82_CE-Abuso di posizione dominante (esito: Accettazione impegni)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "82_CE-Abuso di posizione dominante (esito: Accettazione impegni)"

Transcript

1 Provvedimento A366 - COMPORTAMENTI RESTRITTIVI SULLA BORSA ELETTRICA DATI GENERALI tipo Chiusura istruttoria numero data 20/12/2006 PUBBLICAZIONE Bollettino n. 49/ _CE-Abuso di posizione dominante (esito: Accettazione impegni) A366 - COMPORTAMENTI RESTRITTIVI SULLA BORSA ELETTRICA Provvedimento n L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 20 dicembre 2006; SENTITO il Relatore il Relatore Professor Carlo Santagata; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287, e in particolare l articolo 14ter introdotto dalla legge 4 agosto 2006, n. 248, che ha convertito con modifiche il Decreto-Legge 4 luglio 2006, n. 223; VISTA la propria delibera del 6 aprile 2005, con la quale è stata avviata l istruttoria, ai sensi dell articolo 14 della legge n. 287/90, nei confronti delle società ENEL S.p.A. ed ENEL Produzione S.p.A., al fine di accertare l esistenza di violazioni dell articolo 82 del Trattato CE consistenti nell adozione di una complessa e unitaria condotta di offerta nei mercati all ingrosso dell energia elettrica finalizzata a condizionarne l assetto di mercato, disincentivando i concorrenti dal perseguimento di strategie di vendita di tipo espansivo; VISTA la propria delibera del 4 agosto 2005, con la quale è stata richiesta la collaborazione dell Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas al fine di consentire l analisi di documentazione di carattere tecnico relativa al settore dell energia elettrica; VISTA la propria delibera del 6 settembre 2006, con la quale è stato comunicato alle imprese nei confronti delle quali erano pendenti procedimenti volti all accertamento della violazione degli articoli 2 e 3 della legge n. 287/90 o degli articoli 81 e 82 del Trattato CE, che potevano presentare impegni ai sensi dell articolo 14ter della legge 1

2 n. 287/90, come novellato dalla legge n. 248/06, entro e non oltre tre mesi dal 12 agosto 2006, data di entrata in vigore della legge n. 248/06; VISTA la propria Comunicazione sulle procedure di applicazione dell articolo 14ter della legge n. 287/90, assunta nell adunanza del 12 ottobre 2006; VISTA la comunicazione del 17 ottobre 2006, integrata il 20 ottobre 2006, con la quale ENEL S.p.A. e ENEL Produzione S.p.A. hanno presentato impegni ai sensi dell articolo 14ter della legge n. 287/90; VISTA la propria delibera del 24 ottobre 2006, con la quale è stata decisa la pubblicazione sul sito dell Autorità di detti impegni, al fine di consentire ai terzi interessati di esprimere le loro osservazioni; VISTE le osservazioni dell Autorità per l Energia Elettrica ed il Gas e dei terzi interessati; VISTE le modifiche accessorie agli impegni originali comunicate da ENEL S.p.A. e ENEL Produzione S.p.A.; VISTI gli atti del procedimento; CONSIDERATO quanto segue: IL FATTO Le Parti 1. ENEL S.p.A. (di seguito ENEL) è una società holding attiva nei settori elettrico e della distribuzione e vendita di gas naturale. Il capitale sociale di ENEL è attualmente detenuto per il 21,4% dallo Stato Italiano, il 10,2% dalla società Cassa Depositi e Prestiti S.p.A., mentre il restante è quotato sul mercato. 2. ENEL Produzione S.p.A. (di seguito ENEL Produzione) è una società operante nel mercato della generazione di energia elettrica, interamente controllata da ENEL. L avvio del procedimento istruttorio: la condotta oggetto di contestazione 3. In data 6 aprile 2005, l Autorità ha avviato un istruttoria nei confronti della società ENEL e della controllata ENEL Produzione al fine di accertare l esistenza di un eventuale abuso di posizione dominante in violazione dell articolo 82 del Trattato CE nei mercati all ingrosso dell energia elettrica. Il procedimento è stato avviato a seguito di una segnalazione inviata dall Autorità per l Energia Elettrica e il Gas, ai sensi dell articolo 2, comma 33, della legge n. 481/95 [L articolo 2, comma 33, della legge 14 novembre 1995, n. 481 (Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica utilità. Istituzione delle Autorità di regolazione dei servizi di pubblica utilità), prevede che: Le Autorità, con riferimento agli atti e ai comportamenti delle imprese operanti nei settori sottoposti al loro controllo, segnalano all'autorità garante della concorrenza e del mercato la sussistenza di ipotesi di violazione delle disposizioni della legge 10 ottobre 1990, n. 287.], in merito ad alcune anomalie, riscontrate nei giorni 7 10 giugno 2004 e gennaio 2005 [Gli elementi di fatto relativi a tale segnalazione sono contenuti nel documento denominato Resoconto delle istruttorie conoscitive sulle dinamiche di formazione dei prezzi nel sistema delle offerte nei giorni 7, 8, 9 e 10 giugno 2004 e per i primi giorni del mese di gennaio 2005 (Allegato A alla delibera n. 25/05), mentre la formale segnalazione dei comportamenti è contenuta nel documento denominato Segnalazione all Autorità garante della concorrenza e del mercato ai sensi dell articolo 2, comma 33 della legge 14 novembre 2

3 1995 n. 481 (Allegato B alla delibera n. 25/05).] nei prezzi di equilibrio registrati nel sistema delle offerte, con specifico riferimento sia al livello assunto dal prezzo di acquisto unico sul territorio nazionale (cosiddetto Prezzo Unico Nazionale o PUN [Il PUN è pari alla media ponderata dei vari prezzi zonali nel mercato del giorno prima, utilizzando come pesi il contributo della domanda zonale al fabbisogno complessivo del paese.]), sia ai diversi prezzi zonali corrisposti ai produttori o ai grossisti a seconda del luogo di immissione dell energia elettrica sulla rete di trasmissione nazionale. 4. In particolare, nelle settimane critiche di giugno 2004 e di gennaio 2005, il PUN aveva evidenziato un differenziale positivo non inferiore ai 15 /MWh rispetto al valore medio del PUN relativo a settimane analoghe in termini di fabbisogno elettrico. Quanto all evoluzione dei prezzi di valorizzazione dell energia in offerta, si sono osservati prezzi zonali, in particolare nelle macroaree Nord e Sardegna, sensibilmente più bassi nella settimana critica di giugno 2004 rispetto ai prezzi zonali di settimane simili in termini di fabbisogno da soddisfare localmente; per il mese di gennaio 2005, i prezzi rilevati in tali aree si erano invece attestati su valori più elevati e in linea con quelli delle altre zone. 5. Una diretta conseguenza dell andamento del PUN e della volatilità geografica dei prezzi di equilibrio lato offerta è la creazione di un livello anomalo del corrispettivo di utilizzo della capacità di trasporto (di seguito CCT) [Cfr. delibera dell AEEG n. 168/03, articolo 35, successivamente modificato dalla delibera n. 48/04. Il CCT trova applicazione nelle transazioni di energia elettrica concluse attraverso contratti bilaterali. ]. La CCT è, infatti, definita dalla differenza tra il PUN e il prezzo di equilibrio della zona di immissione di energia elettrica ed è corrisposta da produttori e/o grossisti che cedono energia attraverso contratti bilaterali conclusi al di fuori del sistema delle offerte nelle zone di esportazione (ossia quelle a minor prezzo zonale quali la macroarea Nord e Sardegna). I differenziali di prezzo registrati nell estate 2004 si sono tradotti in valori molto elevati della CCT. Nel mese di gennaio 2005, è stata, invece, verificata una tendenza a prezzi elevati ed uniformi sul territorio nazionale e, quindi, la CCT ha assunto valori prossimi allo zero. Sulla base delle regole in vigore, quindi, i costi per la CCT sono rilevanti in particolare nella settimana critica di giugno 2004 a svantaggio di produttori e/o grossisti maggiormente esposti nel mercato a termine. 6. L Autorità ha considerato che gli elementi forniti dall AEEG costituissero fondati indizi per ritenere che, al di là delle condotte specifiche tenute nei cosiddetti giorni critici, ENEL, tramite la propria controllata ENEL Produzione, avesse utilizzato la posizione di assoluta indispensabilità detenuta nella macroarea Sud, al fine di determinare i flussi in importazione da o esportazione verso altre macroaree, in maniera tale da sfruttare il proprio ruolo di potenzialità attiva o passiva in queste ultime ed estendere la propria capacità di fissare il prezzo nei vari ambiti zonali. L istruttoria era, dunque, volta ad accertare se ENEL non si fosse limitata a esercitare lecitamente il potere di mercato detenuto ma, a partire dall avvio della borsa elettrica (1 aprile 2004), avesse posto in essere condotte abusive volte a estendere tale potere su più aree geografiche rilevanti, limitando la capacità competitiva dei terzi laddove esercitabile, in particolare nel Nord, aumentando i costi dei concorrenti (raising rival s costs) e ostacolando, in definitiva, l instaurarsi di assetti competitivi nei mercati rilevanti individuati. Il mercato rilevante 7. Il contesto merceologico nel quale considerare le condotte oggetto del procedimento istruttorio è il mercato all ingrosso dell energia elettrica. Stante la normativa di organizzazione degli scambi di energia elettrica [La normativa di liberalizzazione del settore elettrico nazionale, il decreto legislativo n. 79/99, prevede, infatti, che gli operatori possano esercitare le attività di acquisto e vendita di energia elettrica all ingrosso tramite contratti conclusi: i) nel sistema delle offerte di cui all articolo 5, comma 1, del decreto legislativo n. 79/99 (mercato elettrico o borsa elettrica); ovvero 3

4 ii) al di fuori del sistema delle offerte, ai sensi dell articolo 6 del medesimo decreto, tramite negoziazione bilaterale. La gestione economica e l organizzazione mercato elettrico sono stati affidati al Gestore del Mercato Elettrico (GME).] e l architettura del settore elettrico italiano [Per un esaustiva descrizione dell architettura del settore elettrico italiano, si rinvia al capitolo 2, paragrafo 2.2, dell Indagine Conoscitiva n. 22 Stato della liberalizzazione dell energia elettrica e del gas naturale, in bollettino n. 6/2005. ], il mercato all ingrosso dell energia elettrica può essere definito dall insieme dei contratti di compravendita di energia elettrica stipulati i) nella borsa elettrica (anche detto sistema delle offerte il cui accesso è facoltativo) o ii) tramite un sistema di scambi decentrati basati su una contrattazione bilaterale tra produttori/grossisti e clienti idonei (intermediari o finali). La scelta della modalità di approvvigionamento dell energia elettrica è affidata alla libera valutazione dei singoli operatori (lato offerta e domanda), sulla base delle convenienze relative. 8. Nel mercato all ingrosso dell energia elettrica sono attivi dal lato dell offerta gli operatori, produttori o grossisti, che dispongono di fonti primarie di energia, sia in termini di capacità di generazione localizzata sul territorio nazionale, sia di energia elettrica di origine estera, immessa in Italia attraverso la capacità di interconnessione trasfrontaliera esistente. Dal lato della domanda, si approvvigionano nel mercato all ingrosso dell energia elettrica i) i grandi clienti industriali direttamente o tramite grossisti intermediari e ii) l Acquirente Unico che centralizza gli acquisti all ingrosso di energia elettrica per il soddisfacimento del fabbisogno del mercato vincolato. 9. Quanto alla dimensione geografica del mercato all ingrosso dell energia elettrica, sono stati individuati quattro distinti mercati geografici rilevanti [Cfr. capitolo 3, paragrafo 3.2.2, dell Indagine Conoscitiva n. 22, cit.]: le macroaree Nord, Sud, Sicilia e Sardegna. La suddivisione in mercati zonali deriva dall operatore congiunto di un meccanismo di formazione dei prezzi dell energia elettrica nella borsa in presenza di vincoli di capacità di trasmissione tra zone limitrofe. La necessità di veicolare flussi di energia elettrica tra zone del territorio, da quelle eccedentarie a quelle deficitarie, nella misura in cui satura la capacità di trasposto, genera il fenomeno delle cosiddette congestioni di rete e, quindi, la valorizzazione dell energia immessa a prezzi zonali distinti. La peculiarità del sistema elettrico nazionale e, quindi, quella di garantire una remunerazione dell energia elettrica ceduta a diversi prezzi di equilibrio, a seconda della zona geografica in cui è immessa l energia stessa, a fronte, invece, di un unico prezzo di acquisto su tutto il territorio nazionale (PUN), corrisposto dai consumatori a prescindere dalla zona in cui prelevano l energia elettrica. La posizione di ENEL nei mercati rilevanti 10. Nel 2004, i mercati all ingrosso di energia elettrica zonali risultavano estremamente concentrati. Anche nella macrozona Nord, caratterizzata da un maggiore pluralismo nell offerta, il livello di concentrazione permaneva elevato (l indice di concentrazione HHI è stato superiore a 2700 nel 50% delle ore del campione [Gli Orientamenti relativi alla valutazione delle concentrazioni orizzontali della Commissione Europea individuano mercati concentrati quando HHI assume valori superiori a ]). Negli altri mercati zonali i livelli di concentrazione erano prossimi a situazioni di quasi monopolio (in alcune ore l indice HHI è stato pari a ). 11. Nei mercati rilevanti, ENEL, tramite ENEL Produzione, deteneva una significativa situazione di potenza economica derivante dai seguenti elementi: i) indispensabilità, assoluta o relativa, nella determinazione dei prezzi di equilibrio zonali, con indici di frequenza nella fissazione del prezzo mai inferiori all 80 90% delle ore nelle diverse macroaree; ii) quota di mercato sulle offerte accettate in borsa stabilmente superiore, in misura pari al doppio, a quella dei principali concorrenti [La quota media di EP nel 2004 è stata del 34%, a fronte di quote medie dei principali concorrenti che, in aggregato, hanno pesato il 12% circa. ], in tutte le macroaree; iii) disponibilità, a differenza di tutti gli altri 4

5 operatori presenti sui mercati rilevanti, di capacità di generazione uniformemente ripartita sul territorio nazionale e comprendente tutte le tipologie di impianti che concorrono alla definizione dell ordine di merito tecnologico [Tale asimmetria nella dotazione di capacità risulta evidente anche nei confronti del secondo operatore di mercato ENDESA radicato prevalentemente in Sardegna e nel Centro Nord.]; infine iv) percezione da parte del mercato del ruolo di ENEL Produzione quale operatore dominante, e specificamente quale operatore in grado di influenzare la formazione dei prezzi di equilibrio in borsa. 12. Tali elementi caratterizzavano, nel 2004, il modello di concorrenza nella borsa elettrica del tipo leader followers, in cui ENEL Produzione, come detto, assolveva nella quasi totalità delle ore il ruolo di operatore marginale (ossia colui che fissa il prezzo o price maker) in tutte le macroaree. Diversamente, gli altri operatori mostravano di assumere un ruolo di price taker, limitando la loro partecipazione attiva alla formazione dei prezzi di equilibrio. Tali elementi contribuivano a rendere stabile l asimmetria esistente fra ENEL e i propri concorrenti, nonché la situazione di potenza economica sopra descritta. GLI IMPEGNI ORIGINARIAMENTE PROPOSTI DA ENEL E ENEL PRODUZIONE 13. In risposta alle criticità di natura concorrenziale sollevate dall Autorità, ENEL e ENEL Produzione hanno presentato impegni ai sensi dell articolo 14ter della legge n. 287/90, che si sostanziavano nell offerta a cedere capacità virtuale nella macrozona Sud nella forma di contratti di copertura finanziaria (specificatamente contratti differenziali a due vie) di durata annuale o trimestrale. 14. In particolare, l impegno originariamente presentato era caratterizzato da [Formulario per la presentazione degli impegni ai sensi dell art. 14ter della legge n. 287/90 e Regolamento d asta per l assegnazione di capacità produttiva virtuale per l anno 2007.]: disponibilità a cedere capacità virtuale per un ammontare giornaliero in banda costante di 700 MW corrispondenti, in termini di energia elettrica impegnata, a 6 TWh annui; conferimento, su base annuale e trimestrale, di bande di capacità di dimensioni fisse pari a 14 MW articolate per le seguenti tipologie di prodotto: capacità baseload, di picco e fuori picco [La capacità baseload si caratterizza per la cessione di capacità a flusso costante nelle 24 ore della giornata e per tutti i giorni della settimana. La capacità di picco è costante nelle ore di alto carico e per i soli giorni feriali (in particolare si identificano le ore di picco quelle dalle 8:00 20:00 dei giorni dal lunedì al venerdì). La capacità fuori picco è costante nelle ore di basso carico e per i giorni festivi (in particolare trattasi delle ore dalle 0:00 8:00 e dalle 20:00 24:00 dei giorni dal lunedì al venerdì, e dalle ore 0:00 24:00 dei giorni di sabato e domenica).]; prezzo di cessione della capacità virtuale definito attraverso una proceduta d asta competitiva al rialzo con aggiudicazione pay as bid; prezzo di base d asta individuato sulla base di parametri di costo pieno di un ipotetico nuovo impianto di generazione a ciclo combinato a gas (anche detto CCGT) [In proposito, dal Formulario di presentazione degli impegni redatto da ENEL si rilevava che: la definizione dei costi fissi è effettuata considerando le seguenti voci: WACC 8%; Investimento unitario 500 /kw; ore di utilizzo 7000; O&M e personale /MW; rendimento 56%; Ammortamenti (ord. + ant.) 10 %; Tax Rate 36%. Sono inoltre considerati i seguenti costi variabili: costo dei certificati verdi valutato rispetto ad una stima del prezzo di mercato (ad esempio valori di riferimento pubblicati da GSE); costo della componente relativa agli obblighi acquisiti per emissione di CO2 con riferimento ai costi effettivamente sostenuti, costo del gas basato su fornitura tipo ENI per termoelettrica e comprensivo della maggiorazione di prezzo relativa al prelievo di gas eccedente la quota assegnata nel periodo invernale.] e quantificati in [omissis] [Nella presente versione alcuni dati sono omessi, in quanto si sono ritenuti sussistenti elementi di riservatezza o di segretezza delle informazioni.] MW/h per la capacità baseload, in [omissis] MW/h per la capacità di picco e in [omissis] MW/h per la capacità fuori picco. Il prezzo di riserva non viene reso noto ai partecipanti all asta; possibilità di partecipazione limitata ad operatori qualificati come utenti del dispacciamento con riferimento ad unità di produzione e/o consumo ubicate nel territorio italiano o soggetti da essi delegati, come risulta nell Allegato A della 5

6 Delibera AEEG n. 168/03 e successive modifiche ed integrazioni; durata biennale, per gli anni 2007 e 2008, dell impegno ad offrire capacità. 15. Il contratto di cessione di capacità virtuale si configura, come detto, in una copertura finanziaria e, quindi, non prevede un effettivo scambio fisico di energia, di cui la controparte si approvvigiona per i quantitativi corrispondenti alla capacità contrattualizzata direttamente in borsa al PUN. E previsto il riconoscimento reciproco (tra ENEL e le controparti) di una compensazione finanziaria qualora si verifichi una differenza tra il prezzo contrattuale (o prezzo strike) e il prezzo zonale di equilibrio che si forma in riferimento alla macroarea Sud [In particolare, ENEL corrisponde alla controparte contrattuale la differenza positiva quando il prezzo zonale al Sud risulta superiore al prezzo contrattuale strike; viceversa ENEL riceve dalla controparte contrattuale la differenza negativa quando il prezzo zonale al Sud risulta inferiore al prezzo strike.]. 16. A seguito della cessione di capacità virtuale, ENEL Produzione avrebbe avuto a disposizione una capacità residua da collocare nella borsa elettrica non soggetta a coperture contrattuali pari a [omissis] TWh, corrispondenti a meno del [omissis]% della domanda netta stima per il 2007 e al [omissis]% circa della produzione netta che ENEL stima di realizzare nel ENEL, tramite ENEL Produzione, non ha, invece, presentato impegni di cessione in altre macroaree in quanto riteneva di non possedere, nel 2007, alcuna pivotalità al di fuori appunto dell area Sud. LE OSSERVAZIONI SUGLI IMPEGNI La posizione espressa dall AEEG 18. In generale, l AEEG ha osservato che lo strumento della cessione di capacità virtuale, nella forma di contratto differenziale a due vie, può, in linea teorica, assolvere alla finalità di mitigare l interesse di un operatore ad adottare politiche di rialzo dei prezzi di borsa. I maggiori ricavi derivanti da un eventuale rialzo dei prezzi, al disopra del prezzo contrattuale, sarebbero percepiti solo sull energia elettrica accettata in borsa, ma non contrattualizzata. In altri termini, l incentivo a non adottare politiche di rialzo dei prezzi vale quindi solo per le quantità contrattualizzate. I contratti di copertura prevedono, infatti, che il cedente sia tenuto a rimborsare il differenziale di prezzo alla controparte nel caso in cui il prezzo di equilibrio zonale risulti maggiore del prezzo strike. L AEEG ha, comunque, circoscritto la potenzialità dello strumento a mitigare l interesse ad esercitare il potere di mercato in un ottica di massimizzazione dei ricavi di breve termine e nell ipotesi in cui l operatore definisse la propria strategia di offerta tenendo conto esclusivamente dei ricavi ottenibili in borsa. 19. Nel caso di specie l AEEG ritiene, comunque, che l efficacia dell impegno di ENEL sia subordinata: 1. alla adeguatezza dei quantitativi oggetto dell impegno ad annullare effettivamente la pivotalità di ENEL; 2. alla effettiva conclusione degli obiettivi di vendita a termine indicati da ENEL per il 2007; 3. alla effettiva cessione della capacità virtuale che dipende principalmente dal prezzo di cessione, dalla durata dei contratti e dai tempi e regole di esecuzione della procedura concorsuale. 20. La corretta quantificazione dell ammontare di capacità virtuale da destinare ad impegno deve essere commisurata al livello di pivotalità di ENEL da valutarsi tenendo conto anche della posizione contrattuale complessiva dell operatore dominante [La pivotalità netta consente di valutare l ammontare effettivo di capacità offerta in borsa sulla quale ENEL può agire da monopolista in quanto non ceduta ad un prezzo già pattuito contrattualmente.]. Al fine di individuare 6

7 le situazioni nelle quali ENEL potrebbe trovarsi ad esercitare il proprio potere di mercato in borsa nel 2007, e, quindi, valutare se gli impegni proposti siano sufficienti a sterilizzare l incentivo a fissare prezzi elevati, l AEEG ha stimato il livello di pivotalità di ENEL calcolando l indispensabilità assoluta della società nelle singole macroaree (nello specifico al Sud e al Nord) e l indispensabilità congiunta sull insieme delle macroaree Nord e Sud. Il primo indice individua il numero di ore in cui la domanda residuale dell operatore (ENEL) in una data zona si mantiene positiva anche nell ipotesi in cui la capacità di transito dalle altre macrozone confinanti risulti completamente utilizzata in importazione [In altri termini, quando la concorrenza da parte di produttori attivi in macrozone limitrofe sia quella massima possibile. Si noti che tale metodologia considera la massima capacità di transito tra le macrozone piuttosto che utilizzare, come fatto per la valutazione della pivotalità ai fini della deliberazione n. 212/05 ( Misure per la promozione della concorrenza nel mercato all ingrosso dell energia elettrica per l anno 2006 ) valori di transito stimati sulla base di ipotesi di dispacciamento ottimo. Il nuovo approccio, quindi, elimina i margini di discrezionalità derivanti dall utilizzo di transiti stimati sulla base di ipotesi di dispacciamento secondo il merito economico.]. L indispensabilità congiunta Nord e Sud consente di cogliere sia i casi intermedi in cui il problema di potere di mercato deriva da una combinazione tra assoluta indispensabilità in una macrozona e non indispensabilità in un altra (indispensabilità continentale o indispensabilità sull unione di più zone) [Il potere di mercato unilaterale di un operatore i esimo può essere frutto di una situazione di: i) assoluta indispensabilità, vale a dire quando l operatore i esimo è l unico a poter colmare la differenza tra la domanda della zona e l offerta (come somma della capacità produttiva dei concorrenti), anche considerando il flusso massimo di importazioni da aree confinanti. In questo caso l operatore i esimo si comporta da monopolista nei confronti della domanda residuale che è l'unico a poter servire; ii) potenzialità attiva, vale a dire quando l operatore i esimo è l'unico a poter colmare la differenza tra la domanda della zona e l'offerta, se il flusso di importazioni di energia da zone limitrofe risulta inferiore al massimo consentito dalla capacità di trasporto esistente verso la zona in considerazione; e iii) potenzialità passiva, vale a dire quando l operatore i esimo è l'unico a poter colmare la differenza tra la domanda della zona e l'offerta se viene utilizzata, in tutto o in parte, la capacità di esportazione verso altri mercati rilevanti limitrofi (detto altrimenti, quando l operatore i esimo diventa necessario per soddisfare anche parte della domanda di mercati limitrofi interconnessi).] sia quelli in cui, invece, il possibile esercizio di potere di mercato sia locale [L indispensabilità congiunta è, infatti, definita come il valore massimo tra la pivotalità continentale (senza vincoli di transito tra aree limitrofe) e l'assoluta indispensabilità delle singole macroaree. ]. 21. Nella seguente tavola (Tavola 1) si riportano i dati di pivotalità di ENEL al lordo (colonna 1) e al netto (colonna 2) della capacità che ENEL ha previsto di allocare, tramite contrattazione bilaterale, al mercato libero e all AU per il 2007 [omissis] TWh e della capacità virtuale oggetto degli impegni. Tavola 1: Pivotalità di ENEL per il 2007 Assoluta indispensabilità MNORD Assoluta indispensabilità MSUD Pivotalità continentale MNORD-MSUD Pivotalità congiunta MNORD-MSUD LORDA (1) NETTA dei VPP e di altra capacità contrattualizzata (2) 7457, , , , Fonte Elaborazioni su dati dell AEEG 22. Considerando tutta la capacità contrattualizzata per l anno 2007, l assoluta indispensabilità di ENEL al Sud si azzera, quella al Nord si riduce sensibilmente e si mantiene positiva per [omissis] ore all anno, mentre l indispensabilità congiunta si mantiene positiva per [omissis] ore all anno. 7

8 23. La valutazione del prezzo di cessione della capacità virtuale deve tenere conto dell esigenza, da un lato, di tutelare l equilibrio economico e finanziario dell operatore, dall altro di evitare che esso rifletta il potere di mercato dell operatore dominante nella vendita a termine. Al riguardo l AEEG ha posto in evidenza che la metodologia di determinazione del prezzo di riserva proposta da ENEL implica che la capacità virtuale sarà ceduta ad un prezzo del tutto scorrelato ai costi effettivi di produzione della stessa società. In ogni caso, secondo le stime dell AEEG, il prezzo minimo che renderebbe indifferente un nuovo entrante dal realizzare l investimento in capacità CCGT oppure sottoscrivere il contratto di capacità virtuale con ENEL, per onorare un medesimo impegno contrattuale con un ipotetico cliente finale [Al fine di quantificare il prezzo di riserva, considerando che l impegno di ENEL corrisponde ad una cessione di capacità virtuale costante su tutte le ore dell anno (8760), l AEEG ritiene più corretto stimare il prezzo minimo contrattuale come il prezzo a cui il nuovo entrante è disposto ad investire in nuova capacità (ossia quello che azzera la somma dei flussi di cassa scontati relativi agli anni di vita utile dell impianto) per fare fronte ad un contratto baseload sottoscritto alle medesime condizioni proposte da ENEL.], è pari a 68 MWh [A parità di valori dei parametri di costo indicati da ENEL e con un valore del costo del gas naturale stimato in 54.]. 24. Sulla durata dell impegno, l AEEG osserva che le quotazioni di borsa rappresentano un riferimento esplicito per la contrattazione a termine dell anno successivo. Quindi, tanto maggiore è la quantità di capacità impegnata a termine, tanto minore è la durata contrattuale e, quindi, più frequente è la sua ricontrattazione, tanto più l operatore dominante può avere interesse a mantenere comunque prezzi elevati in borsa per poter beneficiare di condizioni più favorevoli per la rinegoziazione a termine l anno successivo. In altri termini, in una accezione dinamica, può risultare comunque conveniente per l operatore tenere prezzi elevati in borsa per influenzare il prezzo dei contratti a termine che verranno successivamente stipulati. 25. In ogni caso, a giudizio dell AEEG, la quantificazione dell impegno, per l anno 2008, dovrebbe essere commisurata a quella del 2007, salvo verifica della posizione contrattuale assunta da ENEL in quell anno e della effettiva evoluzione del parco di generazione. 26. Fermo restando l impegno di ENEL a cedere capacità virtuale a prezzi competitivi, affinché vi sia un impatto positivo anche sulle contrattazioni a termine occorre che la realizzazione della procedura concorsuale non avvenga oltre la fine del periodo rilevante per la conclusione delle contrattazioni a termine, in generale gli ultimi mesi dell anno precedente quello di inizio delle forniture. Le osservazioni degli operatori di mercato interessati 27. Nell ambito del market test, l Autorità ha ricevuto 28 osservazioni da parte di soggetti terzi interessati, tra cui figurano: associazioni di categoria rappresentative di grossisti e trader indipendenti e di clienti idonei finali, operatori di mercato attivi nella produzione di energia, nella rivendita all ingrosso e al dettaglio di energia elettrica (grossisti), nonché alcuni tra i maggiori consumatori di energia. 28. Dalle osservazioni pervenute è emerso una considerazione di carattere generale circa lo scarso grado di concorrenza che ancora caratterizza il mercato all ingrosso dell energia elettrica nelle diverse macroaree e della capacità di ENEL di influenzare il processo di formazione dei prezzi in borsa. Con specifico riferimento agli impegni, così come originariamente proposti da ENEL, gli operatori interessati hanno formulato considerazioni essenzialmente in merito ai seguenti profili: i) quantitativi offerti; ii) prezzo di riserva; iii) durata dell impegno; iv) tempistica e modalità di esecuzione dell asta. 29. In relazione ai quantitativi oggetto dell impegno, la pluralità dei partecipanti al market test ha dichiarato che essi non risultano sufficienti né ad eliminare l indispensabilità di ENEL a soddisfare la domanda residuale nella macroarea Sud, né 8

9 a favorire lo sviluppo di un mercato a termine liquido ed efficiente. 30. Quanto alla efficacia dello strumento proposto da ENEL per mitigare il potere di mercato, è stato osservato che esso non rappresenta una misura strutturale tale da ridurre l asimmetria nella dotazione di capacità che connota ancora la dominanza di ENEL, né assume la forma contrattuale tipica di un VVP di natura fisica. D altra parte, un contratto finanziario alle differenze può in linea teorica rendere economicamente non conveniente al cedente (nel caso di specie ENEL) politiche di prezzo al rialzo in borsa. 31. In merito al prezzo di riserva, ed in particolare alla sua commisurazione al costo pieno di un impianto di generazione CCGT, la maggior parte degli operatori ha osservato che tale tecnologia costituisce sicuramente la scelta più probabile da parte di un nuovo entrante. Tuttavia, se vi è un generale consenso sulle singole voci considerate ai fini della quantificazione del costo pieno di generazione, la quasi totalità degli operatori ha lamentato che i parametri indicati da ENEL condurrebbero alla identificazione di un prezzo di cessione della capacità virtuale troppo elevato. Tale prezzo non sarebbe infatti in linea né con le attese dei prezzi di borsa per il 2007, né con i costi di un impianto CCGT effettivamente in esercizio. Il differenziale di prezzo è stato stimato nell ordine di 4 5 MW/h inferiore ai prezzi indicati da ENEL. 32. In ogni caso, è stato sottolineato che il prezzo di riserva per l offerta formulata da ENEL non può che essere notevolmente inferiore alle quotazioni di energia ceduta all ingrosso da parte di ENEL Trade [ENEL Trade è la società operativa del gruppo ENEL attiva nella vendita di energia elettrica all ingrosso per conto di ENEL Produzione.] nell ambito della campagna commerciale per il 2007, denominata Operazione Energia Più. 33. In merito alla durata degli impegni, alcuni operatori hanno osservato che essa dovrebbe essere commisurata all effettiva modifica delle condizioni strutturali del mercato verso assetti più concorrenziali, ovvero all effettivo ingresso di nuova capacità nella disponibilità di terzi. Più in generale, è opinione comunemente condivisa che gli impegni debbano essere assoggettati a verifica periodica, nella prospettiva di imporre ad ENEL misure aggiuntive per garantirne una piena efficacia. 34. In relazione alle modalità di esecuzione dell asta, alcuni operatori hanno posto in evidenza che il loro eventuale interesse risulta condizionato, tra l altro, dalla tempistica di realizzazione dell asta in questione, nonché dalla completa definizione del quadro regolamentare per l assegnazione di energia CIP6 e della capacità di importazione. Altri hanno richiamato la necessità che l allocazione avvenga secondo meccanismi pro-quota o prevedendo soglie minime di capacità produttiva assegnabile per operatore (15 20%), al fine di evitare fenomeni di accaparramento e/o un eccessiva concentrazione nell assegnazione. 35. Infine, un aspetto che può influenzare l interesse alla partecipazione all asta riguarda l articolazione dei prodotti. La proposta di ENEL di cedere capacità virtuale in bande da 14 MW non risponderebbe, a detta dei più, alle necessità operative né dei grossisti, che scambiano energia con bande multipli di 5 MW, né di clienti idonei finali che preferirebbero approvvigionamenti con bande da 1 MW. Le modifiche accessorie agli impegni 36. A seguito dell esito del market test e delle osservazioni dell AEEG e delle stime del livello di pivotalità da questa elaborate, ENEL e ENEL Produzione hanno trasmesso modifiche accessorie agli impegni presentati ai sensi dell articolo 14ter della legge n. 287/90. In particolare, le parti si sono impegnate a: cedere capacità virtuale per un ammontare pari a MW nel 2007; a rendersi disponibili a cedere, per il 2008, capacità virtuale per 700 MW, previa verifica della pivotalità calcolata con i medesimi criteri applicati per l anno 2007; ; 9

10 articolare la capacità virtuale da cedere nelle seguenti tipologie di prodotto: i) baseload per 650 MW; ii) picco per 350 MW; e iii) fuori picco per 350 MW; ridurre l ampiezza delle bande da 14 MW a 5 MW. In particolare, quest ultima identifica il lotto minimo; assegnare, per l anno 2007, la capacità virtuale ai seguenti prezzi contrattuali [omissis] MW/h per la capacità baseload, a [omissis] MW/h per la capacità di picco e a [omissis] MW/h per la capacità fuori picco, con una riduzione pari a circa 3 MW/h rispetto ai prezzi indicati nella proposta di impegni originaria. I prezzi contrattuali saranno resi noti all inizio della procedura di vendita; definire prezzi per l anno 2008 con i medesimi criteri adottati per il 2007; applicare limiti massimi alla quantità assegnabile a ciascun soggetto partecipante, nonché un meccanismo di sorteggio qualora la quantità domandata, per tipologia di prodotto, dovesse risultare superiore a quella complessivamente offerta; [omissis]; [omissis]. La valutazione degli impegni 37. Fermo restando che l efficacia dell impegno è subordinata all obbligo, assunto da ENEL e da ENEL Produzione, a cedere tutta la capacità virtuale oggetto dello stesso, tale cessione, sebbene non incida sulla posizione dominante di ENEL nel mercato rilevante, può costituire una misura idonea a contenere, nel breve termine, l interesse del cedente, relativamente alla quantità oggetto del contratto, ad esercitare unilateralmente il proprio potere di mercato per determinare un prezzo in borsa superiore al prezzo contrattuale. 38. Con riferimento all anno 2007, l impegno a cedere capacità virtuale nella macroarea Sud per un quantitativo di MW contribuisce ad annullare il livello di pivotalità che si prevede ENEL, tramite ENEL Produzione, deterrà nel 2007 nella macroarea di riferimento. L impegno concorre altresì ad una sensibile riduzione della pivotalità nella macroarea Nord e nella zona costituita dall unione delle macroaree Nord e Sud nello stesso periodo. L adeguatezza dell impegno a contenere la pivotalità di ENEL, come sopra descritto, è conseguenza imprescindibile sia dall esito della vendita di capacità virtuale sia della circostanza che, per l anno 2007, la società ha impegnato ulteriore capacità produttiva in contratti a termine per un totale di [omissis] TWh. In altri termini, la sola esecuzione dell impegno non sarebbe risultata sufficiente a eliminare i problemi di potenziale esercizio del potere di mercato né al Nord, né congiuntamente sulle zone Sud e Nord. 39. Gli impegni assunti rendono disponibile nel mercato all ingrosso un quantitativo di capacità virtuale corrispondente al 3% circa della domanda netta di energia elettrica in Italia per il 2007 ed al 5 10% circa del fabbisogno nella macroarea Sud. 40. La modalità con cui sarà ceduta la capacità virtuale oggetto degli impegni dovrebbe consentire a clienti idonei finali o intermediati da grossisti di accedere ad una fonte di approvvigionamento a condizioni concorrenziali rispetto a quelle prevalenti nel sistema delle offerte (borsa elettrica) e comunque tali da non determinare discriminazioni tra diversi operatori che accedono a modalità alternative di fornitura a termine. 41. Con riferimento all anno 2008, ENEL si è resa disponibile a cedere 700 MW, previa verifica della pivotalità definita con i medesimi criteri applicati nel 2007, ossia sulla base delle condizioni strutturali della domanda e dell offerta nel mercato rilevante, tra cui l effettivo ingresso di nuova capacità di generazione nonché di transito, e della capacità produttiva che sarà già impegnata da ENEL Produzione in contratti a termine. 10

11 42. L Autorità vigilerà sull esecuzione degli impegni ai fini e per gli effetti di quanto previsto dall articolo 14ter, comma 1, della legge n. 287/90. In tal senso, l Autorità si riserva di riaprire d ufficio il procedimento in presenza di una modifica della situazione di fatto rispetto ad ogni elemento su cui si fonda la decisione, nonché qualora ENEL contravvenisse agli impegni assunti e resi obbligatori con il presente provvedimento e, in particolare, laddove l impegno non risultasse idoneo a mitigare l interesse di ENEL ad adottare politiche di rialzo dei prezzi di borsa. RITENUTO che i quantitativi oggetto dell impegno a cedere per l anno 2007, pari a MW, sono tali da ridurre sensibilmente il livello di pivotalità di ENEL nei mercati rilevanti e che, per il 2008, l impegno a cedere 700 MW di capacità virtuale dovrà tenere conto delle effettive condizioni strutturali e concorrenziali nei mercati rilevanti ed in particolare del livello di pivotalità di ENEL; RITENUTO, pertanto, che gli impegni presentati da ENEL sono tali da far venire meno, nei limiti sopra descritti, i profili anticoncorrenziali oggetto dell'istruttoria; RITENUTO di disporre l obbligatorietà degli impegni assunti ai sensi dell articolo 14ter, comma 1, della legge n. 287/90; RITENUTO, pertanto, di poter chiudere il procedimento senza accertare l infrazione ai sensi dell articolo 14ter, comma 1, della legge n. 287/90; Tutto ciò premesso e considerato: DELIBERA a) di rendere obbligatori gli impegni ai sensi dell articolo 14ter, comma 1, della legge n. 287/90 nei confronti di ENEL S.p.A. e ENEL Produzione S.p.A., nei termini sopra descritti e allegati al presente provvedimento di cui fanno parte integrante; b) di chiudere il procedimento senza accertare l infrazione ai sensi dell articolo 14ter, comma 1, della legge n. 287/90; c) che ENEL S.p.A. e ENEL Produzione S.p.A., entro 30 giorni dalla data di esecuzione della procedura di vendita dei MW di capacità virtuale, nonché dalla data di esecuzione della procedura di vendita per l anno successivo, informino l Autorità dell esito delle procedure stesse; d) che ENEL S.p.A. e ENEL Produzione S.p.A., entro il 1 ottobre 2007, informino l Autorità della posizione contrattuale assunta dalle stesse parti per l anno 2008 e delle condizioni contrattuali applicate, ai fini della valutazione dell idoneità degli impegni assunti. Il presente provvedimento verrà notificato ai soggetti interessati e successivamente pubblicato ai sensi di legge. IL SEGRETARIO GENERALE Fabio Cintioli IL PRESIDENTE Antonio Catricalà 11

SEZIONE 1 DATI DI SINTESI

SEZIONE 1 DATI DI SINTESI SEZIONE 1 DATI DI SINTESI Il 31 marzo 2004 ha avuto inizio l attività di contrattazione dell energia sulla borsa elettrica. Per tutto il 2004 il mercato ha funzionato come un mercato dell offerta nel quale

Dettagli

ORIENTAMENTI E PROPOSTE PER L OTTIMIZZAZIONE DEL

ORIENTAMENTI E PROPOSTE PER L OTTIMIZZAZIONE DEL Atto n. 33/06 ORIENTAMENTI E PROPOSTE PER L OTTIMIZZAZIONE DEL DISPACCIAMENTO DELLE UNITÀ DI PRODUZIONE CIP 6/92 Documento per la consultazione 5 dicembre 2006 1 Premessa Ai sensi della vigente normativa,

Dettagli

Misure per la promozione della concorrenza nel mercato all ingrosso dell energia elettrica in Sardegna L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

Misure per la promozione della concorrenza nel mercato all ingrosso dell energia elettrica in Sardegna L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Deliberazione 17 agosto 2009 - ARG/elt 115/09 Misure per la promozione della concorrenza nel mercato all ingrosso dell energia elettrica in Sardegna L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS Nella riunione

Dettagli

Proposte per la regolazione dei contratti bilaterali di cui all articolo 6 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79

Proposte per la regolazione dei contratti bilaterali di cui all articolo 6 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79 Proposte per la regolazione dei contratti bilaterali di cui all articolo 6 del decreto legislativo 16 marzo 1999, n. 79 Documento per la consultazione per la formazione di provvedimenti nell ambito del

Dettagli

E POSSIBILE CONTENERE IL PREZZO DEL kwh IN ITALIA?

E POSSIBILE CONTENERE IL PREZZO DEL kwh IN ITALIA? E POSSIBILE CONTENERE IL PREZZO DEL kwh IN ITALIA? Che l energia elettrica sia in Italia mediamente più costosa rispetto al resto d Europa, è ancora una volta confermato da un recente rapporto EUROSTAT.

Dettagli

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini. Centralizzazione dell energia elettrica Reti elettriche Mercato elettrico

Università degli Studi di Perugia. Ing. Andrea Nicolini. Centralizzazione dell energia elettrica Reti elettriche Mercato elettrico Università degli Studi di Perugia Ing. Andrea Nicolini Centralizzazione dell energia elettrica Reti elettriche Mercato elettrico Centralizzazione dell energia elettrica,reti elettriche e tariffe elettriche

Dettagli

Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri. Associazione Industriali della Provincia di Vicenza

Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri. Associazione Industriali della Provincia di Vicenza Seminario La borsa elettrica (IPEX) Attualità e sviluppi futuri Associazione Industriali della Provincia di Vicenza Vicenza, 6 luglio 2005 2 2 Contenuti Il mercato elettrico: il contesto normativo Il Gestore

Dettagli

Procedure di assegnazione della capacità di trasporto per gli scambi trasfrontalieri di energia elettrica per il 2006

Procedure di assegnazione della capacità di trasporto per gli scambi trasfrontalieri di energia elettrica per il 2006 Procedure di assegnazione della capacità di trasporto per gli scambi trasfrontalieri di energia elettrica per il 2006 (Attuazione delle disposizioni di cui all articolo articolo 6 del regolamento (CE)

Dettagli

Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE

Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE Energy Week Il mercato elettrico in Italia e il ruolo del GSE Roma, 27 giugno 2013 Contenuti Nozioni sulla filiera elettrica Il servizio di dispacciamento e l integrazione con la borsa elettrica Il modello

Dettagli

PE (centesimi di euro/kwh) F1 F2 F3. PE (centesimi di euro/kwh) PE (centesimi di euro/kwh) F1 F2 F3

PE (centesimi di euro/kwh) F1 F2 F3. PE (centesimi di euro/kwh) PE (centesimi di euro/kwh) F1 F2 F3 Tabella 1.1: Parametro PE M, di cui al comma 10.3 lettera b), comma 10.5 lettera a) punto ii, comma 10,6 lettera b) punto iii, corretto per le perdite di rete (elemento PE) Tipologie di contratto di cui

Dettagli

Il mercato dell energia elettrica in Italia

Il mercato dell energia elettrica in Italia Il mercato dell energia elettrica in Italia Ing. Giacomo Trupia 2 parte Indice 2 parte LA GENERAZIONE: CARATTERISTICHE E DATI IL TRASPORTO: LA TRASMISSIONE E LA DISTRIBUZIONE IL MERCATO ALL INGROSSO LA

Dettagli

Struttura dell industria liberalizzata

Struttura dell industria liberalizzata Struttura dell industria liberalizzata GENERATORI Sono aperte alla concorrenza le fasi di generazione e fornitura ai clienti finali. Le MERCATO ALL INGROSSO GME GRTN AU attività di trasmissione e distribuzione

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELL ADUNANZA del 28 ottobre 2014; SENTITO il Relatore Dottor Salvatore Rebecchini; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287, e in particolare l articolo

Dettagli

CONOSCERE I MECCANISMI DELLA BORSA ELETTRICA

CONOSCERE I MECCANISMI DELLA BORSA ELETTRICA CONOSCERE I MECCANISMI DELLA BORSA ELETTRICA Il servizio di dispacciamento è regolato dall Autorità per l energia elettrica e il gas Il mercato elettrico gestisce sia l energia elettrica sia il servizio

Dettagli

Scatti al 30 giugno 2014

Scatti al 30 giugno 2014 Scatti al 30 giugno 2014 1 Il mercato dell energia elettrica in Italia 2013 Bilancio anno 2013-4,4% Previsione anno 2014 Domanda Energia Elettrica 298 TWh (totale) 233 TWh al mercato non domestico www.consulenzaenergetica.it

Dettagli

Il mercato elettrico all ingrosso in Italia

Il mercato elettrico all ingrosso in Italia Il mercato elettrico all ingrosso in Italia Fondamentali, prezzi, mercati, flussi transfrontalieri Stefano Verde Responsabile Mercato Energia Elettrica Università degli Studi di Ferrara 1 I fondamentali

Dettagli

3. Ruoli ed attività dei soggetti coinvolti

3. Ruoli ed attività dei soggetti coinvolti La missione dell Autorita per l Energia Elettrica e il Gas Autorità per l Energia Elettrica e il Gas Garantire la promozione della concorrenza e dell efficienza, assicurare adeguati livelli di qualità

Dettagli

Il mercato elettrico retail

Il mercato elettrico retail Il mercato elettrico retail Autorità per l energia elettrica e il gas Valeria Contin DIREZIONE MERCATI 10 marzo 2010 Autorità per l Energia Elettrica e il Gas, Direzione Mercati 1 Indice Assetto mercato

Dettagli

Ing. Michelangelo CELOZZI

Ing. Michelangelo CELOZZI LA REGOLAMENTAZIONE DELLA BORSA DEL MERCATO ELETTRICO: MODELLI ORGANIZZATIVI DELLE TRANSAZIONI, STRUTTURA DEI MERCATI FISICI, ARTICOLAZIONE DELLE OFFERTE Ing. Michelangelo CELOZZI Il contesto normativo

Dettagli

IL MERCATO DELL ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

IL MERCATO DELL ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA IL MERCATO DELL ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA Pianificazione ed esercizio dei sistemi elettrici Prof.ssa Maria Dicorato Evoluzione dell industria elettrica Dalla prima metà del 900, si sono sviluppate diverse

Dettagli

Sistema elettrico, gestione e aspetti regolatori

Sistema elettrico, gestione e aspetti regolatori Sistema elettrico, gestione e aspetti regolatori I Parte Vanna Gualandi vanna.gualandi@terna.it AGENDA Un excursus sull assetto del settore elettrico Gli organi di supervisione del settore elettrico Il

Dettagli

Aggiornamento elettrico per il mercato vincolato:

Aggiornamento elettrico per il mercato vincolato: Aggiornamento elettrico per il mercato vincolato: portafoglio approvvigionamenti AU all ingrosso, meccanismi d aggiornamento degli oneri di approvvigionamento e di dispacciamento, impatto degli andamenti

Dettagli

Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese

Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Indagine conoscitiva sui prezzi dell energia elettrica e del gas come fattore strategico per la crescita del sistema produttivo del Paese Memoria per il seguito dell audizione presso la X Commissione Industria,

Dettagli

Lo schema di connessione dell impianto fotovoltaico

Lo schema di connessione dell impianto fotovoltaico Il Conto Energia fotovoltaico : quali forme di incentivazione Con il meccanismo di incentivazione del conto energia, oltre al riconoscimento ed all emissione delle tariffe incentivanti per tutta la quantità

Dettagli

I prezzi dell energia elettrica praticati alle PMI Regione Lombardia

I prezzi dell energia elettrica praticati alle PMI Regione Lombardia I prezzi dell energia elettrica praticati alle PMI Regione Lombardia Nota metodologica A cura di: Una premessa Le Camere di Commercio sono chiamate a favorire la trasparenza e la circolazione delle informazioni

Dettagli

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Facoltà di Ingegneria Corso di Gestione ed Economia dell Energia e Fonti Rinnovabili Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Ing. Tiziana

Dettagli

Il mercato dell energia elettrica in Italia

Il mercato dell energia elettrica in Italia Il mercato dell energia elettrica in Italia Ing. Giacomo Trupia 1 parte Il mercato elettrico in Italia Indice 1 parte OBIETTIVI FONTI BIBLIOGRAFICHE OGGETTO LEGGI FONDAMENTALI TAPPE EVOLUZIONE MERCATO

Dettagli

Delibera n. 5/04 - Relazione tecnica

Delibera n. 5/04 - Relazione tecnica Delibera n. 5/04 - Relazione tecnica TESTO INTEGRATO DELLE DISPOSIZIONI DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER L EROGAZIONE DEI SERVIZI DI TRASMISSIONE, DISTRIBUZIONE, MISURA E VENDITA DELL

Dettagli

La riforma del Mercato Elettrico

La riforma del Mercato Elettrico Idee per lo sviluppo sostenibile La riforma del Mercato Elettrico Tullio Fanelli, Alessandro Ortis, Stefano Saglia, Federico Testa ABSTRACT Il rapido incremento di impianti da fonti rinnovabili non programmabili

Dettagli

SEMINARIO sui MERCATI ENERGETICI. Castenedolo, 21 febbraio 2014

SEMINARIO sui MERCATI ENERGETICI. Castenedolo, 21 febbraio 2014 SEMINARIO sui MERCATI ENERGETICI Agenda Mercato Gas Naturale Mercato Energia Elettrica Costi energetici delle fonderie Sviluppo normativi Mercato Gas Naturale Quotazione Day-Ahead 37,00 35,00 33,00 31,00

Dettagli

Procedure concorrenziali per l assegnazione delle garanzie di origine nella disponibilità del GSE

Procedure concorrenziali per l assegnazione delle garanzie di origine nella disponibilità del GSE Procedure concorrenziali per l assegnazione delle garanzie di origine nella disponibilità del GSE di cui all articolo 6, comma 1, lettera b) - deliberazione ARG/elt 104/11 1 Indice Premessa... 3 Definizioni

Dettagli

1.1 MERCATO ELETTRICO

1.1 MERCATO ELETTRICO 1. IL MERCATO LIBERALIZZATO DELL ENERGIA E LA COGENERAZIONE Negli ultimi anni il settore elettrico e il settore del gas naturale sono stati caratterizzati da una forte evoluzione a seguito dell attuazione

Dettagli

NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO

NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO NUOVO QUADRO LEGISLATIVO ITALIANO Appunti a cura dell Ing. Emanuela Pazzola Tutore del corso di Elettrotecnica per meccanici, chimici e biomedici A.A. 2005/2006 Facoltà d Ingegneria dell Università degli

Dettagli

IL MERCATO TI DA UNA MANO

IL MERCATO TI DA UNA MANO IL MERCATO TI DA UNA MANO ovvero tutto quello che avresti sempre voluto sapere sul mercato elettrico e non hai mai osato chiedere IL MERCATO TI DA UNA MANO ovvero tutto quello che avresti sempre voluto

Dettagli

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA E LA BORSA. VISTA la legge 7 giugno 1974, n. 216, e le successive modificazioni e integrazioni;

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA E LA BORSA. VISTA la legge 7 giugno 1974, n. 216, e le successive modificazioni e integrazioni; Delibera n. 16839 Ammissione delle prassi di mercato previste dall art. 180, comma 1, lettera c), del D. Lgs. n. 58 del 24 febbraio 1998 inerenti: a) all attività di sostegno della liquidità del mercato,

Dettagli

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA E LA BORSA. VISTA la legge 7 giugno 1974, n. 216, e le successive modificazioni e integrazioni;

LA COMMISSIONE NAZIONALE PER LE SOCIETA E LA BORSA. VISTA la legge 7 giugno 1974, n. 216, e le successive modificazioni e integrazioni; Delibera n. 16839 Ammissione delle prassi di mercato previste dall art. 180, comma 1, lettera c), del D. Lgs. n. 58 del 24 febbraio 1998 inerenti: a) all attività di sostegno della liquidità del mercato,

Dettagli

MERCATO DELL ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA

MERCATO DELL ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA MERCATO DELL ENERGIA ELETTRICA IN ITALIA dott. ing. Davide Mariani Università di Pavia 6 giugno 2006 CSE SRL VIA RIVIERA, 39 27100 PAVIA TEL. 0382 528850 FAX 0382 528851 e.mail cse@cseit.it www. cseit.it

Dettagli

L'AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. VISTO il regolamento del Consiglio n. 1/2003 del 16 dicembre 2002;

L'AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. VISTO il regolamento del Consiglio n. 1/2003 del 16 dicembre 2002; L'AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 9 marzo 2011; SENTITO il Relatore Professor Piero Barucci; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO l articolo 102 del TFUE;

Dettagli

La liberalizzazione del mercato elettrico italiano

La liberalizzazione del mercato elettrico italiano La liberalizzazione del mercato elettrico italiano 21 gennaio 2013 1 La riforma del sistema elettrico nazionale 1.1 Generalità La riforma del sistema elettrico nazionale, è stata realizzata sulla base

Dettagli

L energia motore o freno delle PMI

L energia motore o freno delle PMI L energia motore o freno delle PMI CONVEGNO ASSOCARBONI Strategia energetica nazionale e Strategia energetica nazionale e competitività del sistema elettrico italiano 22 Marzo 2013 Agenda Il costo dell

Dettagli

Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA

Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 2013-2014. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA Economia, Corso di L.M. in Ing. Elettrotecnica, A.A. 203-204. Prof. R. Sestini SCHEMA DELLE LEZIONI DELLA DECIMA SETTIMANA Cenni sulla regolamentazione del mercato elettrico in Italia Il processo di liberalizzazione

Dettagli

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER

ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Fabio Leoncini - Presidente Il Trader nel panorama energetico italiano 5 dicembre 2000 - Università Bocconi Agenda... Il ruolo del trader nel panorama

Dettagli

DECISIONE DELLA COMMISSIONE

DECISIONE DELLA COMMISSIONE L 186/44 Gazzetta ufficiale dell Unione europea 20.7.2010 DECISIONE DELLA COMMISSIONE del 14 luglio 2010 che esonera la produzione e la vendita all ingrosso di energia elettrica nella «Zona Nord» dell

Dettagli

INDAGINE CONOSCITIVA SULLO STATO DELLA LIBERALIZZAZIONE DEL SETTORE

INDAGINE CONOSCITIVA SULLO STATO DELLA LIBERALIZZAZIONE DEL SETTORE INDAGINE CONOSCITIVA SULLO STATO DELLA LIBERALIZZAZIONE DEL SETTORE DELL ENERGIA ELETTRICA 9 Febbraio 2005 Resoconto dell attività di indagine compilato da: Direzione energia elettrica, con il supporto

Dettagli

Relazione Annuale 2010

Relazione Annuale 2010 Relazione Annuale 21 5 Luglio 211 Dr. Cosimo Campidoglio Responsabile Ricerca, Sviluppo e Monitoraggio del Mercato 2 Disclaimer All interno di questo documento: I dati relativi al 211 sono consolidati

Dettagli

Politica di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini

Politica di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini Politica di Trasmissione ed Esecuzione degli ordini Consiglio di Amministrazione del 16 dicembre 2014 INDICE PREMESSA... 3 1 MODALITA ADOTTATE DALLA SOCIETA DI GESTIONE PER LA TRASMISSIONE DEGLI ORDINI...

Dettagli

I prezzi dell energia elettrica praticati alle PMI Nota metodologica

I prezzi dell energia elettrica praticati alle PMI Nota metodologica I prezzi dell energia elettrica praticati alle PMI Nota metodologica A cura di: Una premessa Le Camere di Commercio sono chiamate a favorire la trasparenza e la circolazione delle informazioni sui prezzi.

Dettagli

Produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e cogenerazione

Produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e cogenerazione Produzione di energia elettrica da fonti rinnovabili e cogenerazione Ing. Andrea Galliani Responsabile Unità fonti rinnovabili, produzione di energia e impatto ambientale Direzione Mercati Autorità per

Dettagli

Allegato A DEFINIZIONE DELLE FASCE ORARIE PER L ANNO 2007 E SUCCESSIVI

Allegato A DEFINIZIONE DELLE FASCE ORARIE PER L ANNO 2007 E SUCCESSIVI DEFINIZIONE DELLE FASCE ORARIE PER L ANNO 2007 E SUCCESSIVI Relazione AIR 2 agosto 2006 1 Direzione U.O. Direzione Energia Elettrica Responsabile del gruppo di lavoro Clara Poletti, (Direzione energia

Dettagli

Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici

Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici Derivati per la copertura del rischio di prezzo nei mercati energetici Prof. Fabio Bellini fabio.bellini@unimib.it Università di Milano Bicocca Dipartimento di Metodi Quantitativi www.dimequant.unimib.it

Dettagli

CONTRATTO BILATERALE DI VENDITA ENERGIA ELETTRICA

CONTRATTO BILATERALE DI VENDITA ENERGIA ELETTRICA CONTRATTO BILATERALE DI VENDITA ENERGIA ELETTRICA Indirizzo:.. Città:.. Provincia:.. Telefono:.. Fax:.. Indirizzo:.. Città:.. Provincia:.. Telefono:.. Fax:.. Tra.. e.. (di seguito denominati anche: singolarmente

Dettagli

A333 - ENEL TRADE-CLIENTI IDONEI Provvedimento n. 12634

A333 - ENEL TRADE-CLIENTI IDONEI Provvedimento n. 12634 A333 - ENEL TRADE-CLIENTI IDONEI Provvedimento n. 12634 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 27 novembre 2003; SENTITO il Relatore Professor Nicola Occhiocupo; VISTA

Dettagli

I prezzi dell energia elettrica praticati alle PMI Regione Lombardia

I prezzi dell energia elettrica praticati alle PMI Regione Lombardia I prezzi dell energia elettrica praticati alle PMI Regione Lombardia Nota metodologica A cura di: UNA PREMESSA Le Camere di Commercio sono chiamate a favorire la trasparenza e la circolazione delle informazioni

Dettagli

Sheda legislativa sul processo di liberalizzazione/privatizzazione dell energia elettrica in Italia di ATTAC Italia

Sheda legislativa sul processo di liberalizzazione/privatizzazione dell energia elettrica in Italia di ATTAC Italia pagina 1 di 5 Sheda legislativa sul processo di liberalizzazione/privatizzazione dell energia elettrica in Italia di ATTAC Italia Normativa Europea: L inizio del processo di privatizzazione dell energia

Dettagli

I724 - COMMISSIONE INTERBANCARIA PAGOBANCOMAT Provvedimento n. 21614

I724 - COMMISSIONE INTERBANCARIA PAGOBANCOMAT Provvedimento n. 21614 I724 - COMMISSIONE INTERBANCARIA PAGOBANCOMAT Provvedimento n. 21614 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 30 settembre 2010; SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni

Dettagli

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS

L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS DELIBERAZIONE 19 DICEMBRE 2013 618/2013/R/EFR DEFINIZIONE DEL VALORE DEI PREZZI MINIMI GARANTITI PER GLI IMPIANTI ALIMENTATI DA FONTI RINNOVABILI DI POTENZA FINO A 1 MW PER I QUALI È CONSENTITO L ACCESSO

Dettagli

AVVISO PER L ASSEGNAZIONE, PER L ANNO 2010, DEI DIRITTI CIP 6 DI CUI AL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DEL 27 NOVEMBRE 2009

AVVISO PER L ASSEGNAZIONE, PER L ANNO 2010, DEI DIRITTI CIP 6 DI CUI AL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DEL 27 NOVEMBRE 2009 AVVISO PER L ASSEGNAZIONE, PER L ANNO 2010, DEI DIRITTI CIP 6 DI CUI AL DECRETO DEL MINISTRO DELLO SVILUPPO ECONOMICO DEL 27 NOVEMBRE 2009 Il Gestore dei Servizi Energetici GSE S.p.A. (di seguito: GSE)

Dettagli

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 4 ARTICOLO 1 OGGETTO E ALLEGATI... 4 ARTICOLO 2 DEFINIZIONI... 4 ARTICOLO 3 PRINCIPI GENERALI E MODIFICHE DEL

TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI... 4 ARTICOLO 1 OGGETTO E ALLEGATI... 4 ARTICOLO 2 DEFINIZIONI... 4 ARTICOLO 3 PRINCIPI GENERALI E MODIFICHE DEL REGOLAMENTO DELLA PIATTAFORMA DEI CONTI ENERGIA A TERMINE DI CUI ALL ARTICOLO 17 DELL ALLEGATO A ALLA DELIBERA 111/06 DELL AUTORITA PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS E SUCCESSIVE MODIFICHE ED INTEGRAZIONI

Dettagli

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it

Scambio sul posto. www.gse.it. www.gsel.it Scambio sul posto www.gse.it www.gsel.it 2 Lo scambio sul posto: ammissione al contributo La Deliberazione ARG/elt n. 74/08 (TISP) prevede che lo scambio sul posto sia erogato dal GSE su istanza degli

Dettagli

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza

Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Università degli Studi di Roma "Tor Vergata" Facoltà di Ingegneria Corso di Gestione ed Economia dell Energia Il settore elettrico italiano: dal Monopolio alla Concorrenza Ing. Tiziana Torelli Anno Accademico

Dettagli

4. Il mercato elettrico

4. Il mercato elettrico Mercato del giorno prima dell energia (MGP) Mercato del giorno prima dell energia (MGP) Nel mercato del giorno prima avente per oggetto la contrattazione d energia tramite offerte di vendita ed acquisto.

Dettagli

Allegato A alla deliberazione 570/2012/R/eel Versione integrata e modificata dalle deliberazioni 578/2013/R/EEL, 614/2013/R/EEL e 612/2014/R/EEL

Allegato A alla deliberazione 570/2012/R/eel Versione integrata e modificata dalle deliberazioni 578/2013/R/EEL, 614/2013/R/EEL e 612/2014/R/EEL Allegato A alla deliberazione 570/2012/R/eel Versione integrata e modificata dalle deliberazioni 578/2013/R/EEL, 614/2013/R/EEL e 612/2014/R/EEL TESTO INTEGRATO DELLE MODALITÀ E DELLE CONDIZIONI TECNICO-ECONOMICHE

Dettagli

RES-e Regions. Regional report on transposition

RES-e Regions. Regional report on transposition RES-e Regions Regional report on transposition Introduzione Il quadro legislativo italiano in materia di fonti rinnovabili ha recepito con il D. Lgs. 387/2003 la direttiva europea 2001/77/CE sulla promozione

Dettagli

Vademecum della PIATTAFORMA DEI CONTI ENERGIA A TERMINE (PCE)

Vademecum della PIATTAFORMA DEI CONTI ENERGIA A TERMINE (PCE) Vademecum della PIATTAFORMA DEI CONTI ENERGIA A TERMINE (PCE) Gestore dei Mercati Energetici S.p.A. Vademecum della Piattaforma dei Conti Energia a Termine Indice INTRODUZIONE... 3 1. IL RUOLO DEL GME...

Dettagli

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 130/2013/R/EEL

DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 130/2013/R/EEL DOCUMENTO PER LA CONSULTAZIONE 130/2013/R/EEL ORIENTAMENTI PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI PER IL RICONOSCIMENTO DEGLI ONERI DERIVANTI AI PRODUTTORI CIP 6 DALL APPLICAZIONE DELL EMISSION TRADING SYSTEM

Dettagli

DELLA BORSA ELETTRICA

DELLA BORSA ELETTRICA DELLA BORSA ELETTRICA Indice n INTRODUZIONE 7 Il GME 7 Il Mercato Elettrico 8 Il Quadro regolatorio 9 n 1. L ORGANIZZAZIONE DEL SISTEMA ELETTRICO 13 1.1 I soggetti del sistema elettrico 15 1.2 I vincoli

Dettagli

DISPOSIZIONI PER L ANNO 2010 IN MATERIA DI GESTIONE DELLE CONGESTIONI IN IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE SULLA RETE DI INTERCONNESSIONE CON L ESTERO

DISPOSIZIONI PER L ANNO 2010 IN MATERIA DI GESTIONE DELLE CONGESTIONI IN IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE SULLA RETE DI INTERCONNESSIONE CON L ESTERO DISPOSIZIONI PER L ANNO 2010 IN MATERIA DI GESTIONE DELLE CONGESTIONI IN IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE SULLA RETE DI INTERCONNESSIONE CON L ESTERO 1 INDICE INDICE 2 PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI 3 ARTICOLO

Dettagli

Il servizio di distribuzione e la vendita al dettaglio di energia elettrica: regolazione e concorrenza. Parte 5. Bari Ottobre 2011 Clara Poletti

Il servizio di distribuzione e la vendita al dettaglio di energia elettrica: regolazione e concorrenza. Parte 5. Bari Ottobre 2011 Clara Poletti Il servizio di distribuzione e la vendita al dettaglio di energia elettrica: regolazione e concorrenza Parte 5 Bari Ottobre 2011 Clara Poletti IEFE - UNIVERSITÀ COMMERCIALE LUIGI BOCCONI 1) Introduzione

Dettagli

Teleriscaldamento a biomasse: i risultati dell Indagine Conoscitiva

Teleriscaldamento a biomasse: i risultati dell Indagine Conoscitiva Teleriscaldamento a biomasse: i risultati dell Indagine Conoscitiva Fabio Massimo Esposito (*) Direzione Energia e Industria di Base, Autorità Garante della Concorrenza e del Mercato Convegno Annuale FIPER,

Dettagli

Leggere la bolletta dell energia elettrica

Leggere la bolletta dell energia elettrica Leggere la bolletta dell energia elettrica Premessa Leggere ed interpretare correttamente la bolletta dell'energia elettrica può risultare un impresa ardua per i non addetti ai lavori. Ciò è assolutamente

Dettagli

I prezzi dell energia elettrica praticati alle PMI

I prezzi dell energia elettrica praticati alle PMI I prezzi dell energia elettrica praticati alle PMI Nota metodologica A cura di: Una premessa Le Camere di Commercio sono chiamate a favorire la trasparenza e la circolazione delle informazioni sui prezzi.

Dettagli

Mercato elettrico e strategie di trading Bologna 20 marzo 2013

Mercato elettrico e strategie di trading Bologna 20 marzo 2013 Mercato elettrico e strategie di trading Bologna 20 marzo 2013 Francesco Forte Responsabile Power Trading and Portfolio Management Consorzio Utilities Ravenna (www.curaenergy.it) 2 Sommario 1. Il mercato

Dettagli

LookOut. Rinnovabili elettriche

LookOut. Rinnovabili elettriche LookOut Rinnovabili elettriche Q3-2014 elemens Mercati SOMMARIO SOMMARIO... 2 ELENCO DI FIGURE, TABELLE E GRAFICI... 4 EXECUTIVE SUMMARY... 7 1. PANORAMICA DI SETTORE... 11 1.1 Dati ufficiali finalmente

Dettagli

Verso una reale promozione della Borsa del Gas in Italia: possibili interventi, proposte degli operatori ed esperienze estere

Verso una reale promozione della Borsa del Gas in Italia: possibili interventi, proposte degli operatori ed esperienze estere Verso una reale promozione della Borsa del Gas in Italia: possibili interventi, proposte degli operatori ed esperienze estere Il modello IGEX (Italian Gas Exchange) Un progetto di: Realizzato con il supporto

Dettagli

La tutela della concorrenza nel mercato elettrico europeo tra convergenze e asimmetrie (Università Bicocca, Milano 8 novembre, 2010)

La tutela della concorrenza nel mercato elettrico europeo tra convergenze e asimmetrie (Università Bicocca, Milano 8 novembre, 2010) La tutela della concorrenza nel mercato elettrico europeo tra convergenze e asimmetrie (Università Bicocca, Milano 8 novembre, 2010) Intervento del Dottor Salvatore Rebecchini (Componente Autorità garante

Dettagli

Il Trasporto Pubblico Locale: risultati e prospettive L R

Il Trasporto Pubblico Locale: risultati e prospettive L R I Quaderni del Laboratorio Numero 5, 2005 Il Trasporto Pubblico Locale: risultati e prospettive Diverse ottiche dei mercati dell energia elettrica L R Laboratorio sui ervizi a Rete Gruppo di ricerche industriali

Dettagli

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA REGIONE LOMBARDIA

RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA REGIONE LOMBARDIA RILEVAZIONE DEI PREZZI DELL'ENERGIA ELETTRICA REGIONE LOMBARDIA Da produttore/grossista ad utente non domestico prezzo prevalente della componente energia "franco centrale" per contratti della durata di

Dettagli

Mercato del Gas Naturale. La riforma delle condizioni economiche del servizio di tutela

Mercato del Gas Naturale. La riforma delle condizioni economiche del servizio di tutela Mercato del Gas Naturale La riforma delle condizioni economiche del servizio di tutela Ing. F. Santini Direttore Area Mercato dell Energia Torino, 16 luglio 2013 La riforma delle condizioni economiche

Dettagli

La partecipazione della domanda in borsa

La partecipazione della domanda in borsa La partecipazione della domanda in borsa ref. - Osservatorio Energia 31/01/05 La nuova fase di borsa Dal luglio 2004 tutti i clienti non domestici sono idonei Dal gennaio 2005 la domanda può partecipare

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR

CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR CONDIZIONI DEFINITIVE ALLA NOTA INFORMATIVA SUI PRESTITI OBBLIGAZIONARI RICONDUCIBILI ALLA TIPOLOGIA A TASSO VARIABILE con FLOOR Bancasciano Credito Cooperativo - Società Cooperativa in qualità di Emittente

Dettagli

Emission trading e settore elettrico; considerazioni elementari

Emission trading e settore elettrico; considerazioni elementari Emission trading e settore elettrico; considerazioni elementari Dal primo gennaio del 2005 per importanti attività produttive, tra le quali la generazione termoelettrica, le strategie di produzione devono

Dettagli

ENTE AUTONOMO DEL FLUMENDOSA Servizio Gestione Opere e Sicurezza All. A)

ENTE AUTONOMO DEL FLUMENDOSA Servizio Gestione Opere e Sicurezza All. A) DISCIPLINARE TECNICO PREMESSA L Ente Autonomo del Flumendosa (nel seguito chiamato EAF), è produttore di energia elettrica da fonte rinnovabile non programmabile, essendo proprietario dell impianto idroelettrico

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE

CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE CONDIZIONI DEFINITIVE relative all Offerta di obbligazioni Carilo-Cassa di Risparmio di Loreto S.p.A Step Up con facoltà di rimborso anticipato a favore dell Emittente 2010-2015 Codice

Dettagli

Dalla Piattaforma dei Bilaterali alla Piattaforma dei Conti Energia: cosa cambia per gli operatori. Roma 20-22 marzo 2007

Dalla Piattaforma dei Bilaterali alla Piattaforma dei Conti Energia: cosa cambia per gli operatori. Roma 20-22 marzo 2007 Dalla Piattaforma dei Bilaterali alla Piattaforma dei Conti Energia: cosa cambia per gli operatori Roma 20-22 marzo 2007 2 Agenda L operatività sulla Piattaforma dei bilaterali L operatività sulla Piattaforma

Dettagli

Indice. III. La determinazione del prezzo dell energia elettrica

Indice. III. La determinazione del prezzo dell energia elettrica Indice III. La determinazione del prezzo dell energia elettrica Il prezzo dell energia elettrica Normativa di riferimento Il ruolo della tariffa Tariffa elettrica per il mercato libero Principi di regolazione

Dettagli

La rete elettrica nazionale: generalità e gestione. Roma, 24 marzo 2010

La rete elettrica nazionale: generalità e gestione. Roma, 24 marzo 2010 La rete elettrica nazionale: generalità e gestione Roma, 24 marzo 2010 Indice sistema elettrico nazionale mercato elettrico fonti rinnovabili nel sistema elettrico 2 Sistema Elettrico Nazionale 3 Sistema

Dettagli

Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani

Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani Liberalizzazione e promozione della concorrenza nei settori dei servizi:un analisi dei provvedimenti contenuti nel decreto Bersani Corso di Economia Industriale 2 Davide Arduini Facoltà di Economia - Università

Dettagli

MERCATI DELL ENERGIA E TUTELA DEI CONSUMATORI

MERCATI DELL ENERGIA E TUTELA DEI CONSUMATORI MERCATI DELL ENERGIA E TUTELA DEI CONSUMATORI Dott. Marco Merler, Presidente Trenta S.p.A. Trento, Lunedì 4 giugno 2007 Sala Conferenze, Facoltà di Economia INDICE Il Gruppo Trentino Servizi Struttura

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. VISTI gli artt. 6, 18 e 19, comma 1, della citata legge;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. VISTI gli artt. 6, 18 e 19, comma 1, della citata legge; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 14 maggio 2009; SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTI gli artt. 6, 18 e 19,

Dettagli

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati

Delibera n. 28/06 L AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS. Documenti collegati Documenti collegati Comunicato stampa Pubblicata sul sito www.autorita.energia.it in data 13 febbraio 2006 Delibera n. 28/06 CONDIZIONI TECNICO-ECONOMICHE DEL SERVIZIO DI SCAMBIO SUL POSTO DELL ENERGIA

Dettagli

CONDIZIONI DEFINITIVE. relative all emissione di BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA OBBLIGAZIONI ORDINARIE A TASSO FISSO

CONDIZIONI DEFINITIVE. relative all emissione di BANCA POPOLARE DI PUGLIA E BASILICATA OBBLIGAZIONI ORDINARIE A TASSO FISSO Società Cooperativa per Azioni Sede sociale: Matera (MT), Via Timmari 25 Direzione Generale: Altamura (BA), Via Ottavio Serena, 13 Capitale Sociale e Riserve al 31/12/2008: Euro 307.364.967 Registro delle

Dettagli

Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive

Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive Il ruolo di Acquirente Unico nel mercato: attività e prospettive Ing. Nicolò Di Gaetano Responsabile Relazioni Esterne ed Analisi di Mercato Fare clic per modificare lo stile del sottotitolo dello schema

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 24 aprile 2008; SENTITO il Relatore Dottor Antonio Pilati; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTA la segnalazione del Garante

Dettagli

Allegato A DISPOSIZIONI PER IN MATERIA DI GESTIONE DELLE CONGESTIONI IN IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE SULLA RETE DI INTERCONNESSIONE CON L ESTERO

Allegato A DISPOSIZIONI PER IN MATERIA DI GESTIONE DELLE CONGESTIONI IN IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE SULLA RETE DI INTERCONNESSIONE CON L ESTERO DISPOSIZIONI PER IN MATERIA DI GESTIONE DELLE CONGESTIONI IN IMPORTAZIONE ED ESPORTAZIONE SULLA RETE DI INTERCONNESSIONE CON L ESTERO 1 INDICE INDICE 2 PARTE I DISPOSIZIONI GENERALI 3 ARTICOLO 1 DEFINIZIONI

Dettagli

Piccola ASTRE 2011 economia

Piccola ASTRE 2011 economia La liberalizzazione dell energia Testimonianza di Pippo Ranci ranci piccola ASTRE 4 feb 2011 1 1. Premessa personale 2. La teoria 3. L antefatto 4. La scelta europea 5. La riforma in Italia 6. Gli aspetti

Dettagli

Giovanni Apa Vice Presidente Direttore Area Gas Roma, Ara Pacis Augustae, 9 Giugno 2008

Giovanni Apa Vice Presidente Direttore Area Gas Roma, Ara Pacis Augustae, 9 Giugno 2008 ASSOCIAZIONE ITALIANA DI GROSSISTI DI ENERGIA E TRADER Giovanni Apa Vice Presidente Direttore Area Gas Roma, Ara Pacis Augustae, 9 Giugno 2008 Agenda Analisi e presentazione di un modello di Borsa Gas

Dettagli

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009

RISOLUZIONE N. 13/E. Roma, 20 gennaio 2009 RISOLUZIONE N. 13/E Roma, 20 gennaio 2009 Direzione Centrale Normativa e Contenzioso OGGETTO: Istanza di interpello Art. 11 Legge 27 luglio 2000, n. 212 Gestore dei Servizi Elettrici, SPA Dpr 26 ottobre

Dettagli

PS1732 - UNICREDIT BANCA DI ROMA-COMMISSIONI DI MASSIMO SCOPERTO Provvedimento n. 19353

PS1732 - UNICREDIT BANCA DI ROMA-COMMISSIONI DI MASSIMO SCOPERTO Provvedimento n. 19353 PS1732 - UNICREDIT BANCA DI ROMA-COMMISSIONI DI MASSIMO SCOPERTO Provvedimento n. 19353 L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 23 dicembre 2008; SENTITO il Relatore Professore

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Presidente Antonio Catricalà;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Presidente Antonio Catricalà; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 27 luglio 2009; SENTITO il Relatore Presidente Antonio Catricalà; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTA la Comunicazione

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 26 agosto 2009; SENTITO il Relatore Presidente Antonio Catricalà; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO l articolo 82 del

Dettagli