CONTRATTO A PROGETTO E PARTITA IVA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONTRATTO A PROGETTO E PARTITA IVA"

Transcript

1 Le Guide professionalità quotidiana CONTRATTO A PROGETTO E PARTITA IVA Forma e contenuto Corrispettivo e riservatezza Sostegno al reddito Malattia, infortuni e maternità Contributi e pensione Risoluzione del rapporto e preavviso Contratto a progetto: facsimile Scheda certificazione Tavole sinottiche: - adempimenti - sanzioni

2 SOMMARIO INTRODUZIONE SOMMARIO CONTRATTO A PROGETTO I contratti a progetto dopo il Decreto Lavoro... 3 Roberto Camera - Funzionario della DTL di Modena RAPPORTO DI LAVORO Progetto: requisiti essenziali e individuazione... 6 Giuseppe Buscema - Consulente del lavoro, Commercialista e Revisore legale in Catanzaro RAPPORTO DI LAVORO I rapporti esclusi dall obbligo del progetto... 9 Roberto Camera- Funzionario della DTL di Modena RAPPORTO DI LAVORO Collaborazioni a progetto: compiti, attività vietate e prestazioni Rossella Schiavone - Funzionario del Ministero del Lavoro ed esperta diritto del lavoro RAPPORTO DI LAVORO Collaborazioni a progetto: obbligo di forma scritta Rossella Schiavone - Funzionario del Ministero del Lavoro ed esperta diritto del lavoro RAPPORTO DI LAVORO Collaboratore a progetto: corrispettivo, obbligo di riservatezza e invenzioni Roberto Camera - Funzionario della DTL di Modena RAPPORTO DI LAVORO Collaboratori a progetto: come si calcola il corrispettivo Giuseppe Buscema - Consulente del lavoro, Commercialista e Revisore legale in Catanzaro RAPPORTO DI LAVORO Collaboratore a progetto: malattia e infortunio Elvira D'Alessandro - Consulente del lavoro RAPPORTO DI LAVORO Collaboratore a progetto: maternità e congedo parentale Elvira D'Alessandro - Consulente del lavoro RAPPORTO DI LAVORO Collaboratore a progetto: prestazioni di sostegno al reddito Elvira D'Alessandro - Consulente del lavoro CONTRIBUTI E PENSIONE Contratto a progetto: contribuzione previdenziale all INPS Temistocle Bussino - Funzionario Ispettivo Inps Docente di Prassi amministrativa previdenziale all Università Cattolica 1

3 SOMMARIO RISOLUZIONE DEL RAPPORTO Collaborazione a progetto: estinzione, recesso e preavviso Giuseppe Buscema - Consulente del lavoro, Commercialista e Revisore legale in Catanzaro COME REDIGERE IL CONTRATTO Facsimile di contratto a progetto Roberto Camera - Funzionario della DTL di Modena CERTIFICAZIONE Certificazione del contratto a progetto Giuseppe Buscema - Consulente del lavoro, Commercialista e Revisore legale in Catanzaro INTRODUZIONE PARTITA IVA Le collaborazioni autonome a partita IVA Roberto Camera - Funzionario della DTL di Modena LAVORO AUTONOMO E COLLABORAZIONE I requisiti di genuinità delle prestazioni rese da soggetti titolari di partita IVA Rossella Schiavone - Funzionario del Ministero del Lavoro ed esperta diritto del lavoro LAVORO AUTONOMO E COLLABORAZIONE Lavoro autonomo con partita IVA: presunzione di collaborazione e subordinazione Rossella Schiavone - Funzionario del Ministero del Lavoro ed esperta diritto del lavoro CONTRIBUTI E PENSIONE Le tutele previdenziali per i titolari di Partita IVA Temistocle Bussino - Funzionario Ispettivo Inps Docente di Prassi amministrativa previdenziale all Università Cattolica ADEMPIMENTI TAVOLE SINOTTICHE Collaborazioni a progetto e contratti di lavoro autonomo Vitantonio Lippolis - Responsabile U.O. Vigilanza 2 presso la DTL di Modena SANZIONI L apparato sanzionatorio per le collaborazioni a progetto e le partite IVA Rossella Schiavone - Funzionario del Ministero del Lavoro ed esperta diritto del lavoro 2

4 Introduzione I contratti a progetto dopo il Decreto Lavoro Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena Il contratto a progetto ha subito, con il Decreto Lavoro, una serie di correzioni che lo hanno reso più attuale e soprattutto più vicino alle esigenze del mercato in un periodo, come quello che stiamo vivendo, di crisi ed di impasse occupazionale. Non c è pace per il contratto a progetto. Ancora una norma che va a modificare ed implementare le regole sul contratto di collaborazione a progetto previsto dal decreto legislativo n. 276/2003. In questi dieci anni dalla vigenza della Riforma Biagi (24 ottobre 2003), numerose sono state le disposizioni legislative che si sono susseguite per una migliore e più omogenea applicazione di questa tipologia contrattuale, a volte anche con risultati dubbi. Ultima, in ordine di tempo, la legge n. 99/2013, di conversione del Decreto Legge n. 76/2013 (c.d. Decreto Lavoro) [Vedasi articolo 9, comma 1, Decreto legge n. 76/2013], la quale ha cercato di enfatizzare ulteriormente le differenze tra il rapporto di lavoro subordinato e le collaborazioni autonome, al fine di salvaguardare, esclusivamente, quei rapporti di lavoro genuinamente autonomi. L affinamento apportato dalla Legge 99/2013 riguarda vari ambiti della normativa e più precisamente: 1. i compiti del collaboratore; 2. la forma scritta del contratto; 3. i call center outbound; 4. l attività di ricerca scientifica; 5. il recesso anticipato; 6. la responsabilità solidale negli appalti. I compiti del collaboratore Partiamo dal primo punto e cioè dai compiti del collaboratore. La Riforma Fornero (Legge n. 92/2012) aveva evidenziato il fatto che i compiti previsti per i collaboratori a progetto non potevano essere meramente esecutivi o ripetitivi. In pratica, sottolineava la impossibilità di rapporti di collaborazione generici senza una professionalità medio-alta tale da rilevare le differenze tra l attività svolta dal committente e dai suoi dipendenti e le competenze specialistiche in capo al collaboratore. 3

