Bollettino parrocchiale

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Bollettino parrocchiale"

Transcript

1 22 Settembre 2013 Bollettino parrocchiale S. Abbondio, Gentilino e Montagnola S. Tommaso, Agra

2 Sacre funzioni e recapiti Orario feriale Martedì S. Abbondio Santa Messa con lodi Mercoledì (escluso il periodo estivo) S. Tommaso Santa Messa Giovedì S. Abbondio Santa Messa Venerdì (escluso il primo del mese) S. Abbondio Santa Messa Primo venerdì del mese S. Abbondio Adorazione eucaristica (esclusi luglio e agosto) S. Abbondio Santa Messa Orario festivo Sabato e vigilia di festa S. Tommaso Santa Messa prefestiva Domenica S. Abbondio Santa Messa S. Abbondio Santa Messa solenne Confessioni Il Parroco è a disposizione prima e dopo le funzioni o su appuntamento telefonico. Eventuali modifiche al calendario delle Sacre funzioni verranno segnalate mediante opportuni avvisi agli albi parrocchiali. Parroco di S. Abbondio (Gentilino- Montagnola) e di S. Tommaso (Agra) don Aldo Aliverti Casa parrocchiale 6925 Gentilino Tel Consiglio parrocchiale di S. Abbondio Casella postale Gentilino ccp Fondazione casa di vacanza «la Madonnina» (Altanca) 6925 Gentilino Tel ccp Comitato di redazione don Aldo Aliverti Ugo Morselli Sergio Pelli Consiglio parrocchiale di S. Tommaso 6927 Agra ccp Confraternita del SS. Rosario in S. Abbondio 6926 Montagnola ccp

3 Don Aldo Aliverti Lettera del Parroco Carissimi parrocchiani delle comunità di S. Abbondio e San Tommaso, il cardinal Bergoglio è diventato Papa da pochi mesi. Un tempo relativamente breve, se non fosse che con i suoi gesti ha già conquistato le masse e attirato la simpatia o, quantomeno, la curiosità di molti, indipendentemente dal proprio credo religioso. A poco più di tre mesi di distanza dall Habemus Papam, la popolarità dell ex-arcivescovo di Buenos Aires non accenna a diminuire, al contrario, le celebrazioni da lui presiedute sono sempre gremite di gente. Con il coraggio della semplicità, con la libertà che solo chi è umile sa avere, questo papa venuto «dalla fine del mondo» si è messo al servizio del ministero petrino esordendo con un «Buonasera» e chiedendo alla piazza, quella di S. Pietro e quella mediatica, di pregare per lui. Poi, tra bagni di folla e abbracci ai disabili, tra una carezza ai bambini e i discorsi sulla misericordia di Dio, ha intrapreso la sua missione, inaugurata con la S. Messa di inizio pontificato il 19 marzo, festa di S. Giuseppe, patrono della Chiesa universale. Nel mese di luglio lo abbiamo visto essere particolarmente vicino alla gente di Lampedusa, dove quotidianamente sbarcano migliaia di profughi. Lì ci ha richiamato a non avere il cuore chiuso e indifferente. Tocca poi ai politici e ai governanti del mondo (Africa compresa!) cercare di gestire nel modo più giusto e più umano la difficile situazione Nell omelia di inizio pontificato, il Papa affermava che non dobbiamo avere timore della bontà, della tenerezza, che è capacità di attenzione, di compassione, di vera apertura all altro, capacità di amore. Se guardo alla bella realtà della nostra Collina, vedo delle belle case, grandi strutture, servizi in ordine e un benessere diffuso, ma un forte individualismo e ancora troppa aridità nelle relazioni umane. Il compito che abbiamo tutti nella comunità e specialmente in parrocchia è quello di realizzare quell attenzione e capacità di amare, a cui il papa ci richiama continuamente, fedele al messaggio di Cristo. Mi metto anche io in prima linea quale pastore d anime per cercare di mettere in pratica questo prezioso insegnamento ed essere più sensibile nei confronti del mio prossimo. Ai nunzi apostolici che rappresentano il pontefice nelle diverse nazioni (da noi in Svizzera è quello che si occupa 3

4 anche di allestire il dossier per nominare i vescovi, per intenderci ), Francesco ha indirizzato delle parole molto chiare e forti: c è sempre il pericolo, anche per gli uomini di Chiesa, di cedere a quella che io chiamo la «mondanità spirituale» e cioè cedere allo spirito del mondo, che conduce ad agire per la propria realizzazione e non per la gloria di Dio [ ] ma noi siamo Pastori! [ ] Nel delicato compito di realizzare l indagine per le nomine episcopali siate attenti che i candidati siano Pastori vicini alla gente (in una omelia aveva detto che dobbiamo sentire «l odore delle pecore», utilizzando un immagine molto suggestiva). E ancora: siate attenti che non siano ambiziosi, che non ricerchino l episcopato. [ ] Pensiamo alla figura di San Giuseppe che veglia su Maria e Gesù, alla sua cura per la famiglia che Dio gli ha affidato, e allo sguardo attento con cui la guida nell evitare i pericoli. Per questo i Pastori sappiano essere davanti al gregge per indicare la strada, in mezzo al gregge per mantenerlo unito, dietro al gregge per evitare che qualcuno rimanga indietro e perché lo stesso gregge ha, per così dire, il fiuto nel trovare la strada. Il pastore deve muoversi così! Queste parole non possono che aiutarci nel ministero pastorale e ci incoraggiano ad avere fiducia nel futuro e, sebbene non sia sempre facile credere nell uomo, dobbiamo avere fiducia in lui, tenendo presente che siamo creature di Dio. Aiutati anche dall esempio dei santi, tra i quali i papi Giovanni XXIII e Giovanni Paolo II (che verranno canonizzati in dicembre) e sorretti dalla guida di Maria Madre della Misericordia, cominciamo questo nuovo anno pastorale con gioia e con fede. Vi raccomando al Signore e prego con voi. I sacramenti si pagano? (testo a cura della Curia vescovile) I nostri antichi avevano l abitudine di sottolineare gli avvenimenti significativi delle famiglie lasciando un ricordo nelle chiese del paese. Si spiega così la presenza di molti arredi sacri, calici, quadri, paramenti, che ancora oggi ammiriamo e usiamo e che risalgono a donazioni dell una o dell altra famiglia, in parte anche di emigranti tornati in patria. È bene che questa antica tradizione non scompaia, ma oggi deve assumere altre forme, più adatte a sostenere i costi di gestione delle chiese. In questo senso vanno intese le offerte in denaro che le famiglie o gli individui devolvono in occasione di celebrazioni particolari quali: battesimi, prime comunioni, cresime, matrimoni, funerali. Non si tratta di «pagare» le prestazioni dei parroci (che ricevono già uno stipendio) né tantomeno di «pagare» un Sacramento, ma di riconoscere che la Chiesa è la casa di tutti e quindi tutti sono corresponsabili dei costi. Per fortuna, vi sono ancora persone che prestano benevolmente la loro opera: si pensi alla pulizia delle chiese, alla ornamentazione floreale, al servizio di sacrestia. A tutti però viene chiesto di dimostrare riconoscenza verso la parrocchia, segnando con un offerta l avvenimento celebrato. Rincresce dover constatare come in queste occasioni molte famiglie spendano somme ingenti per festeggiamenti esteriori, dimenticando del tutto l elemosina alla chiesa. 4

