PROVA PENETROMETRICA STATICA CPT 3 VALUTAZIONI LITOLOGICHE

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "PROVA PENETROMETRICA STATICA CPT 3 VALUTAZIONI LITOLOGICHE"

Transcript

1 PROVA PENETROMETRICA STATICA CPT 3 VALUTAZIONI LITOLOGICHE - note : - scala vert.: 1 : 100 m Rp/RL (Litologia Begemann 1965 A.G.I. 1977) Rp - RL/Rp (Litologia Schmertmann 1978) Torbe ed Limi ed Limi sabb. Sabbie e A Argille organiche Argille Sabbie lim. Sabbie e Ghiaie O A A A A A A S S S S S t t m c cc SL AL s m d C 0, ,0 0,0 1,0 1,0 1,0 2,0 2,0 2,0 3,0 3,0 3,0 4,0 4,0 4,0 5,0 5,0 5,0 6,0 6,0 6,0 7,0 7,0 7,0 8,0 8,0 8,0 9,0 9,0 9,0 10,0 10,0 10,0 11,0 11,0 11,0 12,0 12,0 12,0 13,0 13,0 13,0 14,0 14,0 14,0 15,0 15,0 15,0 16,0 16,0 16,0 17,0 17,0 17,0 18,0 18,0 18,0 19,0 19,0 19,0 20,0 20,0 20,0

2 PROVA PENETROMETRICA STATICA CPT 4 VALUTAZIONI LITOLOGICHE - note : - scala vert.: 1 : 100 m Rp/RL (Litologia Begemann 1965 A.G.I. 1977) Rp - RL/Rp (Litologia Schmertmann 1978) Torbe ed Limi ed Limi sabb. Sabbie e A Argille organiche Argille Sabbie lim. Sabbie e Ghiaie O A A A A A A S S S S S t t m c cc SL AL s m d C 0, ,0 0,0 1,0 1,0 1,0 2,0 2,0 2,0 3,0 3,0 3,0 4,0 4,0 4,0 5,0 5,0 5,0 6,0 6,0 6,0 7,0 7,0 7,0 8,0 8,0 8,0 9,0 9,0 9,0 10,0 10,0 10,0 11,0 11,0 11,0 12,0 12,0 12,0 13,0 13,0 13,0 14,0 14,0 14,0 15,0 15,0 15,0 16,0 16,0 16,0 17,0 17,0 17,0 18,0 18,0 18,0 19,0 19,0 19,0 20,0 20,0 20,0

3 PROVA PENETROMETRICA STATICA CPT 5 VALUTAZIONI LITOLOGICHE - note : - scala vert.: 1 : 100 m Rp/RL (Litologia Begemann 1965 A.G.I. 1977) Rp - RL/Rp (Litologia Schmertmann 1978) Torbe ed Limi ed Limi sabb. Sabbie e A Argille organiche Argille Sabbie lim. Sabbie e Ghiaie O A A A A A A S S S S S t t m c cc SL AL s m d C 0, ,0 0,0 1,0 1,0 1,0 2,0 2,0 2,0 3,0 3,0 3,0 4,0 4,0 4,0 5,0 5,0 5,0 6,0 6,0 6,0 7,0 7,0 7,0 8,0 8,0 8,0 9,0 9,0 9,0 10,0 10,0 10,0 11,0 11,0 11,0 12,0 12,0 12,0 13,0 13,0 13,0 14,0 14,0 14,0 15,0 15,0 15,0 16,0 16,0 16,0 17,0 17,0 17,0 18,0 18,0 18,0 19,0 19,0 19,0 20,0 20,0 20,0

4 PROVA PENETROMETRICA STATICA CPT 1 TABELLA PARAMETRI GEOTECNICI - note : Installato piezometro, metri pagina : 1 NATURA COESIVA NATURA GRANULARE Prof. qc qc/fs Natura Y' d'vo Cu OCR Eu50 Eu25 Mo Dr ø1s ø2s ø3s ø4s ødm ømy Amax/g E'50 E'25 Mo m kg/cm² (-) Litol. t/m³ kg/cm² kg/cm² (-) kg/cm² kg/cm² % ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) (-) kg/cm² kg/cm² 0, ??? 1,85 0, , ??? 1,85 0, , /:/: 1,85 0,11 2,33 99, , , //// 1,85 0,15 0,75 47, , //// 1,85 0,19 0,67 31, , //// 1,85 0,22 0,75 28, , /:/: 1,85 0,26 0,82 26, , , //// 1,85 0,30 0,75 20, , /:/: 1,85 0,33 0,82 19, , , /:/: 1,85 0,37 1,03 22, , , /:/: 1,85 0,41 0,91 17, , , /:/: 1,85 0,44 0,80 13, , , /:/: 1,85 0,48 0,80 11, , , //// 1,85 0,52 0,60 7, , //// 1,85 0,55 0,40 4, , //// 1,85 0,59 0,57 6, , //// 1,85 0,63 0,45 4, , //// 1,85 0,67 0,35 2, , //// 1,85 0,70 0,35 2, , /:/: 1,85 0,74 0,45 3, , //// 1,85 0,78 0,40 2, , //// 1,85 0,81 0,35 2, , *** 1,85 0,85 0,35 2, , /:/: 1,85 0,89 0,30 1, , *** 1,85 0,93 0,30 1, , *** 1,85 0,96 0,30 1, , /:/: 1,85 1,00 1,03 6, , , :::: 1,85 1, , , /:/: 1,85 1,07 0,95 5, , , //// 1,85 1,11 0,64 3, , //// 1,85 1,15 0,40 1, , //// 1,85 1,18 0,40 1, , //// 1,85 1,22 0,45 1, , //// 1,85 1,26 0,40 1, , //// 1,85 1,30 0,40 1, , //// 1,85 1,33 0,45 1, , /:/: 1,85 1,37 0,57 2, , //// 1,85 1,41 0,64 2, , //// 1,85 1,44 0,50 1, , *** 1,85 1,48 0,35 1, , //// 1,85 1,52 0,40 1, , //// 1,85 1,55 0,50 1, , //// 1,85 1,59 0,40 1, , //// 1,85 1,63 0,67 2, , //// 1,85 1,66 0,50 1, , //// 1,85 1,70 0,50 1, , //// 1,85 1,74 0,57 1, , //// 1,85 1,78 0,60 1, , //// 1,85 1,81 0,67 1,

5 PROVA PENETROMETRICA STATICA CPT 2 TABELLA PARAMETRI GEOTECNICI - note : - pagina : 1 NATURA COESIVA NATURA GRANULARE Prof. qc qc/fs Natura Y' d'vo Cu OCR Eu50 Eu25 Mo Dr ø1s ø2s ø3s ø4s ødm ømy Amax/g E'50 E'25 Mo m kg/cm² (-) Litol. t/m³ kg/cm² kg/cm² (-) kg/cm² kg/cm² % ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) (-) kg/cm² kg/cm² 0, ??? 1,85 0, , ??? 1,85 0, , /:/: 1,85 0,11 1,13 99, , , //// 1,85 0,15 0,75 47, , //// 1,85 0,19 0,64 29, , //// 1,85 0,22 0,72 27, , //// 1,85 0,26 0,75 23, , /:/: 1,85 0,30 0,82 22, , , //// 1,85 0,33 0,78 18, , //// 1,85 0,37 0,67 13, , /:/: 1,85 0,41 0,89 16, , , /:/: 1,85 0,44 0,97 16, , , /:/: 1,85 0,48 1,07 17, , , /:/: 1,85 0,52 1,07 15, , , /:/: 1,85 0,55 1,27 17, , , /:/: 1,85 0,59 0,85 9, , , /:/: 1,85 0,63 0,87 9, , , /:/: 1,85 0,67 0,87 8, , , /:/: 1,85 0,70 0,95 9, , , /:/: 1,85 0,74 0,89 7, , , /:/: 1,85 0,78 0,89 7, , , //// 1,85 0,81 0,67 4, , //// 1,85 0,85 0,78 5, , //// 1,85 0,89 0,72 4, , //// 1,85 0,93 0,64 3, , /:/: 1,85 0,96 0,60 3, , , /:/: 1,85 1,00 0,67 3, , , /:/: 1,85 1,04 0,67 3, , , //// 1,85 1,07 0,57 2, , //// 1,85 1,11 0,78 4, , /:/: 1,85 1,15 0,97 5, , , /:/: 1,85 1,18 1,00 5, , , /:/: 1,85 1,22 0,89 4, , , /:/: 1,85 1,26 0,91 4, , , :::: 1,85 1, , , :::: 1,85 1, , , /:/: 1,85 1,37 1,90 9, , , :::: 1,85 1, , , :::: 1,85 1, , , :::: 1,85 1, , , :::: 1,85 1, , , :::: 1,85 1, , , :::: 1,85 1, , , :::: 1,85 1, , , :::: 1,85 1, , , :::: 1,85 1, , , :::: 1,85 1, , , :::: 1,85 1, , , :::: 1,85 1, ,