5 I due aggettivi previsti anche singolarmente dalla Riforma, ora sono stati disciplinati in maniera congiunta. In pratica, con l articolo 7, comma 2, lettera c), del Decreto Lavoro [Legge 99/2013], viene prevista una congiunzione tra i termini esecutivi e ripetitivi. I due requisiti non sono più disgiunti nel progetto ma debbono coesistere e possono essere anche individuati dai contratti collettivi stipulati dalle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale. La forma scritta La seconda modifica del Decreto Lavoro attiene alla soppressione, all interno dell articolo 62, del decreto legislativo n. 276/2003, dell inciso ai fini della prova per quanto riguarda la forma scritta del contratto a progetto; ciò significa che l elencazione degli elementi che deve contenere il contratto a progetto diviene tassativa. Call center in outbound La terza novità riguarda l attività in outbound del personale dei call-center. In questo caso, il legislatore è intervenuto fornendo l interpretazione autentica a quanto contenuto al primo periodo, del comma 1, dell articolo 61, che attiene al campo di applicazione del contratto a progetto. In definitiva, l espressione vendita diretta di beni e servizi, si interpreta nel senso di ricomprendere sia le attività di vendita diretta di beni, sia le attività di servizi. La norma contenuta nel Decreto Lavoro, essendo di natura interpretativa, si applica anche ai rapporti in essere. Attività di ricerca scientifica Il Decreto Lavoro [Decreto Legge n. 76/2013, convertito con modificazioni dalla Legge n. 99/2013] ha evidenziato che se il contratto di collaborazione a progetto ha per oggetto un attività di ricerca scientifica e questa viene ampliata per temi connessi o prorogata nel tempo, il progetto prosegue automaticamente. Proprio la durata determinata o determinabile della prestazione di lavoro in un attività di ricerca scientifica, è intimamente connessa all oggetto della ricerca. Recesso anticipato Il contratto di collaborazione a progetto, generalmente, scade alla data individuata dalle parti nel contratto stesso. Può capitare che il recesso sia anticipato rispetto a quanto previsto. In questo caso, se la risoluzione del rapporto è data dalla volontà del collaboratore di concludere anticipatamente la collaborazione in atto, dovrà essere espletata, anche per lui, la procedura di convalida delle dimissioni, così come prevista dalla Riforma Fornero [ Vedasi articolo 4, commi dal 17 al 24, della Legge n. 92/2012]. In questo caso, viene contemplata una equiparazione tra i rapporti di lavoro parasubordinato, tra i quali può essere annoverato anche il contratto a progetto, ed i rapporti di lavoro dipendente. In pratica, il collaboratore dovrà utilizzare una delle procedure sotto indicate per convalidare la volontà di recedere dal rapporto di collaborazione in atto: 4

6 1. andare presso la Direzione territoriale del lavoro, competente per territorio; 2. andare presso il Centro per l impiego, competente per territorio; 3. sottoscrivere una dichiarazione in calce alla ricevuta di trasmissione della comunicazione di cessazione del rapporto di lavoro (COT). L obbligo convalidativo nasce anche nel caso in cui non si tratti di recesso unilaterale del collaboratore ma di risoluzione consensuale di entrambe le parti. La responsabilità solidale negli appalti Con una interpretazione autentica, prevista dall articolo 9 del Decreto Lavoro, viene estesa anche ai lavoratori impiegati con contratti di natura autonoma la responsabilità solidale del committente negli appalti. Infatti, la predetta interpretazione, in vigore dal 28 giugno 2013, trova applicazione anche in relazione ai compensi e agli obblighi di natura previdenziale e assicurativa nei confronti dei lavoratori con contratto di lavoro autonomo. In merito alla disposizione legislativa, è intervenuto il Ministero del Lavoro, con la circolare n. 35 del 29 agosto 2013, chiarendo [Vedasi, in tal senso, anche la circolare del Ministero del lavoro n. 5/2011] che il riferimento ai lavoratori con contratto di lavoro autonomo è da intendersi limitato sostanzialmente alle collaborazione coordinate e continuative, anche a progetto, impiegate nell appalto e non anche a quei lavoratori autonomi che sono tenuti in via esclusiva all assolvimento dei relativi oneri. Le considerazioni contenute nel presente contributo sono frutto esclusivo del pensiero dell Autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l Amministrazione di appartenenza. 5

7 Rapporto di lavoro Progetto: requisiti essenziali e individuazione Giuseppe Buscema Consulente del lavoro, Commercialista e Revisore legale in Catanzaro Il requisito principale della tipologia contrattuale del lavoro a progetto è il progetto. Altri elementi essenziali sono la continuità, la coordinazione e la personalità della prestazione, elementi che portano il contratto ad essere definito parasubordinato. La collaborazione coordinata e continuativa, diventata a progetto dopo l'entrata in vigore della Riforma Biagi approvata col decreto legislativo 9 ottobre 2003, n. 276, vedeva nel progetto il suo requisito caratterizzante e se vogliamo anche limitante. Tuttavia, veniva ammessa la possibilità che la genuinità del contratto potesse essere individuata non solo dal progetto ma anche da un " programma o fase di esso". Ipotesi peraltro di non facile individuazione e foriera di latenti rischi di contenzioso. Elementi del contratto a progetto Dal 18 luglio 2012, con l'entrata in vigore della legge 28 giugno 2012, n. 92 cd. Riforma Fornero, l'unica ipotesi ammessa è quella della individuazione del progetto che diventa elemento così necessario affinché, in presenza peraltro degli altri requisiti previsti, il contratto possa essere stipulato. Sono stati infatti eliminati i riferimenti al programma o fase di esso ed inoltre nel contratto è espressamente richiesta la "descrizione del progetto con individuazione del suo contenuto caratterizzante e del risultato finale che si intende conseguire". Vale la pena di ricordare che in precedenza era sufficiente la mera indicazione. Le modifiche all'articolo 61 del D.Lgs. 276/2003 sono indubbiamente da leggere nella direzione del contrasto ad un uso improprio e strumentale del contratto, obiettivo che era quello della legge delega 30/2003. Infatti, oltre alla esclusiva riconducibilità a uno o più progetti specifici, è previsto che esso deve essere funzionalmente collegato a un determinato risultato finale e non può consistere in una mera riproposizione dell'oggetto sociale del committente. È naturalmente necessaria l'autonomia che viene valorizzata sia dalla gestione autonoma del progetto da parte del collaboratore. Rimarcata la centralità del progetto, vanno tuttavia ricordati gli altri elementi essenziali del contratto a progetto, che rimane il contratto di collaborazione coordinato e continuativo senza vincolo di subordinazione introdotto nel panorama giuslavoristino con la riforma del processo del lavoro del 1973 che ha modificato l'articolo 409, n.3 c.p.c. 6

8 Tali requisiti sono costituiti dalla continuità della prestazione che vuol dire non occasionalità ovvero impegno per un determinato arco temporale da parte del collaboratore per il raggiungimento dell'obiettivo (progetto). E poi ancora la coordinazione che significa collegamento con il committente e con la sua organizzazione aziendale. Una sorta di via di mezzo tra l'autonomia piena caratterizzante il lavoro autonomo ed un'autonomia attenuata nel caso del lavoro a progetto. Nel lavoro a progetto le modalità esecutive dell'incarico sono legate alle esigenze del committente con il quale sarà necessario coordinarsi. Ed ancora la personalità della prestazione, ovvero prevalenza del lavoro proprio da parte del collaboratore. Elementi che portano il contratto ad essere definito parasubordinato. Ovvero che presenta numerosi punti di affinità col lavoro subordinato ma dal quale si differenzia per l'elemento distintivo e qualificante di quest'ultimo: la subordinazione (cfr.art.2094 c.c). Un elemento necessario ma in negativo, dunque. Infine, nel lavoro a progetto troveremo esplicitata la durata determinata o determinabile in coerenza peraltro con l'obiettivo cui il contratto è preordinato. A rafforzare ulteriormente la necessità della individuazione del progetto le recenti modifiche introdotte dal decreto legge 28 giugno 2013, n. 76, convertito dalla legge 9 agosto 2013, n. 99. In particolare, l'articolo 7, comma 2, ha introdotto la forma scritta del contratto non più solo ai fini della prova come previsto fino al 27 giugno scorso ma ad substantiam. Il progetto Abbiamo visto che nel contratto deve essere indicata la "descrizione del progetto con individuazione del suo contenuto caratterizzante e del risultato finale che si intende conseguire", conseguentemente la carenza di tale elemento non potrà ma "essere sanato neanche in sede giudiziaria. Ma cos'è il progetto. Potremmo definirla una idea compiuta, circostanziata e con un obiettivo misurabile tale da rendere determinata nel tempo o determinabile la durata per la sua realizzazione. Ad esempio, realizzare una campagna di marketing per la presentazione di un prodotto commerciale può costituire un progetto che può giustificare il contratto. Non può essere genuino quel contratto, invece, se l'oggetto fosse l'attività di preparazione di campagne di marketing per una azienda commerciale. In tal caso, infatti, la genericità e la non riconducibilità ad un preciso obiettivo dell'attività oggetto della prestazione, renderebbe riqualificabile di lavoro subordinato il contratto. Va infatti ricordato che il comma 1 dell'articolo 69 D. Lgs. 276/2003 prevede che I rapporti di collaborazione coordinata e continuativa instaurati senza l'individuazione di uno specifico progetto sono considerati rapporti di lavoro subordinato a tempo indeterminato sin dalla data di costituzione del rapporto. Il Ministero del Lavoro, nella circolare n. 29/2012, in merito ai requisiti del progetto, evidenzia che " il Legislatore subordina la stipula di contratti a progetto alla individuazione di 7

9 un risultato compiuto, inteso quale modificazione della realtà materiale che il collaboratore si impegna a realizzare in un determinato arco temporale (ad esempio sviluppo di uno specifico software e non l attività ordinariamente necessaria ai fini della sua gestione; l'ideazione di una specifica scenografia per la rappresentazione di uno spettacolo teatrale e non mero allestimento del palco).". Attività non riconducibili nell'alveo del contratto a progetto Il Ministero del lavoro indica, seppure, a titolo meramente esemplificativo e non esaustivo, sulla base di orientamenti giurisprudenziali già esistenti, quelle attività difficilmente inquadrabili nell'ambito di un genuino rapporto di collaborazione coordinata e continuativa a progetto, ancorché astrattamente riconducibili ad altri rapporti di natura autonoma. Si tratta di una elencazione peraltro che opera esclusivamente sotto il profilo della metodologia ispettiva, al fine di orientare e uniformare l'attività di vigilanza, non volendo dunque rappresentare alcun indice presuntivo di carattere generale in ordine ai criteri distintivi tra attività autonoma e subordinata, per le quali evidentemente rimangono ferme le competenze giudiziali in materia di qualificazione del rapporto di lavoro. In particolare, "rispetto alle figure di seguito elencate il personale ispettivo, essendo difficilmente riconducibile la relativa attività ad un progetto specifico finalizzato ad un autonomo risultato obiettivamente verificabile, procederà a ricondurre nell alveo della subordinazione gli eventuali rapporti posti in essere, adottando i conseguenti provvedimenti sul piano lavoristico e previdenziale: - addetti alla distribuzione di bollette o alla consegna di giornali, riviste ed elenchi telefonici; - addetti alle agenzie ippiche; - addetti alle pulizie; - autisti e autotrasportatori; - baristi e camerieri; - commessi e addetti alle vendite; - custodi e portieri; - estetiste e parrucchieri; - facchini; - istruttori di autoscuola; - letturisti di contatori; - magazzinieri; - manutentori; - muratori e qualifiche operaie dell'edilizia; - piloti e assistenti di volo; - prestatori di manodopera nel settore agricolo; - addetti alle attività di segreteria e terminalisti: - addetti alla somministrazione di cibi o bevande; - prestazioni rese nell'ambito di call center per servizi cosiddetti in bound." 8

10 Rapporto di lavoro I rapporti esclusi dall obbligo del progetto Roberto Camera Funzionario della DTL di Modena Dal rispetto della legislazione in materia di collaborazioni a progetto vengono esplicitamente escluse alcune attività e soggetti. L'analisi delle singole fattispecie aiuta a delineare maggiormente i contorni e i confini del contratto a progetto. Sono esclusi dall'obbligo del progetto (articolo 61 e ss del decreto legislativo n. 276/2003): 1) le mini co.co.co., 2) gli agenti e rappresentanti di commercio, 3) i servizi di cura e assistenza alla persona, 4) gli esercenti professioni intellettuali, 5) le collaborazioni rese a favore delle associazioni e società sportive dilettantistiche, 6) i componenti degli organi di amministrazione e controllo delle società, 7) i partecipanti a collegi e commissioni di società, 8) i soggetti che percepiscono la pensione di vecchiaia. Mini co.co.co. Si tratta di collaborazioni coordinate e continuative di portata limitata, in quanto hanno una durata inferiore a 30 giorni ed un importo non superiore a euro nell anno solare con lo stesso committente. In considerazione della modesta durata della collaborazione, il legislatore [Decreto Legislativo n. 276/2013 (c.d. Riforma Biagi) articolo 61] ha ritenuto non meritevoli della tutela del c.d. progetto, ma sotto il profilo giuridico, e quindi anche previdenziale, restano a tutti gli effetti delle collaborazioni coordinate e continuative, di cui conservano i requisiti tipici. In particolare, le mini collaborazioni comportano, comunque, l iscrizione alla Gestione Separata Inps [ai sensi della Legge 335/95], qualunque sia la durata e l'importo. Infine, sotto il profilo fiscale, queste collaborazioni sono assimilate ai redditi da lavoro dipendente, il che implica l'applicazione delle stesse norme di definizione della base imponibile quale, ad esempio, il principio di cassa allargato. Il superamento anche di uno solo dei due limiti fa quindi scattare l obbligo del progetto; viceversa l obbligo non scatta se uno o entrambi i limiti vengono superati per effetto del susseguirsi, in capo allo stesso collaboratore, di una pluralità di rapporti. Le mini co.co.co non vanno confuse con: - il lavoro occasionale accessorio, previsto dagli articoli 70 e ss del decreto legislativo n. 9

11 276/2003, che si applica a prestazioni meramente accessorie non riconducibili a tipologie contrattuali tipiche di lavoro subordinato o autonomo ed i cui compensi (previsti con il sistema dei c.d. buoni lavoro ) sono del tutto esenti ai fini fiscali e non incidono sullo stato di disoccupato o inoccupato. - il lavoro autonomo occasionale concernente prestazioni che trovano la loro fonte normativa nelle disposizioni dell'art e ss. del Codice Civile sul contratto d'opera, e che, a prescindere dalla durata e dall'importo percepito, hanno carattere del tutto episodico e sono completamente svincolate dalle esigenze di coordinamento con l'attività del committente. Agenti e rappresentanti di commercio L'agente di commercio è colui che promuove, tramite l'acquisizione di ordini di acquisto, le vendite di un'impresa, sulla base di un incarico stabile e in una zona determinata. Pertanto, l'attività di agente di commercio si caratterizza nella promozione dell'attività dell'impresa mandante a cui è legato da un incarico stabile. L'impresa mandante conclude direttamente il contratto di fornitura promosso dall'agente. Il rappresentante di commercio è, invece, un agente di commercio che può anche concludere gli affari in nome e per conto dell'impresa mandante. Le attività di agente e di rappresentante di commercio non sono coincidenti. L'attività indicata nella domanda diretta al registro delle imprese deve corrispondere alle risultanze del mandato conferito. Dall'8 maggio 2010 è entrato in vigore il decreto legislativo 26 marzo 2010, n. 59, che ha soppresso il ruolo degli agenti e rappresentanti di commercio tenuto dalla Camera di commercio, lasciando inalterata la necessità dei requisiti per l'esercizio delle attività disciplinate dalla legge 3 maggio 1985 n L'ufficio del registro delle imprese verifica il possesso dei requisiti ed iscrive i relativi dati nel registro delle imprese, se l'attività è svolta in forma d'impresa, oppure nel repertorio economico amministrativo (r.e.a.) assegnando la qualifica di agente o rappresentante di commercio. Con decreto del Ministero dello sviluppo economico del 26 ottobre 2011, in vigore dal 12 maggio 2012, sono disciplinate le modalità di iscrizione nel registro delle imprese delle attività di agente e di rappresentante di commercio e le modalità di passaggio dei requisiti dei soggetti imprenditoriali e delle persone fisiche iscritti nel soppresso ruolo. In definitiva, le peculiarità proprie di queste tipologie contrattuali ed il fatto che prevedano una struttura burocratica e formativa ad hoc ha fatto propendere il legislatore per l esclusione di queste tipologie contrattuali dall applicazione dell articolo 61 e ss del decreto legislativo n. 276/2003 sul contratto a progetto. Solo per completezza di informazione, esistono due situazioni lavorative che non sono conciliabili con lo svolgimento dell attività di agente e rappresentante di commercio. Vi è incompatibilità con lo svolgimento di attività lavorativa quale dipendente privato o pubblico (fatta eccezione per i dipendenti pubblici con part-time non superiore al 50%) e nei confronti di coloro che svolgono attività di intermediazione (es. immobiliare o creditizia). 10

12 Servizi di cura e assistenza alla persona Sono considerate occasioni e non rientranti nel campo di applicazione delle collaborazioni a progetto, le prestazioni occasionali nell'ambito dei servizi di cura e assistenza alla persona. Il limite attiene alla durata che non deve essere superiore a 240 ore, con lo stesso committente, salvo che il compenso complessivamente percepito, nel medesimo anno solare, sia superiore a 5 mila euro. Professioni intellettuali L esercizio delle professioni intellettuali, da parte di coloro i quali sono iscritti in appositi albi o elenchi è disciplinato dall articolo 2229 del codice civile. L'accertamento dei requisiti per l'iscrizione negli albi o negli elenchi, la tenuta dei medesimi e il potere disciplinare sugli iscritti sono demandati alle associazioni professionali sotto la vigilanza dello Stato. Associazioni e società sportive dilettantistiche Si definiscono società sportive dilettantistiche il CONI, le Federazioni sportive nazionali, gli enti di promozione sportiva e qualunque altro organismo, comunque denominato, che persegue finalità sportive dilettantistiche e che sia da essi riconosciuto. In particolare, le disposizioni in merito a all attività sportiva dilettantistica sono individuate dall'articolo 90 della legge 27 dicembre 2002, n. 289 Gli organi di amministrazione, controllo delle società, e i partecipanti a collegi e commissioni di società Il legislatore della Riforma Biagi ha ritenuto, al terzo comma, dell articolo 61, del decreto Legislativo n. 276/2003, per la peculiarità dell attività svolta, di non dover far entrare, nell ambito della collaborazione a progetto, gli organi di amministrazione delle società, gli organi di controllo di queste ultime (i sindaci) e quanti partecipano a collegi e commissioni sempre all interno di società. Questi ultimi (partecipanti a collegi e commissioni), probabilmente anche per l esiguità della prestazione effettuata al fine del raggiungimento degli obiettivi prefissati e per la peculiarità tipica delle prestazioni. Pensionati di vecchiaia Per i soggetti che percepiscono pensioni di vecchiaia non si applica la disciplina del rapporto di collaborazione a progetto e gli stessi, in un eventuale rapporto di collaborazione, vengono regolamentati attraverso la classica co.co.co. (collaborazione coordinata e continuativa). La disapplicazione del contratto a progetto non vige esclusivamente per coloro i quali sono andati in pensione con il requisito dell età, ma anche per i titolari di pensione di anzianità o di invalidità, al raggiungimento dell età valida per la pensione di vecchiaia, in quanto, in virtù dell art. 22, comma 6, Legge n. 153/1969, quando un pensionato compie l età prescritta per il pensionamento di vecchiaia, la pensione viene trasformata automaticamente in pensione di vecchiaia. 11

13 In altri termini, l applicabilità della disciplina del lavoro a progetto ai percettori di pensione di anzianità, ovviamente fino al raggiungimento della pensione di vecchiaia, si giustifica con il fine di evitare una probabile deriva verso il lavoro nero che abbia per protagonisti tali soggetti, i quali, pur possedendo i requisiti necessari per godere di tale trattamento, intendano ancora svolgere attività lavorativa. Viceversa, tale esigenza di tutela non sussiste per chi gode della pensione di vecchiaia, potendo lo stesso liberamente contrattare le condizioni della collaborazione. Visto che l articolo 61, comma 3, del decreto legislativo n. 276/2003 esclude esplicitamente dalla riconduzione ad un progetto, i pensionati di vecchiaia e visto che le pensioni di anzianità al compimento dei requisiti di età previsti dalla legge sono trasformate in pensioni di vecchiaia, si può affermare che, qualora venga stipulato un contratto di collaborazione coordinata e continuativa con un percettore di pensione di anzianità che abbia raggiunto i requisiti di età della pensione di vecchiaia, tale contratto debba essere escluso dal campo di applicazione del lavoro a progetto e possa,quindi, essere redatto con le modalità già in uso prima dell entrata in vigore del D. Lgs. n. 276/2003 [Vedasi circolare ML n. 1/2004 ed interpello ML n. 8/2008]. Call center in outbound Caso a parte per le attività di vendita diretta di beni e di servizi realizzate attraverso call center outbound per le quali il ricorso ai contratti di collaborazione a progetto è consentito sulla base del corrispettivo definito dalla contrattazione collettiva nazionale di riferimento. È appena il caso di chiarire la differenza tra le attività di outbound e quelle in inbound. Nell attività di call center outbound è l operatore ad attivarsi per chiamare il cliente o il probabile cliente. Nell attività di call center inbound l operatore riceve le chiamate fatte, ad esempio, tramite un numero verde che funge da assistenza telefonica per i clienti. Le considerazioni contenute nel presente contributo sono frutto esclusivo del pensiero dell Autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l Amministrazione di appartenenza. 12

14 Rapporto di lavoro Collaborazioni a progetto: compiti, attività vietate e prestazioni Rossella Schiavone Funzionario del Ministero del Lavoro ed esperta diritto del lavoro I compiti Alla luce delle recenti modifiche legislative la collaborazione a progetto è incompatibile con attività che si risolvono nella mera attuazione di quanto impartito dal committente e che risultano elementari. L elencazione esemplificativa delle attività vietate e l obbligo di non svolgere in maniera prevalente e con continuità le attività con modalità analoghe a quella svolta dai dipendenti dell impresa committente, completa il quadro di ciò che un collaboratore a progetto può fare e non fare. Ai sensi del comma 1, art. 61, D. Lgs. n. 276/ come recentemente modificato dal D.L. n. 76/2013, convertito in Legge n. 99/ il progetto non può comportare lo svolgimento di compiti meramente esecutivi e ripetitivi, che possono essere individuati dai contratti collettivi stipulati dalle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale. Prima della modifica era vietato lo svolgimento di compiti meramente esecutivi o ripetitivi per cui la recente riforma ha sostituito la congiunzione disgiuntiva o che grammaticalmente collega i due aggettivi ponendoli in alternativa - con la congiunzione copulativa positiva e che collega i due aggettivi con il semplice accostamento. Anche se la circolare n. 29 dell del Ministero del Lavoro ha analizzato la questione tenendo conto della disgiunzione, è possibile utilizzare quanto a suo tempo chiarito ma in un ottica di unione. Posto quindi che con l ultimo intervento normativo si è voluto evidenziare l incompatibilità dell istituto con attività che si risolvano nella mera attuazione di quanto impartito dal committente (compiti meramente esecutivi ) e che risultino elementari, cioè tali da non richiedere specifiche indicazioni di carattere operativo (compiti meramente ripetitivi ), occorre tenere presente che: - dalle modalità di svolgimento della prestazione non devono emergere i caratteri della routinarietà ed elementarietà ; - per compiti meramente esecutivi si intendono quelli caratterizzati dalla mera attuazione di quanto impartito, anche di volta in volta, dal committente, senza alcun margine di autonomia anche operativa da parte del collaboratore. In pratica il riferimento è a tutte quelle attività in cui, fermo restando il collegamento funzionale con 13

15 la struttura organizzativa del committente, al collaboratore non residua alcuna possibilità di autodeterminazione nelle modalità esecutive della attività; - con i compiti meramente ripetitivi, il riferimento è a quelle attività rispetto alle quali non è necessaria alcuna indicazione da parte del committente. Si tratta praticamente di attività elementari, tali da non richiedere, per loro stessa natura nonché per il contenuto delle mansioni nelle quali si articolano, specifiche indicazioni di carattere operativo fornite di volta in volta dal committente. In pratica, per il Ministero del Lavoro, una collaborazione a progetto è genuina solo se al collaboratore siano lasciati margini di autonomia anche operativa nello svolgimento dei compiti allo stesso assegnati. Infine è il caso di sottolineare che la circolare n. 29/2013 evidenzia che l intervento delle parti sociali non condiziona l applicabilità della presunzione, atteso che lo stesso appare meramente facoltativo ( possono essere individuati dai contratti collettivi stipulati ). Le attività vietate Sulla scorta di quanto specificato a proposito dello svolgimento dei compiti da parte del collaboratore a progetto, con la più volte citata circolare ministeriale (circ. n. 29/2013), sono stati indicati, anche se a titolo meramente esemplificativo e non esaustivo, sulla base di orientamenti giurisprudenziali già esistenti, le attività che per il Ministero del Lavoro sono difficilmente inquadrabili nell ambito di un genuino rapporto di collaborazione coordinata e continuativa a progetto, ancorché astrattamente riconducibili ad altri rapporti di natura autonoma. A tal proposito occorre ricordare che, per le figure sottoelencate, il personale ispettivo è stato invitato dallo stesso Ministero a procedere a ricondurre nell alveo della subordinazione gli eventuali rapporti posti in essere, adottando i conseguenti provvedimenti sul piano lavoristico e previdenziale: - addetti alla distribuzione di bollette o alla consegna di giornali, riviste ed elenchi telefonici; - addetti alle agenzie ippiche; - addetti alle pulizie; - autisti e auto trasportatori; - baristi e camerieri; - commessi e addetti alle vendite; - custodi e portieri; - estetiste e parrucchieri; - facchini; - istruttori di autoscuola; - letturisti di contatori; - magazzinieri; - manutentori; - muratori e qualifiche operaie dell edilizia; 14

16 - piloti e assistenti di volo; - prestatori di manodopera nel settore agricolo; - addetti alle attività di segreteria e terminalisti; - addetti alla somministrazione di cibi o bevande; - prestazioni rese nell'ambito di cali center per servizi cosiddetti inbound. Tuttavia, sempre il Ministero del Lavoro è tornato sulla suddetta elencazione con il vademecum sulla Riforma Fornero del , sostenendo che le indicazioni fornite con la circolare n. 29/2013 non rappresentano alcun indice presuntivo di carattere generale in ordine ai criteri distintivi tra attività autonoma e subordinata, ma l indicazione data agli ispettori opera esclusivamente sotto il profilo della metodologia ispettiva, al fine di orientare e uniformare l attività di vigilanza. Il Ministero ha, inoltre, chiarito che con tale elencazione si voleva esprimere la non riconducibilità delle attività indicate ad un progetto nelle valutazioni del solo personale ispettivo, ferme restando le competenze giudiziali in materia di qualificazione del rapporto di lavoro. Prestazioni analoghe a quelle dei dipendenti Ai sensi dell art. 69, comma 2, D.Lgs. n. 276/2003, salvo prova contraria a carico del committente, i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa, anche a progetto, sono considerati rapporti di lavoro subordinato sin dalla data di costituzione del rapporto, nel caso in cui l attività del collaboratore sia svolta con modalità analoghe a quella svolta dai lavoratori dipendenti dell impresa committente, fatte salve le prestazioni di elevata professionalità che possono essere individuate dai contratti collettivi stipulati dalle organizzazioni sindacali comparativamente più rappresentative sul piano nazionale. In proposito la già citata circolare ministeriale n. 29/2012 ha sottolineato che il personale ispettivo deve accertare che il collaboratore svolga in maniera prevalente e con carattere di continuità le proprie attività con modalità analoghe a quella svolta dai lavoratori dipendenti dell impresa committente. La disposizione pertanto continua la circolare - non preclude che il collaboratore svolga le medesime attività dei lavoratori dipendenti, purché le svolga con modalità organizzative radicalmente diverse. Di contro, anche qualora il collaboratore svolga attività diverse ma con le medesime modalità caratterizzanti la prestazione resa da lavoratori dipendenti della stessa impresa (ad es. rispetto di un orario di lavoro, assoggettamento a potere direttivo ecc.), la presunzione trova applicazione. Infine, poiché la presunzione relativa di cui all art. 69, comma 2, non si applica per le prestazioni di elevata professionalità individuate dalla contrattazione collettiva comparativamente più rappresentativa sul piano nazionale mediante specifiche clausole, il Ministero ha evidenziato che, anche in questo caso l intervento delle parti sociali non condiziona l applicabilità della presunzione, in quanto lo stesso appare meramente facoltativo ( possono essere individuate ). 15

17 La certificazione del contratto Anche nel caso di specie, a parere di chi scrive, è senz altro preferibile certificare, ai sensi degli articoli 75 e seguenti del D.Lgs. n. 276/2003, i contratti di collaborazione a progetto posti in essere, soprattutto nel caso in cui il collaboratore svolga le stesse attività, o attività simili a quelle svolte dai lavoratori dipendenti, giusto per far accertare alla Commissione le diverse modalità organizzative. Si ricorda a tal proposito che gli effetti dell accertamento dell organo preposto alla certificazione del contratto di lavoro permangono, anche verso i terzi, fino al momento in cui sia stato accolto, con sentenza di merito, uno dei ricorsi giurisdizionali esperibili ai sensi dell art. 80, D.Lgs. n. 276/2003, fatti salvi i provvedimenti cautelari. Le considerazioni contenute nel presente contributo sono frutto esclusivo del pensiero dell Autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l Amministrazione di appartenenza. 16

18 Rapporto di lavoro Collaborazioni a progetto: obbligo di forma scritta Rossella Schiavone Funzionario del Ministero del Lavoro ed esperta diritto del lavoro Alla luce dell interpretazione autentica fornita dalla Legge Fornero e, soprattutto, della Riforma del Lavoro 2013, non vi sono più dubbi che il contratto a progetto necessiti della forma scritta in mancanza della quale diventa automatica la trasformazione del contratto di collaborazione in contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato. Prima delle recenti riforme, la forma scritta del contratto di lavoro a progetto era richiesta ai soli fini della prova tanto che il Ministero del Lavoro con circolare n. 1 dell aveva proprio sottolineato che la forma del contratto a progetto era richiesta ad probationem e non ad substantiam. Tuttavia, nella stessa circolare il Ministero aveva sottolineato che, seppure la forma scritta era richiesta solo ai fini della prova, la stessa sembrava assumere valore decisivo rispetto all individuazione del progetto in quanto in assenza di forma scritta non sarebbe stato agevole per le parti contrattuali dimostrare la riconducibilità della prestazione lavorativa ad un progetto. D altra parte, il comma 1 dell art. 69 del D.Lgs. n. 276/2003, già prevedeva che i rapporti di collaborazione coordinata e continuativa instaurati senza l individuazione di uno specifico progetto andavano considerati rapporti di lavoro subordinato a tempo indeterminato sin dalla data di costituzione del rapporto, e, in questo contesto occorre tener presente che, se il contratto scritto non c è, non c è neanche il progetto. Orientamenti giurisprudenziali In merito agli effetti della mancanza della forma scritta si erano sviluppate 2 correnti giurisprudenziali e dottrinali. Da un lato vi era la teoria della presunzione relativa che, a dire il vero, era maggioritaria, per cui la conversione del contratto a progetto senza forma scritta non era ritenuta automatica ma si riteneva fosse superabile con la prova dell autonomia del rapporto. In effetti non bisogna dimenticare che nel nostro ordinamento è vietata la c.d. inderogabilità della tipologia contrattuale con la conseguenza che diventa impossibile ricondurre d imperio ad un tipo contrattuale, rapporti che nei fatti siano effettivamente conducibili ad un altro tipo. E anche il Ministero del Lavoro, con la già citata circolare n. 1/2004, si era schierato a favore della presunzione relativa, ritenendo che la stessa potesse essere superata nel caso in cui il committente avesse fornito in giudizio prova dell esistenza di un rapporto di lavoro effettivamente autonomo. 17

19 Dall altro lato c era, invece, la teoria della presunzione assoluta in virtù della quale diventava inutile anche indagare in merito alle effettive modalità di svolgimento della prestazione in quanto la mancanza della forma scritta comportava l automatica trasformazione del contratto a progetto in contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato. Interpretazione autentica Su questa scia non sono mancate sentenze che, nel caso di specie, oltre a considerare automatica la trasformazione, hanno anche affermato l impossibilità del committente di fornire la prova contraria dell autonomia della collaborazione coordinata e continuativa, o sentenze che hanno apertamente criticato la posizione assunta dal Ministero del Lavoro, a favore della presunzione relativa, con la circolare del n. 1/2004. La Legge n. 92 del 28 giugno 2012 (c.d. Riforma Fornero), con l art. 1, comma 24, ha dato un interpretazione dell art. 69, comma 1, del D.Lgs. n. 276/2003 stabilendo che lo stesso si interpreta nel senso che l individuazione di uno specifico progetto costituisce elemento essenziale di validità del rapporto di collaborazione coordinata e continuativa, la cui mancanza determina la costituzione di un rapporto di lavoro subordinato a tempo indeterminato. Nonostante l interpretazione autentica, però, rimaneva per diversi autori, ancora il dubbio in merito a cosa dovesse essere inteso per mancata individuazione di uno specifico progetto, atteso che parte della giurisprudenza e della dottrina ritiene non esistente anche un progetto scritto ma non adeguatamente specificato, per cui ci si poteva trovare dinanzi ad un contratto scritto ed un progetto considerato inesistente. Forma scritta ad substantiam La recente Riforma del Lavoro 2013 (art. 7, comma 2, lett. d), D.L. n. 76/2013, convertito in Legge n. 99/2013) ha eliminato dall art. 62, le parole ai fini della prova per cui adesso la forma scritta del contratto non è più richiesta ad probationem. In merito a quest ultima modifica il Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con la circolare n. 35 del ha sottolineato che nel corpo del citato articolo il Legislatore ha chiarito che il contratto di collaborazione coordinata e continuativa a progetto è un contratto rispetto al quale la forma scritta costituisce elemento di legittimità dello stesso. Per il Ministero, poiché nell elencare gli elementi che devono essere contenuti nel contratto, il D.L. n. 76/2013, ha eliminato la locuzione ai fini della prova, l intervento sulla norma ha acquistato un valore chiarificatore, visto che la giurisprudenza aveva già stabilito come l assenza quantomeno della specificità del progetto si poteva tradurre nell assenza del progetto stesso, con le conseguenze di ordine civilistico dettate dall art. 69, comma 1, D.Lgs. n. 276/2003, ovvero della conversione del contratto a progetto in contratto di lavoro subordinato a tempo indeterminato (v. ad es. Trib. Milano sent. n. 146 del 18 gennaio 2006; Trib. Milano sent. n del ; Trib. Milano sent. n. 40 dell 8 gennaio 2007; Trib. Benevento sent. n del 29 maggio 2008). 18

20 E stato quindi definitivamente chiarito che per evitare la conversione del contratto a progetto non è sufficiente che il contratto sia messo per iscritto ma deve necessariamente essere specifico, dovendo contenere i seguenti elementi: - descrizione del progetto, con individuazione del suo contenuto caratterizzante e del risultato finale che si intende conseguire; - il corrispettivo e i criteri per la sua determinazione, nonché i tempi e le modalità di pagamento e la disciplina dei rimborsi spese; - le forme di coordinamento del lavoratore a progetto al committente sulla esecuzione, anche temporale, della prestazione lavorativa, che in ogni caso non possono essere tali da pregiudicarne l'autonomia nella esecuzione dell'obbligazione lavorativa; - le eventuali misure per la tutela della salute e sicurezza del collaboratore a progetto, fermo restando quanto disposto dall'articolo 66, comma 4, D.Lgs. n. 276/2003. Sulla scorta dell orientamento giurisprudenziale è comunque preferibile che: - il contratto, e soprattutto il progetto, siano molto particolareggiati; - si eviti la mera descrizione di un obiettivo o delle mansioni che il collaboratore è tenuto a svolgere; - il progetto non sia eccessivamente generico; - non si utilizzino progetti standardizzati ma si cerchi sempre di individualizzarlo il più possibile, cucendolo addosso al collaboratore. Le considerazioni contenute nel presente contributo sono frutto esclusivo del pensiero dell Autore e non hanno carattere in alcun modo impegnativo per l Amministrazione di appartenenza. 19

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

Dalla dicotomia Lavoro Autonomo Lavoro Subordinato alla nascita del Tertium Genus, la parasubordinazione

Dalla dicotomia Lavoro Autonomo Lavoro Subordinato alla nascita del Tertium Genus, la parasubordinazione IL CONTRATTO DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA NELLA MODALITA A PROGETTO DOPO LA LEGGE 28/06/2012 N 92; ASPETTI OPERATIVI ALLA LUCE DELLA CIRC. N 29/2012 a cura del Dr. Enrico Gallo funzionario

Dettagli

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10

MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10 MINISTERO DEL LAVORO E DELLE POLITICHE SOCIALI CIRCOLARE N. 1/2004 Pubblicata sulla Gazzetta Ufficiale del 14 gennaio 2004 n. 10 Roma, 8 gennaio 2004 Alle Direzioni Regionali del Lavoro - LORO SEDI Alle

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Entrate. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Entrate Roma, 10/04/2015 Circolare n. 72 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro

Paghe. Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Lavoro part-time: il minimale ai fini contributivi Fabio Licari - Consulente del lavoro Obblighi contributivi Calcolo dei contributi Con l instaurazione del rapporto di lavoro, sorge anche l obbligazione

Dettagli

Testo Unico dell apprendistato

Testo Unico dell apprendistato Testo Unico dell apprendistato Art. 1 Definizione 1. L apprendistato è un contratto di lavoro a tempo indeterminato finalizzato alla formazione e alla occupazione dei giovani. 2. Il contratto di apprendistato

Dettagli

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE

REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE REGOLAMENTO CONCERNENTE INCOMPATIBILITA, CUMULO DI IMPIEGHI ED INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE Art. 1 Disciplina 1. Il presente regolamento concerne le incompatibilità derivanti dall'assunzione e dal

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Il Consiglio di Istituto

Il Consiglio di Istituto Prot. n. 442/C10a del 03/02/2015 Regolamento per la Disciplina degli incarichi agli Esperti Esterni approvato con delibera n.7 del 9 ottobre 2013- verbale n.2 Visti gli artt.8 e 9 del DPR n275 del 8/3/99

Dettagli

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015

PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 PIATTAFORMA PER IL RINNOVO DEL CCNL IMPRESE DI PULIZIA, SERVIZI INTEGRATI/MULTISERVIZI 2013 2015 A seguito delle riunioni con le strutture regionali, sono state approfondite le tematiche relative al rinnovo

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva

Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale. Direzione generale per l'attività Ispettiva Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Direzione generale per l'attività Ispettiva Direzione generale della Tutela delle Condizioni di Lavoro Roma, 14 Giugno 2006 Circolare n. 17/2006 Prot. N.

Dettagli

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI SASSARI REGOLAMENTO DI ATENEO SUL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Testo approvato definitivamente dal Senato Accademico e dal Consiglio di Amministrazione rispettivamente

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili

Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Disciplina delrapportodilavoro deilavoratoridisabili Assunzione Tipologie contrattuali Ai lavoratori avviati mediante il cd. collocamento obbligatorio vanno applicate le norme valide per la generalità

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro.

2. 1. Il datore di lavoro, imprenditore o non imprenditore, deve comunicare per iscritto il licenziamento al prestatore di lavoro. L. 15 luglio 1966, n. 604 (1). Norme sui licenziamenti individuali (2). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 6 agosto 1966, n. 195. (2) Il comma 1 dell art. 1, D.Lgs. 1 dicembre 2009, n. 179, in combinato 1.

Dettagli

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA CONTRATTO DI PRESTAZIONE IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA L'Università degli Studi di Parma con sede in Parma, via Università n. 12 codice fiscale n. 00308780345 rappresentata dal

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI

L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI L INCENTIVO PER LE ASSUNZIONI DEI GIOVANI DI ETA COMPRESA TRA I 18 ED I 29 ANNI (pubblicato sul n. 51 della rivista: "The world of il Consulente") (Le considerazioni che seguono sono frutto esclusivo del

Dettagli

Circolare Informativa n 57/2013

Circolare Informativa n 57/2013 Circolare Informativa n 57/2013 TRATTAMENTO FISCALE E CONTRIBUTIVO DELLE SOMME EROGATE A SEGUITO DI TRANSAZIONE Pagina 1 di 9 INDICE Premessa pag.3 1) La transazione: aspetti giuridici pag. 3 2) Forme

Dettagli

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013

Differenze tra il trattamento di mobilità in deroga annualità 2012 e annualità 2013 Vademecum per la gestione del trattamento di mobilità in deroga Annualità 2013 Istruzioni per la compilazione della domanda di mobilità in deroga e informazioni generali sul trattamento. Differenze tra

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

Il tramonto delle collaborazioni a programma ma anche di quelle a progetto?

Il tramonto delle collaborazioni a programma ma anche di quelle a progetto? Il tramonto delle collaborazioni a programma ma anche di quelle a progetto? di Gabriele Bubola, Flavia Pasquini Gli interventi sulle collaborazioni coordinate e continuative a progetto e a programma proposti

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015

Direzione Centrale Pensioni. Roma, 10/04/2015 Direzione Centrale Pensioni Roma, 10/04/2015 Circolare n. 74 Ai Dirigenti centrali e periferici Ai Responsabili delle Agenzie Ai Coordinatori generali, centrali e periferici dei Rami professionali Al Coordinatore

Dettagli

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa

TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa TITOLO X Tempo parziale (Part Time) Premessa Le parti, nel ritenere che il rapporto di lavoro a tempo parziale possa essere mezzo idoneo ad agevolare l incontro fra domanda e offerta di lavoro, ne confermano

Dettagli

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA

AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGIONE SICILIANA AZIENDA SANITARIA PROVINCIALE SIRACUSA REGOLAMENTO PER L AUTORIZZAZIONE E LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI ESTERNI OCCASIONALi, NON COMPRESI NEI COMPITI E DOVERI D UFFICIO, CONFERITI AL

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale

Ministero del Lavoro e della Previdenza. Sociale Partenza - Roma, 14/02/2007 Prot. 13 / SEGR / 0004746 Ministero del Lavoro e della Previdenza Sociale Oggetto: Adempimenti connessi alla instaurazione, trasformazione e cessazione dei rapporti di lavoro

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione)

LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE COMPARTO RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. ART. 1 ( Definizione) 1 REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana Assessorato Regionale della Sanità Dipartimento regionale per la pianificazione strategica ********** Servizio 1 Personale dipendente S.S.R. LINEE DI INDIRIZZO PERSONALE

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007)

STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE (Sunto della C.M. n.31/2007) STUDIO MINTO Associazione Professionale Commercialisti Revisori Contabili Consulenza del Lavoro Mirano (VE) Telefono 041/5701020 CIRCOLARE INFORMATIVA n. 16 Giugno 2007 STUDI DI SETTORE: LE INDICAZIONI

Dettagli

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI

IL NUOVO APPRENDISTATO: QUESITI E CASI PRATICI 1??ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA ALESSANDRO MILLO, DIRIGENTE DELLA DIREZIONE PROVINCIALE DEL LAVORO DI PIACENZA Le considerazioni esposte sono frutto esclusivo

Dettagli

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO

32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DEFINIZIONE 32. LICENZIAMENTO ED ALTRE CAUSE DI ESTINZIONE DEFINIZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO LICENZIAMENTO INDIVIDUALE DEFINIZIONE Il licenziamento è la risoluzione del rapporto di lavoro subordinato

Dettagli

Lo scudo della certificazione sui contratti a progetto

Lo scudo della certificazione sui contratti a progetto Le pagine del professionista Lo scudo della certificazione sui contratti a progetto a cura di Vitantonio Lippolis Funzionario della DPL di Modena e membro del gruppo nazionale del MLPS che si occupa di

Dettagli

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza

Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza Le ferie del lavoratore, normativa e giurisprudenza di Pietro Gremigni Consulente aziendale in Milano in breve Argomento Il mese di agosto è considerato di solito il periodo classico di utilizzazione delle

Dettagli

Guida pratica ai contratti di lavoro dopo la Riforma Fornero

Guida pratica ai contratti di lavoro dopo la Riforma Fornero Guida pratica ai contratti di lavoro dopo la Riforma Fornero Premessa La presente Guida pratica ai contratti di lavoro si pone l obiettivo di fornire, in modo agile e sintetico, una panoramica delle diverse

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

Circolare n. 1 del 20/01/2015

Circolare n. 1 del 20/01/2015 Circolare n. 1 del 20/01/2015 Inviato da adminweb il 19 Gennaio 2015 SERVIZIO ENTRATE CONTRIBUTIVE Circolare n. 1 del 20/01/2015 e p.c. A TUTTE LE AZIENDE E LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI ISCRITTE Loro Sedi

Dettagli

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO

CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO CONTRATTO A TEMPO DETERMINATO Si può apporre un termine al contratto di lavoro solo in presenza di casi particolari, per cui son necessari alcuni requisiti fondamentali come la forma del contratto e la

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH

,OQXRYRSDUWWLPH 7LSRORJLHFRQWUDWWXDOLDPPHVVH ,OQXRYRSDUWWLPH $PELWRGLDSSOLFD]LRQH La circolare ministeriale n. 9 del 18 marzo 2004 ha integrato ed in alcuni casi ampliato, la revisione all istituto del part- time attuata con il D.lgs. n. 276/2003

Dettagli

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione)

.. OMISSIS. Art. 2. (Armonizzazione) Legge 8 agosto 1995, n. 335. Riforma del sistema pensionistico obbligatorio e complementare... OMISSIS Art. 2. (Armonizzazione).. OMISSIS 26. A decorrere dal 1 gennaio 1996, sono tenuti all'iscrizione

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time

Decreto Part-time. Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time Decreto Part-time Decreto legislativo varato il 28-1-2000 dal Consiglio dei ministri in base alla direttiva 97/81/Ce sul lavoro part-time ARTICOLO 1 Definizioni 1.Nel rapporto di lavoro subordinato l assunzione

Dettagli

L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939.

L'associarsi di due o più professionisti in un' Associazione Professionale è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. ASSOCIAZIONE TRA PROFESSIONISTI L'associarsi di due o più professionisti in un' "Associazione Professionale" è una facoltà espressamente consentita dalla legge 1815 del 1939. Con tale associazione,non

Dettagli

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro

Paghe. La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro La retribuzione delle ore di viaggio Fabio Pappalardo - Consulente del lavoro Il luogo della prestazione lavorativa è un elemento fondamentale del contratto di lavoro subordinato. Per quanto nella maggior

Dettagli

Risoluzione n. 104/E

Risoluzione n. 104/E Risoluzione n. 104/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 21 aprile 2009 OGGETTO: Istanza di interpello ART. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Articolo 11, comma 1, lettera a), numero 5, del

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto

5. La forma ed il contenuto del contratto di lavoro part-time. Le sanzioni per il difetto di forma o di contenuto del contratto 412 Successivamente, il CCNL del terziario, stipulato il 3 novembre 1994, accorpava il CCNL dei viaggiatori e piazzisti prevedendo espressamente l applicabilità della disciplina del part-time anche agli

Dettagli

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015

Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Ai gentili clienti Loro sedi Gestione separata INPS: gli aumenti dal 1 gennaio 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che, in assenza di provvedimenti sul punto da parte della L.

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta

9) promozione della cultura e dell'arte ; 10) tutela dei diritti civili ; 11) ricerca scientifica di particolare interesse sociale svolta Le ONLUS Secondo le previsioni dell'art. 10 del decreto 460/97 possono assumere la qualifica di Onlus le associazioni riconosciute e non, i comitati, le fondazioni, le società cooperative e tutti gli altri

Dettagli

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012

SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ. MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 CONVALIDA DELLE DIMISSIONI E SOSTEGNO ALLA GENITORIALITÀ MARCO FRISONI Castellanza, 27 settembre 2012 La Legge n. 92/2012 si occupa sia della questione delle dimissioni della lavoratrice madre (ovvero

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero.

Su gentile concessione di D&L - Rivista Critica di Diritto del Lavoro. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero. Le riforme del contratto a termine: non solo Legge Fornero Milano, 31/1/13 1. Premessa - 2. L art. 32 L. 183/10-3. La riforma Fornero - L art. 28 DL 179/12. 1. Premessa Il contratto a termine detiene un

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE

CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE CRITERI GENERALI IN MATERIA DI INCARICHI VIETATI AI DIPENDENTI DELLE AMMINISTRAZIONI PUBBLICHE I criteri indicati nel presente documento esemplificano una serie di situazioni di incarichi vietati per i

Dettagli

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro Il lavoro durante la Cassa integrazione guadagni Roberto Zaltieri - Consulente del lavoro In quali casi è possibile lavorare durante la Cassa integrazione e con che limiti? Si possono cumulare trattamento

Dettagli

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA

L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA L'EVOLUZIONE DEL PART-TIME NEL CONTRATTO DEL COMPARTO NAZIONALE DELLA SANITA' PUBBLICA a cura del Nucleo Promozione e Sviluppo Responsabile: Cesare Hoffer Il presente documento non ha la pretesa di essere

Dettagli

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna

Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna PREVIDENZA COMPLEMENTARE E TFR Guida al Lavoro Il regime fiscale delle anticipazioni erogate dai fondi pensione Michela Magnani Dottore commercialista in Bologna 14 Confronto di convenienza, anche fiscale,

Dettagli

Il lavoro autonomo dopo la riforma del Governo Monti 1. Marco Marazza

Il lavoro autonomo dopo la riforma del Governo Monti 1. Marco Marazza Il lavoro autonomo dopo la riforma del Governo Monti 1 Marco Marazza 1. Premessa. 2. La riforma del lavoro autonomo, tra fattispecie ed effetti (previdenziali e non). - 3. I due principali nodi critici

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Associazione in partecipazione

Associazione in partecipazione Guida_2_2013_Guida_2_2013.qxd 25/03/2014 11:17 Pagina I Associazione in partecipazione a cura di Patrizia Clementi Elisabetta Mapelli 2/2013 Guida_2_2013_Guida_2_2013.qxd 25/03/2014 11:17 Pagina II Guida_2_2013_Guida_2_2013.qxd

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO

REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEI RICERCATORI A TEMPO DETERMINATO Art. 1 - Finalità e ambito di applicazione Il presente Regolamento, emanato ai sensi della legge 9 maggio 1989, n. 168, disciplina, in armonia con i principi generali stabiliti dalla Carta Europea dei

Dettagli

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE

PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE PROCEDURA PER OPERAZIONI CON PARTI CORRELATE (ai sensi dell art. 4 del Regolamento adottato da Consob con delibera n. 17221 del 12 marzo 2010, come successivamente modificato ed integrato) INDICE 1. OBIETTIVI

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. VISTI gli articoli 76, 87, quinto comma, e 117, terzo comma, della Costituzione; SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI PER IL RIORDINO DELLA NORMATIVA IN MATERIA DI AMMORTIZZATORI SOCIALI IN CASO DI DISOCCUPAZIONE INVOLONTARIA E DI RICOLLOCAZIONE DEI LAVORATORI DISOCCUPATI,

Dettagli

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it

HEALTH MANAGEMENT ISTITUTO DI MANAGEMENT SANITARIO FIRENZE www.health-management.it 1 OGGETTO ANZIANITÀ DI SERVIZIO QUESITO (posto in data 11 luglio 2013) Sono Dirigente Medico di primo livello dal marzo del 2006 e di ruolo, senza interruzioni di servizio, dal luglio 2007. Mi hanno già

Dettagli

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it

Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it Pensione di vecchiaia con 15 anni di contributi: ok dall'inps Ipsoa.it di Aldo Forte Pubblicista Esperto in materia previdenziale L'Inps, con la circolare n. 16/2013, chiarisce che per i soggetti con un'anzianita'

Dettagli

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE)

VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) Normativa VADEMECUM SUL PART-TIME (RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE) a cura di Libero Tassella da Scuola&Scuola, 8/9/2003 Riferimenti normativi: artt. 7,8 legge 29.12.1988, N. 554; artt. 7,8 Dpcm 17.3.1989,

Dettagli

GUIDE Il lavoro part time

GUIDE Il lavoro part time Collana Le Guide Direttore: Raffaello Marchi Coordinatore: Annalisa Guidotti Testi: Iride Di Palma, Adolfo De Maltia Reporting: Gianni Boccia Progetto grafico: Peliti Associati Illustrazioni: Paolo Cardoni

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario

L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario L ATTIVITA DI DIREZIONE E COORDINAMENTO. La pubblicità dei gruppi nella riforma del diritto societario Di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. Ambito di applicazione. 3. Principi fondamentali. 3.1.

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli