C.1 - Capitolato speciale d appalto (parte normativa) Art. 53, comma 2, lettera c)

Dimensione: px
Iniziare la visualizzazioe della pagina:

Download "C.1 - Capitolato speciale d appalto (parte normativa) Art. 53, comma 2, lettera c)"

Transcript

1

2 C.1 - Capitolato speciale d appalto (parte normativa) Art. 53, comma 2, lettera c) P.O. Puglia FESR ASSE VII COMUNE DI TARANTO Direzione Pianificazione Urbanistica e Edilità Appalto di progettazione esecutiva, del PSC ed esecuzione dei lavori, previa acquisizione del progetto definitivo in sede di gara sulla base del progetto preliminare, intervento di: Lavori di RISTRUTTURAZIONE DELL IMMOBILE CINEMA TATRO FUSCO CUP: CIG: CAPITOLATO SPECIALE D APPALTO (articolo 53, comma 2, lettera c), comma 3 e comma 4, del decreto legislativo n. 163 del 2006) (articoli 43, commi 3 e seguenti, 138, commi 1 e 2, e 168, del d.p.r. 05 ottobre 2010, n. 207) Contratto a corpo importi in euro 1 Importo esecuzione lavorazioni ,22 2 Oneri per l attuazione dei piani di sicurezza ,26 T Totale lavori (1 + 2) ,48 3 Importo corrispettivo progettaz. definitiva, esecutiva e PSC ,08 TOT Totale appalto (T + 3) ,56 Il responsabile del servizio Il progettista del progetto preliminare Il responsabile del procedimento

3 Sommario PARTE PRIMA: Definizione tecnica ed economica dell appalto SCHEDA SOSTITUTIVA DPP (art. 15 c. 5 - DPR 207/2010) TITOLO I Definizione economica e rapporti contrattuali Capo 1 - NATURA E OGGETTO DELL APPALTO Art. 1 Oggetto dell appalto e definizioni... Art. 2 Ammontare dell appalto e importo del contratto... Art. 3 Modalità di stipulazione del contratto... Art. 4 Categorie dei lavori... Art. 5 Gruppi di lavorazioni omogenee, categorie contabili... Capo 2 DISCIPLINA CONTRATTUALE Art. 6 Interpretazione del contratto e del capitolato speciale d'appalto... Art. 7 Documenti che fanno parte del contratto... Art. 8 Disposizioni particolari riguardanti l appalto... Art. 9 Fallimento dell appaltatore... Art. 10 Rappresentante dell appaltatore e domicilio; direttore di cantiere... Art. 11 Norme generali sui materiali, i componenti, i sistemi e l'esecuzione... Art. 12 Convenzioni europee in materia di valuta e termini... Capo 3 - TERMINI PER LA PROGETTAZIONE E L ESECUZIONE Art. 13 Progettazione definitiva... Art. 14 Progettazione esecutiva: modalità e termini... Art. 15 Ritardo nella progettazione esecutiva... Art. 16 Approvazione della progettazione esecutiva... Art. 17 Consegna e inizio dei lavori... Art. 18 Termini per l'ultimazione dei lavori... Art. 19 Proroghe... Art. 20 Sospensioni ordinate dal direttore dei lavori... Art. 21 Sospensioni ordinate dal RUP... Art. 22 Penali in caso di ritardo - Premio di accelerazione... Art. 23 Programma esecutivo dei lavori dell'appaltatore e Piano di qualità... Art. 24 Inderogabilità dei termini di progettazione esecutiva e di esecuzione... Art. 25 Risoluzione del contratto per mancato rispetto dei termini... Capo 4 - CONTABILIZZAZIONE DEI LAVORI Art. 26 Lavoro a corpo... Art. 27 Eventuali lavori a misura... Art. 28 Eventuali lavori in economia... Art. 29 Valutazione dei manufatti e dei materiali a piè d opera... Capo 5 - DISCIPLINA ECONOMICA Art. 30 Anticipazione del prezzo... Art. 31 Pagamento del prezzo per la progettazione... Art. 32 Pagamenti in acconto... Art. 33 Pagamenti a saldo... Art. 34 Ritardi nel pagamento delle rate di acconto... Art. 35 Ritardi nel pagamento della rata di saldo... Art. 36 Revisione prezzi e adeguamento del corrispettivo... Art. 37 Anticipazione del pagamento di taluni materiali... 2/73

4 Art. 38 Cessione del contratto e cessione dei crediti... Capo 6 - CAUZIONI E GARANZIE Art. 39 Cauzione provvisoria... Art. 40 Cauzione definitiva... Art. 41 Riduzione delle garanzie... Art. 42 Obblighi assicurativi a carico dell appaltatore... Art. 43 Assicurazione della progettazione esecutiva... Capo 7 - DISPOSIZIONI PER LA PROGETTAZIONE E L ESECUZIONE Art. 44 Variazione dei lavori... Art. 45 Varianti per errori od omissioni progettuali... Art. 46 Prezzi applicabili ai nuovi lavori e nuovi prezzi... Capo 8 - DISPOSIZIONI IN MATERIA DI SICUREZZA Art. 47 Adempimenti preliminari in materia di sicurezza... Art. 48 Norme di sicurezza generali e sicurezza nel cantiere... Art. 49 Piano di sicurezza e di coordinamento... Art. 50 Modifiche e integrazioni al piano di sicurezza e di coordinamento... Art. 51 Piano operativo di sicurezza... Art. 52 Osservanza e attuazione dei piani di sicurezza... Capo 9 - DISCIPLINA DEL SUBAPPALTO Art. 53 Subappalto... Art. 54 Responsabilità in materia di subappalto... Art. 55 Pagamento dei subappaltatori... Capo 10 - CONTROVERSIE, MANODOPERA, ESECUZIONE D'UFFICIO Art. 56 Accordo bonario e transazione... Art. 57 Definizione delle controversie... Art. 58 Contratti collettivi e disposizioni sulla manodopera... Art. 59 Documento Unico di Regolarità Contributiva (DURC)... Art. 60 Risoluzione del contratto - Esecuzione d'ufficio dei lavori... Capo 11 - DISPOSIZIONI PER L ULTIMAZIONE Art. 61 Ultimazione dei lavori e gratuita manutenzione... Art. 62 Termini per il collaudo... Art. 63 Presa in consegna dei lavori ultimati... Capo 12 - NORME FINALI Art. 64 Oneri e obblighi a carico dell appaltatore... Art. 65 Conformità agli standard sociali... Art. 66 Proprietà dei materiali di scavo e di demolizione... Art. 67 Utilizzo di materiali recuperati o riciclati... Art. 68 Terre e rocce da scavo... Art. 69 Custodia del cantiere... Art. 70 Cartello di cantiere... Art. 71 Eventuale sopravvenuta inefficacia del contratto... Art. 72 Tracciabilità dei pagamenti... Art. 73 Spese contrattuali, imposte, tasse... ALLEGATI AL TITOLO I DELLA PARTE PRIMA Allegato A Elaborato R0 Elenco Elaborati Allegato B Cartello di cantiere... Allegato C Riepilogo degli elementi principali del contratto... Allegato D Criteri e subcriteri di cui all art. 23, comma 1, lettera c del D.P.R. n. 207/2010 Allegato E1 Calcolo delle spese tecniche a base di gara 3/73

5 PARTE PRIMA Definizione tecnica ed economica dell appalto Titolo I Definizione economica e rapporti contrattuali SCHEDA SOSTITUTIVA DPP (art. 15 commi 5e 6 - DPR 207/2010) 1. Elementi di cui all art. 15 comma 5- del DPR n. 207/2010 a) Il contratto ha ad oggetto, previa acquisizione del progetto definitivo in sede di offerta, la progettazione esecutiva e l'esecuzione di lavori sulla base del progetto preliminare dell'amministrazione aggiudicatrice ART. 53 comma 2 lett. c) del Codice dei contratti; b) L appalto viene espletato mediante procedura aperta, come definita dall art. 3 comma 37- del Codice dei contratti; c) Il contratto sarà stipulato a corpo, ai seni dell art. 53 comma 4- del Codice dei contratti - primo periodo. d) In relazione alle caratteristiche del contratto, il criterio di aggiudicazione sarà quello dell offerta economicamente più vantaggiosa, di cui all art. 81, comma 2 del Codice dei Contratti. 2. Elementi di cui all art. 15 comma 6- del DPR n. 207/2010 a) Situazione iniziale L immobile oggetto d intervento è ubicato nel Comune di Taranto, in Via Giovinazzi, nel centralissimo quartiere Borgo. Attualmente l edificio è inutilizzato. Le strutture edilizie necessitano di cospicui interventi di miglioramento / manutenzione straordinaria. I sistemi impiantistici sono interamente da ricostruire. Il prospetto principale si presenta fortemente degradato. Sono assenti componenti di arredo. b) Obiettivi generali da perseguire e strategie per raggiungerli Obiettivi dell'intervento sono quelli di: a) relativamente agli aspetti socio-economici: rendere fruibile l immobile, attualmente abbandonato e che rischia di evolvere in condizioni di degrado statico-strutturale, così supportando la programmazione comunale mirata alla riqualificazione del centro storico della città attraverso il recupero degli immobili maggiormente rappresentativi; completare, quindi, le previsioni del programma comunitario PIC URBAN II, nel cui ambito, e con le risorse in esso disponibili, si è pervenuti alla acquisizione dell edificio; incrementare la dotazione di spazi da destinare ad attività culturali e per lo spettacolo; b) relativamente agli aspetti edilizi: attuare interventi di ristrutturazione, volti al ripristino dei caratteri formali e architettonici ed al miglioramento della funzionalità; verificare la rispondenza strutturale alle vigenti norme antisismiche; 4/73

6 adeguare l edificio alle normative vigenti in materia di sicurezza sui luoghi di lavoro, di prevenzione incendi, di esecuzione degli impianti tecnologici; realizzare misure di efficientamento energetico. c) Esigenze e bisogni da soddisfare: Le esigenze da soddisfare sono quelle finalizzate al raggiungimento di adeguati standard di prestazione dell organismo edilizio globale, che dovrà facilitare i consumi e la fruizione di iniziative culturali ed ampliare la fascia di popolazione interessata alla partecipazione culturale. d) Regole e norme da rispettare: In relazione sia alle opere da eseguire che alle finalità da raggiungere si devono osservare tutte le vigenti norme di legge e regolamentari di settore relative a: qualità statico-strutturale e capacità di risposta alle azioni sismiche; compatibilità dell intervento, ai fini della corretta fruibilità/agibilità, con il contesto edificato in cui lo stesso si inserisce; sicurezza e tutela della salute sui luoghi di lavoro; funzionalità e rendimento degli impianti tecnologici; efficientamento energetico; abbattimento delle barriere architettoniche; gestione della sicurezza e prevenzione incendi; sicurezza nei cantieri con particolare osservanza del titolo IV del D.Lgs. 81/08 e successive modificazioni ed integrazioni. Il progetto dovrà essere redatto secondo le indicazioni del D.Lgs 163/06 e del DPR 207/10, al fine di confezionare un apparato documentale in grado di acquisire di tutte le autorizzazioni ed i pareri previsti dalla normativa vigente nonché costituire idoneo strumento per l appalto e la effettiva cantierizzazione dell opera. Per la stima dei costi dovranno essere applicati, per quanto possibile, i prezzi previsti dal prezziario corrente della Regione Puglia per opere e lavori pubblici ovvero, in mancanza di riferimenti utili, potrà farsi riferimento al prezziario ARIAP - Puglia ovvero, in casi estremi, a prezzari vigenti in altre regioni. Potranno altresì elaborarsi specifiche analisi dei prezzi, sulla base dei costi elementari praticati sul territorio. e) Vincoli di legge relativi al contesto in cui l'intervento è previsto: La redazione del progetto dovrà essenzialmente confrontarsi con due principali piani: il PRG del Comune di Taranto, risalente all anno 1978; il P.P.T.R. (piano paesaggistico territoriale regionale), adottato con DGR n del (BURP 108/ ) modificata con DGR n del (BURP 145/ ). Quanto al PRG, la destinazione di piano dell area su cui insiste l immobile è definita Edilizia esistente di tipo A, regolata dall art. 43 della Norme di Attuazione. Quanto al PPTR, esso non trova applicazione per l intervento in oggetto, in quanto, l immobile ricade in area di edilizia esistente di tipo A, ai sensi dell art. 142 c. 2 del D.Lgs n. 42/2004. f) Funzioni che dovrà svolgere l'intervento: L intervento ha la funzione principale di incrementare l offerta culturale, con attesi positivi riflessi socio economici connessi alla riqualificazione dell area. g) Requisiti tecnici da rispettare: La realizzazione dell opera avrà come fine fondamentale la realizzazione di un intervento di qualità e tecnicamente valido, nel rispetto del miglior rapporto fra i benefici e i costi globali di costruzione, manutenzione e gestione. 5/73

7 La realizzazione dell opera sarà mirata, tra l'altro, al rispetto dei principi di minimizzazione dell'impegno di risorse materiali non rinnovabili e di massimo utilizzo di quelle rinnovabili; dovrà essere valutato il criterio della massima manutenibilità, durabilità dei materiali e dei componenti, sostituibilità degli elementi, compatibilità dei materiali ed agevole controllabilità delle prestazioni dell'intervento nel tempo. h) Impatto dell'opera sulle componenti ambientali: L intervento previsto è legato ai pareri vincolanti del Ministero dei Beni Culturali - Soprintendenza Beni Ambientali Paesaggistici e Soprintendenza Beni Archeologici. Pertanto, nella progettazione dell intervento si terrà obbligatoriamente conto delle prescrizioni ed indicazioni contenute nei pareri di competenza delle predette istituzioni, da rendere in Conferenza dei Servizi. L eventuale presenza di impatti dell opera sulle componenti ambientali sarà comunque valutata nel processo progettuale, al fine di introdurre opportune misure mitigatrici. i) Fasi di progettazione da sviluppare - sequenza logica - tempi di svolgimento: Le fasi di progettazione sono articolate in preliminare, definitiva ed esecutiva ai sensi dell'art. 93 del D.Lgs 163/06 e successive modifiche e integrazioni. Posto che l intervento sarà oggetto di appalto con le modalità di cui all art. 53 comma 2 lett. c) il progetto preliminare è predisposto a cura dei tecnici dipendenti in servizio presso la Direzione Urbanistica del Comune di Taranto, struttura responsabile del programma. Sul progetto preliminare si espleta procedura di validazione, con operazioni di verifica di cui agli artt. 93 comma 6- e 112 del Codice dei contratti D.Lgs n. 163/2006 nonché degli artt. 47 e seguenti del Regolamento DPR n. 207/2010, effettuate da struttura accreditata esterna in possesso dei requisiti specifici richiesti dalla legge. A seguito di validazione l approvazione del progetto preliminare avverrà, ai sensi di legge, da parte dell organo preposto e competente, con l osservanza delle procedure urbanistiche ed avvalendosi delle specifiche disposizioni in tema di opere pubbliche. La redazione del livello definitivo del progetto, di competenza dei progettisti delle imprese concorrenti alla gara, è espletata nell arco temporale intercorrente tra la pubblicazione del bando di gara ed il termine stabilito per la presentazione dell offerta, determinato dall art. 70 comma 6 del Codice dei contratti in giorni 60. Quanto alla redazione del progetto esecutivo i tempi non saranno superiori a gg. 15, tenuto conto dell esigenza di accelerare tutti i segmenti procedurali. Ogni livello progettuale verrà ovviamente sottoposto alle verifiche di legge ed alle relative approvazioni da parte dell organo amministrativo competente. L intervento in questione è inserito nel programma triennale dei ll.pp. sin dall esercizio finanziario Il consiglio Comunale, con deliberazione n. 122 del , confermata con deliberazione n. 134 del , ha confermato la decisione di realizzare l intervento con finanziamento a valere sul PO FESR Puglia Asse VII Competitività e attrattività delle città e dei sistemi urbani. l) Elaborati grafici e descrittivi da redigere: Fatta salva ogni successiva disposizione, circa eventuali necessità di integrare l apparato documentale occorrente alla adeguata intelleggibilità dell intervento da realizzare, gli elaborati da predisporre sono quelli indicati nel titolo titolo II, capo I, del regolamento DPR 207/2010, che qui si riepilogano. Documenti componenti il progetto preliminare: a) relazione illustrativa; b) relazione tecnica; 6/73

8 c) studio di prefattibilità ambientale; d) indagini geologiche, idrogeologiche e archeologiche preliminari; e) planimetria generale e schemi grafici; f) prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza; g) calcolo sommario della spesa; h) quadro economico di progetto ; i) rilievo di massima degli immobili; Documenti componenti il progetto definitivo a) relazione generale; b) relazioni tecniche e relazioni specialistiche; c) rilievi plano-altimetrici e studio dettagliato di inserimento urbanistico; d) elaborati grafici; e) studio di impatto ambientale ovvero studio di fattibilità ambientale; f) calcoli delle strutture e degli impianti; g) disciplinare descrittivo e prestazionale degli elementi tecnici; h) censimento e progetto di risoluzione delle interferenze; i) piano particellare di esproprio; l) elenco dei prezzi unitari ed eventuale analisi; m) computo metrico estimativo; n) aggiornamento del documento contenente le prime indicazioni e disposizioni per la stesura dei piani di sicurezza; o) quadro economico con l indicazione dei costi della sicurezza; Documenti componenti il progetto esecutivo a) relazione generale; b) relazioni specialistiche; c) elaborati grafici comprensivi anche di quelli delle strutture, degli impianti e di ripristino e miglioramento ambientale; d) calcoli esecutivi delle strutture e degli impianti; e) piano di manutenzione dell'opera e delle sue parti; f) piani di sicurezza e di coordinamento e quadro di incidenza della manodopera; g) computo metrico estimativo definitivo e quadro economico; h) cronoprogramma; i) elenco dei prezzi unitari ed eventuali analisi; l) schema di contratto e capitolato speciale di appalto; m) Limiti finanziari da rispettare e della stima dei costi e delle fonti di finanziamento: L Autorità di Gestione del PO FESR Puglia assicura per l intervento di recupero del cine-teatro Fusco un finanziamento di ,00. n) Sistema di realizzazione da impiegare: Quale procedura di scelta del contraente per l'appalto dei lavori si procederà mediante procedura aperta. Il contratto ha ad oggetto, previa acquisizione del progetto definitivo in sede di offerta, la progettazione esecutiva e l'esecuzione di lavori sulla base del progetto preliminare dell'amministrazione aggiudicatrice ART. 53 comma 2 lett. c) del Codice dei contratti 7/73

9 o) Cronoprogramma delle scadenze temporali Il cronoprogramma di massima degli adempimenti viene di seguito riportato. TEMPI N. DESCRIZIONE FASE/ATTIVITA' sottofase fase progressivo gg gg gg DESCRIZIONE ADEMPIMENTI - NOTE FASE PROCEDURE GARA a attivazione procedura di appalto 10 b ricezione domande di partecipazione alla gara 60 c valutazione offerte aggiudicazione provvisoria 30 d approvazione provvedimento di aggiudicazione definitiva stipula contratto e verifica progetto definitivo approvazione 30 Completamento redazione bando di gara, per esperimento di procedura aperta, ed invio GURI BURP QUOTIDIANI pubblicazione sito stazione appaltante Termine minimo stabilito dall art comma 6 - del Codice dei contratti gg. 60 decorrenti dalla pubblicazione del bando di gara Tempo previsto per la valutazione delle offerte (con il criterio dell offerta economicamente più vantaggiosa - art. 83 del Codice dei contratti) 30 Verifica requisiti aggiudicatario, aggiudicazione definitiva dell'appalto, stipula contratto Verifica di cui all art. 112 comma 2 del Codice dei contratti acquisizione parere VV.F, approvazione progetto definitivo 2 FASE PROGETTAZIONE ESECUTIVA a redazione progetto esecutivo 30 Redazione progetto esecutivo, in coerenza con il definitivo predisposto dal concorrente risultato aggiudicatario, ed approvato dalla Stazione Appaltante b verifica progetto esecutivo approvazione 25 Verifica di cui all art. 112 comma 2 del Codice dei contratti approvazione progetto esecutivo 3 FASE CANTIERIZZAZIONE Operazioni e verifiche preliminari alla consegna, esame ed approvazione dei piani di sicurezza, notifica preliminare, convocazione formale dell impresa, redazione e sottoscrizione del verbale di consegna 4 FASE ESECUZIONE Esecuzione dei lavori, forniture, allacciamenti ai pubblici servizi - collaudi tecnici in c.o. 5 FASE COLLAUDO TECNICO AMMINISTRATIVO Completamento operazioni di collaudo tecnico amministrativo in corso d'opera. Dichiarazione di agibilità COMPLETAMENTO INTERVENTO gg 665 8/73

10 Art. 1. Oggetto dell appalto e definizioni CAPO 1. NATURA E OGGETTO DELL APPALTO 1. Ai sensi dell articolo 53, comma 2, lettera c), del Codice dei contratti, l oggetto dell appalto consiste nella progettazione esecutiva, nella redazione del PSC e nell esecuzione dei lavori, previa acquisizione del progetto definitivo in sede di gara, sulla base del progetto preliminare predisposto dalla Stazione appaltante, necessari per la realizzazione dell intervento di cui al comma 2, alle condizioni di cui al comma L intervento è così individuato: a) denominazione conferita dalla Stazione appaltante: LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE DELL IMMOBILE CINEMA TATRO FUSCO b) ubicazione: Taranto via C. Giovinazzi. 3. Sono comprese nell appalto: a) l esecuzione di tutti i lavori, le prestazioni, le forniture e le provviste necessarie per dare il lavoro completamente compiuto e secondo le condizioni stabilite dal capitolato speciale d appalto, con le caratteristiche tecniche, qualitative e quantitative previste dal progetto a base di gara con i relativi allegati, dei quali l appaltatore dichiara di aver preso completa ed esatta conoscenza, nonché degli elaborati e della documentazione di cui alla lettera b); b) la redazione, prima dell esecuzione di cui alla lettera a), della progettazione esecutiva e del PSC da redigere a cura dell appaltatore nel rispetto dell articolo 93, comma 5, del Codice dei contratti e degli articoli da 33 a 43 del Regolamento generale, in quanto applicabili, in conformità al progetto definitivo presentato in sede di gara dall appaltatore, così come approvato dalla Stazione appaltante con apposito provvedimento ai sensi dell articolo 13, comma 6; il progetto esecutivo è soggetto ad approvazione da parte di quest ultima prima dell inizio dei lavori, ai sensi dell articolo 16, comma 1. c) sono altresì compresi, senza ulteriori oneri per la Stazione appaltante, i miglioramenti e le previsioni migliorative e aggiuntive contenute nell offerta tecnica, comprensiva del progetto definitivo, presentata dall appaltatore e approvata dalla Stazione appaltante mediante apposito provvedimento ai sensi dell articolo 13, comma La progettazione esecutiva, il PSC e l esecuzione dei lavori sono sempre e comunque effettuate secondo le regole dell arte e l appaltatore deve conformarsi alla massima diligenza nell adempimento dei propri obblighi; trova sempre applicazione l articolo 1374 del codice civile. 5. Anche ai fini dell articolo 3, comma 5, della legge n. 136 del 2010 e dell articolo 72, comma 4, sono stati acquisiti i seguenti codici: Codice identificativo della gara (CIG) Codice Unico di Progetto (CUP) 6. Nel presente Capitolato sono assunte le seguenti definizioni: a) Codice dei contratti: il decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163; b) Regolamento generale: il decreto del Presidente della Repubblica 5 ottobre 2010, n Regolamento di esecuzione ed attuazione del Codice dei contratti pubblici; c) Capitolato generale: il capitolato generale d appalto approvato con decreto ministeriale 19 aprile 2000, n. 145; d) Decreto n. 81 del 2008: il decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, Attuazione dell'articolo 1 della legge 3 agosto 2007, n. 123, in materia di tutela della salute e della sicurezza nei luoghi di lavoro; e) Stazione appaltante: il soggetto giuridico che indice l appalto e che sottoscriverà il contratto; qualora 9/73

11 l appalto sia indetto da una Centrale di committenza, per Stazione appaltante si intende l Amministrazione aggiudicatrice, l Organismo pubblico o il soggetto, comunque denominato ai sensi dell articolo 32 del Codice dei contratti, che sottoscriverà il contratto; f) Appaltatore: il soggetto giuridico (singolo, raggruppato o consorziato), comunque denominato ai sensi dell articolo 34 del Codice dei contratti, che si è aggiudicato il contratto; g) RUP: Responsabile unico del procedimento di cui all articolo 10 del Codice dei contratti e agli articoli 9 e 10 del Regolamento generale; h) DL: l ufficio di Direzione dei lavori, di cui è titolare la DL, tecnico incaricato dalla Stazione appaltante ai sensi dell articolo 130 del Codice dei contratti e degli articoli da 147 a 149 del Regolamento; i) DURC: il Documento unico di regolarità contributiva previsto dagli articoli 6 e 196 del Regolamento generale; l) SOA: l attestazione SOA che comprova la qualificazione per una o più categorie, nelle pertinenti classifiche, rilasciata da una Società Organismo di Attestazione, in applicazione dell articolo 40 del Codice dei contratti e degli articoli da 60 a 96 del Regolamento generale; m) PSC: il Piano di sicurezza e di coordinamento di cui all articolo 100 del Decreto n. 81 del 2008; n) POS: il Piano operativo di sicurezza di cui di all articolo 131, comma 1, lettera c), del Codice dei contratti e agli articoli 89, comma 1, lettera h) e 96, comma 1, lettera g), del Decreto n. 81 del 2001; o) Costo del personale: il costo cumulato del personale impiegato, detto anche costo del lavoro, stimato dalla Stazione appaltante sulla base della contrattazione collettiva nazionale e della contrattazione integrativa, comprensivo degli oneri previdenziali e assicurativi, al netto delle spese generali e degli utili d impresa, di cui all articolo 39, comma 3, del Regolamento, agli articoli 82, comma 3-bis, 86, comma 3-bis, e 89, comma 3, del Codice dei contratti, nonché all articolo 26, comma 6, del Decreto n. 81 del 2008; p) Costi di sicurezza aziendali: i costi che deve sostenere l Appaltatore per l adempimento alle misure di sicurezza aziendali, specifiche proprie dell impresa, connesse direttamente alla propria attività lavorativa e remunerati all interno del corrispettivo previsto per le singole lavorazioni, nonché per l eliminazione o la riduzione dei rischi pervisti dal Documento di valutazione dei rischi, di cui all articolo 32, comma 4, lettera o), del Regolamento, agli articoli 82, comma 3-bis, 86, comma 3-bis, 87, comma 4, secondo periodo, del Codice dei contratti, nonché all articolo 26, comma 3, quinto periodo e comma 6, del Decreto n. 81 del 2008; q) Oneri di sicurezza: gli oneri per l attuazione del PSC, relativi ai rischi da interferenza e ai rischi particolari del cantiere oggetto di intervento, di cui all articolo 16, comma 1, lettera a.2), del Regolamento, agli articoli 86, comma 3-ter, 87, comma 4, primo periodo, e 131, del Codice dei contratti, nonché all articolo 26, commi 3, primi quattro periodi, 3-ter e 5, del Decreto n. 81 del 2008; 7. Il presente Capitolato Speciale d appalto integra i due Capitolati prestazionali (CSDP/2 OPERE EDILI E CSDP/3 IMPIANTI TECNOLOGICI) di cui all articolo 23 del Regolamento generale, a loro volta parti integranti del Progetto preliminare posto a base di gara. Art. 2. Ammontare dell appalto e importo del contratto 1. L importo dell appalto posto a base dell affidamento è definito dalla seguente tabella: Importi in euro a corpo (C) 1 Lavori ( L ) a corpo ,22 2 Oneri di sicurezza da PSC ,26 T IMPORTO TOTALE ESECUZIONE (1+2) ,48 10/73

12 3 Progettazione (P) e PSC ,08 di 3.a Progettazione definitiva (PD) ,68 cui 3.b Progettazione esecutiva (PE) ,11 3.b Redazione PSC ,29 TOT IMPORTO TOTALE APPALTO (T + 3) ,56 2. L importo contrattuale sarà costituito dalla somma dei seguenti importi, riportati nella tabella del comma 1: a) importo dei lavori (L) determinato al rigo 1, al netto del ribasso percentuale offerto dall appaltatore in sede di gara sul medesimo importo; b) importo degli Oneri di sicurezza (OS) determinato al rigo 2. c) importo del corrispettivo per la Progettazione defintivia (PD), Progettazione esecutiva (PE) e redazione del PSC determinato al rigo 3, al netto del ribasso percentuale offerto dall appaltatore in sede di gara sul medesimo importo. 3. Non è soggetto a ribasso l importo degli Oneri di sicurezza (OS) determinato al rigo 2 della tabella di cui al comma Ai fini dei commi 2 e 3, gli importi sono distinti in soggetti a ribasso e non soggetti a ribasso, come segue: Importi in euro soggetti a ribasso 1 Lavori ( L ) ,22 NON soggetti a ribasso 2 Oneri di sicurezza da PSC (OS) ,26 3 Progettazione (P) e PSC ,08 5. Nella tabella di cui al comma 1, ai fini della determinazione: a) della soglia di cui all articolo 29 del Codice dei contratti e degli importi di classifica per la qualificazione di cui all articolo 60 del Regolamento generale, rileva l importo riportato nella casella in corrispondenza del rigo «T IMPORTO TOTALE APPALTO (T+3)»; b) degli importi di classifica per la qualificazione di cui all articolo 60 del Regolamento generale, rileva l importo riportato nella casella in corrispondenza del rigo «T IMPORTO TOTALE ESECUZIONE (1+2); Art. 3. Modalità di stipulazione del contratto 1. Il contratto è stipulato a corpo ai sensi dell articolo 53, comma 4, periodi primo e terzo, del Codice dei contratti, nonché degli articoli 43, comma 6, e 184, del Regolamento generale. L importo della contratto, come determinato in sede di gara, resta fisso e invariabile, senza che possa essere invocata da alcuna delle parti contraenti alcuna successiva verificazione sulla misura o sul valore attribuito alla quantità. 2. Anche ai sensi dell articolo 118, comma 2, del Regolamento generale, il prezzo convenuto non può essere modificato sulla base della verifica della quantità o della qualità della prestazione, per cui la stima sommaria dei lavori, posta a base di gara ai soli fini di agevolare lo studio dell intervento, non ha valore negoziale. I prezzi unitari integranti il progetto definitivo presentato quale offerta tecnica, eventualmente integrati e adeguati ai sensi dell articolo 13, commi 6 e 7, costituiscono l elenco prezzi unitari contrattuale e sono utilizzabili esclusivamente ai fini di cui al successivo comma I prezzi unitari di cui al comma 2, ancorché senza valore negoziale ai fini dell appalto e della determinazione dell importo complessivo dei lavori, sono vincolanti per la definizione, valutazione e contabilizzazione di eventuali 11/73

13 varianti, addizioni o detrazioni in corso d opera, se ammissibili ai sensi dell articolo 132 del Codice dei contratti, estranee ai lavori già previsti nonché agli eventuali lavori in economia di cui all articolo I rapporti ed i vincoli negoziali si riferiscono agli importi come determinati ai sensi dell articolo 2, commi 2 e 3. Fatte salve le ipotesi di cui all articolo 14, comma 4, i vincoli negoziali di natura economica, come determinati ai sensi del presente articolo, sono insensibili al contenuto dell offerta tecnica presentata dall appaltatore e restano invariati anche dopo la presentazione e l approvazione della progettazione esecutiva. 5. Il contratto dovrà essere stipulato, a pena di nullità, con atto pubblico notarile informatico, ovvero, in modalità elettronica secondo le norme vigenti per la Stazione appaltante, in forma pubblica amministrativa a cura dell'ufficiale rogante dell'amministrazione aggiudicatrice o mediante scrittura privata. Art. 4. Categorie dei lavori 1. Ai sensi dell articolo 61 del Regolamento generale e in conformità all allegato «A» al predetto Regolamento generale, i lavori sono classificati nella categoria di opere generali «OG1» - EDIFICI CIVILI E INDUSTRIALI. 2. La categoria di cui al comma 1 è la categoria prevalente; l importo della predetta categoria prevalente, al netto dell importo delle categorie scorporabili di cui al comma 3, ammonta a euro , Ai sensi degli articoli 107, 108 e 109 del Regolamento generale, le parti di lavoro di importo superiore a euro o superiore al 10% (dieci per cento) dell importo dell appalto, appartenenti alla/e categoria/e diversa/e dalla prevalente, sono scorporabili e, a scelta dell appaltatore, subappaltabili, alle condizioni di legge e del presente Capitolato speciale. I predetti lavori, con i relativi importi, sono individuati come segue: importo % sul categoria classifica (> o > 10%) totale 1) OS28 Impianti termici e condizionamento ,60 II 17,52 2) OS30 Impianti interni elettrici e simili ,48 II 14,48 4. La categoria prevalente di cui al comma 2 ricomprende le lavorazioni riconducibili a categorie diverse, ciascuna di importo non superiore a euro e non superiore al 10% (dieci per cento) dell importo dell appalto. Tali categorie non rilevano ai fini della qualificazione dell appaltatore, il loro importo è ricompreso nell importo della categoria prevalente di cui al comma 2, rilevano esclusivamente ai fini del subappalto di cui al successivo articolo 53, comma 1, ultimo periodo; ai sensi dell articolo 85, comma 2, del Regolamento generale, il Certificato di esecuzione lavori di cui all allegato B al citato Regolamento generale, riporterà le stesse lavorazioni come appartenenti alla categoria prevalente; tali lavorazioni sono così elencate: categoria 1) OG12 2) OS4 importo (<= e <=10%) classifica % sul totale Opere ed impianti di bonifica e protezione ambientale (smaltimento amianto) 6.300,00 I 0,21 Impianti elettromeccanici trasportatori (ascensore) ,00 I 2,00 3) OS3 Impianti idrico-sanitario e simili ,37 I 2,53 5. Ai fini dell articolo 79, comma 16, terzo periodo, del Regolamento generale, non ricorrono le condizioni di cui al quarto periodo della stessa norma, per cui sono state individuate le categorie specializzate OS3, OS28 e OS30 in alternativa alla categoria OG11, come segue: 12/73

14 categoria importo incidenza sul totale impianti uguale o maggiore del minore del OS3 Impianti idrico-sanitario e simili ,37 7,32 => 10% > X OS28 Impianti termici e condizionam ,60 50,73 X => 25% > OS30 Impianti interni elettrici e simili ,48 41,95 X => 25% > Totale impianti riconducibili alla OG ,45 100,00% 13/73

15 Art. 5. Categorie di lavorazioni omogenee, categorie contabili 1. Le categorie di lavorazioni omogenee di cui all articolo 132, comma 3, del Codice dei contratti, agli articoli 3, comma 1, lettera s), 43, commi 6 e 8, 161, comma 16 e 184 del Regolamento generale e all articolo 44 del presente Capitolato speciale, sono indicati nella seguente tabella: n. categ. Descrizione delle categorie (e sottocategorie disaggregate) di lavorazioni omogenee Lavori Importi in euro oneri sicurezza del PSC «2» Totale «T = 1 + 2» Inci-denza 1 OG1 Edifici civili e industriali , , ,60 19,80 2 OG12 3 OS4 4 OS6 5 OS7 Opere ed impianti di bonifica e protezione ambientale (smaltimento amianto) Impianti elettromeccanici trasportatori (ascensore) Finiture di opere generali in materiali lignei, plastici, metallici e vetrosi Finiture di opere generali di natura edile e tecnica 6.300,00 300, ,55 0, , , ,51 2, , , ,08 3, , , ,46 34,50 6 OS23 Demolizioni di opere , , ,86 5,40 7 OS3 Impianti idrico-sanitario , , ,25 2,50 8 OS28 Impianti termici e di condizionamento , , ,77 17,50 9 OS30 Impianti elettrici , , ,40 14,50 TOTALE APPALTO A CORPO , , ,48 100,00 % 14/73

16 2. Gli importi a corpo indicati nella tabella di cui al comma 1, non sono soggetti a verifica in sede di rendicontazione contabile ai sensi dell articolo I lavori individuati al comma 1, numeri 8, 9 e 10 devono essere eseguiti da parte di installatori aventi i requisiti di cui agli articoli 3 e 4 del d.m. (sviluppo economico) 22 gennaio 2008, n Le eventuali lavorazioni diverse o aggiuntive derivanti dall offerta tecnica di cui all articolo 3, comma 4, secondo periodo, non incidono sugli importi e sulle quote percentuali delle categorie di lavorazioni omogenee di cui al comma 1 del presente articolo, ai fini dell individuazione del quinto d obbligo di cui all articolo 161, comma 16, del Regolamento generale. 15/73

17 CAPO 2. DISCIPLINA CONTRATTUALE Art. 6. Interpretazione del contratto e del capitolato speciale d'appalto 1. In caso di discordanza tra i vari elaborati di progetto vale la soluzione più aderente alle finalità per le quali il lavoro è stato progettato e comunque quella meglio rispondente ai criteri di ragionevolezza e di buona tecnica esecutiva. 2. In caso di norme del capitolato speciale tra loro non compatibili o apparentemente non compatibili, trovano applicazione in primo luogo le norme eccezionali o quelle che fanno eccezione a regole generali, in secondo luogo quelle maggiormente conformi alle disposizioni legislative o regolamentari oppure all'ordinamento giuridico, in terzo luogo quelle di maggior dettaglio e infine quelle di carattere ordinario. 3. L'interpretazione delle clausole contrattuali, così come delle disposizioni del presente Capitolato speciale, è fatta tenendo conto delle finalità del contratto e dei risultati ricercati con l'attuazione del progetto approvato; per ogni altra evenienza trovano applicazione gli articoli da 1362 a 1369 del codice civile. 4. Ovunque nel presente Capitolato si preveda la presenza di raggruppamenti temporanei e consorzi ordinari, la relativa disciplina si applica anche agli appaltatori organizzati in aggregazioni tra imprese aderenti ad un contratto di rete, nei limiti della compatibilità con tale forma organizzativa. Art. 7. Documenti che fanno parte del contratto 1. Fanno parte integrante e sostanziale del contratto d appalto, ancorché non materialmente allegati: a) il capitolato generale d appalto approvato con decreto ministeriale 19 aprile 2000, n. 145, per quanto non in contrasto con il presente Capitolato speciale o non previsto da quest ultimo; b) il presente Capitolato speciale, comprese le tabelle allegate allo stesso, con i limiti, per queste ultime, descritti nel seguito in relazione al loro valore indicativo; c) tutti gli elaborati grafici e gli altri atti del progetto posto a base di gara, come elencati nell allegato «A», ad eccezione di quelli esplicitamente esclusi ai sensi del successivo comma 3; d) l elenco dei prezzi unitari come definito all articolo 3; e) il piano di sicurezza e di coordinamento di cui all articolo 100 del Decreto n. 81 del 2008 e al punto 2 dell allegato XV allo stesso decreto, nonché le proposte integrative al predetto piano di cui all articolo 131, comma 2, lettera a), del Codice dei contratti e all articolo 100, comma 5, del Decreto n. 81 del 2008, se accolte dal coordinatore per la sicurezza; f) il piano operativo di sicurezza di cui all articolo 131, comma 2, lettera c), del Codice dei contratti, all articolo 89, comma 1, lettera h), del Decreto n. 81 del 2008 e al punto 3.2 dell allegato XV allo stesso decreto; g) il cronoprogramma di cui all articolo 40 del Regolamento generale; h) le polizze di garanzia di cui agli articoli 40, 42 e 43; 2. Sono contrattualmente vincolanti tutte le leggi e le norme vigenti in materia di lavori pubblici e in particolare: a) il Codice dei contratti, approvato con decreto legislativo 12 aprile 2006, n. 163; b) il Regolamento generale, per quanto applicabile; c) il decreto legislativo 9 aprile 2008, n. 81, con i relativi allegati. 3. Non fanno invece parte del contratto e sono estranei ai rapporti negoziali: a) il computo metrico e il computo metrico estimativo; b) le tabelle di riepilogo dei lavori e la loro suddivisione per categorie omogenee, ancorché inserite e integranti il presente Capitolato speciale; esse hanno efficacia limitatamente ai fini dell aggiudicazione per la 16/73

18 determinazione dei requisiti speciali degli esecutori e ai fini della valutazione delle addizioni o diminuzioni dei lavori di cui all articolo 132 del Codice dei contratti; c) le quantità delle singole voci elementari rilevabili dagli atti progettuali, e da qualsiasi altro loro allegato. 4. Fanno altresì parte del contratto, in quanto parte integrante e sostanziale del progetto di cui al comma 1, il progetto definitivo comprensivo delle relazioni e degli elaborati presentati dall appaltatore in sede di offerta. Art. 8. Disposizioni particolari riguardanti l appalto 1. La sottoscrizione del contratto da parte dell appaltatore equivale a dichiarazione di perfetta conoscenza e incondizionata accettazione anche dei suoi allegati, della legge, dei regolamenti e di tutte le norme vigenti in materia di lavori pubblici, nonché alla completa accettazione di tutte le norme che regolano il presente appalto, e del progetto per quanto attiene alla sua perfetta esecuzione. 2. Ai sensi dell articolo 106, commi 2 e 3, del Regolamento generale, l appaltatore dà atto, senza riserva alcuna, della piena conoscenza e disponibilità degli atti progettuali e della documentazione, della disponibilità dei siti, dello stato dei luoghi, delle condizioni pattuite in sede di offerta e ogni altra circostanza che interessi i lavori, che, come da apposito verbale sottoscritto col RUP, consentono l immediata esecuzione dei lavori. Art. 9. Fallimento dell appaltatore 1. In caso di fallimento dell appaltatore la Stazione appaltante si avvale, senza pregiudizio per ogni altro diritto e azione a tutela dei propri interessi, della procedura prevista dagli articoli 136, 138 e 140 del Codice dei contratti. 2. Se l esecutore è un raggruppamento temporaneo, in caso di fallimento dell impresa mandataria o di una impresa mandante trovano applicazione rispettivamente i commi 18 e 19 dell articolo 37 del Codice dei contratti. Art. 10. Rappresentante dell appaltatore e domicilio; direttore di cantiere 1. L appaltatore deve eleggere domicilio ai sensi e nei modi di cui all articolo 2 del capitolato generale d appalto; a tale domicilio si intendono ritualmente effettuate tutte le intimazioni, le assegnazioni di termini e ogni altra notificazione o comunicazione dipendente dal contratto. 2. L appaltatore deve altresì comunicare, ai sensi e nei modi di cui all articolo 3 del capitolato generale d appalto, le generalità delle persone autorizzate a riscuotere. 3. Se l appaltatore non conduce direttamente i lavori, deve depositare presso la Stazione appaltante, ai sensi e nei modi di cui all articolo 4 del capitolato generale d appalto, il mandato conferito con atto pubblico a persona idonea, sostituibile su richiesta motivata della Stazione appaltante. La direzione del cantiere è assunta dal direttore tecnico dell appaltatore o da altro tecnico, avente comprovata esperienza in rapporto alle caratteristiche delle opere da eseguire. L assunzione della direzione di cantiere da parte del direttore tecnico avviene mediante delega conferita da tutte le imprese operanti nel cantiere, con l indicazione specifica delle attribuzioni da esercitare dal delegato anche in rapporto a quelle degli altri soggetti operanti nel cantiere. 4. L appaltatore, tramite il direttore di cantiere assicura l organizzazione, la gestione tecnica e la conduzione del cantiere. Il direttore dei lavori ha il diritto di esigere il cambiamento del direttore di cantiere e del personale dell appaltatore per disciplina, incapacità o grave negligenza. L appaltatore è in tutti i casi responsabile dei danni causati dall imperizia o dalla negligenza di detti soggetti, nonché della malafede o della frode nella somministrazione o nell impiego dei materiali. 5. Ogni variazione del domicilio di cui al comma 1, o delle persona di cui ai commi 2, 3 o 4, deve essere tempestivamente notificata Stazione appaltante; ogni variazione della persona di cui al comma 3 deve essere accompagnata dal deposito presso la Stazione appaltante del nuovo atto di mandato. Art. 11. Norme generali sui materiali, i componenti, i sistemi e l'esecuzione 17/73

19 1. Nell'esecuzione di tutte le lavorazioni, le opere, le forniture, i componenti, anche relativamente a sistemi e subsistemi di impianti tecnologici oggetto dell'appalto, devono essere rispettate tutte le prescrizioni di legge e di regolamento in materia di qualità, provenienza e accettazione dei materiali e componenti nonché, per quanto concerne la descrizione, i requisiti di prestazione e le modalità di esecuzione di ogni categoria di lavoro, tutte le indicazioni contenute o richiamate contrattualmente nel capitolato speciale di appalto, negli elaborati grafici delle progettazioni definitiva ed esecutiva e nella descrizione delle singole voci allegata allo stesso capitolato. 2. Per quanto riguarda l accettazione, la qualità e l impiego dei materiali, la loro provvista, il luogo della loro provenienza e l eventuale sostituzione di quest ultimo, si applicano rispettivamente l articolo 167 del Regolamento generale e gli articoli 16 e 17 del capitolato generale d appalto. 3. L appaltatore, sia per sé che per i propri fornitori, deve garantire che i materiali da costruzione utilizzati siano conformi al d.p.r. 21 aprile 1993, n L appaltatore, sia per sé che per i propri eventuali subappaltatori, deve garantire che l esecuzione delle opere sia conforme alle «Norme tecniche per le costruzioni» approvate con il decreto del Ministro delle infrastrutture 14 gennaio 2008 (in Gazzetta Ufficiale n. 29 del 4 febbraio 2008). Art. 12. Convenzioni in materia di valuta e termini 1. In tutti gli atti predisposti dalla Stazione appaltante i valori in cifra assoluta si intendono in euro. 2. In tutti gli atti predisposti dalla Stazione appaltante i valori in cifra assoluta, ove non diversamente specificato, si intendono I.V.A. esclusa. 3. Tutti i termini di cui al presente Capitolato speciale, se non diversamente stabilito nella singola disposizione, sono computati in conformità al Regolamento CEE 3 giugno 1971, n /73

20 CAPO 3. TERMINI PER LA PROGETTAZIONE E L ESECUZIONE Art. 13. Progettazione definitiva 1. La progettazione definitiva presentata dall appaltatore in sede di gara ai sensi dell articolo 53, comma 2, lettera c), del Codice dei contratti, completa in ogni sua parte, deve conseguire l acquisizione dei nulla osta, autorizzazioni, pareri o atti di assenso, comunque denominati, con particolare riguardo: a) al parere di conformità del Comando dei Vigili del Fuoco in materia di prevenzione incendi ai sensi dell articolo 3 del d.p.r. n. 151 del 1 agosto 2011, fatto salvo il parere favorevole espresso con nota prot del del Comando Provinciale dei VV.F. di Taranto; b) al parere della A.S.L. in materia igienico sanitaria, e SPESAL (sicurezza ed igiene sui luoghi di lavoro), fatto salvo il parere favorevole espresso con nota prot. N. 0886/SISP del del Dipartimento di Prevenzione ASL TA; c) al parere della Sovrintendenza ai beni archeologici, fatto salvo il parere favorevole espresso con nota prot. N del 3/7/2014 della Soprintendenza per i Beni Archeologici della Puglia - Taranto; d) all autorizzazione di natura storico-architettonica ai sensi degli articoli 21 e 22 del decreto legislativo n. 42 del 2004, fatto salvo il parere espresso con nota prot. N del 18/07/2014 della Soprintendenza per i Beni Architettonici e Paesaggistici per le Provincie di Lecce, Brindisi e Taranto; e) al parere di conformità dell INAIL Dipartimento di Taranto, ove previsto. 2. Ai Progettisti è fatto obbligo di provvedere ad ogni adempimento coordinandosi con gli organi preposti all espressione di pareri obbligatori, nulla osta, autorizzazioni e atti di assenso comunque denominati nonché ai soggetti incaricati della verifica indicati dalla Stazione appaltante, fermo restando il prioritario rapporto con la Stazione appaltante attraverso il RUP. La Stazione appaltante assicura la necessaria cooperazione ai fini dell ottenimento dei predetti atti di assenso, anche mediante convocazione e gestione della conferenza di servizi di cui agli articoli 14 e seguenti della legge n. 241 del Eventuali prescrizioni o condizioni imposte in occasione dei procedimenti e sub-procedimenti di cui al comma 1, devono essere obbligatoriamente ottemperate dall appaltatore, a sua cura e spese, senza oneri per la Stazione appaltante, se riconducibili a responsabilità progettuale, a discordanze rispetto agli atti posti a base di gara o comunque prevedibili in base alla «best practice» in materia di progettazione. Alle prescrizioni e condizioni imposte ai sensi del presente comma si applica la disciplina del successivo comma 4. In caso di mancato adeguamento nei termini prescritti dall invito ad adeguarsi, si procede alla risoluzione del contratto per inadempimento dell appaltatore ai sensi dell articolo 136 del Codice dei contratti. In tal caso nulla è dovuto all appaltatore per le spese sostenute per la progettazione definitiva. 4. Nell ambito dei procedimenti di verifica di cui agli articoli da 45 a 54 del Regolamento generale, l organismo di verifica, con proprio verbale, determina quali condizioni, prescrizioni di cui al comma 3, e inadempimenti progettuali rilevati: a) sono irrimediabili o il cui rimedio comporti sostanziali modifiche progettuali o costi aggiuntivi a carico della Stazione appaltante; in tal caso l aggiudicazione è revocata e, se è stato stipulato il contratto, questo è risolto per inadempimento dell appaltatore; b) sono rimediabili senza sostanziali modifiche progettuali ma che necessitano di verifica dopo il loro rimedio; in tal caso la progettazione definitiva deve essere adeguata prima della sua approvazione ai sensi del comma 1; c) sono rimediabili con modifiche progettuali marginali che non necessitano di verifica dopo il loro rimedio; in tal caso la progettazione definitiva può essere approvata ai sensi del comma 1, con rinvio alla progettazione definitiva degli adeguamenti. 5. La progettazione definitiva è verificata entro 20 (venti) giorni dalla sua presentazione da parte dell appaltatore e, 19/73

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE UNIVERSITA' DEGLI STUDI SASSARI UFFICIO TECNICO LAVORI DI RISTRUTTURAZIONE, RESTAURO CONSERVATIVO E ADEGUAMENTO NORMATIVO DELL EDIFICIO SITO IN SASSARI IN LARGO PORTA NUOVA DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

Dettagli

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE

Allegato sub. A alla Determinazione n. del. Rep. CONVENZIONE Allegato sub. A alla Determinazione n. del Rep. C O M U N E D I T R E B A S E L E G H E P R O V I N C I A D I P A D O V A CONVENZIONE INCARICO PER LA PROGETTAZIONE DEFINITIVA - ESECUTIVA, DIREZIONE LAVORI,

Dettagli

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale.

9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. 9. Le disposizioni di cui al presente articolo non comportano aumenti di spesa a carico del bilancio regionale. Art. 27 Adeguamento della legge regionale n.3/2007 alla normativa nazionale 1. Alla legge

Dettagli

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI

DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI DISCIPLINARE D INCARICO PER L ESPLETAMENTO DEL SERVIZIO DI VERIFICA FINALIZZATA ALLA VALIDAZIONE DEI PROGETTI ESECUTIVI DEI NUOVI OSPEDALI TOSCANI DI PRATO, PISTOIA, LUCCA, E DELLE APUANE, AI SENSI DELL

Dettagli

La Direzione dei Lavori

La Direzione dei Lavori La Direzione dei Lavori L istituzione della Direzione lavori. Ai sensi dell art.10, comma 1, lett.l, del Reg., l istituzione dell ufficio di direzione dei lavori è promossa dal responsabile del procedimento

Dettagli

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo.

LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27. dalle fondamenta alla copertura un organismo edilizio funzionalmente autonomo. 17875 LEGGE REGIONALE 20 maggio 2014, n. 27 Disposizioni urgenti in materia di prevenzione del rischio e sicurezza delle costruzioni Istituzione del fascicolo del fabbricato. IL CONSIGLIO REGIONALE HA

Dettagli

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG

REPUBBLICA ITALIANA SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG REPUBBLICA ITALIANA COMUNE DI LOMAGNA (Prov. di Lecco) Contratto Rep. n. del SERVIZIO DI MANUTENZIONE AREE VERDE PUBBLICO 1.1.2016 31.12.2018. CIG 6170496661 L anno duemilaquindici addì del mese di presso

Dettagli

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi

Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi COSTRUZIONI Lavori Pubblici: la disciplina del collaudo dell opera Normativa e prassi di Mauro Cappello Mauro Cappello GEOCENTRO/magazine pubblica, di Mauro Cappello, Ingegnere e Ispettore Verificatore

Dettagli

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE

DOCUMENTO PRELIMINARE ALLA PROGETTAZIONE Sede legale: Via G. Cusmano, 24 90141 PALERMO C.F. e P. I.V.A.: 05841760829 Dipartimento Provveditorato e Tecnico Servizio Progettazione e Manutenzioni Via Pindemonte, 88-90129 Palermo Telefono: 091 703.3334

Dettagli

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA

COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO. DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA COMUNITÀ MONTANA ALTO SANGRO ALTOPIANO DELLE CINQUEMIGLIA Castel di Sangro (AQ). BANDO DI GARA Oggetto: Affidamento, mediante appalto integrato e con procedura aperta, degli interventi per la Valorizzazione

Dettagli

Comune di Grado Provincia di Gorizia

Comune di Grado Provincia di Gorizia Comune di Grado Provincia di Gorizia REGOLAMENTO PER LA DISCIPLINA DEGLI INCENTIVI PER LA PROGETTAZIONE E LA REALIZZAZIONE DI LAVORI PUBBLICI, AI SENSI DELL ART.11 DELLA LEGGE REGIONALE 31 MAGGIO 2002,

Dettagli

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012

Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 Prot. n. 536 Settore: Tecnico Rif.: AP/AP Class. 10-9-0 Arbus, 10/01/2014 F: 1_2012 AVVISO DI INDAGINE DI MERCATO PER L INDIVIDUAZIONE DEI PROFESSIONISTI DA INVITARE ALLA PROCEDURA NEGOZIATA PER L AFFIDAMENTO

Dettagli

POR CAMPANIA FESR 2007-2013 Asse 6-Obiettivo Operativo 6.1. PIU EUROPA della Città di Caserta

POR CAMPANIA FESR 2007-2013 Asse 6-Obiettivo Operativo 6.1. PIU EUROPA della Città di Caserta OGGETTO: Affidamento della progettazione definitiva ed esecutiva sulla base del progetto preliminare ed esecuzione dei lavori, nonché affidamento dell incarico di coordinatore per la sicurezza in fase

Dettagli

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014

DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 DETERMINAZIONE DIRIGENZIALE N. 760 DEL 08/07/2014 SETTORE SEGRETARIO GENERALE SERVIZIO ELABORAZIONE DATI OGGETTO: 97.404,80 I.C. SERVIZIO DI ASSISTENZA TECNICA INTEGRALE E FORNITURA DI MATERIALE CONSUMABILE

Dettagli

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3.

PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA 2007 2013 ASSE III OBIETTIVO OPERATIVO 3.1.3. LINEE D INTERVENTO 3.1.3.3. CAPITOLATO DI APPALTO PER LA FORNITURA DI MATERIALE INFORMATICO PER I SITI MUSEO CIVICO F.L.BELGIORNO FOYER TEATRO GARIBALDI CENTER OF CONTEMPORARY ARTS PROGETTO ESECUTIVO MODICA ART SYSTEM PO FERS SICILIA

Dettagli

Le novità per gli appalti pubblici

Le novità per gli appalti pubblici Le novità per gli appalti pubblici La legge 98/2013 contiene disposizioni urgenti per il rilancio dell economia del Paese e, fra queste, assumono particolare rilievo quelle in materia di appalti pubblici.

Dettagli

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1)

Comune di Prato. Servizio Risorse Umane. Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) Comune di Prato Servizio Risorse Umane Concorso pubblico per l assunzione di n. 1 Funzionario Progettista Impianti (cat. D1) 1 Prova Scritta- Quiz con risposte esatte le risposte esatte sono sottolineate

Dettagli

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che

dello dei E DEI Stato Sta tale dell per CF Mini e dei cotra Via 69, per delle che , con zzetta dest 63, ), ha per 147, che dest per il euro che A LLEGATO Min nistero delle Infrastrutture e dei Trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, I SERVIZI INFORMATIVI E STATISTICI DIREZIONE GENERALE EDILIZIA STATALE E INTERVENTI SPECIALI CONVENZIONE TRA

Dettagli

Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali

Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali Task-Force e Servizi Integrati di accompagnamento sulle attività negoziali FESR-ASSE II- Qualità degli ambienti scolastici (Avviso prot. AOODGAI n. 7667/15-06-2010) MANUALE DELLE PROCEDURE PER L ESECUZIONE

Dettagli

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV.

Ente Appaltante: Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE - VIA PISA - P.ZZA GIOVANNI XXIII - 95037 - SAN GIOVANNI LA PUNTA (PROV. All. 2) al Disciplinare di gara Spett.le Istituto Comprensivo Statale GIOVANNI FALCONE Via Pisa - P.zza Giovanni XXIII 95037 - San Giovanni La Punta Oggetto: GARA PER L AFFIDAMENTO DEI LAVORI RELATIVI

Dettagli

PROVINCIA DI PESARO E URBINO

PROVINCIA DI PESARO E URBINO PROVINCIA DI PESARO E URBINO Regolamento interno della Stazione Unica Appaltante Provincia di Pesaro e Urbino SUA Provincia di Pesaro e Urbino Approvato con Deliberazione di Giunta Provinciale n 116 del

Dettagli

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014

Periodo: 1.3.2011 28.2.2014 PROCEDURA IN ECONOMIA ex art. 125 del D. Lgs. n. 63/2006 per l affidamento del servizio di CONTROLLO INTEGRATO DELLE INFESTAZIONI ENTOMATICHE E MURINE PRESSO LE STRUTTURE UNIVERSITARIE Periodo: 1.3.2011

Dettagli

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI

REGIONE PUGLIA. Bari, LORO SEDI Prot. n. Area Politiche per la promozione della salute, delle persone e delle pari opportunità Servizio Politiche Benessere sociale e pari opportunità Bari, Ai Soggetti beneficiari dei finanziamenti di

Dettagli

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA

COMUNE DI SORAGA COMUN DE SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA BANDO DI CONCORSO PER LA REALIZZAZIONE DI UN OPERA D ARTE PER L ABBELLIMENTO DE LA GRAN CIASA NEL COMUNE DI SORAGA ai sensi dell art. 20 della L.P. 3 gennaio 1983 n.2 e s.m. e i. e del relativo Regolamento

Dettagli

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012

Pubblicata in G.U. n. 265 del 13.11.2012 Ministero delle Infrastrutture e dei trasporti DIPARTIMENTO PER LE INFRASTRUTTURE, GLI AFFARI GENERALI ED IL PERSONALE Direzione Generale per la regolazione e dei contratti pubblici Circolare prot. n.

Dettagli

La Consegna dei Lavori

La Consegna dei Lavori La Consegna dei Lavori Il contratto viene posto in esecuzione dall Amministrazione con La consegna dei lavori. Si tratta, complessivamente, di una serie di atti di carattere giuridico e di operazioni materiali,

Dettagli

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO

GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO GUARDIA DI FINANZA QUARTIER GENERALE BANDO DI GARA SEZIONE I: AMMINISTRAZIONE AGGIUDICATRICE I.1)DENOMINAZIONE, INDIRIZZI E PUNTI DI CONTATTO Denominazione ufficiale: Quartier Generale della Guardia di

Dettagli

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera

COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera COMUNE DI CALCIANO Provincia di Matera Cap. 75010 Via Sandro Pertini, 11 Tel. 0835672016 Fax 0835672039 Cod. fiscale 80001220773 REGOLAMENTO COMUNALE RECANTE NORME PER LA RIPARTIZIONE DELL INCENTIVO DI

Dettagli

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011

CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI. TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i. Arezzo, 06 maggio 2011 CANTIERI TEMPORANEI E MOBILI TITOLO IV DEL D.Lgs. 81/08 e s.m.i Arezzo, 06 maggio 2011 Dott. DAVIDDI Paolo STOLZUOLI Stefania Tecnici di Prevenzione Dipartimento della Prevenzione Azienda USL 8 - Arezzo

Dettagli

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila

Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila Modello B) REGIONE ABRUZZO CONSIGLIO REGIONALE Servizio Amministrativo di Supporto alle Autorità Indipendenti Via Michele Iacobucci, 4 L Aquila acquisito di materiale di cancelleria per l Ufficio amministrativo

Dettagli

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres.

L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26. DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. L.R. 15/2014, art. 9, c. 29 B.U.R. 4/3/2015, n. 9 L.R. 13/2014, art. 26 DECRETO DEL PRESIDENTE DELLA REGIONE 18 febbraio 2015, n. 036/Pres. Regolamento attuativo dell articolo 9, commi da 26 a 34 della

Dettagli

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045

1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via. Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 BANDO DI GARA CON PROCEDURA APERTA 1)La Fondazione Arena di Verona, con sede in Verona (Italia), Via Roma 7/d (in seguito denominata Fondazione) telefono 045 8051811 fax 045 8011566 - sito internet www.arena.it

Dettagli

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA

COMUNE DI COLLESANO. Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA COMUNE DI COLLESANO Provincia di Palermo AREA TECNICO - MANUTENTIVA DETERMINAZIONE N. _791_ DEL _16.12.2013 (n int. _299_ del _16.12.2013_) OGGETTO: Lavori di Riqualificazione Quartiere Bagherino-Stazzone

Dettagli

IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ

IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ (tratto da Linee guida per la qualificazione del procedimento di Lavori Pubblici - IL RESPONSABILE UNICO DEL PROCEDIMENTO: FUNZIONI E RESPONSABILITÀ

Dettagli

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003)

Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni e gli onorari per l architettura SIA 102 (2003) Sezione della logistica Repubblica e Cantone Ticino Via del Carmagnola 7 Dipartimento delle finanze e dell'economia 6501 Bellinzona Divisione delle risorse Aggiunte e modifiche al Regolamento per le prestazioni

Dettagli

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro.

STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV. Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. STATO DELLA CITTÀ DEL VATICANO LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi di lavoro. N. LIV Legge sulla tutela della sicurezza e della salute dei lavoratori nei luoghi

Dettagli

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture

Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture Autorità per la vigilanza sui contratti pubblici di lavori, servizi e forniture BANDI-TIPO per l affidamento di lavori pubblici di importo superiore a 150.000 euro nei settori ordinari Documento di Consultazione

Dettagli

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione

COMUNE DI ALBIATE SOMMARIO. Provincia di Monza e della Brianza. 1. Oggetto del regolamento. 2. Ambito oggettivo di applicazione COMUNE DI ALBIATE Provincia di Monza e della Brianza REGOLAMENTO COMUNALE PER LA RIPARTIZIONE TRA IL RESPONSABILE DEL PROCEDIMENTO E GLI INCARICATI DELLA REDAZIONE DEL PROGETTO, DEL COORDINAMENTO PER LA

Dettagli

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO

BANDO DI GARA PER LA VENDITA MEDIANTE ASTA PUBBLICA DEL FABBRICATO EX SEDE DELLA SCUOLA ELEMENTARE SOARZA IL RESPONSABILE DEL SERVIZIO TECNICO COMUNE DI VILLANOVA SULL ARDA PROVINCIA DI PIACENZA ---------------------- Tel. 0523/837927 (n. 3 linee a ric. autom.) Codice Fiscale 00215750332 Fax 0523/837757 Partita IVA 00215750332 Prot. n 2868 BANDO

Dettagli

INDICE PARTE II - CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI NEI SETTORI ORDINARI

INDICE PARTE II - CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI NEI SETTORI ORDINARI INDICE SCHEMA DI REGOLAMENTO DI ESECUZIONE E ATTUAZIONE DEL DECRETO LEGISLATIVO 12 APRILE 2006, N. 163, RECANTE CODICE DEI CONTRATTI PUBBLICI RELATIVI A LAVORI, SERVIZI E FORNITURE IN ATTUAZIONE DELLE

Dettagli

REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE

REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE REGOLAMENTO PER LA ESECUZIONE DELLE OPERE DI URBANIZZAZIONE DA REALIZZARSI A SCOMPUTO DEGLI ONERI DI URBANIZZAZIONE Adottato con deliberazione del Consiglio comunale n. 13 del 26 febbraio 2014. REGOLAMENTO

Dettagli

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011

Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Contratto-tipo di cui all articolo 28, comma 1, lettera e), del Decreto legislativo n. 28/2011 Codice identificativo n. [numero progressivo da sistema] CONTRATTO per il riconoscimento degli incentivi per

Dettagli

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI

CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Corso di laurea in Ingegneria Edile CORSO DI SICUREZZA NEI CANTIERI Anno Accademico 2011/2012 Definire: Obbiettivi della lezione Rischi Interferenziali - DUVRI e PSC Rischi Propri - POS Conoscere gli aspetti

Dettagli

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica

ed attesta numero iscrizione del forma giuridica . (FAC-SIMILE ISTANZA DI PARTEZIPAZIONE) AL COMUNE DI PIANA DEGLI ALBANESI DIREZIONE A.E.S. LAVORI PUBBLICI E PROGETTAZIONE VIA P. TOGLIATTI, 2 90037 PIANA DEGLI ALBANESI (PA) Il sottoscritto.... nato

Dettagli

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20

Provincia di Sassari. C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 C O M U N E D I M A R A Provincia di Sassari C.A.P. 07010 Via A. Mariani n 1 tel. 079 80 50 68 Fax 079 80 53 20 Email: protocollo@comune.mara.ss.it Pec: protocollo@pec.comune.mara.ss.it SERVIZIO AFFARI

Dettagli

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP.

LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Seminario IF COMMISSIONE INGEGNERIA FORENSE LA GESTIONE DELLE RISERVE NELLE OO.PP. Milano, 9 giugno 2011 1 Riserve: generalità Riserva come preannuncio di disaccordo (=firma con riserva) Riserva come domanda

Dettagli

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS)

VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) VIT S.R.L. CAPITOLATO SPECIALE PER L'AFFIDAMENTO DELLA GESTIONE DELLA STRUTTURA POLIFUNZIONALE DENOMINATA CHALET PINETA IN COMUNE DI CEVO (BS) Art. 1 - Oggetto dell affidamento L oggetto dell affidamento

Dettagli

I LAVORI PUBBLICI DOPO L ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO REGOLAMENTO E LE NOVITA INTRODOTTE ATTRAVERSO IL DECRETO SVILUPPO E SALVA ITALIA

I LAVORI PUBBLICI DOPO L ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO REGOLAMENTO E LE NOVITA INTRODOTTE ATTRAVERSO IL DECRETO SVILUPPO E SALVA ITALIA I LAVORI PUBBLICI DOPO L ENTRATA IN VIGORE DEL NUOVO REGOLAMENTO E LE NOVITA INTRODOTTE ATTRAVERSO IL DECRETO SVILUPPO E SALVA ITALIA ROMA 17 DICEMBRE 2011 Sommario 1. Come cambia l'attività strumentale

Dettagli

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1.

OGGETTO:Programma Integrato Urbano PIU Europa PO FESR Campania 2007-2013 Asse 6 Obiettivo Operativo 6.1. *** *,. * *** La tua Campania cresce in Europa Via De Turris n.16 "Palazzo S. Anna" Te/. 081 3900565 fax 081 3900592 e-mail: urbanistica@comune.castellanunare-di-stabia.napoli.it pec: urbanistica.stabia@asmepec.it

Dettagli

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013

Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI. Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 Sussidi didattici per il corso di COSTRUZIONI EDILI Prof. Ing. Francesco Zanghì LAVORI PRIVATI AGGIORNAMENTO 07/04/2013 NORMATIVA DI RIFERIMENTO: DPR N 380 DEL 06/06/2001 (TUE) Il Testo Unico per l Edilizia

Dettagli

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015

Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 IL PRESIDENTE IN QUALITA DI COMMISSARIO DELEGATO AI SENSI DELL ART. 1 COMMA 2 DEL D.L.N. 74/2012 CONVERTITO CON MODIFICAZIONI DALLA LEGGE N. 122/2012 Ordinanza n. 15 del 14 Aprile 2015 Modalità attuative

Dettagli

Giunta Regionale della Campania

Giunta Regionale della Campania Avvertenze: il testo vigente qui pubblicato è stato redatto dal Settore Legislativo dell'a.g.c. 01 della Giunta Regionale al solo fine di facilitare la lettura delle disposizioni della legge, integrata

Dettagli

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO

COMUNE DI MONTOPOLI IN VAL D'ARNO Paragrafo 1a D ATI GENERALI (singoli professionisti) Cognome e nome Comune di nascita Comune di Residenza Codice Fiscale Data Indirizzo Partita IVA Titolo di Studio Iscritto all'ordine/collegio Provincia

Dettagli

REDAZIONALI LA FASE DI VERIFICA E VALIDAZIONE DEL PROGETTO ALLA LUCE NEL NUOVO REGOLAMENTO DEI CON- TRATTI PUBBLICI

REDAZIONALI LA FASE DI VERIFICA E VALIDAZIONE DEL PROGETTO ALLA LUCE NEL NUOVO REGOLAMENTO DEI CON- TRATTI PUBBLICI REDAZIONALI LA FASE DI VERIFICA E VALIDAZIONE DEL PROGETTO ALLA LUCE NEL NUOVO REGOLAMENTO DEI CON- TRATTI PUBBLICI del Dott. Ing. Andrea Di Stazio La fase di verifica e validazione del progetto costituisce

Dettagli

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici?

Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quadro legislativo: Quali sono le leggi che regolamentano gli appalti pubblici? Quali regolamenti si applicano per gli appalti sopra soglia? Il decreto legislativo n. 163 del 12 aprile 2006, Codice dei

Dettagli

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali

Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali CIRCOLARE N. 36/2013 Roma, 6 settembre 2013 Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali Direzione generale per l Attività Ispettiva Prot. 37/0015563 Agli indirizzi in allegato Oggetto: art. 31 del D.L.

Dettagli

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it

Tale comma 6-bis dell art. 92 del codice è stato abrogato in sede di conversione (cfr. infra). www.linobellagamba.it Il nuovo incentivo per la progettazione Aggiornamento e tavolo aperto di discussione Lino BELLAGAMBA Prima stesura 4 ottobre 2014 Cfr. D.L. 24 giugno 2014, n. 90, art. 13, comma 1, nella formulazione anteriore

Dettagli

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.

L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n. Spazio riservato al Servizio Urbanistica AGIBILITA' n del L'ATTESTAZIONE DELLA CONFORMITA' DELL'OPERA AL PROGETTO PRESENTATO E SUA AGIBILITA' ( Ai sensi dell'art.10 del D.P.R. 07/09/2010 n.160 ) l sottoscritt...

Dettagli

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E

DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 I L D I R E T T O R E G E N E R A L E CONSORZIO DI BONIFICA 11 MESSINA DETERMINA N. 21 del 23 marzo 2015 OGGETTO Progetto per la razionalizzazione della canalizzazione irrigua Fascia Etnea -Valle Alcantara-, I stralcio esecutivo funzionale.

Dettagli

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano.

Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i. Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Associazione intercomunale del Gemonese Gestione associata dell Ufficio Opere Pubbliche tra i Comuni di Gemona del Friuli, Montenars e Bordano. Prot. n. 5789 Bordano, 04.12.2014 POR FESR 2007 2013 Obiettivo

Dettagli

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE

COMUNICAZIONE INIZIO LAVORI PERMESSO DI COSTRUIRE Modello da compilarsi a cura del dichiarante, direttore lavori e impresa esecutrice opere Sportello per l Edilizia COMUNE DI VENEZIA DIREZIONE SPORTELLO UNICO EDILIZIA Sede di Venezia - San Marco 4023

Dettagli

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione

2.2. Il modello di denuncia e la documentazione 2.2. Il modello di denuncia e la documentazione Per tutte le opere e gli interventi sottoposti a denuncia e sull intero territorio regionale, la denuncia è redatta ai sensi dell art. 93 del D.P.R. 380/2001

Dettagli

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA

Art. 2 (Procedimento di approvazione e variazione) PARTE PRIMA 4 Bollettino Ufficiale della Regione Puglia - n. 162 suppl. del 15-10-2009 PARTE PRIMA Corte Costituzionale LEGGE REGIONALE 7 ottobre 2009, n. 20 Norme per la pianificazione paesaggistica. La seguente

Dettagli

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa

PER IMPRESE/SOCIETA. Presentata dall Impresa PER IMPRESE/SOCIETA DOMANDA DI PARTECIPAZIONE ALL AUTORITÀ NAZIONALE ANTICORRUZIONE Via M.Minghetti 10 00187 Roma CIG 6253408B85 GARA EUROPEA A PROCEDURA APERTA PER L AFFIDAMENTO DEI SERVIZI CONCERNENTI

Dettagli

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via

Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via Prefettura - U.T.G. di Roma Bando di Gara Procedura ristretta. Determina 2707/09. Sezione I: Amministrazione Aggiudicatrice: I.1) Prefettura di Roma UTG - Via IV Novembre 119/A- 00187 Roma (Italia) Punti

Dettagli

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO

AVVISO PUBBLICO RENDE NOTO Regione Puglia COMUNE DI VICO DEL GARGANO Provincia di Foggia - Ufficio Tecnico Comunale - III SETTORE - Largo Monastero, civ.6 e-mail aimolaelio@fastwebnet.it. e-mail aimolaelio@comune.vicodelgargano.fg.it

Dettagli

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4

LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 6232 LEGGE REGIONALE 12 febbraio 2014, n. 4 Semplificazioni del procedimento amministrativo. Modifiche e integrazioni alla legge regionale 12 aprile 2001, n. 11 (Norme sulla valutazione dell impatto ambientale),

Dettagli

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O

Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O Modello n. 1) Spett.le Comune di Schio Settore 04 Servizio Amministrativo di Settore Ufficio Appalti e Assicurazioni Via Pasini n. 33 36015 S C H I O AUTODICHIARAZIONE Oggetto: Appalto n. FNN2012/0003

Dettagli

meglio descritte nella relazione tecnica allegata

meglio descritte nella relazione tecnica allegata Modello 05: Spazio riservato all Ufficio Protocollo Marca da bollo 14,62 Al Dirigente del Settore II Comune di Roccapalumba Oggetto: l sottoscritt nat a ( ) il / / residente a ( ) in via n. C.F. in qualità

Dettagli

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE

DECRETI - ATTI DELLA REGIONE 404 PARTE PRIMA L E G G I - R E G O L A M E N T I DECRETI - ATTI DELLA REGIONE Art. 2 (Finalità) 1. La Regione con la promozione della progettazione di qualità ed il ricorso alle procedure concorsuali,

Dettagli

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4

Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo 4. Art. 2: Ripartizione Generale dell incentivo fra le attività 4 Regolamento per la ripartizione e l erogazione dell incentivo ex art. 92 D. lgs. 163/06 e s.m.i. 1 INDICE TITOLO I :PREMESSA 3 Art. 1: Modalità di distribuzione dei compiti che danno diritto all incentivo

Dettagli

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza)

Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Allegato 2 Raccordo tra VAS-VIA-VIC (Valutazione ambientale, Valutazione di impatto ambientale, Valutazione di incidenza) Sono molto frequenti le situazioni in cui l obbligo di effettuare valutazioni ambientali

Dettagli

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI

MODELLO-BASE CONVENZIONE-CONTRATTO PER LA REALIZZAZIONE DELL INTERVENTO NUOVI PERCHORSI Assessorato alla f amiglia, all Educazione ed ai Giov ani Municipio Roma III U.O. Serv izi Sociali, Educativ i e Scolastici Allegato n. 3 al Bando d Istruttoria Pubblica per l intervento Nuovi PercHorsi

Dettagli

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI

COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI COMUNE DI CIVITAVECCHIA Provincia di Roma SERVIZIO LAVORI PUBBLICI AVVISO PUBBLICO PER L USO TEMPORANEO E SUPERFICIARIO DI UN AREA PUBBLICA SITA NEL PZ9 POLIGONO DEL GENIO Vista: IL DIRIGENTE la presenza

Dettagli

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo

Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo Il Commissario Delegato per la Ricostruzione Presidente della Regione Abruzzo DECRETO N. 12 (Disposizioni regolamentari per la costituzione dei consorzi obbligatori ai sensi dell art. 7 dell ordinanza

Dettagli

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA

L applicazione dell IVA agevolata del 10% per le opere di MANUTENZIONE ORDINARIA E MANUTENZIONE STRAORDINARIA Studio Tecnico Geometri SAPINO Giuseppe e PEDERZANI Fabio Via Pollano, 26 12033 MORETTA (CN) - tel. 0172.94169 fax 172.917563 mail: gsapino@geosaped.com fpederzani@geosaped.com P.E.C.: giuseppe.sapino@geopec.it

Dettagli

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711

ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 1 ALL UFFICIO DI PIANO Via Garibaldi n. 1 08048 Tortolì ( Og ) Telefono 0782 600 715 Fax 0782 600711 www.plusogliastra.it plusogliastra@pec.it ISTANZA DI PARTECIPAZIONE LOTTO DESCRIZIONE BARRARE IL LOTTO

Dettagli

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06

DICHIARAZIONE SOSTITUTIVA DEI REQUISITI GENERALI DI CUI ALL ART. 38, C. 1 DEL D.LGS. N. 163/06 PROCEDURA APERTA, AI SENSI DELL ART. 124 DEL D.LGS. 163/2006 E DELL ART. 326 DEL DPR 207/2010, PER L AFFIDAMENTO QUADRIENNALE DEL SERVIZIO DI CONSULENZA E BROKERAGGIO ASSICURATIVO. CIG: 30590339E1 DICHIARAZIONE

Dettagli

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO

Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO Allegato H SCHEMA DI CONTRATTO AFFIDAMENTO ANNUALE DELLA GESTIONE DELLA CASA FAMIGLIA PER DISABILI ADULTI SITA IN LARGO FRATELLI LUMIERE, 36, NONCHÉ QUELLA DEL CENTRO DIURNO SE FINANZIATO DA ROMA CAPITALE

Dettagli

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE

INCENTIVI PER ATTIVITA DI PROGETTAZIONE E DI PIANIFICAZIONE II Commissario delegato per la ricostruzione - Presidente della Regione Abruzzo STRUTTURA TECNICA DI MISSIONE Azioni di supporto ai Comuni colpiti dal sisma del 6 aprile 2009 INCENTIVI PER ATTIVITA DI

Dettagli

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi

Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701. Bando di gara. Servizi 1/6 Avviso nel sito web TED: http://ted.europa.eu/udl?uri=ted:notice:268701-2013:text:it:html Italia-Roma: Servizi di pulizia stradale 2013/S 154-268701 Bando di gara Servizi Direttiva 2004/18/CE Sezione

Dettagli

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA

AVVISO PUBBLICO SPORTELLO SOCIALE PER MINORI E GIOVANI ADULTI A RISCHIO PENALE CON PROBLEMI DI TOSSICODIPENDENZA AVVISO PUBBLICO E DISCIPLINARE DI GARA D APPALTO Affidamento di servizio di cui all allegato II B Art. 20 D. Lgs. 163/2006 e ss.mm.ii. Affidamento di n. 1 azione progettuale denominata Sportello sociale

Dettagli

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA

REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA REGOLAMENTO DI ORGANIZZAZIONE E FUNZIONAMENTO DELLO SPORTELLO UNICO PER L'EDILIZIA INDICE Art. 1 (Oggetto) Art. 2 (Definizioni) Art. 3 (Ambito di applicazione) Art. 4 (Istituzione dello Sportello Unico

Dettagli

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO

CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO CONTRATTO DI COLLABORAZIONE A PROGETTO AVVERTENZE PER LA REDAZIONE 1. La bozza di contratto proposta è da utilizzare come linea guida, potrà essere integrata e/o ridotta in funzione alle specifiche necessità.

Dettagli

RISPOSTA Il disciplinare di gara non contiene alcuna prescrizione in ordine alla natura dell agenzia di recapito.

RISPOSTA Il disciplinare di gara non contiene alcuna prescrizione in ordine alla natura dell agenzia di recapito. Tra le modalità di presentazione è prevista anche mediante agenzia di recapito: deve essere autorizzata o possiamo mandare anche un semplice pony di agenzie di recapito private? Il disciplinare di gara

Dettagli

del (in caso di più titolari, la sezione è ripetibile nell allegato SOGGETTI COINVOLTI ) DATI DELLA DITTA O SOCIETA

del (in caso di più titolari, la sezione è ripetibile nell allegato SOGGETTI COINVOLTI ) DATI DELLA DITTA O SOCIETA Al Comune di Pratica edilizia Sportello Unico Attività Produttive Sportello Unico Edilizia del Protocollo SCIA SCIA con richiesta contestuale di atti presupposti Indirizzo PEC / Posta elettronica SEGNALAZIONE

Dettagli

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA

ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA ORDINE DEGLI ARCHITETTI, P.,P., e C. DELLA PROVINCIA DI PISA COMMISSIONE TASSAZIONE NOTULE FASI O "LIVELLI DI ELABORAZIONE E REDAZIONE DEL PROGETTO ESECUTIVO NEI LAVORI PRIVATI PREMESSA L'accertamento

Dettagli

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it

15067 NOVI LIGURE AL. Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143 321556 e-mail: srtspa@srtspa.it Allegato 4) Regolamento... li... ALLA SRT - SOCIETA PUBBLICA PER IL RECUPERO ED IL TRATTAMENTO DEI RIFIUTI S.p.A. Strada Vecchia per Boscomarengo s.n. 15067 NOVI LIGURE AL Tel.: 0143 744516 - Fax: 0143

Dettagli

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC)

Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Concessione del servizio di comunicazione elettronica certificata tra pubblica amministrazione e cittadino (CEC PAC) Information Day Ministero dello sviluppo economico Salone Uval, Via Nerva, 1 Roma, 2

Dettagli

VERIFICA DEI PROGETTI DI OPERE PUBBLICHE AI FINI DELLA VALIDAZIONE CODICE DEGLI APPALTI E NUOVO REGOLAMENTO ATTUATIVO

VERIFICA DEI PROGETTI DI OPERE PUBBLICHE AI FINI DELLA VALIDAZIONE CODICE DEGLI APPALTI E NUOVO REGOLAMENTO ATTUATIVO VERIFICA DEI PROGETTI DI OPERE PUBBLICHE AI FINI DELLA VALIDAZIONE CODICE DEGLI APPALTI E NUOVO REGOLAMENTO ATTUATIVO RELATORE : ING. PAOLO MOLAIONI ING. PIETRO FRATINI 1) LE ORIGINI DELLA VERIFICA DEL

Dettagli

I MODELLI PROCEDURALI PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE PUBBLICHE

I MODELLI PROCEDURALI PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE PUBBLICHE I MODELLI PROCEDURALI PER LA REALIZZAZIONE DI OPERE PUBBLICHE di Andrea Missori aggiornamento: febbraio 2013 This work is licensed under the Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere

Dettagli

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA)

Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Contenuti dello studio di impatto ambientale (SIA) Ai progetti sottoposti alla procedura di impatto ambientale ai sensi degli articoli 52 e seguenti, è allegato uno studio di impatto ambientale, redatto

Dettagli

Decreto del Commissario Straordinario

Decreto del Commissario Straordinario Decreto del Commissario Straordinario N. 8 del Reg. Data 30/07/2014 OGGETTO: PROGETTO ESECUTIVO PER INTERVENTI DI PREVENZIONE ANTICENDIO NELLA FORESTA DEMANIALE REGIONALE DEL MONTE CARPEGNA - PSR MARCHE

Dettagli

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri

PUBBLICO INCANTO. TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE Sagarriga Visconti Volpi di BARI Capitolato d oneri Ministero per i Beni e le Attività Culturali DIPARTIMENTO PER I BENI ARCHIVISTICI E LIBRARI DIREZIONE GENERALE PER I BENI LIBRARI E GLI ISTITUTI CULTURALI PUBBLICO INCANTO TRASLOCO della BIBLIOTECA NAZIONALE

Dettagli

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO

RISOLUZIONE N. 25/E QUESITO RISOLUZIONE N. 25/E Direzione Centrale Normativa Roma, 6 marzo 2015 OGGETTO: Consulenza giuridica - Centro di assistenza fiscale per gli artigiani e le piccole imprese Fornitura di beni significativi nell

Dettagli

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA

cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA VÉÅâÇx w MARIGLIANO cüéä Çv t w atñéä SETTORE POLIZIA MUNICIPALE Tel.081 8851605 Fax 081 8852867 BANDO DI GARA D'APPALTO - PROCEDURA APERTA ENTE APPALTANTE: Comune di Marigliano Corso Umberto 1-80034 Marigliano

Dettagli

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380) 2 Al Comune di Pratica edilizia SUAP SUE Indirizzo PEC / Posta elettronica del Protocollo CIL PER INTERVENTI DI EDILIZIA LIBERA 12 (art. 6, comma 2, lettere b, c, d ed e, d.p.r. 6 giugno 2001, n. 380)

Dettagli

N. 68/11 del 19 ottobre 2011

N. 68/11 del 19 ottobre 2011 COPIA EDUCATORIO DELLA PROVVIDENZA VERBALE DI DELIBERAZIONE DEL CONSIGLIO DI AMMINISTRAZIONE OGGETTO: N. 68/11 del 19 ottobre 2011 ADEGU DEGUAMENTO ALLA NORMATIVA A DI PREVENZIONE INCENDI ENDI: : IMPIANTO

Dettagli

Guida alle semplificazioni. del decreto legge del Fare

Guida alle semplificazioni. del decreto legge del Fare Guida alle semplificazioni del decreto legge del Fare Approvato il decreto del Fare, si apre la fase importante e delicata dell attuazione delle nuove norme. Per questo è essenziale che cittadini e imprese

Dettagli

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec...

Il sottoscritto... nato il.. a... in qualità di... dell impresa... con sede in... via. n. telefono...n. fax... indirizzo e-mail...pec... ALLEGATO A Istanza di inserimento nell Elenco operatori economici consultabile dall AGC 14 Trasporti e Viabilità Settore Demanio Marittimo Opere Marittime nelle procedure negoziate di cui all art. 125

Dettagli