COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA"

Transcript

1 Provincia di Cagliari PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

2 INDICE 1. Introduzione Dati Obblighi di pubblicazione Procedimento di elaborazione e adozione del Programma Sistema di monitoraggio interno sull attuazione del Programma Le Fasi del Programma Lo stato attuale Le fasi successive Aggiornamento dei dati Il Piano delle Performance Giornate della trasparenza La pubblicazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità e dello stato di attuazione...20 Tabella delle pubblicazioni: Programma triennale per la trasparenza e l integrità e relativi aggiornamenti..21 2

3 1. Introduzione La trasparenza rappresenta uno strumento essenziale per assicurare i valori costituzionali dell'imparzialità e del buon andamento delle pubbliche amministrazioni, così come sanciti dall'art. 97 della Costituzione, per favorire il controllo sociale sull'azione amministrativa e per promuovere la diffusione della cultura della legalità e dell'integrità nel settore pubblico. Il decreto legislativo 150/2009, all'articolo 11, disciplina in modo pieno e compiuto la nozione di trasparenza e gli obblighi gravanti su ciascuna amministrazione per garantirne l'effettivo perseguimento. Gli enti locali, ai sensi dei commi 1 e 3 del citato art. 11, debbono adottare ogni strumento per garantire l'accessibilità totale, anche attraverso la pubblicazione sui siti istituzionali delle informazioni concernenti ogni aspetto dell'organizzazione, degli indicatori relativi agli andamenti gestionali e all'utilizzo delle risorse per il perseguimento delle funzioni istituzionali, dei risultati dell'attività di misurazione e valutazione svolta dagli organi competenti, allo scopo di favorire forme diffuse di controllo del rispetto dei principi di buon andamento e imparzialità. Gli enti sono inoltre tenuti a garantire la massima trasparenza in ogni fase del ciclo di gestione della performance. L Anci, tenuto conto del differente quadro normativo entro il quale si muovono le amministrazioni locali, ha elaborato d intesa con la Civit delle specifiche linee guida agli enti locali in materia di trasparenza ed integrità per fornire alle amministrazioni locali delle indicazioni operative relative all attuazione degli obblighi concernenti la Trasparenza. Dalle indicazioni contenute nelle linee guida emerge che l adozione del piano per la trasparenza e l integrità e la definizione della Sezione "Trasparenza, valutazione e merito da parte degli enti locali sia necessario, seppur non strettamente indispensabile o obbligatorio; costituendo gli strumenti più idonei per dare piena e completa attuazione al principio della trasparenza ed un ausilio per comunicare ai cittadini e agli stakeholders gli impegni assunti per innalzare il proprio livello di trasparenza. 2. Dati 2.1. Obblighi di pubblicazione Il principale strumento attuativo della Trasparenza è costituito dalla pubblicazione sul sito istituzionali di alcune tipologie di dati. Il Comune, in linea con la previsione dell articolo 11, comma 3

4 8, del decreto, ha istituito all interno del proprio sito istituzionale, una sezione denominata Trasparenza, valutazione e merito, accessibile direttamente dalla homepage. La pubblicazione è rispettosa dei limiti legislativi previsti per la protezione di alcuni dati personali, in un giusto equilibrio che, senza compromettere i limiti e le garanzie previste in tema di protezione dei dati personali, di riservatezza, di sicurezza nazionale e di ogni altro obbligo di legge, garantisca comunque l attuazione del principio della trasparenza. Da una ricognizione delle fonti normative che impongono obblighi di pubblicazione a carico degli enti locali emerge il seguente risultato: a D.Lgs 150/2009 (art. 11) Programma triennale per la trasparenza e relativo stato di attuazione; Piano e relazione sulla performance; Ammontare dei premi collegati alla performance stanziati ed effettivamente distribuiti; Grado di differenziazione nell utilizzo della premialità; Nominativo e curriculum dei componenti dell OIV; Curricula dei titolari di posizione organizzativa; Curricula e retribuzione di coloro che rivestono incarichi di indirizzo politico-amministrativo; Incarichi retribuiti e non retribuiti conferiti a dipendenti pubblici e soggetti privati; Informazioni sulla qualità dei servizi erogati. b D.Lgs 82/2005 (art. 54 e art. 57 ) l'organigramma, l'articolazione degli uffici, le attribuzioni e l'organizzazione di ciascun ufficio anche di livello dirigenziale non generale, i nomi dei funzionari responsabili dei singoli uffici, nonché il settore dell'ordinamento giuridico riferibile all'attività da essi svolta, corredati dai documenti anche normativi di riferimento; l'elenco delle tipologie di procedimento svolte da ciascun ufficio di livello dirigenziale non generale, il termine per la conclusione di ciascun procedimento ed ogni altro termine procedimentale, il nome del responsabile e l'unità organizzativa responsabile dell'istruttoria e di ogni altro adempimento procedimentale, nonché dell'adozione del provvedimento finale; le scadenze e le modalità di adempimento dei procedimenti individuati ai sensi degli articoli 2 e 4 della legge 7 agosto 1990, n. 241; l'elenco completo delle caselle di posta elettronica istituzionali attive, specificando se trattasi di caselle di posta elettronica certificata; le pubblicazioni di cui all'articolo 26 della legge 7 agosto 1990, n. 241 (direttive, programmi, istruzioni, circolari e ogni atto che dispone in generale sul organizzazione, le funzioni, gli obiettivi, sui procedimenti di una pubblica amministrazione, ovvero nel quale si determina l interpretazione di norma giuridiche o si dettano disposizioni per l applicazione di esse), nonché i messaggi di informazione e di comunicazione previsti dalla legge 7 giugno 2000, n. 150 ( Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche amministrazioni ); l'elenco di tutti i bandi di gara; l'elenco dei servizi forniti in rete già disponibili e dei servizi di futura attivazione, indicando i tempi previsti per l'attivazione medesima. i bandi di concorso; l indirizzo istituzionale di posta elettronica certificata a cui il cittadino possa rivolgersi per qualsiasi richiesta ai 4

5 sensi del codice per l amministrazione digitale (CAD) l elenco della documentazione richiesta per i singoli procedimenti, i moduli e i formulari validi ad ogni effetto di legge. c L. 69/2009 (art. 21; art. 23; art. 32 e DPCM 26 aprile 2011; art. 34) Le retribuzioni annuali, i curricula vitae, gli indirizzi di posta elettronica e i numeri telefonici ad uso professionale dei dirigenti e dei segretari comunali, i tassi di assenza e di maggiore presenza del personale distinti per uffici di livello dirigenziale. Elenco delle buone prassi sui tempi di adozione dei provvedimenti e per l erogazione dei servizi al pubblico; Un indicatore dei propri tempi medi di pagamento relativi agli acquisti di beni, servizi e forniture, denominato «indicatore di tempestività dei pagamenti»; i tempi medi di definizione dei procedimenti e di erogazione dei servizi con riferimento all'esercizio finanziario precedente. Gli obblighi di pubblicazione di atti e provvedimenti amministrativi aventi effetto di pubblicità legale si intendono assolti con la pubblicazione nei siti informatici da parte delle amministrazioni e degli enti pubblici obbligati (albo pretorio on line). Gli elaborati tecnici allegati alle delibere di adozione o approvazione degli strumenti urbanistici, nonché delle loro varianti, sono pubblicati nei siti informatici delle amministrazioni comunali, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica. Le amministrazioni e gli enti pubblici tenuti a pubblicare sulla stampa quotidiana atti e provvedimenti concernenti procedure ad evidenza pubblica o i propri bilanci, oltre all'adempimento di tale obbligo con le stesse modalità previste dalla legislazione vigente alla data di entrata in vigore della presente legge, ivi compreso il richiamo all'indirizzo elettronico, provvedono altresì alla pubblicazione nei siti informatici, secondo modalità stabilite con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri. Le amministrazioni pubbliche che già dispongono di propri siti sono tenute a pubblicare nella pagina iniziale del loro sito un indirizzo di posta elettronica certificata a cui il cittadino possa rivolgersi per qualsiasi richiesta, il registro dei processi automatizzati rivolti al pubblico che devono essere dotati di appositi strumenti per la verifica a distanza da parte del cittadino dell'avanzamento delle pratiche. d D.lgs 165/2001 (art. 40 bis, art. 55 comma 2; art. 53) I contratti integrativi stipulati, la relazione tecnico-finanziaria e illustrativa, certificata dagli organi di controllo; Informazioni sui costi della contrattazione integrativa trasmesse al MEF ai fini dell inoltro alla corte dei Conti; Codice disciplinare dell amministrazione; Le amministrazioni rendono noti, mediante inserimento nelle proprie banche dati accessibili al pubblico per via telematica, gli elenchi dei propri consulenti indicando l'oggetto, la durata e il compenso dell'incarico; e D.P.R. 118/2000 (art. 1-2) Albo dei soggetti, ivi comprese le persone fisiche, cui sono stati erogati in ogni esercizio finanziario contributi, sovvenzioni, crediti, sussidi e benefici di natura economica; f D.Lgs n. 267/2000 (art. 124) 5

6 Pubblicazione delle deliberazioni g Legge 244/2007 art. 2 commi 461 e 598 Previsione dell'obbligo per il soggetto gestore di emanare una "Carta della qualità dei servizi", da redigere e pubblicizzare in conformità ad intese con le associazioni di tutela dei consumatori e con le associazioni imprenditoriali interessate, recante gli standard di qualità e di quantità relativi alle prestazioni erogate così come determinati nel contratto di servizio, nonché le modalità di accesso alle informazioni garantite Al fine del contenimento delle spese di funzionamento delle proprie strutture le P.A. adottano piani triennali di razionalizzazione delle spese da pubblicare sul sito internet. h L. 662/1996 (art. 1 comma 127) Le pubbliche amministrazioni che si avvalgono di collaboratori esterni o che affidano incarichi di consulenza per i quali è previsto un compenso sono tenute a pubblicare sul proprio sito web i relativi provvedimenti completi di indicazione dei soggetti percettori, della ragione dell'incarico e dell'ammontare erogato. i D.L. n. 78/2009 (art. 9 c.1) Elenco delle misure organizzative per garantire il tempestivo pagamento delle somme dovute per somministrazioni, forniture ed appalti. l D.L. 138/2011 (art 16) Riduzione dei costi relativi alla rappresentanza politica nei comuni e razionalizzazione dell'esercizio delle funzioni comunali: obbligo di pubblicazione sul sito internet degli enti locali del prospetto contenente le spese di rappresentanza sostenute dagli organi di governo degli enti locali. m D.L. 98/2011 Tutti gli enti e gli organismi pubblici inseriscono sul proprio sito istituzionale, curandone altresì il periodico aggiornamento, l'elenco delle società di cui detengono, direttamente o indirettamente, quote di partecipazione anche minoritaria indicandone l'entità, nonchè una rappresentazione grafica che evidenzia i collegamenti tra l'ente o l'organismo e le società ovvero tra le società controllate e indicano se, nell'ultimo triennio dalla pubblicazione, le singole società hanno raggiunto il pareggio di bilancio; n D.L. 83/2012 (art. 18) 6

7 La concessione delle sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari alle imprese e l'attribuzione dei corrispettivi e dei compensi a persone, professionisti, imprese ed enti privati e comunque di vantaggi economici di qualunque genere di cui all'articolo 12 della legge 7 agosto 1990, n. 241 ad enti pubblici e privati, sono soggetti alla pubblicità sulla rete internet, ai sensi del presente articolo e secondo il principio di accessibilità totale di cui all'articolo 11 del decreto legislativo 27 ottobre 2009, n Nel sito internet dell'ente obbligato devono essere indicati: a) il nome dell'impresa o altro soggetto beneficiario ed i suoi dati fiscali; b) l'importo; c) la norma o il titolo a base dell'attribuzione; d) l'ufficio e il funzionario o dirigente responsabile del relativo procedimento amministrativo; e) la modalità' seguita per l'individuazione del beneficiario; f) il link al progetto selezionato, al curriculum del soggetto incaricato, nonché' al contratto e capitolato della prestazione, fornitura o servizio. o D.L. 70/2011 (art. 6) L elenco degli atti e documenti necessari per ottenere provvedimenti amministrativi per ciascun procedimento amministrativo ad istanza di parte rientrante nelle competenze di tutte le PA; l elenco degli atti e documenti cui l istante ha l onere di produrre a corredo dell istanza. p D.L. 5/2012 art 47 quinquies e art 14 Elenco dei provvedimenti adottati per l utilizzo dei propri servizi, anche a mezzo di intermediari abilitati per la presentazione da parte degli interessati di denunce, istanze e atti di garanzie fideiussorie, per l esecuzione di versamenti fiscali, contributivi, previdenziali, assistenziali e assicurativi, nonché per la richiesta di attestazioni e certificazioni. Lista dei controlli a cui sono assoggettate le imprese in ragione della dimensione e del settore di attività. q D.P.R. 207/2010 artt. 173 e 331 Avvisi di post informazione delle procedure in economia r Legge 190/2012 art. 1, comma 32 Nelle procedure di scelta del contraente per l affidamento di servizi e forniture è necessario pubblicare: struttura proponente, oggetto del bando, elenco operatori invitati, aggiudicatario, importo di aggiudicazione, tempi di completamento dell opera, servizio fornitura, somme liquidate. s D.lgs 267/2000 art. 41 bis. Pubblicazione dello stato patrimoniale di titolari di cariche pubbliche elettive. Si tratta evidentemente di obblighi che inquadrano diversi aspetti dell organizzazione e dell agire delle amministrazioni: dall assetto degli uffici, al personale, ai procedimenti, ai servizi resi e agli aspetti finanziari. Per questa ragione il loro adempimento richiede il coinvolgimento di tutti i settori dell Amministrazione e presuppone una specifica attività di coordinamento e controllo. 7

8 2.2. Le modalità di pubblicazione online In applicazione delle Linee guida per i siti web della PA e secondo le indicazioni della Civit, in particolare, il Comune ha provveduto a: 1. pubblicare le informazioni e i dati previsti dall articolo 11, comma 8, del D.lgs 150/2009 nell apposita sezione del sito istituzionale dell amministrazione, di facile accesso e consultazione, denominata Trasparenza, valutazione e merito. Gli altri contenuti, la cui pubblicazione è obbligatoria per gli enti locali, sono collocati in altre sezioni del sito. 2. rendere la suddetta sezione raggiungibile da un link, chiaramente identificabile dall etichetta Trasparenza, valutazione e merito posto nell homepage del sito stesso; 3. organizzare la suddetta sezione Trasparenza, valutazione e merito dividendola nelle seguenti macroaree: o o o o o o o o o o Programma triennale per la trasparenza e l integrità e relativo stato di attuazione; Piano e Relazione sulla performance; Dati informativi sull organizzazione e i procedimenti; Dati informativi relativi al personale; Dati relativi a incarichi e consulenze; Dati sulla gestione economico-finanziaria dei servizi pubblici; Dati sulla gestione dei pagamenti; Dati relativi alle buone prassi; Dati su sovvenzioni, contributi, crediti, sussidi e benefici di natura economica; Dati sul public procurement ; 4. garantire la tempestività della pubblicazione delle informazioni e dei dati, con l indicazione della data di pubblicazione e revisione, provvedendo all archiviazione o all eliminazione delle informazioni superate e/o non più significative, nel rispetto, comunque, delle disposizioni in materia di protezione dei dati personali. 5. pubblicare, possibilmente in più formati aperti, le informazioni e i documenti, accessibili direttamente dalla pagina dove le informazioni di riferimento sono riportate; 2.3. La Posta Elettronica Certificata (PEC) 8

9 Il Comune è dotato del servizio di posta elettronica certificata e la sua casella istituzionale, in conformità alle previsioni di legge, è pubblicizzata sulla homepage, nonché censita nell I.P.A. (Indice delle Pubbliche Amministrazioni). Le operazioni di ricezione sono seguite dagli operatori dell ufficio protocollo dell Ente. Il sistema di protocollo informatico in uso consente di trasmettere direttamente via PEC la posta in uscita. 3. Procedimento di elaborazione e adozione del Programma Al processo di elaborazione ed adozione del Programma concorrono: a) la Giunta Comunale che avvia il processo e indirizza le attività volte all'elaborazione e all' aggiornamento del Programma; b) il responsabile del, che ha il compito di coordinare e verificare il procedimento di elaborazione e di aggiornamento del Programma triennale; a tal fine promuove e cura il coinvolgimento delle strutture interne dell'amministrazione; c) i responsabili di Settore che hanno la responsabilità di individuare e di elaborare i contenuti del programma con riferimento ai dati oggetto di obbligo di pubblicazione; d) il nucleo di valutazione, qualificato come soggetto che "promuove e attesta l'assolvimento degli obblighi relativi alla trasparenza e all'integrità" (articolo 14, comma 4, lettere f) e g), del decreto legislativo 150/2009), che esercita un'attività di impulso per l'elaborazione del Programma. Nel Programma sono individuate le azioni che l'ente intende intraprendere in materia di trasparenza, definiti i soggetti tenuti a darvi attuazione, i tempi di attuazione, le attività di monitoraggio e controllo sugli impegni assunti. Il Programma indica gli obiettivi di trasparenza di breve (un anno) e di lungo periodo (tre anni). L'adozione del Programma triennale o il suo aggiornamento spetta alla Giunta Comunale che deve deliberarlo entro il 31 gennaio di ogni anno. Alla sua attuazione concorrono i Responsabili di Settore. 4. Sistema di monitoraggio interno sull attuazione del Programma 9

10 Lo stato di attuazione del Programma sarà verificato, con carenza annuale, dal Responsabile del, che controllerà la progressiva esecuzione delle attività programmate ed il raggiungimento degli obiettivi fissati dalla legge e dal Programma medesimo. Spetta all Organismo Indipendente di Valutazione il compito di controllo sul livello di trasparenza raggiunto dall Amministrazione. Esso trova la sintesi nella funzione di verifica sull assolvimento degli impianti degli obblighi di trasparenza ed integrità, secondo le disposizioni di cui all art. 14 comma 4 lett. a), f) e g) del D.lgs n. 150/ Le Fasi del Programma 5.1. Lo stato attuale Il Comune già dal 2008 provvede a pubblicare nelle varie sezioni del sito istituzionale una serie di dati e documenti, che dovranno essere verificati ed eventualmente adeguati, con riferimento ai contenuti ed alle modalità di pubblicazione previste nel Programma Le fasi successive I Responsabili di Settore, assicurano gli adempimenti relativi al programma con particolare riferimento all attivazione, all elaborazione e all aggiornamento dei dati che saranno pubblicati sul portale a cura del Informatizzazione, Archivio Servizio Informatico. Nel corso degli anni 2013, 2014, 2015, si avvierà la fase di completamento con la messa in linea dei dati necessari a cura soggetti e nei termini previsti dalla tabella riepilogativa A Aggiornamento dei dati L attività di aggiornamento dei dati da inserire nella Sezione Trasparenza valutazione e merito, deve essere svolta mensilmente, e comunque ogni qualvolta si rendano necessarie, a cura dei Responsabili di Settore, così come individuati nella tabella A. La struttura responsabile della pubblicazione si identifica nel Servizio Informatico. 10

11 L aggiornamento, per contenuti urgenti e/o con scadenza imminente, dovrà essere effettuato entro la giornata lavorativa successiva a quella della richiesta, negli altri casi l aggiornamento manutentivo dovrà essere effettuato entro la settimana lavorativa successiva a quella in cui si è acquisita la disponibilità del contenuto stesso. I documenti pubblicati dovranno indicare la data dell ultimo aggiornamento. Le informazioni superate ma ritenute ancora utili verranno archiviate in una apposita sezione del sito e/o in una banca dati. Di seguito viene indicato lo stato delle pubblicazioni al 31/12/2012: a) Piano e relazione sulla performance a.1 Piano e relazione sulla performance i dati saranno pubblicati sul sito istituzionale entro giugno 2013 b) Dati informativi relativi all'organizzazione ed ai procedimenti b.1 l'organigramma, l'articolazione degli uffici, le attribuzioni e l'organizzazione di ciascun ufficio anche di livello dirigenziale non generale, i nomi dei funzionari responsabili dei singoli uffici, nonché il settore dell'ordinamento giuridico riferibile all'attività da essi svolta, corredati dai documenti anche normativi di riferimento (articolo 54, comma 1, lettera a) del D.lgs 82 del istituzionale Sezione Uffici (orari uffici, organigramma, rubrica, uffici) e Sezione Atti e documenti (trasparenza b.2 l'elenco delle tipologie di procedimento svolte da ciascun ufficio di livello dirigenziale non generale, il termine per la conclusione di ciascun procedimento ed ogni altro termine procedimentale, il nome del responsabile e l'unità organizzativa responsabile dell'istruttoria e di ogni altro adempimento procedimentale, nonché dell'adozione del provvedimento finale, come individuati ai sensi degli articoli 2 e 4 della legge 7 agosto 1990, n. 241; articolo 54, comma 1, lettera b) D.lgs 82 del istituzionale Sezione Servizi ai cittadini (procedimenti e modulustica) 11

12 b.3 le scadenze e le modalità di adempimento dei procedimenti individuati ai sensi degli articoli 2 e 4 della legge 7 agosto 1990, n. 241; articolo 54, comma 1, lettera c) D.lgs 82 del Fase del programma settore che genera il dato settore che pubblica il dato istituzionale Sezione servizi ai cittadini (procedimenti e modulistica). b.4 l'elenco completo delle caselle di posta elettronica istituzionali attive, specificando anche se si tratta di una casella di posta elettronica certificata; Indirizzo istituzionale di posta elettronica certificata a cui il cittadino possa rivolgersi per qualsiasi richiesta ai sensi del codice per l'amministrazione digitale (CAD) D.lgs 82 del 2005, articolo 54, comma 1, lettera d) e articolo 54, comma 2 ter istituzionale Sezione Uffici (uffici) e Sezione Atti e documenti (trasparenza nella home page del sito istituzionale è pubblicato l indirizzo di posta elettronica certificata Settore Segreteria, Affari Generali, b.5 le pubblicazioni di cui all'articolo 26 della legge 7 agosto 1990, n. 241, nonché i messaggi di informazione e di comunicazione previsti dalla legge 7 giugno 2000, n. 150, articolo 54, comma 1, lettera e) D.lgs 82 del 2005 i dati sono pubblicati nelle varie sezioni del sito (statuto, regolamenti, notizie utili, news, ecc.) b.6 l'elenco dei servizi forniti in rete già disponibili (articolo 54, comma 1, lettera g) D.lgs 82 del 2005). Fase del programma settore che genera il dato settore che pubblica il dato istituzionale Sezione servizi on line (accesso ai servizi area servizi ai cittadini, area servizi alle imprese, area pubblica, area intranet, enti autorizzati, b.7 i bandi di concorso (articolo 54, comma 1, lettera g/bis) D.lgs 82 del 2005). Documenti (concorsi e selezioni) Organi Istituzionali, Urp, Informatizzazione, Archivio 12

13 b.8 L'elenco degli atti e documenti necessari per ottenere provvedimenti amministrativi per ciascun procedimento amministrativo ad istanza di parte rientrante nelle competenze di tutte le PA, l'elenco degli atti e documenti che l'istante ha l'onere di produrre a corredo dell'istanza, Art. 6, DL n. 70/2011; È stimabile che la disposizione di tale informazione e relativa pubblicazione sarà disponibile entro il 2014 b.9 Elenco dei provvedimenti adottati per l'utilizzo dei propri servizi, anche a mezzo di intermediari abilitati, per la presentazione da parte degli interessati di denunce, istanze e atti e garanzie fideiussorie, per l'esecuzione di versamenti fiscali, contributivi, previdenziali, assistenziali e assicurativi, nonché per la richiesta di attestazioni e certificazioni, articolo 47 quinquies DL n. 5/2012 adempimento obbligatorio dal b.10 Previsione dell'obbligo per il soggetto gestore di emanare una "Carta della qualità dei servizi", da redigere e pubblicizzare in conformità ad intese con le associazioni di tutela dei consumatori e con le associazioni imprenditoriali interessate, recante gli standard di qualità e di quantità relativi alle prestazioni erogate così come determinati nel contratto di servizio, nonché le modalità di accesso alle informazioni garantite, art. 2, comma 461, L. n. 244/2007 è stimabile che la disponibilità di tale informazione e la relativa pubblicazione sarà disponibile alla fine del triennio. b.11 tempi medi di definizione dei procedimenti e di erogazione dei servizi con riferimento all esercizio finanziario precedente articolo 23, comma 5, lettera b) legge 69 del 2009 è stimabile che la disponibilità di tale informazione e la relativa pubblicazione sarà disponibile alla fine del triennio. b.12 Elenco della documentazione richiesta per i singoli procedimenti, i moduli e i formulari validi ad ogni effetto di legge. Articolo 57 D.lgs 82 del 2005 i moduli e i formulari sono pubblicati 13

14 sul sito istituzionale Sezione Servizi ai cittadini (procedimenti e modulistica) l elenco della documentazione richiesta è stimabile possa essere disponibile entro il b.13 Informazioni sulla qualità dei servizi erogati. Articolo 11 del D.lgs n. 150 del è stimabile che la disponibilità di tale informazione e la relativa pubblicazione sarà disponibile alla fine del triennio. c) Dati informativi relativi al personale c.1 curricula e retribuzioni dei dirigenti e dei segretari comunali, con specifica evidenza sulle componenti variabili della retribuzione e sulle componenti legate alla retribuzione di risultato, indirizzi di posta elettronica, numeri telefonici ad uso professionale. articolo 21, comma 1, legge 69 del 2009 c.2 curricula dei titolari di posizioni organizzative. articolo 21, comma 1, legge 69 del 2009 c.3 nominativi e curricula dei componenti degli OIV e del Responsabile delle funzioni di misurazione della performance. articolo 21, comma 1, legge 69 del 2009 c.4 tassi di assenza e di maggiore presenza del personale distinti per uffici di livello dirigenziale. articolo 21, comma 1, legge 69 del

15 c.5 ammontare complessivo dei premi collegati alla performance stanziati e l ammontare dei premi effettivamente distribuiti (articolo 11, comma 8, lettera c), del D.lgs n. 150 del 2009). valutazione e merito c.6 analisi dei dati relativi al grado di differenziazione nell utilizzo della premialità, sia per i dirigenti sia per i dipendenti (articolo 11, comma 8, lettera d), del D.lgs n. 150 del 2009). valutazione e merito c.7 codici di comportamento (articolo 55, comma 2, del D.lgs n. 165 del 2001 così come modificato dall articolo 68 del D.lgs n. 150 del 2009). c.8 Contratti integrativi stipulati, relazione tecnico-finanziaria e illustrativa, certificata dagli organi di fase del programma (articolo 40 bis D. Lgs. n. 165 del 2001). Il contratto integrativo periodi 1998/ /2001 è pubblicato sul sito istituzionale Sezione Atti e documenti (trasparenza la relazione tecnico finanziaria e illustrativa è in corso di predisposizione unitamente al nuovo contratto integrativo decentrato c.9 Informazioni trasmesse al MEF ai fini dell'inoltro alla Corte dei Conti, sui costi della contrattazione integrativa. articolo 40 bis D. Lgs. n. 165/

16 d) Dati relativi ad incarichi e consulenze d.1 Incarichi retribuiti e non retribuiti conferiti o autorizzati dall amministrazione ai propri dipendenti in seno alla stessa amministrazione o presso altre amministrazioni o società pubbliche o private; incarichi retribuiti e non retribuiti conferiti o autorizzati da un amministrazione ai dipendenti di altra amministrazione; incarichi retribuiti e non retribuiti affidati, a qualsiasi titolo, da un amministrazione a soggetti esterni (articolo 53, comma 14, del D.lgs n 165 del 2001 articolo 1, comma 127, legge 662 del 1996 articolo 11, comma 8, lettera ì) D.lgs 150 del 2009). e) Dati sulla gestione economico-finanziaria dei servizi pubblici e.1 L'elenco aggiornato delle società di cui detengono, direttamente o indirettamente, quote di partecipazione anche minoritaria articolo 8, comma 1, D.L. 98 del 2011 Settore Programmazione Finanziaria, Tributi, Provveditorato-Economato e.2 Atti e provvedimenti concernenti procedure ad evidenza pubblica o i propri bilanci, sono pubblicati nei siti informatici, secondo modalità stabilite con decreto del Presidente del Consiglio dei ministri articolo 32, comma 2 legge 69 del 2009 Documenti (albo pretorio, bandi ed esiti di gara, bilancio, e trasparenza f) Dati sulla gestione dei pagamenti f.1 Indicatore dei tempi medi di pagamento relativi agli acquisti di beni, servizi e forniture (indicatore di tempestività dei pagamenti). articolo 23, comma 5, lettera a), legge 69 del

17 Non sono state ancora adottate le disposizioni di attuazione Settore Programmazione Finanziaria, Tributi, Provveditorato-Economato. f.2 Elenco delle misure organizzative per garantire il tempestivo pagamento delle somme dovute per somministrazioni, forniture ed appalti. articolo 9 D.L. 78/2009 Settore Programmazione Finanziaria, Tributi, Provveditorato-Economato. g) Dati relativi alle buone prassi g.1 Buone prassi in ordine ai tempi per l'adozione dei provvedimenti e per l'erogazione dei servizi al pubblico articolo 23, legge 69 del 2009 è stimabile che la disponibilità di tale informazione e la relativa pubblicazione sarà disponibile alla fine del triennio. h) Dati su sovvenzioni, contributi, crediti, sussidi e benefìci di natura economica h.1 Albo dei beneficiari di provvidenze di natura economica DPR 118 del 2000 articoli 1 e 2 pubblicazione parziale è stimabile possa essere completato entro il 2013 h.2 La concessione delle sovvenzioni, contributi, sussidi ed ausili finanziari alle imprese e l'attribuzione dei corrispettivi e dei compensi a persone, professionisti, imprese ed enti privati e comunque di vantaggi economici di qualunque genere ad enti pubblici e privati (articolo 18 D.L. 83 del 2012). i) Dati relativi ai contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture (public procurement) 17

18 i.1 l'elenco di tutti i bandi di gara (articolo 54, comma 1, lettera f D.lgs 82 del 2005). Fase del programma settore che genera il dato settore che pubblica il dato Documenti (bandi ed esiti di gara) e Sezione Atti e documenti (trasparenza i.2 Avvisi di post informazione delle procedure in economia articoli 173, 331 del D.P.R. 207 del 2010 Fase del programma settore che genera il dato settore che pubblica il dato Documenti (bandi ed esiti di gara) e Sezione Atti e documenti (trasparenza i.3 Nelle procedure di scelta del contraente per l affidamento di servizi e forniture è necessario pubblicare: struttura proponente, oggetto del bando, elenco operatori invitati, aggiudicatario, importo di aggiudicazione, tempi di completamento dell opera, servizio fornitura, somme liquidate. Articolo 1, comma 32, legge 190 del 2012 Fase del programma settore che genera il dato settore che pubblica il dato è stimabile che la disponibilità di tale informazione e la relativa pubblicazione sarà disponibile alla fine del l) Altri obblighi di pubblicazione l.1 Gli elaborati tecnici allegati alle delibere di adozione o approvazione degli strumenti urbanistici, nonché delle loro varianti, Art. 32, comma 1 Legge n. 69/2009 Il programma di fabbricazione è pubblicato sul sito istituzionale Sezione Servizi ai cittadini (edilizia privata/urbanistica) Settore Urbanistica, Edilizia privata, Gestione autorizzazioni ambientali l.2 Prospetto contenente le spese di rappresentanza sostenute dagli organi di governo degli enti locali Settore Programmazione Finanziaria, Tributi, Provveditorato-Economato l.3 Obbligo di pubblicazione on line di tutte le notizie e gli atti amministrativi che necessitano 18

19 di pubblicità legale (albo pretorio) documenti (albo pretorio) Settore Segreteria, Affari Generali, l.4 Curricula e retribuzioni di coloro che rivestono incarichi di indirizzo politico-amministrativo (articolo 11, comma 8, DLgs. n. 150/2009). pubblicazione parziale è stimabile possa essere completato entro il 2013 Settore Segreteria, Affari Generali, l.5 Pubblicazione delle deliberazioni. Art. 124 D. Lgs. n. 267/2000 Documenti (deliberazioni e albo pretorio) Settore Segreteria, Affari Generali, l.6 Lista dei controlli a cui sono assoggettate le imprese in ragione della dimensione e del settore di attività. Art. 14 comma 1 DL n 5/2012 è stimabile che la disponibilità di tale informazione e la relativa pubblicazione sarà disponibile alla fine del triennio. Settore Polizia Municipale Settore Suap e Attività Produttive l.7 Pubblicazione dello stato patrimoniale di titolari di cariche pubbliche elettive. D.lgs 267/2000 art. 41 bis. è stimabile che la disponibilità di tale informazione e la relativa pubblicazione sarà disponibile alla fine del Settore Segreteria, Affari Generali, l.8 Piano triennale di razionalizzazione delle spese di funzionamento. Articolo 2, comma 598. legge 244/2007 Settore Segreteria, Affari Generali, 19

20 Settore Programmazione Finanziaria, Tributi, Provveditorato-Economato Settore Servizi Tecno-manutentivi, Protezione Civile 6. Il Piano delle Performance Posizione centrale nel Programma per la trasparenza occupa l adozione del Piano delle Performance, destinato ad indicare obiettivi e indicatori, criteri di monitoraggio, valutazione e rendicontazione. In buona sostanza il Piano è il principale strumento che la legge pone a disposizione dei cittadini perché possano conoscere e valutare in modo oggettivo e semplice l operato delle amministrazioni pubbliche. 7. Giornate della trasparenza Almeno una volta l anno, in occasione dell aggiornamento del Programma per la trasparenza e l integrità, verranno pubblicizzate sul sito istituzionale delle iniziative finalizzate al coinvolgimento dei cittadini e delle associazioni dei consumatori in materia di trasparenza e integrità (attraverso per esempio, la predisposizione di opuscoli) affinchè gli stessi possano collaborare con l Amministrazione per facilitare la reperibilità e l uso delle informazioni contenute nel sito, nonché dare suggerimenti per l aumento della trasparenza e integrità. Tali obiettivi possono essere raggiunti intensificando presso l Ufficio Relazioni con il Pubblico le funzioni di ascolto in chiave valutativa delle qualità dei servizi offerti, nonchè attraverso l utilizzo dello strumento comunica con l URP presente sul sito internet che garantisce la costante partecipazione dei cittadini. 8. La pubblicazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità e dello stato di attuazione Il presente Programma verrà pubblicato sul Sito web dell amministrazione, nella sezione denominata trasparenza, valutazione e merito unitamente allo stato di attuazione annuale. Tali atti saranno inoltre posti a disposizione dei cittadini a cura del Responsabile del Settore Segreteria, Affari Generali,, presso l URP. 20

21 Tabella delle pubblicazioni: Programma triennale per la trasparenza e l integrità e relativi aggiornamenti a) Piano e relazione sulla performance CATEGORIA DATI STATO DELLE PUBBLICAZIONI SETTORE CHE GENERA IL DATO Piano per le performance Non pubblicato b) Dati informativi relativi all'organizzazione ed ai procedimenti CATEGORIA DATI l'organigramma, l'articolazione e l organizzazione degli uffici corredati dai documenti anche normativi di riferimento l'elenco delle tipologie di procedimento svolte da ciascun ufficio, il termine per la conclusione di ciascun procedimento ed ogni altro termine procedimentale, il nome del responsabile e l'unità organizzativa responsabile dell'istruttoria e di ogni altro adempimento procedimentale, nonché dell'adozione del provvedimento finale le scadenze e le modalità di adempimento dei procedimenti l'elenco completo delle caselle di posta elettronica istituzionali attive. Indirizzo istituzionale di posta elettronica certificata a cui il cittadino possa rivolgersi per qualsiasi richiesta ai sensi del codice per l'amministrazione digitale (CAD) le pubblicazioni di cui all'articolo 26 della legge 7 agosto 1990, n. 241, nonché i messaggi di informazione e di comunicazione previsti dalla legge 7 giugno 2000, n. 150, articolo 54, comma 1, lettera e) D.lgs 82 del 2005 l'elenco dei servizi forniti in rete già STATO DELLE PUBBLICAZIONI SETTORE CHE GENERA IL DATO Settore Segreteria, Affari Generali, Organi Istituzionali, Urp, disponibili i bandi di concorso l'elenco degli atti e documenti necessari per ottenere provvedimenti Non pubblicato 21

22 amministrativi, l'elenco degli atti e documenti che l'istante ha l'onere di produrre a corredo dell'istanza elenco dei provvedimenti adottati per l'utilizzo dei propri servizi previsione dell'obbligo per il soggetto gestore di emanare una "Carta della qualità dei servizi", da redigere e pubblicizzare in conformità ad intese con le associazioni di tutela dei consumatori e con le associazioni imprenditoriali interessate tempi medi di definizione dei procedimenti e di erogazione dei servizi con riferimento all esercizio finanziario precedente elenco della documentazione richiesta per i singoli procedimenti, i moduli e i formulari validi ad ogni effetto di legge. Informazioni sulla qualità dei servizi erogati Non pubblicato Non pubblicato Non pubblicato Non pubblicato c) Dati informativi relativi al personale CATEGORIA DATI curricula e retribuzioni dei dirigenti e dei segretari comunali, indirizzi di posta elettronica, numeri telefonici ad uso professionale. curricula dei titolari di posizioni organizzative nominativi e curricula dei componenti degli OIV e del Responsabile delle funzioni di misurazione della performance tassi di assenza e di maggiore presenza del personale distinti per uffici di livello dirigenziale ammontare complessivo dei premi collegati alla performance stanziati e l ammontare dei premi effettivamente distribuiti analisi dei dati relativi al grado di differenziazione nell utilizzo della STATO DELLE PUBBLICAZIONI SETTORE CHE GENERA IL DATO 22

23 premialità codici di comportamento contratti integrativi stipulati, relazione tecnico-finanziaria e illustrativa, certificata dagli organi di fase del programma informazioni trasmesse al MEF ai fini dell'inoltro alla Corte dei Conti, sui costi della contrattazione integrativa d) Dati relativi ad incarichi e consulenze CATEGORIA DATI Incarichi retribuiti e non retribuiti conferiti o autorizzati dall amministrazione ai propri dipendenti, ai dipendenti di altra amministrazione, a soggetti esterni STATO DELLE PUBBLICAZIONI SETTORE CHE GENERA IL DATO e) Dati sulla gestione economico-finanziaria dei servizi pubblici CATEGORIA DATI elenco aggiornato delle società di cui detengono, direttamente o indirettamente, quote di partecipazione anche minoritaria atti e provvedimenti concernenti procedure ad evidenza pubblica o i propri bilanci STATO DELLE PUBBLICAZIONI SETTORE CHE GENERA IL DATO Settore Programmazione Finanziaria, Tributi, Provveditorato-Economato f) Dati sulla gestione dei pagamenti CATEGORIA DATI indicatore dei tempi medi di pagamento relativi agli acquisti di beni, servizi e forniture elenco delle misure organizzative per garantire il tempestivo pagamento delle somme dovute per somministrazioni, forniture ed appalti STATO DELLE SETTORE CHE GENERA IL DATO PUBBLICAZIONI Non pubblicato Settore Programmazione Finanziaria, Tributi, Provveditorato-Economato Settore Programmazione Finanziaria, Tributi, Provveditorato-Economato 23

24 g) Dati relativi alle buone prassi CATEGORIA DATI buone prassi in ordine ai tempi per l'adozione dei provvedimenti e per l'erogazione dei servizi al pubblico STATO DELLE SETTORE CHE GENERA IL DATO PUBBLICAZIONI Non pubblicato h) Dati su sovvenzioni, contributi, crediti, sussidi e benefìci di natura economica CATEGORIA DATI istituzione e accessibilità in via telematica di albi dei beneficiari di provvidenze di natura economica pubblicazione della concessione di vantaggi economici di qualunque genere ad enti pubblici e privati STATO DELLE PUBBLICAZIONI con dati parziali SETTORE CHE GENERA IL DATO i) Dati relativi ai contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture (public procurement) CATEGORIA DATI STATO DELLE SETTORE CHE GENERA IL DATO PUBBLICAZIONI elenco di tutti i bandi di gara avvisi di post informazione delle procedure in economia nelle procedure di scelta del contraente Non pubblicato per l affidamento di servizi e forniture è necessario pubblicare: struttura proponente, oggetto del bando, elenco operatori invitati, aggiudicatario, importo di aggiudicazione, tempi di completamento dell opera, servizio fornitura, somme liquidate l) Altri obblighi di pubblicazione CATEGORIA DATI gli elaborati tecnici allegati alle delibere di adozione o approvazione degli strumenti urbanistici, nonché delle loro varianti, sono pubblicati nei siti informatici delle amministrazioni comunali, senza nuovi o maggiori oneri per la finanza pubblica STATO DELLE PUBBLICAZIONI SETTORE CHE GENERA IL DATO Settore Urbanistica, Edilizia privata, Gestione autorizzazioni ambientali 24

25 prospetto contenente le spese di rappresentanza sostenute dagli organi di governo degli enti locali pubblicazione on line di tutte le notizie e gli atti amministrativi che necessitano di pubblicità legale curricula e retribuzioni di coloro che rivestono incarichi di indirizzo politicoamministrativo con dati parziali Settore Programmazione Finanziaria, Tributi, Provveditorato-Economato Settore Segreteria, Affari Generali, Organi Istituzionali, Urp, Settore Segreteria, Affari Generali, Organi Istituzionali, Urp, pubblicazione delle deliberazioni Settore Segreteria, Affari Generali, Organi Istituzionali, Urp, lista dei controlli a cui sono assoggettate le imprese in ragione della dimensione e del settore di attività Pubblicazione dello stato patrimoniale di titolari di cariche pubbliche elettive Piano triennale di razionalizzazione delle spese di funzionamento Non pubblicato Settore Polizia Municipale Settore Suap e Attività Produttive Non pubblicato Settore Segreteria, Affari Generali, Organi Istituzionali, Urp, Settore Segreteria, Affari Generali, Organi Istituzionali, Urp, Settore Programmazione Finanziaria, Tributi, Provveditorato-Economato Settore Servizi Tecnomanutentivi, Protezione Civile 25

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI ANCONA. Anni 2011-2013

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI ANCONA. Anni 2011-2013 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ DELLA PROVINCIA DI ANCONA Anni 2011-2013 (approvato con deliberazione di giunta provinciale n. 440 del 22/11/2011) 1 SOMMARIO ART. 1- PRINCIPI 3 ART.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 COMUNE DI VILLANOVA DEL GHEBBO P R O V I N C I A D I R O V I G O C.F. 82000570299 P.I. 00194640298 - Via Roma, 75 - CAP 45020 - Tel. 0425 669030 / 669337 / 648085 Fax 0425650315 info-comunevillanova@legalmail.it

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI VERTOVA Provincia di Bergamo Via Roma, 12 - Tel. Uffici Amm.vi 035 711562 Ufficio Tecnico 035 712528 Fax 035 720496 P. IVA 00238520167 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 INDICE 1. Introduzione... pag. 2 1.1 Trasparenza... pag. 2 1.2 Integrità... pag. 2 1.3 Obiettivi... pag. 2 2. Individuazione dei dati da pubblicare...

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015 PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Anni 2013 2015 1 - Finalità del Piano L articolo 11, comma 1, del decreto legislativo n.150 del 2009 definisce la trasparenza come accessibilità totale, anche

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 Adottato con deliberazione del Commissario Straordinario n. 14 in data 09 maggio 2011 1 1. OGGETTO E OBIETTIVI La trasparenza consiste nella

Dettagli

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia

COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia COMUNE DI MONTICHIARI Provincia di Brescia Programma triennale per la trasparenza e l integrità (Decreto Legislativo n. 33 del 14 marzo 2013) Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. del PREMESSA

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014. (Art. 11, D. Lgs. 27 ottobre 2009, nr. 150)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014. (Art. 11, D. Lgs. 27 ottobre 2009, nr. 150) COMUNE DI SANT ANGELO A SCALA Provincia di Avellino PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 (Art. 11, D. Lgs. 27 ottobre 2009, nr. 150) Cod. SAS-PTI01 Data: 30/04/2012 Adottato con

Dettagli

(PROVINCIA DI CATANIA)

(PROVINCIA DI CATANIA) (PROVINCIA DI CATANIA) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012 2014 1. OGGETTO E OBIETTIVI La trasparenza consiste nella accessibilità delle informazioni sulla organizzazione, degli

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Ai sensi dell art. 11 del D.Lgs n. 150 del 27.10.2009)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Ai sensi dell art. 11 del D.Lgs n. 150 del 27.10.2009) COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Ai sensi dell art. 11 del D.Lgs n. 150 del 27.10.2009) 2011-2013 VERIFICA STATO ATTUAZIONE AL 31.12.2012 Premessa

Dettagli

COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI GONNOSNO Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Art. 11 c. 2, del ) Indice generale 1. PREMESSA 2. I DATI DA PUBBLICARE SUL SITO ISTITUZIONALE DEL COMUNE

Dettagli

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011

All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 All.A) alla deliberazione della Giunta Esecutiva nr. 134 del 12/12/2011 Programma triennale per la legalità e la trasparenza (2011-2013) (redatto ai sensi dell art. 11, comma 2, D. lgs. n. 150/2009 sulla

Dettagli

Allegato alla delibera n. 75GC/2012 COMUNE DI CORNELIANO D ALBA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

Allegato alla delibera n. 75GC/2012 COMUNE DI CORNELIANO D ALBA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Allegato alla delibera n. 75GC/2012 COMUNE DI CORNELIANO D ALBA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (AI SENSI DELL ARTICOLO

Dettagli

COMUNE DI MOLVENA PROVINCIA DI VICENZA

COMUNE DI MOLVENA PROVINCIA DI VICENZA COMUNE DI MOLVENA PROVINCIA DI VICENZA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012/2014 Approvato con delibera di G.C. n. 40 del 03/08/2012 SOMMARIO ART. 1 INTRODUZIONE: ORGANIZZAZIONE E

Dettagli

PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE AZIONI PREVISTE NEL PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA DEL COMUNE DI INVERIGO

PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE AZIONI PREVISTE NEL PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA DEL COMUNE DI INVERIGO COMUNE DI INVERIGO Provincia di Como PROSPETTO RIEPILOGATIVO DELLE AZIONI PREVISTE NEL PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA DEL COMUNE DI INVERIGO 1 Adozione programma triennale per la

Dettagli

COMUNE DI BRISIGHELLA PROVINCIA DI RAVENNA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

COMUNE DI BRISIGHELLA PROVINCIA DI RAVENNA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 COMUNE DI BRISIGHELLA PROVINCIA DI RAVENNA PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 16 del 08.02.2013 1 Art. 1 Contenuti e finalità Il programma

Dettagli

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013 2014-2015. Premessa pag. 2

COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013 2014-2015. Premessa pag. 2 COMUNE DI FOSSO PROVINCIA DI VENEZIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2013 2014-2015 Indice: Premessa pag. 2 1. I dati da pubblicare sul sito istituzionale del comune pag. 3 2.

Dettagli

PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO IL COMMISSARIO STRAORDINARIO

PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO IL COMMISSARIO STRAORDINARIO copia Deliberazione N. 079 C I T T À DI T R E C A T E PROVINCIA DI NOVARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL COMMISSARIO STRAORDINARIO OGGETTO: PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' DEL COMUNE

Dettagli

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T.

Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. 2014-16 Programma triennale per l trasparenza e l integrità Istituto Comprensivo di S. Vito al T. la trasparenza nei confronti dei cittadini e dell intera collettività, poiché rappresenta uno strumento

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Art.1 Oggetto Il programma triennale per la trasparenza e l integrità, in attuazione dell art.11 comma 7 del d.lgs. 150/09 ha come oggetto la definizione

Dettagli

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA AGGIORNAMENTO 2013 DEL PROGRAMMA TRIENNALE 2011-2013 PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA AGGIORNAMENTO 2013 DEL PROGRAMMA TRIENNALE 2011-2013 PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA COMUNE DI CASTEL BOLOGNESE PROVINCIA DI RAVENNA AGGIORNAMENTO 2013 DEL PROGRAMMA TRIENNALE 2011-2013 PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 8 del30/01/2013

Dettagli

STATO DI PREVISIONE DELLE AZIONI DEL PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E l INTEGRITA

STATO DI PREVISIONE DELLE AZIONI DEL PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E l INTEGRITA STATO DI PREVISIONE DELLE AZIONI DEL PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E l INTEGRITA TABELLA DELLE CATEGORIE DI DATI DA PUBBLICARE N. CATEGORIA DI DATI DESCRIZIONE DELL AZIONE TEMPI DI ATTUAZIONE STRUTTURA

Dettagli

a) curricula dei titolari di posizioni Pubblicato Aggiornamento

a) curricula dei titolari di posizioni Pubblicato Aggiornamento COMUNE DI TERNO D ISOLA Provincia di Bergamo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (P.T.T.I.) 2014/2016 1. INTRODUZIONE: ORGANIZZAZIONE E FUNZIONI DELL ENTE Il Comune di Terno d Isola è

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' Triennio 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' Triennio 2015-2017 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' Triennio 2015-2017 (approvato con deliberazione del Consiglio di Amministrazione n.4 del 30/1/2015) Premessa Il decreto legislativo n. 150/2009 introduce

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016. Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura Alessandria

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016. Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura Alessandria PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014 2016 Camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura Alessandria PREMESSA Il presente Programma Triennale 2014/2016 rappresenta il terzo

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2014-2016 ENTE DI GESTIONE PER I PARCHI E LA BIODIVERSITÀ - ROMAGNA - Sede Legale: Via Saffi, 2-48013 BRISIGHELLA (RA) Parchi e Riserve dell Emilia-Romagna Riserva Naturale Bosco della Frattona Riserva Naturale

Dettagli

COMUNE DI BIANCHI (Provincia di Cosenza)

COMUNE DI BIANCHI (Provincia di Cosenza) COMUNE DI BIANCHI (Provincia di Cosenza) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013/2015 Il principio di Trasparenza deve essere inteso come accessibilità totale, anche attraverso lo strumento

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013-2015 Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 29/01/2013 con delibera n. 9 SOMMARIO Premessa Trasparenza come libertà di informazione

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità. - monitoraggio 2011 -

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità. - monitoraggio 2011 - Titolo del documento: Programma Triennale per la e l Integrità Periodo di riferimento: 30.06.2011 31.12.2011 N revisione: 1 Autore del documento: URP Data ultima versione: 31/12/2011 Programma Triennale

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Premessa PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma della P.A. impongono agli Enti Locali il controllo e la

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITÀ' ANNI 2014-2016. (art. ll,c.2 D.Lgs. 150/09)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITÀ' ANNI 2014-2016. (art. ll,c.2 D.Lgs. 150/09) COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITÀ' ANNI 2014-2016 (art. ll,c.2 D.Lgs. 150/09) 1 Indice 1. Introduzione 2. Dati da pubblicare

Dettagli

LA GIUNTA MUNICIPALE

LA GIUNTA MUNICIPALE DG 84.2012 OGGETTO: PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012-2014 LA GIUNTA MUNICIPALE PREMESSO che l art. 11 c. 1 del D.Lgs n. 150/2009 definisce la trasparenza come: accessibilità

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150)

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150) COMUNE DI CAROVIGNO ( P r o v. d i B r i n d i s i ) Via Verdi,1-72012 Carovigno (Br) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (articolo 11, comma 2 del D.lgs. 27/10/2009, n. 150)

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 COMUNE DI SIAMAGGIORE PROVINCIA DI ORISTANO Via San Costantino, n. 2 09070 Siamaggiore 0783 34411 0783 3441220 protocollo@comune.siamaggiore.or.it PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO

Dettagli

Programma triennale per la Trasparenza e l integrità 2012-2014

Programma triennale per la Trasparenza e l integrità 2012-2014 Programma triennale per la Trasparenza e l integrità 2012-2014 Programma triennale per la trasparenza e l'integrità 2012-2014 Sommario: INTRODUZIONE...,...3 ACCESSIBILITÀ' DELLE INFORMAZIONI...,...4 PIANO

Dettagli

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013

AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 AGENZIA PER LE EROGAZIONI IN AGRICOLTURA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2011-2013 (Articolo 11 del decreto legislativo n. 150/2009) INDICE 1. Introduzione pag. 3 2. Selezione dei

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Comune di Neive Provincia di Cuneo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Premessa La trasparenza è intesa come accessibilità totale, delle informazioni concernenti ogni aspetto

Dettagli

Stato di attuazione del Programma triennale della Trasparenza e dell Integrità (2012-2014)

Stato di attuazione del Programma triennale della Trasparenza e dell Integrità (2012-2014) Provincia di Torino Stato di attuazione del Programma triennale della Trasparenza e dell Integrità (2012-2014) Approvato con D.G.C. n. 161 del 1 luglio 2013 Stato di attuazione del Programma della Trasparenza

Dettagli

Programma per la Trasparenza e l'integrità. Art. 10, c. 8, lett. a), d.lgs. n. 33/2013

Programma per la Trasparenza e l'integrità. Art. 10, c. 8, lett. a), d.lgs. n. 33/2013 Programma per la Trasparenza e l'integrità Art. 10, c. 8, lett. a), d.lgs. n. Programma per la Trasparenza e l'integrità Programma triennale per la trasparenza e l'integrità e relativo stato di attuazione

Dettagli

SINTESI DELLE ATTIVITÀ PREVISTE PER IL 2013

SINTESI DELLE ATTIVITÀ PREVISTE PER IL 2013 TRASPARENZA DELL'AZIONE AMMINISTRATIVA Presentazione e attuazione del Programma triennale per la trasparenza e l integrità Informazioni sulla performance dell'agenzia Diffusione dati sulla organizzazione

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE GENERALE PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE GENERALE PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI CAGLIARI DIREZIONE GENERALE PIANO TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 1 Indice: 1. Introduzione.... 3 2. dei dati.... 5 3. Modalità di dei dati.. 7 4. Programma delle singole

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (Art. 11 comma 1 e comma 8) lettera a) del D.Lgs. n. 150/2009) ENTE PARCO REGIONALE DELLA MAREMMA via del Bersagliere, 7/9-58100 Alberese

Dettagli

ALLEGATO 1) SEZIONE "AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE" - ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI

ALLEGATO 1) SEZIONE AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE - ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI ALLEGATO 1) SEZIONE "AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE" - ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE VIGENTI Denominazione sotto-sezione livello 1 (Macrofamiglie) Denominazione sottosezione 2 livello (Tipologie

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (allegato Delibera Giunta n. 4 del 02.02.2015) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA 2015-2017 (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione del Programma Triennale per la

Dettagli

OBBLIGHI DI TRASPARENZA 2015-2017

OBBLIGHI DI TRASPARENZA 2015-2017 OBBLIGHI DI TRASPARENZA 2015-2017 Allegato A Al Programma Triennale per la 2015-2017 Di seguito i dati oggetto di pubblicazione, ai sensi di quanto previsto dalla normativa sulla di cui al 33 del 2013.

Dettagli

COMUNE DI CINQUEFRONDI Provincia di Reggio Calabria

COMUNE DI CINQUEFRONDI Provincia di Reggio Calabria Approvato con Delibera G.C. n. 20 del 30/01/2013 COMUNE DI CINQUEFRONDI Provincia di Reggio Calabria PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ *** 2013 2015 PREMESSA Le recenti e numerose modifiche

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1. PREMESSA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2013-2015 1. PREMESSA Il principio della trasparenza, inteso come accessibilità totale a tutti gli aspetti dell organizzazione, è un elemento essenziale

Dettagli

Tabella per la pubblicazione dei dati previsti dall All. 1 della Delibera A.N.AC. 50/2013

Tabella per la pubblicazione dei dati previsti dall All. 1 della Delibera A.N.AC. 50/2013 Organizzazione - Organi di indirizzo politico-amministrativo - Organi di indirizzo politico-amministrativo Nome / Cognome Curricula (art. 14, c. 1, lett. b), D. Lgs. n. Compensi di qualsiasi natura connessi

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 Le modifiche normative intervenute, nell ambito dell ampio programma di riforma della Pubblica Amministrazione, impongono agli Enti Locali

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1 ***

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1 *** PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 1 *** 2013 2015 1 Approvato con delibera della GC n 30 del 29/01/2013, immediatamente eseguibile. 1 PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative

Dettagli

ONLINE l'integrità d.lgs. 33/2013) Riferimenti normativi su organizzazione e attività. Atti amministrativi generali

ONLINE l'integrità d.lgs. 33/2013) Riferimenti normativi su organizzazione e attività. Atti amministrativi generali Disposizioni generali SEZIONE "AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE" - ELENCO DEGLI OBBLIGHI DI PUBBLICAZIONE - PIANIFICAZIONE Macrofamiglie Tipologie di dati Riferimento normativo Denominazione del singolo obbligo

Dettagli

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013)

COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) All.B) COMUNE DI BUDRIO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITA (in attuazione del D. Leg.vo 33/2013) PREMESSA Con la redazione dell aggiornamento del Programma Triennale per la trasparenza

Dettagli

COMUNE DI FERRARA DI MONTE BALDO

COMUNE DI FERRARA DI MONTE BALDO COMUNE DI FERRARA DI MONTE BALDO (Provincia di Verona) 1. Premessa. Il Comune di Ferrara di Monte Baldo, come ogni altra amministrazione pubblica, a seguito dell entrata in vigore del D. Lgs. n. 150/2009,

Dettagli

E D i S U E N T E P E R I L D I R I T T O A L L O S T U D I O U N I V E R S I T A R I O PAV I A PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA'

E D i S U E N T E P E R I L D I R I T T O A L L O S T U D I O U N I V E R S I T A R I O PAV I A PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' PAV I A PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' Triennio -2016 Articolo 1 Premessa Il Piano contiene le disposizioni per assicurare la trasparenza e l accessibilità delle informazioni e dei dati detenuti

Dettagli

Università Politecnica delle Marche

Università Politecnica delle Marche PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013-2015 Prospetto riepilogativo sullo stato di pubblicazione dei dati Programma triennale per la trasparenza e l integrità Piano e Relazione sulla

Dettagli

1. Premessa. - gli obiettivi che l ente si pone per dare piena attuazione al principio di trasparenza;

1. Premessa. - gli obiettivi che l ente si pone per dare piena attuazione al principio di trasparenza; 1. Premessa Il Parco Valle Lambro dimostra la propria piena partecipazione al processo di attivazione delle buone prassi di trasparenza ed etica con l adozione del presente piano, intitolato Programma

Dettagli

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti -

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - IL COMUNE ATTIVITA PREVISTE NEL TRIENNIO 2011-2013 SETTORI, SERVIZI DI COMPETENZA Il Sindaco

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013-2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013-2015 Via Mario Angeloni, 80/A 06124 Perugia Posta certificata aur@postacert.it Sito web: www.aur-umbria.it INDICE n. pagina Premessa 3 Parte I

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012/2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012/2014 COMUNE DI BORORE Provincia di Nuoro PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012/2014 (Art. 11, comma 2, del D. Lgs. 27.10.2009, n. 150) Allegato alla Deliberazione Giunta Comunale

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA CITTA DI ORBASSANO PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012 2014 Indice Premessa pag. 3 1. Riferimenti normativi pag. 3 2. Finalità del Programma pag. 3 3 Il sito istituzionale del

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 Indice 1.PREMESSA 1.1 I contenuti del Programma triennale della trasparenza e l integrità 2.ORGANIZZAZIONE E SOGGETTI RESPONSABILI DELLA PUBBLICAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012 2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012 2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012 2014 Approvato con D.G. n. 93 del 19 luglio 2012 INDICE Introduzione 1 Selezione dei dati da pubblicare Categorie di dati e contenuti specifici

Dettagli

PROVINCIA DI LECCE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2010-2012

PROVINCIA DI LECCE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2010-2012 PROVINCIA DI LECCE SERVIZIO INFORMAZIONE E COMUNICAZIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2010-2012 INDICE 1. PREMESSA 2. STRUMENTI 3. INDIVIDUAZIONE DATI DA PUBBLICARE 4. INDIVIDUAZIONE

Dettagli

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona

COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona COMUNE DI SERGNANO Provincia di Cremona PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 : Comune di Samugheo Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 Indice 1 INTRODUZIONE 2- STATO DI ATTUAZIONE 1. Dati già pubblicati sul sito 2. "Trasparenza, valutazione

Dettagli

COMUNE DI BUSSERO. (Provincia di Milano) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014

COMUNE DI BUSSERO. (Provincia di Milano) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 COMUNE DI BUSSERO (Provincia di Milano) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012-2014 (Art. 13. C. 6, lettera e) del D.Lgs. 27/10/2009 n. 150) Approvato con deliberazione Commissariale

Dettagli

Allegato al Piano per la trasparenza e l integrità Categorie di dati ed informazioni da pubblicare

Allegato al Piano per la trasparenza e l integrità Categorie di dati ed informazioni da pubblicare 1 Allegato al Piano per la trasparenza e l integrità Categorie di dati ed informazioni da pubblicare 2 Denominazione sotto-sezione 1 livello (Macrofamiglie) Denominazione sotto-sezione 2 livello (Tipologie

Dettagli

Contenuti minimi siti web PA 2011 proposta per le scuole

Contenuti minimi siti web PA 2011 proposta per le scuole Contenuti minimi siti web PA 2011 proposta per le scuole Contenuto Norma di Eventuali vincoli Indicazioni reperibilità Proposta Le informazioni relative all'ufficio relazioni con il pubblico (URP) Legge

Dettagli

COMUNE DI MORNICO AL SERIO. (Provincia di Bergamo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015. (art. 10 del D.Lgs. n.

COMUNE DI MORNICO AL SERIO. (Provincia di Bergamo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015. (art. 10 del D.Lgs. n. COMUNE DI MORNICO AL SERIO (Provincia di Bergamo) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2013-2015 (art. 10 del D.Lgs. n. 33/2013) Introduzione Il principio di trasparenza deve essere inteso

Dettagli

FONTE INFORMATIVA SE DIVERSA DALLA STRUTTURA RESPONSABILE RIFERIMENTO NORMATIVO. Legge 190/2012 art. 1 c. 32. Art. 12 D.

FONTE INFORMATIVA SE DIVERSA DALLA STRUTTURA RESPONSABILE RIFERIMENTO NORMATIVO. Legge 190/2012 art. 1 c. 32. Art. 12 D. ALLEGATO "3" ADEGUAMENTO PIANO TRIENNALE DELLA TRASPARENZA ADOTTATO CON DELIBERAZIONE COMMISSARIALE N. 9 DEL 24.01.2013 ALLA LEGGE 6 NOVEMBRE 2012 N. 190 E AL D.LGS. 14 MARZO 2013 N. 33 PROGRAMMA DI ATTUAZIONE

Dettagli

Manuale della trasparenza digitale. Lista di controllo per la verifica dei contenuti pubblicati sul sito

Manuale della trasparenza digitale. Lista di controllo per la verifica dei contenuti pubblicati sul sito Pagina 1 di 5 sito Responsabilità: Direttori e Dirigenti, che per ciascun contenuto devono indicare se: - è pubblicato sul sito (redatto); - è scaduto il termine di pubblicazione; - ha provveduto all aggiornamento,

Dettagli

ENTE PARCO REGIONALE SIRENTE VELINO

ENTE PARCO REGIONALE SIRENTE VELINO ENTE PARCO REGIONALE SIRENTE VELINO Qui proteggiamo natura e cultura Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Anno 2012-2014 (Attuazione dell art. 11 comma 8, lett. a) D.Lgs. 27 ottobre 2009

Dettagli

COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo

COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo COMUNE DI ROCCAVIONE Provincia di Cuneo PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2012/2014 Premessa Le recenti e numerose modifiche previste nell ambito del vasto progetto di riforma

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI COMUNE DI BRINDISI PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-2013-2014 (Attuazione dell art.11, comma 8, lett.a, D.Lgs 27 ottobre 2009, n.150) 1. PREMESSA Con la redazione del presente

Dettagli

STAFF CONTROLLO DI GESTIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

STAFF CONTROLLO DI GESTIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ STAFF CONTROLLO DI GESTIONE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ INDICE PAG. PREMESSA 2 1. DATI DA PUBBLICARE 3 2. MODALITA DI PUBBLICAZIONE

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE SCUOLA DELL INFANZIA, PRIMARIA E SECONDARIA DI I GRADO VIA AMENDOLA, 18 TEL E FAX 0985/81036 CSIC836001@istruzione.it Sito web : www.icdiamantebuonvicino.gov.it 87023 DIAMANTE

Dettagli

COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA'

COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA' COMUNE DI GANDOSSO PROGRAMMA TRIENNALE TRASPARENZA E INTEGRITA' 2014 2016 PRESENTAZIONE DEL PROGRAMMA Con il presente documento ci si propone di fornire una visione organica dei compiti istituzionali e

Dettagli

Comune di Ragalna ( Prov. di Catania )

Comune di Ragalna ( Prov. di Catania ) Comune di Ragalna ( Prov. di Catania ) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA (Ai sensi dell art.11 comma 2 del D.Lgs.vo 27/10/2009 n.150) Il presente documento si pone l obiettivo di fornire

Dettagli

Livello di rischio (art. 5, lett.a)) Procedimenti (art. 9, lett.a))

Livello di rischio (art. 5, lett.a)) Procedimenti (art. 9, lett.a)) SCHEDA N. 1 : APPALTI Lavori eseguiti in somma urgenza 1)Registro delle somme urgenze, recante le seguenti informazioni: - Estremi provvedimento di affidamento - Oggetto della fornitura - Operatore economico

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2016 2018)

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2016 2018) Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2016 2018) Premessa Il Programma Triennale per la Trasparenza e l integrità 2016-2018 è redatto in ottemperanza alle seguenti fonti normative: D.Lgs

Dettagli

Allegato alla Delibera di Giunta n.09 del 23 febbraio 2015

Allegato alla Delibera di Giunta n.09 del 23 febbraio 2015 Allegato alla Delibera di Giunta n.09 del 23 febbraio 2015 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ DELLA CAMERA DI COMMERCIO DI CALTANISSETTA TRIENNIO 2015-2017 (Articolo 11, comma 2, D.Lgs.

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2015 2017)

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2015 2017) Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2015 2017) Premessa Il Programma Triennale per la Trasparenza e l integrità 2015-2017 integra e aggiorna il precedente Programma Triennale 2014-2016

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA'

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' TRIENNIO 2014-2016 Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 21/01/2014 con delibera n. 1 SOMMARIO Premessa Trasparenza come libertà di informazione

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2013-2015)

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2013-2015) Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità (2013-2015) Premessa Il Programma Triennale per la Trasparenza e l integrità dell azienda è redatto in ottemperanza alle seguenti fonti normative: D.Lgs

Dettagli

COMUNE DI FERRANDINA PROVINCIA DI MATERA

COMUNE DI FERRANDINA PROVINCIA DI MATERA ALLEGATO A) ALLA DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE N. 5 DEL 29.01.2014 COMUNE DI FERRANDINA PROVINCIA DI MATERA PIANO DELL INTEGRITA E DELLA TRASPARENZA PROGRAMMA TRIENNALE ANNO 2014 2016 INTRODUZIONE Il presente

Dettagli

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE

CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE CONSULTA D AMBITO DELL ATO OCCIDENTALE PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2015 2016 2017 1 allegato a) deliberazione del Consiglio di Amministrazione. n. /2015 PROGRAMMA TRIENNALE

Dettagli

Prima Giornata della Trasparenza

Prima Giornata della Trasparenza Prima Giornata della Trasparenza Il Piano Triennale della Trasparenza e dell Integrità e il suo Stato di Avanzamento 30 Novembre 2011 L accessibilità TOTALE Missione Ente Trasparenza Integrità Buon Andamento

Dettagli

MODULO DIDATTICO 3 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013

MODULO DIDATTICO 3 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 MODULO DIDATTICO 3 Trasparenza amministrativa: gli obblighi normativi per le scuole dopo il D.LGS. n. 33/2013 Gli obblighi di pubblicazione sui siti delle scuole 1 of 21 MODULO DIDATTICO 3 Trasparenza

Dettagli

Art. 1 Oggetto del regolamento, principi e finalità

Art. 1 Oggetto del regolamento, principi e finalità Art. 1 Oggetto del regolamento, principi e finalità Il presente regolamento disciplina la gestione, il funzionamento e l utilizzo del sito internet istituzionale del Comune di Trapani, nonché le modalità

Dettagli

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE

AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE ALLEGATO a) AL PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' 2015-2017 - Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n._12_ del 29/01/2015 AMMINISTRAZIONE TRASPARENTE SOTTOSEZIONE 1 livello sottosezione

Dettagli

Programma Triennale della Trasparenza e Integrità. Anni 2015-2017

Programma Triennale della Trasparenza e Integrità. Anni 2015-2017 Programma Triennale della Trasparenza e Integrità Anni 2015-2017 Le novità normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli enti locali la revisione e la

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2012-2014 Sommario 1. Premessa... 3 2. Selezione dei dati da pubblicare... 4 3. Descrizione delle modalità di pubblicazione online dei dati... 8 4.

Dettagli

C O M U N E D I S O R G O N O (Provincia di Nuoro)

C O M U N E D I S O R G O N O (Provincia di Nuoro) C O M U N E D I S O R G O N O (Provincia di Nuoro) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Indice: Premessa p. 2 1. I dati da pubblicare sul sito istituzionale del comune p. 3 2. Il processo

Dettagli

AGORÀ Unione di Comuni PROVINCIA DI PAVIA

AGORÀ Unione di Comuni PROVINCIA DI PAVIA AGORÀ Unione di Comuni PROVINCIA DI PAVIA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2012 2014 Indice: Premessa.....1 1.I dati da pubblicare sul portale dell Unione.....3 2.Il processo di pubblicazione

Dettagli

LA QUALITA NEI SERVIZI DI INFORMAZIONE AL CITTADINO IN SARDEGNA

LA QUALITA NEI SERVIZI DI INFORMAZIONE AL CITTADINO IN SARDEGNA LA QUALITA NEI SERVIZI DI INFORMAZIONE AL CITTADINO IN SARDEGNA Dall amministrazione segreta all open government: Il programma triennale per la trasparenza e l integrità Cagliari, 14 aprile 2011 Avvocato

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA PUBBLICAZIONE DI INFORMAZIONI, ATTI E DATI PERSONALI SUL SITO INTERNET COMUNALE...1

REGOLAMENTO PER LA PUBBLICAZIONE DI INFORMAZIONI, ATTI E DATI PERSONALI SUL SITO INTERNET COMUNALE...1 REGOLAMENTO PER LA PUBBLICAZIONE DI INFORMAZIONI, ATTI E DATI PERSONALI SUL SITO INTERNET COMUNALE REGOLAMENTO PER LA PUBBLICAZIONE DI INFORMAZIONI, ATTI E DATI PERSONALI SUL SITO INTERNET COMUNALE...1

Dettagli

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita

PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita istituto d'istruzione superiore liceo classico e scientifico v. julia ACRI (CS) PROGRAMMA triennale per la trasparenza e l integrita Anni 2014-2016 Deliberato dal Consiglio d Istituto in data 04/06/2014

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' 2013-2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' 2013-2015 1 COMUNE DI MONIGA DEL GARDA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' 2013-2015 PREMESSA 2 COMUNE DI MONIGA DEL GARDA Il Decreto Legislativo 14 marzo 2013 n.33 ha riordinato la disciplina

Dettagli

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015

Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Determina Ufficio Segreteria n 1 del 13.02.2015 Adozione del Piano di informatizzazione delle procedure per la presentazione di istanze, dichiarazioni e segnalazioni on line. IL SEGRETARIO COMUNALE Visto

Dettagli