HYDROGEN STORAGE. Chiara Cavallari. 30 aprile Materiali Nanostrutturati a base Carbonio

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "HYDROGEN STORAGE. Chiara Cavallari. 30 aprile 2009. Materiali Nanostrutturati a base Carbonio"

Transcript

1 by Carbon Materials HYDROGEN STORAGE Chiara Cavallari Materiali Nanostrutturati a base Carbonio 30 aprile 2009

2 by Carbon Materials Sommario Idrogeno e le sue applicazioni dei Materiali a base di Carbonio Grafene Fullerene Nanotubi Conclusioni e prospettive

3 by Carbon Materials Cos é l idrogeno... Cos é l Idrogeno... Problema energetico L Idrogeno é l elemento piú leggero e abbondante in natura (90% di tutti gli atomi dell universo). A 0 o é un gas e puó essere descritto dall equazione di Van Der Waals per i gas reali (T E = -253 o C!). Sulla Terra meno dell 1% dell Idrogeno esistente é presente nel suo stato elementare Idrogeno molecolare H 2 ( > H 2 O e idrocarburi liquidi e gassosi).

4 by Carbon Materials... e come si produce Cos é l Idrogeno... Problema energetico

5 by Carbon Materials Cos é l Idrogeno... Problema energetico Sfida del 21 o Secolo Inarrestabile crescita della domanda energetica Ridurre le emissioni di CO 2 (Protocollo di Kyoto) Vettore energetico di basso o nullo impatto ambientale, producibile da piú fonti energetiche primarie, intercambiabili e distribuibile su rete a larga scala.

6 by Carbon Materials Cos é l Idrogeno... Problema energetico Sfida del 21 o Secolo Inarrestabile crescita della domanda energetica Ridurre le emissioni di CO 2 (Protocollo di Kyoto) Vettore energetico di basso o nullo impatto ambientale, producibile da piú fonti energetiche primarie, intercambiabili e distribuibile su rete a larga scala.

7 by Carbon Materials Cos é l Idrogeno... Problema energetico Perché l IDROGENO L IDROGENO brucia all aria secondo H 2 + 1/2 O 2 = H 2 O + calore. puó essere prodotto da fonti fossili, rinnovabili e nucleari. L energia chimica per unitá di massa é 3 volte superiore a quella degli altri combustibili (0.33 Kg H 2 = 1 Kg petrolio). puó essere distribuito abbastanza agevolmente compatibilmente con lo sviluppo di tecnologie di trasporto e stoccaggio.

8 by Carbon Materials Cos é l Idrogeno... Problema energetico Perché l IDROGENO L IDROGENO brucia all aria secondo H 2 + 1/2 O 2 = H 2 O + calore. puó essere prodotto da fonti fossili, rinnovabili e nucleari. L energia chimica per unitá di massa é 3 volte superiore a quella degli altri combustibili (0.33 Kg H 2 = 1 Kg petrolio). puó essere distribuito abbastanza agevolmente compatibilmente con lo sviluppo di tecnologie di trasporto e stoccaggio.

9 by Carbon Materials Cos é l Idrogeno... Problema energetico Perché l IDROGENO L IDROGENO brucia all aria secondo H 2 + 1/2 O 2 = H 2 O + calore. puó essere prodotto da fonti fossili, rinnovabili e nucleari. L energia chimica per unitá di massa é 3 volte superiore a quella degli altri combustibili (0.33 Kg H 2 = 1 Kg petrolio). puó essere distribuito abbastanza agevolmente compatibilmente con lo sviluppo di tecnologie di trasporto e stoccaggio.

10 by Carbon Materials Cos é l Idrogeno... Problema energetico Perché l IDROGENO L IDROGENO brucia all aria secondo H 2 + 1/2 O 2 = H 2 O + calore. puó essere prodotto da fonti fossili, rinnovabili e nucleari. L energia chimica per unitá di massa é 3 volte superiore a quella degli altri combustibili (0.33 Kg H 2 = 1 Kg petrolio). puó essere distribuito abbastanza agevolmente compatibilmente con lo sviluppo di tecnologie di trasporto e stoccaggio.

11 Storage Idrogeno e le sue applicazioni by Carbon Materials Principi fisici e caratteristiche sistemi per HS Riduzione del volume dell Idrogeno gassoso (11m 3 per Kg di H 2 ) Reversibilitá del processo (uptake e release) Compressione Bombole a gas ad alta pressione (20MPa, 25 o C) Liquefazione Idrogeno liquido in taniche criogeniche (1 atm, -253 o C) Idruri metallici Complessi metallici (M[AlH 4 ] o M[BH 4 ]) Adsorbimento fisico

12 Storage Idrogeno e le sue applicazioni by Carbon Materials Principi fisici e caratteristiche sistemi per HS Riduzione del volume dell Idrogeno gassoso (11m 3 per Kg di H 2 ) Reversibilitá del processo (uptake e release) Compressione Bombole a gas ad alta pressione (20MPa, 25 o C) Liquefazione Idrogeno liquido in taniche criogeniche (1 atm, -253 o C) Idruri metallici Complessi metallici (M[AlH 4 ] o M[BH 4 ]) Adsorbimento fisico

13 by Carbon Materials Principi fisici e caratteristiche sistemi per HS Nella figura si mostra il volume di 4 Kg di Idrogeno stoccato in 4 differenti metodi tradizionali (compressione, liquefazione, idruri LaNi 5 H 6 e Mg 2 NiH 4 ). Dati Toyota 1999

14 by Carbon Materials Adsorbimento fisico Principi fisici e caratteristiche sistemi per HS L adsorbimento di molecole di gas su una superficie solida é dovuta a interazioni di Van Der Waals (interazione fra momenti di dipolo istantenei). E S H2 αh 2αS R 6 Energia di Interazione - Dispersione di London Strutture di Carbonio, MOF e zeoliti Interazione debole (2-5KJ/mol) significativo a basse temperature.

15 by Carbon Materials Adsorbimento fisico Principi fisici e caratteristiche sistemi per HS La massima quantitá di Idrogeno adsorbito su un certo materiale puó essere stimata come la quantitá che si distribuisce su un monolayer. S ml = 3 2 ( 2NA Mads ρ ads ) 2 3 S ml (H 2 )=85917 m 2 mol 1 m ads =M ads Sspec S ml C(grafene) adsorbente e H 2 adsorbito m ads = 3.0 mass% (a basse temperature)

16 by Carbon Materials Principi fisici e caratteristiche sistemi per HS Il DOE ha annunciato un target per lo stoccaggio di H 2 sulle automobili del 6 mass% entro il Nessuno dei metodi noti di stoccaggio raggiungono questi target. Dati 2006

17 by Carbon Materials Principi fisici e caratteristiche sistemi per HS Caratteristiche dei sistemi per Elevata cinetica di carica e scarica struttura dei materiali; Elevata efficienza del ciclo di carica e scarica; Elevata stabilitá termica del ciclo di carica e scarica; Operativo in condizioni ambiente (1 atm, 273 K); Purezza dell Idrogeno.

