Viđeno našim očima - Attraverso i Nostri Occhi

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Viđeno našim očima - Attraverso i Nostri Occhi"

Transcript

1

2

3 Viđeno našim očima - Attraverso i Nostri Occhi Kako vide svoj grad, njihove živote kao i njih same, učenici BiH Come vedono la loro citta, la loro vita e se stessi, i giovani della BiH

4 Viđeno našim očima - Attraverso i Nostri Occhi Izdavač/Editore: NVO CISP, Turalibegova 24/IV, Tuzla, Bosna i Hercegovina ; Za izdavača/ Editore: CISP - Comitato Internazionale per lo Sviluppo dei Popoli Deborah Rezzoagli, Area Manager for Eastern Europe and Operational Coordinator for Africa Jasmina Ovčina, CISP Country Representative Prevod/Traduzione: Irina Dobnik Mirna Popadić Dizajn i tehnička podrška pri izradi publikacije/ Design e supporto tecnico nella preparazione della pubblicazione: NVO IDEJA PLUS Tuzla UNDO Tuzla Štampa/Stampa: doo OFF-SET Tuzla Tiraž/Circolazione: 300 kom/pezzi Juni/Giugno 2011 Dokument je nastao kao rezultat projekta Promocija omladinske politike na lokalnom nivou u sjeveroistočnoj Bosni i Hercegovini kofinansiranog od strane Ministarstva vanjskih poslova Republike Italije a implementiranog od strane italijanske organizacije CISP sa sjedištem u Tuzli. Questo documento è stato creato nell ambito del progetto "Promozione delle politiche giovanili al livello locale, nel Nord-Est della Bosnia Erzegovina cofinanziato dal Ministero degli Affari Esteri della Repubblica d'italia ed e stato realizzato dal Comitato Internazionale per lo Sviluppo dei Popoli - CISP, Organizzazione Non Governativa italiana con sede a Tuzla.

5 Publikacija Viđeno našim očima je nastala kao rezultat projekta Promocija omladinske politike na lokalnom nivou u sjeveroistočnoj Bosni i Hercegovini kofinansiranog od strane Ministarstva vanjskih poslova Republike Italije a implementiranog od strane italijanske organizacije CISP. Namjera projekta je bila poboljšanje uslova života djece i mladih u Bosni i Hercegovini. Političko i ekonomsko jačanje te socijalno uključenje mladih je ostvareno kroz edukativne treninge, pokretanje procesa kreiranja dokumenata omladinske politike, realizaciju mikroprojekata u lokalnoj zajednici te organizovanje društveno kulturnih aktivnosti poput dramskih, foto i literarnih radionica, sportskih i kulturnih događanja. Jasmina Ovčina Predstavnik CISP-a za Bosnu i Hercegovinu "Viđeno našim očima je rijeka slika, riječi i susreta, radionica i izložbi, pogleda, emocija i misli oko četiri stotine mladih iz Bosne i Hercegovine. Rijeke koja je osnovana 2006 kao foto radionica u Mostaru, u zajedničkoj prostoriji podijeljene srednje škole - bošnjačkog dijela i hrvatskog dijela - sa 39 učenika sa obje strane. Izložba fotografija, postavljena na obnovljenom Starom mostu u Mostaru, ohrabri ovu rijeku koja osjeti potrebu da teče i negdje drugdje. Udaljavajući se od zelenih voda rijeke Neretve ova rijeka poteče prema nekim drugim. Prvo prema jugu i očima mladih Hrvata u izbjegličkom naselju Tasovčići. A onda, prema sjeveroistoku i spletu rječica i potoka između Republike Srpske i Federacije BiH, u pravcu gradova Srebrenice, Šekovića, Sapne, Čelića i Lopara gdje su druge mladalačke oči čekale da kažu, neke sa fotografijom, neke sa svojom pričom, ono što su vidjele i ono što žele vidjeti oko njih. Danas je "Viđeno našim očima jedna rijeka, dugačka, široka i duboka: 280 fotografija, od kojih je samo dio u ovoj brošuri, 49 tekstova i 7 općina. Njena bit nije ni hrvatska, ni bošnjačka, ni srpska, nego je prije svega mladalačka: krhka, strastvena i iskrena. Nadati se da će ova rijeka nastaviti teći i rasti i da će mladi ljudi Bosne i Hercegovine nastaviti, kroz svoje oči, prikazivati stvarnost i pokazivati nam budućnost. Doris von Thury, Konsultant za komunikacije Italijanske Kooperacije za razvoj Stepenice, dvoje mladih što sjede na zidiću, drvo, napuštena kuća, Stari most u Mostaru: slika kao polazište za pripovijedanje, priča koja nastaje posmatranjem svijeta koji nas okružuje, kada se u pogledima vršnjaka iz podijeljenih mjesta prepoznaje nešto što pripada i nama samima. Ovdje prikupljeni tekstovi su odgovor mladih na izazov koji im je predstavljen tokom odvijanja radionice: odaberite fotografiju, bez da znate gdje je snimljena i od koga i pokušajte da ista progovori vašim glasom, počnite sa osjećanjem a zatim nastavite kontrolu toga impulsa kroz pisanje, slobodni da koristite bilo koji oblik izražavanja.

6 Mnogi su odgovorili poezijom, neki izravno s "pjesmom", drugi su napisali priču, sa ili bez likova u trećem licu ili izravnih dijaloga. Međutim, većina je pisala, u prvom licu otvarajući se lično, ili putem glasa "sličnog njegovom", u monologu usmjerenog vani, kao stranica dnevnika, kao pisma svijetu u kojem se teme ljubavne patnje miješaju s uspomenama na sretno djetinjstvo, transformacijama ka zrelosti sa odgovornostima odrasle osobe i lični je prikaz dobre namjere, ohrabrujućih vizija stvarnosti, ponekad obeshrabrujućih, ali veoma vjerodostojnih. Riječi i slike zajedno čine zadivljujući prikaz generacije raspete između bolne prošlosti, teške sadašnjosti i budućnosti u koju treba krenuti sa optimizmom, unatoč svemu. Lorenzo Pavolini, pisac La pubblicazione "Attraverso i Nostri Occhi", è stata realizzata nell ambito del progetto "Promozione delle politiche giovanili a livello locale nel Nord Est della Bosnia-Erzegovina cofinanziato dalla Cooperazione italiana - Ministero degli Affari Esteri ed implementato dal Comitato Internazionale per lo Sviluppo dei Popoli - CISP, Organizzazione Non Governativa italiana con sede a Tuzla, Bosnia Erzegovina. L obiettivo principale del progetto è contribuire al miglioramento delle condizioni di vita dei bambini e dei giovani. Il processo di empowerment politico ed economico e di inclusione sociale dei giovani è stato avviato e supportato attraverso la formazione ed il rafforzamento delle capacità tecniche dei giovani, attraverso il supporto tecnico alle autorità locali nella realizzazione di documenti di politica giovanile, così come attraverso la realizzazione di micro progetti nei territori e l organizzazione di attività socio culturali come spettacoli teatrali, animazione per i più piccoli, laboratori fotografici e di scrittura, eventi sportivi e culturali. Jasmina Ovčina, CISP Country Representative Attraverso i Nostri Occhi e un fiume di immagini, parole ed incontri, laboratori e mostre, sguardi, emozioni e pensieri di circa 400 ragazzi della Bosnia Erzeghovina. Un fiume che nasce nel 2006 come laboratorio fotografico a Mostar, nella stanza comune di un liceo diviso - una parte bosniaca e una parte croata - con 39 studenti di entrambe le parti. Una mostra fotografica finale, celebrata sul ricostruito Ponte di Mostar, dà coraggio a questo fiume che sente ora il bisogno di scorrere anche altrove. Così si allontana dalle verdi acque della Neretva per fluire verso altre sponde e realta, prima verso sud e verso gli occhi dei ragazzi croati del Campo di Tasovcici. Poi, verso nord-est e quel groviglio di confini che separano la Republica Srpska dalla Federazione, verso le citta di Srebrenica, Sekovici, Sapna, Lopare e Celic dove altri giovani occhi sono in attesa di raccontare cio che vedono e cio che vorrebbero vedere intorno a loro, chi con la fotografia, chi anche con la scrittura.

7 Oggi Attraverso i Nostri Occhi e un fiume lungo, largo e profondo: 280 foto - solo una parte in questo brochure 49 testi e 7 municipalita. La sua sostanza non e ne croata, ne bosniaca, ne serba, ma unicamente giovane: fragile, passionale, sincera. L augurio e che questo fiume possa continuare a scorrere e a crescere, e che i giovani della Bosnia Erzeghovina possano continuare, attraverso i loro occhi, a mostrarci la realta ed indicarci il futuro. Doris von Thury, Consulente di Communicazione per la Cooperazione Italiana Una scala, due giovani seduti su un muretto, un albero, una casa abbandonata, il ponte di Mostar: un immagine come punto di partenza per raccontare, una storia che nasce dall attenzione al mondo che ci circonda, quando nello sguardo di un coetaneo sui luoghi condivisi si riconosce qualcosa che appartiene anche a noi stessi. I testi qui raccolti sono la risposta a questa piccola sfida lanciata ai ragazzi durante i laboratori: scegliete una foto senza sapere dove è stata scattata e da chi, e provate a farla parlare con la vostra voce, partite da un emozione per poi procedere al controllo di questo impulso attraverso la scrittura, liberi di usare qualsiasi forma di espressione. Molti hanno risposto con una poesia, alcuni direttamente con una canzone, molti altri hanno scritto un racconto, con o senza personaggi in terza persona e dialoghi diretti. Ma la maggioranza ha comunque parlato in prima persona aprendosi personalmente, o attraverso una voce simile alla propria, in un monologo diretto all esterno, quasi pagine di diario, lettere al mondo nelle quali i temi delle sofferenze amorose si intrecciano ai ricordi di infanzie felici, le trasformazioni verso la maturità, le responsabilità del divenire adulti e un manifesto personale di buone intenzioni, di visioni della realtà coraggiose, a tratti sconfortate, ma molto autentiche. Parole e immagini che formano nel loro insieme la straordinaria istantanea di una generazione sospesa tra un passato doloroso, un presente difficile e un futuro in cui lanciarsi con ottimismo, nonostante tutto. Lorenzo Pavolini, scrittore 7

8 SADRŽAJ CONTENUTO KIŠNO JUTRO LA MATTINA PIOVOSA (Fatima Čolaković, Mostar)...13 KIŠNI DAN UNA GIORNATA PIOVOSA (Ema Kordić, Mostar)...16 ZVUK PODZEMLJA IL SUONO DELLA MALAVITA (Aleksandar Savić, Srebrenica)...21 LIRIKA JEDNOG UMA LA LIRICA DI UN CERVELLO (Mersudin Hasanović, Sapna)...23 KOLIKA JE SESTRINSKA LJUBAV L'AMORE DI SORELLA (Dženita Redžić, Sapna)...27 SVE SE OKREĆE TUTTO (SI) GIRA (Teodora Košarac, Srebrenica)...31 IPAK OSTVARENA ŽELJA EPPURE, IL DESIDERIO (SI E') SAZIATO (Danijela Jokić, Lopare)...35 SAMOTNJAK U STAROSTI SOLITARIO NELLA VECCHIAIA (Aldin Ahmetović, Sapna)...38 ŽIVOTNI LAVIRINT IL LABIRINTO DELLA VITA (Sanja Simikić, Lopare)...43 SLOVO O SNU LA LETTERA DEL SOGNO (Eldin Mujkić, Čelić)...47 ZLATNA STAZA IL SENTIERO DORATA (Tima Omerović, Sapna)...49 KORAK NAPRIJED UN PASSO AVANTI (Tijana Bašić, Šekovići)...51 TRAŽEĆI ČOVJEKA CERCANDO L'UOMO (Vladana Zekić, Srebrenica)...55 LJUBAVI SEBIČNO LETIŠ AMORE, STAI VOLANDO IN UN MODO EGOISTICO (Sedina Muratović, Srebrenica)...59 UVIJEK BUDI BOLJI, PA ČAK I KADA GUBIŠ SII SEMPRE IL PIU BRAVO, ANCHE QUANDO PERDI (Tanja Tešić, Lopare)...63 FERIJE NA SELU LE VACANZE NEL VILLAGGIO (Amira Ahmetović, Sapna)...67 TIGAR SE VRAĆA KUĆI TIGRE RITORNA A CASA (Zulija Halilović, Sapna)...69 LJUBAVNA D'AMORE (Maida Mujčinović, Čelić)...77 ONO ŠTO VIDJELA NISAM QUELLO CHE NON AVEVO VISTO (Nermin Hrustić, Sapna)...78 USPOMENE SE BUDE I RICORDI SI RISVEGLIANO (Maida Mujčinović, Čelić)...80 POVRATAK U SJEĆANJE IL RITTORNO NEL RICORDO (Živan Tomić, Lopare)...84 BAKIR I GARO BAKIR E GARO (Besida Sejdinović, Sapna)...87 PRIJATELJSTVO L'AMICIZIA (Spasoje Bobar, Šekovići)...92 ŽIVOTNA GEŠKA L'ERRORE DELLE VITA (Slavenka Simić, Lopare)...95 SUNCE UVIJEK IZAĐE IL SOLE SORGE SEMPRE (Slavenka Simić, Lopare)...99 DOBRI TRENUCI NA SIVOJ OBALI I MOMENTI BELLI SULLA COSTA GRIGGIA (Zumra Salihović, Sapna) JOŠ JEDNA U NIZU - ANCORA UNA DI SEGUITO (Marija Popović, Lopare) BEZ NADE U BOLJE SUTRA SENZA LA SPERANZA PER LA VITA MIGLIORE (Midheta Salihović, Sapna) PAS GILE IL CANE GILE (Dušica Kovačević, Lopare) DUO DUETTO (Said Omerović, Sapna) STEPENICE IZGUBLJENE LJUBAVI LA SCALINATA DELL' AMORE PERDUTO (Samra Salihović, Sapna)

9 DOLAZI ZIMA E'ARRIVATO L'INVERNO (Savo Rikanović, Lopare) PUT ŽIVOTNE SUDBINE LA STRADA DEL DESTINO DELLA VITA (Albina Salihović, Sapna) NADA POSLJEDNJA UMIRE LA SPERANZA MUORE PER L'ULTIMA (Jelena Lazarević, Lopare) NEMA NAS VIŠE NON CI SIAMO PIU (Jovana Popović, Lopare) CRNOBIJELO U BOJI BINACONERO IN COLORE (Selvedin Tabaković, Sapna) OVAJ PRELEPI SVIJET QUESTO BELLISSIMO MONDO (Filip Jokanović, Srebrenica) NESUĐENA LJUBAV L'AMORE NON PREDESTINATO (Selma Beširović, Sapna) ZABORAVLJENI DANI I GIORNI DIMENTICATI (Đani Obad, Mostar) ZABORAVLJENA DIMENCITATA (Ivana Mikulić, Mostar) LJUBAV JE KAO HIROŠIMA L'AMORE E'COME HIROŠIMA (Aida Halilović, Čelić) LJUBAV JE NEŠTO NAJLJEPŠE L'AMORE E QUALCOSA DI PIU BELLO (Amela Alić, Sapna) O SREĆI DELLA FELICITA' (Milica Milić, Šekovići) (Mira Ognjenović, Šekovići) SVE JE ISTO, ALI NIŠTA ISTO NIJE TUTTO E UGUALE, UGUALE NON E NIENTE/NIENTE E UGUALE (Dajana Ristić, Lopare) ZADNJI DAN DRUŽENJA L'ULTIMA GIORNATA IN COMPANIA (Admira Mustafić, Sapna) ZASTAVA MOJE MLADOSTI LA BANDIERA DELLA MIA GIOVINEZZA (Nedžada Ribić, Čelić) VRIJEME PROTIČE IL TEMPO SCORRE (Tijana Ristić, Lopare) I DANAS SUZA KRENE ANCHE OGGI LA LACRIMA SCENDE (Tijana Lazić, Šekovići)

10

11

12 Kišno jutro / La mattina piovosa - Alema Šuta, Mostar KIŠNO JUTRO / LA MATTINA PIOVOSA 12

13 Fatima Čolaković, Mostar Kišno jutro / La mattina piovosa KIŠNO JUTRO Kiša u meni. Kiša oko mene. Ljudi prolaze, hodaju dugim koracima, treba pobjeći od kiše. Srušena zgrada na uglu. Raskrsnica. Gimnazija. Učenici sjede. Disciplina i red. Među njima, pitam se, ima li neko ko se osjeća sto godina star, dok gleda kako pada kiša, u času odsustva duha, u času nezainteresiranosti za položaj Bosne. Perspektiva za njih i nije tako loša kada je sunce. Ali, oko mene, oko grada je kiša. Kiša koja izvuče sve, sve, i dobro, i loše iz tebe. Sumorno nebo je predznak sna. Ispred čovjeka stoje izbori, kojim putem krenuti. Stani! Svjetlo je crveno. Stani! Promisli dobro! Gdje si i s kim? Ko si ti? Kišobranom se brane ljudi. Od kiše, od vode koju upija beton, koju upija tek po neko stablo kraj puta. Putevi. Ima ih bezbroj, ali ovdje su samo četiri: istok, zapad, sjever i jug. Mlad čovjek prelazi Španski trg. Da li se pita koji je njegov pravi put? Grad diše. Teško diše. Pun je tuge kada pada kiša. Teške su misli prošlosti. Grad diše, a svaki dah je kao vapaj za suncem, jer Mostar je grad sunca i svjetlosti. Ima i onih koji slušaju kišu i vole je gledati. Ali ima i onih čije misli prelaze lahko preko tuge sumornog dana, onih koji znaju šta dolazi poslije kiše. Slušam. Moj grad i dalje teško diše. Kažu povećao se nivo Neretve, negdje huči njena voda. Mutna je, bistra je... Da li ona sama zna kakva je? Auti prolaze, ljudi biraju svoj put. Ljudi iz auta. Ljudi žure na posao. Ljudi žure da stignu kući. Kiša i dalje pada. Slušam, ljudi na slici govore kako mrze kišu, kažu: Ne osjećam se dobro kada je kiša. Ljudi prolaze gradom i ne gledaju jedni drugima u oči, ljudi drže kišobrane. Kakve li su misli u njihovim glavama, jer njihove misli boje čitav grad, kakve li su misli o kiši? Na slici nema ptica. Gdje su ptice kada pada kiša? Imaju li one mjesto pod kišom. Ali ljudi se ne pitaju gdje su ptice. U mom gradu ima mjesta za njih. Zar ste zaboravili ruševine zgrada kraj puta. Valjda ima zaklon tu negdje...pogledaj nebo! Ne krivi ga što se loše osjećaš. To je samo kiša. Kiša u gradu sunca traje samo nekoliko dana. Pogledaj sumorno nebo! Pogledaj istini u oči. Danas je život težak. Biće bolje da se ne pitaš šta će biti sutra. Kakav će biti život onima koji će tek doći? Možda su oni bolji od nas. Možda pod njihovim stopama Mostar neće teško disati. 13

14 Kišno jutro / La mattina piovosa Fatima Čolaković, Mostar LA MATTINA PIOVOSA La pioggia dentro di me. La pioggia intorno a me. La gente passa, cammina con i passi lunghi, bisogna scappare dalla pioggia. Nell angolo un palazzo buttato giù. L incrocio. Il liceo. Gli studenti seduti. La disciplina e l ordine. Tra loro, mi chiedo, c è qualcuno che si sente di avere cento anni mentre fissa la pioggia, nel momento dell assenza dell animo, nel momento del disinteresse verso la situazione che riguarda la Bosnia. Per loro la prospettiva non è neanche cosi cattiva quando c è il sole. Però, intorno a me, intorno alla città piove. La pioggia che tira fuori tutto, tutto ciò che è buono o cattivo dentro di te. Il cielo fosco è il preavviso di un sogno. Davanti l uomo si trovano le scelte, quale strada prendere. Fermati! Il semaforo è rosso! Fermati! Pensaci bene! Dove sei e con chi stai? Tu chi sei? La gente si protegge con l ombrello. Dalla pioggia, dall acqua assorbita dal cemento, e da qualche albero che sta accanto alla strada. Le destinazioni. Sono innumerevoli. Ma qui sono soltanto quattro: est, ovest, nord e sud. Un uomo giovane sta attraversando piazza Španski trg. Chissà se si chiede quale è la direzione giusta. La città respira. Respira con difficoltà. Sono pesanti i pensieri del passato. La città sta respirando ed ogni respiro e come se fosse un grido d aiuto per il sole, perché Mostar è la città del sole e della luce. Ci sono anche quelli che ascoltano la pioggia e amano guardarla. Esistono però quelli che con il pensiero passano facilmente sopra la tristezza della giornata cupa, quelli che sanno che cosa avviene dopo la pioggia. Sto ascoltando, la mia città continua a respirare con difficoltà. Dicono che il fiume Neretva è in piena, da qualche parte rumoreggia la sua acqua. E torbida ma limpida. Essa sa come è fatta? Le macchine passano, la gente sceglie la propria strada La gente dentro le macchine. La gente va di fretta per arrivare al lavoro. Va di fretta per raggiungere le case. Non smette di piovere. Sento, la gente sulla foto sta dicendo che odia la pioggia, dice: Non mi sento bene quando piove. La gente passa per la città e non guarda gli altri negli occhi. La gente porta gli ombrelli. Quali pensieri stanno nelle loro teste, perché i loro pensieri colorano tutta la città? Cosa pensano guardando la pioggia? Sulla foto non ci sono gli uccelli. Dove stanno gli uccelli quando piove? Chissà se hanno il loro posto sotto la pioggia. La gente non si pone la domanda: dove sono gli uccelli? Nella mia città c è spazio per loro. Avete già dimenticato le rovine dei palazzi accanto alle strade. E possibile che ci sia un riparo da qualche parte Guarda il cielo! Non darle la colpa per il tuo malessere. E soltanto la pioggia. La pioggia nella città del sole dura solo qualche giorno. Guarda il cielo cupo! Guarda la verità negli occhi. Al giorno d oggi la vita è difficile. E meglio non chiedersi cosa succederà domani. Come sarà la vita per quelli che ancora devono arrivare? E probabile che siano meglio di noi. Forse sotto i loro piedi Mostar avrà un respiro più sano. 14

15 Kišni dan / Una giornata piovosa, Majda Čolić, Mostar KIŠNI DAN / UNA GIORNATA PIOVOSA 15

16 Kišni dan / Una giornata piovosa Ema Kordić, Mostar KIŠNI DAN Vjerujem da će u ovom ludom svijetu, gdje je moguće kupiti tuce osjećaja i dobiti 50% sniženja na snovima, doći vrijeme kad će se na stolovima prodavača po povoljnim cijenama naći u mašnicu uvezane supermoći. Preskočit ću srebrnu kutiju u kojoj je zarobljena nevidljivost, pogledom preći preko crvene i plave koje skrivaju plamteće iskre i moći vode, oduprijet ću se zlatnoj u kojoj je zarobljen vječni život i zaustaviti se na ljubičastoj vrpci koja obuhvata sivu kutiju... Postoji jedna slika koju često vrtim po rukama i na toj slici pogled mi je uzvraćen. Moja nijema sugovornica poznatog lica i ugljeno crne kose koja je u savršenom kontrastu sa njenom mliječnom kožom, u naručju drži svoje mliječno, usnulo dijete. I što ako nakon mnogo godina to isto mliječno dijete pogleda sliku svoje majke i dođe do zastrašujućeg zaključka da gleda u stranca. Jednostavno ono sanja o svim onim stvarima koje bi voljelo da je reklo, ono sanja o maloj sivoj kutiji ukrašenoj ljubičastom vrpcom. Ta kutija će mu omogućiti da se vrati u prošlost. U onaj trenutak kad ga je majka grlila, a ono okrutno nije bilo svjesno toga. Otkad znam da postojim, osjećam kako me potajno vuku na suprotne strane. Osjećam njihovu radost pri pronalasku sličnosti između sebe i onoga što su stvorili. Razdiruće i duboko sam svjesna njihovog razočarenja kad na meni uoče tog uljeza, tu grešku koja im se potkrala. I to boli. Teško je igrati duplu ulogu, podbaciti u njoj i usput izgubiti pravog sebe. Ta potraga mojih mliječnih roditelja je kao govno koje se ne da sprati niz šolju i nekad mi dođe da istrčim na zrak zadavim se u mrkloj noći. U tim trenucima ja pokušavam očuvati svoje napuklo samopouzdanje i sakrijem se u olovci. Ali što je najsmješnije je to da se ja ustvari strašno da se moji mliječni roditelji ne umore. Kad sam bila manja mama mi je pričala o svom djetinjstvu. Pričala mi je o kišnim danima i svom šarenom kišobranu kojeg bi vrtila iznad glave i do neba, sve dok se posljednja kap ne bi istrošila pa i poslije toga. Prisjećala se dana kad bi napunila stomak bagremovim cvijetom i noći kad bi joj njena majka isplela plavu pletenicu. Ispričala mi je kako je mrzila šnale koje su joj sputavale kosu i kako bi ih izvadila čim bi pobjegla majčinu pogledu i ponovo stavila kad bi mu se vraćala. Priznala mi je da je jednog dana odrezala svoju dugu kosu koja je uskoro potamnila. Sjećam se da sam joj jednom postavila jedno pitanje. Pitala sam je hoću li i ja kao i ona bježati od svoje mame kad odrastem. Rekla je da hoću ako razlog za bijeg postoji. Danas moja mama prebojava svoju kosu u plavo i na lice stavlja nešto što bi bilo logičnije obrisati, nego nanijeti na njega. Čini se čudnom i udaljenom, gotovo usamljenom. Postalo mi je neugodno u njenoj blizini iz jednostavnog razloga što ne znam o čemu bi pričala i što je još važnije bi li uopće bila slušana. U njenoj blizini se osjećam kao dijete koje je iznevjerilo nekoga ili nešto. Osjećam se kao neki genije čiji je trenutak pod reflektorom došao, ali je samo ukopano stajao na pozornici dok je razočarenje publike raslo... Tako sam jednog dana dok sam vodila već uobičajenu borbu u sebi, naišla na jedno pismo i kao i svako znatiželjno dijete, otvorila ga. To pismo napisano za vrijeme rata i namjenjeno mom tati, sadržavalo je sve noćne more jedne uplašene žene čiji su se snovi o romantičnoj vječnoj ljubavi raspršili kad se našla u tamnom sobičku sa kolijevkom. To pismo, pored čežnje i poruke upućene mliječnom mužu koje je bila kaotična mješavina preklinjanja i naredbi za njegov povratak, sadržavalo je i dokaz da me moja majka voli... Ona me voli... To pismo moj je spas i neoboriv dokaz kad god naiđem na neki drugi tekst sa majčinim rukopisom u kojem priznaje da bi voljela da je njena prvorođena kćerka jača, drugačija. 16

17 Kišni dan / Una giornata piovosa Ja volim svog tatu, ne zato što sam mu kćerka nego zato što je on istinski junak. Imam njegove duge prste koji se uvijek čine kao da će zasvirati klavir, iako ustvari to ne znaju. Kao i on volim sunce i mogu satima hodati bosa po vrućem kamenju. Kao i u njega i moja su leđa načičkana milijunima sitnih flekica. On nije čovjek koji me naučio slova, ali je zato čovjek koji me naučio kako da čitam. Zato me boli kad ga povrijedim, zato sam užasnuta mogućnošću da ga razočaram iako je istina da sam to već davno uradila. Ali postoji nešto u tome kad gledaš svoju mamu kako se kreće, kako pleše dok svi drugi hodaju. Poznat mi je taj osjećaj ugodne topline u dnu stomaka, kad shvatiš i da pored toga što svi ostali govore, ti imaš lice i osmijeh svoje majke i njen kišni dan koji si naslijedila. Kad kiša pada naglavačke kao čavli ja postajem ona beba na slici svjesna mirisa i okusa majčinog zagrljaja. Ema Kordić, Mostar UNA GIORNATA PIOVOSA Credo in questo mondo pazzo, dove è possibile comprare una dozzina di emozioni e ricevere uno sconto di 50% sui sogni. Credo che verranno tempi in cui si potranno trovare i superpoteri in una bella confezione a buon prezzo, sui banchi dei negozi. Salterò la scatola argentata, dove è imprigionata l invisibilità, con lo sguardo attraverserò la rossa e la blu, che nascondono le scintille fiammeggianti e i poteri dell acqua, resisterò alla scatola dorata che rinchiude la vita infinita e mi fermerò sul nastro viola che avvolge la scatola grigia. Esiste una foto che spesso rigiro tra le mani, e su di essa il mio sguardo è contraccambiato, la persona che non mi parla ha il viso che conosco e i capelli neri che fanno il contrasto perfetto con il suo viso di porcellana lattea, nel grembo tiene il suo bambino addormentato. E che cosa succederebbe se dopo tanti anni quel bambino, lanciando lo sguardo sulla foto della madre arrivasse alla spaventosa conclusione di non riconoscerla. Semplicemente, il bambino sogna tutte quelle cose che avrebbe voluto dire, sogna la piccola scatola grigia, decorata con il nastro viola. Quella scatola lo aiuterà a tornare nel passato. Nel momento in cui la madre lo abbracciava, crudelmente non capiva quel gesto. Come posso sapere di esistere sentendo che mi stanno tirando di nascosto dalle parti opposte. Sento la loro gioia quando trovano la somiglianza con la loro creatura. Dentro di sé, in maniera distruttiva, sono coscienti della loro delusione quando si accorgono che in me trovano quell intruso, che gli era sfuggito per errore. Questo fa male. E difficile fare il doppio gioco, non corrispondere alle aspettative e perdere se stessi lungo la strada. Quella ricerca dei miei genitori è come la cacca che non permette a watercloset di essere pulito. Certe volte mi viene voglia di scappare e di soffocarmi nella notte buia. In quei momenti cercavo di mantenere la fiducia spezzata in me e di rifugiarmi nella matita. La cosa più ridicola è che temevo che i miei genitori si stancassero di me. 17

18 Kišni dan / Una giornata piovosa Quando ero più piccola, mamma mi raccontava la sua infanzia. Mi aveva parlato delle giornate piovose e del suo ombrello colorato, che faceva girare sopra la testa fino a farlo arrivare al cielo, finché non si consumava l ultima goccia, ma anche dopo la pioggia. Si ricordava le giornate quando riempiva lo stomaco con i fiori d acacia e le notti, quando sua madre le faceva la treccia bionda. Mi aveva raccontato quanto odiava le mollette che legavano i capelli. Le toglieva appena scappava dallo sguardo di mamma e le rimetteva quando tornava. Mi aveva confessato che un giorno aveva tagliato i suoi lungi capelli, che poi presto si erano scuriti. Mi ricordo la domanda che le feci una volta. Sarei potuta scappare da lei una volta cresciuta. Mi aveva risposto di sì, se avessi avuto una buona ragione. Oggi mia madre si tinge i capelli di biondo e sul viso mette qualcosa che sarebbe più logico togliere che portare. La sento strana e lontana, quasi solitaria. E diventato imbarazzante stare vicino a lei, per il semplice motivo che non so che cosa dire e per di più, non so se sarei ascoltata. Vicino a lei mi sento una bambina che ha tradito qualcuno o qualcosa. Mi sento come un genio arrivato al successo, che però vive il suo momento sotto i riflettori stando sul palcoscenico come piantato in terra, mentre sale la delusione del pubblico Un giorno, mentre conducevo il solito combattimento dentro di me, avevo trovato una lettera, e come tutti i bambini curiosi, l avevo aperta. Quella lettera, scritta durante la guerra, era indirizzata a mio padre, conteneva tutti gli incubi notturni di una donna spaventata, i cui i sogni d amore romantico si erano dispersi quando si era trovata nella stanzetta buia, con la culla. Quella lettera, a parte la nostalgia, conteneva un messaggio inviato al marito, che era un misto di suppliche per il suo ritorno. Conteneva anche le prove che mia mamma mi amasse. Lei mi amava Quella lettera era la mia salvezza e la prova schiacciante di altre cose trovate, con la scrittura di lei, dove confermava che avrebbe voluto la figlia primogenita più forte, fatta in un modo diverso. Io amo mio papà, non perché sono sua figlia, ma perché lui è un vero eroe. Ho le dita lunge come le sue, sembrano pronte per suonare il pianoforte, anche se in realtà non lo sanno fare. Come a lui, anche a me piace il sole. Posso camminare ore e ore sui sassi caldi. Come la sua, anche la mia schiena è piena di migliaia di piccole macchie. Lui non è l uomo che mi ha insegnato a scrivere, ma è l uomo che mi ha insegnato a leggere. Perciò mi fa male quando lo ferisco, perché sono scandalizzata dall idea di deluderlo, anche se la verità è che l ho già fatto. Però, c è qualcosa quando guardi come si muove tua mamma, come balla mentre tutti gli altri camminano. Conosco quella sensazione piacevole dentro la pancia quando capisci, a parte che tutti gli altri l avevano già detto, che hai il viso e il sorriso di tua mamma e la giornata piovosa che hai ereditato. Quando la pioggia scende con la testa in giù come un chiodo, io divento la bambina della foto, cosciente dell abbraccio profumato di mamma. 18

19 Anarhija / Anarchia - Lenka Bobar, Šekovići ZVUK PODZEMLJA / IL SUONO DELLA MALAVITA LIRIKA JEDNOG UMA / LA LIRICA DI UN CERVELLO 20

20 Aleksandar Savić, Srebrenica Anarhija / Anarchia ZVUK PODZEMLJA I svuda ista priča,ghetto, Bosna,izolacija. Komsija pljuje na drugog, to u formi rima sročim ja. Bacim novu priču da ljudima probudim svest, ako ne krenemo napred sami sebe ćemo razapet. Za budućnost ima nade, zašto da živimo u prošlosti. Digni šaku u vis protiv verbalnih bolesti. I dok čujem crkvena zvona a sa džamije ezan pitam se dokle više ovako. Zašto da tonemo u bezdan? Veza bila je tu i tu negde se izgubila, u skorijoj prošlosti kad sama sebi je presudila. Poludila od ludila,sebi glavu odrubila, sve obojila u crveno kao dragulje rubija. Al kreće nova priča, slogan Mladi za mir. Ekipa bori se za Bosnu ne da da upadne u vir. Možda je to samo hir, spremam liricki okršaj za svakog koji pljuje pa ti probaj, samo pokušaj! Ref: Samo giljamo napred, parola Mladi za mir. Digni pesnicu u zrak, za mnom,prati taj beat. Sva suština je u pesmi, neka flow te vuče da živiš za budućnost a ne od danas do juče.2x Crna rupa na mapi smo davno postali i ostali. Imamo ratobornu istoriju, al nismo klasa ostali. Već ponosit narod što zna da vrednuje slobodu. Zajedno borićemo se sve dok i poslednjeg ne izbodu. Afirmišemo ljude, svi u klan sa nama, da nemamo državu kao ulična dama; što ju je obavila tama pa luta bez pravca i cilja. Dobro vrednuj svoj glas, dobro pazi koga biraš. Ova lira mene bira,brate u srce me dira, zato daj mi olovku i daj mi jedno dva papira. Ružičaste snove snivam,verujem u bolje sutra. Sav taj bunt je u stihu za Bosnu prži ova matra. Kidam za ekipu,grad,državu, slobodu jer moja zemlja je u pitanju neće doživeti golgotu. Hajde uključite se svi,stiže nova revolucija. Svi zajedno koračajmo da se istrebi korupcija. Ref: Samo giljamo napred, parola Mladi za mir. Digni pesnicu u zrak, za mnom, prati taj beat. Sva suština je u pesmi, neka flow te vuče da živiš za budućnost a ne od danas do juče.2x 10 21

21 Anarhija / Anarchia Aleksandar Savić, Srebrenica IL SUONO DELLA MALAVITA E dappertutto la stessa storia, il ghetto, la Bosnia, l isolazione. Il vicino sputa sull altro, e io accorderò tutto questo faccendo la rima. Butto sul foglio la storia nuova per svegliare la coscenza, se non cominciamo ad andare avanti ci crocifiggiamo da soli. C è speranza per il futuro, perché continuare a vivere nel passato. Alza il pugno in alto contro le malattie verbali. E mentre sento le campane della chiesa e ezan della moschea, mi sto chiedendo fin quando andrà cosi. Perché affondare nell abisso. Qui la conessione esisteva e da qualche parte proprio qui si è spezzata, nel passato remoto quando da sola si faceva giustizia. Impazzita dalla pazzia, si è tagliata la testa, ha colorato tutto di rosso come la rubia* ha fatto con la gemma. Però comincia un altra storia-slogan I giovani per la pace. La squadra combatte per la Bosnia, non le permetterà di sprofondare nella vortice. Forse questo è soltanto un capriccio, sto preparando la lotta lirica per tutti quelli che sputano e allora tenta, forza prova, ma senza far pasticci?! Ritornello: Stiamo soltanto scavando avanzando, lo slogan: I giovani per la pace. Alza il pugno in aria, dopo di me, segui quel beat. Tutta l essenza è nella canzone, lasca che flow* ti trascina, per farti vivere per il futuro, e non da oggi fino a ieri. 2x Da tanto che siamo diventati un buco nero sulla mappa e questo siamo pure rimasti. Abbiamo una storiadi guerra, però non siamo la classe gli altri. Il popolo già orgoglioso di fatto sa dare il valore alla libertà. Combatteremo insieme, fino all ultimo accoltellato. Affermiamo la gente, venite tutti nel clan con noi, per non aver lo Stato che somiglia alla dama della strada; che si è avvolta nelle tenebre, vagando senza senso e scopo. Valuta bene il tuo voto, stai attento quando scegli/eleggi qualcuno. Questa lira ha scelto me, nel cuore mi tocca fratello, perciò dammi la matita e due fogli almen. Faccio sogni rosei, credo in un futuro migliore. Tutta questa ribellione è nei versi, per la Bosnia bruci questa mantra. Per la sqadra tronco la città, lo Stato, la libertà, perché si tratta della mia Terra che non passerà il Golgota. Allora andiamo, ci inseriamo tutti, sta arrivando la nuova rivoluzione. Cerchiamo di camminare insieme per sradicare la corruzione. Ritornello: Stiamo soltando scavando avanzando, lo slogan: I giovani per la pace. Alza il pugno nell aria, dopo di me, segui quel beat. Tutta l essenza è nella canzone, lasci che flow* ti trascina, per farti vivere per il futuro e non da oggi fino a ieri.2x 22

22 Mersudin Hasanović, Sapna Anarhija / Anarchia LIRIKA JEDNOG UMA I dok čekaju na bolje da se promijeni svijet, i dok te čekaju neki da ti promijene svijest. da razmišljanje i um promijenio ne bi, šahovski tepih da prostiru tebi. Stari Egipat i Babilon to su ti govorili, crtežima svojim tajne su iznosili. Gledali te stalno sa svojim jednim okom, sa vrha piramide kao sivi soko. Industriju zabave ti predstavljaju neki ljudi, da utiču na tvoj razum, tvoje misli i dobre ćudi. To je samo metod drugi, ali cilj im je sasvim isti, prikazati vam svoj svijet da je on stvarno čisti. Djecu tvoju odgagaju kroz crtiće male, kreiraju dječije misli uz svoje rituale. Jedan mali slon sa svojim malim mišem, putuju kroz male glave da im um kontroliše. Jedna riječ uvijek ima različite strane, al' se nama velike stvari čine kao male. Oktagone i kupole ako gradiš bolji si, samo što je razlika za šta će da se koristi. Negativnu energiju imati to je za njih ključ od vrata, time oni dočekuju spremnost očekivanog rata. Ukrštenim piramidama je sasvim ista ova meta, ukrstiti svoje zlo predstavlja ukrštanje dva svijeta. New York i Dubai nam opet danas govore, blizancima svojim žele da svoja vrata otvore. Hoće svoju priču da zapišu u odlomak, i ostvare ideju - Novi svjetski poredak. 9 pa 11 preskačući višu silu, ne dozvoliti narodu da živi u miru. Gledat ćemo toranj svi kako se osmišljeno raspada, da bi imali povoda zbog čega da se napada. Kako to da znaju vješto, pitali se možda neko, to nisu mogli znati sami to je njima neko reko. Iskopati blago hrama i pročitati tajne te, to je bilo zapisano u knjigama magije. Svojim ciljem polahko idu i gotov su ga sagradili, ti prokleti zli ljudi šta su svijetu uradili. Upravljaju tvojim umom i ne daju ti disati, dat će oni tebi slavu samo nemoj razmišljati. 23

23 Anarhija / Anarchia Mersudin Hasanović, Sapna LA LIRICA DI UN CERVELLO Mentre aspettano che il mondo cambi in meglio e mentre alcuni ti aspettano per cambiarlo. Che non cambiano il pensiero e il cervello e il tappeto scacchistico che stenderanno per te. Babele e l antico Egitto quello dicevano, con i loro disegni comunicavano segreti. Ti osservavano con il loro unico occhio, dalla cima della piramide, come il falco grigio. Per influenzare il tuo cervello, la tua indole, i tuoi pensieri alcuni uomini ti raccontano di fabbriche dei piaceri. Questo è soltanto un altro metodo, ma lo scopo è lo stesso, convincerti che il loro mondo è assolutamente pulito. Educano i tuoi figli tramite i cartoni animati, creano i pensieri dei bambini con i loro riti. Un elefantino con un topo piccolino, Viaggiano dentro le testine infantili per controllare le menti. Una parola ha sempre diversi significati, però a noi le cose grandi sembrano come quelle piccole. Se costruisci ottagoni e cupole sei bravo, c è però un minuscolo problema, dipende quale sarà il loro obiettivo. Avere l energia negativa è la chiave per aprire la porta, per essere pronti ad accogliere la guerra attesa. La meta è sempre la stessa per le piramidi, Incrociare il proprio male significa incrociare i due mondi. New York e Dubai oggi ci parlano di nuovo, vogliono aprire le porte ai propri gemelli. Il loro desiderio è: scrivere la loro storia in un brano, e realizzare la loro idea Il nuovo assetto mondiale. 9 e poi 11 saltando con forza in alto, non permettere al popolo di vivere in pace. Guarderemo tutti come la torre si spezzerà in modo premeditato, per conoscere la causa dell assalto. Come mai sapevano come fare? Qualcuno si è forse chiesto, quello non l hanno scoperto da soli, qualcuno glielo aveva detto. Scavare il tesoro del tempio leggendo il segreto. Era scritto nel libro della magia. Camminano piano verso il loro obbiettivo, cosi l hanno quasi realizzato, quei maledetti uomini cattivi, cosa hanno fatto al mondo! Comandano alla tua mente e non ti lasciano respirare, ti daranno la gloria, basta che non ti azzardi a pensare. 24

24 Radni prostor / Area de lavoro - Andrea Rajić, Mostar KOLIKA JE SESTRINSKA LJUBAV / L' AMORE TRA SORELLE 26

25 Dženita Redžić, Sapna Radni prostor / Area de lavoro KOLIKA JE SESTRINSKA LJUBAV Nedavno smo posjetili jedan od posljednjih izbjegličkih logora u našoj zemlji, tačnije na području Nezuka. Konkretnije, riječ je o tri djevojčice koje su sticajem životnih okolnosti, prije dvije godine ostale bez oba roditelja. Naime, otac je poginuo radeći na visokoj građevini, a majka je bolovala od leukemije i nakon izvijesnog vremena umrla je i ona. - I nju je dotukla tuga za babom, - komentariše o tome najstarija od sestara. Od tada one žive bez igdje ikoga. Emina, najstarija djevojčica, ima petnaest godina i brine o svojim mlađim sestrama, Lejli i Ameli. Njihovi uslovi za život su skoro nemogući. Same preživljavaju tužnu i bolnu životnu priču, otkriva najstarija djevojčica. - Još od samog početka naš život je bio veoma težak. Ipak, osjećali smo olakšanje dok su nam roditelji bili živi. Poslije njihove smrti ostale smo same nas tri, ja i moje dvije mlađe sestre. Od tada svaki korak je bolna rana, jer je sva odgovornost spala na mene. Bez obzira što ni ja nisam dovoljno odrasla, život me natjerao da sazrijem i postanem glavni oslonac svojim sestrama. Odrekla sam se svog školovanja, zarad toga da bi one imale koliko-toliko šta jesti i piti. Iako je to bilo u malim količinama naša međusobna ljubav ispunjavala je veliki dio praznine u našim životima. Novac zarađujem radeći kod drugih, berem kukuruz, kupim sijena, kopam, čuvam ovce, sječem drva i još mnogo toga. Nije mi teško, to radim za sestre. Taj novac, koji zaradim, iskoristim za kupovinu neophodnih namirnica i pribora za školovanje sestara. Odjeću šijem od starih krpa ili materijala, a tašne (torbe) od najlona. Nemamo adekvatnu obuću, ponekad obuvamo i tjesnu ili veliku, poderanu koja propušta vodu. Pa često sušimo čarape na peći koja je prilično mala. Škola je udaljena pet kilometara, koje Lejla i Amela prepješače svakog dana pri odlasku i dolasku. Vodu donosimo sa bunara koji je daleko negdje oko dva kilometra od naše kolibe. Tako mi, znate, zovemo ovu našu kućicu. Najteže nam padaju zimski dani kada je mnogo hladno, a i dešava se da nemamo dovoljno drva, pa moram otići u šumu čak i po najvećoj mećavi da donesem. Koliba u kojoj živimo tokom kiše ili otapanja snijega prokišnjava. Često zaplačem kada pogledam ta tužna lica svojih sestara kojima je osmijeh izbrisan sa lica. Bez obzira što se nalazimo u ovakvoj situaciji one postižu odličan uspjeh u školi. Svake noći prije nego zaspim, mislim o tome šta ću sutra - hoćemo li imati šta jesti? Moram priznati da komšije ponekad donesu koji kilogram brašna, malo ulja, soli... Pored svega mi se još uvijek nadamo da će jednog dana biti bolje. Divimo se Emininoj hrabrosti i snazi koja je potrebna da bi se izdržalo to što ona i njene sestre preživljavaju. Na pitanje ima li kakve planove za budućnost i koji su, odgovorila je da trenutno ne može da misli o sebi, nego o svojim sestrama kojima posvećuje najviše pažnje i koje će izdržavati dok one ne budu spremne da brinu o sebi. Naravno, uz napomenu da ih nikada neće ostaviti i da će uvijek biti tu za njih. Ono što su nam Amela i Lejla otkrile je da su ponosne na svoju sestru koja im zamjenjuje oca i majku, ujedno da ne mogu opisat taj osjećaj, kada si prepušten bolnom i teškom životu, a živiš nadajući se boljem. Tako tri djevojčice koračaju stepenicama života posutim trnjem, ne znajući kada će i hoće li ikada stati na stepenicu olakšanja i sreće. Ovim putem pozivamo sve organizacije, institucije i ljude drage volje da pomognu Emini, Lejli i Ameli kojima još uvijek nije izgubljen osmijeh sa lica, pomozite da im taj osmjeh zadržimo i ako je ikako moguće povećamo

