Tanzania & Uganda SAFARI INDIVIDUALI SOGGIORNI MARE E SCUBA DIVING COMBINATI PARCHI E MARE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Tanzania & Uganda SAFARI INDIVIDUALI SOGGIORNI MARE E SCUBA DIVING COMBINATI PARCHI E MARE"

Transcript

1 Tanzania & Uganda SAFARI INDIVIDUALI SOGGIORNI MARE E SCUBA DIVING COMBINATI PARCHI E MARE

2 Conosciamo la Tanzania Tanzania Parco Nazionale di ARUSHA Parco Nazionale del Monte KILIMANGIARO Kilimangiaro. Il nome stesso è un mistero velato da nuvole. La popolazione locale, i Wachagga, non ha neanche un nome per l intero massiccio, solo il nome Kipoo (ora conosciuto come Kibo) usato per la famosa cima innevata che si erge imperiosamente fino a diventare la sommità ed il nume tutelare del continente. Kilimangiaro, qualsiasi cosa voglia dire il suo nome, è una metafora per l irresistibile bellezza dell Africa Orientale. Quando lo vedrete capirete perché. Non solo è la cima più alta del continente africano, ma è anche la montagna isolata più alta del mondo, ergendosi in straordinario isolamento da una pianura stepposa sui 900 metri sul livello del mare, fino ad arrivare ad una maestosa altezza di 5895 metri. Il Kilimangiaro è una delle alte vette più facilmente accessibili al mondo, un richiamo per turisti di tutto il mondo. La maggior parte degli scalatori arriva al bordo del cratere muniti di poco più di un bastone, abbigliamento adatto e determinazione. E quelli che raggiungono la Punta Uhuru, la vetta vera e propria, o la Punta di Gillman sull orlo del cratere, avranno ben meritato il loro certificato di scalatori. Ed anche i loro ricordi. Ma il Kilimangiaro è molto di più che la sua vetta. L ascensione sui suoi pendii è un tour virtuale dei climi del mondo, dai tropici all Artico. Ancor prima di oltrepassare il confine del parco nazionale (a quota 2700), i terreni coltivati lasciano il posto a una lussureggiante foresta montana abitata da sfuggevoli elefanti, leopardi, bufali, le minacciate antilopi di Abbot e altre piccoli antilopi e primati. Ancora più in alto c é la zona delle brughiere, ricoperte da eriche giganti e punteggiate da altrettanto giganti lobelie che sembrano venire da un altro mondo. Sopra i 4000 si trova un surreale deserto alpino che, ad eccezione di qualche robusto muschio Gioiello dalle molte sfaccettature, spesso dimenticato dai turisti nonostante la possibilità di poter esplorare in poche ore una grande diversità di incantevoli habitat. L ingresso del parco si apre su una foresta montana abitata dalle curiose scimmie blu e dai coloratissimi turaco e trogoni l unico posto del circuito settentrionale dei safari dove è possibile vedere facilmente l acrobatica scimmia colobo bianconera. Nel mezzo della foresta si trova lo spettacolare Cratere Ngurdoto, un terreno paludoso punteggiato da mandrie di bufali e branchi di facoceri.i laghi sono frequentati da una ricca selezione di uccelli acquatici migratori o stanziali, sulle loro rive le antilopi d acqua dal pelo lungo e ispido mostrano le loro lunghe corna a forma di lira. Le giraffe scivolano attraverso le erbose colline, tra branchi di zebre al pascolo, mentre coppie di dikdik dai grandi occhi sfrecciano tra gli sterpi come fossero lepri giganti dalle gracili zampe. Sebbene gli elefanti siano rari nel Parco Nazionale di Arusha ed i leoni completamente assenti, si possono vedere i leopardi e le iene maculate muoversi furtivamente nei dintorni in prima mattina o nel tardo pomeriggio. Inoltre all alba e al tramonto si apre il velo di nuvole verso l orizzonte orientale, facendo scoprire le maestose cime innevate del Kilimangiaro, distante solo 50 km. Ma è il modesto cugino, il Monte Meru la quinta cima più alta in Africa, con i suoi 4,566 metri, a dominare l orizzonte del parco. Con le sue cime ed i suoi pendii orientali protetti all interno del parco nazionale, il monte Meru offre panorami ineguagliabili del suo famoso vicino costituendo anche una rinomata destinazione per le escursioni in piena regola. Cosa fare Passeggiate nella foresta, picnic in varie zone; È possibile scalare il monte Meru in 3 o 4 giorni una buona maniera per allenarsi per il Kilimangiaro. Quando andare Da giugno a febbraio per scalare il monte Meru, ma in novembre può piovere. Da dicembre a febbraio la vista sul Kilimangiaro è eccellente. e lichene, è totalmente privo di esseri viventi. Poi, finalmente, l ultimo residuo di vegetazione lascia il posto ad un incanto invernale di neve e ghiaccio e alla magnifica bellezza del tetto del continente. Cosa fare Ci sono sei percorsi molto praticati che arrivano fino alla vetta e altri percorsi più difficili adatti a scalatori più esperti. Quando andare Temperature più calde e visibilità massima da dicembre a febbraio. Clima più secco (ma anche più freddo) da luglio a settembre. Parco Nazionale del Lago MANYARA Il lago Manyara è una gemma del paesaggio africano. Si allunga alla base della scarpata color oro rugginoso alta 600 metri della Rift Valley, un paesaggio definito da Ernest Hemingway come il più bello che ho visto in Africa. Il circuito di osservazione degli animali a Manyara è compatto ma mostra un microcosmo virtuale dell esperienza di un safari in Tanzania. Dall ingresso principale la strada percorre una distesa di giungla lussureggiante dove gruppi di centinaia di babbuini poltriscono con noncuranza al lato della carreggiata, scimmie blu scorazzano agilmente tra gli antichi alberi di mogano, delicati tragelafi striati (antilopi di foresta) camminano prudentemente tra le ombre, mentre i bucorvi della foresta strombazzano rumorosamente tra i rami degli alberi. In netto contrasto con l intimità della foresta, l erbosa pianura alluvionale da dove, guardando verso est attraverso il lago alcalino, si gode di una vista eccezionale delle frastagliate cime vulcaniche che si ergono dalle infi nite steppe Masai. Grossi esemplari di bufalo, gnu e branchi di zebre si ammassano su queste pianure erbose, così come le giraffe, alcune delle quali hanno un colore così scuro da apparire quasi nero da una certa distanza. Verso l interno delle pianure alluvionali troviamo una stretta cintura di foreste di acacia, habitat preferito dei leggendari leoni arboricoli del Manyara e di elefanti

3 dalle zanne impressionanti. Squadroni di manguste striate sfrecciano tra le acacie, mentre il minuto dik-dik di Kirk bruca nell ombra. Si vedono spesso coppie di antilopi saltarupi defilarsi tra le alte rocce sopra le sorgenti di acqua calda che fumano e borbottano accanto alla riva del lago nella parte più meridionale del parco. Il Manyara è un iniziazione perfetta alla fauna aviaria della Tanzania. Sono state registrare più di 400 specie ed anche il visitatore meno esperto può quasi sicuramente vederne un centinaio in una sola giornata. Tra gli altri uccelli, si devono segnalare le migliaia di fenicotteri rosa impegnati nelle loro perpetue Parco Nazionale del SERENGETI Un milione di gnu, ognuno guidato da un ritmo antico, ognuno attore dell ineluttabile dramma della vita: tre settimane di conquiste territoriali e accoppiamenti febbrili seguite da un corso di sopravvivenza sulla via del nord durante l esodo annuale in file lunghe fino a 40 chilometri attraverso acque infestate da coccodrilli. Infine la moltiplicazione della specie in una breve esplosione demografica che produce più di ottomila piccoli gnu al giorno, per poi iniziare da capo il lungo pellegrinaggio di 1000 chilometri. Il Serengeti, il parco più antico e il più visitato della Tanzania, è famoso per la migrazione annuale, quando sei milioni di zoccoli calcano le pianure sterminate, con più di zebre e gazzelle di Thomson che si aggregano agli gnu alla ricerca di nuovi pascoli. Ma anche quando la migrazione è finita, il Serengeti è probabilmente il miglior posto in Africa per osservare gli animali selvatici: grandi mandrie di bufali, piccoli gruppi di elefanti e giraffe, migliaia e migliaia di eland, topi, kongoni, impala e gazzelle di Grant.Lo spettacolo dei predatori e delle loro prede è il motivo conduttore all interno del più maestoso parco della Tanzania. Branchi di leoni dal manto dorato che banchettano lautamente grazie all abbondanza degli animali da pascolo. I solitari leopardi che si muovono furtivamente sugli alberi di acacia lungo il fiume Seronera, mentre un gran numero di ghepardi si aggirano nelle pianure sudorientali. Caso quasi unico, tutte le tre specie di sciacalli africani sono presenti, assieme alla iena maculata e ad una serie di furtivi predatori di piccola taglia, che vanno dall insettivoro protele fino al bellissimo serval. Ma nel Serengeti non ci sono solo grandi mammiferi: la vistosa lucertola agama e le procavie delle rocce fanno baruffa tra le collinette rocciose che si ergono nella pianura africana. Sono stati avvistati almeno 100 tipi diversi di scarabei stercorari, così come più di 500 specie di uccelli, tra cui gli enormi struzzi, il bizzarro uccello segretario delle praterie e le aquile nere che si innalzano elegantemente sopra le colline Lobo. Quello che vi rimarrà impresso, oltre alla bellezza degli animali selvatici, è il senso di libertà che viene dai grandi spazi aperti caratteristici delle pianure del Serengeti che si estendono tra savane bruciate dal sole, fino allo scintillante orizzonte dorato alla fine del mondo. Eppure, dopo le piogge, questa distesa dorata d erba si trasforma in un tappeto d erba infinito, punteggiato da fiori selvatici. E ci sono anche colline con le Parco Nazionale di TARANGIRE Giorni e giorni di cielo senza nuvole. Un sole feroce asciuga tutta l umidità dal paesaggio, come in un forno la terra diventa rossa e l erba avvizzita diventa fragile come paglia. Il fiume Tarangire è solo l ombra di ciò che era durante la stagione delle piogge. Ma è ricolmo di fauna. Nomadi assetati hanno vagato per centinaia di aridi chilometri sapendo che qui c é sempre acqua. Branchi composti anche da 300 elefanti grattano il letto secco del fiume per cercare l acqua sotterranea, mentre gli animali migratori come gnu, zebre, bufali, gazzelle, antilopi sudafricane ed eland si affollano attorno alla poca acqua che resta nelle pozze. Qui c é la più grande concentrazione di animali selvatici al di fuori dell ecosistema del Serengeti un ricco buffet per i predatori. Questo è anche l unico posto in Tanzania dove si osservano regolarmente certi tipi di antilopi come il maestoso orice gazzella ed il stupefacente gerenuk dal lungo collo. Durante la stagione delle piogge questi visitatori stagionali si disperdono su km2 per tornare verso il fiume una volta che l erba delle praterie è esaurita. Ma le bande di elefanti del Tarangire si incontrano facilmente sia nella stagione secca che in quella umida. Le paludi si colorano di verde tutto l anno e sono il punto focale per 550 specie aviarie. Questo è l unico habitat al mondo che riunisca una tale quantità di specie riproduttive. In zone meno umide troviamo l otarda di Kori, l uccello volante più pesante del mondo, lo struzzo masai, l uccello più grande del mondo, e piccoli gruppi di bucorvi cafri che schiamazzano come tacchini. I più appassionati ornitologi potranno cercare di avvistare stormi schiamazzanti di coloratissimi inseparabili migrazioni, ed altri grandi uccelli acquatici come pellicani, cormorani e cicogne. Cosa fare Osservazione degli animali, escursioni in canoa quando le acque sono abbastanza profonde. Tour culturali, escursioni in mountain bike, abseiling (discesa in corda doppia) e passeggiate nella foresta sulla scarpata fuori dal parco. Quando andare Durante la stagione secca (da luglio ad ottobre) per vedere grandi mammiferi; durante la stagione umida (da novembre a giugno) per osservare gli uccelli, la cascata e per andare in canoa. loro foreste e imponenti termitai, fiumi fiancheggiati da alberi di fico e boschi di acacia macchiati dalla polvere arancione. Il Serengeti è molto apprezzato dai turisti, ma resta un posto così vasto che potreste benissimo essere gli unici spettatori dei movimenti di un branco di leoni alla ricerca del loro prossimo pasto. Cosa fare Safari in mongolfiera, visita alle pitture rupestri Masai e alle rocce musicali. Si possono visitare il Cratere Ngorogoro, la Gola Olduvai, il vulcano Ol Doinyo Lengai e vedere i fenicotteri del Lago Natron. Quando andare Da dicembre a luglio per vedere la migrazione degli gnu. Giugno-ottobre per vedere i predatori. NOTA Il percorso ed il tempo della migrazione degli Gnu è imprevedibile. Restate almeno tre giorni per essere sicuri di vederli durante la vostra visita o anche di più se volete anche vedere i predatori più importanti. mascherati ed i meno esuberanti tessitori codarossa e storni cenerini, tutti uccelli endemici della savana secca del Tarangire centro-settentrionale. I termitai vuoti sono spesso abitati da colonie di simpatiche manguste nane e coppie di barbuti testarossa che si fanno notare per i loro rumorosi duetti dalla cadenza quasi meccanica. I pitoni del Tarangire si arrampicano sugli alberi, così come i leoni ed i leopardi che si allungano tra i rami della kigelia africana i cui frutti nascondono bene le movenze della loro coda. Cosa fare Safari a piedi accompagnati da guide escursioni di una giornata verso i villaggi Masai e Baradaig e le centinaia di pitture rupestri presso Kolo sulla strada di Dodoma. Quando andare Tutto l anno, ma durante la stagione secca (da giugno a settembre) ci sono molti più animali. Riserva Naturale del NGORONGORO Il cratere di Ngorongoro è un cratere vulcanico situato nella pianura di Serengeti e ad est del Parco del Serengeti. L area attorno al cratere costituisce la riserva naturale di Ngorongoro, si trova a 2200 metri sul livello del mare, misura oltre 16 chilometri di diametro e occupa in totale un area di circa 265 chilometri quadrati. Si tratta della più grande caldera intatta del mondo. Sulla corona del cratere corre un unica strada, sul versante meridionale. Ci sono quattro strade che collegano la Tanzania Conosciamo la Tanzania

4 Tanzania Conosciamo la Tanzania corona con l interno del cratere; il percorso richiede circa 30 minuti in fuoristrada. Il cratere appartiene all area più estesa (circa 8300 chilometri quadrati) della (Ngorongoro Conservation Area, o NCA). La NCA viene amministrata dalla Ngorongoro Conservation Area Authority, che è un organismo indipendente dal sistema dei parchi nazionali della Tanzania e amministra l area in modo diverso; per esempio, all interno dell NCA la popolazione dei Masai può vivere e spostarsi liberamente (cosa che non avviene in nessun altro parco della Tanzania). Oltre al cratere omonimo, la riserva di Ngorongoro include due altri crateri di dimensioni minori, Olmoti ed Empakaai, nonché l importantissimo sito archeologico delle Gole dell Olduvai, conosciute come culla dell umanità. Qui vennero rinvenuti resti di uomini primitivi risalenti a circa 1.75 milioni di anni fa e svariati fossili di animali risalenti all età della pietra. Grazie alla buona piovosità, agli stagni e ai piccoli laghi e torrenti interni, alla nebbia notturna che circonda e alimenta le foreste dei pendii del vecchio vulcano, la zona è divenuta un vero e proprio ecosistema. La Parco Nazionale del Torrente GOMBE Un grido eccitato sorge dalla densa foresta, rafforzato immediatamente da una dozzina di altre voci, ritmo e tonalità fino ad un culminare frenetico di grida stridule. È il famoso richiamo pant-hoot (letteralmente respiro affannoso-grido ): un rituale affettivo che permette ai partecipanti di identificarsi a vicenda grazie alle particolarità delle singole voci. Per l orecchio umano, camminando attraverso le antiche foreste del Torrente Gombe, questa elettrizzante esplosione sonora è premonitrice dell imminente contatto visivo con il parente più stretto del genere umano: lo scimpanzè. Gombe è il parco più piccolo della Tanzania: una fragile striscia, abitata da scimpanzè, a cavallo dei pendii scoscesi e delle valli fluviali che circondano la riva sabbiosa settentrionale del lago Tanganika. Gli scimpanzè del parco abituati alla presenza umana sono stati resi famosi dal lavoro pionieristico di Jane Goodal, che nel 1960 ha fondato un programma di ricerca etologico che è lo studio più lungo al mondo del suo genere. La matriarca Fifi, che è l ultima superstite della comunità originaria di scimpanzè e che aveva appena 3 anni quando la Goodall arrivò a Gombe, viene avvistata regolarmente dai turisti. Gli scimpanzè condividono circa il 98% dei loro geni con gli umani e non c è bisogno di una conoscenza scientifica per distinguere i loro repertori individuali di singulti, richiami e grida che definiscono savana occupa la zona più interna del cratere, alternandosi a tratti di palude, macchie di acacia e zone aride semi-desertiche; al centro del cratere si trova un lago. Nel cratere la concentrazione di fauna è impressionante: si calcola che sia abitato da oltre animali di grossa taglia. L immagine più tipica è probabilmente quella degli enormi branchi di zebre e gnu, ma nel cratere abita la gran parte delle specie tipiche della savana: elefanti, leoni, bufali, iene, sciacalli, ippopotami, babbuini, nonché alcune piuttosto rare come i rinoceronti bianchi, ultimi superstiti di una specie che nel resto della Tanzania è minacciata dall estinzione, e i leopardi, che vivono sugli alberi della foresta pluviale che ricopre i pendii del cratere. Innumerevoli le specie di uccelli attratte dalla riserva, che con i suoi numerosi specchi d acqua costituisce un richiamo per la fauna migratrice: tra essi meritano una segnalazione particolare i fenicotteri, che qui costituiscono una delle colonie più numerose di tutta l Africa. Assenti le giraffe e gli impala. Le locali tribù masai hanno il diritto di pascolo in questa zona e può capitare di incontrarle con il loro bestiame. le celebrità, i potenti ed i personaggi trainanti. Guardando negli occhi uno scimpanzè forse percepirete un attimo di intesa, riceverete in cambio uno sguardo inquisitivo che sembra volervi far capire che gli stretti legami fra le due specie sono stati riconosciuti. Gli altri famosi abitanti di Gombe sono sempre dei primati. Un gruppo di babbuini olivastri della spiaggia, sotto studio dagli anni 60, è eccezionalmente abituato alla presenza umana, mentre i colobi rossi, spesso preda degli scimpanzè ed i colobi a coda rossa preferiscono restare tra i rami degli alberi. Le circa 200 specie di uccelli del parco vanno dall emblematica aquila pescatrice, fino al raffinato amaranto fiammante che si vede facilmente vicino al centro di accoglienza del parco. Dopo il tramonto, l abbagliante cielo notturno è accompagnato dalle lanterne di centinaia di barchette di legno che ondeggiano sul lago come una vasta città. Cosa fare: Osservazione degli scimpanzè, passeggiate, bagni nel lago/ snorkelling; visita al luogo dove Henry Stanley pronunciò la famosa frase Il Dottor Livingstone presumo?, Udjiji vicino a Kigoma, dove è possibile anche assistere alla costruzione dei dhow, le tradizionali imbarcazioni africane. Quando andare: Gli scimpanzè non si spostano molto durante la stagione umida (da febbraio a giugno e da novembre a metà dicembre)

5 Parco Nazionale delle Montagne MAHALE Parco Nazionale delle Montagne MAHALE Nel cuore profondo dell Africa interna, inaccessibile su strada e solo 100 km a sud del luogo in cui Stanley pronunciò la celebre frase Il Dottor Livingstone suppongo?, c è una scena che ci ricorda un idilliaca isola dell Oceano Indiano. Insenature di serica sabbia bianca lambiscono le acque azzurre del lago Tanganika, all ombra di una catena di vette selvagge immerse nella giungla che si ergono fino a quasi due chilometri sul livello del lago: le misteriose e remote Montagne Mahale. Il parco delle Montagne Mahale, come il suo vicino settentrionale, il parco del Torrente Gombe, ospita alcuni degli ultimi scimpanzè selvatici rimasti in Africa: una popolazione di circa 800 individui, abituati alla presenza umana grazie ad un progetto giapponese fondato negli anni 60. Osservare le scimmie del Mahale è un esperienza magica. Gli occhi della guida trovano i nidi della notte precedente masse scure in alto tra le cime degli alberi che oscurano il cielo. Resti di frutta ed escrementi freschi diventano indizi preziosi che ci conducono sempre più all interno della foresta. Le farfalle svolazzano nelle macchie di sole che filtra dai rami. Improvvisamente siamo in mezzo a loro: si lisciano il pelo a vicenda in gruppi stretti, bisticciano rumorosamente o balzano sugli alberi per poi dondolarsi senza sforzo tra le liane. Questa zona è anche conosciuta come Nkungwe, nome della montagna più alta del parco che è sacra al popolo locale dei Tongwe e che, con i suoi 2460 metri, è la più alta delle sei imponenti cime che compongono la catena del Mahale. Mentre gli scimpanzè sono l attrazione principale, i versanti dei monti ospitano una fauna forestale variegata, con gruppi di colobi rossi, cercopitechi nasobianco e scimmie blu (samanghi), tutti facilmente osservabili, così come la caleidoscopica serie di coloratissimi Parco Nazionale di MIKUMI uccelli della foresta. Si può ripercorrere l antico pellegrinaggio del popolo Tongwe verso gli spiriti della montagna camminando attraverso la cintura della foresta pluviale montana dove risiede la razza endemica del colobo dell Angola - per arrivare ai crinali erbosi cosparsi di bambù di montagna. Si può poi fare il bagno nelle acque inverosimilmente limpide del lago più lungo e meno inquinato del mondo (che è anche il secondo lago più profondo del mondo), che ospita probabilmente almeno 1000 specie di pesci. Si tornerà indietro come si è arrivati: in barca. Cosa fare Osservazione degli scimpanzè (prevetere 2 giorni); escursioni, safari con campeggio; snorkeling; potrete pescare la vostra cena direttamente dal lago. Quando andare La stagione secca (da maggio a ottobre) è preferibile per le passeggiate in foresta, ma nessun problema durante le pioggerelline di ottobre e novembre. I primi raggi di sole colorano la superficie dell erba increspata della pianura creando un alone rosso-bruno. Un branco di zebre, sicure nella loro mimetizzazione in questa ora propizia per i predatori, posano come ballerine, le loro teste allineate e le loro strisce che si mescolano in un fluire di movimenti. Il Parco Nazionale di Mikumi è situato a ridosso del bordo settentrionale della riserva naturale più grande dell Africa, il Selous, ed è tagliato in due dalla strada asfaltata che va da Dar es Salaam ed Iringa. È quindi la parte più accessibile di un tratto selvaggio di chilometri che si estende ad est per arrivare quasi all Oceano Indiano. Gli orizzonti aperti e la fauna abbondante delle pianure alluvionali Mkata, la parte più visitata di Mikumi, fanno pensare alle famose pianure del Serengeti. Dalla cima dei termitai, oppure durante la stagione delle piogge - dall alto dei loro rifugi tra gli alberi, i leoni contemplano il loro reame erboso e le mandrie di zebre, gnu, impala e bufali che ci passano attraverso. Le giraffe pascolano tra le macchie isolate di acacia che si trovano lungo il fiume Mkata, isole di ombra che sono spesso anche rifugio degli elefanti del Mikumi. Le pianure alluvionali Mkata, dove si intersecano diverse strade usate per i safari, sono forse il posto migliore in Tanzania per vedere il potente eland, l antilope più grande del mondo. Il kudu maggiore, anche lui molto imponente, e l antilope nera si aggirano tra il miombo africano delle pendici delle montagne ai confini del parco. Sono state registrate più di 400 specie di uccelli, tra le quali, coloratissimi e residenti tutto l anno, la Ghiandaia marina pettolilla, il zampagrossa golagialla ed il falco giocoliere ai quali si uniscono una schiera di migranti europei durante la stagione delle piogge. Gli ippopotami sono l attrazione principale delle pozze che si trovano a 5 km a nord dell ingresso principale del parco, con un accompagnamento variabile di uccelli acquatici. Cosa fare Escursioni e passeggiate con guida. Visite intorno Udzungwa o viaggi a Selous o Ruaha. Quando andare Il parco è accessibile tutto l anno. Conosciamo la Tanzania Tanzania

6 Tanzania Conosciamo la Tanzania Riserva Naturale delle Montagne UDZUNGWA Rigogliose e primordiali, le foreste di Udzungwa sembrano proprio incantate: un lussureggiante rifugio di radure soleggiate delimitate da alberi di 30 metri dai tronchi ricoperti da funghi, licheni, muschi e felci. Udzungwa è la montagna più grande e biodiversa di una catena composta da una dozzina di vaste montagne coperte da foreste che si ergono maestosamente dalla pianura costiera della Tanzania orientale. Queste montagne sono conosciute come le Montagne dell Arco Orientale, ma questo arcipelago di cime isolate è anche conosciuto come le isole Galapagos africane per il suo patrimonio di piante ed animali endemici, come la famosa e delicata Violetta Africana. Udzungwa è l unica tra le montagne dell Arco Orientale ad avere ricevuto lo status di parco nazionale. Inoltre, in Tanzania questo è l unico parco in cui la lussureggiante foresta si estende senza interruzione da altitudini che vanno dai 250 metri fino ad arrivare sopra i 2000 metri. Udzungwa non è una tradizionale meta per safari, ma è un attrazione unica per chi ama le escursioni a piedi. L eccellente rete di sentieri forestali comprende un escursione di mezza giornata verso le cascate Sanje, dove l acqua cade da un altezza di 170 metri fino al fondovalle con uno spettacolare salto. Più impegnativo, il sentiero Mwanihana prevede due pernottamenti per poter arrivare all altipiano Parco Nazionale di RUAHA L osservazione della fauna comincia dal momento dell atterraggio. Una giraffa corre accanto alla pista, collo e gambe sproporzionati ma comunque stranamente elegante nella sua goffaggine. Una fila di zebre si schiera sulla scia della giraffa. Più distante, sotto un bulboso baobab, qualche rappresentante della popolazione di elefanti di Ruaha (la più grande concentrazione di elefanti tra i parchi dell Africa orientale) forma un anello protettivo attorno ai cuccioli. Secondo solo a Katavi per la sua fama di assoluta selvaticità, ma più accessibile, la Ruaha protegge un vasto tratto della savana ruvida e semi-arida che caratterizza la Tanzania centrale. La sua linfa vitale viene dal Grande Fiume Ruaha, che scorre con vigore lungo il confine orientale durante la stagione delle piogge, per poi diventare una serie di preziose pozze circondate da una distesa abbacinante di sabbia e roccia. Una buona rete di strade per safari segue il Grande Ruaha e i suoi affluenti, dove, durante la stagione secca, impala, antilopi d acqua e altre antilopi rischiano la pelle per un sorso vitale di acqua. Ed il rischio è considerevole: non ci sono solo branchi di più di venti leoni che governano la savana, ma anche ghepardi che si aggirano furtivi nelle pianure erbose ed i leopardi appostati nel folto degli alberi lungo il fiume. A questa serie impressionante di predatori si aggiungono le iene striate e maculate, così come diversi folti branchi di licaoni, specie a grande rischio di estinzione. L insolitamente grande varietà di antilopi a Ruaha è dovuta alla sua ubicazione, una zona di transizione tra la savana con acacie dell Africa orientale e la cintura di foreste di tipo miombo dell Africa meridionale. La gazzella di Grant ed il kudu minore qui sono nella parte più meridionale del loro habitat, assieme alle antilopi nere ed equine tipiche del miombo e al kudu maggiore, emblema del parco, che si distingue per le magnifiche corna a cavatappi del maschio e che da dove si può godere di una vista panoramica sulle piantagioni di zucchero per poi proseguire fi no alla cima Mwanihana, il secondo punto più alto della catena. Gli ornitologi sono attirati da Udzungwa a causa delle più di 400 specie aviarie che comprendono l adorabile Rigogolo testaverde ed una buona dozzina di uccelli rari endemici nell Arco Orientale. Quattro specie di uccelli sono unicamente reperibili in Udzungwa, tra le quali una pernice silvestre scoperta nel 1991 la cui caratteristica saliente è quella di essere più strettamente imparentata con generi asiatici che con altri volatili africani. Delle sei specie di primati catalogate, il colobo rosso degli Udzungwa ed il cercocebo Sanje non si trovano in alcun altro luogo al mondo. Il cercocebo Sanje è stato scoperto solo nel Senza alcun dubbio questa grande foresta deve ancora rivelarci tutti i suoi segreti tesori: l esplorazione scientifi ca in corso arricchirà sicuramente la lista delle specie endemiche. Cosa fare Escursione a piedi fino alle cascate (2 ore) Safari e campeggio. Abbinare al parco di Mikumi o come una tappa sulla strada verso il Parco di Ruaha. Quando andare É possibile andare tutto l anno ma il terreno diventa scivoloso in caso di pioggia; la stagione secca va da giugno a ottobre, ma la pioggia può arrivare in ogni momento. è presente in grandi numeri in questo parco. Una dualità simile è visibile nella lista delle 450 specie di uccelli del parco: il Barbuto di Levaillant, un attraente uccello giallo e nero il cui trillo è un suono tipico della savana meridionale, si trova a Ruaha insieme ad uccelli endemici della Tanzania centrale come l inseparabile mascherato e lo storno cenerino. Cosa fare: Escursioni giornaliere o safari a piedi attraverso la savana selvaggia. Ruderi dell età della pietra ad Ismila, vicino ad Iringa a 120 km, uno dei siti storici più importanti in Africa. Quando andare: Stagione secca (da metà maggio a dicembre) per vedere predatori e grandi mammiferi; stagione umida (da gennaio ad aprile) per osservare uccelli, paesaggi lussureggianti e fi ori selvatici. Il maschio del kudu maggiore è più visibile durante giugno, la stagione degli amori. Riserva del SELOUS La riserva Selous (Selous Game Reserve) è uno dei più grandi parchi faunistici del mondo, situato in Tanzania, in Africa orientale. La riserva prende il nome da Frederick Courteney Selous, capitano dei Regi Fucilieri Britannici, che vi trovò la morte nel 1917 durante un combattimento contro l esercito coloniale tedesco. L area divenne riserva di caccia nel Oggi è una meta turistica, ed è ancora in gran parte poco o per nulla battuta da esseri umani. La forte presenza di mosche tse-tse scoraggia infatti gli insediamenti nella zona. La superficie complessiva del parco è di chilometri quadrati. Alcuni degli animali tipici della savana (per esempio elefanti, ippopotami, licaoni e coccodrilli) si trovano nel Selous in concentrazioni superiori a quelle di qualsiasi altro parco africano. Luoghi di particolare interesse all interno della riserva sono il fiume Rufiji (che sbocca nell Oceano Indiano di fronte all isola di Mafia) e la gola di Stiegler, un canyon di circa cento metri di profondità e altrettanti di larghezza, attraversato da una teleferica. Attorno alla gola si trovano la maggior parte delle strutture ricettive della riserva (campeggi e lodge). Nella riserva Selous è consentito il safari a piedi, vietato nella maggior parte degli altri parchi nazionali africani.

7 QUEEN ELIZABETH National Park MURCHISON FALLS National Park L area protetta di Murchison Falls è la più estesa in Uganda, ben kmq, e comprende il Parco Nazionale Murchison Falls, le Riserve di Bugungo e Karuma e, a Sud, la Foresta di Bugongo. L altitudine varia dai 929 m sul delta del Lago Alberto e sul colle di Rabongo. L area è attraversata dal Nilo Vittoria, che congiunge il Lago Kyoga con il Lago Alberto. La vegetazione è caratterizzata da savana, foresta lungo il fiume e zone umide.il nome del parco viene dalle meravigliose cascate sul fiume, il punto in cui il maestoso fiume Nilo, attraverso una spaccatura nelle rocce di 6 metri, cade per un altezza di 43 metri, dando vita ad una tumultuosa caduta d acqua e creando uno degli scenari più belli di tutto l est Africa. Specie: Nel Parco Nazionale di Murchison Falls si trovano 76 specie di mammiferi: elefanti, bufali, scimmie, babbuini, giraffe, leoni, ippopotami, varie specie di antilopi tra cui il cobo ugandese, il fiòco o oribi (Ourebia ourebi) e il boero di Hartebeests o alcelafo (Alcelaphus buselaphus). Esemplari di leopardo sono presenti nel delta del fiume sul lago Albert. Ci sono 450 specie di uccelli. Attività: giro in barca da Paraa sul fiume Nilo fino alla base delle cascate Murchison (17 km), durante il quale si potranno vedere elefanti, bufali, waterbuck, ippopotami, coccodrilli, uccelli d acqua come pellicani, cormorani, aironi, aquila pescatrice, cicogna dal becco a scarpa (shoebill). Possibile escursione fino alla cima delle cascate, per vedere da vicino le cascate Murchison in tutta la loro eccitante imponenza. RWNZORI MOUNTAINS National Park Il parco, dalla superficie di 996 kmq, protegge i monti Rwenzori che si estendono per oltre 120 km lungo il confine con il Congo. conosciute anche come Montagne della Luna, i monti Rwenzori sono la più alta catena montuosa in Africa, con la terza vetta più alta del continente, non hanno origine vulcanica, bensì si originarono dai movimenti tellurici della Rift Valley e sono state dichiarate Patrimonio Mondiale dell Umanità al fine di proteggere la sua flora e fauna. La catena del Rwenzori era conosciuta già nel 150 D.C. quando il geografo romano Tolomeo pensò che da questo luogo partisse il fiume Nilo e le sue vette furono conquistate ed esplorate appieno, nel 1906, dall italiano Luigi di Savoia, Duca degli Abruzzi. comprende ben sei ghiacciai: il Monte Stanley, il Monte Speke, il Monte Emin Pasha, il Monte Gessi, il Monte Luigi da Savoia e il Monte Baker. Le vette principali, Margherita (5.109 m) e Alexandra (5.083 m) sul Monte Stanley, sono superate in altezza in Africa solo dai Monti Kilimangiaro e Kenya. Il Parco Nazionale del Rwenzori si estende su un area di 996 kmq di terreno montagnoso offrendo ai viaggiatori la rara esperienza di osservare una foresta pluviale in un territorio afro-montano. Il Parco Nazionale Queen Elizabeth è situato a cavallo dell equatore nella regione ovest della Rift Valley a Sud dei Monti Rwenzori, lungo il confine con il Congo e include i due laghi Edward e George, collegati attraverso il canale naturale Kazinga. E un ecosistema di zone umide e aperta savana, ad un altezza di 910m presso il Lago Edward nominato nel 1979 il riserva della biosfera per l umanità dall UNESCO. E un ecosistema di zone umide e aperta savana, ad un altezza di 910m presso il Lago. L area del Parco Nazionale Queen Elizabeth è stata protetta fin dagli anni 20 con il nome di riserva naturale Lake George and Lake Edward ed è stata rinominata nel 1954 per commemorare una visita della regina britannica. Specie: Questo parco, con un estensione di kmq, registra un numero elevato di animali, ovvero 95 specie di mammiferi (tra cui elefanti, leoni, leopardi, Kob Ugandesi, bufali, sciacalli, iene macchiate) e 10 specie di primati, come scimpanzé, scimmie vervet, blu e dalla coda rossa, colobi bianchi e neri, babbuini. La lista degli uccelli comprende 606 specie, forse il più alto numero in ogni parco africano. Nei laghi di origine vulcanica di Katwe, si radunano periodicamente immense distese di fenicotteri rosa dando vita ad uno spettacolo meraviglioso. Nel parco vivono i famosi leoni arboricoli insieme al cobo ugandese, varie specie di antilopi, e un abbondanza di elefanti, bufali, ippopotami, babbuini, e scimpanzé. Attività: Il Parco Nazionale Queen Elizabeth ha più di 200 km di piste ben mantenute tra le piu importanti: il circuito chiamato Channel Drive che dà la possibilità di vedere come in nessun altro luogo in Africa, l ilochero gigante di foresta, avvistato regolarmente durante le ore diurne. le pianure di Kasenyi e il lago George che offrono la più alta concentrazione di animali di tutto il parco ed è possibile avvistare con facilità gruppi di leoni. I laghi vulcanici di Katwe sono vivamente consigliati agli ornitologi oltre ad essere di sicuro interesse per le miniere di sale usate fin dal XIV secolo ed ancora in attività ai giorni nostri. Ancora oggi vengono usate tecniche tradizionali di estrazione. Giro in barca da Mweya sul Canale naturale di Kazinga per una fantastica esperienza di natura selvaggia: si vedranno ippopotami, coccodrilli, bufali, elefanti, facoceri e varie specie di uccelli d acqua. Game drive nei Piani di Kasenyi (settore Nord) e ad Ishasa (settore Sud, alla ricerca dei caratteristici leoni che si arrampicano sugli alberi di figus ). Scimpanzè tracking nella Gola di Kyambura e bird watching nella Foresta di Maramagambo. Ricerca degli Scimpanzé nella gola Kyambura. La gola formata dal fiume Kyambura, lunga 16 km e con una profondità di 100 m, protegge un importante comunità di scimpanzé in un territorio ristretto dando la possibilità di osservare questi primati con relativa facilità. Oltre agli scimpanzé sono presenti altre specie come il cercopiteco verde, la guereza e il babbuino olivastro. Game drive a nord del Nilo e sul delta del Lago Alberto (lungo le piste Buligi, Alberto e Queen). Attività di pesca (Persico del Nilo e pesce tigre) sul fiume Nilo sopra e sotto le cascate. Scimpanzè tracking e bird watching nella foresta di Budongo e nella Riserva della Foresta di Kanyiyo Pabidi. Specie: anche se l attrazione principale del parco nazionale del Rwenzori rimane la scalate delle sue 3 montagne, esiste anche una grande varietà di animali con 70 specie di mammiferi tra cui elefanti, gatti dorati, scimpanzé, yellow backed duiker (cefalopo dal dorso giallo). Ci sono 177 specie di uccelli, specialmente quelli endemici della Rift Albertina (come il turaco del Rwenzori turaco, vari tipi di cuculi, civette, francolini e pettirossi). Il Rwenzori è inoltre l unico luogo in Uganda dove è possibile avvistare il Colobo dell Angola (Colobus angolensis). All interno del parco vivono anche elefanti e il Gatto dorato africano (Profelis aurata) ma praticamente impossibili da incontrare mentre con buona probabilità si avrà la possibilità di vedere il Cercopiteco diadema (Cercopithecus mitis). Attività: Gran parte dei visitatori intraprendono il bellissimo quanto impegnativo percorso del circuito centrale, che richiede 6 notti e 7 giorni e consente di vedere tutte le principali vette. Un buon equipaggiamento da montagna è consigliato per chi intende scalare il Rwenzori, dato che si raggiungono altezze anche oltre I 4000 m. Uganda Conosciamo l Uganda

8 Uganda Conosciamo l Uganda KIBALE National Park Il Parco Nazionale di Kibale, 766 kmq di superficie, forma un blocco contiguo con il Parco Queen Elisabeth, ad un altitudine di m sopra il livello del mare. La vegetazione è dominata dalla foresta tropicale pluviale. Specie: Il parco è famoso per la sua popolazione di primati, ci sono 13 specie di primati, una delle densità più alte del mondo: ospita una popolazione di oltre 1000 scimpanzé di cui una comunità di oltre 80 esemplari è stata abituata alle visiate dei turisti; vi sono molte differenti specie: il cercopiteco dalla coda rossa, il Babbuino olivastro (Papiocynocephalus anubis), scimpanzé (Pan troglodytes), varie specie di Colobo. Tra gli altri mammiferi ci sono: il tragelafo striato o antilope dei boschi (Tragelaphus scriptus), il Cefalofo, la Genetta (Genetta tigrina), il potamocero o cinghiale mascherato (Potamochoerus larvatus), la Civetta africana (Civettictis civetta). Più difficili da individuare sono il bufalo, il cobo dell ellisse (Kobus ellipsiprymnus), gli ippopotami, il Facocero (Phacochoerus aethiopicus) e l Ilochero (Hylochoerus meinertzhageni). Gli elefanti di foresta sono diventati sempre più rari e sono visti molto raramente anche se i segni della loro presenza sono evidenti. Da segnalare la presenza di 144 specie di farfalle. Ci sono 335 specie di uccelli, di cui 4 si trovano solo qui (il francolino di Nahan, Cassin s spinetail, blue-headed bee eater e masked apalis). Infine, sono stati classificati oltre 250 specie di alberi. Attività: La principale attrazione del Parco è lo scimpanzè trekking, ovvero la camminata guidata per l incontro con i primati, a partire dal quartiere generale a Kanyanchu. La seconda attrazione interessante è l osservazio- BWINDI Impenetrable Forest NP ne degli uccelli nella riserva di Bigodi, a Bigodi, un piccolo centro fuori dai confine del Parco. Questa attività consiste in una camminata guidata attraverso la palude di Magombe, con la possibilità di vedere tra gli altri il grande turaco blu e il papyrus gonolek. Camminate naturalistiche sono possibili nel parco, per l avvistamento di primati, uccelli, rettili, piante medicinali. Il parco Bwindi Impenetrabile, 331 kmq di estensione, si trova nel Sudovest dell Uganda, a ridosso della Rift Valley Albertina, ad un altitudine compresa fra m e 2.607m. Si tratta di una vera foresta tropicale pluviale, distribuita su una serie di monti e vallate, considerata tra le foreste più ricche in biodiversità di tutta l Africa. Nella lingua locale bwindi (da mubwindi ) significa posto oscuro, in riferimento alla natura di fatto impenetrabile agli umani della palude che si trova nella zona Sudorientale del parco attuale, come raccontano le leggende. Il parco ospita circa 340 gorilla di montagna, quasi la metà della popolazione mondiale di questa specie. Specie: Nell ottobre 2007 sono stati registrati quattro gruppi di gorilla abituati alla presenza umana: il gruppo Mubare e il gruppo Rushegura con 10 gorilla e 1 silverback; il gruppo Habinyanja con 18 gorilla e 1 silverback; il gruppo Nkuringo con 19 gorilla e 2 silverback. Il Parco offre però molto di più oltre ai famosissimi gorilla, con le sue 350 specie di uccelli, 200 specie di farfalle e 324 tipi diversi di alberi di cui 14 presenti solo in questo parco. I mammiferi sono solo 30, tra cui bufali, leopardi, elefanti. Ci sono 324 specie di alberi. Attività: La principale attrazione è il gorilla trekking, ovvero la visita guidata ad una delle cinque famiglie di gorilla abituate alla presenza umana. La ricerca dei gorilla (gorilla tracking) è controllata in maniera severa per assicurare la quiete delle famiglie dei gorilla di montagna e l accesso è limitato a poche decine di persone al giorno. È assolutamente consigliato prenotare almeno 3 mesi prima. Camminate naturalistiche sono possibili per l osservazione di uccelli, farfalle, primati, alberi (seguendo i sentieri del fiume Munyaga, Waterfall, sentiero di Rushura, fiume Ivi e zona dei Bambù). La pista del fiume Munyaga è un buona scelta per osservare in breve tempo uccelli, farfalle e primati per arrivare ad una cascata molto popolare attraversando aree ricoperte di felci e orchidee. Il sentiero di Rushura conduce fino al confine con il Parco nazionale del Virunga in Congo e offre panorami spettacolari sulla Fossa albertina, il ramo occidentale della Rift Valley. L anello di Muzabajiro offre viste mozzafiato sulla foresta di Bwindi, sul Parco Nazionale del Virunga e sulla Rift Valley attraversando zone ricoperte da felci preistoriche. La pista del fiume Ivy è la più lunga all interno del parco e richiede un giorno intero di cammino ed è vivamente consigliato ai birdwatcher. Camminate culturali sono organizzate al villaggio comunità Buhoma, per vedere le case tradizionali, il guaritore locale, la produzione di birra di banana, l artigianato e le rappresentazioni di danza e musica.

9 TANZANIA UGANDA Visti: Il visto d ingresso è necessario, da richiedere prima della partenza presso l Ambasciata della Tanzania a Roma o presso il Consolato di Tanzania a Milano. L application form può essere ricavata dal sito web Coloro che non potessero richiedere il visto in Italia possono ottenerlo all arrivo nel Paese, presso i tre aeroporti internazionali della Tanzania (Dar es Salaam, Kilimanjaro e Zanzibar) al costo di 50 US$. Rischi sanitari: Sono presenti malaria endemica, tifo, paratifo, epatite virale A,B,C. Nessuna vaccinazione obbligatoria. È richiesta la vaccinazione contro la febbre gialla per chi arriva a Zanzibar dal Kenya. La profilassi antimalarica, non è obbligatoria, consigliamo di portare con se il farmaco e in caso di primi sintomi (febbre, vomito) contattare attraverso la vostra guida i medici locali e con loro decidere il da farsi. (dopo il tramonto è preferibile indossare abiti con maniche lunghe e pantaloni lunghi e fare uso di repellenti). Fuso orario: Calcolare due ore in più rispetto all Italia, una con l ora legale. Quando andare: La principale stagione turistica comprende i mesi di gennaio e febbraio, quando il clima caldissimo e asciutto è considerato il più piacevole dell anno. Per visitare il Serengeti nel suo momento migliore sarà invece meglio evitare la stagione secca, poiché in questo periodo praticamente tutti gli animali del paese vanno in vacanza in Kenya. Se viaggiate nelle regioni umide - e specialmente lungo la costa meridionale - preparatevi a dover affrontare dei disagi perché molte strade possono essere impraticabili per il fango. A Zanzibar e lungo la costa, clima tropicale tutto l anno con una temperatura media di 30 C. Sugli altopiani nella terraferma è presente una forte escursione termica con temperature che durante il giorno arrivano a C ma che nella notte scendono bruscamente. La stagione secca va da dicembre a marzo mentre da aprile a novembre possono verificarsi piogge intermittenti. Eventi: Il più importante evento a cadenza annuale della Tanzania inizia nel Serengeti National Park, vicino al confine con il Kenya, dove le enormi mandrie di gnu si dirigono ai più verdi pascoli del Kenya: a partire dal mese di aprile, ogni anno più di due milioni di capi migrano attraverso le pianure meridionali del Serengeti accompagnati da zebre, antilopi, gazzelle, leoni e turisti. La festa dell indipendenza della Tanzania (9 dicembre) impallidisce al confronto. Abbigliamento: Consigliato un abbigliamento sportivo e informale soprattutto per i safari; da non dimenticare cappellino, occhiali da sole, creme protettive e repellenti contro gli insetti. E consigliato un capo pesante per i safari, specie per la sera. Durante il periodo delle piogge, dopo il tramonto, è preferibile un abbigliamento dai colori chiari, camicie con maniche lunghe e pantaloni lunghi. Il bagaglio deve essere ridotto per i safari (massimo 15 kg) ed è richiesto l uso di borsoni morbidi. Si consiglia di preparare un bagaglio separato per il soggiorno balneare. Lingua: La lingua ufficiale è il Ki-swahili; abbastanza diffuso l inglese. Acquisti: Molti gli oggetti dell artigianato locale: spezie, olii profumati, oggettistica in legno e in pietra saponaria, bauletti zanzibarini e quadri naïf tinga-tinga. Si ricorda inoltre che è vietato esportare oggetti in avorio, in guscio di tartaruga e conchiglie. Valuta: L unità monetaria è lo scellino della Tanzania, diviso in 100 centesimi. L Euro è accettato un po ovunque ma in alcuni casi può essere più conveniente pagare in dollari americani (consigliamo di portare banconote di piccolo taglio); le carte di credito accettate sono Visa e MasterCard non elettroniche. E possibile effettuare prelevamento di valuta locale in contanti con la carta di credito Visa ma unicamente in città. Fotografia: E consigliabile portare con sé tutto il materiale fotografico; non fotografate soggetti militari o governativi. Corrente elettrica: 220 V con prese a lamelle piatte; è consigliabile munirsi di adattatore. Si raccomanda la massima attenzione nell utilizzo delle prese elettriche. Mance: Sempre gradite, specialmente dagli autisti durante i safari. Comunicazioni telefoniche: Per chiamare l Italia da Zanzibar e Tanzania è necessario comporre il prefisso internazionale prefisso della città con lo 0 + numero dell abbonato. I telefoni cellulari italiani funzionano. Durante i safari le comunicazioni non sono garantite. Visti: Il visto d ingresso in Uganda viene rilasciato direttamente all aeroporto di Entebbe a chiunque mostri un passaporto valido per oltre sei mesi e deve avere 2 pagine bianche senza bisogno di fototessere. Il costo del visto nel 2012 è di 60 USD o 50 Euro (circa con validità 1 mese), Rischi sanitari: Nessuna obbligatoria (consigliata, anche se da anni non si registrano casi tra i turisti) è quella per la febbre gialla. La malaria, comunque presente nel Paese, non è così facile da contrarre per i viaggiatori. Si consiglia comunque di viaggiare proteggendosi con normali repellenti contro le zanzare. Normalmente poi troverete le reti anti-zanzare negli hotels e nei lodge. Consigliata comunque la profilassi antimalarica. Fuso orario: Bisogna calcolare due ore in più rispetto all Italia, una con l ora legale. Quando andare: L Uganda gode generalmente di condizioni climatiche miti, grazie alla sua altezza sul livello del mare, per cui le temperature medie variano tra i 20 e 28 gradi e normalmente le temperature non sono mai troppo elevate (fatta eccezione per il nord). In generale ci sono due stagioni delle piogge durante l anno, ovvero tra Ottobre e Novembre e tra Aprile e Maggio, ma le cose non sono più così nettamente definite! Il turismo e il gorilla tracking in Uganda sono pertanto possibili per tutto il periodo dell anno. Abbigliamento: Generalmente durante il giorno le nostre cose estive (magliettine, pantaloni leggeri o corti ecc.) vanno benissimo. Per la sera però è consigliabile portare qualcosa di più pesante: felpe, e giacchette dovrebbero comunque bastare. Utili, oltre agli scarponcini da trekking, giacche per la pioggia (k-way), volendo guanti x il trekking. Lingua: l inglese è la lingua ufficiale; le più diffuse sono il luganda e il kiswahili. Acquisti: Interessanti sono tutti i manufatti di uso quotidiano ricavati dal banano e da altre piante: stuoie, cestini etc. Non mancano occasioni per trovare oggetti di artigianato locale e dei paesi confinanti. Valuta: In Uganda, specialmente per le piccole spese (souvenirs, bevande ecc.) potrà essere conveniente far uso della moneta locale, lo scellino ugandese. Potrete cambiare Euro, Dollari Americani o Sterline inglesi sia negli uffici di cambio in centro a Kampala (miglior tasso di cambio) o in altre città lungo il percorso, sia in alcuni lodges. Nel 2011 mediamente 1 Euro viene cambiato a Scellini e un Dollaro Americano a 2300 scellini, ma le fluttuazioni sono imprevedibili. Si prega di tenere presente che per i Dollari Americani, le banconote non devo essere precedenti all anno 2000 e di taglio non inferiore ai 50 Dollari, questo potrebbe creare problemi di cambio!! In Rwanda addirittura dal 2006 in avanti ).L uso delle carte di credito non è molto sviluppata, in Uganda e le commissioni sulle transazioni superano il 6%. I pagamenti sono soprattutto in contanti e in caso potrete prelevare dal bancomat una quantità giornaliera limitata di soldi. Solo alcune banche accettano le carte Visa, quali Barclays, Standard Chartered, Orient Bank, mentre l uso della Mastercard è inesistente. Si sconsiglia di portare assegni di viaggio. Strade: Nonotante molto sia stato fatto negli ultimo anni, le strade in Uganda (specialmente per i nostri stadard) sono ancora in povere condizioni, soprattutto quelle che collegano tra loro i parchi nazionali. Kampala è collegata alle altre città in Uganda per la maggior parte da strade asfaltate e recenti. Per viaggiare si richiedono generalmente veicoli 4x4 in buone condizioni. Pertanto si avvisa che il viaggio in Uganda può comportare anche lunghi trasferimenti attraverso strade difficili e non asfaltate (la pioggia in questo caso è il fattore con maggior incidenza negativa..). I Bagagli: Si consiglia di viaggiare con poche valigie, meglio quelle morbide, considerando che gran parte del tempo si viaggia a bordo dei veicoli per i trasferimenti. Cucina: Gli hotels e lodges turistici in Uganda servono cibo di qualità standard e a base di carne, pesce o vegetariano. La cosiddetta cucina continentale si ispira soprattutto a quella Britannica. La cucina Mediterranea, con olio d oliva o pane, non è comune, a parte alcuni ristoranti internazionali a Kampala. In generale comunque si può dire che il livello medio del cibo è attualmente buono nell intero circuito turistico. Comunicazioni: Si ricorda che la maggior parte dei luoghi raggiunti lungo gli itinerari in Uganda e Rwanda sono coperti da rete telefonica attraverso i servizi degli operatori locali. In particolare, per esigenze di comunicazione, vi forniremo le schede sim locali ricaricabili da inserire nel vostro telefono (che per chiamare l Italia durante il safari risultano estremamente convenienti). In Uganda ci sono quattro operatori al momento: MTN, Zain, Uganda Telecom, Warid. Altre cose da ricordare: Le prese e le spine disponibili in Uganda sono quelle di tipo Inglese a tre entrate. Potete portare con voi l adattatore necessario. Molti lodge e hotels hanno la corrente attraverso sistemi di generatori o pannelli solari, per cui talora di notte si possono verificare disconnessioni della corrente, soprattutto nei piccoli lodge e hotels. Si consiglia di avere con sè una torcia. Batterie per videocamera o macchina fotografica, rullini, schede o cassette sono disponibili nei negozi a Kampala. Ricordatevi di portare con voi: la crema a protezione solare, la giacca per la pioggia o poncho, le scarpe da trekking per le camminate in foresta. Mance: In Uganda come altrove si usa lasciare mance per i servizi ricevuti. Al termine dei trekking dei gorilla e degli scimpanzé è consuetudine lasciare un pò di mancia ai rangers. Negli hotels e lodges potrete lasciare piccole mance ai portatori e al personale di servizio. Si consiglia di calcolare queste mance in moneta locale, lo scellino ugandese. Informazioni Utili

