Proposta Viaggio di Nozze Rwanda - Tanzania - Zanzibar

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Proposta Viaggio di Nozze Rwanda - Tanzania - Zanzibar"

Transcript

1 Proposta Viaggio di Nozze Rwanda - Tanzania - Zanzibar

2 Malpensa - Doha Doha - Kigali Kigali - Nairobi Nairobi - Kilimangiaro Dar el Salam - Doha Doha - Malpensa

3 IL PROGRAMMA DI VIAGGIO 15 GIUGNO - MILANO MALPENSA / DOHA / KIGALI Partenza con voli di linea in classe economica come da dettaglio. Pasti e pernottamento a bordo. 16 GIUGNO - KIGALI Arrivo a Doha e partenza con volo in coincidenza per Kigali. Arrivo in aeroporto e disbrigo delle formalità d'ingresso. Trasferimento in albergo in auto privata con autista con guida locale parlante inglese. Pernottamento a l'hotel des Milles Collines. 17 GIUGNO - KIGALI / VOULCANOES NATIONAL PARK Prima colazione. mattinata dedicata alla visita della capitale del Rwanda situata proprio nel cuore del Paese. Non è solo la capitale amministrativa ma anche una città in rapida espansione, molto verde,e probabilmente tra le cittadine

4 IL PROGRAMMA DI VIAGGIO più ordinate e pulite del continente africano. Nel pomeriggio trasferimento verso Masanze per raggiungere in serata (dopo circa due ore e mezza d'auto) il Mountian Gorilla View Lodge situato sulle pendici del Mount Sabyinyo, parte della catena dei Vulcani Virunga, a circa un chilometro dall'ingresso del parco nazionale. Cena e pernottamento al lodge. 18 GIUGNO - VOULCANOES NATIONAL PARK / KIGALI Prima colazione. In circa 15 minuti d'auto si arriva all'ingresso del Parco Nazionale da dove inizia la splendida avventura del tracking agli ultimi gorilla di montagna che abitano all'interno della foresta pluviale tropicale che ricopre le pendici dei Vulvani Virunga. E' qui che la famosa primatologa americana Dian Fossey ha studiato il comportamento di questi splendidi esemplari. Al termine, nel pomeriggio, si rientra a Kigali. Pernottamento presso l'hotel des Milles Collines, cena libera. 19 GIUGNO - KIGALI / NAIROBI / KILIMANJARO / ARUSHA Prima colazione e trasferimento in aeroporto in tempo per il disbrigo delle pratiche d'imbarco. Partenza come da piano voli, via Nairobi. Arrivo a Kilimanjaro in serata ed incontro con un rappresentante del nostro corrispondente locale. Trasferimento in hotel e sistemazione presso il Mount Meru Hotel con trattamento di pernottamento e prima colazione.

5 IL PROGRAMMA DI VIAGGIO 20 GIUGNO - ARUSHA / LAKE MANYARA Pensione completa. Arrivo previsto in loco in mattinata. Disbrigo delle formalità d ingresso ed incontro con la nostra guida locale, di lingua italiana. Partenza in veicolo 4x4 alla volta del Lago Manyara. Sistemazione in hotel. Nel pomeriggio è previsto un primo safari pomeridiano. Pernottamento. 21 GIUGNO - LAKE MANYARA / SERENGETI Pensione completa. Dopo la prima colazione si prosegue il viaggio verso il Parco Nazionale Serengeti attraversando gli splendidi paesaggi della zona di Ngorongoro con arrivo al lodge verso l ora di pranzo. Il pomeriggio sarà da dedicarsi interamente ai safari in questo che è reputato essere uno dei parchi più belli dell Africa. Pernottamento.

6 IL PROGRAMMA DI VIAGGIO 22 GIUGNO - SERENGETI NATIONAL PARK Pensione completa. La giornata odierna è dedicata alla scoperta di questo meraviglioso Parco con safari mattutino e pomeridiano. Pernottamento. 23 GIUGNO - SERENGETI / NGORONGORO Pensione completa (con pranzo pic-nic). Dopo la prima colazione si parte alla volta della Ngorongoro Conservation Area con sosta lungo il percorso alle Gole di Olduvai, la vera culla dell Umanità, uno dei siti archeologici più importanti del continente africano. Il sito fu scoperto casualmente nel 1911 dall entomologo Tedesco Wilhelm Kattwinkel mentre era intento a cacciare una farfalla. Gli scavi furono iniziati intorno al 1930 da Louis Leakey e continuano tutt ora sotto la supervisione della stessa famiglia. Nel 1959, Mary Leakey rinvenne l Australopithecus Boisei, il cui ritrovamento è commemorato sul posto con una lapide. Sistemazione e pernottamento in lodge. 24 GIUGNO - NGORONGORO / TARANGIRE NATIONAL PARK Pensione completa. Dopo la prima colazione si discende all interno della base di questo antichissimo cratere. In realtà parliamo di una enorme caldera collassata su se stessa dal diametro di 16 Km. All interno di possono trovare molti degli ambienti tipici della Tanzania e una concentrazione di animali selvatici tra cui un importante popolazione di rinoceronti neri. Dopo il safari si rientra al lodge per il pranzo per poi proseguire verso il bellissimo Parco di Tarangire a circa 200Km di distanza. Questo parco ricco di paesaggi indimenticabili punteggiati da enormi baobab, preserva una delle

7 IL PROGRAMMA DI VIAGGIO popolazioni di elefanti più importanti del paese. Il trasferimento verso il lodge si rivelerà essere un primo safari per apprezzare i paesaggi circostanti. Pernottamento. 25 GIUGNO - TARANGIRE / ARUSHA Mezza pensione. Mattinata dedicata al safari. Dopo pranzo, incluso, si procede verso la piccola cittadina di Arusha e nel pomeriggio si avrà l opportunità di visitare per chi lo desidera il prezioso centro di Malaika Children s Home che accoglie bimbi poco fortunati. L abbandono dei minori in Tanzania è un problema gravoso e questo nobile progetto aiuta a rendere più gioiosa e spensierata l infanzia di questi piccoli. Cena libera e pernottamento. 26 GIUGNO - ARUSHA / ZANZIBAR Prima colazione. Trasferimento all aeroporto di Arusha e partenza con volo interno per Zanzibar. All arrivo incontro con il nostro rappresentante locale e trasferimento in veicolo riservato per la struttura prescelta. 26 GIUGNO - 03 LUGLIO - 7 NOTTI - ZANZIBAR Hideway of Nungwi Resort - Luxury Junior Suite 03 LUGLIO - ZANZIBAR / DAR ES SALAM / ITALIA Prima colazione. Trasferimento in aeroporto e rientro in volo a Dar es Salam. Assistenza in transito e proseguimento con voli di linea Qatar per l Italia via Doha. Pasti e pernottamento a bordo.

8 Parco Nazionale dei Vulcani è la sezione ruandese della più estesa Area di Conservazione Virunga condivisa tra Uganda, Ruanda e Congo. Il nome deriva dalla catena dei nove vulcani che si trovano sul territorio, tra cui il Karisimbi (4.507 m), Visoke, Sabinyo e Muhavura. L altitudine varia tra I e i 4000 metri e oltre sulle cime. Dal 2003 il parco offre l opportunità di visitare le famiglie della specie protetta delle scimmie dorate. Sul monte Visoke si trovano le tombe della primatologa Americana Dian Fossey e quelle di alcuni gorilla di montagna da lei studiati. L attività più conosciuta nel parco è quella del gorilla tracking per visitare una delle famiglie di gorilla di montagna familiarizzate alla presenza umana. Questo programma può essere organizzato sia a partire da Kigali che da Kampala. PARCO NAZIONALE DEI VULCANI

9 PARCO NAZIONALE DEL LAGO MANYARA SUPERFICIE: 330 Kmq (dei quali 201 occupati dal lago) Il lago e l ecosistema lacustre del parco nazionale Manyara fu descritto da Hemingway come il più bello del continente nel suo celebre libro Le verdi colline d Africa. Non a torto il grande scrittore diede il primato di bellezza a questo luogo incantato, perfettamente adagiato per oltre 50 km lungo i declivi dell altopiano della Rift Valley. I fortunati visitatori potranno ammirare l incredibile bellezza dei paesaggi e la ricchezza faunistica (sia megafauna sia avifauna). La vegetazione è verde e rigogliosa nonostante la piovosità media della regione sia di appena 800 mm all anno, un intricato dedalo di sorgenti naturali, che sgorgano attraverso gli strati permeabili del ricco suolo vulcanico, funge da riserva idrica per la lussureggiante vegetazione. Questa rigogliosa vegetazione rende più difficile l avvistamento degli animali durante i game drive (foto safari) ma sarà sempre un grande piacere poter ammirare la bellezza del lago e dei suoi paesaggi. Le rosse strade sono spesso sovrastate dalla copertura delle ombrellifere, solo il collo delle giraffe riesce a svettare sulle verdi chiome delle numerose acacie ad ombrello. Scorgendo fra i rami potrebbe capitare di ammirare i leoni arboricoli, così definiti perché hanno la tendenza di risalire i tronchi delle piante per sdraiarsi sui rami più bassi.

10 PARCO NAZIONALE DEL LAGO MANYARA Questa attitudine è legata alle alte temperature ed alla presenza di insetti e parassiti che infestano i manti erbosi: l altezza permette ai panterini di evitare gli insetti e soprattutto di godere del vento che, non fermato dalle alte erbacee, si insinua fra i rami degli alberi. La zona dove è più facile ammirare i leoni sugli alberi sono le aree boschive a sud della densa foresta settentrionale. Da non dimenticare sono i big tuskers del Manyara, gli elefanti di questo parco hanno zanne mediamente più lunghe e sviluppate rispetto a qualsiasi altro parco dell Africa equatoriale, molto interessanti sono anche le tendenze quasi ipermelaniche di alcuni maschi di giraffa: hanno un manto così scuro da apparire quasi nere se viste da lontano. Altri grandi mammiferi presenti sono i bufali, gli gnu e le zebre che abitano le aree più pianeggianti ed erbose delle pianure alluvionali e da esondazione. Fra i piccoli mammiferi vanno menzionati i numerosi dik dik, saltarupi, babbuini, cercopitechi e gli elusivi tragelafi striati. Per gli amanti di bird watching Manyara offre uno spettacolo unico, nel parco infatti ci sono oltre 400 specie ornitiche. Non è raro che le guide riescano a mostrare in una giornata fino a 50 specie diverse di uccelli, molte acquatiche come fenicotteri, pellicani, cormorani, aironi, cavalieri d Italia e numerose specie di martin pescatori. Fra i predatori dell aria ricordiamo gli avvoltoi delle palme, aquile urlatrici e numerose specie di falchi. Il parco si trova a 130 km da Arusha vicino alla cittadina di Mto wa Mbu.

11 PARCO NAZIONALE DEL SERENGETI AREA: km2 Chi non conosce, anche solo di fama, lo spettacolare Serengeti? Almeno metà dei documentari naturalistici africani sono stati girati nell ecosistema fra Serengeti e Masai Mara e l eco della grande migrazione è giunto alle orecchie di oltre metà della popolazione mondiale. Famoso come, se non di più, una capitale europea, il Serengeti è un vero must per chiunque si definisca appassionato di safari. Inserito fra i patrimoni dell umanità dell UNESCO è stato anche elencato fra le 7 meraviglie naturali al mondo e non a caso è uno dei parchi africani più visitati da sempre. Se il suo nome è famoso, l etimologia di Serengeti è da ricercare nella lingua dei Masai: siringet, in lingua Maa significa grande pianura e si riferisce proprio alle grandi pianure centrali e australi del parco. Situato a 335 km da Arusha, funge da confine naturale con il Kenya e con il Masai Mara, i territori ad ovest lambiscono le immense acque del lago Vittoria. Descrivere la grande migrazione non è semplice, basti però pensare ad oltre un milione di gnu, oltre trecentomila gazzelle di Thompson e duecentomila zebre compatte alla ricerca di pascoli verdi e luoghi dove riprodursi. 40 km di biodiversità che si muove quasi all unisono per un viaggio annuale di oltre 1000 km evitando pericolose cadute nei fiumi, le fauci dei coccodrilli e la fame dei numerosissimi predatori (leoni, leopardi, iene e ghepardi) pronti ad approfittare degli esemplari più giovani, deboli ed anziani questo e molto altro è la grande migrazione. Ma il Serengeti non è solo migrazione, questo parco è ricchissimo di animali anche prima e dopo la migrazione: gruppi numerosi di giraffe ed elefanti si avvicendano sulle chiome delle ombrellifere

12 PARCO NAZIONALE DEL SERENGETI mentre al suolo diverse specie di ungulati si spartiscono erbacee e foglie basse. La presenza dei predatori è eccellente soprattutto nei territori centrali, con densità da record di leoni e leopardi, moltissime iene, caracal, gattopardi e gli elusivi licaoni. Altro interessante record del parco è la presenza di tutte e 3 le specie di sciacalli africani. Se la megafauna (animali che superano i 40 kg) è strepitosa, il resto della zoomassa del parco è altrettanto eccellente con oltre 300 specie di piante, 100 varietà di stercorari ed oltre 500 specie ornitiche dallo struzzo alle nettarine. Il Serengeti, con i suoi km2 è il secondo parco nazionale più grande del paese dopo il Ruaha National Park, ha una dimensione molto simile al parco nazionale Hwange in Zimbabwe ( km2) ma è da considerarsi il minore se paragonato ad altri parchi africani ma il Serengeti ha la più alta concentrazione di mammiferi rendendolo così uno dei parchi più importanti da visitare. Possiamo idealmente dividere il territorio del Serengeti in 4 aree principali: 1. Area nord, comprendenti i territori al confine con il Kenya, la zona del fiume Mara e l area di Lobo. 2. La Valle del Seronera, con le pianure centrali e meridionali che danno nome al parco. 3. Il Western Corridor, dal confine con il Lago Vittoria sino alle pianure centrali. 4. Il Sud, caratterizzato dal lago Ndutu e dalla pianure australi.

13 PARCO NAZIONALE DEL SERENGETI L area che occupa i territori a nord si sviluppa dal confine con il Kenya fino alla Banagi hill, dove inizia Seronera. Decisamente diversa rispetto alle altre due zone, la geomorfologia della regione presenta aree collinari come le Kuka e le Lobo Hills (2133 m slm), per tale motivo le strade si snodano attorno alle colline a forma di kopjes rendendo il percorso da nord a sud davvero molto piacevole e, a tratti, sorprendente. In questa zona lo scorrere dei due fiumi Mara (a nord) e Grumeti (più a sud) permette a molti animali di vivere anche vicino alle zone collinari, questa infatti è la zona ideale per vedere i leopardi ma anche i leoni, spesso assopiti sui promontori collinari. Lungo i tratti di pista che costeggiano i fiumi è possibile ammirare alcune specie ornitiche decisamente interessanti come i turachi, i martin pescatori e le rumorose aquile urlatrici. La presenza del fiume Mara, che scorre soprattutto in Kenya, i numerosi kopjes, le zone vegetate e la migrazione nei mesi fra fine luglio ed ottobre, rendono questa zona davvero un must per appassionati di natura e fotografi. Uno dei più grandi spettacoli di questo parco sono proprio gli attraversamenti sul fiume Mara, evento straordinario che richiama migliaia di persone tutti gli anni. Sul fiume ci sono 7 passaggi chiamati Kivuko. Spostandosi da nord verso sud si passa dalle colline vegetate alle pianure centrali della catchment area del fiume Grumeti. Il fiume Seronera è il principale di 4 fiumi (Wandamu, Songore e Nyamanje) che scorrono da est verso ovest, attraversando il parco, per raggiungere il Grumeti, insieme alimentano il lago Vittoria

14 PARCO NAZIONALE DEL SERENGETI Il fiume Seronera, che da il nome all omonima area, è il confine naturale fra le colline del nord e le pianure centrali, questa è una zona eccezionale per ammirare gli animali sia mammiferi sia uccelli soprattutto perché in quest area si raggruppano specie tipiche di entrambi gli ecosistemi. Tutto questo rende l area di Seronera una delle migliori ed uno degli ecosistemi più ricchi dell interno paese tanto che questa è stata identificata da alcuni esperti come l area naturale dove è più facile fotografare leopardi e leoni! Il motivo di questa affermazione è abbastanza semplice: le zone attigue ai fiumi subiscono spesso infiltrazioni a causa del suolo permeabile, in questo modo si creano spesso aree densamente vegetate dove i predatori possono aspettare il pasto che si avvicina per l abbeverata Uno studio condotto in questa zona ha evidenziato come in un area di appena 120 km2 siano stati ritrovati ben 7 leopardi adulti, ovvero circa un leopardo ogni 15 km2 una delle densità maggiori di tutta l Africa. I leoni sono molto numerosi e questa è la zona di maggiore densità di tutto il parco, i ranger della Tanapa hanno dato un nome a tutti i gruppi di leoni (prides) prendendo spunto da punti di interesse locali come: Seronera pride, Masai Kopjes Pride, Makoma Hill Pride ed il simpatico Campsite Pride. Le pianure a sud est sono invece il territorio di caccia ideale per i ghepardi, questi splendidi felini sono infatti facilmente incontrabili nelle zone a sud del lodge di Seronera ed il Naabi gate. In questa zona si può anche organizzare un emozionante safari in mongolfiera, un modo eccellente per comprendere la differenza dell ecosistema (dall alto) e per ammirare le numerose specie che lo vivono.

15 PARCO NAZIONALE DEL SERENGETI Gli alti e bellissimi alberi che adornano la zona sono prevalentemente acacie gialle e ombrellifere oltre ad un numero importante di alberi delle salsicce (Kigelia africana). Seguendo lo scorrere dei fiumi si arriva nel Western Corridor, un luogo magico ideale per ammirare la grande migrazione nei mesi di giugno e luglio mentre nel resto dell anno ha una discreta presenza di gnu, zebre e giraffe. Se a luglio l attraversamento del fiume Grumeti è atteso da migliaia di turisti, il resto dell anno, nella parte finale del corridoio, le piogge che interessano il Lago Vittoria rendono la zona quasi sempre verde ed ideale per il pascolo di zebre e gnu che, durante tutto l anno, possono essere così numerosi da superare le unità. La pista principale che porta da Seronera a Ndabaga gate costeggia il fiume Grumeti, posizionandosi a metà fra questo fiume ed il Mbalageti river. Entrambi i fiumi riversano le acque nel lago Vittoria e, lungo il loro corso, danno vita ad una rigogliosa pianura verdeggiante ideale per gli ungulati. La differenza di suolo è evidente, qui infatti abbiamo grandi quantità di argilla, contenuta nei vertisuoli (black cotton soil), che rendono le erbacee più tenere rispetto ai suoli lavici delle pianure centrali e meridionali. Qui si possono trovare molte acacie fischianti (Acacia drepanolobium) specie di pianta adatta a vivere in suoli vertici che, a causa della simbiosi mutualista con molte specie di insetti, vive lontana da altre specie vegetali. Il fiume Grumeti ospita un numero importante di ippopotami e di grandi coccodrilli del Nilo, in questa zona si possono vedere anche le scimmie Pata. L incredibile varietà idrica del parco fa si che la fauna ornitica sia eccezionale (seconda solo al Parco Tarangire). Sono state censite oltre 500 specie di uccelli ed in una giornata di safari le guide professioniste possono descrivere fino a 100 specie diverse! Fra i grandi rapaci sono numerosissime le aquile (marziale, serpentaria, delle steppe, di Wahlnerg, urlatrice)

16 NGORONGORO CONSERVATION AREA (NCA) AREA: KMQ Si sviluppa su un area di km2 ed ha il picco più alto sopra i m slm. Vista dall alto sembra un immenso campo di battaglia con piccoli, grandi ed enormi crateri e laghi. Il Cratere di Ngorongoro si trova a sud dopo il Mount Oldenai, un altra caldera ma di dimensioni ridotte. A nord est dello Ngorongoro si trova il cratere di Olmoti e, proseguendo sempre verso nord est, il cratere Empakaai. I laghi alcalini Eyasi, Manyara e Natron disegnano un triangolo tutto intorno ai 3 crateri principali. E una zona ricca di bellezze naturali ma la più importante è sicuramente il cratere di Ngorongoro. Pochi luoghi al mondo attirano così tanti viaggiatori come questo grande cratere. Uno dei luoghi naturali più ammirati, fotografati e filmati del mondo fa parte di un ecosistema multiplo derivante dall attività tettonica e magmatica che ha interessato questi territori in ere passate. La zona è caratterizzata dalla presenza di caldere estinte ben conservate diventate successivamente i luoghi ideali per la vita prospera degli animali. Oltre al cratere di Ngorongoro la Conservationa Area è famosa per la presenza di altri due crateri più piccoli: l Olmoti e l Empakaai, entrambi visitabili e non distanti dal rim (corona) del cratere di Ngorongoro A completare l incredibile ricchezza di questa regione della Tanzania del nord l importante sito archeologico delle Grotte di Olduvai, conosciute da molti come la culla dell umanità. Con una ricchezza di spunti e bellezze naturali/culturali di questa portata non deve stupire che questa zona sia una delle più visitate di tutto il continente. Basterebbe questa zona a completare un viaggio di una settimana ma il problema, di fatto, è il numero di turisti che ogni anno visitano il cratere principale e le zone limitrofe.

17 NGORONGORO CONSERVATION AREA (NCA) Al di là del sovraffollamento possiamo dire, con grande tranquillità, che questa area di conservazione sia forse una delle zone più belle di tutto il Continente nero e, più in generale, una delle aree naturali più affascinanti del Mondo. Il tutto senza dimenticare che questa area di conservazione nasce dalla divisione del Cratere con il Serengeti, altro spettacolo naturale. La NCA è gestita dalla Ngorongoro Conservation Area Autority, l organizzazione che si occupa di gestire l area, gli accessi, la tutela della biodiversità e, più in generale, la convivenza fra i numerosi Masai, il loro bestiame e gli animali selvatici. Di fatto la NCAA è l organizzazione che ha permesso di salvaguardare il cratere di Ngorongoro e le aree limitrofe dal sovrautilizzo come pascolo, preservando centinaia di specie di animali e permettendo ai numerosissimi visitatori di poter godere di questo spettacolo naturale. un suono strano e poco familiare. Al mattino indagando scoprì un monolito freddo e alto 3 volte lui, il monolito iniziò a parlare alla famiglia di Guarda-la-luna e ad insegnare loro diverse cose: da come fare un nodo con un filo d erba a come cacciare a come uccidere il leopardo. Questo scorcio di romanzo è ambientato nelle Gole di Olduvai e l importanza del sito è ben testimoniata dal romanzo e dall omonimo film. Altro romanzo di grande interesse si intitola Il più grande uomo scimmia del pleistocene, scritto dal giornalista inglese Roy Lewis, dove vengono raccontate le vicende di un altro gruppo di uomini scimmia sempre del pleistocene. Gole di Olduvai Nel primo capitolo del famoso romanzo 2001: odissea nello spazio l autore, Arthur Clarke, parla di un gruppo di uomini scimmia del pleistocene. Le prime pagine parlano della fame di questi ominidi e delle difficoltà da essi affrontate sino a che, una notte, Guarda-la-luna, il capo del gruppo, non sentì

18 NGORONGORO CONSERVATION AREA (NCA) Entrambi i libri hanno un ambientazione che perfettamente si allinea con i territori delle gole di Olduvai dato che le stesse sono uno dei luoghi simbolo della paleontologia africana e mondiale. Il termine Olduvai è un errore fonetico, infatti i Masai chiamano questa zona Oldupai poichè nell area cresce una pianta particolare la Sansevieria ehrenbergii usata sia come antisettico sia per realizzare corde e contenitori. Quando l entomologo tedesco che scoprì le gole chiese il nome del luogo i Masai gli risposero, non capendo la domanda, con il nome della pianta, Oldupai appunto. Kattwinkel commise un ulteriore errore e, ancora oggi, questo luogo magico si chiama Oduvai. Scoperte per caso nel 1911 dall entomologo tedesco Wilhelm Kattwinkel, mentre cercava di catturare una farfalla, è uno dei siti più importanti che hanno permesso di comprendere i passaggi evolutivi della specie umana. Le pareti erose dal fiume Olduvai, lunghe poco più di 40 km, mostrano una stratigrafia interessantissima che ha permesso la datazione dei ritrovamenti qui scoperti. Il primo a scavare con cognizione di causa fu Louis Leakey ma fu la moglie Mary ad effettuare le scoperte più significative. Nel 1959, quasi 30 anni dopo l inizio degli scavi, Mary Leakey rinvenne i resti dell Australopithecus boisei e nel 1972, 40 anni dopo l inaugurazione degli scavi, vennero rinvenute le famose orme di Laetoli, impronte fossilizzate di 3 ominidi risalenti a 3,5 milioni di anni. La stratigrafia si compone di 7 strati sedimentari incastonati nelle pareti della gola, qui sono stati trovati manufatti e ossa che, attraverso la radio datazione al carbonio 14 (C14) hanno permesso ai ricercatori e paleontologi di ipotizzare teorie e congetture sull evoluzione della nostra specie. La base dei sedimenti risulta avere una datazione di oltre 2 milioni di anni, qui nessun artefatto è stato rinvenuto. Lo strato successivo, chiamato Bed I, ha portato alla luce artefatti ed oggetti dell industria litica risalenti a circa 2 milioni di anni fa, oltre a parti ossee di antenati dell uomo datate 2,5 milioni appartenute ad ominidi delle specie A. boisei e Homo habilis. Lo strato successivo, denominato Bed II, ha portato alla luce utensili e monili più sofisticati, probabilmente realizzati da un gruppo di Homo ergaster risalenti ad oltre 1,5 milioni di anni. I due successivi strati, Bed III e Bed IV sono state custodi di ossa fossilizzate e utensili databili anni circa. Le gole di Olduvai hanno visto diverse specie di ominidi occuparne i territori, forse per la presenza di acqua, vegetazione e quindi risorse alimentari: Homo habili: milioni di anni; Paranthropus boisei: 1.8 milioni di anni; Homo erectus: 1.2 milioni di anni; Homo sapiens: anni.

19 NGORONGORO CONSERVATION AREA (NCA) ll Cratere di Ngorongoro La caldera non sommersa ed intatta più grande del Mondo, già questo basterebbe per confermare la fama dello Ngorongoro Crater. 19 km di diametro, 600 m di profondità e 260 km di pianura interna protetta da pareti circolari rendono questo cratere il luogo ideale per la proliferazione della biodiversità. Il cratere ebbe origine oltre 2 milioni di anni orsono dall esplosione e successivo collasso di un antico vulcano di oltre m di altezza. Oggi il cratere si presenta con un vero eden sulla Terra, un luogo incredibile caratterizzato da diversi ambienti. Possiamo sommariamente dividere il territorio del cratere in 4 zone: 1. Il rim ovvero la parte alta della corona della caldera dove sono presenti alcuni lodge e da dove ci si ferma sempre per ammirare l incredibile spettacolo del cratere. 2. Le pareti e declivi ad est, questi territori ricevono fino a 1000 mm di pioggia ogni anno e sono le zone più densamente vegetate con foreste montane. 3. Le pareti e declivi ad ovest, più basse, che ricevono la metà delle precipitazioni e sono caratterizzate da vegetazione arbustizia. 4. La pianura centrale, caratterizzata da una vasta pianura erbosa e da due aree alberate con predominanza dell acacia gialla (Yellow Bark / Fever Tree / Acacia xantophloea). Al suo interno ci sono oltre esemplari di specie diverse ed un numero imprecisato ma elevato di turisti e pulmini. La megafauna è impressionante e si possono ammirare quasi tutte le specie di mammiferi quadrupedi presenti in East Africa tranne: giraffe, oribi, impala e damalischi lunati (topi). Inoltre mancano i coccodrilli ed il numero di ippopotami non è elevatissimo. Come se non bastasse l incredibile biodiversità del cratere, il territorio intorno ad esso è soggetto all annuale grande migrazione: uno spettacolo nello spettacolo, con una quantità incredibile di ungulati che migrano alla ricerca di pascoli verdi. Numeri impressionanti di animali transumano dal Serengeti in branchi: oltre un milione e mezzo di gnu, gazzelle e zebre vanno a sommarsi ai mammiferi presenti nel cratere, risultato: oltre 3 milioni di animali che convivono nella stessa area separati solo dai declivi del cratere, la zoomassa concentrata più numerosa del Mondo! Alcuni testi riportano un dato eclatante relativo alla concentrazione di predatori: la più alta di tutta l Africa. Nella grande pianura al centro del cratere vi sono diversi ambienti e concentrazioni di animali e vegetazione.

20 NGORONGORO CONSERVATION AREA (NCA) La foresta Lerai, nel sud ovest, ne è un esempio, caratterizzata dalla presenza di acacie gialle (yellow acacia / fever tree) è una zona dove si possono incontrare spesso grandi branchi di ungulati ma anche di leoni. Più ad est troviamo la Gorigor swamp, luogo ideale per il bird watching e per cercare gli ippopotami. Più a nord vi è la famosa Ngoitokitok springs dove si possono vedere con facilità gli ippopotami, i leoni, le iene e gli elefanti all abbeverata. Questo è anche uno dei posti dove è possibile vedere i pochi esemplari di rinoceronte nero. Quasi al centro del cratere troviamo il lago salato Magadi, uno spettacolo per i birders per la presenza dei fenicotteri, gru coronate, cicogne, aironi e trampolieri oltre ad un numero elevato di altre specie ornitiche. A nord del lago Magadi si trova l altra palude dello Ngorongoro dove cercare ippopotami ed uccelli insettivori, la Madusi swamp. Nel periodo secco (da giugno a novembre) gli animali si spostano fra le pozze e sorgenti mentre nella stagione delle piogge la presenza d acqua è assicurata anche dai numerosi fiumi di superfice che scendono dal rim verso il centro del cratere. Nonostante i leoni siano facilmente avvistabili nello Ngorongoro e sembrino in ottima salute per la grande abbondanza di cibo, l isolamento provocato dalla conformazione del cratere fa si che ci sia poco ricambio genetico e molti accoppiamenti fra appartenenti alle stesse famiglie.

21 PARCO NAZIONALE DEL TARANGIRE AREA: KM2 Il parco deve il suo nome all omonimo fiume che lo attraversa. Si trova a 120 km da Arusha lungo la strada che porta alla capitale Dodoma. E il sesto parco del paese per estensione ed i suoi km2 rendono facile le visite di tutti i territori soprattutto nella stagione secca. Il Tarangire è un piccolo e meraviglioso tesoro, appena entrati i visitatori si sentono come in paradiso grazie al piacevole movimento del territorio, alla presenza di animali e ai giganti buoni delle savane: elefanti e baobab. Il Tarangire vive due vite ogni anno: nella stagione delle piogge (novembre/dicembre e marzo/ maggio) tutto è verde e gli animali si muovono verso le aree esterne del parco rendendo più difficile l osservazione della megafauna mammifera regalando però, agli amanti del birdwatching e non solo a loro, il più grande spettacolo ornitico di tutta la Tanzania: oltre 560 specie sono state catalogate qui nel Tarangire. Struzzi, pesanti ma volatrici otarde di kori, inseparabili mascherati, storni cenerini, gruccioni, rondoni, ghiandaie europee e marine e quasi 50 delle oltre 80 specie di rapaci presenti in Africa equatoriale.

22 PARCO NAZIONALE DEL TARANGIRE La stagione secca rende questo parco la mecca della biodiversità. Grazie al fiume omonimo (in lingua ma ntarangiri), il corso del Tarangire e le aree limitrofe diventano oggetto di una piccola migrazione e di una incredibile concentrazione di animali seconda solo al cratere di Ngorongoro. Sempre grazie al fiume, grandi branchi di elefanti (fino a 250 esemplari per un totale di oltre 3000 presenti nel parco) si muovono sulle pianure e nelle valli del parco, spesso costeggiando le aree dove i giganteschi baobab hanno messo profonde radici. Intorno ad essi e nelle aree attigue al fiume, decine di specie di animali si affollano per l acqua: numerosi branchi di gnu, zebre, taurotraghi, antilopi d acqua, kudu minori e maggiori, bufali, giraffe, gazzelle di Tompson ed orici si affrettano per il prezioso liquido. Il parco conta anche una certa quantità di gerenuk, l antilope giraffa, difficile da vedere ma davvero interessante. Sempre nella stagione secca questo parco riceve la migrazione di molti erbivori che provengono dal vicino Manyara National Park. La presenza di predatori è molto varia, ci sono branchi di leoni che, soprattutto nel periodo delle piogge, salgono sugli alberi (come succede per il vicino Parco Manyara). Qui oltre a leoni e leopardi, i pitoni sono famosi perché salgono sugli alberi del parco per facilitare la lenta digestione.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni.

È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. È uno Stato unitario dal 1861, una Repubblica dal 1948. Oggi l Italia ha una popolazione di circa 57 milioni. È un paese con 20 regioni. 8 regioni settentrionali: il Piemonte (Torino), la Val d Aosta (Aosta),

Dettagli

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882)

Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti. Charles Darwin (1809-1882) Non è la specie più forte che sopravvive né la più intelligente ma quella più ricettiva ai cambiamenti Charles Darwin (1809-1882) L evoluzione secondo LAMARCK (1744-1829) 1. Gli antenati delle giraffe

Dettagli

IL TEMPO METEOROLOGICO

IL TEMPO METEOROLOGICO VOLUME 1 CAPITOLO 4 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE IL TEMPO METEOROLOGICO 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: tempo... Sole... luce... caldo...

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ...

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 2 ... ... ... ... ... ... VOLUME 1 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE ACQUE INTERNE 1. Parole per capire A. Conosci già queste parole? Scrivi il loro significato o fai un disegno: valle... ghiacciaio... vulcano... cratere...

Dettagli

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159

CHE COS È IL CLIMA? Gli elementi del clima. Scopro le parole. 1 Voyager 4, pagina 159 CHE COS È IL CLIMA? L atmosfera: è l aria che circonda la Terra. Ti è capitato di vedere in televisione o su un giornale le previsioni del tempo? La persona che parla spiega che cosa succede nell aria

Dettagli

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE

Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Cognome... Nome... LE CORRENTI MARINE Le correnti marine sono masse d acqua che si spostano in superficie o in profondità negli oceani: sono paragonabili a enormi fiumi che scorrono lentamente (in media

Dettagli

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela

Con Rikke nei Parchi d Abruzzo di Kristiina Salmela di Kristiina Salmela Gole di Fara San Martino (CH) Hei! Ciao! Sono un bel TONTTU - uno gnometto mezzo finlandese mezzo abruzzese, e mi chiamo Cristian alias Rikke. Più di sei anni fa sono nato nel Paese

Dettagli

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI

APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI APPUNTAMENTO CON GLI ITINERARI DI SPIRITUALITA E INCONTRI ECUMENICI INTERRELIGIOSI PELLEGRINAGGIO IN TERRA SANTA con visita della Samaria e dei Monasteri della Palestina dal 28 Maggio al 4 Giugno 2015

Dettagli

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA

il Krill Letterio Guglielmo CNR - IFA il Krill Letterio Guglielmo II Krill (Euphausia superba) è il più abbondante crostaceo del mondo. Nonostante sia lungo 65 mm esso costituisce la principale fonte di alimento per una grande varietà di animali

Dettagli

DAL PARCO NAZIONALE DEI M ONTI SIBILLINI SCUOLA PRIM ARIA DI M ONTEFORTINO PLURICLASSE 1ª / 2 ª

DAL PARCO NAZIONALE DEI M ONTI SIBILLINI SCUOLA PRIM ARIA DI M ONTEFORTINO PLURICLASSE 1ª / 2 ª DAL PARCO NAZIONALE DEI M ONTI SIBILLINI SCUOLA PRIM ARIA DI M ONTEFORTINO PLURICLASSE 1ª / 2 ª ALLA RI CERCA D EL PI CCOLO PAU L, I L CAMOSCI O PI Ù BELLO D EL MOND O - Salve amici! Siamo i camosci appenninici,

Dettagli

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado

Le spiagge e i banchi sabbiosi della laguna di Marano e Grado DIREZIONE CENTRALE INFRASTRUTTURE, MOBILITÀ, PIANIFICAZIONE TERRITORIALE, LAVORI PUBBLICI, UNIVERSITÀ SERVIZIO TUTELA DEL PAESAGGIO E BIODIVERSITÀ CON LA COLLABORAZIONE DEL SERVIZIO CACCIA E RISORSE ITTICHE

Dettagli

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano

III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano III.8.2 Elementi per il bilancio idrico del lago di Bracciano (Fabio Musmeci, Angelo Correnti - ENEA) Il lago di Bracciano è un importante elemento del comprensorio della Tuscia Romana che non può non

Dettagli

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it -

Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - Hotel Parco dei Principi Lungomare Zara - Giulianova (TE) - Tel. 085 8008935 - Fax 085 8008773 www.giulianovaparcodeiprincipi.it - info@giulianovaparcodeiprincipi.it La Vostra Vacanza Benvenuti La Famiglia

Dettagli

Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate.

Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate. VOLO incluso DA MILANO MALPENSA Quest inverno, ogni sabato ritorna l estate. a n t i l l e mar dei caraibi 2 0 1 3-1 4 Un arcipelago di isole di gioia e colore. Viaggia nel cuore delle Antille. Il ritmo

Dettagli

LUPI DIETRO GLI ALBERI

LUPI DIETRO GLI ALBERI dai 7 anni LUPI DIETRO GLI ALBERI Roberta Grazzani Illustrazioni di Franca Trabacchi Serie Azzurra n 133 Pagine: 176 Codice: 978-88-566-2952-1 Anno di pubblicazione: 2014 L Autrice Scrittrice milanese

Dettagli

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI!

EVENTI! LABORATORI! ESCURSIONI! ESTATE 2015 EVENTI LABORATORI ESCURSIONI Con il patrocinio di: In collaborazione con www.sopraesottoilmare.net ESTATE 2015 UNA PROPOSTA INNOVATIVA SOPRA E SOTTO IL MARE PROPONE UN ATTIVITA UNICA IN ITALIA

Dettagli

wewelcomeyou fate la vostra scelta

wewelcomeyou fate la vostra scelta wewelcomeyou fate la vostra scelta State cercando la vostra prossima destinazione per l estate? Volete combinare spiagge splendide con gite in montagna e nella natura? Desiderate un atmosfera familiare

Dettagli

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore

Dimore di La o. Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore. Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore g Dimore di La o Ville, Castelli, Parchi e Personaggi della sponda piemontese del Lago Maggiore Scenari S.r.l. - Andrea Lazzarini Editore Dimore di Lago Dimore di Lago, terzo volume storico della Collana

Dettagli

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso

PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso PIAN DELLE BETULLE - L'ultimo Paradiso L'ULTIMO PARADISO Lasciarsi alle spalle la vita caotica della città a partire alla volta di località tranquille, senza rumori nel completo relax sentendosi in paradiso,

Dettagli

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi...

allargarsi, andare da a Si dice anche: la pianura si estende; i confini si estendono... Scrivi tu una frase con il verbo estendersi... GLI APPENNINI Gli Appennini sono una catena montuosa che si estende da Nord a Sud per circa 1400 chilometri lungo la penisola italiana. Le montagne degli Appennini sono montagne meno alte di quelle delle

Dettagli

DALL ALTRA PARTE DEL MARE

DALL ALTRA PARTE DEL MARE PIANO DI LETTURA dai 9 anni DALL ALTRA PARTE DEL MARE ERMINIA DELL ORO Illustrazioni di Giulia Sagramola Serie Arancio n 149 Pagine: 128 Codice: 566-3278-1 Anno di pubblicazione: 2013 L AUTRICE La scrittrice

Dettagli

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare

Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Andiamo più a fondo nella conoscenza del Sistema Solare Come abbiamo visto nelle pagine precedenti il Sistema Solare è un insieme di molti corpi celesti, diversi fra loro. La sua forma complessiva è quella

Dettagli

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS

VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS : VENICE-SIMPLON ORIENT-EXPRESS Un Viaggio indimenticabile attraverso la Storia Venice-Simplon Orient-Express è il treno più famoso del mondo, con una storia ultracentenaria che nasce nel 1864 e prosegue

Dettagli

TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti

TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti 2014/2015 TOUR GRECIA CLASSICA & METEORE 8 giorni / 7 notti Atene / Canale di Corinto / Epidauro / Micene / Nauplia / Olympia Arachova / Delfi / Kalambaka / Monasteri Bizantini delle Meteore / Termopili

Dettagli

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti

Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Club Alpino Italiano Sezione di Valenza Davide e Luigi Guerci Magica Sardegna dal blu del mare al Gennargentu 19-27 Settembre 2015-9 giorni / 8 notti Sabato 19 settembre 2015 Viaggio andata Ritrovo dei

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

La bellezza è la perfezione del tutto

La bellezza è la perfezione del tutto La bellezza è la perfezione del tutto MERANO ALTO ADIGE ITALIA Il generale si piega al particolare. Ai tempi di Goethe errare per terre lontane era per molti tutt altro che scontato. I viandanti erano

Dettagli

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri

Laboratorio lettura. 8) Gli animali del carro sono: Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. Veri Laboratorio lettura Leggi il libro Ma dov è il Carnevale?, poi esegui le consegne. 1) Quali anilmali sono i protagonisti della storia? 2) Che cosa fanno tutto l anno? 3) Perché decidono di scappare dal

Dettagli

REPORTAGE/Nuove sfde. Israele che pedala UN MAR MORTO

REPORTAGE/Nuove sfde. Israele che pedala UN MAR MORTO REPORTAGE/Nuove sfde Israele che pedala UN MAR MORTO PiENO di vita 74 bambini, donne, professionisti: tutti insieme per provare il fascino di viaggiare in bici attraverso un deserto unico, con partenza

Dettagli

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria

Relazione sull incontro con. Massimo Volante. Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Relazione sull incontro con Massimo Volante Esperto del Gruppo Astrofili Di Alessandria Il ciclo della vita di una stella (1) Protostella (2b) Nana bruna (2a) Stella (3) Gigante rossa Sono esaurite le

Dettagli

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO

SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO Rete di Treviso Integrazione Alunni Stranieri LABORATORIO SUL TRATTAMENTO DEI TESTI DISCIPLINARI SCHEDA PRESENTAZIONE PROGETTO TITOLO: IL SISTEMA SOLARE AMBITO DISCIPLINARE: SCIENZE AUTORE: GIANCARLA VOLPATO

Dettagli

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015!

SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA. 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! 30 Maggio - 5 Giugno 2015! SARDEGNA: LA SUA STORIA NELLA PIETRA L'Archeotour, giunto quest'anno alla sua XI edizione, è un'iniziativa del Rotary Club Cagliari per far conoscere

Dettagli

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO

UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO UN CRITERIO PER LA DEFINIZIONE DI GIORNO CON NEVE AL SUOLO Cosa si intende per giorno con neve al suolo? Se può essere relativamente semplice definirlo per un territorio pianeggiante ampio e distante da

Dettagli

Extatosoma tiaratum. Generalità

Extatosoma tiaratum. Generalità Extatosoma tiaratum Tassonomia Dominio: Eukaryota Regno: Animalia Sottoregno: Eumetazoa Ramo: Bilateria Phylum: Arthropoda Subphylum: Tracheata Superclasse: Hexapoda Classe: Insecta Sottoclasse: Pterygota

Dettagli

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali -

Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - Progetto, realizzazione e manutenzione di un laghetto da giardino - Direttive generali - (tratto dalla relazione di Martino Buzzi del 17.09.06) Lo stagno: un angolo di natura Avere uno stagno nel proprio

Dettagli

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante

Il Bhutan: il regno del dragone tuonante : il regno del dragone tuonante di Paolo Castellani 12 Il Memorial Chorten a Thimphu Lo Dzong di Paro? Ma dov è? Questa è la risposta che ti puoi aspettare quando dici che andrai in Bhutan. Questo remoto

Dettagli

ITINERARI CON LA MOUNTAIN BIKE

ITINERARI CON LA MOUNTAIN BIKE ::Lago di Carezza:: :: Caratteristiche: i primi 200 m dopo l'albergo Lärchenwald (Gummer - S. Valentino) sono piuttosto ripidi, quindi si prosegue su strada forestale con discreti saliscendi fino al Passo

Dettagli

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1

Università per Stranieri di Siena. Centro. Certificazione CILS. Certificazione. di Italiano come Lingua Straniera. Sessione: Dicembre 2012 Livello: A1 Università per Stranieri di Siena Centro CILS Sessione: Dicembre 2012 Test di ascolto Numero delle prove 2 Ascolto - Prova n. 1 Ascolta i testi: sono brevi dialoghi e annunci. Poi completa le frasi.

Dettagli

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.

ANALISI DEL PEGGIORAMENTO AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO. AVVENUTO SUL VENETO DAL 7 AL 10 SETTEMBRE 2010 A cura di Alessandro Buoso Una pubblicazione di SERENISSIMAMETEO.EU Tra le giornate di martedì 7 e venerdì 10 Settembre 2010, il Veneto è stato interessato

Dettagli

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento

Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO. GREEN JOBS Formazione e Orientamento Scheda 4 «Territorio e Turismo sostenibile» IL TERRITORIO TERRITORIO CULTURALE ED ECONOMICO GREEN JOBS Formazione e Orientamento L uomo è il principale agente di trasformazione del territorio sia direttamente,

Dettagli

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili.

L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. L ENERGIA NELLA STORIA: dalle prima fonti energetiche alle rinnovabili. Nella fisica classica l energia è definita come la capacità di un corpo o di un sistema di compiere lavoro (Lavoro: aggiungere o

Dettagli

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009

NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 NOTE DI SINTESI AI DATI STATISTICI DEL MOVIMENTO TURISTICO REGISTRATO IN PROVINCIA DI BRESCIA NELL ANNO 2010 CON IL CONFRONTO 2009 Arrivi 2.016.536 Presenze 8.464.905 PROVINCIA IN COMPLESSO Arrivi: superata

Dettagli

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove)

pianeti terrestri pianeti gioviani migliaia di asteroidi (nella fascia degli asteroidi tra Marte e Giove) mappa 3. Il sistema solare IL SISTEMA SOLARE il Sole Mercurio pianeti terrestri Venere Terra Marte 8 pianeti Giove Il Sistema solare 69 satelliti principali pianeti gioviani Saturno Urano Nettuno migliaia

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI

DOVE SONO I MIEI OCCHIALI DOVE SONO I MIEI OCCHIALI 60 NOTE PER L INSEGNANTE Questo gioco è utile per l apprendimento o il rinforzo di alcune strutture e di indicatori spaziali. Le strutture da utilizzare possono partire dalla

Dettagli

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione

Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Sintesi dei risultati ottenuti nel primo anno di sperimentazione Linea 1 Nella linea 1 sono state impiantate due prove di confronto parcellare nei due siti sperimentali di Antria e Marciano. Il materiale

Dettagli

Un workshop eccezionale

Un workshop eccezionale Un posto splendido Ischia, l isola bella nel Golfo di Napoli, nata da un vulcano. Al sud dell Isola si trova un albergo in mezzo alla natura, 200 m sopra il mare, in un giardino romantico con le palme,

Dettagli

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi

ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi ISTITUTO COMPRENSIVO G. Mazzini Erice - Trentapiedi come Anno scolastico 2012-2013 Classe 2 a D 1 Istituto Comprensivo G. Mazzini Erice Trentapiedi Dirigente Scolastico: Filippo De Vincenzi Ideato e realizzato

Dettagli

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar.

Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutt uno con la natura: godetevi le squisite specialità di speck e salumi dalle falde del Massiccio dello Sciliar. Tutto il fascino delle montagne dell Alto Adige, catturato nelle specialità L Alto Adige,

Dettagli

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige)

Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) Dott. Huber Josef Pietra dei solstizi di Montevila Perca (Alto Adige) La pietra dei solstizi di Montevila é un blocco di granito con un volume di ca. 1,3 m³. Ha cinque fori con un diametro di ca. 3 cm

Dettagli

Una notte incredibile

Una notte incredibile Una notte incredibile di Franz Hohler nina aveva dieci anni, perciò anche mezzo addormentata riusciva ad arrivare in bagno dalla sua camera. La porta della sua camera era generalmente accostata e la lampada

Dettagli

23 APRILE 2015 L IDEA

23 APRILE 2015 L IDEA IL PROGETTO 23 APRILE 2015 L IDEA Il 23 aprile è la Giornata mondiale del libro e del diritto d autore, è il giorno di San Giorgio a Barcellona, è il giorno della World Book Night in Inghilterra, è il

Dettagli

Innesti e Tecniche di Riproduzione

Innesti e Tecniche di Riproduzione Data inizio: 7-11-2011 Alberi da frutto Innesti e Tecniche di Riproduzione Sommario Perché innestiamo? 1 Innesto a Spacco 2 Innesto a Corona 3 Innesto a Triangolo 4 Innesti a Occhio 5 Innesto a Spacco

Dettagli

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à

Io ò bevuto circa due. mesi sera e mattina. d una aqqua d una. fontana che è a. quaranta miglia presso. Roma, la quale rompe. la pietra; e questa à Io ò bevuto circa due mesi sera e mattina d una aqqua d una fontana che è a quaranta miglia presso Roma, la quale rompe la pietra; e questa à rotto la mia e fàttomene orinar gran parte. Bisògniamene fare

Dettagli

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE?

RISORSE ENERGETICHE AREA 9 FONTI DI ENERGIA DA DOVE PROVIENE L ENERGIA? 10/12/2013 COME SFRUTTIAMO L ENERGIA DEL SOLE? RISORSE ENERGETICHE ENERGIA 2 AREA 9 FONTI DI ENERGIA E INDISPENSABILE ALLA VITA SULLA TERRA ELEMENTO INDISPENSABILE PER SVILUPPO SOCIALE ED ECONOMICO FINO AD ORA: CONTINUO INCREMENTO DI PRODUZIONE E CONSUMO

Dettagli

L agricoltura nell Europa industrializzata

L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura nell Europa industrializzata L agricoltura delle società industrializzate europee si differenzia da quella dell età moderna per gli attrezzi, le fonti di energia, i macchinari utilizzati

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo

TONNARA di SCOPELLO Comunione Tonnare Scopello & Guzzo Vi preghiamo di tener presente che le sistemazioni offerte sono in linea con lo spirito del luogo, lontane dal comfort e dagli standard delle strutture ricettive. In particolare, alcune abitazioni hanno

Dettagli

GRAN TOUR DELLA GRECIA 9 giorni / 8 notti

GRAN TOUR DELLA GRECIA 9 giorni / 8 notti GRAN TOUR DELLA GRECIA 9 giorni / 8 notti 2014/2015 Atene / Canale di Corinto / Epidauro / Micene / Nauplia / Olympia / Arachova Delfi / Kalambaka / Meteore / Salonicco / Filippi / Kavala / Vergina / Termopili

Dettagli

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA

NOVITÀ ASSOLUTA NEL PANORAMA DEL TURISMO SCOLASTICO SICILIANO, IN COLLABORAZIONE CON LA SCUOLA DELLA GIOIA- FAVOLANDIA Il Museo Diocesano di Catania desidera, anche quest anno, proseguire con le scuole l impegno e la ricerca educativa con particolare attenzione ai Beni Culturali, Artistici e Ambientali. L alleanza fra

Dettagli

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI

INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI INFORMAZIONI VALIDE PER TUTTI I VIAGGI Ogni programma è preceduto da una testatina contenente, in forma sintetica, le informazioni relative al viaggio. Lo spazio a disposizione nella scheda è limitato

Dettagli

Una storia vera. 1 Nome fittizio.

Una storia vera. 1 Nome fittizio. Una storia vera Naida 1 era nata nel 2000, un anno importante, porterà fortuna si diceva. Era una ragazzina come tante, allegra, vivace e che odiava andare a scuola. Era nata a Columna Pasco, uno dei tanti

Dettagli

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra

Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi. Tra Protocollo di intesa con l Ass. Città del Bio nell ambito della Convenzione delle Alpi Tra Il Ministero dell Ambiente e della Tutela del Territorio e del Mare, con sede in Via Cristoforo Colombo, 44, 00187

Dettagli

IL RIMARIO IL RICALCO

IL RIMARIO IL RICALCO Preparare un rimario: IL RIMARIO - gli alunni, a coppie o singolarmente, scrivono su un foglio alcune parole con una determinata rima; - singolarmente, scelgono uno dei fogli preparati e compongono nonsense

Dettagli

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA

CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA Collegno, 17 novembre 2014 CENTO ANNI FA: LA GRANDE GUERRA PROPOSTA DI TRENO STORICO RIEVOCATIVO DA TORINO A UDINE progetto per la realizzazione di una tradotta militare rievocativa, da Torino a Udine

Dettagli

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa

I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE. Caratteristiche e comportamento di spesa L ITALIA E IL TURISMO INTERNAZIONALE NEL Risultati e tendenze per incoming e outgoing Venezia, 11 aprile 2006 I TURISTI NO FRILLS /LOW FARE Caratteristiche e comportamento di spesa Valeria Minghetti CISET

Dettagli

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia

IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia IL CIELO PER GLI ANTICHI I fenomeni celesti più appariscenti e l influsso che hanno avuto sulla storia Affronteremo un breve viaggio per scoprire il significato che la volta celeste aveva per i popoli

Dettagli

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE

ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE ROVERETO: PERCORSO NELLE TRINCEE Introduzione Il quindici e il sedici ottobre siamo andati in viaggio d'istruzione a Rovereto con la 3 C. Rovereto è una città a sud di Trento ricco di molte attrazioni

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura

Il silenzio. per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Il silenzio per ascoltare se stessi, gli altri, la natura Istituto Comprensivo Monte S. Vito Scuola dell infanzia F.lli Grimm Gruppo dei bambini Farfalle Rosse (3 anni) Anno Scolastico 2010-2011 Ins. Gambadori

Dettagli

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali.

TITOLO I Ambito di applicazione. TITOLO II Disposizioni generali. Regolamento d uso del verde Adottato dal Consiglio Comunale nella seduta del 17.7.1995 con deliberazione n. 173 di Reg. Esecutiva dal 26.10.1995. Sanzioni approvate dalla Giunta Comunale nella seduta del

Dettagli

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012

Gli altri Saloni. 9 / 30 settembre 2012 9 / 30 settembre 2012 Il progetto 2012 Il progetto 2012 di DimoreDesign, sulla scia del successo dell edizione 2011, ne riprende e amplia l obiettivo fondamentale di rendere fruibile il patrimonio artistico,

Dettagli

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO

LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO FOOD. LA SCIENZA DAI SEMI AL PIATTO PER LA PRIMA VOLTA IN ITALIA UNA STRAORDINARIA MOSTRA CHE AFFRONTA IL TEMA DEL CIBO DAL PUNTO DI VISTA SCIENTIFICO, SVELANDONE TUTTI

Dettagli

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE

SCIARE AL CORNO ALLE SCALE SCIARE AL CORNO ALLE SCALE IL CORNO ALLE SCALE SPORT INVERNALI PER TUTTI E A TUTTI I LIVELLI, CALDA OSPITALITÀ E PIACEVOLI MOMENTI DI SVAGO E DI RELAX: È CIÒ CHE OFFRE IL CORNO ALLE SCALE, LA STAZIONE

Dettagli

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ...

VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE. Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: ... ... ... ... ... ... LA CITTÀ VOLUME 2 CAPITOLO 2 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE 1. Parole per capire Alla fine del capitolo scrivi il significato di queste parole nuove: città... città industriale... pianta della città...

Dettagli

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove

C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove I love Ci C era una bianca un foglio, di sana fibra e bell animo. Forte di valori e ideali puliti, attendeva di nascere in un mondo migliore, un luogo dove poter crescere con gioia e buon senso, contribuendo

Dettagli

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano

Indagine conoscitiva sul sistema dei fontanili del Parco Agricolo Sud Milano Altri studi condotti dal Parco integrati con il Sitpas U. Ceriani - Direttore del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia di Milano M. Cont - Funzionario Agronomo del Parco Agricolo Sud Milano, Provincia

Dettagli

La gita è riservata ai soci di Ostia in Bici XIII in regola con l iscrizione. Il numero minimo di partecipanti è fissato a 10, il massimo a 20.

La gita è riservata ai soci di Ostia in Bici XIII in regola con l iscrizione. Il numero minimo di partecipanti è fissato a 10, il massimo a 20. Versione del 9/3/2015 Pag.1 di 5 FIAB - Ostia in Bici XIII Il Salento in bici 20-28 giugno 2015 Panoramica Una settimana nel Salento: un omaggio ad una delle bellezze d Italia, che ci racconterà di natura,

Dettagli

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI

REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI REGIONE ABRUZZO ARAEN ENERGIOCHI Presentazione per le scuole primarie A cura di Enrico Forcucci, Paola Di Giacomo e Alessandra Santini ni Promuovere la conoscenza e la diffusione delle energie provenienti

Dettagli

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno.

MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE VOLUME 1 CAPITOLO 10. Golfo di Venezia. Rimini. Mare Adriatico Corsica. Mar Tirreno. ITALIA FISICA Cose da sapere VOLUME 1 CAPITOLO 10 MODULO D LE VENTI REGIONI ITALIANE A. Le idee importanti l L Italia è una penisola al centro del Mar Mediterraneo, con due grandi isole l In Europa, l

Dettagli

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta!

Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Il pianeta ci nutre nutriamo il pianeta! Scuola dell Infanzia Istituto di Cultura e di Lingue Marcelline Progettazione Didattica Annuale a.s. 2014-2015 Dimensione valoriale L idea fondante del progetto

Dettagli

Meteo Varese Moti verticali dell aria

Meteo Varese Moti verticali dell aria Movimento verticale dell aria Le masse d aria si spostano prevalentemente lungo direzioni orizzontali a seguito delle variazioni della pressione atmosferica. I movimenti più importanti sono però quelli

Dettagli

alluvioni e frane Si salvi chi può!

alluvioni e frane Si salvi chi può! alluvioni e frane Che cos è l alluvione? L alluvione è l allagamento, causato dalla fuoriuscita di un corso d acqua dai suoi argini naturali o artificiali, dopo abbondanti piogge, nevicate o grandinate,

Dettagli

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze

COMUNICATO STAMPA. Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze COMUNICATO STAMPA Torino, 23 maggio 2006 Il traino olimpico porta il Piemonte sopra al tetto dei 10 milioni di presenze Il turismo in Piemonte continua a crescere. Nel 2005 gli arrivi di turisti che hanno

Dettagli

La fattoria delle quattro operazioni

La fattoria delle quattro operazioni IMPULSIVITÀ E AUTOCONTROLLO La fattoria delle quattro operazioni Introduzione La formazione dei bambini nella scuola di base si serve di numerosi apprendimenti curricolari che vengono proposti allo scopo

Dettagli

unità B3. Le teorie sull evoluzione

unità B3. Le teorie sull evoluzione documentazione fossile è provata da embriologia comparata anatomia comparata biologia molecolare L evoluzione avviene per selezione naturale microevoluzione può essere macroevoluzione speciazione allopatrica

Dettagli

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente?

Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Se dico la parola TEMPO che cosa ti viene in mente? Ognuno di noi ha espresso le proprie opinioni, poi la maestra le ha lette ad alta voce. Eravamo proprio curiosi di conoscere le idee ti tutti! Ecco tutti

Dettagli

Mount Rainier National Park

Mount Rainier National Park Mount Rainier National Park National Park Service U.S. Department of the Interior Benvenuti nel paradiso della montagna. Quest area protetta è famosa per le sue fitte foreste, incantevoli prati di fiori

Dettagli

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA

ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA ASSOVINI SICILIA, L ASSOCIAZIONE CHE FA IMPRESA Promuovere la Sicilia del vino di qualità come se fosse una grande azienda, dotata di obiettivi, strategia e know-how specifico. Ecco il segreto dell associazione

Dettagli

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo

Le problematiche del turismo: uno sguardo interdisciplinare. Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Roberto Furlani WWF Italia Ufficio Turismo Secondo l Organizzazione Mondiale per il Turismo, le Alpi accolgono ogni anno il 12% circa del turismo mondiale. Parallelamente le Alpi rappresentano anche uno

Dettagli

Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è

Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è Earthlearningidea - http://www.earthlearningidea.com/ E o non è un fossile? Discussione a proposito di che cosa è un fossile e che cosa non lo è Questa attività pratica può essere realizzata con immagini

Dettagli

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA)

VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) La Valutazione di Impatto Ambientale e lo Studio di Impatto Ambientale VALUTAZIONE DI IMPATTO AMBIENTALE (VIA) E LO STUDIO DI IMPATTO AMBIENTALE (SIA) http://people.unica.it/maltinti/lezioni Link: SIAeVIA

Dettagli

Rettangoli isoperimetrici

Rettangoli isoperimetrici Bruno Jannamorelli Rettangoli isoperimetrici Questo rettangolo ha lo stesso perimetro di quello precedente. E l area? È la stessa? Il problema di Didone Venere ad Enea: Poi giunsero nei luoghi dove adesso

Dettagli

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE.

OGGI LA BIANCHI PER FORTUNA NON C'E' MA L'ITALIANO LO SAI ANCHE TE PER OGNI PAROLA DICCI COS'E', E NUOVE ISTRUZIONI AVRAI PER TE. 1 SE UNA SORPRESA VOLETE TROVARE ATTENTAMENTE DOVETE CERCARE. VOI ALLA FINE SARETE PREMIATI CON DEI GOLOSI DOLCINI INCARTATI. SE ALLE DOMANDE RISPONDERETE E NON CADRETE IN TUTTI I TRANELLI, SE TROVERETE

Dettagli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli

RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA. Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli RITIRO PER TUTTI NATALE DEL SIGNORE LA CONVERSIONE ALLA GIOIA Maria, Giuseppe, i pastori, i magi e...gli angeli Siamo abituati a pensare al Natale come una festa statica, di pace, tranquillità, davanti

Dettagli

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico

Un abbraccio a tutti voi Ornella e Enrico SASHA La nostra storia é molto molto recente ed é stata fin da subito un piccolo "miracolo" perche' quando abbiamo contattato l' Associazione nel mese di Novembre ci é stato detto che ormai era troppo

Dettagli

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo

Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Per un Expo che getti un seme contro la fame nel mondo Il primo maggio 2015 si inaugura a Milano l EXPO, un contenitore di tematiche grandi come l universo: "Nutrire il pianeta. Energia per la vita. Una

Dettagli

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia

La terra di Punt. Per saperne di più. Ricostruire la storia Ricostruire la storia La terra di Punt Tuthmosi II ebbe, come tutti gli altri faraoni, molte mogli, ma la sua preferita era Hatshepsut, da cui però ebbe soltanto figlie femmine. Alla morte di Tuthmosi

Dettagli

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso

DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso DAL LIBRO AL TEATRO Caduto dal basso LIBERI PENSIERI PER LIBERI SENTIMENTI La riflessione circa In viaggio verso l incontro come ci è stato proposto, nasce attorno alla lettura del romanzo : C è nessuno?

Dettagli