5 Guido Baumann, presidente Consiglio parrocchiale di Lugano La fede dal punto di vista di un «giovane» pensionato L aggettivo «giovane» pensionato nel titolo ha la sua valenza poiché ritengo che la FEDE abbia uno sviluppo ed una sostanza specificatamente legati allo scorrere degli anni ed alle vicende della nostra personale vita. Ben differente è questa nel tempo dell infanzia e via via bambini, fanciulli e giovanetti. La fede durante la scuola reclute? La fede durante la formazione? La fede sul posto di lavoro? La fede al momento di conoscere colei che sarà la tua consorte; quando con sentimenti misti alla gioia ed alle responsabilità ivi collegate, attenderete il primo figlio, miracolo concreto della vita? Oppure la fede nei momenti difficili, di incertezza e precarietà, di malattia, di tragedie singole o collettive, di morti di persone care? O ancora la fede all interno della nostra cerchia di parenti e amici? Ogni lettore di queste righe può rapidamente analizzare il proprio personale passato e constatare, a volte con gioia, a volte con tristezza, a volte con dubbio, il valore che la fede ha dato al proprio vivere, alle proprie esperienze ed alla propria evoluzione non scordando che questa può anche trasformarsi in involuzione. Fatta questa per me doverosa e significativa premessa entro qualcuno esclamerà finalmente, nel tema scelto: mi considero un privilegiato e quindi un uomo fortunato di aver potuto, a 59 anni, ritirarmi dalla mia professione, quale dipendente, svolta con passione ed impegno per 41 anni presso il medesimo datore di lavoro e pur essendo trascorsi 2 anni e mezzo da quel momento, non posso che ringraziare Dio per questa doppia, anzi tripla, fortuna che mi ha concesso: innanzitutto la mia cara famiglia che mi ha trasmesso la fede, coltivata ed affinata negli anni di formazione presso i padri salesiani dell Istituto Elvetico di Lugano; l azienda per cui ho potuto lavorare ed ora il pensionamento anticipato, sostenuto da una buona salute e dal desiderio di poter mettere a disposizione le mie competenze, energie ed esperienze, a titolo volontario, per la nostra comunità, in modo particolare concentrandomi sul servizio laico alle Chiese luganesi. Per giungere alla situazione testé evocata ho proceduto, dal momento del pre pensionamento, sostenuto dalla fede e, non secondario, da una certa tranquillità economica, a tentare diverse vie nel «mettermi a disposizione». Alcune ipotesi mi erano ben chiare ma altrettanto chiaro era il pensiero di dover esser selettivo nelle mie scelte, basando le stesse sia sulla mia capacità di affrontarle sia di esser capace di dare continuità e quindi costanza all azione intrapresa. Con fiducia, e pertanto fede, ho assunto incarichi quale curatore/tutore di persone anziane. Esperienza umanamente magnifica e significativa ma che si è scontrata con una mia latente avversione per tutto ciò che le autorità di vigilanza preposte, esigono burocraticamente ed asetticamente dalle persone che si mettono a disposizione. E, gioco forza, spinto dal messaggio evangelico di far fruttare al meglio i talenti donati da Dio, ho continuato la mia ricerca presso un associazione nazionale dedita al contatto e consulenza telefonica di persone in stato di necessità psicologico o personale. Seguita con impegno un approfondita formazione ho dovuto ammettere la mancanza, in questa forma di volontariato, del contatto fisico, diretto e personale con le persone da aiutare e pertanto anche questa strada è stata chiusa. Sempre sostenuto dalla tranquilla, persistente forza derivante dalle fede, unita in questo caso alla pazienza ed al principio di non aspettarmi mai gratitudine in questa 5

6 vita, credo di aver ora individuato, finalmente, il percorso sul quale posso oggettivamente ed efficientemente prestare il mio servizio nel testimoniare, da laico, la mia fede vissuta e condivisa con altri e così facendo realizzare l obiettivo di essere ancora utile e stimolante in questo mio nuovo e ultimo periodo di vita. In primo luogo piuttosto che essere un cristiano convinto, ma fin troppo discreto nelle manifestazioni religiose, mi sono reso conto dell importanza e necessità di mostrare, esternare, direi con fierezza e consapevolezza, a me stesso in primo luogo, ma pure a terzi, questa fede vissuta. Pertanto, giusto per fare un esempio, non più un silenzio contrito e pudico di fronte a bestemmie o imprecazioni ma, immediatamente, una giaculatoria compensatrice e, a dipendenza del contesto, un ricordare a chi commette queste esternazioni, la necessità di moderare i termini o, meglio ancora, discernere bene quanto male, a se stessi ed agli altri, essi causano con i loro improvvidi e non ragionati sfoghi verbali. Base di questo nuovo approccio, come santamente ci insegna Papa Francesco, è la sobrietà e la tenerezza. Ciò significa, molto semplicemente, non ergersi a giudice, basta ed avanza il Giudice Supremo, ma a fratello pronto a modulare il suo intervento senza le stesse aggressività dimostrate dall altro fratello. Non facile, nevvero? Per conseguenza di questo nuovo approccio ne segue la necessità di mettersi a disposizione gratuitamente per tutte quelle incombenze «pro ecclesia» che l attuale situazione evidenzia sempre più,ma di cui i dibattiti durante il Concilio vaticano II furono profeticamente anticipatori. Mi spiego meglio: a seguito di molteplici cause sociali, politiche, antropologiche, economiche e quant altro, ci troviamo sempre più confrontati con una socie tà complessa, multietnica, multiculturale, nella quale appare evidente un affievolirsi non tanto della fede, ma della manifestazione visibile di questa fede. Da ciò deriva la necessità che i sacerdoti debbano, assolutamente, concentrarsi nella loro specifica missione d evangelizzazione, d esemplarità nella carità e compassione, nella ricerca assidua ed instancabile delle ormai 99 pecore smarrite, mentre i laici possono sostituirli in tutte quelle incombenze operative, gestione finanziaria, organizzazione, pianificazione che so no riconducibili, in modo riduttivo, alla gestione di un economia domestica privata. Così operando, idealmente, si raggiunge l armonia alla base di ogni organizzazione umana. Oggi, non è sempre così. Il collaboratore parrocchiale, a volte, viene visto quale ese cutore; per contro deve esser considerato un partner capace di esprimere, qualora fosse necessario, una critica costruttiva e propositiva. Ecco la mia nuova fortuna/opportunità: essere utile, pur nella mia fragilità umana, a poter sostenere operativamente e concretamente una parrocchia nelle sue esigenze apparentemente spicciole e banali, lasciando al sacerdote l alta missione per cui egli ha seguito la chiamata vocazionale e liberandolo dalle prime. Con tutto il cuore auguro a tutti i neo giovani pensionati ma pure a coloro che in pensione vi si trovano da lustri, di poter individuare questa possibile, valida e meritevole alternativa per il tempo che Dio concede loro. E alla fine del proprio percorso di vita, ineludibile e meraviglioso, poter citare S. Paolo: «Ho combattuto la buona battaglia, ho terminato la mia corsa, ho conservato la fede» a cui aggiungere, sommessamente e con infinita modestia ho trasmesso la fede. 6

7 Ugo Morselli Intervista a Americo Bottani, presidente del Consiglio parrocchiale di Gentilino/Montagnola Nell ultimo bollettino parrocchiale abbiamo iniziato una serie di interviste ai membri del Consiglio parrocchiale Continuiamo in questo numero con il presidente, Americo Bottani. Dapprima una piccola presentazione Sono nato il 24 settembre del 1944, sposato con due figli, Fabia e Michele, pensionato, ex funzionario di banca, abito a Gentilino, per molti anni attivo politicamente nel PLR, ex municipale di Gentilino, attuale membro del C/C della Collina d Oro. Appassionato di canottaggio e da molti decenni giornalista sportivo. Da quanti anni ricopri la carica quale presidente del CP? Ho iniziato nel 1999, succedendo a Gino Massarotti, persona di grande spessore, da non dimenticare che sotto la sua presidenza la Chiesa parrocchiale di S. Abbondio è stata sottoposta ad un restauro conservativo. In precedenza, per 13 anni, ero già membro del Consiglio parrocchiale, quale rappresentante dell ex comune di Gentilino. Cosa ti ha spinto ad accettare questa carica? Come rappresentate del Comune avevo vissuto un esperienza molto interessante, vedi il restauro della chiesa e in prospettiva futura vi erano molti progetti in cantiere, quindi ho accettato volentieri questa «accattivante» sfida. Infatti in questi ultimi anni abbiamo iniziato e completato il restauro della casa parrocchiale. Obiettivo raggiunto penso in modo ottimale; sia il CP come pure il sottoscritto, siamo molto soddisfatti per l esito positivo dei lavoro svolti. Visto poi il buon clima di lavoro che regna nel nostro consesso, ho accettato la presidenza per altri 4 anni. Una carica impegnativa, ma anche molto interessante. Voglio sottolineare il fatto che non ho assunto questa carica per mettermi in mostra, ma solo nell intento di dare un servizio alla parrocchia e alla nostra popolazione. Questo è lo spirito che mi ha animato in questi 13 anni di presidenza. Un lavoro oscuro di tutti noi, molti i problemi da risolvere, ma come detto fatto con un grande spirito di servizio. 7

