Linee guida per la definizione dei progetti di Servizio Civile per l anno 2007/2008 di ANCI Lombardia

Save this PDF as:
 WORD  PNG  TXT  JPG

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Linee guida per la definizione dei progetti di Servizio Civile per l anno 2007/2008 di ANCI Lombardia"

Transcript

1 Sala Manzoni Palazzo delle Stelline Milano aprile ore ATTI DEL SEMINARIO Linee guida per la definizione dei progetti di Servizio Civile per l anno 2007/2008 di ANCI Lombardia L Ufficio Servizio Civile di ANCI Lombardia ha avviato la fase di definizione dei progetti nei quali porre in servizio volontari nel corso dell anno Scopo dell incontro di presentazione delle linee guida per la progettazione è di illustrare le metodologie di definizione dei progetti, i sistemi di raccolta ed analisi dei fabbisogni degli Enti, la tempistica e le procedure per la messa a punto dei dati utili alla stesura dei progetti. Partendo dalle indicazioni delle sedi di servizio in questi anni nel corso degli incontri di monitoraggio verrà consolidata e rafforzata la base dei dati già in possesso dell'ufficio Servizio Civile di ANCI Lombardia: il fattivo coinvolgimento degli Enti nella individuazione delle caratteristiche dei progetti è infatti una fondamentale condizione per garantire la qualità dei servizi offerti al territorio e un adeguata crescita personale dei volontari. L incontro in oggetto è rivolto a tutti gli Enti accreditati con ANCI Lombardia che intendono richiedere volontari per l anno 2008.

2 LA PROGETTAZIONE CON ANCI LOMBARDIA PER IL 2008 Maggio-Giugno I TEMPI convocazione gruppi per il monitoraggio dei progetti in corso e per l avvio della riprogettazione identificazione dati richiesti e esercitazione in aula su schede dati avvio raccolta curriculum aggiornati OLP, Tutor e Rlea 1

3 15 giorni dopo l incontro di gruppo riversamento, a cura degli OLP o dei responsabili di sede/progetto, dei dati raccolti nell incontro in documento word da trasmettere ad Anci tramite la mail. operatori dell ufficio Anci inseriscono i dati nel gestionale il personale delle sedi che non partecipa agli incontri riceve il materiale per la progettazione da riconsegnare nei successivi 15 giorni Luglio 2007 personale Anci procede ad intervistare i partecipanti al ciclo di progettazione per completare i questionari sul gestionale e la raccolta dei curriculum il gestionale rimane aperto fino al.. e sono gli OLP e/o i responsabili di progettazione a dare la conferma definitiva sulla correttezza dei dati raccolti Settembre 2007 consegna dei progetti in Regione 2

4 Aprile-Maggio 2008 approvazione dei progetti e pubblicazione bando nazionale Maggio-Giugno 2008 selezione volontari Ottobre 2008 avvio al servizio dei volontari idonei e selezionati 2. Nuovi progetti, nuove sedi nuove attività?? Attualmente è possibile presentare progetti relativi alle sole sedi già accreditate: quindi è possibile variare il numero dei volontari e le attività, ma solo se pertinenti le sedi (e quindi le aree di intervento) precedentemente identificate 3

5 Se l UNSC avviasse le procedure per la riapertura dei termini dell accreditamento, o per il suo adeguamento, le nuove sedi potrebbero essere coinvolte nella progettazione 2008 solo su esplicita indicazione normativa In caso contrario, queste sedi saranno coinvolte nelle attività di progettazione per l anno Definizione Progetto di Sede Analisi attività anni precedenti Conferma/modifiche aree di intervento, attività, sedi di servizio operative e numero volontari Identificazione eventuali requisiti/obblighi dei volontari Identificazione personale (OLP) Raccolta dati e documenti da inviare all Anci 4

6 4. I dati richiesti 4.1 Descrizione del contesto specifico Indicatori di contesto Servizi erogati Denominazione Sede: Servizio presente Dati di contesto 0-5 anni 6- anni18-32 anni33-65 anni> 65 anni % stranieri PopDensità N Famiglie Servizi erogati AREA ANZIANI SAD (servizio di assistenza domiciliare) Descrizione servizio SAD (servizio di assistenza domiciliare) Il Servizio di Assistenza Domiciliare ( SAD ) a favore di anziani e persone soggette a rischio di emarginazione riguarda il recupero dell'autonomia.. Enti, Associazioni, Cooperative che lavorano nel servizio SAD (servizio di assistenza domiciliare) sul territorio n. 2 ASA sono fornite da una Cooperativa sociale. Il servizio è gestito direttamente dall'amministrazione comunale. utenti attuali 5

7 Denominazione sede: Biblioteche del territorio Prestiti in un anno Nuove acquisizioni in un anno Musei del territorio Visitatori in un anno Utenti iscritti al prestito e ai servizi bibliotecari Dati di contesto 0-5 anni 6- anni anni anni > 65 anni % stranieri Pop Densità N Famiglie Dati sulle strutture presenti - biblioteche Ore di apertura settimanale complessivo delle biblioteche Complessivo settimanale delle ore di apertura delle sale multimediali e fonoteche Ore di apertura settimanale delle ludoteche e sale di animazione culturale per bambini Dati sulle strutture presenti - Sistemi inter-bibliotecari Denominazione della struttura inter-bibliotecaria presente Dati sulle strutture presenti - musei n. n. n. n. n. n. n. n. n Denominazione Sede: Servizio presente ORGANIZZAZIONE DI INIZIATIVE E CAMPAGNE DI INFORMAZIONE A TUTELA E RISPETTO DEL TERRITORIO Enti, Associazioni, Cooperative che lavorano nel servizio ORGANIZZAZIONE DI INIZIATIVE E CAMPAGNE DI INFORMAZIONE A TUTELA E RISPETTO DEL TERRITORIO Servizio presente AFFIANCAMENTO ALLE ATTIVITA' DI PIANIFICAZIONE E PROMOZIONE DELLA TUTELA AMBIENTALE Enti, Associazioni, Cooperative che lavorano nel servizio AFFIANCAMENTO ALLE ATTIVITA' DI PIANIFICAZIONE E PROMOZIONE DELLA TUTELA AMBIENTALE Servizio presente AZIONI RIVOLTE ALLA CITTADINANZA Servizi erogati TUTELA PATRIMONIO AMBIENTALE Servizi erogati EDUCAZIONE AMBIENTALE 6

8 Denominazione Sede: Servizio presente PRESENZA E VIGILANZA STRADALE Enti, Associazioni, Cooperative che lavorano nel servizio PRESENZA E VIGILANZA STRADALE Servizio presente MONITORAGGIO DEI CORSI D ACQUA Enti, Associazioni, Cooperative che lavorano nel servizio MONITORAGGIO DEI CORSI D ACQUA Servizi erogati Denominazione Sede: Enti, Associazioni, Cooperative che lavorano nel servizio CONTATTO CON IL TERRITORIO Servizio presente AFFIANCAMENTO ALLE OPERAZIONE DI RICERCA DELLE FONTI INFORMATIVE Enti, Associazioni, Cooperative che lavorano nel servizio AFFIANCAMENTO ALLE OPERAZIONE DI RICERCA DELLE FONTI INFORMATIVE Servizio presente SELEZIONE, RIELABORAZIONE, RICERCA ED AGGIORNAMENTO DEI MATERIALI INFORMATIVI Enti, Associazioni, Cooperative che lavorano nel servizio SELEZIONE, RIELABORAZIONE, RICERCA ED AGGIORNAMENTO DEI MATERIALI INFORMATIVI AZIONI INFORMATIVE DECENTRATE SUL TERRITORIO Servizio presente CONTATTO CON IL TERRITORIO SUPPORTO ALL ATTIVITA DI BACK OFFICE 7

9 4.2 Obiettivi specifici del progetto Sede per sede, vanno definiti gli obiettivi specifici,in tabelle riassuntive, che illustrano i risultati delle attività svolte dai volontari in termini di: miglioramento dei servizi esistenti introduzione di nuovi servizi innovazione dei servizi offerti dall ente Denominazione Sede: Obiettivi Servizi AREA ANZIANI Miglioramento del servizio SAD (servizio di assistenza domiciliare) Utenti attuali Incremento Utenti TOTALE UTENTI del servizio SAD (servizio di assistenza domiciliare) numero numero Utenti Previsti Numero totale Nuovo servizio offerto: TELESOCCORSO Utenti previsti Utenti Previsti 8

10 Denominazione Sede: Obiettivi Servizi - ATTIVITA ORDINARIE Miglioramento del servizio CONSULENZA AL PRESTITO E ALLA CONSULTAZIONE Numero attività attuali Incremento numero Attività TOTALE ATTIVITA del servizio CONSULENZA AL PRESTITO E ALLA CONSULTAZIONE Nuovo servizio offerto: CONSULENZA AL PRESTITO E ALLA CONSULTAZIONE Numero Attività totali previste Obiettivi Servizi PROMOZIONE DI EVENTI CULTURALI CORSI IN BIBLIOTECA LUDOTECA SALA MULTIMEDIALE E FONOTECA Miglioramento del servizio ATTIVITA ED EVENTI CULTURALI SVOLTI DURANTE L ANNO Numero attività attuali Incremento numero Attività TOTALE ATTIVITA del servizio ATTIVITA ED EVENTI CULTURALI SVOLTI DURANTE L ANNO Nuovo servizio offerto: ATTIVITA ED EVENTI CULTURALI SVOLTI DURANTE L ANNO Numero Attività totali previste Denominazione Sede: Obiettivi area TUTELA PATRIMONIO AMBIENTALE Obiettivi area EDUCAZIONE AMBIENTALE Obiettivi area AFFIANCAMENTO ALLE ATTIVITA ECOLOGIA/TERRITORIO/AMBIENTE 9

11 Denominazione Sede: Obiettivi AZIONI INFORMATIVE DECENTRATE SUL TERRITORIO Obiettivi SUPPORTO ALL ATTIVITA DI BACK OFFICE Obiettivi FRONT OFFICE - ACCOGLIENZA DELL UTENZA 4.3 Descrizione del progetto e Tipologia di intervento Piani di attuazione previsti per il raggiungimento degli obiettivi Complesso delle attività previste per la realizzazione dei piani di attuazione Risorse umane complessive Ruolo e attività previste per i volontari 10

12 1. Formazione Piani di attuazione 2. Inserimento e affiancamento strutturato 3. Attività nella struttura di sede 4. Monitoraggio 5. Verifica Finale Il piano annuale delle attivita Formazione 1400 ORE Monitoraggio Attività di servizio Festività Infortunio Verifica finale Malattia 12 mesi + 20 giorni permesso 11

13 Attivita di servizio DA SETT - OTT 2008 A SETT OTT ore Risorse umane complessive Denominazione Sede: Risorse umane AREA ANZIANI Servizio SAD (servizio di assistenza domiciliare) num. operatori dipendent i num. operatori volontari ruolo1 ruolo2 Personale volontario del servizio SAD (servizio di assistenza domiciliare) TOTALE risorse umane servizio SAD (servizio di assistenza domiciliare)

14 Denominazione Sede: Risorse umane - ATTIVITA ORDINARIE Servizio CONSULENZA AL PRESTITO E ALLA CONSULTAZIONE num. operatori dipendenti num. operatori volontari ruolo1 Ruolo2 Personale volontario del servizio CONSULENZA AL PRESTITO E ALLA CONSULTAZIONE TOTALE risorse umane servizio CONSULENZA AL PRESTITO E ALLA CONSULTAZIONE Risorse umane - PROMOZIONE DI EVENTI CULTURALI CORSI IN BIBLIOTECA LUDOTECA SALA MULTIMEDIALE E FONOTECA Servizio ATTIVITA ED EVENTI CULTURALI SVOLTI DURANTE L ANNO 34 num. operatori dipendenti 2 2 num. operatori volontari ruolo1 Denominazione Sede: Risorse umane - AZIONI INFORMATIVE DECENTRATE SUL TERRITORIO Servizio CONTATTO CON IL TERRITORIO num. operatori dipendenti num. operatori volontari ruolo1 ruolo2 Personale volontario del servizio CONTATTO CON IL TERRITORIO 2 TOTALE risorse umane servizio CONTATTO CON IL TERRITORIO

15 Denominazione Sede: Risorse umane - Area TUTELA PATRIMONIO AMBIENTALE Servizio ORGANIZZAZIONE DI INIZIATIVE E CAMPAGNE DI INFORMAZIONE A TUTELA E RISPETTO DEL TERRITORIO num. operatori dipendenti num. operatori volontari ruolo1 ruolo2 Personale volontario del servizio ORGANIZZAZIONE DI INIZIATIVE E CAMPAGNE DI INFORMAZIONE A TUTELA E RISPETTO DEL TERRITORIO) TOTALE risorse umane servizio ORGANIZZAZIONE DI INIZIATIVE E CAMPAGNE DI INFORMAZIONE A TUTELA E RISPETTO DEL TERRITORIO Denominazione Sede: Risorse umane Servizio PRESENZA E VIGILANZA STRADALE num. operatori dipendenti num. operatori volontari ruolo1 ruolo2 Personale volontario del servizio PRESENZA E VIGILANZA STRADALE 2 TOTALE risorse umane servizio PRESENZA E VIGILANZA STRADALE

16 Ruolo e attività del volontario Denominazione Sede: Servizi TRASPORTO ANZIANI PASTI A DOMICILIO TELESOCCORSO TOTALE (carico % di lavoro) Servizi Carico di lavoro dei volontari (valori %) nell AREA ANZIANI SAD (servizio di assistenza domiciliare) SAD (servizio di assistenza domiciliare) Volontario 1 (carico % di lavoro) Ruolo e attività previste per i volontari nell AREA ANZIANI Descrizione attività e ruolo previsti per i volontari Volontario 2 (carico % di lavoro) TRASPORTO ANZIANI PASTI A DOMICILIO TELESOCCORSO. Denominazione Sede: Servizi Carico di lavoro dei volontari (valori %) - ATTIVITA ORDINARIE Volontario 1 (carico % di lavoro) Volontario 2 (carico % di lavoro) CONSULENZA AL PRESTITO E ALLA CONSULTAZIONE 50 OPERAZIONI DI PRESTITO VISITE GUIDATE ALLA BIBLIOTECA TOTALE (carico % di lavoro) Servizi Ruolo e attività previste per i volontari - ATTIVITA ORDINARIE CONSULENZA AL PRESTITO E ALLA CONSULTAZIONE OPERAZIONI DI PRESTITO Descrizione attività e ruolo previsti per i volontari VISITE GUIDATE ALLA BIBLIOTECA 15

17 Denominazione Sede: Servizi Servizi Carico di lavoro dei volontari (valori %) - Area TUTELA PATRIMONIO AMBIENTALE ORGANIZZAZIONE DI INIZIATIVE E CAMPAGNE DI INFORMAZIONE A TUTELA E RISPETTO DEL TERRITORIO AFFIANCAMENTO ALLE ATTIVITA' DI PIANIFICAZIONE E PROMOZIONE DELLA TUTELA AMBIENTALE INDIVIDUAZIONE, RIPRISTINO E MANUTENZIONE DI PERCORSI NATURALISTICI O SENTIERI TOTALE (carico % di lavoro) Volontario 1 (carico % di lavoro) Ruolo e attività previste per i volontari - Area TUTELA PATRIMONIO AMBIENTALE Volontario 2 (carico % di lavoro) Descrizione attività e ruolo previsti per i volontari ORGANIZZAZIONE DI INIZIATIVE E CAMPAGNE DI INFORMAZIONE A TUTELA E RISPETTO DEL TERRITORIO AFFIANCAMENTO ALLE ATTIVITA' DI PIANIFICAZIONE E PROMOZIONE DELLA TUTELA AMBIENTALE.. Denominazione Sede: Carico di lavoro dei volontari (valori %) Servizi Volontario 1 (carico % di lavoro) Volontario 2 (carico % di lavoro) PRESENZA E VIGILANZA STRADALE 50 MONITORAGGIO DEI CORSI D ACQUA INTERVENTI D'AIUTO O SUPPORTO A MANIFESTAZIONI TOTALE (carico % di lavoro)

18 Denominazione Sede: Servizi Carico di lavoro dei volontari (valori %) - AZIONI INFORMATIVE DECENTRATE SUL TERRITORIO Volontario 1 (carico % di lavoro) Volontario 2 (carico % di lavoro) CONTATTO CON IL TERRITORIO GESTIONE STAND CAMPAGNE DI COMUNICAZIONE TOTALE (carico % di lavoro) Servizi CONTATTO CON IL TERRITORIO 100 Ruolo e attività previste per i volontari - AZIONI INFORMATIVE DECENTRATE SUL TERRITORIO Descrizione attività e ruolo previsti per i volontari GESTIONE STAND 4.4 Eventuali particolari obblighi dei volontari durante il servizio Indicare sede per sede gli obblighi previsti

19 4.5 Eventuali requisiti richiesti ai candidati per la partecipazione al progetto oltre quelli richiesti dalla legge 6 marzo 2001, n. 64 Indicare requisiti richiesti in ogni singola sede 4.6 Risorse tecniche e strumentali Indicare per ogni sede le risorse tecniche e strumentali a disposizione dei volontari, necessarie per l attuazione del progetto Specificare le risorse acquisite appositamente per la realizzazione del progetto 18

20 Progettare in Rete con Anci Lombardia MILANO, APRILE 07 Laura Carrubba Perché PROGETTARE IN RETE? 1. Per condividere metodologie ed esperienze 2. Per attuare percorsi di progettazione di gruppo 3. Per sperimentare la Comunità di pratica 1

21 PROGETTARE IN RETE: la Comunità di pratica Comunità composta da soggetti coinvolti e interessati a sviluppare un progetto che utilizza - oltre alle tradizionali metodologie di comunicazione, lavoro e ricerca - anche tutte le opportunità offerte dalle tecnologie telematiche per la condivisione di risorse, la discussione, il confronto, l aggiornamento e l elaborazione di nuove soluzioni. PROGETTARE IN RETE Questa modalità di progettazione permette di: - COORDINARE al meglio le risorse a disposizione; - OTTIMIZZARE l impegno richiesto ad ognuno per raggiungere il risultato atteso; - realizzare progetti che possano SODDISFARE le esigenze di tutte le sedi di servizio e, al contempo, non tralasciare alcuna richiesta avanzata dagli enti. 2

22 PROGETTARE IN RETE: 4 fasi 1. Raccolta delle informazioni relative alle esigenze degli enti 2. Elaborazione delle informazioni raccolte e definizione di una prima ipotesi di progetto 3. Confronti periodici per discutere le ipotesi progettuali e fornire indicazioni sulla loro definizione finale 4. Definizione finale del progetto PROGETTARE IN RETE: 1 FASE Raccolta delle informazioni relative alle esigenze degli enti. SOGGETTI COINVOLTI Operatori Locali di progetto Responsabili organizzativi delle sedi di servizio Amministratori delle sedi di servizio Progettisti Anci Lombardia MODALITA DI LAVORO Riunioni Sistema telematico, presente sul sito di Anci Lombardia dedicato al Servizio Civile, per la raccolta di informazioni qualitative e quantitative. Assistenza a distanza (telefono, fax, ) per la raccolta dei fabbisogni. 3

23 PROGETTARE IN RETE: 2 FASE Elaborazione delle informazioni raccolte e definizione di una prima ipotesi di progetto SOGGETTI COINVOLTI Progettisti Anci Lombardia MODALITA DI LAVORO Riunioni PROGETTARE IN RETE: 3 FASE Confronti periodici per discutere le ipotesi progettuali e fornire indicazioni sulla loro definizione finale SOGGETTI COINVOLTI Operatori Locali di progetto Responsabili organizzativi delle sedi di servizio Amministratori delle sedi di servizio Progettisti Anci Lombardia MODALITA DI LAVORO Riunioni Comunicazioni a distanza (telefono, fax, , gestionale 4

24 PROGETTARE IN RETE: 4 FASE Definizione finale del progetto SOGGETTI COINVOLTI: Progettisti Anci Lombardia MODALITA DI LAVORO: Riunioni PROGETTARE IN RETE Verrà confermato l impianto progettuale 2006 Attenzione a CV OLP, Tutor e RLEA Descrizione approfondita del ruolo/attività volontari e dei piani di attuazione Descrizione del ruolo del personale coinvolto Descrizione delle Risorse Tecniche e strumentali per il progetto 5

25 SOGGETTI COINVOLTI Gli enti aderenti ai progetti Lo staff dell Ufficio S.C. di Anci Lombardia STRUMENTI UTILIZZATI Questionari di raccolta dati Schede di progettazione Strumenti di comunicazione a distanza Gestionale del servizio civile 6

Allegato C Scheda progetto ENTE. Denominazione ANCI Lombardia. Città MILANO. Via PIAZZA DUOMO N. 21 CAP 20121. Codice di accreditamento NZ00504

Allegato C Scheda progetto ENTE. Denominazione ANCI Lombardia. Città MILANO. Via PIAZZA DUOMO N. 21 CAP 20121. Codice di accreditamento NZ00504 Allegato C Scheda progetto ENTE Denominazione ANCI Lombardia Città MILANO Via PIAZZA DUOMO N. 21 CAP 20121 Codice di accreditamento NZ00504 Iscrizione all albo regionale ALBO REGIONALE REGIONE LOMBARDIA

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA 1) Ente proponente il progetto: Cooperativa Sociale Studio e Progetto 2 2) Codice di accreditamento: NZ03328, 3) Albo e classe di

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: La rosa dei venti SETTORE e Area di Intervento: SETTORE: Educazione e Promozione culturale Area di Intervento: Sportelli Informa OBIETTIVI

Dettagli

Mantova e il suo territorio: un anno di servizio civile nell area culturale 2012

Mantova e il suo territorio: un anno di servizio civile nell area culturale 2012 Scheda progetto Mantova e il suo territorio: un anno di servizio civile nell area culturale 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE PIÙ BIBLIOTECA

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE PIÙ BIBLIOTECA SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE PIÙ BIBLIOTECA ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: PIÙ BIBLIOTECA Obiettivi del progetto:

Dettagli

Conciliare i tempi di vita e di lavoro dei dipendenti con minori a carico.

Conciliare i tempi di vita e di lavoro dei dipendenti con minori a carico. 1) Titolo del progetto: Baby Parking in Ospedale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Settore: Educazione e Promozione Culturale Area: E 01 Centri di aggregazione

Dettagli

AL SERVIZIO DEI PIU DEBOLI Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia

AL SERVIZIO DEI PIU DEBOLI Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia AL SERVIZIO DEI PIU DEBOLI Progetto di Servizio Civile Nazionale in Italia Settore e Area di Intervento: Il progetto Al Servizio dei più deboli verrà realizzato in 5 città dislocate al nord e al sud Italia:

Dettagli

Educando nella Provincia di Varese 2012

Educando nella Provincia di Varese 2012 Scheda progetto Educando nella Provincia di Varese 2012 ANCI Lombardia coordina e organizza le azioni degli enti associati in materia di servizio civile definendo una precisa strategia metodologica comune

Dettagli

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2

SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE 2 (Allegato 1) SCHEDA RIEPILOGATIVA DEL PROGETTO DI SERVIZIO CIVILE GIOVANI AL SERVIZIO SOCIALE ENTE Ente proponente il progetto: COMUNE DI ITTIRI CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: GIOVANI AL

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE Ente proponente il progetto: Arca Cooperativa Sociale a r.l. 1) Codice regionale: RT 1S00297 2bis) Responsabile del

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ALLEGATO 5 TITOLO DEL PROGETTO: Bibliotechiamo ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO SETTORE e Area di Intervento: Settore: Patrimonio artistico e culturale Area di intervento: Cura e conservazione biblioteche

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Venezia interculturale: percorsi per diventare cittadini del mondo SETTORE e Area di Intervento: Educazione e promozione culturale attività interculturali

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2015 NOME PROGETTO: DECISAMENTE ABILI 2014 AMBITO D INTERVENTO: affiancamento alle persone diversamente abili nelle attività di socializzazione a domicilio e nelle

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 NOME PROGETTO: COMUNE DI FORMIA DECISAMENTE ABILI 2009 AMBITO D INTERVENTO: affiancamento alle persone diversamente abili nelle attività di socializzazione a domicilio

Dettagli

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS

Area Persone Anziane. Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS Area Persone Anziane Num. Scheda 1 TITOLO AZIONE o o Servizio di assistenza domiciliare sociale per anziani LIVEAS OBIETTIVI Scopo del servizio è permettere agli anziani, parzialmente o totalmente non

Dettagli

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA

UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA UNIONE EUROPEA REGIONE CALABRIA REPUBBLICA ITALIANA REGIONE CALABRIA DIPARTIMENTO PROGRAMMAZIONE NAZIONALE E COMUNITARIA PROGRAMMAZIONE REGIONALE UNITARIA 2007 2013 PROGRAMMAZIONE TERRITORIALE E PROGETTAZIONE

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Livello strategico Mission L Istituto Aurelia Fevola opera da anni nel settore della formazione attraverso una vasta offerta formativa che si basa principalmente

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste Vita di casa Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari N. giovani in servizio civile richiesti Descrizione

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Rioccupiamoci di noi: le fragilità dell'età adulta SETTORE e Area di Intervento: Assistenza A 12 disagio adulto OBIETTIVI DEL PROGETTO SERVIZIO SOCIALE

Dettagli

SERVIZIO CIVILE COMUNE DI MILANO 2015. Titolo del progetto: AGGREGA MILANO 2014

SERVIZIO CIVILE COMUNE DI MILANO 2015. Titolo del progetto: AGGREGA MILANO 2014 SERVIZIO CIVILE COMUNE DI MILANO 2015 Titolo del progetto: AGGREGA MILANO 2014 Settore ed area di intervento del progetto: Educazione e promozione culturale - centri di aggregazione Numero dei volontari

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Pagina 1 di 7 CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Livello strategico Politica della qualità L Istituto Aniene Srl si pone come obiettivo quello di raccordare le finalità formative con i bisogni e la

Dettagli

La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico

La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico La progettazione comunitaria come fattore di opportunità per lo sviluppo strategico CONTESTO L importanza crescente della programmazione comunitaria nelle politiche di sviluppo locale, sia in termini di

Dettagli

Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia Servizio Civile REGOLAMENTO NAZIONALE SERVIZIO CIVILE

Confederazione Nazionale delle Misericordie d Italia Servizio Civile REGOLAMENTO NAZIONALE SERVIZIO CIVILE REGOLAMENTO NAZIONALE SERVIZIO CIVILE 1 Regolamento Misericordie Storia Fin dalle loro origini, nel 1244 a Firenze, praticando le Opere di Carità, le Misericordie hanno sempre attivamente operato ed operano

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Livello strategico Politica della qualità GENESIS LICEO DEL PARRUCCHIERE si pone come obiettivo quello di raccordare le finalità formative con i bisogni e la realtà

Dettagli

CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing

CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing CORSO A CATALOGO - 2009 - Corso ID: 6084 - Project management con specializzazione in project financing Regione di Presentazione: ID Corso: Organismo di formazione: Tipo organismo: Data invio telematico:

Dettagli

di cucina, estetica, maglia e cucito, ginnastica dolce, musicoterapia);

di cucina, estetica, maglia e cucito, ginnastica dolce, musicoterapia); ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: PERUGIA - DADI: disabili anziani diritti inclusione SETTORE e Area di Intervento: Settore: Assistenza Area d intervento: Disabilità (prevalente)

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA Ente proponente il progetto: PROCURA DELLA REPUBBLICA DI LIVORNO CARATTERISTICHE PROGETTO Titolo del progetto: PER

Dettagli

C2.1) Carta di Qualità dell offerta formativa

C2.1) Carta di Qualità dell offerta formativa C2.1) Carta di Qualità dell offerta formativa Politica della Qualità L IIS A. Petrocchi adotta un sistema interno di gestione della qualità per garantire l efficacia e il continuo miglioramento dei servizi.

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Inform@lmente SETTORE e Area di Intervento: Settore: Educazione e Promozione Culturale - Codice: E11 Sportelli Informa OBIETTIVI DEL PROGETTO

Dettagli

La progettazione integrata e il benessere professionale degli operatori

La progettazione integrata e il benessere professionale degli operatori La progettazione integrata e il benessere professionale degli operatori Marie Christine Melon, responsabile del coordinamento scientifico dell Area Non Autosufficienza Dgr 514/2009 Requisiti generali sulla

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Trieste La terra ci insegna Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari Singoli cittadini e famiglie residenti nei

Dettagli

ALLEGATO 6. TITOLO DEL PROGETTO L'elefante Imprigionato

ALLEGATO 6. TITOLO DEL PROGETTO L'elefante Imprigionato ALLEGATO 6 SEDE DI SVOLGIMENTO E POSTI DISPONIBILI ENTE Coordinamento Associazioni di Volontariato della provincia dell'aquila - Centro di Servizio per il Volontariato della provincia dell Aquila SEDE

Dettagli

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015

PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015 PROGETTI DI SERVIZIO CIVILE NAZIONALE 2015 Denominazione Ente: MART MUSEO D ARTE MODERNA E CONTEMPORANEA DI TRENTO E ROVERETO Indirizzo: CORSO BETTINI, 43 38068 ROVERETO (TN) Recapito telefonico: 0464/454119

Dettagli

Criteri e requisiti per la valutazione di progetti sperimentali di servizio civile all estero nell ambito della DCNAN PARTE PRIMA

Criteri e requisiti per la valutazione di progetti sperimentali di servizio civile all estero nell ambito della DCNAN PARTE PRIMA PRESIDENZA DEL CONSIGLIO DEI MINISTRI Comitato di consulenza per la difesa civile non armata e nonviolenta Criteri e requisiti per la valutazione di progetti sperimentali di servizio civile all estero

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA Ente proponente il Progetto: LEGA NAZIONALE COOPERATIVE E MUTUE Recapiti territoriali: Numero Verde: 800 910677 Sito Internet: www.serviziocivilepegaso.org

Dettagli

LA FORMAZIONE COME STRUMENTO ELETTIVO PER LA DIFFUSIONE DELLA CULTURA DELLA SICUREZZA, DELLA DIFFUSIONE DELLE CONOSCENZE

LA FORMAZIONE COME STRUMENTO ELETTIVO PER LA DIFFUSIONE DELLA CULTURA DELLA SICUREZZA, DELLA DIFFUSIONE DELLE CONOSCENZE LA FORMAZIONE COME STRUMENTO ELETTIVO PER LA DIFFUSIONE DELLA CULTURA DELLA SICUREZZA, DELLA DIFFUSIONE DELLE CONOSCENZE LA FORMAZIONE COME STRUMENTO DEL MIGLIORAMENTO DEI PROCESSI PRODUTTIVI E LA VALORIZZAZIONE

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Educare al territorio NaturalMente Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari Principale: Bambini e ragazzi tra

Dettagli

SISTEMA BIBLIOTECARIO ED ARCHIVIO STORICO DI ATENEO BIBLIOINFORMA PROGRAMMA PER LA COMUNICAZIONE E PROMOZIONE DEI SERVIZI BIBLIOTECARI DI ATENEO

SISTEMA BIBLIOTECARIO ED ARCHIVIO STORICO DI ATENEO BIBLIOINFORMA PROGRAMMA PER LA COMUNICAZIONE E PROMOZIONE DEI SERVIZI BIBLIOTECARI DI ATENEO SISTEMA BIBLIOTECARIO ED ARCHIVIO STORICO DI ATENEO BIBLIOINFORMA PROGRAMMA PER LA COMUNICAZIONE E PROMOZIONE DEI SERVIZI BIBLIOTECARI DI ATENEO A cura del gruppo di lavoro BIBLIOinFORMA (Roberto Cammarata,

Dettagli

i formazione 2009-2011

i formazione 2009-2011 Piano di formazione 2009-2011 per la formazione di base, professionale e manageriale del personale del Servizio Sanitario Regionale, e del Sistema regionale per l Educazione Continua in Medicina (ECM).

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia)

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia) ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Nel Sol.Co. della cooperazione (Brescia, Ospitaletto, Gardone val Trompia) SETTORE e Area di Intervento: Codifica: A12 Settore: ASSISTENZA

Dettagli

RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE

RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE RELAZIONE INTERMEDIA PROGETTO ASTER PER LA CONCILIAZIONE SETTEMBRE 2009 PREMESSA Il progetto ASTER PER LA CONCILIAZIONE è realizzato da Aster S.c.p.a. (di seguito ASTER) a seguito dell ammissione a parziale

Dettagli

LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECONOMICI

LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECONOMICI LINEE GUIDA PER LA CONSULTAZIONE DI ISTITUZIONI ED ATTORI SOCIALI ED ECOMICI 0. INDICE 0. INDICE... 1 1. LINEE GUIDA EUROPEE E RMATIVA NAZIONALE... 2 2. MODALITÀ DI SVOLGIMENTO DELLA CONSULTAZIONE... 3

Dettagli

PROGETTO AVELLINO CITTA SOLIDALE-GARANZIA GIOVANI-AVELLINO

PROGETTO AVELLINO CITTA SOLIDALE-GARANZIA GIOVANI-AVELLINO PROGETTO AVELLINO CITTA SOLIDALE-GARANZIA GIOVANI-AVELLINO Settore di intervento: Assistenza agli anziani Sede di attuazione del Avellino 11 Via Tagliamento 86/A 83100 progetto: Numero di volontari richiesti:

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Livello strategico Politica della qualità MISSION La DESANTISAP SOC COOP.VA ARL garantisce il controllo qualitativo di ogni parte dell attività formativa dalla progettazione

Dettagli

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto:

1) Titolo del progetto: 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): 3) Obiettivi del progetto: 1) Titolo del progetto: Pronto Intervento Sociale 2) Settore ed area di intervento del progetto con relativa codifica (vedi allegato 3): Area: Assistenza Settori: Anziani (A01) Assistenza Disabili (A06)

Dettagli

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Il volontario con gli anziani e le persone fragili

ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO. TITOLO DEL PROGETTO: Il volontario con gli anziani e le persone fragili ALLEGATO 6 ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO TITOLO DEL PROGETTO: Il volontario con gli anziani e le persone fragili SETTORE e Area di Intervento: Assistenza - Anziani OBIETTIVI DEL PROGETTO Obiettivi generali:

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Imperia Giocare per crescere 2014 Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari Minori Giorni /ore di servizio N.

Dettagli

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII

Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Scheda di Progetto Mod. PRO rev. 0 del 04.10.06 Parte prima Denominazione Servizio : OSSERVATORIO PERMANENTE E SUPPORTO AL SERVIZIO SOCIALE TERRITORIALE DEL MUNICIPIO XIII Premessa: Un sistema integrato

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (sintesi)

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (sintesi) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (sintesi) (Allegato 1) ENTE 1) Ente proponente il progetto: ANCI LOMBARDIA 2) Codice di accreditamento: 3) Albo e classe di iscrizione:

Dettagli

Regolamento ANPAS Servizio Civile

Regolamento ANPAS Servizio Civile Regolamento ANPAS Servizio Civile Approvato dal Consiglio Nazionale ANPAS il 22 novembre 2003 e successivamente modificato nelle date 1 aprile 2006 e 12 aprile 2008 Premessa La realizzazione di una struttura

Dettagli

SCHEDA PROGETTO SERVIZIO CIVILE

SCHEDA PROGETTO SERVIZIO CIVILE SCHEDA PROGETTO SERVIZIO CIVILE Dati progettuali NOMINATIVO ENTE OPERATORE LOCALE PROGETTO SEDE DI SERVIZIO ANCI Lombardia / Comune di Cologno Monzese Mariagrazia Targa Biblioteca Civica di Cologno Monzese

Dettagli

Manager di servizi per anziani e tecniche di Fund raising

Manager di servizi per anziani e tecniche di Fund raising Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: CORSO A CATALOGO 2011 Manager di servizi per anziani e tecniche di Fund raising Corsi

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PIANO DI MIGLIORAMENTO GESTIONALE COMUNE DI RIMINI / UO Gestione Pubblicità e Affissioni

Dettagli

Fondo Europeo per l'integrazione di Cittadini di Paesi Terzi 2007-2013

Fondo Europeo per l'integrazione di Cittadini di Paesi Terzi 2007-2013 Fondo Europeo per l'integrazione di Cittadini di Paesi Terzi 2007-2013 SCHEDA DI MONITORAGGIO Beneficiario Titolo del Progetto COMUNE DI PERUGIA FOR PA UMBRIA- Formazione nella Pubblica Amministrazione

Dettagli

ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA

ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA Un nuovo modo di vivere la progettazione sociale... ACCADEMIA DI PROGETTAZIONE SOCIALE MAURIZIO MAGGIORA Diventare «progettista sociale esperto» Torino, 14 marzo 2013 Agenda Accademia di Progettazione

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: PUBBLICA ASSISTENZA A.R.M. 2) Codice di accreditamento: NZO1852 3) Albo e classe

Dettagli

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO

COLOGNO MONZESE INDICE ART. 1 DEFINIZIONE E PRINCIPI GENERALI ART. 2 FINALITA E FUNZIONI DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO CRITERI PER L ORGANIZZAZIONE E IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO U.R.P. (art. 8 c. 2 della Legge n. 150/2000) Disciplina delle attività di informazione e di comunicazione delle pubbliche

Dettagli

Tecnico dell'elaborazione del Piano di Sicurezza Aziendale

Tecnico dell'elaborazione del Piano di Sicurezza Aziendale Dettaglio corso ID: Titolo corso: Tipologia corso: Costo totale del corso a persona (EURO): Organismo di formazione: 93 Caratteristiche del percorso formativo Tecnico dell'elaborazione del Piano di Sicurezza

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Amministrazione Provinciale di Vercelli 2) Codice di accreditamento: NZ00384 3)

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Mission L Accademia Romana di Acconciatura ente formativo riconosciuto dalla Regione Lazio opera a 360 nel settore dell acconciatura con soluzioni vincenti e uno

Dettagli

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione

Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta. Quadri sulla gestione 6 Il catalogo MANAGEMENT Si rivolge a: Imprenditori con responsabilità diretta Quadri sulla gestione Impiegati con responsabilità direttive Dirigenti di imprese private e organizzazioni pubbliche, interessati

Dettagli

PROGRAMMA FORMAZIONE ED INNOVAZIONE PER L OCCUPAZIONE SCUOLA & UNIVERSITA FIxO S&U AVVISO PUBBLICO A SPORTELLO RIVOLTO AD ISTITUTI DI SCUOLA

PROGRAMMA FORMAZIONE ED INNOVAZIONE PER L OCCUPAZIONE SCUOLA & UNIVERSITA FIxO S&U AVVISO PUBBLICO A SPORTELLO RIVOLTO AD ISTITUTI DI SCUOLA PROGRAMMA FORMAZIONE ED INNOVAZIONE PER L OCCUPAZIONE SCUOLA & UNIVERSITA FIxO S&U AVVISO PUBBLICO A SPORTELLO RIVOLTO AD ISTITUTI DI SCUOLA SECONDARIA SUPERIORE DI II GRADO PER LA REALIZZAZIONE E QUALIFICAZIONE

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: COMUNE DI RAVENNA 2) Codice di accreditamento: NZ00813 3) Albo e classe di iscrizione: ALBO

Dettagli

E. Struttura e organizzazione del sistema

E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E. Struttura e organizzazione del sistema E.1 Sistema di gestione L azienda dovrebbe strutturare il SGSL seguendo i contenuti espressi nel presente documento,

Dettagli

Contatto Provincia CPI Visita congiunta CPI / SIL in azienda. sensibilizzazione e di promozione del progetto,

Contatto Provincia CPI Visita congiunta CPI / SIL in azienda. sensibilizzazione e di promozione del progetto, ! "#$%&'()(&&*&"+" Il progetto prevedeva la formazione dei job coach, operatori che svolgono la funzione di mediazione e accompagnamento dei soggetti svantaggiati nel percorso di integrazione lavorativa.

Dettagli

Avvio del progetto Formazione Facilitatori Digitali Biblioteche Provincia di Bologna

Avvio del progetto Formazione Facilitatori Digitali Biblioteche Provincia di Bologna Avvio del progetto Formazione Facilitatori Digitali Biblioteche Provincia di Bologna 17 Aprile 2012 Presso l Auditorium Enzo Biagi - Sala Borsa, Via Nettuno 3, Bologna Programma 10.30 11.00 Progetto Pane

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: ARCI NAPOLI 2) Codice di accreditamento: NZ05738 3) Albo e classe di iscrizione: Regione Campania

Dettagli

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE

PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE PROTOCOLLO DI ACCOGLIENZA PER L INTEGRAZIONE FINALITA Il presente documento denominato Protocollo di Accoglienza è un documento che nasce da una più dettagliata esigenza d informazione relativamente all

Dettagli

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO

ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO ELEMENTI ESSENZIALI DEL PROGETTO Ente proponente il progetto COMUNE DI SARROCH Titolo del progetto PARLA CON NOI Settore ed area di intervento del progetto Settore E) EDUCAZIONE E PROMOZIONE CULTURALE

Dettagli

GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE

GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE Corso di Studio in Servizio sociale e Sociologia Laurea in Servizio Sociale L39 GUIDA AL TIROCINIO INTRODUZIONE Profilo professionale di riferimento L assistente sociale è un professionista chiamato ad

Dettagli

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE

Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE Ministero per la pubblica amministrazione e l innovazione Concorso Premiamo i risultati DOCUMENTO DI PARTECIPAZIONE - 1 - PREMESSA Il documento di partecipazione ha come oggetto la progettazione esecutiva

Dettagli

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio

Il sistema di governo della programmazione. Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Il sistema di governo della programmazione Ruoli, compiti, responsabilità e funzioni dei soggetti coinvolti nel processo programmatorio Gli organismi coinvolti nel processo programmatorio Assemblea Distrettuale

Dettagli

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI

CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI CARTA DEI SERVIZI DI COMUNICAZIONE E RELAZIONE CON I CITTADINI Comune di Modena Settore Sistemi Informativi Comunicazione e Servizi Demografici Servizio Comunicazione e Relazione con i Cittadini Allegato

Dettagli

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare

Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Reti di sostegno a distanza costruiscono comunità solidali che rigenerano welfare Primo incontro dei partner di progetto 17-18 ottobre 2014 Borgo Pio, 10, Roma Illustrazione del progetto: motivazioni,

Dettagli

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012

FOMULARIO L. R. DELLA CALABRIA N. 8/88 ISTANZE CONTRIBUTI COMUNI PER CENTRI POLIVALENTI GIOVANI SCADENZA 30 MARZO 2012 COMUNE DI LONGOBARDI ASSESSORATO ALLE POLITICHE SOCIALI Con delibera di giunta n. 25 del 29 marzo 2012, il comune di Longobardi, di cui è sindaco Giacinto Mannarino, ha presentato istanza alla Regione,

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE PER IL FUNZIONAMENTO DELL UFFICIO RELAZIONI CON IL PUBBLICO DEL COMUNE DELLA SPEZIA Deliberato dalla Giunta Comunale con atto n. 177 del 11.05.2001 Modificato ed integrato

Dettagli

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015

PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 PROGRAMMA ANNUALE - Esercizio Finanziario 2015 La definizione del Programma Il Programma annuale è elaborato ai sensi del Regolamento concernente le istruzioni generali sulla gestione amministrativo -

Dettagli

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE

E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Provincia di Palermo Sede legale: Prizzi Corso Umberto I Tel 091 8344507 Fax 091 8344507 Codice fiscale 97178810822 REGOLAMENTO RELATIVO AL SISTEMA DI MISURAZIONE E VALUTAZIONE DELLA PERFORMANCE Art. 1

Dettagli

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015

SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 UFFICIO SERVIZIO CIVILE SINTESI SCHEDA PROGETTUALE BANDO SCN 2015 Titolo progetto Le Nuvole Ambito/settore di intervento Tipologia destinatari N. giovani in servizio civile richiesti IMMIGRATI, Giorni

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Livello strategico Politica della qualità MISSION La GIMARCEF Associazione Culturale intende offrire possibilità di sviluppo professionale a tutti gli allievi, privilegiando

Dettagli

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA

SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA SGSL UN SISTEMA PER LA GESTIONE DELLA SICUREZZA SUL LAVORO NELLA SCUOLA COSA È IN PRATICA UN SISTEMA DI GESTIONE? L insieme delle regole e dei processi di funzionamento di un organizzazione. Comprende:

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI GIOVANI IN SERVIZIO CIVILE REGIONALE IN TOSCANA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Provincia di Pisa U.O. Politiche Giovanili e Sport 2) Codice regionale: RT S00171 2bis)

Dettagli

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009

SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 SCHEDA PROGETTI SCN COMUNE DI FORMIA 2009 NOME PROGETTO: COMUNE DI FORMIA IMPARO A VOLARE - 2009 AMBITO D INTERVENTO: assistenza educativa domiciliare sociale, scolastico a favore di minori con disagio

Dettagli

I Tirocini nella Cooperazione Sociale Trentina. Tirocini formativi del Master in Gestione di Imprese Sociali

I Tirocini nella Cooperazione Sociale Trentina. Tirocini formativi del Master in Gestione di Imprese Sociali I Tirocini nella Cooperazione Sociale Trentina Tirocini formativi del Master in Gestione di Imprese Sociali Premessa Con. Solida ed Euricse condividono un approccio e un metodo per la realizzazione ed

Dettagli

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer

A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer A.D.A. Assistenza Domiciliare Alzheimer CARTA DEI SERVIZI INDICE 1. PREMESSA 2. PRINCIPI FONDAMENTALI 3. FINALITA DEL SERVIZIO 4. OBIETTIVO 5. DESTINATARI 6. ACCESSO AL SERVIZIO 7. ORARI DI APERTURA 8.

Dettagli

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE TOTALE POSTI DISPONIBILI PRESSO LA PROVINCIA DI LECCE: N. 15

SERVIZIO CIVILE NAZIONALE TOTALE POSTI DISPONIBILI PRESSO LA PROVINCIA DI LECCE: N. 15 SERVIZIO CIVILE NAZIONALE BANDO 2011 - Regione Puglia TOTALE POSTI DISPONIBILI PRESSO LA PROVINCIA DI LECCE: N. 15 PRESENTAZIONE DELLA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE I candidati potranno presentare 1 sola domanda

Dettagli

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce

Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce Regolamento sull ordinamento e l organizzazione dell Ufficio Relazioni con il Pubblico della Provincia di Lecce (ai sensi dell art. 8 della legge 150/2000) Approvato con Delibera di Giunta n. 273 del 6

Dettagli

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive

Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Comitato SGQ Comitato Ambiente Sistemi di Gestione: cosa ci riserva il futuro? Novità Normative e Prospettive Mercoledì, 23 febbraio 2005 - Palazzo FAST (Aula Morandi) Piazzale Morandi, 2 - Milano E' una

Dettagli

Prot. n. DIRS/DIR/401 Palermo, 28/02/2007

Prot. n. DIRS/DIR/401 Palermo, 28/02/2007 R E P U B B L I C A I T A L I A N A Num. cod. Fiscale 80012000826 REGIONE SICILIANA Partita I.V.A. 02711070827 ASSESSORATO PER LA SANITA' Dipartimento Ispettorato Regionale Sanitario Segreteria Direzione

Dettagli

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA

CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA CARTA DI QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA Livello strategico Mission della struttura L Associazione Cultura d Impresa è un ente senza finalità di lucro, nasce nel 1999 come progetto formativo professionale

Dettagli

Allegato 3 Regione Lombardia

Allegato 3 Regione Lombardia Allegato 3 Regione Lombardia CARATTERISTICHE GENERALI DEL PROGETTO REGIONALE A SCUOLA DI SPORT LOMBARDIA IN GIOCO II^EDIZIONE ANNO SCOLASTICO 2015-2016 Il progetto regionale ha le seguenti caratteristiche

Dettagli

Accademia Beauty and Hair

Accademia Beauty and Hair INDICE CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

SPAI di Puclini Carlo

SPAI di Puclini Carlo CARTA DELLA QUALITÀ DELL OFFERTA FORMATIVA INDICE 1. LIVELLO STRATEGICO 1.1 Politica della Qualità 2. LIVELLO ORGANIZZATIVO 2.1 Servizi formativi offerti 2.2 Dotazione di risorse professionali e logistico

Dettagli

Titolo progetto: Settore e Area di intervento: Tipologia servizi coinvolti: UNA VALIGIA PER TUTTI. A01 Settore: Assistenza Area: Anziani

Titolo progetto: Settore e Area di intervento: Tipologia servizi coinvolti: UNA VALIGIA PER TUTTI. A01 Settore: Assistenza Area: Anziani Legacoop Piemonte Via Livorno, 49 Torino 10144 Torino Tel. 011/5187169 - Fax 011/5188251 e-mail: serviziocivile@legacoop-piemonte.coop sito internet: www.legacoop-piemonte.coop Titolo progetto: UNA VALIGIA

Dettagli

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE

INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INTERVENTI MODULARI DI FORMAZIONE LA QUALITÁ NELLA GESTIONE DELLE RISORSE UMANE INDICE Premessa 3 Obiettivi e strumenti metodologici dell intervento di formazione 4 Moduli e contenuti dell intervento di

Dettagli

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve

SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore. Il progetto in breve SOCIAL MANAGER: esperto nella gestione delle organizzazioni No Profit e del Terzo Settore Il progetto in breve Questo percorso formativo si propone di formare 25 persone in modo da aumentarne la capacità

Dettagli

Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile

Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile Capitolato per la selezione di una cooperativa sociale di tipo b per la realizzazione di attività relative all ambito disabilità e protezione civile Obiettivi specifici Per il generale, si individuano

Dettagli

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA

SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA (Allegato 1) SCHEDA PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE IN ITALIA ENTE 1) Ente proponente il progetto: Cooperativa Nuovi Sviluppi Via J. Kennedy n. 24 90019 Trabia (PA) P.IVA 04654320821

Dettagli

Università degli Studi di Milano-Bicocca Servizio Assistenza Disabili

Università degli Studi di Milano-Bicocca Servizio Assistenza Disabili SCHEDA DI PROGETTO PER L IMPIEGO DI VOLONTARI IN SERVIZIO CIVILE PRESSO L UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA Ente PARTE I 1. Ente proponente il progetto: UNIVERSITA' DEGLI STUDI DI MILANO BICOCCA

Dettagli