REGOLAMENTO DISPOSIZIONI REGOLAMENTARI IN MATERIA DI POLIZIA MORTUARIA

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "REGOLAMENTO DISPOSIZIONI REGOLAMENTARI IN MATERIA DI POLIZIA MORTUARIA"

Transcript

1 16 REGOLAMENTO DISPOSIZIONI REGOLAMENTARI IN MATERIA DI POLIZIA MORTUARIA INTEGRATO E MODIFICATO CON DELIB. C.C. 102 DEL RETTIFICATO CON DELIB. C.C. 203 DEL TOTALMENTE RETTIFICATO CON DELI. C.C. 174 DEL 22/11/2006 Pagina 1 di 33

2 REGOLAMENTO COMUNALE DI POLIZIA MORTUARIA TITOLO I DISCIPLINA GENERALE DELLE ATTIVITA FUNEBRI, NECROSCOPICHE, CIMITERIALI E DI POLIZIA MORTUARIA Art. 1 Oggetto Il presente regolamento, intende disciplinare, sulla base delle normative nazionali e regionali in materia, il complesso dei servizi e delle funzioni garantite dal Comune di Castelfranco Emilia, in ambito funebre, necroscopico, cimiteriale e di polizia mortuaria. Art. 2 Finalità E interesse pubblico del Comune assicurare il rispetto della dignità dei cittadini e del sentimento di pietas verso i defunti, informando l attività amministrativa a principi di evidenza scientifica, di trasparenza e di efficacia ed efficienza delle prestazioni. Art. 3 Vigilanza La vigilanza ed il controllo sull'osservanza delle disposizioni contenute nel presente regolamento spetta al Comune, che si avvale, per i profili igienico-sanitari, dell'azienda Unità Sanitaria Locale territorialmente competente. Pagina 2 di 33 TITOLO II DISCIPLINA DELLE ATTIVITA FUNEBRI Art. 4 Prestazioni dell attività funebre Per attività funebre si intende un servizio che comprende e assicura in forma congiunta le seguenti prestazioni: a) disbrigo, su mandato dei familiari, delle pratiche amministrative inerenti il decesso; b) fornitura di casse mortuarie e di altri articoli funebri inerenti il decesso; c) trasporto di salma, di cadavere, di ceneri e di ossa non rientranti nel trasporto previsto in ambito necroscopico. Nell ambito del territorio del Comune di Castelfranco Emilia, l attività funebre è espletata, in regime di liberalizzazione del servizio, da imprese private in possesso di apposita autorizzazione rilasciata dal Comune in cui ha sede legale l impresa. Decorsi sessanta giorni dalla richiesta, l autorizzazione si intende concessa sulla base della documentazione e delle autocertificazioni prodotte dal richiedente in ordine al possesso dei requisiti indicati dalle direttive regionali in materia. In particolare, le imprese funebri dovranno rispettare le modalità e possedere i requisiti per l esercizio dell attività indicati nella deliberazione della Giunta Regionale 7 febbraio 2005, n Il Comune vigila sulla correttezza dell'esercizio della attività funebre anche verificando e monitorando il rispetto delle modalità e il possesso dei requisiti indicati per lo

3 svolgimento della medesima attività funebre nella deliberazione della Giunta Regionale 7 febbraio 2005, n E'sospeso dalla possibilità di ulteriore esercizio dell'attività funebre dal Comune, con effetto immediato e per un periodo di tempo determinato dal Comune stesso, fatta salva l'irrogazione delle eventuali sanzioni penali e l'applicazione di una sanzione amministrativa di 4.000,00, previa contestazione dell addebito, chi, nello svolgimento dell'attività funebre o del trasporto funebre, propone direttamente o indirettamente offerte, promesse, doni o vantaggi di qualsiasi genere per ottenere informazioni tese a consentire il procacciamento di uno o più funerali o indicazioni per l'attribuzione di uno o più funerali. In relazione alla gravità del fatto può essere disposta la revoca dell'autorizzazione all'esercizio dell'attività. Pagina 3 di 33 TITOLO III DISCIPLINA DELLE ATTIVITA NECROSCOPICHE Art. 5 Prestazioni necroscopiche Nell'ambito necroscopico sono ricomprese le prestazioni assicurate in via obbligatoria sia dal Comune sia dal Servizio Sanitario Regionale, quali il trasporto funebre per indigenti, la raccolta e il trasporto funebre su chiamata dell'autorità Giudiziaria o per esigenze igienico-sanitarie, il deposito di osservazione, l'obitorio, il servizio mortuario sanitario, le attività di medicina necroscopica. Fatte salve le prestazioni assicurate dal Servizio Sanitario Regionale in materia di medicina necroscopica, di servizio mortuario sanitario e di trasporto per esigenze autoptiche, il Comune di Castelfranco Emilia garantisce: a) servizio di trasporto funebre di persone indigenti; b) la raccolta e il trasporto funebre su chiamata dell'autorità Giudiziaria o per esigenze igienico-sanitarie; c) servizio di osservazione e obitorio. Art. 6 Servizio di trasporto funebre di persone indigenti Il servizio di trasporto funebre di persone indigenti, viene assicurato dal Comune per mezzo delle Agenzie funebri presenti nell ambito del territorio di Castelfranco Emilia, in relazione alle modeste dimensioni e per ragioni di utilità sociale in termini di facilitazione di accesso al medesimo servizio. Il servizio dovrà essere garantito con continuità, mediante turnazione da concordare con il Comune che ne dovrà assicurare l osservanza. Il servizio dovrà essere a titolo gratuito. Le modalità e i termini di svolgimento del servizio saranno oggetto di affidamento diretto regolato da apposito contratto di servizio tra il Comune e le Agenzie interessate, nel rispetto del regolamento comunale per lavori, servizi e forniture in economia. Per persona indigente deve intendersi una persona che: a) non ha parenti che sono tenuti per legge agli alimenti e ha un ISEE pari e inferiore a quello stabilito nel Regolamento comunale per l accesso e l erogazione di interventi di sostegno economico e che risulti al momento del decesso privo di risorse economiche sufficienti al pagamento del trasporto;

4 b) è inserita nell ambito di una famiglia indigente. Per famiglia indigente deve intendersi la famiglia che ha un ISEE pari e inferiore a quello stabilito nel Regolamento comunale per l accesso e l erogazione di interventi di sostegno economico ; c) i cui parenti, non conviventi con il defunto e tenuti per legge agli alimenti, risultano indigenti. Per parenti indigenti devono intendersi i parenti che hanno un ISEE pari e inferiore a quello stabilito nel Regolamento comunale per l accesso e l erogazione di interventi di sostegno economico Alla persona indigente viene equiparata la situazione di disinteresse, che rileva dagli atti o dalle comunicazioni in possesso dell ufficio di polizia mortuaria, dei familiari nei confronti della persona per la quale deve essere eseguito il trasporto e che al momento del decesso sia priva di alcuna risorsa economica, sia la situazione in cui risulti infruttuosa la ricerca dei familiari che per legge sono tenuti ad intervenire nei confronti della persona per la quale deve essere eseguito il trasporto e che al momento del decesso sia priva di alcuna risorsa economica. Il Comune si riserva la facoltà di promuovere azioni di rivalsa nei confronti degli eredi legittimi e testamentari relativamente al denaro o beni del defunto della cui esistenza si venga a conoscenza successivamente alla morte del defunto. Art. 7 - Servizio di raccolta e di trasporto funebre su chiamata dell'autorità giudiziaria o dell Autorità Pubblica o per esigenze igienico-sanitarie Il servizio di raccolta e di trasporto funebre di cui al presente articolo fa riferimento: a) al trasporto su chiamata dell'autorità Giudiziaria o dell Autorità Pubblica, ivi compresi i trasporti di salma giacenti sul suolo pubblico nel territorio comunale ovvero sul tratto autostradale di competenza ovvero sul tratto ferroviario di competenza; b) per esigenze igienico-sanitarie. Tale servizio viene assicurato dal Comune per mezzo delle Agenzie funebri presenti nell ambito del territorio di Castelfranco Emilia, in relazione alle modeste dimensioni e per ragioni di utilità sociale in termini di facilitazione di accesso al medesimo servizio. Il servizio dovrà essere garantito con continuità, mediante turnazione mensile da concordare con il Comune che ne dovrà assicurare l osservanza. Il servizio viene svolto a pagamento. Le modalità, i termini e i costi per lo svolgimento del servizio saranno oggetto di affidamento diretto regolato da apposito contratto di servizio tra il Comune e le Agenzie interessate, nel rispetto del regolamento comunale per lavori, servizi e forniture in economia. Art. 8 - Servizio di osservazione e obitorio Il Servizio di osservazione e obitorio viene garantito dal Comune di Castelfranco Emilia attraverso apposita convenzione con l Università di Modena e Reggio Emilia Sezione di Medicina legale del Dipartimento di Scienze Morfologiche e Medico-legale, per l utilizzo e il funzionamento di strutture e infrastrutture della sezione di medicina legale. Pagina 4 di 33

5 Art. 9 - Prestazioni cimiteriali TITOLO IV DISCIPLINA DELLE ATTIVITA CIMITERIALI Nell ambito cimiteriale è ricompresso l insieme delle attività connesse alla disponibilità del demanio cimiteriale, quali le concessioni di spazi cimiteriali, le operazioni cimiteriali, la cremazione e l illuminazione elettrica votiva. Art Piano Regolatore Cimiteriale Capo I Della pianificazione dell assetto dei cimiteri Il Comune pianifica l assetto interno dei cimiteri e relative aree di rispetto attraverso il Piano Cimiteriale secondo i contenuti fissati dalle direttive regionali in materia e avendo a riferimento anche i Reparti Speciali. A tal proposito, a norma dell art. 100, 1 comma del DPR 285/90, dovrà essere recepita dal Piano Cimiteriale, la presenza, nel Cimitero 2 Capoluogo, di un area quantificabile indicativamente in 27 posti di sepoltura a sistema di inumazione destinata alla sepoltura, nel rispetto della propria religione, di persone professanti il culto musulmano. Art. 11 La concessione-contratto Capo II Delle concessioni cimiteriali Sulla base del vigente ordinamento giuridico il diritto di sepolcro si fonda su una concessione amministrativa da parte del Comune, di un area di terreno (sepoltura privata) o di una porzione di edificio (manufatto) presente all interno di uno dei cimiteri comunali. L atto con il quale il Comune concede il diritto di sepolcro rientra nella categoria della concessione-contratto in quanto la concessione si perfeziona con la stipulazione fra il Comune ed il privato di un atto avente natura contrattuale. Ogni concessione-contratto deve contenere: - la natura della concessione e la sua identificazione; - la durata e la decorrenza; - la/e persona/e o, nel caso di Enti e collettività il legale rappresentante pro-tempore, che risultano concessionari; - i defunti destinati ad esservi accolti e la precisa individuazione; - gli obblighi ed oneri, diritti e doveri cui è soggetta la concessione richiamando in generale i contenuti delle normative in vigore; - l importo della tariffa della concessione; - il Tribunale da adire in caso di contenzioso tra concedente e concessionario; La istanza di concessione deve essere fatta antecedentemente alla operazione cimiteriale richiesta. Pagina 5 di 33

6 Art. 12 La registrazione della concessione Le concessioni-contratto trovano riscontro amministrativo attraverso la protocollazione della scrittura privata che le costituisce, nonché, ove previsto per legge, anche attraverso la repertoriazione e la registrazione alla Agenzia delle Entrate. Art Le tipologie di concessioni cimiteriali e loro assegnazione Si distinguono: a) le Concessioni ad aedificandum; b) le Concessioni di manufatti. Concessioni ad aedificandum Il Comune: a) può concedere a privati e ad enti l'uso di aree per la costruzione a loro spese e cura, di sepolture a sistema di tumulazione individuale per famiglie e collettività ovvero, b) sempre a spese e cura dei privati od Enti, può concedere l'uso di aree per impiantare campi a sistema di inumazione per famiglie e collettività, purchè tali campi siano dotati ciascuno di adeguato ossario. Concessioni di manufatti Le concessioni in uso dei manufatti a privati costruiti dal Comune riguardano: a) sepolture individuali (loculi singoli o doppi); b) sepolture per famiglie e collettività (file di loculi, archi a più posti, edicole funerarie); c) loculi ossari (resti ossei, ceneri). Tali loculi possono essere richiesti anche per la tumulazione di prodotti abortivi, nati morti, nati e morti e parti anatomiche riconoscibili, nel rispetto della propria capienza; d) tombe a sterro. Le concessioni disciplinate dal presente regolamento possono essere date solo in presenza di defunti. In deroga, si può autorizzare l'assegnazione a destinatari viventi nei seguenti casi: a) "Per loculi doppi a favore dell'ascendente o discendente in linea retta entro il 2^grado del defunto, del coniuge/convivente more uxorio del defunto ovvero del fratello/sorella del defunto; b) per loculo singolo a favore di persona che non abbia parenti e affini viventi entro il 6^grado; c) per tombe a sterro a favore di coniugi/conviventi more uxorio, fratelli/sorelle ovvero ascendenti e/o discendenti entro il 2^ grado; d) per tombe di famiglia, sulla base di bando pubblico, salvo il caso di assegnazione diretta a Legali Rappresentanti di Enti, Fondazioni, Associazioni che svolgono la loro attività nell ambito e/o a favore del territorio di Pagina 6 di 33

7 Castelfranco Emilia di rilevante interesse pubblico, valutato e deliberato dalla Giunta Comunale, qualora ne facciano richiesta. Nel caso in cui, espletato il bando di concorso, residuino disponibilità di tombe di famiglia le stesse verranno assegnate a chiunque ne faccia richiesta. Le tombe di famiglia per file di loculi e i loculi vengono comunque assegnati orizzontalmente, in ordine progressivo, per ciascuna delle righe che compongono le arcate/gallerie dei cimiteri ad iniziare da sinistra guardando l'arcata stessa. Non possono essere effettuate concessioni in una arcata/galleria diversa, qualora non sia completamente esaurita per righe e in senso orizzontale la disponibilità di loculi presenti nell'arcata/galleria che ha dato in precedenza avvio alle assegnazioni. Nel caso in cui, a seguito di restituzione o di scadenza della concessione, rientrino nella disponibilità del Comune loculi in precedenza assegnati,, gli stessi potranno essere assegnati, in ogni caso per riga, in senso orizzontale e seguendo l ordine sopra descritto. In casi particolari, è riservata alla competenza della Giunta comunale la facoltà di derogare eccezionalmente, per motivi rilevanti di ordine sociale e/o sanitario, a tale criterio di assegnazione. Non sono ammesse tumulazioni provvisorie, a meno che non sia completamente esaurita la disponibilità di loculi in ogni arcata ed in ogni riga d'ordine. I loculi doppi c.d aperti, rientrati nella disponibilità del Comune (per restituzione, rinuncia, decadenza etc.), qualora non rispettino le caratteristiche strutturali richieste dalla normativa vigente in quanto, l installazione di una tramezza/divisoria risulta insufficiente a garantire l accesso di un secondo feretro, sono riassegnati come loculi singoli. Non sono più consentite le concessioni di loculi seminterrati e di loculi sotterranei sotto i portici e le restituzioni o rinunce a tali loculi non saranno rimborsate. Art. 14 Diritti del privato concessionario In seguito alla concessione-contratto sorgono in capo al privato concessionario diritti differenti a seconda della tipologia della concessione, fermo restando che, in ogni caso, il diritto di sepolcro (ius sepulcri) attribuisce al suo titolare facoltà che appaiono estremamente più contenute rispetto a quelle che lo stesso soggetto può vantare nei confronti dei privati; la precarietà della posizione giuridica del suo titolare deve soccombere di fronte a un interesse pubblico prevalente. Concessione ad aedificandum Con la concessione ad aedificandum prevista dall art. 90 del D.P.R 285/90 viene trasferito al privato concessionario un diritto soggettivo perfetto di natura reale nei confronti di altri privati, inquadrabile nel paradigma dei c.d. diritti di superficie (art. 952 c.c.), condizionato o affievolito nei confronti del Comune. Il concessionario privato acquista, terminata l opera funeraria, un diritto di proprietà superficiaria da contemperare con la natura di beni demaniali propria dell area concessa, di cui agli artt. 823 e 824 del codice civile e con le norme imperative ed inderogabili previste dalla normativa nazionale, regionale e comunale in materia. Il diritto di sepolcro sorto per effetto di concessione amministrativa è costituito dalla trasmissibilità per atto tra vivi o per diritto ereditario qualora tale volontà sia stata espressa dal fondatore nell atto di concessione (sepolcro ereditario). Pagina 7 di 33

8 Tale diritto è come tale alienabile, usucapibile ed espropriabile. In caso di alienazione che deve avvenire per atto pubblico, il titolare della concessione deve produrne copia autenticata al Comune che provvede adottando un atto riconoscitivo dell avvenuto trasferimento dei diritti sul sepolcro. In mancanza di esplicita dichiarazione di volontà del fondatore di costituire un diritto di sepolcro ereditario, o in caso di dubbio a riguardo, deve presumersi che il sepolcro sia destinato ai soli membri della famiglia di quest ultimo (sepolcro familiare). In tale caso è negata ai componenti della famiglia ogni forma di cessione del proprio diritto che si esaurisce al momento della propria sepoltura, al quale si può pertanto solo rinunciare. Alla morte dell ultimo appartenente alla famiglia, per evitare che il diritto di sepolcro si estingua, si considera convertito il diritto di sepolcro familiare in ereditario con la conseguenza che il suo trasferimento viene disciplinato dalle regole della successione mortis causa. I concessionari possono consentire la tumulazione di persone che risultino essere state con loro conviventi o che abbiano acquisito in vita particolari benemerenze nei confronti dei concessionari o dei suoi familiari, quali: assistenza nei confronti del concessionario, particolari legami di amicizia e particolari rapporti interpersonali. In ogni caso tale diritto si esercita fino al completamento della capienza del sepolcro. Il fondatore e i suoi eredi, possono tutelare tale diritto, e solo iure privato, dinnanzi all Autorità Giudiziaria Ordinaria con l espletamento di tutte le azioni previste dal codice civile in difesa di tale tipologia di diritti. Concessione di manufatti La concessione di manufatti attribuisce al concessionario un diritto reale di godimento di un bene immobile di natura demaniale, inteso come diritto ad essere tumulato in un dato sepolcro o loculo, non assimilabile ai negozi giuridici, ancorché atipici, di diritto privato. Tale diritto è intrasmissibile e si acquista solo iure sanguinis. Il diritto non è commerciabile, né trasferibile o comunque cedibile. La concessione quindi può essere solo retrocessa al Comune e pertanto qualsiasi atto di disposizione e trasferimento del diritto intervenuto tra privati deve considerarsi nullo, fatta salva la possibilità del concessionario e suoi familiari di consentire la tumulazione di persone che risultino essere state con loro conviventi o che abbiano acquisito in vita particolari benemerenze nei confronti dei concessionari o dei suoi familiari, quali: assistenza nei confronti del concessionario, particolari legami di amicizia e particolari rapporti interpersonali. In ogni caso tale diritto si esercita fino al completamento della capienza del sepolcro. I concessionari di manufatti e loro familiari possono tutelare tale diritto nei confronti di terzi, dinanzi all Autorità Giudiziaria Ordinaria, mentre nei confronti della Pubblica Amministrazione il loro diritto affievolirà e sarà tutelabile solo dinanzi alla Giustizia Amministrativa. Art. 15 Obblighi posti a carico del privato concessionario. Decadenza In seguito alla concessione-contratto sorgono in capo al privato concessionario obblighi differenti a seconda della tipologia della concessione. Concessioni ad aedificandum Nel caso di concessione di aree, il Comune può imporre al titolare, al momento della stipulazione del contratto di concessione, determinati obblighi, tra cui quello di costruire la sepoltura entro un tempo determinato pena la decadenza della concessione. A tal fine Pagina 8 di 33

9 nell'atto della concessione dovrà essere indicata la data di inizio (data di stipulazione del contratto) e la data in cui il manufatto dovrà essere terminato ovvero i campi impiantati. In ogni caso, i concessionari sono tenuti a provvedere a proprie spese alla manutenzione ordinaria e straordinaria delle parti da loro costruite od installate, nonchè all'esecuzione di opere e restauri che il Comune ritenesse necessario prescrivere in quanto valutati indispensabili ed opportuni sia per motivi di decoro, sicurezza ovvero di igiene, pena, previa diffida a provvedere, la decadenza dalla concessione per incuria. In tal caso il Comune provvederà a proprie spese alla traslazione dei cadaveri e dei resti mortali non mineralizzati nei campi di inumazione, delle ossa o delle ceneri nell ossario o cinerario comune. Non può essere fatta concessione di aree per sepolture private a persone o ad enti che mirino a farne oggetto di lucro e di speculazione, pena la decadenza dalla concessione. Concessioni di manufatti Nel caso di concessione di manufatti costruiti dal Comune, la tariffa della concessione copre anche gli oneri di manutenzione che si rendessero necessari sulle sole parti strutturali dell'opera (solette, parete divisorie, solai di copertura) mentre resta a carico dei concessionari la manutenzione delle lapidi e delle parti decorative installate o costruite dai titolari stessi, nonché l'ordinaria pulizia. Nel caso di edicole funerarie costruite direttamente dal Comune, l atto di concessione dovrà prevedere un termine entro il quale debbono essere terminate le rifiniture esterne (lapidi, parti decorative) da parte dei concessionari. In caso di inadempienza, previa diffida, la concessione potrà essere dichiarata decaduta. In ogni caso, i concessionari, sia nel caso di edicole funerarie che di loculi, sono tenuti a provvedere all'esecuzione di opere e restauri che il Comune ritenesse necessario prescrivere in quanto valutati indispensabili ed opportuni sia per motivi di decoro, sicurezza ovvero di igiene, pena, previa diffida a provvedere, la decadenza dalla concessione per incuria. Art. 16 La famiglia del concessionario La famiglia del concessionario è da intendersi composta dal coniuge o convivente more uxorio, dagli ascendenti e dai discendenti in linea retta e collaterale fino al 6 grado e agli affini fino al 6 grado, fatto salvo quanto stabilito dalle concessioni rilasciate prima dell entrata in vigore del presente regolamento. Spetta al Comune accertare d ufficio, al momento della sepoltura, l appartenenza del defunto alla famiglia del concessionario. Nel caso di ricerca infruttuosa o difficoltosa, la sepoltura dovrà avvenire previa dichiarazione di appartenenza alla famiglia da parte del concessionario ovvero, in sua assenza per morte o altra causa o impedimento, da parte dei suoi eredi o di componenti della famiglia. In presenza di più concessionari, di più familiari o di più eredi subentranti alla concessione, la dichiarazione di appartenenza alla famiglia potrà essere resa anche da parte di uno solo di questi in nome e per conto degli altri. L Amministrazione Comunale è sollevata da qualsiasi responsabilità in merito, in caso di contestazione. Nei casi di tumulazione di persone che abbiano acquisito particolari benemerenze nei confronti dei concessionari o loro familiari, la sepoltura deve essere autorizzata di volta in volta dal concessionario, ovvero in sua assenza per morte o altra causa o impedimento, dai suoi eredi o dai suoi familiari a seconda che si tratti di concessione ad edificandum o di concessione di manufatti. Qualora titolare della concessione sia un Ente, il diritto di sepoltura spetta alle persone contemplate dal relativo ordinamento e nell'atto di concessione. In tal caso il legale Pagina 9 di 33

10 rappresentante pro-tempore dovrà motivare con idonea documentazione giustificativa l esistenza del diritto d uso a favore del defunto indicato. Rimangono tassativamente escluse dal diritto d'uso della sepoltura di cui si tratta e fatto salvo il caso di sepolcro ereditario per le concessioni ad aedificandum, tutte le persone che non risultano legate al titolare della stessa in uno dei modi sopraesposti. Art Comunicazioni al Comune nel caso di decesso del titolare della concessione In caso di decesso del concessionario, i componenti della sua famiglia ovvero gli eredi sono tenuti a darne comunicazione al Comune entro 12 mesi dalla data del decesso, designando uno di essi quale rappresentante della concessione nei confronti del Comune. In difetto di designazione di un rappresentante della concessione, il Comune provvede d'ufficio, scegliendo un rappresentante tra gli eredi o i familiari, secondo criteri di opportunità in relazione alle esigenze di comunicazione inerenti la concessione, ferma restando la titolarità del diritto da parte di tutti gli aventi diritto. Art Durata e rinnovo della concessione Il periodo di validità della concessione-contratto e i termini di rinnovo sono diversificati a seconda della tipologia della concessione medesima, fermo restando che in tutti i casi, nell'atto di concessione verrà indicata, la decorrenza della stessa che coincide con la data di presentazione della domanda di concessione cimiteriale. Concessioni ad aedificandum, tombe di famiglia e tombe a sterro Le concessioni ad aedificandum, le concessioni di tombe a sterro e tombe di famiglia costruite dal Comune sono a tempo determinato e di durata pari a 90 anni, salvo rinnovo. Il rinnovo può essere concesso per una sola volta e richiede un nuovo provvedimento concessorio. Il rinnovo, a richiesta degli interessati, è consentito per un uguale periodo di tempo, salvo che nell atto di concessione non sia indicato, in modo specifico, un periodo diverso dai 90 anni. In tal caso il rinnovo corrisponderà al periodo indicato nell atto di concessione. Nel caso di donazioni modali o disposizioni testamentarie istituite a favore dell'amministrazione, la durata della concessione e/o il suo rinnovo viene stabilito di volta in volta dalla Giunta Comunale, in relazione all importanza della donazione o della disposizione testamentaria, per un periodo che non può comunque essere superiore ai 99 anni; la Giunta Comunale può stabilire che il rinnovo possa essere richiesto anche in anticipo rispetto al momento di scadenza della concessione. Concessioni di loculi Le concessioni di loculi costruiti dal Comune sono a tempo determinato e la loro durata viene fissata come segue: 30 anni per i loculi singoli; 60 anni per i loculi doppi; 60 anni per gli ossari; I loculi assegnati prima dell entrata in vigore del presente regolamento, per un periodo di tempo differente da quello sopra indicato, quando rientrano nella disponibilità del Comune, seguono la disciplina delle concessioni a tempo determinato. Pagina 10 di 33

11 Spetta al Comune il ripristino dei marmi dei loculi restituiti prima o alla scadenza della concessione. I marmi dovranno essere ripristinati in modo da preservare l uniformità compositiva del Cimitero, ovvero in subordine l uniformità composita dell arcata, ovvero in subordine l uniformità composita prevalente. Il rinnovo può essere concesso per una sola volta e richiede un nuovo provvedimento concessorio. Il rinnovo è consentito, a richiesta degli interessati, per : 20 anni per i loculi singoli; 40 anni per i loculi doppi; 40 per gli ossari; salvo che nell atto di concessione non sia indicato, in modo specifico, un periodo diverso. In tal caso il rinnovo corrisponderà al periodo indicato nell atto di concessione. Non sono ammessi rinnovi di concessioni di loculi che al momento della scadenza risultano non utilizzati. Le concessioni rilasciate prima dell entrata in vigore del presente regolamento, vengono rinnovate per il periodo sopra indicato, salvo che non sia diversamente e specificatamente stabilito nell atto di concessione medesima. Le concessioni di loculi in scadenza vengono calendarizzate d ufficio. Al fine di conoscere la volontà dei concessionari o loro familiari rispetto all eventuale rinnovo verranno utilizzate modalità di comunicazione e informazione che ne consentano la più ampia diffusione, attraverso pubblicazione di avvisi sul sito internet del Comune, all Albo Pretorio del Comune e nei Cimiteri in cui sono presenti i loculi oggetto della concessione in scadenza. Trascorsi due mesi dalla pubblicazione degli avvisi senza che i concessionari o loro familiari siano intervenuti, si procederà d ufficio ad effettuare una ricerca anagrafica. In caso di ricerca infruttuosa, i concessionari o loro familiari decadono dal diritto di rinnovo e i loculi rientrano nella disponibilità del Comune. In tal caso il Comune provvederà a proprie spese alla traslazione dei resti mortali non scheletrizzati in campo, ovvero alla dispersione delle ossa e delle ceneri nell ossario o cinerario comune. Art Proroga della concessione di loculi Nel caso di loculi in concessione a tempo determinato, quando si estumula per far posto a un nuovo feretro secondo quanto previsto dall art. 29 del presente regolamento, l originaria concessione viene prorogata in capo al concessionario ovvero in capo al parente o ai parenti più prossimi del concessionario individuati ai sensi degli artt. 74,75,76 e 77 del codice civile. Art Rinuncia alla concessione e al diritto di sepolcro La facoltà di rinuncia può riguardare la concessione o il diritto di sepolcro. a) Rinuncia alla concessione Concessioni ad aedificandum Nel caso di concessione di aree il Comune ne può accettare la rinuncia, facoltà propria del concessionario o dei suoi eredi, quando: Pagina 11 di 33

12 non siano state eseguite opere; l'area non sia stata utilizzata per l'inumazione o comunque sia libera da defunti; Il Comune ha facoltà di accettare la rinuncia anche quando il concessionario non intenda portare a termine la costruzione intrapresa. Concessioni di manufatti Il Comune ha la facoltà di accettare la rinuncia di una concessione di manufatto (loculo, tomba di famiglia, tomba a sterro) quando il sepolcro non è stato occupato. b) rinuncia al diritto di sepolcro Concessioni ad aedificandum e concessione di manufatti Nel caso di più concessionari ovvero coeredi o familiari della concessione, chiunque può rinunciare al diritto di sepolcro attraverso un atto unilaterale diretto a dismettere il diritto stesso. Tale rinuncia non produce l effetto del trasferimento del diritto agli altri concessionari o coeredi o familiari i quali possono trarne eventuale vantaggio indirettamente, per effetto della perdita del diritto da parte del suo titolare. La rinuncia non richiede atto pubblico. La scelta dell autenticazione dell atto di rinuncia spetta al rinunciante. Art Divisione del sepolcro I sepolcri costituiscono cose comuni in presenza di più concessionari od eredi. Concessioni ad aedificandum e tombe di famiglia Nel caso di concessioni ad aedificandum e tombe di famiglia costruite dal Comune, in presenza di più concessionari od eredi o familiari, può farsi luogo a divisione della cosa comune che può essere contrattuale o giudiziaria, secondo le regole del codice civile. La divisione contrattuale richiede la forma scritta. Il contratto è soggetto a trascrizione. In caso di divisione testamentaria, eventuali contestazioni tra coeredi, possono essere risolte solo de iure privato dinnanzi all Autorità Giudiziaria Ordinaria. Concessioni di tombe a sterro e loculi Nel caso di concessioni di tombe a sterro e loculi, non può farsi luogo a divisione in quanto si tratta di cose che, se divise, cesserebbero di servire all uso a cui sono destinate. Art Revoca delle concessioni in perpetuo Le modalità e le cause di revoca delle concessioni in perpetuo seguono una disciplina differente a seconda della tipologia della concessione medesima. Concessioni perpetue ad aedificandum e concessioni perpetue di tombe di famiglia Le concessioni ad aedificandum perpetue e le concessioni perpetue di tombe di famiglia non possono essere revocate. Concessioni perpetue di loculi Le concessioni perpetue di loculi sono confermate, qualora il concessionario o gli aventi diritto esprimano la volontà di mantenere detta concessione in perpetuo. Al fine di conoscere la volontà del concessionario o dei suoi familiari, si procederà ad Pagina 12 di 33

