LA DIMENSIONE SOCIALE DELLA STRATEGIA EUROPA 2020 RELAZIONE DEL COMITATO PER LA PROTEZIONE SOCIALE (2011) SINTESI ISSN

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LA DIMENSIONE SOCIALE DELLA STRATEGIA EUROPA 2020 RELAZIONE DEL COMITATO PER LA PROTEZIONE SOCIALE (2011) SINTESI ISSN 1977-2106"

Transcript

1 LA DIMENSIONE SOCIALE DELLA STRATEGIA EUROPA 2020 RELAZIONE DEL COMITATO PER LA PROTEZIONE SOCIALE (2011) SINTESI ISSN

2 Questa pubblicazione è sostenuta dal programma dell Unione europea per l occupazione e la solidarietà sociale Progress ( ). Si tratta di un programma attuato dalla Commissione europea. È stato istituito per sostenere finanziariamente la realizzazione degli obiettivi dell Unione europea nel settore dell occupazione, degli affari sociali e delle pari opportunità e contribuisce quindi alla realizzazione degli obiettivi Europa 2020 in questi settori. Il programma settennale si concentra su tutte le parti interessate che possono contribuire a plasmare lo sviluppo di un occupazione adeguata ed efficace nonché di politiche e legislazione sociale attraverso l UE-27, i paesi dell EFTA-SEE nonché i paesi candidati e pre-candidati all UE. Per ulteriori informazioni consultare il sito

3 LA DIMENSIONE SOCIALE DELLA STRATEGIA EUROPA 2020 RELAZIONE DEL COMITATO PER LA PROTEZIONE SOCIALE (2011) SINTESI Commissione europea Direzione generale per l Occupazione, gli affari sociali e l inclusione Unità D.1 Manoscritto terminato nel marzo 2011

4 Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione. Copertina: Unione europea Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea Numero verde unico (*) (*) Alcuni gestori di telefonia mobile non consentono l accesso ai numeri o non ne accettano la gratuità. Numerose altre informazioni sull Unione europea sono disponibili su Internet consultando il portale Europa (http://europa.eu). Una scheda catalografica, con un sommario, figura alla fine del volume. Lussemburgo: Ufficio delle pubblicazioni dell Unione europea, 2011 ISBN doi: /37281 Unione europea, 2011 Riproduzione autorizzata con citazione della fonte. Printed in Belgium STAMPATO SU CARTA SBIANCATA SENZA CLORO ELEMENTARE (ECF)

5 Indice Introduzione 5 L obiettivo di riduzione della povertà e inclusione sociale 6 Povertà ed esclusione sociale nell UE: situazione attuale e recenti tendenze 7 Percentuale del rischio di povertà 8 Grave deprivazione materiale 9 Persone che vivono in famiglie con un intensità di lavoro molto bassa 9 Chi è a rischio di povertà ed esclusione? 9 Migliorare la misurazione della povertà ed esclusione sociale 10 Politiche per prevenire e ridurre la povertà 12 Promuovere una crescita inclusiva 12 Strategie di inclusione attiva per sostenere le misure occupazionali 12 Istruzione e competenze come fattori determinanti dell inclusione sociale 13 Protezione sociale adeguata e sostenibile 14 Politiche di inclusione sociale 15 Strumenti finanziari UE per combattere la povertà 16 Prospettive per il futuro: principali messaggi 17 Approfondimenti 20 3

6 Il comitato per la protezione sociale Il comitato per la protezione sociale (CPS) riunisce i rappresentanti degli Stati membri dell Unione europea (UE) e della Commissione europea dal Si tratta di un forum di alto livello sulla politica che consente agli Stati membri e alla Commissione europea di cooperare e condividere idee nel contesto del metodo aperto di coordinamento sociale (MAC sociale). Il CPS prepara relazioni, formula pareri e svolge altre attività nella propria sfera di competenza, su richiesta del Consiglio e della Commissione oppure di propria iniziativa. A partire dal 2011, il comitato redige una relazione annuale che valuta gli aspetti sociali della strategia Europa Il metodo aperto di coordinamento sociale L approccio UE alla politica sociale si basa sul MAC. Si tratta di un meccanismo per coordinare le politiche sociali degli Stati membri. La finalità è di lavorare per il raggiungimento degli obiettivi comuni europei tramite un processo di scambio di politiche e apprendimento reciproco consentendo agli Stati membri di definire le proprie politiche per il conseguimento degli obiettivi. Attraverso il MAC sociale, gli Stati membri redigono piani d azione a livello nazionale, definendo le priorità e le azioni pianificate. La Commissione europea sostiene e supervisiona i progressi sulla base di obiettivi, indicatori e standard comuni. Nel 2011, gli obiettivi e metodi di lavoro del MAC sociale saranno adeguati al fine di conformarsi agli obiettivi stabiliti dalla strategia Europa 2020 per una crescita intelligente, sostenibile e inclusiva. 4

7 Introduzione Europa 2020 è la strategia di crescita dell UE per il prossimo decennio. Consentirà all UE di trasformarsi in un economia intelligente, sostenibile e inclusiva. Il suo successo dipende da azioni che si sostengono reciprocamente in tutte le aree di priorità. Questo dovrebbe consentire all UE e ai suoi Stati membri di garantire alti livelli di occupazione, produttività e coesione sociale. Concretamente, l UE ha stabilito cinque ambiziosi obiettivi, relativi a occupazione, innovazione, istruzione, inclusione sociale e clima/energia, da raggiungere entro il Gli Stati membri adotteranno i propri obiettivi a livello nazionale per ciascuna di queste aree. Azioni concrete a livello nazionale e dell UE sosterranno la strategia. Il CPS ha pubblicato una relazione che valuta gli aspetti sociali della strategia Europa Questo opuscolo contiene una sintesi della relazione

8 L obiettivo di riduzione della povertà e inclusione sociale Una persona su cinque all interno dell UE è a rischio di povertà o esclusione sociale. Un livello così elevato di persone che vivono ai margini della società compromette la coesione sociale e limita le potenzialità degli europei. Ciò è particolarmente dannoso in un periodo in cui gli Stati membri stanno lavorando per garantire la ripresa dalla crisi economica e finanziaria. I capi di Stato o di governo dell UE si sono impegnati a sottrarre almeno 20 milioni di persone al rischio di povertà ed esclusione sociale entro il La realizzazione di questa aspirazione richiede obiettivi nazionali ambiziosi in linea con gli obiettivi dell UE, nonché le misure necessarie per realizzarli. Questo farà in modo che la lotta contro la povertà diventi un elemento chiave della strategia globale di ripresa. 6

9 Povertà ed esclusione sociale nell UE: situazione attuale e recenti tendenze L obiettivo principale relativo alla povertà ed esclusione sociale in Europa è stato stabilito sulla base di tre indicatori congiunti: il numero di persone a rischio di povertà, i livelli di grave deprivazione materiale e il numero di persone che vivono all interno di nuclei familiari fortemente caratterizzati dalla sottoccupazione. Questi indicatori prendono in considerazione le varie caratteristiche di povertà ed esclusione in tutta Europa e le diverse situazioni e priorità tra gli Stati membri. Insieme, i tre indicatori riflettono l obiettivo della strategia Europa 2020 di garantire che i vantaggi della crescita siano ampiamente condivisi e che le persone che si trovano attualmente ai margini possano svolgere un ruolo attivo all interno della società. 114 milioni di persone a rischio di povertà o esclusione (2009) A Menacées rischio di par povertà, la pauvreté, in condizioni di vivant deprivazione, dans le dénuement, non disoccupati avec emploi, A Menacées rischio di par povertà la (80 pauvreté milioni) (80 millions) A rischio di povertà, non in condizioni di deprivazione, non disoccupati 48,7 A rischio di povertà, non in condizioni di deprivazione, disoccupati 12,8 12,1 18,8 6,7 2,3 12,5 Non a rischio di povertà, non in condizione di deprivazione, disoccupati Non a rischio di povertà, in condizioni di deprivazione, non disoccupati In condizioni di grave deprivazione materiale (40 milioni) A rischio di povertà, in condizioni di deprivazione, disoccupati Non a rischio di povertà, in condizioni di deprivazione, disoccupati In famiglie con intensità di lavoro molto bassa (34 milioni) Fonte: EU-SILC (2009). Anno di riferimento del reddito: Nota: I dati relativi al reddito e alla bassa intensità di lavoro si riferiscono all anno precedente (2008) ad eccezione di Irlanda ( ) e Regno Unito (2009). I dati relativi alla deprivazione materiale si riferiscono all anno del sondaggio (2009). 7

