manuale tecnico slimtech

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "manuale tecnico slimtech"

Transcript

1 manuale tecnico slimtech

2 marzo 2011 il presente manuale annulla e sostituisce tutte le edizioni precedenti manuale tecnico slimtech

3 INDICE formati e spessori 05 movimentazione 08 taglio, foratura e finitura dei bordi posa a parete - slimtech / slimtech plus 12 posa a pavimento - slimtech plus 14 posa a pavimento - slimtech twin 18 adesivi consigliati 19 pulizia e manutenzione 21 profili per spigoli - giunti di dilatazione 24 testi descrittivi per capitolati 25 caratteristiche tecniche 26 imballi e confezioni 30 indirizzi utili

4 FORMATI E SPESSORI Frutto di una tecnologia all avanguardia, Slimtech viene prodotta in lastre di 300x0 cm spessore 3 mm, con un impasto di gres porcellanato composto da argille e materie prime pregiate. È pressata con una forza di tonnellate. La cottura avviene in forni innovativi ed ecologici, frutto della Ricerca e Know How Panariagroup. Le singole lastre di Slimtech hanno uno spessore di soli 3 mm: ciò conferisce loro caratteristiche di flessibilità, leggerezza ed elevato grado di maneggevolezza. Lo spessore ridotto è L ELEMENTO INNOVATIVO che apre al prodotto i più svariati campi di applicazione. Le lastre ottenute in uscita forno hanno una dimensione nominale di 300x0 cm. Slimtech è disponibile oggi sul mercato in QUATTRO DIVERSE TIPOLOGIE destinate a differenti esigenze d uso. FORMATI 300x0 SLIMTECH SLIMTECH PLUS pavimento e SLIMTECH TWIN pavimento SLIMTECH PLUS DOUCE Una lastra sottile di soli 3 mm con dimensioni record,fino a 300x0 cm. Per rinnovare il e pavimento. 0x0 pavimento e pavimento 50x0 pavimento e 50x50 pavimento e 0x4,9 Nuova nella tecnologia, attenta all ecologia. Resistente alle macchie e agenti chimici. in gamma su richiesta Più mq per ogni carico. Facile da tagliare. 6 Slimtech plus e twin resistono ad alto traffico. 7

5 SLIMTECH solo per rivestimenti 3mm spessore Slimtech Lastre in Gres Porcellanato di grandi dimensioni e spessore 3 mm. DOVE SI POSA Per rivestire superfici a parete in abitazioni, edifici o locali pubblici, sia in interno che in esterno. SOTTOFONDO Deve essere pulito, asciutto e stabile. Verificare la planarità delle superfici e livellare se necessario. POSA Stendere la colla a letto pieno sul fondo con una spatola da 4 mm. Battere bene la superficie della lastra con una spatola di gomma per farla aderire completamente. Per posa su pareti esterne eseguire sempre la doppia spalmatura. SLIMTECH PLUS rinforzata con stuoia in fibra di vetro 3,5mm spessore Slimtech Plus Lastre in Gres Porcellanato di grandi dimensioni e spessore 3,5 mm, rinforzate sul retro con apposita rete in fibra di vetro. DOVE SI POSA Per rivestire superfici di vecchi pavimenti e massetti nuovi in ambienti domestici o anche ad alto traffico pedonale ma non sottoposti a carichi pesanti. SOTTOFONDO Deve essere pulito, asciutto e stabile. Verificare la planarità delle superfici e livellare se necessario. POSA CON DOPPIA SPALMATURA Stendere la colla a letto pieno sul vecchio pavimento o su massetto nuovo con spatole a denti inclinati da 6 mm e sul retro della lastra con spatole a denti piatti da 3 mm. Battere bene la superficie della lastra con una spatola di gomma per farla aderire completamente. SLIMTECH TWIN a doppio strato con stuoia, alta resistenza 7mm spessore Slimtech Twin Lastre bi-strato in Gres Porcellanato di grandi dimensioni e spessore 7 mm costituite da due lastre di Slimtech accoppiate e rinforzate all interno con rete in fibra di vetro. DOVE SI POSA Per la posa a pavimento su tutti i sottofondi. Ideale per ambienti sottoposti a carichi di una certa entità. SOTTOFONDO Deve essere pulito, asciutto e stabile. Verificare la planarità delle superfici e livellare se necessario. POSA Stendere la colla a letto pieno con una spatola a denti inclinati da 6 mm. Battere bene la superficie con una spatola di gomma per farla aderire completamente. Non è necessaria la doppia spalmatura. 8 9

6 MOVIMENTAZIONE Per la sua leggerezza Slimtech è facilmente trasportabile e movimentabile, molto più delle lastre di marmo, granito e pietre naturali che hanno notevoli spessori e quindi pesi molto superiori. Si consideri che, a parità di peso, i metri quadrati trasportati sono quattro volte superiori. Il peso di una lastra delle dimensioni di 0x0 cm è di soli 7,4 kg nella versione Slimtech, 7,8 kg nella versione Slimtech Plus, e 16 kg nella versione Slimtech Twin. MOVIMENTARE LASTRE INTERE (300x0 cm) Le lastre 300x0 cm di Slimtech e Slimtech Plus possono essere sollevate da una persona. Alzare la lastra a mani aperte e sollevare lentamente il lato lungo in modo da eliminare l effetto ventosa dovuto all aderenza con la lastra sottostante e consentire una buona presa alle mani (fig.1). A questo punto si può portare la lastra in posizione verticale mantenendola sempre rettilinea (fig.2). Quando la lastra è in posizione verticale sollevarla sostenendola per il bordo superiore, quindi muoversi mantenendola sempre rettilinea con l aiuto di una seconda persona (fig.3). Le lastre di Slimtech Twin devono essere movimentate da due persone con l ausilio di un telaio Slimtech (fig. 7). Fissare il telaio alla lastra quando è ancora all interno del pallet. Quindi sollevare il telaio e la lastra per eliminare l effetto ventosa. MOVIMENTAZIONE DEGLI IMBALLI CON LASTRE 300x0 cm Per un corretto sollevamento e movimentazione con carrelli elevatori degli imballi pallettizzati è necessario posizionare le forche ben distanziate tra loro di almeno 1 m, perpendicolarmente al lato lungo del pallet e al centro dello stesso. Le forche devono fare presa su tutta la profondità del pallet (fig.5). Nell eventualità si fosse obbligati a inforcare il pallet per il lato corto (es. nello scarico dei containers) si dovrà assolutamente utilizzare forche lunghe almeno 2,5 m per una perfetta presa e sollevamento a garanzia dell integrità del contenuto (fig.6) STOCCAGGIO DELLE LASTRE INTERE (300x0 cm) Le lastre di Slimtech, Slimtech Plus e Slimtech Twin (300x0 cm) possono essere stoccate in posizione sia verticale che orizzontale. Sovrapponendo più lastre l una sull altra occorre avere in ogni caso cura che le superfici delle singole lastre siano pulite e che il piano di appoggio di base sia planare. Per quanto riguarda la posizione verticale è necessario appoggiare su legno la lastra per il lato lungo (fig. 4). TELAIO SLIMTECH Per fissare e movimentare in tutta sicurezza le lastre di Slimtech, Slimtech Plus e Slimtech Twin nel formato 300x0 cm è disponibile su richiesta questo telaio ausiliario in alluminio munito di ventose, lo strumento ideale per la posa su ponteggi ad altezze superiori ai 2 metri. 4 cm. 240 cm. 8,5 VENTOSA cm

7 TAGLIO, FORATURA E FINITURA DEI BORDI Una caratteristica peculiare di Slimtech è la sua estrema facilità di lavorazione: il materiale può essere facilmente tagliato, sagomato e forato con macchine automatiche e utensili per la lavorazione del vetro e del gres porcellanato. PREPARAZIONE È importante assicurarsi un piano di lavoro planare e pulito, per questo scopo potete utilizzare il coperchio del pallet della lastra Slimtech da 300x0 cm. TAGLIO CON COLTELLI DA VETRO (solo per SLIMTECH e SLIMTECH PLUS) Si possono ottenere tagli e sagomature eccellenti incidendo Slimtech e Slimtech Plus con coltelli da vetro (tagliavetro) commercializzati dalla BOHLE ITALIA, quale Silberschnitt 2000 Tagliavetro speciale (disponibile su richiesta). È un tagliavetro con rotellina da taglio di tipo Toplife con manico di plastica per una migliore impugnatura. Per realizzare l incisione su Slimtech e Slimtech Plus è comunque importante non staccare il tagliavetro dall asse di incisione durante l intera operazione di lavorazione. TAGLIO E SAGOMATURA AD IDROGETTO Per tagli sagomati di precisione è possibile utilizzare macchine per taglio a idrogetto. Per questo tipo di lavorazione si raccomanda di contattare ditte specializzate. FORATURA Per la foratura manuale si possono utilizzare punte al tungsteno della TYROLIT fino ad un diametro di 8 mm montate su trapani elettrici o avvitatori a batteria (fig.11). Con tali utensili si consiglia di: 1. raffreddare con acqua il punto di attacco; 2. iniziare la foratura con una bassa velocità di rotazione; 3. non esercitare una pressione eccessiva e comunque regolarsi in base alla resistenza offerta da Slimtech. I fori superiori a diametro di 8 mm possono essere effettuati utilizzando frese a tazza (o foretti) montate su smerigliatrici (fig.12). Per la loro capacità di lavorare a secco le frese più idonee sono fornite da TYROLIT VINCENT, da RUBI ITALIA e dalla MONOLIT. NELL UTILIZZO DEI TRAPANI NON USARE LA MODALITA CON PERCUSSORE Nel caso si debbano praticare forature multiple per il passaggio di tubazioni, tagli multipli per scatole di interruttori o altre lavorazioni su lastre 300x0 cm è necessario utilizzare esclusivamente la versione rinforzata Slimtech Plus Per rendere un incisione il più rettilinea possibile si può ricorrere all ausilio di stadie in alluminio comunemente usate dai muratori (fig.8). Una volta praticata l incisione è sufficiente una semplice flessione per ottenere il distacco dei due pezzi (fig.9). Per Slimtech Plus, una volta incisa la parte ceramica e spezzata la lastra, si rifinisce il taglio incidendo la fibra di vetro con un normale cutter (fig. 21). TAGLIO CON DISCHI DIAMANTATI Slimtech, in tutte le sue versioni, può essere tagliato anche utilizzando dischi diamantati. I dischi devono essere del tipo a fascia continua e possono essere utilizzati su smerigliatrici manuali elettriche o su banchi da taglio (fig.). In entrambi i casi è necessario procedere con elevate velocità di rotazione (> 2500 giri/min) e basse velocità di avanzamento (< 1 m/ min). A seconda del tipo di disco e della lunghezza del taglio può essere necessario il raffreddamento ad acqua del disco stesso. I dischi più idonei risultano essere quelli sottili utilizzati per il taglio del gres porcellanato. I vantaggi di questo tipo di taglio consistono nella facilità di esecuzione manuale e nella possibilità di effettuare tagli in fase di posa. Lea Ceramiche ha utilizzato con ottimi risultati dischi diamantati a fascia continua della ditta TYROLIT VINCENT che possono lavorare a secco. FINITURA DEI BORDI Le finiture dei bordi possono essere effettuate a mano tramite l utilizzo di spugne diamantate o carta vetrata. Con un leggero passaggio sul lato della lastra si può ottenere un effetto rompifilo, oppure con ripetuti passaggi un effetto bisello (fig.13). È altresì possibile ottenere i medesimi risultati con dischi per carteggiare TYROLIT VINCENT applicabili al flessibile

8 POSA A PARETE - SLIMTECH / SLIMTECH PLUS PREPARAZIONE DEL FONDO Per la preparazione del fondo e l incollatura di Slimtech sono richieste le stesse operazioni di una qualunque piastrella di gres porcellanato di grande formato. In generale i sottofondi cementizi devono essere puliti da polvere, olii e grassi, asciutti ed esenti da risalite d umidità, privi di parti friabili o non perfettamente ancorate come residui di cemento, calce e vernici; in caso contrario queste parti vanno asportate. Il fondo deve essere stabile, senza crepe e avere già compiuto il ritiro igrometrico di maturazione. I dislivelli di planarità devono essere preventivamente colmati con idonei prodotti di rasatura. 6 mm 18 3 mm 19 POSA A PARETE SU INTONACO ESTERNO Per la posa a parete su intonaco esterno è necessario incollare Slimtech e Slimtech Plus su di un fondo ad elevate prestazioni, che possa resistere nel tempo a sollecitazioni meccaniche quali movimenti strutturali, peso delle piastrelle, dilatazioni termiche ed agenti atmosferici. In questo caso Lea Ceramiche consiglia di posare su intonaci tipo KR0 della Fassa Bortolo o su BF02 della Grigolin, o comunque su intonaco con le medesime caratteristiche. Questi intonaci devono avere un adesione media al laterizio di almeno 1 N/mm 2 (circa kg/cm 2 ). Durante la posa rispettare tassativamente marcapiani e giunti strutturali. Non posare Slimtech su due o più superfici non omogenee come ad esempio cemento armato e mattoni. PREPARAZIONE DEL FONDO A ELEVATO ASSORBIMENTO Su intonaci molto assorbenti e sfarinanti in superficie (es. a base di gesso...) è necessario applicare preventivamente un isolante di superficie professionale concentrato all acqua (PRIMER), stendendolo in una o più mani e secondo le indicazioni d uso; questa operazione preliminare ridurrà l assorbimento d acqua e migliorerà la spatolabilità dell adesivo. APPLICAZIONE DELL ADESIVO E POSA Stendere l adesivo sulla parete utilizzando una spatola con dentatura 3-4 mm (fig.19). Assicurarsi che la quantità di colla che si va ad applicare sia uniformemente stesa a letto pieno spatolando di volta in volta piccole porzioni di parete (figg.14 e 15). Per assicurare una corretta adesione della lastra, è necessario effettuare la battitura su tutta la superficie con spatole gommate (fig.17). Per la posa in esterno eseguire tassativamente la doppia spalmatura. FUGA Per ambienti interni fugare utilizzando le specifiche crocette distanziatrici di almeno 1 mm (fig.16). Per la posa in esterno sono necessarie fughe di larghezza maggiore, anche in relazione ai formati da posare ed alla severità delle escursioni termiche presenti nella zona. Un valore indicativo può essere di 5-6 mm, da verificare di volta in volta dal progettista e dalla Direzione Lavori. GIUNTI DI DILATAZIONE La dilatazione (o la contrazione) termica di Slimtech dipende dal suo coefficiente di dilatazione, che è di 7,0x -6 C -1 (ad esempio, per un escursione termica di 70 C la dilatazione corrisponde a 0,5 mm ogni metro lineare). In ogni caso la disposizione dei giunti di dilatazione deve essere calcolata dalla Direzione Lavori del cantiere. Su grandi superfici, in particolare per esterno, utilizzare giunti di dilatazione in PVC come ad esempio BWS45 della Schlüter Systems (fig.20). Per realizzare i giunti di dilatazione possono essere utilizzati anche prodotti siliconici. POSA A PARETE DELLA LASTRA FORMATO 300x0 cm Il formato 300x0 cm nello spessore 3 mm Slimtech e 3,5 mm Slimtech Plus è idoneo per la posa su pareti verticali. La versione Slimtech Plus 3,5 mm, rinforzata sul retro con fibra di vetro, è indicata laddove si devono praticare fori e tagli interni. Per una corretta posa del formato 300x0 cm è necessario rispettare le seguenti semplici regole: 1. Verificare la perfetta planarità del fondo e se necessario procedere con una rasatura della superficie interessata. 2. Verificato quanto sopra, predisporre i riferimenti per una ottimale messa a livello e squadratura della lastra rispetto le superfici. 3. Stendere l adesivo a letto pieno sulla parete con una spatola a dentatura inclinata (fig.18), quindi passare alla movimentazione della lastra utilizzando un telaio in alluminio con ventose applicate (telaio Slimtech) in grado di garantire rigidità e sicurezza durante la movimentazione (fig.7). 4. Fissare la lastra al muro, livellare ed effettuare su tutta la superficie la battitura con una spatola gommata (fig.17). 5. Per movimentare Slimtech 300x0 cm ad altezze superiori ai 2 m, due operatori a terra devono sollevare la lastra fissata al telaio e passarla ad altri due operatori siti su di un impalcatura, aiutandosi eventualmente con un montacarichi fissato al telaio ADESIVO FONDO GIUNTO IN PVC SLIMTECH 14 15

9 POSA A PAVIMENTO - SLIMTECH PLUS POSA SU MASSETTO NUOVO Slimtech Plus (rinforzato con rete in fibra di vetro) può essere posato su massetti di nuova costruzione, anche in ambienti ad alto traffico pedonale non sottoposti a carichi pesanti concentrati (ad esempio non è idoneo per zone sottoposte al passaggio di carichi su carrelli a ruote dure). Per una corretta realizzazione della pavimentazione, il massetto deve essere eseguito secondo le indicazioni riportate in seguito, e deve essere garantito e controllato da chi progetta e da chi esegue l opera di costruzione del massetto. Caratteristiche del massetto per una corretta posa di Slimtech Plus - Stagionato e dimensionalmente stabile: il periodo di stagionatura/maturazione è uno dei requisiti più importanti per un massetto cementizio. Il tempo di stagionatura di un massetto tradizionale in sabbia e cemento è di circa 7- giorni per cm di spessore. - Asciutto: per i massetti a base cementizia si considerano conformi di umidità prima della posa inferiori al 2%. - Pulito: la superficie del massetto deve essere pulita. Polvere, sporco e detriti devono essere rimossi in quanto possono compromettere l adesione del collante al massetto. - Planare: la verifica della planarità viene effettuata con una staggia di almeno 2 m di lunghezza, appoggiandola sul massetto in tutte le direzioni; la tolleranza ammessa è di 2 mm. - Compatto: il massetto deve presentarsi compatto ed omogeneo in superficie ed in tutto lo spessore. La presenza di strati o zone a consistenza inferiore, più friabili, è sintomo di caratteristiche meccaniche scadenti che potrebbero causare rotture o distacchi della pavimentazione. - Resistente meccanicamente: la resistenza meccanica, così come lo spessore, deve essere adeguata alla destinazione d uso ed al tipo di pavimentazione da posare. In linea generale la resistenza a compressione di un massetto per ambienti civili, idonea per qualsiasi, non deve essere inferiore a 20 N/mm 2. - Privo di fessurazioni: la presenza di fessure da ritiro igrometrico è causata da uno o più dei seguenti fattori: eccesso di acqua nell impasto, aggregato di granulometria troppo fine, eccessivo quantitativo di cemento. Prima di procedere alla posa di Slimtech Plus è necessario sigillare le eventuali fessurazioni. Tutte queste caratteristiche possono essere garantite tramite l utilizzo di massetti premiscelati disponibili in commercio, quali ad esempio TOPCEM PRONTO della o KERACEM ECO PRONTO della ditta. Regole generali per una corretta realizzazione del massetto - Aggregato: deve essere pulito, non contenere impurità ed avere una granulometria adeguata allo spessore del massetto da realizzare. - Fasce di livello: devono essere realizzate con lo stesso legante utilizzato per l esecuzione del massetto. - Saldatura tra superfici già indurite ed impasto fresco: le riprese di getto devono essere realizzate applicando sulla sezione terminale del massetto già indurito (tagliata in modo netto perpendicolarmente al supporto) una boiacca di adesione, acqua e legante. - Presenza di tubazioni nel massetto: deve essere garantito uno spessore minimo di malta, al di sopra di queste, di circa 2,5 cm; è obbligatorio posizionare a cavallo delle tubazioni una rete metallica con diametro dell armatura pari a 2 mm al fine di rinforzare questa esigua sezione di massetto e di limitare la formazione di fessurazioni. - Finitura: può essere eseguita con frattazzo a mano, con disco d acciaio o con elicottero, avendo cura di non bagnare eccessivamente la superficie e di non soffermarsi a lisciare troppo nello stesso punto. - Controllo dell umidità residua: da effettuare una volta trascorso il periodo di stagionatura del massetto. Caratteristiche richieste per differenti massetti su cui applicare Slimtech Plus Calcestruzzo: deve avere raggiunta una sufficiente maturazione (anche 6 mesi e più, in relazione al suo spessore, alla sua composizione, ai requisiti termo-igrometrici degli ambienti, ) e non deve presentare trattamenti superficiali come disarmanti, resine, trattamenti antievaporanti, vecchi adesivi, ecc. Oltre ai giunti strutturali presenti devono essere previsti giunti di frazionamento idonei al tipo e dimensione della superficie. Le solette devono essere isolate da qualsiasi fonte di umidità ascendente. Massetti in anidrite: prima della posa devono essere carteggiati, depolverizzati e perfettamente asciutti (il massimo contenuto di umidità ammesso è di 0,5%). Pavimenti riscaldanti: i massetti realizzati sopra a sistemi di riscaldamento a pavimento devono essere stabili, avere già compiuto il ritiro igrometrico di maturazione, senza crepe e presentare resistenze meccaniche adeguate all utilizzo. L avviamento iniziale del riscaldamento deve essere eseguito almeno 14 giorni dopo la posa del massetto. Secondo quanto prescritto dalla norma UNI EN al punto 4.4, il riscaldamento iniziale comincia ad una temperatura di alimentazione compresa tra 20 C e 25 C, che deve essere mantenuta per almeno 3 giorni. Successivamente impostare la temperatura massima di progetto e mantenerla per almeno altri 4 giorni. Una volta riportato il massetto a temperatura ambiente è possibile eseguire le operazioni di posa. POSA SU PAVIMENTAZIONE PREESISTENTE Slimtech Plus può essere posato su vecchi pavimenti di ambienti ad alto traffico pedonale non sottoposti a carichi pesanti e concentrati (ad esempio non sottoposti al passaggio di carichi su carrelli a ruote dure). Rispetto alla posa di altri materiali, consente un grande risparmio di tempo e denaro, nessun trasloco, niente polvere, rumore e costo di smaltimento detriti, nessuna modifica alle porte. E possibile la posa in esterni a condizione che le superfici siano coperte (balconi, terrazze, verande, ecc.) e perfettamente impermeabilizzate. Preparazione del fondo Il vecchio pavimento dovrà essere asciutto, stabile, solido, perfettamente planare e privo di parti asportabili che possano comprometterne l adesione. La verifica della planarità deve essere effettuata con una staggia di almeno 2 m di lunghezza, appoggiandola sul vecchio pavimento in tutte le direzioni. I dislivelli di planarità devono essere preventivamente colmati con idonei prodotti di rasatura. Per i vecchi pavimenti di ceramica smaltata si consiglia un lavaggio con una soluzione di acqua e soda caustica seguito da un appropriato risciacquo. Nell impossibilità di effettuare la pulizia chimica, procedere all abrasione meccanica. Caratteristiche richieste per differenti fondi su cui applicare Slimtech Plus Parquet: accertarsi che la pavimentazione esistente sia perfettamente ancorata al sottofondo e perfettamente planare. Carteggiare la superficie del parquet fino ad arrivare al legno grezzo. Utilizzare un adesivo di classe R2 (ad esempio Keralastic della ) o (ad esempio Superflex della ). Altre superfici in legno: gli elementi in legno devono essere utilizzati solo in ambienti asciutti. La superficie in legno deve essere assemblata secondo le istruzioni del produttore. Deve essere perfettamente ancorata al sottofondo e stabile nel tempo. Pavimenti preesistenti: per i pavimenti in vecchia ceramica, cotto, pietra, marmo o PVC bisogna controllare la solidità e l ancoraggio del sottofondo. Devono inoltre essere eliminati tutti i residui di oli, grassi e cere con un lavaggio con acqua e soda caustica seguito da un appropriato risciacquo. Nell impossibilità di effettuare la pulizia chimica, procedere all abrasione meccanica. 16 Verifiche sulla qualità massetto - Compattezza: battendo con un mazzuolo da 750 gr sulla superficie non si devono creare impronte, il massetto deve risuonare con suono pieno. La superficie non deve creare polvere o sgranare. - Spessore: La verifica si effettua praticando un foro nel massetto e misurando lo spessore. - Rigidità: il massetto deve essere sufficientemente rigido da sopportare senza deformazioni i carichi statici e dinamici previsti sulla pavimentazione. Tanto più gli strati sottostanti al massetto (ad esempio isolanti termoacustici) sono comprimibili, tanto più rigido deve essere il massetto. Maggiore rigidità si ottiene con maggiore compattezza e con maggiore spessore. - Durezza superficiale: graffiando energicamente con un chiodo d acciaio la superficie non si devono formare incisioni profonde o sgretolamenti, nè avere sviluppo di evidente polverosità. - Umidità: la misurazione si esegue con l igrometro a carburo, in grado di determinare direttamente, tramite reazione chimica, il contenuto di umidità contenuta nel massetto, indipendentemente dalla sua composizione. Oltre a tutte le indicazioni riportate, per la posa su massetto nuovo delle lastre di Slimtech Plus nel formato 300x0 cm occorre rispettare scrupolosamente le avvertenze e istruzioni specificate al paragrafo POSA A PAVIMENTO DEL FORMATO 300x0 cm. TAGLIO DI SLIMTECH PLUS Slimtech Plus può essere tagliato come Slimtech con un tagliavetro. Una volta posizionata la lastra da tagliare su un piano perfettamente planare e pulito, praticare una incisione sulla superficie mantenendo continuo il taglio da bordo a bordo. Quindi con un leggero sforzo spezzare la parte in gres porcellanato e con un cutter tagliare la fibra di vetro (fig.21). APPLICAZIONE DELL ADESIVO E POSA Applicare l adesivo con la tecnica della doppia spalmatura e cioè stendendo l adesivo a letto pieno sulla superficie da rivestire, usando una spatola a denti inclinati distanziati tra loro di 6 mm (ad esempio RAIMONDI art.138hfv6). Quindi applicare l adesivo anche sul retro della lastra, utilizzando una spatola con denti da 3 mm. Ricordarsi di ripassare l adesivo sugli angoli della lastra (fig.22). Posare la lastra e battere ripetutamente la superficie con una spatola di gomma facendo aderire la colla in ogni suo punto evitando così la formazione di vuoti e bolle d aria (fig.16). 17

10 21 22 SLIMTECH 23 GIUNTO DI MASSETTO DILATAZIONE ADESIVO GIUNTO STRUTTURALE FUGA Per ambienti interni fugare utilizzando le specifiche crocette distanziatrici di almeno 2 mm. Per la posa in esterno sono necessarie fughe di larghezza maggiore, anche in relazione ai formati da posare ed alla severità delle escursioni termiche della zona. Un valore indicativo può essere di 5-6 mm, da verificare di volta in volta dal progettista e dalla Direzione Lavori. POSA A PAVIMENTO DEL FORMATO 300x0 cm Considerate le notevoli dimensioni della lastra di Slimtech Plus nel formato 300x0 cm, e in funzione dei risultati emersi da numerosi test di laboratorio, eseguiti da Panariagroup in collaborazione con le migliori aziende produttrici di adesivi, e di simulazioni svolte ricreando situazioni operative che si possono presentare in un cantiere, per la corretta realizzazione della pavimentazione è indispensabile osservare le seguenti indicazioni: - In caso di posa su massetto nuovo accertarsi che lo stesso sia stato eseguito seguendo scrupolosamente tutte le indicazioni riportate al paragrafo POSA SU MASSETTO NUOVO. - In caso di posa su pavimentazione preesistente prestare molta cura nella preparazione del fondo, secondo le indicazioni riportate sopra al paragrafo POSA SU PAVIMENTAZIONE PREESISTENTE. - Utilizzare un adesivo a presa normale (o, in caso di particolare necessità, a presa rapida) utilizzando sempre la tecnica della doppia spalmatura. - Stendere la colla con una spatola dentata con denti da 3 mm sul retro della lastra, e con una spatola con denti da 8 mm sul massetto o pavimentazione preesistente, avendo cura che la direzione della stesura della colla sul supporto, una volta posata la lastra, sia perpendicolare alla stesura dell adesivo sul retro della lastra di Slimtech Plus. - Eseguire fughe di almeno 3 mm. - Rispettare eventuali giunti presenti sul supporto e prevedere giunti di dilatazione almeno ogni 12 mq. - Mantenere una spazio di almeno 5 mm dalle pareti, colonne ed altri elementi verticali. - Attendere almeno 48 ore prima di calpestare la pavimentazione e 15 giorni prima della sua messa in esercizio. GIUNTI DI DILATAZIONE E PERIFERICI Su grandi superfici si rende necessario il giunto di dilatazione in corrispondenza di quello esistente nel massetto di fondo. Utilizzare esclusivamente giunti di dilatazione con bordi metallici come ad esempio SCHLÜTER SYSTEMS EKSB45 (fig.23). La dilatazione (o la contrazione) termica di Slimtech dipende dal suo coefficiente di dilatazione, che è di 7,0x -6 C -1 (ad esempio, per un escursione termica di 70 C la dilatazione corrisponde a 0,5 mm ogni metro lineare). Prevedere giunti periferici di 5-8 mm sul perimetro di elementi fissi della struttura portante quali pareti, gradini, colonne (fig.24). In ogni caso la disposizione dei giunti di dilatazione deve essere calcolata dalla Direzione Lavori del cantiere mm PEDONABILITA DELLA PAVIMENTAZIONE si raccomanda di non calpestare il pavimento durante e dopo la posa fino a quando l adesivo non si è completamente asciugato. In linea di massima un pavimento è pedonabile dopo almeno 24 ore dalla fine della posa. Per la messa in esercizio è importante rispettare i tempi indicati dal fornitore dell adesivo

11 POSA A PAVIMENTO - SLIMTECH TWIN ADESIVI CONSIGLIATI Slimtech Twin può essere posato su tutti i sottofondi normalmente presenti in edilizia. E ideale per ambienti sottoposti a carichi di una certa entità. E possibile la posa in esterni a condizione che le superfici siano coperte (balconi, terrazzi, verande, ecc...) e perfettamente impermeabilizzate. PREPARAZIONE DEL FONDO Seguire tutte le indicazioni riportate al capitolo POSA A PAVIMENTO - SLIMTECH PLUS paragrafo POSA SU MASSETTO NUOVO. TAGLIO DI SLIMTECH TWIN Il taglio di Slimtech Twin è possibile esclusivamente con l utilizzo di dischi diamantati montati su smerigliatrici elettriche o su taglierine per ceramica raffreddate ad acqua. APPLICAZIONE DELL ADESIVO E POSA 1.Stendere l adesivo sul massetto a letto pieno usando una spatola a denti inclinati spaziati tra loro di 6 mm (fig. 18). 2.Posare la lastra e battere ripetutamente la superficie con una spatola di gomma o esercitare con le mani una sufficiente pressione per fare aderire la colla in ogni punto della lastra, evitando così la formazione di vuoti e bolle d aria (fig. 17). Di seguito sono riportati i più comuni fondi di supporto utilizzati in edilizia con relativi adesivi e classe di appartenenza secondo la norma EN (adesione) ed EN (deformabilità). Adesivo per interno a presa normale FONDO PRODUTTORE PRODOTTO CLASSE Intonaco civile, intonaco a base gesso previa applicazione di PRIMER, cemento, cartongesso, pannelli fibrocemento, blocchi alleggeriti. KERABOND + ISOLASTIC H40 ECO IDEAL LATICRETE LATICRETE 282 SUPERFLEX K77 C2ES2 C2TE C2TES1 C2TES1 Calcestruzzo, vecchia ceramica, marmette, materiale lapideo. Pannelli in conglomerati legnosi, metallo. SLIMTECH 3mm (senza fibra di vetro) KERABOND + ISOLASTIC H40 ECO TENAFLEX LATICRETE LATICRETE 333 SUPERFLEX K77 KERALASTIC T SUPERFLEX ECO LATALASTIK LITOELASTIC C2ES2 C2TE C2TES2 C2TES1 FUGA Per ambienti interni fugare utilizzando le specifiche crocette distanziatrici di almeno 2 mm. Per la posa in esterno sono necessarie fughe di larghezza maggiore, anche in relazione ai formati da posare ed alla severità delle escursioni termiche della zona. Un valore indicativo può essere di 5-6 mm, da verificare di volta in volta dal progettista e dalla Direzione Lavori. GIUNTI DI DILATAZIONE E PERIFERICI Su grandi superfici si rende necessario il giunto di dilatazione in corrispondenza di quello esistente nel massetto di fondo. Utilizzare esclusivamente giunti di dilatazione con bordi metallici come ad esempio SCHLÜTER SYSTEMS EKSB45 (fig. 23). La dilatazione (o la contrazione) termica di SLIMTECH dipende dal suo coefficiente di dilatazione, che è di 7,0x -6-1 C (ad esempio, per un escursione termica di 70 C la dilatazione corrisponde a 0,5 mm ogni metro lineare). Prevedere giunti periferici di 5-8 mm sul perimetro di elementi fissi della struttura portante quali pareti, gradini, colonne,. (fig. 24). In ogni caso la disposizione dei giunti di dilatazione deve essere calcolata dalla Direzione Lavori del cantiere. PEDONABILITA DELLA PAVIMENTAZIONE Si raccomanda di non calpestare il pavimento durante e dopo la posa fino a quando l adesivo non si è completamente asciugato. In linea di massima un pavimento è pedonabile dopo almeno 24 ore dalla fine della posa. Per la messa in esercizio è importante rispettare i tempi indicati dal fornitore dell adesivo. Calcestruzzo. SLIMTECH 3mm (senza fibra di vetro) Adesivo per esterno a presa normale FONDO PRODUTTORE PRODOTTO CLASSE Intonaco. KERABOND + ISOLASTIC C2ES2 SUPERFLEX ECO LATICRETE LATICRETE 333 C2TES2 CEMENTKOL K21 + LATEXKOL C2S2 KERABOND + ISOLASTIC SUPERFLEX ECO LATICRETE LATICRETE 333 CEMENTKOL K21 + LATEXKOL C2ES2 C2TES2 C2S2 Adesivo per pavimento interno a presa normale FONDO PRODUTTORE PRODOTTO CLASSE Massetti cementizi e riscaldanti, calcestruzzo, vecchia ceramica, marmette, materiale lapideo. Legno, PVC, gomma, linoleum, metallo, resina. SLIMTECH PLUS 3,5mm (con fibra di vetro) KERABOND + ISOLASTIC H40 ECO EXTRAFLEX LATICRETE LATICRETE 333 SUPERFLEX K77 KERALASTIC SUPERFLEX ECO LATALASTIK LITOELASTIC C2ES2 C2TES1 C2TES2 C2TES1 R

12 PULIZIA E MANUTENZIONE Adesivo per interno a presa normale FONDO PRODUTTORE PRODOTTO CLASSE Intonaco civile, intonaco a base gesso previa applicazione di PRIMER, cemento, cartongesso, pannelli fibrocemento, blocchi alleggeriti. KERABOND + ISOLASTIC SUPERFLEX ECO LATICRETE LATICRETE 282 SUPERFLEX K77 C2ES2 C2TES1 C2TES1 Calcestruzzo, vecchia ceramica, marmette, materiale lapideo. Pannelli in conglomerati legnosi, metallo. Calcestruzzo. SLIMTECH PLUS 3,5mm (con fibra di vetro) KERABOND + ISOLASTIC SUPERFLEX ECO LATICRETE LATICRETE 333 SUPERFLEX K77 KERALASTIC T SUPERFLEX ECO LATALASTIK LITOELASTIC SLIMTECH PLUS 3,5mm (con fibra di vetro) C2ES2 C2TES2 C2TES1 Adesivo per esterno a presa normale FONDO PRODUTTORE PRODOTTO CLASSE Intonaco. KERABOND + ISOLASTIC C2ES2 SUPERFLEX ECO LATICRETE LATICRETE 333 C2TES2 CEMENTKOL K21 + LATEXKOL C2S2 KERABOND + ISOLASTIC SUPERFLEX ECO LATICRETE LATICRETE 333 CEMENTKOL K21 + LATEXKOL C2ES2 C2TES2 C2S2 PULIZIA DOPO POSA 1. La pulizia dopo posa serve per rimuovere i residui di stucchi per le fughe, cemento, calce, boiacca. É obbligatoria a fine cantiere. 2. Una pulizia dopo posa male effettuata, o addirittura non fatta, è spesso causa di aloni che impediscono di mantenere pulito il pavimento nonostante una buona pulizia quotidiana. 3. Quando possibile, specialmente per superfici medio-grandi, si consiglia l uso di monospazzola con dischi morbidi (bianchi oppure beige). Pulizia stucchi cementizi miscelati con acqua Si effettua con specifici detergenti a base di acidi tamponati e diluiti. Alcuni di questi, facilmente reperibili in commercio, sono riportati nella seguente tabella. 1. Effettuare la pulizia dopo 4-5 giorni dalla stuccatura (lo stucco deve indurire) e non oltre giorni. Oltre questi tempi la pulizia può diventare molto più laboriosa. 2. Bagnare con acqua il pavimento prima delle operazioni di pulizia. In questo modo le stuccature vengono impregnate dall acqua e viene ridotto il contatto con i detergenti. 3. Lasciare agire i detergenti per tempi limitati, risciacquando bene con acqua appena possibile. 4. Non deve essere eseguita se le superfici piastrellate sono molto calde (es. esposte al sole nei mesi più caldi), perché diviene più severa l azione degli aggressivi chimici. In estate effettuarla nelle ore fresche della giornata. 5. Fare sempre test preventivi prima dell uso (su una piastrella non posata). Pulizia stucchi epossidici o cementizi additivati (con lattici, resine, ecc.) La rimozione dei residui di questi stucchi deve essere fatta immediatamente ed in modo accurato perché questi stucchi induriscono molto rapidamente, anche in pochi minuti. Seguire attentamente le indicazioni dei fabbricanti. Fare sempre test preventivi prima dell uso (su una piastrella non posata). tipo di detergente nome detergenti produttore a base acida keranet (*) mapei cement remover (*) pavim (*) faberchimica panariagroup deterdek (*) trek (*) zementschleierentferner (*) hmk r63 (*) fila kiter lithofin hmk SLIMTECH 3mm E SLIMTECH PLUS 3,5mm Adesivo per supporti particolari a presa normale FONDO PRODUTTORE PRODOTTO CLASSE Banchi di lavoro in compensato marino, metallo, ecc. KERALASTIC SUPERFLEX ECO LATALASTIK LITOELASTIC R2 solvacid (*) geal litoclean plus (*) litokol (*) Seguire attentamente le modalità d uso indicate sulle confezioni dai fabbricanti. Fare sempre test preventivo sulle piastrelle prima dell uso

13 PULIZIA QUOTIDIANA Utilizzare detergenti neutri, molto diluiti in acqua calda, che non contengono cere e non depositano patine lucide. Risciacquare bene con acqua a fine lavaggio. Si consigliano i seguenti prodotti reperibili in commercio. tipo di detergente nome detergenti produttore neutra floor cleaner faberchimica fila cleaner fila RIMOZIONE DI PATINE LUCIDE Nei normali detergenti in commercio sono a volte contenute cere o additivi lucidanti che, lavaggio dopo lavaggio, depositano sul pavimento patine lucide, causa di noiose alonature. Patine di questo tipo possono essere depositate anche da alcuni stucchi per le fughe. Semplici alimenti come coca cola, vino, acqua, etc., cadendo sul pavimento tolgono questa patina lucida e ripristinano l aspetto originale più opaco delle piastrelle. In mezzo al pavimento più lucido, le zone senza cera appaiono come aloni opachi, in realtà sono le uniche parti pulite del pavimento. In questi casi bisogna: 1. Prima di tutto togliere la patina lucida da tutto il pavimento (vedi tabella seguente); 2. Poi, per le pulizie quotidiane, utilizzare detergenti neutri che non contengano né cere né patine lucidanti (vedi paragrafo precedente pulizia quotidiana ). pflegereiniger hmk p15 lithofin hmk tipo di detergente nome detergenti produttore debolmente acidulo tile cleaner Non seguire le indicazioni riportate sulle confezioni, ma applicare il detergente puro, lasciare agire per 5- min., frizionare con tampone morbido (bianco, beige) poi sciacquare bene con acqua. faberchimica PULIZIA STRAORDINARIA Viene effettuata per rimuovere macchie o residui particolarmente vecchi o resistenti. Nella tabella sotto sono indicati detergenti efficaci a seconda del tipo di macchia tipo di sporco caffè, coca cola, succhi di frutta tipo di detergente nome detergenti produttore polifunzionali, a base alcalina coloured stain remover faberchimica, ps87 fila, greslind panariagroup grassi, polvere da calpestio, pulizie di fondo polifunzionali, a base alcalina ps87 litonet greslind intensivreiniger hmk r55 taski r20-strip fila litokol panariagroup lithofin hmk johnsondiversey 1. Pavimento originale 2. Dopo pulizia con detergenti che depositano patine lucide o dopo stuccatura con alcuni stucchi per le fughe 3. Semplici alimenti (Coca-Cola, vino, acqua...) possono togliere la patina lucida. La superficie originale è più opaca 4. Rimuovere la patina con detergente Tile Cleaner puro ed effettuare la pulizia quotidiana come indicato nell apposita sezione. vino ossidante oxidant faberchimica depositi calcare a base acida viakal procter & gamble ruggine a base acida acido muriatico diluito vari produttori pneumatici, segni di matita, segni metallici pasta abrasiva polishing cream, detergum, vim clorex, strong remover faberchimica, zep italia, guaber, faberchimica inchiostri, pennarello a base solvente diluente nitro, dielina, acqua ragia coloured stain remover vari produttori faberchimica sporco delle fughe specifico fuganet fugenreiniger fila lithofin Fare sempre test di pulizia preventivo su materiale non posato

14 PROFILI PER SPIGOLI - GIUNTI DI DILATAZIONE TESTI DESCRITTIVI PER CAPITOLATI È possibile rifinire le pareti in Slimtech e Slimtech Plus bordando gli spigoli e gli angoli con profili disponibili in commercio. Vi suggeriamo alcune soluzioni possibili impiegando i profili in alluminio commercializzati dalla ditta PROFILIITALIA-PROFILITEC S.p.A. VOCI DI CAPITOLATO NORMATIVE en 14411/iso 13006/iso 545 TITOLO spessore DESCRIZIONE slimtech sp. 3mm slimtech plus sp. 3,5mm slimtech twin sp. 7mm formati slimtech 300x0cm - 50x0cm - 4,9x0cm slimtech plus 300x0cm - 0x0cm - 50x0cm - 50x50cm - 4,9x0cm slimtech twin 300x0cm slimtech plus douce 50x0cm Profilo per raccordo - pavimeto o angoli interni CRM 44A Profilo minimale per il raccordo di angoli esterni RJF 44A nome serie e colori GOUACHE. white cloud soft sand light rock black stone crystal water cool rain deep sea WAVES wave blue wave green wave grey LINES line blue line yellow line grey MAUK sabbiata naturale lappata ARENARIA avorio sabbia caramel brown SHADE milk black coffee BASALTINA STONE PROJECT sabbiata naturale lappata stuccata tipologia di superficie non smaltata (UGL) metodo di formatura pressatura Profilo per raccordo di spigoli esterni ed elemento finale SJM 44A Profilo per protezione di spigoli esterni con parte a vista arrotondata RJM 44A assorbimento di acqua secondo en iso (lastre ceramiche) 0,5% classificazione secondo en 14411/iso gruppo bia specifica tecnica di riferimento per i requisiti della prima scelta en 14411/iso appendice g caratterizzazione prestazionale secondo en - iso - din - bcra Giunto in PVC per rivestimenti BWS45 della SCHLÜETER SYSTEMS Guinto in metallo per pavimenti EKSB45 della SCHLÜETER SYSTEMS caratteristiche di sicurezza dichiarate resistenza allo scivolamento metodo bcra: > 0,40 (cuoio - asciutto / gomma - bagnato) (escluso douce) metodo din 51130: r9 (escluso douce) cessione di sostanze tossico/nocive iso nessuna cessione resistenza al fuoco Stato Italiano (DM 14/01/85, DM 15/03/05, metodo iso/dis ) slimtech: classe 0 slimtech plus e slimtech twin: classe 1 resistenza al fuoco Unione Europea (Dir. 89/6/CE, Dec. 2000/147CE, uni en :2005, metodo uni en 13823:2005) slimtech: classe A1 (posa a parete), classe A1 fl (posa a pavimento) slimtech plus e slimtech twin: classe A2-s1,d0 (posa a parete) classe A2 fl -s1 (posa a pavimento) 26 dati per la voce di capitolato nuovo minerale ceramico prodotto in lastre di gres porcellanato di 300x0 cm. ottenute da materie prime di elevato pregio e purezza (argille chiare, fondenti feldspatici e pigmenti ceramici ad alta resa cromatica). Dopo macinazione ad umido, l impasto viene colorato, essiccato mediante atomizzazione, pressato per compattazione su nastro con una forza di ton e sottoposto a cottura prolungata alla temperatura di 1200 C. 27

15 CARATTERISTICHE TECNICHE CARATTERISTICA TECNICA metodo di prova requisiti prescritti da en G / iso G gruppo bia-ugl slimtech slimtech plus slimtech twin assorbimento d acqua (e) iso ,5% 0,1% 0,1%* 0,1%* resistenza alla flessione iso N/mm 2 35 N/mm N/mm 2 ** 55 N/mm 2 ** sforzo di rottura (s) iso N non richiesto materiale da 00 N** 1800 N** resistenza all abrasione profonda iso mm mm mm mm 3 resistenza a compressione - - non richiesto materiale da 400 N/mm N/mm 2 dilatazione termica lineare iso requisito non previsto a 7-6 C -1 a 7-6 C -1 a 7-6 C -1 resistenza agli sbalzi termici iso requisito non previsto resistente resistente resistente resistenza al gelo iso nessuna alterazione resistente resistente resistente resistenza chimica ad acidi ed alcali ad alta (H) e bassa (L) concentrazione iso secondo quanto dichiarato dal produttore ula - uha (resistente) ula - uha (resistente) ula - uha (resistente) resistenza chimica a prodotti di uso domestico iso ub min. ua (resistente) ua (resistente) ua (resistente) resistenza alle macchie iso classe 3 min. 5 (resistente) 5 (resistente) 5 (resistente) caratteristiche dimensionali lunghezza e larghezza iso ,6% + 0,6% + 0,6% + 0,6% rettilineità dei lati iso ,2% + 0,2% + 0,2% + 0,2% ortogonalità dei lati iso ,2% + 0,2% + 0,2% + 0,2% planarità iso ,5% + 0,5% + 0,5% + 0,5% spessore iso % + 5% + 5% + 5% 28 * valore riferito al materiale ceramico ** valore riferito al pezzo completo (lastra e rinforzo) 29

16 CARATTERISTICHE DI RESISTENZA ALLO SCIVOLAMENTO CARATTERISTICHE DI SICUREZZA metodo di prova requisiti di riferimento slimtech slimtech plus slimtech twin coefficiente di attrito dinamico B.C.R. >0,40 L. 13/89 - D.M. 236/89 D. Lgs. 503/96 non richiesto materiale da >0,40 cuoio - asciutto / gomma - bagnato (escluso douce) >0,40 cuoio - asciutto / gomma - bagnato (escluso douce) resistenza allo scivolamento din r9 6 a non richiesto materiale da r9 (escluso douce) r9 (escluso douce) CARATTERISTICHE DI RESISTENZA AL FUOCO CARATTERISTICHE DI SICUREZZA metodo di prova riferimenti per la classificazione slimtech slimtech plus slimtech twin posa a parete resistenza al fuoco iso dis Normativa Italiana D.M. 14/01/85 D.M: 15/03/05 classe 0 classe 1 classe 1 resistenza al fuoco uni en 13823:2005 Normativa Europea direttiva 89/6/CE decisione 2000/147/CE UNI EN :2005 classe A1 classe A2 - s1,d0 classe A2 - s1,d0 posa a pavimento resistenza al fuoco iso dis Normativa Italiana D.M. 14/01/85 D.M. 15/03/05 classe 0 classe 1 classe 1 resistenza al fuoco uni en iso 9239:2006 Normativa Europea direttiva 89/6/CE decisione 2000/147/CE UNI EN :2005 classe A1 fl classe A2 fl - s1 classe A2 fl - s1 CARATTERISTICHE TERMICHE CARATTERISTICA TECNICA riferimenti per la classificazione slimtech slimtech plus slimtech twin conducibilità termica uni en 12524:2001 λ = 1,3 W/m k λ = 1,1 kcal/mh C λ = 0.7 Btu/fth F λ = 1,3 W/m k λ = 1,1 kcal/mh C λ = 0.7 Btu/fth F λ = 1,3 W/m k λ = 1,1 kcal/mh C λ = 0.7 Btu/fth F 30 31

17 IMBALLI E CONFEZIONI ARENARIA SLIMTECH LINES SLIMTECH articolo scatola europallet articolo scatola europallet pz. mq kg scat. mq kg pz. mq kg scat. mq kg fondo fondo fondo decoro bamboo mosaico quadro mosaico mattone mosaico striscia mosaico listello 300x0 300x0 0x0 0x50 0x50 50x50 4,9x0 4,9x0 0x50 25x25 25x25 25x50 25x x x x x x x x x x x x x x ,0 3,0 3,0 2,50 2,50 1,75 0,49 0,49 1,0 0,62 0,62 1,25 1,25 22,2 25,3 24,1 17,8 20,0 14,0 4,0 4,2 7,1 4,6 4,6 6,9 6,9 13 pz/pl 12 pz/pl ,0 36,0 75,0 80,0 80,0 84,0 19,1 19,1 15,0 37,5 37,5 75,0 75,0 288,6 304,2 2,5 569,6 640,0 672,0 156,0 163,8 6,8 276,0 276,0 414,0 414,0 300x x39.4 MAUK SLIMTECH 1 3,00 25,3 12 pz/pl 36,0 304,2 articolo scatola europallet pz. mq kg scat. mq kg BASALTINA STONE PROJECT SLIMTECH cuadra plus esa plus spina 57,6 38,3 25,8x13,5x8, x5.3x ,73 0,77 0,18 15,5 6,4 1, ,6 15,4 14,8 77,5 127,0 120,0 articolo scatola europallet pz. mq kg scat. mq kg fondo fondo fondo mosaico quadro mosaico mattone mosaico striscia mosaico listello mosaico metal mosaico glitter mosaico inox mosaico satin mosaico pearl 300x0 300x0 0x0 0x50 0x50 50x50 4,9x0 4,9x0 25x25 25x25 25x50 25x50 50x0 50x0 25x25 25x25 25x x x x x x x x x x x x x x x x x x ,0 3,0 3,0 2,50 2,50 1,75 0,49 0,49 0,62 0,62 1,25 1,25 1,0 1,0 0,62 0,62 0,62 22,2 25,3 24,1 17,8 20,0 14,0 4,0 4,2 4,6 4,6 6,9 6,9 9,9 8,8 4,6 4,6 4,6 13 pz/pl 12 pz/pl ,0 36,0 75,0 80,0 80,0 84,0 19,1 19,1 37,5 37,5 75,0 75,0 25,0 25,0 37,5 37,5 37,5 288,6 304,2 2,5 569,6 640,0 672,0 156,0 163,8 276,0 276,0 414,0 414,0 247,6 220,7 276,0 276,0 276,0 SHADE SLIMTECH articolo fondo fondo 300x0 300x0 0x0 0x50 0x50 50x50 4,9x x x x x x x x39.4 scatola europallet pz. mq kg scat. mq kg ,5 2,5 1,75 0,49 22,2 25,35 24, 17,8 20,0 14,0 4,2 13 pz/pl 12 pz/pl ,0 36,0 75,0 80,0 80,0 84,0 19,11 288,6 304,2 2,5 569,6 640,0 672,0 163,8 GOUACHE SLIMTECH articolo scatola europallet pz. mq kg scat. mq kg fondo fondo decoro libeccio 300x0 300x0 0x0 0x50 0x50 50x50 4,9x0 22,3x15, x x x x x x x39.4 6x ,0 3,0 3,0 2,5 2,5 1,75 0,49 0,34 22,2 25,3 24,1 17,8 20,0 14,0 4,2 2,8 13 pz/pl 12 pz/pl ,0 36,0 75,0 80,0 80,0 84,0 19,1 27,47 288,6 304,2 2,5 569,6 640,0 672,0 163,8 224,0 WAVES SLIMTECH articolo 300x x39.4 scatola pz. mq kg 1 3,00 25,3 europallet scat. mq kg 12 pz/pl 36,0 304,

18 INDIRIZZI UTILI ADESIVI KERAKOLL Spa Via dell Artigianato Sassuolo (MO) Tel.: LATICRETE Srl Piazza Martiri Brugnato (SP) Tel.: Fax: MAPEI Spa Via Cafiero (MI) - Tel.: LITOKOL Via G. Falcone, 13/ Rubiera (RE) Tel.: Fax.: DETERGENTI MAPEI SpA via Cafiero 22, Milano - ITALY Tel FABERCHIMICA Srl via G. Ceresani - località Campo d Olmo 044 Fabriano (AN) Tel FILA Industria Chimica SpA via Garibaldi 32, S. Martino dei Lupari (PD) - ITALY Tel ZEP Italia Srl via Nettunese Km 25, Aprilia (LT) - ITALY Tel JOHNSONDIVERSEY via Meucci, Milano Tel KITER Srl via Assiano 7/B Settimo Milanese (MI) - ITALY Tel GEAL Srl via Settola Agliana (PT) - ITALY Tel FEDERCHEMICALS Srl via G. Borsi Brescia - ITALY Tel , Fax LITHOFIN-Producte GmbH Postfach 1134, D Wendlingen (D) Service - Tel / Vertrieb für Österreich: CT-Austria Ges.m.b.H. A-1230 Wien Tel HMK - MÖLLER-CHEMIE Benelux GmbH - Linge 4 NL-25 WB Heemstede (NL) Tel FRESE A TAZZA / DISCHI DIAMANTATI / PUNTE PER TRAPANI DIAMANT CENTER - TYROLIT Via Valle d Aosta Sassuolo (MO) Tel.: Fax: MONTOLIT SpA Via Turconi Cantello (VA) Tel.: / RUBI ITALIA Via Radici in Piano 596/A Sassuolo (MO) Tel.: Fax: INTONACI FASSA BORTOLO S.p.A. via Lazzaris Spresiano (TV) Tel.: Fax: GRIGOLIN Via IV Novembre, 18-3 Ponte della Priula (TV) Tel.: Fax: PAVIMENTI SOPRAELEVATI TEKNOFLOOR S.r.l. Via Yuri Gagarin, Prato (PO) Tel.: Fax: PROFILI SCHLÜTER SYSTEMS S.r.l. Via Bucciardi 31/ Fiorano (MO) Tel.: Fax: PROFILIITALIA PROFILITEC SpA via Brescia, Torri di Quartesolo (VI) Servizio clienti Tel.: Centralino Tel.: Fax: SPATOLE RAIMONDI S.r.l. Via dei tipografi Modena Tel.: Fax: TAGLIAVETRO / SPUGNA DIAMANTATA BOHLE ITALIA S.r.l. Via Cavallotti Abbiategrasso (MI) Tel: Fax: N.B.: Le aziende menzionate in questo manuale sono da considerarsi come frutto di scelte interne e quindi sono da ritenersi come consiglio e non come obbligo. 35

19 NOTE 36 37

20

technostuk 2-12 09/13 127

technostuk 2-12 09/13 127 technostuk 2-12 09/13 127 TECHNOSTUK 2-12 Sigillante cementizio per fughe da 2 a 12 mm. La protezione attiva di Microshield System aiuta a prevenire la crescita di batteri, funghi e muffe, che possono

Dettagli

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm

Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20 mm CT LISCIATURE C40-F10 A2 fl CONFORME ALLA NORMA EUROPEA Nivorapid EN 13813 Rasatura cementizia tissotropica ad asciugamento ultrarapido per applicazione anche in verticale a spessore variabile da 1 a 20

Dettagli

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista

Aquaflex Roof. Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista Membrana elastica liquida con fibre, pronta all uso, per impermeabilizzare in continuo superfici da lasciare a vista CAMPI DI APPLICAZIONE Impermeabilizzazione di: coperture piane; balconi e terrazzi;

Dettagli

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile

...LEGGETE I DATI TECNICI E CAPIRETE... intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO. per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile MATERIALI A BASE DI CALCE NATURALE PER IL RESTAURO E IL RISANAMENTO scheda tecnica per restauro, ristrutturazioni e nuova edilizia civile intonaco idrofobizzato colorato IL MASSETTO CALDO PRODOTTO PER

Dettagli

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico

Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico Sistemi Mapei per la realizzazione di pavimentazioni radianti ad alto rendimento termico La riparazione dell asfalto ha fatto strada. Sistemi MAPEI per la realizzazione di pavime I pannelli radianti sono

Dettagli

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne

Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne Sistema DI-CLASS Sistema composito per la decorazione di superfici orizzontali interne DESCRIZIONE DI-CLASS è un sistema composito a base resina caratterizzato da elevata flessibilità di intervento ed

Dettagli

Quaderno Tecnico SISTEMI PER LA POSA DEL GRÈS PORCELLANATO SOTTILE

Quaderno Tecnico SISTEMI PER LA POSA DEL GRÈS PORCELLANATO SOTTILE Quaderno Tecnico DEL GRÈS PORCELLANATO SOTTILE Quaderno Tecnico DEL GRÈS PORCELLANATO SOTTILE pag. 06 1. INTRODUZIONE pag. 06 2. LE TIPOLOGIE DEI MATERIALI pag. 08 3. MOVIMENTAZIONE DELLE LASTRE pag. 09

Dettagli

Realizzazione di nuove pavimentazioni levigate all interno di centri commerciali, show-room, negozi, ristoranti e appartamenti.

Realizzazione di nuove pavimentazioni levigate all interno di centri commerciali, show-room, negozi, ristoranti e appartamenti. Ultratop CT MASSETTI CEMENTIZI C40-F10 A9-A2 fl-s1 CONFORME ALLA NORMA EUROPEA Malta autolivellante a base di speciali leganti idraulici, ad indurimento ultrarapido, per realizzare pavimentazioni resistenti

Dettagli

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso

Isolamento termico dall interno. Pannelli RP e soluzioni in cartongesso QUANDO ISOLARE DALL INTERNO L isolamento dall interno delle pareti perimetrali e dei soffitti rappresenta, in alcuni contesti edilizi e soprattutto nel caso di ristrutturazioni, l unica soluzione perseguibile

Dettagli

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano

www.mpmsrl.com pavimentazioni sine materiali protettivi milano www.mpmsrl.com pavimentazioni re sine materiali protettivi milano Tradizione, esperienza, innovazione tecnologica. Da oltre 50 anni MPM materiali protettivi milano s.r.l opera nel settore dell edilizia

Dettagli

Ultratop Living. Il nuovo sistema cementizio per pavimentazioni in continuo. Sistemi di pavimentazioni a base cementizia

Ultratop Living. Il nuovo sistema cementizio per pavimentazioni in continuo. Sistemi di pavimentazioni a base cementizia Ultratop Living Il nuovo sistema cementizio per pavimentazioni in continuo Sistemi di pavimentazioni a base cementizia Ultratop Living Malta cementizia autolivellante ad indurimento ultrarapido per realizzare

Dettagli

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5

kerabuild jet Code E591 2008/08 pagina 1/5 recupero calcestruzzo MALTE TECNOLOGICHE STRUTTURALI ad alta resistenza chimica LINEA costruzioni kerabuild Malta tecnologica strutturale colabile monocomponente per inghisaggi a rapida messa in servizio.

Dettagli

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA.

ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT DECORATIVI FINITURA DECORATIVA PER INTERNI CHE CONFERISCE L ASPETTO E IL TATTO DELLA SETA. ALPHA ORIENT ALPHA ORIENT Il colore è ovunque, basta saperlo cercare. Finitura altamente decorativa

Dettagli

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla.

3. Passate la superficie con carta vetrata per facilitare la presa della colla. Il lavoro di posa dei rivestimenti murali, è oggi, estremamente semplificato ed è una soluzione di ricambio interessante, in quanto applicare carta da parati non è più difficile che verniciare. Le spiegazioni

Dettagli

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO

MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO L innovativo sistema per la ristrutturazione delle pareti dall interno LEADER MONDIALE NELLE SOLUZIONI PER L ISOLAMENTO Costi energetici elevati e livello di comfort basso: un problema in crescita La maggior

Dettagli

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati

DECORAZIONE 03. Posare la carta da parati DECORAZIONE 03 Posare la carta da parati 1 Scegliere la carta da parati Oltre ai criteri estetici, una carta da parati può essere scelta in funzione del luogo e dello stato dei muri. TIPO DI VANO CARTA

Dettagli

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali

Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Scheda Tecnica Edizione14.10.11 Sikadur -31CFNormal Sikadur -31CF Normal Adesivoepossidicoperincollaggistrutturali Indicazioni generali Descrizione Sikadur -31CFNormalèunamaltaepossidicabicomponente,contenenteaggregatispeciali,perincollaggieriparazionistrutturali,tolleral

Dettagli

Scheda tecnica StoColor Puran Satin

Scheda tecnica StoColor Puran Satin Pittura bicomponente poliuretanica ad elevata resistenza, classe 1 resistenza all abrasione umida, classe 2 di potere coprente secondo EN 13300 Caratteristiche Applicazione Caratteristiche interni per

Dettagli

Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE

Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE Sistema per il Ripristino delle Strutture Interrate PRODOTTI PER IMPERMEABILIZZARE Il Ripristino DELLE Strutture Interrate NIDI DI GHIAIA E DISTANZIATORI PLASTICI RIPRESE DI GETTO Strutture Interrate RIPRESE

Dettagli

MapeWrap Resilient System

MapeWrap Resilient System C.P. MK707910 (I) 12/13 INNOVATIVO SISTEMA DI PROTEZIONE PASSIVA DEGLI EDIFICI NEI CONFRONTI DELLE AZIONI SISMICHE L unione delle tecnologie Mapei per la protezione in caso di sisma Applicazione di un

Dettagli

REOXTHENE TECHNOLOGY

REOXTHENE TECHNOLOGY REOXTHENE Patented REOXTHENE TECHNOLOGY MEMBRANE IMPERMEABILIZZANTI DALLA TECNOLOGIA RIVOLUZIONARIA INNOVATIVO COMPOUND BITUME POLIMERO INCREDIBILE LEGGEREZZA (fino a 4 mm = 38 kg) MAGGIORI PRESTAZIONI

Dettagli

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE

CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE CONSIGLI UTILI PER UNA CORRETTA ESECUZIONE DELLE MURATURE a cura del Consorzio POROTON Italia VERSIONE ASPETTI GENERALI E TIPOLOGIE MURARIE Le murature si dividono in tre principali categorie: murature

Dettagli

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la

EFFETTO ANTIGHIACCIO: La potenza occorrente al metro quadro per prevenire la Sistema scaldante resistivo per la protezione antighiaccio ed antineve di superfici esterne Il sistema scaldante ha lo scopo di evitare la formazione di ghiaccio e l accumulo di neve su superfici esterne

Dettagli

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE

PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri PRODOTTI DA COSTRUZIONE CON L OBBLIGO DI DOP E MARCATURA CE (elenco aggiornato al 31 luglio 2014) ACCIAI e altri Acciai per la realizzazione di strutture metalliche e di strutture composte (laminati, tubi senza saldatura, tubi

Dettagli

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi

THEATRON Linea GLASS. Sistemi per Balconi www.metrawindows.it THEATRON Linea GLASS Sistemi per Balconi METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati

Dettagli

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche

Nel cemento armato si valorizzano le qualità dei due materiali: calcestruzzo e acciaio, che presentano le seguenti caratteristiche CEMENTO ARMATO METODO AGLI STATI LIMITE Il calcestruzzo cementizio, o cemento armato come normalmente viene definito in modo improprio, è un materiale artificiale eterogeneo costituito da conglomerato

Dettagli

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO

NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO NUOVI STRUMENTI OTTICI PER IL CONTROLLO DI LABORATORIO E DI PROCESSO Mariano Paganelli Expert System Solutions S.r.l. L'Expert System Solutions ha recentemente sviluppato nuove tecniche di laboratorio

Dettagli

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE

CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN ABS PER SOLAI MONODIREZIONALI. skyrail. sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE CASSAFORMA RIUTILIZZABILE IN PER SOLAI MONODIREZIONALI skyrail sistema per solai monodirezionali RIUTILIZZABILE MODULARE RESISTENTE w w w. g e o p l a s t. i t SOLAI 02 VISION Con la Sapienza di costruisce

Dettagli

Risanamento delle tubazioni dall interno

Risanamento delle tubazioni dall interno La soluzione di oggi per le tubazioni di ieri: Risanamento delle tubazioni dall interno Costi inferiori fino al 50% niente demolizioni, niente sporco, niente macerie nessuna interruzione nella gestione

Dettagli

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare

NUOVO! Sempre più semplice da utilizzare NUOVO! NUOVO AF/ARMAFLEX MIGLIORE EFFICIENZA DELL ISOLAMENTO Sempre più semplice da utilizzare L flessibile professionale Nuove prestazioni certificate. Risparmio energetico: miglioramento di oltre il

Dettagli

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA

Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici. Trasmissioni a cinghia. dentata CLASSICA Trasmissioni a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Trasmissioni a cinghia dentata CLASSICA INDICE Trasmissione a cinghia dentata SIT - CLASSICA passo in pollici Pag. Cinghie dentate CLASSICE

Dettagli

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni

Note generali. Norme di sicurezza. Procedura generale di pulizia. Bollettino Istruzioni 3M Italia, Gennaio 2011 Bollettino Istruzioni Applicazione pellicole su vetro Bollettino Istruzioni 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello (MI) Fax: 02 93664033 E-mail 3mitalyamd@mmm.com

Dettagli

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro

Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Soluzioni complete e innovative per l Habitat del futuro Saint-Gobain, attraverso i suoi marchi, sviluppa e produce nuove generazioni di materiali con un approccio moderno e completo al mercato delle costruzioni:

Dettagli

Il ripristino. delle facciate

Il ripristino. delle facciate Il ripristino delle facciate C.P. MK 715110 (I) 10/10 Il ripristino delle facciate SEDE MAPEI SpA Via Cafiero, 22-20158 Milano Tel. +39-02-37673.1 Fax +39-02-37673.214 Internet: www.mapei.com E-mail: mapei@mapei.it

Dettagli

La movimentazione dei materiali (material handling)

La movimentazione dei materiali (material handling) La movimentazione dei materiali (material handling) Movimentazione e stoccaggio 1 Obiettivo generale La movimentazione e stoccaggio dei materiali (material handling MH) ha lo scopo di rendere disponibile,

Dettagli

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali

LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali LA PROTEZIONE DA RISCHI DI CADUTA DAI LUCERNARI nelle coperture industriali MANUALE TECNICO APPLICATIVO A CURA DI ASSOCOPERTURE PERCHÈ PROTEGGERE I VUOTI Riteniamo necessario parlare ai tecnici del settore

Dettagli

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w

N O EATR THI. NO LC A B ER I P TEM IS S etra.it.m w w w www.metra.it SISTEMI PER BALCONI. THEATRON METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA sono stati

Dettagli

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.

S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp. CATTANEO & Co. - BG SC_I 01/2005 S.p.a. 24050 ZANICA (BG) Italia Via Stezzano, 16 tel +39 035 671 013 fax +39 035 672 265 www.styl-comp.it infostylcomp@styl-comp.it Realizzare un connubio perfetto fra

Dettagli

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com

CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO. kio-polieco.com CHIUSINO IN MATERIALE COMPOSITO kio-polieco.com Group ha recentemente brevettato un innovativo processo di produzione industriale per l impiego di uno speciale materiale composito. CHIUSINO KIO EN 124

Dettagli

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997)

CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) CERTIFICATO ACUSTICO DI PROGETTO (D.P.C.M. 5 dicembre 1997) Progetto per la realizzazione di: Edificio residenziale Località: Ancona Indirizzo: via Menicucci, 3 Il tecnico competente Ancona, 20/09/2011

Dettagli

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti

THERMATILE & BREVETTATO. Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti THERMATILE & BREVETTATO Sistema riscaldante brevettato per pavimenti e rivestimenti 1 Che cos è? Thermatile è l innovativo sistema brevettato di riscaldamento radiante in fibra di carbonio, di soli 4 millimetri

Dettagli

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI

GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI GUIDA ALLA REALIZZAZIONE DEI VANI TECNICI PER ASCENSORI E PIATTAFORME ELEVATRICI Introduzione Le dimensioni delle cabine degli ascensori debbono rispettare valori minimi stabiliti dalle normative vigenti,

Dettagli

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE

MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 CARATTERISTICHE TECNICHE N NOVITÀ: SACCO IDROSOLUBILE 778/3.2000 MAPEPLAST LA POLVERE ADDITIVO PER RIEMPIMENTI FLUIDI E MALTE E CALCESTRUZZI LEGGERI elastico e resistenza a trazione, per il riempimento degli scavi effettuati nel

Dettagli

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI

OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI Cap. XIV OPERE PREFABBRICATE INDUSTRIALI PAG. 1 14.1 OPERE COMPIUTE Opere prefabbricate in cemento armato. Prezzi medi praticati dalle imprese specializzate del ramo per ordinazioni dirette (di media entità)

Dettagli

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI

PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI PROGETTO DI TOMBINATURA DEL RIO SALSO IN LOC. FRATTA TERME tratto con sponde libere ( m. 65 circa ) OPERE COMPUTATE 1 - SCAVI E DEMOLIZIONI N. VOCE DESCRIZIONE LAVORAZIONE QUANTITA' PREZZO UNIT. TOTALE

Dettagli

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché?

Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Innovazione nella posa dei serramenti La sigillatura delle finestre. Come e perché? Klaus Pfitscher Relazione 09/11/2013 Marchio CE UNI EN 14351-1 Per finestre e porte pedonali Marchio CE UNI EN 14351-1

Dettagli

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente

Il miglior investimento che tu possa fare. Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Riscaldamento sottopavimento per ogni ambiente Il miglior investimento che tu possa fare Se progettate di rinnovare o costruire un nuovo bagno, una cucina o un

Dettagli

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare

glazer union soluzioni per il rispetto delle norme HACCP nel settore alimentare CHE COS'È L'HACCP? Hazard Analysis and Critical Control Points è il sistema di analisi dei rischi e di controllo dei punti critici di contaminazione per le aziende alimentari. Al fine di garantire la completa

Dettagli

PROGETTO PAIKULI - IRAQ

PROGETTO PAIKULI - IRAQ Dario Federico Marletto PROGETTO PAIKULI - IRAQ RAPPORTO TECNICO SUI LAVORI PER IL CORSO DI FORMAZIONE PRESSO LA SOPRINTENDENZA ARCHEOLOGICA DI OSTIA ANTICA Intervento sul mosaico pavimentale del Cortile

Dettagli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli

Tecnologia Facciate continue Finestre e porte a battente V E Finestre e porte in Alluminio-Legno Finestre e porte scorrevoli www.metrawindows.it PERSIANA SCORREVOLE Sistemi oscuranti METRA. LO STILE CHE DA VALORE AL TUO HABITAT METRA. Design, Colore, Emozione. Lo stile italiano che il mondo ci invidia. I sistemi integrati METRA

Dettagli

codice descrizione un. mis. pr. unit.

codice descrizione un. mis. pr. unit. 01.P24.A10.005 Nolo di escavatore con benna rovescia compreso manovratore, carburante, lubrificante, trasporto in loco ed ogni onere connesso per il tempo di effettivo impiego, della capacita' di m³ 0.500

Dettagli

TRATTAMENTO TRADIZIONALE DEL COTTO TOSCANO

TRATTAMENTO TRADIZIONALE DEL COTTO TOSCANO VOCI DI CAPITOLATO 1 TRATTAMENTO TRADIZIONALE DEL COTTO TOSCANO CT1) TRATTAMENTO PREFUGATURA trattamento della superficie in cotto,da effettuarsi a superficie perfettamente asciutta mediante stesura con

Dettagli

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo EDIZIONE 1 / Volume 1 Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo Sezione Blocchi e Pavimenti Codice di pratica per la posa in opera di masselli autobloccanti in calcestruzzo

Dettagli

Costruzioni. Massetto a base di poliuretano-cemento colorato, di facile lavorabilità, ad alta resistenza

Costruzioni. Massetto a base di poliuretano-cemento colorato, di facile lavorabilità, ad alta resistenza Scheda Tecnica Edizione 05.03.14 Identification no. 02 08 02 02 001 0 000001 1088 Sikafloor -20 PurCem Sikafloor -20 PurCem Massetto a base di poliuretano-cemento colorato, di facile lavorabilità, ad alta

Dettagli

Solo il meglio sotto ogni profilo!

Solo il meglio sotto ogni profilo! Solo il meglio sotto ogni profilo! Perfetto isolamento termico per finestre in alluminio, porte e facciate continue Approfittate degli esperti delle materie plastiche Voi siete specialisti nella produzione

Dettagli

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO

OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO CORSO DI INFORMAZIONE PER STUDENTI PREVENZIONE E SICUREZZA NEI CANTIERI EDILI OPERE PROVVISIONALI CADUTE DALL ALTO DIPARTIMENTO DI PREVENZIONE MEDICA Servizio Prevenzione Ambienti Lavoro RISCHI DI CADUTA

Dettagli

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO

COME NASCONO I TAPPI DI SUGHERO IL SUGHERO CHE COS È Il sughero è un prodotto naturale che si ricava dall estrazione della corteccia della Quercus suber L, la quercia da sughero. Questa pianta è una sempreverde, longeva, che cresce nelle

Dettagli

6.1 6.2 6.3 STAGIONATURA E DISARMO DISARMO E TEMPISTICHE MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE FINITURE SUPERFICIALI

6.1 6.2 6.3 STAGIONATURA E DISARMO DISARMO E TEMPISTICHE MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE FINITURE SUPERFICIALI Il calcestruzzo e le strutture armate Stagionatura e disarmo INDICE 6.1 6.3 DISARMO E TEMPISTICHE FINITURE SUPERFICIALI 6 STAGIONATURA E DISARMO 6.2 MATURAZIONE DEI GETTI E PROTEZIONE STAGIONATURA E DISARMO

Dettagli

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES

Sistem Cube PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES LIMITED WARRANTY PICCOLI APPARTAMENTI, LOCALI HOBBY, GARAGES Sistem Cube La centrale Sistem Cube è una soluzione geniale per tutti gli spazi ridotti. Compattezza, razionalità e potenza la rendono adatta

Dettagli

MANUALE POSA IN OPERA E MANUTENZIONE FINESTRE, PORTEFINESTRE, PORTE, SCORREVOLI

MANUALE POSA IN OPERA E MANUTENZIONE FINESTRE, PORTEFINESTRE, PORTE, SCORREVOLI MANUALE POSA IN OPERA E MANUTENZIONE FINESTRE, PORTEFINESTRE, PORTE, SCORREVOLI Premessa 1. I materiali per la posa. 2. Il falso telaio. 3. Il fissaggio del serramento. 4. Istruzioni per la posa in opera

Dettagli

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50

RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 RIQUALIFICAZIONE ENERGETICA DI EDIFICIO PER CIVILE ABITAZIONE ANNI '50 L'edificio oggetto dell'intervento, si trova a Bolzano in via Dalmazia ai numeri 60, 60A e 62 E' stato costruito nei primi anni '50

Dettagli

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013

Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Seminario Tecnico Piacenza 31/01/2013 Misure di prevenzione e protezione collettive e individuali in riferimento al rischio di caduta dall alto nei cantieri edili A cura dei Tec. Prev. Mara Italia, Marco

Dettagli

Scotchcal serie IJ 20

Scotchcal serie IJ 20 3M Italia, Dicembre 2010 Scotchcal serie IJ 20 Bollettino Tecnico 3M Italia Spa COMMERCIAL GRAPHICS 3M, Controltac, Scotchcal, Comply and MCS sono marchi 3M Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello Fax:

Dettagli

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE

COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE COME FAR FUNZIONARE IL CONGELATORE In questo congelatore possono essere conservati alimenti già congelati ed essere congelati alimenti freschi. Messa in funzione del congelatore Non occorre impostare la

Dettagli

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI

ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI ISTITUTO AUTONOMO PER LE CASE POPOLARI DELLA PROVINCIA DI CASERTA SETTORE TECNICO UFFICIO PROGETTAZIONE INTERVENTI E.R.S. E M.O. LAVORI DI MANUTENZIONE ORDINARIA EDILE ELENCO PREZZI UNITARI RESP. UFFICIO

Dettagli

cimosa di sormonto autoadesiva

cimosa di sormonto autoadesiva Polietilene reticolato fisicamente sp. 8 mm nominale cimosa di sormonto autoadesiva. Massa elastoplastomerica Lato posa CARATTERISTICHE TECNICHE Acustic System 10, è un manto bistrato con cimosa adesiva,

Dettagli

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A.

BBC Betonrossi Basic Concrete a cura di Luigi Coppola e del Servizio Tecnologico di Betonrossi S.p.A. 22 IL CONTROLLO DELLA QUALITA DEL CALCESTRUZZO IN OPERA S e i risultati del controllo di accettazione dovessero non soddisfare una delle disuguaglianze definite dal tipo di controllo prescelto (A o B)

Dettagli

L'importanza di una corretta carteggiatura

L'importanza di una corretta carteggiatura L'importanza di una corretta carteggiatura La preparazione delle superfici, ed in particolare la carteggiatura, concorrono al risultato finale del trattamento di pitturazione, giocando un ruolo fondamentale

Dettagli

Mini accessori. una gamma completa per: il modellismo il fai da te l elettronica l artigianato

Mini accessori. una gamma completa per: il modellismo il fai da te l elettronica l artigianato CATALOGO204 Mini accessori Piccoli, universali, ma soprattutto assolutamente precisi: PG Mini, la nuova linea di accessori che risolve ogni esigenza di lavoro. Tagliare, smerigliare, levigare, forare,

Dettagli

Book IL FENOMENO DELLE MUFFE E ALGHE

Book IL FENOMENO DELLE MUFFE E ALGHE IL FENOMENO DELLE MUFFE E ALGHE CAP Arreghini. Cultura della qualità. Un costante processo di evoluzione e di innovazione abbraccia da sempre tutte le attività di CAP Arreghini. L azienda gode infatti

Dettagli

Irradiatori Ceramici ad Infrarossi

Irradiatori Ceramici ad Infrarossi Irradiatori Ceramici ad Infrarossi Caratteristiche e Vantaggi Temperature superficiali fino a 750 C. La lunghezza d'onda degli infrarossi, a banda medio-ampia, fornisce un riscaldamento irradiato uniformemente

Dettagli

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar

IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar IMPIANTI DI SEPARAZIONE FANGHI E OLI DEV + NEUTRAcom DEV + NEUTRAsed + NEUTRAstar Pozzoli depurazione s.r.l. via M.Quadrio 11, 23022 Chiavenna SO P.IVA: 01263260133, REA: 61186, Telefono 0343 37475 (3

Dettagli

Scotchcal serie 100 Pellicola autoadesiva decorativa per intaglio

Scotchcal serie 100 Pellicola autoadesiva decorativa per intaglio 3M Italia, Novembre 2010 Scotchcal serie 100 Pellicola autoadesiva decorativa per intaglio Bollettino Tecnico 3M Italia Spa Via Norberto Bobbio, 21 20096 Pioltello Fax: 02 70058174 E-mail itgraphics@mmm.com

Dettagli

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica).

AUTOLIVELLI (orizzontalità ottenuta in maniera automatica); LIVELLI DIGITALI (orizzontalità e lettura alla stadia ottenute in maniera automatica). 3.4. I LIVELLI I livelli sono strumenti a cannocchiale orizzontale, con i quali si realizza una linea di mira orizzontale. Vengono utilizzati per misurare dislivelli con la tecnica di livellazione geometrica

Dettagli

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO

COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO A l l e g a t o A COMPUTO METRICO ESTIMATIVO DI RIFERIMENTO (ERRATA CORRIGE AL C.M.E. ALLEGATO ALLA GARA ED INSERITO SUL WEB) PROPRIETA ANCONAMBIENTE S.P.A. VIA DEL COMMERCIO 27, 60127 ANCONA OGGETTO OPERE

Dettagli

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1

ESEDRA ENERGIA. S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 ESEDRA ENERGIA S o c i e t à C o o p. S o c. SISTEMI DI FISSAGGIO PER PANNELLI SOLARI C A T A L O G O 2 0 1 1 La decennale esperienza di Esedra nel mondo delle energie rinnovabili ha dato vita alla linea

Dettagli

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone

Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE OPERE PROVVISIONALI. prof. ing. Pietro Capone Corsi di:produzione EDILIZIA E SICUREZZA - ORGANIZZAZIONE DEL CANTIERE prof. ing. Pietro Capone Opere realizzate provvisoriamente allo scopo di consentire l esecuzione dell opera, la loro vita è legata

Dettagli

Isolanti termici ed elettrici

Isolanti termici ed elettrici Lastre e manufatti rigidi in materiali compositi per l isolamento elettricomeccanico, termo-elettrico e termo-meccanico. Forniamo inoltre pezzi lavorati a disegno su specifiche del cliente. ARCOTECH 900

Dettagli

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2

Resistenza a compressione (EN 196-1) 80 N/mm 2 Resistenza a flessione (EN 196-1) 17 N/mm 2 Densità 1,65 Kg/dm 2 MIT-SE Plus 300 e 400 Ancorante Chimico Strutturale Vinilestere/Epossiacrilato certificato ETA/CE DESCRIZIONE Mungo MIT-SE Plus è un ancorante chimico strutturale ad alte prestazioni e rapido indurimento,

Dettagli

FIN-Project. L innovativa gamma di serramenti in alluminio

FIN-Project. L innovativa gamma di serramenti in alluminio FIN-Project L innovativa gamma di serramenti in alluminio FIN-Project: serramenti in alluminio ad alte prestazioni Ricche dotazioni tecnologiche e funzionali Eccezionale isolamento termico Massima espressione

Dettagli

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser

Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser Manuale d Istruzioni Termometro Infrarossi ad Alte Temperature con Puntatore Laser MODELLO 42545 Introduzione Congratulazioni per aver acquistato il Termometro IR Modello 42545. Il 42545 può effettuare

Dettagli

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA

Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Reenactment Society www.reenactmentsociety.org COME FARE UNA BORRACCIA DI ZUCCA Acquistare una zucca fresca o già secca. Nel primo caso sarà opportuno comprarla in un periodo caldo per godere delle giornate

Dettagli

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata)

Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) Guida all applicazione (spruzzatura ad aria nebulizzata) 1 Spruzzo convenzionale (aria nebulizzata) Una pistola a spruzzo convenzionale è uno strumento che utilizza aria compressa per atomizzare ( nebulizzare

Dettagli

LA POSA DEI MATERIALI LAPIDEI

LA POSA DEI MATERIALI LAPIDEI LA POSA DEI MATERIALI LAPIDEI Materiali e sistemi per la posa corretta di materiali lapidei naturali e ricomposti C.P. MK 837710 - (I) 10/10 Quaderno Tecnico SEDE MAPEI Spa Via Cafiero, 22-20158 Milano

Dettagli

AG 69 Serie 0430. Descrizione del prodotto. Caratteristiche salienti. Impiego. Dati di fornitura. Avvertenze e raccomandazioni

AG 69 Serie 0430. Descrizione del prodotto. Caratteristiche salienti. Impiego. Dati di fornitura. Avvertenze e raccomandazioni Descrizione del prodotto Rivestimento epossidico vetrificante senza solvente, atossico, per contatto con alimenti ed alcoolici, olii e grassi. Classificazione secondo Direttiva 2004/42/CE - Dlgs 161/06:

Dettagli

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI

ANALISI PREZZI AGGIUNTIVI PA.01 Oneri di discarica valutati a mc misurato sul volume effettivo di scavo o demolizione. Oneri di discarica MC 1.000 24.76 24.76 TOTALE 24.76 PREZZO TOTALE PER MC 24.76 Pagina 1 di 11 PA.02 Fornitura

Dettagli

Modelli di dimensionamento

Modelli di dimensionamento Introduzione alla Norma SIA 266 Modelli di dimensionamento Franco Prada Studio d ing. Giani e Prada Lugano Testo di: Joseph Schwartz HTA Luzern Documentazione a pagina 19 Norma SIA 266 - Costruzioni di

Dettagli

Cuscinetti SKF con Solid Oil

Cuscinetti SKF con Solid Oil Cuscinetti SKF con Solid Oil La terza alternativa per la lubrificazione The Power of Knowledge Engineering Cuscinetti SKF con Solid Oil la terza alternativa di lubrificazione Esistono tre metodi per erogare

Dettagli

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro.

John Ruskin (1819-1900) 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042. A1foro. 20050 MACHERIO (Milano) Via Vittorio Veneto 37 - Tel. (039) 20.12.730/1/2 Fax. (039) 20.13.042 TRASPORTATORI LEGGERI Non è saggio pagare troppo. Ma pagare troppo poco è peggio. Quando si paga troppo si

Dettagli

dai vita alla tua casa

dai vita alla tua casa dai vita alla tua casa SEMPLICE MENTE ENERGIA bioedilizia Una STRUTTURA INNOVATIVA PARETE MEGA PLUS N 10 01 struttura in legno 60/60 mm - 60/40 mm 02 tubazione impianto elettrico ø 21 mm 03 struttura portante

Dettagli

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING

CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING CONDIZIONATORI DI PRECISIONE AD ESPANSIONE DIRETTA E ACQUA REFRIGERATA PER CENTRALI TELEFONICHE CON SISTEMA FREE-COOLING POTENZA FRIGORIFERA DA 4 A 26,8 kw ED.P 161 SF E K 98 FC La gamma di condizionatori

Dettagli

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02

ISOLATORI ELASTOMERICI. ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 ISOLATORI ELASTOMERICI ISOLATORI ELASTOMERICI serie SI S02 INTRODUZIONE CERTIFICAZIONI Nel 1992 FIP Industriale ha ottenuto la certificazione CISQ-ICIM per il Sistema di Assicurazione Qualità in conformità

Dettagli

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne

NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O. Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne NOVITÀ FINESTRE IN PVC E PVC-ALLUMINIO TOP 9O Qualità dell'abitare per le esigenze più moderne 3 Sintesi perfetta fra isolamento termico, tecnica e design Le finestre e le porte di oggi non solo devono

Dettagli

Quando un pavimento è ben fatto: Un brevetto esclusivo ne preserva il valore e garantisce l igiene dell aria interna all edificio

Quando un pavimento è ben fatto: Un brevetto esclusivo ne preserva il valore e garantisce l igiene dell aria interna all edificio Costruire, ristrutturare e risanare Quando un pavimento è ben fatto: Un brevetto esclusivo ne preserva il valore e garantisce l igiene dell aria interna all edificio GEV spiega gli aspetti da considerare

Dettagli

Costruzioni in legno: nuove prospettive

Costruzioni in legno: nuove prospettive Costruzioni in legno: nuove prospettive STRUZION Il legno come materiale da costruzione: origini e declino Il legno, grazie alla sua diffusione e alle sue proprietà, ha rappresentato per millenni il materiale

Dettagli

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati

l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati CATALOGO EXA l esclusivo sistema per la diluizione ed il dosaggio dei prodotti ultraconcentrati + pratico + sicuro + economico + ecologico 3 edizione Azienda Certificata ISO 9001 e ISO 14001 IL SISTEMA

Dettagli

Fonterra Base. Progettazione. Fonterra Base Progettazione. Descrizione del sistema

Fonterra Base. Progettazione. Fonterra Base Progettazione. Descrizione del sistema Fonterra Base Progettazione Fonterra Base Progettazione Descrizione del sistema Fonterra Base è il sistema che consente la realizzazione di un riscaldamento efficiente delle superfici in edifici nuovi

Dettagli

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili

Sistema Multistrato. per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili Sistema Multistrato per Impianti Idrici, di Riscaldamento, Refrigerazione e per Gas Combustibili LISTINO 05/2012 INDICE Pag. Tubo Multistrato in Rotolo (PEX/AL/PEX) 4065 04 Tubo Multistrato in Barre (PEX/AL/PEX)

Dettagli

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA

LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA LA TRASMITTANZA TERMICA DEGLI INFISSI: COS'E' E COME SI CALCOLA 1. La trasmittanza termica U COS'E? La trasmittanza termica U è il flusso di calore medio che passa, per metro quadrato di superficie, attraverso

Dettagli

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI

OPERE SPECIALI PREFABBRICATI OPERE SPECIALI PREFABBRICATI (Circ. Min. 13/82) ISTRUZIONI SCRITTE (Articolo 21) Il fornitore dei prefabbricati e della ditta di montaggio, ciascuno per i settori di loro specifica competenza, sono tenuti

Dettagli