13 avvertire gli interessati, con pubblico avviso che sarà pubblicato sul sito internet del Comune, affisso all Albo pretorio del Comune e nei cimiteri per almeno tre mesi, in coincidenza con i giorni di commemorazione dei defunti. Trascorsi tre mesi dalla pubblicazione degli avvisi senza che i concessionari o loro familiari siano intervenuti, si procederà d ufficio ad effettuare una ricerca anagrafica. In caso di ricerca infruttuosa, trascorsi non meno di 30 anni dalla data del rilascio della concessione ove si accerti una grave situazione di insufficienza di loculi nel Cimitero tale da pregiudicare la facilitazione all acceso da parte della popolazione che insiste in quell ambito di territorio, la concessione verrà revocata. Il loculo stesso, sarà acquisito dal Comune il quale provvederà a proprie spese alla traslazione dei resti mortali non scheletrizzati in campo, ovvero alla dispersione delle ossa e delle ceneri nell ossario o cinerario comune. Art. 23 Traslazioni e Restituzioni a seguito di traslazioni. È sempre concesso effettuare la traslazione di un defunto all interno di uno stesso cimitero del Comune di Castelfranco Emilia. È sempre concesso effettuare la traslazione di un defunto da un cimitero del Comune di Castelfranco Emilia ad altro Cimitero dello stesso ovvero di diverso Comune. Non devono essere restituite al Comune le tombe a sterro o le tombe di famiglia sia a tempo determinato che perpetue, qualora a seguito di traslazione di defunti dovessero rendersi libere. Diversamente, i loculi sia a tempo determinato che perpetui, resisi liberi a seguito di traslazione di defunti e la cui concessione cimiteriale non è ancora scaduta devono rientrare nella disponibilità del Comune. I loculi non devono essere restituiti, nel caso di estumulazione per raccolta resti mortali al fine di depositarli nello stesso loculo ovvero di trasferimento di defunto in altra sede e contestuale rioccupazione dello stesso loculo. Art Estinzione della Concessione Le concessioni di cui al presente articolo si estinguono: per scadenza della concessione; per soppressione del Cimitero, fermo restando quanto stabilito nell art. 98 del D.P.R. 285/90; per rinuncia, decadenza e revoca secondo quanto stabilito dal presente regolamento. Pagina 13 di 33 Capo III Dell ossario comune e cinerario comune. Del giardino delle rimembranze. Della camera mortuaria Art. 25 Ossario e cinerario comuni In almeno un cimitero del comune è presente un ossario/cinerario comune per la raccolta e conservazione in perpetuo e collettiva: a) di ossa provenienti dalle esumazioni ed estumulazioni; b) di ceneri provenienti dalle cremazioni di cadaveri, di esiti di fenomeni cadaverici trasformativi conservativi, di parti anatomiche riconoscibili e di ossa per le quali

14 il defunto stesso, i suoi familiari o comunque gli aventi titolo non abbiano provveduto ad altra destinazione. L ossario/cinerario comune è costituito da un manufatto, unico, costruito sotto il livello del suolo e realizzato in modo che le ceneri o le ossa, da introdurre in forma indistinta, siano sottratte alla vista del pubblico. Qualora a seguito di esumazioni o di estumulazioni di defunti, non sia rintracciabile la famiglia, si procederà alla collocazione delle ossa nell ossario comune, delle ceneri nel cinerario comune ovvero, nel caso di non completa mineralizzazione del defunto, alla inumazione. Art. 26 Il giardino delle rimembranze La dispersione delle ceneri può avvenire, oltre che in natura o in un area privata come disciplinato dall art. 39 del presente regolamento, unicamente all interno dei Cimiteri. A tal proposito, nel Cimitero II del Capoluogo (Nuovo) del Comune di Castelfranco Emilia viene individuato il giardino delle rimembranze, inteso come area definita all interno del cimitero in cui disperdere le ceneri. Tale area viene individuata nel piano regolatore cimiteriale. La dispersione all interno dei cimiteri, può avvenire solo all interno dell area individuata dal Comune e viene effettuata dai soggetti indicati all art. 11 Cremazioni della legge regionale nr. 19/04, alla presenza dei necrofori durante gli orari fissati dal Comune per il ricevimento dei defunti. Art. 27 Camera mortuaria In almeno un cimitero del Comune è presente una camera mortuaria per l eventuale sosta dei defunti prima del seppellimento o in attesa di cremazione. La camera mortuaria deve essere dotata dei requisiti tecnici e strutturali previsti dall art. 65 del D.P.R. 285/90. Pagina 14 di 33 Capo IV Della inumazione e tumulazione. Della esumazione ed estumulazione. Art. 28 Inumazione e tumulazione di cadaveri La disciplina regolamentare comunale delle inumazioni e tumulazioni dei cadaveri osserva il combinato disposto del DPR n. 285/90 e del Regolamento regionale n. 4/06 in materia. Inumazione di cadaveri L inumazione consiste nel deporre il feretro, contenente il cadavere, dentro una fossa scavata nel terreno. Si osserva, relativamente ai criteri generali per la determinazione dei lotti di terreno destinati alla inumazione, relativamente alle dimensioni, profondità e distanze da rispettate nelle escavazioni delle fosse destinate alle inumazioni e con riguardo al materiale da usarsi per le casse contenenti il cadavere da inumare, il combinato disposto del DPR n. 285/90 e del Regolamento regionale n. 4/06 in materia. Qualora per le particolari caratteristiche dei Cimiteri occorre adottare prescrizioni tecniche differenti, sarà cura del Comune richiedere parere in merito alla Regione. Le aree di inumazione sono divise in riquadri e l utilizzo delle fosse deve essere

15 garantito da una chiara identificazione planimetrica. Sarà cura del Comune, contraddistinguere ogni fossa nei campi di inumazione con un cippo costituito da materiale resistente alla azione disgregatrice degli agenti atmosferici. Verrà applicata sul cippo, a cura del Comune, una targhetta di materiale indelebile con indicazione del nome e del cognome, data di nascita e di morte del defunto nonché di un numero identificativo, progressivo assegnato. Ogni cadavere destinato alla inumazione deve essere sepolto in fosse separate dalle altre; soltanto madre e neonato, morti in concomitanza del parto, possono essere chiusi in una stessa cassa e sepolti in una stessa fossa. Ogni cassa deve portare il timbro a fuoco con l indicazione della Ditta costruttrice e del fornitore. Sulla cassa deve essere apposta una targhetta metallica con l indicazione del nome, cognome, data di nascita e di morte del defunto. Il tempo di inumazione dei cadaveri viene fissato in 10 anni a decorrere dalla data di inumazione. In deroga, il tempo di inumazione di nati morti, di prodotti abortivi, di parti anatomiche riconoscibili e di ceneri interrate, viene fissato in cinque anni dalla data di inumazione. Con riferimento alla sepoltura di cadaveri di persone professanti un culto diverso da quello cattolico valgono le indicazioni normative sopra descritte anche con riferimento al tempo ordinario di inumazione fissato in dieci anni. Qualora il defunto professava in vita un culto che non prevede l esumazione ordinaria, a richiesta degli aventi titolo, il tempo di inumazione viene fissato in un periodo di venti anni, rinnovabili per altri dieci anni. In caso di richiesta di sepoltura con il solo lenzuolo di fibra naturale, il Comune può rilasciare autorizzazione, previo parere favorevole dell Azienda Unità Sanitaria Locale territorialmente competente, reso con la necessaria tempestività, ai fini delle cautele igienico-sanitarie. Si osservano per il trasporto di defunti professanti un culto diverso da quello cattolico, le regole generali. Tumulazione di cadaveri La tumulazione è un sistema di seppellimento dei cadaveri, che si attua collocando i feretri all interno di opere murarie. I cadaveri destinati alla tumulazione devono essere racchiusi in duplice cassa, l una di legno e l altra di metallo. Sulla cassa esterna deve essere apposta una targhetta metallica con l'indicazione del nome cognome, data di nascita e di morte del defunto. Le opere murarie devono essere edificate osservando le prescrizioni di cui all art. 76 del DPR 285/90. Nella tumulazione ogni feretro deve essere posto in loculo separato. Nel loculo, sia o meno presente il feretro, è permessa la collocazione di una o più cassette per ossa, urne cinerarie, contenitori di resti mortali non scheletrizzati, in relazione alla capienza. Nel caso di loculo a più posti (c.d. loculo aperto) dopo ogni feretro collocato devono essere edificate tramezze o solette dimensionate per un sovraccarico di almeno 250 kg/mq, per consentire l accesso, ove possibile in relazione alle dimensioni del loculo, a un altro cadavere. In ogni caso, le pareti dei loculi, sia verticali che orizzontali devono avere caratteristiche di impermeabilità ai liquidi ed ai gas ed essere in grado di mantenere nel tempo tali proprietà. Pagina 15 di 33

16 Non è consentita la tumulazione in loculi nei quali la tumulazione od estumulazione di un feretro non possa avvenire senza che sia movimentato un altro feretro. In deroga è consentita la tumulazione in loculi, cripte o tombe in genere privi di spazio esterno libero o liberabile per il diretto accesso al feretro, a condizione che il loculo, la cripta o la tomba siano stati costruiti prima dell'entrata in vigore del regolamento regionale nr. 4/06 e che la tumulazione possa aver luogo rispettando le seguenti misure: a) cassa secondo quanto disposto dall art. 30 del DPR 285/90, avente le caratteristiche per il loculo; b) dispositivo atto a ridurre la pressione dei gas; c) separazione di supporto per ogni feretro (tramezza o soletta) come sopra indicato. Art. 29 Esumazione ed estumulazione di cadaveri Esumazione di cadaveri L esumazione consiste nel disseppellimento di un cadavere in precedenza interrato. Le fosse, liberate dei defunti, vengono successivamente riutilizzate per altre inumazioni. Il Comune fissa le procedure di trattamento del terreno per favorire i processi di scheletrizzazione dei defunti. Le esumazioni sono ordinarie o straordinarie. Le esumazioni si definiscono ordinarie quanto sono effettuate dopo dieci anni dalla inumazione, salvo quanto stabilito per i nati morti, i prodotti abortivi, le parti anatomiche riconoscibili e le ceneri in precedenza interrate che vengono esumati dopo 5 anni dalla data di inumazione. Le esumazioni ordinarie vengono calendarizzate d ufficio. Al termine del periodo ordinario di permanenza in campo, al fine di conoscere la volontà dei parenti del defunto rispetto alla destinazione del defunto da esumare, verranno utilizzate modalità di comunicazione e informazione che ne consentano la più ampia diffusione, attraverso pubblicazione di avvisi sul sito internet del Comune, all Albo Pretorio del Comune e nei Cimiteri in cui devono essere svolte le operazioni di esumazione. Trascorsi due mesi dalla pubblicazione degli avvisi senza che i parenti del defunto siano intervenuti, si procederà d ufficio ad effettuare una ricerca anagrafica. In caso di ricerca infruttuosa, il Comune provvederà a proprie spese alla esumazione del defunto e alla sua traslazione nell ossario/cinerario comune e nel caso di non completa mineralizzazione del defunto, lo stesso verrà nuovamente inumato per un periodo di anni cinque. Scaduto il periodo ordinario di permanenza in campo, qualora i defunti esumati si trovino in condizione di completa mineralizzazione, si procede alla immediata raccolta dei resti ossei che, a richiesta degli interessati, possono essere depositati nell ossario comune ovvero in cassette ossario le quali possono essere tumulate ovvero trasportate in altro Comune. Qualora i defunti esumati non si trovino in condizioni di completa mineralizzazione, a richiesta degli interessati, essi possono: a) essere cremati; b) essere tumulati presso lo stesso Cimitero, nello stesso Comune o in altro Comune. In tal caso è d obbligo il ripristino dell impermeabilità del feretro; Pagina 16 di 33

17 c) essere nuovamente inumati, per cinque anni, creando le condizioni per favorire la ripresa del processo di mineralizzazione del defunto. Le esumazioni ordinarie sono eseguibili in qualsiasi periodo dell anno anche senza la presenza di operatori sanitari. Le esumazioni straordinarie vengono effettuate prima della scadenza dei dieci anni dalla inumazione o dei 5 anni nel caso di nati morti, prodotti abortivi, parti anatomiche riconoscibili e le ceneri interrate e soltanto nelle seguenti ipotesi: a. per ordine dell'autorità giudiziaria per indagini nell'interesse della giustizia; b. previa autorizzazione del Comune per trasportare il defunto in altra sepoltura; c. previa autorizzazione del Comune per cremare il cadavere. Nel caso di esumazione straordinaria non è quindi possibile procedere alla raccolta dei resti mortali. Le esumazioni straordinarie possono essere eseguite in qualsiasi periodo dell anno, con preferenza all arco di tempo compreso tra gennaio e maggio e tra settembre e dicembre. Ai sensi dell art. 12 della legge regionale nr. 19/04, le esumazioni straordinarie non devono essere eseguite alla presenza di operatori sanitari anche relativamente alle persone decedute per malattie infettive e diffusive, fatte salve situazioni peculiari nelle quali si ravvisi la necessità di un parere igienico-sanitario da richiedere all'azienda Unità Sanitaria Locale. Estumulazione di cadaveri Per estumulazione si intende l estrazione del feretro in precedenza seppellito in opere murarie. Le estumulazioni sono ordinarie o straordinarie. L estumulazione ordinaria, é effettuata dopo venti anni dal decesso. Nel caso di loculi in concessione a tempo determinato, quando si estumula per far posto a un nuovo feretro, la residua durata del diritto d'uso del loculo è pari a vent'anni. I feretri estumulati dopo venti anni dalla tumulazione possono: a) essere cremati; b) essere trasferiti in altra sepoltura presso lo stesso Cimitero, presso altro Cimitero nello stesso Comune o in altro Comune. In tal caso è d obbligo il ripristino dell impermeabilità del feretro qualora le condizioni della cassa siano tali da prescrivere il cosiddetto rifascio ; c) essere inumati, per cinque anni, creando le condizioni per favorire la ripresa del processo di mineralizzazione del defunto praticando sulla cassa metallica una opportuna apertura ovvero anche con sostituzione della cassa originaria con un contenitore di materiale biodegradabile. Gli interessati possono richiedere anche la raccolta dei resti mortali. In tal caso, qualora i defunti estumulati non si trovino in condizione di completa mineralizzazione, si può procedere alla loro cremazione, ovvero alla loro tumulazione nella stessa o in altra sepoltura, ovvero alla loro inumazione secondo quanto stabilito nel comma precedente. Pagina 17 di 33

18 Qualora i defunti estumulati si trovino in condizione di completa mineralizzazione può provvedersi alla immediata raccolta dei resti ossei che possono essere depositati nell ossario comune ovvero in cassette ossario. Le cassette ossario possono essere depositate nella stessa sepoltura, in altra sepoltura ovvero trasportate in altro Comune. Sono definite estumulazioni straordinarie quelle effettuate prima dei venti anni. Le estumulazioni straordinarie sono consentite soltanto nelle seguenti ipotesi: a. per ordine dell'autorità Giudiziaria per indagini nell'interesse della giustizia; b. previa autorizzazione del Comune per trasportare il cadavere in altra sepoltura; c. previa autorizzazione del Comune per cremare il cadavere; d. previa autorizzazione del Comune per essere inumate, in tal caso per il periodo di dieci anni. Nel caso di estumulazione straordinaria non è quindi possibile procedere alla raccolta dei resti mortali. Le estumulazioni straordinarie possono essere eseguite in qualsiasi periodo dell anno, con preferenza all arco di tempo compreso tra gennaio e maggio e tra settembre e dicembre. Ai sensi dell art. 12 della legge regionale nr. 19/04, le estumulazioni straordinarie non devono essere eseguite alla presenza di operatori sanitari anche relativamente alle persone decedute per malattie infettive e diffusive, fatte salve situazioni peculiari nelle quali si ravvisi la necessità di un parere igienico-sanitario da richiedere all'azienda Unità Sanitaria Locale. CAPO V Della cremazione. Della conservazione delle ceneri. Della dispersione delle ceneri. Art. 30 La cremazione di cadaveri. Autorizzazione Alla cremazione di cadavere si provvede sulla base dei principi stabiliti dalla normativa statale. L autorizzazione alla cremazione spetta al Comune in cui è avvenuto il decesso e deve essere correlata da un certificato in carta libera del medico curante (con firma autenticata ai sensi del comma 4 dell art. 79 del DPR 285/90) o del medico necroscopo (senza firma autenticata ai sensi della circolare regionale nr. 20/02 e direttiva regionale nr. 10/05) dal quale risulti escluso il sospetto di morte dovuta a reato ovvero, in caso di morte improvvisa o sospetta segnalata all'autorità Giudiziaria, il nulla osta della stessa Autorità Giudiziaria, recante specifica indicazione che il cadavere può essere cremato. Art La cremazione di cadaveri. La manifestazione di volontà del defunto Il Comune concede l'autorizzazione alla cremazione nel rispetto della volontà espressa dal defunto attraverso: Pagina 18 di 33 a. una disposizione testamentaria, tranne nei casi in cui i familiari presentino una dichiarazione autografa del defunto contraria alla

19 cremazione fatta in data successiva a quella della disposizione testamentaria stessa; b. una dichiarazione di volontà di essere cremato, in carta libera scritta e datata, sottoscritta dal defunto di proprio pugno, nel caso di coloro che al momento della morte risultino iscritti ad associazioni riconosciute che abbiano tra i propri fini statutari quello della cremazione dei cadaveri dei propri associati, salvo che i familiari presentino una dichiarazione autografa del defunto contraria alla cremazione fatta in data successiva a quella dell'iscrizione all'associazione. La dichiarazione di volontà di essere cremato deve essere convalidata dal Presidente dell Associazione mediante l attestazione del mantenimento dell adesione alla stessa fino all ultimo istante di vita dell associato. In mancanza di disposizione testamentaria o di qualsiasi altra espressione di volontà da parte del defunto, la volontà deve essere manifestata dal coniuge o, in mancanza, dal parente più prossimo individuato secondo gli artt. 74 e segg. del codice civile. Nel caso di concorrenza di più parenti nello stesso grado la volontà deve essere manifestata da parte di tutti. In ogni caso la dichiarazione di volontà deve essere appositamente autenticata. E consentita altresì la cremazione a seguito di dichiarazione non autenticata e postuma del coniuge o del/dei parenti più prossimi al defunto, nella quale si dia atto di essere a conoscenza che fino al momento del decesso vi è stata la volontà, espressa verbalmente, dal de cuius di essere cremato. Nel caso di minori o interdetti la volontà alla cremazione deve essere manifestata dai legali rappresentanti. In caso di cremazione postuma di cadavere preventivamente sepolto, l autorizzazione alla cremazione è rilasciata dal Comune dove si trova sepolto il cadavere stesso. Art Cremazione di resti mortali e parti anatomiche riconoscibili E consentito cremare i resti mortali di persone inumate da almeno dieci anni e tumulate da almeno venti, senza la certificazione medica richiesta per la cremazione di cadaveri e previo consenso dei familiari applicando analogicamente le disposizioni in merito al consenso dei familiari previsto per la cremazione di cadavere. In caso di irreperibilità dei familiari, il Comune può stabilire di procedere alla cremazione decorsi trenta giorni dalla pubblicazione, tra l altro, all Albo Pretorio, di uno specifico avviso. Per le cremazioni di ossa si applica la medesima procedura stabilita per i resti mortali. La cremazione delle ossa presenti nell ossario comune é disposta dal Sindaco con proprio atto. La cremazione di parti anatomiche riconoscibili è autorizzata dall Ausl del luogo di amputazione come previsto dal DPR 254 del Non possono essere autorizzate cremazioni di cadaveri, esiti di fenomeni cadaverici trasformativi e conservativi o parti anatomiche che siano portatori di radioattività, fatto salvo diverso parere dell Autorità Sanitaria competente. Pagina 19 di 33

20 Art. 33 Caratteristiche, consegna e trasporto delle urne cinerarie Le ceneri derivanti dalla cremazione di ciascun cadavere sono raccolte in apposita urna cineraria resistente in relazione alla destinazione. L urna dovrà essere debitamente sigillata con apposizione su di essa dei dati anagrafici del defunto. Nel caso in cui si proceda alla cremazione di un cadavere, la consegna dell urna cineraria deve risultare da apposito verbale redatto in tre esemplari, dei quali uno deve rimanere all ente gestore del crematorio, l altro deve essere rilasciato a colui che prende in consegna l urna e il terzo esemplare deve essere trasmesso al Comune che autorizza la cremazione. Nel caso di urna cineraria già conservata in cimitero, la consegna dell urna cineraria dovrà risultare da apposito verbale redatto, in duplice copia, dall incaricato del servizio di custodia del cimitero comunale, di cui una copia deve essere conservata dal Comune in cui è avvenuta la consegna e l altra copia deve essere consegnata alla persona che prende in consegna l urna. Si procederà a redigere una terza copia del verbale da trasmettere al Comune in cui le ceneri vengono trasferite o disperse, se diverso dal Comune di Castelfranco Emilia. Per il trasporto delle urne contenenti le ceneri si richiama quanto disciplinato in materia dal DPR 285/90 e, fermo restando le autorizzazioni richieste, non è soggetto alle misure precauzionali igieniche previste per il trasporto dei cadaveri. Art La destinazione delle ceneri. La destinazione delle ceneri, secondo la volontà propria del defunto, alternativamente: a) la tumulazione; b) l interramento; c) l affidamento personale; d) la dispersione. è Art. 35 La conservazione delle ceneri. La tumulazione e l interramento La sepoltura di un urna cineraria in cimitero, deve essere autorizzata dal Comune ove l urna viene sepolta, accertato il diritto alla sepoltura nel luogo indicato da chi ne effettua la richiesta. Nel rispetto della volontà del defunto l urna cineraria può essere tumulata in loculo, tomba o altro sepolcro, in relazione alla capienza, sia o meno presente nello stesso loculo un feretro, ovvero in loculo ossario. La disciplina applicata è quella relativa alle concessioni cimiteriali. Nel rispetto della volontà del defunto, l urna cineraria può essere altresì interrata in fossa separata dalle altre. L urna cineraria interrata deve essere di materiale resistente all azione degli agenti atmosferici, quale cemento, vetroresina, plastica, di spessore adeguato a sostenere i carichi ed adeguatamente sigillato per evitare la entrata di liquidi. Il tempo ordinario di permanenza in campo dell urna cineraria è fissato in 5 anni. Le caratteristiche delle fosse contenenti l urna cineraria sono stabilite dal regolamento regionale del 23 maggio 2006, n. 4. Sarà cura del Comune, contraddistinguere anche le fosse destinate all interramento di urne cinerarie con un cippo secondo le indicazioni di cui all art. 29 del presente regolamento. Pagina 20 di 33

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto)

Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI. (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) Comune di Soave Provincia di Verona AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DEI SERVIZI CIMITERIALI (Cimiteri di Soave capoluogo, Costeggiola, Castelcerino/Fittà e Castelletto) ALLEGATO A) OPERE CIMITERIALI OPERAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA

REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA REGOLAMENTO DI POLIZIA MORTUARIA Articolo 1 Articolo 2 Articolo 3 Articolo 4 Articolo 5 Articolo 6 Articolo 7 Articolo 8 Articolo 9 Articolo 10 Articolo 11 Articolo 12 Articolo 13 Articolo 14 Articolo

Dettagli

Regolamento di Polizia Mortuaria

Regolamento di Polizia Mortuaria Regolamento di Polizia Mortuaria Approvato con delibera n. 56 del 29.09.2006 TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI CAPO I NORME PRELIMINARI ARTICOLO 1 Riferimenti Normativi Il presente Regolamento è formulato

Dettagli

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE

ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE ANNO 2011 RELAZIONE SULLA GESTIONE In relazione all attività di gestione svolta nell anno 2011, si riportano i dati riguardanti le undici aree cimiteriali di Roma Capitale: Verano, Flaminio, Laurentino,

Dettagli

Capo III -DISCIPLINA DELL ACCESSO DEI VISITATORI AGLI IMPIANTI CIMITERIALI Pag. 10. Capo IV -PREVISIONI TECNICHE E PIANI CIMITERIALI Pag.

Capo III -DISCIPLINA DELL ACCESSO DEI VISITATORI AGLI IMPIANTI CIMITERIALI Pag. 10. Capo IV -PREVISIONI TECNICHE E PIANI CIMITERIALI Pag. TESTO EMENDATO NUOVO REGOLAMENTO DEI SEVIZI CIMITERIALI DEL COMNE DI PALERMO SOMMARIO Capo I - PREMESSA Pag. 2 Capo II - DISPOSIZIONI GENERALI SUL SERVIZIO DEI CIMITERI Pag. 2 - Sez. I -Disposizioni generali

Dettagli

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano

COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano COMUNE DI INVERUNO Provincia di Milano REGOLAMENTO PER IL DIRITTO ALL INFORMAZIONE E ALL ACCESSO AGLI ATTI E DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato dal Consiglio Comunale con atto n. 8 in data 9/2/1995 Annullato

Dettagli

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

PROVINCIA DI REGGIO EMILIA PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO PER IL CONSEGUIMENTO DELL IDONEITA PROFESSIONALE PER L ESERCIZIO DELL ATTIVITA DI CONSULENZA PER LA CIRCOLAZIONE DEI MEZZI DI TRASPORTO - Approvato con deliberazione

Dettagli

Regione Marche ERSU di Camerino (MC)

Regione Marche ERSU di Camerino (MC) DELIBERA DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE DELL ERSU DI CAMERINO N. 261 DEL 29/03/2011: OGGETTO: APPROVAZIONE DEL BANDO DI SELEZIONE PER IL CONCORSO PUBBLICO PER ESAMI PER L ASSUNZIONE A TEMPO DETERMINATO

Dettagli

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità

Domanda di congedo straordinario per assistere il coniuge disabile in situazione di gravità Hand 6 - COD.SR64 coniuge disabile in situazione di gravità (art. 42 comma 5 T.U. sulla maternità e paternità - decreto legislativo n. 151/2001, come modificato dalla legge n. 350/2003) Per ottenere i

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI SCUOLA SECONDARIA STATALE DI PRIMO GRADO IGNAZIO VIAN Via Stampini 25-10148 TORINO - Tel 011/2266565 Fax 011/2261406 Succursale: via Destefanis 20 10148 TORINO Tel/Fax 011-2260982 E-mail: TOMM073006@istruzione.it

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Allegato A alla delibera n. 129/15/CONS REGOLAMENTO IN MATERIA DI TITOLI ABILITATIVI PER L OFFERTA AL PUBBLICO DI SERVIZI POSTALI CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Definizioni 1. Ai fini del presente

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI Art. 1 - Oggetto del Regolamento Il presente documento regolamenta l esercizio del diritto di accesso ai documenti amministrativi in conformità a quanto

Dettagli

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974

818.61. Ordinanza. 1 Campo d applicazione e definizioni. del 17 giugno 1974 Ordinanza concernente il trasporto e la sepoltura di cadaveri presentanti pericolo di contagio come anche il trasporto di cadaveri in provenienza dall estero e a destinazione di quest ultimo 818.61 del

Dettagli

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE.

Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Prot.n. 39056 Brescia, 16.9.2002 DETERMINAZIONE N. 273/SG : CRITERI GENERALI PER LA DISCIPLINA DEL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. IL SEGRETARIO GENERALE con la capacità e con i poteri del privato

Dettagli

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine)

IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) IL DIRETTORE DEI LAVORI RUOLO E RESPONSABILITA (Alcune note del Consiglio dell Ordine) La figura giuridica del Direttore dei Lavori compare per la prima volta nel R.D. del 25.05.1895 riguardante il Regolamento

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE

REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE REGOLAMENTO PER LA LOCAZIONE E CONCESSIONE IN USO DI LOCALI ED IMMOBILI COMUNALI DEL PATRIMONIO DISPONIBILE Approvato dal Consiglio Comunale nella seduta del 13 maggio 2013 - Delibera n. 35 INDICE: Articolo

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL ORDINE DEGLI ARCHITETTI, PIANIFICATORI, PAESAGGISTI E CONSERVATORI DELLA PROVINCIA DI TRENTO (Approvato con delibera del Consiglio in data 12 gennaio

Dettagli

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario.

Per i beni mobili l'autorizzazione non è necessaria trascorsi cinque anni dalla dichiarazione di accettare con beneficio d'inventario. art. 493 Codice Civile L'erede decade (1) dal beneficio d'inventario [490, 494, 505, 509, 564 c.c.], se aliena o sottopone a pegno [2748 c.c.] o ipoteca [2808 c.c.] beni ereditari, o transige [1965 c.c.]

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE E DELLE INCOMPATIBILITA Città di Medicina Via Libertà 103 40059 Medicina (BO) Partita I.V.A. 00508891207 Cod. Fisc.00421580374 Tel 0516979111 Fax 0516979222 personale@comune.medicina.bo.it DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO

Dettagli

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni.

Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Regolamento sulla disciplina del diritto di accesso agli atti ai sensi della legge 241/1990 e successive modifiche e integrazioni. Il DIRETTORE DELL AGENZIA DEL DEMANIO Vista la legge 7 agosto 1990, n.

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO

ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO REGOLAMENTO DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI D.P.R. 12 aprile 2006 n. 184 in relazione al capo V della L. 7 agosto 1990 n. 241 e successive modificazioni (Delibere del Consiglio dell

Dettagli

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI

> IL RIMBORSO PARTE VI DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI PARTE VI > IL RIMBORSO DELLE IMPOSTE 1. COME OTTENERE I RIMBORSI Rimborsi risultanti dal modello Unico Rimborsi eseguiti su richiesta 2. LE MODALITÀ DI EROGAZIONE DEI RIMBORSI Accredito su conto corrente

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

5 Contributo Autonoma Sistemazione

5 Contributo Autonoma Sistemazione 5 Contributo Autonoma Sistemazione CAS A valere sulle risorse finanziarie di cui all articolo 3 dell Ordinanza del Capo del Dipartimento della protezione civile (OCDPC) n. 232 del 30 marzo 2015 viene stimata

Dettagli

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Comune di Castel San Pietro Terme Provincia di Bologna SERVIZIO RISORSE UMANE DISCIPLINA IN MATERIA DI LAVORO A TEMPO PARZIALE APPROVATO CON DELIBERAZIONE GC. N. 159 IN DATA 4/11/2008 ART. 1 Oggetto Dipendenti

Dettagli

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA

COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA COMUNE di CAMPAGNANO di ROMA Provincia di Roma Tel. 06-9015601 Fax 06-9041991 P.zza C.Leonelli,15 c.a.p. 00063 www.comunecampagnano.it Settore 4 - Servizio 1 - Demografico, Statistico, Elettorale, Leva,

Dettagli

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE

PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE BOLLETTINO UFFICIALE DELLA REGIONE CAMPANIA - N. 41 DEL 5 SETTEMBRE 2006 1 PARTE PRIMA ATTI DELLA REGIONE REGOLAMENTI DELLA GIUNTA REGIONALE REGOLAMENTO N. 2 del 31 luglio 2006 Regolamento per l accesso

Dettagli

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI

REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI COMUNE DI TREMEZZINA REGOLAMENTO SUL PROCEDIMENTO AMMINISTRATIVO E SUL DIRITTO D'ACCESSO AGLI ATTI Approvato con deliberazione del Commissario prefettizio assunta con i poteri di Consiglio n. 19 del 02/04/2014

Dettagli

Condizioni generali di fornitura

Condizioni generali di fornitura Condizioni generali di fornitura 1) Responsabilità di trasporto Resa e imballo a ns. carico. 2) Custodia dopo consegna in cantiere Dopo la posa da parte ns. del materiale / macchine in cantiere la responsabilità

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

REGISTRO DELLE IMPRESE

REGISTRO DELLE IMPRESE REGISTRO DELLE IMPRESE SCIOGLIMENTO, LIQUIDAZIONE e CANCELLAZIONE 1/2005 maggio 2005 www.an.camcom.it 1 PREMESSA... 3 SOCIETÀ DI CAPITALI... 3 DELIBERA DI SCIOGLIMENTO E NOMINA DEL LIQUIDATORE... 3 SCIOGLIMENTO

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE. Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE Art. 1 Personale richiedente il rapporto di lavoro a tempo parziale 1. I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati, a richiesta, nei

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI.

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI. Foglio notizie: APPROVATO con deliberazione di Consiglio Comunale n. 23 del 05.05.2009 MODIFICATO PUBBLICATO All Albo Pretorio per 15 giorni: - all adozione

Dettagli

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.)

LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) LA SOCIETÀ IN NOME COLLETTIVO (art. 2291 c.c./ 2312c.c.) COSTITUZIONE DELLA SOCIETA INVALIDITA DELLA SOCIETA L ORDINAMENTO PATRIMONIALE Mastrangelo dott. Laura NOZIONE (ART. 2291 C.C) Nella società in

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE

REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE = = = = = = REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AMMINISTRAZIONE COMUNALE Adottato con deliberazioni consiliari n. 56 dell 08.11.95 e n. 6 del 24.01.96 INDICE Art. 1 Oggetto e finalità

Dettagli

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto)

COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) COMUNE DI ORBETELLO (Provincia di Grosseto) REGOLAMENTO DI ISTITUZIONE DELLE POSIZIONI ORGANIZZATIVE Art. 1 - Area delle posizione organizzative 1. Nel rispetto dei criteri generali contenuti nelle disposizioni

Dettagli

Comune di Mentana Provincia di Roma

Comune di Mentana Provincia di Roma BANDO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI INTEGRATIVI A SOSTEGNO DEL PAGAMENTO DEI CANONI DI LOCAZIONE ANNUALITA FINANZIARIA 2013 IL RESPONSABILE DEL SETTORE SERVIZI ALLA PERSONA - VISTO l articolo 11 della

Dettagli

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione

5)- COME VIENE DEFINITA LA FORMALITÀ PRESSO IL P.R.A. RELATIVA AD UN IPOTECA? A - Annotazione B - Iscrizione C Trascrizione 1)- PER UN VEICOLO ESPORTATO ALL'ESTERO E SUCCESSIVAMENTE REISCRITTO IN ITALIA DALLO STESSO INTESTATARIO QUALE IPT PAGA?: A - L'IPT si paga in misura proporzionale B - Non si paga IPT C - L'IPT si paga

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA

Comune di Lecco AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI ABILE CATEGORIA Comune di Lecco Prot. n. 50286 AVVISO DI MOBILITA VOLONTARIA FRA ENTI PUBBLICI PER LA EVENTUALE COPERTURA RA A TEMPO INDETERMINATO DI UN POSTO DI FUNZIONARIO DA INQUADRARE NEL PROFILO AMMINISTRATIVO, O

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431

CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO. Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 CONTRATTO DI LOCAZIONE AD USO ABITATIVO Ai sensi dell art. 1, comma 2, lett. A) della legge 9 dicembre 1998 n 431 e degli artt. 1571 e seguenti del codice civile. CON LA PRESENTE SCRITTURA PRIVATA la CAMERA

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO)

REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) CITTÀ DI OZIERI PROVINCIA DI SASSARI REGOLAMENTO PER IL REGISTRO DELLE DICHIARAZIONI ANTICIPATE RELATIVE AI TRATTAMENTI SANITARI (TESTAMENTO BIOLOGICO) Approvato con Delibera del Consiglio Comunale nr.

Dettagli

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO ACCESSO AGLI ATTI AMMINISTRATIVI ISTITUTO di ISRUZIONE SUPERIORE - Luigi Einaudi Sede Legale ed Amministrativa Porto Sant Elpidio (FM) - Via Legnano C. F. 81012440442 E-mail: apis00200g@istruzione.it Pec: apis00200g@pec.istruzione.it

Dettagli

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale

Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Bozza di Regolamento sul rapporto di lavoro a tempo parziale Art. 1 Personale avente diritto I rapporti di lavoro a tempo parziale possono essere attivati nei confronti dei dipendenti comunali a tempo

Dettagli

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO

CITTA' DI ALZANO LOMBARDO CITTA' DI ALZANO LOMBARDO PROVINCIA DI BERGAMO Partita IVA 00220080162 Codice Fiscale 220080162 REGOLAMENTO COMUNALE PER L ESERCIZIO DEL COMMERCIO SU AREE PUBBLICHE APPROVATO CON DELIBERA C.C. N 27 DEL

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego

DECRETO 28 maggio 2001, n.295. Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego DECRETO 28 maggio 2001, n.295 Regolamento recante criteri e modalità di concessione degli incentivi a favore dell autoimpiego Capo I Art. 1 Definizioni 1. Nel presente regolamento l'espressione: a)

Dettagli

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale»

Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» Proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso al Registro Regionale» La proposta di legge «Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (DAT). Istituzione e accesso

Dettagli

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata

.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo e della criminalità organizzata STRALCIO DI ALTRE LEGGI IN CUI, SEMPRE INGRASSETTO, SONO EVIDENZIATI ALTRI BENEFICI VIGENTI A FAVORE DELLE VITTIME DEL TERRORISMO.Legge 20 ottobre 1990, n. 302 Norme a favore delle vittime del terrorismo

Dettagli

Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.)

Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.) Regolamento per il registro delle Dichiarazioni Anticipate di Trattamento (D.A.T.) Approvato con deliberazione di Consiglio comunale n. 29 del 09.06.2014 I 20099 Sesto San Giovanni (MI), Piazza della Resistenza,

Dettagli

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014

AVVISO PUBBLICO BANDO 2014 ALLEGATO "A" Dipartimento politiche Abitative Direzione Interventi Alloggiativi AVVISO PUBBLICO Concessione del contributo integrativo di cui all art. 11 della legge 9 dicembre 1998, n. 431 e successive

Dettagli

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping)

Art. 11 Studio di Impatto Ambientale (S.I.A.) Art. 12 Definizione dei contenuti del S.I.A. (scoping) LEGGE REGIONALE 18 maggio 1999, n. 9 DISCIPLINA DELLA PROCEDURA DI VALUTAZIONE DELL'IMPATTO AMBIENTALE Testo coordinato con le modifiche apportate da: L.R. 16 novembre 2000 n. 35 Titolo III PROCEDURA DI

Dettagli

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO?

IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? IL TESTAMENTO: COME E PERCHÉ FARLO? La maggior parte di noi non si pone neppure la domanda. In Italia, quella di fare testamento è una pratica poco utilizzata. Spesso ci rifiutiamo per paura, per incertezza

Dettagli

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE

COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE COMMISSIONE DI VIGILANZA SUI FONDI PENSIONE Deliberazione del 15 luglio 2010, modificata ed integrata con deliberazione del 7 maggio 2014 (Testo consolidato) 1. Regolamento sulle procedure relative all

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni

REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA. Titolo I Norme comuni REGOLAMENTO PER IL CONFERIMENTO DEGLI INSEGNAMENTI NEI CORSI DI STUDIO DELL OFFERTA FORMATIVA Titolo I Norme comuni Art. 1 Oggetto e finalità del Regolamento 1. Il presente regolamento disciplina il conferimento

Dettagli

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA AZIENDA TERRITORIALE PER L EDILIZIA RESIDENZIALE DELLA PROVINCIA DI TREVISO **** REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA REGOLAMENTO PER IL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI DELL AZIENDA

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca

Ministero dell Istruzione, dell Università e della Ricerca Prot. n. 867/A39 Brescia, 03/02/2010 IL DIRIGENTE SCOLASTICO VISTA la legge 7 agosto 1990 n.241, e successive modificazioni; VISTO il T.U. delle disposizioni legislative e regolamentari in materia di documentazione

Dettagli

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10

IL DIRETTORE. Data 20.03.2015. Protocollo 7481-VII.1. Rep. DDIP n. 169. Settore Amministrazione e contabilità. Oggetto 1/10 Protocollo 7481-VII.1 Data 20.03.2015 Rep. DDIP n. 169 Settore Amministrazione e contabilità Responsabile Maria De Benedittis Oggetto Procedura selettiva pubblica per titoli e colloquio per la stipula

Dettagli

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU)

REGIONE TOSCANA. AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) REGIONE TOSCANA AZIENDA U.S.L. N. 12 di VIAREGGIO (LU) AVVISO DI SELEZIONE PUBBLICA PER IL CONFERIMENTO DI UN INCARICO DI LAVORO AUTONOMO LIBERO PROFESSIONALE A T. D. PER L'ACQUISIZIONE DI PRESTAZIONI

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO

REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO COMUNE DI CISTERNA DI LATINA Medaglia d argento al Valor Civile REGOLAMENTO PER IL SERVIZIO DI ECONOMATO Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 52 del 11.05.2009 a cura di : Dott. Bruno Lorello

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART-TIME, DELLE INCOMPATIBILITA' E DEI SERVIZI ISPETTIVI Approvato con D.G. N.40 DEL 10.04.2000 Modificato con D.G. N.79 DEL 04.11.2002 Modificato con D.G. N.70 DEL 13.11.2006

Dettagli

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014

RISOLUZIONE N. 20/E. Roma, 14 febbraio 2014 RISOLUZIONE N. 20/E Direzione Centrale Normativa Roma, 14 febbraio 2014 OGGETTO: Tassazione applicabile agli atti di risoluzione per mutuo consenso di un precedente atto di donazione articolo 28 del DPR

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Repertorio n. CONVENZIONE PER LA CESSIONE IN PROPRIETA DI AREA P.E.E.P. GIA CONCESSA IN DIRITTO DI SUPERFICIE REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI ROCCASTRADA (Provincia di Grosseto) L anno duemila il giorno

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011)

REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI. (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) REGOLAMENTO PER L ESERCIZIO DEL DIRITTO DI ACCESSO AGLI ATTI (approvato con delibera commissariale n 21 del 07/06/2011) Art. 1 Fonti 1. Il presente regolamento, adottato in attuazione dello Statuto, disciplina

Dettagli

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013

I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 I permessi brevi (art. 20 del CCNL del 6.7.1995 del personale del comparto Regioni e Autonomie locali) Luglio 2013 INDICE Presupposti... 2 Modalità di fruizione... 4 Particolari tipologie di rapporto di

Dettagli

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI

MODULO S3 AVVERTENZE GENERALI MODULO S3 Scioglimento, liquidazione, cancellazione dal Registro Imprese AVVERTENZE GENERALI Finalità del modulo Il modulo va utilizzato per l iscrizione nel Registro Imprese dei seguenti atti: scioglimento

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L'ACCESSO AGLI ATTI, AI DOCUMENTI E ALLE INFORMAZIONI Art. 1 Finalità ed ambito di applicazione Art. 2 Informazione e pubblicità Art. 3 Accesso ai documenti amministrativi Art.

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI

REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI REGOLAMENTO PER L ACCESSO AGLI ATTI E AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Premessa L accesso agli atti ed ai documenti amministrativi, introdotto nel nostro ordinamento dalla Legge 7 agosto 1990, n. 241, costituisce

Dettagli

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale

Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale Norme per la costituzione dei rapporti di lavoro a tempo parziale 1 - Individuazione qualifiche e numero di rapporti di lavoro a tempo parziale Il rapporto di lavoro a tempo parziale, anche se a tempo

Dettagli

Area Vigilanza AVVISA

Area Vigilanza AVVISA COMUNE DI VILLASOR Provincia di Cagliari Area Vigilanza P.zza Matteotti, 1 - C.A.P. 09034 Part. IVA 00530500925 Tel 070 9648023 - Fax 070 9647331 www.comune.villasor.ca.it C.F: 82002160925 MANIFESTAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME REGOLAMENTO COMUNALE PER LA GESTIONE DEL PART-TIME ART. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le procedure per la trasformazione dei rapporti di lavoro da tempo pieno a tempo parziale dei dipendenti

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO

REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO REGOLAMENTO IN MATERIA DI TERMINE E DI RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO Approvato con deliberazione del Consiglio provinciale n. 161 del 28 ottobre 1997, così come integrata dalla deliberazione del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE

REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE REGOLAMENTO ALBO PRETORIO ON LINE Approvato con deliberazione del Direttore Generale n. 500 del 9.6.2011 INDICE Art. 1 Oggetto Art. 2 Albo Pretorio on line Art. 3 Modalità di pubblicazione e accesso Art.

Dettagli

COMUNE DI SENNARIOLO PROVINCIA DI ORISTANO

COMUNE DI SENNARIOLO PROVINCIA DI ORISTANO COMUNE DI SENNARIOLO PROVINCIA DI ORISTANO Servizio Amministrativo REGOLAMENTO COMUNALE PER LA DISCIPLINA DEL DIRITTO DI ACCESSO AI DOCUMENTI AMMINISTRATIVI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale

Dettagli

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE

CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE CONVENZIONE TRA LA SANTA SEDE E IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA IN MATERIA FISCALE La Santa Sede ed il Governo della Repubblica Italiana, qui di seguito denominati anche Parti contraenti; tenuto conto

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI

LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI LA NON IMPONIBILITÀ IVA DELLE OPERAZIONI CON ORGANISMI COMUNITARI Tratto dalla rivista IPSOA Pratica Fiscale e Professionale n. 8 del 25 febbraio 2008 A cura di Marco Peirolo Gruppo di studio Eutekne L

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE.

REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL RAPPORTO DI LAVORO DA TEMPO PIENO A TEMPO PARZIALE. COMUNE DI USMATE VELATE Provincia di Monza e della Brianza. Corso Italia n. 22 20040 USMATE VELATE Cod.Fisc.01482570155 REGOLAMENTO PER LA DEFINIZIONE DEI CRITERI E DELLE MODALITA DI TRASFORMAZIONE DEL

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI.

REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEL PART - TIME, DELLE INCOMPATIBILITÀ E DEI SERVIZI ISPETTIVI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE N. 244 IN DATA 28 OTTOBRE 1997. MODIFICATO CON DELIBERAZIONI

Dettagli

17/04/2015 IL RETTORE

17/04/2015 IL RETTORE Protocollo 7882 VII/1 Data 26/03/2015 Rep. D.R n. 377-2015 Area Didattica Servizi agli Studenti e Alta Formazione Responsabile Dott. Antonio Formato Settore Alta Formazione Responsabile Dott. Tommaso Vasco

Dettagli

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O.

UNIONE TERRED ACQUA IL RESPONSABILE P.O. SERVIZIO PERSONALE SCADENZA 13/08/2015 AVVISO DI MOBILITA PER EVENTUALE ASSUNZIONE A TEMPO INDETERMINATO E TEMPO PIENO, DI N. 1 POSTO DI ISTRUTTORE DIRETTIVO AMMINISTRATIVO CAT. GIUR. D1, DEL COMUNE DI

Dettagli

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI

Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Comune di Pistoia REGOLAMENTO PER LA CONCESSIONE DI CONTRIBUTI PATROCINI O ALTRE UTILITA' ECONOMICHE A SOGGETTI RICHIEDENTI Approvato con Deliberazione consiliare n 94 del 21 giugno 2004 INDICE Articolo

Dettagli

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della

Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali. pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966. con le modifiche della Legge 15 luglio 1966 n. 604 Norme sui licenziamenti individuali pubblicata nella G.U. n. 195 del 6 agosto 1966 con le modifiche della legge 4 novembre 2010, n. 183 (c.d. Collegato Lavoro) Legge 28 giugno

Dettagli

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del

ntrate genzia Informativa sul trattamento dei dati personali ai sensi dell art. 13 del D.Lgs. n. 196 del 2003 Finalità del genzia ntrate BENI CONCESSI IN GODIMENTO A SOCI O FAMILIARI E FINANZIAMENTI, CAPITALIZZAZIONI E APPORTI EFFETTUATI DAI SOCI O FAMILIARI DELL'IMPRENDITORE NEI CONFRONTI DELL'IMPRESA (ai sensi dell articolo,

Dettagli

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N.

SELEZIONI INTERNE PER LA COPERTURA A TEMPO INDETERMINATO DI N.5 POSTI DI OPERATORE TECNICO SPECIALIZZATO-AUTOMEZZI, N. Azienda Ospedaliera Nazionale SS. Antonio e Biagio e Cesare Arrigo Alessandria Via Venezia, 16 15121 ALESSANDRIA Tel. 0131 206111 www.ospedale.al.it asoalessandria@pec.ospedale.al.it C. F. P. I. 0 1 6

Dettagli

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA

REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA REGOLAMENTO DELLE ATTIVITA Approvato il 3 agosto 2011 Indice Disposizioni generali Art. 1 Oggetto del Regolamento Art. 2 Requisiti, obbligatorietà e modalità di iscrizione Art. 3 Casi particolari di prosecuzione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA. (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA UNIVERSITA DEGLI STUDI DI MODENA E REGGIO EMILIA DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA Modena, il _ 11.01.2012 Prot. N 9 Pos. N /_ (Avviso al pubblico) IL DIRETTORE DEL DIPARTIMENTO DI BIOLOGIA VISTO il DPR 22 dicembre

Dettagli

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI

COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI COMUNE di VANZAGO (Provincia di Milano) REGOLAMENTO COMUNALE PER L EROGAZIONE DI CONTRIBUTI E BENEFICI ECONOMICI A PERSONE ED ENTI PUBBLICI O PRIVATI INDICE CAPO I - NORME GENERALI ART: 1 - FINALITA ART.

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL

REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL REGOLAMENTO PER LA FORMAZIONE DELL ELENCO DI CITTADINI A CUI PRIORITARIAMENTE DEVONO ESSERE CEDUTI GLI ALLOGGI RESIDENZIALI NELLE AREE PREVISTE DAL P.R.G., NEL CAPOLUOGO E NELLE FRAZIONI. Approvato con

Dettagli

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO

Ufficio Tecnico REGOLAMENTO Comune di Cabras Provincia di Oristano Comuni de Crabas Provìncia de Aristanis Ufficio Tecnico S e r v i z i o l l. p p. - U r b a n i s t i c a - P a t r i m o n i o REGOLAMENTO PER LA VENDITA DA PARTE

Dettagli