8 Chiese in crisi, che pian piano si svuotano Sì un grosso problema, che va messo in giusto rilievo. Personalmente ho sempre fatto presente di questo fenomeno, del crescente disinteresse verso la Chiesa in generale. Se penso alla nostra, sicuramente una delle più belle del Cantone, ma non sempre ben frequentata, sia nelle funzioni, come pure alle riunioni o alle conferenze. Soprattutto manca la gioventù, sempre più assente alla vita della nostra parrocchia. Lo sottolineava recentemente anche il nostro parroco don Aldo, che dopo la Prima Comunione o la Cresima, i ragazzi non si vedono più. Un problema non solo nostro, ma di tutto il Cantone. Forse un nostro esame di conoscenza è d obbligo, ma di difficile soluzione. Dovremo trovare delle attività collaterali per invogliare i giovani a essere più presenti. Il giovane è attratto da molte altre attività, cerca sempre cose nuove, a noi trovare gli spunti giusti. Quali sono gli obbiettivi futuri per il prossimo quadriennio? Gli obiettivi sono parecchi. In primo luogo trovare una soluzione per la problematica del riscaldamento e dei banchi della chiesa. Poi il rifacimento del sagrato e dei due viali, ma questo problema andremo a risolverlo con l aiuto del Comune di Collina d Oro. Ci sarà anche il restauro delle cappelle della via Crucis e il completamento dell archivio. Poi dovremo anche trovare una persona che possa garantire una supervisione dei lavori da svolgere in parrocchia, una specie di collaboratore parrocchiale. Oggi questi lavori vengono fatti da volontari, che colgo l occasione per ringraziarli per l immenso lavoro oscuro che svolgono. Senza di loro sarebbe impossibile avere una parrocchia così funzionale. 8

9 Mario e Augusta Cameroni, priori della Confraternita Lettera aperta ai Confratelli e Consorelle Sovente ci siamo chiesti che significato possa avere ancora, al giorno d oggi, la Confraternita. Come la vediamo e la viviamo in seno alla Comunità parrocchiale? E come la desideriamo in futuro? Le Confraternite sono state fondate per testimoniare la Fede con la preghiera, quindi dovremmo essere, in veste di Confratelli e Consorelle, «uomini e donne di preghiera». Ma, al di là delle due feste principali della Parrocchia (Festa priorile della Madonna del SS. Rosario e patronale di S. Abbondio), ci sembra che la nostra Confraternita è debole e rispecchia solo in parte il suo scopo: sarebbe auspicabile una più assidua e maggiore partecipazione alla preghiera comunitaria. La vorremmo più dinamica, impegnata, altrimenti si arrischia che la stessa abbia come attività principale l Assemblea annuale e la gita. Alcuni numeri: , Conferenza con Don Giulio Cipollone 10 persone , Conferenza con Don Nicola Zanini 11 persone , Cena povera 16 adulti e 12 ragazzi , Adorazione dopo la lavanda dei piedi 8 persone , Adorazione e S. Messa Primo Venerdì 17 persone , Adorazione e S. Messa Primo Venerdì 8 persone Nelle S. Messe in settimana sono presenti 5-6 persone. Queste cifre sono deludenti e ci devono far riflettere. Non fanno certamente Comunità. Qualche anno fa ci sono stati i Missionari, c è stata la visita del Vescovo, e malgrado l euforia del momento, nulla è cambiato. Si sarebbe dovuto, invece, costruire insieme una Comunità più viva nel servizio e nella preghiera, partecipando alle liturgie settimanali e all Adorazione con S. Messa il Primo Venerdì di ogni mese. Questi sono i momenti per pregare assieme per le nostre famiglie, per gli ammalati, per i giovani e per i tanti bisogni del mondo. È Gesù che ci dà questo tempo, se lo desideriamo, per fare Comunità viva. Il compianto Vescovo Torti in una delle catechesi del sabato mattina a S. Rocco affermava «Una persona che non prega almeno 30 minuti al giorno non può dichiararsi cristiano». Don Sandro Vitalini rileva che «Non c è Eucarestia se non c è solidarietà verso la comunità specialmente con la preghiera». 9

10 Diventiamo gregge sempre più incline a seguire i ritmi della civiltà dei consumi. Papa Francesco ha detto «Abbiamo il coraggio di uscire per portare questa gioia, questa luce in tutti i luoghi della nostra vita. Non è soltanto per noi, ma per trasmetterla, per darla agli altri, condividerla con gli altri» e ha aggiunto «Sogno una Chiesa che esca per strada». Mons. Tonino Bello, scriveva «Dobbiamo essere Chiesa del grembiule, cioè del servizio». Viviamo in una società sempre meno attenta ai doni evangelici, scriveva un politico di casa nostra; i cristiani debbono testimoniare la loro vocazione, ma come? Il compito è difficile, ma costituisce una vera sfida per tutti i Cristiani. L invito alle varie catechesi che si organizzano a S. Abbondio potrebbero essere allargate alle parrocchie limitrofe onde avere più pubblico, più opinioni e l incontro diventerebbe più interessante e stimolante per tutti. Un plauso va al nostro parroco don Aldo, che si impegna a promuovere questi eventi per migliorare la nostra formazione cristiana e ravvivare lo spirito apostolico. Una Parrocchia che prega è una Parrocchia che salva il suo gregge. Dobbiamo prenderci cura degli altri, perché in Cristo siamo tutti una famiglia e la vera felicità consiste nell aprirsi verso il nostro prossimo, solo così siamo Chiesa. Quello di cui oggi ha bisogno il mondo è amore. Lo scrittore Dick Eastmann, nel suo libro Un cammino in salita ha scritto «Il dono più grande che l uomo può fare alla società, è mettersi in ginocchio» e «La preghiera, quella autentica, è l atto più potente che una creatura di Dio possa compiere». È l anno della Fede, possiamo insieme costruire qualcosa? Noi pensiamo di sì. Soltanto così la Confraternità ha ancora un senso per esistere. 10

11 Particolari celebrazioni religiose e manifestazioni MA Momento di preghiera per i bimbi all inizio del nuovo anno scolastico (segue merenda) VE S. Messa nella Festa di San Pio da Pietrelcina a Scairolo Sospesa la S. Messa delle 8.30 in S. Abbondio GIO S. Messa prefestiva in S. Tommaso VE S. Abbondio, S. Messa S. Abbondio, S. Messa, solennità di tutti i Santi Commemorazione dei fedeli defunti e benedizione delle tombe nei cimiteri di S. Abbondio (partecipa «Collina d Oro Musica») e di Agra. SA S. Messa nel Cimitero di S. Abbondio S. Tommaso, S. Messa prefestiva. Ottavario dei morti Si terrà dal 4 all 8 novembre la S. Messa in S. Abbondio con inizio alle ore DO Inizia il tempo forte dell Avvento SA Concerto del coro Clarière in S. Abbondio (organizzato da Soroptimist Club) LU S. Abbondio, S. Messa (Immacolata Concezione B.V. Maria). Durante l ottobre missionario e l Avvento, saranno possibili delle serate di catechesi 11