10 Quote di persone a rischio di povertà; in grave deprivazione materiale ma non a rischio di povertà; che vivono in una famiglia con intensità di lavoro molto bassa o nulla ma né a rischio di povertà né in grave deprivazione materiale (2009) Percentuale % of della total popolazione population totale In una famiglia con intensità di lavoro nulla o molto bassa, non a rischio di povertà e non in grave deprivazione materiale In grave deprivazione materiale, non a rischio di povertà A rischio di povertà 0 EU-27 CZ NL SE FI AT SI DK LU FR SK DE BE MT UK CY EE ES IT PT IE EL PL LT HU LV RO BG Fonte: EU-SILC (2009). Anno di riferimento del reddito: 2008, ad eccezione di Irlanda ( ) e Regno Unito (2009). I progressi maturati verso tale obiettivo saranno monitorati sulla base delle precedenti tendenze di una serie di persone a rischio di povertà o esclusione, sia per tutta la popolazione sia per i principali gruppi a rischio. 8 Percentuale del rischio di povertà Le persone il cui reddito disponibile è inferiore al 60 % del reddito medio nel proprio paese sono considerate a rischio di povertà. Si tratta di una misura relativa della povertà, collegata alla distribuzione del reddito e che prende in considerazione tutte le fonti di reddito monetario. Politiche sociali, di occupazione e istruzione a livello nazionale volte a combattere la povertà possono avere un considerevole impatto sui livelli di rischio.

11 I livelli di rischio di povertà variano a seconda dei diversi standard di vita in tutta l UE. La soglia di povertà è dalle quattro alle cinque volte superiore in Austria, nei Paesi Bassi e a Cipro rispetto a Romania e Bulgaria. Grave deprivazione materiale Questo indicatore descrive la situazione di persone che non possono permettersi beni considerati essenziali per condurre una vita dignitosa in Europa. Esso riflette sia la distribuzione di risorse all interno di un paese sia le differenze negli standard di vita e nel prodotto interno lordo (PIL) pro capite in tutta Europa. In media, l 8 % degli europei soffre di grave deprivazione materiale, ma in alcuni paesi la percentuale sale al 30 %. Persone che vivono in famiglie con un intensità di lavoro molto bassa Questo indicatore descrive la situazione di persone che vivono in famiglie in cui nessuno lavora (o in cui i membri della famiglia lavorano molto poco), ma che non necessariamente percepiscono un reddito molto basso. Un posto di lavoro rimane lo strumento migliore contro la povertà e l esclusione. Il rischio di povertà a cui sono esposti gli adulti disoccupati in età da lavoro è più di cinque volte superiore rispetto a quello affrontato da coloro che lavorano (il 44 % contro l 8 %), mentre per le persone inattive (esclusi i pensionati) è tre volte superiore a quello degli occupati (il 27 % contro l 8 %). L uso di questo indicatore riflette gli sforzi degli Stati membri per affrontare l esclusione dal mercato del lavoro. Chi è a rischio di povertà ed esclusione? I bambini, gli anziani, le donne single, le famiglie monoparentali, le persone poco qualificate, disoccupate o inattive in età da lavoro, compresi coloro con disabilità, le persone che vivono in zone rurali e i migranti sono soggetti al più alto rischio di povertà o esclusione. Le minoranze etniche, compresi i rom, non possono essere identificate tramite statistiche UE ufficiali, ma alcune fonti nazionali indicano che anche esse sono ad elevato rischio di esclusione. 9

12 Rischio di povertà o esclusione dei principali gruppi a rischio e quota di questi gruppi rispetto all intera popolazione a rischio (UE-27, 2009) Total Popolazione population totale Non-EU Immigrati migrants extra-ue Single Uomini male single Single parent Famiglie monoparentali households Unemployed Disoccupati Single Donne female single Children Bambini Rischio Risk di povertà of poverty o esclusione or exclusion per for specifiche fasce population di sub-groups, popolazione (%)% Share Quota in population rispetto alla at popolazione risk of poverty a rischio di povertà or exclusion, o esclusione % (%) Working Occupati 22 Inactive Non (not attivi retired, (non pensionati, not non children) bambini) Fonte: EU-SILC (2009). Anno di riferimento del reddito: 2008, ad eccezione di Irlanda ( ) e Regno Unito (2009). Nota: Il 63 % dei disoccupati è a rischio di povertà o esclusione e rappresenta il 10,5 % della popolazione a rischio di povertà o esclusione. Migliorare la misurazione della povertà ed esclusione sociale È necessario lavorare ulteriormente sugli indicatori affinché riflettano pienamente la natura multidimensionale della povertà ed esclusione sociale e si possano valutare al meglio il ruolo e l efficacia delle politiche per combatterle. È necessaria un accurata misurazione della povertà, dell esclusione dal mercato del lavoro e dell impatto dei regimi fiscali e previdenziali. 10

13 Apprendere dalle valutazioni inter pares: utilizzo in Belgio dei bilanci di riferimento Un recente studio intitolato «Minibilanci: qual è il reddito necessario per vivere dignitosamente in Belgio?» ha stabilito un paniere mensile realistico di prodotti e servizi al fine di stabilire il bilancio necessario per determinati tipi di famiglie. I ricercatori si sono concentrati su prodotti e servizi considerati essenziali per una vita sana e indipendente. Un aspetto interessante dello studio è che consentiva alle persone che vivono in povertà di dare un feedback sui risultati ottenuti utilizzando una metodologia scientifica. Lo sviluppo di bilanci di riferimento può aiutare a valutare l adeguatezza dei livelli minimi di reddito e potrebbe sostenere la consulenza sociale e finanziaria. Per poter essere accurati, i bilanci di riferimento dovrebbero essere determinati sulla base di dati scientifici con input da parte di un ampia sezione trasversale della società, comprese le persone in povertà. Tali bilanci possono indicare soglie di povertà sulla base del reddito e migliorare la comprensione dei livelli di inclusione sociale negli Stati membri. 11

14 Politiche per prevenire e ridurre la povertà Europa 2020 è una strategia integrata, il cui successo dipende dal fatto che tutte le sue azioni si sostengano a vicenda. Questo è particolarmente importante nelle aree relative a occupazione, istruzione e povertà. La crescita economica e l elaborazione di politiche dell occupazione e istruzione efficaci svolgono un ruolo fondamentale nel combattere la povertà e l esclusione sociale. La riduzione della povertà migliorerà le opportunità lavorative e le possibilità dei bambini di andare bene a scuola. Promuovere una crescita inclusiva Nonostante la presenza di sistemi di protezione sociale, la crisi finanziaria ha colpito più duramente le fasce più vulnerabili, aumentando così le disuguaglianze. Malgrado la necessità di rafforzare le finanze pubbliche, in particolare nel contesto di una società che invecchia, i vantaggi della ripresa devono essere condivisi nel modo più ampio possibile. Strategie di inclusione attiva per sostenere le misure occupazionali I paesi con alti tassi di occupazione tendono ad avere livelli inferiori di povertà ed esclusione. Tuttavia, un lavoro non rappresenta sempre una garanzia contro la povertà e gli occupati costituiscono il 24 % di coloro che sono a rischio di povertà ed esclusione nell UE. Nel 2009, l 8,4 % delle persone occupate viveva al di sotto della soglia di povertà. Questo dato non migliora dal È perciò importante che le politiche occupazionali garantiscano una retribuzione dignitosa a chi ha un impiego, affrontando i problemi della segmentazione del mercato del lavoro, dei bassi salari e della sottoccupazione e aiutando i giovani, le famiglie monoparentali e il «second earner» del nucleo familiare ad accedere al mercato del lavoro. 12

