LUGLIO - DICEMBRE 2013

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LUGLIO - DICEMBRE 2013"

Transcript

1 ANNO 18 nr LUGLIO - DICEMBRE 2013 NOTIZIARIO TECNICO PERIODICO DEL COLLEGIO PERITI INDUSTRIALI E E DEI DEI PERITI INDUSTRIALI LAUREATI DELLE DELLE PROVINCE DI DI ALESSANDRIA, ASTI, ASTI, TORINO TORINO - Poste - Poste Italiane Italiane - Spedizione - Spedizione in abbonamento in postale postale - 70% - 70% - D.C. - D.C. - D.C.I. - D.C.I.

2 Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati Alessandria - Asti - Torino

3 sommario Direttore Responsabile: Sandro Gallo Comitato di Redazione: Marco Basso, Annino De Venezia, Amos Giardino, Antonello Greco, Aldo Novellini, Aldo Parisi Autorizz. Trib. Torino n dell Hanno collaborato: Salvo Croce, Stefano Comellini, Enrico Fanciotto, Paolo Revelli, G.F.O. Europe Redazione e Amministrazione: Corso Unione Sovietica, Torino Tel Fax redazione: collegio: sito web: O rari Apertura C ollegio: ore / da lunedì a giovedì ore venerdì Stampa: Tipografia Artale Via Reiss Romoli Torino Tel Fax: EDITORIALE La nuova sede Sandro Gallo pag 3 Capitale sociale: requisito imprescindibile RISORSE per la nostra qualità della vita Aldo Novellini pag 4-6 DAL NOSTRO Il decreto del fare CONSULENTE LEGALE e la sicurezza sul lavoro Stefano Comellini pag 7-14 A Venezia la 27 a EURETA Assemblea Generale Salvo Croce pag ARTICOLO DEL PRODUTTORE Test della Fibra ottica G.F.O. Europe pag Organo del Collegio dei Periti Industriali e dei Periti Industriali Laureati delle Provincie di Alessandria, Asti, Torino Termotecnica e altro Enrico Fanciotto pag NORME E LEGGI Elettrotecnica Antonello Greco pag NEWS Sicurezza Stefano Comellini pag APIT Informativa Soci Paolo Revelli pag 32 In copertina: Nuova sede Gli articoli e le note, firmati, e le foto pubblicate esprimono soltanto l opinione dell autore e non impegnano il Collegio, né la redazione del periodico.

4 CONSIGLIO DIRETTIVO PER IL QUADRIENNIO Consiglieri Collegio dei Probiviri: Presidente Sandro Gallo Segretario Amos Giardino Tesoriere Aldo Parisi Oscar F. Barbieri Marco Basso Stefano Bistagnino Giancarlo Boesso Luciano Ceste Massimiliano Conte Annino De Venezia Paolo Giacone Alfredo Gibin Mauro Le Noci Pasquale Mihalich Marco Palandella Vittorio Buffo Alberto Castellazzo Vito Montanaro Marcello Rabino Adriano Pugno COMMISSIONI SPECIALISTICHE COMMISSIONE COORDINATORE ORARIO Elettrotecnica Marco Palandella 3º martedì ore Termotecnica Marco Basso 1º martedì ore Igiene sicurezza prevenzione incendi Giancarlo Boesso Su convocazione Chimica Mauro Le Noci Su convocazione Scuola Mauro Le Noci Su convocazione Elettronica e automazione Amos Giardino Su convocazione Giovani Marco Palandella Su convocazione Dipendenti pubblici Paolo Giacone Su convocazione Amministratori stabili Giancarlo Boesso Su convocazione Formazione Continua Giancarlo Boesso Su convocazione ISPESL/INAIL ASTI ALESSANDRIA TORINO MASSIMILIANO CONTE STEFANO BISTAGNINO PAOLO GIACONE VIGILI DEL FUOCO ASTI LUCIANO CESTE ALESSANDRIA MARCO PALANDELLA TORINO PASQUALE MIHALICH ISPETTORATO REGIONALE PIEMONTE VVF PASQUALE MIHALICH A.S.S.L. ALESSANDRIA MARCO PALANDELLA ASTI LUCIANO CESTE TORINO OSCAR F. BARBIERI ANNINO DE VENEZIA C.C.I.A.A. (CAMERA DI COMMERCIO) TORINO MARCO BASSO ITALO BERTANA GIANCARLO BOESSO ASTI LUCIANO CESTE MASSIMILIANO CONTE ALESSANDRIA STEFANO BISTAGNINO C.U.P. (COMITATO UNITARIO PER LE LIBERE PROFESSIONI) CONSULTA TORINO AMOS GIARDINO ALESSANDRIA MARCO PALANDELLA ASTI LUCIANO CESTE COMMISSIONE REVISIONE PARCELLE MASSIMILIANO CONTE PASQUALE MIHALICH ALDO PARISI A.P.I.T. (ASSOCIAZIONE PERITI INDUSTRIALI TORINO) GIANCARLO BOESSO CTI (COMITATO TERMOTECNICO ITALIANO) MARCO BASSO CEI (COMITATO ELETTROTECNICO ITALIANO) ITALO BERTANA IRPAIES (ALBO DELLE IMPRESE INSTALLATRICI QUALIFICATE NELL ESECUZIONE DEGLI IMPIANTI ELETTRICI) ALESSANDRIA ANTONIETTA MAIOLINO TORINO SANDRO GALLO ASTI GIANFRANCO BORGA IVREA PAOLO GIACONE PROMOZIONE E ORGANIZZAZIONE CORSI SEMINARI CONVEGNI E MANIFESTAZIONI GIANCARLO BOESSO PAOLO GIACONE MARCO BASSO C.T.U. (CONSULENTI TECNICI D UFFICIO DEL TRIBUNALE) TORINO OSCAR F. BARBIERI MAURO LE NOCI ALESSANDRIA STEFANO BISTAGNINO ASTI MASSIMILIANO CONTE

5 LA NUOVA SEDE di Sandro Gallo Editoriale La sede del Collegio, dopo diversi decenni in C.so Vinzaglio, all inizio al secondo piano in coabitazione con alcuni studi professionali (tra cui quello dell allora presidente Sergio Ariagno), poi il trasloco al quarto piano, successivamente l acquisizione dell unità adiacente (trasformata in ingresso-reception e sala consiglio) e, infine, l occupazione del terzo piano adibito a sala riunioni-corsi e spazi per APIT e Apitforma, è stata ora trasferita in c.so Unione Sovietica 455. I motivi che già da qualche tempo avevano indotto a valutare la ricerca di una nuova sede erano parecchi. In particolare: le condizioni dell edificio che regolarmente imbarcava acqua piovana da tutti i lati, sala consiglio, uffici, archivio, segreteria Apitforma che, al di là dei risarcimenti dell assicurazione, non si aveva il tempo di ritinteggiare i locali che al temporale successivo se ne allagavano altri; l impianto di riscaldamento ad aria, di cui eravamo rimasti tra i pochi utilizzatori (le altre proprietà avevano provveduto a rendere autonome le singole unità, purtroppo non le ns che erano ben tre), che ci riempiva di fuliggine e non ci consentiva la benché minima regolazione della temperatura; le difficoltà organizzative dovute all unione di tre unità disposte su due piani; l infelice posizione dell accesso alla sala corsi dalla scala condominale; le difficoltà di parcheggio e, non ultimi, i costi di locazione e delle spese. A Torino, negli ultimi due anni, abbiamo assistito a un calo considerevole dell attività immobiliare sia in compra-vendita sia in locazione, i costi sono diminuiti in modo significativo e, dopo una prima panoramica delle offerte di mercato, nella primavera dello scorso anno, il Consiglio deliberò di dare luogo alla ricerca di una nuova sede. La ricerca si è protratta per tre mesi sui siti delle agenzie immobiliari, in continuo aggiornamento. In questo lasso di tempo, scartate a priori le offerte che non rispondevano alle ns necessità, abbiamo visitato più di venti unità immobiliari, soffermandoci sulle quattro ritenute tra le più adatte alle nostre esigenze, esperiti ulteriori sopralluoghi di approfondimento, verificati i lay out operativi e iniziate le trattative. La scelta finale è il risultato della valutazione di più fattori che, complessivamente, ci hanno convinti che questa sede rappresentava il miglior equilibrio-rapporto tra la soddisfazione delle necessità-esigenze e lo stato dell immobile, la fruibilità dei servizi, l operatività, i costi di locazione, le spese ripetibili e quelle straordinarie di start up. Nota positiva: i costi. Decisamente più contenuti rispetto a quelli sostenuti in c.so Vinzaglio, tant è che le previsioni indicano che il risparmio che si otterrà tra il fine 2013 e il 2014 dovrebbe consentire di fare fronte alle spese straordinarie sostenute. La nuova sede è costituita da una palazzina anni 60 nata a uso uffici, disposta su due piani f.t., il Collegio con Apit e Apitforma occupa il piano rialzato, dotata di climatizzazione invernale ed estiva indipendente per ogni piano, ambienti estremamente luminosi con pavimento sopraelevato e controsoffittatura ispezionabile, due gruppi di servizi ognuno dotato di tripli WC. Anche l accesso da via Imperia rappresenta flessibilità e indipendenza per i corsi serali quando l ingresso lato c.so Unione Sovietica viene chiuso; all interno esiste una suddivisione che, se chiusa nelle ore preserali e serali, non consente il passaggio dalla zona corsi agli uffici del collegio. Facile l accessibilità da chi proviene da fuori Torino, soprattutto per i colleghi di Asti e di Alessandria, essendo la sede a poche centinaia di metri dallo svincolo di Stupinigi sulla tangenziale Sud, che corrisponde a c.so Unione Sovietica. Alcuni iscritti hanno espresso rimpianto per la mancanza della centralità cittadina e per il palazzo d epoca. Abbiamo preferito evitare le copiose infiltrazioni d acqua, la fuliggine, il posteggio a pagamento e, soprattutto, badare al risparmio che, almeno per i prossimi due anni, consentirà il non aumento delle quote per gli iscritti. I veri palazzi d epoca con servizi adeguati hanno ancora costi inaccessibili. Ovviamente, vi aspettiamo per mostrarvi la vostra nuova sede. Il Perito Informa 3

