Avv.ti Alvise Vergerio di Cesana (C.F. VRGLVS67B23H501C) e Luca Porfiri. (C.F. PRFLCU67A12H501O) i quali indicano, ad ogni effetto di legge, il

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Avv.ti Alvise Vergerio di Cesana (C.F. VRGLVS67B23H501C) e Luca Porfiri. (C.F. PRFLCU67A12H501O) i quali indicano, ad ogni effetto di legge, il"

Transcript

1 Avv.ti Alvise Vergerio di Cesana (C.F. VRGLVS67B23H501C) e Luca Porfiri (C.F. PRFLCU67A12H501O) i quali indicano, ad ogni effetto di legge, il seguente numero fax e il seguente indirizzo di posta elettronica certificata (PEC): 06/ / anche quali recapiti presso cui ricevere le comunicazioni e gli avvisi di cui al presente giudizio, nonché elettivamente domiciliate presso lo studio dell Avv. Alvise Vergerio di Cesana, in Roma, Via G.P. da Palestrina n. 19, contro MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE - AGENZIA DELLE DOGANE E DEI MONOPOLI (già Amministrazione Autonoma Monopoli di Stato), in persona dei rispettivi legali rappresentanti pro tempore, domiciliati ex lege presso l Avvocatura Generale dello Stato, in Roma, Via dei Portoghesi n. 12, per l annullamento, previa concessione di idonee misure cautelari, - del provvedimento dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (già Amministrazione Autonoma Monopoli di Stato) prot. n. 2014/18603 in data 4 marzo 2014, recante - tra l altro - disposizioni di attuazione dell art. 1, comma 636, della legge n. 147 del (doc. 1); - di ogni altro atto connesso, ancorché incognito, compresa la comunicazione dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli (già Amministrazione Autonoma Monopoli di Stato) prot. n Reg. Uff. dell (doc. 2); nonché 2

2 affinché vengano sollevate innanzi alla Corte Costituzionale e/o alla Corte di Giustizia dell Unione Europea le questioni pregiudiziali innanzi prospettate. FATTO Le ricorrenti sono tutte piccole e medie imprese operanti nel settore dei giochi leciti in qualità di concessionarie per l esercizio del gioco del Bingo. Deve essere evidenziato che in Italia il Bingo costituisce un settore in grave sofferenza, anche e soprattutto perché nato sulla base di presupposti manifestamente inadeguati che hanno costituito la causa di spese folli a carico dei concessionari, nonché di oneri nettamente sproporzionati rispetto alle loro concrete possibilità di incasso (si consideri che per strutturare e allestire una sala occorrevano diversi miliardi di lire). Emblematica di ciò è la vicenda della cauzione. Quest ultima, fissata da AAMS nel 2000 nell importo di un miliardo di lire (pari a circa ,00), è stata parametrata su volumi di gioco elevatissimi ma soltanto presunti e, quindi, poi rivelatisi del tutto inattendibili, sebbene prospettati agli aspiranti concessionari con grande enfasi, tanto da ingenerare in essi l errata convinzione che il Bingo fosse un opportunità unica per chiunque avesse avuto l intraprendenza di entrare nel settore. Si segnala ancora che il bando di gara per l assegnazione della attuali concessioni ha previsto l attribuzione di un punteggio in relazione alle caratteristiche costruttive delle sale (come la presenza di un infermeria, ecc.) totalmente avulse dalla realtà, ben più misera, con cui molti dei concessionari da li a poco hanno dovuto confrontarsi. Gli stessi concessionari sono stati pure costretti a dotarsi di un elevato numero di dipendenti al fine di far fronte 3

3 a tutte le figure lavorative previste da AAMS per lo svolgimento dell attività. Anche i costi per l impiantistica (illuminotecnica, aereazione, condizionamento, ecc.) e per l allestimento tecnologico imposti da AAMS sono risultati ingentissimi e oggetto di una vera e propria attività speculativa effettuata da pochi gruppi nati ad hoc per fornire tutto l occorrente, arredi inclusi. Va ancora aggiunto il tema delle penali, assolutamente sproporzionate, che, a partire dall aggiudicazione e a prescindere dai motivi, i concessionari sono stati costretti a pagare per ogni giorno di ritardo nell apertura delle sale ( di lire per ogni giorno di ritardo). Inizialmente le concessioni dovevano essere 800 (suddivise in due bandi di gara distinti, il primo di 420 concessioni e successivamente un secondo di ulteriori 380 concessioni, mai effettuato) in tutta Italia, ma ne furono assegnate assai meno. In epoca successiva, poi, molte delle imprese concessionarie sono state comunque costrette a chiudere e/o sono fallite per mancanza di clienti, con conseguente escussione delle relative fideiussioni da parte di AAMS. Si consideri, invero, che dopo un iniziale offerta di circa 800 concessioni, per i motivi anzidetti, il numero degli operatori è andato nettamente decrescendo: già nel 2004 sull intero territorio nazionale risultavano attive circa 310 concessioni, poi scese a circa 220 nel Inoltre, molte delle sale che hanno chiuso i battenti sono state acquisite, a prezzi stracciati, da parte di gruppi divenuti forti a seguito della fortunata localizzazione delle proprie sale e/o della ampliata offerta di gioco mediante la contestuale installazione, nei locali di pertinenza delle sale Bingo o in aree ricavate a seguito di riduzioni fino a 1/3 della superficie destinata al gioco del 4

4 Bingo, di Slot Machines (dal 2007) e Videolotteries (VLT) (dal 2010). Va peraltro segnalato come la possibilità di aprire una sala dedicata VLT, previo collaudo dell ADM, spetti a chiunque altro sia in possesso di locali a destinazione commerciale mediante la stipula di uno specifico contratto con un concessionario di VLT. Ciò per dire che dal 2000 ad oggi nulla è stato concesso in via esclusiva ai concessionari del Bingo, mentre sono certamente da stigmatizzare i ritardi di anni (dal 2003) nella realizzazione del Bingo Interconnesso Nazionale e Intersala per motivi tecnici imputabili ad AAMS e/o a Sogei (controllore centralizzato del gioco), benché tale sistema di gioco sia stato decretato dalla stessa AAMS diversi anni or sono e ai concessionari sia stata imposta la realizzazione della relativa rete di interconnessione (Rete Rupa). Non è certamente superfluo evidenziare che il Bingo interconnesso, con estrazione nazionale o per gruppi di sale, avrebbe potuto contribuire a risollevare le sorti delle piccole sale, ossia di quelle maggiormente penalizzate dall applicazione di imposizioni uguali per tutti i concessionari, come quelle oggetto dell impegno fideiussorio sopra descritto. Ad ogni modo, le concessioni del Bingo sino ad ora rilasciate sono state caratterizzate da una durata di sei anni a partire dall inizio dell attività di gestione del gioco, con possibilità di rinnovo per altri sei anni su richiesta del concessionario da presentare almeno sei mesi prima della scadenza naturale (cfr. art. 15 dello schema tipo di convenzione allegato al D.M ). Considerato che le attività di gestione del gioco hanno avuto inizio con tempistiche molto diverse, le date di scadenza delle concessioni in parola sono assai variegate: molte, infatti, avranno fine nel 2014, ma molte altre 5

5 proseguiranno ben oltre, anche fino al Va ancora detto che per le stesse concessioni non è stato previsto il pagamento di alcun corrispettivo, mentre la rimuneratività per l Erario deriva dal fatto che il gestore della sala Bingo, dedotti il prelievo erariale sulle cartelle, la quota spettante all affidatario del controllo centralizzato del gioco e i premi corrisposti, percepisce un aggio, al lordo delle imposte, pari a circa il 18% del valore delle cartelle vendute, il cui prezzo, peraltro, è conseguito in anticipo da parte dell ADM. La descritta situazione di oggettiva difficoltà si è poi aggravata con l avvento della legge n. 220/2010 (legge di stabilità 2011), la quale, ai commi nn. 78 e 79 dell art. 1, ha imposto ai soggetti concessionari ai quali sono già consentiti l esercizio e la raccolta non a distanza dei giochi pubblici (tra cui il Bingo), mediante sottoscrizione obbligatoria di un atto integrativo della convenzione accessiva alle concessioni, prescrizioni regolatrici riferite al possesso di requisiti di solidità patrimoniale, a limitazioni delle scelte imprenditoriali, alla destinazione degli utili e agli obblighi di certificazione contabile, che hanno reso ben più onerose le concessioni in parola 1 (come peraltro rilevato dallo stesso giudice amministrativo, il quale ha confermato il carattere più stringenti e penetrante delle suddette prescrizioni rispetto a quelle in passato previste - CdS, Sez. IV, n. 4199/2013). Con ordinanza n. 4681/2013, la IV Sezione del Consiglio di Stato ha 1 Il comma 79 della legge n.220/2010 prevede: Entro centottanta giorni dalla data di entrata in vigore della presente legge, i soggetti concessionari ai quali sono già consentiti l'esercizio e la raccolta non a distanza dei giochi pubblici sottoscrivono l'atto di integrazione della convenzione accessiva alla concessione occorrente per adeguarne i contenuti ai principi di cui al comma 78, lettera b), numeri 4), 5), 7), 8), 9), 13), 14), 17), 19), 20), 21), 22), 23, 24), 25) e 26). 6

