LE SOSTANZE INCENDIARIE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE SOSTANZE INCENDIARIE"

Transcript

1 LE SOSTANZE INCENDIARIE Le sostanze incendiarie generano una reazione fortemente esotermica e, per alcune di esse, la reazione può avvenire anche in assenza di ossigeno (metalli incendiari). Per i lanciafiamme ne sono state utilizzate due tipi: oli minerali combustibili; benzine gelatinizzate. Oli combustibili. Utilizzati già durante la 1^ Guerra Mondiale con i lanciafiamme portatili, sono derivati dal trattamento chimico di sostanze naturali (petroli). Il composto principale è benzina miscelata con nafta, petrolio e oli lubrificanti. Per produrre incendi sono più adatte miscele a bassa percentuale di benzine in modo da avere una combustione più lenta. Se si vogliono avere fiamme improvvise e violente con istantaneo aumento di temperatura, si usano miscele più ricche di benzine. Benzine gelatinizzate. Sono benzine rese viscose con l aggiunta di sostanze gelatinizzanti. Durante la Prima Guerra Mondiale si aggiungeva caucciù, il quale, agli albori della Seconda Guerra Mondiale, fu sostituito con saponi metallici (alluminio e sodio) ed infine con sapone ottenuto da acidi grassi in massima parte estratti dalla noce di cocco.

2 LANCIAFIAMME Il lanciafiamme ha lo scopo di proiettare sull obiettivo un getto di combustibile infiammato. Può essere caricato con oli minerali combustibili o con benzina gelatinizzata. Avendo gittata limitata è stato utilizzato in combattimenti alle brevi distanze. Il lanciafiamme, oltre ad avere un puro scopo bellico, ebbe anche un impatto psicologico devastante sulle truppe. I soldati infatti erano terrorizzati alla sola idea di trovarsi davanti un flammiere armato. Richiedono, in chi li impiega, notevoli doti di presenza fisica, coraggio, fermezza, decisione ed alto livello di addestramento. I lanciafiamme sono di quattro tipi: PORTATILI; SU MEZZI CORAZZATI; DA POSIZIONE; CARRELLATI.

3 LANCIAFIAMME D ASSALTO ITALIANO italiane speciali d assalto. E molto simile per forma ad un grosso fucile. E caricato con oli minerali combustibili (benzina miscelata con nafta, petrolio e oli lubrificanti). L accensione della miscela incendiaria avviene elettricamente (a magnete ad alta tensione ad indotto). La pressione per la fuoriuscita della miscela incendiaria è fornita da azoto contenuto in un serbatoio incorporato nel lanciafiamme. Peso: kg. 9 circa. Gittata media: 8/10 metri circa.

4 LANCIAFIAMME ITALIANO Modello 41 (Accensione elettrica) italiane speciali d assalto. E costituito da: due serbatoi contenenti oli minerali combustibili (benzina miscelata con nafta, petrolio e oli lubrificanti, 9 litri circa); una bombola di gas inerte dotata di manometro per fornire pressione al liquido incendiario; una lancia di emissione snodata che termina con una cartoccia per l alloggiamento delle candele di accensione tipo avio e di un bengalotto (dispositivo di accensione secondario); un sistema di accensione (elettrico) primario a magnete ad alta tensione ad indotto rotante. L emissione può avvenire in un unico getto o ad intermittenza (8 10) getti. Peso: vuoto Kg. 14 pieno Kg. 23 circa. Gittata media: 18/20 metri circa.

5 LANCIAFIAMME ITALIANO Modello 41 modificato (Accensione con bengalotti) italiane speciali d assalto. E stato realizzato modificando il modello 41 nelle seguenti parti: il sistema di accensione è esclusivamente a bengalotto e non elettrico; è stato predisposto per il caricamento con benzina gelatinizzata che garantisce un getto incendiario con maggiore stabilità e precisione di tiro. Il getto infatti è più sottile ed allungato; è stato aumentato il diametro dell ugello della lancia e dei tubi di efflusso della miscela incendiaria. Peso: vuoto Kg. 12 pieno Kg. 20. Gittata media: 35/40 metri circa.

6 LANCIAFIAMME AMERICANO Modello A 2-2 americane speciali d assalto. E costituito da: due serbatoi cilindrici in metallo per il contenimento del liquido incendiario (19 litri di oli combustibili o benzine gelatinizzate); una bombola-serbatoio contenente azoto o aria compressa per fornire pressione al liquido incendiario; una lancia di emissione con due impugnature a pistola. Quella anteriore serve per il dispositivo di accensione e quella posteriore ha la leva di comando della valvola per l emissione del liquido incendiario; un dispositivo di accensione costituito da un cilindro di plastica forato al centro. Contiene 5 cariche incendive, innescate da un artifizio meccanico a forma di fiammifero con la testa ricoperta di fosforo rosso. Peso: vuoto Kg. 20 pieno Kg Gittata media: con oli combustibili 23 metri, con benzine gelatinizzate 41 metri.

7 LANCIAFIAMME ITALIANO CARRELLATO italiane ed è stato impiegato sia per attività offensive che difensive. Il complesso è costituito da arma, bombole, lancia ed accessori, ed è montato su di un carrello a ruote gommate idoneo al traino. Il sistema di accensione è elettrico. Il principio di funzionamento è simile ai tipi spalleggiati e se ne conoscono solo esemplari sperimentali mai entrati in servizio. Peso: Kg Capacità dei serbatoi: 100 litri. Gittata media: 80 metri circa.

8 ATTREZZATURA CAMPALE PER LA PREPARAZIONE DELLE BENZINE GELATINIZZATE Il sistema è costituito da: fusto per la miscelazione delle benzine; tubo in gomma con erogatore e rubinetto; pompa con tubo in gomma; spatola in legno. Preparazione. Si versa lentamente il gelatinizzante (polvere granulosa di colore bruno chiaro) nel fusto contenente la benzina. Si mescola con la spatola in legno fino al compimento del ciclo di gelatinizzazione. Si fissa il coperchio e si tiene la miscela a riposo per almeno tre ore. Per il caricamento dei serbatoi dei lanciafiamme si pompa aria all interno del fusto. L aria immessa determina la fuoriuscita della benzina gelatinizzata che, attraverso il tubo con erogatore, è immessa nei serbatoi dei lanciafiamme.

ESTINTORI CARRELLATI OMOLOGATI M.I. UNI 9492

ESTINTORI CARRELLATI OMOLOGATI M.I. UNI 9492 Estintori carrellati a pressione permanente, con manometro di controllo, serbatoio separato dalla struttura portante. Ogni serbatoio viene collaudato idraulicamente secondo la normativa europea PED 97/23.

Dettagli

3ULQFLSLGHOODFRPEXVWLRQH,FRPEXVWLELOL

3ULQFLSLGHOODFRPEXVWLRQH,FRPEXVWLELOL ,FRPEXVWLELOL I FRPEXVWLELOL sono sostanze capaci di bruciare, cioè in grado di dar luogo alla reazione chimica sopra descritta. Possono essere:,frpexvwlelol Solidi: ad esempio legno, carbone, carta, tessuto,

Dettagli

COSA SONO A COSA SERVONO

COSA SONO A COSA SERVONO 1 MEZZI MOBILI DI ESTINZIONE? COSA SONO A COSA SERVONO PER UN PRONTO INTERVENTO SU UN PRINCIPIO DI INCENDIO 2 TIPOLOGIE IN RELAZIONE AL PESO COMPLESSIVO ESTINTORE PORTATILE DECRETO 7 gennaio 2005 Norme

Dettagli

ATTREZZATURA DI LABORATORIO

ATTREZZATURA DI LABORATORIO ATTREZZATURA DI LABORATORIO IN GENERALE RICORDIAMO CHE 1) il vetro pyrex non reagisce chimicamente con altre sostanze tranne che con l acido fluoridrico se riscaldato non si spacca 2) gli strumenti in

Dettagli

ESTINTORI A POLVERE. È costituito da un involucro in lamiera d acciaio, pressurizzato con gas inerte (solitamente azoto) a circa 12 ATM

ESTINTORI A POLVERE. È costituito da un involucro in lamiera d acciaio, pressurizzato con gas inerte (solitamente azoto) a circa 12 ATM ESTINTORI A POLVERE La polvere antincendio è composta principalmente da composti salini quali bicarbonato di sodio o potassio con l aggiunta di collante e additivi per migliorarne le qualità di fluidità

Dettagli

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari.

L incendio è una combustione della quale si è perso il controllo con i mezzi ordinari e bisogna fronteggiarlo con mezzi straordinari. Corso Per Addetto Antincendio pag. 15 CAPITOLO 3 LA COMBUSTIONE e L INCENDIO Per combustione si intende una reazione chimica di una sostanza combustibile con un comburente che da luogo allo sviluppo di

Dettagli

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO

SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO SICUREZZA DELLE VIE DI FUGA NEI PICCOLI LUOGHI DI LAVORO Le vie di esodo costituiscono il primo problema da affrontare quando si progetta la sicurezza di un edificio. Infatti, la sicurezza delle persone

Dettagli

Prevenzione incendi nei condomini

Prevenzione incendi nei condomini Prevenzione incendi nei condomini Perché la prevenzione incendi nei condomini? per la nostra incolumità, dei nostri familiari e dei nostri beni perché lo prevede la legge D.P.R. 151/11 - Attività soggette

Dettagli

PRINCIPI DI ANTINCENDIO

PRINCIPI DI ANTINCENDIO Associazione Volontari Protezione Civile RIO VALLONE PRINCIPI DI ANTINCENDIO Aggiornamento : Giugno 2015 Principi sulla combustione e l incendio L incendio: Un fenomeno chimico fisico chiamato combustione

Dettagli

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO

CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO CORSO D INFORMAZIONE E FORMAZIONE PER L ADDESTRAMENTO DEI VOLONTARI DEL SOCCORSO ALLE PROCEDURE ANTINCENDIO Bergamo 20 Novembre 2003 Geom. Stefano Fiori LA GESTIONE DELLE EMERGENZE OBBIETTIVI ATTUARE COMPORTAMENTI

Dettagli

Aria compressa KIT ARIA COMPRESSA KIT ARIA COMPRESSA IN METALLO KIT ARIA COMPRESSA IN NYLON ATTACCO AD INNESTO RAPIDO

Aria compressa KIT ARIA COMPRESSA KIT ARIA COMPRESSA IN METALLO KIT ARIA COMPRESSA IN NYLON ATTACCO AD INNESTO RAPIDO Aria compressa Aria compressa KIT ARIA COMPRESSA KIT ARIA COMPRESSA IN METALLO OR15 2000 OR15 2050 Realizzato in fusione di alluminio e acciaio Contenuto: Pistola soffiaggio Pistola gonfiagomme Pistola

Dettagli

Manuale pratico sull'uso dell'estintore portatile

Manuale pratico sull'uso dell'estintore portatile Manuale pratico sull'uso dell'estintore portatile L'ESTINTORE Premessa Questa semplice guida ha come obiettivo quello di fornire tutte le delucidazioni necessarie ai soggetti tenuti ad avere uno o più

Dettagli

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro

Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro Manuale informativo realizzato per la gestione delle emergenze derivanti da incendio nei luoghi di lavoro SOMMARIO Premessa pag. 7 SEZIONE 1 - FONDAMENTI Che cosa è un incendio? pag. 9 Il triangolo del

Dettagli

Le fonti energetiche

Le fonti energetiche Le fonti energetiche Le fonti energetiche Dalle fonti di energia si ricava l energia Esse sono suddivise in primarie e secondarie, in relazione al fatto che necessitino più o meno di trasformazioni. Le

Dettagli

L obbiettivo vuole essere quello di

L obbiettivo vuole essere quello di ADDETTI ANTINCENDIO CORSO BASE OBIETTIVO L obbiettivo vuole essere quello di informare e formare, tutti coloro che per la prima volta devono conoscere le basi per la lotta antincendio nell emergenza. Imparando

Dettagli

NORME DI PRONTO INTERVENTO IN CASO DI INCENDIO DPR 577/82

NORME DI PRONTO INTERVENTO IN CASO DI INCENDIO DPR 577/82 ALLEGATO 5 PIANO DI SICUREZZA E COORDINAMENTO ART. 91 DEL D.LGS. 81/08 ISTITUTO ZOOPROFILATTICO SPERIMENTALE DELLA LOMBARDIA E DELL EMILIA ROMAGNA Via Bianchi n. 7/9 BRESCIA TERZO LOTTO APPALTO RIMOZIONE

Dettagli

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA

PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA PREVENZIONE INCENDI E GESTIONE DELL EMRGENZA EMRGENZA Dott. Sergio Biagini Tecnico della Prevenzione INCENDIO E ESPLOSIONE Ai fini della valutazione del rischio incendio il Datore di Lavoro classifica

Dettagli

GONFIAGOMME PORTATILI

GONFIAGOMME PORTATILI GONFIAGOMME PORTATILI 3521 Gonfiagomme pneumatico con serbatoio da 16 lt a caricamento manuale, completo di pistola con manometro mod. 7301 e tubo spiralato lungh. 5 mt. Funzionamento autonomo dopo immissione

Dettagli

Il presente documento è di proprietà dell azienda Maito srl e non può essere riprodotto all esterno senza Autorizzazione scritta dall azienda

Il presente documento è di proprietà dell azienda Maito srl e non può essere riprodotto all esterno senza Autorizzazione scritta dall azienda 2 MACCHINE MANUALI & SPALLEGGIATE Le attrezzature manuali, idonee per trattamenti su superfici ridotte e non raggiungibili da mezzi dotati di due ruote, sono state realizzate con la finalità di effettuare

Dettagli

Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo

Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 2 Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 3 ESTINZIONE DI UN INCENDIO Ciò che spegne un incendio uccide anche l uomo 4 5 6 Come si spegne un incendio 7 8 9 ESTINZIONE DI UN INCENDIO Come si spegne

Dettagli

TERMODINAMICA. T101D - Banco Prova Motori Automobilistici

TERMODINAMICA. T101D - Banco Prova Motori Automobilistici TERMODINAMICA T101D - Banco Prova Motori Automobilistici 1. Generalità Il banco prova motori Didacta T101D permette di effettuare un ampio numero di prove su motori automobilistici a benzina o Diesel con

Dettagli

GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D

GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D GUIDA RAPIDA ALL USO Depuratore-Disoleatore MIXI D INFORMAZIONI GENERALI Questo manuale e parte integrante del depuratore-disoleatore per lubrorefrigeranti e liquidi di macchine lavaggio sgrassaggio pezzi

Dettagli

10006 MOTOPOMPA PORTATILE WILDFIRE MINI STRIKER / MOSKITO

10006 MOTOPOMPA PORTATILE WILDFIRE MINI STRIKER / MOSKITO 10006 MOTOPOMPA PORTATILE WILDFIRE MINI STRIKER / MOSKITO Pompa Centrifuga mono stadio con corpo e girante in lega leggera Avviamento Manuale a strappo Questa pompa è progettata per un utilizzo dove viene

Dettagli

UNITÀ DI LAVAGGIO LAVAPEZZI

UNITÀ DI LAVAGGIO LAVAPEZZI UNITÀ DI LAVAGGIO LAVAPEZZI Unità di lavaggio automatiche Unità di lavaggio manuali cod. 00118 TOPCLEANER EXAGON Struttura in acciaio inox. Vasca lavaggio 790 mm - 490 mm - h 240 mm. Pennello lavaggio

Dettagli

IMPIANTI ANTINCENDIO A SCHIUMA

IMPIANTI ANTINCENDIO A SCHIUMA Il premescolatore detto anche a spostamento di liquido, è costituito da un serbatoio in acciaio collaudato, marcato CE. Nel suo interno vi è una membrana in materiale sintetico resistente alla corrosione

Dettagli

DM 50 / DM 70 Impianto di miscelazione e dosaggio a 1- / 2- componenti

DM 50 / DM 70 Impianto di miscelazione e dosaggio a 1- / 2- componenti Impianto di miscelazione e dosaggio a 1- / 2- componenti La miscela personalizzata. Modulare e su misura per la vostra guarnizione Le DM 50 e DM 70 sono impianti di miscelazione e dosaggio a 1 o 2 componenti,

Dettagli

Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo

Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo Workshop: Gestire la Sicurezza di Processo ing. Nicola Mazzei Laboratorio Infiammabilità ed Esplosioni Innovhub - Stazioni Sperimentali per l Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 mazzei@ssc.it 1

Dettagli

Istruzioni di servizio per la caldaia a vapore della serie di produzione S 350

Istruzioni di servizio per la caldaia a vapore della serie di produzione S 350 Istruzioni di servizio per la caldaia a vapore della serie di produzione S 350 Posizione della caldaia 1. Per garantire un funzionamento perfetto della caldaia è necessario che la stessa, per mezzo della

Dettagli

Esplosioni di polveri: prevenzione

Esplosioni di polveri: prevenzione Esplosioni di polveri: prevenzione ing. Nicola Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili Divisione di Innovhub-Stazioni Sperimentali Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 Corso CINEAS: La ricerca

Dettagli

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA

INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA INCENDIO E LA GESTIONE DELL EMERGENZA Compilare la seguente scheda di valutazione finalizzata alla valutazione delle conoscenze relative alla gestione delle emergenze in una qualsiasi realtà operativa.

Dettagli

La protezione attiva

La protezione attiva LEZIONE 33 La protezione attiva L insieme delle misure di protezione che richiedono l azione di un uomo o l azionamento di un impianto sono quelle finalizzate alla precoce rilevazione dell incendio, alla

Dettagli

Affinché un incendio si sviluppi, è necessario che si verifichino tre condizioni indicate nel "cerchio del fuoco".

Affinché un incendio si sviluppi, è necessario che si verifichino tre condizioni indicate nel cerchio del fuoco. Via Tatti, 5 20029 Turbigo (MI) Ing. Marco Cagelli Teoria della combustione Nozioni base Il cerchio del fuoco Affinché un incendio si sviluppi, è necessario che si verifichino tre condizioni indicate nel

Dettagli

Università degli Studi di Bologna. FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Disegno Tecnico Industriale

Università degli Studi di Bologna. FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Disegno Tecnico Industriale Università degli Studi di Bologna FACOLTA DI INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Disegno Tecnico Industriale STUDIO DI MASSIMA DI UNA PIATTAFORMA ELEVATRICE AD IDROGENO Tesi di Laurea di:

Dettagli

POMPE TRAVASO BENZINA

POMPE TRAVASO BENZINA POMPE TRAVASO BENINA 6561 Pompa pneumatica rotativa a palette per travaso benzina, autoadescante, corpo in ghisa con trattamento anticorrosione e rotore in plastica. Fornita completa di cavo di messa a

Dettagli

Macchine per la pulizia - Idropulitrici

Macchine per la pulizia - Idropulitrici Macchine per la pulizia - Idropulitrici ESSEGI SI OCCUPA DELLA VENDITA E DELL'ASSISTENZA TECNICA DI MACCHINE PER LA PULIZIA UBICATA NEL COMUNE DI ROMANO D'EZZELINO, LA POLITICA DI ESSEGI, E' DA SEMPRE,

Dettagli

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto

Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Easy - Gas: Impianto per lo svuotamento e messa in sicurezza dei serbatoi di GPL Metano dell autovetture Nascita del progetto Il recepimento della direttiva comunitaria 2000/53/CE relativa ai veicoli fuori

Dettagli

Funzionamento del motore 4 tempi I componenti fondamentali del motore 4 tempi I componenti ausiliari del motore 4 tempi La trasmissione del moto Le innovazioni motoristiche L influenza dell aerodinamica

Dettagli

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella

REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella REGIONE PIEMONTE AZIENDA SANITARIA LOCALE BI -------------------------------------- Via Marconi, 23 13900 Biella LAVORARE SICURI! Formazione e informazione dei lavoratori per l igiene e la sicurezza sul

Dettagli

SICUREZZA ANTINCENDIO:

SICUREZZA ANTINCENDIO: Servizio di Prevenzione e Protezione OPUSCOLO INFORMATIVO SICUREZZA ANTINCENDIO: PREVENZIONE ADDESTRAMENTO ESTINZIONE SPP-DA-105 REV.01 Aggiornamento Maggio 2010 pag. 1 di 8 IL FUOCO INGREDIENTI DEL FUOCO

Dettagli

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA

PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA PRODUZIONE, DISTRIBUZIONE E TRATTAMENTO ARIA COMPRESSA Comando pneumatico: è costituito da un insieme di tubazioni e valvole, percorse da aria compressa, che collegano una centrale di compressione ad una

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

PREVENZIONE DEGLI INCENDI

PREVENZIONE DEGLI INCENDI PREVENZIONE DEGLI INCENDI M.Tedesco Premessa: a ciascuno il suo mestiere: non siamo Vigili del Fuoco Non siamo formati per estinguere grandi incendi. tel. 115 Ma tra il personale ci possono essere delle

Dettagli

GOLVER SAFETY PRIMA DI TUTTO SICUREZZA. www.golver.it

GOLVER SAFETY PRIMA DI TUTTO SICUREZZA. www.golver.it GOLVER SAFETY PRIMA DI TUTTO SICUREZZA www.golver.it RIDUTTORI DI PRESSIONE NORMATIVA DI RIFERIMENTO EN ISO 2503 INNESTI RAPIDI AD OTTURATORE NORMATIVA DI RIFERIMENTO UNI EN 561 - ISO 7289 TUBI FLESSIBILI

Dettagli

ESTINTORI RICAMBI ED ACCESSORI

ESTINTORI RICAMBI ED ACCESSORI ESTINTORI RICAMBI ED ACCESSORI LA STORIA DELL ESTINTORE Lo sviluppo degli estintori è strettamente collegato a quello degli esplosivi ed è merito di alcuni geniali inventori anglosassoni. L idea base di

Dettagli

COMPRESSORE ECU COMPRESSORE LEONARDO COMPRESSORE C 24 ACCESSORI

COMPRESSORE ECU COMPRESSORE LEONARDO COMPRESSORE C 24 ACCESSORI COMPRESSORE ECU Piccolo compressore pratico e maneggevole, ideale per gli installatori per interventi di manutenzione. Dotato di maniglia di trasporto ricavata nella struttura superiore, non necessita

Dettagli

un iniziativa di Air Liquide Welding in collaborazione con:

un iniziativa di Air Liquide Welding in collaborazione con: CAMPAGNA EUROPEA SULLA MANUTENZIONE SICURA un iniziativa di Air Liquide Welding in collaborazione con: nell ambito della Campagna europea Ambienti di lavoro sani e sicuri Promossa in Italia da ISPESL Focal

Dettagli

Progetto H 2 Filiera Idrogeno

Progetto H 2 Filiera Idrogeno WP 4 MOTORI AD IDROGENO CON INIEZIONE DIRETTA A BASSA PRESSIONE Un ostacolo all uso dell idrogeno negli autoveicoli è portarne a bordo la quantità necessaria per una ragionevole autonomia. La densità energetica

Dettagli

Il parere di conformità nella prevenzione incendi

Il parere di conformità nella prevenzione incendi 92 2.2.5.1.1 Tipi di estintore Gli estintori di distinguono: in base all agente estinguente utilizzato in: polvere idrocarburi alogenati (halon) anidride carbonica (CO 2 ) schiuma acqua in base alle dimensioni

Dettagli

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE PROCEDURA H. Procedura utilizzo gas compressi

DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE PROCEDURA H. Procedura utilizzo gas compressi DOCUMENTO DI VALUTAZIONE DEI RISCHI PROCEDURE EDIZIONE N 01 REVISIONE N 00 DATA 20/06/08 SEZIONE 08 PAGINA 1 di 3 PROCEDURA H Procedura utilizzo gas compressi Le bombole di gas compresso sono costituite

Dettagli

IL RISCHIO INCENDIO IL RISCHIO INCENDIO CAUSE DI INCENDI

IL RISCHIO INCENDIO IL RISCHIO INCENDIO CAUSE DI INCENDI IL RISCHIO INCENDIO Dopo aver affrontato (in parte) i temi della sicurezza trattati nel Decreto Legislativo 81/2008 affrontiamo adesso uno dei rischi più frequenti e pericolosi che potremmo trovarci di

Dettagli

Relatore: Dott. Lazzaro Palumbo Rischio medio 8 ore PERCHÉ FREQUENTARE UN CORSO ANTINCENDIO? Il rischio incendio è uno dei maggiori rischi per i luoghi di lavoro Non esistono attività lavorative a rischio

Dettagli

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR

Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Pomeriggio informativo Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Giubiasco, autunno 2013 Giornata informativa Modalità di consegna dei rifiuti all ICTR Presentata da: Pietro Casari, Consulente tecnico

Dettagli

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna STUDIO DELL APPLICAZIONE DI UN SISTEMA ALIMENTATO AD IDROGENO PER UN SOLLEVATORE AUTOPROPULSO

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna STUDIO DELL APPLICAZIONE DI UN SISTEMA ALIMENTATO AD IDROGENO PER UN SOLLEVATORE AUTOPROPULSO Alma Mater Studiorum - Università di Bologna SECONDA FACOLTA DI INGEGNERIA CON SEDE A CESENA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA STUDIO DELL APPLICAZIONE DI UN SISTEMA ALIMENTATO AD IDROGENO PER UN

Dettagli

Idrogeno: trasporto ed accumulo Seminario «Power to Gas e Idrogeno» Gianluca Valenti Politecnico di Milano, Dipartimento di Energia

Idrogeno: trasporto ed accumulo Seminario «Power to Gas e Idrogeno» Gianluca Valenti Politecnico di Milano, Dipartimento di Energia Idrogeno: trasporto ed accumulo Seminario «Power to Gas e Idrogeno» Gianluca Valenti Politecnico di Milano, Dipartimento di Energia Sommario 2 1. INTRODUZIONE 2. INCREMENTO DELLA DENSITA 3. TRASPORTO 4.

Dettagli

stazione di pulizia e soffiaggio

stazione di pulizia e soffiaggio stazione di pulizia e soffiaggio www.eolone.it - info@eolone.com eolone stazione di pulizia e soffiaggio Aria nuova nella tua azienda Small Size Big Size eolone Small Size versione base versione base Sportello

Dettagli

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA

BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA BREVE APPROFONDIMENTO SULLE PRINCIPALI MISURE DI SICUREZZA MISURE DI SICUREZZA PASSIVA: Resistenza al fuoco delle strutture e delle porte Compartimentazione Comportamento al fuoco dei materiali MISURE

Dettagli

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE

Classificazione delle pompe. Pompe rotative volumetriche POMPE ROTATIVE. POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... VOLUMETRICHE Classificazione delle pompe Pompe rotative volumetriche POMPE VOLUMETRICHE si dividono in... POMPE ROTATIVE VOLUMETRICHE Pompe rotative volumetriche Principio di funzionamento Le pompe rotative sono caratterizzate

Dettagli

UNITA DI STAFF SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE NORME DI SICUREZZA PER L UTILIZZO E LO STOCCAGGIO DI BOMBOLE DI GAS

UNITA DI STAFF SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE NORME DI SICUREZZA PER L UTILIZZO E LO STOCCAGGIO DI BOMBOLE DI GAS UNITA DI STAFF SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE NORME DI SICUREZZA PER L UTILIZZO E LO STOCCAGGIO DI BOMBOLE DI GAS MEDICALI COMPRESSI ALL INTERNO DELLE UNITA OPERATIVE REVISIONE DATA RSPPA 0 07/08/2003

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE AREE

CLASSIFICAZIONE DELLE AREE CLASSIFICAZIONE DELLE AREE IDENTIFICAZIONE DELLE ZONE DI PERICOLO L'identificazione in un impianto chimico o petrolchimico delle zone di pericolo, viene fatta da personale altamente qualificato. Di solito

Dettagli

Scheda Tecnica. Unyc 11 11-14 b 11-14-17 ie b 11-14 ie dyn. Scaldabagni. istantanei a camera aperta

Scheda Tecnica. Unyc 11 11-14 b 11-14-17 ie b 11-14 ie dyn. Scaldabagni. istantanei a camera aperta Sbagni istantanei a camera aperta Scheda Tecnica b ie b ie dyn . Circuito idraulico b ie b ie dyn 0 0 Cappa scarico combustione Scambiatore di calore Venturi Dispositivo lenta accensione Dispositivo di

Dettagli

Sistemi di stoccaggio 5 e di smaltimento

Sistemi di stoccaggio 5 e di smaltimento Sistemi di stoccaggio e di smaltimento Per lo smaltimento di sostanze liquide e solide offriamo i nostri sistemi certificati dal TÜV per l impiego in corrispondenti mobiletti. I nostri mobiletti di smaltimento

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli

Il gasogeno imbert. Fu inventato nel 1920 da Georges IMBERT, ingegnere chimico, nato il 25.03.1884 in Lorraine e morto il 06.02.1950 in Alsace.

Il gasogeno imbert. Fu inventato nel 1920 da Georges IMBERT, ingegnere chimico, nato il 25.03.1884 in Lorraine e morto il 06.02.1950 in Alsace. Il gasogeno imbert Fu inventato nel 1920 da Georges IMBERT, ingegnere chimico, nato il 25.03.1884 in Lorraine e morto il 06.02.1950 in Alsace. (Alsazia e Lorena erano Tedesche nel 1884 e Francesi nel 1950

Dettagli

POMPE DI PROSCIUGAMENTO. Pompe Pneumatiche

POMPE DI PROSCIUGAMENTO. Pompe Pneumatiche POMPE DI PROSCIUGAMENTO Pompe Pneumatiche POMPATE IL VOSTRO BUSINESS Una pompa pneumatica è la scelta ideale quando non si può fallire. È facile da usare, sicura ed è in grado di affrontare praticamente

Dettagli

T.d.P. Fabozzi Marco ASS 4 "Medio Friuli"

T.d.P. Fabozzi Marco ASS 4 Medio Friuli ANTINCENDIO Cos è il fuoco? Cosa si può fare in caso di incendio? Come ci si deve comportare in caso di incendio? Cosa ci serve per fare il fuoco?? COMBUSTIBILE: carta, legno, vari gas, benzina, olii,

Dettagli

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI. Sistemi Emergenza

Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI. Sistemi Emergenza Prof. Luigi Puccinelli IMPIANTI E SISTEMI AEROSPAZIALI Sistemi Emergenza 2 Hanno lo scopo di ridurre le conseguenze di guasti o rotture Sistemi attivi: eseguono o consentono di eseguire operazioni per

Dettagli

PROGETTO ARSIA VIS Vivaismo Sostenibile Rapporto annuale dello Stato di Avanzamento delle Attività Mese dall inizio del progetto: 9 - Dicembre 2010

PROGETTO ARSIA VIS Vivaismo Sostenibile Rapporto annuale dello Stato di Avanzamento delle Attività Mese dall inizio del progetto: 9 - Dicembre 2010 PROGETTO ARSIA VIS Vivaismo Sostenibile Rapporto annuale dello Stato di Avanzamento delle Attività Mese dall inizio del progetto: 9 - Dicembre 2010 PARTNER: CIRAA, UNIVERSITÀ DI PISA, PISA RESPONSABILE

Dettagli

Utensili e Accessori Auto Moto e Bici

Utensili e Accessori Auto Moto e Bici Lucchetto ottone pesante Set 3 lucchetti ottone Dotato di 2 chiavi Articolo mm Listino DB SF 9.877.025 25 1,30 12 240 Articolo mm Listino BL 9.878.073 25-30-40 4,00 10 60 Lucchetto ottone standard Lucchetto

Dettagli

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione

Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-F GPC Macchine per la disinfestazione e la disinfezione GPE-P GPC - GPE GPC Sicurezza conforme alle ultime normative CE; valvole di sicurezza; riempi botte antinquinante; miscelatore nel coperchio

Dettagli

GUIDA AL LABORATORIO DI CHIMICA

GUIDA AL LABORATORIO DI CHIMICA GUIDA AL LABORATORIO DI CHIMICA 1. LE ATTREZZATURE a. Gli immobili Il laboratorio è dotato di strutture di base fondamentali, come i banconi e la cappa aspirante. I banconi la cui superficie è in materiale

Dettagli

L incendio. Caratteristiche fisiche dell incendio Parte 1

L incendio. Caratteristiche fisiche dell incendio Parte 1 L incendio Caratteristiche fisiche dell incendio Parte 1 Generalità sugli incendi La combustione Le principali cause di incendio Sostanze estinguenti Dinamica dell'incendio I rischi per le persone e l'ambiente

Dettagli

Con Clean aria pulita da polveri: Mod. CAP 150.60

Con Clean aria pulita da polveri: Mod. CAP 150.60 Cannone abbattimento polveri e odori Silenziato e Autonomo. Con Clean aria pulita da polveri: Mod. CAP 150.60 Gruppo electtrogeno 30 kva - 24 kw: Silenziato. 400 V 50 HZ Cannone abbattimento polveri. Silenziato:.

Dettagli

Corso Base - Livello A1-01 per operatori volontari di Protezione Civile Edizione 20

Corso Base - Livello A1-01 per operatori volontari di Protezione Civile Edizione 20 Intro.. Estintori fasi di un incendio triangolo del fuoco . Estintori il più immediato dispositivo antincendio attivo.. permette di estinguere un incendio (o principio) eliminando un ʺlatoʺ del triangolo

Dettagli

AUTOMAN. Compressori a pistone (0,75-8,1 kw / 1-11 CV)

AUTOMAN. Compressori a pistone (0,75-8,1 kw / 1-11 CV) AUTOMAN Compressori a pistone (0,75-8,1 kw / 1-11 CV) SERIE AH: AZIONAMENTO DIRETTO: COMPATTI, MANEGGEVOLI, OIL-FREE I compressori oil-free della serie AH sono progettati per un ampia serie di applicazioni.

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti industriali 2-2012 1 Impianti industriali 2-2012 1 RIFERIMENTI NORMATIVI D.M.10/03/98 Criteri generali di sicurezza e per la gestione dell emergenza nei luoghi di lavoro D.M.04/04/98 Elenco attività normate (soggette a CPI)

Dettagli

ACCUMULATORI IDRAULICI

ACCUMULATORI IDRAULICI In generale, un accumulatore idraulico può accumulare liquido sotto pressione e restituirlo in caso di necessità; IMPIEGHI 1/2 Riserva di liquido Nei circuiti idraulici per i quali le condizioni di esercizio

Dettagli

L ESTINZIONE DEGLI INCENDI. L estinzione degli incendi -- Programma LEONARDO

L ESTINZIONE DEGLI INCENDI. L estinzione degli incendi -- Programma LEONARDO L ESTINZIONE DEGLI INCENDI L estinzione degli incendi Per interrompere la reazione di combustione, bisogna eliminare almeno uno dei tre fattori indispensabile alla sua esistenza, che sono: combustibile

Dettagli

Cannone abbattimento polveri e odori Silenziato e Autonomo

Cannone abbattimento polveri e odori Silenziato e Autonomo Cannone abbattimento polveri e odori Silenziato e Autonomo Mod. Clean CAP 100.50 Cannone abbattimento polveri. Serbatoi di accumulo acqua in PE con accessori. Quadro elettrico con comando a distanza. Gruppo

Dettagli

ALL INTERNO DEL MOTORE, QUANDO UN PISTONE VIENE SPINTO VERSO IL BASSO PER COMPRESSIONE, VIENE IMPRESSO IL MOVIMENTO ALTERNATO ALL ALBERO MOTORE CHE VIENE QUINDI MESSO IN ROTAZIONE. PER EVITARE CHE L ALBERO

Dettagli

Antincendio. Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile

Antincendio. Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile Antincendio Corso per Volontari Operativi Generici di Protezione Civile realizzato secondo gli Standard Regionali in materia di Formazione per la Protezione Civile D.G.R. 4036/2007 - Scuola Superiore di

Dettagli

Cannone abbattimento polveri e odori Silenziato e Autonomo.

Cannone abbattimento polveri e odori Silenziato e Autonomo. Cannone abbattimento polveri e odori Silenziato e Autonomo. Con Clean aria pulita da polveri: Gruppo electtrogeno 250 kva - 200 kw: Silenziato. 400 V 50 HZ Quadro elettrico con comando a distanza: Avviamento

Dettagli

SKF VectoLub, serie VE1B

SKF VectoLub, serie VE1B 1-4403-IT SKF VectoLub, serie VE1B Sistema compatto per la lubrificazione minimale esterna con dosaggio volumetrico Il sistema di lubrificazione minimale SKF VectoLub costituisce una soluzione alternativa,

Dettagli

Tecnologia MQL esterna

Tecnologia MQL esterna Tecnologia MQL esterna - Con riserva di modifiche - Sistemi per la lubrificazione minimale per utensili da taglio e asportazione di truciolo per superfici piane nei processi di stampaggio e per lubrificazioni

Dettagli

Mescolatore Tipo Biconico

Mescolatore Tipo Biconico MS I Applicazione Il miscelatore tipo biconico realiza una miscelazione omogenea dei solidi. Il processo di miscelazione è una operazione comune nella produzione destinata all industria farmaceutica,alimentare,

Dettagli

SALDATURA AD ARCO SOMMERSO

SALDATURA AD ARCO SOMMERSO SALDATURA SALDATURA AD ARCO SOMMERSO La saldatura ad arco sommerso (SAW - Submerged Arc Welding nella terminologia AWS) è un saldatura ad arco a filo continuo sotto protezione di scoria. Il fatto che l

Dettagli

MOTOCOMPRESSORE portatile a vite KAESER con profilo SIGMA. MOBILAIR 27 / 7 bar con motore diesel. con marcatura CE e Dichiarazione di Conformità

MOTOCOMPRESSORE portatile a vite KAESER con profilo SIGMA. MOBILAIR 27 / 7 bar con motore diesel. con marcatura CE e Dichiarazione di Conformità MOTOCOMPRESSORE portatile a vite KAESER con profilo SIGMA MOBILAIR 27 / 7 bar con motore diesel Compressore con marcatura CE e Dichiarazione di Conformità Portata effettiva Massima pressione operativa

Dettagli

IL CONTROLLO FUNZIONALE DELLE MACCHINE IRRORATRICI

IL CONTROLLO FUNZIONALE DELLE MACCHINE IRRORATRICI Direzione Regionale Agricoltura e Sviluppo Rurale, Caccia e Pesca Servizio Fitosanitario Regionale IL CONTROLLO FUNZIONALE DELLE MACCHINE IRRORATRICI La legge prevede che le macchine per la distribuzione

Dettagli

attrezzatura varia 5.2 carotaggi e perforazioni 5.2.1 carotatrici pag. 354

attrezzatura varia 5.2 carotaggi e perforazioni 5.2.1 carotatrici pag. 354 attrezzatura varia 5.2 carotaggi e perforazioni pag. 354 354 AT 244 Orientabile in ogni direzione perforatrici - en 12504-1 La gamma di macchine Tecnotest consente l esecuzione di qualsiasi tipo di perforazione

Dettagli

ADVANCED FLUID MANAGEMENT SOLUTIONS LISTINO PREZZI N 220 ANNI DI GARANZIA. Made In Italy. in vigore dal 01 aprile 2013

ADVANCED FLUID MANAGEMENT SOLUTIONS LISTINO PREZZI N 220 ANNI DI GARANZIA. Made In Italy. in vigore dal 01 aprile 2013 ADVANCED FLUID MANAGEMENT SOLUTIONS LISTINO PREZZI N 220 in vigore dal 01 aprile 2013 5 ANNI DI GARANZIA Made In Italy ADVANCED FLUID MANAGEMENT SOLUTIONS www.raasm.com dal 1975 al Vostro servizio RAASM

Dettagli

CASSANI 40 CV - Anno 1927. Articolo del Dott.Ing. Giorgio BENVENUTO

CASSANI 40 CV - Anno 1927. Articolo del Dott.Ing. Giorgio BENVENUTO CASSANI 40 CV - Anno 1927 Articolo del Dott.Ing. Giorgio BENVENUTO Progettato, brevettato e costruito, nel 1927, dai F.lli CASSANI, Francesco ed Eugenio, nella propria officina di Treviglio che, già all

Dettagli

MOLTIPLICATORE DI PRESSIONE ARIA/OLIO

MOLTIPLICATORE DI PRESSIONE ARIA/OLIO Il moltiplicatore di pressione sfrutta una combinazione di aria/olio ottenendo notevoli pressioni. Il principio si basa sulla differenza della superficie dei due pistoni collegati tra di loro da un unico

Dettagli

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio

Impianti e dispositivi di protezione antincendio. Impianti e dispositivi di protezione antincendio Impianti Meccanici 1 Danni provocati dagli incendi negli stabilimenti : - diretti : distruzione di macchinari, impianti, merci. - indiretti : mancata produzione Mezzi di prevenzione e Provvedimenti di

Dettagli

Compressori a pistoni PROpack e SILpack

Compressori a pistoni PROpack e SILpack Compressori a pistoni PROpack e SILpack Intelligent Air Technology Compressori a pistoni PROpack e SILpack I compressori CompAir PROpack e SILpack offrono un erogazione di aria compressa economica e affidabile.

Dettagli

ELETTROCOMPRESSORE FINI CIAO 6/1850 LT.6-HP 1,5-kW 1,5. ELETTROCOMPRESSORE FINI TIGER/I 265M LT.24-HP 2-kW 1,5

ELETTROCOMPRESSORE FINI CIAO 6/1850 LT.6-HP 1,5-kW 1,5. ELETTROCOMPRESSORE FINI TIGER/I 265M LT.24-HP 2-kW 1,5 ELETTROCOMPRESSORE FINI CIAO 6/1850 LT.6-HP 1,5-kW 1,5 Senza olio monofase 8 bar. Comandato tramite pressostato elettromeccanico. Gruppo accessori con Monofase. Serbatoio da 6 lt. Gruppo accessori con

Dettagli

Problematiche dell utilizzo di biocarburanti nei motori

Problematiche dell utilizzo di biocarburanti nei motori Bioetanolo: dalla produzione all utilizz Centro Studi l Uomo e l Ambient Padova 200 Problematiche dell utilizzo di biocarburanti nei motori Rodolfo Taccani, Robert Radu taccani@units.it, rradu@units.it

Dettagli

Guida pratica all antincendio Prevenzione e protezione incendi in azienda

Guida pratica all antincendio Prevenzione e protezione incendi in azienda guida pratica all antincendio - E. Lavè, P. Lavè PREVENZIONE INCENDI Edmondo Lavè Paolo Lavè guida pratica all antincendio prevenzione e protezione incendi in azienda II edizione Guida pratica all antincendio

Dettagli

(Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della direttiva)

(Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della direttiva) (Pubblicazione di titoli e riferimenti di norme armonizzate ai sensi della direttiva) OEN ( 1 ) CEN EN 1010-1:2004 Sicurezza del macchinario Requisiti di sicurezza per la progettazione e la costruzione

Dettagli

Piano formativo AVT/129/11II Formare per crescere finanziato da. Presentazione. Avviso 5/2011 II scadenza

Piano formativo AVT/129/11II Formare per crescere finanziato da. Presentazione. Avviso 5/2011 II scadenza Piano formativo AVT/129/11II Formare per crescere finanziato da Presentazione Avviso 5/2011 II scadenza Corso di formazione per ADDETTI ALLA PREVENZIONE INCENDI, LOTTA ANTINCENDIO E GESTIONE DELLE EMERGENZE

Dettagli

CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP

CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP CALDAIE PER COMBUSTIBILI SOLIDI MODELLO SASP Caldaie in acciaio per la produzione di acqua calda ad inversione di fumi, funzionanti a scarti di legno, trucioli, pelet, segatura, cippati, bricchetti, gasolio,

Dettagli

ATTREZZATURE MANUALI la soluzione...per il verde

ATTREZZATURE MANUALI la soluzione...per il verde ATTREZZATURE MANUALI la soluzione...per il verde MODELLO : P Attrezzatura da pirodiserbo molto leggera, di facile utilizzo e composta delle seguenti parti: - n 1 tubo calzato metallico da mt.10 - n 1 torcia

Dettagli