Relatore: Ing. Marco Montanari 13/02/2013 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relatore: Ing. Marco Montanari 13/02/2013 2"

Transcript

1

2 Relatore: Ing. Marco Montanari 13/02/2013 2

3 OBBIETTIVO Analizzare le più recenti tecniche progettuali e costruttive che consentano operatività ed integrità degli impianti anche in caso di sollecitazioni simiche. 13/02/2013

4 VULNERABILITA SISMICA IMPIANTI SPRINKLER Sistemi automatici a sprinkler antincendio sono stati inizialmente installati negli Stati Uniti in inizialmente in attività ad alto rischio di incendio industriali nei primi anni del Ciò comprende anche aree sismicamente attive. Nel corso degli anni l utilizzo di sistemi sprinkler è diffuso ad una tipologia di occupazione che hanno una elevata occupazione carico o passeggeri, ospedali, alberghi, case di cura, ecc. uffici, negozi, ospedali, aree di montaggio BEN PRESTO PERTANTO INIZIARONO AD ESSERE OSSERVATI DANNI AGLI IMPIANTI O DA QUESTI PROVOCATI 13/02/2013 4

5 PRIME OSSERVAZIONI Evento sismico Long Beach, 1933 Kern County, 1952 di 150 impianti installati nell area 40 % uscirono integri, 40 % lievemente danneggiati, 20 % gravemente danneggiati. Di 26 impianti esistenti nell area tutti erano installati con brace antisimici conformemente alla NFPA13 ed solo usci di sede senza perdite d acqua Alaskan, 1964 Di 24 impianti : 2 distrutti dal collasso dell edificio 1 danneggiato dal danneggiamento dell edificio 2 danneggiati dal crollo di un camino e di un balcone 2 fuori servizio per mancanza alimentazione da acquedotto 13/02/2013 5

6 OSSERVAZIONI STATISTICAMENTE RILEVANTI Evento sismico San Fernando, 1971 Impianti interessati danneggiati di cui 28 con perdite d acqua 13/02/2013 6

7 OSSERVAZIONI STATISTICAMENTE RILEVANTI 1. Evento sismico Magnitudine Nella foto San Fernando, Mw Symlar Hospital 13/02/2013 7

8 OSSERVAZIONI STATISTICAMENTE RILEVANTI Evento sismico Loma Prieta, 1989 Danni e indisponibilità dal 5 % al 10 % degli impianti installati nelle zone con intensità MMI da VII a VIII.. FM Global : 12 sinistri Loma Prieta Crollo parziale San Francisco Oakland Bay Bridge 13/02/2013 8

9 OSSERVAZIONI STATISTICAMENTE RILEVANTI Evento sismico Northridge, 1994 (Magnitudine 6.7) E stato l evento in cui venne coinvolto il maggior numero di impianti sprinkler, da 1% al 2% danneggiati (fonte NIST). Danni non quantificati mai assai ingenti Attività particolarmente colpite: Uffici, Aree commerciali ed ospedali. Northridge, 1994 Rottura della tubazione in corrispondenza di un gomito per effetto del moto differenziale all interno del controsoffitto. Perdite acqua e chiusura ospedale per alcuni giorni. 13/02/2013 9

10 OSSERVAZIONI STATISTICAMENTE RILEVANTI 1. Evento sismico Magnitudine Nella foto Northridge, Mw Sx Cedimento di un isolatore Dx distacco C clamps sprovvisti di restraining straps 13/02/

11 NORMATIVA RIFERIMENTO 13/02/

12 PUNTI SOSTANZIALI 2.3 VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA Per la valutazione della sicurezza delle costruzioni si devono adottare criteri probabilistici scientificamente comprovati. Nel seguito sono normati i criteri del metodo semiprobabilistico agli stati limite basati sull impiego dei coefficienti parziali di sicurezza, applicabili nella generalità dei casi; tale metodo è detto di primo livello. Per opere di particolare importanza si possono adottare metodi di livello superiore, tratti da documentazione tecnica di comprovata validità. 13/02/

13 CLASSI D USO In presenza di azioni sismiche, con riferimento alle conseguenze di una interruzione di operatività o di un eventuale collasso, le costruzioni sono suddivise in classi d uso così definite: Classe I: Costruzioni con presenza solo occasionale di persone, edifici agricoli. Classe II: Costruzioni il cui uso preveda normali affollamenti, senza contenuti pericolosi per l ambiente e senza funzioni pubbliche e sociali essenziali. Industrie con attività non pericolose per l ambiente. Ponti, opere infrastrutturali, reti viarie non ricadenti in Classe d uso III o in Classe d uso IV, reti ferroviarie la cui interruzione non provochi situazioni di emergenza. Dighe il cui collasso non provochi conseguenze rilevanti. 13/02/

14 CLASSI D USO Classe III: Classe IV: Costruzioni il cui uso preveda affollamenti significativi. Industrie con attività pericolose per l ambiente. Reti viarie extraurbane non ricadenti in Classe d uso IV. Ponti e reti ferroviarie la cui interruzione provochi situazioni di emergenza. Dighe rilevanti per le conseguenze di un loro eventuale collasso. Costruzioni con funzioni pubbliche o strategiche importanti, anche con riferimento alla gestione della protezione civile in caso di calamità. Industrie con attività particolarmente pericolose per l ambiente. Reti viarie di tipo A o B, di cui al D.M. 5 novembre 2001, n. 6792, Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle strade, e di tipo C quando appartenenti ad itinerari di collegamento tra capoluoghi di provincia non altresì serviti da strade di tipo A o B. Ponti e reti ferroviarie di importanza critica per il mantenimento delle vie di comunicazione, particolarmente dopo un evento sismico. Dighe connesse al funzionamento di acquedotti e a impianti di produzione di energia elettrica. 13/02/

15 VITA NOMINALE CLASSE D USO I II III IV COEFFICIENTE CU /02/

16 AZIONI SISMICHE ED IMPIANTI SECONDO NTC 13/02/

17 AZIONI SISMICHE ED IMPIANTI SECONDO NTC In mancanza di analisi più accurate Sa può essere calcolato nel seguente modo: 13/02/

18 AZIONI SISMICHE ED IMPIANTI SECONDO NTC 13/02/

19 AZIONI SISMICHE ED IMPIANTI SECONDO NTC 13/02/

20 AZIONI SISMICHE ED IMPIANTI SECONDO NTC 13/02/

21 AZIONI SISMICHE ED IMPIANTI SECONDO NTC 13/02/

22 AZIONI SISMICHE ED IMPIANTI SECONDO NTC 13/02/

23 AZIONI SISMICHE ED IMPIANTI SECONDO NTC 13/02/

24 Le istruzioni la Circolare n. 617 del 2 febbraio 2009 "Istruzioni per l applicazione Nuove Norme Tecniche Costruzioni di cui al Decreto Ministeriale 14 gennaio 2008 Gazzetta Ufficiale n. 47 del 26 febbraio 2009 Suppl. Ordinario n. 27 La Tabella C7.1.I riassume le verifiche di sicurezza all azione sismica in funzione della classe d uso con riferimento ai capitoli NTC SL Descrizione Prestazione Rif Norme I II III IV SLO Contenimento del danno degli elementi non strutturali X X Funzionalità degli impianti X X SLD Resistenza degli elementi strutturali X X Contenimento del danno degli elementi non strutturali Contenimento delle deformazioni del sistema fondazione terreno Contenimento degli spostamenti permanenti dei muri di Sostegno Continua X X X X X X X X X X X X 13/02/