15 Apprendere dalle valutazioni inter pares: il programma nazionale finlandese per ridurre il problema dei senzatetto a lungo termine A febbraio 2008 il governo finlandese ha adottato un programma volto a dimezzare a lungo termine il problema dei senzatetto entro il Garantire alloggi adeguati è considerato un prerequisito per la risoluzione di altri problemi sociali e sanitari. Il programma ha aiutato i senzatetto a ottenere una sistemazione permanente attraverso contratti di affitto e ricoveri convertiti in unità in affitto. Ha fornito consulenza in materia di alloggi, sostegno finanziario per aiutare ad evitare lo sfratto e guida all utilizzo dei servizi sociali. Sono stati anche elaborati piani di riabilitazione e per l erogazione di servizi ai senzatetto. La prima valutazione del programma ha riscontrato che esso aveva consentito un risparmio di euro a persona, oltre il 50 % del costo medio totale dei senzatetto per il governo. Il governo finlandese stima che il raggiungimento dell obiettivo del programma di creare nuovi alloggi, alloggi sovvenzionati o centri di assistenza per i senzatetto a lungo termine potrebbe garantire un risparmio di 17,5 milioni di euro all anno. Istruzione e competenze come fattori determinanti dell inclusione sociale Migliorare i livelli di istruzione e garantire l accesso all apprendimento permanente contribuirà a ridurre la povertà nel medio e lungo termine. Come evidenziato nella figura sottostante, il livello di rischio di povertà ed esclusione per le persone poco qualificate è del 10 % superiore rispetto a chi possiede un livello medio di istruzione, e più del 20 % superiore rispetto alle persone altamente qualificate. 13

16 Persone dai 18 anni in su a rischio di povertà o esclusione per livello di istruzione (%), (UE-27, 2009) Percentuale della popolazione al di sopra dei 18 anni % of population (dai 18 ai 59 aged anni 18+ per (aged bassa intensità for di low lavoro) work intensity) HIGH: ELEVATO: Tertiary istruzione education terziaria MEDIUM: MEDIO: istruzione Upper secondary secondaria superiore and post-secondary e post-secondaria non-tertiary universitaria education BASSO: istruzione prescolastica, primaria LOW: e secondaria Pre-primary, inferiore primary and lower secondary education All Tutti (18(dai years 18 anni and in over) su) 0 A rischio di povertà At o esclusione risk of poverty sociale or social exclusion Fonte: EU-SILC (2009). A rischio At risk di povertà of poverty Grave deprivazione Severe materiale material deprivation Famiglie con intensità Households di lavoro molto with bassa very low work intensity Protezione sociale adeguata e sostenibile La protezione sociale assicura le persone contro il rischio sociale e contribuisce a ridurre la povertà. Al tempo stesso, è di vitale importanza adeguare i sistemi di protezione sociale in modo che essi incoraggino l attività e l inclusione. Questo dovrebbe andare di pari passo con le strategie per la crescita e per nuovi e migliori posti di lavoro. L elaborazione di regimi fiscali e previdenziali determina il modo e la misura in cui essi influenzano le disuguaglianze di reddito e aiutano i poveri. Importanti elementi sono la progressività di imposte e sussidi e l individuazione di condizioni collegate ai sussidi, in quanto, se non adeguatamente progettati, essi potrebbero costituire un disincentivo a lavorare. Sono state riscontrate ampie variazioni tra gli Stati membri relativamente al sostegno monetario netto per le famiglie a basso reddito. 14

17 Nell UE, le spese pensionistiche rappresentano in media il 43 % della spesa lorda per sussidi di protezione sociale e, insieme a regimi generali basati sul reddito, la garanzia di un reddito minimo per gli anziani svolge un ruolo essenziale nel ridurre il rischio di povertà tra i soggetti più anziani. Sono in corso revisioni dei sistemi pensionistici in molti Stati membri. Le principali tendenze della riforma pensionistica riguardano il rafforzamento del collegamento tra i contributi e i sussidi, l aumento dell età pensionistica effettiva e legale, la creazione di meccanismi di adeguamento automatico che prendano in considerazione l aspettativa di vita e gli sviluppi del PIL e l ampliamento del ruolo dei regimi pensionistici privati. Per quanto riguarda l assistenza sanitaria, investire nella sensibilizzazione circa i vantaggi della salute e della prevenzione delle malattie fisiche e mentali, nonché garantire l accesso universale a un assistenza di qualità, sono elementi di vitale importanza per aumentare l efficienza. Finanziamenti sostenibili al settore, utilizzo di un assistenza efficiente dal punto di vista dei costi, maggiore ricorso a interventi ambulatoriali, integrazione dei servizi ospedalieri e approcci innovativi alle prestazioni assistenziali potrebbero contribuire a rafforzare il servizio. Politiche di inclusione sociale Interrompere la trasmissione intergenerazionale della povertà e garantire eque possibilità per tutti è di importanza fondamentale. Le azioni in quest area dovrebbero iniziare dalle famiglie e dai bambini. È necessario rafforzare gli interventi durante la prima infanzia in aree quali l assistenza sanitaria e l istruzione. È essenziale garantire un adeguato equilibrio tra il lavoro e la vita privata e promuovere la partecipazione dei genitori al mercato del lavoro. La disponibilità e un elevata qualità dei servizi per l infanzia nonché un adeguato sostegno economico alle famiglie, tramite una combinazione di sgravi fiscali e sussidi universali mirati e ben progettati, sono uno strumento essenziale in tal senso. L inclusione attiva è un elemento chiave per il raggiungimento dell obiettivo UE di riduzione della povertà e per garantire che i vantaggi della crescita e dell occupazione siano equamente condivisi. Essa consiste in strategie che combinano un adeguato sostegno dei redditi, accesso al mercato del lavoro, specialmente per coloro che vivono ai margini della società, e servizi di qualità. Si tratta di strumenti necessari per prevenire l esclusione a lungo termine e per aumentare l efficienza della spesa sociale. La copertura delle reti di sicurezza sociale dovrebbe essere migliorata garantendo un finanziamento sostenibile dei servizi sociali e si ritiene inoltre necessario aumentare la qualità degli interventi. 15

18 Strumenti finanziari UE per combattere la povertà Il Fondo sociale europeo (FSE) è il principale strumento finanziario a livello UE per promuovere l occupazione, l inclusione sociale e le pari opportunità e per sviluppare le abilità e le competenze. Con un bilancio totale di 76 miliardi di euro per il periodo , il FSE sostiene direttamente le azioni volte al conseguimento degli obiettivi Europa 2020 nei settori dell istruzione, occupazione e inclusione sociale e offre inoltre un contributo per il raggiungimento degli obiettivi di ricerca e sviluppo. Il programma Progress sostiene progetti che contribuiscono al raggiungimento degli obiettivi UE e a sviluppare conoscenze nei settori della politica occupazionale, inclusione sociale, riforme di protezione sociale e pari opportunità, nonché all attuazione della politica sociale dell UE. Lo strumento europeo di microfinanza mira a contribuire allo stanziamento di circa 500 milioni di euro in prestiti alle piccole imprese fino al Il Fondo europeo di sviluppo regionale (FESR) mira a ridurre le disparità tra le regioni e a combattere i persistenti alti livelli di povertà. Il Fondo europeo agricolo per lo sviluppo rurale (FEASR) finanzia lo sviluppo di infrastrutture e servizi sociali e di istruzione e, più in generale, miglioramenti alla qualità di vita e gestione dell attività economica nelle zone rurali. Il programma quadro di ricerca sostiene la ricerca socio-economica europea avanzata, in particolare tramite lo sviluppo di nuove metodologie, indicatori di progresso e infrastrutture di ricerca. 16

