Roberto Cuppone Vito Pandolfi e la Commedia dell Arte Dall Arlecchino furioso all Isabella pietosa

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Roberto Cuppone Vito Pandolfi e la Commedia dell Arte Dall Arlecchino furioso all Isabella pietosa"

Transcript

1 A10

2

3 Roberto Cuppone Vito Pandolfi e la Commedia dell Arte Dall Arlecchino furioso all Isabella pietosa con i copioni inediti La fiera delle maschere di Vito Pandolfi, Luigi Squarzina, Luciano Salce Isabella comica gelosa di Vito Pandolfi e Franco Enriquez Introduzione in forma di lettera di Marco Martinelli

4 Copyright MMXV Aracne editrice S.r.l. via Raffaele Garofalo, 133/A B Roma (06) ISBN I diritti di traduzione, di memorizzazione elettronica, di riproduzione e di adattamento anche parziale, con qualsiasi mezzo, sono riservati per tutti i Paesi. Non sono assolutamente consentite le fotocopie senza il permesso scritto dell Editore. I edizione: aprile 2015

5 All Innamorata che non amava le maschere: a mia madre

6

7 Indice 9 Nota 11 Introduzione in forma di lettera di Marco Martinelli Vito Pandolfi e la Commedia dell Arte 19 La parabola di Vito Tra la fiera e la forca, 21 Benedetto Croce, atto quarto, 24 Dagli Stracci all hellzapoppin, 28 Il ritorno alla Maschera, 32 Un Indiana Jones degli archivi, 37 Les enfants du paradis, 41 Dall Arlecchino furioso all Isabella pietosa, Arlecchino furioso (le maschere vanno in fiera) Undici progetti per La fiera delle maschere (FdM), 50 Vito, Luigi e le poltrone rosa, 78 Milano vs Roma, 82 Via dal rovello, fermo posta Hiroshima, 85 Praga, Venezia e il viaggio finisce, 87 La montagna e il topolino, Isabella pietosa (le maschere scampano alla forca) Gracia, gracia, 97 La pagina (Roma ), 101 La piazza (San Gimignano 1959), 104 Il palazzo (Mantova 1961), 108 Il teatro (Vicenza 1971), 111 Infine, la corte (Torino 1971), 116 Carrozza o carrozzone?, La fiera delle maschere I testi La fiera delle maschere Commedia dell Arte in due tempi a cura di Vito Pandolfi, Luigi Squarzina e Luciano Salce, 127 Due recensioni praghesi,

8 8 Indice 179 Isabella comica gelosa Isabella comica gelosa Rappresentazione sui motivi della Commedia dell Arte di Giuseppe Dessì e Augusto Frassineti da un racconto di Vito Pandolfi, Isabella comica gelosa Isabella comica gelosa di Franco Enriquez, Vito Pandolfi, Spettacoli Teatro, 263 Cinema, Bibliografia 299 Vita VP handbook Bibliografia non periodica, 278 Articoli di interesse per la CDA, 282 La Commedia dell Arte. Storia e testo, indice analitico, 283 Tavola cronologica delle collaborazioni a periodici, 288 Su Pandolfi, 289 Convegni, mostre, 293 Siti, 293 Rassegna stampa de La fiera delle maschere, 293 Rassegna stampa de Isabella comica gelosa, Ringraziamenti

9 Nota Il capitolo Arlecchino furioso (le maschere vanno in fiera) aggiorna e integra i saggi Servitù o fierezza? Genesi della Fiera delle maschere di Vito Pandolfi, in FEDERICA NATTA (a cura di), Teatro e teatralità a Genova e in Liguria. Drammaturghi, registi, scenografi, impresari e organizzatori, Bari, Edizioni di Pagina, 2012, pp ; e Squarzina comico della strada. Dalla compagnia sociale al circo della storia, in PAOLO PUPPA, MARIA IDA BIGGI (a cura di), Luigi Squarzina studioso, drammaturgo e regista teatrale (Venezia, Fondazione Giorgio Cini, 4-6 ottobre 2012), Roma, Scienze e Lettere (Accademia Nazionale dei Lincei, Fondazione Giorgio Cini), 2013, pp Il capitolo Isabella pietosa (le maschere scampano alla forca) aggiorna il saggio Isabella, mater dolorosa, in FEDERICA NATTA (a cura di),teatro e teatralità a Genova e in Liguria, Bari, Edizioni di Pagina, 2014, pp Nel corso del testo si danno le abbreviazioni: Commedia dell Arte (seguito da volume, n. romano, e pagine, n. arabo), per Vito Pandolfi, La Commedia dell Arte. Storia e testo, Firenze, Sansoni Antiquariato, , 6 voll.; ASAC, per Archivio Storico delle Arti Contemporanee della Fondazione Biennale di Venezia; Certaldo, per Biblioteca Comunale Bruno Ciari di Certaldo, Fondo Pandolfi; CMBA, per Civico Museo e Biblioteca dell Attore di Genova, Fondo Pandolfi; Archivio Squarzina, per Fondazione Gramsci di Roma, Archivio Luigi Squarzina. 9

10

11 Introduzione in forma di lettera di Marco Martinelli Caro Roberto ho appena finito di leggere il tuo libro su Pandolfi, e ti scrivo di getto, per l emozione autentica e grata che mi ha procurato la lettura. Emozione nel ripercorrere, a distanza ormai di parecchi anni, la vita strana e inquieta e feconda di Ribelle Libero Bruno (questo era il nome voluto dai genitori, attivisti socialisti, nome che poi il fascismo censurò), vita che tu fotografi scegliendo due inquadrature fondamentali, due emblemi, Arlecchino e Isabella, utilizzando un gioco di specchi molto efficace tra tempi e ambienti diversi, la fiera e la forca. Emozione che mi riporta ai primi anni Ottanta, quando ancora non c erano le Albe, io e Ermanna eravamo sposati dal 77, avevamo dato vita ai primi gruppi, ai primi scombinati tentativi, erano gli anni del nostro apprendistato, e io provavo a laurearmi a Bologna con Claudio Meldolesi che, pazientemente, dopo avermi visto iniziare e naufragare diverse volte col percorso di tesi (da Kantor al circo, dall utopia concreta di Ernst Bloch alla sacra rappresentazione medievale), quasi si impose, con la sua autorevole delicatezza, e mi instradò sulla monografia di Pandolfi, regista che lui andava mettendo a fuoco in quel periodo per riproporlo all attenzione del teatro italiano, per tirarlo fuori dall oblìo. Erano gli anni in cui andavo a Roma, a casa di Paola Faloja, a mettere le mani in quello che Meldolesi aveva battezzato archivio Pandolfi, che all epoca non era che una stanzetta di libri e documenti in un appartamento accanto al Sistina. Frugavo tra quelle carte sepolte, e ricordo bene la gioia che mi provocavano le scoperte da archeologo dilettante, quando mi imbattevo in un biglietto di Pasolini, in una corrispondenza con Moravia o con il giovane Scabia. Erano gli anni della preistoria delle Albe: e in quel nostro maturare, la figura eccentrica dello studioso regista scomparso pochi anni prima (nel 74) prendeva il suo spazio e ci parlava, seguendo i suoi sogni di legare l avanguar- 11

12 12 Introduzione in forma di lettera dia alla tradizione, Arlecchino alla bomba atomica, la visionarietà di Artaud alla polis intravista da Brecht, situando l attore al centro della scena, non come semplice interprete, ma come organismo pulsante, autore di un fare scenico in cui sfrenare la vita. Ci colpiva quel suo cammino sofferente, tra nervose solitudini e tensione alla solidarietà, quel suo essere un alchimista di vissuti teatrali, come tu scrivi, con una definizione più che azzeccata. Insieme a Meldolesi decidemmo di sviluppare la tesi come il percorso di una vita nel teatro, per un duplice ordine di motivi: perché, da un lato, all epoca non esisteva ancora una biografia di Pandolfi, dall altro perché a me quella vita sembrava quasi un romanzo: In solitudine vitae, così si intitolava un romanzo della madre di Vito, Ada Provera, femminista ante litteram, e quel titolo ben si prestava come emblema di tutta l esistenza, zoppicante e appassionata, del figlio regista. Nell attraversarla, tanti fatti mi avevano colpito, al di là degli spettacoli, come per esempio il suo impegno e il suo coraggioso esporsi nella Resistenza partigiana: ma la vicenda su cui forse riuscii a far emergere aspetti nuovi, e che forse fu anche un po utile a Meldolesi per quel capolavoro che è poi stato il suo Fondamenti del teatro italiano, fu la vicenda del rapporto con i fondatori del Piccolo Teatro, Grassi e Strehler. Fu scoprire che Pandolfi stesso era, in un primo momento, tra i fondatori del Piccolo, e che poi brutalmente venne fatto fuori. Quel suo cercare un repertorio di straordinaria attualità, quel suo amore per lo scavo in profondo, dove Pulcinella era in relazione con Dioniso fin dalle prime prove, quel suo armeggiare attorno al fondo indifferenziato e buio dell umano, quel suo guardare a Mejerchold e Piscator per rivoluzionare i testi per scoprirne il tessuto sociale : tutto questo era troppo, per i suoi compagni di viaggio, gli stessi d altronde che vedevano in lui il regista più bravo della sua generazione: tu rappresenti il nostro nuovo teatro, la nostra moralità, il nostro mondo di uomini 1947, gli scriveva Strehler, appena due settimane prima dell aut aut che fece uscire Pandolfi. Ma quella vicenda mi intristiva! Nella mia ingenuità di allora, pensavo che Grassi e Strehler avrebbero avuto un tornaconto estetico e culturale e politico a non dividersi da quel loro compagno così esigente, che la diversità di visioni, tra compagni, fosse un valore da esaltare. Non che oggi io sia meno ingenuo... spero di essere almeno rimasto limpido... ma questi tre decenni di vita nel teatro mi hanno

13 Introduzione in forma di lettera 13 fatto vedere che la durata delle relazioni e la solidarietà tra i teatranti è un bene assai raro. Ma c era anche un altro motivo di tristezza: Strehler era stato la miccia che mi aveva infiammato, che mi aveva mostrato la potenza della visione teatrale, quando a 16 anni, dal loggione del Teatro Alighieri a Ravenna, avevo visto il suo Lear. Quando ancora non sapevo dell esistenza di Barba e Grotowski, di Majakovski e del Living, di Leo e Carmelo. Possibile che l artista che mi aveva convertito al teatro, fosse lo stesso che delegava a Grassi il compito di accantonare un intellettuale nevrotico e estremista come Pandolfi? Poi sono nate le Albe: e certi semi piantati in profondo devono aver lavorato bene, nell oscurità umida della terra, perché uno dei nostri nodi di pensiero fu da subito il rapporto con la Commedia dell Arte, con il fantasma della Tradizione: e alla Commedia dell Arte non ci indirizzava solo quel Mejerchold che avevamo cominciato a conoscere e che portavamo cripticamente nel nome (all inizio ci chiamavamo Albe di Verhaeren, come lo spettacolo, titolo e autore, con cui il regista russo aveva inaugurato il Teatro della Rivoluzione nel 1920), ma anche il sentimento di una tradizione che fin dall inizio non percepivamo come museo, ma come un fantasma in rapporto vivo, urticante, con la contemporaneità. E per quanto il vedere a teatro il Servitore di due padroni di Strehler fosse un piacere innegabile, piacere del gesto comico, piacere della festosità del gioco scenico, era altrettanto innegabile che la Tradizione ci chiedeva di più: e quel di più lo avevamo intravisto anche nelle inquietudini di Pandolfi. Non tanto nel lavoro dello studioso della Commedia dell Arte, ma nelle imprese diseguali del regista, prima tra tutte quella Fiera delle maschere, realizzata a Praga nel 47, dopo che era malamente uscito dalla vicenda del Piccolo. Lì avrebbe potuto prendere forma il suo sogno di un gruppo, una compagnia di ventenni di talento pronti a non essere solo interpreti funzionali, ma a caricarsi della responsabilità e del piacere di essere attori autori. Lo ricostruisci molto bene nel tuo libro: quella sfilza di scalette, di approcci continui, di approssimazioni, di scritture a strati che alla fine arrivano a disporsi in testo, sono una modalità di lavoro che ben conosciamo, in cui regia e creazione del testo procedono di pari passo, in relazione alchemica. Quella visione non ebbe seguito, lo sappiamo, quell inizio non trovò il modo di farsi utopia concreta. Ma appunto la questione torna lì: il seme, la terra in cui cade. Certi semi, se buoni, possono conservarsi anche decenni in una scatola, finché

14 14 Introduzione in forma di lettera un giorno, piantati nella terra fertile e nutriti d acqua e calore, non sbocceranno in tutta la loro prorompente vitalità. E che cos è la Storia del Teatro se non una scatola buia che può conservare i semi buoni? Così che quando nel 1993 insieme al Tam Teatromusica costruimmo I ventidue infortuni di Mor Arlecchino, dove lo Zanni bergamasco si faceva immigrato senegalese, Pandolfi ce l avevamo ben presente. Anche se noi all epoca non ne facemmo menzione, quel tentativo pandolfiano era ben presente in noi. E il nostro Mor Arlecchino veniva bruciato in un camino alla fine del secondo atto per poi rinascere nel terzo, come alla fine della Fiera: anche lì Arlecchino e Colombina, dopo aver parlato all umanità del dopo Auschwitz, muoiono e poi risorgono, rinnovano il canto festoso, eterno della vita. Ma è curioso come i fili dell arazzo siano tra loro intrecciati e arruffati e sovrapposti, come la vita sia il romanziere più astuto. Alla fine del 97 arrivammo al Piccolo con I ventidue infortuni, e proprio nella sala storica di via Rovello, quella che aveva visto nascere il modello strehleriano. Che era come l entrata degli eretici nel tempio, per alcuni un oltraggio annunciato: cosa ci faceva un africano, un clown della savana, che abusivamente portava il nome e i cenci colorati di una maschera italiana, cosa ci faceva nel tempio della cultura teatrale? Sta di fatto che interrompemmo addirittura una replica, perché un idiota (non un fan di Soleri, ovvio, probabilmente un leghista scandalizzato) aveva telefonato dicendo che c era una bomba in platea, arrivò perfino una volante della polizia per un controllo. L eresia era palese, per i mitografi padani addirittura insopportabile, ma ce n era anche un altra, meno evidente, nascosta in un curioso, invisibile risarcimento della storia: quel nostro portare al Piccolo un sussulto di fame vera, un buffone che sembrava danzare con la pancia, un griot che riportava in vita la selvatichezza degli zanni della prima Commedia dell Arte, quelli che non indossavano la maschera ma si tingevano il viso di nero col carbone, quegli stranieri che parlavano lingue incomprensibili e impaurenti, significava anche portare su quel palco l irrequietezza di Vito, di quel Pandolfi che si rifiutò di mettere in scena Il servitore goldoniano, lasciandolo a Strehler, per andare, cocciuto, a fare la sua Fiera a Praga, quel serraglio di ribelli moderni che tu ci rimetti davanti agli occhi con maestria di storico. Un fallimento, se confrontato col viaggio trionfale nel mondo dell altro Arlecchino. Ripensai a quel fallimento proprio in quei giorni al Piccolo. Arrivam-

15 Introduzione in forma di lettera 15 mo in teatro la mattina del 9 dicembre, debutto la sera stessa. Mentre i tecnici allestivano la scena, andai a parlare con Dolores dell Ufficio Stampa per gli inviti della prima. Quella cui assistetti fu una scena comica e malinconica: dopo 50 anni il Piccolo sbaraccava, gli uffici venivano trasferiti nella nuova sede. A Dolores, mentre mi elencava i nomi dei critici presenti in serata, veniva tolta la scrivania da sotto il naso: alle altre impiegate andava peggio, i facchini del trasloco gli rubavano le sedie da sotto, con una velocità e un tempismo da Fratelli Marx. Dopo essere stato per mezzo secolo la casa di un regista, il Piccolo si svuotava. Seppi poi che proprio quella mattina Strehler aveva voluto fare un ultima riunione nel suo ufficio di direttore in via Rovello. La stanza era vuota, i collaboratori fecero presente che i materiali necessari per l incontro erano stati trasferiti nella nuova sede, ma il Maestro fu irremovibile: presero le poche sedie necessarie, e la riunione ebbe luogo lì. Consegnai all autista di Strehler una lettera di invito per il Maestro, dove gli raccontavo che il primo spettacolo che mi aveva fatto saltare sulla sedia era stato proprio il suo Re Lear. In serata, poco prima dell inizio dello spettacolo, Rosanna Purchia mi portò la sua breve, calorosa risposta: Caro Marco, verrò a vedere il tuo Arlecchino. Di per se stessa la tua è stata una grande idea teatrale. E non solo. Vi auguro tutto il successo che meritate. Non venne, stava finendo le prove di Così fan tutte al Nuovo Piccolo: ma nel dirmi quelle poche, gentili parole, a pochi giorni dalla morte, il Maestro senza saperlo rendeva omaggio a quel suo amico irrequieto di 50 anni prima, che aveva ostinatamente cercato di strappare alla Tradizione il suo segreto, quel non solo che la fa vibrare nel buio. C è un altra tua considerazione che mi sono segnato, che mi scuote: L intento di Vito non è mai stato lavorare sulla fine della Commedia dell Arte, ma sul suo inizio. È l alba, è il giorno che riparte, è l ostinato andare incontro alla luce, è il fare nuove tutte le cose, è l ostinata pazienza di restare sempre impazienti, è il guardare al Passato come una forza che ci spinge, è un scegliersi gli antenati, che non sono tutti uguali, anche il scegliere santi eretici per il proprio calendario è un gesto che qualifica il nostro Presente. È un interrogare le ombre, che come scriveva Pandolfi in Spettacolo del secolo, tacciono: non si può che evocarle per un istante. Il segreto sarà solo nostro, non potremo trovarlo che noi: vivrà a un tratto sul palcoscenico per ragioni profondamente reali, per quanto non ancora riconosciute. Per cause logiche

16 16 Vito Pandolfi e la Commedia dell Arte che stanno alla radice del tempo, nelle circostanze materiali che lo provocano. E quando tu alla fine racconti che alla forma teatro stabile (una volta approdato, nella maturità, alla direzione dello stabile romano, provò a depennare quell aggettivo, e non vi riuscì) aveva sempre preferito il carro di Tespi, chissà se anche questo non abbia agito per via inconscia su di noi quando, fondando Ravenna Teatro nel 91, ci siamo autodefiniti stabile corsaro. Forse che gli sarebbe piaciuta la definizione, a Libero Ribelle Bruno? Ti abbraccio forte Marco

17 VITO PANDOLFI E LA COMMEDIA DELL ARTE

18

19 La parabola di Vito Pandolfi viveva il dramma del teatro, viveva intensamente il teatro come mito, un mito in cui l uomo si risolve [... ] e quindi un teatro in un certo modo sacro [... ] Sempre di più trovò difficoltà a trovare una risposta a questa esigenza così alta e quindi cominciò a ripiegare sulla storia del teatro, divenne uno storico, perché lì almeno era libero di frugare, di cercare questo teatro visionario, di cercarlo nei copioni del teatro della Commedia dell Arte (Toti Scialoja) 1 In generale, nel quadro di un riassestamento storico e teorico del cosiddetto romanzo della regia 2 in Italia, Vito Pandolfi ha avuto nell ultimo quarto di secolo una significativa progressione di risarcimenti biografici. In primis da Claudio Meldolesi, i cui Fondamenti 3 sono ormai un imprescindibile riferimento per capire cosa sia stata la Regia italiana, pesi e misure; quindi dal suo allievo e regista Marco Martinelli 4, che 1. In ANDREA MANCINI (a cura di), Vito Pandolfi: i percorsi del teatro popolare, Bologna, Nuova Alfa Editoriale, 1990, p Se si assume qui il titolo del saggio di LUIGI SQUARZINA (Il romanzo della regia. Duecento anni di trionfi e sconfitte, Pacini, Pisa, 2005; il cui senso struggente e autobiografico del resto l autore aveva già annunciato nella sua Prefazione a VITTORIO GASSMAN, LUCIANO SALCE, L educazione teatrale, a cura di G. GAMBETTI ed E. SALCE, prefazione di L. SQUARZINA, Gremese, Roma, 2004; ma ) è proprio per far riferimento a un modo protagonistico di raccontare la genesi della Regia italiana, che oggi non si può non integrare con il racconto di esperienze minoritarie o istituzionalmente meno vincenti. 3. CLAUDIO MELDOLESI, Fondamenti del teatro italiano, Sansoni, Firenze, 1984; già preceduti fa l altro da ID., Vito Pandolfi: teatro e clandestinità, Scena, aprile 1978; e ID.; I teatri possibili di Vito Pandolfi, Quaderni di Teatro, V, 18, novembre 1982, pp MARCO MARTINELLI, Vito Pandolfi: percorsi irregolari nel teatro del dopoguerra, tesi di laurea, Università di Bologna, Facoltà di Lettere Moderne, relatore C. Meldolesi, a. a ; parzialmente riproposta come ID., In solitudine vitae. Una biografia teatrale, in A. MANCINI (a cura di), Teatro da quattro soldi: Vito Pandolfi regista, Bologna, Nuova Alfa, 1990, pp

20 20 Vito Pandolfi e la Commedia dell Arte racconta per primo la biografia di Vito In solitudine vitae e in particolare il mobbing da lui subito a opera del nascente Piccolo di Milano 5 ; poi ancora da Dario Evola, inteso piuttosto ad apprezzare la sua militanza critica e L utopia propositiva 6 ; infine soprattutto dal grande lavoro editoriale di Andrea Mancini 7, che, oltre ad alcuni inediti e a un importante repertorio bibliografico, riunisce per la prima volta le più significative testimonianze dirette e indirette su Vito 8. Quanto poi allo specifico del rapporto di Vito con la Commedia dell Arte (ma non in generale con la CDA 9, qui piuttosto in esame), si aggiungono infine gli autorevoli 5. Si allude al celebre rifiuto di dirigere il Servitore di due padroni: v. qui avanti Arlecchino furioso (le maschere vanno in fiera). 6. DARIO EVOLA, L utopia propositiva di Vito Pandolfi. Teatro, cinema, televisione in Italia dagli anni trenta agli anni cinquanta, Roma, Bulzoni, 1991; già tre anni prima tesi di Dottorato in Discipline dello Spettacolo, Università di Torino, Genova e Roma La Sapienza, a. a , relatore Guido Aristarco. 7. Fra 1989 e 1990 Mancini, con il contributo del Comune di Certaldo e di vari sponsor istituzionali toscani, organizza eventi a tema che danno luogo a tre principali pubblicazioni: A. MANCINI (a cura di), Vito Pandolfi: i percorsi del teatro popolare, cit.; quindi ID. (a cura di), Teatro da quattro soldi, cit., e ID. (a cura di), Toti Scialoja scenografo: teatro da quattro soldi, scritti di GIOVANNI CARANDENTE ET AL., Bologna, Nuova Alfa, [1990], cataloghi della mostra Teatro da quattro soldi: Vito Pandolfi regista, Toti Scialoja scenografo, Palazzo Pretorio di Certaldo, 12 maggio 30 settembre 1990; a distanza di qualche anno curerà ancora il significativo ROBERTO GUICCIARDINI, A. MANCINI, Un albero in mezzo al Prato intorno al quale ballare. Teatro popolare, Teatro pubblico nella Toscana del dopoguerra da Vito Pandolfi al Gruppo della Rocca, Pisa, Titivillus, 2005 (in occasione della mostra Teatro popolare, Teatro pubblico nella Toscana del dopoguerra da Vito Pandolfi al Gruppo della Rocca, San Gimignano, 7 dicembre febbraio 2006). 8. Quelle di Toti Scialoja, Mario Verdone, Luciano Lucignani, Luigi Squarzina, Bruno Schacherl, Andrea Bosic, Carla Bizzarri, Virginio Puecher, Marcello Sartarelli, Giovanni Galloni, Mario Guidotti, Barbara De Miro, Eugenio Buonaccorsi, Maricla Boggio, Marco Martinelli; e al contempo i contributi di Paolo Puppa, Claudio Meldolesi, Lamberto Trezzini, Bruno Schacherl, Paolo Emilio Poesio, Roberto Tessari, Ettore Capriolo, Stefano De Matteis, David Maria Turoldo, Guido Aristarco, Carlo Lizzani, Mario Guidotti, Giuliano Scabia, Ugo Chiti; mancano all appello forse solo tre laureati d eccezione di Pandolfi: Mara Fazio, Massimo Castri e Cesarina Vighi. 9. Si ripropone qui la distinzione lessicale fra il fenomeno storico (la cosiddetta Commedia dell Arte, appunto, che, come si sa, finché durò non portò neppure mai questo nome) e l idea otto novecentesca che ne seguì, fra Romanticismo e avanguardie (CDA); per la lunga gestazione di questa utopia e il suo retroattivo e talvolta equivoco sovrapporsi al fenomeno storico, si vedano la ricostruzione e i successivi aggiornamenti in R. CUPPONE, Le Théâtre de Nohant (L invenzione della Commedia dell Arte; George Sand, Maurice Sand, Théâtre inédit, documents et dessins), C.I.R.V.I., Torino, 1998, 2 voll.; ID., CDA. Il mito della Commedia dell Arte nell Ottocento francese, Roma, Bulzoni, 2000; ID., Commento a CARLO GOLDONI, La cameriera brillante, Venezia, Marsilio, 2002; e ID. Masques et papillons. L equivoco di Maurice Sand, entomologo, in Revue des Études Italiennes, nouvelle série, t. 53, nn.

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi

Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) a cura di Italo Zannier. Savignano SI FEST 2014. di Marcello Tosi Tredici fotografi per un itinerario pasoliniano (e altre storie) Savignano SI FEST 2014 a cura di Italo Zannier di Io sono una forza della natura.. Io sono una forza del Passato. Solo nella tradizione

Dettagli

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti

Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO: L attore alla scoperta del proprio Clown. di Giovanni Fusetti Giovanni Fusetti racconta il ruolo del Clown nella sua pedagogia teatrale Articolo apparso sulla rivista del Piccolo Teatro Sperimentale della Versilia Parte Prima: DALL MASCHERA NEUTRA AL NASO ROSSO:

Dettagli

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale.

Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Vite a mezz aria Ogni riferimento a fatti realmente accaduti e/o a persone realmente esistenti è da ritenersi puramente casuale. Giuseppe Marco VITE A MEZZ ARIA Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright

Dettagli

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama

Adorazione Eucaristica. Dio ci ama Adorazione Eucaristica a cura di Don Luigi Marino Guida: C è un esperienza che rivela il potere unificante e trasformante dell amore, ed è l innamoramento, descritto in modo splendido nel Cantico dei Cantici.

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di

Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di 1 Celebrazione del 50 anniversario di matrimonio di N. e N. 2 Celebrare un anniversario non significa rievocare in modo nostalgico una avvenimento del passato, ma celebrare nella lode e nel rendimento

Dettagli

El valor de ser padre y de ser madre -----

El valor de ser padre y de ser madre ----- El valor de ser padre y de ser madre ----- San Luis, 27 de Octubre 2012 Vengo da un continente dove esiste una vera crisi della paternità. La figura del padre non è molto precisa, la sua autorità naturale

Dettagli

Dov eri e cosa facevi?

Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Produzione libera 15 marzo 2012 Livello B1 Dov eri e cosa facevi? Funzioni comunicative Descrivere, attraverso l uso dell imperfetto, azioni passate in corso di svolgimento. Materiale

Dettagli

2. Fabula e intreccio

2. Fabula e intreccio 2. Fabula e intreccio Abbiamo detto che un testo narrativo racconta una storia. Ora dobbiamo però precisare, all interno della storia, ciò che viene narrato e il modo in cui viene narrato. Bisogna infatti

Dettagli

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso

Commento al Vangelo. Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione. fra Luca Minuto. Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Commento al Vangelo Domenica 1 giugno 2014 - Ascensione fra Luca Minuto Parrocchia Madonna di Loreto Chivasso Dal Vangelo secondo Matteo In quel tempo, gli undici discepoli andarono in Galilea, sul monte

Dettagli

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI

CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI CAPITOLO 2 GLI AGGETTIVI A. LEGGETE IL SEGUENTE BRANO E SOTTOLINEATE GLI AGGETTIVI La mia casa ideale è vicino al mare. Ha un salotto grande e luminoso con molte poltrone comode e un divano grande e comodo.

Dettagli

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione.

Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. Per una città governabile. Nuove metodologie di lavoro per gestire la complessità e la partecipazione. MICHELE EMILIANO Sindaco del Comune di Bari 12 maggio 2006 Innanzitutto benvenuti a tutti i nostri

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

PRONOMI DIRETTI (oggetto)

PRONOMI DIRETTI (oggetto) PRONOMI DIRETTI (oggetto) - mi - ti - lo - la - La - ci - vi - li - le La è la forma di cortesia. Io li incontro spesso. (gli amici). Non ti sopporta più. (te) Lo legge tutti i giorni. (il giornale). La

Dettagli

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso

Enrico Fontana. L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi. Prefazione di Massimiliano Manzetti. Presentazione di Nicola Rosso A09 Enrico Fontana L Health Technology Assessment applicato ai Sistemi informativi Prefazione di Massimiliano Manzetti Presentazione di Nicola Rosso Copyright MMXV ARACNE editrice int.le S.r.l. www.aracneeditrice.it

Dettagli

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO?

TELEFONO AZZURRO. dedicato ai bambini COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? COS E IL BULLISMO? IL BULLISMO? 1 Ehi, ti e mai capitato di assistere o essere coinvolto in situazioni di prepotenza?... lo sai cos e il bullismo? Prova a leggere queste pagine. Ti potranno essere utili.

Dettagli

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento.

DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico. L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento. DIOCESI DI TORTONA Ufficio Catechistico L avventora!!! Sussidio per l accompagnamento di bambini e ragazzi nel tempo d Avvento Anno 2014 (B) E nato per tutti; è nato per avvolgere il mondo in un abbraccio

Dettagli

OGGETTO Proposta Spettacoli

OGGETTO Proposta Spettacoli O n a r t s d i Soc.Coop.Artemente Via Ronchi 12, Ca tania Fax 095.2935784 Mobile 320 0752460 www.onarts.net - info@onarts.net OGGETTO Proposta Spettacoli Con la presente siamo lieti di presentarvi le

Dettagli

ISERNIA. Il ponte ferroviario

ISERNIA. Il ponte ferroviario ISERNIA Caparbia, questo sembra Isernia: quanta determinazione dev essere costato far arrivare il treno nella parte alta della città, quanta opera di convincimento per ottenere un viadotto così grandioso

Dettagli

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori

Dalla lettura di una poesia del libro di testo. Un ponte tra i cuori 1 Dalla lettura di una poesia del libro di testo Un ponte tra i cuori Manca un ponte tra i cuori, fra i cuori degli uomini lontani, fra i cuori vicini, fra i cuori delle genti, che vivono sui monti e sui

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO

IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO IL DIALOGO NELL ARTE - L ARTE DEL DIALOGO P. F. Fumagalli, 31.10.2104 Il Dialogo è una componente essenziale dell essere umano nel mondo, in qualsiasi cultura alla quale si voglia fare riferimento: si

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Fondazione Teatri delle Dolomiti

Fondazione Teatri delle Dolomiti Fondazione Teatri delle Dolomiti REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE D USO DEL TEATRO COMUNALE DI BELLUNO Il presente Regolamento disciplina le modalità di fruizione del Teatro Comunale da parte di terzi approvato

Dettagli

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE

PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE PICCOLA GUIDA ALLE OPERE DELLA SALA CONSULTAZIONE La Sala consultazione della Biblioteca Provinciale P. Albino è organizzata secondo il principio dell accesso diretto da parte dell utenza al materiale

Dettagli

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro

Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Intenzione dell autore - Riflessioni e problematiche suggerite dal libro Il romanzo Tra donne sole è stato scritto da Pavese quindici mesi prima della sua morte, nel 1949. La protagonista, Clelia, è una

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Insieme con gli altri nella città degli uomini. La lezione di Bruno Schettini. di Rocco Pititto

Insieme con gli altri nella città degli uomini. La lezione di Bruno Schettini. di Rocco Pititto Insieme con gli altri nella città degli uomini La lezione di Bruno Schettini di Rocco Pititto Brevi vivens tempore, explevit tempora multa Sap 4,13 1. Tra biografia e storia: il profilo umano di uno studioso

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi

Scuola fiorentina. Figura 1: Scuola del Cuoio nel 1950. Figura 3: Il corridoio della Scuola del Cuoio nel 1950 ed oggi La Scuola del Cuoio è stata fondata dopo la Seconda Guerra Mondiale grazie alla collaborazione dei Frati Francescani Minori Conventuali della Basilica di Santa Croce e delle famiglie Gori e Casini, artigiani

Dettagli

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei

Allegato A. Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei Allegato A Il profilo culturale, educativo e professionale dei Licei I percorsi liceali forniscono allo studente gli strumenti culturali e metodologici per una comprensione approfondita della realtà, affinché

Dettagli

Come si fa un giornale

Come si fa un giornale Come si fa un giornale COME SI FA UN GIORNALE dall idea alla distribuzione Un giornale è una struttura complessa composta da un gruppo di persone che lavorano insieme che chiameremo LA REDAZIONE Al vertice

Dettagli

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.)

GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) GUIDA AL DEPOSITO E ALLA REGISTRAZIONE DELLE OPERE NEL REGISTRO PUBBLICO GENERALE DELLE OPERE PROTETTE (R.P.G.) (A cura di Barbara Limonta e Giulia Scacco) INDICE Introduzione pag. 3 Efficacia della registrazione

Dettagli

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO

LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO LING RACCONTA IL SUO VIAGGIO Sono arrivata in Italia in estate perché i miei genitori lavoravano già qui. Quando ero in Cina, io e mia sorella Yang abitavamo con i nonni, perciò mamma e papà erano tranquilli.

Dettagli

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita

ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014. Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita ARCIDIOCESI DI GENOVA - ANNO PASTORALE 2013-2014 Essere genitori: trasmettere la fede ed educare alla vita 6 ESSERE GENITORI: TRASMETTERE LA FEDE ED EDUCARE ALLA VITA "I genitori di Paola, 10 anni, sono

Dettagli

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA

CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA CORO VALCAVASIA Cavaso del Tomba (TV) CONCERTO/ SPETTACOLO MUSICALE SULLA GRANDE GUERRA chi siamo Il progetto sulla grande guerra repertorio discografia recapiti, contatti Chi siamo Il coro Valcavasia

Dettagli

BIANCOENERO EDIZIONI

BIANCOENERO EDIZIONI RACCONTAMI BIANCOENERO EDIZIONI Titolo originale: The Strange Case of Dr. Jekyll and Mr. Hyde, 1886 Ringraziamo Giulio Scarpati che ha prestato la sua voce per questo progetto. Consulenza scientifica al

Dettagli

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana

18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza italiana Edizione giugno 2014 IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 perchè diventare cittadini italiani?

Dettagli

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI

PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI PERCHÉ IL MONDO SIA SALVATO PER MEZZO DI LUI (Gv 3, 17b) Ufficio Liturgico Diocesano proposta di Celebrazione Penitenziale comunitaria nel tempo della Quaresima 12 1 2 11 nella lode perenne del tuo nome

Dettagli

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento

IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento Scritture di movimenti Autori bambine e bambini dai 5 ai 6 anni IL CORPO E LA SUA DANZA Primo percorso di formazione per atelieristi del movimento IL CORPO E LA SUA DANZA Incontri di studio per la formazione

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

7ª tappa È il Signore che apre i cuori

7ª tappa È il Signore che apre i cuori Centro Missionario Diocesano Como 7 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Aprile 2009 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 7ª tappa È il Signore che apre

Dettagli

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti,

Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, Le classi 4^A e B di Scarperia hanno richiesto e partecipato al PROGETTO CLOWN. L esperienza, che è stata ritenuta molto positiva dalle insegnanti, si è conclusa con una lezione aperta per i genitori.

Dettagli

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco

ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco ACCENDI UNA LUCE IN FAMIGLIA Preghiera nella comunità domestica in comunione con Papa Francesco Sul far della sera la famiglia si riunisce in casa per la preghiera. Ove fosse possibile si suggerisce di

Dettagli

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche:

IDEE DI RESISTENZA. Il progetto, nato per ricordare il 70 anno dalla Liberazione, parte da due considerazioni propedeutiche: PREMESSA Insignita della Medaglia d Argento al Valor Militare della Resistenza, Pistoia, al pari di altre città toscane, è stata teatro di avvenimenti tragici, la maggior parte dei quali intercorsi tra

Dettagli

Epidemiologia & Salute pubblica

Epidemiologia & Salute pubblica Epidemiologia & Salute pubblica a cura del Medico cantonale vol. VI nr. 3 La medicina non è una scienza esatta Con questo slogan il Dipartimento delle opere sociali è entrato nelle case dei ticinesi. L

Dettagli

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto

Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Metodi e strategie per la redazione di una tesi di dottorato in diritto comparto Elena Sorda Con le note del Prof. G. Rolla Premessa Questo breve scritto nasce dall idea, espressa dal Prof. Rolla, di individuare

Dettagli

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav

ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA. Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni. Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Matite italiane ENCICLOPEDIA DELLA FAVOLA Fiabe di tutto il mondo per 365 giorni Raccolte da Vladislav Stanovsky e Jan Vladislav Edizione italiana a cura di Gianni Rodari Editori Riuniti I edizione in

Dettagli

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può!

Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! Pag. 1/3 Viaggiare all estero in emodialisi con noi si può! (Articolo tratto da ALCER n 153 edizione 2010) Conoscere posti nuovi, nuove culture e relazionarsi con persone di altri paesi, di altre città

Dettagli

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201

PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA DE ACCESO A LA UNIVERSIDAD MAYORES DE 25 Y 45 AÑOS PRUEBA COMÚN PRUEBA 201 PRUEBA 2013ko MAIATZA MAYO 2013 L incontro con Guido Dorso Conobbi Dorso quando ero quasi un ragazzo. Ricordo che un amico

Dettagli

Fin dove andrà il clonaggio?

Fin dove andrà il clonaggio? Fin dove andrà il clonaggio? Mark Post, il padrone della sezione di fisiologia dell Università di Maastricht, nei Paesi Bassi, ha dichiarato durante una conferenza tenuta a Vancouver, in Canada, che aveva

Dettagli

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS

DA CHE PARTE STARE. dagli 11 anni ALBERTO MELIS PIANO DI LETTURA dagli 11 anni DA CHE PARTE STARE ALBERTO MELIS Illustrazioni di Paolo D Altan Serie Rossa n 78 Pagine: 144 Codice: 566-3117-3 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTORE Alberto Melis, insegnante,

Dettagli

5ª tappa L annuncio ai Giudei

5ª tappa L annuncio ai Giudei Centro Missionario Diocesano Como 5 incontro di formazione per commissioni, gruppi e associazioni missionarie 3 anno Febbraio 09 Paolo: la Parola di Dio non è incatenata 5ª tappa L annuncio ai Giudei Pagina

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013

DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI. Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 DISCORSO DEL SANTO PADRE FRANCESCO AI PARTECIPANTI AL CONGRESSO INTERNAZIONALE SULLA CATECHESI Aula Paolo VI Venerdì, 27 settembre 2013 Cari catechisti, buonasera! Mi piace che nell Anno della fede ci

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958)

Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone opere e di intensa carità. Papa Giovanni XXIII (28 dicembre 1958) NOTIZIARIO PARROCCHIALE Anno XC - N 8 dicembre 2012 - L Angelo in Famiglia Pubbl. mens. - Sped. abb. post. 50% Bergamo Natale del Signore: annuncio di unità e di pace su tutta la terra: tempo di buone

Dettagli

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes

Didattica per l Eccellenza. Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà. Romanae Disputationes Didattica per l Eccellenza Libertà va cercando, ch è sì cara L esperienza della libertà Romanae Disputationes Concorso Nazionale di Filosofia 2014-2015 OBIETTIVI DEL CONCORSO Il Concorso Romanae Disputationes

Dettagli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli

Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Tutti quelli che troverete, chiamateli Presentazione Decisamente stimolanti le provocazioni del brano di Matteo (22,1-14) che ci accompagnerà nel corso dell anno associativo 2013-2014: terzo

Dettagli

Nel ventre pigro della notte audio-ebook

Nel ventre pigro della notte audio-ebook Silvano Agosti Nel ventre pigro della notte audio-ebook Dedicato a quel po di amore che c è nel mondo Silvano Agosti Canti Nel ventre pigro della notte Edizioni l Immagine Nel ventre pigro della notte

Dettagli

---------------- Ufficio Stampa

---------------- Ufficio Stampa Ufficio Stampa Presentazione del libro TeatrOpera: Esperimenti Scenici di Maria Grazia Pani Concerto spettacolo con voce recitante, soprani, tenore e pianoforte 11 maggio 2015 Teatro Sociale ----------------

Dettagli

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO

CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO CONCORSO LETTERARIO NAZIONALE PER SCRITTORI EMERGENTI IL RACCONTO NEL CASSETTO - PREMIO CITTA DI VILLARICCA XII EDIZIONE ANNO 2014/15 REGOLAMENTO Art. 1 - L, con sede sociale in Villaricca (Napoli), alla

Dettagli

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA

SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA SCUOLA PRIMARIA DI MONTE VIDON COMBATTE CLASSE V INS. VIRGILI MARIA LETIZIA Regoli di Nepero Moltiplicazioni In tabella Moltiplicazione a gelosia Moltiplicazioni Con i numeri arabi Regoli di Genaille Moltiplicazione

Dettagli

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati

ITALIA / ITALIE e tra. a cura di Gabriele Dadati ITALIA / ITALIE e tra a cura di Gabriele Dadati direzione editoriale: Calogero Garlisi redazione: Eugenio Nastri comunicazione: Gabriele Dadati commerciale: Marco Bianchi realizzazione editoriale: Veronica

Dettagli

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo

Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo Che cosa è un museo: storia, finalità, organizzazione l ecomuseo La storia del museo Il Museo deriva il suo nome da quello delle Muse, personaggi della mitologia greca. Le Muse erano 9 ed erano figlie

Dettagli

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste

INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12. Un Mondo Di Feste INCONTRI e LABORATORI INTERCULTURALI per l anno scolastico 2011-12 Un Mondo Di Feste Proposta di progetto e preventivo economico a cura dell Area Intercultura della Cooperativa Sociale Apriti Sesamo. 1

Dettagli

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS

Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano l italiano in contesto L2 o LS MA IL CIELO È SEMPRE PIÙ BLU di Rino Gaetano Didattizzazione di Greta Mazzocato Univerisità Ca Foscari di Venezia Destinatari: adulti/giovani adulti di diversa provenienza linguistica e culturale che imparano

Dettagli

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto.

Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Conoscere per non avere paura. Capire che si può fare molto, ma non tutto. Accudire con attenzione e rispetto. Gentili congiunti, Questa piccola guida è stata creata per voi con l obiettivo di aiutarvi

Dettagli

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO

DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO DISCERNIMENTO NEL MEDIOEVO San Bernardo (1090-1153) Jean Gerson (1363-1429) S. Bernardo (1090-1153) Bernardo ha formato la sua saggezza basandosi principalmente sulla Bibbia e alla scuola della Liturgia.

Dettagli

Il paracadute di Leonardo

Il paracadute di Leonardo Davide Russo Il paracadute di Leonardo Il sogno del volo dell'uomo si perde nella notte dei tempi. La storia è piena di miti e leggende di uomini che hanno sognato di librarsi nel cielo imitando il volo

Dettagli

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro

Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Anno di produzione 2014 Tecnica mista su cartoncino Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 20 Titolo: Peccato che sia una puttana Dimensioni: 55 cm x 34,5 Costo: 2850 euro Tavola n. 30 Titolo: Presunte avventure di Lucrezia e Cesare Dimensioni: 50 cm x 35 cm Costo: 2625 euro Tavola

Dettagli

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione

John Dewey. Le fonti di una scienza dell educazione. educazione John Dewey Le fonti di una scienza dell educazione educazione 1929 L educazione come scienza indipendente Esiste una scienza dell educazione? Può esistere una scienza dell educazione? Ṫali questioni ineriscono

Dettagli

Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia

Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia Ottanta anni fa: la prima immagine televisiva in Italia Marzio Barbero e Natasha Shpuza 1. 80 anni fa E il 28 febbraio 1929 quando due ingegneri, Alessandro Banfi Nota 1 e Sergio Bertolotti Nota 2, riescono

Dettagli

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE

GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE GLI ITALIANI, IL DISAGIO EMOTIVO E LA SOLITUDINE un indagine demoscopica svolta da Astra Ricerche per Telefono Amico Italia con il contributo di Nokia Qui di seguito vengono presentati i principali risultati

Dettagli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli La realtà non è come ci appare carlo rovelli 450 a.e.v. Anassimandro cielo terra Anassimandro ridisegna la struttura del mondo Modifica il quadro concettuale in termine del quali comprendiamo i fenomeni

Dettagli

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti

Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Alcolismo: anche la famiglia e gli amici sono coinvolti Informazioni e consigli per chi vive accanto ad una persona con problemi di alcol L alcolismo è una malattia che colpisce anche il contesto famigliare

Dettagli

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE

CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA ALLE ARTI CHIAMATA ALLE SCIENZE CHIAMATA AL LAVORO 25 maggio 2015 San Michele all Adige 3 e 4 giugno 2015 Rovereto Progetto dell associazione culturale Artea di Rovereto in collaborazione con

Dettagli

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE

ALTRE PAROLE PER DIRLO. Diamo corpo e parola alla forza delle donne NOVEMBRE GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE 25 foto di Sophie Anne Herin GIORNATA INTERNAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA ALLE DONNE ALTRE PAROLE PER DIRLO Diamo corpo e parola alla forza delle donne Libere di scegliere Libere di desiderare Libere di

Dettagli

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia

MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia Master of Arts MA Lingua e Letteratura Italiane 90 crediti Programma di studi Approfonditi: prima materia 1. Descrizione generale del programma Il conseguimento del titolo di «Master of Arts in Lingue

Dettagli

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015

PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 PREMIO LETTERARIO LA GIARA 4 a EDIZIONE 2014-2015 REGOLAMENTO DEL PREMIO LETTERARIO LA GIARA PER I NUOVI TALENTI DELLA NARRATIVA ITALIANA 1) Il Premio fa capo alla Direzione Commerciale Rai, nel cui ambito

Dettagli

Painting by Miranda Gray

Painting by Miranda Gray Guarire le antenate Painting by Miranda Gray Questa è una meditazione facoltativa da fare specificamente dopo la benedizione del grembo del 19 ottobre. Se quel giorno avete le mestruazioni questa meditazione

Dettagli

Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia della coppia e i suoi percorsi affettivi

Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia della coppia e i suoi percorsi affettivi ISIPSÉ Istituto di Specializzazione Scuola di Psicoterapia in Psicologia Psicoanalitica del Sé e Psicoanalisi Relazionale presenta il convegno internazionale Soli eravamo e senza alcun sospetto... La psicoterapia

Dettagli

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA

2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA 2 GIUGNO 2013 FESTA DELLA REPUBBLICA Discorso del Prefetto Angelo Tranfaglia Piazza Maggiore Bologna, 2 giugno 2013 Autorità, cittadini tutti di Bologna e della sua provincia, un cordiale saluto a tutti.

Dettagli

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a

O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a O r a r e, e s s e r e a m i c i di c h i d a v v e r o c i a m a Ci situiamo Probabilmente alla tua età inizi ad avere chiaro chi sono i tuoi amici, non sempre è facile da discernere. Però una volta chiaro,

Dettagli

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno

MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE. HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno MAURIZIO ABBATI STRUMENTI UTILI PER CAMBIARE E MIGLIORARE HOUSE ORGAN AZIENDALE Guida alla creazione di un magazine interno Indice 01. 02. 03. I tipi di house organ Dall idea al progetto I contenuti A

Dettagli

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali

LA RICERCA DI DIO. Il vero aspirante cerca la conoscenza diretta delle realtà spirituali LA RICERCA DI DIO Gradi della fede in Dio La maggior parte delle persone non sospetta nemmeno la reale esistenza di Dio, e naturalmente non s interessa molto a Dio. Ce ne sono altre che, sotto l influsso

Dettagli

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA

12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE. Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA 12 ATTIVARE LE RISORSE DEL GRUPPO CLASSE Figura 1 OTTO STRATEGIE PER VALORIZZARE IL GRUPPO CLASSE COME RISORSA EDUCATIVA E DIDATTICA LE CARATTERISTICHE PEDAGOGICHE DEL GRUPPO CLASSE 13 1 Le caratteristiche

Dettagli

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008

18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 18, 21 febbraio, 5, 11, 18 marzo 2008 Informazioni generali Legge 22 aprile 1941, n. 633 più volte modificata modifiche disorganiche farraginosa in corso di revisione integrale (presentata bozza il 18.12.2007)

Dettagli

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa

Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio. Quell imbroglione di Mazalorsa Scuola primaria di Avio Anno scolastico 2010-11 Classe IV^A Istituto Comprensivo di Avio Biblioteca Comunale di Avio Quell imbroglione di Mazalorsa Autori e illustratori CAMPOSTRINI GABRIELE MABBONI EMILIANO

Dettagli

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA

Amare e far AMARE GESÙ. Borrelli. Truffelli. Approfondimento su Incontriamo Gesù. Orientamenti per l annuncio e la catechesi in Italia ANNA TERESA EDUCARE OGGI/9 A CURA DI ANNA TERESA Borrelli PREFAZIONE DI MATTEO Truffelli Amare e far AMARE GESÙ CONTRIBUTI DI: Marco Ghiazza Luca Marcelli Paolo e Rita Seghedoni Marcello Semeraro Lucio Soravito De

Dettagli

Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli

Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli Università degli Studi Suor Orsola Benincasa Napoli FACOLTA' DI LETTERE CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN STORIA DELL ARTE TESI DI LAUREA IN STORIA DELL ARTE CONTEMPORANEA IL LUOGO DEL PARADOSSO: IL GIARDINO

Dettagli

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente.

2 e3 anno I GIORNI DELLA TARTARUGA. ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. 2 e3 anno narrativa CONTEMPORAN scuola second. di I grado EA I GIORNI DELLA TARTARUGA ROMANZO A SFONDO SOCIALE Una storia di bullismo e disagio giovanile, appassionante e coivolgente. AUTORE: C. Elliott

Dettagli

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura

Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera. realizzata per l Ufficio federale della cultura Dipartimento federale dell'interno DFI Ufficio federale della cultura UFC Inchiesta sull importanza del patrimonio in Svizzera realizzata per l Ufficio federale della cultura Luglio 2014 Rapport_I Indice

Dettagli

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info

Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Per ulteriori informazioni visita il nostro Sito Web: www.a-light-against-human-trafficking.info Ogni essere umano uomo, donna, bambino, bambina è immagine di Dio; quindi ogni essere umano è una persona

Dettagli

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO

La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO La Convenzione Onu sui diritti dei bambini I DIRITTI DEI BAMBINI NELLA VITA DI OGNI GIORNO Che cos è la Convenzione Onu sui diritti dei bambini? La Convenzione sui diritti dei bambini è un accordo delle

Dettagli