CONSOLIDAMENTO DELLE FONDAZIONI DI RILEVATI STRADALI E FERROVIARI. Giuseppe Modoni Università di Cassino

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "CONSOLIDAMENTO DELLE FONDAZIONI DI RILEVATI STRADALI E FERROVIARI. Giuseppe Modoni Università di Cassino"

Transcript

1 CONSOLIDAMENTO DELLE FONDAZIONI DI RILEVATI STRADALI E FERROVIARI Giuseppe Modoni Università di Cassino

2 Croce P., Modoni G. (2010). Consolidamento delle fondazioni di rilevati stradali e ferroviari, Rivista Italiana di Geotecnica, vol.4/2010, pp

3 CONSOLIDAMENTO DELLE FONDAZIONI DI RILEVATI STRADALI E FERROVIARI 1. INTRODUZIONE 2. TECNICHE DI CONSOLIDAMENTO 3. ANALISI E PROGETTAZIONE 4. MONITORAGGIO 5. CONCLUSIONI

4 TERRENI MOLTO COMPRIMIBILI E POCO RESISTENTI (Argille N.C. o poco O.C., Terreni Organici ) POSSIBILE INSTABILITÀ Terzaghi e Peck (1967) Halibarton et al. (1978)

5 TERRENI MOLTO COMPRIMIBILI E POCO RESISTENTI (Argille N.C. o poco O.C., Terreni Organici ) CEDIMENTI ELEVATI E PROTRATTI NEL TEMPO Approccio alle spalle di ponti e viadotti w (m) tempo (giorni) Ampliamento di rilevati esistenti

6 SOLUZIONI TECNICHE Controllo della consolidazione: precarico dreni verticali.. Controllo dei cedimenti : alleggerimento dei rilevati consolidamento dei terreni di fondazione rinforzo dei rilevati (stabilizzazione a calce, inserimento di geosintetici etc.) K v K h Rinforzo con elementi colonnari (Column Supported Embankments)

7 differente rigidezza PRINCIPIO DI FUNZIONAMENTO interazione colonna - terreno interazione rilevato palo - terreno

8 RINFORZO MEDIANTE INSERIMENTO DI ELEMENTI COLONNARI Pali battuti Pali in calcestruzzo Pali costruiti fuori opera I primi tipi caratteristici Pali in legno Palo Hennebique Palo Considère Pali in acciaio Palo Bignel Pali ad H Palo Zublin Pali tubolari I tipi moderni Altri tipi di pali in acciaio Palo Scac Pali offshore I piloti SCAC Piloti in più elementi Piloti lubrificati Pali cilindrici ad elementi Pali gettati in opera con tubo forma recuperabile Palo Simplex Palo Franki Pali Express Pali Vibro Pali VibroTrevi Pali gettati in opera con lamierino a perdere Palo Lacor Palo SIMPLEX Palo Trevicor Palo MULTITON PRESSATO Palo Multiton Palo SIMPLEX Battipalo Giovanni Grevembroch Palo LACOR.. (Freeman & Parsons, 1950) (XVIII secolo). Palo FRANKI resistenza e rigidezza molto elevate (armatura) resistenza e rigidezza molto elevate (armatura) controllo piuttosto accurato del prodotto controllo piuttosto accurato del prodotto forte addensamento dei terreni circostanti forte addensamento dei terreni circostanti

9 Pali trivellati ad elica continua resistenza resistenza e e rigidezza rigidezza elevate elevate (armatura) (armatura) discreto discreto controllo controllo del del prodotto prodotto trivellazione trivellazione e e getto getto contribuiscono contribuiscono ad ad addensare addensare il il terreno terreno circostante circostante

10 DADO IN TESTA (pile cap) (2-3)*d d Tangenziale di Forlì (2006) Lord Delaware bridge, Virginia - U.S.A.(Hoppe e Hite, 2006)

11 Pali battuti Pali ad elica continua (Han & Gabr, 2002) (Raithel et al. 2008)

12 Jet Grouting Monofluido: disgregazione e cementazione mediante boiacca di cemento. Bifluido: disgregazione e cementazione mediante aria e boiacca. Trifluido: disgregazione mediante acqua e aria + cementazione mediante boiacca.

13 Jet Grouting Caratteristiche Terreni Parametri di Trattamento Diametro Colonna Diametro colonna D (m) incremento dimensioni granelli incremento energia energia del getto E (MJ/m) Terreno Sistema Monofluido Diametro Colonna (m) Sistema Bifluido Sistema Trifluido Resistenza σ c (MPa) Rigidezza E (MPa) Ghiaia Sabbia ghiaiosa Sabbia limosa Limo sabbioso , Argille N.C. (c u <50ka)

14 Jet Grouting Variazione sistematica Variazione casuale D = 0.54*( c' +σ 'tan ϕ) * Js (Croce, Flora & Modoni, 2001) (Croce & Modoni, 2002)

15 Jet Grouting Evidenze sperimentali 0,5 0,4 resistenza resistenza e e rigidezza rigidezza mediamente mediamente elevate elevate controllo controllo del del prodotto prodotto non non eccellente eccellente buona interconnessione tra colonne e terreno 8,00 buona interconnessione tra funnel τ L /τ L WR colonne cylinder e terreno Bzòwka τ L = (2008) 1.35 *τ L WR *( *SF) 6,00 a s 0,08 0,06 τ L (Mpa) 0,3 0,2 0,1 0,0 FEM funnel shape FEM cylindrical Wright & Reese (1977) Bustamante (2002) N SPT a f = *SF Maertens 8 16 e Maekelberg (1999) 40 q c (MPa) Bzòwka SF (2008) Modoni & Bzòwka (2010) τl/τlwr 4,00 2,00 0,00 0,00 0,20 0,40 0,60 0,80 1,00 1,20 1,40 0,04 0,02 0,00 as

16 Deep Mixing dry mixing w nat > 20% wet mixing miscelazione meccanica con calce e/o cemento Φ = mm L max = 15 m resistenza resistenza e e rigidezza rigidezza mediamente mediamente elevate elevate controllo controllo del del prodotto prodotto discreto discreto limitato limitato disturbo disturbo al al terreno terreno

