Sistemi Operativi. Lezione 7 Comunicazione tra processi

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Sistemi Operativi. Lezione 7 Comunicazione tra processi"

Transcript

1 Lezione 7 Comunicazione tra processi

2 Introduzione La soluzione sw al problema della mutua esclusione è abbastanza complessa Algoritmo di Peterson La soluzione hw mediante disabilitazione degli interrupt non è adeguata per programmi utente Codice dal comportamento oscuro, scarsa efficienza, inutile nei sistemi multiprocessore Una soluzione migliore può essere ottenuta con un certo supporto da parte del linguaggio macchina del sistema su cui operiamo 2

3 Introduzione Si associa ad una sezione critica una chiave di accesso, tipicamente una variabile booleana Un processo che intende entrare in sezione critica deve prima ottenere la chiave, tenerla per tutto il tempo in cui rimane nella sezione critica, indi rilasciarla all uscita LOCK(KEY) equivale a ENTER REGION Sezione critica UNLOCK(KEY) equivale a LEAVE REGION 3

4 Introduzione Questa soluzione funziona solo se un processo, nel momento in cui ispeziona il contenuto della chiave e la trova disponibile, può bloccarla istantaneamente, senza essere interrotto Diversamente sarebbe la stessa soluzione vista con i lock condivisi che davano origine a condizioni di contesa 4

5 Test and Set Lock I primi a notare questa necessità furono i progettisti dell OS/360 Aggiunsero nel linguaggio macchina del sistema l istruzione TEST AND SET LOCK (TSL) 5

6 TSL TSL opera nel seguente modo Sintassi TSL register, flag Semantica register fl flag /* copia in register il valore corrente di flag */ flag fl 1 /* assegna 1 a flag */ con la garanzia di indivisibilità o atomicità delle due operazioni sono eseguite come se si trattasse di un unica istruzione 6

7 TSL Disponendo dell istruzione TSL, le primitive LOCK e UNLOCK (equivalenti a enter_region, leave_region) possono essere così implementate LOCK(KEY) lock: tsl register,key copia key in register e key fl1 cmp register,$0 key era <> 0? jnz lock se sì torna a lock ret entra in sez. critica UNLOCK (KEY) move key, $0 ret 7

8 Osservazioni Vantaggi di soluzioni basate su istruzioni speciali Si applicano a qualunque numero di processi, con singolo processore o multipli a memoria condivisa Semplici e facili da verificare Si può associare una variabile a ciascuna sezione critica 8

9 Osservazioni Svantaggi di soluzioni basate su istruzioni speciali Busy wait Starvation possibile a causa della scelta del prossimo processo da eseguire quando uno lascia la sezione critica Deadlock per inversione di priorità se il processo in sezione critica P1 viene interrotto e la CPU assegnata ad un processo P2 con priorità superiore che cerca di entrare, non può a causa di P1 che però non può eseguire avendo priorità inferiore a P2, che è attivo in busy wait 9

10 Semafori I meccanismi di programmazione concorrente sinora visti hanno alcuni limiti Basati sul busy waiting di processi Non facilmente utilizzabili in tutti i problemi di programmazione concorrente (sincronizzazione e cooperazione) Per superare queste limitazioni nel 1965 Dijkstra propone un nuovo meccanismo da utilizzare per scrivere programmi concorrenti SEMAFORI tipo particolare di segnale del quale un processo resta in attesa 10

11 Semafori I semafori sono delle variabili intere devono essere condivise tra più processi possono assumere come valore 0 e 1 in questo caso parliamo di semafori binari un intero >= 0 in questo caso parliamo di semafori generalizzati Le operazioni definite sui semafori sono due P(sem) o Down(sem) V(sem) o Up(sem) A queste si aggiunge l inizializzazione semaforo = valore 11

12 Semafori binari Le operazioni Down(sem) e Up(sem) hanno la seguente semantica Down(sem): if(sem == 0)then wait on sem; else sem = 0; Up(sem): if (some process is waiting on sem) then awake it else sem = 1; Il sistema ne garantisce l atomicità eseguite come se fossero un unica istruzione macchina 12

13 Semafori binari I processi non attendono più in busy wait A ciascun semaforo è associata una coda in cui vengono posti i processi bloccati sul particolare semaforo La disciplina di gestione della coda non è specificata nella definizione dei semafori solitamente FIFO I processi sono risvegliati dalla coda quando un altro processo esegue V sul semaforo su cui sono bloccati 13

14 Semafori binari Con i semafori binari il problema della mutua esclusione tra n processi può essere risolto molto facilmente Ogni processo esegue la sequenza DOWN(sem) /* entrer_region */ Sezione critica UP(sem) /* leave_region */ Il primo che esegue Down(sem) entra in regione critica 14

15 Semafori binari I semafori binari possono anche essere usati per sincronizzare due o più processi Determinare una specifica sequenza di esecuzione Esempio semaphore S1 = 1; semaphore S2 = 0; semaphore S3 = 0; P1 P2 P3 down(s1) down(s2) down(s3) : : : up(s2) up(s3) up(s1) 15

16 Semafori binari I semafori binari ben si prestano a modellare l interazione tra una periferica e il gestore dell interrupt Siano sem e sem1 due semafori binari inizializzati a 0 Periferica: inizializzazione down(sem) : up(sem1) 16 Gestore interrupt: operazioni varie up(sem) down(sem1) :

17 Il problema del produttoreconsumatore Il produttore è un processo che produce elementi che vengono consumati da un processo consumatore Produttore e consumatore possono eseguire concorrentemente grazie ad un buffer il produttore vi inserisce i suoi elementi e il consumatore li preleva Il produttore non deve inserire elementi in celle del buffer già occupate Il consumatore non deve consumare elementi non ancora prodotti 17

18 Prod-cons con buffer infinito 18

19 Schema prod-cons con buffer infinito Semaphore sem = 0; int buffer[infinito]; void prod (void) { int in = 0; int item; while (TRUE) { produci(&item); buffer[in]= item; in = in+1; up(sem) } } void cons (void) { int out = 0; int item; while (TRUE) { down(sem); item = buffer[out]; out = out+1; consuma(&item); } } 19

20 Domande Il semaforo utilizzato nel precedente programma è un semaforo binario o un semaforo generalizzato? Quale problema si presenta nel momento in cui abbiamo a che fare con più processi produttori? 20

21 Esercizio area occupata Modificare il caso con buffer infinito al caso di buffer circolare 21

22 I semafori generalizzati Le operazioni Down(sem) e Up(sem) hanno la seguente semantica Down(sem): if(sem == 0)then wait on sem; else sem = sem - 1; Up(sem): if (some process is waiting on sem) then awake it else sem = sem + 1; Il sistema ne garantisce l atomicità 22

23 N prod, M cons, buffer infinito Semaphore sem =0, mutex =1; int buffer[infinito]; void prod (void) { int i = 0; int item; while (TRUE) { produci(&item); down (mutex); buffer[i] = item; i = i+1; up (mutex) up(sem) } } 23 void cons (void) { int i = 0; int item; while (TRUE) { down(sem); down(mutex); item = buffer[i]; i = i+1; up(mutex); consuma(&item); } }

24 N prod, M cons, buffer infinito sem svolge funzioni di sincronizzazione tra produttori e consumatori I consumatori non consumano fino a che non ci sono elementi prodotti Notare che i produttori non sono soggetti ad alcun vincolo buffer infinito mutex garantisce la mutua esclusione nell accesso a buffer 24

25 N prod, M cons, buffer finito empty: impedisce scritture nel buffer pieno e letture dal buffer vuoto mutex: garantisce la mutua esclusione su buffer 25

26 Problemi implementativi Dal punto di vista della struttura dati, un semaforo è: typedef struct { int valore; } pcb *next; semaphore; Le primitive Up e Down vengono implementate come supervisor call 26

27 Problemi implementativi Le operazioni Down(sem) e Up(sem) Down(sem): if(sem == 0)then waiting on sem ; Up(sem): else sem = sem - 1; if (some process is waiting on sem) then awake it else sem = sem + 1; come si effettua questo test? 27

28 Problemi implementativi Down(sem): sem.valore=sem.valore 1; if(sem.valore < 0) then {aggiungi un processo a sem.next; metti il processo in waiting; } Up(sem): sem.valore=sem.valore + 1; if (sem.valore <=0) then {rimuovi un processo da sem.next; metti il processo in ready; } 28

29 Atomicità Problemi implementativi Su sistemi uniprocessore disabilitare interrupt Su sistemi multiprocessore disabilitare gli interrupt non basta Up e Down devono essere eseguiti come sezione critica, ad esempio: LOCK(lockbit) TSL o Peterson Down(sem) UNLOCK(lockbit) 29

30 Esercizio Problema dei lettori e scrittori Un insieme di processi condivide un file dal quale alcuni possono solo leggere i dati, altri solo scriverli Più lettori possono leggere simultaneamente Un solo scrittore per volta può scrivere Quando uno scrittore scrive, nessun lettore può leggere Diverso da Prod/cons i lettori non modificano i puntatori al buffer i produttori leggono i puntatori, gli scrittori no 30

31 Esercizio Sviluppare una soluzione al problema della corretta sincronizzazione degli accessi 1 scrittore, 1 lettore Accessi in mutua esclusione al file sia dello scrittore sia del lettore rispetto a questo 1 scrittore, n lettori n scrittori, n lettori Considerare chi ha priorità, lettori o scrittori 31

32 Esercizio Problema dei filosofi a cena 5 piatti di riso e 5 bastoncini sono disposti alternati a tavola 5 filosofi siedono ciascuno davanti ad un piatto la vita di un filosofo alterna momenti di attività intellettuale ai pasti, che consuma solo se riesce a prendere i due bastoncini ai suoi lati Scrivere un programma che permetta a ciascun filosofo di vivere, cioè pensare e mangiare alternativamente, e a due filosofi di mangiare simultaneamente 32

Capitolo 7: Sincronizzazione

Capitolo 7: Sincronizzazione Capitolo 7: Sincronizzazione Il problema della sincronizzazione. Il problema della sezione critica. Hardware per la sincronizzazione. Semafori. Problemi classici di sincronizzazione. Monitor (cenni). 7.1

Dettagli

Meccanismi di sincronizzazione: Semafori e Monitor

Meccanismi di sincronizzazione: Semafori e Monitor Meccanismi di sincronizzazione: Semafori e Monitor 1 Introduzione Nelle prossime lezioni vedremo alcuni meccanismi dei sistemi operativi e dei linguaggi di programmazione sviluppati per facilitare la scrittura

Dettagli

Sistemi operativi Sincronizzazione fra processi

Sistemi operativi Sincronizzazione fra processi Sistemi operativi 2003-2004 Sincronizzazione fra processi Introduzione I processi devono poter comunicare tra loro in modo strutturato e preciso Per passarsi informazioni Per non interferire con gli altri

Dettagli

Introduzione. Meccanismi di sincronizzazione: Semafori e Monitor. Semafori - Definizione. Semafori - Descrizione informale

Introduzione. Meccanismi di sincronizzazione: Semafori e Monitor. Semafori - Definizione. Semafori - Descrizione informale Introduzione Meccanismi di sincronizzazione: Nelle prossime lezioni vedremo alcuni meccanismi dei sistemi operativi e dei linguaggi di programmazione sviluppati per facilitare la scrittura di programmi

Dettagli

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati

Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Realizzazione di Politiche di Gestione delle Risorse: i Semafori Privati Condizione di sincronizzazione Qualora si voglia realizzare una determinata politica di gestione delle risorse,la decisione se ad

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Sincronizzazione dei processi. Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 30/05/2007

SISTEMI OPERATIVI. Sincronizzazione dei processi. Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 30/05/2007 2007 SISTEMI OPERATIVI Sincronizzazione dei processi Domande di verifica Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 30/05/2007 Sincronizzazione dei processi 1. Si descrivano i tipi di interazione tra processi?

Dettagli

Sommario. G. Piscitelli

Sommario. G. Piscitelli Sommario Sincronizzazione Inconsistenza di dati condivisi: i rischi dell'interleaving nei processi concorrenti La race condition Il problema della "sezione critica" dei processi concorrenti e la soluzione

Dettagli

Sistemi Operativi Sincronizzazione tra Processi

Sistemi Operativi Sincronizzazione tra Processi Sistemi Operativi Processi Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Crediti per queste slides al Prof. Tullio Vardanega 1 Processi indipendenti possono avanzare concorrentemente senza alcun vincolo

Dettagli

Il costrutto monitor [Hoare 74]

Il costrutto monitor [Hoare 74] Il monitor 1 Il costrutto monitor [Hoare 74] Definizione: Costrutto sintattico che associa un insieme di operazioni (entry o public) ad una struttura dati comune a più processi, tale che: Le operazioni

Dettagli

Il costrutto monitor [Hoare 74]

Il costrutto monitor [Hoare 74] Il monitor 1 Il costrutto monitor [Hoare 74] Definizione: Costrutto sintattico che associa un insieme di operazioni (entry, o public) ad una struttura dati comune a più processi, tale che: Le operazioni

Dettagli

Monitor. Introduzione. Struttura di un TDA Monitor

Monitor. Introduzione. Struttura di un TDA Monitor Monitor Domenico Cotroneo Dipartimento di Informatica e Sistemistica Introduzione E stato introdotto per facilitare la programmazione strutturata di problemi in cui è necessario controllare l assegnazione

Dettagli

Sistemi Operativi Esercizi Sincronizzazione

Sistemi Operativi Esercizi Sincronizzazione Sistemi Operativi Esercizi Sincronizzazione Docente: Claudio E. Palazzi cpalazzi@math.unipd.it Esercizi Sincronizzazione Sistemi Operativi - Claudio Palazzi 14 Semafori (1) Semafori: variabili intere contano

Dettagli

DTI / ISIN / Titolo principale della presentazione. La cena dei filosofi. Amos Brocco, Ricercatore, DTI / ISIN. 14 maggio 2012

DTI / ISIN / Titolo principale della presentazione. La cena dei filosofi. Amos Brocco, Ricercatore, DTI / ISIN. 14 maggio 2012 DTI / ISIN / Titolo principale della presentazione 1 La cena dei filosofi Amos Brocco, Ricercatore, DTI / ISIN 14 maggio 2012 Il problema dei filosofi a cena Il problema dei filosofi a cena Il problema:

Dettagli

Informatica 3. Informatica 3. LEZIONE 6: Il controllo dell esecuzione. Lezione 6 - Modulo 1. Errori durante l esecuzione. Il controllo dell esecuzione

Informatica 3. Informatica 3. LEZIONE 6: Il controllo dell esecuzione. Lezione 6 - Modulo 1. Errori durante l esecuzione. Il controllo dell esecuzione Informatica 3 Informatica 3 LEZIONE 6: Il controllo dell esecuzione Modulo 1: La gestione delle eccezioni Modulo 2: Programmazione concorrente Lezione 6 - Modulo 1 La gestione delle eccezioni Politecnico

Dettagli

Sistemi Operativi. Lez. 13: primitive per la concorrenza monitor e messaggi

Sistemi Operativi. Lez. 13: primitive per la concorrenza monitor e messaggi Sistemi Operativi Lez. 13: primitive per la concorrenza monitor e messaggi Osservazioni I semafori sono strumenti particolarmente potenti poiché consentono di risolvere ogni problema di sincronizzazione

Dettagli

CAPITOLO 24 I MONITOR

CAPITOLO 24 I MONITOR EFFETTO DELLE PRIMITIVE - signal E wait SUI SEMAFORI CAPITOLO 24 I MONITOR I semafori sono un mezzo efficace per la gestione della mutua esclusione in ambienti con processi concorrenti, ma spesso è difficile

Dettagli

Trasparenze del Corso di Sistemi Operativi

Trasparenze del Corso di Sistemi Operativi Università di Udine Facoltà di Scienze MM.FF.NN. Laurea in TWM A.A. 2014/15 Trasparenze del Corso di Sistemi Operativi Marina Lenisa Università di Udine Copyright c 2000-04 Marino Miculan (miculan@dimi.uniud.it)

Dettagli

Soluzione 1. Filosofo i

Soluzione 1. Filosofo i Filosofi a cena Il problema N filosofi si ritrovano a cena in un ristorante cinese, occupando un tavolo circolare, apparecchiato con un piatto per ogni filosofo e un bastoncino interposto fra ogni coppia

Dettagli

Sincronizzazione tra processi

Sincronizzazione tra processi Sincronizzazione tra processi Sommario Introduzione Problema della sezione critica Consistenza dei dati Soluzioni basate su attesa attiva (busy waiting) Metodi software Metodi hardware Semafori Primitive

Dettagli

Pronto Esecuzione Attesa Terminazione

Pronto Esecuzione Attesa Terminazione Definizione Con il termine processo si indica una sequenza di azioni che il processore esegue Il programma invece, è una sequenza di azioni che il processore dovrà eseguire Il processo è quindi un programma

Dettagli

Java Virtual Machine

Java Virtual Machine Java Virtual Machine programmi sorgente: files.java compilatore files.class bytecode linker/loader bytecode bytecode Java API files.class interprete macchina ospite Indipendenza di java dalla macchina

Dettagli

Sincronizzazione dei processi

Sincronizzazione dei processi Sincronizzazione dei processi Sincronizzazione dei processi Background Il problema della sezione critica Hardware di sincronizzazione Semafori Problemi classici di sincronizzazione Monitor 6.2 Background

Dettagli

Thread: sincronizzazione Esercitazioni del 09 Ottobre 2009

Thread: sincronizzazione Esercitazioni del 09 Ottobre 2009 Thread: sincronizzazione Esercitazioni del 09 Ottobre 2009 Luca Fossati, Fabrizio Castro, Vittorio Zaccaria October 10, 2009 Sincronizzazione - 1 1 Esercizio 1: Sincronizzazione - 1 Qual è il problema

Dettagli

IL SISTEMA OPERATIVO

IL SISTEMA OPERATIVO IL SISTEMA OPERATIVO... è l insieme dei programmi che rende agevole l uso dell hardware, mascherando le caratteristiche delle risorse fisiche (interfaccia) gestisce le risorse fisiche ottimizzandone l

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2015-16 Pietro Frasca Lezione 15 Martedì 24-11-2015 Struttura logica del sottosistema di I/O Processi

Dettagli

LA SINCRONIZZAZIONE TRA PROCESSI

LA SINCRONIZZAZIONE TRA PROCESSI LA SINCRONIZZAZIONE TRA PROCESSI E' più complesso scrivere programmi concorrenti rispetto a programmi sequenziali in quanto non basta essere sicuri della correttezza dei singoli moduli ma è necessario

Dettagli

Programmazione concorrente in Java. Dr. Paolo Casoto, Ph.D. - 2012 1

Programmazione concorrente in Java. Dr. Paolo Casoto, Ph.D. - 2012 1 + Programmazione concorrente in Java 1 + Introduzione al multithreading 2 La scomposizione in oggetti consente di separare un programma in sottosezioni indipendenti. Oggetto = metodi + attributi finalizzati

Dettagli

Sistemi operativi - Concetti ed esempi -Settima edizione

Sistemi operativi - Concetti ed esempi -Settima edizione Capitolo 6: Sincronizzazione dei processi Capitolo 6: Sincronizzazione dei processi Introduzione Problema della sezione critica Soluzione di Peterson Hardware per la sincronizzazione Semafori Problemi

Dettagli

Problematiche dello scambio di messaggi Produttore-consumatore con scambio di messaggi

Problematiche dello scambio di messaggi Produttore-consumatore con scambio di messaggi Scambio di messaggi Comunicazione non basato su memoria condivisa con controllo di accesso. Meccanismi di sincronizzazione Scambio di messaggi Basato su due primitive (chiamate di sistema o funzioni di

Dettagli

SEMAFORI SEMAFORI. Sul semaforo sono ammesse solo due operazioni (primitive)

SEMAFORI SEMAFORI. Sul semaforo sono ammesse solo due operazioni (primitive) SEMAFORI 1 SEMAFORI Variabile intera non negativa con valore iniziale >= 0 Al semaforo è associata una lista di attesa Qs nella quale sono posti i descrittori dei processi che attono l autorizzazione a

Dettagli

3.2 Concorrenza, parallelismo e parallelismo reale

3.2 Concorrenza, parallelismo e parallelismo reale 3. PROGRAMMAZIONE CONCORRENTE 3.1 Introduzione La programmazione usuale si basa su un modello di esecuzione sequenziale, cioè sull ipotesi che le istruzioni di un programma vengano eseguite una dopo l

Dettagli

Reti e problematiche di Rete

Reti e problematiche di Rete Reti e problematiche di Rete I Processi Concorrenti Enrico Cavalli Anno Accademico 2008-2009 I problemi con i processi concorrenti 1 I processi concorrenti La concorrenza tra processi avviene secon diverse

Dettagli

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese

Inter Process Communication. Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Inter Process Communication Laboratorio Software 2008-2009 C. Brandolese Introduzione Più processi o thread Concorrono alla relaizzazione di una funzione applicativa Devono poter realizzare Sincronizzazione

Dettagli

CAPITOLO 27 SCAMBIO DI MESSAGGI

CAPITOLO 27 SCAMBIO DI MESSAGGI CAPITOLO 27 SCAMBIO DI MESSAGGI SCAMBIO DI MESSAGGI Sia che si guardi al microkernel, sia a SMP, sia ai sistemi distribuiti, Quando i processi interagiscono fra loro, devono soddisfare due requisiti fondamentali:

Dettagli

Esercitazioni 7 e 8. Bounded Buffer con sincronizzazione Java (1)

Esercitazioni 7 e 8. Bounded Buffer con sincronizzazione Java (1) Università degli Studi della Calabria Corso di Laurea in Ingegneria Informatica A.A. 2001/2002 Corsi A e B Esercitazioni 7 e 8 Bounded Buffer con sincronizzazione Java (1) public class BoundedBuffer private

Dettagli

Java threads (2) Programmazione Concorrente

Java threads (2) Programmazione Concorrente Java threads (2) emanuele lattanzi isti information science and technology institute 1/28 Programmazione Concorrente Utilizzo corretto dei thread in Java emanuele lattanzi isti information science and

Dettagli

Esempio produttori consumatori. Primitive asincrone

Esempio produttori consumatori. Primitive asincrone Primitive asincrone Send non bloccante: il processo mittente, non appena inviato il messaggio, prosegue la sua esecuzione. Il supporto a tempo di esecuzione deve fornire un meccanismo di accodamento dei

Dettagli

Soluzioni ai problemi di Mutua Esclusione Primitive di sincronizzazione. Soluzioni ai problemi di Mutua EsclusionePrimitive di sincronizzazione

Soluzioni ai problemi di Mutua Esclusione Primitive di sincronizzazione. Soluzioni ai problemi di Mutua EsclusionePrimitive di sincronizzazione Soluzioni ai problemi di Mutua Esclusione Primitive di sincronizzazione Soluzioni basate su primitive di sincronizzazione Le primitive di sincronizzazione piú comuni sono: Lock (mutex) - realizzati in

Dettagli

Implementazione dei monitor tramite semafori Attesa condizionale Sincronizzazione nei sistemi operativi reali Transazioni atomiche

Implementazione dei monitor tramite semafori Attesa condizionale Sincronizzazione nei sistemi operativi reali Transazioni atomiche Implementazione dei monitor tramite semafori Attesa condizionale Sincronizzazione nei sistemi operativi reali Transazioni atomiche 5.1 Implementazione dei monitor con i semafori Un monitor è un tipo di

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI 14 settembre 2015 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR

SISTEMI OPERATIVI 14 settembre 2015 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR SISTEMI OPERATIVI 14 settembre 2015 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR Cognome: Nome: Matricola: 1. Ricordate che non potete usare calcolatrici o materiale

Dettagli

I THREAD O PROCESSI LEGGERI Generalità

I THREAD O PROCESSI LEGGERI Generalità I THREAD O PROCESSI LEGGERI Generalità Thread: segmento di codice (funzione) Ogni processo ha un proprio SPAZIO DI INDIRIZZAMENTO (area di memoria) Tutti i thread genereti dallo stesso processo condividono

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI 3 febbraio 2014 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR

SISTEMI OPERATIVI 3 febbraio 2014 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR SISTEMI OPERATIVI 3 febbraio 2014 corso A nuovo ordinamento e parte di teoria del vecchio ordinamento indirizzo SR Cognome: Nome: Matricola: 1. Ricordate che non potete usare calcolatrici o materiale didattico,

Dettagli

ESERCIZIO 1 (b) Dove è memorizzato il numero del primo blocco del file? Insieme agli altri attributi del file, nella cartella che contiene il file.

ESERCIZIO 1 (b) Dove è memorizzato il numero del primo blocco del file? Insieme agli altri attributi del file, nella cartella che contiene il file. ESERCIZIO 1 Si consideri un hard disk formattato la cui memoria è suddivisa in 16 blocchi (numerati da 0 a 15). Si supponga che sull hard disk sia memorizzato un unico file, contenuto, nell ordine, nei

Dettagli

I thread nel sistema operativo LINUX: Linuxthreads

I thread nel sistema operativo LINUX: Linuxthreads I thread nel sistema operativo LINUX: Linuxthreads LinuxThreads: Caratteristiche Processi leggeri realizzati a livello kernel System call clone: int clone(int (*fn) (void *arg), void *child_stack, int

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Deadlock (blocco critico) Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 04/06/2007

SISTEMI OPERATIVI. Deadlock (blocco critico) Domande di verifica. Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 04/06/2007 2007 SISTEMI OPERATIVI Deadlock (blocco critico) Domande di verifica Luca Orrù Centro Multimediale Montiferru 04/06/2007 Deadlock (blocco critico) 1. Si descriva il deadlock e le condizioni sotto cui si

Dettagli

SISTEMI OPERATIVI. Sincronizzazione in Java (Semafori e barriere) Patrizia Scandurra (MODULO DI INFORMATICA II) LABORATORIO

SISTEMI OPERATIVI. Sincronizzazione in Java (Semafori e barriere) Patrizia Scandurra (MODULO DI INFORMATICA II) LABORATORIO SISTEMI OPERATIVI (MODULO DI INFORMATICA II) LABORATORIO Sincronizzazione in Java (Semafori e barriere) Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2012-13 La gestione dei thread in Java

Dettagli

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O

Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Sistemi Operativi (modulo di Informatica II) Sottosistema di I/O Patrizia Scandurra Università degli Studi di Bergamo a.a. 2009-10 Sommario L hardware di I/O Struttura Interazione tra computer e controllori

Dettagli

Dove die( stringa ) è una funzione di utilità del php che stampa la stringa e fa terminare lo script.

Dove die( stringa ) è una funzione di utilità del php che stampa la stringa e fa terminare lo script. I file in PHP Un file è un archivio elettronico contenente informazioni (dati) memorizzate su memoria di massa. Il file ha la caratteristica di consentire la lettura, la scrittura e la modifica dei dati

Dettagli

Corso di Linguaggi di Programmazione

Corso di Linguaggi di Programmazione Corso di Linguaggi di Programmazione Lezione 19 Alberto Ceselli alberto.ceselli@unimi.it Dipartimento di Tecnologie dell Informazione Università degli Studi di Milano 18 Maggio 2010 idea: sfruttare i

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2014-15 Pietro Frasca Lezione 5 Martedì 21-10-2014 Thread Come abbiamo detto, un processo è composto

Dettagli

Il costrutto monitor

Il costrutto monitor Il Monitor 1 Monitor Definizione del monitor Esempi d uso Realizzazione del costrutto monitor Realizzazione di politiche di gestione delle risorse Chiamate innestate a procedure del monitor Realizzazione

Dettagli

Sistemi Operativi mod. B. Sistemi Operativi mod. B A B C A B C P 1 2 0 0 P 1 1 2 2 3 3 2 P 2 3 0 2 P 2 6 0 0 P 3 2 1 1 P 3 0 1 1 < P 1, >

Sistemi Operativi mod. B. Sistemi Operativi mod. B A B C A B C P 1 2 0 0 P 1 1 2 2 3 3 2 P 2 3 0 2 P 2 6 0 0 P 3 2 1 1 P 3 0 1 1 < P 1, > Algoritmo del banchiere Permette di gestire istanze multiple di una risorsa (a differenza dell algoritmo con grafo di allocazione risorse). Ciascun processo deve dichiarare a priori il massimo impiego

Dettagli

Architettura di un sistema di calcolo

Architettura di un sistema di calcolo Richiami sulla struttura dei sistemi di calcolo Gestione delle Interruzioni Gestione della comunicazione fra processore e dispositivi periferici Gerarchia di memoria Protezione. 2.1 Architettura di un

Dettagli

Cooperazione tra Processi

Cooperazione tra Processi Università di Udine Facoltà di Scienze MM.FF.NN. A.A. 2007-2008 Copyright c 2000 04 Marino Miculan (miculan@dimi.uniud.it) La copia letterale e la distribuzione di questa presentazione nella sua integrità

Dettagli

Il tipo di dato astratto Pila

Il tipo di dato astratto Pila Il tipo di dato astratto Pila Il tipo di dato Pila Una pila è una sequenza di elementi (tutti dello stesso tipo) in cui l inserimento e l eliminazione di elementi avvengono secondo la regola seguente:

Dettagli

Processi parte V. Processi parte V. Sincronizzazione dei processi mediante monitor: Sintassi Funzionamento Implementazione

Processi parte V. Processi parte V. Sincronizzazione dei processi mediante monitor: Sintassi Funzionamento Implementazione Processi parte V Processi parte V Sincronizzazione dei processi mediante monitor: Sintassi Funzionamento Implementazione Monitor Il costrutto monitor permette di definire un tipo di dato astratto e di

Dettagli

Corso di Programmazione Concorrente

Corso di Programmazione Concorrente Corso di Programmazione Concorrente Problemi Classici Valter Crescenzi crescenz@dia.uniroma3.it http://www.dia.uniroma3.it/~crescenz Sommario Introduzione ai Problemi Classici I Cinque Filosofi Mangiatori

Dettagli

Infrastrutture Software

Infrastrutture Software Infrastrutture Software I componenti fisici di un sistema informatico sono resi accessibili agli utenti attraverso un complesso di strumenti software finalizzati all utilizzo dell architettura. Si tratta

Dettagli

INFORMATICA 1 L. Mezzalira

INFORMATICA 1 L. Mezzalira INFORMATICA 1 L. Mezzalira Possibili domande 1 --- Caratteristiche delle macchine tipiche dell informatica Componenti hardware del modello funzionale di sistema informatico Componenti software del modello

Dettagli

Corso di Sistemi Operativi

Corso di Sistemi Operativi Corso di Sistemi Operativi Sincronizzazione tra processi a.a. 2012/2013 Francesco Fontanella Modello concorrente In un sistema operativo coesistono un gran numero di attività che vengono eseguite più o

Dettagli

Il problema del produttore e del consumatore. Cooperazione tra processi

Il problema del produttore e del consumatore. Cooperazione tra processi Il problema del produttore e del consumatore Cooperazione tra processi Risorsa consumabile I processi disgiunti possono interferire tra loro a causa dell'uso di risorse permanenti, ma ognuno di essi ignora

Dettagli

MODELLO AD AMBIENTE GLOBALE

MODELLO AD AMBIENTE GLOBALE MODELLI DI INTERAZIONE TRA PROCESSI Modello ad ambiente globale ( global environment ) Modello a scambio di messaggi ( message passing ) MODELLO AD AMBIENTE GLOBALE Il sistema è visto come un insieme di

Dettagli

Appunti sulla sincronizzazione (corso di Sistemi Operativi a.a. 2001 02)

Appunti sulla sincronizzazione (corso di Sistemi Operativi a.a. 2001 02) Appunti sulla sincronizzazione (corso di Sistemi Operativi a.a. 2001 02) Eugenio G. Omodeo Università degli studi di L Aquila Dipartimento di Informatica 67010 Loc. Coppito (AQ). e-mail: omodeo@univaq.it

Dettagli

Lezione 10. Scheduling nei sistemi multiprocessori. Esempio: P=2 processori. Scheduling dei processi

Lezione 10. Scheduling nei sistemi multiprocessori. Esempio: P=2 processori. Scheduling dei processi Lezione 10 Cenni ai sistemi operativi distribuiti 2. Gestione della CPU e della memoria nei multiprocessori Gestione dei processi Scheduling Bilanciamento del carico Migrazione dei processi Gestione della

Dettagli

Sistemi Operativi. Processi GESTIONE DEI PROCESSI. Concetto di Processo. Scheduling di Processi. Operazioni su Processi. Processi Cooperanti

Sistemi Operativi. Processi GESTIONE DEI PROCESSI. Concetto di Processo. Scheduling di Processi. Operazioni su Processi. Processi Cooperanti GESTIONE DEI PROCESSI 4.1 Processi Concetto di Processo Scheduling di Processi Operazioni su Processi Processi Cooperanti Concetto di Thread Modelli Multithread I thread in diversi S.O. 4.2 Concetto di

Dettagli

Perche le CPU multicore

Perche le CPU multicore Perche le CPU multicore I processi industriali producono chip sempre piu densi in termini di transistor 2000 Inoltre: Watt ~ Volt 2 x frequenza Frequenza ~ Volt Watt ~ frequenza 3 Il rapporto Watt/mm 2

Dettagli

La gestione dei processi in Minix

La gestione dei processi in Minix La gestione dei processi in Minix Sistemi Operativi Lez. 28 Scheduling Round robin su 16 code di priorità Quando un processo viene bloccato senza aver esaurito il suo quanto di tempo, una volta risvegliato,

Dettagli

CAPITOLO 14 CONCORRENZA: MUTUA ESCLUSIONE E SINCRONIZZAZIONE

CAPITOLO 14 CONCORRENZA: MUTUA ESCLUSIONE E SINCRONIZZAZIONE CAPITOLO 14 CONCORRENZA: MUTUA ESCLUSIONE E SINCRONIZZAZIONE CONCORRENZA, MUTUA ESCLUSIONE, SINCRONIZZAZIONE Premesso che la trattazione e comprensione di un sistema operativo l abbiamo basata sui concetti

