TARIFFE DOMESTICHE. ALLEGATO B - TARIFFE DOMESTICHE in vigore dal 01/01/2013 Gli importi sono definiti su base annua

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "TARIFFE DOMESTICHE. ALLEGATO B - TARIFFE DOMESTICHE in vigore dal 01/01/2013 Gli importi sono definiti su base annua"

Transcript

1 TARIFFE DOMESTICHE ALLEGATO B - TARIFFE DOMESTICHE in vigore dal 01/01/2013 Gli importi sono definiti su base annua PER TUTTE LE UTENZE comp Quota Fissa 2013 Quota allaccio Quota Organico (*) CONTENIT. PERSONALE secco residuo Svuotamenti minimi del contenitore a disposizione per l'anno 2013 PRESSCONTAINER Svuotamenti minimi per l'anno ,07 22,42 17, ,23 28,83 34, ,09 38,44 51, ,06 41,64 68, ,01 51,25 85, ,92 57,67 102, (*) Solo per chi NON aderisce al compostaggio domestico Per incontinenti (con patologia documentata) e per utenze con bambini fino ai due anni di vita, sono compresi 52 svuotamenti per i contenitori personali e, nel caso di utilizzo del presscontainer, ulteriori 80 svuotamenti oltre i minimi. COSTI PER SVUOTAMENTI ECCEDENTI tipo contenitore costo a svuotamento 80 LT 4, LT 4, LT 4, LT 5,15 PRESSCONTAINER 1,16 Per le utenze domestiche che non praticano correttamente la differenziazione dei rifiuti, a seguito di accertamento eseguito dal Soggetto Gestore o dal Comune o da chi per essi ai sensi del regolamento, è previsto un incremento della quota variabile della tariffa pari al 30%.

2 ALLEGATO C - TARIFFE NON DOMESTICHE in vigore dl 01/01/2013 Qapf (Quota Fissa Unitaria) Tariffa Variabile - uguale per tutte le categorie Soglia Quota Fissa Riduzione oltre la soglia Gli importi sono definiti su base annua TARIFFE NON DOMESTICHE 1, , Euro 1732,73 Euro 70% Categoria DESCRIZIONE Kc min kc max kc SCELTO in base kd sperimentale Tf /mq Tv CONTENIT. PERSONALE secco residuo Tv PRESSCONTAINE R svuotamenti minimi PRESSCONT AINER svuotamenti minimi CONTENITORE PERSONALE secco residuo 1 Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto 0,40 0,67 0,40 0,73 117,20 117, Cinematografi e teatri 0,30 0,43 0,43 0,79 117,20 117, Autorimesse e magazzini senza alcuna vendita diretta 0,51 0,60 0,60 1,10 117,20 117, campeggi, distributori carburanti, impianti sportivi 0,76 0,88 0,88 1,61 117,20 117, stabilimenti balneari 0,38 0,64 0,38 0,70 117,20 117, esposizioni, autosaloni 0,34 0,51 0,34 0,62 117,20 117, Alberghi con ristorante 1,20 1,64 1,20 2,20 117,20 117, Alberghi senza ristorante 0,95 1,08 0,95 1,74 117,20 117, Case di cura e riposo 1,00 1,25 1,00 1,83 117,20 117, Ospedale 1,07 1,29 1,07 1,96 117,20 117, Uffici, agenzie, studi professionali 1,07 1,52 1,30 2,37 117,20 117, Banche ed istituti di credito 0,55 0,61 0,55 1,01 117,20 117, Negozi abbigliamento, calzature, libreria, cartoleria, ferramenta, e altri beni durevoli 0,99 1,41 0,99 1,81 117,20 117, Edicola, farmacia, tabaccaio, plurilicenze 1,11 1,80 1,11 2,03 117,20 117, Negozi particolari quali filatelia, tende e tessuti, tappeti, cappelli e ombrelli, antiquariato 0,60 0,83 0,60 1,10 117,20 117, Banchi di mercato beni durevoli 1,09 1,78 3,00* / / 52 / 17 Attività artigianali tipo botteghe: parrucchiere, barbiere, estetista 1,09 1,48 1,09 1,99 117,20 117, Attività artigianali tipo botteghe: falegname, idraulico, fabbro, elettricista 0,82 1,03 0,82 1,50 117,20 117, Carrozzeria, autofficina, elettrauto 1,09 1,41 1,25 2,29 117,20 117, Attività industriali con capannoni di produzione 0,38 0,92 0,65 1,19 117,20 117, Attività artigianali di produzione beni specifici 0,55 1,09 0,55 1,01 117,20 117, Ristoranti, trattorie, osterie, pizzerie, pub 5,57 9,63 5,57 10,19 117,20 117, Mense, birrerie, amburgherie 4,85 7,63 4,85 8,87 117,20 117, Bar, caffè pasticceria 3,96 6,29 3,96 7,25 117,20 117, Supermercato, pane e pasta, macelleria, salumi e formaggi, generi alimentari 2,02 2,76 2,02 3,70 117,20 117, Plurilicenze alimentari e/o miste 1,54 2,61 1,54 2,82 117,20 117, Ortofrutta, pescherie, fiori e piante, pizza al taglio 7,17 11,29 7,17 13,12 117,20 117, Ipermercati di generi misti 1,56 2,74 1,56 2,85 117,20 117, Banchi di mercato generi alimentari 3,50 6,92 7,00* / / 52 / 30 Discoteche, night club 1,04 1,91 1,04 1,90 117,20 117, * Per le categorie 16 e 29, relative ai banchi di mercato, l'importo è comprensivo di quota fissa e di quota variabile; i primi 52 svuotamenti sono compresi nella tariffa a mq COSTI PER SVUOTAMENTI ECCEDENTI DEL CONTENITORE IN DOTAZIONE ^ 80 LT 4, LT 4, LT 4,82 PRESSCONTAINER 1,16 ^ nel servizio ordinario è previsto per il secco residuo l'utilizzo di un unico contenitore di volumetria non superiore ai 240 lt per il quale dovranno essere pagati gli eventuali vuotamenti eccedenti Per le utenze domestiche che non praticano correttamente la differenziazione dei rifiuti, a seguito di accertamento eseguito dal Soggetto Gestore o dal Comune o da chi per essi ai sensi del regolamento, è previsto un incremento della quota variabile della tariffa pari al 30%.

3 QUANTITATIVI MASSIMI DI CONFERIMENTO PER LE UTENZE NON DOMESTICHE ORDINARIE ALLEGATO D - QUANTITATIVI MASSIMI DI CONFERIMENTO PER LE UTENZE NON DOMESTICHE ORDINARIE Rifiuto Peso specifico rifiuto kg/lt Svuotamenti annui Servizio ordinario (asporto max in lt) Peso del rifiuto asportabile con servizio ordinario (Kg) secco con contenitore personale 0, secco con presscontainer 0, svuot 259 plastica 0, carta 0, vetro 0, umido 0,

4 SERVIZI ORDINARI SU RICHIESTA CON ADDEBITO ALLEGATO E - SERVIZI ORDINARI SU RICHIESTA CON SPECIFICO ADDEBITO servizio addebito note Asporto rifiuto verde in bidone con volumetria fino a 240 lt (1) 23,10 comprensivi dell'eventuale fornitura contenitore; 5,78 per ogni svuotamento eccedente i primi 5 Asporto ingombranti su chiamata 32,82 per ogni chiamata per quantità non superiori a 1,5 mc o 4 pezzi (2). (1) Per conferimenti occasionali senza bidone (con prenotazione al call center) il servizio è gratuito per quantità limitate: 2 sacchi aperti o 1 fascina e 1 sacco per max 3 volte l'anno. Per conferimenti occasionali e quantità considerevoli il servizio è a pagamento con addebito commisurato alla richiesta. (2) Se i quantitativi massimi vengono superati è previsto un doppio addebito per quantità non superiori a 3 mc o 8 pezzi. Se anche questi quantitativi sono superati, sull'eccedenza sarà addebitato il costo puro del servizio.

5 FIERE SAGRE E MANIFESTAZIONI ALLEGATO F - ADDEBITI PER FIERE, SAGRE E MANIFESTAZIONI tipologia addebito frequenza Giostra o attrazione 4,62 a giorno Banco beni durevoli (1) 3,00 a giorno Banco beni deperibili (1) 4,04 a giorno Stand gastronomico 34,65 a giorno Stand non gastronomico 23,10 a giorno (1) La tariffa è applicabile ai soli banchi di sagra o fiera temporanea ed ai banchi di mercato con concessione giornaliera. Ai banchi di mercato con concessione ordinaria vengono invece applicate le tariffe ordinarie di cui all'allegato C Minimo fatturabile per evento Euro 12,00 Etra S.p.a. Tariffe RU - anno 2013 Comune di Rubano

6 ALLEGATO G - SCHEMA SINTESI RIDUZIONI Descrizione Regolamento Riduzione riproporzionata al valore totale della tariffa Distanza dal punto di raccolta Art. 9, comma 2 60% Raccolta differenziata delle Utenze Domestiche: conferimento al Gestore* Raccolta differenziata delle Utenze Domestiche: compostaggio domestico Locali, diversi dalle abitazioni, ed aree scoperte adibite ad uso stagionale Immobili di attività economiche o istituzionali predisposti all'uso, ma permanentemente non occupati Avvio a recupero di rifiuti assimilati (utenze non domestiche ordinarie)* Avvio a recupero di rifiuti assimilati (utenze non domestiche non ordinarie) Situazione di danno o pericolo di danno alle persone o all'ambiente Art. 12, comma 7 11,8% Art. 40, comma 3 Art. 19, comma 4 specifica per singola categoria di utenza (vedi all. B) specifica per singola utenza ( 30%) Criteri In funzione della distanza dal più vicino punto di raccolta rientrante nella zona perimetrata o di fatto servita. Definita sulla base dell'allegato "CESSIONE RIFIUTI RICICLABILI" del Piano Economico Finanziario. Riduzione determinata in delibera tariffaria, sulla base della commisurazione agli effettivi minori costi sostenuti dal Gestore. Qv * (% riduzione Kb) Riduzione proporzionale ai giorni di utilizzo effettivo su base annua (solo per uso non continuativo, ma ricorrente e per un periodo inferiore a 215 giorni annui, anche non consecutivi). Art. 19, comma 5 34% Soggetti al pagamento della sola quota fissa. Art. 21, comma 1 11,8% Art. 21, comma 1 specifica per singola utenza Abitazioni temporaneamente chiuse Art. 21, comma 3 30% Sostituzione del Comune Art % Definita sulla base dell'allegato "CESSIONE RIFIUTI RICICLABILI" del Piano Economico Finanziario. Modalità di calcolo e riconoscimento della riduzione sono definite dal Gestore in accordo con il Consorzio. Art. 21, comma 2 80% Situazione riconosciuta dall'autorità sanitaria. Riduzione rapportata al periodo di non utilizzo dei locali e al numero dei componenti il nucleo familiare che abbiano effettivamente sospeso l'uso. Deliberate dal Comune e coperte da piano finanziario o trasferimenti di bilancio (qualora consentiti dalla normativa). NOTE: * Per la tariffa rifiuti questa riduzione è già inclusa, essendo la stessa calcolata al netto della somma tra quota parte dei proventi dalle frazioni avviate a recupero e quota parte dei costi evitati di smaltimento finale. Nel caso un'utenza abbia diritto a più riduzioni il totale è pari alla somma delle percentuali applicata al valore totale della tariffa al lordo di qualsiasi riduzione. Ai sensi dell'art. 60, comma 5 del Regolamento le riduzioni sulla maggiorazione per i servizi indivisibili non possono in alcun caso superare il 70% dell'importo totale della stessa. E.T.R.A. SpA Tariffe RU - Anno 2013 Comune di RUBANO

CALCOLO E DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI TASSA SUI RIFIUTI TARI TARIFFE ESERCIZIO 2014

CALCOLO E DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI TASSA SUI RIFIUTI TARI TARIFFE ESERCIZIO 2014 CALCOLO E DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI TASSA SUI RIFIUTI TARI TARIFFE ESERCIZIO 2014 DATI DI BASE abitanti al 31/12/2013 n. 25.859 COSTI PREVISTI PER L ESERCIZIO

Dettagli

COMUNE DI MONTIGNOSO PIANO FINANZIARIO E DEFINIZIONE DELLO SCENARIO. Allegato A

COMUNE DI MONTIGNOSO PIANO FINANZIARIO E DEFINIZIONE DELLO SCENARIO. Allegato A COMUNE DI MONTIGNOSO PIANO FINANZIARIO E DEFINIZIONE DELLO SCENARIO Allegato A RILEVAZIONE SULLO STATO DELL ARTE STATO DELL ARTE La base di partenza dell elaborazione necessaria all analisi per il passaggio

Dettagli

COMUNE DI LONGARE. TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno 2013

COMUNE DI LONGARE. TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno 2013 COMUNE DI LONGARE TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno 2013 1.1 Utenze domestiche Il territorio comunale è stato diviso in 5 zone in funzione dei caratteri del servizio fornito, come descritto nella tabella che

Dettagli

BOZZA RELAZIONE. Desenzano del Garda 03.05.2014. Pagina 1 di 7

BOZZA RELAZIONE. Desenzano del Garda 03.05.2014. Pagina 1 di 7 BOZZA RELAZIONE Desenzano del Garda 03.05.2014 Pagina 1 di 7 Richiamata la recente Legge 27 dicembre 2013 n. 147 ( Legge di stabilità 2014), in particolare art. 1 commi 639 668 di istituzione della TARI

Dettagli

TASSA SUI RIFIUTI (TARI) ANNO 2016 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA DETERMINAZIONE TARIFFE TARI METODO NORMALIZZATO 1

TASSA SUI RIFIUTI (TARI) ANNO 2016 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA DETERMINAZIONE TARIFFE TARI METODO NORMALIZZATO 1 allegato A) alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 22 in data 30/04/2016 RELAZIONE TECNICO-ILLUSTRATIVA DETERMINAZIONE TARIFFE TARI METODO NORMALIZZATO 1 Il procedimento di calcolo delle tariffe TARI

Dettagli

COMUNE DI VERBANIA TRANSIZIONE A TARES DEFINIZIONE DEGLI SCENARI TARES 2013 UD 49,71% UND 50,29%

COMUNE DI VERBANIA TRANSIZIONE A TARES DEFINIZIONE DEGLI SCENARI TARES 2013 UD 49,71% UND 50,29% COMUNE DI VERBANIA TRANSIZIONE A TARES DEFINIZIONE DEGLI SCENARI TARES 2013 UD 49,71% UND 50,29% Piano Economico Finanziario come approvato da AC con atto 8/13; ELABORAZIONE TRANSIZIONE A TARES Il presente

Dettagli

COMUNE DI PARETE (PROVINCIA DI CASERTA)

COMUNE DI PARETE (PROVINCIA DI CASERTA) COMUNE DI PARETE (PROVINCIA DI CASERTA) Delibera di Consiglio Comunale N 17 del 3/07/2014 OGGETTO: TASSA SUI RIFIUTI (TARI) DETERMINAZIONE TARIFFE ANNO 2014 Premesso che: L Assessore all Ambiente - il

Dettagli

Comune di Villafranca di Verona APPROVATA CON DELIBERAZIONE N 27 DEL 27/05/2015

Comune di Villafranca di Verona APPROVATA CON DELIBERAZIONE N 27 DEL 27/05/2015 Comune di Villafranca di Verona APPROVATA CON DELIBERAZIONE N 27 DEL 27/05/2015 Proposta di Deliberazione N : 231 del 14/05/2015 AREA II - SERVIZI ECONOMICO FINANZIARI E TRIBUTARI Unità TRIBUTI OGGETTO:

Dettagli

fino a 30 1 da 31 a 45 2 da 46 a 60 3 da 61 a 75 4 da 76 a 90 5

fino a 30 1 da 31 a 45 2 da 46 a 60 3 da 61 a 75 4 da 76 a 90 5 TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI GUIDA AL CALCOLO TARES (AGGIORNATO ALL'11/01/2014) La componente Rifiuti della TARES è composta da: UNA QUOTA FISSA: determinata in relazione alle componenti

Dettagli

COMUNE DI BELGIOIOSO TARI METODO NORMALIZZATO SIMULAZIONE CALCOLI ANNO 2015 COMUNE DEL NORD CON PIU' DI 5000 ABITANTI D.P.R.

COMUNE DI BELGIOIOSO TARI METODO NORMALIZZATO SIMULAZIONE CALCOLI ANNO 2015 COMUNE DEL NORD CON PIU' DI 5000 ABITANTI D.P.R. COMUNE DI BELGIOIOSO TARI METODO NORMALIZZATO SIMULAZIONE CALCOLI ANNO 2015 COMUNE DEL NORD CON PIU' DI 5000 ABITANTI D.P.R. 27 Aprile 1999,n.158 1) DEFINIZIONI Per definire le componenti dei costi e determinare

Dettagli

COMUNE DI BIBBONA PROVINCIA DI LIVORNO

COMUNE DI BIBBONA PROVINCIA DI LIVORNO COMUNE DI BIBBONA PROVINCIA DI LIVORNO TARI (TASSA SUI RIFIUTI) DENUNCIA DEI LOCALI ED AREE ADIBITE AD USO DIVERSO ABITAZIONE ANNO... IL SOTTOSCRITTO NATO A IL SESSO M F RESIDENTE IN VIA/PIAZZA N. CIVICO

Dettagli

PIANO FINANZIARIO TARIFFA IGIENE AMBIENTALE

PIANO FINANZIARIO TARIFFA IGIENE AMBIENTALE COMUNE DI CARONNO VARESINO Provincia di Varese PIANO FINANZIARIO TARIFFA IGIENE AMBIENTALE Allegato A3) alla deliberazione della C.C. n. 12 del 23/09/2013 ANNO 2013 03 20130829 Caronno Piano Finanziario

Dettagli

PIANO FINANZIARIO GESTIONE TARI

PIANO FINANZIARIO GESTIONE TARI PIANO FINANZIARIO GESTIONE TARI Premessa normativa Il presente Piano Finanziario, redatto in conformità a quanto previsto nel D.P.R. n. 158/1999, ha lo scopo di fornire i dati utili all'applicazione del

Dettagli

Comune di. Determinazione delle tariffe della Tassa sui rifiuti- TARI. Allegato A) alla D.C.C. n. 14 del 30/07/2015. Oggetto:

Comune di. Determinazione delle tariffe della Tassa sui rifiuti- TARI. Allegato A) alla D.C.C. n. 14 del 30/07/2015. Oggetto: Comune di BOSCHI SANT ANNA Oggetto: Determinazione delle tariffe della Tassa sui rifiuti- TARI L. 147 del 27.12.2013 D.P.R. 27 aprile 1999, n. 158 Competenza: UFFICIO TRIBUTI DEL COMUNE DI BOSCHI SANT

Dettagli

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA

COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI MONTEFORTE D'ALPONE PROVINCIA DI VERONA C O P I A Affissa all'albo Pretorio il 10/04/2015 APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO E DETERMINAZIONE TARIFFE TARI 2015.

Dettagli

COMUNE DI ERBUSCO PROVINCIA DI BRESCIA

COMUNE DI ERBUSCO PROVINCIA DI BRESCIA COMUNE DI ERBUSCO PROVINCIA DI BRESCIA Via Verdi, 16-25030 Erbusco C.F.:00759960172 P.IVA 00577180987 Tel. 030 7767332 Fax 0307760141 E-mail: tributi@comune.erbusco.bs.it PEC comune.erbusco@pec.regione.lombardia.it

Dettagli

COMUNE DI LAURIANO Provincia di Torino

COMUNE DI LAURIANO Provincia di Torino COMUNE DI LAURIANO Provincia di Torino Via Mazzini, 22 10020 LAURIANO (TO) Tel. 011 9187801 Fax 011 9187482 P.IVA 01734040015 C.F. 82500430010 WWW.COMUNE.LAURIANO.TO.IT info@comune.lauriano.to.it mail

Dettagli

Deliberazione di C.C. n.35 del 29.2.2000, ad oggetto:

Deliberazione di C.C. n.35 del 29.2.2000, ad oggetto: Deliberazione di C.C. n.35 del 29.2.2000, ad oggetto: DELIBERA C.C. N.93 DEL 29.10.1999, AD OGGETTO: REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DETERMINAZIONE E LA RISCOSSIONE DELLA TARIFFA DEL SERVIZIO DI GESTIONE INTEGRATA

Dettagli

IL CONSIGLIO COMUNALE

IL CONSIGLIO COMUNALE CC n. 30 del 26/10/2013 Oggetto: Rettifica delibera consiliare n. 21 del 24/09/2013 "tariffe per la gestione dei rifiuti solidi urbani e assimilati per l'anno 2013" IL CONSIGLIO COMUNALE Visto l art. 14

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC)

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) COMUNE DI ERBUSCO PROVINCIA DI BRESCIA Via Verdi, 16-25030 Erbusco C.F.:00759960172 P.IVA 00577180987 Tel. 030 7767332 Fax 0307760141 E-mail: tributi@comune.erbusco.bs.it PEC comune.erbusco@pec.regione.lombardia.it

Dettagli

SCHEDA INFORMATIVA 1 DATI ANAGRAFICI. Risposta a quesito 2. Nr. Abitanti 13.504 (al 31.12.2008)

SCHEDA INFORMATIVA 1 DATI ANAGRAFICI. Risposta a quesito 2. Nr. Abitanti 13.504 (al 31.12.2008) Risposta a quesito 2 SCHEDA INFORMATIVA 1 DATI ANAGRAFICI COMUNE di: LAURIA Nr. Abitanti 13.504 (al 31.12.2008) Indirizzo Via Roma,104 C.A.P. / Provincia 85044 - PZ Tel: 0973 627111 Fax: 0973 823793 E

Dettagli

COMUNE DI ALTILIA Prov. di Cosenza

COMUNE DI ALTILIA Prov. di Cosenza COMUNE DI ALTILIA Prov. di Cosenza TARIFFE TASSA SUI RIFIUTI (TARI) - ANNO 2016 Utenze domestiche 1,00 a mq. Utenze domestiche di campagna 0,60 a mq. Utenze domestiche (Pensionati nei paesi di residenza

Dettagli

ESERCIZIO FINANZIARIO 2007

ESERCIZIO FINANZIARIO 2007 CAPITOLO 5801938 5181954 5451960 4391943 5621937 5830404 5801493 5801939 5830406 ESERCIZIO FINANZIARIO 2007 Canone Servizio raccolta R.S.U. 8.577.807,93 Canone pulizia cimitero 140.892,00 Canone pul. Piazzali,

Dettagli

COMUNE DI GARBAGNATE MONASTERO PROVINCIA DI LECCO SCHEDA TECNICA PER LA DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER L APPLICAZIONE DELLA TARI (TASSA SUI RIFIUTI) PER L ANNO 2015 [SCHEDA TECNICA] Pagina 1 1.PREMESSA

Dettagli

Piano finanziario gestione Tares

Piano finanziario gestione Tares parte fissa parte variabile totale parte fissa parte variabile totale Utenze Domestiche 5.620,20 13.846,13 Costi di gestione Utenze non domestiche Entrate Totale Utenze Domestiche Piano finanziario gestione

Dettagli

Gestione Rifiuti - BILANCIO ANNO 2014 IN EURO (I.V.A. inclusa)

Gestione Rifiuti - BILANCIO ANNO 2014 IN EURO (I.V.A. inclusa) CO STI Gestione Rifiuti BILANCIO ANNO 2014 IN EURO (I.V.A. inclusa) PARTE FISSA PARTE VARIABILE 0% 100% TO TALE Costi vari (sia fissi che variabili) 0,00 0,00 0,0 CSL Costi di spazzam ento e lavaggio delle

Dettagli

COMUNE DI SOGLIANO CAVOUR Provincia di Lecce UFFICIO TRIBUTI PIANO FINANZIARIO-TARIFFARIO GESTIONE RIFIUTI URBANI ANNO 2014

COMUNE DI SOGLIANO CAVOUR Provincia di Lecce UFFICIO TRIBUTI PIANO FINANZIARIO-TARIFFARIO GESTIONE RIFIUTI URBANI ANNO 2014 COMUNE DI SOGLIANO CAVOUR Provincia di Lecce UFFICIO TRIBUTI PIANO FINANZIARIO-TARIFFARIO GESTIONE RIFIUTI URBANI ANNO 2014 Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 11 del 01/08/2014 1 Il presente

Dettagli

COMUNE DI AZZANO MELLA Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

COMUNE DI AZZANO MELLA Provincia di Brescia VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA COMUNE DI AZZANO MELLA Provincia di Brescia Delibera N. 100 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Definizione dei criteri di assimilazione ai rifiuti urbani dei rifiuti speciali

Dettagli

Allegato A) della Deliberazione di C.C. n. 38 del 03/07/2013 CITTÀ DI PIOSSASCO

Allegato A) della Deliberazione di C.C. n. 38 del 03/07/2013 CITTÀ DI PIOSSASCO Allegato A) della Deliberazione di C.C. n. 38 del 03/07/2013 CITTÀ DI PIOSSASCO REGOLAMENTO COMUNALE DI ASSIMILAZIONE DEI RIFIUTI SPECIALI AI RIFIUTI URBANI 1 INDICE Art. 1 - Oggetto Art. 2 - Criteri generali

Dettagli

COMUNITA /COMPRENSORIO DELLA VAL DI NON

COMUNITA /COMPRENSORIO DELLA VAL DI NON TARIFFA DI IGIENE AMBIENTALE Per i Comuni di: Amblar, Bresimo, Brez, Cagnò, Campodenno, Castelfondo, Cavareno, Cis, Cles, Cloz, Coredo, Cunevo, Dambel, Denno, Don, Flavon, Fondo, Livo, Malosco, Nanno,

Dettagli

COMUNITA DELLA VAL DI NON

COMUNITA DELLA VAL DI NON Allegato sub. 2) alla delibera dell Assemblea n. di data 16.02.2015 COMUNITA DELLA VAL DI NON TARIFFA DI IGIENE AMBIENTALE ANNO 2015 Per i Comuni di: Amblar, Bresimo, Brez, Cagnò, Campodenno, Castelfondo,

Dettagli

Rapporto 2014 di monitoraggio dei servizi pubblici ambientali. Servizio Gestione Rifiuti Urbani. Allegato B: TARES 2013: utenze non domestiche

Rapporto 2014 di monitoraggio dei servizi pubblici ambientali. Servizio Gestione Rifiuti Urbani. Allegato B: TARES 2013: utenze non domestiche DIREZIONE GENERALE AMBIENTE E DIFESA DEL SUOLO E DELLA COSTA OSSERVATORIO REGIONALE SERVIZI IDRICI E DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI Rapporto 2014 di monitoraggio dei servizi pubblici ambientali Servizio

Dettagli

OGGETTO: Tassa per lo Smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani ed Assimilati. Approvazione tariffe per l'anno 2012. IL CONSIGLIO COMUNALE

OGGETTO: Tassa per lo Smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani ed Assimilati. Approvazione tariffe per l'anno 2012. IL CONSIGLIO COMUNALE DELIBERA DI C.C. N. 8 DEL 02/04/2012 OGGETTO: Tassa per lo Smaltimento dei Rifiuti Solidi Urbani ed Assimilati. Approvazione tariffe per l'anno 2012. IL CONSIGLIO COMUNALE VISTO il nuovo regolamento per

Dettagli

Comune di RECCO Provincia di GENOVA

Comune di RECCO Provincia di GENOVA Provincia di GENOVA TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI ANNO 2013 DETERMINAZIONE TARIFFE AI SENSI DELL ART. 14 DEL DECRETO LEGGE 6/12/2011 N. 201 E S.M.I. - Relazione Finale - INDICE Comune di RECCO

Dettagli

Comune di BELPASSO TARI TASSA COMUNALE SUI RIFIUTI ANNO 2015 DETERMINAZIONE TARIFFE AI SENSI DELL ART. 1 C. 651 DELLA LEGGE 27 DICEMBRE 2013, N.

Comune di BELPASSO TARI TASSA COMUNALE SUI RIFIUTI ANNO 2015 DETERMINAZIONE TARIFFE AI SENSI DELL ART. 1 C. 651 DELLA LEGGE 27 DICEMBRE 2013, N. TARI TASSA COMUNALE SUI RIFIUTI ANNO 2015 DETERMINAZIONE TARIFFE AI SENSI DELL ART. 1 C. 651 DELLA LEGGE 27 DICEMBRE 2013, N. 147 SIMULAZIONE TARI 2015_c.651/04 22 luglio 2015 Tabelle riassuntive 1 PREMESSA

Dettagli

COMUNE DI SAN GEMINI PROVINCIA DI TERNI COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI SAN GEMINI PROVINCIA DI TERNI COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI SAN GEMINI PROVINCIA DI TERNI COPIA DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 29 Data 29/07/2015 OGGETTO: Approvazione tariffe TARI. L anno 2015 il giorno 29 del mese di LUGLIO alle ore 17:30, nella

Dettagli

COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA

COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA COMUNE DI OTTOBIANO PROVINCIA DI PAVIA COPIA DELIBERAZIONE N. 16 in data: 21.06.2013 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ADUNANZA ORDINARIA DI PRIMA CONVOCAZIONE - SEDUTA PUBBLICA OGGETTO:

Dettagli

TASSA RIFIUTI (TARI) RICHIESTA RIDUZIONE PER SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI

TASSA RIFIUTI (TARI) RICHIESTA RIDUZIONE PER SMALTIMENTO RIFIUTI SPECIALI Unione dei Comuni Lombarda della Valletta Ufficio Tributi c/o Municipio di Santa Maria Hoè Piazza Padre Fausto Tentorio, 2 23889 Santa Maria Hoè (LC) Telefono 039-5311174 int. 4 TASSA RIFIUTI (TARI) RICHIESTA

Dettagli

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA

C O M U N E D I N O N A N T O L A PROVINCIA DI MODENA Deliberazione Consiglio comunale n. 24 del 29.04.2014 OGGETTO: Approvazione tariffe della tassa rifiuti (TARI) anno 2014 e definizione scadenze. IL CONSIGLIO COMUNALE - Preso atto che, in relazione ai

Dettagli

PIANO FINANZIARIO GESTIONE TARI 2014

PIANO FINANZIARIO GESTIONE TARI 2014 PIANO FINANZIARIO GESTIONE TARI 2014 Premessa normativa Il presente Piano Finanziario, redatto in conformità a quanto previsto nel D.P.R. n. 158/1999, ha lo scopo di fornire i dati utili all'applicazione

Dettagli

La tassa sui rifiuti (TARI)

La tassa sui rifiuti (TARI) COMUNE DI COMO La tassa sui rifiuti (TARI) Anno 2014 DISCIPLINA L articolo 1, comma 639, della legge n. 147/2013, ha istituito l imposta unica comunale (IUC) che, per la sua componente riferita ai servizi,

Dettagli

COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO (FM)

COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO (FM) COMUNE DI PORTO SAN GIORGIO (FM) PIANO ECONOMICO FINANZIARIO E DETERMINAZIONE TARIFFE TARI ANNO 2014 1. Passaggio dalla TARES a TARI La legge di stabilità (L. 147/2013 art. 1 comma 639-731) e s.m.i, istituisce

Dettagli

GUIDA AL PAGAMENTO DELL ACCONTO TARI 2014 (TASSA SUI RIFIUTI) SCADENZA 16 SETTEMBRE 2014

GUIDA AL PAGAMENTO DELL ACCONTO TARI 2014 (TASSA SUI RIFIUTI) SCADENZA 16 SETTEMBRE 2014 GUIDA AL PAGAMENTO DELL ACCONTO TARI 2014 (TASSA SUI RIFIUTI) SCADENZA 16 SETTEMBRE 2014 L articolo 1 comma 640 e seguenti della legge n. 147/2013 - e successive modificazioni e integrazioni - ha istituito,

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITA ECONOMICHE 1) Musei, Biblioteche, Scuole, Associazioni, Luoghi di culto Musei e gallerie pubbliche e private Biblioteche Scuole pubbliche di ogni ordine e grado Scuole parificate

Dettagli

Città di NARDO (Lecce)

Città di NARDO (Lecce) Città di NARDO (Lecce) PIANO GESTIONALE FINANZIARIO - TARIFFA ANNO 2011 RELAZIONE PIANO TARIFFA CICLO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI GESTORE BIANCO IGIENE AMBIENTALE S.r.l. Via Bernardini 73048 Nardò (Lecce)

Dettagli

D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE

D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE D.C.C. N. 04 DEL 12/01/2004 OGGETTO: DETERMINAZIONI IN MERITO A MODIFICHE AL REGOLAMENTO COMUNALE PER LO SMALTIMENTO RIFIUTI. IL CONSIGLIO COMUNALE VISTA la D.C.C. n. 43 in data 06/10/1995 avente per oggetto:

Dettagli

C O M U N E D I I N V E R I G O

C O M U N E D I I N V E R I G O C O M U N E D I I N V E R I G O PROVINCIA DI COMO D E L I B E R A Z I O N E D E L C O N S I G L I O C O M U N A L E COPIA N 21 del Registro delle Deliberazioni OGGETTO: IUC (IMPOSTA UNICA COMUNALE) - COMPONENTE

Dettagli

Metodo normalizzato per definire le componenti dei costi e determinare la tariffa di riferimento.

Metodo normalizzato per definire le componenti dei costi e determinare la tariffa di riferimento. DPR 158/99 REGOLAMENTO TARIFFA RIFIUTI - METODO NORMALIZZATO. ALLEGATO N. 1 - TARIFFA PER LA GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI. Metodo normalizzato per definire le componenti dei costi e determinare la tariffa

Dettagli

COMUNE DI VIBO VALENTIA PIANO FINANZIARIO TARI ANNO 2014

COMUNE DI VIBO VALENTIA PIANO FINANZIARIO TARI ANNO 2014 COMUNE DI VIBO VALENTIA PIANO FINANZIARIO TARI ANNO 2014 Redatto ai sensi del D.P.R. 27 APRILE 1999, N. 158 e della L. 147/2013 1- PREMESSA Il presente documento riporta gli elementi caratteristici del

Dettagli

Città di NARDO (Lecce)

Città di NARDO (Lecce) Città di NARDO (Lecce) PIANO GESTIONALE FINANZIARIO - TARIFFA ANNO 2015 RELAZIONE PIANO TARIFFA CICLO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI GESTORE BIANCO IGIENE AMBIENTALE S.r.l. Via Bernardini 73048 Nardò (Lecce)

Dettagli

PREMESSA L ISTITUZIONE DELLA IUC (IMPOSTA UNICA COMUNALE)

PREMESSA L ISTITUZIONE DELLA IUC (IMPOSTA UNICA COMUNALE) TARI COMUNE DI BUTTRIO Tassa sui Rifiuti Urbani componente tributaria IUC 2014 GUIDA INFORMATIVA PREMESSA L ISTITUZIONE DELLA IUC (IMPOSTA UNICA COMUNALE) Con i commi dal 639 al 705 dell articolo 1 della

Dettagli

C O M U N E D I A L L U M I E R E

C O M U N E D I A L L U M I E R E Il presente verbale viene così sottoscritto IL PRESIDENTE IL SEGRETARIO Battilocchio Augusto Dott.Pietro Lucidi ATTESTATO DI PUBBLICAZIONE Il sottoscritto IL FUNZIONARIO RESPONSABILE DEL SETTORE attesta

Dettagli

INFORMATIVA IUC 2014

INFORMATIVA IUC 2014 INFORMATIVA IUC 2014 Dal 1 gennaio 2014, secondo quanto previsto dall art. 1, commi 639 e seguenti, della Legge 27/12/2013, n. 147 è entrata in vigore la IUC, Imposta Unica Comunale. La IUC si suddivide

Dettagli

CITTA DI ALESSANO Provincia di Lecce Settore Tributi

CITTA DI ALESSANO Provincia di Lecce Settore Tributi CITTA DI ALESSANO Provincia di Lecce Settore Tributi COME SI CALCOLA LA TARES (Esempi di calcolo e confronto con la TARSU) UTENZE DOMESTICHE Superficie imponibile mq. 100 N. Componenti Nucleo Familiare

Dettagli

CALCOLO E DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI

CALCOLO E DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI CALCOLO E DETERMINAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI TRIBUTO COMUNALE SUI RIFIUTI E SUI SERVIZI TARIFFE ESERCIZIO 2013 DATI DI BASE abitanti al 31/12/2012 n. 25.267 COSTI

Dettagli

COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA

COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA INDIVIDUAZIONE DELLE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE EX DPR 158/1999 ANNO 2015 (Salvo diversa indicazione, le tariffe indicate nel testo e nelle tabelle che seguono

Dettagli

RIPARTIZIONE DEI COSTI ALLEGATO A - RIPARTIZIONE DEI COSTI. Utenze Domestiche 58% Utenze Non domestiche 42%

RIPARTIZIONE DEI COSTI ALLEGATO A - RIPARTIZIONE DEI COSTI. Utenze Domestiche 58% Utenze Non domestiche 42% RIPARTIZIONE DEI COSTI ALLEGATO A - RIPARTIZIONE DEI COSTI Utenze Domestiche 58% Utenze Non domestiche 42% Quota fissa Utenze Domestiche 52% Quota variabile Utenze Domestiche 48% Quota fissa Utenze Non

Dettagli

COMUNE DI FORNI AVOLTRI Provincia di Udine

COMUNE DI FORNI AVOLTRI Provincia di Udine COMUNE DI FORNI AVOLTRI Provincia di Udine Verbale di deliberazione del Consiglio Comunale SEDUTA del 27/04/2016 N 9 del Reg. Del OGGETTO: APPROVAZIONE TARIFFE RELATIVE ALLA TASSA SUI RIFIUTI (TARI) PER

Dettagli

LE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE ANNO

LE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE ANNO COMUNE DI SAVIGNO LE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE ANNO 2013 Allegato n. 1 DATI DI RUOLO I dati riportati sono stati estratti dalle banche Dati della Tariffa attualmente utilizzata. Utenze

Dettagli

COMUNE DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE FISCALITA LOCALE ED ENTRATE PER SERVIZI UFFICIO: TASSA SUI RIFIUTI

COMUNE DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE FISCALITA LOCALE ED ENTRATE PER SERVIZI UFFICIO: TASSA SUI RIFIUTI COMUNE DI POTENZA UNITA DI DIREZIONE FISCALITA LOCALE ED ENTRATE PER SERVIZI UFFICIO: TASSA SUI RIFIUTI Oggetto: Tassa sui rifiuti (TARI). Determinazione delle tariffe relative all anno 2015. Premesso

Dettagli

TARIFFE E ALIQUOTE DEI TRIBUTI LOCALI DA APPLICARE PER L ANNO 2014

TARIFFE E ALIQUOTE DEI TRIBUTI LOCALI DA APPLICARE PER L ANNO 2014 TARIFFE E ALIQUOTE DEI TRIBUTI LOCALI DA APPLICARE PER L ANNO 2014 ALIQUOTE IMU: 1,02% Aliquota base 0,52% abitazioni principali e relativa/e pertinenza/e del soggetto passivo d imposta così come definito

Dettagli

* COMUNITA MONTANA - COMMUNAUTE DE

* COMUNITA MONTANA - COMMUNAUTE DE * COMUNITA MONTANA - COMMUNAUTE DE MONTAGNE GRAND COMBIN Scopri con me quanto costa il Servizio di raccolta e smaltimento rifiuti e come si calcola quanto si paga per l anno 2014 * Previsione costi anno

Dettagli

Città di Imola DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N. 56 DEL 09/04/2014 6. APPROVAZIONE ARTICOLAZIONE TARIFFARIA TARI 2014. I.E.

Città di Imola DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N. 56 DEL 09/04/2014 6. APPROVAZIONE ARTICOLAZIONE TARIFFARIA TARI 2014. I.E. Città di Imola DELIBERAZIONE CONSIGLIO COMUNALE N. 56 DEL 09/04/2014 OGGETTO : 6. APPROVAZIONE ARTICOLAZIONE TARIFFARIA TARI 2014. I.E. Il giorno 09/04/2014 alle ore 09:00 su convocazione disposta, ai

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti (fonte comune di Venezia 09.11.2012)

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti (fonte comune di Venezia 09.11.2012) Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti (fonte comune di Venezia 09.11.2012) Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto (classe 1

Dettagli

COMUNE DI BUTTAPIETRA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. SESSIONE Ordinaria di Prima CONVOCAZIONE

COMUNE DI BUTTAPIETRA PROVINCIA DI VERONA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE. SESSIONE Ordinaria di Prima CONVOCAZIONE COMUNE DI BUTTAPIETRA PROVINCIA DI VERONA ORIGINALE Reg. Deliberazioni Numero 19 Del 30-06-2015 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE SESSIONE Ordinaria di Prima CONVOCAZIONE Oggetto: TASSA SUI

Dettagli

COMUNE DI PORTOSCUSO (Provincia di Carbonia Iglesias)

COMUNE DI PORTOSCUSO (Provincia di Carbonia Iglesias) Comune di Portoscuso Relazione al Piano Finanziario per I applicazione della TARI anno (Allegato n 2) COMUNE DI PORTOSCUSO (Provincia di Carbonia Iglesias) RELAZIONE ALLEGATA AL PIANO FINANZIARIO PER L'APPLICAZIONE

Dettagli

AVVISO TARI 2017 (Tassa sui rifiuti)

AVVISO TARI 2017 (Tassa sui rifiuti) COMUNE DI MOSCHIANO Provincia di Avellino AREA ECONOMICA FINANZIARIA E TRIBUTI (Piazza IV Novembre - 32 MOSCHIANO (AV) Telefono 1.249916 - fax 1.245942) AVVISO TARI 217 (Tassa sui rifiuti) Con delibera

Dettagli

COMUNE DI TORRE D'ARESE PROVINCIA DI PAVIA ----------------------

COMUNE DI TORRE D'ARESE PROVINCIA DI PAVIA ---------------------- COMUNE DI TORRE D'ARESE PROVINCIA DI PAVIA ---------------------- Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale Sessione ordinaria Seduta pubblica di prima Convocazione NR. 23 DEL 29-07-2014 ORIGINALE

Dettagli

COMUNE DI GATTEO (PROVINCIA DI FORLI' - CESENA)

COMUNE DI GATTEO (PROVINCIA DI FORLI' - CESENA) COMUNE DI GATTEO (PROVINCIA DI FORLI' - CESENA) ORIGINALE Atto del Consiglio Comunale n 33 del 29/07/2015 Oggetto: SERVIZIO RELATIVO ALLA RACCOLTA E AL TRASPORTO DEI RIFIUTI URBANI. TASSA SUI RIFIUTI (TARI).

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES sopra i 5000 abitanti Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

Oggetto: Approvazione aliquote tassa per la gestione dei rifiuti urbani - TARI per l anno di imposta 2015. Il Consiglio Comunale

Oggetto: Approvazione aliquote tassa per la gestione dei rifiuti urbani - TARI per l anno di imposta 2015. Il Consiglio Comunale CC 14 dd11-03-2015 Oggetto: Approvazione aliquote tassa per la gestione dei rifiuti urbani - TARI per l anno di imposta 2015. Il Consiglio Comunale Ricordato che l'art. 1 comma 639, della L. 147/2013,

Dettagli

Comune di MENTANA PROVINCIA DI ROMA PROSPETTO ANALITICO DETERMINAZIONE TARIFFE TARI

Comune di MENTANA PROVINCIA DI ROMA PROSPETTO ANALITICO DETERMINAZIONE TARIFFE TARI Comune di MENTANA PROVINCIA DI ROMA PROSPETTO ANALITICO DETERMINAZIONE TARIFFE TARI ANNO 2014 INDICE 1. PREMESSA...3 2. PIANO FINANZIARIO 2014 E RIPARTIZIONE DEI COSTI TRA LE UTENZE DOMESTICHE E NON DOMESTICHE...8

Dettagli

PIANO FINANZIARIO E TARIFFE ANNO 2015

PIANO FINANZIARIO E TARIFFE ANNO 2015 Allegato 2 delibera CC-CP n. 7 del 18/05/ IMPOSTA UNICA COMUNALE IUC COMPONENTE TARI PIANO FINANZIARIO E TARIFFE ANNO PREMESSA La Legge di Stabilità, n. 147 del 27.12.2013, ha istituito con decorrenza

Dettagli

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES

Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES COMUNE DI SERRENTI Classificazione delle attività economiche nelle categorie TARES Classe 1 - Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali

Dettagli

COMUNE DI SCLAFANI BAGNI Provincia di Palermo

COMUNE DI SCLAFANI BAGNI Provincia di Palermo COMUNE DI SCLAFANI BAGNI Provincia di Palermo PIANO FINANZIARIO RELATIVO AL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E TABELLE TARIFFE ANNO 2013 (approvato con deliberazione del Consiglio comunale n. 58

Dettagli

COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI PROVINCIA DI SIENA

COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI PROVINCIA DI SIENA {Copiaprima COMUNE DI CASTELLINA IN CHIANTI PROVINCIA DI SIENA COPIA Verbale di Deliberazione del Consiglio Comunale DELIBERAZIONE N. 28 DEL 30/07/2015 Oggetto: IUC Componente TARI - Approvazione Piano

Dettagli

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale COPIA Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto: Tariffa Igiene Ambientale anno 2012. Delibera n 71 in data 29/05/2012 La presente viene pubblicata in data odierna all Albo Pretorio on line

Dettagli

COMUNE DI FORTE DEI MARMI (Provincia di Lucca)

COMUNE DI FORTE DEI MARMI (Provincia di Lucca) COPIA COMUNE DI FORTE DEI MARMI (Provincia di Lucca) Piazza Dante, 1 55042 Forte dei Marmi Lucca C.F. e P.I. 00138080460 tel. 0584/2801 Fax 0584/280246 DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 60 Data 24/09/2013

Dettagli

COMUNE DI SANFRONT. Provincia di Cuneo. VERBALE DI DELIBERAZIONE del CONSIGLIO COMUNALE N.21

COMUNE DI SANFRONT. Provincia di Cuneo. VERBALE DI DELIBERAZIONE del CONSIGLIO COMUNALE N.21 Copia COMUNE DI SANFRONT Provincia di Cuneo VERBALE DI DELIBERAZIONE del CONSIGLIO COMUNALE N.21 OGGETTO: T.A.R.E.S.: approvazione piano finanziario e tariffe 2013. L anno duemilatredici addì ventisei

Dettagli

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ALIQUOTE E TARIFFE DELIBERATE IN MATERIA DI TASI - IMU - TARI PER L'ANNO 2014

IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ALIQUOTE E TARIFFE DELIBERATE IN MATERIA DI TASI - IMU - TARI PER L'ANNO 2014 IMPOSTA UNICA COMUNALE (IUC) ALIQUOTE E TARIFFE DELIBERATE IN MATERIA DI TASI - IMU - TARI PER L'ANNO 2014 pagina 1 TASI (TASSA SUI SERVIZI INDIVISIBILI) ALIQUOTE ANNO 2014 (Approvate con delibera di Consiglio

Dettagli

ALIQUOTE I.M.U. ANNO 2015

ALIQUOTE I.M.U. ANNO 2015 I.U.C.- IMPOSTA UNICA COMUNALE L imposta Unica Comunale, di seguito denominata IUC, istituita con legge n. 147 del 27.12.2013, si basa su due presupposti impositivi, uno costituito dal possesso di immobili

Dettagli

COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza PIANO FINANZIARIO TARES 2013

COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza PIANO FINANZIARIO TARES 2013 Approvato con delibera di C.C. n. 22 del 1/08/2013 COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza PIANO FINANZIARIO TARES 2013 1 Premessa L art. 14 del d.l. 201/2011, convertito con modificazioni

Dettagli

COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE LE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE

COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE LE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE COMUNE DI CASTELLO DI SERRAVALLE LE TARIFFE PER IL SERVIZIO DI IGIENE AMBIENTALE ANNO 2013 DATI DI RUOLO I dati riportati sono stati estratti dalle banche Dati della Tariffa attualmente utilizzata. Utenze

Dettagli

Città di Fossano Provincia di Cuneo

Città di Fossano Provincia di Cuneo Città di Fossano Provincia di Cuneo VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 100 Seduta del 30 DICEMBRE 2014 Oggetto: a. Approvazione schemi del Bilancio di previsione per l'esercizio 2015 ed

Dettagli

Codice Ente 11004 I M P O S T A U NI C A C O M U N A L E ( I U C ) T A R I F F E D E L L A T A S S A S UI R I F I U T I ( T A R I ) A NNO 2014.

Codice Ente 11004 I M P O S T A U NI C A C O M U N A L E ( I U C ) T A R I F F E D E L L A T A S S A S UI R I F I U T I ( T A R I ) A NNO 2014. Codice Ente 11004 C.C. n. 35 del 09/04/2014 O G G E T T O : I M P O S T A U NI C A C O M U N A L E ( I U C ) T A R I F F E D E L L A T A S S A S UI R I F I U T I ( T A R I ) A NNO 2014. COPIA V E R B A

Dettagli

COMUNE DI PALAZZO PIGNANO provincia di Cremona

COMUNE DI PALAZZO PIGNANO provincia di Cremona COMUNE DI PALAZZO PIGNANO provincia di Cremona - UFFICIO TRIBUTI - Allegato C Alla deliberazione Consiglio Comunale n.ro 37 del 20.7.2015 TARIFFE ANNO 2015 - UTENZE NON DOMESTICHE Categoria Descrizione

Dettagli

TARIFFE E ALIQUOTE DEI TRIBUTI LOCALI DA APPLICARE PER L ANNO 2015

TARIFFE E ALIQUOTE DEI TRIBUTI LOCALI DA APPLICARE PER L ANNO 2015 TARIFFE E ALIQUOTE DEI TRIBUTI LOCALI DA APPLICARE PER L ANNO 2015 ALIQUOTE IMU: 0,60% Abitazioni principali e relativa/e pertinenza/e del soggetto passivo d imposta così come definito dall art. 13 comma

Dettagli

COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona. Seduta ordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona. Seduta ordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI AZZANELLO Provincia di Cremona Seduta ordinaria Prima convocazione VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N 14 del 29/04/2015 OGGETTO: ESAME ED APPROVAZIONE PIANO FINANZIARIO SERVIZI

Dettagli

Settore dipartimentale 1 Servizi Economico-finanziari

Settore dipartimentale 1 Servizi Economico-finanziari Settore dipartimentale 1 Servizi Economico-finanziari TARIFFA CORRISPETTIVA PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI (Art. 1, comma 668, legge n 147/2013) Misure tariffarie per l'anno

Dettagli

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE NELLE CATEGORIE TARI

CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE NELLE CATEGORIE TARI CLASSIFICAZIONE DELLE ATTIVITÀ ECONOMICHE NELLE CATEGORIE TARI Classe 1 -Musei, biblioteche, scuole, associazioni, luoghi di culto Associazioni o istituzioni con fini assistenziali Associazioni o istituzioni

Dettagli

C O M U N E D I S A N P I E T R O A L N A T I S O N E P r o v i n c i a d i U d i n e SEDUTA DEL 01.08.2013 CONSIGLIERI P. A. P. A. TOTALE N.

C O M U N E D I S A N P I E T R O A L N A T I S O N E P r o v i n c i a d i U d i n e SEDUTA DEL 01.08.2013 CONSIGLIERI P. A. P. A. TOTALE N. C O P I A N. 2 0 del Reg.Delibere C O M U N E D I S A N P I E T R O A L N A T I S O N E P r o v i n c i a d i U d i n e V E R B A L E D I D E L I B E R A Z I O N E D E L C O N S I G L I O C O M U N A L

Dettagli

AVVISO TARI 2016 (Tassa sui rifiuti)

AVVISO TARI 2016 (Tassa sui rifiuti) COMUNE DI MOSCHIANO Provincia di Avellino AREA ECONOMICA FINANZIARIA E TRIBUTI (Piazza IV Novembre - 83020 MOSCHIANO (AV) Telefono 081.8249916 - fax 081.8245942) AVVISO TARI 2016 (Tassa sui rifiuti) Con

Dettagli

TARIFFE UTENZE DOMESTICHE Comuni fino a abitanti NORD

TARIFFE UTENZE DOMESTICHE Comuni fino a abitanti NORD TARIFFE UTENZE DOMESTICHE DATI DELLE UTENZE DOMESTICHE TARIFFE 201 n Stot(n) N(n) Ps Fisso /mq Variabile 1 18.492,30 197 0% 1,108 24,72 1,032 2 23.805,50 225 100% 1,292 55,62 1,203 3 19.061,00 171 100%

Dettagli

Settore dipartimentale 1 Servizi Economico-finanziari

Settore dipartimentale 1 Servizi Economico-finanziari Settore dipartimentale 1 Servizi Economico-finanziari TARIFFA CORRISPETTIVA PER IL SERVIZIO DI GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI E ASSIMILATI (Art. 1, comma 668, legge n 147/2013) Misure tariffarie per l'anno

Dettagli

TARIFFA IGIENE AMBIENTALE

TARIFFA IGIENE AMBIENTALE Comune di Besenello TARIFFA IGIENE AMBIENTALE Anno 2012 Statistiche utenze Riepilogo del numero di utenze attive nel giorno di riferimento, delle relative metrature e dei costi suddivisi secondo la tipologia

Dettagli

Comune di Gallipoli. Provincia di Lecce. Piano GESTIONALE FINANZIARIO TARIFFA PER GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI T.A.R.E.S. 2013

Comune di Gallipoli. Provincia di Lecce. Piano GESTIONALE FINANZIARIO TARIFFA PER GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI T.A.R.E.S. 2013 Comune di Gallipoli Provincia di Lecce Piano GESTIONALE FINANZIARIO PER GESTIONE DEI RIFIUTI URBANI T.A.R.E.S. 2013 ex art 24 Legge 22 dicembre 2011 n. 214 redatto ai sensi dell art. 8 del DPR 158/99 1

Dettagli

COMUNE DI MESOLA PROVINCIA DI FERRARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI MESOLA PROVINCIA DI FERRARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE COMUNE DI MESOLA PROVINCIA DI FERRARA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 9 del 08/04/2015 OGGETTO: Approvazione IUC componente TARI corrispettivo Approvazione listini tariffari anno 2015.

Dettagli

COMUNE DI LONGARE. RELAZIONE TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno SORARIS SpA

COMUNE DI LONGARE. RELAZIONE TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno SORARIS SpA COMUNE DI LONGARE RELAZIONE TARIFFA RIFIUTI URBANI Anno 2010 SORARIS SpA 1.1 Utenze domestiche Il territorio comunale è stato diviso in 5 zone in funzione dei caratteri del Servizio fornito, com è descritto

Dettagli

Comune di Nola Provincia di Napoli

Comune di Nola Provincia di Napoli Comune di Nola Provincia di Napoli Tariffario della componente TARI della IUC per l'anno 2015 Allegato alla delibera di Consiglio Comunale n. del Tariffario della componente TARI della IUC COSTI DEL SERVIZIO

Dettagli

Imposta unica comunale (IUC) Anno 2016

Imposta unica comunale (IUC) Anno 2016 COMUNE DI SONDALO PROVINCIA DI SONDRIO Servizio Finanziario Tributi Imposta unica comunale (IUC) Anno 2016 Informativa 10 maggio 2016 Con i commi dal 639 al 705 dell articolo 1 della Legge n. 147 del 27.12.2013

Dettagli