INAUGURAZIONE DELL ANNO GIUDIZIARIO 2009 SEZIONE GIURISDIZIONALE PER IL LAZIO

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "INAUGURAZIONE DELL ANNO GIUDIZIARIO 2009 SEZIONE GIURISDIZIONALE PER IL LAZIO"

Transcript

1 INAUGURAZIONE DELL ANNO GIUDIZIARIO 2009 SEZIONE GIURISDIZIONALE PER IL LAZIO La corretta gestione del pubblico denaro, in tutte le molteplici articolazioni della Pubblica Amministrazione, che ormai sempre più coinvolge soggetti ad essa esterni, è una esigenza fondamentale del vivere civile, ed è avvertita dall opinione pubblica come una condizione essenziale per il buon funzionamento delle istituzioni. Ma, com è ben noto attraverso la comune esperienza, essa rischia di rimanere quasi sempre una irraggiungibile chimera, sia per l inadeguatezza delle strutture sia per i comportamenti assai spesso scorretti dei soggetti che sono incaricati delle funzioni di spesa delle risorse finanziarie disponibili. Ed è evidente che, in un periodo di grave e diffusa crisi economica, quale è quello attuale, si rende sempre più indispensabile rafforzare le misure di contenimento degli sprechi e di rimedio contro i più gravi comportamenti distorsivi, agevolati dal moltiplicarsi delle occasioni di spesa, che maggiormente espongono alle tentazioni di perseguire finalità personali o il soddisfacimento di interessi peculiari a scapito di quelli di pubblica utilità. Si constata, invero, che, non solo sono molto numerosi i casi di corruzione, nella tipica forma di illecita percezione di tangenti e di altri profitti personali, ma anche che negli ultimi anni si sono sempre più diffusi comportamenti caratterizzati da estrema leggerezza nell uso delle risorse ed anche da una disinvolta noncuranza del rispetto dei vincoli e dei limiti imposti dalla legge, non di rado improntati ad una apparente correttezza formale, ma sostanzialmente elusiva del precetto normativo, forse non rilevanti sotto il profilo 1

2 penale, ma con effetti obiettivamente catastrofici sulla spesa pubblica e gravemente limitativi della capacità di corrispondere ai bisogni dei cittadini. Se si tiene conto degli effetti devastanti che nel nostro ordinamento ha avuto la progressiva diminuzione, e perfino l abolizione, di ogni controllo preventivo, salvo pochissime eccezioni - anche a livello degli enti locali, nei quali oggi si concentra la maggior parte delle spese - e, contemporaneamente, la faticosa, complessa e spesso insufficiente realizzazione dei sistemi di controllo successivo sulle gestioni nonché dei controlli interni previsti, assolutamente inattuati, il quadro di generale disfunzione e di scarsa attenzione verso i fini pubblici è sempre più evidente, con effetti ancora più gravi in rapporto alla obiettiva minore disponibilità delle risorse, rispetto alle esigenze dei servizi, soprattutto di carattere sociale. Si rischia, così, di perdere ulteriormente terreno nella quotidiana ricerca di mezzi efficaci per il contenimento degli effetti peggiori della crisi economica, che si avvertono sempre più gravemente in tutti i settori produttivi e con particolare pregiudizio per le classi più deboli. In tale quadro la funzione costituzionale di vigilanza e tutela della gestione del pubblico denaro, affidata alla Corte dei conti, nelle diverse componenti della sua struttura, diventa sempre più importante. Si deve, invece, ancora una volta constatare che innovazioni molto rilevanti nell organizzazione e nell assetto funzionale della Corte vengono proposte con troppa improvvisazione, in assenza del preventivo parere della Corte medesima e senza il necessario approfondimento nella sede parlamentare, che le riforme di organi di giustizia dovrebbero sempre necessariamente comportare. Il corretto funzionamento della giustizia nelle materie di contabilità 2

3 pubblica si pone invero, a pieno titolo, per la Corte dei conti, nella consapevolezza dei molti difetti e dei gravi ritardi che, come per tutto il sistema delle garanzie, hanno raggiunto livelli intollerabili, nella perenne attesa di una riforma organica che, per la Corte stessa, è carente fin dall entrata in vigore della Costituzione repubblicana del 1948, nella quale essa è prevista e garantita nelle sue componenti di controllo e giurisdizione. Per quanto, più particolarmente, riguarda il settore giurisdizionale, e segnatamente le funzioni del Pubblico Ministero, titolare dell azione di responsabilità amministrativa, le norme attualmente in vigore ne assicurano il corretto funzionamento e sono già sufficienti al fine di ottenere positivi risultati per la repressione dei casi di cattiva gestione del pubblico denaro, pur essendo frammentarie e frutto di modificazioni introdotte negli ultimi anni, di volta in volta, in alcune delle leggi finanziarie (basta ricordare, per la sua portata innovativa, l art. 174, I comma, della L. 23 dicembre 2005, n. 266, che ha riconosciuto al P.M. contabile, per una più efficace cura dei crediti erariali, la titolarità di tutte le azioni a tutela delle ragioni del creditore nel giudizio civile). Ma occorre anche sottolineare che, non essendo stato finora adottato un nuovo regolamento di procedura per i giudizi davanti alle sezioni giurisdizionali della Corte dei conti in linea con le norme costituzionali, e, più in particolare, con l art. 111 Cost. sul giusto processo - regolamento, purtroppo, invano sollecitato a gran voce ed in tutte le occasioni possibili da tutte le componenti della Corte e dall Avvocatura lo sforzo per assicurare il buon andamento della giustizia contabile ricade tuttora, in via interpretativa, sui magistrati, con riferimento alle norme del C.P.C., applicabili in forza del rinvio contenuto nell art. 26 dell attuale, quasi obsoleto, regolamento in vigore fin dal Ed è ben noto che, proprio 3

4 per il processo civile, sono in corso iniziative di più incisiva riforma, al fine di porre riparo agli enormi ritardi che caratterizzano attualmente tutto il contenzioso. In tale attesa, si devono, comunque, porre in essere tutti i possibili rimedi nelle diverse sedi: è il caso di ricordare il forte richiamo, avanzato lo scorso 30 gennaio 2009, dal Primo Presidente della Corte Suprema di Cassazione in occasione dell inaugurazione dell anno giudiziario, che, tra l altro, ha sottolineato la necessità, in primo luogo, di una cultura delle giurisdizioni, pregiudiziale anche al profilo ordinamentale e a quello processuale, e, quindi, di una vigile attenzione sul modo stesso di concepire il servizio giustizia e la sua organizzazione. Il perseguimento dell indispensabile finalità di una giustizia giusta, anche quando i mezzi giuridici e materiali siano difettosi o carenti, è il fine fondamentale che ispira, e deve ispirare, l attività di tutti gli organi della giustizia contabile ed, in primo luogo, la conduzione dell attività istruttoria del P.M., finalizzata all esercizio dell azione di responsabilità amministrativa, allorché ne siano state accertate le condizioni anche dopo l espletamento della formalità costituita dell invito a dedurre, cioè della preliminare contestazione ai presunti responsabili che chiude l attività istruttoria. Occorre ancora ricordare con forza l esigenza che, non solo presso l opinione pubblica ma anche presso i soggetti comunque facenti parte della Pubblica Amministrazione, si abbia una migliore e più corretta conoscenza delle funzioni della magistratura contabile e la consapevolezza dell obbligatorietà di un tempestivo esercizio dell attività istruttoria del P.M., nel pieno rispetto del buon funzionamento dei principi essenziali dell ordinamento. Si è, invece verificato, anche di recente, che soggetti chiamati a fornire chiarimenti o, comunque, a 4

5 rendere conto del proprio operato nel corso di accertamenti istruttori, abbiano mostrato fastidio o insofferenza, fino a rivolgere note di protesta al vertice delle rispettive amministrazioni ed informazioni distorsive alla stampa, per lamentare che la Procura regionale avvierebbe istruttorie c.d. a tappeto su interi settori dell Amministrazione alla ricerca di elementi costitutivi di responsabilità. Il riferimento più recente è ad un certo numero di istruttorie riguardanti il Ministero dell Economia e delle Finanze e quello (già Dipartimento di esso) dello Sviluppo Economico, come ampiamente riportato da alcuni organi di stampa. Pur rimanendo nei limiti ristretti del presente intervento, mi corre l obbligo di sottolineare che anche nella suddetta vicenda non si è assolutamente inteso avviare indagini a carattere generale in base a programmi prestabiliti, bensi ha avuto corso, a seguito di denuncia, una istruttoria riguardante un numero circoscritto di casi di incarichi e consulenze esterne conferite per finalità ritenute non utili e quasi sempre raggiungibili mediante il personale interno, protrattasi per anni e scorporata, poi, in tante istruttorie quanti erano i casi emersi attraverso la documentazione trasmessa dall Amministrazione (in totale 199): casi, tutti, da approfondire uno per uno, attraverso accertamenti che hanno già consentito di instaurare alcuni giudizi (8 nel periodo dal 1 gennaio ad oggi) e di disporre numerose archiviazioni (50 nello stesso periodo, 10 delle quali dopo l invito a dedurre). E, pertanto, necessario sgombrare il campo da ogni possibile equivoco, ricordando che alcuni allarmismi non giustificati sono diffusi, fors anche nell intento di accreditare, attraverso l asserita indebita generalizzazione degli accertamenti, la presunzione di un inammissibile intento persecutorio, fino ad ipotizzare, addirittura un danno per l amministrazione per essere costretta a 5

6 bloccare i propri servizi per corrispondere alle richieste istruttorie. Nulla di più inesatto, se si tiene conto che, comunque, i soggetti interessati hanno il dovere di corrispondere alle richieste istruttorie del P.M. e che, anche allorché siano stati assegnati dei termini, gli adempimenti richiesti possono essere differiti con semplice, motivata richiesta ovviamente, rispettando le eventuali urgenze connesse all eventuale decorso dei termini di prescrizione dell azione del P.M.. La vicenda ha riguardato la nota problematica dell eccesso di conferimenti di incarichi e consulenze, che da diversi anni costituisce una amplissima fonte di sperpero del pubblico denaro, a causa del mancato rispetto, presso molte Amministrazioni, dei rigorosi limiti imposti dal legislatore. Si deve sottolineare al riguardo la preoccupante persistenza del fenomeno, con connotati abnormi di ampiezza, tali da essere significativamente rivelatori dell insufficienza degli interventi di contenimento posti in essere dall Amministrazione finanziaria, anche attraverso consistenti tagli ai finanziamenti di bilancio. Anche il monitoraggio sempre più ampio del fenomeno da parte del Ministero per la Pubblica Amministrazione e l Innovazione, finalizzato alla pubblicazione dei dati ed al referto al Parlamento, rischia di essere inutile anche per effetto di recenti iniziative che hanno limitato la diffusione dei dati sulle retribuzioni dei consulenti. Per comprendere le reali dimensioni del fenomeno, si deve ricordare che il legislatore ha posto una serie di vincoli ai quali non è lecito sottrarsi neanche per pretesi motivi di perseguimento di fini di pubblico interesse: la preventiva valutazione di esigenze urgenti ed indifferibili, e la verifica delle possibilità di perseguire le finalità prefissate attraverso gli organi interni dell Amministrazione, la corretta e puntuale definizione del contenuto degli incarichi, la fissazione di termini temporali assolutamente ristretti, la verifica obiettiva e responsabile dei 6

7 risultati ottenuti e, quindi, del puntuale adempimento dell incarico da parte del consulente, in sede di esecuzione del rapporto contrattuale. D altra parte, si deve ribadire che non è lecito aggirare il divieto di assunzioni di personale oltre i limiti consentiti dalla legge ricorrendo al conferimento di incarichi e consulenze addirittura prorogati per anni. Se la magistratura contabile deve svolgere le proprie funzioni in condizioni effettive di assoluta indipendenza ed autonomia, particolarmente nel settore giurisdizionale, la tempestiva notizia dei casi di corruzione e di sperpero deve poter attivare sollecitamente l iniziativa del Pubblico Ministero, organo centrale di effettiva tutela dell integrità delle risorse finanziarie dell Amministrazione pubblica ed unico promotore di giustizia di fronte alle continue e molteplici aggressioni dei tantissimi soggetti interessati a trarre personale ed illecito vantaggio nelle diverse occasioni offerte loro dal servizio. L esigenza di una rapida informazione sui fatti costituenti danno per l erario è stata ripetutamente ed ampiamente sollecitata, essendo tuttora assai modesto il numero delle denunce da parte degli organi tenuti all adempimento dell obbligo di legge rispetto all ampiezza dei casi di responsabilità che vanno emergendo, ma spesso incuranti dell effetto che la legge ricollega a tale omissione con il coinvolgimento dei funzionari negligenti nella responsabilità stessa, qualora l azione del P.M. risulti, così, prescritta. D altra parte, la diminuzione del numero delle denunce è anche conseguenza dell abolizione di controlli in ogni settore più sopra ricordato. Da qui la necessità per il P.M. di acquisire la notitia damni da tutte le altre possibili fonti di informazioni, sia attraverso le notizie di stampa, le interrogazioni parlamentari e delle assemblee degli enti locali e le iniziative di 7

8 singoli cittadini o di associazioni ed organismi vari, assai spesso autori di esposti e denunce. Nel ricordare che in proposito non può essere data diretta rilevanza a denunce anonime, certo non infrequenti nell esperienza quotidiana, il P.M. deve, comunque, farsi carico di ogni possibile iniziativa, consentita dall ordinamento, per verificare, attraverso gli organi di polizia finanziaria e gli altri strumenti a sua disposizione, l esistenza o meno di seri elementi di prova per l eventuale instaurazione di un giudizio di responsabilità. A proposito delle denunce e degli esposti provenienti da associazioni varie e, più frequentemente, da sindacati e gruppi di settore, non mancano i casi di segnalazioni ispirate da interessi particolaristici ed anche individuali, nei quali, però, bisogna attentamente approfondire la reale portata delle doglianze, avvertendo gli esponenti che l istruttoria di competenza della Procura regionale non deve e non può essere considerata uno strumento per risolvere questioni di parte, o, comunque, eventualmente di competenza di altre giurisdizioni. In ogni caso, anche le denunce dei singoli cittadini sono sempre oggetto di attento esame per tutte le possibili iniziative. Anche in tali casi, comunque, l apertura dell istruttoria viene sempre sollecitamente avviata, ed è, anzi, auspicabile che in futuro tali denunce siano sempre più presenti tra le notizie di danno, anche perché spesso sono rivelatrici di gravi disservizi e consentono, nelle fattispecie più rilevanti, di avviare tempestivamente gli opportuni provvedimenti cautelari, evitando il possibile decorso dei termini di prescrizione dell azione di responsabilità. Si verifica, poi non di rado, che gli autori di denunce, persone singole o soggetti collettivi, siano ansiosi di ottenere notizie sull espletamento delle istruttorie, non considerando che la necessaria riservatezza ed il segreto 8

9 istruttorio impediscono agli uffici della Procura di fornire tali notizie interlocutorie, fino alla conclusione degli accertamenti, e che, anche nella stessa fase dell instaurazione dei giudizi di responsabilità, il rispetto delle fondamentali norme di tutela della privacy delle persone coinvolte nelle rispettive vicende. Occorre, pur sempre, la massima cautela nella diffusione di informazioni, che, comunque, allorché riguardano casi di particolare rilevanza ed interesse pubblico, non si manca di fornire nelle forme consentite, anche attraverso gli organi di stampa, tenuto conto che, spesso, si tratta di vicende che, pur riguardando fatti eclatanti per le dimensioni delle ipotesi di danno, non sono state quasi mai, tempestivamente denunciate da chi per legge era tenuto a tale adempimento, ma venute a conoscenza del P.M. tramite la stampa stessa. Per i casi nei quali, in talune fattispecie, i soggetti denuncianti hanno lamentato la presunta lentezza con la quale la Procura regionale conduce a compimento le istruttorie, occorre ricordare che gli organi inquirenti devono rispettare le necessarie esigenze di approfondimento e di verifica per l assunzione degli elementi probatori indispensabili per l instaurazione degli eventuali giudizi e che sono costretti a procedere tra moltissime difficoltà, anche per l insufficienza e la carenza dei mezzi a disposizione, spesso da parte delle Amministrazioni si corrisponde alle richieste istruttorie della Procura regionale con poca sollecitudine ed in maniera incompleta, costringendo a reiterazioni di richieste ed alla fissazione di termini per le risposte. D altro canto, ai soggetti autori di denunce che vorrebbero, sempre e presto, vedere avviati giudizi di responsabilità in base alle loro prospettazioni - che spesso attengono al profilo della illegittimità degli atti e non già all illiceità dei comportamenti - occorre rammentare che l ordinamento attuale consente di procedere all instaurazione 9

10 dei giudizi stessi solo nei casi di danno erariale provocati da comportamenti dolosi o gravemente colposi, mentre per quelli connotati da colpa semplice, anche per ipotesi di danno molto rilevanti, deve essere disposta l archiviazione, ferme restando le valutazioni, anche discrezionali, di competenza delle diverse Amministrazioni, presso le quali le disfunzioni ed i comportamenti anomali emersi dovrebbero sempre ispirare l adozione di adeguati provvedimenti, o, comunque, di rimedi al fine di evitare ulteriori pregiudizi per il corretto impiego delle risorse finanziarie pubbliche. Se molti casi di illecito uso delle pubbliche risorse coincidono con fattispecie di reato, in tali ipotesi è essenziale un tempestivo ed efficace raccordo tra il P.M. contabile e quello penale anche al fine di consentire la sollecita attivazione delle misure cautelari. L esperienza, anche per l anno 2008, è stata ampiamente positiva, ma va ancora ricordata l esigenza che, in sede penale, l informativa al P.M. presso la Corte dei conti sia rispettata più attentamente, se si tiene conto del numero certamente più elevato rispetto agli anni precedenti, ma ancora insufficiente, delle comunicazioni dovute a norma dell art. 129, 3 com. delle disposizioni di attuazione del C.P.P. al momento dell esercizio dell azione penale. Occorrerebbe, come più volte autorevolmente ricordato dal P.G. presso la Corte d Appello di Roma, una più sollecita ed immediata informazione, pur nei limiti imposti dal segreto istruttorio, fin dall avvio dell indagine, nell ovvia considerazione che agli stessi vincoli di segretezza è tenuto il P.M. contabile. Altrettanto importante è, ovviamente, anche la sollecita trasmissione allo stesso P.M. dei provvedimenti di archiviazione, allorché riguardino comportamenti che, pur non perseguibili in sede penale, denotino elementi di danno per l erario. 10

11 La diffusione dei casi di corruzione e dei reati contro la Pubblica Amministrazione raggiunge livelli sempre altissimi: basti pensare al settore dei lavori pubblici ed alle gravi carenze in tutte le fasi del procedimento, tra le quali sono molto rilevanti le omissioni e gli abusi in sede di collaudo delle opere. Occorre, pertanto, intensificare ogni iniziativa per la tempestiva scoperta dei tanti fatti dolosi che come si può ragionevolmente ritenere rimangono troppe volte nascoste, e che sono sicuramente molto più numerosi dei casi emersi e denunciati. Anche per gli altri settori giurisdizionali (civile, amministrativo, tributario ecc ) nel dare atto della già avvenuta ampia collaborazione, si sottolinea ancora l importanza dell invio alla Procura regionale delle sentenze, nei casi di condanna a risarcimenti a carico dell Amministrazione pubblica o, comunque, di soccombenza della stessa. L esigenza di una più tempestiva informazione dei casi di possibile responsabilità per la cattiva gestione del pubblico denaro è, oggi, ancor più pressante per quanto riguarda i settori nei quali la giurisdizione della Corte dei conti è divenuta più ampia, per effetto della consolidata giurisprudenza della Corte Suprema di Cassazione (enti pubblici anche non economici, società per azioni a partecipazione pubblica totale o maggioritaria, soggetti privati investiti di funzioni delegate da pubbliche amministrazioni o comunque impegnati nell uso di risorse finanziarie pubbliche con particolare riguardo ai fondi comunitari). Sotto tale profilo è auspicabile una più vigile e diffusa attenzione degli organi di controllo dei rispettivi settori, che devono essere consapevoli dell importanza degli adempimenti richiesti, ricordando anche le possibili conseguenze di comportamenti omissivi, sia sul piano penale che su quello della 11

12 responsabilità civile od amministrativa. L esperienza degli ultimi anni, per quanto riguarda la fase conclusiva dell istruttoria presso il P.M. contabile, ha dimostrato, in misura sempre più ampia, l utilità della introduzione, ormai da un quindicennio, dell invito a dedurre, obbligatorio prima della emissione dell atto di citazione, in quanto consente ai presunti responsabili di fornire in tempo utile, anche attraverso l audizione personale eventualmente richiesta e comunque garantita dalla legge, i dati e gli elementi di valutazione da sottoporre all attenzione del P.M. per la possibile archiviazione dell istruttoria. Va, quindi, ribadita l inesattezza e in taluni casi, persino la malevolenza di notizie, talora diffuse per accreditare l affermazione che nella fase di definizione degli inviti a dedurre i magistrati del P.M. talvolta non prenderebbero in considerazione gli elementi forniti dai destinatari degli inviti a dedurre, pervenendo sbrigativamente all introduzione delle citazioni. E ben vero il contrario, se si considera che i casi di archiviazione dopo l invito a dedurre risultano sempre più numerosi, e che, nei casi in cui si emette l atto di citazione, si procede, in motivazione, all esposizione delle ragioni per i quali le deduzioni fornite non sono risultate sufficienti per l archiviazione. Ne va dimenticata, infine, l esigenza per il P.M. contabile di valutare con molta attenzione l esistenza dei requisiti e del fondamento probatorio necessari per dar corso alla citazione senza improvvisazioni e senza particolarismi, con attenzione anche al profilo dell eventuale, rilevante incidenza sul pubblico erario della condanna alla refusione delle spese di giustizia in caso di assoluzione. Devo, però, esprimere il rammarico per talune manifestazioni di insofferenza, spesso di incomprensione, con le quali le iniziative della Procura 12

13 regionale per il risarcimento dei danni erariali vengono accolte non solo dai presunti responsabili, ma anche dalle categorie alle quali essi appartengono ed anche da talune parti politiche. Giungono, al riguardo anche voci di possibili, ulteriori iniziative tendenti a porre freno o a ridimensionare il ruolo del P.M. nell attuale ordinamento della giurisdizione contabile: voci certamente poco attente alle fondamentali esigenze di autonomia ed indipendenza dell organo, come, del resto, di tutta la Corte dei conti, e che potrebbero, se attuate, svuotare di significato la funzione obiettiva di tutela dell integrità del pubblico erario e della legalità dell azione amministrativa per la spesa pubblica spettante al P.M. Si è, perfino, adombrata una proposta secondo la quale si potrebbe introdurre una sorta di visto sulle archiviazioni successive all invito a dedurre da parte di un magistrato della Sezione giurisdizionale che si aggiungerebbe a quello del Procuratore regionale, nonché un visto (addirittura) sulle citazioni in giudizio, al fine dichiarato di evitare la possibilità di citazioni strumentali. E evidente l inopportunità e la scorrettezza, sul piano costituzionale - e non solo - per il buon funzionamento delle istituzioni, di una simile proposta! Si avrebbe, nel caso che essa diventasse legge, una sconcertante ed assurda commistione di funzioni, che snaturerebbe lo stesso ruolo fondamentale del giudice: non si proporrebbe neppure l istituzione di una sorta di giudice delle indagini preliminari nel processo contabile, poichè il c.d. visto (capace di sbarrare la strada al naturale corso del processo già instaurato) non interverrebbe affatto nella fase preliminare (il paragone, qui, con il giudizio penale è logicamente impossibile, per la struttura stessa del processo). Si deve, quindi, ricordare che tutto il procedimento istruttorio, pur con il necessario 13

14 rispetto dell autonomia del singolo magistrato del P.M., è sottoposto già ad obiettive garanzie, quale l invito a dedurre, e che, comunque, il coordinamento dell attività dei singoli magistrati della Procura spetta al titolare dell Ufficio, nella sua responsabile e serena valutazione. E ovvio che, in qualche caso, possono verificarsi erronee valutazioni, ma l esigenza di evitare favoritismi e l avvio di giudizi in modo strumentale fa parte, indissolubilmente, del carico di responsabilità del magistrato stesso. Si confida, pertanto, nella giusta ed esauriente ponderazione delle proposte, nel caso che esse effettivamente vengano avanzate, nella competente sede parlamentare, con i necessari approfondimenti connessi all esigenza insopprimibile di una giustizia giusta, costituzionalmente garantita, e con l auspicio che si dia, finalmente, il via lo si ribadisce ancora una volta- all introduzione nel nostro ordinamento del nuovo regolamento di procedura per i giudizi davanti alla Corte dei conti, anche anticipando quelle riforme dell Istituto che da troppi decenni sono state vanamente attese, fatta eccezione per le innovazioni parziali degli anni ATTIVITA DELLA PROCURA REGIONALE 14

15 Nel 2008 l attività della Procura regionale per il Lazio si riassume nella seguente tabella: istruttorie pendenti al 1 gennaio nuove denunce di danno pervenute archiviazioni disposte in sede preliminare archiviazioni a seguito di istruttoria 1891 archiviazioni a seguito di invito a dedurre 64 inviti a dedurre 347 audizioni personali 310 atti: a) di citazione (n. 397 convenuti) b) integrativi e di riassunzione sequestri conservativi 2 conti giudiziali (visto del P.M.) 453 Appelli del Procuratore regionale 27 controricorsi in Cassazione 28 Le tipologie nelle quali si possono inquadrare i 158 atti di citazione sono le seguenti: 7 per attività limitative o ablative della proprietà; 22 per danno al patrimonio; 13 in tema di bilancio, conto del patrimonio e rendicontazione; 8 per attività contrattuale; 3 nel settore delle entrate; 20 per erogazione somme non dovute; 13 per incidenti; 2 per infortuni; 11 in relazione all attività contenziosa e ritardo nel procedimento; 8 in relazione a frodi comunitarie; 14 per conferimento incarichi professionali e consulenze; 1 per opere pubbliche incompiute; 7 nel settore del personale; 2 per attività istituzionale; 2 per danno da prodotti finanziari derivati; 20 per comportamenti di pubblici dipendenti costituenti reato; 15

16 5 verifiche amm.vo contabili. L importo complessivo dei risarcimenti richiesti con le citazioni nel 2008 ammonta ad oltre euro. L attività della Procura regionale nel Lazio è fortemente impegnata dal numero e dalla qualità delle istruttorie, assai spesso molto delicate poiché investono comportamenti di soggetti appartenenti ad Amministrazioni centrali dello Stato e degli altri enti pubblici, aventi sede a Roma o nel Lazio, per provvedimenti adottati in sede centrale, anche quando riferiti ad opere o a servizi delle sedi periferiche. Già negli anni decorsi ho dovuto lamentare l insufficienza delle strutture, per la mancata copertura dei vuoti di organico del personale di magistratura ed amministrativo: problema che, com è noto, riguarda tutte le sedi periferiche della Corte, e che attende da anni interventi più risolutivi. Alle carenze dell organico dei magistrati connessi a cause, per così dire, fisiologiche (trasferimenti ad altre funzioni, collocamento a riposo ecc..), in questa sede si aggiunge notevolmente un ulteriore fattore di depauperamento, connesso al collocamento fuori ruolo per incarichi presso Amministrazioni diverse, senza che, contemporaneamente, vi siano adeguate sostituzioni: attualmente la copertura dell organico denota la mancanza di ben quattro unità, alle quali a breve scadenza si aggiungeranno altre carenze, per ulteriori collocamenti a riposo. Anche per il personale amministrativo di supporto all attività dei magistrati le carenze sono rilevanti e pericolose per le esigenze di funzionalità dell attività d istituto. Sono, quindi, indispensabili provvedimenti idonei per ogni possibile iniziativa. Né, d altra parte, in uffici giudiziari del livello della Procura regionale, si 16

17 può fare a meno di una severa selezione del personale, anche nelle qualifiche inferiori, al fine di mantenere sempre i necessari livelli di serietà, correttezza e riservatezza. Nonostante si sia dovuto operare ancora tra molte difficoltà, l impegno e l altissimo livello professionale dei magistrati della Procura ha consentito di mantenere un positivo rendimento, ulteriormente significativo rispetto all entità dei risultati conseguiti negli anni precedenti, portando a conclusione molte rilevanti istruttorie, spesso caratterizzate da nuove prospettazioni in linea con l evoluzione giurisdizionale sia della Corte dei conti, sia, ancor più, con le importanti linee guida scaturite da importanti sentenze della Corte Costituzionale e dalla Corte di Cassazione. A tutti i magistrati della Procura ed al personale amministrativo va il mio vivissimo apprezzamento ben consapevole delle difficoltà incontrate nell adempimento delle funzioni del P.M. e dei sacrifici assai spesso imposti dalle esigenze di tempestiva definizione delle istruttorie. I dati numerici sopra esposti dimostrano che, malgrado i vuoti di copertura dell organico sopra ricordati, i risultati possono considerarsi soddisfacenti, e che, per la qualità e l importanza delle questioni emerse, occorre più che mai rafforzare l impegno individuale e di tutto il complesso dell Ufficio, in un momento storico come si è accennato più sopra certamente caratterizzato da fermenti connessi allo stato di crisi attuale dell Amministrazione pubblica e da fattori di turbativa ripetutamente insistenti. In tale stato di cose il magistrato deve saper mantenere sempre la massima serenità ed indipendenza di giudizio, nel rispetto delle funzioni degli altri organi, ma con assoluta obiettività e trasparenza. 17

18 ATTI DI CITAZIONE Gli atti di citazione emessi dalla Procura regionale nel 2008 hanno posto in evidenza, ancor più che in passato, numerosi gravi casi di attività truffaldine e di colpevole disfunzione in molti settori della pubblica amministrazione, assai spesso disattenti, per non dire colpevolmente negligenti, nella cura del necessario rispetto dei fondamentali principi di legalità e di corretta gestione del pubblico denaro, che, sempre più frequentemente, evidenziano casi di danno anche all immagine della Pubblica Amministrazione. I casi più gravi riguardano, in prevalenza il settore della sanità pubblica, dove le carenze, come confermato dalle notizie di cronaca più recenti riguardanti in particolare Roma, assumono connotati di eccezionale dimensione nell attività istruttoria in corso. Tra gli atti di citazione in tale settore, comunque significativi, per il 2008 si ricordano: 1) Danno per una maxi truffa per mandati di pagamento contraffatti ( ) nell ambito della ASL RMC; 2) una citazione, per danno di , riguardante l attribuzione di compensi illegittimamente maggiorati al direttore generale dell Azienda Policlinico Umberto I di Roma; 3) una citazione, per un danno di 5000, per risarcimento di lesioni da operazione chirurgica, nell ASL RM D; 4) una citazione, per danno di , per indennizzi corrisposti in relazione a danno permanente subito in occasione del parto, presso l ASL di Viterbo; 18

19 5) una citazione, per danno di , riguardante illeciti commessi nel corso dell espletamento di concorsi, nell ASL RMC; 6) una citazione, per danno di , derivante da irregolarità nella gestione dei medicinali a carico del SSN, finalizzata a procurarsi disponibilità da immettere nel mercato clandestino dell Africa settentrionale; 7) un procedimento che costituisce ulteriore sviluppo di quelli in precedenza avviati per l ASL RMC, in relazione ad una falsa transazione stipulata illecitamente con la complicità del legale e di amministratori della stessa ASL (per ); 8) danno da mancata attivazione, da parte degli amministratori di una azienda ospedaliera, della polizza di responsabilità civile già stipulata ( ); 9) danno per assenteismo di personale in una ASL ( ); 10) danno da gravi e ripetuti inadempimenti di obblighi contrattuali nell ambito del servizio di pulizia dei locali dell Ospedale S. Spirito e di alcuni ambulatori ( ); 11) danno da illecita percezione di somme a titolo di attività liberoprofessionale intra moenia per prestazioni chirurgiche in ambito ospedaliero senza autorizzazione presso l ASL di Latina ( ); 12) una citazione, per danno di , per indebiti pagamenti in favore di case di cura private dell ASL RMH; 13) una citazione, per danno di , per indebita corresponsione di emolumenti a dipendenti utilizzati per il servizio 118, nell ASL di Frosinone. 19

20 Tra i giudizi già da tempo pendenti va segnalato che è pervenuto, finalmente, alla discussione in udienza nell ottobre 2008 uno dei più rilevanti giudizi di merito (per diversi miliardi di lire) nei confronti dell ex ministro della Sanità De Lorenzo e di altri convenuti, in conseguenza dell illecito aumento nel prezzo dei medicinali. Tra le citazioni riguardanti danno da illegittimo conferimento di incarichi e consulenze si ricordano: 1) sei citazioni riguardanti consulenze illegittimamente conferite presso il Comune di Roma, rispettivamente per , , , , e 3.080; 2) una citazione, riguardante il Ministero delle Politiche agricole, alimentari e forestali per ; 3) una citazione riguardante l Azienda Policlinico Umberto I, per ; 4) una citazione riguardante l Istituto Poligrafico e Zecca dello Stato per ; 5) una citazione riguardante la RAI, per ; 6) due citazioni riguardanti l Autorità Portuale di Civitavecchia-Fiumicino- Gaeta, rispettivamente per ed ; 7) una citazione riguardante l ANAS, per , relativa a due incarichi conferiti a società esterne per lo svolgimento di attività ricognitiva nel settore del contenzioso, a proposito di controversie pendenti; 8) una citazione riguardante l U.N.I.R.E, per

TABELLA PRIMA PROCURA REGIONALE DELLE MARCHE

TABELLA PRIMA PROCURA REGIONALE DELLE MARCHE TABELLA PRIMA PROCURA REGIONALE DELLE MARCHE 1.1 TIPOLOGIE DELLE DENUNCE 1.1.1 Organi giurisdizionali 7 1.1.2 Organi amministrativi 385 1.1.3 Organi di controllo 3 1.1.4 Organi di informazione 121 1.1.5

Dettagli

La riforma forense: Il tirocinio professionale

La riforma forense: Il tirocinio professionale La riforma forense: Il tirocinio professionale A cura di Francesco Zigrino Premessa In data 2 febbraio 2013 è entrata ufficialmente in vigore la tanto attesa Legge 31 dicembre 2012 n. 247 rubricata: Nuova

Dettagli

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni

Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni DELIBERA N. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA RESTAG / BT ITALIA S.P.A. (GU14/441/2014) L AUTORITÀ NELLA riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 13 ottobre 2014; VISTA la legge 14 novembre

Dettagli

RISOLUZIONE N. 211/E

RISOLUZIONE N. 211/E RISOLUZIONE N. 211/E Direzione Centrale Normativa e Contenzioso Roma,11 agosto 2009 OGGETTO: Sanzioni amministrative per l utilizzo di lavoratori irregolari Principio del favor rei 1. Premessa Al fine

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato VIETTI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato VIETTI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 1090 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato VIETTI Delega al Governo per la riforma della disciplina delle persone giuridiche e delle

Dettagli

Procedure per l'acquisizione di personale, il conferimento di incarichi e gli appalti

Procedure per l'acquisizione di personale, il conferimento di incarichi e gli appalti In base all'art. 18 della Legge n. 133 /2008, le società a partecipazione pubblica totale o di controllo sono tenute all'adozione, con propri provvedimenti, di criteri e modalità per il reclutamento del

Dettagli

DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX

DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX DELIBERA N. 25/10/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA MP XXX / BT ITALIA XXX IL CORECOM LAZIO Nella Riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità. Corecom Lazio

Dettagli

Determinazione 15/2015. Definizione della controversia Arioli XXX /Teletu IL DIRIGENTE

Determinazione 15/2015. Definizione della controversia Arioli XXX /Teletu IL DIRIGENTE Determinazione 15/2015 Definizione della controversia Arioli XXX /Teletu IL DIRIGENTE VISTA la L. 14 novembre 1995, n. 481, Norme per la concorrenza e la regolazione dei servizi di pubblica utilità. Istituzione

Dettagli

SISTEMA SANZIONATORIO

SISTEMA SANZIONATORIO Sommario 1. Introduzione... 2 2. Criteri di valutazione della violazione... 2 3. Sanzioni... 2 3.1 Lavoratori dipendenti non dirigenti... 2 3.1.1 Sanzioni per i lavoratori dipendenti... 3 3.2 Soggetti

Dettagli

Il Direttore dell esecuzione. esecuzione dei contratti nel Testo Unico degli appalti. Convegno: L opera omnia dei contratti pubblici..

Il Direttore dell esecuzione. esecuzione dei contratti nel Testo Unico degli appalti. Convegno: L opera omnia dei contratti pubblici.. Il Direttore dell esecuzione esecuzione dei contratti nel Testo Unico degli appalti Convegno: L opera omnia dei contratti pubblici.. Stefania Gherri Reggio Emilia 12/12/2007 Il Direttore dell esecuzione..

Dettagli

PROGRAMMA INDICATIVO DELLE LEZIONI DEL MASTER DI II LIVELLO IN D.P.A. a.a. 2014-2015

PROGRAMMA INDICATIVO DELLE LEZIONI DEL MASTER DI II LIVELLO IN D.P.A. a.a. 2014-2015 PROGRAMMA INDICATIVO DELLE LEZIONI DEL MASTER DI II LIVELLO IN D.P.A. a.a. 2014-2015 CONTABILITA PUBBLICA(130 h) DIRITTO DEI CONTRATTI PUBBLICI La gestione delle gare d appalto. Profili teorici e pratici

Dettagli

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro;

LA BANCA D ITALIA. Vista la legge 17 gennaio 2000, n. 7, in materia di disciplina del mercato dell oro; Regolamento per l organizzazione e il funzionamento della Unità di Informazione Finanziaria (UIF), ai sensi dell art. 6, comma 2, del d.lgs. 21 novembre 2007, n. 231 LA BANCA D ITALIA Viste la direttiva

Dettagli

INDICE CAPITOLO I IL PROCEDIMENTO TRIBUTARIO E L EVOLUZIONE DEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE ALLA LUCE DELLO STATUTO DEI DIRITTI DEL CONTRIBUENTE

INDICE CAPITOLO I IL PROCEDIMENTO TRIBUTARIO E L EVOLUZIONE DEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE ALLA LUCE DELLO STATUTO DEI DIRITTI DEL CONTRIBUENTE INDICE Prefazione Prefazione alla seconda edizione Prefazione alla prima edizione Presentazione alla prima edizione CAPITOLO I IL PROCEDIMENTO TRIBUTARIO E L EVOLUZIONE DEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE

Dettagli

2. La responsabilità dell amministratore è solo verso i condomini o si riverbera anche nei confronti dei terzi?

2. La responsabilità dell amministratore è solo verso i condomini o si riverbera anche nei confronti dei terzi? LE RESPONSABILITÀ DELL AMMINISTRATORE A cura di: Avv. Salvatore Chiacchio Unioncasa 1. In cosa si sostanzia la responsabilità dell amministratore? 2. La responsabilità dell amministratore è solo verso

Dettagli

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI

COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI COMUNE DI PARMA REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DI INCARICHI LEGALI Approvato con deliberazione n. AC 149/19 del 01.03.2012 del Commissario Straordinario con poteri del Consiglio Comunale REGOLAMENTO PER

Dettagli

Caratteristiche della prestazione intellettuale:

Caratteristiche della prestazione intellettuale: LEGALITA E PROFESSIONE VETERINARIA 1 PROFESSIONE A CARATTERE INTELLETTUALE Caratteristiche della prestazione intellettuale: 1. Prevalenza del dato intellettuale sull attività materiale o manuale. 2. Autonomia

Dettagli

LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO

LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO PISA, 13.04.2013 LA RESPONSABILITA PROFESSIONALE DEL MEDICO OPINIONI A CONFRONTO IL PUNTO DI VISTA DEL BROKER ASSICURATIVO 1 Il contratto individuato dalla Corte di Cassazione quale fondamento della struttura

Dettagli

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo

Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Le sanzioni per l omesso versamento contributivo Sanzioni civili Il regime sanzionatorio per i casi di omesso o ritardato versamento dei contributi è contenuto nell art. 116, c. 8 e segg., L. n. 388/2000,

Dettagli

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari

COLLEGIO DI MILANO. Membro designato dalla Banca d'italia. (MI) SANTORO Membro designato da Associazione rappresentativa degli intermediari COLLEGIO DI MILANO composto dai signori: (MI) GAMBARO (MI) LUCCHINI GUASTALLA (MI) ORLANDI Presidente Membro designato dalla Banca d'italia Membro designato dalla Banca d'italia (MI) SANTORO Membro designato

Dettagli

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE

APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE APPALTO PER IL SERVIZIO DI CONSULENZA ED ASSISTENZA ASSICURATIVA BROKERAGGIO ASSICURATIVO CAPITOLATO SPECIALE ART. 1 OGGETTO DELL APPALTO Il presente capitolato ha per oggetto l appalto del servizio professionale

Dettagli

MATERIALI PER UNA NUOVA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI

MATERIALI PER UNA NUOVA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI MATERIALI PER UNA NUOVA CONTABILITÀ DEGLI ENTI PUBBLICI Organo ufficiale di cultura delle istituzioni pubbliche dell Istituto Max Weber 1. Materiali per una nuova contabilità degli enti pubblici. Lezioni

Dettagli

ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI

ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI ATTIVITA DELLA GUARDIA DI FINANZA A RICHIESTA DELLA CORTE DEI CONTI Sezioni Accertamento Danni Erariali Dette articolazioni, svolgono l attività operativa a favore della Procura Regionale della Corte dei

Dettagli

ASP Lazzarelli San Severino Marche

ASP Lazzarelli San Severino Marche CAPITOLATO SPECIALE APPALTO SERVIZIO TESORERIA ASP LAZZARELLI PERIODO 2015/2019 1. OGGETTO DELLA CONVENZIONE...2 2. ESERCIZIO FINANZIARIO...2 3. GRATUITÀ DEL SERVIZIO...2 4. INDICAZIONE DEI REGISTRI CHE

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA NUCLEO DI POLIZIA TRIBUTARIA MILANO TUTELA DEGLI INTERESSI FINANZIARI DELL U.E. ANALISI DEI CASI PIÙ FREQUENTI DI FRODE

GUARDIA DI FINANZA NUCLEO DI POLIZIA TRIBUTARIA MILANO TUTELA DEGLI INTERESSI FINANZIARI DELL U.E. ANALISI DEI CASI PIÙ FREQUENTI DI FRODE GUARDIA DI FINANZA NUCLEO DI POLIZIA TRIBUTARIA MILANO TUTELA DEGLI INTERESSI FINANZIARI DELL U.E. ANALISI DEI CASI PIÙ FREQUENTI DI FRODE Milano, 08 maggio 2012 1 ARTICOLAZIONE DELL INTERVENTO RUOLO DELLA

Dettagli

Ritardi di Pagamento

Ritardi di Pagamento Ritardi di Pagamento Recepimento Direttiva Late Payments Direttiva 2011/7/UE (Late Payments) Recepita con decreto legislativo 9 novembre 2012, n. 192, recante Modifiche al decreto legislativo 9 ottobre

Dettagli

SINTESI DEL DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INCONFERIBILITÀ E

SINTESI DEL DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INCONFERIBILITÀ E SINTESI DEL DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI IN MATERIA DI INCONFERIBILITÀ E INCOMPATIBILITÀ DI INCARICHI PRESSO LE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI E PRESSO GLI ENTI PRIVATI IN CONTROLLO PUBBLICO, A

Dettagli

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore.

6 L art. 3 della direttiva IPPC fa riferimento agli obblighi fondamentali del gestore. Pagina 1 di 6 SENTENZA DELLA CORTE (Settima Sezione) 31 marzo 2011 (*) «Inadempimento di uno Stato Ambiente Direttiva 2008/1/CE Prevenzione e riduzione integrate dell inquinamento Condizioni di autorizzazione

Dettagli

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA

Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Comune di Medicina Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DELLA VIDEOSORVEGLIANZA Approvato con Delibera del Consiglio Comunale n.125 del 28/09/2015 1 INDICE Articolo 1 Oggetto pag. 3 Articolo

Dettagli

Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale

Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale PRINCIPI GENERALI Il presente Regolamento individua principi, criteri e modalità per il conferimento di incarichi di consulenza,

Dettagli

Regolamento per la gestione delle segnalazioni di illeciti da parte dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano e della relativa tutela

Regolamento per la gestione delle segnalazioni di illeciti da parte dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano e della relativa tutela Regolamento per la gestione delle segnalazioni di illeciti da parte dei dipendenti dell Università degli Studi di Milano e della relativa tutela Art. 1 Finalità e oggetto 1. Il presente Regolamento è emesso

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CATANOSO GENOESE

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE. d iniziativa del deputato CATANOSO GENOESE Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2473 PROPOSTA DI LEGGE d iniziativa del deputato CATANOSO GENOESE Disposizioni per l inquadramento di soggetti incaricati di funzione dirigenziale

Dettagli

IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC

IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC IL RESPONSABILE PER LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE NELLE SOCIETÀ PARTECIPATE ALLA LUCE DEI RECENTI ORIENTAMENTI INTERPRETATIVI MEF-ANAC di Annalisa De Vivo L applicazione della legge 6 novembre 2012,

Dettagli

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE

PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE PROTOCOLLO DI AZIONE VIGILANZA COLLABORATIVA CON LA REGIONE CAMPANIA PREMESSO CHE - L art. 19 del decreto legge 24 giungo 2014 n. 90, convertito con modificazioni dalla l. 11 agosto 2014, n. 114, ha ridefinito

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL RECUPERO CREDITI INSOLUTI

REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL RECUPERO CREDITI INSOLUTI REGOLAMENTO PER LA GESTIONE DEL RECUPERO CREDITI INSOLUTI ART. 1 FINALITA Il presente regolamento disciplina la gestione dei crediti e le azioni da porre in essere nel caso di insolvenza degli stessi.

Dettagli

Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale

Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale Apprendimento generale: Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale metodi e strumenti di lavoro di tipo generale pubblica amministrazione e ambiente processi di lavoro

Dettagli

LEGGE REGIONALE 13 DICEMBRE 2012, N. 8

LEGGE REGIONALE 13 DICEMBRE 2012, N. 8 LEGGE REGIONALE 13 DICEMBRE 2012, N. 8 Disposizioni per la formazione del bilancio annuale 2013 e pluriennale 2013-2015 della Regione autonoma Trentino- Alto Adige (Legge finanziaria) 1 Art. 1 (Sviluppo

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità

WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità WHISTLEBLOWING POLICY DI STP BARI Procedura per le segnalazioni d illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha

Dettagli

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE

PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE SENATO DELLA REPUBBLICA XVII LEGISLATURA Doc. XXII n. 12 PROPOSTA DI INCHIESTA PARLAMENTARE d iniziativa del senatore MICHELONI COMUNICATO ALLA PRESIDENZA IL 23 OTTOBRE 2013 Istituzione di una Commissione

Dettagli

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. Allegato 1-bis al Disciplinare di Gara

ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI. Allegato 1-bis al Disciplinare di Gara Istituto Nazionale Previdenza Sociale ISTITUTO NAZIONALE PREVIDENZA SOCIALE Direzione Centrale Risorse Strumentali CENTRALE ACQUISTI Allegato 1-bis al Disciplinare di Gara ALLEGATO AL CONTRATTO ATTO DI

Dettagli

RETI TELEMATICHE ITALIANE S.P.A. IN FORMA ABBREVIATA RETELIT S.P.A.

RETI TELEMATICHE ITALIANE S.P.A. IN FORMA ABBREVIATA RETELIT S.P.A. RETI TELEMATICHE ITALIANE S.P.A. IN FORMA ABBREVIATA RETELIT S.P.A. Sede in Milano, Viale F. Restelli n. 3/7 Registro delle Imprese di Milano n. 1595443 www.retelit.it Relazione illustrativa redatta dagli

Dettagli

CAPITOLATO D APPALTO

CAPITOLATO D APPALTO CAPITOLATO D APPALTO PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO A FAVORE DELL'OPERA NAZIONALE DI ASSISTENZA PER IL PERSONALE DEL CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO CIG 6201196CD0

Dettagli

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno

Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno Convertito il decreto del fare: ora è prioritaria la scelta dell SPP interno SPP, si ritorna al principio sancito dal 626 28 agosto 2013 di Renzo Rivalta E giunto alla conclusione l iter di conversione

Dettagli

Aspetto essenziale per l effettività del Modello è costituito dalla predisposizione di un

Aspetto essenziale per l effettività del Modello è costituito dalla predisposizione di un b CASSA EDILE DELLA PROVINCIA DI BARI SISTEMA DISCIPLINARE ex D.lgs. 8 giugno 2001 n. 231 Principi generali Aspetto essenziale per l effettività del Modello è costituito dalla predisposizione di un adeguato

Dettagli

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006

Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo per il Coordinamento delle Iniziative Antiracket e Antiusura Benefici ex lege n. 108/96 e n. 44/99: procedure Luglio 2006 Il Commissario Straordinario del Governo

Dettagli

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria

Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Sentenza n. 6620 del 19 marzo 2009 della Corte Cassazione - Sezione tributaria Svolgimento del processo - La C.T.P. di Milano, previa riunione, rigettava i ricorsi proposti dalla s.r.l. G.M. avverso avvisi

Dettagli

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno

Sommario. Premessa. Parte I Regole di comportamento. Parte II. Modalità di attuazione. Sezione I - Rapporti con l esterno CODICE ETICO AZIENDALE Approvato dal Consiglio di Amministrazione del 23 dicembre 2009 1 Sommario Premessa 1. 0.1 Obiettivi 2. 0.2 Adozione 3. 0.3 Diffusione 4. 0.4 Aggiornamento Parte I Regole di comportamento

Dettagli

IL SISTEMA SANZIONATORIO

IL SISTEMA SANZIONATORIO IL SISTEMA SANZIONATORIO EX D. LGS. 231/2001 1 L introduzione di un sistema disciplinare volto a sanzionare il mancato rispetto delle misure contenute nel Modello 231/2001, aggiornato alla L. 190/2012,

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Risarcimento dei danni per la non ragionevole durata dei processi: la nuova legge Pinto

Risarcimento dei danni per la non ragionevole durata dei processi: la nuova legge Pinto STUDIO LEGALE INTERNAZIONALE AVV. ALFONSO MARRA GIURISTA LINGUISTA ABILITATO AL BILINGUISMO TEDESCO - ITALIANO DALLA PROVINCIA AUTONOMA DI BOLZANO IDONEO ALL ESAME DI STATO DI COMPETENZA LINGUISTICA CINESE

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DECRETO 11 novembre 2011, n. 220 Regolamento recante determinazione dei requisiti di professionalità, onorabilità e indipendenza degli esponenti aziendali, nonché dei

Dettagli

Comune di San Giuliano Milanese

Comune di San Giuliano Milanese Comune di San Giuliano Milanese REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI GUARDIA ECOLOGICA VOLONTARIA COMUNALE E DELLA FIGURA DI ISPETTORE AMBIENTALE COMUNALE (Allegato alla deliberazione di Consiglio Comunale n. 40

Dettagli

Corte dei Conti Procura Regionale presso la Sezione Giurisdizionale Regionale per il Friuli Venezia Giulia Trieste

Corte dei Conti Procura Regionale presso la Sezione Giurisdizionale Regionale per il Friuli Venezia Giulia Trieste Corte dei Conti Procura Regionale presso la Sezione Giurisdizionale Regionale per il Friuli Venezia Giulia Trieste REQUISITORIA DEL PROCURATORE REGIONALE DOTT. MAURIZIO ZAPPATORI NEL GIUDIZIO DI PARIFICAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA

REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA REGOLAMENTO PER L AFFIDAMENTO DEGLI INCARICHI PROFESSIONALI DI IMPORTO INFERIORE AD EURO 100.000,00 ATTINENTI I SERVIZI DI ARCHITETTURA ED INGEGNERIA IN MATERIA DI LAVORI PUBBLICI E I SERVIZI IN MATERIA

Dettagli

SINTESI DURATA GIUDIZIO

SINTESI DURATA GIUDIZIO SINTESI Cause Apicella c/ Italia (ricorso n. 64890/01), Cocchiarella c/ Italia (ricorso n. 64886/01), Ernestina Zullo c/ Italia (ricorso n. 64897/01), Giuseppe Mostacciuolo c/ Italia (n. 1) (ricorso n.

Dettagli

DELIBERA DL/018/15/CRL/UD del 4 febbraio 2015. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA A. M. / TISCALI xxx (LAZIO/D/739/2013) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO

DELIBERA DL/018/15/CRL/UD del 4 febbraio 2015. DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA A. M. / TISCALI xxx (LAZIO/D/739/2013) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO DELIBERA DL/018/15/CRL/UD del 4 febbraio 2015 DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA A. M. / TISCALI xxx (LAZIO/D/739/2013) IL CORECOM DELLA REGIONE LAZIO NELLA riunione del 4 febbraio 2015; VISTA la legge 14

Dettagli

\ CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE

\ CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE \ CORTE SUPREMA DI CASSAZIONE UFFICIO DEL MASSIMARIO E DEL RUOLO CENTRO ELETTRONICO DI DOCUMENTAZIONE SCHEDA INFORMATIVA SU : IL GIUDICATO ESTERNO NEL PROCESSO TRIBUTARIO A) SCELTA DEL TEMA : RAGIONI.

Dettagli

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO

COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO COMUNE DI BARI SARDO PROVINCIA OGLIASTRA SERVIZIO AMMINISTRATIVO DETERMINAZIONE N. 64 DEL 17/3/2014 OGGETTO: Vertenza Comune di Bari Sardo / Società Ecologica di F. Podda srl Villasor. Tribunale Civile

Dettagli

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI

LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI LA GESTIONE DEL SERVIZIO DI IGIENE URBANA: LA SCELTA DEGLI ENTI LOCALI NELLE MORE DELLA REALIZZAZIONE DELLA GESTIONE IN AMBITI TERRITORIALI OTTIMALI di Viviana Cavarra Avvocato in Milano Il quadro normativo

Dettagli

Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Asl di Bergamo e relative forme di tutela

Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Asl di Bergamo e relative forme di tutela Protocollo operativo per la gestione delle segnalazioni di condotte illecite da parte del dipendente dell Asl di Bergamo e relative forme di tutela Art. 1 Finalità, oggetto e natura dell istituto 1) L

Dettagli

COMUNE DI RUFFANO REGOLAMENTO COMUNALE DELL UFFICIO CONTENZIOSO

COMUNE DI RUFFANO REGOLAMENTO COMUNALE DELL UFFICIO CONTENZIOSO COMUNE DI RUFFANO REGOLAMENTO COMUNALE DELL UFFICIO CONTENZIOSO Approvato con deliberazione di Giunta Comunale n. 232 del 24 /08/2006 Art. 1 Oggetto 1. Il presente Regolamento disciplina l ordinamento

Dettagli

UNIONCAMERE LAZIO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE

UNIONCAMERE LAZIO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE UNIONCAMERE LAZIO REGOLAMENTO DEL SERVIZIO DI CASSA ECONOMALE INDICE Art. 1 - Oggetto e contenuto Art. 2 - Organizzazione e gestione della cassa economale Art. 3 - Fondi di anticipazione a favore del cassiere

Dettagli

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011

SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 SCUOLA FORENSE ORDINE DEGLI AVVOCATI DI TREVISO INCONTRO DEL 30.09.2011 Gli indici della natura subordinata del rapporto di lavoro Relazione dell Avv. Paolo Valla * * * Traccia dei casi da trattare Controversia

Dettagli

OGGETTO: Mutui: tutela del cliente

OGGETTO: Mutui: tutela del cliente Informativa per la clientela di studio N. 78 del 29.06.2011 Ai gentili Clienti Loro sedi OGGETTO: Mutui: tutela del cliente Gentile cliente, con la stesura del presente documento informativo intendiamo

Dettagli

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII)

DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) DECLINATORIA DI GIURISDIZIONE E CONTINUAZIONE DEL PROCESSO DAVANTI AL GIUDICE MUNITO DI GIURISDIZIONE (C.D. TRANSLATIO IUDICII) CORTE DI CASSAZIONE; sezioni unite civili; sentenza, 22-02-2007, n. 4109

Dettagli

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti

Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Master in gestione e innovazione nelle amministrazioni pubbliche Il modello di organizzazione pubblica, con particolare riferimento agli enti locali: principi, criteri e strumenti Giuseppe Panassidi 1

Dettagli

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01

Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 Studio Porcaro Commercialisti Modelli Organizzativi di controllo e di gestione ex D.Lgs. 231/01 La responsabilità amministrativa dipendente da reato delle persone giuridiche Studio Porcaro Commercialisti

Dettagli

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

COMUNE DI PONTOGLIO. Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI PONTOGLIO Provincia di Brescia REGOLAMENTO COMUNALE PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Indice Art. 1 Servizio di Economato Art. 2 Economo Comunale Art. 3 Funzioni del Servizio di Economato Art. 4 Indennità

Dettagli

Istituto Comprensivo Statale Mestre 5 Lazzaro Spallanzani

Istituto Comprensivo Statale Mestre 5 Lazzaro Spallanzani Prot. n. 870/VI/10 Venezia-Mestre, 3 marzo 2016 REGOLAMENTO D ISTITUTO PER L ACQUISIZIONE IN ECONOMIA DI LAVORI, SERVIZI E FORNITURE Redatto ai sensi dell art. 125, comma 10 del D.Lgs. 12 aprile 2006,

Dettagli

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane

Codice Etico del Gruppo Poste Italiane Codice Etico del Gruppo Poste Italiane 28 settembre 2009 Approvato nell adunanza del 28 settembre 2009 del Consiglio di Amministrazione Indice 1. PREMESSA E OBIETTIVI............................. 2 2.

Dettagli

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

- CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA. Azienda Ospedaliera Ospedale San Carlo Borromeo Via Pio II 20153 Milano - CAPITOLATO SPECIALE PER L AFFIDAMENTO DEL SERVIZIO DI SOMMINISTRAZIONE DI LAVORO A TEMPO DETERMINATO MEDIANTE PROCEDURA SEMPLIFICATA.

Dettagli

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo

a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo a cura dell Avv. Maria Sabina Lembo In caso di pagamento di tributi consortili, il contribuente riceve -da parte dell Ente Creditore (nella fattispecie dal Consorzio di bonifica)- delle comunicazioni consistenti

Dettagli

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI

SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI SCRITTI ESAME AVVOCATO 2013 di Roberto GAROFOLI Valerio de GIOIA COME SI SCRIVE L ATTO GUIDA PRATICA E CONSIGLI OPERATIVI Con la collaborazione di Giovanna SPIRITO Carlo TANGARI PREMESSA Nella preparazione

Dettagli

Certi di garantire un sempre puntuale servizio, restiamo a disposizione per ogni eventuale

Certi di garantire un sempre puntuale servizio, restiamo a disposizione per ogni eventuale Alle ditte Clienti Loro sedi Collecchio, 14/04/2014 Oggetto: Informativa n. 3. Novità legislative d immediato interesse ed applicazione. La presente per informarvi in merito a: Sanzioni per lavoro nero

Dettagli

Regolamento per il conferimento. degli incarichi ed il reclutamento del personale

Regolamento per il conferimento. degli incarichi ed il reclutamento del personale MEGAS. NET S.P.A. Regolamento per il conferimento degli incarichi ed il reclutamento del personale (adottato ai sensi dell'art. 18, secondo comma, D.L. 112/2008, convertito con Legge 6 agosto 2008, n.

Dettagli

(Finalità e oggetto)

(Finalità e oggetto) Delega al Governo per la riforma del Terzo settore, dell impresa sociale e per la disciplina del Servizio civile universale Art. 1. (Finalità e oggetto) 1. Il Governo è delegato ad adottare, entro dodici

Dettagli

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali

Nomos Appalti srl Servizio di Consulenza agli Enti Locali Roma, 12 maggio 2010 Circolare n. 123/2010 Al SIG. PRESIDENTE CONFSERVIZI MARCHE A TUTTI GLI ASSOCIATI AL SIG. PRESIDENTE CONSIGLIO NAZIONALE DEGLI INGEGNERI E A TUTTI GLI ALTRI ENTI, AZIENDE E SOCIETA

Dettagli

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO

CITTA di SARZANA Provincia della Spezia REGOLAMENTO REGOLAMENTO ISTITUTIVO E DI GESTIONE DEL FONDO DI ASSISTENZA, PREVIDENZA ED INCENTIVAZIONE DEI SERVIZI SVOLTI PER IL MIGLIORAMENTO DELLA CIRCOLAZIONE STRADALE PER IL PERSONALE DELLA POLIZIA MUNICIPALE

Dettagli

Rendiconto Gestionale

Rendiconto Gestionale RELAZIONE DEL COLLEGIO SINDACALE AL BILANCIO CHIUSO AL 31 DICEMBRE 2013 CITTADINANZATTIVA ONLUS Signori Associati, il Rendiconto gestionale relativo all esercizio chiuso al 31 dicembre 2013 è stato redatto

Dettagli

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012,

RIFORMA DELLA LEGGE PINTO. Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, RIFORMA DELLA LEGGE PINTO Il DL n. 83/2012, c.d. decreto Sviluppo, convertito in legge n. 134/2012, riforma la legge Pinto (L. n. 89/2001) per l indennizzo per la durata del processo. Le nuove disposizioni

Dettagli

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma

Nota Circolare UPPA n. 33/08. Roma, lì 22.05.2008. Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Roma UFFICIO PERSONALE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI SEGRETERIA TECNICA DEL DIRETTORE Nota Circolare UPPA n. 33/08, lì 22.05.2008 Alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Segretariato generale Alle Amministrazioni

Dettagli

REGOLAMENTO DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E

REGOLAMENTO DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E Allegato A REGOLAMENTO DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER IL CONFERIMENTO A TERZI DI INCARICHI DI STUDIO, RICERCA E CONSULENZA E DI INCARICHI IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

Dettagli

sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012

sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012 sistema disciplinare Modello 231/01 di Organizzazione Gestione e Controllo Approvato dal Consiglio di Amministrazione in data 29/02/2012 1 Indice Introduzione... 3 Sistema disciplinare... 3 2 Introduzione

Dettagli

QUADRO SINOTTICO DEGLI ADEMPIMENTI

QUADRO SINOTTICO DEGLI ADEMPIMENTI ALLEGATO A) QUADRO SINOTTICO DEGLI ADEMPIMENTI Data Attività Soggetto competente 30 marzo di ogni anno Comunicazione al Responsabile della prevenzione della corruzione e al nucleo di valutazione, della

Dettagli

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N.

Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico. MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. Comunicazione informativa sul Modello 231 e Codice Etico MODELLO DI ORGANIZZAZIONE, GESTIONE E CONTROLLO AI SENSI DEL D.Lgs. 8 GIUGNO 2001 N. 231 MODELLO DI ORGANIZZAZIONE Con la disciplina dettata dal

Dettagli

Regolamento della formazione professionale continua del dottore commercialista

Regolamento della formazione professionale continua del dottore commercialista CONSIGLIO NAZIONALE DEI DOTTORI COMMERCIALISTI Regolamento della formazione professionale continua del dottore commercialista (approvato nella seduta consiliare del 26 novembre 2003) Art. 1 Formazione

Dettagli

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che:

A relazione dell'assessore Cavallera: Premesso che: REGIONE PIEMONTE BU44 31/10/2013 Deliberazione della Giunta Regionale 7 ottobre 2013, n. 10-6456 Art.6 comma 8 L.184/83: approvazione criteri in materia di interventi a sostegno delle adozioni di minori

Dettagli

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ

PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ PROCEDURA PER LA SEGNALAZIONE DI ILLECITI E IRREGOLARITÀ CONTESTO NORMATIVO La presente procedura disciplina le modalità di segnalazione degli illeciti nell ambito delle attività di prevenzione della corruzione

Dettagli

Allegato 3. Indice generale 1. OGGETTO DEL SERVIZIO... 3 2. SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO... 5 3. OBBLIGHI DEL BROKER... 5 4. OBBLIGHI DI ANSF...

Allegato 3. Indice generale 1. OGGETTO DEL SERVIZIO... 3 2. SVOLGIMENTO DEL SERVIZIO... 5 3. OBBLIGHI DEL BROKER... 5 4. OBBLIGHI DI ANSF... AGENZIA NAZIONALE PER LA SICUREZZA DELLE FERROVIE CAPITOLATO SPECIALE Procedura aperta per l affidamento del servizio di brokeraggio assicurativo per le esigenze dell Agenzia Nazionale per la Sicurezza

Dettagli

UNIONE DEI COMUNI DEL PRATOMAGNO Provincia di Arezzo

UNIONE DEI COMUNI DEL PRATOMAGNO Provincia di Arezzo UNIONE DEI COMUNI DEL PRATOMAGNO Provincia di Arezzo REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCARICHI AL PERSONALE DIPENDENTE AI SENSI DELL ART.53 DEL D.LGS.165/2001 ( approvato con deliberazione della Giunta

Dettagli

WHISTLEBLOWING POLICY

WHISTLEBLOWING POLICY WHISTLEBLOWING POLICY Allegato C Procedura per le segnalazioni di illeciti e irregolarità 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha

Dettagli

Associazione Intercomunale per Esercizio Sociale Consorzio per i Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA E GESTIONE PATRIMONIALE

Associazione Intercomunale per Esercizio Sociale Consorzio per i Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA E GESTIONE PATRIMONIALE Associazione Intercomunale per Esercizio Sociale Consorzio per i Servizi alla Persona REGOLAMENTO DI CONTABILITA E GESTIONE PATRIMONIALE SOMMARIO Art. 1 - Principi generali Pag. 3 Art. 2 - Esercizi Pag.

Dettagli

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa

Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Ministero dell'economia e delle Finanze Ufficio Stampa Comunicato n. 179 Debiti P.A.: pagati ai creditori 26 miliardi Ripartiti tra i debitori ulteriori 17 miliardi di risorse stanziate nel 2013 Entro

Dettagli

Delibera n. 14/11/CIR. Definizione della controversia Studio/ Fastweb S.p.A. e Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA

Delibera n. 14/11/CIR. Definizione della controversia Studio/ Fastweb S.p.A. e Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA Delibera n. 14/11/CIR Definizione della controversia Studio/ Fastweb S.p.A. e Telecom Italia S.p.A. L AUTORITA NELLA sua riunione della Commissione per le infrastrutture e le reti del 9 febbraio 2011;

Dettagli

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071

CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 CITTÀ DI BORGARO TORINESE PROVINCIA di TORINO C.A.P. 10071 www.comune.borgaro-torinese.to.it REGOLAMENTO GENERALE PER LA DISCIPLINA DELLE ENTRATE COMUNALI INDICE Articolo D E S C R I Z I O N E 1 2 3 4

Dettagli

CLASS ACTION. Dal primo gennaio 2010, anche in Italia è possibile, come ormai da. moltissimi anni in tanti Paesi, procedere alle cause di gruppo.

CLASS ACTION. Dal primo gennaio 2010, anche in Italia è possibile, come ormai da. moltissimi anni in tanti Paesi, procedere alle cause di gruppo. CLASS ACTION Dal primo gennaio 2010, anche in Italia è possibile, come ormai da moltissimi anni in tanti Paesi, procedere alle cause di gruppo. La class action, regolamentata dall art. 140 bis del codice

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 2699 PROPOSTA DI LEGGE APPROVATA, IN UN TESTO UNIFICATO, DAL SENATO DELLA REPUBBLICA il 16 settembre 2009 (v. stampati Senato nn. 414-507)

Dettagli

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI CIRCOLARE 8 settembre 2005 Doveri degli enti di servizio civile e infrazioni punibili con le sanzioni amministrative previste dall art.3 bis della legge 6 marzo 2001,

Dettagli

Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità (whistleblowing)

Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità (whistleblowing) Procedura per la segnalazione di illeciti e irregolarità (whistleblowing) 1. FONTE NORMATIVA E NATURA DELL ISTITUTO L art. 1, comma 51, della legge 190/2012 (cd. legge anticorruzione) ha inserito un nuovo

Dettagli

SLIDE 1 APRILE 2014 1

SLIDE 1 APRILE 2014 1 1 1 2 PRINCIPI GENERALI IL RISPETTO DI OBBLIGHI FORMALI RISPONDE ALL ESIGENZA DI TUTELA DI DUE TIPI DI INTERESSI INTERESSE COLLETTIVO PRINCIPIO DI LEGALITA Garanzia che i beneficiari delle agevolazioni

Dettagli

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone)

INDICE SOMMARIO. Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) INDICE SOMMARIO Elenco delle principali abbreviazioni... Introduzione... XIII XV Capitolo 1 LA RESPONSABILITAv NELLA PRESTAZIONE DI SERVIZI DI INVESTIMENTO. PROFILI GENERALI (Giovanni Falcone) 1. Aspetti

Dettagli