Dettagli

1.6: Processi Concorrenti

1.6: Processi Concorrenti 1.6: Processi Concorrenti Programmi concorrenti Chiamate di sistema Unix per il controllo di processi Creazione, terminazione di processi Sincronizzazione sulla terminazione, segnalazione di eventi Comunicazione

Dettagli

CAPITOLO 3 : I PROCESSI

CAPITOLO 3 : I PROCESSI CAPITOLO 3 : I PROCESSI 1. CONCETTO DI PROCESSO Una questione importante che sorge nell analisi dei S.O. è la definizione delle attività. Un sistema a lotti esegue i propri job mentre un sistema a partizione

Dettagli

I tipi di dato astratti

I tipi di dato astratti I tipi di dato astratti.0 I tipi di dato astratti c Diego Calvanese Fondamenti di Informatica Corso di Laurea in Ingegneria Elettronica A.A. 001/00.0 0 I tipi di dato astratti La nozione di tipo di dato

Dettagli

Sommario. G. Piscitelli

Sommario. G. Piscitelli Sommario Interprocess Communication Processi (e thread) cooperanti Il paradigma produttore-consumatore Shared Memory e Inter Process Communication (IPC) facility Proprietà caratteristiche della comunicazione

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca.

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Lezione 16 Martedì 3-12-2013 1 La tecnica di gestione di un dispositivo a interruzione

Dettagli

FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira

FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira FONDAMENTI di INFORMATICA L. Mezzalira Possibili domande 1 --- Caratteristiche delle macchine tipiche dell informatica Componenti hardware del modello funzionale di sistema informatico Componenti software

Dettagli

Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi

Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi Corso di Laboratorio di Sistemi Operativi Lezione 6 Alessandro Dal Palù email: alessandro.dalpalu@unipr.it web: www.unipr.it/~dalpalu Interazione tra Processi I processi concorrenti possono interagire

Dettagli

GESTIONE DEI PROCESSI

GESTIONE DEI PROCESSI Sistemi Operativi GESTIONE DEI PROCESSI Processi Concetto di Processo Scheduling di Processi Operazioni su Processi Processi Cooperanti Concetto di Thread Modelli Multithread I thread in Java Concetto

Dettagli

Sistema Operativo e Applicativi

Sistema Operativo e Applicativi Sistema Operativo e Applicativi Modulo di Informatica Dott.sa Sara Zuppiroli A.A. 2012-2013 Modulo di Informatica () Software A.A. 2012-2013 1 / 36 Software Conosciamo due classi di software: Programmi

Dettagli

PD32. Interfacciamento con i dispositivi di I/O (V)

PD32. Interfacciamento con i dispositivi di I/O (V) PD32 Interfacciamento con i dispositivi di I/O (V) Interazione CPU - dispositivi Soluzioni possibili Busy Waiting Utilizzabile quando CPU esegue solo il task di dialogo con la periferica Interruzioni D.M.A.

Dettagli

Algoritmo. I dati su cui opera un'istruzione sono forniti all'algoritmo dall'esterno oppure sono il risultato di istruzioni eseguite precedentemente.

Algoritmo. I dati su cui opera un'istruzione sono forniti all'algoritmo dall'esterno oppure sono il risultato di istruzioni eseguite precedentemente. Algoritmo Formalmente, per algoritmo si intende una successione finita di passi o istruzioni che definiscono le operazioni da eseguire su dei dati (=istanza del problema): in generale un algoritmo è definito

Dettagli

Computazione multi-processo. Condivisione, Comunicazione e Sincronizzazione dei Processi. Segnali. Processi e Threads Pt. 2

Computazione multi-processo. Condivisione, Comunicazione e Sincronizzazione dei Processi. Segnali. Processi e Threads Pt. 2 Computazione multi-processo Avere più processi allo stesso momento implica/richiede Processi e Threads Pt. 2 Concorrenza ed efficienza Indipendenza e protezione dei dati ma deve prevedere/permettere anche:

Dettagli

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1)

Strutture. Strutture e Unioni. Definizione di strutture (2) Definizione di strutture (1) Strutture Strutture e Unioni DD cap.10 pp.379-391, 405-406 KP cap. 9 pp.361-379 Strutture Collezioni di variabili correlate (aggregati) sotto un unico nome Possono contenere variabili con diversi nomi

Dettagli

Modello a scambio di messaggi

Modello a scambio di messaggi PRIMITIVE PER LO SCAMBIO DI MESSAGGI Un messaggio si può considerare costituito da: origine, destinazione e contenuto Modello a scambio di messaggi type messaggio = record origine: ; destinazione: ; contenuto:

Dettagli

SOMMARIO Coda (queue): QUEUE. QUEUE : specifica QUEUE

SOMMARIO Coda (queue): QUEUE. QUEUE : specifica QUEUE SOMMARIO Coda (queue): Specifica: interfaccia. Implementazione: Strutture indicizzate (array): Array di dimensione variabile. Array circolari. Strutture collegate (nodi). Prestazioni. Strutture Software

Dettagli

Sistemi Operativi. C.d.L. in Informatica (laurea triennale) Anno Accademico 2010-2011. Dipartimento di Matematica e Informatica Catania

Sistemi Operativi. C.d.L. in Informatica (laurea triennale) Anno Accademico 2010-2011. Dipartimento di Matematica e Informatica Catania Sistemi Operativi C.d.L. in Informatica (laurea triennale) Anno Accademico 2010-2011 Dipartimento di Matematica e Informatica Catania Processi, Thread, IPC e Scheduling Prof. Mario Di Raimondo Processo

Dettagli

Definizione di processo. Un processo è un programma (o una parte di una programma) in corso di esecuzione

Definizione di processo. Un processo è un programma (o una parte di una programma) in corso di esecuzione SISTEMI OPERATIVI (parte prima - gestione dei processi) Tra i compiti di un sistema operativo sicuramente troviamo i seguenti: Gestione dei processi Gestione della memoria Gestione del file-system Ci occuperemo

Dettagli

Il Sistema Operativo

Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo Il Sistema Operativo (S.O.) è un insieme di programmi interagenti che consente agli utenti e ai programmi applicativi di utilizzare al meglio le risorse del Sistema

Dettagli

Processi programma processo processo Stati di un processo Attesa di caricamento new Pronto ( ready ) Esecuzione running Waiting ( in Attesa )

Processi programma processo processo Stati di un processo Attesa di caricamento new Pronto ( ready ) Esecuzione running Waiting ( in Attesa ) Processi Un processo è l insieme delle azioni compiute dal processore per eseguire un programma. Si può semplificare dicendo che "un processo è un programma in esecuzione". Per meglio definire un processo

Dettagli

Sincronizzazione. Soluzioni hardware Stefano Quer Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino

Sincronizzazione. Soluzioni hardware Stefano Quer Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino Sincronizzazione Soluzioni hardware Stefano Quer Dipartimento di Automatica e Informatica Politecnico di Torino 2 Soluzioni hardware Le soluzioni hardware al problema della SC possono essere classificate

Dettagli

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti

Nascita di Java. Che cos e Java? Caratteristiche di Java. Java: linguaggio a oggetti Nascita di Java L uscita di Java, verso la metà degli anni novanta, fu accolta con molto entusiasmo dalla comunità dei programmatori e dei provider di servizi internet perché permetteva agli utenti del

Dettagli

GESTIONE INFORMATICA DEI DATI AZIENDALI

GESTIONE INFORMATICA DEI DATI AZIENDALI GESTIONE INFORMATICA DEI DATI AZIENDALI Alberto ZANONI Centro Vito Volterra Università Tor Vergata Via Columbia 2, 00133 Roma, Italy zanoni@volterra.uniroma2.it Rudimenti di programmazione Programming

Dettagli

Multithreading in Java. Fondamenti di Sistemi Informativi 2014-2015

Multithreading in Java. Fondamenti di Sistemi Informativi 2014-2015 Multithreading in Java Fondamenti di Sistemi Informativi 2014-2015 Multithreading La programmazione concorrente consente di eseguire più processi o thread nello stesso momento. Nel secondo caso si parla

Dettagli

CAPITOLO 7 - SCAMBIO DI MESSAGGI

CAPITOLO 7 - SCAMBIO DI MESSAGGI CAPITOLO 7 - SCAMBIO DI MESSAGGI Lo scambio di messaggi è una forma di comunicazione nel quale un processo richiede al sistema operativo di mandare dei dati direttamente ad un altro processo. In alcuni

Dettagli

Introduzione ai sistemi operativi

Introduzione ai sistemi operativi Introduzione ai sistemi operativi Che cos è un S.O.? Shell Utente Utente 1 2 Utente N Window Compilatori Assembler Editor.. DB SOFTWARE APPLICATIVO System calls SISTEMA OPERATIVO HARDWARE Funzioni di un

Dettagli

Descrizione di un algoritmo

Descrizione di un algoritmo Descrizione di un algoritmo Un algoritmo descrive due tipi fondamentali di oper: calcoli ottenibili tramite le oper primitive su tipi di dato (valutazione di espressioni) che consistono nella modifica

Dettagli

Una funzione è detta ricorsiva se chiama, direttamente o indirettamente, se stessa. In C tutte le funzioni possono essere usate ricorsivamente.

Una funzione è detta ricorsiva se chiama, direttamente o indirettamente, se stessa. In C tutte le funzioni possono essere usate ricorsivamente. Ricorsione Funzioni ricorsive Una funzione è detta ricorsiva se chiama, direttamente o indirettamente, se stessa. In C tutte le funzioni possono essere usate ricorsivamente. Un esempio di funzione ricorsiva

Dettagli

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 3 LEZIONE PROCESSI CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Operativi 2007/08

Sistemi Operativi. ugoerr+so@dia.unisa.it 3 LEZIONE PROCESSI CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA. Sistemi Operativi 2007/08 Sistemi Operativi Docente: Ugo Erra ugoerr+so@dia.unisa.it 3 LEZIONE PROCESSI CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INFORMATICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DELLA BASILICATA Sommario della lezione Concetto di processo

Dettagli

Synchronized (ancora)

Synchronized (ancora) Synchronized (ancora) Riscriviamo l esempio di prima. Usiamo una struttura modulare, con una classe Notificatore che ha opportuni metodi. La classe ha due campi privati, la lista buftext e un suo thread.

Dettagli

Sottoprogrammi: astrazione procedurale

Sottoprogrammi: astrazione procedurale Sottoprogrammi: astrazione procedurale Incapsulamento di un segmento di programma presente = false; j = 0; while ( (j

Dettagli

Appunti tratti dal videocorso on-line di Algoritmi e Programmazione Avanzata By ALeXio

Appunti tratti dal videocorso on-line di Algoritmi e Programmazione Avanzata By ALeXio Appunti tratti dal videocorso on-line di Algoritmi e Programmazione Avanzata By ALeXio 1-La memoria dinamica La scrittura di un programma (indipendentemente dal linguaggio adottato) deve sempre tener conto

Dettagli

Sincronizzazione e coordinamento nel distribuito

Sincronizzazione e coordinamento nel distribuito Sincronizzazione e coordinamento nel distribuito Sincronizzazione in sistemi centralizzati uso di primitive basate implicitamente sull esistenza della memoria condivisa Sincronizzazione in sistemi distribuiti

Dettagli