19 Prospettive per il futuro: principali messaggi I seguenti messaggi emergono dalle scoperte della relazione annuale del CPS e sono stati adottati dal Consiglio «Occupazione, politica sociale, salute e consumatori» nell incontro del 7 marzo 2011 ( 1 ). Una persona su cinque nell UE è esposta al rischio di povertà o di esclusione sociale e 40 milioni di persone si trovano in uno stato di grave deprivazione. I capi di Stato o di governo dell UE si sono impegnati a sottrarre almeno 20 milioni di europei al rischio di povertà e di esclusione sociale entro il La realizzazione di questa aspirazione richiede obiettivi nazionali ambiziosi nonché le misure necessarie per realizzarli al fine di far sì che la lotta contro la povertà rientri nella strategia complessiva finalizzata alla ripresa economica. Occorre inoltre la mobilitazione di tutti gli attori interessati. Un rapido ritorno alla crescita e politiche ben concepite in tema di occupazione e istruzione sono essenziali per ridurre la povertà e l esclusione sociale. Nel contempo, gli sforzi volti al risanamento delle finanze pubbliche e alla riforma dei sistemi di protezione sociale dovrebbero mirare ad assicurarne la sostenibilità e l adeguatezza. Ciò contribuirà anche a preservarne il ruolo importante di stabilizzatori automatici. Così facendo, gli Stati membri dovrebbero fare in modo di combinare l efficacia, l efficienza e l equità. I gruppi più vulnerabili dovrebbero essere tutelati dal rischio di essere proprio loro a pagare lo scotto delle misure di risanamento. Nel momento in cui gli Stati membri si adoperano per assicurare la ripresa, occorrono strategie di inclusione attiva che combinino il sostegno ai redditi, l accesso al mercato del lavoro e ai servizi socio-sanitari per prevenire l esclusione di lungo termine e accrescano nel contempo l efficienza della spesa sociale. Ciò comporta che si agevoli per tutti la partecipazione al mercato del lavoro, in particolare per le donne e i giovani, si correli l assistenza sociale alle misure di attivazione e all accesso a servizi abilitanti e si migliori la copertura e l adeguatezza delle reti di sicurezza sociale ove necessario. È anche essenziale assicurare il finanziamento sostenibile di servizi sociali di elevata qualità. ( 1 ) 17

20 25 milioni di bambini sono esposti al rischio di povertà o di esclusione nell UE. Per spezzare la trasmissione intergenerazionale della povertà, gli Stati membri devono dare la priorità a interventi precoci a sostegno dell infanzia in ambiti quali la salute e l istruzione, aumentare la disponibilità di servizi di custodia dei bambini qualitativamente validi e servizi abilitanti, promuovere la partecipazione dei genitori al mercato del lavoro e garantire un opportuno sostegno dei redditi alle famiglie con bambini mediante una combinazione di adeguate prestazioni universali e mirate. Le politiche volte ad affrontare le forme più gravi e persistenti di povertà ed esclusione sociale richiedono una combinazione di strategie universali e mirate. Si dovrebbe riservare un attenzione specifica alla prevenzione e alla lotta contro la condizione di senza casa e l esclusione abitativa, affrontare il problema della precarietà energetica e dell esclusione finanziaria. La promozione dell inclusione sociale e la lotta contro la discriminazione dei gruppi a rischio deve essere l elemento centrale delle politiche sociali. Massimizzare gli anni di occupazione e minimizzare gli effetti delle interruzioni delle carriere è essenziale per assicurare la futura adeguatezza delle pensioni e la sostenibilità finanziaria di lungo termine dei sistemi pensionistici. Ciò richiede che si innalzino i tassi di occupazione e la copertura pensionistica, in particolare dei giovani e delle donne, accreditando ad esempio le interruzioni volontarie di carriera e aumentando l età effettiva di pensionamento, compresi la restrizione dei prepensionamenti e il miglioramento delle condizioni e degli incentivi per indurre i lavoratori anziani a rimanere più a lungo nel mondo del lavoro, oltre a trovare soluzioni per adattare i diritti pensionistici all evoluzione della speranza di vita. Il fatto di assicurare un accesso universale a un assistenza di qualità per tutti richiederà sforzi rinnovati per mantenere l efficienza del settore sanitario. Alla luce delle misure di austerità e dell invecchiamento demografico, occorrerà accrescere l efficacia, la sostenibilità e la reattività dell assistenza sanitaria e dell assistenza di lungo periodo anche mediante sistemi innovativi e coordinati di prestazione di assistenza sanitaria e sociale, come, ad esempio, percorsi integrati per il trattamento delle malattie croniche. L investimento nella promozione della salute e nella prevenzione delle malattie (comprese quelle mentali) può avere importanti ricadute in termini sia sociali sia economici. 18

21 Il successo della strategia Europa 2020 è legato ad un approccio integrato e coerente tra tutti i pertinenti ambiti politici, in particolare quelli delle politiche sociali, occupazionali ed economiche, nonché ad una stretta cooperazione tra tutti i livelli di governo, le parti sociali e la società civile. Creare una correlazione tra i finanziamenti dell UE e le priorità di Europa 2020 e dare sostegno all innovazione sociale sono iniziative utili per accrescere l efficacia. La Commissione e gli Stati membri dovrebbero contemplare la necessità di rafforzare la loro capacità di valutare gli impatti sociali delle loro principali politiche e delle loro decisioni di spesa nel contesto delle valutazioni d impatto generali, in linea con l articolo 9 del trattato sul funzionamento dell Unione europea e nel contesto della piattaforma europea contro la povertà e l esclusione sociale. È anche essenziale migliorare la tempestività delle statistiche sociali e accrescere la capacità analitica. Il CPS fornirà il suo input sul modo migliore per assicurare la coerenza tra gli obiettivi e i metodi operativi del MAC sociale e il nuovo contesto della strategia Europa 2020 e della sua governance, sulla base dell esperienza maturata nel primo semestre europeo di Europa 2020 ( 2 ). ( 2 ) I semestri europei si terranno annualmente a partire dal 2011 e sono periodi di sei mesi durante i quali si rivedono le politiche di bilancio e strutturali degli Stati membri al fine di individuare incoerenze e squilibri. 19

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave

La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave MEMO/08/XXX Bruxelles, 16 ottobre 2008 La protezione e l'inclusione sociale in Europa: fatti e cifre chiave La Commissione europea pubblica oggi il resoconto annuale delle tendenze sociali negli Stati

Dettagli

RELAZIONE CONGIUNTA PER IL 2009 SULLA PROTEZIONE E SULL INCLUSIONE SOCIALE SOMMARIO

RELAZIONE CONGIUNTA PER IL 2009 SULLA PROTEZIONE E SULL INCLUSIONE SOCIALE SOMMARIO RELAZIONE CONGIUNTA PER IL 2009 SULLA PROTEZIONE E SULL INCLUSIONE SOCIALE SOMMARIO Inclusione sociale, pensioni, sanità e assistenza a lungo termine Commissione europea 1 Questa pubblicazione è sostenuta

Dettagli

Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile

Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile Il processo di protezione e inclusione sociale a livello comunitario Risultati degli studi sulle politiche 10 Studio tematico sui provvedimenti politici concernenti la povertà infantile ISSN 1830-5423

Dettagli

FONDO SOCIALE EUROPEO INVESTIRE NELLE PERSONE. Cos è e a cosa serve. Europa sociale

FONDO SOCIALE EUROPEO INVESTIRE NELLE PERSONE. Cos è e a cosa serve. Europa sociale FONDO SOCIALE EUROPEO INVESTIRE NELLE PERSONE Cos è e a cosa serve Europa sociale Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse

Dettagli

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso,

Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 2013 Presentazione di J.M. Barroso, Crescita, competitività e occupazione: priorità per il semestre europeo 213 Presentazione di J.M. Barroso, Presidente della Commissione europea, al Consiglio europeo del 14-1 marzo 213 La ripresa economica

Dettagli

Progress Il programma comunitario per l occupazione e la solidarietà sociale 2007-2013

Progress Il programma comunitario per l occupazione e la solidarietà sociale 2007-2013 Progress Il programma comunitario per l occupazione e la solidarietà sociale 2007-2013 Per garantire che l Unione possa sostenere in modo adeguato l impegno degli Stati membri di creare posti di lavoro

Dettagli

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione

esercitata sui bilanci pubblici dall espulsione 44 FOCUS INVESTIMENTI SOCIALI IL PACCHETTO DI INVESTIMENTI SOCIALI PER LA CRESCITA E LA COESIONE È LO STRUMENTO CREATO DALL UNIONE EUROPEA PER CONTRASTARE LA POVERTÀ E L EMARGINAZIONE SOCIALE. L ARTICOLO

Dettagli

OFFERTA DI COMPETENZE

OFFERTA DI COMPETENZE IT LA FUTURA OFFERTA DI COMPETENZE IN EUROPA PREVISIONI A MEDIO TERMINE FINO AL RISULTATI CHIAVE Oltre Lisbona: verso una societá basata sulla conoscenza L evoluzione della struttura delle qualifiche Le

Dettagli

INFORMAZIONI PERSONALI

INFORMAZIONI PERSONALI ALLEGATO B Compilare l atto di candidatura, stamparlo, firmarlo ed inviarlo all Agenzia Nazionale LLP Italia per posta, o a mezzo fax nelle modalità specificate nell Invito a presentare candidature ESPERTI

Dettagli

La Piattaforma europea contro la povertà e l esclusione sociale: un quadro europeo per la coesione sociale e territoriale

La Piattaforma europea contro la povertà e l esclusione sociale: un quadro europeo per la coesione sociale e territoriale Piattaforma contro la povertà Un iniziativa dell Unione europea Europa 2020 La Piattaforma europea contro la povertà e l esclusione sociale: un quadro europeo per la coesione sociale e territoriale Comunicazione

Dettagli

Le politiche per l occupazione giovanile in Spagna

Le politiche per l occupazione giovanile in Spagna Le politiche per l occupazione giovanile in Spagna Jordi García a Viña Pepa Burriel Rodríguez Universitat de Barcelona INDICE Situazione Economica Riferimenti storici Situazione attuale Soluzioni concrete

Dettagli

ATTO DI CANDIDATURA. Posizione professionale attuale

ATTO DI CANDIDATURA. Posizione professionale attuale LOGO MLPS/MIUR ALLEGATO B N di Protocollo ATTO DI CANDIDATURA ESPERTI INDIPENDENTI NEL QUADRO DEL PROGRAMMA LEONARDO DA VINCI INFORMAZIONI PERSONALI COGNOME: NOME(I): DATA DI NASCITA (GG/MM/AAAA): / /

Dettagli

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi

People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi G8 Social Summit People First Affrontare insieme la dimensione umana della crisi Conclusioni della Riunione del G8 sul Lavoro e l Occupazione 1. I Ministri del Lavoro e dell Occupazione dei paesi del G8

Dettagli

Sondaggio d'opinione paneuropeo sulla salute e la sicurezza sul lavoro

Sondaggio d'opinione paneuropeo sulla salute e la sicurezza sul lavoro Sondaggio d'opinione paneuropeo sulla salute e la sicurezza sul lavoro Risultati in Europa e Italia - Maggio 2013 Risultati rappresentativi in 31 Paesi europei partecipanti per l'agenzia europea per la

Dettagli

Vademecum I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom

Vademecum I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom Vademecum I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom Un iniziativa dell Unione europea apple I 10 principi di base comuni sull inclusione dei Rom sono diretti sia ai politici sia ai professionisti

Dettagli

Sondaggio paneuropeo d'opinione sulla salute e la sicurezza sul lavoro

Sondaggio paneuropeo d'opinione sulla salute e la sicurezza sul lavoro Sondaggio paneuropeo d'opinione sulla salute e la sicurezza sul lavoro Risultati rappresentativi nei 2 Stati membri dell'unione europea Blocco comprensivo dei risultati per l'eu2 e per l'italia Struttura

Dettagli

Commissione Europea Eurobarometro DONAZIONI E TRASFUSIONI DI SANGUE

Commissione Europea Eurobarometro DONAZIONI E TRASFUSIONI DI SANGUE Commissione Europea Eurobarometro DONAZIONI E TRASFUSIONI DI SANGUE L'obiettivo di questa ricerca speciale sugli atteggiamenti degli europei nei confronti della donazione e della trasfusione di sangue

Dettagli

Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani

Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani INNOVARE Gioventù in movimento: l Europa sostiene i giovani STUDIARE TIROCINIO LAVORARE PARTECIPARE I TUOI DIRITTI APPRENDERE SPOSTARSI VOLONTARIO CREARE in EUROPA Né la Commissione europea né alcuna persona

Dettagli

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1

RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 Raccomandazione 202 RACCOMANDAZIONE SUI SISTEMI NAZIONALI DI PROTEZIONE SOCIALE DI BASE DEL 2012 1 La Conferenza generale della Organizzazione Internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio

Dettagli

IL FONDO SOCIALE EUROPEO E LA PROMOZIONE DELLE PARI OPPORTUNITÀ

IL FONDO SOCIALE EUROPEO E LA PROMOZIONE DELLE PARI OPPORTUNITÀ IL FONDO SOCIALE EUROPEO E LA PROMOZIONE DELLE PARI OPPORTUNITÀ SCHEDA RIASSUNTIVA Commissione europea Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile

Dettagli

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne

La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro. Ammortizzatori sociali Giovani Donne La tutela dei soggetti deboli sul mercato del lavoro Ammortizzatori sociali Giovani Donne AMMORTIZZATORI SOCIALI La riforma punta al rafforzamento degli ammortizzatori sociali ed alla estensione delle

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

IL FONDO SOCIALE EUROPEO E DISABILI

IL FONDO SOCIALE EUROPEO E DISABILI IL FONDO SOCIALE EUROPEO E DISABILI SCHEDA RIASSUNTIVA Commissione europea Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse essere

Dettagli

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL

TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVOROL EUROPEAN TRADE UNION CONFEDERATION (ETUC) SCHEDA INFORMATIVA TENDENZE RIGUARDANTI L ORARIO DI LAVORO 01 Tendenze generali riguardanti l orario

Dettagli

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI

COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 21.5.2012 COM(2012) 226 final COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL PARLAMENTO EUROPEO, AL CONSIGLIO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO DELLE REGIONI Strategie

Dettagli

Produttività e salario: il circolo virtuoso

Produttività e salario: il circolo virtuoso Marcello Messori (Università di Roma Tor Vergata) Produttività e salario: il circolo virtuoso Confindustria Energia PRODUTTIVITA E NEGOZIAZIONE AL TEMPO DELLA CRISI Roma, 29 novembre 2011 Schema dell intervento

Dettagli

EaSI. Nuovo programma ombrello comunitario per l occupazione e la politica sociale. sociale

EaSI. Nuovo programma ombrello comunitario per l occupazione e la politica sociale. sociale EaSI Nuovo programma ombrello comunitario per l occupazione L Europa sociale EaSI Nuovo programma ombrello comunitario per l occupazione Commissione europea Direzione generale per l Occupazione, gli affari

Dettagli

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori

E. Occupazione, Politica Sociale, Salute e Consumatori E. Un Economia Europea Inclusiva Alla luce delle conseguenze della crisi finanziaria ed economica, c è un urgente bisogno di evitare il deterioramento della coesione sociale e le sue drammatiche ripercussioni,

Dettagli

Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia 17 marzo 2014 Bollettino Flash

Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia 17 marzo 2014 Bollettino Flash Centro Studi Confagricoltura Digital Divide: diffusione delle infrastrutture di comunicazione a banda larga in Italia Bollettino Flash 17 marzo 2014 Confagricoltura ha espresso più volte la propria preoccupazione

Dettagli

Dieci anni di Strategia europea per l occupazione (SEO)

Dieci anni di Strategia europea per l occupazione (SEO) Dieci anni di Strategia europea per l occupazione (SEO) Dieci anni di Strategia europea per lʼoccupazione (SEO) Commissione europea Direzione generale dellʼoccupazione, degli affari sociali e delle pari

Dettagli

EFFETTI DELLA RIDUZIONE DELL IVA NEI

EFFETTI DELLA RIDUZIONE DELL IVA NEI Le pillole di Notizie, commenti, istruzioni ed altro Direttore responsabile: Edi Sommariva Numero 35-09 EFFETTI DELLA RIDUZIONE DELL IVA NEI PUBBLICI ESERCIZI A cura di L. Sbraga e G. Erba Il processo

Dettagli

Principali conclusioni

Principali conclusioni Principali conclusioni 1 1. Povertà ed esclusione sociale continuano ad essere i principali ostacoli al raggiungimento dell obiettivo Europa 2020 di crescita inclusiva A livello UE e nella maggior parte

Dettagli

L Italia nell Europa digitale Idee, progetti e proposte per raggiungere gli obiettivi dell agenda digitale europea

L Italia nell Europa digitale Idee, progetti e proposte per raggiungere gli obiettivi dell agenda digitale europea Primo della Camera dei deputati L Italia nell Europa digitale Idee, progetti e proposte per raggiungere gli obiettivi dell agenda digitale europea Gli indicatori dell agenda digitale europea La posizione

Dettagli

Corso di Scienza Politica

Corso di Scienza Politica Anno accademico 2009/2010 Università degli Studi di Milano Facoltà di Scienze Politiche Corso di Scienza Politica Dott. Matteo Jessoula Dipartimento di Studi Sociali e Politici 2 piano stanza 205 Email:

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO LOCALE DI TIPO PARTECIPATIVO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A ottobre 2011, la Commissione europea ha adottato alcune proposte legislative per la politica di coesione 2014-2020 La presente scheda

Dettagli

POLITICA DI COESIONE 2014-2020

POLITICA DI COESIONE 2014-2020 SVILUPPO URBANO SOSTENIBILE INTEGRATO POLITICA DI COESIONE 2014-2020 A dicembre 2013, il Consiglio dell Unione europea ha formalmente adottato le nuove normative e le leggi che regolano il ciclo successivo

Dettagli

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES

EaSI Employment and Social Innovation. Assi PROGRESS e EURES Provincia di Pistoia EaSI Employment and Social Innovation Assi PROGRESS e EURES Potenzialità per il lavoro e l integrazione sociale su scala europea Carla Gassani Servizio Politiche attive del Lavoro,

Dettagli

Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici

Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti demografici Libro verde Occupazione affari sociali Commissione europea Una nuova solidarietà tra le generazioni di fronte ai cambiamenti

Dettagli

LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE

LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE LA LEGISLAZIONE SULLA PARITÀ DI GENERE NELL UNIONE EUROPEA Commissione europea Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse

Dettagli

Fare di più con meno Iniziativa nell ambito della Strategia di Lisbona. Direzione generale Energia e trasporti 1

Fare di più con meno Iniziativa nell ambito della Strategia di Lisbona. Direzione generale Energia e trasporti 1 Libro verde sull efficienza energetica Fare di più con meno Iniziativa nell ambito della Strategia di Lisbona Direzione generale Energia e trasporti 1 Il precedente: Il Libro verde sulla sicurezza dell

Dettagli

IL FONDO SOCIALE EUROPEO E IL SUPPORTO ALLE ORGANIZZAZIONI NON GOVERNATIVE

IL FONDO SOCIALE EUROPEO E IL SUPPORTO ALLE ORGANIZZAZIONI NON GOVERNATIVE IL FONDO SOCIALE EUROPEO E IL SUPPORTO ALLE ORGANIZZAZIONI NON GOVERNATIVE SCHEDA RIASSUNTIVA Commissione europea Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea

Dettagli

Rapporto sul mondo del lavoro 2014

Rapporto sul mondo del lavoro 2014 Rapporto sul mondo del lavoro 2014 L occupazione al centro dello sviluppo Sintesi del rapporto ORGANIZZAZIONE INTERNAZIONALE DEL LAVORO DIPARTIMENTO DELLA RICERCA I paesi in via di sviluppo colmano il

Dettagli

Cifre chiave sull insegnamento delle lingue a scuola in Europa 2012

Cifre chiave sull insegnamento delle lingue a scuola in Europa 2012 Cifre chiave sull insegnamento delle lingue a scuola in Europa 2012 Lo studio Cifre chiave sull insegnamento delle lingue a suola in Europa 2012 offre un quadro completo dei sistema di insegnamento delle

Dettagli

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito

Sicurezza Sociale: Tutela del lavoro e del reddito Delega Assessorile in materia di Servizi Sociali, Rapporti con Azienda Ospedaliera e A.S.L., Casa Comunale di Soggiorno Anziani, La legge 328 del 2000, attesa per oltre un secolo, ha dotato il sistema

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO IT IT IT COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 27.1.2009 COM(2009) 9 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO E AL PARLAMENTO EUROPEO Monitoraggio delle emissioni di CO2 delle automobili

Dettagli

Commissione europea PROGRAMMA SOCRATES. Modulo di candidatura per PROPOSTE PRELIMINARI

Commissione europea PROGRAMMA SOCRATES. Modulo di candidatura per PROPOSTE PRELIMINARI Riservato alla Commissione Numero Data del timbro postale Commissione europea PROGRAMMA SOCRATES Modulo di candidatura per PROPOSTE PRELIMINARI Barrare la casella corrispondente all Azione cui si riferisce

Dettagli

Ho chiesto asilo nell UE Quale paese gestirà. la mia domanda?

Ho chiesto asilo nell UE Quale paese gestirà. la mia domanda? IT Ho chiesto asilo nell UE Quale paese gestirà la mia domanda? A Informazioni sul regolamento Dublino per i richiedenti protezione internazionale, a norma dell articolo 4 del Regolamento (UE) n. 604/2013

Dettagli

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA

NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA NIDI E SERVIZI PER L INFANZIA Conoscere per governare 13 novembre 2013 Sala Polifunzionale Via Santa Maria in Via, 37 R o m a I servizi per la prima infanzia: il punto sulle Intese e il Piano di Azione

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca DIPARTIMENTO PER L UNIVERSITA, L ALTA FORMAZIONE ARTISTICA E MUSICALE E PER LA RICERCA Direzione Generale per l Università, lo Studente ed il Diritto allo Studio Ufficio IV Il Processo di Bologna Lo Spazio

Dettagli

Le principali sfide per combattere lo svantaggio in Italia

Le principali sfide per combattere lo svantaggio in Italia Le principali sfide per combattere lo svantaggio in Italia Filippo Strati (Studio Ricerche Sociali), membro dello European Network of Independent Experts on Social Inclusion Aumento dei rischi sociali

Dettagli

Agenzia Nazionale LLP Italia Sistema di Gestione Qualità Certificato UNI EN ISO 9001:2000 - CSICERT N SQ062274

Agenzia Nazionale LLP Italia Sistema di Gestione Qualità Certificato UNI EN ISO 9001:2000 - CSICERT N SQ062274 Programma di Apprendimento Permanente Allegato all Invito Generale a presentare proposte 2007 Disposizioni finanziarie e importi dei contributi comunitari definiti dall Agenzia LLP Italia 1. Comenius Partenariati

Dettagli

Le delegazioni troveranno in allegato la versione finale delle conclusioni del Consiglio EPSCO adottate il 3 Ottobre 2011.

Le delegazioni troveranno in allegato la versione finale delle conclusioni del Consiglio EPSCO adottate il 3 Ottobre 2011. CONSIGLIO DELL UNIONE EUROPEA Bruxelles, 3 Ottobre 2011 14552/11 SOC 804 JEUN 53 CULT 66 NOTA Da : Il Segretariato Generale del Consiglio a : Le Delegazioni N. doc. prec.: 14061/1/11 REV 1 SOC 759 JEUN

Dettagli

Europa 2020 Obiettivi:

Europa 2020 Obiettivi: Europa 2020 Obiettivi: 1. Occupazione 2. R&S innalzamento al 75% del tasso di occupazione (per la fascia di età compresa tra i 20 e i 64 anni) dell'ue aumento degli investimenti in ricerca e sviluppo al

Dettagli

Politica di coesione 2014-2020

Politica di coesione 2014-2020 Unione europea Politica di coesione Politica di coesione 2014-2020 Investire nella crescita e nell occupazione http://ec.europa.eu/inforegio Sommario 1 Proposte legislative per la politica di coesione

Dettagli

Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020

Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020 Documento di sintesi sulle priorità dei Fondi strutturali 2014 2020 1) La programmazione dei fondi europei 2014 2020 L UE propone attraverso Europa 2020 una strategia concentrata su alcune priorità, innervata

Dettagli

Le tendenze degli acquisti di prodotti biologici e l evoluzione del profilo del consumatore. Enrico De Ruvo Bologna, 10 settembre 2012

Le tendenze degli acquisti di prodotti biologici e l evoluzione del profilo del consumatore. Enrico De Ruvo Bologna, 10 settembre 2012 Le tendenze degli acquisti di prodotti biologici e l evoluzione del profilo del consumatore Enrico De Ruvo Bologna, 10 settembre 2012 1 Il contesto strutturale in Italia Numeri importanti, ma c è ancora

Dettagli

Quadro europeo delle qualifiche per l apprendimento permanente (EQF)

Quadro europeo delle qualifiche per l apprendimento permanente (EQF) Quadro europeo delle qualifiche Quadro europeo delle qualifiche per l apprendimento permanente (EQF) Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi

Dettagli

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE

Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE Rapporto dell ILO sul mondo del lavoro 2013: scenario UE International Institute for Labour Studies Nella UE, mancano quasi 6 milioni di posti di lavoro per tornare alla situazione occupazionale pre-crisi

Dettagli

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO

7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO Da ALLULLI G., Dalla Strategia di Lisbona a Europa 2020, Tipografia Pio XI, aprile 2015. 7. IL FONDO SOCIALE EUROPEO 1. Uno strumento per favorire un armonioso sviluppo economico e sociale degli Stati

Dettagli

LA SPESA SOCIALE IN EUROPA. Franco Chittolina

LA SPESA SOCIALE IN EUROPA. Franco Chittolina LA SPESA SOCIALE IN EUROPA Franco Chittolina IL MODELLO SOCIALE EUROPEO - cultura dei diritti + solidarietà tra i gruppi sociali, le generazioni e i territori della comunità cui si appartiene = il MSE

Dettagli

LIBRO BIANCO. Un agenda dedicata a pensioni adeguate, sicure e sostenibili. (Testo rilevante ai fini del SEE) {SWD(2012) 7 final} {SWD(2012) 8 final}

LIBRO BIANCO. Un agenda dedicata a pensioni adeguate, sicure e sostenibili. (Testo rilevante ai fini del SEE) {SWD(2012) 7 final} {SWD(2012) 8 final} COMMISSIONE EUROPEA Bruxelles, 16.2.2012 COM(2012) 55 final LIBRO BIANCO Un agenda dedicata a ioni adeguate, sicure e sostenibili (Testo rilevante ai fini del SEE) {SWD(2012) 7 final} {SWD(2012) 8 final}

Dettagli

IL COORDINAMENTO EUROPEO NELLE POLITICHE DI PROTEZIONE SOCIALE

IL COORDINAMENTO EUROPEO NELLE POLITICHE DI PROTEZIONE SOCIALE IL COORDINAMENTO EUROPEO NELLE POLITICHE DI PROTEZIONE SOCIALE Gianni Geroldi Università di Parma (13 maggio 2003) Con il Trattato di Amsterdam 1997 i Paesi della Unione Europea hanno deciso concordemente

Dettagli

Notizie dall Unione europea

Notizie dall Unione europea Commissione Speciale sui Rapporti con l Unione europea e sulle Attività Internazionali della Regione Notizie dall Unione europea 10 dicembre 2007 Promozione dei prodotti agricoli comunitari all esterno

Dettagli

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004

Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Raccomandazione n. 195 sulla valorizzazione delle risorse umane, 2004 Allegato La Conferenza generale dell Organizzazione internazionale del Lavoro, convocata a Ginevra dal Consiglio di amministrazione

Dettagli

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI

EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI EUROPA 2020 - FAR CONOSCERE I FONDI EUROPEI AI COMMERCIALISTI di Giulia Caminiti Sommario: 1. Premessa. 2. La politica di coesione. 3. Fondi a gestione diretta. 4. Fondi a gestione indiretta. 5. Conclusioni.

Dettagli

Nota di sintesi PROSPETTIVE DELL OCCUPAZIONE 2003 : VERSO PIÙ NUMEROSI E MIGLIORI POSTI DI LAVORO

Nota di sintesi PROSPETTIVE DELL OCCUPAZIONE 2003 : VERSO PIÙ NUMEROSI E MIGLIORI POSTI DI LAVORO Nota di sintesi PROSPETTIVE DELL OCCUPAZIONE 2003 : VERSO PIÙ NUMEROSI E MIGLIORI POSTI DI LAVORO Overview OECD Employment Outlook: 2003 Edition Towards More and Better Jobs Italian translation Le note

Dettagli

Bergamo, 21 dicembre 2015. Fondi europei

Bergamo, 21 dicembre 2015. Fondi europei Bergamo, 21 dicembre 2015 Fondi europei Fondi europei 1. Il 76% del bilancio dell'ue è gestito attraverso i «Fondi strutturali e di investimento europei» (c.d. fondi indiretti) attraverso piani di sviluppo

Dettagli

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca

IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Ricerca comunitaria idee cooperazione persone euratom capacità IL 7 PQ in breve Come partecipare al Settimo programma quadro per la ricerca Guida tascabile per i nuovi partecipanti Europe Direct è un servizio

Dettagli

L Agenda Sociale Europea

L Agenda Sociale Europea L Agenda Sociale Europea La politica sociale europea La politica sociale e per l'occupazione dell'unione Europea mira a promuovere l'occupazione, il miglioramento delle condizioni di vita e di lavoro,

Dettagli

Sistemi di welfare 9. L ECONOMIA DELLA FAMIGLIA. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione

Sistemi di welfare 9. L ECONOMIA DELLA FAMIGLIA. A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione A.A. 2013-2014 Corso di Laurea Magistrale in Scienze dell Amministrazione Sistemi di welfare 9. L ECONOMIA DELLA FAMIGLIA Maria Letizia Pruna SPS/09 Sociologia dei processi economici e del lavoro mlpruna@unica.it

Dettagli

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali

Audizione dell Istituto nazionale di statistica: Dott.ssa Linda Laura Sabbadini Direttore del Dipartimento per le statistiche sociali e ambientali Indagine conoscitiva sull impatto in termini di genere della normativa previdenziale e sulle disparità esistenti in materia di trattamenti pensionistici tra uomini e donne Audizione dell Istituto nazionale

Dettagli

Le priorità dell'europa in materia di energia Presentazione di J.M. Barroso

Le priorità dell'europa in materia di energia Presentazione di J.M. Barroso Le priorità dell'europa in materia di energia Presentazione di J.M. Barroso Presidente della Commissione europea al Consiglio europeo del 22 maggio 2013 Nuove realtà nel mercato energetico globale Impatto

Dettagli

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania

Manifesto. Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012. Bucarest, Romania Manifesto Congresso Statutario del PPE 17-18 Ottobre 2012 Bucarest, Romania Manifesto del PPE (Adottato durante il Congresso del PPE, Bucarest, 17 e 18 Ottobre 2012) 1. Chi siamo? Il Partito Popolare Europeo

Dettagli

5 %>"G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3"G: 63 & E"G& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& "34 7 / "3*D 83: & in & U 3 OP "

5 %>G: (JPWFOU} JO NPWJNFOUP * 08*/>0 Mµ&VSPQB TPTUJFOF J HJPWBOJ -67 6 D3G: 63 & EG& > 5J * * 5 6 1G:/ &G& 34 7 / 3*D 83: & in & U 3 OP in U OP Né la Commissione europea né alcuna persona che agisca a nome della Commissione europea è responsabile dell uso che dovesse essere fatto delle informazioni contenute nella presente pubblicazione.

Dettagli

l imprenditoria sociale

l imprenditoria sociale L iniziativa per l imprenditoria sociale della Commissione europea Mercato interno e servizi Per la versione elettronica di questo opuscolo, consultare: http://ec.europa.eu/internal_market/publications/docs/sbi-brochure/sbi-brochure-web_it.pdf

Dettagli

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c.

CENTRO ASSISTENZA SOCIETARIA di Cappellini Lia & C. s.n.c. CIRCOLARE N 2/2007 Tivoli, 29/01/2007 Oggetto: NOVITA MODELLI INTRASTAT. Spett.le Clientela, dal 1 gennaio 2007 la ROMANIA e la BULGARIA sono entrate a far parte dell Unione Europea, pertanto le merci

Dettagli

Accordo di partenariato 2014-2020. I fondi europei per la coesione

Accordo di partenariato 2014-2020. I fondi europei per la coesione Accordo di partenariato 2014-2020 I fondi europei per la coesione 4 Novembre 2014 Presidenza del Consiglio dei Ministri 1 cos è la politica di coesione la politica di coesione(o politica regionale comunitaria)

Dettagli

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003)

Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali. (Varese, 11-12 Luglio 2003) Ministero del Lavoro e degli Affari Sociali Consiglio informale dei Ministri del Lavoro e degli Affari Sociali (Varese, 11-12 Luglio 2003) Documento della Presidenza Domande per orientare il dibattito

Dettagli

Inclusione dei disabili

Inclusione dei disabili Inclusione dei disabili Strategia europea per la parità delle opportunità Commissione europea Pari opportunità per pari diritti Il valore aggiunto europeo L Anno europeo dei cittadini disabili nel 2003

Dettagli

IP/10/1602. Bruxelles, 25 novembre 2010

IP/10/1602. Bruxelles, 25 novembre 2010 IP/10/1602 Bruxelles, 25 novembre 2010 Nel luglio 2010 circa un terzo delle linee europee a banda larga viaggiava a velocità superiori a 10 Mbps (15% nel luglio 2009). Velocità maggiori di trasmissione

Dettagli

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione

Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020. Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione Politica di coesione post 2013 e obiettivi di Europa 2020 Regione del Veneto Assessorato al Bilancio e agli Enti Locali Direzione Programmazione 1 Il contesto globale Accelerazione e intensificazione delle

Dettagli

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI

PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI 17 giugno 2015 Aprile 2015 PREZZI ALL IMPORTAZIONE DEI PRODOTTI INDUSTRIALI Nel mese di aprile 2015 l indice dei prezzi all importazione dei prodotti industriali aumenta dello 0,5% rispetto al mese precedente

Dettagli

Manifesto per l investimento sostenibile: Investire in un futuro sostenibile

Manifesto per l investimento sostenibile: Investire in un futuro sostenibile BEE (Ufficio europeo per l Ambiente) Piattaforma Sociale Manifesto per l investimento sostenibile: Investire in un futuro sostenibile L Unione Europea e i suoi Stati membri si sono più volte impegnati

Dettagli

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014

I NUOVI PROGRAMMI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE. Milano, 11 Febbraio 2014 I NUOVI EUROPEI NELLE POLITICHE DI WELFARE Milano, 11 Febbraio 2014 CONTESTO DI RIFERIMENTO Nel marzo 2010 la Commissione Europea (CE) lancia la strategia EUROPA 2020 per una crescita intelligente, sostenibile

Dettagli

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni

Un sistema europeo comune di asilo. Affari interni Un sistema europeo comune di asilo Affari interni Europe Direct è un servizio a vostra disposizione per aiutarvi a trovare le risposte ai vostri interrogativi sull Unione europea. Numero verde unico (*):

Dettagli

Speciale Eurobarometro del Parlamento europeo 75.2. Lavoro volontario

Speciale Eurobarometro del Parlamento europeo 75.2. Lavoro volontario Direzione generale Comunicazione Direzione delle Relazioni con i cittadini Unità per il seguito dell'opinione pubblica Speciale Eurobarometro del Parlamento europeo Lavoro volontario Bruxelles, 27 giugno

Dettagli

KI-78-09-820-IT-C. Il mistero del sole

KI-78-09-820-IT-C. Il mistero del sole KI-78-09-820-IT-C Il mistero del sole Il mistero del sole Ufficio delle pubblicazioni ISBN 978-92-79-12497-6 AVVISO LEGALE Né la Commissione europea, né alcuna persona che agisca per suo conto, è responsabile

Dettagli

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008

Patto europeo. per la salute mentale e il benessere. Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Patto europeo per la salute mentale e il benessere CONFERENZA DI ALTO LIVELLO DELL UE INSIEME PER LA SALUTE MENTALE E IL BENESSERE Bruxelles, 12-13 GIUGNO 2008 Slovensko predsedstvo EU 2008 Slovenian Presidency

Dettagli

I sistemi pensionistici

I sistemi pensionistici I sistemi pensionistici nei Paesi membri Comitato Esecutivo FERPA Bruxelles, 24/02/2012 Enrico Limardo Paesi coinvolti nella ricerca Austria Francia Italia UK Spagna Portogallo Germania Romania Belgio

Dettagli

Il sistema di welfare

Il sistema di welfare Il sistema di welfare (pp. 257-348 del volume) La numerazione di tabelle, tavole e figure riproduce quella del testo integrale L onda lunga della comunicazione sulla salute Il boom dell informazione sanitaria

Dettagli

INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 -

INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 - INDICAZIONI SULLE MODALITA COMPILAZIONE RICETTA E RENDICONTAZIONE ALL ASL PRESTAZIONI PRESCRITTE A CITTADINI COMUNITARI - Aggiornamento giugno 2013 - Premessa A far data dal 1 maggio 2010 sono entrati

Dettagli

I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa

I social protection floors per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Conferenza Internazionale del Lavoro 101^ Sessione 2012 IV Rapporto (2B) I "social protection floors" per la giustizia sociale e una globalizzazione equa Quarto punto dell'agenda Ufficio Internazionale

Dettagli

Occupazione, affari sociali e integrazione

Occupazione, affari sociali e integrazione LE POLITICHE DELL UNIONE EUROPEA Promuovere l occupazione, l integrazione e la politica sociale come investimento Occupazione, affari sociali e integrazione «Gli investimenti sociali sono fondamentali

Dettagli

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE

COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE COMMISSIONE DELLE COMUNITÀ EUROPEE Bruxelles, 12.12.2003 COM(2003)773 definitivo COMUNICAZIONE DELLA COMMISSIONE AL CONSIGLIO, AL PARLAMENTO EUROPEO, AL COMITATO ECONOMICO E SOCIALE EUROPEO E AL COMITATO

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 14.3.2014 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 74/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO DELEGATO (UE) N. 240/2014 DELLA COMMISSIONE del 7 gennaio 2014 recante un codice europeo di condotta

Dettagli

Istruzione e formazione. Istruzione e formazione degli adulti in Europa. Ampliare l accesso alle opportunità di apprendimento.

Istruzione e formazione. Istruzione e formazione degli adulti in Europa. Ampliare l accesso alle opportunità di apprendimento. Istruzione e formazione degli adulti in Europa Ampliare l accesso alle opportunità di apprendimento Rapporto Eurydice Istruzione e formazione Istruzione e formazione degli adulti in Europa: ampliare l'accesso

Dettagli

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano

Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Invecchiare in Trentino: aggiungere anni alla vita e vita agli anni Interventi socio-assistenziali per il sostegno dell autonomia dell anziano Il contesto Le trasformazioni sociali, economiche e demografiche

Dettagli

COME EFFETTUATE I PAGAMENTI? COME LI VORRESTE EFFETTUARE?

COME EFFETTUATE I PAGAMENTI? COME LI VORRESTE EFFETTUARE? COME EFFETTUATE I PAGAMENTI? COME LI VORRESTE EFFETTUARE? 2/09/2008-22/10/2008 329 risposte PARTECIPAZIONE Paese DE - Germania 55 (16.7%) PL - Polonia 41 (12.5%) DK - Danimarca 20 (6.1%) NL - Paesi Bassi

Dettagli

L istruzione terziaria a favore dello sviluppo della società della conoscenza

L istruzione terziaria a favore dello sviluppo della società della conoscenza Tertiary Education for the Knowledge Society Summary in Italian L istruzione terziaria a favore dello sviluppo della società della conoscenza Riassunto in italiano Lo studio dell OCSE intitolato Tertiary

Dettagli