18 by Carbon Materials Adsorption energy ( E ads ) Principi fisici e caratteristiche sistemi per HS Se E ads é bassa H 2 desorbe spontaneamente a basse temperature (Storage possibile a temp. amb. solo ad alte pressioni) Se E ads é alta H 2 puó essere adsorbito in grande quantitá ma desorbe difficilmente (poco H 2 é disponibile come combustibile)

19 by Carbon Materials in materiali di Carbonio Il Carbonio é uno dei migliori adsorbenti per i gas. poco costoso, non inquinante o tossico, assorbe H 2 reversibilmente; puó essere ridotto in polvere fine dalla struttura altamente porosa; L energia di legame ottimale per lo storage a temperatura ambiente é nella regione di KJ mol 1

20 by Carbon Materials in materiali di Carbonio Activated Carbon (AC) Grafite e Grafene Fullereni Nanotubi Nanofibre e Nanohorns

21 by Carbon Materials Activated Carbon Carbonio sintetico con piccoli cristalliti di grafite in matrice di Carbonio amorfo, con elevate superfici (3000 m 2 g 1 ) A temperatura ambiente e modeste pressioni sono state trovate piccole quantitá di Idrogeno (dipende dalla microstruttura). Kidnay e Hiza (1967) 2wt% a 76K; Schwart et al. (fine anni 80) 4.8 wt% a 87K e 59 atm; CDC (Carbide Derived Carbon) 3 wt% a 77K (Fisher, DOE Hydrogen Program 2005)

22 by Carbon Materials Activated Carbon Carbonio sintetico con piccoli cristalliti di grafite in matrice di Carbonio amorfo, con elevate superfici (3000 m 2 g 1 ) A temperatura ambiente e modeste pressioni sono state trovate piccole quantitá di Idrogeno (dipende dalla microstruttura). Kidnay e Hiza (1967) 2wt% a 76K; Schwart et al. (fine anni 80) 4.8 wt% a 87K e 59 atm; CDC (Carbide Derived Carbon) 3 wt% a 77K (Fisher, DOE Hydrogen Program 2005)

23 Grafite e... Idrogeno e le sue applicazioni by Carbon Materials α S alta ma bassa capacitá di storage (piccola distanza interlayer e piccola area superficiale) intercalanti e ball milling Schlappach, Zuettel (2001) 7.4 wt%, dopo 80h di ball milling; Deng et al. (2004) 6.5 wt% a 2MPa e 298K per Li-pillared graphene sheet system;

24 Grafite e... Idrogeno e le sue applicazioni by Carbon Materials α S alta ma bassa capacitá di storage (piccola distanza interlayer e piccola area superficiale) intercalanti e ball milling Schlappach, Zuettel (2001) 7.4 wt%, dopo 80h di ball milling; Deng et al. (2004) 6.5 wt% a 2MPa e 298K per Li-pillared graphene sheet system;

25 by Carbon Materials...Grafene Elevata area superficiale Bassi costi di produzione e realizzabile su larga scala Ao et. al (02/2009) hanno studiato (DFT e MD) le interazioni fra H 2 e grafene drogato Al 5.13 wt%, a 298K e 0.1 GPa.

26 by Carbon Materials...Grafene Elevata area superficiale Bassi costi di produzione e realizzabile su larga scala Ao et. al (02/2009) hanno studiato (DFT e MD) le interazioni fra H 2 e grafene drogato Al 5.13 wt%, a 298K e 0.1 GPa.

27 by Carbon Materials L energia di legame puó essere aumentata in fogli di Carbonio curvati Ibridizzazione degli orbitali che ha origine in piani di grafene piegati in maniera cilindrica (nanotubi) o sferica (fullereni).

28 by Carbon Materials Nanotubi I valori di storage dipendono da molti parametri dei NT: struttura, difetti, trattamenti, pressione, temperatura, arrangiamento dei NT (bundles o ropes), geometria (diametro)... I siti di adsorbimento dell Idrogeno nei NT sono teoricamente: dentro il NT fuori il NT fra i NT in bundles e ropes fra le shell in MWNT

29 by Carbon Materials Nanotubi I valori di storage dipendono da molti parametri dei NT: struttura, difetti, trattamenti, pressione, temperatura, arrangiamento dei NT (bundles o ropes), geometria (diametro)... I siti di adsorbimento dell Idrogeno nei NT sono teoricamente: dentro il NT fuori il NT fra i NT in bundles e ropes fra le shell in MWNT

30 by Carbon Materials Single Walled NanoTubes Dillon et al.(1997) SWNT( 2nm) non purificati, (300 Torr di H 2 a temp.amb. e raffreddato a 133K; misure di desorbimento TPD, picchi a 150K e 300K) 5-10 weight% per SWNT; Liu et al.(1999) SWNT( 1.85nm), 4.2 weight% a temp. amb. e 10MPa, con trattamenti chimici e termici (78.3% dell H 2 adsorbito viene rilasciato a press. e temp. amb., il resto viene rilasciato sotto riscaldamento); Ci et al.(2003) HS aumenta all aumentare della temperatura di annealing (fino a 2200 o C).

31 by Carbon Materials Single Walled NanoTubes Dillon et al.(1997) SWNT( 2nm) non purificati, (300 Torr di H 2 a temp.amb. e raffreddato a 133K; misure di desorbimento TPD, picchi a 150K e 300K) 5-10 weight% per SWNT; Liu et al.(1999) SWNT( 1.85nm), 4.2 weight% a temp. amb. e 10MPa, con trattamenti chimici e termici (78.3% dell H 2 adsorbito viene rilasciato a press. e temp. amb., il resto viene rilasciato sotto riscaldamento); Ci et al.(2003) HS aumenta all aumentare della temperatura di annealing (fino a 2200 o C).

32 by Carbon Materials Single Walled NanoTubes Dillon et al.(1997) SWNT( 2nm) non purificati, (300 Torr di H 2 a temp.amb. e raffreddato a 133K; misure di desorbimento TPD, picchi a 150K e 300K) 5-10 weight% per SWNT; Liu et al.(1999) SWNT( 1.85nm), 4.2 weight% a temp. amb. e 10MPa, con trattamenti chimici e termici (78.3% dell H 2 adsorbito viene rilasciato a press. e temp. amb., il resto viene rilasciato sotto riscaldamento); Ci et al.(2003) HS aumenta all aumentare della temperatura di annealing (fino a 2200 o C).

33 by Carbon Materials L energia di legame cresce se il foglio curvo é carico NT dopati o intercalati con metalli alcalini mostrano un aumento della quantitá di H 2 adsorbito rispetto al materiale neutro polarizzazione di H 2 dovuta al campo elettrico della carica.

34 by Carbon Materials Alkali-doped Nanotubes Chen et al.(1999) Li- e K- doped MWNT ( nm) adsorbono 20 wt% e 14 wt% di H 2 a 1 atm e modeste temperature ( o C e temp. amb.rispettivamente). Yang (1999) con dry H 2 ha ottenuto risultati di densitá gravimetrica piú bassi (2 wt%)

35 by Carbon Materials

36 by Carbon Materials Additivi alle nanostrutture di Carbonio Additivi aggiunti ai materiali di Carbonio al fine di crescere la capacitá di hanno principalmente tre effetti: di variazioni strutturali (es. espansione distanze interlayer); Cambiamenti nella struttura elettronica del campione; Agiscono come distinti materiali di (materiali ibridi, es. lega Ti-Al-V con SWNT 3 wt% a 298K e 80 KPa).

37 by Carbon Materials Ioni metallici possono legare H 2 Interazione elettrostatica (ioni di metalli alcalini) Interazione orbitale (ioni di metalli alcalino-terrosi e di transizione) Complessi metallici possono legare H 2 Solo una parte delle carica é disponibile per interagire con H 2

38 by Carbon Materials Ioni metallici possono legare H 2 Interazione elettrostatica (ioni di metalli alcalini) Interazione orbitale (ioni di metalli alcalino-terrosi e di transizione) Complessi metallici possono legare H 2 Solo una parte delle carica é disponibile per interagire con H 2

39 Fullerene Idrogeno e le sue applicazioni by Carbon Materials Il fullerene rappresenta l ideale tessuto per la complessazione di metalli attraverso: Coordinazione di Dewar fra l atomo di metallo e il ciclopentadiene; la relativamente debole forza di legame lascia il metallo libero di sviluppare legami con grande quantitá di H 2 ; l alta area superficiale e i larghi spazi vuoti nel reticolo del fullerene consentono a una grande quantitá di ioni metallici di interagire con H 2 ; Ti 12 C 60,Sc 12 C 60,Ni 30 C 60

40 by Carbon Materials Qualche dato... Densitá gravimetrica teorica in Li 12 C wt% Densitá gravimetrica teorica di HS in sistemi stabili di fullereni organometallici con metalli di transizione(ti, Sc) 8-9 wt% Densitá gravimetrica teorica in Ca(Sr)- coated fullerenes 8.4 wt% Densitá gravimetrica teorica in Ti-coated NT (n,0) e (n,n) 5-8 wt%

41 by Carbon Materials Chemisorption Formazione di legami chimici C-H. In generale, non utile ai fine dello storage. NT bundles, complessi H-SWNT tramite spillover ( 2.0nm, stabili a temp. ambiente, 7 weight%)

42 by Carbon Materials Electrochemical Absorption Normalmente l Idrogeno viene caricato nei campioni ad alta pressione e basse temperature. É anche possibile un metodo elettrochimico che consente di ottenere a temperatura ambiente lo stesso grado di storage che la carica di gas a bassa temperatura.

43 Nanofibre e... Idrogeno e le sue applicazioni by Carbon Materials Nanofibre di Carbonio (CNF) furono osservate per la prima volta nel 1970 durante uno studio della deidrogenazione catalica degli idrocarburi. Sono strutture fibrose(non vuote) ottenute ad alta temperatura da miscele di gas contenenti C e H o idrocarburi o sistemi basati su Ni e Fe µ m in lunghezza e nm in diametro.

44 Nanofibre e... Idrogeno e le sue applicazioni by Carbon Materials La capacitá di HS sono influenzate dalle condizioni di sintesi, purificazione e pretrattamenti delle CF (dislocazioni e disadattamenti reticolari sono siti preferenziali dell adsorbimento dell idrogeno).

45 by Carbon Materials

46 ...Nanohorns Idrogeno e le sue applicazioni by Carbon Materials Si differenziano dai nanotubi per la forma a corno, 2-3 nm, si aggregano in strutture a forma di fiore ( nm). Absorption in SWNH at 77K: a) 10 4 MPa, b)10 3 MPa, c)10 2 MPa, d)10 1 MPa

47 by Carbon Materials Lo stato dell arte Bibliografia principale Dati controversi... Bassa purezza dei campioni; Insufficiente caratterizzazione dei campioni; Contaminazione dei campioni; Contaminazione dell Idrogeno; Problemi tecnici.

48 by Carbon Materials Lo stato dell arte Bibliografia principale Riassunto I lavori pubblicati in letteratura su HS a temperatura ambiente si dividono in capacitá superiori a 14 wt % non corretti; capacitá comprese fra 3 e 14 wt% non verificabili; capacitá inferiori ai 3 wt% consistenti con i valori ottenuti per i materiali di carbonio tradizionali; Calcoli teorici hanno predetto capacitá superiori ai 6.0 wt% per: Grafite nanostrutturata con intercalanti interlayer; Composti organometallici di fullereni e nanotubi con metalli di transizione.

49 by Carbon Materials Lo stato dell arte Bibliografia principale Riassunto I lavori pubblicati in letteratura su HS a temperatura ambiente si dividono in capacitá superiori a 14 wt % non corretti; capacitá comprese fra 3 e 14 wt% non verificabili; capacitá inferiori ai 3 wt% consistenti con i valori ottenuti per i materiali di carbonio tradizionali; Calcoli teorici hanno predetto capacitá superiori ai 6.0 wt% per: Grafite nanostrutturata con intercalanti interlayer; Composti organometallici di fullereni e nanotubi con metalli di transizione.

50 by Carbon Materials Lo stato dell arte Bibliografia principale Materials for (Züttel 2003) and distribution systems (Züttel 2007) volantino Materiali di Carbonio per by Carbon Materials (Ströbel et al. 2006) e rif. Research Plan UNIPARMA (Riccó 2009) e rif. Al doped graphene (Ao et al. 2009) Review of HS in CNT (Darkrim et al. 2002) e rif. HS in CNT through the formation of stable C-H bonds (Nikitin et al. 2007)

Hydrogen storage. Lezione di Giulio Barbieri Corso di Materiali Nanostrutturati a Base di Carbonio

Hydrogen storage. Lezione di Giulio Barbieri Corso di Materiali Nanostrutturati a Base di Carbonio Hydrogen storage Lezione di Giulio Barbieri Corso di Materiali Nanostrutturati a Base di Carbonio Indice 1. Introduzione: L idrogeno (vantaggi e sicurezza) 4-5 La cella a combustibile 6-7 Metodi per immagazzinare

Dettagli

3 giugno 2014. Corso di laurea in Fisica Università degli studi di Parma. Stoccaggio di Idrogeno. Baldini Samuele

3 giugno 2014. Corso di laurea in Fisica Università degli studi di Parma. Stoccaggio di Idrogeno. Baldini Samuele Corso di laurea in Fisica Università degli studi di Parma 3 giugno 2014 Picco di Hubbert Dove si trova l idrogeno? L idrogeno è l elemento più leggero della tavola periodica, costituisce il 90 % dell universo,

Dettagli

Figura VIII.10.1: Bombole a idrogeno compresso

Figura VIII.10.1: Bombole a idrogeno compresso Approfondimento 1. Stoccaggio come gas compresso. Il modo più semplice di immagazzinare l idrogeno è utilizzarlo in forma compressa ad alta pressione in bombole cilindriche in acciaio. Infatti per percorrere

Dettagli

Mission aziendale. Know how tecnologico. Descrizione della tecnologia

Mission aziendale. Know how tecnologico. Descrizione della tecnologia Mission aziendale MetEnergia si configura come una licensing company il cui scopo è la commercializzazione della proprietà intellettuale sviluppata nel campo dello stoccaggio reversibile di gas. Il mercato

Dettagli

Transizioni di fase. O (g) evaporazione O (s) H 2. O (l) H 2. O (g) sublimazione...

Transizioni di fase. O (g) evaporazione O (s) H 2. O (l) H 2. O (g) sublimazione... Transizioni di fase Una sostanza può esistere in tre stati fisici: solido liquido gassoso Il processo in cui una sostanza passa da uno stato fisico ad un altro è noto come transizione di fase o cambiamento

Dettagli

PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA

PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA PIANO DIDATTICO SCIENZA DEI MATERIALI PER LA CONVERSIONE FOTOVOLTAICA Celle solari: dai mirtilli agli spaghetti CONVERSIONE FOTOVOLTAICA: L ENERGIA DEL FUTURO v Energia inesauribile e rinnovabile v Non

Dettagli

STOCCAGGIO DI IDROGENO NEI SOLIDI ATTIVITA DI RICERCA PRESSO IL POLITECNICO DI TORINO

STOCCAGGIO DI IDROGENO NEI SOLIDI ATTIVITA DI RICERCA PRESSO IL POLITECNICO DI TORINO STOCCAGGIO DI IDROGENO NEI SOLIDI ATTIVITA DI RICERCA PRESSO IL POLITECNICO DI TORINO A. TAGLIAFERROT LAQ In.Te.S.E. Politecnico di Torino SOMMARIO Il problema Le possibili tecnologie Il contributo del

Dettagli

Sintesi e studio strutturale di fulleriti di magnesio per applicazioni nello stoccaggio di idrogeno

Sintesi e studio strutturale di fulleriti di magnesio per applicazioni nello stoccaggio di idrogeno UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PARMA Dipartimento di Fisica e Scienze della Terra Tesi di Laurea Magistrale in Fisica A. 2012/2013 Sintesi e studio strutturale di fulleriti di magnesio per applicazioni nello

Dettagli

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2

C V. gas monoatomici 3 R/2 5 R/2 gas biatomici 5 R/2 7 R/2 gas pluriatomici 6 R/2 8 R/2 46 Tonzig La fisica del calore o 6 R/2 rispettivamente per i gas a molecola monoatomica, biatomica e pluriatomica. Per un gas perfetto, il calore molare a pressione costante si ottiene dal precedente aggiungendo

Dettagli

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura

LEZIONE 1. Materia: Proprietà e Misura LEZIONE 1 Materia: Proprietà e Misura MISCELE, COMPOSTI, ELEMENTI SOSTANZE PURE E MISCUGLI La materia può essere suddivisa in sostanze pure e miscugli. Un sistema è puro solo se è formato da una singola

Dettagli

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE

IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE IL NUCLEO ATOMICO E LA MOLE Gli atomi sono costituiti da un nucleo, formato da protoni (carica elettrica positiva, massa 1,6724 x 10-24 g) e neutroni (nessuna carica elettrica, massa 1,6745 x 10-24 g),

Dettagli

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari Indice PREFAZIONE XIII 1 La materia e la sua struttura 1.1. Le particelle fondamentali e la struttura dell atomo 2 1.2. Il numero atomico, il numero di massa, i nuclidi e gli isotopi 5 1.3. L unità di

Dettagli

Sintesi di Nanotubi di Carbonio

Sintesi di Nanotubi di Carbonio Sintesi di Nanotubi di Carbonio Arc Discharge Laser Ablation Chemical Vapor Deposition (CVD) Arc Discharge Arc Discharge Single wall ottenibili mediante catalizzatori Pochi difetti; nel caso dei multi-wall

Dettagli

Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari

Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari Liquidi, Solidi e Forze Intermolecolari Distanze tra molecole Stati Fisici (Fase) Comportamento atipico La maggiore differenza tra liquidi e solidi consiste nella libertà di movimento delle loro molecole

Dettagli

Trasporto e Stoccaggio dell Energia: Come diventare Smart Milano, 11 Luglio 2011

Trasporto e Stoccaggio dell Energia: Come diventare Smart Milano, 11 Luglio 2011 Trasporto e Stoccaggio dell Energia: Come diventare Smart Milano, 11 Luglio 2011 Mario Conte Unità Tecnica Tecnologie Avanzate per l Energia e l Industria Unità di Coordinamento Sistemi di Accumulo dell

Dettagli

INDAGINI SULLE TECNOLOGIE DELL IDROGENO QUALE VETTORE ENERGETICO PER L ACCUMULO

INDAGINI SULLE TECNOLOGIE DELL IDROGENO QUALE VETTORE ENERGETICO PER L ACCUMULO UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CATANIA FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE E MECCANICA INDAGINI SULLE TECNOLOGIE DELL IDROGENO QUALE VETTORE

Dettagli

I gas. Marina Cobal - Dipt.di Fisica - Universita' di Udine 1

I gas. Marina Cobal - Dipt.di Fisica - Universita' di Udine 1 I gas Universita' di Udine Problema Un cubo di osmio ha lato di 0. m ed e appoggiato su una tavola. Al contatto tra la tavola ed il cubo, quanto vale la pressione (N/m )? Nota: le densita vi vengono date

Dettagli

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari

Indice. 1 La materia e la sua struttura. 2 La radioattività ed i processi nucleari Indice PREFAZIONE ALLA SECONDA EDIZIONE XIII 1 La materia e la sua struttura 1.1. Le particelle fondamentali e la struttura dell atomo 2 1.2. Il numero atomico, il numero di massa, i nuclidi e gli isotopi

Dettagli

Produzione, accumulo e trasporto dell idrogeno

Produzione, accumulo e trasporto dell idrogeno Approfondimento Produzione, accumulo e trasporto dell idrogeno Produzione dell idrogeno Per la produzione le fonti primarie di partenza possono essere sia fossili che rinnovabili. Produzione da fonti fossili

Dettagli

GLI STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA. Lo stato gassoso

GLI STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA. Lo stato gassoso GLI STATI DI AGGREGAZIONE DELLA MATERIA Lo stato gassoso Classificazione della materia MATERIA Composizione Struttura Proprietà Trasformazioni 3 STATI DI AGGREGAZIONE SOLIDO (volume e forma propri) LIQUIDO

Dettagli

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE

ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE ENERGIA NELLE REAZIONI CHIMICHE Nelle trasformazioni chimiche e fisiche della materia avvengono modifiche nelle interazioni tra le particelle che comportano sempre variazioni di energia "C è un fatto,

Dettagli

Stoccare l idrogeno: le soluzioni italiane Italian solutions to stock hydrogen

Stoccare l idrogeno: le soluzioni italiane Italian solutions to stock hydrogen Stoccare l idrogeno: le soluzioni italiane Italian solutions to stock hydrogen CREA 2007 - VERONA - 25 Ottobre 2007 prof. Sergio Lo Russo dr. Alvise Bianchin Hydrogen Group - Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

Chimica. Ingegneria Meccanica, Elettrica e Civile Simulazione d'esame

Chimica. Ingegneria Meccanica, Elettrica e Civile Simulazione d'esame Viene qui riportata la prova scritta di simulazione dell'esame di Chimica (per meccanici, elettrici e civili) proposta agli studenti alla fine di ogni tutoraggio di Chimica. Si allega inoltre un estratto

Dettagli

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna STUDIO DELL APPLICAZIONE DI UN SISTEMA ALIMENTATO AD IDROGENO PER UN SOLLEVATORE AUTOPROPULSO

Alma Mater Studiorum - Università di Bologna STUDIO DELL APPLICAZIONE DI UN SISTEMA ALIMENTATO AD IDROGENO PER UN SOLLEVATORE AUTOPROPULSO Alma Mater Studiorum - Università di Bologna SECONDA FACOLTA DI INGEGNERIA CON SEDE A CESENA CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA MECCANICA STUDIO DELL APPLICAZIONE DI UN SISTEMA ALIMENTATO AD IDROGENO PER UN

Dettagli

COME SI SONO PRODOTTE? Tutte le fonti di energia rinnovabili ed esauribili, oggi a nostra disposizione si sono generate dal sole.

COME SI SONO PRODOTTE? Tutte le fonti di energia rinnovabili ed esauribili, oggi a nostra disposizione si sono generate dal sole. LE FONTI DI ENERGIA COSA SONO? Le fonti di energia sono sostanze in cui all origine è immagazzinata l energia che gli uomini utilizzano. Le fonti di energia più importanti sono quelle che sono in grado

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE. Idrogeno: accumulo e distribuzione

UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE. Idrogeno: accumulo e distribuzione UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI CASSINO E DEL LAZIO MERIDIONALE Idrogeno: accumulo e distribuzione Forme di accumulo di idrogeno Compresso IDROGENO ACCUMULATO IN FORMA PURA Liquido Ammoniaca IDROGENO ACCUMULATO

Dettagli

Uno sguar a livello mo. Franco Pecchio

Uno sguar a livello mo. Franco Pecchio Uno sguar a livello mo Franco Pecchio 36 INQUINAMENTO N. 64 Ottobre 2004 Dossier Idrogeno do ndiale Franco Pecchio, Fondazione Eni Enrico Mattei, Relight Le tre maggiori aree industrializzate del pianeta

Dettagli

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012

Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Riepilogo programma di Chimica Ginnasio Anno scolastico 2011/2012 Misure e grandezze Grandezze fondamentali Grandezza fisica Simbolo della grandezza Unità di misura Simbolo dell unità di misura lunghezza

Dettagli

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA

Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA Selezione test GIOCHI DELLA CHIMICA CLASSE A Velocità - Equilibrio - Energia Regionali 2010 36. Se il valore della costante di equilibrio di una reazione chimica diminuisce al crescere della temperatura,

Dettagli

La combustione ed i combustibili

La combustione ed i combustibili La combustione ed i combustibili Concetti di base Potere calorifico Aria teorica di combustione Fumi: volume e composizione Temperatura teorica di combustione Perdita al camino Combustibili Gassosi Solidi

Dettagli

Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro

Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro Stati di aggregazione della materia unità 2, modulo A del libro Gli stati di aggregazione della materia sono tre: solido, liquido e gassoso, e sono caratterizzati dalle seguenti grandezze: Quantità --->

Dettagli

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE

MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE MISURE DI POTERE CALORIFICO E COMPOSIZIONE Potere calorifico dei combustibili: bomba calorimetrica e calorimetro di Junkers Composizione: gascromatografia Composizione dei gas combusti: o Sonda λ o Strumenti

Dettagli

Combustione energia termica trasmissione del calore

Combustione energia termica trasmissione del calore Scheda riassuntiva 6 capitoli 3-4 Combustione energia termica trasmissione del calore Combustibili e combustione Combustione Reazione chimica rapida e con forte produzione di energia termica (esotermica)

Dettagli

Le tecnologie per la purificazione del biogas: costi e possibilità

Le tecnologie per la purificazione del biogas: costi e possibilità la purificazione : costi e possibilità CONVEGNO IL BIOMETANO : un opportunità per le aziende agrozootecniche Sergio Piccinini, Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali Reggio Emilia 6 marzo 2014

Dettagli

Applicazioni della Termochimica: Combustioni

Applicazioni della Termochimica: Combustioni CHIMICA APPLICATA Applicazioni della Termochimica: Combustioni Combustioni Il comburente più comune è l ossigeno dell aria Aria secca:! 78% N 2 21% O 2 1% gas rari Combustioni Parametri importanti:! 1.Potere

Dettagli

Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi

Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi Energenia sponsorizza eventi a favore della bioagricoltura e dello sport per ragazzi Via Positano 21, 70014 Conversano (BA) Tel.080 2141618 Fax 080 4952302 WWW.ENERGENIA.NET www.energenia.net 1 EDUCARSI

Dettagli

Istituto Tecnologie Avanzate per l Energia Nicola Giordano Messina

Istituto Tecnologie Avanzate per l Energia Nicola Giordano Messina Istituto Tecnologie Avanzate per l Energia Nicola Giordano Messina Direttore Gaetano Cacciola Per una mobilità a zero emissioni Biomasse Biofuel Energia elettrica Elettrolisi Energia elettrica H 2 H 2

Dettagli

GC GC/MS. Chiaravalle, 11-12 FEBBRAIO 2010

GC GC/MS. Chiaravalle, 11-12 FEBBRAIO 2010 GC GC/MS Chiaravalle, 11-12 FEBBRAIO 2010 GAS-CROMATOGRAFO GAS di TRASPORTO (carrier): Gas inerte (azoto,elio..): trasporta componenti della miscela lungo la colonna cromatografica INIETTORE: - Assicura

Dettagli

Attività sperimentali per l allestimento di un vaporetto ad idrogeno. Marco SCAPIN

Attività sperimentali per l allestimento di un vaporetto ad idrogeno. Marco SCAPIN Attività sperimentali per l allestimento di un vaporetto ad idrogeno Venezia - VEGA Marco SCAPIN 15 marzo 2008 Venezia Tecnologie S.p.a. ha tra i propri azionisti ENI e VEGA ha la propria sede a Porto

Dettagli

Stato dell'arte tecnico-normativo dei sistemi di accumulo e delle reti di distribuzione H2 per uso stazionario. Verona, ottobre 2008

Stato dell'arte tecnico-normativo dei sistemi di accumulo e delle reti di distribuzione H2 per uso stazionario. Verona, ottobre 2008 Stato dell'arte tecnico-normativo dei sistemi di accumulo e delle reti di distribuzione H2 per uso stazionario Verona, ottobre 2008 Il Gruppo SOL Profilo aziendale SOL è una multinazionale italiana con

Dettagli

PRODOTTI IN GRAFITE DI CARBONIO Composito C/C

PRODOTTI IN GRAFITE DI CARBONIO Composito C/C PRODOTTI IN GRAFITE DI CARBONIO Immagine: fornita da JAXA Illustrazioni di Akihiro Ikeshita Caratteristiche dei prodotti compositi C/C Il composito C/C (composito di carbonio rinforzato da fibra di carbonio)

Dettagli

I GAS POSSONO ESSERE COMPRESSI.

I GAS POSSONO ESSERE COMPRESSI. I GAS Tutti i gas sono accomunati dalle seguenti proprietà: I GAS POSSONO ESSERE COMPRESSI. L aria compressa occupa un volume minore rispetto a quello occupato dall aria non compressa (Es. gomme dell auto

Dettagli

LO STATO SOLIDO. Lo stato solido rappresenta uno dei tre stati di aggregazione della materia

LO STATO SOLIDO. Lo stato solido rappresenta uno dei tre stati di aggregazione della materia LO STATO SOLIDO Lo stato solido rappresenta uno dei tre stati di aggregazione della materia Nello stato solido le forze attrattive tra le particelle (ioni, atomi, molecole) prevalgono largamente sull effetto

Dettagli

Produzione ed utilizzo dei carboni attivi

Produzione ed utilizzo dei carboni attivi UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II Scuola Politecnica e della Scienze di Base Tesi di Laurea in Ingegneria per l Ambiente e il Territorio Dipartimento di Ingegneria Chimica, dei Materiali e della

Dettagli

Idrogeno: trasporto ed accumulo Seminario «Power to Gas e Idrogeno» Gianluca Valenti Politecnico di Milano, Dipartimento di Energia

Idrogeno: trasporto ed accumulo Seminario «Power to Gas e Idrogeno» Gianluca Valenti Politecnico di Milano, Dipartimento di Energia Idrogeno: trasporto ed accumulo Seminario «Power to Gas e Idrogeno» Gianluca Valenti Politecnico di Milano, Dipartimento di Energia Sommario 2 1. INTRODUZIONE 2. INCREMENTO DELLA DENSITA 3. TRASPORTO 4.

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI DEFINIZIONE DI VETRO LO STATO VETROSO È QUELLO DI UN SOLIDO BLOCCATO NELLA STRUTTURA DISORDINATA DI UN LIQUIDO (FASE AMORFA) SOLIDO:ORDINE A LUNGO RAGGIO

Dettagli

L H 2 O nelle cellule vegetali e

L H 2 O nelle cellule vegetali e L H 2 O nelle cellule vegetali e il suo trasporto nella pianta H 2 O 0.96 Å H O 105 H 2s 2 2p 4 tendenza all ibridizzazione sp 3 H δ+ O δ- δ+ 1.75 Å H legame idrogeno O δ- H H δ+ δ+ energia del legame

Dettagli

Università telematica Guglielmo Marconi. Chimica

Università telematica Guglielmo Marconi. Chimica Università telematica Guglielmo Marconi Chimica 1 Termodinamica 1 Argomenti Nell unità didattica dedicata alla termodinamica verranno affrontati i seguenti argomenti: L energia interna di un sistema Le

Dettagli

Degrado dei materiali non-metallici 1 materiali polimerici. Contenuto

Degrado dei materiali non-metallici 1 materiali polimerici. Contenuto Contenuto o legame chimico C C - legame covalente, energia di legame - struttura tetragonale dei quattro legami del carbonio reazioni di polimerizzazione - poliaddizione, esempi - policondensazione, esempi

Dettagli

CENTRALI TERMOELETTRICHE

CENTRALI TERMOELETTRICHE CENTRALI TERMOELETTRICHE Le centrali termoelettriche sono impianti che utilizzano l energia chimica dei combustibili per trasformarla in energia elettrica. Nelle centrali termoelettriche la produzione

Dettagli

2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà. I liquidi e loro proprietà

2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà. I liquidi e loro proprietà 2014 2015 CCS - Biologia CCS - Fisica I gas e loro proprietà 1 I liquidi e loro proprietà 2 Proprietà Generali dei Gas I gas possono essere espansi all infinito. I gas occupano i loro contenitori uniformemente

Dettagli

Definiamo Entalpia la funzione: DH = DU + PDV. Variando lo stato del sistema possiamo misurare la variazione di entalpia: DU = Q - PDV.

Definiamo Entalpia la funzione: DH = DU + PDV. Variando lo stato del sistema possiamo misurare la variazione di entalpia: DU = Q - PDV. Problemi Una mole di molecole di gas ideale a 292 K e 3 atm si espandono da 8 a 20 L e a una pressione finale di 1,20 atm seguendo 2 percorsi differenti. Il percorso A è un espansione isotermica e reversibile;

Dettagli

Celle a combustibile Fuel cells (FC)

Celle a combustibile Fuel cells (FC) Celle a combustibile Fuel cells (FC) Celle a combustibile Sono dispositivi di conversione elettrochimica ad alto rendimento energetico. Esse trasformano in potenza elettrica l energia chimica contenuta

Dettagli

RICHIAMI DI TERMOCHIMICA

RICHIAMI DI TERMOCHIMICA CAPITOLO 5 RICHIAMI DI TERMOCHIMICA ARIA TEORICA DI COMBUSTIONE Una reazione di combustione risulta completa se il combustibile ha ossigeno sufficiente per ossidarsi completamente. Si ha combustione completa

Dettagli

Unità di misura. Perché servono le unità di misura nella pratica di laboratorio e in corsia? Le unità di misura sono molto importanti

Unità di misura. Perché servono le unità di misura nella pratica di laboratorio e in corsia? Le unità di misura sono molto importanti Unità di misura Le unità di misura sono molto importanti 1000 è solo un numero 1000 lire unità di misura monetaria 1000 unità di misura monetaria ma il valore di acquisto è molto diverso 1000/mese unità

Dettagli

PLASMA ELETTROLITICO Nuovi Materiali

PLASMA ELETTROLITICO Nuovi Materiali PLASMA ELETTROLITICO Le sperimentazioni finora eseguite hanno mostrato che è possibile eseguire la trasformazione di energia elettrica in calore ottenendo rapporti energetici, o meglio, coefficienti di

Dettagli

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI

modulo: CHIMICA DEI POLIMERI CORSO PON Esperto nella progettazione, caratterizzazione e lavorazione di termoplastici modulo: CHIMICA DEI POLIMERI Vincenzo Venditto influenza delle caratteristiche strutturali, microstrutturali e morfologiche

Dettagli

Esplosioni di polveri: prevenzione

Esplosioni di polveri: prevenzione Esplosioni di polveri: prevenzione ing. Nicola Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili Divisione di Innovhub-Stazioni Sperimentali Industria Tel: 02-51604.256 Fax: 02-514286 Corso CINEAS: La ricerca

Dettagli

SISTEMI ELETTROCHIMICI

SISTEMI ELETTROCHIMICI Università degli studi di Palermo SISTEMI ELETTROCHIMICI Dott. Ing. Serena Randazzo Dipartimento di Ingegneria Chimica, Gestionale, Informatica e Meccanica OUTLINE 1) Introduzione sui sistemi elettrochimici

Dettagli

Aspetti energetici associati alle reazioni chimiche: Dalle pile chimiche alle celle a combustibile

Aspetti energetici associati alle reazioni chimiche: Dalle pile chimiche alle celle a combustibile LA LEZIONE Aspetti energetici associati alle reazioni chimiche: Dalle pile chimiche alle celle a combustibile Come le celle a combustibile sono in grado di convertire l energia chimica in energia elettrica,

Dettagli

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI

PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI PREPARAZIONE E CARATTERIZZAZIONE DEI VETRI COLORATI Cos è un vetro? COS È UN VETRO? SOLIDO? LIQUIDO? ALTRO? GLI STATI DELLA MATERIA Volume specifico Liquido Vetro Tg CAMBIAMENTO DI VOLUME Tf Tf =TEMPERATURA

Dettagli

Sintesi relazione RICERCA RIMOZIONE DEL MERCURIO DA FANGHI-2009: TRATTAMENTO TERMICO ASSOCIATO ALLO SCAMBIO IONICO: PRINCIPI GENERALI

Sintesi relazione RICERCA RIMOZIONE DEL MERCURIO DA FANGHI-2009: TRATTAMENTO TERMICO ASSOCIATO ALLO SCAMBIO IONICO: PRINCIPI GENERALI Sintesi relazione RICERCA RIMOZIONE DEL MERCURIO DA FANGHI-2009: TRATTAMENTO TERMICO ASSOCIATO ALLO SCAMBIO IONICO: PRINCIPI GENERALI L obiettivo di questo studio è sperimentare una tecnica per la bonifica

Dettagli

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione

CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA. Problemi di conoscenza e comprensione CAPITOLO 11 Materiali ceramici ESERCIZI CON SOLUZIONE SVOLTA Problemi di conoscenza e comprensione 11.10 (a) Le strutture a isola dei silicati si formano quando ioni positivi, come Mg 2+ e Fe 2+, si legano

Dettagli

SISTEMI DI ACCUMULO PER L IDROGENO

SISTEMI DI ACCUMULO PER L IDROGENO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI PADOVA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRICA CORSO DI LAUREA TRIENNALE IN INGEGNERIA ELETTROTECNICA SISTEMI DI ACCUMULO PER L IDROGENO HYDROGEN STORAGE SYSTEMS Relatore: Prof.

Dettagli

Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR

Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR Caratterizzazione del particolato organico e inorganico allo scarico del reattore ISOTHERM PWR Antonio D Alessio, Andrea D Anna Report RSE/29/97 Ente per le Nuove tecnologie, l Energia e l Ambiente RICERCA

Dettagli

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0

di questi il SECONDO PRINCIPIO ΔU sistema isolato= 0 L entropia e il secondo principio della termodinamica La maggior parte delle reazioni esotermiche risulta spontanea ma esistono numerose eccezioni. In laboratorio, ad esempio, si osserva come la dissoluzione

Dettagli

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI.

WORKSHOP. I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI. WORKSHOP I controlli di ARPA agli impianti di incenerimento dei rifiuti in Emilia - Romagna Stato attuale e prospettive RIMINI 31 Maggio 2005 Centro Congressi SGR Via Chiabrera 34/B Produzione e recupero

Dettagli

I SISTEMI DI UNITA DI MISURA

I SISTEMI DI UNITA DI MISURA Provincia di Reggio Calabria Assessorato all Ambiente Corso di Energy Manager Maggio - Luglio 2008 I SISTEMI DI UNITA DI MISURA Ilario De Marco Il sistema internazionale di unità di misura Lo studio di

Dettagli

CROMATOGRAFIA E GASCROMATOGRAFIA (lezione 3 e lezione 4)

CROMATOGRAFIA E GASCROMATOGRAFIA (lezione 3 e lezione 4) CROMATOGRAFIA E GASCROMATOGRAFIA (lezione 3 e lezione 4) Il nome cromatografia significa segno colorato e tale nome venne usato poiché le prime analisi venivano eseguite con sostanze pigmentate. Tale tecnica

Dettagli

Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio,

Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio, Le argille sono costituite da silice + allumina + acqua, ovviamente solo in termini di sostanze chimiche e non di struttura. Non sempre (o, meglio, quasi mai) si può parlare di H 2 O molecolare; piuttosto

Dettagli

WORKSHOP, 25 GENNAIO 2012 Roncegno Terme(TN) April 21 st 23 rd New Delhi (India) Senior researcher

WORKSHOP, 25 GENNAIO 2012 Roncegno Terme(TN) April 21 st 23 rd New Delhi (India) Senior researcher April 21 st 23 rd New Delhi (India) WORKSHOP: La micro cogenerazione con celle a combustibile SOFC e i progetti in corso in Italia 25 gennaio 2012 - Roncegno, TN Storage ad alta densità di energia: idrogeno

Dettagli

FILTRO A TESSUTO. Allegato n. Azienda. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m)

FILTRO A TESSUTO. Allegato n. Azienda. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) REGIONE EMILIA-ROMAGNA Allegato n. Azienda ASSESSORATO AMBIENTE E DIFESA DEL SUOLO FILTRO A TESSUTO Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di

Dettagli

Principi base e tecnologie dell upgrading

Principi base e tecnologie dell upgrading Centro Ricerche Produzioni Animali C.R.P.A. S.p.A. Principi base e tecnologie dell upgrading Sergio Piccinini, Claudio Fabbri Centro Ricerche Produzioni Animali CRPA IL DECRETO PER IL BIOMETANO ITALIANO:

Dettagli

I Materiali Polimerici

I Materiali Polimerici I Materiali Polimerici I Materiali Polimerici Un polimero è costituito da molte unità molecolari ricorrenti, unite tra di loro per addizione sequenziale di molecole di monomero. Molte molecole del monomero

Dettagli

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05

I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 I TEST DI CHIMICA - INGEGNERIA DELL INFORMAZIONE AA 04/05 COGNOME E NOME: 1. Br 1 si è trasformato in Br +3 in una reazione in cui lo ione bromuro: A) ha acquistato 3 elettroni B) ha ceduto 4 elettroni

Dettagli

Stati di aggregazione della materia

Stati di aggregazione della materia SOLIDO: Forma e volume propri. Stati di aggregazione della materia LIQUIDO: Forma del recipiente in cui è contenuto, ma volume proprio. GASSOSO: Forma e volume del recipiente in cui è contenuto. Parametri

Dettagli

idrogeno Laboratorio Sensori e Semiconduttori Dr. Marco Stefancich Gruppo Sensori e Semiconduttori Dipartimento di Fisica/CNR Università di Ferrara

idrogeno Laboratorio Sensori e Semiconduttori Dr. Marco Stefancich Gruppo Sensori e Semiconduttori Dipartimento di Fisica/CNR Università di Ferrara Dipartimento di Fisica Università di Ferrara INFM/CNR UdR di Ferrara L energia solare per la produzione di idrogeno Dr. Marco Stefancich Gruppo Sensori e Semiconduttori Dipartimento di Fisica/CNR Università

Dettagli

Energia: indici e misurazione

Energia: indici e misurazione nergia: indici e misurazione Introduzione La richiesta energetica di un processo produttivo incide in maniera sostanziale sul suo impatto ambientale; le ragioni alla base di questa affermazione vanno ricercate

Dettagli

Quesiti e problemi. 10 Un gas viene compresso a temperatura costante. 11 Un cilindro con un pistone ha un volume di 250 ml. v f. v f.

Quesiti e problemi. 10 Un gas viene compresso a temperatura costante. 11 Un cilindro con un pistone ha un volume di 250 ml. v f. v f. SUL LIBRO DA PAG 110 A PAG 114 Quesiti e problemi ESERCIZI 1 I gas ideali e la teoria cinetico-molecolare 1 Che cosa si intende per gas ideale? Rispondi in cinque righe. 2 Vero o falso? a) Le molecole

Dettagli

Tondino UD/B Basalnet S Grid 25x25 ( 50 x50) Tondino UD/B ad.migliorata

Tondino UD/B Basalnet S Grid 25x25 ( 50 x50) Tondino UD/B ad.migliorata BARRE IN FIBRA DI BASALTO Le barre hanno un ruolo fondamentale e consolidato in edilizia e vengono utilizzate principalmente come rinforzo del cemento, costituendo così il calcestruzzo armato. La quasi

Dettagli

Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA

Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA ITST J.F. KENNEDY - PN Disciplina: TECNOLOGIA MECCANICA Capitolo 1 COSTITUZIONE DELLA MATERIA A cura di Prof. Antonio Screti LA COSTITUZIONE DELLA MATERIA CARATTERISTICHE DEI MATERIALI METALLICI Le caratteristiche

Dettagli

FILTRO A TESSUTO. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m)

FILTRO A TESSUTO. Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) FILTRO A TESSUTO Punto di emissione n. Temperatura emissione (K) Altezza geometrica di emissione (m) Portata massima di progetto (mc/s) Sezione del camino (mq) Percentuale di materiale particolato con

Dettagli

LE FORZE INTERMOLECOLARI

LE FORZE INTERMOLECOLARI LE FORZE INTERMOLECOLARI Le forze intermolecolari sono forze che si instaurano tra le molecole e sono decisive nel determinarne le proprietà chimico fisiche Non c è alcun dubbio che il nome di Van der

Dettagli

LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI. Introduzione 1

LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI. Introduzione 1 LEGGI DEI GAS / CALORI SPECIFICI Introduzione 1 1 - TRASFORMAZIONE ISOBARA (p = costante) LA PRESSIONE RIMANE COSTANTE DURANTE TUTTA LA TRASFORMAZIONE V/T = costante (m, p costanti) Q = m c p (Tf - Ti)

Dettagli

Capitolo 2 Produzione di nanotubi mediante CVD

Capitolo 2 Produzione di nanotubi mediante CVD 29 Capitolo 2 Produzione di nanotubi mediante CVD 2.1 Generalità Al momento non esiste un vero sfruttamento commerciale dei nanotubi, e i pochi grammi che vengono venduti ai ricercatori che li richiedono

Dettagli

Tre Giorni per la Scuola 13 Ottobre 2011 Città della Scienza Bagnoli Napoli. Energia Alternative e Sostenibilità Ambientale Biogas da Biomasse

Tre Giorni per la Scuola 13 Ottobre 2011 Città della Scienza Bagnoli Napoli. Energia Alternative e Sostenibilità Ambientale Biogas da Biomasse Tre Giorni per la Scuola 13 Ottobre 2011 Città della Scienza Bagnoli Napoli Sala Bach 13/10/2011 Sessione C6H6 Energia Alternative e Sostenibilità Ambientale Biogas da Biomasse Prof. Aurelio Pietro Stefanelli

Dettagli

SINTESI C1. Materia ed energia

SINTESI C1. Materia ed energia Le proprietà fisiche della materia Il mondo che ci circonda è formato da un gran numero di oggetti diversi. Siano essi di origine naturale o creati dagli esseri umani questi oggetti in chimica e fisica

Dettagli

Spettroscopia atomica

Spettroscopia atomica Spettroscopia atomica La spettroscopia atomica è una tecnica di indagine qualitativa e quantitativa, in cui una sostanza viene decomposta negli atomi che la costituiscono tramite una fiamma, un fornetto

Dettagli

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia

Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia Capitolo 2 Le trasformazioni fisiche della materia 1.Gli stati fisici della materia 2.I sistemi omogenei e i sistemi eterogenei 3.Le sostanze pure e i miscugli 4.I passaggi di stato 5. la teoria particellare

Dettagli

Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia.

Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia. Cap. 1 - Stati di aggregazione della materia. Lo stato di aggregazione di un sistema è determinato dalla energia cinetica delle particelle e dall energia potenziale dovuta alle forze di coesione fra le

Dettagli

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro)

1. Talco (più tenero) 2. Gesso 3. Calcite 4. Fluorite 5. Apatite 6. Ortoclasio 7. Quarzo 8. Topazio 9. Corindone 10. Diamante (più duro) 1. Lo stato solido Lo stato solido è uno stato condensato della materia; le particelle (che possono essere presenti come atomi, ioni o molecole) occupano posizioni fisse e la loro libertà di movimento

Dettagli

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA

LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MILANO Facoltà di Scienze Matematiche, Fisiche e Naturali Corso di Laurea Triennale in Chimica CORSO DI: LABORATORIO DI CHIMICA GENERALE E INORGANICA Docente: Dr. Alessandro Caselli

Dettagli

STATO LIQUIDO. Si definisce tensione superficiale (γ) il lavoro che bisogna fare per aumentare di 1 cm 2 la superficie del liquido.

STATO LIQUIDO. Si definisce tensione superficiale (γ) il lavoro che bisogna fare per aumentare di 1 cm 2 la superficie del liquido. STTO LIQUIDO Una sostanza liquida è formata da particelle in continuo movimento casuale, come in un gas, tuttavia le particelle restano a contatto le une alle altre e risentono sempre delle notevoli forze

Dettagli

Esercizi di analisi della combustione

Esercizi di analisi della combustione Esercizi di analisi della combustione Esercizio n. 1 Un combustibile gassoso abbia la seguente composizione volumetrica: CH 4 84,1% C 2 H 6 (etano) 6,7% CO 2 0,8% N 2 8,4% Si calcoli l aria stechiometrica

Dettagli

Indice. Presentazione

Indice. Presentazione ROMANE 28-02-2007 16:20 Pagina VII Prefazione Presentazione XIII XVIII Capitolo 1 I leganti e il loro impiego nel settore delle costruzioni 1.1 Introduzione 1 1.2 Leganti aerei e idraulici 2 1.3 Il gesso

Dettagli

LEGAME CHIMICO In natura solo i gas nobili si ritrovano allo stato monoatomico. Gli altri atomi tendono a legarsi spontaneamente fra di loro per formare delle MOLECOLE, raggiungendo una condizione di MAGGIORE

Dettagli

Descrizione dei Diversi Tipi di Polvere

Descrizione dei Diversi Tipi di Polvere Descrizione dei Diversi Tipi di Polvere Polveri di Ferro-Spugna (Ferro Puro) NC100.24 è uno dei tipi di polvere più largamente impiegati in metallurgia delle polveri. Le resistenze al verde e degli spigoli

Dettagli

BATTERIA AD IDROGENO. Reba S.r.l. Via Pillea 17 16153 Genova GE Tel 010 6505646 Fax 010 6505850

BATTERIA AD IDROGENO. Reba S.r.l. Via Pillea 17 16153 Genova GE Tel 010 6505646 Fax 010 6505850 BATTERIA AD IDROGENO Reba S.r.l. Via Pillea 17 16153 Genova GE Tel 010 6505646 Fax 010 6505850 Divisione Fuel Cells Ing. Andrea Balli Cell 329 1685469 andrea.balli@rebasrl.com www.rebasrl.com/fuelcell

Dettagli

Elettroerosione Macchina per elettroerosione

Elettroerosione Macchina per elettroerosione Elettroerosione 1 Macchina per elettroerosione 2 Politecnico di Torino 1 Il processo di elettroerosione Viene generato un campo elettrico tra elettrodo e pezzo Si forma un canale ionizzato tra elettrodo

Dettagli

Motori commerciali Tra le varie applicazioni del motore Stirling, esistono anche motori commerciali, realizzati e testati in laboratorio. Tra questi possiamo illustrarne alcuni: Stirling Power System V160

Dettagli