12 Americo Bottani Assemblea parrocchiale ordinaria del 25 aprile 2013 Riconfermato pressoché in blocco il Consiglio parrocchiale di S. Abbondio che rimarrà in carica sino al Ugo Morselli è stato designato quale delegato parrocchiale all Assemblea vicariale mentre Alberto Gamboni sostituisce Luca Saltini quale supplente in seno al Consiglio parrocchiale. Nella sua relazione il presidente Americo Bottani, in carica dal 1999, ha ricordato come, al contrario, di tante cariche civili che mettono la persona più o meno in vista, il lavoro del consigliere parrocchiale, totalmente a titolo di volontariato, si svolge maggiormente nell ombra e pertanto chi si mette a disposizione dev essere motivato da uno spirito di servizio per la Comunità parrocchiale. Fra le molteplici realizzazioni che hanno contraddistinto l ultimo quadriennio spicca, per importanza, la ristrutturazione della casa parrocchiale i cui lavori si sono conclusi nel 2011 a piena soddisfazione della committenza, sia dal profilo architettonico sia da quello finanziario, grazie, in particolare, al generoso contributo del comune di Collina d Oro. Senza dimenticare l attivazione del sito internet e la rivisitazione del Bollettino parrocchiale. È tutt ora in corso il lavoro per la completazione del corposo archivio parrocchiale, iniziato alcuni anni or sono dalla Protezione civile di Lugano e dal Centro di ricerca per la storia e l onomastica ticinese dell Università di Zurigo. Gli orizzonti del Consiglio parrocchiale sono già rivolti ad altri obiettivi ha sottolineato il presidente Bottani, in particolare alla sostituzione dell attuale sistema di riscaldamento e dei banchi della Chiesa parrocchiale. Inoltre, in collaborazione con l Ufficio tecnico comunale si sta valutando l opportunità di rifare la pavimentazione del sagrato e dei due viali d accesso alla Chiesa di S. Abbondio con relativa illuminazione, senza dimenticare il restauro di alcuni dipinti di grande valore, uno dei quali «Madonna col Bambino», risalente al 600, venuti alla luce durante l attività di riordino dell archivio parrocchiale. L assemblea ha poi approvato i conti consuntivi 2012 che si chiudono con una lieve maggiore entrata. Il nuovo Consiglio parrocchiale è così composto: Americo Bottani (presidente), Raoul Gentilini (vice-presidente), Tino Cameroni (segretario), Anna Giorgetti (cassiera), Ugo Morselli (membro), Giorgio Cattaneo (delegato municipale), Sergio Pelli e Alberto Gamboni (supplenti) e naturalmente il parroco don Aldo Aliverti (membro di diritto). 12

13 Nardo Adamini Verbale Assemblea parrocchiale di San Tommaso Sabato 27 aprile dopo la S. Messa, si è tenuta l Assemblea parrocchiale alla presenza di 17 parrocchiani, per deliberare sulle trattande presentate nell ordine del giorno esposto all albo parrocchiale e fatto pervenire a tutti i fuochi. Dopo l appello dei presenti e la nomina degli scrutatori e del presidente del giorno, si è dato inizio ai lavori. Il presidente Nardo Adamini ha dato lettura della relazione del Consiglio parrocchiale, facendo notare che il 2012 si è chiuso con un disavanzo di Fr dovuto: al rincaro dell olio di riscaldamento, alla sostituzione del piano di cottura con il forno e la lavastoviglie per vetustà, ed alla minor entrata delle offerte. Anche se si è avuta questa maggior uscita, la situazione finanziaria della nostra parrocchia non desta nessuna preoccupazione. I parrocchiani vengono pure informati che nel mese di giugno inizieranno i lavori di restauro dell affresco nell oratorio di Bigogno, che verranno terminato per la della festa della Vergine in Paradiso. Viene pure rifatta la scala lato sud e l acciottolato verso la porta principale della chiesa e sarà pure rifatto l accesso scala lato nord con acciottolato e su di un fianco una rampa praticabile per le carrozzelle. Il rapporto di revisione presentato da Franco Chiesa, fa pure notare la minor entrate delle offerte e l uscita derivante dal rinnovo accessorio della cucina situata al pianterreno; poi ringraziando per la buona tenuta dei conti. A questo punto il presidente mette in votazione le due trattande che vengono accettate all unanimità. Nomine statutarie Il presidente dichiara che i membri del consiglio parrocchiale uscente sono disposti, se l assemblea è d accordo a ripresentarsi per un nuovo mandato. L assemblea all unanimità ha rinnovato il mandato ai membri del consiglio parrocchiale attuale, che sono: Nardo Adamini (presidente), Fabio Testori (vice presidente), Stefano Rigamonti, Giorgio Cattaneo (delegato del Municipio), don Aldo Aliverti (parroco) e Liliana Rossi (cassiera e membro supplente). Eventuali Come già detto e come si può constatare la scala lato sud è in costruzione, mentre al termine di questo lavoro sarà eseguita anche la scala lato nord. Il presidente ringrazia anche a nome di tutti i parrocchiani il Municipio di Collina d Oro per l onere finanziario preso a carico dal Comune, dando un miglior decoro all entra della nostra chiesa, che fa parte dei monumenti nazionali. Non essendoci altro il presidente chiude la seduta. Foto: Claudia Coda 13

14 Mario e Augusta Cameroni Gita parrocchiale a Bobbio e a Piacenza Quasi una cinquantina di parrocchiani hanno partecipato sabato 25 maggio alla gita parrocchiale. Siamo partiti puntuali alle 7.00 da S. Abbondio. Viaggio tranquillo, anche se piovoso e freddo e arriviamo a destinazione verso le Ci accoglie don Mario, parroco dell Abbazia, il quale illustra, con alcuni cenni, la storia dell Abbazia. Fu fondata dal monaco Colombano attorno al 615. Era un monaco irlandese che fu fautore dell evangelizzazione, del rinnovamento culturale dell Europa e difensore della fede. Partì dall Irlanda attorno al 590 e si recò in Francia e in Svizzera, dove con S. Gallo fondò la celebre Abbazia, infine arrivò in Italia Settentrionale. All inizio questa Abbazia era molto piccola ma si sviluppò fin verso l anno 800. Fu centro di cultura e arrivò ad ospitare fino a 150 monaci dell Ordine monastico di S. Colombano. Ebbe poi un periodo di decadenza. L Abbazia o Basilica, come la vediamo oggi, venne costruita tra il 1456 e il 1522 sui resti dell antica chiesa conventuale. Venne retta dai monaci benedettini che diedero un nuovo impulso alla Basilica. Gli affreschi che decorano le navate interne, le due navate minori ed il transetto sono stati eseguiti da Bernardino Lanzani e da un suo aiutante intorno agli anni , e riprendono e sviluppano con spunti originali il tema della centralità dello Spirito. Dopo le spiegazioni visitiamo la Basilica e il Museo. Il museo dell Abbazia è nato nel 1963 e ha trovato collocazione nei locali del monastero dove aveva anticamente sede lo Scriptorium con la sua biblioteca. Custodisce reperti che spaziano dai primi secoli dell era cristiana fino alla metà del XVI secolo. La cripta, con il sarcofago di S. Colombano al centro, è opera di Giovanni de Patriarchis (1480). Vi sono pure il sepolcro di S. Attala (2º abate), e il sepolcro di S. Bertulfo (3 abate), con le loro transenne marmoree longobarde usate come lastre tombali sopra gli antichi affreschi, la cancellata/transenna in ferro battuto del X secolo e la cappella di S. Colombano a sinistra con la statua bianca del santo in grandezza naturale ed un antico affresco della Madonna dell Aiuto. 14

15 Alle don Aldo celebra la S. Messa della solennità della SS. Trinità nella cripta e all omelia sviluppa il concetto della relazione e cioè che nessuno diventa migliore senza gli altri. Ciascuno di noi si forma nella sua umanità grazie all intervento di molte persone che concorrono a determinare la sua personalità. È l occasione per guardarci dentro e l uomo è relazione, come la SS. Trinità. La SS. Trinità è il compimento del mistero della salvezza realizzato dal Padre, per mezzo del Figlio, nello Spirito Santo. Alle 12.15, sotto la pioggia incessante e abbondante, ci rechiamo al ristorante, dove ci viene servito un ottimo pranzo. Alle partiamo per Piacenza, dove, durante una sosta di circa un ora e mezza visitiamo la Cattedrale del IV secolo, con le sue meraviglie pittoriche, le sculture, il caratteristico Battistero e la cripta. Visitiamo pure Piazza Cavalli del Mochi, la maggior piazza di Piacenza. Durante il viaggio di ritorno recitiamo il S. Rosario e lo dedichiamo a tutti i cristiani perseguitati e ai due Vescovi Copti in mano ai sequestratori. Dopo tanta pioggia all arrivo troviamo finalmente un po di sole. Ci congediamo gli uni dagli altri contenti di aver trascorso, malgrado il freddo, una bella giornata. 15

16 Elena Ghielmini Poesie Pèrdas e trövass (Inscì al diseva don Aldo) Pèrdas e trövass, còsa al vö dii pèrdas, sa sa pèrd tücc i dì trövass, sa sa tröva dì par dì cul sta inséma ognün cun la sua diférenza ognün cun la sua suférenza trövass sa sa tröva cul bèll e cul brütt temp ognün cun ul gèrlu da la sua fragilità che pö al punda quand ul cör da l altru al sa vèrt a brasc vèrt öcc in di öcc cun na grand semplicità. Perdersi e trovarsi (Così diceva don Aldo) Perdersi e trovarsi cosa vuol dire perdersi, ci si perde trovarsi, ci si trova giorno dopo giorno con lo stare insieme ognuno con la propria differenza ognuno con la propria sofferenza trovarsi ci si trova con il bello e con il brutto tempo ognuno con la gerla della sua fragilità che poi depone quando il cuore dell altro si apre a braccia aperte occhi negli occhi con una grande semplicità. Cuore Nella piccola chiesa un cuore appeso alla parete, altri fuoriusciti leggeri negli esigui spazi e la gente attratta, folgorata un semplice cuore null altro e qualche raggio attraverso le vetrate. Questo è il luogo della grande galassia dove, braccia alzate, gridano al miracolo quello del microscopico rosso pianeta che ferma le guerre esonda calore e nulla chiede. La rivoluzione vera irrompe squarcia le paludi sovrasta le vette, così appeso alla parete il cuore ricompone semplice gli strati della mente. 6 maggio 13 16

17 Sergio Cameroni Mi son sentito un po pellegrino! In un mondo che, superficialmente, sembra egocentrico, individualista ed egoista, ci sono dei gruppi di persone che s uniscono per fare gratuitamente qualche cosa di bello, non solo nello sport o nei vari volontariati, ma anche nelle nostre realtà parrocchiali! Da più di 500 anni un voto alla Madonna dagli abitanti della Collina d Oro grati per averli salvati dalla peste ha fatto sì che anno dopo anno si perpetuasse un pellegrinaggio che da S. Abbondio porta alla Madonna d Ongero, bellissima chiesetta situata alla sommità della collina Arbostora protetta da un faggeto da «favola»; un ameno luogo di pace! Anche quest anno una quarantina di persone hanno iniziato il cammino suddiviso in diverse tappe alle quali s aggiungevano sempre piccoli gremi di persone. Don Aldo inizia la riflessione con un breve ma interessante Curriculum Vitae su Papa Francesco; ci invita a mantenere il silenzio nella prima parte del pellegrinaggio onde riflettere seriamente su cosa Dio voglia dalla nostra vita. Il tema della giornata è «testimoni della fede con papa Francesco». Ad accoglierci alla seconda tappa don Nicola Di Todaro c introduce sull ultima enciclica scritta dall emerito Papa Benedetto XVI e terminata dal Santo Padre Francesco. Fa il punto su «l essere e l avere» e questo pensiero ci accompagnerà fino alla terza tappa ove don Aldo si rifà alla figura del patriarca Abramo, uomo esiliato e pellegrino, ci sprona ad intraprendere il cammino della preghiera, saper uscire da sé stessi e mettersi a disposizione, con fiducia, del Padre. Dare tempo a Dio e non creare ostacoli che c impediscono d accedere alla vera Felicità! Alla 4 a tappa dopo Abramo incontriamo il re Davide: egli s abbandonò completamente a Dio, fuggì in esilio poiché scacciato dal proprio figlio; non vana fuga ma cammino penitenziale! Da qui la riflessione: Dio prende a cuore il proprio popolo senza violenza, Davide s abbandonò completamente a Dio così, come Gesù nel massimo patimento, pronunciò la parola «Padre». A Ciona un altro patriarca viene citato: Mosé, uomo che intercede presso Dio a favore del popolo peccatore. Come Maria intercede alle nozze di Cana presso il figlio interpretando il pensiero di Gesù Prosegue don Aldo con la figura di Giuditta, vedova di carattere forte, avvenente, colta ed anche lei intercede presso Dio per il suo sofferente popolo prega non minaccia in quanto tutto ciò che succede è volontà di Dio! Con questi spunti che spronano a riflettere sulla nostra vita, accompagnati dal Santo Rosario, arriviamo alla Chiesa della Madonna d Ongero. Ad accoglierci, oltre al suono delle campane, lo spiritoso don Giscard (prete cappuccino supplente del parroco di Carona), alle musiche della Filarmonica Collina d Oro ed alla Comunità «Palabra Viva» (studenti della Facoltà di Teologia). Don Aldo riprende il personaggio Francesco che grazie alla sua spontaneità e semplicità ha già conquistato fedeli devoto di Maria innamorato di Cristo chiede a noi di pregare per lui! In una chiesa gremita don Aldo ci invita a meditare su noi stessi onde verificare a che punto si trova la nostra Fede, ci sprona ad avere coraggio nell affrontare cose nuove in quanto dobbiamo essere convinti che Dio è vicino come Madre e Padre. La giornata termina con le note di «Collina d Oro Musica», i maccheroni e la collegialità e simpatia di tutti i presenti. 17

18 Chiara Ferrari Marveggio Cresima 2013 Gesù è risorto, è veramente risorto! Settimana santa intensa per i cresimandi. Mercoledì dopo essersi confessati, i ragazzi hanno allestito un albero di Pasqua un po particolare. Hanno colorato e decorato alcune colombe, simbolo pasquale, che per noi è simbolo importante, poiché rappresenta lo Spirito Santo. Abbiamo scoperto talenti e artisti di rilievo, complimenti! Per il Venerdì Santo il gruppo si è visto impegnato nella preparazione della Via Crucis serale. Oltre che la rilegatura dei libretti distribuiti ai parrocchiani, alcuni di loro si sono cimentati nella lettura delle preghiere e delle riflessioni alle stazioni. Una celebrazione guidata da don Aldo e ben partecipata! Un bel ricordo per tutti noi! E così per Pasqua abbiamo festeggiato: Gesù è risorto, è veramente risorto! Cammino verso la cresima 2013 il disegno Avevi scritto già, il mio nome lassù nel cielo, avevi scritto già la mia vita insieme a te, avevi scritto già di me. Abbiamo cantato qualcosa di «nuovo» con i ragazzi che si preparano alla Cresima o meglio ci abbiamo provato! Era lunedì 20 maggio 2013, lunedì di Pentecoste. È tradi- 18

19 zione ormai che quel giorno col gruppo cresimandi si va in gita. E quest anno abbiamo tentato di cantare e di capire le parole dei canti. «Il Disegno» certamente ci dà degli spunti interessanti di riflessione. Avevi scritto già di me. Crediamo che Dio abbia un progetto per la nostra vita, ha già scritto di noi! E noi abbiamo scelto di camminare insieme verso il sacramento della Cresima. Il catechista e il ragazzo che riceverà lo Spirito Santo hanno scelto liberamente: Se ieri non sapevo, oggi ho incontrato Te E la mia libertà è il tuo disegno su di me Non cercherò più niente perché Tu mi salverai Certamente impareremo questo canto, o almeno ci impegneremo per proporlo il giorno della Cresima in modo da non rompere i timpani a nessuno. Ma l essenziale sono il contenuto e l entusiasmo vero ragazzi?! Il 20 maggio era un po freddino ed ha anche piovuto! Ma siamo partiti lo stesso da Piazza Rezzonico con un battellino tutto nostro! La foto ci ritrae davanti alla piccola e incantevole chiesetta della Madonna dei Ghirli, a Campione. La visita guidata ci ha fatto apprezzare i dipinti che raccontano la vita di Giovanni Battista. Abbiamo invece celebrato la S. Messa al Santuario della Madonna della Caravina, in Valsolda, dove siamo stati accolti con tanta simpatia e dove abbiamo trovato un posto caldo ed asciutto in cui mangiare! Ma non è tutto: durante il tragitto via lago, i quiz del capitano hanno rivelato molte curiosità della nostra regione e la fermata al museo delle dogane ha messo in luce quanto succede alle nostre frontiere! Una gita riuscita dunque, grazie alla simpatia e cortesia del capitano, grazie alla particolarità di navigare sul nostro lago, e grazie all allegria di tutti nonostante la meteo! Il futuro ci riserva ancora tante cose belle!! Vivremo una S. Messa con le famiglie, i padrini e le madrine, e poi via di nuovo per una giornata, stavolta di ritiro e non in battello ma in treno! Con gli incontri di catechismo e altre chicche arriveremo al 12 ottobre pronti per la Cresima, e canteremo: E quando hai disegnato le nubi e le montagne E quando hai disegnato il cammino di ogni uomo l avevi fatto anche per me. 19

20 Festa della prima Comunione 2013 La festa della prima Comunione quest anno si è svolta domenica 12 maggio. Nel corso della celebrazione presieduta da don Aldo e arricchita dai bellissimi canti eseguiti con l accompagnamento musicale di Elena e Andrea, hanno ricevuto Gesù Pane di Vita 34 bambini preparati con dedizione dalle brave catechiste Alice, Edy, Loretta, Maria, Stefanie e Teo già a partire dallo scorso mese di novembre. Durante la preparazione, una volta al mese è stata celebrata una S. Messa particolarmente dedicata ai bambini e ai loro famigliari: la buona partecipazione ha testimoniato l apprezzamento con cui è stata accolta la proposta. Le bambine e i bambini che hanno ricevuto la Prima Comunione: Attili Francesco, Biglia Chiara, Bunford Isabella, Ceretti Alessandro, Cheloni Gianfranco, De Paulis Filippo, Faoro Maria Sole, Fontana Emma, Frangi Carolina, Frei Laura, Gamboni Elisa, Gioiele Federico, Guggiari Riccardo, Habegger Inacio Paulo, Leoni Emanuele, Losekoot Faye, Mcconnell Ginevra, Minerva Martina, Paiano Martina, Paparelli Lia, Pizzagalli Davide, Puglisi Manuel, Quadri Ryan, Reina Siro, Riccardi Lavinia, Riva Giorgia, Schildmeijr Manuela, Schmidt Dalia, Sergi Sabrina, Talleri Chiara, Tamburini Alice, Tamburini Giacomo, Waldburger Matteo, Waldburger Nina, Wicki Chiara. Sabato 18 maggio, vigilia di Pentecoste, i bambini si sono ritrovati nella Chiesa di S. Tommaso ad Agra per rivivere questa grande gioia. La celebrazione, accompagnata dai canti del Coro dei Giovani di Agra, è stata molto gradita dai famigliari e dai parrocchiani di Agra. Preparazione prima Comunione 2014 Da quest anno, tenuto conto della disponibilità delle catechiste, che si prestano a titolo di volontariato, la preparazione dei bambini che desiderano ricevere la Prima Comunione si svolgerà la domenica mattina al termine della S. Messa delle ore 10.00, a partire dal prossimo mese di novembre. Già fin d ora invitiamo i genitori dei bambini interessati a prendere nota del cambiamento rispetto agli anni precedenti. 20

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

CHE COS È L INDULGENZA?

CHE COS È L INDULGENZA? CHE COS È L INDULGENZA? La dottrina dell'indulgenza è un aspetto della fede cristiana, affermato dalla Chiesa cattolica, che si riferisce alla possibilità di cancellare una parte ben precisa delle conseguenze

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ====================================================== -------------------------------------------------- LA LITURGIA DEL GIORNO www.lachiesa.it/liturgia ====================================================== GIOVEDI SANTO (MESSA DEL CRISMA) ======================================================

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese

Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Romite Ambrosiane Monastero di S. Maria del Monte sopra Varese Celebriamo Colui che tu, o Vergine, hai portato a Elisabetta Sulla Visitazione della beata vergine Maria Festa del Signore Appunti dell incontro

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio

La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio CREDO IN GESÙ CRISTO, IL FIGLIO UNIGENITO DI DIO La Buona Novella: Dio ha mandato il suo Figlio Incominciamo a sfogliare il Catechismo della Chiesa Cattolica. Ce ne sono tante edizioni. Tra le mani abbiamo

Dettagli

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio

Oleggio, 25/12/2009. Natività- Dipinto del Ghirlandaio 1 Oleggio, 25/12/2009 NATALE DEL SIGNORE Letture: Isaia 9, 1-6 Salmo 96 Tito 2, 11-14 Vangelo: Luca 2, 1-14 Cantori dell Amore Natività- Dipinto del Ghirlandaio Ci mettiamo alla Presenza del Signore, in

Dettagli

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi

Diocesi di Nicosia. Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Diocesi di Nicosia Curia Vescovile Ufficio per l Evangelizzazione e la Catechesi Largo Duomo,10 94014 Nicosia (EN) cod. fisc.: 90000980863 tel./fax 0935/646040 e-mail: cancelleria@diocesinicosia.it Ai

Dettagli

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE

CON MARIA PREPARIAMOCI AD ACCOGLIERE IL SIGNORE AzioneCattolicaItaliana ACR dell ArcidiocesidiBologna duegiornidispiritualitàinavvento CONMARIA PREPARIAMOCIADACCOGLIEREILSIGNORE Tutta l Azione Cattolica ha come tema dell anno l accoglienza. Anche la

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma

CROCIFISSO, 17 - RIMINI - VIA DEL. www.crocifisso.rimini.it. oi viviamo sperimentando continuamente la morte, ma ANNO PASTORALE 2014/2015 N 7 - VIA DEL CROCIFISSO, 17 - RIMINI - TEL. 0541 770187 www.crocifisso.rimini.it SS. MESSE IN PARROCCHIA ORARIO (in vigore dal 29 Marzo) Feriali: ore 8 Venerdì ore 8-18 Prefestiva:

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata

La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata Osservatorio internazionale Cardinale Van Thuân La Dottrina sociale della Chiesa non può essere incatenata + Giampaolo Crepaldi Arcivescovo-Vescovo Relazione introduttiva al Convegno del 3 dicembre 2011

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen

PREGHIERE DEL MATTINO. Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Amen PREGHIERE DEL MATTINO Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Ti adoro Ti adoro, mio Dio e ti amo con tutto il cuore. Ti ringrazio di avermi creato, fatto cristiano e conservato in questa

Dettagli

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit.

Venite, saliamo sul monte del Signore, al tempio quanto è mirabile il tuo nome su tutta la terra! (Sal 8,10) Rit. OTTOBRE: Giornata del Carisma Introduzione TEMA: Fede e missione La mia intenzione è solamente questa: che [le suore] mi aiutino a salvare anime. (Corrispondenza, p. 7) Questa lapidaria intenzione, che

Dettagli

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore

Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Cos'è e come si recita la Liturgia delle Ore Tante volte mi è stato chiesto come si recita l Ufficio delle Ore (Lodi, Vespri, ecc.). Quindi credo di fare cosa gradita a tutti, nel pubblicare questa spiegazione

Dettagli

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI

LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI LE PREGHIERE DI SANTA BRIGIDA DA RECITARSI PER 12 ANNI Promesse di Gesù per coloro che reciteranno questa preghiera per 12 anni. Attraverso Santa Brigida, Gesù ha fatto meravigliose promesse alle anime

Dettagli

Dicembre 1995 - Dicembre 2005. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese. Don Ugo Proserpio. da anni Parroco a Novate.

