Corso di laurea Bachelor: introduzione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Corso di laurea Bachelor: introduzione"

Transcript

1 Corso di laurea Bachelor: introduzione La Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana (SUPSI), come le altre SUP svizzere, svolge tre compiti strettamente legati tra loro: - la formazione di base, per il conferimento dei titoli di Bachelor e di Master riconosciuti dalla Confederazione; - la formazione continua, con master di studi avanzati e corsi specifici di perfezionamento; - i progetti di ricerca applicata, sviluppo e trasferimento di tecnologie, in collaborazione con aziende, istituzioni pubbliche e private e altri enti universitari. I punti di forza della SUPSI, sin dalla sua costituzione nel 1997, sono: - lo stretto legame con il territorio di riferimento, grazie al sostegno assicurato all economia regionale, in favore delle piccole e medie imprese; - la dimensione professionale, assicurata da una formazione con forte orientamento pratico che coinvolge docenti con pluriennale esperienza professionale; - l insegnamento parallelo all attività professionale offerto, compatibilmente con le richieste, attraverso programmi di studio che possono essere frequentati anche da studenti che mantengono un occupazione attiva durante la formazione; - l internazionalità, sviluppata con accordi di collaborazione nella ricerca e con il coinvolgimento di docenti attivi oltre i confini nazionali. Il Dipartimento Tecnologie Innovative (DTI) offre quattro percorsi bachelor attivi, Ingegneria Gestionale, Informatica (tempo pieno e tempo parziale), Elettronica e Meccanica. Gli studenti conseguono la laurea (Bachelor) secondo le modalità previste dalla Dichiarazione di Bologna, sottoscritta nel 1999 da 29 paesi europei con l obiettivo di armonizzare i sistemi di istruzione superiore e di uniformare gli impegni didattici creando così, al termine degli studi, denominazioni comuni e internazionalmente riconosciute. Le linee guida che stanno alla base dei programmi formativi e che governano l impostazione del presente piano studi prevedono quindi: - la concezione modulare del percorso formativo a livello bachelor (180 crediti ECTS), coerente con gli obiettivi delle SUP e conforme alle direttive nazionali; - l implementazione dei sistemi di crediti formativi sul modello dell ECTS; - la promozione della mobilità degli studenti e dei professori con il conseguente rafforzamento della collaborazione europea attraverso la garanzia della qualità. Bachelor e master Con il diploma di bachelor, che sostituisce il precedente diploma delle SUP, viene fornita una qualifica universitaria con orientamento pratico che garantisce l accesso rapido al mondo del lavoro. Per coloro che intendono continuare gli studi, sia al termine del bachelor sia dopo aver svolto alcuni anni di attività professionale, è possibile accedere al secondo livello di studi universitari, il master, costiutito da ulteriori 90 o 120 crediti ECTS, che può essere frequentato in Svizzera o all estero. Il DTI offre Master in cooperazione con altre SUP o università svizzere o estere negli ambiti della tecnologia. Inoltre sono in vigore accordi bilaterali con altre università per l accesso ai loro master tra cui il Politecnico di Torino, l università di Genova, il Politecnico di Milano e altri. L Università d accoglienza definisce, sulla base della formazione di base, delle esperienze maturate e dell orientamento scelto dallo studente, le condizioni di ammissione ai master. Crediti formativi (ECTS) L'ECTS (European Credit Transfer System) è il sistema europeo di riconoscimento, trasferimento e accumulazione di crediti formativi. Un credito ECTS corrisponde a un carico di lavoro per lo studente pari a circa 30 ore. Un anno accademico corrisponde di regola a 60 crediti ECTS (1800 ore di lavoro); 45 crediti nel caso si segua lo studio parallelo alla professione. Struttura del percorso formativo La durata degli studi è di sei semestri nella modalità di erogazione a tempo pieno e di otto in quella parallela alla professione (attualmente solo per i corsi di laurea in Informatica e Ingegneria gestionale). La durata del semestre, ad eccezione dell ultimo, è di 15 settimane. A queste si aggiungono le settimane destinate alle certificazioni e a seminari specifici. La durata degli studi dell ultimo semestre è di 10 settimane a cui fa seguito la Tesi di Bachelor che ha una durata di otto settimane. I moduli di studio Le materie d insegnamento sono organizzate in moduli di studio. Ogni modulo è composto da uno o più corsi e ha, di regola, la durata di uno o due semestri al termine del/i quale/i viene valutato nelle sessioni di certificazione. Maggiore flessibilità degli studi Il piano degli studi comprende da 5 a 10 moduli per semestre. Ogni modulo è composto da uno o più corsi. Le sequenzialità dei moduli è stabilita in base ai prerequisiti dei moduli susseguenti. I moduli previsti durante i primi quattro semestri (primi sei semestri nella frequenza parallela alla professione) sono obbligatori per tutti gli studenti iscritti al corso di laurea. Durante gli ultimi due semestri sono previsti moduli di approfondimento in opzione. In particolare, diversi moduli di studio sono organizzati in comune ai 4 corsi di laurea in ingegneria di responsabilità del DTI (Informatica, Elettronica, Meccanica e Ingegneria Gestionale). Ciò permette la frequenza dei moduli della medesima opzione a studenti di corsi di laurea diversi e favorisce la formazione multidisciplinare, oltre che il raggiungimento di una massa critica nel singolo modulo. Il curricolo prevede la frequenza obbligatoria a tutte le attività previste nel piano degli studi. Nella modalità a tempo pieno le attività si svolgono tutte nelle fasce orarie diurne. In quella parallela alla professione gran parte dell attività si svolge nella fascia serale. Grazie alla modularizzazione è anche possibile allestire un piano semestrale personalizzato e seguire la formazione in un periodo di tempo più lungo del minimo previsto lasciando eventualmente spazio a un attività professionale parallela anche nel caso della formazione diurna. Titolo di studio Il titolo di studio conferito a chi certifica tutti i moduli previsti dal piano degli studi e corrispondenti a 180 crediti ECTS è: Bachelor of Science SUPSI in Ingengeria Informatica Bachelor of Science SUPSI in Ingegneria Elettronica Bachelor of Science SUPSI in Ingegneria Gestionale Bachelor of Science SUPSI in Ingegneria Meccanica Il diploma è riconosciuto a livello federale e costituisce un titolo protetto dalla Confederazione. Pari opportunità Le pari opportunità e la prevenzione delle discriminazioni sono un obiettivo prioritario della SUPSI, che integra la dimensione Gender nelle strategie di sviluppo e nella gestione. Informazioni Per ulteriori informazioni si invita a consultare il sito della SUPSI Dipartimento tecnologie innovative, Ingegneria Gestionale PAP (2010/2011), v 3.0,

2 Corso di laurea in Ingegneria Gestionale La professione Il ciclo studio in Ingegneria Gestionale è orientato alla formazione di figure professionali con competenze interdisciplinari, capaci di agire in contesti complessi applicando tecniche e metodi per promuovere l'innovazione, migliorare il sistema produttivo e ridurre i costi aziendali. La figura professionale dell'ingegnere gestionale, formata congruentemente con i vincoli e le aspettative connesse alla dinamicità dell evoluzione organizzativa e tecnologica, trova naturale collocazione in ambiti professionali diversi: ricopre un ruolo insostituibile all'interno delle imprese manifatturiere, dove trova giusta collocazione nell'area degli approvvigionamenti e gestione dei materiali, dell'organizzazione ed automazione dei sistemi produttivi, nella pianificazione, gestione e controllo dei processi produttivi, nella pianificazione e gestione di sistemi logistici, nella valutazione degli investimenti, nella gestione del rischio in ambito finanziario ed industriale. Prospettiva ultima, dopo adeguata esperienza, è la direzione d azienda. La formazione Il bachelor, realizzato in collaborazione con il Politecnico di Milano, forma figure professionali per ruoli tecnico-organizzativi. Promuove solide basi scientifiche e tecnologiche completate da competenze nella gestione della produzione, della logistica, dell economia e organizzazione aziendale Le attitudini Le attitudini richieste per affrontare con successo il corso di laurea possono essere così riassunte: predisposizione all'astrazione, capacità di analisi, predisposizione al lavoro metodico, disponibilità al lavoro in gruppo, tenacia necessaria a risolvere nuovi problemi tecnici. La probabilità di successo negli studi è in stretta relazione con la motivazione, la conoscenza degli obiettivi che con lo studio si vogliono raggiungere e la preparazione adeguata per uno studio di livello universitario tecnico dove, oltre a saper fare uso del bagaglio di conoscenze acquisite nelle scuole precedenti, è necessario sapersi adattare ai ritmi di lavoro imposti nei corsi, che riflettono quelli della futura attività professionale, e infine a reagire di fronte a situazioni e a problemi nuovi. I prerequisiti per l'ammissione La legge federale sulle SUP e la relativa ordinanza permettono l'ammissione se il candidato: è in possesso di una maturità professionale congiunta a una formazione di base in una professione connessa con il programma di studio. è in possesso di una maturità federale riconosciuta dalla Confederazione o equivalente e ha alle sue spalle almeno un anno di esperienza lavorativa che fornisca conoscenze professionali pratiche e teoriche in una professione connessa con il programma di studio. è in possesso del titolo di tecnico ST o di un'altra scuola superiore specializzata. è diplomato in un ciclo di formazione di livello secondario II di durata almeno triennale, è in grado di comprovare un esperienza lavorativa di almeno un anno e ha superato un esame di ammissione. I diplomati SSST sono ammessi in base a uno speciale regolamento. Nel caso di candidati con età superiore a 25 anni con una formazione e un esperienza significativa in un campo connesso con il programma di studio è possibile un ammissione su dossier. Il piano degli studi Il piano degli studi, completamente modularizzato, contiene il percorso formativo valido per gli studenti che iniziano lo studio nell anno universitario 2010/2011 e che lo concludono dopo sei semestri. In caso di prolugamento dello studio oltre ai sei semestri, il piano effettivo dello studente può subire delle modifiche a dipendenza dell offerta formativa. Il piano di studi proposto prevede che gli studenti siano ospiti al Politecnico di Milano per un semestre. Tutte le componenti della descrizione dei moduli possono subire nel corso degli anni lievi modifiche. Ogni modifica di rilievo viene segnalata mediante incremento del numero di versione indicato come suffisso del codice del modulo. Per lo studente iscritto a un corso di laurea, il documento ha carattere ufficiale e descrive l attività svolta durante lo studio. Lo studente è invitato ad aggiornarlo attingendo alla documentazione pubblicata nell offerta formativa ogni qualvolta egli si iscrive a un modulo, la cui versione non corrisponde più a quella del piano oppure a un modulo non menzionato. 2

3 Piano degli studi Ingegneria Gestionale PAP 1 e 2 semestre Modulo Corso (C) /Esercitazione (E) Unità didattiche settimanali ECTS 1 sem. 2 sem. C01024P Matematica di base 3 M01019P Matematica di base e analisi C01003P Analisi E01019P Esercitazioni 1 1 M01030P C01032P Matematica discreta e logica 1 Algebra lineare, matematica discreta C01004P Algebra lineare 1 1 e logica 2 9 E01030P Esercitazioni 1 1 C02007P Basi di dati 1 1 M02030P Basi di dati e ambienti operativi C02040P Ambienti operativi C02030P Esercitazioni 1 1 M02046P Introduzione alla programmazione C02058P Introduzione alla programmazione M09051P C09048P Statica 2 1 Tecnica delle costruzioni C09049P Tecniche di fabbricazione 2 meccaniche per gestionali 9 C09047P Costruzione di macchine 3 M09034P Scienza dei materiali per gestionali C07007P Basi di chimica 1 C07008P Basi di scienza dei materiali

4 M P Matematica di base e analisi - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: Primo e secondo - Tipo di modulo: Obbligatorio - Crediti ECTS: 9 - Lingua del modulo: Italiano Contenuti del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni ed esercitazioni integrate 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Matematica di base C P 4 1 Analisi 1 C P 2 TOTALE Prerequisiti per l iscrizione Conoscenze corrispondenti ai requisiti di sufficienza in matematica previsti per la maturità professionale tecnica Metodo di valutazione - Tre test scritti in "Matematica di base" - Tre test scritti in "Analisi 1" Matematica di base C P Analisi 1 C P Obiettivi del corso - Sviluppare la capacità d esposizione scritta ed orale di concetti matematici - Apprendere il corretto impiego di strumenti informatici di calcolo algebrico e numerico Contenuti dei corsi - Proprietà dei numeri reali - Funzioni reali - Richiami di trigonometria - Calcolo con i numeri complessi - Successioni e serie - Curve piane Organizzazione Obiettivi generali del modulo - Conoscere ed essere in grado di applicare i principali concetti del calcolo e in particolare del calcolo infinitesimale - Sviluppare le capacità di rappresentare e risolvere problemi ingegneristici tramite il ragionamento logico e l astrazione - Limiti di funzioni - Calcolo differenziale e applicazioni - Calcolo integrale - Polinomio di Taylor Organizzazione 4

5 M P Algebra lineare, matematica discreta e logica - Responsabile del modulo: Andrea Graf - Semestre: Primo e secondo - Tipo di modulo: Obbligatorio - Crediti ECTS: 9 - Lingua del modulo: Italiano Contenuti del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni 1 sem 2 sem Esercitazioni 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Algebra lineare 1 C P Matematica discreta e logica C P 1 1 TOTALE Prerequisiti per l iscrizione Conoscenze corrispondenti ai requisiti di sufficienza in matematica previsti per la maturità professionale tecnica Metodo di valutazione Valutazione ordinaria - Tre test scritti in Matematica discreta - Quattro test scritti in Algebra lineare Algebra lineare 1 C P Matematica discreta e logica C P Obiettivi del corso - Conoscere ed essere in grado di applicare i principali concetti calcolo vettoriale e matriciale - Essere in grado di rappresentare e risolvere problemi geometrici tramite concetti algebrici - Essere in grado di applicare gli strumenti appresi nella risoluzione di semplici problemi ingegneristici Contenuti dei corsi - Calcolo vettoriale - Approfondimenti di trigonometria - Prodotto scalare, vettoriale e misto - Geometria analitica - Matrici - Applicazioni lineari e trasformazioni geometriche - Determinanti Metodo d insegnamento. Obiettivi del corso - Conoscere ed essere in grado di applicare i principali concetti di logica, teoria dei grafi e teoria dei numeri. - Conoscere alcuni cifrari. - Sviluppare il pensiero scientifico tramite la logica e l astrazione Contenuti dei corsi - Insiemi e relazioni - Algebra di Boole - Calcolo combinatorio - Teoria dei grafi e algoritmi - Aritmetica delle congruenze - Basi di crittografia Metodo d insegnamento 5

6 M P Basi di dati e ambienti operativi - Responsabile del modulo: Roberto Mastropietro - Semestre: Primo e secondo - Tipo di modulo: Obbligatorio - Crediti ECTS: 7 - Lingua del modulo: Italiano Contenuti del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni ed esercitazioni integrate Lavoro autonomo Basi di dati C02007P 2 Ambienti operativi C02040P 2 TOTALE Prerequisiti per l iscrizione - Nessuno Metodo di valutazione - Due test scritti in "Basi di dati" - Due test scritti in "Ambienti operativi" - Valutazione delle esercitazioni svolte Basi di dati C02007P Ambienti operativi C02040P Obiettivi del corso - Capire i metodi di progettazione di una base di dati - Esercitare lo sviluppo di basi di dati di complessità crescente - Imparare ad interagire con una base dati - Progettazione di una base di dati - progettazione concettuale: modello entità-relazione - progettazione logica: modello relazionale e normalizzazione - progettazione fisica - Vincoli di integrità - Il linguaggio SQL - definizione dei dati (DDL) - interrogazioni e manipolazioni dei dati (DML) Organizzazione - Lezioni interattive - Esercitazioni Obiettivi del corso - Esercitare l uso di sistemi e di ambienti operativi - Conoscere alcuni strumenti di lavoro legati agli ambienti operativi - Introduzione generale: architettura e componenti di un computer - Introduzione ai sistemi operativi: storia e tipologie di sistemi operativi gestione dei processi gestione della memoria principale e di massa sicurezza interfaccia utente - Introduzione ai sistemi Windows e Unix: utenti, file systems, e permissions, processi, comandi principali, la shell interfacce utenti e interazione a distanza - Strumenti per lo sviluppo a livello di sistema la bash come linguaggio di scripting scripting in Windows espressioni regolari il comando make Organizzazione - Lezioni interattive - Esercitazioni 6

7 M P Introduzione alla programmazione - Responsabile del modulo: Sandro Pedrazzini - Semestre: Primo e secondo - Tipo di modulo: Obbligatorio - Crediti ECTS: 4 - Lingua del modulo: Italiano Contenuti del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni 1 sem 2 sem Esercitazioni 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Introduzione alla programmazione C P TOTALE Prerequisiti per l iscrizione - Nessuno Metodo di valutazione - Verifiche scritte - Valutazione delle esercitazioni svolte Introduzione alla programmazione C P Obiettivi del corso - Capire il processo di sviluppo software - Sviluppare la capacità di pianificazione e di analisi strutturata e a oggetti - Sviluppare programmi mediante un linguaggio di programmazione orientato agli oggetti - Introduzione alla programmazione: dal programma sorgente al codice eseguibile - Descrizione di algoritmi con pseudocodice - Fondamenti di un linguaggio di programmazione - Principi teorici delle metodologie orientate all oggetto: - - Classi e oggetti - - Modularità ed astrazione - - Incapsulamento, ereditarietà, polimorfismo - Programmazione ad oggetti con il linguaggio Java: - - classi ed interfacce, costruttori e metodi - - modificatori di visibilità, sovraccaricamento e sovrascrittura - - conversione di tipi, packages, collections e genericità - Cenni sulle architetture software Organizzazione 7

8 M P Tecnica delle costruzioni meccaniche per gestionali - Responsabile del modulo: Walter Amaro - Semestre: primo e secondo - Tipo di modulo: Obbligatorio - Crediti ECTS: 9 - Lingua del modulo: Italiano Contenuti del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni 1 sem 2 sem Esercitazioni 1 sem 2 sem Lavoro autonomo Statica per l ingegnere gestionale Tecniche di fabbricazione per l ingegnere gestionale Costruzione di macchine per l ingegnere gestionale C ,5 0, ,5 C C TOTALE Obiettivi generali del modulo Apprendere le leggi fondamentali della statica ed imparare a risolvere problemi che ne richiedono le conoscenze. Conoscere le regole di base e sviluppare l abilità di analisi e di risoluzione di problemi di costruzione per sviluppare prodotti funzionali ed economicamente vantaggiosi. Sviluppare le capacità di pianificazione e di esecuzione di progetti di costruzione. Acquisire le terminologie per dialogare con operatori della produzione e la sensibilità di comprendere le difficoltà e le peculiarità dei singoli processi. Sapere correttamente scegliere e gestire i processi tecnologici tradizionalmente impiegati nell'industria meccanica e conoscere le difettosità di un errato processo produttivo e le problematiche di produzione risolvibili da una corretta progettazione del manufatto e delle attrezzature di produzione stesse. Saper effettuare lo studio di fabbricazione di componenti meccanici sia per l'ottenimento del semilavorato sia per la sua lavorazione alle macchine utensili. Prerequisiti per l iscrizione - Nessuno Metodo di valutazione Valutazione ordinaria - Almeno due verifiche scritte per ogni corso - Valutazione delle esercitazioni svolte Statica per l ingegnere gestionale C Costruzione di macchine per l ingegnere gestionale C Introduzione alla statica - Forze e momenti - Equilibrio del punto materiale - Equilibrio del corpo rigido - Equilibrio analitico del corpo rigido - Travi inflesse, diagrammi di taglio e momenti flettenti - Baricentri Metodo d insegnamento - Disegno tecnico - Le Norme VSM - Gli elementi normalizzati - Tolleranze dimensionali e di forma - Lettura e analisi di disegni di assieme - Metodologia e regole di base della progettazione Metodo d insegnamento Tecniche di fabbricazione per l ingegnere gestionale C I principali processi di fabbricazione: - fusione in sabbia/conchiglia e a cera persa - sinterizzazione - fresatura, tornitura, erosione a tuffo e a filo - forgiatura,tranciatura - rapid prototyping, rapid tooling. - Trasformazione delle materie plastiche: iniezione estrusione termoformatura stampaggio rotazionale - Calcolo delle forze di taglio nei processi di fresatura, foratura e di tornitura Metodo d insegnamento 8

9 M09034P Scienza dei materiali e chimica per gestionali - Responsabile del modulo: Andrea Castrovinci - Semestre: secondo - Tipo di modulo: Obbligatorio - Crediti ECTS: 3 - Lingua del modulo: Italiano Contenuti del modulo e volume di lavoro Corso No. Lezioni Esercitazioni Lavoro autonomo Basi di chimica C ,5 0,5 Basi di scienza dei materiali C ,5 0,5 TOTALE Obiettivi generali del modulo - Acquisire le conoscenze generali sulle caratteristiche e le reazioni delle principali famiglie di sostanze - Familiarizzarsi alle tecniche di laboratorio e alla metodica sperimentale - Acquisire le conoscenze generali delle strutture e delle proprietà dei metalli - Conoscere i metodi che permettono una modifica della microstruttura - Acquisire le conoscenze generali delle strutture e delle proprietà fisico-meccaniche delle leghe metalliche e le loro applicazioni - Sensibilizzare sulle peculiarità dei polimeri rispetto ai materiali tradizionali Prerequisiti per l iscrizione - Conoscenze corrispondenti ai requisiti di sufficienza previsti dalla maturità professionale tecnica In Chimica e Matematica Metodo di valutazione - Verifiche scritte per ogni corso - Valutazione attività del laboratorio/esercitazioni - Esame scritto e/o orale Basi di chimica C07007 Basi di scienza dei materiali C Atomi, ioni, molecole. - Interazioni tra atomi, ioni e molecole: legami chimici - Reazioni chimiche (ossido-riduzioni) - Stati di aggregazione della materia; gas, liquidi e solidi transizioni di fase - Introduzione alla Chimica organica: Chimica del Carbonio - La Chimica degli adesivi - La Chimica dei lubrificanti - La Chimica dei materiali - La Chimica dei trattamenti delle acque Metodo d insegnamento - Struttura cristallina dei metalli e delle leghe - Difetti puntiformi, lineari e di superficie - Diffusione, prima legge di Fick - Leghe: generalità - Sistemi binari con eutettico - Diagramma Fe-C - Leghe mettaliche Caratteristiche produttive, fisico-meccaniche delle leghe Acciai inossidabili (ferritici e austenitici) Superleghe di nichel e cobalto Leghe di alluminio Leghe al titanio Leghe di rame - Generalità sui polimeri Metodo d insegnamento 9

10 Regolamento per il bachelor (laurea di primo livello) Campo d applicazione Art Questo regolamento si applica a tutti i Bachelor (laurea di primo livello) conferiti presso i Dipartimenti della Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana (SUPSI). 1.2 In difetto di regolamenti propri delle Scuole affiliate, analoghi principi si applicano ai Bachelor conferiti dalle Scuole affiliate alla SUPSI e agli altri titoli o certificati di studio rilasciati dalla SUPSI. 1.3 Ogni Dipartimento della SUPSI emana direttive di applicazione del presente regolamento a titolo di complemento del regolamento stesso. Tali direttive di applicazione hanno quale scopo quello di definire condizioni proprie dei corsi di laurea da esso gestiti. 1.4 Le direttive dipartimentali sono approvate dalla Direzione della SUPSI. 1.5 Il genere maschile è usato per designare persone, denominazioni professionali e funzioni indipendentemente dal sesso. Piani di studio Art Il piano di studio allestito dal Dipartimento illustra obiettivi e modalità didattiche di ciascun corso di laurea che porta a conseguire un determinato titolo e dei suoi moduli. 2.2 Le prestazioni dello studente sono espresse, per ogni modulo certificato, in crediti di studio, secondo le regole generalmente valide nell European Credit Transfer System (ECTS). 2.3 Il Bachelor è conferito a certificazione avvenuta dei moduli prescritti dal piano di studio e corrispondenti a 180 crediti. I piani di studio e la sua applicazione possono essere modificati, fatti salvi i diritti acquisiti dallo studente. 2.4 Crediti conseguiti in altri corsi di laurea o in altre scuole sono riconosciuti nella misura in cui certificano il raggiungimento di obiettivi di formazione del corso di laurea scelto. Durata Art I 180 crediti per ottenere il Bachelor possono essere conseguiti durante 6 semestri al minimo (8 semestri per lo studio organizzato parallelamente all esercizio di un attività professionale e per lo studio organizzato secondo il modello Flexibility). 3.2 La durata minima può essere ridotta a dipendenza di crediti conseguiti prima dell iscrizione al corso di laurea e riconosciuti. 3.3 Lo studente è escluso dal corso di laurea quando non consegue tutti i crediti necessari entro 10 semestri (12 semestri per lo studio organizzato parallelamente all esercizio di un attività professionale o secondo il modello Flexibility). Le direttive di applicazione dipartimentali possono in aggiunta prescrivere l esclusione dello studente che non consegue un numero minimo di crediti entro determinate tappe semestrali o in relazione ai motivi che hanno condotto alla valutazione insufficiente di un modulo, oppure prescrivere ulteriori condizioni particolari. 3.4 Sono esclusi dal computo i semestri di congedo autorizzato. Valutazione Art Ogni modulo comporta una valutazione dello studente mediante prove di certificazione. 4.2 Il credito è certificato se la valutazione è almeno sufficiente. In caso contrario nessun credito è certificato. 4.3 Se il piano di studio lo prevede, la valutazione di parti di un modulo può essere considerata ai fini di certificazioni successive. 4.4 La valutazione sufficiente è espressa: a) quando possibile con la scala relativa, secondo il rango su 100 studenti che conseguono il credito: A dal 1 al 10 ; B dall 11 al 35 ; C dal 36 al 65 ; D dal 66 all 90 ; E dal 91 al 100. b) negli altri casi, con la nota da 4 a 6, di cui il 6 rappresenta la nota massima e il 4 la sufficienza; c) col solo giudizio: certificato. 4.5 Nel certificare un modulo ai fini del ECTS le note sono trasposte possibilmente nella scala relativa. 4.6 Se il modulo è certificato, non è possibile ripetere le prove per migliorare la valutazione. 4.7 La valutazione insufficiente è espressa con: a) FX credito conseguibile con un lavoro o una prova di certificazione supplementari; b) F credito conseguibile ripetendo la prova di certificazione o il modulo; c) col solo giudizio: non certificato. Prove di certificazione Art Le certificazioni avvengono durante il semestre nel quale il modulo si svolge o in una sessione di prove successiva. 5.2 Lo studente iscritto al modulo lo è di regola anche alle relative prove di certificazione. Eventuali prescrizioni particolari al riguardo sono espresse nelle direttive di applicazione dipartimentali. 5.3 L abbandono ingiustificato di un modulo o l assenza ingiustificata alle prove comportano una valutazione insufficiente (F). 5.4 L assenza alle prove va giustificata in forma scritta appena noto il motivo; se la giustificazione è accettata la prova viene svolta in una sessione successiva. Ripetizioni Art Lo studente può ripetere la certificazione di un modulo al massimo due volte, iscrivendosi a sessioni successive, secondo le modalità e condizioni fissate dal piano di studio e dalle direttive di applicazione dipartimentali. Esaurite tali possibilità lo studente è escluso dalla formazione. 6.2 La tesi di Bachelor può essere ripetuta una sola volta; la seconda valutazione insufficiente comporta il non ottenimento definitivo del titolo di studio. 6.3 Se le prestazioni dello studente lo giustificano, la Direzione del Dipartimento può concedere la sostituzione di crediti mancanti con altri dell offerta formativa; questa possibilità è esclusa per la tesi di Bachelor. Prerequisiti Art. 7 Il piano di studio può prescrivere che l accesso a taluni moduli sia subordinato alla certificazione di altri, eventualmente precisando se l accesso è possibile con una valutazione FX, fatto salvo il recupero del credito. 10

11 Cambio di ciclo Art. 8 L iscrizione a un diverso corso di laurea o indirizzo di studi va chiesta in forma scritta dopo avere preso atto dei crediti riconosciuti e di quelli mancanti per poterlo concludere. Sanzioni disciplinari Art. 9 Comportamenti scorretti possono comportare, secondo la gravità, l allontanamento da moduli o prove, la revoca di crediti, la sospensione, l esclusione dalla SUPSI e la revoca di titoli di studio. Competenze Art La certificazione compete al o ai docenti responsabili del modulo Ogni altra applicazione di questo regolamento compete all organo designato dal Dipartimento. In difetto di specifica designazione (delegato o commissione per gli esami, ecc.), la competenza è del direttore del Dipartimento. Contenzioso Art Contro le decisioni di docenti è possibile il reclamo al Dipartimento Contro le decisioni del Dipartimento di natura disciplinare, o che comportano la mancata certificazione di un credito non rimediabile entro breve termine, o che comportano un pregiudizio irrimediabile, è possibile il ricorso al direttore della SUPSI Contro decisioni del direttore della SUPSI che comportano pregiudizio irrimediabile è possibile il ricorso alla Commissione indipendente USI-SUPSI Reclami e ricorsi sono da presentare entro 15 giorni dalla notifica della decisione I ricorsi vanno presentati in forma scritta, e succintamente motivati. Entrata in vigore Art Questo regolamento entra in vigore dal semestre autunnale 2008 e sostituisce il precedente del 10 settembre Per il titolo conferito valgono in ogni caso le disposizioni federali. Approvato al Consiglio della SUPSI il 28 agosto Il Presidente del Consiglio Alberto Cotti Il Direttore Franco Gervasoni 11

12 Ammissione A dipendenza del titolo di studio sono ammessi al primo semestre studenti secondo le seguenti modalità: Attestato federale di capacità (AFC) e Maturità professionale tecnica (MPT) Senza esame per gli studenti con una maturità professionale tecnica e con un attestato federale di capacità in una professione affine all indirizzo di studio scelto. Solamente con Attestato federale di capacità (AFC) Con il superamento dell esame integrativo per gli studenti con un attestato federale di capacità in una professione affine all indirizzo di studio scelto. Maturità liceale o Maturità professionale commerciale (MPC) Senza esame e con un anno di pratica professionale, riconosciuta dalla SUPSI, in una professione affine all indirizzo di studio scelto. In merito all indispensabile periodo di pratica professionale il DTI organizza un Anno di pratica assistita che è descritto in seguito. Scuola specializzata superiore tecnica (SSST) Senza esame per gli studenti con un titolo di tecnico SSST in un settore affine all indirizzo di studio scelto. Diplomi italiani Sono riconosciuti i diplomi di maturità di istituti tecnici equivalente alla Maturità professionale tecnica (MPT). Ammissioni su dossier Possono essere ammessi candidati di età superiore ai 25 anni sprovvisti dei titoli indicati sopra, ma ritenuti dalla Direzione portatori di una formazione e di un esperienza significative. Iscrizioni Termini Si richiede l iscrizione definitiva entro il 31 luglio. Dopo il 31 luglio potranno essere accettate iscrizioni solo se vi sono posti disponibili. Chi è tenuto a svolgere l esame integrativo deve inoltrare la sua iscrizione entro il 31 marzo. Corsi preparatori Anno di pratica assistita per studenti in possesso di una maturità liceale. Per l ammissione di studenti che hanno conseguito la maturità liceale, la legge federale sulle scuole universitarie professionali prevede obbligatoriamente un periodo preliminare di pratica professionale, della durata di un anno. Il DTI, in collaborazione con la Divisione della formazione professionale del Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport (DECS), organizza un anno di pratica assistita che garantisce l ammissione ai corsi di laurea in Informatica a tempo pieno ed a tempo parziale. Questo periodo di pratica, si svolge parzialmente a scuola e parzialmente presso uno studio di progettazione. Ulteriori informazioni possono essere richieste alla segreteria del DTI. Corso preparatorio professionale Per tutti gli studenti che non sono in possesso di un adeguata competenza di matematica, il DTI organizza un corso preparatorio professionale che si svolge prima dell inizio dell anno universitario. Per l ammissione al terzo semestre esistono le seguenti condizioni particolari per studenti provenienti da: Politecnici federali Sono ammessi studenti che hanno seguito gli studi in una formazione affine e superato il primo esame propedeutico di un politecnico federale e che hanno svolto almeno un anno di pratica professionale, riconosciuta dalla SUPSI, in una professione affine all indirizzo scelto. 12

13 Regolamento DTI per l iscrizione ai moduli e l attribuzione dei crediti ECTS 1. Introduzione Questo regolamento si basa sui documenti seguenti: - Regolamento per il bachelor, direzione SUPSI, 10 settembre 2004 (www.dti.supsi.ch-> Formazione -> Regolamenti -> Regolamento degli studi) - La conception de filière d étude échelonnées: best practice et recommandations de la CSHES, Conferenza Svizzera delle SUP, luglio 2004 (www.kfh.ch - > Bologna) 2. Certificazione dei moduli 2.1 Sessioni di certificazione Il DTI organizza due tipi di sessioni di certificazione: - Sessioni di certificazione regolari dove vengono svolte le prove di certificazione previste nei moduli, - Sessioni di certificazione integrative o di recupero dov è possibile integrare ulteriori valutazioni non conseguite precedentemente o necessarie per valutare compiutamente le conoscenze e competenze acquisite in un determinato modulo. Di conseguenza le prove necessarie alla certificazione di un modulo possono essere differenti fra la sessione regolare e quella integrativa o di recupero. Le date delle prove di certificazione sono pubblicate sul sito Se la certificazione non viene ottenuta nelle sessioni regolari o di recupero previste durante un anno universitario, lo studente che ne ha diritto, viene automaticamente iscritto al modulo l anno successivo. Eventuali deroghe sono possibili nell ambito della procedura di approvazione del piano di studio personalizzato da parte del Delegato al corso di laurea. 3. Valutazioni 3.1 Metodo di valutazione Il metodo di valutazione di ogni modulo è dichiarato nei Piani di Studio. La responsabilità del metodo di valutazione dei moduli è attribuita al Responsabile di modulo. Di regola la valutazione avviene sulla base di prove in itinere durante i semestri e di prove di certificazione durante i periodi previsti. Le prove in itinere possono comprendere: test scritti, interrogazioni orali, seminari, consegna di ricerche, partecipazione attiva alle lezioni, ecc. Le prove di certificazione possono comprendere: esami orali, esami scritti, presentazione di progetti, presentazione di ricerche, ecc. Quando la valutazione dei moduli contiene valutazioni di attività di laboratorio o di esercitazioni, per queste attività sono possibili due modalità: - Il laboratorio o l esercitazione viene valutato solo con conseguito/non conseguito. In caso di ripetizione, lo studente non deve ripetere il laboratorio o le esercitazioni se già conseguite. - Il laboratorio o l esercitazione viene valutato con un voto in una scala numerica e serve a stabilire il livello della valutazione globale del modulo. In questo caso, se lo studente deve ripetere o completare solo una parte della certificazione (valutazione FX) la precedente valutazione può essere considerata. Se invece lo studente ha ricevuto una valutazione F anche l attività di laboratorio dovrà essere ripetuta. Nei Piani di Studio viene specificata quale delle due modalità di valutazione è in vigore. 3.2 Valutazioni sufficienti La valutazione dei moduli è espressa di regola mediante una scala relativa, da un massimo di A a un minimo di E secondo l articolo 4.4 capoverso a del Regolamento SUPSI per il bachelor. La scala dei risultati viene allestita ipotizzando un gruppo di circa 100 studenti. Dato che gli studenti nei corsi di laurea del DTI non raggiungono queste cifre contemporaneamente, si deve lavorare su una base pluriennale di studenti che hanno seguito il medesimo modulo. Le valutazioni parziali durante i semestri (test scritti, interrogazioni, ecc.) o durante le prove di certificazione (esami scritti, esami orali, progetti, ecc.) sono attribuite secondo la scala numerica tradizionale. Al momento di esprimere la valutazione del modulo il responsabile deve obbligatoriamente, d intesa con tutti i docenti coinvolti, attribuire la valutazione secondo la scala ECTS. 3.3 Valutazioni insufficienti In generale: La valutazione insufficiente è espressa con: FX se il credito è conseguibile con un lavoro o una F prova di certificazione supplementare se il credito è conseguibile ripetendo il modulo e le prove di certificazione oppure le sole prove di certificazione. Eccezionalmente; con il solo giudizio: non certificato (Regolamento per il bachelor, art. 4.7). Le valutazioni FX si differenziano quindi per la tipologia del lavoro che lo studente deve svolgere per ottenere la certificazione. In funzione delle modalità di valutazione, per alcuni moduli è possibile limitarsi alla sola valutazione F. E possibile considerare in modo differenziato il lavoro durante il semestre per gli studenti che ripetono il modulo. 13

14 3.3.1 Insufficienza FX Il responsabile di modulo deve accompagnare la valutazione FX con un indicazione che descrive gli obiettivi da raggiungere per ottenere la certificazione Insufficienza F L insufficienza F implica di regola una nuova iscrizione al modulo e la sua ripetizione. Il responsabile di modulo può decidere di concedere la ripetizione della certificazione anche durante una sessione di certificazione integrativa. Se lo studente ha diritto alla ripetizione del modulo, alla valutazione F deve sempre essere allegata la richiesta di modalità di ripetizione (Esempio: Può presentarsi durante la sessione di ricupero, dispensa dalla frequenza, ) Iscrizione alla prova di certificazione integrativa Nel caso di valutazione FX, l iscrizione alla prova di certificazione integrativa dei moduli a cui lo studente è iscritto è automatica. Nel caso di valutazione F lo studente che è stato autorizzato a iscriversi durante una prova integrativa deve fare richiesta d iscrizione in forma scritta Valutazioni ammesse durante le prove integrative La valutazione FX alle prove integrative non è ammessa (anche nel caso in cui lo studente è stato ammesso alla prova con F). 4. Frequenza La frequenza a tutte le attività didattiche previste nei moduli è di regola obbligatoria. Un docente di un corso può, d intesa con il responsabile di modulo, rendere facoltativa la presenza a una o più componenti del corso. In tal caso il docente comunica allo studente all inizio del corso la modalità di frequenza. I docenti sono responsabili della registrazione delle assenze. In caso di assenze non giustificate superiori al 20% delle ore previste in una componente di corso, il responsabile di modulo può decidere, d intesa con i docenti interessati, di assegnare una valutazione insufficiente F (Regolamento per il bachelor, art. 5.4, abbandono ingiustificato del modulo). Questa valutazione implica la completa ripetizione del modulo (frequenza + certificazioni). 5. Prerequisiti per l iscrizione ai moduli I prerequisiti per l iscrizione ai moduli sono specificati nel Piano di Studio. Nel caso di avanzamento regolare nel piano di studio, l iscrizione ai moduli avviene automaticamente. Per iscriversi ai moduli previsti nel piano di studio a partire dal terzo semestre lo studente deve aver conseguito almeno 39 su 54 ECTS per i corsi di laurea a tempo pieno, rispettivamente 24 su 36 ECTS per i corsi paralleli alla professione, nei moduli del primo anno, esclusi gli ECTS assegnati nei moduli di lingue. Ulteriori prerequisiti per il quarto semestre sono specificati nel Piano di Studio. Ai corsi di lingue del secondo anno, lo studente può iscriversi, compatibilmente all orario, anche se non raggiunge il numero minimo di ECTS citato. All inizio del semestre, in caso di difetto di crediti per rapporto all avanzamento regolare, lo studente viene iscritto ai moduli secondo un piano personalizzato. Di regola la priorità deve essere data ai moduli da ripetere. Il piano deve essere sottoscritto dallo studente e approvato dal Delegato del corso di laurea. 6. Annullamento delle iscrizioni L iscrizione a un modulo può essere annullata entro la fine della quarta settimana dall inizio dell erogazione del modulo. Lo studente deve presentare la richiesta di annullamento al segretariato del Dipartimento in forma scritta. L iscrizione a una prova integrativa di certificazione può essere annullata entro il giovedì della settimana antecedente quella d inizio delle prove di certificazione. Lo studente deve presentare la richiesta di annullamento al segretariato del Dipartimento in forma scritta. In casi motivati la Direzione del dipartimento può annullare le iscrizioni anche senza rispettare i termini previsti nei paragrafi precedenti. 7. Validità Il regolamento DTI per l attribuzione dei crediti ECTS è valido per gli studenti ammessi la prima volta al corso di laurea nel settembre Il Direttore della SUPSI Franco Gervasoni Luglio 2008 Il Direttore del Dipartimento Tecnologie Innovative Giambattista Ravano Luglio

15 Informazioni Calendario accademico Iscrizioni Termine delle preiscrizioni: 30 giugno 2010 Termine delle iscrizioni definitive: 31 luglio 2010 Semestre autunnale Inizio: 20 settembre 2010 Fine dei corsi e certificazioni: tra il 31 gennaio e il 11 febbraio 2011 secondo il calendario del corso di laurea Sospensione dei corsi: 30 ottobre novembre 2010, vacanze autunnali 08 dicembre 2010, Immacolata 24 dicembre 2010 ore gennaio 2011, Natale Semestre primaverile Inizio: 21 febbraio 2011 Fine dei corsi e certificazioni: tra il 20 giugno e il 2 luglio 2011 secondo il calendario del corso di laurea Sospensione dei corsi: 19 marzo 2011, San Giuseppe 22 aprile maggio 2011, Pasqua 02 giugno 2011, Ascensione 13 giugno 2011, Lunedì di Pentecoste Sessione di certificazioni estiva: Tra il 06 settembre e il 16 settembre 2011 secondo il calendario del corso di laurea In generale Corsi a blocco e seminari, di regola integrativi od opzionali, e prove di certificazione possono avere luogo all infuori dei corsi semestrali fino alla fine del mese di luglio e dall inizio del mese di settembre. Singole lezioni o interi corsi possono essere svolti in un dipartimento diverso da quello frequentato o anche in altre istituzioni di formazione superiore. La frequenza dei corsi, dei laboratori e alle altre attività didattiche è obbligatoria. Tasse di frequenza La tassa di frequenza è di CHF 1'600.- al semestre, anche se frequentato a tempo parziale o parallelo all attività professionale. La tassa è ridotta a CHF al semestre per gli studenti al beneficio dell Accordo intercantonale sul finanziamento delle scuole universitarie professionali (es.: studenti di nazionalità Svizzera; studenti con domicilio fiscale in Svizzera, nel Liechtenstein o a Campione d Italia). Può essere richiesta una tassa fino a CHF in caso di ripetizione della tesi di Bachelor. Il pagamento delle tasse deve avvenire all inizio di ogni semestre, entro i termini indicati, ed è condizione per ottenere e conservare l immatricolazione. Materiale scolastico Il costo per il materiale didattico (fotocopie, materiale d atelier o laboratorio) è di circa 150 CHF per semestre. Mensa / Caffetteria Presso la sede di Manno è possibile pranzare a mezzogiorno a prezzi vantaggiosi presso il ristorante Galleria 2. Biblioteca La SUPSI dispone di biblioteche tematiche, integrate nel sistema di automazione bibliotecaria NEBIS. Le biblioteche sono a disposizione degli studenti dal lunedì al venerdì. Personal Computer e Notebook In tutti corsi di laurea l utilizzo di un calcolatore è fondamentale. Nella sede del Dipartimento Tecnologie Innovative vengono messe a disposizione degli studenti un numero sufficiente di personal computer. Contatti internazionali Vedi Guida studenti Internet, Per tutta la durata degli studi gli studenti hanno libero accesso ad Internet e ricevono un indirizzo personale del formato Per l utilizzo di questi servizi devono essere rispettate il regolamento SUPSI per l utilizzo delle infrastrutture informatiche. Orari d apertura della sede Gli edifici del dipartimento sono aperti nei giorni feriali dalle 7:00 alle 19:00. Gli studenti ricevono una tessera d accesso che permette il libero accesso ai locali autorizzati al di fuori degli orari d apertura. Sport Vedi Guida studenti Assicurazione malattia e infortunio Vedi Guida studenti Studenti stranieri Gli studenti stranieri, non ancora domiciliati, devono compilare il formulario Permesso di dimora a scopo di studio in Svizzera. Lo studente che mantiene la residenza in Italia e vi rientra ogni giorno deve compilare soltanto il formulario dell Attestazione per residenti nella zona di frontiera. Questi formulari sono disponibili presso la segreteria del DTI e devono essere inviati al competente Ufficio regionale degli stranieri di Agno (Via Aeroporto). Borse di studio Per gli studenti domiciliati da almeno cinque anni nel Canton Ticino è possibile rivolgersi all Ufficio cantonale delle borse di studio, Residenza governativa, 6501 Bellinzona, tel. (091) /35. 15

16 Servizio militare Nei periodi estivi sono previsti esami e/o corsi. Si consiglia pertanto di svolgere la scuola reclute prima dell inizio del curricolo di studio in quanto, secondo le indicazioni del Dipartimento militare, non è possibile posticipare la scuola reclute fino al termine degli studi. Vitto e alloggio Vedi Guida studenti Localizzazione Vedi Guida studenti Come arrivare con i trasporti pubblici È possibile arrivare al Dipartimento Tecnologie Innovative utilizzando i trasporti pubblici: AutoPostale: Lugano Bioggio Lamone, fermata Manno Centro di calcolo ARL: Lugano Lamone Manno, fermata Manno Centro di Calcolo FLP: Lugano Ponte Tresa, fermata Bioggio Molinazzo Aziende di trasporto pubblico ARL: Autolinee Regionali Luganesi Autopostale: La Posta FLP: Ferrovia Lugano Ponte Tresa Per maggiori informazioni sui trasporti pubblici si consultino i seguenti indirizzi web: Ferrovie Federali Svizzere Servizio AutoPostale TPL, ARL Abbonamento Arcobaleno Come arrivare in auto Per arrivare al Dipartimento Tecnologie Innovative utilizzando l automobile seguire: 1. Autostrada A2 2. Uscita per Lugano Nord 3. Uscita per Varese, Ponte Tresa 4. Al semaforo, direzione Ponte Tresa 5. Dopo 200 metri a sinistra (Galleria 2) Parcheggi In tutte le sedi della SUPSI sono disponibili parcheggi a pagamento. I posti macchina sono limitati e concessi in priorità a gruppi in car sharing. Collaboratori del Dipartimento Tecnologie Innovative Vedi Guida studenti Indirizzi e informazioni Vedi Guida studenti Indirizzi utili SUPSI Direzione Le Gerre CH-6928 Manno tel. +41 (0) SUPSI Dipartimento Ambiente Costruzioni e Design Trevano Casella postale 105 CH-6952 Canobbio tel. +41 (0) SUPSI Dipartimento Formazione e Apprendimento Piazza San Francesco 19 CH-6600 Locarno tel. +41 (0) SUPSI Dipartimento Sanità Galleria 2 CH-6928 Manno tel. +41 (0) SUPSI Dipartimento Scienze Aziendali e Sociali Palazzo E CH-6928 Manno tel. +41 (0) SUPSI Dipartimento Tecnologie Innovative Galleria 2 CH-6928 Manno tel. +41 (0)

Offerta formativa 2010/11 Corso di laurea Ingegneria Gestionale. (curriculum Parallelo all Attività Professionale)

Offerta formativa 2010/11 Corso di laurea Ingegneria Gestionale. (curriculum Parallelo all Attività Professionale) Offerta formativa 2010/11 Corso di laurea Ingegneria Gestionale (curriculum Parallelo all Attività Professionale) Dipartimento Tecnologie Innovative, Ingegneria Elettronica (2010/2011), v 1.0, 12.2010

Dettagli

Introduzione e descrizione Bachelor

Introduzione e descrizione Bachelor Introduzione e descrizione Bachelor La Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana (SUPSI), come le altre SUP svizzere, svolge tre compiti strettamente legati tra loro: - la formazione triennale

Dettagli

Bachelor of Science in Ingegneria elettronica

Bachelor of Science in Ingegneria elettronica Bachelor of Science in Ingegneria elettronica Piano degli studi 2009/2010 Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana Corso di laurea Bachelor: introduzione La Scuola Universitaria Professionale

Dettagli

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Ingegneria civile

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Ingegneria civile Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design Corso di laurea in Ingegneria civile Dipartimento ambiente costruzioni e design Il Dipartimento ambiente

Dettagli

Bachelor of Arts in Architettura. Piano degli studi

Bachelor of Arts in Architettura. Piano degli studi 2010 2011 Bachelor of Arts in Architettura Piano degli studi Bachelor of Arts SUPSI in Architettura Piano degli studi 2010/2011 Direttive d'applicazione DACD del Regolamento per il Bachelor Art. 1 Iscrizioni

Dettagli

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Architettura

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Architettura Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design Corso di laurea in Architettura Dipartimento ambiente costruzioni e design Il Dipartimento ambiente

Dettagli

Bachelor of Arts in Architettura d interni. Piano degli studi

Bachelor of Arts in Architettura d interni. Piano degli studi 2010 2011 Bachelor of Arts in Architettura d interni Piano degli studi Bachelor of Arts SUPSI in Architettura d'interni Piano degli studi 2010/2011 Direttive d'applicazione DACD del Regolamento per il

Dettagli

Regolamento per il Master in Insegnamento della matematica per il livello secondario I

Regolamento per il Master in Insegnamento della matematica per il livello secondario I Regolamento per il Master in Insegnamento della matematica per il livello secondario I Proposto dal Dipartimento formazione e apprendimento (DFA) e dal Dipartimento tecnologie innovative (DTI) della SUPSI

Dettagli

Regolamento per il Master in Insegnamento per il livello secondario I

Regolamento per il Master in Insegnamento per il livello secondario I Regolamento per il Master in Insegnamento per il livello secondario I CAPITOLO 1: Disposizioni generali Articolo 1: Campo di applicazione 1. Il presente regolamento si applica alla formazione professionale

Dettagli

Regolamento per la procedura di ammissione e l immatricolazione al Master della SUPSI (Laurea di secondo livello)

Regolamento per la procedura di ammissione e l immatricolazione al Master della SUPSI (Laurea di secondo livello) Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Regolamento per la procedura di ammissione e l immatricolazione al Master della SUPSI (Laurea di secondo livello) Approvato dal Consiglio della

Dettagli

Regolamento per la procedura di ammissione e l immatricolazione al Bachelor della SUPSI (Laurea di primo livello)

Regolamento per la procedura di ammissione e l immatricolazione al Bachelor della SUPSI (Laurea di primo livello) Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Regolamento per la procedura di ammissione e l immatricolazione al Bachelor della SUPSI (Laurea di primo livello) Approvato dal Consiglio della

Dettagli

Bachelor of Science in Ingegneria elettronica

Bachelor of Science in Ingegneria elettronica Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Bachelor of Science in Ingegneria elettronica www.supsi.ch/dti Obiettivi e competenze Il corso di laurea in

Dettagli

Bachelor of Science in Ingegneria informatica

Bachelor of Science in Ingegneria informatica Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Bachelor of Science in Ingegneria informatica www.supsi.ch/dti Obiettivi e competenze La formazione apre le

Dettagli

Bachelor of Science in Ingegneria gestionale

Bachelor of Science in Ingegneria gestionale Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Bachelor of Science in Ingegneria gestionale www.supsi.ch/dti Obiettivi e competenze Il corso di laurea in

Dettagli

Bachelor of Science in Ingegneria meccanica

Bachelor of Science in Ingegneria meccanica Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative Bachelor of Science in Ingegneria meccanica www.supsi.ch/dti Obiettivi e competenze Il corso di laurea mira

Dettagli

Offerta formativa 2011/12

Offerta formativa 2011/12 Offerta formativa 2011/12 Codice Titolo ECTS M00001P Progetto semestrale 6 M00002 Progetto di diploma 14 M00002P Progetto di diploma 14 M00003P Progetto semestrale 6 M00005 Progetto semestrale 4 M00005P

Dettagli

Regolamento per le ammissioni e le immatricolazioni all'università della Svizzera italiana

Regolamento per le ammissioni e le immatricolazioni all'università della Svizzera italiana Regolamento per le ammissioni e le immatricolazioni all'università della Svizzera italiana (del aprile 000) IL CONSIGLIO DELL'UNIVERSITÀ DELLA SVIZZERA ITALIANA visti la Legge sull Università della Svizzera

Dettagli

Ordinanza del PF di Zurigo sull ammissione agli studi del PF di Zurigo

Ordinanza del PF di Zurigo sull ammissione agli studi del PF di Zurigo Ordinanza del PF di Zurigo sull ammissione agli studi del PF di Zurigo (Ordinanza sull ammissione al PF di Zurigo) 414.131.52 del 30 novembre 2010 (Stato 1 gennaio 2011) La direzione del PF di Zurigo (direzione),

Dettagli

Corso di laurea Bachelor: introduzione

Corso di laurea Bachelor: introduzione Corso di laurea Bachelor: introduzione La Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI), come le altre SUP svizzere, svolge tre compiti strettamente legati tra loro: - la formazione

Dettagli

Direttive relative alla procedura di ammissione e selezione al Master in Insegnamento nella scuola media

Direttive relative alla procedura di ammissione e selezione al Master in Insegnamento nella scuola media Direttive relative alla procedura di ammissione e selezione al Master in Insegnamento nella scuola media Scopo Il presente documento descrive in dettaglio la procedura di ammissione al Master in Insegnamento

Dettagli

Master of Advanced Studies in Diritto Economico e Business Crime

Master of Advanced Studies in Diritto Economico e Business Crime Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento scienze aziendali e sociali Centro competenze tributarie SUPSI Master of Advanced Studies in Diritto Economico e Business Crime 1

Dettagli

Master of Advanced Studies in Diritto Economico e Business Crime

Master of Advanced Studies in Diritto Economico e Business Crime Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale Master of Advanced Studies in Diritto Economico e Business Crime 1 Informazioni tecniche Ammissione

Dettagli

414.713.1 Convenzione tra Confederazione e Cantoni sullo sviluppo dei cicli di studio master delle scuole universitarie professionali

414.713.1 Convenzione tra Confederazione e Cantoni sullo sviluppo dei cicli di studio master delle scuole universitarie professionali Convenzione tra Confederazione e Cantoni sullo sviluppo dei cicli di studio master delle scuole universitarie professionali (Convenzione per i master alle SUP) del 24 agosto 2007 (Stato 1 ottobre 2007)

Dettagli

Regolamento Diploma di studi avanzati (DAS) SUPSI in insegnamento della matematica alla scuola media

Regolamento Diploma di studi avanzati (DAS) SUPSI in insegnamento della matematica alla scuola media Regolamento Diploma di studi avanzati (DAS) SUPSI in insegnamento della matematica alla scuola media Stato del documento: Approvato il 29 marzo 2010 dalla Direzione DFA Firmato il 13 aprile 2010 dal Direttore

Dettagli

Facoltà di scienze della comunicazione Regolamento degli studi

Facoltà di scienze della comunicazione Regolamento degli studi Facoltà di scienze della comunicazione Regolamento degli studi del 2 luglio 2008 Il presente Regolamento degli studi concerne gli studenti immatricolati a partire dall anno accademico 2008/2009. Il Consiglio

Dettagli

Bachelor of Arts in Insegnamento nella scuola elementare Bachelor of Arts in Insegnamento nella scuola dell infanzia

Bachelor of Arts in Insegnamento nella scuola elementare Bachelor of Arts in Insegnamento nella scuola dell infanzia Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento formazione e apprendimento Bachelor of Arts in Insegnamento nella scuola elementare Bachelor of Arts in Insegnamento nella scuola

Dettagli

Bachelor of Science in Economia aziendale

Bachelor of Science in Economia aziendale Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento economia aziendale, sanità e sociale Bachelor of Science in Economia aziendale www.supsi.ch/deass Obiettivi e competenze Il Bachelor

Dettagli

Regolamento degli studi liceali (del 25 giugno 2008)

Regolamento degli studi liceali (del 25 giugno 2008) Regolamento degli studi liceali (del 25 giugno 2008) 5.1.7.2 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO richiamati la Legge sulle scuole medie superiori del 26 maggio 1982 e il relativo Regolamento

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016 (Regolamento didattico 2014) Università degli Studi di Perugia Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2015-2016

Dettagli

UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA)

UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA) UNIVERSITA' DEGLI STUDI di MESSINA Dipartimento di Ingegneria Elettronica, Chimica e Ingegneria Industriale Contrada Di Dio, 98166 - Messina (ITALIA) DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA ELETTRONICA, CHIMICA E INGEGNERIA

Dettagli

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Architettura d interni

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Architettura d interni Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design Corso di laurea in Architettura d interni Dipartimento ambiente costruzioni e design Il Dipartimento

Dettagli

Bollettino ufficiale delle leggi e degli atti esecutivi

Bollettino ufficiale delle leggi e degli atti esecutivi Repubblica e Cantone 340 Ticino Estratto Bollettino ufficiale delle leggi e degli atti esecutivi Volume 134 Bellinzona, 27 giugno 34/2008 Regolamento degli studi liceali (del 25 giugno 2008) IL CONSIGLIO

Dettagli

Maturità professionale

Maturità professionale situazione gennaio 2010 telefono fax e-mail internet Repubblica e Cantone Ticino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della formazione professionale via Vergiò 18 cp 367

Dettagli

Maturità professionale

Maturità professionale situazione gennaio 2008 telefono fax e-mail internet Repubblica e CantoneTicino Dipartimento dell educazione, della cultura e dello sport Divisione della formazione professionale viavergiò 18 cp 367 6932

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica

Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Regolamento Didattico del Corso di Laurea in Informatica Titolo I - Istituzione ed attivazione Art. 1 - Informazioni generali 1. Il presente Regolamento didattico si riferisce al Corso di Laurea in Informatica,

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011)

Corso di Laurea in Informatica. Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013 (Regolamento didattico 2011) Università degli Studi di Perugia Facoltà di Scienze Matematiche Fisiche e Naturali Corso di Laurea in Informatica CLASSE L-31 (Lauree in Scienze e Tecnologie Informatiche) Manifesto degli Studi A.A. 2012-2013

Dettagli

Regolamento delle Scuole medie di commercio e delle Scuole professionali commerciali (dell 11 settembre 2001)

Regolamento delle Scuole medie di commercio e delle Scuole professionali commerciali (dell 11 settembre 2001) Regolamento delle Scuole medie di commercio e delle Scuole professionali commerciali (dell 11 settembre 001) 5...5 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visti: - la Legge della scuola

Dettagli

IT Management and Governance

IT Management and Governance Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative IT Management and Governance Master of Advanced Studies IT Management Diploma of Advanced Studies www.supsi.ch/fc

Dettagli

5.2.2.5 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

5.2.2.5 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO Regolamento delle Scuole medie di commercio e delle Scuole professionali commerciali dell settembre 00 (ultima modifica: giugno 007; BU:.07.007)... IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA Università degli Studi di Bergamo Facoltà di INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Meccanica Classe di appartenenza: L-9 Ingegneria Industriale Mechanical Engineering REGOLAMENTO DIDATTICO (modificato

Dettagli

414.131.51 Ordinanza concernente l ammissione al Politecnico federale di Zurigo

414.131.51 Ordinanza concernente l ammissione al Politecnico federale di Zurigo Ordinanza concernente l ammissione al Politecnico federale di Zurigo (Ordinanza di ammissione al PFZ) del 24 marzo 1998 (Stato 12 settembre 2000) La Direzione del Politecnico federale di Zurigo, visti

Dettagli

Ordinanza del DDPS sulla Scuola Universitaria Federale dello sport di Macolin (Ordinanza SUFSM, O-SUFSM)

Ordinanza del DDPS sulla Scuola Universitaria Federale dello sport di Macolin (Ordinanza SUFSM, O-SUFSM) 45.75 Ordinanza del DDPS sulla Scuola Universitaria Federale dello sport di Macolin (Ordinanza SUFSM, O-SUFSM) Capitolo : compiti e rapporto di lavoro dei membri della SUFSM 4 Art. Compiti del rettore...

Dettagli

Requisiti Numero di posti di formazione Tassa Domande d iscrizione Termine d iscrizione

Requisiti Numero di posti di formazione Tassa Domande d iscrizione Termine d iscrizione 1 Foglio ufficiale 6/2013 Venerdì 18 gennaio 407 basi legali. L ammissione definitiva ai curricoli HES-SO è comunque subordinata all esito dell esame di graduatoria e di altre condizioni di ammissione

Dettagli

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Conservazione e restauro

Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design. Corso di laurea in Conservazione e restauro Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento ambiente costruzioni e design Corso di laurea in Conservazione e restauro Dipartimento ambiente costruzioni e design Il Dipartimento

Dettagli

Ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base

Ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base Ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base Impiegata di commercio/impiegato di commercio con attestato federale di capacità (AFC) del 26 settembre 2011 (Stato 1 gennaio 2015) 68500 Formazione

Dettagli

414.134.2 Ordinanza della direzione del PFL sulla formazione continua e sulla formazione approfondita al Politecnico federale di Losanna

414.134.2 Ordinanza della direzione del PFL sulla formazione continua e sulla formazione approfondita al Politecnico federale di Losanna Ordinanza della direzione del PFL sulla formazione continua e sulla formazione approfondita al Politecnico federale di Losanna (Ordinanza sulla formazione continua al PFL) del 27 giugno 2005 (Stato 30

Dettagli

BACHELOR OF SCIENCE DEGREE IN PHYSIOTHERAPY SINTESI REGOLAMENTO FISIOTERAPIA parte Didattica

BACHELOR OF SCIENCE DEGREE IN PHYSIOTHERAPY SINTESI REGOLAMENTO FISIOTERAPIA parte Didattica Campus Accreditato L.U.de.S., Lugano (Svizzera) Facoltà di Scienze Mediche BACHELOR OF SCIENCE DEGREE IN PHYSIOTHERAPY SINTESI REGOLAMENTO FISIOTERAPIA parte Didattica Premessa pto.01 La conoscenza e il

Dettagli

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA

CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Università degli Studi di Cagliari Regolamento Didattico del Corso di Studi in Ingegneria Elettrica, A.A. 2007/08 CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA ELETTRICA Art. 1. Articolazione del Corso di Laurea in Ingegneria

Dettagli

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA

Università degli Studi di Bergamo. Facoltà di INGEGNERIA Università degli Studi di Bergamo Facoltà di INGEGNERIA Corso di Laurea in Ingegneria Gestionale Classe di appartenenza: L-9 Ingegneria Industriale Management Engineering REGOLAMENTO DIDATTICO (modificato

Dettagli

Ordinanza sulla verifica degli studi che portano al bachelor e al master presso il Politecnico federale di Losanna

Ordinanza sulla verifica degli studi che portano al bachelor e al master presso il Politecnico federale di Losanna Ordinanza sulla verifica degli studi che portano al bachelor e al master presso il Politecnico federale di Losanna (Ordinanza sulla verifica degli studi al PFL) del 30 giugno 2015 La Direzione del Politecnico

Dettagli

Corso di Laurea in Informatica

Corso di Laurea in Informatica Università degli Studi di Parma Dipartimento di Matematica e Informatica Corso di Laurea in Informatica Laurea di primo livello Classe L-31 Scienze e Tecnologie Informatiche (studenti immatricolati negli

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio

Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio Regolamento Didattico del Corso di Laurea Magistrale In Ingegneria Informatica Facoltà di Ingegneria Università degli Studi del Sannio ART. 1 Definizioni 1. Ai sensi del presente Regolamento s intende:

Dettagli

Regolamento della Scuola superiore di informatica di gestione (SSIG) (del 31 maggio 2011)

Regolamento della Scuola superiore di informatica di gestione (SSIG) (del 31 maggio 2011) Regolamento della Scuola superiore di informatica di gestione (SSIG) (del 31 maggio 2011) 5.3.2.2.1 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO richiamati: la Legge della scuola del 1 febbraio

Dettagli

Regolamento sulla Scuola superiore alberghiera e del turismo (SSAT) (del 14 dicembre 1999)

Regolamento sulla Scuola superiore alberghiera e del turismo (SSAT) (del 14 dicembre 1999) Regolamento sulla Scuola superiore alberghiera e del turismo (SSAT) (del 14 dicembre 1999) 5.3.2.3.1 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visti la Legge della scuola del 1 febbraio 1990;

Dettagli

Ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base

Ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base Ordinanza della SEFRI sulla formazione professionale di base con attestato federale di capacità (AFC) del 25 ottobre 2006 43906 Meccanica di macchine edili AFC/Meccanico di macchine edili AFC Baumaschinenmechanikerin

Dettagli

La Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione (CDPE),

La Conferenza svizzera dei direttori cantonali della pubblica educazione (CDPE), 4.2.2.5. Regolamento concernente il riconoscimento dei diplomi delle scuole universitarie in logopedia e dei diplomi delle scuole universitarie in terapia psicomotoria del 3 novembre 2000 La Conferenza

Dettagli

Corso di laurea Bachelor: introduzione

Corso di laurea Bachelor: introduzione Corso di laurea Bachelor: introduzione La Scuola Universitaria Professionale della Svizzera Italiana (SUPSI), come le altre SUP svizzere, svolge tre compiti strettamente legati tra loro: - la formazione

Dettagli

REGOLAMENTO DIDATTICO

REGOLAMENTO DIDATTICO ISTITUTO SUPERIORE DI STUDI MUSICALI P. MASCAGNI - LIVORNO REGOLAMENTO DIDATTICO Via G. Galilei, 40 57122 Livorno Tel. 0586 403724 Fax 0586 426089 www.istitutomascagni.it e-mail: segreteria @istitutomascagni.it

Dettagli

Corso di laurea Bachelor: introduzione

Corso di laurea Bachelor: introduzione Corso di laurea Bachelor: introduzione La Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI), come le altre SUP svizzere, svolge tre compiti strettamente legati tra loro: - la formazione

Dettagli

Profilo delle scuole universitarie d arti visive e di arti applicate (SUAAV)

Profilo delle scuole universitarie d arti visive e di arti applicate (SUAAV) 4.3.3.1.5. Profilo delle scuole universitarie d arti visive e di arti applicate (SUAAV) del 10 giugno 1999 1. Statuto Le scuole universitarie d arti visive 1 e d arti applicate (SUAAV) rientrano nella

Dettagli

Regolamento Didattico del Corso di Studio in. INGEGNERIA INFORMATICA Sede di Como. Corso di Laurea (L)

Regolamento Didattico del Corso di Studio in. INGEGNERIA INFORMATICA Sede di Como. Corso di Laurea (L) POLITECNICO DI MILANO Facoltà di Ingegneria dell'informazione V Facoltà di Ingegneria ANNO ACCADEMICO 2003/2004 Regolamento Didattico del Corso di Studio in INGEGNERIA INFORMATICA Sede di Como Corso di

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Impiegata del commercio al dettaglio/ Impiegato del commercio al dettaglio con attestato federale di capacità (AFC) 1 dell 8 dicembre 2004 (stato

Dettagli

Scheda informativa sui titoli e diplomi della Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana

Scheda informativa sui titoli e diplomi della Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Scheda informativa sui titoli e diplomi della Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Il presente documento è stato redatto e adattato in modo semplificato sulla base della Scheda informativa

Dettagli

del 25 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2013)

del 25 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio 2013) Ordinanza della SEFRI 1 sulla formazione professionale di base Meccanica di macchine agricole/meccanico di macchine agricole con attestato federale di capacità (AFC) del 25 ottobre 2006 (Stato 1 gennaio

Dettagli

Nell ambito dei vari corsi caratterizzanti l indirizzo saranno promosse attività di gruppo e seminariali.

Nell ambito dei vari corsi caratterizzanti l indirizzo saranno promosse attività di gruppo e seminariali. Indirizzi Laurea Magistrale in Matematica INDIRIZZO di LOGICA MATEMATICA L indirizzo logico si propone un duplice obiettivo: 1) la formazione di un laureato in grado di affrontare problemi di natura combinatoriale,

Dettagli

CONSERVATORIO JACOPO TOMADINI UDINE TRIENNIO SUPERIORE SPERIMENTALE DI I LIVELLO REGOLAMENTO DIDATTICO INTERNO

CONSERVATORIO JACOPO TOMADINI UDINE TRIENNIO SUPERIORE SPERIMENTALE DI I LIVELLO REGOLAMENTO DIDATTICO INTERNO CONSERVATORIO JACOPO TOMADINI UDINE TRIENNIO SUPERIORE SPERIMENTALE DI I LIVELLO REGOLAMENTO DIDATTICO INTERNO Sommario Premessa Requisiti di ammissione Ammissioni Debiti formativi Domande di ammissione

Dettagli

GUIDA BREVE DI FACOLTA - CORSI DI LAUREA IN FISICA A.A. 2003-2004

GUIDA BREVE DI FACOLTA - CORSI DI LAUREA IN FISICA A.A. 2003-2004 GUIDA BREVE DI FACOLTA - CORSI DI LAUREA IN FISICA A.A. 2003-2004 Nell A.A. 2003/2004 viene attivato presso la Facolta di Scienze il Corso di Laurea Triennale in Fisica, al quale è possibile l iscrizione

Dettagli

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015 Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015 Senato Accademico 21/07/2015 Comitato Esecutivo 23/07/2015 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA MAGISTRALE IN INGEGNERIA BIOMEDICA INDICE

Dettagli

d e c r e t a : I. Disposizioni generali

d e c r e t a : I. Disposizioni generali 5.1.8.4.4 Regolamento concernente il riconoscimento dei diplomi delle scuole universitarie per i docenti e le docenti del livello prescolastico e del livello elementare (del 10 giugno 1999) La Conferenza

Dettagli

Capitolo II Ammissione e promozione

Capitolo II Ammissione e promozione Regolamento sulla maturità professionale (del aprile 000) ultima modifica: cfr. Bollettino ufficiale 11/007/.0.007...1 IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO visti: - la Legge federale

Dettagli

Capitolo I Disposizioni generali

Capitolo I Disposizioni generali Regolamento interno della Scuola Specializzata Superiore di Arte Applicata - Design SSS Design visivo, indirizzo d'approfondimento Web design - Design SSS Design visivo, indirizzo d'approfondimento Computer

Dettagli

FACOLTÀ DI INGEGNERIA MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2012/2013 CONFORME AL D.M. 270

FACOLTÀ DI INGEGNERIA MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 2012/2013 CONFORME AL D.M. 270 4 FACOLTÀ DI INGEGNERIA MANIFESTO DEGLI STUDI A.A. 20/2013 CONFORME AL D.M. 270 Il Consiglio della Facoltà di Ingegneria, nella seduta del 31 maggio 20, ha approvato il seguente Manifesto annuale degli

Dettagli

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015

Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015. Senato Accademico 21/07/2015. Comitato Esecutivo 23/07/2015 Consiglio della Facoltà Dipartimentale di Ingegneria 20/07/2015 Senato Accademico 21/07/2015 Comitato Esecutivo 23/07/2015 REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI LAUREA IN INGEGNERIA INDUSTRIALE INDICE TITOLO

Dettagli

Specializzazioni in Pedagogia speciale e inclusiva

Specializzazioni in Pedagogia speciale e inclusiva Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento scienze aziendali e sociali Formazione continua Specializzazioni in Pedagogia speciale e inclusiva Ogni anno accademico la Formazione

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base

Ordinanza sulla formazione professionale di base Ordinanza sulla formazione professionale di base con certificato federale di formazione pratica (CFP) del 20 dicembre 2006 46317 CFP Automobil-Assistentin EBA/Automobil-Assistent EBA Assistante en maintenance

Dettagli

Capitolo secondo Funzionamento della Scuola

Capitolo secondo Funzionamento della Scuola 5.3.4.2.1 Regolamento sulla Scuola specializzata superiore alberghiera e sul turismo (del 22 gennaio 2014) IL CONSIGLIO DI STATO DELLA REPUBBLICA E CANTONE TICINO Richiamati: la legge della scuola del

Dettagli

Offerta formativa 2010/11 Corso di laurea Ingegneria Informatica. (curriculum Parallelo all Attività Professionale)

Offerta formativa 2010/11 Corso di laurea Ingegneria Informatica. (curriculum Parallelo all Attività Professionale) Offerta formativa 2010/11 Corso di laurea Ingegneria Informatica (curriculum Parallelo all Attività Professionale) Dipartimento Tecnologie Innovative, Ingegneria Elettronica (2010/2011), v 1.0, 12.2010

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Lattoniera/lattoniere con attestato federale di capacità (AFC) del 12 dicembre 2007 45404 Lattoniera AFC/Lattoniere AFC Spenglerin EFZ/Spengler

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base

Ordinanza sulla formazione professionale di base Ordinanza sulla formazione professionale di base Telematica/Telematico con attestato federale di capacità (AFC) del 20 dicembre 2006 47415 Telematica AFC/Telematico AFC Telematikerin EFZ/Telematiker EFZ

Dettagli

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA

Università degli Studi di Firenze. Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA Università degli Studi di Firenze Laurea Magistrale in INGEGNERIA INFORMATICA D.M. 22/10/2004, n. 270 Regolamento didattico - anno accademico 2014/2015 1 Premessa Denominazione del corso Denominazione

Dettagli

R E G O L A M E N T O D I D A T T I C O

R E G O L A M E N T O D I D A T T I C O R E G O L A M E N T O D I D A T T I C O Approvato con DDG 245 il 9 dicembre 2010 Con modifiche del CA approvate con DDG 315 il 26 ottobre 2012 - art. 25, art. 30 rev. 1.1 1 TITOLO PRIMO Norme comuni e

Dettagli

1 o SEMESTRE 2 o SEMESTRE 1 ottobre 2012 25 gennaio 2013 25 febbraio 2013 14 giugno 2013

1 o SEMESTRE 2 o SEMESTRE 1 ottobre 2012 25 gennaio 2013 25 febbraio 2013 14 giugno 2013 Università degli Studi dell Insubria Facoltà di Scienze MM.FF.NN. /Como Corso di laurea in Matematica, L-35 Scienze Matematiche Nome Inglese del Corso: Mathematics MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO

Dettagli

INFORMATICA COMPETENZE

INFORMATICA COMPETENZE INFORMATICA Docente: Sandra Frigiolini Finalità L insegnamento di INFORMATICA, nel secondo biennio, si propone di: potenziare l uso degli strumenti multimediali a supporto dello studio e della ricerca

Dettagli

IT Management and Governance

IT Management and Governance Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana Dipartimento tecnologie innovative IT Management and Governance Master of Advanced Studies Per un responsabile dei servizi IT è fondamentale disporre

Dettagli

Corso di preparazione all esame professionale Maestro/a conducente con attestato professionale federale

Corso di preparazione all esame professionale Maestro/a conducente con attestato professionale federale Repubblica e Cantone Ticino Divisione della formazione professionale Ufficio della formazione continua e dell innovazione Corso di preparazione all esame professionale Maestro/a conducente con attestato

Dettagli

Numero dei posti di formazione Tassa scolastica Serate informative Iscrizioni Inizio dei corsi Termine d iscrizione

Numero dei posti di formazione Tassa scolastica Serate informative Iscrizioni Inizio dei corsi Termine d iscrizione 1 Foglio ufficiale 10/2015 Venerdì 6 febbraio 1038 sica) organizzato dalla Scuola specializzata superiore medico-tecnica di Lugano, ottenendo la relativa certificazione. L iscrizione a tale corso deve

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA SVIZZERA

REGOLAMENTO DELLA SCUOLA SVIZZERA REGOLAMENTO DELLA SCUOLA SVIZZERA 1. Disposizioni generali 1.1 Principi e obiettivi della Scuola La Scuola Svizzera di Roma si prefigge l obiettivo di condurre gli allievi alla maturità personale in campo

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base

Ordinanza sulla formazione professionale di base Ordinanza sulla formazione professionale di base con attestato federale di capacità (AFC) del 20 dicembre 2006 47413 Installatrice elettricista AFC/Installatore elettricista AFC Elektroinstallateurin EFZ/Elektroinstallateur

Dettagli

del 30 novembre 1998 (Stato 21 dicembre 2004)

del 30 novembre 1998 (Stato 21 dicembre 2004) Ordinanza sulla maturità professionale 412.103.1 del 30 novembre 1998 (Stato 21 dicembre 2004) L Ufficio federale della formazione professionale e della tecnologia (Ufficio federale), visto l articolo

Dettagli

Regolamento degli Studi

Regolamento degli Studi Regolamento degli Studi del 9 dicembre 007 Il Consiglio di Facoltà, riunito in data 9 dicembre 007, vista la Legge sull Università della Svizzera italiana del ottobre 995, nonché lo Statuto dell Università

Dettagli

Finanziamento ECTS Manuale di contabilità e amministrazione

Finanziamento ECTS Manuale di contabilità e amministrazione Best Practice KFH Finanziamento ECTS Manuale di contabilità e amministrazione ad uso interno delle SUPSI La KFH ne ha preso conoscienza lo 9 dicembre 2010 Sommario Introduzione... 3 1. Terminologia...

Dettagli

Corso di laurea in Ingegneria gestionale

Corso di laurea in Ingegneria gestionale Corso di laurea Bachelor: introduzione La Scuola universitaria professionale della Svizzera italiana (SUPSI), come le altre SUP svizzere, svolge tre compiti strettamente legati tra loro: - la formazione

Dettagli

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base

Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Ordinanza dell UFFT sulla formazione professionale di base Assistente d ufficio con certificato federale di formazione pratica (CFP) dell 11 luglio 2007 (stato il 1 febbraio 2012) 68103 Assistente d ufficio

Dettagli

Facoltà di scienze della comunicazione Regolamento degli studi

Facoltà di scienze della comunicazione Regolamento degli studi Facoltà di scienze della comunicazione Regolamento degli studi Del gennaio 00 (aggiornato l 8 novembre 006) Il presente Regolamento degli studi concerne gli studenti immatricolati a partire dall'anno accademico

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A.

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. UNIVERSITA DEGLI STUDI DI CAGLIARI FACOLTA DI INGEGNERIA CORSO DI LAUREA SPECIALISTICA IN INGEGNERIA MECCANICA REGOLAMENTO DIDATTICO A.A. 2008/09 Art. 1. Articolazione del corso di laurea Specialistica

Dettagli

R E G O L A M E N T O D I D A T T I C O

R E G O L A M E N T O D I D A T T I C O MINISTERO DELL ISTRUZIONE, DELL UNIVERSITA E DELLA RICERCA Alta Formazione Artistica e Musicale Conservatorio Statale di Musica G. Verdi - T O R I N O - R E G O L A M E N T O D I D A T T I C O D.D.G. Miur/Afam

Dettagli

PARTE PRIMA TITOLO PRIMO NORME COMUNI E ORGANIZZATIVE CAPO I GENERALITÀ E DEFINIZIONI ART. 1. GENERALITÀ ART. 2. DEFINIZIONI

PARTE PRIMA TITOLO PRIMO NORME COMUNI E ORGANIZZATIVE CAPO I GENERALITÀ E DEFINIZIONI ART. 1. GENERALITÀ ART. 2. DEFINIZIONI REGOLAMENTO DIDATTICO GENERALE 1 PARTE PRIMA TITOLO PRIMO NORME COMUNI E ORGANIZZATIVE CAPO I GENERALITÀ E DEFINIZIONI ART. 1. GENERALITÀ ART. 2. DEFINIZIONI CAPO II STRUTTURE DIDATTICHE ART. 3. ORGANISMI

Dettagli

Ordinanza sulla formazione professionale di base

Ordinanza sulla formazione professionale di base Ordinanza sulla formazione professionale di base con attestato federale di capacità (AFC) del 20 dicembre 2006 64404 Disegnatrice-metalcostruttrice AFC/ Disegnatore-metalcostruttore AFC Metallbaukonstrukteurin

Dettagli