6 sollevato innanzi alla Consulta la questione di legittimità delle predette norme di legge in relazione agli artt. 3, 41 e 42 della Costituzione sotto il seguente duplice profilo: - con riferimento alla possibilità per il legislatore di introdurre, a fronte di una posizione consolidata, una nuova disciplina recante nuovi requisiti e obblighi, tali da poter pregiudicare la stessa; - con riferimento al fatto che le norme introdotte con la legge n. 220/2010 comportano un incidenza diretta sul libero esercizio della libertà di impresa restringendo pesantemente e inammissibilmente la possibilità di accedere alla posizione di concessionario del gioco lecito e, comunque, gravando i concessionari di intollerabili oneri aggiunti e prescrizioni eccedenti la natura e il contenuto del rapporto. Tuttavia, nelle more del suddetto giudizio l Amministrazione resistente ha comunque fatto pervenire, anche ai concessionari del Bingo, l atto integrativo della convenzione di cui al comma 79 cit., recante le nuove e ben più gravose condizioni a loro carico. E in tale situazione già di per se, si ripete, fortemente problematica che si è inserita la normativa recata dalla legge n. 147 del (legge di stabilità 2014), la quale ai commi 636, 637 e 638 dell art. 1 ha dettato nuove e più vessatorie prescrizioni a carico dei concessionari del Bingo. Segnatamente, al comma 636 si legge che al fine di contemperare il principio di fonte comunitaria secondo il quale le concessioni pubbliche vanno attribuite ovvero riattribuite, dopo la loro scadenza, secondo procedure di selezione concorrenziale con l'esigenza di perseguire, in materia di concessioni di gioco per la raccolta del Bingo, il tendenziale 7

7 allineamento temporale di tali concessioni, relativamente a queste concessioni in scadenza negli anni 2013 e 2014 l'agenzia delle dogane e dei monopoli procede nel corso dell'anno 2014 alla riattribuzione delle medesime concessioni attenendosi ai seguenti criteri direttivi: a) introduzione del principio dell'onerosità delle concessioni per la raccolta del gioco del Bingo e fissazione nella somma di euro della soglia minima corrispettiva per l'attribuzione di ciascuna concessione; b) durata delle concessioni pari a sei anni; c) versamento della somma di euro 2.800, per ogni mese ovvero frazione di mese superiore ai quindici giorni, oppure di euro per ogni frazione di mese inferiore ai quindici giorni, da parte del concessionario in scadenza che intenda altresì partecipare al bando di gara per la riattribuzione della concessione, per ogni mese ovvero frazione di mese di proroga del rapporto concessorio scaduto e comunque fino alla data di sottoscrizione della nuova concessione riattribuita; d) versamento della somma di cui alla lettera a) in due metà di pari importo, la prima alla data di presentazione della domanda di partecipazione alla gara per la riattribuzione della concessione e la seconda alla data di sottoscrizione della nuova concessione, all'esito della conclusione della procedura di selezione dei concorrenti; e) determinazione nella somma complessiva annua di euro dell'entità della garanzia bancaria ovvero assicurativa dovuta dal concessionario, per tutta la durata della concessione, a tutela dell'amministrazione statale, durante l'intero arco di durata della 8

8 concessione, per il mantenimento dei requisiti soggettivi ed oggettivi, dei livelli di servizio e di adempimento delle obbligazioni convenzionali pattuite. A sua volta il comma 637 prevede che con decreto dirigenziale dell'agenzia delle dogane e dei monopoli, da adottare entro la fine del mese di maggio 2014, sono stabilite le eventuali disposizioni applicative occorrenti per assicurare, con cadenza biennale, nel rispetto dei criteri direttivi di cui al comma 636, l'avvio delle procedure di riattribuzione concorrenziale delle vigenti concessioni per la raccolta del gioco del Bingo, la scadenza dell'ultima delle quali è prevista per l'anno Il comma 638, infine, dispone che per soddisfare comunque l'eventuale domanda di nuove concessioni per la raccolta del gioco del Bingo che si manifestasse in vista della procedura di selezione concorrenziale da attuare nel corso dell'anno 2014 ai sensi del comma 636, in occasione della pubblicazione degli atti di gara pubblicati in tale anno sono altresì poste in gara ulteriori trenta nuove concessioni per la raccolta del medesimo gioco, nel rispetto in ogni caso degli stessi criteri direttivi di cui al predetto comma 636. Con il provvedimento impugnato, prot. n. 2014/18603 in data , l Agenzia della Dogane e dei Monopoli ha - tra l altro - dato esecuzione al comma 636 cit., prevedendo, al comma 5, che i versamenti ivi richiamati, pari ad euro per ogni mese o frazione di mese superiore a quindici giorni di proroga usufruita e ad euro se i giorni di proroga non superino i quindici giorni, sono effettuati con cadenza mensile a decorrere 9

9 dalla data di scadenza delle concessioni esercitate fino alla data di sottoscrizione della nuova concessione aggiudicata a seguito della procedura selettiva prevista dall articolo 1, comma 636, della legge n. 147 del 2013 e altresì precisando che la regolarità dei versamenti costituisce condizione di partecipazione alla procedura selettiva prevista dal richiamato articolo 1 comma 636 della legge n. 147 del Al comma 3, lo stesso provvedimento prevede che le disposizioni di cui ai precedenti commi 1 e 2, inerenti all adeguamento dei sistemi informatici di sala e alla conseguente richiesta all Ufficio Bingo di ADM dell effettuazione della relativa verifica funzionale (integranti condizioni di prosecuzione dell esercizio delle attività oggetto di concessione), trovano applicazione altresì nei confronti dei soggetti le cui concessioni per la gestione del gioco del Bingo sono scadute anteriormente alla data di pubblicazione del presente provvedimento sul sito dell Agenzia delle dogane e dei Monopoli ovvero scadono nel corso del 2014 e che continuano a gestire la raccolta del gioco in regime di proroga ai sensi dell articolo 1, comma 636 della legge 27 dicembre 2013, n In tal caso alla domanda di cui al comma 2 [avente ad oggetto l effettuazione delle verifica funzionale di cui sopra n.d.r.] deve essere allegata la prova dei versamenti. Il comma 4, inoltre, dispone che la raccolta del gioco del Bingo è consentita a decorrere dal giorno successivo a quello di rilascio di apposita autorizzazione conseguente all esito positivo della verifica funzionale di cui al comma 2, previo deposito all Ufficio Bingo, anche da parte dei soggetti in proroga ex art. 1, comma 636, della legge n. 147/2013, della garanzia avente i requisiti 10

10 di cui all articolo 9, comma 1, del regolamento 31 gennaio 2000, n. 29, la quale deve essere efficace dalla data di scadenza della concessione fino al 30 giugno 2015 e contenere l obbligo di estensione, su richiesta dell Amministrazione, della durata fino alla sottoscrizione della nuova concessione. Successivamente, in ragione delle insuperabili difficoltà incontrate dai concessionari, l Agenzia resistente si è vista costretta ad abbandonare in parte la rigidità di detta ultima prescrizione, rappresentando, con comunicazione prot. n Reg. Uff. dell , quanto segue: risulta che alcuni soggetti garanti hanno frapposto difficoltà in merito alla prestazione di fideiussioni recanti la clausola con la quale l emittente si obbliga all estensione della durata della garanzia fino alla stipula della nuova convenzione relativa alla concessione affidata a conclusione della procedura selettiva da indire ai sensi dell art. 1, comma 636, della legge 27 dicembre 2013, n Al fine di superare dette difficoltà, si rende noto che saranno accettati atti fideiussori privi di tale clausola ma aventi durata fino al 31 dicembre La lettera d invio all Ufficio Bingo di tali fideiussioni dovrà contenere apposito impegno, sottoscritto dal rappresentante legale del soggetto giuridico titolare della concessione in proroga, ad estendere, su richiesta dell Amministrazione, la durata della fideiussione depositata, fino alla sottoscrizione della nuova concessione. I provvedimenti impugnati sono illegittimi, nonché affetti da figure sintomatiche di eccesso di potere per vizi propri. Gli stessi, inoltre, al pari delle richiamate disposizioni della legge di stabilità 2014, si rivelano in 11

11 palese contrasto con i principi comunitari e costituzionali volti a garantire l iniziativa economica privata, la concorrenzialità tra gli operatori commerciali, la libera prestazione dei servizi, l ammortamento degli investimenti e il divieto di discriminazione tra le imprese. Per le suddette ragioni, previa concessione di idonee misure cautelari, si chiede che, oltre all annullamento dei medesimi provvedimenti, venga sollevata la questione di legittimità costituzionale della normativa recata dai commi 636, 637 e 638 dell art. 1 della legge n. 147/2014 in relazione agli artt. 3 e 41 Cost. e/o quella pregiudiziale interpretativa innanzi alla Corte di Giustizia dell Unione Europea in relazione alla compatibilità con i richiamati principi comunitari. DIRITTO 1. Violazione degli artt. 3, 41 e 97 Cost., nonché della legge n. 241/90. Violazione e falsa applicazione della legge n. 147 del , del D.M. n. 29 del e del D.M Eccesso di potere per carenza di istruttoria, travisamento dei fatti, illogicità e irragionevolezza manifeste, disparità di trattamento, difetto di motivazione, sviamento. Come si è detto, i contestati provvedimenti dell Agenzia delle Dogane e dei Monopoli si rivelano anzitutto illegittimi per vizi propri. Al riguardo si rappresenta che il Regolamento sul giogo del Bingo di cui al decreto del Ministero delle Finanze n. 29 del , all art. 9, ha obbligato i concessionari a prestare all Amministrazione finanziaria una cauzione, a mezzo di fidejussione bancaria a prima richiesta o polizza assicurativa equivalente, di lire 1 miliardo (pari a ,89) per 12

12 ciascuna sala, al fine di garantire l adempimento dei propri obblighi. La convenzione tipo per l affidamento in concessione della gestione del gioco del Bingo, approvata dallo stesso Ministero delle Finanze con decreto in data , all art. 6, ha ulteriormente declinato l obbligo in questione, specificando che la garanzia ha validità dalla data di inizio dell attività di gestione del gioco e durata pari a quella della concessione, aumentata, a tal fine, di due anni. In relazione all irragionevole ammontare del suddetto importo si è già detto in narrativa. Va ancora aggiunto che ottenere, da parte di istituti bancari o assicurativi, il rilascio della garanzia in parola non è affatto uno scherzo. Il fideiussore, infatti, pretende che la propria obbligazione (particolarmente onerosa in quanto soggetta alla prima richiesta ) sia a sua volta garantita da beni personali del concessionario, di pari valore, su cui eventualmente rivalersi. Nella maggior parte dei casi, ciò si è tradotto nel deposito, da parte del concessionario, di un analoga somma su un conto corrente bancario immobilizzato per l intero periodo richiesto (ossia, sei anni più due). L ottenimento delle garanzie richieste dal Ministero si è dunque rivelato particolarmente gravoso per i concessionari del gioco del Bingo, tanto in ragione del relativo ammontare rapportato alle singole sale ( ,89 per ciascuna sala), quanto della perduranza della cauzione ben oltre il termine di scadenza delle concessioni (due anni), alla quale è conseguita, e consegue, l analoga immobilizzazione dei beni personali dati in garanzia dagli stessi concessionari. Questa è la situazione antecedente all avvento della legge di stabilità

13 Tale legge, come si è visto, nell ottica di operare il tendenziale allineamento temporale delle concessioni in scadenza negli anni 2013 e 2014, al comma 636 dell art. 1, ha disposto che, nel corso del 2014, l ADM proceda alla riattribuzione delle medesime concessioni: - introducendo il principio di onerosità mediante un corrispettivo del valore minimo di ,00; - fissando la durata delle concessioni in anni sei; - prevedendo il versamento di una somma pari ad 2.800,00 mensili a carico dei concessionari in scadenza che intendano partecipare alla futura gara; - fissando nella somma complessiva annua di ,00 l entità della garanzia bancaria o assicurativa dovuta dal concessionario per tutta la durata della concessione a tutela dell Amministrazione statale, durante l intero arco di durata della concessione, per il mantenimento dei requisiti soggettivi ed oggettivi, dei livelli di servizio e di adempimento delle obbligazioni convenzionali pattuite. Nessuna disposizione della suddetta legge ha invece previsto una eventuale (e ulteriore) estensione della garanzia di cui all art. 9 del Regolamento di cui al D.M. n. 29/2000 per il limitato periodo di gestione del gioco del Bingo in proroga ex comma 636 cit. successivamente alla scadenza delle concessioni e sino alla sottoscrizione delle nuove convenzioni. Nel silenzio della legge, mediante il provvedimento prot. n. 2014/18603 impugnato, l Agenzia delle Dogane e dei Monopoli ha irragionevolmente preteso che i soggetti che continuano ad esercitare l attività di raccolta del gioco del Bingo nel regime di proroga in parola prestino una ulteriore garanzia avente i requisiti di cui all articolo 9, comma 1, del regolamento 14

14 31 gennaio 2000, n. 29, la quale deve essere efficace dalla data di scadenza della concessione fino al 30 giugno 2015 e contenere l obbligo di estensione, su richiesta dell Amministrazione, della durata fino alla sottoscrizione della nuova concessione. Tale previsione è manifestamente irragionevole e illogica, nonché sproporzionata rispetto alle finalità della cauzione, finendo per imporre ai concessionari un ulteriore ingiusto e ingiustificato sacrificio. Va infatti rilevato che le ripetute disposizioni di cui al comma 636 cit. sono espressamente rivolte a disciplinare la riattribuzione delle sole concessioni in scadenza negli anni 2013 e 2014, prevedendo che ciò avvenga nel corso dell anno La durata del regime di proroga ex comma 636 cit., pertanto, è destinata ad essere circoscritta ad un arco temporale di alcuni mesi. Tanto è vero che nel provvedimento impugnato l ADM, pur avendo previsto l obbligo di estensione della garanzia fino alla sottoscrizione della nuova concessione, ne ha limitato la durata al (poi prorogata al con la successiva comunicazione). A fronte di ciò, la pretesa dell Amministrazione resistente di richiedere per detto limitato periodo la stessa identica garanzia che, in precedenza, il Ministero delle Finanze aveva ritenuto di parametrare ad un ben più ampio arco temporale (sei anni più due) si rivela manifestamente illogica e irragionevole. E ciò vieppiù in considerazione del fatto che, in base allo schema tipo di convenzione approvato con D.M. in data , la cauzione ivi prevista all art. 6 è comunque destinata a coprire anche il periodo di due anni successivo alla scadenza della concessione, ossia un 15

15 periodo destinato a sovrapporsi con quello oggetto della nuova garanzia imposta con il provvedimento impugnato. Ulteriori profili di illogicità sono peraltro evidenziati dagli elementi che seguono. Va anzitutto rilevato che la contestata prescrizione amministrativa ha irragionevolmente finito per fissare il valore della cauzione provvisoria, pari ad ,89, in misura (addirittura) superiore rispetto a quello della garanzia definitiva prevista dalla lett. e) del comma 636 dell art. 1 della legge di stabilità 2014, pari alla somma complessiva annua di Correlando, infatti, i suddetti importi ai relativi periodi di riferimento, si ricava che il valore della prima cauzione è nettamente superiore rispetto a quello della seconda. Inoltre, poiché ex comma 636 cit. il periodo di proroga ivi previsto è stato ugualmente assoggettato al principio di onerosità delle concessioni (peraltro con un corrispettivo sostanzialmente corrispondente a quello delle future concessioni), la pretesa della P.A. resistente di applicare allo stesso arco temporale una cauzione a suo tempo prevista per l ipotesi inversa (concessione non onerosa) si rivela vieppiù illogica e sproporzionata. Ulteriore riprova di ciò si ricava dal parallelo con il sistema normativo che caratterizza la raccolta delle scommesse. Nel caso del Bingo, invero, la cauzione tutela la P.A. dal mancato rispetto dei termini della concessione, a differenza di quanto avviene nelle scommesse, laddove, proprio in considerazione del carattere oneroso del rapporto in essere, la garanzia copre unicamente il mancato pagamento di quanto dovuto dal concessionario a 16

16 seguito della raccolta delle somme (rischio, quest ultimo, sostanzialmente assente nel Bingo, in quanto il prezzo delle cartelle è corrisposto anticipatamente all ADM). Ebbene, logica avrebbe imposto che, in considerazione dell applicazione del citato principio di onerosità anche ai rapporti in proroga ex comma 636 cit., la P.A., allineandosi al sistema ideato per le scommesse, rinunciasse alla garanzia finalizzata al rispetto della convenzione: ma, evidentemente, così non è stato. Va ancora messa in luce la manifesta irragionevolezza della pretesa di applicare il medesimo importo cauzionale ad ogni singola situazione, senza tener conto delle specificità che la contraddistinguono e delle conseguenti possibilità di incasso. Anche in tal caso, poi, la previsione si rivela in conflitto con il sistema adottato per la raccolta delle scommesse, laddove è stato previsto il rilascio di garanzie proporzionate alla movimentazione netta di gioco dei singoli concessionari con aggiornamento annuale in base al volume di gioco dell anno precedente. Deve essere infine rilevato come le illogiche prescrizioni impugnate obblighino il titolare di una concessione in scadenza a stipulare l onerosa fidejussione in parola ancor prima di avere la certezza in ordine al superamento della verifica funzionale di cui al comma 4 del provvedimento prot. n. 2014/18603 impugnato, prevedendo, infatti, che la prosecuzione nell attività sia subordinata si al rilascio dell autorizzazione attestante il superamento della verifica in questione, ma previo deposito all Ufficio Bingo della cauzione ex art. 9 del D.M. n. 29/2000. Si segnala ancora che gli istituti bancari e assicurativi interessati si sono 17

