Relatore: Ing. Marco Montanari 13/02/2013 2

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Relatore: Ing. Marco Montanari 13/02/2013 2"

Transcript

1

2 Relatore: Ing. Marco Montanari 13/02/2013 2

3 OBBIETTIVO Analizzare le più recenti tecniche progettuali e costruttive che consentano operatività ed integrità degli impianti anche in caso di sollecitazioni simiche. 13/02/2013

4 VULNERABILITA SISMICA IMPIANTI SPRINKLER Sistemi automatici a sprinkler antincendio sono stati inizialmente installati negli Stati Uniti in inizialmente in attività ad alto rischio di incendio industriali nei primi anni del Ciò comprende anche aree sismicamente attive. Nel corso degli anni l utilizzo di sistemi sprinkler è diffuso ad una tipologia di occupazione che hanno una elevata occupazione carico o passeggeri, ospedali, alberghi, case di cura, ecc. uffici, negozi, ospedali, aree di montaggio BEN PRESTO PERTANTO INIZIARONO AD ESSERE OSSERVATI DANNI AGLI IMPIANTI O DA QUESTI PROVOCATI 13/02/2013 4

5 PRIME OSSERVAZIONI Evento sismico Long Beach, 1933 Kern County, 1952 di 150 impianti installati nell area 40 % uscirono integri, 40 % lievemente danneggiati, 20 % gravemente danneggiati. Di 26 impianti esistenti nell area tutti erano installati con brace antisimici conformemente alla NFPA13 ed solo usci di sede senza perdite d acqua Alaskan, 1964 Di 24 impianti : 2 distrutti dal collasso dell edificio 1 danneggiato dal danneggiamento dell edificio 2 danneggiati dal crollo di un camino e di un balcone 2 fuori servizio per mancanza alimentazione da acquedotto 13/02/2013 5

6 OSSERVAZIONI STATISTICAMENTE RILEVANTI Evento sismico San Fernando, 1971 Impianti interessati danneggiati di cui 28 con perdite d acqua 13/02/2013 6

7 OSSERVAZIONI STATISTICAMENTE RILEVANTI 1. Evento sismico Magnitudine Nella foto San Fernando, Mw Symlar Hospital 13/02/2013 7

8 OSSERVAZIONI STATISTICAMENTE RILEVANTI Evento sismico Loma Prieta, 1989 Danni e indisponibilità dal 5 % al 10 % degli impianti installati nelle zone con intensità MMI da VII a VIII.. FM Global : 12 sinistri Loma Prieta Crollo parziale San Francisco Oakland Bay Bridge 13/02/2013 8

9 OSSERVAZIONI STATISTICAMENTE RILEVANTI Evento sismico Northridge, 1994 (Magnitudine 6.7) E stato l evento in cui venne coinvolto il maggior numero di impianti sprinkler, da 1% al 2% danneggiati (fonte NIST). Danni non quantificati mai assai ingenti Attività particolarmente colpite: Uffici, Aree commerciali ed ospedali. Northridge, 1994 Rottura della tubazione in corrispondenza di un gomito per effetto del moto differenziale all interno del controsoffitto. Perdite acqua e chiusura ospedale per alcuni giorni. 13/02/2013 9

10 OSSERVAZIONI STATISTICAMENTE RILEVANTI 1. Evento sismico Magnitudine Nella foto Northridge, Mw Sx Cedimento di un isolatore Dx distacco C clamps sprovvisti di restraining straps 13/02/

11 NORMATIVA RIFERIMENTO 13/02/

12 PUNTI SOSTANZIALI 2.3 VALUTAZIONE DELLA SICUREZZA Per la valutazione della sicurezza delle costruzioni si devono adottare criteri probabilistici scientificamente comprovati. Nel seguito sono normati i criteri del metodo semiprobabilistico agli stati limite basati sull impiego dei coefficienti parziali di sicurezza, applicabili nella generalità dei casi; tale metodo è detto di primo livello. Per opere di particolare importanza si possono adottare metodi di livello superiore, tratti da documentazione tecnica di comprovata validità. 13/02/

13 CLASSI D USO In presenza di azioni sismiche, con riferimento alle conseguenze di una interruzione di operatività o di un eventuale collasso, le costruzioni sono suddivise in classi d uso così definite: Classe I: Costruzioni con presenza solo occasionale di persone, edifici agricoli. Classe II: Costruzioni il cui uso preveda normali affollamenti, senza contenuti pericolosi per l ambiente e senza funzioni pubbliche e sociali essenziali. Industrie con attività non pericolose per l ambiente. Ponti, opere infrastrutturali, reti viarie non ricadenti in Classe d uso III o in Classe d uso IV, reti ferroviarie la cui interruzione non provochi situazioni di emergenza. Dighe il cui collasso non provochi conseguenze rilevanti. 13/02/

14 CLASSI D USO Classe III: Classe IV: Costruzioni il cui uso preveda affollamenti significativi. Industrie con attività pericolose per l ambiente. Reti viarie extraurbane non ricadenti in Classe d uso IV. Ponti e reti ferroviarie la cui interruzione provochi situazioni di emergenza. Dighe rilevanti per le conseguenze di un loro eventuale collasso. Costruzioni con funzioni pubbliche o strategiche importanti, anche con riferimento alla gestione della protezione civile in caso di calamità. Industrie con attività particolarmente pericolose per l ambiente. Reti viarie di tipo A o B, di cui al D.M. 5 novembre 2001, n. 6792, Norme funzionali e geometriche per la costruzione delle strade, e di tipo C quando appartenenti ad itinerari di collegamento tra capoluoghi di provincia non altresì serviti da strade di tipo A o B. Ponti e reti ferroviarie di importanza critica per il mantenimento delle vie di comunicazione, particolarmente dopo un evento sismico. Dighe connesse al funzionamento di acquedotti e a impianti di produzione di energia elettrica. 13/02/

15 VITA NOMINALE CLASSE D USO I II III IV COEFFICIENTE CU /02/

16 AZIONI SISMICHE ED IMPIANTI SECONDO NTC 13/02/

17 AZIONI SISMICHE ED IMPIANTI SECONDO NTC In mancanza di analisi più accurate Sa può essere calcolato nel seguente modo: 13/02/

18 AZIONI SISMICHE ED IMPIANTI SECONDO NTC 13/02/

19 AZIONI SISMICHE ED IMPIANTI SECONDO NTC 13/02/

20 AZIONI SISMICHE ED IMPIANTI SECONDO NTC 13/02/

21 AZIONI SISMICHE ED IMPIANTI SECONDO NTC 13/02/

22 AZIONI SISMICHE ED IMPIANTI SECONDO NTC 13/02/

23 AZIONI SISMICHE ED IMPIANTI SECONDO NTC 13/02/

24 Le istruzioni la Circolare n. 617 del 2 febbraio 2009 "Istruzioni per l applicazione Nuove Norme Tecniche Costruzioni di cui al Decreto Ministeriale 14 gennaio 2008 Gazzetta Ufficiale n. 47 del 26 febbraio 2009 Suppl. Ordinario n. 27 La Tabella C7.1.I riassume le verifiche di sicurezza all azione sismica in funzione della classe d uso con riferimento ai capitoli NTC SL Descrizione Prestazione Rif Norme I II III IV SLO Contenimento del danno degli elementi non strutturali X X Funzionalità degli impianti X X SLD Resistenza degli elementi strutturali X X Contenimento del danno degli elementi non strutturali Contenimento delle deformazioni del sistema fondazione terreno Contenimento degli spostamenti permanenti dei muri di Sostegno Continua X X X X X X X X X X X X 13/02/

25 Le istruzioni la Circolare n. 617 del 2 febbraio 2009 SL Descrizione Prestazione Rif Norme I II III IV SLV SLC Assenza di martellamento tra strutture X X X X contigue Resistenza delle strutture X X X X Duttilità delle strutture X X X X Assenza di collasso fragile ed espulsione di elementi non Strutturali Resistenza dei sostegni e collegamenti degli impianti X X X X X X X X Stabilità del sito X X X X Stabilità dei fronti di scavo e dei rilevati X X X X Resistenza del sistema fondazione terreno X X X X Stabilità dei muri di sostegno X X X X Stabilità delle paratie X X X X Resistenza e stabilità dei sistemi di contrasto e degli ancoraggi Resistenza dei dispositivi di vincolo temporaneo tra costruzioni isolate X X X X X X X X Capacità di spostamento degli isolatori X X X X 13/02/

26 TOPICS NTC Gli impianti in generale e non solo gli impianti antincendio sono soggetti a verifica di sicurezza all azione sismica Per tutte le costruzioni sono richieste Assenza di collasso fragile ed espulsione di elementi non Strutturali Resistenza dei sostegni e collegamenti degli impianti Per le costruzioni ricadenti in classe d uso III e IV è richiesta anche una verifica anche allo stato limite di operatività Contenimento del danno degli elementi non strutturali Funzionalità degli impianti vengono forniti criteri di calcolo non molto specializzati consentendo ttuttavia metodi di livello superiore, tratti da documentazione tecnica di comprovata validità. 13/02/

27 PRIMO DOCUMENTO ORGANICO ATC 51 2 IL RAPPORTO ATC 51 2 E UN DOCUMENTO ORGANICO PREPARATO DA ATC (Applied Technology Council) SU INCARICO E COLLABORAZIONE DEL UFFICIO SERVIZIO SISMICO NAZIONALE (SSN) NEL 2002 FACENDO SEGUITO ALL ATC 51 1 RACCOMANDAZIONI CONGIUNTE STATI UNITI ITALIA PER L ELABORAZIONE DI PIANI DI EMERGENZA SISMICA NEGLI OSPEDALI ITALIANI. 13/02/

28 ATC 51 2 LO STANDARD E STATO FINANZIATO DAL SERVIZIO SISMICO ITALIANO (SSN ) BASANDOSI SU : LINEA GUIDA E MODELLI INGENERISTICI GIA ESISTENTI SU ANCORAGGIO E CONTROVENTAMENTO DI COMPOENENTI E SISTEMI NON STRUTTURALI RACCOMANDAZIONI AD HOC SVILUPPATE APPOSITAMENTE PER IL PROGETTO DA COMMISSIONI DI ESPERTI. CONTROVENTATURA RACK TUBAZIONI LE CONCLUSIONI SI VEDE SONO ASSAI SIMILI ALLE TECNICHE OGGI IMPIEGATE SUGLI SPRINKLER 13/02/

29 ATC 51 2 BRACING DI UN CANALE DELL ARIA 13/02/

30 ATC 51 2 BRACING CANALE ELETTRICHE SU DUE LIVELLI 13/02/

31 ATC 51 2 LO STANDARD, ANCORCHE RIFERITO A NORMATIVE PREESISTENTI LE NTC E ANCORA MOLTO ACCURATO E PUO ESSERE IMPIEGATO CORREGGENDO NEL CASO LE FORMULE (AD ESEMPIO I COEFF. PARZIALI DI SICUREZZA). MA IL CONCETTO E : DOCUMENTO IN ITALIANO COMMISSIONATO DAL SSN, REPERIBILE ALL ESTERO E MAI SERIAMENTE UTILIZZATO NE NELL AMBITO DI PERTINENZA NE NEGLI ALTRI POSSIBILI AMBITI DI APPLICAZIONE, PROBABILMENTE ANCHE SCONOSCIUTO ALLA MAGGIOR PARTE DELLE ASL. 13/02/

32 PRIMA LINEA GUIDA DI USO PRATICO: Contiene un rapporto fotografico commentato dei danni sui componenti non strutturali del sisma dell Aquila e una serie di SCHEMI DI INTERVENTO per gli accorgimenti mitigativi organizzati a schede di facile consultazione su vari topics: canne fumarie e comignoli Cornicioni e parapetti Controsoffitti Pavimenti soprelevati Monitor e computer Generatori di emergenza Scaffalature Server e centralini 13/02/

33 UNA LINEA DI INDIRIZZO SPECIFICA O QUASI 13/02/

34 NORMATIVA RIFERIMENTO L analisi degli effetti prodotti dai terremoti hanno evidenziato che inadeguatezza degli ancoraggi, eccessive deformazioni o movimenti relativi dei vari elementi di un impianto antincendio, possono portare alla rottura di tubazioni con fuoriuscita dei fluidi in essi contenuti, compromettendo la funzionalità dell impianto o determinando situazioni di disagio o di pericolo per l evacuabilità delle persone. Le strategie di progetto devono pertanto portare a conferire ai vari componenti antincendio la capacità di soddisfare prefissati requisiti di sicurezza sismica che mirano a ridurre gli elementi di vulnerabilità degli impianti e dei sistemi ad essi correlati in modo da non generare situazioni di pericolo per la sicurezza delle persone in caso di terremoto e, ove richiesto, garantire il il mantenimento della funzionalità dell impianto. I requisiti minimi di sicurezza sismica sono definiti con riferimento a specifici obiettivi di sicurezza postsisma come riportato in Tabella /02/

35 NORMATIVA RIFERIMENTO L esigenza del rispetto di uno o più requisiti di sicurezza sismica (livello di richiesta) è definita considerando: 1.la pericolosità sismica del sito ove è ubicato l impianto (classe di pericolosità sismica del sito) 2.la tipologia dello scenario di installazione (categoria di scenario d installazione definita in funzione dell esposizione e criticità) 13/02/

36 NORMATIVA RIFERIMENTO Tali valori sono definiti in modo da garantire un diretto raccordo con quanto stabilito dalla Legge 77/09 e dall OPCM 3907/10 del 13/10/2010 pubblicata su GU 281 del 01/12/2010 Supp. Ord. N 262 ag corrisponde all accelerazione massima orizzontale per un tempo di ritorno Tr di 475 anni in condizioni di sottosuolo rigido e pianeggiante (dall allegato all ordinanza o dal software NTC 1.03 ponendo VR = 50 e SLV.) Il coefficiente di amplificazione S = SS ST >= 1 tiene conto della categoria del sottosuolo e delle condizioni topografiche Località rientranti classe A Ag (OPCM 3907/10) All 7 Reggio Emilia g g Bagnolo in Piano g g Rio Saliceto g.0148 g Modena g g Bologna g g Valori dedotti da NTC 1.03 In generale nelle nei comuni di queste Province so supera g anche trascurando il coeff di amplificazione S e pertanto i siti rientrano nella classe A pertanto i requisiti di sicurezza sono richiesti per tutti gli scenari oltre I e consigliati anche per il I. 13/02/

37 NORMATIVA RIFERIMENTO Scenari di installazione pure concorrono a definire le prestazioni attese 13/02/

38 NORMATIVA RIFERIMENTO 13/02/

39 NORMATIVA RIFERIMENTO GUIDA TECNICA LINEE DI INDIRIZZO PER LA RIDUZIONE DELLA VULNERABILITÀ SISMICA DELL IMPIANTISTICA ANTINCENDIO dicembre 2011 APPENDICE A REQUISITI MINIMI DI SICUREZZA SISMICA DEGLI IMPIANTI ANTINCENDIO elementi di vulnerabilità sismica e contromisure 13/02/

40 NORMATIVA RIFERIMENTO 13/02/

41 NORMATIVA RIFERIMENTO 13/02/

42 NORMATIVA RIFERIMENTO AVVERTENZA Qualora, per le particolarità dell impianto o del contesto ove l impianto è installato, i requisiti minimi di sicurezza sismica di cui alla tabella non siano sufficienti a garantire gli obiettivi di sicurezza ad essi associati (come definiti in Tabella 1) il professionista dovrà adottare le contromisure aggiuntive necessarie al soddisfacimento di detti obiettivi. RIFERIMENTI [Rif.] I riferimenti indicati in tabella tra parentesi quadre sono riportati a pagina 47 13/02/

43 UNA SCELTA CONSAPEVOLE : RICHIAMO ALLE BAT La famosa pagina 47 contiene un elenco di BAT (Best Avaible Technology), il che rende il documento moderno e molto versatile ma più di difficile e lenta attuazione: [1] AICARR 2010 Impiantistica antisismica. La protezione antisismica degli impianti. Requisiti, regole tecniche, esperienze. Associazione Italiana Condizionamento dell Aria, Riscaldamento e Refrigerazione. Milano. [2] ASHRAE 1999 A Practical Guide to Seismic Restraint RP812 American Society of Heating, Refrigerating and Air Conditioning Engineers, Inc. Atlanta [3] ATC 51 2, 2003 Raccomandazioni congiunte Stati Uniti Italia per il il controventamento e l ancoraggio dei componenti non strutturali negli ospedali italiani. Applied Technology Council California [4] Comitato tecnico italiano materiali antincendio. Norma sperimentale CTIMA n 12 Idranti per estinzione incendi. Norme per l'installazione e condizioni di accettazione". [5] FEMA, 1997 FEMA 274 NEHRP commentary on the guidelines for the seismic rehabilitation of buildings. Federal Emergency Management Agency. Washington, D.C. [6] FEMA, 2002 FEMA 412 Installing Seismic Restraints for Mechanical Equipment. Federal Emergency Management Agency. Washington, D.C. [7] FEMA, 2004 FEMA 413 Installing Seismic Restraints for Electrical Equipment. Federal Emergency Management Agency. Washington, D.C. [8] FEMA, 2004 FEMA 414 Installing Seismic Restraints for Duct and Pipe. Federal Emergency Management Agency. Washington, D.C. [9] FEMA, 2005 FEMA 74 FM Earthquake hazard mitigation for non structural elements Field Manual Federal Emergency Management Agency. Washington, D.C. [10] Ministero della Salute, Raccomandazioni per il il miglioramento della sicurezza sismica e della funzionalità degli ospedali [11] NFPA, 2010 NFPA 13 Standard for the Installation of Sprinkler Systems. National Fire Protection Association [12] UNI CIG 2009 Linea Guida per l applicazione della normative sismica nazionale alle attività di progettazione, costruzione e verifica dei sistemi di trasporto e distribuzione per gas combustibili, ed. 27 febbraio /02/

44 NORMATIVA RIFERIMENTO 13/02/

45 TOPICS SISIMICA PER IMPIANTI E C.N.S. Visto allora che il problema non è strettamente degli impianti sprinkler ma riguarda impianti e componenti strutturali perché un seminario sullo staffaggio sprinkler? Perché alcuni impianti sprinkler già da tempo sono stati progettati con requisiti antisimici, e di altro tipo quasi è impossibile vederne? 13/02/

46 TOPICS SISIMICA PER IMPIANTI E C.N.S. Si può rispondere con una concomitanza di fattori: GRANDE PESO ED IMPORTANZA STRATEGICA IMPIANTI SPRINKLER RISPETTO ALTRI IMPIANTI RICHIESTA DA ENTI MILITARI DI PROGETTAZIONI A SPECIFICA ANTISIMICA RICHIESTE COMPAGNIE ASSICURATIVE DISPONIBILITA DI BAT (IN PARTICOLARE NFPA E FM BEN CONGEGNATE E FACILMENTE REPERIBILI) ABITUDINE DEI PROGETTISTI SPRINKLER ALL USO DI STARNDARD STRANIERI DOVUTI AI MOTIVI SOPRA ESPOSTI E ALLA VETUSTA TECNICA DI STANDARD NAZIONALI ED EUROPEI MAGGIORE CURA TIPICA NELLA PROGETTAZIONE DI QUESTI IMPIANTI COSTITUITI PREVALENTEMENTE DA TUBI, TESTINE E STAFFAGGI. 13/02/

47 BAT (BEST AVAIBLE TECNLOGIES) -sprinkler 13/02/

48 BAT (BEST AVAIBLE TECNLOGIES) SERBATOI IDRICI 13/02/

49 IL METODO NFPA 13 13/02/

50 EVENTI DI GUASTO TIPICO: EVENTI DI GUASTO TIPICO: 1.ROTTURA DI TUBAZIONI O SPRINKLER ROTTI DOVUTI ALL IMPATTO TRA QUESTE ED ELEMENTI STRUTTURALI O ALTRISTRUTTURE / IMPIANTI 2.ROTTURA DI TUBAZIONI O DROPS DOVUTI ALL ECCESSIVO MOVIMENTO DIFFERENZIALE TRA CONTROSOFFITTO SOSPESO E PIPE DROPS 3.ROTTURA DI SISTEMI IN-RACK SPRINKLER (SPRINKLER INTERMEDI NELLE SCAFFALATURE) DOVUTI ALL ECCESSIVO MOVIMENTO DELLE SCAFFALATURE OLTRE AI DANNI CONSEGUENTI ALLA FUORIUSCITA DI ACQUA, SONO COMPROMESSE LE CAPACITA DI PROTEZIONE DAL FUOCO PER INDIPONIBILITA DOVUTA AL GUASTO, OPPURE PER DANNEGGIAMENTO ALLE FONRNITURE D ACQUA DI SPEGNIMENTO (ACQUEDOTTO O SISTEMI DI POMPAGGIO) DANNI SIGNIFICATIVI ALLA PROTEZIONE ANTINCENDIO SISTEMI POSSONO ESPORRE UN IMPIANTO AD UNA PERDITA GRAVE INCENDIO A SEGUITO DI UN TERREMOTO, EVENTO AFFATTO INCONSUETO. 13/02/

51 LE DUE REGOLE FONDAMENTALI: L EVIDENZA E I REPORT DI PARECCHIE OSSERVAZIONI DI EVENTI INCIDENTALI HANNO CONDOTTO A DUE SOSTANZIALI CONCLUSIONI: 1.SOLO PROVVEDENDO IN MANIERA SISTEMATICA LE NECESSARIE CARATTERISTICHE DI: SWAY-BRACING FLESSIBILITA DISTANZE DI RISPETTO (GIOCO) ANCORAGGIO UN SISTEMA SPRINKLER PUO ESSERE ADEGUATAMENTE PROTETTO PER MITIGARE GLI EFFETTI DI UN EVENTO SISMICO 2.L OMISSIONE DI ANCHE POCHI SOLAMENTE DEGLI ELEMENTI NECESSARI PER LA PROTEZIONE ANTISIMICA DELL IMPIANTO PUO COMPORTARE CONDIZIONI DI DANNI INGENTI PER SVERSAMENTO ACCIDENTALE D ACQUA. LA CONSEGUENTE INTERCETTAZIONE DELL IMPIANTO A LIMITARE IL DANNO, LO RENDE INDISPONIBILE ESPONENDO LE ATTIVITA PROTETTE A INEFICCACIA DEI SISTEMI PROTETTIVI PREVISTI. 13/02/

52 NFPA 13 il capitolo 9.3: Quando un sistema di protezione antincendi ad acqua deve essere protetto contro il danno sismico, si debbono applicare le richieste della sezione 9.3 a meno che un ingegnere professionista certifichi, in base all analisi sismica dell insieme edificio sistema sistemi alternativi, tali che le performance del sistema siamo almeno pari a quelle delle componenti strutturali dell edificio sotto le azioni sismiche attese Le sezioni fondamentali del (9.3.2) COUPLINGS - (9.3.3) SEISIMIC SEPARATION ASSEMBLY - (9.3.4) CLEREANCE - (9.3.5) SWAY BRACING DESIGN Quelle conosciute in Italia ad oggi nella migliore delle ipotesi: limitatamente al prezzo di listino dei pipes e buildings attachments Mentre il metodo è un equilibrio ponderato di differenti fattori, in cui si dosano sapientemente gradi di libertà e gradi di vincolo; uno ne manca il tutto non funziona. 13/02/

53 Couplings: Introdurre gradi di libertà è semplice con i giunti scanalati. Bisogna tuttavia sapere dove, ovvero nelle separazioni strutturali. Che differenza c è fra questi due giunti scanalati (grooved)? La marca? NO Il tipo di scanalatura? NO La forma? NI MAGARI PER DISINGUERLI La pressione di rating? FORSE IN REALTA UNO E FLESSIBILE E L ALTRO RIGIDO. A riconoscerli mi aiuta il Datasheet 13/02/

54 Couplings: MO HO CAPITO TUTTO! LI COMPRO TUTTI FLESSIBILI COSI L INGEGNIE E CONTENTO SUPPONI FORSE CHE QUELLI RIGIDI COSTINO MENO E SIANO PER IL TERZO MONDO? HO DETTO SOLO DOVE PREVISTI! 13/02/

55 Couplings: Difatti introdurre giunti flessibili oltre a quelli strettamente richiesti e possibile ma del tutto inutile e controproducente, perché per ogni giunto deve essere prevista uno sway brace! 1) Mentre son richiesti nei montanti e attraversamenti di piano DS Fm /02/

56 Couplings: Sono ammesse eccezioni per risers (montanti) di lunghezza inferiore 0.9 m e ne è sufficiente uno solo per risers da 0.9 a 2.1 m 2) Entro (300 mm) sopra ed entro 600 mm sotto il pavimentoin edifici multipiano. Quando il giunto flessibile sotto il pavimento è sopra un tee che stacca per alimentare il collettore al piano inferiore, un giunto flessibile deve essere installato sulla parte verticale del Tee 13/02/

57 Couplings: 13/02/

58 Couplings: Arrangiamento suggerito da FM DS /02/

59 Couplings: Qualcuno nota per caso collari intermedi? Quelli per intenderci con la vite orizzontale e tassello sul muro? Che dite ci sarà un perché? E chi sostiene allora il tubo? Ingrandiamo? Arrangiamento suggerito da FM DS /02/

60 Couplings: Vi presento Mr. Riser Clamp Le tubazioni di sostengono con un collare all ultimo livello e coi riser clamps in appoggio sul pavimento ai piani intermedi. 13/02/

61 Couplings: Soluzione equivalente in ambito MIL / NATO kindly from ATS sas 13/02/

62 Couplings: Esempio: drop verso cassetta idrante UNI 45 Corretto? 13/02/

63 Couplings: Esempio: drop verso sistema in rack con return bend Corretto? 13/02/

64 Couplings: Mancava ovviamente un 4 way-brace sul main Arrangiamento suggerito da FM DS /02/

65 Couplings: Schema NFPA 13 13/02/

66 Couplings: Vista laterale armover Arrangiamento suggerito da FM DS /02/

67 Couplings: Vista laterale armover Arrangiamento suggerito da FM DS /02/

68 SEISIMIC SEPARATION ASSEMBLY : Giunti di separazione sismica di tipo approvato debbono essere installati dove la tubazione dello sprinkler, indipendentemente dal suo diametro, attraversa giunti di separazione sismica, di modo da consentire movimenti di allontanamento, avvicinamento di una dimensione non inferiore a due volte la larghezza della separazione, nelle due direzioni di scorrimento di una ampiezza non inferiore alla ampiezza delle separazione. Da entrambe le parti contrapposte di in giunto di separazione sismica, devono essere installati 4-way braces entro 1.8 m dal giunto stesso. 13/02/

69 SEISIMIC SEPARATION ASSEMBLY : Soluzione con doppio collo cigno 13/02/

70 SEISIMIC SEPARATION ASSEMBLY : Soluzione equivalente con FLESSIBILE FM approved kindly from ATS sas 13/02/

71 SEISIMIC SEPARATION ASSEMBLY : Esempio giunto sismico flessibile Fireloop 13/02/

72 Giunti antistrappo interrati: kindly from ATS sas 13/02/

73 Spazio libero / di rispetto (CLEARENCE) Uno spazio libero deve essere mantenuto tutto attorno alle tubazioni nell attraversamento di muri, pavimenti, piattaforme, fondazioni, compresi scarichi,connessioni ai VVFF, e altre tubazioni di servizio. IL DIAMETRO DELLA FOROMETRIA DEVE VALERE ALMENO: - PER TUBI DA 1 SINO A 3 1/2 esterno tubo + 50 mm - PER TUBI DA 4 IN POI esterno tubo mm PER ATTRAVERSAMENTI IN COTROTUBO E SUFFICIENTE CHE IL CONTROTUBO SIA DI DIAMETRO NOMINALE RISPETTIVAMENTE: -MAGGIORE DI 2 (DN 50) PER DA 1 SINO A 3 1/2 -MAGGIORE DI 4 (DN 100) PER TUBI DA 4 IN POI DI QUELLO DEL TUBO ANTINCENDIO INTUBATO. 13/02/

74 Spazio libero / di rispetto (CLEARENCE) SE NON E POSSIBILE E NECESSARIA L INSTALLAZIONE DI UN GIUNTO MORBIDO DA ENTRAMBI I LATI ENTRO 305 mm DALLA STRTUTTURA. FORO DI DIAMETRO INSUFFICIENTE GIUNTO FLESSIBILE 13/02/2013 NORMA LE GIUNTO RIGIDO 74

75 Spazio libero / di rispetto (CLEARENCE) COME E POSSIBILE FARE UN ATTRAVERSAMENTO RIQUALIFICATO REI? IL RIEMPIMENTO CON MATERIALI TENERI E CONSENTITO. PERTANTO UN ATTRAVERSAMENTO MISTO LAN MINERALE + SIGILLANTE SILICONICO COME DA CERTIFICAZIONI HILTI E FATTIBILE. NELLA PEGGIORE DELLE IPOTESI DUE GIUNTI FLESSIBILI ENTRO 305 mm DA OGNI ALTO DELLA PARETE. Esempio di attraversamento REI certificato I.G. con Lana minerale e sigillante intumescente 13/02/

76 Spazio libero / di rispetto (CLEARENCE) E SEMPRE RICHIESTO UNO SPAZIO LIBERO PER ATTRAVERSARE STRUTTURE? I GIUNTI NON SONO RICHIESTI PER ATTRAVERSAMENTO DI STRUTTURE FRIABILI COME CERTONGESSO. QUANDO NON SUSSISTA ATTRAVERSAMENTO COMUNQUE DEVE ESSERE MANTENUTA UAN DISTANZA DI RISPETTO DI ALMENO 50 mm DAGLI ELEMENTI STRUTTURALI NON UTILIZZATI PER LO STAFFAGGIO O LO SWAY-BRACING. QUINDI DA TRAVI, COLONNE PARETI NON ATTRAVERSATI DALLE TUBAZIONI LA DISTANZA MINIMA FRA PARETE ESTERNA DEL TUBO ED ELEMENTO DEVE ESSERE NON INFERIORE A 50 mm. 13/02/

77 SWAY BRACING DESIGN COSA E UNO SWAY BRACE? UN BRACE E UN VINCOLO POSTO ALLA TUBAZIONE PER RESISTERE A SPOSTAMENTI E SOLLECITAZIONI LATERALI O LONGITUDINALI E ALLE COMPONENTI VERTICALI CONSEGUENTI ALL AZIONE SISMICA. I COMPONENTI STRTTURALI A CUI IL BRACE E COLLEGATO DEVONO ESSERE TALI DA RESISTERE ALLA SOLLECITAZIONE SIMICA. GLI SWAY BRACE DEBBOCNO ESSERE PROGETTATI PER RESISTERE SIA IN TRAZIONE CHE IN COMPRESSIONE QUELLI RESISTENTI ALLA SOLA TRAZIONE SONO TALORA AMMESSI NEL LIMITE DI IMPIEGO PREVISTO DALLA LORO APPROVAZIONE (MA NON AD ESEMPIO DA FM). 13/02/

78 SWAY BRACING DESIGN SCHEMA DI SWAY BRACE LATERALE UNO SWAY BRACE SI DICE LATERALE QUANDO CONTRASTA GLI SBANDAMENTI LATERALI DEL TUBO (IN DIREZION ORTOGONALE AL SUO ASSE) GLI SCHEMI A B C RAPPRESENTANO LE DIVERSE POSSIBILITA DI CONNESSIONE E SONO IMPORTANTI AGLI EFFETTO DEL CALCOLO IN QUANTO LE SOLLECITAZIONI AGLI ANCORANTI POSSONO SCOMPORSI DIFFERENTEMENTE TRA TAGLIO E TRAZIONE. L ANGOLO Ѳ E SEMPRE QUELLO INDIVIDUATO FRA BRACE E LA NORMALE AL PIANO DI RIFERIMENTO. 13/02/

79 SWAY BRACING DESIGN 13/02/

80 SWAY BRACING DESIGN SCHEMA DI SWAY LONGITUDINALE 13/02/

81 SWAY BRACING DESIGN Uno SWAY BRACE SI COMPONE SEMPRE DI ALCUNE PARTI ESSENZIALI: BUILDING ATTACHMENT: e l elemento di collegamento del brace alla struttura resistente, esempio pilastro, trave I COMPONENTI APPROVATI (FM) O LISTATI (UL) SONO CERTIFICATI PER RESISTERE A UNA DATA SOLELCITAZIONE MASSIMA ATTENZIONE DICHIARARE I CARICHI AL PROGETTISTA STRTTURALE!! SWIWELS PER CONNESSIONI UNIVERSALI SWIWELS PER BAR JOITS SWIWELS PER BAR TRAVI ACCIAIO 13/02/

82 SWAY BRACING DESIGN Uno SWAY BRACE SI COMPONE SEMPRE DI ALCUNE PARTI ESSENZIALI: PIPE ATTACHMENT: e l elemento di collegamento del brace alla tubazione I COMPONENTI APPROVATI (FM) O LISTATI (UL) SONO CERTIFICATI PER RESISTERE A UNA DATA SOLELCITAZIONE MASSIMA SI DIFFERENZIANO PER DIAMETRI DISPONIBILI E CARICHI MASSIMI / CERTIFICAZIONI 13/02/

83 CERTIFICAZIONI ESEMPIO ERICO 13/02/

84 CERTIFICAZIONI odel Part Description Orientation Run Pipe Nominal Size, in. Run Pipe Reference CSBSTU Pipe Clamp Lateral 1, 1-1/4, 1-1/2 LW, 10, 40 CSBSTU Pipe Clamp Longitudinal 1, 1-1/4, 1-1/2 LW, 10, 40 CSBSTU Pipe Clamp Lateral 2, 2-1/2, 3 LW, 10, 40 CSBSTU Pipe Clamp Longitudinal 2, 2-1/2, 3 LW, 10, 40 CSBSTU Pipe Clamp Lateral 4, 5 LW, 10, 40 CSBSTU Pipe Clamp Longitudinal 4, 5 LW, 10, 40 CSBSTU Pipe Clamp Lateral 6 LW, 10, 40 CSBSTU Pipe Clamp Longitudinal 6 LW, 10, 40 CSBSTU Pipe Clamp Lateral 8, , 40 CSBSTU Pipe Clamp Longitudinal 8, , 40 Horizontal Load Ratings lb (N) Installation Angle (a) Remarks a, c, d, e a, c, d, e a, c, d, e a, c, d, e a, c, d, e a, c, d, e a, c, d, e a, c, d, e a, c, f a, c, f Remarks: a. FM Approved when used with 1, 1 1/4, 1 1/2, or 2 (DN25, DN32, DN40, DN50) NPS Schedule 40, GB/T 3091, EN (Heavy), or JIS G3454 brace pipe. b. FM Approved when used with 1 and 1 1/4 (DN 25 and DN32) NPS Schedule 40, GB/T 3091, EN (Heavy), or JIS G3454 brace pipe. c. Load ratings for Schd 40 above may also be applied to GB/T 3091, EN (Heavy), and JIS G3454 pipe. d. Load ratings for Schd 10 above may also be applied to GB/T 3091, EN (Medium or Heavy), JIS G3452, FM Approved Thinwall, and Schd 40 pipes unless otherwise indicated. e. Load ratings for LW above refers to FM Approved Lightwall Pipe, commonly referred to as Schedule 7. These ratings may also be applied to EN 10220, and GB/T 8163 pipe unless otherwise specified. f. Load ratings for wall above may be applied to any thicker walled pipe unless otherwise specified. g. Load ratings based on the use of a 3/8 16 UNC (M10 x 1.5) threaded rod as the brace member. h. Load ratings based on the use of ½ 13UNC (M12 x 1.75) threaded rod as the brace member. i. Load ratings based on the use of a Model 300 Beam Clamp (3/8 16UNC / M10 x 1.5 Bolt) as means for attachment to structural member. j. Load ratings based on the use of 3/8 16 UNC (M10 x 1.5) threaded fastener as the attachment fastener to the structural member. k. Load ratings based on the use of 3/8 16 UNC (M10 x 1.5) threaded fastener as the attachment fastener to a concrete insert. 13/02/

85 SWAY BRACING DESIGN Uno SWAY BRACE SI COMPONE SEMPRE DI ALCUNE PARTI ESSENZIALI: BRACE VERI E PROPRI : e il braccio che collega i due attachments E UN NORMALE PROFILATO O TUBO COMPATIBILE CON I PARTICOLARI ATTACHMENTS SELEZIONATI. MOLTO COMUNE L USO DI TUBI 1 O 1 1/4 SCHEDULE 40 LE NORME PRESENTANO TABELLE DI IMMEDIATO UTILIZZO IN FUNZIONE DEL RAPPORTO DI SNELLEZZA l/r FRA LUNGHEZZA DEL COLLEGAMENTO E RAGGIO DI INERZIA PER VARI TIPICI BRACES COMUNEMENTE UTILIZZATI. SI RICAVA FACILMENTE LA FORMULA DA CUI SON TRATTI (AISC America Innstute od Steel Construction E3-1 E3-2 method: COMPRESSIVE STRENGHT FOR FLEXURAL BUCKLING OF MEMEBERS WITHOUt SLENDER ELEMENTS) 13/02/

86 SWAY BRACING DESIGN Estratto da FM DS 2 8 Per l/r= /02/

87 SWAY BRACING DESIGN Uno SWAY BRACE SI COMPONE SEMPRE DI ALCUNE PARTI ESSENZIALI: Anchors (tasselli) (per strutture in cls o muratura) Anche IN QUESTO CASO SONO FORNITI DATI TABELLARI PER TASSELLI WEDGE A ESPANSIONE O UNDERCUT SU DIVERSI TIPI DI SUPPORTO CHE SEMPLIFICANO I CALCOLI NULLA OSTA A UTILIZZARE PROCEDURE DI CALCOLO DIFFERENTI, ad esempio usando CCD (Concrete Capacity Design) secondo ACI /02/

Guida Tecnica MEFA. Antisismica per: Impianti di Ventilazione Impianti Elettrici e Speciali Impianti di Distribuzione dei Fluidi Impianti Antincendio

Guida Tecnica MEFA. Antisismica per: Impianti di Ventilazione Impianti Elettrici e Speciali Impianti di Distribuzione dei Fluidi Impianti Antincendio Guida Tecnica MEFA Antisismica per: Impianti di Ventilazione Impianti Elettrici e Speciali Impianti di Distribuzione dei Fluidi Impianti Antincendio Rev.0 Marzo_2011 MEFA Italia S.r.l. Via G.B. Morgagni,

Dettagli

IL QUADRO NORMATIVO: DEFINIZIONE DELL AZIONE SISMICA DI RIFERIMENTO. ing. Francesco Monni

IL QUADRO NORMATIVO: DEFINIZIONE DELL AZIONE SISMICA DI RIFERIMENTO. ing. Francesco Monni IL QUADRO NORMATIVO: DEFINIZIONE DELL AZIONE SISMICA DI RIFERIMENTO ing. Francesco Monni Le norme che regolano gli interventi su costruzioni esistenti in muratura (anche di carattere storico e monumentale)

Dettagli

Il nuovo Decreto Ministeriale sugli Impianti di Protezione Attiva: cenni generali e impostazione di base

Il nuovo Decreto Ministeriale sugli Impianti di Protezione Attiva: cenni generali e impostazione di base Il nuovo Decreto Ministeriale sugli Impianti di Protezione Attiva: cenni generali e impostazione di base Dott. Ing. Piergiacomo Cancelliere, Ph.D. Funzionario Direttivo Direzione Centrale per la Prevenzione

Dettagli

Riduzione della vulnerabilità sismica dell impiantistica antincendio

Riduzione della vulnerabilità sismica dell impiantistica antincendio Hilti Seismic Academy Riduzione della vulnerabilità sismica dell impiantistica antincendio Prof. Ing. Stefano Grimaz Direttore SPRINT Laboratorio di Sicurezza e Protezione Intersettoriale Dipartimento

Dettagli

Guida Tecnica MEFA. Antisismica per Impianti di Ventilazione

Guida Tecnica MEFA. Antisismica per Impianti di Ventilazione Guida Tecnica MEFA Antisismica per Impianti di Ventilazione Rev.0 Marzo_2011 MEFA Italia S.r.l. Via G.B. Morgagni, 16/B I - 20010 Pogliano Milanese (MI) Tel.: 02.93540195 Fax: 02.93543208 www.mefaitalia.com

Dettagli

IN CASO DI SISMA. Prof. Ing. Stefano Grimaz. Direttore SPRINT-Lab Sicurezza e protezione intersettoriale Università degli Studi di Udine

IN CASO DI SISMA. Prof. Ing. Stefano Grimaz. Direttore SPRINT-Lab Sicurezza e protezione intersettoriale Università degli Studi di Udine LA CONTINUITÀ DEGLI IMPIANTI TECNOLOGICI IN CASO DI SISMA Prof. Ing. Stefano Grimaz Direttore SPRINT-Lab Sicurezza e protezione intersettoriale Università degli Studi di Udine Per iniziare: il caso dell

Dettagli

Le problematiche tecniche dei sistemi di installazione di impianti

Le problematiche tecniche dei sistemi di installazione di impianti Le problematiche tecniche dei sistemi di installazione di impianti Ing. Mariano Bruno www.hilti.it Seminario Tecnico Ordine degli Ingegneri della Provincia di Savona 18.09.2013 1 Agenda Introduzione La

Dettagli

I metodi di calcolo previsti dalle NTC 08 Parte 1

I metodi di calcolo previsti dalle NTC 08 Parte 1 I metodi di calcolo previsti dalle NTC 08 Parte 1 3 Indice Parte I Schema generale 4 1 Richiamo... normativa 8 Parte II Tipologie di analisi 10 4 1 Enter the help project title here Schema generale Premessa

Dettagli

Progettazione con sistemi d installazione per supporti di impianti resistenti a sisma

Progettazione con sistemi d installazione per supporti di impianti resistenti a sisma Progettazione con sistemi d installazione per supporti di impianti resistenti a sisma Ing. Marco Natale Field Engineer Hilti Italia S.p.A. Agenda Introduzione La progettazione degli staffaggi Fasi della

Dettagli

2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI

2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI 2 SICUREZZA E PRESTAZIONI ATTESE 2.1 PRINCIPI FONDAMENTALI Le opere e le componenti strutturali devono essere progettate, eseguite, collaudate e soggette a manutenzione in modo tale da consentirne la prevista

Dettagli

LE TECNOLOGIE DISPONIBILI PER LA SUPPORTAZIONE DEI SISTEMI DI TUBAZIONI NELLE AREE SOGGETTE A RISCHIO SISMICO

LE TECNOLOGIE DISPONIBILI PER LA SUPPORTAZIONE DEI SISTEMI DI TUBAZIONI NELLE AREE SOGGETTE A RISCHIO SISMICO LE TECNOLOGIE DISPONIBILI PER LA SUPPORTAZIONE DEI SISTEMI DI TUBAZIONI NELLE AREE SOGGETTE A RISCHIO SISMICO Milano, Italia 7 Novembre 2012 Obiettivi di questa presentazione Fornire delle informazioni

Dettagli

INDICE. 2 Quadro normativo di riferimento 4. 3 Caratterizzazione sismica del sito 5

INDICE. 2 Quadro normativo di riferimento 4. 3 Caratterizzazione sismica del sito 5 RELAZIONE SISMICA INDICE 1 Introduzione 3 Quadro normativo di riferimento 4 3 Caratterizzazione sismica del sito 5 3.1 Valutazione pericolosità sismica 5 3. Valutazione tempo di ritorno Tr 6 3..1 Periodo

Dettagli

GUIDA TECNICA LINEE DI INDIRIZZO PER LA RIDUZIONE DELLA VULNERABILITÀ SISMICA DELL IMPIANTISTICA ANTINCENDIO

GUIDA TECNICA LINEE DI INDIRIZZO PER LA RIDUZIONE DELLA VULNERABILITÀ SISMICA DELL IMPIANTISTICA ANTINCENDIO GUIDA TECNICA LINEE DI INDIRIZZO PER LA RIDUZIONE DELLA VULNERABILITÀ SISMICA DELL IMPIANTISTICA ANTINCENDIO dicembre 2011 Gruppo lavoro Sicurezza sismica impianti versione del 09/12/2011 Preambolo Con

Dettagli

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella:

3. Azioni sismiche. Le probabilità di superamento P VR nel periodo V R di riferimento dell azione sismica sono riportate alla successiva tabella: 3. Azioni sismiche Per la norma le azioni sismiche devono essere valutare partendo dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione. Si ricorda che la pericolosità sismica, intesa in senso probabilistico,

Dettagli

INDICE. 1. Premesse e schema di calcolo della struttura pag. 2. 2. Regime normativo pag. 5

INDICE. 1. Premesse e schema di calcolo della struttura pag. 2. 2. Regime normativo pag. 5 INDICE 1. Premesse e schema di calcolo della struttura pag. 2 2. Regime normativo pag. 5 3. Vita nominale, classi d uso e periodo di riferimento pag. 6 4. Determinazione dell azione sismica secondo pag.

Dettagli

EASY ANTISISMICO 1. INTRODUZIONE 2. ASPETTI NORMATIVI 3. CONSEGUENZA DEI TERREMOTI SUGLI ELEMENTI NON STRUTTURALI QUALI CONTROSOFFITTI E IMPIANTI

EASY ANTISISMICO 1. INTRODUZIONE 2. ASPETTI NORMATIVI 3. CONSEGUENZA DEI TERREMOTI SUGLI ELEMENTI NON STRUTTURALI QUALI CONTROSOFFITTI E IMPIANTI 1. INTRODUZIONE 2. ASPETTI NORMATIVI 3. CONSEGUENZA DEI TERREMOTI SUGLI ELEMENTI NON STRUTTURALI QUALI CONTROSOFFITTI E IMPIANTI 4. IL CONTROSOFFITTO ANTISISMICO ATENA 5. CRITERI DI CALCOLO PER LA PROGETTAZIONE

Dettagli

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 3.2 AZIONE SISMICA Le azioni sismiche di progetto si definiscono a partire dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione, che è descritta dalla probabilità

Dettagli

COMUNE DI FRIGNANO PROVINCIA DI CASERTA

COMUNE DI FRIGNANO PROVINCIA DI CASERTA COMUNE DI FRIGNANO PROVINCIA DI CASERTA OGGETTO: Ai termini di legge si riserva la proprietà di questo elaborato con divieto di riprodurlo o renderlo noto a terzi senza autorizzazione scritta. la riproduzione

Dettagli

AL DIRIGENTE DEL SETTORE PROVINCIALE DEL GENIO CIVILE DI

AL DIRIGENTE DEL SETTORE PROVINCIALE DEL GENIO CIVILE DI AL DIRIGENTE DEL SETTORE PROVINCIALE DEL GENIO CIVILE DI D E N U N C I A D I L A V O R I P E R A U T O R I Z Z A Z I O N E S I S M I C A (art. 2 L.R. 7/1/83 n. 9 s.m.i., artt. 93 e 65 D.P.R. 6/6/2001 n.

Dettagli

Hilti Seismic Academy

Hilti Seismic Academy Hilti Seismic Academy Esempi di progettazione antisismica di elementi non strutturali Ing. Marco Mitri Associato Studio d ingegneria Suraci Udine marco.mitri@studiosuraci.it www.studiosuraci.it Seismic

Dettagli

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

NORME DI SICUREZZA ANTINCENDI PER GLI EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Decreto Ministero dell interno 16 maggio 1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (pubblicato nella Gazzetta Ufficiale n. 148 del 27 giugno 1987) Il testo del presente

Dettagli

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario

Il sistema nervoso dell impianto elettrico. Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il sistema nervoso dell impianto elettrico Scelta dei cavi negli impianti elettrici del residenziale e del terziario Il compito principale di un cavo è quello di trasportare l energia all interno di un

Dettagli

Analisi sismica di edifici in muratura e misti

Analisi sismica di edifici in muratura e misti Analisi sismica di edifici in muratura e misti Parte 3 1 1. Verifiche meccanismi locali 2. Interventi locali (cerchiature, catene, rinforzo solai) 3. Collegamento 3Muri Axis VM per calcolo fondazioni ed

Dettagli

INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. DESCRIZIONE DEL SITO DI INTERESSE... 4. 2.1 Ubicazione del sito ed estratti cartografici... 4

INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. DESCRIZIONE DEL SITO DI INTERESSE... 4. 2.1 Ubicazione del sito ed estratti cartografici... 4 INDICE 1. INTRODUZIONE... 3 2. DESCRIZIONE DEL SITO DI INTERESSE... 4 2.1 Ubicazione del sito ed estratti cartografici... 4 2.1 Classificazione sismica... 6 3. MODELLAZIONE GEOLOGICA... 8 3.1. DESCRIZIONE

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - III AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Progetto strutturale di una trave rovescia Alle travi di fondazioni

Dettagli

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo

Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Dipartimento di Ingegneria Strutturale, Aerospaziale e Geotecnica Risposta sismica dei terreni e spettro di risposta normativo Prof. Ing. L.Cavaleri L amplificazione locale: gli aspetti matematici u=spostamentoin

Dettagli

PROGETTAZIONE DI EDIFICI CON STRUTTURE PORTANTI IN LEGNO

PROGETTAZIONE DI EDIFICI CON STRUTTURE PORTANTI IN LEGNO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Trentino Sviluppo S.p.a. - Consorzio Habitech Mercoledì, 10 novembre 2010 ROVERETO PROGETTAZIONE DI EDIFICI CON STRUTTURE PORTANTI IN LEGNO Utilizzo del legno nella progettazione

Dettagli

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio

RETI IDRANTI UNI 10779-07. A cura di BM SISTEMI srl. Progettazione, Installazione ed Esercizio RETI IDRANTI Progettazione, Installazione ed Esercizio UNI 10779-07 A cura di BM SISTEMI srl Introduzione La progettazione e l installazione delle reti idranti è regolata in Italia dalla norma UNI 10779.

Dettagli

D.M. n 246 del 16 maggio 1987

D.M. n 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato al presente decreto. Sono

Dettagli

Criteri per il miglioramento e l adeguamento di edifici in struttura prefabbricata

Criteri per il miglioramento e l adeguamento di edifici in struttura prefabbricata Cinque mesi dopo il sisma Tecniche innovative per una ripresa efficiente e sicura Criteri per il miglioramento e l adeguamento di edifici in struttura prefabbricata Prof. ing. Gennaro Magliulo ReLuis -

Dettagli

AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI

AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI AEROPORTO INTERNAZIONALE NAPOLI CAPODICHINO AMPLIAMENTO TERMINAL PASSEGGERI PROGETTO STRUTTURE METALLICHE SISMORESISTENTI INTERNAZIONAL AIRPORT NAPOLI CAPODICHINO NEW TERMINAL PASSENGER DESIGN OF STEEL

Dettagli

Il Metodo Semi Probabilistico agli Stati Limite. La Filosofia Progettuale in Zona Sismica

Il Metodo Semi Probabilistico agli Stati Limite. La Filosofia Progettuale in Zona Sismica -C.d.L. in Ingegneria g Edile - Corso di Tecnica delle Costruzioni a.a. - 2009-2010 Prof. Ing. L.Cavaleri Il Metodo Semi Probabilistico agli Stati Limite La Definizione delle Azioni Sismiche La Filosofia

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture Impostazione della carpenteria Impostazione della carpenteria Definizione dell orditura dei solai e della posizione di travi e pilastri ( La struttura deve essere in grado

Dettagli

VULNERABILITÀ SISMICA DEGLI IMPIANTI NEGLI EDIFICI

VULNERABILITÀ SISMICA DEGLI IMPIANTI NEGLI EDIFICI Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto VULNERABILITÀ SISMICA DEGLI IMPIANTI NEGLI EDIFICI Linee guida CIG per la progettazione in zona sismica degli impianti di gas combustibile

Dettagli

Categorie di sottosuolo 3.2.2 CATEGORIE DI SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE

Categorie di sottosuolo 3.2.2 CATEGORIE DI SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE 3.2.2 CATEGORIE DI SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE Categorie di sottosuolo Per definire l azione sismica di progetto, si valuta l effetto della risposta sismica locale (RSL) mediante specifiche analisi

Dettagli

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione.

Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Decreto Ministeriale n 246 del 16/05/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione contenute

Dettagli

Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987

Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987 Decreto Ministero dell' Interno n. 246 del 16 maggio 1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale Repubblica Italiana n.148 del 27.06.1987

Dettagli

26.02-ITA. Calcolare e assecondare la crescita termica linea di tubazioni

26.02-ITA. Calcolare e assecondare la crescita termica linea di tubazioni Tutti i materiali, inclusi tubi, macchinari, strutture ed edifici, subiscono variazioni nelle proprie dimensioni a causa delle variazioni di temperatura. In questo report sono contenute alcune considerazioni

Dettagli

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F.

Via Emilia Ovest, 21/A 42048 Rubiera (R.E.) Tel. 0522/629909; fax. 626229 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 01207970359 C.F. Via Emilia Ovest, 1/A 4048 Rubiera (R.E.) Tel. 05/69909; fax. 669 e.mail: pfollo@tin.it - P.IVA 0107970359 C.F. FLLPLA48L06I496U MONTANTE PER ANCORAGGIO DISPOSITIVI INDIVIDUALI CONTRO LA CADUTA DAI TETTI,

Dettagli

4 Azioni sulle costruzioni

4 Azioni sulle costruzioni 4 Azioni sulle costruzioni Classificazione delle azioni 1/2 Si definisce azione ogni causa o insieme di cause capace di indurre stati limite in una struttura. Si definisce sollecitazione ogni effetto interno

Dettagli

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione

ALLEGATO - Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione D.M.Interno del 16/05/87, n.246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Sono approvate le norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione contenute in allegato

Dettagli

ANALISI DI UNA STRUTTURA IN MURATURA ESISTENTE

ANALISI DI UNA STRUTTURA IN MURATURA ESISTENTE ANALISI DI UNA STRUTTURA IN MURATURA ESISTENTE si esamina una struttura esistente, individuando carenze sugli spessori della muratura con snellezza e pressoflessione trasversale (statica e sismica) non

Dettagli

La norma EN 1090-1: il controllo del processo di progettazione e le specifiche per la produzione

La norma EN 1090-1: il controllo del processo di progettazione e le specifiche per la produzione Regolamento (UE) n.305/11 e norme del gruppo EN1090 La Marcatura CE delle strutture metalliche alla luce delle Norme tecniche per le Costruzioni Firenze, 30/10/2014 La norma EN 1090-1: il controllo del

Dettagli

CLASSIFICAZIONE INCENDI

CLASSIFICAZIONE INCENDI Lucidi lezione "Normativa Antincendio" Conformità edifici civili ed industriali alle norme di prevenzione incendi. Fase progettuale: - Vie di esodo - Autorimesse - Locali per impianti tecnologici (CT,

Dettagli

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. D.M. 16-05-1987, n. 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. (G.U. 27-06-1987, n. 148, Serie Generale) Preambolo IL MINISTRO DELL'INTERNO Vista la legge 27 dicembre 1941,

Dettagli

Indice. R.07.a Relazione tecnica e di calcolo Illustrazione sintetica degli elementi essenziali del progetto. NUOVO TECNOPOLO Progetto Esecutivo

Indice. R.07.a Relazione tecnica e di calcolo Illustrazione sintetica degli elementi essenziali del progetto. NUOVO TECNOPOLO Progetto Esecutivo 1 Indice ILLUSTRAZIONE SINTETICA DEGLI ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO STRUTTURALE... 2 a) Contesto edilizio e caratteristiche del sito... 2 b) Descrizione generale della struttura e della tipologia d

Dettagli

AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI

AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI AGIBILITA SISMICA DEGLI EDIFICI PREFABBRIATI - MIGLIORAMENTO SISMICO; - VERIFICA GLOBALE DEGLI EDIFICI; - DETTAGLI STRUTTURALI; 01/10/2012 relatore DELDOSSI Ing. Angelo Amm.re DELDOSSI S.R.L. PREMESSA

Dettagli

Normative sismiche italiane

Normative sismiche italiane pag. 98 Normative sismiche italiane 1783 norme dopo il terremoto della Calabria: muratura intelaiata, limitazione di altezza. Edifici esistenti: riduzione di altezza 1908 norme sismiche locali dopo il

Dettagli

EDIFICI IN MURATURA PORTANTE 1 - ZONE NON SISMICHE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE

EDIFICI IN MURATURA PORTANTE 1 - ZONE NON SISMICHE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE EDIFICI IN MURATURA PORTANTE PRINCIPI DI DIMENSIONAMENTO E VERIFICA STRUTTURALE 1 - ZONE NON SISMICHE Riferimenti: D.M. LLPP 20.11.1987 Il calcolo strutturale degli edifici in muratura portante, secondo

Dettagli

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI

VANI ASCENSORI E MONTACARICHI VANI ASCENSORI E MONTACARICHI 2015 ilario.mammone@ordineingegneripisa.it ing. ilario mammone 1 NORMATIVA DPR 1497 DEL 29/05/63 APPROVAZIONE DEL REGOLAMENTO PER ASCENSORI E MONTACARICHI D.M. 246 DEL 16/05/87

Dettagli

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI TORINO. AFC Torino S.p.a. CIMITERO SASSI III AMPLIAZIONE CAMPO L CONSULENZA RELAZIONE GEOTECNICA

REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI TORINO. AFC Torino S.p.a. CIMITERO SASSI III AMPLIAZIONE CAMPO L CONSULENZA RELAZIONE GEOTECNICA REGIONE PIEMONTE PROVINCIA DI TORINO COMUNE DI TORINO AFC Torino S.p.a. CIMITERO SASSI III AMPLIAZIONE CAMPO L Elaborato SR4 Scala CONSULENZA Codice 2270C02_0 Data 0 Sett. 2011 1 2 3 Rev Titolo elaborato:

Dettagli

Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler

Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler Impianti fissi di estinzione incendi Sistemi automatici sprinkler Impianti Sprinkler Caratteristiche Comprendono almeno una rete di tubazioni di distribuzione ad uso esclusivo antincendio, un insieme

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione.

Il D.M. 16 maggio 1987, n 246. Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. Il D.M. 16 maggio 1987, n 246 Norme di sicurezza antincendi per gli edifici di civile abitazione. 1 1.0. Scopo Le presenti norme hanno per oggetto i criteri di sicurezza antincendi da applicare agli edifici

Dettagli

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI

IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI IMPIANTI DI PROTEZIONE ATTIVA IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 20-12-2012 (GU n.3 del 4-1-2013) Regola tecnica di

Dettagli

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it

12 PROGETTAZIONE. internet: www.isoplus.it 12.1 Sistemi Bonded Tubo doppio 12.1.1 Generalità / Sistemi Bonded / Metodi di posa... 12 / 1-2 12.1.2 Prospetto dei vantaggi e degli svantaggi... 12 / 3 12.1.3 Lunghezze di installazione L max Tubo singolo...

Dettagli

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2

Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 Indice Indice... 1 A1 Relazione di calcolo strutturale... 2 A1.1 Relazione generale illustrativa dell opera... 2 A1.2 Normativa di riferimento... 3 A1.3 Descrizione del modello strutturale... 4 A1.4 Valutazione

Dettagli

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987

Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Norme di sicurezza antincendio per gli edifici di civile abitazione. Preambolo Ministero dell'interno: Decreto ministeriale 16/05/1987 N. 246 Gazzetta Ufficiale N. 148 del 27/06/1987 Il Ministro dell'interno

Dettagli

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3)

(7) Nel calcolo della resistenza di un collegamento ad attrito il coefficiente di attrito µ dipende: (punti 3) Domande su: taglio, flessione composta e collegamenti. Indica se ciascuna delle seguenti affermazioni è vera o falsa (per ciascuna domanda punti 2) (1) L adozione di un gioco foro-bullone elevato semplifica

Dettagli

Lezione. Progetto di Strutture

Lezione. Progetto di Strutture Lezione Progetto di Strutture 1 Elementi strutturali primari e secondari 2 Elementi strutturali secondari Definizione e requisiti Sia la rigidezza che la resistenza di tali elementi vengono ignorate nell

Dettagli

Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n. 99 del 28/04/2004. UNI 10845

Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n. 99 del 28/04/2004. UNI 10845 ; Sistemi per l evacuazione dei prodotti della combustione asserviti ad apparecchi alimentati a gas. Criteri di Verifica; Risanamento/Ristrutturazione; Intubamento. Pubblicata su S.O. n. 77- G.U.R.I. n.

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI INTRODUZIONE Le dimensioni delle cabine degli ascensori devono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti, dipendenti dalla particolare

Dettagli

IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI

IMPIANTI DI ESTINZIONE INCENDI COMANDO PROVINCIALE VIGILI DEL FUOCO DI VERCELLI Seminario di aggiornamento Ordine Ingegneri della Provincia di Vercelli 1 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DM 20-12-2012 (GU n.3 del 4-1-2013) Regola tecnica di

Dettagli

Progettazione sismica degli ancoranti:

Progettazione sismica degli ancoranti: Progettazione sismica degli ancoranti: Nuova regolamentazione Europea Ing. Michele Di Sario Field Engineer Manager Hilti Italia S.p.A. 1 Agenda L importanza del corretta progettazione L influenza del sisma

Dettagli

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE

EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE EDIFICI DI CIVILE ABITAZIONE Attività n. 95 di cui alla tabella allegata al D.M. 16 febbraio 1982 A questo punto, con l entrata in vigore del DPR 151/2011, bisogna precisare: ALLEGATO II DPR 151/2011 (di

Dettagli

Dimensionamento sismico degli ancoranti: Nuova Linea Guida Europea EOTA TR045

Dimensionamento sismico degli ancoranti: Nuova Linea Guida Europea EOTA TR045 Dimensionamento sismico degli ancoranti: Nuova Linea Guida Europea EOTA TR045 Ing. Marco Natale Field Engineer Hilti Italia S.p.A. Agenda L importanza del dimensionamento sismico L influenza del sisma

Dettagli

Liborio Cavaleri, Valerio Radice Specificità nella valutazione della capacità delle strutture murarie di nuova costruzione

Liborio Cavaleri, Valerio Radice Specificità nella valutazione della capacità delle strutture murarie di nuova costruzione A08 458 Liborio Cavaleri, Valerio Radice Specificità nella valutazione della capacità delle strutture murarie di nuova costruzione Copyright MMXIII ARACNE editrice S.r.l. www.aracneeditrice.it info@aracneeditrice.it

Dettagli

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma

Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate. Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma Dissesti statici nel consolidamento delle opere d'arte danneggiate Giorgio Monti Università La Sapienza di Roma 1 Contenuti Metodologia di progettazione Valutazione della resistenza attuale (Capacità)

Dettagli

Multistrato per gas Il quadro normativo

Multistrato per gas Il quadro normativo Multistrato per gas Il quadro normativo DM. 37/2008 (in vigore dal 27/03/2008 ex L. 46/1990) Il DM 37/2008 si applica agli impianti posti al servizio degli edifici, indipendentemente dalla destinazione

Dettagli

11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5

11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5 11. CONFRONTI TRA MODELLI E CONCLUSIONI D. Liberatore 1, L. Gambarotta 2, G.C. Beolchini 3, L. Binda 4, G. Magenes 5 La prima fase dell indagine è stata rivolta allo studio delle tipologie edilizie in

Dettagli

MODELLAZIONE DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON IL PROGRAMMA DI CALCOLO 3MURI

MODELLAZIONE DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON IL PROGRAMMA DI CALCOLO 3MURI MODELLAZIONE DI UN EDIFICIO IN MURATURA CON IL PROGRAMMA DI CALCOLO 3MURI 1) CREARE UN FILE.DXF IN AUTOCAD NEL QUALE VENGONO RIPORTATE LE PIANTE DEI VARI PIANI DELL EDIFICIO DA ANALIZZARE. RISULTA CONVENIENTE

Dettagli

1 RELAZIONE DI CALCOLO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE PASSIVA DALL INCENDIO... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO...

1 RELAZIONE DI CALCOLO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE PASSIVA DALL INCENDIO... 1 1.1 PREMESSA... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO... Sommario 1 RELAZIONE DI CALCOLO DEI DISPOSITIVI DI PROTEZIONE PASSIVA DALL INCENDIO... 1 1.1 PREMESSA.... 1 1.2 NORMATIVA TECNICA DI RIFERIMENTO.... 1 1.3 VITA NOMINALE, CLASSE D USO, PERIODO DI RIFERIMENTO....

Dettagli

Trave Framo 80. Gruppo A410

Trave Framo 80. Gruppo A410 Framo Trave Framo 80/ Giunto di collegamento quadrato PK F80/ Giunto ottagonale PK F80/ Tappo terminale ADK F80/ Mensola a sbalzo AK F80/ Mensola a sbalzo TKO F80/ Sostegno laterale STA F80/ Giunto JOI

Dettagli

La protezione attiva

La protezione attiva LEZIONE 33 La protezione attiva L insieme delle misure di protezione che richiedono l azione di un uomo o l azionamento di un impianto sono quelle finalizzate alla precoce rilevazione dell incendio, alla

Dettagli

semplificato, che si basa sull individuazione di categorie di sottosuolo di riferimento (Tab. 3.2.II e 3.2.III) e sulle condizioni topografiche.

semplificato, che si basa sull individuazione di categorie di sottosuolo di riferimento (Tab. 3.2.II e 3.2.III) e sulle condizioni topografiche. 3.2.2 CATEGORIE DI SOTTOSUOLO E CONDIZIONI TOPOGRAFICHE Categorie di sottosuolo Per definire l azione sismica di progetto, si valuta l effetto della risposta sismica locale (RSL) mediante specifiche analisi

Dettagli

Certificazione ETA: campi d applicazione e marcatura CE

Certificazione ETA: campi d applicazione e marcatura CE Certificazione ETA: campi d applicazione e marcatura CE Certificazione ETA: campione di prova e risultati I vantaggi delle certificazioni ETA Prodotti testati secondo metodi univoci e comparabili (in conformità

Dettagli

valore massimo del fattore di amplificazione dello spettro in accelerazione orizzontale. *

valore massimo del fattore di amplificazione dello spettro in accelerazione orizzontale. * 3.2 AZIONE SISMIA Le azioni sismiche di progetto, in base alle quali valutare il rispetto dei diversi stati limite considerati, si definiscono a partire dalla pericolosità sismica di base del sito di costruzione.

Dettagli

Contributo dei tamponamenti nelle strutture in c.a. Metodo utilizzato da FaTA-e

Contributo dei tamponamenti nelle strutture in c.a. Metodo utilizzato da FaTA-e 1 2 Contributo dei tamponamenti nelle strutture in c.a Metodo utilizzato da FaTA-e La presenza dei tamponamenti in una struttura in c.a., come evidenziato nei vari eventi tellurici avvenuti, riveste un

Dettagli

Murali Condensing. Sommario. Introduzione 2 Configurazioni di scarico 3 Installazione 10 Gamma condotti fumi 12

Murali Condensing. Sommario. Introduzione 2 Configurazioni di scarico 3 Installazione 10 Gamma condotti fumi 12 Murali Condensing Sommario Introduzione 2 Configurazioni di scarico 3 Installazione 10 Gamma condotti fumi 12 1 Sistemi di scarico in PP Introduzione Sistema per intubamento in PP per caldaie a condensazione

Dettagli

Il ritorno di interesse per la muratura portante è ulteriormente

Il ritorno di interesse per la muratura portante è ulteriormente Normativa Flavio Mosele*, Lorenzo Bari* Strutture miste e fondazioni negli edifici in muratura portante L entrata in vigore del Dm 14/01/2008, «Norme tecniche per le costruzioni» (Ntc 2008), ha portato

Dettagli

Impianti sportivi (Norme di Installazione)

Impianti sportivi (Norme di Installazione) Norme di installazione (le disposizioni indicate si riferiscono ad un impianto sportivo classificato come locale di pubblico spettacolo; se così non fosse, seguire le indicazioni per un impianto ordinario)

Dettagli

SCHEDA DI VULNERABILITÀ SISMICA

SCHEDA DI VULNERABILITÀ SISMICA Comune di Taranto 10^ Direzione Lavori Pubblici SCHEDA DI VULNERABILITÀ SMICA OGGETTO: Lavori di riqualificazione edilizia ed impiantistica della scuola media C. COLOMBO Via Medaglie D Oro n. 117 - Taranto

Dettagli

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte.

Lezione n. 2. La Protezione Antincendio. 1 A parte. Lezione n. 2 La Protezione Antincendio. 1 A parte. La Protezione Antincendio. Come già accennato la protezione antincendio consiste nell insieme delle misure finalizzate alla riduzione dei danni conseguenti

Dettagli

INDICE PREMESSA... 2 DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO... 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 FINALITÀ... 2 AREE DA PROTEGGERE... 2

INDICE PREMESSA... 2 DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO... 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 FINALITÀ... 2 AREE DA PROTEGGERE... 2 INDICE PREMESSA... 2 DOCUMENTAZIONE DI PROGETTO... 2 NORMATIVA DI RIFERIMENTO... 2 FINALITÀ... 2 AREE DA PROTEGGERE... 2 COMPOSIZIONE DEGLI IMPIANTI... 2 ALIMENTAZIONE IDRICA... 3 COMPONENTI DEGLI IMPIANTI...

Dettagli

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi

Edifici antisismici in calcestruzzo armato. Aurelio Ghersi Incontro di aggiornamento Edifici antisismici in calcestruzzo armato Aspetti strutturali e geotecnici secondo le NTC08 1 Esame visivo della struttura Orizzonte Hotel, Acireale 16-17 dicembre 2010 Aurelio

Dettagli

Il parere di conformità nella prevenzione incendi

Il parere di conformità nella prevenzione incendi 92 2.2.5.1.1 Tipi di estintore Gli estintori di distinguono: in base all agente estinguente utilizzato in: polvere idrocarburi alogenati (halon) anidride carbonica (CO 2 ) schiuma acqua in base alle dimensioni

Dettagli

Lezione 1. Obiettivi prestazionali e normativa vigente. Laboratorio progettuale (Tecnica delle Costruzioni)

Lezione 1. Obiettivi prestazionali e normativa vigente. Laboratorio progettuale (Tecnica delle Costruzioni) Lezione 1 Obiettivi prestazionali e normativa vigente Laboratorio progettuale (Tecnica delle Costruzioni) Obiettivi prestazionali Obiettivi progettuali Sono definiti dall associazione associazione tra

Dettagli

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA

ANALISI MEDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA ANALISI EDIANTE LO SPETTRO DI RISPOSTA arco BOZZA * * Ingegnere Strutturale, già Direttore della Federazione regionale degli Ordini degli Ingegneri del Veneto (FOIV), Amministratore di ADEPRON DINAICA

Dettagli

La deformazione diametrale deve essere inferiore ai valori, consigliati dalla raccomandazione ISO/TR 7073, riportati in tabella 12.1: Tabella 12.

La deformazione diametrale deve essere inferiore ai valori, consigliati dalla raccomandazione ISO/TR 7073, riportati in tabella 12.1: Tabella 12. 12 Prove di collaudo S copo del collaudo è quello di verificare l efficienza e la funzionalità idraulica di un collettore posato in opera. In particolare si dovrà verificare: n la deformazione diametrale;

Dettagli

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione)

Luoghi di pubblico spettacolo e di intrattenimento (Norme di installazione) Norme di installazione Protezione contro i contatti diretti: o Isolamento delle parti attive; o Involucri o barriere con grado di protezione minimo IP2X o IPXXB. Per le superfici orizzontali superiori

Dettagli

INDICAZIONI DI SICUREZZA PER LE SCAFFALATURE INDUSTRIALI

INDICAZIONI DI SICUREZZA PER LE SCAFFALATURE INDUSTRIALI SERVIZIO SANITARIO REGIONALE EMILIA-ROMAGNA INDICAZIONI DI SICUREZZA PER LE SCAFFALATURE INDUSTRIALI PREMESSA Il D.L. n. 74 del 6 giugno 2012 (in fase di conversione in Legge nel momento in cui si scrive)

Dettagli

Messa in sicurezza e consolidamento dei capannoni prefabbricati interessati dal sisma di maggio giugno 2012

Messa in sicurezza e consolidamento dei capannoni prefabbricati interessati dal sisma di maggio giugno 2012 Messa in sicurezza e consolidamento dei capannoni prefabbricati interessati dal sisma di maggio giugno 2012 Una caratteristica particolare evidenziata durante il terremoto è stato il crollo ed il collasso

Dettagli

Comando Rieti, maggio 2010

Comando Rieti, maggio 2010 Ministero dell Interno Dipartimento dei Vigili del Fuoco, del Soccorso Pubblico e della Difesa Civile CORPO NAZIONALE DEI VIGILI DEL FUOCO IMPIANTI DI SPEGNIMENTO AD IDRANTI Comando Rieti, maggio 2010

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

Tecniche di rinforzo con materiali innovativi

Tecniche di rinforzo con materiali innovativi Interventi di recupero del patrimonio edilizio, Roma, 29.1.09 Tecniche di rinforzo con materiali innovativi Zila Rinaldi Università di Roma Tor Vergata Dip. di Ingegneria Civile Introduzione Perchè si

Dettagli

La sicurezza sismica per gli interni

La sicurezza sismica per gli interni La sicurezza sismica per gli interni A PROVA DI SISMA DIFESA DAI TERREMOTI? SOLUZIONI CERTIFICATE SINIAT Siniat si impegna nell antisismico Soluzioni antisismiche testate e certificate sono una necessità

Dettagli

Realizzazione di copertura telescopica

Realizzazione di copertura telescopica Realizzazione di copertura telescopica Relazione di calcolo Progetto ed esecuzione dell opera : Lynx s.r.l. Responsabile di Progetto e verifica : ing. Abilitato Committente : sig. Bianco Bianchi 1 INDICE

Dettagli

Estratto della Norma UNI 10845

Estratto della Norma UNI 10845 Estratto della Norma UNI 10845 Estratto della NORMA UNI 10845 - Febbraio 2000 Sistemi per l evacuazione dei prodotti della combustione asserviti ad apparecchi alimentati a gas. Criteri di verifica, risanamento

Dettagli

Lezioni su Boiler and Pressure Vessel. Modifications required

Lezioni su Boiler and Pressure Vessel. Modifications required DESIGN BY ANALYSIS/4 (ASME VIII Div. 2) TIPI DI VERIFICHE RICHIESTE a) Protection Against Plastic Collapse a) Elastic Stress Analysis Method b) Limit Load Method c) Elastic Plastic Stress Analysis Method

Dettagli

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature

È assolutamente vietato utilizzare apparecchiature elettriche non a norma. Evitare l uso di prese multiple. Non utilizzare apparecchiature LAVORO ELETTRICO In Italia la norma CEI 11-48 del 1998 stabilisce le prescrizioni generali per l esercizio sicuro degli impianti elettrici e per l esecuzione dei lavori su od in prossimità di tali impianti.

Dettagli