26 Radni prostor / Area de lavoro Neka ovo bude naš skromni doprinos dostizanju ovog za nas malog cilja, a za njih itekako velikog i značajnog. (Objavljeno u školskim novinama, godine) Dženita Redžić, Sapna L' AMORE TRA SORELLE Poco fa abbiamo visitato uno degli ultimi campi profughi nel nostro paese, per essere esatti l'area di Nezuka. Concretamente, si tratta di come la vita sa essere crudele con tre bambine che due anni fa hanno perso i genitori. Il padre ha avuto un incidente al lavoro e la madre aveva la leucemia, dopo un po anche lei e' deceduta. - Anche lei e' abbattuta dal dolore per la nonna- commenta la più grande delle sorelle. E da allora che vivono sole al mondo. Emina, la più grande, ha quindici anni e si occupa delle sorelle piu' piccole, Lejla e Amela. Vivono in condizioni quasi impossibili. Sopravvivono da sole, la storia della loro vita è dolorosa e triste, rivela la ragazza più grande. - Dall' inizio la nostra vita era molto difficile. Comunque, noi ci sentivamo più tranquille quando i genitori erano vivi. Dopo la loro morte siamo rimaste sole, noi tre, io e le mie due sorelle più piccole. D' allora ogni passo e' una ferita dolorosa, perche' tutta la responsabilita' sta sulle mie spalle. Neanche io sono cresciuta abbastanza, ma la vita mi ha fatto crescere e diventare un appoggio per le mie sorelle. Ho rinunciato alla loro educazione per avere almeno di che mangiare e bere. Anche se era poco, il nostro amore riempiva la maggior parte della vita. Guadagno lavorando per altri, coltivo il mais, rastrello il fieno, lavoro nei campi, bado alle pecore, spacco la legna, e molte altre cose. Non mi e' difficile, lo faccio per le sorelle. Con il denaro che guadagno compro la spesa e il necessario per la scuola. Per vestirci devo cucire da sola vecchi stracci e diversi materiali, e le borsette dal najlon. Non abbiamo le scarpe adeguate, a volte ce le mettiamo troppo piccole o troppo grandi, coi buchi che lasciano entrare l'acqua. Spesso dobbiamo asciugare le calze sulla stuffa che e' piccola. La scuola e' distante cinque chilometri, e Lejla ed Amela camminano ogni giorno per andare e ritornare. Ci portiamo dell' acqua dal pozzo che sta a due chilometri dalla nostra capanna. E' cosi' che, sapete, chiamiamo la nostra casa. Le giornate più difficili sono quelle invernali, quando fa molto freddo, e capita che non abbiamo abbastanza legna ed io devo andare nella foresta anche quando c' e' la bufera per portarli. La capanna dove viviamo lascia entrare l' acqua quando piove o quando la neve si scioglie. Spesso piango quando vedo i visi tristi delle mie sorelle a cui il sorriso e' stato cancellato. Nonostante la situazione, loro due a scuola vanno molto bene. Ogni sera, prima di addormentarmi, penso cosa faro' domani, avremo qualcosa da mangiare? Devo ammettere che i vicini di casa portano qualche chilo di farina, un po' di olio, il sale Speriamo che un giorno le cose migliorino. Il coraggio e la forza con cui Emina e le sorelle sopportano tutto ciò è ammirevole

27 Radni prostor / Area de lavoro Alla domanda se ha dei piani per il futuro e quali sono, risponde che momentaneamente non può pensare a sé, ma alle sorelle a cui da' tutta l'attenzione finche' non sarrano in grado di sbrigarsela da sole. Certo, non le abbandonera' mai e per sempre sara' accanto loro. Amela e Lejla ci hanno rivelato che sono molto orgogliose della sorella che gli fa sia da madre sia da padre, ma allo stesso tempo è per loro impossibile esprimere l'emozione di una vita difficile, piena di dolore eppure piena di speranza di un futuro migliore. Cosi', tre ragazzine camminano per le scale della vita seminate di spine, non sapendo se il prossimo sarà un scalino di tranquilita' e di felicita'. Questo vuole essere un modo per invitare tutte le organizzazioni, le istituzioni e la buona gente ad aiutare Emina, Lejla e Amela che ancora hanno un sorriso sul viso, fate in modo che quel sorriso rimanga sui loro volti e, se e' possibile, allargarlo. Che questo sia un nostro timido contributo: una piccola cosa per noi, ma per loro tanto grande e importante. (Pubblicato nel giornale scolastico, ) 29

28 Art / Arte - Mirna Spužević, Mostar SVE SE OKREĆE.../ TUTTO (SI) GIRA

29 Teodora Košarac, Srebrenica Art / Arte SVE SE OKREĆE... Spušta se sivilo nad grad slušam tišinu u buci, svaki let je samo pad gledam sat na mojoj ruci. Skazaljke se pomeraju sadašnjost prošlost postaje, budući dani nam se spremaju, ali isto sve ipak ostaje. Tmurna svetlost, gradska tama svetsko ogledalo besa i srama. Kad sunce pada, osmeh strada nemi zraci su lažna nada. Prazne reči su bol i kazna, svet je iluzija sa puno sarkazma. Krvava komedija, tmurna idila i osmeh i plač nekom' daju krila. Na novi način, u novo vreme, jer svako žanje to svoje seme. Toliko laži pod maskom istine, zlo sakriveno pod plastom čistine. Vozovi prošli, iscrtani grafiti, pitanje ko smo?...ko bi trebali biti?! Prazni listovi pročitanih knjiga osmeh, suze, naivnost i briga. Pocepani prozori, slomljeni papiri, nepoznata mesta na kojima smo bili. Promena mišljenja, vraćanje sećanja sunce, kiša, pohvale i vređanja. Sadašnjost se svodi na budućnost u prošlosti, svako želi sebi nešto da oprosti. Šta je bilo? Šta jeste?...šta će doći? Još jedna pesma pisana u noći. Još jedan list u moru ostalih, želja da nešto nekome ostavim. Osećaj sreće i kada plačeš, ne znaš o čemu pišem al' znaćeš. Vreme se menja, život nas pokreće, smejaću se opet jer sve se okreće

30 Art / Arte Teodora Košarac, Srebrenica TUTTO (SI) GIRA... Si sta posando il grigiore sulla città, ascolto il silenzio nel chiasso, ogni volo è soltanto una caduta, sto guardando l orologio al mio polso. Le lancette si muovono, il presente il passato diventerà. I giorni futuri arrivano, però lo stesso tutto rimane uguale. La luce torbida, le tenebre della città, lo specchio mondiale della rabbia e della vergogna. Quando la luce finisce il sorriso patisce, i raggi muti sono la speranza falsa. Le parole vuote sono il dolore e la punizione il mondo è l illusione con molto sarcasmo. La commedia insanguinata, l idillio fosco, il sorriso, ma anche il pianto possono dare le ali a qualcuno. Al modo nuovo, nel tempo moderno, perché ognuno miete quel suo seme. Quante bugie sotto la maschera della verità, il male nascosto sotto il manto della lucidità. I treni passati, i graffiti già scritti la domanda chi siamo?.. Chi dobbiamo essere?! I fogli puliti dei libri letti, il sorriso, le lacrime, ingenuità e la premura. Le vetrate stracciate, i fogli rotti i luoghi sconosciuti dove siamo stati. Le opinioni che cambiano, il ricordo che torna, il sole, la pioggia, le lodi e le offese. Il presente si è ridotto al futuro nel passato, ciascuno desidera a perdonarsi qualcosa Che cosa è successo?che cosa c è adesso?... Che cosa arriverà? Ancora una poesia nella notte si scriverà. Ancora un foglio nel mare degli altri, il desiderio di lasciare qualcosa a qualcuno. Il senso della felicità anche quando sarai in lacrime, non sai cosa sto scrivendo ma lo saprai. Il tempo cambia, la vita cammina, riderò di nuovo perché tutto (si) gira

31 Biti ili ne biti / Essere o non essere - Gordana Ognjenović, Šekovići IPAK OSTVARENA ŽELJA / EPPURE, IL DESIDERIO (SI E ) SAZIATO SAMOTANJAK U STAROSTI / SOLITARIO NELLA VECCHIAIA 10 34

32 Danijela Jokić, Lopare Biti ili ne biti / Essere o non essere IPAK OSTVARENA ŽELJA Da li je istina da jedna slika govori više od riječi? ako je tako, pogledaj djeda koji bol i patnju samo ćutnjom liječi... I dalje zamišljeno sjedi, kao da nema lijeka... Zašto u daljinu gledi? možda nekoga čeka? Odijelo mu pomalo trošno, ispod šubare kosa sijeda... no sudeć' po izrazu lica, željan je svojega čeda... Prošlo je duže vrijeme... Djed čeka i sada... Hoće li do noći nijeme čekati u centru grada? Da, za svoje će čedo čekati do kasno u noć... Samo, hoće li njegovo dijete ipak u posjetu doć'? Automobili pored njega prolaze sve više i više... A starac, bez naglih pokreta, samo nastavlja da ih ignoriše... Možda bi on prošetao malo po sada već vreloj cesti?! Ali ne! Tu, baš tu je obećao sa sinom da će se sresti! Vrijeme prebrzo leti, ruka lagano podrhtava.. I štap će ispasti djedu... Izgleda da mu se i spava.. 35

33 Biti ili ne biti / Essere o non essere Ograda na kojoj sjedi uveliko postaje vruća... Vreli su i plavi i zeleni krovovi oronulih kuća... Noć polako pada... Za čekanjem ga želja minu... Ustade i, iz grada on krenu k' svojemu sinu... Popravi košulju smeđu, zakopča jaknu plavu... Namjesti nakrivljenu šubaru koju često stavlja na glavu... Starcu trošnom odijelu, sad punom milja, veselja... baš toga dana, u srijedu, ispuni se želja, i ode k' svojemu čedu... Danijela Jokić, Lopare EPPURE, IL DESIDERIO (SI E ) SAZIATO E possibile che una foto dica più delle parole? Se è cosi, guarda il nonno che col silenzio cura la sofferenza e il dolore... Si è impensierito essendo seduto ancora, come se pensasse che la medicina non si trova. Perché guarda nella lontananza? Forse aspetta qualcuno? Il suo abito è un po consumato, sotto il colbacco si intravedono i capelli grigi... però, giudicando l espressione del suo viso, sembra che sia desideroso del proprio figlio. E passata più di un ora... Però il nonno aspetta ancora... Ma aspetterà nel centro della città fino alla notte fonda? 36

34 Biti ili ne biti / Essere o non essere Si, per il proprio figlio aspetterà fino alla notte fonda... Però, il suo figlio davvero verrà a trovarlo? Ci sono sempre più, e più... macchine che passano accanto al nonno. E il vecchio, senza mosse frettolose, continua soltanto ad ignorarle... Forse vorrebbe fare almeno un passo sul viale ormai già ben riscaldato?! Però no! Qui, proprio qui ha promesso che col figlio si sarebbe incontrato! Il tempo vola velocemente e la mano trema lievemente... Cadrà anche il bastone al nonno... Sembra che lui abbia sonno... Il recinto su cui si è seduto sta diventando caldo di brutto... Scottano i tetti blu e verdi delle case cadenti... La notte sta calando lentamente... L idea di non aspettare più gli passa per la mente.. Si alza, e dalla città si incammina verso suo figlio... Si mette a posto la camicia marrone, abbottona la giacca blu... E raddrizza il colbacco storto che spesso porta sulla testa... Per il vecchio con la giacca consumata, che adesso è pieno di piacere e di felicità... sarà proprio mercoledì il giorno in cui il suo desiderio si realizzerà. Perché suo figlio raggiungerà

35 Biti ili ne biti / Essere o non essere Aldin Ahmetović SAMOTANJAK U STAROSTI - Idrize, ooooo Idrizeeeee Ne čuje me izgleda, - povika jedan iz grupe. Starac podiže glavu i odazva se: Hoj-hooooj, čujem vaaas - Hajde s nama na kahvu, sjediš tu po čitav dan, - pozva ga onaj isti. - Neka, neka! Odmaram malo, pijem ja stalno kahvu, - odbi njihov poziv Idriz i nastavi po svome. Oni odoše u obližnji kafić koji se nalazio blizu starčeve kuće. Zvao se Idriz, umornog lica i poblijedog pogleda. Ponovo podiže glavu ka nebu i pomisli na njegovu porodicu, sina, snahu, na svoja dva draga unučića, da su i oni negdje tamo pod tim nebom. Prošlo je dugo vremena otkako su otišli od kuće. Na stolici pored svoje ograde je po čitav dan sjedio, hranio bi ptice kada slete u njegovu avliju. Pored njegove avlije živjela je jedna žena koja ga je često zvala na kahvu i spremala mu jelo. Pošto je mnogo volio ptice, otišla je jednom u grad i kupila mu dvije ptice u kavezu da mu prave društvo. Kada ih je ugledao, obradovao se kao malo dijete i odnio ih u kuću. Idriz je imao jednog malog prijatelja koji bi svraćao kog njega kada bi prolazio pored njegove kuće poslije škole. - O, vidim imate nove ukućane, čika Idrize, - osmijehnu se dječak. - Tako je, moj Hasane, reče Idriz i nastavi - one su ti preletjele čitavim ovim nebom iznad nas. - Pa sigurno su sletjele koji put kod Emira i Enisa u Francusku? - Hehe, - osmijehnu se starac, - upravo dolaze iz Francuske. - Je li, jesu li vam rekle kako je njima tamo, kako žive? - upita znatiželjno dijete. - Jesu, jesu kako nisu, kažu imaju svega, ali da jedva čekaju da mene vide, - reče Idriz i duboko uzdahnu. Gledao je malog dječaka kako se igra sa pticama i u njegovim očima vidio je oči njegovih unuka i dao bi sve imanje što ima za jedan zagrljaj s njima. - Je li, jesi li kretao kod Omera, hoće li kasniti?, - upita starac. - Jesam, jesam kaže da će sutra navratiti kod vas da obiđe njive, pa da se naredite. - Aha, dobro. Imao je mnogo imanja, ali sin nije tu pa je htio dati ga drugima da koriste. Mali Hasan bio je nepažljiv sa pticama i jednu je ispustio napolje. - Čika Idrize, čika Idrize, brzo pobjeći će! Starac skoči sa stolice za pticama i trčeći za njom prema vratima uhvati je i nogom udari od vrata. - Joooj! - jeknu starac, a dječak sav uplašen izađe napolje i zovnu pomoć. Dotrča komšinica. Smjestila ga je u krevet da odmara i donosila mu hranu. Dani su prolazili, a njegovi poznanici koji su prolaziili pored njihove njive opaziše da Idriza nema pored ograde već duže vremena, pa im biješe čudno, jer je tu gotovo svaki dan, pa odlučiše da vide šta se dešava s njim. Uđoše u kuću i vidješe ga u krevetu sa zavijenom nogom kako leži. - Da ga ne budimo, a? - Ma nećemo, vidiš da je slomio nogu neka odmara. - A onog njegovog sina nigdje nema, kako ga nije grehota ostavit oca bespomoćnog i samog kod kuće. - Rodiš se sam i umreš sam, nego ajmo mi neka on spava. - Hajmo! I odoše. Idriz je čuo njihov razgovor pa mu potekoše suze i u mislima su mu bili samo njegovi unuci. Pala je noć. Idriz se pripremao da legne. Neko pokuca na vrata. - Naprijed! - reče on

36 Biti ili ne biti / Essere o non essere Opet pokuca. - Naprijed, naprijed! - ponovi. Čuše se dječiji smješci, a on polahko sa štapom dođe do vrata. Kada ih je otvorio, štap mu izmaknu iz ruku, a iz očiju potekoše suze, ali suze radosnice, jer je ugledao svoje unuke, svog sina i snahu. Zaboravio je na nogu, bore mu nestadoše sa lica od golemog osmijeha i krenu unucima u zagrljaj. - Djeco moja... - i poče ih ljubiti. I dok su se oni smještali i razgledali u kući, Idriz sa kavezom izađe napolje. Pogleda ono mjesto na ogradi i reče: E, moja ogrado, nadam se da više neću sjediti sam na tebi po cio dan! Zatim otvori kavez i pusti ptice. - Moje jato se meni vratilo, pa je vrijeme da se i vi vratite svome jatu. Ode radostan u kuću. Svjetlo se vidjelo do kasno u noć. Aldin Ahmetović, Sapna SOLITARIO NELLA VECCHIAIA - Idrize, ooooo Idrizeeeee. Mi sa che non mi sente, - urla uno del gruppo. Il vecchio alza la testa e risponde: Ooooooo, vi sento. - Vieni con noi a prendere un caffé, e' tutto il giorno che stai seduto li'- lo invita. - Bene, bene! Riposo un po, io bevo il caffé tutto il tempo,- Idriz rifiuta il loro invito e continua le sue cose. Se ne andassero pure al bar che stava vicino a casa del vecchio. Si chiamava Idriz, con il viso stanco e lo sguardo un po pallido. Alza la testa nuovamente verso il cielo e pensa alla sua famiglia, suo figlio, sua nuora, ai suoi carissimi due nipoti; anche loro stanno sotto lo stesso cielo da qualche parte. E' passato tanto tempo da quando sono andati via da casa. Su una sedia accanto al cancello sta tutto il giorno seduto, dà da mangiare agli uccelli quando vengono nel giardino. Accanto al suo giardino abita una donna che spesso lo invitava per il caffè e che gli preparava il cibo. Siccome Idriz amava molto gli uccelli, lei una volta era andata in citta' a comprare due uccelli in gabbia cosi' per fargli compagnia. Quando li ha visti è stato felice di portarli in casa. Idriz aveva un piccolo amico che gli faceva visita quando passava accanto casa sua dopo la scuola. - Oh vedo che avete i nuovi coinquilini signor Idriz,- sorride il ragazzo. - E cosi', Hasan caro,- dice Idriz loro hanno volato tutto il cielo che sta sopra di noi. - Allora, sicuramente sono state qualche volta da Emir ed Enisa in Francia? - He,- sorrise il vecchio,- vengono proprio da lì. - Davvero? Le hanno detto come stanno li', come vivono?- chiede curioso il bambino. 39

37 Biti ili ne biti / Essere o non essere - Sì, come no, dicono che hanno di tutto, però non vedono l ora di rivedermi,- dice Idriz e fa un sospiro profondo. Guarda il bambino che gioca con gli uccelli e negli suoi occhi ha visto gli occhi dei suoi nipoti e darebbe tutto quello che ha soltanto per un loro abbraccio. - Senti, hai visto Omer, sara' in ritardo?,- chiede il vecchio. - Si, ci sono stato, dice che domani verra' da Lei per visitare i campi per poi fare un accordo. - Ah, bene. Aveva tanta terra, pero' siccome il figlio non era qui voleva farla usare ad altri. Piccolo Hasan era stato poco prudente con gli uccelli e cosi' uno e' scappato fuori. - Signor Idriz, signor Idriz, presto, e' scappato via! Il vecchio salta dalla sedia per prendere gli uccelli e nella corsa verso la porta inciampa e con la gamba sbatte contro la porta. - Aia!- urla il vecchio e il bambino impaurito esce chiamando aiuto. La vicina di casa corre in aiuto. Lo mette sul letto per farlo riposare, gli porta del cibo. Passarono i giorni. I conoscenti che erano passati davanti al suo campo, avevano notato che da un po di tempo Idriz non era accanto al cancello, e si sono insospettiti perche' lui di solito quasi ogni giorno stava li'. Sono entrati in casa, lo hanno trovato a letto con la gamba fasciata. - Non lo svegliamo, eh? - Ma no, vedi che ha la gamba rotta. Lasciamolo riposare. - E quel suo figlio non si vede da nessuna parte, come può lasciare il padre cosi' senza aiuto e cosi' solo a casa. - Nasci solo e muori solo, ma andiamo via che lui dorma. - Andiamo! E se ne andarono. Idriz, che ha ascoltato la loro conversazione, piangeva, ma aveva in mente soltanto i suoi nipoti. La notte e' arrivata. Idriz si preparava ad andare al letto. Qualcuno bussa alla porta. - Avanti!- dice lui. Bussano di nuovo. -Avanti, avanti!- ripete Si sentono le risate dei bambini e lui lentamente con il bastone si avvicina alla porta. Quando la apre, il bastone gli scappa dalle mani, le lacrime scorrono dagli occhi, pero' lacrime di gioia, perché aveva visto i suoi nipoti, suo figlio, sua nuora. Ha dimenticato la gamba, le rughe sono sparite in un grande sorriso. Abbracciava i nipoti. - Bambini miei.- ed inizia a baciarli. Mentre loro giravano per casa, Idriz esce fuori con la gabbia. Guarda quel posto davanti al cancello e dice: Oh, mio cancello, spero che non staro' seduto accanto te per sempre! Poi apre gabbia e libera gli uccelli. - Il mio stormo e' tornato, cosi' e' ora che anche voi torniate al vostro stormo. Felice ritorna dentro casa. La luce resta accesa fino a notte fonda

38 Bosna / Bosnia - Asmir Omerović, Čelić ŽIVOTNI LAVIRINT / IL LABIRINTO DELLA VITA 42

39 Sanja Simikić, Lopare Bosna / Bosnia ŽIVOTNI LAVIRINT Posmatrajući šumu iz daljine, mislim kako joj se ne može prići, da se kroz nju ne može proći i da je poput uzanog mračnog lavirinta iz kog ne bih mogla izaći kad bih se u njemu slučajno našla. Tako je i sa nekim stvarima u životu. Kad su ljudi oko tebe srećni i kad ti u životu cvjetaju ruže, misliš da ti niko i ništa ne može to pokvariti. Ali, šetajući kroz životni lavirint desilo mi se neočekivano, razočarala me dugogodišnja najbolja drugarica. Iza naizgled dobre drugarice, u koju sam imala puno povjerenja krije se osoba koju mi se činilo da dobro poznajem, a u stvari mi je bila potpuno nepoznata. Njeno ponašanje me je svakim danom sve više zabrinjavalo. Počela se družiti sa lošim društvom i ponašati kako ne priliči njenim godinama. Njen rječnik bio je osiromašen psovkama i ružnim riječima. Uzimala je prekomjernu dozu alkohola i cigareta, čak je postala i zavisna od alkohola. Stalno sam pokušavala razgovarati sa njom, ali je bilo uzalud. Svaki razgovor završavao bi svađom i njenim omalovažavanjem. Roditelji nisu pridavali pažnju njenom ponašanju, što je pomoglo da se ona još više upropasti i od dobre i kulturne djevojčice pretvori u agresivnu i neodgovornu osobu, koja kreće u potpuno novi svijet koji vodi ka propasti. Mnogima sam se obratila za pomoć, ali svi su puno obećavali, a ni jedno obećanje nije bilo ispunjeno. Pokušala sam na sve načine riješiti njen problem. Slučajno sam u nekom koferu pronašla naše sveske, koje smo pisale kao male i kad smo bile prepune radosti. Nazvala sam je i nagovorila da se vidimo. Rekla sam joj da dođe kod mene. Pokazala sam joj sveske i pričala sa njom. Počela je plakati. Shvatila je da je imala život prepun sreće, koji je njenom krivicom pretvoren u pakao. Molila me za pomoć. Uz puno truda i želje, otišla je na odvikavanje od alkoholizma. Nakon nekoliko mjeseci se izlječila i počela normalno živjeti. Nisam mogla vjerovati da se ovo može desiti. Drago mi je što sam joj pomogla da spase svoj život. Životni lavirint je, izgleda, prepun čuda

40 Bosna / Bosnia Sanja Simikić, Lopare IL LABIRINTO DELLA VITA Sto osservando il bosco nella lontananza e penso che è impossibile raggiungerlo e attraversarlo. Somiglia ad un labirinto stretto e buio, penso che se mi trovassi per caso lì non riuscirei mai ad uscire. Cosi succede anche con certe cose della vita. Quando la gente intorno a te è felice e quando nella vita fioriscono le rose, pensi che nessuno e niente può guastarlo. Però passeggiando lungo il labirinto mi è successo d improvviso, la mia miglior amica mi ha deluso. Dietro una ragazza, apparentemente una brava amica, in quale avevo molta fiducia, si nascondeva una persona a me sconosciuta, anche se pensavo di conoscerla bene. Giorno dopo giorno, il suo comportamento mi preoccupava sempre di più. Aveva cominciato a frequentare cattive compagnie e ha iniziato ha comportarsi in un modo strano che non si abbinava alla sua età. Con l uso delle parolacce il suo vocabolario si era impoverito. Consumava troppo alcool e fumava tante sigarette, era addirittura diventata dipendente dall alcool. Ho provato più volte a parlare con lei, però era inutile. Ogni conversazione finiva in litigio, lei mi disprezzava. I suoi genitori non facevano caso al suo comportamento, è ciò aveva contribuito. Da una ragazza per bene, di cultura si era trasformata in una persona aggressiva e irresponsabile, che andava verso un mondo assolutamente nuovo che la portava alla rovina. Ho parlato con molti chiedendo aiuto, tutti promettevano, ma neanche una di queste promesse è stata mantenuta. Ho provato in tutti i modi a risolvere il suo problema. Per puro caso in una borsa da viaggio. Ho trovato i nostri quaderni, dove avevamo scritto delle cose quando eravamo piccole e colme di gioia. L avevo chiamata ed ero riuscita a convincerla a vederci. Le ho fatto vedere i quaderni e abbiamo parlato a lungo. Ha cominciato a piangere. Aveva capito che la sua vita era piena di gioia e che per colpa sua era diventata un inferno. Mi ha chiesto di darle una mano. Con grande impegno e desiderio di migliorare, era partita per disintossicarsi dall alcool. Dopo qualche mese è guarita e ha ricominciato a vivere una vita normale. Non credevo che ciò potesse accadere. Sono contenta di aver contribuito a salvargli la vita. Il labirinto della vita, sembra sia pieno di miracoli

41 Dug je put do vrha / E lungo il cammino fino alla cima - Alma Ljajić, Čelić SLOVO O SNU / LA LETTERA DEL SOGNO ZLATNA STAZA / IL SENTIERO DORATO KORAK NAPRIJED / UN PASSO AVANTI 10 46

42 Dug je put do vrha / E lungo il cammino fino alla cima Mujkić Eldin, Čelić SLOVO O SNU Uspinjem se tvojim strmim putem Sudbinu krojim I ne znaš kako je čarobno znati Da negdje postojiš, da šutiš, da bježiš I moliš, pred onim čega se bojiš. Pod zvjezdanim nebom dočekuješ Zoru, Samo pričaš svoje priče, Kao kap koja ne otiče. Zamisli rijeku koju mjesec dijeli Na pola, Na njoj pticu koja je zaboravila Da leti, I pisca koji je na papir napisao Mrvicu bola. Sve što idemo dalje u prošlost Propada Svo zlo svijeta se budi, A to što smo ljudi se zaboravlja. Ah što nisam sada vjetar da među Oblake ja krenem Do svog doma da dođem, Da ugrijem ruke svoje, Hladno i tužno je ovdje, Bez radosti, bez tračka nade, U snu misao te pokrade. A kada zaista sve umre, I tišina nestaje koracima tišim, Možda u drugom svijetu ćeš o Svemu da misliš. 47

43 Dug je put do vrha / E lungo il cammino fino alla cima Mujkić Eldin, Čelić LA LETTERA DEL SOGNO Sto salendo sulla tua strada erta. Sto tagliando il destino come il vestitino E non sai come è meraviglioso sapere Che esisti da qualche parte, che stai tacendo, che stai scappando E pregando, davanti quello che temi Sotto il cielo stellato aspetti L alba Solamente racconti la tua storia Come la goccia che non va via Immagina il fiume che la luna divide In due, Su essa l uccello che ha dimenticato come si fa A volare, E lo scrittore che sul foglio ha scritto Una briciola di dolore. Più torniamo/si torna/ nel passato Crolla Tutto il male del mondo si risveglia, E il fatto che siamo uomini si dimentica. Ehi, perché ora non sono il vento per andare E stare tra le nuvole Raggiungere la mia casa Per riscaldarmi le mani Freddo e triste è qui Senza la felicità, senza neanche una traccia della speranza Nel sogno il pensiero si fa intenso Ma quando davvero tutto morirà E la quiete va via con i passi più silenziosi Forse stando in un altro mondo Penserai a tutto. 48

44 Dug je put do vrha / E lungo il cammino fino alla cima Tima Omerović, Sapna ZLATNA STAZA A na borovima laste sletjele, umislile jadne da još ljeto je. Dok na glavama sićušnim snijeg se bijeli, lepršavim krilima griju tijela svoja, i tako započinje priča moja. I zaista neke stvari koje se dese slučajno su zapravo čovjeku najslađe, te sitnice pišu našu sudbinu. Eto, njihova priča započinje ispod te dvije prigrljene lastavice, koje su ih posmatrale jako čudno. Ambijent koji bi nekom značio umiranje prirode i svega ostalog, njima je bio savršen dekor za romantičan susret. Oboje su bili zamišljeni. Tumarali slučajno tim zlatnim stazama od lišća ispletenim, kad su se prvi put, naslonjeni jedno drugom na rame pogledali pravo u oči. Taj pogled je trajao minutima, zapravo jako dugo. Nesvjesno su zurili jedno u drugo i kao da su pronašli dugo očekivani odgovor na sva svoja pitanja. Iako neki ljudi ne vjeruju u ljubav na prvi pogled ili ne vjeruju uopće u ljubav, ja mogu sa sigurnošću reći to je bila ljubav na prvi pogled kao i ljubav uopće, kako god, taj susret se završio samo na pogledu. Ostatak dana je mislio samo na te duboke plave oči pune tuge koja mu je razarala dušu i tjelo. Noću ju je čak sanjao, te njene usne kao narom prelivene, ruke nježnije od anđeoskih, a dah bi mu zastajao svaki put kad bi se sjetio tog susreta, te njene blizine i kao da je pored njega mogao da osjeti kako diše, dok bi ga njen miris čupao iz sve te njegove strasti koja bi ga nosila i dizala ga visoko iznad svijeta u kome živi. Često je on tuda prolazio. Taj put je vodio do njegove škole. Volio je to mjesto u kome je sreo nešto najljepše što mu je život mogao pružiti. Bio je presretan. Sreće sjaj je blistao u njegovim očima dok bi svojim prijateljima pričao o toj djevojci. Ona je nedavno doselila u to prekrasno mjesto i ni slutiti nije mogla da će čari ljubavi pokucati na vrata njena srca. Naredni dan je žedan te njene ljepote, žurio da što prije stigne u park da bi je mogao čekati tu gdje su je njegove oči posljednji put spazile. I dok je zamišljen stajao trudeći se da smisli na koji način će pokazati istinsku ljubav i sve te osjećaje nježnosti, ona se pojavila. Koračajući prema njemu mogla je osjetiti toplinu ljubavi, pogledala ga je i poklonila mu jedan osmijeh koji mu je bio vrijedniji od bilo čega što je u tom trenutku mogao dobiti. Pozdravio ju je umiljato i nekako zbunjujućim glasom. - Zašto si tako uzbuđen? - upitala je glasom nježnijim od svile i uputivši se sa njom do škole pričali su o mnoštvu toga. Još dugi niz godina njihov put je hodio tom stazom. Svaki put kad bi prolazili tom stazom koja im budi drage uspomene, stajali bi na istom tom mjestu i prisjećali se tih divnih trenutaka koji bi ih ponovo vraćali u prošlost ispunjenu emocijama. Često bi im oči orosile kada bi se opet zagledali jedno u drugo. Ljubav nema granica, a ta njihova ljubav je istinski pokazatelj da ono što želimo i nije tako daleko od stvarnosti i da je ljubav na prvi pogled zaista moguća. Svaka priča ima svoju srž, svoje vrijednosti te one najemotivnije trenutke od kojih vam zastane dah. I te majčine riječi o priči njenog života, koje bi poklanjala svojoj dječici svaki put pred spavanje, bile su im najveće blago i najljepši stih za najljepše sne. I ova za mene ima najveći značaj, jer predstavlja uvertiru u nešto što sam sada ja! 10 49

45 Dug je put do vrha / E lungo il cammino fino alla cima Tima Omerović, Sapna IL SENTIERO DORATO E sui pini le rondini stanno, Pensano che ancora e' estate. Mentre la neve imbianca le loro testoline, Il remeggio delle ali riscalda i loro corpi, E cosi' che inizia la mia storia. E' vero che le cose che capitano per caso sono quelle più dolci per l' uomo, sono piccole cose che scrivono il nostro destino. Ecco, la loro storia inizia sotto quelle due rondini abbracciate che li guardavano con tanta curiosità. Un ambiente che a qualcuno potrebbe sembrare la morte della natura e di tutto il resto, per loro era il perfetto decoro di un incontro romantico. Erano in pensiero. Hanno vagato per caso su quei sentieri dorati fatti da fogli, quando si sono, per la prima volta, appoggiati uno contro altro, guardati dritto negli occhi. Uno sguardo che durava minuti, veramente molto a lungo. Inconsci, fissi uno nell' altra come se trovassero risposta a tutte le loro domande che aspettavano da tempo. Anche se alcune persone non credono per niente nell' amore, io posso con sicurezza dire che quell' amore era l' amore a prima vista come l'amore in generale. Comunque, quell' incontro era finito soltanto con lo sguardo. Per il resto della giornata ha pensato solo a quelli profondi occhi blu pieni di tristezza che gli distruggevano il corpo e l' anima. Di notte la sognava, quelle labbra, le mani più tenere di quelle di un angelo, e tratteneva il respiro ogni volta che ricordava il loro incontro, quella sua vicinanza, come se potesse sentirla respirare, mentre il sapore di lei gli tirava fuori tutta quella passione che lo portava in alto, sopra il mondo in cui viveva. Lui ci passava spesso. Era la strada per la scuola. Amava il posto dove aveva incontrato la cosa più bella che la vita gli poteva offrire. Era tanto felice. I suoi occhi si illuminavano dalla felicita' mentre parlava agli amici di quella ragazza. Quando lei si era trasferita in quel posto bellissimo non poteva pensare che la magia dell'amore avrebbe bussato alla porta del suo cuore. Il giorno seguente, aveva sete di quella bellezza, aveva fretta di arrivare prima possibile nel parco dove poteva aspetarla, la' dove i suoi occhi l'avevano vista l' ultima volta. Pensava a come dimostrare l'amore autentico e tutte quelle tenere emozioni, quando lei arrivo'. Camminando verso di lui, poteva sentire il calore dell' amore, lo ha guardato e gli ha regalato il sorriso più prezioso di ogni altra cosa che poteva avere in quel momento. L' ha salutato con tenerezza e con voce un po' confusa. - Perche' sei cosi' aggitato?- gli ha chiesto con la voce più morbida della seta e hanno parlato di tante cose camminando insieme fino a scuola. Per tanti anni il loro cammino era stato quel sentiero. Ogni volta quando passavano per il sentiero tornavano i momenti bellissimi. Tante volte i loro occhi si sono arrossati guardandosi l un l altro. L'amore non ha limiti, e questo loro amore ci mostra quello che vogliamo e che non e' cosi' lontano dalla realta' e che l' amore a prima vista e' veramente possibile. Ogni storia ha la sua essenza, la validita', anche i momenti piu' emotivi che vi lasciano senza respiro. E quelle parole della madre che parlava della storia della sua vita, che regalava ai suoi bambini ogni volta prima che se ne andassero a dormire, erano il tesoro piu' grande e un verso piu' bello per i piu' bei sogni. E questa ha per me maggior importanza preche' e' un' introduzione a quello che sono io adesso

46 Dug je put do vrha / E lungo il cammino fino alla cima Tijana Bašić, Šekovići KORAK NAPRIJED U životu ne bude uvijek onako kako želimo. Često se dese stvari koje nam ostave duboke i trajne ožiljke. Da li smo mi krivi za to, ili možda neko drugi, to sada nije bitno. Ne treba se vraćati u prošlost i misliti na stvari koje su prošle. Znam da je prošlost sidro koje nas zaustavlja u mnogim stvarima. Ali trebamo misliti na sadašnjost, misliti na budućnost. Trebamo težiti ka vrhu, ka sreći, težiti ka ljubavi. Svaki novi napravljen korak je nešto više, bolje. Neko zakorači u naš život ili mi u nečiji. Neki ljudi brzo dođu u naš život i brzo odu iz njega. Neki nam postanu prijatelji i dugo ostanu i ostave dugoke i lijepe tragove u našim srcima. Korak naprijed je samo još jedan stepenik više na životnim stepenicama. Stepenicama koje vode u budućnost, u nešto bolje. Tim stepenicama hodamo, odlazimo i dolazimo. Uvijek moramo paziti na svoje korake, djela, misli i namjere. Jer,hiljadu nam stepenika treba do vrha, a jedan jedini do dna. Za život treba mnogo napora i za svaki napor neizmjerno mnogo hrabrosti. Čovjek,da ne bi stao i klonuo, vara sam sebe, zatrpava nedovršene zadatke novima, koje takođe neće dovršiti i u novim poduhvatima i novim naporima, a traži nove snage i više hrabrosti. Tako čovjek potkrada sam sebe i vremenom postaje sve veći dužnik prema sebi i svemu oko sebe. Život bez radosti, pokreta i novine i nije život, nego postojanje, robovanje životu. I pazite, tok događaja u životu ne zavisi od nas, nikako ili vrlo malo, ali način na koji ćemo te događaje podnijeti, u dobroj mjeri zavisi od nas. Šta više da kažem, osim,da snažno i sigurno koračate, učinite nešto više, napravite korak ka boljem, ka sreći, napravite korak naprijed. 51

47 Dug je put do vrha / E lungo il cammino fino alla cima Tijana Bašić, Šekovići UN PASSO AVANTI Nella vita non succede sempre che tutto va come vogliamo noi. Spesso accadono delle cose che lasciano profonde cicatrici, che non passano più. Adesso non ha importanza se siamo noi i colpevoli, o forse qualcun altro. Non bisogna tornare nel passato e pensare alle cose che sono ormai andate via. Lo so che il passato è l ancora che ci limita in molte cose. Però dobbiamo pensare al presente e al futuro. Dobbiamo aspirare a raggiungere la vetta, la felicità, l amore. Ogni passo nuovo ben fatto è qualcosa in più, qualcosa di meglio. Qualcuno fa il passo verso la nostra vita, cosi anche noi lo facciamo verso gli altri. Certe persone entrano velocemente nella nostra vita e in fretta se ne vanno. Alcuni di loro diventano nostri amici e rimangono con noi a lungo, lasciando delle tracce belle e profonde nei nostri cuori. Un passo avanti è soltanto un nuovo scalino che ci porta in alto, sulla scalinata della vita. Sulla scalinata che porta verso il futuro, verso qualcosa di meglio. Su questa scalinata saliamo, andiamo via e torniamo. Dobbiamo sempre avere cura dei nostri passi, di quello che facciamo, dei nostri pensieri e delle intenzioni. Perché, per arrivare alla cima ci servono mille scalini, ed un scalino soltanto per cadere sul fondo. La vita esige molti sforzi e per ogni sforzo bisogna avere un enorme coraggio. L uomo, per non fermarsi ed abbattersi, si sovraccarica di impegni, aggiungendone ancora di nuovi, che non riuscirà a finire, e nelle nuove intraprese e nei nuovi sforzi cerca sempre più forza e più coraggio. Cosi l uomo defrauda se stesso e col tempo diventerà sempre di più, non solo il suo debitore personale, ma anche il debitore di tutti quelli che gli stanno attorno. La vita senza la felicità, i movimenti, le novità, non è neanche una vita, ma soltanto l esistenza, la schiavitù alla vita. E state attenti perché il corso degli avvenimenti non dipende da noi quasi per niente o molto poco, ma il modo come lo sopportiamo, nella maggior parte dipende da noi. Cosa altro dire, tranne di andare avanti con la forza e la sicurezza, fate sempre qualcosa di più, un passo più bello verso la felicità, fatte un passo avanti

48 Arcobeleno / Duga - Srebrenica ТРАЖЕЋИ ЧОВЈЕКА / CERCANDO L UOMO 54

49 Владана Зекић, Cpeбpeницa Arcobeleno / Duga ТРАЖЕЋИ ЧОВЈЕКА Живим у свијету у коме ништа није као што је некад било, као што су некад људи живјели. Све што сада видим мрачно је. У првом плану је тама, мрак...црни мрак. Свјетлост је тако далеко. Видим је, али она је иза таме и заузима мали простор у односу на њу. Како да се надам бољем? Како да очекујем, да се надам ичему што би ме учинило срећном? Тужно је што сам ја са својих шеснаест година превише песимистична. Неки кажу да гријешим, да се требам надати бољем. Али ја не могу...не могу да очекујем тако нешто кад ја то не видим, кад знам да је узалуд свако надање. Ствари треба гледати онаквима какве оне заиста јесу - реално. Чему да се надам...живот ми пролази,а ја стојим на истом мјесту, живим исти монотони живот и већ унапријед знам шта ме сљедује. У свијету се дешавају свакојаке незгоде, ратови, земљотреси, вулкани који се годинама сматрају угашеним, поново се активирају. Мислите да је то случајност? Није! Бог нас је већ одавно почео упозоравати, али неки људи то једноставно неће да схвате. Мисле да је само један живот, да све током њега треба искористити...чинити праве ствари што је данас ријеткост и гријешити што се данас може уочити на сваком кораку. Небо је још тмурно, магла се подигла, а кроз маглу видим боје: љубичасту, плаву, црвену, жуту, зелену... Дуга. А кад се магла спусти јасно ћу моћи да видим те боје, тај рај, други живот, вјечни живот. Тамо иду само особе које су на овом свијету живјеле чинећи добра дјела, одабране особе. Доброта је камен темељац нашег живота. Исус је рекао: -Нисам дошао у свијет да донесем мир, него мач. Мора да се раздвоји зло од добра. Немам друге наде. Једина моја нада је Он. Чекаћу Га све до дана када ћу моћи јасно да видим боје дуге. Све док се то не деси, ја ћу и дању корачати са фењером у руци тражећи човјека

50 Arcobeleno / Duga Vladana Zekić, Srebrenica CERCANDO L UOMO Vivo nel mondo dove nulla è come era, ora è diverso da come la gente viveva prima. Tutto quello che vedo oggi è oscuro. Nelle vicinanze ci sono tenebre, il buio il buio nero. La luce è cosi lontana. La vedo, pero si trova dietro le tenebre, in uno spazio piccolo a loro confronto. Come posso sperare in meglio? Come posso aspettare, per sperare in qualcosa che mi farà diventare felice? E triste che con i miei sedici anni sono cosi pessimista. Alcuni dicono che sbaglio, che dovrei sperare in meglio. Però io non ci riesco non posso aspettare una cosa del genere se io non la vedo, se so che è inutile ogni speranza. Bisogna vedere le cose come sono davvero - realmente. In cosa devo sperare? La mia vita sta passando e io sono fissa in un posto, sto vivendo la stessa vita monotona, so sempre in anticipo che cosa mi posso aspettare. Nel mondo succedono diverse disgrazie, guerre, terremoti, vulcani che tacciono per anni si attivano nuovamente. Pensate che sia un caso? No, non lo è! Dio, già da molto ha cominciato ad avvertirci, ma alcuni, semplicemente non vogliono capirlo. Pensano che questo è unica vita e durante essa bisogna approfittarsi di tutto fare le cose giuste oggi è la rarità, ma commettere gli errori è qualcosa che si vede ovunque. Il cielo è torbido, la nebbia si è alzata, attraverso la nebbia vedo i colori: viola, blu, rosso, giallo, verde l arcobaleno Quando si poserà la nebbia potrò chiaramente vedere quelli colori, quel paradiso, un'altra vita, la vita eterna lì vanno solo le persone che in questa vita facevano la beneficenza, le persone scelte. La bontà è pietra fondamentale della nostra vita. Gesù aveva detto: - Non sono venuto al mondo per portare la pace, ma la spada. Si deve dividere il bene dal male. Non ho l altra speranza. Unica mia speranza è Lui. Lo aspetterò fino al Momento quando riuscirò a vedere bene i colori dell arcobaleno. Finche questo non accade io continuo a camminare con la lanterna in mano, anche durante il giorno, cercando l uomo

51 Duh / Spirito - Tajma Sipković, Mostar LJUBAVI, SEBIČNO LETIŠ.../ AMORE, STAI VOLANDO IN UN MODO EGOISTICO UVIJEK BUDI BOLJI, PA ČAK I KADA GUBIŠ / SII SEMPRE IL PIÙ BRAVO, ANCHE QUANDO PERDI 10 58

52 Sedina Muratović, Srebrenica Duh / Spirito LJUBAVI, SEBIČNO LETIŠ......Ptice to rade...pčele to rade...leptiri to rade...ljudi to rade... Sretno i zadovoljno lete... Nevjerovatno koliko je tanka linija između vrha i dna.., potrebno je samo malo... sasvim malo da bi pali na dno. Ali kada padneš valjda trebaš i ustati. Sjećam se kada sam prvi put sjela na bicikl.., pala sam. Bolilo je, krvarila sam, ali sam ipak na kraju ustala. Letiti...padati...ustajati.., je li nam tako suđeno? Svaki let je pad, svaki pad je uspon, pa opet sve ispočetka, vrtimo se u krug. Bitno je znati da je život pun uspona i padova, to se ne može promijeniti..."nije sramota pasti.., sramota je ne ustati." Znali smo ja i ti da je realnost surova, okrutna,bili smo okruženi lošim ljudima, znali smo da je cijeli svijet lažan. Nismo htjeli da se smijemo lažno u ionako lažnom svijetu. Mi to ne umijemo, mi to ne znamo. Trebali bismo imati jako dobru masku.., trebali bismo biti jako dobri glumci, baš kao drugi oko nas. Međutim nismo htjeli ni iskreno da se smijemo, pomislit će ljudi da se smijemo tuđoj nesreći. A znam da znaš da mi ni to ne umijemo. "Ljubavi, hajde da letimo, da pobjegnemo od stvarnosti, da skrojimo svoj svijet, koji će biti samo naš. Obojićemo ga najljepšim bojama, duginim bojama." "Naravno srećo moja. Sa tobom i na kraj svijeta..." Zaista je tako i bilo. Imali smo svoj svijet, drugačiji od ovog surovog.., lijepo nam je bilo, bolje nije moglo biti. Mnogi su sumnjali u našu zdravu pamet, a mi smo sumnjali u njihovu. Naša sumnja je bila jača, naša sumnja je pobijala njihovu. Nije nam bilo važno što su nas oblačili u bijele ludačke košulje. U našim očima samo su oni bili ludaci, a ludaci su spremni na sve. Sijali smo svijet kroz sitno sito, tako da je u njemu ostajalo samo ono bitno.., a ništa nije bilo bitnije od nas. Jednog dana rekao si mi: "Volim te ljubavi moja. Ti si najljepša djevojka na čitavom svijetu." "Ali ljubavi imaš li ti oči? Ta djevojka iza tebe je puno ljepša od mene.." Okrenuo si se. Nikoga nije bilo. A ja sam ti suznim ocima rekla- "Da stvarno tako misliš,ne bi se ni okrenuo.." Tada sam otkrila tvoje pravo lice. Ispostavilo se da si ipak imao lažnu masku koja ti je postala prevelika i na kraju je spala sa lica. Ne, nije u pitanju moj loš vid, već tvoja dobra gluma, brzo učiš, nemam riječi... U glavi mi se motala samo jedna rečenica - "Do kraja života upoznavat ću ljude, a nikad ih upoznati neću. Uvijek će me iznenaditi neobjašnjivošću svojih posupaka." Šta si htio dokazati time? To ne znam, ali imaj na umu jedno - "Ko ima masku mora i da je nosi. I nemoj da ti slučajno padne na pamet da se požalis što sunce nikad neće ugrijati tvoje lice." Skinuo si mi krila, srušio nas "idealno" skrojen svijet, i odlučio sam da letiš, saznavši da i sam možeš imati sve. Jako sebično od tebe! Sve si mi dalji i dalji, letiš sve više i više... Je li time želiš dokazati svoju hrabrost? Pazi! Jer previše hrabrosti je ludost. 59

53 Duh / Spirito Letiš sigurnim koracima i čvrstim krilima. Cijeli svijet je u očima tvojim. Sve si dalji meni koja sam na dnu. Ali imam potrebu da ti između ostalog kažem i ovo - "Što više letiš u visine, sve si manji onima koji ne mogu da lete." U mojim očima si jako mali. Ljubavi, sebično letiš. A oduvijek si govorio da takve ljude mrziš najviše na svijetu. Mrziš li sam sebe? Sada mi pada na pamet pjesma koja kaže - "Život je takav, nikad konce sve ne držiš, zato pazi da ne budeš to sto najviše mrziš.." Ti si to već postao. Žalosno! Ja više ne letim, ne mogu bez tebe, plašim se da ću opet sama da padnem, to prokleto boli..a znam da i to mora nekad doći... Šminkam stvarnost tvojom bojom, drugačije ne umijem, drugačije ne želim. Smijem se lažno.., ali nema veze.., ionako je cijeli ovaj svijet lažan. Ali to nije osmjeh, to je grč.., a ljudi su slijepi.., znam to po sebi. U svojim snovima vrtim tvoje lijepe, lažne a sada tako prazne riječi. A prazno je oduvijek bilo zarazno. Dok sam bila s tobom, mislila sam da neću imati vremena za tugu i bol, a sada imam i previše vremena za to. Fali mi tvoj lažni osmjeh, fali mi tvoja maska, lažne riječi.., fale mi sitnice.. Gledam ljudi idu zagrljeni, te uloge su nekad bile naše.., a sada ostale samo sjene i uspomene. Žalosno...! Šta ćeš kada i ti jednog dana padneš? Nisi razmišljao o tome, jer nisi navikao da padaš.., a vjeruj da će doći i taj dan... Sretan si u svom letu. Ne brini,neću ti kvariti sreću, biću daleko..,ali vjeruj da ću biti još dalje kada padneš i počneš da patiš... Ljubavi sebično letiš, nikome ne daš da ti priđe.. A ja sa mukom pod rukom, tražim nadu u padu.., a gađa me osmjeh.., gađa me aplauz... 60

54 Sedina Muratović, Srebrenica Duh / Spirito AMORE, STAI VOLANDO IN UN MODO EGOISTICO Gli uccelli lo fanno le api lo fanno le farfalle lo fanno gli uomini lo fanno Con gioia e soddisfazione volano E incredibile quanto è sottile la linea tra la cima e il fondo basta poco pochissimo per cadere al fondo. Però quando cadi probabilmente ti devi anche alzare. Ti ricordi quando mi sono seduta per prima volta sulla bicicletta ero caduta. Mi faceva male, sanguinavo, però alla fine mi ero alzata. Volare cadere alzarsi è cosi che è stato predestinato? Ogni volo è una caduta, ogni caduta e una salita, e poi tutto da capo, giriamo nel vortice. E importante sapere che la vita è piena di salite e discese, questo non si può cambiare Non e una vergogna cadere una vergogna è non poterti alzare. Te ed io sapevamo che la realtà è crudele, brutale, eravamo circondati da persone cattive, sapevamo che tutto il mondo era falso. Non volevamo ridere falsamente in quel mondo cosi falso. Noi non lo sappiamo fare, noi non siamo capaci a farlo. Bisogna avere una maschera ben fatta, bisogna essere bravissimi attori, proprio come gli altri intorno a noi. Invece non volevamo ridere neanche sinceramente, perché certe persone potevano pensare che ridevamo per le loro disgrazie. So che sai che neanche questo eravamo in grado di fare. Amore, andiamo a volare, scappiamo dalla realtà, per costruire il nostro mondo, che sarà solo nostro. Lo dipingeremo con i colori più belli, con i colori dell arcobaleno. Certo, gioia mia. Con te andrei in capo al mondo Veramente era cosi. Abbiamo avuto il nostro mondo, diverso da quello crudele, era bello, meglio non poteva essere. Molti avevano dubbi sulla nostra salute mentale, ma anche noi sulla loro. Il nostro dubbio era più forte e cosi aveva vinto sul loro dubbio. Non ci interessava se ci mettevano le camice bianche per i pazzi. Nei nostri occhi i pazzi erano solo loro, e i pazzi sono sempre pronti a fare qualsiasi cosa. Abbiamo passato il mondo al setaccio, era rimasto solo quello che conta e nulla era più importante di noi. Un giorno mi avevi detto: Ti amo amore mio, Tu sei la più bella ragazza del tutto il mondo. Però amore, tu ci vedi? Quella ragazza dietro di te è più bella di me Ti eri girato. Non c era nessuno. E io, in lacrime ti avevo detto Se lo pensavi veramente non ti giravi In quell istante avevo scoperto la tua vera faccia. La tua maschera era diventata tropo grande e alla fine era caduta dal viso. No, non si tratta della mia vista discutibile, ma della tua ottima recitazione, impari velocemente, non ho parole mi girava in testa soltanto una frase Prima di arrivare alla fine della vita conoscerò tante persone, ma riuscirò mai a conoscerle del tutto. Mi sorprenderanno con le loro azioni inaspettate. Che cosa volevi dimostrare? Tu non lo sai, ma ricordati una cosa Chi ha la maschera, deve anche portarla. E ti prego di non lamentarti mai perchè il sole non riscalderà mai il tuo viso

55 Duh / Spirito Mi hai tolto le ali, abbattuto il nostro mondo creato in modo ideale, e hai deciso di volare da solo, dopo aver scoperto che anche da solo potevi avere tutto. E davvero egoistico da parte tua! Sei sempre più lontano, e ancora più lontano, voli sempre più in alto, più in alto Vuoi farti vedere coraggioso? Attento! Perché troppo coraggio è una pazzia. Voli con passi sicuri e con ali robuste. Tutto il mondo è nei tuoi occhi. Sei sempre più lontano da me che sono al fondo. Ho bisogno di dirti anche questo tra le altre cose Più voli in alto, più sei piccolo per quelli che non possono volare. Nei miei occhi sei piccolissimo. Amore, stai volando in un modo egoistico. Però da sempre dicevi che odiavi la gente di questo genere, più di tutto al mondo, Odi te stesso? Adesso mi passa per la mente la canzone che dice La vita è cosi, non hai mai tutti i fili in mano, perciò stai attento di non diventare quello che odi di più Tu sei già diventato quello. E triste. Io non volo più, non ci riesco senza di te, ho paura di cadere nuovamente da sola perché farebbe maledettamente male, però so anche che questo dovrebbe avvenire. Sto truccando la realtà con il tuo colore, diversamente non lo posso farlo. Sorrido falsamente ma non importa comunque, tutto questo mondo è falso. Però questo non è il sorriso, è un smorfia ma la gente è ceca so che lo è perchè riguarda anche me. Nei miei sogni giro e rigiro le tue false, belle parole, ma ora cosi vuote. Da sempre il vuoto era infettivo. Mentre ero con te, pensavo che non avrò mai tempo per la tristezza e il dolore, ma adesso ho anche troppo tempo per quello. Mi manca il tuo falso sorriso, mi manca la tua maschera, le tue bugie mi mancano le sciocchezze Vedo, la gente cammina abbracciata, quei ruoli ai tempi erano nostri, ma ora ci sono solo le ombre e i ricordi Che tristezza! Che farai quando un giorno crollerai anche te. Credimi, arriverà anche quel giorno. Sei felice nel tuo volo. Non preoccuparti, non guasterò la tua gioia, sarò lontano però credimi, sarò ancora più lontano quando accadrà la tua caduta e quando cominci a stare male. Amore, stai volando in un modo egoistico, non dai la possibilità a nessuno di avvicinarsi a te E io, con il tormento nel petto sto cercando la speranza nella caduta, mi colpisce il sorriso, mi colpisce l applauso 10 62

56 Tanja Tešić, Lopare Duh / Spirito UVIJEK BUDI BOLJI, PA ČAK I KADA GUBIŠ Ljudski život se neprestano troši i osipa, a ipak traje i prilagođava se prirodnim zakonima. Čovjek se rađa, živi i umire. Sve je u znaku kretanja i prelaska energije iz jednog oblika u drugi. Da bi čovjek postigao uspijeh, važno je imati cilj. U budućnosti bih željela da budem broj jedan. Kad' znaš šta želiš, moraš da rizikuješ, no u sportu nije sve ni talenat. Jedan poen bukvalno može da promijeni čitav tok meča. To mi daje snage da nastavim sa borbom. Pa čak i kad' gubiš to ne znači da je gotovo. Tada je potrebna volja, da nastaviš dalje, još više, da napraviš taj korak više. Nemir se duboko uvukao u mene. Sanjala sam jezive snove. Kao da su oni bili predskazivači događaja koji slijedi. Tog' jutra otišla sam na takmičenje iz tekvondoa u Beogradu. Bilo je to takmičenje za balkansko prvenstvo u juniorskoj, seniorskoj i kadetskoj ekipi. Osjećanja su bila uskovitalna. Ali sve uzalud, nisam odustajala. U tom' trenutku pomislih da je važno imati srce i da samo najjači ostaju. Trener me polako pripremao. Stavljam kacigu i počinjem sa borbom koju sam neizvijesno čekala. Za početak sam zasjenila sve. Imala sam sjajne rezultate. Trener je bio ponosan, a publika oduševljena. Borba je trajala dugo. Na samom' kraju sam se premorila. Protivnica se razljuti, skoči na mene i udari me nogom u glavu. U tom' trenutku pomislih: "Moraš naučit' da se braniš, boriš, priznaš grešku, ponekad prećutiš, ponekad popustiš! Napadaš kad' je najteže, primaš udarce ma koliko jaki bili, blokiraš neprijatelja, nadmudriš jače od sebe!" Polako padam i dižem se kao da ništa nije! Trener je dobacivao:"'ajde!" Trebalo je skupiti snage za sve... Već je kraj borbe. Očekivali smo rezultat. Bila sam tužna zbog poraza. Jedan čovjek mi priđe i reče: "Budi pobjednik bez medalje, stisni zube i reci: IDEM DALJE!" Tada sam shvatila da nije pobjednik onaj koji nikad' nije gubio, već onaj koji se nakon pada digne...jer TAEKWONDO je zivot FOREVER!!! 63

57 Duh / Spirito Tanja Tešić, Lopare SII SEMPRE IL PIÙ BRAVO, ANCHE QUANDO PERDI La vita umana si consuma e si sparpaglia in continuazione, ma comunque esiste e si adatta alle leggi della natura. L'uomo nasce, vive e muore. Tutto è nel segno del movimento e nella trasformazione dell energia, da una forma ad un altra. Per poter raggiungere il successo è importante avere un obiettivo. Nel futuro vorrei diventare la numero uno. Quando sai che cosa vuoi devi rischiare, perché neanche nello sport il talento è tutto. Alle volte un solo punto può cambiare il percorso della partita. Questo mi dà la forza per continuare a lottare. Anche quando stai per perdere non significa che è finita. In quel momento bisogna avere la voglia per poter continuare ad andare avanti, e ancora avanti, per poter fare un passo in alto. L' agitazione si è infiltrata in me profondamente. Ho fatto sogni terribili. Come una premonizione dell'evento futuro. Questa mattina sono partita per fare la gara del taekwondo a Belgrado. C è il campionato balcanico per le squadre iunior, senior e cadetti. Sono agitata, ma comunque resisto a tutto e non voglio arrendermi. Penso che è importante avere coraggio e che solo i più forti rimangono. L' allenatore mi sta preparando pian pianino. Metto il casco è comincio il combattimento atteso così a lungo. Comincio stupendo tutti. Ho ottimi risultati. L' allenatore è orgoglioso e il pubblico entusiasta. La lotta dura tanto. Verso la fine del combattimento mi sento troppo stanca. L' avversaria si infuria, mi salta addosso e mi picchia con la gamba sulla testa. Al momento penso: Devi imparare a difenderti, combattere, ammettere lo sbaglio, qualche volta bisogna tacere, qualche volta bisogna arrendersi! Attacca quando è più difficile, ricevi i pugni senza dar importanza a quanto siano pesanti, blocca il nemico, vinci in astuzia quello che è più forte di te! Lentamente vado giù e mi alzo come se nulla fosse accaduto. L' allenatore grida : Vai! Non è facile radunare le forze per tutto ciò... E' già la fine del combattimento. Stiamo aspettando il risultato. Sono tristissima per la sconfitta. Però, un uomo si avvicina e mi dice: Sei la vincitrice senza medaglia, stringi i denti e dì a te stessa VADO AVANTI! Adesso capisco, il vincitore non è quello che non ha mai perso, ma quello che dopo la caduta riesce ad alzarsi... Perché TAEKWONDO è la vita FOREVER!!! 10 64

58 Hej, voda vri / Hey l acqua bolle - Mitar Janković, Lopare FERIJE NA SELU / LE VACANZE NEL VILLAGGIO 66

59 Amira Ahmetović, Sapna Hej, voda vri / Hey l acqua bolle FERIJE NA SELU Kao mala svake ferije provodila sam kod bake i djeda na selu. Najzanimljivije stvari koje su mi se dešavale bile su kod njih, izlasci u prirodu, susretanje s raznim životinjama, pogledi na sve to zelenilo koje je okruživalo njihovu kuću i meni je stvaralo toliku radost. Svako jutro sjedili bismo za stolom ispred kuće i dogovarali se šta ćemo raditi taj dan. Moj djed Omer često je volio da nam priča razne priče o svojim doživljajima s bakom Ajnom koju je mnogo volio. S nama je bila i moja strina Azra, koja je nažalost ostala bez muža, rano... poginuo je u ratu. Mnogo sam je voljela, bila je veoma umiljata, fina i prijatna osoba. Ispunjavala mi je svaku želju, pravila mi razne kolače koje u gradu nisam mogla ni da sanjam. Imali su malu, lijepu kućicu, koja je uvijek bila čista i čija je glavna odlika bila bjelina zidova. Moja najbolja drugarica kod njih na selu bila je jedna mačkica, kojoj sam dala ime Kejti. Po cijeli dan smo se znale igrati na livadi, ja berući cvijeće, a ona trčeći za malim, šarenim leptirićima. Najteže mi je bilo, kad dođe kraj ferija, jer ja sam im bila velika razonoda, osmijesi s lica tih starih ljudi nisu silazili po cijeli dan i kad moram kući znala sam i plakati, ali ono što me činilo radosnom je to, što sam znala da ću ponovo doći na to isto mjesto, kod svoje bake i djeda. I tek sada sam sigurna u ono što je narod govorio, a to je da se unuci više vole nego rođena djeca, jer njihova sreća je beskrajna kad sam na selu... Amira Ahmetović, Sapna LE VACANZE NEL VILLAGGIO Quando ero piccola passavo ogni vacanza da nonna e nonno, al villaggio. Da loro mi sono accadute le cose più interessanti, le passeggiate nella natura, gli incontri con diversi animali, le esplorazioni in quel verde che circonda la casa. Tutto questo mi faceva cosi felice. Ogni mattina ci mettevamo seduti intorno al tavolo davanti alla casa e ci mettevamo d accordo su che cosa fare quel giorno. Al mio nonno Omer piaceva raccontarci spesso le varie storie che riguardavano la sua vita con nonna Ajna, che amava tanto. Con noi stava anche mia zia Azra, che purtroppo era rimasta senza marito, (molto presto) lui aveva perso la vita in guerra. L amavo tanto, era umile, fine, una persona piacevole. Saziava ogni mio desiderio, mi faceva diversi dolci che nella città non potevo ne anche sognare. Avevano una casetta piccola e bella che era sempre pulita e aveva la caratteristica primaria che i suoi muri erano sempre bianchissimi. La mia miglior amica, da loro nel villaggio era una gattina, che chiamavo Kejti. Giocavamo nel prato per tutta la giornata, io raccoglievo i fiori, lei seguiva le piccole farfalle variopinte. Per me era difficile quando arrivava la fine della vacanza, perchè per loro io ero un grande divertimento e il sorriso non andava mai via dai visi di quelle persone vecchie e quando dovevo partire mi mettevo anche a piangere, però quello che mi dava la gioia era il pensiero che ci tornavo, allo stesso posto da mia nonna e nonno. Solo ora sono sicura di quello che la gente dice, ed è che i nipoti si amano più che i propri figli, perché la loro felicità era enorme quando stavo da loro al villaggio

60 Mala maza / Piccola cucciola - Slađana Petrović TIGAR SE VRAĆA KUĆI / TIGRE RITORNA A CASA 10 68

61 Zulija Halilović, Sapna Mala maza / Piccola cucciola TIGAR SE VRAĆA KUĆI U jednom mirnom predgrađu živio je mačak po imenu Tigar. To ime mu je dala mala Sara, njegova vlasnica i prijateljica, onog dana kada ga je našla kanalu pored ulice u kojoj je živjela. Otkako ga je našla, počela se brinuti o njemu, a u tome su joj pomagali i ostali ukućani. Tigar je polahko rastao, igrao se i pomagao koliko je mogao, a najviše je volio drijemati u cvijećnjaku ispred kuće, pored crvenih tulipana, koje je Sara posadila kako bi mu pravili hlad i kako bi mu mirisali. Sve se lijepo odvijalo dok jednog dana Sari nije umrla majka. Tigar je shvatio šta se događa i tješio je Saru: Žao mi je, Saro, i učinit ću sve da se bolje osjećaš... Govorio je Tigar tako, ali Sara ga nije mogla razumjeti. Nakon nekog vremena Sara se uspjela malo smiriti, ali onda je došao veći problem. Sarin otac se oženio oženio se ženom koja je bila zla i nije voljela mačke. Tigru se nije pisalo dobro. I tako nakon jednog odmora u hladu tulipana Tigar se probudio u nečemu za što je zaključio da je vreća. - Šta je ovo, zaboga? Sara se nikad nije ovako igrala sa mnom... pomislio je Tigar i pokušao se osloboditi, ali nije uspjevao. Umirio se i osluškivao nešto je užasno klepalo, a on je osjećao da se kreće. Nije znao o čemu se radi. - Ja ću ti pomoći da se oslobodiš, ali obećaj mi da me nećeš pojesti, - začuo je glasić. - Ko je to? upitao je oslobodi me, ništa ti neću, obećavam! Trenutak kasnije na vreći se pojavila rupa dovoljno velika da se Tigar kroz nju provuče. Gledao je oko sebe, ali nikog nije mogao vidjeti. Oko njega su bile samo neke vreće, kutije i drveni sanduci. Shvatio je da se nalazi u vagonu nekog voza. Vozove nikad nije volio. A onda se iza jedne od vreća pojavi mali miš. - Jesi li me ti oslobodio? upita ga. - Jesam... i samo da te podsjetim da si obećao da me nećeš pojesti, - progovori plašljivo miš. - Hvala ti! I ne boj se, neću ti ništa, ja ne jedem miševe i ptice, moja Sara me hrani samo mlijekom i hranom za mačke... - A je li Sara ona žena što te donijela u vreći i ubacila u vagon? upita miš. - Ne, to je njena zla maćeha, koja ne voli mačke, - odgovori Tigar i napokon poveza sve niti svoje sudbine i shvati da ga se maćeha pokušala riješiti na ovaj način. Voz je putovao cijeli dan i pred veče se zaustavio na jednoj stanici okruženoj poljima kukuruza. Sve vrijeme Tigar i miš su razgovarali i Tigar je saznao da miš živi u tom vagonu i da se hrani od onog što se zadesi u vrećama i kutijama. Ali kada se voz zaustavio, Tigar je sišao i odlučio da se vrati. - Kako planiraš to da učiniš? upita ga miš. - Ima nešto u meni što mi govori kuda da idem, mislim da je to Sarina tuga... Voz je krenuo, a i Tigar. Jedino su im pravci bili suprotni. Odlučio je da ne ide prugom, jer bi to bilo previše opasno. Skrenuo je u polje kukuruza i počeo tražiti mjesto gdje bi mogao prenoćiti. Ubrzo je našao jednu napuštenu štalu, provjerio je da je bezbijedna i tu zanoćio. Ujutro se napio vode iz obližnje bare i krenu putem kojim ga je srce usmjeravalo, a ono je govorilo da je tamo Sara i da joj je potreban. Neudobna postelja u štali natjerala ga je da se sjeti i uvijek okopane i mehke zemlje ispod njegovih crvenih tulipana. A i njihov miris je lijek za ono što se osjetilo u napuštenoj štali i što još uvijek ne može da izbaci iz svoje roze njuščice. Tigar je znao da je ovo tek uvod u ono što ga čeka na putu prema kući, ali bio je spreman na sve samo da vidi Saru. 69

62 Mala maza / Piccola cucciola Dok se kretao kroz polja kukuruza, koja su se smjenjivala sa livadama sa ponekim stablom, Tigar je razgledao oko sebe. Pomalo ga bilo i strah, jer nije znao šta sve može da vreba u travi i visokom kukuruzu. A onda je došao do obale rijeke i nije znao kako da je pređe. Osjećaj mu nije govorio da li da krene uzvodno ili nizvodno, kako bi pronašao neki most. Odlučio je da krene uzvodno i nakon nekog vremena primijetio je da se u travi pored rijeke nešto kreće. - Ko je to? upitao je. Trava se prestala pomjerati. Ponovio je pitanje, ali ponovo nije dobio odgovor. Shvatio je da je to neko ko je plašljiviji od njega. Odlučio je da provjeri. Njuškao je i puzio polahko se primičući mjestu gdje bio neko nepoznat. Pronašao je mirnu i ukrašenu tamnozelenu kupolu, veliku skoro kao i on, iz koje je virio repić. Dodarnuo ju je šapom, a onda se začuo gasić koji je zvučao prestrašeno: - Nemoj me povrijediti, molim te! - Neću te povrijediti, ne boj se! I ja sam prestrašen skoro kao i ti. Pojavi se, da te vidim! reče Tigar i ipak malo odstuknu od zelene kupole. Prvo se pojavila glava i osmotrila lijevo i desno, a zatim i noge. - Ja sam kornjača i hoću da pređem na drugu stranu rijeke, a ko si ti? - Ja sam Tigar, mačak, i ja bih na drugu stranu, ali nisam baš neki ljubitelj vode. - Ja ću ti pomoći. Možeš se popeti na moj oklop i zajedno ćemo preći. Nekoliko minuta poslije Tigar je bio na drugoj obali. Zastao je tek toliko da zahvali kornjači i da joj objasni ko je i gdje ide. Kornjača mu je poželjela sreću i upozorila ga da se čuva, jer je svijet pun svakojakih zlih ljudi i životinja. Znam, iskusio sam to na svojoj koži, pomisli Tigar, još jednom zahvali kornjači i nastavi svoj put. Naredna dva dana nije nikog sretao, izbjegavao je kontakte, hranio se otpatcima. Bio je umoran, dlaka mu je bila prljava i puna raznog sjemenja koje se lijepilo za njegovo krzno. Trebao mu je pravi odmor. I baš tada naišao je na jednu farmu. Krenuo je da vidi može li pronaći neko prenoćište i hranu. Stao je ispred štale u kojoj su bili konji i zaključio da bi tu mogao prenoćiti, a našlo bi se nešto i za jelo. A onda ga je nešto zgrabilo za vrat. - Aha, tu si mačketino! Meni miševi sve uništiše, a ti se vijaš okolo... - Ma nisam ja tvoj mačak, zamijenio si me s nekim... vrištao je Tigar, ali ga je farmer bacio na tavan štale. - Ne silazi dok ih sve ne pohvataš, a onda ideš u ambar! odbrusio je i otišao. Tigar je bio preplašen toliko da mu nije ni palo na pamet da pobjegne. Nije vidio nijednog miša. Predveče je sišao i odlučio da potraži šta za jelo. Svuda naokolo čula se dreka kokošaka, ovaca i krava. Tigar ih je žalio, a onda se zaledio od straha. Skrenuvši iza ugla našao se ravno ispred psa koji se hranio nekim otpatcima. Pomislio je da je s njim gotovo. Neki glas u njemu je govorio da bježi, ali noge jednostavno nisu slušale. - Posluži se, vidim da si gladan! - Molim, - reče zbunjeno Tigar, - zar me nećeš... - Zašto bih? Ionako smo u istoj nevolji... odgovori pas i uzdahnu. Tigar je prišao i poslužio se onim što je preostalo. Podijelili su hranu i to znači da su prijatelji. Saznao je da se pas zove Bobi i da je na farmi još otkad je štene, da ne zna za drugi način života. Posao mu je da štiti farmu i da pomaže oko ispaše ovaca. Nije mu se sviđalo to što radi naročito zato što je gazda bio grub čovjek koji ga je često tukao bez razloga. - Pa zašto ne pobjegneš? upitao je Tigar. - A gdje da pobjegnem? I gdje god bih otišao, on bi me pronašao, - odgovorio je Bobi i skupio se u klupko ispod gazdine kuće. Tigar mu se pridružio. 70

63 Mala maza / Piccola cucciola - Ne držim vas ovdje da drijemate. Natrag na posao! probudio ih je ljutit glas gazde, a onda je sijevnuo prut i po Tigrovim leđima i po Bobijevoj glavi. Pobjegli su svaki na svoju stranu i nisu se vidjeli do narednog dana. A i tada kada su se vidjeli, nisu jedan drugom ništa rekli nisu smjeli. To je potrajalo desetak dana. Bio je to najgori period u Tigrovom životu dreka, tuča, tjeranje na posao, hrane ni za lijeka, samo otpatci... jedino što ga je tješilo bila je pomisao na Saru... tulipane... dom... Pobjegao bi on, ali nije htio bez Bobija pamtio je onaj zalogaj hrane koji su podijelili. Kada su se ponovo sreli i gazde nije bilo u blizini Tigar mu je predložio da pobjegnu, ali da krenu odmah. Ispričao mu je sve o Sari, o kući o miru... - Ne znam, ne znam... šta ako nas Sarina maćeha otjera? Možda nam bude gore nego ovdje... dvoumio se Bobi. - Neće, sigurno nam neće biti gore nego ovdje. Sara će nas štititi, - uvjeravao ga je Tigar i nakon podužeg ubjeđivanja plan je umalo propao, jer se pojavio gazda. - Sad ili nikad! reče Tigar i zajedno potrčaše. Gazda ih nije uspio ni vidjeti. Trčali su kao nikad do tad. - Baš ćemo biti silan par pas i mačka, - našalio se Bobi kada su odmakli. - Svidjet ćeš se Sari, ona je divna, vidjet ćeš! govorio je Tigar. Nakon nekoliko dana lagahnog putovanja, stigli su u predgrađe u kom je živjela Sara. Tigra je vodilo njegovo srce i dovelo ga je na pravo mjesto. Jedina prepreka na tom putu bio je prelazak preko ceste kojom su jurili automobili, ali su i nju nakon čekanja do večeri prešli. Nije im bilo teško čekati, jer je Tigar znao da je blizu kuće. I kao što to u bajkama i biva zle maćehe nije bilo, a Tigar, Sara i Bobi živjeli su sretno i zadovoljno. I naravno, Tigar je sada imao prijatelja s kojim je drijamao u hladu crvenih tulipana. 71

64 Mala maza / Piccola cucciola Zulija Halilović, Sapna TIGRE RITORNA A CASA In un borgo silenzioso abitava il gattone di nome Tigre. Questo nome glielo ha dato la piccola Sara, sua amica e proprietaria, il giorno in cui lo ha trovato dentro il canale sul bordo della strada dove viveva. Da quando lo ha trovato, si occupa di lui. Tigre cresceva pian piano, giocava e aiutava come poteva, ma lui amava di più dormire nel giardino di fiori che stava davanti a casa, accanto ai tulipani rossi che ha coltivato Sara per fargli ombra e profumo. Tutto andava bene finchè un giorno la madre di Sara e' morta. Tigre ha capito cosa succedeva ed ha confortato Sara: Mi dispiace Sara, faro' di tutto per farti sentire meglio Diceva Tigre cosi', pero' Sara non poteva capirlo. Dopo qualche tempo Sara riusci' a trovare un po' di pace, pero' allora e' arrivato un problema piu grande. Il padre di Sara si e' risposato - ha sposato una donna malvagia che non amava i gatti. Il futuro di Tigre non sembrava bello. E cosi', dopo un riposo nell' ombra dei tulipani, Tigre si e' svegliato dentro qualcosa che ha concluso essere un sacco. - Che cos' e' questo, per Dio? Sara non ha mai giocato cosi' con me - ha pensato Tigre e cercava di liberarsi, però non gli riusciva. Si e' calmato e ha ascoltato. C era qualcosa che faceva un chiasso terribile. Non sapeva di cosa si trattava. - Ti aiuto io, ma devi promettermi che non mi mangerai'- ha sentito una voce. - Chi e'?- ha chiesto- Se mi liberi, non ti faccio niente, te lo prometto! Un attimo più tardi sul sacco si apre un buco abbastanza grande per far uscire Tigre. Si guarda attorno, ma non vede nessuno. Attorno a lui ci sono alcuni sacchi, i pacchi e le cassete di legno. Ha capito che si trova sul vagone di un treno. I treni non li ha mai amati. E poi, dietro uno dei sacchi fece capolino un piccolo topo. - Tu mi hai liberato?- gli chiese. - Sì soltanto ti ricordo che hai promesso di non mangiarmi- dice impaurito il topo. - Grazie! E non aver paura, non ti faccio niente, io non mangio i topi e gli uccelli, la mia Sara mi da' da mangiare solo latte e cibo per i gatti - Ma e' Sara quella donna che ti ha portato nel sacco e che ti ha buttato nel vagone?- chiede il topo. - No, e' la sua matrigna cattiva che non ama i gatti- risponde Tigre, finalmente capendo tutti i fili del suo destino e il modo in cui la matrigna voleva sbarazzarsi di lui.. Il treno andava avanti per tutto il giorno e di sera si e' fermato su una stazione in mezzo dei campi di mais. Per tutto il tempo Tigre e il topo hanno parlato e Tigre ha scoperto che il topo abita in questo vagone e che mangia quello che trova dentro i sacchi e i pacchi. Pero', quando il treno si e' fermato il Tigre è sceso, e ha deciso di tornare indietro. - Come pensi di farlo?- domanda il topo. - C'e' qualcosa dentro di me che mi dice dove andare, penso che e' la mancanza di Sara Il treno è partito, anche Tigre. Soltanto che le destinazioni erano opposte. Ha deciso di non seguire la linea ferroviaria, troppo pericoloso. Ha girato il campo di mais cercando un posto dove passare la notte. Presto ha trovato una stalla abbandonata, ha controlato se era sicura e ci ha passato la notte. Di mattina ha bevuto l' acqua dalla pozza vicina ed ha preso la strada che gli indicava il cuore, che diceva che Sara era li' e che aveva bisogno di lui. Il letto scomodo gli ha fatto ricordare la morbida terra che stava sotto i suoi tulipani rossi. 72

65 Mala maza / Piccola cucciola Anche il loro sapore e' la medicina per quello che ha sentito nella stalla abbandonata e quello che ancora non può tirare fuori dal suo piccolo muso rosa. Tigre sapeva che era soltanto l inizio di quello che lo aspetta sulla via di casa, pero' era preparato a tutto solo per rivedere Sara. Mentre passava tra i campi di mais, che erano interrotti dai prati e da qualche albero, Tigre guardava attorno a se'. Era un po' impaurito, perche non sapeva cosa si nascondesse nell' erba e nel mais cosi' alto. E poi, e' arrivato fino al fiume e non sapeva come attraversarlo. Il senso dell orientamento non gli diceva se seguire il fiume in su' oppure in giu', per trovare magari qualche ponte. Ha deciso di andare in su' e dopo un po' di tempo ha notato che qualcosa nell' erba vicino al fiume si stava muovendo. - Chi e'?- ha domandato. L' erba non si muoveva piu'. Ha ripetuto la domanda, ma la risposta mancava. Ha capito che era qualcuno che aveva paura più di lui. Ha deciso di controllare. Annusava e si muoveva lentamente. Ha trovato una cupoletta quieta e verde, grande quasi come lui, da cui si vedeva una piccola coda. Le ha toccato con la zampa, e allora ha sentito una voce che gli sembrava impaurita: - Non farmi del male, ti prego! - Non ti faro' del male, non aver paura! Anch' io ho paura come te. Voglio vederti!- disse Tigre e fa due passi indietro dalla cupola verde. Prima appare la testa che girava a sinistra e a destra, e poi le gambe. -Io sono la tartaruga e voglio oltrepassare il fiume, e chi sei tu? -Io sono Tigre, il gatto, anch' io vorrei passare il fiume, ma non sono un appassionato dell' acqua. -Ti do una mano io. Puoi saltare sulla mia corazza e cosi' andremo insieme. Alcuni minuti piu' tardi Tigre stava dall' altra parte del fiume. Giusto il tempo di ringraziare la tartaruga e di spiegare chi era e dove andava. La tartaruga gli ha fatto gli auguri e gli ha detto di far attenzione perche' il mondo e' pieno di gente e di animali cattivi. Lo so, me ne sono reso conto sulla mia pelle, ha pensato Tigre, ancora una volta ringrazia la tartaruga e continua sulla sua strada. Per due giorni non incontrò nessuno. Evitava i contatti, mangiava i rifiuti. Era stanco, la sua pelliccia era sporca. Aveva bisogno di un vero riposo. E proprio allora ha trovato una fattoria. Si e' fermato davanti una stalla di cavalli ed ha concluso che qui poteva passare la notte e poteva trovare qualcosa da mangiare. Ma proprio in quel momento qualcosa lo ha attaccato. - E' qui che sei gattone! I topi mi distruggono tutto e tu passeggi in giro - Pero', io non sono il tuo gatto, mi hai scambiato con un altro - urlava Tigre, ma il contadino Lo ha buttato sul soffitto della stalla. - Non scendere finche non li prendi tutti, e poi vai nel granaio!- lo ha sgridato e se ne è andato. Tigre era cosi' spaventato che non gli è neanche venuto in mente di scappare. Non ha visto neanche un topo. Di sera è sceso ed ha deciso di cercare qualcosa da mangiare. Dappertutto si sentivano versi di galline, pecore e mucche. Tigre si sentiva triste per loro, ma improvvisamente la paura lo ha bloccato. Girando dietro l'angolo si e' trovato davanti ad un cane che mangiava i rifiuti. Pensava: con lui e' finita. Una voce interiore gli diceva di scappare, ma le gambe non obbedivano. - Prego, vedo che hai fame! - Scusa- disse confuso Tigre- non e' che mi. - Ma perche'? Stiamo nella stessa disgrazia - risponde il cane e fa uno sospiro

66 Mala maza / Piccola cucciola Tigre si e' avvicinato ed ha mangiato quello che e' rimasto. Hanno diviso il cibo e cio' significa che sono amici. Ha saputo che il cane si chiama Bobi e che sta nella fattoria da quando era cucciolo, che non conosce altro modo di vivere. Il suo lavoro e' badare alla fattoria e aiutare con le pecore. Non gli piaceva il suo lavoro specialmente perche il padrone era un uomo rozzo e li picchiava spesso senza ragione. -Ma perche non scappi via?- ha domandato Tigre -E dove potrei scappare? Ovunque andrei, lui mi troverebbe- ha risposto Bobi e si e' raggomitolato davanti alla casa del padrone. -Non vi tengo qui per dormire. Tornate al lavoro!- li ha svegliati la voce arrabbiata del padrone, e poi un bastone ha colpito le spalle di Tigre e la testa di Bobi. Sono scappati, ognuno dalla parte sua e non si sono visti fino al giorno successivo. Ma anche quando si sono visti non hanno scambiato neanche una parola - non potevano. Cosi' per una decina di giorni. Era il periodo più bruto nella vita di Tigre - le urla, le botte, il lavoro forzato, la mancanza di cibo, soltanto i rifiuti l' unica cosa consolante era il pensiero di Sara i tulipani la casa Lui sarebbe scappato, ma non voleva farlo senza Bobi - ricordava sempre quel cibo che avevano diviso. Quando si sono nuovamente incontrati e il padrone non era nei paraggi, Tigre gli ha proposto di scappare. Ma bisogna muoversi subito. Gli ha raccontato tutto di Sara, della casa, della pace -Non so, non so e se la matrigna di Sara ci butta fuori? Forse sara' peggio che qui - dubitava Bobi. -Non lo fara', sicuramente non sara' peggiore che qui. Sara ci proteggera'- lo rassicuravatigre e dopo una lunga conversazione il piano era quasi rovinato perchè era apparso il padrone. -Ora o mai!- disse Tigre e sono partiti di corsa insieme. Il padrone non ha avuto il tempo neanche di vederli. Hanno corso come mai prima. -Saremo una coppia grandissima- il cane e il gatto- ha scherzato Bobi quando si sono allontanati. -Piacerai a Sara, vedrai, lei e' meravigliosa!- diceva Tigre. Dopo alcuni giorni di viaggio hanno raggiunto il borgo dove abitava Sara. Tigre era guidato dal suo cuore ed e' arrivato al posto giusto. L'ultimo ostacolo di quel viaggio era attraversare la strada piena di automobili in corsa, ma l' hanno attraversata dopo un po'. Non gli era difficile aspettare perche Tigre sapeva che era vicino a casa sua. E come succede nelle favole- la matrigna cattiva non c'era piu' e Tigre, Sara e Bobi sono vissuti felici e contenti. E poi, Tigre adesso aveva un amico con cui dormiva nell' ombra dei tulipani rossi

67 Mlado usamljeno drvo / Piccolo albero solitario - Hajrudin Smajlović, Sapna LJUBAVNA / D AMORE ONO ŠTO VIDJELA NISAM / QUELLO CHE NON AVEVO VISTO USPOMENE SE BUDE... / I RICORDI SI RISVEGLIANO POVRATAK U SJEĆANJE / IL RITORNO NEL RICORDO 10 76

68 Mlado usamljeno drvo / Piccolo albero solitario Maida Mujčinović, Čelić Maida Mujčinović, Čelić LJUBAVNA Nekada sam kao dijete Pitala se: kuda ptice lete Kamo teče ona bistra rijeka Da li sunce nekog tamo čeka? Lutala sam livadama Družila se s leptirima Ležala na travi rosnoj I brala cvijeće mirisno Bila sam slobodna kao ptica Bila sam vesela djevojčica Ali djetinjstvo je prošlo I za mene novo vrijeme došlo Sada znam da ptice lete svome domu Da rijeka teče ka mirnom moru Da sunce nikog ne čeka Ono je uvijek kod svojih oblaka Ni ja više ne lutam livadama Ni ja nisam više sama U srcu mi nije samo pijev ptica Niti miris šarenih latica I dalje sam vesela Iako više nisam mala Zove me djevojčica Čovjek kom sam srce dala D AMORE Da bambina, in un tempo lontano Mi chiedevo: dove volavano gli uccellini In che modo scorrevano i fiumi cristallini La su il sole aspettava qualcuno? Girovagavo lungo i prati Facevo amicizia con le farfalle Giacevo sull erba con la rugiada E raccoglievo i fiori profumati Ero libera come un uccello Ero una bambina gioiosa Però l infanzia per forza passa E arriva un periodo nuovo, ma bello. Adesso so che gli uccelli verso i loro nidi volano Che i fiumi verso i mari calmi scorrono Che il sole non aspetta nessuno Che le sue nuvole sono sempre vicino a lui Anch io non girovago più lungo i prati Anch io non sono più sola Nel cuore non ho più solo il canto degli uccelli E il profumo dei petali colorati Ancora oggi sono tanto contenta Anche se adesso sono adulta La mia bambina mi chiama L uomo che ha il mio cuore mi ama 77

69 Mlado usamljeno drvo / Piccolo albero solitario Nermina Hrustić, Sapna ONO ŠTO VIDJELA NISAM Hodam dolinama moga sela i sjetim se svakog prašnjavog puta. Nekako mi se čini da je sada u proljeće ljepše nego prije, nekako mi se čini da selo drugačije miriše. A pored drveta breze još je mirno kao u bajci. Ono još uvijek gleda u daljine zelene planine što se sa nebom plavim spajaju. Sjela sam pored toga drveta i ono je tad bilo moj najbolji prijatelj. Samo bi me ono slušalo i ćutalo. Nekada bi se zanjihala i tad bih pomislila da mi govori da me čuje. Sjedim i pričam joj šta je sve oko nje. One šume guste, prašnjavi putevi. Ono selo što viri iz daljine i ona kućica što ga čuva. Bilo je tako sjetno. Satima sam sjedila ispod drveta i pronalazila sebe negdje u tom svijetu. Dan je bio poput smole. Na nebu nije bilo nijednog oblačka. U vazduhu sam osjećala ljubav i radost kojom je priroda odisala. Javljao je huk vjetra i šušanj lišća. Pitam se: Da li sam stvarno tu ili sanjam? Jer ispred mene je bila rajska slika. Bilo je tiho, vjetar je lagahno prolazio kroz moju kosu. Bila sam zadovoljna jer srce mi je puno. Ja sam sjedila, a ispred mene je bilo drvo, zelene daljine i samo jedna crvena ruža koja je rasla uz tu kuću od cigle. Tu sam nekako spoznala sebe. Sebe sa punim srcem i osobu koja zna za prave vrijednost. Ili je ovo samo maska. Pitam se: Hoće li me priroda iznenaditi, hoće li me ovaj život iznenaditi? Može li me ovo nebo iznenaditi, postati tmurno i baciti na mene svoje suze, svoje kapi kiše? Ne bi me čudilo da ove daljine nestanu i ovo moje drvo potone. Da me neki zvuk probudi iz ove čarolije. Ove prirode u njenom svijetu u kojem ona ima dušu. I gle čuda! Iz ove divne svijetle slike prirode pred mojim očima stvori se onaj crni oblak tame, oblak tuge i tišine. Nadvi se nada mnom niotkud i sve postade sivo. One planine više nisu odisale svježinom u grudima i skloni se onaj sjaj iz očiju što su radosne bile. Više ispred sebe nisam vidjela raskošno drvo već samo jedno umrlo tmurno drvo sa kojeg kaplju kapi. Nisam više mogla sjediti. Trava je bila mokra od kiše. Drvo kao da je plakalo po meni. Ustala sam i otišla odatle, iz te mrklosti. Razočarana i tužna otišla sam. Osvrnula sam se za trenutak i vidjela iza sebe tmurnu sliku koju ostavljam. Pomislila sam: Da li u životu sve mora biti tako? Sreća, tuga, radost pa suze, sjaj pa tama. I otišla sam sa kamenom na srcu razočarana i sa istinom, da je ovo stvarno ono što vidjela nisam. 78

70 Mlado usamljeno drvo / Piccolo albero solitario Nermina Hrustić, Sapna QUELLO CHE NON AVEVO VISTO Sto camminando sulle valli del mio villaggio ricordandomi ogni strada polverosa. In qualche modo mi sembra che adesso, in primavera è più bello di prima, mi sembra che il villaggio profumi diversamente. Accanto all albero di betulla è tranquillo come nella favola. Esso ancora guarda verso la montagna verde in lontananza, che si congiunge con il cielo blu. Mi sono seduta accanto a quell albero che diventò in quel momento il mio miglior amico. Solo lui mi ascolta in silenzio. Ogni tanto quando dondola, penso che mi stia ascoltando. Sono seduta e gli descrivo tutto ciò che gli sta attorno. Quei boschi, le strade polverose. Quel villaggio che si sporge fuori da lontano e quella casetta che lo salvaguarda. E così meraviglioso. Sono stata seduta ore e ore sotto l albero cercando me stessa da qualche parte in quel mondo. Il giorno somiglia alla resina. Nel cielo non c è neanche una nuvoletta. Nell aria sento l amore e la gioia, della quale la natura profuma. Si sente il sibilo del vento ed il fruscio del fogliame secco. Mi chiedo: Sono davvero qui oppure sto sognando? Perché davanti a me c è l immagine del paradiso. E tranquillo, il vento pian pianino accarezza i miei capelli. Sono soddisfatta perché il mio cuore è pieno. Sono seduta, davanti a me ci sono: l albero, le montagne verdi e una rosa soltanto, che cresce accanto a quella casa con i mattoni. Qui, in qualche modo ho fatto conoscenza con me stessa. Me stessa con il cuore pieno, come una persona che riconosce i veri valori. Forse tutto questo è una maschera. Mi chiedo: La natura mi sorprenderà, la vita mi sorprenderà? Mi potrebbe sorprendere anche questo cielo, diventare nuvoloso e gettare su di me le sue lacrime, le sue gocce di pioggia? Non mi stupirebbe se queste valli scomparissero e questo mio albero sprofondasse. Se un suono mi svegliasse da questo incantesimo, da questa natura.d ecco il miracolo! Da questa meravigliosa immagine brillante della natura, davanti ai miei occhi appare quella nuvola scura, la nuvola della tristezza e del silenzio. Dal nulla si addensa sopra di me e tutto diventa grigio. Quelle montagne non profumano più e sta sparendo quello splendore negli occhi che sono stati felici. Non vedo più davanti a me l albero lussuoso, ma soltanto un albero marcio, morto, da cui stanno vengono fuori gocce. Non posso più rimanere seduta. L erba è bagnata dalla pioggia. Sembra che l albero pianga su di me. Mi alzo e me ne vado da lì, da quella oscurità. Vado via dispiaciuta e triste. Solo per un attimo mi volto indietro e vedo l immagine oscura che sto per lasciare. Penso: Ma nella vita tutto deve essere così? La felicità, la tristezza, la gioia e poi le lacrime, lo splendore e poi l oscurità. Sono andata via con una pietra sul cuore, delusa, pensando che quello che avevo visto non era la verità

71 Mlado usamljeno drvo / Piccolo albero solitario Maida Mujčinović, Čelić USPOMENE SE BUDE... Vruće je. Ljetno podne. Čujem samo sumorno zujanje pčela. I cvrkut ptica je utihnuo. Tu sablasnu tišinu narušava šuštanje lišća, blagog povjetarca. Sve mi to godi, kao i miris zelene trave i neninih crvenih ružica. Ustvari, nisu to prave ruže, ali ja ih tako zovem. Moja nena ih je zasadila u našoj bašti, ima ih i pored moje omiljene voćke - jabuke. Ovo lješkarenje u hladu, ispod jabuke, pored ružica, u meni budi uspomene. Ah, kad se samo sjetim... Dok sam bila mala dolazila sam preko ferija djedu i neni na selo. Dok bi oni pili kahvu u podne, ja bi uživala u hladu jabuke i mirisala ružice. Nikada ih nisam brala. Bilo mi je žao da vehnu. A jabuku je djed zasadio onog dana kada sam ja rođena. Često sam se igrala sa djecom iz sela. Obilazili smo njive, lutali livadama i šumama. Nekada smo se tako lijepo igrali da bi se kući vraćali pred samu večer. Od svih sam najviše voljela Almu i Harisa. U svom životu nisam imala iskrenije i bolje prijatelje. Tako sam jednom došla na zimske ferije. Završavali smo osnovnu školu. Alma i ja smo otišle na brijeg, gdje su se svi grudvali i sankali. Obje smo uživale u zimskim čarima. Pravile smo Snješka. Svi su pomagali, tako da je to na kraju bio ogromni Snješko bijelić. Posle sam imala i nezgodu. Prelazeći preko leda sam se okliznula i pala. Ništa nisam vidjela niti osjećala. Svi su se okupili oko mene. Jedan glas me nježno dozivao. Tada sam ugledala najljepše crne oči. To je bio lijep momak sa crnom kosom i tankim rumenim usnama. To je bio Haris. Držao me je za ruku. Tada sam se uplašila, jer mi je srce hlupalo i ruke se počele znojiti, oblila me vrelina. Mislila sam da se led topi. Pomogao mi je da ustanem, ali nakon par bolnih koraka, našla sam se u njegovom naručju. Odnio me je čak do kuće. Svaki dan su me obilazili Alma i Haris. Tek sam tada primijetila da je onaj nestašni dječačić porastao. Čak je i Alma, koja je uvijek bila stidljiva djevojčica i imala dvije pletenice, izrasla u lijepu djevojku. Posle te zime nisam dolazila na selo sve do pred kraj ljetnih ferija. Bila sam zauzeta upisom u srednju školu. Ja sam upisala Medicinsku, a oni Ekonomsku. Kada sam stigla u selo vidjela sam se sa Almom. Haris nije bio tu - pričala mi je da se sve čudnije ponaša. Da često svrati kod djeda i nene i pita za mene. Razmišljala sam o tome. Čak i kada sam legla u svoj hlad i mirisala ružice. Htjela sam zaspati, odmoriti se od gradske buke, ali nikako nisam mogla prestati razmišljati o njemu. Odjednom mi je neko prekrio oči. Zadrhtala sam. Kada sam se okrenula ponovo sam ugledala one prelijepe crne oči, crnu kosu i rumene usne. To je bio Haris. Pozdravili smo se, a on je otkinuo ružicu i stavio mi je u kosu. Toplo me zagrlio i rekao da sam mu falila. Prekorila sam ga zbog ružice, a on mi je rekao da je ona mnogo ljepša u mojoj kosi i kad uvehne da je sačuvam kao uspomenu na njega. Stvarno je bio čudan. Posle sam to ispričala i Almi. Ona se nije toliko iznenadila. Sunce se spremalo za zalazak kad smo došle u baštu. Tu nas je čekao Haris. U ruci je držao pravu crvenu ružu, poklonio mi ju je. Pričali smo dugo samo nas dvoje. Odao mi je i svoju tajnu, razlog svog čudnog ponašanja. Rekao mi je da me voli. I ja sam to tada shvatila. Tada me prvi put poljubio... Bila sam uzbuđena. Sve sam ispričala mami i neni. One nisu odobravale bilo šta sem prijateljstva sa Harisom, jer smo navodno bili rođaci. A veza među rođacima nije dopuštena. Bila sam razočarana, tužna, osjećala sam se kao kažnjena. Nisam mogla to reći i njemu, već sam napisala pismo koje mu je Alma uručila. Posle mi je rekla da ga je tada vidjela prvi put kako plače. Nisam izlazila iz kuće sve dok nije došlo vrijeme polaska kući

72 Mlado usamljeno drvo / Piccolo albero solitario Od tada sam rjeđe dolazila na selo. Uvijek sam imala neke bezvezne izgovore. Nisam imala hrabrosti! Sa Almom sam često pričala preko telefona. Govorila mi je da je on sada usamljen, da se druži samo sa njom. Za razliku od njega ja sam se trudila naći novo društvo, i u školskim obavezama zaboraviti na njega. I uspjela sam donekle. Sve dok jednom nije došla vijest da je moj djed mnogo bolestan. Odmah smo otišli u selo. Nakon par dana je umro. Bila sam tada kraj njega. Nikada neću zaboraviti taj dan. Za kratko vrijeme kuća se ispunila i znanim i meni nepoznatim ljudima. Nisam se htjela odvajati od mame i nene, ali su tetke Almi naredile da me izvede. Na kućnim vratima sam srela Harisovu majku. Zagrlila me je sa tako mnogo topline. Imala sam osjećaj da razumije moju bol i patnju. Alma i ja smo izašle u dvorište gdje smo bile same. Pokušavala sam se smiriti, kada sam čula korake i okrenula se. To je bio Haris. Donio mi je crvenu ružu. Zagrlila sam ga tako jako. Oboje smo plakali, iako se on trudio ohrabriti me. U tom trenu su došle i naše majke i tetke. Opomenule su ga i rekle da bude oprezan jer ne znaju svi da nismo rodbine. Iznenadilo nas je ovo. Nakon sedam dana, kada su obavljene sve dužnosti koje vjera nalaže, malo sam se smirila. Posle je Haris došao i odveo me do djedove jabuke... Sada se sjećam svega toga, deset godina poslije. Plačem kao i tog dana. I tužna i sretna. U hladu djedove jabuke, sjedim i gledam mirno nebo. U sjećanju me prekinuo zagrljaj. To je moj Haris. Prijalo mi je biti malo u ovoj tišini i sjetiti se svog djetinjstva i početka moje ljubavi. Ali opet se naći u zagrljaju voljene osobe. Shvatila sam da se i u nesreći uvijek nađe malo sreće. Da sve prolazi, ali uspomene i ljubav ostaju. Iako djeda i nene više nema, i dalje volim posjete selu. Obavezno dođem i u hlad djedove jabuke i mirišem nenine ružice... 81

73 Mlado usamljeno drvo / Piccolo albero solitario Maida Mujčinović, Čelić I RICORDI SI RISVEGLIANO Fa caldo. E un pomeriggio d estate. Sento soltanto il ronzio cupo delle api. Anche il cinguettio degli uccelli si è azzittito. Questo silenzio fantasmagorico è turbato dal rumoreggiare delle foglie. Tutto questo mi piace, come anche l odore dell erba verde e il profumo delle piccole rose rosse di nonna. In realtà, queste non sono rose vere, però io le chiamo così. Mia nonna le coltiva nel nostro giardino, ma si trovano anche accanto al mio albero preferito il melo. Oziare nell ombra sotto l albero di mele vicino alle piccole rose, fa risvegliare i miei ricordi. Ehi, mi ricordo che Quando ero piccola, durante le vacanze estive venivo, qui in campagna dai miei nonni. Nel pomeriggio, mentre loro prendevano il caffè, io mi godevo l ombra del melo e odoravo le piccole rose. Non ne ho mai raccolta neanche una. Mi dispiaceva farle appassire. Il nonno aveva piantato il melo il giorno della mia nascita. Spesso giocavo con i bambini del villaggio. Passeggiavamo lungo i campi coltivati, i prati e i boschi. A volte ci piaceva giocare a lungo e rimanere fuori fino a sera. Tra tutti preferivo Alma e Haris. Nella mia vita non ho mai avuto amici più sinceri e più cari. Una volta ero nel villaggio per le vacanze invernali. Era il periodo quando stavamo per finire le scuole medie. Alma ed io eravamo andate sulla collina dove tutti andavano in slitta. Ci piacevano tanto le magie invernali. Abbiamo provato a fare il Pupazzo di neve. Tutti ci aiutavano. Così alla fine abbiamo fatto un Pupazzo di neve enorme. Poco dopo ho avuto un piccolo incidente. Camminando sul terreno ghiacciato sono scivolata e caduta. Non vedevo e non sentivo nulla. Tutti erano intorno a me. Una voce mi chiamava dolcemente. In quel momento ho visto gli occhi più belli in assoluto. Era un bel ragazzo, con i capelli neri e con le labbra sottili e rosse. Quello era Haris. Mi teneva la mano. Per un attimo mi sono spaventata, perché il mio cuore batteva forte e sentivo il sudore sul palmo delle mani. Avevo molto caldo. Pensavo che il ghiaccio si stesse sciogliendo. Haris mi ha aiutato per alzarmi, ma dopo avermi fatto fare un paio di passi, mi ha preso in braccio. E così, mi ha portata fino a casa. Ogni giorno, Alma e Haris venivano a trovarmi. Ho notato che quel ragazzetto vivace era cresciuto. Anche Alma, che è sempre stata una bambina timida con due trecce, era diventata una bella ragazza. Dopo quell inverno non sono andata più in campagna...mi sono iscritta alla scuola superiore di Medicina, loro due invece, di Economia. Appena arrivata nel villaggio ho visto Alma. Haris non c era. Alma mi ha raccontato che Haris aveva iniziato a comportarsi in modo strano Che passava spesso a casa dei miei nonni per chiedere di me. Ho pensato molto a questo. Anche quando mi sono sdraiata al fresco per sentire il profumo delle rose. Mi volevo riposare e addormentarmi dopo il chiasso della città, però non riuscivo a smettere di pensare a lui. All improvviso qualcuno mi ha coperto gli occhi. Ho cominciato a tremare. Quando mi sono girata, di nuovo ho visto i suoi stupendi occhi neri, i capelli neri e le labbra rosse. Quello era Haris. Dopo avermi salutata, lui ha raccolto una piccola rosa e me l ha messa nei capelli. Mi abbracciava col dolcezza dicendomi che gli ero mancata. L ho rimproverato per la rosa, ma lui mi ha detto che la rosa era più bella tra i miei capelli e che la rosa mi avrebbe fatto ricordare di lui. Ho raccontato ad Alma quello che era successo. Lei non si è tanto sorpresa

74 Mlado usamljeno drvo / Piccolo albero solitario Il sole si preparava per il tramonto quando siamo arrivate in giardino. Lì ci aspettava Haris. Nella mano teneva una vera rosa rossa e me l ha regalata. Abbiamo parlato a lungo solo noi due. Mi ha confessato il suo segreto, la ragione del suo strano comportamento.mi ha detto che mi amava. In quel momento ho capito tutto. Quella volta mi ha baciata per prima volta Ero emozionata. Subito ho raccontato tutto a mamma e a nonna. Loro mi hanno vietato di frequentarlo dicendomi di lasciare che fosse solo amicizia perché, probabilmente, eravamo parenti. Cosi tra noi non si poteva creare una relazione amorosa. Delusa e triste, mi sentivo come punita. Non potevo dire tutto ad Haris così gli ho scritto una lettera. E stata Alma a portargliela. Lei mi ha detto che per la prima volta ha visto piangere Haris. Da quel momento non sono uscita più di casa, finché non è arrivato il momento del ritorno. Andavo sempre meno in campagna. Trovavo in continuazione delle scuse banali. Non avevo il coraggio! Parlavo spesso al telefono con Alma. Mi diceva che lui si sentiva isolato, che frequentava solo lei. A differenza di lui, io mi sforzavo di fare delle nuove amicizie e di nascondermi dentro tanti impegni scolastici, per dimenticarlo.. A dire la verità, ci ero anche un po riuscita. Finché non è arrivata la notizia che mio nonno si era ammalato e siamo partiti subito per raggiungere il villaggio. Dopo qualche giorno il nonno è morto. Quel giorno stavo vicino a lui. Non dimenticherò mai il giorno della sua scomparsa. In breve tempo la casa si è riempita di gente che conoscevamo, ma anche di gente a noi sconosciuta. Non volevo staccarmi da mamma e nonna, ma loro avevano detto ad Alma di portarmi fuori. All entrata di casa ho incontrato la madre di Haris. Mi ha abbracciato con tanta dolcezza. Avevo la sensazione che capisse il mio dolore e la mia disperazione. Alma ed io stavamo in giardino. Mentre cercavo di calmarmi, ho sentito dei passi dietro di me, mi sono girata. Era Haris. Mi ha portato una rosa rossa. L ho abbracciato fortemente. Piangevamo tutti e due, anche se lui cercava di incoraggiarmi. In quel momento erano uscite fuori anche le nostre madri e le zie. Avevano detto a lui di essere attento perché ci sono quelli che sanno che noi non eravamo i parenti. Questo ci aveva sorpresi. Sette giorni dopo, finiti i rituali religiosi, mi sono calmata un po. Haris venne per portarmi sotto il melo di mio nonno Adesso mi sto ricordando tutto questo, dieci anni dopo. Piango come quel giorno. Sono triste, ma anche felice. Ero seduta all ombra del melo di nonno, per guardare il cielo sereno Dal ricordo mi risvegliò un abbraccio. Era il mio Haris. Quanto è piacevole sentire di nuovo quella tranquillità ed essere poi tra le braccia della persona amata. Così ho capito che è possibile trovare un po di fortuna anche nella disgrazia, che tutto passa, solo i ricordi e l amore rimangono. Anche se i nonni non ci sono più, ancora mi piace andare in campagna. Ogni volta mi fermo all ombra del melo di nonno per sentire il profumo delle piccole rose di nonna 83

75 Mlado usamljeno drvo / Piccolo albero solitario Živan Tomić, Lopare POVRATAK U SJEĆANJE Sa pogledom na doline, srce igra od miline. Sa pogledom na proplanke, pamtim riječi moje majke. Prisjeti se bar po nekad, kad' budeš u bijelom svijetu, miris cvijeća, plodne njive, jato ptica u svom letu. Sada kad' sam opet tu, osjećaje srce budi. Zašto li sam otišao, sad se pitam, sad se čudim. Živan Tomić, Lopare IL RITORNO NEL RICORDO Con lo sguardo verso le pianure, il cuore sta ballando dal piacere. Con lo sguardo verso le radure mi ricordo quello che diceva mia madre. Ricordati qualche volta, quando sarai da qualche parte nel mondo, il profumo dei fiori, i terreni fertili e il volo degli uccelli. Adesso che sono ancora qui, il cuore sta risvegliando i ricordi. Perché sono andato via ora mi chiedo, ora mi meraviglio. 84

76 Najbolji prijatelji / Migliori amici - Ajiša Delić, Sapna BEKIR I GARO / BEKIR E GARO PRIJATELJSTVO / L AMICIZIA 10 86

77 Najbolji prijatelji / Migliori amici Besida Sejdinović, Sapna BEKIR I GARO - Devetero je... - Devetero, devetero oštenila, - otac nije ni završio, a Bekir je već istrčao na vrata i pojurio prema slami u kojoj se oštenila keruša. Nedugo zatim pojavio se na vratima i držeći u rukama jedno štene, još slijepo i drhtavo. - Pa, što si ga uzim'o! Mogla te je Cinda ujesti, - počeli su vikati na njeg otac i mati. - Ma, otkud da će me ujesti! Njega sam uzeo, prvi mi je onjušio ruku i uzeo moj prst u usta, - pravdao se Bekir. - To je zato što je gladan. Haj'mo ga sad vratiti da ga mati nahrani, - govorio je otac, ali se Bekir protivio. Jedva su ga ubijedili da vrati štene. - Kakav je crn, zvaću ga Garo. Ovaj je moj, babo! govorio je Bekir iznoseći štene iz kuće. Nekoliko sedmica poslije dvorište je bilo prepuno štenadi, koja su lajala i jurila Bekira koji nije ispuštao Garu iz ruku. Ali su polahko sva ta štenad, njih osam, našla svoje nove vlasnike, jer je Cinda bila jedna od najboljih lovačkih pasa u tom okrugu i svi su se otimali da dođu do nekog od njenih štenadi. U početku ih je žalila, ali je znala da će biti tu u blizini i da ih može vidjeti kad god poželi, jer je vlasnik, Bekirov otac, nije vezao. Bekir Garu nije dao: On ostaje sa mnom, gdje ja tu i on! bio je uporan. Otac mu je udovoljio i kao iskusan lovac znao je da će Garo jednog dana izrasti u odličnog lovačkog psa. Na to je sve ukazivalo izgled, uši, pogled, način na koji se igra sa Bekirom... Cinda je mirno ležala i gledala kako se njeno štene igra sa Bekirom, kojeg je također voljela i vjerovala mu. A prijateljstvo i povezanost između Bekira i Gare je rasla iz dana u dan. Toliko su se saživjeli da je Garo išao da spava tek kada bi Bekir zaspao, a kada je nagodinu Bekir krenuo u školu, Garo bi ostajao kod kuće i čekao ga da se vrati. - Šta misliš da ga povedem u lov sutra? predložio je otac Bekiru pokazujući na Garu, - možeš i ti sa mnom ako hoćeš, ne moramo ići daleko. - Važi! bio je oduševljen prijedlogom Bekir, - on će biti najbolji lovački pas kojeg si ikad vidio, babo, vidjet ćeš! Rano ujutro su krenuli. Bekir je bio još pospan i malo je trebalo da odustane, ali kad je čuo Garin lavež, za tren je se digao iz kreveta i bio spreman za polazak. Pješačili su prema jezeru s namjerom da love divlje patke. Garo i Cinda su bili zajedno. Stalno su skretali s puta, nestajali u žbunju i ponovo se vraćali. Garo se htio igrati, dok je Cinda bila na vrhuncu svog zadatka njušila je i osmatrala. Garo ju je s vremenom počeo oponašati pa je i on postao mirniji, osluškivao, podizao njušku u zrak i njušio divljač. - Imat će Garo dobru učiteljicu. Vidi ih kakav su tandem, - pokaza otac Bekiru na njih dvoje. - Ali Garo će biti bolji, - ostajao je Bekir pri svome. Stigli su na jezero i Cinda je po navici uskočila u travu odakle su poletjele patke. Otac je ispalio dva hica i dvije patke su pale u vodu. Cinda je odmah krenula i uhvatila jednu od njih, a Garo je stajao na obali i nije kretao po drugu patku. - Donesio je, Garo, - govorio mu je Bekir, ali se Garo samo vrtio i nikako nije htio da uđe u vodu. - Pa on se plaši vode! povikao je Bekir i počeo se smijati zajedno sa ocem. Da li je smijeh ili pak to što je vidio svoju majku kako vješto izvlači pogođenu patku iz vode uticalo na Garu, ali se i on odvažio, skočio u vodu te je ubrzo iznio plijen na obalu. Ispustio je patku na tle, stresao se i ponovo je uzeo među zube. 87

78 Najbolji prijatelji / Migliori amici Kada mu je Bekir htio uzeti patku i pohvaliti ga, Garo je počeo da trče okolo izbjegavajući Bekira htio je da se igra, kako su se i ranije u travi ispred kuće igrali otimajući se za cipelu, plišanu lutku ili za probijenu loptu, koju je Garo probio svojim zubima. Bekiru je odgovarala igra, a onda se lavežom oglasila Cinda i Garo priđe te pred Bekirovog oca ispusti patku i sjede baš kao i njegova mati poslušno mašući repom. Otac ih oboje pomilova i iz torbe izvadi dvije kobasice i dade oboma po jednu. Patke je smjestio u torbu, a onda je naložio vatru i odlučio da tu doručkuju. Kući su se vratili oko podne i Bekir je bio zadovoljan kako se Garo pokazao prvi put u lovu. Cijele sedmice je samo o tome govorio. A onda se desilo da su tri vuka napala stado ovaca komšije Selima i pri tom ubili i ranili nekoliko ovaca. Te večeri kerovi u selu zavijali su, lajali do iznemoglosti, ali niko sa sigurnošću ne bi mogao reći da li je to bilo iz straha, zbog zova predaka ili zbog nečeg trećeg. Bekir je u tom horu laveža prepoznao Garino sigurno i odvažno lajanje. Stariji su prepoznali šta znači taj lavež i otjerali su vukove, ali je šteta ipak bila načinjena. Moralo se u hajku, druge nije bilo. Otac je nekoliko puta odlazio sa drugim lovcima u šumu s namjerom da pronađu i ubiju vukove, ali svaki put bezuspješno. Kerove nisu vodili, jer su znali da im oni tu ne mogu ništa pomoći, a Cinda svjesna opasnosti, koja bi je zadesila ako bi pošla, počela se skrivati i tužno cviliti. A Garo k'o Garo svaku priliku je koristio da se igra sa Bekirom. Nakon sedam dana otac je ponovo krenuo u lov i poveo je Garu. Bekir ovog puta nije išao, jer je bio malo prehlađen. Ostao je kod kuće i vrijeme provodio u krevetu pijući čaj s limunom i tablete. Počelo se smrkavati, a otac se još nije vratio. Bekir se počeo brinuti, ne za oca, nego za Garu. A kad se otac napokon pojavio, Gare nije bilo. - Samo ga je nestalo, - govorio je otac, - tražili smo ga i dozivali, ali Gari ni traga ni glasa. Morali smo krenuti kući kad se smrklo. Bekira je porazila činjenica da Gare više nema i to ga je dotuklo. Prehlada se pretvorila u pravu gripu i čitavih sedam dana proveo je s povišenom temperaturom i drhteći od groznice zbog koje je buncao. Dozivao je Garu, nudio ga da jede raznim jelima, zvao ga da donese poderanu loptu, slao ga po ubijenu patku... Katkad bi u pola noći skočio i vikao: Lezi! Trči! Donesi! Nakon sedam dana malo se oporavio i upitao oca da Garu uvede u kuću. Sve što je otac mogao reći bilo je jedno Ali..., a onda se pokupio i izašao napolje. Bekir je počeo plakati... Pred veče istog dana pojavio se Garo izmoren i gladan zacvilio je pred kućom. Svi su se skupili oko njega, a otac ga je unio u kuću i napravio mu ležaj pored Bekirovog. Nahranili su ga i napojili, a onda ga je otac okupao i previo mu prednju desnu šapu, koja je bila malo povrijeđena. Bekiru je odmah bilo lakše i zaspao je s jednom rukom na Garinoj glavi. Probudili su se sutradan oko podne. Garo je ponovo jeo - baš je bio gladan. Bekir ga je zadovoljno mazio. Sve se vratilo na staro igra i veselje. To je trajalo do očevog sljedećeg polaska u lov. Kad su se lovci okupili ispred njihove kuće, Garo se izbezumio lajao je i vrtio repom, sav uznemiren. Svi su ga s čuđenjem gledali. - Babo, on hoće da ga pratite! Tako je i bilo posjedali su u dva džipa i krenuli za Garom. Sve vrijeme je trčao i ponovo se vraćao usmjeravajući lovce da ga prate. Kada su napustili vozila, Garo je ponovo nastavio da laje i insistirao da ga prate. Pratili su ga skoro dva sata do u duboku šumu, a onda se on umirio prestao je da laje i pažljivo se počeo prikradati. Lovci su ga pratili i ponašali se skoro kao i on. A onda je Garo stao i zagledao se u pećinu udaljenu pedesetak metara. Lovci su krenuli prema njoj bila je to jazbina u kojoj su boravili vukovi. Trenutno nisu bili tu. Lovci su se rasporedili i napravili čeku. Petnaestak minuta poslije pojavio se čopor od šest vukova

79 Najbolji prijatelji / Migliori amici Svirajući i galameći lovci su džipovima upali u selo veselje nisu mogli sakriti. U prikolicama oba džipa ležala su po tri vuka, ali jedini lavež koji se čuo bio je onaj Garin. On je bio pravi heroj ovog lovačkog pohoda. Svima je bilo jasno da je sedam dana, koliko je bio odsutan od kuće, proveo uhodeći vukove sve dok nije otkrio jazbinu u kojoj su se krili. Svi oni koji su imali ovce u tom kraju sada su mogli da odahnu, jer je zahvaljujući Gari opasnost sada otklonjena. Te večeri svi su bili sretni, ali niko kao Bekir.- Znao sam! Šta sam vam govorio! A kakvi će tek biti mali Garići! hvalio se Bekir i grlio Garu i na svaku riječ koju je izgovorio pristizalo je odobrenje prisutnih lovaca. Besida Sejdinović, Sapna BEKIR E GARO - Sono in nove - Nove, nove - Ha fatto nove cuccioli- il padre non aveva ancora finito la frase, che Bekir era già nella stalla dove la cagna Cinda, aveva fatto i cuccioli. Dopo un po' e' apparso sulla porta tenendo uno dei cuccioli, ancora cieco e tremante. - Ma perché l' hai preso? Cinda poteva morderti,- hanno gridato il padre e la madre. - Lei non mi morderà mai! Ho preso lui perché e stato il primo ad annusarmi la mano e a leccarmi le dita, spiegava Bekir. - E' perché ha fame. Portiamolo dalla madre, -gli diceva il padre, però Bekir non gli dava ascolto. Con difficoltà gli hanno fatto capire che il cucciolo doveva stare con la madre. - E' così nero, lo chiamerò Garo. Questo e' il mio, papà! diceva Bekir portando via il cagnolino. Alcune settimane più tardi il giardino era pieno dei cuccioli, che abbaiavano e correvano dietro Bekir, ma lui teneva Garo sempre in braccio. Pian piano, tutti i cuccioli, otto, hanno trovato i loro padroni, anche perche Cinda era il più bravo cane da caccia nella regione e tutti volevano avere uno dei suoi cuccioli. All' inizio Cinda era triste, ma sapeva che i cuccioli rimanevano nelle vicinanze e che li avrebbe potuti vedere quando voleva, anche perche il suo padrone, il padre di Bekir, non la legava mai. Bekir non dava Garo via: Lui rimane con me, dove vado io- va pure lui! - insisteva Bekir. Il padre lo accontentava e da bravo cacciatore sapeva che Garo un giorno sarebbe stato un' ottimo cane da caccia. Tutto faceva pensare che sarebbe stato proprio così - lo sguardo, le orecchie, il modo di giocare con Bekir Cinda stava sdraiata e guardava come il suo cucciolo giocava con Bekir di cui aveva fiducia e che amava. L' amicizia e il legame tra Garo e Bekir ogni giorno crescevano. Erano cosi vicini che Garo non andava a dormire prima che Bekir si addormentasse, e quando Bekir l' anno successivo ha iniziato la scuola, Garo stava a casa aspettando che tornasse. 89

80 Najbolji prijatelji / Migliori amici - Che ne pensi, lo porto a caccia domani?- ha proposto il padre a Bekir indicando Garo,- puoi venire anche tu se vuoi, non dobbiamo andare troppo lontano. - Va bene!- Bekir era entusiasta della proposta,- lui sarà il più bravo cane da caccia papà, vedrai! Sono partiti di mattina presto. Bekir ancora aveva sonno ma quando ha sentito Garo, subito si è alzato dal letto, pronto per la partenza. Sono andati verso il lago con l' intenzione di cacciare le anatre selvatiche. Garo e Cinda stavano insieme. Continuamente sparivano nei cespugli per poi tornare sulla strada. Garo voleva giocare mentre Cinda era concentrata sul suo compitoannusava e osservava. Dopo un po' di tempo, Garo iniziò ad imitarla e così anche lui si calmò, stava in ascolto, alzava il muso e annusava. - Garo ha una brava insegnante. Guarda che coppia disse il padre a Bekir. - Però, Garo diventerà più bravo,- Bekir insisteva. Raggiunto il lago Cinda, come d abitudine, si e' buttata nell' erba da dove emersero anatre selvatiche. Il padre di Bekir ha sparato due colpi e due anatre caddero nell' acqua. Cinda si e' subito mossa per andare a prenderne una, ma Garo rimaneva sulla sponda del lago e non si muoveva per prendere l' altra anatra. - Portacela Garo,- gli diceva Bekir, però Garo girava intorno ma non voleva entrare nell' acqua. per niente. - Ha paura dell' acqua!- ha gridato Bekir ed ha riso con il padre. Forse per la risata, forse perché ha visto sua madre che con sicurezza tirava fuori dall acqua l' anatra colpita, anche lui si fece coraggio e si buttò dentro l' acqua e portò la preda sulla riva. Ha lasciato l' anatra per terra, si e' scrollato un po d acqua da dosso e l' ha presa di nuovo tra i denti. Garo voleva giocare con Bekir ma Cinda gli ha abbaiato e Garo ha messo l' anatra davanti il padre di Bekir e si è seduto come aveva fatto la sua mamma scodinzolando..tornati a casa verso mezzogiorno Bekir era contento per come si era comportato Garo nella caccia. Per tutta la settimana ha parlato solo di quello. Poi' e' successo che tre lupi hanno attaccato un branco di pecore del vicino Selim e gli hanno ammazzato e ferito alcune pecore. Quella sera nel villaggio i cani hanno abbaiato, però nessuno poteva dire se era perché avevano paura per il richiamo degli antenati o per qualcos' altro. Bekir ha riconosciuto dentro quel coro l' abbaiare sicuro e coraggioso di Garo che ha cacciato via i lupi, ma il danno era fatto. I vecchi dovevano andare a dare la caccia ai lupi, non c' era altra soluzionema quella volta non hanno portato i cani sapendo che era troppo pericoloso.. Dopo una settimana il padre andò di nuovo in caccia e portò Garo con se. Questa volta Bekir non poteva andare perché aveva il raffreddore. Rimase a casa passando il tempo nel letto bevendo il te' con limone e prendendo le medicine. Bekir stava in pensiero, non per il padre, ma per Garo. Quando finalmente il padre apparse, Garo non era con lui. - Semplicemente è scomparso,- disse il padre,- l' abbiamo cercato e chiamato, ma Garo non si è fatto vivo. Quando si e' fatto buio siamo dovuti tornare a casa. Bekir era distrutto perchè Garo non c'era piu'. Il raffreddore e' diventato un' influenza grave e per tutta la settimana ha avuto la febbre alta e vaneggiava. Chiamava Garo, gli offriva da mangiare A volte nel mezzo della notte saltava e sgridava: Siediti! Portamelo! Stai fermo! dopo sette giorni è stato ricoverato ed ha chiesto al padre di portargli Garo. Il padre e' riuscito a dire soltanto un Pero' e poi' e' andato via. Bekir ha pianto 90

81 Najbolji prijatelji / Migliori amici Quella stessa sera Garo e' ritornato - stanco e affamato abbaiava davanti alla casa. Tutti sono corsi fuori a prenderlo e lo hanno sistemato accanto a Bekir. Gli hanno dato da mangiare e da bere, il padre di Bekir gli ha medicato la zampa destra ferita. Bekir si e' subito sentito meglio, e si e' addormentato con la mano sulla testa di Garo. Si sono svegliati il giorno dopo verso mezzogiorno. Garo ha mangiato di nuovo - aveva veramente fame. Bekir lo accarezzava contento. Tutto era tornato come prima- il gioco e la felicità. Dopo pochi giorni i cacciatori si sono riuniti davanti casa di Bekir, e Garo fuori di se'- abbaiava, e si agitava. Tutti lo guardavano sorpresi. -Papà, lui vuole che lo seguiate! E' cosi i cacciatori si sono divisi in due macchine e lo hanno seguito. Per tutto il tempo Garo ha corso assicurandosi che i cacciatori lo seguivano. Dopo quasi due ore sono arrivati nella foresta profonda, e allora Garo si calmò- smise di abbaiare e con prudenza cominciò a muoversi pian piano. I cacciatori lo seguivano e si comportavano quasi come lui. Ad un certo punto Garo si fermò e guardò verso una caverna lontana una cinquantina di metri da loro. I cacciatori si avvicinarono alla caverna- era li dove abitavano i lupi. Al momento non c'erano ma i cacciatori si sono organizzati ed hanno atteso. Dopo un quarto d' ora è arrivato un branco di sei lupi. Suonando e urlando i cacciatori sono ritornati al villaggio non potevano nascondere la loro gioia. Avevano catturato tutti i lupi e li avevano portati con loro, l' abbaio di Garo si sentiva forte. Era lui il vero eroe di questa avventura di caccia. Era chiaro a tutti che in quei sette giorni che era stato via aveva inseguito i lupi finché non ha scoperto la caverna dove si nascondevano. Tutti quelli che avevano le pecore da quelle parti adesso potevano stare tranquilli, grazie a Garo il pericolo non c era più. Quella sera tutti erano contenti, ma nessuno era contento come Bekir. -Lo sapevo io! Cosa vi dicevo! E come saranno i piccoli di Garo!- si vantava Bekir e stringeva forte Garo e per ogni sua parola detta i cacciatori approvavano

82 Najbolji prijatelji / Migliori amici Spasoje Bobar, Šekovići PRIJATELJSTVO Prijatelji?... Ko su zapravo prijatelji? Postoji bezbroj odgovora na ovo naizgled jednostavno pitanje. Jedni tvrde da pravi prijatelji zapravo i ne postoje i da će vam svako, kad-tad, ma koliko se činio dobrim, zabiti nož u leđa, a drugi opet vjeruju da prava prijateljstva postoje tj. da postoje ljudi koji će sa vama dijeliti i sreću i tugu, koji će sa vama biti i u dobru i u zlu. Da bi ti neko bio prijatelj, prvo mora biti čovjek. Biti čovjek, najteže je ostvariti u životu. Neki taj cilj pokušavaju ostvariti cijeli svoj život. Ono što sam ja naučio kroz život je da biti čovjek znači, ako možeš da odvojiš komad hljeba za sirotinju i da vidiš kako osmjeh zadovoljstva prekriva njihova lica, ako možeš kap vode da podijeliš sa svojim bližnjim, ako možeš da odoliš prevari, zlodjelu, ljubomori i pohlepi, ako si svjestan svojih mana, ali isto tako i vrlina, to znači biti čovjek. Ako možeš da oprostiš i onima koji su učinili zlo; ako možeš da izgradiš svoju budućnost a da pritom ne uništavaš prirodu i ono što nam je ona podarila VJERUJ, BIĆEŠ ČOVJEK! U životu svakog od nas postoji mnogo trenutaka koje ne možemo proći sami, a sve i da je tih trenutaka mnogo manje, ljepše ih je podijeliti s nekim. Jer svi znamo da ćemo sa dvije ruke podići mnogo veći teret, nego jednom rukom, zato treba uvijek imati nekog sa kim ćemo dijeliti sve. Prijateljstvo vrijedi velikih odricanja i žrtava. U njemu ne treba samo uzimati, već i davati i to u najvećoj mogućoj mjeri. Treba ga održavati, njegovati i ne dati mu da se raspadne...mada se pravo prijateljstvo neće raspasti tako lako. Teško je naći pravog prijatelja koji je uz vas, čak i kada bi želio da bude negdje drugdje, onog ko će vas pitati kako ste i sačekati vaš odgovor, koji zna sve o vama, a i dalje vas voli...e to je PRAVI PRIJATELJ. Kad pomislim kako bi moj život bio prazan bez prijatelja, pa često kažem da je čovjek koji ima prijatelje, zapravo bogat čovjek. I za kraj, mogu vam samo poručiti da, ako nemate prijatelja - potražite ga, jer dvije su prave čovjekove nesreće - NEMATI ZDRAVLJA I NEMATI PRIJATELJA

83 Najbolji prijatelji / Migliori amici Spasoje Bobar, Šekovići L AMICIZIA Gli amici Chi sono veramente gli amici? Ci sono molte risposte a questa domanda, apparentemente semplice. Alcuni sostengono che i veri amici, a dir il vero, non esistono e che chiunque, prima o poi, anche se sembra molto buono, ti infilerà il coltello nella schiena. Invece altri credono che la vera amicizia esiste, cioè che esistono esseri umani che con voi condivideranno sia la felicità sia la tristezza, quelli che con voi rimarranno nel male e nel bene. Per poter essere un amico, prima di tutto devi essere un vero uomo. Essere uomo è la cosa più difficile da realizzare nella vita. Alcune persone, per tutta la vita tentano di raggiungere questo obbiettivo. Quello che ho imparato io durante la mia vita è che essere un vero uomo significa essere in grado di mettere da parte un pezzo di pane per i più poveri e vedere come il sorriso del piacere copre i loro visi, riuscire a dividere una goccia d acqua con i tuoi cari, riuscire a resistere al tradimento, alla gelosia, all avidità, significa essere consapevole dei tuoi difetti, come anche dei pregi, questo significa essere un uomo. Se sei capace a perdonare coloro che ti hanno fatto del male, se riesci a costruire il tuo futuro senza distruggere la natura e quello che essa ci ha regalato, CREDI, SARAI UN UOMO! Nella vita di ciascuno di noi ci sono molti momenti che non riusciamo a trascorrere da soli, e anche se questi momenti possono essere pochi è sempre più bello condividerli con qualcuno. Tutti sappiamo che con due braccia alzeremmo un peso molto più pesante che facendolo da soli, perciò bisogna sempre avere qualcuno con cui si può condividere tutto. Per l amicizia vale la pena rinunciare a qualcosa e sacrificarsi. Nell amicizia non bisogna soltanto ricevere, ma anche dare, dare il più possibile. L amicizia va preservata, curata, e non bisogna mai permettere che si spezzi anche se la vera amicizia non si può spezzare facilmente. E difficile trovare un vero amico che rimarrà con te anche quando magari voleva essere da qualche altra parte, quello che ti chiederà come stai e aspetterà la tua risposta, quello che sa tutto di te, però continua a volerti bene E QUESTO UN VERO AMICO. Se penso a come sarebbe stata vuota la mia vita senza gli amici per questo dico spesso che un uomo che ha degli amici, è un uomo ricco. Alla fine, posso dirvi solamente che, se non avete un amico cercatelo, perché per un uomo esistono due sole disgrazie NON AVERE LA SALUTE E NON AVERE UN AMICO. 93

84 Pala magla / E cadde la nebbia - Vladan Radivojević, Šekovići ŽIVOTNA GREŠKA /L'ERRORE DELLA VITA SUNCE UVIJEK IZAĐE / Il SOLE SORGE SEMPRE 10 94

85 Pala magla / E cadde la nebbia Slavenka Savić, Lopare ŽIVOTNA GREŠKA Kao i svako ljudsko biće napravila sam dosta grešaka u životu. To su pretežno sitnije greškice, ali ipak su povrijedile odredjene ljude. Čovjek je grešan od samog postanka. On u sebi nosi praroditeljski grijeh, grijeh Adama i Eve. Ovdje konkretno, radi se o dogadjaju od prije nešto više od godinu dana. Sve je započelo jednog divnog predvečerja. Sjećam se, bilo je to kasno proljeće, tačnije početak juna. Ugledala sam ga pored kafića. Stajao je naslonjen na zid i zainteresovano posmatrao ljude i stvari oko sebe. Sam pogled na njega budio je u meni neki čudni nemir i neobjašnjivo drhtanje u srcu. Njegova razbarušena crna kosa lagano je vijorila na toplom noćnom vjetriću. Prošla sam pored njega sa nekolicinom drugarica, a on nas je ispratio prodornim pogledom svojih zelenih očiju. Nekako mi se činilo da se njegov pogled najduže zadržao baš na meni. Moje drugarice su se po običaju smijale i nešto živo pričale, dok sam ja bila ćutljiva i zamišljena. Poslije nešto više od sat vremena vratila sam se sa svojom najboljom drugaricom. I dalje je stajao na istom mjestu i istim zainteresovanim pogledom posmatrao okolinu. Činilo mi se samo da mu je kosa bila razbarušenija, a oči dublje i toplije. Odjednom, svoj pogled je usmjerio na mene. Zagledao se direktno u moje oči. Iz kafića su se, u tom momentu, začuli prvi taktovi pjesme "Jedina moja" Divljih jagoda. Stajali smo i gledali se neko vrijeme, a tada mi je on prišao i nasmijao se. Srce mi je užasno brzo lupalo, a noge su prijetile da me izdaju. Činilo mi se da u tom trenutku nisam znala ni kako se zovem. Rekao mi je da se zove Robert i da ima devetnaest godina. I ja sam se uspjela povratiti iz onog svog čudnog "beztežinskog stanja" i predstaviti mu se. Tada smo započeli prijatan razgovor, koji smo nastavili šetajući dugim i poprilično pustim šetalištem. Nije bilo teme koje se nismo dotakli i činilo mi se da ga znam sto godina. Bio je rodom iz Španije, tačnije iz Madrida, ali je veoma dobro govorio srpski jezik jer mu je majka bila Srpkinja. Svake godine dolazio je ovdje, u rodno mjesto svoje majke i ostajao koliko mu je škola to dozvoljavala. Svaku veče imali smo neki svoj mali ritual. Provodili smo po nekad i po cijeli dan zajedno, a kada bi se smračilo išli smo u duge šetnje. Gradom su već kružile priče da imam momka "malog Španca", kako su ga zvale dežurne gradske tračare. Naravno, to me ni najmanje nije doticalo. Poslije šetnje bi me dopratio kući, poljubio, rekao da sam najljepša djevojka na svijetu i da će me nazvati. Mojim drugaricama nije promaklo kako se moje oči sjaje i kako sam skoro uvijek raspoložena i vesela. Nema sumnje, tada sam bila veoma srećna... i zaljubljena. Uskoro je i Robi otišao nazad u Madrid. Nakon prelijepa dva mjeseca sve se moralo prekinuti. Na rastanku mi je kupio prelijepu bijelu ružu, rekao mi je da me voli i da ga ne zaboravim. Plakala sam. To su bile moje prve suze prolivene za momkom. Dani bez njega tekli su sporo i jednolično. Uveseljavli su me samo njegovi pozivi i mnogobrojne SMS poruke, kojih sam dobijala desetak-dvadesetak na dan. Vrijeme je prolazilo, a Robi mi se sve redje javljao. Prošlo bi ponekad i tri dana sa me ne nazove. Iako sam znala da ima puno obaveza na fakultetu, bila sam jako tužna zbog toga. Nisam nigdje izlazila. Stalno sam bila u kući, čitala njegove poruke i tugovala. Te večeri odlučila sam da izadjem i šetnju sa Sašom, svojim drugom. Znala sam da Saša gaji osjećanja prema meni, ali sam se jednostavno pravila da to ne primjećujem. Bilo me je baš briga za njegova osjećanja, u njemu sam vidjela isključivo druga. 95

86 Pala magla / E cadde la nebbia Vodeći se tom mišlju izašla sam sa njim u šetnju. Saša je svo vrijeme pričao neke anegdote kako bi me nasmijao i oraspoložio. Smijala sam se, i na trenutak sam zaboravila na Roberta. U jednom momentu, baš na mjestu gdje me Robert prvi put poljubio, Saša je učinio to isto. Poljubio me je. Nisam se tome nadala, pa sam mu nesvjesno uzvratila poljubac. Vratila sam se kući ispunjena osjećajem krivice. Znala sam da me Robert nije vidio, ali ipak sam imala neki čudan osjećaj u vezi svega toga. Jutro mi nije donijelo olakšanje. Probudila me je uporna zvonjava na ulaznim vratima. Otišla sam do njih i kada sam ih otvorila nikoga nije bilo. Tiho sam opsovala, kada sam na pragu ugledala bijelu kovertu adresiranu na moje ime. Pismo je bilo od Robija i ja sam se mnogo obradovala. Osmjeh mi se zaledio na usnama kada sam počela čitati pismo. Napisao je kako me je vidio sinoć sa Sašom i kako sam ga strašno razočarala. Navodno je došao na vikend zbog mene, a zatekao me je sa drugim... i to baš na našem mjestu. Krenula sam ka telefonu, a suze su se slijevale niz moje lice. Glas Robijeve bake vratio me u stvarnost. Rekla mi je da je on jutros otputovao i da ga više ne tražim. Plakala sam danima i napisala more pisama i poruka. Robert ni na jedno nije odgovorio. Nikad ga više nisam vidjela. I dalje ga volim, ali sam naučila da živim sa tim. Samo Bog zna koliko sam mrzila Sašu tokom proteklog perioda. Više to nije tako. Da mi nije prijao Sašin poljubac i da ga nisam željela, jednostavno bih se odmakla. Ovako, iznenađenje mi je predstavljalo samo izgovor. Kajem se. Da mogu da vratim vrijeme, uradila bih drugačije, sigurna sam. I sada, kada čujem pjesmu "Jedina moja", zaplačem. Skoro dvije godine je prošlo, a ja ga još uvijek volim... nažalost. Ali, na greškama se uči i vrijeme sve liječi pa će i ovaj bol i ova ljubav nekada nestati... nadam se. 96

87 Slavenka Savić, Lopare Pala magla / E cadde la nebbia L'ERRORE DELLA VITA Come ogni essere umano ho fatto molti errori nella vita. Per lo più errori piccoli, ma che hanno fatto del male ad alcune persone. L' uomo è porta il peccato dentro di se dalla sua origine il peccato di Adamo e Eva. In questo caso, concretamente, si tratta di un avvenimento accaduto un po più di un anno. Tutto è incominciato in una serata meravigliosa. Mi ricordo, era primavera inoltrata, per la precisione l' inizio di giugno. L' avevo visto accanto al bar. Stava appoggiato al muro. Solo uno sguardo verso di lui aveva risvegliato in me una strana inquietudine ed un inspiegabile tremore nel cuore. I suoi capelli neri e scomposti, pian pianino sventolavano con il venticello caldo. Ero passata vicino a lui con alcune amiche, e lui ci ha accompagnate con lo sguardo penetrante dei suoi occhi verdi. In qualche modo ho avuto la sensazione che il suo sguardo si fosse fermato più a lungo proprio su di me. Le mie amiche per abitudine ridevano e chiacchieravano vivacemente, mentre io ero taciturna e pensierosa. Dopo poco più di un ora sono tornata con la mia miglior amica. Lui stava ancora al suo posto e con lo stesso, identico sguardo interessato, osservava le vicinanze. Mi è sembrato che avesse soltanto i capelli arruffati, e gli occhi più profondi e più calorosi. All' improvviso, il suo sguardo si era riposto su di me. Aveva lo sguardo verso miei occhi. In quel momento nel bar si sono sentite le prime battute della canzone L' unica mia dal gruppo musicale di nome Le fragole selvagge. Ci siamo guardati per un po di tempo, e poi si è avvicinato e mi ha sorriso. Il cuore mi batteva tremendamente in fretta, e le gambe minacciavano di abbandonarmi. In quel momento mi sembrava di ricordare neanche il mio nome. Mi ha detto che si chiamava Robert e che aveva vent' anni. Ed io riuscii a riprendermi dal mio strano stato di imponderabilità e così mi sono presentata. Abbiamo iniziato una conversazione piacevole, che abbiamo continuato passeggiando lungo il viale abbastanza deserto. Non c' era un tema che non abbiamo toccato, e mi sembrava di conoscerlo da mille anni. Il suo paese nativo era la Spagna, Madrid, però parlava molto bene la lingua serba perché sua madre è Serba. Ogni anno veniva qui nel paese nativo di sua madre e rimaneva finché la scuola glielo permetteva. Ogni sera avevamo un nostro piccolo rito. Qualche volta trascorrevamo anche tutto il giorno insieme, e quando si faceva buio andavamo a fare lunghe passeggiate. In città circolava già la voce che avevo un ragazzo uno piccolo Spagnolo, come lo chiamavano le chiacchierone. Naturalmente, le chiacchiere non mi toccavano minimamente. Dopo le passeggiate mi accompagnava a casa, mi dava un bacio e mi diceva che ero la ragazza più bella del mondo e che mi avrebbe telefonato. Alle mie amiche non era sfuggito come luccicavano i miei occhi, come ero quasi sempre di buon umore e allegra. Non c'era dubbio, in quel periodo ero tanto felice... e innamorata. Presto Robi è ritornato a Madrid. Dopo due mesi meravigliosi tutto si doveva interrompere. Nel giorno dell' addio mi ha regalato una bellissima rosa bianca e mi ha detto che mi amava e di non dimenticarlo. Piangevo. Erano le mie prime lacrime versate per un ragazzo. I giorni senza di lui passavano lentamente sempre uguali

88 Pala magla / E cadde la nebbia Mi rallegravano soltanto le sue telefonate e i molti messaggi, ricevevo dieci - venti messaggi al giorno. Il tempo passava e Robi si faceva vivo sempre meno. Ogni tanto passavano anche tre giorni prima che mi chiamasse. Anche se sapevo che aveva molti impegni all' Università, ero molto triste di non sentirlo. Non andavo da nessuna parte. Stavo sempre a casa, leggevo i suoi messaggi e mi rattristavo. Una sera ho deciso di uscire per fare una passeggiata con il mio amico Saša. Sapevo che Saša nutriva dei sentimenti nei miei confronti, però io semplicemente facevo finta di niente. Non badavo molto ai suoi sentimenti, lui per me era esclusivamente un amico. Con questa idea sono uscita con lui, per fere una passeggiata. Tutto il tempo Saša mi ha raccontato barzellette per farmi ridere e rasserenarmi. Ridevo, al momento ero riuscita a dimenticare Roberto. All' improvviso, proprio dove Roberto mi aveva dato il primo bacio, Saša ha fatto la stessa cosa. Mi ha baciata. E siccome non mi aspettavo una cosa del genere ho contraccambiato il bacio. Sono tornata a casa con un senso di colpa. Sapevo che Roberto non mi aveva vista, però avvertivo un sensazione strana riguardo tutto quello che era successo. La mattina seguente non mi ha portato il sollievo. Mi ha svegliata il suono insistente dalla porta principale. Mi sono avviata verso la porta, e quando l' ho aperta non c' era nessuno. Imprecavo sottovoce quando ho visto, sulla soglia, una busta bianca indirizzata a me. La lettera era di Robi ed io mi sono rallegrata tanto. Il mio sorriso sulle labbra si è ghiacciato quando ho cominciato a leggere la lettera. Mi ha scritto che ieri sera mi ha vista con Saša e che l ho terribilmente deluso. Da quanto si dice, lui era venuto per il fine settimana per vedermi, però mi ha visto mentre stavo con un altro... e poi, proprio nel nostro posto. Sono andata verso il telefono mentre le lacrime si spargevano sul mio viso. La voce della nonna di Robi mi ha fatto tornare alla realtà. Mi ha detto che lui era partito quella mattina e di non cercarlo più. Ho pianto per giorni e ho scritto un mare di lettere e messaggi. Robert non ha mai risposto. Non l ho rivisto mai più. Lo amo ancora, però ho imparato a convivere con questo fatto. Solo Dio sa quanto ho odiato Saša nel periodo successivo. Adesso non è più così. Se non mi fosse piaciuto il bacio di Saša e se non lo avessi desiderato, semplicemente mi sarei allontanata. Cosi, per me, la sorpresa rappresentava la scusa. Mi sono pentita. Se potessi tornare indietro nel tempo farei tutto diversamente, sono sicura. Mi sono pentita. Anche ora, quando sento la canzone L' unica mia comincio ha piangere. Sono passati quasi due anni e io lo amo ancora... purtroppo. Però impariamo sugli errori e il tempo cura tutto, cosi anche questo dolore e questo amore un giorno svanirà... spero

89 Pala magla / E cadde la nebbia Slavenka Simić, Lopare SUNCE UVIJEK IZAĐE Rasu se magla iznad sela koje još uvijek drijema, samo se katkad čuje oštri vjetar koji rasipa lišće po putu. Sunce se promoli iznad planina i svjetlošću pozlati krovove kuća, ali mir i tišina u selu nestaju kad počne žurba pred novi dan. Svi su nekako bili raspoloženi zbog vedrine dana, samo se jednoj samohranoj majci činilo da neće naći svjetlost. Sin joj je doživio saobraćajnu nesreću i ostaće slijep ako ga ne operišu! Kroz glavu joj svakog minuta prolazi misao da će njen sin puno patiti. Međutim, nije odustajala, svo vrijeme je razmišljala kako da plati operaciju. Kako dan brzo prolazi, morala je otići u apoteku radi lijekova. U apoteci primijeti da je neki čovjek čudno gleda. Nakon dužeg posmatranja, shvati da je to njen prijatelj iz školskih dana. Pozdravi je i počeše pričati. Primijeti da je nervozna i upita zašto. Istog trenutka poče plakati i reče da joj je sin mnogo bolestan i da nema novca da plati operaciju. On će biti njena izgubljena svjetlost. Obećao je da će dati novac za operaciju. Majci je laknulo, jer će joj sin progledati. Kao što svakog jutra sunce odluči da nam osvijetli dan, tako uvijek postoje rješenja problema. Ne treba gubiti nadu. Treba dobro otvoriti oči jer je ponekad rješenje pred njima. Slavenka Simić, Lopare Il SOLE SORGE SEMPRE Si è sparpagliata la nebbia sopra il villaggio che dorme ancora, si sente solo ogni tanto il vento tagliente che fa volare le foglie per la strada. Tutti erano in qualche modo di buon umore per la serenità del giorno, soltanto ad una madre sembrava di non poter trovare la luce. Suo figlio aveva avuto un incidente e rimarrà cieco se non lo operano! Ogni secondo le passava per la testa il pensiero che suo figlio avrebbe sofferto tanto. Però, non si arrendeva, tutto il tempo cercava di trovare un modo per poter pagare l' operazione. Il giorno passava velocemente, lei è andata in farmacia a prendere le medicine. Nella farmacia c' era un uomo che la guardava in un modo strano.. Dopo un pò di tempo che si guardavano, ha capito che quello era un suo amico dei giorni di scuola. Si sono salutati e hanno iniziato a parlare. Lui aveva percepito che lei era nervosa e le ha chiesto il perché. Lei ha subito cominciato a piangere e gli ha raccontato che suo figlio stava molto male e che non aveva i soldi per pagare l' operazione. Quell' uomo era la sua luce persa. Le ha promesso che le avrebbe dato i soldi per l' operazione e che suo figlio avrebbe riacquistato la vista. Come il sole ogni mattina decide di darci la luce, così esiste sempre la soluzione di un problema. Non bisogna perdere la speranza. Bisogna aprire gli occhi per bene, perché spesso la soluzione sta davanti a noi. 99

90 Pijesak / Sabbia - Srebrenica DOBRI TRENUCI NA SIVOJ OBALI / I MOMENTI BELLI SULLA COSTA GRIGIA 100

91 Pijesak / Sabbia Zumra Salihović, Sapna DOBRI TRENUCI NA SIVOJ OBALI Tamo, baš na tom mjestu smo provodili najviše vremena. Bila je to obala mora na koju smo dolazili radi zabave, na druga mjesta nismo išli, jer ipak su to bila teška vremena. Jedva da je ko imao dobar hljeb da jede. Ali sve oko nas ljudi, priroda, nasmijana lica činila su da zaboravimo na glad i bijedu... Nedaleko od obale bila je škola u koju su išla samo ona djeca iz bogatih porodica i koja se nisu družila s nama, uvijek su govorili da nisu naš nivo. Ta djeca nisu dolazila na obalu. Ali negdje u sebi znam da su i oni žudili da jednog dana potrče obalom bez brige da li će ih roditelji vidjeti i kazniti zbog toga. Na obali je ipak bilo najviše nas djece koji smo trkali naokolo bez ikakve brige i problema. Svakog dana imali smo jaču želju za životom i jači motiv za život. Svakog popodneva smo se sastajali na jednom mjestu blizu šume i djelili neke komadiće hljeba koje smo imali, neko je imao više, neko manje, ali u svakom slučaju djelili smo ih na iste djelove. Ponekad bi neko donio i malo džema, koji je bio pravi užitak koji smo rijetko jeli. Bilo je to nezaboravno djetinjstvo. Na prvi pogled teško, ali u svakom slučaju nezaboravno. Sada kad se sjećam toga, ipak se sjećam samo lijepih trenutaka, koje iako bi mogla ne bih promijenila ni za šta na svijetu. Uskoro je počeo rat. Svakog dana je bilo manje ljudi na tom mjestu, dok jednog dana nisu prestali da dolaze. Ali mi djeca još uvijek smo se iskupljali tamo. Ipak rat je mogao uništiti bezbrižno djetinjstvo, ali prijateljstvo nije. Bar ja mislim da nije uništio prijateljstvo. Djeca su i dalje žudila za druženjem i igrom. U toku rata morala sam otići iz zemlje sa svojim roditeljima. Svakog dana su bili jači i češći napadi na naše selo tako da moji roditelji nisu imali drugog izbora nego da odemo svi zajedno iz zemlje. Jednostavno, taj odlazak je bio neizbježan. Taj dan, kada smo trebali ići, kiša je padala neobično dugo, bez prestanka. Svi moji drugovi i drugarice došli su da me isprate, bio je tužan i bolan rastanak. Naravno, otišla sam sa nadom da ću se jednog dana vratiti i da ćemo se ponovo sastati i djeliti dobre i loše trenutke. Družina se raspadala, svako je morao ići na svoju stranu. Iako sam imala samo devet godina, dobro se sjećam tog perioda djetinstva. U drugoj državi sam odrasla, završila školu i fakultet. Mnogo sam učila i trudila sam se da budem najbolja. Po završetku srednje škole ravnomjerno sam radila i išla na fakultet. Završila sam fakultet i našla bolji posao sa većom platom. Međutim, ni novi prijatelji, ni novo društvo nije moglo učiniti to da zaboravim svoje prijatelje. Radila sam još par godina i da bi skupila nešto novca. Sa dvadeset četiri godine vratila sam se u rodno mjesto... ali tamo, tamo više nije bilo nasmijanih lica, niti sretnih ljudi - bili su to namrgođeni i ozbiljni ljudi. Tražila sam svoje prijatelje, ali bezuspješno. Otišla sam na obalu s nadom da ću tamo nekog sresti, ali ni tamo nije bilo nikog. Stajala sam tamo sama, bez igdje ikog, a oko mene su samo bili tragovi ljudi, tragovi koji više nikuda ne vode. Koji više nemaju nikakvo značenje. U jednom trenutku bila sam sretna, jer sam mislila da su možda i oni otišli negdje i da su sada sretni s novim društvom, ali sama pomisao da su zaboravili naše druženje me tjerala u plač. Ni škola više nije bila kao nekad. Blizu obale su izgrađene neke fabrike koje su zagađivale čisti vazduh oko obale. I ta šuma nije imala svoju čar kao nekad - činilo mi se da je tužna i da bi i ona zaplakala. Došla su loša vremena, zapravo to nisu loša vremena, već loši ljudi, bez srca. Iako su možda ljudi imali novca to nije to, ljudi nisu sretni. Djeca se ne zabavljaju kao nekad mi, sada imaju internet i igrice. Malo vremena odvajaju na druženje s drugom djecom i nisu više tako sretna i zadovoljna. Mnoga djeca su se odala alkoholu i duhanu. Stalno se takmiče ko je nešto bolje obukao ili ko ima više novca. Za njih je najbitnije da budu šmekeri i da nekog osramote. Život je postao tako surov, a ljudi u njemu tako nesretni.. 101

92 Pijesak / Sabbia Ljudi su zaboravili na život koji smo nekada živjeli, život pun sreće, radosti, ljubavi, sada žive nekim životom punim mržnje u kojem je samo novac bitan. Nema više pravih prijatelja koji su spremni učiniti sve jedni za druge. Ne mogu da shvatim kako su ljudi zaboravili da su u životu bitne male stvari. Sada kad je obala prazna više nije lijepa kao nekad, nema neku čar koju je ranije imala. Zumra Salihović, Sapna I MOMENTI BELLI SULLA COSTA GRIGIA Li, proprio al posto dove abbiamo trascorso la maggior parte del nostro tempo. Era la costa sul mare dove andavamo per divertirci, altri luoghi non ci interessavano perché erano tempi molto difficili. Raramente qualcuno aveva il pane da mangiare. Però, attorno a noi la gente, la natura, i visi sorridenti facevano dimenticare la fame e la miseria Non lontano dalla costa c era la scuola in cui andavano i bambini delle ricche famiglie, che non giocavano con noi, dicevano sempre di essere ad altro livello. Quei bambini non venivano sulla costa. Però sapevo dentro di me che avrebbero voluto un giorno correre sulla costa senza la paura del castigo dei genitori. Comunque, sulla costa c eravamo noi, bambini, correvamo e non avevamo tante preoccupazioni, ogni giorno avevamo una voglia di vivere più forte un più forte motivo di vivere. Ogni pomeriggio ci incontravamo vicino alla foresta e dividevamo pezzetti di pane che avevamo, qualcuno ne aveva di più, qualcuno di meno, però in ogni caso lo dividevamo in parti uguali. A volte qualcuno portava un po' di marmellata, che era un vizio meraviglioso e che mangiavamo raramente. Era l' infanzia, indimenticabile. Ora, quando ricordo, mi vengono soltanto in mente i momenti belli, che anche se potessi non cambierei per niente al mondo. Poi e' cominciata la guerra. C' era sempre meno gente in quel luogo, finché un giorno tutti smisero di venirci. Noi bambini ancora ci incontravamo là. La guerra poteva distruggere la mia giovinezza, ma non l' amicizia. Io penso che non l' ha distrutta. I bambini ancora volevano incontrarsi e giocare insieme. Durante la guerra io dovevo andare via dal paese con i miei genitori. Ogni giorno gli attacchi erano sempre più numerosi e sempre più forti così i miei genitori non hanno avuto altra scelta che andarsene dal paese. Semplicemente, quella partenza era inevitabile. Quel giorno della partenza, pioveva senza sosta. Tutti i miei amici e le amiche venivano a salutarmi, era un' addio triste e doloroso. Certo, sono andata via con la speranza che un giorno sarei tornata e che ci saremmo incontrati di nuovo e che avremmo diviso tutti i momenti sia quelli belli che quelli brutti. La compagnia cadeva a pezzi, ognuno doveva andare dalla sua parte. Anche se avevo solo nove anni, mi ricordo bene quel periodo. Sono cresciuta in un altro paese, ho finito la scuola e l' università. Ho studiato tanto e ho cercato di essere la migliore. Dopo aver finito la scuola lavoravo e andavo all'università' contemporaneamente. 102

93 Pijesak / Sabbia Mi sono laureata ed ho trovato un buon lavoro con un buon stipendio. Però, neanche i nuovi amici, la nuova compagnia non mi ha fatto dimenticare i miei vecchi amici. Ho lavorato ancora per alcuni anni per guadagnare dei soldi. A ventiquattro anni sono tornata nel paese dove sono nata pero lì, lì non c'erano più i visi sorridenti, non c'erano persone felici- tutti erano molto seri. Ho cercato i miei amici, ma senza successo. Sono andata sulla costa sperando di incontrare qualcuno, ma non c'era nessuno. Ci sono stata a lungo, da sola, attorno a me c erano tracce di gente, tracce che non portavano da nessuna parte. Che non hanno più un significato. Ad un certo punto mi sono sentita felice perché ho pensato che forse anche loro erano andati da qualche altra parte dove sono contenti con nuovi amici, però il pensiero che avessero dimenticato la nostra amicizia mi faceva piangere. Neanche la scuola era come una volta. Vicino alla costa hanno costruito fabbriche che contaminano l' aria pulita li attorno. La foresta non aveva più la magia come allora, sembrava triste, come se volesse piangere. Sono arrivati i tempi cattivi, ma non sono stati i tempi cattivi, ma gli uomini, senza cuore. Anche se hanno soldi, questo non conta, non sono felici. I bambini non si divertono come facevamo noi all' epoca, adesso hanno Internet e giochi. Hanno poco tempo per giocare con altri bambini e non sono più felici e contenti. Tanti ragazzi Abusano di alcol e sigarette. Stanno sempre in competizione su chi si veste meglio e chi ha più denaro. Per loro e' più importante essere fighi e mettere in imbarazzo gli altri. La vita e' diventata così crudele e le persone che vivono li sono così infelici. Gli uomini hanno dimenticato la vita com' era prima, una vita felice, gioiosa, con tanto amore, adesso vivono una vita piena d' odio, dove conta solo il denaro. Non ci sono più i veri amici che sono capaci di fare tutto uno per l' altro. Non riesco a capire come abbiano potuto dimenticare che nella vita contano le piccole cose. Adesso, la costa e' vuota e non ha la bellezza dei tempi passati, non ha quella magia del passato 103

94 Il viaggio nel tempo / Put kroz vrijeme - Tajma Sipković, Mostar JOŠ JEDNA U NIZU.../ ANCORA UNA DI SEGUITO... BEZ NADE U BOLJE SUTRA / SENZA LA SPERANZA PER UNA VITA MIGLIORE 104

95 Marija Popović, Lopare Il viaggio nel tempo / Put kroz vrijeme JOŠ JEDNA U NIZU... Noć. Još jedna u nizu naizgled obična. I ja sam mislila da je tako. Sređivala sam fioku svojih misli i naišla na jednu staru ali još uvijek prisutnu. Baš me je iznenadilo što je nisam izbacila. Ali vjerujem da bih je negdje ponovo pokupila. U njoj su sve više misli o životu. Šta je to? Čujem od nekoga da je neko umro. Čujem i zaboravim. Takvih je vijesti puno. I onda pomislim-koliko u suštini jedan život znači? Pomislim o svom dnevnom rasporedu i sjetim se da će sve jednom nestati, da će biti zaboravljene, da će se jednom nešto dešavati, a ja neću biti tu da to vidim. I zadrhtala sam. Ispustila sam tu misao, namjerno, ne želim da krasi moju fioku više. I opet, po ko zna koji put, tanke niti su bile dovoljne da je spasu od tada. I ponovo se uvukla u svaki djelić mene. Svemir,beskraj. I ja sam samo neko zalutalo zrno u odnosu na sve to. I ponovo se osjećam tako bitno. Osjećam da mi je dovoljno da me bar samo neko voli da bi se iz zrna razvilo nešto više. A jednom će vjetar jače duvati i odnijeti sva ta zrna. I šta će onda ostati? U tom trenutku osjetih deja vu. Ovo je već ispričana priča. I šta je onda život? Svi smo mi dospjeli u ovozemaljsku baštu koja se zove život. Staze kojima hodamo su različite, prepliću se i razilaze, i mi tečemo kao vrijeme, radujemo se, smijemo se, patimo i bolujemo. Na svom životnom putu susrećemo puno osoba koje nam postaju saputnici. Kada se vozimo vozom, neki uđu u njega i voze se dio puta sa nama. Zatim siđu i nastave dalje svojim putem. Neki dođu prije, neki kasnije. I trajanje našeg zajedničkog putovanja nam bude nepoznato. Za neke poželimo da siđu na idućoj stanici. Za druge da ostanu pored nas sve do kraja vožnje. Zapravo, ja smatram da od života treba uzeti maksimum. Treba cijeniti male stvari ali i uvijek težiti ka višem. Vrlo rijetko se pojavljuju prilike u kojim odjednom možemo učiniti puno. Na neuspjehe ne treba gledati kao na poraze, već kao šansu da nešto naučimo, ispravimo i u budućnosti ne ponovimo. Usponi i padovi u životu se smjenjuju kao dan i noć, jer svaka strana ima svoju kontra stranu. Jedno je sigurno,život ima rok trajanja. Zbog toga treba živiti život punim plućima. Posvetite se sebi, ali i drugima...radujete se, ali i obradujte. Volite, ali i zaslužite da budete voljeni. Ostavite svoj trag, svoj pečat...jer to je život! Ja biram život, a vi? 105

96 Il viaggio nel tempo / Put kroz vrijeme Marija Popović, Lopare ANCORA UNA DI SEGUITO... Una notte. Ancora una di seguito, apparentemente semplice. Anch io pensavo che fosse così. Mettevo a posto il cassetto dei miei pensieri e ho trovato un pensiero vecchio, ma ancora presente. Mi ha sorpreso il fatto che non l avevo ancora buttato via. Però credo che, anche se l avessi buttato, l avrei ritrovato di nuovo da qualche parte. contiene le riflessioni della vita. Che cosa era quello? Qualcuno mi diceva che una persona era morta. Lo sentivo e lo dimenticavo. Esistono tantissime notizie come questa. E allora mi passava per la mente la domanda - quanto in sostanza vale una vita? Poi mi veniva in mente la mia agenda quotidiana che mi faceva ricordare che un giorno sarebbe svanito tutto, che tutto sarebbe stato dimenticato, che un giorno sarebbe accaduto qualcosa che io non avrei mai potuto vedere, perché non ci sarei stato più. Iniziai a tremare. Avevo tralasciato intenzionalmente questo pensiero, non volevo averlo nel mio cassetto. E ancora, per l ennesima volta, bastavano dei fili sottilissimi per salvarlo. E di nuovo si era infilato in ogni particina di me. Il cosmo, l eternità. Anch io sono solo un granello che si è perso in tutto questo. E mi sentivo nuovamente, cosi importante. Sentivo che sarebbe bastato l amore di qualcuno per far crescere il granello in qualcosa di più noto grande. Però un giorno succederà che il vento soffierà più forte e porterà via tutti questi granelli. E allora che cosa rimarrà? In quel momento ho avuto la sensazione di aver già sentito tutto questo. Questa storia è già stata raccontata. Mi chiedevo, che cosa è la vita? Tutti noi siamo venuti nel giardino di questo mondo che si chiama la vita. Le strade sulle quali camminiamo sono tante, si intrecciano e si separano, e noi scorriamo come il tempo, ci sentiamo felici, ridiamo, soffriamo e ci ammaliamo. Durante il nostro viaggio della vita incontriamo molte persone che ci accompagnano. Quando viaggiamo in treno, alcuni salgono e trascorrono con noi una parte del loro viaggio poi, scendono e proseguono per la loro strada. Qualcuno viene prima, qualcuno dopo. E la durata del nostro viaggio comune rimane sconosciuta. Guardando alcuni, viene il desiderio di farli scendere subito alla fermata successiva, con altri invece vorremmo che rimanessero accanto a noi finché non finisce il viaggio. A dire il vero, io ritengo che bisogna prendere il massimo dalla vita. E necessario rispettare anche le cose piccole, ma pure tendere a salire sempre più in alto. Raramente si presentano le occasioni che ci permettono di poter fare subito molto. Un insuccesso non va visto come una sconfitta, ma come una possibilità per imparare qualcosa, per correggere delle cose e per non ripetere gli stessi errori. Nella vita le salite e le cadute si scambiano, come il giorno e la notte, perché ogni parte ha la sua controparte. Una cosa è certa, la vita ha una data di scadenza. E per questo bisogna viverla in pieno. Dedicatevi a voi, però anche agli altri... Siate felici e rallegratevi. Amate, ma impegnatevi per meritare l amore degli altri. Lasciate la vostra traccia, la vostra impronta... perchè questa è la vita! Io scelgo la vita, e voi? 106

97 Il viaggio nel tempo / Put kroz vrijeme Midheta Salihović, Sapna BEZ NADE U BOLJE SUTRA - Zašto sam preživio? Odjednom. Bez ikakvog razloga pitanje koje sam slušala posljednjih nekoliko mjeseci i ono veče sam čula. - Sreća, - odgovarala sam mu uvijek. A on bi tada samo okrenuo svoju sijedu glavu prema onoj vatri koja je gorjela tu među teškim vagonima prošlosti. I postajao čovjek sa grubim, surovim izrazom lica kojim je odbijao od sebe. Znam da mu je bio potreban neko ko zna slušati, bez obzira da li je taj neko shvatio i jednu jedinu riječ. Ali, ja jesam!!! Bolje nego što je on mogao pretpostaviti. Znam, pričao je o ratu, tom kobnom vremenu koje nikome nikakvo dobro nije donijelo, samo tugu, bol i nesreću. Nekome više od drugih, nažalost. Moj prijatelj je bio od onih manje srećnih ljudi. Njegova prošlost, koja mu je i odredila sadašnjost i budućnost zarobila ga je tamo gdje je izgubio sve što je imao. Često se pitao, zašto živi. Zašto je baš njega sudbina odabrala da još bude među živima, iako on to nije? Zašto njegov prijatelj Hasan nije preživio? Jer, njega su čekali svi - i majka i sestre, i sreća njegovog života, lijepa Alma, i njihovi sinovi. U jednoj od tih priča rekao mi je da nikada ne može zaboraviti reakciju Hasanove porodice, kada je došao sa vijestima o njegovoj smrti, i saznanje da im je uništio svaku nadu koja je živjela u njima. Shvatila sam, nakon toliko godina da je njihovo okretanje i odlazak napravilo novog čovjeka od njega. Čovjeka bez osjećanja, koji je počeo svoj usamljenički život. Život bez imalo iznaneđenja koje bi došlo kao svjetlo na kraju tunela ili pak voz koji mu ide u susret. Ne svojom voljom, već okolnostima koje su ga primorale na to, bez poznatih lica oko sebe, bez želje za bolje sutra.. Zašto li sam se sjetila njega, nakon svih ovih godina? I tada shvatam - on živi u meni, njegov nesretan život i pesimizam meni su podsjetnik da ima tamo negdje i previše nesretnih ljudi koji žive za jučer i nemaju nade u sutra, da čovjek treba živjeti danas, uživati u sitnicama i pored svega toga imati nekog uz sebe. Jer nije lahko doživjeti starost sam, nemati nikoga koga ćeš gledati kako spava ili jednostavno uživati u tišini sa voljenim bićem. 107

98 Il viaggio nel tempo / Put kroz vrijeme Midheta Salihović, Sapna SENZA LA SPERANZA PER UNA VITA MIGLIORE - Perché sono sopravissuto? All improvviso. Senza nessuna ragione, la domanda che sentivo spesso negli ultimi mesi, l ho sentita anche quella sera. - Per fortuna, - gli rispondevo sempre. E lui in quel momento girava quella sua testa con i capelli bianchi verso quel fuoco che bruciava proprio lì, tra le pesanti carrozze del passato. E diventava un uomo con l espressione del viso ruvida e brutale, con la quale allontanava gli altri da sé. So che aveva bisogno di qualcuno che sapeva ascoltarlo, anche se quel qualcuno non avrebbe capito ne anche una parola. Però io capivo!!! Più di quello che lui poteva supporre. Lo so, parlava della guerra, di quel periodo terribile, che non ha portato bene a nessuno, solo tristezza, dolore, disgrazia, a qualcuno più di altri purtroppo.. Il mio amico era uno di quelle persone meno fortunate. Il suo passato, che gli aveva segnato il presente e il futuro lo aveva anche imprigionato lì dove aveva perso tutto. Spesso si domandava perché il destino ha scelto proprio lui per farlo rimanere ancora tra i vivi, anche se lui non lo era? Perché il suo amico Hasan non è sopravissuto? Tutti aspettavano proprio lui, la madre, la sorella e la gioia della sua vita, la bella Alma e i loro figli. In uno di quei racconti mi aveva detto che non sarebbe mai riuscito a dimenticare la reazione della famiglia di Hasan quando gli ha dato la notizia della sua morte, e la consapevolezza di avergli distrutto ogni speranza che viveva in loro. Ho capito, dopo molti anni che la loro partenza aveva fatto di lui un uomo nuovo. L uomo senza emozioni, che in quel momento ha iniziato la sua vita solitaria. La vita senza neanche un briciolo di sorpresa che poteva arrivare come la luce alla fine del tunnel, oppure come un treno che gli veniva incontro. Senza più la volontà, senza i visi conosciuti intorno a lui, senza il desiderio per un miglior futuro Chi lo sa perché mi sono ricordata di lui dopo tutti questi anni? E allora capii, perché lui vive dentro di me, la sua vita sfortunata e il suo pessimismo per me sono l agenda per ricordarmi che ci sono troppe persone infelici, che vivono per ieri e non hanno la speranza del domani, che l essere umano deve vivere oggi, godersi le piccole cose, e a parte tutto questo deve avere qualcuno accanto a se. Perché non è facile arrivare alla vecchiaia da solo, non avendo nessuno che ti guarda quando dormi o semplicemente senza avere il piacere di stare in silenzio con la persona amata. 108

99 Rascvjetani most / Ponte in fiore - Admir Sarić, Mostar PAS GILE / IL CANE GILE DUO / DUETTO

100 Dušica Kovačević, Lopare Rascvjetani most / Ponte in fiore PAS GILE Tih dana bijaše veoma suvo i sparno vrijeme. Tipično za avgust. Seljaci su željno iščekivali kišu. Jako sunce je pržilo i sušilo sve usjeve. Seljaci bi proklinjali i ovu državu i onaj dan kad su se rodili, samo da bi nekoga okrivili za ovakvo vrijeme. Petar je bio jedan od onih koji su ćutali i radili. Bio je visoko i stasito momče, kao i većina svojih vršnjaka. Imao je crnu kosu i sjajne crne oči koje su bile pune topline. Često je išao do čika Mileta, starog, dobrog mlinara, koji mu je kao djed. Čika Mile je uvijek branio Petra, govoreći: Nije moj Petran kriv, kriv je taj i taj. Ja sam ga svojijem očima vidio. I tu prestaje priča. Sa njim se niko nije mogao svađati, jer je on bio veoma mudar čovjek, a seljaci su ga poštovali. Petar nije volio da ga čika Mile zove Petran, ali je već navikao. Jednog dana Petar je došao kod mlinara dok je ovaj bio duboko u poslu. Dobar dan, čika Mile! Kako smo danas? A starac se kao nešto prepade, pa skoči sa stolice. O pa ko mi je doš o! Nisi bio odavno kod mene. Imam uvijek nekog posla. Mor o sam okopati baštu. A kad sam već ovdje, mogu ti nešto uradit. Pa, sad ne treba ništa. Davnijeh dana sam ja završio pos o. Al dođi vamo da ti nešto pokažem. I tad uđoše u jednu sobicu u kojoj je bilo veoma hladno. Bilo je sve razbacano. U jednom uglu ležao je čupavi žuti psić. Dlaka mu je bila raščupana, a sa jedne strane je bilo nešto ulijepljeno. Podigao je glavu i veselo zamahao repom. To je za tebe. Juče sam ga uzeo. Ali moraš ga dobro paziti. Hvala. Ali ne znam kako ću reći ocu. On mi nikad ne bi dopustio da ga držim. Ali nekako ću se snaći. Kad se pozdravio sa čika Miletom, Petar je sa psom otišao kući. Putem je razmišljao kako da ga zove. Nazvao ga je Gile. Kad je stigao kući, Petar je ocu pokazao psa. Naravno, nije mu odobrio, rekao je da to pseto neće ostati u kući. Međutim, Petar je shvatio da je pas samo njegova odgovornost. Kad je počela jesen i pala konačno kiša, djeca su već krenula u školu. Počeli su novi poslovi oko kuće, ali Petar se samo brinuo za psa. Kad je jednom došao kući, Petar Gileta nije vidio ni u kući ni oko kuće. Ni sljedećih nekoliko dana nije dolazio. I tako prođe jedno dvadesetak dana, a od Gileta ni traga ni glasa. Gile mu je bio i čuvar, i miljenik, a samo je njega razumio. Šta ti je? Otac ga je to pitao jednog dana, ali je ranije shvatio šta je problem. Tada kao da je otac imao razumijevanja. Zajedno je s njim išao da traže Gileta. Posle dva dana, Gileta je našao čika Mile. Našao ga je mršavog, izgladnjelog i skroz prljavog. Odužiću ti se ja! To je Petar rekao mlinaru čim ga je ugledao. Tih dana Petar je više brinuo za Gileta, njega niko nije razumio, ali je radost došla tek na kraju, kad je Petar dobio dvije petice tog dana. Gile mu je zaista davao neku snagu. Kad je s njim, sve mu ide od ruke, a kad Gile nije dobro, ni Petar se nije dobro osjećao. A sve je to stari mlinar znao. 111

101 Rascvjetani most / Ponte in fiore I posle mnogo godina, Gile je bio podrška Petru. Jednom, kad se vratio od čika Mileta, našao je Gileta mrtvog. Ležao je u postelji nepomično, mrtav hladan. Glava mu je bila blago naklonjena, kao da spava. Petar ga je sahranio blizu mlina čika Mileta gdje ga je stari mlinar i našao. Dušica Kovačević, Lopare IL CANE GILE In quei giorni il tempo era molto secco e afoso. Tipico di agosto. I contadini con molta ansia aspettavano la pioggia. Il forte sole bruciava e seccava tutti i campi seminati. I contadini avrebbero maledetto questa terra, solo per dare la colpa a qualcuno per questo tempo. Petar era uno di quelli stava zitto e lavorava. Era un ragazzo alto e di bella statura, come era la maggioranza dei suoi coetanei. Aveva i capelli neri e gli occhi nero- brillanti, pieni di calore. Spesso andava dallo zio Mile, un vecchio, buono mugnaio. Lo zio Mile proteggeva sempre Petar, dicendo: Non è colpa di Petran, il colpevole è questo o quello. L' ho visto io con i miei occhi. E lì si chiudeva il caso. Nessuno riusciva a discutere con Mile, perché lui era un uomo molto saggio e i contadini lo rispettavano. A Petar dispiaceva che lo zio Mile lo chiamasse Petran, però col tempo si era abituato a questo. Un giorno era andato da lui mentre lo zio mugnaio era indaffarato. Buon giorno, zio Mile! Come andiamo oggi? E il vecchio saltò facendo finta che di essersi spaventato. Guarda chi c' è! Da tanto che non venivi a trovarmi. Ho sempre qualcosa da fare, ho dovuto zappare l' orto. Ma siccome sono qui potrei aiutarti in qualcosa. Sai, ora non c' è nulla da fare. Da molti giorni ho finito il lavoro. Però vieni qui, ti faccio vedere una cosa. E così sono entrati in una stanzetta dove faceva molto freddo. Tutto era disordinato. In un angolo giaceva un cagnolino giallo e arruffato. Il suo pelo era scarmigliato e da una parte aveva qualcosa di incollato. Alzò la testa e cominciò a fare delle mosse con la coda. E' per te. Ieri l' ho preso. Però devi aver cura di lui. Grazie. Ma non so come dirlo a papà. Lui non mi permetterà mai di tenerlo. cercherò il modo di arrangiarmi. Dopo aver salutato lo zio Mile, Petar andò a casa con il cane. Durante il viaggio pensava come chiamarlo. Lo ha chaimato Gile. 112

102 Rascvjetani most / Ponte in fiore Appena arrivato a casa, ha fatto vedere il cane al padre. Come previsto, suo padre non gli ha dato il permesso di tenerlo. E cosi Petar ha capito che solo lui è era responsabile di Gile. All' arrivo dell' autunno finalmente pioveva, i ragazzi avevano già cominciato ad andare a scuola. Erano iniziati anche i lavori intorno alla casa, però Petar pensava solo come curare il cane. Una volta, quando Petar tornò a casa, Gile non c' era, nè a casa nè intorno alla casa. E non tornò neanche nei giorni successivi. Cosi erano passati circa una ventina di giorni, ma di Gile non c' era nessuna traccia. Gile era la guardia di Petar, il suo preferito, e solo lui lo capiva. Che cosa hai? Gli chiese un giorno suo padre, anche se aveva già capito il problema. In quel momento a Petar sembrava che suo padre lo comprendesse. Così sono usciti insieme a cercare Gile. Due giorni dopo, lo zio Mile trovò Gile.. era dimagrito, affamato e completamente sporco. Sono il tuo debitore! Petar aveva detto subito al mugnaio. In quei giorni Petar si prendeva ancora più cura di Gile, nessuno lo capiva. La gioia era arrivata solo alla fine, quando Petar un giorno aveva preso due volte cinque a scuola. Gile gli dava davvero una certa forza. Stando con lui riusciva a fare tutto. Quando Gile non stava bene, neanche lui si sentiva bene. Il vecchio mugnaio sapeva tutto questo. Per molti anni Gile è stato un sostegno per Petar. Un giorno, Petar tornò a casa dello zio Mile, e trovò Gile morto. Stava sdraiato sul letto come se dormisse. Petar ha seppellito Gile vicino al mulino dello zio Mile, proprio lì dove il vecchio mugnaio l' aveva trovato

103 Rascvjetani most / Ponte in fiore Said Omerović DUO Proljeće je. Grad sunca se kupa u obilju sunčevih zraka što ga zasipaju i grle ga kao da je prošla vječnost od njihovog susreta. Ceremonija je započeta glasnim žuborom Neretve što se silovito spušta kroz grad poigravajući se sa obalama. Ova rijeka, ovaj most su i srce i krv ovog grada - tako različiti, a jedno bez drugog ne bi imali ni svrhu ni smisao, a most je nijemi svjedok tužan, jer ne služi svojoj svrsi. Jutro je. Zrake sunca se poigravaju po sobi malog dječaka prelazeći preko cijele sobe pa onda na njegovo lice kao da ga poziva da se pridruži svečanosti novog dana. Dječak otvori oči i nasmiješi se kao da otpozdravlja suncu. Tog jutra je brže nego inače iskočio iz pidžame i žurno se spustio u kuhinju odakle se širio prijatan miris. - Amare, - povikala je njegova majka - pazi da ne zakasniš! - Ne brini, mama! - uzvratio je on Halapljivo je počistio tanjir, uzeo torbu i uputio se na trening. Krenuo je žurnim korakom, jer nije htio da zakasni prvi dan i pokaže nedisciplinu, jer bi to razljutilo trenera. Prolazio je ulicom otpozdravljaći poznatim licima, udišući svježinu što se širila ulicama. Ovi ljudi, ovaj grad nijemi je svjedok i u njemu je urezano sve, baš sve. Stigao je. Brzo se presvukao i utrčao na teren gdje su se već zagrijavali za prvi dan treninga. Pozdravio je trenera i još nekoliko vršnjaka koje je znao od prije. Rastrčali su se po terenu i u tom trenutku bila je važna samo lopta, ona je bila centar svijeta, jedina stvar bitna u njihovim glavama. - Trasss - začulo se kao grom i rasulo po terenu. U žaru igre Amar je žestoko odgurnuo plavog dječaka u stranu i on je pao kao strijeljan. Tajac. Odjedom je zrak postao tako težak i igra se pretvorila u nešto drugo, nešto demonsko. Amar stoji tako skamenjen ne vjerujući kako igra može da donese tako nešto. Nakon par minuta se pribrao i krenuo sa trenerom do bolnice da vidi šta je sa Hrvojem - tako se zvao plavi dječak kako je saznao od trenera na putu do bolnice. Čekali su par sati u holu bolnice dok se nije pojavio na vratima sa gipsom na desnoj ruci. Prišao mu je onako u delirijumu i najiskrenije mu izjavio izvinjenje. Hrvoje je kliminuo glavom i odjedom su se pred oči ove dvojice dječaka slila sva sjećanja i priče roditelja, filmovi Bosna, nezapamćeni rat o kojem im toliko pune glavu pričama. - Pa on je dječak kao i ja, - odjeknulo je u njihovim glavama skoro istovremeno. U tom trenutku beskrajne granice se spojiše, Neretva spokojna kao nikad, a lijeva i desna obala se stopiše u cjelinu, ako ne zauvijek, a ono barem za tren

104 Said Omerović, Sapna Rascvjetani most / Ponte in fiore DUETTO E la primavera. La città del sole sta facendo il bagno nell abbondanza di raggi del sole che la coprono e la abbracciano come se fosse passata l eternità dal loro ultimo incontro. La cerimonia era iniziata con il forte mormorio del fiume Neretva che impetuosamente scende attraversando la città e giocando con le sponde. Questo fiume e questo ponte sono il cuore e il sangue di questa città così diversi, ma allo stesso tempo uno senza l altro non potrebbero avere nè senso né vita, il ponte è un testimone silenzioso - triste perché non serve al suo scopo. E mattina. I raggi di sole stanno giocando nella stanza di un bambino piccolo, attraversandola tutta per arrivare al suo viso, come per chiamarlo ad unirsi alla festa dell arrivo della nuova giornata. Il bambino apre gli occhi e sorride come per rispondere al saluto del sole. Quella mattina è saltato molto più velocemente dal letto ed era sceso in fretta in cucina, si sentiva un profumo piacevole. - Amar esclamò sua mamma stai attento a non fare tardi! - Non ti preoccupare, mamma rispose lui. Velocemente ha pulito il piatto, poi ha preso la borsa ed è uscito fuori per andare a fare l allenamento. Si era messo in moto con i passi veloci, non voleva essere in ritardo il primo giorno ed essere indisciplinato, questo faceva arrabbiare all allenatore. Passava per strada salutando i volti conosciuti e respirando la freschezza che si distendeva per le strade.. Questa gente, questa città sono i testimoni taciturni, in essa è inciso tutto, proprio tutto. E arrivato. Di corsa si è cambiato e si è precipitato verso il campo, dove già facevano il riscaldamento per il primo giorno di allenamento. Ha salutato l allenatore e qualche coetaneo che conosceva già da prima. Correvano da tutte le parti sul campo e in quel momento era importante solo il pallone, esso era il centro del mondo, l unica cosa importante nelle loro teste. - Trasss. si sentì qualcosa che somigliava al tuono, spargendosi sul terreno. Nell ardore del gioco Amar aveva spinto fortemente il biondino e lui era caduto come colpito Da un fucile. Si fece un silenzio assoluto. All improvviso l aria era diventata molto pesante e il gioco si era trasformato in qualcos altro, in qualcosa di diabolico. Amar si è impietrito, non ci voleva credere che il gioco potesse portare ad una cosa del genere. Dopo qualche minuto si è ripreso e con l allenatore sono partiti verso l ospedale per capire cosa era successo a Hrvoje - cosi si chiamava il ragazzo con i capelli biondi, il suo nome glielo aveva detto l allenatore nel viaggio verso l ospedale. L hanno aspettato per qualche ora nella sala d aspetto dell ospedale finché lui non è apparso alla porta con il braccio destro ingessato. Gli si è avvicinato così come nel delirio e sinceramente si è scusato. Hrvoje ha fatto un cenno con la testa e all improvviso davanti gli occhi di questi due ragazzi sono sbocciati tutti i ricordi, le storie dei genitori, i film Bosnia, l immemorabile guerra con la quale gli riempiono le teste. -Ma lui è un bambino come me ha risuonato nelle loro teste quasi contemporaneamente. In tale momento i confini infiniti si sono uniti, il fiume Neretva diventò tranquillo, e la sponda sinistra si unì con la sponda destra in una unica cosa, se non per sempre, almeno per un attimo. 115

105 Spoj jeseni i zime / L unione di autunno e inverno - Edis Musliji, Čelić STEPENICE IZGUBLJENE LJUBAVI / LA SCALINATA DELL' AMORE PERDUTO DOLAZI ZIMA / E' ARRIVATO L'INVERNO 116

106 Spoj jeseni i zime / L unione di autunno e inverno Samra Salihović, Sapna STEPENICE IZGUBLJENE LJUBAVI Godinu dana je prošlo, a kao da je bilo jučer. Ti si nastavio dalje, a gdje sam ja? Na istom mjestu, koje je nekada pripadalo samo nama. Na mjestu gdje smo koračali zajedno, svaku stepenicu naše ljubavi prekrilo je lišće. Pustio si sve u zaborav. Osjećaš li se ikada usamljeno? Ne, imaš nju. A samo želim odgovore na neka pitanja. Ne trebaš se vraćati, mogu zavaravati sebe i druge govoreći kako te ne želim nazad i kako bih ti rekla ne, a znam da nije tako. Lažem samoj sebi, ali toliko puta sam već razmišljala Znam da se nećeš vratiti I znam da imaš nju i da planirate svoju zajedničku budućnost koju smo nekada mi planirali. Nisam ti tražila da se mijenjaš, voljela sam te takvog kakav jesi i trebala sam te takvog, ali da se i vratiš, pitam se gdje smo, na kojoj tački Polazimo li od nule I ima li smisla, jer ti ne vjerujem više I znam da bi ponovno otišao, a još te volim Bila sam tužna što se rastajemo u tim trenucima... U tvojim očima sam vidjela zračak ljubavi. Rastali smo se ćutke. "Ljubav" - kad izgovorim tu riječ u meni se probudi neko čudno osjećanje. Ne znam, možda još nikada nisam doživjela pravu ljubav, ali svaka pomisao na tebe, budi čežnju i snove. Kroz mene se prolijeva neka bujica sreće i gledam kao kroz maglu, tvoje smeđe oči i smeđu kosu. Ti sreću moju odnese, a srce tebe sve više voli, ostade tuga u srcu mom i moje teške, preteške boli. Ja nemam više nikoga da volim, plačem, ali suza nema. Kažu "plač bez suza teško boli". Da li se nekada zapitaš kako je onda meni? Proklinjem sada sve one dane i duge besane noći koje smo proveli zajedno... Ali pada još jedna teška i sumorna noć, i ovaj put je čekam sama... Razmišljam i nastojim da pokrenem ono bar malo stvarnosti u raskošnoj mašti. Iz dna moje duše dopiru čudni zvuci, kad-kad se čuje i neki trzaj. To je tuga koja je nemilosrdno iskidala moje srce. Utihnu noć na mom prozoru i tiho odluta san. Ja tražim tvoj lik, a znam da ga neću naći. Ostavio si me samu, da sama pronađem izlaz iz vrtloga, iako dobro znaš da ga ja ne mogu naći... Pobjeda je bilo malo, a porazi uvijek pretegnu. Kao kamen povuku, kao žica stegnu. Žene su čudne, pa i kada nam krene volimo biti jadne, unesrećene. A ni mi same ne znamo zašto. Jednostavno je tako. Misli te kazne kad si sam pa te zavrte kao vrtlog, nosim nasmijanu masku, a plačem ispod nje. Moje lice nije lijepo, ali moje lice je moje s ožiljcima od poraza koji mi ne stoje. Puna sam rezova, prekida i pogrešaka. Ranjena, voljena i ponekad iskorištena. Sunce je reklo doći, moram ga dočekati spremna. Ni mjesec nije loš ali bez sunca sam izgubljena. Sutra, bit ću nova, smiješim se tome. I pjesme će biti sretnije, jer nada zadnja tone. U latice svoje, ja stavit ću sve pobjede, stare i otrcane neka ostanu zaključane... Jer nije više riječ o tebi i meni. Riječ je o nekoj mnogo jačoj, višoj sili. Sili koja nam ne da da se spojimo ponovo. Ne da, pa ne da... Taman pomislim na korak sam do sreće, još malkice mi fali da dotaknem nebo, i okruta realnost me vrati na start, na početak. I tako već godinu dana počinjem ispočetka... Volim te svakim danom sve više čini mi se, ali nikako da mi krene na bolje, jer ti imaš nju i ne znaš kako da joj kažeš - Ne. Sada, svaki put me boli tvoje volim te. Nebo zna da volim i ja tebe. Ali me boli, boliš me ti, bole me te dvije riječi, a ne želim da ih prestaneš govoriti. Kada kažeš to, ja se opet osjetim živom. Opet imam osjećanja. Iako zaplačem skoro svaki put kada ih kažeš, nemoj prestajati molim te. A sada kada znam da mi tvoja blizina nije suđena. Ne mogu više, ne mogu ni suzu pusiti, plašim se da ne postanem kamen. Ne želim to. Ako znam da tebe neću imati, nemam više za šta da se borim. Predajem se, baš onako kako sam bila spremna tebi da se predam... Dušom i tijelom. Ali ti nisi umio da shvatiš moja nadanja i očekivanja koja sam imala u vezi sa tim. Sve naše lijepe uspomene si bacio negdje daleko da ih nikada više ne pronađeš kao da želiš na silu sve zaboraviti. 117

107 Spoj jeseni i zime / L unione di autunno e inverno A to je nemoguće, čak i za najhrabrije. I polahko i ja počinjem ostavljati uspomene za sobom, jer ako me nisu znale cijeniti ja se s njima neću radovati, ali neću ni za njima tugovati. Danas gledam u nebo i ne vidim mu boju. Primjećujem samo tmurne oblake u daljini i mislim: biće kiše... I bilo je. I sada dok moja ruka šara po papiru, ona i dalje pada. Pitam se je li to možda on plače, ali ne... Ne zna on pusiti nijednu iskrenu suzu, nikada nije ni znao. Možda je konačno i vrijeme da napišem posljednju priču o tebi. Ti si najveća nesreća moga života. Koliko je samo suza bilo prolivenih zbog tebe, zbog ljubavi koja to nikada i nije bila, zbog sreće koja je bila nesreća, zbog radosti koja je tuga postala. Znam da su niti tvojih grijehova na mom jastuku, znam da umireš za njima i znam da proklinješ sebe što mi govoriš sve ovo, ali ti ne umiješ bolje, a protiv sebe ne možeš. Bila sam ti ona koja je tako vješto umjela da hoda stazama iskušenja, ona sto griješi, oprašta i voli, ona čiju ljubav je teško prepoznati, a kada je prepoznaš ona te odvede u zemlju čuda i bajku bez kraja. Dragi moj, šteta što si posustao na sredini moje priče i što ti se sada gubi svaki trag na putu srećnog završetka... Nemam više sluha za tvoje snove. I ono sluha što je ostalo sačuvaću ljubomorno za svoja sanjarenja. Neka sve ono što nekad poželiš da mi kažeš ostane zaključano, negdje... Ja te proklinjati neću, jer znam da će ti najveća kazna biti kada ti vjetar sve to zaključano donese u misli... I reći ću ti samo jedno za kraj: Neka ti jednom bude kao i meni. I ne, ne moram te nikada više sresti, jer u tebi nikada više neću vidjeti čovjeka. A ja nastavljam živjeti svoj život, koraci se nižu i prelazim još jednu kobniju stepenicu. Ali kao da te nema više, kao da nema više sažaljenja i nadanja u ono što je sad iza mene. Ne osjećam više te strme stepenice. Moj uspon je postala ravnica. Neke me duše prate kroz moj put do vrhunca. Neke označavaju samo usputne stanice, i pomalo tužne na kojima se više ne zadržavam... Zamišljam te ispred sebe dok pišem ove riječi. Konačno sam ti rekla sve što sam odavno nosila u sebi. Osjećam se bolje... I dok stavljam tačku na ove posljednje riječi upućene tebi zamišljam kako se okrećeš od mene i ponovo odlaziš, ali osjećaj da je ovo zauvijek ne nestaje u meni... Idi, jer tako je najbolje. Umorna sam od poraza koji me uz tebe prate... Neizbježno je mora se polahko, tužno vučem korake svoje kao da lebdim putem prekrivenim opalim lišćem ovoga jutra. Brišem iz sjećanje sve one lijepe trenutke i nastavljam dalje. Ali sada sama koračam ovim putem u bolje sutra. I ne plašim se jer sada sam sigurnija u sebe i znam da mogu dalje. U dubini srca znam da me na kraju mog puta čeka neko ko će zaista cijeniti ono što jesam i ono što mu pružam. Blijedim ali srećna sam. Srećno je tvoje lice, možda je tako i bolje. Niko nikom suđen nije. Više nije mrak. Ni ne znam da li su mi oči otvorene. Prepuštam se. Možda zbog nečega i zaslužujem. Ko zna! Ne marim za tijelo svoje čuva me sijenka nekoga ko me je nekada volio. Toplo mi je i grije me. Tako i želim da zaspim. Pa zar je neko imao bolji kraj...? 118

108 Spoj jeseni i zime / L unione di autunno e inverno Samra Salihović, Sapna LA SCALINATA DELL' AMORE PERDUTO E' passato un' anno, come se fosse ieri. Tu sei andato avanti, e dove sono io? Nello stesso posto, che una volta era solo nostro. Quello stesso posto dove abbiamo camminato insieme, ogni scala del nostro amore e' coperta di foglie. Hai dimenticato tutto. Senti mai la solitudine? No, tu hai lei. Ed io voglio soltanto le risposte ad alcune domande. Non devi ritornare, io posso tradire me stessa e gli altri dicendo di non volerti, di averti detto di no, ma so che non e' così. Sto mentendo a me stessa, come tante altre volte So che non ritornerai E so che hai lei e che pensate ad un futuro insieme A cui prima abbiamo pensato noi due. Non ti ho chiesto di cambiare, ti amavo com'eri e avevo bisogno di te così com'eri, ma se tornassi, mi chiedo a che punto saremmo Cominceremmo da zero Se avesse senso, perché io non credo più a niente E so' che te ne andresti di nuovo, e io ti amo ancora.. Nei tuoi occhi ho visto un raggio d' amore. Ci siamo separati in silenzio. L'amore - quando dico questa parola in me si sveglia una sensazione strana. Non lo so, ma ogni pensiero di te, sveglia la nostalgia, dei sogni. Scorre dentro di me una valanga di felicità e vedo come in una nebbia i tuoi occhi marroni, i tuoi capelli scuri. Tu hai portato via la mia felicità, ed il mio cuore ti ama sempre di più, rimane soltanto la tristezza dentro di me e miei forti, troppo forti, dolori. Io non ho nessun' altro d' amare, piango, ma le lacrime non scorrono. Dicono che: Il pianto senza lacrime fa troppo male. Ti chiedi qualche volta come sto io? Maledico adesso tutti quei giorni e tutte quelle notti senza sonno che abbiamo trascorso insieme Ma c'e' ancora una notte difficile e solitaria davanti a me penso e cerco di muovere quel poco che resta della realtà nella mia ricca immaginazione. Dal fondo della mia anima si sentono strane voci, ogni tanto si sente qualche tremito. E' la tristezza che ha spezzato senza pietà il mio cuore. La notte si fa silenziosa dietro la mia finestra e con il silenzio se ne va il mio sonno. Io cerco il tuo volto, ma so che non lo trovo. Mi hai lasciata sola, da sola devo trovare la strada fuori dal vortice, anche se sai bene che non riuscirò a trovarla Le vittorie sono poche, le sconfitte sono sempre più forti. Come un sasso tirano, come un filo stringono. Le donne sono strane, anche quando tutto va bene ci piace essere sconvolte, misere. Non sappiamo neanche noi perché e' così. Semplicemente e' così. I pensieri ti puniscono quando stai da sola e ti fanno girare come un vortice, porto una maschera felice, e piango sotto di essa. Il mio viso non e' bello, ma il mio viso e' mio con le cicatrici delle sconfitte che non mi stanno bene. Sono piena di tagli, di sbagli. Ferita, amata e a volte usata. Il sole ha detto che verrà, lo devo aspettare pronta. La luna non e' male, ma senza il sole io sono persa. Domani, sarò una donna nuova, sorrido a quell' evento. E le canzoni saranno più felici, perché la speranza è l ultima a morire. Dentro i miei petali, metterò tutte le vittorie, quelle vecchie così saranno chiuse Perché qui non si tratta più di te e di me. Si tratta di qualcosa di più forte, di una forza più elevata. Una forza che non ci fa stare insieme di nuovo.... Appena penso che sto ad un passo della felicità, che ancora poco mi manca per toccare il cielo la realtà crudele mi riporta indietro. Ed e' così che ritorno all' inizio.. Mi sembra di amarti ogni giorno di più, però non posso muovermi e tu hai lei e non sai come dirle di no. Ora, mi fa male ogni volta che ti amo. Il cielo sa che anch' io ti amo. Però mi fa male, tu mi fai male, mi fanno male quelle due parole, eppure le voglio sentire. Quando le pronunci, mi sento viva di nuovo. Di nuovo sento. 119

109 Spoj jeseni i zime / L unione di autunno e inverno Anche se piango quasi ogni volta che le pronunci. non smettere ti prego. Adesso so che tu non sei il mio destino. Non ne posso più, non posso versare nemmeno una lacrima, ho paura di diventare una pietra. Non lo voglio. So che non ti avrò, non ho niente per cui lottare. Mi arrendo, proprio come mi sono arresa davanti a te Con il corpo e con l' anima. Però tu non hai capito le mie speranze e le mie aspettative. Tutte i nostri bei ricordi li hai gettati da qualche parte per non ritrovarli mai più, vuoi dimenticare tutto per forza. Questo e' impossibile, anche per i più coraggiosi. Pian piano anch' io lascio i ricordi dietro di me Oggi guardo il cielo e non vedo il suo colore. Noto soltanto le nuvole grigie lontane e penso: pioverà Ed piove. Adesso che la mia mano scrive sulla carta, ancora piove. Mi chiedo che forse lui piange, ma no Lui non sa versare neanche una lacrima sincera, non l' ha mai saputo fare. Forse e' finalmente arrivato il momento di scrivere un' ultima storia su di te. Tu sei la disgrazia più grande della mia vita. Quante lacrime ho pianto per te, per l' amore che non e' stato un vero amore, per la felicità che e' diventata tristezza. Ero quella che per te camminava per le vie della tentazione, quella che sbagliava, che perdonava e amava, quella per cui l amore era difficile da riconoscere, ma quando lo ha fatto mi portava nel paese delle meraviglie e nella favola senza fine. Caro mio, peccato che hai rinunciato alla nostra storia e che adesso ne perdi ogni traccia Non do più ascolto ai tuoi sogni. E quel poco ascolto che e' rimasto, lo tengo gelosamente per le mie fantasie. Che tutto quello che vorresti dirmi sarà chiuso a chiave, da qualche parte Io non ti maledico, perché so che la punizione più grande sarà quando il vento ti porterà tutte queste cose chiuse nella mente E ti dico solo una ultima cosa. Che un giorno ti sentirai come me adesso. Che non ti incontrerò mai più, perché in te non vedrò mai un' uomo vero. Io continuo per la mia strada, i miei passi raggiungono un altro scalino, più pericoloso. Come se tu non ci fossi più, come se non ci fosse più la tristezza e la speranza per le cose che sono dietro di me. Non sento più quella scalinata ripida. La mia salita e' diventata una pianura. Ti immagino davanti a me mentre scrivo queste parole. Finalmente ti ho detto tutto quello che portavo da tempo dentro di me. Mi sento meglio E mentre metto il punto su queste ultime parole per te, immagino che ancora una volta mi lasci, però la sensazione è che questa e' l ultima volta Vai, perché e' meglio così. Sono stanca dalle sconfitte che vengono insieme a te. E' inevitabile, bisogna andare piano, con tristezza cammino come in un sogno per questa via coperta da foglie cadute questa mattina. Cancello dalla memoria tutti i momenti belli e continuo ad andare avanti. Adesso cammino per questa strada da sola verso un domani migliore. Non ho paura sono più sicura di me e so che posso continuare. Nel fondo del cuore so che alla fine mi aspetta qualcuno che mi apprezzerà' veramente. Sono pallida ma felice. E' felice il tuo viso, forse e' meglio così. Non c'e' più buio. Non so se ho gli occhi aperti. Mi lascio andare. Forse per qualche ragione me lo merito. Chi lo sa! Il mio corpo e' difeso dall' ombra di qualcuno che mi ama. Mi riscalda. E' così che voglio addormentarmi. Qualcuno, forse, aveva una fine più bella? 120

110 Spoj jeseni i zime / L unione di autunno e inverno Savo Rikanović, Lopare DOLAZI ZIMA BOJE JESENI VEĆ POČINJU DA BLIJEDE. TI STARI BOROVI, STRIČEVI JELA, POČINJU DA DOBIJAJU NOVI OGRTAČ. KROZ GOLE GRANE DRVEĆA, PROMALJA SE ZUBATO SUNCE, KOJE OBASJAVA OPALO LIŠĆE, NA KOJE JE VEĆ PAO MRAZ. HLADNI POVJETARAC NJIŠE LIŠĆE. NEKI OD NJIH PADAJU NA ZEMLJU I POD INJEM ZAVRŠAVAJU SVOJ ŽIVOT. POVJETARAC PROPIRUJE I PO KOJU PAHULJICU SNIJEGA. SVE MIRIŠE NA KASNU JESEN I RANU ZIMU. A GDJE SU TI LJUDI SVI? SVE JE TMURNO, TAMNA SJENA JE SVUDA. SNIJEG JE POVIO GRANE PA BAŠ IZGLEDA NEKAKO BESPOMOĆNO. NA LIVADI NEMA VIŠE ONOG VESELOG CVIJEĆA, SAD SU ZASPALI POD BIJELIM PREKRIVAČEM. GRM JE PUST, A DO SKORO SE TU ČUO CVRKUT PTICA. SNIJEG SVE KRUPNIJE I JAČE PADA, ZIMA JE DOŠLA. Savo Rikanović, Lopare E' ARRIVATO L'INVERNO I COLORI DELL' AUTUNNO HANNO GIA' INIZIATO A SCHIARIRSI QUEI VECCHI PINI, GLI ZII DEGLI ABETI COMINCIANO AD ACQUISTARE IL NUOVO MANTELLO. TRA I RAMI NUDI DEGLI ALBERI, IL SOLE INVERNALE ILLUMINA LE FOGLIE CADUTE, SULLE QUALI SI E' GIA' POSATO IL GELO. ZEFFIRO FREDDO DONDOLA LE FOGLIE. QUALCUNA DI ESSE CADE SULLA TERRA E SOTTO IL GELO FINISCE LA SUA VITA. ZEFFIRO SOFFIA LEGGERMENTE ANCHE QUALCHE FIOCCO DI NEVE. TUTTO PROFUMA A FINE AUTUNNO E ALL ARRIVO DELL'INVERNO MA DOVE E' TUTTA QUELLA GENTE? TUTTO E' TENEBROSO, L' OMBRA SCURA E' OVUNQUE. LA NEVE HA CURVATO I RAMI E COSI SEMBRANO PROPRIO MISERI NEL PRATO NON CI SONO PIU' QUEI FIORI GIOIOSI, ADESSO SI SONO ADDORMETATI SOTTO LA COPERTA BIANCA. IL CESPUGLIO E' DESERTO, PERO' FINO A POCO FA LI' SI SENTIVA IL CINGUETTIO DEGLI UCCELLI. LA NEVE STA CADENDO SEMPRE PIU' GRAVEMENTE E PIU' INTENSAMENTE, E' ARRIVATO L' INVERNO. 121

111 Stablo / Albero - Srebrenica PUT ŽIVOTNE SUDBINE / LA STRADA DEL DESTINO DELLA VITA 122

112 Albina Salihović, Sapna Stablo / Albero PUT ŽIVOTNE SUDBINE Sa životom se obično porede stvari i predmeti koji su komplikovani, jer iskreno život nije jednostavan. Prava stvar koja se sa životom može porediti jeste čudo od prirode, odnosno drvo. Korijen jednog drveta počinje pravo, isto tako život do neke desete godine je jednostavan po osobi, jer nema nijedan poseban razlog zbog kojeg bi jedno dijete trebalo imati nesporazume i nesuglasice, i ako dođe do nekakvog nesporazuma, ne pridaje mu se velika važnost, jer sve su to dječije priče. Kada drvo počinje da srasta u veće i starije, tek onda počinje da srasta komplikovano. Njegove grane počinju bivati čvršće, snažnije i počinju se uvijati, poput života. Život počinje pravo, pa počinju komplikacije, zatim problemi i na kraju se sve razgrana i svako ide na svoju stranu. Čist primjer ovakovog života jeste ljubav koju svako osijeti u svojoj mladosti. Počinje jednostavnim upoznavanjem, zezancijom i nesigurnošću. Neprimijetno kroz tu ljubav i kroz život shvatimo da je se sve zakomplikovalo i da se zapravo nepažnjom srce otvori i dopusti da se zaljubi. E to je onaj put problema, jer onaj koga je zadesila ovakva ljubavna priča uradi sljedeće. Ostavi tog dečka odnosno djevojku ne želeći nastaviti tu vezu, ali kada dođemo u tu situaciju da izgubimo ono što nam je srcu drago i ono na što je srce naviklo tek tada shvatamo koliko nam to zapravo vrijedi i da jednostavno ne možemo bez njega odnosno nje. Tako da od tih trenutaka počinje ta tuga, bol i žaljenje za izgubljenim, ali ništa nas ne treba spriječiti da se nadamo, jer nada je ono što svaka osoba treba da ima u sebi. Utvrditi da je gotovo i da se ne treba nadati uradićemo nakon nekog pokušaja da povratimo ono što nam je nekada pripadalo i što je zauzelo mjesto u našem srcu. Ako se desi neočekivano, npr. da se razočaramo, ipak na kraju shvatit ćemo da to nije ono pravo i da se na kraju sve tako razgrana i sve dođe na pravu stvar i svako će na kraju doći na ono pravo i ispravno u životu. E ovo je moj opis života i shvatanje života u mojim šesnaestim godinama. 123

113 Stablo / Albero Albina Salihović, Sapna LA STRADA DEL DESTINO DELLA VITA Alla vita, normalmente, si paragonano cose e oggetti complicati, perché onestamente, la vita non è semplice. La vita è un miracolo della natura, come un albero L albero nasce dritto come la vita che fino all età di dieci anni è semplice, non esiste nessuna ragione specifica per la quale un bambino dovrebbe vivere un malinteso o un disaccordo, ma se pure accade un equivoco non gli si dà molta importanza. sono solo storie dei bambini. Quando l albero inizia a crescere più grande e più adulto, comincia a crescere in modo più complicato. I suoi rami iniziano ad essere più consistenti, più forti e cominciano ad incurvarsi, come la vita. La vita inizia dritta, tranquilla, poi cominciano le complicazioni, i problemi e alla fine tutto si ramifica e ogni cosa va per la sua strada. Un esempio per spiegare per me cos è la vita..: è l amore che chiunque ha sentito nella sua giovinezza. Comincia con la semplice conoscenza, trascorrere il tempo insieme scherzando e con leggerezza. Vivendo l amore ci accorgiamo che tutto si complica e che il cuore si apre si innamora. Si vivono storie d amore intenso poi le storie finiscono..ma quando non abbiamo più quello che piace al nostro cuore..a cui il cuore era abituato, solo in quel momento capiamo quanto valore aveva e che, semplicemente, non c è la facciamo senza. Così, in questi momenti comincia la tristezza, il dolore e il dispiacere per quello che abbiamo perso, ma nulla ci deve far smettere di sperare, perché la speranza è quello che ogni persona dovrebbe avere sempre dentro di se... Se all improvviso succede, ad esempio, di vivere una delusione, dobbiamo capire che evidentemente non era il momento giusto e che alla fine tutto si ramifica in qualche modo, tutto si mette a posto, e ognuno alla fine avrà quelle cose vere e giuste che desidera per la propria vita. Ecco, questa è la mia descrizione della vita e di ciò che penso sia la vita alla mia età. Sedici anni. 124

114 Stidna kuća / La casa della vergogna - Emina Bećirović, Sapna NADA POSLJEDNJA UMIRE / LA SPERANZA E L ULTIMA A MORIRE NEMA NAS VIŠE.../ NON CI SIAMO PIU 126

115 Jelena Lazarević, Lopare Stidna kuća / La casa della vergogna NADA POSLJEDNJA UMIRE Iako je sada to stara, urušena i napuštena kućica, nekada je bila toplo ognjište za dvoje zaljubljenih. Izbjegavajući stvarnost i realni svijet, bježali su u nju i prepuštali se snovima. Ali, te snove prekinu okrutna stvarnost. Saznavši za njihovu vezu, djevojčini roditelji su im postavljali razne prepreke na putu ka njihovoj sreći. Mislili su da je ona suviše dobra za njega. Svaki njen korak su pratili i provjeravali. Postali su njena senka. Mladićevi roditelji su imali razumijevanja za dvoje zaljubljenih, jer su primijetili da se njihov sin mijenja nabolje otkako je sa tom djevojkom. Podrška njegovih roditelja im je davala nadu, jer nada uvijek posljednja umire. Uz pomoć njih su se nekoliko puta videli, pa makar i na trenutak. Pri pokušaju jednog njihovog tajnog viđenja, zatekla ih je njena majka. Roditelji su joj bili ogorčeni i poslali su je kod tetke u drugi grad. Ali, to ih samo još više zbližilo, jer je momak dobio posao baš u tom gradu. Bili su slobodniji i češće su se viđali. Nakon mjesec dana, djevojka je ostala trudna. Došavši po nju da je vrati kući roditelji su primijetili da se dosta promijenila i ugojila. Ne mogavši sakriti istinu, ispričala im je sve. Roditelji ostadoše zapanjeni. Odvedoše je kući gdje su imali dosta vremena za razmišljanje do njenog porođaja. Pred rođenje njihovog prvog unučeta, podarili su kćerki jedan od najljepših poklona - da njeno dijete odrasta pored oca. Kada im dijete malo odraste odvedoše ga u kuću gdje je počela njihova ljubav. 127

116 Stidna kuća / La casa della vergogna Jelena Lazarević, Lopare LA SPERANZA E L ULTIMA A MORIRE Anche se adesso questa è una casa vecchia, sprofondata e abbandonata, ai tempi era un focolare caldo, per due innamorati. Per fuggire dalla realtà e dal mondo reale, si rifugiavano in quella casa e si abbandonavamo ai loro sogni. Ad un certo punto quei sogni sono stati interrotti. I genitori di lei ostacolavano la relazione, i genitori di lui, invece sostenevano i due giovani Il loro sostegno dava speranza.la speranza che non li ha mai lasciati. Grazie al loro appoggio i ragazzi riuscivano a vedersi qualche volta, anche se solo per un attimo. Il giovane ha inseguito il suo amore anche in un altra città e lì la giovane ha dovuto dire ai suoi genitori che aspettava un bambino. Solo allora i genitori di lei hanno deciso di non ostacolare più questo grande amore e di permettere ai due giovani innamorati di stare insieme e crescere il loro bambino. Oggi vivono in una nuova casa e sono felici 128

117 Jovana Popović, Lopare Stidna kuća / La casa della vergogna NEMA NAS VIŠE... Budim se, otvaram oči i shvatam da je još uvek noć...brišem suze, ponovo sam te sanjala. Ne boli me više, suze su tekle kao znak olakšanja, zaborava...otišao si odavno, ne sećam se čak ni kada sam ti poslednji put čula glas, ne pamtim više ni jedan dodir, poljubac, ništa tvoje... Ostao si negde na dnu duše samo kao dokaz da si nekada postojao u mom životu. Da mogu da vratim vreme unazad sigurna sam da bi sve bilo mnogo drugačije...ali vreme ne prašta i nikada se ne vraća! Ni moje godine, ni moje suze nikada se neće vratiti, ostale su zarobljene negde izmedju dva sveta gde smo počeli i prestali da postojimo...ti i ja! Pokušavam da se setim kada sam prekoračila granicu bezbrižnosti i sreće, kada sam te zavolela i na svet prestala da gledam očima deteta, kada sam shvatila da smo daleko od savršenstva? Kada sam počela da patim, da te volim i mrzim istovremeno? Kada sam prestala da se smejem, kada moj život više nije imao smisla? Milion pitanja, a odgovor ne umem da dam ni samoj sebi! Prošlo je...bilo je 'davno, izbledela su sećanja, sve je gotovo...zauvek! Da li sam zaboravila? To neću nikada! Ne zato sto si bio previše dobar, već iz razloga što si bio jedno veliko nesavršenstvo koje je moje srce idealizovalo, jer je tako bilo lakše pronaći opravdanje za ogromnu ljubav koju sam osećala... Sve je bilo mnogo lakše od priznanja da nikada u stvari nismo ni postojali, da je sve bila laž, obična farsa, sve...samo ne ljubav! Volela sam,ali šta? Da li je tebe uopšte bilo moguće voleti? Bio si iluzija mog savršenstva, bio si ljubav ona prava, jedna jedina, za mene...bio si ostvarenje svih mojih snova, moj vazduh, moj život, a opet...nisi bio ništa od toga! Bio si nestvaran, bio si samo san koji sam predugo sanjala, laž...u koju nikada nisam prestala da verujem. Bio si sve od čega sam oduvek bežala, a tako sam se snažno vezala za tebe...nisam želela, po prvi put u životu da pobegnem, želela sam da ostanem, da se borim, da ti verujem, da sanjam o onome što nikada nismo umeli da ostvarimo... Da, shvatila sam sve mnogo ranije nego što si ti toga bio svestan, znala sam za svaku laž, za svaku reč koju nisi izgovorio, za svaki pogled, svaku misao...znala sam sve, ali nisam želela da znaš koliko te dobro poznajem, nisam želela da prekinem tvoju predstavu, da menjam scenario, uloge...jer nije bilo sudjeno, bilo je vec prekasno...za mene! Za tebe još uvek postoji nada jer dobrog glumca uvek čeka neka nova uloga... ti si ostao, ja sam pala! Nisam bila jaka, nisam ostala dosledna sebi, nisam imala prava da te menjam, da patim, da te volim...nisam imala prava ni na jednu suzu, a prolila sam ih milion, nikada nisam imala prava na tebe, ali nekim čudom verovala sam da jesam! Ne, nisi bio pogrešan, bio si pravi...ali u pogrešno vreme! Sada znam da nisi kriv ni za šta, kriva sam samo ja! Izvini, bila sam dete, nisam znala, nisam želela da učim zivot...htela sam da živim u snovima, bez ikakve pretpostavke da će jednom uslediti budjenje, htela ja to ili ne...da će me jednom dotući stvarnost, surovi svet gde te više neće biti, za mene! I došao je taj dan! Probudila sam se i više ništa nije bilo isto...već odavno ništa i nije isto, ali danas sam to uspela da prihvatim...danas, posle mnogo vremena! Nisi tu i znam da se više nikada nećes vratiti, u meni ne postoji više nada, ne postoji više ništa samo neki osećaj praznine, posle koga sledi olakšanje...kao da sam se ponovo rodila,da počinjem sve iz početka

118 Stidna kuća / La casa della vergogna Udahnula sam vazduh punim plućima, nasmejala se posle mnogo vremena iskreno,od srca, u očima mi je zablistao onaj stari sjaj...i sve je ponovo kao nekada...samo tebe više nema tu, više ne postojiš, za mene...ni sad',ni nikada!!! Polako ustajem,uzimam svoje stvari, i odlazim sa ovog mesta sto me seća na nas. Mešaju mi se misli. Ovo mesto, ova vikendica, nije mi ništa dobro donela. Gubim se u daljini,odlazim... Jovana Popović, Lopare NON CI SIAMO PIU Mi sto svegliando, apro gli occhi e capisco che è ancora notte asciugo le lacrime, di nuovo ti ho sognato. Non mi fa più male, le lacrime scendono e sono un sollievo Sei andato via da molto, non ricordo neanche quando ho sentito la tua voce l ultima volta. Non ricordo neanche un tuo tocco, un tuo bacio, nulla di tuo Sei rimasto nel profondo dell anima, solo come la prova che una volta esistevi nella mia vita. Se potessi ritornare in dietro nel tempo sono sicura che tutto andrebbe diversamente ma il tempo non perdona e non torna mai più! I miei anni, le mie lacrime non torneranno mai più, sono rimaste imprigionate da qualche parte, tra due mondi dove abbiamo iniziato e abbiamo finito di esistere tu ed io! Provando a ricordarmi di quando ho superato il confine della spensieratezza e della felicità, quando mi sono innamorata di te e ho smesso di guardare il mondo con gli occhi di una bambina. Quando ho capito che eravamo lontani dalla perfezione? Quando ho cominciato a soffrire, ad amarti e odiarti contemporaneamente? Quando ho smesso di sorridere, quando la mia vita ha iniziato a non avere più nessun senso? Mille domande, però nessuna risposta! E passato è successo un po di tempo fa, i ricordi sono scoloriti, tutto è finito PER SEMPRE! Non l ho dimenticato veramente, non potrei mai farlo. Era una grande imperfezione idealizzata dal mio cuore, sentivo un amore enorme nei suoi confronti Ho amato, però, che cosa?....era veramente possibile amarti? Sei stato l illusione della mia idea di perfezione, eri l amore vero, unico per me la realizzazione di tutti miei sogni, il mio respiro, la mia vita,.ma alla fine, eri soltanto un sogno che ho sognato troppo a lungo, una bugia nella quale non ho mai smesso di credere. 130

119 Stidna kuća / La casa della vergogna Mi ero fortemente legata a te non volevo, per la prima volta nella mia vita, fuggire. Volevo rimanere, per combattere, per fidarmi di te, per sognare quello che non eravamo capaci a realizzare. Riconoscevo ogni tua bugia, ogni parola che non pronunciavi, ogni sguardo,ogni pensiero sapevo tutto, ma non volevo farti capire quanto bene ti conoscevo, non volevo interrompere il tuo spettacolo, cambiare la sceneggiatura, i ruoli! Per te c è ancora speranza, perché per un attore bravo c è sempre un ruolo nuovo che lo aspetta tu ci sei, io sono caduta! Non sono forte, non sono stata coerente con me stessa, non ho il diritto di cambiarti, di soffrire, di amarti Non ho il diritto neanche di versare una lacrima, e ne ho versate un milione, non ho mai avuto il diritto di averti, ma ci credevo! No, non eri sbagliato, eri giusto però al momento, sbagliato! Scusa, ero giovane, non sapevo, non desideravo imparare dalla vita volevo vivere nei sogni, senza pensare che un giorno ci sarebbe stato il risveglio, che un giorno la realtà mi avrebbe soffocato, che tu non ci saresti stato più. Quel giorno è arrivato! Mi sono svegliata e nulla è come prima Niente è uguale a come era prima e finalmente sono riuscita ad accettarlo, oggi, dopo tanto tempo! Non sei qui e so che non tornerai mai più, dentro di me non c è più la speranza, non esiste più nulla, solo una sensazione di vuoto, e dopo il sollievo Come se nascessi di nuovo, per cominciare tutto da capo Ho inspirato l aria a pieni polmoni, ho sorriso dopo molto tempo con sincerità, di cuore, nei miei occhi di nuovo c è la luce che avevo prima e di nuovo tutto è come era soltanto tu non sei qui, non ci sei più, per me ne ora ne mai più!!! Lentamente mi alzo, prendo le mie cose, e vado via da questo posto che mi ricorda noi due. I miei pensieri si mischiano. Questo posto, questa casa fuori città, non mi ha portato nessun bene. Mi allontano, vado via 131

120 Trava i voda / Erba ed aqua - Srebrenica CRNOBIJELO U BOJI / BIANCONERO NEL COLORE 132

121 Trava i voda / Erba ed aqua Selvedin Tabaković, Sapna CRNOBIJELO U BOJI Polagahno otvara oči, dok mu se kapci sa velikim poteškoćama podižu prema gore i njegove zjenice se bijesno skupljaju od zrake sunca, koje obasjava njega kako leži negdje u parku na klupi. Djelimično mahmuran od bola i alkohola, ali i od razmišljanja kako opstati u džungli u kojoj na svakom ćošku vrebaju zvijeri koje svakim zahvatom svojih kandži nanose teže povrede od bilo kojih fizičkih i ostavljaju dugotrajne ožiljke. U par navrata uspjeva se pribrati i sjetiti šta se to sve desilo i razgledajući okolo reče na glas: "Da, opet sam prespavao vani!" I dalje je ležao, razmišljao, i na trenutke je svojim mislima odlazio pa se vraćao. Pogledao je prema gore i ugleda par zelenih očiju koje ga gledaše s prezirom, ali i sa sažaljenjem. Bio je to uglađeni humani čovjek koji je pokušao udjeliti nešto od sebe i zaraditi koje dobro djelo. Misli: "On me prezire, a pokušava mi pomoći udjeljujući," i reče mu: "Ne, dobri čovječe, ja ne mogu primiti to, ja ne prosim." Dobri čovjek se bez ijedne riječi okrenu i ode od njega, tako i jest najbolje. "Ustadoh da protegnem svoje snuždeno tijelo, koje se nalazi na meti virusa od niske noćne temperature. Prođoh gradom da se pokušam snaći za doručak. Srećući sve te ljude, u većini njih vidjeh sebe, mnogo prije nego je moj otac uradio apsurdnu stvar, pokušavajući skinuti svu ljagu sa sebe." - Elviseee, - doziva ga žena iz pekare - Elvise, dođi vamo da ti napravim sendvič! - Ponosan sam, ali u ovom trenutku nemam izbora, jer moj životinjski instikt vrvi kroz mene, i prihvatam taj znak pažnje s velikom zahvalnošću, - analizira Elvis sebe još uvijek pokušavajući da se pribere. "Jedući ga počinjem osjećati mučninu, i tek sada počinjem shvatati, da dok sam imao sve, nitko me drugi nije zanimao. Bio sam razmaženi jedinac, ja i otac sami u kući od tri sprata, nikad mi nije rekao ime majke, niti ko je ona, niti gdje je, a mene da budem iskren od silnih materijalnih stvari nije toliko ni zanimalo, Play Station 3, dva golfa 5 pred kućom..." Pričajući o tome širio mu se osmijeh na licu, i zubi su se već pokazali, bili su kao biseri koji su se zagubili negdje u njegovom čađavom licu. Prekidoh ga: "Pa, šta se to desilo?" i teškog srca mi pristade ispričati svoju životnu priču, pa reče: "Kao što ti već nagovijestih, imao sam sve, sve materijano, ali nisam imao srca, i zato me ovi ljudi preziru. Ja sam njih i prezirao i ponižavao, imao sam par prijatelja, uvidio sam da me iskorištavaju, ali kasno. Moj otac me nije volio, a ja njega jesam, jer je ispunjavao moje hirove, i kada je napuštao ovaj svijet, sve što je imao ostavio je nekome meni nepoznatom, čak i kuću, koja je sada prodata, i auta, kojih više nema. Proklinjem ga svakog dana, ali ni njega više nema." - Pa šta ćeš sad? - upitah ga. 133

122 Trava i voda / Erba ed aqua - Palo mi je na pamet, - reče pa stavi prst na obraz, kao da razmišlja - pokušat ću se promijeniti. Osnovati nešto sam, snaći se, iako to nije ono što ja znam. Pokušat ću se posvetiti vjeri, iako malo znam o tome. Pokušat ću pronaći svoje srce i svoju dušu, nadam se da ću uspjeti, a nada umire zadnja. Najgore je kad sve imaš, pa izgubiš, al ko zna zašto je to sve dobro. Osjetio sam blago podrhtavanje glasa dok je to izgovarao i u njegovom oku su zasjale dvije biserne kapi, koje su nagovještavale plač. I to bi najljepša stvar koju sam čuo od jednog takvog čovjeka, kojeg sam odavno otpisao, kao i svi ostali. Al sve je to sudbina, i nikad ne znamo, šta nosi novo jutro! Selvedin Tabaković, Sapna BIANCONERO NEL COLORE Lentamente apre gli occhi, mentre gli occhi con grande difficoltà puntano verso l alto e le sue pupille rabbiose si stringono ai raggi di sole che l' illuminano mentre sta sdraiato su una panchina nel parco. Un po' sbronzo dal dolore e dall' alcol, ma anche dai pensieri su come sopravvivere nella giungla dove da dietro ogni angolo spuntano bestie che con le loro zampe feriscono e lasciano cicatrici per sempre. A volte riesce a ricordare cosa e' successo e guardandosi attorno dice ad alta voce: Si, di nuovo ho dormito fuori! Ancora sdraiato, pensa. Guarda in su e vede un paio di occhi verdi che lo guardano con disprezzo, ma anche con pietà. E un' uomo galante che voleva dargli qualcosa di sè e così fare un' atto buono. Pensa: Lui mi disprezza eppure vuole aiutarmi dandomi l' elemosina e gli dice: No, buon uomo, io non posso accettare, io non chiedo l' elemosina. Il buon uomo, senza una parola se ne va. Mi sono alzato ho sollevato il mio corpo abbattuto, che e' preso di mira dai virus e dalle basse temperature notturne. Cammino per la città nella speranza di trovare la colazione. Incontro tante persone, nelle quali lo vedo., Molto prima che mio padre facesse una cosa assurda, cercando di togliere le macchie da suo nome. Elviiiis lo chiama la donna dal panificio Elvis, vieni qui che ti preparo un panino! Sono orgoglioso io, ma in questo momento non ho scelta ed accetto quella gentilezza con tanta gratitudine Elvis pensa a se stesso.. 134

123 Trava i voda / Erba ed aqua Mangiando sento la nausea, e adesso comincio a capire, che quando avevo tutto, niente mi interessava. ero figlio unico viziato, mio padre ed io in una casa di tre piani. Mai ha nominato mia madre, non mi ha mai detto chi era ne dov era ma a me non importava avevo tante cose la Play Station 3, due macchine Golf 5 davanti a casa mia Quando parlava di questo, un sorriso gli illuminava il viso.i denti, erano come perle perdute dentro una faccia sporca. Gli chiedo: Ma che cosa e' successo? e con ansia lui decide di raccontarmi la storia della sua vita.: Come ti ho già accennato, io avevo tutto, tutto ciò che di materiale si possa desiderare, ma non avevo il cuore ed e' per quello che questa gente mi disprezzava. Anch' io disprezzavo loro, avevo un paio di amici, ma ho capito che mi sfruttavano, anche se troppo tardi. Mio padre non mi voleva bene, ma io lo amavo perchè assecondava tutti i miei capricci, e quando ha lasciato questo mondo, tutto quello che aveva lo ha lasciato a qualcuno a me sconosciuto, anche la casa. le macchine non ci sono piu'. Che sia maledetto ogni giorno!. E adesso, che farai? gli chiesi. Mi e' venuto in mente disse puntando un dito contro il mio viso cercherò di cambiare. Organizzerò qualcosa da solo, mi arrangerò, anche se non ne sono capace. Cercherò di trovare la pace nella fede, ma non ne so tanto. Cercherò di ritrovare il mio cuore e la mia anima, spero di riuscirci, la speranza è l ultima a morire. La cosa peggiore è quando hai tutto e ad un certo punto non hai più niente. Ho sentito un leggero tremore nella voce mentre diceva queste parole e nei suoi occhi brillavano due gocce come se stesse per piangere... Tutto questo è il destino, e non sappiamo mai cosa ci porterà una nuova mattina! 135

124 Zaboravljena / Dimenticata - Martina Vuković, Mostar OVAJ PRELEPI SVET / QUESTO BELLISSIMO MONDO NESUĐENA LJUBAV / L AMORE NON PREDESTINATO ZABORAVLJENA / DIMENTICATA ZABORAVLJENI DANI / I GIORNI DIMENTICATI 136

125 Filip Jokanović, Srebrenica Zaboravljena / Dimenticata OVAJ PRELEPI SVET Ovaj prelepi svet, svi ljudi ovoga sveta a opet si sam. Gde samoća prestaje? Gde joj je početak? Pogled u ogledalo i znaš. Hajmo nazad...jedan, vidiš. Dva, hodaš. Tri, pričaš. Četiri, prvi osećaj samoće. Pet...pet...Da možda već tu osećaš da si sasvim sam, ali nije tu kraj... A sada, sada sedi, sedi i razmišlja gde je šest. Iza ogledalo, slagalica, u njoj preliva se tamna boja samoće. Toliko lica u njoj, toliko tela, toliko boja a ipak je samo crna. Čini mi se da vidim stotine i stotine ljudi, 1, 2, 3, 4, 5... I tu se gubi, tu staje i kao da zna da nema dalje spušta glavu dole. Pokušati ponovo ne vredi, još jedan pokušaj znači samo još jedan gubitak... Rasute misli, sećanja,lica, doživljaji i dogadjaji, rasuti po celim svetu a, opet su na jednom mestu. Svet je ogroman ali ipak za nju je mali, toliko mali da je sve na jednom mestu. Uzeti jedan deo slagalice znači uzeti jedan deo njenog života, u tom hladnom betonu se nalazi njen život, možda je on surov i pun bola da je morao da se raspadne na stotine i stotine delova, a možda je ipak toliko topao i pun sreće i lepote da ga je ljubav rastavila. Čovek može samo da nagadja sta znači biti čovek, šta znači imati život, porodicu, šta znači biti voljen. Da li ona zna? Da li zna da njen život nije bezazlen, da li zna da je ona kao mi, da je ipak tu, da je stvarna? Stvarna ili ipak... Pokušaj naći šest je pokušaj saznanja kraja. Da, jedan, prvo kada se rodiš vidiš, vidiš ljude, vidiš svetlost i to je tvoj početak. Dva, počinješ da probavaš nove stvari, hodaš, osećaš ljubav i znaš da su svi tu oko tebe. Tri, pričaš, nalaziš način kako doći u kontakt sa ljudima, znaš da te svi mogu čuti. Četiri, smatraju te dovoljno odraslim da možeš neke stvari raditi sam, tada shvataš da neće uvek biti oni tu da si sada oslonjen na sebe. Pet, pet je teško rešiti jer ona ne zna za pet, a šest...sada shvata zašto nikada nije mogla da vidi šest, nije mogla jer nije imala šest. Pet je vrh do kojeg je ona došla i odatle nema dalje, šest je samo san, san o kojem je ona sanjala. Sanjala je da će videti šta znači biti šestogodišnjak, šta znači biti dovoljno odrastao da odeš sam i baciš smeće bez ičije pratnje, šta znači naučiti napisati prvo slovo u svom životu, ali to je samo njen san... A sada, ona sedi, sedi i razmišlja kako bi izgledala njena sestra sada. 137

126 Zaboravljena / Dimenticata Filip Jokanović, Srebrenica QUESTO BELLISSIMO MONDO Questo bellissimo mondo, c è tanta gente in questo mondo eppure sei solo. Dove finisce la solitudine? Quando inizia? Uno sguardo allo specchio e lo scopri. Andiamo indietro Uno, puoi vedere. Due, cammini. Tre, parli. Quattro, inizi a sentire la solitudine. Cinque cinque forse già qui senti che sei totalmente solo, però qui non è la fine Ed ora siediti, siediti,siediti e pensa dove si trova il sei? Dietro c è lo specchio, dentro di esso sfavilla il colore scuro della solitudine. Quanti visi nello specchio, quanti corpi, quanti colori, anche se è tutto nero. Mi sembra di vedere centinaia e centinaia di uomini, 1, 2, 3, 4, 5 E poi tutto svanisce, si ferma non si può andare avanti abbassa la testa! Provare di nuovo non ha senso, ancora un tentativo significherebbe soltanto un'altra delusione I pensieri sparsi, i ricordi, i volti, le avventure, ciò che accade in tutto il mondo, allo stesso momento sono in un solo luogo. Il mondo è enorme, ma per lei è piccolo, così piccolo da entrare in un unico luogo. In quel cemento/asfalto/ freddo si trova la sua vita, forse spietata, piena di dolore, si è spezzata in centinaia e centinaia di pezzi. cosi calorosa e piena di gioia e di bellezza e l amore l ha spezzata in mille pezzi. L essere umano può soltanto presumere che cosa significhi essere uomo, cosa significhi avere la vita, una famiglia, che cosa significhi essere amato. Chi sa se lei lo sa? Se sa che la sua vita non è ingenua, se sa che lei è come noi, che comunque è qui, che è reale? Reale. tuttavia Un tentativo di trovare il sei è il tentativo della coscienza della fine. Si, uno, quando nasci vedi, vedi la gente, vedi la luce e quello è il l inizio. Due, cominci a sperimentare le cose nuove, cammini, senti l amore e sai che sono tutti attorno a te. Tre, parli, trovi il modo di avere contatto con la gente, sai che tutti ti possono sentire. Quattro, considerano che sei abbastanza grande per poter fare certe cose da solo, capisci che loro non ci saranno per sempre e che ora dovrai contare solo su te stesso. Cinque, cinque è difficile decifrarlo perché lei non sa della esistenza del cinque, ma il sei ora sa perché non ha mai potuto vedere il sei, non può vederlo perché non ha mai avuto il sei. Il cinque è l apice che lei ha raggiunto e da lì non si è andata da nessuna parte, il sei è solo un sogno, il suo sogno. Ha sognato che avrebbe potuto vedere cosa significa avere sei anni, cosa significa essere abbastanza grande per poter buttare la spazzatura da solo, senza nessuno che ti accompagni, che cosa significa imparare a scrivere la prima lettera nella vita, però questo è solo il suo sogno Ora, lei è seduta, seduta e sta pensando che aspetto poteva avere oggi sua sorella. 138

127 Selma Beširović, Sapna Zaboravljena / Dimenticata NESUĐENA LJUBAV Znam, bol i tuga su pratioci moji, ali dokle će da me prate? Moj pogled i život su uništivi. Izgubila sam sjaj u očima koji sam nekad imala. Sve je bilo uzaludno, moj trud oko njega, dobrota i iskazivanje lijepih osjećanja prema voljenim su propali. Više ništa nije isto kao prije. Sve je crno oko mene. Tužan je život moj. Kako sam sebi davala lažnu nadu da bit će sve kako sam zamišljala. A šta sad? Osobu koju sam voljela i čekala cijelog svog života, ništa od toga - sve je samo pustoš. On ne pripada meni, sada drugu mazi, voli i pazi. Druga je sad umjesto mene sretna i ima pun sjaj u očima kojeg sam nekada imala ja. Uživa u ljubavi koju ja nikada od njega neću imati. Zašto je život tako okrutan prema meni? Zar sam u nečemu pogriješila. Svaki dan i noć prolaze mi razna pitanja kroz glavu koja ni sama ne mogu da shvatim niti da nađem odgovor na njih. Samo saznanje da je srećan sa drugom duboko me pogađa kao oštra strijela, zbog koje mi srce i duša krvari, a ne mogu da nađem način da sve to zaustavim. Suze mi počnu kvasiti lice kao kad padaju jake hladne kiše. Kome je sada teže a kome bolje? Sada je sve jasno, bolno je kad nekoga voliš a on ne mari za tobom, čekaš ga a njega nema. Ostaje samo da se sjećam njegovih krupnih očiju koje su me nekada s ljubavlju gledale. Voljela bih da znam kako i zašto su njegova osjećanja izblijedila i kako je mogao sve da zaboravi tako brzo kao jak povjetarac koji lomi grane na drveću. Tako je i u meni ubijao dio po dio koji sam prema njemu gajila. Ostat će mi u dugim sjećanjima, bila bih srećna kad bih znala da ću i ja u njegovim. Znam da će doći dan kada ću ga zaboraviti kao što je on mene i tada ću krenuti novim putem koji će, nadam se, voditi sreći i koji će izbrisati sve loše i tužne trenutke koje sam proživjela. 139

128 Zaboravljena / Dimenticata Selma Beširović, Sapna L AMORE NON PREDESTINATO Lo so, il dolore e la tristezza sono mi accompagnano, ma fino a quando? Hanno distrutto il mio sguardo e la mia vita. Ho perso la luce degli occhi che prima avevo. Tutto è stato inutile, il mio impegno verso di lui, la bontà e l amore che gli ho dimostrato, tutto è svanito. Niente è più come prima. Tutto è nero intorno a me. La mia vita è triste. Come ho potuto sperare che tutto sarebbe andato come immaginavo io. E adesso, cosa faccio? La persona che amavo e avevo aspettato per tutta la vita, non c è più la realtà è solamente il deserto. Lui non mi appartiene più, ora coccola un'altra, l ama e si prende cura di lei. Un altra adesso è felice al posto mio e ha gli occhi pieni di luce, come prima li avevo io. Si gode l amore che io non avrò mai più. Perché la vita è cosi crudele con me? Ho sbagliato qualcosa? Ogni giorno e notte mi pongo delle domande alle quali non so rispondere. Il solo pensiero che è felice con un altra mi ferisce profondamente come una freccia affilata, che mi fa sanguinare l anima e il cuore, non riesco a trovare il modo per dimenticare tutto ciò. e lacrime cominciano a bagnarmi il viso come quando scendono le forti piogge fredde. Chi adesso sta male e chi sta bene? Ora tutto è chiaro. E doloroso quando ami qualcuno e a lui non importa nulla di te, lo aspetti, ma lui non arriva. Rimane soltanto il ricordo dei suoi occhi grandi che prima mi guardavano con amore. Vorrei sapere quando i suoi sentimenti sono sbiaditi e come ha potuto dimenticare tutto così in fretta, come una forte brezza che spezza i rami degli alberi. Rimarrà nei miei ricordi. Sarei felice se sapessi che anche io rimarrò nei suoi pensieri. So che arriverà il giorno nel quale lo dimenticherò e prenderò un'altra strada che mi porterà, spero, verso la felicità e cancellerà tutti i momenti brutti e tristi che ho vissuto. 140

129 Ivana Mikulić, Mostar Zaboravljena / Dimenticata ZABORAVLJENA Na raskrižju života stojim, i da budem iskrena, strašno se bojim. Kad nestanem zauvijek, traga kad mi ne bude više, hoće li moja strepnja da se briše? Neizvjesnost mi izjeda dušu, u okovima je srce moje, napravim li pogrešan korak, sve gotovo je. Ako je loše biti ovako zbunjena spasa mi nema, nestat će i moja uspomena. Moje putovanje se nastavlja... Hoću li uspjeti, zna samo Bog, ali uvijek ću se sjećati imena tvog. Jednom kad dođem do cilja povratka više nema. Samo se pitam: "Hoću li izblijedjeti, postati vječna sjena, hoću li biti zaboravljena?" 141

130 Zaboravljena / Dimenticata Ivana Mikulić, Mostar DIMENTICATA Mi trovo all incrocio della vita, e ad essere sincera, sono fortemente intimorita. Quando scomparirò per sempre, e neanche una traccia di me rimarrà, il mio timore si cancellerà? L incertezza mi consuma l anima, il mio cuore è incatenato, se farò un passo sbagliato, finirà tutto. Se è un male essere cosi confusa, non mi salverò, sparirà anche la mia memoria. Il mio viaggio continua Chissà se avrò il successo, solo Dio lo saprà. Però, per sempre il tuo nome, di te mi ricorderà. Una volta quando raggiungerò la meta, non ci sarà più il ritorno. Mi chiedo soltanto: Sbiadirò, l ombra eterna diventerò, dimenticata sarò? 142

131 Đani Obad, Mostar Zaboravljena / Dimenticata ZABORAVLJENI DANI Ugledah te kako sjediš pokraj razbijenih posivjelih ploča Partizanskog spomenika, zagledanu u daljine naše prošlosti i prođoh pored tebe poput sjene. Mlada, rosna stabla pretvorena u panjeve u nekoj bajci bez sretnoga kraja, gledaju nas svojim razbijenim licem. Na mrtvoj su straži još samo utisnuta imena, godine rođenja i pogibije. I umrljana bjelina razlomljene ploče. Odsječena breza, bor, jasen, topola...i panj kao simbol onoga što uništi jedno davno nevrijeme. A ispod oskrnavljenih imena i raštrkanih slova što tugaljivo bljeskaju na blagom, varljivom, proljetnom suncu, duboko, duboko, skrivaju se tajne prve ljubavi, osmijesi, suze i snovi što su se rojili u njihovim kratkim noćima. I moje riječi kao i ja postadoše samo sjena, a htjedoše donijeti pregršt svjetlosti i nježno te pomilovati po kosi darivajući ti ljubav i utjehu u ovome bezvemenu u kojem se nađosmo. Pokušah svojom malehnom snagom pronaći riječ koja na svim jezicima prosipa dobrotu, kapljice nade. I upitah se: Ko si ti, koji svake noći u potaji iz samo tvoje tame, u beskraj svoje oholosti, ponovo ubijaš ono prohujalo vrijeme?. Ne mogu zamisliti tvoj lik a da ne ugledam sliku na kojoj se krezubo ceriš dok mrtva usta i dalje cvile a njihov se nemušt vapaj razbija o daleka brda. I kao da vidim tvoje ogromne ruke, grube i prljave, sa crnilom ispod nokata, koje nijedna voda oprati ne može. I niko te neće osloboditi jer ti si sam sebe zarobio u paučinu zla, u svoj nemir i vječno prokletstvo. A ja ti sa ovog mjesta mogu poslati samo riječ. Riječ moćniju od tvoga najdubljeg mraka i tvoga najmračnijeg ponora. Tebi, što u prah želiš samljeti sve što nije tvoje, jahaču apokalipsu što i dalje čekaš svoju priliku i što se i sada kriješ u tmini noći, ponudit ću, samo svoj glas. A davno i zauvijek pjesnik u stihu ovjekovječi: Put od mene do tebe, nije isto što i put od tebe do mene. I ne zaboravi da svi su ljudi samo na proputovanju i da je uvijek nešto prvo, a nešto posljednje. Zato i ti, takav, vjerujem da ćeš dobro razumjeti moju poruku, možda moćniju od mjesečeve svjetlosti i bristriju od azura mora: Ko zaboravi prošlost, nema pravo na sadašnjost i budućnost pred njim tone poput beznačajne slamke u oceanu. A one koji u svojoj mukloj tišini vječno opominju, nikada, nikada, neće dotaknuti naš zaborav. Nepoznata djevojko, u ovome nestvarno tihom prostoru u koji kao da se utkala vječnost i u kojem ne čujem ništa osim svojih misli, pruži mi ruke da sagradimo ovdje, baš na ovome mjestu most, ispod kojeg će poteći samo naša rijeka. Nazvat ćemo je rijekom istine. A ona će doći do svih, i kukavica i heroja i žuboriti u vremenu koje je uvijek na njenoj strani. 143

132 Zaboravljena / Dimenticata Đani Obad, Mostar I GIORNI DIMENTICATI Ti avevo vista seduta accanto alle piastre grigiastre fracassate del Monumento dei partigiani, con lo sguardo puntato verso la lontananza del nostro passato. Come un ombra mi ero avvicinato a te. I giovani alberi con la rugiada erano trasformati in tronchi, in una favola senza lieto fine. Ci guardavano con i visi spezzati. Sul milite ignoto, ci sono soltanto i nomi incisi, le date di nascita e di morte. E il candore macchiato della piastra rotta. La betulla tagliata, il pino, il frassino, il pioppo e un tronco, come simbolo di quello che ha devastato i tempi lontani. Sotto i nomi violati e le lettere sparpagliate, che con l affanno balenano al sole primaverile, placido ma ingannevole, si nascondono profondamente, profondamente, i segreti dei primi amori, i sorrisi, le lacrime e i sogni che sciamano nelle loro brevi notti. Le mie parole, come me, erano diventate solo ombra, ma volevano portare tanta luce e accarezzarti dolcemente i capelli, regalandoti l amore e la consolazione in questo spazio senza tempo, dove ci siamo trovati. Avevo cercato, con le mie poche forze, una parola che in tutte le lingue sparge bontà, le gocce della speranza. E mi ero chiesto: Chi sei tu, che ogni notte di nascosto, dal buio solo tuo all infinità della propria superbia, stai uccidendo di nuovo quei tempi che erano volati via? Non riesco immaginare il tuo volto senza ricordarmi la foto sulla quale sogghignavi sdentato, mentre la bocca spenta gemeva e il suo grido d aiuto incomprensibile si spezzava sulle montagne lontane. E come se vedessi le tue mani grandi, ruvide e sporche, con il nero sotto le unghie, che nessuna acqua riusciva a pulire. E nessuno poteva liberarti perché ti eri imprigionato da solo nella ragnatela del male, nella tua agitazione e nell infinita dannazione. Da questo posto posso mandarti soltanto una parola. La parola più potente del tuo buio più profondo e del tuo precipizio più oscuro. A te, che vuoi macinare tutto ciò che non sia tuo, cavalcatore dell apocalisse, che ancora stai aspettando la tua occasione e che ti stai nascondendo nell oscurità della notte, ti offrirò soltanto la mia voce. Nei tempi lontani e per sempre, il poeta aveva reso immortale questo verso: La distanza da me a te non è uguale come la distanza da te a me. Non dimenticare che tutti gli uomini sono di passaggio e che certe cose vanno per prime e certe sono sempre le ultime. Perciò credo che anche tu, fatto cosi, capirai bene il mio messaggio, che potrebbe essere più potente dalla luce della luna e più limpido dell azzurro del mare: Chi dimentica il passato, non otterrà il permesso per il presente e per il futuro. Davanti questo fatto tutto sprofonda, come quando un insignificante pagliuzza sparisce nell oceano. Quelli che nel loro silenzio ricordano per eternità qualcosa a qualcuno, non saranno mai dimenticati, mai. Ragazza sconosciuta, in questo spazio irrealmente quieto, nel quale si è intrecciata l eternità e nel quale non sento nulla tranne i miei pensieri, porgimi le tue mani per poter costruire qui, proprio in questo posto, il ponte, sotto quale incomincerà a scorrere soltanto il nostro fiume. Lo chiameremo il fiume della verità. Quel fiume raggiungerà tutti, sia i codardi sia gli eroi e gorgoglierà nel tempo, per sempre. 144

133 Zauvijek prijatelji / Amici per sempre - Lejla Šahinagić, Mostar LJUBAV JE KAO HIROŠIMA / L AMORE E COME HIROSHIMA LJUBAV JE NEŠTO NAJLJEPŠE / L AMORE E QUALCOSA DI PIU BELLO O SREĆI... / DELLA FELICITA... /

134 Aida Halilović, Čelić Zauvijek prijatelji / Amici per sempre LJUBAV JE KAO HIROŠIMA Gdje god da pogledam vidim srećne i zaljubljene ljude. I kao da me grom iz vedra neba pogodi i ti mi se odjednom pojaviš u mislima. Tada, kao da hodam stazama bola, sve me počne podsjećati na tebe. Kao niotkud u zraku se pojavi tvoj miris, okrenem se oko sebe da vidim da li si negdje u blizini, ali nema te, ponovo umišljam. U daljini vidim neki zagrljeni par, sjede na onom našem starom mjestu.ponovo sjećanja krenu da naviru.kroz glavu mi prolaze slike, na to mjesto smo često odlazili, bježali od svega, tamo smo pronalazili svoj mir. Sjećam se svih onih riječi koje si mi tiho šaputao, još uvijek odzvanjaju u mojoj glavi. Onaj tvoj glas pun ohrabrenja prokleto mi fali, fali mi da bi me ohrabrio i da bih mogla krenuti dalje, fali mi zagrljaj, fale sitnice, jednostavno mi fališ ti. Osjećam kako se u meni sve raspada, kako srce eksplodira, ali ipak svaki komadić od te eksplozije, svaki dio mene te svakom bolnom sekundom sve više i više voli. Poželim da nestanem, ali ne mogu dalje od ovog. U naletima bola poželim opet da bude kao prije, da budemo srećni, zaljubljeni, ali znam da više nikad neće biti tako. Previše pogrešaka s moje, ali i sa tvoje strane. Možda smo previše bili tvrdoglavi ili ljubomorni pa je to uništilo sve, a možda je jednostavno morao doći kraj. Jer kako ljudi kažu: Sve što je lijepo, kratko traje. Pa je valjda i sada moralo biti tako, ali tko će znati... Aida Halilović, Čelić L AMORE E COME HIROSHIMA Ovunque getto lo sguardo vedo gente felice e innamorata. E come se mi colpisse una fulmine a cielo sereno,tu all improvviso mi vieni in mente. In quel momento è come se camminassi per strade di dolore, tutto mi fa pensare a te. Come dal nulla, nell aria si sente il tuo profumo, mi guardo intorno per vedere se ti trovi da qualche parte nelle vicinanze, però non ci sei, ti sto immaginando. In lontananza vedo una coppia abbracciata, sono seduti dove spesso andavamo anche noi. Di nuovo i ricordi iniziano ad affluire. Dentro la testa scorrono immagini di noi, in quel posto, quando scappavamo da tutto, lì trovavamo la nostra tranquillità. Ricordo di tutte le parole che mi sussurravi sottovoce, ancora risuonano nella mia testa. Quella tua voce piena di incoraggiamento, mi manca maledettamente, ne avrei bisogno per darmi coraggio, per poter andare avanti, mi manca il tuo abbraccio, mi mancano le sciocchezze, semplicemente, tu mi manchi. Sento che dentro di me tutto si sta spezzando, che il cuore sta per esplodere, però ogni pezzo di quella esplosione, ogni parte di me con ogni doloroso secondo, sempre di più, di più, ti ama. Mi viene voglia di sparire, però non posso andare oltre questo. Negli assalti di dolore desidero di nuovo che tutto sia come prima, di poter essere felici, innamorati, ma lo so che non sarà mai più cosi. Troppi errori da parte mia, e anche da parte tua. Probabilmente siamo stati troppo caparbi e gelosi, e questo ha distrutto tutto, oppure semplicemente doveva finire. Come dice la gente: Tutto quello che è bello dura poco. Probabilmente anche questa volta doveva andare così, però chi lo sa 147

135 Zauvijek prijatelji / Amici per sempre Amela Alić, Sapna LJUBAV JE NEŠTO NAJLJEPŠE Ljubav je smisao života. Svakom čovjeku je potrebna ljubav i bez nje život bi bio nezamisliv. Postoje ljubavi prema roditeljima, prema svom partneru, rodbini i drugim. U ovoj priči želim pisati o dvoje mladih koji su se zaljubili na prvi pogled jedno u drugo. To su Semir i Admira. Evo, već tri godine su zajedno, sudbina ih je spojila iznenada. A to se desilo još dok su išli u osnovnu školu. Admira je imala svoju najbolju drugaricu, Merisu, koja se zaljubila u Semira. Merisa je uvijek Admiru slala da mu da pisma i sve ostalo, ali Admira, kad bi ga vidjela, sva bi se pocrvenjela, osjećala je leptiriće u stomaku. Nikad to nikome nije smjela povjeriti, jer bi time povrijedila svoju najbolju dugogodišnju drugaricu. Jednog dana, kada je Admira pošla do Semira da mu da pismo od Merise, stala je pred njega i rekla mu tiho: Semire, ne znam ni sama kako da ti ovo kažem, a on sav iznenađen pitao ju je: Pa šta je u pitanju? Ona je tiho odgovorila: Oprosti mi, molim te, ali ja tebe volim! Semir je stajao i gledao je nježno njene oči koje su bile pune ljubavi, uhvatio ju je za ruke i na to odgovorio: VOLIM I JA TEBE! Sva je drhtala pred njim, jer to nije očekivala od njeg. Počeli su tajnu ne govorivši ništa Merisi. Ali Merisa ga je nekako vremenom zaboravila, priznala je Admiri da ga ne voli nimalo. Admira se tad osjećala sretnom, bilo joj je drago zbog toga. Napokon joj je Admira tad priznala da voli Semira. Počeli su se viđati, ali čim je jedan problem bio riješen, odmah se drugi stvorio. To su bili Admirini roditelji. Kada su saznali za njih, zabranili su joj izlaske sa njim, ali ona ih nije slušala, čak su joj zabranjivali da ide u školu. Svakim danom bi je Semir tajno zvao na telefon. Ali vidjevši da ni oni im ništa nisu mogli ipak su na kraju odobrili tu vezu i eto i danas-dan su zajedno. Ja im mnogo puta priđem kada su zajedno i nikad ih nisam vidjela tužne, uvijek je bila vesela atmosfera. Semir je često uzviknuo jako pred svima: ADMIRA, VOLIM TE DO NEBA! To je ljubav. Bez nje nema života. Ali ja još nisam upoznala pravu ljubav svog života, ali ipak nadam se da će to biti uskoro. Lijepo je voljeti nekog i voljen biti. Voljena osoba će te razumjeti u svakom trenutku, bit će tu karaj tebe i u dobru i u zlu, kad si tužna, kad si sretna, kad te strah nečeg... uvijek je tu i podržat će te u svemu. LJUBAV JE NEŠTO NALJEPŠE! 148

136 Amela Alić, Sapna Zauvijek prijatelji / Amici per sempre L AMORE E QUALCOSA DI PIU BELLO L amore è il senso della vita. Ogni essere umano ha bisogno dell amore, e senza di esso la vita sarebbe inconcepibile. L amore verso i genitori, verso il proprio partner, verso i parenti e verso gli altri. In questa storia voglio parlare di due giovani che si sono innamorati a prima vista. Semir e Admira. Ecco, stanno insieme da tre anni, il destino li ha uniti all improvviso. Mentre frequentavano la scuola elementare. La storia ha inizio così: La migliore amica di Admira, Merisa, era innamorata di Semir, gli mandava lettere e pensieri. Intanto Admira, quando incontrava Semir arrossiva tutta, sentiva le farfalle nello stomaco. Non si confidava con nessuno perché sapeva che così avrebbe fatto male alla sua miglior amica. Un giorno, Admira, incontrò Semir e a voce bassa gli disse: Semir, vorrei parlarti ma non so da dove cominciare, e lui del tutto sorpreso, le chiese: Di cosa si tratta?, Admira con la voce bassissima gli rispose: Perdonami ti prego, ma io ti amo! Semir fermo la guardava con dolcezza e con gli occhi pieni d amore, le prese la mano, e disse: ANCHE IO TI AMO! Tremava tutta davanti a lui, perché non si aspettava queste parole. Hanno cominciato, così, a vivere la loro storia in segreto senza dir nulla a Merisa. Col tempo Merisa dimenticò Semir e lo disse alla sua amica Admira. In quel momento Admira felice confessò a Merisa che loro due erano innamorati. Nonostante tanti problemi Admira e Semir sono rimasti innamorati.mi avvicino molte volte a loro quando stanno insieme, non li ho mai visti tristi, c è sempre un atmosfera gioiosa fra loro. Semir spesso esclama : ADMIRA, TI AMO FINO AL CIELO! Questo è l amore. Senza di esso non c è vita. Io ancora non ho conosciuto l amore della mia vita, ma spero che accadrà presto. E bello amare qualcuno ed essere amato. La persona amata ti capirà in ogni momento, sarà accanto a te nel male e nel bene, quando sarai triste, quando sarai felice, quando avrai paura.. sarà sempre accanto a te, per sostenerti in tutto. L AMORE E LA COSA PIÙ BELLA CHE C È! 149

137 Zauvijek prijatelji / Amici per sempre Milica Milić, Šekovići O SREĆI... Sreća...šta je to, u stvari, sreća? I da li ona zaista postoji? Svima nam je poznat taj osjećaj trenutnog zadovoljstva, trenutne sreće, kad ostvarimo nešto što smo oduvijek htjeli... Ali, to se ne može nazvati srećom! Za nju jer potrebno mnogo više... Jednostavno je osjećaš...osjećaš nevjerovatnu unutrašnju snagu i osjećaš da bi mogao da poletiš čak i bez krila! Osjećaš se tako ispunjeno i hrabro i imaš potrebu da cijelom svijetu kažeš da si srećan! Želiš stalno da budeš nasmijan i želiš da vjeruješ da ne postoji ništa što bi moglo da pokvari taj divan osjećaj. Za nekoga biti srećan znači imati kraj sebe voljenu osobu, nekoga ko je pored tebe u svakom trenutku, na koga uvijek možeš da računaš. Ali, da li je to dovoljno za sreću? To jeste dio nje, ali ja mislim da nije dovoljno da bi se čovjek osjećao srećnim. Postavlja se tu još pitanja...da li su srećni svi oni koji to tvrde? Da li je to stvarno tako? Da li su zaista srećni ili im to služi kao neki štit da bi prikrili ono što zaista osjećaju ili ono što im se zaista dešava? Ili ipak ne postoji niko na ovom svijetu ko bi mogao da kaže da je zaista srećan? Sve su to pitanja na koja se ne može dati tačan odgovor. To je nešto relativno, i ako je zaista tako, ako postoji neko ko za sebe sa razlogom može tvrditi da je srećan, to ne može biti u potpunosti. Jer uvijek postoji nešto što nam nedostaje da bismo upotpunili našu sreću, pa makar to bilo nešto malo i beznačajno. Nekada razmišljamo o tome šta nam je sve potrebano da bismo bili srećni i ispunjeni i jednostavno shvatimo koliko nam je ustvari potrebno baš to malo. Kažu da sreća korača za nama i da će kad-tad da stigne svakog od nas. Ali opet, kažu sve u svoje vrijeme..nekada mi se zaista čini da je tako i vjerujem u to! A isto tako, ponekad pomislim da to nije tačno i da je to samo još jedna u nizu fraza koje ljudi koriste da bi utješili druge. Ponekad se i plašim da nikada neću pronaći sreću, da nje za mene nema. A, nekada počnem da sanjarim kako je sve oko mene ružičasto i baš onako kako ja želim da bude. Ali se brzo trgnem iz tog sna i vratim se u stvarnost, koja je ipak više siva nego ružičasta. Surova realnost.. Postoji jedna stvar koju uvijek govorim i iza koje uvijek stojim, a to je: Sreću čine male stvari i zato ne odustajte! Koliko god teško bilo uopšte i opstati danas, ipak se borite za svoju sreću. Ne dozvolite nikome da od vas napravi NEKOG MANJE VAŽNOG! I zaista tako mislim - BORITE SE! Jer svakog od nas negdje iza nekog ćoška čeka bar onaj mali,najmanji komadić sreće... I čeka... ČEKA DA GA ZGRABIMO I JEDNOSTAVNO UŽIVAMO U NJEMU! 150

138 Milica Milić, Šekovići Zauvijek prijatelji / Amici per sempre DELLA FELICITA La felicità... che cosa è, davvero, la felicità? Esiste veramente? Tutti conosciamo la sensazione del piacere momentaneo della felicità momentanea, quando riusciamo a realizzare qualcosa che abbiamo desiderato da sempre Però, questo non si può chiamare felicità. Per averla ci vuole qualcosa di più Semplicemente, è una sensazione senti una forza interiore incredibile e ti sembra di poter volare anche senza le ali! Ti senti così soddisfatto e pieno di coraggio e hai bisogno che tutto il mondo dica che sei felice! Hai voglia di essere sempre sorridente e vuoi credere che niente può toglierti quella sensazione. Per qualcuno essere felici significa stare accanto alla persona amata, accanto a qualcuno che in ogni momento ti stia vicino e su cui puoi sempre contare. Ma, questo basta per avere la felicità? Questo fa parte di essa, però io penso che questo non basta per essere felici. Adesso sorge un'altra domanda sono davvero felici tutti quelli che dicono di esserlo? E davvero come dicono? Sono veramente felici oppure usano questo come uno scudo per nascondere quello che sentono davvero o quello che gli succede realmente? Forse non esiste nessuno nel mondo che potrebbe dire di essere veramente felice? Queste sono le domande alle quali non si possono dare risposte. Perché si tratta di qualcosa di relativo, se anche esiste qualcuno che ha una buona ragione per affermare che è felice, non può esserlo in tutto. Perché c è sempre qualcosa che ci manca per completare la nostra felicità, anche se piccola e insignificante. Ogni tanto ci mettiamo a pensare di cosa avremmo bisogno per essere felici e soddisfatti, e semplicemente concludiamo che proprio quel poco ci manca. Dicono che la felicità cammina dietro di noi e che prima o poi ci raggiungerà. Però poi tutto succederà al momento giusto Qualche volta pensi che sia veramente così e ci credo! Però, poi dopo mi succede di pensare che non è vero e che quella è soltanto una delle tante frasi che la gente usa per consolare gli altri. In certi momenti ho paura che non troverò mai la felicità, che per me non esiste, in un altro momento comincio a sognare che tutto attorno a me è roseo ed è proprio come lo volevo io. presto mi risveglio da quel sogno e torno alla realtà, più grigia che rosa. La realtà spietata Esiste una frase che dico sempre e che sostengo pienamente, ed è Le piccole cose creano la felicità, e per questo non arrendetevi! Sebbene sia difficile vivere oggi, vale combattere per la propria fortuna. Non permettete a nessuno di SOTTOVALUTARVI. La penso proprio così COMBATTETE! Perché per ognuno di noi, da qualche parte, dietro un angolo, c è quel piccolissimo pezzo di fortuna che ci aspetta ASPETTA PER PRENDERCI E SEMPLICEMENTE FARCI STARE BENE! 151

139 Zauvijek prijatelji / Amici per sempre Mira Ognjenović, Šekovići... Sjedim sam u kući. U ruci držim ženu i moju sliku. Na toj slici smo tako zaljubljeni. Ona me gleda svojim bisernim pogledom, ja nju gledam kao što samo zaljubljen muškarac može da gleda ženu. Vraćam vrijeme unazad i pominjem da se sjećam te djevojke, koja nije ličila ni na što živo što sam ikada vidio, na pticu, na polje,na potok a sve je to bilo u njenom čudesnom biću. Sjećam se naših noći dok smo šetali kroz grad pod svjetlošću uličnih svjetiljki. Sjećam se naših stihova, naših pjesama, naših plesova. Sjećam se kako bi slavuji prekidali svoju pjesmu da bi čuli nju kako diše. Sjećam se njenih poljubaca, njenih riječi..sjećam se davno izgubljene sreće. Pominjem da osjećam bol u grudima i pitam se zašto? Zašto imam tu mahnitu potrebu da razmišljam o njoj? Ustajem sa kreveta, uzimam parče papira i dok naviru sjećanja počinjem da joj pišem pjesmu koja nosi naziv zaboravi. Zaboravi, svaki pogled pun topline koji sam ti ikada uputio. Svaki iskrenu riječ koju sam izvukao iz nekog zaboravljenog ambisa mojih osjećanja. Ono o neopisivosti tvoj bisernog pogleda naročito zaboravi. Zaboravi svaki ples koji je bio naš prevoz u neki neopisivi svijet, u kome bi samo mi postojali. Kako umijem da zalutam pogledom po tvom predivnom licu, slobodno zaboravi. Zaboravi sve stihove koje sam ti posvetio. Sve pjesme koje sam ti poklonio iako one nikada nisu bile moje... Wicked game,molim te zaboravi. Zaboravi sve beznačajne korake koje bi dijelili kad bi te kući pratio. Kako bi vrijeme za mene stalo kad bi trebali da se rastanemo i kako ti nisam dao satima da odeš. Kako sam htio da te kradem..shvati i zaboravi. 152

140 Mira Ognjenović, Šekovići... Zauvijek prijatelji / Amici per sempre Sono a casa da solo. Nella mano ho una foto mia con la mia donna. Nella foto abbiamo l aria di essere tanto innamorati. Lei mi guarda col suo sguardo perlato, ed io la sto guardando con lo sguardo di un uomo innamorato della propria donna. Torno indietro nel tempo e comincio a ricordarmi di quella ragazza che non somigliava a niente che avevo visto fino a quel momento, ne all uccello, ne al prato, ne al ruscello, però lei aveva tutto questo dentro il suo meraviglioso essere. Mi vengono in mente le nostre passeggiate notturne in città, sotto le luci delle lanterne di strada. Mi ricordo dei nostri versi, delle nostre canzoni, dei nostri balli. Mi ricordo che gli usignoli interrompevano il loro canto per poter sentire il respiro di lei. Mi ricordo dei suoi baci, delle sue parole... mi ricordo della felicità, persa da tanto. Comincio a sentire un certo dolore nel petto e mi chiedo perché. Ma perché ho questa folle necessità di pensare a lei? Mi alzo dal letto, prendo un pezzo di carta e mentre i ricordi stanno affluendo inizio a scriverle una poesia, con il titolo Dimentica. Dimentica ogni sguardo pieno di calore che ti ho mai lanciato. Ogni parola sincera che tiravo fuori dall abisso dei miei ricordi. Dimentica specialmente quella impossibilità di descrivere il tuo sguardo perlato. Dimentica ogni ballo che ci portava verso un mondo indescrivibile, dove riuscivamo ad esistere soltanto noi. Dimentica pure come ero capace a perdermi guardando e ammirando il tuo viso stupendo. Dimentica tutti i versi che avevo dedicato a te. Tutte le canzoni che ti avevo regalato, anche se non erano mai le mie... Wicked game, ti prego dimentica. Dimentica tutti i passi inutili che abbiamo condiviso mentre ti accompagnavo a casa. Come si fermava il tempo per me quando arrivava il momento di salutarti e come, per delle ore, non ti lasciavo andare via. Come volevo tenerti per me... cerca di capire e dimentica. 153

141 Zbunjenost / Confusione - Lejla Ćorajević, Mostar SVE JE ISTO, ALI NIŠTA ISTO NIJE / TUTTO È UGUALE, UGUALE NON È NIENTE (NIENTE È UGUALE) ZADNJI DAN DRUŽENJA / L' ULTIMA GIORNATA IN COMPAGNIA 154

142 Dajana Ristić, Lopare Zbunjenost / Confusione SVE JE ISTO, ALI NIŠTA ISTO NIJE Sat vremena smo pješačile uskim seoskim putićem, dok nismo stigle do stare, kamene kuće. Kuće našeg djeda i bake. Vjetar je duvao, kiša je sipila, žuto lišće je pokrivalo kamene staze oko kuće. Umorne smo sjele na prag, ključ ćemo tražiti kasnije. Ključ je negdje ispod kamena, rekla je mama kad smo pošle. Obje smo utonule u svoje misli, ali sam znala da se i seka prisjeća dana kada smo trčkarale oko kuće. Čak sam mogla da osjetim miris hljeba koji je baka tek izvadila iz rerne, ali i da čujem blejanje ovaca, dole na livadi. Seka me pogledala i rekla:,,a sjećaš li se one naše ljulje, na starom orahu, dole, ispod kuce?,, I sjećala sam se... Mama nas ljulja, a mi se takmičimo koja će više odletjeti nebu pod oblake, dok je naš smijeh odjekivao zelenom dolinom. Baka kroz prozor viri i maše glavom, sva vedra i nasmijana. Iz šume izlaze tata i djed, na ramenima noseći drva za kućno ognjište. Voljele smo tu otvorenu vatru na sredini kuće, oko koje smo svi sjedili, grijali se i pričali do kasno u noć. Našle smo ključ i ušle unutra, sve je bilo isto, ali bez bake i djeda više ništa isto nije. 155

143 Zbunjenost / Confusione Dajana Ristić, Lopare TUTTO È UGUALE, UGUALE NON È NIENTE/NIENTE È UGUALE/ Abbiamo camminato un ora sul sentiero stretto di campagna, finché non siamo arrivate alla vecchia casa di pietra. L casa dei nostri nonni. Il vento soffiava, pioveva a catinelle, le foglie gialle coprivano i viottoli di pietra intorno alla casa. Ci siamo sedute stanche sulla porta di casa, con l idea di cercare la chiave La chiave si trova da qualche parte sotto una pietra, ci aveva detto la mamma quando siamo uscite di casa. Tutte e due ci siamo immerse nei nostri pensieri, ma ho intuito che anche mia sorella stava cercando di ricordarsi i momenti quando correvamo intorno alla casa. Sono riuscita a sentire anche il profumo del pane che la nonna toglieva dal forno, e pure il contare delle pecore lì sul prato. Mia sorella mi ha guardato chiedendomi : Ti ricordi anche quella nostra altalena che era appesa sul vecchio albero di noce, laggiù, sotto la casa? Io ricordavo... la mamma che ci spingeva sull altalena, e noi gareggiavamo a chi volava più in alto, cercando di arrivare alle nuvole del cielo, mentre il nostro sorriso echeggiava nella valle verde. La nonna sbirciava attraverso la finestra scuotendo la testa, tutta contenta e sorridente. Dal bosco uscivano il nonno e papà portando la legna sulle spalle per il focolare... Ci piaceva quel fuoco selvaggio in mezzo alla casa, intorno al quale tutti ci mettevamo a sedere, ci riscaldavamo e parlavamo fino a notte fonda. Abbiamo trovato la chiave e siamo entrate, tutto era uguale, però senza la nonna e il nonno nulla è più uguale. 156

144 Admira Mustafić, Sapna Zbunjenost / Confusione ZADNJI DAN DRUŽENJA Život je veoma čudan i mnogo okrutan. Ponekad se dešavaju stvari koje ne želimo da se dese. Nekad smo tužni, a nekad veseli. Vrijeme prolazi tako brzo da nismo toga ni svjesni. Život nam stvara razne prepreke, ostajemo bez voljenih osoba veoma prisnih srcu. Često se pitamo kuda nas ovaj život vodi, da li ćemo živjeti još dugo vremena ili ćemo umrijeti već sutra?... A najbolje doba je tinejdžersko doba. To svi kažu... U jednom predgrađu živjela je Emina, veoma slatka djevojčica sa crnom kosom i plavim očima. Bila je sedmi razred osnovne škole. Ona je skromna osoba sa samo jednim snom - da u životu postane poslovna žena. Družila se sa Lejlom koja je bila njena najbolja drugarica. Iako su bile samo djeca, šminka im je bila na prvom mjestu, uže farmerice i druge slične stvari. Emina je bila bolji učenik od Lejle i nastavnici su je više voljeli. To je Lejli ponekad smetalo, ali je to prikrivala. Lejla je ipak voljela svoju drugaricu Eminu. Obje imaju svoj profil na facebook-u. Zbog svog slobodnijeg duha Lejla je već počela pisati i flertovati sa momcima. Emina to nije htjela zbog svoje povučenosti, stidljivosti, a najprije zbog toga što su joj roditelji bili strogi. Jedne večeri, dok je Emina bila na facebook-u, javio joj se Lejlin momak, Edin. Sve je počelo u šali, a na kraju se završilo izjavom ljubavi od strane Lejlinog momka. Emina je sutradan detaljno ispričala Lejli šta se desilo. Pošto je Lejla bila zaljubljena, nije joj povjerovala. Tu nasta oštra svađa. - Ti si izdajica, nisam se nadala da ćeš mi ti, moja najbolja drugarica, zabiti nož u leđa, - napadala ju je Lejla. - Ali... pokušavala se braniti Emina. - Ništa ali... ti si kriva. Edin mi je rekao. - Edine reci joj šta je bilo, priznaj da si ti htio da se zabavljamo! vikala je sad Emina na Lejlinog momka. - O čemu govoriš? Nije mi jasno, - Edin se pravio nedužan. Emina je plačući otišla od njih i ostavila ih da oni to riješe između sebe. Prošlo je od tada dosta vremena. One završiše i osnovnu školu i maturu. Ali još uvijek ne razgovaraju. Ne znajući su upisale istu školu. Kako su godine prolazile, Lejla i Emina su postale ozbiljnije i odraslije. Shvatile su da su to bila dječija posla. Dogovorile su se da odu na kafu i da mirno razgovaraju. - Toliko godina nismo pričale, - započela je Lejla. - Da, sada smo i odrasle, - potvrdila je Emina. - Izvini, drugarice, bila sam zaslijepljena ljubavlju, nisam znala da griješim, - pravdala se Lejla. - Pusti sad to, jesi li razmišljala kakvu ćeš haljinu obući za maturu? Emina je skretala razgovor s neprijatne teme. - Hajde da obučemo iste! predložila je Lejla svjesna neprijatnosti razgovora kojeg je započela. - Biće super! složila se Emina. Tako je i bilo. Zajedno su maturirale i postigle odličan uspjeh. Na rastanku su se dugo, dugo grlile i plačući rastale, kako to već i biva na maturskim večerima. Dogovorile su se da se sutradan nađu ispred drvene kapije gdje su se još kao djevojčice sastajale i igrale. Obje su došle na vrijeme, ali nisu znale o čemu bi pričale. I jedna i druga su se zbog nečeg stidjele. Kratko su se zadržale, porazgovarale tek ponešto o budućnosti, svjesne da im se tu putevi po prvi put u životu zaista razilaze. Sve ovo do sad je bila obična dječija tvrdoglavost, lažno poimanje ponosa. 157

145 Zbunjenost / Confusione Ali ipak, negdje u sjećanju je ostalo saznanje da su barem na kratko uspjele da zaborave nesporazum i ponovo osjetile onu dječiju radost sadržanu u nesebičnosti, jednakosti i bezbrižnosti. A onda... kraj. Bilo bi lijepo da se ova priča završi ovako: Prošlo je dosta vremena od tada. Sada su one poslovne žene koje imaju svoje porodice i sretan dom. Žive u predgrađu rodnog grada i prve su komšije, kuća do kuće. Njihove kćerke zajedno rastu i druže se, kao nekad one. A njih dvije sve to posmatraju i sa smijehom idu dalje u život. Ali... Život je veoma čudan i mnogo okrutan... Admira Mustafić, Sapna L' ULTIMA GIORNATA IN COMPAGNIA La vita e' molto strana e molto crudele. A volte capitano delle cose che non vorremmo capitassero mai. A volte siamo tristi, a volte felici. Il tempo scorre così veloce che spesso non capiamo cosa succede. La vita ci presenta diversi ostacoli. ci chiediamo dove ci porterà, vivremo per tanto tempo oppure moriremo domani?... L età più bella è quella dell' adolescenza. Tutti lo dicono In un sobborgo viveva Emina, una ragazza molto dolce con i capelli neri e gli occhi blu. Andava a scuola. Era una persona modesta con un' unico sogno di diventare una donna d' affari. Lejla, era la sua amica del cuore. Anche se erano soltanto due bambine, pensavano già al trucco, all'abbigliamento e a cose simili. Emina era la migliore a scuola e gli insegnanti l' amavano di più. Lejla ne soffriva ma non lo faceva notare. Lejla voleva bene alla sua amica Emina. Tutte due avevano aperto il loro profillo Facebook. Lejla, uno spirito libero, conosceva e stringeva amicizia con i ragazzi. Emina invece era più timida. Una sera, mentre Emina era su Facebook, il fidanzatino di Lejla, le si è presentato. Tutto è cominciato per scherzo, ma alla fine lui ha dichiarato il suo amore ad Emina. Il giorno successivo, Emina ha raccontato tutto a Lejla ed hanno litigato duramente - Leila: non mi aspettavo che tu, la mia miglior amica, mi potessi tradire in questo modo. - Emina cercava di difendersi ed è andata via piangendo. 158

146 Zbunjenost / Confusione E' passato tanto tempo da allora. Leila ed Emina hanno finito la scuola e superato l esame di maturità. Gli anni sono passati, Lejla ed Emina sono diventate più grandi, più mature. Hanno deciso di andare a prendere un caffè insieme e di parlare. Per così tanto tempo non abbiamo parlato ha iniziato Lejla. Si, adesso siamo cresciute,- ha concordato Emina. Scusami, amica mia, io ero innamorata, non sapevo che stavo sbagliando si giustificava Lejla Lascia perdere, hai pensato a cosa ti metti per la festa della maturità? Emina cercava di cambiare argomento. Si, ci possiamo mettere gli stessi vestiti! ha proposto Lejla Andrà tutto alla grande! ha esclamato Emina. E infatti è andata così. Si sono viste il giorno successivo davanti al portone di legno dove si incontravano da bambine e dove giocavano. Non sapevano di cosa parlare. Tutte e due sentivano una timidezza inspiegabile. Poi dopo un po hanno iniziato a parlare del loro futuro ed hanno scoperto che le loro strade si sarebbero divise veramente, per la prima volta nella loro vita hanno dimenticato il loro piccolo malinteso ed hanno di nuovo sentito quella felicità di bambine, senza egoismo, spensierata Sarebbe bello che la storia finisse così.. E' passato tanto tempo da allora. Le due bambine ora sono due donne realizzate con famiglia e le case piene di felicità. Abitano nello stesso quartiere e sono vicine di casa. Le loro figlie crescono insieme e sono amiche, come lo sono state loro due. Leijla ed Emina sorridono alla vita. Ma La vita e' molto crudele 159

147 Život / La vita - Boris Pehar, Mostar VRIJEME PROTIČE / IL TEMPO SCORRE ZASTAVA MOJE MLADOSTI / LA BANDIERA DELLA MIA GIOVINEZZA 160

148 Nedžada Ribić, Čelić Život / La vita ZASTAVA MOJE MLADOSTI Nikada se neće vratiti one stepenice moje mladosti.jednom kad se popneš vraćanja nema. Jednom kada kreneš stati ne možeš, jer ako staneš tu ćeš i ostati. A ako ostaneš zaboraviti ćeš da nisi trebao ostati i da te negdje gdje si pošao čeka netko tko željno očekuje da dođeš. Meni se desilo da zaboravim, mada to nisam trebala učiniti. Prekasno sam se sjetila da trebam krenuti, ali kako kažu Nikada nije kasno. Tako da sam krenula kroz planine i tunele sopstvenog života. Kroz rupe bez dna i strme litice moga srca. Teško je bilo vratiti se u stvarnost, ali je vrijedilo. Shvatila sam šta sam ostavila iza sebe, a šta sam dobila. Uspjela sam se popeti na najveću planinu, preživjeti lavinu, znam kako je kada ti se odroni kamen na kojem stojiš i kada padneš ponovo na početak, ali ne treba odustati, čovjek se uči na svojim greškama. Vrati se na put i nastavi kao da ništa nije bilo. Bez ikoga teško je doći do cilja, bez ičije pomoći.jer cijena uspjeha je velika, a svi žele uspjeti. Nada umire posljednja, to mi je pomoglo da dođem do svoga cilja i postavim zastavu svoje mladosti. Znam da je jučer bilo kada sam krenula i da sam ostavila iza sebe planine i litice. Šume i rijeke života koje su me pokušale odvesti tamo gdje ne pripadam. Tamo gdje bih bila starnac koji nema doma.tamo gdje bi mi se i moj sopstveni smijeh činio tuđim i moje suze bi bile nečije druge. Još nisam stigla, još sam na putu, dolazim do raskrsnice i gledam. Kojim putem da krenem? Koja će me staza odvesti tamo gdje sam krenula? Da li ću usojeti ili ću odustati i vratiti se? Gledam, razmišljam, ali nikako da se odlučim. Lijevo ili desno? Ili nazad? Biram desno i krećem. Polako koračam i gledam gdje ću da stanem jer ako stanem na krivi kamen zaboraviću prošlost. Čovjek treba da nastoji da zaboravi prošlost, živi sadašnjost i de ne misli na budućnost. Možda ćemo svi sutra umrijeti, a danas nismo proživjeli. Gledam na sat i shvatim da još ima vremena i nade. I da još ništa nije izgubljeno. I idem ulicama, tragam za nečim što je nemoguće naći, za onim što je skriveno od mene dugo vremena, ako što ljudi kažu Zabranjeno voće... To nešto ima svoje ime, koje je meni strano, pojam tog imena je meni nepoznat, ta riječ nikad se nije vezala za mene. Tu riječ nikad nisam upoznala i uvijek sam se nadala da hoću... Stižem do mjesta do kojeg trebam da dođem. Ali me strah da udjem, da prijeđem kapiju, da je prekoračim. Samo jedan korak me dijeli od sreće, a ipak me neki strah hvata.kao malo dijete me hvata za ruku i vodi ponovo nazad, opirem i nedam da me vodi. Nedam da mi uništi snove i nadu.jer znam da strah trebam pobijediti. Da ga trebam u korijenu sasjeći. A strah me je straha. Plašim se da pogriješim, jer greške se kupo plaćaju. A ako me strah povede nazad morat ću da platim grijehe iz prošlosti, a oni su nemilosrdni prema onima koji ih još nisu otplatili i bježe od dana kada to trebaju učiniti.ipak pobjeđujem strah i ulazim. Gledam i shavtam da je lakš dio pređen, a šta me čeka poslije je zagonetka-misterija. Ne znam da li me čekaju oluje ili lijepo vrijeme. Ili le me sreća zavarati pa neću vidjeti svu tu nesreću u sreći. Pokušati ću da budem razumna i da se u svakom trenutku ne prepuštam osjećajima da me vode, već da razmišlajm glavom. Ako budem razmišljala srcem, završiti ću kao i prošli put, a to se ne smije dogoditi. 161

149 Život / La vita Nedžada Ribić, Čelić LA BANDIERA DELLA MIA GIOVINEZZA Non tornerà mai più la mia giovinezza. Quando cresci non si torna bambini e non ti potrai mai più fermare,.. se ti fermi rimarrai lì dove ti sei fermato.. non saprai mai dove saresti arrivato, non incontrerai mai qualcuno che non vedeva l' ora d' incontrarti. A me è successo di fermarmi.. Mi sono ricordata tardi che dovevo incamminarmi, però come dicono: Non è mai troppo tardi. Mi sono messa in moto per attraversare le montagne e le gallerie della vita. Attraverso le gallerie tra le rocce del mio cuore. E' stato difficile tornare, ma ne valeva la pena. Ho capito cosa avevo lasciato dietro di me, e che cosa avevo ricevuto. Sono riuscita a salire sulla montagna più alta, sopravvivere alla valanga l' uomo impara sui propri errori. Torna sulla tua strada e prosegui come se nulla fosse accaduto. Da soli è difficile raggiungere l' obiettivo, senza nessuno che ci aiuti. Il prezzo del successo è alto, tutti lo vogliono. La speranza è l ultima a morire, e mi ha aiutato a raggiungere il mio obiettivo, e ad alzare la bandiera della mia giovinezza. So che era ieri quando sono partita e che ho lasciato dietro di me le montagne e le rocce. I boschi ed i fiumi che tentavano di portarmi nel luogo al quale non appartenevo. Lì dove sarei stata una straniera senza casa. Lì dove anche il mio sorriso e le mie lacrime sarebbero sembrati quelli di un altra. Non sono ancora arrivata, sono ancora in viaggio, sto arrivando ad un bivio. Quale strada prendere? Quale via mi porterà lì dove devo andare? Riuscirò oppure rinuncerò e ritornerò indietro? Guardo, penso, però non riesco a decidermi. A sinistra o a destra? Oppure indietro? Scelgo la destra e riparto. Cammino lentamente e guardo dove mettere i piedi, se mi appoggio sul sasso sbagliato dimenticherò il passato. L uomo deve cercare di dimenticare il passato, di vivere il presente e di non pensare al futuro. Forse domani tutti moriremo, e invece oggi non abbiamo vissuto bene. Guardo l' orologio e capisco che ho ancora tempo e speranza. E che niente è perso. Cammino per le strade, seguo le tracce di qualcosa che è impossibile trovare, di quello che si è nascosto in me già da molto tempo. Come dice la gente: Il frutto proibito... Questo qualcosa ha il suo nome, che per me è sconosciuto,....sto arrivando sul posto dove avevo bisogno di arrivare. Però ho paura di entrare, di avvicinarmi al portone, di superarlo. Solo un passo mi separa dalla felicità, ma lo stesso mi sta venendo una paura incredibile. Come un bambino piccolo, mi prende la mano e mi riporta indietro, mi oppongo.. Non gli permetterò di distruggere i miei sogni e la mia speranza. Perchè lo so che devo vincere la paura. Che la devo tagliare alla radice. Ho paura della paura. Temo di sbagliare, perché gli errori si pagano caro. Se la paura mi portasse indietro pagherei i peccati del passato Tuttavia vinco la paura ed entro. Guardo e capisco che ho già oltrepassato la parte più facile, e intuisco che quello che mi aspetta è un enigma un mistero. Ma non so se mi aspettano tempeste o bel tempo. Forse la fortuna mi imbroglierà e cosi non vedrò tutta quella infelicità nella felicità. Proverò ad essere ragionevole, a non abbandonarmi ai sentimenti che vorrebbero guidarmi in ogni momento, proverò a ragionare con la testa. Se rifletterò con il cuore, finirò come l' ultima volta, e questo non deve più succedere. 162

150 Tijana Ristić, Lopare Život / La vita VRIJEME PROTIČE Već sedamnaest godina živim. Živim dug vremenski period... Relativno dug uporedivši ga sa sa jednodnevnim životom jednog leptira, a prekratak uporedivši ga sa životom planete Zemlje. Ali ipak, imam osjećaj da sam još juče bila mala djevojčica, kojoj je najveći problem bio koju bojicu da izabere. Najljepše je dok si mali, dok ne razumiješ poteškoće života odraslih osoba. Dok se nisi susreo ni sa jednim životnim problemom, a čeka te toliko mnogo problema. Dok se nisi susreo s činjenicom da ćeš jednog dana priželjkivati da se vratiš u baš te godine... Dok još nisi svjestan da živiš. Jer je živjeti ustvari egzistirati tako što ćeš se protiviti problemima, a ni jednom nećeš moći da okreneš leđa jer je tako nemoguće ŽIVJETI. Život je ustvari sačinjen od problema koje si uspio da prebrodiš, a nisi sve prebrodio. Živim, trajem... Da li sam svjesna koliko trajem? Ne. To je nemoguće... Život bi bio nemoguć kad se ne bi zaboravljalo... Na sreću, mnogo stvari se zaboravlja jer vrijeme prolazi ogromnom brzinom koju mozak ne može da stigne i uprati. Vrijeme ja ustvari nabujali potok koji protiče ogromnom brzinom i nepovratno... Najbrži je u proljeće i jesen. Tada se priroda budi, odnosno, sprema za san i pokušava da izvuče svoj maksimum. Pada mnogo kiše koja potkrepljuje to proticanje. Najsporiji je ljeti i zimi kad je toplo, odnosno hladno što dovodi do suše, odnosno mržnjenja rijeke. Tako je i u životu... U dobu čovjekovog života javljaju se sva četiri godišnja doba. Kad nam je lijepo, kad smo ispunjeni, kao i rječica u njenom koritu, vrijeme protiče brzo, a kad nam je sušno i hladno, onda sporo protiče... Sad, kako se uzme! Moj život je mnogo stvari učinilo i tužnim i srećnim. U selu gdje ja živim, živi moj stric koji ima ženu... Ona je najbolja žena koju sam ja ikad upoznala. S njom mogu o svemu pričati... Sve joj mogu reći. U mojoj dobi niko ne razumije moje probleme. Svi ih smatraju nebitnim, nedostojnim bilo kakve veće pažnje i brige. A meni su moji problemi najveći... Ne mogu se upoređivati s drugima. Jedino strina, strina me razumije. Oni su živjeli srećno i zadovoljno s jednom ćerkom. Druga se već davno udala i ima malu ćerkicu. Često odlazim kod njih. Razgovaramo. Koliko lijepih, toliko i ružnih trenutaka smo doživjeli zajedno. Toliko smijeha i suza... Tako je prelijepo ustrojen svijet i odnos među nama... Ali, ne može uvijek biti tako. Potok protiče, nailazi na razne prepreke i sudara se s njima. Neke obiđe, a neke i ne. Tako je i sa vremenom, životom. Vrijeme prolazi, gazi ljudsku jedinku i njen organizam... Nemoguće je egzistirati vječno, posljedica vremena mora se odraziti na svačiji organizam. Na stričev se odrazila... Nekoliko mjeseci, stric nam se žalio na zdravstvene probleme. Imao je tešku upalu pluća. Nije mogao da govori, da se kreće, da odlazi na posao. U bolnici su rekli da ima ozbiljnih problema, da su mu snimci veoma loši. Tata bio s njim. Kaže da je stric plakao, prvi put u životu plakao. Jednostavno, ne želi da se oprosti od života koji je tek počeo da bude savršen. Ćerke iškolovane, zaposlene, jedna udata, a uskoro je trebala biti i druga... Za strinu i njega dosta, za njih je to značilo divan život... A sad se moraju suočiti s onim najgorim, bolešću. Ljekari su ga uputili da uradi biopsiju, za koju on nije ni znao šta je. Neko vrijeme kasnije, stigli su im rezultati biopsije. Stric ima učahureni tumor pluća. Ovo je malo mjesto, vječno ista i statična situacija. Ponekad mi je stvarno dosadno! Nezamislivo je da u svom gradu nemamo bioskop, teren za treniranje tenisa, bazen. Nezamislivo je da nemamo više srednjih škola, mjesta gdje ćemo izaći, trg... Kao da živimo u devetnaestom vijeku. Ali eto, trudim se da ovdje postignem što bolji uspijeh u školi, pa da mogu negdje daleko odavde studirati i zaposliti se. 163

151 Život / La vita Ponekad se tata ljuti na mene. Uporno favorizujem maminu rodbinu. Ali to je jače od mene. Tek kad odem u Crnu Goru, kod majkine rodbine, osjećam se preispunjeno... Tamo mi nikad nije dosadno. Rođake i rodice koje volim najviše na svijetu, nažalost, najmanje viđam. Samo jednom godišnje- kad odem tamo... Onda mi uživamo, provodimo se, pričamo... Toliko mnogo tema za razgovor, toliko smijeha. Plačem od sreće kad ih vidim... Ponekad me strah te sreće, strah da neću moći te sreće da se odreknem i vratim kući, ali ipak sam presrećna. Tamo provedem tek tri od pedeset dvije sedmice u godini, a ipak su one dovoljne da mi daju dovoljno energije, snage i optimizma da živim, živim čekajući sljedeću godinu, da ih vidim. Tamo mi najbrže protiče vrijeme... Valjda, kad je čovjeku lijepo i zanimljivo, onda sve brzo prolazi... I opet se vratim kući... Ovdje su sati dugi... Danas je sedamdeset dana otkako sam se vratila iz Crne Gore, a još uvijek se sjećam svega, kao da je juče bilo. Ne želim da dođem kući odande, a moram. I tako, pokušavam živjeti što bolje i uspješnije, kako u školi, tako i kod kuće brojeći dane kad ću ponovo otići tamo... Tamo, gdje i sunce ljepše sija, gdje ptice ljepše pjevaju, gdje ruže ljepše mirišu, gdje ima više zvijezda, gdje srce brže kuca, gdje je za mene carstvo osmijeha i radosti... Prije nekoliko dana sam bila kod strica. Loše je. Imao je već dva ciklusa hemoterapija, ima još dva. Došla sam kod njega da vidim kako je, a bolje da nisam. Samim ulaskom u njegovu sobu, osjetim negativnu energiju. Na krevetu do prozora leži stric, beživotno i iscrpljeno od terapija. Na stolu ispred njega sok od cvekle, grožđe, vitaminske tablete. Televizor pojačan, sluša vijesti. Miriše na bolnicu. Stvari na drugom krevetu su nerspremljene i bez reda, strina ne može stići da rasprema od toliko obaveza. Majka stričeva, koja je skoro nepokretna, živi s njima. Strina mora da se muči oko nje. Baba je tako čudan karakter. Razumna je, ali se toliko brine za svoje zdravlje da nije izašla iz kuče već deset godina. Strinu, koja skoro cio dan napolju čisti i hrani stoku i živinu, zove za bilo kakve gluposti, da joj sveže maramu, donese vode (a ima, recimo, po tri pune čaše vode na stolu). Kao da nema obzira što joj je sin bolestan i da sad sva pažnja treba biti njemu usmjerena! Ponekad dođem kod nje da vidim kako je. Čim uđem u njenu sobu, prepozna me po glasu. Jednom mi ovako reče «E, sine moj, da mi je da umrem, pa da vidim sestru kojoj ni na sahranu nisam mogla otići». Spustim pogled i počnem plakati, iako me ona ne bi vidjela i da podignem glavu. Kažem joj «Baba, bićeš ti živa, da vidiš kad ja završim fakultet», a ona «Eeee, sinko moj, da mi je umrijeti, a ti dođi babi na grob i reci kad završiš»... Bude mi žao... Ali ovo što radi strini je neoprostivo i krajnje neljudski... Već deset godina se družim s Draganom. Ona mi ja najbolja drugarica. Ovdje, u ovom malom mjestu, postoji mali broj stvari u kojima možeš uživati i trošiti slobodno vrijeme. Dragana i ja smo bile svaki dan zajedno, viđale se, dolazila jedna kod druge... Ne sjećam se da li sam se ikad ikome toliko puta nasmijala kao njoj i toliko tajni rekla... Nikome! Preživjele smo zajedno mnogo lijepih trenutaka. Svaku životnu dob sam preživjela s njom. I onda kad smo se igrale lutkama, i onda kad smo izlalzile... Ponekad imam osjećaj da me niko ne bi razumio. Moja maštanja, sanjanja... Ponekad sam toliko nervozna da sam spremna sve ljude oko sebe da dovedem do ludila. Ponekad plačem bez razloga, svađam se sa roditeljima, sestrom, profesorima. Dragana kroz sve to, takođe, prolazi. Zato me ona jedina razumije i podržava u svemu! Čak i neka moja razmišljanja koja totalno bježe od stvarnosti i razuma ona razumije. Čovjek se nikad ne može osjećati bespomoćno i nesrećno ukoliko, kad se god tako osjeća, može to reći nekom ko ga razumije bezuslovno! Ne znam šta bih bez nje... Ali vrijeme čini svoje... Dragana je punoljetna. Ne možemo uvijek biti djeca, igrati se lutkama, živjeti s roditeljima, dolaziti jedna kod druge, provoditi skoro svaki dan zajedno... Jer je vrijeme nabujali potok koji protiče velikom brzinom. Nisi ni svjestan, a on je već prešao kilometre i kilometre, godine i godine. Najveća ironija svega je što protiče nepovratno. Nijedan jedini molekul tog potoka se ne vraća, kao niti jedan sekund vremena. 164

152 Život / La vita Tako da je došlo vrijeme da se Dragana i ja rastenemo. Oktobar je došao, Dragana je otišla na fakultet koji je udaljen na sto kilometara odavde. Rijetko dolazi kući, jer je prevoz skup. Ne viđamo se, te joj ne mogu ni pričati sve što mi se dešava, što je logično. Mogu joj ispričati kad dođe, ali je efekat razgovora s drugaricom najjači kad joj ispričaš onda kad to i osjećaš. Otkako je vrijeme učinilo svoje i rastavilo nas, osjećam se konstantno loše. Kad vidim neki dobar film na televiziji, dugu na nebu, zvijezdu padalicu, prvi snijeg, ne osjećam se lijepo ukoliko to iskustvo ne podijelim sa njom. Toliko puno mi znači, a tako malo se viđamo... Ironično, zar ne? Skoro sam ponovo bila kod strine. Više se ni ne usuđujem ući kod strica u sobu. Osijedio je, na nekim dijelovima mu je i opala kosa, blijed je i bez snage. Ne volim da on primijeti na mom licu da ga žalim. Tako da sam ostala napolju sa strinom i razgovarala. Rekla sam joj «E, moja strinice, šta je sve tebe snašlo. Striko bolestan, baba, posla oko stoke i previše.» A ona «Ne mogu ništa promijeniti, da me baba ne muči, bilo bi mi lakše. Stalno vrišti, galami na mene, zivka me za nekakve gluposti. Kao da imam vremena za nju. Kad me zovne da joj donesem vode, a pune joj čaše, dođe mi da je polijem. Ali neću da se griješim o nju.» «Kako baš sad», kažem joj, «kad je počeo bezbrižan život za tebe i strica, on se razboli». «E, dijete moje. Baš tad, kad malo mira osjetiš, lopatar (tako je ona zvala tumor, zbog sujevijerja da «ne čuje», pa dođe do mene) dođe i poklopi te. Tako valjda mora biti.» kaže. «A izgleda da mora... Život je borba, nema trenutka kad si slobodan...». I tako, nekoliko trenutaka ćutimo. Ona gleda u cigaretu koju mučno puši, ja u nju. Pa će «Izdržala je strina sve, pa će i ovo!». Samouvjerena je u sebe i u stričevo ozdravljenje. Tako i završismo razgovor. U svom primjeru, istakla sam loše strane proticanja vremena: starenje, bolest; mladu dob-rastanak s drugaricom. Ali nekad je i pozitivno da vrijeme prođe brzo. Meni drage osobe i ja čekamo da prođe ova godina dana. Dragana, da završi prvu godinu fakulteta. Strina i rodice da stric ozdravi. Ja, da odem u Crnu Goru i da budem na korak bliže do fakulteta. Isto kao što je nekad dobro da potok protiče brzo. Jer uloga brzog i nabujalog potoka nije samo da poplavi područje oko sebe, nego da prirodu snabdijeva vodom. Uloga brzog proticanja vremena nije samo da ostarimo, nego i da nas nauči da uživamo u svakom trenutku svog života, jer nikad ne znamo kad će nam baš taj trenutak biti neophodan. Možda će baš taj trenutak, koji smo zanemarili ili mu nismo predali toliko pažnje, biti predmet našeg sjećanja. Da mogu vratiti vrijeme mnogo stvari bih promijenila u životu. Između ostalog, više bih vremena provela sa stricem, svaki put kad nema strine ili rodice kod kuće, ostala bih s njim da pričam, ne bih se okrenula i otišla kući. U Crnoj Gori ne bih spavala, te bi mi tako dan proveden tamo trajao dvadeset četiri, a ne dvanaest sati. Znači, bila bih šest, a ne tri sedmice. S Draganom bih provela svaki sekund dana, nebitno kakav kontrolni rad imam sutra, ili kakav film je na televiziji. Ali sada je kasno. Sat ne čeka... Štaviše, nemilosrdno otkucava sekunde i život prođe! Isto kao što i potok ne čeka, samo protiče brže i brže, ulivajući se u rijeke. To mu je i glavni cilj, cilj kome teži i zbog koga je rizikovao milijarde i milijarde molekula vode i rizikoveće ih još toliko. A da li smo mi spremni rizikovati mnogo vremena kako bismo došli do svog cilja...? Ako uopšte znamo i koji je naš cilj

153 Život / La vita Tijana Ristić, Lopare IL TEMPO SCORRE Vivo già da diciassette anni. Vivo già da tempo... Relativamente lungo se si fa il paragone con la vita giornaliera di una farfalla, ma troppo corto se si fa il paragone con la vita del pianeta Terra. Ho la sensazione che proprio ieri ero una bambina, per la quale i problema più grande era quale matita colorata scegliere. E bello finché sei giovane, finché non capisci le difficoltà della vita degli adulti. Finché non incontri gli ostacoli della vita, però prima o poi l incontrerai.. Perché vivere in pratica è esistere per riuscire ad affrontare i problemi, altrimenti sarebbe impossibile VIVERE. La vita, in verità è fatta di problemi.. Vivo, continuo ad esserci. Sono cosciente di quanto ancora potrei andare avanti? No...E impossibile saperlo... Per fortuna, molte cose si dimenticano, perché il tempo passa troppo velocemente.il tempo è come un ruscello ingrossato che scorre con una grande velocità e non lo puoi fermare... più veloce nella primavera e autunno... Piove tantissimo.. Il ruscello è più lento durante l estate e l inverno, quando fa caldo, quando fa freddo, quando c è siccità, o quando gela.. Cosi è anche nella vita... Nell arco della vita di un uomo si presentano tutte le quattro stagioni. Quando stiamo bene, quando siamo pieni di vita, come il ruscello nel suo alveo, il tempo scorre in fretta, però quando abbiamo troppo caldo o freddo, scorre lentamente... Prendetevi quello che volete! Nel villaggio dove vivo, vivono anche i miei zii... la zia è la più brava donna che io abbia mai conosciuto... Con lei posso parlare di tutto... Posso dirle tutto lei; comprende i miei problemi pone attenzione a quello che le dico..mi ascolta Fino a poco fa vivevano felicemente con una figlia...quanti bei momenti, ma anche tanti momenti tristi che abbiamo vissuto insieme. Quante risate e quanti pianti... purtroppo un giorno abbiamo saputo che lo zio si è ammalato. Il villaggio dove vivo è piccolo. Non si muove nulla. Ogni tanto sento la vera noia! E impensabile che nella propria città non ci sia un cinema, un campo da tennis, una piscina. E impensabile che non ci siano scuole, posti dove andare, una piazza... Come se vivessimo nel diciannovesimo secolo... Però mi sto impegnando per ottenere i miglior risultati a scuola per poter andare a studiare e trovare il lavoro da qualche altra parte, lontano da qui. Qualche volta papà si arrabbia con me, perchè preferisco i parenti di mamma. è più forte di me. Solo quando vado da loro in Montenegro mi sento strapiena...non mi annoio li con loro ci godiamo la vita, ci divertiamo, parliamo... Piango di gioia quando li vedo... Ogni tanto ho paura di questa felicità, la paura di non riuscire ha rinunciare a quella gioia e tornare a casa. In Montenegro trascorro soltanto tre settimane, è poco però mi bastano per ricevere abbastanza energia ed ottimismo per vivere, vivere aspettando l anno prossimo per rivederli. Lì il tempo passa più velocemente... Probabilmente perché quando ci sentiamo bene e le cose che viviamo sono interessanti, tutto passa in fretta

154 Život / La vita E di nuovo torno a casa... Qui le ore sono lunge... Sono passati settanta giorni da quando sono stata nel Montenegro, e ancora mi ricordo tutto, come se fosse successo ieri. Da lì non tornerei mai a casa, però devo. Lì, sembra che il sole splenda di più, gli uccelli cantino meglio, le rose profumino di più, sembra che ci siano più stelle, il cuore batta più velocemente, è il mio regno del riso e della felicità... la zia è tanto stanca e lo zio sta ancora tanto male, la nonna.. quasi immobile vive con loro. La zia si prende cura anche di lei. la nonna non esce di casa da dieci anni. Ogni tanto passo da lei per vedere come sta. Appena entro nella sua stanza mi riconosce dalla voce. Una volta mi ha detto: Figlia mia, vorrei morire per rivedere mia sorella.. Mi dispiaceva sentirla dire così. Già da dieci anni io e Dragana siamo amiche. Lei è la mia miglior amica. Dragana ed io stavamo ogni giorno insieme, ci incontravamo o a casa mia o a casa sua... Non ricordo di aver mai riso tanto come quando stavo con lei, ci siamo confidate tanti segreti... Come con nessun altro! Abbiamo passato insieme momenti bellissimi. Tutte le fasi della mia vita le ho condivise con lei. A volte penso che non ci sia nessun che mi possa capire I miei pensieri, i miei sogni... Qualche volta posso essere molto nervosa, da fare impazzire tutti intorno a me. Talvolta piango senza una ragione, litigo con i miei genitori, con mia sorella, con i professori. Dragana è l unica che mi capisce e mi sostiene in tutto! Lei capisce addirittura certi miei pensieri che sono lontanissimi dalla realtà. Nessun uomo si sentirebbe infelice se avesse una persona alla quale poter dire tutto senza condizioni! Non so cosa farei senza di lei...senza la mia amica. Però il tempo è passato... Dragana è maggiorenne.. Cosi è arrivato il momento che io e Dragana ci separiamo. E arrivato Ottobre. Dragana è partita per studiare all Università, cento chilometri lontano da qui. Viene raramente, perché il viaggio è costoso. Non ci vediamo più, enon posso raccontarle tutto quello che mi succede. Da quando il tempo ha fatto il suo dovere e ci ha separate, mi sento male in continuazione. Quando vedo un bel film alla televisione, l arcobaleno nel cielo, una stella cadente, la prima neve, non mi sento bene perché non posso più condividere niente con lei. Lei è molto importante per me, e la vedo così poco... Questo è l ironia della vita, è vero? La zia mi dice:<< Figlia mia, proprio quando finalmente senti un po di tranquillità, daino (il nome che la zia da alla malattia dello zio, perché è superstiziosa ha paura che chiamandola con il suo vero nome questa possa andare a prendere anche lei ) viene e schiaccia tutto. Lei guardava la sigaretta che fumava esageratamente, e io guardavo lei. Ha detto: La zia è riuscita a sopportare tutto fin ad ora, sopporterà anche questo! >> Aveva fiducia in se e nella guarigione dello zio... il tempo scorre si invecchia ci si separa dagli amici ma a volte è anche un bene si avvicina il tempo di incontrare Dragana di rivedere gli zii in Montenegro... Se potessi far tornare il tempo cambierei molte cose nella vita 167

155 Oči širom otvorene / Occhi ben aperti - Mirna Bećirević, Mostar I DANAS SUZA KRENE / ANCHE OGGI LA LACRIMA SCENDE 168

156 Oči širom otvorene / Occhi ben aperti Tijana Lazić, Šekovići I DANAS SUZA KRENE Stojim ovdje, Na sred Balkana, A oko mene ruševine. Gledam,al ne vidim ništa Od bola i suza i očima. Pred uzdrhtalim i uplašenim tijelom Slike se mijenjaju. Slike stradanja,bombardovanja,slike rata I kako ljudi ljude strijeljaju. Otišli su u rat želeći Svojoj djeci bolje sutra,mirne snove i mirna jutra. Nisu ovo učinili Amerikanci, Nisu učinili ni drugi stranci, Nego oni što su pobjegli,da IH NE KRIVE! Ali,savjest će ih njihova kriviti Za sve žrtve. I moja dječija suza, Dok oplakuje sve mrtve. Rat je gotov,al samo na papiru, Jer i danas često krene BRAT NA BRATA, Pa uništavaju svoju zemlju milu DAĆE BOG PA VIŠE NEĆE BITI RATA! 169

157 Oči širom otvorene / Occhi ben aperti Tijana Lazić, Šekovići ANCHE OGGI LA LACRIMA SCENDE Mi trovo qui Nel mezzo dei Balcani Intorno a me le rovine Guardo, ma non vedo nulla Dal dolore e dalle lacrime che ho negli occhi Il corpo tremante ed impaurito Le immagini scorrono Immagini di stragi, di bombardamenti, immagini di guerra di esecuzioni Sono andati a fare la guerra desiderando un futuro migliore per i propri figli, sogni tranquilli, mattinate tranquille. Non c entrano gli americani Non c entrano altri popoli stranieri Quelli che sono fuggiti, PER NON ESSERE GIUDICATI COLPEVOLI Un giorno saranno coscienti e sentiranno le loro colpe Per tutte le vittime E anche la mia lacrima da bambina Mentre piange tutti i morti. La guerra è finita, ma solo sulla carta Perché ancora oggi c è ostilità fra le persone si distrugge la terra amata CHE DIO CI AIUTI AFFINCHE NON CI SIA PIU LA GUERRA 170

158 La cronologia dell iniziativa, finanziamenti e gestione: Tok inicijative, finansiranje i upravljanje: ( ) Cooperazione Italiana, UTL Sarajevo - Gestione Diretta Progetto Sostegno alle azioni a favore di bambini/e e adolescenti in condizioni di particolare vulnerabilità e a rischio in Bosnia Erzegovina - prima fase (laboratori fotografici Attraverso i Nostri Occhi mantenuti a Mostar e Tasovčići) ( ) Italijanska Kooperacija za razvoj, UTL Sarajevo Direktno upravljanje projektom "Podrška akcijama u korist djece i mladih koji se ubrajaju u posebno ugrožene i rizične grupe u Bosni i Hercegovini" - prva faza (foto radionica "Viđeno našim očima" Održan u Mostaru i Tasovčićima) (2008) Cooperazione Italiana, UTL Sarajevo - Gestione Diretta Progetto Sostegno alle azioni a favore di bambini/e e adolescenti in condizioni di particolare vulnerabilità e a rischio in Bosnia Erzegovina - terza fase (laboratori fotografici Attraverso i Nostri Occhi mantenuti a Srebrenica e Sarajevo) (2008) Italijanska Kooperacija za razvoj, UTL Sarajevo Direktno upravljanje projektom "Podrška akcijama u korist djece i mladih koji se ubrajaju u posebno ugrožene i rizične grupe u Bosni i Hercegovini" - treća faza (foto radionice "Viđeno našim očima" održane u Srebrenici i Sarajevu) ( ) Convenzione tra la D.G.C.S. del Ministero degli Affari Esteri e l Associazione Temporanea di ONG con capofila il CISP Programma Sviluppo della condizione dei bambini, degli adolescenti e dei giovani in Bosnia Erzegovina (mostra fotografica Attraverso i Nostri Occhi presentata a Roma durante Intermundia Festival) ( ) Sporazum između D.G.C.S. Ministarstva vanjskih poslova Republike Italije i privremenog konzorcija 5 italijanskih NVO na čelu sa CISP-om, Program "Poboljšanje položaja djece i mladih u Bosni i Hercegovini" (izložba fotografija " Viđeno našim očima " predstavljena u Rimu tijekom Intermundia festivala) 172

159 ( ) Promosso MAE: AID 8882 Progetto Promozione di politiche giovanili a livello locale nel Nord Est della Bosnia Erzegovina (laboratori fotografici Attraverso i Nostri Occhi mantenuti a Čelić, Lopare, Sapna e Šekovići e laboratori di scrittura Attraverso i Nostri Occhi mantenuti a Čelić, Lopare, Sapna, Srebrenica e Šekovići) ( ) Promosso MAE: AID 8882 Projekat "Promocija omladinske politike na lokalnom nivou u sjeveroistočnoj Bosni i Hercegovini" (foto radionice Viđeno našim očima ", održane u Čeliću, Loparama, Sapni i Šekovićima i književne radionice Viđeno našim očima, održane u Čelicu, Loparama, Sapni i Šekovićima)

160

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR

Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR Scuola Secondaria di I grado di Lavagno Istituto Comprensivo don Lorenzo Milani LAVAGNO - VR PERSONE DA AIUTARE Ci sono persone che piangono dal dolore, li potremmo aiutare, donando pace e amore. Immagina

Dettagli

Mediterranea INTRODUZIONE

Mediterranea INTRODUZIONE 7 INTRODUZIONE guerrieri Palermo, anno 1076. Dopo che - per più di duecento anni - gli arabi erano stati i padroni della Sicilia, a quel tempo nell isola governavano i normanni, popolo d i guerrieri venuti

Dettagli

Maschere a Venezia CAP I

Maschere a Venezia CAP I Maschere a Venezia 7 CAP I In un pomeriggio di fine marzo Altiero Ranelli, un giovane giornalista de Il Gazzettino di Venezia, entra nell ufficio del direttore. - Ho una grande notizia. - grida contento.

Dettagli

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013

Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Bambini e Lutto Farra, 24 febbraio 2013 Obiettivi: - informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara - dare alcune indicazioni pratiche - suggerire alcuni

Dettagli

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015

Io..., papà di... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Io..., papà di...... ricordo, mi emoziono, racconto! giugno 2015 Lettura albo, strumento utilizzato in un Percorso di Sostegno alla Genitorialità biologica EMAMeF - Loredana Plotegher, educatore professionale

Dettagli

Logopedia in musica e. canzoni

Logopedia in musica e. canzoni Logopedia in musica e canzoni Un Lavoro di Gruppo, Giugno 2013 INTRODUZIONE Siamo un gruppo di persone, chi ricoverato in Degenza e chi in Day Hospital, del Presidio Ausiliatrice-don Gnocchi di Torino

Dettagli

Racconti di me. Un regalo

Racconti di me. Un regalo 1 Racconti di me di Cetta De Luca Un regalo Io non regalo oggetti. Magari un sogno, un emozione qualcosa che rimanga nella vita di valore. A volte solo un ricordo, a volte me stessa. 2 Apparenza Tu che

Dettagli

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni

INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013. per Bambini dai 7 ai 10 anni INNAM0RARSI DELLA PAR0LA LA PAR0LA SI FECE CARNE E VENNE AD ABITARE IN MEZZ0 A N0I. Cammino di Avvento 2013 per Bambini dai 7 ai 10 anni DIOCESI DI FOSSANO Commissione Diocesana Pastorale Ragazzi Ehi!!

Dettagli

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2

RITORNO ALLA CAVA. LA SI (per 3 volte) LA2 SIb7 LA2 Volto che sfugge, nebbia di idee, 9 tu sei solo una grossa bugia! SIb7+ Ti dicono tutti che hai dei talenti, LA9 in fondo ci speri che così sia! RITORNO ALLA CAVA RAP Questo è il mio mondo, qui sono il

Dettagli

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le

Sin da quando sono molto piccoli, i bambini sperimentano il mondo attraverso le Indice Introduzione 7 Miagolina si presenta 11 Quella volta che Miagolina è caduta nel buco della vasca 24 Quando è nato Spigolo 44 Miagolina e le parole storte 56 Spigolo va all asilo 75 Miagolina si

Dettagli

Roberta Santi AZ200. poesie

Roberta Santi AZ200. poesie AZ200 Roberta Santi AZ200 poesie www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Roberta Santi Tutti i diritti riservati T amo senza sapere come, né quando né da dove, t amo direttamente, senza problemi né orgoglio:

Dettagli

Dark alice in wonderland

Dark alice in wonderland Dark alice in wonderland Laura D Agostino DARK ALICE IN WONDERLAND racconto Ad Elisa, Ciasky, Ary e al mio Bianconiglio Per aver sempre creduto in me TUTTE LE CANZONI FINISCONO MA E UN BUON MOTIVO PER

Dettagli

ANGELA RAINONE POESIE

ANGELA RAINONE POESIE 1 ANGELA RAINONE POESIE EDIZIONE GAZZETTA DIE MORRESI EMIGRATI Famiglia Rainone Angela Lugano Svizzera 2 3 PREFAZIONE Tra i giovani che hanno sporadicamente inviato delle poesie per pubblicarle sulla Gazzetta

Dettagli

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI

Lia Levi. La portinaia Apollonia. orecchio acerbo DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI DI EMANUELA ORCIARI orecchio acerbo Premio Andersen 2005 Miglior libro 6/9 anni Super Premio Andersen Libro dell Anno 2005 Lia Levi La portinaia Apollonia DISEGNI

Dettagli

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19

Angeli - Voglio Di Piu' Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 01:19 01 - Voglio Di Piu' Era li', era li', era li' e piangeva ma che cazzo hai non c'e' piu',non c'e' piu',non c'e' piu' e' andato se ne e' andato via da qui Non c'e' niente che io possa fare puoi pensarmi,

Dettagli

La spiaggia di fiori

La spiaggia di fiori 37 La spiaggia di fiori U na nuova alba stava nascendo e qualcosa di nuovo anche in me. Remai per un po in direzione di quella luce all orizzonte, fino a che l oceano di acqua iniziò pian piano a ritirarsi

Dettagli

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia

Nonno Toni sentì un urlo di rabbia Operazione Oh no! Nonno Toni sentì un urlo di rabbia provenire dalla cameretta di Tino. Salì le scale di corsa, spalancò la porta e si imbatté in un bambino con gli occhi pieni di lacrime. Tino aveva in

Dettagli

VINCITORI SEZIONE LETTERARIA

VINCITORI SEZIONE LETTERARIA VINCITORI SEZIONE LETTERARIA GIROTONDO DEI DIRITTI Questo è il girotondo dei diritti dei bambini per far conoscere a grandi e piccini che i bimbi, tutti quanti, hanno diritti come i grandi. Hanno diritto

Dettagli

L amore è un granello di sabbia

L amore è un granello di sabbia L amore è un granello di sabbia Erika Zappoli L AMORE È UN GRANELLO DI SABBIA romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2013 Erika Zappoli Tutti i diritti riservati A Serena e Samuel con la sola vostra

Dettagli

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in

Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Sono nato in Marocco. Ho un esperienza di lavoro di 14 anni nel mio paese. Ho fatto anche ruolo di sindacato anche nel mio paese. Sono venuto qua in Italia non solo per motivi di lavoro, ma per motivi

Dettagli

LA NEVE SOFFICE. Lorenzo Belgrano, 1 C

LA NEVE SOFFICE. Lorenzo Belgrano, 1 C LA NEVE SOFFICE La neve non si sa dov'è ma è bello se c'è. Soffice come un letto dove puoi fare un angioletto, se vai al sole la vedi brillare ma con gli occhiali gli occhi devi riparare. La neve si scioglie

Dettagli

ANYWAY - IN NESSUN MODO

ANYWAY - IN NESSUN MODO ANYWAY - IN NESSUN MODO Non voglio sapere che devo morire Non avrò bisogno di sapere che devo provare Non imparerò mai come muovermi a tempo Non riesco a sentirlo in nessun modo Non terrò gli occhi aperti

Dettagli

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE

LE NOSTRE CANZONI DI NATALE CANZONE: LE NOSTRE CANZONI DI NATALE VIENI BAMBINO TRA I BAMBINI Quando la notte è buia E buio è anche il giorno, non credi che il domani potrà mai fare ritorno. Quando la notte è fredda C è il gelo nel

Dettagli

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS

Marco Marcuzzi. Pensieri IL SAMARITAN ONLUS Marco Marcuzzi Pensieri IL SAMARITAN ONLUS PREFAZIONE Questi pensieri sono il frutto dell esperienza di vita e dell intuizione di un amico che ancora oggi coltiva con cura, pazienza e amore la sua anima.

Dettagli

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27

San Giovanni Battista Cesano Boscone Sacra Famiglia C 2007-01-27 MESSA VIGILIARE 18.00 In questa festa della Sacra Famiglia vorrei soffermarmi su un aspetto del brano di vangelo che abbiamo appena ascoltato. Maria e Giuseppe, insieme, cercano angosciati Gesù. Cosa può

Dettagli

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese

Canti per i funerali. Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese Canti per i funerali Ciclostilato in proprio Parrocchia di Castiglione Torinese SYMBOLUM 77 (84) 1. Tu sei la mia vita, altro io non ho Tu sei la mia strada, la mia verità Nella tua parola io camminerò

Dettagli

La lunga strada per tornare a casa

La lunga strada per tornare a casa Saroo Brierley con Larry Buttrose La lunga strada per tornare a casa Traduzione di Anita Taroni Proprietà letteraria riservata Copyright Saroo Brierley 2013 2014 RCS Libri S.p.A., Milano Titolo originale

Dettagli

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto

«Mamma, dopo che il dottore ti ha detto Indice Cominciamo 7 La curiosità di Alice 9 Un po di imbarazzo 25 Innamorarsi 43 Fare l amore 55 Concepimento 71 Gravidanza 83 La nascita 95 Il nostro corpo: le donne 111 Il nostro corpo: gli uomini 127

Dettagli

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip

http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Scarica questo libretto Ascolta le canzoni in MP3 http://www.veronicaetony.com/download/accordivet.pdf http://www.veronicaetony.com/download/ascoltamp3.zip Canti con accordi 1 Lo spirito e la sposa z do

Dettagli

Giovani poeti crescono.

Giovani poeti crescono. Giovani poeti crescono. L amicizia Passa un aereo Passa un treno Ma cosa si portano sul loro sentiero? E un qualcosa di luminoso Sarà la notte che fugge via o forse solo la vita mia?. Ora ho capito che

Dettagli

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma

AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO. La mia mamma AUGURI MAMME! FESTA DELLA MAMMA 2011 CLASSE 4C DE FILIPPO La mia mamma La mia mamma con la giacca in mano, sempre pronta a portarmi ovunque sia, con gli occhioni color terra. Io la guardo e penso a tante

Dettagli

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO

L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO L ALBERO CHE NON SAPEVA DI ESSERE UN ALBERO di Giovannella Massari Sopra un prato verde chiaro l alberello se ne stava e guardandosi un po in giro, tristemente sospirava. Nessun albero lì intorno, su quel

Dettagli

le #piccolecose che amo di te

le #piccolecose che amo di te Cleo Toms le #piccolecose che amo di te Romanzo Proprietà letteraria riservata 2016 RCS Libri S.p.A., Milano ISBN 978-88-17-08605-9 Prima edizione: febbraio 2016 Illustrazioni: Damiano Groppi Questo libro

Dettagli

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE

Gruppo G.R.E.M. Piemonte e Valle d Aosta. Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Gruppo G.R.E.M Piemonte e Valle d Aosta Attività di animazione: LA FAMIGLIA KIT DI ANIMAZIONE Il kit, pensato per l animazione di bambini, ragazzi e adulti sul tema famiglia è così composto: - 1 gioco

Dettagli

Gaia. Il viaggio continua

Gaia. Il viaggio continua Gaia Il viaggio continua Laura Virgini GAIA Il viaggio continua Romanzo www.booksprintedizioni.it Copyright 2014 Laura Virgini Tutti i diritti riservati A Te che Hai reso possibile l impossibile. A Te

Dettagli

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio.

Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Questo libro è scritto da me su dettatura di Gesù Cristo. Voglio raccontare la malattia di mio marito e lo voglio fare con l aiuto di Dio. Siccome il cancro è una malattia incurabile, Gesù vuole spiegare

Dettagli

Impariamo a volare...

Impariamo a volare... Impariamo a volare... Francesca Maccione IMPARIAMO A VOLARE... www.booksprintedizioni.it Copyright 2012 Francesca Maccione Tutti i diritti riservati L amore è longanime, è benigno, l amore non ha invidia,

Dettagli

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI

BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA Beati voi, beati voi, beati voi, beati voi. BEATI VOI BEATI VOI MI FA#-7 LA MI LA MI FA#-7 LA6 MI LA MI FA#-7 Se sarete poveri nel cuore, beati voi: LA6 MI sarà vostro il Regno di Dio Padre. MI FA#-7 Se sarete voi che piangerete, beati voi, LA6 MI perché

Dettagli

1 Premio sez. Poesia. C era una volta.

1 Premio sez. Poesia. C era una volta. 1 Premio sez. Poesia C era una volta. C era una volta una bimba adorabile ben educata e un sorriso invidiabile. Nulla le mancava, tutto poteva, una vita da sogno conduceva. C era una volta un bimbo adorabile

Dettagli

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.)

(Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) 23 febbraio 2014 penultima dopo l Epifania h. 18.00-11.30 (Messa vigiliare del sabato: la voce guida prima che l organo introduca con solennità l ingresso della processione.) Celebriamo la Messa vigiliare

Dettagli

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ

IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ IL CANTO DELL ODORE DEL MARE ADINA VERÌ Proprietà letteraria riservata 2012 Screenpress Edizioni - Trapani ISBN 978-88-96571-42-2 È vietata la riproduzione, anche parziale, con qualsiasi mezzo effettuata

Dettagli

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA.

Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Filopoesia per l educazione. Gemellaggi tra bambini e studenti alla LUMSA. Di tutto quello che anche quest anno abbiamo cercato di fare, dei bambini della scuola dell Infanzia che continuano a giocare

Dettagli

GESU E UN DONO PER TUTTI

GESU E UN DONO PER TUTTI GESU E UN DONO PER TUTTI OGGI VIENE ANCHE DA TE LA CREAZIONE IN PRINCIPIO TUTTO ERA VUOTO E BUIO NON VI ERANO NE UOMINI NE ALBERI NE ANIMALI E NEMMENO CASE VI ERA SOLTANTO DIO NON SI VEDEVA NIENTE PERCHE

Dettagli

OSNOVNA ŠKOLA ITALIJANSKI JEZIK

OSNOVNA ŠKOLA ITALIJANSKI JEZIK OSNOVNA ŠKOLA ITALIJANSKI JEZIK 1 2 Test iz italijanskog jezika sastoji se od četiri dijela. Oblast Br. bodova 1. Ascolto - Slušanje 15 2. Comprensione della lettura - Čitanje 25 3. Analisi delle strutture

Dettagli

Srednja škola Vladimir Gortan Buje Predstavlja projekt

Srednja škola Vladimir Gortan Buje Predstavlja projekt Srednja škola Vladimir Gortan Buje Predstavlja projekt Dobro došli u zavičaj duha Benvenuti nella terra magica Područje grada Buja nalazi se na sjeverozapadnom dijelu istarskog poluotoka i Republike Hrvatske.

Dettagli

Collana: Libri per bambini

Collana: Libri per bambini La Madonna a Medjugorje appare SHALOM Collana: Libri per bambini Testi e illustrazioni: Editrice Shalom Editrice Shalom 25.06.2014 33 o Anniversario delle apparizioni a Medjugorje ISBN 9788884043498 Per

Dettagli

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite

C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C eraunavoltaunalbumdifotoscolorite C era una volta un album di foto scolorite. Un vecchio album di nome Sansone. Sansone era stato acquistato nel 1973 in un mercatino di Parigi da una certa signora Loudville.

Dettagli

Luisa Mattia Sibilla nel cappello

Luisa Mattia Sibilla nel cappello Luisa Mattia Sibilla nel cappello Prima edizione settembre 2015 Copyright 2015 biancoenero edizioni srl www.biancoeneroedizioni.com Testo di Luisa Mattia Illustrazioni di Andrea Mongia Font biancoenero

Dettagli

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais)

BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) BELLA LUNA (Marco Calliari / Marco Calliari, Lysandre Champagne, Carlos Araya, Luzio Altobelli, Alexis Dumais) Quando la notte scende giu devo mi fidare Mi fidare su sta luce se ci sei E se ci sei tu in

Dettagli

GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA

GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA GIOCHIAMO CON... CARTA CRESPA E ACQUA GRUPPO 5ANNI SEZ.G SCUOLA DELL INFANZIA C.PERRAULT Ins.Virando Maura e Susanna SITUAZIONE:SPAZIO UTILIZZATO: ANGOLO ATTIVITA TRANQUILLE PICCOLO GRUPPO OMOGENEO: 5ANNI

Dettagli

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio.

1. PREGHIERA, INVOCAZIONE. 1. Richiesta di salvezza salmo 3 8 Alzati, Iavè, salvami, mio Dio. I - RICHIESTA A DIO La preghiera è la relazione fondamentale dell anima che riconosce, ascolta e dialoga con Dio. Preghiera è superamento dell angoscia della propria solitudine; è liberarsi dal terrore

Dettagli

E ora inventiamo una vita.

E ora inventiamo una vita. E ora inventiamo una vita. - Venga Cristina, facciamo due chiacchiere. Il ragioniere dell'ufficio personale si accomoda e con un respiro inizia il suo discorso. Lei sa vero che ha maturato l'età per il

Dettagli

stelle, perle e mistero

stelle, perle e mistero C A P I T O L O 01 In questo capitolo si parla di un piccolo paese sul mare. Elenca una serie di parole che hanno relazione con il mare. Elencate una serie di parole che hanno relazione con il mare. Poi,

Dettagli

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione

Dal libro Per Amore solo per Amore - Introduzione I poeti generalmente amano i gatti, perché i poeti non nutrono dubbi sulla loro superiorità. Marion C. Garrety che per prima leggi nel mio dolore e silenziosamente ti offri a lenirlo senza chiedere nulla

Dettagli

Sono Nato Per Essere Veloce

Sono Nato Per Essere Veloce 01 - Nato Per Essere Veloce roppo veloce sta correndo la mia vita troppo veloce scorre via la musica musica selvaggia? furiosa adrenalina frenetico sussulto, incontrollabile rumore Sono Nato Per Essere

Dettagli

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre.

Contro i miei occhi. È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Contro i miei occhi È la carezza che ognuno di noi vorrebbe fare al proprio nemico, ma non ci riesce, perché il nemico sfugge sempre. Ogni riferimento a fatti realmente accaduti o luoghi e/o a persone

Dettagli

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana

Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana Via Aurelia, 796-00165 Roma - Italia www.caritasitaliana.it Ideazione e testo: Cosetta Zanotti Illustrazioni: Cinzia Ratto Progetto grafico e stampa: Publistampa Pergine Valsugana PRIMA SETTIMANA di Avvento

Dettagli

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte!

Titivillus presenta. la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. Buon viaggio, si parte! Titivillus presenta la nuova collana I Diavoletti curata da Anna Dimaggio per piccini e grandi bambini. I Diavoletti per tutti i bambini che amano errare e sognare con le storie. Questi racconti arrivano

Dettagli

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.)

FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) FACELESS VOICEOVER (Manu Luksch & Mukul Patel 2007) (Un Nuovo Tempo la Nuova Macchina tra cui continua un sogno singolare.) Questa è la storia di una donna perseguitata da un eco di una memoria, un sogno

Dettagli

POESIE SULLA FAMIGLIA

POESIE SULLA FAMIGLIA I S T I T U T O S. T E R E S A D I G E S Ù Scuola Primaria POESIE SULLA FAMIGLIA A CURA DEI BAMBINI DELLA QUARTA PRIMARIA a.s. 2010/2011 via Ardea, 16-00183 Roma www.stjroma.it La gratitudine va a mamma

Dettagli

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto

musica e si univano miracolosamente. caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto 330 ELENA ARMILLEI musica e si univano miracolosamente. - - caffè. Il caffè era per Paolo, si era addormentato sere- - occupava della madre mi aveva detto che avrei dovuto - informare sullo stato di tua

Dettagli

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro ***

IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** IPNOTICA DOMENICA un racconto horror-splatter-sentimentale di marco montanaro *** Dormi. Lo ricordavo bene il tuo sonno: fragile e immobile di notte, inquieto e sfuggente al mattino. Ho messo su il disco

Dettagli

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza

Attimi d amore. Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Attimi d amore Scende come la pioggia un petalo di rose e quando ti vedo perdo la testa per te mia cara ragazza Distesa davanti alla collina Occhi verdi come il prato distesa e non pensi a nulla. Ricordo

Dettagli

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo#

LA#SCOPERTA## Giardino#dei#Gius5# # # #Associazione#Gariwo# LA#SCOPERTA##!!!!!!Giardino#dei#Gius5# #####Associazione#Gariwo# CHI#SONO#I#GIUSTI#,#PROF?## LA#NOSTRA#SCELTA## Un#nome#fra#tuC#con5nuava#a# tornare#con#insistenza## !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Educare#al#coraggio#civile#!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!Svetlana#Broz#

Dettagli

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni

IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni IL SOGNO di GIUSEPPE Canzoni CANZONE: QUESTO VESTITO BELLISSIMO Giacobbe: Ecco, figlio qui per te una cosa certo che ti coprirà, ti scalderà, e poi sarà un pensiero mio per te. Ti farà pensare a me, al

Dettagli

La vita dei numeri ultimi

La vita dei numeri ultimi La vita dei numeri ultimi Orazio La Boccetta LA VITA DEI NUMERI ULTIMI racconto Dedicato a tutta la mia famiglia e i miei migliori amici a Pietro soprattutto ed in particolare a mio padre Andrea e mia

Dettagli

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo.

Preghiere a Maria. - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. Preghiere a Maria - Santa Madre aiuta il mio compagno a trovarmi lavoro, proteggilo. - Santa Maria intercedi per noi, tu sai grazie! Cuore immacolato di Maria rifugio delle anime. - Cara Mamma aiutami

Dettagli

Poesie, filastrocche e favole per bambini

Poesie, filastrocche e favole per bambini Poesie, filastrocche e favole per bambini Jacky Espinosa de Cadelago Poesie, filastrocche e favole per bambini Ai miei grandi tesori; Elio, Eugenia ed Alejandro, coloro che ogni giorno mi fanno crescere

Dettagli

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime

Tutto iniziò quando il mio capo mi chiese di trascorrere in America tre lunghissime Indice Introduzione 7 La storia delle rose: quando la mamma parte 9 Il bruco e la lumaca: quando i genitori si separano 23 La campana grande e quella piccola: quando nasce il fratellino 41 La favola del

Dettagli

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.

MORENDO. Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C. Scuola primaria E. Fermi di Bogliasco anno scolastico 2014/2015 1 MORENDO Camminando con triste fatica su terra bruna, dormendo svegli su letti di legno, è come quando morendo si sta. (Giacomo C.) 2 IL

Dettagli

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa

Il colore dei miei pensieri. Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa Il colore dei miei pensieri Pierluigi De Rosa 2007 Scrivere.info Tutti i diritti di riproduzione, con qualsiasi mezzo, sono riservati. In copertina: Yacht

Dettagli

PADRE MAESTRO E AMICO

PADRE MAESTRO E AMICO PADRE MAESTRO E AMICO Padre, di molte genti padre, il nostro grido ascolta: è il canto della vita. Quella perenne giovinezza che tu portavi in cuore, perché non doni a noi? Padre, maestro ed amico noi

Dettagli

Test di ascolto Numero delle prove 3

Test di ascolto Numero delle prove 3 Test di ascolto Numero delle prove 3 Ascolto Prova n. 1 Ascolta il testo. Completa il testo e scrivi le parole che mancano. Alla fine del test di ascolto, DEVI SCRIVERE LE RISPOSTE NEL FOGLIO DELLE RISPOSTE.

Dettagli

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013

domenica 24 febbraio 13 Farra, 24 febbraio 2013 Farra, 24 febbraio 2013 informare su quelle che sono le reazioni più tipiche dei bambini alla morte di una persona cara dare alcune indicazioni pratiche suggerire alcuni percorsi Quali sono le reazioni

Dettagli

Evangelici.net Kids Corner. Abramo

Evangelici.net Kids Corner. Abramo Evangelici.net Kids Corner Abramo Abramo lascia la sua casa! Questa storia biblica è stata preparata per te con tanto amore da un gruppo di sei volontari di Internet. Paolo mise le sue costruzioni nella

Dettagli

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World

LOCUZIONI AL MONDO. Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World LOCUZIONI AL MONDO Il mistero di ogni persona (22/4/2013 24/4/2013) Testi tradotti dai messaggi originali pubblicati sul sito Locutions to the World 2 Sommario 1. La decisione della SS. Trinità al tuo

Dettagli

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007

PORCHIPINO. Periodo attuazione: ottobre/dicembre 2007 PORCHIPINO Temi: L incontro, lo stare e il partire. La narrazione della storia di Porchipino, un piccolo riccio rimasto solo nel bosco, introduce i bambini al tema dell incontro, dell accoglienza del diverso

Dettagli

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35

Wretched - Libero Di Vevere, Libero Di Morire. Scritto da Joel Lunedì 11 Agosto 2008 03:35 01 - Come Un Cappio Un cappio alla mia gola le loro restrizioni un cappio alla mia gola le croci e le divise un cappio che si stringe, un cappio che mi uccide un cappio che io devo distruggere e spezzare

Dettagli

Ti voglio bene, mamma

Ti voglio bene, mamma F E S T A della... Ti voglio bene, mamma! Dettato Ti voglio bene mamma, quando mi sveglio e vedo il tuo viso che mi sorride. Ti voglio bene mamma, quando pranziamo insieme e poi mi aiuti a fare i compiti.

Dettagli

Intervista con Elsa Moccetti

Intervista con Elsa Moccetti Intervista con Elsa Moccetti [L intervista è condotta da Sonja Gilg di Creafactory SA. Intervengono altre due persone di cui un ospite: Antonietta Santschi] Dicevo, che è stata una mia scelta di venire

Dettagli

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi.

Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Questa è la nostra vita un figlio a tutti i costi. Una sera, dopo aver messo a letto mio figlio, stanca dopo una giornata molto impegnata, ho deciso di andare a letto presto, ma non riuscivo ad addormentarmi,

Dettagli

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro

Gesù è sempre con noi, non ci abbandonerà mai e porterà sempre gioia a tutti. Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro PRESEPE Racconta come un personaggio del presepe presenterebbe il nostro lavoro Buongiorno, io sono il fiume Giordano, un fiume molto importante perché nelle mie acque è stato battezzato Gesù. Vi racconterò

Dettagli

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA

LA BALLERINA. Chiara Boscolo IIIA Sulle ali del tempo, sorvolo il vento. Viaggio per conoscere i luoghi del mondo. Il sentiero è la scia dell arcobaleno. Nei miei ricordi il verde della foresta, il giallo del sole, l azzurro ed il blu

Dettagli

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO

BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO BEATA MARIA DI GESU'CROCIFISSO PREGHIERA PER LA CANONIZZAZIONE Signore Gesù, che per riscattarci hai voluto incarnarti a Nàzaret, nascere a Betlemme e morire a Gerusalemme, degnati di ricordarti che la

Dettagli

(da La miniera, Fazi, 1997)

(da La miniera, Fazi, 1997) Che bello che questo tempo è come tutti gli altri tempi, che io scrivo poesie come sempre sono state scritte, che questa gatta davanti a me si sta lavando e scorre il suo tempo, nonostante sia sola, quasi

Dettagli

Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA

Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA La voce della luna Donato Panza LA VOCE DELLA LUNA Poesie Con questo libro ci sarebbero tanti da ringraziare, ma mi limito solo a ringraziare tutti coloro che mi vogliono bene, e un ringraziamento speciale

Dettagli

NATALE PARABELLUM Davide Camerin

NATALE PARABELLUM Davide Camerin NATALE PARABELLUM Davide Camerin INTRODUZIONE GOTT MIT UNS! 24 DICEMBRE BOJAKO - BONO IL CONVOGLIO DEI REDUCI EMILIO IN TRINCEA IL SESTO GIORNO L'ATTACCO DEI BOMBARDIERI GOTT MIT UNS! (Ripresa) -La rivolta-

Dettagli

I T A L I J A N S K I J E Z I K

I T A L I J A N S K I J E Z I K I T A L I J A N S K I J E Z I K Pažljivo pročitajte uputstvo. Ne okrećite stranice dok to ne dozvoli dežurni nastavnik. Test iz gramatike, leksike i pisanja traje 100 minuta. Za vrijeme rada na testu nije

Dettagli

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata

Palomba Chiara 2D. Alice si è ora svegliata ISIS F.S. NITTI Palomba Chiara 2D Alice si è ora svegliata La mia storia ha inizio sei anni fa,quando ho conosciuto quello che pensavo fosse l amore della mia vita. All inizio era tutto perfetto: c era

Dettagli

Proposta per un Nuovo Stile di Vita.

Proposta per un Nuovo Stile di Vita. UNA BUONA NOTIZIA. I L M O N D O S I P U ò C A M B I A R E Proposta per un Nuovo Stile di Vita. Noi giovani abbiamo tra le mani le potenzialità per cambiare questo mondo oppresso da ingiustizie, abusi,

Dettagli

Quando eravamo scimmie

Quando eravamo scimmie Quando eravamo scimmie Zio, è vero che tu insegni antro... non mi ricordo più come si chiama. Antropologia, sì è vero Chiara. Mi spieghi cos è? Che non è mica tanto chiaro. Sedetevi qui, anche tu, Elena.

Dettagli

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014

CATEGORIA: POESIA. BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica. Social day 5 aprile 2014 CATEGORIA: POESIA BERTOLLO GIORGIA Classe 2^A Scuola Media N. Dalle Laste Marostica Social day 5 aprile 2014 Saluta il pony e l' asinello prendi la forca ed il rastrello corri a lavorare, è ora di guadagnare!!

Dettagli

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la

preghiere Associazione Ragazzi del Cielo guardando di la preghiere Associazione Ragazzi del Cielo Ragazzi della Terra 1 guardando di la Madre di tutte le madri Vergine Maria, madre di tutti i figli, madre di tutte le madri e di tutti i padri. Noi, famiglie dei

Dettagli

NOTIZIE DALL INTERNO

NOTIZIE DALL INTERNO Istituto Comprensivo Cantù2 Scuola Primaria di Fecchio Anno 7. Numero 3 Giugno 2012 SCUOLA IN...FORMA Pag. 2 NOTIZIE DALL INTERNO (CURIOSANDO NELLA SCUOLA) A CURA DI ALICE, TABATA, MATTEO CAMESASCA (QUINTA)

Dettagli

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente

LISTA DIALOGHI. Non ti aspettavo. di barbara rossi prudente LISTA DIALOGHI Non ti aspettavo di barbara rossi prudente - EST. GIORNO Oggi è 28 maggio? 28 maggio? Sì, forse sì PAOLO: 29 al massimo Come 29? No, 30 PAOLO: Secondo me è 29. Comunque, quanti giorni fa

Dettagli

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi.

FIABE GIAPPONESI. La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. Le Creature delle fiabe giapponesi. http://web.tiscali.it La principessa del bambù. La fanciulla del melone. Le due Fortune. Luna e Stella. FIABE GIAPPONESI Le Creature delle fiabe giapponesi. LA PRINCIPESSA DEL BAMBÙ. C'erano una volta

Dettagli

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2

Scuola media di Giornico. tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio. Progetto sostenuto dal GLES 2 Scuola media di Giornico L affettività e la sessualità, tra stimoli artistici e nozioni scentifiche. Il fotolinguaggio Progetto sostenuto dal GLES 2 Dai sensi all azione Sensi Sensazioni Emozioni Sentimenti

Dettagli

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci

L idea dunque di ritrovarsi dei tutori, per di più sconosciuti, anche in vacanza, non era il massimo. Carlo però ci aveva subito tranquillizzati, ci CAPITOLO 1 La donna della mia vita Oggi a un matrimonio ho conosciuto una donna fantastica, speciale. Vive a Palermo, ma appena se ne sente la cadenza, adora gli animali, cani e cavalli soprattutto, ma

Dettagli

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA

Un racconto di Guido Quarzo. Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Un racconto di Guido Quarzo Una gita in LA BUONA STRADA DELLA SICUREZZA Una gita in Un racconto di Guido Quarzo è una bella fortuna che la scuola dove Paolo e Lucia frequentano la seconda elementare, ospiti

Dettagli

INTRODUZIONE. La ragazza

INTRODUZIONE. La ragazza 5 INTRODUZIONE La ragazza Il braccio era vicino al telefono. Forse la ragazza aveva cercato di chiamare qualcuno, ma poi non aveva avuto il tempo di farlo. I lunghi capelli neri scendevano sul viso e coprivano

Dettagli