17 CARATTERISTICHE MECCANICHE DELLE COLONNE CONSOLIDATE frequency Vesuvius Polcevera Fadalto Porto Tolle σ c / σ c Case study Number of data σc (MPa) CV(σc) Vesuvius Polcevera Fadalto Porto Tolle Deep Mixing (Filz e Navin, 2006) Modulo di Rigidezza: Deep Mixing E=300*q u Jet Grouting (Croce e Modoni, 2001) Jet Grouting E=500*q u

18 JET GROUTING San Paolo del Brasile Φ =120 cm Interasse = 300 cm L= 9 m (Alzamora et al., 2000) DEEP MIXING Cina Meridionale Φ=500 mm Interasse = 1100 mm L= 20 m (Lin e Wong, 1999)

19 STONE COLUMNS Φ = mm L max = 25 m resistenza resistenza e e rigidezza rigidezza non non elevate elevate controllo controllo del del prodotto prodotto discreto discreto compattamento compattamento del del terreno terreno circostante circostante capacità capacità di di drenaggio drenaggio TOP FEED BOTTOM FEED

20 COLONNE DI GHIAIA/SABBIA RINFORZATE VIBRO CONCRETE COLUMNS (GEOTEXTILE ENCASED COLUMNS - GEC) (VCC) Effetti: Confinamento Filtro Effetti: Aumento della rigidezza Maggiori dimensioni alla base (bulbo) (Di Prisco et al. 2006) (Bell et al., 1994)

21 STONE COLUMNS Raju e Hoffmann (1996) Malesia Settendrionale Φ =100 cm L= 9 m GEOTEXTILE ENCASED COLUMNS VIBRO CONCRETE COLUMNS (Raithel et al. 2002) - Amburgo Φ =80 cm L= 8-14 m (Bell et al., 1994) - Gran Bretagna Φ =40 cm - L= 6 m

22 PROGETTAZIONE Dimensioni e Finalità del Rilevato Caratterizzazione Geotecnica Obiettivi: riduzione cedimenti, incremento stabilità Selezione delle Tecnologie Applicabili Efficienza nelle specifiche condizioni geotecniche Impatto Ambientale (vibrazioni, rumori, materiali di risulta ) Analisi Comparativa: Verifiche di Stabilità Calcolo dei Cedimenti Dimensionamento Soluzioni Alternative: Costi Tempi

23 METODI PER IL DIMENSIONAMENTO E LA VERIFICA Empirici (es. Rathmayer, 1975) Criteri di omogeneizzazione (es. Han & Ye, 2001; Balaam e Booker, 1981; Schweiger e Pande, 1986; Canetta e Nova, 1989) Metodi analitici (es. Priebe, 1988; Chen et al., 2007) Metodi numerici FEM-BEM (es. Poulos, 2007; Raithel e Kempfert, 2000; Plomteux e Spaulding, 2003) Altezza del rilevato (m) Ricoprimento dell area di fondazione (%) Rilevato di rockfill Rilevato di ghiaia Figura 10. >30 Abaco per il calcolo >40 dei cedimenti di rilevati di Cedimenti Analisi in un rilevato della consolidazione diversa Raccomandazioni rinforzato con pali con altezza per (a. un criterio il Abachi rinforzati dimensionamento per omogeneizzazione con il dimensionamento pali infissi ( 300 dei dei mm) rinforzi di con diversa sospesi; b. attestati) dadi (Chen da et porre al., (Han 2007.). in testa & lunghezza Ye, ed dei 2001) pali (Rathmayer, colonne interasse di ghiaia (da Poulos, 1975). (da Priebe, 2007). 1988). >70

24 ELEMENTI COLONNARI pali battuti pali ad elica continua (CFA) jet grouting deep mixing colonne di ghiaia-sabbia (stonesand columns) colonne rinforzate con geosintetici (geotextile encased columns - GEC).. Caratteristiche delle Colonne (dimensioni materiali): a) PALI Calcestruzzo e/o Acciaio Pali Battuti Pali ad Elica Continua (CFA) b) COLONNE CONSOLIDATE Terreno + Cemento/Calce (soilcrete) Jet Grouting Deep Mixing c) STONE COLUMNS Ghiaia e/o Sabbia Colonne di Ghiaia-Sabbia Colonne Rinforzate (con geosintetici)

25 UN ESEMPIO PROGETTUALE B H L S D = 0.60 m B (a) H S D D I/D Variabili I Proprietà delle colonne I (b)

26 UN ESEMPIO PROGETTUALE Schema assialsimmetrico Calcolo FEM (PLAXIS vers. 8.2) Hardening Soil Prove triassiali Prova edometrica q (kpa) p (%) σ' r = 100 kpa σ' r = 200 kpa σ' r = 400 kpa simulazioni FEM ε a (%) Modelli costitutivi εa (%) σ'a (kpa) prova 1 prova 2 simulazione FEM 3.00 ε a (%) γ sat (kn/m 3 ) 21 E ref 50 (kpa) 9796 γ unsat (kn/m 3 ) 16 E ref ed (kpa) 5578 c (kpa) E ref ur (kpa) φ ( ) 19 m 0.85 ψ ( ) 1 ν ur 0.3 K (m/s) p ref (kpa) 100

27 UN ESEMPIO PROGETTUALE Schema assialsimmetrico Calcolo FEM (PLAXIS) Modelli costitutivi Mohr - Coulomb Rilevato: MOHR COULOMB E=100 MPa ν = 0.2 γ nat = 19.5 kn/m 3 φ = 42 c = 0 ψ = 12

28 UN ESEMPIO PROGETTUALE Schema assialsimmetrico Calcolo FEM (PLAXIS) Modelli costitutivi Mohr - Coulomb Colonne A calcestruzzo B Terreno cementato C Ghiaia γ (kn/m 3 ) E (MPa) 1.5* * *10 2 ν c (kpa) 1.25* φ ( ) ψ ( ) K (m/s)

29 UN ESEMPIO PROGETTUALE Schema assialsimmetrico Calcolo FEM (PLAXIS) Kf / Kini Modelli costitutivi Interfaccia pali battuti colonne di ghiaia distanza dall'asse / raggio colonna Pali battuti - (Van Weele, 1988; Peiffer & Van Impe, 1993; Viggiani, 1993 Colonne di terreno cementato - (Modoni & Bzòwka, 2010) Colonne di ghiaia - Kirsch (2006)

30 UN ESEMPIO PROGETTUALE Rilevato Transizione I/2 I/2 Terreno Palo CLS Carico assiale colonna A = 100 FR Peso Rilevato Fattore di riduzione dei cedimenti = w o /w r D/2 D/2 10 H H L S = 30 m L,,,,,,,,,,,,,,,,,, 89, , , , , ,993 44, , , ,3343 w468, , , , , ,136 37, , ,6574 0, , , , ,112 44, , , , , , , , , ,349 38, , , ,0354 0, , , ,814 44, , ,2-504, , , ,3 0-1, , ,681 38,49 0, , ,0354 0, , , ,001 44,89 0, ,2-504, , , , , ,007 38, ,5 96, , , , , ,867 44, , , , , , , , ,439 39, ,5 96, , , , , ,892 49, , r w 0-1, , ,02 97,3961 0, , , , , , , , , , , ,706 49, , , , , , , , , ,581 38, , ,0993 0, , , , ,284 54,451 0, , , , , , , , ,288 37, , , , , , , ,222 54, , ,6-521, , , ,4 0-2, , ,336 37, , ,1485 0, , , , ,458 54, , o 0-1,6-521, ,482 98, ,4 0-2, , ,755 35, , , , , , , ,192 54,5132 0, , , , , , , , ,609 35, , , , , , , ,177 54, , , , , , , , , ,945 32, , , , , , , ,893 54, , , , , , , , , ,915 32, , , , , , , ,729 59, , , , , ,8343 0, , , , , , , , , , , ,667 59, , , , , ,5 0-3, , , , , , , , , , ,692 59, , , , , ,5 0-3, , , , , , , , , , ,442 59, , , , , , , , , , , , , , , , , ,257 63, , , , , , , , , , , , ,1497 0, , , , ,66 63, , , , , , , , , , , , ,2 98, , , , , ,018 63, , , , , , , , , , , , , , , , , ,627 63, , ,4-543, , ,6055 0,6 0-3, , , , , , , , , , ,146 67, , ,4-543, , , , , ,017 12, , , , , , ,118 67, , , , , ,135 0, , , , ,9726 0, , , , ,71 67,9938 0, , , , , , ,24-438, , , ,06 99, , , , , ,636 67, , , , , , , ,24-429, , ,5575 1,06 98, , , , , ,145 71, , , , , , , ,48-346, ,2044 7, , , , , , ,639 71, , ,8-545, , , ,7 0-4,48-344, ,5753 7, , , , , , ,128 72, , ,8-545, , , ,7 0-4,72-289, ,0552 5, , , , , , ,047 71, , ,40-2, , , , , , , , , ,822 72, , , , , , , , , , , ,362 72, , , , , , , , , , , ,845 75, , , , , , , , , , ,3 2316,038 75, , ,2-533, , , ,8 99 0, , , , ,045 78, , ,2-533, , , ,8 99 0, , , , ,857 78, , , , , , , , , , , ,287 78, , , , , , , , , , , ,116 78, , , , , , , , , , , ,853 81,1036 0, ,6 L 0(m) -3, , , , , , , , , ,432 81, , ,6-461, , , ,9 99 0, , , , ,379 81, , ,6-461, , ,6315 0,9 99 0, , , , ,741 81, , , , , , , , , , , ,763 81, , , , , ,4591 0, , , , , ,939 81, , , , , , , , , , ,56 83, ,2 0-3, , , , , , , , ,56 83, ,2 99 0, , , , ,099 85, , , , , , ,918 85, , ,8 99 0, , , , ,599 85,1051 0, , , , , ,932 85, , , , , , ,505 85, , , , , , ,359 85, , , , , , ,717 86, , , , , , ,831 86, , , , , , ,703 86,4451 0, , , , , ,066 86, , , , , , ,719 87, , , , , , ,184 87, , , , , , ,273 88, , , , , , ,445 88, , , , , , ,783 88, ,25698 z / L 99 0, , , , ,397 88, , , , , , ,296 88, , , , , , ,004 88,8347 0, , , , , ,081 89, , , , , , ,054 89, , , , , , ,996 89, , I/D = 2 - L = 25 m 99 0, , , , ,044 89,651 0, , , , , ,415 90, , , , , , ,373 90, , , , , , ,179 90, , , , , , ,226 90, , , , I/D -7,49168=-2972, ,412 - L 90,80397 = 25 0,299667m 99 0, , , , ,384 90, , , , , , ,951 90, , I/D = 2 I/D = 3 I/D = 5 A (%) H = 2.5 m H = 5.0 m H = 7.5 m I/D = 2 - L = 4 m I/D = 5 - L = 4 m

31 UN ESEMPIO PROGETTUALE Rilevato Transizione I/2 Terreno Colonna 100 D/2 FR 10 H L 1 \ L (m) colonna A B C I/D = 2 I/D = 3 I/D = 5

32 UN ESEMPIO PROGETTUALE Rilevato Terreno Transizione Colonna I/2 D/2 100 Carico assiale colonna A = Peso Rilevato H L FR 10 A (%) , , ,4-1295, ,268-41, ,35 0-1, , , , , , , , ,5-44, , , , ,6-1378, ,363-43, ,4 0-1, , , , , , , , ,393-44, , , , ,6-1378, ,358-43, ,4 0-1, , , , , , , , ,136-44, , , , ,8-1460, ,879-46, ,45 0-1, , , , , , , , ,432-44, , , , ,8-1461, ,383-46, ,45 0-1, , , , , , , , ,28-44, , , , , ,037-48, , , , , , , , , ,282-44, , , , , , , , , , ,49-98, , , , , ,276-49, , , , ,2-1635, ,217-51,5148 0,55 0-1, , , , , , , , ,091-49, , , , ,2-1635, ,146-51, ,55-2, , , , , , , , ,478-53, , ,766 0, ,4-1711, ,807-53, ,6-2, , , , , , , , ,156-53, , , , ,4-1711, ,698-53, ,6 0-2, , , , , , , , ,368-53, , , , ,6-1784, ,226-56, ,65 0-2, , , , , , , , ,072-53, , , , ,6-1784, ,227-56, ,65 0-2, , , , , , , , ,105-54, , , , ,8-1852, ,543-58, ,7 0-2, , , , , , , , ,044-54, , , , ,8-1852, ,443-58, ,7 0-2, , , , , , , , ,649-58, , , , , ,283-59, ,75 0-2, , , , , , , , ,553-58, , , , , ,295-59, ,75 0-3, , ,844-99, , , , , ,351-62, , , , ,2-1967, ,779-61, ,8 0-3, , , , , , , , ,663-62,6785 0, , , ,2-1967, ,762-61, ,8 0-3, , , , , , , , ,912-62, , , , ,4-2016, ,011-62, ,85 0,20-3, , , , , , , , ,707-62, , , ,3 0-3,4-2015, ,961-62, ,85 0-3, , , ,2328 0, , , , ,144-62, , ,6514 0,3 0-3,6-2074, ,565-64, ,9 0-3, , , , , , , , ,432-62, , , , ,6-2074, ,765-64, ,9 0-3, , , , , , , , ,598-67, , , , ,8-2115, ,103-65, ,95 0-3, , , , , , , , ,648-67, , ,4505 0, ,8-2129, ,15-66, ,95 0-3, , , , , , , , ,378-70, , , , , ,15-66, , , , ,9713 0, , , , ,283-70, , ,8774 0, , , , ,3639 1, , , , ,032-71, , , , , , , ,3767 1, , , , ,029-71, , ,975 0, , , , , , , , , ,665-71, , , ,9755 0, , , , , , , , , ,687-71, , , , , , , ,346 1, , , , ,583-74, ,953475,241-98, , , , , , , , , , ,727-74, , , ,4 0-4, , , , , , , , ,843-74, , , ,4 0-4, , , , , , , , ,385-74, ,956504,872-98, , , , , ,3061 1, , , , ,917-77, , , , , , , , , , , , ,135-77, , , , , , , , , , , , ,076-78, ,043312,673-98, , , , , , , , , , ,161-78, , , , ,60-5, , , , , , , , ,361-80, , , , , , , , , , , , ,239-80,3338 1, , , , , , ,406 1, , , , ,02-80, ,130098,302-98, , , , , , , , , , ,368-80, , , , , , , , , , , , ,228-80, , , , , , , , , , , , ,231-80, , , ,5 0-6, , , ,2899 1, , , , ,245-82, , ,693-98, ,5 0-6, , , ,2113 1, , , , ,242-82, , ,032-99, , , , , , , , , , ,251-84, , , , ,80-6, , , , , , , , ,09-84, , , , , , , , , , , , ,534-84,4836 1, , , , , , ,2161 1, , , , ,698-84, , , , , , , , , , , , ,782-85, , , , , , , , , , , , ,257-85, , , , , , , , , , , , ,192-86, , ,515-99, , , , , , , , , , ,101-85, , , , I/D=2 0-7, , , , , , , , ,457-85, , , , , , , , , , , , ,483-86, , , ,6 0-7, , , , , , , , ,386-87, , INCREMENTI , ,6 0-7, ,0378 DELLE 485, , , TENSIONI 0, , , ,354-87, , , , , , , , , , , , ,325-88, , , , , , , , , , , , ,759-88, , , , , , , , , , , , ,032-88, , , , I/D=3 z / L 0-7, , , , , , , , ,911-88, , , , , , , ,0826 2, , , , ,867-89, , , , , , , ,0397 2, , , , ,772-89, , , , EFFICACI -8, , , , , , , , ,114-89, , , , , , , , , , , , ,241-89, , , , I/D = 2 - L = 25 m 0-8, , , , ,15708 I/D = 0, , L -2905,163 = 42739,616 m-89, , , , , , , , , , , , ,638-89, , , , , , , , , , , , ,021-89, , ,3445 0, I/D=5 0-8, , , , , , , , ,017-89, , , , , , , , , , , , ,856-90, , , , I/D = 5 - L = 25 m 0-9, , , , , , , , ,81-90, , ,611-99, , , , , , , I/D = 0, , L -2960,223 = 42777,861 m-90, , ,3504 0, , , , , , , , ,896-90, , , , , , , , , , , , ,156-90, , , , , , , , , , , , ,977-90, , , , I/D=5 con 0-9,734513dado -729, , ,98163 (3D) 2, in 0, , testa -2981, ,542-90, , , , , , , , , , , , ,764-90, , , , I/D = 5 - L = 25 m con 0-9, , ,7324 in -98,96749 testa 2, , , , ,462-91,2946 1, , , , , , , , , , , ,087-91, , , , , , , , , , , , ,533-91, , L (m)

33 UN ESEMPIO PROGETTUALE Sezione di monitoraggio Altezza rilevati [m] 8 wmax (m) w(m). 01/01/2002 0,12 0,1 0,08 0,06 0,04 0,02 0 0,00 01/04/ AP AP3 asse inclinometro Lunghezza tempo colonne (gg) (m) FEM asse duna FEM asse unghia 30/06/ /09/ /12/ /03/ /06/2003 colonne A (I/D=3) B '' C '' 23/09/ /12/ /03/2004 unghia A (I/D=5) rilevato + DADO 19/06/ /09/ w (m) AP3 AP2 Inclinometro orizzontale Tubo inclinometrico orizzontale 0,05 0,10 terreno naturale colonne tipo C colonne tipo A

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II

Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI. Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II Sussidi didattici per il corso di PROGETTAZIONE, COSTRUZIONI E IMPIANTI Prof. Ing. Francesco Zanghì FONDAZIONI - II AGGIORNAMENTO 12/12/2014 Fondazioni dirette e indirette Le strutture di fondazione trasmettono

Dettagli

INDAGINI IN SITO CAPITOLO 12. 12.1 Programmazione delle indagini

INDAGINI IN SITO CAPITOLO 12. 12.1 Programmazione delle indagini CAPITOLO 12 12.1 Programmazione delle indagini Ogni opera di ingegneria civile interagisce con una parte del sottosuolo, detta volume significativo. Il comportamento dell opera dipende, oltre che dai carichi

Dettagli

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke)

MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) MODELLO ELASTICO (Legge di Hooke) σ= Eε E=modulo elastico molla applicazioni determinazione delle tensioni indotte nel terreno calcolo cedimenti MODELLO PLASTICO T N modello plastico perfetto T* non dipende

Dettagli

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni

Norme Tecniche per il Progetto Sismico di Opere di Fondazione e di Sostegno dei Terreni 1/58 ORDINE DEGLI INGEGNERI DELLA PROVINCIA DI BERGAMO Corso di aggiornamento professionale Dott. Ing. Giulio Pandini IX Corso Università degli Studi di Bergamo - Facoltà di Ingegneria Dalmine 21 novembre

Dettagli

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA

4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA 123 4 CAPITOLO 4. STRUTTURA ESISTENTE A TELAIO IN CA Il presente esempio è finalizzato a guidare il progettista alla compilazione del SI-ERC per un edificio con struttura a telaio in CA per il quale è

Dettagli

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE

OO.PP. Puglia 2008. Unità Misura. Prezzo DESCRIZIONE IG 01.001 IG 01.002 IG 01.003a Approntamento dell' attrezzatura di perforazione a rotazione compreso il carico e lo scarico e la revisione a fine lavori. Per ogni approntamento dellattrezzatura cad 667,35

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata

LEADER EUROPEO. Blocchi e Solai in Legno Cemento. Struttura antisismica testata e collaudata LEADER EUROPEO Blocchi e Solai in Legno Cemento Struttura antisismica testata e collaudata Come da Linee Guida del Ministero LLPP Luglio 2011 TERREMOTO IN EMILIA 2012 Asilo a Ganaceto (MO) Intervento a

Dettagli

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI

Num.Ord. TARIFFA E L E M E N T I unitario TOTALE ANALISI DEI PREZZI pag. 2 Nr. 1 CHIUSURA MASSICCIATA STRADALE eseguita con fornitura e messa in opera di materiale D.0001.3 di saturazione formato esclusivamente con pietrisco minuto di cava dello spessore di mm 0-2, rispondente

Dettagli

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura

GEOTECNICA. ing. Nunziante Squeglia 13. OPERE DI SOSTEGNO. Corso di Geotecnica Corso di Laurea in Ingegneria Edile - Architettura GEOTECNICA 13. OPERE DI SOSTEGNO DEFINIZIONI Opere di sostegno rigide: muri a gravità, a mensola, a contrafforti.. Opere di sostegno flessibili: palancole metalliche, diaframmi in cls (eventualmente con

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI

PENDII NATURALI E ARTIFICIALI PENDII NATURALI E ARTIFICIALI Classificazione del movimento, fattori instabilizzanti, indagini e controlli 04 Prof. Ing. Marco Favaretti Università di Padova Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Ingegneria

Dettagli

COMPLESSO xxxxxxxxxxx

COMPLESSO xxxxxxxxxxx PROVE DI CARICO SU PALI E INDAGINI SIT COMPLESSO xxxxxxxxxxx xxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxxx PROVE N 131/132/133/134/135 /FI 8, 9, 10, 11 Giugno 2009 Committente: Direttore Lavori: Relatore: xxxxxxxxxxxxxxxx

Dettagli

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5 recupero calcestruzzo MALTE TECNOLOGICHE STRUTTURALI ad alta resistenza chimica LINEA costruzioni kerabuild Malta tecnologica strutturale colabile monocomponente per inghisaggi a rapida messa in servizio.

Dettagli

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio.

Carichi unitari. Dimensionamento delle sezioni e verifica di massima. Dimensionamento travi a spessore. Altri carichi unitari. Esempio. Carichi unitari delle sezioni e verifica di massima Una volta definito lo spessore, si possono calcolare i carichi unitari (k/m ) Solaio del piano tipo Solaio di copertura Solaio torrino scala Sbalzo piano

Dettagli

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO

MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMI RESISTENTI IN ELEMENTI NON ARMATI A TAGLIO MECCANISMO RESISTENTE A PETTINE Un elemento di calcestruzzo tra due fessure consecutive si può schematizzare come una mensola incastrata nel corrente

Dettagli

Calcolo semplificato agli stati limite

Calcolo semplificato agli stati limite CARLO SIGMUND Calcolo semplificato agli stati limite PER STRUTTURE IN CEMENTO ARMATO ACCIAIO LEGNO MURATURA @ SERVIZI GRATUITI ON LINE Questo libro dispone dei seguenti servizi gratuiti disponibili on

Dettagli

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ]

BOZZA. a min [mm] A min =P/σ adm [mm 2 ] ezione n. 6 e strutture in acciaio Verifica di elementi strutturali in acciaio Il problema della stabilità dell equilibrio Uno degli aspetti principali da tenere ben presente nella progettazione delle

Dettagli

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE

TOP SOL TOP BRIDGE IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI E S S E INFRASTRUTTURE TOP SOL TOP BRIDGE E S S E D I V I S I O N E INFRASTRUTTURE E D INF IMPALCATI IN C.A.P. AD ELEVATISSIME PRESTAZIONI giulianedmp SOLUZIONI COSTRUTTIVE PER L EDILIZIA giulianedmp TOP SOL / TOP BRIDGE Impalcati

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Prima Conferenza Arrigo Croce Analisi e progetto delle fondazioni su pali

Prima Conferenza Arrigo Croce Analisi e progetto delle fondazioni su pali Prima Conferenza Arrigo Croce Analisi e progetto delle fondazioni su pali Carlo Viggiani* Sommario Vengono presentati alcuni semplici algoritmi di calcolo per la modellazione dell interazione terreno-struttura

Dettagli

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05

Testo integrato dell Allegato 2 Edifici all Ordinanza 3274 come modificato dall OPCM 3431 del 3/5/05 NORME TECNICHE PER IL PROGETTO, LA VALUTAZIONE E L ADEGUAMENTO SISMICO DEGLI EDIFICI 1 OGGETTO DELLE NORME...7 2 REQUISITI DI SICUREZZA E CRITERI DI VERIFICA...8 2.1 SICUREZZA NEI CONFRONTI DELLA STABILITÀ

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. E. Cosenza NORME TECNICHE Costruzioni di calcestruzzo Edoardo Cosenza Dipartimento di Ingegneria Strutturale Università di Napoli Federico II 4.1 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO.. 7.4 COSTRUZIONI DI CALCESTRUZZO..

Dettagli

OPERE DI SOSTEGNO determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno;

OPERE DI SOSTEGNO determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno; OPERE DI SOSTEGNO Occorre: determinare le azioni esercitate dal terreno sulla struttura di sostegno; regolare il regime delle acque a tergo del muro; determinare le azioni esercitate in fondazione; verificare

Dettagli

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO

SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO SPETTRO DI RISPOSTA ELASTICO SPETTRO DI PROGETTO 1 (Ridis. con modifiche da M. De Stefano, 2009) 2 3 Concetto di duttilità 4 5 6 7 E necessario avere i valori di q dallo strutturista ( ma anche qo). Per

Dettagli

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti.

Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. Capitolo 4 Protezione dai contatti indiretti. La protezione contro i contatti indiretti consiste nel prendere le misure intese a proteggere le persone contro i pericoli risultanti dal contatto con parti

Dettagli

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003

ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 ORDINANZA n. 3274 DEL PRESIDENTE DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI 20 marzo 2003 Primi elementi in materia di criteri generali per la classificazione sismica del territorio nazionale e di normative tecniche per

Dettagli

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE 7 PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove opere soggette anche all azione sismica. Le sue indicazioni sono da considerare aggiuntive

Dettagli

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni

Sommario. vengono riconosciuti. duttili. In. pareti, solai. applicazioni APPLICAZIONI INNOVATIVE CON MICROCA ALCESTRUZZI DUTTILI PER RINFORZII ED ADEGUAMENTI SISMICI Dario Rosignoli Stefano Maringoni Tecnochem Italiana S.p.A. Sommario Con gli acronimi HPFRC High Performancee

Dettagli

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI

RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI RELAZIONE TECNICA 1. 1 - DESCRIZIONE GENERALE DELLE LAVORAZIONI Le lavorazioni oggetto della presente relazione sono rappresentate dalla demolizione di n 14 edifici costruiti tra gli anni 1978 ed il 1980

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E. SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE

PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE CAPITOLO 7. 7. PROGETTAZIONE PER AZIONI SISMICHE BOZZA DI LAVORO Ottobre 2014 278 [BOZZA DI LAVORO OTTOBRE 2014] CAPITOLO 7 Il presente capitolo disciplina la progettazione e la costruzione delle nuove

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria

PROGETTO ESECUTIVO: COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA. Progettista: COMUNE DI ROMBIOLO. Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMUNE DI ROMBIOLO PROVINCIA DI VIBO VALENTIA PROGETTO ESECUTIVO: Lavori di completamento opere di urbanizzazione Primaria COMMITTENTE: EL.: n 23 C.M.E_ SCALA Progettista: VISTO: Comune di Rombiolo Via

Dettagli

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico

T. Sanò e B. Quadrio. Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico T. Sanò e B. Quadrio Dipartimento della Protezione Civile Ufficio Rischio Sismico Roma, 3 dicembre 2010 Descrizione del fenomeno Impostazione del problema del calcolo dell amplificazione locale Codici

Dettagli

@polimi.it. pratica. dei cicli. Sommario. In questa convogli.

@polimi.it. pratica. dei cicli. Sommario. In questa convogli. U UNA PROCEDURA SEMPLIFICATA PER IL CALCOLOO DEI CEDIMENTI DII RILEVA ATI FERROVIARI Gabriele Della Vecchia, Federico Pisanò, Andrea Galli, Claudio di Prisco Politecnico di Milano gabriele.dellavecchia@

Dettagli

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti

PRESCRIZIONI ANTISISMICHE E CRITERI DI CALCOLO: Interazione tra strutture e tamponamenti Convegno CRITICITÀ DELLA PROGETTAZIONE TERMICA E ACUSTICA DEGLI EDIFICI IN RAPPORTO ALLE PRESCRIZIONI STRUTTURALI ANTISISMICHE Saie 2009, Sala Topazio, Sabato 31 ottobre ore 9.00 PRESCRIZIONI ANTISISMICHE

Dettagli

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove

Il lavoro effettuato dalla pompa di calore non produce calore, ma lo muove La pompa di calore Definizioni La pompa di calore è una macchina in grado di trasferire energia da una sorgente a temperatura più bassa ad un utilizzatore a temperatura più alta, tramite la fornitura di

Dettagli

Riferimenti Iconografici

Riferimenti Iconografici Corso di Aggiornamento per Geometri su Problematiche Strutturali Calcolo agli Stati Limite Aspetti Generali 18 novembre 005 Dr. Daniele Zonta Dipartimento di Ingegneria Meccanica e Strutturale Università

Dettagli

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER

ANALISI PUSHOVER Statica Lineare Dinamica Lineare Statica Non Lineare Dinamica Non Lineare PUSH-OVER ANALISI PUSHOVER - Analisi sismica Statica Lineare - Analisi sismica Dinamica Lineare - Analisi sismica Statica Non Lineare - Analisi sismica Dinamica Non Lineare Con il nome di analisi PUSH-OVER si indica

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

La progettazione delle fondazioni su pali alla luce degli Eurocodici

La progettazione delle fondazioni su pali alla luce degli Eurocodici La progettazione delle fondazioni su pali alla luce degli Eurocodici Stefano Aversa e Rosa Maria Stefania Maiorano Università di Napoli Parthenope, Napoli, Italy Alessandro Mandolini Seconda Università

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max.

Rexroth Pneumatics. Cilindro senz asta Cilindri senza stelo. Pressione di esercizio min/max Temperatura ambiente min./max. Rexroth Pneumatics 1 Pressione di esercizio min/max 2 bar / 8 bar Temperatura ambiente min./max. -10 C / +60 C Fluido Aria compressa Dimensione max. particella 5 µm contenuto di olio dell aria compressa

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

dell affidabilità strutturale

dell affidabilità strutturale Metodiprobabilisticiper per lavalutazione dell affidabilità strutturale Obiettivo dell esercitazione: acquisire le conoscenze necessarie per applicare i metodi probabilistici (livello III, II e semi probabilistico)

Dettagli

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N

MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-1200-SE MBC-300-N MBC-700-N GasMultiBloc Combinato per regolazione e sicurezza Servoregolatore di pressione MBC-300-SE MBC-700-SE MBC-10-SE MBC-300-N MBC-700-N 7.01 Max. pressione di esercizio 3 mbar (36 kpa) forma compatta grande

Dettagli

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA

MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA MODELLIZZAZIONE, CONTROLLO E MISURA DI UN MOTORE A CORRENTE CONTINUA ANDREA USAI Dipartimento di Informatica e Sistemistica Antonio Ruberti Andrea Usai (D.I.S. Antonio Ruberti ) Laboratorio di Automatica

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica

Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C. Informazione tecnica Cuscinetti radiali rigidi a sfere ad una corona Generation C Informazione tecnica Indice Caratteristiche 2 Vantaggi dei cuscinetti FAG radiali rigidi a sfere Generation C 2 Tenuta e lubrificazione 2 Temperatura

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli

Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli Il seguente documento, predisposto dalla Commissione strutture dell Ordine degli ingegneri della Provincia Autonoma di Trento nell anno 2012, si propone quale traccia per la stesura del Certificato di

Dettagli

CHE COS E IL CALCESTRUZZO

CHE COS E IL CALCESTRUZZO Il calcestruzzo e le strutture armate Che cos'è il calcestruzzo INDICE 1. CHE COS'È IL CALCESTRUZZO 1.1 DEFINIZIONE DEL CALCESTRUZZO 1.3 IL LEGANTE 1.5 L'ACQUA 1.7 IL CALCESTRUZZO ARMATO 1.2 LA RICETTA

Dettagli

Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE

Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE Il Ripristino DELLE Strutture Interrate NIDI DI GHIAIA E DISTANZIATORI PLASTICI RIPRESE DI GETTO Strutture Interrate RIPRESE

Dettagli

PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO

PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO COLLANA DI MANUALI DI PROGETTAZIONE ANTISISMICA VOLUME 5 PROGETTO DI EDIFICI CON ISOLAMENTO SISMICO M. Dolce, D. Cardone, F. C. Ponzo, A. Di Cesare INDICE CAPITOLO 1: Introduzione all isolamento sismico

Dettagli

Guarnizioni per oleodinamica e pneumatica

Guarnizioni per oleodinamica e pneumatica Raschiatori NBR/FPM DAS, DP6, DP, DP, DRS, DWR Guarnizioni a labbro NBR/FPM /, /M, /M, M, H, C Bonded seal NBR-metallo Guarnizioni a pacco in goa-tela TO, TG, TEO Guarnizioni per pistoni in poliuretano,

Dettagli

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6

Sistema FS Uno Istruzione di montaggio. 1 Generalità 2. 2 Palificazione 3. 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4. 4 Elenco dei componenti 6 Sistema FS Uno Istruzione di montaggio CONTENUTO Pagina 1 Generalità 2 2 Palificazione 3 3 Montaggio dei singoli gruppi dei componenti 4 4 Elenco dei componenti 6 5 Rappresentazione esplosa del sistema

Dettagli

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie

Gruppo termico murale a gas a premiscelazione. Serie Gruppo termico murale a gas a premiscelazione Serie GENIO Tecnic Serie GENIO TECNIC Caratteristiche principali Quali evoluzione subirà il riscaldamento per rispondere alle esigenze di case e utenti sempre

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA

R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA R O T A T O R I A P O N T E D E L L E O C H E - R A S T I G N A N O RELAZIONE GEOLOGICA Rev Data Descrizione delle revisioni 00 05/12/2012 Emissione per approvazione. Accordo Procedimentale ex art. 15

Dettagli

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo

Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Verifica sismica di dighe a gravità in calcestruzzo Keywords: dighe a gravità in calcestruzzo, verifica sismica, metodi semplificati, programmi di calcolo. Autore: L. Furgoni, Relatore: Prof. C. Nuti,

Dettagli

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus

Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo WAGO INGRESSI/USCITE remoti e Fieldbus Sistema AirLINE per il pilotaggio ed il Controllo Remoto del Processo 86-W Sistema integrato compatto di valvole con I/O elettronici Sistemi personalizzati premontati e collaudati per il pilotaggio del

Dettagli

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A.

10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. 10 CALCOLO AGLI STATI LIMITE DELLE STRUTTURE IN C.A. Il capitolo fa riferimento alla versione definitiva dell'eurocodice 2, parte 1.1, UNI EN 1992-1-1, recepito e reso applicabile in Italia dal DM del

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800

SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 SP 73 DELLA SERRA Interventi urgenti di adeguamento dell' attraversamento idraulico al km 2+800 e al km 4+800 n ordine codice descrizione un. mis. quantità pr. unit. importo 1 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore

Dettagli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli

Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Università degli studi di Brescia Facoltà di Ingegneria Corso di Topografia A Nuovo Ordinamento Livellazione Geometrica Strumenti per la misura dei dislivelli Nota bene: Questo documento rappresenta unicamente

Dettagli

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica

Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica Valutazione della vulnerabilità e interventi per le costruzioni ad uso produttivo in zona sismica 1 Ambito operativo e inquadramento normativo Tenuto conto del rilevante impatto che gli eventi sismici,

Dettagli

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA

INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA INTERVENTI POST SISMA TECNICHE DI PREVENZIONE E SICUREZZA OPERE PROVVISIONALI CRITERI GENERALI Le opere di pronto intervento hanno lo scopo di garantire condizioni di sicurezza nelle strutture oggetto

Dettagli

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO

23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIVERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO v 23 CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO CAPITOLO 2: RELAZIONI TRA LE DIERSE FASI DI UN CAMPIONE DI TERRENO Un campione di terreno viene considerato come un sistema multifase,

Dettagli

TUBI E MANUFATTI IN CEMENTO PREFABBRICATI PER STRADE - FOGNATURE - EDILIZIA

TUBI E MANUFATTI IN CEMENTO PREFABBRICATI PER STRADE - FOGNATURE - EDILIZIA TUBI E MANUFATTI IN CEMENTO PREFABBRICATI PER STRADE - FOGNATURE - EDILIZIA INDICE GENERALE PAG. 2 PAG. 3 PAG. 4 PAG. 5 NOVITÀ 2012 SISTEMA QUALITÀ MARCATURA CE MOVIMENTAZIONE E POSA PAG. 6 PAG. 7-8 TUBI

Dettagli

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA

RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA RESISTIVITA ELETTRICA DELLE POLVERI: MISURA E SIGNIFICATO PER LA SICUREZZA Nicola Mazzei - Antonella Mazzei Stazione sperimentale per i Combustibili - Viale A. De Gasperi, 3-20097 San Donato Milanese Tel.:

Dettagli

CAPI P T I O T L O O 1. OGGETTO

CAPI P T I O T L O O 1. OGGETTO CAPITOLO 1. OGGETTO 2 CAPITOLO 1 1. OGGETTO Le presenti Norme tecniche per le costruzioni definiscono i principi per il progetto, l esecuzione e il collaudo delle costruzioni, nei riguardi delle prestazioni

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza

V90-3,0 MW. Più efficienza per generare più potenza V90-3,0 MW Più efficienza per generare più potenza Innovazioni nella tecnologia delle pale 3 x 44 metri di efficienza operativa Nello sviluppo della turbina V90 abbiamo puntato alla massima efficienza

Dettagli

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj

63- Nel Sistema Internazionale SI, l unità di misura del calore latente di fusione è A) J / kg B) kcal / m 2 C) kcal / ( C) D) kcal * ( C) E) kj 61- Quand è che volumi uguali di gas perfetti diversi possono contenere lo stesso numero di molecole? A) Quando hanno uguale pressione e temperatura diversa B) Quando hanno uguale temperatura e pressione

Dettagli

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45

CUT 20 P CUT 30 P GFAC_CUT 20P_30P_Brochure.indd 1 17.9.2009 9:29:45 CUT 20 P CUT 30 P UNA SOLUZIONE COMPLETA PRONTA ALL USO 2 Sommario Highlights Struttura meccanica Sistema filo Generatore e Tecnologia Unità di comando GF AgieCharmilles 4 6 8 12 16 18 CUT 20 P CUT 30

Dettagli

1 INDAGINI GEOGNOSTICHE ED ANALISI DIAGNOSTICHE DELLE STRUTTURE

1 INDAGINI GEOGNOSTICHE ED ANALISI DIAGNOSTICHE DELLE STRUTTURE 1 INDAGINI GEOGNOSTICHE ED ANALISI DIAGNOSTICHE DELLE STRUTTURE A 1.01. SONDAGGI GEOGNOSTICI A ROTAZIONE A 1.01.1. Trasporto dell attrezzatura di perforazione a rotazione. Sono compresi: il trasporto di

Dettagli

Vulnerabilità Sismica ed Adeguamento di Costruzioni Esistenti in Calcestruzzo Armato

Vulnerabilità Sismica ed Adeguamento di Costruzioni Esistenti in Calcestruzzo Armato Corso di aggiornamento professionale Vulnerabilità Sismica ed Adeguamento di Costruzioni Esistenti in Calcestruzzo Armato 7 maggio 7 giugno 2013 Aula Magna Seminario Vescovile Via Puccini, 36 - Pistoia

Dettagli

Elaborato di Meccanica delle Strutture

Elaborato di Meccanica delle Strutture Università degli Studi di Roma La Sapienza Facoltà di Ingegneria Dipartimento di Meccanica ed Aeronautica Corso di Laurea Triennale in Ingegneria Meccanica Elaborato di Meccanica delle Strutture Docente

Dettagli

STRUTTURE MISTE E CONNETTORI

STRUTTURE MISTE E CONNETTORI STRUTTURE MISTE E CONNETTORI Quando due materiali diversi sono tenuti uniti in modo efficace si comportano, da un punto di vista strutturale, come un elemento unico. In edilizia si utilizza questo principio

Dettagli

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA

LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA LA CORRENTE ELETTRICA CONTINUA (Fenomeno, indipendente dal tempo, che si osserva nei corpi conduttori quando le cariche elettriche fluiscono in essi.) Un conduttore metallico è in equilibrio elettrostatico

Dettagli

Guida alla scelta di motori a corrente continua

Guida alla scelta di motori a corrente continua Motori Motori in in corrente corrente continua continua 5 Guida alla scelta di motori a corrente continua Riddutore Coppia massima (Nm)! Tipo di riduttore!,5, 8 8 8 Potenza utile (W) Motore diretto (Nm)

Dettagli

FENICE ARREDI. Via Bertolini 49/51 27029 Vigevano (PV) Relazione tecnica

FENICE ARREDI. Via Bertolini 49/51 27029 Vigevano (PV) Relazione tecnica FENICE ARREDI Via Bertolini 49/51 27029 Vigevano (PV) Prove di vibrazione su sistemi per pavimenti tecnici sopraelevati - Four x Four Relazione tecnica Via Ferrata 1, 27100 Pavia, Italy Tel. +39.0382.516911

Dettagli

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H

Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H Istruzioni rapide per l esercizio di pompe idrauliche tipo LP azionate con aria compressa secondo D 7280 e D 7280 H 1. Aria compressa e attacco idraulico Fluido in pressione Azionamento Aria compressa,

Dettagli

Introduzione alla Teoria degli Errori

Introduzione alla Teoria degli Errori Introduzione alla Teoria degli Errori 1 Gli errori di misura sono inevitabili Una misura non ha significato se non viene accompagnata da una ragionevole stima dell errore ( Una scienza si dice esatta non

Dettagli

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza

Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars. Trave Angelina TM. Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Long Carbon Europe Sections and Merchant Bars Trave Angelina TM Perfetta combinazione di forza, leggerezza e trasparenza Trave Angelina TM Un idea brillante, applicata ad un prodotto industriale Slanciata,

Dettagli

Corrente elettrica (regime stazionario)

Corrente elettrica (regime stazionario) Corrente elettrica (regime stazionario) Metalli Corrente elettrica Legge di Ohm Resistori Collegamento di resistori Generatori di forza elettromotrice Metalli Struttura cristallina: ripetizione di unita`

Dettagli

Accuratezza di uno strumento

Accuratezza di uno strumento Accuratezza di uno strumento Come abbiamo già accennato la volta scora, il risultato della misurazione di una grandezza fisica, qualsiasi sia lo strumento utilizzato, non è mai un valore numerico X univocamente

Dettagli

Cos è uno scaricatore di condensa?

Cos è uno scaricatore di condensa? Cos è uno scaricatore di condensa? Una valvola automatica di controllo dello scarico di condensa usata in un sistema a vapore Perchè si usa uno scaricatore di condensa? Per eliminare la condensa ed i gas

Dettagli

ALLEGATO R ELENCO PREZZI

ALLEGATO R ELENCO PREZZI A r c h i t e t t o R i n a l d i n i E t t o r e R a v e n n a, V i a l e d e l l a L i r i c a n. 4 3 T e l 0 5 4 4 405979 F a x 0 5 4 4 272644 comm. part. Emissione Spec foglio di Mar2014 COMMITTENTE:

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli