diritto e formazione

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "diritto e formazione"

Transcript

1 N 06 Anno: 2009 Mese: Novembre/Dicembre, Periodicità: bimestrale Poste Italiane S.p.a. Spedizione in Abbonamento Postale D.L. 353/2003 (conv. in L. 27/02/2004 n 46) art. 1, comma 1, CNS Trento Taxe Percue diritto e formazione Rivista del Consiglio Nazionale Forense e 6 Consiglio Nazionale Forense Periodico per la formazione e l aggiornamento degli Avvocati Diritto e formazione ANNO III n Futurgest Edizioni Essere indipendenti: Giorgio Ambrosoli Il crack Lehman Brothers Le SS.UU. sul dies a quo delle indagini preliminari P.A. e danno da ritardo Il futuro dei giovani avvocati La formazione linguistica dell'avvocato Il legal marketing Gli obblighi dell'antiriciclaggio

2 Diritto e formazione Direzione Gli autori di questo numero Diritto e formazione Diritto e formazione Alarico Mariani Marini Roberto Chieppa Comitato di direzione Maurizio Paganelli (Coordinatore) Alessandro Barca Amelia Bernardo David Cerri Fabio Cintioli Claudio Contessa Vincenzo Lopilato Francesco Macario Giovanni Pascuzzi Ubaldo Perfetti Maria Rosaria San Giorgio Giuseppe Santalucia Pierluigi Tirale Comitato Scientifico Guido Alpa Vincenzo Carbone Alberto de Roberto Adelino Cattani Sergio Chiarloni Giuseppe Conte Giovanni Iudica Cesare Mirabelli Stefano Racheli Gastone Andreazza Magistrato David Cerri Roberto Chieppa Consigliere di Stato Giuseppe Colavitti Vincenzo Comi Giuseppe Conte Prof. ordinario di Diritto privato Claudio Contessa Consigliere di Stato Lucio Cricrì Angelo D'Alessandro Fabio Maria Ferrari Mara Magagna Alarico Mariani Marini Marina Perrelli Magistrato Giulio Ramaccioni Giulia Rizza Docente in tecniche informatiche Maria Rosaria San Giorgio Consigliere di Cassazione Giuseppe Santalucia Magistrato Stefano Tenca Magistrato Giovanni Vaglio Vincenzo Zeno Zencovich Professore di Diritto comparato Rivista bimestrale del CNF per la formazione e l aggiornamento degli avvocati Direttore responsabile: Filippo Galli Redazione: Composizione e layout interno: f u tu r g e s t Logo e copertina: Marco Tortoioli Ricci Reg. n. 270 Tribunale di Rovereto del 6/03/2007 Iscrizione al ROC nr del 02/05/2007 Numero 6/2009 chiuso in redazione il 28/12/2009 in distribuzione dal 11/01/2010 I contributi pubblicati in questa rivista potranno essere riprodotti dall Editore su altre proprie pubblicazioni, in qualunque forma Pubblicità inferiore al 45% Casa Editrice Futurgest srl, Rovereto (TN), via Maioliche 57H tel fax web: Condizioni di abbonamento Abbonamento annuo Italia per 6 fascicoli: 90,00 (l abbonamento decorre dalla data di sottoscrizione) Prezzo di un singolo fascicolo: 20,00 (escluse le spese di spedizione postale) Le richieste di abbonamento, le comunicazioni per le variazioni di indirizzo e gli eventuali reclami per mancato ricevimento di fascicoli vanno indirizzati a Futurgest srl - Ufficio Diritto e formazione, Via Maioliche 57H, Rovereto (TN), Tel , Fax , Il pagamento può essere effettuato direttamente all Editore seguendo le indicazioni che trovate nel modulo di abbonamento in terza di copertina. I fascicoli non pervenuti all abbonato devono essere reclamati al ricevimento del fascicolo successivo. Dopo tale termine si rispediscono, se disponibili, contro rimessa dell importo relativo. Per ogni effetto l abbonato elegge domicilio presso la Casa editrice. Pubblicità: Futurgest srl Ufficio Diritto e Formazione, Via Maioliche 57H, Rovereto (TN), Tel , Fax , Eligio Resta Umberto Vincenti Vincenzo Zeno Zencovich Tipografia: La grafica srl Mori (TN), Via Matteotti 16

3 Sommario III Editoriale Essere indipendenti Giorgio Ambrosoli trent anni dopo di Alarico Mariani Marini 805 Giurisprudenza e diritto civile Il punto su... il diritto civile di Maria Rosaria San Giorgio 811 L acquisto mortis causa condizionato alle nozze dell istituito (Commento a Cass. civ., Sez. II, 15 aprile 2009, n. 8941) di Mara Magagna 820 Crack Lehman Brothers: procedure concorsuali internazionali e trust interno di Angelo D Alessandro 827 penale Il punto su... il diritto penale di Giuseppe Santalucia e Lucio Cricrì 832 L insindacabilità del dies a quo del termine di durata delle indagini preliminari (Commento a Cass. pen., Sez. Un., 24 settembre 2009, n ) di Gastone Andreazza 844 La truffa volta al conseguimento di un pubblico impiego: (molte) luci ed (alcune) ombre di un excursus giurisprudenziale in parte ancora incompiuto di Fabio Maria Ferrari 854 amministrativo Il punto su... il diritto amministrativo di Roberto Chieppa 862 L evoluzione giurisprudenziale e normativa del danno da ritardo di Marina Perrelli 871

4 IV L assunzione del pubblico dipendente tra il giudice ordinario e il giudice amministrativo di Stefano Tenca 881 europeo Il punto su... il diritto comunitario di Claudio Contessa 889 Il caso Punta Perotti : proprietà privata e diritti umani fondamentali di Giulio Ramaccioni 904 Deontologia e processo disciplinare Processo disciplinare di Maria Rosaria San Giorgio e Vincenzo Comi 915 Metodologia e didattica della formazione L avvocatura e i giovani nella società dei prossimi decenni. Il rinnovamento della cultura giuridica e il futuro dei giovani avvocati di Giuseppe Conte 923 La formazione linguistica dell avvocato di Vincenzo Zeno Zencovich 942 Professione e cultura Professioni legali e innovazione Il legal marketing di Giovanni Vaglio e Giulia Rizza 949 Antiriciclaggio e obblighi degli ordini professionali di Giuseppe Colavitti 955 Diario di un podestà antifascista Giovanni Gelati, Salomone Belforte & C., Livorno, 2009 Recensione a cura di David Cerri 960

5 805 Essere indipendenti Giorgio Ambrosoli trent anni dopo di Alarico Mariani Marini L indipendenza dell avvocato è una condizione imprenscindibile perché egli possa svolgere, in modo coerente alla funzione, i compiti che gli ordinamenti costituzionale e comunitario gli assegnano. Sono i compiti indicati nel preambolo del Codice di deontologia degli avvocati europei del 1988 e in quello del Codice deontologico forense italiano, richiamati nelle raccomandazioni del Consiglio d Europa e del Parlamento Europeo, e sanciti dai principi delle NN.UU. sul ruolo degli avvocati. è infatti evidente che la salvaguardia dei diritti dell Uomo nei confronti dello Stato e degli altri poteri, come recita il Codice di deontologia del CCBE ed ora anche l art. 7 del Codice deontologico forense, può essere realizzata dall avvocato soltanto a condizione che rispetto a tali poteri egli difenda la sua piena indipendenza. In astratto nessuno mette in dubbio che debba essere così, in concreto non sempre è così, ed oggi l immagine che l avvocatura proietta nell opinione pubblica attraverso le cronache quotidiane trasmette il messaggio che così non è. Sulla effettività della condizione di indipendenza dell avvocato, sulla commistione di ruoli politici, istituzionali e professionali, sulla consuetudine invalsa di frequentare le anticamere del potere, è quindi necessaria una riflessione all interno della professione, considerate anche la situazione eticamente non esaltante che sta vivendo il paese e la crisi dei ruoli in atto nella società liquida dominata dall economia e dal mercato. L indipendenza dell avvocato è inoltre speculare all indipendenza della magistratura, che è ordine autonomo e indipendente da ogni potere (è scritto all art. 104 della Costituzione, ma è bene ripeterlo).

6 806 Editoriale I due ruoli, pur su piani diversi, concorrono all attuazione della giurisdizione e del principio del giusto processo che è la condizione per la tutela effettiva dei diritti fondamentali. Difendere l indipendenza della magistratura significa quindi anche dare effettività all indipendenza dell avvocatura. Sorprende quindi l applauso con il quale, anche in recenti occasioni, platee di avvocati hanno accolto giudizi di politici non sempre trasparenti rispetto a quei principi costituzionali. In verità non è sempre stato così; vi sono precedenti di segno diverso, purtroppo lontani. Un esempio: 1973, Perugia. Al Congresso Nazionale degli Avvocati alcuni vertici della magistratura e dell avvocatura e un ottuagenario Alfredo De Marsico propongono una condanna del cosiddetto giudice politico (si trattava in particolare del nuovo giudice del lavoro) sulla quale ottenere l adesione della massima assise dell avvocatura. Il disegno fallisce per la vivace reazione della platea congressuale e di ciò la stampa darà resoconti di inusuale ampiezza. Al Congresso Natalini Irti, uno dei relatori, interviene sul ruolo dell avvocato e ripropone la scelta di sempre: avvocato garante o avvocato servente. è una scelta anche oggi attuale in ogni settore della società, alla quale ci richiama il ricordo della tragica sorte di Giorgio Ambrosoli. La ripropone il figlio Umberto, anch egli avvocato, in un suo libro (Qualunque cosa succeda, Sironi ed., 2009) nel quale rievoca a distanza di trent anni la figura del padre, assassinato nel 1979 per non essersi piegato alle pressioni e alle minacce del bancarottiere Michele Sindona, favorite da protezioni, omissioni e complicità di settori istituzionali e politici collusi con la P2, con la mafia e con ambienti della finanza. Giorgio Ambrosoli, come è noto, era un libero avvocato al quale la Banca d Italia aveva affidato l incarico di commissario liquidatore

7 Essere indipendenti. Giorgio Ambrosoli trent anni dopo 807 della Banca Privata Italiana, oggetto di un disperato tentativo di salvataggio a spese dello Stato da parte del Sindona già incriminato per bancarotta negli USA. Ambrosoli, avvocato serio e corretto, liberale di vecchio stile, aveva scelto il ruolo di garante degli interessi della collettività e della legalità e quindi dello Stato, ma, come ha scritto Corrado Stajano, si era trovato lo Stato nemico. Stajano, nel suo libro Un eroe borghese (Einaudi, 1991) aveva descritto la scandalosa vicenda politico-giudiziaria che nell arco di cinque lunghi anni aveva visto Ambrosoli, isolato, nella indifferenza generale, in condizioni di grande difficoltà condurre a termine l incarico con rigore, coraggio ed esemplare etica professionale sino all esito mortale per mano di un killer pagato dal Sindona. Ora il figlio Umberto ripercorre la tragica storia del padre incorniciandola con levità nel clima degli affetti familiari, e arricchendola di notazioni tratte dall agenda-diario di Giorgio Ambrosoli che ci accompagnano passo passo lungo le fasi tormentate della ricostruzione delle frodi commesse dal Sindona in danno dei risparmiatori, e delle insidie e degli ostacoli disseminati dall Italia ufficiale lungo il percorso commissariale, con le sole eccezioni della Banca d Italia e dei magistrati della Procura milanese. Colpisce, non tanto lo sfondo di complicità e indifferenza al crimine ai più alti livelli che, come nota l autore, dopo trent anni sopravvive immutato con la sola aggiunta di una maggiore sfrontatezza, quanto l isolamento totale, assoluto, compatto nel quale Giorgio Ambrosoli fu lasciato da tutti nonostante gli avvertimenti e le minacce di morte, fino alla sera in cui, solo e inerme, rientrando a casa trovò ad attenderlo la rivoltella del sicario. Nel 1991, letto il libro di Stajano, in un articolo titolato appunto La solitudine dell avvocato, ci chiedevamo perchè Ambrosoli fu lasciato solo e privo di quella solidarietà che quanto meno l Avvocatura avrebbe dovuto dargli coinvolgendo l opinione pubblica dell Italia sana e onesta in difesa di un avvocato indipendente e garante degli interessi di tutti.

8 808 Editoriale Certo, dopo l assassinio, la figura di Ambrosoli è stata rievocata anche nell avvocatura in molte occasioni, e di recente dal Consiglio Nazionale Forense a Roma alla presenza del figlio Umberto, ed è giusto che sia così. Ma prima? Non si tratta di ricercare caso per caso come in singoli contesti si sarebbe potuto agire, perchè il problema è a monte, è di carattere generale, e sta tutto e interamente in quella scelta tra avvocato garante e avvocato servente. Se si sceglie di essere garanti della società tutto ne discende facilmente, in primo luogo all interno dell avvocatura. Gli avvocati in grandissima parte sono cittadini che assolvono individualmente con dignità e responsabilità la loro funzione, ma l avvocatura è un corpo composito, numeroso e vario come la società in cui si rispecchia. Vi è di tutto ed oggi, più che in passato, vi sono avvocati serventi che non corrono certo rischi fatali, pessimo esempio di spregiudicatezza e servilismo per i giovani e pessima immagine della professione agli occhi del cittadino. Attorno ad essi l indifferenza della categoria, lo sguardo svogliato di istituzioni e associazioni forensi, la comodità del conformismo e la prudente ambiguità del non compromettersi. L avvocatura come corpo sociale ha sempre evitato di riconoscersi in un centro di responsabilità civili ed etiche che abbia la capacità di tenere insieme le sue molte anime e dare concretezza e significato ad una sua presenza nella società. Questa mancanza è visibile nelle molte rappresentanze di categoria, troppo spesso ripiegate su interessi settoriali e gelose dei propri piccoli spazi ed anche su velleitarismi pseudopolitici, come la stravagante proposta con la quale da qualche parte si chiede di riformare la Costituzione per fare dell avvocato un soggetto costituzionale. Ne derivano una autoreferenzialità ed una permanente crisi di rappresentatività che sopravvivono a occasionali unità basate su precari equilibri tra contrapposte rivendicazioni. Se, dunque, l individualismo è regola, le virtù silenti dei singoli e le celebrazioni dell eroismo dei colleghi Croce e Ambrosoli non sono da

9 Essere indipendenti. Giorgio Ambrosoli trent anni dopo 809 sole sufficienti ad esprimere una posizione politica indipendente in difesa dei diritti e delle libertà di tutti. Bisogna tener conto di questo sfondo quando ci si chiede perchè l avvocatura non reagisca nei confronti del potere, in ogni sua incarnazione, quando viola diritti umani fondamentali o sconfina nell illegalità, e perché non riesca a proiettare sulla società una presa di responsabilità operosa sui problemi generali del diritto e dei diritti, della giustizia della legge e delle leggi ingiuste. Questa è infatti la condizione essenziale perché la professione di avvocato nel suo insieme incarni nei fatti la sua indipendenza da ogni potere e rivesta con dignità un ruolo di garante nella società democratica (che non consiste soltanto nel difendere in modo tecnicamente ed eticamente corretto il cliente che ti paga), e valorizzi quel profilo pubblicistico nel quale risiede la sua specificità. Certo, Giorgio Ambrosoli, vittima designata senza difesa, nella sua solitaria indipendenza, ha mostrato un grande e sofferto coraggio, ed un esemplare consapevolezza dei doveri professionali e morali che tanto più rifulgono oggi in epoca di dilagante mediocrità morale e civile. è dunque doveroso che ciascuno dia concretezza al suo messaggio per trasmetterlo ai giovani che intraprendono la professione nelle Scuole dell avvocatura ed anche nelle Università, ancora troppo lontane da quel diritto che si fa giustizia nei casi della vita, e per raccogliere l anelito di speranza che anima le pagine che un figlio avvocato ha dedicato a suo padre, ma anche e soprattutto a tutti noi.

10 922 Metodologia e didattica della formazione e

11 942 La formazione linguistica dell avvocato di Vincenzo Zeno Zencovich Osservare che in una società globalizzata l avvocato abbia necessità di conoscere lingue diverse dalla propria per svolgere più efficacemente la propria attività professionale è fin troppo banale. Quando però, si tenti di rispondere alle domande sul quando, come e cosa gli esiti sono assai meno scontati e richiedono una riflessione più puntuale. Dalla scuola all iscrizione all università 1. In teoria durante la sua formazione scolastica ogni studente dovrebbe seguire corsi di lingua per circa 10 anni, fra elementari, medie inferiori e medie superiori. Se si vuole misurare l assai poco lusinghiero tasso di efficienza del nostro sistema educativo è sufficiente valutare operazione assai semplice e soprattutto uguale in tutto il mondo il tasso di apprendimento linguistico. Ovviamente sarebbe futile addossare la scarsa propensione dell avvocato italiano verso le lingue alle disfunzioni del sistema scolastico. Piuttosto occorre sottolineare che da tempo gli studi sull età evolutiva hanno individuato nella prima adolescenza il limite entro il quale una lingua straniera può essere appresa non solo più facilmente ma con risultati fonetici e sintattici più soddisfacenti. Successivamente l accento di origine ed i modelli di costruzione delle frasi peseranno in modo significativo, anche a fronte di una ricchezza di vocabolario e di buona conoscenza delle regole grammaticali. Con quali conoscenze linguistiche, dunque, ci si iscrive ad una facoltà di giurisprudenza? Alcuni dati possono essere utili: in occasione dei test di accesso alla Facoltà di Giurisprudenza dell Università di Roma Tre per gli a.a. 2007/08 e 2008/09 i candidati hanno anche sostenuto una prova di posizionamento linguistico con i seguenti risultati: 2007 Candidati: 1280 Livello B1: 408 (32%) Livello A2: 283 (22%) Livello A1: 276 (22%) Principianti assoluti: 313 (24%) 2008 Candidati: 1504 Livello B1: 438(29%) Livello A2: 281 (19%) Livello A1: 315 (21%) Principianti assoluti: 470 (31%)

12 La formazione linguistica dell avvocato 943 La diminuzione delle percentuali sui livelli più elevati e l aumento dei principianti assoluti è da ricondursi all aumento dei candidati che hanno sostenuto il test. Tuttavia, avendo la facoltà un numero programmato di 1200 iscrizioni l anno è da ritenere che un numero elevato di livelli più bassi non si sia iscritto. È opportuno che i livelli indicati corrispondono a quelli definiti dal CEFR (Common European Framework of Reference of Languagues). Il livello B1 viene qualificato come intermedio, quello A2 come pre-intermedio e quello A1 come principiante. È importante rimarcare come tali livelli sono stati fissati dal Consiglio d Europa e le metodologie di accertamento sono comuni a tutta l Europa. I risultati, dunque, presentano un elevato livello di attendibilità. Nel valutarli, peraltro, occorre tenere presente che il campione romano è, sotto il profilo culturale, decisamente privilegiato, rispetto a quello di altre città italiane, per via della vocazione cosmopolita della capitale che crea un clima ambientale di maggiore apertura, e del fatto che, ad analizzare quelli che effettivamente si iscrivono alla facoltà di giurisprudenza, l 85% proviene da un liceo (50% classico, 35% scientifico), il che dovrebbe comunque avere un rilievo sulla formazione linguistica (il latino ed il greco saranno sì lingue morte ma abituano allo studio della grammatica, della sintassi e della letteratura in una lingua diversa dalla propria). 2. Com è noto, la creazione della laurea magistrale a ciclo unico in giurisprudenza prevede che lo studente acquisisca adeguate conoscenze e consapevolezza del linguaggio giuridico di almeno una lingua straniera. Peraltro la declaratoria non indica livelli da raggiungere né la tabella allegata stabilisce il numero minimo di crediti che ciascun corso di laurea deve assegnare alla formazione linguistica. Di certo essi devono essere sottratti dai miseri 84 CFU lasciati all autonoma determinazione della facoltà, essendo 216 CFU vincolati per legge. Ciò rende assai aleatorio e variabile l impegno linguistico degli studenti. Per un verso dipenderà da ciascuna facoltà decidere quanti crediti (1, 5, 10?) attribuire alla formazione linguistica. Per altro è evidente che meno sono i crediti assegnati e dunque minore è il numero di ore dedicate all argomento minori saranno le possibilità di raggiungere l obiettivo delle adeguate conoscenze. Inutile, poi, aggiungere che stante la natura precettiva e non descrittiva del diritto, esso è in primo luogo convenzione linguistica. Nel diritto le parole sono (quasi) tutto e dunque se si cambia lingua si cambia (quasi) tutto. Di qui una elevata complessità del linguaggio giuridico, che si configura come uno dei più ricchi linguaggi c.d. settoriali, oltretutto dotato di una storia almeno bimillenaria. Per intendersi c è un enorme e incommensurabile diversità fra l inglese giuridico e l inglese economico (oppure medico, ingegneristico, matematico ecc.). In questo ultimo caso ogni termine solitamente trova una traduzione italiana e dunque si pongono essenzialemnte questioni di traduttologia. Nel primo ogni termine racchiude un complesso di concetti di cui assai raramente si trova un equivalente italiano. E le cose non cambiano molto con riguardo alla grande tradizione della cultura giuridica tedesca. Dunque lo studente deve prima avere una buona conoscenza di base di una lingua straniera, poi deve studiare la lingua giuridica, e con essa le peculiarità del sistema giuridico. È intuibile come ciò renda assai problematico che lo studente con la semplice dotazione ministeriale possa raggiungere l obiettivo che gli viene assegnato. Servirebbero ser- Durante i corsi universitari

13 944 Metodologia e didattica della formazione vono molte più occasioni formative, di cui quella che sta maggiormente prendendo piede è la organizzazione di corsi di diritto in lingua straniera. Il principale vantaggio di tali iniziative è che esse sono in grado di coinvolgere, già prima della laurea, un elevato numero di studenti in un esperienza curriculare, in cui la lingua straniera viene concretamente utilizzata per apprendere ed esprimere concetti giuridici. La principale difficoltà è che sposta l attenzione dal contenuto del corso alle metodologie didattiche adottate che richiedono una necessaria frequenza costante alle lezioni, una attiva partecipazione in aula, un impegno assai maggiore di docenti e discenti. Come si vede siamo ancora alla fase universitaria. Le statistiche ci dicono che solo un ristretto numero dei laureati effettivamente si avvierà con convinzione verso l avvocatura e in concreto la eserciterà. Dopo l università 3. Quale che sia stata la formazione linguistica acquisita a scuola o nei corsi di laurea, lo studio di una o più lingue straniere si frantuma con il conseguimento del titolo ed è lasciato all iniziativa individuale. Certamente pesa la articolazione della pratica forense, formalmente vocata alla formazione di patrocinatori, ma in concreto aggirata con espedienti poco commendevoli da parte sia di avvocati che di praticanti. Non è questa la sede per discuterne, né la riforma dell accesso alla professione di avvocato può ruotare attorno alla formazione linguistica. È sufficiente osservare che nell attuale struttura pratica forense, esame scritto su due grandi aree della pratica ed esame orale ridicolamente modellato su un ripasso delle materie universitarie non c è nessuno spazio per la formazione linguistica. E non c è neppure senso che ve ne sia. Ad osservare le cose con realismo si constata la creazione di due percorsi: uno ufficiale, nel quale non viene rappresentata alcuna esigenza linguistica; uno pratico nel quale la formazione linguistica diviene essenziale per lo svolgimento della professione. In questo secondo percorso la conoscenza dell inglese diviene scriminante per l accesso alle fasce alte della professione forense. In termini assai pratici contano molto di più le capacità espressive che non il percorso universitario. Un eccellente laureato di una eccellente facoltà dunque qualcuno che si è ben meritato il suo 110 e lode verrà senza nessun dubbio sopravanzato dal laureato di ben più modesto curriculum e provenienza ma che ha una buona conoscenza della lingua straniera. L acquisizione poi di un titolo post-laurea straniero diventerà assolutamente prevalente sui titoli nazionali (master, scuola per professioni legali, scuola di specializzazione, addirittura dottorato di ricerca) non tanto per il contenuto di quanto si è appreso, bensì per le abilità linguistiche. In sintesi le università italiane sformano eccellenti laureati è un dato di fatto e uno schiaffo alle prefiche del declino italiano ma questi hanno un modestissimo accesso alla professione forense organizzata su base imprenditoriale e meritocratica in mancanza di adeguate conoscenze linguistiche. Ciò comporta anche una segmentazione degli studi legali. Quelli che abitualmente, per il fatto di essere inseriti in una rete di analoghe strutture dislocate in Europa e nel mondo, utilizzano abitualmente l inglese come lingua veicolare nelle comunicazioni interne e con gran parte dei clienti. E quelli che non utilizzano, se non molto occasionalmente, lingue straniere nella interlocuzione fra colleghi e con i clienti.

14 La formazione linguistica dell avvocato 945 Peraltro si noti che negli studi del primo tipo, l inglese finisce per essere utilizzato anche quando l affare è quasi tutto italiano : è sufficiente infatti che uno solo dei destinatari dei costanti flussi di posta elettronica sia straniero per imporre l adozione della lingua veicolare. Beninteso ciò avviene prevalentemente nelle aree del diritto dell economia (poco importa se civile, commerciale, amministrativo, penale). Ma si estende in ambiti di crescente rilievo in società globali ed inter-connesse: il diritto di famiglia, quello del lavoro, l immigrazione, il diritto penale trans-nazionale. In particolare non si può fare a meno di segnalare come il crescente giorno dopo giorno sviluppo del diritto basato sul terzo pilastro del Trattato dell Unione Europea (cooperazione in materia di giustizia e di polizia) implica la necessità di interloquire con clienti, colleghi, autorità amministrative e anche giudiziarie di altri paesi europei. L importanza della formazione linguistica nella professione legale odierna risulta evidente da alcuni indicatori di mercato estremamente significativi. Il primo è, come si è visto, il notevole flusso di laureati italiani verso esperienze post-laurea all estero. Non è un caso che la destinazione preferita in termini numerici, è il Regno Unito, non tanto per la qualità intrinseca dei corsi offerti (molti sono decisamente inferiori a quelli universitari offerti da nostri docenti che, oltretutto, hanno una reputazione internazionale ed una visione non provinciale) quanto per il fatto che sono svolti in inglese. E così come il monolinguismo deprezza un eccellente titolo italiano, l inglese rivaluta un modesto titolo straniero. Il secondo indicatore è il proliferare di corsi di inglese giuridico per la maggior parte organizzati da soggetti privati, e, più raramente, da istituzioni pubbliche. Non è possibile esprimere un giudizio sul merito di tali iniziative spesso di durata assai variegata e con programmi non facilmente reperibili. D altronde non è questa la sede per tale genere di valutazioni. Piuttosto emerge che se il mercato delle professioni legali richiede talune abilità di cui vi è scarsità, vi è qualcuno, sempre nel mercato, che lo offre. E poiché né l esame d avvocato lo richiede, né gli Ordini lo possono imporre, la formazione linguistica dell avvocato italiano avviene completamente al di fuori di ogni indirizzo. Si potrebbe anche ritenere che è bene anzi meglio che sia così. Ma forse anche constatare che ciò comporta una significativa rinuncia ai propri compiti. 4. A voler prefigurare un ruolo più attivo degli Ordini in materia si possono ipotizzare diverse strade, pur in assenza di specifiche disposizioni normative che impongano all avvocato di possedere adeguate conoscenze linguistiche. (a) La prima, e più semplice, è quella di stipulare convenzioni con organismi riconosciuti e certificati perché assicurino corsi più o meno intensivi di lingua giuridica nelle diverse materie. La qualità dei soggetti erogatori non può essere data per automatica. Il livello di improvvisazione e, talvolta, pressapochismo è molto elevato in un area che è invece di alta specializzazione. Vi è poi una notevole presunzione da parte di chi abbia fatto qualche soggiorno all estero di poter insegnare il diritto di quel paese, in quella lingua. Come pure è del tutto insufficiente una buona preparazione nella glottodidattica per soddisfare le esigenze del professionista legale. (b) La seconda, più onerosa, soluzione consiste nell organizzare tali corsi direttamente nel paese la cui lingua ed il cui diritto si vuole imparare. Anche qui, ovviamente, valgo- Il ruolo del CNF e degli Ordini

15 946 Metodologia e didattica della formazione no le esigenze di verifica sulla qualità dei soggetti chiamati ad impartire i corsi. (c) Una terza soluzione, non alternativa, potrebbe essere quella di costituire dei gemellaggi con Ordini professionali di altri paesi e organizzare tali attività congiuntamente. Il coinvolgimento di organismi rappresentativi stranieri oltre che validante la qualità dei corsi, avrebbe anche la funzione di incentivare la formazione di una avvocatura europea. All interno di questi accordi è possibile immaginare corsi non solo nel paese straniero, ma anche a casa nostra. È improbabile che un numero elevato di avvocati stranieri vogliano imparare l italiano ed il suo diritto. Ma la straordinaria bellezza del nostro paese è tale da poter attrarre legali di altri paesi che in cambio di un soggiorno di relax in Italia sono disposti ad impegnare alcune ore della loro giornata nell insegnamento delle specifiche del proprio sistema giuridico, eventualmente anche in un rapporto ben noto nella formazione linguistica chiamato tandem in cui due persone, abbinate, apprendono l una dall altra. (d) In ogni caso un compito si impone al CNF: elaborare linee guida di deontologia professionale nei rapporti con colleghi e clienti stranieri. Oltre alla specifica previsione di cui all art. 4 del codice deontologico (relativo allo svolgimento di attività all estero e attività in Italia dello straniero), va tenuto presente l obbligo (evoluzione di quanto previsto dall art. 12: L avvocato non deve accettare incarichi che sappia di non poter svolgere con adeguata competenza ) di non assumere incarichi laddove non si sia in grado di comunicare adeguatamente nella loro lingua con l avvocato o con l assistito. Vi sono inoltre le specificità della nostra deontologia (sulla pubblicità, sugli onorari) e del nostro processo (il divieto di contatto con i testimoni) che devono essere adeguatamente illustrate. conclusioni Come si vede la formazione linguistica dell avvocato italiano apre prospettive che vanno ben oltre il mero arricchimento culturale e professionale, e tocca il futuro della professione in un mercato quello dei servizi giuridici sempre più competitivo e transnazionale.

16 ABBONATI a Diritto e formazione! INVIA PER FAX AL nr QUESTO COUPON UNITAMENTE ALL ATTESTAZIONE DEL VERSAMENTO DI 90,00 Sì, desidero abbonarmi a DIRITTO e FORMAZIONE, la Rivista giuridica bimestrale del CNF per la formazione e l aggiornamento degli Avvocati, edita da Futurgest srl. CONDIZIONI DI ABBONAMENTO COME EFFETTUARE IL PAGAMENTO Abbonamento annuo a Diritto e formazione per 6 fascicoli bimestrali: 90,00 (per Italia) L abbonamento decorre dalla data di sottoscrizione e si intende perfezionato al ricevimento del presente coupon debitamente compilato, unitamente all attestazione del versamento della quota di abbonamento. L abbonamento comprende l accesso tramite registrazione gratuita al sito nel quale troverai: i numeri di Diritto e formazione in versione digitale + l archivio storico i testi delle sentenze e delle leggi citate i sommari e gli indici completi di motore per la ricerca full text I fascicoli non pervenuti all abbonato devono essere reclamati al ricevimento del fascicolo successivo. Dopo tale termine si rispediscono, se disponibili, contro rimessa dell importo relativo. Per ogni effetto l abbonato elegge domicilio presso la Casa editrice. Tramite bonifico bancario alle seguenti coordinate: Banco Posta IT83 M intestato a Futurgest Srl Editrice. Indicare nella causale Abbonamento a DF e specificare il nome dell intestatario dell abbonamento. Tramite bollettino postale C/C nr , intestato a Futurgest Srl Editrice. Indicare nella causale Abbonamento a DF e specificare il nome dell intestatario dell abbonamento. Mediante carta di credito direttamente dal sito INTESTATARIO DELL ABBONAMENTO COGNOME (o Ragione Sociale) NOME CODICE FISCALE P. IVA INDIRIZZO CAP CITTÀ TEL. CELL DATI PER LA FATTURAZIONE DELL ABBONAMENTO (SE DIVERSI DALL INTESTATARIO) COGNOME (o Ragione Sociale) NOME CODICE FISCALE P. IVA INDIRIZZO CAP CITTÀ TEL. CELL Clausola contrattuale: La sottoscrizione dell abbonamento dà diritto a ricevere informazioni commerciali su prodotti e servizi da FUTURGEST. Se non li desidera, barri qui Informativa ex D. Lgs. 196/03: FUTURGEST S.r.l., Titolare del trattamento, tratta i dati personali liberamente conferiti per fornire i servizi indicati e, se lo desidera, per aggiornarla su iniziative e offerte del Gruppo. Potrà esercitare i diritti dell art. 7, D. Lgs. 196/03 rivolgendosi al Responsabile del trattamento presso FUTURGEST S.r.l via Maioliche 57H, Rovereto. I dati potranno essere trattati da incaricati preposti agli ordini, al marketing, all amministrazione, al servizio clienti e potranno essere comunicati alle Società del Gruppo per gli stessi fini della raccolta, a società esterne per l evasione dell ordine e per l invio di materiale promozionale e agli istituti bancari. Consenso: Attraverso il conferimento del Suo indirizzo , del numero di telefax e/o di telefono e/o di cellulare (del tutto facoltativi) esprime il Suo specifico consenso all utilizzo di detti strumenti per l invio di informazioni commerciali. PARTICOLARI CONDIZIONI DI FAVORE PER LE SCUOLE FORENSI E GLI ENTI DI FORMAZIONE informazioni:

17 Registrati al sito e troverai: i numeri di Diritto e formazione in versione digitale i testi delle sentenze e delle leggi citate l archivio storico di Diritto & formazione i sommari e gli indici completi di motore per la ricerca full text La registrazione, riservata agli abbonati alla rivista Diritto e formazione, è gratuita!

SIOI Società Italiana per l Organizzazione Internazionale

SIOI Società Italiana per l Organizzazione Internazionale Università degli Studi di Camerino SIOI Società Italiana per l Organizzazione Internazionale Università degli Studi di Roma Tor Vergata MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO in COOPERAZIONE GIUDIZIARIA INTERNAZIONALE

Dettagli

COLLEGIO PERITI INDUSTRIALI MILANO E LODI E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA L INGLESE FA LA FORZA! organizza i corsi:

COLLEGIO PERITI INDUSTRIALI MILANO E LODI E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA L INGLESE FA LA FORZA! organizza i corsi: d d d COLLEGIO PERITI INDUSTRIALI MILANO E LODI E UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL INSUBRIA L INGLESE FA LA FORZA! DO Collegio Periti Industriali delle Province di Milano e Lodi in collaborazione con Università

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL AQUILA Amministrazione centrale Settore master

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL AQUILA Amministrazione centrale Settore master UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DELL AQUILA Amministrazione centrale Settore master Rep. n. 733-2014 Prot. n.24108 del 5.08.2014 Allegati / Anno2014 tit.iii cl. 5 fasc.11 DIPARTIMENTO DI INGEGNERIA INDUSTRIALE

Dettagli

CONSULENZA GRAFOLOGICA PERITALE GIUDIZIARIA E DELL ETÀ EVOLUTIVA

CONSULENZA GRAFOLOGICA PERITALE GIUDIZIARIA E DELL ETÀ EVOLUTIVA MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014 2015 XI Edizione CONSULENZA GRAFOLOGICA PERITALE GIUDIZIARIA E DELL ETÀ EVOLUTIVA DIRETTORE: Prof. Marco Bartoli COORDINATORE: Prof. Sergio Deragna

Dettagli

Master di I livello In MICROCREDITO. I edizione I sessione

Master di I livello In MICROCREDITO. I edizione I sessione Master di I livello In MICROCREDITO NASCITA E SVILUPPO DELLA MICROIMPRESA (1500 h 60 cfu) Anno Accademico 2014/2015 I edizione I sessione Art. 1 - ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano attiva,

Dettagli

Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Scienze della Formazione

Università degli Studi dell Aquila Facoltà di Scienze della Formazione Dispositivo n. 29-2010 del 29 novembre 2010 Prot. n. 1949-2010 del 29 novembre 2010 La Preside della VISTO il DPR 11 luglio 1980, n 382, in particolare gli artt. 9, 100 e 114, e successive modificazioni

Dettagli

Corso di preparazione all'esame di Stato per Dottori Commercialisti

Corso di preparazione all'esame di Stato per Dottori Commercialisti Corso di preparazione all'esame di Stato per Dottori Commercialisti Preparare l Esame di Stato per Dottori Commercialisti non è cosa semplice; il corso intensivo di preparazione all'esame di abilitazione

Dettagli

Mediazione Linguistica per l impresa

Mediazione Linguistica per l impresa Scuola Superiore per Mediatori Linguistici Perugia Università degli Studi Internazionali di Roma - UNINT FACOLTÀ DI INTERPRETARIATO E TRADUZIONE e la Scuola Superiore per mediatori Linguistici di Perugia

Dettagli

Enti Pubblici Aziende Regionali ISTITUTO REGIONALE JEMOLO

Enti Pubblici Aziende Regionali ISTITUTO REGIONALE JEMOLO Enti Pubblici Aziende Regionali ISTITUTO REGIONALE JEMOLO Avviso Bando Corso Uditore giudiziario 2015 BANDO PER L AMMISSIONE A 50 POSTI AL CORSO INTENSIVO DI PREPARAZIONE AL CONCORSO PER UDITORE GIUDIZIARIO

Dettagli

Diritto di Famiglia e tutela dei Minori

Diritto di Famiglia e tutela dei Minori Master biennale di II livello Diritto di Famiglia e tutela dei Minori (In sigla PLMA03) (1500 ore 60 CFU) Anno Accademico 2013/2014 2014/2015 1 Titolo DIRITTO DI FAMIGLIA E TUTELA DEI MINORI Direttore

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE U Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A ALLE VENDITE Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un

Dettagli

Diritto dell Unione Europea e delle migrazioni

Diritto dell Unione Europea e delle migrazioni Master biennale di II livello Diritto dell Unione Europea e delle migrazioni (In sigla PLMA08) (1500 ore - 60 CFU) Anno Accademico 2013/2014 2014/2015 1 Titolo DIRITTO DELL UNIONE EUROPEA E DELLLE MIGRAZIONI

Dettagli

CORSO DI PREPARAZIONE ALL ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI AVVOCATO (sessione 2015) (24 ore)

CORSO DI PREPARAZIONE ALL ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI AVVOCATO (sessione 2015) (24 ore) CORSO DI PREPARAZIONE ALL ESAME DI STATO DI ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI AVVOCATO (sessione 2015) (24 ore) Anno Accademico 2015/2016 I edizione I sessione Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi

Dettagli

Facoltà di Economia Sede di Latina CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN ANTIRICICLAGGIO A.A. 2014/2015. Regolamento

Facoltà di Economia Sede di Latina CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN ANTIRICICLAGGIO A.A. 2014/2015. Regolamento Facoltà di Economia Sede di Latina CORSO DI ALTA FORMAZIONE IN ANTIRICICLAGGIO A.A. 2014/2015 Regolamento Articolo 1 - Introduzione L Università degli Studi di Roma La Sapienza, in attuazione di quanto

Dettagli

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011

Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 Regolamento didattico del Corso di Laurea Magistrale in Storia e Civiltà europee (classe LM-84) a.a. 2010/2011 ART. 1 Finalità 1. Il presente Regolamento disciplina il Corso di Laurea Magistrale in Storia

Dettagli

MINISTERO DELL ISTRUZIONE,DELL UNIVERSITA e DELLA RICERCA

MINISTERO DELL ISTRUZIONE,DELL UNIVERSITA e DELLA RICERCA MINISTERO DELL ISTRUZIONE,DELL UNIVERSITA e DELLA RICERCA UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE PER IL LAZIO ISTITUTO COMPRENSIVO STATALE TREVIGNANO Tommaso Silvestri DISTRETTO 30 Piazza Vittorio Emanuele III-00069

Dettagli

MASTER di II Livello. Diritto dell Unione Europea. 2ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015-2015/2016 MAF49

MASTER di II Livello. Diritto dell Unione Europea. 2ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015-2015/2016 MAF49 MASTER di II Livello Diritto dell Unione Europea 2ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015-2015/2016 MAF49 Pagina 1/5 Titolo Diritto dell Unione Europea Edizione 2ª EDIZIONE Area ACCADEMIA

Dettagli

Criminologia e studi giuridici forensi MA 100

Criminologia e studi giuridici forensi MA 100 Master di I livello (1925 ore 77 CFU) Anno Accademico 2011/2012 Criminologia e studi giuridici forensi MA 100 Titolo Criminologia e studi giuridici forensi La Criminologia sta assumendo un ruolo sempre

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp)

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp) BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE (Master PrevComp) Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Economia Anno Accademico

Dettagli

Diritto Tributario. Master Universitario di secondo livello. III edizione. Facoltà di Economia. Anno Accademico 2013/2014. In collaborazione con:

Diritto Tributario. Master Universitario di secondo livello. III edizione. Facoltà di Economia. Anno Accademico 2013/2014. In collaborazione con: Diritto Tributario Master Universitario di secondo livello Facoltà di Economia III edizione Anno Accademico 2013/2014 In collaborazione con: L Università Cattolica del Sacro Cuore attiva per l anno accademico

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni VI edizione A.A. 2014/2015 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto

(Emanato con D.R. n. 1032/15 del 02.11.2015) REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto REGOLAMENTO DIDATTICO DEL CORSO DI STUDIO IN GIURISPRUDENZA (LMG01) Art. 1 Oggetto Il presente regolamento disciplina le finalità, l organizzazione e il funzionamento del Corso di studio in Giurisprudenza

Dettagli

Studi di settore: recenti novità, modalità di compilazione e profili di difesa

Studi di settore: recenti novità, modalità di compilazione e profili di difesa Scuola di Specializzazione in diritto tributario nazionale Settimo modulo Studi di settore: recenti novità, modalità di compilazione e profili di difesa 1 incontro il 08/05/2012 14.30-18.30 coordinatore:

Dettagli

LICEO SCIENZE UMANE P. SECCO SUARDO. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI DIRITTO - ECONOMIA Anno scolastico 2015 / 2016

LICEO SCIENZE UMANE P. SECCO SUARDO. PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI DIRITTO - ECONOMIA Anno scolastico 2015 / 2016 LICEO SCIENZE UMANE P. SECCO SUARDO PROGRAMMAZIONE ANNUALE DI DIRITTO - ECONOMIA Anno scolastico 2015 / 2016 FINALITA SPECIFICHE Il corso di Diritto nel biennio promuove e sviluppa: 1) la comprensione

Dettagli

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art.

SEZIONE III - Corsi di Aggiornamento, Perfezionamento e di Formazione professionale. SEZIONE I Disposizioni generali. Art. Regolamento per l istituzione e la gestione dei Master universitari di I e di II livello, dei Corsi di aggiornamento, perfezionamento e di formazione professionale SEZIONE I- Disposizioni generali SEZIONE

Dettagli

Istituto Regionale di Studi Giuridici del Lazio Arturo Carlo Jemolo

Istituto Regionale di Studi Giuridici del Lazio Arturo Carlo Jemolo BANDO PER L AMMISSIONE A 50 POSTI AL CORSO LA PROTEZIONE DEI DATI PERSONALI NELLA TUTELA ATTIVA DEI DIRITTI E DEGLI INTERESSI DI IMPRESE ED ENTI: FINALITÀ DIFENSIVE, USO DI BANCHE DATI SU RISCHI CREDITIZI

Dettagli

Il Rettore. Decreto n. 4597 (23) Anno 2016

Il Rettore. Decreto n. 4597 (23) Anno 2016 Pubblicato sull'albo Ufficiale (n. 20) consultabile fino al 18 maggio 2016 Il Rettore Decreto n. 4597 (23) Anno 2016 VISTI gli articoli 16 e 17 del decreto del Presidente della Repubblica n. 162/82 e l

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni

MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni dipartimento di scienze politiche MASTER UNIVERSITARIO di II livello in Gestione del Lavoro nelle Pubbliche Amministrazioni V edizione A.A. 2013/2014 Nota: per le modalità concorsuali, si prega cortesemente

Dettagli

CONVENZIONE. tra l Università telematica delle Scienze Umane NICCOLO CUSANO e il Comune di Roma

CONVENZIONE. tra l Università telematica delle Scienze Umane NICCOLO CUSANO e il Comune di Roma CONVENZIONE tra l Università telematica delle Scienze Umane NICCOLO CUSANO e il Comune di Roma L UNIVERSITÀ DELLE SCIENZE UMANE UNISU NICCOLO CUSANO, (P. IVA 09073721004), istituita con decreto del Ministero

Dettagli

"TOURISM MANAGEMENT" (1500 h 60 CFU)

TOURISM MANAGEMENT (1500 h 60 CFU) Master di I livello In "TOURISM MANAGEMENT" (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 edizione I sessione I Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma, attiva il Master

Dettagli

Criminologia e studi giuridici forensi MA 056

Criminologia e studi giuridici forensi MA 056 Master di I livello (1875 ore 75 CFU) Anno Accademico 2011/2012 Criminologia e studi giuridici forensi MA 056 Titolo Criminologia e studi giuridici forensi La Criminologia sta assumendo un ruolo sempre

Dettagli

Art. 3 Domanda e modalità per l ammissione Per essere ammesso al Master, il candidato dovrà effettuare online, entro la data 8 luglio 2015:

Art. 3 Domanda e modalità per l ammissione Per essere ammesso al Master, il candidato dovrà effettuare online, entro la data 8 luglio 2015: MODALITÀ DI AMMISSIONE E ISCRIZIONE AL MASTER DI 1 LIVELLO IN CUCINA POPOLARE ITALIANA DI QUALITÀ ANNO ACCADEMICO 2015/2016 Art. 1 Indicazioni di carattere generale L Università degli Studi di Scienze

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp)

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp) BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE (Master PrevComp) Università degli Studi della Tuscia DEIM Anno Accademico 2014-2015 Indicazioni

Dettagli

Approvazione Convenzione tra Regione Piemonte e Universita' degli Studi di Torino, ai sensi della d.g.r. 7-2062 del 7/9/2015

Approvazione Convenzione tra Regione Piemonte e Universita' degli Studi di Torino, ai sensi della d.g.r. 7-2062 del 7/9/2015 REGIONE PIEMONTE BU43 29/10/2015 Codice A1108A D.D. 8 settembre 2015, n. 512 Approvazione Convenzione tra Regione Piemonte e Universita' degli Studi di Torino, ai sensi della d.g.r. 7-2062 del 7/9/2015

Dettagli

Master Universitario di I livello (X edizione- I sessione)

Master Universitario di I livello (X edizione- I sessione) Master Universitario di I livello (X edizione- I sessione) in GESTIONE DEL COORDINAMENTO NELLE PROFESSIONI SANITARIE Anno Accademico 015/016 Presso l Università degli Studi Niccolò Cusano Telematica Roma

Dettagli

CURRICULUM VITAE. Fabio Alonzi,

CURRICULUM VITAE. Fabio Alonzi, CURRICULUM VITAE Fabio Alonzi, Laurea in giurisprudenza conseguita, nel 1994, presso l Università La Sapienza di Roma, discutendo una tesi in Procedura penale, relatore Prof. F. Cordero, sul tema Profili

Dettagli

Management delle aziende sanitarie

Management delle aziende sanitarie ANNO ACCADEMICO 2009-2010 BANDO DI CONCORSO Hsfhjgh.jvn.xcbvmn-lòkjbfdgjwà

Dettagli

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale

Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione. Parte generale Regolamento didattico del corso di laurea triennale in Giurista dell Impresa e dell Amministrazione Capo I. Disposizioni generali Parte generale Art. 1. Ambito di competenza 1. Il presente Regolamento

Dettagli

CARTA DEI VALORI DI AREA

CARTA DEI VALORI DI AREA approvata dall Assemblea di Roma l 8 giugno 2013 1. Identità e scopo 1. Siamo magistrati italiani ed europei, orgogliosi di far parte di una magistratura indipendente e autonoma, che, proprio perché tale,

Dettagli

Master Universitario di I livello

Master Universitario di I livello D.R. n 91/2012 Prot. n 209/2012 UNIVERSITA' TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA In convenzione con SPM 2004 S.r.l. Formazione Master Universitario di I livello In POLITICHE PER LE SOCIETÀ MULTIETNICHE E GESTIONE

Dettagli

SICUREZZA DEL LAVORO E RESPONSABILITA DELLE IMPRESE

SICUREZZA DEL LAVORO E RESPONSABILITA DELLE IMPRESE www.formazione.ilsole24ore.com A M B I E N T E / D I R I T T O SICUREZZA DEL LAVORO E RESPONSABILITA DELLE IMPRESE VENEZIA MARGHERA 1, 2 e 7 OTTOBRE 2009 1 OTTOBRE 2009 Il Testo Unico sulla sicurezza del

Dettagli

"Pedagogia e didattica per l innovazione scolastica" (1500 h 60 CFU)

Pedagogia e didattica per l innovazione scolastica (1500 h 60 CFU) Master di I livello In "Pedagogia e didattica per l innovazione scolastica" (1500 h 60 CFU) Anno Accademico 2013/2014 edizione I sessione III Art. 1 ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano

Dettagli

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s.

Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia. Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale. a.s. Programmazione del dipartimento di Diritto e Economia Biennio del Liceo delle Scienze Umane e del Liceo Economico Sociale a.s. 2015-2016 Premessa La seguente programmazione è stata sviluppata a partire

Dettagli

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare?

L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? L asse storico sociale Diritto ed Economia politica: che cosa e come insegnare? Rosamaria Maggio Il contesto europeo Da un esame dei documenti dell Unione Europea in materia di istruzione - sia per quanto

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FERRARA MANIFESTO DEGLI STUDI ANNO ACCADEMICO 2001/2002 Corso di laurea in MATEMATICA APPLICATA Classe 32 : Scienze Matematiche NUOVA ORGANIZZAZIONE DIDATTICA Le novità contenute

Dettagli

CORSI POMERIDIANI E SERALI PER ADULTI

CORSI POMERIDIANI E SERALI PER ADULTI CORSI POMERIDIANI E SERALI PER ADULTI Preparazione agli Esami di Stato per Dirigenti di comunità CANDIDATI ESTERNI - ISCRIZIONI 1) I Corsi di preparazione agli Esami per Dirigenti di comunità sono destinati

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI

REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI REGOLAMENTO PER L ISTITUZIONE E IL FUNZIONAMENTO DEI CORSI DI MASTER UNIVERSITARI (emanato con Decreto Rettorale N. 645 del 12/03/2003) ART. 1 - Ambito di applicazione... 2 ART. 2 - Titoli per l accesso...

Dettagli

Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali

Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali Facoltà di GIURISPRUDENZA Scuola di Specializzazione per le Professioni Legali Prot. n. 587 del 24.04.2012 IL DIRETTORE VISTO il Decreto Ministeriale n. 537 del 21 dicembre 1999 Regolamento recante norme

Dettagli

" MULTIMEDIALITA E LIM: IDEE E SOLUZIONI PER UNA DIDATTICA

 MULTIMEDIALITA E LIM: IDEE E SOLUZIONI PER UNA DIDATTICA UNIVERSITA' EUROPEA DI ROMA Corso di perfezionamento e aggiornamento professionale (ex art. 6 comma 2 lettera c L. 341/90) in " MULTIMEDIALITA E LIM: IDEE E SOLUZIONI PER UNA DIDATTICA INNOVATIVA " 1500

Dettagli

MASTER di I Livello. MA297 - Criminologia e studi giuridici forensi 3ª EDIZIONE. 1925 ore 77 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA297

MASTER di I Livello. MA297 - Criminologia e studi giuridici forensi 3ª EDIZIONE. 1925 ore 77 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA297 MASTER di I Livello 3ª EDIZIONE 1925 ore 77 CFU Anno Accademico 2014/2015 MA297 Pagina 1/7 Titolo Edizione 3ª EDIZIONE Area FORZE ARMATE Categoria MASTER Livello I Livello Anno accademico 2014/2015 Durata

Dettagli

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze

ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE. Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze ACCORDO TRA LA REGIONE MARCHE E L UFFICIO SCOLASTICO REGIONALE Visti: - gli artt. 117 e 118 della Costituzione che assegnano alle Regioni competenze esclusive in materia di Istruzione e Formazione Professionale

Dettagli

MASTER di II Livello. Diritto di Famiglia, dei Minori e delle Persone. 2ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015-2015/2016 MAF41

MASTER di II Livello. Diritto di Famiglia, dei Minori e delle Persone. 2ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015-2015/2016 MAF41 MASTER di II Livello 2ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2014/2015-2015/2016 MAF41 Pagina 1/6 Titolo Edizione 2ª EDIZIONE Area ACCADEMIA FORENSE Categoria MASTER Livello II Livello Anno accademico

Dettagli

Corso di Specializzazione in Infortunistica Stradale

Corso di Specializzazione in Infortunistica Stradale Corso di Specializzazione in Infortunistica Stradale OBIETTIVI Il corso si propone di approfondire la disciplina degli istituti sostanziali e processuali in tema di responsabilità civile derivante da circolazione

Dettagli

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO

PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Allegato parte integrante regolamento PROVINCIA AUTONOMA DI TRENTO Regolamento per l inserimento e l integrazione degli studenti stranieri nel sistema educativo provinciale (articolo 75 della legge provinciale

Dettagli

DIRITTI UMANI E PUBBLICI POTERI

DIRITTI UMANI E PUBBLICI POTERI CORSO DI PERFEZIONAMENTO DIRITTI UMANI E PUBBLICI POTERI LA TUTELA NON GIURISDIZIONALE DEI DIRITTI DELLA PERSONA NEI CONFRONTI DELLA PUBBLICA AMMINISTRAZIONE Sede amministrativa/organizzativa del corso:

Dettagli

CORSO DI FORMAZIONE SCUOLA DI PREPARAZIONE PER L'ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI AVVOCATO

CORSO DI FORMAZIONE SCUOLA DI PREPARAZIONE PER L'ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI AVVOCATO CORSO DI FORMAZIONE SCUOLA DI PREPARAZIONE PER L'ABILITAZIONE ALLA PROFESSIONE DI AVVOCATO 1ª EDIZIONE 300 ore 12 CFU Anno Accademico 2014/2015 FORM102 Pagina 1/6 Titolo SCUOLA DI PREPARAZIONE PER L'ABILITAZIONE

Dettagli

COMUNICO PER MOTIVARE

COMUNICO PER MOTIVARE COMUNICO PER MOTIVARE Motivare allo studio e promuovere l autoefficacia degli studenti attraverso una comunicazione efficace Corso di Alta Formazione Facoltà di Psicologia SPAEE - Servizio di Psicologia

Dettagli

Enti Pubblici Aziende Regionali ISTITUTO REGIONALE JEMOLO

Enti Pubblici Aziende Regionali ISTITUTO REGIONALE JEMOLO Enti Pubblici Aziende Regionali ISTITUTO REGIONALE JEMOLO Avviso Bando Corso il nuovo processo amministrativo tra teoria e pratica COD 03CAT15 BANDO PER L AMMISSIONE A 50 POSTI AL IL NUOVO PROCESSO AMMINISTRATIVO

Dettagli

BANDO DI CONCORSO Emanato con DR278/2014

BANDO DI CONCORSO Emanato con DR278/2014 BANDO DI CONCORSO Emanato con DR278/2014 CORSO DI ALTA FORMAZIONE Corso di formazione Manageriale per Direttori Generali, Sanitari, Amministrativi delle Aziende Sanitarie - di Nuova Nomina II edizione

Dettagli

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTA DI ECONOMIA FONDAZIONE O.N.A.O.S.I. (OPERA NAZIONALE ASSISTENZA ORFANI SANITARI ITALIANI)

UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTA DI ECONOMIA FONDAZIONE O.N.A.O.S.I. (OPERA NAZIONALE ASSISTENZA ORFANI SANITARI ITALIANI) UNIVERSITA DEGLI STUDI DI PERUGIA FACOLTA DI ECONOMIA E FONDAZIONE O.N.A.O.S.I. (OPERA NAZIONALE ASSISTENZA ORFANI SANITARI ITALIANI) BANDO DI CONCORSO PER L AMMISSIONE AL MASTER DI I LIVELLO IN ECONOMIA

Dettagli

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A AI SERVIZI AMMINISTRATIVI D IMPRESA

CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A AI SERVIZI AMMINISTRATIVI D IMPRESA CORSO DI OPERATORE/TRICE ADDETTO/A AI SERVIZI AMMINISTRATIVI D IMPRESA Il Consorzio per la Formazione Professionale e per l Educazione Permanente è un Ente Pubblico, gestito da un consorzio di Comuni che

Dettagli

MA240 - Criminologia e studi giuridici forensi (III edizione) 1925 ore - 77 CFU Anno Accademico 2013/2014 MA240

MA240 - Criminologia e studi giuridici forensi (III edizione) 1925 ore - 77 CFU Anno Accademico 2013/2014 MA240 MASTER di I Livello MA240 - Criminologia e studi giuridici forensi (III edizione) 1925 ore - 77 CFU Anno Accademico 2013/2014 MA240 www.unipegaso.it Titolo MA240 - Criminologia e studi giuridici forensi

Dettagli

ISCRIZIONI per l a.sc. 2016/2017

ISCRIZIONI per l a.sc. 2016/2017 Comunicazione n. 281 Vicenza, 11.2.2016 LICEO STATALE A.PIGAFETTA VIA P. CORDENONS, 1 36100 Vicenza Tel. 0444/543884 Fax 0444/326027 Ai Genitori e agli studenti delle classi PRIME - SECONDE TERZE - QUARTE

Dettagli

Articolo 1 (Definizioni)

Articolo 1 (Definizioni) REGOLAMENTO IN MATERIA DI CORSI PROFESSIONALIZZANTI: MASTER UNIVERSITARI, CORSI DI ALTA FORMAZIONE, CORSI DI FORMAZIONE PERMANENTE E SUMMER / WINTER SCHOOL Articolo 1 (Definizioni) Ai sensi del presente

Dettagli

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA

UNIVERSITÀ DEGLI STUDI DI FOGGIA FACOLTÀ DI MEDICINA E CHIRURGIA Foggia, 5 gennaio 2012 Prot. n. 174 VII.1 Rep. n. 10/2012 Il PRESIDE la Legge 30 dicembre, n. 240/2010 Norme in materia di organizzazione delle università, di personale accademico e reclutamento, nonché

Dettagli

UNISU UNIVERSITA TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE

UNISU UNIVERSITA TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE UNISU UNIVERSITA TELEMATICA DELLE SCIENZE UMANE Niccolò Cusano Relazione del Nucleo di Valutazione Relazione in ordine alle opinioni degli studenti frequentanti sulle attività didattiche telematiche Nucleo

Dettagli

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016

bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 bando per progetti sperimentali di innovazione didattica 2014-2016 rivolto a soggetti istituzionali rappresentativi del sistema delle scuole dell infanzia della provincia di Trento budget disponibile:

Dettagli

I CONVEGNI di Quotidiano Immobiliare

I CONVEGNI di Quotidiano Immobiliare Fondi Immobiliari per la Ristrutturazione del Debito Martedì 11 maggio 2010 NCTM - Studio Legale Associato Via Agnello, 12 - MILANO > Le opportunità offerte dai Fondi Immobiliari per la ristrutturazione

Dettagli

SEMINARI PER DOCENTI ESTERNI CONVENZIONATI LIVELLO 2 DELLA METODOLOGIA MOD.A.I. Libretto informativo 4 anno dell Accademia Modai

SEMINARI PER DOCENTI ESTERNI CONVENZIONATI LIVELLO 2 DELLA METODOLOGIA MOD.A.I. Libretto informativo 4 anno dell Accademia Modai SEMINARI PER DOCENTI ESTERNI CONVENZIONATI DELLA METODOLOGIA MOD.A.I. LIVELLO 2 Libretto informativo 4 anno dell Accademia Modai SEMINARI PER DOCENTI ESTERNI CONVENZIONATI LIVELLO 2 ACCADEMIA MOD.A.I.

Dettagli

UNIVERSITA' EUROPEA DI ROMA. C o r s o b i e n n a l e d i p e r f e z i o n a m e n t o

UNIVERSITA' EUROPEA DI ROMA. C o r s o b i e n n a l e d i p e r f e z i o n a m e n t o UNIVERSITA' EUROPEA DI ROMA C o r s o b i e n n a l e d i p e r f e z i o n a m e n t o (ex art. 6 comma 2 lettera c L. 341/90) in PROGETTAZIONE EDUCATIVA: LA NUOVA PROFESSIONALITA DOCENTE TRA AUTONOMIA

Dettagli

ALLEGATO A TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti.

ALLEGATO A TRA. la Regione Liguria UNIVERSITÀ DI GENOVA ASSOCIAZIONI SINDACALI ASSOCIAZIONI DATORIALI. di seguito denominate Parti. ALLEGATO A Apprendistato 2013 2015 PERCORSI DI ALTA FORMAZIONE (art. 5 D. Lgs. 14 settembre 2011, n. 167 ) (art. 41 della Legge regionale 11 maggio 2009 n. 18) PROTOCOLLO DI INTESA TRA la Regione Liguria

Dettagli

ART. 1 Oggetto del Regolamento

ART. 1 Oggetto del Regolamento REGOLAMENTO DELLA SCUOLA DI SPECIALIZZAZIONE IN DIDATTICA DELL ITALIANO COME LINGUA STRANIERA ART. 1 Oggetto del Regolamento Il presente regolamento disciplina, ai sensi dell articolo 1 comma 3 del Regolamento

Dettagli

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp)

MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE. (Master PrevComp) BANDO DI AMMISSIONE AL MASTER UNIVERSITARIO DI II LIVELLO IN ECONOMIA E DIRITTO DELLA PREVIDENZA COMPLEMENTARE (Master PrevComp) Università degli Studi della Tuscia Facoltà di Economia Anno Accademico

Dettagli

Master di I livello In RETAIL MANAGEMENT: GESTIONE DELLE RETI COMMERCIALI. I edizione I sessione

Master di I livello In RETAIL MANAGEMENT: GESTIONE DELLE RETI COMMERCIALI. I edizione I sessione Master di I livello In RETAIL MANAGEMENT: GESTIONE DELLE RETI COMMERCIALI (1500 h 60 cfu) Anno Accademico 2015/2016 I edizione I sessione Art. 1 - ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano attiva,

Dettagli

Corso per Datori di Lavoro RSPP (art. 34 D.Lgs 81/08 e s.m.i)

Corso per Datori di Lavoro RSPP (art. 34 D.Lgs 81/08 e s.m.i) Corso per Datori di Lavoro RSPP (art. 34 D.Lgs 81/08 e s.m.i) Destinatari Datori di lavoro che intendono e possono svolgere direttamente i compiti propri del responsabile del servizio di prevenzione e

Dettagli

MODALITÀ DI AMMISSIONE E ISCRIZIONE AL MASTER DI 1 LIVELLO IN CULTURA DEL VINO ITALIANO ANNO ACCADEMICO 2015/2016

MODALITÀ DI AMMISSIONE E ISCRIZIONE AL MASTER DI 1 LIVELLO IN CULTURA DEL VINO ITALIANO ANNO ACCADEMICO 2015/2016 MODALITÀ DI AMMISSIONE E ISCRIZIONE AL MASTER DI 1 LIVELLO IN CULTURA DEL VINO ITALIANO ANNO ACCADEMICO 2015/2016 Art. 1 Indicazioni di carattere generale L Università degli Studi di Scienze Gastronomiche,

Dettagli

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 2 BORSE DI STUDIO MAESTRA GINA

BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 2 BORSE DI STUDIO MAESTRA GINA BANDO PER L ASSEGNAZIONE DI N. 2 BORSE DI STUDIO MAESTRA GINA Art. 1 - Premesse Il Comune di Amaroni promuove un bando per l assegnazione di due borse di studio denominato Maestra Gina, grazie a Venanzio

Dettagli

Master in critica giornalistica Teatro Cinema Televisione Musica a.a. 2010/2011

Master in critica giornalistica Teatro Cinema Televisione Musica a.a. 2010/2011 Art. 1 Master in critica giornalistica Teatro Cinema Televisione Musica a.a. 2010/2011 Per l anno accademico 2010/2011, è istituito, presso l Accademia Nazionale d Arte Drammatica Silvio D Amico, il master

Dettagli

Master biennale di II livello Diritto e Processo Tributario

Master biennale di II livello Diritto e Processo Tributario Master biennale di II livello Diritto e Processo Tributario (MAF-46 I edizione) (1500 ore - 60 CFU) Anno Accademico 2014/2015 2015/2016 1 Titolo DIRITTO E PROCESSO TRIBUTARIO Direttore Prof.ssa Livia Salvini

Dettagli

I Edizione SECURITY MANAGER

I Edizione SECURITY MANAGER MASTER UNIVERSITARIO DI I LIVELLO Anno Accademico 2014-2015 I Edizione SECURITY MANAGER Il Master è organizzato dall Università LUMSA in convenzione con il Consorzio Universitario Humanitas DIRETTORE:

Dettagli

Tutti i requisiti di cui ai punti precedenti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine ultimo per la presentazione della domanda.

Tutti i requisiti di cui ai punti precedenti devono essere posseduti alla data di scadenza del termine ultimo per la presentazione della domanda. Selezione pubblica, per titoli e colloquio, per figure madrelingua di: inglese tedesco francese spagnolo per incarichi di prestazione autonoma di insegnamento e attività di traduzioni presso il Centro

Dettagli

POR CALABRIA 2000-2006, MISURA 3.7 AZIONE 3.7.b POR FSE CALABRIA 2007-2013 - ASSE IV CAPITALE UMANO OBIETTIVO OPERATIVO L.1 E L.2

POR CALABRIA 2000-2006, MISURA 3.7 AZIONE 3.7.b POR FSE CALABRIA 2007-2013 - ASSE IV CAPITALE UMANO OBIETTIVO OPERATIVO L.1 E L.2 POR CALABRIA 2000-2006, MISURA 3.7 AZIONE 3.7.b POR FSE CALABRIA 2007-2013 - ASSE IV CAPITALE UMANO OBIETTIVO OPERATIVO L.1 E L.2 PIANO REGIONALE PER LE RISORSE UMANE - PIANO D'AZIONE 2008 Il Centro Linguistico

Dettagli

Coordinatore educativo nei servizi per l infanzia a.a. 2011-2012

Coordinatore educativo nei servizi per l infanzia a.a. 2011-2012 Master di II livello Coordinatore educativo nei servizi per l infanzia a.a. 2011-2012 Obiettivi formativi Il Master si propone come un percorso altamente specializzato, finalizzato a formare professionisti

Dettagli

Master di I livello In GESTIONE ED AMMINISTRAZIONE DELLE RISORSE UMANE. I edizione II sessione

Master di I livello In GESTIONE ED AMMINISTRAZIONE DELLE RISORSE UMANE. I edizione II sessione Master di I livello In GESTIONE ED AMMINISTRAZIONE DELLE RISORSE UMANE (1500 h 60 cfu) Anno Accademico 2014/2015 I edizione II sessione Art. 1 - ATTIVAZIONE L Università degli Studi Niccolò Cusano attiva,

Dettagli

Master di II livello Diritto e Processo Tributario

Master di II livello Diritto e Processo Tributario Master di II livello Diritto e Processo Tributario (MAF-16) (1500 ore - 60 CFU) Anno Accademico 2012/2013 1 Titolo DIRITTO E PROCESSO TRIBUTARIO Direttore Prof.ssa Livia Salvini (Professore Ordinario di

Dettagli

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011)

REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO. (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) REGOLAMENTO PER L ATTIVAZIONE E L ORGANIZZAZIONE DEI MASTER UNIVERSITARI E DEI CORSI DI PERFEZIONAMENTO (Emanato con D.R. n. 409 in data 07/04/2011) TITOLO I MASTER UNIVERSITARI DI PRIMO E DI SECONDO LIVELLO

Dettagli

I Rettori dell Università per Stranieri di Siena, dell Università degli Studi Roma Tre e dell Università per Stranieri di Perugia DECRETA

I Rettori dell Università per Stranieri di Siena, dell Università degli Studi Roma Tre e dell Università per Stranieri di Perugia DECRETA Progetto-pilota per l invio all estero presso gli Enti gestori dei corsi di lingua e cultura italiana ex D.Lgs. 297/94 di neolaureati con specifiche competenze didattico-metodologiche nell insegnamento

Dettagli

Avviso pubblico: richiesta di manifestazioni di interesse all erogazione di

Avviso pubblico: richiesta di manifestazioni di interesse all erogazione di Avviso pubblico: richiesta di manifestazioni di interesse all erogazione di docenza per il percorso biennale Tecnico superiore per l ideazione, la progettazione e lo sviluppo di applicazioni mobile 1.

Dettagli

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN CONDOMINIO

CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN CONDOMINIO CORSO DI SPECIALIZZAZIONE IN CONDOMINIO FINALITA E OBIETTIVI l corso si propone di approfondire la disciplina sostanziale e processuale degli istituti propri del condominio anche alla luce dei recenti

Dettagli

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali

Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali Ministero delle politiche agricole alimentari e forestali DIPARTIMENTO DELLE POLITICHE COMPETITIVE DEL MONDO RURALE E DELLA QUALITA DIREZIONE GENERALE DEI SERVIZI AMMINISTRATIVI BANDO DI CONCORSO PER LA

Dettagli

REGOLAMENTO DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E

REGOLAMENTO DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E Allegato A REGOLAMENTO DELL AUTORITÀ PER L ENERGIA ELETTRICA E IL GAS PER IL CONFERIMENTO A TERZI DI INCARICHI DI STUDIO, RICERCA E CONSULENZA E DI INCARICHI IN REGIME DI COLLABORAZIONE COORDINATA E CONTINUATIVA

Dettagli

DOCCIA SERVICE SRL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI

DOCCIA SERVICE SRL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI DOCCIA SERVICE SRL REGOLAMENTO PER IL RECLUTAMENTO DEL PERSONALE ED IL CONFERIMENTO DI INCARICHI PROFESSIONALI Art. 1 Oggetto e norme di riferimento 1. Il presente regolamento disciplina le procedure per

Dettagli

Disturbi dell apprendimento e disturbi del comportamento in età evolutiva

Disturbi dell apprendimento e disturbi del comportamento in età evolutiva in collaborazione con Centro Interdisciplinare Di Ricerca Sui Disturbi Dell apprendimento MASTER ONLINE Disturbi dell apprendimento e disturbi del comportamento in età evolutiva Formazione a distanza -

Dettagli

Associazione Pisana Periti Industriali

Associazione Pisana Periti Industriali Tel. 328-768933/38-7130501 - Fax 050-502560 e-mail: segreteria@appi-pisa.it C.F. e P.Iva 0197230506 Spett/le Collegio Periti Industriali di Pisa Collegio Periti Industriali di Firenze Collegio Periti Industriali

Dettagli

MASTER di II Livello LA FUNZIONE DOCENTE E IL PIANO TRIENNALE DELL'OFFERTA FORMATIVA: DIDATTICA, INCLUSIVITA' E VALUTAZIONE

MASTER di II Livello LA FUNZIONE DOCENTE E IL PIANO TRIENNALE DELL'OFFERTA FORMATIVA: DIDATTICA, INCLUSIVITA' E VALUTAZIONE MASTER di II Livello LA FUNZIONE DOCENTE E IL PIANO TRIENNALE DELL'OFFERTA FORMATIVA: DIDATTICA, 1ª EDIZIONE 1500 ore 60 CFU Anno Accademico 2015/2016 MA465 Pagina 1/5 Titolo LA FUNZIONE DOCENTE E IL PIANO

Dettagli

Piccolo Atlante della corruzione

Piccolo Atlante della corruzione Piccolo Atlante della corruzione Laboratorio d indagine sulla corruzione Progetto didattico per le Scuole Statali Secondarie di 2 grado Anno Accademico 2014/2015 Proposta di ampliamento su scala nazionale

Dettagli

Il Responsabile del Procedimento

Il Responsabile del Procedimento AVVISO PUBBLICO di procedura comparativa per conferimento incarico di domiciliazione avanti il Tribunale di Roma nel procedimento di ingiunzione nei confronti del Ministero della Giustizia e successive

Dettagli

UNIVERSITA' TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA ISTITUITA CON D.M. 8/05/2006 MASTER DI I LIVELLO TEORIE E TECNICHE DI VALUTAZIONE NELLA SCUOLA II EDIZIONE

UNIVERSITA' TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA ISTITUITA CON D.M. 8/05/2006 MASTER DI I LIVELLO TEORIE E TECNICHE DI VALUTAZIONE NELLA SCUOLA II EDIZIONE UNIVERSITA' TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA ISTITUITA CON D.M. 8/05/2006 MASTER DI I LIVELLO in TEORIE E TECNICHE DI VALUTAZIONE NELLA SCUOLA II EDIZIONE L Università Telematica San Raffaele Roma ha attivato

Dettagli

1. I titoli conseguiti presso le Università consigliate vengono riconosciuti?

1. I titoli conseguiti presso le Università consigliate vengono riconosciuti? DOMANDE FREQUENTI Palermo, Largo Esedra nr.3, tel. 091 6254431 ONLUS 1. I titoli conseguiti presso le Università consigliate vengono riconosciuti? Le Università sono pubbliche o private riconosciute dal

Dettagli

UNIVERSITA' TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA ISTITUITA CON D.M. 8/05/2006. Corso di Perfezionamento e Aggiornamento Professionale

UNIVERSITA' TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA ISTITUITA CON D.M. 8/05/2006. Corso di Perfezionamento e Aggiornamento Professionale UNIVERSITA' TELEMATICA SAN RAFFAELE ROMA ISTITUITA CON D.M. 8/05/2006 In convenzione con Corso di Perfezionamento e Aggiornamento Professionale in STRATEGIE DIDATTICHE PER IL SOSTEGNO E L INTEGRAZIONE

Dettagli