HYDROGEN STORAGE. Chiara Cavallari. 30 aprile Materiali Nanostrutturati a base Carbonio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "HYDROGEN STORAGE. Chiara Cavallari. 30 aprile 2009. Materiali Nanostrutturati a base Carbonio"

Transcript

1 by Carbon Materials HYDROGEN STORAGE Chiara Cavallari Materiali Nanostrutturati a base Carbonio 30 aprile 2009

2 by Carbon Materials Sommario Idrogeno e le sue applicazioni dei Materiali a base di Carbonio Grafene Fullerene Nanotubi Conclusioni e prospettive

3 by Carbon Materials Cos é l idrogeno... Cos é l Idrogeno... Problema energetico L Idrogeno é l elemento piú leggero e abbondante in natura (90% di tutti gli atomi dell universo). A 0 o é un gas e puó essere descritto dall equazione di Van Der Waals per i gas reali (T E = -253 o C!). Sulla Terra meno dell 1% dell Idrogeno esistente é presente nel suo stato elementare Idrogeno molecolare H 2 ( > H 2 O e idrocarburi liquidi e gassosi).

4 by Carbon Materials... e come si produce Cos é l Idrogeno... Problema energetico

5 by Carbon Materials Cos é l Idrogeno... Problema energetico Sfida del 21 o Secolo Inarrestabile crescita della domanda energetica Ridurre le emissioni di CO 2 (Protocollo di Kyoto) Vettore energetico di basso o nullo impatto ambientale, producibile da piú fonti energetiche primarie, intercambiabili e distribuibile su rete a larga scala.

6 by Carbon Materials Cos é l Idrogeno... Problema energetico Sfida del 21 o Secolo Inarrestabile crescita della domanda energetica Ridurre le emissioni di CO 2 (Protocollo di Kyoto) Vettore energetico di basso o nullo impatto ambientale, producibile da piú fonti energetiche primarie, intercambiabili e distribuibile su rete a larga scala.

7 by Carbon Materials Cos é l Idrogeno... Problema energetico Perché l IDROGENO L IDROGENO brucia all aria secondo H 2 + 1/2 O 2 = H 2 O + calore. puó essere prodotto da fonti fossili, rinnovabili e nucleari. L energia chimica per unitá di massa é 3 volte superiore a quella degli altri combustibili (0.33 Kg H 2 = 1 Kg petrolio). puó essere distribuito abbastanza agevolmente compatibilmente con lo sviluppo di tecnologie di trasporto e stoccaggio.

8 by Carbon Materials Cos é l Idrogeno... Problema energetico Perché l IDROGENO L IDROGENO brucia all aria secondo H 2 + 1/2 O 2 = H 2 O + calore. puó essere prodotto da fonti fossili, rinnovabili e nucleari. L energia chimica per unitá di massa é 3 volte superiore a quella degli altri combustibili (0.33 Kg H 2 = 1 Kg petrolio). puó essere distribuito abbastanza agevolmente compatibilmente con lo sviluppo di tecnologie di trasporto e stoccaggio.

9 by Carbon Materials Cos é l Idrogeno... Problema energetico Perché l IDROGENO L IDROGENO brucia all aria secondo H 2 + 1/2 O 2 = H 2 O + calore. puó essere prodotto da fonti fossili, rinnovabili e nucleari. L energia chimica per unitá di massa é 3 volte superiore a quella degli altri combustibili (0.33 Kg H 2 = 1 Kg petrolio). puó essere distribuito abbastanza agevolmente compatibilmente con lo sviluppo di tecnologie di trasporto e stoccaggio.

10 by Carbon Materials Cos é l Idrogeno... Problema energetico Perché l IDROGENO L IDROGENO brucia all aria secondo H 2 + 1/2 O 2 = H 2 O + calore. puó essere prodotto da fonti fossili, rinnovabili e nucleari. L energia chimica per unitá di massa é 3 volte superiore a quella degli altri combustibili (0.33 Kg H 2 = 1 Kg petrolio). puó essere distribuito abbastanza agevolmente compatibilmente con lo sviluppo di tecnologie di trasporto e stoccaggio.

11 Storage Idrogeno e le sue applicazioni by Carbon Materials Principi fisici e caratteristiche sistemi per HS Riduzione del volume dell Idrogeno gassoso (11m 3 per Kg di H 2 ) Reversibilitá del processo (uptake e release) Compressione Bombole a gas ad alta pressione (20MPa, 25 o C) Liquefazione Idrogeno liquido in taniche criogeniche (1 atm, -253 o C) Idruri metallici Complessi metallici (M[AlH 4 ] o M[BH 4 ]) Adsorbimento fisico

12 Storage Idrogeno e le sue applicazioni by Carbon Materials Principi fisici e caratteristiche sistemi per HS Riduzione del volume dell Idrogeno gassoso (11m 3 per Kg di H 2 ) Reversibilitá del processo (uptake e release) Compressione Bombole a gas ad alta pressione (20MPa, 25 o C) Liquefazione Idrogeno liquido in taniche criogeniche (1 atm, -253 o C) Idruri metallici Complessi metallici (M[AlH 4 ] o M[BH 4 ]) Adsorbimento fisico

13 by Carbon Materials Principi fisici e caratteristiche sistemi per HS Nella figura si mostra il volume di 4 Kg di Idrogeno stoccato in 4 differenti metodi tradizionali (compressione, liquefazione, idruri LaNi 5 H 6 e Mg 2 NiH 4 ). Dati Toyota 1999

14 by Carbon Materials Adsorbimento fisico Principi fisici e caratteristiche sistemi per HS L adsorbimento di molecole di gas su una superficie solida é dovuta a interazioni di Van Der Waals (interazione fra momenti di dipolo istantenei). E S H2 αh 2αS R 6 Energia di Interazione - Dispersione di London Strutture di Carbonio, MOF e zeoliti Interazione debole (2-5KJ/mol) significativo a basse temperature.

15 by Carbon Materials Adsorbimento fisico Principi fisici e caratteristiche sistemi per HS La massima quantitá di Idrogeno adsorbito su un certo materiale puó essere stimata come la quantitá che si distribuisce su un monolayer. S ml = 3 2 ( 2NA Mads ρ ads ) 2 3 S ml (H 2 )=85917 m 2 mol 1 m ads =M ads Sspec S ml C(grafene) adsorbente e H 2 adsorbito m ads = 3.0 mass% (a basse temperature)

16 by Carbon Materials Principi fisici e caratteristiche sistemi per HS Il DOE ha annunciato un target per lo stoccaggio di H 2 sulle automobili del 6 mass% entro il Nessuno dei metodi noti di stoccaggio raggiungono questi target. Dati 2006

17 by Carbon Materials Principi fisici e caratteristiche sistemi per HS Caratteristiche dei sistemi per Elevata cinetica di carica e scarica struttura dei materiali; Elevata efficienza del ciclo di carica e scarica; Elevata stabilitá termica del ciclo di carica e scarica; Operativo in condizioni ambiente (1 atm, 273 K); Purezza dell Idrogeno.

18 by Carbon Materials Adsorption energy ( E ads ) Principi fisici e caratteristiche sistemi per HS Se E ads é bassa H 2 desorbe spontaneamente a basse temperature (Storage possibile a temp. amb. solo ad alte pressioni) Se E ads é alta H 2 puó essere adsorbito in grande quantitá ma desorbe difficilmente (poco H 2 é disponibile come combustibile)

19 by Carbon Materials in materiali di Carbonio Il Carbonio é uno dei migliori adsorbenti per i gas. poco costoso, non inquinante o tossico, assorbe H 2 reversibilmente; puó essere ridotto in polvere fine dalla struttura altamente porosa; L energia di legame ottimale per lo storage a temperatura ambiente é nella regione di KJ mol 1

20 by Carbon Materials in materiali di Carbonio Activated Carbon (AC) Grafite e Grafene Fullereni Nanotubi Nanofibre e Nanohorns

21 by Carbon Materials Activated Carbon Carbonio sintetico con piccoli cristalliti di grafite in matrice di Carbonio amorfo, con elevate superfici (3000 m 2 g 1 ) A temperatura ambiente e modeste pressioni sono state trovate piccole quantitá di Idrogeno (dipende dalla microstruttura). Kidnay e Hiza (1967) 2wt% a 76K; Schwart et al. (fine anni 80) 4.8 wt% a 87K e 59 atm; CDC (Carbide Derived Carbon) 3 wt% a 77K (Fisher, DOE Hydrogen Program 2005)

22 by Carbon Materials Activated Carbon Carbonio sintetico con piccoli cristalliti di grafite in matrice di Carbonio amorfo, con elevate superfici (3000 m 2 g 1 ) A temperatura ambiente e modeste pressioni sono state trovate piccole quantitá di Idrogeno (dipende dalla microstruttura). Kidnay e Hiza (1967) 2wt% a 76K; Schwart et al. (fine anni 80) 4.8 wt% a 87K e 59 atm; CDC (Carbide Derived Carbon) 3 wt% a 77K (Fisher, DOE Hydrogen Program 2005)

23 Grafite e... Idrogeno e le sue applicazioni by Carbon Materials α S alta ma bassa capacitá di storage (piccola distanza interlayer e piccola area superficiale) intercalanti e ball milling Schlappach, Zuettel (2001) 7.4 wt%, dopo 80h di ball milling; Deng et al. (2004) 6.5 wt% a 2MPa e 298K per Li-pillared graphene sheet system;

24 Grafite e... Idrogeno e le sue applicazioni by Carbon Materials α S alta ma bassa capacitá di storage (piccola distanza interlayer e piccola area superficiale) intercalanti e ball milling Schlappach, Zuettel (2001) 7.4 wt%, dopo 80h di ball milling; Deng et al. (2004) 6.5 wt% a 2MPa e 298K per Li-pillared graphene sheet system;

25 by Carbon Materials...Grafene Elevata area superficiale Bassi costi di produzione e realizzabile su larga scala Ao et. al (02/2009) hanno studiato (DFT e MD) le interazioni fra H 2 e grafene drogato Al 5.13 wt%, a 298K e 0.1 GPa.

26 by Carbon Materials...Grafene Elevata area superficiale Bassi costi di produzione e realizzabile su larga scala Ao et. al (02/2009) hanno studiato (DFT e MD) le interazioni fra H 2 e grafene drogato Al 5.13 wt%, a 298K e 0.1 GPa.

27 by Carbon Materials L energia di legame puó essere aumentata in fogli di Carbonio curvati Ibridizzazione degli orbitali che ha origine in piani di grafene piegati in maniera cilindrica (nanotubi) o sferica (fullereni).

28 by Carbon Materials Nanotubi I valori di storage dipendono da molti parametri dei NT: struttura, difetti, trattamenti, pressione, temperatura, arrangiamento dei NT (bundles o ropes), geometria (diametro)... I siti di adsorbimento dell Idrogeno nei NT sono teoricamente: dentro il NT fuori il NT fra i NT in bundles e ropes fra le shell in MWNT

29 by Carbon Materials Nanotubi I valori di storage dipendono da molti parametri dei NT: struttura, difetti, trattamenti, pressione, temperatura, arrangiamento dei NT (bundles o ropes), geometria (diametro)... I siti di adsorbimento dell Idrogeno nei NT sono teoricamente: dentro il NT fuori il NT fra i NT in bundles e ropes fra le shell in MWNT

30 by Carbon Materials Single Walled NanoTubes Dillon et al.(1997) SWNT( 2nm) non purificati, (300 Torr di H 2 a temp.amb. e raffreddato a 133K; misure di desorbimento TPD, picchi a 150K e 300K) 5-10 weight% per SWNT; Liu et al.(1999) SWNT( 1.85nm), 4.2 weight% a temp. amb. e 10MPa, con trattamenti chimici e termici (78.3% dell H 2 adsorbito viene rilasciato a press. e temp. amb., il resto viene rilasciato sotto riscaldamento); Ci et al.(2003) HS aumenta all aumentare della temperatura di annealing (fino a 2200 o C).

31 by Carbon Materials Single Walled NanoTubes Dillon et al.(1997) SWNT( 2nm) non purificati, (300 Torr di H 2 a temp.amb. e raffreddato a 133K; misure di desorbimento TPD, picchi a 150K e 300K) 5-10 weight% per SWNT; Liu et al.(1999) SWNT( 1.85nm), 4.2 weight% a temp. amb. e 10MPa, con trattamenti chimici e termici (78.3% dell H 2 adsorbito viene rilasciato a press. e temp. amb., il resto viene rilasciato sotto riscaldamento); Ci et al.(2003) HS aumenta all aumentare della temperatura di annealing (fino a 2200 o C).

32 by Carbon Materials Single Walled NanoTubes Dillon et al.(1997) SWNT( 2nm) non purificati, (300 Torr di H 2 a temp.amb. e raffreddato a 133K; misure di desorbimento TPD, picchi a 150K e 300K) 5-10 weight% per SWNT; Liu et al.(1999) SWNT( 1.85nm), 4.2 weight% a temp. amb. e 10MPa, con trattamenti chimici e termici (78.3% dell H 2 adsorbito viene rilasciato a press. e temp. amb., il resto viene rilasciato sotto riscaldamento); Ci et al.(2003) HS aumenta all aumentare della temperatura di annealing (fino a 2200 o C).

33 by Carbon Materials L energia di legame cresce se il foglio curvo é carico NT dopati o intercalati con metalli alcalini mostrano un aumento della quantitá di H 2 adsorbito rispetto al materiale neutro polarizzazione di H 2 dovuta al campo elettrico della carica.

34 by Carbon Materials Alkali-doped Nanotubes Chen et al.(1999) Li- e K- doped MWNT ( nm) adsorbono 20 wt% e 14 wt% di H 2 a 1 atm e modeste temperature ( o C e temp. amb.rispettivamente). Yang (1999) con dry H 2 ha ottenuto risultati di densitá gravimetrica piú bassi (2 wt%)

35 by Carbon Materials

36 by Carbon Materials Additivi alle nanostrutture di Carbonio Additivi aggiunti ai materiali di Carbonio al fine di crescere la capacitá di hanno principalmente tre effetti: di variazioni strutturali (es. espansione distanze interlayer); Cambiamenti nella struttura elettronica del campione; Agiscono come distinti materiali di (materiali ibridi, es. lega Ti-Al-V con SWNT 3 wt% a 298K e 80 KPa).

37 by Carbon Materials Ioni metallici possono legare H 2 Interazione elettrostatica (ioni di metalli alcalini) Interazione orbitale (ioni di metalli alcalino-terrosi e di transizione) Complessi metallici possono legare H 2 Solo una parte delle carica é disponibile per interagire con H 2

38 by Carbon Materials Ioni metallici possono legare H 2 Interazione elettrostatica (ioni di metalli alcalini) Interazione orbitale (ioni di metalli alcalino-terrosi e di transizione) Complessi metallici possono legare H 2 Solo una parte delle carica é disponibile per interagire con H 2

39 Fullerene Idrogeno e le sue applicazioni by Carbon Materials Il fullerene rappresenta l ideale tessuto per la complessazione di metalli attraverso: Coordinazione di Dewar fra l atomo di metallo e il ciclopentadiene; la relativamente debole forza di legame lascia il metallo libero di sviluppare legami con grande quantitá di H 2 ; l alta area superficiale e i larghi spazi vuoti nel reticolo del fullerene consentono a una grande quantitá di ioni metallici di interagire con H 2 ; Ti 12 C 60,Sc 12 C 60,Ni 30 C 60

40 by Carbon Materials Qualche dato... Densitá gravimetrica teorica in Li 12 C wt% Densitá gravimetrica teorica di HS in sistemi stabili di fullereni organometallici con metalli di transizione(ti, Sc) 8-9 wt% Densitá gravimetrica teorica in Ca(Sr)- coated fullerenes 8.4 wt% Densitá gravimetrica teorica in Ti-coated NT (n,0) e (n,n) 5-8 wt%

41 by Carbon Materials Chemisorption Formazione di legami chimici C-H. In generale, non utile ai fine dello storage. NT bundles, complessi H-SWNT tramite spillover ( 2.0nm, stabili a temp. ambiente, 7 weight%)

42 by Carbon Materials Electrochemical Absorption Normalmente l Idrogeno viene caricato nei campioni ad alta pressione e basse temperature. É anche possibile un metodo elettrochimico che consente di ottenere a temperatura ambiente lo stesso grado di storage che la carica di gas a bassa temperatura.

43 Nanofibre e... Idrogeno e le sue applicazioni by Carbon Materials Nanofibre di Carbonio (CNF) furono osservate per la prima volta nel 1970 durante uno studio della deidrogenazione catalica degli idrocarburi. Sono strutture fibrose(non vuote) ottenute ad alta temperatura da miscele di gas contenenti C e H o idrocarburi o sistemi basati su Ni e Fe µ m in lunghezza e nm in diametro.

44 Nanofibre e... Idrogeno e le sue applicazioni by Carbon Materials La capacitá di HS sono influenzate dalle condizioni di sintesi, purificazione e pretrattamenti delle CF (dislocazioni e disadattamenti reticolari sono siti preferenziali dell adsorbimento dell idrogeno).

45 by Carbon Materials

46 ...Nanohorns Idrogeno e le sue applicazioni by Carbon Materials Si differenziano dai nanotubi per la forma a corno, 2-3 nm, si aggregano in strutture a forma di fiore ( nm). Absorption in SWNH at 77K: a) 10 4 MPa, b)10 3 MPa, c)10 2 MPa, d)10 1 MPa

47 by Carbon Materials Lo stato dell arte Bibliografia principale Dati controversi... Bassa purezza dei campioni; Insufficiente caratterizzazione dei campioni; Contaminazione dei campioni; Contaminazione dell Idrogeno; Problemi tecnici.

48 by Carbon Materials Lo stato dell arte Bibliografia principale Riassunto I lavori pubblicati in letteratura su HS a temperatura ambiente si dividono in capacitá superiori a 14 wt % non corretti; capacitá comprese fra 3 e 14 wt% non verificabili; capacitá inferiori ai 3 wt% consistenti con i valori ottenuti per i materiali di carbonio tradizionali; Calcoli teorici hanno predetto capacitá superiori ai 6.0 wt% per: Grafite nanostrutturata con intercalanti interlayer; Composti organometallici di fullereni e nanotubi con metalli di transizione.

49 by Carbon Materials Lo stato dell arte Bibliografia principale Riassunto I lavori pubblicati in letteratura su HS a temperatura ambiente si dividono in capacitá superiori a 14 wt % non corretti; capacitá comprese fra 3 e 14 wt% non verificabili; capacitá inferiori ai 3 wt% consistenti con i valori ottenuti per i materiali di carbonio tradizionali; Calcoli teorici hanno predetto capacitá superiori ai 6.0 wt% per: Grafite nanostrutturata con intercalanti interlayer; Composti organometallici di fullereni e nanotubi con metalli di transizione.

50 by Carbon Materials Lo stato dell arte Bibliografia principale Materials for (Züttel 2003) and distribution systems (Züttel 2007) volantino Materiali di Carbonio per by Carbon Materials (Ströbel et al. 2006) e rif. Research Plan UNIPARMA (Riccó 2009) e rif. Al doped graphene (Ao et al. 2009) Review of HS in CNT (Darkrim et al. 2002) e rif. HS in CNT through the formation of stable C-H bonds (Nikitin et al. 2007)

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ]

ESERCIZI DI CHIMICA. 5. Calcolare le masse in grammi di: a) 0,30 moli di HNO 3 ; b) 2,50 moli di Na 2 SO 4. [19 g di HNO 3 ; 355 g di Na 2 SO 4 ] ESERCIZI DI CHIMICA 1. Calcolare:a) le moli di H 2 O e le moli di atomi d idrogeno ed ossigeno contenuti in 10g di H 2 O; b) il numero di molecole di H 2 O e di atomi di idrogeno e di ossigeno. [0,55 moli;

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1

La L a c c o o m mb b u u st s i t o i n o ne ne 1 1 La sostanza combustibile può essere: Solida Liquida o Gassosa. I combustibili utilizzati negli impianti di riscaldamento sono quelli visti precedentemente cioè: Biomasse Oli Combustibili di vario tipo

Dettagli

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola.

Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. Una formula molecolare è una formula chimica che dà l'esatto numero degli atomi di una molecola. La formula empirica e una formula in cui il rappporto tra gli atomi e il piu semplice possibil Acqua Ammoniaca

Dettagli

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA

L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA L ACQUA : STRUTTURA E PROPRIETA 1. Sostanza più abbondante in tutti gli esseri viventi 2. Più del 70% del peso di tutti gli esseri viventi 3. Influenza la struttura e la proprietà di tutte le molecole

Dettagli

Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine

Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine 21 Maggio 2012 - Lab. di Complementi di Matematica e Calcolo Numerico Equazioni dierenziali ordinarie del prim'ordine Indice 1 Integrazione di un'equazione cinetica 2 2 Cinetica di adsorbimento di Langmuir

Dettagli

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior

CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE. un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine di formare un maggior CHIMICA ORGANICA: IBRIDAZIONE & RISONANZA IBRIDIZZAZIONE L ibridizzazione o ibridazione è una ricombinazione dei propri orbitali atomici che un atomo compie all atto di formazione di un composto al fine

Dettagli

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI

IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI IDROGENO E FONTI RINNOVABILI: UNA POSSIBILE SOLUZIONE AI PROBLEMI ENERGETICI di Gaetano Cacciola 1 Secondo il World Energy Outlook (WEO) 2007, dell Agenzia Internazionale dell Energia, l aumento dei consumi

Dettagli

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno

Poniamo il carbonio al centro, tre idrogeni sono legati al carbonio direttamente e uno attraverso l ossigeno Strutture di Lewis E un metodo semplice per ottenere le formule di struttura di composti covalenti nota la formula molecolare, la configurazione elettronica del livello di valenza degli atomi e la connettività

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in

Quesiti e problemi. 6 Indica quali dei seguenti sistemi sono da considerare. 7 Come puoi giustificare la liberazione di calore in SUL LIBRO DA PAG 306 A PAG 310 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 Le reazioni producono energia 1 Qual è il fattore più importante per stabilire se una reazione è esotermica o endotermica? Per stabilire se

Dettagli

Recuperare energia dai

Recuperare energia dai Recuperare energia dai rifiuti del tabacco Riduzione dell impatto ambientale e sanitario delle cicche di sigaretta e produzione di energia mediante pirogassificazione Raffaella Uccelli- Ricercatore ENEA

Dettagli

L=F x s lavoro motore massimo

L=F x s lavoro motore massimo 1 IL LAVORO Nel linguaggio scientifico la parola lavoro indica una grandezza fisica ben determinata. Un uomo che sposta un libro da uno scaffale basso ad uno più alto è un fenomeno in cui c è una forza

Dettagli

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL

USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL USI ENERGETICI DELL IDROGENO E DELL IDROMETANO: L ESPERIENZA DEL GRUPPO SOL Ing. Maurizio Rea (Gruppo SOL) ECOMONDO - Sessione Tecnologie di Produzione Rimini, 3 Novembre 2010 IL GRUPPO SOL Profilo aziendale

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012

Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Prova scritta di Fisica Generale I Corso di studio in Astronomia 22 giugno 2012 Problema 1 Due carrelli A e B, di massa m A = 104 kg e m B = 128 kg, collegati da una molla di costante elastica k = 3100

Dettagli

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013

COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 COMPITO DI CHIMICA DEL 19-04-2013 1) Una certa quantità di solfato di ferro (II), sciolta in una soluzione acquosa di acido solforico, viene trattata con 1.0 10-3 mol di permanganato di potassio. Si ottengono

Dettagli

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande

Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Teoria quantistica della conduzione nei solidi e modello a bande Obiettivi - Descrivere il comportamento quantistico di un elettrone in un cristallo unidimensionale - Spiegare l origine delle bande di

Dettagli

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile

Nuove risorse energetiche. 30 Settembre Donne e società civile Nuove risorse energetiche 30 Settembre Donne e società civile Tema di enorme importanza e attualità, con implicazioni politiche e ambientali Esempi: Germania nella II guerra mondiale Iran, Iraq, Afganistan

Dettagli

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo

Energia e Lavoro. In pratica, si determina la dipendenza dallo spazio invece che dal tempo Energia e Lavoro Finora abbiamo descritto il moto dei corpi (puntiformi) usando le leggi di Newton, tramite le forze; abbiamo scritto l equazione del moto, determinato spostamento e velocità in funzione

Dettagli

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso.

2.1 Difetti stechiometrici Variano la composizione del cristallo con la presenza di elementi diversi dalla natura dello stesso. 2. I difetti nei cristalli In un cristallo perfetto (o ideale) tutti gli atomi occuperebbero le corrette posizioni reticolari nella struttura cristallina. Un tale cristallo perfetto potrebbe esistere,

Dettagli

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI

LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.6 ENERGIE DI IONIZZAZIONE E DISTRIBUZIONE DEGLI ELETTRONI 4.C OBIETTIVI LA STRUTTURA DELL ATOMO 4.A PRE-REQUISITI 4.B PRE-TEST 4.C OBIETTIVI 4.1 UNO SGUARDO ALLA STORIA 4.2 L ATOMO DI BOHR (1913) 4.5.2 PRINCIPIO DELLA MASSIMA MOLTEPLICITA (REGOLA DI HUND) 4.5.3 ESERCIZI SVOLTI

Dettagli

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici

Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica. Alessandro Clerici Risorse energetiche, consumi globali e l ambiente: la produzione di energia elettrica Alessandro Clerici Presidente FAST e Presidente Onorario WEC Italia Premessa La popolazione mondiale è ora di 6,7 miliardi

Dettagli

Teoria del campo cristallino (CFT)

Teoria del campo cristallino (CFT) Teoria del campo cristallino (CFT) Interazione elettrostatica (non covalente) tra: - leganti anionici cariche elettriche puntiformi - leganti neutri dipoli elettrici con la parte negativa verso il centro

Dettagli

La struttura della materia

La struttura della materia Unità didattica 11 La struttura della materia Competenze 1 Descrivere il modello atomico di Dalton 2 Spiegare le caratteristiche macroscopiche e microscopiche delle principali trasformazioni fisiche 3

Dettagli

NUMERI DI OSSIDAZIONE

NUMERI DI OSSIDAZIONE NUMERI DI OSSIDAZIONE Numeri in caratteri romani dotati di segno Tengono conto di uno squilibrio di cariche nelle specie poliatomiche Si ottengono, formalmente, attribuendo tutti gli elettroni di valenza

Dettagli

Cattura e stoccaggio di CO 2 prodotto dai combustibili fossili

Cattura e stoccaggio di CO 2 prodotto dai combustibili fossili 9.3 Cattura e stoccaggio di CO 2 prodotto dai combustibili fossili 9.3.1 Introduzione Uno dei gas serra derivanti dall attività dell uomo è il CO 2, che proviene principalmente dalla combustione di combustibili

Dettagli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli

CHIMICA ORGANICA. Gli alcoli 1 E1-ALCOLI CIMICA OGANICA ALCOLI Formula generale Desinenza -olo Gli alcoli Gli alcoli sono, dopo gli idrocarburi, i composti organici più comuni, che è possibile considerare come derivati dagli alcani

Dettagli

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA

Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Na, C, Cl, H2O, CO2, C2H6O ma che lingua è? ATOMI E MOLECOLE: IMPARIAMO IL LINGUAGGIO LA CHIMICA Chimica è una parolaccia? Si direbbe di sì, a giudicare dalle reazioni della opinione pubblica che associa

Dettagli

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA

Ing. Raffaele Merola Engineering Environmental Technologies - Energy from biomass PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA PRODUZIONE DI ENERGIA ELETTRICA DA SYNGAS DA BIOMASSA 1 PRESENTAZIONE GENERALE 1. GENERALITÀ La presente relazione è relativa alla realizzazione di un nuovo impianto di produzione di energia elettrica.

Dettagli

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1

CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA. Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 CAPITOLO I CORRENTE ELETTRICA Copyright ISHTAR - Ottobre 2003 1 INDICE CORRENTE ELETTRICA...3 INTENSITÀ DI CORRENTE...4 Carica elettrica...4 LE CORRENTI CONTINUE O STAZIONARIE...5 CARICA ELETTRICA ELEMENTARE...6

Dettagli

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili

Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Le risorse energetiche e il futuro delle rinnovabili Prof. Paolo Redi Solar Energy Italia S.p.A. Prato Dipartimento di Elettronica e Telecomunicazioni- Facolt dingegneria Universit di Firenze Dopo la crisi

Dettagli

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015

Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Istituto Superiore Vincenzo Cardarelli Istituto Tecnico per Geometri Liceo Artistico A.S. 2014 2015 Piano di lavoro annuale Materia : Fisica Classi Quinte Blocchi tematici Competenze Traguardi formativi

Dettagli

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili.

Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. REGIONE PIEMONTE BU12 20/03/2014 Codice DB1013 D.D. 12 marzo 2014, n. 52 Metodologie per la misura, il campionamento delle emissioni di ossidi di azoto prodotte dagli impianti termici civili. Con D.C.R.

Dettagli

QUESITI A RISPOSTA APERTA

QUESITI A RISPOSTA APERTA QUESITI A RISPOSTA APERTA 1.Che cosa sono gli spettri stellari e quali informazioni si possono trarre dal loro studio? Lo spettro di un qualsiasi corpo celeste altro non è che l insieme di tutte le frequenze

Dettagli

I METALLI PESANTI NEL LATTE

I METALLI PESANTI NEL LATTE I METALLI PESANTI NEL LATTE di Serraino Andrea Dipartimento di Sanità Pubblica Veterinaria e Patologia Animale - Facoltà Medicina Veterinaria - Università di Bologna - Alma Mater Studiorum. I metalli sono

Dettagli

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria

LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria LA CORRETTA SCELTA DI UN IMPIANTO PER LA TEMPRA AD INDUZIONE Come calcolare la potenza necessaria Quale frequenza di lavoro scegliere Geometria del pezzo da trattare e sue caratteristiche elettromagnetiche

Dettagli

Esercizi e Problemi di Termodinamica.

Esercizi e Problemi di Termodinamica. Esercizi e Problemi di Termodinamica. Dr. Yves Gaspar March 18, 2009 1 Problemi sulla termologia e sull equilibrio termico. Problema 1. Un pezzetto di ghiaccio di massa m e alla temperatura di = 250K viene

Dettagli

La corrente elettrica

La corrente elettrica PROGRAMMA OPERATIVO NAZIONALE Fondo Sociale Europeo "Competenze per lo Sviluppo" Obiettivo C-Azione C1: Dall esperienza alla legge: la Fisica in Laboratorio La corrente elettrica Sommario 1) Corrente elettrica

Dettagli

Il vapor saturo e la sua pressione

Il vapor saturo e la sua pressione Il vapor saturo e la sua pressione Evaporazione = fuga di molecole veloci dalla superficie di un liquido Alla temperatura T, energia cinetica di traslazione media 3/2 K B T Le molecole più veloci sfuggono

Dettagli

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE

DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE DESCRIZIONE DEL TERMINALE DI GNL E DELLA SUA GESTIONE 1) PREMESSA...2 2) DESCRIZIONE DEL TERMINALE...2 2.1) RICEZIONE...3 2.2) STOCCAGGIO...3 2.3) RIGASSIFICAZIONE...4 2.4) RECUPERO BOIL-OFF GAS (BOG)...4

Dettagli

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020)

Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Energia in Italia: problemi e prospettive (1990-2020) Enzo De Sanctis Società Italiana di Fisica - Bologna Con questo titolo, all inizio del 2008, la Società Italiana di Fisica (SIF) ha pubblicato un libro

Dettagli

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t;

dove Q è la carica che attraversa la sezione S del conduttore nel tempo t; CAPITOLO CIRCUITI IN CORRENTE CONTINUA Definizioni Dato un conduttore filiforme ed una sua sezione normale S si definisce: Corrente elettrica i Q = (1) t dove Q è la carica che attraversa la sezione S

Dettagli

I modelli atomici da Dalton a Bohr

I modelli atomici da Dalton a Bohr 1 Espansione 2.1 I modelli atomici da Dalton a Bohr Modello atomico di Dalton: l atomo è una particella indivisibile. Modello atomico di Dalton Nel 1808 John Dalton (Eaglesfield, 1766 Manchester, 1844)

Dettagli

LE FONTI ENERGETICHE.

LE FONTI ENERGETICHE. LE FONTI ENERGETICHE. Il problema La maggior parte dell'energia delle fonti non rinnovabili è costituita dai combustibili fossili quali carbone, petrolio e gas naturale che ricoprono l'80% del fabbisogno

Dettagli

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di

La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di La base di partenza per la maggior parte dei processi produttivi di materiali ceramici sono le sospensioni. Queste si ottengono dalla miscelazione di un solido (polvere) che diverrà il ceramico, con un

Dettagli

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica

Correnti e circuiti a corrente continua. La corrente elettrica Correnti e circuiti a corrente continua La corrente elettrica Corrente elettrica: carica che fluisce attraverso la sezione di un conduttore in una unità di tempo Q t Q lim t 0 t ntensità di corrente media

Dettagli

UN MODELLO MATEMATICO PER LA PIROLISI DI BIOMASSE

UN MODELLO MATEMATICO PER LA PIROLISI DI BIOMASSE UNIONE EUROPEA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA MAIM ENGINEERING S.r.l. UN MODELLO MATEMATICO PER LA PIROLISI DI BIOMASSE Mario Cruccu, Laura Sanna Maim Engineering S.r.l., Piazza Giovanni

Dettagli

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO

QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO QUALITÀ E TRATTAMENTO DELL ACQUA DEL CIRCUITO CHIUSO (PARTE 1) FOCUS TECNICO Gli impianti di riscaldamento sono spesso soggetti a inconvenienti quali depositi e incrostazioni, perdita di efficienza nello

Dettagli

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica

Potenziale Elettrico. r A. Superfici Equipotenziali. independenza dal cammino. 4pe 0 r. Fisica II CdL Chimica Potenziale Elettrico Q V 4pe 0 R Q 4pe 0 r C R R R r r B q B r A A independenza dal cammino Superfici Equipotenziali Due modi per analizzare i problemi Con le forze o i campi (vettori) per determinare

Dettagli

Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena

Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena Marcello Romagnoli Dipartimento di Ingegneria dei Materiali e dell Ambiente Università di Modena e Reggio Emilia, Via Vignolese 905, 41100 Modena (Italy) Email: marcello.romagnoli@unimore.it Tel. 059 2056234

Dettagli

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994

La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 La misurazione del rendimento di Combustione secondo la UNI 10389 del 1994 Ing. Gennaro Augurio Direttore Operativo ITAGAS AMBIENTE Via R. Paolucci, 3 Pescara gennaro.augurio@itagasambiente.it GSM 347-99.10.915

Dettagli

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro

Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro Prof.ssa Grazia Maria La Torre è il seguente: Lo schema a blocchi di uno spettrofotometro SORGENTE SISTEMA DISPERSIVO CELLA PORTACAMPIONI RIVELATORE REGISTRATORE LA SORGENTE delle radiazioni elettromagnetiche

Dettagli

L EQUILIBRIO CHIMICO

L EQUILIBRIO CHIMICO EQUIIBRIO CHIMICO Molte reazioni chimiche possono avvenire in entrambe i sensi: reagenti e prodotti possono cioè scambiarsi fra di loro; le reazioni di questo tipo vengono qualificate come reazioni reversibili.

Dettagli

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante.

L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere ossidante. Ozono (O 3 ) Che cos è Danni causati Evoluzione Metodo di misura Che cos è L Ozono è un gas altamente reattivo, di odore pungente e ad elevate concentrazioni di colore blu, dotato di un elevato potere

Dettagli

Cos è una. pompa di calore?

Cos è una. pompa di calore? Cos è una pompa di calore? !? La pompa di calore aria/acqua La pompa di calore (PDC) aria-acqua è una macchina in grado di trasferire energia termica (calore) dall aria esterna all acqua dell impianto

Dettagli

Da dove prendono energia le cellule animali?

Da dove prendono energia le cellule animali? Da dove prendono energia le cellule animali? La cellula trae energia dai legami chimici contenuti nelle molecole nutritive Probabilmente le più importanti sono gli zuccheri, che le piante sintetizzano

Dettagli

Effetti dell incendio sull uomo

Effetti dell incendio sull uomo Effetti dell incendio sull uomo ANOSSIA (a causa della riduzione del tasso di ossigeno nell aria) AZIONE TOSSICA DEI FUMI RIDUZIONE DELLA VISIBILITÀ AZIONE TERMICA Essi sono determinati dai prodotti della

Dettagli

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12

Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Esercizio 1 Il 24 10 Ne (T 1/2 =3.38 min) decade β - in 24 11 Na (T 1/2 =15 h), che a sua volta decade β - in 24 12 Mg. Dire quali livelli sono raggiungibili dal decadimento beta e indicare lo schema di

Dettagli

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI

SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI SCALA DEI PESI ATOMICI RELATIVI E MEDI La massa dei singoli atomi ha un ordine di grandezza compreso tra 10-22 e 10-24 g. Per evitare di utilizzare numeri così piccoli, essa è espressa relativamente a

Dettagli

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE

I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE I MATERIALI DELLA LITOSFERA: I MINERALI E LE ROCCE Dagli atomi alle rocce I materiali di cui è fatta la crosta terrestre si sono formati a partire dai differenti tipi di atomi, circa una novantina, ricevuti

Dettagli

Indice del libro. Materiali digitali. Esempi svolti. Videoapertura Approfondimento: Come lavora lo scienziato

Indice del libro. Materiali digitali. Esempi svolti. Videoapertura Approfondimento: Come lavora lo scienziato I INDICE Indice del libro Materiali digitali PER COMINCIARE Metodi e strumenti per il tuo lavoro 1. Come studiare la chimica 1. Il tuo metodo di studio 3. Richiami sulle potenze 4 4. La notazione scientifica

Dettagli

/ * " 6 7 -" 1< " *,Ê ½, /, "6, /, Ê, 9Ê -" 1/ " - ÜÜÜ Ìi «V Ì

/ *  6 7 - 1<  *,Ê ½, /, 6, /, Ê, 9Ê - 1/  - ÜÜÜ Ìi «V Ì LA TRASMISSIONE DEL CALORE GENERALITÀ 16a Allorché si abbiano due corpi a differenti temperature, la temperatura del corpo più caldo diminuisce, mentre la temperatura di quello più freddo aumenta. La progressiva

Dettagli

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO

L AUDIT ENERGETICO DEGLI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERGETICO COMUNE DI CANZO COMUNE DI CASTELMARTE COMUNE DI EUPILIO COMUNE DI LONONE AL SERINO COMUNE DI PROSERPIO COMUNE DI PUSIANO L AUDIT ENERETICO DELI EDIFICI E IL RISPARMIO ENERETICO Una politica energetica

Dettagli

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro.

Camera di combustione Struttura chiusa dentro cui un combustibile viene bruciato per riscaldare aria o altro. C Caldaia L'unità centrale scambiatore termico-bruciatore destinata a trasmettere all'acqua il calore prodotto dalla combustione. v. Camera di combustione, Centrali termiche, Efficienza di un impianto

Dettagli

Lo stoccaggio di energia negli impianti CCS

Lo stoccaggio di energia negli impianti CCS Maggiore flessibilità operativa e miglior ritorno economico L. Mancuso - Foster Wheeler Italiana - Power Division N. Ferrari - Foster Wheeler Italiana - Power Division J. Davison - IEA Greenhouse Gas R&D

Dettagli

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca

ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca ESAME DI STATO DI LICEO SCIENTIFICO 2006 Indirizzo Scientifico Tecnologico Progetto Brocca Trascrizione del testo e redazione delle soluzioni di Paolo Cavallo. La prova Il candidato svolga una relazione

Dettagli

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo).

. analisi teorica (studio di esistenza, unicità della soluzione, sensitività rispetto ai dati, regolarità, comportamento qualitativo). 1 Modelli matematici Un modello è un insieme di equazioni e altre relazioni matematiche che rappresentano fenomeni fisici, spiegando ipotesi basate sull osservazione della realtà. In generale un modello

Dettagli

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente

La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente Unità G16 - La corrente elettrica continua La corrente elettrica La resistenza elettrica La seconda legge di Ohm Resistività e temperatura L effetto termico della corrente 1 Lezione 1 - La corrente elettrica

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA

LA CORRENTE ELETTRICA L CORRENTE ELETTRIC H P h Prima che si raggiunga l equilibrio c è un intervallo di tempo dove il livello del fluido non è uguale. Il verso del movimento del fluido va dal vaso a livello maggiore () verso

Dettagli

Equilibrio Termico tra Due Corpi

Equilibrio Termico tra Due Corpi Equilibrio Termico tra Due Corpi www.lepla.eu OBIETTIVO L attività ha l obiettivo di fare acquisire allo sperimentatore la consapevolezza che: 1 il raggiungimento dell'equilibrio termico non è istantaneo

Dettagli

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI

DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI Conversione Massa Moli DALLA MOLE AI CALCOLI STECHIOMETRICI - ESERCIZI GUIDATI - LEGENDA DEI SIMBOLI: M = Peso molecolare m(g) = quantità in g di elemento o di composto n = numero di moli Ricorda che l'unità

Dettagli

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa

A Ferrara, 14 miliardi di anni fa A Ferrara, 14 miliardi di anni fa 1 L eredità di Copernico Quale è la relazione fra l uomo e l universo per ciò che riguarda: x : lo spazio t : il tempo m: la materia m t C X 2 Un viaggio nel tempo t di

Dettagli

Sostituzioni sull anello aromatico

Sostituzioni sull anello aromatico Sostituzioni sull anello aromatico Criteri per stabilire l esistenza di carattere aromatico 1. Il composto deve essere ciclico, planare e deve avere una nuvola ininterrotta di elettroni π sopra e sotto

Dettagli

Gli Alcheni : struttura e nomenclatura

Gli Alcheni : struttura e nomenclatura Gli Alcheni : struttura e nomenclatura Alcheni Gli alcheni sono idrocarburi che contengono un doppio legame carbonio-carbonio sono anche detti olefine o idrocarburi insaturi La formula molecolare è C n

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager

L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena: le motivazioni delle scelte progettuali dal punto di vista dell Energy Manager Workshop Tecnico Efficientamento energetico nelle strutture ospedaliere e residenziali sanitarie Area Science Park Padriciano, Trieste 29 aprile 2015 L impianto di trigenerazione del Policlinico di Modena:

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido.

funzionamento degli accumulatori al piombo/acido. Il triangolo dell Incendio Possibili cause d incendio: I carrelli elevatori Particolare attenzione nella individuazione delle cause di un incendio va posta ai carrelli elevatori, normalmente presenti nelle

Dettagli

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti

Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti Schmack Biogas a rifiuti Gli impianti biogas a rifiuti 2/3 Gli impianti biogas a rifiuti La tecnologia Schmack Biogas per la digestione anaerobica della FORSU La raccolta differenziata delle

Dettagli

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici

Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Gli alcool, i composti carbonilici e gli acidi carbossilici Con questa unità didattica inizieremo a prendere in considerazione dei composti della chimica organica caratterizzati dal contenere oltre ai

Dettagli

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO

2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO 2. L INQUINAMENTO ATMOSFERICO L aria è una miscela eterogenea formata da gas e particelle di varia natura e dimensioni. La sua composizione si modifica nello spazio e nel tempo per cause naturali e non,

Dettagli

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Scheda Tecnica Edizione14.10.11 Sikadur -31CFNormal Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Indicazioni generali Descrizione Sikadur -31CFNormalèunamaltaepossidicabicomponente,contenenteaggregatispeciali,perincollaggieriparazionistrutturali,tolleral

Dettagli

PROBLEMI SULL EQUILIBRIO TERMICO

PROBLEMI SULL EQUILIBRIO TERMICO PROBLEMI SULL EQUILIBRIO TERMICO 1) Per riscaldare l acqua di uno scaldabagno da 18 C a 38 C occorrono 45 minuti, utilizzando una sorgente di calore che ha la potenza di 3000 W, ma un rendimento dell 80%

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio

L ECO-UFFICIO. Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Comune di Udine L ECO-UFFICIO Buone pratiche per l efficienza energetica in ufficio Efficienza energetica: di necessità virtù L efficienza energetica non è semplice risparmio: è riduzione del consumo di

Dettagli

Appunti di Chimica Organica Elementi per CdL Ostetricia CHIMICA ORGANICA. Appunti di Lezione. Elementi per il corso di Laurea In Ostetricia

Appunti di Chimica Organica Elementi per CdL Ostetricia CHIMICA ORGANICA. Appunti di Lezione. Elementi per il corso di Laurea In Ostetricia CHIMICA ORGANICA Appunti di Lezione Elementi per il corso di Laurea In Ostetricia Autore: Roberto Zanrè A.A. 2009/2010 1 Atomo di C e ibridizzazione sp 2 Nel suo stato fondamentale l atomo di C presenta

Dettagli

QUALI RISORSE ENERGETICHE? *

QUALI RISORSE ENERGETICHE? * FORZA, VELOCITÀ E ACCELERAZIONE: UNO SGUARDO CONTEMPORANEO AI PRINCIPI DELLA DINAMICA 331 QUALI RISORSE ENERGETICHE? * ROBERTO VACCA 1. Fonti e consumo d energia Le fonti primarie (legno, carbone, petrolio,

Dettagli

Relazione specialistica

Relazione specialistica Relazione specialistica Dipl.-Ing. Hardy Ernst Dipl.-Wirtschaftsing. (FH), Dipl.-Informationswirt (FH) Markus Tuffner, Bosch Industriekessel GmbH Basi di progettazione per una generazione ottimale di vapore

Dettagli

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE

Scheda di dati di sicurezza Ai sensi del Regolamento CE 1907/2006 REACH Stampato il 01/01/09 Denominazione commerciale: SILIFIM ROSSO ALTE TEMPERATURE Pagina: 1/ 5 1. IDENTIFICAZIONE DELLA SOSTANZA/PREPARATO E DELLA SOCIETA /IMPRESA Denominazione commerciale: SILIFIM ALTE TEMPERATURE Articolo numero: art.01004/01004a Utilizzazione della Sostanza / del

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA SINTERCRISTALLIZZAZIONE DI VETROCERAMICHE A BASE DI NEFELINA RAFFORZATE PER TEMPRA CHIMICA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA SINTERCRISTALLIZZAZIONE DI VETROCERAMICHE A BASE DI NEFELINA RAFFORZATE PER TEMPRA CHIMICA UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA FACOLTÀ DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA MECCANICA SETTORE MATERIALI TESI DI LAUREA IN INGEGNERIA DEI MATERIALI SINTERCRISTALLIZZAZIONE DI VETROCERAMICHE A BASE

Dettagli

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE

Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Prospettive a livello mondiale in materia di energia, tecnologia e politica climatica all'orizzonte 2030 ELEMENTI CHIAVE Scenario di riferimento Lo studio WETO (World energy, technology and climate policy

Dettagli

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA

GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA GRUPPI REFRIGERANTI ALIMENTATI AD ACQUA CALDA 1 Specifiche tecniche WFC-SC 10, 20 & 30 Ver. 03.04 SERIE WFC-SC. SEZIONE 1: SPECIFICHE TECNICHE 1 Indice Ver. 03.04 1. Informazioni generali Pagina 1.1 Designazione

Dettagli

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh.

Per confronto, un 1kg di un combustibile rinnovabile come una biomassa legnosa può in genere contenere 4.2kWh. Guida del principiante sull Energia e la Potenza L'articolo presentato da N Packer, Staffordshire University, UK, febbraio 2011. Energia L'energia è la capacità di fare lavoro. Come spesso accade, le unità

Dettagli

I vantaggi dell efficienza energetica

I vantaggi dell efficienza energetica Introduzione Migliorare l efficienza energetica (EE) può produrre vantaggi a tutti i livelli dell economia e della società: individuale (persone fisiche, famiglie e imprese); settoriale (nei singoli settori

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Idrati di gas 2.3. 2.3.1 Introduzione. 2.3.2 Struttura degli idrati

Idrati di gas 2.3. 2.3.1 Introduzione. 2.3.2 Struttura degli idrati 2.3 Idrati di gas 2.3.1 Introduzione Nel significato più generale gli idrati sono composti che contengono molecole di acqua. Una classe chimica molto comune di idrati è rappresentata dai sali inorganici

Dettagli