17 comunque espressamente rifiutati di concedere la nuova garanzia fideiussoria alle condizioni indicate dall ADM, avendo manifestato la propria non disponibilità ad assumere l obbligo della relativa estensione fino alla data di sottoscrizione della nuova concessione. Per detta ragione, come si è visto, con la comunicazione in data , l ADM è stata costretta a ritornare sui propri passi e a rinunziare alla suddetta condizione a fronte di un prolungamento di sei mesi della cauzione (fino al ) e l assunzione dell impegno, sottoscritto dal legale rappresentante del soggetto giuridico titolare della concessione in proroga, di estenderne la durata, su richiesta dell Amministrazione, fino alla sottoscrizione della nuova concessione. Dal punto di vista dei titolari delle concessioni scadute o in scadenza, le contestate prescrizioni amministrative si traducono in nuovi gravissimi oneri, rappresentanti anche dall esigenza di rinnovo delle sottostanti garanzie personali per un valore corrispondente a quello delle cauzioni, che vanno ad aggiungersi ai beni già in precedenza immobilizzati e che rimarranno tali per un periodo di ulteriori due anni dalla scadenza del rapporto concessorio. La descritta situazione risulta peraltro aggravata dal fatto che, nelle previsioni legislative e dell ADM, la prosecuzione in proroga della raccolta del gioco del Bingo, e quindi l assoggettamento a tutte le relative condizioni (compresa la cauzione), costituisce condizione di partecipazione alla selezione per la riattribuzione delle concessioni, con la conseguenza che (a meno di non voler cambiare professione) i titolari delle concessioni in scadenza o scadute non sono in grado di sottrarvisi. Quindi, ai fini della partecipazione alla selezione per la riattribuzione, i soggetti in proroga si troveranno in una situazione di 18

18 svantaggio rispetto a nuovi operatori del mercato, derivante dalla necessaria soggezione alle illogiche e onerosissime prescrizioni impugnate con il presente atto. 2. Violazione del principio del primato del diritto dell Unione Europea su quello nazionale. Violazione dei principi di diritto dell Unione Europea in materia di proporzionalità, effettività, imparzialità, concorrenzialità, libera prestazione dei servizi, competitività, non discriminazione, ammortamento degli investimenti, affidamento e certezza del diritto. Violazione degli artt. 3, 41 e 97 Cost. Violazione dell art. 11 delle preleggi. Eccesso di potere per carenza di istruttoria, travisamento dei fatti, illogicità e irragionevolezza manifeste, disparità di trattamento, difetto di motivazione, sviamento. Si è visto che, con la legge di stabilità 2014, il legislatore ha introdotto il principio di onerosità delle concessioni per la raccolta del Bingo, estendendolo anche alle concessioni scadute mediante il versamento, fino alla data di sottoscrizione della nuova concessione, della somma di per ogni mese o frazione di mese superiore ai quindici giorni, oppure di per ogni frazione di mese inferiore ai quindici giorni, da parte del soggetto che intenda partecipare al bando di gara per la riattribuzione della concessione (cfr. lett. c del comma 636 dell art. 1 della legge n. 147/2013). Tale previsione è stata ribadita dall ADM nel provvedimento prot. n. 2014/18603 impugnato, ove si è prescritto che i versamenti di cui sopra sono effettuati con cadenza mensile a decorrere dalla data di scadenza delle concessioni esercitate fino alla data di sottoscrizione della nuova 19

19 concessione aggiudicata a seguito della procedura selettiva prevista dall articolo 1, comma 636, della legge n. 147 del 2013, con la precisazione che la regolarità dei versamenti costituisce condizione di partecipazione alla procedura selettiva prevista dal richiamato articolo 1 comma 636 della legge n. 147 del Deve essere tuttavia rilevato come non rientri nel potere delle Autorità nazionali quello di incidere in siffatta maniera sui rapporti concessori in essere, benché in regime di proroga per il periodo necessario allo svolgimento delle nuove selezioni, perché in tal modo verrebbero inammissibilmente introdotti nuovi elementi onerosi non previsti né preventivabili al momento di partecipazione alla precedente gara, laddove sono state operate le stime d impresa sulle effettive possibilità di ammortamento degli investimenti in relazione alle specifiche caratteristiche del servizio. La questione, nei suoi termini sostanziali, è stata esaminata dalla IV Sezione del Consiglio di Stato, la quale, in relazione ad analoga vicenda in materia di concessioni del gioco pubblico e con specifico riferimento alla pretesa imposizione dei nuovi requisiti e obblighi della legge n. 220/2010 cit. anche alle concessioni in essere, con la citata ordinanza n. 4681/2013, ha rilevato che questo Giudice, ai fini della verifica di legittimità degli atti amministrativi con i quali i predetti requisiti ed obblighi vengono imposti (anche) al concessionario in regime di prosecuzione, non può che attendere in quanto rilevante e dirimente il giudizio della Corte Costituzionale sulla legittimità costituzionale dell art. 1, co. 79, l. n. 220/2010, e dei precedenti 20

20 commi 77 e 78, in quanto da essa richiamati e per la parte in cui risultano applicabili ai concessionari che si siano avvalsi della facoltà di cui all art. 21, co. 7, d.l. n. 78/2009, ossia della facoltà di proseguire nello svolgimento del servizio. Quindi, attesa la rilevanza e la non manifesta infondatezza della questione di legittimità costituzionale delle norme sopra citate, il Consiglio di Stato ne ha rimesso lo scrutinio alla Consulta con riferimento agli articoli 3, 41 e 42 della Costituzione, sotto il seguente duplice profilo: - in primo luogo, con riferimento alla possibilità per il legislatore di introdurre, a fronte di una posizione consolidata (nei sensi sopra precisati), di un soggetto quale concessionario della pubblica Amministrazione e ciò per effetto di una precisa norma primaria, che ha comportato anche a carico di tale soggetto, un esborso non irrilevante di somme di denaro una nuova disciplina recante nuovi requisiti ed obblighi, tali da poterne pregiudicare la posizione di concessionario; - in secondo luogo, come prospettato dalla stessa società appellante, con riferimento al fatto che le norme introdotte con la l. n. 220/2010 comportano una incidenza diretta sul libero esercizio della libertà di impresa restringendo pesantemente ed inammissibilmente la possibilità di accedere alla posizione di concessionario del gioco lecito e comunque gravando i concessionari di intollerabili oneri aggiunti e prescrizioni eccedenti la natura e il contenuto del rapporto. Ancora sul punto il Consiglio di Stato ha rilevato che quanto al primo aspetto, questo Collegio non ignora che il principio di irretroattività della 21

------------------------------------

------------------------------------ Sonia Lazzini (a cura di), La disposta esclusione risulta altresì illegittima per violazione del principi di par condicio e di ampia partecipazione alle pubbliche gare, tenuto conto della garanzia comunque

Dettagli

LA QUESTIONE DELL INCREMENTO DEL CANONE DI

LA QUESTIONE DELL INCREMENTO DEL CANONE DI LA QUESTIONE DELL INCREMENTO DEL CANONE DI DISTRIBUZIONE (Avv. Daniela Anselmi) Milano, 21-22 novembre 2013 La disciplina del tema oggetto del presente contributo è contenuta innanzitutto al quarto comma

Dettagli

regolarizzazione delle domande e delle offerte che siano prive dei requisiti richiesti dalla legge o dal bando.

regolarizzazione delle domande e delle offerte che siano prive dei requisiti richiesti dalla legge o dal bando. MASSIMA L art. 46, comma 1-bis, del codice dei contratti pubblici, introdotto dall art. 4, comma 2, lettera d), del decreto legge n. 70/2011, prevede la tassatività delle cause di esclusione dalla procedura

Dettagli

TAR LAZIO, SEZ. II SENTENZA n. 2230/08. (..) Le ricorrenti dichiarano d esser, l una, una primaria impresa tedesca per

TAR LAZIO, SEZ. II SENTENZA n. 2230/08. (..) Le ricorrenti dichiarano d esser, l una, una primaria impresa tedesca per TAR LAZIO, SEZ. II SENTENZA n. 2230/08 Omissis In fatto (..) Le ricorrenti dichiarano d esser, l una, una primaria impresa tedesca per la distribuzione, attraverso reti telematiche, del gioco del lotto

Dettagli

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse

CIRCOLARE N. 34/E. OGGETTO: Riconoscimento delle eccedenze di imposta a credito maturate in annualità per le quali le dichiarazioni risultano omesse CIRCOLARE N. 34/E Direzione Centrale Affari legali e Contenzioso Settore Strategie Difensive Ufficio contenzioso imprese e lavoratori autonomi Direzione centrale Accertamento Settore Grandi contribuenti

Dettagli

Dichiarazione di illegittimità costituzionale della Legge Regionale 24 settembre 2010, n. 12 (limitatamente agli artt. 1, 2 camma 1, e 4).

Dichiarazione di illegittimità costituzionale della Legge Regionale 24 settembre 2010, n. 12 (limitatamente agli artt. 1, 2 camma 1, e 4). RICORSO 6 dicembre 2010, n. 120 Dichiarazione di illegittimità costituzionale della Legge Regionale 24 settembre 2010, n. 12 (limitatamente agli artt. 1, 2 camma 1, e 4). Ricorso n. 120 depositato 6 dicembre

Dettagli

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04. Commissione contro Repubblica italiana

CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04. Commissione contro Repubblica italiana CONCLUSIONI DELL AVVOCATO GENERALE E. SHARPSTON presentate il 29 marzo 2007 1 (1) Causa C-260/04 Commissione contro Repubblica italiana «Inadempimento di uno Stato Libertà di stabilimento e libera prestazione

Dettagli

CORTE COSTITUZIONALE: SENTENZA n. 223/2012

CORTE COSTITUZIONALE: SENTENZA n. 223/2012 CORTE COSTITUZIONALE: SENTENZA n. 223/2012 SERVIZI ANAAO ASSOMED La sentenza 08.10.2012 n. 223 della Corte Costituzionale offre molteplici spunti di riflessione non solo sulle specifiche disposizione oggetto

Dettagli

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 13 settembre 2007 (*)

SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 13 settembre 2007 (*) SENTENZA DELLA CORTE (Quarta Sezione) 13 settembre 2007 (*) «Inadempimento di uno Stato Libertà di stabilimento e libera prestazione di servizi Concessioni di servizio pubblico Rinnovo di 329 concessioni

Dettagli

Comunicazione e Innovazione GIURISPRUDENZA

Comunicazione e Innovazione GIURISPRUDENZA GIURISPRUDENZA Corte Costituzionale, 15.1.2014 n. 7 Giudizio di legittimità costituzionale - artt. 9, coo. 1, 2 e 21, e 12, co. 7 e 10, del d.l. 31.5.2010, n. 78, convertito, con modificazioni, dalla l.

Dettagli

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002

CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 CIRCOLARE n. 8/T del 24 settembre 2002 ART. 15 DEL D.P.R. 29 SETTEMBRE 1973, N. 601. FATTISPECIE NEGOZIALI CONTENENTI CLAUSOLE CHE INFLUISCONO SULLA DURATA DELL OPERAZIONE DI FINANZIAMENTO. PROBLEMATICHE

Dettagli

A cura di Sonia Lazzini

A cura di Sonia Lazzini In un appalto di servizi, qualora la cauzione provvisoria non venga accompagnata dall impegno del fideiussiore, in caso di aggiudicazione, ad emettere la successiva cauzione definitiva, come richiesto

Dettagli

RISOLUZIONE N. 113 /E

RISOLUZIONE N. 113 /E RISOLUZIONE N. 113 /E Direzione Centrale Normativa Roma, 29 novembre 2011 OGGETTO: Interpello - articolo 11, legge 27 luglio 2000, n. 212. Trattamento tributario dell attività di mediazione svolta ai sensi

Dettagli

I s t i t u t o G r a n d i I n f r a s t r u t t u r e. APPALTI e CONCESSIONI. Europa e Regioni FRANCIA

I s t i t u t o G r a n d i I n f r a s t r u t t u r e. APPALTI e CONCESSIONI. Europa e Regioni FRANCIA Anno 2012, Numero 634 FRANCIA C C M P (Commissione Consultativa appalti pubblici) Rapporto annuale 2011 Il Rapporto annuale 2011 evidenzia vari temi rilevanti e in particolare: 1) contratti globali : la

Dettagli

Considerato in diritto

Considerato in diritto Considerato in diritto 1. La Corte di cassazione, terza sezione penale, con ordinanza del 15 ottobre 2013 (r.o. n. 275 del 2013), ha sollevato, in riferimento agli artt. 3 e 27, terzo comma, della Costituzione,

Dettagli

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa

Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione. perché in presenza di un procedimento annullato in sede giudiziale o per l infruttuosa Ancora sul risarcimento del danno da illegittima occupazione Premessa La disciplina del risarcimento del danno arrecato dalla Pubblica Amministrazione, qualora la stessa avesse occupato aree di proprietà

Dettagli

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO

R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO Sezione Seconda ha pronunciato la seguente S E N T E N Z A sul ricorso n.8641/2002 proposto

Dettagli

S E N T E N Z A. sul ricorso n. 1708 del 2006, integrato da motivi aggiunti, proposto

S E N T E N Z A. sul ricorso n. 1708 del 2006, integrato da motivi aggiunti, proposto REPUBBLICA ITALIANA N. 2768 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Reg. Sent. 2007 IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA PUGLIA N. 1708 Sede di Bari - Sezione Prima Reg. Ric. 2006 ha pronunciato la seguente

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA PUGLIA (SEZIONE PRIMA) ha pronunciato la presente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA PUGLIA (SEZIONE PRIMA) ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER LA PUGLIA (SEZIONE PRIMA) ha pronunciato la presente SENTENZA sul ricorso numero di registro generale (Omissis)

Dettagli

Dall' impegno del fideiussore all impegno di un fideiussore per l emissione della garanzia definitiva

Dall' impegno del fideiussore all impegno di un fideiussore per l emissione della garanzia definitiva Dall' impegno del fideiussore all impegno di un fideiussore per l emissione della garanzia definitiva Non può la legge della gara restringere alla sola fideiussione bancaria la modalità di prestazione

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza Bis) SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza Bis) SENTENZA N. 10661/2015 REG.PROV.COLL. N. 01760/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza Bis) ha pronunciato

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 1319 del 2003, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 1319 del 2003, proposto da: Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Emilia Romagna (Sezione Seconda) ha pronunciato la presente SENTENZA sul ricorso numero di registro generale 1319 del 2003, proposto da: I.C.A. Srl, rappresentato

Dettagli

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) ROTONDO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI NAPOLI. Membro designato dalla Banca d'italia. (NA) ROTONDO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI NAPOLI composto dai signori: (NA) MARINARI (NA) CONTE (NA) PARROTTA Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (NA) ROTONDO Membro designato da Associazione

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia. sezione staccata di Catania (Sezione Terza) SENTENZA

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia. sezione staccata di Catania (Sezione Terza) SENTENZA Page 1 of 10 N. 02565/2011 REG.PROV.COLL. N. 00573/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Sicilia sezione staccata di

Dettagli

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI (Provincia di Napoli) Via S. Di Giacomo n. 5 C.A.P. 80017

COMUNE DI MELITO DI NAPOLI (Provincia di Napoli) Via S. Di Giacomo n. 5 C.A.P. 80017 COMUNE DI MELITO DI NAPOLI (Provincia di Napoli) Via S. Di Giacomo n. 5 C.A.P. 80017 IV SETTORE - SERVIZIO ATTIVITA NEGOZIALE (tel.081/2386286 fax 081.2386237) sito internet: www.comune.melito.na.it BANDO

Dettagli

ALL. 2 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

ALL. 2 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA ALL. 2 PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA Direttiva in materia di annullamento d ufficio di provvedimenti illegittimi, ai sensi dell articolo 1, comma 136, della

Dettagli

Sviluppo sostenibile Limite regionale massimo alla produzione di energia rinnovabile.

Sviluppo sostenibile Limite regionale massimo alla produzione di energia rinnovabile. Sviluppo sostenibile Limite regionale massimo alla produzione di energia rinnovabile. Cons. Stato, Sez. V n. 4768 del 10 settembre 2012 E illegittimo il diniego della Giunta regionale della Basilicata

Dettagli

N. Rep... SCHEMA DI CONTRATTO

N. Rep... SCHEMA DI CONTRATTO SCHEMA DI CONTRATTO N. Rep.... LAVORI PER LA NUOVA PAVIMENTAZIONE IN CALCESTRUZZO STAMPATO COME ESISTENTE NEL CORTILE INTERNO DELLA SEDE DI PIAZZA CARDINAL FERRARI DELL AZIENDA OSPEDALIERA ISTITUTO ORTOPEDICO

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DELLA CAMPANIA NAPO- LI PRIMA SEZIONE

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE DELLA CAMPANIA NAPO- LI PRIMA SEZIONE T.A.R. Campania, Napoli, sez. I, 09.07.07, n. 6603 Pres.Guida Appalti e servizi pubblici Appalti pubblici - Principio di necessaria separazione dell'offerta tecnica da quella economica - Gare d'appalto

Dettagli

Risposte a quesiti gara concessioni giochi a distanza Procedura integrativa III Serie Domanda 1: Risposta 1: Domanda 2: Risposta 2: Domanda 3:

Risposte a quesiti gara concessioni giochi a distanza Procedura integrativa III Serie Domanda 1: Risposta 1: Domanda 2: Risposta 2: Domanda 3: Risposte a quesiti gara concessioni giochi a distanza Procedura integrativa III Serie Domanda 1: Risposta 1: Domanda 2: Risposta 2: Domanda 3: Risposta 3: Domanda 4: Risposta 4: Vorrei chiedere, a proposito

Dettagli

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità

L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità L illegittimità costituzionale dell art. 445 bis c.p.c. in materia di invalidità civile, handicap e disabilità Nelle controversie in materia di invalidità, cecità, sordità civili, nonché di handicap, disabilità,

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO. (Sezione Seconda Ter) ha pronunciato la seguente

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO. (Sezione Seconda Ter) ha pronunciato la seguente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO (Sezione Seconda Ter) ha pronunciato la seguente SENTENZA sul ricorso n. 7485/2007 proposto da Ecologica

Dettagli

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione.

OGGETTO: cittadini extracomunitari accesso al lavoro alle dipendenze della pubblica amministrazione. Dipartimento della funzione pubblica Ufficio per il personale delle pubbliche amministrazioni Prot. n. 23/11 Roma, Parere n. 196/04 Al Ministero dell interno Dipartimento per gli affari interni e territoriali

Dettagli

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo

L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo L aggiornamento del canone nelle locazioni di immobili urbani ad uso non abitativo Con la sentenza della Corte di Cassazione Sez. III, del 15 aprile 2011, n. 8733, la Corte di Cassazione si è pronunciata

Dettagli

La realizzazione dei lavori

La realizzazione dei lavori 131 Nel caso di lavori da aggiudicare con il criterio del prezzo più basso, di importo pari o inferiore alla soglia comunitaria, se il bando prevede l esclusione automatica delle offerte anomale e il numero

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO. SEZIONE SECONDA ter S E N T E N Z A

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO. SEZIONE SECONDA ter S E N T E N Z A Fonte: www.giustizia-amministrativa.it REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO SEZIONE SECONDA ter Composto dai magistrati Roberto SCOGNAMIGLIO

Dettagli

Risposte a quesiti gara II Serie. Domanda 1: Risposta 1: Domanda 2: Risposta 2: Domanda 3: Risposta 3:

Risposte a quesiti gara II Serie. Domanda 1: Risposta 1: Domanda 2: Risposta 2: Domanda 3: Risposta 3: Procedura di selezione per l'affidamento in concessione della gestione del gioco del Bingo (art. 1, commi da 636 a 638, della L. 27 dicembre 2013 n. 147, pubblicata nella G.U. n. 302 del 27 dicembre 2013

Dettagli

3) estinzione del processo relativamente alle questioni di legittimità costituzionale degli artt. 39 e 41 della l.r. 52/2012;

3) estinzione del processo relativamente alle questioni di legittimità costituzionale degli artt. 39 e 41 della l.r. 52/2012; Sentenza: n. 165 dell 11 giugno 2014 Materia: Commercio; Tutela della concorrenza. Parametri invocati:. artt. 41 e 117, secondo comma,.lettere e) ed m) della Costituzione. Giudizio: legittimità costituzionale

Dettagli

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni.

Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. Oggetto: Rinnovo dei contratti per la fornitura di beni e servizi stipulati dalle pubbliche amministrazioni. QUADRO NORMATIVO ( Stralcio in Allegato n.1): L art. 23 della L.62/2005 (Comunitaria 2004) ha

Dettagli

TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO RICORSO. Per. A.D.U.C., Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori, in

TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO RICORSO. Per. A.D.U.C., Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori, in TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE PER IL LAZIO RICORSO Per A.D.U.C., Associazione per i Diritti degli Utenti e Consumatori, in persona del Presidente Nazionale, Sig. Vincenzo Donvito, con sede in Firenze,

Dettagli

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA DEL 22 GIUGNO 2011, N. 13642

CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA DEL 22 GIUGNO 2011, N. 13642 CORTE DI CASSAZIONE SENTENZA DEL 22 GIUGNO 2011, N. 13642 Svolgimento del Processo La controversia concerne l impugnazione da parte del contribuente del silenzio rifiuto opposto dall amministrazione ad

Dettagli

Consiglio di Stato n. 5169 del 20/10/2014

Consiglio di Stato n. 5169 del 20/10/2014 MASSIMA Inoltre (ed è considerazione decisiva), la contestazione delle specifiche clausole della gara avrebbe postulato la presentazione della domanda di partecipazione da parte della ricorrente, poiché

Dettagli

Anno IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE N. Reg.Ric. PER IL LAZIO - SEZIONE II ter. Anno composto dai signori

Anno IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE N. Reg.Ric. PER IL LAZIO - SEZIONE II ter. Anno composto dai signori REPUBBLICA ITALIANA N. Reg.Sent. IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Anno IL TRIBUNALE AMMINISTRATIVO REGIONALE N. Reg.Ric. PER IL LAZIO - SEZIONE II ter Anno composto dai signori Michele Perrelli PRESIDENTE Germana

Dettagli

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo

Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004. Svolgimento del processo Cassazione Sezioni unite civili sentenza, n. 8433 del 12 febbraio-4 maggio 2004 Svolgimento del processo Su domanda proposta da M. P., titolare di pensione di invalidità dal 1977, il Tribunale di Alessandria

Dettagli

CONSIDERATO IN DIRITTO

CONSIDERATO IN DIRITTO TRIBUNALE CIVILE DI ROMA SEZIONE LAVORO Ricorso ex art. 414 c.p.c. PER: RICORRENTI CONTRO: il MINISTERO DEGLI AFFARI ESTERI, in persona del Ministro pro-tempore, con sede in Roma, Piazzale della Farnesina,

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n. 4/2007 del 29 marzo 2007 Indicazioni sull affidamento dei servizi di ingegneria ed architettura a seguito

Dettagli

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA Scuola Forense Vittorio Emanuele Orlando

ORDINE DEGLI AVVOCATI DI ROMA Scuola Forense Vittorio Emanuele Orlando Il ricorso per annullamento di atti, quale tipico ricorso giurisdizionale amministrativo, consta di quattro parti essenziali, oltre accessori ed eventuali: intestazione dell atto, premessa di fatto, motivi

Dettagli

SENTENZE DELLA CORTE COSTITUZIONALE REGIONI ORDINARIE

SENTENZE DELLA CORTE COSTITUZIONALE REGIONI ORDINARIE SENTENZE DELLA CORTE COSTITUZIONALE REGIONI ORDINARIE Sentenza N. 299 del 19 dicembre 2012 Materia: Concorrenza, livello essenziale delle prestazioni e commercio Giudizio: Legittimità costituzionale in

Dettagli

Le norme sullo Spalma incentivi tra incostituzionalità e violazione del diritto sovranazionale

Le norme sullo Spalma incentivi tra incostituzionalità e violazione del diritto sovranazionale Le norme sullo Spalma incentivi tra incostituzionalità e violazione del diritto sovranazionale di FRANCESCO SAVERIO MARINI ANDREA STICCHI DAMIANI Tra le pieghe del d.l. n. 91/2014 (c.d. decreto competitività

Dettagli

Consiglio di stato n. 3646/2012 del 21/06/2012

Consiglio di stato n. 3646/2012 del 21/06/2012 MASSIMA La questione di diritto sottoposta al Collegio attiene al se l incameramento della cauzione provvisoria, nei confronti dell aggiudicatario, possa essere o meno disposta nel caso di difetto dei

Dettagli

Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International. di abbonamento tiene luogo della licenza.

Studio Associato Servizi Professionali Integrati Member Crowe Horwath International. di abbonamento tiene luogo della licenza. Tassa sulle concessioni governative e abbonamenti di telefoni cellulari: tutto ancora da decidere dell Avv. Giuseppe Rigano e Avv. Paolo Lisi pubblicato sulla rivista il fisco n. 26 dell 1 luglio 2013,

Dettagli

OGGETTO: attribuzione punteggio, valutazione servizio militare

OGGETTO: attribuzione punteggio, valutazione servizio militare TRIBUNALE DI SALUZZO REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale di Saluzzo nella persona della dott.ssa Natalia Giubilei, quale Giudice del Lavoro, all udienza del 12.09.2012, richiamato

Dettagli

EURO P.A. SALONE DELLE AUTONOMIE LOCALI AREA SERVIZI ALLA PERSONA

EURO P.A. SALONE DELLE AUTONOMIE LOCALI AREA SERVIZI ALLA PERSONA EURO P.A. SALONE DELLE AUTONOMIE LOCALI AREA SERVIZI ALLA PERSONA L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI ALLA PERSONA A cura di Paolo Michiara 1 -SERVIZI DI INTERESSE GENERALE ECONOMICI E SERVIZI NON ECONOMICI NELLA

Dettagli

contro nei confronti di per l'annullamento

contro nei confronti di per l'annullamento N. 00859/2011 REG.PROV.COLL. N. 00535/2010 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Puglia (Sezione Prima) ha pronunciato la

Dettagli

N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO

N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO N. 07514/2014 REG.PROV.COLL. N. 12076/2013 REG.RIC. ha pronunciato la presente REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza) SENTENZA

Dettagli

FNOMCeO. Svolgimento delle Funzioni di Medico Competente

FNOMCeO. Svolgimento delle Funzioni di Medico Competente FNOMCeO Svolgimento delle Funzioni di Medico Competente Tar Lazio Svolgimento delle funzioni di medico competente Il Collegio ha affermato che è manifestamente infondata la questione di legittimità costituzionale

Dettagli

Tribunale Milano 10 aprile 2007, n. 1235 - Giudice del lavoro Riccardo Atanasio - Ric. B. P. - Res. Poste italiane Spa; Adecco Italia Spa

Tribunale Milano 10 aprile 2007, n. 1235 - Giudice del lavoro Riccardo Atanasio - Ric. B. P. - Res. Poste italiane Spa; Adecco Italia Spa Tribunale Milano 10 aprile 2007, n. 1235 - Giudice del lavoro Riccardo Atanasio - Ric. B. P. - Res. Poste italiane Spa; Adecco Italia Spa Svolgimento del processo Con ricorso depositato in data 19 giugno

Dettagli

AVVISO D ASTA IL DIRIGENTE. In esecuzione della deliberazione di Giunta Esecutiva n.59 del 13/11/2008. RENDE NOTO

AVVISO D ASTA IL DIRIGENTE. In esecuzione della deliberazione di Giunta Esecutiva n.59 del 13/11/2008. RENDE NOTO AVVISO D ASTA PUBBLICO INCANTO PER L ASSEGNAZIONE IN LOCAZIONE DI UN IMMOBILE TURISTICO DESTINATO A STRUTTURA RICETTIVA-PRODUTTIVA DENOMINATO PALAZZO MAZARA. II Esperimento IL DIRIGENTE In esecuzione della

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter SENTENZA

REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter SENTENZA REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale amministrativo regionale per il Lazio, Roma, sez. I ter composto dai signori magistrati: Luigi Tosti Italo Volpe Maria Ada Russo Presidente

Dettagli

AUTOTUTELA TRIBUTARIA E DECADENZA DEI TERMINI DI ACCERTAMENTO

AUTOTUTELA TRIBUTARIA E DECADENZA DEI TERMINI DI ACCERTAMENTO AUTOTUTELA TRIBUTARIA E DECADENZA DEI TERMINI DI ACCERTAMENTO a cura Cosimo Turrisi L autotutela tributaria è un procedimento amministrativo di secondo grado che consente, in ossequio ai principi di cui

Dettagli

Allegato A ACCORDO DI FINANZIAMENTO SUBORDINATO Tra la REGIONE TOSCANA, con sede in Firenze, via Cavour n. 18, codice fiscale.., rappresentata dal

Allegato A ACCORDO DI FINANZIAMENTO SUBORDINATO Tra la REGIONE TOSCANA, con sede in Firenze, via Cavour n. 18, codice fiscale.., rappresentata dal Allegato A ACCORDO DI FINANZIAMENTO SUBORDINATO Tra la REGIONE TOSCANA, con sede in Firenze, via Cavour n. 18, codice fiscale.., rappresentata dal nato a e domiciliato per la carica presso la sede dell

Dettagli

Capitolo 7 Risarcimento del danno da provvedimento illegittimo favorevole

Capitolo 7 Risarcimento del danno da provvedimento illegittimo favorevole Capitolo 7 Risarcimento del danno da provvedimento illegittimo favorevole La pronuncia del Consiglio di Stato affronta il tema della richiesta di risarcimento del danno da provvedimento illegittimo favorevole,

Dettagli

Corte di Giustizia UE, sez. II, sentenza 16 luglio 2015, C-255/14

Corte di Giustizia UE, sez. II, sentenza 16 luglio 2015, C-255/14 Corte di Giustizia UE, sez. II, sentenza 16 luglio 2015, C-255/14 Sentenza 1 La domanda di pronuncia pregiudiziale verte sull interpretazione degli articoli 65 TFUE e 9 del regolamento (CE) n. 1889/2005

Dettagli

Autorità Nazionale Anticorruzione

Autorità Nazionale Anticorruzione PARERE N. 144 DEL 02 settembre 2015 PREC 120/15/S Autorità Nazionale Anticorruzione OGGETTO: Istanza di parere per la soluzione delle controversie ex art. 6, comma 7, lettera n) del d.lgs. 163/2006 presentata

Dettagli

dovranno di volta in volta essere valutate alla luce delle specifiche risultanze istruttorie delle singole fattispecie concrete esaminate.

dovranno di volta in volta essere valutate alla luce delle specifiche risultanze istruttorie delle singole fattispecie concrete esaminate. Linee guida della direzione tutela dei consumatori esplicative per l attività di vigilanza da effettuare ai sensi dell art. 1, comma 4, della legge n. 40/2007, con particolare riferimento alle previsioni

Dettagli

Consiglio di Stato, sezione VI, n. 2508 del 02/05/2012

Consiglio di Stato, sezione VI, n. 2508 del 02/05/2012 Consiglio di Stato, sezione VI, n. 2508 del 02/05/2012 Siamo di fronte ad un esempio di vera e propria giurisprudenza creativa che di fatto introduce nell ordinamento un principio nuovo, per di più in

Dettagli

Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani

Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani Lavoro autonomo in cooperativa Dario Vedani La forma a progetto della collaborazione coordinata e continuativa è compatibile con la figura di socio lavoratore? È possibile per un socio eletto alla carica

Dettagli

Problematiche in ordine all uso della cauzione provvisoria e definitiva (artt. 75 e 113 del Codice dei Contratti pubblici)

Problematiche in ordine all uso della cauzione provvisoria e definitiva (artt. 75 e 113 del Codice dei Contratti pubblici) OSSERVAZIONI ALLA CONSULTAZIONE Problematiche in ordine all uso della cauzione provvisoria e definitiva (artt. 75 e 113 del Codice dei Contratti pubblici) 5 maggio 2014 OSSERVATORIO DI DIRITTO COMUNITARIO

Dettagli

*Pubblicato su Foro amm. CDS 2003, f. 6, 2099

*Pubblicato su Foro amm. CDS 2003, f. 6, 2099 *Pubblicato su Foro amm. CDS 2003, f. 6, 2099 La giurisdizione in tema di responsabilità aquiliana della P. A. per lesione di interessi legittimi e la c. d. pregiudiziale amministrativa. Considerazioni

Dettagli

************* **************** PREMESSO IN FATTO

************* **************** PREMESSO IN FATTO ON.LE COMMISSIONE TRIBUTARIA PROVINCIALE DI ENNA OGGETTO: Costituzione del Comune di Piazza Armerina nel ricorso R.G.R. n.. promosso dal sig.. nato a Piazza Armerina il.. c.f. ed ivi residente in P.zza

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI AZIENDA U.L.S.S. 20 VERONA SOMMARIO

CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI AZIENDA U.L.S.S. 20 VERONA SOMMARIO CONDIZIONI GENERALI DI CONTRATTO PER LE FORNITURE DI BENI E SERVIZI AZIENDA U.L.S.S. 20 VERONA SOMMARIO Art. 1 - OGGETTO Art. 2 - COMUNICAZIONI Art. 3 - DECORRENZA E DURATA DELLA FORNITURA Art. 4 - DEPOSITI

Dettagli

SPETT.LE COMITATO AMMINISTRATORE DEL FONDO PER LA GESTIONE SPECIALE DI CUI ALL ART. 2, CO. 26, LEGGE 8.08.1995 N. 335

SPETT.LE COMITATO AMMINISTRATORE DEL FONDO PER LA GESTIONE SPECIALE DI CUI ALL ART. 2, CO. 26, LEGGE 8.08.1995 N. 335 SPETT.LE COMITATO AMMINISTRATORE DEL FONDO PER LA GESTIONE SPECIALE DI CUI ALL ART. 2, CO. 26, LEGGE 8.08.1995 N. 335 (TRAMITE INPS SEDE DI ROMA, PIAZZA AUGUSTO IMPERATORE N. 32) Per il sottoscritto Avv.

Dettagli

EFFETTI PER I CREDITORI 105

EFFETTI PER I CREDITORI 105 EFFETTI PER I CREDITORI 105 Non vanno, ovviamente, riconosciuti al creditore chirografario interessi postfallimentari e si ritiene che non vadano riconosciuti, fino alla data di fallimento, gli interessi

Dettagli

contro nei confronti di

contro nei confronti di . N. 00174/2012REG.PROV.COLL. N. 05054/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Sesta) ha pronunciato la presente

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente 1 di 7 23/01/2013 8.55 N. 00313/2013 REG.PROV.COLL. N. 03437/2012 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Prima) ha pronunciato

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. MISURA E MODALITÀ DI VERSAMENTO DEL CONTRIBUTO DOVUTO ALL AUTORITÀ PER LE GARANZIE NELLE COMUNICAZIONI PER L ANNO 2015 L AUTORITÀ NELLA sua riunione di Consiglio del 6 novembre 2014; VISTA

Dettagli

LeggeMania ~ Quos ego

LeggeMania ~ Quos ego LeggeMania ~ Quos ego L AZIONE RISARCITORIA NEL PROCESSO AMMINISTRATIVO Il codice del processo amministrativo ha inciso in modo consistente sull azione di condanna al risarcimento del danno. Prima dell

Dettagli

Decisione N. 2481 del 22 aprile 2014

Decisione N. 2481 del 22 aprile 2014 COLLEGIO DI ROMA composto dai signori: (RM) MARZIALE (RM) ROSSI (RM) SIRENA Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (RM) CORAPI Membro designato da Associazione

Dettagli

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 43 Ammissione al Registro Revisori ex l. n. 132/1997 (Corte Cost. 20.1.2004, n. 35)

DOCUMENTI ARISTEIA. documento n. 43 Ammissione al Registro Revisori ex l. n. 132/1997 (Corte Cost. 20.1.2004, n. 35) DOCUMENTI ARISTEIA documento n. 43 Ammissione al Registro Revisori ex l. n. 132/1997 (Corte Cost. 20.1.2004, n. 35) febbraio 2004 AMMISSIONE AL REGISTRO REVISORI EX L. N. 132/1997 (CORTE COST. 20.1.2004

Dettagli

Come sta cambiando il diritto del lavoro: leggi e giurisprudenza. Bergamo, 11 giugno 2015

Come sta cambiando il diritto del lavoro: leggi e giurisprudenza. Bergamo, 11 giugno 2015 Come sta cambiando il diritto del lavoro: leggi e giurisprudenza Bergamo, 11 giugno 2015 Il rapporto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti. Confronto tra Riforma Fornero e Jobs Act IL JOBS

Dettagli

[Digitare qui] [Digitare qui] [Digitare qui] 642. In attesa del riordino della materia dei giochi pubblici in attuazione dell articolo 14 della legge

[Digitare qui] [Digitare qui] [Digitare qui] 642. In attesa del riordino della materia dei giochi pubblici in attuazione dell articolo 14 della legge 642. In attesa del riordino della materia dei giochi pubblici in attuazione dell articolo 14 della legge 11 marzo 2014, n. 23, per assicurare la tutela dell ordine pubblico e della sicurezza, nonche delle

Dettagli

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte

RISOLUZIONE N. 56/E. OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte RISOLUZIONE N. 56/E Roma, 30 maggio 2014 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Trattamento IVA delle attività di riscossione e pagamento di imposte Pervengono alla scrivente quesiti circa il trattamento

Dettagli

COMUNE DI GRAVINA DI CATANIA PROVINCIA DI CATANIA

COMUNE DI GRAVINA DI CATANIA PROVINCIA DI CATANIA CAPITOLATO SPECIALE SERVIZIO DI BROKERAGGIO ASSICURATIVO ART. 1 - OGGETTO DELL INCARICO L incarico ha per oggetto lo svolgimento del servizio di brokeraggio assicurativo di cui al D. Lgs n.209/2005. Le

Dettagli

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato DECISIONE

IN NOME DEL POPOLO ITALIANO. Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato DECISIONE R E P U B B L I C A I T A L I A N A N.294/2008 Reg. Dec. N. 6113 Reg. Ric. Anno 2005 IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la seguente

Dettagli

Deliberazione n. 22/2009/P

Deliberazione n. 22/2009/P Deliberazione n. 22/2009/P Repubblica Italiana la Corte dei Conti in Sezione centrale di controllo di legittimità su atti del Governo e delle Amministrazioni dello Stato nell adunanza generale del 10 novembre

Dettagli

SENTENZA N. 201 ANNO 2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Sabino CASSESE Presidente -

SENTENZA N. 201 ANNO 2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Sabino CASSESE Presidente - SENTENZA N. 201 ANNO 2014 REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO LA CORTE COSTITUZIONALE composta dai signori: - Sabino CASSESE Presidente - Giuseppe TESAURO Giudice - Paolo Maria NAPOLITANO -

Dettagli

TAR Campania, Napoli, Sez. I, 26/1/2011 n. 471

TAR Campania, Napoli, Sez. I, 26/1/2011 n. 471 E illegittimo il provvedimento di esclusione adottato nei confronti del concorrente sprovvisto dei requisiti di partecipazioni risultati sproporzionati in relazione al servizio da espletare. La società

Dettagli

O S S E R V A T O R I O D I D I R I T T O S A N I T A R I O N o v e m b r e 2 0 1 5. Affidamento diretto del servizio di trasporto malati.

O S S E R V A T O R I O D I D I R I T T O S A N I T A R I O N o v e m b r e 2 0 1 5. Affidamento diretto del servizio di trasporto malati. O S S E R V A T O R I O D I D I R I T T O S A N I T A R I O N o v e m b r e 2 0 1 5 Affidamento diretto del servizio di trasporto malati. Affidamento diretto del servizio di trasporto malati Cons. St.,

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 01083/2012 REG.PROV.COLL. N. 00113/2011 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Terza) ha pronunciato

Dettagli

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza Ter)

Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio. (Sezione Terza Ter) R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per il Lazio (Sezione Terza Ter) ha pronunciato la presente SENTENZA sul ricorso n. 9370/09, proposto

Dettagli

DISPOSIZIONI PER GLI ISTITUTI DI PAGAMENTO E GLI ISTITUTI DI MONETA ELETTRONICA RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE

DISPOSIZIONI PER GLI ISTITUTI DI PAGAMENTO E GLI ISTITUTI DI MONETA ELETTRONICA RESOCONTO DELLA CONSULTAZIONE Nella presente tavola, si dà conto esclusivamente dei commenti aventi ad oggetto le disposizioni secondarie di competenza della Banca d Italia ( Disposizioni di vigilanza per gli istituti di pagamento

Dettagli

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale

Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale Ipoteche e fermi amministrativi dei concessionari di riscossione: giurisdizione e competenza nela tutela giurisdizionale di Francesco Mingiardi e Luigi Patricelli Sommario: 1. La Giurisdizione - 2. La

Dettagli

Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta

Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta Parere sul disegno di legge recante: Nuova disciplina in tema di notifica di atti giudiziari a mezzo posta Il Consiglio Superiore della Magistratura, nella sedute del 10 febbraio 1999, ha deliberato di

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 01648/2014 REG.PROV.COLL. N. 02724/2012 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Tribunale Amministrativo Regionale per la Lombardia (Sezione Terza) ha pronunciato

Dettagli

R E L A Z I O N E. Dunque lo schema di decreto legislativo:

R E L A Z I O N E. Dunque lo schema di decreto legislativo: DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISCIPLINA SANZIONATORIA PER LE VIOLAZIONI DELLE DISPOSIZIONI DEL REGOLAMENTO (CE) N. 1371/2007, RELATIVO AI DIRITTI E AGLI OBBLIGHI DEI PASSEGGERI NEL TRASPORTO FERROVIARIO.

Dettagli

Approvata con la fiducia al Senato l imposta aggiuntiva di 500 milioni per il gioco automatico (testo)

Approvata con la fiducia al Senato l imposta aggiuntiva di 500 milioni per il gioco automatico (testo) Approvata con la fiducia al Senato l imposta aggiuntiva di 500 milioni per il gioco automatico (testo) In: Politica, Primopiano 19 dicembre 2014-17:39 (Jamma) Con 162 voti favorevoli, 37 contrari e nessun

Dettagli

COMUNE DI MELZO Provincia di Milano BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA

COMUNE DI MELZO Provincia di Milano BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA COMUNE DI MELZO Provincia di Milano BANDO DI GARA PER PROCEDURA APERTA GESTIONE DEL SERVIZIO DI RISCOSSIONE COATTIVA DELLE ENTRATE TRIBUTARIE, EXTRATRIBUTARIE, PATRIMONIALI E ASSIMILATE NON RISCOSSE DIRETTAMENTE

Dettagli

AUDIZIONE PRESSO LA VI COMMISSIONE FINANZE CAMERA DEI DEPUTATI. Memoria sulle problematiche del settore gioco bingo

AUDIZIONE PRESSO LA VI COMMISSIONE FINANZE CAMERA DEI DEPUTATI. Memoria sulle problematiche del settore gioco bingo AUDIZIONE PRESSO LA VI COMMISSIONE FINANZE CAMERA DEI DEPUTATI Memoria sulle problematiche del settore gioco bingo 1. PREMESSE Nel giugno 2001 tutti gli imprenditori che hanno partecipato alla procedura

Dettagli