COMUNE DI FORLI CONSIGLIO COMUNALE

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "COMUNE DI FORLI CONSIGLIO COMUNALE"

Transcript

1 Anno 2008 Deliberazione n. 137 Pos. Rag. n. ca COMUNE DI FORLI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 29 Settembre 2008 In sessione ordinaria di prima convocazione del giorno 29 Settembre 2008 alle ore 15:30 in seduta pubblica. Convocato con appositi inviti, il Consiglio Comunale si è riunito oggi nella Sala Consiliare con l intervento dei Consiglieri qui appresso indicati come risulta dall appello fatto dal Segretario. N. Cognome e nome Consiglieri Pr. As. N. Cognome e nome Consiglieri Pr. As. 1 APRIGLIANO FRANCESCO X 22 MARABINI GIULIO X 2 AVELLONE ANDREA X 23 MASINI NADIA X 3 BACCARINI ROMANO X 24 MATTEUCCI LEO X 4 BIONDI LAURO X 25 MILANESI LEA X 5 BONAVITA OTTAVIO X 26 MINGHINI LUCIANO X 6 BONGIORNO VINCENZO X 27 MONTANARI MASSIMO X 7 BRIGANTI MAURO X 28 MORGAGNI DIANA X 8 BURNACCI VANDA X 29 NERVEGNA ANTONIO X 9 CAMORANI VALERIA X 30 PERELLI FILIBERTO X 10 CASADEI GARDINI FRANCESCO X 31 RAGAZZINI PAOLO X 11 CASTAGNOLI ALESSANDRO X 32 RONCHI ALESSANDRO X 12 ERRANI MARCO X 33 SAMORI PIETRO X 13 FARNETI PAOLO X 34 SANSAVINI LUIGI X 14 FRANCIA FABRIZIO X 35 SBARAGLI ERIO X 15 GASPERONI ROBERTO X 36 TAMPELLINI RICCARDO X 16 GENTILINI TATIANA X 37 TAPPARI DANIELE X 17 GIUNCHI FLAVIO X 38 TAVOLETTI GIOVANNI MARIO X 18 GUERRINI PIO X 39 TERRACCIANO UGO X 19 GUGNONI GABRIELE X 40 VALENTINI MARCO X 20 MANCINI ENRICA X 41 ZAMBIANCHI LUCA X 21 MANUCCI CRISTIAN X TOTALE PRESENTI: 34 TOTALE ASSENTI: 7 Partecipa il Segretario Generale VENTRELLA ANTONIO. Scrutatori i Sigg. Consiglieri CASADEI GARDINI FRANCESCO, MARABINI GIULIO, BONAVITA OTTAVIO. Partecipano alla seduta gli Assessori Sigg.ri BERTOZZI LORETTA - BUCCI GIOVANNI - CAPACCI PALMIRO - GALASSI ELVIO - MARCHI TIZIANO - BUFFADINI LODOVICO - CASTRUCCI EVANGELISTA - MARZOCCHI GIANFRANCO - ZELLI GABRIELE - BERTACCINI PIER GIUSEPPE. Essendo legale il numero degli intervenuti, il Presidente MINGHINI LUCIANO pone in discussione il seguente argomento: OGGETTO n. 123 BILANCIO DI PREVISIONE VERIFICA EQUILIBRI DI GESTIONE E RICOGNIZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI EX ART. 193, DLGS 267/2000.

2 2 In merito era stato distribuito a ciascun Consigliere il partito di deliberazione di seguito riportato e relativi allegati. Ai sensi dell art. 97 del T.U. approvato con D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267, si fa esplicito riferimento al resoconto verbale che sarà riportato a parte dalla ditta appaltatrice del servizio di trascrizione dei dibattiti delle sedute consiliari, nel quale sono riportati in maniera dettagliata gli interventi succedutisi. Il Presidente del Consiglio, Luciano Minghini, introduce l'argomento in trattazione concernente la verifica degli equilibri di gestione e ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi ex art. 193 del D.Lgs. n. 267/2000 del Bilancio di previsione Successivamente alla illustrazione della proposta da parte dell'assessore al bilancio, Buffadini, si svolge un ampio dibattito nel corso del quale chiedono ed ottengono la parola i Cons. Gasperoni del Gruppo consiliare G.d.L., Sansavini del Gruppo consiliare P.D., Burnacci del Gruppo consiliare F.I., e Ronchi del Gruppo consiliare V.. Replicano agli intervenuti, per gli ambiti di competenza, gli Ass. Galassi e Buffadini. In sede di dichiarazione di voto la Cons. Burnacci motiva il voto contrario del Gruppo consiliare F.I.. Nel corso degli interventi entrano i Cons. Matteucci, Castagnoli, Bongiorno, mentre escono, prima dell'espressione del voto, i Cons. Farneti, Manucci, Aprigliano, Baccarini, Biondi, Briganti, Casadei Gardini Francesco, Giunchi, Gugnoni, Nervegna, Perelli e Tavoletti: Presenti n. 25. Esce il vice Sindaco, Castrucci. In sostituzione del Cons. Casadei Gardini il Presidente nomina Scrutatore il Cons. Sbaragli.

3 3 Al termine il Presidente pone in votazione, con procedimento elettronico, la proposta di delibera in trattazione. L'esito della votazione è il seguente: Consiglieri presenti n. 25; Consiglieri votanti n. 25; Voti favorevoli n. 19; Voti contrari n. 6 (Burnacci e Zambianchi del Gruppo consiliare F.I.; Gasperoni del Gruppo consiliare G.d.L.; Sbaragli del Gruppo consiliare V.F.; Bongiorno del Gruppo consiliare A.N. e Ronchi del Gruppo consiliare V.). Dopo di che; I L C O N S I G L I O C O M U N A L E Premesso che, con deliberazione consiliare n. 17 del 30 gennaio 2008, esecutiva, è stato approvato il "Bilancio di previsione Relazione programmatica 2008/2009/ Bilancio pluriennale 2008/2009/2010"; Visto il D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267; Constatato che, sulla base dell'andamento dei singoli cespiti di entrata e di spesa ed alla luce delle vigenti disposizioni normative e tenuto conto del fatto che mancano tuttora comunicazioni definitive da parte dei competenti organi superiori, non è prevedibile al 31 dicembre 2008 uno squilibrio della gestione di competenza o della gestione dei residui tale da determinare disavanzo di amministrazione o di gestione; Tenuto conto che nella ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi, effettuato ai sensi dell art. 193 del D.Lgs. n. 267/2000, è stato rilevato quanto emerge dai prospetti e dalle relazioni che si allegano;

4 4 Dato atto che il Collegio dei Revisori dei conti, in data 25/09/2008, ha espresso il proprio parere favorevole ai sensi dell' art. 239 del D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267; Atteso che la Direzione operativa ha esaminato la proposta di delibera nella seduta dell 11 settembre 2008; Visti i pareri favorevoli ai sensi dell'art. 49, comma 1, del Decreto legislativo 18 agosto 2000, n. 267: - di regolarità tecnica, rilasciato dal Dirigente del Servizio programmazione e gestione bilancio / Area finanze, patrimonio e contratti, in data 8/09/2008; - di regolarità contabile, rilasciato dal Dirigente del Servizio programmazione e gestione bilancio e dal Direttore dell Area finanze, patrimonio e contratti, in data 8/09/2008; Visto, altresì: - la sottoscrizione del Direttore d Area in data 12/09/2008, ai sensi dell art. 19, comma 4, lett. h), del Regolamento sull ordinamento degli uffici e dei servizi; - il parere positivo di conformità dell azione amministrativa di cui al presente atto alla legge, allo statuto, ai regolamenti, espresso dal vice Segretario generale in data 16/09/2008; Visto, infine, l esito della votazione riportato in narrativa che di seguito integralmente si richiama; D E L I B E R A 1. di dare atto che il Bilancio di previsione 2008, pur considerando la mancanza di comunicazioni definitive da parte dei competenti organi superiori, presenta un andamento nei vari cespiti di entrata e di spesa tale da poter prevedere, con significativa attendibilità, l'equilibrio della gestione di competenza e dei residui;

5 5 2. di prendere atto della ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi, effettuato ai sensi dell art. 193 del D.Lgs. n. 267/95, come risulta dai prospetti e dalle relazioni che si allegano alla presente deliberazione per costituirne parte integrante e sostanziale.

6 6 Fatto, letto e sottoscritto IL PRESIDENTE IL SEGRETARIO GENERALE Copia della presente deliberazione è stata pubblicata all Albo Pretorio il giorno 2 Ottobre 2008 e vi resterà affissa per la durata di gg.15. LA RESPONSABILE UNITA GIUNTA E CONSIGLIO Forlì, 2 Ottobre 2008 La presente deliberazione: è divenuta esecutiva ai sensi dell art. 134, comma 3, del D.Lgs. 18/8/2000, n è stata dichiarata immediatamente eseguibile ai sensi dell art. 134, comma 4, del D.Lgs. 18/8/2000, n LA RESPONSABILE UNITA GIUNTA E CONSIGLIO Forlì, 13 Ottobre 2008

7 Comune di Forlì Area Finanze Patrimonio e Contratti Servizio Bilancio Bilancio 2008 Ricognizione sullo stato di attuazione dei programmi La presente ricognizione viene effettuata in osservanza dell articolo 193 del DLGS n. 267, del 18 agosto 2000 e si articola nelle seguenti parti: 1. relazione sull attuazione dei programmi dell Amministrazione; 2. stato di attuazione del bilancio con la specificazione della percentuale di utilizzo della spesa, articolata per funzioni e servizi alla data del 31 agosto; 3. stato di attuazione del piano degli investimenti.

8 1. RELAZIONE SULL ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI DELL AMMINISTRAZIONE

9 Comune di Forlì RICOGNIZIONE SULLO STATO DI ATTUAZIONE DEI PROGRAMMI Stato avanzamento P.G.S. al primo semestre 2008 Unità Controllo Strategico

10 Programma 1 La qualità di un governo locale democratico e partecipato, per servizi efficienti e profili di sicurezza rivolti a tutti i cittadini Progetto 1.1 Progetto 1.2 Progetto 1.3 Progetto 1.4 Progetto 1.5 Gli strumenti della partecipazione democratica Azione La qualità del governo: metodo della partecipazione Azione Sistema di programmazione e rendicontazione partecipata Azione Sviluppo della comunicazione esterna La qualità della pubblica amministrazione Azione Miglioramento del clima organizzativo e valorizzazione delle risorse umane Azione Nuova Macrostruttura: definizione meso e micro e attuazione interventi di razionalizzazione Azione Analisi e semplificazione delle procedure Azione Diritto dei consumatori e degli utenti: carte dei servizi e analisi di customer satisfaction Azione Centro Integrato Servizi Servizi telematici Azione Miglioramento del sistema informativo comunale Azione Rete della città Azione Informatica per il cittadino Gestione efficiente dei servizi Azione Gestione associata dei servizi Azione La governance esterna Azione Qualità appalti pubblici e controllo di gestione L'internazionalizzazione della città Azione Integrazione europea e sviluppo relazioni internazionali e costituzione di reti tematiche trasnazionali e "buone prassi" Azione Pace, diritti umani e solidarietà internazionale Progetto 1.6 La sicurezza Azione Azione Azione Azione Sviluppo progetto "Vigile di Quartiere" nelle Circoscrizioni per il potenziamento della sicurezza in città Coordinamento strutturato con altre Forze di Sicurezza Pubblica Pieno realizzo dello Sportello di supporto per le vittime del reato Completamento sistema integrato controllo del territorio - rete di "Videosorveglianza" Progetto 1.7 Progetto 1.8 Protezione Civile Azione Protezione Civile - Intensificazione azioni di prevenzione Strategia finanziaria ed economica, fiscale, patrimoniale Azione Gestione delle risorse finanziarie ed economiche Azione Strategia Fiscale Azione Gestione delle risorse patrimoniali

11 Progetto PROGRAMMA 1: La qualità di un governo locale democratico e partecipato, per servizi efficienti e profili di sicurezza rivolti a tutti i cittadini 1.1 Gli strumenti della partecipazione democratica Azioni strategiche Codice Denominazione Descrizione Periodo Responsabile Note La qualità del governo: Per favorire la "vision" di un'amministrazione democratica e partecipata vengono rafforzati il ruolo e le funzioni 2009 Sindaco metodo della partecipazione delle Circoscrizioni, dei Comitati di Quartiere e della Consulta degli Stranieri. Conclusione del processo di completa copertura del territorio con i comitati di quartiere e di frazione. Conferimento di nuove competenze alle circoscrizioni, come la piccola manutenzione del verde delle strade e dei marciapiedi. Avvio di una intesa operativa fra il Comitato Paritetico Provinciale del Volontariato e la stessa Provincia di Forlì Cesena per favorire una risposta più efficace al bisogni di spazi e servizi da parte delle organizzazioni ed associazioni di volontariato. Ass. Zanetti Collegata con azioni _Potenziamento strumenti di partecipazione: si sono attivati nuovi strumenti, tra cui spiccano il Tavolo per la Cultura e i tavoli negoziali per la mobilità sostenibile; si è istituita la Consulta delle Associazioni dei Consumatori; si è realizzata la progettazione partecipata sugli alloggi ERP in località Cava. _Rafforzamento rapporti con la Consulta degli stranieri e nuove elezioni: il 13/3/2005 si sono svolte le elezioni della Consulta degli stranieri, organo consultivo del Consiglio Comunale. _Implementazione del ruolo delle circoscrizioni in materia di funzioni delegate: si è deciso di svolgere incontri semestrali da realizzare in ogni Circoscrizione, presenti i tecnici e gli amministratori competenti, unitamente ai coordinatori dei Comitati di Quartiere, per rendere la cittadinanza più partecipe. _Partecipazione circoscrizioni al global service di manutenzione stradale. _Rafforzamento tessuto partecipativo dei comitati di quartiere. _Riorganizzazione degli spazi per l'associazionismo. _ Sono state realizzate le condizioni per la partecipazione delle Circoscrizioni alla gestione del golabl service, in particolare attraverso l'attivazione di una procedura di segnalazione degli interventi necessari mediante apposito programma informatico. Si è proceduto all individuazione ed a richiedere l adesione degli Stakeholder che sono chiamati a partecipare nell ambito della procedura di programmazione, controllo e valutazione ad esprimere il gradimento in ordine all attività manutentiva. In ottobre si è attivato il confronto con gli stakeholder allargando a loro la partecipazione alla 1^ Conferenza di Programmazione. Tenuto conto che la proposta di soluzione progettuale avanzata dall'aggiudicatario prevede la messa a disposizione di un Call Center dedicato, è venuta meno la necessità di analizzare le modalità di raccolta e trasmissione delle richieste che vengono raccolte nelle Circoscrizioni. Riorganizzazione circoscrizioni: _Il 4 aprile si è costituito il gruppo di lavoro tecnico istituito con deliberazione del C.C. n. 54 del di indirizzo per l'applicazione delle nuove normative in materia di Circoscrizioni di decentramento comunale, da attuare entro le prossime elezioni amm.ve. Si sono presentae tre distinte ipotesi, tutte scaturite dall'accorpamento delle attuali Circoscrizioni, con il rispetto di tutte le procedure di legge in materia elettorale. Per consentire una migliore analisi delle ipotesi sono stati individuati quattro criteri di analisi, che hanno permesso di consegnare al dibattito politico i dati più significativi per poter scegliere quella che meglio risponde alle esigenze della città. Dopo la presentazione in D.O., il 15 maggio, la proposta di riorganizzazione è stata sottoposta all'esame della G.C., indi alla Conferenza del Decentramento e, infine, il 23 giugno, trasmessa al parere dei Consigli di Circoscrizione. La nuova suddivisione territoriale è stata adottata con deliberazione del C.C. Del 28/7/2008. Global Service manutentivo stradale: _Il rinnovo dei Comitati di Quartiere, avvenuto contemporaneamente in tutte le Circoscrizioni il maggio, nonché le riunioni di insediamento dei nuovi eletti, sono state occasioni per illustrare ed avviare una prima discussione sulle problematiche che si stanno riscontrando nel rapporto con il sistema gestionale del Global service manutentivo stradale, che sarà portato a sistema nei prossimi mesi, coerentemente con il programma prefissato. _Oltre al supporto corrente, garantito da apposita unità, si è proceduto ad incontri con i singoli Presidenti di Circoscrizione al fine di agevolare individuazione - valutazione - esecuzione degli interventi di competenza circoscrizionale Sistema di programmazione Predisposizione annuale di strumenti che favoriscono la partecipazione degli stakeholer nell'alaborazione delle 2009 Sindaco e rendicontazione strategie (piano generale di sviluppo e gli altri strumenti di pianificazione strategica settoriale) e nella partecipata rendicontazione sociale (bilancio sociale). Collegata con azioni _Predisposizione Bilancio Sociale 2004: il documento è stato presentato agli stakeholder nel mese di luglio. Sono stati predisposti due documenti, uno analitico ed uno di sintesi, quest'ultimo distribuito alla cittadinanza. _Predisposizione Piano Generale di Sviluppo - aggiornamento 2006: il 20/12/2005 è stato approvato dal Consiglio Comunale.

12 PROGRAMMA 1: La qualità di un governo locale democratico e partecipato, per servizi efficienti e profili di sicurezza rivolti a tutti i cittadini _Predisposizione Bilancio Sociale 2005: E' stato predisposto il bilancio sociale analitico per il consiglio comunale, che è stato consegnato in sede di approvazione del consunitvo del bilancio E' stato perdisposto il modello sintetico, articolato per tipologia di utenti, ed è stato presentato agli stakeholder nell'incontro del 13 settembre. _Definizione di un piano generale di sviluppo in una logica di governance interistituzionale, cioè che contenga tutti gli elementi di programmazione partecipata e negoziata con gli altri attori pubblici e privati che operano sul territorio. _Nei primi mesi dell'anno è stato collegato tutto il personale dell'ente con gli obiettivi di PdO. Il nuovo software di programmazione e controllo gestirà la valutazione del personale in relazione al grado di raggiungimento degli obiettivi. _Bilancio ambientale: è stato costituito il gruppo di lavoro sulla contabilità ambientale. _Bilancio Sociale: il Bilancio Sociale 2006 analitico è stato presentato ai consiglieri comunali unitamente al consuntivo 2006; Il bilancio sociale sintetico è stato pubblicato nel mese di ottobre. _Bilancio di genere: è stata definita la metodologia da adottare per la predisposizione del bilancio di genere di mandato. Bilancio Sociale: E' in fase di attuazione il bilancio sociale di mandato. E' stato distribuito al Consiglio Comunale il bilancio sociale analitico 2007, in sede di approvazione del bilancio consuntivo Bilancio ambientale: Si rinvia all'azione Sviluppo della Potenziamento e sviluppo degli strumenti di comunicazione (gestione del sito del Comune, mailing list, news letter, 2007 Sindaco comunicazione esterna punti di ascolto) che favoriscano l'accesso ai servizi e le opportunità di partecipazione dei cittadini. Pianificazione Ass. Zanetti delle informazioni istituzionale e politica attraverso la qualificazione del periodico comunale. Particolare cura sarà dedicata ai rapporti con le emittenti radio televisive del territorio valutando la possibilità di rapporti maggiormente strutturati. Azione conclusa nel 2007 Risutati raggiunti nel 2007 _Sviluppo della comunicazione esterna, estensione della partecipazione: sono state realizzate attività informative rivolte ai turisti, allo scopo di favorire l'accesso alla città e valorizzare il territorio. _Progettazione del nuovo sito internet del Comune che prevede l'inserimento decentrato delle informazioni. _Piano di comunicazione: Il piano è stato presentato il 18 febbraio Il ritardo nella presentazione si ritiene possa essere compensato dalla maggiore durata del Piano stesso, i contenuti del quale si ritengono validi e idonei fino alla fine del mandato amministrativo (primavera 2009). _Consolidamento progetto del sito internet comunale: sono stati pubblicati i seguenti siti: sito del Comune di Forlì, sito del turismo, con la collaborazione dei comuni del comprensorio e versione in inglese, Informagiovani e Intranet. Sono state predisposte e pubblicate on line la guida ai servizi del Comune, la guida per i cittadini stranieri, la guida al lavoro. Inoltre è statà inserita una sezione che riguarda le società partecipate dal Comune. Eventi istituzionali: è garantito il mantenimento del livello qualitativo nelle manifestazioni che riguardano la cultura della memoria sugli eventi fondanti la repubblica ed eventi di carattere istituzionale. Sviluppo della rete comunicativa con le strutture educative del territorio in merito alle iniziative svolte dal servizio con obiettivo di coinvolgere sempre più scuole e cittadini. _E' stato sviluppato nel sito internet il percorso per le segnalazioni on line sul degrato urbano. Sono in corso di realizzazione: bando per nuova identità visiva, rilevazione customer, ampliamento e ristrutturazione siti, realizzazione delle attività di comunicazione integrate/mostre, pieghevoli, sottosito.

13 Progetto PROGRAMMA 1: La qualità di un governo locale democratico e partecipato, per servizi efficienti e profili di sicurezza rivolti a tutti i cittadini 1.2 La qualità della Pubblica Amministrazione Azioni strategiche Codice Denominazione Descrizione Periodo Responsabile Note Miglioramento del clima Analisi del clima organizzativo interno e predisposizione di un piano di azioni positive volte al 2009 Sindaco organizzativo e valorizzazione delle risorse umane miglioramento del clima organizzativo e alla diffusione di una cultura organizzativa orientata al coinvolgimento, alla flessibilità e alla cooperazione. Miglioramento del modello di relazioni sindacali attraverso lo sviluppo dell'informazione preventiva e l'efficacia applicativa degli accordi siglati. Razionalizzazione dell'utilizzo delle risorse umane, anche mediante un oculato ricorso ai diversi tipi di rapporti di lavoro. Miglioramento e sviluppo della partecipazione attraverso il potenziamento della comunicazione interna, con la creazione della rete Intranet, di news letter dedicate ai dipendenti e la razionalizzazione dei flussi di comunicazione relativi alle attività ordinarie. Ass. Zanetti; Ass. Marchi _Programmazione di una serie di azioni positive per migliorare il clima organizzativo da realizzare nel medio termine: nel 2005 si è costituito il Comitato per il mobbing. _Salute e sicurezza dei luoghi di lavoro: è stata predisposta la "Relazione generale sulla valutazione dei rischi". _Sviluppo percorsi formativi per accrescere le competenze dei dirigenti e dei funzionari sulle tematiche gestionali. _Miglioramento della comunicazione interna: attivata e portata a regime da parte della Direzione Operativa la news letter per i dipendenti. _Sviluppo sistema formativo: è stato realizzato il piano formativo unico per tutta l'associazione intercomunale. _Miglioramento della comunicazione interna: attivata la intranet interattiva fra Direzione Operativa e dipendenti. _E' stato completato il percorso formativo dei dirigenti sulle tematiche gestionali. _Primo approccio alle tematiche dell'e-learning. _Comunicazione interna: è stato convertito ed ampliato il sito della comunicazione interna; è stato distribuito il questionario finalizzato alla rilevazione dei bisogni di comunicazione interna dei dipendenti. _Definizione report periodici sulla spesa del personale strutturato come segue: a) dati di organico; b) dati economico-finanziari; c) dati organizzativi (mobilità orizzontale e verticale, valutazione, produttività e formazione). _Razionalizzazione impiego risorse umane: è stata fatta l'analisi del lavoro precario (tempo determinato. e co.co.co); Il Piano assunzioni è stato in gran parte realizzato nel 2007, in particolare per quanto riguarda le stabilizzazioni nei servizi scolastici (entro settembre). E' stata inoltre realizzata la trasformazione di n. 13 co.co.co. in tempi determinati. _Sono stati definiti: i) il nuovo sistema di valutazione delle prestazioni dirigenziali; ii) il nuovo sistema di valutazione per la progressione delle posizioni economiche orizzontali. Si è svolta la selezione delle Posizioni Organizzative con un modello basato sull'analisi del profilo di competenze. _Applicazione CCDI siglato e monitoraggio degli accordi precedenti: l'accordo è stato presentato a tutto il personale attraverso specifici incontri e attraverso la intranet e le newsletter. Rispetto a quanto previsto, sono emerse alcune criticità sulle modalità di applicazione del sistema di valutazione in relazione al collegamento obiettivi/dipendenti.

14 PROGRAMMA 1: La qualità di un governo locale democratico e partecipato, per servizi efficienti e profili di sicurezza rivolti a tutti i cittadini _Nuova definizione processi di selezione e di inserimento delle risorse umane: l obiettivo prevede la predisposizione dell aggiornamento del Regolamento delle selezioni: le varie fasi sono state portate avanti congiuntamente all Unità Sviluppo Organizzativo, per quanto concerne quegli aspetti particolari che hanno richiesto le competenze specifiche degli addetti a tale Unità. La bozza del Regolamento è già stata elaborata e si stanno rivedendo le principali innovazioni, soprattutto in merito all introduzione della verifica delle competenze e attitudini dei candidati. _Razionalizzazione assetto organizzativo dei servizi: si sta agendo sulla base di analisi organizzative (es. riorganizzazione servizio biblioteca) a ridisegnare l'assetto organizzativo dei servizi riducendone il numero. Ad oggi e stato accorpato il servizio Progetto Global service, che è stato assorbito dal Servizio viabilità all'atto del pensionamento del dirigente di quest'ultimo servizio ( ). E' prevista la riduzione di altri due servizi entro febbraio 2009 (Servizi Demografici assorbiti nel Progetto CIS- Comune informa e Biblioteca). Per i pensionamenti si utilizza lo strumento della risoluzione consensuale. _Nuovo sistema valutazione Dirigenti: la D.O. ha avviato il percorso di valutazione nel mese di aprile. Si sono conclusi gli incontri con tutti i dirigenti sul Consuntivo PDO. La valutazione si concluderà entro settembre. _Sicurezza nei luoghi di lavoro: dopo l'entrata in vigore del D.Lgs. 82/2008 (Testo unico sicurezza, in vigore dal 15/05/08) è iniziata una revisione di tutti gli atti e documenti prodotti in questi anni, al fine di verificarne l'adeguatezza e l'attualità rispetto alle novità introdotte dal decreto. Tali atti sono in via di perfezionamento Nuova Macrostruttura: Conclusione della revisione organizzativa della macrostruttura, finalizzata a verificare i meccanismi 2006 Sindaco definizione meso e micro e operativi e le criticità emerse dal pieno funzionamento della struttura organizzativa definita, al fine di Ass. Marchi attuazione interventi di orientare maggiormente l'organizzazione ad un modello volto ad una gestione per obiettivi. Revisione razionalizzazione della meso e microstruttura anche alla luce della mappatura delle attività strutturali. _Verifica del funzionamento della "Macrostruttura" comunale e revisione del modello organizzativo. AZIONE CONCLUSA _Verifica macrostruttura: analisi dei processi e definizione dell' organizzazione delle aree. _Assegnazione incarichi dirigenziali su nuova struttura organizzativa e attivazione della nuova organizzazione dall'1/1/ Analisi e semplificazione Analisi e semplificazione delle procedure relative alle attività, in particolare dei procedimenti rivolti 2009 Ass. Marchi delle procedure all'utenza al fine di semplificarli e di ridurre il termine di conclusione dei procedimenti. Tale azione si Sindaco concluderà con l'aggiornamento del Regolamento dei Procedimenti ai sensi della L. 241/90. Collegata con azione _Sistema eliminacode: dal 19/9/2005 è stato attivato presso gli sportelli dell'anagrafe. _Costituzione archivio cartaceo ed informatizzato per la documentazione relativa ai cittadini stranieri. _Integrazione servizi anagrafici con altre P.A. a favore dell'utenza: è stata allineata la banca dati del Servizio Anagrafe con quella dell'agenzia delle Entrate. _Snellimento dell'azione amministrativa Servizio Mercati. _Pubblicazione della guida ai servizi. Approvazione del progetto di riordino delle diposizioni regolamentari di competenza dell ente. _Analisi e razionalizzazione dei principali processi critici : parallelamente alla definizione della mesostruttura, si è svolta l'analisi di alcuni processi critici, in particolare nelle aree servizi al cittadini e pianificazione territoriale. _Definizione del progetto riordino delle disposizioni regolamentari e approvazioni indirizzi da parte del Consilio Comunale.

15 PROGRAMMA 1: La qualità di un governo locale democratico e partecipato, per servizi efficienti e profili di sicurezza rivolti a tutti i cittadini _Redazione codice disposizioni regolamentari del Comune di Forlì: procede la redazione dei codici in cui è stata ripartita tutta l'attività regolamentare del Comune. Nel mese di agosto si è proceduto con un incontro di verifica del Comitato di Direzione Scientifica, che ha esaminato le criticità e lo stato di avanzamento dei lavori. Il primo dei codici eleborati (Codice X), riguardante l'erogazione dei contributi e vantaggi economici, è stato completato ed è stato approvato dal Consiglio Comunale in ottobre. _Adeguamento procedure appalti: 1) Si è attuato l'adeguamento del Piano di Sicurezza e Coordinamento. Si sono adeguate le procedure e gli schemi di atti al Decreto Bersani (abolizione dei minimi tariffari per le attività professionali) ed al primo e secondo Decreto Correttivo del Codice dei Contratti Pubblici. _Analisi e razionalizzazione dei principali processi critici: sono stati mappati 22 processi dell'area Pianificazione e Sviluppo del territorio. Di questi, 10 sono stati razionalizzati e si procederà ad una loro implementazione a partire dal 2008, subordinatamente alla realizzazione di alcune scelte, in particolare relativamente alla logistica, ora che è stato acquisito il sw Aedilis. _Contributo per definizione di soluzioni gestionali : la pianificazione dei servizi è stata effettuata, con approfondimento delle varie casistiche; effettuata collaborazione costante con i responsabili dei servizi pubblici esternalizzati o in fase di esternalizzazione. Si è concluso il procedimento di selezione pubblica delle offerte per il Global Service manutenzione strade, per cui la soluzione innovativa per gli interventi sulla viabilità è stata perfezionata ed attivata subito dopo l'estate, come previsto. _Progetto riordino disposizioni regolamentari: il codice IX è stato approvato dal C.C. il 26/5/2008. Per i restanti codici prosegue l'istruttoria. _Analisi e razionalizzazione dei processi, delle funzioni e delle strutture: completata l'analisi per l'area 5 dei processi iniziali, che comunque prosegue ancora per nuovi iter emersi. La modulistica è in fase di completamento. _Adeguamento procedure appalti : il nuovo regolamento, pur approvato dal Consiglio dei Ministri, non è stato ancora pubblicato sulla Gazzetta Ufficiale e potrebbe subire modifiche. In ogni caso, l'entrata in vigore è fissata dopo 6 mesi dalla pubblicazione. _Regolamento Comunale servizi del sottosuolo: la proposta è in corso di redazione. E' stato predisposto ed approvato dalla Giunta Comunale lo stralcio relativo ai "procedimenti per il rilascio di autorizzazioni per l'esecuzione di interventi sul suolo e sottosuolo stradale", dando così immediata attuazione alle "disposizioni di raccordo con il Global Service Strade", volte a garantire una migliore efficacia dell'attività di controllo sugli interventi che interessano il patrimonio stradale. _Implementazione gestione utenze: si sono stabilite le implementazioni necessarie e si è dato incarico al programmatore esterno per porle in essere Diritto dei consumatori e Coordinamento per la predisposizione di Carte dei Servizi specifiche per servizio rilevante o per 2008 Sindaco degli utenti: carte dei servizi e analisi di customer satisfaction categorie omogenee di servizi. Indirizzi nell'individuazione degli standard di servizio che il soggetto gestore assume nei confronti degli utenti, nel contesto di un sistema verificabile. Sviluppo di un sistema di customer satisfaction rivolto ai principali servizi rivolti all'utenza, ai fini di un'analisi della qualità percepita. Tale indagine deve essere estesa anche ai servizi esternalizzati. Attualmente i servizi per i quali è stata elaborata la carta dei servizi sono: i nidi e le scuole di infanzia comunale, e la ristorazione scolastica. Ass. Zanetti; Ass. Marchi Collegata con azioni _Predisposizione ed approvazione della "Carta del servizio di ristorazione scolastica" e della "Carta dei servizi dei nidi e delle scuole d'infanzia comunali. _Istituzione Consulta delle Associazioni dei Consumatori e degli utenti. _Partecipazione al Tavolo della Moblità per il Piano Urbano del Traffico. _Avvio consultazione per il progetto "Filiera Corta". _Promozione e sostegno dei progetti che favoriscono l'incontro tra i produttori e i consumatori al fine di avere una migliore conoscenza delle qualità intrinseche del prodotto e di ottenere un prezzo finale al consumo più vantaggioso. In data 18/10/2007 si è proceduto all'organizzazione del convegno "Il Codice del Consumo" rivolto a tutte le associazioni di consumatori, presenti sul territorio comunale e non, partendo così con una iniziativa propedeutica allo sviluppo di corrette linee attuative del progetto filiera corta, nelle more di definizione della nuova normativa in materia.

16 PROGRAMMA 1: La qualità di un governo locale democratico e partecipato, per servizi efficienti e profili di sicurezza rivolti a tutti i cittadini Centro Integrato Servizi A seguito della definizione della nuova macro struttura, si da avvio al progetto finalizzato alla 2009 Ass. Zanetti; realizzazione di uno sportello polifunzionale, di un front-office al quale il cittadino può rivolgersi per Ass. Marchi ottenere oltre che informazioni anche l'erogazione di servizi. Progetto Filiera Corta: E' stata avviata una prima collaborazione con il Comune di Modena, andando a visitare lo storico mercato biologico Biopomposa istituito con successo già dal 1996 in quel comune. Sulla scorta di tale esperienza è stato elaborato un primo progetto di fattibilità del mercato di filiera corta, dettagliando caratteristiche, punti critici, incentivi e possibili siti. E' stata avviata una fase di concertazione con le Associazioni di Categoria (Consulta Agricola), che sono state chiamate ad esprimersi sull'attivazione del farmer market valutando al proprio interno la disponibilità a partecipare all'iniziativa. E' stata predisposta una bozza di regolamento, che dovrà essere sottoposta al vaglio degli operatori. Il 29 agosto è stata convocata nuovamente la Consulta Agricola, per verificare la reale adesione dei produttori agricoli al progetto e dare indicazione del sito da loro prescelto fra quelli indicati dal Comune. Azione nuova - Collegata con azioni E' stato definito il progetto operativo per l'attivazione del nuovo servizio la cui operatività è prevista per il 2008, una volta completati i lavori di sistemazione e di arredo dei locali appositamento destinati con un nuovo lay out rispondente alle esigenze dell'utenza comprese i servizi per l'accoglienza dei cittadini stranieri. _L apertura del CIS è prevista per il 1 dicembre dopo il trasferimento degli sportelli informativi nei nuovi locali che attualmente sono utilizzati come spazi espositivi fino alla fine di ottobre. Approvata, nell ambito del reengineering degli spazi comunali, la collocazione del Centro Stranieri all interno di Comune Informa. In agosto verrà installato il nuovo elimina code nei locali dell anagrafe. E in fase di implementazione un sistema software unico di gestione dei rapporti tra cittadino e il Comune, che prevede al suo interno la gestione delle segnalazioni per Rilfedeur, Global Service e la ricerca pratiche tramite protocollo.

17 PROGRAMMA 1: La qualità di un governo locale democratico e partecipato, per servizi efficienti e profili di sicurezza rivolti a tutti i cittadini Progetto 1.3 Servizi Telematici Azioni strategiche Codice Denominazione Descrizione Periodo Responsabile Note Miglioramento del sistema Riassetto organizzativo dei servizi informatici con aumento dell'efficienza/efficacia operativa 2007 Ass. Marchi informativo comunale interna; razionalizzazione delle basi-dati urbanistiche ed immobiliari con miglioramento del monitoraggio territoriale ed eventuale recupero di evasione fiscale; realizzazione di nuove procedure di programmazione e controllo strategico quale sistema di supporto alle decisioni, con monitoraggio dell'efficacia degli obiettivi e possibilità di collegamento al bilancio sociale come strumento di partecipazione. _Progettazione organizzativa ed avviamento del SIT - realizzazione della Carta Geografica Unica. AZIONE conclusa nel 2007 dal punto di vista progettuale _Attivazione Wm Ware, che è il nuovo software di gestione degli oltre 20 server che gestiscono tutti i dati e gli applicativi del Comune. E' stata completata la progettazione del nuovo CED. È stato installato un nuovo software Antivirus. È stato installato un nuovo mail server. E' stata avviata la revisione dei contratti che ha consentito un risparmio del 10% e la realizzazione degli obiettivi nonostante la diminuzione del personale e del budget. E' avviato il lavoro per collegare il PRG al Sistema Informativo Territoriale. Continua la collaborazione con i comuni dell'associazione Intercomunale della Pianura Forlivese, con la realizzazione di un unico server che contiene le 4 anagrafi. Sistema informativo comunale: è stato predisposto il software che collega gli obiettivi aziendali con la valutazione del personale. Avviata l'attività di collegamento tra Sistema Informativo Territoriale (S.I.T.) e PRG. La gestione associata dei servizi informatici tramite l'ass. Intercomunale si è ulteriormente consolidata e comprende ora nuovi servizi, tra cui protocollo, iter pratiche, segreteria, mail server, antivirus, anagrafe, accesso anagrafe per enti esterni, acquisto di hardware e software, oltre ai servizi già attivati, come l'assistenza sistemistica e tecnica. _Sistema Informativo Territoriale: il PRG è stato adottato dal C.C. il 23 giugno, il collegamento con il SIT del PRG adottato è stato raggiunto. I nuovi tematismi implementati sono: nuove zone commerciali, aggiornamento catastale bimestrale tramite il portale dei Comuni dell Agenzia del Territorio, nuovo assetto delle Circoscrizioni. I tematismi in via di implementazione sono: georeferenziazione incidenti stradali e autorizzazione allo scarico. _Supporto alla realizzazione dello "Sportello sociale unico di territorio" e "dell'anagrafe edilizia": l anagrafe sociale sui nuclei è funzionante e sono in corso ulteriori ampliamenti di funzioni. In corso l analisi dell anagrafe edilizia. _Razionalizzazione utilizzo strumenti informatici e di telefonia: per i consumi telefonici è in corso la migrazione verso i servizi Voip, in conformità a quanto previsto dalla Finanziaria Il Regolamento sull uso degli strumenti informatici è stato è stato adottato il 13 agosto Rete della Città Collegamento alla rete Lepida a banda larga, realizzazione della MAN (rete metropolitana) che 2008 Ass. Marchi collega gli edifici di pubblica utilità, estensione dei collegamenti wi-fi sulla base del modello realizzato per l'aeroporto, collegamento alla rete delle scuole alla rete della città. _Sperimentazione di nuovi strumenti informatici: nella zona aeroportuale si è installato e configurato un apparato Wi-Fi per fornire servizi internet a passeggeri in transito; è stato attivato presso la Biblioteca un sistema di e-learning che consente ai cittadini di apprendere l'inglese e l'informatica. _Banda larga, spillamenti specifici e cablaggio edifici di pubblica utilità. E' stato completato il progetto "Scuole in rete", finanziato dalla Regione, che ha riguardato il cablaggio interno delle strutture scolastiche.

18 PROGRAMMA 1: La qualità di un governo locale democratico e partecipato, per servizi efficienti e profili di sicurezza rivolti a tutti i cittadini _Progettazione della nuova rete della città evidenziando i punti della rete metropolitana e realizzando i primi collegamenti per le scuole. Progettazione della rete wireless. _Rete della città: L'obiettivo procede secondo le previsioni, in accordo con le fasi dettate dalla Regione, che prevedono il completamento della rete metropolitana favorendo il completamento della rete Lepida in fibra ottica e wireless. Sono state collegate altre 2 scuole medie. Stipulato accordo con Università per la realizzazione di aree wireless e realizzata la copertura wireless in questa area. Rimane da attuare la promozione di questa nuova possibilità. Siglato accordo con Telecom per il collegamento ADSL dell'area di S. Lorenzo in Noceto. _Rete della Città: ultimata la realizzazione dell area wireless in Piazzetta della Misura; è in corso il dialogo con l Università di Bologna per l attivazione del server radius per le autorizzazioni di accesso. Dopo tale attivazione, si potrà trasmettere il segnale di copertura nell area affinchè gli utenti possano connettersi. _Progetto LEPIDA: Progetto in corso come da indicazioni della Regione. Inoltre, visti i tempi non certi e lunghi per LEPIDA fase 3 (digital divide), il servizio si sta attrezzando con soluzioni alternative Informatica per il cittadino Carta identità elettronica, tecnologie per la comunicazione, servizi on line, tecnologie per la cultura 2008 Ass. Marchi (progetto "Cultura senza frontiere"), tecnologie per la sicurezza (progetto STENELLE per la tutela delle categorie a maggior rischio urbano: anziani e minori), attivazione di un sistema di e-learning per il Servizio Biblioteche. Collegata con azione _Erogazione per via telematica di alcuni servizi comunali a cittadini ed aziende. _Attivazione del Protocollo informatico e della firma digitale. _Si sono attivati due nuovi servizi on line: uno per contributi alle aziende su incentivi auto, uno su sterilizzazione degli animali. E' stato presentato alla RER, un nuovo progetto Sicurezza Forlì, approvato. _Informatica per il cittadino: completato il progetto "Cultura senza frontiere" e avviato il nuovo progetto per la sicurezza, che è stato approvato dalla Regione riguardanti i 4 Comuni dell'associazione Intercomunale. Avviato progetto di integrazione tra SIT-PRG. Completato il nuovo sito web del Comune; Completata l'attivazione di nuovi servizi on line di grande utilizzo, tra cui l'iscrizione alle scuole comunali, pagamento rette scolastiche (nuovo), oggetti smarriti (nuovo) e contravvenzioni (già attivo). Già attivi autocertificazione nascita, residenza, cittadinanza. Fra i nuovi contenuti da attivare on line, sono previsti una nuova Guida per i cittadini stranieri e l implementazione di un servizio on line che consenta ai cittadini di verificare lo stato di avanzamneto delle proprie pratiche; in base agli accordi Lepida, questi contenuti saranno poi resi disponibili anche su Lepida TV. Per il progetto Città Sicura è in corso l'installazione delle telecamere per il monitoraggio del traffico e la videosorveglianza; sempre nell'ambito del medesimo progetto il 1 agosto entreranno in funzione gli Assistenti Civici,con funzioni di presidio del territorio e segnalazioni di abusi. L'archivio informatico sulle tradizioni, arti e mestieri di Forlì è stato predisposto per quanto riguarda la strumentazione informatica.

19 Progetto PROGRAMMA 1: La qualità di un governo locale democratico e partecipato, per servizi efficienti e profili di sicurezza rivolti a tutti i cittadini 1.4 Gestione efficiente dei servizi Azioni strategiche Codice Denominazione Descrizione Periodo Responsabile Note Gestione associata dei servizi Consolidamento della gestione associata tramite Ass. Intercomunale della Pianura Forlivese e 2009 Sindaco ampliamento dell'ambito di azione, mediante conferimento di ulteriori funzioni e servizi (progettazione opere pubbliche, promozione turistica, URP). Proiezione, per alcune funzioni o servizi, della gestione associata in direzione dell'area vasta (comprensorio). Attualmente i servizi gestiti in forma associata sono: difensore civico, polizia municipale e protezione civile, informatica e statistica, vincolo idrogeologico, formazione del personale, espropri e sportello unico delle imprese. _Studio di fattibilità per la gestione associata di funzioni: si è effettuata l'analisi per la gestione associata delle funzioni di formazione del personale, relazioni sindacali e servizio prevenzione e protezione, espropri. _Attivazione della gestione associata dei servizi di formazione professionale del personale e della funzione espropriativa. _Gestione associata per gli sportelli unici locali (14 Comuni): redazione e consegna del Manuale delle Procedure e formazione degli operatori locali. _Gestione associata Ufficio Tecnico: la conferenza dei Sindaci dell'associazione Intercomunale della Pianura Forlivese del 27 dicembre 2007 ha approvato la bozza di convenzione per la gestione associata dell'ufficio tecnico. _Decentramento catastale: è in fase di studio la gestione associata comprensoriale (con Comune di Forlì capofila, Comuni dell'ass. Intercomunale e le Comunità Montane dell'appennino Forlivese e dell'acquacheta), ai sensi del DPCM 14/6/2007 e del Protocollo di Intesa tra Agenzia del Territorio ed ANCI del 4/6/2007. Il decentramento catastale, nell'ipotesi c) del DPCM 14/6/2007, gestito dal Polo Catastale Forlivese è stato approvato dal Consiglio Comunale il 24/9/2007. _Gestioni Associate: La nuova legge regionale n. 10 del 2008 Misure per il riordino territoriale favorisce le forme associative con personalità giuridiche come l'unione dei Comuni. Prima di procedere all'individuazione di nuovi servizi da gestire in modo associato, si ritiene prioritario definire lo sviluppo dell'associazione intercomunale alla luce delle nuove disposizioni regionali La governance esterna Implementazione di un sistema di analisi finalizzato ad orientare le scelte di esternalizzazione dei servizi 2008 Sindaco pubblici a favore di enti strumentali dove il Comune riesca a svolgere una effettiva attività di indirizzo e controllo. Saranno oggetto di tale analisi il modello di governance delle società partecipate, le analisi economico-patrimoniali delle società partecipate, i contratti di servizio, le carte dei servizi e le analisi di customer satisfaction estese ai servizi esternalizzati. _Analisi delle alternative gestionali: è stato elaborato un modello di report per l'analisi delle alternative gestionali. Sono state definite le varie modalità gestionali dei servizi, evidenziando le caratteristiche, i benefici e gli svantaggi. _Predisposizione del codice di comportamento per rappresentanti del Comune nelle società e organismi partecipati: adeguamento strumenti di controllo per società in house (Romagna Acque ed altre società). Presentazione e discussione in Consiglio Comunale. _Contratti di servizio per le gestioni esternalizzate: è stato definito il contratto di servizio per la gestione sosta, prevedendo controlli periodici sul servizio in base ad appositi indicatori.

20 PROGRAMMA 1: La qualità di un governo locale democratico e partecipato, per servizi efficienti e profili di sicurezza rivolti a tutti i cittadini _Codice di comportamento: condivisione con il Comune di Cesena e la Provincia delle clausole di governance contenute nel codice di comportamento. _Mission società partecipate: è stata aggiornata la mission di Promozione e Turismo, in accordo con i soci.. E' in fase di studio la ridefinizione della mission di Techne, Isaers e Sapro. _Sono stati rideterminati i CdA, in base alla finanziaria 2007, delle seguenti società: Forlifarma, Techne, Romagna Acque, Serinar, Fiera di Forlì, Toro, Società per l'affitto, Promozione e Turismo. Sono stati stipulati patti parasociali per la designazione dei componenti dei CdA delle seguenti società: Società per l'affitto, Fiera di Forlì, ISAERS, SERINAR. _Si sono ridotti i compensi del CdA, in base alla finanziaria 2007 ed al codice di comportamento, delle seguenti società: Techne, Unica Reti, Romagna Acque, Promozione e Turismo, Fiera di Forlì; anche ACER Forlì-Cesena ha ridotto i compensi dei componenti del CdA. Governance delle società partecipate: Sono in fase di ridefinizione della mission delle società ISAERS, TECHNE, e SAPRO. In occasione delle relative modifiche statutarie si provvederà ha introdurre le clausole di governance previste nel codice di comportamento del Comune di Forlì. E' stata invitata la società SEAF a modificare lo statuto in relazione al codice di comportamento. _Attività in campo contrattualistico: si sono espletati l'affidamento della gestione della Piscina Comunale, del Centro Comunale Produzione Pasti scuole e dei servizi di transizione per il funzionamento del San Domenico Qualità appalti pubblici e Introduzione di nuovi strumenti e procedure per il controllo di gestione sugli appalti e per migliorare la 2006 Ass. Galassi controllo di gestione qualità degli appalti pubblici. AZIONE CONCLUSA _Miglioramento dell'efficacia e della qualità degli appalti: migliore definizione dei capitolati, dei disciplinari e delle condizioni di esecuzione, in modo da delineare più puntualmente le caratteristiche della prestazione richiesta ed elevare l'efficacia dei servizi affidati a terzi. _Verifica degli strumenti di governance dell'esecuzione degli appalti per i servizi alla persona: sono stati attivati 3 gruppi di lavoro per la verifica degli strumenti di controllo sull'esecuzione degli appalti. _Ridefinizione modalità di affidamento a terzi della gestione dei servizi: si è costituito il Gruppo di Lavoro. _Regolarità contributiva: si è attuata integralmente la nuova modalità di richiesta telematica e si è adeguato il capitolato speciale d'appalto, ai fini di una maggiore tutela dei lavoratori. _Global service manutenzioni stradali: è stato predisposto integralmente il progetto esecutivo. _Applicazione del criterio di valutazione dell'offerta qualitativa per alcuni servizi (restauro chiesa S. Domenico, studio di fattibilità triangolo infrastrutturale romagnolo, servizio di disinfezione, disinfestazione, derattizzazione del territorio, Global Service Manutentivo strade, relative pertinenze e pluralità di servizi connessi) e conseguente gestione delle relative gare. _Affinamento delle competenze necessarie ad esercitare il controllo sulla qualità degli appalti. _Esternalizzazione Piscina comunale: si predisporrà entro il 2006 il capitolato relativo alla componente lavori della concessione _Definizione di indirizzi interpretativi del nuovo Codice dei Contratti Pubblici, tali da garantire snellezza e semplificazione delle procedure; Azione conclusa: i suoi esiti costituiscono comportamente e modalità dell'azione amministrativa corrente dell'ente.

21 Progetto PROGRAMMA 1: La qualità di un governo locale democratico e partecipato, per servizi efficienti e profili di sicurezza rivolti a tutti i cittadini 1.5 L'internazionalizzazione della città Azioni strategiche Codice Denominazione Descrizione Periodo Responsabile Note Integrazione europea e Favorire il processo di internazionalizzazione culturale ed economico, attraverso l'integrazione europea e 2009 Ass. Bucci sviluppo relazioni internazionali e costituzione di reti tematiche trasnazionali e "buone prassi" ricollocare Forlì in una rete di relazioni internazionali favorendo la crescita e lo sviluppo della città, attraverso l'acquisizione di finanziamenti europei che consentano di incrementare le risorse destinate alla realizzazione di specifici programmi. Creare reti tematiche trasnazionali che favoriscano lo scambio di esperienze realizzate e di "buone prassi", la circolazione delle informazioni e il confronto fra paesi diversi su tematiche definite, come strumento per migliorare la qualità dell'amministrazione. Collegata con azione _Progetti di scambio a carattere internazionale: si tratta di progetti che rappresentano un importante impulso per lo sviluppo di una cultura europea tra la cittadinanza e in particolare tra i giovani, in particolare è proseguita con successo la collaborazione con il Servizio Cultura per la gestione del progetto C.A.R.E.. Grazie al convegno tenutosi nell'ambito della rete SERN inoltre, il nostro Comune ha avuto la possibilità di ospitare n. 6 delegazioni svedesi, il cui lavoro e contributo si è rivelato prezioso per lo studio di un approccio comune al contrasto alla violenza sulle donne. _Progetti di cooperazione: è proseguito il progetto triennale "Forlì per Annalena"; si è concluso con successo quello relativo alla "Prevenzione sanitaria a Smara". Quest'ultimo sta trovando una prosecuzione in due nuovi progetti già approvati e finanziati dalla Regione Emilia Romagna, uno relativo alla prevenzione delle epatiti nei territori del Sarawi, l'altro, in collaborazione con l'università di Bologna, prevede tra le altre cose la realizzazione di un corso di studi sulla popolazione Sarawi. _Sviluppo lavoro di rete e potenziamento attività di advocacy e lobbyng del Comune: si è consolidato il ruolo del Comune nella rete SERN, con la cui collaborazione è stata realizzata una tavola rotonda internazionale sul ruolo delle reti trasnazionali nell'ue, alla quale hanno partecipato importanti reti europee. Nell'ambito dello sviluppo del lavoro di rete si evidenzia l'avvio di rapporti con l'international Labour Office, con il quale sono in corso contatti per l'avvio di collaborazioni nell'ambito della cooperazione sul tema dello sviluppo economico locale. Si è trattato di evento di denuncia e sensibilizzazione rivolto alla cittadinanza, relativamente alla soluzione del conflitto israeliano-palestinese. _Sviluppo lavoro di rete e potenziamento attività di advocacy e lobbying del Comune, per quanto riguarda l'implementazione delle reti e lo scambio di buone prassi: 1) Partecipazione attiva delle Unità Anziani, Minori e Centro Donna ai rispettivi gruppi di progetto all'interno della Rete SERN. 2) Partecipazione alla riunione del Consiglio Direttivo in Svezia e alla III Assemblea Generale della rete SERN a Salsomaggiore; Si è svolta attività di informazione e promozione sul lavoro e sui progetti in atto nella rete SERN. 3) Sul tema degli stereotipi di genere nelle imprese si è svolta attività di sostegno alla presentazione di un apposito progetto alla Commissione Europea. Con il coinvolgimento delle associazioni economiche aderenti al tavolo di coordinaemnto territoriale sulla conciliazione si è acquisito il sostegno delle organizzazioni economiche italiane partecipanti al Comitato Sociale ed Economico dell'ue. Si è aderito al progetto Town Twinning, presentato dal Comune svedese di Piteo. 4) Presentazione del progetto sulla "Architettura moderna, città di fondazione e memoria" all'interno del programma Cultura e predisposizione del lavoro preparatorio per la presentazione di un progetto complementare nell'ambito del programma IPA Cross-border. Si sono organizzate numerose riunioni con l'amministrazione Provinciale, Associazioni di promozione del territorio, Regione Emilia Romagna, Università degli Studi di Bologna e Firenze, Istituto Beni Culturali dell'e.r. e con storici del territorio, volte a delineare un ampio intervento coordinato attraverso la realizzazione di progetti a valere su vari programmi e linee di finanziamento nazionali e comunitarie. 5) Presentazione del progetto APQ 2007 sulla cooperazione strategica in ambito sociale con le città balcaniche partner.

COMUNE DI FORLI CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI FORLI CONSIGLIO COMUNALE Anno 2008 Deliberazione n. 181 Pos. Rag. n. ca COMUNE DI FORLI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 1 Dicembre 2008 In sessione ordinaria di prima convocazione del giorno 1 Dicembre 2008 alle ore 15:30 in seduta

Dettagli

COMUNE DI FORLI CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI FORLI CONSIGLIO COMUNALE Anno 2009 Deliberazione n. 42 Pos. Rag. n. 2009 I 1713 ca COMUNE DI FORLI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 23 Marzo 2009 In sessione ordinaria di prima convocazione del giorno 23 Marzo 2009 alle ore 15:30

Dettagli

MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA

MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA MAPPA DELLE FUNZIONI DELLA STRUTTURA Elenco della macro struttura: Organi di riferimento Staff Sindaco e/o Giunta Strutture di secondo livello di staff 1) Servizio Polizia Municipale 2) Servizio Legale

Dettagli

COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 08/08/2013 N. 21

COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 08/08/2013 N. 21 Comune di Avellino COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE 08/08/2013 N. 21 OGGETTO: I DIRETTIRVA GENERALE PER LA GESTIONE ADOTTATA AI SENSI DELL'ART. 7, CO. I, LETT. C) DEL VIGENTE REGOLAMENTO DEGLI

Dettagli

Le fasi di costituzione ed attivazione dell Unione dei Comuni. Criticità e soluzioni

Le fasi di costituzione ed attivazione dell Unione dei Comuni. Criticità e soluzioni Le fasi di costituzione ed attivazione dell Unione dei Comuni. Criticità e soluzioni Abstract: La costituzione dell Unione dei Comuni per la gestione associata delle funzioni fondamentali dei comuni è

Dettagli

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA

AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA AMMINISTRAZIONE PROVINCIALE DI IMPERIA Regolamento provinciale per la disciplina degli strumenti e delle metodologie per i controlli interni, ai sensi dell art. 3, comma 2, del d.l. 174/2012, convertito

Dettagli

Disciplina organica sul volontariato e sulle associazioni di promozione sociale e norme sull associazionismo. Il Consiglio regionale ha approvato Il

Disciplina organica sul volontariato e sulle associazioni di promozione sociale e norme sull associazionismo. Il Consiglio regionale ha approvato Il Disciplina organica sul volontariato e sulle associazioni di promozione sociale e norme sull associazionismo. Il Consiglio regionale ha approvato Il Presidente della Regione promulga la seguente legge:

Dettagli

COMUNE DI FORLI CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI FORLI CONSIGLIO COMUNALE Anno 2008 Deliberazione n. 107 Pos. Rag. n. ca COMUNE DI FORLI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 14 Luglio 2008 In sessione ordinaria di prima convocazione del giorno 14 Luglio 2008 alle ore 15:30 in seduta

Dettagli

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE. Rete telematica e servizi di supporto ICT

SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE. Rete telematica e servizi di supporto ICT SPORTELLO UNICO DELLE ATTIVITA PRODUTTIVE Rete telematica e servizi di supporto ICT La rete telematica regionale LEPIDA ed il SISTEMA a rete degli SUAP come esempi di collaborazione fra Enti della PA per

Dettagli

ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE N 417 IN DATA 08/11/2010 PROTOCOLLO N 0052379 COMUNICATA AI CAPIGRUPPO CONSILIARI IL 15/11/10 DELIB. IMM. ESEGUIBILE ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Bilancio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE

REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE REGOLAMENTO COMUNALE PER LA COMUNICAZIONE PUBBLICA E L INFORMAZIONE TITOLO I PRINCIPI GENERALI ART. 1 - Principi generali 1. Il Comune di Sarezzo, con il presente documento, disciplina le attività di informazione

Dettagli

LINEE PER LA DEFINIZIONE DEL RUOLO E DEL FUNZIONAMENTO DELLE CONFERENZE TERRITORIALI SOCIALI E SANITARIE, E DELL ATTO DI INDIRIZZO E COORDINAMENTO.

LINEE PER LA DEFINIZIONE DEL RUOLO E DEL FUNZIONAMENTO DELLE CONFERENZE TERRITORIALI SOCIALI E SANITARIE, E DELL ATTO DI INDIRIZZO E COORDINAMENTO. Allegato A LINEE PER LA DEFINIZIONE DEL RUOLO E DEL FUNZIONAMENTO DELLE CONFERENZE TERRITORIALI SOCIALI E SANITARIE, E DELL ATTO DI INDIRIZZO E COORDINAMENTO. 1. Premessa Indice 2. Funzioni e competenze

Dettagli

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000)

REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000) REGOLAMENTO PER IL CONTROLLO SULLE SOCIETA PARTECIPATE DAL COMUNE DELLA SPEZIA (ART. 147 QUATER DEL DECRETO LEGISLATIVO 267/2000) TITOLO I PARTE GENERALE...- 2-1.1. Premessa e presupposti teorici del sistema

Dettagli

REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI

REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI (Approvato con deliberazione consiliare n. 2/690 del 7 gennaio 2013) 1 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Art. 1 Oggetto 1. Il presente regolamento disciplina l'istituzione di

Dettagli

COMUNE DI GRAGNANO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI

COMUNE DI GRAGNANO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI COMUNE DI GRAGNANO PROVINCIA DI NAPOLI REGOLAMENTO SUI CONTROLLI INTERNI ADOTTATO CON DELIBERA DELLA COMMISSIONE STRAORDINARIA N DEL 1 COMUNE DI GRAGNANO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del

Dettagli

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO

COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA STATUTO - REGOLAMENTO COMITATO PARITETICO DEL VOLONTARIATO DELLA PROVINCIA DI FORLI CESENA ART. 1 Istituzione STATUTO - REGOLAMENTO E istituito ai sensi dell art. 23 della L.R. 21 Febbraio 2005, n.12 il Comitato Paritetico

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE

REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE REGOLAMENTO DELLA CONFERENZA CITTADINA DELLE ISTITUZIONI SCOLASTICHE AUTONOME STATALI E PARITARIE DELL INFANZIA E DEL PRIMO CICLO DI ISTRUZIONE TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1 Finalità 1.1 Il

Dettagli

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014

RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 COMUNE DI CIVIDATE AL PIANO (Provincia di Bergamo) RELAZIONE SULLA PERFORMANCE 2014 Il Segretario Comunale - Dott. Ivano Rinaldi Nell ambito del processo di riforma della Pubblica Amministrazione, con

Dettagli

Comune di San Donà di Piave

Comune di San Donà di Piave COPIA Comune di San Donà di Piave PROVINCIA DI VENEZIA Verbale di deliberazione della Giunta Comunale Deliberazione n 204 del 09/10/2014 OGGETTO REALIZZAZIONE DI UN PIANO DI SVILUPPO DIGITALE PER LA CITTA'

Dettagli

COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova

COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova N. 060 di reg. del 27.12.2012 COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA Provincia di Padova VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE MODIFICA REGOLAMENTO COMUNALE DI CONTABILITA'. L anno duemiladodici addì

Dettagli

COMUNE DI PIOBBICO Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI PIOBBICO Provincia di Pesaro e Urbino COMUNE DI PIOBBICO Provincia di Pesaro e Urbino cod. 41049 COPIA Verbale di DELIBERAZIONE di GIUNTA Comunale n. 4 del 27-01-2011 Oggetto: CSTPU - Centro Servizi Territoriale Pesaro e Urbino ADESIONE E

Dettagli

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE

REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE COMUNE DI MESSINA REGOLAMENTO DELL UFFICIO COMUNICAZIONE Approvato con deliberazione commissariale n. 335/05 pubblicata all albo pretorio dal 10/4/05 al 26/4/05 Ripubblicato dal 4/5/05 al 19/5/05 CAPO

Dettagli

Stato di attuazione del Programma triennale della Trasparenza e dell Integrità (2012-2014)

Stato di attuazione del Programma triennale della Trasparenza e dell Integrità (2012-2014) Provincia di Torino Stato di attuazione del Programma triennale della Trasparenza e dell Integrità (2012-2014) Approvato con D.G.C. n. 161 del 1 luglio 2013 Stato di attuazione del Programma della Trasparenza

Dettagli

COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana

COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana Comune di Ascoli Piceno Regolamento comunale sul sistema dei controlli interni COMUNE DI ASCOLI PICENO medaglia d oro al valor militare per attività partigiana REGOLAMENTO COMUNALE SUL SISTEMA DEI CONTROLLI

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 www.comune.bottanuco.bg.it mail: comune.bottanuco@tin.it p.e.c. : comune.bottanuco@postecert.it PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA TRIENNIO 2013/2015 (Art. 11, comma 2, del D.Lgs 27.10.2009,

Dettagli

Nr. 6 del Reg. Data 21 Febbraio 2013

Nr. 6 del Reg. Data 21 Febbraio 2013 C I T T A D I rovincia di Vibo Valentia I Z Z O COIA DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE Nr. 6 del Reg. Data 21 Febbraio 2013 OGGETTO: AROVAZIONE REGOLAMENTO DEL SISTEMA DI CONTROLLI INTERNI. L anno

Dettagli

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti -

PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - PUBBLICAZIONI SU SITO WEB ISTITUZIONALE ED ACCESSO DEI CITTADINI dati già presenti nel 2010 e anni precedenti - IL COMUNE ATTIVITA PREVISTE NEL TRIENNIO 2011-2013 SETTORI, SERVIZI DI COMPETENZA Il Sindaco

Dettagli

Programmi di Attività 2012

Programmi di Attività 2012 Programmi di Attività 2012 Gabinetto di Presidenza Servizio Informazione e comunicazione istituzionale Assemblea Legislativa 1 GABINETTO DI PRESIDENZA... 4 ATTIVITÀ DI RACCORDO FRA GIUNTA E ASSEMBLEA LEGISLATIVA

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Reg.delib.n. 2219 Prot. n. VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA PROVINCIALE O G G E T T O: Approvazione dell'accordo di collaborazione per lo svolgimento di attività di interesse

Dettagli

COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA

COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA COMUNE DI BRESCELLO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA REGOLAMENTO COSTITUTIVO E DI GESTIONE DELL ASSOCIAZIONE COMUNI BASSA REGGIANA : BRESCELLO BORETTO GUALTIERI GUASTALLA LUZZARA REGGIOLO - POVIGLIO APPROVATO

Dettagli

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO

INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO INTRODUZIONE AL RAPPORTO TRA PEG E PDO Generalmente il piano dettagliato degli obiettivi (art. 108 e 197 del Tuel) coincide con la c.d. parte descrittiva del Peg, cioè quella parte che individua gli obiettivi

Dettagli

DIRETTIVA SULLA FORMAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEL PERSONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

DIRETTIVA SULLA FORMAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEL PERSONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI DIRETTIVA SULLA FORMAZIONE E LA VALORIZZAZIONE DEL PERSONALE DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI A tutti i Ministeri - Uffici di Gabinetto - Uffici del personale, dell'organizzazione e della formazione Alle

Dettagli

C O M U N E D I S O R G O N O (Provincia di Nuoro)

C O M U N E D I S O R G O N O (Provincia di Nuoro) C O M U N E D I S O R G O N O (Provincia di Nuoro) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ Indice: Premessa p. 2 1. I dati da pubblicare sul sito istituzionale del comune p. 3 2. Il processo

Dettagli

ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ufficio di Presidenza. 3) Corradi Roberto Consigliere Segretario

ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ufficio di Presidenza. 3) Corradi Roberto Consigliere Segretario IX Legislatura Progr.Num. 133/2013 ASSEMBLEA LEGISLATIVA DELLA REGIONE EMILIA-ROMAGNA Ufficio di Presidenza Questo giorno mercoledì 25 del mese di settembre dell' anno 2013 si è riunito nella residenza

Dettagli

Comune di San Giorgio di Mantova - CAP 46030 C.F. 80004610202 TEL (0376) 273111 FAX (0376) 374198 -

Comune di San Giorgio di Mantova - CAP 46030 C.F. 80004610202 TEL (0376) 273111 FAX (0376) 374198 - Comune di San Giorgio di Mantova - CAP 46030 C.F. 80004610202 TEL (0376) 273111 FAX (0376) 374198 - ORIGINALE Deliberazione N. 17 del 16/02/2011 Codice Ente 10875 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA

Dettagli

COMUNE DI OZZANO DELL EMILIA Provincia di Bologna

COMUNE DI OZZANO DELL EMILIA Provincia di Bologna COMUNE DI OZZANO DELL EMILIA Provincia di Bologna C.C. NR. 55 DEL 30 OTTOBRE 2013 OGGETTO: ADESIONE DEL COMUNE DI OZZANO DELL'EMILIA ALLA CONVENZIONE TRA ENTI PUBBLICI CON COMUNE DI CASALECCHIO DI RENO

Dettagli

soggetti in condizioni di povertà e limitato reddito, secondo il principio di universalità e di inclusione sociale.

soggetti in condizioni di povertà e limitato reddito, secondo il principio di universalità e di inclusione sociale. Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 85 del 21-06-2013 20905 votazione ed unico voto espresso per ciascun consigliere ; Segretario: funzionario del Comune. Art. 73 Pubblicità delle spese elettorali

Dettagli

UNIONE FRA I COMUNI DI LONATE POZZOLO E FERNO. Verbale di deliberazione della Giunta dell'unione

UNIONE FRA I COMUNI DI LONATE POZZOLO E FERNO. Verbale di deliberazione della Giunta dell'unione UNIONE FRA I COMUNI DI LONATE POZZOLO E FERNO Provincia di Varese Deliberazione n. 0028 in data 29/11/2008 Verbale di deliberazione della Giunta dell'unione OGGETTO: APPROVAZIONE PIANO TRIENNALE 2008/2010

Dettagli

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE

C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Allegato A C I T T À D I S P I N E A ARTICOLAZIONE DEGLI UFFICI DI MASSIMA DIMENSIONE (MACROSTRUTTURA) E RELATIVE MACRO COMPETENZE Settore PROGRAMMAZIONE E FINANZA SUPPORTO ALLA DIREZIONE GENERALE - Programmazione

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2012-13-14 Le modifiche normative intervenute, nell ambito dell ampio programma di riforma della Pubblica Amministrazione, impongono agli Enti Locali

Dettagli

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO

Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Istituto per l'innovazione e trasparenza degli appalti e la compatibilità ambientale REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO INTERNO Approvato dal CONSIGLIO DIRETTIVO nella seduta del 3 marzo 2009,

Dettagli

COMUNE DI BASALUZZO Provincia di Alessandria

COMUNE DI BASALUZZO Provincia di Alessandria COMUNE DI BASALUZZO Provincia di Alessandria N. 24 VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO: Convenzione tra il Ministero Delle Infrastrutture e dei Trasporti E L ANCI, Associazione Nazionale

Dettagli

COMUNE DI FORLI CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI FORLI CONSIGLIO COMUNALE 1/201 Anno 2009 Deliberazione n. 81 Pos. Rag. n. ca COMUNE DI FORLI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 20 Aprile 2009 In sessione ordinaria di prima convocazione del giorno 20 Aprile 2009 alle ore 15:30 in

Dettagli

COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino

COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino COMUNE DI VILLAREGGIA Provincia di Torino COPIA ALBO VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 14 ==================================================================== OGGETTO : APPROVAZIONE DEL

Dettagli

Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale

Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale Apprendimento generale: Ente Parco Nazionale Area Contabilità e Finanza - ex VII qualifica funzionale metodi e strumenti di lavoro di tipo generale pubblica amministrazione e ambiente processi di lavoro

Dettagli

COMUNE DI TOMBOLO. Provincia di Padova VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO

COMUNE DI TOMBOLO. Provincia di Padova VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO COPIA N. 51 Reg. COMUNE DI TOMBOLO Provincia di Padova VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO Approvazione schema "Patto d'area" per la sicurezza urbana tra la Prefettura di Padova ed i

Dettagli

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità

Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità Programma Triennale per la Trasparenza e l Integrità PREMESSA Le recenti e numerose modifiche normative nell ambito del vasto progetto di riforma della Pubblica Amministrazione impongono agli Enti Locali

Dettagli

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità

REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA. ART 1 Principi generali: oggetto e finalità REGOLAMENTO SULLE ATTIVITA DI COMUNICAZIONE E DI INFORMAZIONE DEL COMUNE DI ANCONA ART 1 Principi generali: oggetto e finalità Il Comune di Ancona, con il presente regolamento, disciplina le attività d

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ ANNI 2014-2015-2016 1. PREMESSA Con la redazione del presente programma triennale per la trasparenza e l integrità, il Comune di Sant Ilario d Enza

Dettagli

Deliberazione della Giunta Comunale ORIGINALE. COMUNE DI VARANO DE MELEGARI Medaglia di Bronzo al V.M. PROVINCIA DI PARMA

Deliberazione della Giunta Comunale ORIGINALE. COMUNE DI VARANO DE MELEGARI Medaglia di Bronzo al V.M. PROVINCIA DI PARMA Deliberazione della Giunta Comunale ORIGINALE Delibera N. 49 in data 2.08.2013 OGGETTO: DICHIARAZIONE DI INTENTI PER LA REALIZZAZIONE ED UTILIZZO DI DATACENTER IN EMILIA-ROMAGNA. ADESIONE. L anno D U E

Dettagli

COMUNE DI GAVORRANO (Provincia di Grosseto) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017

COMUNE DI GAVORRANO (Provincia di Grosseto) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 COMUNE DI GAVORRANO (Provincia di Grosseto) PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA 2015-2017 Approvato con deliberazione della Giunta Comunale n. 7 del 29.01.2015 1 SOMMARIO 1. Introduzione:

Dettagli

COMUNE DI POVIGLIO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA. Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale

COMUNE DI POVIGLIO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA. Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale COPIA Deliberazione N.38 in data 28/03/2014 COMUNE DI POVIGLIO PROVINCIA DI REGGIO EMILIA Verbale di Deliberazione della Giunta Comunale Oggetto:APPROVAZIONE ACCORDO DI COLLABORAZIONE CON IREN EMILIA S.P.A.

Dettagli

COMUNE DI SAN POLO D ENZA Provincia di Reggio Emilia. tel.0522/241711 fax.0522/874867 - cod.fis. 00445450356 - c.a.p. 42020

COMUNE DI SAN POLO D ENZA Provincia di Reggio Emilia. tel.0522/241711 fax.0522/874867 - cod.fis. 00445450356 - c.a.p. 42020 COMUNE DI SAN POLO D ENZA Provincia di Reggio Emilia tel.0522/241711 fax.0522/874867 - cod.fis. 00445450356 - c.a.p. 42020 DELIBERA DI GIUNTA COMUNALE NR.73 DEL 12/10/2015 Oggetto: MANUALE DI GESTIONE

Dettagli

D.P.C.M. 9 luglio 2014 Approvazione dello Statuto dell'agenzia per la coesione territoriale (TESTO VIGENTE AL 27 FEBBRAIO 2015)

D.P.C.M. 9 luglio 2014 Approvazione dello Statuto dell'agenzia per la coesione territoriale (TESTO VIGENTE AL 27 FEBBRAIO 2015) D.P.C.M. 9 luglio 2014 Approvazione dello Statuto dell'agenzia per la coesione territoriale (TESTO VIGENTE AL 27 FEBBRAIO 2015) (1) Pubblicato nella Gazz. Uff. 19 agosto 2014, n. 191. IL PRESIDENTE DEL

Dettagli

STATUTO Approvato con Deliberazione della Conferenza metropolitana n. 1 del 16/12/2014

STATUTO Approvato con Deliberazione della Conferenza metropolitana n. 1 del 16/12/2014 STATUTO Approvato con Deliberazione della Conferenza metropolitana n. 1 del 16/12/2014 INDICE TITOLO I Principi generali Art. 1 Principi generali Pag. 3 Art. 2 Finalità Pag. 3 Art. 3 Territorio, sede

Dettagli

COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro e Urbino Segreteria Generale. Servizio di Regolarità Amministrativa e Contabile

COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro e Urbino Segreteria Generale. Servizio di Regolarità Amministrativa e Contabile COMUNE DI FANO Provincia di Pesaro e Urbino Segreteria Generale Servizio di Regolarità Amministrativa e Contabile 2 referto semestrale attività svolta- anno 2014 Prot.n. 500 del 07 gennaio 2015 Al Presidente

Dettagli

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI. Capo I. Il Sistema dei Controlli Interni

REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI. Capo I. Il Sistema dei Controlli Interni REGOLAMENTO IN MATERIA DI CONTROLLI INTERNI Capo I Il Sistema dei Controlli Interni Art. 1 OGGETTO E FINALITA 1. Il presente regolamento disciplina l istituzione del sistema dei controlli interni sull

Dettagli

UFFICIO INTERCOMUNALE PER LA RICERCA DI FINANZIAMENTI (U.I.R.F.)

UFFICIO INTERCOMUNALE PER LA RICERCA DI FINANZIAMENTI (U.I.R.F.) UFFICIO INTERCOMUNALE PER LA RICERCA DI FINANZIAMENTI (U.I.R.F.) (Schema di Convenzione di cui all art.20 della LRT n. 68/2011) Tra 1)- Il comune di Calenzano, nella persona di... domiciliato per la sua

Dettagli

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni

COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni COMUNE DI CUNEO Regolamento sui controlli interni (art. 147 del TUELL 267/2000, modificato dal D.L. 174/2012 convertito nella legge 213/2012) INDICE Parte 1^ Premesse generali Art. 1 Finalità e ambito

Dettagli

COMUNE DI RIMINI. - Segreteria Generale - ESTRATTO DAL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DI GIUNTA COMUNALE. N. : 208 del 16/06/2015

COMUNE DI RIMINI. - Segreteria Generale - ESTRATTO DAL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DI GIUNTA COMUNALE. N. : 208 del 16/06/2015 COMUNE DI RIMINI Segreteria Generale ESTRATTO DAL REGISTRO DELLE DELIBERAZIONI DI GIUNTA COMUNALE N. : 208 del 16/06/2015 Oggetto : PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE PER L'ANNO 2015: ADEGUAMENTO OBIETTIVI. L

Dettagli

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41

SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME SISTEMA INFORMATIVO REGIONE PIEMONTE SUI VAR - 41 Pag. 1 di 10 SPORTELLO UNICO ATTIVITÀ PRODUTTIVE VISTA D INSIEME agosto 2010 Pag. 2 di 10 SOMMARIO 1. SCOPO DEL DOCUMENTO...3 2. INQUADRAMENTO...3 3. LO USER GROUP SPORTELLO UNICO...4 4. IL SOFTWARE PER

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITA ANNI 2012-2013-2014 1 PREMESSA Con la redazione del presente Programma Triennale per la trasparenza e l integrità, di seguito denominato Programma,

Dettagli

ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE

ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE DELIBERAZIONE N 588 IN DATA 14/12/2004 PROTOCOLLO N 0061712 COMUNICATA AI CAPIGRUPPO CONSILIARI IL 18/02/2005 DELIB. IMM. ESEGUIBILE ESTRATTO DEL VERBALE DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE OGGETTO:

Dettagli

COMUNE DI FORLI CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI FORLI CONSIGLIO COMUNALE Anno 2008 Deliberazione n. 53 Pos. Rag. n. COMUNE DI FORLI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 17 Marzo 2008 In sessione ordinaria di prima convocazione del giorno 17 Marzo 2008 alle ore 15:30 in seduta pubblica.

Dettagli

11 - FASI SVILUPPO OBIETTIVO OUTPUT RISORSE UMANE ATTESO Predisposizione atto di indirizzo Suap in variante al consiglio comunale

11 - FASI SVILUPPO OBIETTIVO OUTPUT RISORSE UMANE ATTESO Predisposizione atto di indirizzo Suap in variante al consiglio comunale 4 - DENOMINAZIONE OBIETTIVO Piano di Governo del Territorio 5 - VISION DEL PIANO GENERALE DI SVILUPPO ALLA QUALE L'OBIETTIVO E' COLLEGATO N. 4 - LECCO CITTA REGIONALE E METROPOLITANA N. 5 - LECCO CITTA'

Dettagli

BILANCIO DI PREVISIONE 2012

BILANCIO DI PREVISIONE 2012 COMUNITA MONTANA ESINO-FRASASSI Provincia di Ancona PARERE DELL ORGANO DI REVISIONE SULLA PROPOSTA DI BILANCIO DI PREVISIONE 2012 E DOCUMENTI ALLEGATI L ORGANO DI REVISIONE Rag.Floriano Flori Parere dell

Dettagli

ORGANIGRAMMA Pubblicazione ai sensi dell art. 13 comma 1 lett. c del D. Lgs 33/2013

ORGANIGRAMMA Pubblicazione ai sensi dell art. 13 comma 1 lett. c del D. Lgs 33/2013 COMUNE DI BORGETTO PROVINCIA DI PALERMO ORGANIGRAMMA Pubblicazione ai sensi dell art. 13 comma 1 lett. c del D. Lgs 33/2013 SINDACO SEGRETARIO COMUNALE GIUNTA MUNICIPALE AREA 1^ AREA 2^ AREA 3^ AREA 4^

Dettagli

PIANO DEGLI OBIETTIVI E DELLE PERFORMANCE 2015 2017 ED INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI OPERATIVI E STRATEGICI PER L ANNO 2015

PIANO DEGLI OBIETTIVI E DELLE PERFORMANCE 2015 2017 ED INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI OPERATIVI E STRATEGICI PER L ANNO 2015 COMUNE DI ANZANO DI PUGLIA PIANO DEGLI OBIETTIVI E DELLE PERFORMANCE 2015 2017 ED INDIVIDUAZIONE DEGLI OBIETTIVI OPERATIVI E STRATEGICI PER L ANNO 2015 Adottato con deliberazione della Giunta Comunale

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI COMUNE DI BRINDISI PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E INTEGRITÀ ANNI 2013-2014-2015 (Attuazione dell art.10, comma 1, D.Lgs 14 marzo 2013, n.33) Premessa Con la redazione del presente Programma Triennale

Dettagli

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2

PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 PRSE 2012-2015 Progetto speciale di interesse regionale Toscana Turistica Sostenibile e Competitiva Fase 2 ALL. A Accordo per l adesione alla fase applicativa degli Osservatori Turistici di Destinazione

Dettagli

C I T T À D I C O N E G L I A N O

C I T T À D I C O N E G L I A N O C I T T À D I C O N E G L I A N O (C.A.P. n. 31015) PROVINCIA DI TREVISO Unità organizzativa competente: DIREZIONE GENERALE AREA AFFARI GENERALI E SERVIZI ALLA PERSONA Via A. Carpenè, 2 Tel. 0438-413210

Dettagli

COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo)

COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo) COMUNE DI PEVERAGNO (Provincia di Cuneo) SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Misurazione, valutazione e trasparenza della performance organizzativa e individuale (Decreto legislativo

Dettagli

2ELHWWLYR &RVWUXLUH UHWL GL FRPSHWHQ]H LQWHUQH DOOH $PPLQLVWUD]LRQL R

2ELHWWLYR &RVWUXLUH UHWL GL FRPSHWHQ]H LQWHUQH DOOH $PPLQLVWUD]LRQL R 3523267$',,17(51$/,==$=,21('(//(&203(7(1=( 5(*,21(38*/,$ ,QWURGX]LRQH Il presente documento costituisce una prima proposta di lavoro per attuare un processo di internalizzazione delle competenze. La Regione

Dettagli

REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO

REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO PROVINCIA DI LIVORNO REGOLAMENTO SU STRUMENTI E PROCESSI D INDIRIZZO, PROGRAMMAZIONE E CONTROLLO SULLE SOCIETÀ CONTROLLATE A CAPITALE PUBBLICO Approvato con deliberazione del Consiglio Provinciale n. 34/29.03.2011

Dettagli

di seguito indicate anche semplicemente come le Parti, PREMESSI

di seguito indicate anche semplicemente come le Parti, PREMESSI ACCORDO DI PROGRAMMA FRA GLI ENTI PARTECIPANTI ALLA COSTITUZIONE DI UN CENTRO SERVIZI TERRITORIALE NELLA PROVINCIA DI TORINO PER L INCLUSIONE DEI PICCOLI COMUNI NELL ATTUAZIONE DELL E-GOVERNMENT La Regione

Dettagli

Statuto dell Associazione Culturale FakePress

Statuto dell Associazione Culturale FakePress Statuto dell Associazione Culturale FakePress Art. 1 (Costituzione) È costituita l Associazione Culturale denominata Fake Press. L Associazione non persegue scopo di lucro ed è disciplinata dal presente

Dettagli

C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE

C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE C O M U N E D I C A S T E N A S O Provincia di Bologna VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE ATTO n. 63 del 22/12/2011 OGGETTO: BILANCIO PREVENTIVO ECONOMICO 2012 E PLURIENNALE 2012/2014 - RELAZIONE

Dettagli

BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove

BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove BCC LAB Associazione Giovani Soci BCC San Vincenzo de Paoli di Casagiove STATUTO SOCIALE Art. 1 - Costituzione e sede Ai sensi delle disposizioni del Codice Civile in tema di Associazioni, e delle leggi

Dettagli

COMUNE DI JESI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Atto n. 58 del 27 Marzo 2013

COMUNE DI JESI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Atto n. 58 del 27 Marzo 2013 COMUNE DI JESI Copia DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Atto n. 58 del 27 Marzo 2013 OGGETTO: DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 10 DEL 28 GENNAIO 2013 - ATTO DI INDIRIZZO CONCERNENTE LA GESTIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: CENTRALE ACQUISTI Area: PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE

DELIBERAZIONE N. DEL. Direzione Regionale: CENTRALE ACQUISTI Area: PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE REGIONE LAZIO DELIBERAZIONE N. DEL 192 06/05/2015 GIUNTA REGIONALE PROPOSTA N. 6425 DEL 23/04/2015 STRUTTURA PROPONENTE Direzione Regionale: CENTRALE ACQUISTI Area: PIANIFICAZIONE E PROGRAMMAZIONE Prot.

Dettagli

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015

PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 : Comune di Samugheo Provincia di Oristano PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L INTEGRITÀ 2013 2015 Indice 1 INTRODUZIONE 2- STATO DI ATTUAZIONE 1. Dati già pubblicati sul sito 2. "Trasparenza, valutazione

Dettagli

CITTA METROPOLITANA DI GENOVA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA'

CITTA METROPOLITANA DI GENOVA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' CITTA METROPOLITANA DI GENOVA PROGRAMMA TRIENNALE PER LA TRASPARENZA E L'INTEGRITA' ANNI 2015-2017 1 INDICE 1. Introduzione... 3 2. Le principali novità... 3 3. Procedimento di elaborazione, adozione del

Dettagli

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA

DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA Comune di Morciano di Romagna Provincia di Rimini DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE COPIA SEDUTA: PUBBLICA NON PUBBLICA N. 115 IN DATA 03/09/2009 O G G E T T O INFORMATIZZAZIONE DELLA GESTIONE DEL CANONE

Dettagli

Regolamento Comunale di disciplina dei controlli interni

Regolamento Comunale di disciplina dei controlli interni COMUNE DI MALCESINE PROVINCIA DI VERONA Regolamento Comunale di disciplina dei controlli interni Approvato con Deliberazione di Consiglio Comunale n. 4 del 31.01.2013 TITOLO I PRINCIPI GENERALI Articolo

Dettagli

IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO

IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO IL SOTTOSEGRETARIO DI STATO VISTA la legge. 24 dicembre 2012 n. 234, recante norme generali sulla partecipazione dell'italia alla formazione e all'attuazione della normativa e delle politiche dell'unione

Dettagli

COMUNE DI FORLI CONSIGLIO COMUNALE

COMUNE DI FORLI CONSIGLIO COMUNALE Anno 2008 Deliberazione n. 9 Pos. Rag. n. COMUNE DI FORLI CONSIGLIO COMUNALE Seduta del 29 Gennaio 2008 In sessione ordinaria di prima convocazione del giorno 29 Gennaio 2008 alle ore 15:30 in seduta pubblica.

Dettagli

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE

Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Direzione Generale per le Politiche Attive e Passive del Lavoro Progetto VALUTAZIONE DELLE PERFORMANCE Controlli interni e Ciclo della performance alla luce dell art.3 del D.L. 174/2012 Position Paper

Dettagli

PROVINCIA REGIONALE DI CALTANISSETTA SEGRETARIO GENERALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013. Dal 01.01.2013 al 31.10.2013

PROVINCIA REGIONALE DI CALTANISSETTA SEGRETARIO GENERALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013. Dal 01.01.2013 al 31.10.2013 PROVINCIA REGIONALE DI CALTANISSETTA SEGRETARIO GENERALE RELAZIONE ATTIVITA ANNO 2013 Dal 01.01.2013 al 31.10.2013 Segretario Generale Dott. Antonina Liotta Caltanissetta, 30 Gennaio 2014 1 Provincia Regionale

Dettagli

Deliberazione della Giunta Comunitaria

Deliberazione della Giunta Comunitaria Deliberazione della Giunta Comunitaria N 48 Reg. Data 17/09/2012 OGGETTO: SERVIZIO PUBBLICO DI CONSULTAZIONE TELEMATICA CATASTALE PRESSO LO SPORTELLO CATASTALE DECENTRATO DI QUESTA COMUNITA MONTANA.APPROVAZIONE

Dettagli

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 43

VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 43 VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N. 43 OGGETTO: PARTECIPAZIONE ATTIVA DEI CITTADINI AI PROCESSI DECISIONALI DELL'ENTE LOCALE. APPROVAZIONE REGOLAMENTO 'BILANCIO PARTECIPATIVO' L anno 2013,

Dettagli

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI

CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI CONSUNTIVO RESPONSABILE: DOTT. EMANUELE TONELLI Centro di costo: 1. Servizi Informatici Telematici e SIT SETTORE: SISTEMI INFORMATIVI RESPONSABILE: Dott. Tonelli Emanuele Centro di Costo: Servizi Informatici

Dettagli

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale

Verbale di deliberazione della Giunta Comunale ORIGINALE DELIBERAZIONE n 70 del 05/07/2010 Verbale di deliberazione della Giunta Comunale OGGETTO: VERIFICA FINALE DEL PIANO ESECUTIVO DI GESTIONE ANNO 2009 L'anno duemiladieci il giorno cinque del mese

Dettagli

Per la GESTIONE ASSOCIATA delle FUNZIONI COMUNALI

Per la GESTIONE ASSOCIATA delle FUNZIONI COMUNALI SCHEMA ATTO CONVENZIONALE Per la GESTIONE ASSOCIATA delle FUNZIONI COMUNALI Oggetto: Convenzione art. 30 TUEL n.267/2000 per la Pianificazione Urbanistica ed Edilizia di Ambito Comunale nonché la Partecipazione

Dettagli

C I T T À D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI

C I T T À D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI C I T T À D I E R I C E PROVINCIA DI TRAPANI VERBALE DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA MUNICIPALE Delibera N. 152 del 26/07/2013 Proposta N. 194 del 18/07/2013 COPIA OGGETTO: PIANO DELLA PERFORMANCE DEL COMUNE

Dettagli

COSTITUZIONE DELLA STRUTTURA DI GOVERNO DEL PROGETTO "SISTEMA INTEGRATO PER L'EDILIZIA - S.I.ED.ER."

COSTITUZIONE DELLA STRUTTURA DI GOVERNO DEL PROGETTO SISTEMA INTEGRATO PER L'EDILIZIA - S.I.ED.ER. Progr.Num. 1843/2011 GIUNTA DELLA REGIONE EMILIA ROMAGNA Questo giorno lunedì 12 del mese di dicembre dell' anno 2011 si è riunita nella residenza di la Giunta regionale con l'intervento dei Signori: via

Dettagli

COMITATO DI GESTIONE FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO EMILIA ROMAGNA. Regolamento 2012-2014 INDICE

COMITATO DI GESTIONE FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO EMILIA ROMAGNA. Regolamento 2012-2014 INDICE COMITATO DI GESTIONE FONDO SPECIALE PER IL VOLONTARIATO EMILIA ROMAGNA Regolamento 2012-2014 Data di approvazione 11 settembre 2012 INDICE Pag. 2 Art. 1 Istituzione Art. 2 Finalità Pag. 3 Art. 3 Ordinamento

Dettagli

OGGETTO: DECENTRAMENTO DELLE FUNZIONI CATASTALI AI SENSI DELLA L. 296/2006 E D.P.C.M. 14.06.2007. DETERMINAZIONI

OGGETTO: DECENTRAMENTO DELLE FUNZIONI CATASTALI AI SENSI DELLA L. 296/2006 E D.P.C.M. 14.06.2007. DETERMINAZIONI OGGETTO: DECENTRAMENTO DELLE FUNZIONI CATASTALI AI SENSI DELLA L. 296/2006 E D.P.C.M. 14.06.2007. DETERMINAZIONI Il Sindaco invita il Segretario comunale a illustrare l argomento. Sindaco: La settimana

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA

REGOLAMENTO DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA REGOLAMENTO DELLA COMUNICAZIONE PUBBLICA Approvato con delibera del Consiglio Comunale n. 64/2009, modificato con delibera C.C.n.61/2010 e con delibera C.C.n.109/2010 Art.1 Principi e strumenti. Il Comune

Dettagli

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE

SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE SCHEMA DI CONVENZIONE PER LA GESTIONE ASSOCIATA DELLO SPORTELLO UNICO PER LE ATTIVITA PRODUTTIVE. Con atto approvato dal Commissario Straordinario del Comune di Roma n.. del.. e dalla Deliberazione Consiliare

Dettagli