZIA SPAZIO CUCCIOLI ALTOBELLO ANNO SCOLASTICO 2011-2012 Il Servizio integrativo e sperimentale per la prima infanzia

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE DEI SERVIZI PER L'INFANZIA SCOLASTICI ED EXTRASCOLASTICI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE DEI SERVIZI PER L'INFANZIA SCOLASTICI ED EXTRASCOLASTICI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLE TARIFFE DEI SERVIZI PER L'INFANZIA SCOLASTICI ED EXTRASCOLASTICI Approvato con deliberazione consiliare n.19 del 10.05.2012. Pubblicato all albo pretorio dal 07.06.2012

Dettagli

COMUNE DI FOLLONICA SERVIZI SOCIO EDUCATIVI

COMUNE DI FOLLONICA SERVIZI SOCIO EDUCATIVI COMUNE DI FOLLONICA SERVIZI SOCIO EDUCATIVI ALLEGATO A CRITERI DI ATTRIBUZIONE PUNTEGGI E MODALITA DI REDAZIONE DELLE GRADUATORIE DI AMMISSIONE AL NIDO D INFANZIA A) NUCLEO FAMILIARE A. 1. Bambino disabile

Dettagli

PARTE I OFFERTA COMPLESSIVA E TIPOLOGIE DI SERVIZI

PARTE I OFFERTA COMPLESSIVA E TIPOLOGIE DI SERVIZI SISTEMA PUBBLICO DI SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZI A PARTE I OFFERTA COMPLESSIVA E TIPOLOGIE DI SERVIZI L'offerta di servizi educativi per la prima Infanzia del Comune di Borgo San Lorenzo comprende:

Dettagli

COMUNE DI PARMA SERVIZIO SERVIZI EDUCATIVI S.O. SERVIZI PER LA SCUOLA

COMUNE DI PARMA SERVIZIO SERVIZI EDUCATIVI S.O. SERVIZI PER LA SCUOLA COMUNE DI PARMA SERVIZIO SERVIZI EDUCATIVI S.O. SERVIZI PER LA SCUOLA SERVIZI ESTIVI - CENTRI ESTIVI in CITTA - CENTRI ESTIVI in CAMPAGNA - PER BAMBINI/E E RAGAZZI/E DAI 6 AI 14 ANNI BANDO PER LA RICHIESTA

Dettagli

DOMANDA DI AMMISSIONE ALL ASILO NIDO COMUNALE ANNO SCOLASTICO 2016/2017

DOMANDA DI AMMISSIONE ALL ASILO NIDO COMUNALE ANNO SCOLASTICO 2016/2017 DOMANDA DI AMMISONE ALL ALO NIDO COMUNALE AN SCOLASTICO 2016/2017 Il sottoscritto Residente Via n. Tel. C. F. Indirizzo mail (obbligatorio) chiede l iscrizione del proprio bambino (cognome) (nome) nato/a

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ASILO NIDO COMUNALE

DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ASILO NIDO COMUNALE AL COMUNE DI POMEZIA SETTORE X POLITICHE SOCIALI P.ZA SAN BENEDETTO DA NORCIA, 25 00040 - POMEZIA DOMANDA DI ISCRIZIONE ALL ASILO NIDO COMUNALE ANNO EDUCATIVO 2016-2017 ( Da presentare entro e non oltre

Dettagli

Bando per l ammissione nei posti convenzionati ai servizi educativi inseriti nel sistema pubblico dell offerta

Bando per l ammissione nei posti convenzionati ai servizi educativi inseriti nel sistema pubblico dell offerta Bando per l ammissione nei posti convenzionati ai servizi educativi inseriti nel sistema pubblico dell offerta IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO Premesso che - Il Comune di Casole d Elsa non possiede nidi di

Dettagli

COMUNE DI CASALGRANDE

COMUNE DI CASALGRANDE COMUNE DI CASALGRANDE -REGGIO NELL EMILIA- SERVIZI SCOLASTICI ED EDUCATIVI - Piazza Martiri della Libertà. 1 Casalgrande (RE) cap.42013 - C.F./P.I. 00284720356 tel 039.0522.998517 039.0522.998544 - fax

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE Approvato con deliberazione C.C. n. 5 del 30.3.2015 REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI NIDO D INFANZIA COMUNALE ART. 1 - FINALITA DEL SERVIZIO Il nido d infanzia è un servizio educativo e sociale di interesse

Dettagli

Guida alla compilazione della domanda per il servizio asili nido

Guida alla compilazione della domanda per il servizio asili nido Città di Nichelino Provincia di Torino Assessorato all Istruzione Guida alla compilazione della domanda per il servizio asili nido La presente domanda compilata nelle parti richieste dovrà obbligatoriamente

Dettagli

Il Responsabile dei servizi alla persona

Il Responsabile dei servizi alla persona Bando per l assegnazione di n 4 posti nel Nido d Infanzia di Corsagna, indetto ai sensi della Determinazione n 598 del 07.09.2010 del Responsabile dei Servizi alla Persona. Il Responsabile dei servizi

Dettagli

COMUNE DI PISTOIA. Servizio Educazione e Cultura Anno scolastico 2014-2015 SERVIZIO SCUOLABUS DELIBERA G. C. N. 103 DEL 19-06-2014

COMUNE DI PISTOIA. Servizio Educazione e Cultura Anno scolastico 2014-2015 SERVIZIO SCUOLABUS DELIBERA G. C. N. 103 DEL 19-06-2014 COMUNE DI PISTOIA Servizio Educazione e Cultura Anno scolastico 2014-2015 SERVIZIO SCUOLABUS Gli utenti che intendono usufruire del servizio di trasporto scolastico devono presentare domanda su apposito

Dettagli

Oggetto: richiesta ISCRIZIONE ALL ASILO NIDO SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

Oggetto: richiesta ISCRIZIONE ALL ASILO NIDO SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA Al Sig. Sindaco del Comune di ISOLA DEL LIRI Oggetto: richiesta ISCRIZIONE ALL ASILO NIDO SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA Il/La sottoscritto/a... nato/a in... Prov. il././.. e residente in ISOLA

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DI FREQUENZA DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E NIDO D INFANZIA

REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DI FREQUENZA DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E NIDO D INFANZIA REGOLAMENTO PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE DI FREQUENZA DEL SERVIZIO DI REFEZIONE SCOLASTICA E NIDO D INFANZIA - Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 61 del 27.07.2006 - Modificato

Dettagli

MODALITA E CRITERI DI GESTIONE DELLE GRADUATORIE PER SUPPLENZE NEI SERVIZI EDUCATIVI E SCOLASTICI DEL COMUNE DI BOLOGNA.

MODALITA E CRITERI DI GESTIONE DELLE GRADUATORIE PER SUPPLENZE NEI SERVIZI EDUCATIVI E SCOLASTICI DEL COMUNE DI BOLOGNA. Allegato A P. G. n. 114366/2009 COMUNE DI BOLOGNA SETTORE PERSONALE E ORGANIZZAZIONE MODALITA E CRITERI DI GESTIONE DELLE GRADUATORIE PER SUPPLENZE NEI SERVIZI EDUCATIVI E SCOLASTICI DEL COMUNE DI BOLOGNA.

Dettagli

Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO. Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64

Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO. Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64 Comune di Cassina de Pecchi REGOLAMENTO DI GESTIONE ASILO NIDO COMUNALE IL PESCIOLINO ROSSO Approvato con deliberazione 8/05/2014 N 64 1 INDICE art. 1 Finalità del Servizio pag. 3 art. 2 Area di utenza

Dettagli

REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE.

REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE. REGOLAMENTO MICRONIDO COMUNALE. ART. 1 PRINCIPI GENERALI 1. Il Micronido comunale di Villafranca Piemonte è un servizio socio educativo di interesse pubblico che ha il duplice scopo di favorire da un lato

Dettagli

Regolamento di applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente per le prestazioni sociali agevolate. Art.

Regolamento di applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente per le prestazioni sociali agevolate. Art. Allegato B Regolamento di applicazione dell Indicatore della Situazione Economica Equivalente per le prestazioni sociali agevolate. Art. 1 Terminologia Ai fini del presente regolamento viene adottata,

Dettagli

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI

CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Allegato A alla Delib.G.R. n. 45/18 del 21.12.2010 CRITERI PER LA VALUTAZIONE E IL FINANZIAMENTO DEI PIANI PERSONALIZZATI Per la predisposizione e valutazione dei Piani Personalizzati di sostegno relativi

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO

REGOLAMENTO ASILO NIDO REGOLAMENTO ASILO NIDO (ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE DI C.C. N. 3 DEL 24/1/2011 ) TITOLO I GESTIONE DEL SERVIZIO ART. 1 Finalità del servizio 1. L asilo nido è un luogo di accoglienza e cura, di crescita,

Dettagli

COMUNE DI CORTONA Provincia di Arezzo BANDO PER L ISCRIZIONE AI NIDI D INFANZIA COMUNALI PER L A.E. 2013/2014. Il Dirigente Area Servizi al cittadino

COMUNE DI CORTONA Provincia di Arezzo BANDO PER L ISCRIZIONE AI NIDI D INFANZIA COMUNALI PER L A.E. 2013/2014. Il Dirigente Area Servizi al cittadino COMUNE DI CORTONA Provincia di Arezzo BANDO PER L ISCRIZIONE AI NIDI D INFANZIA COMUNALI PER L A.E. 2013/2014 Il Dirigente Area Servizi al cittadino VISTA la Legge Regionale 2 luglio 2002, n.32 (Testo

Dettagli

Sezione Primavera a Borgo Palazzo

Sezione Primavera a Borgo Palazzo SERVIZI SOCIALI ED EDUCATIVI INFANZIA E GENITORIALITÀ CENTRO FAMIGLIA Via Legrenzi, 31 24124 Bergamo Bg Tel. 035-399593 / fax 035-399380 e-mail: centrofamiglia@comune.bg.it Sezione Primavera a Borgo Palazzo

Dettagli

Comune di Montevecchia Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI MONTEVECCHIA

Comune di Montevecchia Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI MONTEVECCHIA Comune di Montevecchia Provincia di Lecco REGOLAMENTO DELL ASILO NIDO DEL COMUNE DI MONTEVECCHIA APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N.37 DEL 30/09/2011 ART. 1 - FINALITÀ DEL SERVIZIO Il Comune

Dettagli

NIDO D INFANZIA COMUNALE CAPOLINO PIÙ BANDO ISCRIZIONE ANNO EDUCATIVO 2015-2016

NIDO D INFANZIA COMUNALE CAPOLINO PIÙ BANDO ISCRIZIONE ANNO EDUCATIVO 2015-2016 COMUNE DI CAPOLONA Provincia di Arezzo NIDO D INFANZIA COMUNALE CAPOLINO PIÙ BANDO ISCRIZIONE ANNO EDUCATIVO 2015-2016 in attuazione di quanto disposto dal vigente regolamento comunale per la gestione

Dettagli

Regolamento del Servizio di Asilo Nido

Regolamento del Servizio di Asilo Nido COMUNE DI TAGLIO DI PO Provincia di Rovigo Regolamento del Servizio di Asilo Nido (Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n.61 del 9/08/2005) (Modificato con deliberazione di Consiglio comunale

Dettagli

REGOLAMENTO DEI SERVIZI INTEGRATIVI PER LA PRIMA INFANZIA CENTRI GIOCO E SPAZI-BAMBINO

REGOLAMENTO DEI SERVIZI INTEGRATIVI PER LA PRIMA INFANZIA CENTRI GIOCO E SPAZI-BAMBINO (Comuni di Castelnuovo Rangone, Castelvetro di Modena, Savignano sul Panaro, Spilamberto, Vignola) REGOLAMENTO DEI SERVIZI INTEGRATIVI PER LA PRIMA INFANZIA CENTRI GIOCO E SPAZI-BAMBINO Art.1 TIPOLOGIA

Dettagli

2. ORDINE DI PRIORITÀ

2. ORDINE DI PRIORITÀ ALLEGATO A CRITERI E PUNTEGGI PER LA FORMULAZIONE DELLE GRADUATORIE DI AMMISSIONE ALLE SCUOLE D INFANZIA ED AI NIDI COMUNALI, AI NIDI CONVENZIONATI ED AI SERVIZI INTEGRATIVI Art. 1. PRESENTAZIONE DOMANDA

Dettagli

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone

COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone COMUNE DI SAN VITO AL TAGLIAMENTO Provincia di Pordenone Codice fiscale 80003930932 Partita IVA 00242130938 PIAZZA DEL POPOLO N.38 TEL.0434/842926 FAX 0434/842971 www.comune.san-vito-al-tagliamento.pn.it

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA

REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA REGOLAMENTO COMUNALE SCUOLE DELL INFANZIA ART. 1 - NATURA E FINALITA La Scuola comunale dell infanzia concorre, nell ambito del sistema scolastico, a promuovere la formazione integrale della personalità

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO

REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO REGOLAMENTO ASILO NIDO D INFANZIA IL MELOGRANO Art.1 Oggetto a. Il presente Regolamento disciplina finalità e attività di gestione dell Asilo Nido d Infanzia Il Melograno, realizzato e gestito dalla Cooperativa

Dettagli

AVVISO PUBBLICO. Art. 1 Oggetto dell Avviso

AVVISO PUBBLICO. Art. 1 Oggetto dell Avviso AVVISO PUBBLICO PER L ATTRIBUZIONE DI VOUCHER SOCIALI A FINALITA MULTIPLA DI CUI ALL INTESA STATO REGIONI CONCILIAZIONE DEI TEMPI DI VITA E DI LAVORO, AL PROGRAMMA ASSAP VOUCHER ASSISTENTI FAMILIARI E

Dettagli

ANNO SCOLASTICO / MODULO PER LA RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL ASILO NIDO COMUNALE

ANNO SCOLASTICO / MODULO PER LA RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL ASILO NIDO COMUNALE ANNO SCOLASTICO / MODULO PER LA RICHIESTA DI ISCRIZIONE ALL ASILO NIDO COMUNALE Spazio riservato al Protocollo Al Comune di Cremona Il/la sottoscritto/a C.F. M F Nazionalità padre nazionalità madre Tel.

Dettagli

COMUNE DI PELLIZZANO Servizio Asilo Nido RICHIESTA INSERIMENTO NELLE GRADUATORIE PER L ACCESSO ALL ASILO NIDO COMUNALE. Anno educativo 2015/2016

COMUNE DI PELLIZZANO Servizio Asilo Nido RICHIESTA INSERIMENTO NELLE GRADUATORIE PER L ACCESSO ALL ASILO NIDO COMUNALE. Anno educativo 2015/2016 COMUNE DI PELLIZZANO Servizio Asilo Nido RICHIESTA INSERIMENTO NELLE GRADUATORIE PER L ACCESSO ALL ASILO NIDO COMUNALE Anno educativo 2015/2016 Di aver già presentato domanda all asilo nido di Pellizzano

Dettagli

Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia. regolamento. Asili nido Arcobaleno L arca di Noè

Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia. regolamento. Asili nido Arcobaleno L arca di Noè Settore Politiche Sociali e di Sostegno alla Famiglia regolamento Asili nido Arcobaleno L arca di Noè regolamento Documento aggiornato a febbraio 2013 Indice capo 1 art. 1 art. 2 art. 3 capo 2 art. 4 art.

Dettagli

COMUNE DI CLES Servizio Asilo Nido MODALITA OPERATIVE PER L AMMISSIONE E LA FREQUENZA AL SERVIZIO ASILO NIDO

COMUNE DI CLES Servizio Asilo Nido MODALITA OPERATIVE PER L AMMISSIONE E LA FREQUENZA AL SERVIZIO ASILO NIDO COMUNE DI CLES Servizio Asilo Nido MODALITA OPERATIVE PER L AMMISSIONE E LA FREQUENZA AL SERVIZIO ASILO NIDO Art. 1 OGGETTO DELLE SEGUENTI DISPOSIZIONI Negli articoli seguenti vengono disciplinate le modalità

Dettagli

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO IN OGNI ETA (approvato con Delibera di Consiglio Unione Valdera n. 2 del 15.03.

ESTRATTO DEL REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO IN OGNI ETA (approvato con Delibera di Consiglio Unione Valdera n. 2 del 15.03. ESTRATTO DEL REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL APPRENDIMENTO IN OGNI ETA (approvato con Delibera di Consiglio Unione Valdera n. 2 del 15.03.2010) ********************************** ART. 16 BANDI PUBBLICI

Dettagli

CRITERI PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE PER L ACCESSO AGLI ASILI NIDO COMUNALI.

CRITERI PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE PER L ACCESSO AGLI ASILI NIDO COMUNALI. Settore Servizi educativi CRITERI PER LA FORMAZIONE DELLE GRADUATORIE PER L ACCESSO AGLI ASILI NIDO COMUNALI. I criteri per la formazione delle graduatorie prendono in esame il contesto in cui è inserito

Dettagli

Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO. Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano

Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO. Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano Comune di Vallesaccarda (Av) Provincia di AVELLINO Regolamento Comunale Ludoteca Prima Infanzia Il Chicco di Grano 1 art. 1 - finalità La Ludoteca infantile è un servizio educativo e sociale di interesse

Dettagli

REGOLAMENTO ASILO NIDO. Modificato con deliberazione del C.C. n.34 del 09.07.2008

REGOLAMENTO ASILO NIDO. Modificato con deliberazione del C.C. n.34 del 09.07.2008 COMUNE DI CALUSCO D ADDA Provincia di Bergamo Settore Sociale Servizi Sociali e Servizio Pubblica Istruzione Piazza S.Fedele n.1 24033 Calusco d Adda (Bg) Tel. 0354389051 Fax 0354389076 e-mail mina.mendola@comune.caluscodadda.bg.it

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE ASILI NIDO

REGOLAMENTO COMUNALE ASILI NIDO REGOLAMENTO COMUNALE ASILI NIDO ART. 1 - FINALITA L Asilo Nido è un servizio educativo e sociale di interesse collettivo che garantisce alla prima infanzia le condizioni di un armonico sviluppo psico-fisico

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma AVVISO PUBBLICO BONUS ASILO NIDO Art. 1 Obiettivi generali Il presente Avviso Pubblico nasce dall idea progettuale di armonizzare i tempi delle città sostenendo, in particolare la conciliazione tra il

Dettagli

Compilare in stampatello DOMANDA DI AMMISSIONE ALL ASILO NIDO

Compilare in stampatello DOMANDA DI AMMISSIONE ALL ASILO NIDO Compilare in stampatello Al Comune di Mira DOMANDA DI AMMISSIONE ALL ASILO NIDO Il/la sottoscritto/a nato/a a il residente a via n tel. abitazione cellulare indirizzo e-mail in qualità di : padre madre

Dettagli

C O M U N E DI O P E R A PROVINCIA DI MILANO

C O M U N E DI O P E R A PROVINCIA DI MILANO DOMANDA DI ISCRIZIONE Anno Educativo 2015 2016 BAMBINO/A * TEMPO PIENO PART TIME MATTINO (dalle ore 8.00 alle ore 13.30 pranzo compreso) PART TIME POMERIGGIO (dalle ore 12.00 alle ore 16.00 pranzo escluso)

Dettagli

Comune di Cento. Regolamento del Servizio di Mensa Scolastica, testo coordinato, approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n.

Comune di Cento. Regolamento del Servizio di Mensa Scolastica, testo coordinato, approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. Comune di Cento REGOLAMENTO MENSA SCOLASTICA.doc REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA 1 ART. 1 FINALITA 1. Il servizio di mensa scolastica è finalizzato a rendere effettivo il diritto allo studio

Dettagli

Sezione Primavera a Borgo Palazzo

Sezione Primavera a Borgo Palazzo ISTITUZIONE PER I SERVIZI ALLA PERSONA SERVIZIO INFANZIA E GENITORIALITA c/o Centro Famiglia Via Legrenzi, 31 24124 Bergamo Bg Tel. 035-399593 / fax 035-399380 e-mail: centrofamiglia@comune.bg.it Sezione

Dettagli

Settore Servizi all Infanzia. CIRCOLARE N. 2 03 febbraio 2009. Ai Direttori Centrali Ai Direttori delle Direzioni Specialistiche. Ai Direttori di Area

Settore Servizi all Infanzia. CIRCOLARE N. 2 03 febbraio 2009. Ai Direttori Centrali Ai Direttori delle Direzioni Specialistiche. Ai Direttori di Area Settore Servizi all Infanzia CIRCOLARE N. 2 03 febbraio 2009 P.G. 83918/2009 Ai Direttori di Area Ai Direttori Centrali Ai Direttori delle Direzioni Specialistiche Ai Direttori di Settore Ai Direttori

Dettagli

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE

REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE COMUNE DI LAVARONE provincia di Trento REGOLAMENTO DI GESTIONE DELL ASILO NIDO COMUNALE Approvato con deliberazione consiliare n. 18 di data 20.06.2011. Modificato con deliberazione consiliare n. 40 dd.

Dettagli

IL DIRIGENTE. Vista la Determinazione Dirigenziale n. 55 DEL 25.01.2016 RENDE NOTO CHE

IL DIRIGENTE. Vista la Determinazione Dirigenziale n. 55 DEL 25.01.2016 RENDE NOTO CHE COMUNE DI CAMAIORE Servizi scolastici BANDO PER LA CONCESSIONE DI BUONI SERVIZIO A FAVORE DI FAMIGLIE CON BAMBINI IN LISTA D ATTESA PRESSO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA COMUNALI E FREQUENTANTI UN NIDO

Dettagli

COMUNE DI MASSA MARITTIMA PROVINCIA DI GROSSETO

COMUNE DI MASSA MARITTIMA PROVINCIA DI GROSSETO REGOLAMENTO SERVIZI PER LA PRIMA INFANZIA E COLONIA MARINA PER MINORI TITOLO I OGGETTO E FINALITA art. 1 oggetto del regolamento art. 2 tipologie dei servizi TITOLO II I NIDI D INFANZIA art. 3- descrizione

Dettagli

APPROVAZIONE BANDO ISCRIZIONI AL NIDO D INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 IL RESPONSABILE DELL AREA

APPROVAZIONE BANDO ISCRIZIONI AL NIDO D INFANZIA ANNO SCOLASTICO 2015/2016 IL RESPONSABILE DELL AREA COMUNE DI MORDANO Provincia di Bologna Cap. 40027, Via Bacchilega n. 6 Tel. 0542/56911 Fax 56900 E-Mail: urp@mordano.provincia.bologna.it Sito Internet: www.comunemordano.it DETERMINAZIONE N. 57 / 2015

Dettagli

Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA

Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Comune di Figline Valdarno (Provincia di Firenze) REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI RISTORAZIONE SCOLASTICA Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n. 46 del 13.4.2010 ART. 1 FINALITA 1. Il servizio

Dettagli

REGOLAMENTO!ISCRIZIONI!A.S!2015/2016!

REGOLAMENTO!ISCRIZIONI!A.S!2015/2016! !,4128.635664,,01.560860L3268034M :AEDD@E5ADA,0.634 8ICAHEADDAADE@CA EC! SCUOLA dell INFANZIA REGOLAMENTO!ISCRIZIONI!A.S!2015/2016! Il Ministro dell Istruzione, Università e Ricerca ha emanato, in data

Dettagli

Provincia di Lucca Servizio n. 1 Servizio Amministrativo

Provincia di Lucca Servizio n. 1 Servizio Amministrativo Comune di Borgo a Mozzano Provincia di Lucca Servizio n. 1 Servizio Amministrativo -SERVIZI EDUCATIVI PRIMA INFANZIA- Avviso pubblico per l attribuzione di Buoni Servizio alle famiglie secondo semestre

Dettagli

DOMANDA DI ISCRIZIONE AL SERVIZIO NIDI PER L ANNO EDUCATIVO 2012/2013

DOMANDA DI ISCRIZIONE AL SERVIZIO NIDI PER L ANNO EDUCATIVO 2012/2013 NUMERO DI PROTOCOLLO DEL N. PROGRESSIVO A ROMA CAPITALE - UFFICIO NIDI DOMANDA DI ISCRIZIONE AL SERVIZIO NIDI PER L ANNO EDUCATIVO 2012/2013 Il sottoscritto Cognome Nome consapevole che tutte le dichiarazioni

Dettagli

COMUNE DI MONCRIVELLO uffici@comune.moncrivello.vc.it moncrivello@cert.ruparpiemonte.it

COMUNE DI MONCRIVELLO uffici@comune.moncrivello.vc.it moncrivello@cert.ruparpiemonte.it Regione Piemonte Provincia di Vercelli COMUNE DI MONCRIVELLO uffici@comune.moncrivello.vc.it moncrivello@cert.ruparpiemonte.it BANDO PER LA PARTECIPAZIONE A CANTIERI DI LAVORO per l impiego temporaneo

Dettagli

Direzione ed Uffici 47122 Forlì P.zza del Lavoro, 35 Tel. 0543/38411

Direzione ed Uffici 47122 Forlì P.zza del Lavoro, 35 Tel. 0543/38411 Direzione ed Uffici 47122 Forlì P.zza del Lavoro, 35 Tel. 0543/38411 SELEZIONE RISERVATA AI DISABILI LEGGE 68/99 PER L ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO DI N. 1 OPERATORE SPECIALISTA TURNISTA" ADDETTO ALL

Dettagli

BANDO DI ASSEGNAZIONE ALLOGGI A CANONE MODERATO di proprietà dell A.L.E.R. di Pavia in via Fossarmato 25 27 27/A

BANDO DI ASSEGNAZIONE ALLOGGI A CANONE MODERATO di proprietà dell A.L.E.R. di Pavia in via Fossarmato 25 27 27/A BANDO DI ASSEGNAZIONE ALLOGGI A CANONE MODERATO di proprietà dell A.L.E.R. di Pavia in via Fossarmato 25 27 27/A PRESENTAZIONE DELLE DOMANDE ENTRO IL 14 MARZO 2008 1. INDIZIONE DEL BANDO E indetto il bando

Dettagli

Comune di Caselle Landi Provincia di Lodi REGOLAMENTO TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA

Comune di Caselle Landi Provincia di Lodi REGOLAMENTO TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA Comune di Caselle Landi Provincia di Lodi REGOLAMENTO TRASPORTO E MENSA SCOLASTICA anno 2007 TITOLO I NORME GENERALI Articolo 1 I servizi di trasporto e mensa scolastica nella fascia di istruzione dalla

Dettagli

Il sottoscritto codice fiscale. In qualità di. del minore. Nato a. Il... CHIEDE che il proprio figlio venga iscritto all asilo nido

Il sottoscritto codice fiscale. In qualità di. del minore. Nato a. Il... CHIEDE che il proprio figlio venga iscritto all asilo nido DOMANDA di AMMISSIONE all Asilo Nido Intercomunale di Miagliano Convenzionato con i Comuni di Andorno Micca, Campiglia Cervo, Miagliano, Piedicavallo, Pralungo, Quittengo, Sagliano Micca, San Paolo Cervo,

Dettagli

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias)

COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) COMUNE DI SANT ANTIOCO (Provincia di Carbonia- Iglesias) BANDO PUBBLICO PROGRAMMA PER LA REALIZZAZIONE DI AZIONI DI CONTRASTO DELLE POVERTA - Linea di intervento 3 - CONCESSIONE DI SUSSIDI PER LO SVOLGIMENTO

Dettagli

SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA

SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA COMUNE DI BUDRIO Provincia di Bologna SERVIZI EDUCATIVI PER LA PRIMA INFANZIA LINEE REGOLAMENTARI PER IL FUNZIONAMENTO E L ACCESSO APPROVATO con deliberazione del Consiglio Comunale n. 19 del 17/02/2010.

Dettagli

CITTA DI SAN GIOVANNI VALDARNO (Provincia di Arezzo) ISCRIZIONE AI SERVIZI EDUCATIVI COMUNALI DELL INFANZIA. Io sottoscritto/a in.

CITTA DI SAN GIOVANNI VALDARNO (Provincia di Arezzo) ISCRIZIONE AI SERVIZI EDUCATIVI COMUNALI DELL INFANZIA. Io sottoscritto/a in. CITTA DI SAN GIOVANNI VALDARNO (Provincia di Arezzo) ISCRIZIONE AI SERVIZI EDUCATIVI COMUNALI DELL INFANZIA Al Sindaco della Città di San Giovanni Valdarno Io sottoscritto/a in qualità di codice fiscale:

Dettagli

Regolamento Iscrizioni a. s. 2015 / 2016 (Delibera C.I. del 07/01/2015) Scuola dell Infanzia. Classi prime scuola Primaria

Regolamento Iscrizioni a. s. 2015 / 2016 (Delibera C.I. del 07/01/2015) Scuola dell Infanzia. Classi prime scuola Primaria Regolamento Iscrizioni a. s. 2015 / 2016 (Delibera C.I. del 07/01/2015) Scuola dell Infanzia Classi prime scuola Primaria Classi prime scuola Secondaria di I Grado Istituto Comprensivo G. Montelucci Via

Dettagli

Tel. casa Tel cell madre Tel cell padre

Tel. casa Tel cell madre Tel cell padre Modulo di domanda contributo per la frequenza di servizi educativi per la prima infanzia - nido estivo 2015 Allegato alla D.D. 1010 / 2015 Ricevuto dall ufficio Pratica n Consegnata il Il sottoscritto

Dettagli

Protocollo per l accoglienza alle scuole dell infanzia dell I.C. di Bariano ( Criteri e punteggi per la compilazione delle liste d attesa )

Protocollo per l accoglienza alle scuole dell infanzia dell I.C. di Bariano ( Criteri e punteggi per la compilazione delle liste d attesa ) APPENDICE E Protocollo per l accoglienza alle scuole dell infanzia dell I.C. di Bariano ( Criteri e punteggi per la compilazione delle liste d attesa ) NORME GENERALI Le iscrizioni alle scuole dell infanzia

Dettagli

Comune di Fornovo San Giovanni

Comune di Fornovo San Giovanni CRITERI DI AMMISSIONE ALLO SPAZIO GIOCO COMUNALE Le domande di iscrizione allo Spazio Gioco Comunale devono essere presentate presso l Ufficio protocollo dal 14.09.2012 al 03.10.2012, su apposito modulo

Dettagli

Comune di Fornovo San Giovanni

Comune di Fornovo San Giovanni CRITERI DI AMMISSIONE ALLO SPAZIO GIOCO COMUNALE Le domande di iscrizione allo Spazio Gioco Comunale devono essere presentate presso l Ufficio protocollo entro il 07.10.2015, su apposito modulo fornito

Dettagli

COMUNE DI SETTALA (Provincia di Milano) ASILO NIDO COMUNALE REGOLAMENTO

COMUNE DI SETTALA (Provincia di Milano) ASILO NIDO COMUNALE REGOLAMENTO COMUNE DI SETTALA (Provincia di Milano) ASILO NIDO COMUNALE REGOLAMENTO Nel Comune di Settala, nel quadro generale dei servizi sociali rivolti all infanzia e di tutela della maternità, è istituito il servizio

Dettagli

AMBITO TERRITORIALE DI BARLETTA

AMBITO TERRITORIALE DI BARLETTA CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida AMBITO TERRITORIALE DI BARLETTA SETTORE Servizi Sociali, Sanitari, Pubblica Istruzione, Sport e Tempo Libero DISCIPLINARE

Dettagli

CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA

CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA CITTÀ DI ARZIGNANO PROVINCIA DI VICENZA REGOLAMENTO PER IL FUNZIONAMENTO DEL SERVIZIO DI MENSA SCOLASTICA Approvato con deliberazione di C.C. n 88 del 20/12/2010 1 2 ART. 1 - OGGETTO 1. La mensa scolastica

Dettagli

COMUNE DI CREMA Area Servizi al Cittadino Ufficio Scuola

COMUNE DI CREMA Area Servizi al Cittadino Ufficio Scuola SPAZIO RISERVATO AL COMUNE DATA DI PRESENTAZIONE / /2014 PROTOCOLLO N. VALORE I.S.E.E. SCADENZA ISEE COSTO PASTO COMUNE DI CREMA Area Servizi al Cittadino Ufficio Scuola DOMANDA DI ISCRIZIONE SERVIZIO

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI TRASPORTO SOCIALE ART. 1. DEFINIZIONE Per trasporto comunale sociale si intende il servizio di trasporto a favore di persone in condizione di fragilità presso centri sanitari,

Dettagli

La pubblicazione è stata curata da Carmen Pacini Responsabile del Settore Servizi al Cittadino del Comune di Gradara

La pubblicazione è stata curata da Carmen Pacini Responsabile del Settore Servizi al Cittadino del Comune di Gradara La pubblicazione è stata curata da Carmen Pacini Responsabile del Settore Servizi al Cittadino del Comune di Gradara Finito di stampare ottobre 2012 .. Comune di Gradara Carta Bimbi Informazioni per le

Dettagli

Regolamento del Servizio Educativo Domiciliare PICCOLO PRINCIPE di Marciano della Chiana

Regolamento del Servizio Educativo Domiciliare PICCOLO PRINCIPE di Marciano della Chiana Regolamento del Servizio Educativo Domiciliare PICCOLO PRINCIPE di Marciano della Chiana ART.1 OGGETTO 1- Il presente regolamento disciplina l attività di gestione del servizio educativo domiciliare Piccolo

Dettagli

Parte I - Dati del richiedente in qualità di: Padre Madre Tutore Affidatario

Parte I - Dati del richiedente in qualità di: Padre Madre Tutore Affidatario (SEZIONE DA STACCARE E UTILIZZARE COME MODELLO PER LA DOMANDA) N. PROGRESSIVO DATA Da compilare a cura della scuola che riceve la domanda N. PROTOCOLLO DATA Da compilare a cura del Municipio ALL ENTE SPECIALE

Dettagli

Bando di concorso per l assegnazione delle Borse di Studio Anno Accademico 2014/15

Bando di concorso per l assegnazione delle Borse di Studio Anno Accademico 2014/15 Prot. 2008/A20C 12/05/2015 Bando di concorso per l assegnazione delle Borse di Studio Anno Accademico 2014/15 BANDO di CONCORSO Assegnazione n. 12 Borse di Studio Il presente concorso, per soli titoli,

Dettagli