Il modello Unico 2015

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il modello Unico 2015"

Transcript

1 Il modello Unico 2015 Novità ed esempi di compilazione Giorgio Gavelli Aprile 2015

2 Le novità della modulistica

3 Le novità della modulistica 3 Frontespizio Innanzitutto, sono stati eliminati: i campi relativi alla sede legale e al domicilio fiscale della società o ente

4 Le novità della modulistica 4 e quelli relativi all indirizzo estero del rappresentante firmatario della dichiarazione Frontespizio Art. 19 decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175

5 Le novità della modulistica 5 Frontespizio Nella sezione Firma della dichiarazione, i soggetti che esercitano il controllo contabile appongono la propria firma nella nuova colonna Firma per attestazione per attestare l esecuzione dei controlli previsti dall art. 2, comma 2, del regolamento di cui al decreto del Ministro delle finanze 31 maggio 1999, n In Unico SC 2015 Novità

6 Le novità della modulistica 6 Frontespizio e in IRAP 2015 Novità

7 Le novità della modulistica 7 Frontespizio Lo spazio per la firma sostituisce la casella Attestazione contenuta nel modello dell anno scorso. In Unico SC 2014

8 Le novità della modulistica 8 Frontespizio e in IRAP 2014

9 Le novità della modulistica 9 Frontespizio Nella sezione Visto di conformità è stata inserita una nuova casella, da compilare solo in caso di dichiarazione unificata, per attestare a quale dichiarazione, ricompresa nel modello UNICO, si riferisce il visto di conformità. I codici da indicare sono: 1 : se l attestazione si riferisce alla sola dichiarazione dei redditi; 2 : se l attestazione si riferisce alla sola dichiarazione IVA; 3 : se l attestazione si riferisce a entrambe le dichiarazioni. Novità

10 Focus su Visto di conformità

11 11 Visto di conformità per crediti da imposte dirette Circolare del , n. 28 Il limite di euro Se dalla dichiarazione dei redditi emergono due DIVERSI CREDITI d imposta RISPETTIVAMENTE di ammontare INFERIORE a euro, ma COMPLESSIVAMENTE di importo SUPERIORE alla soglia, quest ultimi potranno essere utilizzati in compensazione SENZA apporre il VISTO DI CONFORMITÀ Il limite di importo di euro si riferisce alle SINGOLE TIPOLOGIE di CREDITO emergenti dalla dichiarazione

12 12 Visto di conformità per crediti da imposte dirette Circolare del , n. 28 Il limite di euro Dalla dichiarazione dei redditi emergano DUE CREDITI D IMPOSTA: Esempio credito Irpef euro credito da cedolare secca euro Se il contribuente UTILIZZA IN COMPENSAZIONE: credito Irpef per euro credito da cedolare secca per euro Ogni SINGOLO CREDITO è utilizzato per un IMPORTO INFERIORE a EURO anche se, in totale, l importo dei crediti utilizzati è pari ad euro NON E OBBLIGATORIA l APPOSIZIONE del VISTO DI CONFORMITA

13 13 Visto di conformità per crediti da imposte dirette Circolare del , n. 28 Il limite di euro Dalla dichiarazione dei redditi emergano DUE CREDITI D IMPOSTA: Esempio credito Irpef euro credito da cedolare secca euro Se il contribuente UTILIZZA IN COMPENSAZIONE: credito Irpef per euro credito da cedolare secca per euro Utilizzo in compensazione di un SINGOLO CREDITO per un IMPORTO SUPERIORE a EURO con presenza di altri crediti utilizzati o meno di ammontare inferiore a E OBBLIGATORIA l APPOSIZIONE del VISTO DI CONFORMITA su TUTTA LA DICHIARZIONE da cui emergono i crediti, anche se ad essere utilizzato in compensazione oltre soglia è un unico credito(nel nostro caso, il credito Irpef)

14 14 Visto di conformità per crediti da imposte dirette Risoluzione del , n. 82 La compensazione orizzontale dei crediti da parte del professionista: l apposizione del visto di conformità I professionisti che intendono utilizzare IN COMPENSAZIONE ORIZZONTALE i crediti relativi alle imposte sui redditi, alle relative addizionali, all IRAP e alle ritenute alla fonte, emergenti dalle proprie dichiarazioni fiscali, possono AUTONOMAMENTE apporre il visto di conformità sulle stesse, senza essere obbligati a rivolgersi a terzi. Questa affermazione si applica anche al visto di conformità Iva di cui all art. 10, comma 7, del D.L. n. 78/2009 Circolare del , n. 28

15 15 Visto di conformità per crediti da imposte dirette Stessa cosa per le imprese/società di cui all art. 5 TUIR L apposizione del visto di conformità sui modelli presentati dagli Studi Associati Gli Studi Associati, previo accordo, possono utilizzare in compensazione il CREDITO PER RITENUTE «trasmesso» dagli associati Questo credito «nasce» nella dichiarazione (Unico SP) dello Studio Associato e vi ritorna, per dare «copertura» alla compensazione, DOPO essere «transitato» dalle SINGOLE DICHIARAZIONI PERSONALI degli associati La circolare n. 28/E/2014 conferma che l unica dichiarazione che necessità dell attestazione è quella dell Associazione Professionale. Al rilascio del visto procede l associato che funge da intermediario abilitato alla trasmissione, purchè in possesso dell iscrizione nell apposito elenco centralizzato dei soggetti legittimati al rilascio del visto di conformità sulle dichiarazioni fiscali, tenuto dalla competente DRE.

16 16 Visto di conformità per crediti da imposte dirette Circolare del , n. 28 Altri casi di credito utilizzato da terzi ovvero, quando il soggetto che utilizza in compensazione il credito d imposta sia un soggetto diverso da quello che lo ha generato CESSIONE DELLE ECCEDENZE IRES DI GRUPPO (art. 43-ter, D.P.R. n. 602/1973) Il cessionario che utilizzi in compensazione, per un importo superiore ai euro, il credito ricevuto, deve apporre il visto di conformità sulla dichiarazione dalla quale tale credito emerge. Il visto deve essere apposto anche sulla dichiarazione del soggetto che cede un credito superiore ai euro, posto che, attraverso la cessione, si produce l effetto di un utilizzo anticipato del credito, analogamente a quanto avviene con l istituto della compensazione. CREDITI TRASFERITI NEL CONSOLIDATO La società consolidante è tenuta all apposizione del visto di conformità per la cessione delle eccedenze Ires generate dal gruppo, di importo superiore a euro. Le società consolidate non sono tenute all obbligo di apposizione del visto di conformità in relazione alla determinazione unitaria dell Ires di gruppo posto che le stesse, per effetto della partecipazione alla fiscal unit, trasferiscono alla società consolidante esclusivamente le proprie basi imponibili, senza liquidare la relativa imposta VISTO su ENTRAMBE le dichiarazioni: CEDENTE E CESSIONARIO VISTO sulla SOLA dichiarazione della CONSOLIDANTE

17 17 Visto di conformità per crediti da imposte dirette Documenti riguardanti i controlli da effettuare per il rilascio del visto Assirevi Documento di ricerca n. 182 (rivolto principalmente alle società di revisione ed ai revisori) Approfondimento dell Ordine dei Dottori Commercialisti e degli Esperti Contabili di Milano (rivolto principalmente ai Dottori Commercialisti e Ragionieri) Circolare del , n. 28 Agenzia delle entrate

18 18 Visto di conformità per crediti da imposte dirette Circolare del , n. 28

19 19 Visto di conformità per crediti da imposte dirette Circolare del , n. 28 L elenco dei controlli riportato nella check list deve essere considerato ESEMPLIFICATIVO e NON ESAUSTIVO Pertanto, ove venisse ritenuto necessario, il soggetto che appone il visto dovrà INTEGRARE L ELENCO DEI CONTROLLI in base allo specifico caso. Attenzione! Per attestare lo svolgimento dei controlli previsti, il soggetto che appone il visto DEVE CONSERVARE COPIA della DOCUMENTAZIONE CONTROLLATA.

20 Visto di conformità per crediti da imposte dirette 20 Circolare del , n. 28 La natura dei controlli I controlli che devono essere effettuati per rilasciare il visto di conformità sono in buona parte quelli previsti dagli articoli 36-bis e 36-ter del D.P.R. 29 settembre 1973, n. 600 nella determinazione di: imponibili imposte ritenute La finalità dei controlli Evitare errori materiali e di calcolo nel riporto delle eccedenze risultanti dalle precedenti dichiarazioni Il rilascio del visto di conformità implica il RISCONTRO della CORRISPONDENZA dei dati esposti nella DICHIARAZIONE con le risultanze della RELATIVA DOCUMENTAZIONE e le DISPOSIZIONI che disciplinano gli oneri deducibili e detraibili, le detrazioni e i crediti d'imposta, lo scomputo delle ritenute d'acconto, i versamenti

21 Visto di conformità per crediti da imposte dirette Circolare del , n. 28 La natura dei controlli Nel caso di SOGGETTI OBBLIGATI ALLA TENUTA DELLE SCRITTURE CONTABILI, oltre all effettuazione dei riscontri fin qui evidenziati, l attività di controllo per l apposizione del visto su UNICO, IRAP e 770 richiede: 21 la verifica della regolare tenuta e conservazione delle SCRITTURE CONTABILI OBBLIGATORIE la verifica della corrispondenza dei dati esposti nella DICHIARAZIONE alle risultanze delle SCRITTURE CONTABILI e di queste ultime alla relativa DOCUMENTAZIONE I riscontri non comportano valutazioni di merito, ma il SOLO CONTROLLO FORMALE dell'ammontare delle componenti positive e negative relative all'attività di impresa e/o di lavoro autonomo esercitata, rilevanti ai fini di IRES/IRPEF e dell IRAP, nonché dell ammontare dei compensi e delle somme corrisposti in qualità di sostituto d'imposta

22 22 Visto di conformità per crediti da imposte dirette Circolare del , n. 28 La natura dei controlli Fermo restando la verifica della liquidazione della dichiarazione ed il riscontro della regolare tenuta e conservazione delle scritture contabili obbligatorie, con riferimento alle dichiarazioni relative al periodo d imposta in corso al 31 dicembre 2013, il controllo può essere limitato agli ELEMENTI da cui SCATURISCE direttamente il CREDITO che, a titolo esemplificativo, possono riguardare: duplicazioni di versamento; errato versamento di ritenute; crediti d imposta; imposte sostitutive; La Circolare n. 7/E/2015 estende queste affermazioni al periodo 2014 eccedenze dell anno precedente relativamente alla verifica dell esposizione del credito nella relativa dichiarazione Visto di conformità per utilizzo crediti IVA primi chiarimenti In analogia ai chiarimenti forniti con la circolare n. 57/E del e limitatamente alle dichiarazioni relative al periodo d imposta in corso al 31 dicembre 2013, il controllo della documentazione contabile può riguardare i documenti di IMPORTO SUPERIORE al 10 PER CENTO dell AMMONTARE COMPLESSIVO dei COMPONENTI NEGATIVI.

23 23 Visto di conformità per crediti da imposte dirette Assirevi Documento di ricerca n. 182 Lista di controllo delle verifiche

24 24 Visto di conformità per crediti da imposte dirette Assirevi Documento di ricerca n. 182 Lista di controllo delle verifiche

25 25 Visto di conformità per crediti da imposte dirette Assirevi Documento di ricerca n. 182 Lista di controllo delle verifiche

26 26 Visto di conformità per crediti da imposte dirette Assirevi Documento di ricerca n. 182 Lista di controllo delle verifiche

27 27 Visto di conformità per crediti da imposte dirette Assirevi Documento di ricerca n. 182 La sottoscrizione della dichiarazione con visto da parte del revisore uscente Nel caso in cui, con l assemblea di approvazione del bilancio, vi sia stato un cambio nel soggetto che riveste l incarico di revisore, Assirevi ritiene (in analogia con quanto previsto dall Agenzia con riferimento all art. 1, comma 5, del D.P.R. n. 322/1998) che sia il revisore uscente a rilasciare il visto, essendo il soggetto che ha sottoscritto la relazione al bilancio e che sottoscrive ordinariamente la dichiarazione non vistata. NOMINA NUOVO REVISORE con assemblea di approvazione del bilancio Chi appone il visto di conformità sulla dichiarazione? REVISORE USCENTE che ha svolto la revisione contabile del bilancio a cui la dichiarazione fiscale, su cui si appone il visto, si riferisce

28 28 Visto di conformità per crediti da imposte dirette Limiti alla compensazione L apposizione del visto alla dichiarazione NON consente di derogare al limite massimo solare di euro ATTENZIONE!!! NON elimina il blocco alla compensazione dovuto alla presenza di debiti erariali iscritti a ruolo scaduti (e non sospesi) di importo superiore a euro D.L. n. 78/2014, art. 31 e Decreto MEF del È opportuno rammentare che l apposizione dell attestazione all interno del Modello Unico riguarda TUTTI I QUADRI presenti all INTERNO del Modello.

29 29 Visto di conformità per crediti da imposte dirette Circolare , n. 57 Tenuta della contabilità e trasmissione della dichiarazione tenuta da Professionista La circolare 57/E/2009 ricorda che, ai sensi dell art. 23 del Decreto n. 164/1999, i PROFESSIONISTI rilasciano il visto di conformità se hanno predisposto le dichiarazioni e tenuto le relative scritture contabili Le dichiarazioni e le scritture contabili si intendono predisposte e tenute dal professionista ANCHE QUANDO sono predisposte e tenute direttamente dallo stesso contribuente o da una società di servizi di cui uno o più professionisti posseggono la maggioranza assoluta del capitale sociale, A CONDIZIONE che tali attività siano effettuate sotto il diretto controllo e la responsabilità dello stesso professionista tenuta da Soggetto che non può apporre il visto tenuta da Professionista o società di servizi Nel caso in cui le scritture contabili siano tenute da un soggetto che non può apporre il visto di conformità, il contribuente potrà comunque rivolgersi ad un professionista abilitato all apposizione del visto, che è tenuto a trasmettere la dichiarazione, anche tramite una società di servizi di cui, anche eventualmente insieme ad altri professionisti, possiede la maggioranza assoluta del capitale sociale, a condizione che la trasmissione sia effettuata sotto il diretto controllo e la responsabilità dello stesso professionista.

30 30 Visto di conformità per crediti da imposte dirette La polizza assicurativa La POLIZZA ASSICURATIVA deve riguardare TUTTI i MODELLI DICHIARATIVI e non deve essere limitata al solo visto IVA Se la polizza è stata rilasciata così come previsto dalle circolari nn. 21/E/2009 e 57/E/2009, non dovrebbero esserci problemi. In ogni caso, è opportuno procedere ad una verifica del testo della polizza L Agenzia, inoltre, insiste sulla CONGRUITÀ del MASSIMALE della polizza, il quale, comunque non inferiore ad euro ,80 (importo che il Decreto semplificazioni ha incrementato a di euro a decorrere dal 2015) deve essere adeguato al numero dei contribuenti assistiti, nonché al numero dei visti di conformità, delle asseverazioni e delle certificazioni tributarie rilasciati, anche con riferimento allo Studio associato. Non è chiaro chi debba verificare questa adeguatezza (DRE???) e con quali parametri, ma l estensione del visto anche ai crediti riguardanti le imposte dirette e l IRAP potrebbe incidere sulla valutazione della congruità del massimale.

31 Focus su F24 telematico

32 Estensione dell obbligo del mod. F24 telematico 32 Obbligo utilizzo servizi telematici per i versamenti art. 11, commi 2 e 3, D.L. 66/2014 Estensione ai privati dell obbligo di F24 telematico Si ricorda che, a decorrere DAL 1 OTTOBRE 2014 che i versamenti delle imposte/contributi vanno effettuati utilizzando: Per i c.d. MODELLI F24 A SALDO ZERO Esclusivamente i servizi telematici messi a disposizione dall Agenzia delle Entrate (Entratel o Fisconline) Per i MODELLI F24 che presentano COMPENSAZIONI e saldo finale diverso da zero Per i MODELLI F24 che presentano un SALDO finale a debito di importo > Esclusivamente i servizi telematici messi a disposizione dall Agenzia delle Entrate (Entratel/Fisconline) o dagli intermediari della riscossione convenzionati (home banking, Cbi)

33 Estensione dell obbligo del mod. F24 telematico 33 Obbligo utilizzo servizi telematici per i versamenti art. 11, commi 2 e 3, D.L. 66/2014 Di seguito, si riporta una tabella esemplificativa che mostra le corrette modalità di versamento dal 1 ottobre 2014 TRIBUTI, CONTRIBUTI PREVIDENZIALI/ASSICURATIVI MODALITÀ DI PAGAMENTO Importi a debito ( ) Crediti compensabili ( ) Saldo F24 F24 cartaceo Servizi telematici di home banking Servizi telematici dell Agenzia delle Entrate TITOLARE DI PARTITA IVA NO SI SI NO NO SI NON TITOLARE DI PARTITA IVA SI SI SI NO SI SI NO NO SI NO SI SI

34 Estensione dell obbligo del mod. F24 telematico Obbligo utilizzo servizi telematici telematicocrescita per i versamenti art. 11, commi 2 e 3, D.L. 66/ Prospetto riepilogativo TIPOLOGIA VERSAMENTO SOGGETTO MODALITÀ UTILIZZABILE Mod. F24 a saldo zero Mod. F24 a debito con compensazione Mod. F24 a debito senza compensazione Mod. F24 a debito senza compensazione > Mod. F24 a debito senza compensazione Qualsiasi (titolare di partita IVA/ privato) Qualsiasi (titolare di partita IVA/ privato) Titolare di partita IVA Privato Privato Entratel/Fisconline Entratel/Fisconline remote/home banking Entratel/Fisconline remote/home banking cartacea

35 Altre novità: società di persone e periodo d imposta non coincidente con l anno solare

36 Società di persone: periodo non coincidente con l anno solare 36 In linea generale, le società di persone hanno il periodo di imposta coincidente con l anno solare; tuttavia, il periodo di imposta può non essere coincidente con l anno solare quando si verifichino particolari situazioni, quali: cessazione dell attività in corso d anno; liquidazione; trasformazione/scissione/fusione. L art. 17, D.Lgs. 21 novembre 2014, n. 175, modificando l art. 1, comma 1, D.P.R. n. 322/98, ha introdotto modifiche significative sull utilizzo del MODELLO DI DICHIARAZIONE da parte delle società di persone con periodo di imposta NON COINCIDENTE con l anno solare. Ora la disciplina relativa al modello di dichiarazione utilizzabile in caso di periodo di imposta non coincidente con l anno solare è identica sia per quanto riguarda le società di capitali, sia per quanto riguarda le società di persone ed enti equiparati.

37 Società di persone: periodo non coincidente con l anno solare 37 disciplina in vigore fino al 12 dicembre 2014 Prima del D.Lgs. n. 175/2014, le dichiarazioni delle società di persone con periodo di imposta non coincidente con l anno solare dovevano essere presentate utilizzando i modelli approvati entro il 31 gennaio dell anno successivo alla chiusura dell esercizio, ovvero i nuovi modelli approvati. I problemi applicativi Tale previsione risultava però in alcuni casi di difficile applicazione, soprattutto considerando che ai sensi degli articoli 5 e 5 bis, D.P.R. n. 322/1998, nei casi di operazioni straordinarie, ad eccezione del caso di scioglimento senza osservare una procedura formale di liquidazione, le dichiarazioni dei redditi ed IRAP devono essere presentate entro nove mesi dalla data in cui si determinano gli effetti dello scioglimento delle società ai sensi degli artt e2485 C.c.

38 Società di persone: periodo non coincidente con l anno solare 38 disciplina in vigore fino al 12 dicembre 2014 I problemi applicativi Poteva accadere che il nuovo modello fosse stato già approvato, ma che il software necessario per l invio telematico non fosse stato ancora elaborato. Di conseguenza, le istruzioni ministeriali alla compilazione di UNICO SP precisavano che: in linea generale dovevano essere utilizzati sempre i nuovi modelli (anche nel caso di non coincidenza del periodo di imposta con l anno solare); qualora i nuovi modelli non fossero stati disponibili, andavano utilizzati quelli dell annualità precedente.

39 Società di persone: periodo non coincidente con l anno solare 39 disciplina in vigore dal 12 dicembre 2014 Per i soggetti (società di capitali ed ora anche società di persone ed enti equiparati) con periodo di imposta non coincidente con l anno solare, i modelli approvati entro il 31 gennaio devono essere utilizzati per le dichiarazioni relative al periodo di imposta in corso al 31 dicembre dell anno precedente a quello di approvazione. Qualora il periodo d imposta non comprenda il 31 dicembre si utilizzeranno i modelli vecchi I soggetti con periodo di imposta non coincidente con l anno solare utilizzano i modelli di dichiarazione approvati nel corso dello stesso anno solare in cui si chiude il proprio esercizio di riferimento. PERIODO D IMPOSTA COINCIDENTE con l anno solare NON COINCIDENTE con l anno solare Modello di dichiarazione approvato entro il 31 gennaio dell anno successivo Modello di dichiarazione approvato nell anno solare in cui si chiude l esercizio

40 Termini di versamento in caso di operazioni straordinarie 40 Per i termini di versamento connessi alle dichiarazioni dei redditi è applicabile la disciplina prevista dall art. 17, D.P.R. n. 435/2001. In linea generale, quindi, i termini di versamento sono così individuati: per le persone fisiche, società di persone e soggetti equiparati, il 16 giugno dell anno in cui è presentata la dichiarazione; per i soggetti IRES, il giorno 16 del sesto mese successivo a quello di chiusura del periodo d imposta, differito al 16 del mese successivo in caso di approvazione del bilancio entro il maggior termine di 180 giorni dalla chiusura dell esercizio; È, inoltre, possibile posticipare il versamento entro i 30 giorni successivi, applicando agli importi dovuti la maggiorazione dello 0,40%.

41 Termini di versamento in caso di operazioni straordinarie 41 L art. 17, D.Lgs. n. 175/2014, ha modificato l art. 17, comma 1, D.P.R. n. 435/2001, con riferimento alle società ed associazioni di cui all art. 5, TUIR, oggetto di operazioni straordinarie. Ora è previsto che, se una società di persone, una società semplice o un associazione professionale è oggetto di un operazione straordinaria, le imposte sui redditi e l IRAP vanno versate entro il 16 del mese successivo a quello di scadenza del termine di presentazione della dichiarazione, e non più entro il 16 giugno dell anno di presentazione della dichiarazione stessa. La nuova previsione di cui all art. 17, D.Lgs. n. 175/2014: non produce effetti in caso di trasformazione da società di capitali a società di persone o di liquidazione di società di capitali: per il periodo ante trasformazione/liquidazione si applicano le regole generali di versamento previste per le società di capitali produce effetti in caso di trasformazione da società di persone a società di capitali o di liquidazione di società di persone: per il periodo ante trasformazione/liquidazione si applicano infatti le nuove regole sopra descritte La nuova disposizione si applica alle OPERAZIONI STRAORDINARIE poste in essere a partire DAL 13 DICEMBRE 2014, data di entrata in vigore del D.Lgs. n. 175/2014 Circolare n. 31/E/2014

42 Altre novità della modulistica

43 Le novità della modulistica 43 QUADRO RF RIGO RF9 Il rigo RF9 va utilizzato anche dai soggetti che esercitano le attività di produzione e cessione di energia elettrica e calorica da fonti rinnovabili agroforestali e fotovoltaiche oltre i limiti di cui all'art. 22, comma 1-bis, del decreto-legge 24 aprile 2014, n. 66, convertito, con modificazioni, dalla legge 23 giugno 2014, n. 89, (come modificato dall art.12 del decreto-legge 31 dicembre 2014 n. 192) che determinano il reddito secondo i criteri previsti dal citato comma 1-bis. A tal fine nel presente rigo detti soggetti devono indicare il 25 per cento dell'ammontare dei corrispettivi delle operazioni soggette a registrazione agli effetti dell'imposta sul valore aggiunto, relativamente alla componente riconducibile alla valorizzazione dell'energia ceduta, con esclusione della quota incentivo. I costi ed i ricavi dell attività vanno indicati, con il codice 42 e il codice 10, rispettivamente, nei righi RF31 e RF55.

44 Le novità della modulistica 44 QUADRO RF RIGO RF55 Nel rigo RF55, relativo alle variazioni in diminuzione diverse da quelle espressamente elencate, con il codice 38 va indicato il 20 per cento dell imposta municipale propria, relativa agli immobili strumentali, versata nel periodo d imposta oggetto della presente dichiarazione (art. 1, comma 715, della legge 27 dicembre2013, n. 147)

45 Le novità della modulistica 45 QUADRO RS RIGO RS104 È stato aggiunto il prospetto Conservazione dei documenti rilevanti ai fini tributari (rigo RS104) necessario per comunicare di aver effettuato la conservazione in modalità elettronica dei documenti rilevanti ai fini tributari nel periodo d imposta di riferimento (art. 5, comma 1, d.m. 17 giugno 2014) I codici da indicare sono: 1 : qualora il contribuente, nel periodo d imposta di riferimento, abbia conservato in modalità elettronica, almeno un documento rilevante ai fini tributari; 2 : qualora il contribuente, nel periodo d imposta di riferimento, non abbia conservato in modalità elettronica alcun documento rilevante ai fini tributari (art. 5, comma 1, del d.m. 17 giugno 2014).

46 Le novità della modulistica 46 QUADRO OP È stato introdotto il quadro OP per comunicare l esercizio delle opzioni d ingresso e rinnovo nei regimi di tonnage tax (sezione I), consolidato fiscale (sezione II) e trasparenza fiscale (sezione III) (art. 16, decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175)

47 Le novità della modulistica 47 QUADRO IS rigo IS35 A decorrere dal periodo d imposta successivo a quello in corso al 31 dicembre 2014, le persone fisiche esercenti attività commerciali ai sensi dell articolo 55 del Tuir, in regime di contabilità ordinaria, e le società in nome collettivo e in accomandita semplice ed equiparate ai sensi dell articolo 5 del Tuir, in regime di contabilità ordinaria, che intendono optare (o che non vogliano più optare) per la determinazione del valore della produzione secondo le regole dettate per le società di capitali e per gli enti commerciali, ai sensi dell articolo 5-bis, comma 2, come modificato dall articolo 16, comma 4, del decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175, devono comunicare l opzione (o la sua revoca) con la dichiarazione presentata nel periodo di imposta a decorrere dal quale si intende esercitare l opzione. Per comunicare l opzione (o la revoca) per il periodo d imposta 2015, occorre compilare il rigo IS35 del quadro IS di IRAP 2015.

48 L agevolazione Tremonti-quater ed il quadro RU

49 49 L agevolazione Tremonti-quater ed il quadro RU La società Beta S.r.l., con periodo d imposta coincidente con l anno solare, presenta la seguente situazione: In data ha acquistato due cespiti classificabili nella divisione 28 della Tabella Ateco 2007 e, in particolare, un forno (con coefficiente di ammortamento del 15%) di costo pari ad euro ,00 e una macchina a controllo numerico (con coefficiente di ammortamento del 20%) di costo pari ad euro ,00. L investimento in beni agevolabili effettuato dalla Società nel periodo ammonta a complessivi euro ,00. La società Beta S.r.l., nel quinquennio , ha effettuato i seguenti investimenti in beni strumentali nuovi (di importo superiore ad euro ) compresi nella divisione 28 della Tabella Ateco 2007: ANNO 2009: euro ,00 ANNO 2010: euro ,00 (periodo «peggiore» da scartare) ANNO 2011: euro ,00 ANNO 2012: euro ,00 ANNO 2013: euro ,00

50 50 L agevolazione Tremonti-quater ed il quadro RU Risulta quindi necessario calcolare la media di riferimento relativa agli investimenti in beni strumentali agevolabili realizzati nel quinquennio , escludendo dal calcolo il periodo d imposta nel quale l investimento è stato maggiore (nel caso di specie, il 2010) e dividendo la somma degli investimenti degli altri quattro periodi d imposta per 4: Media di riferimento: ((50.000, , , ,00)/4) = ,00 euro Conseguentemente, il credito d imposta spettante alla società Beta S.r.l. è pari al 15% delle spese sostenute in eccedenza rispetto alla media degli investimenti: Credito d imposta spettante = ( , ,00) x 15% = ,00 x 15% = 8.250,00 euro Tale credito d imposta sarà utilizzabile dalla Società, in compensazione nel modello F24, a partire dall in tre quote annuali di pari importo, ovvero pari ad euro 2.750,00 (8.250 : 3). Nonostante il credito venga utilizzato a partire dall , lo stesso dovrà essere contabilizzato nel bilancio dell esercizio in cui vengono realizzati gli investimenti, ossia, nel caso di specie, nel Ai fini della rilevazione contabile del credito d imposta nel bilancio dell esercizio chiuso al , la dottrina contabile suggerisce tre distinte modalità, di seguito illustrate.

51 51 L agevolazione Tremonti-quater ed il quadro RU 1 La Società potrà iscrivere in contropartita al credito d imposta un CONTRIBUTO IN CONTO IMPIANTI da riscontare in proporzione alla durata degli ammortamenti relativi ai cespiti agevolati. In questa ipotesi, sostenuta ad esempio da Confindustria in un documento datato febbraio 2015, sorge il problema di come correlare l importo del credito d imposta ad ogni singolo investimento effettuato. Un metodo che ci sembra condivisibile consiste nel calcolare la percentuale che indica l incidenza del credito d imposta sul valore complessivo degli investimenti, al fine di individuare la quota di credito riferita ai singoli cespiti che presentano coefficienti di ammortamento diversi. Credito d imposta/valore complessivo degli investimenti = (8.250,00/ ,00) x 100 = 6,875% Tale credito d imposta è riferito al cespite forno per l importo di euro 6.875,00 ( x 6.875%), mentre è relativo al cespite macchina a controllo numerico per l importo di euro 1.375,00 (20.000,00 x 6,875%).

52 52 L agevolazione Tremonti-quater ed il quadro RU Nel 2014 i due cespiti presentano le seguenti quote di ammortamento (viene utilizzato il coefficiente d ammortamento ridotto alla metà): FORNO: euro 7.500,00 ( x 7,5%) MACCHINA A CONTROLLO NUMERICO: euro 2.000,00 (20.000,00 x 10%) Di conseguenza, il contributo in conto impianti di competenza del 2014 verrà calcolato applicando l aliquota di ammortamento dei due cespiti all importo del contributo ad essi attribuibile: cespite FORNO: euro 6.875,00 x 7,5% = 515,63 cespite MACCHINA A CONTROLLO NUMERICO: euro 1.375,00 x 10% = 137,50 CONTRIBUTO DI COMPETENZA DEL 2014 = 515, ,50 = 653,13 euro La differenza fra il contributo complessivo (euro 8.250,00) e il contributo di competenza dell esercizio 2014 (euro 653,13), pari ad euro 7.596,87, rappresenta il risconto passivo, ovvero l importo del contributo che dovrà confluire nei bilanci degli esercizi successivi in proporzione all ammortamento dei cespiti.

53 53 L agevolazione Tremonti-quater ed il quadro RU Di seguito si riportano le scritture contabili effettuate da Beta S.r.l. al :

54 54 L agevolazione Tremonti-quater ed il quadro RU 2 Secondo una diversa metodologia suggerita dalla dottrina contabile, la Società potrà iscrivere in contropartita al credito d imposta un importo di IMPOSTE ATTIVE nella voce 22 del conto economico. 3 Infine, è stato anche sostenuto che la Società può iscrivere in contropartita al credito d imposta un CONTRIBUTO IN CONTO ESERCIZIO senza calcolare alcun risconto.

55 55 L agevolazione Tremonti-quater ed il quadro RU I tre metodi di contabilizzazione appena illustrati portano a risultati civilistici differenti ma dal punto di vista fiscale risultano identici (almeno in prima battuta), in quanto il provento iscritto a conto economico non concorre a formare la base imponibile IRAP e IRES, dovendosi operare in caso di contabilizzazione alla voce A.5 del Conto Economico una variazione in diminuzione in sede di dichiarazione dei redditi (rigo RF55). Va, comunque, notato che la scelta dell uno o dell altro metodo di contabilizzazione suggerito dalla dottrina non è indifferente sotto l aspetto fiscale. Infatti, rilevando diversamente a livello di conto economico, si influisce sul ROL (grandezza rilevante ai fini della deducibilità degli interessi passivi per le società di capitali, ai sensi dell articolo 96 TUIR) e sul MOL (grandezza rilevante, ad esempio, per le cause di disapplicazione delle società di comodo in perdita sistematica). Inoltre, riscontare o meno il provento derivante dal credito d imposta determina un differente risultato di bilancio, e, quindi, un differente impatto a livello di patrimonio netto.

56 56 L agevolazione Tremonti-quater ed il quadro RU Infine, Beta S.r.l. dovrà indicare il credito d imposta nel modello UNICO/2015 SC e, in particolare, dovrà inserire nel rigo RU1, colonna 1, il codice A9 e nel rigo RU5, colonna 3, dovrà indicare l importo complessivo del credito, pari ad euro 8.250,00.

57 Agevolazioni per investimenti in beni strumentali nuovi Art. 18, D.L. n 91/ Credito d imposta per acquisto beni strumentali nuovi Viene introdotto un credito d imposta per i titolari di reddito d impresa (indipendentemente dalla natura giuridica e dal regime contabile adottato) che effettuano investimenti (anche in locazione finanziaria) in BENI STRUMENTALI NUOVI, di importo unitario almeno pari a e compresi nella DIVISIONE 28 DELLA TABELLA ATECO, di cui al provvedimento del Direttore dell Agenzia delle entrate 16 novembre 2007, pubblicato nella Gazzetta ufficiale n. 296 del 21 dicembre 2007, destinati a strutture produttive ubicate nel territorio dello Stato Ambito temporale di riferimento Gli investimenti devono essere effettuati a decorrere dal 25 giugno 2014 e fino al 30 giugno 2015 (regole di competenza ex art. 109 TUIR) DAL 25 GIUGNO 2014 AL 30 GIUGNO 2015

58 Agevolazioni per investimenti in beni strumentali nuovi Art. 18, D.L. n 91/ Beni agevolabili La disposizione dell art. 18, D.L. n. 91/2014, introduce un agevolazione che, data la grande somiglianza con le precedenti agevolazioni per l acquisto di beni strumentali (c.d. Tremonti ), può essere anche definita Tremonti-quater In particolare, l individuazione dei beni agevolabili è stata recepita dalla c.d. Tremonti-ter (art. 5, D.L. n. 78/2009), anche se nel caso dell agevolazione in esame i beni acquistati dall impresa devono necessariamente essere STRUMENTALI all attività (la precedente agevolazione riguardava anche i beni non strumentali). Tuttavia, diversamente dalla Tremonti-ter, le nuove disposizioni prevedono una modalità di calcolo incrementale dell investimento (eccedenza rispetto alla media), già utilizzato per la Tremonti-bis (L. n. 383/2001)

59 Agevolazioni per investimenti in beni strumentali nuovi Art. 18, D.L. n 91/2014 Beni agevolabili La circolare n. 90/E/2001, emanata dall Agenzia delle entrate in occasione dell introduzione della c.d. Tremonti-bis, ha precisato che: per l individuazione dei beni aventi il requisito della strumentalità, va fatto riferimento all art. 102 TUIR, ossia ai beni suscettibili di ammortamento; sono agevolabili anche i beni concessi a terzi in comodato d uso, purché strumentali all attività d impresa del comodante (soggetto beneficiario dell agevolazione) Circ. n. 90/E/ Circ. n. 5/E/2015 Nella circolare n. 5/E/2015 si ribadisce che, se alla realizzazione del bene hanno concorso anche beni usati, il requisito della novità sussiste in relazione all intero bene purché l entità del costo relativo ai beni usati non sia prevalente rispetto al costo complessivo sostenuto (attestazione del cedente)

60 Agevolazioni per investimenti in beni strumentali nuovi Art. 18, D.L. n 91/2014 I BENI STRUMENTALI NUOVI, compresi nella divisione 28 della tabella ATECO 2007, possono essere così ricavati: 60 NON ASSUME RILEVANZA IL CODICE ATTIVITÀ IVA DEL FORNITORE

61 Agevolazioni per investimenti in beni strumentali nuovi Art. 18, D.L. n 91/

62 Agevolazioni per investimenti in beni strumentali nuovi Art. 18, D.L. n 91/2014 I beni strumentali nuovi NON AGEVOLABILI possono essere ricavati per esclusione e vengono riepilogati nella tabella che segue: 62 BENI NON AGEVOLABILI Apparecchiature elettromedicali/elettroterapeutiche Apparecchiature GPS Autoveicoli trasporto merci Autoveicoli trasporto persone e motocicli Bilance di precisione Computer Lettori cd/dvd/bluray/mp3 Macchine fotografiche Mobili ufficio e non Modem Monitor Multifunzione (se svolgono due o più delle seguenti funzioni: stampa. scansione, copia, fax) Palmari

63 Agevolazioni per investimenti in beni strumentali nuovi Art. 18, D.L. n 91/2014 BENI NON AGEVOLABILI (SEGUE) Periferiche computer in generale Radiatori Rimorchi e semirimorchi Server Silos, cisterne, serbatoi Sistemi antifurto/antincendio Telefoni/fax//cellulari Televisori Trattori stradali Utensili a mano Videocamere 63 Documenti utili «Note esplicative e di contenuto dei singoli codici della classificazione» Sito Agenzia Entrate Sito Istat «Elenco alfabetico delle voci comprese nelle sottocategorie di attività economiche»

64 Agevolazioni per investimenti in beni strumentali nuovi Art. 18, D.L. n 91/2014 Beni agevolabili parti componenti Nell ambito dei chiarimenti forniti in occasione delle precedenti agevolazioni Tremonti, l Agenzia delle entrate ha affermato che Nella nozione di nuovi macchinari e nuove apparecchiature si intendono compresi, qualora oggetto del medesimo investimento complessivo, i componenti o parti indispensabili per il funzionamento degli stessi, ancorché non inclusi nella divisione 28 (ad esempio, computer e programmi di software che servono a far funzionare i macchinari e le apparecchiature), che ne costituiscono dotazione.. Circ. n. 44/E/2009 e Circ. n. 5/E/ Successivamente, l Agenzia ha contribuito ulteriormente alla delimitazione della categoria dei beni accessori a quelli ricompresi nella divisione 28, precisando quanto segue: si osserva che l estensione dell agevolazione anche ai c.d. beni indispensabili deve intendersi limitata a quei beni assolutamente necessari al funzionamento del bene della divisione 28 che ne costituiscono, al contempo normale dotazione.. Circ. n. 91/E/2010

65 Agevolazioni per investimenti in beni strumentali nuovi Art. 18, D.L. n 91/2014 Nella Circolare n. 12/E del , in risposta ai quesiti posti dalla stampa specializzata, l Agenzia ha chiarito che: Nell ipotesi di investimento in un nuovo bene complesso non compreso nella divisione 28 della tabella ATECO, costituito anche da nuovi macchinari e nuove apparecchiature compresi nella divisione 28, l agevolazione spetta limitatamente al costo riferibile a questi ultimi beni oggettivamente individuabili..! Beni agevolabili parti componenti Circ. n. 12/E/2010 e Circ. n. 5/E/2015 Pertanto, anche alla luce dei chiarimenti forniti dall Agenzia negli anni precedenti, risulta di fondamentale importanza verificare: in presenza di componenti non ricomprese nella divisione 28 della tabella ATECO 2007, la loro indispensabilità al funzionamento dell investimento principale (ricompreso, invece, nella divisione 28) del quale devono costituire normale dotazione; nel caso di beni complessi (non compresi nella divisione 28), il costo riferibile ai macchinari e apparecchiature agevolabili, ossia compresi nella divisione

66 Agevolazioni per investimenti in beni strumentali nuovi 66 Art. 18, D.L. n 91/2014 Ammontare del credito spettante Il credito riconosciuto ammonta al 15% delle spese sostenute in eccedenza rispetto alla media degli investimenti in beni strumentali compresi nella divisione 28 della tabella ATECO(calcolata in modo omogeneo), realizzati nei 5 periodi d imposta precedenti ( per il calcolo del bonus relativo agli acquisti effettuati tra il 25.6 e il , per il calcolo del bonus relativo agli acquisti effettuati nel 2015), con facoltà di escludere dal calcolo della media il periodo in cui l investimento è stato maggiore N.B. Anche le imprese in attività da meno di 5 anni sono ammesse all agevolazione Imprese iniziate da meno di 5 anni In tal caso, la media degli investimenti in beni strumentali nuovi (compresi nella divisione 28 della tabella ATECO) da considerare è quella risultante dagli investimenti realizzati in tutti i periodi d imposta precedenti a quello in corso alla data di entrata in vigore (25 giugno), o a quello successivo, con facoltà di escludere dal calcolo della media il periodo in cui l investimento è stato maggiore

67 Agevolazioni per investimenti in beni strumentali nuovi 67 Art. 18, D.L. n 91/2014 Modalità di calcolo (1) NECESSARIO CONSERVARE UN PROSPETTO DI CALCOLO! Per le imprese con più di 5 anni di attività alla data del , nonché per le imprese già in attività al ma da meno di 5 anni, le modalità di calcolo dell agevolazione possono essere esemplificate nello schema seguente: Credito d imposta spettante per acquisti 2014 NOTE: Investimenti in beni strumentali (1) nuovi effettuati nel periodo (NO RAGGUAGLI) Per il 2015 la media si modifica! Media (2) investimenti beni strumentali (1) nuovi agevolabili (o minor periodo se attività < 5 anni) 15% (1) I beni strumentali nuovi devono essere ricompresi nella divisione 28, tabella ATECO 2007, ed essere di costo unitario non inferiore a (da intendersi «in relazione a ciascun progetto d investimento unitariamente considerato» e «non ai singoli beni che lo compongono» Circ. n. 5/E/2015 (2) Con facoltà di escludere dal calcolo il periodo in cui l investimento è stato maggiore

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

News per i Clienti dello studio

News per i Clienti dello studio News per i Clienti dello studio Ai gentili clienti Loro sedi Il nuovo regime forfettario previsto dalla legge di stabilità per il 2015 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che con la

Dettagli

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015

Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Circolare N. 2 del 8 Gennaio 2015 Credito annuale IVA 2014 al via la compensazione fino ad 5.000,00 Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che dal 1 gennaio 2015, è possibile procedere

Dettagli

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi

Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le novità del DL n. 91/2014 (cd. decreto competitività) Credito d imposta per investimenti in beni strumentali nuovi Le informazioni fornite nel presente documento hanno esclusivamente scopo informativo

Dettagli

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO

IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO IRAP 2015 : DETERMINAZIONE DELLA BASE IMPONIBILE PER IL 2014 E NOVITA' PER IL CORRENTE ANNO a cura di Celeste Vivenzi Premessa generale Come noto la Legge finanziaria del 2008 ha profondamente modificato

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15)

La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) La redazione del bilancio civilistico 2014 : le principali novità. La composizione e gli schemi del bilancio d esercizio (OIC 12), le imposte sul reddito (OIC 25) e i crediti (OIC 15) dott. Paolo Farinella

Dettagli

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE.

ASPETTI CIVILISTICI DEL RECESSO DEL SOCIO NELLE SOCIETA DI PERSONE. Trattamento delle somme corrisposte da una società di persone al socio nel caso di recesso, esclusione, riduzione del capitale, e liquidazione, ed aspetti fiscali per la società. Questo convegno ci offre

Dettagli

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi Le principali novità in materia di tassazione dei redditi fondiari Bologna, 29 maggio 2013 Lucio Agrimano (*) Direzione Regionale dell'emilia Romagna Settore Servizi e Consulenza Ufficio Gestione Tributi

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n.

Roma, 30 dicembre 2014. OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. Circolare n. Circolare n. 31/E Direzione Centrale Normativa Roma, 30 dicembre 2014 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legislativo 21 novembre 2014, n. 175. Primi chiarimenti. PREMESSA... 5 CAPITOLO I:

Dettagli

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24

Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 A cura di Raffaella Pompei, dottore commercialista, funzionario dell Ufficio fiscale Dal 1 ottobre 2014 nuove regole per i pagamenti con modello F24 Il Decreto Renzi ha ampliato i casi in cui è necessario

Dettagli

REGIME FORFETARIO 2015

REGIME FORFETARIO 2015 OGGETTO: Circolare 4.2015 Seregno, 19 gennaio 2015 REGIME FORFETARIO 2015 La Legge di Stabilità 2015, L. 190/2014 articolo 1 commi da 54 a 89, ha introdotto a partire dal 2015 un nuovo regime forfetario

Dettagli

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici

Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il regime fiscale degli interessi e degli altri redditi derivanti dai Titoli di Stato domestici Il presente documento ha finalità meramente illustrative della tassazione degli interessi e degli altri redditi

Dettagli

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA

IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA IL TRATTAMENTO FISCALE DELLE SPESE DI RAPPRESENTANZA Una circolare dell Agenzia delle entrate chiarisce il trattamento fiscale delle spese di rappresentanza Con la circolare in oggetto, l Agenzia delle

Dettagli

730, Unico 2014 e Studi di settore

730, Unico 2014 e Studi di settore 730, Unico 2014 e Studi di settore Pillole di aggiornamento N. 16 15.05.2014 Unico in caso di trasformazione Categoria: Dichiarazione Sottocategoria: Scadenze Ai sensi dell art. 5-bis, comma 1, del D.P.R.

Dettagli

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014

CIRCOLARE N. 21/E. Roma, 10 luglio 2014 CIRCOLARE N. 21/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 luglio 2014 OGGETTO: Fondi di investimento alternativi. Articoli da 9 a 14 del decreto legislativo 4 marzo 2014, n. 44 emanato in attuazione della

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate nel seguito del presente provvedimento, DISPONE Protocollo n. 195080/2008 Approvazione del formulario contenente i dati degli investimenti in attività di ricerca e sviluppo ammissibili al credito d imposta di cui all articolo 1, commi da 280 a 283,

Dettagli

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC

OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI. Imposte sul reddito. Agosto 2014. Copyright OIC OIC ORGANISMO ITALIANO DI CONTABILITÀ PRINCIPI CONTABILI Imposte sul reddito Agosto 2014 Copyright OIC PRESENTAZIONE L Organismo Italiano di Contabilità (OIC) si è costituito, nella veste giuridica di

Dettagli

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U

AGE.AGEDC001.REGISTRO UFFICIALE.0136693.19-11-2013-U COMUNICAZIONE POLIVALENTE (Comunicazione delle operazioni rilevanti ai fini IVA (art. 21 decreto legge n. 78/2010) - Comunicazione delle operazioni legate al turismo effettuate in contanti in deroga all

Dettagli

Roma, 19 settembre 2014

Roma, 19 settembre 2014 CIRCOLARE N. 27 Direzione Centrale Amministrazione, Pianificazione e Controllo Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 19 settembre 2014 OGGETTO: Modalità di presentazione delle deleghe di pagamento

Dettagli

Uscita dal regime dei minimi

Uscita dal regime dei minimi Fiscal Adempimento La circolare di aggiornamento professionale N. 08 03.03.2014 Uscita dal regime dei minimi A cura di Devis Nucibella Categoria: Regimi speciali Sottocategoria: Contribuenti minimi Dopo

Dettagli

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate

Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Legnano, 21/04/2015 Alle imprese assistite Oggetto: il mod. 730 precompilato e i chiarimenti dell Agenzia delle Entrate Come noto, ai sensi dell art. 1, D.Lgs. n. 175/2014, Decreto c.d. Semplificazioni,

Dettagli

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013

Circolare n. 12/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 3 maggio 2013 Circolare n. 12/E Direzione Centrale Normativa Roma, 3 maggio 2013 OGGETTO: Commento alle novità fiscali - Decreto legge 18 ottobre 2012, n. 179, convertito, con modificazioni, dall articolo 1, comma 1,

Dettagli

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008

CIRCOLARE N. 12/E. Roma, 19 febbraio 2008 CIRCOLARE N. 12/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 19 febbraio 2008 OGGETTO: Profili interpretativi emersi nel corso della manifestazione Telefisco 2008 del 29 Gennaio 2008 e risposte ad

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti

SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti SPLIT PAYMENT: IN VIGORE DAL 1 GENNAIO 2015 di Antonio Gigliotti Premessa - Dallo scorso 1 Gennaio è entrato in vigore il particolare meccanismo c.d. split payment, il quale prevede per le cessione di

Dettagli

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO

OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Numero circolare 3 Data 16/03/2011 Abstract: OPERATIVA LA COMPENSAZIONE DEI DEBITI ERARIALI ISCRITTI A RUOLO Entrano a regime le modalità per la compensazione delle somme iscritte a ruolo per debiti erariali,

Dettagli

Adempimenti fiscali nel fallimento

Adempimenti fiscali nel fallimento ORDINE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI ED ESPERTI CONTABILI DI LECCO Adempimenti fiscali nel fallimento A cura della Commissione di studio in materia fallimentare e concorsuale Febbraio 2011 INDICE 1. Apertura

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni

LO STATO PATRIMONIALE. A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LO STATO PATRIMONIALE A cura di Fabrizio Bava, Donatella Busso, Piero Pisoni LE MODIFICHE ALLO SCHEMA STATO PATRIMONIALE ATTIVO C.II.4.BIS CREDITI TRIBUTARI C.II.4.TER IMPOSTE ANTICIPATE STATO PATRIMONIALE

Dettagli

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10

1 Soggetti obbligati alla presentazione del Modello UNICO Enti non commerciali ed equiparati 7 2 Compilazione del frontespizio 10 genzia ntrate UNICO Enti non commerciali ed equiparati 2014 Dichiarazione degli enti non commerciali residenti e delle società ed enti non residenti equiparati soggetti all Ires - Periodo d imposta 2013

Dettagli

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati

La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi. dott. Gianluca Odetto. Eutekne Tutti i diritti riservati La compilazione del quadro RF per gli interessi passivi dott. Gianluca Odetto Eutekne Tutti i diritti riservati Interessi passivi soggetti a monitoraggio AMBITO OGGETTIVO Tutti gli interessi passivi sostenuti

Dettagli

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013

Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Ai Gentili Clienti Fatturazione verso soggetti non residenti: le nuove regole dal 1 gennaio 2013 Con i co. da 324 a 335 dell unico articolo della L. 24.12.2012 n. 228 (Legge di Stabilità 2013), l ordinamento

Dettagli

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica»

Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» S.A.F. SCUOLA DI ALTA FORMAZIONE LUIGI MARTINO DICHIARAZIONE DEI REDDITI 2013 Disciplina delle società «non operative» e «in perdita sistematica» Gianluca Cristofori 31 maggio 2013 Sala Orlando - Corso

Dettagli

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità

La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La comunicazione dei dati relativi al Tfr e altre indennità La sezione relativa all esposizione sintetica e analitica dei dati relativi al Tfr, alle indennità equipollenti e alle altre indennità e somme,

Dettagli

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro

Procedure del personale. Disciplina fiscale delle auto assegnate. ai dipendenti; Svolgimento del rapporto. Stefano Liali - Consulente del lavoro Disciplina fiscale delle auto assegnate ai dipendenti Stefano Liali - Consulente del lavoro In quale misura è prevista la deducibilità dei costi auto per i veicoli concessi in uso promiscuo ai dipendenti?

Dettagli

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3

FAQ 2015 I) CHI DEVE INVIARE LA COMUNICAZIONE... 3 FAQ 2015 Flusso telematico dei modelli 730-4 D.M. 31 maggio 1999, n. 164 Comunicazione dei sostituti d imposta per la ricezione telematica, tramite l Agenzia delle entrate, dei dati dei 730-4 relativi

Dettagli

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI

LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Circolare N. 21 Area: TAX & LAW Periodico plurisettimanale 18 marzo 2011 LA COMPENSAZIONE DEI RUOLI ERARIALI Con la pubblicazione in Gazzetta Ufficiale del DM 10 febbraio 2011, trovano piena attuazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015

CIRCOLARE N. 22/E. Direzione Centrale Normativa. Roma, 9 giugno 2015 CIRCOLARE N. 22/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Modifiche alla disciplina dell IRAP Legge di Stabilità 2015 2 INDICE Premessa... 3 1) Imprese operanti in concessione e a tariffa...

Dettagli

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012

La deduzione IRAP. DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 Art. 11 D.Lgs. 446/1997, come modificato dall art. 1, commi 484 e 485, L. 228/2012 LE DEDUZIONI IRAP 2013 E 2014 La quota forfetaria deducibile per ogni singolo lavoratore subordinato

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

Modello 770 SEMPLIFICATO 2015

Modello 770 SEMPLIFICATO 2015 genzia ntrate 770 Modello 770 SEMPLIFICATO 2015 Redditi 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE DICHIARAZIONE DEI SOSTITUTI D IMPOSTA PER L ANNO 2014 DATI RELATIVI A CERTIFICAZIONI COMPENSI ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI

INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI 2003 AGENZIA DELLE ENTRATE INTEGRAZIONE E DEFINIZIONE PER GLI ANNI PREGRESSI DEFINIZIONE DEI RITARDATI OD OMESSI VERSAMENTI artt. 8, 9, 9-bis e 14 della legge 27 dicembre 2002, n. 289, e successive modificazioni

Dettagli

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012

CIRCOLARE N.3/E. Roma, 28 febbraio 2012 CIRCOLARE N.3/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 febbraio 2012 OGGETTO: Articolo 24, comma 31, del decreto-legge 6 dicembre 2011 n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011,

Dettagli

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2

CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 CORSO DI CONTABILITA E BILANCIO 2 La valutazione delle IMMOBILIZZAZIONI MATERIALI Prima lezione di Alberto Bertoni 1 IMMOBILIZZAZIONI Definizione Cod. Civ. art. 2424-bis, 1 c. Le immobilizzazioni sono

Dettagli

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37 Le novità civilistiche e fiscali per la stesura del bilancio di Stefano Chirichigno e Vittoria Segre Passività iscritte nei bilanci IAS: il coordinamento fiscale con le modifiche apportate allo IAS 37

Dettagli

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE

RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE RATEI E RISCONTI INTRODUZIONE In fase di formazione del bilancio di esercizio spesso accade che l effetto economico delle operazioni e degli altri eventi posti in essere dall impresa, non si manifesti

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011

CIRCOLARE N. 45/E. Roma, 12 ottobre 2011 CIRCOLARE N. 45/E Roma, 12 ottobre 2011 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Aumento dell aliquota IVA ordinaria dal 20 al 21 per cento - Articolo 2, commi da 2-bis a 2-quater, decreto legge 13 agosto

Dettagli

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO

Articolo 17- ter. Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO Articolo 17- ter Operazioni effettuate nei confronti di enti pubblici IL TESTO CHE SEGUE SOSTITUISCE INTEGRALMENTE IL COMMENTO ALL ARTICOLO 1. Premessa L art. 1, comma 629 della legge 23 dicembre 2014,

Dettagli

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 02 FASCICOLO 2. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 1 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 FASCICOLO 1 02 FASCICOLO 2 03 FASCICOLO 3 MODELLO GRATUITO I SERVIZI PER L ASSISTENZA FISCALE

Dettagli

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI

ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI ATTIVITA SPORTIVE DILETTANTISTICHE LE PRINCIPALI REGOLE FISCALI 1. Aspetti fiscali generali Gli enti di tipo associativo, di cui fanno parte anche le associazioni sportive dilettantistiche, sono assoggettate

Dettagli

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio:

Il principio del corrispettivo pattuito ha alcune eccezioni come ad esempio: FATTURAZIONE In linea generale l Iva deve essere applicata sull ammontare complessivo di tutto ciò che è dovuto al cedente o al prestatore, quale controprestazione della cessione del bene o della prestazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 6/E. Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 6/E Roma, Roma 19 febbraio 2015 Direzione Centrale Normativa 1.1 Direzione Centrale Normativa OGGETTO: Chiarimenti interpretativi relativi a quesiti posti in occasione degli eventi Videoforum

Dettagli

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME

ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME ABSTRACT ELENCHI INTRASTAT 2014: NOVITÀ E CONFERME Con l inizio del periodo d imposta pare opportuno soffermarsi sulla disciplina degli elenchi INTRASTAT, esaminando le novità in arrivo e ripercorrendo

Dettagli

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI

Modello 730/2015. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO 01 INTRODUZIONE ASPETTI GENERALI Modello 730/2015 PERIODO D IMPOSTA 2014 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 01 INTRODUZIONE 1. Perché conviene il Modello 730 2 2. Modello 730 precompilato 2 3. Modello 730 ordinario (non precompilato) 4 4.

Dettagli

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014

CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014. Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti. OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 CIRCOLARE N. 7/E Roma 20 marzo 2014 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti OGGETTO: Cinque per mille per l esercizio finanziario 2014 2 INDICE PREMESSA 1. ADEMPIMENTI 1.1 Enti del volontariato 1.2

Dettagli

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA

DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA AA9/11 DICHIARAZIONE DI INIZIO ATTIVITÀ, VARIAZIONE DATI O CESSAZIONE ATTIVITÀ AI FINI IVA (IMPRESE INDIVIDUALI E LAVORATORI AUTONOMI) ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE (ove non diversamente specificato,

Dettagli

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015

DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE. Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Documento aggiornato il 28 maggio 2015 DOCUMENTO SUL REGIME FISCALE Decreto Legislativo 5 dicembre 2005, n. 252 Documento aggiornato 28 maggio 2015 Via Savoia, 82-00198 Roma,

Dettagli

SENATO DELLA REPUBBLICA

SENATO DELLA REPUBBLICA SENATO DELLA REPUBBLICA Attesto che il Senato della Repubblica, il 21 dicembre 2007, ha approvato il seguente disegno di legge, d iniziativa del Governo, già approvato dal Senato e modificato dalla Camera

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012

IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 IMU Come si applica l imposta municipale propria per l anno 2012 OGGETTO DELL IMU L IMU sostituisce l ICI e, per la componente immobiliare, l IRPEF e le relative addizionali regionali e comunali, dovute

Dettagli

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015

INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 INDICAZIONI SULLA COMPILAZIONE DEI QUADRI DEL MOD. 730/2015 IN BASE ALLA CERTIFICAZIONE UNICA 2015 Di seguito, riepiloghiamo i principali campi della Certificazione Unica (CU) che DEVONO essere inseriti

Dettagli

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi

Dott. Massimiliano Teruggi. Studio Coda Zabetta, Mongiardini& Partners-Rag. Fabio Mongiardini, Dott. Massimiliano Teruggi IL TRATTAMENTO FISCALE DEI COMPENSI AGLI AMMINISTRATORI 1 Inquadramento degli amministratori persone fisiche: a. rapporto di collaborazione b. amministratore e lavoro dipendente c. amministratore e lavoro

Dettagli

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014

SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI. Bologna, 22 luglio 2014 SOCIETA COOPERATIVE TRA PROFESSIONISTI: ASPETTI FISCALI Bologna, 22 luglio 2014 INQUADRAMENTO NORMATIVO FISCALE La nuova disciplina sulle società tra professionisti non contiene alcuna norma in merito

Dettagli

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA

ASS.CO.FI. ASSOCIAZIONE SINDACALE DEI COMMERCIALISTI E DEGLI ESPERTI CONTABILI DELLA PROVINCIA DI FIRENZE PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA PERDITE SU CREDITI: LE NUOVE DEDUCIBILITA 1. PREMESSA L art. 33, comma 5, del D.L. 22.6.2012, n. 83, così come modificato dalla legge di conversione 7.8.2012 n. 134, ha sostituito il comma 5 dell articolo

Dettagli

LE IMPOSTE SUL REDDITO

LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO LE IMPOSTE SUL REDDITO Il risultato che scaturisce dal bilancio redatto in base alla normativa del codice civile rappresenta il valore di partenza a cui fa riferimento la disciplina

Dettagli

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile

Fisco & Contabilità La guida pratica contabile Fisco & Contabilità La guida pratica contabile N. 17 07.05.2014 Riporto perdite e imposte differite Categoria: Bilancio e contabilità Sottocategoria: Varie Il meccanismo del riporto delle perdite ex art.

Dettagli

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti:

L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: Benvenuto su RLI WEB L'applicazione RLI-Web deve essere utilizzata, in relazione ai seguenti adempimenti: richieste di registrazione dei contratti di locazione di beni immobili e affitto fondi rustici;

Dettagli

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO

UNICO 01 FASCICOLO 1. Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2. ntrate PERIODO D IMPOSTA 2014. genzia ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE MODELLO GRATUITO PERIODO D IMPOSTA 2014 genzia ntrate UNICO Persone fisiche 2015 - FASCICOLO 2 ISTRUZIONI PER LA COMPILAZIONE 02 FASCICOLO 2 Quadro RH Quadro RL Quadro RM Quadro RT Quadro RR Redditi di partecipazione in

Dettagli

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto

Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Bilancio finale di liquidazione e piano di Riparto Natura e composizione Non vi sono specifiche indicazioni in merito alle modalità di redazione del bilancio; Il bilancio finale di liquidazione dovrebbe

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011

CIRCOLARE N. 26/E. Roma, 01 giugno 2011 CIRCOLARE N. 26/E Direzione Centrale Normativa Roma, 01 giugno 2011 Oggetto: Cedolare secca sugli affitti Articolo 3 del decreto legislativo 14 marzo 2011, n. 23 (Disposizioni in materia di federalismo

Dettagli

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti

CIRCOLARE N. 40/E. OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti CIRCOLARE N. 40/E Direzione Centrale Normativa Roma, 8 ottobre 2012 OGGETTO: Articolo 13-ter del DL n. 83 del 2012 - Disposizioni in materia di responsabilità solidale dell appaltatore - Chiarimenti Premessa

Dettagli

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese

2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2. L iscrizione nel Registro delle Imprese 2.1 Gli effetti dell iscrizione nel Registro delle Imprese L art. 2 del d.lgs. 18 maggio 2001, n. 228 (in materia di orientamento e modernizzazione del settore

Dettagli

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale

Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Il riporto delle perdite nelle società cooperative e la deducibilità degli interessi sul prestito sociale Sebastiano Di Diego Sebastiano Di Diego Il regime fiscale delle perdite La disciplina generale

Dettagli

Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri

Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri HELP DESK Nota Salvatempo 0006 MODULO Maggior IVA, Adeguamento Studi e Parametri Quando serve La normativa Termini presentazione Consente la rilevazione automatica sui registri IVA dell adeguamento agli

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali

DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015. Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali DISEGNO DI LEGGE DI STABILITA 2015 Titolo I Risultati differenziali e gestioni previdenziali Art. 1 (Risultati differenziali del bilancio dello Stato) 1. I livelli massimi del saldo netto da finanziare

Dettagli

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto

SVALUTAZIONI E PERDITE SU CREDITI. Dott. Gianluca Odetto Dott. Gianluca Odetto ART. 33 DL 83/2012 Novità Inserimento del piano di ristrutturazione del debito tra le procedure concorsuali. Inserimento tra le ipotesi di non sopravvenienza attiva della riduzione

Dettagli

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA

(invio telematico accessibile a partire dal 15 giugno 2015) NOVITA NOTE ILLUSTRATIVE PER LA DETERMINAZIONE DEI CONTRIBUTI DOVUTI IN AUTOLIQUIDAZIONE - MOD. 5/2015 (Comunicazione obbligatoria ex artt. 17 e 18 della Legge n. 576/1980, artt. 9 e 10 della legge n. 141/1992

Dettagli

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI

LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI INFORMATIVA N. 204 14 SETTEMBRE 2011 IVA LA TERRITORALITÀ IVA DEI SERVIZI RIFERITI AGLI IMMOBILI Artt. 7-ter, 7-quater e 7-sexies, DPR n. 633/72 Regolamento UE 15.3.2011, n. 282 Circolare Agenzia Entrate

Dettagli

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR

NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR NOTA ESPLICATIVA A CURA DEL SERVIZIO POLITICHE FISCALI UIL SULLA RIDUZIONE DELLA TASSAZIONE DEL TFR Nell'ambito degli interventi sul prelievo fiscale, la finanziaria 2008 (legge 24 dicembre 2007, n. 244),

Dettagli

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone

= + + Imposte differite ed anticipate In caso di ripartizione in più periodi della plusvalenza imponibile, si pone RISULTATO DELL ESERCIZIO ANTE IMPOSTE VARIAZIONI IN AUMENTO Negli esercizi dal 2005 al 2008 sono state realizzate plusvalenze o altri proventi rateizzati? = In base all'art. 86 del TUIR è ammessa la rateazione

Dettagli

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef

Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef Direzione Generale per il terzo settore e le formazioni sociali Linee guida per la predisposizione del rendiconto circa la destinazione delle quote del 5 per mille dell Irpef PREMESSA Fonti normative dell

Dettagli

Roma, 28 aprile 2015

Roma, 28 aprile 2015 Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti RISOLUZIONE N. 42/E Roma, 28 aprile 2015 Oggetto: Estensione alla modalità di versamento F24 Enti pubblici dei codici tributo utilizzati con il modello F24 per

Dettagli

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B

RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B RIDUZIONE CONTRIBUTO ORDINARIO A SEGUITO DEL PRESUNTO MAGGIOR GETTITO ICI FABBRICATI EX-RURALI, CAT. E, B L articolo 2 commi da 39 a 46 del D.L. 262/2006 conv. L. 286/2006 aveva previsto per gli enti locali

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIREZIONE GENERALE PER GLI INCENTIVI ALLE IMPRESE IL DIRETTORE GENERALE Visto il decreto del Ministro dello sviluppo economico 8 marzo 2013, pubblicato nella Gazzetta

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti

l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco facile per piccoli imprenditori e professionisti 1 2008 l agenzia in f orma CONTRIBUENTI MINIMI : ADEMPIMENTI MINIMI il fisco

Dettagli

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI

ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI ISTRUZIONI MOD.COM1 - COMUNICAZIONE - Esercizi di commercio al dettaglio di vicinato AVVERTENZE GENERALI SI AVVERTE CHE PER LA CORRETTA COMPILAZIONE DEL MOD.COM1, È NECESSARIA UNA PRELIMINARE ATTENTA LETTURA

Dettagli

ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES

ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES Circolare Monografica 12 maggio 2014 n. 1971 DICHIARAZIONI ACE: le novità 2014 per i soggetti IRES Le istruzioni per i soggetti IRES di Ivan Cemerich Il 2014 è un anno di svolta per l'applicazione dell'aiuto

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 13 aprile 2015 CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 13 aprile 2015 OGGETTO: Operazioni effettuate nei confronti di pubbliche amministrazioni: cd. scissione dei pagamenti. Articolo 1, commi 629, lettere

Dettagli

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA

TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA TRATTAMENTO DI FINE RAPPORTO, ALTRE INDENNITA E SOMME SOGGETTE A TASSAZIONE SEPARATA punto 94: ammontare corrisposto nel 2007: - al netto di quanto corrisposto in anni precedenti casella 95; - ridotto

Dettagli

Una posta di bilancio che necessita particolare

Una posta di bilancio che necessita particolare Costi di ricerca e sviluppo: aspetti contabili e fiscali I principi contabili possono aiutare a interpretare correttamente le scarne istruzioni del legislatore in tema di deducibilità dei costi sostenuti

Dettagli