25 Le istruzioni la Circolare n. 617 del 2 febbraio 2009 SL Descrizione Prestazione Rif Norme I II III IV SLV SLC Assenza di martellamento tra strutture X X X X contigue Resistenza delle strutture X X X X Duttilità delle strutture X X X X Assenza di collasso fragile ed espulsione di elementi non Strutturali Resistenza dei sostegni e collegamenti degli impianti X X X X X X X X Stabilità del sito X X X X Stabilità dei fronti di scavo e dei rilevati X X X X Resistenza del sistema fondazione terreno X X X X Stabilità dei muri di sostegno X X X X Stabilità delle paratie X X X X Resistenza e stabilità dei sistemi di contrasto e degli ancoraggi Resistenza dei dispositivi di vincolo temporaneo tra costruzioni isolate X X X X X X X X Capacità di spostamento degli isolatori X X X X 13/02/

26 TOPICS NTC Gli impianti in generale e non solo gli impianti antincendio sono soggetti a verifica di sicurezza all azione sismica Per tutte le costruzioni sono richieste Assenza di collasso fragile ed espulsione di elementi non Strutturali Resistenza dei sostegni e collegamenti degli impianti Per le costruzioni ricadenti in classe d uso III e IV è richiesta anche una verifica anche allo stato limite di operatività Contenimento del danno degli elementi non strutturali Funzionalità degli impianti vengono forniti criteri di calcolo non molto specializzati consentendo ttuttavia metodi di livello superiore, tratti da documentazione tecnica di comprovata validità. 13/02/

27 PRIMO DOCUMENTO ORGANICO ATC 51 2 IL RAPPORTO ATC 51 2 E UN DOCUMENTO ORGANICO PREPARATO DA ATC (Applied Technology Council) SU INCARICO E COLLABORAZIONE DEL UFFICIO SERVIZIO SISMICO NAZIONALE (SSN) NEL 2002 FACENDO SEGUITO ALL ATC 51 1 RACCOMANDAZIONI CONGIUNTE STATI UNITI ITALIA PER L ELABORAZIONE DI PIANI DI EMERGENZA SISMICA NEGLI OSPEDALI ITALIANI. 13/02/

28 ATC 51 2 LO STANDARD E STATO FINANZIATO DAL SERVIZIO SISMICO ITALIANO (SSN ) BASANDOSI SU : LINEA GUIDA E MODELLI INGENERISTICI GIA ESISTENTI SU ANCORAGGIO E CONTROVENTAMENTO DI COMPOENENTI E SISTEMI NON STRUTTURALI RACCOMANDAZIONI AD HOC SVILUPPATE APPOSITAMENTE PER IL PROGETTO DA COMMISSIONI DI ESPERTI. CONTROVENTATURA RACK TUBAZIONI LE CONCLUSIONI SI VEDE SONO ASSAI SIMILI ALLE TECNICHE OGGI IMPIEGATE SUGLI SPRINKLER 13/02/

29 ATC 51 2 BRACING DI UN CANALE DELL ARIA 13/02/

30 ATC 51 2 BRACING CANALE ELETTRICHE SU DUE LIVELLI 13/02/

31 ATC 51 2 LO STANDARD, ANCORCHE RIFERITO A NORMATIVE PREESISTENTI LE NTC E ANCORA MOLTO ACCURATO E PUO ESSERE IMPIEGATO CORREGGENDO NEL CASO LE FORMULE (AD ESEMPIO I COEFF. PARZIALI DI SICUREZZA). MA IL CONCETTO E : DOCUMENTO IN ITALIANO COMMISSIONATO DAL SSN, REPERIBILE ALL ESTERO E MAI SERIAMENTE UTILIZZATO NE NELL AMBITO DI PERTINENZA NE NEGLI ALTRI POSSIBILI AMBITI DI APPLICAZIONE, PROBABILMENTE ANCHE SCONOSCIUTO ALLA MAGGIOR PARTE DELLE ASL. 13/02/

32 PRIMA LINEA GUIDA DI USO PRATICO: Contiene un rapporto fotografico commentato dei danni sui componenti non strutturali del sisma dell Aquila e una serie di SCHEMI DI INTERVENTO per gli accorgimenti mitigativi organizzati a schede di facile consultazione su vari topics: canne fumarie e comignoli Cornicioni e parapetti Controsoffitti Pavimenti soprelevati Monitor e computer Generatori di emergenza Scaffalature Server e centralini 13/02/

33 UNA LINEA DI INDIRIZZO SPECIFICA O QUASI 13/02/

34 NORMATIVA RIFERIMENTO L analisi degli effetti prodotti dai terremoti hanno evidenziato che inadeguatezza degli ancoraggi, eccessive deformazioni o movimenti relativi dei vari elementi di un impianto antincendio, possono portare alla rottura di tubazioni con fuoriuscita dei fluidi in essi contenuti, compromettendo la funzionalità dell impianto o determinando situazioni di disagio o di pericolo per l evacuabilità delle persone. Le strategie di progetto devono pertanto portare a conferire ai vari componenti antincendio la capacità di soddisfare prefissati requisiti di sicurezza sismica che mirano a ridurre gli elementi di vulnerabilità degli impianti e dei sistemi ad essi correlati in modo da non generare situazioni di pericolo per la sicurezza delle persone in caso di terremoto e, ove richiesto, garantire il il mantenimento della funzionalità dell impianto. I requisiti minimi di sicurezza sismica sono definiti con riferimento a specifici obiettivi di sicurezza postsisma come riportato in Tabella /02/

35 NORMATIVA RIFERIMENTO L esigenza del rispetto di uno o più requisiti di sicurezza sismica (livello di richiesta) è definita considerando: 1.la pericolosità sismica del sito ove è ubicato l impianto (classe di pericolosità sismica del sito) 2.la tipologia dello scenario di installazione (categoria di scenario d installazione definita in funzione dell esposizione e criticità) 13/02/

36 NORMATIVA RIFERIMENTO Tali valori sono definiti in modo da garantire un diretto raccordo con quanto stabilito dalla Legge 77/09 e dall OPCM 3907/10 del 13/10/2010 pubblicata su GU 281 del 01/12/2010 Supp. Ord. N 262 ag corrisponde all accelerazione massima orizzontale per un tempo di ritorno Tr di 475 anni in condizioni di sottosuolo rigido e pianeggiante (dall allegato all ordinanza o dal software NTC 1.03 ponendo VR = 50 e SLV.) Il coefficiente di amplificazione S = SS ST >= 1 tiene conto della categoria del sottosuolo e delle condizioni topografiche Località rientranti classe A Ag (OPCM 3907/10) All 7 Reggio Emilia g g Bagnolo in Piano g g Rio Saliceto g.0148 g Modena g g Bologna g g Valori dedotti da NTC 1.03 In generale nelle nei comuni di queste Province so supera g anche trascurando il coeff di amplificazione S e pertanto i siti rientrano nella classe A pertanto i requisiti di sicurezza sono richiesti per tutti gli scenari oltre I e consigliati anche per il I. 13/02/

37 NORMATIVA RIFERIMENTO Scenari di installazione pure concorrono a definire le prestazioni attese 13/02/

38 NORMATIVA RIFERIMENTO 13/02/

39 NORMATIVA RIFERIMENTO GUIDA TECNICA LINEE DI INDIRIZZO PER LA RIDUZIONE DELLA VULNERABILITÀ SISMICA DELL IMPIANTISTICA ANTINCENDIO dicembre 2011 APPENDICE A REQUISITI MINIMI DI SICUREZZA SISMICA DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO elementi di vulnerabilità sismica e contromisure 13/02/

40 NORMATIVA RIFERIMENTO 13/02/

41 NORMATIVA RIFERIMENTO 13/02/

42 NORMATIVA RIFERIMENTO AVVERTENZA Qualora, per le particolarità dell impianto o del contesto ove l impianto è installato, i requisiti minimi di sicurezza sismica di cui alla tabella non siano sufficienti a garantire gli obiettivi di sicurezza ad essi associati (come definiti in Tabella 1) il professionista dovrà adottare le contromisure aggiuntive necessarie al soddisfacimento di detti obiettivi. RIFERIMENTI [Rif.] I riferimenti indicati in tabella tra parentesi quadre sono riportati a pagina 47 13/02/

43 UNA SCELTA CONSAPEVOLE : RICHIAMO ALLE BAT La famosa pagina 47 contiene un elenco di BAT (Best Avaible Technology), il che rende il documento moderno e molto versatile ma più di difficile e lenta attuazione: [1] AICARR 2010 Impiantistica antisismica. La protezione antisismica degli impianti. Requisiti, regole tecniche, esperienze. Associazione Italiana Condizionamento dell Aria, Riscaldamento e Refrigerazione. Milano. [2] ASHRAE 1999 A Practical Guide to Seismic Restraint RP812 American Society of Heating, Refrigerating and Air Conditioning Engineers, Inc. Atlanta [3] ATC 51 2, 2003 Raccomandazioni congiunte Stati Uniti Italia per il il controventamento e l ancoraggio dei componenti non strutturali negli ospedali italiani. Applied Technology Council California [4] Comitato tecnico italiano materiali antincendio. Norma sperimentale CTIMA n 12 Idranti per estinzione incendi. Norme per l'installazione e condizioni di accettazione". [5] FEMA, 1997 FEMA 274 NEHRP commentary on the guidelines for the seismic rehabilitation of buildings. Federal Emergency Management Agency. Washington, D.C. [6] FEMA, 2002 FEMA 412 Installing Seismic Restraints for Mechanical Equipment. Federal Emergency Management Agency. Washington, D.C. [7] FEMA, 2004 FEMA 413 Installing Seismic Restraints for Electrical Equipment. Federal Emergency Management Agency. Washington, D.C. [8] FEMA, 2004 FEMA 414 Installing Seismic Restraints for Duct and Pipe. Federal Emergency Management Agency. Washington, D.C. [9] FEMA, 2005 FEMA 74 FM Earthquake hazard mitigation for non structural elements Field Manual Federal Emergency Management Agency. Washington, D.C. [10] Ministero della Salute, Raccomandazioni per il il miglioramento della sicurezza sismica e della funzionalità degli ospedali [11] NFPA, 2010 NFPA 13 Standard for the Installation of Sprinkler Systems. National Fire Protection Association [12] UNI CIG 2009 Linea Guida per l applicazione della normative sismica nazionale alle attività di progettazione, costruzione e verifica dei sistemi di trasporto e distribuzione per gas combustibili, ed. 27 febbraio /02/

44 NORMATIVA RIFERIMENTO 13/02/

45 TOPICS SISIMICA PER IMPIANTI E C.N.S. Visto allora che il problema non è strettamente degli impianti sprinkler ma riguarda impianti e componenti strutturali perché un seminario sullo staffaggio sprinkler? Perché alcuni impianti sprinkler già da tempo sono stati progettati con requisiti antisimici, e di altro tipo quasi è impossibile vederne? 13/02/

46 TOPICS SISIMICA PER IMPIANTI E C.N.S. Si può rispondere con una concomitanza di fattori: GRANDE PESO ED IMPORTANZA STRATEGICA IMPIANTI SPRINKLER RISPETTO ALTRI IMPIANTI RICHIESTA DA ENTI MILITARI DI PROGETTAZIONI A SPECIFICA ANTISIMICA RICHIESTE COMPAGNIE ASSICURATIVE DISPONIBILITA DI BAT (IN PARTICOLARE NFPA E FM BEN CONGEGNATE E FACILMENTE REPERIBILI) ABITUDINE DEI PROGETTISTI SPRINKLER ALL USO DI STARNDARD STRANIERI DOVUTI AI MOTIVI SOPRA ESPOSTI E ALLA VETUSTA TECNICA DI STANDARD NAZIONALI ED EUROPEI MAGGIORE CURA TIPICA NELLA PROGETTAZIONE DI QUESTI IMPIANTI COSTITUITI PREVALENTEMENTE DA TUBI, TESTINE E STAFFAGGI. 13/02/

47 BAT (BEST AVAIBLE TECNLOGIES) -sprinkler 13/02/

48 BAT (BEST AVAIBLE TECNLOGIES) SERBATOI IDRICI 13/02/

49 IL METODO NFPA 13 13/02/

50 EVENTI DI GUASTO TIPICO: EVENTI DI GUASTO TIPICO: 1.ROTTURA DI TUBAZIONI O SPRINKLER ROTTI DOVUTI ALL IMPATTO TRA QUESTE ED ELEMENTI STRUTTURALI O ALTRISTRUTTURE / IMPIANTI 2.ROTTURA DI TUBAZIONI O DROPS DOVUTI ALL ECCESSIVO MOVIMENTO DIFFERENZIALE TRA CONTROSOFFITTO SOSPESO E PIPE DROPS 3.ROTTURA DI SISTEMI IN-RACK SPRINKLER (SPRINKLER INTERMEDI NELLE SCAFFALATURE) DOVUTI ALL ECCESSIVO MOVIMENTO DELLE SCAFFALATURE OLTRE AI DANNI CONSEGUENTI ALLA FUORIUSCITA DI ACQUA, SONO COMPROMESSE LE CAPACITA DI PROTEZIONE DAL FUOCO PER INDIPONIBILITA DOVUTA AL GUASTO, OPPURE PER DANNEGGIAMENTO ALLE FONRNITURE D ACQUA DI SPEGNIMENTO (ACQUEDOTTO O SISTEMI DI POMPAGGIO) DANNI SIGNIFICATIVI ALLA PROTEZIONE ANTINCENDIO SISTEMI POSSONO ESPORRE UN IMPIANTO AD UNA PERDITA GRAVE INCENDIO A SEGUITO DI UN TERREMOTO, EVENTO AFFATTO INCONSUETO. 13/02/

51 LE DUE REGOLE FONDAMENTALI: L EVIDENZA E I REPORT DI PARECCHIE OSSERVAZIONI DI EVENTI INCIDENTALI HANNO CONDOTTO A DUE SOSTANZIALI CONCLUSIONI: 1.SOLO PROVVEDENDO IN MANIERA SISTEMATICA LE NECESSARIE CARATTERISTICHE DI: SWAY-BRACING FLESSIBILITA DISTANZE DI RISPETTO (GIOCO) ANCORAGGIO UN SISTEMA SPRINKLER PUO ESSERE ADEGUATAMENTE PROTETTO PER MITIGARE GLI EFFETTI DI UN EVENTO SISMICO 2.L OMISSIONE DI ANCHE POCHI SOLAMENTE DEGLI ELEMENTI NECESSARI PER LA PROTEZIONE ANTISIMICA DELL IMPIANTO PUO COMPORTARE CONDIZIONI DI DANNI INGENTI PER SVERSAMENTO ACCIDENTALE D ACQUA. LA CONSEGUENTE INTERCETTAZIONE DELL IMPIANTO A LIMITARE IL DANNO, LO RENDE INDISPONIBILE ESPONENDO LE ATTIVITA PROTETTE A INEFICCACIA DEI SISTEMI PROTETTIVI PREVISTI. 13/02/

52 NFPA 13 il capitolo 9.3: Quando un sistema di protezione antincendi ad acqua deve essere protetto contro il danno sismico, si debbono applicare le richieste della sezione 9.3 a meno che un ingegnere professionista certifichi, in base all analisi sismica dell insieme edificio sistema sistemi alternativi, tali che le performance del sistema siamo almeno pari a quelle delle componenti strutturali dell edificio sotto le azioni sismiche attese Le sezioni fondamentali del (9.3.2) COUPLINGS - (9.3.3) SEISIMIC SEPARATION ASSEMBLY - (9.3.4) CLEREANCE - (9.3.5) SWAY BRACING DESIGN Quelle conosciute in Italia ad oggi nella migliore delle ipotesi: limitatamente al prezzo di listino dei pipes e buildings attachments Mentre il metodo è un equilibrio ponderato di differenti fattori, in cui si dosano sapientemente gradi di libertà e gradi di vincolo; uno ne manca il tutto non funziona. 13/02/

53 Couplings: Introdurre gradi di libertà è semplice con i giunti scanalati. Bisogna tuttavia sapere dove, ovvero nelle separazioni strutturali. Che differenza c è fra questi due giunti scanalati (grooved)? La marca? NO Il tipo di scanalatura? NO La forma? NI MAGARI PER DISINGUERLI La pressione di rating? FORSE IN REALTA UNO E FLESSIBILE E L ALTRO RIGIDO. A riconoscerli mi aiuta il Datasheet 13/02/

54 Couplings: MO HO CAPITO TUTTO! LI COMPRO TUTTI FLESSIBILI COSI L INGEGNIE E CONTENTO SUPPONI FORSE CHE QUELLI RIGIDI COSTINO MENO E SIANO PER IL TERZO MONDO? HO DETTO SOLO DOVE PREVISTI! 13/02/

55 Couplings: Difatti introdurre giunti flessibili oltre a quelli strettamente richiesti e possibile ma del tutto inutile e controproducente, perché per ogni giunto deve essere prevista uno sway brace! 1) Mentre son richiesti nei montanti e attraversamenti di piano DS Fm /02/

56 Couplings: Sono ammesse eccezioni per risers (montanti) di lunghezza inferiore 0.9 m e ne è sufficiente uno solo per risers da 0.9 a 2.1 m 2) Entro (300 mm) sopra ed entro 600 mm sotto il pavimentoin edifici multipiano. Quando il giunto flessibile sotto il pavimento è sopra un tee che stacca per alimentare il collettore al piano inferiore, un giunto flessibile deve essere installato sulla parte verticale del Tee 13/02/

57 Couplings: 13/02/

58 Couplings: Arrangiamento suggerito da FM DS /02/

59 Couplings: Qualcuno nota per caso collari intermedi? Quelli per intenderci con la vite orizzontale e tassello sul muro? Che dite ci sarà un perché? E chi sostiene allora il tubo? Ingrandiamo? Arrangiamento suggerito da FM DS /02/

60 Couplings: Vi presento Mr. Riser Clamp Le tubazioni di sostengono con un collare all ultimo livello e coi riser clamps in appoggio sul pavimento ai piani intermedi. 13/02/

61 Couplings: Soluzione equivalente in ambito MIL / NATO kindly from ATS sas 13/02/

62 Couplings: Esempio: drop verso cassetta idrante UNI 45 Corretto? 13/02/

63 Couplings: Esempio: drop verso sistema in rack con return bend Corretto? 13/02/

64 Couplings: Mancava ovviamente un 4 way-brace sul main Arrangiamento suggerito da FM DS /02/

65 Couplings: Schema NFPA 13 13/02/

66 Couplings: Vista laterale armover Arrangiamento suggerito da FM DS /02/

67 Couplings: Vista laterale armover Arrangiamento suggerito da FM DS /02/

68 SEISIMIC SEPARATION ASSEMBLY : Giunti di separazione sismica di tipo approvato debbono essere installati dove la tubazione dello sprinkler, indipendentemente dal suo diametro, attraversa giunti di separazione sismica, di modo da consentire movimenti di allontanamento, avvicinamento di una dimensione non inferiore a due volte la larghezza della separazione, nelle due direzioni di scorrimento di una ampiezza non inferiore alla ampiezza delle separazione. Da entrambe le parti contrapposte di in giunto di separazione sismica, devono essere installati 4-way braces entro 1.8 m dal giunto stesso. 13/02/

69 SEISIMIC SEPARATION ASSEMBLY : Soluzione con doppio collo cigno 13/02/

70 SEISIMIC SEPARATION ASSEMBLY : Soluzione equivalente con FLESSIBILE FM approved kindly from ATS sas 13/02/

71 SEISIMIC SEPARATION ASSEMBLY : Esempio giunto sismico flessibile Fireloop 13/02/

72 Giunti antistrappo interrati: kindly from ATS sas 13/02/

73 Spazio libero / di rispetto (CLEARENCE) Uno spazio libero deve essere mantenuto tutto attorno alle tubazioni nell attraversamento di muri, pavimenti, piattaforme, fondazioni, compresi scarichi,connessioni ai VVFF, e altre tubazioni di servizio. IL DIAMETRO DELLA FOROMETRIA DEVE VALERE ALMENO: - PER TUBI DA 1 SINO A 3 1/2 esterno tubo + 50 mm - PER TUBI DA 4 IN POI esterno tubo mm PER ATTRAVERSAMENTI IN COTROTUBO E SUFFICIENTE CHE IL CONTROTUBO SIA DI DIAMETRO NOMINALE RISPETTIVAMENTE: -MAGGIORE DI 2 (DN 50) PER DA 1 SINO A 3 1/2 -MAGGIORE DI 4 (DN 100) PER TUBI DA 4 IN POI DI QUELLO DEL TUBO ANTINCENDIO INTUBATO. 13/02/

74 Spazio libero / di rispetto (CLEARENCE) SE NON E POSSIBILE E NECESSARIA L INSTALLAZIONE DI UN GIUNTO MORBIDO DA ENTRAMBI I LATI ENTRO 305 mm DALLA STRTUTTURA. FORO DI DIAMETRO INSUFFICIENTE GIUNTO FLESSIBILE 13/02/2013 NORMA LE GIUNTO RIGIDO 74

75 Spazio libero / di rispetto (CLEARENCE) COME E POSSIBILE FARE UN ATTRAVERSAMENTO RIQUALIFICATO REI? IL RIEMPIMENTO CON MATERIALI TENERI E CONSENTITO. PERTANTO UN ATTRAVERSAMENTO MISTO LAN MINERALE + SIGILLANTE SILICONICO COME DA CERTIFICAZIONI HILTI E FATTIBILE. NELLA PEGGIORE DELLE IPOTESI DUE GIUNTI FLESSIBILI ENTRO 305 mm DA OGNI ALTO DELLA PARETE. Esempio di attraversamento REI certificato I.G. con Lana minerale e sigillante intumescente 13/02/

76 Spazio libero / di rispetto (CLEARENCE) E SEMPRE RICHIESTO UNO SPAZIO LIBERO PER ATTRAVERSARE STRUTTURE? I GIUNTI NON SONO RICHIESTI PER ATTRAVERSAMENTO DI STRUTTURE FRIABILI COME CERTONGESSO. QUANDO NON SUSSISTA ATTRAVERSAMENTO COMUNQUE DEVE ESSERE MANTENUTA UAN DISTANZA DI RISPETTO DI ALMENO 50 mm DAGLI ELEMENTI STRUTTURALI NON UTILIZZATI PER LO STAFFAGGIO O LO SWAY-BRACING. QUINDI DA TRAVI, COLONNE PARETI NON ATTRAVERSATI DALLE TUBAZIONI LA DISTANZA MINIMA FRA PARETE ESTERNA DEL TUBO ED ELEMENTO DEVE ESSERE NON INFERIORE A 50 mm. 13/02/

77 SWAY BRACING DESIGN COSA E UNO SWAY BRACE? UN BRACE E UN VINCOLO POSTO ALLA TUBAZIONE PER RESISTERE A SPOSTAMENTI E SOLLECITAZIONI LATERALI O LONGITUDINALI E ALLE COMPONENTI VERTICALI CONSEGUENTI ALL AZIONE SISMICA. I COMPONENTI STRTTURALI A CUI IL BRACE E COLLEGATO DEVONO ESSERE TALI DA RESISTERE ALLA SOLLECITAZIONE SIMICA. GLI SWAY BRACE DEBBOCNO ESSERE PROGETTATI PER RESISTERE SIA IN TRAZIONE CHE IN COMPRESSIONE QUELLI RESISTENTI ALLA SOLA TRAZIONE SONO TALORA AMMESSI NEL LIMITE DI IMPIEGO PREVISTO DALLA LORO APPROVAZIONE (MA NON AD ESEMPIO DA FM). 13/02/

78 SWAY BRACING DESIGN SCHEMA DI SWAY BRACE LATERALE UNO SWAY BRACE SI DICE LATERALE QUANDO CONTRASTA GLI SBANDAMENTI LATERALI DEL TUBO (IN DIREZION ORTOGONALE AL SUO ASSE) GLI SCHEMI A B C RAPPRESENTANO LE DIVERSE POSSIBILITA DI CONNESSIONE E SONO IMPORTANTI AGLI EFFETTO DEL CALCOLO IN QUANTO LE SOLLECITAZIONI AGLI ANCORANTI POSSONO SCOMPORSI DIFFERENTEMENTE TRA TAGLIO E TRAZIONE. L ANGOLO Ѳ E SEMPRE QUELLO INDIVIDUATO FRA BRACE E LA NORMALE AL PIANO DI RIFERIMENTO. 13/02/

79 SWAY BRACING DESIGN 13/02/

80 SWAY BRACING DESIGN SCHEMA DI SWAY LONGITUDINALE 13/02/

81 SWAY BRACING DESIGN Uno SWAY BRACE SI COMPONE SEMPRE DI ALCUNE PARTI ESSENZIALI: BUILDING ATTACHMENT: e l elemento di collegamento del brace alla struttura resistente, esempio pilastro, trave I COMPONENTI APPROVATI (FM) O LISTATI (UL) SONO CERTIFICATI PER RESISTERE A UNA DATA SOLELCITAZIONE MASSIMA ATTENZIONE DICHIARARE I CARICHI AL PROGETTISTA STRTTURALE!! SWIWELS PER CONNESSIONI UNIVERSALI SWIWELS PER BAR JOITS SWIWELS PER BAR TRAVI ACCIAIO 13/02/

82 SWAY BRACING DESIGN Uno SWAY BRACE SI COMPONE SEMPRE DI ALCUNE PARTI ESSENZIALI: PIPE ATTACHMENT: e l elemento di collegamento del brace alla tubazione I COMPONENTI APPROVATI (FM) O LISTATI (UL) SONO CERTIFICATI PER RESISTERE A UNA DATA SOLELCITAZIONE MASSIMA SI DIFFERENZIANO PER DIAMETRI DISPONIBILI E CARICHI MASSIMI / CERTIFICAZIONI 13/02/

83 CERTIFICAZIONI ESEMPIO ERICO 13/02/

84 CERTIFICAZIONI odel Part Description Orientation Run Pipe Nominal Size, in. Run Pipe Reference CSBSTU Pipe Clamp Lateral 1, 1-1/4, 1-1/2 LW, 10, 40 CSBSTU Pipe Clamp Longitudinal 1, 1-1/4, 1-1/2 LW, 10, 40 CSBSTU Pipe Clamp Lateral 2, 2-1/2, 3 LW, 10, 40 CSBSTU Pipe Clamp Longitudinal 2, 2-1/2, 3 LW, 10, 40 CSBSTU Pipe Clamp Lateral 4, 5 LW, 10, 40 CSBSTU Pipe Clamp Longitudinal 4, 5 LW, 10, 40 CSBSTU Pipe Clamp Lateral 6 LW, 10, 40 CSBSTU Pipe Clamp Longitudinal 6 LW, 10, 40 CSBSTU Pipe Clamp Lateral 8, , 40 CSBSTU Pipe Clamp Longitudinal 8, , 40 Horizontal Load Ratings lb (N) Installation Angle (a) Remarks a, c, d, e a, c, d, e a, c, d, e a, c, d, e a, c, d, e a, c, d, e a, c, d, e a, c, d, e a, c, f a, c, f Remarks: a. FM Approved when used with 1, 1 1/4, 1 1/2, or 2 (DN25, DN32, DN40, DN50) NPS Schedule 40, GB/T 3091, EN (Heavy), or JIS G3454 brace pipe. b. FM Approved when used with 1 and 1 1/4 (DN 25 and DN32) NPS Schedule 40, GB/T 3091, EN (Heavy), or JIS G3454 brace pipe. c. Load ratings for Schd 40 above may also be applied to GB/T 3091, EN (Heavy), and JIS G3454 pipe. d. Load ratings for Schd 10 above may also be applied to GB/T 3091, EN (Medium or Heavy), JIS G3452, FM Approved Thinwall, and Schd 40 pipes unless otherwise indicated. e. Load ratings for LW above refers to FM Approved Lightwall Pipe, commonly referred to as Schedule 7. These ratings may also be applied to EN 10220, and GB/T 8163 pipe unless otherwise specified. f. Load ratings for wall above may be applied to any thicker walled pipe unless otherwise specified. g. Load ratings based on the use of a 3/8 16 UNC (M10 x 1.5) threaded rod as the brace member. h. Load ratings based on the use of ½ 13UNC (M12 x 1.75) threaded rod as the brace member. i. Load ratings based on the use of a Model 300 Beam Clamp (3/8 16UNC / M10 x 1.5 Bolt) as means for attachment to structural member. j. Load ratings based on the use of 3/8 16 UNC (M10 x 1.5) threaded fastener as the attachment fastener to the structural member. k. Load ratings based on the use of 3/8 16 UNC (M10 x 1.5) threaded fastener as the attachment fastener to a concrete insert. 13/02/

85 SWAY BRACING DESIGN Uno SWAY BRACE SI COMPONE SEMPRE DI ALCUNE PARTI ESSENZIALI: BRACE VERI E PROPRI : e il braccio che collega i due attachments E UN NORMALE PROFILATO O TUBO COMPATIBILE CON I PARTICOLARI ATTACHMENTS SELEZIONATI. MOLTO COMUNE L USO DI TUBI 1 O 1 1/4 SCHEDULE 40 LE NORME PRESENTANO TABELLE DI IMMEDIATO UTILIZZO IN FUNZIONE DEL RAPPORTO DI SNELLEZZA l/r FRA LUNGHEZZA DEL COLLEGAMENTO E RAGGIO DI INERZIA PER VARI TIPICI BRACES COMUNEMENTE UTILIZZATI. SI RICAVA FACILMENTE LA FORMULA DA CUI SON TRATTI (AISC America Innstute od Steel Construction E3-1 E3-2 method: COMPRESSIVE STRENGHT FOR FLEXURAL BUCKLING OF MEMEBERS WITHOUt SLENDER ELEMENTS) 13/02/

86 SWAY BRACING DESIGN Estratto da FM DS 2 8 Per l/r= /02/

87 SWAY BRACING DESIGN Uno SWAY BRACE SI COMPONE SEMPRE DI ALCUNE PARTI ESSENZIALI: Anchors (tasselli) (per strutture in cls o muratura) Anche IN QUESTO CASO SONO FORNITI DATI TABELLARI PER TASSELLI WEDGE A ESPANSIONE O UNDERCUT SU DIVERSI TIPI DI SUPPORTO CHE SEMPLIFICANO I CALCOLI NULLA OSTA A UTILIZZARE PROCEDURE DI CALCOLO DIFFERENTI, ad esempio usando CCD (Concrete Capacity Design) secondo ACI /02/

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER ANALISI PUSHOVER - Analisi sismica Statica Lineare - Analisi sismica Dinamica Lineare - Analisi sismica Statica Non Lineare - Analisi sismica Dinamica Non Lineare Con il nome di analisi PUSH-OVER si indica

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

Calcolo semplificato agli stati limite

Calcolo semplificato agli stati limite CARLO SIGMUND Calcolo semplificato agli stati limite PER STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO ACCIAIO LEGNO MURATURA @ SERVIZI GRATUITI ON LINE Questo libro dispone dei seguenti servizi gratuiti disponibili on

Dettagli

Edifici in muratura in zona sismica

Edifici in muratura in zona sismica Collegio dei Geometri e dei Geometri Laureati Reggio Emilia - 26 novembre 2010 Edifici in muratura in zona sismica Dott. Ing. Nicola GAMBETTI, Libero Professionista EDIFICI IN MURATURA IN ZONA SISMICA

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

IL MINISTRO DELL INTERNO

IL MINISTRO DELL INTERNO D.M. 16 maggio 1987, n. 246 (G.U. n. 148 del 27 giugno 1987) NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE IL MINISTRO DELL INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941, n. 1570: Vista

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove opere soggette anche all azione sismica. Le sue indicazioni sono da considerare aggiuntive

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

- Seminario tecnico -

- Seminario tecnico - Con il contributo di Presentano: - Seminario tecnico - prevenzione delle cadute dall alto con dispositivi di ancoraggio «linee vita» Orario: dalle 16,00 alle 18,00 presso GENIOMECCANICA SA, Via Essagra

Dettagli

SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA

SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA LEGGI FONDAMENTALI DELLE NORMESISMICHE SOMMARIO: LEGGI SU CUI SI BASANO LE ATTUALI NORME SISMICHE LE NUOVE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI E L AZIONE SISMICA Giacomo Di Pasquale, Dipartimento della Protezione

Dettagli

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.)

ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Foglio n 1 di 6 ALLEGATI TECNICI OBBLIGATORI (D.M. 37/08, Delibera 40/04 e succ. mod.) Intervento su impianto gas portata termica (Q n )= 34,10. kw tot Impresa/Ditta: DATI INSTALLATORE Resp. Tecnico/Titolare:

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA REGIO- NALE 3 giugno 2010, n. 1309 18120 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 104 del 16-06-2010 vista la dichiarazione posta in calce al presente provvedimento da parte dei Dirigenti responsabili per competenza in materia che

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

CAPI P T I O T L O O 1. OGGETTO

CAPI P T I O T L O O 1. OGGETTO CAPITOLO 1. OGGETTO 2 CAPITOLO 1 1. OGGETTO Le presenti Norme tecniche per le costruzioni definiscono i principi per il progetto, l esecuzione e il collaudo delle costruzioni, nei riguardi delle prestazioni

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M.

Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. Circolare 2 febbraio 2009, n. 617 - Istruzioni per l applicazione delle Nuove norme tecniche per le costruzioni di cui al D.M. 14 gennaio 2008 Con decreto ministeriale 14 gennaio 2008, pubblicato nella

Dettagli

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio.

loro sedi OGGETTO: Risposta a quesiti su questioni antincendio. Milano lì Ns. Rif.: 13 novembre 2013 820038.309 Agli Ordini e Collegi aderenti al C.I.P.I. loro sedi K:\Ufficio\07 Documenti\CIPI\820038 Comitato interpr. prevenzione incendi\820038 corrispondenza dal

Dettagli

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco

NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco NOVITA! Sono in via di pubblicazione la nuova norma sulle reti idranti UNI 10779 e la specifica tecnica TS sulle reti idranti a secco Ing. Marco Patruno Forum Prevenzione Incendi Milano : 1 ottobre 2014

Dettagli

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica 1 Ambito operativo e inquadramento normativo Tenuto conto del rilevante impatto che gli eventi sismici,

Dettagli

Valutazione della capacità sismica delle strutture in acciaio mediante la metodologia del Robustness Based Design

Valutazione della capacità sismica delle strutture in acciaio mediante la metodologia del Robustness Based Design UNIVERSITA DEGLI STUDI DI NAPOLI FEDERICO II FACOLTA DI INGEGNERIA DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA STRUTTURALE CATTEDRA DI TECNICA DELLE COSTRUZIONI I RELATORE: TESI DI LAUREA Valutazione della capacità sismica

Dettagli

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche

www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche www.pisante.com edifici esistenti in muratura verifiche di vulnerabilità sismica analisi cinematiche ANALISI CINEMATICA DEI CORPI RIGIDI 8.7.1 COSTRUZIONI IN MURATURA (D.M. 14/01/2008) Nelle costruzioni

Dettagli

1 Introduzione alla dinamica dei telai

1 Introduzione alla dinamica dei telai 1 Introduzione alla dinamica dei telai 1.1 Rigidezza di un telaio elementare Il telaio della figura 1.1 ha un piano solo e i telai che hanno un piano solo, sono chiamati, in questo testo, telai elementari.

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA

VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA VALUTAZIONE DELLE RISERVE PRESTAZIONALI DEGLI EDIFICI IN TERRA DI CORRIDONIA (MC) RISPETTO ALL USO ATTUALE: LA SICUREZZA SISMICA ISTITUTO DI EDILIZIA ISTITUTO DI SCIENZA E TECNICA DELLE COSTRUZIONI TESI

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO. Domenico Leone

IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO. Domenico Leone IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO Domenico Leone IL FATTORE DI STRUTTURA PER LE COSTRUZIONI IN ACCIAIO Domenico Leone Il prof. Domenico Leone vanta un esperienza più che trentennale

Dettagli

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4

Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 1. Descrizione della struttura portante Trattasi di un edificio monopiano con sito d impianto su suolo costituito da n. 4 terrazzamenti delimitati da preesistenti muri di sostegno. L edificio è suddiviso

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO 1 (Ridis. con modifiche da M. De Stefano, 2009) 2 3 Concetto di duttilità 4 5 6 7 E necessario avere i valori di q dallo strutturista ( ma anche qo). Per

Dettagli

2.2.8 Spettri di progetto

2.2.8 Spettri di progetto 2.2.8 Spettri di progetto Passando alla fase progettuale si dà per scontato che per gli Stati Limite Ultimi (SLV e SLC) la struttura vada largamente in campo plastico. Si devono quindi utilizzare metodi

Dettagli

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE CAPITOLO 7. 7. PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE BOZZA DI LAVORO Ottobre 2014 278 [BOZZA DI LAVORO OTTOBRE 2014] CAPITOLO 7 Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico

ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico ALLEGATO A ELENCO PREZZI DI RIFERIMENTO PER IMPIANTI TERMICI INFERIORI A 35 kw Opere di adeguamento dell impianto termico A) SOPRALLUOGHI, VISITE TECNICHE, VERIFICHE DI IMPIANTI A.1) Sopralluogo ed esame

Dettagli

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008

FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 FORUM PREVENZIONE INCENDI Roma - 18 Giugno 2008 La corretta progettazione degli impianti antincendio. Dalla 46/90 al decreto 22 gennaio 2008 n. 37: come cambiano le procedure per il rilascio del CPI nel

Dettagli

la nuova generazione

la nuova generazione O - D - Giugno - 20 Sistemi di adduzione idrica e riscaldamento in Polibutilene la nuova generazione Push-fit del sistema in polibutilene Sistema Battuta dentellata La nuova tecnologia in4sure è alla base

Dettagli

Istruzioni per la Valutazione Affidabilistica della Sicurezza Sismica di Edifici Esistenti

Istruzioni per la Valutazione Affidabilistica della Sicurezza Sismica di Edifici Esistenti CNR Commissione di studio per la predisposizione e l analisi di norme tecniche relative alle costruzioni CONSIGLIO NAZIONALE DELLE RICERCHE COMMISSIONE DI STUDIO PER LA PREDISPOSIZIONE E L'ANALISI DI NORME

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790

SCHEDA RIEPILOGATIVA INTERVENTO OPCM n. 3779 e 3790 SCHEDARIEPILOGATIVAINTERVENTO OPCMn.3779e3790 A)Caratteristicheedificio Esitodiagibilità: B-C (OPCM 3779) E (OPCM 3790) Superficielordacomplessivacoperta( 1 ) mqnum.dipiani Num.UnitàImmobiliaritotali B)Contributorichiestoaisensidi

Dettagli

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO, LA VALUTAZIONE E L ADEGUAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI 1 OGGETTO DELLE NORME...7 2 REQUISITI DI SICUREZZA E CRITERI DI VERIFICA...8 2.1 SICUREZZA NEI CONFRONTI DELLA STABILITÀ

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

strutture legate non autoportanti

strutture legate non autoportanti Il comportamento sotto sisma delle strutture metalliche dedicate a vano corsa ascensore, legate ad edifici esistenti: problemi e soluzioni. - 1 a parte - abstract Le strutture metalliche che costituiscono

Dettagli

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni

I LAVORI IN QUOTA. Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008. I Dispositivi di Protezione Individuale. Problematiche e soluzioni Expo Edilizia - Roma, 14 novembre 2008 I LAVORI IN QUOTA I Dispositivi di Protezione Individuale Problematiche e soluzioni Luigi Cortis via di Fontana Candida 1, 00040 Monte Porzio Catone (Roma) telefono

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote

Linee guida per il montaggio e smontaggio di. ponti a torre su ruote Opere Provvisionali Linee guida per il montaggio e smontaggio di ANVVFC,, Presidenza Nazionale, dicembre 2008 pag 1 Il DECRETO LEGISLATIVO 9 aprile 2008, n. 81 (Pubblicato sulla G.U del 30 aprile 2008)

Dettagli

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO

ISTRUZIONI PER LA PROGETTAZIONE DEI SISTEMI DI PROTEZIONE CONTRO LE CADUTE DALL ALTO Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via S. Andrea, 8 32100 Belluno Tel. 0437 516927 Fax 0437 516923 e-mail: serv.spisal.bl@ulss.belluno.it Dipartimento di Prevenzione SERVIZIO SPISAL Via Borgo

Dettagli

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli)

PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SCHEDA TECNICA N 25 PONTE SU RUOTE A TORRE (trabattelli) SERVIZIO PREVENZIONE E PROTEZIONE V I A M A S S A R E N T I, 9-4 0 1 3 8 B O L O G N A 0 5 1. 6 3. 6 1 4. 5 8 5 - FA X 0 5 1. 6 3. 6 4. 5 8 7 E-mail:

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe

06/09/2013. Gianfranco Tripi. Deroghe CORSO BASE DI SPECIALIZZAZIONE DI PREVENZIONE INCENDI Analisi di rischio e individuazione delle misure di sicurezza equivalenti. Individuazione delle misure di prevenzione e/o di protezione che permettono

Dettagli

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A.

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. 10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. Il capitolo fa riferimento alla versione definitiva dell'eurocodice 2, parte 1.1, UNI EN 1992-1-1, recepito e reso applicabile in Italia dal DM del

Dettagli

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773;

- - Visto l'art. 63 del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza 18 giugno 1931, n. 773; Decreto Ministeriale del 12/09/2003 Approvazione della regola tecnica di prevenzione incendi per l'installazione e l'esercizio di depositi di gasolio per autotrazione ad uso privato, di capacita' geometrica

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Risposta esatta. Quesito

Risposta esatta. Quesito 1 2 Quesito Si definisce gas compresso: A) un gas conservato ad una pressione maggiore della pressione atmosferica; B) un gas liquefatto a temperatura ambiente mediante compressione; C) un gas conservato

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA LINEE GUIDA DI PREVENZIONE INCENDI DA APPLICARSI AGLI UFFICI INDIVIDUATI AL PUNTO 89 DELL ELENCO ALLEGATO AL D.M. 16.02.82. Punto 89) Aziende ed uffici nei

Dettagli

ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA

ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA ALLEGATO A ALLE NORME TECNICHE PER LE COSTRUZIONI: PERICOLOSITÀ SISMICA Le Norme Tecniche per le Costruzioni (NTC) adottano un approccio prestazionale alla progettazione delle strutture nuove e alla verifica

Dettagli

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO

SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO SEMINARIO INFORMATIVO SULL EVOLUZIONE DELLA NORMATIVA ANTINCENDIO Parma 16 novembre 2012 S.D.A.C. Arch. Fabrizio Finuoli L evoluzione della Prevenzione Incendi 2 Panorama normativo della Prevenzione incendi

Dettagli

Valore caratteristico EC7

Valore caratteristico EC7 Procedura da adottare - Azioni (E) Valore caratteristico EC7 Per le combinazioni delle azioni si rimanda a quanto detto ampiamente in precedenza. Resistenze (Rd) del sistema geotecnico Il valore di progetto

Dettagli

2capitolo. Alimentazione elettrica

2capitolo. Alimentazione elettrica 2capitolo Alimentazione elettrica Regole fondamentali, norme e condotte da seguire per gestire l'interfaccia tra la distribuzione elettrica e la macchina. Presentazione delle funzioni di alimentazione,

Dettagli

Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa

Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa Misura di portata Tubo di Pitot Modello FLC-APT-E, versione estraibile Modello FLC-APT-F, versione fissa Scheda tecnica WIKA FL 10.05 FloTec Applicazioni Produzione di petrolio e raffinazione Trattamento

Dettagli

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE

Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare quando si utilizza una PLE AMBIENTE LAVORO 15 Salone della salute e sicurezza nei luoghi di lavoro BOLOGNA - QUARTIERE FIERISTICO 22-24 ottobre 2014 Principali norme e buona prassi relative agli strumenti di sicurezza da attivare

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions

MINI-ESCAVATORE. ViO20-4. 2230/2335 kg. Call for Yanmar solutions MINI-ESCAVATORE 2230/2335 kg Call for Yanmar solutions COMPATTEZZA Il è un mini-escavatore con sporgenza posteriore realmente nulla. Il contrappeso e la parte posteriore del telaio superiore della macchina

Dettagli

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica

ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE. ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ISTITUTO UNIVERSITARIO DI ARCHITETTURA DI VENEZIA Laboratori di Progettazione Architettonica ELEMENTII DII TECNIICA DEL CONTROLLO AMBIIENTALE PROF.. GIIANCARLO ROSSII PARTE SECONDA 1 INTRODUZIONE TIPOLOGIE

Dettagli

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO

TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO TARIFFA PROFESSIONALE INGEGNERIA ANTINCENDIO La presente tariffa individua le prestazioni che il professionista è chiamato a fornire : A per la richiesta del parere di conformità B per il rilascio del

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per

Dettagli

Montaggio su tetto piano

Montaggio su tetto piano Montaggio su tetto piano Avvertenze generali Con la crescente diffusione dei sistemi fotovoltaici, oltre a dimensioni elettriche, durata, tempi di garanzia ecc., anche i dettagli di montaggio assumono

Dettagli

Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture

Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture Corso di formazione in INGEGNERIA SISMICA Verres, 11 Novembre 16 Dicembre, 2011 Costruzioni in c.a. Progettazione e adeguamento delle strutture Alessandro P. Fantilli alessandro.fantilli@polito.it Verres,

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI

CADUTA DALL ALTO E LINEE VITA LA LEGGE PAROLARI CORSO DI AGGIORNAMENTO PER LA FORMAZIONE DELLE COMPETENZE PROFESSIONALI IN MATERIA DI SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI ALLA LUCE DELL ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO TESTO UNICO SULLA SICUREZZA D.Lgs. 9 aprile

Dettagli

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo

PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo PROGETTAZIONE DI STRUTTURE IN ACCIAIO con le nuove Norme Tecniche e gli Eurocodici: basi concettuali ed esempi di calcolo Stefania Arangio, Francesca Bucchi, Franco Bontempi Stefania Arangio, Francesca

Dettagli

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA OPERE PROVVISIONALI CRITERI GENERALI Le opere di pronto intervento hanno lo scopo di garantire condizioni di sicurezza nelle strutture oggetto

Dettagli

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE

Wolly 2 EDILIZIA VERTICALE LIMITED WARRANTY EDILIZIA VERTICALE Wolly 2 La centrale che per la sua versatilità di installazione ha rivoluzionato il concetto di aspirapolvere centralizzato, consentendo la sua installazione anche nei

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099

Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Termocoppie per alte temperature serie Rosemount 1075 e 1099 Misure precise e affidabili in applicazioni ad alta temperatura, come il trattamento termico e i processi di combustione Materiali ceramici

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE

CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE CATENE E COMPONENTI DI GRADO 8-10-INOX, BRACHE DI POLIESTERE E ANCORAGGI, BRACHE DI FUNE L esperienza e la passione per l ingegneria sono determinanti per la definizione della nostra politica di prodotto,

Dettagli

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura

LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura LE CAPRIATE Sviluppo delle strutture lignee di copertura Premessa Fra le strutture di legno, le capriate reticolari costituiscono un tipo di costruzione diffuso che sfruttano pienamente i vantaggi potenziali

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA

COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI ROMA PRESCRIZIONI TECNICHE INTEGRATIVE DELLA CIRCOLARE N. 75 DEL 3.07.67 E DELLA LETTERA CIRCOLARE N. 5210/4118/4 DEL 17.02.75, RELATIVE AI LOCALI ADIBITI AD ESPOSIZIONE

Dettagli

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni APPLICAZIONI INNOVATIVE CON MICROCA ALCESTRUZZI DUTTILI PER RINFORZII ED ADEGUAMENTI SISMICI Dario Rosignoli Stefano Maringoni Tecnochem Italiana S.p.A. Sommario Con gli acronimi HPFRC High Performancee

Dettagli

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento

Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento Cuscinetti a strisciamento e a rotolamento La funzione dei cuscinetti a strisciamento e a rotolamento è quella di interporsi tra organi di macchina in rotazione reciproca. Questi elementi possono essere

Dettagli

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17)

Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) FILTRI OLEODINAMICI Filtri sul ritorno con cartuccia avvitabile Pressione: Max di esercizio 12 bar (175 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Di scoppio 20 bar (290 psi) (secondo NFPA T 3.10.17) Corpo filtro Attacchi:

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85)

OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) timbro protocollo AL RESPONSABILE Area delle Politiche Infrastrutturali e del Territorio DEL COMUNE DI SPADAFORA (ME) OPERE INTERNE (art. 9 L.R. 37/85) OGGETTO: Comunicazione opere interne ai sensi dell

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli