RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo VIII

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo VIII"

Transcript

1 Prof. Giuseppe F. Rossi Homepage: UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà di Ingegneria A.A. 2011/12 - I Semestre - Sede PV RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo VIII Quality-of-Service (QoS)) in reti a commutazione di pacchetto Struttura del capitolo Quando serve la QoS? Le tipologie di schemi per la QoS Il modello IntServ Il modello DiffServ Capitolo VIII 1-2/25 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

2 Le applicazioni distribuite e i loro requisiti prestazionali verso la rete Si supponga di avere un'applicazione distribuita formata da una coppia di processi che devono scambiarsi messaggi attraverso una rete a pacchetto caratterizzata da un ritardo τ. Tale applicazione può appartenere ad una delle due seguenti categorie Real-time application Lo scambio di un messaggio tra i due processi applicativi deve avvenire entro un certo tempo max (è necessario imporre un limite superiore τ max al ritardo τ end-to-end ), caratteristico dell'applicazione Il valore τ max di norma è dell'ordine delle centinaia di ms Il superamento di τ max va ad inficiare il corretto funzionamento dell'applicazione Elastic application Lo scambio di un messaggio tra i due processi applicativi può avvenire in un tempo qualunque (naturalmente compatibilmente con i time-out dei protocolli confermati) La conversazione telefonica trasferita a pacchetto Caratteristiche & requisiti Si consideri il traffico (di pacchetti) generato da una conversazione telefonica digitalizzata La digitalizzazione (senza alcuna compressione) del segnale telefonico genera traffico avente packet_rate e packet_size costanti (un traffico avente tali caratteristiche si dice isocrono) (Modulazione PCM) Banda massima del segnale analogico = 4 KHz fcamp = 8 KHz Quantizzazione = 8 bit / campione Bit-rate risultante = 64 Kbps Vincolo sul ritardo: il modulo nel processo ricevente che ricostruisce il segnale trasmesso deve ricevere i campioni del segnale contenuti nei pacchetti alla stessa cadenza regolare con la quale sono stati generati (nell'esempio, uno ogni 125 µs) sul lato mittente; in caso contrario la ricostruzione risulta degradata... entro un tempo max, altrimenti gli interlocutori cominciano a non capirsi Capitolo VIII 3-4/25 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

3 La conversazione telefonica trasferita a pacchetto La bufferizzazione sul ricevente I pacchetti contenenti i campioni, attraversando una rete a pacchetto in generale sperimentano un ritardo non costante (fenomeno del jitter di pacchetto) Al fine di ripristinare l'isocronia del traffico presso il processo destinatario (condizione necessaria per il buon funzionamento), sul nodo ricevente viene utilizzato un buffer La funzione del buffer è di assorbire le fluttuazioni introdotte dal jitter Processo Mittente Mittente buffer Destinatario Processo Destinatario La conversazione telefonica trasferita a pacchetto Le componenti del ritardo Il ritardo sperimentato tra l'istante in cui un campione viene generato e l'istante in cui lo stesso campione viene ritrasformato in segnale analogico ha le seguenti componenti (tra loro additive): Ritardo di compressione Ritardo di pacchettizzazione Ritardo della rete (τ end-to-end ) Tempi di trasmissione Tempi di propagazione Tempi di processing da parte dei nodi di commutazione Tempi di accodamento Ritardo di bufferizzazione (τ buffer ) Ritardo di decompressione Ritardo di ricostruzione del segnale (trascurabile) Capitolo VIII 5-6/25 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

4 La conversazione telefonica trasferita a pacchetto I ritardi tollerati La telefonia classica individua in 150 ms il massimo ritardo ammissibile tra i due interlucutori nel caso di conversazione di ottima qualità Quindi deve sicuramente essere: τ end-to-end + τ buffer < 150 ms τ end-to-end non deve avere fluttuazioni troppo ampie altrimenti costringe ad avere τ buffer molto elevati Quando serve la Quality-of-Service? La rete I controlli di QoS sono necessari quando si verificano contemporaneamente le due seguenti condizioni E' necessario garantire alcune grandezze (Throughput, τ end-to-end ) Vi possono essere degli intervalli di tempo in cui le richieste possono eccedere la capacità delle risorse del sistema (se le risorse di un sistema (rete) sono dimensionate sul caso peggiore (picchi massimi di richieste), allora la QoS non serve: il sistema sarà sempre in grado di garantire le grandezze in qualunque condizione di traffico) Effetti Aumento degli accodamenti Scarto dei pacchetti dalle file d'attesa (nel caso queste siano di dimensione max non sufficiente) Capitolo VIII 7-8/25 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

5 Come si fissa la QoS in una rete? I valori di QoS di una rete vengono fissati tramite un contratto tra Utente e Provider, detto Service Level Agreement (SLA) Capacità (in bps) Disponibilità (Availability) (in %) Ritardo (in ms)... SLA su reti IP E' una cosa molto interessante ma difficile da realizzare nelle reti IP IP fornisce una QoS best effort (=nessuna garanzia) in quanto non vi é alcun controllo circa gli usi (e gli abusi) degli utenti della rete Approcci alla QoS Si possono individuare 3 approcci Predictive QoS Dimensionamento della rete sulla base di quello si stima essere il traffico Flow-based QoS Richiesta esplicita e successiva allocazione di risorse per le singole sessioni (o flow) comunicative Class-based QoS Raggruppamento delle sessioni comunicative in classi di traffico I pacchetti appartenenti alla stessa classe di traffico sono trattati, dal punto di vista della QoS, in modo indistinguibile Capitolo VIII 9-10/25 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

6 Predictive QoS E' la modalità utilizzata nella maggior parte delle reti datagram attuali (es. Internet) Si dimensiona la rete in base al numero di utenti ed in base al traffico stimati (dimensionamento sul presunto caso "peggiore") Nel caso, in qualche intervallo di tempo, le richieste superino la capacità della rete, la QoS inizialmente prevista non è più garantita Flow-based QoS L'approccio predictive QoS in sostanza non garantisce nessuna QoS All'estremo opposto si trova lo schema flow-based QoS Una sessione comunicativa (flow) tra 2 applicazioni effettua una prenotazione delle risorse di rete necessarie, le quali, se disponibili, vengono riservate esclusivamente a tale comunicazione Un problema: la scalabilità su reti con un numero elevato di flussi I router dei backbone IP devono mantenere uno stato (prenotazione) per ogni sessione che li attraversa (per-flow-state): un router di dorsale di Internet può essere attraversato da centinaia di migliaia di flow Capitolo VIII 11-12/25 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

7 Class-based QoS Il concetto di base che distingue questo tipo di QoS dalla flow-based QoS sta nel fatto che la differenziazione dei pacchetti avviene su base aggregata e non su base singolo flusso Una data informazione aggiunta nella testata dei pacchetti identifica non un singolo flusso ma una classe di flussi (o classe di traffico) I router della rete devono riconoscere e trattare in modo differenziato le varie classi e non i vari flussi (per esempio prevederanno sistemi a coda con 1 fila d'attesa per ogni classe di traffico) Essendo il numero delle classi inferiore al numero dei flussi (merito dell'aggregazione), sulle dorsali cadono i problemi di scalabilità emersi nel caso della flow-based QoS IETF & QoS Il problema della QoS nelle reti a pacchetto é da tempo oggetto di studio in ambito IETF (Internet Engineering Task Force) I due principali approcci sono i seguenti Modello Integrated Services (IntServ) IntServ Working Group Propone un modello (sofisticato) di tipo flow-based QoS DiffServ Working Group Approccio più recente, propone un modello di tipo class-based QoS Capitolo VIII 13-14/25 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

8 Modello Integrated Services (IntServ) Nel Giugno del 1994 il gruppo di lavoro Integrated Services dell'ietf pubblica un RFC con una proposta di estensione dell'architettura di Internet e dei relativi protocolli per il supporto su rete a pacchetto IP di servizi real-time e non-real-time RFC1633: Integrated Services in the Internet Architecture: an Overview. R. Braden, D. Clark, S. Shenker. June (Status: INFORMATIONAL) Punto chiave dell'architettura IntServ: estensione al modello di servizio best-effort di IP attraverso l'aggiunta di nuovi tipi di servizi più sofisticati Modello Integrated Services (IntServ) L'implementazione E' necessario modificare il modello di IP-forwarding dei router estendendo le operazioni sui flow anche a tutti i nodi intermedi: ogni router deve riconoscere l'insieme di pacchetti che appartengono alla stessa conversazione (flow), fornendo loro la stessa QoS E' necessario aggiungere ai router funzioni di traffic control Packet classifier: riconosce i pacchetti ricevuti che appartengono allo stesso flow e che devono subire lo stesso trattamento, cioé la stessa QoS Packet scheduler: decide la politica di forwarding dei pacchetti (WRR, WFQ,... ) che permette di garantire determinate QoS a specifici flow Admission control: é l'algoritmo che decide se accettare o meno la richiesta di un nuovo flow Reservation protocol: é il protocollo di segnalazione che serve per instaurare e mantenere lo stato associato ad un flow sul percorso mittente-destinatario (prenotazione esplicita delle risorse) Capitolo VIII 15-16/25 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

9 Modello Integrated Services (IntServ) Riconoscimento dei flow in IP Analizzando le sole informazioni contenute nella header della PDU IPv4 non è possibile identificare univocamente un flow Il rimedio consiste nell'utilizzare anche informazioni contenute nelle testate dei protocolli di livello superiore all'ipv4 Per esempio i protocolli di livello Transport Un flow può essere identificato dalla quintupla: (Src_IP_Addr,Src_Port_Nr,Dest_IP_Addr,Dest_Port_Nr,Prot) Analizzando le sole informazioni contenute nella header della PDU IPv6 è possibile identificare univocamente un flow Un flow può essere identificato dalla coppia: (Src_IP_Addr,Flow_Label) Modello Integrated Services (IntServ) RSVP: concetti di base Protocollo di segnalazione progettato per poter eseguire due attività fondamentali Permettere ad una applicazione di richiedere una specifica QoS alla rete Permettere ai router di inoltrare attraverso i percorsi le varie richieste di QoS RSVP é in grado di funzionare per comunicazioni unicast e multicast: nel caso multicast RSVP si adatta dinamicamente alla composizione dei gruppi La richiesta RSVP di allocazione delle risorse è relativa flussi simplex Per allocare risorse in due sensi opposti bisogna inoltrare due diverse richieste (caso più frequente) Capitolo VIII 17-18/25 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

10 Fondamenti del modello DiffServ Modello di tipo class-based QoS Nessuna gestione su base flusso (flow) nei router IP intermedi => nessun per-flow-state sui router intermedi Aggregazione dei traffici all'ingresso della rete (DS Domain) in classi di traffico attraverso l'utilizzo del campo DS_Field presente nelle testate IP Per-Hop-Behavior (PHB) sui router intermedi All'interno del DS Domain ogni router mappa il contenuto del campo DS_Field in una particolare modalità di forwarding (PHB) Pacchetti con lo stesso valore di DS_Field subiscono lo stesso forwarding Necessità di funzioni di controllo ai bordi del DS Domain Quando un traffico si presenta al router di confine (ingress router) di un DS Domain, tale nodo deve decidere se e come far entrare detto traffico Il traffico (flow) viene riconosciuto dal router di ingresso sulla base delle classiche informazioni contenute nelle testate dei protocolli di livello 3 e 4 In base agli accordi contrattuali Customer-Provider (SLA) tale flusso viene collocato in una classe di traffico, tramite assegnazione di un valore al DS_Field (DSCP_Field) Ogni router del DS Domain analizza DS_Field ed applica il conseguente PHB (forwarding) La QoS end-to-end (cioé ingress-egress node) risulta data non da una esplicita allocazione, ma dall'effetto complessivo di tanti (indipendenti) PHB sui nodi intemedi Datagram IP Datagram IP DS_Field DS Domain Capitolo VIII 19-20/25 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

11 La marcatura dei pacchetti Dove viene definito il DS_Field (lungo 1 byte) nelle header IPv4? Sostituisce il campo Type_Of_Service (TOS) Il modello DS utilizza solo i 6 bit più significativi del DS_Field, che costituiscono il campo chiamato DSCP (Differentiated Services Control Point) L'uso di DS_Field è solo parzialmente compatibile con il vecchio uso di TOS DS_Field TOS Header IPv4 DSCP CU 6 bit 2 bit Struttura del DS_Field (1 byte) DS_Field in IPv4 DSCP = Differentiated Services Code Point CU = Currently Unused I Per-Hop-Behavior Default PHB Si tratta del classico best effort forwarding presente in tutti i router esistenti, standardizzato in RFC1812 ("Requirements for IP Version 4 Routers" F. Baker. June 1995) Deve essere supportato da tutti i nodi DS-compliant Assured Forwarding PHB Group Definisce un gruppo di PHB, ciascuno dei quali prevede un diverso grado di 'garanzie' sul recapito del pacchetto (es. diversa drop precedence in caso di congestione) Expedited Forwarding PHB Definisce un PHB che fornisce strette garanzie sul tempo di forwarding del pacchetto Capitolo VIII 21-22/25 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

12 Default PHB E' il comportamento di un router classico IP Realizza un servizio best effort delivery Valore per codificare questo PHB: DSCP='000000' Assured Forwarding PHB Group "Assured Forwarding (AF) PHB group is a means for a provider DS domain to offer different levels of forwarding assurances for IP packets received from a customer DS domain" (da RFC2597) AF PHB Group definisce: N "classi di forwarding" (attualmente N=4) tra loro indipendenti M livelli diversi di "drop precedence" (attualmente M=3) all'interno di ciascuna classe Le classi sono di uso generale: il trattamento subito dai loro traffici é configurabile sui nodi Ogni nodo deve allocare ad ogni classe una quantità minima (configurabile) di "risorse di forwarding" (= buffer e banda trasmissiva), al fine di limitare il rischio di deadlock di un traffico Non esiste alcun requisito temporale quantificabile (val. max, varianza,... ) circa il tempo di forwarding subìto da un pacchetto appartenente al gruppo AF PHB Capitolo VIII 23-24/25 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

13 Expedited Forwarding PHB "The EF PHB can be used to build a low loss, low latency, low jitter, assured bandwidth, end-to-end service through DS domains" (da RFC2598) Questo specifico PHB (DSCP='101110') può essere usato per costruire un servizio end-to-end di tipo "virtual leased line" Un nodo DS-compliant non é obbligato a supportare EF PHB; tuttavia se dichiara di supportare tale PHB deve essere conforme a quanto specificato in RFC2598 Come si costruisce un servizio end-to-end così stringente? Su ogni nodo di rete, per la classe di traffico della classe EF, il max rate di arrivo deve essere inferiore al min rate di partenza Questo si traduce (per la classe EF) in: Minimo rate di partenza garantito (cioé indipendente dagli altri traffici) in ogni nodo Conditioning sul rate di immissione del traffico ai confini del DS Domain Capitolo VIII 25-26/25 Copyright Ing. Giuseppe F. Rossi,

Differentiated Service

Differentiated Service Marco Listanti i Differentiated Service Architecture t (Diffserv) Differentiated Service (Diffserv) (1) La prima motivazione dell architettura Dff Diffserv è di tipoeconomico Applicazione di un principio

Dettagli

Architetture per la QoS in Internet

Architetture per la QoS in Internet Marco Listanti Architetture per la QoS in Internet Integrated Service Architecture (Intserv) Architettura Integrated Service (Intserv) (1) Ha lo scopo i fornire il supporto di servizi a qualità garantita

Dettagli

INFOCOM Dept. Qualità di Servizio (QoS) in Internet

INFOCOM Dept. Qualità di Servizio (QoS) in Internet Qualità di Servizio (QoS) in Internet QoS in IP: Aspetti Generali (1) Il classico servizio di trasferimento offerto da Internet è punto-punto, connectionless, best effort Il servizio di trasferimento non

Dettagli

Architetture software per la QoS

Architetture software per la QoS Corso di architetture multimediali Università di Milano Corso di laurea specialistica in Informatica per la Comunicazione A.A. 2012-2013 Architetture software per la QoS Perché software? Le soluzioni hardware

Dettagli

DiffServ- Differentiated Services

DiffServ- Differentiated Services Differentiated Services: Introduzione 2 DiffServ- Differentiated Services Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria delle Telecomunicazioni Proposta dall IETF nella RFC 2474/75 (12/98) Approccio basato

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria

Università di Genova Facoltà di Ingegneria Università di Genova Facoltà di Ingegneria 1. Servizi Multimediali e Qualità del Servizio (QdS) su IP 1.2. Architetture IETF a servizi Differenziati e a servizi Integrati Prof. Raffaele Bolla dist IP-QoS!

Dettagli

Servizi differenziati su Internet

Servizi differenziati su Internet Servizi differenziati su Internet L architettura Differentiated Services Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi [at] polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi DiffServ - 1 DiffServ - 2 Nota di

Dettagli

Metodi di rete per garantire la Qualità del Servizio su rete IP Davide Quaglia a.a. 2009/2010

Metodi di rete per garantire la Qualità del Servizio su rete IP Davide Quaglia a.a. 2009/2010 Universita' di Verona Dipartimento di Informatica Metodi di rete per garantire la Qualità del Servizio su rete IP Davide Quaglia a.a. 2009/2010 (materiale tratto dalle lezioni del prof. J. C. De Martin

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. Integrated Services Differentiated Services. dist. IP-QoS

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. Integrated Services Differentiated Services. dist. IP-QoS Università di Genova Facoltà di Ingegneria 1. Servizi Multimediali e Qualità del Servizio (QdS) su IP 1.2. Architetture IETF a servizi Differenziati e a servizi Integrati IP-QoS L IETF ha proposto due

Dettagli

QoS a livello Network

QoS a livello Network p.1 QoS a livello Network Paolo Campegiani campegiani@ing.uniroma2.it http://www.ce.uniroma2.it p.2 IP: un protocollo best effort Il protocollo IP é un protocollo best effort: non c é garanzia che i pacchetti

Dettagli

Voice Over IP 1. TELEFONARE SU INTERNET

Voice Over IP 1. TELEFONARE SU INTERNET Voice Over IP In pochi anni la telefonia fissa è stata superata dal traffico di quella mobile. È lecito aspettarsi che nei prossimi anni la trasmissione dati supererà quella della voce raccogliendo una

Dettagli

Servizi integrati su Internet

Servizi integrati su Internet Servizi integrati su Internet L architettura Integrated Services Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi [at] polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi IntServ - 1 Nota di Copyright Questo insieme

Dettagli

Gestione della Qualità del Servizio su Reti IP. Fulvio Risso http://staff.polito.it/fulvio.risso/

Gestione della Qualità del Servizio su Reti IP. Fulvio Risso http://staff.polito.it/fulvio.risso/ Gestione della Qualità del Servizio su Reti IP Fulvio Risso http://staff.polito.it/fulvio.risso/ 1 IP: caratteristiche (1) Semplice protocollo di tipo Datagram I pacchetti viaggiano su percorsi diversi

Dettagli

Gestione della Qualità del Servizio su Reti IP Wired e Wireless per Applicazioni Multimediali

Gestione della Qualità del Servizio su Reti IP Wired e Wireless per Applicazioni Multimediali UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PARMA FACOLTÀ DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Informatica Gestione della Qualità del Servizio su Reti IP Wired e Wireless per Applicazioni Multimediali Relatore: Chiar.mo

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo II

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo II Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA A.A. 2011/12 - II Semestre RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni

Dettagli

Andrea BIANCO. Le basi per fornire QoS. Primo Postulato. Classificazione. Verificabilita` Secondo Postulato

Andrea BIANCO. Le basi per fornire QoS. Primo Postulato. Classificazione. Verificabilita` Secondo Postulato QoS nella rete Internet Le basi per fornire QoS Esistono alcuni principi indispensabili per poter fornire QoS Sono criteri euristici di buon senso (anche se molto spesso negati!), ma non dimostrabili Sono

Dettagli

Qualità di Servizio (QoS) in Internet

Qualità di Servizio (QoS) in Internet Marco Listanti Qualità di Servizio (QoS) in Internet QoS in IP: Aspetti Generali (1) Il servizio di trasferimento offerto da Internet è punto-punto, p connectionless, best effort Non è adatto alle applicazioni

Dettagli

VoIP. Corso di Laboratorio di Telematica A.A. 2004-2005. Francesco Chiti Andrea De Cristofaro

VoIP. Corso di Laboratorio di Telematica A.A. 2004-2005. Francesco Chiti Andrea De Cristofaro Corso di Laboratorio di Telematica A.A. 2004-2005 Francesco Chiti Andrea De Cristofaro VoIP Copyright Università degli Studi di Firenze - Disponibile per usi didattici Vedere i termini di uso in appendice

Dettagli

Qualità di servizio e telefonia in Internet

Qualità di servizio e telefonia in Internet Qualità di servizio e telefonia in Internet Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi

Dettagli

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo II

RETI TELEMATICHE Lucidi delle Lezioni Capitolo II Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà di Ingegneria A.A. 2011/12 - I Semestre - Sede PV RETI TELEMATICHE

Dettagli

Introduzione alla telefonia su IP

Introduzione alla telefonia su IP Introduzione alla telefonia su IP Mario Baldi Synchrodyne Networks, Inc. baldi@synchrodyne.com Pietro Nicoletti Studio Reti, s.a.s. p.nicol@inrete.it IPtelIntro_i - 1 Copyright: si veda nota a pag. Nota

Dettagli

La Qualità del Servizio sulle Reti IP

La Qualità del Servizio sulle Reti IP La Qualità del Servizio sulle Reti IP Internet Oggi La Internet attuale è di tipo Best Effort Non esistono modi per garantire la Qualità del Servizio ricevuto su Internet Tutti i flussi sono trattati allo

Dettagli

Applicazioni Real-Time in Internet

Applicazioni Real-Time in Internet 1 Applicazioni Real-Time in Internet Multimedia Networking: Overview Classi di Applicazioni streaming audio/video streaming unidirezionale (multicast) di a/v realtime real-time interattivo audio/video

Dettagli

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it

Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Qualità di Servizio - Tutorial - Mauro Campanella INFN-GARR Mauro.Campanella@garr.it Agenda - Introduzione alla Qualità di Servizio - Definizione quantitativa della QoS - Architetture di QoS - QoS : compiti

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI

RETI INTERNET MULTIMEDIALI RETI INTERNET MULTIMEDIALI Internet Quality of Service Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dai Prof. Stefano Paris, Antonio Capone, Flaminio Borgonovo, Paolo Giacomazzi

Dettagli

Ritardi e perdite di pacchetti Caso di studio: la rete FastWeb

Ritardi e perdite di pacchetti Caso di studio: la rete FastWeb Ritardi e perdite di pacchetti Caso di studio: la rete FastWeb Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di

Dettagli

Qualità di Servizio Istruzioni per l uso in GARR-G

Qualità di Servizio Istruzioni per l uso in GARR-G Qualità di Servizio Istruzioni per l uso in GARR-G Mauro Campanella V Iincontro del GARR - Roma 24-26 Novembre 2003 Mauro.Campanella@garr.it Agenda - I servizi di QoS che saranno offerti da GARR-G - Premium

Dettagli

Massimiliano Sbaraglia Network Engineer. MPLS DiffServ aware Traffic Engineering

Massimiliano Sbaraglia Network Engineer. MPLS DiffServ aware Traffic Engineering Massimiliano Sbaraglia Network Engineer MPLS DiffServ aware Traffic Engineering I modelli per la QoS In ambito IETF sono stati definiti due modelli per la QdS su reti IP: Il modello integrated service

Dettagli

Corso TECNICO DI RETE

Corso TECNICO DI RETE Corso TECNICO DI RETE MODULO 1 dimensionamento architettura di rete Docente: ing.andrea Sarneri sarneri@ttc-progetti.it ANDREA SARNERI - CORSO CESCOT 2010 1 Lezione 12 Voip La digitalizzazione del segnale

Dettagli

Capitolo 7 Reti multimediali

Capitolo 7 Reti multimediali Capitolo 7 Reti multimediali Reti di calcolatori e Internet: Un approccio topdown 4 a edizione Jim Kurose, Keith Ross All material copyright 1996 2007 J.F Kurose and K.W. Ross, All Rights Reserved Pearson

Dettagli

Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni)

Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni) Sicurezza e Gestione delle Reti (di telecomunicazioni) Tommaso Pecorella tommaso.pecorella@unifi.it Corso di Studi in Ingegneria Elettronica e delle Telecomunicazioni Corso di Studi in Ingegneria Informatica

Dettagli

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 2 SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 2 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali

Internet Protocol Versione 4: aspetti generali Internet Protocol Versione 4: aspetti generali L architettura di base del protocollo IP versione 4 e una panoramica sulle regole fondamentali del mondo TCP/IP 1 Cenni storici Introduzione della tecnologia

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Internet Quality of Service

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Internet Quality of Service RETI INTERNET MULTIMEDIALI Internet Quality of Service IL PROBLEMA DELLA QoS Cosa è la QoS La QoS (Quality of Service) è un indice di qualità associato ai flussi informativi e influenzato da Banda disponibile

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, novembre 2004 Reti e sistemi telematici Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER IP

Dettagli

Principi fondamentali

Principi fondamentali Principi fondamentali Elementi di base Definizione di rete di calcolatori Tipologia di connessioni Architettura di rete Prestazioni di una rete di calcolatori Conclusioni 1 1 Bit e Byte BIT = BInary digit

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni. Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di calcolatori 2 a lezione a.a. 2009/2010 Francesco Fontanella Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come:

Dettagli

RETI TELEMATICHE / RETI DI CALCOLO Capitolo II Servizi di comunicazione geografici

RETI TELEMATICHE / RETI DI CALCOLO Capitolo II Servizi di comunicazione geografici Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA Facoltà di Ingegneria - Sede distaccata di Mantova MASTER DI 1 LIVELLO

Dettagli

SERVIZIO DI QoS SULLA RETE GARR: PREMIUM IP

SERVIZIO DI QoS SULLA RETE GARR: PREMIUM IP SERVIZIO DI QoS SULLA RETE GARR: PREMIUM IP Alessandro Pancaldi e Fabrizio Ferri Consortium GARR 7 Workshop GARR Roma, 17 novembre 2006 La Quality of Service (QoS) in breve La QoS è un insieme di meccanismi

Dettagli

Gestione della QoS: Il progetto IKNOS

Gestione della QoS: Il progetto IKNOS Gestione della QoS: Il progetto IKNOS Ottimizzazione Tatiana Onali Tatiana Onali, CNIT & Università di Cagliari Obiettivi di ottimizzazione Per una gestione ottima della QoS, le infrastrutture di rete

Dettagli

Internet e Reti di Calcolatori

Internet e Reti di Calcolatori Internet e Reti di Calcolatori Sommario cosa è Internet cosa è un protocollo? network edge network core rete di accesso, mezzi fisici prestazioni: loss (perdita), delay (ritardo) strati di un protocollo

Dettagli

Esercizi su: Ritardi di trasferimento Commutazione Sorgenti di Traffico

Esercizi su: Ritardi di trasferimento Commutazione Sorgenti di Traffico Esercizi su: Ritardi di trasferimento ommutazione Sorgenti di raffico Esercizio 1 Un sistema trasmissivo della velocità di 100 kb/s presenta una lunghezza di 500 km. Si calcoli il tempo che intercorre

Dettagli

Architetture di router IP

Architetture di router IP Torino, settembre 2003 Reti e sistemi telematici - 2 Architetture di router IP Gruppo Reti TLC giancarlo.pirani@telecomitalia.it http://www.telematica.polito.it/ GIANCARLO PIRANI TELECOM ITALIA LAB ROUTER

Dettagli

Il Trasporto di Dati Real-time

Il Trasporto di Dati Real-time Il Trasporto di Dati Real-time Ormai molte applicazioni scambiano informazioni in cui le relazioni temporali sono molto importanti. La Telefonia via Internet, Videoconferenza, Lezioni a distanza, Meeting

Dettagli

Reti di calcolatori e Internet

Reti di calcolatori e Internet Corso di Laboratorio di Tecnologie dell'informazione Reti di calcolatori e Internet Copyright Università degli Studi di Firenze - Disponibile per usi didattici Cos è Internet: visione dei componenti Milioni

Dettagli

Capitolo 7 Reti multimediali

Capitolo 7 Reti multimediali Capitolo 7 Reti multimediali Reti di calcolatori e Internet: Un approccio top-down 3 a edizione Jim Kurose, Keith Ross Pearson Education Italia 2005 7-1 Multimedia - Qualità del servizio: di cosa si tratta?

Dettagli

Reti di Calcolatori. Lezione 2

Reti di Calcolatori. Lezione 2 Reti di Calcolatori Lezione 2 Una definizione di Rete Una moderna rete di calcolatori può essere definita come: UN INSIEME INTERCONNESSO DI CALCOLATORI AUTONOMI Tipi di Rete Le reti vengono classificate

Dettagli

Elementi di Reti per Telecomunicazioni

Elementi di Reti per Telecomunicazioni Elementi di Reti per Telecomunicazioni (Parte II) Topologie ed Interfacciamento di Reti Corso di Telecomunicazioni Anno Accademico 2004/2005 Contenuti Introduzione alle reti di TLC. Topologie di Reti per

Dettagli

Voce su IP La vostra rete e pronta?

Voce su IP La vostra rete e pronta? Voce su IP La vostra rete e pronta? Servizio di classe operatore Ricordate l ultima volta che avete chiamato la vostra compagnia telefonica per ringraziarli dell affidabilita del servizio fornito? Questo

Dettagli

Corso TECNICO DI RETE

Corso TECNICO DI RETE Corso TECNICO DI RETE MODULO 1 dimensionamento architettura di rete Docente: ing.andrea Sarneri sarneri@ttc-progetti.it ANDREA SARNERI - CORSO CESCOT 2010 1 Voice Over IP La digitalizzazione del segnale

Dettagli

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete

La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La virtualizzazione dell infrastruttura di rete La rete: la visione tradizionale La rete è un componente passivo del processo che trasporta i dati meglio che può L attenzione è sulla disponibilità di banda

Dettagli

Introduzione alle reti di calcolatori

Introduzione alle reti di calcolatori Introduzione alle reti di calcolatori Definizioni base. Collegamenti diretti e indiretti Strategie di multiplazione Commutazione di circuito e di pacchetto Caratterizzazione delle reti in base alla dimensione

Dettagli

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo VIII

RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni Capitolo VIII Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it Homepage: http://www.unipv.it/retical/home.html UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI PAVIA A.A. 2011/12 - II Semestre RETI DI CALCOLATORI Lucidi delle Lezioni

Dettagli

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it

Livello di Rete. Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Livello di Rete Gaia Maselli maselli@di.uniroma1.it Queste slide sono un adattamento delle slide fornite dal libro di testo e pertanto protette da copyright. All material copyright 1996-2007 J.F Kurose

Dettagli

Reti: unità di misura

Reti: unità di misura Reti: unità di misura bandwidth: range di frequenze usate per la trasmissione del segnale elettromagnetico che codifica l informazione misurata in Hertz (Hz) bit rate: #bit trasmissibili su canale per

Dettagli

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4)

Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) Il livello Network del TCP/IP. Il protocollo IP (versione 4) L architettura TCP/IP (il cui nome più preciso è ) è formata da diversi componenti, che si posizionano nello stack dei protocolli a partire

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. dist. Qualità del Servizio (QdS) Prof. Raffaele Bolla. Qualità del Servizio (QdS)

Università di Genova Facoltà di Ingegneria. dist. Qualità del Servizio (QdS) Prof. Raffaele Bolla. Qualità del Servizio (QdS) Università di Genova Facoltà di Ingegneria 1. Servizi Multimediali e su IP 1.1 Introduzione alle QoS su IP Prof. Raffaele Bolla dist! Due possibili QdS: Misurata sul traffico generato dal servizio (traffico

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI MPLS

RETI INTERNET MULTIMEDIALI MPLS RETI INTERNET MULTIMEDIALI MPLS Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dal Prof. Stefano Paris MPLS Multi-Protocol Label Switching Introduzione MPLS: Multi Protocol Label

Dettagli

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast

Concetti fondamentali. Indirizzamento. Multicast su LAN. Multicast su Internet. RTP/RTCP su multicast IP. Ostacoli all'utilizzo del multicast Migliore uso della banda alla sorgente Unicast Multicast 4 Concetti fondamentali Indirizzamento Unicast Multicast su LAN Multicast su Internet Host Migliore uso della banda alla sorgente Router Protocolli

Dettagli

Multi-Protocol Label Switching (MPLS)

Multi-Protocol Label Switching (MPLS) Universita' di Verona Dipartimento di Informatica Multi-Protocol Label Switching (MPLS) Davide Quaglia a.a. 2009/2010 1 Sommario Introduzione Forwarding equivalence classes Multi-Protocol Label Switching

Dettagli

VoIP. Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP,

VoIP. Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP, VoIP Definizioni. Limiti del servizio best-effort. Rimozione del jitter audio. Recupero dei pacchetti perduti. I protocolli RTP, RTCP, SIP, H.323, ENUM Parte delle slide sono riadattate da : Reti di calcolatori

Dettagli

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet )

PARTE 1 richiami. SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) PARTE 1 richiami SUITE PROTOCOLLI TCP/IP ( I protocolli di Internet ) Parte 1 Modulo 1: Stack TCP/IP TCP/IP Protocol Stack (standard de facto) Basato su 5 livelli invece che sui 7 dello stack ISO/OSI Application

Dettagli

Università di Genova Facoltà di Ingegneria

Università di Genova Facoltà di Ingegneria Università di Genova Facoltà di Ingegneria Reti di Telecomunicazioni e Telemedicina 1 9. Servizi Multimediali e Qualità del Servizio (QdS) su IP Prof. Raffaele Bolla dist Reti per servizi multimediali

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 1 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 1 Martedì 4-03-2014 1 TESTO DI RIFERIMENTO RETI DI CALCOLATORI

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 200, ore 1.00 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette. Cognome: Nome:

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Lunedì 24 Gennaio 2005, ore 15.00 NB: alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare TUTTE le risposte corrette. Cognome: Nome:

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI BERGAMO Dipartimento di Ingegneria A.A. 2013/14 FONDAMENTI DI RETI E TELECOMUNICAZIONE Appello del 01/07/14 Esame FRT 6 CFU (cod. 22033) Esame FRT 9 CFU (cod. 21024) Esercizi

Dettagli

LA QUALITÀ DI SERVIZIO NELLE RETI

LA QUALITÀ DI SERVIZIO NELLE RETI LA QUALITÀ DI SERVIZIO NELLE RETI Prof. Ing. Maurizio Casoni Dipartimento di Ingegneria Enzo Ferrari Università degli Studi di Modena e Reggio Emilia Reti integrate Reti che consentono il trasporto di

Dettagli

Reti. Reti e interconnessione di reti - Internetwork WAN 1 WAN 1. Router multiprotocollo (gateway) Terminologia

Reti. Reti e interconnessione di reti - Internetwork WAN 1 WAN 1. Router multiprotocollo (gateway) Terminologia Reti Reti e interconnessione di reti - Internetwork WAN WAN Router multiprotocollo (gateway) Terminologia internet - internetwork :interconnessione di più reti generiche Internet - la specifica internetwork,

Dettagli

3 Caratteristiche del servizio

3 Caratteristiche del servizio 3 Caratteristiche del servizio Il GPRS offre all utente la possibilità di inviare e ricevere dati in modalità a commutazione di pacchetto, con diverse modalità e qualità. Il servizio di trasporto è particolarmente

Dettagli

Si tratta dell offerta di accesso ad Internet in FIBRA OTTICA di Rete-Tel costituita da circuiti portati fino alla sede del cliente.

Si tratta dell offerta di accesso ad Internet in FIBRA OTTICA di Rete-Tel costituita da circuiti portati fino alla sede del cliente. Servizio di accesso ad internet in FIBRA OTTICA - Informazioni Tecniche Si tratta dell offerta di accesso ad Internet in FIBRA OTTICA di Rete-Tel costituita da circuiti portati fino alla sede del cliente.

Dettagli

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 14 Settembre 2005, ore 9.00

Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 14 Settembre 2005, ore 9.00 Prova di Esame - Rete Internet (ing. Giovanni Neglia) Prova completa Mercoledì 14 Settembre 2005, ore 9.00 Alcune domande hanno risposta multipla: si richiede di identificare tutte le risposte corrette.

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI

RETI INTERNET MULTIMEDIALI RETI INTERNET MULTIMEDIALI VoIP: Problematiche di Deployment Il documento è adattato da materiale cortesemente messo a disposizione dai Prof. Antonio Capone, Flaminio Borgonovo e Stefano Paris IL DIMENSIONAMENTO

Dettagli

Reti di Calcolatori in Tecnologia IP

Reti di Calcolatori in Tecnologia IP Reti di Calcolatori in Tecnologia IP Il Livello Transport e TCP Dott. Marco Bianchi 04/12/2001 1 Agenda Introduzione Indirizzamento Protocolli di livello transport Attivazione e rilascio di una connessione

Dettagli

Servizi Internet multimediali

Servizi Internet multimediali Servizi Internet multimediali Appunti di Sistemi A cura del prof. ing. Mario Catalano F.Castiglione 1 F. Castiglione Applicazioni Elastiche Un utente umano attende informazioni da un server; Preferibile

Dettagli

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni

Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Corso di Sistemi di Elaborazione delle informazioni Reti di Calcolatori Claudio Marrocco Componenti delle reti Una qualunque forma di comunicazione avviene: a livello hardware tramite un mezzo fisico che

Dettagli

Distribuzione di contenuti multimediali

Distribuzione di contenuti multimediali PARTE 13 Distribuzione di contenuti multimediali Parte 13 Modulo 1: Introduzione Contenuti multimediali La definizione di multimediale è molto arbitraria Tipicamente, si intende la combinazione di più

Dettagli

MPLS Multi-protocol label switching Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi [at] polito.it http://staff.polito.it/mario.

MPLS Multi-protocol label switching Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi [at] polito.it http://staff.polito.it/mario. MPLS Multi-protocol label switching Mario Baldi Politecnico di Torino mario.baldi [at] polito.it http://staff.polito.it/mario.baldi MPLS - 1 Nota di Copyright Questo insieme di trasparenze (detto nel seguito

Dettagli

Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI

Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI Università degli Studi di Cagliari Corso di Laurea Specialistica in Ingegneria Elettronica SISTEMI OPERATIVI SISTEMI A ORIENTAMENTO SPECIFICO I SISTEMI MULTIMEDIALI Obiettivi! Identificare le caratteristiche

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione 1

Reti di calcolatori. Lezione 1 Reti di calcolatori Lezione 1 Problema Costruire una rete di calcolatori dimensioni planetarie applicazioni diversificate Quali tecnologie? Che tipo di architettura software? (efficienza, affidabilità,

Dettagli

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti:

Internet, così come ogni altra rete di calcolatori possiamo vederla suddivisa nei seguenti componenti: Pagina 1 di 8 Struttura di Internet ed il livello rete Indice Struttura delle reti Estremità della rete Il nucleo della rete Reti a commutazione di pacchetto e reti a commutazione di circuito Funzionalità

Dettagli

Esercitazioni: Stefano Leonardi. Ricevimento: Dr. Andrea Vitaletti Dr. Alessandro Ficarola. Tel.: 06 77274022 Email:

Esercitazioni: Stefano Leonardi. Ricevimento: Dr. Andrea Vitaletti Dr. Alessandro Ficarola. Tel.: 06 77274022 Email: Stefano Leonardi Tel.: 06 77274022 Email: leon@dis.uniroma1.it URL: www.dis.uniroma1.it/~leon Ricevimento: Dopo lezione o appuntamento per e -mail Esercitazioni: Dr. Andrea Vitaletti Dr. Alessandro Ficarola

Dettagli

Protocolli di Comunicazione

Protocolli di Comunicazione Protocolli di Comunicazione La rete Internet si è sviluppata al di fuori dal modello ISO-OSI e presenta una struttura solo parzialmente aderente al modello OSI. L'architettura di rete Internet Protocol

Dettagli

Livello Trasporto. Liv. Applic. Liv. Transport. Transport Entity. Liv. Network. Trasporto

Livello Trasporto. Liv. Applic. Liv. Transport. Transport Entity. Liv. Network. Trasporto Livello Trasporto Fornire un trasporto affidabile ed efficace dall'host di origine a quello di destinazione, indipendentemente dalla rete utilizzata Gestisce una conversazione diretta fra sorgente e destinazione

Dettagli

TECN.PROG.SIST.INF. TCP/IP Livello TRASPORTO. 2015 - Roberta Gerboni

TECN.PROG.SIST.INF. TCP/IP Livello TRASPORTO. 2015 - Roberta Gerboni 2015 - Roberta Gerboni Caratteristiche del livello Trasporto Il livello Trasporto si occupa del trasferimento delle informazioni, chiamate segmenti, tra due processi in esecuzione su due computer collegati

Dettagli

Reti di Telecomunicazioni. Controllo del traffico

Reti di Telecomunicazioni. Controllo del traffico Reti di Telecomunicazioni Controllo del traffico Autori Queste slides sono state scritte da Michele Michelotto: michele.michelotto@pd.infn.it che ne detiene i diritti a tutti gli effetti 2 Copyright Notice

Dettagli

Laurea in INFORMATICA

Laurea in INFORMATICA Laurea in INFORMATICA INTERNET e RETI di CALCOLATORI A.A. 24/25 Capitolo MESSAGGI di ERRORE e di CONTROLLO alberto.polzonetti@unicam.it Internet Control Message Protocol Il protocollo è un servizio best

Dettagli

Tecniche di schedulazione

Tecniche di schedulazione Tecniche di schedulazione Gruppo Reti TLC nome.cognome@polito.it http://www.telematica.polito.it/ TECNICHE DI SCHEDULAZIONE - 1 Algoritmi di scheduling Scheduling: scegliere un pacchetto da trasmettere

Dettagli

Reti di Telecomunicazione Lezione 8

Reti di Telecomunicazione Lezione 8 Reti di Telecomunicazione Lezione 8 Marco Benini Corso di Laurea in Informatica marco.benini@uninsubria.it Livello di trasporto Programma della lezione relazione tra lo strato di trasporto e lo strato

Dettagli

Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Laboratorio di Reti Prof. Fabio Martignon

Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Laboratorio di Reti Prof. Fabio Martignon Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi Matematici Laboratorio di Reti Prof. Fabio Martignon Università di Bergamo Dipartimento di Ingegneria dell Informazione e Metodi

Dettagli

La Core Network. Domanda fondamentale: come vengono trasferiti i dati attraverso la rete? Maglia di router interconnessi

La Core Network. Domanda fondamentale: come vengono trasferiti i dati attraverso la rete? Maglia di router interconnessi La Core Network Maglia di router interconnessi Domanda fondamentale: come vengono trasferiti i dati attraverso la rete? o Commutazione di pacchetto: i dati sono spediti attraverso la rete in quantità discrete

Dettagli

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004

Reti di calcolatori. Lezione del 10 giugno 2004 Reti di calcolatori Lezione del 10 giugno 2004 Internetworking I livelli 1 fisico e 2 data link si occupano della connessione di due host direttamente connessi su di una rete omogenea Non è possibile estendere

Dettagli

Argomenti della lezione

Argomenti della lezione Multicast IP Contenuti del corso La progettazione delle reti Il routing nelle reti IP Il collegamento agli Internet Service Provider e problematiche di sicurezza Analisi di traffico e dei protocolli applicativi

Dettagli

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE

Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE Reti di Calcolatori IL LIVELLO RETE D. Talia RETI DI CALCOLATORI - UNICAL 3-1 Il Livello RETE Servizi del livello Rete Organizzazione interna Livello Rete basato su Circuito Virtuale Livello Rete basato

Dettagli

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci

CORSO DI RETI SSIS. Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci CORSO DI RETI SSIS Lezione n.3 9 novembre 2005 Laura Ricci IL LIVELLO TRASPORTO realizza un supporto per la comunicazione logica tra processi distribuiti comunicazione logica = astrazione che consente

Dettagli

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16

Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II: Reti di calcolatori Lezione 16 Giovedì 24-04-2014 1 Traduzione degli

Dettagli

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 4

Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14. Pietro Frasca. Parte II Lezione 4 Università di Roma Tor Vergata Corso di Laurea triennale in Informatica Sistemi operativi e reti A.A. 2013-14 Pietro Frasca Parte II Lezione 4 Giovedì 13-03-2014 1 Ritardi e perdite nelle reti a commutazione

Dettagli

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Esercitazione 4

RETI INTERNET MULTIMEDIALI. Esercitazione 4 RETI INTERNET MULTIMEDIALI Esercitazione 4 1 ESERCIZI RIEPILOGATIVI 2 Esercizio 1 Token Bucket + Leaky Bucket Un Token Bucket con capacità del buffer dei token pari a q TB,MAX =500 kb, rate di picco p

Dettagli

FONDAMENTI DI RETI E TELECOMUNICAZIONE

FONDAMENTI DI RETI E TELECOMUNICAZIONE Prof. Giuseppe F. Rossi E-mail: giuseppe.rossi@unipv.it UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI BERGAMO A.A. 2014/15 - II Semestre FONDAMENTI DI RETI E TELECOMUNICAZIONE Lucidi delle Lezioni - Capitolo IX Struttura

Dettagli