10 VANTAGGI PER TUTTI PRENOTA PRIMA(*) Per prenotazioni effettuate entro 60 giorni prima della partenza sconto di 120 a coppia (*) Saldo entro 7 giorni dalla prenotazione Tanzania Promozioni Per prenotazioni effettuate entro 30 giorni prima della partenza sconto di 60 a coppia (*) Saldo entro 5 giorni dalla prenotazione MINIGRUPPI DI MINIMO 6 PERSONE (*) Per prenotazioni effettuate in una unica pratica entro: 60 giorni prima della partenza sconto di giorni prima della partenza sconto di 60 ogni 2 persone adulte per un minimo 8 adulti più 50% di riduzione sulla quota iscrizione (*) Saldo entro 7 giorni dalla prenotazione SPECIALE VIAGGI DI NOZZE sconto di 150 a coppia Alle tariffe indicate nel presente catologo sono sempre da aggiungere: 1) Le quote iscrizione pari a 30 per gli adulti e 15 per i ragazzi da 2 a 12 anni non compiuti 2) Le tasse aeroportuali da calcolarsi sulla base del vettore utilizzato 3) Le polizze assicurative (***) (vedi Tabella ultima pagina del catalogo) (***) La garanzia annullamento viaggio cessa la sua validità dal 7 giorno prima della partenza Offerte non comulabili e valide per i Safari o Pacchetti Viaggio completi con un minimo di 7 notti. Per visionare novita & offerte in tempo reale VISITA IL NOSTRO SITO WEB

11 LE NOSTRE PROPOSTE Conosciamo la Tanzania Informazioni Utili 7 TANZANIA - Safari individuali in 4x4 Discovery Tanzania 14gg/12nt Dove migrano gli Gnu 9gg/7nt 12 Cratere Ngorongoro 8gg/6nt 13 Passeggiando nelle Riserve 8gg/6nt 14 Il Kilimanjaro 7gg/6nt 15 Kenya & Tanzania 15gg/13nt Mini Safari da 4gg a 2 gg 18 UGANDA - Safari individuali in 4x4 Il Meglio dell Uganda 14gg/12nt Safari Uganda e Rwanda 13gg/11nt Parenti lontani: Gorilla & Scimpanzè 11gg/9nt Gorilla Express 5gg/4nt 26 Soggiorni Mare Zanzibar Speciale Scuba Diving 31 Mafia e Pemba Regolamento e Condizioni Assicurazioni 35 Tanzania Sommario

12 Discovery Tanzania SAFARI 14GG/12NT 1 giorno: ITALIA / ARUSHA Partenza con volo di linea, arrivo e incontro con l assistente per il trasferimento in Hotel. Sistemazione in Hotel 4*, cena e pernottamento. 2 giorno: ARUSHA / ARUSHA NATIONAL PARK (55 Km) Prima colazione e partenza alle ore 08:00 per il parco nazionale di Arusha, visita del parco con pranzo al sacco, cena e pernottamento al Ngurdoto Mountain Lodge 3 giorno: ARUSHA NP / LAKE MANYARA NP (185 Km) Dopo la prima colazione, partenza per Lake Manyara National Park, visita ed esplorazioni con pranzo al sacco, cena e pernottamento al Lake Manyara Serena Lodge. 4 giorno: LAKE MANYARA NP Game drive intera giornata al lago Manyara parco nazionale. Cena e pernottamento al Lake Manyara Serena Lodge 10 Tanzania 5 giorno: LAKE MANYARA NP / SERENGETI NP (205 km) Prima colazione, proseguimento per il Parco Nazionale del Serengeti con pranzo al sacco, visita del parco. Cena e pernottamento al Serengeti Sopa lodge 6 giorno: SERENGETI NP Prima colazione e intera giornata dedicata all esplorazione del Parco del Serengeti, pasti e pernottamento al Serengeti Sopa Lodge. 7 giorno: SERENGETI NP Prima colazione e intera giornata dedicata all esplorazione del Parco del Serengeti, pasti e pernottamento al Serengeti Sopa Lodge. 8 giorno: SERENGETI / NGORONGORO NP (145 km) Partenza all alba per l esplorazione del parco quando la natura si sveglia prima colazione ultimo sguardo al Serengeti. Pranzo e partenza per il cratere Ngorongoro attraversando la gola di Olduvai, cena e pernottamento al Ngorongoro Sopa Lodge. 9 giorno: NGORONGORO NP Prima colazione al mattino presto per scendere nella piana del cratere di Ngorongoro con pranzo in pic-nic. Proseguimento della visita cena e pernottamento in Ngorongoro Sopa Lodge. 10 giorno: NGORONGORO NP/ TARANGIRE NP (95 Km) Prima colazione al mattino presto, quindi partenza per Tarangire National Park, visita del parco con pranzo al sacco, cena e pernottamento al Tarangire Sopa Lodge 11 giorno: TARANGIRE NP / ARUSHA / SELOUS Dopo la prima colazione, ritorno ad Arusha per il volo sul Selous alle 12:15, incontro con il personale e trasferimento al Rufiji River Camp. Sistemazione e gita in barca sul Rufiji River. Rientro, cena e pernottamento. 12 giorno: SELOUS Dopo la colazione, safari nella riserva di caccia del Selous con pranzo al sacco. Cena e pernottamento al Rufiji River Camp. 13 giorno: SELOUS / DAR ES SALAAM Dopo la prima colazione, trasferimento in aeroporto per il volo a Dar Es Salaam in coincidenza per il volo di linea. Pernottamento a bordo. Arrivo il mattino successivo. 14 giorno: ITALIA Arrivo in Italia.

13 Hotel e Lodge Catena Wildlife Lodge & Campi Tendati Su richiesta categoria superiore Partenze libere (per individuali) Discovery Tanzania (14gg/12nt) Numero di partecipanti Periodo S.S. Bassa Stagione Aprile e Maggio Media Stagione Marzo Alta Stagione Gennaio e Febbraio; da Giugno a Ottobre Tariffa aerea calcolata in classe economy (da riconfermare al momento della prenotazione) Suppl. volo alta stagione: variabile a seconda della data di partenza; Suppl. cena di Natale e Cena di Capodanno in richiesta; Supplemento guida in Italiano euro 65 al giorno da dividere in base al numero dei partecipanti. La quota comprende: Voli di linea Ethiopian e voli interni Trasporto in 4x4, carburante incluso e rangers in lingua inglese, acqua a disposizione. Sistemazione in camera doppia con trattamento di pensione completa bevande escluse, tranne 1 e ultimo giorno ad Arusha in mezza pensione - Pranzi come da programma Ingresso e permessi ai parchi e riserve previste dal programma. La quota non comprende: Le bevande ai pasti e i pasti non menzionati - Guide in lingua italiana - Le mance e gli extra in genere e tutto quanto non menzionato ne la quota comprende - Visto d ingresso 11 Tanzania Discovery Tanzania

14 Hotel e Lodge Catena Wildlife Lodge In richiesta categorie Superiori e di Lusso 12 Tanzania Dove migrano gli Gnu SAFARI 9GG/8NT 1 Giorno: ITALIA / KILIMANJARO / ARUSHA Partenza dall Italia con i voli di Arrivo all aeroporto di Kilimanjaro e incontro con l autista per il trasferimento privato per Arusha (circa 45 minuti), sistemazione all hotel previsto 4*, cena e pernottamento 2 Giorno: ARUSHA / LAKE MANYARA NATIONAL PARK (Km 140) Prima colazione, Partenza per LAKE MANYARA NATIONAL PARK, (circa 1 ora e mezza), che include il lago omonimo e si estende fino al ripido versante occidentale della Rift Valley; Safari nel parco, pranzo pic nic. Sistemazione al LAKE MANYARA WILDLIFE LODGE, cena e pernottamento 3 Giorno: LAKE MANYARA NATIONAL PARK Prima colazione, Partenza pere visita del LAKE EYASI, un lago stagionale salato poco profondo endoreico ai piedi della Rift Valley ne a sud del Parco Nazionale del Serengeti, proseguimento con i villaggi di Hadzabe e Bushmen, conoscenza con le diverse etnie e le loro attività culturali, pranzo al sacco, rientro al lodge cena e pernottamento. 4 Giorno: LAKE MANYARA NATIONAL PARK / SERENGETI (Km 205) Prima colazione, Partenza in direzione del SERENGETI NATIONAL PARK attraverso la gola OLDVAI, il primo parco nazionale della Tanzania ed una delle aree naturalistiche più rinomate del mondo. Tra tutti i parchi del nord è quello a cui per nessun motivo si deve rinunciare perchè nessun safari può dirsi completo se non lo include. Assieme a Ngorongoro, è stato dichiarato dall UNESCO patrimonio dell umanità e Riserva Internazionale della Biosfera. pranzo pic nic e visita del parco. Sistemazione al SERONERA WILDLIFE LODGE cena e pernottamento. 5 Giorno: SERENGETI NATIONAL PARK Prima colazione, intera giornata safari nel parco. pranzo pic nic. Cena e pernottamento SERONERA WILDLIFE LODGE 6 giorno: SERENGETI NP/ NGORONGORO NP (Km 145) Escursione en nel parco es safari. Prima colazione ee e visita ad del parco, Pran- Partenze libere (per individuali) Dove migrano gli Gnu (9gg/8nt) Numero di partecipanti Periodo S.S. Stagione Unica Tariffa aerea calcolata in classe economy (da riconfermare al momento della prenotazione) Suppl. volo alta stagione: 16/07-03/09 Suppl. cena di Natale e Cena di Capodanno in richiesta; Supplemento guida in Italiano euro 65 al giorno da dividere in base al numero dei partecipanti. La quota comprende: Voli di linea Ethiopian Trasporto in 4x4, carburante incluso e rangers in lingua inglese, acqua a disposizione. Sistemazione in camera doppia con trattamento di pensione completa durante il safari, pranzi come da programma, mezza pensione ad Arusha. Ingresso e permessi ai parchi e riserve previste dal programma. La quota non comprende: Le bevande ai pasti e i pasti non menzionati Guide in lingua italiana Le mance e gli extra in genere e tutto quanto non menzionato ne la quota comprende - Visto d ingresso zo.nel pomeriggio partenza per NGORONGORO CONSERVATION AREA attraverso la gola OLDUVAI Nel 1978 l area è stata dichiarata patrimonio del mondo e nel 1981 International Biosphere Reserve. Questa riserva viene amministrata dalla Ngorongoro Conservation Area Authority, che è un organismo indipendente dal sistema dei parchi nazionali della Tanzania e amministra l area in modo diverso; Sistemazione NGORONGORO WILDLIFE LODGE, cena e pernottamento. 7 Giorno: NGORONGORO CRATER Prima colazione in albergo. escursione intera giornata sull enorme caldera formatasi circa 2,5 milioni di anni fa in seguito al collasso del vulcano. pranzo pic nic. Rientro a NGORONGORO WILDLIFE LODGE LODGE, cena e pernottamento. 8 Giorno: NGORONGORO CRATER / TARANGIRE / ARUSHA (Km 275) Prima colazione. PArtenza mattina presto per il Tarangire NP che si presenta con la più alta concentrazione di animali selvatici al di fuori dell ecosistema del Serengeti. pranzo pic nic. Nel tardo pomeriggio rientro ad Arusha, Sistemazione all hotel prescelto 4* cena e pernottamento. 9 Giorno: ARUSHA / KILIMANJARO / ITALIA Prima colazione. Trasferimento privato per Kilimanjaro per prendere i voli per lital l Italia per il rientro. ro.

15 SAFARI 8GG/7NT 1 Giorno: ITALIA / ARUSHA Partenza con volo di linea, arrivo e incontro con l assistente per il trasferimento in Hotel. Sistemazione in Hotel, cena e pernottamento. 2 Giorno: ARUSHA / LAKE MANYARA NP (Km 140) Prima colazione in Hotel, ore 09:00 partenza da Arusha per Lake Manyara National Park, visita del parco con pranzo al sacco, Il circuito di osservazione degli animali a Manyara è compatto ma mostra un microcosmo virtuale dell esperienza di un safari in Tanzania. Dall ingresso principale, la strada percorre una distesa di giungla lussureggiante dove gruppi di centinaia di babbuini poltriscono con noncuranza al lato della carreggiata, scimmie blu scorazzano agilmente tra gli antichi alberi di mogano, delicati tragelafi striati (antilopi di foresta camminano prudentemente tra le ombre, mentre i bucarvi della foresta strombazzano rumorosamente tra i rami degli alberi. Tra gli altri uccelli, si devono segnalare le migliaia di fenicotteri rosa impegnati nelle loro perpetue migrazioni, ed altri grandi uccelli acquatici come pellicani, cormorani e cicogne. Cena e pernottamento al Lake Manyara Wildlife Lodge. 3 Giorno: LAKE MANYARA / SERENGETI (Km 205) Prima colazione, ore 08:00 trasferimento al Serengeti National Park con pranzo al sacco. Visita del parco, il parco più antico e il più visitato della Tanzania, è famoso per la migrazione annuale, quando sei milioni di zoccoli calcano le pianure sterminate, con più di zebre e gazzelle di Thomson che si aggregano agli gnu alla ricerca di nuovi pascoli. Ma anche quando la migrazione è finita, il Serengeti è probabilmente il miglior posto in Africa per osservare gli animali selvatici: grandi mandrie di bufali, piccoli gruppi di elefanti e giraffe, migliaia e migliaia di eland, kongoni, impala e gazzelle di Grant, ecc.. Cena e pernottamento al Serengeti Wldlife Lodge. 4 Giorno: SERENGETI Prima colazione e intera giornata dedicata alla visita del Serengeti National Park, pasti e pernottamento al Serengeti Wildlife Lodge. 5 Giorno: SERENGETI / NGORONGORO (km 145) Escursione all alba nel parco per avvistamento della sua fauna, rientro al Lodge e prima colazione, proseguimento della visita fino all ora di pranzo, e dopo il pranzo partenza per il Ngorongoro attraversando la gola Olduvai. La gola di Olduvai, importante sito archeologico africano, è un avvallamento lungo circa 40 km, chiuso da ripide pareti, situato nella pianura di Serengeti, nel nord della Tanzania, e collegato alla Grande Rift Valley che si estende lungo l Africa orientale. Arrivo cena e pernottamento al Ngorongoro Wildlife Lodge. 6 Giorno: NGORONGORO Prima colazione, escursione per l intera giornata sulla piana del cratere di Ngorongoro, per visitare questo splendido scenario, Ngorongoro è un patrimonio dell umanità situato al margine orientale del Serengeti, nel nord della Tanzania. Il cratere è il più grande caldera intatta più antica nel mondo. Quasi tre milioni di anni fa, un tempo vulcanica Ngorongoro è ormai considerato Africa s Garden of Eden - un rifugio per migliaia di animali selvatici, tra cui leoni, elefanti, gnu, zebre, rinoceronti, gazzelle di Thomson e bufali. Pranzo al sacco, cena e pernottamento in Ngorongoro Wildlife Lodge. 7 Giorno: NGORONGORO / TARANGIRE / ARUSHA (Km 275) Prima colazione e partenza al mattino presto per il Tarangire National park, visita del parco con il pranzo al sacco,. Branchi composti da 300 elefanti grattano il letto secco del fiume per cercare l acqua sotterranea, mentre gli animali migratori come gnu, zebre, bufali, gazzelle, antilopi sudafricane ed eland si affollano attorno alla poca acqua che resta nelle pozze. Qui c é la più grande concentrazione di animali selvatici al di fuori dell ecosistema del Serengeti un ricco buffet per i predatori. Questo è anche l unico posto in Tanzania dove si osservano regolarmente certi tipi di antilopi come il maestoso orice gazzella ed il stupefacente gerenuk dal lungo collo, nel tardo pomeriggio ritorno ad Arusha. Cena e pernottamento in Hotel 8 Giorno: ARUSHA / ITALIA Prima colazione in Hotel e trasferimento presso l aeroporto, e partenza verso l Italia con voli di linea Cratere Ngorongoro Hotel e Lodge Catena Wildlife Lodge In richiesta categorie Superiori e di Lusso Partenze libere (per individuali) Cratere Ngorongoro (8gg/7nt) Numero di partecipanti Periodo S.S. Stagione Unica Tariffa aerea calcolata in classe economy (da riconfermare al momento della prenotazione) Suppl. volo alta stagione: 16/07-03/09 Suppl. cena di Natale e Cena di Capodanno in richiesta; Supplemento guida in Italiano euro 65 al giorno da dividere in base al numero dei partecipanti. La quota comprende: Voli di linea Ethiopian Trasporto in 4x4, carburante incluso e rangers in lingua inglese, acqua a disposizione. Sistemazione in camera doppia con trattamento di pensione completa durante il safari, pranzi come da programma, mezza pensione ad Arusha. Ingresso e permessi ai parchi e riserve previste dal programma. La quota non comprende: Le bevande ai pasti e i pasti non menzionati Guide in lingua italiana Le mance e gli extra in genere e tutto quanto non menzionato ne la quota comprende. 13 Tanzania

16 Passeggiando nelle riserve del Sud Tanzania 14 SAFARI 8GG/6NT 1 giorno: ITALIA / DAR ES SALAAM Partenza dall Italia con volo di linea, arrivo e incontro con l assistente per il trasferimento in hotel. Sistemazione in Hotel 4*, cena e pernottamento. 2 giorno: DAR ES SALAAM / SELOUS (290 km) Prima colazione in albergo, alle ore 8 circa partenza per la riserva del Selous (circa 3 ore), tra i piu grandi parchi faunistici al mondo. la concentrazione di animali è molto alta; quest area ospita numerose famiglie di bufali, coccodrilli, ippopotami e grandi predatori. arrivo e trasferimento al Rufiji Camp Lodge per il pranzo. nel pomeriggio proseguimento con passeggiata nella riserva. rientro al Rufiji Camp Lodge, cena e pernottamento. 3 giorno: SELOUS Prima colazione in albergo, intera giornata dedicata alla scoperta del Selous Game Reserve: La vita nella riserva di Selous si sviluppa prevalentemente lungo il corso del fiume Rufiji ed attorno ai suoi rari specchi d acqua. pranzo al lodge, nel pomeriggio safari in barca lungo il fiume: numerose sono le specie di uccelli che si raggruppano lungo il fiume Rufiji che e tra i più grandi bacini d acqua dell Africa orientale. Rientro al Rufiji Camp Lodge, cena e pernottamento. 4 giorno: SELOUS Prima colazione in albergo, intera giornata dedicata alla scoperta del Selous Game Reserve, pranzo., nel pomeriggio safari in barca lungo il fiume. Rientro cena e pernottamento al Rufiji Camp Lodge. 5 giorno: SELOUS / RUAHA NP (395 km) Prima colazione in albergo, alle ore 8 circa partenza per il Ruaha National park,(circa 4 ore) il secondo parco naturale più grande della Tanzania e una vasta regione molto ricca di fauna per la scarsa presenza dell uomo. arrivo e trasferimento al Ruaha River Lodge. Nel pomeriggio visita del parco. Rientro, cena e pernottamento al Tandala Tented Camp. 6 giorno: RUAHA NP Prima colazione in albergo, intera giornata dedicata alla visita del Ruaha National Park; uno dei più estesi santuari di elefanti della Tanzania, il parco è delimitato dal fiume Great Ruaha, famoso per le sue gole spettacolari, che scorre lungo l intero confine orientale e attraversa, tracciando spettacolari gole, un altopiano ondulato punteggiato da conformazioni rocciose. Ippopotami, coccodrilli e pesci vivono nel fiume. Il parco ospita tutti i rappresentanti della fauna selvaggia africana: elefanti, bufali, zebre, gnu, antilopi, giraffe, facoceri, scimmie e, naturalmente, leoni, leopardi, ghepardi, licaoni e iene. Pranzo. Rientro, cena e pernottamento al Tandala Tented Camp. 7 giorno: RUAHA NP / DAR ES SALAAM (350 km) Prima colazione in albergo, alle ore 8 circa trasferimento all aeroporto di Dar Es Salaam (circa 4 ore) per prendere i voli di rientro per L italia 8 giorno: ITALIA Arrivo in Italia. Nota: Nei mesi di Aprile e Maggio alcuni Lodge vengono chiusi per il periodo delle piogge. Hotel e Lodge Lodge categoria standard Su richiesta categoria superiore Partenze libere (per individuali) Passeggiando nelle riserve (8gg/6nt) Numero di partecipanti Periodo S.S. Stagione Unica Tariffa aerea calcolata in classe economy (da riconfermare al momento della prenotazione) Suppl. volo alta stagione: 16/07-03/09 Suppl. cena di Natale e Cena di Capodanno in richiesta; Supplemento guida in Italiano euro 65 al giorno da dividere in base al numero dei partecipanti. La quota comprende: Voli di linea Ethiopian Trasporto in 4x4, carburante incluso e rangers in lingua inglese, acqua a disposizione. Sistemazione in camera doppia con trattamento di pensione completa durante il safari, pranzi come da programma, mezza pensione a Dar Es Salaam. Ingresso e permessi ai parchi e riserve previste dal programma. La quota non comprende: Le bevande ai pasti e i pasti non menzionati Guide in lingua italiana Le mance e gli extra in genere e tutto quanto non menzionato ne la quota comprende - Visto d ingresso

17 TREKKING 7GG/6NT 1 giorno: ITALIA / ARUSHA Partenza con volo di linea, arrivo e incontro con l assistente per il trasferimento in Hotel. Sistemazione in Hotel 4*, cena e pernottamento. 2 giorno: ARUSHA / KILIMANJARO Prima colazione servita all alba, trasferimento verso Marangu inizio della scalata del Kilimanjaro attraverso la foresta pluviale per circa 3 ore; arrivo a quota 3000mt alla baita di MANDARA Hut, cena e pernottamento. 3 giorno: KILIMANJARO Prima colazione. si prosegue per la scalata della montagna più alta dell Africa attraverso la brughiera e lande sterminate per c/a 4 ore. Arrivo alla baita HOROMBO Hut (3962 mt). Cena e pernottamento. 4 giorno: KILIMANJARO Prima colazione. Si prosegue la scalata per arrivare a quota 4500 mt attraverso valli semideserte per c/a 4 ore verso la baita di KIBO Hut. Cena e pernottamento. 5 giorno: KILIMANJARO Prima colazione. Partenza alle prime luci dell alba verso la scalata finale a quota 5895 mt per c/a 3 ore; si inizia la discesa verso la baita di HOROMBO Hut. Cena e pernottamento. 6 giorno: KILIMANJARO / ARUSHA Prima colazione. Discesa verso Marangu dove vi attenderà l auto per il trasferimento ad Arusha. Sistemazione in Hotel. Cena e pernottamento. 7 giorno: ARUSHA / ITALIA Prima colazione in Hotel e trasferimento presso l aeroporto, e partenza verso l Italia con voli di linea Hotel e Camp Sono di categoria standard In richiesta categorie Superiori Partenze libere (per individuali) Il Kilimanjaro (7gg/6nt) Numero di partecipanti Periodo 2 S.S. Stagione Unica Tariffa aerea calcolata in classe economy (da riconfermare al momento della prenotazione) Suppl. volo alta stagione: 6/07-20/08 Suppl. cena di Natale e Cena di Capodanno in richiesta; Supplemento guida in Italiano euro 85 al giorno da divedere in base al numero dei partecipanti. La quota comprende: Voli di linea Ethiopian Trasporto in 4x4, carburante incluso e rangers in lingua inglese, acqua a disposizione. Sistemazione in camera doppia con trattamento di pensione completa durante la scalata, pranzi come da programma, mezza pensione ad Arusha. Ingresso e permessi ai parchi e riserve previste dal programma. La quota non comprende: Le bevande ai pasti e i pasti non menzionati Guide in lingua italiana - Visto d ingresso Le mance e gli extra in genere e tutto quanto non menzionato ne la quota comprende. Il Kilimanjaro 15 Tanzania

18 Kenya e Tanzania Tanzania 16 SAFARI 19GG/17NT 1 giorno: ITALIA/ NAIROBI Partenza con voli di linea. incontro con il nostro rappresentante e trasferimento all hotel prenotato con trattamento di pernottamento e prima colazione al Sentrim Boulevrad hotel. 2 giorno: NAIROBI / MT KENYA REGION Prima colazione e proseguimendo per la regione del monte Kenya, sistemazione al lodge Serena Mt. Lodge, pranzo in Lodge. Dopo pranzo trasferimento al parco per avvistamenti. Oltre a vedere gli animali più frequenti come elefanti, bufali, babbuini, scimmie, potrete ammirare anche altre specie rare come antilopi e circa 250 specie di uccelli. Rientro al Lodge, cena e pernottamento. 3 giorno: MT KENYA REGION / SAMBURU NATIONAL RESERVES Prima colazione. Partenza per Samburu National Reserves. Un incredibile contrasto con il terreno è visibile già durante il viaggio attraverso il paesaggio rovente e roccioso dell area. Questa è molto arida, il fiume offre considerevoli paesaggi e attira molte specie animali introvabili da altre parti, come la Grevy s Zebra, o le giraffe. Insieme agli elefanti e agli affascinanti uccelli. Rientro al Samburu Sopa Lodge, cena e pernottamento. 4 giorno: SAMBURU NATIONAL RESERVES Prima colazione e intera giornata dedicata all esplorazione del Samburu National Reserves. Cena e pernottamento al Samburu Sopa Lodge. 5 giorno: SAMBURU NR / LAKE NAKURU NP Prima colazione. Partenza per Lake Nakuru National Park per un giro nel parco. Pranzo. Il lago è il sogno dell ornitologo con oltre un milione di fenicotteri, nonché circa 500 specie di uccelli. Anche se soprattutto è il santuario degli uccelli, il parco ospita anche il rinoceronte nero, Reed Buck, ippopotami, leopardi e la giraffa ecc.. Game drive pomeridiano, cena e pernottamento Lake Nakuru Lodge 6 giorno: LAKE NAKURU NP / MASAI MARA Dopo la prima colazione partenza per il Masai Mara Game Reserve. Questo è il più popolare Parco del Kenya a causa della sua abbondanza di selvaggina e per i suoi paesaggi con una delle più alte concentrazioni di predatori in Africa. Si arriverà in tempo per il pranzo. La Riserva è uno dei centri di ricerca e di osservazione più importanti dell Africa, da qui la migrazione del leggendario Gnu che è uno dei più drammatici spettacoli di vita selvaggia sulla terra, (luglio-ottobre). Il primo pomeriggio sarà dedicato al tempo libero, più tardi un game drive ci porterà a vedere un emozionante fauna selvatica che rende il Masai Mara famoso in tutto il mondo. Tra gli animali: Il leone dalla criniera nera, ghepardi, elefanti, ippopotami, iene e prede varie, inoltre si può ammirare la vita degli uccelli con oltre 402 specie. Cena e pernottamento Mara Sopa Lodge. 7 giorno: MASAI MARA Prima colazione e intera giornata dedicata a questa riserva con safari alla ricerca degli animali non ancora avvistati. Cena e pernottamento al Mara Sopa Lodge 8 giorno: MASAI MARA / LAKE NAIVASHA Partenza all alba, questo è il momento in cui gli animali sono più attivi prima che il calore del giorno li costringa a ripararsi in tane o sotto gli alberi. Ricerca degli animali che non sono stati avvistati il giorno prima. Ritorno al campo per la prima colazione. Partenza per il Lake Naivasha, l unico lago di acqua dolce in Africa. Il lago è abitato da ippopotami e pullula di pesci d acqua dolce in questo lago si pratica la pesca e lo sport. Pranzo. Nel pomeriggio si potrà effettuare una passeggiata oppure (facoltativa) una gita in barca a Crescent Island con supplemento. Cena e pernottamento al Lake Naivasha Resort. 9 giorno: LAKE NAIVASHA / AMBOSELI NATIONAL PARK Dopo la prima colazione, partenza per Amboseli National Park. Il Parco ospita villaggi Masai dai colori vivaci, i boschi di acacia e praterie del parco attirano in abbondanza la selvaggina, compresi i bufali, ghepardi leone, iene, zebre e gnu. Guardando branchi di elefanti che attraversano la pianura con mt. Kilimanjaro sullo sfondo lascia un emozione indimenticabile. Amboseli è il posto migliore per avere la possibilità di incontrare un rinoceronte nero. Tutti i pasti, e il pernottamento a Amboseli Sopa Lodge. 10 giorno: AMBOSELI NP Prima colazione e intera giornata da trascorrere nel parco. cena e pernottamento al Amboseli Sopa Lodge. 11 giorno: AMBOSELI NP / TSAVO NATIONAL PARK WEST Colazione e partenza per il Tsavo National Park West. Pranzo presso il

19 Lodge. Dopo il pranzo, tempo per un relax e partenza per i famosi elefanti di Tsavo s. Vi sono anche, diverse specie di rettili e dei coccodrilli. Vedremo interessanti caratteristiche naturali - i campi di lava Stark e Mzima Springs (acque cristalline che sgorgano ogni giorno da sotto il costone di lava, in netto contrasto con la vallata circostante molto arida), ritorno al lodge per cena e pernottamento al Ngulia Safari Lodge 12 giorno: TSAVO NP WEST / ARUSHA NP Dopo la prima colazione, trasferimento al confine Taveta e appuntamento con il rangers che ci condurra nei parchi della Tanzania, partenza per il Parco Nazionale di Arusha, giro panoramico. L ingresso del parco si apre su una foresta montana abitata dalle curiose scimmie blu e dai coloratissimi turaco e trogoli, si possono vedere i leopardi e le iene maculate, Pasti e pernottamento a Meru Simba Lodge a 3 * stelle Lodge 13 giorno: ARUSHA NP / NGORONGORO Dopo la prima colazione, partenza per il Ngorongoro e discesa al Ngorongoro Crater per visitare questo splendido scenario, Ngorongoro è un patrimonio dell umanità situato al margine orientale del Serengeti, nel nord della Tanzania. Il cratere è la più grande caldera intatta più antica nel mondo. Formatosi quasi tre milioni di anni fa, un tempo vulcanica Ngorongoro è ormai considerato Africa s Garden of Eden - un rifugio per migliaia di animali selvatici, tra cui leoni, elefanti, gnu, zebre, rinoceronti, gazzelle di Thomson e bufali. Pasti e pernottamento al Ngorongoro Sopa Lodge. 14 giorno: NGORONGORO / SERENGETI Dopo la prima colazione, partenza per il Serengeti passando per la Gola di Olduvai. La gola di Olduvai, importante sito archeologico africano, è un avvallamento lungo circa 40 km, chiuso da ripide pareti, situato nella pianura di Serengeti, nel nord della Tanzania, e collegato alla Grande Rift Valley che si estende lungo l Africa orientale. Serengeti, il parco più antico e il più visitato della Tanzania, è famoso per la migrazione annuale, quando sei milioni di zoccoli calcano le pianure sterminate, con più di zebre e gazzelle di Thomson che si aggregano agli gnu alla ricerca di nuovi pascoli. Ma anche quando la migrazione è finita, il Serengeti è probabilmente il miglior posto in Africa per osservare gli animali selvatici: grandi mandrie di bufali, piccoli gruppi di elefanti e giraffe, migliaia e migliaia di eland, topi, kongoni, impala e gazzelle di Grant, ecc.. Pasti e pernottamento in Seregeti Sopa lodge. 15 giorno: SERENGETI Escursione di intera giornata del Serengeti National Park, pasti e pernottamento in Serengeti Sopa Lodge. 16 giorno: SERENGETI / LAKE MANYARA NP Dopo la prima colazione, partenza per il Lake Manyara National Park, Il circuito di osservazione degli animali a Manyara è compatto ma mostra un microcosmo virtuale dell esperienza di un safari in Tanzania. Dall ingresso principale, la strada percorre una distesa di giungla lussureggiante dove gruppi di centinaia di babbuini poltriscono con noncuranza al lato della carreggiata, scimmie blu scorazzano agilmente tra gli antichi alberi di mogano, delicati tragelafi striati (antilopi di foresta) camminano prudentemente tra le ombre, mentre i bucarvi della foresta strombazzano rumorosamente tra i rami degli alberi. Tra gli altri uccelli, si devono segnalare le migliaia di fenicotteri rosa impegnati nelle loro perpetue migrazioni, ed altri grandi uccelli acquatici come pellicani, cormorani e cicogne. Pasti e pernottamento al Manyara Serena Lodge 17 giorno: LAKE MANYARA NP / TARANGIRE NP Dopo la prima colazione, partenza per il Tarangire National Park, visita del parco, pasti e pernottamento al Tarangire Sopa lodge. Branchi composti anche da 300 elefanti grattano il letto secco del fiume per cercare l acqua sotterranea, mentre gli animali migratori come gnu, zebre, bufali, gazzelle, antilopi sudafricane ed eland si affollano attorno alla poca acqua che resta nelle pozze. Qui c é la più grande concentrazione di animali selvatici al di fuori dell ecosistema del Serengeti un ricco buffet per i predatori. Questo è anche l unico posto in Tanzania dove si osservano regolarmente certi tipi di antilopi come il maestoso orice gazzella ed il stupefacente gerenuk dal lungo collo. Cena e pernottamento al Tarangire Sopa Lodge 18 giorno: TARANGIRE NP / NAIROBI Dopo la prima colazione, trasferimento all aeroporto di Nairobi, partenza e pernottamento a bordo. 19 giorno: ITALIA Arrivo in Italia Hotel e Lodge Sono di categoria Standard In richiesta categorie Superiori Partenze libere (per individuali) Kenya & Tanzania (19gg/17nt) Numero di partecipanti Periodo S.S. Stagione Unica Tariffa aerea calcolata in classe economy (da riconfermare al momento della prenotazione) Suppl. volo alta stagione: variabile a seconda della data di partenza; Suppl. cena di Natale e Cena di Capodanno in richiesta; Supplemento guida in Italiano su ricchiesta da dividere in base al numero dei partecipanti. La quota comprende: Voli di linea Ethiopian Trasporto in 4x4, carburante incluso e rangers in lingua inglese, acqua a disposizione. Sistemazione in camera doppia con trattamento di pensione completa durante il safari, pranzi come da programma, mezza pensione a Nairobi. Ingresso e permessi ai parchi e riserve previste dal programma. La quota non comprende: Le bevande ai pasti e i pasti non menzionati Guide in lingua italiana Le mance e gli extra in genere e tutto quanto non menzionato ne la quota comprende. - Visto d ingresso Kenya e Tanzania 17 Tanzania

20 Mini Safari in Tanzania Tanzania 18 La Natura Esplode 4gg/3nt 1 giorno: ARUSHA / LAKE MANYARA NP (140 Km) Prima colazione, partenza in direzione del LAKE MANYARA NATIONAL PARK (2 ore circa), safari nel parco e pranzo pic-nic. Sistemazione al LAKE MANYARA WILDLIFE LODGE, cena e pernottamento. 2 giorno: LAKE MANYARA NP / SERENGETI NP (205 Km) Prima mattina colazione in albergo, partenza alle 08:00 circa in direzione del Serengeti National Park (3 ore circa) attraverso la gola Olduvai, il primo parco nazionale della Tanzania ed una delle aree naturalistiche più rinomate del mondo; pranzo pic-nic e visita del parco. Sistemazione al SERONERA WILDELIFE LODGE, cena e pernottamento. 3 giorno: SERENGETI NP / NGORONGORO NP (145 Km) Partenza all alba per l esplorazione del parco quando la natura si sveglia, prima colazione in albergo e safari. Pranzo e partenza per NGO- RONGORO CONSERVATION AREA attraversando la gola Olduvai (circa 2 ore). Arrivo e sistemazione presso NGORONGORO WILDLIFE LODGE, cena e pernottamento. 4 giorno: NGORONGORO / KILIMANJARO APT Prima mattina colazione in albergo. Escursione intera giornata sull enorme caldera formatasi circa 2,5 milioni di anni fa in seguito al collasso del vulcano; pranzo pic-nic e proseguimento del safari fino al tardo pomeriggio. Ritorno all aeroporto Kilimanjaro e partenza. Fine dei servizi. Hotel e Lodge Sono di categoria standard In richiesta categorie Superiori e di Lusso Partenze libere (per individuali) La Natura Esplode (4gg/3nt) Numero di partecipanti Periodo S.S. Stagione Unica Il Tarangire e le sue Creature (3gg/2nt) Numero di partecipanti Periodo S.S. Stagione Unica Grandi Emozioni (2gg/1nt) Numero di partecipanti Periodo S.S. Stagione Unica Suppl. volo alta stagione: 16/07-20/08 Suppl. cena di Natale e Cena di Capodanno in richiesta; Supplemento guida in Italiano su richiesta da divedere in base al numero dei partecipanti. La quota comprende: Trasporto in 4x4, carburante incluso e rangers in lingua inglese, acqua a disposizione. Sistemazione in camera doppia con trattamento di pensione completa. Ingresso e permessi ai parchi e riserve previste dal programma. La quota non comprende: Le bevande ai pasti e i pasti non menzionati Guide in lingua italiana Le mance e gli extra in genere e tutto quanto non menzionato ne la quota comprende. - Visto d ingresso Il Tarangire e le sue Creature 3gg/2nt 1 giorno: ARUSHA / LAKE MANYARA NP (140 Km) Prima colazione, partenza in direzione del LAKE MANYARA NATIONAL PARK (2 ore circa). Safari nel parco, pranzo pic-nic. Sistemazione al LAKE MANYARA WILDLIFE LODGE, cena e pernottamento. 2 giorno: LAKE MANYARA NP / NGORONGORO (60 Km) Prima colazione in albergo, partenza per NGORONGORO CONSERVA- TION AREA attraverso la gola OLDUVAI conosciuta come culla dell umanità ; safari e pranzo pic-nic. Sistemazione NGORONGORO WILDLI- FE LODGE, cena e pernottamento. 3 giorno: NGORONGORO / TARANGIRE / ARUSHA (145 Km) Prima colazione, partenza mattina presto per il Tarangire NP che si presenta con la più alta concentrazione di animali selvatici al di fuori dell ecosistema del Serengeti. Visita del parco, pranzo pic-nic. Nel tardo pomeriggio rientro e partenza dall aeroporto di Kilimanjaro. Grandi Emozioni 2gg/1nt 1 giorno: ARUSHA / LAKE MANYARA NP (140 Km) Prima colazione e partenza in direzione del LAKE MANYARA NATIO- NAL PARK (2 ore circa). Safari nel parco, pranzo pic-nic. Sistemazione al LAKE MANYARA WILDLIFE LODGE, cena e pernottamento. 2 giorno: LAKE MANYARA NP / NGORONGORO / ARUSHA (60 Km) Prima colazione in albergo e partenza mattina presto per l escursione intera giornata a Ngorongoro, discesa verso l enorme caldera formatasi circa 2,5 milioni di anni fa in seguito al collasso del vulcano. Safari e pranzo pic-nic. Nel tardo pomeriggio ritorno all aeroporto di Kilimanjaro e partenza. Fine dei servizi.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159 CHE COS È IL CLIMA? L atmosfera: è l aria che circonda la Terra. Ti è capitato di vedere in televisione o su un giornale le previsioni del tempo? La persona che parla spiega che cosa succede nell aria

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante : il regno del dragone tuonante di Paolo Castellani 12 Il Memorial Chorten a Thimphu Lo Dzong di Paro? Ma dov è? Questa è la risposta che ti puoi aspettare quando dici che andrai in Bhutan. Questo remoto

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA!

FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA! FEBBIO SUMMER CAMP - Estate 2015 UNA SETTIMANA DI DIVERTIMENTO IMMERSI NELLA NATURA! Febbio (1200-2063 m.) Comune di Villa Minozzo, alle pendici del Monte Cusna; località inserita nel meraviglioso contesto

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

DAL PARCO NAZIONALE DEI M ONTI SIBILLINI SCUOLA PRIM ARIA DI M ONTEFORTINO PLURICLASSE 1ª / 2 ª

DAL PARCO NAZIONALE DEI M ONTI SIBILLINI SCUOLA PRIM ARIA DI M ONTEFORTINO PLURICLASSE 1ª / 2 ª DAL PARCO NAZIONALE DEI M ONTI SIBILLINI SCUOLA PRIM ARIA DI M ONTEFORTINO PLURICLASSE 1ª / 2 ª ALLA RI CERCA D EL PI CCOLO PAU L, I L CAMOSCI O PI Ù BELLO D EL MOND O - Salve amici! Siamo i camosci appenninici,

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE SCIARE AL CORNO ALLE SCALE IL CORNO ALLE SCALE SPORT INVERNALI PER TUTTI E A TUTTI I LIVELLI, CALDA OSPITALITÀ E PIACEVOLI MOMENTI DI SVAGO E DI RELAX: È CIÒ CHE OFFRE IL CORNO ALLE SCALE, LA STAZIONE

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte)

Bambini vecchiette signori e signore venite a giocare con tutti i colori (2 volte) La canzone dei colori Rosso rosso il cane che salta il fosso giallo giallo il gallo che va a cavallo blu blu la barca che va su e giù blu blu la barca che va su e giù Arancio arancio il grosso cappello

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Club Alpino Italiano Sezione di Valenza Davide e Luigi Guerci Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Sabato 19 settembre 2015 Viaggio andata Ritrovo dei

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI Ogni programma è preceduto da una testatina contenente, in forma sintetica, le informazioni relative al viaggio. Lo spazio a disposizione nella scheda è limitato

Dettagli

Un roseto. le nuvole. Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige)

Un roseto. le nuvole. Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige) Dai suoi 1500 metri, è il più alto d Europa (Bulla, Ortisei - Alto Adige) Un roseto Il gazebo adiacente la casa sfrutta l estensione fra di un glicine centenario le nuvole e offre ombra e riparo nelle

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate.

Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate. VOLO incluso DA MILANO MALPENSA Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate. a n t i l l e mar dei caraibi 2 0 1 3-1 4 Un arcipelago di isole di gioia e colore. Viaggia nel cuore delle Antille. Il ritmo

Dettagli

Ecco come funziona un sistema di recinzione!

Ecco come funziona un sistema di recinzione! Ecco come funziona un sistema di recinzione! A) Recinto elettrico B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.)

Attorno alla Rupe. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo la forza nel branco sarà (2v.) Attorno alla Rupe Attorno alla rupe orsù lupi andiam d'akela e Baloo or le voci ascoltiam del branco la forza in ciascun lupo sta del lupo la forza del branco sarà. Rit.: uulla ullalala uullalala del lupo

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

Trekking di più giorni

Trekking di più giorni SEZIONE DI MORTARA Trekking di più giorni Cosa portare nello zaino Escursioni di più giorni Per i trekking il discorso peso diventa ancora più importante delle escursioni di un giorno o due. Portare sulle

Dettagli

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe

Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate serena ai nostri amici a quattrozampe Direzione Generale della sanità animale e dei farmaci veterinari Direzione Generale della comunicazione e delle relazioni istituzionali Il caldo e la salute degli animali domestici Come garantire un estate

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA

CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA CONOSCERE la VALLE DEL LANZA UOMO E NATURA Escursioni di Educazione Ambientale per la Scuola Media Proposte per l A.S. 2014-2015 Itinerari escursionistici disponibili (eco)sistema della Diga di Gurone.

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni

Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni Passeggiate con le racchette da neve a Merano e dintorni Area sciistica Merano 2000 Malga di Verano Dal parcheggio nr. 5 di Avelengo si procede verso il municipio per poi prendere il sentiero 2/a che porta

Dettagli

ITINERARI CON LA MOUNTAIN BIKE

ITINERARI CON LA MOUNTAIN BIKE ::Lago di Carezza:: :: Caratteristiche: i primi 200 m dopo l'albergo Lärchenwald (Gummer - S. Valentino) sono piuttosto ripidi, quindi si prosegue su strada forestale con discreti saliscendi fino al Passo

Dettagli

le più belle ville del Mediterraneo

le più belle ville del Mediterraneo le più belle ville del Mediterraneo le ville più belle del Mediterraneo Istria, Mediterraneo verde Dettaglio della penisola istriana Ricchezza della Tradizione Scoprite gli angoli ancora inesplorati del

Dettagli

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo

Valutazione Crediti e proposte Progetti. Area Turismo Valutazione Crediti e proposte Progetti Area Turismo a cura di Bruno Turra Questo documento intende affrontare l analisi delle priorità di valutazione nell area turismo individuandone le principali componenti

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO

SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO. Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO SIGNIFICATO LETTERALE E SIGNIFICATO METAFORICO Indica per ogni coppia di frasi, quando la parola in stampato maiuscolo ha SIGNIFICATO LETTERALE e quando ha SIGNIFICATO METAFORICO (FIGURATO). Questa non

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS : VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS Un Viaggio indimenticabile attraverso la Storia Venice-Simplon Orient-Express è il treno più famoso del mondo, con una storia ultracentenaria che nasce nel 1864 e prosegue

Dettagli

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa

Quanti nuovi suoni, colori e melodie, luce vita e gioia ad ogni creatura splende la sua mano forte e generosa, perfetto è ciò che lui fa TUTTO CIO CHE FA Furon sette giorni così meravigliosi, solo una parola e ogni cosa fu tutto il creato cantava le sue lodi per la gloria lassù monti mari e cieli gioite tocca a voi il Signore è grande e

Dettagli

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO RELAZIONE MOSTRA: FOOD, LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO La mostra è allestita nelle sale del Museo di Storia Naturale di Milano dal 28 Novembre 2014 al 28 Giugno 2015. Affronta il complesso tema del cibo

Dettagli

COME VINCERE IL CALDO

COME VINCERE IL CALDO Centro Nazionale per la Prevenzione e il Controllo delle Malattie ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO Raccomandazioni per il personale che assiste gli anziani a casa ESTATE SICURA COME VINCERE IL CALDO

Dettagli

REPORTAGE/Nuove sfde. Israele che pedala UN MAR MORTO

REPORTAGE/Nuove sfde. Israele che pedala UN MAR MORTO REPORTAGE/Nuove sfde Israele che pedala UN MAR MORTO PiENO di vita 74 bambini, donne, professionisti: tutti insieme per provare il fascino di viaggiare in bici attraverso un deserto unico, con partenza

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti

TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti 2014/2015 TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti Atene / Canale di Corinto / Epidauro / Micene / Nauplia / Olympia Arachova / Delfi / Kalambaka / Monasteri Bizantini delle Meteore / Termopili

Dettagli

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto

3 m 3 m. 1 m. B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra. Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto B) Fili elettrici C) Isolatori D) Paletti E) Paletti messa a terra 3 m 3 m 1 m Assicurarsi che ci siano almeno 2500V in tutta la linea del recinto Il sistema di recinzione elettrico consiste di: A) un

Dettagli

wewelcomeyou fate la vostra scelta

wewelcomeyou fate la vostra scelta wewelcomeyou fate la vostra scelta State cercando la vostra prossima destinazione per l estate? Volete combinare spiagge splendide con gite in montagna e nella natura? Desiderate un atmosfera familiare

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

Kamon & Drive Garuburn

Kamon & Drive Garuburn Kamon & Drive Garuburn Drive Garuburn È il B-Daman dall emblema Uccello di Fuoco. Solitamente è calmo e rimane al fianco di Kamon, il ragazzo dal sangue caldo, anche se ogni tanto il suo carattere irascibile

Dettagli

1. Lo sport mens sana in corpore sano

1. Lo sport mens sana in corpore sano 1. Lo sport mens sana in corpore sano Mens sana in corpore sano è latino e vuol dire che lo sport non fa bene soltanto al corpo ma anche alla mente. E già ai tempi dei romani si apprezzavano le attività

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Livello CILS A2. Test di ascolto

Livello CILS A2. Test di ascolto Livello CILS A2 GIUGNO 2012 Test di ascolto numero delle prove 2 Ascolto Prova n. 1 Ascolta i testi. Poi completa le frasi. Scegli una delle tre proposte di completamento. Alla fine del test di ascolto,

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20

VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 MOD.COM/VIT COMUNE di VILLAGGI TURISTICI Comunicazione dell attrezzatura e dei prezzi per l anno 20 1 SEMESTRE (scrivere a macchina o in stampatello) 2 SEMESTRE 01 Denominazione del Villaggio Turistico

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

www.italy-ontheroad.it

www.italy-ontheroad.it www.italy-ontheroad.it Rotonda, rotatoria: istruzioni per l uso. Negli ultimi anni la rotonda, o rotatoria stradale, si è molto diffusa sostituendo gran parte delle aree semaforizzate, ma l utente della

Dettagli

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna

I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione I rapporto sul turismo attivo in Sardegna Le potenzialità dell altra stagione Agenzia Governativa Regionale Sardegna Promozione 1 Il turismo attivo in

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno.

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno. ITALIA FISICA Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 10 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE A. Le idee importanti l L Italia è una penisola al centro del Mar Mediterraneo, con due grandi isole l In Europa, l

Dettagli

in evidenza 2013-2014

in evidenza 2013-2014 in evidenza 2013-2014 Liberty of the Seas, la nave più incredibile del Mediterraneo A inaugurare gli imbarchi da Napoli sarà Liberty of the Seas, una nave straordinaria in partenza per la prima volta dall

Dettagli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli

La realtà non è come ci appare. carlo rovelli La realtà non è come ci appare carlo rovelli 450 a.e.v. Anassimandro cielo terra Anassimandro ridisegna la struttura del mondo Modifica il quadro concettuale in termine del quali comprendiamo i fenomeni

Dettagli

Mount Rainier National Park

Mount Rainier National Park Mount Rainier National Park National Park Service U.S. Department of the Interior Benvenuti nel paradiso della montagna. Quest area protetta è famosa per le sue fitte foreste, incantevoli prati di fiori

Dettagli

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE

APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE APPLICAZIONE MODELLISTICA PER LA VALUTAZIONE DELLA QUALITÀ DELL ARIA NELL AREA DI INSEDIAMENTO DEL CENTRO AGRO ALIMENTARE TORINESE Introduzione La porzione di territorio situata a sud-ovest dell Area Metropolitana

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE

LA STREGA ROVESCIAFAVOLE LA STREGA ROVESCIAFAVOLE RITA SABATINI Cari bambini avete mai sentito parlare della strega Rovesciafavole? Vi posso assicurare che è una strega davvero terribile, la più brutta e malvagia di tutte le streghe

Dettagli

QUATTRO TOPI NEL FAR WEST!

QUATTRO TOPI NEL FAR WEST! QUATTRO TOPI NEL FAR WEST! GERONIMO STILTON Testi di Geronimo Stilton. Coordinamento editoriale di Piccolo Tao. Editing di Certosina Kashmir e Topatty Paciccia. Coordinamento artistico di Gògo Gó in collaborazione

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

47 Anno Domini Triathlon Festival

47 Anno Domini Triathlon Festival 47 Anno Domini Triathlon Festival Campionati Italiani Assoluti di Triathlon Sprint Staffetta a squadre Coppa Crono a Squadre Sabato 05 ottobre 2013 Domenica 06 ottobre 2013 Parco Le Bandie, Lovadina (TV)

Dettagli

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica:

Pasta per due. Capitolo 1. Una mattina, Libero si sveglia e accende il computer C È POSTA PER TE! e trova un nuovo messaggio della sua amica: Pasta per due 5 Capitolo 1 Libero Belmondo è un uomo di 35 anni. Vive a Roma. Da qualche mese Libero accende il computer tutti i giorni e controlla le e-mail. Minni è una ragazza di 28 anni. Vive a Bangkok.

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

Che tempo fa? Unità 1. Pioggia, freddo e vento: al Nord è maltempo. Tromba d aria in Valtellina

Che tempo fa? Unità 1. Pioggia, freddo e vento: al Nord è maltempo. Tromba d aria in Valtellina Unità 1 Che tempo fa? Com è il tempo oggi? Sei un tipo meteoropatico? Quanto influisce il tempo sul tuo umore? Come ti senti in una giornata luminosa e soleggiata? E in una giornata umida e piovosa? Pioggia,

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO Cosa si intende per giorno con neve al suolo? Se può essere relativamente semplice definirlo per un territorio pianeggiante ampio e distante da

Dettagli