Ufficio stampa. Rassegna stampa. 3-4 Aprile Responsabile : Claudio Rao (tel. 06/

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "Ufficio stampa. Rassegna stampa. 3-4 Aprile 2005. Responsabile : Claudio Rao (tel. 06/32.21.805 e-mail:claudio.rao@oua.it)"

Transcript

1 Ufficio stampa Rassegna stampa 3-4 Aprile 2005 Responsabile : Claudio Rao (tel. 06/

2 SOMMARIO Pag. 3 DIRITTO DI FAMIGLIA: Europa in ordine sparso sul divorzio (il sole 24 ore) Pag. 5 DIRITTO DI FAMIGLIA: Parlamento alle prese con riforme che non arrivano mai a destinazione (il sole 24 ore) Pag. 6 DIRITTO DI FAMIGLIA: Casa e mantenimento in conflitto (il sole 24 ore) Pag. 7 DIRITTO DI FAMIGLIA: Ma a Bruxelles la famiglia conquista peso (il sole 24 ore) Pag. 8 MAGISTRATURA: E anche i magistrati scoprono le primarie (il sole 24 ore) Pag.10 MAGISTRATURA: I consigli giudiziari (il sole 24 ore) 04/04/2005 2

3 IL SOLE 24 ORE DIRITTO DI FAMIGLIA Poche le soluzioni comuni ai 25 Stati dell'unione Un Libro verde per trovare regole condivise Europa in ordine sparso sul divorzio Svezia e Finlandia hanno le discipline più liberali Anche sulla separazione legale c'è una spaccatura L' Europa cerca di mettere ordine sul divorzio. I 25 Paesi dell'unione ( considerando anche i dieci nuoviingressi) disciplinano in modo spesso diversissimo l'istituto. Ma adesso la Commissione ha deciso di avviare uno sforzo per armonizzare le normative, almeno quando ci sono di mezzo ( ex) coniugi di differenti nazionalità. L'obiettivo è trovare criteri condivisi per capire quale ordinamento applicare. Il punto di partenza è la rassegna delle legislazioni vigenti nei 25, allegata al Libro verde sulle leggi e sulla giurisdizione applicabili ai divorzi, che la Commissione ha già avviato. Il documento Com( 2005) 82 finale, del 14 marzo punta proprio a evidenziare i possibili problemi legati alle differenze fra le legislazioni. Bruxelles ha quindi lanciato ( come consuetidine in queste procedure) una discussione pubblica sulla questione. Cresce il diritto di famiglia Ue. L'iniziativa rientra nello sforzo intrapreso dall'unione per creare un'area giudiziale comune nel campo del diritto di famiglia. Ogni anno si registrano migliaia di divorzi e in molti casi sono coinvolti coniugi di differenti nazionalità. Al momento non esistono norme comuni applicabili. Il Libro verde arriva a poche settimane dall'entrata in vigore di un altro provvedimento sulla famiglia. Efficace dal 1? marzo, il regolamento Ce 2201/ 03 contribuisce appunto a realizzare uno spazio comune europeo in questo settore, affermando il riconoscimento automatico tra Stati membri delle pronunce emesse dai tribunali nazionali sui minori, figli di genitori separati e appartenenti a Paesi diversi della Ue. Negli stessi giorni, il commissario alla Giustizia, Franco Frattini, ha annunciato un Libro verde su eredità e successioni, per armonizzare le normative Ue ( si veda «Il Sole 24 Ore» del 2 marzo). A questi tasselli va poi aggiunto il Libro verde sugli obblighi di mantenimento risalente all'aprile del 2004 Com( 2004) 254 finale e quello in arrivo sul regime patrimoniale del matrimonio. La Commissione ha già lanciato uno studio sulla materia e intende pubblicare un analogo documento nel 2006, su giurisdizione, riconoscimento e applicazione delle norme. In ordine sparso. Sui divorzi i 25 Paesi dell'unione viaggiano su strade separate. Non è neppure unanime il riconoscimento della facoltà di sciogliere la comunione fra i coniugi, visto che a Malta il divorzio non è riconosciuto ( ma c'è la possibilità di separazione legale). Un certa convergenza emerge nel crescente peso riconosciuto, fra i fattori che permettono il divorzio, al mutuo consenso dei coniugi e nella ridotta enfasi data alla colpa di uno dei due. Molto spesso, poi, la separazione di fatto è la strada attraverso la quale, magari indirettamente, è possibile ottenere lo scioglimento del matrimonio. È quanto accade in 17 Stati. In sette di questi Paesi, la separazione da sola non è una causa sufficiente per divorziare, ma viene comunque riconosciuta come prova del fallimento dell'unione coniugale. Perché la separazione di fatto abbia effetti deve durare da un minimo di sei mesi ( se consensuale) a un massimo di cinque anni, quando un coniuge non è d'accordo. 3

4 La legislazione più liberale è senza dubbio quella svedese. Qui non servono particolari motivi per ottenere il divorzio, ma la domanda unilaterale di uno dei due coniugi viene immediatamente accolta se non è contestata dall'altro coniuge e se la coppia non ha in custodia figli con meno di 16 anni. Ma anche in questi casi basta sottoporsi a un " periodo di riflessione" di appena sei mesi. Dopo di che il vincolo coniugale potrà essere sciolto. Appena un po' più restrittive le norme finlandesi, che richiedono sempre e comunque il periodo di riflessione di sei mesi. Agli antipodi la cattolica Irlanda. Per ottenere il divorzio, i coniugi devono provare di aver vissuto separatamente per almeno quattro anni. Bisogna poi superare l'esame del tribunale che deve appurare l'inesistenza di ragionevoli prospettive di riconciliazione e controllare che siano state prese adeguate disposizioni per l'altro coniuge e per i figli. In tutti gli Stati, la competenza a pronunciare il divorzio è affidata all'autorità giudiziaria. Tuttavia, In Portogallo, Estonia e Danimarca il divorzio per mutuo consenso dei coniugi può essere chiesto a organi amministrativi. Separazione legale. I 25 sono spaccati anche sulla separazione legale, che non esiste in 12 ordinamenti. Quando è prevista, generalmente conduce al divorzio, dopo un periodo di tempo che varia da 1 a 5 anni ( più spesso ne bastano 3). La separazione legale non può essere trasformata in divorzio in Irlanda, Malta ( dove non è permesso divorziare), in Polonia e nei Paesi Bassi. In questi due Paesi il divorzio è possibile solo quando si dimostra che il matrimonio è irrimediabilmente fallito. Annullamento. A eccezione di Svezia e Finlandia ( dove però ottenere il divorzio è più facile), tutti gli Stati membri riconoscono la possibilità di ottenere l'annullamento del matrimonio per vizi di consenso, di forma o per violazioni delle leggi. GIANLUCA DI DONFRANCESCO 04/04/2005 4

5 IL SOLE 24 ORE In Italia / Tante proposte nessun risultato Parlamento alle prese con riforme che non arrivano mai a destinazione Se l'europa riflette su una progressiva armonizzazione delle diverse discipline nazionali, l'italia stenta a far decollare le riforme possibili. Nulla di più probabile, così, che anche questa legislatura passi senza interventi significativi sul diritto di famiglia. Di proposte di legge ne sono state presentate tante, ma poche sono arrivate all'esame dell'aula e nessuna al voto finale. Certo si tratta di una materia che, molto più di altre, vede affievolirsi la disciplina di schieramento e tanto più di partito, ma lo svecchiamento o almeno la manutenzione di norme che in molti casi sono datate da decenni resta ancora un obiettivo non condiviso da tutte le forze politiche. Per restare al regime del matrimonio, quello sul quale la Commissione europea ha avviato un percorso di avvicinamento, la Camera, un anno e mezzo fa, ha bocciato un disegno di legge che aveva visto una faticosa intesa in sede di commissione. Due gli obiettivi della proposta: uno, massimalista, di abbassare a un anno il periodo di durata della separazione antecedente la pronuncia di divorzio, con l'intenzione di allinearsi a molti Paesi europei e, nello stesso tempo, prendere atto della crisi irreversibile di unioni che apparirebbe solo utopistico ricomporre. L'altro scopo dell'intervento era invece più limitato e concentrato sull'eliminazione di un paradosso del regime patrimoniale della famiglia per cui, in attesa della pronuncia di separazione, e quando già era intervenuta l'autorità giudiziaria a prendere una serie di provvedimenti di urgenza, restava comunque in vita la comunione dei beni. Con l'effetto di mantenere vincolata la coppia in difficoltà a un regime patrimoniale congeniale a una situazione invece di armonia. Il disegno di legge che, se approvato, avrebbe di certo comportato una piccola svolta, venne invece bocciato una volta arrivato all'esame dell'aula di Montecitorio. Così, per restare al piano sostanziale, l'unica proposta in campo con qualche speranza di arrivare in porto è quella sull'affido condiviso. La discussione generale alla Camera è già cominciata, ma sin dal primo giorno di confronto non è apparso chiaro un cammino comunque accidentato. Eppure si tratta di un disegno di legge sul quale, almeno in linea di principio, molti si dicono d'accordo. La previsione di un affidamento congiunto alla coppia di genitori, sia pure separata, appare tutto sommato una modalità efficace per conservare una responsabilità non formale in capo anche al padre, figura che tendenzialmente sbiadisce confinata com'è a oneri spesso solo economici. La stessa previsione di una contribuzione paritaria, fatta salva la possibilità di un assegno perequativo, all'andamento finanziario rappresenta un significativo passo avanti. Di fatto però, a un anno dal termine della legislatura, non esistono garanzie di un'approvazione in tempi utili del provvedimento. G. NE. 04/04/2005 5

6 IL SOLE 24 ORE La giurisprudenza / In Cassazione Casa e mantenimento in conflitto Sulle questioni più delicate la Suprema corte esprime tendenze divergenti Assegnazione della casa, mantenimento del coniuge e dei figli, impugnazione delle condizioni della separazione. La giurisprudenza della Corte di cassazione è da sempre divisa sulle conseguenze più delicate che seguono lo scioglimento del matrimonio. Impugnazione. Contrastata, per esempio, è la questione dell'impugnabilità delle decisioni prese dalla corte d'appello in sede di reclamo nei giudizi di modifica delle condizioni della separazione. Il punto riguarda solo l'impugnazione ai sensi dell'articolo 111 della Costituzione, in quanto il ricorso ordinario per Cassazione è escluso. Due gli indirizzi emersi. Da una parte, ci sono pronunce che ritengono impugnabili solo le decisioni relative ai coniugi, in quanto solo queste hanno il requisito della decisorietà e della definitività. Sono, invece, escluse le pronunce relative ai figli. Ma secondo altre sentenze, le decisioni della corte d'appello sono sempre impugnabili, perché anche su quelle riguardanti la prole si crea un giudicato, anche se solo " allo stato delle cose". In questo senso si è espressa la sentenza n.24265/ 04: i provvedimenti sul mantenimento e i rapporti con i figli hanno natura definitiva anche se suscettibili di revisione in ogni tempo. Abitazione. Anche qui si contrappongono due tesi. Secondo la prima, la casa coniugale può essere assegnata solo al genitore affidatario. Quindi, in assenza di figli ancora dipendenti dai genitori, la casa resta al proprietario. Ma secondo un altro orientamento, la casa può essere assegnata anche al coniuge economicamente più debole, come parte del mantenimento. A risolvere la questione non è bastato l'intervento delle Sezioni unite ( sentenza n / 95), con una decisione favorevole alla tesi più rigorosa: nel divorzio la casa familiare va al genitore affidatario dei figli minori o maggiorenni, ma economicamente ( senza loro colpa) non autosufficienti. Negli anni successivi, infatti, si sono alternate sentenze favorevoli al coniuge più debole ad altre in linea con la sentenza del ' 95, come la 408/ Mantenimento. Fra le questioni più controverse in assoluto c'è il mantenimento del coniuge e dei figli. In particolare sembra consolidarsi un orientamento che tende ad alleviare la posizione dell'ex marito che si autoriduce l'assegno di mantenimento per il peggioramento delle proprie condizioni economiche ( così, ad esempio, le sentenze n / 04 e n / 01). Secondo questa impostazione, il mancato o minore versamento dell'assegno stabilito dal giudice civile non basta a dimostrare la responsabilità penale se non c'è anche la prova che, a causa dell'omissione, sono venuti meno i mezzi di sussistenza dell'altro coniuge. D'altra parte, a liberare dall'obbligo di versare gli alimenti può non bastare neppure l'inerzia dell'ex a cercarsi un lavoro. Per la sentenza n / 04, se la potenziale capacità di guadagno va presa in considerazione nel determinare la misura dell'assegno, tuttavia non cancella il dovere di solidarietà persistente tra i coniugi anche dopo la separazione. E se ci sono figli, per sottrarsi all'obbligo di mantenimento non è sufficiente il fallimento della propria azienda. Secondo la sentenza n / 04, bisogna provare che il dissesto ha compromesso i mezzi economici dell'ex coniuge e che questi non è stato in grado di rimediare altrimenti. G. D. DO. 04/04/2005 6

7 IL SOLE 24 ORE Prospettive / Percorso a tappe Ma a Bruxelles la famiglia conquista peso Il libro verde sul divorzio è un nuovo tassello che si inserisce all'interno di un quadro più ampio. Pur avendo rinunciato all'adozione di misure uniformi di diritto sostanziale sui rapporti di famiglia, puntando su regolamenti riguardanti il diritto internazionale privato, la giurisdizione e il riconoscimento delle sentenze, il Consiglio dell'unione non ha però rinunciato alla costruzione di uno spazio giudiziario europeo sulla famiglia. E nel programma dell'aja del 2004, sul rafforzamento della libertà, sicurezza e giustizia, ha dettato la tabella di marcia, invitando la Commissione a presentare, entro il 2005, una proposta sul riconoscimento e l'esecuzione delle decisioni sugli obblighi alimentari, incluse le misure precauzionali e l'esecuzione provvisoria; un Libro verde sul conflitto di leggi sul regime patrimoniale fra coniugi, compreso il problema della competenza giurisdizionale e del riconoscimento reciproco ( entro il 2006); il Libro verde sul conflitto di leggi in tema di successioni ( già presentato il 1? marzo 2005) e quello COM( 2005) 82 sulla legge applicabile e sulla giurisdizione in materia di divorzio, adottato il 14 marzo. Quello che era il settore marginale nel sistema della cooperazione giudiziaria civile è così al centro degli interventi comunitari soprattutto per l'incremento dei matrimoni internazionali, anche se il Trattato di Nizza, per i regolamenti connessi al diritto di famiglia, ha lasciato in piedi la regola dell'unanimità ( articolo 67). Dal quadro attuale emerge comunque una lacuna nei diversi provvedimenti sin qui adottati, perché non vi è alcuna nozione comunitaria di matrimonio o di divorzio: il compito interpretativo è così lasciato alla Corte di giustizia delle Comunità europee per la quale «la definizione comunemente accolta dagli Stati membri designa un'unione tra due persone di sesso diverso» ( sentenza 31 maggio 2001, C 122/ 99). Dopo l'entrata in vigore, il 1? marzo 2005, del regolamento 2201/ 2003 del 27 novembre 2003 (Bruxelles II bis), con il quale è stata dettata una disciplina comune sulla giurisdizione e sul riconoscimento e l'esecuzione delle sentenze in materia matrimoniale e di responsabilità genitoriale, l'unione europea punta ad adottare norme di diritto internazionale privato comuni agli Stati membri in materia di divorzio. Il quadro attuale, con la presenza di sistemi di diritto internazionale privato differenti tra i vari Stati dell'unione, rende difficile a coppie costituite da cittadini di diversa nazionalità individuare con certezza il giudice competente e la legge applicabile al divorzio. Molti ordinamenti, tra i quali l'italia, hanno optato, nella scelta dei criteri di collegamento, per la legge nazionale comune dei coniugi al momento della separazione o di scioglimento del matrimonio ( articolo 31, legge 218/ 95) e, in mancanza, alla legge dello Stato nel quale la vita matrimoniale è prevalentemente localizzata. La Germania, l'austria, la Grecia, i Paesi Bassi, la Spagna e il Portogallo invece hanno scelto, come criterio successivo, la residenza abituale dei coniugi. Regno Unito, Irlanda, Svezia, Finlandia, Danimarca, Cipro e Lettonia hanno optato per la lex fori, mentre la Francia ha inserito una norma unilaterale di conflitto. È quindi tra questi diversi criteri di collegamento, che consentono di individuare la legge applicabile a fattispecie che presentano elementi di estraneità, che il Consiglio dovrà scegliere il sistema di diritto internazionale privato da costruire, uniformando le norme sui conflitti di legge, con difficoltà dovute all'assenza di un impianto di partenza comune. Nel Libro verde, intanto, trova spazio il criterio di collegamento della volontà delle parti e quello del collegamento più stretto. Sull'impiego, però, del primo criterio la Commissione richiama l'attenzione sulla necessità di prevedere alcuni accorgimenti per evitare il rischio di rinvii a leggi definite " esotiche", con le quali i coniugi non hanno alcun legame, e per arginare, al tempo stesso, indebite pressioni sulla parte più debole. Anche sulla determinazione dei titoli di giurisdizione, il Libro manifesta una preferenza per la volontà delle parti ( proroga della giurisdizione), con il risultato ad avviso della Commissione di aumentare la certezza giuridica e individuare con celerità il giudice, soprattutto nei casi di divorzio consensuale. Marina Castellllaneta 04/04/2005 7

8 IL SOLE 24 ORE E anche i magistrati scoprono le primarie ROMA Oggi non si vota solo per le regioni italiane: sono previste anche le elezioni per il rinnovo dei componenti dei Consigli giudiziari ( tutti magistrati). Ma i risultati non saranno una sorpresa. Il voto, basato su un sistema maggioritario, è tutt'altro che truccato, ma si limiterà di fatto a " ratificare" i consensi dei colleghi già registrati nei giorni scorsi dalle toghe candidate, per lo più con il meccanismo delle primarie. Che non sono previste da nessuna norma, ma traducono al meglio l'invito dell'associazione magistrati «ad adottare le necessarie iniziative per garantire la rappresentanza pluralistica e proporzionale delle posizioni espresse dall'associazionismo». Un valore, secondo l'anm, «che deve essere assolutamente salvaguardato nella composizione dei Consigli», in quanto organismi «di autogoverno e di garanzia». Da qui, l'organizzazione di " pre elezioni", su base proporzionale, nella stragrande maggioranza dei 26 distretti di Corte d'appello italiani ( «ci sono state solo due o tre deprecabili eccezioni a livello locale» conferma Antonio Patrono, di Mi), con determinazione del quoziente elettorale ( voti validi/ seggi in palio) e definizione di una lista " bloccata" ( ovvero unica, detta " Lista Anm") che esprime fedelmente le preferenze delle primarie. E che verrà votata dai magistrati alle elezioni " ufficiali" dei Consigli. Oltre a garantire il pluralismo proporzionale dei Consigli, spiega Claudio Castelli, di Md, il ricorso alle primarie «evita l'antipatica necessità di mettersi d'accordo in anticipo sulla distribuzione delle candidature tra le correnti». Tra le controindicazioni, il calo dell'affluenza alle urne: «Nel distretto di Milano hanno partecipato alle primarie oltre 650 magistrati, ma è facile che al voto di domani non andranno più di cento». Pochi, ma sufficienti a confermare il risultato della " lista Anm", con un meccanismo condiviso da tutte le anime della magistratura associata. Quello che potrebbe essere l'ultimo mandato dei Consigli giudiziari vecchia maniera, in attesa del nuovo assetto previsto dalla riforma dell'ordinamento dovrebbe così rispecchiare, all'ingrosso, rapporti di forza già noti nella magistratura: in testa Unità per la Costituzione ( la corrente " di centro"), seguita da Magistratura democratica e Movimenti riuniti ( la cosiddetta Sinistra giudiziaria), e Magistratura indipendente ( considerata " di centro destra"). Questo nel complesso, perché le primarie non adottano criteri omogenei, esistono situazioni diversissime tra loro, e localmente singole candidature possono " spostare" anche molti voti. A Milano, per esempio, distretto al centro dello scontro tra politica e magistrati, la lista Anm vede prevalente Md ( 2 effettivi, 1 supplente), seguita da Unicost ( 1 e 1) Movimenti ( 1 e 1) e Mi ( 1 effettivo). Lista unica dunque, ma con quale programma? Il rinnovo dei Consigli offre anche l'occasione per confrontare due modelli di autogoverno della magistratura. Per Castelli, i Consigli dovrebbero aprirsi all'esterno, ai rappresentanti di Regioni e Avvocatura, valorizzando la conoscenza di uffici e territorio con nuove competenze: approvare le tabelle dei tribunali, formulare pareri sui magistrati, e vigilare sull'andamento degli uffici giudiziari. La cosa non piace alle toghe, preoccupate di condividere con avvocati e docenti passaggi " valutativi" delle carriere e " gestionali" degli uffici. 8

9 Anche per questo, il comun denominatore dei programmi elettorali delle varie correnti alle primarie è costituito dal " rilancio" dei Consigli come presidio dell'indipendenza e dell'autonomia delle toghe, recuperando la crisi di efficienza degli ultimi anni. Per esempio, uniformando il funzionamento dei Consigli, fissando un tempo massimo per il disbrigo delle pratiche, e stabilendo l'esonero effettivo dei componenti dalle mansioni giudiziarie. Molto citati anche gli strumenti di " legislazione domestica" recentemente deliberati dal Csm in risposta ad alcuni " difetti" dell'autogoverno evidenziati dal guardasigilli: la circolare sul prelievo a campione delle sentenze ai fini della progressione in carriera delle toghe, quella sulle incompatibilità parentali sugli incarichi extragiudiziali. La loro attuazione è ampiamente demandata ai Consigli, e i programmi le richiamano come le vere sfide da attuare nel prossimo biennio. Per dimostrare, anche all'opinione pubblica, che l'autogoverno è possibile, senza passare delle " riforme ostili" di via Arenula. 03/04/2005 9

10 IL SOLE 24 ORE I consigli giudiziari Una guida al cambiamento cosa fanno e come sono composti oggi... Mandato: 2 anni Composizione: Membri di diritto: primo presidente e Pg del distretto di Corte d'appello. Membri togati: 8 magistrati ( 3 supplenti) eletti dai magistrati con voto personale e segreto. Competenze: parere sulle tabelle proposte dai capi degli uffici giudiziari; dichiarazione di idoneità all'assunzione di incarichi direttivi delle toghe; parere sugli incarichi extragiudiziari dei magistrati del distretto; formazione e valutazione professione degli uditori giudiziari.... e come cambieranno con la riforma Castelli Mandato: 4 anni; vietata la riconferma immediata Composizione: Membri di diritto: primo presidente e Pg della Corte d'appello, presidente del Consiglio dell'ordine degli avvocati con sede nel capoluogo del distretto. Membri togati: passano da 3 a 5 o da 5 a 7, in relazione al distretto. Membri non togati: 5 in tutto, 1 docente universitario in materie giuridiche nominato dal Cun, 1 avvocato con 15 anni di anzianità nominato dal Cnf, 2 membri nominati dal Consiglio regionale della Regione dove ha sede il distretto, e 1 rappresentante eletto dai giudici di pace. Competenze: esprimere il parere sulle tabelle degli Uffici giudiziari e vigilare sull'andamento degli Uffici del distretto, compresi i giudici di pace ( i membri non togati possono partecipare e votare solo alle riunioni dedicate a questi temi); formulare pareri sull'attività dei magistrati ( preparazione, capacità, diligenza, laboriosità, equilibrio, eccetera) acquisendo la valutazioni dell'avvocatura; vigilare sul comportamento dei magistrati, segnalando eventuali infrazioni disciplinari; adottare provvedimenti sullo stato dei magistrati ( aspettative, congedi, sussidi, indennizzi, pensioni privilegiate). 03/04/

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco?

Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Perché andare a votare? Quando? Con quali regole? Qual è la posta in gioco? Le elezioni per il prossimo Parlamento europeo sono state fissate per il 22-25 maggio 2014. Fra pochi mesi quindi i popoli europei

Dettagli

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI

LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI LINEE DI RIFORMA DELL ORDINE DEI GIORNALISTI Deliberazione del Consiglio nazionale dell Ordine dei giornalisti 9 luglio 2014 1. Canale unico di accesso alla professione Per esercitare l attività professionale

Dettagli

Pagina 1 di 12 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REPUBBLICA 7 agosto 2012, n. 137 Regolamento recante riforma degli ordinamenti professionali, a norma dell'articolo 3, comma 5, del decreto-legge 13 agosto 2011,

Dettagli

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio

La cittadinanza in Europa. Deborah Erminio La cittadinanza in Europa Deborah Erminio Dicembre 2012 La normativa per l acquisizione della cittadinanza nei diversi Paesi dell Unione europea varia considerevolmente da paese a paese e richiama diversi

Dettagli

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese.

Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. Aspetti economici della separazione e del divorzio: differenze tra la legislazione italiana e inglese. È a tutti noto che ormai da alcuni anni sono in aumento, anche in materia di diritto di famiglia,

Dettagli

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA,

TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, TRATTATO SULLA STABILITÀ, SUL COORDINAMENTO E SULLA GOVERNANCE NELL'UNIONE ECONOMICA E MONETARIA TRA IL REGNO DEL BELGIO, LA REPUBBLICA DI BULGARIA, IL REGNO DI DANIMARCA, LA REPUBBLICA FEDERALE DI GERMANIA,

Dettagli

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della

Prof. Avv. Giuseppe Cataldi Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della 1 Parere sull incidenza, nell ordinamento italiano, della sentenza della Corte europea dei diritti dell uomo con la quale la Francia è stata condannata per il divieto legislativo di costituire associazioni

Dettagli

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere).

La sanzione prevista per chi ha commesso un reato è LA PENA. Essa può essere pecuniaria (tipo multa, denaro) o detentiva (reclusione in carcere). Breve percorso sulla Magistratura La Magistratura La funzione giurisdizionale è la funzione dello stato diretta all applicazione delle norme giuridiche per la risoluzione delle controverse tra cittadini

Dettagli

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O

COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O COMITATO PER LE PARI OPPORTUNITÀ DELL ORDINE DEGLI AVVOCATI DI.. R E G O L A M E N T O 1. Costituzione In applicazione della normativa nazionale ed europea al fine di: - Promuovere le politiche di pari

Dettagli

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893)

Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) N. 26 - Il numero dei parlamentari: dati e comparazioni (AA.SS. 1178, 1633, 2821, 2848, 2891 e 2893) 1. IL NUMERO DEI PARLAMENTARI NELLE DIVERSE COSTITUZIONI La scelta del numero dei parlamentari è un

Dettagli

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA

STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA VERSIONE CONSOLIDATA DELLO STATUTO DELLA CORTE DI GIUSTIZIA DELL UNIONE EUROPEA Il presente testo contiene la versione consolidata del Protocollo (n. 3) sullo Statuto della Corte di giustizia dell Unione

Dettagli

Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014

Quadro di valutazione L'Unione dell'innovazione 2014 Quadro di valutazione "L'Unione dell'innovazione" 2014 Quadro di valutazione dei risultati dell'unione dell'innovazione per la ricerca e l'innovazione Sintesi Versione IT Imprese e industria Sintesi Quadro

Dettagli

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario.

Art. 71 Nomina e funzioni dei magistrati onorari della procura della Repubblica presso il tribunale ordinario. REGIO DECRETO 30 gennaio 1941 n. 12 ( indice ) (modificato e aggiornato dalle seguenti leggi: R.D.L. n. 734/43, L. n. 72/46, L. n. 478/46, R.D.Lgs. n. 511/46, L. n. 1370/47, L. n. 1794/52, L. n. 1441/56,L.

Dettagli

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche

a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche a) Legge provinciale 18 ottobre 1995, n. 20 1) Organi collegiali delle istituzioni scolastiche 1)Pubblicata nel B.U. 7 novembre 1995, n. 51. Art. 1 (Ambito di applicazione) (1) Tutte le istituzioni scolastiche

Dettagli

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO

MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO Allegato A alla deliberazione n. 11 dell 08/06/2012 MODALITA DI FUNZIONAMENTO E CONSULTAZIONE DEL TAVOLO PERMANENTE DEI SOGGETI DEL TERZO SETTORE DEL DISTRETTO SOCIALE EST MILANO 1. COMPITI E FINALITA

Dettagli

ECC-Net: Travel App2.0

ECC-Net: Travel App2.0 ECC-Net: Travel App2.0 In occasione del 10 anniversario dell ECC- Net, la rete dei centri europei per i consumatori lancia la nuova versione dell ECC- Net Travel App. Quando utilizzare questa applicazione?

Dettagli

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI)

LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) LA PENSIONE DI REVERSIBILITA (O AI SUPERSTITI) La pensione di reversibilità (introdotta in Italia nel 1939 con il Rdl. n. 636) spetta ai: Superstiti del pensionato per invalidità, vecchiaia o anzianità,

Dettagli

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa.

IL TRIBUNALE DELLE IMPRESE. Dalle Sezioni Specializzate della proprietà p industriale e intellettuale alle Sezioni Specializzate dell Impresa. Milano, 16 aprile 2012 CONSIGLIO SUPERIORE DELLA MAGISTRATURA UFFICIO DEI REFERENTI PER LA FORMAZIONE DECENTRATA DEL DISTRETTO DI MILANO LE RECENTI NOVITA' NORMATIVE E IL LORO IMPATTO SUL MONDO DELLA GIUSTIZIA:

Dettagli

Costituzione della Repubblica Italiana

Costituzione della Repubblica Italiana Artt. 123, 127, 134, 135, 136, 137 della Costituzione Costituzione della Repubblica Italiana (Gazzetta Ufficiale 27 dicembre 1947, n. 298) [ ] TITOLO V LE REGIONI, LE PROVINCIE, I COMUNI Art. 123 Ciascuna

Dettagli

ha pronunciato la presente

ha pronunciato la presente N. 02866/2015REG.PROV.COLL. N. 10557/2014 REG.RIC. REPUBBLICA ITALIANA IN NOME DEL POPOLO ITALIANO Il Consiglio di Stato in sede giurisdizionale (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente SENTENZA sul

Dettagli

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare

Le schede di Sapere anche poco è già cambiare Le schede di Sapere anche poco è già cambiare LE LISTE CIVETTA Premessa lo spirito della riforma elettorale del 1993 Con le leggi 276/1993 e 277/1993 si sono modificate in modo significativo le normative

Dettagli

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo

Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo ALL. 1) Articolo 55 D.Lgs. 18 agosto 2000, n. 267 Elettorato passivo 1. Sono eleggibili a sindaco, presidente della provincia, consigliere comunale, provinciale e circoscrizionale gli elettori di un qualsiasi

Dettagli

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti

Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti Legge federale sul Tribunale federale dei brevetti (Legge sul Tribunale federale dei brevetti; LTFB) Avamprogetto del... L Assemblea federale della Confederazione Svizzera, visto l articolo 191a capoverso

Dettagli

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito

Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito Il mio ricorso alla CEDU: Come presentarlo e in che modo lo stesso viene gestito La Corte dichiara inammissibili la maggior parte dei ricorsi senza esaminarli nel merito, a causa del mancato rispetto dei

Dettagli

Gli ordini di protezione

Gli ordini di protezione Gli ordini di protezione di Germano Palmieri Ricorrenti fatti di cronaca ripropongono pressoché quotidianamente il problema della violenza fra le pareti domestiche; non passa giorno, infatti, che non si

Dettagli

D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica

D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica D. Lgs. 20 dicembre 1993, n. 533 e successive modificazioni Testo unico delle leggi recanti norme per l'elezione del Senato della Repubblica Titolo I Disposizioni generali Articolo 1 1. Il Senato della

Dettagli

Statuto del Partito Democratico

Statuto del Partito Democratico Statuto del Partito Democratico Approvato dalla Assemblea Costituente Nazionale il 16 febbraio 2008 CAPO I Principi e soggetti della democrazia interna Articolo 1. (Principi della democrazia interna) 1.

Dettagli

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie)

PRONTUARIO. DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle segreterie) Codice del processo amministrativo - Commissione per l esame dei profili organizzativi ed informatici - PRONTUARIO DELLE PRINCIPALI NOVITA IN MATERIA DI PROCEDIMENTI E TERMINI PROCESSUALI (ad uso delle

Dettagli

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI

4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI 4.04 Prestazioni dell AI Rendite d invalidità dell AI Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a prestazioni dell assicurazione invalidità (AI) gli assicurati cui un danno alla salute di lunga

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti offerti sul nostro sito web www.prada.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata dalle seguenti Condizioni Generali di

Dettagli

Struttura giuridica e sede del Tribunale

Struttura giuridica e sede del Tribunale Bundesgericht Tribunal fédéral Benvenuti! Visita del Tribunale federale Tribunale federale Tribunal federal Vista della facciata frontale, Tribunale federale Losanna Foto: Philippe Dudouit L organizzazione

Dettagli

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera

Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera Legge federale su l acquisto e la perdita della cittadinanza svizzera (Legge sulla cittadinanza, LCit) 1 141.0 del 29 settembre 1952 (Stato 1 gennaio 2013) L Assemblea federale della Confederazione Svizzera,

Dettagli

R.D. 30 gennaio 1941, n. 12. Ordinamento giudiziario.

R.D. 30 gennaio 1941, n. 12. Ordinamento giudiziario. R.D. 30 gennaio 1941, n. 12. Ordinamento giudiziario. 1. È approvato l'unito testo dell'«ordinamento giudiziario», allegato al presente decreto e visto d'ordine nostro dal Ministro guardasigilli e dal

Dettagli

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1

AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 AFFIDAMENTO AI SERVIZI SOCIALI: SIGNIFICATO, RISORSA, CRITICITÀ. RESPONSABILITÀ DEI SERVIZI E DEI GENITORI NELLE SCELTE DECISIONALI PER I MINORI 1 Daniela Turci Avvocato del Foro di Verona La normativa

Dettagli

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE

STATUTO ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE ART. 1) DENOMINAZIONE FINALITA SEDE STATUTO L Associazione denominata CORILA - Consorzio per il coordinamento delle ricerche inerenti al sistema lagunare di Venezia, è costituita ai sensi degli artt. 14

Dettagli

Art. 54 decreto legge

Art. 54 decreto legge Art. 342 c.p.c. Forma dell appello L appello si propone con citazione contenente l esposizione sommaria dei fatti ed i motivi specifici dell impugnazione nonché le indicazioni prescritte nell articolo

Dettagli

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20

LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 LEGGE 25 gennaio 1962, n. 20 Norme sui procedimenti e giudizi di accusa (Gazzetta Ufficiale 13 febbraio 1962, n. 39) Artt. 1-16 1 1 Articoli abrogati dall art. 9 della legge 10 maggio 1978, n. 170. Si

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI. Art. 1 - Fonti REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DEL COLLEGIO DEI REVISORI DEI CONTI Art. 1 - Fonti 1. Il presente Regolamento disciplina la composizione, la durata e le modalità di funzionamento del Collegio dei Revisori

Dettagli

LEGGE 10 novembre 2014, n. 162

LEGGE 10 novembre 2014, n. 162 LEGGE 10 novembre 2014, n. 162 Conversione in legge, con modificazioni, del decreto-legge 12 settembre 2014, n. 132, recante misure urgenti di degiurisdizionalizzazione ed altri interventi per la definizione

Dettagli

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine

Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Foglio Informativo Conto Deposito Pronti contro Termine Informazioni su CheBanca! Denominazione Legale: CheBanca! S.p.A. Capitale Sociale: Euro 220.000.000 i.v. Sede Legale: Via Aldo Manuzio, 7-20124 MILANO

Dettagli

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione

Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione Testo estratto dagli archivi del sistema ItalgiureWeb del CED della Corte di Cassazione LEGGE 20 FEBBRAIO 1958, n. 75 (GU n. 055 del 04/03/1958) ABOLIZIONE DELLA REGOLAMENTAZIONE DELLA PROSTITUZIONE E

Dettagli

Parere: Assegnazione mansioni superiori

Parere: Assegnazione mansioni superiori Parere: Assegnazione mansioni superiori Fatto: Le Poste italiane S.p.a. affidano il conferimento temporaneo di mansioni superiori dal livello C a B, ai propri dipendenti, i quali, di conseguenza, sono

Dettagli

Misure restrittive dell'ue

Misure restrittive dell'ue SCHEDA INFORMATIVA Bruxelles, 29 aprile 2014 Misure restrittive dell'ue Le sanzioni sono uno degli strumenti dell'ue per promuovere gli obiettivi della politica estera e di sicurezza comune (PESC): pace,

Dettagli

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE

REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE REGOLAMENTO DI FUNZIONAMENTO DELLA COMMISSIONE UNICA NAZIONALE DEI CONIGLI VIVI DA CARNE DA ALLEVAMENTO NAZIONALE ARTICOLO 1 (Istituzione e scopo) Con Protocollo di intesa, posto in allegato (All. 1),

Dettagli

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO

CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO CONVENZIONE SUGLI ACCORDI DI SCELTA DEL FORO Gli Stati contraenti della presente convenzione, desiderosi di promuovere gli scambi e gli investimenti internazionali attraverso una migliore cooperazione

Dettagli

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni

CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA. 1. Definizioni CONDIZIONI GENERALI DI VENDITA 1. Definizioni La vendita dei prodotti a marchio Church s conclusa a distanza attraverso il sito web www.churchfootwear.com (di seguito indicato come il Sito") è disciplinata

Dettagli

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale

LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA. Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale LA LEGISLAZIONE ELETTORALE ITALIANA Diritto costituzionale a.a. 2010/11 Parte speciale CARLO FUSARO I limiti della legislazione elettorale vigente LEGISLAZIONE ELETTORALE: complesso delle norme concernenti

Dettagli

Gazzetta ufficiale. Comunicazioni e informazioni

Gazzetta ufficiale. Comunicazioni e informazioni Gazzetta ufficiale dell Unione europea ISSN 1725-2466 C 83 Edizione in lingua italiana Comunicazioni e informazioni 53 o anno 30 marzo 2010 Numero d'informazione Sommario Pagina 2010/C 83/01 Versione consolidata

Dettagli

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE

REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO A TEMPO PARZIALE REGOLAMENTO SUL RAPPORTO DI LAVORO PART-TIME INDICE Art. 1 Finalità Art. 2 Campo di applicazione Art. 3 Contingente che può essere destinato al tempo

Dettagli

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO)

-ALL'ANUSCA CASTEL S.PIETRO TERME (BO) Servizi Demografici Prot. Uscita del 2410412015 Numero: 0001307 Classifica: 15100.area 3 2 lo11 411 1101 112 1,11,11 11 ji DIPARTIMENTO PER GLI AFFARI INTERNI E TERRITORIALI Roma, 24 aprile 2015 - AI SIGG.

Dettagli

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it

Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Mantenimento dei figli maggiorenni: quanto dura?la legge per tutti.it Maria Monteleone Anche i figli maggiorenni hanno diritto a essere mantenuti dai propri genitori fino a quando non siano completante

Dettagli

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA

CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE PRESSO IL MINISTERO DELLA GIUSTIZIA REGOLAMENTO 16 luglio 2014, n. 6 Regolamento per la formazione continua IL CONSIGLIO NAZIONALE FORENSE nella seduta del 16 luglio 2014 visto l art. 11 della legge 31 dicembre 2012, n. 247, rubricato Formazione

Dettagli

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di

La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di La Famiglia La maggior parte delle Istituzioni religiose e politiche basa la struttura sociale dell Uomo sul Semplice racchiuso nel concetto di famiglia, e stabilisce condizioni proprie per assegnare questa

Dettagli

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio.

Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. Decreto del Ministro degli affari esteri 30 dicembre 1978, n.4668 bis, Regolamento per il rilascio dei passaporti diplomatici e di servizio. 1. I passaporti diplomatici e di servizio, di cui all'articolo

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA E IL GOVERNO DEL REGNO DEL MAROCCO SULLA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI Il Governo della Repubblica Italiana ed il Governo del Regno del Marocco (qui

Dettagli

Diritto Processuale Civile. L Appello

Diritto Processuale Civile. L Appello Diritto Processuale Civile L Appello L'appello nell'ordinamento civile è un mezzo di impugnazione ordinario, disciplinato dagli Artt. 339 e ss c.p.c,, e costituisce il più ampio mezzo di impugnazione,

Dettagli

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario

http://www.gazzettaufficiale.it/atto/stampa/serie_generale/originario Pagina 1 di 6 DECRETO LEGISLATIVO 4 marzo 2015, n. 23 Disposizioni in materia di contratto di lavoro a tempo indeterminato a tutele crescenti, in attuazione della legge 10 dicembre 2014, n. 183. (15G00037)

Dettagli

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera:

Il Consiglio superiore della magistratura, nella seduta del 6 dicembre 2006, ha adottato la seguente delibera: Problematiche relative alla nuova formulazione dell art. 2 Legge Guarentigie. Interpretazione del nuovo testo dell'art. 2 L.G., così come modificato dal D.L.vo n. 109/2006 (Risoluzione del 6 dicembre 2006)

Dettagli

(Testo rilevante ai fini del SEE)

(Testo rilevante ai fini del SEE) 25.6.2015 L 159/27 REGOLAMENTO DI ESECUZIONE (UE) 2015/983 DELLA COMMISSIONE del 24 giugno 2015 sulla procedura di rilascio della tessera professionale europea e sull'applicazione del meccanismo di allerta

Dettagli

UNIONE EUROPEA TRATTATI CONSOLIDATI CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI

UNIONE EUROPEA TRATTATI CONSOLIDATI CARTA DEI DIRITTI FONDAMENTALI UNIONE EUROPEA TRATTATI CONSOLIDATI CARTA DEI DIRTI FONDAMENTALI MARZO 2010 30.3.2010 Gazzetta ufficiale dell Unione europea C 83/1 T U E VERSIONE CONSOLIDATA T F U E DEL TRATTATO SULL'UNIONE EUROPEA E

Dettagli

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti

L UNIONE EUROPEA. L Unione europea, invece, è una grande famiglia di 27 Stati 1 europei con più di 450 milioni di abitanti L UNIONE EUROPEA Prima di iniziare è importante capire la differenza tra Europa e Unione europea. L Europa è uno dei cinque continenti, insieme all Africa, all America, all Asia e all Oceania. Esso si

Dettagli

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE

TBLUE SAUNA MILANO ASSOCIAZIONE RICREATIVA CULTURALE STATUTO CIRCOLO TBLUE Art. 1 COSTITUZIONE - SEDE E costituito, come associazione culturale ricreativa non riconosciuta ai sensi dell art 36 e ss. Codice Civile ed art. 148 comma 3 D.P.R. 917/1986 (T.U.I.R.),

Dettagli

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali)

7 L atto di appello. 7.1. In generale (notazioni processuali) 7 L atto di appello 7.1. In generale (notazioni processuali) L appello è un mezzo di impugnazione ordinario, generalmente sostitutivo, proposto dinanzi a un giudice diverso rispetto a quello che ha emesso

Dettagli

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO

L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO L AVVOCATO NEL CONTESTO INTERNAZIONALE ED EUROPEO Firenze, 21 aprile, 12 e 26 maggio 2015 (15,00-18,30) Auditorium Adone Zoli dell Ordine degli Avvocati di Firenze c/o Nuovo Palazzo di Giustizia Viale

Dettagli

D.R. n. 15 del 26.01.2015

D.R. n. 15 del 26.01.2015 IL RETTORE Vista la legge 30 dicembre 2010, n. 240 Norme in materia di organizzazione delle Università, di personale accademico e reclutamento, nonché delega al Governo per incentivare la qualità e l efficienza

Dettagli

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea

La Corte di giustizia precisa le condizioni alle quali a un disertore proveniente da uno Stato terzo può essere concesso asilo nell Unione europea Corte di giustizia dell Unione europea COMUNICATO STAMPA n. 20/15 Lussemburgo, 26 febbraio 2015 Stampa e Informazione Sentenza nella causa C-472/13 Andre Lawrence Shepherd / Bundesrepublik Deutschland

Dettagli

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO

STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO Emanato con Decreto Rettorale n. 623/AG del 23 febbraio 2012 e pubblicato in Gazzetta Ufficiale n. 52 del 2 marzo 2012 STATUTO DEL POLITECNICO DI MILANO TITOLO I - DISPOSIZIONI GENERALI E PRINCIPI Art.

Dettagli

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere.

Bonifici provenienti dall estero. Il servizio consente di incassare i propri crediti attraverso bonifici provenienti da banca estere. 18/05/2009 FOGLIO INFORMATIVO ai sensi della delibera CICR 4.3.2003 e istruzioni di vigilanza di Banca d Italia in materia di trasparenza delle operazioni e dei servizi bancari Bonifici provenienti dall

Dettagli

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana

IndICe. 18 anni... in Comune! I tuoi passi verso la cittadinanza ItalIana IndICe prefazione 3 Buon compleanno!! 5 chi è cittadino italiano per la legge? 6 cosa significa diventare cittadino italiano? 7 come muoverti? 8 senza cittadinanza 9 devi sapere 11 Prefazione Cari ragazzi,

Dettagli

La disciplina dello sciopero nell Europa a 27 ed in altri paesi non UE

La disciplina dello sciopero nell Europa a 27 ed in altri paesi non UE La disciplina dello sciopero nell Europa a 27 ed in altri paesi non UE Sintesi comparativa Rapporto 103 ETUI-REHS RESEARCH Department La disciplina dello sciopero nell Europa a 27 ed in altri paesi non

Dettagli

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta)

STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 Articolo -1 Denominazione e sede sociale STATUTO ( di Associazione non riconosciuta) 1 - E costituita con sede in. ( ) Via un Associazione sportiva, ai sensi degli art. 36 e ss. Codice Civile denominata

Dettagli

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione

Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Commissione indipendente per la Valutazione, la Trasparenza e l Integrità delle amministrazioni pubbliche Autorità Nazionale Anticorruzione Delibera n.12/2013: Requisiti e procedimento per la nomina dei

Dettagli

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE

L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE La missione dell ARE L Assemblea delle Regioni d Europa (ARE) é un'organizzazione indipendente di regioni e la più importante rete di cooperazione interregionale nella Grande Europa. Rappresenta 12 organizzazioni interregionali

Dettagli

Art. 1. Art. 2. Art. 3.

Art. 1. Art. 2. Art. 3. L. 20-3-1865 n. 2248. Legge sul contenzioso amministrativo (All. E) (2) (3). (1) Pubblicata nella Gazz. Uff. 27 aprile 1865. (2) Vedi, anche, la L. 6 dicembre 1971, n. 1034. (3) Con riferimento al presente

Dettagli

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME

Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Scheda approfondita LAVORO PART-TIME Nozione Finalità Ambito soggettivo di applicazione Legenda Contenuto Precisazioni Riferimenti normativi Ambito oggettivo di applicazione Forma Durata Trattamento economico

Dettagli

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda!

Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA. Informati, ti riguarda! Bonifico e RID lasciano il posto ai nuovi strumenti di pagamento SEPA Informati, ti riguarda! 3 La SEPA (Single Euro Payments Area, l Area unica dei pagamenti in euro) include 33 Paesi: 18 Paesi della

Dettagli

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay

Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini. http://ec.europa.eu/equalpay Colmare il divario di retribuzione tra donne e uomini Sommario Cos è il divario di retribuzione tra donne e uomini? Perché persiste il divario di retribuzione tra donne e uomini? Quali azioni ha intrapreso

Dettagli

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n.

LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO. (Gazzetta Ufficiale n. LEGGE 11 GENNAIO 1979, n. 12 NORME PER L ORDINAMENTO DELLA PROFESSIONE DI CONSULENTE DEL LAVORO (Gazzetta Ufficiale n. 20 del 20-1-1979) TITOLO I DISPOSIZIONI GENERALI Art. 1. Esercizio della professione

Dettagli

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3

REGOLAMENTO. Articolo 1 Natura e Sede 3. Articolo 2 Durata. 3. Articolo 3 - Contrassegno 3. Articolo 4 Oggetto e finalità 3 non statuto REGOLAMENTO pagina 2 di 5 Articolo 1 Natura e Sede 3 Articolo 2 Durata. 3 Articolo 3 - Contrassegno 3 Articolo 4 Oggetto e finalità 3 Articolo 5 Adesione al MoVimento 4 Articolo 6 Finanziamento

Dettagli

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs

3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs 3.01 Prestazioni dell AVS Rendite di vecchiaia e assegni per grandi invalidi dell'avs Stato al 1 gennaio 2015 1 In breve Hanno diritto a una rendita di vecchiaia le persone che hanno raggiunto l'età ordinaria

Dettagli

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF)

Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) Statuto dell Istituto Nazionale di Astrofisica (INAF) INDICE Articolo 1 - Finalità e natura dell Ente 2 Articolo 2 - Attività dell INAF 3 Articolo 3 - Principi di organizzazione 5 Articolo 4 - Organi 6

Dettagli

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA*

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA* COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA* IL CAPO PROVVISORIO DELLO STATO Vista la deliberazione dell Assemblea Costituente, che nella seduta del 22 dicembre 1947 ha approvato la Costituzione della Repubblica

Dettagli

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE

OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE FOGLIO INFORMATIVO OPERAZIONI DI PAGAMENTO NON RIENTRANTI IN UN CONTRATTO QUADRO PSD ED ALTRE OPERAZIONI NON REGOLATE IN CONTO CORRENTE INFORMAZIONI SULLA BANCA Denominazione e forma giuridica Cassa di

Dettagli

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE

EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 RAPPORTO NAZIONALE Standard Eurobarometer European Commission EUROBAROMETRO 63.4 OPINIONE PUBBLICA NELL UNIONE EUROPEA PRIMAVERA 2005 Standard Eurobarometer 63.4 / Spring 2005 TNS Opinion & Social RAPPORTO NAZIONALE ITALIA

Dettagli

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267

TRIBUNALE DI PORDENONE. Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 TRIBUNALE DI PORDENONE Decreto ex art. 180, comma V, R.D. 16 marzo 1942 n. 267 Il Tribunale, riunito in camera di consiglio nelle persone dei magistrati: - dr. Enrico Manzon - Presidente - dr. Francesco

Dettagli

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI

TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI TRA IL GOVERNO DELLA REPUBBLICA ITALIANA ED IL REGNO DELL'ARABIA SAUDITA SULLA RECIPROCA PROMOZIONE E PROTEZIONE DEGLI INVESTIMENTI La Repubblica Italiana ed il Regno dell Arabia Saudita desiderando intensificare

Dettagli

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da:

sul ricorso numero di registro generale 6522 del 2007, proposto da: N. 00513/2015 REG.PROV.COLL. N. 06522/2007 REG.RIC. R E P U B B L I C A I T A L I A N A Il Tribunale Amministrativo Regionale della Campania (Sezione Quarta) ha pronunciato la presente ORDINANZA sul ricorso

Dettagli

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE

GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE GLI ADEMPIMENTI PUBBLICITARI DELLE SOCIETA DI PERSONE CHE RICHIEDONO LA CANCELLAZIONE DAL REGISTRO DELLE IMPRESE di Claudio Venturi Sommario: - 1. Premessa. 2. La cancellazione della società senza apertura

Dettagli

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale

2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale 2) Assenza di discriminazione e parità di trattamento nell ambito professionale a. Direttiva 2011/98/UE del Parlamento europeo e del Consiglio, del 13 dicembre 2011, relativa a una procedura unica di domanda

Dettagli

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy CONSIGLIO EUROPEO IL PRESIDENTE Bruxelles, 26 giugno 2012 EUCO 120/12 PRESSE 296 PR PCE 102 VERSO UN'AUTENTICA UNIONE ECONOMICA E MONETARIA Relazione del presidente del Consiglio europeo Herman Van Rompuy

Dettagli

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro

LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro LINEE GUIDA in materia di discriminazioni sul lavoro (adottate dall Ente in data 10/06/2014) La Provincia di Cuneo intende promuovere un ambiente di lavoro scevro da qualsiasi tipologia di discriminazione.

Dettagli

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti

Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti Decorrenza della prescrizione dei crediti retributivi per i lavoratori cui si applicano le tutele crescenti 08 Giugno 2015 Elisa Noto, Mariateresa Villani Sommario La prescrizione breve in materia di rapporto

Dettagli

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie

La Svizzera nel raffronto europeo. La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie La Svizzera nel raffronto europeo La situazione socioeconomica degli studenti delle scuole universitarie Neuchâtel, 2007 Il sistema universitario svizzero La Svizzera dispone di un sistema universitario

Dettagli

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO

CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO CODICE DI COMPORTAMENTO INTEGRATIVO ARTICOLO 1 OGGETTO 1. Il presente Codice di Comportamento integrativo definisce, in applicazione dell'art. 54 del DLgs. n. 165/2001 come riformulato dall'art.1, comma

Dettagli

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI

CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI CONVENZIONE DELL'AJA DEL 25.10.1980 SUGLI ASPETTI CIVILI DELLA SOTTRAZIONE INTERNAZIONALE DI MINORI Gli Stati firmatari della presente Convenzione, Profondamente convinti che l'interesse del minore sia

Dettagli

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013

Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 Sala Consilina, 20 settembre 2013 Prot. n. 13249/2013 E, P.C. EGREGIO DOTT. MATTEO CLAUDIO ZARRELLA PRESIDENTE DEL TRIBUNALE DI LAGONEGRO Via Lagonegro - 85042 LAGONEGRO (Pz) Trasmissione al telefax 0973.2333115

Dettagli

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto.

Si accludono per le delegazioni le conclusioni adottate dal Consiglio europeo nella riunione in oggetto. Consiglio europeo Bruxelles, 20 marzo 2015 (OR. en) EUCO 11/15 CO EUR 1 CONCL 1 NOTA DI TRASMISSIONE Origine: Destinatario: Oggetto: Segretariato generale del Consiglio delegazioni Riunione del Consiglio

Dettagli

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Edizione con note

COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA. Edizione con note COSTITUZIONE DELLA REPUBBLICA ITALIANA Edizione con note INDICE PRINCIPÎ FONDAMENTALI pag. 3 (ARTICOLI 1-12) PARTE I - DIRITTI E DOVERI DEI CITTADINI TITOLO I - RAPPORTI CIVILI pag. 6 (ARTICOLI 13-28)

Dettagli

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006)

REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) REGOLAMENTO DELLA ATTIVITÀ SCOLASTICA (Revisione 0 del 10/05/2006) Articolo 1 - Ente gestore, denominazione, natura e sede della scuola 1. L Ente Ispettoria Salesiana Lombardo Emiliana, Ente Ecclesiastico

Dettagli