6 PROVA PENETROMETRICA STATICA CPT 3 TABELLA PARAMETRI GEOTECNICI - note : - pagina : 1 NATURA COESIVA NATURA GRANULARE Prof. qc qc/fs Natura Y' d'vo Cu OCR Eu50 Eu25 Mo Dr ø1s ø2s ø3s ø4s ødm ømy Amax/g E'50 E'25 Mo m kg/cm² (-) Litol. t/m³ kg/cm² kg/cm² (-) kg/cm² kg/cm² % ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) (-) kg/cm² kg/cm² 0, ??? 1,85 0, , ??? 1,85 0, , //// 1,85 0,11 0,60 52, , //// 1,85 0,15 0,45 25, , //// 1,85 0,19 0,54 23, , //// 1,85 0,22 0,57 20, , //// 1,85 0,26 0,57 16, , //// 1,85 0,30 0,50 12, , //// 1,85 0,33 0,40 7, , //// 1,85 0,37 0,54 10, , //// 1,85 0,41 0,67 11, , //// 1,85 0,44 0,64 9, , //// 1,85 0,48 0,60 8, , //// 1,85 0,52 0,60 7, , //// 1,85 0,55 0,50 5, , //// 1,85 0,59 0,57 6, , //// 1,85 0,63 0,50 4, , /:/: 1,85 0,67 0,57 5, , , //// 1,85 0,70 0,78 7, , //// 1,85 0,74 0,64 5, , //// 1,85 0,78 0,57 4, , //// 1,85 0,81 0,40 2, , :::: 1,85 0, , , :::: 1,85 0, , , /:/: 1,85 0,93 1,60 12, , , :::: 1,85 0, , , /:/: 1,85 1,00 2,17 16, , , /:/: 1,85 1,04 1,63 11, , , /:/: 1,85 1,07 1,23 7, , , :::: 1,85 1, , , :::: 1,85 1, , , :::: 1,85 1, , , :::: 1,85 1, , , :::: 1,85 1, , , :::: 1,85 1, , , /:/: 1,85 1,33 2,63 14, , , :::: 1,85 1, , , :::: 1,85 1, , , /:/: 1,85 1,44 3,23 17, , , :::: 1,85 1, , , :::: 1,85 1, , , :::: 1,85 1, , , /:/: 1,85 1,59 3,27 15, , , /:/: 1,85 1,63 3,90 18, , , :::: 1,85 1, , , :::: 1,85 1, , , :::: 1,85 1, , , :::: 1,85 1, , , /:/: 1,85 1,81 2,67 10, , , /:/: 1,85 1,85 2,50 9, , , /:/: 1,85 1,89 3,27 12, , , /:/: 1,85 1,92 3,63 13, , , :::: 1,85 1, , , :::: 1,85 2, , , /:/: 1,85 2,03 3,97 14, , , :::: 1,85 2, , , /:/: 1,85 2,11 6,03 23, , , :::: 1,85 2, , , /:/: 1,85 2,18 5,70 20, , , /:/: 1,85 2,22 4,57 15, , , /:/: 1,85 2,26 5,13 17, , , /:/: 1,85 2,29 0,78 1, , //// 1,85 2,33 0,60 1, , //// 1,85 2,37 0,78 1, , /:/: 1,85 2,40 0,80 1, , :::: 1,85 2, , , /:/: 1,85 2,48 2,57 6, , , /:/: 1,85 2,52 0,80 1, , :::: 1,85 2, , , /:/: 1,85 2,59 1,73 3, , , /:/: 1,85 2,63 1,90 4, , , /:/: 1,85 2,66 1,80 3, , , /:/: 1,85 2,70 1,80 3, , , :::: 1,85 2, , , :::: 1,85 2, , , /:/: 1,85 2,81 3,03 6, , , /:/: 1,85 2,85 1,17 2, , , /:/: 1,85 2,89 1,27 2, , , :::: 1,85 2, , , :::: 1,85 2, , , :::: 1,85 3, , , :::: 1,85 3, , , /:/: 1,85 3,07 1,80 3, , , //// 1,85 3,11 0,78 1, , /:/: 1,85 3,14 0,97 1, , :::: 1,85 3, , , /:/: 1,85 3,22 1,27 2, , , :::: 1,85 3, , , /:/: 1,85 3,29 1,30 2, , , :::: 1,85 3, , , :::: 1,85 3, , , /:/: 1,85 3,40 1,77 2, , , /:/: 1,85 3,44 1,57 2, , , :::: 1,85 3, , , :::: 1,85 3, , , :::: 1,85 3, , , :::: 1,85 3, , , :::: 1,85 3, , , :::: 1,85 3, ,

7 PROVA PENETROMETRICA STATICA CPT 4 TABELLA PARAMETRI GEOTECNICI - note : - pagina : 1 NATURA COESIVA NATURA GRANULARE Prof. qc qc/fs Natura Y' d'vo Cu OCR Eu50 Eu25 Mo Dr ø1s ø2s ø3s ø4s ødm ømy Amax/g E'50 E'25 Mo m kg/cm² (-) Litol. t/m³ kg/cm² kg/cm² (-) kg/cm² kg/cm² % ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) (-) kg/cm² kg/cm² 0, ??? 1,85 0, , ??? 1,85 0, , //// 1,85 0,11 0,72 65, , //// 1,85 0,15 0,72 45, , /:/: 1,85 0,19 0,80 39, , , /:/: 1,85 0,22 0,80 31, , , //// 1,85 0,26 0,70 21, , //// 1,85 0,30 0,60 15, , //// 1,85 0,33 0,60 13, , //// 1,85 0,37 0,75 15, , /:/: 1,85 0,41 0,82 15, , , /:/: 1,85 0,44 0,75 12, , , //// 1,85 0,48 0,54 7, , //// 1,85 0,52 0,50 6, , /:/: 1,85 0,55 1,13 15, , , /:/: 1,85 0,59 1,40 18, , , /:/: 1,85 0,63 1,47 18, , , /:/: 1,85 0,67 1,83 22, , , /:/: 1,85 0,70 3,47 46, , , /:/: 1,85 0,74 4,17 54, , , /:/: 1,85 0,78 6,00 80, , , /:/: 1,85 0,81 3,97 45, , , :::: 1,85 0, , , /:/: 1,85 0,89 6,83 80, , , /:/: 1,85 0,93 9,30 99, , , /:/: 1,85 0,96 9,17 99, , , :::: 1,85 1, ,

8 PROVA PENETROMETRICA STATICA CPT 5 TABELLA PARAMETRI GEOTECNICI - note : - pagina : 1 NATURA COESIVA NATURA GRANULARE Prof. qc qc/fs Natura Y' d'vo Cu OCR Eu50 Eu25 Mo Dr ø1s ø2s ø3s ø4s ødm ømy Amax/g E'50 E'25 Mo m kg/cm² (-) Litol. t/m³ kg/cm² kg/cm² (-) kg/cm² kg/cm² % ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) ( ) (-) kg/cm² kg/cm² 0, ??? 1,85 0, , ??? 1,85 0, , ??? 1,85 0, , //// 1,85 0,15 0,60 36, , //// 1,85 0,19 0,75 36, , //// 1,85 0,22 0,67 24, , //// 1,85 0,26 0,72 22, , //// 1,85 0,30 0,64 16, , //// 1,85 0,33 0,57 12, , //// 1,85 0,37 0,45 8, , //// 1,85 0,41 0,60 10, , //// 1,85 0,44 0,67 10, , //// 1,85 0,48 0,70 10, , //// 1,85 0,52 0,64 8, , //// 1,85 0,55 0,45 4, , //// 1,85 0,59 0,54 5, , //// 1,85 0,63 0,75 7, , //// 1,85 0,67 0,72 7, , //// 1,85 0,70 0,72 6, , //// 1,85 0,74 0,70 5, , //// 1,85 0,78 0,67 5, , //// 1,85 0,81 0,75 5, , //// 1,85 0,85 0,67 4, , //// 1,85 0,89 0,64 4, , //// 1,85 0,93 0,70 4, , //// 1,85 0,96 0,54 3, , //// 1,85 1,00 0,57 3, , //// 1,85 1,04 0,60 3, , //// 1,85 1,07 0,60 3, , //// 1,85 1,11 0,70 3, , //// 1,85 1,15 0,78 3, , //// 1,85 1,18 0,78 3, , //// 1,85 1,22 0,72 3, , //// 1,85 1,26 0,54 2, , //// 1,85 1,30 0,50 1, , //// 1,85 1,33 0,40 1, , //// 1,85 1,37 0,72 2, , //// 1,85 1,41 0,70 2, , //// 1,85 1,44 0,64 2, , //// 1,85 1,48 0,75 2, , /:/: 1,85 1,52 1,13 4, , , /:/: 1,85 1,55 0,89 3, , , //// 1,85 1,59 0,78 2, , /:/: 1,85 1,63 0,93 3, , , /:/: 1,85 1,66 0,98 3, , , /:/: 1,85 1,70 0,97 3, , , /:/: 1,85 1,74 1,00 3, , , /:/: 1,85 1,78 0,98 3, , , /:/: 1,85 1,81 0,95 2, ,

9 3 2 Terreno superficiale alterato e riporto e argille limose di medio-bassa con livelli limo-sabbiosi Argille limose di bassa di medio addensamento Prevalenti sabbie di buon addensamento di medio-buona Limi argilloso-sabbiosi consistenti di buona Limi sabbiosi e sabbie limose di medio-basso addensamento con livelli argillosi e argille limose consistenti Prevalenti sabbie ben addensate Sabbie limose di buon addensamento Prevalenti sabbie ben addensate Sabbie limose di buon addensamento Sabbie da grossolane a limose di buon addensamento Prevalenti sabbie ben addensate di media Sabbie limose di buon addensamento di medio addensamento di buona di medio addensamento e argille limose di medio-buona Limi argilloso-sabbiosi di bassa /addensamento Limi argilloso-sabbiosi consistenti ben addensate e argille limose di media di medio-buona e argille limose di medio-bassa di buona Argille limose di bassa di media e limi sabbiosi di buona Terreno superficiale alterato e riporto di media consistenti Limi argilloso-sabbiosi di media di bassa e limi sabbiosi di molto bassa di medio addensamento di bassa Limi argilloso-sabbiosi di medio-bassa di bassa di medio-bassa SEZIONI INTERPRETATIVE DI CORRELAZIONE TRA LE PROVE PENETROMETRICHE STATICHE (1)

10 4 3 e argille limose di medio-buona Limi argilloso-sabbiosi di bassa /addensamento Limi argilloso-sabbiosi consistenti ben addensate e argille limose di medio-bassa con livelli limo-sabbiosi Argille limose di bassa di medio addensamento Prevalenti sabbie di buon addensamento Prevalenti sabbie ben addensate Sabbie limose di buon addensamento Prevalenti sabbie ben addensate Sabbie limose di buon addensamento Prevalenti sabbie ben addensate di media Sabbie limose di buon addensamento di medio addensamento di buona di medio addensamento 5 2 Terreno superficiale alterato e riporto e argille limose di media di medio-buona e argille limose di medio-bassa di buona Argille limose di bassa di media e limi sabbiosi di buona di medio-buona Limi argilloso-sabbiosi consistenti di buona Limi sabbiosi e sabbie limose di medio-basso addensamento con livelli argillosi e argille limose consistenti Sabbie da grossolane a limose di buon addensamento SEZIONI INTERPRETATIVE DI CORRELAZIONE TRA LE PROVE PENETROMETRICHE STATICHE (2)

11 G.1 CARTA DI PERICOLOSITA' GEOMORFOLOGICA RELATIVA ALLA ZONA IN OGGETTO SCALA 1:2.000 G.4 G.3 G.2 G.1 Pericolosità geomorfologica molto elevata aree in cui sono presenti fenomeni attivi e relative aree di influenza Pericolosità geomorfologica elevata aree in cui sono presenti fenomeni quiescenti; aree con indizi di instabilità connessi alla giacitura, all'acclività, alla litologia, alla presenza di acque superficiali e sotterranee, nonché a processi di degrado di carattere antropico; aree interessate da intensi fenomeni erosivi e da subsidenza Pericolosità geomorfologica media aree in cui sono presenti fenomeni franosi inattivi stabilizzati (naturalmente o artificialmente); aree con elementi geomorfologici,litologici e giaciturali dalla cui valutazione risulta una bassa propensione al dissesto Pericolosità geomorfologica bassa aree in cui i processi geomorfologici e le caratteristiche litologiche, giaciturali non costituiscono fattori predisponenti al verificarsi di movimenti di massa

12 I.3 CARTA DI PERICOLOSITA' IDRAULICA RELATIVA ALLA ZONA IN OGGETTO - SCALA 1:2.000 I.4 I.3 I.2 I.1 Pericolosità idraulica molto elevata aree interessate da allagamenti per eventi con Tr 30 anni. Fuori dalle unità territoriali organiche elementari (UTOE) potenzialmente interessate da previsioni insediative e infrastrutturali, in presenza di aree non riconducibili agli ambiti di applicazione degli atti di pianificazione di bacino e in assenza di studi idrologici e idraulici, rientrano in classe di pericolosità molto elevata le aree di fondovalle non protette da opere idrauliche per le quali ricorrano contestualmente le seguenti condizioni: a) vi sono notizie storiche di inondazioni b) sono morfologicamente in situazione sfavorevole di norma a quote altimetriche inferiori rispetto alla quota posta a metri 2 sopra il piede esterno dell argine o, in mancanza, sopra il ciglio di sponda. Pericolosità idraulica elevata aree interessate da allagamenti per eventi compresi tra 30<Tr 200 anni. Fuori dalle unità territoriali organiche elementari (UTOE) potenzialmente interessate da previsioni insediative e infrastrutturali, in presenza di aree non riconducibili agli ambiti di applicazione degli atti di pianificazione di bacino e in assenza di studi idrologici idraulici, rientrano in classe di pericolosità elevata le aree di fondovalle per le quali ricorra almeno una delle seguenti condizioni: a) vi sono notizie storiche di inondazioni b) sono morfologicamente in condizione sfavorevole di norma a quote altimetriche inferioririspetto alla quota posta a metri 2 sopra il piede esterno dell argine o, in mancanza, sopra il ciglio di sponda. Pericolosità idraulica media aree interessate da allagamenti per eventi compresi tra 200<Tr 500 anni. Fuori dalle unità territoriali organiche elementari (UTOE) potenzialmente interessate da previsioni insediative e infrastrutturali, in presenza di aree non riconducibili agli ambiti di applicazione degli atti di pianificazione di bacino e in assenza di studi idrologici idraulici, rientrano in classe di pericolosità media le aree di fondovalle per le quali ricorrano le seguenti condizioni: a) non vi sono notizie storiche di inondazioni b) sono in situazione di alto morfologico rispetto alla piana alluvionale adiacente, di norma a quote altimetriche superiori a metri 2 rispetto al piede esterno dell argine o, in mancanza, al ciglio di sponda. Pericolosità idraulica bassa aree collinari o montane prossime ai corsi d acqua per le quali ricorrono le seguenti condizioni: a) non vi sono notizie storiche di inondazioni b) sono in situazioni favorevoli di alto morfologico, di norma a quote altimetriche superiori a metri 2 rispetto al piede esterno dell argine o, in mancanza, al ciglio di sponda.

13 9 ZONE A MAGGIOR PERICOLOSITA' SISMICA LOCALE (ZMPSL) SCALA 1:2.000 (zona 3s - ag/g = 0,25) 9 zona 9 : presenza di depositi alluvionali granulari e/o sciolti

14 S.3 CARTA DELLA PERICOLOSITA' SISMICA LOCALE - SCALA 1:2.000 (zona 3s - ag/g = 0,25) S.4 pericolosità sismica locale molto elevata S.3 pericolosità sismica locale elevata aree con possibile amplificazione dovuta a effetti stratigrafici ( ZMPSL 9) in comune classificato in zona 3s S.2 pericolosità sismica locale media S.1 pericolosità sismica locale bassa

15 N Fg 2 Fi 3 Fs 3 CARTA DELLA FATTIBILITA' RELATIVAMENTE ALL'AREA IN OGGETTO - scala 1:2.000 Fg = 2 - fattibilità in relazione agli aspetti geomorfologici Fi = 3 - fattibilità in relazione agli aspetti idraulici Fs = 3 - fattibilità in relazione agli aspetti sismici F4 F3 F2 F1 Fattibilità limitata si riferisce alle previsioni urbanistiche ed infrastrutturali la cui attuazione è subordinata alla realizzazione di interventi di messa in sicurezza che vanno individuati e definiti in sede di redazione del medesimo regolamento urbanistico, sulla base di studi e verifiche atti a determinare gli elementi di base utili per la predisposizione della relativa progettazione. Fattibilità condizionata si riferisce alle previsioni urbanistiche ed infrastrutturali per le quali, ai fini della individuazione delle condizioni di compatibilità degli interventi con le situazioni di pericolosità riscontrate, è necessario definire la tipologia degli approfondimenti di indagine da svolgersi in sede di predisposizione dei piani complessi di intervento o dei piani attuativi o, in loro assenza, in sede di predisposizione dei progetti edilizi. Fattibilità con normali vincoli si riferisce alle previsioni urbanistiche ed infrastrutturali per le quali è necessario indicare la tipologia di indagini e/o specifiche prescrizioni ai fini della valida formazione del titolo abilitativo all attività edilizia. Fattibilità senza particolari limitazioni si riferisce alle previsioni urbanistiche ed infrastrutturali per le quali non sono necessarie prescrizioni specifiche ai fini della valida formazione del titolo abilitativo all attività edilizia.

Andrea Casella Geologo

Andrea Casella Geologo Andrea Casella Geologo studio tecnico Piazza Berlinguer 38, 56010 Metato (San Giuliano Terme - PI) COMUNE DI EMPOLI (FI) PIANO URBANISTICO ATTUATIVO EX SEDE FABBRICA FIAMMIFERI ANGIOLO ROSSELLI E F.LLI

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI. 2 7.5.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 il seguente Regolamento: INDICE

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI. 2 7.5.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 il seguente Regolamento: INDICE 2 7.5.2007 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 il seguente Regolamento: SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 27 aprile 2007, n. 26/R Regolamento

Dettagli

PROVA PENETROMETRICA STATICA CPT 1 LETTURE DI CAMPAGNA / VALORI DI RESISTENZA 3.010496-143

PROVA PENETROMETRICA STATICA CPT 1 LETTURE DI CAMPAGNA / VALORI DI RESISTENZA 3.010496-143 PROVA PENETROMETRICA STATICA CPT 1 LETTURE DI CAMPAGNA / VALORI DI RESISTENZA 3.010496-143 - resp. cantiere: prf LP LL Rp RL Rp/Rl - - Kg/c² Kg/c² - prf LP LL Rp RL Rp/Rl - - Kg/c² Kg/c² - 0,20 ---- ----

Dettagli

COMUNE DI CASTELFIORENTINO (FI)

COMUNE DI CASTELFIORENTINO (FI) COMUNE DI CASTELFIORENTINO (FI) REGOLAMENTO URBANISTICO QUARTA VARIANTE INDAGINI GEOLOGICO-TECNICHE ED IDRAULICHE RELAZIONE SCHEDE DI FATTIBILITA ***************************** 1 - PREMESSA In data 30/12/2003

Dettagli

CPT 3 riferimento PROVA PENETROMETRICA STATICA MECCANICA DIAGRAMMI DI RESISTENZA E LITOLOGIA. San Sep

CPT 3 riferimento PROVA PENETROMETRICA STATICA MECCANICA DIAGRAMMI DI RESISTENZA E LITOLOGIA. San Sep DIAGRAMMI DI RESISTENZA E LITOLOGIA CPT 3 Coittente: U.M.: kg/c² 12/04/2011 Scala: 1:50 Quota inizio: qc 25 50 75 100 125 150 175 200 225 250 fs 2.7 5.3 8.0 litostratigrafia 0 0 1 1 2 2 3 3 4 4 5 5 6 6

Dettagli

COMUNE DI PIAN DI SCÒ REGOLAMENTO URBANISTICO 2012 VARIANTE 1 INDAGINI GEOLOGICHE

COMUNE DI PIAN DI SCÒ REGOLAMENTO URBANISTICO 2012 VARIANTE 1 INDAGINI GEOLOGICHE COMUNE DI PIAN DI SCÒ PROVINCIA DI AREZZO REGOLAMENTO URBANISTICO 2012 AI SENSI AI SENSI DEL DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE 25 OTTOBRE 2011 N. 53/R LUNGARNO GUIDO RENI N. 55 52027 SAN GIOVANNI

Dettagli

SCHEDA DI FATTIBILITA IDRAULICA, GEOMORFOLOGICA E SISMICA Identificativo schede tecniche D1 Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento

SCHEDA DI FATTIBILITA IDRAULICA, GEOMORFOLOGICA E SISMICA Identificativo schede tecniche D1 Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento Identificativo schede tecniche D1 Ubicazione Via Cantagallo Cimitero di Figline Inquadramento territoriale da P.S. Ambito agrario storico Geologia e litologia Terreni lapidei : Gabbri Aree di bordo valle

Dettagli

STUDIO GEOLOGICO DOTT. GEOL. ALESSANDRO MURRATZU

STUDIO GEOLOGICO DOTT. GEOL. ALESSANDRO MURRATZU 1 PREMESSA A seguito dell'incarico ricevuto dall'amministrazione Comunale di San Casciano in Val di Pesa (Provincia di Firenze), è stata condotta un'indagine geologico-tecnica di supporto al Regolamento

Dettagli

GEOMORFOLOGIA E GEOLOGIA GENERALE. Introduzione alla realizzazione delle CARTE di PERICOLOSITA CARTA GEOLOGICA E GEOMORFOLOGICA

GEOMORFOLOGIA E GEOLOGIA GENERALE. Introduzione alla realizzazione delle CARTE di PERICOLOSITA CARTA GEOLOGICA E GEOMORFOLOGICA COMUNE DI G R O S S E T O CARTA GEOLOGICA Indagini geologico-tecniche di supporto alla variante di P.R.G. 1)Complesso edilizio di Via Fiesole, ex campo della Fiera 2)Edificio di Via Cairoli, sede camerale

Dettagli

Studio di Geologia GEODES. Provincia di Lucca Comune di Gallicano Frazione Bolognana

Studio di Geologia GEODES. Provincia di Lucca Comune di Gallicano Frazione Bolognana Studio di Geologia GEODES via Valmaira, 14 55032 Castelnuovo Garfagnana (LU) tel / fax 0583-644096 e.mail : geodes@inwind.it - geodes.studio@gmail.com Provincia di Lucca Comune di Gallicano Frazione Bolognana

Dettagli

COMUNE DI SCANDICCI Provincia di Firenze

COMUNE DI SCANDICCI Provincia di Firenze VIA LA QUERCE, 58/A 50067 RIGNANO SULL ARNO (FI) P.IVA 06003030480 - TEL 3293388892 FAX 0558349364 MICHELECECCHI@DILUVIO.IT COMUNE DI SCANDICCI Provincia di Firenze VARIANTE PEEP BADIA A SETTIMO E SAN

Dettagli

INDICE INDICE DELLE TAVOLE DEL TESTO

INDICE INDICE DELLE TAVOLE DEL TESTO INDICE 1. PREMESSA Pag. 3 2. NOTE ESPLICATIVE ALLA CARTA DELLE MICROZONE OMOGENEE IN PROSPETTIVA SISMICA (LIVELLO1) Pag. 4 3. NOTE ESPLICATIVE ALLA CARTA DELLA FATTIBILITÀ DELLE SCHEDE DELLA VARIANTE Pag.

Dettagli

Piano Operativo Comunale

Piano Operativo Comunale ALLEGATO 1 Relazione geologica sismica Variante al Piano Operativo Comunale L.R. 20/2000 e s.m. ai sensi dell art. 34 Adozione C.C. n.171 del 18.12.2008 Approvazione C.C. n. 57 del 28.05.2009 Comune di

Dettagli

CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOLOGICI PER I DIFFERENTI LIVELLI DI PIANIFICAZIONE PIANO STRUTTURALE COMUNALE O SUE VARIANTI GENERALI

CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOLOGICI PER I DIFFERENTI LIVELLI DI PIANIFICAZIONE PIANO STRUTTURALE COMUNALE O SUE VARIANTI GENERALI CONTENUTI MINIMI DEGLI STUDI GEOLOGICI PER I DIFFERENTI LIVELLI DI PIANIFICAZIONE PIANO STRUTTURALE COMUNALE O SUE VARIANTI GENERALI RELAZIONE GEOLOGICA E GEOLOGICO-TECNICA Contenuti: Illustrazione degli

Dettagli

Relazione di calcolo per la prova penetrometrica statica (C.P.T.)

Relazione di calcolo per la prova penetrometrica statica (C.P.T.) Relazione di calcolo per la prova penetrometrica statica (C.P.T.) In data giovedì 13 marzo 2014, in località Torino, per conto del committente Luca Bianchi, l'impresa geostrati ha condotto un indagine

Dettagli

COMUNE DI CASTELLINA M.ma Provincia di Pisa

COMUNE DI CASTELLINA M.ma Provincia di Pisa Studio di Geologia COMUNE DI CASTELLINA M.ma Provincia di Pisa Variante al Regolamento Urbanistico INDAGINI GEOLOGICO TECNICHE ai sensi del D.P.G.R. 53/R del 25/10/2011 di supporto alla fattibilità degli

Dettagli

INDAGINI GEOGNOSTICHE (2004)

INDAGINI GEOGNOSTICHE (2004) INDAGINI GEOGNOSTICHE (2004) LOGS E DOCUMENTAZIONE FOTOGRAFICA DEI SONDAGGI GEOGNOSTICI . Sondaggio n 1 Località: S. Concordio - Viale Europa Committente: ANAS Quota p.c. sondaggio (in m s.l.m.): 12.0

Dettagli

ANALISI PROVE STATICHE CON PENETROMETRO MECCANICO [CPT] Committente: dott. Bassi Localita': San Bassano. Data: 16/03/2009

ANALISI PROVE STATICHE CON PENETROMETRO MECCANICO [CPT] Committente: dott. Bassi Localita': San Bassano. Data: 16/03/2009 ANALISI PROVE STATICHE CON PENETROMETRO MECCANICO [CPT] Committente: dott. Bassi Localita': San Bassano Data: 16/03/2009 Passo delle misure = 20,00 cm. Profondità della falda = 1,3 m. PROVA PENETROMETRICA

Dettagli

3a Territorio e urbanistica d.p.g.r. 53/R/2011 1

3a Territorio e urbanistica d.p.g.r. 53/R/2011 1 3a Territorio e urbanistica d.p.g.r. 53/R/2011 1 Decreto del Presidente della Giunta Regionale 25 ottobre 2011, n. 53/R Regolamento di attuazione dell articolo 62 della legge regionale 3 gennaio 2005,

Dettagli

Comune di Marciana Indagini geologiche a supporto del RU Provincia di Livorno Relazione Tecnico-Normativa Pag. 0

Comune di Marciana Indagini geologiche a supporto del RU Provincia di Livorno Relazione Tecnico-Normativa Pag. 0 Pag. 0 INDICE Premessa... 2 1. Sintesi del Quadro Conoscitivo... 3 2. Elaborati delle indagini geologiche del RU di Marciana... 5 3. Definizione delle Classi di Pericolosità Geomorfologica ed Idraulica...

Dettagli

RELAZIONE INTEGRATIVA

RELAZIONE INTEGRATIVA COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) INDAGINE GEOLOGICO TECNICA DI SUPPORTO ALLA VARIANTE DEL PORTO TURISTICO DI TALAMONE (D.P.G.R.T. N 26/R/2007) RELAZIONE INTEGRATIVA Consulenti: Dr. Geol. STEFANO

Dettagli

RELAZIONE GEOLOGICA P.A.T. COMUNE DI PRAMAGGIORE APRILE 2011 SCALA ELABORATO. Provincia di Venezia REGIONE VENETO

RELAZIONE GEOLOGICA P.A.T. COMUNE DI PRAMAGGIORE APRILE 2011 SCALA ELABORATO. Provincia di Venezia REGIONE VENETO COMUNE DI PRAMAGGIORE Provincia di Venezia P.A.T. ELABORATO 11 SCALA RELAZIONE GEOLOGICA Azzano Decimo REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA Chions REGIONE VENETO Direzione Urbanistica e paesaggio U.P.

Dettagli

GEOCON CORRELAZIONI PER L INTERPRETAZIONE DELLE PROVE IN SITO DEFINIZIONI

GEOCON CORRELAZIONI PER L INTERPRETAZIONE DELLE PROVE IN SITO DEFINIZIONI DEFINIZIONI NSPT Qc Fs Pvo P vo numero colpi / 30 cm della prova penetrometrica SPT resistenza statica alla punta della prova penetrometrica statica CPT resistenza specifica laterale della prova penetrometrica

Dettagli

Comune di Montecarlo. revisione quinquennale - art. 55 L.R. 03.01.2005 n. 1. Disciplina dell integrità fisica del suolo fattibilità geologica

Comune di Montecarlo. revisione quinquennale - art. 55 L.R. 03.01.2005 n. 1. Disciplina dell integrità fisica del suolo fattibilità geologica Comune di Montecarlo Provincia di Lucca Disciplina dell integrità fisica del suolo fattibilità geologica Sindaco Giuseppe Pieretti Assessore all urbanistica Moreno Panattoni Responsabile del procedimento:

Dettagli

RELAZIONE GEOLOGICO-SISMICA

RELAZIONE GEOLOGICO-SISMICA RELAZIONE GEOLOGICO-SISMICA OGGETTO: Ambito ATr0 Comparto A stralcio Loc.: Via Veneto - Suzzara (MN) - Ordinanza PCM n 27 del 20 marzo 200 - Decreto Ministeriale Gennaio 2008 - D.G.R. n. 9 del 7 Novembre

Dettagli

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee

g) Esondazioni e dissesti morfologici di carattere torrentizio: area a pericolosità molto elevata Ee NORME DI ATTUAZIONE Art. 1 Norma transitoria Le norme relative al dissesto sono da ritenersi transitorie fino all'approvazione (previa intesa con l'autorità di Bacino) del PTCP 2007. Il PSC dovrà adeguarsi

Dettagli

- I fabbricati e la viabilità interna devono essere disposti limitando la lunghezza degli allineamenti nel senso di scorrimento delle acque.

- I fabbricati e la viabilità interna devono essere disposti limitando la lunghezza degli allineamenti nel senso di scorrimento delle acque. 12/8 CONDIZIONAMENTI IDROGEOLOGICI 1. Il P.R.G.C. individua alla tav. P3a-b Carta di Sintesi geomorfologica le aree in cui le condizioni idrogeomorfologiche impongono limitazioni agli interventi consentiti

Dettagli

INDICE INDICE DELLE TAVOLE ALLEGATI. Inquadramento topografico. Tavola 1 Tavola 2. Inquadramento geologico. Tavola 3. Estratti da P.S.

INDICE INDICE DELLE TAVOLE ALLEGATI. Inquadramento topografico. Tavola 1 Tavola 2. Inquadramento geologico. Tavola 3. Estratti da P.S. INDICE 1.PREMESSA... 2 2. UBICAZIONE E DESCRIZIONE DELL INTERVENTO... 2 3. INQUADRAMENTO GEOLOGICO, GEOMORFOLOGICO E IDROGEOLOGICO DELL AREA... 3 4. L AREA NEL PIANO STRUTTURALE DI SAN GIULIANO TERME...

Dettagli

INDICE. 1 CARTA DI PERICOLOSITÀ GEOLOGICA pag. 3 1.1 Effetti sismici locali pag. 8

INDICE. 1 CARTA DI PERICOLOSITÀ GEOLOGICA pag. 3 1.1 Effetti sismici locali pag. 8 INDICE 1 CARTA DI PERICOLOSITÀ GEOLOGICA pag. 3 1.1 Effetti sismici locali pag. 8 2 CARTA DELLA PERICOLOSITÀ IDRAULICA pag. 11 2.1 Analisi qualitativa del rischio. Le casse di espansione e i benefici sulla

Dettagli

PROGETTO DEFINITIVO 1.4 - RELAZIONE GEOLOGICA E RAPPORTO INDAGINI GEOTECNICHE IMPORTO 3.000.000,00 LUGLIO 2013

PROGETTO DEFINITIVO 1.4 - RELAZIONE GEOLOGICA E RAPPORTO INDAGINI GEOTECNICHE IMPORTO 3.000.000,00 LUGLIO 2013 REGIONE DEL VENETO - DIREZIONE PROGETTO VENEZIA DGRV 1270 DEL 05.05.2009, RIPARTO DEI FONDI 2007-2009 (L. 296/2006) DCRV N 11 DEL 05.03.2009 - SCHEDA PROGETTO D7 RICALIBRATURA DELLA RETE SCOLANTE DI BONIFICA

Dettagli

4$5 (2% 1 (...* (.. ("2 2 (.." "")" ' 3 3.%.&( % ( (2%%.""".("2 % +.* %# ) <% "" " 3 3"". 0 %' 3'=..(' >6 6%4(5 ) <3 3"".

4$5 (2% 1 (...* (.. (2 2 (.. ) ' 3 3.%.&( % ( (2%%..(2 % +.* %# ) <%   3 3. 0 %' 3'=..(' >6 6%4(5 ) <3 3. 1 Premessa... 3 1.1 Normativa di riferimento... 5 2 Inquadramento dell area... 6 3 Inquadramento geologico e geomorfologico regionale... 8 4 Indagini geotecniche in situ... 17 4.1 Modalità d indagini...

Dettagli

PROVINCIA DI PERUGIA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA

PROVINCIA DI PERUGIA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA Dott. Geol. Antonio Forini Dott. Geol. Sara Serena Fabris Dott. Geol. Carlo Ricci PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI BASTIA UMBRA INTEGRAZIONE ALLA RELAZIONE GEOLOGICA PRELIMINARE GENERALE DI FATTIBILITA PIANO

Dettagli

Regione Lombardia. Provincia di Pavia COMUNE DI CURA CARPIGNANO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

Regione Lombardia. Provincia di Pavia COMUNE DI CURA CARPIGNANO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO Regione Lombardia Provincia di Pavia COMUNE DI CURA CARPIGNANO PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ai sensi della L. R. per il Governo del Territorio del 11.03.2005 n 12 Gennaio 2008 NORME GEOLOGICHE DI PIANO

Dettagli

1. PREMESSA 2. METODOLOGIA D'INDAGINE

1. PREMESSA 2. METODOLOGIA D'INDAGINE INDICE 1.PREMESSA pag. 3 2. METODOLOGIA DI INDAGINE pag. 3 2.1 Criteri di definizione delle Classi di Pericolosità pag. 4 2.1.1 Aree soggette a problematiche di instabilità (Aree a pericolosità geomorfologica)

Dettagli

RELAZIONE GEOLOGICA DI FATTIBILITA

RELAZIONE GEOLOGICA DI FATTIBILITA RELAZIONE GEOLOGICA DI FATTIBILITA ADOZIONE 2011 GEOLOGIA & AMBIENTE INDICE PREMESSA... 3 1. AGGIORNAMENTO DELLE CONDIZIONI DI PERICOLOSITA SECONDO IL REGOLAMENTO 26/R... 3 1.1. Generalità... 3 1.2. La

Dettagli

Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione di edifici strategici e monumentali

Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione di edifici strategici e monumentali INGV - Gruppo Nazionale per la Difesa dai Terremoti Dipartimento di Ingegneria Strutturale Politecnico di Milano Scheda per la valutazione qualitativa dei possibili effetti locali nei siti di ubicazione

Dettagli

Comune di Rosignano Marittimo

Comune di Rosignano Marittimo Comune di Rosignano Marittimo Regolamento urbanistico Approfondimenti del quadro conoscitivo Studio geologico,idrogeologico e geotecnico finalizzato alla verifica delle condizioni di stabilità e progetto

Dettagli

P.R.G. Variante parziale 2010. Bibbona PIANO REGOLATORE GENERALE. al Piano Strutturale e al Regolamento Urbanistico RELAZIONE GEOLOGICA DI FATTIBILITÀ

P.R.G. Variante parziale 2010. Bibbona PIANO REGOLATORE GENERALE. al Piano Strutturale e al Regolamento Urbanistico RELAZIONE GEOLOGICA DI FATTIBILITÀ IL SINDACO: IL RESPONSABILE AREA TECNICA: Rilievi e analisi: Dott. Geol. Leonardo Moretti Fiorella Marini Geom. Sandro Cerri APPROVAZIONE: DELIBERAZIONE CC n. DEL DATA APRILE 2011 Bibbona PIANO REGOLATORE

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO PER LA MIGLIOR GESTIONE IRRIGUA INDICE

PROGETTO ESECUTIVO PER LA MIGLIOR GESTIONE IRRIGUA INDICE Via Turazza 48, 35128 Padova. Tel./Fax 049 774197. E-mail: albmazzu@libero.it PROGETTO ESECUTIVO PER LA MIGLIOR GESTIONE IRRIGUA INDICE 1 PREMESSA... 2 2 CANALE ALTIPIANO... 2 2.1 TRATTA 1... 2 2.2 TRATTA

Dettagli

COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni

COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni COMPONENTE GEOLOGICA, IDROGEOLOGICA E SISMICA DEL PIANO DI GORVERNO DEL TERRITORIO COMUNALE DI BEDULITA (BG) Integrazioni Norma di riferimento: D.g.r. 30 novembre 2011 - n. IX/2616 Aggiornamento dei Criteri

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE : PROCEDURA DI VERIFICA DI ASSOGGETTABILITA PER REALIZZAZIONE IMPIANTO FOTOVOLTAICO Nelle tavole seguenti si esaminano rispettivamente i valori storico-culturali e il patrimonio storico architettonico con la viabilità storica; in questo caso non si rilevano situazioni di particolare interesse.

Dettagli

RELAZIONE GEOTECNICA

RELAZIONE GEOTECNICA RELAZIONE GEOTECNICA GENERALITA La presente relazione ha come oggetto l analisi delle caratteristiche stratigrafiche e la determinazione dei parametrici geotecnici relativamente alle opere di allargamento

Dettagli

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009)

Committente: E.Eco S.r.l., Roma, Via della Madonna dei Monti n 50 (P.Iva 10735421009) Dott. Geol. Gianluca Bianchi Fasani, Dottore di ricerca Via Mocenigo n 32, 00192 Roma e-mail: gianluca.bianchifasani@uniroma1.it Tel. 06/39744398 - Cell. 347/5226276 P.Iva 06 250 121 008 C.F. BNCGLC71L13L009P

Dettagli

COMMITTENTE: Regione Veneto Azienda ULSS 18 - Rovigo RELAZIONE GEOLOGICA

COMMITTENTE: Regione Veneto Azienda ULSS 18 - Rovigo RELAZIONE GEOLOGICA COMMITTENTE: Regione Veneto Azienda ULSS 18 - Rovigo RELAZIONE GEOLOGICA INDICE 1. NORMATIVA DI RIFERIMENTO... pag. 3 2. PREMESSA... " 4 3. INDAGINI GEOGNOSTICHE... " 5 4. GEOLOGIA E STRATIGRAFIA... "

Dettagli

PROGRAM GEO CPT ver.3.4

PROGRAM GEO CPT ver.3.4 3) Teoria e Normativa. 3.1) Introduzione. L' interpretazione della prova penetrometrica statica (CPT) avviene generalmente in quattro fasi distinte: discretizzazione del terreno indagato in livelli caratterizzati

Dettagli

VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICHE ALL ALLEGATO D DELLE N.T.A

VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICHE ALL ALLEGATO D DELLE N.T.A Geologo Guido Dini Comune di Massarosa VARIANTE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER MODIFICHE ALL ALLEGATO D DELLE N.T.A. PIANO DI RECUPERO PR-1 CASALI E RETTIFICA DI ERRORI CARTOGRAFICI DI MERA TRASCRIZIONE

Dettagli

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA

ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA ORDINE DEI GEOLOGI DELLA REGIONE UMBRIA Standard minimo per la Relazione Geologica ai sensi delle NTC08 Il Consiglio Nazionale dei Geologi, con la deliberazione n. 209/2010, ha approvato il documento che

Dettagli

(ai sensi dell art. 13 commi 1 e 2 della L. 64/1974 e ss.mm.ii, Artt.7,9,12,13 PAI Reg e Circolari della Regione Marche n.

(ai sensi dell art. 13 commi 1 e 2 della L. 64/1974 e ss.mm.ii, Artt.7,9,12,13 PAI Reg e Circolari della Regione Marche n. Spett.le PROVINCIA DI FERMO Settore Patrimonio, Edilizia Scolastica, Genio Civile e Protezione Civile Viale Trento, n. 113 e 119 63900 Fermo OGGETTO: piano attuativo di iniziativa privata in variante al

Dettagli

NUOVO POLO OSPEDALIERO S. GIUSEPPE VIALE G. BOCCACCIO EMPOLI FABBRICATO I

NUOVO POLO OSPEDALIERO S. GIUSEPPE VIALE G. BOCCACCIO EMPOLI FABBRICATO I NUOVO POLO OSPEDALIERO S. GIUSEPPE VIALE G. BOCCACCIO EMPOLI FABBRICATO I VARIANTE ALL ARTICOLO 82 DEL R.U. DEL COMUNE DI EMPOLI RELAZIONE DI FATTIBILITA GEOLOGICO-IDRAULICA Ottobre 2008 Emesso da: Dr.

Dettagli

VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2 LIVELLO

VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2 LIVELLO Allegato B COMUNE DI SARNICO PROVINCIA DI BERGAMO STUDIO GEOLOGICO DEL TERRITORIO COMUNALE REVISIONE ED ADEGUAMENTO AI SENSI DELLA L.R. 12/05 VALUTAZIONE DELLA PERICOLOSITA SISMICA LOCALE ANALISI DI 2

Dettagli

RELAZIONE di FATTIBILITA' (geologica - idraulica - sismica)

RELAZIONE di FATTIBILITA' (geologica - idraulica - sismica) RELAZONE di FATTBLTA' (geologica - idraulica - sismica) NDCE PREMESSA... 2 CARTE DEL PANO STRUTTURALE (approvato con delibera C.C. n.137 del 12/7/2007) MODFCATE ED AGGORNATE PER L REGOLAMENTO URBANSTCO...

Dettagli

COMUNE DI OZZERO STUDIO GEOLOGICO A SUPPORTO DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO

COMUNE DI OZZERO STUDIO GEOLOGICO A SUPPORTO DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO COMUNE DI OZZERO STUDIO GEOLOGICO A SUPPORTO DEL PIANO DI GOVERNO DEL TERRITORIO ex art. 57 Legge Regionale 12 del 11 marzo 2005 DGR n.8/1566 del 22 dicembre 2005 e DGR n. 8/7374 del 28 maggio 2008 NORME

Dettagli

PROVEPENETROMETRICHESTATICHEEDINAMICHESUPERPESANTI

PROVEPENETROMETRICHESTATICHEEDINAMICHESUPERPESANTI PROVEPENETROMETRICHESTATICHEEDINAMICHESUPERPESANTI Attestazione n. 1675-6/00 CERTIFICAZIONE ITALIANA DEI SISTEMI DI QUALITA AZIENDALI Cert. n. 9175.MAPP Indagine geognostica in localitä Pescia Variante

Dettagli

02 - Indagine geologica e idraulica

02 - Indagine geologica e idraulica Rotatoria sulla SR435 Lucchese all intersezione con via Falciano nel Comune di Buggiano Progetto definitivo Relazione geologica ed idraulica 02 - Indagine geologica e idraulica CARATTERIZZAZIONE GEOLOGICA

Dettagli

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CARATTERISTICHE GEOLOGICHE E GEOMORFOLOGICHE DEL TERRITORIO. 3. 2.1 Inquadramento geologico e geomorfologico...

INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CARATTERISTICHE GEOLOGICHE E GEOMORFOLOGICHE DEL TERRITORIO. 3. 2.1 Inquadramento geologico e geomorfologico... INDICE 1. PREMESSA... 2 2. CARATTERISTICHE GEOLOGICHE E GEOMORFOLOGICHE DEL TERRITORIO. 3 2.1 Inquadramento geologico e geomorfologico... 3 2.2 Caratteristiche geotecniche e coefficiente di permeabilità

Dettagli

Committente: Comune di Flero. Cantiere: via Paine Flero (BS) Progetto: Riqualificazione e ampliamento della scuola materna in via Paine

Committente: Comune di Flero. Cantiere: via Paine Flero (BS) Progetto: Riqualificazione e ampliamento della scuola materna in via Paine Committente: Comune di Flero Cantiere: via Paine Flero (BS) Progetto: Riqualificazione e ampliamento della scuola materna in via Paine ------------------------------------------------------------------

Dettagli

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin

MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO. Geol. Fabio Garbin MODELLO GEOLOGICO E MODELLO GEOTECNICO Geol. Fabio Garbin Preparazione all Esame di Stato, Roma 8 aprile 2011 Riferimenti Normativi essenziali D.M. 14.01.2009: Approvazione delle nuove Norme Tecniche sulle

Dettagli

Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC

Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Zona Elementare 1891 area 03 Stra.llo Fossa Burracchione Accordo art. 18 LR20/2000 in variante al POC Applicazione dell art. 14.1 del Testo Coordinato delle Norme di PSC-POC-RUE RAPPORTO PRELIMINARE (ART.

Dettagli

INDICE 2. UBICAZIONE E INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 3. INDAGINI GEOGNOSTICHE...5. 3.1 Prova penetrometrica statica - CPT...5

INDICE 2. UBICAZIONE E INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 3. INDAGINI GEOGNOSTICHE...5. 3.1 Prova penetrometrica statica - CPT...5 INDICE 1. PREMESSA...3 2. UBICAZIONE E INQUADRAMENTO GEOMORFOLOGICO...4 3. INDAGINI GEOGNOSTICHE...5 3.1 Prova penetrometrica statica - CPT...5 3.2 Sondaggi geognostici...6 4. LITOSTRATIGRAFIA...6 5. CARATTERIZZAZIONE

Dettagli

COMUNE DI PONSACCO PROVINCIA DI PISA AMPLIAMENTO DEL CIMITERO NEL CAPOLUOGO DEL COMUNE DI PONSACCO QUINTO STRALCIO RELAZIONE GEOLOGICO -TECNICA

COMUNE DI PONSACCO PROVINCIA DI PISA AMPLIAMENTO DEL CIMITERO NEL CAPOLUOGO DEL COMUNE DI PONSACCO QUINTO STRALCIO RELAZIONE GEOLOGICO -TECNICA COMUNE DI PONSACCO PROVINCIA DI PISA AMPLIAMENTO DEL CIMITERO NEL CAPOLUOGO DEL COMUNE DI PONSACCO QUINTO STRALCIO RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA Geologo Geol. Elena Baldi Responsabile del Procedimento Arch.

Dettagli

Ristrutturazione del complesso ENAV di Roma ACC - Ciampino Roma Progetto definitivo delle strutture - RELAZIONE GEOTECNICA

Ristrutturazione del complesso ENAV di Roma ACC - Ciampino Roma Progetto definitivo delle strutture - RELAZIONE GEOTECNICA INDICE 1 PREMESSA... 2 2 INQUADRAMENTO GEOLOGICO... 2 3 SISMICITA DELL AREA... 3 4 LE INDAGINI GEOGNOSTICHE... 3 5 ASPETTI IDROGEOLOGICI GENERALI... 5 6 ASPETTI GEOTECNICI DEL PROGETTO LE STRUTTURE FONDALI...

Dettagli

A-2 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER IL PIANO DELLE REGOLE

A-2 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER IL PIANO DELLE REGOLE A-2 PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER IL PIANO DELLE REGOLE PRESCRIZIONI GEOLOGICHE PER IL PIANO DELLE REGOLE L intero territorio di Onore è stato oggetto di uno studio delle sue peculiari caratteristiche geologiche,

Dettagli

VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER AMPLIAMENTO AREA CIMITERIALE ED ANNESSO PARCHEGGIO PUBBLICO LOCALITÀ PERIGNANO - COMUNE DI LARI

VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER AMPLIAMENTO AREA CIMITERIALE ED ANNESSO PARCHEGGIO PUBBLICO LOCALITÀ PERIGNANO - COMUNE DI LARI VARIANTE PARZIALE AL REGOLAMENTO URBANISTICO PER AMPLIAMENTO AREA CIMITERIALE ED ANNESSO PARCHEGGIO PUBBLICO LOCALITÀ PERIGNANO - COMUNE DI LARI INDAGINI GEOLOGICHE Geol. Francesca Franchi CONTENUTI: RELAZIONE

Dettagli

PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore Difesa del suolo Regione Toscana

PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore Difesa del suolo Regione Toscana Progetto di Piano di Gestione del Rischio di Alluvioni FASE DI PARTECIPAZIONE ATTIVA (art.66 c.7 D.Lgs 152/06) I INCONTRO PUBBLICO PIANIFICAZIONE E DIFESA DEL SUOLO IN TOSCANA Ing. Beatrice Mengoni Settore

Dettagli

- COMUNE DI PISA - PROVINCIA DI PISA. Frazione : Tirrenia. Via delle Giunchiglie

- COMUNE DI PISA - PROVINCIA DI PISA. Frazione : Tirrenia. Via delle Giunchiglie - COMUNE DI PISA - PROVINCIA DI PISA Frazione : Tirrenia Via delle Giunchiglie PROPONENTE / COMMITTENTE: IMPRESA COSTRUZIONI BALDERESCHI R. S.a.s Via F. Andò, n 5D - Marina di Pisa - Pisa Novembre 2006

Dettagli

REGOLAMENTO URBANISTICO

REGOLAMENTO URBANISTICO Provincia di Arezzo COMUNE DI FOIANO DELLA CHIANA REGOLAMENTO URBANISTICO SCHEDE DI FATTIBILITA' (Zona industriale Farniole) Gennaio 2014 Sindaco - Ass. all'urbanistica: Franco Parigi Resp. del Procedimento:

Dettagli

I N D I C E 1 PREMESSA...3

I N D I C E 1 PREMESSA...3 Indagini geologiche a supporto della Variante al R.U. Comunale ai sensi dell art. 17 L.R. 1/2005 Adeguamento del tracciato in variante SRT 439 Comune di Calcinaia Pag. 1 I N D I C E 1 PREMESSA...3 2 INQUADRAMENTO

Dettagli

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico

Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico AUTORITA' di BACINO del RENO Piano Stralcio per l Assetto Idrogeologico art.1 c. 1 L. 3.08.98 n.267 e s. m. i. I RISCHIO DA FRANA E ASSETTO DEI VERSANTI Zonizzazione Aree a Rischio SCHEDA N. 62 Località:

Dettagli

(riprendendo un trasparente mostrato a proposito di indagini e campionamento) MEZZI D INDAGINE PROFILO STRATIGRAFICO PROPRIETÀ MECCANICHE

(riprendendo un trasparente mostrato a proposito di indagini e campionamento) MEZZI D INDAGINE PROFILO STRATIGRAFICO PROPRIETÀ MECCANICHE (riprendendo un trasparente mostrato a proposito di indagini e campionamento) MEZZI D INDAGINE FINALITÀ MEZZI PROFILO STRATIGRAFICO POZZI TRINCEE CUNICOLI SONDAGGI DIRETTI INDIRETTI INDAGINI GEOFISICHE

Dettagli

INDICE TAVOLE ED ALLEGATI

INDICE TAVOLE ED ALLEGATI INDICE RELAZIONE RELAZIONE GEOLOGICO-TECNICA A PREMESSA; B ASPETTI NORMATIVI; C INDAGINI ESEGUITE; D - INQUADRAMENTO MORFOLOGICO, GEOLOGICO, IDROGEOLOGICO; E MODELLO DEL SOTTOSUOLO - ASSETTO LITOSTRATIGRAFICO,

Dettagli

giovanni bassi, geologo, via donatori di sangue 13, 26029 soncino (cr) tel. e fax 0374 85486, e_mail:

giovanni bassi, geologo, via donatori di sangue 13, 26029 soncino (cr) tel. e fax 0374 85486, e_mail: giovanni bassi, geologo, via donatori di sangue 13, 26029 soncino (cr) tel. e fax 0374 85486, e_mail: bassi.geologo@gmail.com ANALISI PROVE STATICHE CON PENETROMETRO MECCANICO [CPT] Committente: Dott.

Dettagli

1 - BREVE DESCRIZIONE DELL INTERVENTO INTRODUZIONE

1 - BREVE DESCRIZIONE DELL INTERVENTO INTRODUZIONE INTRODUZIONE Su incarico dei F.lli Testi e Dolfi S.n.c., R.M. Immobiliare S.r.l. e Soc. nome collettivo Parri & C. è stata eseguita un indagine geologica su un area in cui è in progetto un intervento di

Dettagli

Progetto di Piano Strutturale

Progetto di Piano Strutturale COMUNE DI ALTOPASCIO Provincia di Lucca PIANO STRUTTURALE Progetto di Piano Strutturale Norme Tecniche d Attuazione Indirizzi programmatici e parametri di gestione. Integrate con le Osservazioni accolte

Dettagli

GEOLOGO MARCO MARCATO

GEOLOGO MARCO MARCATO GEOLOGO MARCO MARCATO RELAZIONE GEOLOGICA-GEOTECNICA CON INDAGINI GEOLOGICHE. INDICE 1. PREMESSA..... pag. 1 2. QUADRO DEI VINCOLI IDROGEOLOGICI.. 2 3. RELAZIONE GEOLOGICA 3 3.1 INQUADRAMENTO GEOLOGICO

Dettagli

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO

ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO ESAME DI STATO PER L ABILITAZIONE ALL ESERCIZIO DELLA PROFESSIONE DI GEOLOGO SECONDA SESSIONE 2012 PRIMA PROVA SCRITTA Tema n. 1 Aspetti geologici, minero-petrografici e normativi relativi alle attività

Dettagli

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO

IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO IL DISSESTO IDROGEOLOGICO CAUSE, EFFETTI E INTERVENTI A DIFESA DEL SUOLO Marcello Benedini Giuseppe Gisotti Indice pag. 11 Introduzione Scopi e necessità della protezione idrogeologica 17 l. Parte prima.

Dettagli

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla

GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO. Ing. Alessandra Nocilla GEOTECNICA LEZIONE 9 INDAGINI IN SITO Ing. Alessandra Nocilla 1 INTRODUZIONE SCOPO DELLE INDAGINI GEOTECNICHE 1) Gli ingegneri geotecnici non possono scegliere i materiali sui quali sono chiamati a costruire.

Dettagli

SOMMARIO 1 PREMESSE:...2 2 INQUADRAMENTO GENERALE:...4 3 METODOLOGIA D INDAGINE:...9 4 RICOSTRUZIONE LITOSTRATIGRAFICA:...10 5 CONCLUSIONI...

SOMMARIO 1 PREMESSE:...2 2 INQUADRAMENTO GENERALE:...4 3 METODOLOGIA D INDAGINE:...9 4 RICOSTRUZIONE LITOSTRATIGRAFICA:...10 5 CONCLUSIONI... 1 SOMMARIO 1 PREMESSE:...2 2 INQUADRAMENTO GENERALE:...4 2.1 Ubicazione:... 4 2.2 Geomorfologia:... 4 2.3 Tettonica e litologia:... 5 2.4 Piezometria ed idrografia:... 5 2.5 Verifica cartografia PAI e

Dettagli

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI

PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Dipartimento Risorse Forestali e Montane Servizio Bacini Montani PERICOLOSITA IDRAULICA NEL TERRITORIO MONTANO ITALIANO ED APPLICAZIONE DELLA DIRETTIVA EUROPEA ALLUVIONI Valutazione

Dettagli

INDICE STUDI GEOLOGICI E PIANO REGOLATORE GENERALE VIGENTE... 3. Cartografia geologica di regolatore generale... 4. Carta geologica...

INDICE STUDI GEOLOGICI E PIANO REGOLATORE GENERALE VIGENTE... 3. Cartografia geologica di regolatore generale... 4. Carta geologica... 2 INDICE STUDI GEOLOGICI E PIANO REGOLATORE GENERALE VIGENTE... 3 Cartografia geologica di regolatore generale... 4 Carta geologica... 5 Carta idrogeologica... 5 Carta geomorfologica... 6 Carta del comportamento

Dettagli

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO. Piano di Bacino, stralcio Assetto Idrogeologico (P.A.I.) Primo aggiornamento

Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO. Piano di Bacino, stralcio Assetto Idrogeologico (P.A.I.) Primo aggiornamento Autorità di Bacino BACINO PILOTA DEL FIUME SERCHIO Piano di Bacino, stralcio Assetto Idrogeologico (P.A.I.) Primo aggiornamento (Variante al PAI approvato nel 2005) NORME DI PIANO Adottato dal Comitato

Dettagli

NUOVO IMPIANTO DI TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI LIQUIDI PROCEDURA DI V.I.A. E RICHIESTA DI A.I.A.

NUOVO IMPIANTO DI TRATTAMENTO RIFIUTI SPECIALI LIQUIDI PROCEDURA DI V.I.A. E RICHIESTA DI A.I.A. CIPECO S.R.L. - Nuovo Impianto di trattamento rifiuti speciali liquidi Procedura di V.I.A. e richiesta di A.I.A. - Appendice RA3. Relazione geol. e idrogeol. Febbraio 2015 Comune di CAMPI BISENZIO Provincia

Dettagli

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI CANEVINO ALLEGATO A PROVINCIA DI PAVIA PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI CANEVINO ADEGUAMENTO DELLO STUDIO GEOLOGICO, IDROGEOLOGICO E SISMICO AI SENSI DELLA D.G.R. N. 8/1566 E DELLA D.G.R. N. 8/7374 CRITERI ED INDIRIZZI PER LA DEFINIZIONE DELLA

Dettagli

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO

9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO 9. NORME GEOLOGICHE DI PIANO ART. 1 Il Comune di Capergnanica è tenuto ad informare i Soggetti Attuatori delle previsioni dello strumento urbanistico, denominato Piano di Governo del Territorio (P.G.T.),

Dettagli

COMUNE DI TRESCORE CREMASCO

COMUNE DI TRESCORE CREMASCO COMUNE DI TRESCORE CREMASCO Provincia di Cremona PROGETTO LAVORI DI RIQUALIFICAZIONE DEL CENTRO SPORTIVO COMUNALE PRIMO STRALCIO FUNZIONALE PER REALIZZAZIONE PRIMA PORZIONE DELLA STRUTTURA AD USO BAR A

Dettagli

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010

DOCUMENTO DI SINTESI. Trento, Bolzano, 08 novembre 2010 DIRETTIVE PER LA REDAZIONE DELLE RELAZIONI GEOLOGICHE, GEOTECNICHE E SISMICHE AI SENSI DELLE NTC, D.M. 14.01.2008, E DELLA NORMATIVA NAZIONALE E PROVINCIALE COLLEGATA DOCUMENTO DI SINTESI Trento, Bolzano,

Dettagli

PROVINCIA DI PERUGIA RELAZIONE GEOLOGICO-GEOTECNICA

PROVINCIA DI PERUGIA RELAZIONE GEOLOGICO-GEOTECNICA Dott. Geol. Antonio Forini Dott. Geol. Sara S. Fabris Dott. Geol. Carlo Ricci PROVINCIA DI PERUGIA COMUNE DI BASTIA UMBRA RELAZIONE GEOLOGICO-GEOTECNICA SANATORIA AI SENSI DELL' ART. 18 1 BIS L.R. 21/2004

Dettagli

UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3

UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3 UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DI TUTELA DEL TERRITORIO DEL PIANO ASSETTO IDROGEOLOGICO BACINO OMBRONE- SCALA 1:10.000 TAVOLA 3 TAVOLA 4 UBICAZIONE DELL AREA IN CARTA DELLA PERICOLOSITA' GEOLOGICA DEL PIANO

Dettagli

1. INTRODUZIONE N 4 Prove penetrometriche dinamiche medie (DPM) Decreto del Ministero delle Infrastrutture 14 gennaio 2008

1. INTRODUZIONE N 4 Prove penetrometriche dinamiche medie (DPM) Decreto del Ministero delle Infrastrutture 14 gennaio 2008 1. INTRODUZIONE Su incarico del Committente è stata redatta la presente relazione geologica e geotecnica relativa all installazione di un impianto fotovoltaico. Dal punto di vista generale, la relazione

Dettagli

PROVA PENETROMETRICA DINAMICA

PROVA PENETROMETRICA DINAMICA PROVA PENETROMETRICA DINAMICA Caratteristiche Tecniche-Strumentali Sonda: PROVE SPT IN FORO Rif. Norme DIN 4094 Peso Massa battente 63.5 Kg Altezza di caduta libera 0.76 m Peso sistema di battuta 4.2 Kg

Dettagli

I principali riferimenti normativi

I principali riferimenti normativi I principali riferimenti normativi Delibera dell Assemblea Legislativa della Regione Emilia Romagna n. 112 del 2 Maggio 2007 Indirizzi per gli studi di microzonazione sismica in Emilia Romagna per la pianificazione

Dettagli

VARIANTE STRUTTURALE 03/09

VARIANTE STRUTTURALE 03/09 REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI CUNEO COMUNE DI MONTANERA PIANO REGOLATORE GENERALE COMUNALE VARIANTE STRUTTURALE 03/09 (ai sensi art. 1 L.R. 1/07) RELAZIONE GEOLOGICO TECNICA SULLE AREE DII NUOVA ESPANSIIONE

Dettagli

Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA

Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA PROVINCIA DI VENEZIA ORDINE DEI GEOLOGI DEL VENETO Venezi a Mestre, 01 febbraio 2014 Linee guida di progettazione geologica: un esempio in rapporto alla idrogeologia di bassa pianura IL PROGETTO IDRO DELLA Valentina Bassan

Dettagli

Prove Penetrometriche Statiche CPT

Prove Penetrometriche Statiche CPT Prove Penetrometriche Statiche CPT Committente : Comune di Dicomano Località: Dicomano - FI Data: 24/11/2009 N totale di prove: 1 Cartella: Dicomano091124ComuneDicomano Penetrometro Ditta produttice: PAGANI

Dettagli

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE

IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE B IL SISTEMA NATURALE ED AMBIENTALE Premessa Il quadro conoscitivo del PTCP restituisce un analisi del sistema naturale ed ambientale del territorio provinciale che pone limiti ed offre opportunità alle

Dettagli

REGIONE EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI BONDENO. Comune di Bondeno. Piazza G. Garibaldi civ. 1. 44012 Bondeno (FE) VARIANTE URBANISTICA

REGIONE EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI BONDENO. Comune di Bondeno. Piazza G. Garibaldi civ. 1. 44012 Bondeno (FE) VARIANTE URBANISTICA REGIONE EMILIA ROMAGNA PROVINCIA DI FERRARA COMUNE DI BONDENO Comune di Bondeno Piazza G. Garibaldi civ. 1 44012 Bondeno (FE) VARIANTE URBANISTICA SULL AREA SITA IN SANTA BIANCA VIA CENTRALE CIV. 7 RELAZIONE

Dettagli

APPENDICE A SCHEDE DI FATTIBILITA

APPENDICE A SCHEDE DI FATTIBILITA APPENDICE A Pagina 1 di 29 1 Capoluogo, via degli Imberti Tavola in scala 1:2.000 1 AT1 Area di trasformazione per nuova edificazione ad uso residenziale. calcareniti; suoli di copertura derivati dal disfacimento

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA VALDIGNE MONT BLANC

COMUNITÀ MONTANA VALDIGNE MONT BLANC R E G I O N E A U T O N O M A D E L L A V A L L E D A O S T A COMUNITÀ MONTANA VALDIGNE MONT BLANC DEPURAZIONE DELLE ACQUE REFLUE COMPRENSORIALI IN COMUNE DI LA SALLE A SERVIZIO DELLA COMUNITÀ MONTANA

Dettagli

Prova di verifica parziale N. 2 24 Nov 2008

Prova di verifica parziale N. 2 24 Nov 2008 Prova di verifica parziale N. 2 24 Nov 2008 Esercizio 1 Una prova triassiale CU è stata eseguita su tre provini preparati a partire da un campione indisturbato di argilla satura. Nella prima fase i tre

Dettagli

All. B - INDAGINI GEOLOGICHE

All. B - INDAGINI GEOLOGICHE Comune di Sesto Fiorentino Piano Attuativo: Ambito di Trasformazione Scheda n.58 - Viale Ariosto Valutazione Integrata All. B - INDAGINI GEOLOGICHE !!!!!!!!"#$%&'!%&!()'*'+&,!!!!! -.//0!(123!45236.!5744131!!!!!!!!!!!!!!!!89:;:!6)?&@'A='B!!C&,*)!(0!4,*

Dettagli