COMUNE DI PIANORO Deliberazione Consiglio Comunale n. 34/2016

Save this PDF as:

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI PIANORO Deliberazione Consiglio Comunale n. 34/2016"

Transcript

1

2 COMUNE DI PIANORO Deliberazione Consiglio Comunale n. 34/2016 RICHIAMATE la legge nazionale n.328/2000 Legge quadro per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali e la Legge Regionale n.2/2003 Norme per la promozione della cittadinanza sociale e per la realizzazione del sistema integrato di interventi e servizi sociali, oltre al Piano di Zona per la Salute ed il Benessere Sociale attuativo 2016 approvato il dal Distretto socio-sanitario di San Lazzaro di Savena; Richiamata la deliberazione del consiglio comunale n. 7 del Regolamento disciplinante gli interventi di natura economica e prestazioni a tutela di situazioni sociali svantaggiate ; Rilevato che nel corso di questi anni si è assistito ad una evoluzione nella tipologia dell utenza e nelle problematiche afferenti; oggi più che mai infatti gli utenti che si rivolgono al Servizio sono contraddistinti da situazioni personali ad elevato livello di multiproblematicità e complessità che se da un lato evidenziano la contemporanea e spesso critica presenza di disagi sociali, economici e sanitari, dall altro richiedono interventi risolutivi particolarmente efficaci. L approccio a questo nuovo contesto avviene con difficoltà applicando il regolamento in vigore, in quanto questo non consente un efficace intervento sui vari aspetti e profili che le situazioni complesse presentano, anche in riferimento alla valutazione della situazione economica degli stessi utenti; Visto il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 dicembre 2013, n. 159, recante "Regolamento concernente la revisione delle modalità' di determinazione e i campi di applicazione dell'indicatore della situazione economica equivalente (ISEE)"; Visto il Decreto Ministro del Lavoro e delle Politiche Sociali 7 novembre 2014 recante Approvazione del modello tipo della Dichiarazione Sostitutiva Unica a fini ISEE, dell attestazione, nonché delle relative istruzioni per la compilazione ai sensi dell articolo 10, comma 3, del decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 dicembre 2013, n. 159, pubblicato in Gazzetta Ufficiale il 17 novembre 2014, in vigore dal 2 dicembre 2014; Richiamata la delibera di Consiglio n. 8 del con cui il Comune di Pianoro ha approvato il Regolamento sui criteri applicativi dell indicatore della situazione economica equivalente Isee ; Valutato che si rende quindi necessario provvedere a redigere un nuovo Regolamento concernente l erogazione di contributi economici, allo scopo di dotare il Comune di uno strumento nuovo, che nel rispetto delle normative vigenti, consenta di fornire soluzione alle criticità sopra evidenziate, rivedendo e razionalizzando l iter di valutazione della situazione sociale e sanitaria ed economica e permettendo l applicazione dei criteri unificati di valutazione della situazione economica di cui al DPCM159/2013 e successive modificazioni; Udita la relazione dell assessore Riccardo Dall Olio, i successivi interventi dei consiglieri Pier-Luigi Rocca (Movimento 5 Stelle Pianoro), che motiva e preannuncia voto contrario, Doretta Fabbri (capogruppo Centro Sinistra per Pianoro), Stefania Capponi (Centro Sinistra per Pianoro) - la quale dà lettura del proprio intervento come da testo che deposita e che di seguito si riporta - e le ulteriori precisazioni dello stesso assessore Dall Olio, il tutto come da registrazione audio digitale in atti conservata; [Capponi: in merito al punto, dopo aver ascoltato l assessore Dall Olio, il quale ha reso ben chiaro il motivo del nuovo regolamento, volevo solo aggiungere che oggi bisogna considerare che la nostra società attuale ha portato ad un individualità delle stesse persone stravolgendo, per certi versi, i valori a noi intrinsechi. Non ho partecipato alla Commissione ma credo che questo nuovo regolamento Isee voglia dare un assunzione di responsabilità da parte dei parenti piu prossimi degli anziani, in particolare i figli. Anziani troppo spesso abbandonati a loro stessi, ed è cronaca di tutti i giorni purtroppo di ritrovamenti di anziani morti da tempo o di indigenze estreme nella loro piu grande solitudine. Ecco credo che questo nuovo regolamento potrà così regolamentare,

3 COMUNE DI PIANORO Deliberazione Consiglio Comunale n. 34/2016 scusate il gioco di parole, là dove i rapporti familiari presentano le loro criticità come spiegato dallo stesso assessore.] Visti il vigente Statuto comunale e il Testo unico delle leggi sull ordinamento degli enti locali (D.Lgs , n. 267); Acquisiti, ai sensi del vigente art. 49 del T.U.E.L. (D.Lgs n. 267), i pareri favorevoli in ordine alla regolarità tecnica e contabile, resi sulla proposta di deliberazione e sottoscritti con firma digitale rispettivamente dal Responsabile dell Area interessata e dal Responsabile Finanziario; Con n. 11 voti favorevoli, n. 2 contrari (Gatti, Rocca) e n. 2 astenuti (Laganà, Rubini) espressi per alzata di mano; Per le considerazioni espresse in premessa: DELIBERA 1) di abrogare il Regolamento disciplinante gli interventi di natura economica e prestazioni a tutela di situazioni sociali svantaggiate di cui alla delibera di Consiglio n. 7 del ; 2) di approvare il Regolamento concernente l erogazione di benefici e contributi economici in campo sociale, secondo il testo allegato sub A) al presente provvedimento per formarne parte integrante e sostanziale. Con successiva votazione palese dal seguente esito: n. 11 voti favorevoli, n. 2 contrari (Gatti, Rocca) e n. 2 astenuti (Laganà, Rubini) stante l urgenza si dichiara la presente deliberazione immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134 comma 4 del Testo Unico Enti Locali (D.Lgs , n. 267)

4 REGOLAMENTO CONCERNENTE L EROGAZIONE DI BENEFICI E CONTRIBUTI ECONOMICI IN CAMPO SOCIALE. Art. 1 Finalità Nell ambito del più complessivo ambito di intervento di sostegno e sviluppo alla persona e al nucleo familiare, il Servizio Sociale propone una serie di azioni che, privilegiando beni e servizi, non escludano misure di natura economica orientate a salvaguardare, oltre che le condizioni materiali delle persone, anche quelle connesse al mantenimento o al perseguimento di equilibrate situazioni di vita per le persone in stato di bisogno. Art. 2 Destinatari Gli aiuti economici e non, sono rivolti ai cittadini residenti nel Comune di Pianoro che abbiano riconosciuta da parte del Servizio, una condizione di disagio sociale-economico-relazionale, tale da configurare il rischio di mancata possibilità di sussistenza, mantenimento della dignità personale e inclusione sociale. Nel rispetto del Piano Assistenziale Individualizzato, concordato con l Assistente Sociale, gli aiuti possono essere rivolti ai soggetti in possesso di Attestazione ISEE con valore inferiore alla soglia individuata annualmente dalla Giunta comunale. (Solo per l anno 2016 e comunque fino ad approvazione della delibera delle tariffe anno 2017 la soglia ISEE si assesterà in Euro 6.524,00 per quanto riguarda i contributi economici ordinari e straordinari - vedi art. 5- ed in Euro per quanto riguarda la contribuzione per rette di ricovero- art. 8). In seguito alla valutazione da parte dell Assistente Sociale di situazioni che presentino carattere di particolare complessità socio-economica, può essere prevista l erogazione di contributi anche a soggetti che presentino Attestazione ISEE con valore superiore alla suddetta soglia. Art. 3 Modalità di accesso Il cittadino residente o coloro che formalmente agiscono per suo conto presentano richiesta di sostegno economico al Servizio Sociale del Comune di Pianoro. L Assistente Sociale assiste il richiedente nella compilazione dell apposito schema di domanda, allegato al presente Regolamento (Allegato 1). Art. 4 Valutazione delle domande di ammissione e procedure di erogazione ISTRUTTORIA L Assistente Sociale competente per area di intervento, raccoglie la domanda e acquisisce le informazioni necessarie (composizione del nucleo familiare e/o coppia genitoriale, rete parentale, condizione economica, stato di salute, condizione lavorativa, ubicazione, presenza nel nucleo familiare di minori, anziani, disabili o soggetti a rischio di esclusione sociale) mediante una serie di colloqui. Se necessario si avvale dell ausilio degli uffici competenti (Ufficio tributi, Ufficio Anagrafe, Ufficio Urbanistica, Motorizzazione, Ministero delle Finanze) per verificare le informazioni dichiarate nella domanda e raccolte nel corso dell istruttoria. Il tutto nel rispetto dell attuale normativa in materia di privacy e trattamento dei dati (D.Lgs 196/2003). Acquisiti e valutati i dati relativi al richiedente, l Assistente Sociale predispone un Piano di Assistenza Individualizzato (P.A.I.)volto al superamento dello stato di bisogno e/o di disagio. Il piano può essere definito in modo autonomo dal Servizio Sociale del Comune o adottato in collaborazione con altri servizi (Centro di Salute Mentale, Ser.T., Servizi Sociali degli Istituti carcerari, Servizio Minori dell Azienda delegata etc.). L Assistente Sociale, dopo aver valutato la volontà dell utente ad intraprendere il percorso delineato nel piano esprime il proprio parere opportunamente motivato, circa l erogazione della

5 prestazione economica, per il tempo che ritiene congruo al superamento dello stato di bisogno e/o di disagio fino a un massimo di 6 mesi rinnovabili. Le schede di sintesi, insieme agli atti e documenti raccolti nel corso dell istruttoria, restano nel fascicolo relativo all interessato. A tutti i richiedenti verrà data comunicazione formale dell'esito del procedimento. Il responsabile del caso è tenuto a verificare il rispetto del piano individualizzato e ove le verifiche abbiano ad evidenziare manchevolezze ed irregolarità e un utilizzo delle provvidenze economiche difforme dalla destinazione prestabilita, l Amministrazione Comunale si riserva la facoltà di revocare le prestazioni e di attivare le procedure atte al recupero delle somme erogate. COMMISSIONE TECNICA L Assistente Sociale presenterà alla Commissione tecnica, appositamente istituita, una relazione attestante la condizione di disagio sociale della persona ai fini dell ammissione alle prestazioni economiche comunali del presente Regolamento e la sua quantificazione. La Commissione tecnica, composta dall Assistente Sociale Responsabile del caso, dal Coordinatore del Settore Servizi alla Persona e dall Istruttore Amministrativo dei Servizi Sociali, avrà il compito di valutare la richiesta dell Assistente Sociale, di verificare gli stanziamenti di Bilancio e, in caso di esito positivo, di autorizzare l erogazione delle prestazioni previste dal presente Regolamento. PARERE Il parere definitivo circa l erogazione del contributo è di competenza del Responsabile dell area sociale, sentito il parere della Commissione interna e valutata la relazione tecnica del Responsabile del Caso, che provvede con apposita determinazione dirigenziale. Qualora sussistano situazioni di conflitto familiare o il rischio di una gestione irrazionale dell'aiuto economico, accertata dall'assistente sociale, la prestazione può essere erogata a persona diversa dal destinatario, che ne garantisca un corretto utilizzo a favore del beneficiario e/o del suo nucleo familiare. OPPOSIZIONI Il cittadino richiedente, che non si ritiene soddisfatto del provvedimento assunto, può presentare opposizione entro 30 giorni dal ricevimento della comunicazione relativa all'esito della sua domanda. L'opposizione scritta dovrà essere indirizzata al Responsabile dell Area Sociale del Comune di Pianoro e dovrà contenere le motivazioni della richiesta di riesame. La Commissione Interna competente riesamina la posizione dando risposta entro i successivi 30 giorni. Art. 5 Criteri Erogazione di contributi economici a) Contributi economici straordinari Per Contributo Economico Straordinario si intende un erogazione economica per far fronte a necessità di carattere eccezionale a copertura di bisogni straordinari per spese improvvise e non programmate (es. sfratto, spesa sanitaria o funeraria) che incidono sul reddito mensile determinandone la riduzione al di sotto del reddito minimo di inserimento e normalmente sono erogati in un'unica soluzione. b) Contributi economici ordinari Il contributo economico ordinario, è finalizzato al superamento della situazione di inadeguatezza del reddito e delle difficoltà economiche che il nucleo familiare deve affrontare. Anche nel rispetto delle linee guida di cui all Atto di i irizz er l erogazione di contributi e sussidi economici, non diversamente disciplinati dalla normativa statale e regionale, viene stabilito il criterio di

6 effettuare una valutazione socio-economica tramite valore I.S.E.E. ed ulteriori criteri di valutazione sociale e verificare la condizione per l accesso alla erogazione dei contributi in base al superamento o meno di una soglia I.S.E.E. uniforme a livello territoriale che viene convenzionalmente agganciata al valore della pensione minima INPS. Per l anno 2016 tale valore è stato determinato da INPS in 6.524,00. La misura del contributo da concedersi è conseguentemente determinata con una duplice ed alternativa modalità tecnica: 1) non oltre la differenza tra il valore I.S.E.E. della persona o del nucleo rispetto al valore soglia I.S.E.E. della pensione minima INPS, quale contributo massimo erogabile, determinando, con elementi e valutazione discrezionale tecnica, la misura concreta del contributo in base alla situazione socio-economica della persona o del nucleo beneficiario e predisponendo un piano assistenziale individualizzato, che deve essere accettato e collaborato dalla persona o dal nucleo beneficiario, quale condizione per l erogazione del contributo e/o del sussidio; oppure in situazioni particolari 2) La misura del contributo potrà superare la suddetta differenza, in ragione di particolari condizioni di bisogno ed in relazione alla situazione socialmente fragile, in base a precisa valutazione del servizio sociale, nel rispetto del piano assistenziale individualizzato che deve essere accettato, attivamente partecipato e controfirmato, quale condizione per l erogazione stessa del contributo; Art. 6 Attività e inclusione sociale Ogni qualvolta i beneficiari dei contributi oggetto del presente regolamento presentino caratteristiche idonee al coinvolgimento proattivo nello svolgimento di attività finalizzate all inclusione sociale ed alla realizzazione di attività di volontariato e/o azioni socialmente utili finalizzate alla gestione coordinata di beni comuni, sarà cura del Servizio Sociale attivare progetti specifici all uopo inseriti all interno del PAI. Art. 7 Concessione di contributi economici erogati a nuclei familiari in cui sono presenti minori. Richiamato quanto definito nei precedenti articoli, in particolare in relazione ai contributi erogati ai nuclei familiari con presenza di minori, è attiva una commissione costituita dalle Assistenti Sociali responsabili del caso e dal Responsabile del Servizio Sociale Minori, che, oltre ai criteri precedentemente elencati valuta primariamente gli obiettivi del PAI orientati alla tutela del minore, anche avvalendosi di strumenti specifici quali la visita domiciliare o il confronto con realtà istituzionali e sociosanitarie territoriali. Art. 8 Concessione di contributi economici per il saldo di rette di ricovero nei servizi residenziali a ciclo continuativo Premesso a) che la materia è disciplinata dall art. 6 del D.P.C.M. 159/2013 e che in particolare la definizione del nucleo familiare ai fini I.S.E.E. di riferimento è stabilita dalla suddetta norma. Gli Enti erogatori delle prestazioni sociali agevolate non hanno la facoltà di intervenire normativamente sulla materia; b) che sempre ai sensi dell art. 6 del D.P.C.M. 159/2013 nell I.S.E.E. viene calcolata una componente aggiuntiva per la presenza di figli del beneficiario non inclusi nel nucleo familiare. Viene pertanto meno ogni possibile interpretazione e richiamo regolamentare a parenti tenuti o meno ad obbligazioni alimentari nella disciplina della suddetta materia; c) che al fine di individuare un unico contraente con la struttura residenziale i rapporti giuridici intercorrenti sono così differenziati:

7 - nel caso in cui il Comune riconosca all'assistito solo un contributo parziale per il saldo della retta, i rapporti giuridici vengono regolati da accordi diretti fra la struttura residenziale e l'ospite e i parenti per lui garanti obbligati in solido verso la struttura; - in via residuale nel caso di assunzione da parte del Comune dell'intero onere della retta, al netto dei redditi e patrimoni dell'assistito già impiegati per il saldo della retta medesima, i rapporti giuridici fra Comune e la struttura residenziale sono regolati da appositi accordi; d) L assistente sociale, prima che sia disposta l ammissione dell anziano in struttura, convoca i parenti per accertare il loro coinvolgimento nel progetto assistenziale e per informarli dell obbligo di contribuzione. Qualora invece l anziano risulti privo di rete familiare sarà l assistente sociale RC a gestire il progetto di inserimento. e) Potranno ottenere la contribuzione da parte del Comune solo coloro che siano in condizione di non autosufficienza certificata dalla competente UVM territoriale e per i quali la medesima abbia escluso l attivazione delle altre possibili alternative proposte dalla rete dei servizio socio sanitari integrati per anziani. f) Il beneficio economico potrà essere erogato a condizione che l utente inoltri contestualmente richiesta di inserimento in una struttura pubblica convenzionata con Az. Usl e che l ingresso o il trasferimento da una struttura privata avvenga non appena ciò sia possibile. g) Il servizio sociale si riserva la facoltà di condividere con la famiglia a scelta dell eventuale struttura privata (in attesa del posto convenzionato disponibile) presso la quale inserire la persona che necessita di ricovero, in considerazione dei bisogni dell anziano, del parere dell UVM territoriale e delle condizioni economiche più vantaggiose. Tutto ciò premesso, ai fini della concessione di contributi economici per la copertura della quota sociale delle rette di ricovero in strutture residenziali, fatta salva la valutazione sociale, condizione per l erogazione stessa del contributo, si stabiliscono i seguenti criteri: a) per gli assistiti soli in vita con redditi e patrimoni mobiliari non sufficienti alla copertura della retta di ricovero e per quelli facenti parte di nuclei, come definiti all art. 6 del D.P.C.M. n. 159/2013, con valore I.S.E.E. inferiore alla soglia minima stabilita annualmente, il Comune contribuisce totalmente alla copertura del residuo della retta; b) per gli assistiti soli in vita con redditi e patrimoni mobiliari sufficienti alla copertura della retta di ricovero o per quelli e per quelli facenti parte di nuclei, come definiti all art. 6 del D.P.C.M. n. 159/2013, con valore I.S.E.E. superiore alla soglia massima stabilita annualmente, il Comune non contribuisce economicamente con alcun contributo. Il residuo non coperto dai redditi e patrimoni dell assistito rimane in carico ed in onere ai famigliari; c) per gli assistiti facenti parte di nuclei, come definiti all art. 6 del D.P.C.M. n. 159/2013, con valore I.S.E.E. compreso tra la soglia minima e quella massima stabilita annualmente, i famigliari possono richiedere l erogazione di un contributo economico al Comune. La misura del contributo viene determinata con criterio proporzionale tra la quota sociale residua da saldare sulla retta (dopo che l assistito ha provveduto con tutti i propri redditi e patrimoni disponibili al saldo della retta di ricovero, fatta salva la quota di eventuale c.d. regalia) e la soglia stabilita annualmente, in relazione all I.S.E.E. del nucleo familiare secondo la seguente formula: Contributo comunale = [Residuo retta*( soglia max ISEE - ISEE nucleo)/( soglia max ISEE soglia min ISEE)] d) Al fine dell eventuale intervento economico comunale, gli eventuali immobili in proprietà e altri diritti reali nella titolarità dell assistito solo in vita, nonché beni materiali di valore, vengono messi in regime fruttifero da parte dell assistito al fine di coprire la quota sociale della retta di ricovero. Solo per l anno 2016 e comunque fino ad approvazione della delibera delle tariffe anno 2017 la soglia ISEE minima si assesterà in Euro 6.524,00 e la soglia massima in Euro

8 Art. 9 Controlli Sulle dichiarazioni sostitutive uniche ed attestazione ISEE presentate in ordine alla richiesta dei contributi disciplinati dal presente regolamento, vengono attivati i controlli secondo i criteri e le modalità disciplinati dalla normativa vigente. Fatti salvi i controlli di veridicità per legge ai sensi dell art. 71 del T.U. 445/00 e dell art. 11 comma 6 del D.P.C.M. 159/13, nel rispetto dei Criteri univoci in materia di controlli di congruità delle DSU ISEE di cui alle Linee Giuda CTSS, saranno inoltre sottoposte a controllo le Dichiarazioni Sostitutive presentate ai fini ISEE nei seguenti casi: a) somma dei redditi ai fini ISEE ai sensi dell art. 4 comma 2 del D.P.C.M. 159/13 pari a zero; b) somma dei redditi ai fini ISEE ai sensi dell art. 4 comma 2 del D.P.C.M. 159/13 inferiore al canone annuo della locazione, in assenza di morosità, o rata annua del mutuo per acquisto o costruzione dell immobile ad uso abitazione; Art.10 Amministrazione Trasparente Nel rispetto delle norme previste D.Lgs. 33/2013 l ente erogatore provvede agli adempimenti previsti. Art.11 Esclusioni Si potrà procederà all'esclusione delle domande per la concessione del beneficio nei seguenti casi: - accertamento di dichiarazioni sostitutive non veritiere per difformità e/o di omissioni rilevate fra quanto dichiarato e le verifiche effettuate presso gli archivi delle Amministrazioni certificanti; - assenza di motivazione in ordine alle inattendibilità, contraddittorietà, illogicità rilevate nella dichiarazione sottoposta a controllo.

9

10

REGOLAMENTO CONCERNENTE L EROGAZIONE DI BENEFICI E CONTRIBUTI ECONOMICI IN CAMPO SOCIALE. Art. 1 Finalità

REGOLAMENTO CONCERNENTE L EROGAZIONE DI BENEFICI E CONTRIBUTI ECONOMICI IN CAMPO SOCIALE. Art. 1 Finalità REGOLAMENTO CONCERNENTE L EROGAZIONE DI BENEFICI E CONTRIBUTI ECONOMICI IN CAMPO SOCIALE. Art. 1 Finalità Nell ambito del più complessivo ambito di intervento di sostegno e sviluppo alla persona e al nucleo

Dettagli

REGOLAMENTO DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI EROGAZIONE DI ASSISTENZA ECONOMICA A CITTADINI INDIGENTI

REGOLAMENTO DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI EROGAZIONE DI ASSISTENZA ECONOMICA A CITTADINI INDIGENTI 1 COMUNE BORGONOVO VAL TIDONE (Piacenza) REGOLAMENTO DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI EROGAZIONE DI ASSISTENZA ECONOMICA A CITTADINI INDIGENTI Approvato con deliberazione di C.C. n. 45 del 23.09.2004 2

Dettagli

C I T T À D I C O N E G L I A N O

C I T T À D I C O N E G L I A N O PROPOSTA DI DELIBERAZIONE GIUNTA N. PRDG - 499-2015 DEL 14-10-2015 OGGETTO: Recepimento Atto di indirizzo applicativo ai fini dell adozione degli atti normativi e regolamentari per l erogazione delle prestazioni

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE GENERALE PER L APPLICAZIONE DELL I.S.E.E.

REGOLAMENTO COMUNALE GENERALE PER L APPLICAZIONE DELL I.S.E.E. REGOLAMENTO COMUNALE GENERALE PER L APPLICAZIONE DELL I.S.E.E. Approvato con Deliberazione C.C. n.36 del 19/07/2002 INDICE ART.1 ART.2 RIFERIMENTI NORMATIVI AMBITO DI APPLICAZIONE ART. 3 SITUAZIONE ECONOMICA

Dettagli

OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO INDICATORE SITUAZIONE ECONOMICA (I.S.E.).

OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO INDICATORE SITUAZIONE ECONOMICA (I.S.E.). Cc01055 OGGETTO: APPROVAZIONE REGOLAMENTO INDICATORE SITUAZIONE ECONOMICA (I.S.E.). IL CONSIGLIO COMUNALE VISTO il D. Lgs. n. 109 del 31/3/98 come modificato dal D.Lgs. n.130 del 03/05/2000; VISTO il D.P.C.M.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI DI NATURA ECONOMICA

REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI DI NATURA ECONOMICA COMUNE DI CANINO Provincia di Viterbo REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI DI NATURA ECONOMICA INDICE ART. DESCRIZIONE ART. DESCRIZIONE 1 Oggetto e finalità 12 Casi diversi 2 Applicazione

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE Del/cc/regolamentoIsee OGGETTO: ESAME E APPROVAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL I.S.E.E (Indicatore situazione economica equivalente) PER AGEVOLAZIONI TARIFFARIE SUI SERVIZI COMUNALI

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI PIANORO Deliberazione Consiglio Comunale n. 36/2016 IL CONSIGLIO COMUNALE Richiamata la propria deliberazione n. 95 del 20/12/2000 con la quale, in applicazione del D.Lgs. n. 360/1998, venne

Dettagli

Comune di CORNATE D'ADDA Provincia di Monza Brianza

Comune di CORNATE D'ADDA Provincia di Monza Brianza Comune di CORNATE D'ADDA Provincia di Monza Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO E LE MODALITA DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A FAVORE DI PERSONE FISICHE Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

Distretto Pianura EST (Città Metropolitana di Bologna)

Distretto Pianura EST (Città Metropolitana di Bologna) Distretto Pianura EST (Città Metropolitana di Bologna) NUOVO ISEE REGOLAMENTO DI AMBITO DISTRETTUALE PER L ACCESSO E LA COMPARTECIPAZIONE AL COSTO DELLE PRESTAZIONI SOCIALI E SOCIO SANITARIE AGEVOLATE,

Dettagli

COMUNE DI AICURZIO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO E LE MODALITA DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A FAVORE DI PERSONE FISICHE

COMUNE DI AICURZIO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO E LE MODALITA DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A FAVORE DI PERSONE FISICHE Regolamento contributi persone fisiche 2016 COMUNE DI AICURZIO REGOLAMENTO COMUNALE PER L ACCESSO E LE MODALITA DI CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI A FAVORE DI PERSONE FISICHE Approvato con deliberazione

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE E PER L APPLICAZIONE DELL I.S.E.E.

REGOLAMENTO COMUNALE PER LE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE E PER L APPLICAZIONE DELL I.S.E.E. COMUNE DI BUTTIGLIERA ALTA PROVINCIA DI TORINO VIA REANO, 3 CAP 10090 TEL. 0119329320 FAX 0119329349 demografici.ba@tiscali.it SERVIZI DEMOGRAFICI REGOLAMENTO COMUNALE PER LE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

Dettagli

COMUNE DI POSTA FIBRENO

COMUNE DI POSTA FIBRENO COMUNE DI POSTA FIBRENO REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI SOCIO - ASSISTENZIALI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 15 del 27 settembre 2017 1 Indice Premessa Art.

Dettagli

COMUNE DI CAMPOSANTO Provincia di Modena REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISEE AI SERVIZI COMUNALI EROGATI QUALI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE.

COMUNE DI CAMPOSANTO Provincia di Modena REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISEE AI SERVIZI COMUNALI EROGATI QUALI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. COMUNE DI CAMPOSANTO Provincia di Modena REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL ISEE AI SERVIZI COMUNALI EROGATI QUALI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 41

Dettagli

COMUNE DI FONTEVIVO PROVINCIA DI PARMA

COMUNE DI FONTEVIVO PROVINCIA DI PARMA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 134 DEL 02/11/2016 Oggetto: REDDITO MINIMO DI SUSSISTENZA. DETERMINAZIONE DEI VALORI ISEE PER L'ACCESSO E L'EROGAZIONE DEL CONTRIBUTO PER L'ANNO 2016.

Dettagli

Art. 1 - Oggetto e finalità

Art. 1 - Oggetto e finalità REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI INTERVENTI ECONOMICI A SOSTEGNO DI DISABILI E ANZIANI INSERITI IN STRUTTURE RESIDENZIALI O SEMIRESIDENZIALI, SOCIALI E SOCIO-SANITARIE Art. 1 - Oggetto e finalità

Dettagli

REGOLAMENTO PER INTERVENTI DI PAGAMENTO O DI INTEGRAZIONE RETTE DI STRUTTURE RESIDENZIALI (anziani e disabili)

REGOLAMENTO PER INTERVENTI DI PAGAMENTO O DI INTEGRAZIONE RETTE DI STRUTTURE RESIDENZIALI (anziani e disabili) REGOLAMENTO PER INTERVENTI DI PAGAMENTO O DI INTEGRAZIONE RETTE DI STRUTTURE RESIDENZIALI (anziani e disabili) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 78 del 25.11.2009 REGOLAMENTO PER INTERVENTI

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER I RICOVERI IN STRUTTURE SOCIO - ASSISTENZIALI RESIDENZIALI

REGOLAMENTO COMUNALE PER I RICOVERI IN STRUTTURE SOCIO - ASSISTENZIALI RESIDENZIALI 1 Comune di Cormòns Provincia di Gorizia REGOLAMENTO COMUNALE PER I RICOVERI IN STRUTTURE SOCIO - ASSISTENZIALI RESIDENZIALI Testo approvato dalla Commissione consiliare per lo Statuto e per i Regolamenti

Dettagli

N. ORE MENSILI COSTO ORARIO MASSIMO AMMISSIBILE PER IL RIMBORSO SU BASE IRSE. di fruizione del servizio

N. ORE MENSILI COSTO ORARIO MASSIMO AMMISSIBILE PER IL RIMBORSO SU BASE IRSE. di fruizione del servizio LA GIUNTA REGIONALE vista la legge 28 agosto 1997, n. 285 (Disposizioni per la promozione di diritti e di opportunità per l infanzia e l adolescenza); vista la legge 8 novembre 2000, n. 328 (Legge quadro

Dettagli

CITTA DI GIULIANOVA PROVINCIA DI TERAMO

CITTA DI GIULIANOVA PROVINCIA DI TERAMO CITTA DI GIULIANOVA PROVINCIA DI TERAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER LA CONCESSIONE DI SOVVENZIONI, CONTRIBUTI, SUSSIDI, INTERVENTI ECONOMICI ED ASSISTENZIALI, A SOGGETTI IN CASO DI BISOGNO. (Approvata con

Dettagli

Divisione Risorse Finanziarie /013. Area Tributi e Catasto Servizio Amministrazione e Gestione Finanziaria Imposta di Soggiorno

Divisione Risorse Finanziarie /013. Area Tributi e Catasto Servizio Amministrazione e Gestione Finanziaria Imposta di Soggiorno Divisione Risorse Finanziarie 2018 03914/013 Area Tributi e Catasto Servizio Amministrazione e Gestione Finanziaria Imposta di Soggiorno CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 430 approvata

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELL ASSEMBLEA CONSORTILE N. 1

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELL ASSEMBLEA CONSORTILE N. 1 C.I.S.A.P. ORIGINALE CONSORZIO INTERCOMUNALE DEI SERVIZI ALLA PERSONA COLLEGNO GRUGLIASCO VERBALE DI DELIBERAZIONE DELL ASSEMBLEA CONSORTILE N. 1 DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE 12 GENNAIO 2015, N.

Dettagli

OGGETTO: ADESIONE AL FONDO FINALIZZATO ALL INTEGRAZIONE DEL CANONE DI LOCAZIONE AI NUCLEI FAMILIARI IN CONDIZIONE DI GRAVE DISAGIO ECONOMICO - ANNO

OGGETTO: ADESIONE AL FONDO FINALIZZATO ALL INTEGRAZIONE DEL CANONE DI LOCAZIONE AI NUCLEI FAMILIARI IN CONDIZIONE DI GRAVE DISAGIO ECONOMICO - ANNO DELIBERAZIONE N. 54 adottata il 06/05/2015 Seduta del 06/05/2015 con inizio alle ore 09:00 OGGETTO: ADESIONE AL FONDO FINALIZZATO ALL INTEGRAZIONE DEL CANONE DI LOCAZIONE AI NUCLEI FAMILIARI IN CONDIZIONE

Dettagli

COMUNE DI LA CASSA PROVINCIA DI TORINO

COMUNE DI LA CASSA PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI LA CASSA PROVINCIA DI TORINO Modificato con Deliberazione C.C. n. 24 del 16/07/2013 REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) ALLE PRESTAZIONI

Dettagli

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER INTEGRAZIONE RETTE DI RICOVERO

COMUNE DI TERNO D ISOLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER INTEGRAZIONE RETTE DI RICOVERO REGOLAMENTO PER INTEGRAZIONE RETTE DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 47 del 24 Aprile 2004 ART. 1. OGGETTO E FINALITA DELL INTEGRAZIONE 1. Il contributo

Dettagli

OGGETTO: FONDO FINALIZZATO AL SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE IN GRAVE DISAGIO ECONOMICO PER IL PAGAMENTO DELL AFFITTO - ANNO 2014

OGGETTO: FONDO FINALIZZATO AL SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE IN GRAVE DISAGIO ECONOMICO PER IL PAGAMENTO DELL AFFITTO - ANNO 2014 Pagina 1 di 8 DELIBERAZIONE N. 122 adottata il 27/08/2014 COPIA Seduta del 27/08/2014 con inizio alle ore 09:00 OGGETTO: FONDO FINALIZZATO AL SOSTEGNO ALLE FAMIGLIE IN GRAVE DISAGIO ECONOMICO PER IL PAGAMENTO

Dettagli

Comune di Quartu Sant Elena Provincia di Cagliari

Comune di Quartu Sant Elena Provincia di Cagliari Comune di Quartu Sant Elena Provincia di Cagliari REGOLAMENTO DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO PER L INSERIMENTO IN STRUTTURA DI ANZIANI E DISABILI Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

COMUNE DI EDOLO Provincia di Brescia

COMUNE DI EDOLO Provincia di Brescia COMUNE DI EDOLO Provincia di Brescia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E.) APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI CONSIGLIO COMUNALE N. 35 DEL 1/10/2010

Dettagli

CITTÀ DI ANGUILLARA SABAZIA PROVINCIA DI RO MA

CITTÀ DI ANGUILLARA SABAZIA PROVINCIA DI RO MA CITTÀ DI ANGUILLARA SABAZIA PROVINCIA DI RO MA R E G O L A M E N T O PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI DI CARATTERE SOCIO- ASSISTENZIALE IN FAVORE DI PERSONE BISOGNOSE E/O A RISCHIO DI EMARGINAZIONE

Dettagli

Istruzione EQUIVALENTE (I.S.E.E.) 159/13;

Istruzione EQUIVALENTE (I.S.E.E.) 159/13; Direzione Generale Dipartimento Benessere di Comunità Dipartimento Cultura e Scuola Dipartimento Programmazione Dipartimento Risorse Finanziarie Istruzione Servizi per l'abitare Servizi Sociali P.G. N.:

Dettagli

UNITA OPERATIVA SERVIZI AMMINISTRATIVI DI SETTORE E DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI SETTORE III SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA'

UNITA OPERATIVA SERVIZI AMMINISTRATIVI DI SETTORE E DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI SETTORE III SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' UNITA OPERATIVA SERVIZI AMMINISTRATIVI DI SETTORE E DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI SETTORE III SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' DETERMINAZIONE Oggetto: Assunzione oneri per integrazione retta, in

Dettagli

Conferenza territoriale sociale e sanitaria di Bologna

Conferenza territoriale sociale e sanitaria di Bologna CTSS Conferenza territoriale sociale e sanitaria di Bologna Atto di indirizzo ai fini dell adozione degli atti normativi e regolamentari per l erogazione delle prestazioni sociali agevolate in conformità

Dettagli

C I T T A D I C A O R L E

C I T T A D I C A O R L E C I T T A D I C A O R L E Provincia di Venezia 30021 CAORLE (VE) Via Roma, 26 Tel. (0421) 219111 r.a. Fax (0421) 219300 Cod. Fisc. e P.I. 00321280273 ORIGINALE Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

SETTORE III SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' UNITA OPERATIVA SERVIZI AMMINISTRATIVI DI SETTORE E DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DETERMINAZIONE

SETTORE III SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' UNITA OPERATIVA SERVIZI AMMINISTRATIVI DI SETTORE E DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DETERMINAZIONE SETTORE III SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' UNITA OPERATIVA SERVIZI AMMINISTRATIVI DI SETTORE E DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DETERMINAZIONE Oggetto: Assunzione oneri per integrazione retta, in

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Politiche Sociali DIRETTORE GROSSI dott.ssa EUGENIA Numero di registro Data dell'atto 362 14/03/2017 Oggetto : Concessione dell'assegno al nucleo familiare

Dettagli

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE ISEE

COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE ISEE COMUNE DI SAN LAZZARO DI SAVENA REGOLAMENTO SUI CRITERI APPLICATIVI DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE ISEE Approvato con delibera di Consiglio comunale n. 14 del 12-04-2016 1 ART.

Dettagli

OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO ALL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE I.S.E.E.

OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO ALL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE I.S.E.E. DELIBERAZIONE N. 1 adottata il 21/01/2015 ORIGINALE Seduta del 21/01/2015 con inizio alle ore 09:00 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO ALL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA

Dettagli

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI INTERVENTI

REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI INTERVENTI REGOLAMENTO PER L EROGAZIONE DI INTERVENTI ECONOMICI ASSISTENZIALI (Approvato con delibera C.C. N.26 del 6/7/2015) Premessa L Amministrazione Comunale eroga degli interventi assistenziali a favore di cittadini

Dettagli

COMUNE DI CANDA (RO)

COMUNE DI CANDA (RO) Determinazione AREA AMMINISTRATIVA-FINANZIARIA N. Gen. 50 del 28/03/2018 N. Sett. 35 Oggetto CONCESSIONE DELL ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE CON ALMENO TRE FIGLI MINORI, RELATIVO ALL ANNO 2018, RICHIESTO

Dettagli

UNITA OPERATIVA SERVIZI AMMINISTRATIVI DI SETTORE E DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI SETTORE III SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA'

UNITA OPERATIVA SERVIZI AMMINISTRATIVI DI SETTORE E DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI SETTORE III SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' UNITA OPERATIVA SERVIZI AMMINISTRATIVI DI SETTORE E DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI SETTORE III SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' DETERMINAZIONE Oggetto: Assunzione oneri per integrazione retta, in

Dettagli

REGOLAMENTO PER INTEGRAZIONE RETTE IN STRUTTURE RESIDENZIALI

REGOLAMENTO PER INTEGRAZIONE RETTE IN STRUTTURE RESIDENZIALI COMUNE DI VILLA D ALMÈ PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER INTEGRAZIONE RETTE IN STRUTTURE RESIDENZIALI (Deliberazioni del Consiglio Comunale n. 57 del 14/06/2001 e n. 71 del 30/07/2001). 24018 PROVINCIA

Dettagli

Regolamento Comunale per

Regolamento Comunale per Allegato alla deliberazione del Consiglio Comunale n 19 del 28.06.2002 Regolamento Comunale per L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI AD INTEGRAZIONE DI RETTE PER L INSERIMENTO DI ANZIANI E DISABILI IN STRUTTURE

Dettagli

COPIA COMUNE DI LINAROLO PROVINCIA DI PAVIA

COPIA COMUNE DI LINAROLO PROVINCIA DI PAVIA COPIA COMUNE DI LINAROLO PROVINCIA DI PAVIA Premesso che: - Il Decreto del Presidente del Consiglio dei Ministri 5 dicembre 2013, n 159, Regolamento concernente la revisione e le modalità di determinazione

Dettagli

UNITA OPERATIVA SERVIZI AMMINISTRATIVI DI SETTORE E DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI SETTORE III SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA'

UNITA OPERATIVA SERVIZI AMMINISTRATIVI DI SETTORE E DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI SETTORE III SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' UNITA OPERATIVA SERVIZI AMMINISTRATIVI DI SETTORE E DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI SETTORE III SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' DETERMINAZIONE Oggetto: Assunzione oneri per il pagamento della retta

Dettagli

COMUNE DI NAVE. Provincia di Brescia. Regolamento Comunale per l applicazione dell ISEE indicatore della situazione economica equivalente

COMUNE DI NAVE. Provincia di Brescia. Regolamento Comunale per l applicazione dell ISEE indicatore della situazione economica equivalente COMUNE DI NAVE Provincia di Brescia Regolamento Comunale per l applicazione dell ISEE indicatore della situazione economica equivalente Approvato con Deliberazione del Consiglio Comunale n.53 del 30/11/2015

Dettagli

COMUNE DI VEZZANO SUL CROSTOLO Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI VEZZANO SUL CROSTOLO Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI VEZZANO SUL CROSTOLO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEGLI INTERVENTI DI SOSTEGNO TRAMITE L EROGAZIONE DI PRESTITI SULL ONORE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Comune di Cremona pagina 1 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Politiche Sociali DIRETTORE GROSSI dott.ssa EUGENIA Numero di registro Data dell'atto 610 20/04/2017 Oggetto : Concessione dell'assegno

Dettagli

Deliberazione della Giunta Comunale

Deliberazione della Giunta Comunale Originale Provincia di Rieti Deliberazione della Giunta Comunale N 19 Data 26/02/2016 Oggetto: OGGETTO: DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 12 DEL 05.02.2016 - INTERVENTI PER IL CONTRASTO ALLE SITUAZIONI

Dettagli

ASSEMBLEA DEI SOCI. Deliberazione n. 25 del

ASSEMBLEA DEI SOCI. Deliberazione n. 25 del ASSEMBLEA DEI SOCI Deliberazione n. 25 del 05.11.2015 OGGETTO: Integrazione alla delibera di Assemblea dei soci n. 18 del 18.05.2015: modalità sperimentali di calcolo della compartecipazione conformemente

Dettagli

COMUNE DI BALZOLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 39

COMUNE DI BALZOLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 39 COPIA COMUNE DI BALZOLA PROVINCIA DI ALESSANDRIA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 39 OGGETTO : CONTRIBUTI A SOSTEGNO DEL REDDITO DELLE PERSONE FISICHE/FAMIGLIE IN STATO DI BISOGNO: DETERMINAZIONI

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE PROPONENTE Settore Politiche Sociali DIRETTORE GROSSI dott.ssa EUGENIA Numero di registro Data dell'atto 770 15/05/2017 Oggetto : Concessione dell'assegno al nucleo familiare

Dettagli

Deliberazione della Giunta Comunale

Deliberazione della Giunta Comunale Copia Provincia di Rieti Deliberazione della Giunta Comunale N 19 Data 26/02/2016 Oggetto: OGGETTO: DELIBERAZIONE DI GIUNTA COMUNALE N. 12 DEL 05.02.2016 - INTERVENTI PER IL CONTRASTO ALLE SITUAZIONI DI

Dettagli

SETTORE III SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' UNITA OPERATIVA SERVIZI AMMINISTRATIVI DI SETTORE E DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DETERMINAZIONE

SETTORE III SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' UNITA OPERATIVA SERVIZI AMMINISTRATIVI DI SETTORE E DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DETERMINAZIONE SETTORE III SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' UNITA OPERATIVA SERVIZI AMMINISTRATIVI DI SETTORE E DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DETERMINAZIONE Oggetto: Assunzione oneri per integrazione retta, in

Dettagli

.) - Delibera di Consiglio - La Giunta propone al Consiglio la seguente deliberazione IL CONSIGLIO

.) - Delibera di Consiglio - La Giunta propone al Consiglio la seguente deliberazione IL CONSIGLIO Direzione Generale Dipartimento Benessere di Comunità Dipartimento Cultura e Scuola Dipartimento Programmazione Dipartimento Risorse Finanziarie Istruzione Servizi per l'abitare l Servizi Sociali P.G.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL ISEE ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL ISEE ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL ISEE ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE INDICE GENERALE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Oggetto Finalità Modalità

Dettagli

Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 674 SEDUTA DEL 17/05/2019

Regione Umbria. Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 674 SEDUTA DEL 17/05/2019 Regione Umbria Giunta Regionale DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIONALE N. 674 SEDUTA DEL 17/05/2019 OGGETTO: L. n. 448/1998, art. 27 e L. 208/2015 art. 1 comma 258 Criteri per la fornitura gratuita o semigratuita

Dettagli

COMUNE DI SPARONE Provincia di Torino

COMUNE DI SPARONE Provincia di Torino COMUNE DI SPARONE Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (ISEE) ALL EROGAZIONE DI PRESTAZIONI O SERVIZI SOCIALI COMUNALI IN FORMA AGEVOLATA

Dettagli

Regolamento per l'erogazione di prestazioni sociali agevolate

Regolamento per l'erogazione di prestazioni sociali agevolate Regolamento per l'erogazione di prestazioni sociali agevolate Art.1 Oggetto di regolamento 1. Il presente regolamento è diretto ad individuare le condizioni economiche dei cittadini singoli e/o nuclei

Dettagli

COMUNE DI ARCENE PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI ECONOMICI INDIVIDUALI

COMUNE DI ARCENE PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI ECONOMICI INDIVIDUALI COMUNE DI ARCENE PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER L ACCESSO AI CONTRIBUTI ECONOMICI INDIVIDUALI Approvato dal Consiglio comunale con deliberazione n. del 27/6/2013 ART. 1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1.1

Dettagli

SETTORE III SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA'

SETTORE III SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' SETTORE III SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' UNITA OPERATIVA SERVIZI SOCIALI COMUNALI,SPORTELLO SOCIALE AL CITTADINO, SEGRETERIA AMMINISTRATIVA DI SETTORE DETERMINAZIONE Oggetto: Assunzione oneri

Dettagli

Comune di Soragna Provincia di Parma. P.le Meli Lupi, Soragna C.F. - P. I. V.A.

Comune di Soragna Provincia di Parma. P.le Meli Lupi, Soragna C.F. - P. I. V.A. REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE CONDIZIONI E MODALITÀ DI CONCORSO DA PARTE DEL COMUNE ALLA SPESA DI RICOVERO DI PERSONE NON ABBIENTI IN STRUTTURE RESIDENZIALI Articolo 1 - OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il regolamento

Dettagli

SETTORE III SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' UNITA OPERATIVA SERVIZI AMMINISTRATIVI DI SETTORE E DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DETERMINAZIONE

SETTORE III SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' UNITA OPERATIVA SERVIZI AMMINISTRATIVI DI SETTORE E DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DETERMINAZIONE SETTORE III SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' UNITA OPERATIVA SERVIZI AMMINISTRATIVI DI SETTORE E DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI DETERMINAZIONE Oggetto: Assunzione oneri per integrazione retta, in

Dettagli

UNITA OPERATIVA SERVIZI AMMINISTRATIVI DI SETTORE E DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI SETTORE III SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA'

UNITA OPERATIVA SERVIZI AMMINISTRATIVI DI SETTORE E DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI SETTORE III SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' UNITA OPERATIVA SERVIZI AMMINISTRATIVI DI SETTORE E DEL SERVIZIO SOCIALE DEI COMUNI SETTORE III SERVIZI ALLA PERSONA E ALLA COMUNITA' DETERMINAZIONE Oggetto: Assunzione oneri per integrazione retta, in

Dettagli

COMUNE DI SANT'AGATA BOLOGNESE

COMUNE DI SANT'AGATA BOLOGNESE C O P I A DELIBERA N. 13 COMUNE DI SANT'AGATA BOLOGNESE Provincia di Bologna GIUNTA COMUNALE OGGETTO: REGOLAMENTO PER L'ACCESSO E L'EROGAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO PER SINGOLI E PER NUCLEI

Dettagli

ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. D.P.C.M. 5 dicembre 2013 n Sperimentazione per applicazione nuovo ISEE.

ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. D.P.C.M. 5 dicembre 2013 n Sperimentazione per applicazione nuovo ISEE. DELIBERAZIONE N. 505 IN DATA 18-12-2014 PROPOSTA N. PRDG - 640-2014 DEL 17-12-2014 CITTÀ DI CONEGLIANO (C.A.P. n. 31015) PROVINCIA DI TREVISO Comunicata ai Capigruppo Consiliari contestualmente alla pubblicazione

Dettagli

REGOLAMENTO PER INTEGRAZIONE RETTE DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI

REGOLAMENTO PER INTEGRAZIONE RETTE DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI COMUNE DI BONATE SOTTO PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO PER INTEGRAZIONE RETTE DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI Approvato con deliberazione consiliare nr.11 del 31 marzo 2005 Comune di Bonate Sotto

Dettagli

COMUNE DI BORGIALLO. Provincia di Torino

COMUNE DI BORGIALLO. Provincia di Torino COMUNE DI BORGIALLO Provincia di Torino REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEI CRITERI UNIFICATI DI VALUTAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE DEI SOGGETTI CHE RICHIEDONO PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

Dettagli

INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO

INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO APPROVATO CON DELIBERA DI C.C. N. 8 DEL 18.02.2005 INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO Art. 1 Oggetto del regolamento Il presente regolamento disciplina gli interventi di sostegno economico dei comuni dell

Dettagli

COMUNE DI RONCO BRIANTINO

COMUNE DI RONCO BRIANTINO COMUNE DI RONCO BRIANTINO Provincia di Monza e della Brianza Pubblicato all Albo Pretorio dal 05/03/2015 al 20/03/2015 L incaricato della pubblicazione Michele Coriale VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA

Dettagli

PIANO DI ZONA DEI SERVIZI SOCIALI AMBITO S07 CALORE SALERNITANO ALBURNI Comune capofila Roccadaspide

PIANO DI ZONA DEI SERVIZI SOCIALI AMBITO S07 CALORE SALERNITANO ALBURNI Comune capofila Roccadaspide PIANO DI ZONA DEI SERVIZI SOCIALI AMBITO S07 CALORE SALERNITANO ALBURNI Comune capofila Roccadaspide AMBITO SOCIALE TERRITORIALE S07 CALORE SALERNITANO-ALBURNI COMUNE CAPOFILA ROCCADASPIDE REGOLAMENTO

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO COMUNE DI PIEVE D OLMI SERVIZIO AMMINISTRATIVO P R O V I N C I A D I C R E M O N A DETERMINAZIONE N. 16 DEL 29 GIUGNO 2016 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO OGGETTO: RICHIESTA CONCESSIONE PRESTAZIONI

Dettagli

Comune di Prizzi Provincia di Palermo

Comune di Prizzi Provincia di Palermo Comune di Prizzi Provincia di Palermo REGOLAMENTO PER IL PAGAMENTO DELL INTEGRAZIONE RETTE DI RICOVERO IN STRUTTURE RESIDENZIALI A CARATTERE SOCIO- SANITARIO (RSA) 1 INDICE Art. 1 - Finalità Art. 2 - Normativa

Dettagli

REGOLAMENTO Per le prestazioni sociali e per l applicazione dell I.S.E.E. (Indicatore Situazione Economica Equivalente)

REGOLAMENTO Per le prestazioni sociali e per l applicazione dell I.S.E.E. (Indicatore Situazione Economica Equivalente) REGOLAMENTO Per le prestazioni sociali e per l applicazione dell I.S.E.E. (Indicatore Situazione Economica Equivalente) ARTICOLO 1 OGGETTO E RIFERIMENTI 1. Il presente Regolamento è finalizzato alla individuazione

Dettagli

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO

DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO COMUNE DI PIEVE D OLMI SERVIZIO AMMINISTRATIVO P R O V I N C I A D I C R E M O N A DETERMINAZIONE N. 13 DEL 15 GIUGNO 2016 DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO OGGETTO: RICHIESTA CONCESSIONE PRESTAZIONI

Dettagli

COMUNE DI SANT'AGATA BOLOGNESE

COMUNE DI SANT'AGATA BOLOGNESE C O P I A DELIBERA N. 20 COMUNE DI SANT'AGATA BOLOGNESE Provincia di Bologna GIUNTA COMUNALE OGGETTO: REGOLAMENTO PER L'ACCESSO E L'EROGAZIONE DI INTERVENTI DI SOSTEGNO ECONOMICO PER SINGOLI E PER NUCLEI

Dettagli

COMUNE DI BOSCO MARENGO

COMUNE DI BOSCO MARENGO C COMUNE DI BOSCO MARENGO PROVINCIA DI ALESSANDRIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE (I.S.E.E) Approvato con deliberazione C.C. n. 26 del 27.07.2010

Dettagli

COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI. (Prov. di Cremona) SERVIZIO AFFARI GENERALI. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO n. 115 del 17/03/2018

COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI. (Prov. di Cremona) SERVIZIO AFFARI GENERALI. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO n. 115 del 17/03/2018 COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) ORIGINALE SERVIZIO AFFARI GENERALI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO n. 115 del 17/03/2018 OGGETTO Concessione beneficio economico a soggetto

Dettagli

C O M U N E D I C I L A V E G N A REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

C O M U N E D I C I L A V E G N A REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE C O M U N E D I C I L A V E G N A REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Approvato con delibera di Consiglio Comunale n. 64 del 22.12.1999 - Seduta del 30.12.1999 Atti n.

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DEL COMUNE DI BOSARO. Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DEL COMUNE DI BOSARO. Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE DEL COMUNE DI BOSARO Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 13 del 02/05/2018 1 INDICE : Art. 1 Obiettivi Art. 2 Destinatari Art. 3 Accesso

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE. Per l erogazione di contributi economici a persone in stato di bisogno. Pagina 1 di 5

REGOLAMENTO COMUNALE. Per l erogazione di contributi economici a persone in stato di bisogno. Pagina 1 di 5 REGOLAMENTO COMUNALE Per l erogazione di contributi economici a persone in stato di bisogno Pagina 1 di 5 CAPO I FINALITA ED AMBITO DI APPLICAZIONE ART. 1 (principi e finalità) Il Comune, in conformità

Dettagli

COMUNE DI DECIMOMANNU

COMUNE DI DECIMOMANNU COMUNE DI DECIMOMANNU SETTORE : Settore I Responsabile: Garau Donatella DETERMINAZIONE N. 980 in data 20/10/2015 OGGETTO: EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI IN FAVORE DI CITTADINI IN CONDIZIONE DI DISAGIO

Dettagli

AREA SERVIZI ALLA PERSONA

AREA SERVIZI ALLA PERSONA COMUNE DI COLOGNO AL SERIO Provincia di Bergamo N. 4 DATA 14-01-2014 COPIA AREA SERVIZI ALLA PERSONA DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DI AREA OGGETTO: Contributo a ricoverato in casa di riposo per integrazione

Dettagli

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia di Olbia - Tempio

COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia di Olbia - Tempio COPIA COMUNE DI GOLFO ARANCI Provincia di Olbia - Tempio VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Numero 131 Del 02-10-15 Oggetto: SERVIZI SOCIO-ASSISTENZIALI ANNUALITA' 2015/2016 - APPROVAZIONE

Dettagli

Divisione Servizi Sociali /019 Servizio Prevenzione alle Fragilità Sociali e Sostegno agli Adulti in Difficoltà

Divisione Servizi Sociali /019 Servizio Prevenzione alle Fragilità Sociali e Sostegno agli Adulti in Difficoltà Divisione Servizi Sociali 2018 06699/019 Servizio Prevenzione alle Fragilità Sociali e Sostegno agli Adulti in Difficoltà CITTÀ DI TORINO DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. Cronologico 399 approvata il 13

Dettagli

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE CONDIZIONI E MODALITA' DI CONCORSO DA PARTE DEL COMUNE ALLA SPESA DI RICOVERO DI PERSONE NON ABBIENTI IN STRUTTURE

REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE CONDIZIONI E MODALITA' DI CONCORSO DA PARTE DEL COMUNE ALLA SPESA DI RICOVERO DI PERSONE NON ABBIENTI IN STRUTTURE REGOLAMENTO DISCIPLINANTE LE CONDIZIONI E MODALITA' DI CONCORSO DA PARTE DEL COMUNE ALLA SPESA DI RICOVERO DI PERSONE NON ABBIENTI IN STRUTTURE RESIDENZIALI Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

COMUNE di RONCADELLE (Provincia di Brescia)

COMUNE di RONCADELLE (Provincia di Brescia) COMUNE di RONCADELLE (Provincia di Brescia) approvato con delib. Cons. Com. n. 4 del 28.01.2003 modificato con delib. Cons. Com. n. 30 del 25.05.2004 modificato con delib. Cons. Com. n. 50 del 26.09.2007

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO IMMEDIATAMENTE ESEGUIBILE Deliberazione n. 22 del 02/02/2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO PRESA D'ATTO DELL'ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO INDICATORE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA EQUIVALENTE

Dettagli

LINEE GUIDA PER L UNIFORME APPLICAZIONE DEL D.P.C.M. 159/2013 IN REGIONE LOMBARDIA E LA REDAZIONE DEGLI ATTI REGOLAMENTARI

LINEE GUIDA PER L UNIFORME APPLICAZIONE DEL D.P.C.M. 159/2013 IN REGIONE LOMBARDIA E LA REDAZIONE DEGLI ATTI REGOLAMENTARI ALLEGATO 1 LINEE GUIDA PER L UNIFORME APPLICAZIONE DEL D.P.C.M. 159/2013 IN REGIONE LOMBARDIA E LA REDAZIONE DEGLI ATTI REGOLAMENTARI Art. 1. (Ambito di applicazione) 1. Si ritiene opportuno che la disciplina

Dettagli

REGOLAMENTO I.S.E.E.

REGOLAMENTO I.S.E.E. Comune di Sant Ilario d Enza (Provincia di Reggio Emilia) REGOLAMENTO I.S.E.E. (Indicatore situazione economica equivalente) Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 67 del 28.10.02 CAPO I

Dettagli

COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI. (Prov. di Cremona) SERVIZIO AFFARI GENERALI. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO n. 276 del 30/06/2018

COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI. (Prov. di Cremona) SERVIZIO AFFARI GENERALI. DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO n. 276 del 30/06/2018 COMUNE DI CASALBUTTANO ED UNITI (Prov. di Cremona) ORIGINALE SERVIZIO AFFARI GENERALI DETERMINAZIONE DEL RESPONSABILE DEL SERVIZIO n. 276 del 30/06/2018 OGGETTO Concessione contributo economico a soggetto

Dettagli

COMUNE DI DECIMOMANNU

COMUNE DI DECIMOMANNU COMUNE DI DECIMOMANNU SETTORE : Settore I Responsabile: Garau Donatella DETERMINAZIONE N. 330 in data 10/04/2015 OGGETTO: EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI IN FAVORE DI CITTADINI IN CONDIZIONI DI DISAGIO

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE Originale Nr. GENERALE 91 SETTORE Settore Welfare Cittadino NR. SETTORIALE 24 DEL 12/02/2015 OGGETTO: CONCESSIONE ASSEGNO PER IL NUCLEO FAMILIARE E DI MATERNITÀ A DIVERSI RICHIEDENTI

Dettagli

COMUNE DI BAREGGIO Provincia di Milano

COMUNE DI BAREGGIO Provincia di Milano COMUNE DI BAREGGIO Provincia di Milano Determinazione Numero Data Data esecutività SETTORE FAMIGLIA E SOLIDARIETA' SOCIALE 57 20/05/2014 03/06/2014 Oggetto: IMPEGNO DI SPESA PER CONTRIBUTI ECONOMICI A

Dettagli

Determinazione del Dirigente: SET del 11/04/2018

Determinazione del Dirigente: SET del 11/04/2018 III SETTORE SERVIZI SOCIALI -SERVIZI CULTURALI-SERVIZI AL CITTDINO E CIMITERO DETERMINAZIONE DEL DIRIGENTE OGGETTO: Art. 11 Legge 431/1998 â Contributi integrativi ai canoni di locazione â Approvazione

Dettagli

COMUNE DI RANICA PROVINCIA DI BERGAMO

COMUNE DI RANICA PROVINCIA DI BERGAMO COMUNE DI RANICA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA PER L ACCESSO ALLE PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE. LEGGE 27.12.1997, N. 449 D.LGS. 31.03.1998,

Dettagli

COMUNE DI CODIGORO PROVINCIA DI FERRARA

COMUNE DI CODIGORO PROVINCIA DI FERRARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Deliberazione n. 136 del 27/09/2016 OGGETTO: CONCESSIONE SUSSIDIO STRAORDINARIO A PERSONE BISOGNOSE: MATRICOLA ANAGRAFE NN. 1997-18562-3481-18577. L anno

Dettagli

COMUNE DI DECIMOMANNU

COMUNE DI DECIMOMANNU COMUNE DI DECIMOMANNU SETTORE : Settore I Responsabile: Garau Donatella DETERMINAZIONE N. 563 in data 17/06/2015 OGGETTO: EROGAZIONE DI CONTRIBUTI ECONOMICI IN FAVORE DI CITTADINI IN CONDIZIONE DI DISAGIO

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DI COLORO CHE RICHIEDONO PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE

REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DI COLORO CHE RICHIEDONO PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE REGOLAMENTO COMUNALE PER L INDIVIDUAZIONE DELLA SITUAZIONE ECONOMICA DI COLORO CHE RICHIEDONO PRESTAZIONI SOCIALI AGEVOLATE Approvato con deliberazione C.C. n 15 del 18/03/2008 ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Dell Unione dei Comuni dell Eridano. Allegato alla deliberazione di Consiglio dell Unione

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Dell Unione dei Comuni dell Eridano. Allegato alla deliberazione di Consiglio dell Unione REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Dell Unione dei Comuni dell Eridano. Allegato alla deliberazione di Consiglio dell Unione n. 11 del 29/09/2016 1 INDICE : Art. 1 Obiettivi Art. 2 Destinatari

Dettagli

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Del Comune di Crespino. Allegato alla deliberazione di Consiglio

REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE. Del Comune di Crespino. Allegato alla deliberazione di Consiglio REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI ASSISTENZA DOMICILIARE Del Comune di Crespino. Allegato alla deliberazione di Consiglio n. 24 del 24/07/2018 1 INDICE : Art. 1 Obiettivi Art. 2 Destinatari Art. 3 Accesso ai

Dettagli