LE SPECIE SECONDA PARTE. Abete bianco. Nome scientifico: Abies alba Nomi dialettali: avez, vez.

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "LE SPECIE SECONDA PARTE. Abete bianco. Nome scientifico: Abies alba Nomi dialettali: avez, vez."

Transcript

1 Abete bianco SECONDA PARTE LE SPECIE Famiglia: Pinacee Nome scientifico: Abies alba Nomi dialettali: avez, vez. Caratteri botanici L Abete bianco è una conifera sempreverde che può superare i 40 m di altezza e i 300 anni di età. Il fusto è diritto e cilindrico, e la corteccia è grigia e liscia nelle piante giovani, con delle caratteristiche bolle piene di resina, mentre diventa screpolata nelle piante mature. Gli aghi sono di forma appiattita, verdi lucenti nella pagina superiore, e con due linee bianche nella pagina inferiore. Le pigne sono portate erette, e quando i semi sono maturi si sfaldano sulla pianta: cadono le squame ed i semi, mentre il rachide rimane solitario sui rametti (ecco perché non si trovano pigne ai piedi della pianta). Le piante adulte hanno un caratteristico portamento detto a nido di cicogna, dovuto alla progressiva diminuzione della crescita del getto apicale, che provoca un addensamento dei rami sulla cima, come se vi fosse costruito appunto un grosso nido. Caratteri ecologici e note selvicolturali L Abete bianco è una specie che necessita di una buona umidità del terreno e dell aria, e pertanto si trova bene sui versanti ombrosi con clima molto piovoso, dove si mescola all Abete rosso e al Faggio. Soprattutto in gioventù sopporta molto bene l ombra, riuscendo a vivere anche sotto la copertura delle piante adulte. Si rinnova esclusivamente tramite i semi, che vengono dispersi dal vento grazie all ala di cui sono forniti. Nell orizzonte montano l Abete bianco può formare boschi puri, o consociarsi in genere con l Abete rosso. Il taglio delle piante mature fatto su piccole superfici (3-4 piante vicine) crea delle piccole radure dove sono favorite la nascita e lo sviluppo delle piantine di Abete bianco. Si possono formare gruppi di novellame molto densi che, sebbene sopportino a lungo la concorrenza reciproca, devono essere sfoltiti selezionando i soggetti migliori, fino a lasciare solo un leggero contatto tra le chiome, che permette un regolare accrescimento. Le giovani piantine sono appetite dai mammiferi erbivori (capre e caprioli) che si cibano volentieri dei germogli, rallentandone o compromettendone lo sviluppo. L Abete bianco è pure soggetto agli attacchi da parte di un fungo che ne causa il cancro, il quale 27

2 si manifesta sul fusto con degli ingrossamenti caratteristici; in corrispondenza dell ingrossamento i fusti vengono spesso spezzati dal vento. Coi diradamenti successivi agli sfolli si elimineranno le piante rimaste soffocate, eccessivamente esili ed allungate, o colpite dal cancro. In genere è opportuno favorire la mescolanza di specie, che nel caso dell Abete bianco si attua volentieri con l Abete rosso e il Faggio. Le produzioni del bosco di Abete bianco non differiscono sensibilmente dal bosco di Abete rosso. Il legno Massa volumica: 4,6 q/m 3 Legno biancastro con alburno e durame indifferenziati. Gli anelli di accrescimento sono ben marcati; i nodi sono scuri e molto duri. Il legno è privo di resina, che invece è presente nella corteccia. Solitamente il legname viene commerciato assieme a quello dell Abete rosso, anche se rispetto a questo è leggermente meno pregiato a causa dei nodi difficilmente lavorabili e delle deformazioni cui è soggetto durante la stagionatura. Il legno si usa in falegnameria ma non è considerato pregiato. E ancora utilizzato nelle alberature delle barche in legno. I tronchi da sega si allestiscono generalmente di 4 m o più di lunghezza e di almeno 20 cm di diametro minimo, mentre i tronchi per travatura si allestiscono secondo le esigenze. La legna da ardere non costituisce l assortimento principale. Si destinano a questo impiego i rami, con alto potere calorifico. Corteccia Portamento delle pigne 28

3 Fronda durante la fioritura Pigna, squama e semi Foglie 29

4 Abete rosso Famiglia: Pinacee Nome scientifico: Picea abies Nomi dialettali: pesc, pescia Caratteri botanici L Abete rosso è una conifera sempreverde che può superare i 40 m di altezza e i 400 anni di età. Il fusto è slanciato e diritto, con corteccia grigio-rossastra ruvida, che si sfalda in piccole placche nelle piante più vecchie. Le foglie sono aghiformi, sottili, appuntite e a sezione romboidale, verdi scure. Le pigne sono portate pendule sui rametti; a maturità disperdono i semi, ed in seguito cadono intere. L apparato radicale ha uno sviluppo tipicamente superficiale, e per questo spesso le piante adulte sono sradicate dal vento. Caratteri ecologici e note selvicolturali Tra le conifere nostrane è sicuramente la più diffusa, anche se genericamente ed erroneamente indicata col nome di pino. Si trova sui versanti, dalla zona del Castagno fino oltre i 2000 m. Predilige i terreni freschi, ed è meno esigente di umidità rispetto all Abete bianco; è resistentissima al freddo, ma tollera anche il caldo; nei riguardi della luce, rifugge le esposizioni troppo luminose come pure quelle eccessivamente ombreggiate. Forma estesi boschi puri, ma si trova anche mista alle latifoglie, o ad altre conifere come Abete bianco, Larice e Pino silvestre. Il legname migliore si ricava dai boschi dell orizzonte montano o subalpino, e a questi pertanto conviene indirizzare gli sforzi, piuttosto che sui soggetti che si trovano a quote inferiori. Questi ultimi crescono molto velocemente e sono assai ramosi, a discapito della qualità tecnologica del legname. I giovani popolamenti densi necessitano di sfolli e diradi per eliminare i soggetti più stentati, riconoscibili dal getto apicale molto ridotto. La potatura dei rami verdi praticata sulle giovani piante, con l intento di ottenere fusti slanciati e con pochi nodi, in genere risulta dannosa. La regolazione della densità del bosco dosa la quantità di luce che colpisce le chiome. Poca luce porta alla formazione di fusti con buone caratteristiche, cioè molto allungati e con pochi nodi, ma poco resistenti al vento; molta luce porta alla formazione di piante tozze, con rami anche nella parte bassa del fusto e quindi molti nodi nel legno, ma più resistenti alle intemperie. Nei boschi puri dell orizzonte montano, con molte piante mature, conviene impostare i tagli a gruppi di 4-5 piante, distanziati tra loro, per non scoprire eccessivamente il terreno e stimolare l invasione delle infestanti. Nell orizzonte subalpino i boschi sono più radi, e le piante mature verranno tagliate a gruppi più piccoli, di 2-3 piante ciascuno. Il bosco di Abete rosso è tra i più produttivi tra quelli del nostro ambiente. Un ettaro di pecceta matura in condizioni medie può produrre, e anche superare, 400 m 3 di legname. Una pianta di 40 cm di diametro misurati a 1,30 m da terra, di bell aspetto, ha un volume del fusto di circa 1 m 3. Il legno Massa volumica: 4,4 q/m 3 Il legno, di colore chiaro, non presenta differenziazione tra alburno e durame, e gli anelli di accrescimento sono ben visibili. La tessitura fine, la fibratura diritta lo rendono ben lavorabile. E molto usato in falegnameria nella costruzione di mobili ed infissi, ed in carpenteria nella realizzazione di travi e coperture per tetti. All aria aperta deperisce rapidamente. Il legno di buona qualità dovrebbe avere non meno di 3-4 anelli di accrescimento per ogni cm di spessore. I tronchi da sega si allestiscono normalmente di 4 m di lunghezza, mentre quelli per travi secondo le esigenze. I rami forniscono un ottimo combustibile, ad alto potere calorifico. Pigna, squama e semi 30

5 Fronde durante la fioritura Corteccia Portamento delle pigne 31

6 Aceri Famiglia: Aceracee Sul nostro territorio sono presenti allo stato spontaneo tre specie di aceri, e precisamente Acero di monte, Acero riccio e Acero campestre. Nome scientifico: Acero di monte: Acer pseudoplatanus; Acero riccio: Acer platanoides; Acero campestre: Acer campestre Nomi dialettali: aser Caratteri botanici L Acero di monte e l Acero riccio sono grandi alberi che possono raggiungere 40 m di altezza, con fusto diritto, cilindrico e chioma ampia, molto longevi. La corteccia è grigia e ruvida, e nelle piante mature si distacca in grandi placche caratteristiche. La fioritura è poco appariscente; l Acero di monte ha i fiori pendenti, che compaiono dopo l emissione delle foglie, mentre l Acero riccio ha i fiori eretti e compaiono prima dell emissione delle foglie. L Acero campestre è un piccolo albero con tronco spesso contorto e chioma globosa, a crescita lenta. La corteccia è da grigia a marrone, ruvida e screpolata con creste lunghe qualche centimetro. I frutti sono delle samare doppie, facilmente trasportabili dal vento grazie alle ali che li accompagnano. Caratteri ecologici e note selvicolturali L Acero di monte si trova dall orizzonte submontano all orizzonte montano nelle localizzazioni piuttosto umide e non eccessivamente esposte al sole. Sopporta bene l ombra soprattutto da giovane, e per questo riesce a rinnovarsi anche nei castagneti da frutto non più coltivati, all ombra delle vecchie piante. Grazie alla sua elevata traspirazione, contribuisce al prosciugamento dei terreni umidi. L Acero riccio ha esigenze simili all Acero di monte, ma risulta molto meno diffuso. L Acero campestre è diffuso, ma non molto frequente, nei piani submontano e submontano; esige localizzazioni calde e più luminose rispetto agli altri due aceri. Gli aceri si riproducono normalmente da seme, ma rigettano bene anche dalle ceppaie, e possono per questo essere trattai anche a ceduo. Raramente gli aceri formano boschi puri; più di frequente si trovano misti al altre latifoglie. L Acero di monte e l Acero riccio si governano convenientemente a fustaia, poiché in tal modo è possibile la produzione di fusti da lavoro. Si individuano i Samare di Acero di monte (sopra) e di Acero campestre (sotto) migliori soggetti, (fusto diritto e chioma raccolta in alto) che a anni di età potranno essere pronti al taglio, potendo comunque vivere molto più a lungo senza che intervengano deprezzamenti del legno. Per ottenere fusti con pochi nodi, è necessario mantenere un certo grado di copertura che stimoli l accrescimento in altezza e il raccoglimento della chioma in alto. E necessario inoltre evitare con cura di danneggiare la corteccia delle piante che devono rimanere in piedi, poiché il legno è facilmente attaccabile, a partire dalle ferite, dai funghi che provocano la carie. Il legno Acero di monte e Acero riccio Massa volumica: 6,6 q/ m 3. Il legno è di colore bianco, senza differenziazione tra alburno e durame; la tessitura è fine e la fibratura diritta. Il legno è molto apprezzato per la sua buona lavorabilità e per le ottime caratteristiche meccaniche. Le tavole radiali presentano caratteristici effetti sericei grazie alla presenza dei raggi, piccoli ma visibili. Particolari effetti cromatici possono derivare dalla porzione basale del fusto delle piante mature (tigratura, occhio di pernice). Il legno viene utilizzato nella costruzione di mobili, strumenti musicali e in lavori di torneria. Un tempo era assai impiegato nella fabbricazione delle stoviglie da cucina. L assortimento principale e più ricercato è il tronco da trancia o da sfogliatura, soprattutto se marezzato; molto apprezzato è anche il tronco da sega, che può essere assorbito anche dall industria locale. 32

7 Fioritura di Acero campestre Legno a venatura fiammata (a sinistra) e a rigatino (a destra) Acero di monte Foglie e samare di Acero di monte 33

8 Bagolaro Famiglia: Nome scientifico: Nomi dialettali: Ulmacee Celtis australis fucarten, biscugin Caratteri botanici E una pianta che raggiunge m di altezza, e può vivere qualche secolo. Il fusto in genere è diritto, e la corteccia è di colore grigio cenere e liscia. La chioma è molto ampia e rotonda, con foglie seghettate e appuntite, leggermente più scure nella pagina superiore. I fiori sono poco evidenti, piccoli e gialli. Il frutto è una piccola drupa quasi nera, portata da un lungo picciolo, che matura in autunno, ed è appetita dagli uccelli. Caratteri ecologici e note selvicolturali Il Bagolaro è originario dei paesi mediterranei, e grazie alla sua coltivazione si è diffuso anche da noi. Preferisce le posizioni soleggiate e calde, e si adatta molto bene ai terreni poveri. Si rinviene frequentemente sulle zone rocciose che affiorano tra i vigneti; le sue radici penetrano con forza tra le fenditure, provocando non di rado il crollo di qualche blocco roccioso. Per questo motivo sulle zone terrazzate non è una pianta gradita. Il Bagolaro si trova spesso nelle alberature cittadine, dove si adatta molto bene agli spazi ristretti e sopporta altrettanto bene l inquinamento atmosferico. E facilmente attaccabile dalla carie nel fusto e nelle grosse branche, e pertanto la potatura deve essere accuratamente eseguita in modo da ridurre al minimo la possibilità di infezioni. Il legno Massa volumica: 7,2 q/m 3 Il legno è di colore chiaro, duro e molto resistente. Viene impiegato nella fabbricazione di manici e oggetti torniti; talora viene pure segato ed impiegato in falegnameria. Grazie alla sua elasticità veniva impiegato per la costruzione di ruote e stanghe per carri. Fusto Foglie e fiori 34

9 Foglie e frutti Albero 35

10 Betulla Famiglia: Nome scientifico: Nomi dialettali: Caratteri botanici 36 Betulacee Betula pendula bedula, bedoi. La Betulla può raggiungere i 30 m di altezza e i 70 cm di diametro. Si caratterizza per la corteccia bianca e liscia, che rimane tale per lungo tempo; negli alberi più vecchi si ispessisce, diventa ruvida, fessurata e di colore scuro. I giovani rametti sono di colore bruno-rossiccio, spesso lunghi e pendenti. I fiori maschili sono separati da quelli femminili: i primi compaiono già dall autunno, in forma di amenti penduli, e liberano il polline giallastro a primavera, quando compaiono i fiori femminili, in forma di amenti eretti. I fiori femminili formano l infruttescenza allungata, che contiene e libera a maturità i piccoli semi, dotati di ala, che vengono dispersi dal vento. La chioma è molto leggera e verde chiaro. Caratteri ecologici e note selvicolturali La Betulla è molto amante della luce, ed ha carattere pioniere; per questo si insedia facilmente lungo le scarpate stradali e in genere sul terreno smosso, sui coltivi abbandonati, nei boschi distrutti dal fuoco, dall orizzonte submontano all orizzonte montano, sempre in localizzazioni ben illuminate. E molto resistente al freddo, e cresce bene anche sui terreni poveri e ghiaiosi. La Betulla può formare boschi puri, che tuttavia non sono destinati a durare a lungo. Infatti attraverso la chioma delle betulle filtra sempre una certa quantità di luce che giunge al suolo, e che permette la crescita di alberi ed arbusti diversi, che si avvantaggiano della leggera ombra fornita dalle betulle. Per questo si dice che la Betulla è una importante specie preparatoria. In genere la Betulla risulta meno gradita delle specie a cui spesso si accompagna, come il Frassino maggiore, le querce o le conifere, e quindi generalmente la gestione del betuleto non mira alla sua conservazione, ma a favorire la sostituzione con le specie più gradite. La rinnovazione del betuleto si può ottenere esclusivamente col taglio raso, che permette una buona illuminazione del suolo, accompagnato da una lavorazione superficiale del terreno, che si attua involontariamente durante i lavori di esbosco del legname. Si ricorda tuttavia che il taglio raso è vietato dalla vigente normativa forestale, se non preventivamente autorizzato. Un betuleto maturo può contenere una massa di m 3 /ha. Il legno Massa volumica: 6,5 q/m 3 Il legno è di colore bianco, con alburno e durame indifferenziati; la tessitura fine e la fibratura diritta lo rendono di facile lavorazione, adatto alla costruzione di mobili, di oggetti intagliati e torniti, e si presta anche alla sfogliatura. Il legno stagionato è piuttosto duro e poco propenso a fendersi. Il legno fresco è facilmente attaccato da funghi e insetti se viene lasciato all aperto. La corteccia è facilmente infiammabile, e da secca può essere impiegata come esca per il fuoco, e anche il legno è un buon combustibile. Corteccia

11 Amenti maschili Legno Fronde e infruttescenze 37

12 Carpino nero Famiglia: Nome scientifico: Nomi dialettali: Corilacee Ostrya carpinifolia carpen Caratteri botanici Il Carpino nero è un piccolo albero, con fusto spesso dritto e regolare, e corteccia bruno-rossastra che si screpola in lunghe scaglie. Le foglie sono simili a quelle dell Olmo campestre, ma a differenza di queste, sono simmetriche, rispetto alla venatura centrale, fino alla base. I fiori maschili sono amenti penduli e cilindrici lunghi fino a 8 cm, che compaiono in autunno, mentre i femminili sono amenti più corti e tozzi, simili a quelli del luppolo, che compaiono in primavera. Il Carpino nero ha una notevole capacità pollonifera, ed è molto indicato nella costituzione di boschi cedui. Caratteri ecologici e note selvicolturali Il Carpino nero è una pianta amante del caldo, che in Valtellina e Valchiavenna non è molto diffusa; si trova nelle localizzazioni con temperatura mite, dove può formare anche boschi puri, preferibilmente sui versanti ombrosi. Si trova generalmente nei boschi cedui dell orizzonte montano inferiore. Il legno Il legno del Carpino nero ha durame ed alburno indifferenziati, è di colore rosso-bruno, ed è molto duro; non si presta nelle costruzioni, a causa delle ridotte dimensioni dei fusti, delle deformazioni che subisce durante la stagionatura e della scarsa durabilità all aperto. Per la sua durezza e la fibratura contorta risulta di difficili segagione e piallatura. Viene impiegato nella fabbricazione di piccoli oggetti, e in passato, in parti meccaniche, come ruote dentate e navette da telai. L uso principale del legno è come combustibile, per cui viene molto apprezzato. Infruttescenza 38

13 Legno Foglie Infruttescenze 39

14 Castagno Famiglia: Nome scientifico: Nomi dialettali: Caratteri botanici Fagacee Castanea sativa castan, arbul Albero maestoso e molto longevo, può superare i 500 anni di vita. E stato largamente diffuso nei secoli passati, grazie ai frutti commestibili e al legname, che si presta a svariati impieghi. Come per tutte le specie che si riproducono anche per via vegetativa, l aspetto dei polloni è in genere diverso da quello delle piante nate dai semi. Gli alberi di maggiori dimensioni sono quelli nati da seme, che spesso venivano innestati, che si trovano nelle selve, mentre i polloni hanno generalmente una forma più slanciata e meno ramificata, dovuta anche alla maggior densità dei boschi cedui rispetto alle selve da frutto. La facoltà pollonifera è elevatissima. Il Castagno ha i fiori maschili separati da quelli femminili, ed entrambi sono portati da infiorescenze. Le infiorescenze sono di due tipi: alla base del rametto di un anno si formano le infiorescenze che portano solo fiori maschili, in forme di lunghi amenti bianco-giallastri, mentre all apice del rametto si formano le infiorescenze miste, che portano cioè sia fiori maschili, sia fiori femminili. I fiori femminili sono portati in gruppi di tre, verso la base delle infiorescenze miste. Dopo la fecondazione, il fiore femminile si trasforma nel riccio. Il seme, e non l intero frutto, è la castagna. Il Castagno è tra le principali piante mellifere della nostra provincia. e necessita di terreni freschi per poter crescere bene. I fiori sono sensibili alle gelate tardive. Le castagne sono molto nutrienti, e sono appetite non solo dall uomo, ma anche da mammiferi, uccelli e insetti che in autunno frequentano i castagneti. Il seme ha buona capacità germinativa, e le giovani piantine necessitano di una leggera illuminazione per potere accrescersi bene. Nell ambito della specie esistono numerose razze e varietà che si differenziano per la forma del frutto, l epoca di maturazione, il colore della corteccia, la qualità del legno, la forma delle foglie ecc.. I castagni coltivati si raggruppano comunemente in marroni, con 1-2 castagne per ogni riccio, con pellicola sottile non penetrante nel seme, e castagne, con 2-4 castagne per riccio, con pellicola che penetra ripetutamente nel seme. Nelle selve destinate alla produzione di castagne la Caratteri ecologici e note selvicolturali Il Castagno occupa i versanti sia ombrosi che assolati, fino verso 1000 m di quota, dove è stato coltivato da lungo tempo. E moderatamente termofilo, 40 Infiorescenza maschile (in alto) e infiorescenza mista (in basso) Castagneto da frutto

15 Fioritura densità degli alberi deve essere mantenuta bassa, con non più di 100 piante per ha, per consentire una buona illuminazione delle chiome e una abbondante fruttificazione. Per la piantagione si ricorre generalmente a trapianti già innestati con la varietà desiderata; successivamente con la potatura si devono eliminare le branche secche, quelle più vecchie e ombreggiate. Le selve devono inoltre essere tenute libere dagli altri alberi e arbusti, per non ombreggiare i castagni e per facilitare la raccolta delle castagne. I castagneti destinati alla produzione di legno sono Paleria segata Legno Innesto a doppio spacco Fronde e frutti 41

16 generalmente cedui, e sono molto più densi delle selve, per poter ottenere fusti slanciati e con pochi rami. La rinnovazione avviene prontamente dopo il taglio, col riscoppio di numerosi polloni. E importante regolarizzare la densità dei polloni sulle ceppaie, per eliminare quelli male inseriti e mal conformati. Attualmente i turni adottati sono piuttosto elevati, tra 20 e 30 anni, e permettono di ottenere fusti di diametro a 1,30 m da terra superiore a 30 cm. E consigliabile intervenire con un primo interventi di sfollo dei polloni sulle ceppaie entro 5-6 anni dopo il taglio, seguito da un diradamento verso i 15 anni. Da una pianta matura di Castagno destinato alla produzione dei frutti si raccolgono da 6 a 20 kg di castagne. Un ettaro ceduo di 30 anni correttamente gestito può contenere, nelle situazioni migliori, fino a 200 m 3 di legname. Il legno Massa volumica 5,7 q/m 3 Alburno bianco-giallastro, molto ristretto, e durame da marrone chiaro a bruno. La tessitura è grossolana, e la fibratura è generalmente diritta, e permette una buona lavorabilità e finitura. Dai fusti tagliati si ricava un gran numero di assortimenti: tra quelli ancora impiegati si ricordano la paleria agricola o per recinzioni, travi per tetti, tondame per paravalanghe o per difesa dei versanti, tronchi da sega. Di recente è stata condotta con successo la sperimentazione delle scandole di Castagno per la copertura dei tetti. La paleria può essere tonda, o lavorata a spacco a partire da tronchi di dimensioni superiori. Nella produzione di assortimenti da impiegare all aperto, il Castagno tra le specie nostrane si rivela estremamente adatto grazie alla notevole durabilità del legno, soprattutto del durame. I tronchi da sega costituiscono l assortimento più pregiato ottenibile; è necessario che siano sufficientemente diritti e con cipollatura contenuta entro limiti accettabili. Dai segati si ottiene legname per mobili, infissi e doghe per botti; i tronchi migliori possono altresì essere tranciati. La legna da ardere è poco apprezzata a causa dell elevato contenuto in tannino, che ostacola la combustione e forma depositi lungo i condotti dei fumi; la fascina, tuttavia, per il fatto di essere formata da giovani rami, con basso contenuto di tannino, fornisce una fiamma vivace. La combinazione dei tannini con certi metalli forma composti di colore scuro che si possono diffondere lungo le fibre del legno; tale fatto deve essere tenuto in considerazione nel fissaggio del legname da lavoro con viti e chiodi. Cembro Famiglia: Nome scientifico: Nome dialettale: Caratteri botanici Pinacee Pinus cembra gembro E un albero molto longevo e di lento accrescimento. La chioma è sempreverde e globosa, e il fusto generalmente diritto. La corteccia è di colore grigio, liscia e con bolle di resina nelle piante giovani, screpolata in squame nelle piante adulte. Le foglie sono aghiformi, riunite a fascetti di cinque aghi ognuno. I fiori compaiono a primavera; sia i maschili che i femminili sono piccoli amenti rossastri. I femminili si trasformano, dopo la fecondazione, nelle pigne, che durano sulla pianta fino alla primavera del terzo anno. I semi contenuti sono avvolti da un tegumento legnoso, e sono commestibili. Caratteri ecologici e note selvicolturali E una pianta tipicamente alpina, molto resistente al freddo e poco sensibile alle esposizioni, anche se gradisce una leggera copertura in gioventù. Cresce bene su terreni freschi, ma non vuole ristagni idrici. Il seme è molto appetito da mammiferi e uccelli che frequentano le cembrete; gli scoiattoli e la nocciolaia sono veri specialisti nel cibarsi dei semi estraendoli dalle pigne ancora chiuse. Alla loro innata attitudine a creare scorte di cibo, si deve il fatto che piccoli depositi di semi posti nel terreno, e non utilizzati, germoglino, formando gruppetti di piantine. Si diffonde spontaneamente sui pascoli abbandonati, tuttavia a causa della pesantezza del seme la rinnovazione è sempre concentrata attorno alle piante madri. Il legno Massa volumica 4,5 q/m 3 Il legno di cirmolo gode di una fama consolidata, al pari di quella del Noce tra le latifoglie, a motivo della tessitura fine e della fibratura diritta, che lo rendono ben lavorabile. Il durame ha un bel colore rosso salmone, mentre l alburno è chiaro; le cerchie di accrescimento sono generalmente molto ristrette e regolari. I tronchi sono adatti ad essere scolpiti e lavorati al tornio, mentre con i segati si realizzano mobili e rivestimenti interni. Il legno, leggero, ha un caratteristico e gradevole profumo dovuto alla resina. 42

17 Pigna, squama e seme Corteccia Albero Fronde e fiori 43

18 Ciliegio Famiglia: Sottofamiglia: Nome scientifico: Nomi dialettali: Rosacee Prunoidee Prunus avium sciaresa, sceresa, sciaresera, sceresera. Caratteri botanici Il Ciliegio selvatico è un albero che raggiunge e spesso supera i venti metri di altezza; ha un fusto diritto ricoperto da una corteccia grigio chiara con lenticelle ben visibili, disposte orizzontalmente. Nelle piante adulte gli strati più esterni della corteccia spesso si lacerano in striscioline orizzontali. La chioma è espansa e globosa, con rami disposti in palchi regolari. La fioritura, di colore bianco, è caratteristica e particolarmente vistosa, ed avviene prima dell emissione delle foglie. Il frutto è una drupa sferica di colore rosso scuro, liscia, con polpa commestibile. Il seme, comunemente chiamato nocciolo, è di consistenza ossea e liscio. Frutto e seme costituiscono un importante fonte alimentare per gli animali selvatici. Gli uccelli si cibano volentieri dei frutti, contribuendo alla disseminazione e diffusione della specie. Caratteri ecologici e note selvicolturali Il Ciliegio selvatico si trova dall orizzonte submontano fino a m di altitudine; la sua distribuzione è facilmente individuabile durante la fioritura. Si nota nei boschi di latifoglie formatisi sui coltivi abbandonati e nei castagneti, sia sui versanti soleggiati che su quelli ombrosi. La rinnovazione avviene prevalentemente da seme, grazie soprattutto alla disseminazione operata dagli uccelli; le plantule si sviluppano preferibilmente nelle localizzazioni ben illuminate o sotto una leggera copertura. Il Ciliegio si riproduce anche per polloni radicali, formando piccoli boschetti molto densi. E molto resistente al freddo, ma la fruttificazione viene spesso compromessa dalle gelate durante il periodo della fioritura. Non è un albero molto socievole, e perciò non forma boschi puri, al contrario si trova volentieri frammisto ai boschi dell orizzonte submontano e dell orizzonte montano inferiore. Il Ciliegio si trova sia in aperta campagna, come albero isolato, generalmente piantato e non di rado innestato per la produzione dei frutti, sia spontaneo in bosco. Per la produzione di legno l interesse si concentra sulle piante in bosco, o comunque sui soggetti selvatici. Le giovani piantine di Ciliegio necessitano di una buona quantità di luce per potersi sviluppare in modo ottimale; le cure colturali devono essere indirizzate esclusivamente alle piante nate da seme e non ai polloni radicali. Questi ultimi si riconoscono per la loro disposizione a gruppi coetanei e densi, e non sono in grado di fornire assortimenti con buone qualità tecnologiche. Le prime cure colturali devono eliminare la concorrenza degli arbusti, che possono soffocare le piantine togliendo loro la luce necessaria. Quando le piante hanno superato l altezza degli arbusti, si individuano quelle con buon portamento (fusto diritto, non biforcato), e vengono allevate fino a maturità, mantenendo sempre la chioma in sufficiente illuminazione. L industria della trasformazione predilige i tronchi dritti e senza nodi da destinare alla tranciatura e alla sfogliatura, è pertanto conveniente praticare la potatura del terzo inferiore del fusto, eliminando i rametti quando non superano i 3 cm di diametro, per evitare di lasciare cicatrici troppo ampie sul fusto, che deprezzano il valore degli assortimenti ritraibili. La potatura va eseguita a fin inverno, poco prima della ripresa vegetativa, in modo che la ferita venga rimarginata entro l anno. Il Ciliegio è considerato una specie a legname pregiato, ed è indicato nella formazione di impianti con finalità produttive. E indispensabile impiegare materiale vivaistico di buona qualità, con la specifica attitudine alla produzione da legno. Il legno Massa volumica. 6,2 q/m 3 Il legno presenta una tipica differenziazione tra alburno, di colore chiaro, e durame, rosso-bruno; i raggi sono piccoli ma ben visibili, gli anelli di accrescimento sono ben marcati e conferiscono una venatura particolare alle tavole, la tessitura è fine e compatta. Il legno è pregiato soprattutto per il colore e per la buona lavorabilità e la possibilità di essere ben rifinito, si utilizza esclusivamente il durame. Stagiona senza difficoltà e si usa prevalentemente al coperto; all aria aperta è facilmente deperibile. Viene impiegato nella fabbricazione di mobili, strumenti musicali, liste per pavimento, lavori di ebanisteria e di tornitura. Talora viene impiegato nella fabbricazione delle botti, impiegate nella preparazione dell aceto balsamico, nell affinamento della grappa ecc. Viene inoltre tranciato e sfogliato. La legna da ardere non costituisce l assortimento principale, anche se il legno di Ciliegio ha un ele- 44

19 vato potere calorifico. Si destinano a questo impiego le ramaglie e gli scarti della segagione. I tronchi di dimensioni commerciali devono avere diametro minimo di 30 cm e lunghezza di almeno 2 m. La maturità giunge a anni di età, ed in seguito la pianta invecchia rapidamente. In condizioni ottimali di illuminazione e sui terreni fertili l accrescimento è rapido, mentre declina col diminuire della luce a disposizione della chioma. L assortimento più remunerativo è costituito dal tronco per tranciatura o sfogliatura. Sono pure ricercati i tronchi da sega, che vengono assorbiti anche dal mercato locale. Non è una specie che cresce in purezza su superfici estese, e quindi la produzione/ettaro è variabile con la densità dei soggetti. Le piante mature superano generalmente 1 m 3 di volume. Corteccia Fusto Foglie Fiori Legno 45

20 Faggio Famiglia: Nome scientifico: Nomi dialettali: Caratteri botanici Fagacee Fagus sylvatica fo, fagiöla Il Faggio è una latifoglia maestosa che può vivere fino a 300 anni, e raggiungere diametri superiori al metro. La corteccia è caratteristica, grigia e sottile, spesso macchiata di bianco per la presenza di licheni. Le foglie sono a margine intero e ondulato. I fiori maschili sono raggruppati in corti capolini penduli, mentre i femminili sono riuniti due a due e racchiusi in un involucro, detto cupola, coperto di aculei. A maturità la cupola si apre in quattro valve, e lascia cadere i due semi, detti Faggiole. La fruttificazione avviene ogni anno, ma solo ogni 4-5 anni è particolarmente abbondante. Il Faggio ha una discreta capacità di riproduzione per polloni emessi dal fusto, cosicché può essere governato anche a ceduo. Caratteri ecologici e note selvicolturali Il Faggio è diffuso in Valtellina e Valchiavenna in modo discontinuo, e non forma boschi puri molto estesi. Al contrario, sulle Alpi orientali e sull Appennino è una tra le specie forestali maggiormente diffuse. Il Faggio è una specie che ama l umidità, soprattutto dell aria, che lo protegge dalle gelate tardive, verso cui le gemme sono molto sensibili, e predilige le esposizioni ombrose. Sembra che l insufficiente umidità atmosferica sia il principale fattore che ne limiti la diffusione in Provincia. Sul nostro territorio prevale nettamente la forma di governo a ceduo, puro o misto alle querce. Si trova pure misto all Abete bianco e all Abete rosso, in posizione sottoposta. La scarsa vitalità delle ceppaie e il lento accrescimento, se paragonato a quello di altre latifoglie, impongono una buona pratica nella gestione dei cedui. Durante il taglio è opportuno rilasciare alcuni polloni con funzione di tirasucchio, per mantenere alta la vitalità delle ceppaie. Inoltre il Faggio deve essere sempre tagliato sul nuovo, cioè il taglio non deve interessare la parte di ceppaia preesistente alla formazione dei polloni, pena la loro mancata o ridotta emissione. Questo fatto porta nel tempo all innalzamento delle ceppaie. Una particolare forma di ceduazione, praticata in passato, prevedeva il taglio a più di un metro da terra, per evitare il morso delle capre a danno dei giovani polloni. E importante curare la sostituzione delle ceppaie vecchie o esauste mediante la rinnovazione naturale: le giovani piantine si instaurano successivamente alle annate in cui la produzione di seme è cospicua. Il turno comunemente adottato va da 20 a 25 anni, e la massa a maturità oscilla da 80 a 100 m 3 all ettaro. Il legno proveniente dai cedui è utilizzato come legna da ardere. Le fustaie di Faggio da noi sono piuttosto rare, tuttavia è sempre possibile trovare individui nati da seme, isolati o misti ad altre specie. Il legno Massa volumica 7,3 q/m 3 Il legno non presenta differenziazione tra alburno e durame, ed è di colore bianco. La tessitura è fine e la fibratura diritta; sono ben visibili i raggi, che conferiscono aspetti particolari alle tavole. Il legno di Faggio è facilmente deperibile all aperto; il processo di vaporizzazione è in grado di renderlo più durevole poiché asporta le sostanze più facilmente appetibili dagli agenti del degrado, e gli conferisce un elevata durezza e un colore rossiccio. Dai tronchi regolari provenienti dalle fustaie si ricava legname da lavoro, destinato alla produzione di mobili e oggetti vari; è pure adatto ad essere tornito e sfogliato. È di facile lavorazione e può essere portato ad un buon grado di finitura, e inoltre si presta ad essere piegato a vapore. Il legno proveniente dai cedui fornisce un ottima legna da ardere, con elevato potere calorico, superiore a quello fornito dal legno di fustaia, perché più denso. Il fuoco prodotto dal Faggio fa poco fumo e non scoppietta, e lo rende adatto ai forni per pizza. Cupola e faggiole 46

Scuola Secondaria di Primo Grado G.F. da Tolmezzo. CORSO DI TECNOLOGIA Studio dei materiali IL LEGNO

Scuola Secondaria di Primo Grado G.F. da Tolmezzo. CORSO DI TECNOLOGIA Studio dei materiali IL LEGNO Scuola Secondaria di Primo Grado G.F. da Tolmezzo CORSO DI TECNOLOGIA Studio dei materiali IL LEGNO IL LEGNO E uno dei materiali più antichi ed ha rappresentato per l uomo il modo di risolvere, per molti

Dettagli

Olmo campestre. Famiglia: ULMACEE Genere: ULMUS Ulmus campestris Common elm

Olmo campestre. Famiglia: ULMACEE Genere: ULMUS Ulmus campestris Common elm Olmo campestre Famiglia: ULMACEE Genere: ULMUS Ulmus campestris Common elm Caratteristiche morfologiche E un albero caducifoglie, molto longevo (anche più di 5 secoli), il cui tronco può arrivare fino

Dettagli

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE

AZIONI DI PIANO LA VALORIZZAZIONE DEL PATRIMONIO FORESTALE TITOLO AZIONE PR3 - Valorizzazione di boschi ad elevato valore produttivo Descrizione generale PERIODICITA D INTERVENTO PRIORITA 2 B CATEGORIA Valorizzazione della funzione produttiva AMBITI TERRITORIALI

Dettagli

Completa e Colora GIOCO 01

Completa e Colora GIOCO 01 GIOCO 01 ENTE FORESTE DELLA SARDEGNA www.sardegnaforeste.it REGIONE AUTONOMA DELLA SARDEGNA Completa e Colora stropicciato I suoi fiori sono grandi e rosa, con petali dal caratteristico aspetto......................

Dettagli

Verifica - Conoscere le piante

Verifica - Conoscere le piante Collega con una linea nome, descrizione e disegno Verifica - Conoscere le piante Erbe Hanno il fusto legnoso che si ramifica vicino al terreno. Alberi Hanno il fusto legnoso e resistente che può raggiungere

Dettagli

NOME COMMERCIALE: Pino comune NOMI BOTANICI: Pinus linneo, pinus sylvestris, pinus mugo, pinus cembra, pinus edulis, pinus strobus.

NOME COMMERCIALE: Pino comune NOMI BOTANICI: Pinus linneo, pinus sylvestris, pinus mugo, pinus cembra, pinus edulis, pinus strobus. NOME COMMERCIALE: Pino comune NOMI BOTANICI: Pinus linneo, pinus sylvestris, pinus mugo, pinus cembra, pinus edulis, pinus strobus. PROVENIENZA: si è naturalizzato in Africa meridionale dov è considerata

Dettagli

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015.

Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni ideali per il taglio del legname nell anno 2015. Giorni favorevoli per il taglio di legname da costruzione e uso falegnameria. Gli alberi dai quali si ricava legname da costruzione e per la fabbricazione

Dettagli

CHIOMA E PORTAMENTO FOGLIE FIORI FRUTTI FRUTTI FLORA ESOTICA

CHIOMA E PORTAMENTO FOGLIE FIORI FRUTTI FRUTTI FLORA ESOTICA ALBERI I GRANDEZZA (anomala poiché gymnospermae) GINKO BILOBA Ginko biloba FLORA ESOTICA 25-30 m 10 m Eretto nelle piante maschili, espanso nelle femminili Primaverile, poco significativa Carnosi, ovoidali

Dettagli

GLI ALBERI IL BOSCO IL LEGNO

GLI ALBERI IL BOSCO IL LEGNO PARTE PRIMA GLI ALBERI IL BOSCO IL LEGNO Gli alberi forestali della nostra Provincia Gli alberi che formano i boschi della nostra Provincia sono comuni a tutto l arco alpino, e non solo. In questo manuale

Dettagli

Le essenze legnose. Pomilio Giovanni IC

Le essenze legnose. Pomilio Giovanni IC Le essenze legnose Pomilio Giovanni IC 1 Classificazione delle essenze legnose In botanica (la scienza che studia le piante) l essenza indica un arbusto o un albero con parti legnose. Il termine può essere

Dettagli

Giornate tecniche 2011

Giornate tecniche 2011 Giornate tecniche 2011 Seminario: Aspetti applicativi della potatura delle piante ornamentali Relatore: dott. agr. Antonio Sagaria Data: 13 febbraio 2011 DICHIO vivai garden DICHIO vivai garden Un albero

Dettagli

L albero e il tronco

L albero e il tronco IL LEGNO L albero e il tronco Ciclo di produzione Trasporto: Camion Teleferica Fluitazione Rotaie Segagione Tipi di segagione Il taglio e gli effetti del ritiro Tipi di segati Sfogliati Tranciati Prodotti

Dettagli

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche:

IL LEGNO. Che cos è il legno? Il legno è un materiale da costruzione che si ricava dal tronco degli alberi.si chiama anche: IL LEGNO 1 Perché è importante il legno? E stato il primo combustibile usato dall uomo per scaldarsi, per cuocere i cibi e fondere i metalli. E stato il primo materiale utilizzato per costruire case, recinti,

Dettagli

Supporto freeware associato al testo di educazione tecnica Tecnica per il tuo futuro, fascicolo 06.

Supporto freeware associato al testo di educazione tecnica Tecnica per il tuo futuro, fascicolo 06. Supporto freeware associato al testo di educazione tecnica Tecnica per il tuo futuro, fascicolo 06. Tutti i contenuti freeware sono distribuiti con licenza CommonCreative. Puoi quindi visualizzarli, scaricarli,

Dettagli

PRODUZIONE DEI TRONCHI

PRODUZIONE DEI TRONCHI MATERIALI: LEGNO IERI E OGGI Cent anni fa: il banco era di legno massello Oggi: il banco è di ferro e truciolare laminato QUANDO IL LEGNO ENTRAVA OVUNQUE 1) Macchinari 2) Strutture per le case 3) Mezzi

Dettagli

Vivaio aperto - Perugia

Vivaio aperto - Perugia Vivaio aperto - Perugia Corso di potatura dei frutti INTRODUZIONE ALLA POTATURA 13 e 20 Febbraio 2010 - Bricocenter Perugia Estratto lezione dott. Agronomo Luca Crotti Questo documento è un estratto del

Dettagli

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto

Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno. Gianni Facciotto CRA-PLF FUORI FORESTA Incontro tecnico sulla pioppicoltura Modalità di potatura del pioppeto per l ottimizzazione della qualità del legno Gianni Facciotto Martedì 13 dicembre 201 Cremona Sommario La ramificazione

Dettagli

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose

Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Possibilità e convenienza della coltivazione di biomasse legnose Dagli incentivi del prossimo P.S.R. al greening della nuova PAC Relatore: Dott. Alessandro Pasini Una nuova agricoltura compatibile con

Dettagli

PAvIMENTAzIONI LEGNO. pavimentazione con profili in ipè - terrazza Formentera. 76 m ting

PAvIMENTAzIONI LEGNO. pavimentazione con profili in ipè - terrazza Formentera. 76 m ting PAvIMENTAzIONI LEGNO pavimentazione con profili in ipè - terrazza Formentera. 76 m ting UNA pavimentazione IN LEGNO, OLtrE Ad ABBELLIrE NOtEvOLmENtE IL CONtEStO CON IL SUO CALOrE, GLI CONfErISCE SICUrO

Dettagli

I Funghi Porcini. caratteristiche morfologiche e organolettiche simili. E' il più conosciuto ed apprezzato

I Funghi Porcini. caratteristiche morfologiche e organolettiche simili. E' il più conosciuto ed apprezzato I Funghi Porcini Porcino è il nome comune di alcune specie di funghi del genere Boletus, aventi caratteristiche morfologiche e organolettiche simili. E' il più conosciuto ed apprezzato tra i funghi commestibili,

Dettagli

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO

PROGRAMMA MANUTENZIONE GIARDINO Operazioni PREPARAZIONE DEL TERRENO Il terreno ideale da giardino è quello con tessitura argillosa-sabbiosa, friabile. Se il terreno dovesse essere pesante e compatto bisognerà correggerlo incorporando

Dettagli

GUIDA ALLE PAVIMENTAZIONI PER ESTERNI IN LEGNO

GUIDA ALLE PAVIMENTAZIONI PER ESTERNI IN LEGNO GUIDA ALLE PAVIMENTAZIONI PER ESTERNI IN LEGNO Le pavimentazioni per esterni in legno conferiscono all'ambiente eleganza e calore. Diverse le essenze tra cui scegliere, dai classici Pino di Svezia e Larice,

Dettagli

Periodo di potature? Fate attenzione...

Periodo di potature? Fate attenzione... Periodo di potature? Fate attenzione... Gli alberi non sono tutti uguali e non si potano tutti allo stesso modo o con la stessa frequenza. La potatura delle specie arboree viene, infatti, effettuata per

Dettagli

Conoscere il legno. Essenze e cause di degrado.

Conoscere il legno. Essenze e cause di degrado. Dicembre 2007 EDILIZIA PROFESSIONALE Conoscere il legno. Essenze e cause di degrado. SigmaKalon Univer S.p.a. Via Monte Rosa, 7 28010 Cavallirio (NO) Tel. (0163) 806 611 Fax (0163) 806 696 info@sigmakalon.it

Dettagli

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO

LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA: COME ROVINARE UN ALBERO LA CAPITOZZATURA Per capitozzatura si intende il taglio della parte apicale del fusto e di grossi rami la capitozzatura NON E UNA TECNICA DI POTATURA ma UN DANNEGGIAMENTO

Dettagli

specie legnose e colori

specie legnose e colori 1 PINO (Pinus sylvestris) È un legno che garantisce un ottimo rapporto qualità/prezzo. Lavoranti in Legno si approvvigiona direttamente dal nord Europa e più precisamente dalla Scandinavia, dove si trovano

Dettagli

GESTIONE E VALORIZZAZIONE IN SICUREZZA DEGLI ALBERI FORESTALI IN PROVINCIA DI SONDRIO

GESTIONE E VALORIZZAZIONE IN SICUREZZA DEGLI ALBERI FORESTALI IN PROVINCIA DI SONDRIO GESTIONE E VALORIZZAZIONE IN SICUREZZA DEGLI ALBERI FORESTALI IN PROVINCIA DI SONDRIO Ideazione: Area Agricoltura della Comunità Montana Valtellina di Sondrio Testo e disegni - parte prima e parte terza:

Dettagli

LA POTATURA DEGLI ALBERI DA FRUTTO E LA DIFESA DALLE PRINCIPALI AVVERSITA

LA POTATURA DEGLI ALBERI DA FRUTTO E LA DIFESA DALLE PRINCIPALI AVVERSITA CORSO DI FRUTTICOLTURA LA POTATURA DEGLI ALBERI DA FRUTTO E LA DIFESA DALLE PRINCIPALI AVVERSITA Lezione 1- L albero da frutto: elementi di anatomia e fisiologia vegetale (dr. Giulio RE) Le funzioni vitali

Dettagli

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi

si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi LA PATATA Famiglia delle solanacee Genere solanum Pianta erbacea coltivata come annuale ma che in natura si comporta come perenne grazie alla sua propagazione attraverso i tuberi I fiori sono riuniti a

Dettagli

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi

Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA. Storie di uomini, alberi e animali. Dieci racconti e una riflessione. Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta IL BOSCO RACCONTA Storie di uomini, alberi e animali Dieci racconti e una riflessione Disegni di Ernesto Roversi Gianpiero Andreatta, Il bosco racconta Copyright 2014 Edizioni del Faro

Dettagli

Struttura della foglia

Struttura della foglia Struttura della foglia La struttura delle foglie varia per grandezza e forma apice nervatura lamina fogliare base stipole picciolo Forma della lamina fogliare a squama ad ago lineare ellittica ovale lanceolata

Dettagli

Effetti dell incendio sull ambiente

Effetti dell incendio sull ambiente Effetti dell incendio sull ambiente Dott. For. Antonio Brunori Effetti del fuoco Il fuoco danneggia e spesso distrugge il bosco, per valutare le effettive conseguenze di un incendio su un ecosistema forestale

Dettagli

POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA

POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA POTATURA DEL PLATANO A SENIGALLIA Gruppo di lavoro Davide Neri (prof. Arboricoltura Università Politecnica delle Marche) Alberto Minelli (prof. Parchi e giardini Università di Bologna) Stefano Api (geometra

Dettagli

LABORATORIO C.R.E.A. "S.O.S. NATURA - SPECIALE FORESTE" CLASSE 1 a sez. C a.s. 2010-2011

LABORATORIO C.R.E.A. S.O.S. NATURA - SPECIALE FORESTE CLASSE 1 a sez. C a.s. 2010-2011 LABORATORIO C.R.E.A. "S.O.S. NATURA - SPECIALE FORESTE" CLASSE 1 a sez. C a.s. 2010-2011 NELL ANNO INTERNAZIONALE DEDICATO ALLE FORESTE LA CLASSE 1 a C HA PARTECIPATO AL LABORATORIO C.R.E.A. CON LA SUPERVISIONE

Dettagli

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO

COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO COMUNE DI CREAZZO (VI) Incontri pubblico COMPOSTAGGIO DOMESTICO SCOPO DEGLI INCONTRI Fornire informazioni sulle modalità operative per la realizzazione del compostaggio domestico Fornire indicazioni sulle

Dettagli

IL LEGNO COME COMBUSTIBILE

IL LEGNO COME COMBUSTIBILE IL LEGNO COME COMBUSTIBILE Il legno è uno dei materiali più preziosi offerti dalla natura. Fin dall'antichità più preistorica è stato utilizzato dall'uomo non solo per riscaldarsi, ma anche per la costruzione

Dettagli

LA LEGNA: FONTE DI CALORE PRIMORDIALE

LA LEGNA: FONTE DI CALORE PRIMORDIALE La storia ci dice che il legno è il più antico combustibile utilizzato dall uomo per il riscaldamento delle abitazioni e la cottura dei cibi. La sua lenta ma inesorabile sostituzione è cominciata circa

Dettagli

progettazione di edifici con strutture portanti in legno 21 ottobre 2011 durabilità 1 arch. m.sc. andrea zanchetta

progettazione di edifici con strutture portanti in legno 21 ottobre 2011 durabilità 1 arch. m.sc. andrea zanchetta durabilità 1 Il legno è un materiale durabile? Sala del maggior consiglio, Palazzo Ducale Venezia XVI secolo principi generali Il legno è un materiale durabile? Analisi capriate di copertura Palazzo Ducale

Dettagli

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI

La vegetazione dei Monti Simbruini APPUNTI La vegetazione dei Monti Simbruini FOTO VEGETAZIONE MONTI SIMBRUINI APPUNTI Il massiccio calcareo dei Monti Simbruini presenta una ben conservata copertura forestale, che occupa il 75% dell intero areale

Dettagli

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi

Le piante. Piante senza fiori Piante con fiori. La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Le piante Le piante Piante senza fiori Piante con fiori La radice Il fusto La foglia Il fiore I frutti e i semi Piante senza fiori Milioni di anni fa esistevano sulla Terra soltanto piante senza fiori

Dettagli

REGOLAMENTO SULL USO FORESTALE DEL TERRITORIO DEL PARCO NATURALE REGIONALE SIRENTE-VELINO

REGOLAMENTO SULL USO FORESTALE DEL TERRITORIO DEL PARCO NATURALE REGIONALE SIRENTE-VELINO Qui proteggiamo natura e cultura REGOLAMENTO SULL USO FORESTALE DEL TERRITORIO DEL PARCO NATURALE REGIONALE SIRENTE-VELINO Approvato con delibera di Consiglio Direttivo n 25 del 21/04/1999 Modificato con

Dettagli

ABC. L per la potatura e la cura degli alberi ornamentali e da frutta

ABC. L per la potatura e la cura degli alberi ornamentali e da frutta ABC L per la potatura e la cura degli alberi ornamentali e da frutta Consigli per la cura degli alberi Non è necessario essere professionisti per curare e potare alberi da frutto ed ornamentali. Di seguito

Dettagli

Populus nigra L. e Populus alba L. (Pioppo nero e pioppo bianco)

Populus nigra L. e Populus alba L. (Pioppo nero e pioppo bianco) SALICACEE Nella famiglia delle Salicacee fanno parte piante per lo più legnose distribuite nelle zone temperate dell'emisfero boreale. Nella flora italiana la famiglia è rappresentata da due generi, Populus

Dettagli

TRATTAMENTO DEL LEGNO PER ESTERNI

TRATTAMENTO DEL LEGNO PER ESTERNI 1 Il brico dalle mille idee... TRATTAMENTO DEL LEGNO PER ESTERNI Il legno all esterno impregnanti e vernici 2 I manufatti in legno esposti all'esterno sono sottoposti a molteplici fattori di degrado: Agenti

Dettagli

REGIONE LIGURIA Protezione Civile

REGIONE LIGURIA Protezione Civile ALLEGATO 2 REGIONE LIGURIA Protezione Civile INCENDIO DELLE ZONE DI INTERFACCIA DEFINIZIONE SCENARI Febbraio 2007 2 DEFINIZIONE SCENARIO DI INCENDI DI INTERFACCIA Per valutare il rischio conseguente agli

Dettagli

Giornate tecniche 2011

Giornate tecniche 2011 Giornate tecniche 2011 Seminario: Aspetti teorici e applicativi della potatura delle piante da frutto Relatore: dott. agr. Salvatore Gaudio Data: 12 febbraio 2011 Aspetti teorici ed applicativi della potatura

Dettagli

CREST. Centro Ricerche in Ecologia e Scienze del Territorio

CREST. Centro Ricerche in Ecologia e Scienze del Territorio CREST Centro Ricerche in Ecologia e Scienze del Territorio CREST s.n.c. di Perosino Gian Carlo & c. 10136 Torino (Italia) - Via Caprera, 15 - E-mail info@crestsnc.it - tel. 011/3299419/3299165 r.a. - fax

Dettagli

IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl

IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl Torna all indice Foto: A. Raise IL POTERE CALORIFICO DEL LEGNO di Bernardo Hellrigl Relatore Stefano Grigolato Dipartimento Territorio e Sistemi Agro-Forestali Università degli Studi di Padova Progetto

Dettagli

BONDEX I DANNI PER IL LEGNO Nemici del legno Raggi - UV il legno diventa grigio. Usura, Inquinamento e temperature Umidità il carico dell umidità provoca lo scaturire e dimiminuire del legno e porta alla

Dettagli

LE FOGLIE. classe 2^ scuola primaria

LE FOGLIE. classe 2^ scuola primaria LE FOGLIE classe 2^ scuola primaria Per i bambini, scoprire ciò che li circonda è sempre un avventura magica e piena di risorse. La realtà nella quale si trova la nostra scuola offre diversi stimoli dal

Dettagli

Scuola E. DE AMICIS S. Maria del Giudice anno scolastico 2011/12 Classe IV INS. Bandini Monica

Scuola E. DE AMICIS S. Maria del Giudice anno scolastico 2011/12 Classe IV INS. Bandini Monica Scuola E. DE AMICIS S. Maria del Giudice anno scolastico 2011/12 Classe IV INS. Bandini Monica Oggi 10 Novembre abbiamo osservato alcuni semi: semi di lenticchie, di fagiolo, di mais. Tutti i semi al tatto

Dettagli

IL MONDO DELLE PIANTE

IL MONDO DELLE PIANTE PROVINCIA DI BERGAMO Settore Politiche Sociali e Salute IL MONDO DELLE PIANTE 2010 Realizzato dall Istruttore Educativo: Colella Anna 1 INDICE Classificazione delle piante pag. 3 Le parti della pianta

Dettagli

PERCORSO DIDATTICO SUL FUSTO E SULLA GEMMA

PERCORSO DIDATTICO SUL FUSTO E SULLA GEMMA PERCORSO DIDATTICO SUL FUSTO E SULLA GEMMA Daniela Basosi, Lucia Lachina 1 2011 1) DESCRIVERE UN FUSTO LEGNOSO Procuratevi un ramo di albero da frutto e chiedete ai ragazzi di descriverlo. Fate discutere

Dettagli

Classificazione. Sono diversi i criteri di classificazione del legno, in base alla durezza si distinguono in:

Classificazione. Sono diversi i criteri di classificazione del legno, in base alla durezza si distinguono in: Classificazione Sono diversi i criteri di classificazione del legno, in base alla durezza si distinguono in: Legni dolci: - Conifere leggere, legni a scarso contenuto resinoso, si degradano facilmente

Dettagli

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale

REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale REGIONE LAZIO Direzione Regionale Agricoltura Area Servizi Tecnici e Scientifici, Servizio Fitosanitario Regionale Anopllophora spp Cerambiiciide o Tarllo asiiattiico Foto 1. Femmina di Anoplophora Gli

Dettagli

LE LIMITAZIONI SULLA DURATA DELLA GARANZIA REMMERS SENZA ALCUNA MANUTENZIONE

LE LIMITAZIONI SULLA DURATA DELLA GARANZIA REMMERS SENZA ALCUNA MANUTENZIONE LE LIMITAZIONI SULLA DURATA DELLA GARANZIA REMMERS SENZA ALCUNA MANUTENZIONE LE LIMITAZIONI SULLA DURATA DELLA GARANZIA SENZA ALCUNA MANUTENZIONE La garanzia rilasciata da Pavanello Serramenti sulla durata

Dettagli

AREA VERDE COMPRESA TRA VIA SPALATO, VIA II GIUGNO E SECONDA TRAVERSA, LOCALITA MILANO MARITTIMA RELAZIONE TECNICO-AGRONOMICA STATO DI FATTO

AREA VERDE COMPRESA TRA VIA SPALATO, VIA II GIUGNO E SECONDA TRAVERSA, LOCALITA MILANO MARITTIMA RELAZIONE TECNICO-AGRONOMICA STATO DI FATTO AREA VERDE COMPRESA TRA VIA SPALATO, VIA II GIUGNO E SECONDA TRAVERSA, LOCALITA MILANO MARITTIMA RELAZIONE TECNICO-AGRONOMICA STATO DI FATTO Dott. Agr. Alessandra Bazzocchi L area verde oggetto di studio,

Dettagli

PIANO ATTUATIVO Atr2 AMBITO DI TRASFORMAZIONE RESIDENZIALE

PIANO ATTUATIVO Atr2 AMBITO DI TRASFORMAZIONE RESIDENZIALE CITTA' DI SOTTO IL MONTE GIOVANNI XXIII Provincia di Bergamo Committenti: Avv. Gabriele Terzi Gestimont srl Ghisleni Alberto e Belotti Emanuela Costruzioni Agazzi srl Rossi Luca Opera Diocesana San Narno

Dettagli

La Misura 222 del Programma regionale di Sviluppo rurale

La Misura 222 del Programma regionale di Sviluppo rurale La Misura 222 del Programma regionale di Sviluppo rurale Roberto Zampieri Regione del Veneto Unità di Progetto Foreste e Parchi Legnaro, 20 febbraio 2012 Azione Realizzazione di sistemi silvoarabili (filari

Dettagli

MANUALE DIDATTICO LEGNO

MANUALE DIDATTICO LEGNO MANUALE DIDATTICO sui temi della raccolta, del riciclo e del recupero dei rifiuti di imballaggio Anno 2010/2011 Un iniziativa con il patrocinio di Ministero dell Istruzione dell Università e Ricerca Un

Dettagli

Le siepi sono costituite da filari di piante, spesso sempreverdi, e sono utilizzate per vari scopi: segnare il confine e separare le proprietà;

Le siepi sono costituite da filari di piante, spesso sempreverdi, e sono utilizzate per vari scopi: segnare il confine e separare le proprietà; LE SIEPI Le siepi sono esseri viventi che appartengono al mondo vegetale; le loro foglie infatti contengono la clorofilla e altre sostanze. Le siepi possono essere fogliose, lisce, verdi, spinose, diramate,

Dettagli

La produzione del carbone di legna sull Appennino pistoiese

La produzione del carbone di legna sull Appennino pistoiese La produzione del carbone di legna sull Appennino pistoiese Costruzione di una carbonaia ----------------------------------------- Samuele Straulino, Agosto 2002 La produzione del carbone è un attività

Dettagli

Fin dall'antichità più preistorica il legno, è stato utilizzato dall'uomo non solo per riscaldarsi, ma anche per la costruzione di palafitte,

Fin dall'antichità più preistorica il legno, è stato utilizzato dall'uomo non solo per riscaldarsi, ma anche per la costruzione di palafitte, Fin dall'antichità più preistorica il legno, è stato utilizzato dall'uomo non solo per riscaldarsi, ma anche per la costruzione di palafitte, capanne, utensili. Erano di legno i pali per costruire le capanne.

Dettagli

BETULLA IMPIEGHI PANNELLO: mobili, piani per tavoli,cucine,

BETULLA IMPIEGHI PANNELLO: mobili, piani per tavoli,cucine, BETULLA mobili, piani per tavoli,cucine, arredamento in genere. Legno di colore biancastro di provenienza euro-asiatica di grana finissima e dalla fibra generalmente diritta Modulo di elasticità longitudinale:

Dettagli

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa

La semina. Numero di piante per unità di superficie. Resa La semina La semina è quell operazione con la quale il seme (medica, pomodoro ecc.) o il frutto (cereali, girasole ecc.) vengono immessi nel terreno allo scopo di ottenere la nascita delle piante che avvieranno

Dettagli

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI?

A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? A COSA SERVONO SEMI E FRUTTI? Dopo la fecondazione il fiore appassisce e i petali cadono. L ovulo fecondato si trasforma in SEME, mentre l ovario si ingrossa e si trasforma in FRUTTO. Il SEME ha il compito

Dettagli

Un viaggio tra le essenze, attraverso i colori, i profumi ed i caratteri del legno.

Un viaggio tra le essenze, attraverso i colori, i profumi ed i caratteri del legno. Un viaggio tra le essenze, attraverso i colori, i profumi ed i caratteri del legno. 2STRATI Acero Canadese 08 Afrormosia 09 Cabreuva Incenso 10 Doussiè Africa 12 Iroko 14 Merbau 15 Noce Nazionale Europeo

Dettagli

Intervento comprensivo di ogni onere, macchina operatrice, attrezzatura, terreno vegetale o : esemplari di altezza da 6 m a 12 m 154,562 20,09 134,47

Intervento comprensivo di ogni onere, macchina operatrice, attrezzatura, terreno vegetale o : esemplari di altezza da 6 m a 12 m 154,562 20,09 134,47 descrizione ribasso % costo unitario n. Abbattimento di alberi adulti a chioma espansa in parchi e giardini. Intervento comprensivo di ogni onere, macchina operatrice, attrezzatura, raccolta e conferimento

Dettagli

2 Assortimento e misurazione del legname

2 Assortimento e misurazione del legname 2 Assortimento e misurazione del legname 2.1 Assortimenti di legname In questo capitolo sono trattate le prescrizioni usate in Svizzera per l assortimento e per la misurazione. Legname tondo, tronchi Conifere

Dettagli

COMPOSTAGGIO DOMESTICO Per fare la DIFFERENZA basta un piccolo gesto.

COMPOSTAGGIO DOMESTICO Per fare la DIFFERENZA basta un piccolo gesto. COMPOSTAGGIO DOMESTICO Per fare la DIFFERENZA basta un piccolo gesto. Dopo aver raggiunto elevate percentuali di Raccolta Differenziata Vi chiediamo di continuare a collaborare migliorando la qualità della

Dettagli

Strutturalmente il legno è costituito da: - 50% di carbonio. - 42% di ossigeno. -6% di idrogeno. -2% di minerali, azoto, pigmenti.

Strutturalmente il legno è costituito da: - 50% di carbonio. - 42% di ossigeno. -6% di idrogeno. -2% di minerali, azoto, pigmenti. Il legno è fornito, come noto, dai fusti degli alberi e consta di un insieme di cellule le quali non sono però sparse nella comune massa, ma, avendo determinate funzioni da svolgere, sono raggruppate in

Dettagli

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA?

COS E LA PRODUZIONE INTEGRATA? Cos è la Produzione Integrata (PI). Con questo scritto desidero fare una cronistoria sulla produzione integrata, un sistema di lotta iniziato negli anni 80, dove un ticinese nella persona del Dott. Mario

Dettagli

Relatore: Caven Elger

Relatore: Caven Elger Relatore: Caven Elger 1. Parametri basali: temperatura, luce, concime ed acqua 2. Cura dopo la fioritura 3. Fioritura ripetuta 4. Danni da parassiti 5. Danni non da parassiti 6. Caduta dei boccioli 7.

Dettagli

DAL LEGNO AL FUOCO. come ottenere una buona combustione domestica e migliorare la qualità dell aria

DAL LEGNO AL FUOCO. come ottenere una buona combustione domestica e migliorare la qualità dell aria ARPA FVG Agenzia Regionale per la Protezione dell Ambiente del Friuli Venezia Giulia DAL LEGNO AL FUOCO come ottenere una buona combustione domestica e migliorare la qualità dell aria Fumo della legna

Dettagli

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO

APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO SEMINARIO TECNICO ALBICOCCHE DI QUALITA :tecniche agronomiche, innovazione varietale e strategie di mercato APPROCCI INNOVATIVI NELLA GESTIONE DEGLI IMPIANTI DI ALBICOCCO Sala Consiliare Comune di Scanzano

Dettagli

IL CASTAGNO DA FRUTTO E LA SELVA CASTANILE

IL CASTAGNO DA FRUTTO E LA SELVA CASTANILE IL CASTAGNO DA FRUTTO E LA SELVA CASTANILE Ecologia e morfologia del castagno da frutto Il recupero della selva castanile abbandonata Le regole della potatura DISPENSA TECNICA del corso di formazione sulla

Dettagli

sarner holz Ispirati dal legno guidati dalla sostenibilità Un azienda della

sarner holz Ispirati dal legno guidati dalla sostenibilità Un azienda della sarner holz Ispirati dal legno guidati dalla sostenibilità Un azienda della Il cambio generazionale Sarner Holz è il fulcro di tutta l attività, l origine del gruppo. Una storia iniziata un secolo fa con

Dettagli

LEGNO IMPREGNATO IN AUTOCLAVE

LEGNO IMPREGNATO IN AUTOCLAVE Il brico dalle mille idee... LEGNO IMPREGNATO IN AUTOCLAVE Il legno all esterno e l impregnazione in autoclave 2 Il deterioramento del legno all esterno I manufatti in legno esposti all'esterno sono sottoposti

Dettagli

Progetto Bosco dei Dossi I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) 4 E a.s. 2012/13 LAVORO DI ESTIMO

Progetto Bosco dei Dossi I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) 4 E a.s. 2012/13 LAVORO DI ESTIMO Progetto Bosco dei Dossi I.I.S. G. Cantoni Treviglio (BG) 4 E a.s. 2012/13 LAVORO DI ESTIMO INDICE INTRODUZIONE PREMESSA LA FINALITÀDEL PRESENTE LAVORO ÈSTATA QUELLA DI FORNIRE AGLI ALUNNI STRUMENTI E

Dettagli

Il legno come combustibile

Il legno come combustibile Approfondimento Il legno come combustibile Le biomasse soddisfano circa il 15% degli usi energetici primari nel mondo; tra esse la più nota è il legno, il più antico combustibile utilizzato dall uomo per

Dettagli

CORYLACEAE. Polline di Corylus. ARPAC Laboratorio Biomonitoraggio Aria Dipartimento Provinciale di Napoli

CORYLACEAE. Polline di Corylus. ARPAC Laboratorio Biomonitoraggio Aria Dipartimento Provinciale di Napoli CORYLACEAE Divisione: Spermatophyta Sodivisione:Angiospermae Classe: Dicotyledones Famiglia: Corylaceae Generi: Carpinus (carpino bianco), Ostrya (ostria o carpino nero), Corylus (nocciolo) La famiglia

Dettagli

LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE

LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE LA BIOMASSA DAI BOSCHI DELL ALTO ADIGE contenuto 1. attività della Forestale in Alto Adige 2. situazione boschiva 3. difficoltà di gestione 4. incentivi 5. cippato prezzi contratti 1. attività della Forestale

Dettagli

Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero.

Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero. Agenzia regionale per la ricerca in agricoltura Dipartimento della ricerca per il sughero e la silvicoltura Tempio Pausania Danni da neve sulla quercia da sughero Tipologia e interventi di recupero. Rilievi

Dettagli

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo

CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo CAI S.Donà e Treviso Scuole Alpinismo e Scialpinismo Valanga = massa di neve, piccola o grande che sia, in movimento lungo un pendio (definizione AINEVA). A. La zona di distacco è il luogo dove prende

Dettagli

CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI. Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario

CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI. Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario CONSERVAZIONE DEGLI ALBERI TUTELATI: ASPETTI FITOSANITARI Nicoletta Vai Servizio Fitosanitario Di cosa parleremo Perché il Servizio Fitosanitario? Alberi monumentali: i fondamentali Conservazione: cosa

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE DELL UMBRIA DIREZIONE REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE PRESSO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE - P E R U G I A

REPUBBLICA ITALIANA DELLA REGIONE DELL UMBRIA DIREZIONE REDAZIONE E AMMINISTRAZIONE PRESSO PRESIDENZA DELLA GIUNTA REGIONALE - P E R U G I A Supplemento ordinario n. 2 al «Bollettino Ufficiale» - serie generale - n. 59 del 31 dicembre 2002 Spedizione in abbonamento postale Art. 2, comma 20/c, legge 662/96 - Fil. di Perugia REPUBBLICA ITALIANA

Dettagli

IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO

IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO IL COMPOSTAGGIO DOMESTICO EMERGENZA RIFIUTI RACCOLTA DIFFERENZIATA IL PESO DEI RIFIUTI Le sostanze organiche rappresentano circa 1/3 dei rifiuti prodotti, aumentando così la già ingente quantità di rifiuti

Dettagli

VORREI TAGLIARE IL MIO BOSCO COSA DEVO FARE? Guida ai tagli boschivi secondo il nuovo regolamento forestale regionale

VORREI TAGLIARE IL MIO BOSCO COSA DEVO FARE? Guida ai tagli boschivi secondo il nuovo regolamento forestale regionale VORREI TAGLIARE IL MIO BOSCO COSA DEVO FARE? Guida ai tagli boschivi secondo il nuovo regolamento forestale regionale 1 1. COME SI CONSULTA QUESTA GUIDA Il Regolamento approvato dalla Giunta regionale

Dettagli

PER ARBORICOLTURA DA LEGNO (ADL) SI INTENDE LA COLTIVAZIONE

PER ARBORICOLTURA DA LEGNO (ADL) SI INTENDE LA COLTIVAZIONE 1. PERCHE REALIZZARE UN IMPIANTO DI ARBORICOLTURA DA LEGNO PER ARBORICOLTURA DA LEGNO (ADL) SI INTENDE LA COLTIVAZIONE TEMPORANEA DI ALBERI FINALIZZATA ALLA PRODUZIONE DI LEGNAME. Le piantagioni di Arboricoltura

Dettagli

SWEET HOME MANGIATOIE E NIDI PER UCCELLI

SWEET HOME MANGIATOIE E NIDI PER UCCELLI HOME SWEET HOME MANGIATOIE E NIDI PER UCCELLI SCUOLA PRIMARIA «SANTORRE DI SANTAROSA» SAVIGLIANO CLASSE 2^C TEMPO PIENO a.s. 2014-2015 Insegnanti: Giordano Alessandra e Testa Tiziana LEGGIAMO INSIEME

Dettagli

Biodiversità a rischio - malattia del castagno

Biodiversità a rischio - malattia del castagno Biodiversità a rischio - malattia del castagno Il problema La vita del castagno attualmente è messa in pericolo da una piccola vespa cinese non più grande di un moscerino, arrivato in Piemonte, nel 2002,

Dettagli

Corso Riscaldamenti a legna. Claudio Caccia ing. el. STS, consulente energetico dipl. fed.

Corso Riscaldamenti a legna. Claudio Caccia ing. el. STS, consulente energetico dipl. fed. Panoramica e criteri di scelta dei riscaldamenti a legna Corso Riscaldamenti a legna Claudio Caccia ing. el. STS, consulente energetico dipl. fed. AELSI - Associazione per l energia del legno della Svizzera

Dettagli

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO

IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO IL CINIPIDE GALLIGENO DEL CASTAGNO ifesa delle oreste Dryocosmus kuriphilus Yat su matsu Hymenoptera Cynipidae Cos è il Cinipide galligeno del castagno? L imenottero cinipide Dryocosmus kuriphilus Yatsumatsu

Dettagli

FORESTAZIONE ARBUSTI DI PIANURA SCHEDE DI DIVULGAZIONE

FORESTAZIONE ARBUSTI DI PIANURA SCHEDE DI DIVULGAZIONE FORESTAZIONE ARBUSTI DI PIANURA Gli arbusti comunemente diffusi nelle nostre campagne rivestono un ruolo molto importante per diversi motivi. Ciò che maggiormente colpisce in prima battuta è sicuramente

Dettagli

UNITA di MISURA di VOLUME dei COMBUSTIBILI LEGNOSI. Numeri e nozioni di Xiloenergetica. www.agriforenergy.com QUADRO DI RIFERIMENTO

UNITA di MISURA di VOLUME dei COMBUSTIBILI LEGNOSI. Numeri e nozioni di Xiloenergetica. www.agriforenergy.com QUADRO DI RIFERIMENTO Numeri e nozioni di Xiloenergetica Per richiedere il volume rivolgersi a: Settore Politiche Forestali della Regione Piemonte Corso Stati Uniti, 21-10128 TORINO E_mail: tosettore.foreste14-@regione.piemonte.it

Dettagli

CONTROLLO UMIDITA 18/01/2010 1

CONTROLLO UMIDITA 18/01/2010 1 CONTROLLO UMIDITA 18/01/2010 1 CONTROLLO UMIDITA Il buon andamento del processo di compostaggio esige un costante e buon flusso dell ossigeno dell aria all interno della massa di scarti organici e un umidità

Dettagli

Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani

Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani Comune di Giuliano Teatino Progetto sperimentale per un sistema integrato domiciliare di raccolta dei rifiuti urbani 100% compostaggio domestico ANALISI DELLE CRITICITÀ E PROPOSTE RISOLUTIVE PER LE UTENZE

Dettagli

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi

Altri materiali biodegradabili: segatura, trucioli di legno non trattato, tovagliolini di carta bianchi 1. Cos è Il compostaggio è il risultato di un nuovo modo di trattare i rifiuti organici e vegetali. È semplice: noi tutti produciamo una certa quantità di rifiuti ogni giorno. Parte dei rifiuti prodotti

Dettagli

Consulenze sul legno e prodotti derivati PROGETTI E INNOVAZIONI

Consulenze sul legno e prodotti derivati PROGETTI E INNOVAZIONI Consulenze sul legno e prodotti derivati PROGETTI E INNOVAZIONI - Progetto LegnoC - di Gabriele Bonamini e Mariangela Noferi Studio Legno Wood Consulting Obiettivo: ottenere una superficie auto passivata,

Dettagli

Funghi lignicoli e carie del legno

Funghi lignicoli e carie del legno Funghi lignicoli e carie del legno Grottammare 2013 Valentin Lobis 39012 Merano (BZ) www.studiolobis.it La dinamica del marciume Tracheomicosi Marciume nella corteccia e nell alburno Marciume nel durame

Dettagli