Dicembre 1995 - Dicembre 2005. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese. Don Ugo Proserpio. da anni Parroco a Novate. Parrocchia Santi Gervaso e Protaso Novate Milanese Dicembre 1995 - Dicembre 2005 Don Ugo Proserpio 10 da anni Parroco a Novate Dicembre 2005 10 anni tra noi di don Ugo 11 La comunità delle suore Serve

Dettagli

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen

Gloria al Padre e al Figlio e allo Spirito Santo. Come era nel principio, e ora e sempre nei secoli dei secoli. Amen Modo di recitare il Santo Rosario Segno della Croce Credo Si annuncia il primo Mistero del giorno Padre Nostro Dieci Ave Maria Gloria Si continua fino a completare i 5 misteri del giorno Preghiera finale

Dettagli

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità

Corona Biblica. per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Corona Biblica per chiedere a Dio, per intercessione di Maria santissima, il dono della maternità e della paternità Imprimatur S. E. Mons. Angelo Mascheroni, Ordinario Diocesano Curia Archiepiscopalis

Dettagli

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi

Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Venga il Tuo Regno! COMISSIONE CENTRALE PER LA REVISIONE DEGLI STATUTI DEL REGNUM CHRISTI Motivazioni, principi e valori che orientano il processo di revisione degli Statuti del Regnum Christi Cari promotori

Dettagli

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi

Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Il matrimonio sia rispettato da tutti (Eb 13,4) Una parola sul matrimonio oggi Lettera pastorale per la Quaresima 2012 di Mons. Dr. Vito Huonder Vescovo di Coira Questa Lettera pastorale va letta in chiesa

Dettagli

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA

UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA UNA CONFESSIONE E LA PISTA SEGUITA Confesso tutta la mia difficoltà a presentarvi questo brano che ho pregato tante volte. La paura è quella di essere troppo scontata oppure di dare troppe cose per sapute.

Dettagli

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione

Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Esempi di Affermazioni incentrate sulla Verità da usare con Il Codice della Guarigione Affermazioni incentrate sulla Verità per le dodici categorie del Codice di Guarigione Troverete qui di seguito una

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

1 - Sulla preghiera apostolica

1 - Sulla preghiera apostolica 1 - Sulla preghiera apostolica Nel nome del Padre e del Figlio e dello Spirito Santo. Do una piccola istruzione di metodo sulla preghiera apostolica. Adesso faccio qualche premessa sulla preghiera apostolica,

Dettagli

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM)

L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) L'ORDINE SECOLARE DEI SERVI DI MARIA (OSSM) Un Ordine Secolare, fin dall inizio, è un gruppo di fedeli cristiani che, inseriti e lavorando nella società, vivono la spiritualità di un Ordine religioso e

Dettagli

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione.

Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Ognuno è libero di contraddirci. Vi chiediamo solo quell anticipo di simpatia senza il quale non c è alcuna comprensione. Eugenio e Chiara Guggi (tramite le parole di Benedetto XVI) Il laico dev essere

Dettagli

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE?

COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? COME SI PASSA DALL AFFIDAMENTO ALL ADOZIONE? Storia narrata da Teresa Carbé Da oltre 10 anni, con mio marito e i miei figli, abbiamo deciso di aprirci all affidamento familiare, e ciò ci ha permesso di

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore

Sac. Don Giuseppe Pignataro. L oratorio: centro del suo cuore Sac. Don Giuseppe Pignataro L oratorio: centro del suo cuore L'anima del suo apostolato di sacerdote fu l'oratorio: soprattutto negli anni di Resina, a Villa Favorita per circa un decennio, dal 1957 al

Dettagli

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE

AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE AZIONE CATTOLICA ADOLESCENTI ITINERARIO FORMATIVO SKYSCRAPER SECOND GUIDA PER L EDUCATORE Presentazione La guida dell educatore vuole essere uno strumento agile per preparare gli incontri con i ragazzi.

Dettagli

Flame of Hope maggio 2015

Flame of Hope maggio 2015 Flame of Hope maggio 2015 Cari amici, Quand è che si apprezza maggiormente la vita e si è consapevoli di essere vivi e ne siamo grati? Quando quel dono prezioso è minacciato e poi si apprezza la vita il

Dettagli

" CI SON DUE COCCODRILLI... "

 CI SON DUE COCCODRILLI... PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI RELIGIONE CATTOLICA ANNO SCOLASTICO 2014-2015 " CI SON DUE COCCODRILLI... " Le attività in ordine all'insegnamento della religione cattolica, per coloro che se ne avvalgono, offrono

Dettagli

Roggi lino. Domenica 26 Aprile 2015 C A L E N D A R I O L I T U R G I C O S E T T I M A N A L E

Roggi lino. Domenica 26 Aprile 2015 C A L E N D A R I O L I T U R G I C O S E T T I M A N A L E Roggi lino Domenica 26 Aprile 2015 Anno VII N. 329 Foglio di Informazione, riflessioni, news e avvisi della Parrocchia S. Eusebio Santuario Madonna delle Grazie/ Santuario della Famiglia Parroco: Don Romano

Dettagli

AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE

AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE AMALFI, 27 MARZO 2013 MESSA CRISMALE 1 Reverendissimo P. Abate, Reverendi Presbiteri, Diaconi, Religiosi, Reverende Religiose, cari Seminaristi, amati fedeli Laici, siamo convocati nella Chiesa Cattedrale,

Dettagli

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo:

Il rosario è composto da quattro corone. A ognuna di queste sono relazionati 5 misteri della vita terrena di Cristo: universale viva in ogni popolo. Ogni giorno, da soli, in famiglia o in comunità, insieme con Maria, la Madre di Dio e dell umanità, percorriamo i continenti per seminarvi la preghiera e il sacrificio,

Dettagli

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM

VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI. Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM XXVIII TEMPO ORDINARIO 11 ottobre 2009 VENDI QUELLO CHE HAI E SEGUIMI Commento al Vangelo di p. Alberto Maggi OSM Mc 10, 17-30 [In quel tempo], mentre Gesù andava per la strada, un tale gli corse incontro

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7

NOSTRO SIGNORE. Is 45, 1 7 Sal 146 (145) At 2, 29 36 Gv 21, 5 7 NOSTROSIGNORE Is45,1 7 Sal146(145) At2,29 36 Gv21,5 7 Tra gli elementi costitutivi dell'esistenza umana, la dipendenza dell'uomo daun'autoritàè unfattoincontrovertibile. L'aggettivosostantivatokyriossignifica:

Dettagli

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà.

NATALE SARA. Come sempre Natale sarà una festa, una grande magia, per svegliare la tua fantasia giù dal cielo un bel sogno verrà. NATALE SARA Su nel cielo che gran movimento, su tra gli angeli del firmamento: quelli addetti agli effetti speciali si rimboccano tutti le ali. C'è chi pensa ai fiocchetti di neve, chi compone una musica

Dettagli

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015)

Conferenza Episcopale Italiana. MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) Conferenza Episcopale Italiana MESSAGGIO PER LA 37 a GIORNATA NAZIONALE PER LA VITA (1 febbraio 2015) SOLIDALI PER LA VITA «I bambini e gli anziani costruiscono il futuro dei popoli; i bambini perché porteranno

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini

La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini. Comune di OSNAGO. Associazione ALE G. dalla parte dei bambini La convenzione internazionale sui diritti dell infanzia riscritta dai bambini Associazione ALE G. dalla parte dei bambini Comune di OSNAGO AI BAMBINI E ALLE BAMBINE Il 20 novembre 1989 è entrata in vigore

Dettagli

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia

Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Veglia nella notte del S. Natale 2012 Una notte di Fede: Vi annuncio una grande gioia Il Santo Padre ha dedicato quest'anno liturgico alla Fede e noi in questa veglia che precede la S. Messa di Natale

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO

Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO Campo d esperienza: IL SE E L ALTRO 1. Il bambino sviluppa il senso dell identità personale, è consapevole delle proprie esigenze e dei propri sentimenti, sa controllarli ed esprimerli in modo adeguato

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO

STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO STATUTO DELL ASSOCIAZIONE RINNOVAMENTO NELLO SPIRITO SANTO Il presente testo di statuto è stato approvato dal Consiglio Episcopale Permanente nella sessione del 22-25 gennaio 2007. Si consegna ufficialmente

Dettagli

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO

PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO PASQUA DI NOSTRO SIGNORE GESU CRISTO Annuncio della Pasqua (forma orientale) EIS TO AGHION PASCHA COMUNITÀ MONASTICA DI BOSE, Preghiera dei Giorni, pp.268-270 È la Pasqua la Pasqua del Signore, gridò lo

Dettagli

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015 ORDINE DEI SANTI MAURIZIO E LAZZARO Delegazione Gran Magistrale della Sardegna SANTA MESSA IN ONORE ED ALLA PRESENZA DI SUA EMINENZA REVERENDISSIMA IL CARDINALE LUIGI DE MAGISTRIS CAGLIARI, 22-02-2015

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO

CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO GRUPPOPRIMAMEDIA Scheda 03 CAPACI DI CONDIVIDERE OGNI DONO Nella chiesa generosita e condivisione Leggiamo negli Atti degli Apostoli come è nata la comunità cristiana di Antiochia. Ad Antiochia svolgono

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE

SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE Assemblea Nazionale Missio Giovani Roma, 10 aprile 2011 SCELTI FIN DAL GREMBO DELLA MADRE 1. STORIE DI UOMINI L immagine da cui partiamo è esplicitamente riferita all esperienza di Paolo: 15 Ma quando

Dettagli

"UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE

UN VERO EROE NON SI DIMOSTRA DALLA FORZA CHE GREST 2015 L estate ormai si avvicina e l Unità Pastorale Madre Teresa di Calcutta, organizza e propone il GrEst (Oratorio estivo), rivolto ai ragazzi delle classi elementari e medie delle nostre parrocchie.

Dettagli

Presentazione Prologo all edizione francese

Presentazione Prologo all edizione francese INDICE Presentazione Prologo all edizione francese IX XVIII PARTE PRIMA CAPITOLO I Finché portiamo noi stessi, non portiamo nulla che possa valere 3 CAPITOLO II Non dobbiamo turbarci di fronte ai nostri

Dettagli

III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo

III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo III incontro SIA FATTA LA TUA VOLONTÀ COME IN CIELO COSÌ IN TERRA Pensare, volere e amare come Cristo Obiettivo generale: L'incontro di questa domenica è incentrato sul cammino del discernimento della

Dettagli

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste.

storia dell umanità sarebbe veramente molto triste. FIGLI DI DIO Cosa significa essere un figlio di Dio? E importante essere figli di Dio? Se sono figlio di Dio che differenza fa nella mia vita quotidiana? Queste sono questioni importanti ed è fondamentale

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO

ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO 1 2. Economia e società nel mondo romano-germanico. ECONOMIA E SOCIETÀ NEL MONDO ROMANO-GERMANICO mondo romano germanico mondo bizantino mondo arabo Cartina 1 UN MONDO CON MOLTI BOSCHI, POCHI UOMINI E

Dettagli

Guai a me se non predicassi il Vangelo

Guai a me se non predicassi il Vangelo Guai a me se non predicassi il Vangelo (1 Cor 9,16) Io dunque corro 1 Cor 9,26 La missione del catechista come passione per il Vangelo Viaggio Esperienza L esperienza di Paolo è stata accompagnata da un

Dettagli

1. una fede da far crescere nei vostri figli

1. una fede da far crescere nei vostri figli Chiediamo il Battesimo di nostro figlio 3.a tappa: dopo il Battesimo 1. una fede da far crescere nei vostri figli Parrocchia di S. Ambrogio - Via G. Di Vittorio, 23 - Mignanego (GE) Come far crescere

Dettagli

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo

Frisch. unità 1. 1 Leggi il testo unità 1 1 Leggi il testo Frisch Frisch era un abitudinario, come lo sono del resto quasi tutte le persone della sua età. Ogni mattina nei tre giorni che passava alla villa si alzava puntualmente alle sette

Dettagli

Pastorale. Iniziative E proposte alla diocesi 2015/16. Arcidiocesi di Torino

Pastorale. Iniziative E proposte alla diocesi 2015/16. Arcidiocesi di Torino Arcidiocesi di Torino Curia Metropolitana via Val della Torre, 3 10149 Torino (To) Tel. 011 5156300 www.diocesi.torino.it Arcidiocesi di Torino Curia Metropolitana via Val della Torre, 3 10149 Torino (To)

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7.

Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 2 Dov è Piero Ferrari e perché non arriva E P I S O D I O 25 Milano, Corso di Porta Ticinese, 18. Terzo piano, interno 7. 1 Leggi più volte il testo e segna le risposte corrette. 1. Piero abita in un appartamento

Dettagli

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ

GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE PACE E SALUTE NEL SIGNORE GESÙ GIUSEPPE PELLEGRINI VESCOVO DI CONCORDIA-PORDENONE AI PRESBITERI E AI DIACONI AI FRATELLI E ALLE SORELLE DI VITA CONSACRATA AI FEDELI LAICI E A TUTTI GLI UOMINI E LE DONNE DI BUONA VOLONTÀ DI QUESTA NOSTRA

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio

Preghiera per le vocazioni. Preghiera per le vocazioni al sacerdozio Preghiera per le vocazioni Ti preghiamo, Signore, perché continui ad assistere e arricchire la tua Chiesa con il dono delle vocazioni. Ti preghiamo perché molti vogliano accogliere la tua voce e rallegrino

Dettagli

Pensieri per un genitore che non c è

Pensieri per un genitore che non c è Campus AIPD - Formia 16-22 giugno 2013 Pensieri per un genitore che non c è In questo Campus mi sembra di essere fuori dal mondo, perché qui la normalità è avere un figlio con la sdd... sono i fratelli

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO

INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO INCOLLARE DIPINTO ANNUNCIO AI PASTORI DI SANO DI PIETRO Rallegrati Maria Dal vangelo di Luca (1, 26-38) 26 Al sesto mese, l angelo Gabriele fu mandato da Dio in una città della Galilea, chiamata Nàzaret,

Dettagli

IL SENSO DELLA CARITATIVA

IL SENSO DELLA CARITATIVA IL SENSO DELLA CARITATIVA SCOPO I Innanzitutto la natura nostra ci dà l'esigenza di interessarci degli altri. Quando c'è qualcosa di bello in noi, noi ci sentiamo spinti a comunicarlo agli altri. Quando

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo

Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Parrocchia di S. Maria Maggiore in Codroipo Anche quest anno il tema di E state insieme si pone in continuità con gli anni precedenti! Vi ricordate come si chiamavano e qual era il tema? Velocemente li

Dettagli

Regole per un buon Animatore

Regole per un buon Animatore Regole per un buon Animatore ORATORIO - GROSOTTO Libretto Animatori Oratorio - Grosotto Pag. 1 1. Convinzione personale: fare l animatore è una scelta di generoso servizio ai ragazzi per aiutarli a crescere.

Dettagli

La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede

La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede Scuola di Preghiera Venerdì 11 dicembre 2010 intervento di don Fabio Soldan La nascita di Gesù 6 Ora, mentre si trovavano in quel luogo, si compirono per lei i giorni del parto. 7 Diede alla luce il suo

Dettagli

33. Dora perdona il suo pessimo padre

33. Dora perdona il suo pessimo padre 33. Dora perdona il suo pessimo padre Central do Brasil (1998) di Walter Salles Il film racconta la storia di una donna cinica e spietata che grazie all affetto di un bambino ritrova la capacità di amare

Dettagli

Incontrare il Signore in famiglia.

Incontrare il Signore in famiglia. temi pastorali Incontrare il Signore in famiglia. GIAMPAOLO DIANIN* Padova Se la fede è la storia di un grande amore, è nella famiglia - in cui oggi si vive una sorta di indifferenza - che essa deve essere

Dettagli

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA

Il ciclo di Arcabas LUNGO LA STRADA Il ciclo di Arcabas Arcabas è lo pseudonimo dell artista francese Jean Marie Pirot, nato nel 1926. Nella chiesa della Risurrezione a Torre de Roveri (BG) negli anni 1993-1994 ha realizzato un ciclo di

Dettagli

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11

Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Relazione finale Funzione Strumentale al P.O.F. Prof. E. Venditti A. S. 2010-11 Per la quarta annualità ho ricoperto il ruolo di Responsabile del Piano dell'offerta Formativa e dell Autovalutazione di

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli