ANIA. Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "ANIA. Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici"

Transcript

1 ANIA Associazione Nazionale fra le Imprese Assicuratrici Schema di decreto legislativo recante riassetto normativo delle disposizioni vigenti in materia di assicurazioni Codice delle assicurazioni Audizione del Direttore Generale dell ANIA Prof. Giampaolo Galli Commissioni riunite VI (Finanze) della Camera dei Deputati e 10 a (Industria, commercio, turismo) del Senato della Repubblica Camera dei Deputati Roma, 14 giugno

2 PREMESSA Dopo quasi cinquant anni dal varo del Testo Unico sulle assicurazioni private (D.P.R. 13 febbraio 1959, n. 449) ci troviamo finalmente di fronte ad un nuovo Testo Unico che ha il più ambizioso obiettivo di procedere ad una razionalizzazione e semplificazione della copiosa legislazione che si è succeduta nel tempo sulla materia. Diciamo finalmente perché nel corso degli anni più recenti la normazione di fonte comunitaria volta a creare il mercato unico europeo delle assicurazioni è intervenuta in maniera sempre più dettagliata e pregnante in quello che è considerato un vero e proprio ordinamento di settore, contribuendo a creare un sistema di norme sempre più farraginoso e di difficile utilizzo non solo per l utente comune ma anche per lo specialista. Risultava quindi ormai matura nel pensiero comune la necessità di addivenire ad un riassetto generale e ad un coordinamento sistematico del quadro normativo che facilitasse il compito dell interprete e dell operatore quotidiano, in particolare delle imprese, e che fosse al passo con lo sviluppo che il mercato assicurativo ha avuto negli anni più recenti e sicuramente avrà nei prossimi, anche per le sfide che è chiamato a raccogliere in campi nuovi e di grande rilevanza sociale. L esigenza era ancor più sentita ed urgente se si pensa che settori contigui come quello bancario e dell intermediazione finanziaria avevano già da tempo proceduto all emanazione di testi unici per rispondere a medesime questioni postesi a seguito dello sviluppo dell integrazione europea. Il nuovo Codice delle assicurazioni non si limita peraltro a collazionare la legislazione esistente, poiché, al di là della funzione compilativa propria di tutti i testi unici, introduce rilevanti innovazioni: a) in tema di delegificazione e contestuale affidamento di poteri regolamentari all Autorità di controllo di settore, pur sempre nel rispetto dei principi di legalità e di sovraordinazione delle fonti normative comunitarie; b) in tema di trasparenza delle operazioni e protezione dell assicurato, armonizzando la disciplina assicurativa con la normativa sull intermediazione finanziaria, in particolar modo per quanto riguarda l informativa al contraente, la pubblicità e le regole di comportamento; c) omogeneizzando la normativa assicurativa con quella bancaria in tema di assetti proprietari e di nozione di gruppo assicurativo ; d) regolando figure contrattuali sconosciute al Codice civile, quali l assicurazione assistenza e l assicurazione tutela giudiziaria; e) recependo la direttiva sugli intermediari assicurativi (2002/92/CE), che conferisce al sistema distributivo un assetto più competitivo, professionale e trasparente per l utenza assicurativa. 2

3 In linea generale, esprimiamo dunque un giudizio complessivamente positivo sul testo dello schema di Codice delle assicurazioni varato dal Consiglio dei Ministri. Tuttavia riteniamo che, in considerazione della complessità del lavoro, vi sia spazio per alcuni opportuni interventi di dettaglio, volti a rendere la normativa pienamente rispettosa delle specificità e delle esigenze tecniche dell attività assicurativa. ASSICURAZIONE OBBLIGATORIA DI VEICOLI A MOTORE E NATANTI TITOLO IX Obbligo a contrarre (articolo 164) La disposizione replica la disciplina vigente, che impone alle imprese di assicurazione il duplice obbligo di stabilire tariffe per tutti i rischi derivanti dalla circolazione dei veicoli a motore e dei natanti e di accettare tutte le proposte assicurative che siano loro presentate sulla base delle tariffe stesse. A seguito di ricorsi presentati da talune imprese straniere operanti in Italia, la Commissione europea ha aperto un istruttoria nei confronti dello Stato italiano, volta ad accertare la compatibilità della disciplina in parola con la normativa comunitaria. In particolare, l attenzione della Commissione europea si è concentrata sia sull obbligo a contrarre e a tariffare in sé considerato sia sulla disciplina della c.d. elusione tariffaria (art. 164, comma 3, del Codice), vale a dire della violazione di detto obbligo realizzata con riferimento a determinate zone territoriali o a singole categorie di assicurati attraverso l offerta di tariffe differenziate senza precise ragioni tecniche. La Commissione, in via istruttoria, ha ritenuto che detta disciplina sovverta le basi del mercato interno, in aperto contrasto con la terza direttiva sull assicurazione non vita (92/49/CE) e con l orientamento della Corte di giustizia delle Comunità europee, secondo cui il principio della libertà tariffaria sancito dalla normativa comunitaria e che risulterebbe violato dalla disciplina italiana sull obbligo a contrarre e a tariffare si applica anche alle assicurazioni obbligatorie e, in ogni caso, prevale su qualsiasi disposizione che venisse giustificata sulla base di un interesse generale fatto proprio dallo Stato membro che avesse legiferato in contrasto con detto principio. Alla luce delle risposte che fornirà lo Stato italiano rispetto all invito di modificare la disciplina dell obbligo a contrarre, la Commissione europea valuterà se aprire una procedura d infrazione nei confronti del nostro paese per verificare la compatibilità della disciplina stessa con la normativa comunitaria in tema di libera determinazione delle condizioni di contratto e delle tariffe, nonché in materia di libera concorrenza. 3

4 Dal punto di vista del funzionamento del mercato, si osserva che soprattutto l obbligo di fissare tariffe per tutti i potenziali rischi della circolazione costituisce un elemento di rigidità, che, da un lato, rende problematico procedere alla libera selezione dei rischi in sede assuntiva (in aperta contraddizione con i principi tecnici della gestione assicurativa efficiente) e, dall altro, impedisce alle imprese di concentrare la propria attività solo su alcuni segmenti del mercato (ad esempio, specializzarsi solo nelle coperture delle autovetture o piuttosto degli autocarri, o dei giovani conducenti, etc.). La circostanza non è di poco conto, poiché l obbligo a contrarre così strutturato (che non esiste in alcun altro paese dell Unione europea) costituisce un fattore di anelasticità sul fronte dell offerta e risulta pertanto antagonista dei caratteri che comunemente connotano i mercati produttivi di beni e servizi, in cui l incontro tra la domanda e l offerta risulta influenzato dalla capacità dell imprenditore di stare sul mercato, anche potendo scegliere i segmenti di clientela destinatari del prodotto. L obbligo di esercitare l attività assicurativa su tutti i rischi r.c. auto determina dunque effetti distorsivi sul terreno della concorrenza, poiché impedisce la specializzazione competitiva su singoli comparti del mercato e determina di fatto una rilevante barriera all ingresso di nuovi attori, italiani o stranieri, interessati ad inserirsi come operatori di nicchia. Tutto ciò premesso, si osserva che il Codice potrebbe risolvere il contrasto in questione, conservando l obbligo a contrarre con riferimento alle tariffe dei soli rischi che l impresa intenda effettivamente assumere (analogamente alla soluzione adottata in Germania) e sopprimendo il comma 3 dell art. 164 (elusione tariffaria) che si presenta, in modo ancor più palese, del tutto illegittimo rispetto ai principi fissati in sede europea. Sempre con riferimento all art. 164, ma più in dettaglio, si osserva che, in relazione ad esigenze di sicurezza stradale nonché di rispetto delle regole sulle caratteristiche ed i requisiti dei veicoli circolanti, le imprese dovrebbero comunque legittimamente poter rifiutare le proposte di assicurazione di veicoli inidonei alla circolazione stradale perché non omologati o non immatricolati (naturalmente per quelli soggetti ad immatricolazione) o non sottoposti a revisione. Il comma 1 dell art. 164, dovrebbe pertanto essere modificato quantomeno inserendo, dopo le parole dei veicoli a motore e dei natanti, le seguenti: regolarmente autorizzati a circolare o a navigare sulla base delle disposizioni vigenti. 4

5 Banca dati elettronica dei contratti (artt. 159, comma 4, e 167, comma 4) Le disposizioni in oggetto prevedono che, con apposito regolamento, vengano stabiliti obblighi, modalità e termini per annotare le informazioni contenute, rispettivamente, nel certificato di assicurazione (art. 159) e nell attestato di rischio (art. 167) in una banca dati elettronica dei contratti, di cui peraltro non si disciplina né la costituzione né la titolarità della gestione. L assenza di una disciplina istitutiva nonché la generica ed equivoca previsione di una banca dati dei contratti è stata notata anche dall Autorità Garante della concorrenza e del mercato, che, nel parere reso in sede di audizione da parte delle On.li Commissioni Parlamentari, ritenendo che le disposizioni si riferiscano ad un archivio delle polizze contenente tutte le informazioni sui rischi r.c. auto assicurati, ha richiamato l attenzione sulla necessità di impedire un eccessivo scambio di informazioni tra operatori rispetto alla normativa sulla concorrenza. La banca dati elettronica - qualificata come archivio dei contratti in modo del tutto erroneo, in quanto non si riferisce assolutamente alle polizze - dovrebbe contenere in realtà due tipi di informazioni, funzionali esclusivamente al controllo dell adempimento dell obbligo assicurativo e alla verifica della veridicità delle informazioni presenti negli attestati di rischio (che recano la storia assicurativa del rischio in termini di sinistrosità pregressa) per contrastare le diffuse falsificazioni poste in essere in sede di stipulazione dei contratti r.c. auto. Si tratta, in altri termini, di una banca dati di servizio che non contempla informazioni sensibili né dal punto di vista della privacy né sotto il profilo della disciplina della concorrenza. Il settore assicurativo si è già dotato da molti anni di una banca dati delle targhe assicurate (SITA), che contiene anche le informazioni sugli attestati di rischio. L ANIA, che gestisce la banca dati, garantisce l utilizzazione dell archivio elettronico non solo alle imprese per i necessari controlli in sede di assunzione dei contratti ma anche alle Forze dell ordine (Centro interforze del Ministero dell interno, Comandi nazionali e locali dei Carabinieri e della Polizia stradale, Comandi dei Vigili urbani) per l attività di verifica dell adempimento dell obbligo assicurativo. Recentemente la banca dati è stata messa a disposizione dell ISVAP per le funzionalità del Centro di informazione di cui all art. 187 del Codice delle assicurazioni, vale a dire dell organismo che ogni paese U.E. ha dovuto istituire in ottemperanza alle disposizioni della IV Direttiva assicurazioni auto, per consentire ai danneggiati di conoscere l impresa di assicurazione che copre il rischio r.c auto del veicolo responsabile dell incidente. 5

6 Al fine di evitare duplicazioni di sistemi già esistenti e sulla base del principio di economicità di gestione, le disposizioni in commento dovrebbero essere modificate nel senso di prevedere il mantenimento dell organizzazione della banca dati delle targhe assicurate e degli attestati di rischio in capo al mercato (così come avviene, ad esempio, per la gestione della centrale rischi che la Banca d Italia ha affidato alla SIA Società interbancaria per l automazione) e riservare all ISVAP il potere di stabilire modalità e termini per l alimentazione dell archivio elettronico nonché una funzione di vigilanza sulla correttezza e l efficienza del sistema adottato. Danno alla persona di non lieve entità (art. 172) La disposizione delega ad un decreto interministeriale (Ministeri della salute, della giustizia, delle attività produttive e del lavoro) la definizione di una tabella unica su tutto il territorio nazionale: a) delle menomazioni all integrità psicofisica comprese tra dieci e cento punti di invalidità permanente; b) del valore pecuniario da attribuire ad ogni singolo punto di invalidità comprensivo dei coefficienti di variazione corrispondenti all età del soggetto leso. Al riguardo, si osserva che la disposizione non reca i principi e i criteri cui si dovrebbe attenere il legislatore delegato nella predisposizione della tabella unica nazionale, lasciando ad un atto di normazione secondaria la regolamentazione di una materia che concerne la tutela del diritto alla salute che è indubbiamente di rango primario. E pertanto necessario che l art. 172 venga riformulato prevedendo la fissazione dei principi e dei criteri - desumibili dalla copiosa dottrina e dalla giurisprudenza formatasi in materia - che dovrà seguire il legislatore delegato. Proponibilità dell azione di risarcimento dei danni (art. 179) Il comma 1 dell art. 179, dopo aver stabilito che l azione giudiziaria per il risarcimento dei danni derivanti dalla circolazione dei veicoli può esercitarsi solo dopo che siano decorsi sessanta giorni dalla ricezione da parte dell impresa di assicurazione di una richiesta di risarcimento completa delle informazioni di cui all art. 182, prevede, in modo del tutto incongruo e irrazionale, che l azione può essere esperita decorsi centoventi giorni dalla ricezione della richiesta di risarcimento, ancorché la medesima risulti incompleta. Come è noto, nella liquidazione dei sinistri r.c. auto opera una procedura stragiudiziale prevista per legge (e confermata nel presente Codice all art. 182) la cui ratio è la definizione del risarcimento in via transattiva, per evitare il costoso e talvolta inutile ricorso alla via giudiziaria. Coerentemente con tale funzione, la legge 6

7 fissa tutta una serie di modalità e termini per l istruzione della procedura stragiudiziale, esigendone il rispetto sia da parte dell impresa di assicurazione che del danneggiato. Prevedere la possibilità di aggirare la procedura, stabilendo l azionabilità in giudizio della pretesa risarcitoria anche se la richiesta del danneggiato non risulti conforme alla legge, è pertanto un controsenso che agevola solo i comportamenti speculativi di coloro che sono interessati a trarre profitto dalla causa giudiziaria, anche in assenza di condizioni che la giustifichino. Si chiede pertanto di sopprimere il secondo periodo del comma 1 dell art L indennizzo diretto A seguito delle sollecitazioni provenienti dal Ministero delle attività produttive, dall Antitrust e dall ISVAP, il settore assicurativo sta analizzando le condizioni per una possibile evoluzione del sistema risarcitorio secondo lo schema dell indennizzo diretto. L Autorità Garante della concorrenza e del mercato, nel parere reso in questi giorni al Parlamento, è tornato ancora una volta a fare riferimento al tema in questione, sollecitando la definizione di un sistema di risarcimento diretto dei danni r.c. auto espressamente regolato dalla legge. Data la complessità del problema, è peraltro essenziale che su tale questione si evitino approcci meramente astratti, che non tengano conto degli aspetti concreti operativi e, soprattutto, che non diano certezze circa gli auspicati effetti di contenimento dei costi. Sulla base delle analisi effettuate, sono emerse, infatti, notevoli problematiche di carattere giuridico e di natura gestionale, per la cui soluzione occorrerà procedere con cautela. Occorre infatti considerare che il sistema di indennizzo diretto verrebbe ad innestarsi nel tessuto normativo di base che regola la responsabilità civile, continuando a convivere con quest ultimo per aspetti molto rilevanti, a cominciare dall attribuzione della colpa del sinistro e all individuazione del soggetto (e del suo assicuratore) tenuto al rimborso in ultima istanza. 7

8 In particolare, l adozione del modello legislativo comporterebbe innovazioni rilevanti da molti punti di vista: a) universalizzazione del sistema: l indennizzo diretto diverrebbe percorso obbligato per ottenere il risarcimento del danno r.c. auto, per le tipologie di sinistro cui il sistema stesso trovasse applicazione; b) tendenziale eliminazione di limiti di applicabilità: il sistema troverebbe applicazione per tutti i veicoli e a prescindere dalla preventiva definizione della responsabilità del sinistro (quindi, anche in assenza del modulo CAI a firma congiunta); c) conseguenti oneri gestionali per impostare sistemi di comunicazione tra imprese sugli elementi di responsabilità; d) ridefinizione dei processi aziendali, per velocizzare il contatto con l assicurato/danneggiato e le successive procedure liquidative (accertamento danni ai veicoli e alle persone); e) organizzazione di reti di carrozzerie fiduciarie, per garantirsi un controllo virtuoso dei costi di riparazione; f) trasparenza totale del sistema di regolazione dei rapporti tra imprese e certezze assolute in ordine alla sua rispondenza ai principi di concorrenza; g) autonomia gestionale del mercato compatibile con le esigenze di un controllo pubblicistico del sistema. Tenuto conto dei rilevanti aspetti organizzativi, occorrerebbero in ogni caso tempi congrui per la concreta entrata in vigore del sistema. L attuale sistema CID (in vigore da ventisette anni) ha già vissuto importanti evoluzioni nel corso del tempo: eliminazione dei limiti economici per i risarcimenti dei danni ai veicoli; estensione della Convenzione ai risarcimenti dei danni alla persona di lieve entità; ridefinizione della normativa convenzionale dei rapporti di debito e credito tra imprese per aumentare i livelli di competizione tra compagnie sul controllo dei costi di sistema, etc.. Alla luce di tale concreta esperienza, il settore assicurativo è disponibile ad un confronto costruttivo e trasparente con tutti gli interlocutori per giungere ad un ipotesi di intervento condivisa e produttiva dei benefici auspicati. 8

9 INTERMEDIARI DI ASSICURAZIONE E DI RIASSICURAZIONE TITOLO VIII Registro degli intermediari assicurativi e riassicurativi (art. 143) Il nuovo Codice recepisce la direttiva comunitaria 2002/92/CE sull intermediazione assicurativa, che persegue lo scopo di realizzare il corretto funzionamento del mercato unico delle assicurazioni private attraverso l instaurazione della licenza unica per gli intermediari assicurativi e riassicurativi, la parità di trattamento tra gli operatori che esercitano l intermediazione, la trasparenza e le garanzie finanziarie fornite nei rapporti con i consumatori. Nell attuare il recepimento della direttiva, il Codice ha previsto un Registro unico, suddiviso in più Sezioni, ciascuna delle quali contempla una specifica figura di intermediario. Sono stati pertanto presi in considerazione i profili professionali dell agente, del mediatore o broker, delle banche, delle società di intermediazione mobiliare e della società Poste Italiane, unitamente ai loro collaboratori, nonché dei c.d. produttori diretti. I requisiti richiesti ai vari intermediari per l accesso all attività sono stati modulati tenendo conto della diversa professionalità di ciascuno di essi. Pertanto, mentre per gli agenti e per i broker è indispensabile il superamento di una prova d esame, per i loro collaboratori, così come per gli operatori allo sportello bancario o postale e per i promotori finanziari, è richiesta la partecipazione a corsi professionali con prova attitudinale finale. I c.d. canali alternativi (banche, sim e posta) sono autorizzati ad operare attraverso i loro collaboratori a condizione che distribuiscano prodotti assicurativi c.d. standardizzati ovvero prodotti con garanzie o clausole accessorie predeterminate, immodificabili dal soggetto addetto alla loro collocazione. Tale variabilità dal punto di vista dei requisiti professionali nonché l esigenza che i consumatori risultino consapevoli della specifica figura di intermediario che entra in contatto con loro, per le differenti implicazioni sotto il profilo dei poteri di rappresentanza e dei prodotti assicurativi collocabili, inducono a conservare una formale distinzione tra le diverse tipologie, prevedendo, alla fine del comma 2 9

10 dell articolo 143, il principio secondo cui al medesimo intermediario non è consentita la contemporanea iscrizione in diverse sezioni del registro. Doveri e responsabilità verso gli assicurati (art. 150) Tra i requisiti richiesti all intermediario, allo scopo di tutelare il consumatore, assume particolare rilevanza un idonea capacità finanziaria per lo svolgimento della propria attività professionale. A tal fine, l art. 150, comma 1, prevede che i premi pagati dagli assicurati e gli importi dovuti dalle imprese di assicurazione debbano essere versati in conti separati professionali, che costituiscono un patrimonio autonomo rispetto a quello degli intermediari medesimi. Per rafforzare le tutele in ordine ai crediti relativi a tale patrimonio autonomo, sarebbe opportuno integrare la disposizione, specificando che sul conto professionale dell intermediario non possono essere effettuati pignoramenti, sequestri o azioni da parte di creditori diversi dagli assicurati e dalle imprese di assicurazione. In materia di pagamento del premio nei confronti dell intermediario e dei suoi collaboratori, il comma 3 dell art. 150 prevede che il broker debba comunicare specificamente al cliente, nell ambito dell informazione precontrattuale di cui all art. 151, la sua abilitazione all incasso del premio. In caso di omissione o comunicazione non veritiera in ordine alla predetta abilitazione è prevista la sanzione della radiazione. Tale misura estrema appare eccessiva in tutte le ipotesi di mere omissioni colpose della comunicazione in questione o di semplici errori di collaboratori del broker rispetto all abilitazione all incasso dei premi. La sanzione va pertanto graduata in relazione alle specifiche responsabilità del caso concreto, contemplando, in aggiunta alle eventuali sanzioni di carattere pecuniario, anche le altre misure disciplinari previste dal Codice. Infine, sempre in tema di pagamento del premio assicurativo, appare utile specificare che, nel caso di polizze assunte da un broker in regime di coassicurazione, si applichi, nei confronti di tutte le imprese coassicuratrici, il principio secondo cui il pagamento del premio nei confronti del broker o di un suo collaboratore si considera effettuato direttamente all impresa di assicurazione, qualora, naturalmente, l attività di incasso premi sia riconosciuta al broker stesso nell ambito del rapporto di collaborazione con l impresa delegataria. 10

11 LA DISCIPLINA IN MATERIA DI SANZIONI TITOLO XVII La normativa in materia di sanzioni costituisce il nucleo centrale di qualsiasi sistema regolatore dell attività d impresa, poiché dalla sua efficacia deterrente e punitiva dipende il buon funzionamento del mercato. In generale, si osserva che non sempre la disciplina recata dal nuovo Codice risponde ai principi di razionalità, coerenza ed equità cui dovrebbe ispirarsi qualsiasi sistema sanzionatorio e, in particolare, i sistemi che riguardano la vigilanza sull attività imprenditoriale. Nello specifico, si rileva che, per alcune fattispecie minimali per gravità di comportamento ma suscettibili di ripetersi in un numero indefinito di occasioni anche in relazione alle particolari circostanze del caso concreto (si pensi alle sanzioni per i ritardi nella definizione dei sinistri r.c. auto), si è preferito dar luogo alla minuziosa previsione di sanzioni singole e soggette a semplice sommatoria, se le relative violazioni vengono riscontrate in un unico accertamento, piuttosto che contemplare una sanzione pecuniaria unica, anche di una certa rilevanza, che risulti accompagnata dall ammonimento a recuperare, entro termini congrui, condizioni di efficienza nell esercizio dell attività d impresa. Si osserva che tale secondo modello risulterebbe molto più funzionale e produttivo di effetti positivi sull organizzazione dell impresa che non la semplice misura afflittiva, poiché perseguirebbe, ad un tempo, la finalità punitiva e quella di ravvedimento operoso dell autore delle violazioni. In secondo luogo, si osserva che, specie per violazioni di minore gravità, vengono previste sanzioni d importo eccessivo sia nei minimi che nei massimi. Si chiede pertanto di considerare l opportunità di rivedere detti importi in una logica di proporzionalità ed equità della misura afflittiva. Sempre nell ottica di attribuire maggior razionalità alla materia e rendere l assetto sanzionatorio del Codice più compatibile con il sistema guida in campo di sanzioni amministrative pecuniarie (legge n. 689 del 1981), occorrerebbe ampliare il numero dei casi in cui ammettere l oblazione, che, contemplando il pagamento in misura ridotta e la contestuale ed immediata ammissione di responsabilità, costituisce un istituto che conferisce certezza al sistema ed evita la diffusione di costosi e lunghi contenziosi amministrativi e giudiziari. Per quanto riguarda le specifiche misure sanzionatorie previste in materia di assicurazione r.c. auto, sarebbe opportuno risolvere i dubbi interpretativi cui dà luogo la disciplina della procedura rapida di risarcimento (art.182) nel caso in cui la 11

12 richiesta di indennizzo presentata dal danneggiato non risulti completa degli elementi previsti dalla legge e necessari per procedere alla liquidazione del danno. In questo caso, la norma prescrive l obbligo in capo all impresa di assicurazione di chiedere entro trenta giorni l integrazione della domanda risarcitoria incompleta, pena l applicazione di una sanzione pecuniaria (cfr. art. 340, comma 1, lett. a)). Peraltro, lo stesso art. 182 (in combinato disposto con l art. 340) contempla che, a prescindere dall adempimento o meno di tale obbligo, l impresa possa essere sanzionata per la più grave violazione della mancata offerta anche in presenza di una richiesta di risarcimento incompleta. Il risultato è che si applicano due sanzioni per la medesima violazione, con effetti aberranti dal punto di vista del principio di legalità. Per eliminare tale risultato abnorme, e considerato che l obbligo di richiedere l integrazione della domanda di risarcimento incompleta si atteggia, dal punto di vista concettuale, come un onere a carico dell impresa (il cui assolvimento interrompe i termini della procedura di risarcimento), occorrerebbe eliminare la sanzione prevista per il suo mancato rispetto, riservando all impresa inadempiente l applicazione delle più gravi sanzioni contemplate per la mancata offerta. Coerentemente con tale impostazione, occorrerebbe inoltre precisare al comma 5 dell art. 182 che, in caso di domanda di risarcimento incompleta, l impresa che ne abbia correttamente richiesto l integrazione, non risulti obbligata in alcun caso a procedere all offerta risarcitoria. Il testo attuale è invece del tutto ambiguo sul punto, poiché sembra attribuire alla discrezionalità dell Autorità di controllo il giudizio sulla sufficienza o meno dei contenuti della domanda risarcitoria ai fini della sua trattazione e della successiva liquidazione del danno, il che viola nuovamente il principio di legalità. In conclusione, un discorso a parte merita l esigenza di favorire il contrasto alle frodi in assicurazione. Il fenomeno è assai più vasto dei numeri ufficiali, che evidenziano comunque oltre casi nel solo 2003 (ultimo dato disponibile, fonte ISVAP) e ha indotto il settore assicurativo a proporre la costituzione di un Agenzia nazionale antifrode di natura pubblica, ma finanziata con risorse private, provenienti dalle compagnie. Rispetto all impegno in questa direzione, anche il sistema sanzionatorio dovrebbe farsi carico delle situazioni in cui la violazione formale di una disposizione da parte dell impresa (es. mancato rispetto dei termini per liquidare un sinistro, mancata assunzione di un rischio in portafoglio in presenza di obbligo a contrarre, etc,) non dipende da inefficienza organizzativa, ma è piuttosto indotta dall esigenza di accertare e contrastare comportamenti fraudolenti da parte dell utenza, che spesso sfrutta le rigidità formali della normativa per impedire l azione antifrode delle compagnie. 12

13 In tutti questi casi, naturalmente da provarsi a cura dell impresa, l eventuale procedimento sanzionatorio nei confronti dell impresa stessa dovrebbe essere temporaneamente sospeso. ********* 13

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE

OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE OSSERVAZIONI AL REGOLAMENTO IN PUBBLICA CONSULTAZIONE Quest Associazione apprezza la decisione dell ISVAP di avviare la procedura per la revisione del regolamento n.5/2006, sull attività degli intermediari

Dettagli

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI

MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI MOD. 7A 7B, E PRIVACY UNIFICATI Mod. 7A COMUNICAZIONE INFORMATIVA SUGLI OBBLIGHI DI COMPORTAMENTO CUI GLI INTERMEDIARI SONO TENUTI NEI CONFRONTI DEI CONTRAENTI La preghiamo di leggere con attenzione il

Dettagli

DIRITTI DEI CONSUMATORI

DIRITTI DEI CONSUMATORI DIRITTI DEI CONSUMATORI 1. Quali sono i diritti dei consumatori stabiliti dal Codice del Consumo 2. Qual è la portata della disposizione? 3. Qual è l origine dell elencazione? 4. In che cosa consiste il

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO

PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO CONVENZIONE POLIZZA DI RESPONSABILITA CIVILE PROFESSIONALE ORDINE DEGLI INGEGNERI DI TREVISO FOR INSURANCE BROKER SRL, Società di Brokeraggio con sede principale a Castelfranco V.to, Ha stipulato con i

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA

SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA SERVIZIO TUTELA DEL CONSUMATORE DIVISIONE PRODOTTI E PRATICHE DI VENDITA Roma 9 marzo 2015 Prot. n. 45-15 001407 All.ti n. Alle Imprese di assicurazione con sede legale in Italia che esercitano la r.c.

Dettagli

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa

CIRCOLARE N. 15/E. Roma, 10 maggio 2013. Direzione Centrale Normativa CIRCOLARE N. 15/E Direzione Centrale Normativa Roma, 10 maggio 2013 OGGETTO: Imposta di bollo applicabile agli estratti di conto corrente, ai rendiconti dei libretti di risparmio ed alle comunicazioni

Dettagli

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163;

Il Consiglio. VISTO il Decreto Legislativo 12 aprile 2006, n. 163; Regolamento unico in materia di esercizio del potere sanzionatorio da parte dell Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture di cui all art 8, comma 4, del D.Lgs. 12

Dettagli

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi

Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi Modello di organizzazione, gestione e controllo ex d.lgs. 231/01 PARTE SPECIALE- REATI SOCIETARI. Art. 25 Duodecies Impiego di cittadini di paesi terzi il cui soggiorno è irregolare Adozione con delibera

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti l attività di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli articoli 73 e 80 del decreto

Dettagli

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente"

LEGGE 27 LUGLIO, N.212. Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente LEGGE 27 LUGLIO, N.212 "Disposizioni in materia di statuto dei diritti del contribuente" pubblicata nella Gazzetta Ufficiale n. 177 del 31 luglio 2000 Art. 1. (Princìpi generali) 1. Le disposizioni della

Dettagli

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI

INFORMAZIONI EUROPEE DI BASE SUL CREDITO AI CONSUMATORI 1. IDENTITÀ E CONTATTI DEL FINANZIATORE/ INTERMEDIARIO DEL CREDITO Finanziatore/Emittente CartaSi S.p.A. Indirizzo Corso Sempione, 55-20145 Milano Telefono 02.3488.1 Fax 02.3488.4115 Sito web www.cartasi.it

Dettagli

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA

SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA SCHEMA DI DECRETO LEGISLATIVO RECANTE DISPOSIZIONI SULLA CERTEZZA DEL DIRITTO NEI RAPPORTI TRA FISCO E CONTRIBUENTE VISTI gli articoli 76 e 87 della Costituzione; IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA VISTA la

Dettagli

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che:

CONVENZIONI. L art. 2, commi 569, 573 e 574, L. 24 dicembre 2007, n. 244 (Legge finanziaria 2008) prevede che: Prospetto esplicativo riguardante i requisiti soggettivi per l abilitazione ai servizi del Programma per la Razionalizzazione negli Acquisti della Pubblica Amministrazione CONVENZIONI L art. 26, commi

Dettagli

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti;

L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO. SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; L AUTORITÀ GARANTE DELLA CONCORRENZA E DEL MERCATO NELLA SUA ADUNANZA del 5 giugno 2013; SENTITO il Relatore Professore Carla Bedogni Rabitti; VISTA la legge 10 ottobre 1990, n. 287; VISTO l articolo 101

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza Per modifica dati SOSTITUZIONE Smarrimento Furto Malfunzionamento/Danneggiamento CARTA

Dettagli

L abuso edilizio minore

L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore L abuso edilizio minore di cui all art. 34 del D.P.R. 380/2001. L applicazione della sanzione pecuniaria non sana l abuso: effetti penali, civili e urbanistici. Brunello De Rosa

Dettagli

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa

Roma, 11 marzo 2011. 1. Premessa CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Accertamento Roma, 11 marzo 2011 OGGETTO : Attività di controllo in relazione al divieto di compensazione, in presenza di ruoli scaduti, di cui all articolo 31, comma

Dettagli

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici

Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici Dir.P.C.M. 27 gennaio 1994 Princìpi sull erogazione dei servizi pubblici IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Visto l art. 5, comma 2, lettere b), e) ed f), della legge 23 agosto 1988, n. 400; Ritenuta

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Deliberazione n.57/pareri/2008

Deliberazione n.57/pareri/2008 Deliberazione n.57/pareri/2008 REPUBBLICA ITALIANA CORTE DEI CONTI SEZIONE REGIONALE DI CONTROLLO PER LA LOMBARDIA composta dai magistrati: dott. Nicola Mastropasqua Presidente dott. Giorgio Cancellieri

Dettagli

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa

Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa Il concorso di persone nell illecito amministrativo ambientale: la disciplina normativa e la prassi applicativa A cura della Dott.ssa Stefania Pallotta L art. 5 della legge n. 24 novembre 1981, n. 689

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015

REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO N. 9 DEL 19 MAGGIO 2015 REGOLAMENTO RECANTE LA DISCIPLINA DELLA BANCA DATI ATTESTATI DI RISCHIO E DELL ATTESTAZIONE SULLO STATO DEL RISCHIO DI CUI ALL ART. 134 DEL DECRETO LEGISLATIVO 7 SETTEMBRE

Dettagli

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015

CIRCOLARE N. 1/E. Roma, 9 febbraio 2015 CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 febbraio 2015 OGGETTO: IVA. Ambito soggettivo di applicazione del meccanismo della scissione dei pagamenti Articolo 1, comma 629, lettera b), della

Dettagli

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate

Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate Modalità di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA dei soggetti esercitanti le attività di agente e rappresentante di commercio disciplinate dalla legge 3 maggio 1985, n. 204, in attuazione degli

Dettagli

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane

L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane CIRCOLARE N. 12 DEL 20 APRILE 2015 DIRITTO SOCIETARIO MERCATO DEI CAPITALI E SOCIETA QUOTATE L applicazione delle tassonomie XBRL alle società italiane www.assonime.it ABSTRACT Nel corso del 2014 si è

Dettagli

Il Ministro della Pubblica Istruzione

Il Ministro della Pubblica Istruzione Prot. n. 30/dip./segr. Roma, 15 marzo 2007 Ai Direttori Generali Regionali Loro Sedi Ai Dirigenti degli Uffici scolastici provinciali Loro Sedi Al Sovrintendente Scolastico per la Provincia di Bolzano

Dettagli

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ

BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ BREVI OSSERVAZIONI sul LAVORO DI PUBBLICA UTILITÀ Tra le modifiche introdotte nell agosto 2010 all art. 186, C.d.S., vi è anche l inserimento del nuovo comma 9 bis, che prevede l applicazione del lavoro

Dettagli

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni;

IL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA. Visto l'articolo 20 della legge 15 marzo 1997, n. 59, allegato 1, numeri 94, 97 e 98, e successive modificazioni; D.P.R. 14-12-1999 n. 558 Regolamento recante norme per la semplificazione della disciplina in materia di registro delle imprese, nonché per la semplificazione dei procedimenti relativi alla denuncia di

Dettagli

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto

Mini Guida. Lotta alle frodi nella RC Auto Mini Guida Lotta alle frodi nella RC Auto Guida realizzata da Con il patrocinio ed il contributo finanziario del LOTTA ALLE FRODI NELLA RC AUTO Le frodi rappresentano un problema grave per il settore della

Dettagli

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo.

DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. DISEGNO DI LEGGE: Delega al Governo per la riforma della disciplina della cooperazione dell'italia con i Paesi in via di sviluppo. Consiglio dei Ministri: 05/04/2007 Proponenti: Esteri ART. 1 (Finalità

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO

CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEI CONSULENTI DEL LAVORO Norme attuative del Regolamento per la Formazione Continua della professione di Consulente del Lavoro. Premessa 1. Le presenti norme attuative

Dettagli

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP.

Gabinetto dell On. le Ministro. Organismo Indipendente di Valutazione. Presidente del Consiglio Superiore dei LL.PP. Dipartimento per le Infrastrutture, gli affari generali ed il personale Direzione generale del personale e degli affari generali Divisione 4 Ufficio Ispettivo e Disciplina Via Nomentana, 2 00161 Roma tel.06.4412.3285

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015

CIRCOLARE N. 18/E. Roma, 28 aprile 2015 CIRCOLARE N. 18/E Direzione Centrale Normativa Roma, 28 aprile 2015 OGGETTO: Addizionale IRES per il settore energetico (c.d. Robin Hood Tax) - Articolo 81, commi 16, 17 e 18, del decreto legge 25 giugno

Dettagli

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi

Regolamento di Accesso agli atti amministrativi ISTITUTO COMPRENSIVO DANTE ALIGHIERI 20027 RESCALDINA (Milano) Via Matteotti, 2 - (0331) 57.61.34 - Fax (0331) 57.91.63 - E-MAIL ic.alighieri@libero.it - Sito Web : www.alighierirescaldina.it Regolamento

Dettagli

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297

Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 Decreto Legislativo 19 novembre 2004, n. 297 "Disposizioni sanzionatorie in applicazione del regolamento (CEE) n. 2081/92, relativo alla protezione delle indicazioni geografiche e delle denominazioni di

Dettagli

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali

ART. 19 Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali 121 TITOLO III - DELL ATTIVITÀ SINDACALE ART. Costituzione delle rappresentanze sindacali aziendali Rappresentanze sindacali aziendali possono essere costituite ad iniziativa dei lavoratori in ogni unità

Dettagli

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza

Codice di Comportamento Genesi Uno. Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Codice di Comportamento Genesi Uno Linee Guida e Normative di Integrità e Trasparenza Caro Collaboratore, vorrei sollecitare la tua attenzione sulle linee guida ed i valori di integrità e trasparenza che

Dettagli

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 42/E QUESITO RISOLUZIONE N. 42/E Direzione Centrale Normativa Roma, 27 aprile 2012 OGGETTO: Interpello (art. 11, legge 27 luglio 2000, n. 212) - Chiarimenti in merito alla qualificazione giuridica delle operazioni

Dettagli

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI

Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro. N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Le Circolari della Fondazione Studi Consulenti del Lavoro N.6 del 29.05.2013 SOCIETA TRA PROFESSIONISTI Introduzione Le Societá tra Professionisti, introdotte dalla legge 183/2010, sono una delle novitá

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI

(Atti non legislativi) REGOLAMENTI 24.12.2013 Gazzetta ufficiale dell Unione europea L 352/1 II (Atti non legislativi) REGOLAMENTI REGOLAMENTO (UE) N. 1407/2013 DELLA COMMISSIONE del 18 dicembre 2013 relativo all applicazione degli articoli

Dettagli

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA

L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA L ATTUAZIONE DELLA LEGGE 56/14: IL RIORDINO DELLE FUNZIONI DELLE PROVINCE E DELLE CITTA METROPOLITANE E L ACCORDO IN CONFERENZA UNIFICATA Roma 3 luglio 2014 PREMESSA La legge 7 aprile 2014, n. 56, Disposizioni

Dettagli

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag.

CODICE ETICO SOMMARIO. Premessa Principi generali. pag. 2 pag. 2 pag. 3 pag. 3 pag. 4 pag. 4 pag. 5 pag. 7 pag. 7 pag. 7 pag. 8 pag. 8 pag. CODICE ETICO SOMMARIO Premessa Principi generali Art. I Responsabilità Art. II Lealtà aziendale Art. III Segretezza Art. IV Ambiente di Lavoro, sicurezza Art. V Rapporti commerciali Art. VI Rapporti con

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015

PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015 PROVVEDIMENTO N. 30 DEL 24 MARZO 2015 PROVVEDIMENTO RECANTE MODIFICHE AL REGOLAMENTO ISVAP N. 24 DEL 19 MAGGIO 2008 CONCERNENTE LA PROCEDURA DI PRESENTAZIONE DEI RECLAMI ALL ISVAP E LA GESTIONE DEI RECLAMI

Dettagli

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti.

CIRCOLARE N. 23/E. OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. CIRCOLARE N. 23/E Direzione Centrale Normativa Roma, 9 giugno 2015 OGGETTO: Ravvedimento Articolo 13, comma 1, lettera a-bis), del decreto legislativo 18 dicembre 1997, n. 472 Chiarimenti. La legge di

Dettagli

IL RISARCIMENTO DEL DANNO

IL RISARCIMENTO DEL DANNO IL RISARCIMENTO DEL DANNO Il risarcimento del danno. Ma che cosa s intende per perdita subita e mancato guadagno? Elementi costitutivi della responsabilità civile. Valutazione equitativa. Risarcimento

Dettagli

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali

Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Regolamento per la formazione continua degli Assistenti Sociali Approvato nella seduta di Consiglio del 10 gennaio 2014 Del.01/2014 IL CONSIGLIO NAZIONALE DELL ORDINE DEGLI ASSISTENTI SOCIALI CONSIDERATO

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia

Economia e Finanza delle. Assicurazioni. Introduzione al corso. Mario Parisi. Università di Macerata Facoltà di Economia Economia e Finanza delle Assicurazioni Università di Macerata Facoltà di Economia Mario Parisi Introduzione al corso 1 Inquadramento del corso 1996: Gruppo di ricerca sulle metodologie di analisi, sugli

Dettagli

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA

L anno, il giorno del mese di in, con la presente scrittura privata valida a tutti gli effetti di legge TRA Allegato n.3 Schema di contratto per il comodato d uso gratuito di n. 3 autoveicoli appositamente attrezzati per il trasporto di persone con disabilità e n. 2 autoveicoli per le attività istituzionali

Dettagli

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego

Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego Forme e termini del procedimento disciplinare nel pubblico impiego La riforma Brunetta, introdotta dal D.Lgs. 150/09, ha modificato profondamente il sistema disciplinare nel pubblico impiego, intervenendo

Dettagli

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015

CIRCOLARE N. 20/E. Roma, 11 maggio 2015 CIRCOLARE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 11 maggio 2015 OGGETTO: Trattamento agli effetti dell IVA dei contributi pubblici relativi alle politiche attive del lavoro e alla formazione professionale

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB

A cura di confidi112tub.eu. Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Dall iscrizione ex art. 155 comma 4 all elenco 112 bis TUB Premessa I Confidi - Consorzi e Cooperative di garanzia collettiva fidi - sono i soggetti che, ai sensi della legge 326/2003, svolgono esclusivamente

Dettagli

Gruppo PRADA. Codice etico

Gruppo PRADA. Codice etico Gruppo PRADA Codice etico Indice Introduzione 2 1. Ambito di applicazione e destinatari 3 2. Principi etici 3 2.1 Applicazione dei Principi etici: obblighi dei Destinatari 4 2.2 Valore della persona e

Dettagli

Art. 3. Codice disciplinare

Art. 3. Codice disciplinare Art. 3 Codice disciplinare 1. Nel rispetto del principio di gradualità e proporzionalità delle sanzioni in relazione alla gravità della mancanza, e in conformità a quanto previsto dall art. 55 del D.Lgs.n.165

Dettagli

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.

DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04. ISTITUTO AUTONOMO CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI FOGGIA DISPOSIZIONI DISCIPLINARI CONTRATTUALI PERSONALE NON DIRIGENTE DEL COMPARTO REGIONI E AUTONOMIE LOCALI (estratto C.C.N.L. del 11.04.2008) TITOLO

Dettagli

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 78/12/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MARRUCCI / EUTELIA XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE

I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE I CHIARIMENTI DELL AGENZIA DELLE ENTRATE SUL REVERSE CHARGE Circolare del 31 Marzo 2015 ABSTRACT Si fa seguito alla circolare FNC del 31 gennaio 2015 con la quale si sono offerte delle prime indicazioni

Dettagli

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI

CAMERA DEI DEPUTATI PROPOSTA DI LEGGE BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Atti Parlamentari 1 Camera dei Deputati CAMERA DEI DEPUTATI N. 111 PROPOSTA DI LEGGE D INIZIATIVA DEI DEPUTATI BRATTI, BRAGA, TINO IANNUZZI, MARIANI Modifiche al codice della strada, di cui al decreto

Dettagli

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia;

Visto il decreto legislativo 1 settembre 1993, n. 385, testo unico delle leggi in materia bancaria e creditizia; DECRETO LEGISLATIVO RECANTE ULTERIORI DISPOSIZIONI DI ATTUAZIONE DELLA DELEGA DI CUI ALL ARTICOLO 33, COMMA 1, LETTERA E), DELLA LEGGE 7 LUGLIO 2009, N. 88 Visti gli articoli 76 e 87 della Costituzione;

Dettagli

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali?

1. Quali sono gli estremi per l iscrizione all Albo Nazionale Gestori Ambientali? Domanda: Risposta (a cura di Maurizio Santoloci): Oggi un impresa edile che trasporta in proprio i rifiuti non pericolosi con proprio mezzo al contrario di quanto accadeva nella previdente disciplina deve

Dettagli

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014

JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE N. 78 DEL 16/05/2014 DI CONVERSIONE DEL D.L. N. 34 DEL 20/03/2014 Tipologia: LAVORO Protocollo: 2006614 Data: 26 maggio 2014 Oggetto: Jobs Act: disposizioni Legge n. 78 del 16/05/2014 di conversione del D.L. n. 34 del 20/03/2014 Allegati: No JOBS ACT: DISPOSIZIONI LEGGE

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari

COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari COMUNE DI CAPOTERRA Provincia di Cagliari UFFICIO DEL SEGRETARIO GENERALE Responsabile Settore Affari del Personale-Anticorruzione-Trasparenza CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO Il

Dettagli

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1

I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 I provvedimenti anti-crisi del Governo italiano adottati nel 2009. PARTE 1 A cura dell Avv. Laura Lunghi *** Nel corso del 2009, il Governo italiano ha continuato ad agire nell ambito di un azione concertata

Dettagli

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE

COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE COMMISSIONE PARLAMENTARE DI VIGILANZA SULL ANAGRAFE TRIBUTARIA AUDIZIONE DEL DIRETTORE DELL AGENZIA DELLE ENTRATE Modello 730 precompilato e fatturazione elettronica Roma, 11 marzo 2015 2 PREMESSA Signori

Dettagli

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA

ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA ALLA CAMERA DI COMMERCIO INDUSTRIA ARTIGIANATO E AGRICOLTURA Società Consortile di Informatica delle Camere di Commercio Italiane per azioni di CONDUCENTE Cognome Nome 1 a EMISSIONE RINNOVO Per scadenza

Dettagli

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO

DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO DELIBERA N. 23/13/CRL DEFINIZIONE DELLA CONTROVERSIA XXX MIGLIARUCCI/TELETU XXX IL CORECOM LAZIO NELLA riunione del Comitato Regionale per le Comunicazioni del Lazio (di seguito, per brevità, Corecom Lazio

Dettagli

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria).

Consiglio nazionale del notariato, Studio 98-2013/I; Codice civile, art. 2363; D.lgs. 17 gennaio 2003, n. 6 (Riforma societaria). Luogo di convocazione dell assemblea nelle società di capitali della Dott.ssa Roberta De Pirro L ADEMPIMENTO Il Consiglio nazionale del notariato, nello Studio n. 98-2013/I ha fatto il punto sul luogo

Dettagli

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni

Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni Per i licenziamenti collettivi: semplificazione delle procedure, variabilità del regime sanzionatorio e termini più stretti per le impugnazioni di Pierluigi Rausei * La Sezione II, del Capo III (Disciplina

Dettagli

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative

OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147 Chiarimenti e istruzioni operative CIRCOLARE N. 1/E Direzione Centrale Affari Legali e Contenzioso Roma, 12 febbraio 2014 OGGETTO: Mediazione tributaria Modifiche apportate dall articolo 1, comma 611, della legge 27 dicembre 2013, n. 147

Dettagli

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista

Patrimoni destinati ad uno specifico affare. A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Patrimoni destinati ad uno specifico affare A cura di Davide Colarossi Dottore Commercialista Riferimenti normativi D.Lgs. Numero 6 del 17 gennaio 2003 Introduce con gli articoli 2447-bis e seguenti del

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI

CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI CONTRIBUTO AGLI AUTOTRASPORTATORI PER L ACQUISTO DI VEICOLI NUOVI Art. 1, comma 89, Legge n. 147/2013 DM n. 307/2014 Circolare MIT 22.9.2014, n. 18358 Modena, 07 ottobre 2014 La Finanziaria 2014 ha previsto

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

di Roberto Fontana, magistrato

di Roberto Fontana, magistrato 10.1.2014 LE NUOVE NORME SULLA FISSAZIONE DELL UDIENZA E LA NOTIFICAZIONE DEL RICORSO E DEL DECRETO NEL PROCEDIMENTO PER DICHIARAZIONE DI FALLIMENTO di Roberto Fontana, magistrato Sommario. 1. La nuova

Dettagli

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati

FOGLIO INFORMATIVO. 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati Pagina 1/8 FOGLIO INFORMATIVO 4g - Altri finanziamenti non cambiari a privati INFORMAZIONI SULLA BANCA CASSA DI RISPARMIO DI VOLTERRA S.p.A. Sede Legale: Piazza dei Priori, 16/18 56048 Volterra (PI) Tel.:

Dettagli

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia

Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Il presente documento è conforme all'originale contenuto negli archivi della Banca d'italia Firmato digitalmente da Sede legale Via Nazionale, 91 - Casella Postale 2484-00100 Roma - Capitale versato Euro

Dettagli

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI

IL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI dalla G.U. n. 59 del 12 marzo 2014 (s.o. n. 20) DECRETO DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 3 dicembre 2013 Regole tecniche in materia di sistema di conservazione ai sensi degli articoli 20, commi

Dettagli

L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE. Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi.

L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE. Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi. L AMMINISTRATORE DEL SISTEMA INFORMATICO AZIENDALE: REGIME NORMATIVO E OBBLIGHI DI LEGGE Avv. Luca Giacopuzzi www.lucagiacopuzzi.it INDICE: 1) Considerazioni preliminari 1.1) La portata giuridico-formale

Dettagli

DECRETO 26 ottobre 2011

DECRETO 26 ottobre 2011 DECRETO 26 ottobre 2011 Modalita' di iscrizione nel registro delle imprese e nel REA, dei soggetti esercitanti l'attivita' di mediatore disciplinata dalla legge 3 febbraio 1989, n. 39, in attuazione degli

Dettagli

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti

Indice sommario. PARTE PRIMA Il contratto e le parti Indice sommario Presentazione (di PAOLOEFISIO CORRIAS) 1 PARTE PRIMA Il contratto e le parti Capitolo I (di CLAUDIA SOLLAI) 13 Le fonti del contratto di agenzia 1. La pluralità di fonti. Il codice civile

Dettagli

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267

COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO. Legge 24 novembre 1981, n. 689. D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 COMUNE DI FROSSASCO C.A.P. 10060 - PROVINCIA DI TORINO Regolamento per l applicazione delle sanzioni amministrative in materia di violazioni ai regolamenti e alle ordinanze comunali Legge 24 novembre 1981,

Dettagli

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto

CONTRATTO A TERMINE. Proroga e continuazione di fatto 2_7.qxd 30/06/2010 14.34 Pagina 2 CONTRATTO A TERMINE Proroga e continuazione di fatto di Geppino Tocci - Funzionario INPS Una delle principali finalità della direttiva europea 28 giugno 1999, n. 1999/70,

Dettagli

Ministero dello Sviluppo Economico

Ministero dello Sviluppo Economico Ministero dello Sviluppo Economico DIPARTIMENTO PER L IMPRESA E L INTERNAZIONALIZZAZIONE DIREZIONE GENERALE PER IL MERCATO, LA CONCORRENZA, IL CONSUMATORE, LA VIGILANZA E LA NORMATIVA TECNICA Divisione

Dettagli

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari

Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Legge 15 dicembre 1990, n. 386, come modificata dal Decreto Legislativo 30 dicembre 1999, n. 507. Nuova disciplina sanzionatoria degli assegni bancari Art. 1. Emissione di assegno senza autorizzazione

Dettagli

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015

CIRCOLARE N. 13/E. Roma, 26 marzo 2015 CIRCOLARE N. 13/E Direzione Centrale Servizi ai Contribuenti Roma, 26 marzo 2015 OGGETTO: Articolo 1, comma 154, legge 23 dicembre 2014, n. 190 (Legge stabilità 2015) Contributo del cinque per mille dell

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE

IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE IL PROCEDIMENTO DISCIPLINARE COSA CAMBIA CON LA RIFORMA PREVISTA NEL D.LGS DI ATTUAZIONE DELLA LEGGE DELEGA 15/2009. L OBBLIGO DI AFFISSIONE DEL CODICE DISCIPLINARE La pubblicazione sul sito istituzionale

Dettagli

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob)

Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini. (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Strategia di Esecuzione e Trasmissione degli ordini (ai sensi degli artt. 45-46-47-48 del Regolamento Intermediari Consob) Novembre 2011 1 Indice PREMESSA ALLE LINEE GUIDA... 3 1 PRINCIPI GENERALI... 3

Dettagli

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN

COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN COME NASCE L IDEA IMPRENDITORIALE E COME SI SVILUPPA IL PROGETTO D IMPRESA: IL BUSINESS PLAN La nuova impresa nasce da un idea, da un intuizione: la scoperta di una nuova tecnologia, l espansione della

Dettagli