Il soggetto attivo è il comune nel cui territorio si effettua la diffusione di messaggi pubblicitari come definiti dall'art. 5.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Il soggetto attivo è il comune nel cui territorio si effettua la diffusione di messaggi pubblicitari come definiti dall'art. 5."

Transcript

1 IMPOSTA PUBBLICITA' Presupposto oggettivo - (Dlgs n. 507/1993, art. 5) L'imposta comunale sulla pubblicità (brevemente ICP) grava sulla pubblicità esterna definita come diffusione di messaggi pubblicitari, diversi comunque da quelli soggetti al diritto sulle pubbliche affissioni con le seguenti caratteristiche: - deve essere effettuata attraverso forme di comunicazione visiva o acustica ; - i messaggi devono essere diffusi in luoghi pubblici o aperti al pubblico o da tali luoghi percepibili ; di conseguenza saranno accessibili ad una massa indiscriminata di soggetti; - deve essere effettuata nell'esercizio di un'attività economica allo scopo di promuovere la domanda di beni o servizi o di migliorare l'immagine del soggetto pubblicizzato. La pubblicità editoriale, radiofonica e televisiva è esclusa dal campo di applicazione dell'icp in quanto non si realizza in un ambito comunale, in più il messaggio pubblicitario raggiunge solo coloro che fanno un uso personale del mezzo di comunicazione che lo diffonde. L'ICP non si applica inoltre alle affissioni realizzate dai soggetti beneficiari delle riduzioni del diritto sulle pubbliche affissioni previste dall'art. 20 (art. 6, c. 2- bis, introdotto dall'art. 1, c. 480 della L. n. 311/2004). Presupposti oggettivi - Soggetto attivo Il soggetto attivo è il comune nel cui territorio si effettua la diffusione di messaggi pubblicitari come definiti dall'art. 5. Soggetto passivo (Dlgs n. 507/1993, art. 6) In via principale, è colui che dispone a qualsiasi titolo del mezzo attraverso il quale il messaggio pubblicitario assoggettabile ad imposta viene diffuso. Vige, però, il principio di solidarietà passiva fra questi e colui il quale produce o vende la merce o fornisce i servizi oggetto della pubblicità. Il comune, infatti, si potrà rivalere su quest'ultimo (facilmente individuabile), in caso di: - mancato assolvimento degli obblighi (legati all'icp) da parte del titolare, - pubblicità abusiva per cui è impossibile risalire al titolare. Dal 1 gennaio 2005 non sono considerati soggetti passivi ai fini dell'icp i soggetti che beneficiano delle riduzioni dal diritto sulle pubbliche affissioni previste dall'art. 20 (art. 6, c. 2- bis introdotto dall'art. 1, c. 480 della L. n. 311/2004). Modalità di applicazione dell'imposta (Dlgs n. 507/1993, art. 7) L'ICP si applica sulla superficie minima della figura geometrica in cui è circoscritto il mezzo pubblicitario indipendentemente dal numero dei messaggi contenuti (art. 7, c. 1). In particolare se si verifica la presenza di più mezzi ripetuti più volte sulla facciata dello stesso esercizio, si delineano due ipotesi possibili: a) se il mezzo è applicato sul muro o su di un pannello quale supporto strumentale privo di effetto pubblicitario, si considera solo il mezzo che ha continuità logico-letterale (esempio marchio + denominazione); b) se si tratta di più insegne vanno considerate come più mezzi pubblicitari. Nella determinazione di tale superficie da assoggettare ad imposta sono previste modalità specifiche, di seguito elencate, provenienti oltre che dalla normativa, dalle interpretazioni ministeriali. Modalità di calcolo della superficie - sulle superfici inferiori a 300 cmq non si applica l'imposta; - le superfici inferiori ad 1 mq si arrotondano ad 1 mq; - le frazioni di mq oltre il 1 si arrotondano a 1/2 mq; - per i mezzi polifacciali si calcola la superficie totale adibita alla pubblicità; - per i mezzi bifacciali la superficie di ogni faccia va considerata separatamente, con arrotondamento per ciascuna di esse, in quanto non sono mezzi funzionalmente destinati a diffondere nel loro insieme lo stesso messaggio al fine di accrescerne l'efficacia; - per i mezzi volumetrici si calcola la superficie derivante dallo sviluppo del minimo solido geometrico in cui può essere circoscritto il mezzo; - i festoni di bandierine e simili, di identico contenuto o riferibili allo stesso soggetto passivo, in connessione fra loro determinano un unico mezzo pubblicitario;

2 - quando vengono utilizzati oggetti o strutture aventi una destinazione diversa da quella di un mezzo pubblicitario (es. vetrine, pensiline...), la funzione del mezzo è rappresentata solo dal messaggio pubblicitario. La superficie è data dalla minima figura geometrica che circoscrive il messaggio (es. in presenza di scritta sulla tenda parasole si calcola solo la scritta); - quando la pubblicità è effettuata su di un impianto avente superficie piana e costituito da uno spazio destinato alla pubblicità e una cornice da esso distinta ed oggettivamente inidonea ad esser utilizzata per i messaggi, l'imposta va calcolata solo per lo spazio destinato ai messaggi. Qualora invece la cornice è utilizzabile anche per i messaggi, l'imposta si calcola su tutta la superficie, compresa la cornice Modalità di applicazione delle maggiorazioni e riduzioni Le maggiorazioni di tariffa sono cumulabili; - le maggiorazioni si applicano sulla tariffa base; - le riduzioni non sono cumulabili; - sulla pubblicità ordinaria, di cui all'art. 12, o effettuata su veicoli, di cui all'art. 13, in forma luminosa o illuminata si applica la maggiorazione di tariffa del 100%. Termine per l'approvazione delle tariffe. A decorrere dal 1 gennaio 2002, il comune approva le tariffe dell'imposta sulla pubblicità e del diritto sulle pubbliche affissioni entro il 31 marzo di ogni anno, con effetto dal 1 gennaio del medesimo anno. In assenza di deliberazione si intendono prorogate di anno in anno Riduzioni ed esenzioni dall'imposta sulla pubblicità Riduzioni (Dlgs n. 507/1993, art. 16). Beneficia della riduzione del 50% dell'imposta la pubblicità: a) effettuata da comitati, associazioni, fondazioni ed ogni altro ente che non abbia scopo di lucro; non rientra in tale fattispecie l'ente costituito sotto forma di società per azioni anche se destina gran parte degli utili agli scopi social; b) relativa a manifestazioni politiche, sindacali e di categoria, culturali, sportive, filantropiche e religiose, da chiunque realizzate, con il patrocinio o la partecipazione degli enti pubblici territoriali; l'agevolazione può essere riconosciuta anche agli enti aventi finalità lucrative che pongano in essere tali forme pubblicitarie; c) relativa a festeggiamenti patriottici, religiosi, a spettacoli viaggianti e di beneficenza. I comuni possono deliberare nei confronti delle Onlus anche l'esenzione dal pagamento dell'imposta di pubblicità e dai connessi adempimenti (Dlgs n. 460/1997, art. 21). Esenzioni (Dlgs n. 507/1993 art. 17). Sono esenti dall'imposta i seguenti mezzi di diffusione pubblicitaria: a) la pubblicità realizzata all'interno dei locali adibiti alla vendita di beni o alla prestazione di servizi quando si riferisca all'attività negli stessi esercitata, nonché i mezzi pubblicitari, ad eccezione delle insegne, esposti nelle vetrine e sulle pareti di ingresso dei locali medesimi purché siano attinenti all'attività in essi esercitata e non superino, nel loro insieme, la superficie complessiva di 1/2 mq per ciascuna vetrina o ingresso; Fruiscono dell'esenzione ad esempio: i cartelli sulle vetrine o le decalcomanie con diciture "sconti", "saldi", "occasioni" ecc., l'indicazione del nome del supermercato sui carrelli, cartelli segnaprezzo sui banchi della merce, i posacenere pubblicitari sui tavoli del ristorante. Sono esenti inoltre i messaggi pubblicitari su fatture e ricevute fiscali perché destinati ad uso personale e privi dell'effetto pubblicitario rivolto ad una massa indiscriminata di soggetti, poiché indirizzato solo ai fruitori del servizio; b) gli avvisi al pubblico esposti nelle vetrine o sulle porte di ingresso dei locali, o in mancanza nelle immediate adiacenze del punto di vendita, relativi all'attività svolta, che non superino la superficie di 1/2 mq. Beneficiano così dell'esenzione ad esempio i pannelli installati sulle cabine telefoniche riportanti le modalità di pagamento utilizzabili in quella postazione; c) gli avvisi al pubblico riguardanti la localizzazione e l'utilizzazione dei servizi di pubblica utilità, che non superino la superficie di 1/2 metro quadrato. Risultano così esenti ad esempio le scritte esposte per l'individuazione delle sedi o succursali degli uffici postali, (pur essendo l'amministrazione delle poste italiane gestita in forma di SpA, non rientrante

3 nell'ipotesi di cui alla successiva lett. i), si considera prevalente la funzione di indirizzare le persone ai servizi di pubblica utilità. Altro esempio di esenzione sono i cartelli con la scritta "Fm...RAI" posizionati su strade e autostrade in quanto non rappresentano un messaggio pubblicitario ma un'indicazione di un servizio di pubblica utilità; d) gli avvisi al pubblico riguardanti la locazione o la compravendita degli immobili sui quali sono affissi, di superficie non superiore ad 1/4 di mq ; e) la pubblicità comunque effettuata all'interno, sulle facciate esterne o sulle recinzioni dei locali di pubblico spettacolo qualora si riferisca alle rappresentazioni in programmazione; f) la pubblicità, escluse le insegne, relativa ai giornali ed alle pubblicazioni periodiche, se esposta sulle sole facciate esterne delle edicole o nelle vetrine o sulle porte di ingresso dei negozi ove si effettua la vendita. Nel caso in cui l'insegna, anche luminosa, riguardi l'indicazione di un giornale o di un periodico non è soggetta ad imposizione in quanto ha la finalità di diffondere le notizie a mezzo stampa; qualora l'insegna serva a distinguere la sede di esercizio dell'attività (giornalaio, giornali ecc.) è imponibile, fatta salva la previsione dell'art. 17, c. 1- bis sulle insegne di esercizio; g) la pubblicità esposta all'interno delle stazioni dei servizi di trasporto pubblico di ogni genere inerente l'attività esercitata dall'impresa di trasporto, nonché le tabelle esposte all'esterno delle stazioni stesse o lungo l'itinerario di viaggio, per la parte in cui contengano informazioni relative alle modalità di effettuazione del servizio. La pubblicità effettuata all'esterno delle vetture ferroviarie, pur assimilandola a quella sui veicoli per servizi di linea interurbana (art. 13, c. 2), non è però soggetta ad imposizione in quanto in ciascuno dei comuni di inizio o fine corsa, i convogli si trovano all'interno delle stazioni ferroviarie, non visibili dal territorio comunale. Per stazioni inoltre si intendono sia quelle ferroviarie, sia quelle di autolinee, di aeroporti e di zone portuali; sono esenti le diciture "fermate" anche se indicanti il nome della ditta di trasporti, le scritte recanti il nome della compagnia di navigazione al porto, gli avvisi di munirsi o di obliterare il biglietto, le indicazioni "sala d'attesa", "tavola calda"; h) la pubblicità esposta all'interno delle vetture ferroviarie, degli aerei e delle navi, ad eccezione dei battelli di cui all'art. 13; i) pubblicità comunque effettuata in via esclusiva dallo Stato e dagli enti pubblici territoriali ; j) le insegne, le targhe e simili apposte p er l'individuazione delle sedi di comitati, associazioni, fondazioni ed ogni altro ente che non persegua scopo di lucro ; k) le insegne, le targhe e simili la cui esposizione sia obbligatoria per disposizione di legge o di regolamento sempre che le dimensioni del mezzo usato, qualora non espressamente stabilite, non superino il 1/2 mq di superficie. Risultano così intassabili ad esempio: - il mezzo installato sulle cabine telefoniche riportante il simbolo della cornetta e il logo della società erogatrice del servizio, in quanto la relativa normativa di settore prevede l'obbligo di apposita targa indicante al pubblico l'esistenza del locale adibito al servizio telefonico; - ai mezzi esposti sulle nicchie telefoniche "couplaphon" (comprese le vetrofanie) o infissi al muro esterno dei locali pubblici. Tali fattispecie ricadono anche nell'ipotesi indicata alla lett. c); - le targhe contenenti l'indicazione del nome del medico di medicina generale e del relativo orario di ricevimento dei pazienti; - le targhe col simbolo della Farmacia; - le insegne contenenti il marchio ed il logo del Coni e la dicitura " scommesse sportive " esposte nelle agenzie concessionarie dello stesso Coni, in quanto specifiche norme prevedono che le ricevitorie autorizzate siano contraddistinte da apposite insegne con determinate caratteristiche ed esposte al pubblico sia all'interno che all'esterno dei locali; - cartelli e tabelloni installati nelle stazioni di servizio che informano i consumatori sui prezzi del carburante o sul corretto smaltimento degli oli lubrificanti usati; - le targhe indicanti il nome, cognome e sigillo dei notai; - segnali di indicazione in ordine alla l ocalizzazione di località, servizi, impianti o industrie la cui installazione è resa obbligatoria dall'art. 124, c. 7, Regolamento attuazione codice della strada; l) dal 1 gennaio 2005 la pubblicità realizzata dalle società sportive dilettantistiche, anche costituite in forma di società di capitali senza fine di lucro, rivolta all'interno degli impianti con capienza inferiore a posti, dalle stesse utilizzati per manifestazioni sportive dilettantistiche (L. n. 311/2004 art. 1, c. 470; Dl n. 7 del 31 gennaio 2005, art. 7- octies, c. 2; L. n. 266/2005 art. 1, c. 128). Per tutte le altre ipotesi di pubblicità negli stadi non è riconosciuta neppure la riduzione per la gestione degli spazi pubblicitari all'interno degli stadi, in quanto considerata attività di commercializzazione della pubblicità; m) la diffusione di pubblicità riguardanti la manifestazione del pensiero religioso; Le insegne di esercizio (Dlgs n. 507/1993, art. 17 c. 1- bis).

4 Dal 1 gennaio 2002 l'icp non è dovuta per le insegne di esercizio di attività commerciali e di produzione di beni o servizi che contraddistinguono la sede ove si svolge l'attività cui si riferiscono, di superficie complessiva fino a 5 mq. è stato successivamente chiarito che per le insegne di esercizio di superficie complessiva superiore ai 5 metri quadrati l'imposta è dovuta per l' intera superficie; la misura dei 5 mq non può, pertanto, essere considerata una franchigia di intassabilità. Si definisce insegna di esercizio la scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente da simboli o da marchi, realizzata e supportata con materiali di qualsiasi natura, installata nella sede dell'attività a cui si riferisce o nelle pertinenze accessorie alla stessa. Può essere anche luminosa per luce propria o indiretta (è la definizione prevista dall'art. 47, c. 1 del regolamento di attuazione del Codice della strada) che abbia la funzione di indicare al pubblico il luogo di svolgimento dell'attività economica. In caso di pluralità di insegne l'esenzione è riconosciuta nei limiti di superficie di cui sopra. Dal computo dei 5 mq occorre escludere i mezzi pubblicitari che in base a disposizioni normative sono già di per sé esenti e quei mezzi che non possono essere definiti insegna di esercizio (pertanto soggetti ad imposizione). Esempi di insegne di esercizio sono i seguenti: nome del soggetto o denominazione dell'impresa che svolge l'attività: "Da Giovanni"; ipologia dell'attività esercitata: "Bar", "Alimentari"; precisa individuazione dell'esercizio commerciale: "Bar Bianchi", "Alimentari Azzurri"; - marchio del prodotto commercializzato o del servizio offerto: "Caffè Gamma"; - indicazione, precisa o generica, della tipologia dell'esercizio commerciale accompagnata nello stesso mezzo pubblicitario da simboli o marchi relativi a prodotti in vendita: "Bar Alfa-Caffè Beta". Il marchio del prodotto contenuto in un distinto mezzo pubblicitario in aggiunta all'insegna manifesta l'intento esclusivo di pubblicizzare i prodotti pertanto non rientra nella fattispecie di esenzione. Per maggior chiarezza, sono da considerarsi inoltre esenti le seguenti particolari tipologie di insegne di esercizio: - le insegne di esercizi commerciali in franchising ; - le insegne, recanti il logo delle società petrolifere, che contraddistinguono le stazioni di servizio dei distributori di carburanti; - i mezzi pubblicitari esposti dai professionisti (medici, avvocati, commercialisti, architetti, ingegneri, ecc.) che rientrano nella definizione, sopra riportata, prevista all'art. 47, c. 1. del Regolamento di attuazione del Codice della strada; - i cartelli esposti all'esterno dei cantieri edili recanti l'indicazione della ditta che esegue i lavori, in quanto rappresentativi della sede di svolgimento dell'attività cui si riferiscono; - le insegne che per oggettive e comprovate esigenze (ad es. di carattere architettonico) non possono essere installate presso la sede di attività ma in uno spazio adiacente, ad esclusione delle "preinsegne" che invece sono imponibili in quanto pubblicizzano la direzione della sede dove si esercita una determinata attività. Per sede o luogo di svolgimento dell'attività si intende sia la sede principale che quelle secondarie. Dichiarazione (Dlgs n. 507/1993, art. 8) - Termini. La dichiarazione deve essere presentata dal soggetto passivo prima di iniziare la pubblicità, anche in forma cumulativa, allegando l'attestazione dell'avvenuto pagamento dell'icp. Nella dichiarazione devono essere indicate: - le caratteristiche della pubblicità; - la durata della pubblicità; - l'ubicazione dei mezzi pubblicitari utilizzati. La dichiarazione della pubblicità annuale ha effetto anche per gli anni successivi, purché non si verifichino variazioni agli elementi dichiarati cui consegua un diverso ammontare dell'imposta dovuta; tale pubblicità si intende prorogata con il pagamento della relativa imposta. La pubblicità è automaticamente prorogata anche in caso di accertamento del comune non impugnato dal contribuente. Se intervengono variazioni occorre presentare apposita denuncia di variazione con diritto al conguaglio dell'imposta pagata per lo stesso periodo. Lo spostamento del mezzo a parità di tipo e dimensioni non determina l'obbligo di denuncia, fatte salve le eventuali comunicazioni nel rispetto di specifiche norme di settore La cessazione della pubblicità deve essere dichiarata entro il 31 gennaio affinché possa produrre effetto per l'intero anno. Se la dichiarazione non viene presentata la pubblicità si intende in ogni caso iniziata dal 1 gennaio dell'anno in cui è stata accertata, per la pubblicità ordinaria (art. 12), per la pubblicità su veicoli (art.

5 13), per la pubblicità con pannelli luminosi (art. 14, c. 1, 2, 3); per tutti gli altri casi decorre dal 1 giorno del mese di accertamento. Ravvedimento Il contribuente che ha commesso errori od omissioni in sede di presentazione della denuncia originaria o di variazione, anche se incidono sul pagamento del tributo, può regolarizzare la propria posizione entro un anno dal compimento dell'errore o dell'omissione, versando l'imposta se eventualmente dovuta, la sanzione ridotta ad 1/5 del minimo, pari cioè al 10%, e gli interessi legali a maturazione giornaliera (1, 2). Il contribuente che ha omesso la dichiarazione può ravvedersi entro 90 giorni dalla scadenza del termine dal momento in cui ha avuto inizio la pubblicità versando l'imposta eventualmente dovuta, gli interessi legali, come sopra indicati, e la sanzione ridotta ad 1/8 del minimo, pari cioè al 12,5% Pagamento dell'icp (Dlgs n. 507/1993, art. 9) Termini L'imposta relativa alla pubblicità con cartelli insegne, locandine, targhe e stendardi e affissioni dirette con durata superiore a 3 mesi (art. 12, c. 1 e 3), la pubblicità con veicoli (art. 13) e la pubblicità con pannelli e insegne luminose con durata superiore a 3 mesi (art. 14, c. 1 e 3), si considera a carattere annuale (per anno solare di riferimento). Ad ogni anno solare corrisponde una autonoma obbligazione tributaria. Per le altre fattispecie il periodo di imposta è quello specificato dalla relativa disposizione. Il termine per il versamento dell'imposta a carattere annuale scade il 31 gennaio di ogni anno (art. 8, c. 3). Proroga della scadenza Nell'ambito della potestà regolamentare (Dlgs n. 446/1997, art. 52) il comune può stabilire una proroga del termine nel caso in cui deliberi la modifica delle tariffe entro il 31 marzo (art. 3, c. 5; Com. min. Finanze n. 1/FL dell'8 febbraio 2002). Modalità di pagamento Il pagamento può essere effettuato: - tramite conto corrente postale n intestato a: COMUNE DI GAZZO - IMPOSTA PUBBLICITA' E AFFISSIONI - SERVIZIO TESORERIA - tesoreria comunale; Il versamento diretto può essere consentito per le sole affissioni aventi natura non commerciale. L'importo da versare deve essere corrisposto in unica soluzione; se l'importo supera euro 1.549,37, e riguarda l' imposta annuale, il pagamento può essere ripartito in rate trimestrali anticipate. Ravvedimento Se il versamento viene effettuato con ritardo, non superiore a 30 giorni dal termine previsto, il contribuente può provvedere al versamento dell'imposta con applicazione della sanzione ridotta ad 1/8 del minimo (1, 2) (cioè il 3,75%) e degli interessi legali come previsti per il ravvedimento della denuncia. Se invece il ritardo supera i 30 giorni ma non un anno la sanzione ridotta è prevista nella misura di 1/5 del minimo (cioè 6 %). Rimborsi. Il rimborso dell'imposta indebitamente versata può essere richiesto entro 2 anni dal giorno di avvenuto pagamento o da quello in cui è stato definitivamente accertato il diritto al rimborso; il comune dovrà provvedere entro 90 giorni dall'istanza.

INFORMATIVA IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

INFORMATIVA IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA CITTA DI SAMARATE Provincia di Varese INFORMATIVA IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Contribuenti interessati L'imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi

Dettagli

Comune di Pesaro Gestione I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

Comune di Pesaro Gestione I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Comune di Pesaro Gestione I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Contribuenti interessati L'imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari,

Dettagli

Comune di MODENA Servizio Tributi Gestione I.C.A. Srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

Comune di MODENA Servizio Tributi Gestione I.C.A. Srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Comune di MODENA Servizio Tributi Gestione I.C.A. Srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Contribuenti interessati L'imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi

Dettagli

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione

Dettagli

Imposta comunale sulla pubblicità

Imposta comunale sulla pubblicità Città di Trevi Provincia di Perugia Imposta comunale sulla pubblicità PG TRIB 006 Rev 00 11-04-13 UFFICIO TRIBUTI Dove rivolgersi Ufficio Tributi- Piazza Mazzini 21 Tel. 0742/332233 Fax 0742332237 Orario

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. In concessione a I.C.A. srl

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. In concessione a I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA In concessione a I.C.A. srl Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione

Dettagli

Imposta comunale sulla pubblicità

Imposta comunale sulla pubblicità Imposta comunale sulla pubblicità Oggetto dell'imposta e soggetti passivi Presupposto per l'applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicità è la diffusione di messaggi pubblicitari effettuata attraverso

Dettagli

f) la pubblicità esposta all'interno delle vetture ferroviarie, degli aerei e delle navi, ad eccezione dei battelli di cui all'art.

f) la pubblicità esposta all'interno delle vetture ferroviarie, degli aerei e delle navi, ad eccezione dei battelli di cui all'art. Contribuenti interessati L'imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione visive e/o acustiche diverse da quelle

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ D.Lgs. 15/11/1993, n. 507 Chiarimenti riguardo ai dubbi più frequenti

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ D.Lgs. 15/11/1993, n. 507 Chiarimenti riguardo ai dubbi più frequenti IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ D.Lgs. 15/11/1993, n. 507 Chiarimenti riguardo ai dubbi più frequenti Che cos è l imposta sulla pubblicità? Come l occupazione di suolo pubblico, l ICI o la tassa sui

Dettagli

Comune di Giulianova VADEMECUM IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

Comune di Giulianova VADEMECUM IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Contribuenti interessati Comune di Giulianova VADEMECUM IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA L'imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso

Dettagli

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità

Contribuenti interessati. Esenzione dell imposta. Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione visive e/o acustiche diverse da quelle

Dettagli

4. ESPOSIZIONE DELLE LOCANDINE

4. ESPOSIZIONE DELLE LOCANDINE Imposta Comunale Pubblicità e Diritto Pubbliche Affissioni Comune di Cesano Maderno (MB) Gestore: ASSP S.p.A. Via Garibaldi n. 20 Cesano Maderno (MB) Telefono 0362/6445205 Fax 0362/553963 e-mail: affissioni@assp.it

Dettagli

COMUNE DI MONTEMURLO Provincia di Prato

COMUNE DI MONTEMURLO Provincia di Prato COMUNE DI MONTEMURLO Provincia di Prato IMPOSTA DI PUBBLICITÀ E DIRITTO DI PUBBLICHE AFFISSIONI IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ D.Lgs n.507/93 art. 12 - Categoria normale - Pubblicità ordinaria (insegne,

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 38 del 11.09.2014 COMUNE DI SISSA TRECASALI Provincia di Parma REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE

Dettagli

I conti correnti postali dedicati alla riscossione delle entrate in concessione sono i seguenti:

I conti correnti postali dedicati alla riscossione delle entrate in concessione sono i seguenti: Imposta Comunale sulla Pubblicità Comune di Bologna L imposta è disciplinata dal D.Lgs. n. 507/93 e dal Regolamento Comunale vigente. PRESUPPOSTO DELL IMPOSTA: sono tutti i messaggi pubblicitari diffusi

Dettagli

COMUNE DI TIGLIETO PROVINCIA DI GENOVA

COMUNE DI TIGLIETO PROVINCIA DI GENOVA IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 1993, n. 507 Tariffe vigenti a decorrere dal 1 gennaio 2002 A) IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ art.12 Pubblicità ordinaria

Dettagli

Imposta comunale sulla pubblicità

Imposta comunale sulla pubblicità Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Oggetto dell imposta L imposta sulla pubblicità si applica alla diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione visive e/o acustiche diverse da

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. Comune di FERRARA. In concessione ad I.C.A. srl

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. Comune di FERRARA. In concessione ad I.C.A. srl IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Comune di FERRARA In concessione ad I.C.A. srl Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari,

Dettagli

Circolare N. 153 del 20 Novembre 2014

Circolare N. 153 del 20 Novembre 2014 Circolare N. 153 del 20 Novembre 2014 Gli annunci immobiliari, anche se esposti sulla vetrina dell agenzia, scontano l imposta sulla pubblicita Gentile cliente, con la presente desideriamo informarla che,

Dettagli

Regolamento per l applicazione dell imposta comunale sulla pubblicità e sulle pubbliche affissioni

Regolamento per l applicazione dell imposta comunale sulla pubblicità e sulle pubbliche affissioni COMUNE DI CASTAGNETO CARDUCCI (Provincia di Livorno) Regolamento per l applicazione dell imposta comunale sulla pubblicità e sulle pubbliche affissioni APPROVATO CON DELIBERA DEL CONSIGLIO COMUNALE N.

Dettagli

Ai COMUNI. All Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) ROMA. e, p.c.: All Agenzia delle Entrate CIRCOLARE N.3 /DPF. Roma, 3 maggio 2002

Ai COMUNI. All Associazione Nazionale dei Comuni Italiani (ANCI) ROMA. e, p.c.: All Agenzia delle Entrate CIRCOLARE N.3 /DPF. Roma, 3 maggio 2002 CIRCOLARE N.3 /DPF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE Roma, 3 maggio 2002 DIPARTIMENTO PER LE POLITICHE FISCALI UFFICIO FEDERALISMO FISCALE Area I Reparto V Prot. 14725 /2002/DPF/UFF Ai COMUNI LORO

Dettagli

D I M O N D A I N O REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ

D I M O N D A I N O REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ C O M U N E D I M O N D A I N O REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito di applicazione. 1. La pubblicità esterna effettuata nell ambito del Comune

Dettagli

Comune di Castenaso dell URP. Informazioni utili sull imposta di pubblicità

Comune di Castenaso dell URP. Informazioni utili sull imposta di pubblicità Comune di Castenaso Le guide dell URP Informazioni utili sull imposta di pubblicità 1 COS È È una imposta che si applica sulle esposizioni pubblicitarie, visive o acustiche, nell ambito del territorio

Dettagli

IMPOSTA SULLA PUBBLICITA'

IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' (+ %) PUBBLICITA' ORDINARIA ( Art 12; per 1 mq.) - Annuale: da mq 5,5 a mq 8,5 13,634 20,451 27,268 - Non superiore a 3 mesi, per ogni mese o frazione: da mq 5,5 a mq 8,5 1,363

Dettagli

IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PUBBLICHE AFFISSIONI NOTA INFORMATIVA

IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PUBBLICHE AFFISSIONI NOTA INFORMATIVA IL SOGGETTO PASSIVO Il soggetto passivo dell imposta sulla pubblicità, ovvero colui che è tenuto al pagamento, è la persona fisica o giuridica che dispone a qualsiasi titolo del mezzo attraverso il quale

Dettagli

Comune di REANA DEL ROJALE IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI D.Lgs. 15/11/1993, n. 507

Comune di REANA DEL ROJALE IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI D.Lgs. 15/11/1993, n. 507 Comune di REANA DEL ROJALE IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI D.Lgs. 15/11/1993, n. 507 L'imposta comunale sulla pubblicità ed il diritto sulle pubbliche affissioni

Dettagli

COMUNE DI PAULARO Provincia di Udine

COMUNE DI PAULARO Provincia di Udine COMUNE DI PAULARO Provincia di Udine approvato con deliberazione CC. n. 36 dd.09.11.2002 (aggiornato con emendamenti) S O M M A R I O CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Oggetto del Regolamento Art.

Dettagli

Vademecum Imposta comunale sulla pubblicità

Vademecum Imposta comunale sulla pubblicità Vademecum Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati Esenzione dell'imposta Soggetti passivi Modalità di applicazione dell'imposta Insegna Pubblicità su automezzi Dichiarazione di inizio

Dettagli

Imposta comunale sulla pubblicità

Imposta comunale sulla pubblicità Imposta comunale sulla pubblicità Contribuenti interessati L imposta sulla pubblicità si applica a tutti coloro che effettuano la diffusione di messaggi pubblicitari, attraverso forme di comunicazione

Dettagli

Ufficio Ragioneria e Tributi Via Roma, 69-36030 tel. 0445/333329 - fax n. 0445/330029 e-mail : tributi@comune.zugliano.vi.it www.comune.zugliano.vi.

Ufficio Ragioneria e Tributi Via Roma, 69-36030 tel. 0445/333329 - fax n. 0445/330029 e-mail : tributi@comune.zugliano.vi.it www.comune.zugliano.vi. Ufficio Ragioneria e Tributi Via Roma, 69-36030 tel. 0445/333329 - fax n. 0445/330029 e-mail : tributi@comune.zugliano.vi.it www.comune.zugliano.vi.it IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ Prima di iniziare

Dettagli

Comune di Alessandria VADEMECUM IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA PER GLI ESERCIZI COMMERCIALI

Comune di Alessandria VADEMECUM IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA PER GLI ESERCIZI COMMERCIALI Comune di Alessandria VADEMECUM IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA PER GLI ESERCIZI COMMERCIALI A norma del DECRETO LEGISLATIVO 15 novembre 1993, n. 507 (art. 5) è soggetta all'imposta sulla pubblicità

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA D.Lgs. 15/11/1993, n. 507 Madalità di applicazione ed esenzioni

IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA D.Lgs. 15/11/1993, n. 507 Madalità di applicazione ed esenzioni Icpchiarimenti IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA D.Lgs. 15/11/1993, n. 507 Madalità di applicazione ed esenzioni Le modalità di applicazione del imposta sula pubblicità e le relative esenzioni sono stabilite

Dettagli

CONCESSIONARIO IMPOSTA COMUNALE PUBBLICITA E PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI PONZANO VENETO

CONCESSIONARIO IMPOSTA COMUNALE PUBBLICITA E PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI PONZANO VENETO CONCESSIONARIO IMPOSTA COMUNALE PUBBLICITA E PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI PONZANO VENETO L Imposta Comunale sulla Pubblicità e i Diritti sulle Pubbliche Affissioni Di seguito riportiamo un sintetico

Dettagli

CONCESSIONARIO IMPOSTA COMUNALE PUBBLICITA E PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI SANTA GIUSTINA IN COLLE

CONCESSIONARIO IMPOSTA COMUNALE PUBBLICITA E PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI SANTA GIUSTINA IN COLLE CONCESSIONARIO IMPOSTA COMUNALE PUBBLICITA E PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI SANTA GIUSTINA IN COLLE L Imposta Comunale sulla Pubblicità e i Diritti sulle Pubbliche Affissioni Di seguito riportiamo un sintetico

Dettagli

CITTA DI IMPERIA REGOLAMENTO COMUNALE SULL IMPOSTA DI PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

CITTA DI IMPERIA REGOLAMENTO COMUNALE SULL IMPOSTA DI PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI CITTA DI IMPERIA REGOLAMENTO COMUNALE SULL IMPOSTA DI PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Testo definitivo approvato dal Consiglio Comunale con deliberazione n.19 del 25/02/2002 CAPO I DISPOSIZIONI

Dettagli

COMUNE DI MONTELABBATE Provincia di Pesaro e Urbino

COMUNE DI MONTELABBATE Provincia di Pesaro e Urbino / COMUNE DI MONTELABBATE Provincia di Pesaro e Urbino CLASSE V REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI. ( Decreto

Dettagli

Regolamento per l applicazione dell imposta sulla pubblicità e per l effettuazione del servizio delle pubbliche affissioni

Regolamento per l applicazione dell imposta sulla pubblicità e per l effettuazione del servizio delle pubbliche affissioni COMUNE DI MORTEGLIANO PROVINCIA DI UDINE C.A.P.: 33050 PIAZZA G. VERDI, 10 FAX 0432/761778 TEL. 0432/826842 C.F. 80006650305 P.IVA 00677260309 Email: tributi@com-mortegliano.regione.fvg.it Internet: http://www.comune.mortegliano.ud.it/

Dettagli

L'imposta comunale sulla pubblicità. Tutto quello che occorre sapere per essere in regola

L'imposta comunale sulla pubblicità. Tutto quello che occorre sapere per essere in regola L'imposta comunale sulla pubblicità Tutto quello che occorre sapere per essere in regola 2 Premessa L'Amministrazione Comunale e la concessionaria del servizio di accertamento e riscossione dell'imposta

Dettagli

COMUNE DI CASTELLUCCIO DEI SAURI (Provincia di Foggia)

COMUNE DI CASTELLUCCIO DEI SAURI (Provincia di Foggia) COMUNE DI CASTELLUCCIO DEI SAURI (Provincia di Foggia) REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI (delibera C.C. n. 17 del 5 maggio 2008)

Dettagli

COMUNE DI VALGUARNERA CAROPEPE PROVINCIA REGIONALE DI ENNA

COMUNE DI VALGUARNERA CAROPEPE PROVINCIA REGIONALE DI ENNA COMUNE DI VALGUARNERA CAROPEPE PROVINCIA REGIONALE DI ENNA Regolamento APPLICAZIONE dell'imposta COMUNALE sulla PUBBLICITÀ e per l'effettuazione del SERVIZIO delle PUBBLICHE AFFISSIONI S O M M A R I O

Dettagli

1) TARIFFA PER LA PUBBLICITA ORDINARIA (art.12).

1) TARIFFA PER LA PUBBLICITA ORDINARIA (art.12). TARIFFE VIGENTI PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ Avvertenze: l importo finale da corrispondere al comune deve essere arrotondato all euro, per difetto, se la è inferiore o uguale

Dettagli

REGOLAMENTO IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

REGOLAMENTO IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA COMUNE DI PONTECAGNANO FAIANO PROVINCIA DI SALERNO SERVIZIO TRIBUTI REGOLAMENTO IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 24 del 30 marzo 1999 Modificato con

Dettagli

**************************

************************** COMUNE DI MORBEGNO PROVINCIA DI SONDRIO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI. ************************** S

Dettagli

COMUNE DI ALBINEA. Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI ALBINEA. Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI ALBINEA Provincia di Reggio Emilia NUOVO REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE D.L. 507/93 DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Adottato

Dettagli

COMUNE DI GAMBETTOLA Provincia di Forlì Cesena

COMUNE DI GAMBETTOLA Provincia di Forlì Cesena COMUNE DI GAMBETTOLA Provincia di Forlì Cesena REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI 1 I N D I C E TITOLO I

Dettagli

INDICE. CAPO IV - SANZIONI TRIBUTARIE ED AMMINISTRATIVE Articolo 28 Sanzioni tributarie Articolo 29 Sanzioni amministrative

INDICE. CAPO IV - SANZIONI TRIBUTARIE ED AMMINISTRATIVE Articolo 28 Sanzioni tributarie Articolo 29 Sanzioni amministrative COMUNE DI FABRIANO Provincia di Ancona Regolamento per l applicazione dell imposta comunale sulla pubblicità e per l effettuazione del servizio delle pubbliche affissi INDICE CAPO I - DISPOSIZIONI GENERALI

Dettagli

imposta comunale sulla pubblicità Diritti pubbliche affissioni

imposta comunale sulla pubblicità Diritti pubbliche affissioni Con questa guida il Comune di Bertinoro e la Società AIPA S.p.A., concessionaria per la riscossione dell, vogliono offrire ai cittadini uno strumento di chiarezza che li agevoli nel corretto adempimento

Dettagli

CITTÀ DI CERIGNOLA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Atto N.295 In data 15-11-2013

CITTÀ DI CERIGNOLA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE. Atto N.295 In data 15-11-2013 CITTÀ DI CERIGNOLA COPIA DI DELIBERAZIONE DELLA GIUNTA COMUNALE Atto N.295 In data 15-11-2013 OGGETTO: Approvazione tariffe Imposta sulla Pubblicita' e Diritti sulle Pubbliche Affissioni. - Anno 2013.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale n. 11 del 27.2.2006

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

R E G O L A M E N T O PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI TERRAVECCHIA Provincia COSENZA R E G O L A M E N T O PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Allegato alla delibera

Dettagli

VADEMECUM IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA DECRETO LEGISLATIVO N. 507/93

VADEMECUM IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA DECRETO LEGISLATIVO N. 507/93 COMUNE DI CRESCENTINO VADEMECUM IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA DECRETO LEGISLATIVO N. 507/93 Presupposto dell imposta ( art. 5 D.Lgs. 507/93 ) 1. La diffusione di messaggi pubblicitari effettuata attraverso

Dettagli

DISPOSIZIONI GENERALI

DISPOSIZIONI GENERALI INDICE Capo Primo DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito e scopo del Regolamento Pag. 4 Art. 2 Classificazione del Comune Pag. 4 Art. 3 Modalità di gestione dell imposta e del servizio di pubblica affissione

Dettagli

COMUNE DI OULX AREA ECONOMICO-FINANZIARIA finanziario@comune.oulx.to.it

COMUNE DI OULX AREA ECONOMICO-FINANZIARIA finanziario@comune.oulx.to.it COMUNE DI OULX AREA ECONOMICO-FINANZIARIA finanziario@comune.oulx.to.it REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI D.Lgs. n. 507/93 Approvato

Dettagli

GUIDA ALL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

GUIDA ALL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA COMUNE DI IMPRUNETA GUIDA ALL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Con questa guida il Comune di Impruneta e la Società I.C.A. S.r.l. concessionaria per la riscossione dell imposta comunale sulla pubblicità,

Dettagli

COMUNE DI BERTIOLO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E PER L'EFFETTUAZIONE

COMUNE DI BERTIOLO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E PER L'EFFETTUAZIONE COMUNE DI BERTIOLO REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Adottato con deliberazione consiliare n.

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CONSILIARE N. 33 DEL 13.05.1994

Dettagli

I N D I C E 1. PREMESSA... 2 2. IL RAPPORTO CON IL CONTRIBUENTE... 2 3. COME SI CALCOLA L IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. 3

I N D I C E 1. PREMESSA... 2 2. IL RAPPORTO CON IL CONTRIBUENTE... 2 3. COME SI CALCOLA L IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA. 3 Pagina: 1 di 25 ENTE COMUNE DI SAN BIAGIO DI CALLALTA (TV) DESCRIZIONE SERVIZIO DATA Febbraio 2007 I N D I C E 1. PREMESSA... 2 2. IL RAPPORTO CON IL CONTRIBUENTE.... 2 3. COME SI CALCOLA L IMPOSTA COMUNALE

Dettagli

Regolamento imposta sulla pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni

Regolamento imposta sulla pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni Regolamento imposta sulla pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale n. 50 del 19.12.2002 Sommario Art. 1 - Ambito di applicazione Art. 2 - Classificazione

Dettagli

COMUNE DI SAN ZENONE AL LAMBRO PROVINCIA DI MILANO

COMUNE DI SAN ZENONE AL LAMBRO PROVINCIA DI MILANO COMUNE DI SAN ZENONE AL LAMBRO PROVINCIA DI MILANO APPROVATO CON DELIBERAZIONE DI C.C. N. 23 DEL 21/04/2007 INDICE Art. 1 Art. 2 Art. 3 Art. 4 Art. 5 Art. 6 Art. 7 Art. 8 Art. 9 Art. 10 Art. 11 Art. 12

Dettagli

TRIBUTI LOCALI: IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E LE ESENZIONI PER LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE

TRIBUTI LOCALI: IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E LE ESENZIONI PER LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE TRIBUTI LOCALI: IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E LE ESENZIONI PER LE ASSOCIAZIONI SPORTIVE DILETTANTISTICHE - a cura Federico Gavioli - Prima di inoltrarsi nell analisi relativa alle esenzioni dal pagamento

Dettagli

COMUNE DI CREVALCORE (Provincia di Bologna)

COMUNE DI CREVALCORE (Provincia di Bologna) COMUNE DI CREVALCORE (Provincia di Bologna) REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DEI DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione consiliare n. 112

Dettagli

COMUNE DI OCCHIOBELLO Provincia di Rovigo REGOLAMENTO. per l applicazione della

COMUNE DI OCCHIOBELLO Provincia di Rovigo REGOLAMENTO. per l applicazione della COMUNE DI OCCHIOBELLO Provincia di Rovigo REGOLAMENTO per l applicazione della IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione del Consiglio

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA APPROVATO CON DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO COMUNALE N.23 DEL 28/6/94 REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA CAPO I -DISPOSIZIONI GENERALI ART.1 OGGETTO DEL REGOLAMENTO 1.

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI INDICE TITOLO I - NORME DI CARATTERE GENERALE ART. 1 - Oggetto del Regolamento ART. 2 - Ambito

Dettagli

C I T T À D I L U C E R A

C I T T À D I L U C E R A C I T T À D I L U C E R A PROVINCIA DI FOGGIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA DI PUBBLICITÀ E DEI DIRITTI DI PUBBLICA AFFISSIONE Approvato con: deliberazione consiliare n. 52 del 29

Dettagli

COMUNE DI CASTELVETRO PIACENTINO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E SUL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI CASTELVETRO PIACENTINO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E SUL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CASTELVETRO PIACENTINO Provincia di Piacenza REGOLAMENTO SULL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E SUL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI APPROVATO CON DELIBERAZIONE CC. N. 5 DEL 25.02.2006 PARTE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI FORMIGNANA Provincia di Ferrara REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione di Consiglio Comunale

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI (Decreto Legislativo 15 novembre 1993, n. 507) Approvato con Deliberazione

Dettagli

COMUNE DI MONTIGNOSO (Provincia di Massa-Carrara) REGOLAMENTO PER L IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI MONTIGNOSO (Provincia di Massa-Carrara) REGOLAMENTO PER L IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI MONTIGNOSO (Provincia di Massa-Carrara) REGOLAMENTO PER L IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI ADOZIONE: Deliberazione consiliare N. 22 del 26.03.2007 1 INDICE GENERALE

Dettagli

R E G O L A M E N T O PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI E PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO

R E G O L A M E N T O PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI E PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO R E G O L A M E N T O PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI E PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI APPROVATO CON DELIBERAZIONE

Dettagli

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CAPURSO Provincia di Bari REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L ESECUZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI (Approvato con deliberazione di Consiglio

Dettagli

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO GUIDA ALL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA

COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO GUIDA ALL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA COMUNE DI PAVULLO NEL FRIGNANO GUIDA ALL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA Con questa guida il Comune di Pavullo nel Frignano e la Società I.C.A., concessionaria per la riscossione dell imposta comunale

Dettagli

RISOLUZIONE N. 2/DF. Roma, 24 aprile 2009 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE. prot. 4678/2009

RISOLUZIONE N. 2/DF. Roma, 24 aprile 2009 MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE. prot. 4678/2009 RISOLUZIONE N. 2/DF MINISTERO DELL ECONOMIA E DELLE FINANZE DIPARTIMENTO DELLE FINANZE Roma, 24 aprile 2009 DIREZIONE FEDERALISMO FISCALE prot. 4678/2009 OGGETTO: Imposta comunale sulla pubblicità e diritto

Dettagli

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione del Consiglio Comunale 16.10.1994,

Dettagli

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI E PER

REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI E PER COMUNE DI SACCOLONGO PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI E PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli

COMUNE DI CAMINO AL TAGLIAMENTO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA

COMUNE DI CAMINO AL TAGLIAMENTO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA COMUNE DI CAMINO AL TAGLIAMENTO PROVINCIA DI UDINE REGIONE AUTONOMA FRIULI VENEZIA GIULIA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITÁ E DEI DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli

COMUNE DI VILLIMPENTA (Provincia di Mantova)

COMUNE DI VILLIMPENTA (Provincia di Mantova) ---------------- OMISSIS ------------------ PARTE I - TARIFFA DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' 1. PUBBLICITA' ORDINARIA (artt.12 c. 2 e art. 7, c. 6 e 7) 1.1 Pubblicità ordinaria effettuata mediante

Dettagli

CITTA DI SOMMA LOMBARDO REGOLAMENTO IMPOSTA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI.

CITTA DI SOMMA LOMBARDO REGOLAMENTO IMPOSTA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI. CITTA DI SOMMA LOMBARDO REGOLAMENTO IMPOSTA PUBBLICITA E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI. APPROVATO CON DELIBERAZIONE CC N 39 DEL 13 LUGLIO 2012 Art. 1 - AMBITO DI APPLICAZIONE. E' istituito nel Comune

Dettagli

COMUNE DI ISOLA VICENTINA Provincia di Vicenza

COMUNE DI ISOLA VICENTINA Provincia di Vicenza COMUNE DI ISOLA VICENTINA Provincia di Vicenza REGOLAMENTO COMUNALE PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITÀ E PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato dal

Dettagli

COMUNE DI VERRAYES COMMUNE DE VERRAYES REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA

COMUNE DI VERRAYES COMMUNE DE VERRAYES REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA COMUNE DI VERRAYES COMMUNE DE VERRAYES REGIONE AUTONOMA VALLE D AOSTA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DEL CANONE PER L INSTALLAZIONE DEI MEZZI PUBBLICITARI Approvato con deliberazione di consiglio n. 53

Dettagli

COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto NUOVO REGOLAMENTO

COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto NUOVO REGOLAMENTO COMUNE DI CAROSINO Provincia di Taranto ALLEGATO ALLA DELIBERAZIONE Di C.C. N 76 DEL 24/11/1994. NUOVO REGOLAMENTO DI APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA' E PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO

Dettagli

Comune di Castelvenere. Regolamento imposta pubblicitàe diritto affissioni

Comune di Castelvenere. Regolamento imposta pubblicitàe diritto affissioni Comune di Castelvenere Regolamento imposta pubblicitàe diritto affissioni 0 CAPITOLO DISPOSIZIONI GENERALI PRIMO Art. 1 Oggetto del regolamento p.2 Art. 2 Classificazione del comune p.2 Art. 3 Categoria

Dettagli

COMUNE DI MEDICINA. Provincia di Bologna

COMUNE DI MEDICINA. Provincia di Bologna COMUNE DI MEDICINA Provincia di Bologna REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI E PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli

REGOLAMENTO IMPOSTA PUBBLICITÀ E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

REGOLAMENTO IMPOSTA PUBBLICITÀ E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI REGOLAMENTO IMPOSTA PUBBLICITÀ E DIRITTI SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Modificato con Delibera di Consiglio Comunale n. 38 del 29.04.2010 INDICE CAPO I: DISPOSIZIONI GENERALI Articolo 1: Oggetto del regolamento

Dettagli

L'imposta comunale sulla pubblicità. Tutto quello che occorre sapere per essere in regola

L'imposta comunale sulla pubblicità. Tutto quello che occorre sapere per essere in regola L'imposta comunale sulla pubblicità Tutto quello che occorre sapere per essere in regola Premessa L'Amministrazione Comunale e la concessionaria del servizio di accertamento e riscossione dell'imposta

Dettagli

COMUNE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI CONCORDIA SULLA SECCHIA REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELLA IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Ultima modifica atto di consiglio nr.35 del 26.5.2011 TITOLO I -

Dettagli

Regolamento per l'applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicita' e diritto sulle pubbliche affissioni ai sensi del d.lgs 15.11.1993 n.

Regolamento per l'applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicita' e diritto sulle pubbliche affissioni ai sensi del d.lgs 15.11.1993 n. Regolamento per l'applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicita' e diritto sulle pubbliche affissioni ai sensi del d.lgs 15.11.1993 n. 507 approvato con atto consiliare n. 56 del 20/05/1994 modificato

Dettagli

COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA PROVINCIA DI PADOVA

COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA PROVINCIA DI PADOVA COMUNE DI PIAZZOLA SUL BRENTA PROVINCIA DI PADOVA REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITÀ E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI (Approvato con Deliberazione

Dettagli

OGGETTO DEL REGOLAMENTO

OGGETTO DEL REGOLAMENTO REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI E PER L EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI. OGGETTO DEL REGOLAMENTO Il presente

Dettagli

COMUNE DI SAN MARTINO IN RIO Provincia di Reggio Emilia

COMUNE DI SAN MARTINO IN RIO Provincia di Reggio Emilia COMUNE DI SAN MARTINO IN RIO Provincia di Reggio Emilia REGOLAMENTO COMUNALE PER L APPLICAZIONE DELL IMPOSTA COMUNALE SULLA PUBBLICITA E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione

Dettagli

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI...3 Articolo 1 Oggetto del Regolamento...3 Articolo 3 Disciplina generale...3 Articolo 4 Divieti di installazione ed

TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI...3 Articolo 1 Oggetto del Regolamento...3 Articolo 3 Disciplina generale...3 Articolo 4 Divieti di installazione ed TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI...3 Articolo 1 Oggetto del Regolamento...3 Articolo 3 Disciplina generale...3 Articolo 4 Divieti di installazione ed effettuazione di pubblicità...3 Articolo 5 Autorizzazioni...4

Dettagli

COMUNE DI GUAGNANO. Regolamento per l applicazione dell imposta comunale sulla pubblicità e sulle pubbliche affissioni

COMUNE DI GUAGNANO. Regolamento per l applicazione dell imposta comunale sulla pubblicità e sulle pubbliche affissioni COMUNE DI GUAGNANO Regolamento per l applicazione dell imposta comunale sulla pubblicità e sulle pubbliche affissioni 1 CAPO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1 Ambito e scopo del regolamento 1. La pubblicità

Dettagli

Regolamento per l'applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni

Regolamento per l'applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni COMUNE DI FARA GERA D ADDA Regolamento per l'applicazione dell'imposta comunale sulla pubblicità e diritti sulle pubbliche affissioni Approvato con deliberazione consiliare n. 8 del 25/02/05 Modificato

Dettagli

IMPOSTA COMUNALE DI PUBBLICITA. D. Lgs. 507/1993 Capo I artt. 1-17

IMPOSTA COMUNALE DI PUBBLICITA. D. Lgs. 507/1993 Capo I artt. 1-17 IMPOSTA COMUNALE DI PUBBLICITA D. Lgs. 507/1993 Capo I artt. 1-17 OGGETTO DELL IMPOSTA È oggetto dell imposta la diffusione di messaggi pubblicitari effettuata con forme di comunicazione visive e acustiche

Dettagli

COMUNE DI BASTIA UMBRA. Provincia di Perugia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI BASTIA UMBRA. Provincia di Perugia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI BASTIA UMBRA Provincia di Perugia REGOLAMENTO PER L APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITA' E DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con delibera del C.C. n. 53 del 27.06.1994 Modificato

Dettagli

COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia) REGOLAMENTO IMPOSTA PUBBLICITA E DIRITTO PUBBLICHE AFFISSIONI

COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia) REGOLAMENTO IMPOSTA PUBBLICITA E DIRITTO PUBBLICHE AFFISSIONI COMUNE DI SERRAVALLE PISTOIESE (Provincia di Pistoia) REGOLAMENTO IMPOSTA PUBBLICITA E DIRITTO PUBBLICHE AFFISSIONI Approvato con deliberazione Consiglio Comunale n. 47 del 28/07/1995 Modificato con delibera

Dettagli

COMUNE DI CINTE TESINO PROVINCIA DI TRENTO

COMUNE DI CINTE TESINO PROVINCIA DI TRENTO COMUNE DI CINTE TESINO PROVINCIA DI TRENTO REGOLAMENTO PER L'APPLICAZIONE DELL'IMPOSTA SULLA PUBBLICITA', DEL DIRITTO SULLE PUBBLICHE AFFISSIONI E PER L'EFFETTUAZIONE DEL SERVIZIO DELLE PUBBLICHE AFFISSIONI

Dettagli