6 CAPITALE SOCIALE: REQUISITO IMPRESCINDIBILE PER LA NOSTRA QUALITÀ DELLA VITA Risorse di Aldo Novellini Per un buon funzionamento dell economia, o meglio, perchè un sistema economico riesca a cogliere il più possibile qualsiasi opportunità di crescita, si richiedono, come ben sappiamo, molti ingredienti. A volerli indicare, senza un particolare ordine di priorità, possiamo segnalare: moderne infrastrutture, basso costo dell energia, dotazione di materie prime, efficiente pubblica amministrazione, certezza del diritto. Requisiti in presenza dei quali si ottiene un certo grado di sviluppo e la cui mancanza è causa invece di arretratezza. Agire dunque su questi fattori significa, in linea di massima, favorire la crescita, e non soltanto economica. C è poi un fattore, forse più difficilmente valutabile, ma altrettanto decisivo: il capitale sociale, grandezza immateriale che congloba molti aspetti ma che è, innanzi tutto, il prodotto della maturazione culturale di una data società. Esso infatti riguarda: il livello di partecipazione dei cittadini alla vita pubblica, la presenza di un informazione libera e critica, le rilevanti risorse dell associazionismo e del volontariato, il rispetto della legalità, la certezza del diritto, il buon funzionamento della giustizia. Questioni che non investono le infrastrutture fisiche (industrie, autostrade, ferrovie, ecc ) ma quelle morali. Qualcosa che, per molti versi, ricorda il famoso assunto kennedyano, Non chiedete cosa può fare il vostro Paese per voi, ma cosa voi potete fare per il vostro Paese. L idea cioè di una cittadinanza attiva e responsabile, capace di donare più che di ricevere; focalizzata sui doveri più che sui diritti. Cose, va detto, che oggi non vanno certo per la maggiore. Eppure proprio questi sono gli ingredienti grazie ai quali si può persino supplire alla mancanza di altri requisiti materiali della crescita. E infatti un elevato capitale sociale a rendere estremamente vivibili le Aldo Novellini realtà Nordeuropee, così come è il suo basso livello ad impedire uno sviluppo equilibrato in molti Paesi produttori di petrolio. Un dato emerge con estrema nettezza: uno sviluppo sostenibile è connesso ad un adeguato capitale sociale. Per comprendere meglio la questione ne abbiamo parlato con Marco Bevilacqua, tra i fondatori del social network, Benessere sociale. <<Il livello di capitale sociale sostiene Bevilacqua è certamente uno snodo decisivo. Naturalmente si tratta di processi di lungo periodo che chiamano in causa le vicende storiche e culturali di una data società ma certo dai quali non è immune la politica. E chiaro che tocca proprio alla sfera politica contribuire alle condizioni che fanno crescere il capitale sociale di un Paese. Il tutto in una logica di lungo periodo: si semina oggi per racco- 4 Il Perito Informa

7 Risorse gliere domani o dopodomani. Una delle prime azioni volta a rafforzare questo patrimonio sociale è la scolarizzazione: investire nell istruzione, puntare sulla formazione delle persone è un elemento imprescindibile>>. E infatti dimostrato che livelli più alti di istruzione generalizzata sono correlati a più robusti indici di ricerca ed innovazione, a quella vasta progettualità, anche culturale e non soltanto tecnica, che caratterizza uno sviluppo sociale ed economico robusto ed equilibrato. <<Non va peraltro dimenticato prosegue Bevilacqua che il capitale sociale è anche connesso al senso civico e di cittadinanza. In gioco entrano allora variabili di lungo termine che comprendono fattori storici e vicende nazionali di ogni Paese. Sotto questo profilo, le nazioni relativamente giovani come l Italia possono avere dunque maggiori difficoltà rispetto a quelle di più antica unificazione come Francia o Gran Bretagna>>. Marco Bevilacqua Un ampia e documentata analisi della situazione italiana è quella di Roberto Cartocci Mappe del tesoro. Atlante del capitale sociale in Italia (Il Mulino). Va infatti considerato che uno Stato non è solo un entità politica sovraordinata ad un popolo che vive su un certo territorio ma ad esso sono connessi anche un sentimento di appartenenza e di comunanza nazionale. Ed è proprio questo senso di comunanza ad alimentare l impegno civico che, in pratica, si traduce, nella volontà e nella capacità di risolvere insieme i problemi collettivi che si hanno di fronte. Tipico caso di questa realtà è il mondo anglosassone caratterizzato da un forte senso civico che si traduce anche in una ricchezza di tessuto sociale, come aveva ben mostrato, sin dall Ottocento, Alexis de Tocqueville in La democrazia in America. Da noi invece questo senso di comunanza nazionale è più affievolito e semmai trova qualche riscontro di rilievo in ambiti più ristretti come quello localista o, addirittura, semplicemente familiare. E in quest ultimo caso si assiste a quella degenerazione che è il cosiddetto familismo amorale che arriva a giustificare comportamenti persino illeciti nel segno della comunanza familiare. Fenomeni come l evasione fiscale, il disprezzo dei beni pubblici o il saccheggio generalizzato dell ambiente e del territorio, trovano in questo humus un terreno loro propizio. L economista americano Robert Putnam, uno dei massimi studiosi di queste tematiche, ritiene che una cittadinanza attiva e consapevole sia sinonimo di un elevato Robert Putnam grado di capitale sociale. Qualsiasi percorso di crescita equilibrata e di complessiva vivibilità generale ruota attorno alla possibilità di accrescere il capitale sociale. Per farlo Putnam immagina di agire in quattro direzioni: responsabilizzazione personale; diffusione del valore della correttezza e della fiducia reciproca comportamento generale; regole nell interesse di tutti; custodia e tutela dei beni pubblici. Viceversa tra i rischi che possono concorrere a depauperare il capitale sociale l economista individua quello di un esasperato individualismo che conduce a mettere in secondo piano qualsiasi dimensione comunitaria. Non si può evitare di riconoscere che proprio un individualismo deresponsabilizzante sia uno dei tratti del vivere odierno. Spesso la causa di molti malesseri esistenziali. Il fatto è che occorre tornare a valorizzare l etica del dovere e della responsabilità solidale verso gli altri. Proprio la chiave solidaristica, quella del better together (meglio insieme) può essere la via per combattere la sempre più accentuata fran- Il Perito Informa 5

8 Risorse tumazione sociale. Putnam sottolinea peraltro come le relazioni sociali possano avere natura: esclusiva: rinserrando in se stessi dei gruppi omogenei, nel segno di un piatto conformismo che pone una barriera verso chi non appartiene alla cerchia degli iniziati. inclusiva: aperta verso l altro, verso il prossimo, nel senso di una proficua e reciproca solidarietà. Evidente la necessità di superare il primo modello e di puntare verso logiche inclusive che consentano a tutti di sentirsi parte di un insieme, indipendentemente dalle proprie condizioni sociali o personali. All attuale frammentazione molto contribuisce la precarietà lavorativa che attanaglia la nostra società e colpisce soprattutto le generazioni più giovani. Una condizione di drammatica precarietà che impedisce loro di progettare la propria esistenza, anche in termini di legami familiari e di stabilità di coppia, con tutto quello che ciò comporta sul versante della natalità. Viviamo insomma in un epoca in cui è più che mai impellente ricostruire un certo livello di capitale sociale, altrimenti a giudizio di Putnam si può giungere a mettere a repentaglio la convivenza civile. Già oggi alcuni aspetti dell attuale modello socio-economico mostrano ampiamente l emergere di una simile deriva. Basti riflettere su quanto una certa mentalità che pone al primo posto il facile arricchimento abbia pervaso la nostra esistenza, sostituendosi a valori quali il lavoro, il merito e la competenza. Del resto lo stesso strapotere della speculazione finanziaria sull economia reale e sulla produzione di beni testimonia questa situazione cui è necessario porre un argine. Purtroppo la saldatura tra la logica materialista di un esasperato capitalismo e un certo relativismo culturale rende tutto più complesso. Stupisce come questa deriva che giunge a mettere in discussione persino la dignità della vita umana non venga colta in tutta la sua dimensione. Eppure proprio partendo dalla dignità della persona può realizzarsi un più elevato livello di convivenza civile ed umana. Il nostro tessuto sociale ne uscirebbe sicuramente rinvigorito anche dal punto di vista dell impegno civico e della nostra capacità di vivere tutti insieme. Accrescere il nostro capitale sociale è un punto decisivo. Un suo elevato livello permette infatti di risolvere più facilmente i problemi collettivi che la società si trova a dover affrontare (accesso all acqua, lotta alle malattie, tutela ambientale, ecc..) assicurando una maggior vivibilità. Finisce, insomma, per incidere positivamente sulla qualità della vita delle persone. Di certo, come evidenzia l enciclica Caritas in Veritate (cap. 32)... L aumento delle ineguaglianze tra gruppi sociali all interno di un medesimo Paese e tra le popolazioni dei vari Paesi, ossia l aumento massiccio della povertà in senso relativo, non solamente tende a erodere la coesione sociale, e per questa via mette a rischio la democrazia, ma ha anche un impatto negativo sul piano economico, attraverso la progressiva erosione del «capitale sociale», ossia di quell insieme di relazioni di fiducia, di affidabilità, di rispetto delle regole, indispensabili ad ogni convivenza civile. 6 Il Perito Informa

9 IL DECRETO DEL FARE E LA SICUREZZA SUL LAVORO Dal nostro consulente legale Avv. Stefano Comellini (www.avvocatocomellini.it) - Dott.ssa Annalisa Settimo (Studio Legale Comellini) Il Decreto Legge 21 giugno 2013 n porta in rubrica misure per la crescita economica ed è dedicato, in parte rilevante, a misure di semplificazione degli obblighi a carico dei datori di lavoro in tema di sicurezza nei luoghi di lavoro. Gli articoli del D.Lgs. n. 81/2008, cd. Testo Unico della Sicurezza, interessati dalle modifiche ed integrazioni introdotte dal D. L. n. 69/2013 sono: - art. 3, campo di applicazione (del D.Lgs. n. 81/2008); - art. 6, Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro ; - art. 26, obblighi connessi ai contratti d appalto o d opera o di somministrazione ; - art. 27, sistema di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi ; - art. 29, modalità di effettuazione della valutazione dei rischi ; - art. 31, servizio di prevenzione e protezione ; - art. 32, capacità e requisiti professionali degli ASPP e RSPP interni ed esterni ; - art. 37, formazione dei lavoratori e dei loro rappresentanti ; - art. 67, notifiche all organo di vigilanza competente per territorio ; - art. 71, obblighi del datore di lavoro con riferimento alle verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro; - art. 73, informazione, formazione e addestramento nell uso delle attrezzature di lavoro; - art. 88, campo di applicazione del Titolo IV ( cantieri temporanei o mobili ) del TULS; - art 104-bis, misure di semplificazione nei cantieri temporanei o mobili per la redazione del POS, del Stefano Comellini PSC e del fascicolo dell opera; - art 225, misure specifiche di protezione e di prevenzione, con riferimento all informazione nel caso di superamento dei valori limite di esposizione professionale; - art 240, esposizione non prevedibile, con riferimento alla comunicazione di eventi che espongano ad agenti cancerogeni; - art 250, notifica per lavori che espongono al rischio amianto; - art 277, misure di emergenza in caso di eventi che espongano ad agenti biologici. Si cercherà qui di dare conto delle modifiche più rilevanti apportate dal provvedimento in esame. Campo di applicazione del TUS (art. 3 TUS - art 32, comma 1 lett. 0a 2, D.L. n. 69/2013) Il decreto ha sostituito il comma 12-bis dell art. 3 TUS, estendendo - con alcune specificazioni a determinati soggetti la 1 Convertito, in legge, con modificazioni, dall art. 1, comma 1, L. 9 agosto 2013, n L elencazione deriva dal fatto che in sede di conversione alla originaria lett. a sono state premesse le lett. 0a e 0b. Il Perito Informa 7

10 Dal nostro consulente legale disciplina in materia di sicurezza sul lavoro già vigente per i componenti dell impresa familiare, i lavoratori autonomi, i coltivatori diretti, i soci delle società semplici operanti nel settore agricolo, gli artigiani e i piccoli commercianti. In particolare, si tratta dei volontari, compresi quelli che effettuano servizio civile, (che già erano previsti dal testo previgente); i soggetti che prestano la propria attività, spontaneamente e a titolo gratuito o con mero rimborso spese, in favore delle associazioni di promozione sociale e delle associazioni sportive dilettantistiche; i direttori artistici ed i collaboratori tecnici, con riferimento alle prestazioni di natura non professionale da parte di cori, bande musicali e filodrammatiche; i soggetti che svolgono attività (gratuitamente o con rimborsi o premi o compensi) nell ambito di attività sportive dilettantistiche riferibili al CONI, Federazioni sportive nazionali, enti di promozione sportiva, altri organismi che perseguano finalità sportive dilettantistiche e che siano riconosciuti dai suddetti enti. Ulteriori misure di semplificazione (art. 3 TUS art. 35 D.L. n. 69/2013). All art. 3 TUS sono stati introdotti i commi 13-bis e ter con cui si affida a emanandi decreti interministeriali la definizione di misure di semplificazione, concernenti: - la documentazione (anche ai fini dell inserimento nel libretto formativo del cittadino) attestante l adempimento, da parte del datore di lavoro, degli obblighi di informazione e formazione previsti dalla disciplina in materia di sicurezza sul lavoro, in relazione a prestazioni lavorative (diverse da quelle derivanti dalle ordinarie figure del contratto di lavoro dipendente a tempo determinato o indeterminato) che implichino una permanenza del lavoratore in azienda per un periodo non superiore a cinquanta giornate lavorative nell anno solare di riferimento; - gli adempimenti relativi all informazione, formazione, valutazione dei rischi e sorveglianza sanitaria per le imprese agricole, con particolare riferimento a lavoratori a tempo determinato e stagionali e per le imprese di piccole dimensioni. Sotto quest ultimo profilo può lasciare perplessi il riferimento alle sole attività lavorative di breve durata in ambito agricolo e non in altri settori. Semplificazioni in materia di DUVRI (art. 26 TUS - art 32, comma 1 lett. a, D.L. n. 69/2013). Il Decreto ha modificato i commi 3 e 3- bis dell art. 26 TUS, prevedendo che, in alcuni specifici settori di attività a basso rischio di infortuni e malattie professionali 3, con riferimento sia all attività del datore di lavoro committente che dell impresa appaltatrice e dei lavoratori autonomi, non è più obbligatoria l elaborazione del DUVRI (documento unico di valutazione dei rischi interferenziali) per la coo- 3 I settori a basso rischio di infortuni e di malattie professionali sopra riportati saranno stabiliti, ex art. 29, comma 6-ter (introdotto dallo stesso D.L. n. 69/2013), TUS, con un decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali da adottare, sulla base delle indicazioni della Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro e previa intesa in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, sulla base di criteri e parametri oggettivi desunti dagli indici infortunistici dell INAIL e relativi alle malattie professionali di settore e specifiche della singola azienda. 8 Il Perito Informa

11 Dal nostro consulente legale perazione e il coordinamento tra il committente e gli appaltatori e subappaltatori. In tali settori è ora sufficiente l individuazione di un incaricato, soggetto in possesso di formazione, esperienza e competenza professionali, adeguate e specifiche in relazione all incarico conferito 4, nonché di periodico aggiornamento e di conoscenza diretta dell ambiente di lavoro, sia del committente che della ditta appaltatrice o del lavoratore autonomo. Tuttavia, non può non rilevarsi, in assenza del DUVRI, la probabile difficoltà, per il soggetto incaricato, di monitorare i rischi interferenziali in assenza di una loro previa individuazione. In ogni caso, questa opzione non si applica, così come già indicato nel testo originale, ai rischi specifici propri dell attività delle imprese appaltatrici o dei singoli lavoratori autonomi. Dell individuazione dell incaricato o della sua sostituzione deve essere data immediata evidenza nel contratto di appalto o di opera. Sempre il comma 3 dell art. 26 conferma che, qualora sia redatto il DUVRI, esso debba essere allegato al contratto di appalto o di opera, adeguato in funzione dell evoluzione dei lavori, servizi e forniture; a tali dati va rilevato, non chiaramente individuati - possono accedere il rappresentante dei lavoratori per la sicurezza e gli organismi locali delle organizzazioni sindacali dei lavoratori comparativamente più rappresentative a livello nazionale. Si è inoltre confermato che, nell ambito di applicazione del D.Lgs n , il DUVRI, ai fini dell affidamento del contratto, è redatto dal soggetto titolare del potere decisionale e di spesa, relativo alla gestione dello specifico appalto. Sistema di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi (art. 27 TUS art. 32 comma 1 lett. 0b e a-bis D.L. n. 69/2013). La modifica assegna al Ministero del lavoro e non più alla Commissione consultiva permanente la definizione del sistema di qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi previsto dagli artt. 26 e 27 TUS. Si è rilevato che l intervento non risolve la questione relativa al coordinamento tra le previsioni delle due disposizioni citate, rimanendo incerto se i requisiti per la qualificazione, definiti dal Ministero, siano relativi solo ai settori che lo stesso organo deve individuare ex art. 27, ovvero se siano riferiti a tutte le imprese, ex art. 26. Esclusione dalla predisposizione del DUVRI (e/o nomina dell incaricato) (art. 26, comma 3-bis, TUS art. 32, comma 1 lett. a, D.L. n. 69/2013). Con il nuovo testo del comma 3-bis dell art. 26 sono state modificate le condizioni in presenza delle quali si può essere esonerati dalla redazione del DUVRI. L obbligo della redazione del DUVRI, o in alternativa della nomina dell incaricato per le aziende a basso rischio di infortuni e di malattia professionale, non si applica 4 Con la legge di conversione è stato abrogato il riferimento alla figura del preposto che compariva nel testo originale del D. L. n. 69/ Codice dei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture. Il Perito Informa 9

12 Dal nostro consulente legale ai servizi di natura intellettuale, alle mere forniture di materiali o attrezzature, ai lavori o servizi la cui durata non sia superiore ai cinque uomini-giorno 6, sempre che essi non comportino rischi derivanti dal rischio di incendio di livello elevato 7, o derivanti dallo svolgimento di attività in ambienti confinati 8, o derivanti dalla presenza di agenti cancerogeni, mutageni o biologici, di amianto o di atmosfere esplosive o dalla presenza dei rischi particolari di cui all allegato XI del TULS. Si è anche individuata, ai fini dell applicazione di tali prescrizioni, che per uomini-giorno si debba intendere l entità presunta dei lavori, servizi e forniture rappresentata dalla somma delle giornate di lavoro necessarie alla effettuazione degli stessi considerata con riferimento all arco temporale di un anno dall inizio dei lavori. Modifiche agli artt. 32 e 37 sulla formazione degli operatori di sicurezza. (art. 32, comma 5-bis - art 32, comma 1, lett. c) All art. 32 TUS è stato inserito il comma 5-bis che intende eliminare le duplicazioni della formazione attraverso il riconoscimento dei crediti formativi per la durata e i contenuti già erogati. Si prevede, quindi, che possano essere riconosciuti agli ASPP e RSPP, formati secondo i percorsi a loro riservati, crediti formativi da far valere, per i contenuti che si sovrappongono, con la formazione di altri operatori di sicurezza. Parimenti, all art. 37 TUS, è stato inserito il comma 14-bis ove si è prevista la possibilità di riconoscere dei crediti formativi per i contenuti che si sovrappongono nella formazione dei lavoratori, dirigenti, preposti e RLS. In entrambi i casi, le modalità ed i modelli per mezzo dei quali deve essere documentata l avvenuta formazione dovranno essere individuati dalla Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le Regioni e le Province autonome di Trento e di Bolzano, sentita la Commissione consultiva permanente (art. 6 TUS). Verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro (art. 71, comma 11, TUS - art 32 comma 1 lett. f, D.L. n. 69/2013) Il decreto ha modificato il comma 11 dell art. 71 TUS, concernente le verifiche periodiche delle attrezzature di lavoro, da parte dei soggetti pubblici e privati, di cui all Allegato VII, riducendo da 60 a 45 i giorni entro i quali l Inail deve effettuare la prima verifica, decorsi inutilmente i quali il datore di lavoro può avvalersi di soggetti pubblici o privati abilitati. Il termine decorre dalla messa in servizio delle attrezzature e non, come per il testo previgente, dal momento della richiesta del datore di lavoro. È stato da taluno rilevato che l obbligo di verifica subito dopo la messa in servizio e non alla scadenza del periodo previsto dall All. 7 del TUS (come previsto dal 6 Nel testo originale si faceva riferimento a 10 uomini-giorno. 7 Ai sensi del Decreto Ministro dell Interno Di cui al D.P.R. 14/9/2011 n. 177 (Regolamento recante norme per la qualificazione delle imprese e dei lavoratori autonomi operanti in ambienti sospetti di inquinamento o confinanti, a norma dell art. 6, comma 8, lett. g, del D.Lgs. 9 aprile 2008, n. 81). 10 Il Perito Informa

13 Dal nostro consulente legale DM ), si tratta di un gravoso onere a carico dell azienda, tra l altro in contrasto con lo spirito della norma secondo cui le verifiche periodiche devono essere volte a valutare nel tempo lo stato di conservazione e di efficienza delle attrezzature. La prima verifica resta di competenza dell Inail mentre per le verifiche successive il datore di lavoro ha la facoltà di affidare la verifica delle attrezzature ad un soggetto pubblico ovvero ad uno privato abilitato, venendo meno, in tal modo, l obbligo di rivolgersi alle ASL e di attendere l esito della richiesta. La legge di conversione del Decreto ha abrogato la norma, prevista nel testo originale del decreto legge, con cui era stato introdotto l obbligo da parte dell Inail, delle ASL o dell Arpa di comunicare al datore di lavoro, entro quindici giorni dalla richiesta, l eventuale impossibilità di effettuare le verifiche di propria competenza fornendo adeguata motivazione. Modifiche all art. 29 sulle modalità di effettuazione della valutazione dei rischi (art. 29 TUS art. 32 D.L. n. 69/2013). L art. 29 TUS riguarda le modalità di effettuazione della valutazione dei rischi, con la facoltà della procedure standardizzate (commi 5 e 6) negli enti che occupano fino a dieci lavoratori 10, sempre che non si tratti di aziende che svolgano attività a particolare rischio (comma 7). Il decreto legge n. 69/2013 ha aggiunto all art. 29 il comma 6-ter, ove si prevede che le aziende che operano nei settori di attività a basso rischio di infortuni e di malattie professionali individuate nell apposito decreto che dovrà emanare il Ministero del lavoro possono dimostrare 11 di aver effettuato la valutazione dei rischi di cui agli articoli 17 e 28, fermo restando la facoltà di tali aziende di utilizzare le procedure standardizzate previste dai commi 5 e 6 dell articolo stesso; inoltre, si è previsto che la dimostrazione dovrà essere fornita a mezzo di modelli che saranno allegati allo stesso decreto ministeriale. Più che di una autocertificazione sembra trattarsi di una valutazione semplificata dei rischi. Il sistema prevede, quindi, diversi obblighi di cui è necessario un chiaro coordinamento - a seconda, da un lato, che le aziende abbiano fino a 10 lavoratori, da 11 a 50 lavoratori e con oltre 50 lavoratori (commi 5 e 6); dall altro, in relazione alla specifica rischiosità di infortuni e malattie professionali (commi 6-ter e 7). Il decreto ha introdotto, comunque, una mera facoltà, che non impedisce al datore di lavoro considerato di elaborare un documento di valutazione dei rischi secondo le modalità tradizionali previste dagli articoli 28 e 29 del TULS ovvero a mezzo delle procedure standardizzate (art. 29, commi 5 e 6). Modifiche alle norme del Titolo IV ri- 9 Disciplina delle modalità di effettuazione delle verifiche periodiche di cui all All. VII del decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, nonché i criteri per l abilitazione dei soggetti di cui all art. 71, comma 13, del medesimo decreto legislativo. 10 Cfr. risposta della Commissione per gli Interpelli all interpello n. 7/ Nella versione originale del decreto legge si utilizzava la diversa locuzione possono attestare. Il Perito Informa 11

14 Dal nostro consulente legale guardante i cantieri temporanei o mobili (Titolo IV TUS art. 32 comma 5 lett. h, D.L. n. 69/2013). Il decreto è intervenuto anche con riferimento ai cantieri temporanei o mobili (Titolo IV del TUS) e alle modalità di redazione dei PSC, POS e del fascicolo dell opera. L art. 104-bis, introdotto nell occasione, prevede che Con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, di concerto con il Ministro delle infrastrutture e dei trasporti e con il Ministro della salute da adottare sentita la Commissione consultiva permanente per la salute e sicurezza sul lavoro, previa intesa in sede di Conferenza permanente per i rapporti tra lo Stato, le regioni e le province autonome di Trento e di Bolzano, sono individuati modelli semplificati per la redazione del piano operativo di sicurezza di cui all articolo 89, comma 1, lettera h), del piano di sicurezza e di coordinamento di cui all articolo 100, comma 1, e del fascicolo dell opera di cui all articolo 91, comma 1, lettera b), fermi restando i relativi obblighi. Al comma 2 dell art. 88 è stata sostituita la lett. g-bis per la quale le disposizioni di cui al Capo I del Titolo IV non si applicano ai lavori relativi a impianti elettrici, reti informatiche, gas, acqua, condizionamento e riscaldamento, nonché ai piccoli lavori la cui durata presunta non è superiore a dieci uomini-giorno, finalizzati alla realizzazione o alla manutenzione delle infrastrutture per servizi, che non espongano i lavoratori ai rischi di cui all allegato XI. Inoltre, l esclusione per i lavori relativi ad impianti elettrici, reti informatiche, gas, acqua, condizionamento e riscaldamento - già prevista nella disciplina fino ad ora vigente - viene subordinata alla medesima condizione (assenza di rischi) anziché alla condizione che essi non comportino lavori edili o di ingegneria civile. Il nuovo comma 2-bis dell art. 88 del TU prevede poi che le disposizioni specifiche in materia di sicurezza sul lavoro, relative ai cantieri temporanei o mobili, si applichino agli spettacoli musicali, cinematografici e teatrali e alle manifestazioni fieristiche tenendo conto delle particolari esigenze connesse allo svolgimento delle relative attività, individuate con decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, emanato secondo la procedura ivi definita. Modifiche che riguardano gli obblighi di notifica e di comunicazione agli organi di vigilanza (artt. 225, 240, 250, 277 TUS - art. 32 D.L. n. 69/2013). Il decreto legge ha introdotto, nell ambito della finalità di semplificazione, la possibilità di provvedere a comunicazioni e notifiche per via telematica, anche per mezzo degli organismi paritetici o delle organizzazioni sindacali dei datori di lavoro. Si tratta, ad esempio, della comunicazione all organo di vigilanza relativa al superamento dei valori limite di esposizione professionale agli agenti chimici; ovvero del verificarsi di eventi non prevedibili o incidenti che possano comportare un esposizione anomala dei lavoratori ad agenti cancerogeni e mutageni; ovvero ancora, dell inizio di lavori che possono comportare per i lavoratori l esposizione all amianto o il verificarsi di incidenti che possono provocare la dispersione nel- 12 Il Perito Informa

15 Dal nostro consulente legale l ambiente di un agente biologico pericoloso. Sul punto si rilevi, ancora che il provvedimento in esame ha riformulato l art. 67 TUS, semplificando la comunicazione che il datore di lavoro deve effettuare all organo di vigilanza in ipotesi di esecuzione di lavori per la realizzazione di edifici o locali da adibire a lavorazioni industriali o nel caso di ampliamenti e di ristrutturazioni di quelli già esistenti. Modifiche al codice dei contratti pubblici (art. 32, commi 4, 5, 7-bis, D.L. 69/2013) I commi 4 e 5 dell art. 32 D.L. n. 69/2013 modificano il codice dei contratti pubblici (D.Lgs. n. 163/2006) demandando ad un decreto del Ministro del lavoro e delle politiche sociali, emanato secondo la procedura ivi definita l individuazione di modelli semplificati per la redazione - nell ambito dell aggiudicazione di appalti pubblici - del piano di sicurezza del cantiere temporaneo o mobile, sostitutivo del piano di sicurezza e di coordinamento (qualora quest ultimo non sia richiesto dalla disciplina generale). Il comma 7-bis della norma riguarda, invece, la disciplina del criterio del prezzo più basso nei contratti pubblici relativi a lavori, servizi e forniture. La modifica prevede che il prezzo più basso venga altresì determinato al netto delle spese relative al costo del personale - valutato sulla base dei minimi salariali definiti dalla contrattazione collettiva nazionale di settore tra le organizzazioni sindacali dei lavoratori e le organizzazioni dei datori di lavoro comparativamente più rappresentative sul piano nazionale - e delle misure di adempimento alle disposizioni in materia di salute e sicurezza nei luoghi di lavoro. Pertanto, il costo del personale non costituisce più elemento di prezzo e, quindi, non deve essere più sottoposto a verifica di congruità. Si rilevi che l art. 4, comma 2, lettera i-bis, del D.L. n. 70/2011, aveva introdotto all art. 81 D.Lgs. n. 163/2006 il comma 3- bis (poi abrogato dall art. 44, comma 2, D.L. 201/2011) che, con lo stabilire che nei contratti pubblici la migliore offerta è selezionata con il criterio del prezzo più basso o con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa, aveva previsto un analoga procedura tesa a escludere il costo del personale dai criteri per la scelta dell offerta migliore negli appalti pubblici. Modifiche al DPR n. 1124/1965 (art. 32, commi 6 e 7, D.L. n. 69/2013). Nel DPR 1124/1965, è stato abrogato l art. 54, così eliminandosi a decorrere dal 180 giorno successivo all entrata in vigore del SINP 12 - l obbligo a carico del datore di lavoro di denuncia degli infortuni sul lavoro che abbiano per conseguenza la morte o l inabilità al lavoro per più di tre giorni. Inoltre, a decorrere dal 1 gennaio 2014 (peraltro, in contrasto con quanto previsto al successivo comma 7), si introduce la comunicazione telematica da parte dell Inail ad altre pubbliche amministrazioni 12 Sistema informativo nazionale per la prevenzione, art. 8 TUS. Il Perito Informa 13

16 Dal nostro consulente legale relativamente ai dati degli infortuni mortali e di quelli con prognosi superiore a trenta giorni. La modifica, da un lato, elimina un onere per il datore di lavoro, dall altro impone alle pubbliche amministrazioni di dialogare attraverso strumenti informatici (il SINP). Da ultimo, sempre con riferimento agli infortuni mortali e a quelli con prognosi superiore a trenta giorni, si limita l obbligo, per la Direzione territoriale del lavoro, di procedere all inchiesta ai casi in cui vi sia una istanza da parte del lavoratore infortunato, di un superstite o dell I- NAIL. Prevenzione incendi (art. 38 D.L. 69/2013). Il Decreto ha introdotto modifiche al DPR n. 151/2011 in tema di prevenzione incendi. Innanzi tutto si prevede l esonero dalla presentazione delle istanze preliminari per la valutazione dei progetti (art. 3 DPR n. 151/2011), limitatamente agli enti e privati di nuove attività introdotte dall allegato I dello stesso DPR, qualora già in possesso di atti abilitativi riguardanti la sussistenza dei requisiti di sicurezza antincendio, rilasciati dalle competenti autorità. Inoltre, si è introdotta una proroga per i responsabili delle nuove attività introdotte all Allegato I del detto D.P.R. che potranno presentare le istanze di cui agli artt. 3 e 4, entro tre anni, invece che entro i due precedentemente previsti, dalla data di entrata in vigore del DPR n. 151/2011 e, quindi, entro il 7 ottobre Soppressione certificazioni sanitarie (art. 42 D.L. 69/2013). Il Decreto n. 69/2013 prevede che per i lavoratori rientranti nell ambito del TUS, non è necessaria la certificazione attestante l idoneità psico-fisica relativa all esecuzione di operazioni relative all impiego di gas tossici (art. 27, primo comma, numero 4, Regio Decreto n. 147/1927). ****** 14 Il Perito Informa

17 A VENEZIA LA 27A EurEta ASSEMBLEA GENERALE. RINNOVATI I VERTICI DELL EXECUTIVE BOARD E DEL REGISTRA- TION COMMITTEE INTERNAZIONALI DI EURETA Mariano Magnabosco è il nuovo Presidente del Board, Urs Gassman il vice e Goran Orup il tesoriere. Roger Koelliker è il nuovo Presidente del Registration Committee composto da Raffaele Gulizia, Salvo Croce, Daniel Seitz. Grande soddisfazione al termine dell annuale General Assembly che si è svolta quest anno presso la sede del Collegio dei Periti Industriali di Venezia. Alla presenza dei massimi vertici dell associazione, Mariano Magnabosco è stato eletto all unanimità Presidente internazionale di EurEta (Associazione europea delle professioni tecniche dell ingegneria): a completare l Executive Board il Vice presidente Urs Gassman e il tesoriere Göran Orup. Roger Köelliker è invece il nuovo Chairman del Registration Committee, che si potrà avvalere della provata esperienza di Raffaele Gulizia e dell entusiasmo delle new entry Salvo Croce e Daniel Seitz. La Germania entra a far parte del nuovo Board. Il Presidente Magnabosco, nel ringraziare tutti i presenti per l alta carica attribuitegli in maniera trasparente e condivisa, ha auspicato di pote- Il Perito Informa 15

18 EurEta Koutroubas ha comunicato inoltre che Massimo Baldinato, del Gabinetto del Vicepresidente della Commissione Europea Antonio Tajani, ha approvato i suggerimenti e le proposte che Eureta e ha prore dare un nuovo impulso all azione di EurEta per una nuova politica comunitaria a favore delle professioni liberali: ha ringraziato il Board uscente per il prezioso lavoro svolto e si è complimentato con il segretario generale del Ceplis Theodoros Koutroubas per il contributo dato al rapporto sulla formazione professionale continua, redatto dal Working group del Ceplis, e sulle proposte di modifica della direttiva qualifiche professionali alle quali EurEta ha collaborato fattivamente e sinergicamente. Nel suo intervento, Raffaele Gulizia, componente del RC e Presidente di Eureta Italia ha sottolineato che, con il documento dell Action Plan 2020, l Europa ha equiparato per la prima volta i professionisti alle PMI (piccole medie imprese) non sotto il profilo giuridico, ma in virtù del loro contributo allo sviluppo economico. Gulizia ha poi portato l attenzione sulla situazione del nostro Paese, con milioni di professionisti che registrano una depressione dei redditi del 20%, giovani che non riescono neppure ad affacciarsi nel mercato del lavoro o percepire per oltre 10 anni redditi che è offensivo chiamare tali. Durante i lavori, un importante contributo di idee è arrivato dall intervento del funzionario della Commissione Europea Gaegorz Ambroziewioz che ha relazionato sul nuovo programma quadro che la Commissione Europea si è data per il finanziamento all innovazione e alla ricerca. Uno specifico programma quindi per una nuova strategia di sviluppo improntata sulla globalizzazione della conoscenza e le misure chiave per l innovazione. All intervento è seguito un dibattito che ha messo in luce opportunità e problematiche. (http://cordis.europa.eu/eu-fundingguide/homeeu.html)(http://ec.europa.eu/research/horizon 2020). 16 Il Perito Informa

19 EurEta posto in occasione degli incontri promossi dalla Commissione Europea. Baldinato ha salutato con vivo interesse l iniziativa di Eureta perché arriva in un momento delicato per le politiche destinate alle attività intellettuali in Europa. Nel mese di luglio, il Parlamento dovrà votare in seduta plenaria la direttiva qualifiche che, con l introduzione della carta professionale europea, mira ad agevolare la mobilità dei professionisti all interno dei Single Market. In questo ambito, gli studi professionali rappresentano un importante volano per rilanciare l occupazione e la competitività. Bisogna, però, garantire loro migliori condizioni di accesso al credito, abbattere le barriere burocratiche e far sì che anche le strutture di piccole e medie dimensioni possano accedere ai fondi comunitari. Il piano, oltre a prevedere una serie di misure concrete, ha il merito di riconoscere la specificità dei liberi professionisti ed il loro contributo al PIL dell UE. Si vuole intervenire su ambiti chiave quali l accesso ai finanziamenti (attraverso la creazione di un mercato europeo della micro finanza e la semplificazione della fiscalità per gli investimenti diretti privati), il sostegno allo start-up, la semplificazione amministrativa (attraverso la riduzione dell onere normativo) e l internazionalizzazione delle imprese. Sono previsti degli interventi anche in materia di accesso alla libera professione, con la rimozione degli ostacoli considerati ingiustificati e non necessari. La Commissione Ue ha nominato un gruppo di lavoro che dovrà individuare le linee di intervento per promuovere l attività e la mobilità delle professioni in Europa. Sulla stessa linea, il gabinetto del vicepresidente della Commissione Ue, Antonio Tajani, che ha lanciato poco più di un mese fa l Action Plan per l imprenditoria Abbiamo deciso di cambiare marcia in favore dei professionisti ha detto Tajani Fino a oggi abbiamo visto politiche rivolte quasi esclusivamente alle imprese, ma nel tessuto economico e sociale europeo le libere professioni ricoprono un ruolo fondamentale per lo sviluppo e l occupazione. La Confederazione europea dei sindacati (CES), il Comitato sindacale europeo dell Istruzione (ETUCE), il Servizio Pubblico Unione europea (FSESP), il Consiglio d Europa del personale professionale e manageriale (EUROCA- DRES), il Consiglio europeo delle professioni liberali (CEPLIS) e l associazione europea delle professioni tecniche (Eureta) notano con soddisfazione che il processo di adozione della direttiva che modifica la direttiva 2005/36/CE relativa al riconoscimento delle qualifiche professionali e la Regolamentazione relativa alla cooperazione amministrativa Il Perito Informa 17

20 EurEta attraverso il sistema di informazione del mercato interno (IMI), sta raggiungendo l iter di completamento. A questo punto - ha aggiunto Koautroubas - va riconosciuto il buon lavoro delle commissioni parlamentari incaricate di modifiche al testo, e in particolare il buon lavoro della commissione IMCO e della signora Bernadette Vergnaud, europarlamentare, responsabile per la relazione finale del Parlamento europeo. Le opinioni del soggetti interessati e le parti sociali sono state significativamente prese in considerazione dai rappresentanti dei cittadini europei, in particolare in materia di formazione comune, sviluppo professionale continuo, accesso parziale e meccanismo di allerta. Il Presidente Mariano Magnabosco ha quindi evidenziato che la possibilità data alle parti sociali e alle organizzazioni professionali di partecipare allo sviluppo di strutture di formazione comune è un importante passo in avanti: un passo avanti verso un sempre crescente coinvolgimento delle parti interessate nella redazione della normativa che disciplina la loro formazione. L inserimento nel testo da parte del Parlamento europeo dello Sviluppo Professionale Continuo è un motivo in più di soddisfazione per l importante miglioramento conseguito anche grazie all impegno di EU- RETA. Ed il neo eletto presidente Magnabosco ha ulteriormente aggiunto desiderano riaffermare il nostro impegno a lavorare in collaborazione con le istitu- zioni dell Unione europea e dei governi nazionali, non appena la nuova direttiva sarà adottata nei confronti di una attuazione efficace e realistica del testo in questione. Il nostro obiettivo comune è il completamento di un mercato interno in cui tutti i liberi professionisti possano beneficiare pienamente della libertà di circolazione nell esercizio della loro professione. In conclusione del suo intervento e dell Assemblea, Magnabosco ha ringraziato tutti i componenti del Board e del Registration Committee uscenti per il loro impegno profuso. Un particolare ringraziamento ha concluso va fatto, a nome mio personale, del Board e di tutti gli iscritti, a Raffaele Gulizia un pilastro della nostra organizzazione che, dopo anni di grande impegno appassionato e costruttivo, lascia il Board per sua volontà, ma continua il suo impegno in EurEta all interno del Registration Committee dove sicuramente saprà portare la sua consueta passione, la sua grande esperienza nel settore, la sua capacità, la sua volontà di fare progredire i professionisti a livello europeo. Salvo Croce - Additional Member of the Registration Committee of Eureta International 18 Il Perito Informa

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

Guida alle semplificazioni. del decreto legge del Fare

Guida alle semplificazioni. del decreto legge del Fare Guida alle semplificazioni del decreto legge del Fare Approvato il decreto del Fare, si apre la fase importante e delicata dell attuazione delle nuove norme. Per questo è essenziale che cittadini e imprese

Dettagli

1. Premessa. Il contesto generale.

1. Premessa. Il contesto generale. Linee di indirizzo del Comitato interministeriale (d.p.c.m. 16 gennaio 2013) per la predisposizione, da parte del Dipartimento della funzione pubblica, del PIANO NAZIONALE ANTICORRUZIONE di cui alla legge

Dettagli

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56

CODICE FISCALE: DNG LDA 65R17 F205S PARTITA IVA: 12131140159 Corso Matteotti, 56 20081 ABBIATEGRASSO (MI) Tel/Fax: 02.94.60.85.56 Cosa devo fare per quanto riguarda la sicurezza sul lavoro se assumo il primo dipendente/collaboratore? Come datore di lavoro devo: 1. valutare i rischi a cui andrà incontro questa persona compiendo il

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8

TABELLA B. RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 TABELLA B RISORSE INFRASTRUTTURALI E LOGISTICHE di cui all art. 8 1 B1) Disponibilità dei locali B1.1) Scansione del documento di disponibilità esclusiva dei locali della sede operativa per almeno tre

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE

JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Lavoro Modena, 02 agosto 2014 JOBS ACT : I CHIARIMENTI SUL CONTRATTO A TERMINE Legge n. 78 del 16 maggio 2014 di conversione, con modificazioni, del DL n. 34/2014 Ministero del Lavoro, Circolare n. 18

Dettagli

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO

ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO professione sicurezza ICUREZZA SUL LAVORO E CONDOMINIO 2 Le norme applicabili sono previste nel Testo Unico sulla salute e sicurezza sul lavoro (Decreto Legislativo 9 aprile 2008 n. 81) Sicurezza sul lavoro

Dettagli

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81

DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 DECRETO LEGISLATIVO 9 APRILE 2008, N. 81 Testo coordinato con il Decreto Legislativo 3 agosto 2009, n. 106 Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE

REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI CADUTA DALL ALTO PRESSO LE AZIENDE CERAMICHE IMPRESE PROTOCOLLO DI INTESA PER LA PREVENZIONE DEGLI INFORTUNI DA CADUTA DALL ALTO PRESSO LE INDUSTRIE CERAMICHE Allegato B REQUISITI DELLE IMPRESE E DEI LAVORATORI AUTONOMI CHE ESEGUONO LAVORI CON RISCHIO DI

Dettagli

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO

- PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO - PARTE SPECIALE G- I REATI IN MATERIA DI SALUTE E SICUREZZA SUL LAVORO G.1. I reati di cui all art. 25 septies del D.Lgs. n. 231/2001 La Legge 3 agosto 2007, n. 123, ha introdotto l art. 25 septies del

Dettagli

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34

TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Pagina 1 di 7 TESTO AGGIORNATO DEL DECRETO-LEGGE 20 marzo 2014, n. 34 Testo del decreto-legge 20 marzo 2014, n. 34 (in Gazzetta Ufficiale - serie generale - n. 66 del 20 marzo 2014), coordinato con la

Dettagli

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11

SEZIONE I LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 SEZIONE I 12.4.2006 - BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE TOSCANA - N. 11 LEGGI E REGOLAMENTI REGIONALI LEGGE REGIONALE 3 aprile 2006, n. 12 Norme in materia di polizia comunale. IL CONSIGLIO REGIONALE

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006

CIRCOLARE N. 37/E. Roma, 29 dicembre 2006 CIRCOLARE N. 37/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma, 29 dicembre 2006 OGGETTO: IVA Applicazione del sistema del reverse-charge nel settore dell edilizia. Articolo 1, comma 44, della legge

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE

VERSO UN SISTEMA NAZIONALE INFEA COME INTEGRAZIONE DEI SISTEMI A SCALA REGIONALE LINEE DI INDIRIZZO PER UNA NUOVA PROGRAMMAZIONE CONCERTATA TRA LO STATO, LE REGIONI E LE PROVINCE AUTONOME DI TRENTO E BOLZANO IN MATERIA IN.F.E.A. (INFORMAZIONE-FORMAZIONE-EDUCAZIONE AMBIENTALE) VERSO

Dettagli

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio

5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio 5.2. Esempio di procedura per l attività di ufficio Pag. 1 di 36 DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PER LA SALUTE E LA SICUREZZA NEGLI AMBIENTI DI LAVORO ai sensi degli artt. 17, 28 e 29 del D.lgs 81/08

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI E RELATIVE MISURE ADOTTATE PER L ELIMINAZIONE DELLE INTERFERENZE DERIVANTI DA ATTIVITÀ IN APPALTO E SUBAPPALTO (ai sensi dell articolo 26 del D.Lgs. 81/2008) Allegato

Dettagli

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone:

IL DIRETTORE DELL AGENZIA. Dispone: Prot. n. 2014/159941 Modalità operative per l inclusione nella banca dati dei soggetti passivi che effettuano operazioni intracomunitarie, di cui all art. 17 del Regolamento (UE) n. 904/2010 del Consiglio

Dettagli

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI

VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Contratto d Appalto : Impresa Affidataria : Importo Lavori : di cui Oneri per la Sicurezza : VERBALE DI VERIFICA DEL P.O.S. E RELATIVE DOCUMENTAZIONI Responsabile dei Lavori : Coordinatore Sicurezza in

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8

LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 9306 LEGGE REGIONALE 10 marzo 2014, n. 8 Norme per la sicurezza, la qualità e il benessere sul lavoro. IL CONSIGLIO REGIONALE HA APPROVATO IL PRESIDENTE DELLA GIUNTA REGIONALE PROMULGA LA SEGUENTE LEGGE:

Dettagli

Città di Spinea Provincia di Venezia

Città di Spinea Provincia di Venezia Città di Spinea Provincia di Venezia APPALTO: servizio di pulizia interna uffici comunali 2013 2014 AFFIDAMENTO: da appaltare REDATTO DA REVISIONE N. DATA APPROVATO DA 1 SOMMARIO 1. SEZIONE DESCRITTIVA...

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture 1 di 9 Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Determinazione n.3/2008 Del 5 marzo 2008 Sicurezza nell esecuzione degli appalti relativi a servizi e forniture. Predisposizione

Dettagli

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU

CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU CORSO DI DIRITTO SPORTIVO I RAPPORTI DI LAVORO ALL INTERNO DELLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE AVV. MARIA ELENA PORQUEDDU INTRODUZIONE ALLE ASSOCIAZIONI SPORTIVE IN QUALSIASI FORMA COSTITUITE

Dettagli

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni.

Il RIF è un marchio che l impresa potrà apporre nella sua carta intestata e nelle sue comunicazioni. 1. RIF: che cos è Il RIF (Registro dell Impresa Formativa) è lo strumento, approvato dal FORMEDIL e dalla CNCPT, collegato al sito della Banca dati formazione costruzioni (BDFC) del Formedil nel quale

Dettagli

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLE MISURE FINALIZZATE AL MIGLIORAMENTO DEL BENESSERE ORGANIZZATIVO NELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto -Uffici del

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E DI FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA S U E Settore URBANISTICA ED EDILIZIA PRIVATA Febbraio 2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI... 3 Art. 1 Definizioni... 3

Dettagli

La sicurezza sul lavoro

La sicurezza sul lavoro La sicurezza sul lavoro 1-La storia della sicurezza sul lavoro in Italia 2-I decreti legislativi 626, 81 e i successivi provvedimenti integrativi 3- Il T.U. 81 sostituisce completamente il D. Lgs. 626/94

Dettagli

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE

I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità TITOLO RELAZIONE TITOLO RELAZIONE I regimi di qualità riconosciuti a livello comunitario: D.O.P., I.G.P., S.T.G. e indicazioni facoltative di qualità A partire dal 3 gennaio 2013 è entrato in vigore il regolamento (UE)

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI)

DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) DOCUMENTO UNICO DI VALUTAZIONE RISCHI DA INTERFERENZE (DUVRI) COMPITI DELLE IMPRESE E DOCUMENTAZIONE CONTRATTUALE AI SENSI DI QUANTO PREVISTO DAL D.L.GS 8108 e s.m.i. TIPOLOGIA APPALTO: SERVIZIO DI PULIZIA

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO

IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO Patrizia Clementi IL REGIME FISCALE E CONTRIBUTIVO DEL LAVORO A PROGETTO La legge Biagi 1 ha disciplinato sotto il profilo civilistico le collaborazioni coordinate e continuative, già presenti nel nostro

Dettagli

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida

CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ALL. 5 CITTA DI BARLETTA Medaglia d oro al Valor Militare e al Merito Civile Città della Disfida ***** Regolamento sul funzionamento dell Organismo Indipendente di valutazione \ Approvato con deliberazione

Dettagli

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013

LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM 07.08.2013. Siena, 10 maggio 2013 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile Comando Provinciale Vigili del fuoco SIENA "Noctu et Die Vigilantes" LA NUOVA PREVENZIONE INCENDI DM

Dettagli

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1-

All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI. Art. 1- All. 2 REGOLAMENTO SUI DIRITTI, DOVERI E MANCANZE DISCIPLINARI DEGLI STUDENTI Art. 1- Diritti e doveri degli studenti I diritti e i doveri degli studenti sono disciplinati dagli art. 2 e 3 del D.P.R. 21

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea

Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea Relazione illustrativa del Consiglio di Amministrazione di Salini Impregilo S.p.A. sul terzo punto all ordine del giorno dell Assemblea straordinaria, recante: Attribuzione al Consiglio di Amministrazione

Dettagli

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina

Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina Traduzione 1 Convenzione per la protezione dei diritti dell uomo e la dignità dell essere umano riguardo alle applicazioni della biologia e della medicina (Convenzione sui diritti dell uomo e la biomedicina)

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO

NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO NOTA INFORMATIVA PER I PIANI DI LAVORO PER LA RIMOZIONE DI MATERIALI EDILIZI IN CEMENTO-AMIANTO E IN VINIL-AMIANTO In base all art. 256 del D. Lgs. 81/2008, così come modificato dal D. Lgs. 106/2009, i

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO

I RAPPORTI DI LAVORO IN AMBITO SPORTIVO DILETTANTISTICO SERVIZIO DECENTRAMENTO E ASSISTENZA AMMINISTRATIVA AI PICCOLI COMUNI SERVIZIO PROGRAMMAZIONE E GESTIONE ATTIVITA TURISTICHE E SPORTIVE www.provincia.torino.gov.it FORUM IN MATERIA DI ENTI SPORTIVI DILETTANTISTICI

Dettagli

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE

DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELL ORGANISMO DI VIGILANZA D.LGS 231/01 DI GALA S.P.A. DOCUMENTO APPROVATO DAL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DEL 12 DICEMBRE 2013 INDICE ARTICOLO 1 SCOPO E AMBITO DI APPLICAZIONE..3

Dettagli

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO

AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO 1 AUDIZIONE DEL MINISTRO FEDERICA GUIDI AL PARLAMENTO EUROPEO (Commissione ITRE) Bruxelles 2 Settembre 2014 INTERVENTO DEL MINISTRO Caro Presidente Buzek, Vice Presidenti, colleghi italiani ed europei,

Dettagli

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33

PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Settore Segreteria e Direzione generale Ufficio Trasparenza e Comunicazione PROGRAMMA PER LA TRASPARENZA DECRETO LEGISLATIVO 14 MARZO 2013 N. 33 Relazione anno 2014 a cura del Segretario Generale e della

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici

POS: Piano Operativo di Sicurezza. D.Lgs 81/08 art. 96 c.1. Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Servizio Prevenzione e Sicurezza degli Ambienti di Lavoro Azienda Sanitaria Locale della Provincia di Mantova D.Lgs 81/08 art. 96 c.1 Contenuti minimi del POS in presenza di rischi elettrici Azienda Sanitaria

Dettagli

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 6 PARTE PRIMA LEGGI - REGOLAMENTI - DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Sezione I LEGGI REGIONALI LEGGE REGIONALE 17 settembre 2013, n. 16. Norme in materia di prevenzione delle cadute dall alto. Il Consiglio

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA

REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA Lombardia 300/2014/PAR REPUBBLICA ITALIANA LA CORTE DEI CONTI IN SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Gianluca Braghò dott. Donato Centrone dott. Andrea Luberti

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L

ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L ELENCO INDICATIVO E NON ESAUSTIVO DEGLI OBBLIGHI DEL DATORE DI LAVORO AI SENSI DEL D.L. 81/2008 (PER L ELENCO ESAUSTIVO CONSULTARE SEMPRE LA NORMATIVA) - Nomina Rspp Responsabile servizio prevenzione e

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. Q Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna

Cos è e come si costituisce una cooperativa. Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna Cos è e come si costituisce una cooperativa Roberta Trovarelli Legacoop Emilia Romagna 1 Che cos è una cooperativa un'associazione autonoma di persone che si uniscono volontariamente per soddisfare i propri

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti

TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti TABELLA OBBLIGO-FACOLTÀ DAL 3 OTTOBRE 2013 Strumenti del Programma di razionalizzazione degli acquisti Merceologia Importo Amministrazioni statali Amministrazioni regionali i Enti del servizio sanitario

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali

Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali. Informazioni generali Modulo BPS : Art. 23 Lavoro subordinato: assunzione di lavoratori inseriti nei progetti speciali Informazioni generali Il Ministero dell'interno, Dipartimento per le Libertà Civili e l Immigrazione, ha

Dettagli

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego

Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego Il decreto spiega tutte le possibilità e i limiti dell'eventuale cumulo Pensione più lavoro part-time, i criteri nel pubblico impiego (Dm Funzione pubblica 331 del 29.7.1997) da CittadinoLex del 12/9/2002

Dettagli

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI

REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Allegato alla Deliberazione n. 1576 del 19/11/2012 REGOLAMENTO SUGLI ACCERTAMENTI DELLA IDONEITÀ/INIDONEITÀ PSICO-FISICA DEL PERSONALE DELLA ASL CAGLIARI Art. 1 OGGETTO E DESTINATARI Il presente regolamento

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013

Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 Circolare della Funzione Pubblica n. 5 del 21 novembre 2013 sul DL 101/2013 La circolare del dipartimento funzione pubblica esplicativa dell articolo 4 del Decreto Legge n. 101 del 31 agosto 2013, convertito

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

PREMESSA QUADRO NORMATIVO

PREMESSA QUADRO NORMATIVO RACCORDI TRA I PERCORSI DEGLI ISTITUTI PROFESSIONALI E I PERCORSI DI ISTRUZIONE E FORMAZIONE PROFESSIONALE: L ACCORDO IN SEDE DI CONFERENZA UNIFICATA DEL 16 DICEMBRE 2010 PREMESSA Il 16 dicembre scorso

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA

Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA Prot. 2015/25992 Accesso alla dichiarazione 730 precompilata da parte del contribuente e degli altri soggetti autorizzati IL DIRETTORE DELL AGENZIA In base alle attribuzioni conferitegli dalle norme riportate

Dettagli

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente

PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente PROPOSTA DI LEGGE DI INIZIATIVA POPOLARE Diritto all apprendimento permanente Articolo 1 (Principi generali) 1. Ogni persona ha diritto all apprendimento permanente. 2. Per apprendimento permanente si

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA

Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA REPUBBLICA ITALIANA Regione Siciliana ASSESSORATO AI LAVORI PUBBLICI DIPARTIMENTO LAVORI PUBBLICI UFFICIO DEL GENIO CIVILE DI TRAPANI U.O.B.C. N. 4 EDILIZIA PRIVATA Al Dirigente Responsabile della U.O.B.S.

Dettagli

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale

DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo Aziendale) Numero telefonico dell ufficio 07346252922 Fax dell Ufficio 07346252811 E-mail istituzionale INFORMAZIONI PERSONALI Cognome Nome INTORBIDA STEFANO Data di Nascita 15/01/1962 Qualifica Dirigente Ingegnere Amministrazione ASUR - AREA VASTA N. 4 Incarico attuale DIRETTORE UOC SIA (Sistema Informativo

Dettagli

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N.

di Claudio Facchini, dirigente del settore sviluppo economico del Comune di Faenza ARTICOLO PUBBLICATO NELLA RIVISTA AZIENDITALIA N. SPORTELLO UNICO PER L EDILIZIA E SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE A CONFRONTO Nell articolo vengono messe in luce le differenze radicali tra il procedimento disciplinato dal DPR 447/1998, per

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti

OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti CIRCOLARE 11/E Roma, 23 marzo 2015 OGGETTO: Dichiarazione 730 precompilata Risposte a quesiti 2 INDICE 1 DESTINATARI DELLA DICHIARAZIONE 730 PRECOMPILATA... 5

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI DIPARTIMENTO DELLA FUNZIONE PUBBLICA DIRETTIVA DEL MINISTRO DELLA FUNZIONE PUBBLICA SULLA RILEVAZIONE DELLA QUALITA PERCEPITA DAI CITTADINI A tutti i Ministeri - Uffici

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

Un percorso nell affido

Un percorso nell affido Un percorso nell affido Progetto nazionale di promozione dell affidamento familiare Ministero del Lavoro della Salute e delle Politiche Sociali Coordinamento Nazionale Servizi Affido SOMMARIO Il PROGETTO

Dettagli

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti

STATUTO del CNCP. Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti STATUTO del CNCP Associazione CNCP: Coordinamento Nazionale Counsellor Professionisti ARTICOLO 1 DENOMINAZIONE E costituita ai sensi degli articoli 36 e seguenti del codice civile un Associazione di rappresentanza,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente

Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Sportello Unico per l Immigrazione di (1) Il sottoscritto datore di lavoro comunica la stipula del seguente Allegato Mod. R CONTRATTO DI SOGGIORNO (Art. 5 bis del D.lvo n. 286/98 e successive modifiche)

Dettagli